{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 1

for EXPO 2015


EXPO è anche una grande vetrina per l’architettura contemporanea, uno stimolante viaggio alla scoperta di stili e culture progettuali diverse. Nelle pagine che seguono un percorso guidato all’interno del sito espositivo fra i suoi padiglioni e i suoi cluster tematici, attraverso un dialogo con gli studi che li hanno progettati, per comprendere come le identità e i valori tipici di ogni Paese trovino espressione nei concept, nelle soluzioni e nei materiali impiegati. EXPO is also an outstanding showcase for contemporary architecture, an inspiring journey through different styles and cultures of project design. These pages follow a guided tour among the pavilions and themed clusters located inside the exhibition site, introduced by the studios that actually designed them so as to better comprehend how the identities and typical values of each Country are expressed in the concepts, solutions and materials used.


INDICE / index Pag

2

Masterplan

Pag

13 The self built criteria

Pag

20 Thematic areas

Pag

23 Clusters

Pag

34 The pavilions

Pag

123 What will remain

Pag

130

Photo Gallery


MILANO EXPO 2015 contract: concept plan and master plan year: 2009-2010 client: City of Milan, Expo SpA project area: 110 acres contract price: roughly 1 billion euros web: www.expo2015.org CONCEPT PLAN Architecture Advisory Board Herzog & de Meuron, Ricky Burdett, Stefano Boeri Architetti, William McDonough + Partners Stefano Boeri Architetti Coordinators: Maria Chiara Pastore, Corrado Longa, Michele Brunello Team: Martina Barcelloni Corte, Daniele Barillari, Lorenza Baroncelli, Benedetta Cremaschi, Moataz Faissal Farid Herzog & de Meuron project team Partners: Jacques Herzog, Pierre de Meuron, Andreas Fries (Partner in Charge) Project Team: Lisa Euler (Project Manager), Caetano de Bragança, María Ángeles Lerín Ruesca, Monica Leung Public Farmhouse Project by Multiplicity.lab, Milan Polytechnic, DiAP Coordinators: Maddalena Bregani, Salvatore Porcaro Team: Antonio Conroy, Sara Pellegrini, Camila Ramirez MASTERPLAN Agro-ecosystems and greenhouse research Diap – Milan Polytechnic, multiplicity.lab Chief lecturer: Stefano Boeri Coordinator: Michele Brunello Team: Lorenza Baroncelli with Stefano Baseggio, Corrado Longa, Giulia Meterangelis, Maria Chiara Pastore, Pietro Pezzani Faculty of Agriculture – University of Milan Coordinators: Stefano Bocchi and Claudia Sorlini Teachers: Giacomo Elisa, Natalia Fumagalli, Claudio Gandolfi, Alessandro Toccolini Collaborators: Giovanna Sanesi, Giacomo Altamura, Stafano Gomarasca, Andrea Porro, Roberto Spigarolo Public Farmhouse research: a project for Expo and Milan Diap – Milan Polytechnic, multiplicity.lab Chief lecturer: Stefano Boeri Coordinators: Maddalena Bregani, Salvatore Porcaro Team: Alessandra Dall’Angelo and Michela Bassanelli

ARCHES


MASTERPLAN 2

|

3


MASTERPLAN Il masterplan di Expo 2015 consiste in un impianto organizzato attraverso due assi ortogonali sul quale si attestano spazi espositivi e di servizio di diverse tipologie. Gli assi di attraversamento sono il Cardo ed il Decumano, la cui ispirazione proviene dalla morfologia urbana delle città di origine romana, caratterizzata dalla configurazione ortogonale del castrum. Sul primo, lungo 350 metri e dall’andamento Nord-Sud, si sviluppa la proposta del Paese ospitante, l’Italia, incentrata sulla valorizzazione della cultura e delle tradizioni alimentari locali. Sul secondo, lungo 1.500 metri e dall’andamento Est-Ovest, sono ospitati i Padiglioni self-built dei Paesi partecipanti e i cluster, dove i Paesi sono raggruppati non per luogo geografico ma per tema.

The Expo 2015 master plan has a layout that is organised into two orthogonal axes which house the exhibition and different types of service and facility spaces. The cross axes are called the Cardo and the Decumano, drawing inspiration from the urban morphology of the city of Roman origin, characterised by the orthogonal configuration of the castrum. The first measures 350 meters in length, runs in a North-South direction, and houses the proposals of the host country, Italy, focused on the valorisation of local gastronomic culture and traditions. The second is 1,500 meters long and runs in an East-West direction; it hosts the self-built Pavilions of participating Countries and the clusters, where countries are grouped not by geographical location but by theme.


ARCHES

4

|

5


Le più importanti strutture di Expo 2015 sono situate agli estremi e all’incrocio di questi assi. All’incontro tra il Cardo ed il Decumano si trova Piazza Italia, un grande spazio pubblico che rappresenta il luogo dove simbolicamente l’Italia incontra il mondo. Ad Ovest del sito si trova l’Expo Centre, uno spazio coperto che contiene tre blocchi indipendenti: l’Auditorium, dove si svolgeranno conferenze, workshop e concerti, la Open Plaza, luogo per eventi e performance utilizzabile anche come area relax per i visitatori, e l’Area Meeting, costituita da ulteriori sale conferenze. A Nord si trova la Lake Arena, che è parte del più ampio progetto delle Vie d’Acqua e consiste in un bacino di 90 metri di diametro circondato da gradinate per 3.000 spettatori, al cui interno si trova un sistema di fontane e l’Albero della Vita, una scultura interattiva per giochi d’acqua e di luce. A Sud si trova l’Open Air Theater, spazio per eventi all’aperto che potrà ospitare 11.000 persone, con una copertura dotata di pannelli solari per coprire il fabbisogno energetico richiesto dagli spettacoli.

The most important structures of Expo 2015 are located at the ends and at the intersection of these axes. The Cardo and the Decumano intersect in Piazza Italia, a large public space that symbolically represents the place where Italy meets the world. To the west of the site is the Expo Centre, a covered space that consists of three independent blocks: the Auditorium, which will host conferences, workshops and concerts, the Open Plaza, venue for events and performances which can also double up as a relaxation area for visitors, and the Meeting Area which hosts additional conference rooms. To the north one finds Lake Arena, which is part of the larger Inland Water project and consists of a basin that is 90 meters in diameter, surrounded by bleachers for 3,000 spectators; inside the facility there is a system of fountains and the Tree of Life, an interactive sculpture providing entertaining water and light effects. To the south lies the Open Air Theatre, a venue for outdoor events that can host up to 11,000 people, with a roof equipped with solar panels to supply the energy required by the performances.

THREE PROJECTS FOR MILAN EXPO 2015

1 the expo site 2015

2 the land way and the knowledge corridors

3 the water ways and the cascinas


-4 years

-6 years

Conceptual Masterplan 31st July Land agreement Launching the competitions Cascina Triulza renovated

2009

Expo Masterplan 1st May 2010 Infrastructuring the site Infrastructuring the metropolitan area Inauguration first system of farmland

2010

Start cultivations of the area Infrastructuring the site Infrastructuring the metropolitan area Inauguration of the second system of farmland

2011

-2 years

Allotments assigned to the countries Construction of the thematic pavilions Inauguration of the third system of farmlands

2015

Settlement of the cultivations by the countries Construction of the themantic pavillions Inauguration of the 4-5 system of farmlands

2013

2014

Milan is ready for the exhibition The farmlands are hosting the NGOs The city is the door of the “grand tour” The city centre hosts events

2015

EXPO STARTS TODAY IN THE SITE AND IN THE CITY

LEGACY 149

150

A Est si trova la Collina Mediterranea, che con i suoi 12 metri di altezza riproduce le tipiche vegetazioni e colture dell’ecosistema mediterraneo, ed è percorribile fino alla cima, dove offre un’ampia panoramica verso il sito espositivo. Ad interpretare il Tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” saranno anche le Aree Tematiche, costituite da percorsi sensoriali ed educativi collocati in alcune punti chiave dell’area espositiva. Sempre all’interno del Sito si trova Cascina Triulza, una delle tipiche costruzioni rurali del paesaggio attorno a Milano, che è stata ristrutturata anche per l’uso post-evento. La Cascina, gestita da un gruppo di organizzazioni nazionali ed internazionali (Fondazione Triulza), ospiterà differenti spazi: un’Area Espositiva, utilizzabile dalle organizzazioni presenti, un’Area Eventi, con un auditorium da 200 posti, un’Area Workshop e Laboratori, con una corte aperta da 1.700 mq, un’Area Mercato, per la promozione di prodotti e servizi, e

To the East lies the Mediterranean Hill, which is 12 meters high and reproduces the typical plants and crops of the Mediterranean ecosystem; visitors can climb to the top to get a stunning view of the exhibition area. There will also be Thematic Areas interpreting the "Feeding the Planet, Energy for Life" theme, consisting of sensory and educational routes located in a number of key points of the exhibition centre. Cascina Triulza is also located within the Site, one of the typical rural buildings of the suburbs of Milan, which has been restored and also intended for post-event use. The Cascina, run by a group of national and international organizations (Triulza Foundation), will host a variety of spaces: an Exhibition Area, at the service of the organizations present, an Events Area, with a 200-seat auditorium, a Workshop and Laboratory Area, with an open courtyard measuring 1,700 square meters, a Market Area, for the promotion of products and services, and a Jobs Area, to create networking between visitors and tertiary sector enterprises.

6

|

7


un’Area Lavoro, per creare networking tra visitatori e realtà del terzo settore. Per quanto le vie d’accesso, il Sito è servito da due passerelle pedonali: la prima, da 350 metri, collega l’area con quella di Cascina Merlata (dove sorgeranno le strutture per il personale), e verrà utilizzata sia dai visitatori che dagli addetti ai lavori; la seconda, da 500 metri, collega l’area alla Fiera, e verrà utilizzata solo dai visitatori. Il sito di Expo 2015 ospita poi una serie di ulteriori spazi sia di servizio che per le aziende. Le Aree Corporate sono i luoghi in cui le aziende potranno presentare le proprie “best practice” (casi di eccellenza nel realizzare cambiamenti, superare ostacoli e fornire contributi ad altri settori). Le Aree di Servizio consistono invece nei punti Food and Beverage, collocati a distanza regolare lungo il Decumano, e nel sistema del verde, formato da un anello esterno alberato da 80.000 mq e dagli spazi più interni del Sito Espositivo da 125.000 mq complessivi.

Chiasso

Simplon

ORIO AL SERIO MALPENSA 1

Malpensa exp.

M1

Torino Lyon M5

Centrale FS M2

Bolzano/Munchen M6 M4

Venezia M3

LINATE

car system

metro system Roma Napoli

train system Genova Nice


As far as access routes are concerned, the Site is served by two pedestrian walkways: the first, measuring 350 meters, connects this area to that of Cascina Merlata (where the staff facilities will be built), and will be used both by visitors and operators; the second, measuring 500 meters, connects the area to the Trade Fair, and will be used by visitors only. The Expo 2015 Site also hosts a number of additional areas for services and enterprises. The Corporate Areas are the places where companies can present their "best practices" (examples of excellence in achieving change, overcoming obstacles and providing contributions to other sectors). The Service Areas consist in the Food and Beverage points, located at regular intervals along the Decumano, and the green system consisting of an 80,000 square meter outer ring lined with trees and spaces in the innermost area of ​​the Exhibition Site covering a total of 125,000 square meters.

WATER WAYS AND CASCINE

Isola Nuova Anna San Giuseppe Cattabrega Trivulza

rco o Pa mbr La

San Paolo Villa Lonati Torchiera

Par co d i Tr enn

Molino Torrette Bilioteca Cascinetta San Gregorio

o

Rizzardi

San Gregorio Vecchio

Turro

Boldinasco

Molino San Gregorio Melgera

Cascinetta di Trenno

Bosco

in Cit tá

Cotica Molino Codovero S. Romano

Bellaria

Brusada

Caldera

Rosa

Madonna Della Provvidenza

Case Nuove

Case Nuove Cavriana

Torrette Di Trenno

Parco delle Cave

Villa Landa Casanova

Parco Forlanini

Monastero Sant'ambrogio

Basciana

Linterno

Taverna

Sella Nuova Molinello

Corba

Cuccagna

Monlue'

Colombe'

Geregnano Merezzate Monterobbio

Nosedo San Giacomo

Moncucco Carliona

Chiesa Rossa

Vaiano Valle

Cascina Grande Di Chiaravalle

Cantalupa

Basmetto

Ronchettino

Tre Ronchetti

lla de ia rco bb Pa etta V

Pa rc od

el le

Ri

sa

ie

S.Bernardo

8

|

9


THE LANDWAY AND THE KNOWLEDGE CORRIDORS

1,5 km

1,5 km

Il progetto del Sito di Expo 2015 è stato realizzato in tre fasi. In quella della candidatura, il progetto differisce rispetto a quello del concept plan sia dal punto di vista sia morfologico che dell’organizzazione dei Padiglioni e dei servizi. In quella del concept plan, l’impianto insediativo è stato realizzato da una consulta architettonica (Stefano Boeri, Richard Burdett, Jacques Herzog, Joan Busquets e William Mc Donough) che ha previsto l’introduzione del sistema di assi ortogonali di percorrenza, con aree espositive disposte trasversalmente al viale principale, un sistema di serre bioclimatiche, grandi tende come riferimento all’idea del “mercato globale”, un lago ed un canale navigabile lungo il perimetro. In quella del masterplan, il progetto ha subito alcuni ulteriori adattamenti, come la previsione di aree di diversa dimensione per i Paesi partecipanti, la limitazione delle tende al Cardo e al Decumano, la concentrazione delle serre in un unico spazio (poi sostituito dal Parco della Biodiversità) e l’inserimento dell’Expo Center.


CASCINE

Cascina Anna

Cascina Cantalupa

Cascina Cavriana

Cascina Linterno

Cascina Monlue´

Cascina San Bernardo

Cascina Taverna

used cascina

Cascina Basciana

Cascina Basmetto

Cascina Carliona

Cascina Casanova

Cascina Chiesa Rossa

Cascina Madonna della Provincia

Cascina Monterobbio

Cascina San Giacomo

Cascina Torchiera

Cascina Colombé

Cascina Melghera

Mulino San Gregorio

Cascina San Giuseppe

Cascina Torrette di Trenno

empty cascina

Cascina Bellaria

Cascina Biblioteca

Cascina Boldinasco

Cascina Brusada

Cascina Grande Caravalle

Cascina Case Nuove Corelli

Cascina Case Nuove Paravia

Cascinetta San Gregorio

Cascina Cattabrega

Cascina Cottica

Cascina Cuccagna

Cascina Geregnano

Cascina Isola Nuova

Cascina Molinello

Cascina Molino Codovero

Cascina Monastero

Cascina Moncucco

Cascina Nosedo

Cascina Rizzardi

Cascina Ronchettino

Cascina Rosa

Cascina San Paolo

Cascina San Romano

Cascina Sant'Ambrogio

Cascina Sella Nuova

Cascina Turro

Vaiano Valle

Villa Landa

Villa Lonati

Casinetta di Trenno

Cascina Corba

Cascina Mezzenate

Mulino Torrette

Cascina San Gregorio Vecchio

Cascina Tre Ronchetti

partially used cascina

CASCINE ABACUS

The design of the Expo 2015 Site was carried out in three phases. In the application phase, the project differs from the concept plan version from a morphological view point and also the actual organisation of the Pavilions and services. In concept plan phase, the settlement system was realised by an architectural committee (Stefano Boeri, Richard Burdett, Jacques Herzog, Joan Busquets and William McDonough) consisting in the introduction of the orthogonal axes walkway system, with exhibition areas arranged transversely in relation to the main avenue, a system of bioclimatic greenhouses, large marquees making reference to the idea of ​​the "global market", a lake and a navigable waterway along the perimeter. In the master plan phase, the project was subject to some further adjustments, such as the organisation of areas of different sizes for the participating countries, the restriction of the marquees to the Cardo and the Decumano areas, the concentration of the greenhouses in one single venue (later replaced by the Biodiversity Park) and the addition of the Expo centre.

10

|

11


I CRITERI SELF BUILT THE SELF BUILT CRITERIA

I criteri self-built rappresentano una serie di regole che i Paesi partecipanti di Expo 2015 hanno dovuto rispettare nella progettazione dei Padiglioni. Gli aspetti interessati da queste disposizioni hanno riguardato questioni di carattere dimensionale, morfologico, tecnologico e costruttivo, che si sono tradotte nella richiesta di utilizzo di materiali sostenibili e riciclabili, nella realizzazione di edifici facili da smantellare al termine dell’evento, nella riduzione dei consumi energetici, nella cura del verde e del paesaggio e nell’attenzione al rapporto tra costruito e spazio aperto. Per ognuno dei lotti, caratterizzati da dimensioni diverse all’interno dell’area, e tutti affacciati sul Decumano, la superficie edificabile è stata indicata nel contratto di partecipazione, e doveva corrispondere ad un massimo del 70% dell’area costruibile. Per quanto riguarda le possibili configurazioni volumetriche, si è lasciata la libertà di organizzare un Padiglione in modo tradizionale, con un unico spazio espositivo interno oppure secondo modalità espositive meno rigide, con più di un edificio ed un layout flessibile degli spazi aperti. Gli arretramenti richiesti hanno riguardato sia il rapporto con i lotti confinanti, dai quali occorreva mantenere una distanza di almeno 3 metri, che il rapporto con il viale principale, rispetto al quale occorreva lasciare uno spazio di 10 metri di profondità. Rispetto alle superfici, l’area costruibile poteva essere occupata dagli edifici, mentre la parte restante poteva essere utilizzata per organizzare l’esposizione all’aperto, dove si potevano inserire anche strutture leggere come tende, tettoie o serre, che potevano poggiare direttamente su piazze, percorsi o spazi verdi ma non potevano essere alte più di 6 metri. Ulteriori disposizioni hanno interessato la definizione delle altezze: i Paesi partecipanti sono stati liberi di costruire più di un livello, ma l’altezza massima dell’edificio, anche se costituito da più volumi, non poteva essere maggiore di 12 metri, e quella degli eventuali elementi addizionali (come protezioni solari, insegne, altri elementi del tetto) non poteva superare i 17 metri; sul tetto potevano poi essere previste terrazze per i visitatori, mantenendo il 50% della superficie a verde.

The self-built criteria represent a set of rules that the Countries attending Expo 2015 have had to comply with in the design of their Pavilions. These provisions affected areas related to dimensional, morphological, technological and constructive aspects, which resulted in the request for use of sustainable and recyclable materials, the construction of buildings which would be easy to dismantle at the end of the event, the reduction of energy consumptions, management of the green and landscape areas as well as attention to the relationship between the building and the open space. The building area was indicated in the participation contract, for each individual lot, characterised by different sizes within the area, all overlooking the Decumano, where the building area was to correspond to a maximum of 70% of the assigned area. As for the possible volumetric configurations, they were given the freedom to organise a Pavilion using a traditional layout, with a single exhibition space inside or using a less rigid formula, with more than one building and a flexible layout of open spaces. The perimeters requested concerned the relationship with the neighbouring lots, where it was necessary to maintain a distance of at least 3 meters, and the relationship with the main avenue, for which it was necessary to leave a space that was 10 meters deep. As for the surfaces, the buildable area could be occupied by buildings, while the rest could be used to organise the open-air exhibition, erecting lightweight structures such as marquees, sheds or greenhouses, which could be erected directly on the squares, paths or green areas but with a maximum allowed height of 6 metres. Other provisions regulated the definition of heights: the participating Countries were allowed to build more than one level, but the maximum height of the building, even if consisting in several volumes, was set at 12 meters, and that of any additional elements (such as sunscreens, signs, other roof elements) was set at 17 meters; it was also possible to create roof terraces, maintaining 50% of the surface green.


Exhibition Space Arrangements

Scheme A lot arrangement

Scheme B lot arrangement Scheme B Scheme A

lot arrangement

lot arrangement

Scheme C lot arrangement Scheme C lot arrangement

Lot Y

Lot X

Lot Y

Lot X

Lot Y

Lot X

Countries Self-Built Spaces arepaired paired CountriesExhibition Self-Built Exhibition Spaces are lots. lots.

Scheme A

Scheme B

Scheme C

Lots with the same area

Lots with different area

Lots with different area and shape.

MAPS AND DIAGRAMS | 43

|

tY

tX

tY

tX

tY

tX

12

13


var

Supply limits were set for each of the services (sanitary and drinking Per ciascuno dei servizi (acqua sanitaria e potabile, sistemi water, fire fighter systems, telecommunications and TV connections, antincendio, collegamenti TV e telecomunicazioni, energia elettrica) electricity): if the participants requested to exceed these limitations, sono stati stabiliti 20alcuni limiti di fornitura: nel caso i partecipanti m Setback line from the neighbouring The setback from the main Setback from the they would have able to meet these extra requirements avessero richiesto di superare questi limiti, must avrebbero potuto lot shall becoprire no less than 3 metres. boulevard mustbeen be no less boundaries be var The ecologici lot area minuseall the required than 10 metres. 2 metres. exploiting appropriate ecological and sustainable devices inside the i fabbisogni extra attraverso appropriati dispositivi setbacks is the Buildable Area. Pavilion, the use of which was nonetheless encouraged wherever sostenibili all’interno del Padiglione, il cui utilizzo era stato comunque possible. incoraggiato ove possibile. Another key aspect related to the self-built criteria concerned the study Un altro aspetto fondamentale interessato dai criteri self-built ha of the pedestrian mobility, for which several different scenarios were riguardato lo studio della mobilità pedonale, per la quale sono stati 20 m più edifici con spazio espositivo frammentato, foreseen: more buildings with fragmented exhibition space, individual previsti diversi scenari: Setback line from the neighbouring The setback from the main Setback from the buildings with amust continuous singoli edifici con uno spazio espositivo continuo, lot shall be noibride less than 3 metres. boulevard be no less exhibition space, hybrid configurations boundaries must beconfigurazioni Building Coverage is the The lot area than 10 metres. and fragmented spaces. For the organisation of 2 metres. withmaximum both continuous con spazi sia continui che frammentati. Per l’organizzazione deiminus flussiall the required of lot surface that may setbacks is the Buildable Area. be covered by principal and were allowed to create entrances and exits pedestrian flows, designers si è permesso di collocare entrate ed uscite su tutti i lati liberi del accessory buildings to preserve in all freespace sides the lotto, chiedendo di prevedere preferibilmente una sola uscita sul open onof the lot.lot, with a request to preferably foresee one exit onto the main avenue, placing the queue area inside the lot, and to viale principale, di posizionare l’area di coda all’interno del lotto, e Thediverse remainingutenze area, Light structures or Building Coverage: differentiate the entrances according to the different users (visitors, di differenziare le entrate in base alle (visitatori, staff, The height of the buildings must amounting to structures without a maximum of 70% of staff, restricted area). As for the logistic aspects, they were asked, area riservata). Per quantoArea riguarda la parte logistica, èexternal stato chiesto, 50% in walls may the Buildable may approximately be less than 12 metres. the figure, be spazio be built in the per by during opening limittothe waste organisation area to just one durante gli oraribedioccupied apertura, di limitare adhave un to solo l’area Participants arehours, free to to decide used to setup the open-air space. buildings. build more than one level within single space (whilst allowing the use of all entrances at night, except l’organizzazioneThis deiincludes rifiuti principal (lasciando invece utilizzabili di notte tutti open-air exhibition Building the the fixedCoverage maximumisheight. space and the 30% and accessory that leading to the Decumano); gli accessi tranne quello verso il Decumano); per i Vigili del Fuoco, i maximum lot surface that may the Pavilions were also required to The heightoflimit for architectural rule (green and open buildings, volumes or be covered by principal and provide a 3.5 meters driveway access for the Fire Department. Padiglioni hannoenclosed dovutostructures dotarsi di un accesso di 3,5 metri carrabile. areas). parts or projections is 17 metres. accessory buildings to preserve and any overhanging

open space on the lot.

balconies and/or Basic Rules to designing thepermesso Exhibition Space The upperi Padiglioni floors. Le disposizioni per self-built hanno di ottenere The remaining area, structures or Building Coverage: un maggiore controllo sullo sviluppo delle costruzioni eLight di incentivare amounting to structures without a maximum of 70% of l’attenzione allo sostenibilità impedendo 50% la in sperimentazione external walls may the Buildable Area maynonapproximately m in the the figure, have to be be9built be occupied by nella definizione degli spazi e garantendo esperienze di visita uniche 4.5 m used to setup the open-air space. buildings. open-air includes principal ma allo stesso This tempo anche funzionali edexhibition ecocompatibili. space and the 30% and accessory rule (green and open buildings, volumes or areas). enclosed structures and any overhanging balconies and/or upper floors.

provisions for self-built Pavilions made it possible to achieve 17 m greater control over the development of the buildings and to encourage The height of the buildings must 12 m sustainability awareness, without preventing experimentation in be less than 12 metres. decide to theParticipants definitionare of free thetospaces and guaranteeing a totally unique visitor build more than one level within experiences which are also functional and eco-friendly. the fixed maximum height. The height limit for architectural parts or projections is 17 metres.

Basic Rules to designing the Exhibition Space 17 m 12 m 9m

Number of levels

Permeability

4.5 m

12 17 m m 12 m Boulevard

Lot longitudinal section

Boulevard

Lot longitudinal section

The indoor Exhibition Space Participants are free to decide must ensure thethan permeability to build more one level of the indoor/oudoor within the Buildingexhibition Coverage, system according to: - the maximum building height, fixed on 12 metres; - 3 meters minimum floor-to-ceiling height for indoor spaces, referring to Italian laws and ordinances. Number of levels

Permeability

Boulevard

Lot longitudinal section

Boulevard

Lot longitudinal section

Boulevard

Boulevard

Lot longitudinal section

12 17 m m 12 m 17 m 12 m

The indoor Exhibition Space Participants are free to decide Building Height must ensure thethan permeability to build more one level of the indoor/oudoor within the Buildingexhibition Coverage, The Building system according to:Height must be less than 12 metres. - the maximum building height, The for any fixedheight on 12 limit metres; additional - 3 metersarchitectural minimum Permeability elements (such height as skylights, floor-to-ceiling for roof vertical connections 12 m elements, The indoor Exhibition Space indoor spaces, referring to to the roof, sunscreen must ensure the permeability of Italian laws and ordinances. protections, signals...) is 17 the indoor/oudoor exhibition metres system

Building Height

Lot longitudinal section

17 m 12 m 17 m

The Building Height must be less than 12 metres. The height Height limit for -any Building Roof Design additional architectural buildable volume Even if the Permeability elements (such as skylights, roofis


metres system

Boulevard

Lot longitudinal section

Building Height - Roof Design 17 m 12 m

Boulevard

Lot longitudinal section

Boulevard Boulevard

Lot longitudinal section Lot longitudinal section

Basic Rules to designing the Exhibition Space Boulevard

Lot longitudinal section

Boulevard

Lot longitudinal section

Boulevard

Lot longitudinal section

Even if the buildable volume is split into more than one volume the height limit for parts or any architectural elements, portions Permeability ofLight the building is 17 metres. structures 12 m The indoor Exhibition Space 12 m must Roofs, awnings, canopies, of ensure the permeability andexhibition open-sided indoor/oudoor 6 m thegreenhouses, patio roofs.can also be built. system

These structures cannot be higher than 6 metres; structures Number of levels may abut directly on squares, greens, streets and public Participants are free to decide 17 m spaces. to build more than one level Roof Design 12 m within the Building Coverage, according to: Building Height 17 m -Buildings may have roof height, the maximum building terraces formetres; visitors. 12 m fixed on 12 17 m The Building Height must beshall greening rate of roofs -The 3 meters minimum 12 metres. notthan be lower than 50%.for 12 m less floor-to-ceiling height The heightfacilities limit foror any Rooftop structures indoor spaces, referring to additional architectural must comply and integrated Italian laws and ordinances. elements (such as skylights, with the landscape design roof elements, vertical connections requirements of the rooftop. to the roof, sunscreen protections, signals...) is 17 metres MAPS AND DIAGRAMS | 47

Permeability

Subsurface Structures Height - Roof Design 12 m Building The indoor Exhibition Space must ensure the permeability Basement floors are not 17 m Even if the buildable volume isof the indoor/oudoor exhibition permitted. The construction of a into more than one volume 12mm split 12 system Boulevard

Lot longitudinal section

Boulevard Boulevard

Lot longitudinal section Lot longitudinal section

technical room the height limit fordepends parts or on anythe specific authorization by the architectural elements, portions ofOrganizer. the building is 17 metres.

Light structures

12 m

Boulevard

Boulevard

Lot longitudinal section

6m 17 m 12 m

Lot longitudinal section

Roofs, awnings, canopies,

Roof Design and open-sided greenhouses, patio roofs.can also be built. Buildings may have roof terraces for visitors.cannot be These structures The greening of roofs shall higher than 6rate metres; structures not beabut lower than 50%. may directly on squares, Rooftop or structures greens, facilities streets and public must comply and integrated spaces. with the landscape design requirements of the rooftop.

Subsurface Structures 12 m

Boulevard

Basement floors are not permitted. The construction of a technical room depends on the specific authorization by the Organizer.

Lot longitudinal section

14

|

15


Intervista CON

INTERVIEW WITH

Davide Amendola, Technical Office Progetto Padiglioni e Coordinamento Commissione Vigilanza sui progetti Expo 2015

Davide Amendola, Technical Office Pavilion Project and Supervisory Committee Coordination of Expo 2015 projects

Per i loro Padiglioni, i Paesi hanno dovuto seguire una serie di criteri per la realizzazione delle costruzioni. Quali sono state le regole dimensionali e costruttive principali? I progetti partecipanti devono essere esaminati dal Technical Office e dalla Commissione di Vigilanza, che rilascia un parere rispetto alle normative italiane e alle linee guida di Expo per poter dare inizio alle opere. Tra queste ci sono, ad esempio, il fatto che solo il 50% del lotto può essere occupato dal manufatto, che l’altezza massima è di 12 metri (con elementi architettonici che possono arrivare al massimo a 17), e soprattutto il rispetto della portata massima delle varie utilities. Ciascuno ha una capacità massima, se ne serve altra può produrla per conto proprio ma attraverso azioni sostenibili. Una voce importante riguarda anche I flussi di persone, per i quali è stata richiesta ai Padiglioni un’analisi approfondita. è stata poi richiesta un’attenzione ai materiali, che dovevano permettere di riutilizzare le componenti o gli interi edifici; diversi saranno i Padiglioni che verranno rimontati in altri luoghi: tra questi quello dell’Angola, del Principato di Monaco, del Bahrein, del Regno Unito, e degli Emirati Arabi.

Each country had to follow a set of criteria for the construction of buildings inside their individual Pavilions. What were the main dimensional and construction rules and regulations? The participating projects must be examined by the Technical Office and the Supervisory Committee, which issues its endorsement with respect to the Italian laws and regulations and the Expo guidelines in order for works to commence. Some examples of these rules are the fact that only 50% of the lot can be occupied by the building, that the maximum height is 12 meters (with architectural elements that can reach a maximum of 17 meters) and, most importantly, compliance with the maximum capacity of the various utilities. A maximum capacity has been set for each utility, if additional amounts are required, they are allowed to produce it on their own but exploiting sustainable sources only. Another major rule concerns the flows of people, for which each Pavilion has been requested to provide an in-depth analysis. A certain attention to the materials used was also requested, which should allow the reuse of the various components or entire buildings; several Pavilions will be reassembled in other locations, among them that of Angola, the Principality of Monaco, Bahrain, the United Kingdom, and the United Arab Emirates.

Come si sono comportati i Paesi davanti a queste regole? I Paesi sono spesso arrivati con dei concept, non con un progetto preliminare. Le linee guida sono state fornite dopo il concept, e il progetto preliminare acquisiva già quindi le informazioni necessarie. Si è trattato quindi di un doppio passaggio di controllo: quello dopo il concept verso il preliminare di base, e quello dopo il preliminare verso il definitivo, dove si svolgeva la verifica finale rispetto alle normative nazionali e locali, al rispetto delle linee guida Expo, e al rispetto dei fabbisogni forniti per ogni funzionalità.

How did the Countries behave when confronted with these rules and regulations? Many Countries arrived with a concept, not with a preliminary draft project. The guidelines were delivered after the concept phase, so the preliminary draft project was already drawn up with the necessary information. There was, therefore, a double check phase: after the concept phase leading to the preliminary phase, and after the preliminary phase leading to the final phase, which involved the final assessment in relation to the national and local regulations, compliance with the Expo guidelines and compliance with the capacities supplied for all the utilities.

In che modo invece sono state stabilite le regole per i cluster? E quali invece per le aree tematiche e i Padiglioni Corporate? I cluster sono nati dal concorso-workshop sviluppato da Expo con università di tutto il mondo. Dal workshop sono nati progetti per singola area cluster, e i Paesi partecipanti che occupavano quella specifica area hanno scelto il progetto vincitore tramite selezione comune. Poi il cluster, come opera edilizia, è stato sviluppato da Expo come stazione appaltante, che con un bando ha individuato una società per il progetto esecutivo. Anche i cluster devono rispettare le linee guida generali. Devono essere temporanei, smantellabili, sostenibili, costituiti da materiali riciclabili. Ogni Paese aveva a disposizione diverse tipologie di spazi espositivi, a seconda della dimensione (unità singole, doppie, triple). Le Aree Tematiche sono state sviluppate secondo gli stessi criteri di sostenibilità, con particolare riferimento al riciclo, al riuso, al facile montaggio e smontaggio (dal Future Food District al Padiglione Zero fino alla Biodiversità). Anche alle Aziende sono state avanzate richieste molto simili, con la copertura verde, l’assenza di barriere architettoniche, i materiali riciclabili. La differenza è che, avendo superfici più piccole rispetto ai padiglioni dei Paesi, possono occupare uno spazio maggiore rispetto al limite del 50% del lotto.

How, on the other hand, were the rules and regulations established for the clusters? And which ones were applied to the thematic areas and Corporate Pavilions? The clusters were the result of competition-workshop developed by Expo with universities from all over the world. The workshop developed projects for each cluster area, and the participating Countries who occupied that specific area chose the winning design through a group selection. The cluster, as a construction work, was then developed by Expo as a tender contractor, where the winner of the call for tender for the executive project was awarded to a company. The clusters are also called upon to comply with the general guidelines. They must be temporary, dismantlable, sustainable, and made from recyclable materials. Each country had several types of exhibition spaces at their disposal, depending on the size (single, double, triple units). The Thematic Areas have been developed according to the same criteria of sustainability, with particular attention to recycling, reuse, easy assembly and disassembly aspects (from Future Food District at Pavilion Zero as far as the Biodiversity Pavilion). Enterprises also received very similar requests, with the green roof, absence of architectural barriers, and recyclable materials. The difference is that, having smaller surfaces than the country Pavilions, they can occupy more space than the limit of 50% for the lot.


16

|

17


ZERO PAVILION Curator: Davide Rampello Project: Michele De Lucchi Scenography: Giancarlo Basili FUTURE FOOD DISTRICT Curator: Carlo Ratti, director SENSEable City Lab al Massachusetts Institute of Technology CHILDREN PARK Curator - Sabina Cantarelli Concept and coordination development - Reggio Children Pedagogic project - Reggio Children, Claudia Giudici Graphics and communication - Reggio Children, Rolando Baldini Design and architecture - Reggio Children, ZPZ Partners (Michele Zini) Services design - Reggio Children, Rolando Baldini BIODIVERSITY PARK Official Partner: Bologna Fiere Steering Committee Duccio Campagnoli, Presidente Bologna Fiere; Piero Galli, CEO Event Management Division Expo Milano 2015; Paolo Carnemolla, President of FederBio; Ministry of Agriculture; Ministry of the Environment. Scientific Committee Dr. Emilio Genovesi, Coordinator Dr. Vittorio Bo, Coordinator Prof. Stefano Bocchi, Dep. of Agricultural and Environmental Science University of Milan Prof.Telmo Pievani, Department of Biology, University of Padua Prof. Andrea Segrè, Dep. Agro-alimentary Sciences and Technologies, University of Bologna Architectonic and landscaping project: Architect Fabio Fornasari ARTS & FOODS Arts & Foods. Rituals since 1861 Triennial of Milan, April 9 - November 1, 2015 Curator: Germano Celant Table settings: Studio Italo Rota


ARCHES

AREE TEMATICHE THEMATIC AREAS Collocate agli ingressi e in alcuni punti chiave del Sito Espositivo, le Aree Tematiche rappresentano gli spazi in cui Expo propone la propria interpretazione del Tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, in dialogo con le esperienze di ciascun partecipante. Le Aree Tematiche sono costituite da una serie di percorsi espositivi ed elementi narrativi rivolti a visitatori di tutte le età, che verranno coinvolti in esperienze sensoriali ed educative. I contenuti, che sono stati sviluppati da curatori ed architetti di fama internazionale, riguarderanno la storia alimentare dell’uomo, il rapporto tra il cibo e il futuro e tra il cibo e i bambini, il legame tra il cibo e l’ambiente e quello tra il cibo ed l’arte.

Positioned at the entrances and other key points of the Expo Site, the thematic areas represent the spaces in which Expo offers its own interpretation of the theme "Feeding the Planet, Energy for Life", in dialogue with the experiences of each participant. The thematic areas consist of a series of exhibition routes and narrative elements targeting visitors of all ages, who will be involved in sensory and educational experiences. The contents, which have been developed by internationally renowned architects and curators, will cover man's history of food, the relationship between food and the future and between food and children, the link between food and the environment and between food and art.

18

|

19


Il Padiglione Zero, curato da Davide Rampello e disegnato da Michele De Lucchi, è la porta di accesso a Expo 2015. Il Padiglione, secondo Michele De Lucchi, “riproduce un pezzo della crosta terrestre, sollevata dal terreno e posta in una posizione di preminenza”, con montagne, colline, ed una valle centrale. Ispirato al paesaggio dei Colli Euganei tra Padova e Vicenza, questo spazio offre un’esperienza di viaggio al centro della terra, attraverso il passaggio tra grotte ricostruite in un’atmosfera quasi totalmente priva di luce. L’esposizione propone invece un percorso emozionale che parte dalla memoria dell’umanità, percorre le fasi dell’evoluzione del suo rapporto con la Natura, e arriva alle contraddizioni dell’alimentazione contemporanea.

Pavilion Zero, curated by Davide Rampello and designed by Michele De Lucchi, is the main gateway to Expo 2015. According to Michele De Lucchi, the Pavilion "reproduces a piece of the earth's crust, raised from the ground and placed in a prominent position," with mountains, hills, and a central valley. Inspired by the landscape of the Euganean Hills between Padua and Vicenza, this space offers the unique experience of a journey to the centre of the earth, passing through caves rebuilt in an atmosphere that is almost totally devoid of light. The exhibition proposes an emotional journey that starts from the memory of mankind, travelling through the stages of the evolution of his relationship with nature, and terminates with the contradictions of contemporary eating habits.

Il Future Food District, curato da Carlo Ratti, direttore del SENSEable City Lab del Massachussets Institute of Technology, è un microcosmo che si pone l’obiettivo di esplorare le modalità di interazione tra cibo e persone, oggi possibile grazie alle nuove tecnologie e all’applicazione del concetto di “Internet of Things”. All’interno dello spazio espositivo si mostreranno i diversi modi in cui il cibo viene prodotto, distribuito, preparato e consumato, si potrà esplorare un laboratorio di innovazione con nuove tecnologie ma anche elementi naturali, si potrà provare un’esperienza di acquisto nel Supermarket (nel ruolo di produttore o consumatore) e si potranno sperimentare dispositivi di uso intuitivo nella Cucina.

The Future Food District, curated by Carlo Ratti, director of the SENSEable City Lab at the Massachusetts Institute of Technology, is a microcosm that aims to explore the interaction between food and people, something is now possible thanks to new technologies and the application of the concept of "Internet of Things" . The different ways in which food is produced, distributed, prepared and consumed will be demonstrated inside the ES, where visitors can explore a laboratory of innovation with new technologies but also natural elements, enjoy a shopping experience in the Supermarket (in the role of a producer or consumer) and experiment user-friendly devices in the kitchen.

Il Children Park, curato da Sabina Cantarelli e sviluppato da Reggio Children (Centro Internazionale per la difesa e la promozione dei diritti e delle potenzialità dei bambini e delle bambine), è un’area di gioco e scoperta per i bambini, il cui concept “Ring around the planet, Ring around the future” è ispirato alla metafora del girotondo, quale abbraccio rivolto a tutto il Pianeta. Lo spazio, progettato da ZPZ Partners, è costituito da un giardino lineare che ospita otto installazioni, con piattaforme e coperture attrezzate a forma di rocchetti sospesi ed alberi artificiali, che creano un contesto capace di potenziare le esperienze e le esplorazioni dei bambini.

The Children Park, curated by Sabina Cantarelli and developed by Reggio Children (International Centre for the defence and promotion of the rights and potential of all children), is a ​​play and discovery area for children, whose concept " Ring around the planet, Ring around the future" is inspired by the metaphor of the circle, which embraces the whole planet. The space, designed by ZPZ Partners, consists of linear garden that hosts eight installations, with platforms and equipped roofs shaped like suspended rocks and artificial trees, which create a context capable of enhancing the experiences and explorations of children.

Nato dalla partnership tra BolognaFiere e Expo 2015 S.p.A., il Biodiversity Park è uno spazio esteso su 8.500 mq dedicato alla biodiversità, che intende valorizzare le eccellenze dell’Italia dal punto di vista ambientale, agricolo ed alimentare attraverso eventi, incontri ed installazioni multimediali. Il Parco, che comprende anche un teatro e due Padiglioni, sarà attraversato da un percorso che farà tappa in cinque diversi paesaggi: Alpi, Appennini, Pianura padana, Tavolieri altipiani e isole, con una rappresentazione dell’agro-biodiversità urbana a chiudere l’esposizione.

The Biodiversity Park is the result of the partnership between BolognaFiere and Expo 2015 SpA., extending over an area of 8,500 square meters dedicated to biodiversity, and aims to enhance the excellence of Italy from an environmental, agricultural and food view point, with events, meetings and multimedia installations. The Park, which also includes a theatre and two Pavilions, will feature a pathway taking visitors through five different landscapes: the Alps, the Apennines, Po Valley, Tavolieri highlands and islands, with a representation of the urban agro- biodiversity to conclude the exhibition.

Art & Food è infine una mostra curata da Germano Celant (situata alla Triennale, per sottolineare il rapporto tra Expo 2015 e la città) che analizza la rappresentazione del cibo nelle arti dall’Ottocento ad oggi: le opere mostrano la pluralità di linguaggi visuali e plastici, oggettuali ed ambientali, che hanno interpretato il tema della nutrizione e del convivio. Grazie all’allestimento dello Studio Italo Rota, il visitatore potrà immergersi fisicamente in un percorso di opere d’arte, disegni, film e oggetti, collocate nel loro contesto storico, sociologico e antropologico.

Finally, Art & Food is an exhibition curated by Germano Celant (located at the Triennial, to emphasise the relationship between Expo 2015 and the city), which analyses the representation of food in art from the 19th century to the present day: the works show the plurality of visual ​and plastic, object and environmental languages, that have interpreted the theme of nutrition and conviviality. Thanks to the outfitting conducted by Studio Italo Rota, visitors can immerse themselves physically into a pathway of art, drawings, films and objects, displayed in their historical, sociological and anthropological context.


20

|

21


CLUSTERS I Cluster rappresentano una delle più significative novità di Expo 2015, perché per la prima volta i Paesi che partecipano senza un Padiglione proprio sono stati raggruppati non secondo criteri geografici, ma per identità tematiche e filiere alimentari, consentendo di trattare il Tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” in modo diffuso, con spazi dove è favorito il dialogo, la condivisione e l’interazione. I progetti sono stati realizzati in seguito ai concept elaborati durante il Cluster International Workshop, un workshop organizzato da Expo 2015 in collaborazione con il Politecnico di Milano a cui hanno preso parte studenti e docenti di diverse università nazionali ed internazionali. I Cluster sono costituiti da spazi espositivi individuali dedicati ai Paesi e da un’area comune utilizzabile per eventi, per i servizi di ristoro, per le attività commerciali e per le mostre, e differiscono tra loro per scelte compositive e costruttive. Il Cluster Zone Aride rievoca l’immagine di una tempesta di sabbia nel deserto, cercando di ottenere un’idea di spaesamento attraverso un’atmosfera fatta di opacità e trasparenze, e attraverso una serie di cilindri sospesi di lunghezza variabile. I Padiglioni, concepiti come grandi cristalli, sono dotati di un rivestimento in tessuto tecnico tensionato fissato ad una struttura metallica, che permette di configurare superfici dalle geometrie triangolari e poligonali. Il Cluster Bio-Mediterraneo, che a differenza degli altri è identificato da uno specifico ambito geografico, si propone di rappresentare l’idea di una città mediterranea. E’ costituito da una piazza semicoperta con quattro strutture per la distribuzione dei prodotti tipici dell’area, pavimentata con diverse tonalità di azzurro a richiamare le diverse sfumature cromatiche del mare. I luoghi ed il cibo sono i protagonisti di una mostra dove si sovrappongono tre modalità di racconto: per immagini, letterario e cinematografico. Il Cluster Cereali e Tuberi, concepito come una grande campo di grano che produce una sensazione di disorientamento, immerge il visitatore in un insieme di colori, profumi e suggestioni che richiamano le modalità di coltivazione dei frutti della terra. Il progetto riprende nella copertura la forma di un camino, all’interno del quale è situata un’area eventi ed una di ristorazione con piatti a tema. Nel Cluster Cacao e Cioccolato, ispirato alle piantagioni delle aree tropicali e subtropicali, si ha l’impressione di trovarsi in una giungla. Nello spazio comune sono inseriti alcuni pali di diverse forme (come gli alberi sotto cui il cacao cresce), mentre la pelle che copre i padiglioni si stacca in più punti lasciando a vista i rivestimenti interni, come metafora della necessità di proteggere il contenuto dei prodotti del cacao.


ARCHES

The Clusters are one of the most significant innovations of Expo 2015, whereby for the first time ever, the Countries participating without a Pavilion have been grouped, not geographically, but according to their identity theme and food chains, based on a specific theme "Feeding the Planet , Energy for Life" with spaces that encourage dialogue, sharing and interaction. The projects were carried out based on the concepts developed during the Cluster International Workshop, a workshop organised by Expo 2015 in collaboration with the Milan Polytechnic and attended by students and teachers from a variety of national and international universities. Clusters consist of individual exhibition spaces dedicated to the various Countries and a common area used for events, for refreshments, business activities and the exhibitions, and differ solely in the compositional and construction choices. The Arid Zones Cluster evokes the image of a sandstorm in the desert, in an attempt to give an idea of ​​disorientation exploiting an atmosphere of opacity and transparency, and a series of suspended cylinders of varying lengths. The Pavilions, conceived as large crystals, are realized with a technical fabric under tension, attached to a metal structure, that allow to create surfaces with triangular or polygonal shapes. The Bio-Mediterranean Cluster which, unlike the others, is identified by a specific geographic area, aims to represent the idea of ​​a Mediterranean town. It features a semi-covered square with four structures distributing typical products of the area, paved with different shades of blue to recall the different shades of colour of the sea. The locations and food are the stars of an exhibition which overlaps three narration methods: images, literature and films. The Cereals and Tubers Cluster, designed as a huge corn field that generates a feeling of disorientation, immerses the visitor in an ensemble colours, scents and textures that recall the methods used to cultivate the fruits of the earth. The project foresees a roof area in the shape of a chimney, which hosts an event area, and a restaurant with themed dishes. In the Cocoa and Chocolate Cluster, inspired by the tropical and subtropical plantations, visitors get the impression of being in a jungle. A number of different shaped uprights have been installed in the common area (like the trees under which the cocoa grows), while the cladding that covers the Pavilions has several bare areas to expose the interior coverings, as a metaphor of the need to protect the content of the cocoa products.

22

|

23


Il Cluster Caffè racconta le vicende storiche, sociali e geopolitiche di questa bevanda attraverso diverse chiavi di lettura. Il concept si ricollega all’ambientazione naturale delle piantagioni di caffè che si trovano all’ombra delle foreste pluviali. La copertura richiama le chiome degli alberi e sovrasta i padiglioni, metafora dei tronchi, mentre il pergolato crea spazialità mutevoli attraverso diverse intensità di penetrazione della luce.

The Coffee Cluster relates the historical, social and geopolitical issues of this drink with a number of different interpretations. The concept is linked to the natural environment of the coffee plantations that are located in the shade of the rainforests. The roof recalls the treetops and overlooks the Pavilions, a metaphor of the tree trunks, while the pergola creates a changing spatiality with different intensities of light penetration.

Il Cluster Frutta e Legumi è costituito da un racconto unico sviluppato in due diversi percorsi, uno spazio concatenato di luoghi continui rivolti all’esterno ed un recinto scandito da una piazza centrale cinta da due frutteti. Una copertura modulare in legno, appoggiata e sospesa, pensata come un ideale pergolato, identifica gli spazi unendoli in un’unica figura. I padiglioni sono rivestiti come casse di frutta da una pelle lignea di tavole di abete, mentre un sistema di cinque cilindri sospesi permette di mostrare video e contenuti iconografici.

The Fruits and Legumes Cluster features consists of a single level developed in two different pathways, a continuous chain of locations facing outward and a fence outlined by a central plaza surrounded by two orchards. A modular supported and suspended wood roof, designed as an ideal pergola, identifies the spaces uniting them within one single shape. The Pavilions are lined like crates of fruit by a wooden skin of spruce boards, while a suspended five-cylinder system makes it possible to show video and iconographic contents.

Il Cluster Spezie ospita un allestimento in cui vengono esposte le mappe che hanno guidato gli esploratori alla ricerca di nuovi prodotti nel mondo. Tutt’intorno a questo spazio aperto sono disposte sedute, espositori, vasche

The Spice Cluster hosts an exhibition layout which reproduces the maps that guided the explorers who travelled the world searching for new products. The open space is surrounded by seats, display units


piantumate per sviluppare un’idea di percorso partecipativo ed esperienziale dove si alternano odori, colori, sapori, esperienze tattili e visive. Il Cluster Isole, mare e cibo nasce da un concept di carattere sia plasticogeometrico sia sensoriale. I due edifici sono rivestiti con un materiale semitrasparente per rendere l’idea delle nuvole o delle vele al vento, mentre gli spazi per gli spettacoli e la ristorazione all’esterno si ispirano a ceste di vimini o nasse intrecciate per la pesca. L’elemento unificante è una foresta di bambù in parte sospesa e in parte ancorata al suolo. A richiamare l’elemento dominante del Cluster, alcuni specchi d’acqua, illuminati dall’interno, emergono e si elevano dalla pavimentazione. Il Cluster Riso è costituito da una risaia in miniatura che viene riprodotta attraverso texture, colori e profumi. Il rivestimento a specchio dei padiglioni riflette il paesaggio delle risaie configurando una “immersione paesaggistica”, le vasche d’acqua vengono impiegate come sistemi espositivi grazie a testi volumetrici informativi posizionati all’interno, mentre applicazioni di realtà aumentata permettono di creare una esperienza interattiva con cui coinvolgere i visitatori nei temi del padiglione.

and planted tanks to develop the idea of a ​​participatory and experiential journey with alternating scents, colours, flavours, tactile and visual experiences. The Islands sea and food Cluster stems from a concept of plastic geometric and sensorial nature. The two buildings are cladded with a semi-transparent material to recreate the idea of ​​the clouds or the sails billowing in the wind, while the areas dedicated to the outdoor shows and refreshments are inspired by woven wicker baskets and fishing pots. The unifying element is a bamboo forest partly suspended and partly anchored to the ground. Some water ponds, with internal lighting, emerge and rise from the flooring to highlight the core element of the Cluster. The Rice Cluster consists of a miniature rice paddy reproduced with textures, colours and scents. The mirror cladding of the Pavilions reflects the landscape of the rice paddies creating a “landscaped immersion”, the water tanks are used as display systems with information texts placed inside, while augmented reality applications create an interactive experience which engages the visitors in the themes of the Pavilion.

24

|

25


Intervista CON Stefano Guidarini, Politecnico di Milano. Cluster Bio-Mediterraneo

Il Padiglione del Bio-Mediterraneo fa parte dei cluster, padiglioni collettivi basati su identità tematiche e filiere alimentari. Quali sono stati i temi del vostro progetto? In che modo è stato organizzato lo spazio espositivo e come sono stati presentati i contenuti dei Paesi ospitati? Il cluster Bio-Mediterraneo, uno dei pochi a identificare un ambito geografico, è ispirato all’immagine della città mediterranea. Colori, sapori e odori vogliono creare un’esperienza culturale unica capace di sintetizzare le emozioni e gli elementi dello spirito mediterraneo. Il mare, grande spazio comune del progetto, tiene insieme le diverse identità culturali e, nella declinazione del tema della vita di strada, ospita spettacoli, mercato ed eventi. Quali, tra le scelte compiute, derivano da una sperimentazione tipologica sul tema dello spazio espositivo in senso generale? Quali sono state adottate per rappresentare più nello specifico l’ambito e i caratteri del Bio-Mediterraneo? Non vi è stato nessun riferimento tipologico a esperienze precedenti, anche perché il cluster è una vera e propria “invenzione” proposta dall’Esposizione milanese. Gli elementi del progetto, nel definire un ambiente confortevole e familiare, costruiscono un paesaggio nel quale le identità culturali dei dodici paesi ospitati dal cluster divengono protagoniste di una fusione. Nel rapporto con la “regia” generale, quali regole ed obiettivi comuni sono stati stabiliti per la progettazione di questi edifici? Le unità si dispongono lungo il perimetro dell’area secondo un ordine vagamente geografico, che disegna tre isole omogenee per caratteristiche morfologiche e culturali. Le isole consentono a ogni gruppo di paesi di condividere uno spazio pubblico più intimo in cui è

possibile ospitare le attività degli street performer. A loro volta, senza soluzione di continuità percettiva, questi luoghi confluiscono nel grande mare centrale, spazio metaforico di incontro e relazione. La copertura della zona comune rappresenta la sintesi formale idealizzata di uno skyline di una città mediterranea. Come è nato il vostro gruppo di lavoro? Come avete gestito la fase progettuale dal punto di vista organizzativo? Le scelte compiute sono avvenute tutte in modo corale, o alcuni aspetti hanno richiesto un’elaborazione più autonoma? Il gruppo si è costituito nell’ambito di un workshop internazionale di progettazione organizzato dal Politecnico di Milano, al quale hanno partecipato docenti e studenti di molte altre università italiane e straniere. Nel nostro caso, oltre ai docenti del Politecnico di Milano (Stefano Guidarini e Camillo Magni), hanno fatto parte del gruppo la II Università degli Studi di Napoli (Cherubino Gambardella, Lorenzo Capobianco e Simona Ottieri) e l’American University of Cairo, Egitto (Amr Ezzeldin Mohamed Abdel Kawi). Sono stati elaborati tre progetti con gli studenti, tra i quali è stato scelto quello che in seguito è stato sviluppato dallo stesso gruppo di docenti italiani e che è stato realizzato. Sebbene diversi nelle forme, i contenuti generali dei tre progetti sono gli stessi. Ci sono state discussioni, in sede di workshop, tra studenti e docenti, ma sempre in modo corale, nella direzione di un progressivo affinamento dei temi. In che modo gli aspetti della sostenibilità sono stati interpretati nel progetto del vostro Padiglione? La sostenibilità è un tema di fondo presente in tutto ciò che progettiamo e costruiamo nel nostro tempo, ma questo aspetto non viene sempre espresso in modo diretto nelle forme e nei materiali. Di fatto, tutti i materiali usati nel progetto sono smaltibili e/o riciclabili. Sebbene sia un allestimento, il cluster ha comunque le caratteristiche per “sopravvivere” al dopo-Expo per altri usi.


Interview WITH Stefano Guidarini, Milan Polytechnic. Bio-Mediterranean Cluster

The Bio-Mediterranean Pavilion is one of the Clusters, collective Pavilions based on theme identities and food chains. What were the themes of your project? How has the exhibition space been organised and how were the contents of the hosted Countries presented? The Bio-Mediterranean, one of the few to identify a geographical area, is inspired by the image of the Mediterranean city. Colours, flavours and perfumes mingle to create a unique cultural experience capable of blending the emotions and elements of the Mediterranean spirit. The sea, a large common area of ​​the project, holds the different cultural identities together and, in the variation of the street life theme, hosts the shows, markets and events. Which of the choices made, are the result of a typological experimentation on the theme of the exhibition space from a general aspect? Which were adopted to represent the specific scope and character of the Bio-Mediterranean? There was no typological reference to previous experience, because the cluster is a "invention" proposed by the Milan Expo. In defining a comfortable and friendly environment, the elements of the project build a landscape where the cultural identities of the twelve Countries hosted by the cluster become the protagonists of a merger. Looking at the relationship with the general "regulations", what common rules and objectives were established for the design of these buildings? The units are arranged along the perimeter of the area in a vaguely geographical order, creating three islands with homogeneous morphological and cultural features. The islands allow each group of Countries to share a more intimate public space which can be

used to the activities of street performers. These places all flow into the great central sea, a metaphorical meeting and relational space, without any perceptive continuity solution. The roof of the common area represents the idealised formal synthesis of a Mediterranean city skyline. How was your work group created? How did you handle the project planning phase in terms of organisation? Were the choices made at choral level, or did some aspects require more autonomous processing? The group was formed as part of an international design workshop organised by the Milan Polytechnic, which was attended by teachers and students from many other Italian and foreign universities. In our case, in addition to the Milan Polytechnic lecturers (Stefano Guidarini and Camillo Magni), the II University of Naples (Cherubino Gambardella, Lorenzo Capobianco and Simona Ottieri) and the American University of Cairo, Egypt (Amr Ezzeldin Mohamed Abdel Kawi) also joined the group. Three projects were developed with the students, including the one that was then chosen to be developed and realised by the same group of Italian lecturers. Though different in form, the general contents of the three projects are identical. Discussions took place during the workshop between students and lecturers, but always in a choral manner, based on a progressive refinement of the themes. How have the sustainability aspects been interpreted in your Pavilion project? Sustainability is a fundamental core theme present in everything we design and build, but this aspect is not always expressed directly in the designs and materials. In fact, all the materials used in the project are disposable and/or recyclable. Although it is an exhibition layout, the cluster still has the characteristics to "survive" and be used in the post-Expo phase.

26

|

27


Intervista CON Massimo Ferrari, Politecnico di Milano, Cluster Frutta e Legumi Una delle scelte progettuali che caratterizza il Cluster Frutta e Legumi consiste nell’inserimento di una grande copertura lignea modulare: qual è la funzione ed il significato di questo elemento costruttivo? L’idea che definisce il Cluster Frutta e Legumi parte dall’individuazione di un luogo collettivo, uno spazio coperto, protetto ma allo stesso tempo permeabile, definito da tutte le singolarità chiamate a costruire questo padiglione. La copertura, modulare, lignea, appoggiata e sospesa evidenzia questi luoghi della collettività nei loro differenti caratteri, è in fondo l’elemento principale che identifica il padiglione stesso. Sorretto dalle singole identità nazionali questo grande tetto ha la capacità di costruire lo spazio unitario entro cui tutto affaccia, una figura unica che al tempo stesso lega spazi concatenati l’uno all’altro, filtrando la luce, come in un frutteto. In che modo e da quali parti è costituito il progetto dello spazio aperto, sia dei percorsi che degli spazi di sosta? La distribuzione immaginata nel progetto compone un unico racconto che si svolge seguendo due differenti percorsi. Da una parte uno spazio unitario intrecciato costruisce luoghi e affacci continui rivolti all’esterno, mentre una differente “storia” raccoglie gli spazi in un unico recinto scandito da una piazza centrale cinta da due frutteti veri e propri. Come in una città, differenti angolature e tagli prospettici dati dalla composizione delle parti al rapporto con il contesto creano affacci diversificati, indicano i punti di accesso, le zone di permanenza del pubblico, i percorsi di distribuzione, le parti coltivate; spazi urbani in cui l’ambiente naturale ricostruito, il paesaggio e gli alberi diventano parte integrante dell’architettura. Quali materiali e tecnologie costruttive avete impiegato per il rivestimento dei Padiglioni e per gli arredi? I padiglioni sono rivestiti da una superficie lignea composta da tavole di abete naturale poste in orizzontale, quasi delle grandi casse per la frutta tradotte in forma architettonica. Il legno in realtà caratterizza tutta la costruzione

del cluster: la pavimentazione, le panche, gli arredi e le vasche per gli orti geometrici sono stati immaginati in continuità con l’ambiente naturale a cui idealmente il tema del cluster si riferisce. Come si è costituito il vostro gruppo di lavoro? In quali fasi il progetto è stato sviluppato? Per tre settimane, tra settembre e ottobre 2012, 9 giovani ricercatori del Politecnico - scelti da un Board interdisciplinare interno all’Ateneo e affiancati da un’architetto-docente a contratto e altrettanti docenti di Università straniere - hanno guidato 9 laboratori progettuali autonomi, composti da una selezione dei migliori studenti provenienti dalle Scuole di Architettura dell’Ateneo milanese e da 18 Università di tutto il mondo, per elaborare i 9 cluster tematici. Questo intenso lavoro di ricerca e progettazione ha portato a tre differenti varianti, definite nel nostro caso da un unico principio compositivo da cui Expo ha potuto scegliere la più convincente su cui lavorare per la sua concreta realizzazione. Le fasi successive hanno visto coinvolti unicamente i due progettisti incaricati per ciascun progetto in un dialogo serrato con la Committenza rivolta alla definizione del progetto preliminare e successivamente del definitivo. La fase esecutiva affidata a Fiera Milano ha permesso ai progettisti un confronto indirizzato alla realizzazione coerente del principio generale di ciascun progetto. Per seguire l’avanzamento dei lavori, avete avuto modo di accedere al sito di Expo anche negli giorni immediatamente prima dell’apertura. Che impressione avete avuto del cantiere, in queste ultime fasi? Il cantiere assomiglia a quello di un’intera città: la molteplicità dei singoli recinti entro cui i padiglioni sono stati costruiti, all’interno dell’unica area di Rho, ha inevitabilmente generato diverse difficoltà nell’immaginare di accedere con continuità al sito Expo. Le visite collettive ai 9 cluster hanno permesso di toccare con mano la complessità di questa grande macchina anche se, ma non è stata una sorpresa, non è stato possibile seguire attivamente l’avanzamento dei lavori del proprio cluster. Proprio per questa ragione uno dei temi più difficili nella fase del progetto definitivo è stato anticipare i possibili problemi che l’esecuzione in tempi così stretti avrebbe potuto porre.


Interview WITH Massimo Ferrari, Milan Polytechnic, Fruits and Legumes Cluster One of the design choices that characterises the Fruits and Legumes Cluster is the application of a large modular wooden roof: what is the function and meaning of this construction element? The idea that defines the Fruits and Vegetables Cluster starts with the identification of a collective place, a covered area, protected yet permeable, defined by all the particular features used to build this Pavilion. The roof, modular, wooden, supported and suspended, highlights these collective places with their different characters, is basically the main element that identifies the Pavilion itself. Supported by the single national identity this impressive roof is able to construct the unitary space that all the elements face, a unique shape that links the spaces one to another, filtering the light, as in an orchard. How and of what does the design of the open space consist of, both the pathways and the meeting areas? The distribution envisioned by the project comprises a single story theme that develops along two different pathways. On one side an interlaced area creates a continuous chain of locations facing outward while a different "story" hosts the spaces inside a fence outlined by a central plaza surrounded by two orchards. As in a city, different prospective angles given by the composition of the parts which relate to the context create diversified views, indicating access points, the general public areas, the distribution pathways, the cultivated areas; urban areas where the reconstructed natural environment, the landscape and the trees become an integral part of the architecture. What construction materials and technologies have been used for the THE COFFEE CLUSTER cladding and furnishing of the Pavilions? The Pavilions are lined like crates of fruit by a wooden skin of natural spruce boards laid horizontally, similar to huge crates of fruit translated into an architectural form. Wood actually characterises the entire construction of

VIEW FROM DECUMANO

the cluster: the flooring, benches, furniture and tanks for the geometric gardens are designed with a fluid continuity with the natural environment that the theme of the Cluster ideally refers to. How was your work group established? In how many phases was the project developed? For three weeks, between September and October 2012, 9 young researchers from the Polytechnic - recruited by an interdisciplinary Board inside the Poly and flanked by an architect-lecturer and as many lecturers from foreign Universities - were put in charge of 9 autonomous design labs, with a selection of the best students from the School of Architecture of Milan and from 18 universities from all over the world, to process the 9 thematic clusters. This intense research and design work led to three different variants defined, in our case, by a sole compositional principle, from which Expo was able to choose the most convincing proposal to carry forward to the preliminary phase. Only the two designers responsible for each project were involved in the next phases, in a close dialogue with the Client aimed at defining the preliminary draft followed by the final project. The executive phase assigned to Fiera Milano made it possible to compare the work of the designers addressing the realisation in line with the general principle of each project. In order to monitor the work in progress, were you allowed to access the Expo site in the days immediately before the opening. What impression did you get of the worksite in the later stages? The worksite resembles that of an entire city: the multiplicity of the individual boundaries, inside which the Pavilions have been built, within the one area in ​Rho, has inevitably created various difficulties in imagining a continuous access to the Expo site. The group visits to the 9 Clusters allowed us to get a first hand idea of the complexity of this enormous machine even though, but this was not a surprise, it was not possible to actively follow the progress of your own Cluster. Precisely for this reason, one of the most difficult issues in the final project phase was to anticipate the possible problems that the execution of works, in such a short time, could create.

28

|

29


CLUSTER PROJECT EXPO 2015 Coordination of the research activities and the design process Thematic Space Department Director: Matteo Gatto Architecture coordinator: Marco Chiodi Contributor: Michele Di Santis Exhibition Design coordinator: Luca Molinari Contributors: Dominika Sobolewska and Alessandro Benetti, Milena Sacchi / viapiranesi MILAN POLYTECHNIC Scientific responsible for the Cluster Project: Luisa Collina Scientific coordinator of the Cluster Project: Davide Fassi FIERA MILANO S.P.A. Engineering Scheme Design: Francesco Marzullo Design Coordinator: Maurizio Salvi Contributors: Livia Livini, Anna Gatti ARID ZONES CLUSTER WORKSHOP CLUSTER PROFESSORS Alessandro Biamonti – Milan Polytechnic Michele Zini – Milan Polytechnic Francisco Arques – ETSAM, Madrid Manuel Rodrigo De la O Cabrera - ETSAM, Madrid Dima Jaser – Birzeit University, Palestine ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy Design credits: Alessandro Biamonti Barbara Camocini Michele Zini ZPZ PARTNERS (Claudia Zoboli, Andrea Cattabriga, Sara Callioni, Sebastiano Longaretti, Sara Michelini) EXHIBITION CONTENT Milan Polytechnic Scientific responsible: Luisa Collina BIO-MEDITERRANEAN CLUSTER WORKSHOP CLUSTER PROFESSORS Stefano Guidarini - Milan Polytechnic Camillo Magni - Milan Polytechnic Cherubino Gambardella - University of Naples Lorenzo Capobianco - University of Naples Simona Ottieri - University of Naples Amr Ezzeldin Mohamed Abdel Kawi - American University of Cairo, Egypt ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy Design Credits: Stefano Guidarini Camillo Magni Cherubino Gambardella Lorenzo Capobianco with Simona Ottieri

ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy Design Credits: Alessandro Rocca Franco Tagliabue with Mattia Cipriani Maria Feller Marta Geroldi Ida Origgi EXHIBITION CONTENT University of Milan Scientific responsible: Francesco Bonomi Claudio Gandolfi Gian Vincenzo Zuccotti COCOA AND CHOCOLATE CLUSTER ARCHITECTURAL DESIGN Fabrizio Leoni, Mauricio Cardenas, Cesare Ventura EXHIBITION CONTENT Università Cattolica del Sacro Cuore, Milan Researcher and research coordinator: Pier Francesco Cocconcelli COFFEE CLUSTER WORKSHOP CLUSTER PROFESSORS Alessandro Rocca - Milan Polytechnic, Italy Stefan Vieths, Milan Polytechnic, Italy Francisco Spadoni, FAU USP, Brazil ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy Design Credits: Alessandro Colombo Stefan Vieths Francesca Rapisarda Illycaffè SpA EXHIBITION CONTENT Bocconi University and illycaffè SpA Scientific responsible: Chiara Mauri Illycaffè SpA Fruits and Legumes Cluster WORKSHOP CLUSTER PROFESSORS Massimo Ferrari - Milan Polytechnic, Italy Matteo Vercelloni – Studio Matteo Vercelloni Michal Eitan – The Bezalel Academy of Art and Design, Israel Andre Johan Durandt Van Graan – Cape Peninsula University of Technology Cape Town, South Africa ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy

Scientific responsible and project coordinator: Cherubino Gambardella

Design Credits: Massimo Ferrari Matteo Vercelloni with Stefano De Feudis Stefano Sala Claudia Tinazzi

CEREALS AND TUBERS CLUSTER WORKSHOP CLUSTER

EXHIBITION CONTENT University of Life and Health San Raffaele

PROFESSORS Alessandro Rocca - Milan Polytechnic Franco Tagliabue - Milan Polytechnic Andrey Nekrasov – MARKHI – Moscow Institute of Architecture (Russia) Carlo Enzo Frugiuele – Parsons School of Design, United States of America

Scientific responsible: Roberto Mordacci

EXHIBITION CONTENT University of Naples


SPICE CLUSTER WORKSHOP CLUSTER PROFESSORS Pierluigi Salvadeo - Milan Polytechnic, Italy Michele Brunello - Milan Polytechnic, Italy Tarun Deep Girdher – National Institute of Design, India Benno Albrecht – University of Venice - IUAV ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy Design Credits: Spice Cluster: DONTSTOP Architettura (Michele Brunello and Marco Brega) Spice Market: Pierluigi Salvadeo EXHIBITION CONTENT University of Venice - IUAV Scientific responsibles Benno Albrecht – University of Venice - IUAV Michele Brunello - Milan Polytechnic ISLANDS, SEA AND FOOD CLUSTER WORKSHOP CLUSTER PROFESSORS Giuliana Iannaccone - Milan Polytechnic, Italy Marco Imperadori - Milan Polytechnic, Italy Atelier2 Esa Juhani Laaksonen – Aalto University, Finland Salvator John Albert Liotta – University of Tokyo, Japan ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy Design Credits: Giuliana Iannaccone Marco Imperadori EXHIBITION CONTENT University of Languages and Communication - IULM Milan Scientific responsible: Vincenzo Russo RICE CLUSTER WORKSHOP CLUSTER PROFESSORS Agnese Rebaglio - Milan Polytechnic, Italy Davide Crippa - Milan Polytechnic - ghigos ideas Barbara di Prete - Milan Polytechnic - ghigos ideas Lou Yonqi - Tongji University, China Xue Yuan Deng - Tongji University, China Nguyen Ngoc Anh - National University of Civil Engineering, Vietnam Khanh Quoc Ho - National University of Civil Engineering, Vietnam with Francesco Tosi - Milan Polytechnic - ghigos ideas ARCHITECTURAL CONCEPT AND DESIGN UPDATE Milan Polytechnic, Italy Design credits: Agnese Rebaglio - Milan Polytechnic Davide Crippa - ghigos ideas Barbara di Prete - ghigos ideas with The students of the Milan Polytechnic Lorenzo Loglio - ghigos ideas Francesco Tosi - ghigos ideas EXHIBITION CONTENT University of Milan - Bicocca Scientific responsible and project coordinator: Marialuisa Lavitrano


I PADIGLIONI THE PAVILIONS INDICE / index Pag

34

Austria Pavilion

Pag

40 Brazil Pavilion

Pag

46 China Pavilion

Pag

54 United Arab Emirates Pavilion

Pag

62 France Pavilion

Pag

68 German Pavilion

Pag

72 Japan Pavilion

Pag

80 Italy Pavilion

Pag

88 Russia Pavilion

Pag

94 Spain Pavilion

Pag

100 USA Pavilion

Pag

106 Swiss Pavilion

Pag

112 UK Pavilion


Project Name

breathe.austria

Pavilion Theme

AIR – as the critical resource and number 1 source of nourishment

Architects

team.breathe.austria terrain: architects and landscape architects BDA - Klaus K. Loenhart In cooperation with Agency in Biosphere – Markus Jeschaunig Hohensinn Architektur ZT GmbH – Karlheinz Boiger LANDLAB, Institute for Architecture and Landscape TU Graz – Andreas Goritschnig und Bernhard König Lendlabor Graz – Anna Resch und Lisa Enzenhofer Collaborators Alexander Kellas - curatorial supervision transsolar - Wolfgang Kessling - climate design BOKU Wien IBLB – Bernhard Scharf - vegetation consultance

Structural engineer

Engelsmann Peters Engineers

Lighting

Bartenbach Lighting Design

Cladding

team breathe austria

Contractor

Building - ADUNIC AG / Kaufmann Bausysteme GmbH Landscape - ROTTENSTEINER outside green projects

Project time

October 2014 – April 2015

Building area

Built area – 2,327 m2 Plot area – 1,910 m2

ARCHI


breathe.austria AUSTRIA Pavilion 34

|

35


ARCHI

breathe.austria AUSTRIA Pavilion

Con il concept “breathe”, l’Austria porta un significativo contributo al tema “Feeding the Planet, Energy for Life” di Expo 2010. “breathe” è incentrato sul tema dell’aria, una delle più importanti risorse del pianeta e la prima fonte di nutrimento dell’uomo, coinvolgendo architettura, natura, cultura e ricerca per offrire ai visitatori un viaggio esperienziale. L’aria in Austria non è solo uno dei più importanti caratteri distintivi del Paese, grazie alla sua elevata qualità: è anche una importante fonte di nutrimento ed una risorsa energetica. Per questo il Padiglione dell’Austria, che si trova significativamente in un’area del nord ovest di Milano circondata da insediamenti precedentemente industriali, è focalizzato sulla rappresentazione delle sue ricadute sia tecnologiche che culturali, evidenziando le problematiche presenti e future relative alla qualità di questa risorsa fondamentale con uno spazio che può essere esperito attraverso tutti i sensi. Attraverso la piantumazione di una foresta di 560 mq, il Padiglione unisce la struttura e l’ambiente in una configurazione integrata, creando una rete di relazioni dalle molteplici sfaccettature tra l’umanità, l’ambiente ed il clima, ed agendo come una sorta di contenitore per le performance ecologiche del paesaggio interno. La vegetazione di questa foresta in miniatura ha una superficie di evaporazione di circa 43.200 mq e, producendo 62.5 kg di ossigeno per ora (abbastanza per 1.800 persone), si pone come un “collettore di foto-

With its "breathe" concept, Austria has made a significant contribution to the theme "Feeding the Planet, Energy for Life" Expo 2010. this "breathe" concept focuses on the topic of air, one of the most important resources of the planet and the primary source of sustenance for mankind, where architecture, nature, culture and research join forces to offer visitors an experiential journey. The high quality air in Austria is not only one of the most important distinguishing features of the country: it is also an important source of sustenance and a source of energy. For this reason the Austrian Pavilion, which is located​​ significantly in an area northwest of Milan surrounded by former industrial settlements, is focused on representing its technological and cultural repercussions, highlighting the present and future problems concerning the quality of this key resource with a space that can be experienced using all the senses. With the planting of a 560 square meter forest, the Pavilion merges the structure and the environment in an integrated configuration, creating a network of multi-faceted relations between humanity, the environment and the climate, acting as a kind of container for the environmental performance of the internal landscape. The vegetation of this miniature forest has an evaporation surface of roughly 43,200 square meters and, producing 62.5 kg of oxygen per hour (sufficient for 1,800 people), acts as "photosynthesis collector" that contributes to global oxygen production. An 36

|

37


sintesi” che contribuisce al rinnovamento dell’aria a livello globale. All’interno del Padiglione viene replicata un’atmosfera simile a quella di una fitta foresta austriaca, grazie all’effetto rinfrescante permesso dal processo di evaporazione e traspirazione delle piante, e senza fare uso di sistemi di condizionamento dell’aria. Klaus K. Loenhart ha sottolineato che “il Padiglione presenta un prototipo che combina processi naturali e tecnologici e perciò diventa esso stesso un elemento dell’esposizione. Incorpora la capacità austriaca di risoluzione dei problemi all’interno di un Gesamtkunstwerk, un’opera d’arte integrale, mettendo insieme protagonisti provenienti da vari diversi campi (architetti, artisti, ingegneri, scienziati, dirigenti di imprese), con una gamma che si estende dalla innovativa tecnologia solare e della vegetazione, al disegno del suono e del clima, fino alla cucina sperimentale. Il centro di produzione di ossigeno trasforma il padiglione in una fabbrica dell’aria“. Il gruppo interdisciplinare team-breathe. austria lavora in una varietà di ambiti attraverso l’attività di insegnamento presso l’Institute for Architecture and Lanscape della Graz University of Technology, sotto la direzione dell’architetto e paesaggista Prof. Klaus K. Loenhart. In questo contesto, gli autori studiano i futuri processi e le conseguenze per l’ambiente di un vero cambiamento ambientale, energetico e sociale, con uno sguardo lungimirante teso allo sviluppo di una nuova “cultura ecologica”.

atmosphere similar to that of a thick Austrian forest is replicated inside the Pavilion, thanks to the refreshing effect of the evaporation and transpiration process of the plants, and without the use of air conditioning systems. Klaus K. Loenhart emphasised that "the Pavilion presents a prototype that combines natural and technological processes and therefore becomes an element of the exhibition in itself. It incorporates the Austrian troubleshooting skills within a Gesamtkunstwerk, a comprehensive work of art, bringing together leaders from a variety of different fields (architects, artists, engineers, scientists, business managers), with a range of expertise branching from innovative solar technology and vegetation, to the design of sound and climate elements, and experimental cuisine. The oxygen production centre transforms the Pavilion into an air generating station". The interdisciplinary team-breathe.austria group works in a variety of fields within the framework of its teaching activities at the Institute for Architecture and Landscape at the Graz University of Technology under the direction of the architect and landscape architect Prof. Klaus K. Loenhart. In this context, the authors study future processes and the consequences real ecological, energy-related and societal change for the environment, with a view to developing a "ecological culture".


ARCHI

38

|

39


Project name

Brazilian Pavilion

Pavilion theme

Brazil: feeding the world with solutions

Architects

Studio Arthur Casas and Atelier Marko Brajovic

Collaborators

MOSAE - local Italian office Eduardo Biz and Rony Rodrigues – curators

Structural engineer

MOSAE

Lighting

Studio Arthur Casas / Atelier Marko Brajovic / MOSAE

Cladding

Nuova Defim Orsogril (metal grids) and Amorim / Tecnosugheri (cork)

Contractor

Ing. E. Mantovani SPA - Padova

Project time

December 2014 - May 2015

Building area

Built area - 2,385 m² Plot area - 4,133 m²

Cost

20,000,000 euro

ARCHI


feeding the world with solutions BRAZIL Pavilion

40

|

41


feeding the world with solutions BRAZIL Pavilion

Basato sul tema “Feeding the world with solutions”, il Padiglione del Brasile presenta le ricerche per soddisfare la domanda crescente di cibo nel mondo e per aumentare e diversificare la produzione alimentare usando tecnologie avanzate in modo sostenibile, ponendosi come un elemento di pausa rispetto al luogo con l’intento di creare una piazza pubblica che attragga le persone e generi curiosità. Il progetto è ispirato alla metafora della rete, elemento di flessibilità, fluidità e decentralizzazione, che evoca l’idea di pluralismo culturale ed ambientale ed è rappresentata da una tensostruttura che crea uno spazio per il riposo ed il tempo libero. Il Padiglione consiste in un grande volume dal carattere permeabile, come la cultura brasiliana, all’interno del quale si sviluppa un percorso tra le diverse specie arboree coltivate nel Paese; i colori della struttura in acciaio sottolineano la “brasilianità” dell’edificio, e la transizione graduale tra interno ed esterno cancella i confini tra architettura e scenografia. Il contenuto dell’esposizione, sviluppata da Atelier Marko Brajovic, è incentrata su quattro temi principali: “Natural Wisdom”, che mostra il risultato di una coesistenza millenaria tra l’uomo e la vivace biodiversità che lo circonda; “Empire of Colors”, che mostra la grande varietà culturale e del paesaggio naturale del Paese; “Human Power”, che mostra il risultato dell’uso sostenibile delle risorse naturali e dell’agricoltura anche alla piccola scala; “Creative Fusion”, che mostra la ricerca sulla


ARCHI

Based on the theme "Feeding the world with solutions", the Brazil Pavilion presents its research to meet the growing demand for food in the world and to increase and diversify the food industry using advanced technologies in a sustainable manner, presenting itself as a pause element, creating a public square that draws people together and generates curiosity. The inspiring idea of a flexible, smooth and decentralised network is present in every aspect of the building and represents the country's cultural and environmental pluralism and is represented by a tensile structure that creates a space for recreation and leisure. The Pavilion consists of a large volume of a permeable nature, like the Brazilian culture, with a pathway that winds its way among the different tree species grown in the country; the colours of the steel structure highlight the "Brazilianess" of the building, and the gradual transition between the interior and exterior erase the boundaries between architecture and scenography. The content of the exhibition, developed by Atelier Marko Brajovic, focuses on four main themes: "Natural Wisdom", which shows the result of a millennial co-existence between man and the vibrant biodiversity that surrounds it; "Empire of Colors", which presents the wide variety of cultural and natural landscape of the country; "Human Power", which represents the result of the sustainable use of natural resources and also small-scale agriculture; "Creative Fusion," which shows the research 42

|

43


combinazione tra alta tecnologia, produttività e occupazione responsabile del territorio. Nella parte posteriore del sito è situato un volume che ospita sale espositive, un auditorium, uno spazio commerciale, un caffè, un bar, un ristorante e uffici di servizio, connessi da un ampio atrio illuminato da luce naturale. Alcuni artisti e designer brasiliani sono stati invitati ad esporre opere che mostrino la creatività locale, con installazioni interattive che spieghino la rivoluzione tecnologica in corso nell’agricoltura brasiliana.

conducted on the combination of responsible high technology, productivity and employment in the territory. At the rear of the site there is a volume that hosts the exhibition halls, an auditorium, a commercial space, a coffee shop, a bar, a restaurant and service offices, linked by a large atrium that brings in natural light. Some Brazilian designers and artists were invited to exhibit works that represent local creativity, with interactive installations that explain the current technological revolution in course in the Brazilian agricultural industry.

I criteri di sostenibilità adottati, che vanno dal sistema di costruzione/smontaggio costituito da moduli prefabbricati fino ai dispositivi di recupero dell’acqua e all’impiego di materiali certificati e riciclabili, esprimono l’idea che anche in un’architettura effimera, se costruita razionalmente, è possibile creare significato e contenuti con poche risorse e con un basso impatto ambientale.

The sustainability criteria adopted, ranging from the building/disassembly system consisting of prefabricated modules to the water recovery devices and the use of certified and recyclable materials, express the idea that even in ephemeral architecture, it is possible to create significance and content with a few resources and with a low environmental impact if they are built rationally.

Il progetto è stato realizzato da Studio Arthur Casas per la parte architettonica e dell’interior design, in collaborazione con MOSAE per la parte strutturale e Atelier Marko Brajovic per l’esposizione ed il progetto delle scenografie. Studio Arthur Casas è costituito da un team di designer, architetti ed urbanisti che lavorano tra San Paolo e New York, ed ha realizzato opere in diverse città nel mondo come Tokyo, Parigi, Rio de Janeiro, San Paolo e New York. L’approccio progettuale, che interessa scale di intervento che vanno dall’oggetto al paesaggio, è influenzato da uno spirito che è allo stesso tempo modernista e contemporaneo, brasiliano e cosmopolita.

The project was carried out by the Studio Arthur Casas team for the architectural and interior design, in collaboration with MOSAE for the structural elements and Atelier Marko Brajovic for the exhibition and the scenography project. Studio Arthur Casas consists of a team of designers, architects and urban planners who work between San Paolo and New York, and has realised works in different cities all over the world such as Tokyo, Paris, Rio de Janeiro, Sao Paulo and New York. The design approach, which uses intervention scales which range from objects to the landscape, is influenced by a spirit that is both modernist and contemporary, Brazilian and cosmopolitan.


ARCHI

44

|

45


Project Name

China Pavilion, Expo Milano 2015

Pavilion Theme

The Land of Hope

Architect

Tsinghua University + Studio Link-Arc

Chief Architect

Yichen Lu (Tsinghua University + Studio Link-Arc)

Associate-in-Charge

Qinwen Cai, Kenneth Namkung (Studio Link-Arc)

Project Team

Alban Denic, Shuning Fan, Mario Bastianelli, Ching-Tsung Huang, Hyunjoo Lee, Dongyul Kim, Ivi Diamantopoulou, Wei Huang, Zachary Grzybowski, Elvira Hoxha, Aymar Mari単o-Maza, Zoe Zhou (Studio Link-Arc)

Structural Engineer

Simpson Gumpertz & Heger + F&M Ingegneria

Lighting

Academy of Arts and Design, Tsinghua University

Cladding

Elite Facade Consultants + ATLV

Contractor

China Arts Construction and Decoration Company, Ltd., Unique Europe S.r.L, Bodino Engineering S.r.L.

Project Time

July 2014 - May 2015

Building Area

Project Area: 4000 m2 Site Area: 4590 m2

ARCHI


THE LAND OF HOPE CHINA PAVILION 46

|

47


THE LAND OF HOPE CHINA PAVILION

Situato sul lato a metà del percorso tra l’Expo Centre ed il Cardo, dove il perimetro dell’area assume la forma di una cuspide triangolare, quello della Repubblica Popolare Cinese è il secondo Padiglione nazionale più grande della manifestazione dopo quello della Germania.

Located on the side, halfway along the path between the Expo Centre and the Cardo, where the perimeter of the area takes on the shape of a triangular cusp, the Republic of China Pavilion is the second largest national Pavilion after that of Germany.

Il tema scelto per l’esposizione, “Terra di speranza, cibo per la vita”, intende sottolineare l’importanza di un’integrazione armonica tra l’ambito delle metropoli, caratterizzato da uno sviluppo sempre crescente, e quello del paesaggio agricolo circostante, visto come un patrimonio culturale da difendere e conservare: il progetto rielabora questo duplice immagine attraverso le forme della copertura, modellate tramite la fusione tra il profilo dello skyline di una città sul fronte nord dell’edificio e quello del profilo orografico del paesaggio sul fronte sud, esprimendo così l’idea che la “speranza” si attui quando natura e città riescono a coesistere in una condizione di equilibrio.

The theme chosen for the exhibition, “Land of hope, food for life”, aims to highlight the importance of a harmonious integration between the metropolis, characterised by a continuously growing development, and that of the surrounding agricultural landscape, seen as a cultural heritage to defend and preserve: the project processes this dual image with the shapes of the roofs, merging the profile of a city skyline on the north side of the building and the topographic profile of the landscape on the south side, hence expressing the idea that “hope” comes into play when nature and city can coexist in harmony.

Questa grande superficie ondulata, che copre interamente lo spazio espositivo, consiste in tre diversi livelli: una trama portante di elementi incrociati in legno e acciaio, uno strato impermeabile nel mezzo, ed una serie di pannelli ombreggianti in bambù sulla parte esterna, che si pongono come filtro per la luce naturale e permettono di ridurre i consumi energetici dell’edificio interpretando l’idea di sostenibilità ambientale promossa da Expo 2015. Il percorso è concepito come una

This large undulating roof covers the entire exhibition space, and consists of three different levels: a wood and steel criss-cross bearing structure, a waterproof layer in the middle, and a series of bamboo shading panels on the outside, which filter the natural light and make it possible to reduce the energy consumptions of the building by interpreting the idea of environmental sustainability promoted by Expo 2015. The display pathway is designed as a sequence of differently sized and equipped


ARCHI

48

|

49


ARCHI

sequenza di spazi diversamente dimensionati ed attrezzati: nell’area di attesa saranno posizionati una serie di schermi LCD che permetteranno di avere un inquadramento generale sui temi del padiglione; l’area “Paradiso” ospiterà alcune installazioni multimediali che racconteranno i 24 periodi del calendario agricolo cinese; l’area “Human” mostrerà gli elementi caratteristici della cultura Yunnan (Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 2013), l’area “Terra” presenterà le diverse sfaccettature del paesaggio cinese (dai campi alle montagne), mentre l’area “Armonia” sarà dedicata alla rappresentazione di quell’idea di rapporto armonico tra uomo e natura che passa attraverso un uso razionale delle risorse ed una visione sostenibile dello sviluppo; la sequenza si conclude infine con l’uscita dall’edificio su una piattaforma panoramica sotto i pannelli ombreggianti di bambù. Il progetto è stato realizzato in seguito ad un concorso vinto da Yichen Lu (Tsinghua University + Studio Link-Arc), che prima di fondare il suo studio a New York nel 2011 è stato project manager presso Steven Holl Architects, ed oggi è professore associato presso la Tsinghua University di Pechino. Oltre che dal Padiglione nazionale, la Cina sarà rappresentata ad Expo 2015 dal Padiglione di Vanke (multinazionale cinese del Real Estate), progettato da Daniel Libeskind, e da quello di China Corporate United Pavilion, che ospiterà un gruppo di più di venti aziende del Paese e sarà imperniato sulla simbologia del “seme” e sui valori della conservazione delle risorse naturali e della sicurezza alimentare.

spaces: in the waiting area there will be a number of LCD screens that give the visitor a general overview on the themes promoted by the Pavilion; the “Paradise” area will host some multimedia installations that relate the 24 periods of the Chinese agricultural calendar; the “Human” area will host the characteristic features of the Yunnan culture (UNESCO World Heritage Site since 2013), the “Earth” area will present the different aspects of Chinese landscape (from the fields to the mountains), while the “Harmony” area will be dedicated to the representation of the idea of a harmonious relationship between man and nature that is achieved by a rational use of resources and a vision of sustainable development; the sequence comes to an end with the visitors stepping out of the building onto a platform under the bamboo shading panels, with a most magnificent view. The project was realised following a competition won by Yichen Lu (Tsinghua University + Studio Link-Arc) who, before founding his own studio in New York in 2011, was a project manager at Steven Holl Architects, and is now an associate professor at the Tsinghua University in Beijing. In addition to the National Pavilion, China will also be represented at the Expo 2015 by the Vanke Pavilion (Chinese Real Estate multinational), designed by Daniel Libeskind, and by the China Corporate United Pavilion, which will host a group of over twenty enterprises from the country, and focus on the symbolism of the “seed” and the values of conservation of natural resources and food safety.

50

|

51


INTERVISTA CON Kenneth Namkung, Senior Associate Studio Link-Arc

Il progetto si basa sulla ricerca di un rapporto con il paesaggio agricolo cinese. Come si esprime questo tema nelle scelte riguardanti la configurazione dell’edificio e degli spazi aperti? Il progetto è immaginato come una nuvola che fluttua al di sopra del “Campo della Speranza”. Il “campo” è una evidente allusione al paesaggio agricolo cinese, mentre alcuni altri riferimenti al paesaggio e alla geografia del Paese sono rappresentati dalla forma dell’edificio: il tetto, ad esempio, è derivato dalla fusione tra il profilo dello skyline di una città (un’immagine astratta del distretto centrale degli affari a Pechino) con il profilo di un paesaggio montuoso ondeggiante, simile a quelli che si trovano in molte zone della Cina. In questo modo il Padiglione non solo si riferisce all’agricoltura, ma allude anche alle molte geografie che caratterizzano la Cina moderna.

come tema progettuale principale. Come si legge dalla descrizione del progetto abbiamo espresso quest’idea creando un tetto in legno che sembra fluttuare sopra un paesaggio (il “Campo”). Questo campo contiene la maggior parte del programma delle installazioni ed esposizioni, riparate dal tetto soprastante, permettendo al Padiglione di toccare il suolo con leggerezza. Il concept è pienamente allineato con le linee-guida stabilite da Expo per i Padiglioni self-built, che incoraggiano spazi espositivi all’aria aperta, uso estensivo del paesaggio, circolazione fluida per i pedoni ed un minimo impatto sul sito. La proposta della Tsinghua University per il Padiglione della Cina includeva queste linee-guida nella forma e nel concept del progetto dall’inizio del processo: il risultato è che solo pochi cambiamenti sono stati richiesti dalla fase di documentazione e costruzione.

Nel profilo si legge di una collaborazione con Steven Holl e Frank Gehry. Nel vostro lavoro, e in questo specifico progetto, questa esperienza vi ha in qualche modo influenzato? La più importante lezione che il nostro responsabile Yichen Lu ha tratto dalla sua esperienza lavorativa con Frank Gehry e Steven Holl è credere al suo intuito e alla sua capacità di giudizio. Un progetto di successo è basato su una serie di decisioni corrette: quando una squadra lavora all’interno dello sviluppo di un progetto, è molto difficile decidere se una decisione è giusta o non lo è. Quando arriva il momento dobbiamo seguire i nostri istinti e credere in noi stessi: fortunatamente, la maggior parte delle nostre decisioni sono state corrette.

Per il sistema di ombreggiamento, avete scelto di impiegare il bambù. Quali vantaggi avete riscontrato nell’uso di questo particolare materiale? Quali altri criteri di sostenibilità ambientale ed economica avete adottato nel vostro progetto? Originario della Cina, il bambù è straordinariamente appropriato come simbolo della cultura e della geografia del Paese. Inoltre offre alcuni vantaggi dal punto di vista dell’ecologia: è completamente naturale e rinnovabile ed ha una rapida crescita, con una bassa energia immagazzinata. Inoltre il bambù può essere facilmente riusato, riciclato o smaltito, riducendo al minimo l’impatto a lungo termine del Padiglione. I pannelli sul tetto (articolati come una serie di strisce piane collegate alle strutture in alluminio) permetteranno alla luce naturale di entrare negli spazi pubblici dell’edificio, creando un grande senso di calore negli spazi interni.

Nella fase costruttiva, come vi siete relazionati alle regole stabilite per i Padiglioni self-built? Il cliente ha scelto la frase “Field of Hope”


ARCHI

INTERVIEW WITH Kenneth Namkung, Senior Associate Studio Link-Arc

The project is based on the research of a relationship with the agricultural landscape of China. How is this theme expressed in the choices regarding the configuration of the building and the open spaces? The project is envisaged as a cloud that hovers above the "Field of Hope." The "field" makes clear reference to the agricultural landscape in China, while some other references to the landscape and geography of the country are represented by the shape of the building: the roof, for example, is created from the merger between the profile of a city skyline (an abstract image of the central business district in Beijing) with the profile of an undulating mountainous landscape, similar to those found in many parts of China. The Pavilion therefore does not only refer to agriculture, but also alludes to the many geographies that characterise modern China. The profile mentions a collaboration with Steven Holl and Frank Gehry. Did this experience influence your work on this specific project? The most important lesson that our director Yichen Lu learnt from his experience working with Frank Gehry and Steven Holl is to believe more in his own intuition and his judgement skills. A successful project is always based on a series of correct decisions: when a team works on the development of a project, it is very difficult to decide whether a decision is right or not. When the time comes, we have to follow our instincts and believe in ourselves: fortunately for us, most of the decisions we took were correct. In the construction phase, how did you implement the rules and regulations

established for the self-built Pavilions? The client chose the catch phrase "Field of Hope" as the main design theme. As indicated in the description of the project, we have expressed this idea by creating a wooden roof that seems to float above a landscape (the "Field"). This field houses the majority of the installations and exhibition elements, sheltered by the roof above, allowing the Pavilion to rest lightly on the ground. The concept is fully in line with the guidelines established by Expo for self-built Pavilions, that encourage outdoor exhibition spaces, extensive use of the landscape, flowing circulation for pedestrians with a minimum impact on the site. The proposal developed by the Tsinghua University for the Chinese Pavilion included these guidelines in the form and concept of the project from the beginning of the process: this meant that only a few changes were required during the documentation and construction phase. For the shading system you chose to use bamboo. What benefits have you achieved using this particular material? What other environmental and economic sustainability criteria were adopted in your project? Bamboo is a plant native to China, and incredibly appropriate as a symbol of the culture and geography of the country. It also offers some advantages from an ecology view point: it is completely natural and renewable, has a rapid growth rate with low stored energy. Bamboo can also be easily reused, recycled or disposed of, minimising the long-term impact of the Pavilion. The roof panels (consisting of a series of flat strips connected to aluminium structures) will allow natural light to flood the public spaces of the building, creating a great sense of warmth throughout the interior spaces.

52

|

53


Project Name

United Arab Emirates Pavilion

Pavilion Theme

Food for Thought Shaping and Sharing the Future

Client

United Arab Emirates

Architect

Foster + Partners

Foster + Partners Design Team

Norman Foster, David Nelson, Spencer de Grey, Gerard Evenden, Martin Castle, John Blythe, Andre Ford, Giovanna Sylos Labini, Ronald Schuurmans, Daniel Skidmore, Andrea Soligon, Ho-Ling Cheung, Francis Aish, Henrik Malm, Sam Joyce, Andrew Jones

Collaborating architect

Marco Visconti

Structural engineer

Foster + Partners

Mechanical and electrical Engineer

Foster + Partners Manens-Tifs

Local collaborating fire Engineering

GAE Engineering S.r.l.

Quantity surveyor

Fraser Randall

Landscape consultant

WATG

Lighting consultant

David Atkinson

Acoustic consultant

Sandy Brown Associates

Project manager

Fraser Randall

Project time

2013 - 2015

Building area

Built area – 5,000 m2 Plot Area - 4,386 m2

ARCHI


Food for Thought Shaping and Sharing the Future united arab emirates Pavilion 54

|

55


ARCHI

Food for Thought Shaping and Sharing the Future united arab emirates Pavilion Il Padiglione degli Emirati Arabi è incentrato su un’indagine riguardante le problematiche culturali, tecniche e scientifiche correlate alla nutrizione nel mondo, consentendo un approfondimento sulla questione della sostenibilità e della sicurezza alimentare, e di come queste sfide siano affrontate dagli Emirati Arabi. L’edificio occupa uno spazio al centro dell’area di Expo 2015; passato l’accesso sul viale di circolazione principale, il Decumano, i visitatori accedono ad uno spazio dalla forma di un canyon, definito da muri alti 12 metri, la cui conformazione richiama quella delle strette strade pedonali e delle corti delle antiche città del deserto, e quella della loro contemporanea reinterpretazione nel masterplan di Masdar City, opera dello stesso studio. I muri si sviluppano lungo i 140 metri di profondità del sito secondo una serie di onde parallele, unificando gli spazi per i visitatori con un linguaggio formale dinamico che evoca le creste e le texture delle dune di sabbia, le cui variazioni sono state oggetto di un approfondito lavoro di analisi, anche con una scansione effettuata direttamente nel deserto. Dal punto di vista costruttivo, i pannelli di GRC sono supportati da una struttura in acciaio, che potrà essere facilmente smontata e rimontata per la ricollocazione del Padiglione, mentre la scelta dei materiali di rivestimento è stata effettuata in modo da rappresentare le diverse gradazioni di sabbia che caratterizzano il paesaggio degli Emirati.

The United Arab Emirates Pavilion focuses on a survey into the cultural, technical and scientific issues related to nutrition in the world, providing an insight into the issue of sustainability and food safety, and how the United Arab Emirates tackle these challenges. The Pavilion occupies an area in the centre of the Expo 2015 with its entrance on the main circulation avenue, the Decumano; visitors wander through an area in the shape of a canyon, defined by 12- meter high walls, whose shape is reminiscent of the narrow pedestrian streets and courtyards of ancient desert cities, and that of their contemporary reinterpretation of the masterplan for Masdar City, a project developed by the same Studio. The walls continue throughout the 140 metre site in a series of parallel waves, unifying the visitor spaces within a dynamic formal language designed to evoke the ridges and texture of sand dunes. To convey a distinctive sense of place, the texture of the walls derives from a scan taken in the desert and construction will utilise materials to represent the different shades of sand across the desert. From the constructive point of view, the GRC panels are supported by a steel frame, which can be easily demounted and reconstructed for the Pavilion's eventual relocation in the UAE, while the choice of the cladding materials was carried out in order to represent the different shades of sand that characterise the landscape of the Emirates.

56

|

57


Per quanto riguarda l’esposizione, il punto di partenza consiste in una rampa che conduce dall’entrata all’ingresso dell’auditorium. Lungo questo percorso saranno rappresentati in forma digitale le immagini degli acquedotti per l’irrigazione che hanno tradizionalmente supportato l’agricoltura della regione, mentre la storia degli Emirati verrà raccontata attraverso dispositivi di realtà aumentata. In un edificio a forma di tamburo al centro del sito è contenuto l’auditorium: dopo la proiezione al suo interno, i visitatori seguiranno un percorso attraverso ulteriori schermi interattivi e conversazioni su supporti digitali, con una speciale installazione che celebrerà Dubai come città ospitante dell’Expo del 2020. Il Padiglione risponde al tema di Expo 2015 “Feeding the Planet” anche proponendo una varietà di opzioni per il pasto, interpretando le specificità del cibo moderno prodotto nel Paese: alla fine del percorso espositivo i visitatori raggiungeranno un’oasi verde che porta ad un caffè al piano terra, con un ristorante al primo piano ed una terrazza sulla sommità. Il paesaggio attorno al Padiglione e nelle aree pubbliche è stato pensato come una reinterpretazione del paesaggio e della flora degli Emirati. Nell’ottica della sostenibilità, il

As for the exhibition itself, the starting point consists of a ramp leading from the entrance towards the auditorium. Along the path visitors will find digital images of the irrigation aqueducts that have traditionally supported the agriculture of the region, and augmented reality devices help to bring the story of the Emirates to life. This drum shaped building in the centre of the site hosts the auditorium: after the screening inside, visitors follow a route passing through additional interactive screens and digital commentaries, with a special exhibit point celebrating Dubai as the host city of Expo 2020. The Pavilion responds to the Expo 2015 theme, Feeding the Planet, proposing a variety of refreshment options, interpreting the theme of cuisine in the Emirates of today. At the end of the exhibition route, visitors will reach a green oasis that leads to a coffee bar on the ground floor, with a restaurant on the first floor and a rooftop terrace. The landscaping around the Pavilion and public areas has been designed to replicate the typical landscape and flora of the Emirates.


ARCHI

progetto punta a soddisfare lo standard LEED Platinum attraverso una combinazione di principi passivi e tecniche attive, dalla raccolta delle acque sul tetto all’integrazione con celle fotovoltaiche; l’aspetto più significativo riguarda il futuro dell’edificio ed in particolare la fase post-Expo, quando la costruzione sarà smontata e riassemblata negli Emirati. Rispetto al Padiglione, Norman Foster ha evidenziato che “la nostra sfida è stata di fare un progetto pensando a due diverse condizioni climatiche, creando uno spazio confortevole e naturalmente fresco per i visitatori a Milano, ma anche considerando la ricostruzione del Padiglione negli Emirati, dove è necessario portare ombra a causa del sole intenso. Il progetto riflette le nostre ricerche sulla forma delle antiche città ed il nostro interesse verso il paesaggio desertico. Il Padiglione ottimizza anche le opportunità offerte dal sito di forma allungata: l’entrata a forma di canyon darà il benvenuto ai visitatori e i canali tra gli alti muri forniranno una circolazione intuitiva, che condurrà naturalmente i visitatori all’auditorium, all’esposizione e agli spazi del ristorante”.

From a sustainability aspect, the project set itself the target of meeting the LEED Platinum requirements, with a combination of passive principles and active techniques, from the collection of water on the roof to the integration of photovoltaic cells; most significantly, the building is designed to be recycled and rebuilt in the UAE after the Expo. As for the Pavilion, Norman Foster highlighted that “ Our challenge has been to design for two climates - to create a naturally cool, comfortable space for visitors in Milan, while considering the Pavilion’s ultimate reconstruction in the Emirates, where there is a need to provide shade from the intense sun. The design reflects our investigations into the form of ancient cities and our appreciation for the desert landscape. It also maximises the opportunities presented by the elongated site - the dramatic canyon-like entrance will welcome people inside, and the channels between the high walls provide intuitive circulation, naturally leading visitors to the auditorium, exhibition and restaurant. “

58

|

59


INTERVISTA CON Gerard Evenden, Senior Executive Partner, Foster + Partners

Il Padiglione assume l’ambito del deserto come elemento di riferimento principale per la configurazione dei volumi e il disegno delle superfici. In quali aspetti del progetto si attua questa relazione? L’aspetto interessante del Padiglione è il suo porsi come elemento di connessione degli Emirati Arabi, perché questi sono costituiti da regioni con caratteri distinti. L’unico elemento che potevamo considerare per questo scopo era proprio il deserto che si estende nel Paese, perché abbiamo pensato che le sue forme, i suoi colori, le sue texture ed i suoi pattern fossero gli elementi realmente diversi. Abbiamo anche effettuato una scansione all’esterno, registrando le differenze nel paesaggio: le dune, la sabbia e le linee delle creste sono quindi ciò su cui il progetto si basa.

storiche delle città antiche, dove l’altezza delle mura attorno alle strade è molto importante per l’apporto di ombra – quando il sole è sopra la testa, intenso ed alto nel cielo – per portare la massima protezione. Anche qui a Milano la situazione è interessante, perché durante l’estate si trovano condizioni simili: abbiamo quindi dovuto pensare alla luce solare, a come la luce entra negli spazi, e alle differenze tra le aree dove la luce è maggiore e quelle invece dove è maggiore l’ombra. Volevamo che il Padiglione diventasse un luogo veramente memorabile.

Al centro del Padiglione si trova un auditorium: cosa avverrà in questo spazio, e che tipo di interazione si creerà con i visitatori? Nel Padiglione si sviluppa la parte principale dell’esposizione. Si incontrerà questo percorso tra le mura, che permetterà ai visitatori di entrare e acquisire informazioni sui temi dei padiglioni, e che terminerà davanti a questo edificio-tamburo, dove si concentrerà l’esperienza principale del Padiglione, un’esperienza pienamente immersiva: Il percorso da una parte dell’esposizione all’altra sarà caratterizzato da un flusso molto regolare.

Dal punto di vista costruttivo, il Padiglione è caratterizzato da alti muri che richiamano le texture della sabbia. Che problematiche tecnologiche e costruttive avete riscontrato nella realizzazione di questi elementi? In termini di metodologie costruttive stiamo facendo un lavoro molto approfondito sul GRC e sulle sue tecniche di montaggio: questi, che sono stati prodotti in Cina e poi portati a Milano, sono tra i maggiori manufatti che siano mai stati realizzati con questo materiale. Certamente occorre prestare molta attenzione: osservando le mura si nota che ciascun pannello dev’essere unico e con una specifica forma; ciascun pannello dev’essere quindi estremamente preciso, in modo da combaciare con gli altri. Oltre al GRC abbiamo realizzato anche una struttura d’acciaio facilmente smontabile, emblematica del nostro processo integrato che unisce aspetti architettonici e aspetti ingegneristici.

Qual è la vostra idea di sostenibilità? Pensando alla fase del post-evento, quali scelte avete adottato per il riuso dell’edificio e delle sue componenti? Come è stato pensato il Padiglione in relazione al clima sia di Milano che della sua futura destinazione negli Emirati Arabi? Siamo consapevoli di questa problematica, e quindi i principi di cui abbiamo discusso durante il processo di costruzione hanno riguardato sia questioni ambientali – i materiali che stavamo usando – sia la sostenibilità in termini di riciclo e ricostruzione del Padiglione negli Emirati Arabi dopo Expo. Rispetto alle questioni climatiche, la parte più significativa è lo spazio che abbiamo creato tra le mura, che sono di 2,50 e 3,00 metri nel loro punto più alto. L’obiettivo è di simulare quello che avviene negli Emirati Arabi nelle strade

Questo progetto è il secondo progetto di Padiglione che avete realizzato per gli Emirati Arabi, dopo quello per l’Expo di Shanghai. Quali sono le differenze che avete riscontrato tra questi due eventi, sia nell’organizzazione degli spazi a livello di masterplan che nella concezione dell’edificio? Penso che il progetto di Milano sia molto diverso da quello Shanghai dal punto di vista architettonico, perché il masterplan di Milano è un piano più di carattere urbano, mentre a Shanghai abbiamo trovato un sistema di edifici sparpagliati, con i Padiglioni più distanziati. Un’altra differenza è che questo edificio non è derivato da una ricerca di forma, ma dalla ricerca dell’esperienza fisica del passaggio tra le mura: a Shanghai le costruzioni erano molto più determinate dalla forma, a Milano è un progetto molto più esperienziale.


INTERVIEW WITH Gerard Evenden, Senior Executive Partner, Foster + Partners

The Pavilion uses the desert as its main reference element in the configuration of the volumes and the design surface. In which aspects of the project is this relation implemented? The interesting aspect of the Pavilion is the fact that it poses to be a connecting element of the UAE, as it is made up of regions with distinct characters. The only element that we could use for this purpose was the desert that stretches throughout the country, because we thought its shapes, colours, texture and its pattern were truly different elements. We also scanned the area, recording the differences in the landscape: the dunes, the sand and the ridges are, therefore, what the project is based on.

order to create shade - when the sun is overhead, intense and high in the sky - to provide maximum protection. Even here in Milan the situation is interesting because, during the summer, there are similar conditions: we therefore had to assess the sunlight, how the light enters the spaces, and the differences between the areas where the light is stronger and those where there is more shade. We wanted the Pavilion to became a truly memorable one.

There is an auditorium at the centre of the Pavilion: what will happen in this space, and what kind of interaction will be created with the visitors? The main part of the exhibition will take place in the Pavilion. There is a path running between the walls, which allows visitors to enter and obtain information on the Pavilion themes, and ends in front of this drum shaped building, where the main experience of the Pavilion will be focused with a full immersion experience: The path running from one part to another of the exhibition will be characterised by a remarkably steady flow of visitors.

From a construction point of view, the Pavilion is characterized by high walls that evoke the texture of sand. What technological and construction problems did you encounter in the realization of these elements? In terms of construction methods, we focused considerably on GRC and its assembly techniques: these were manufactured in China and then shipped to Milan, and are some of the largest artefacts that have ever been made of this material. It does however call for considerable attention: looking at the wall you will notice that each panel must be unique and with a specific form; each panel must therefore be extremely precise, so it can be coupled to the others. In addition to the GRC, we also created an easily dismountable steel frame, emblematic of our integrated process that combines architectural and engineering aspects.

What is your idea of ​​sustainability? Thinking about the post-event phase, what choices did you adopt for the recycling of the building and its components? How was the Pavilion designed in relation to the climate of Milan and that of its future destination in the UAE? We are aware of this problem, and so the principles we discussed during the construction process involved both environmental issues - the materials we were using - and sustainability issues in terms of recycling and reconstruction of the Pavilion in the UEA after Expo 2015. With regard to climate issues, the most significant part is the space that we have created between the walls, which are 2.50 and 3.00 meters at their highest point. The objective was to simulate what happens in the historic streets of the ancient cities in the UEA, where the height of the walls around the roads is very important in

This project is the second Pavilion that you have built for the United Arab Emirates, after the Shanghai Expo project. What are the differences between these two events, regarding both the organization of space at a master plan level and the actual conception of the building? I think the project in Milan differs considerably from the one in Shanghai from architectural point of view, because the Milan master plan is more of an urban character, while in Shanghai we encountered a system based on scattered buildings, with Pavilions set much farther apart. Another difference is that this building is not the result of a study of form, but the research on the physical experience of the passage between the walls: in Shanghai the buildings focused more on shape, in Milan the project is distinctly more experiential. 60

|

61


Feeding the Planet, Energy for Life Pavillon France

ARCHI


Project Name

Pavillon de la France

Pavilion Theme

Feeding the Planet, Energy for Life

Client

FranceAgriMer

Architect

XTU architects : Anouk Legendre et Nicola Desmaziere, XTU architects and founders

Project leader

Mathias Lukacs, XTU architects

Team

Nicolas Senemaud, XTU architects Stefania Maccagnan, XTU architects William Bianchi, XTU architects Gaëlle Le Borgne, XTU architects

Collaborators

CMC di Ravenna (General company of building) Simonin Frères (Carpenter) Atelien Architecture (locals Architects) Studio Adeline RISPAL (Scenographer) Innovision (Multimedia) Grontmij (Research Office) OASIIS (Research Office) Agence Laverne Paysagiste (Landscape Gardener) Viasonora (Acoustic Specialist) LICHT KUNST LICHT (Lighting) BECP (Kitchen Designer)

Structural engineer

Grontmij Antonio Capsoni

Lighting

LICHT KUNST LICHT

Cladding

XTU

Contractor

CMC di Ravenna SIMONIN

Project time

September 2014 – April 2015

Building area

Built area - 3,286 m² Plot area - 3,500 m²

Cost

14,000,000 euro

62

|

63


ARCHI

Feeding the Planet, Energy for Life france Pavilion

Il progetto del Padiglione della Francia prende ispirazione dal mercato coperto, un elemento simbolico nella cultura alimentare francese ed un luogo di aggregazione caratteristico di molte città del Paese, ed è configurato formalmente come un volume tridimensionale che rappresenta idealmente una porzione di territorio capovolta, scavata attraverso la modellazione digitale e quindi costituita da un continuo alternarsi di superfici concave e convesse. L’esposizione affronta le problematiche dell’autosufficienza alimentare, dell’accesso al cibo e degli aspetti anche qualitativi dell’alimentazione, secondo il tema “Produrre e nutrire in altro modo”, attraverso un’analisi dello stato dell’agricoltura, della pesca e del settore agricolo. La comunicazione è basata su quattro pilastri fondamentali: il contributo del tessuto produttivo francese alla produzione mondiale, lo sviluppo di nuovi modelli alimentari finalizzati ad una produzione di maggiore qualità, il miglioramento dell’autosufficienza dei Paesi in via di sviluppo tramite il trasferimento di competenze e tecnologie, ed il rapporto tra quantità e qualità in ambito sanitario, nutritivo e culinario. Il percorso prenderà inizio con un giardino labirintico che mostrerà le differenze paesaggistiche tra le regioni francesi, e proseguirà poi con l’ingresso all’edificio, dove si accederà all’esposizione con esperienze multisensoriali e punti informativi riguardanti tematiche locali e globali. In relazione alla sua natura temporanea, il manufatto potrà essere facilmente smontato

The design of the French Pavilion is inspired by a symbolic element in the French food culture and a meeting place characteristic of many cities throughout the country, an indoor market; it is built as a three-dimensional volume that ideally represents an upturned portion of land, excavated using digital modelling techniques and hence consisting of a continuous alternation of concave and convex surfaces. The exhibition addresses the issues of food self-sufficiency, of access to food and the qualitative aspects of supplies, based on the theme "Different ways of producing and providing food", with an analysis of the state of agriculture, fisheries and the agricultural sector. Its communication is based on four pillars: contributing to global food production, through the potential of France's productive infrastructure; developing new food models, to address the need for better production; improving selfsufficiency in developing countries, with a policy of skills and technology transfer; and aligning quantity with quality in all areas, be they health-based, nutritional or culinary. The route will start in a garden maze that will highlight the differences between the scenic French regions, and will continue with the entrance into the building which hosts multi-sensory experience exhibits along with information points on local and global issues. In relation to its temporary nature, the artefact can easily be disassembled and reused at the end of the event given its lightweight

64

|

65


e riutilizzato al termine della manifestazione grazie alla leggerezza della costruzione e ad un approccio “low-tech”; la struttura è costituita interamente da legno lamellare proveniente dal dipartimento del Giura, ed è stata assemblata con elementi di fissaggio invisibili. La configurazione dell’orditura, caratterizzata da forme libere e geometrie complesse, è stata realizzata attraverso il taglio numerico. Il Padiglione, concepito come un edificio passivo secondo i principi dell’architettura bioclimatica e nella ricerca della massima sostenibilità, prevede la drastica riduzione dei consumi energetici, il riciclo dei rifiuti, la depurazione ed il sistema di ventilazione naturale negli spazi interni, ottenuto anche grazie alla presenza di un grande lucernario centrale. Oltre alle scenografie tematiche e alla parte espositiva al piano terra, si troveranno un ristorante, una brasserie ed un’area di ristoro veloce; all’interno è poi situata una boutique, per illustrare la varietà e la qualità dell’offerta agroalimentare del Paese, ed una zona dimostrativa dedicata all’illustrazione del “savoir faire” in cucina. Il progetto è stato realizzato dallo studio XTU, in collaborazione con ALN Atelien Architecture (Nicola Martinoli e Luca Varesi) e di Studio Adeline Rispal per la scenografia del Padiglione. La costruzione è stata invece affidata all’impresa C.M.C. di Ravenna – Cooperativa Muratori e Cementisti. XTU è uno studio fondato nel 2000 da Nicola Desmaziere e Anouk Legendre che si occupa di architettura, design, ricerca e urban farming; tra i suoi progetti più significativi rientrano il Museum of Prehistory Jeongok South Korea, il Civilizations museum e il Museo del Vino a Bordeaux.

construction and “low-tech” approach; the structure is made entirely of laminated wood from the Department of Jura, and has been assembled using invisible fixtures. The configuration of the warping, characterised by free forms and complex geometries, was carried out using CNC technology. The Pavilion is designed as a passive building based on bioclimatic architecture principles, striving to achieve maximum sustainability, and provides a drastic reduction of energy consumption, waste recycling, purification and natural ventilation system within the internal spaces, obtained thanks to the presence of a large central skylight. In addition to the theme scenography and the exhibition on the ground floor, there is also a restaurant, a brasserie and a fast food court; inside there is a boutique illustrating the variety and quality of French food and a demonstration zone dedicated to the presentation of its “savoir faire” in the kitchen. The project was developed by Studio XTU, in collaboration with ALN Atelien Architecture (Nicola Martinoli and Luca Varesi) and Studio Adeline Rispal who managed the thematic design of the Pavilion. The building construction was appointed to CMC Ravenna - Cooperativa Muratori e Cementisti. XTU is a studio established in 2000 by Nicola Desmaziere and Anouk Legendre specialising in architecture, design, research and urban farming; among its most important projects we can mention the Museum of Prehistory Jeongok South Korea, the Civilizations Museum and the Museum of Wine in Bordeaux.


ARCHES

66

|

67


Project name

German Pavilion

Pavilion theme

Fields of Ideas

Overall responsibility

German Federal Ministry of Economic Affairs and Energy, (BMWi), Bonn

Management company

Messe Frankfurt GmbH, Frankfurt

Design, planning and realization of the German Pavilion 2015

Consortium German Pavilion (Expo Milano 2015)

Spatial concept, architecture, general planning

Schmidhuber, München

Content concept, exhibition, Media

Milla & Partner, Stuttgart

Visualizations of architecture

Schmidhuber / Milla & Partner

Visualizations of exhibition

Milla & Partner / Schmidhuber

Project management and construction

Nüssli (Deutschland) GmbH, Roth

Construction time

April 2014 - April 2015

Building area

Exhibition Area – 2,680 m2 Plot Area – 4,913 m2

ARCHI


Fields of Ideas german Pavilion 68

|

69


Fields of Ideas german Pavilion

A caratterizzare il Padiglione della Germania, tra i più grandi di Expo, è un sistema di piante artificiali, dalle forme stilizzate, che come “germogli di idee” spuntano dal piano dell’esposizione e si sviluppano fino a raggiungere la superficie superiore, mettendo in relazione lo spazio interno con quello esterno e richiamando l’attenzione dei visitatori.

The German Pavilion, one of the largest at Expo, is characterised by a system of artificial plants, with stylised forms, that sprout through the surface like "idea seedlings" and wind their way upwards to the upper surface, creating a relationship between the internal and external spaces whilst sparking the interest and curiosity of the visitors.

La visita può essere effettuata secondo due possibili percorsi. Il primo avviene attraverso il piano, cui si può accedere liberamente e che è concepito come luogo di transito e di sosta, con alcuni scorci verso l’esposizione sottostante nei punti ove i “germogli” sbucano dalla superficie. Il secondo si snoda attraverso la mostra tematica, che con materiali espositivi e punti informativi presenta le caratteristiche delle fonti dell’alimentazione, della produzione alimentare e dei consumi in ambito urbano, con alcune proposte per il futuro.

Visitors can explore the Pavilion using two different routes. Taking the first route they can stroll through the area which invites visitors to linger and take a rest, whilst viewing the "seedlings" that emerge through the surface to give a glimpse of other areas of the exhibition. The second leads visitors through the thematic exhibition, which uses display materials and information points to explain the characteristics of the sources of food, food production and consumption in urban areas, with some proposals for the future.

Il Padiglione è stato concepito con tecnologie avanzate, secondo un’idea di costruzione intelligente e di impiego economico delle risorse. La facciata, costituita solo da alcune lamelle regolabili, permette di ridurre la luce solare diretta e favorire la aerazione naturale, mentre il legno, utilizzato con diverse venature e tonalità, è testimone di un uso responsabile delle materie prime rigenerabili. Il Padiglione è inoltre il primo

The Pavilion is designed using advanced technology, based on the idea of intelligent construction and economic use of resources. The facade, consisting purely of adjustable slats, reduces direct sunlight and encourages natural ventilation, whilst the different veins and shades of wood used bears witness to a responsible use of renewable raw materials. The Pavilion is also the first international architectural


ARCHI

progetto architettonico internazionale che sperimenta l’innovativa tecnologia fotovoltaica organica (OPV), costituita da moduli flessibili a film integrato che possono essere facilmente inseriti nel progetto architettonico e poi ritirati e riutilizzati dal costruttore. La presentazione dei contenuti è caratterizzata dalla ricerca della massima interattività: attraverso la “SeedBoard” ogni visitatore potrà avere oggetti dell’esposizione e accedere a contenuti multimediali di approfondimento, mentre attraverso “Be(e) active” potrà trasformarsi in un musicista di orchestra e osservare il mondo dell’alimentazione in Germania dal punto di vista di un’ape in volo. Il progetto è stato realizzato dalla collaborazione di diversi soggetti: Schmidhuber è specializzato nella ricerca di soluzioni architettoniche per grandi marchi, e ha lavorato per clienti di dimensione, settore d’attività e provenienza differente come Audi, Lamborghini, Sony, Siemens e Samsung; Milla & Partner è un’agenzia di comunicazione la cui competenza centrale consiste nella creazione di brandenvironment, esposizioni e performance per fiere ed eventi; NUSSLI è un fornitore operativo a scala mondiale di infrastrutture temporanee e modulari per eventi, stadi, fiere ed esposizioni.

project that experiments with the innovative organic photovoltaic (OPV) system, consisting of integrated film flexible modules that are easily inserted within the architectural design and then collected and re-used by the manufacturer. The presentation of the contents is characterised by the ambition of achieving maximum interactivity: with the "SeedBoard" every visitor can view the exhibited objects and access additional multimedia content, and use the "Be(e) active" module to become an orchestral musician and observe the world of nutrition in Germany from the perspective of a flying bee. The project was completed with the collaboration of a number of different entities: Schmidhuber specialises in searching for architectural solutions for major brands, and has worked for clients of different size, business sector and origin such as Audi, Lamborghini, Sony, Siemens and Samsung; Milla & Partner is a communication agency whose main expertise focuses on the creation of brand-environments, exhibitions and performances for exhibitions and events; NUSSLI is a provider operating at a global level in temporary and modular infrastructure for events, stadiums, fairs and exhibitions. 70

|

71


ARCHI

INTERVISTA CON

INTERVIEW WITH

Lennart Wiechell, Architect and Managing Partner at Schmidhuber

Lennart Wiechell, Architect and Managing Partner at Schmidhuber

Attraverso l’immagine dei campi e degli alberi, il Padiglione della Germania rielabora le specificità e le diverse sfaccettature del paesaggio rurale. In che modo questi aspetti si traducono nel vostro progetto? Quali tecnologie sono state impiegate per il sistema degli alberi fotovoltaici? Il riferimento del Padiglione è al mosaico di campi che costruisce il Paese: ogni campo può essere visto come il simbolo di una delle idee che viene dalla Germania. Gli alberi escono da questi campi, come idee che escono dalla terra, ciascuna delle quali ha un tema: terra, clima, acqua, alberi, produzione di cibo. Expo ha dato l’occasione per creare un luogo piacevole per i nostri ospiti, l’uso degli alberi era molto importante sia per il clima che per organizzare le attività del Padiglione all’aperto. La parte più tecnologica è costituita dai pannelli fotovoltaici stampati: si tratta di una nuova tecnologia basata su una pellicola sottile di forma esagonale tenuta insieme da una rete di acciaio sottile, ed è la prima volta che viene presentata in questo modo.

The German Pavilion reprocesses the specificities and the various facets of the rural landscape with its images of fields and trees. How are these aspects reflected in your project? What technologies have been used for the photovoltaic tree system? The reference concept of the Pavilion is the mosaic of fields that create the country: each field can be seen as the symbol of one of the ideas that comes from Germany. The trees sprout in the fields, like ideas that come out from the earth, each of which designated to a specific theme: earth, climate, water, trees, production of food. Expo has given us the opportunity to create a welcoming place for our visitors, and the use of trees was very important both for the climate and for organizing the Pavilion’s outdoor activities. The most technological part consists of the printed photovoltaic panels: it is a new technology based on a thin hexagonal shaped film held together by a network of thin steel, and it is the first time that it is presented in this manner.

Il progetto fa ampio uso del materiale del legno, anche con un repertorio di diverse tipologie. Come? Abbiamo scelto un legno europeo, un legno che si trova in montagna (larice). Era importante cercare di ridurre l’uso dei materiali. Abbiamo ad esempio evitato di costruire tutta la facciata, lasciando solo una protezione dal sole, e lasciando gli spazi aperti in modo da favorire la ventilazione naturale. Solo per gli uffici e la zona VIP abbiamo introdotto l’aria condizionata. Pensando alla tipologia del Padiglione espositivo, in che modo avete concepito il vostro progetto anche in relazione all’uso successivo alla manifestazione? Occorreva costruire il meno possibile, per questo non abbiamo inserito delle facciate. Il materiale è molto semplice, abbiamo utilizzato l’acciaio ed il legno proprio perché sono più facili da smontare. Per quanto riguarda il riuso, questo Padiglione è stato progettato per durare solo un’estate. Mobili, luci, dispositivi sonori, gli stessi impianti fotovoltaici sono in parte affittati solo per la mostra.

The project makes extensive use of wood, and a wide range of different types. How? We chose a European wood, a wood that grows in the mountains (larch). It was important to try to reduce the use of materials. For instance, we avoided building the entire facade, leaving just protection against the sun, and the spaces with an open concept so as to encourage natural ventilation. We only installed air conditioning for the offices and the VIP area. Thinking about the type of exhibition Pavilion, how did you design your project in relation to its re-use after the event? It was necessary to build as little as possible, which is why we did not install the facades. The materials chosen are very simple, we used steel and wood because they are easier to disassemble. As for reuse, this Pavilion was designed to last just one summer. Furniture, lights, sound devices and even the photovoltaic systems have been partly leased just for the event.

72

|

73


Project name

Japan Pavilion at EXPO Milano 2015

Pavilion theme

Harmonious Diversity

Client

JETRO Japan External Trade Organization

Design concept and Architectural planning

Atsushi Kitagawara Architects – Tokyo (A. Kitagawara, M. Waida, Kuwabara, Kobayashi)

Architectural, structural, fixtures project Ishimoto Architectural & Engineering Firm, Inc. tructural engineer - Tokyo (N. Shuji, Y. Sakakibara, Y. Sugawara, M. Corbella, K. Yokokawa, S. Tada, S. Asahi, S. Terashima, Y. Tahara); IPARCH S.r.l. (S. Pellin); STAIN Engineering S.r.l. (A. Danesi, F. Andreatta); Ove Arup & Partners Japan Ltd. / Arup Italia S.r.l., (L. Buzzoni, T. Yoza, M. Teora) Works supervision

Ishimoto Architectural & Engineering Firm, Inc. Tokyo (M. Corbella)

Operative direction

IPARCH S.r.l.

Partners for the 3d wooden façade

Ove Arup & Partners Japan Ltd. (M. Kanada, H. Yonamine, K. Goto)

Technological Innovation Adviser

Marco Imperadori

Concept, planning, works direction of the exhibition

DENTSU Inc. – Tokyo

Contractor

Takenaka Europe GmbH - Filiale Italiana

Contractor for the wooden structure

Galloppini Legnami srl

Project time

August 2014 – April 2015

Building area

Plot Area – 4,170 m²

ARCHI


Harmonious Diversity JAPAN Pavilion 74

|

75


Harmonious Diversity JAPAN Pavilion

Il Padiglione rappresenta un’idea di fusione tra tradizione e modernità, tra rispetto dell’ambiente e perfezione estetica proprie della cultura giapponese. L’edificio coniuga materiali naturali come il bambù ed il legno con l’alta tecnologia presente nei dispositivi informatici e nei sistemi per il risparmio energetico, e propone la cultura alimentare locale come esempio di nutrimento sano, sostenibile ed equilibrato, e come possibile modello per la soluzione delle problematiche legate all’alimentazione e all’ecologia.

The Pavilion intends to convey an idea of ​​fusion between tradition and modernity, between respect for the environment and the aesthetic perfection of Japanese culture. The building blends natural materials such as bamboo and wood with high technology found in the IT devices and systems used for energy saving, and presents the local food culture as an example of healthy, sustainable and balanced nutrition, and as a possible model to resolve issues related to food and ecology.

Il tema dell’esposizione, “Harmonious Diversity”, è presentato attraverso eventi ed installazioni che coinvolgono tutti i cinque sensi, ed è incentrato sull’approfondimento di due concetti chiave: Salute ed Edutainment (educare divertendo). Nel primo caso viene mostrato il contrasto tra un modello alimentare bilanciato, rappresentato dai piatti tipici basati sull’uso del riso, del pesce crudo e delle verdure, rispetto ad un modello basato sui cibi che provocano l’obesità (oggi un problema per un miliardo di persone). Nel secondo caso vengono presentati alcuni esempi riguardanti il concetto di condivisione e di riduzione degli sprechi, attraverso alcuni progetti realizzati con le scuole. A completare l’analisi del tema viene presentata poi una riflessione sull’armonia ambientale, estetica e tecnologica, riguardante sia la conservazione degli alimenti che il sistema di distribuzione e trasporto dei cibi.

The theme of the exhibition, "Harmonious Diversity", is presented with events and exhibits that involve all five senses, and is focused on extending the knowledge of two key concepts: Health and Edutainment (educational entertainment). In the first case, the contrast between a balanced eating model, represented by dishes based on the use of rice, raw fish and vegetables is presented in comparison to model based on the foods that cause obesity (currently a problem for a billion people). In the second case, some examples regarding the concept of sharing and reducing waste are presented, using some projects which were launched with schools. To complete the analysis of the theme, a reflection on environmental, aesthetic and technological harmony is made, facing the preservation of food stuffs and the food distribution and transport aspects.


ARCHI

76

|

77


Dal punto di vista costruttivo, il Padiglione è stato realizzato attraverso una griglia tridimensionale in legno montata a secco e a incastro, una scelta effettuata sia in riferimento al tema di Expo 2015 della sostenibilità, sia come simbolo dei caratteri culturali ed architettonici del Giappone. Autore del Padiglione è Atsushi Kitagawara, architetto formatosi alla Tokyo National University of Fine Arts and Music, i cui progetti rivelano le contaminazioni di una cultura poliedrica, con riferimenti anche alla letteratura, alla musica ed alle arti figurative, e lo stretto rapporto con le grandi opere del passato, appartenenti sia alla cultura giapponese (come Villa Katsura, e gli altri edifici classici di Kyoto) che a quella europea (tra i quali include anche l’opera di Giuseppe Terragni a Como). Lo studio, con sede a Tokyo e a Berlino, si occupa di progetto architettonico, del paesaggio, di urban design e di design di interni.

From a construction point of view, the Pavilion has been built using a dry three-dimensional wooden grid, a choice made in reference to the Expo 2015 theme of sustainability, and also as a symbol of the cultural and architectural character of Japan. The designer of the Pavilion is Atsushi Kitagawara, an architect graduate at the Tokyo National University of Fine Arts and Music, whose projects reveal the contamination of a multifaceted culture, with references also to literature, music and visual arts, and the close relationship with the large works of the past, belonging to both the Japanese culture (such as Katsura Villa, and other classical buildings in Kyoto) and European culture (including the work of Giuseppe Terragni in Como). The studio is based in Tokyo and Berlin, providing architectural design, landscaping, urban design and interior design services.

INTERVIsta con Atsushi Kitagawara, Principal of Atsushi Kitagawara Architects Il Padiglione nasce dalla rielaborazione delle tecniche costruttive tradizionali di alcuni edifici storici giapponesi, come il Tempio di Horyuji. In che modo avete cercato di esprimere questi principi? Quali vantaggi si possono ottenere utilizzando il sistema della griglia tridimensionale in legno? Le tradizionali tecniche di costruzione in legno del Giappone usano un metodo di sforzo per compressione in cui le componenti in legno sono tra loro connesse da ganci e giunti per il supporto. Questo dà origine a costruzioni, a volte chiamate “costruzioni viventi”, che sono estremamente resistenti ai terremoti. Il Padiglione, creato da un reticolo tridimensionale in legno, sarà il primo a usare sia le metodologie costruttive tradizionali delle strutture in legno sia le moderne analisi e tecniche di applicazione del metodo di sforzo per compressione. Questo darà vita ad una costruzione realmente innovativa in cui si fonde la cultura tradizionale giapponese e la tecnologia avanzata. Ci sono altri riferimenti alla cultura giapponese, ad esempio nell’organizzazione degli spazi? Come ha scritto Roland Barthes, le città in

Giappone appaiono vuote al centro. L’idea di “vuoto al centro” si trova anche nella pittura di stile giapponese, come in “Shorin-zu” dipinto da Tohaku Hasegawa, ed è espressa anche dall’organizzazione spaziale del Padiglione del Giappone a Expo Milano 2015. Il vostro studio esprime un’idea di progetto dove sono coinvolte diverse discipline. Può dirci qualcosa in più su questa ricerca? Certamente prendo ispirazione dalla poesia, dalla musica e dalle arti contemporanee da tutto il mondo, anche se alle radici di tutto il mio lavoro sta sempre la cultura tradizionale giapponese. Quale sarà il futuro del Padiglione alla fine di Expo 2015? Quali scelte costruttive e tecnologiche avete adottato, pensando al suo utilizzo nella fase del post-evento? Le strutture a reticolo tridimensionale in legno (3WLS) possono essere efficacemente riutilizzate. Essendo costituite da componenti di piccole dimensioni, possono essere facilmente assemblate in qualsiasi luogo e per qualsiasi uso dopo lo smontaggio. Questo significa che hanno un perfetto sistema di riuso.


ARCHI

INTERVIEW with Atsushi Kitagawara, Principal of Atsushi Kitagawara Architects The Pavilion is based on the restructuring of the traditional building techniques of some historic Japanese buildings, like the Temple of Horyuji. How have you tried to express these principles? What advantages can be obtained using the three-dimensional wooden grid system? The traditional Japanese wood construction techniques use a compressive strength method where the wood components are connected together using hooks and joints for the support. This gives rise to buildings, sometimes called "living buildings", which are highly resistant to earthquakes. The Pavilion, created by a three-dimensional wooden lattice, will be the first to use both the traditional construction methods of wooden structures and the modern analysis and application techniques of the compressive strength method. This will create a truly innovative building that blends traditional Japanese culture and advanced technology. Are there other references to Japanese culture, for example in the organisation of space?

As Roland Barthes once wrote, the cities in Japan appear to have an empty core. The idea of an ​​"empty core" is also found in Japanese style art, such as in "Shorin-zu" painted by Tohaku Hasegawa, and is also expressed in the spatial organization of the Japanese Pavilion at Expo Milano 2015. Your study expresses a project concept involving several disciplines. Can you tell us more about this research? I certainly take inspiration from poetry, music and contemporary art from all over the world, although the roots of all my work always feature traditional Japanese culture. What will happen to the Pavilion at the end of Expo 2015? What constructive and technological choices have been adopted, considering its use after the event? The three-dimensional wood lattice structures (3WLS) can be effectively recycled. As it mainly consists of small sized components, they can be easily assembled in any place and for any use after disassembly. This means they have a perfect recycling system.

78

|

79


Project Name

Italy Pavilion Milan Expo 2015

Client

Expo 2015 SpA

Design

Nemesi & Partners Srl, Arch. Michele Molè and Arch. Susanna Tradati; Project coordinator: Arch. Alessandro Miele; Project team: Architects Alessandro Belilli, Claudio Cortese, Kai Felix Dorl, Daniele Durante, Enrico Falchetti, Alessandro Franceschini, Davide Giambelli, Alessandra Giannone, Paolo Greco, Sebastiano Maccarrone, Paolo Maselli, Matteo Pavese, Mariarosaria Meloni, Fabio Rebolini, Giuseppe Zaccaria; Assistants: Fabrizio Bassetta, Tiziano De Paolis, Francesca Fabiana Fochi, Chiara Maiorana

Design partners

PROGER / BMS Progetti, Engineering and Cost Management Prof. Eng. Livio De Santoli, sustainability energy

General Contractor Italy Pavilion

Italiana Costruzioni S.p.A.

Contractors Palazzo Italia

Mantovani Group, foundations Italiana Costruzioni S.p.A., building Italcementi SpA and Styl-Comp Group, branched facade Stahlbau Pichler Srl, sail covering

Consultants

ABeC (Ingegnerizzazione facciate vetrate); Altene Ingegneri Associati (Studio fluidodinamico per lo smaltimento acque di copertura), Arch. Zomraude Chantal Chalouhi (Progetto Antincendio), Energo SpA (Studio termodinamico e ventilazione naturale della piazza), GTA Srl (Fattibilità ambientale), Ing. Gennaro Loperfido (Sistemi di evacuazione fumo e calore), Studio Montanari & Partners Srl (Funzioni, spazi e logistica dei servizi Ristorazione), Mario Nanni (Lighting design), Ing. Dario Paini (Progetto Acustica), Ing. Samuele Sassi - FSC Engineering srl/Fire Engineering / Srl Ramboll Group (Analisi Fluidodinamiche e Fire engineering), Studio Capè (progetto costruttivo strutturale e gestione BIM del progetto costruttivo); Systematica Srl (Modellazione Flussi).

Project time

May 2013 (competition win) – January 2014 (start of works) – 1st May 2015 (inauguration)

Building area

Palazzo Italia – Built Area – 14,400 m2 Cardo – Built Area – 12,500 m2

ARCHI


PALAZZO ITALIA ITALY PAVILION 80

|

81


PALAZZO ITALIA ITALY PAVILION

Esito di un concorso internazionale di progettazione, che ha visto la partecipazione di 68 studi, il Padiglione Italia è stato realizzato da Nemesi&Partners in collaborazione con Proger & BMS Progetti (strutture e impianti) e Livio De Santoli per gli aspetti legati alla sostenibilità. L’insediamento, situato lungo il Cardo, di cui costituisce il fondale scenico, è costituito da più opere: Palazzo Italia, edificio permanente di 6 livelli per un’area costruita di 14.400 mq, e gli edifici temporanei del Cardo, di 2 livelli per un’area costruita di 12.500 mq.

The result of an international design competition, which saw the participation of 68 studios, the Italy Pavilion was created by Nemesis & Partners in collaboration with BMS Proger & Projects (facilities and equipment) and Livio De Santoli for the sustainability aspects. The Pavilion is situated along the Cardo, acting as a scenic backdrop, and consists of a number of different works: Palazzo Italia, a permanent six-storey building with a built area of 14.400 square-metres, and the temporary two-storey buildings on the Cardo, with a built area of 12.500 square-metres.


ARCHI

82

|

83


ARCHI

Concepito come una “foresta urbana”, Palazzo Italia si fonda su un’idea di coesione e di comunità, che viene rappresentata da una piazza interna definita come cuore simbolico e punto di partenza del percorso. I quattro blocchi che delimitano questo spazio sono destinati a diversi usi: il Blocco Ovest contiene la zona Espositiva, il Blocco Sud la zona Auditorium-Eventi, il Blocco Nord la zona Uffici di rappresentanza, il Blocco Est la zona Sale conferenze e meeting. Il percorso, concepito secondo un’idea di scoperta e progressiva conquista delle forme, ha origine nella piazza, dove è situata la hall di accoglienza dei visitatori, prosegue poi con una scala, che attraversa lo spazio longitudinalmente, e sfocia nella zona espositiva a tripla altezza collocata tra il secondo ed il quarto piano. La pelle ramificata che caratterizza l’involucro, dalla figuratività primitiva e tecnologica, genera un’alternanza di luci ed ombre, di pieni e vuoti: l’edificio interpreta la metafora dell’albero, con appoggi massivi a terra che simulano l’immagine delle radici, volumi allungati verso l’alto che evocano le chiome, e un involucro che richiama l’intreccio casuale dei rami. La ricerca di innovatività e sostenibilità si è tradotta nelle scelte formali, tecnologiche e costruttive sia dell’involucro esterno che della copertura. L’involucro è realizzato con 700 pannelli in cemento TX Active, un principio attivo che a contatto con la luce solare permette di catturare gli agenti atmosferici inquinanti trasformandoli in sali inerti: questo nuovo materiale, che può essere impiegato anche su forme molto complesse, è costituito da una malta costituita per l’80% di aggregati riciclati, la cui composizione (proveniente anche dagli sfridi di lavorazione del marmo

Designed as an "urban forest", Palazzo Italia is based on an idea of ​​cohesion and community, represented by an internal plaza defined as the symbolic heart and starting point of the exhibition route. The four volumes that encircle this space are intended for different uses: the West area houses the Exhibition area, the South area the Auditorium-Events, the North area the Representative Offices, and the East area the conference and meeting zone. The route is designed to provide a progressive ​​discovery and conquest of the forms and shapes, and starts from the plaza which hosts the visitor reception hall; it continues with a staircase which crosses the space longitudinally, leading to the triple height exhibition area located between the second and the fourth floor. The branches skin that characterises the shell, with a primitive and technological impact, creates an alternation of lights and shadows, of full and void spaces: the building interprets the metaphor of the tree, with massive support forms on the floor acting as the roots, volumes rising upwards to form the tree tops, and a shell that emulates the casual intertwining of branches. The search for innovation and sustainability has resulted in the formal, technological and constructive choices for the external cladding and the cover. The cladding is made with 700 TX Active cement panels, an active principle substance which, when in contact with sunlight, captures air pollutants transforming them into inert salts: this new material, which can also be used even for very complex shapes, consists of a mortar made up for 80% of recycled aggregates, the composition of which (also including Carrara marble processing scrap), conveys a higher gloss finish compared to conventional cements. The roof consists of photovoltaic glass and flat and curved geometric fields and, in the area of

84

|

85


di Carrara), permette una brillantezza maggiore rispetto ai cementi tradizionali. La copertura è costituita da vetro fotovoltaico e campiture geometriche sia curve che piane e, in corrispondenza della piazza interna, da un lucernario sospeso di forma conica che permette di portare luce naturale alla piazza sottostante. Completano l’intervento gli edifici temporanei del Cardo, realizzati con un sistema strutturale a secco che consentirà la loro ricollocazione in altra sede al termine di Expo 2015: questo sistema, progettato su ispirazione del Borgo Italiano, con volumi accostati a piazze, terrazze e porticati, ospiterà spazi espositivi, per eventi, di rappresentanza e per la ristorazione, le sedi delle Regioni e il Padiglione dell’Unione Europea. Autore del Padiglione Italia è Nemesi, studio di architettura e design urbano con sede a Roma fondato nel 1997 da Michele Molè, e dal 2008 affiancato dalla società di servizi “Nemesi&Partners” (Michele Molè e Susanna Tradati). Lo studio, che si occupa del progetto di uffici, residenze, infrastrutture, spazi culturali e per il tempo libero, public building e master plan, fonda la sua ricerca sulla rielaborazione dei linguaggi espressivi contemporanei, sulla instaurazione di un dialogo con i contesti di riferimento, e su criteri di innovazione tecnologica e di approccio sostenibile nella realizzazione.

the internal square, a cone shaped suspended skylight of conical shape that allows natural light to flood into the square below. The Cardo temporary buildings complete the works, made with a dry structural system that will allow them to be reassembled elsewhere at the end of Expo 2015: this system, designed on the inspiration of the typical Italian village, with squares, terraces and patios, will house the exhibition spaces for corporate events and catering, the meeting places for the Regions and the European Union Pavilion. The designer of the Italian Pavilion is Nemesis, architectural and urban design studio based in Rome, founded in 1997 by Michele Molè, and since 2008 assisted by the service company "Nemesis & Partners" (Michele Molè and Susanna Tradati). The study, which took over the project of offices, residences, infrastructure, cultural and leisure facilities, public building and master plans, focuses its research on the reworking of the contemporary forms of expression, the establishment of dialogue with the reference contexts and on the criteria of technical innovation and sustainable approach when realising the works.


ARCHI

86

|

87


Project Name

Russia’s Pavilion at EXPO 2015

Pavilion Theme

Feeding the planet

Architects

SPEECH: Sergei Tchoban, Aleksey Ilyin, Marina Kuznetskaya

Collaborators

Eventica (exhibition concept)

Structural engineer

GP Engineering group

Lighting

MARTINI Group

Contractor

Sech costruzioni

Project time

September 2014 – May 2015

Building area

Built area - 3,265 m²

ARCHI


Feeding the planet RUSSIA Pavilion 88

|

89


Feeding the planet RUSSIA PAVILION

Il Padiglione della Russia prende ispirazione dalla storia delle Esposizioni Universali, ed in particolare dallo studio dei padiglioni russi e sovietici realizzati nelle edizioni precedenti.

The Russia Pavilion is inspired by the history of Universal Expos and, in particular, the study of Russian and Soviet Pavilions built during previous editions.

Questa ricerca ha un’importanza particolare, perché i suoi antecedenti risalgono alla prima “Great Exhibition” della storia, l’Expo di Londra del 1851, ed è costituita da alcuni Padiglioni che sono stati considerati dei punti di riferimento a livello architettonico, ricevendo premi e riconoscimenti che vanno dal Grand Prix a Parigi del 1937 e a Bruxelles del 1958, e alla Medaglia d’Argento a Shanghai del 2010. In questo senso, come ha evidenziato Sergey Kuznetsov, “la storia dell’architettura sovietica e russa è strettamente legata alla partecipazione del Paese a questi grandi eventi. La partecipazione russa nel 2015 sarà ambientata in una costruzione multifunzionale, un Padiglione coerente con le tendenze dell’architettura contemporanea ma anche un impressionante lavoro di artigianato”.

This research is particularly important because its antecedents date back to the first "Great Exhibition" in history, the London edition held in 1851, and consists of a number of Pavilions that have been upheld as benchmarks at an architectural level, receiving awards and recognitions ranging from the Grand Prix in Paris in 1937 and in Brussels in 1958, and the Silver Medal in Shanghai in 2010. In this sense, as pointed out by Sergey Kuznetsov, "the history of Soviet and Russian architecture is closely linked to the country's participation at these great events. Russia's participation in 2015 will be set in a multi-functional building, a Pavilion consistent with the trends of contemporary architecture but also an impressive work of craftsmanship"

Mentre il riferimento a queste opere del passato si esprime attraverso la stessa ricerca di sperimentazione, sia per le innovative soluzioni ingegneristiche che per lo sviluppo dinamico delle forme, il Padiglione ideato per Expo 2015 si caratterizza in più per l’impiego di tecnologie verdi. Dal punto di vista costruttivo l’edificio è costituito da due elementi principali: la copertura a terrazza, accessibile liberamente, che si sviluppa verso lo spazio di ingresso creando una tettoia di 30 metri in prossimità dell’entrata, e la facciata in legno, che adempie la duplice funzione di creare un riparo all’esterno

While the reference to these works of the past is expressed through the same research and experimentation, both in the unique engineering solutions for the dynamic development of the elements, the Pavilion designed for Expo 2015 is characterised more by the use of green technology. From a constructive viewpoint the building is made up of two main elements: the flat terrace roof, freely accessible to all visitors, which develops towards the main entrance creating a 30 meter canopy near the main access,


ARCHI

90

|

91


ARCHI

e di proteggere l’edificio dal sole, migliorando il microclima degli spazi interni. Rispetto all’ispirazione per il Padiglione, l’autore Sergei Tchoban ha sottolineato che “l’obiettivo principale nella creazione del concept era di trovare una immagine intensa che assecondasse le tendenze dell’architettura moderna. L’idea principale è stata di combinare una soluzione spaziale semplice ma memorabile, con una facciata costituita da un materiale ecocompatibile come il legno. Un altro compito, non meno importante, era quello di rappresentare i caratteri nazionali della Russia con l’architettura. La Russia è un Paese caratterizzato da vaste distese, lunghe distanze e grandi foreste. Il Padiglione, che rappresenta una strada fiancheggiata da elementi lignei apparentemente infiniti in una sequenza ritmica, è un chiaro riferimento sia al tipico paesaggio russo, con le sue ricche foreste e le sue colline ondeggianti, sia all’architettura tradizionale in legno”. Per quanto riguarda l’organizzazione del percorso, dopo l’accesso al piano terra si trova lo spazio espositivo principale, che mostra le tematiche del Padiglione, mentre al termine della visita è possibile salire sul tetto, dove è possibile partecipare a diversi eventi organizzati all’interno dell’edificio. Autore del progetto del Padiglione della Russia è SPEECH, realtà professionale tra le più grandi del Paese (con quasi 200 persone tra architetti, costruttori, ingegneri e manager) fondata nel 2006 come esito di una collaborazione tra diversi studi, con base a Berlino e a Mosca, da Sergei Tchoban e Sergey Kuznetsov. Le attività comprendono diversi ambiti, che vanno dalla scala architettonica dell’edificio al design di complessi polifunzionali, dalla pianificazione al progetto di interni. Le principali opere si trovano soprattutto a Mosca, San Pietroburgo ed altre città della Russia.

and the wooden facade, which has a dual functionality, to protect the building from the sun, improving the microclimate in the internal area and create shelter outside. As for the inspiration behind the Pavilion, the author Sergei Tchoban highlights that "the main objective in the creation of the concept was to find a striking image in line with the trends of modern architecture. The main idea was to combine a simple but memorable spatial solution, with a facade consisting of an environmentally friendly material such as wood. Another task, no less important, was to inject the essence of Russia into the architecture and design. Russia is a country of vast expanses, long distances and huge tracts of forest. The Pavilion, which represents a tree lined avenue with an apparent infinite rhythm of wooden elements that are obvious references to the typology of Russian landscape, with its rich forests and its undulating hills, and also traditional wooden architecture". As for the organization of the route, visitors access the ground floor to find the main exhibition space, presenting the themes of the Pavilion, while at the end of the route it is possible to access the roof area and take part in various events organised inside the building. SPEECH is the mind behind the Russian Pavilion, one of the largest firms in the country (with almost 200 staff including architects, builders, engineers and managers) established in 2006 by Sergei Tchoban and Sergey Kuznetsov, and the result of a collaboration between different studios, based in Berlin and Moscow . It operates in various fields, ranging from the architectural scaling of buildings to the design of multifunctional complexes, from planning to interior design. The main works are mainly located in Moscow, St. Petersburg and other Russian cities.

92

|

93


ARCHI


Project name

Spanish Pavilion

Pavilion theme

The language of flavour The food travel

Architects

b720 Fermin Vazquez Arquitectos

Contents

Manuel Artiz, Roberto VĂĄsquez, Antoni Miralda

Consultants

MEP engineer: K2 Consukting SL Structural engineer: Miguel Nevado Landscape: Manel Colominas Lighting: Artec 3

Project time

October 2014 - April 2015

Building area

Built area – 2,341 m2 Plot Area - 2,533 m2

Cost

10,500,000 euro (project estimated cost)

The language of flavour. The food travel SPAIN Pavilion 94

|

95


ARCHI

The language of flavour. The food travel SPaIN Pavilion

Il progetto per il Padiglione della Spagna è stato concepito da b720 secondo alcuni temi fondamentali.

The project for the Spain Pavilion was conceived by b720 according to some key issues.

Il primo tema è la ricerca di una mediazione tra aspetti tradizionali ed innovativi, che determina nel Padiglione la creazione di due aree separate: l’area che rappresenta la tradizione è caratterizzata da strutture in legno legate alla cultura alimentare spagnola, dal sughero utilizzato per la realizzazione dei tappi delle bottiglie fino alle botti per l’invecchiamento del vino; l’area che rappresenta l’innovazione è costituita da strutture in acciaio inossidabile lucido, e suddivisa con una serie di supporti espositivi ugualmente luminosi e riflettenti. Il secondo tema è la creazione di un riferimento con l’architettura produttiva delle serre. Queste grandi strutture iconiche, geometricamente semplici ma tecnologicamente complesse, si pongono da una parte come simbolo della ricerca verso l’innovazione, dall’altra come elemento di richiamo verso un settore molto importante della produzione agricola locale. Il terzo tema è la sperimentazione sulla permeabilità dello spazio, in modo da permettere al pubblico di esplorare il Padiglione, attraversabile senza barriere fisiche e con ristoranti e negozi aperti continuativamente, senza necessariamente dover attendere per accedere all’esposizione collocata al primo livello. Il quarto tema è la concezione sostenibile dell’edificio, attraverso l’uso di materiali naturali o riciclati, prefabbricati e assemblati sul sito per garantire un risparmio di tempo e nei costi.

The first theme is the search for a compromise between traditional and innovative aspects, where the Pavilion is divided into two separate areas: the area that represents tradition is characterised by wooden structures related to the Spanish food culture, from the cork used for the wine bottles to the barrels for aging wine; the area that represents innovation consists of structures in polished stainless steel, and divided into a series of equally bright and reflective exhibitions supports. The second theme is the creation of a reference to the production architecture of greenhouses. These great iconic structures, geometrically simple but technologically complex, stand on one hand as a symbol of the search for innovation, the other as an element of attraction towards a very important sector of local agricultural production. The third theme is the experimentation on the permeability of the space, so as to allow the general public to explore the Pavilion, without any physical barriers and with restaurants and shops open continuously, without necessarily having to wait to access the exhibition area located on the first level. The fourth theme is the sustainable concept of the building, through the use of natural or recycled materials, prefabricated and assembled on site to guarantee savings in terms of time and costs.

96

|

97


Il Padiglione occupa l’intero lato lungo dell’area, a forma di L, lasciando lo spazio rimanente per un patio de naranjos (corte degli aranci, in riferimento ad uno dei prodotti di qualità esportati dalla Spagna), e per una tettoia sotto la quale si troveranno le terrazze del ristorante e l’auditorium. Qui troverà posto anche un bar animato da DJ, pensato come luogo di incontro all’aria aperta.

The Pavilion occupies the entire long side of the area, which is L-shaped, leaving the remaining space for a patio of orange trees, (making reference to one of the quality products exported from Spain), and a canopy roof covering the restaurant terraces and the auditorium. Here visitors will also find a lively DJ bar, designed as an outdoor meeting place.

Il volume è costituito da una serie da 1,50 metri di portici in legno laminato, fissati da una sequenza di elementi prismatici non allineati. Tra questi portici, la cui distanza e profondità è stata calcolata in modo da portare un adeguato livello di ombreggiamento agli spazi sottostanti, sono situati alcuni pannelli di policarbonato, utilizzati come tettoie per la protezione dal calore.

The structure is composed of a series of 1.50 meters laminated wood porticos, supported by a sequence of irregular prism volumes. Some polycarbonate panels, used as canopies for protection against the heat, have been placed between these porticos, whose distance and depth have been calculated so as to provide an adequate level of shade for the spaces below.

I contenuti dell’esposizione, “The language of flavour” e “The food travel” verranno presentati attraverso approfondimenti sul successo della gastronomia spagnola, sul bilanciamento tra creatività ed innovazione per preservare il cibo tradizionale e convertirlo in una nuova cucina contemporanea creativa, sull’agricoltura sostenibile come strumento per preservare il paesaggio e sullo sviluppo di modelli di turismo alternativo.

The contents of the exhibition, "The language of flavour" and "The food travel" will be presented through insights on the success of Spanish cuisine in the balance between creativity and innovation in order to preserve traditional food and convert it into a new contemporary creative cuisine, and sustainable agriculture as a tool to preserve the landscape and the development of alternative models of tourism.

Il progetto del Padiglione è dello studio B720 Arquitectos (con sede a Barcellona, Madrid e San Paolo), aperto nel 1997 da Fermín Vázquez (fondatore con Ana Bassat), ed autore di diverse opere in Spagna e Brasile, anche in collaborazione con altri architetti come David Chipperfield (Città della Giustizia, Barcellona), Jean Nouvel (Torre Agbar, Barcellona), Toyo Ito (Hotel Santos Porta Fira).

The Pavilion was designed by the firm B720 Arquitectos (based in Barcelona, ​​Madrid and San Paolo), founded in 1997 by Fermín Vázquez (founder with Ana Bassat), and author of several works in Spain and Brazil, also in collaboration with other architects such as David Chipperfield (City of Justice, Barcelona), Jean Nouvel (Torre Agbar, Barcelona), Toyo Ito (Hotel Santos Porta Fira).


INTERVISTA CON

INTERVIEW WITH

Fermin Vazquez, director and co-founder of b720

Fermin Vazquez, director and co-founder of b720

Nel vostro concept si sostiene l’importanza di un rapporto armonico tra tradizione ed innovazione. Quali scelte formali e materiche avete adottato per interpretare questo tema? Quale relazione si attua tra i contenuti ed il contenitore espositivo? Tradizione e innovazione sono rappresentate dai due elementi costruttivi gemelli che formano il Padiglione. Sono simmetrici ed hanno la stessa forma archetipa degli edifici rurali dove la maggior parte del cibo è prodotta. Abbiamo utilizzato finiture in legno per le strutture riferite alla tradizione, e in metallo riflettente per quelle riferite all’innovazione.

Your concept supports the importance of a harmonious relationship between tradition and innovation. What formal and material choices have you adopted to interpret this theme? What relationship has been created between the exhibition contents and the container? Tradition and innovation are represented by the two twin construction elements that form the Pavilion. They are symmetrical and have the same archetypal form of rural buildings where most of the food is produced. We used wood finishes for the structures to evoke tradition, and reflective metal to evoke innovation.

In che modo sono stati divisi gli spazi, e secondo quali modalità sarà possibile accedere ai contenuti espositivi? Il Padiglione ha tre diversi livelli. Al piano terra vi è uno spazio aperto dove i visitatori scopriranno l’installazione artistica di Antoni Miralda, una corte di aranci, un ristorante per le tapas, un “Chiringuito” all’aperto ed un negozio del Padiglione. Una pendenza dolce inviterà i visitatori a salire al piano superiore e a compiere l’esperienza riguardante i contenuti dell’esposizione. Ad un livello più alto ci saranno invece spazi per workshop educativi ed attività come ristoranti ed uffici.

How are the spaces divided, and how can visitors access the contents of the exhibition? The Pavilion has three different levels. On the ground floor there is an open space where visitors can view the art installation by Antoni Miralda, an orangerie, a tapas restaurant, an open air "Chiringuito" and the Pavilion shop. A gentle slope invites visitors to proceed to the next floor and complete the experience regarding the contents of the exhibition. The top level houses the educational workshops and facilities such as restaurants and offices.

Quali scelte sono state compiute verso la sostenibilità ambientale ed economica, pensando sia alla fase di costruzione che a quella di uso e fine-vita? Il Padiglione è stato progettato in modo da non aver bisogno di sistemi di condizionamento e sarà realizzato con materiali sostenibili e riciclabili. Potrà essere smontato e riusato in qualsiasi altro luogo molto facilmente e a costi molto bassi. Il vostro studio ha due sedi in Spagna. Sono passati più di 20 anni dall’esperienza di Siviglia 1992: che idea vi siete fatti di quel progetto, in particolare dal punto di vista del riuso degli spazi dopo l’evento? L’Expo di Siviglia ha portato una dose di necessaria autostima, ed è stato una sfida ed un pretesto per costruire importanti infrastrutture nel Sud della Spagna. L’Expo ha aiutato a migliorare il rapporto tra la città ed il fiume e la qualità degli spazi pubblici.

What choices were made concerning the economic and environmental sustainability, considering all the construction, use and afterexpo phases? The Pavilion is designed so it doesn’t require air conditioning and will be built with sustainable and recyclable materials. It can easily be disassembled and reused anywhere, and at very low costs. Your studio has two branches in Spain. 20 years have passed since your experience in Seville in 1992: what are your thoughts in hindsight on that project, in particular from the point of view of reuse of spaces after the event? The Expo in Seville conveyed a dose of necessary self-esteem, and it was a challenge and an opportunity to build important infrastructure in southern Spain. The Expo helped to improve the relationship between the city and the river and the quality of public spaces. 98

|

99


Project name

USA Pavilion

Pavilion theme

American Food 2.0: United to Feed the Planet

Client

Friends of the USA Pavilion/USA Department of State

Architect

Biber Architects James Biber FAIA, partner in charge Daniel Marino, project architect Steven Grootaert Jackie Krasnokutskaya Suzanne Holt Emaan Farhoud Suzanne Lettieri Joshua Jow Federico Pellegrini Rawan Muqaddas

Architect of record

GLA Genius Loci Architettura S.r.l.

Engineering

ESA Engineering

Structures and systems

SCE Project

Exhibit Design

Thinc Design

Lighting Design

Tillotson Design Associates

Landscape Design

dlandstudio

Graphic Design

Pentagram

Cladding

Biber Architects

Contractor

Nussli Italia S.r.l.

Project time

July 2014 – April 2015

Building area

Built Area – 3,900 m2 Plot Area – 2,000 m2

ARCHI


AMERICAN FOOD 2.0 USA Pavilion 100

|

101


1

LEVEL 0 GROUND FLOOR (+0.00)

GFA 785 SM


ARCHI

AMERICAN FOOD 2.0 USA Pavilion

Il Padiglione degli Stati Uniti si pone l’obiettivo di mostrare il ruolo dell’America nel campo dell’alimentazione e di aprire un dibattito globale sulle sfide del futuro, a partire dalla necessità di fornire cibo a più di 9 miliardi di persone entro il 2050. Il tema sviluppato, “American Food 2.0: United to Feed the Planet” racconta la storia alimentare degli Stati Uniti, ponendo l’accento sui caratteri di forte innovazione, diversità ed imprenditorialità attraverso argomenti come la sicurezza dell’alimentazione, le relazioni internazionali, la cultura gastronomica, la scienza e la tecnologia, la nutrizione e la salute. Il Padiglione è quindi stato concepito come una sorta di struttura di idee, che abbraccia e mostra alcune ibridazioni tipiche del Paese, come il rapporto tra analogico e digitale, tra naturale e tecnologico, tra materiali innovativi e riciclati. Collocato su un sito dalla conformazione stretta e allungata, definito dall’impianto del masterplan, il manufatto è circondato da un muro analogico (contenente ascensori, scale e scale mobili), un tetto digitale (vetrato con SPD Smart Glass, che può cambiare istantaneamente da trasparente a opaco a secondo delle condizioni ambientali), una

The United States Pavilion aims to show the role of America in the field of nutrition and to open a global debate on the challenges posed by the future, starting with the need to provide food to more than 9 billion people by the year 2050. The theme developed, "American Food 2.0: United to Feed the Planet "tells America's food story - one of innovation, diversity and entrepreneurship - through topics including food security and policy, international relations, science and technology, nutrition and health. The Pavilion is therefore designed as a kind of structure of ideas, embracing and highlighting some typical hybrid aspects of the country, such as the relationship between analog and digital, between nature and technology, including innovative and recycled materials. Located on a narrow and elongated shaped site, defined by the installation of the master plan, the building is surrounded by an analog wall (containing lifts, stairs and escalators), a digital roof (glazed with SPD Smart Glass, which can instantly change from transparent to opaque

102

|

103


“fattoria verticale” (dotata di torri idroponiche) che genererà un raccolto bisettimanale, e una promenade che si sviluppa attraverso il Padiglione e sarà realizzata con legno proveniente dal lungomare di Coney Island. In un lotto adiacente al Padiglione, una serie di cucine mobili – chiamate “Food Truck Nation” – offriranno ai visitatori alcuni prodotti classici della cucina degli Stati Uniti, mentre all’interno saranno organizzate alcune mostre che presenteranno i criteri di innovatività del Paese in relazione alla gastronomia, alla sicurezza alimentare e all’agricoltura (che produce un quarto del cibo a livello mondiale).

depending on environmental conditions), a "vertical farm" (with hydroponic towers) that will be harvested bi-weekly, and a boardwalk through the Pavilion made of wood from the Coney Island boardwalk. In an adjacent lot to the USA Pavilion, a series of mobile kitchens - entitled Food Truck Nation - offer visitors a variety of regional American foods and beverages, while several exhibitions will be organised on the inside that aim to present the innovation criteria adopted by the country in relation to nutrition, food security and agriculture (which produces a quarter of the food in the world).

Differentemente dalla maggior parte dei Padiglione espositivi presentati in eventi come Expo, anche dagli Stati Uniti, questo edificio invita

Unlike most of the Pavilions presented at events such as Expos, the building constructed by the United States invites


ARCHI

ad entrare in uno spazio pubblico caratterizzato da apertura, trasparenza e accessibilità. Piuttosto che una marcia forzata attraverso un percorso invariabile, il Padiglione offre una grande varietà di esperienze, configurate in uno spazio flessibile dove ci si può muovere liberamente ma anche secondo un tradizionale percorso lineare. L’edificio è una struttura che si ispira sia alle forme della semplice architettura agricola, sia a materiali ed elementi costruttivi appartenenti alla tecnologia avanzata, in un amalgama di opposti tipico del Paese.

visitors to enter an open, transparent and easily accessible public space. Rather than a forced march along an unchanging route, the Pavilion offers a wide variety of experiences, developed within a flexible space where visitors can move freely but also along a traditional linear pathway. The building is a structure inspired by both the shapes of simple agricultural architecture, and the advanced technology materials and construction elements, to create a blend of opposites so typical of this country.

Autore del Padiglione è l’architetto James Biber, titolare dell’omonimo studio, situato nel Woolworth Building a Manhattan. L’approccio dello studio è innanzitutto basato sulla questione dell’identità, ritenendo che sia l’architettura sia il design di ciascun edificio o prodotto incorporino una propria specifica storia. I lavori più recenti includono l’Harley-Davidson Museum a Milwaukee, la Brooklyn Public Library, il NYC Department of Design and Construction ed alcune abitazioni private agli Hamptons.

The designer of the Pavilion is the architect James Biber, owner of the studio located in the Woolworth Building in Manhattan. The firm’s approach is primarily based on the question of identity, where both the architecture and design of each building or product incorporates a story. Clients include the Harley-Davidson Museum in Milwaukee, the Brooklyn Public Library, the NYC Department of Design and Construction and several private homes in the Hamptons.

104

|

105


Official project name Swiss Pavilion Pavilion theme

Confooderatio Helvetica

Architects

Netwerch, Brugg (CH)

Renderings

nightnurse, Zürich (CH)

Client

Federal Department of Foreign Affairs FDFA General Secretariat GS-FDFA Presence Switzerland

Contractor

NUSSLI Group

Construction time

September 2014 – April 2015

Building area

Built area – 1,732 m2 Free Access - 2,700 m2 Plot Area - 4,432 m2 Construction space Platform / Ramp 742 m2 House of Switzerland* 690 m2 Towers 390 m2 * (exhibitions, restaurant, auditorium, VIP lounge , non-public spaces)

ARCHI


Confooderatio Helvetica SWIss Pavilion 106

|

107


Confooderatio Helvetica Swiss Pavilion

Il Padiglione della Svizzera è stato realizzato in seguito al primo concorso indetto per un Padiglione nazionale a Expo 2015. Il tema affrontato è quello della limitatezza delle risorse a livello mondiale, che viene interpretato nelle costruzioni attraverso l’interazione tra visitatori e contenuti dell’esposizione. Il fulcro dello spazio è infatti rappresentato da quattro torri, alte 12 metri, che contengono diversi generi alimentari significativi per la cultura svizzera (l’acqua, il sale, il caffè e le mele): il visitatore è invitato a consumare quello che gli verrà offerto, con la consapevolezza che le torri non verranno riassortite e dunque, una volta terminato il cibo, gli scaffali rimarranno vuoti per chi arriverà dopo.

The Swiss Pavilion was built following the first tender competition held for a national Pavilion at Expo 2015. The theme, that regards the limit of the resources in the world, is interpreted through the maximum interaction between the visitors and the contents of the exhibition. The centre piece of the space is in fact represented by four 12 meters high towers, containing foods that are significant for Swiss culture (water, salt, coffee and apples): visitors are invited to taste the products on show with the knowledge that the tower shelves will not be restocked and so, once the food runs out, the shelves will remain empty for those who come later.

Attraverso questi edifici-magazzino, il cui aspetto cambierà nel tempo attraverso lo svuotamento degli scaffali e la conseguente discesa delle piattaforme, l’obiettivo dell’esposizione è quello della sensibilizzazione sulla fragilità del nostro ecosistema, sulla distribuzione delle risorse a livello planetario e sulla responsabilità che abbiamo nel preservarle.

The use of these store-buildings, whose appearance will change over time as supplies dwindle and the pallets descend, aims to raise awareness of the fragility of our ecosystem, the distribution of resources at a global level and the social conscience and responsibility we have to preserve it.

Oltre alle torri, posizionate al centro dello spazio espositivo, il Padiglione è costituito dal “superblocco”, un ulteriore grande volume chiuso verso l’esterno dove si trovano gli spazi espositivi per i partner, un ristorante, una VIP lounge, un auditorium e vari locali per uffici e servizi, e da una piattaforma in legno orizzontale, che si pone da una parte come elemento di collegamento tra le diverse aree e dall’altra come luogo di sosta ombreggiato al piano terra. L’accesso per i visitatori avverrà da una rampa,

Besides the towers, there is a "super block" positioned in the centre of the exhibition space, that consists in another large volume closed to the outside which houses the exhibition spaces for partners, a restaurant, a VIP lounge, an auditorium and various facilities for offices and services, and a horizontal wooden platform, that acts both as a connecting element between the different areas and also as a shaded meeting area on the ground floor. Visitors will enter via an access ramp leading to the raised terrace; at


ARCHI

108

|

109


che condurrà alla terrazza rialzata; al centro della terrazza si troverà il cortile, sul quale si affacceranno le quattro torri, e dove si potranno ottenere i ticket per l’accesso ai percorsi al loro interno. Sulla passerella sarà inoltre collocata l’esposizione tematica che, seguendo lo slogan “I am part of it”, mostrerà attraverso una serie di video ritratti le specificità della realtà elvetica rispetto ai generi alimentari e rispetto alla questione dell’alimentazione. Dal punto di vista compositivo e costruttivo, il Padiglione utilizza elementi sia di carattere industriale che tradizionale: le torri, concepite come depositi, rimandano infatti alla sfera tecnologica e delle macchine, mentre gli edifici a tetti spioventi richiamano le forme dei piccoli centri urbani svizzeri. Essendo operativi solo per sei mesi, tutti i manufatti sono stati realizzati in legno, optando per un sistema di montaggio a secco, e quindi potranno essere facilmente riciclati o riutilizzati; le stesse torri saranno riciclabili, e potranno essere riutilizzate in Svizzera nell’ambito dell’urban farming. Autore del Padiglione è lo studio Netwerch, fondato nel 2004 da Noah Baumgartner e Daniel Christen (dal 2006 con Andreas Christen), che si occupa di architettura e design, realizzando anche prodotti propri, nell’ottica di una sperimentazione sulla massima funzionalità e sostenibilità nei diversi ambiti del progetto.

the centre of the terrace there is a courtyard, overlooked by the four towers, where they can collect their tickets to access the various theme tours inside them. The boardwalk will feature the theme of the exhibition with the slogan "I am part of it", and a series of videos will illustrate the specific characters of the Swiss culture concerning the fundamental aspects of food and nutrition. From the composition and construction point of view, the Pavilion uses elements of both industrial and traditional character: the towers, conceived as deposits, refer to the sphere of technology and machinery, while the buildings with sloping roofs recall the shapes of small Swiss towns and villages. Given the operational timeline of just six months, all the artefacts are made of wood, opting for a dry mounting system, meaning they can easily be recycled or reused; even the towers are recyclable and can be reused in Switzerland as part of urban farming. The designer of the Pavilion is the Netwerch studio, founded in 2004 by Noah Baumgartner and Daniel Christen (joined by Andreas Christen in 2006), an architecture and design firm which also constructs its own works, with a particular attention to experimenting and testing maximum functionality and sustainability in different areas of the project.


ARCHI

110

|

111


Project name

UK Pavilion

Pavilion theme

The importance of the Honey Bee and pollinators in feeding the planet

Creative Lead

Wolfgang Buttress

Artist, Architect and Engineer

Wolfgang Buttress, BDP and Simmonds Studio

Collaborators

Wolfgang Buttress: Artist and creative lead Simmonds Studio: Structural Engineers Martin Bencsik: Scientist BDP: Architects BDP: Landscape architect BDP: Lighting Mosimann: Food Hoare Lea and Outboard: Soundscape (technology)

Structural engineers:

Tristan Simmonds of Simmonds Studio

Lighting

BDP

Cladding

Kingspan

Contractor

Stage One

Building area

Built Area – 2,000 m2 Plot Area – 1,500m2

ARCHI


The importance of the Honey Bee and pollinators in feeding the planet UK Pavilion 112

|

113


The importance of the Honey Bee and pollinators in feeding the planet UK Pavilion

Il Padiglione intende riportare l’attenzione sulle problematiche dell’impollinazione e del calo numerico delle api nel mondo attraverso la rappresentazione di una metafora di facile comprensione riguardante l’attuale stato di salute del pianeta. L’esposizione, ispirata all’immagine di un alveare, mostra quindi le fragilità del sistema ambientale e le contraddizioni nell’ambito dell’alimentazione, evidenziando la necessità di affrontare questi temi in modo corale e con profonda consapevolezza, e sottolineando come le nuove ricerche e tecnologie possano apportare un contributo significativo verso la sicurezza alimentare e la biodiversità.

The Pavilion intends to raise global awareness on the issues of pollination and the decrease in the number of bees in the world, creating an easily comprehensible metaphor about the current state of health of the planet. The exhibition, inspired by the image of a beehive, aims to highlight the fragility of the environmental system and the contradictions in nutrition, highlighting the need to address these issues in a choral manner, with a profound level of awareness, emphasising how new research and technologies can make a significant contribution to food security and biodiversity.

Per un più profondo coinvolgimento, il progetto non è finalizzato solo alla costruzione di un edificio, ma alla creazione di un’esperienza multisensoriale che tutti i visitatori potranno compiere, in modo che spostandosi attraverso le diverse zone si abbia l’impressione di sentirsi immersi nella natura, non di guardarla dall’alto, e di avere la possibilità di osservare il paesaggio dall’interno, come dal punto di vista di un’ape.

To involve visitors even further, the project is not only aimed at the construction of a building, but at creating a multisensory experience that, as they wander through the different areas, visitors get the impression of being immersed in nature, not observing it from above, having the opportunity to observe the landscape from the inside, just as a bee would see it.

Lo spazio è organizzato in cinque aree tematiche: il Frutteto, il Prato, la Terrazza, l’Alveare, il Programma architettonico. Il Frutteto è lo spazio di ingresso che accoglie i visitatori, ed è costituito da alberi da frutto tipici del Paese e circondato da muri che evocano un giardino della campagna inglese. Il Prato, accessibile attraverso un percorso a cielo aperto bordato in acciaio corten, che continuerà a cambiare con la crescita delle piante durante i sei mesi del periodo di Expo, si conclude con uno spazio di sosta con sedute

The space is organised into five areas: the Orchard, the Meadow, the Terrace, the Hive, the Architectural Programme. The Orchard is the area that welcomes visitors, and consists of British fruit trees surrounded by walls that evoke an English country garden. The Meadow is accessed along an open air earthy corridor of corten steel, which will continually change as the plant grow over the six month Expo period; it culminates in the perfect resting place for visitors with seats arranged like an amphitheatre. The Hive is elevated to


ARCHI

114

|

115


disposte ad anfiteatro. L’Alveare è stato innalzato per creare una piazza riparata al di sotto, dove i visitatori passando potranno riconoscere i diversi livelli della struttura, ed il movimento delle persone all’interno, in una duplice esperienza percettiva tra diverse scale e dimensioni, la micro e la macro. La Terrazza è invece un podio di 300 mq, configurato come spazio sociale, dotato di un bar, e dal quale si accede direttamente all’Alveare, mentre il Programma Architettonico è uno spazio flessibile connesso all’area VIP utilizzabile sia per conferenze ed eventi straordinari che per videoproiezioni o esposizioni.

create a sheltered piazza underneath. This allows visitors to pass beneath and to look up through the layers of the structure, glimpsing the movement of people within, in a double perceptual experience between different scales and sizes, shifting between the micro and the macro. The Terrace is a 300 square metre podium, playing host to a social area, including a bar, with direct access directly to the Hive, whilst the Architectural Programme is a flexible space connecting to a VIP area which can be used both for conferences and special events and for video screenings and exhibitions.

L’Alveare, cuore dell’intervento, è invece una struttura cubica di 14 metri per lato poggiata su colonne alte tre metri, con un vuoto di forma sferica ricavata all’interno che permette l’ingresso dei visitatori. Alcuni dispositivi audiovisivi incorporati nella struttura permettono a questo spazio di pulsare, emettere un ronzio ed illuminarsi in riferimento ai segnali provenienti da un vero alveare: gli accelerometri misurano infatti l’attività vibrazionale delle api reali e questi segnali sono trasferiti in una matrice di luci a LED dentro la sfera per generare una rappresentazione visiva dinamica della loro attività, che presenta molte affinità con quella delle società umane. Per il sottofondo sonoro sono stati coinvolti diversi musicisti (anche da gruppi come Spiritualized o Sigur Ros), mentre per la ricerca sulle api e sui loro caratteri comportamentali si è fatto riferimento agli studi del biofisico Dr. Martin Bencsik. Per quanto riguarda la parte strutturale, si è invece optato per una costruzione costituita da elementi modulari, che è stata realizzata prima nel Regno Unito e poi assemblata a Milano; la scelta dell’alluminio è derivata dalla valutazione dei vantaggi offerti dalla sua resistenza alla corrosione e dalla sua leggerezza, che rendono questo materiale particolarmente indicato nell’ambito del riciclo.

The Hive is the core structure consisting of a 14x14x14 metre 3D cuboid lattice structure resting on three metre tall columns with a spherical void hollowed from its interior to allow visitors to enter. Audio-visual devices embedded within the structure allow it to pulse, buzz and glow according to signals from a real beehive: accelerometers measure the vibrational activity of the real bees and these signals are fed into an array of LED lights within the sphere to generate a dynamic, visual representation of the bees' activity which has many similarities with that of human societies. Several musicians (also groups like Spiritualized or Sigur Ros) have been engaged to produce the background sounds whilst reference was made to studies of the biophysicist Dr. Martin Bencsik for the research on bees and their behavioural traits. As regards the structural part, the designer opted for a building consisting of modular elements, which was first built in the UK and then erected in Milan; the choice of using aluminium was the result of an assessment of the benefits offered by its resistance to corrosion and its lightweight features, which make this material particularly suitable to achieve recycling objectives.

Wolfgang Buttress, autore del Padiglione, ha studiato Fine Art alla Nottingham Trent University, e ha aperto il suo primo studio a Nottingham, sviluppando la sua abilità nella lavorazione del metallo e della saldatura, che gli hanno permesso di realizzare e produrre le sue sculture. Le sue opere sono state realizzate ed esposte nel Regno Unito e nel mondo (Stati Uniti, Giappone ed Australia). Responsabile della costruzione è invece il team di ingegneri edili e costruttori di Stage One e Rise.

Wolfgang Buttress, the designer of the Pavilion, studied Fine Art at Nottingham Trent University, and opened his first studio in Nottingham, developing his skills in the processing and welding of metals used to create and produce his sculptures. His works have been realised and exhibited in the UK and all around the world (United States, Japan and Australia). The construction has been managed by a team of building engineers from Stage One and Rise.


INTERVISTA CON Wolfgang Buttress, Founder

Il progetto per il Padiglione del Regno Unito si ispira alla forma di un alveare. Quali le ragioni che vi hanno portato a scegliere questo riferimento? Con questa scelta ho voluto rappresentare una metafora riferita allo stato attuale del pianeta: le api possono essere viste come le sentinelle della salute del mondo, l’impollinazione è essenziale per la prosperità e l’alimentazione del pianeta, ed il ruolo di questo ecosistema nella nostra catena alimentare è molto significativo, sebbene spesso trascurato in favore di un approccio più antropocentrico. Molte persone sono consapevoli che le api sono minacciate dai pesticidi e dalla monoculture: volevo quindi sottolineare il significato di questo problema per la sicurezza alimentare. Misurando i segnali vibrazionali, il biofisico Dr. Martin Bencsik riesce ad interpretare il loro linguaggio e le loro modalità di comunicazione. La nostra idea è stata quella di impiegare questa tecnica per collegare un alveare nel Regno Unito al nostro Padiglione a Milano: i segnali digitali delle api sono trasmessi in tempo reale e tradotti in luci e suoni per l’esperienza dei visitatori. Nell’idea di smaterializzazione del volume e nell’alta tecnologia impiegata, il progetto sembra presentare alcune analogie con quello presentato dal Regno Unito per l’ultima Expo a Shanghai. Questo progetto vi ha in qualche modo influenzato? Ammiro molto il Padiglione di Shanghai di Heatherwick. Abbiamo progettato una scultura concepita come elemento cardine di un sito a prevalenza di verde: dal punto di vista delle strategie c’è quindi una somiglianza con l’approccio tenuto a Shanghai. Volevamo che il Padiglione fosse vissuto come un viaggio, e che fosse compiuto dai visitatori ad un livello emozionale ed empatico. Muovendosi attraverso un Frutteto a poi attraverso il Prato ci si sente all’interno della natura, immersi nel paesaggio e non sopra di esso, e si può osservare il paesaggio come dalla prospettiva di un’ape. Da alcuni anni sto esplorando i temi della delicatezza e dell’effimero nella mia arte. Come elemento scultoreo, l’alveare attinge dal mio lavoro e

dalle mie ricerche precedenti, estendendole però in una nuova direzione. La tecnologia è un utile strumento quando è impiegata per “realizzare una visione”, non quando “diventa la visione”. L’alveare non sarebbe com’è senza l’uso dei software avanzati, ma la forma e l’idea sono nate dall’immaginazione e da uno schizzo fatto a mano. Per me è molto importante che la tecnologia e l’approccio manuale convivano in armonia. Raggiungere la semplicità con significato e profondità è stata una delle nostre sfide più importanti. Diversamente da altri, l’idea del Padiglione del Regno Unito proviene da un autore con una formazione artistica, piuttosto che da un architetto. Come il progetto è stato sviluppato e come gli altri progettisti sono stati coinvolti? La visione complessiva proviene dalla sensibilità di un artista più che da quella di un architetto, con il risultato che il Padiglione è concepito più come un’esperienza che come un edificio. Dal momento che volevamo connettere il visitatore alla natura e agli ecosistemi ad un livello esperienziale, una strategia importante che abbiamo adottato è stata quella di configurare l’edificio come un tutt’uno, con differenti luoghi, percorsi e spazi di transizione, cercando di creare molteplici possibilità in modo che il visitatore riuscisse a vivere n modo attivo il proprio incontro con il Padiglione. Ci sono anche elementi da scoprire, come schermi nascosti e messaggi, perché credo che l’impatto sia maggiore se le persone decidono per loro stesse, in quanto c’è un maggior senso di mistero ed una maggiore giocosità. L’uso dei sensi è stato quindi la chiave: abbiamo creato qualcosa che coinvolgerà i visitatori attraverso l’udito, il gusto, il tatto, l’olfatto e la vista. Per quanto riguarda gli altri progettisti, abbiamo messo insieme una squadra multidisciplinare fin dal principio, includendo gli architetti di BDP e l’ingegnere strutturale Tristan Simmonds. Ero consapevole che avremmo avuto la necessità di collaborare con molte diverse discipline: BDP ha una grande esperienza e capacità e ha portato competenze in ambito architettonico, della tecnologia, dell’illuminazione, degli interni, del monitoraggio e valutazione e del design del paesaggio, mentre Tristan Simmonds è un eccezionale ingegnere con esperienza nell’ambito di progetti artistici su misura; la sua padronanza delle tecniche computazionali è

116

|

117


stata essenziale per la realizzazione dell’alveare. Anche l’impresa, Stage One, si è inserita nella successiva strategia costruttiva proponendo una connessione meccanica che ha lavorato molto bene. Abbiamo anche creato un paesaggio sonoro in collaborazione con alcuni grandi musicisti (tra cui Spiritualized e Sigur Ros): il ronzio delle api è presente nel Padiglione, quindi in un certo senso sono anch’esse parte della squadra! Quello che è veramente interessante per me è come diverse pratiche – scultura, architettura, paesaggio, scienza e cibo – siano integrate in questo spazio. Il vostro studio ha sede nel Regno Unito, dove le Olimpiadi di Londra sono spesso citate come un esempio del rispetto delle tempistiche e dell’efficace riuso dell’area. Qual è il vostro

punto di vista su questo evento? Le Olimpiadi nel Regno Unito hanno avuto un grande successo. Sono state uno spettacolo meraviglioso ma anche un evento tipicamente inglese. Si avvertiva un certo cinismo prima dell’inizio dei giochi, dovuto al notevole aumento dei costi e al suo essere così centrato su Londra. L’effetto sui cittadini del Regno Unito è stato però sorprendentemente positivo, e le persone si sono trovate molto bene. C’è stato un lascito – costituito da stadi, housing ed infrastrutture – anche se qualcuno potrebbe obiettare che è stato ottenuto con un significativo costo per i contribuenti. Il rapporto pubblico / privato ha certamente apportato benefici agli sviluppatori, ma l’impressione a livello internazionale del Regno Unito è stata probabilmente favorevole.

INTERVIEW WITH Wolfgang Buttress, Founder The project for the UK Pavilion is inspired by the image of a hive. Can you tell us the reasons why you chose this particular reference? I wanted to find a simple metaphor for the state of the Planet in 2015. The bee can be seen as a sentinel for the health of the world. Pollination is essential to the well-being and feeding of the planet. The role of wider ecosystems in our food chain is very significant, but often overlooked in favour of a more anthropocentric emphasis. Many people are aware that the honey bee is threatened by pesticides and monoculture. I wanted to highlight the significance of this issue for food security. By measuring vibrational signals biophysicist Dr. Martin Bencsik can interpret their language and communications. Our central idea was to use this technique to connect a bee hive in the UK to our Pavilion in Milan. Digital signals from the bees are streamed in real-time and expressed to visitors through light and sound. In the idea of the dematerialization of the volume and in the high-technology employed, the project seems to have some analogies with the one presented by the United Kingdom for the last Expo in Shanghai. Was that project inspiring for you, in any way? I greatly admire Heatherwick’s Shanghai Pavilion. We have designed a “centre-piece” sculpture within a larger landscaped site; so strategically there’s a similarity with the approach taken in Shanghai. This is partly the result of a very constrained budget yet ambitious mandate. The actual design and its implementation are quite

apart however. We wanted the Pavilion to be an experience as a journey engaging visitors on an emotional and empathetic level. Moving through an orchard and then meadow one feels within nature, you are immersed in the landscape not on it, seeing the landscape from a bee’s perspective. I’ve been exploring themes of delicacy and ephemerality (dematerialization if you like) in my art for the past few decades. As a sculptural piece, the Hive draws heavily on my previous work and explorations, but extends these in a new direction. Technology is a great tool when employed to realize a vision and not become the vision. The Hive would not be as it is without the use of sophisticated computer software, but the form and idea originated from dreaming and a hand drawn sketch though. For me it is important that technology and the human hand sit in harmony. To achieve great simplicity with meaning and depth is one of the hardest challenges. In the UK Pavilion is that, differently from the other Pavilions, the main idea comes from an author with an artistic formation, more than an architectural one. How was the project developed and how were the other designers involved? The overall vision for this Pavilion comes from an artist’s sensibility rather than an architectural one, and as a consequence, is conceived more as an experience than a building. We wanted to connect the visitor with nature and ecosystems on an experiential level. An important strategy was to configure the site as a whole, with different


places, routes and transitions. Within this, we aimed to provide multiplicity, so the visitor can curate their own encounter with the pavilion as an active participant. There are also elements that the visitor must discover, such as hidden screens and messages. I believe things have more impact if people find them out for themselves, there’s a mystery and playfulness to it. Use of the senses was the key. We’ve created something that will engage through sound, taste, touch, smell as well as sight. We brought together a multi-disciplinary team from the outset including the architects BDP and structural engineer Tristan Simmonds. I was conscious that we would need to collaborate with many different disciplines. BDP have a broad range of skill and capability, contributing expertise in architecture, technology, lighting, interiors, M&E and landscape design. Tristan Simmonds is an exceptional engineer with experience working on bespoken arts projects that push the boundaries; his mastery of computational techniques was essential for the realization of the Hive. The contractor, Stage One, also input into the constructional strategy further down the line. They proposed a nodal mechanical connection that’s worked out beautifully. Our collaboration with Dr Martin Bencsik was instrumental, and the concept is largely inspired by his research into honey bee vibrations. We’ve also created a soundscape in collaboration with some great musicians (including Spiritualized and Sigur Ros). The hum of honey bees features in this, so in a way, they are part of the team too! What is really interesting for me, is how different practices – sculpture, architecture, landscape, science and food are integrated in the Pavilion. You come from the United Kingdom, where the Olympic Games in London are often mentioned as an example of a correct respect of the time-table and of a good reuse of the area after the event. What is your opinion about that event? The Olympic Games in the UK were pretty successful. It was an amazing spectacle but also quintessentially British. There was great deal of cynicism prior to the games starting due to the spiralling costs and that it was so London-centric. The effect on the citizens of the UK when it actually happened was surprisingly positive, people felt good about themselves. There was a legacy - new stadiums, housing and infrastructure - though a cynic might say this was done at a substantial cost to the taxpayer. The private/public relationship certainly benefited developers, but the international impression of the UK was probably enhanced favourably. 118

|

119


cosa resterà WHAT WILL REMAIN


cosa resterà WHAT WILL REMAIN

Come testimoniato anche dalla rilettura di casi analoghi precedenti, una fase fondamentale delle grandi manifestazioni come Expo 2015 è quella del post-evento quando, terminate le attività e smantellate le costruzioni, l’area dell’esposizione assume per la città un ruolo completamente nuovo. La questione della “legacy” rappresenta un tema che va analizzato con profondità e lungimiranza, sia per l’importanza strategica nei confronti dello sviluppo del territorio, sia per le molteplici modalità in cui si può articolare. Da una parte occorre infatti pensare alle diverse scale interessate, da quella territoriale dell’intera area a quella architettonica dei singoli Padiglioni; dall’altra occorre valutare l’eredità non solo materiale ma anche quella immateriale, e quindi il contributo culturale apportato rispetto allo specifico Tema che si è deciso di affrontare.

As demonstrated by the reinterpretation of previous similar cases, a key phase of all major events such as Expo 2015 is the after-event phase when, after completing the building and exhibition dismantling operations, the area takes on a completely new role for the city. The "legacy" aspect is a theme that requires in-depth analysis and foresight, both for the strategic importance of the development of the territory, and for the many ways in which the same can be articulated. On the one hand, in fact, it is necessary to think about the different scales involved, from the territorial scale of the area as a whole and the architectural scale of the individual Pavilions; on the other it is vital to assess the legacy, not only material but also immaterial and, therefore, the cultural contribution made to the specific selected Theme.

Nel caso di Expo 2015 si riscontrano, in ciascun ambito, diversi livelli di approfondimento. Rispetto alla componente immateriale, il più importante lascito sarà rappresentato dalla Carta di Milano, che consiste nella presentazione di alcune buone pratiche contro gli sprechi alimentari, di indicazioni per un’alimentazione sana e sostenibile e di un’assunzione di responsabilità per garantire il diritto al cibo e all’acqua, che ha visto il coinvolgimento di ricercatori, studiosi, ma anche rappresentanti delle imprese e delle associazioni (col coordinamento di Salvatore Veca), e che sarà la guida del dibattito nel corso dell’Esposizione.

In the case of Expo 2015, different levels of detail are encountered in all the various aspects. Looking at the intangible component, the most important legacy will be represented by the Charter of Milan, which consists in the presentation of a number of good practices against food waste, indications for a healthy and sustainable diet and to take on the responsibility to ensure the right to food and water, which saw the involvement of researchers, scholars, business representatives and associations (under the coordination of Salvatore Veca), and will be key topic of the debate during the Expo.


ARCHI

Fruits and Legumes Cluster: Š Matteo Vercelloni 122

|

123


German Pavilion: Š NUSSLI Group - Nicolas Tarantino


ARCHES

Zero Pavilion

German Pavilion: © NUSSLI Group - Nicolas Tarantino

Per quanto riguarda il lascito materiale, una parte significativa riguarderà invece innanzitutto il futuro dei Padiglioni, con situazioni molto diverse. In alcuni casi, come nel Padiglione della Germania, la costruzione verrà interamente smantellata, e le sue componenti, in parte affittate, verranno riutilizzate; in altri casi l’edificio verrà smontato, ma poi rimontato com’era in un altro luogo: è il caso del Padiglione degli Emirati Arabi che, dovendo essere riportato in un Paese dalle condizioni diverse dalle nostre, è stato già concepito nell’ottica del doppio clima col quale si dovrà confrontare; in altri casi ancora si configurerà un destino duplice: è il caso del Padiglione del Regno Unito, le cui piantumazioni della parte esterna rimarranno sul Sito, mentre la scultura-alveare verrà riassemblata nel Paese dov’è stata costruita; c’è poi il caso speciale del Padiglione Italia, che rimarrà sul Sito ma con un uso diverso da quello attuale.

As regards the tangible legacy, a significant part will mainly refer to the future of Pavilions, with some very different situations. In some cases, such as the Germany Pavilion, the building will be entirely dismantled, and its components, partly leased for the event, will be reused; in other cases the building will be dismantled, but then totally reassembled in another location: this is the case of the UAE Pavilion which, given that it will be erected in a country with completely different conditions to ours, was already conceived in view of the dual climate it is required to face. In yet other cases, there will be a dual destination: this is the case of the United Kingdom Pavilion, where the plants planted on the outside will remain on site, while the hive sculpture will be re-erected in the country where it was built; then there is the special case of the Italy Pavilion, which will remain on site but used in a different manner.

Più complessa risulta invece la questione del riuso del Sito Espositivo. L’area, di proprietà Arexpo S.p.A., di circa 105 ha di dimensione, è stata oggetto di un Masterplan caratterizzato da alcuni margini di flessibilità, con spazi differenziati per morfologia e dimensioni e la vendita di un lotto unico, in cui si sarebbe dovuto lasciare il 54% dei terreni a parco. Tuttavia, nonostante alcune precedenti manifestazioni di interesse, tra cui quella riguardante una Città della Salute, un polo universitario e dell’innovazione o uno stadio (legato però anche al futuro dell’area del Portello), alla gara per l’assegnazione dei terreni nessun investitore si è presentato, aprendo una discussione sull’opportunità di riconvertire l’area in lotti più piccoli, e una prospettiva incerta per una scelta di primaria importanza, per lo sviluppo del territorio in cui si inserisce.

Reuse of the Exhibition Site is however a more complex issue. The area, owned by Arexpo SpA., is about 105 ha in size and was the subject of a Masterplan characterised by some margins of flexibility, with diverse spaces by morphology and size and the sale of a single lot, in which 54% of the land was to remain a park. However, despite some earlier indications of interest, including that concerning a City of Health, a university and innovation pole or a stadium (also related to the future of the Portello area), no investors made a bid for the tender for the allocation of land; this led to a discussion on whether to convert the area into smaller lots, and an uncertain prospect for a choice of prime importance for the development of the territory in which it is located.

124

|

125


INTERVISTA CON Marco Rettighieri, Direttore Generale Costruzioni Expo 2015

Marco Rettighieri è, da agosto 2014, il Direttore Generale Costruzioni di Expo 2015. Può indicarci le sue principali mansioni all’interno del cantiere? Ho con me circa 50 colleghi che stanno condividendo l’avventura di Expo 2015. La nostra attività si espleta attraverso molteplici attività, ovvero: project management, direzione lavori, assistenza alle gare, supervisione lavori, coordinamento attività di cantiere, supporto legale, ecc. Quindi un’attività a tutto tondo. Il problema principale è il coordinamento di oltre 5 mila persone che operano nel cantiere. La squadra di Italferr che dirigo è posizionata presso il campo base di Rho oltre che in cantiere. Una fase fondamentale del progetto Expo 2015 è quella riguardante l’uso di questo spazio nel postevento: ritiene che le scelte costruttive adottate per i Padiglioni stiano affrontando la questione in modo soddisfacente? Quali a suo avviso stanno sperimentando le soluzioni più innovative? L’impiego di materiali riciclabili e progetti eco sostenibili è alla base di Expo 2015. Tutti i padiglioni e infrastrutture presenti nel sito espositivo sono equamente “sostenibili”, per cui non vi sono primi della classe. Per il post evento, invece, il Comune di Milano sta ipotizzando destinazioni d’uso diverse, come una Città della Salute, un polo universitario o uno stadio. Oltre alla rimozione della gran parte delle strutture esistenti alcune costruzioni come Cascina Triulza (oggetto di riqualificazione) e come il Padiglione Italia rimarranno sul posto. In che modo queste strutture verranno riutilizzate? Più in generale, quale futuro immagina per quest’area, tra i tanti che sono stati ipotizzati? In che modo le infrastrutture impiantistiche della piastra sono state configurate nell’ottica dell’uso a lungo termine? Le opere di infrastrutturazione sono state configurate come permanenti e, quindi, non costituiranno impedimento per la realizzazione di qualsivoglia progetto di utilizzo del sito. La destinazione d’uso dei luoghi è un discorso da approfondire con il Comune di Milano e di Rho. I rapporti impresa-progettista e impresacommittenza sono entrambi di primaria importanza,

per la corretta realizzazione delle opere. Rispetto al primo rapporto: in che proporzione sono state coinvolte le imprese locali? Pensando alle particolari lavorazioni proposte da alcuni Padiglioni, in quali casi invece sono state coinvolte invece altre tipologie di imprese specializzate? Rispetto al secondo rapporto: quali sono i requisiti, anche di legalità, richiesti alle imprese partecipanti? I lavori che vengono svolti sul sito di Expo 2015 sono tutti soggetti a controlli anti-mafia ed in generale a controlli di legalità, per cui non esistono problemi a tal riguardo. Si è creata una barriera legale che impedisce al malaffare di entrare all’interno di Expo 2015. Molte sono le imprese di progettazione e realizzazione coinvolte in Expo a vario titolo. A ben contare sono circa 750, con cui abbiamo avuto ed abbiamo rapporti costanti, direi giornalieri. I più grandi e noti architetti di tutto il mondo sono presenti in Expo e, quindi, capite bene l’importanza di avere rapporti chiari e sicuri con tutti loro. Le Imprese di costruzione italiane sono ben rappresentate in Expo; circa l’80% dei lavori è svolto proprio da loro. Abbiamo anche la presenza di imprese straniere, sia europee che mondiali. Quindi una degna rappresentanza di tutto il mondo, con necessità di armonizzare i vari stili lavorativi. Lei ha una formazione anche da geologo. In quali condizioni si trovava il sottosuolo dell’area, prima dell’inizio delle opere? Quali problematiche avete riscontrato? Come sono state risolte? In che modo queste condizioni hanno influito sulle scelte costruttive dei progetti, e in che modo influiranno sulle scelte per la futura riconversione dell’area? Io sono sia ingegnere che geologo e questo mi facilita alcune considerazioni sulle varie tipologie di costruzione. Data la tipologia assai semplice delle costruzioni realizzate non vi sono stati delle problematiche di difficile risoluzione. Problemi diversi, invece, riguardano l’ambiente; si sono dovute fare delle operazioni di bonifica importanti già prima del mio arrivo in Expo, portate a termine dai colleghi di Expo e da società specializzate. Tutto si è sempre svolto alla luce del sole, senza fraintendimenti od omissioni. D’altra parte proprio il titolo di Expo fa riflettere sulla salvaguardia ambientale, per cui si è fatto e si sta facendo tutto quanto previsto ed anche di più.


ARCHI

France Pavilion: ŠXTU Architects - FranceAgriMer

Arid Zones Cluster

Japan Pavilion 126

|

127


UK Pavilion: © Andy Coates

German Pavilion: © NUSSLI Group - Nicolas Tarantino

Fruits and Legumes Cluster: © Matteo Vercelloni


INTERVIEW WITH Marco Rettighieri, Director General of Construction of Expo 2015

Marco Rettighieri has been the Director General of Construction Expo 2015 since August 2014. Can you illustrate to us your main tasks at the Site? I have about 50 colleagues sharing the adventure of Expo 2015 with me. Our work consists in multiple activities, such as: project management, direction of works, bidding and tender support, works supervision, coordination of construction activities, legal support, etc. In short, an all-round activity. The main problem is the coordination of over 5,000 people working at the site. The Italferr team I am in charge of is positioned at the base camp in Rho as well as at the worksite. A key stage of the Expo 2015 project is that concerning the use of this space in the post-event phase: do you think that the constructive choices adopted for the Pavilions are addressing the issue in a satisfactory manner? What, in your opinion, are the most innovative solutions actually experimenting? The use of recyclable materials and eco-sustainable projects is the core concept behind Expo 2015. All the Pavilions and facilities at the exhibition site are equally "sustainable", so there are no particular rankings in this sense. As for the post-event phase, however, the City of Milan is considering various options, from a City of Health, to a university or a stadium. In addition to the removal of most of the existing structures, some buildings like the Cascina Triulza (subject to redevelopment) and the Italy Pavilion will remain in place. How will these structures be reused? More generally, how do you personally imagine the future for this area, among the many that have been proposed? To what extent have the plant infrastructures been configured in view of long term use? The configuration of the infrastructural works is permanent and, therefore, will not constitute an impediment to the realisation of any type of project on the site. The intended use of the sites is a subject to be examined with the City councils of Milan and Rho. Contractor-designer and contractor-client relations are both of paramount importance for the proper execution of the works. Looking at the first relationship: to what extent were local businesses

involved? Given the most particular processes proposed by some Pavilions, in what cases were other types of specialised enterprises called in to cooperate? And then the second relationship: what are the requirements, including legal aspects, demanded of the business involved in the works? All works carried out at the Expo 2015 site were subject to anti-mafia controls and, more generally, monitoring of all legality aspects, so there are no problems in this respect. A legal barrier was created to prevent criminals from participating in Expo 2015. There are many enterprises involved in the design and construction of Expo in various capacities. The figure is actually around 750, with whom we had and still have an ongoing relationship, I would say even daily. The most famous and revered architects from all over the world are here at the Expo and, therefore, you can imagine just how important it is to have a clear and secure relationships with all of them. The Italian construction companies are well represented at Expo 2015; they account for about 80% of the works. We also have some foreign companies, both European and worldwide. So a fitting global representation which requires a certain harmonisation of the different work styles. You also have a background as a geologist. What were the conditions of the underground area, before the start of the works? What problems did you encounter? How did you resolve them? How did these conditions influence the construction choices for the projects, and how will they affect the choices for the future conversion of the area? I am both an engineer and geologist and this is an advantage when considering the various types of construction. Given the very simple types of constructions built, there were no aspects that were particularly difficult to resolve. Certain problems, however, did arise concerning the environment; some fairly substantial reclamation works had already been started before my arrival in Expo, and were completed by some Expo colleagues and by specialised companies. Everything is always done in broad daylight, without misunderstandings or omissions. And if you think about it, it is the very title of Expo that makes you reflect on environmental protection issues, so everything possible has and will be done in this respect. 128

|

129


Galleria fotografica photo gallery

130

|

131


ARCHI

132

|

133


ARCHI

134

|

135


ARCHI

136

|

137


ARCHI

138

|

139


140

|

141


142

|

143


colophon Texts and interviews

Matteo Moscatelli

Contributors

Martina Bolzoni (Thematic areas) Alessio Brambilla (Clusters) Stefano Moscatelli (Self-built criteria) Mario Redaelli (What will remain interview) Elena Sartini (Studio relations)

Art and Editorial coordination

Welcome Srl

Translations

Geakoinè Srl

Photos (Photo Gallery)

Giacomo Albo

Print

A. G. Bellavite Srl

Copyright

© 2015 - Welcome Srl

Grazie a Giorgio Cortella e Michela Fumagalli per il coinvolgimento in questo stimolante progetto editoriale. Grazie ai grafici Welcome srl per la pazienza nella fase di revisione e aggiornamento dei contenuti. Grazie a tutti i progettisti dei Padiglioni e dei Cluster citati per la collaborazione e i materiali messi a disposizione. Grazie a Marco Rettighieri, Davide Amendola e Giuseppe Filiputti per gli aggiornamenti e la disponibilità alle interviste. Grazie a Martina, Alessio, Stefano, Mario ed Elena per il contributo nelle varie sezioni. Grazie infine a Chiara, Giulia e alla mia famiglia per il supporto, i consigli, le riletture…e un centinaio di altre cose.


Profile for welcome

Expo Book architettura  

Expo Book architettura