Page 1

week/ender for

weekender.zone

Numero 14 | luglio 2017

P Ô N G O DA PERDERE LA TESTA festival ISLE OF SUMMER/ ECHELON/KAPPA FUTUR FEST/ SAVE THE DATE

charts BOTTEGHI/ FLAVIA LAUS/ ANDREA MAZZA/ RUBEN MANDOLINI/

interviste LIVIA MATADOR FEDERICO GRAZZINI TRANCE FOR FRIENDS

RADIO DATE con ANDREA BELLI, DIMO, DJ MARIETTO, LUCIO SCARPA E GIANPIERO XP


2

week/ender | luglio 2017


Indice

4_8

Cover dj/PÔNGO-Da perdere la testa

9

CHARTS/Botteghi, Ruben Mandolini, Flavia Laus, Andrea Mazza

11

Headlines and Social/PLX-500 A TRAZIONE DIRETTA

12

Release Yourself/CARLO LIO feat. Nathan Barato

14_15

Clubbing Life/Vacchi, Hilton e il Clubbing!

16_19

New Destination/T.F.F.-La Trance nel Cuore

20_21

Festival del mese/IKARUS FLY HIGH

22_25

Djane del mese/LIVIA-La Dj con la Telecamera

26

Time to Festival/PIONEER e il Fattore K

28_31

Resident Dj/FEDERICO GRAZZINI-Funkyman

32_34

Most Wanted/MATADOR-Il Mattatore del Suono

36_37

Mix World/RADIO DATE

38

Goers/ISLE OF SUMMER-L'Isola del Divertimento

4 22 28

DREAM TEAM

WEEK/ENDER for Clubb3rs www.weekender.zone

E con luglio si riaprono le votazione della Top 100 Dj Mag. Ci si aspettavano subito i soliti flyer solitari e invece sui social è spuntato un video che si è subito diffuso in rete al grido di: “Vota Italia

Supplemento di informazione di Radio Virgilio

DJMAG 2017”. Il video vede “la meglio gioventù” dei dj italiani in

Reg. Trib. 02/2013 del 30/01/13

confessionale con tanta ironia. I primi ad apparire sono i Merk

FREE PRESS

& Kremont. Giordano Cremona aka Kremont ammette di aver

Numero 14/luglio 2017

cantato in un disco trap e il socio Federico Mercuri aka Merk Direttore

franti Lush & Simon, che non si danno pace per aver realizzato

Alessandro Tanassi

week/ender

clubbing quotidiano

di essersi tinto i capelli per farsi notare. Poi è la volta degli afla traccia di Fabio Rovazzi feat. Gianni Morandi. Seguono i dis-

perati SDJM, Simon De Jano & Madwill, “costretti a farsi gli smile sulle facce”. Arrivano poi i Marnik che non si danno pace per aver

prodotto il disco di Enrico Papi ‘Moseeca’ e addirittura ammettono di aver partecipato alla trasmissione tv Sarabanda. Gran finale con la videochiamata di Angemi da Ibiza “che sta da Dio”.

Chiusura con tutti i dj fuori dalla chiesa che promettono di fare solo musica di qualità. Non c’è che dire, bella idea per compe-

tere nell’agguerrita Top 100 Dj Mag. Del resto i voti che si possono esprimere sono 5 e guarda caso la giovane “cordata italica” è

composta proprio da cinque progetti. Occhio però agli outsider,

tanassi@virgilioclassics.com Hanno collaborato: Elena Grassi, Lydia Laws Stefano Primaluce e Lorenzo Tiezzi Per info, segnalazioni e pubblicità weekender@virgilioclassics.com Per bootleg e demo bootleg@virgilioclassics.com

nostrani, e ad un certo Gianluca Vacchi. Criticatissimo e odiatissimo dalla categoria. In questo numero il nostro Lorenzo Tiezzi

WEEKENDER c/o

ci regala un suo punto di vista sul tema “Vacchi”. Quel che è cer-

RADIO VIRGILIO

to è che dopo appena un giorno la foto di Vacchi aveva quasi

Via Fratelli Cervi, 33

200mila like. Se Vacchi dovesse riuscire nell’impresa forse Dj Mag

Cerese di Borgo Virgilio (MN)

dovrebbe ripensare le modalità di voto. “That’s Entertainment!”

diceva Jack La Motta/Robert De Niro nel mitico “Toro Scatenato” di Scorsese.

Alessandro Tanassi

stampato da Pixart Printing

week/ender |luglio 2017

3


cover dj Un vero e proprio colpo di fulmine. All’ultima edizione del

guarda caso deve la sua notorietà proprio al singolo omon-

Music Inside Festival di Rimini abbiamo assistito ad un live

imo ‘Connected’. Dopo l’esordio ufficiale il 30 luglio 2016 al

pazzesco, inaspettato. Al Green Stage, dove poi hanno chiuso

Tini Soundgarden i Pôngo torneranno nel club toscano il

Paul Kalkbrenner e Sven Vath, si sono esibiti i Pôngo. Un

prossimo 22 luglio per festeggiare il primo anno. Un anno

progetto nato nel 2016 e formato dai fratelli Daniele e Giovanni

da perdere la testa!

Bruni. Per il duo toscano però non è un esordio assoluto, infatti

Ciao ragazzi! Complimenti per il vostro nuovo progetto.

prima erano molto conosciuti come Bruni & Danielle, progetto

Deve ancora compiere un anno, ma già avete fatto tanta

deep-tech house molto prolifico anche a livello di produzioni.

strada. Raccontateci?

Inoltre in passato i Bruni Brothers hanno creato anche una

Daniele-Ciao!Sembra gia di parlare di molto tempo fa ma

label, la Yuma. Poi è arrivata la svolta techno e il nuovo

non è ancora passato un anno dalla nostra prima data.

progetto. La prima release firmata Pôngo è ‘Look In

Grazie a dei video girati in quella occasione e condivisi sui

The Mirror’ EP ed è stata pubblicata per una

social il pubblico ha avuto modo di conoscere cosa fosse

sub label di Kompakt Records. La Con-

Pôngo prima ancora che uscissimo con la prima release uf-

nected, fondata dal berlinese

ficiale. Con le varie richieste che ci sono arrivate tramite il

Terranova e dalla band

web abbiamo costruito il nostro primo tour in Europa che

inglese Mc’s,

Stereo

ha toccato mete come la Svizzera, Portogallo e Ukraina

che

all’estero e in italia Sardegna, Lago di Garda fino ad arrivare a Rimini al Mif Festival. É stato tutto molto inaspettato, l’interesse per la nostra musica, per la nostra storia, la curiosità che si è generata sul nostro progetto durante il tour ci ha emozionato moltissimo, il tutto contornato dalle poche, pochissime ore di sonno che

PÔNGO DA PERDERE LA TESTA foto Antonio Corallo e Daniele Rivieri (Elephant Studio)

4

week/ender | luglio 2017


accompagnano ogni data. Adesso stiamo finendo di defi-

unione nasce ancor prima di conoscere gli altri artisti. I nos-

nire le date per il prossimo tour di questa estate.

tri genitori hanno contribuito molto alla nostra unione ed

Un passo indietro. Fino al 2015 avete portato avanti il

educazione artistica. Nostra madre ha lavorato tanto per

progetto Bruni & Danielle e creato la label Yuma. Cosa vi ha

crescerci uniti come un team dove l’uno collabora con l’altro

fatto improvvisamente virare sul mondo techno?

compensandosi a vicenda. Dall’altra parte nostro padre era

Giovanni-Ci piace ricordare il progetto Bruni&Danielle

un gran cultore del jazz, del soul, del gospel, ci ha fatto ap-

come una fase embrionale di quello che siamo oggi. Con

passionare sin da piccoli a tutte le sfaccettature della black

Yuma abbiamo conosciuto ancor più da vicino il mercato

culture. Abbiamo quindi le stesse basi musicali, dall’old

musicale nel quale ci volevamo inserire, ci siamo fatti le ossa

school hip hop, al rock fino all’elettronica, questo fa sì che

tra le prime releases e tour all’estero. Insieme al progetto

ad oggi spesso le nostre intenzioni artistiche vanno nella st-

Yuma per tre anni siamo stati anche alla direzione artistica

essa direzione. Pôngo è soltanto l’ultimo passo nel nostro

del Vibe Vibration Become, un locale che ha dato tanto alla

percorso musicale insieme, e non è detto sia il conclusivo.

scena elettronica toscana e che ci ha fatto conoscere un ul-

Prima di addentrarci nel vostro mondo, parliamo del nome

teriore aspetto della nightlife. Dopo tutte queste esperienze

del progetto: Pôngo. Abbiamo ipotizzato alcune ispirazi-

sentivamo comunque di non aver ancora raggiunto quello

oni, ma probabilmente non ci siamo neanche andati vicini:

che volevamo esprimere in musica, tutti questi impegni ci

amanti dei dalmata e della Carica dei 101, grandi giocatori

stavano sempre più allontando dal nostro studio. Dopo

di di-doh oppure dallo spagnolo “mettere”?

due anni di stop e di ricerca musicale qualcosa di nuovo ha

G-La scelta del nome è stata decisamente una

preso forma dandoci modo di sentirci più liberi nella comp-

lunga avventura, molte sono state le

osizione e di divertirci di più nel suonarla dal vivo.

evoluzioni su questo tema nei

Di “fratelli elettronici” ce ne sono tanti. Dai Martinez Brothers ai Pan-Pot, per citare i più noti. Vi siete ispirati a qualche

primi mesi di sviluppo di questo nuovo

duo in particolare o è nato tutto per caso? D-Niente nasce mai per caso...la nostra

"É stato tutto molto inaspettato, l’interesse per la nostra musica, per la nostra storia, la curiosità che si è generata sul nostro progetto ci ha emozionato moltissimo" Pôngo

week/ender | luglio 2017

5


progetto. Man a mano che iniziavamo a fare chiarezza sulle

cantante, ho fatto il dj per molti anni e mai avrei pensato

nostre nuove idee in studio sempre di più ci stavamo avvic-

fino a poco più di un anno fa di salire sopra un palco davanti

inando al concetto che volevamo esprimere con il nostro

a più di 5000 persone con microfono in mano e cantare i

nuovo marchio, oggi racchiuso nella parola Pôngo; ovvero

nostri brani.. se ci ripenso mi emoziono ancora.

una materia in continuo mutamento. Il nome è arrivato

Quindi un duo versatile, forte dell’esperienza del vostro

pensando al concetto di “trasformazione“, proprio come è

precedente progetto Bruni&Danielle. In console come vi

successo a noi in studio. Pôngo rimanda al gioco del Di- doh

muovete?

infatti, una pasta da modellare seguendo uno spontaneo

D-Io sicuramente mi muovo di più eheh...Durante il dj set

flusso creativo, realizzando così idee in continuo muta-

ci piace seguire molto il flusso del momento, non abbiamo

mento.

mai avuto particolari scalette e nonostante la nostra grande

Recentemente abbiamo avuto occasione di sentirvi al

intesa ogni volta non ho idea di che traccia possa mixare

Ganesha al Tini di Cecina e poi al MIF a Rimini. Dj set po-

mio fratello dopo la mia. Ricordo all’inizio mi spaventava

tente nel primo e live coinvolgente e d’impatto nel secondo.

molto non avere nessuna linea guida durante i nostri set,

Due stage diversi, ma ugualmente d’impatto. Com’è andata?

negli anni ho imparato a giocarci su rendendo tutto molto

D-Ganesha a mio parere continua a confermarsi uno degli

più imprevedibile.Credo che durante il dj set dobbiamo es-

eventi piu cool di tutta la stagione estiva in italia. È sempre

sere noi in primis a divertirci, creando un viaggio con una

un piacere poter partecipare ad eventi che gia nel daytime

impronta eclettica, dove quello che succede un disco dopo

hanno una grande affluenza di pubblico con un energia

l’altro è sempre inaspettato, tenendo sempre alta la curi-

che ogni anno non si smentisce mai; cosa più unica che

osità anche tra noi due stessi che suoniamo. G-Il mio ap-

rara dalle nostre parti. É stato bello tornare nelle vesti di

proccio dietro la consolle è cambiato durante le date live

djs dopo tante date live e condividere la console con artisti

di Pôngo. Rispetto alla figura di dj in questa nuova veste di

come Ame, dj Tennis, Ralf, Giorgia Angiuli...non vediamo

cantante invece sento un rapporto diverso con il pubblico ,

l’ora di tornare a calcare quella consolle questa estate con il

molto più diretto e sincero. Non vi nego che la componente

nuovo live che stiamo preparando.

di ansia da prestazione è decisamente aumentata ma can-

G-Suonare live al Music Inside Festival è stata probabil-

tare mi ha fatto scoprire un nuovo lato di me che non cono-

mente l’emozione più forte che ho vissuto suonando live

scevo rendendomi più vulnerabile ma allo stesso tempo più

fino ad oggi. È stata una bellissima sorpresa per noi poter

sicuro delle mie qualità come artista.

suonare nel main stage in uno dei festival piu importanti d’italia ad oggi,un incredibile opportunità per far conoscere il nostro progetto al grande pubblico. Io non nasco come

6

week/ender | luglio 2017

Nel live set qual è il vostro set up? Quanto spazio c’è per l’improvvisazione? D-Durante il live proponiamo esclusivamente musica


di nostra produzione, il nostro set up è molto ridotto in

anni. Come nei nostri set, durante il live cerchiamo sempre

quanto ad oggi ci esibiamo per lo più nei club tra console

di mantenere un forte impatto davanti al pubblico, con la

e djs. Abbiamo l’obiettivo di portare la nostra musica anche

possibilità di intervenire maggiormente rispetto a un dj su

fuori dalle discoteche e poter suonare su palcoscenici che

ciò che facciamo ascoltare lasciando un messaggio molto

possono permettere di esprimerci sempre di più durante

piu personale.

la nostra performance. Personalmente durante il live io

G-I nostri genitori hanno sicuramente influenzato for-

seguo più la parte di arrangiamento e mixaggio live tramite

temente il nostro background musicale facendoci ascol-

un launchpad + launchpadXL controller, Giovanni ha più

tare fin da molto musica di ricerca e qualità abituandoci a

margine di jam tramite multieffetti e interventi vocali, ma

non fermarsi mai su un singolo genere in particolare. Per

tutto è in continua evoluzione. G-Daniele ha piu il ruolo del

quanto mi riguarda tutto è partito da li ed è grazie a loro se

“regista” sulla parte instrumentale, il mio ruolo oltre quello

negli anni siamo sempre stati incuriositi da nuove sonorità,

di cantante è quello di stare dietro più alla parte di effet-

passando dai Platters, al’ hip hop anni ‘90 con i primi album

tistica tramite controller come il Korg Kaos Pad 3 oppure

di Mobb Deep, Nas e Wu Tang Clan fino alla scoperta di

lavorando direttamente sul mixer Pioneer DJM 2000Nexus.

sonorità più elettroniche con gli esordi di Fatboy Slim e Daft

Per gli effetti sulla voce utilizzo invece una pedalina Boss

Punk. Ad oggi ci piace ascoltare label come Young Turks

VE20.

ad esempio, la vocalità di Sampha ultimamente mi ha tras-

Nell’approccio musicale e nel cantato sento molte influ-

messo moltissimo a livello emotivo, ma anche le produzi-

enze dei Depeche Mode. Quali artisti vi hanno influenzato?

oni brit pop di artisti come come Jamie XX, SBTRKT o James

D-In verità i DM non sono tra le band che hanno influ-

Blake ci emozionano molto. Anche la ricerca e la sperimen-

enzato molto le nostre sonorità, Ci sono artisti come Mi-

tazione sonora di Arca e Fka Twigs o di Jon Hopkins ritengo

chael Jackson, Stevie Wonder, Ray Charles con i quali si-

che siano tra le piu alte a livello di qualità ad oggi.

amo cresciuti, che ci hanno dato tanto a livello emotivo e ci

La vostra prima release ‘Look In The Mirror’ EP è stata pub-

hanno insegnato come la musica possa regalarti emozioni

blicata per una sub label di Kompakt Records. La Connected,

di ogni tipo. Altri artisti come Bjork, The Chemical Brothers

fondata dal berlinese Terranova e dalla band inglese Stereo

o djs come Four Tet, Dixon, Maceo Plex ci hanno fatto ap-

Mc’s, che guarda caso deve la sua notorietà proprio al sin-

passionare al mondo della musica elettronica e capire sem-

golo omonimo ‘Connected’. Com’è nata la collaborazione

pre più come tradurre la nostra anima soul nel linguaggio

con la Connected?

della musica digitale. La nostra idea di live nasce non solo

G-La rete anche in questo caso ha giocato un ruolo molto

dalla musica che ci ha influenzato in passato ma anche dalla

importante. Era da poco uscito il primo video su i nostri so-

nostra esperienza come dj che abbiamo avuto negli ultimi

cial di “ Look in the Mirror “ live al Tinì Sound Garden ed in

week/ender | luglio 2017

7


poco tempo le visualizzazioni salirono anche al disopra delle

G-Il primo ep è

nostre aspettative. Da lì abbiamo ricevuto diverse proposte

stato creato nell’es-

interessanti per poter pubblicare la nostra prima release e

tate 2016 in vista

una di queste è arrivata proprio da Connected.

della

prima

data

Prima tramite Aaron , produttore Berlinese affiliato alla

live.Il testo di Look

label e subito dopo da Terranova & Stereo Mc’s. L’idea ci

In The Mirror lo

ha subito entusiasmato anche perché conoscevamo molto

scrissi proprio nel

bene i nomi di

periodo della nos-

tutti questi artisti,

tra ricrca in studio,

io personalmente

racconta infatti la

sono

nostra voglia di ri-

con

cresciuto molte

delle

partire con qual-

loro produzioni in

cosa di nuovo, con la coscienza del nostro passato alle

constante loop in

spalle ma con la voglia di sognare per il nostro futuro.

casa per giorni in-

A luglio è in uscita la vostra seconda release ‘Lose My Mind’

teri durante i miei

sempre su Connected, anche se è una traccia sulla quale

primi anni da dj.

lavorate da tempo. Addirittura è stata già suonata da Solo-

Come creato

avete il

vostro

mun al Destino di Ibiza la scorsa estate, una sorpresa immagino per voi?

primo EP, Daniele si occupa più dell’aspetto strumentale e

G-Come il primo ep, anche Lose My Mind fu registrata

Giovanni più dei vocal. Oppure la fase creativa, la struttura

nell’estate 2016. il supporto di Solomun è stata una grande

della traccia, viene sviluppata insieme?

sorpresa e fu un importante occasione per capire che quella

D-Nel corso degli anni abbiamo provato ogni tipo di

traccia poteva avere un grande potenziale. Anche il nuovo

metodo di collaborazione, dalla spartizione netta dei ru-

ep conterrà dei remix, due di influenza più deep house da

oli all’aiuto reciproco nelle varie fasi di composizione e ar-

parte dei label manager Stereo Mc’s e dal loro affiliato Flo-

rangiamento. Ad oggi abbiamo capito che non è possibile

rian Busse e una piu dub da parte del duo Artbat. Ci au-

schematizzare troppo il processo creativo, uno spunto può

guriamo che il nostro messaggio abbia lo stesso impatto del

venire fuori da ognuno dei due e la realizzazione di ogni can-

primo ep e che possa continuare ad arrivare sempre più

zone ogni volta è una storia a sè, si sa da dove si inizia ma

forte e lontano. Attualmente in studio stiamo lavorando

mai dove si finisce. Se c’è una cosa che abbiamo imparato

su produzioni che mirano non solo al dancefloor ma che

è di mantenere viva la comunicazione costantemente tra

possano esprimere le nostre emozioni piu a 360° aprendoci

noi due, anche nei momenti dove non siamo insieme ci te-

sempre di più le porte al mondo della musica elettronica.

niamo sempre aggiornati per evitare di perdere di vista i nostri obiettivi.

8

week/ender | luglio 2017

W/E


charts house

electro

MATTE BOTTEGHI 1. Barber Shop feat. Master Freez We Just Don't Give a Fuck 2. Coldplay/The Chainsmokers

RUBEN MANDOLINI 1. Ruben Mandolini - Kiss 2. Riva Starr The Wickedest Sound

Something Just Like This

3. Oliver & Oliver - Dope

(Don Diablo remix)

4. Francis White - Kindy

3. Sebjak e Will K - Kumasi 4. Jamis e MAD M.A.C. Renegade Master (Dimitri Vegas & Like Mike Edit) 5. Miami Blue e Marnik feat. Marano - Matador 6. Benny Benassi e Chris Nasty 2 My House

5. Armand Van Helden feat. Duane Harden U Dont Know Me 6. Ruben Mandolini - Strangers 7. Sante feat. Stereo MC's Need (Warehouse Mix) 8. wAFF - Karimba 9. PAWSA - Taking Over

7. Tiesto e Sevenn - BOOM 8. Danilo Secli - Reverse

10. Ruben Mandolini Deadloop

9. Merk & Kremont - Sad Story (Out Of Luck) 10. Lush & Simon e Sam Feldt feat. INNA - Fade Away

techno

FLAVIA LAUS

ANDREA MAZZA

1. Reform - Chaotic Dimension

1. Mazza - In The Sky

2. SHDW, Obscure Shape - Himmel Unde Erde

2. Solarstone & Meredith Call

3.Mark Boom - Frontline (Robert Hood Re-Plant Remix) 4. Lukas Freymuth - Heavy Rain (Buttschaft Remix) 5. Johannes Heil - B1 6. Josh Wink - Resist (Truncate V1 Remix) 7. Joris Voorn - I Ran The Zoo 8. DEAS - Memory Scan 9. Bas Van Hilten - Escape the night 10. UNER - Dimension 6 (Philip Bader Remix)

I Found you (Giuseppe Ottaviani Remix) 3. Fabio XB pres. Liuck feat. Eric Lumiere - More To Life 4. Alex Di Stefano What's The Catch 5. Gai Barone – Lost In Music (Solarstone Pure Mix) 6. Luca Antolini & Eddy Rave One Vision 7. Marini - Lost in the Sky 8. Somna,Yang & Cari - Feel You 9. T.F.F. & Steve Carniel - Prelude 10. Alexander Popov & LR - Clarity

week/ender | luglio 2017

9


Headlines and Social

PLX500 A TRAZIONE DIRETTA Nato dalla esperienza Pioneer nella realizzazione di deck

riprodotti con il PLX-500 e un impianto rekordbox dvs , non-

di alta qualità, il PLX-500 ricalca nell’aspetto il giradischi pro-

ché su un DDJ controller o su CDJ via USB. In alternativa puoi

fessionale PLX-1000 e riproduce un suono analogico caldo

ascoltarli sui tuoi dispositivi mobili in qualsiasi momento.

e chiaro. Il deck a coppia elevata è ideale per lo scratching,

Utilizzando la sua tecnologia di analisi audio, rekordbox ri-

dispone di tutto il necessario, tra cui cartuccia, puntina e

leva le pause tra i brani, creando nella tua collezione un file

panno antiscivolo, e la sua uscita USB che consente di ef-

separato per ciascuno di essi. In questo modo non devi far

fettuare facilmente registrazioni digitali di alta qualità dalla

altro che premere play per registrare singolarmente i vari

propria collezione in vinile, utilizzando il software gratuito

pezzi di un intero album da un supporto analogico, senza

rekordbox. Si può utilizzare il PLX-500 e il Plus Pack rekord-

dover interrompere e riavviare la registrazione tra un brano

box dvs per la riproduzione

e l’altro. Al termine po-

e lo scratching di file digitali,

trai

combinandoli con un mixer

e tag a tutte le nuove

DJM compatibile tramite il vi-

tracce.

assegnare

3.

nile di controllo RB-VS1-K. Si

nomi

Giradischi

a

elevata

con

diretta

per

può inoltre scegliere tra dif-

coppia

ferenti colori tra cui nera (PLX

trazione

-500-K) o bianca (PLX-500-W).

prestazioni da DJ e

I modelli PLX-500-K e PLX

rekordbox dvs

-500-W saranno disponibili

Il giradischi a coppia

da settembre, entrambi al

elevata con trazione di-

prezzo consigliato di € 349,

retta PLX-500 è ideale

IVA inclusa.

per mixaggio e scratch-

CARATTERISTICHE

ing. Può essere inoltre

PRINCI-

collegato al Plus Pack

PALI 1.

di rekordbox dvs per

Suono analogico di

alta qualità per vinile La serie PLX-500 ha ereditato le car-

riprodurre e utilizzare i file digitali usando un mixer com-

atteristiche di design del giradischi professionale PLX-1000

patibile DJM e il vinile di controllo RB-VS1-K (disponibili sep-

e riproduce il suono di alta qualità che ci si aspetta dal vi-

aratamente).

nile. La distanza minima possibile del routing audio dalla puntina alle uscite riduce la distorsione, mentre le uscite

4.

Copertura antipolvere con supporto per la custo-

dia dei dischi

line e phono permettono di collegare il dispositivo diretta-

Puoi gustarti il suono del vinile e al tempo stesso le coper-

mente al proprio sistema audio o amplificati per gustarsi il

tine dei dischi, appoggiandole sull’apposito supporto inte-

suono in tutto il suo calore.

grato nella copertura antipolvere.

2.

Facile registrazione digitale Grazie all’uscita USB in-

5.

Stesso layout del giradischi professionale PLX-1000

tegrata è possibile registrare la propria collezione di dischi

Il PLX-500 ha ereditato il design accattivante dal giradis-

in vinile sottoforma di file digitali WAV di alta qualità, sem-

chi professionale PLX-1000 ed è disponibile nelle seguenti

plicemente collegando il PLX-500 al proprio PC o Mac. L’ap-

versioni: nero (PLX-500-K) e bianco (PLX-500-W), per meglio

plicazione gratuita rekordbox facilita la digitalizzazione dei

integrarsi cromaticamente nella strumentazione o nell’arre-

brani, che una volta inseriti nella collezione possono essere

damento esistente.

10

week/ender | luglio 2017


Fashion and Cover

CUFFIE E OLANDA

1

1/HDJ-700KPioneer DJ. Riproducono frequenze medio-basse ricche e chiare. € 139,00

2

4

2/CX 7.00BT In-Ear Wireless Sennheiser Tecnologia wireless Bluetooth 4.1, autonomia di 10 ore. € 200,00

3

3/T-shirt SupALACE T-shirt Urban Simplicity from Holland € 29,95

5

4/ORGANIC BIO BAG Dall'Olanda la sacca bio firmata Mky.co € 14,99 5/SNAPBACK CAP NEUROFUNK Per gli amanti della drum e di Let It Roll € 24,99

GOLDIE SUMMER Dj Mag sbaraglia la concorrenza nel nu-

caso in concerto a Milano proprio a fine

mero di giugno piazzando in copertina il

giugno. Bella la cover di Dj Mag Spagna

grande dj inglese Goldie e la “nuova di-

con Hot Since 82, dj che sta imperver-

mensione della drum & bass”. MixMag

sando nella penisola iberica. Dalla Fran-

non è da meno e dedica la cover ai 40

cia Trax azzarda un Black Coffee con la

anni alla canzone di Donna Summer “che

sua house che è “diventata planetaria”.

ha cambiato tutto” ‘I Feel Love’. Scelta

Infine oltreoceano DJ Times ha dedicato

più convenzionale per Dj Mag Italia che

la copertina al veterano e eroe in patria

da spazio ai The Chainsmokers, guarda

Josh Wink! Un’estate molto Goldie!

week/ender | luglio 2017

11


Release Yourself

invia la tua demo a bootleg@virgilioclassics.com

bomb track of Week/Ender CARLO LIO feat. Nathan Barato Prey 4U Do Not Sleep

Il canadese Carlo Lio non sbaglia un colpo, come del resto non sbaglia un colpo la label di Darius Syrossian. Lio e Do Not Sleep viaggiano sullo stesso vibe. Percussioni e ganci da paura in questo ‘Prey 4U’. La title track in apertura è una infusione di energia e groove, con un sample di piano, un loop di drum e un vocal ripetuto all’eccesso che invita a lasciarsi andare. Segue ‘Shapeshifter’ con un mood più dark, ma quando credi non sia una traccia per te ecco il vocal e la percussione che squarcia l’intro. Lentamente la traccia cresce e avvolge il clubber, potente e di qualità. Chiude l’EP il remix “ Nacho Burrito” di ‘Prey 4U’ a cura di Nathan Barato. Molto più heavy techno dell’originale, di contraltare però c’è il vocal che sembra quasi freezare la traccia in una elettronica diversa. La mano di Barato è notevole, ma l’originale di Carlo Lio ha più personalità. ‘Morning

Più lineare ma

Due tracce molto

bentornato

rarefatta la title

easy, almeno ad

producer

track

con

un primo ascolto.

zero Dj Le Roi.

linea

di

‘Flask’

‘Hyemalis’

NICK GARCIA

molto

Aalto EP

Infine

Lifted Contingency

Woods

Torna Nick Garcia, e

ritmi tumultuosi.

una bassi

heavy. ‘In

The

Behind

e

Glory’.

‘Fairy-

Un

caloroso

tales’ sono tracce

sua

molto

lease

melodi-

al svizè

terza dal

traccia

ggiante quasi dis-

per far scatenare

tratta. 7/10

il

2015

Our House’, neb-

con

sotto-

YouRecords.

giovane

dj

ulosa e con mo-

testo old school

La title track è

producer

di

menti

ambient.

e progressive. La

muscolare e ip-

Zonneveld feat. La

lavoro.

prima ricorda le

notica, minimale

Coucou

colonne

ma

Ottimo

dopo il suo EP

8/10

sonore

con

‘Fenix’ del marzo

degli

’80

cussioni

scorso

ecco

anni

permolto

dei film di fanta-

incisive.

Due

‘Aalto’ sulla bos-

scienza,

remix

firmati

toniana

la

Lifted

Contingency.

Le

sonorità di Gar-

mentre

seconda

ha

da

Timo

dancefloor.

9/10

re-

ad oggi su Upon.

Washington DC,

perfetta

la

che e avvolgenti, un

tecnoide e onde-

i

Coyu

&

Reinier

My Head Is On Fire EP

Your Love DanceAndLove

MikMall e Paul

Filth On Acid

Il

MikMall & Paul Mind feat. Lorela

nome

della

Mind, due gio-

Maas

label parla chi-

vani

producer

un climax per la

e

youANDme.

aro: “Filtrare in

siciliani,

chiusura di un dj

Il grande Timo

Acido”. Il boss è

camente influen-

set. 7/10

rende la traccia

Zonneveld,

zati dalla house

una

artisti-

cia in questo EP

Chance Caspian

si fanno più scure

Flask / Fairytales

ancora più acida

sicurezza. A lui

music

rispetto ai ritmi

Yoshitoshi Recordings

e profonda, men-

si

lo

musica elettron-

Il

affianca

e

dalla

misterioso

tre il secondo for-

spagnolo

Coyu.

ica, si ritrovano

precedenti lavori.

Chance Caspian

nisce alla traccia

Ne viene fuori un

insieme a Torino.

Tre tracce labir-

debutta sulla Yo-

una

impronta

viaggio musicale

‘Your Love’ rap-

intiche e potenti.

shitoshi,

più groovosa e

condotto da un

presenta

Dark techno pura

aver

pubblicato

DJ Le Roy

oldskool.

Infine

kick martellante

di un amore, un

è

sulla

Sharam

Hyemalis

la release con-

e dal vocal di

party in piscina,

Upon.You Records

tiene

La Coucou. Una

un cocktail fresco

funky house dei

‘DivSeq’

con

suoni distorti e

12

dopo

lo scorso anno

week/ender | luglio 2017

‘Aconite’,

l'inizio


in riva al mare,

one degli addetti

presentante

una ventata di

ai lavori e sono

French

energia. Tra deep house e sonorità big room, con un

l’occhio

altro classico fin

Bulldog,

alle radio, grazie

dal primo ascolto

anche state pub-

è composto da

anche ad un riff

che conferma il

blicate sul canale

un trio di gio-

di fiati in puro

talento dei cre-

youtube

di

Mr

vani produttori e

stile gitano. La

atori di ‘A Short

Sheep.

musicisti romani

traccia è molto

Love Story’. 9/10

coinvolgente, im-

un

strizza

doppio vocal che

Davis & Zopela

Suicide

funziona.

Lima EP

Nel 2016 il suo

(Marco

Man-

Connaisseur Record-

remix di Charlie

tovani,

Matteo

Puth - ‘We Don’t

Romano e Ales-

fermi. È quella

Talk

sandro

Manzo).

che una volta si

Per-

fetta per l’estate. 6/10

ings

Dal

Brasile

il

Anymore’

possibile

stare

duo Davis & Zo-

feat. Selena Go-

Il trio scopre la

chiamava “riem-

pela! Ormai un

mez

traccia

pipista”. 8/10

nome must e di

un successo in-

‘Northern Lights’

riferimento della

ternazionale!

del trio svedese

Kristina Lalic

ha

avuto

acustica

Steve

Shaden,

house e techno.

‘Afterglow’

ha

Solskur e deci-

Denial EP

Benoit & Sergio

L’EP ‘Lima’ inizia

un sound deep

dono insieme di

Phobiq

You Eat You Want

con ‘Limba’, trac-

tropical

rielaborarlo

Steve

cia tech house

il punto di forza

chiave pop-mod-

Culprit

con l’aggiunta di

è la calda voce

erno

seguendo

SOMEWHERE ANY-

Kristina Lalic an-

Ogni release di

sonorità

tribali.

della

cantante

il filone Tropical

WHERE feat. Claude

cora una volta.

Benoit & Sergii è

Segue

‘Kapur’

Ciele. Lavoro di

House. Good job!

Eman

La release 'De-

una festa, il duo

ambient

gran classe! 8/10

8/10

gelocalizzato tra

imentale,

Roma e Berlino

efatta e svagata.

rilascia l’EP ‘You

Chiude

‘Metal-

Eat

Want’

EP

sper-

house,

in

rar-

Shaden

fa squadra con

Back Together

nial' si apre con

EGO Italy

la

Salto

indietro

title

track

potentissima

e

nel tempo con

martellante

al

lum’. Un EP che

con i Somewhere

cardiopalma.

sulla losangelina

merita più di un

Anywhere

Segue il remix di

Culprit. ‘Different

ascolto, di certo

sieme al braviss-

Thomas

Place’ è la traccia

non è il solito

MAURICHO

imo Claude Eman

che ne alimenta

di apertura, ibi-

sound. In Italia

RAME

e alla sua mer-

il

zenca ideale per

forse non siamo

JE | Just Entertain-

avigliosa

un

open

ancora pronti, al

air. Segue la title

Panorama bar si!

Time Records

track

6/10

Finalmente

You

party ‘You

Eat,

MAROMA SOLSKUR MAROMA

ballata

ica e industrial, in

tate.

un crescendo di sonorità. Chiude

‘The

FEAT.

SOLSKUR

You Want, robot-

Way You Get’ un

FEAT.

ment

‘Rame’ è il primo la

dell’es-

con un incedere di beat per un

‘Back

impatto

Together’

super.

singolo del nuovo

(letteralmente

Chiude la release

progetto

‘Phase’,

è una traccia pi-

che inizialmente

Lights’ è una di

Just

ena di energia,

si confonde per

quelle

ment.

vibrazioni

disco

poi partire con

tracce

EntertainUn

tool

traccia

da ascoltare in

pensato

il

e funky dall’ini-

una cassa dritta

macchina

dance floor che

zio alla fine. Un

implacabile. 8/10

si

men-

fatto per aprire

Afterglow

verso le vacanze

un dj set nel tem-

Sony Music

o

pio, ossia il club,

Kyle Stern aka

con un drink. È

ritmo e vocal ci

Attom arriva dall’

il primo singolo

guidano

in

IOWA.

del

viaggio

etereo.

8/10

voce.

Il nuovo singolo

“tornati insieme”)

tre

sue

sinistro,

Mauri-

ATTOM feat. Ciele

Le

lato

Evans

cho fatto in casa

‘Northen

intro di tre minuti

un

in-

in

per

viaggia spiaggia

progetto

prime produzioni

MAROMA,

che

hanno da subito

ha

rap-

come

attirato l’attenzi-

week/ender | luglio 2017

13


clubbing life

di Lorenzo Tiezzi

VACCHI, HILTON E IL CLUBBING!

Gianluca Vacchi non è l’antimusica e la sua presenza nei

un wrestler per un pugile? Un incontro di wrestling è uno

club italiani non è un problema terribile, tipo, che ne so, la

show, uno show divertente, che può non piacere… ma che

crisi globale del clubbing italiano. Quest’ultima è il prob-

non riuscirebbe bene a molti veri pugili e che ha regole pre-

lema, problema non causato da Gianluca Vacchi, che è la

cise, ben diverse dallo sport vero. Perché i cazzotti sono

versione italiana di Paris Hilton, “icona” di mille cose e non

finti, ma le cadute sono vere, il teatrino funziona, il diverti-

della musica. Criticoni / criticatori & critici professionisti ed

mento, per chi ama questi show, è assicurato.

amatoriali dovrebbero sapere e magari tatuarsi dove non

E quindi, perché, in nome della musica, accanirsi contro

batte il sole che la Hilton suona pure all’Amnesia di Ibiza.

due non dj come V&H? Lo si fa quasi sempre perché non

Non vi sembra una cosa seria? Avete ragione. Ma d’altra

si ha altro da fare. Non vi piacciono V&H? Non andate alle

parte, da quando il clubbing mondiale è una cosa seria?

loro serate. Non è mica così difficile. Vacchi ad esempio l’8

Se in uno dei locali top al

luglio 2017 ha fatto

mondo ogni tanto suona

una serata al Mr.

Paris Hilton, che si alterna

Charlie di Lignano

con “veri” dj come Sven Vath

Sabbiadoro. Chi non

e Marco Carola, evidente-

ama il suo mondo di

mente per l’Amnesia e per

balletti, stile, diver-

il mito ibizenco non è un

timento,

ricchezza,

problema. Non è un’opin-

belle

ione quest’ultima, è un fatto.

semplicemente

Anche perché la bella Hilton

norarlo. La mia poco

e il bel Vacchi incarnano en-

interessante posizi-

trambi una parte che molti

one personale è che

dei già citati in precedenza

Vacchi mi piace ma

(criticoni / criticatori & crit-

a piccole dosi. I suoi

ici professionisti ed ama-

balletti non li guardo

toriali). Ovviamente, come

da mesi, le sue raga-

sanno tutti, anche coloro

zze sono bellissime e

che di musica non capis-

vedo nei suoi occhi

cono molto e che la musica

una luce di diverti-

la amano fino ad un certo

ragazze

può ig-

mento che mi sem-

punto, V&H (Vacchi e Hilton) non sono dj. Fanno dj set “finti”

bra mancare a troppi “protagonisti” dell’intrattenimento.

eppure non fanno nessun danno ai veri dj, anzi, in qualche

Cari super “talenti” dell’intrattenimento, si fa emozionare e

modo danno lustro alla figura del “vero” dj ed alla musica

si fa divertire quando ci si diverte. Vacchi lo fa, tanti altri

elettronica.

parlano e non lo fanno.

Cosa sono V&H? La definizione perfetta l’ha data Francesco

E ora veniamo a cose più concrete e meno opinabili. I

Sarzi, vocalist “vero” (ovvero professionista e competente in

problemi del clubbing italiano ci sono perché nei 364 giorni

quello che fa), dopo una serata in cui ha accompagnato Vac-

dell’anno in cui non suonano V&H nei locali si suona mu-

chi al microfono, al Pineta: tra V&H ed un “vero” dj passa

sica brutta. Con dj incapaci. Con show inadeguati. Senza

la stessa differenza che passa tra un wrestler ed un pugile.

promozione. Ho ascoltato, come dicevo, la Hilton al Sesto

Chi scambierebbe, dopo aver compiuto di 10 anni di età,

14

week/ender | luglio 2017

di Desenzano (foto Sesto Senso): la sua scaletta è più bella


dj set del dj italiano medio. Conoscete un dj italiano che suoni “Time” dei Pachanga Boys in una discoteca? La Hilton l’ha fatto (se non conoscete il pezzo andate ad ascoltarlo). Al Pineta mi si dice che Vacchi abbia fatto il record di incasso. Il suo cachet senz’altro non basso, ma per un locale è un modo facile (e divertente, ripeto, divertente) per “riempire”. I locali non sono Onlus…il problema, lo ripeto, è il resto. E pure chi dice invece i dj set techno sempre uguali, sempre con gli stessi nomi, logori (…) sono invece manna dal cielo. Il problema è anche il muro sempre più alto, irraggiungibilmente alto che c’è tra musica “commerciale” (ovvero, ormai quasi solo reggaeton) e “techno”. Possibile che non si possa proporre anche qualcosa di diverso? Non è che mancano le idee? Non è che il copia & incolla è ormai il modo standard di fare programmazione nei club? Qualche mese fa Solomun ha suonato in Italia dieci volte in poche settimane. Da qualche mese il suo nome è quasi sparito dai calendari (con la bella eccezione del dj set al Muretto di Jesolo ad inizio giugno). Come mai? Costa troppo? E perché allora altrove suona ancora tantissimo? Non è che un nome come il suo, perfetto per chi ama la house e pure la musica easy e pure un po’ l’elettronica (come Luciano, per capirsi) i club italiani non sanno presentarlo, comunicarlo, gestirlo? Perché non la smettiamo sempre di dare la colpa al pubblico, che giustamente decide quel cavolo che vuole e ce la prendiamo un po’ noi addetti ai lavori del clubbing italiano?

week/ender | luglio 2017

15


new destination

T.F.F. è un progetto musicale creato

piano si è evoluto un vero e proprio

da Silvio Amata nel 2010. Fin da raga-

progetto, sempre più serio, sempre

Con Steve c’è stata empatia totale

zzino è attratto dalle sonorità elettron-

più elaborato e tuttora in via di svi-

fin dalla prima traccia. Lui mi ha in-

iche e durante questi anni mostra un

luppo ed evoluzione. Da pochissimo

segnato parecchio ed è una figura che

grande amore per le sfumature trance

ad esempio grazie alle capacità infor-

io definirei puramente “tecnica”. ‘Pre-

e progressive che vanno dai 120 ai 140

matiche di mio fratello, ho potuto in-

lude’ è stata una traccia fortemente

bpm mostrando specialmente, grande

augurare il mio sito ufficiale.

voluta da entrambi, elaborata nei (rari)

com’è nato?

ammirazione per artisti come Above &

C’è anche un messaggio chiaro, la

momenti liberi di entrambi ma che ci

Beyond, Armin Van Buuren, Paul Van

trance per gli amici. Oltre alla musica

ha pienamente soddisfatto a risultato

Dyk, Markus Schulz, Solarstone e molti

che messaggio vuoi trasmettere?

finito. Ancora più desiderati sono stati

altri. Da luglio 2010 inizia a lavorare a

La pagina inizialmente era stata cre-

i due remixer, Horizons e Mark Found,

fianco di Andrea Mazza all’interno di

ata per dare la possibilità a chiunque

che hanno fatto un lavoro a dir poco

Trance Evolution, storico programma

di divulgare e pubblicizzare le pro-

eccellente. Desideravo un’uscita total-

di musica trance e progressive tras-

prie tracce, i propri set, le proprie es-

mente italiana e sono stato acconten-

messo da M2O.

perienze all’interno delle varie serate

tato al 100% dalla Old Sql.

Ciao Silvio! Il progetto T.F.F. è nato

e/o festival. Insomma, era un modo

nel 2010. Quindi ormai è un progetto

di creare occasioni per chiacchierare,

che ha continuità e esperienza, ma

chattare e confrontarsi e quindi far

come sei arrivato a pensarlo?

nascere nuove amicizie. Poi questo

Ciao Weekender. A questa prima

primo obiettivo è sempre più scemato

domanda potrei rispondere che inizial-

e la pagina si è sviluppata in favore

mente non si trattava di un vero e pro-

del vero e proprio progetto che attu-

prio progetto. Il tutto nasce nel 2010

almente è in vigore. Resto comunque

appunto, come una semplice pagina

favorevole anche adesso al confronto

fan pensata e sviluppata grazie ad

con chi mi contatta, estranei e non.

un’innata passione per la musica elet-

Sempre più spesso mi chiedono con-

tronica che coltivo fin da piccolo. Ai

sigli, feedback ecc. e la cosa mi fa es-

tempi non esisteva la miriade di pag-

tremamente piacere.

ine attualmente attive su FB e quindi

Recentemente con T.F.F. hai pubbli-

mi sembrava un'idea carina ed utile

cato la release ‘Prelude’ in collaboraz-

per conoscere nuova gente e confron-

ione con Steve Carniel, con il quale hai

tarsi su una passione comune. Con il

realizzato praticamente tutte le tue ul-

passare del tempo però, la mia curi-

time release. Un EP, che già contiene

osità per le varie sfumature di questo

alcuni remix, su Old Sql Recordings è

mondo musicale si è sviluppata e pian

una bella soddisfazione. Raccontaci

16

week/ender | luglio 2017


LA TRANCE NEL CUORE

week/ender | luglio 2017

17


Rispetto alla tua prima produzione

più importanti della trance?

400 e mi trovo davvero bene. Sono

‘Vestali’ come è cambiato il tuo sound

Oltre 7 anni di collaborazioni, serate,

macchine fantastiche e estremamente

o qual è stata l’evoluzione del tuo

fiducia reciproca ed amicizia vera e sin-

precise e per me quello è il set up

suono?

cera mi permettono di pensare ad An-

ideale. Ma ho suonato spesso coi cdj

I suoni in generale sono sempre e

drea ormai quasi come ad un fratello.

200 e 400 e a volte ho usato qualche

costantemente in evoluzione. Da ‘Ves-

Cosa mi ha insegnato? Semplice: tutto!

controller. Una pecca? Non ho mai

tali’ sono passati parecchi anni ed in

Dall’usare i programmi più semplici a

suonato coi vinili ed è una cosa di cui

questo lasso di tempo mi sono sem-

quelli più complessi, ai trucchi per la

mi pento amaramente. Spero di rime-

pre più appassionato a sonorità più

produzione, al gestire le sue pagine

diare quanto prima.

scure e a melodie più tendenti alla

personali, la chart, prendere parte at-

Non solo trance però, i tuoi mixati

progressive che alla trance. Le trovo

tiva all’interno della trasmissione. Mi

vedono spesso la presenza di sonorità

più stimolanti e meno banali delle

ha letteralmente consegnato le chiavi

progressive, deep e perfino house.

classiche melodie trance ed uplifting

di Trance Evolution. Grazie a lui, con

Come mai?

che mi ispirano sempre meno

Sono per la piena apertura mu-

ultimamente. E magari a breve

sicale. Da ragazzino ascoltavo

tenterò anche qualche nuovo

anche techno e hardcore. Non

esperimento con sonorità pro-

mi piace fossilizzarmi solo su

gressive house.

un genere o sottogenere. Come

I dj o le tracce che ti hanno

dicevo prima, i suoni progressive

ispirato a seguire il mondo della

mi prendono molto più ultima-

trance?

mente e questo lo faccio traspar-

Sono tanti gli artisti che mi

ire nei miei mixati. Ma adoro

hanno ispirato. Tutto cominciò

anche la progressive house in

intorno al 1999 quando mio zio

stile Anjunabeats o Zerothree

mi portò dall’america “Trance-

per capirci. Nelle mie zone poi va

port”, un cd di un certo Paul

molto la deep house ed ho avuto

Oakenfold con all’interno una

spesso modo di potermi esibire

musica che per me, ai tempi,

live e proporre alla gente questo

risultava molto particolare ma

genere.

che mi prese immediatamente.

Le tue tracce sono state sup-

Da lì in poi scoprii nomi come

portate da artisti quali Giuseppe

Paul Van Dyk, Above & Beyond,

Ottaviani, Solarstone e Mario

Armin Van Buuren ed altri mos-

Più. Con chi vorresti collaborare

tri sacri che mi fecero scoprire

per una tua release e perché?

i loro capolavori e mi aprirono

Avere supporti da parte di ar-

un mondo. Attualmente, come dicevo

l’inserimento di ragazzi esperimenti

tisti di questo calibro non fa che riem-

prima, seguo più le sonorità progres-

come i Colonial One e con la certezza

pirti di orgoglio. Gente del genere

sive e sicuramente l’artista a cui mi

dell’ormai storico admin Mauro Hard-

prima la ascoltavo soltanto e adesso

ispiro di più è il mio amico Gai Barone.

boy, si è creato un team solidissimo ed

invece ti supportano, c'è il piacere

Di lui ammiro il fatto che è riuscito a

efficace. Facciamo fronte alle difficoltà

di confrontarsi con loro, conoscerli

creare delle sonorità proprie, partico-

che spesso ci si parano davanti con al-

di persona e ascoltare i loro preziosi

lari e di successo. Con un pubblico così

trettante soluzioni ed innovazioni…o

consigli. Sarebbe bellissimo fare una

esigente come l'attuale direi che ha

almeno ci proviamo! Di certo, l'affetto

collaborazione con Solarstone per

fatto centro pieno.

e la fedeltà degli ascoltatori ci ripag-

quanto mi riguarda. Lui fu il primo big

ano di tutto.

che mi supportò e col quale successi-

Sempre nel 2010 hai iniziato a lavorare a fianco di Andrea Mazza all’interno di Trance Evolution su m2o. Com’è lavorare con uno dei dj italiani

Quando suoni qual è il tuo set up ideale? Possiedo degli XDJ 1000 e un djm

vamente firmai due tracce. Una collaborazione con lui sarebbe davvero la ciliegina sulla torta. W/E

18

week/ender | luglio 2017


week/ender | luglio 2017

19


IKARUS festival del mese

In Germania a due passi dal Nord Italia, appena cinque

alti del festival. Altro stage attiguo il Medusa, il primo dei

ore di macchina, c’è un festival pazzesco: Ikarus Festival.

tre stage all’interno di un hangar. Il venerdì si alternano

Location è l’ex aeroporto militare di Memmingen. Il tipico

generi come hardcore, goa e trance. Il sabato è cassa

festival German Style. Campeggio e sei stage per due giorni

dritta techno con un’infilata che in Italia basterebbe per

intensissimi. Dei sei stage la metà sono ex hangar dal fas-

un solo festival: Anja Schneider, Oliver Huntemann, Ro-

cino enorme. Il 9 e 10 giugno scorso la terza edizione, che

driguez Jr., Agoria e Matthias Tanzmann.

vede il festival crescere ancora. Dopo la prima edizione con

Per raggiungere gli altri tre stage si passa attraverso la

14mila persone e la seconda con 25mila nel 2017 si regis-

zona food, uno stradone largo con tanto di recinzione

trano 35mila persone. Una crescita esponenziale.

con filo spinato dove si trova ogni tipo di cibo. I prezzi

Quando si entra ad Ikarus la prima zona che si incontra

farebbero concorrenza a McDonalds e il cibo è vera-

è il campeggio, enorme. Non ci sono solo tende, ma anche

mente di qualità, rarità in un festival! Il primo stage che

gazebi enormi da fiera. La sensazione è di un dancefloor

incontriamo è l’Hade. Nei due giorni tanti dj tedeschi e

camping, mini stage sparsi nell’area di campeggio con mu-

non poco conosciuti da noi. Da annotare Sven Schaller,

sica elettronica di tutti i generi. L’ingresso vero dell’area fes-

Angy Kore e Pappenheimer. Su tutti però rimane viva

tival è pieno di banchetti di merchandising non ufficiali, tra

nella mente la performance di The Advent, potente e

gli altri anche lo stand di InterSport (si proprio il franchising

coinvolgente. Di fianco c’è l’ultimo hangar stage, l’Onos.

sportivo che c’è anche in Italia). All’ingresso campeggia la

Claptone, Oliver Koletzki e Monika Kruse sono solo al-

statua di Icaro, il messaggio limpido è che si può iniziare

cuni dei big che si esibiscono all’Onos. In questo stage

a volare. Si incontra subito il primo stage Minos Tent, un

c’è spazio anche per I live e che live. Il venerdì Reinier

mega tendone, con la console montata su una impalcatura

Zonneveld incanta con le sue sonorità acide e il sabato

che sovrasta tutto lo stage come se fosse al secondo piano. Memorabili i dj set del nostro Sam Paganini il venerdì e di Kölsch il sabato. Discorso a parte per Sasha Carassi, il set di apertura del festival è penalizzato dalla poca affluenza, ma sempre tanta qualità. Nelle vicinanze una mega piscina, dove i clubbers tedeschi fanno il bagno nonostante le temperature non siano proprio estive. A due passi dalla zona relax c’è il Pool Stage-Smirnoff Sound Collective, altro non è che un caravan americano parcheggiato davanti ad uno spiazzo. Tutto molto spartano, ma molto suggestivo. La chiusura del venerdì con gli Andhim è uno dei momenti più

20

week/ender | luglio 2017


FLY HIGH

gli Agents of Time ribaltano lo stage

tra stop and go degni di un super festival. Ultimo, solo per distanza, è il main stage. Non è enorme, ma crea un ambiente molto familiare. Gli idoli locali fanno il pienone, da Alle Farben a Frtiz Kalkbrenner, dai Moonbotica

agli Ostblockschlampen (davvero incontenibili). Altro nome da annotare in questa trasferta tedesca sono gli Ströme, con il loro stupefacente live analogico sono capaci di infiammare tutto il main stage. Ikarus è un festival non solo ben pensato e ben riuscito, ma uno di quei pochi festival dove ciò che conta è solo la musica e la timetable offre solo buona musica. Un festival che gli italiani dovrebbero scoprire!

W/E

week/ender | luglio 2017

21


djane del mese

LIVIA

La DJ con la Telecamera Se venisse scritto un libro sugli strani modi per arrivare

Ciao ragazzi! Mentre vi rispondo sono proprio sull’aereo

in console, di certo la storia di Livia Giammaria aka L I V I A

di rientro dall’Islanda. È stato tutto come un sogno ad occhi

sarebbe in top ten. Livia, geolocalizzata tra Parigi e Roma

aperti. Era già la seconda edizione che suonavo al festival

ma con un piede anche a Berlino, si è avvicinata al mondo

Secret Solstice a Reykjavik e devo dire che sono estrema-

dei club e della musica elettronica grazie alla passione per

mente orgogliosa di partecipare a questo evento unico al

il documentario. Tutto è iniziato nel 2005 con il docufilm

mondo. Quest’anno gli stage erano ancora più grandi e la

‘Electronic Music’, dove Livia ha avuto occasione di conos-

performance dei Prodigy nonostante la temperatura rigida

cere personaggi come Richie Hawtin e Ricardo Villalobos.

e la pioggia è stata esplosiva! Io che sono cresciuta con la

Poi sono arrivati i primi aftermovie (Weather Festival), video

loro musica sono rimasta colpita dal fatto che non sembra-

clip (Ilario Alicante) e altri documentari. Il maestro di Livia

vano aver preso una ruga ne fisicamente ne musicalmente!

è stato Giancarlino del Goa Club di Roma, che le ha tras-

Ero molto preoccupata per la mia performance dato che

messo una passione viscerale per il vinile. A gennaio scorso

suonavo l’ultimo giorno del festival in una tenda gigante. I 5

ha pubblicato la sua prima release, ‘Proper Real Deal Party

stage erano aperti a quell’ora per cui era anche abbastanza

Girl’ su Get Physical. Nell’ultimo anno Livia è stata resident

difficile pensare di riempie tutto quello spazio ma poi a sor-

al Coho Apartment di Roma e ha chiuso la stagione con la

presa dopo 30 minuti si è riempito e mi sono divertita come

performance al Secret Solstice.

una ragazzina (ride, ndr). Solitamente soffro un po’ di an-

Ciao Livia! Sei appena tornata dal Secret Solstice, un festival

sia quando arrivo on stage, ci metto un po’ a rilassarmi ma

pazzesco in Islanda! Dove tra gli altri hanno suonato i Prodigy!

poi non vorrei mai smettere di suonare. È stato un peccato

Com’è andata?

suonare solo per un’ora e mezza! L’evento più memorabile

22

week/ender | luglio 2017


che mi è successo durante questo viaggio è stato quello di

almeno con me sono sempre calorosi e gentili come una

passare 5 ore seduta a parlare con Kerry Chandler, che mi ha

volta. Negli ultimi anni i dj sono diventati degli idoli, vero.

raccontato tutta la sua storia, sono rimasta cosi colpita dalla

L’“idolatria” però esiste molto in Italia o quando suonano

storia di quest’uomo cosi umile che ha attraversato tutte le

a Ibiza magari. Poi quando tornano a casa loro, a Berlino,

epoche dal vinile al digitale, producendo dall’hip hop (aveva

dove sono TUTTI dj, tornano ad essere delle persone nor-

un progetto che molti non conoscono chiamato Kaoz) alla

mali. Ricardo va in giro con i figli al parco e Richie balla al

housei. I suoi racconti mi hanno veramente emozionata e

Club der Visionaere con la sua ragazza come una volta

abbiamo anche pensato di farne un documentario.

senza che nessuno lo vada a disturbare. Credo che avere

Rimaniamo in Islanda, paese che avevi avuto modo di

una famiglia o per lo meno una relazione stabile sia molto

conoscere in passato al Sonar Islanda. Simile al Secret Sol-

importante per rimanere in piedi quando hai una carriera

stice?

cosi intensa. Mi diceva proprio questa cosa Kerri Chandler,

Il Sonar in Islanda è tutta un'altra storia, anzitutto si svolge

che è sposato e ha due figli che vivono nel New Jersey: “si

d’inverno. Quindi mentre per il Secret Solstice non c’è 1

è vero quando passo da un palco all’altro e sono in tour

minuto di notte e 24 ore di luce, d’inverno è il contrario con

magari mi sento importante, ma poi torno a casa e per la

pochissime ore di luce e sempre buio con quelle meravi-

mia famiglia sono il tipo che taglia l’erba in giardino, a loro

gliose luci verdi delle aurore boreali. Il festival si svolge in

non interessa quello che faccio quando sono on tour e per

un unico luogo che sarebbe l’equivalente di un palazzo dei

me va benissimo cosi”.

congressi: Harpa. Quando ho suonato li era il 2015 e penso

Rimanendo nell’ambito della produzione video, hai avuto

sia stato il primo grosso festival al quale partecipavo. Mi ricordo che ero nei camerini dove parlavo con artisti di fama internazionale come Todd Terje, Paul Karlbrener e pensavo che non ce l’avrei mai fatta a salire su quel palco. A sorpresa invece mi sono sentita subito a mio agio ed è andata benissimo! Un bel passo indietro ora! Il mondo del clubbing lo hai avvicinato nei primi anni 2000 con la tua prima grande passione, ossia i documentari. E hai iniziato subito con i big, giusto? Ho conosciuto Richie (Hawtin, ndr) e Ricardo (Villalobos, ndr) come quasi tutti gli altri, facendo interviste. Poi durante il mio primo viaggio a Berlino ho avuto l’occasione di sentirli suonare e ballare con loro in posti come il Club der Visionaere che 10 anni fa accoglieva si e no 15 persone al massimo… per cui erano tutte situazioni molto intime. Continuo e vederli in giro per il mondo e non credo siano cambiati,

week/ender | luglio 2017

23


modo di lavorare con il Goa Club di Roma e di girare teaser per

Per molti anni sono stata richiesta come Dj per le fash-

club importanti come il Cocoricò. Spesso alle nuove generazi-

ion week, e sono stata anche resident dj in alberghi di lusso

oni di dj si recrimina di non avere memoria storica dei club nei

come il Plaza Athénée di Parigi. Ovviamente ero cosciente

quali suonano. A te decisamente non manca?

che ero assunta più per il fatto che sono una ragazza che

È vero, ho vissuto molti club e festival importanti viag-

per la mia musica. Ovvio che non potevo arrivare e suon-

giando anche tanto. Ma non credo che sia necessario avere

are la musica che avrei voluto e non si trattava neanche di

visto queste cose per capire come suonare in un determi-

suonare in vinile. Però devo dire che per me è stata una

nato luogo. Credo che molti vivano nel passato e trovo che

vera scuola. Anzitutto mi ha permesso di imparare a suon-

sia piuttosto positivo che ci siano dei giovani dj che si insedi-

are con tutti i tipi di Cdj, se no sarei rimasta sul vinile avendo

ano nelle console dei club storici. Ad esempio al Goa, dove

solo i Technics a casa (risata, ndr)! E poi mi ha insegnato

c’è la giovanissima Adiel. Sono felice di portare con me tutti

ad essere estremamente eclettica nella mia programmaz-

questi nei ricordi che ho, ma vorrei rimanere sempre aperta

ione musicale e trovare della bella musica in tutti i generi.

e curiosa verso quello che deve ancora succedere!

Vedo molti Dj che arrivano e suonano solo unicamente un

Nell’ultimo anno sei stata resident al Coho Apartment, un

genere e non sanno fare altro, molti non imparano a fare

progetto suggestivo nel cuore di Roma dove una casa privata

compromessi per parlare a un altro tipo di pubblico. A me

si trasforma in un club. Un bel concept che rivoluziona le di-

piace invece fare scoprire al pubblico la musica che amo,

namiche del clubbing. È come un

ma per questo bisogna prima

club, ma più esclusivo?

approcciarli con una musica

Il Coho è un posto molto

che possano capire. Non po-

speciale, anzitutto è uno dei

trei mai e poi mai suonare

pochi club nel centro storico di

commerciale, però ho sem-

Roma. Simone Menasse, Ric-

pre con me quelle tracce che

cardo Sargeni e Stefano Pap

funzionano con qualunque

hanno fatto un gran lavoro

tipo di pubblico. Le tracce che

di scenografia, hanno reso il

chiamo “crowd control” (con-

luogo veramente unico. Il club

trollo del pubblico).

è diviso in due spazi: il Coho

Sono sempre di più le dj

Apartment e il Coho Theatre.

donne in questi ultimi anni,

Ho avuto la fortuna di suonare

pochissime però suonano il

nei due e ho anche festeggi-

vinile. Per te sembra essere un

ato il mio compleanno al Coho

rapporto viscerale. Raccontaci

Apartment e per l’occasione

di questa passione?

hanno trasformato il locale sul

Quando sono tornata dal

tema bird (birds day per dire

mio primo viaggio a Berlino

compleanno). Mi hanno anche

con tutti i vinili promo che

dato fiducia per la line up della

mi avevano dato, alcuni che

serata e ho potuto invitare le

suono ancora tra cui il promo

mie amiche parigine di RA+RE

di Marionette firmato da Ma-

records e la colombiana Eva

thew Jonson di cui sono molto

Luzia (resident del BAUM a Bogotà). Abbiamo quindi suon-

affezionata. Dovevo suonare a casa queste tracce, che mi

ato a 8 mani ed è stato veramente bellissimo suonare con le

avevano fatto vibrare l’anima nei club berlinesi. In più ho

ragazze! Spero che mi ridaranno questa opportunità anche

ricevuto anche qualche consiglio di Giancarlino, direttore e

l’anno prossimo, vorrei fare parte della crescita di questo

Dj resident del Goa, che mi disse che se dovevo imparare a

nuovo club!

suonare bisognava farlo prima di tutto con il vinile. Quindi

Di certo esclusivi sono i party per Chanel ai quali hai suonato

con i soldi che avevo guadagnato vendendo il mio primo

a Firenze, Milano per Elita e Torino lo scorso aprile. Qual è il tuo

documentario mi sono comprata i piatti, una spesa enorme

approccio a questi djset nei quali spesso la musica è più un sot-

ricordo! Fatto sta che poi se cominci a collezionare e suon-

tofondo?

are i vinili si crea un rapporto sentimentale con ognuno di

24

week/ender | luglio 2017


loro. E un approccio alla musica veramente diverso perché

ché del titolo (risata, ndr). Sono sempre stata ispirata dai

ogni traccia è un oggetto che puoi tenere nelle tue mani.

groove anni ‘90 ed era quello che ho cercato di fare in quella

Per esempio nonostante tutti i vinili che ho posso sempre

traccia. Le prossime tracce che sto realizzando però sono

ricordarmi per ognuno di loro le tracce, dove e quando l’ho

abbastanza diverse. Specialmente nell’ultima versione di

comprato. Il vinile poi costa e quindi la tua selezione e quasi

‘l’Ile’, sul mio Soundcloud c’è la versione acustica. Quello che

sempre più accurata di quando compri le tracce in digitale.

sto cercando di fare ora è di

In più molte tracce che suono sono su label che pubblicano

creare un groove e un beat

solo su vinile. Devo però essere sincera, quando viaggio

molto potente e rude che si

molto, come questo mese di giugno, non posso portarmi

contrasti con una melodia

molti vinili dietro e quindi registro le tracce in MP3 prima di

molto sottile e un pò ro-

partire. Qualche settimane fa ho suonato a un after party in

mantica, sicuramente per-

villa per 8 ore dopo il Nevalon Festival, se non avessi avuto

ché è un contrasto che mi

tutte quelle tracce sulle mie chiavette mai avrei potuto

corrisponde molto.

suonare cosi a lungo con i vinili che mi ero portata.

Documentarista, dj e anche

Non solo “metti” i dischi

cantante. Spicca su tutte

ma produci. A inizio anno

la tua collaborazione con

hai pubblicato la release

Jamie Jones nel 2012 per

‘Proper Real Deal Party Girl’

‘Over Each Other’ su Cross-

su Get Physical. Una bella

town. Non capita tutti i giorni

traccia deep. Di fatto è la

di prestare la voce per una

prima traccia totalmente

traccia di Jones. Com’è an-

tua, giusto?

data, raccontaci?

Sono ormai molti anni

Jamie e io abbiamo vissuto insieme a Londra e NYC, a

che produco ma che non

quell’epoca mi ero allontanata dalla mia passione per il

finisco mai una traccia, sono pessima nel finire le tracce

Djing e facevo soprattutto video (tra cui video clip anche con

forse perchè mi annoio facilmente. Credo molto nel talento

lui). Una sera eravamo a Londra e avevamo un volo al mat-

e l’esperienza del sound engineer e nel sapere mixare la

tino prestissimo per NYC. Eravamo in questa casa incred-

traccia, io questo non ce l’ho (ancora!). Ho il mio piccolo tal-

ibile di 5 piani dove lui ha lo studio e dove c’erano sempre

ento nell’iniziare le tracce ma non nel finirle. Quindi ho un

dj che suonavano. Quella sera c’era anche Seth Troxler che

sacco di tracce quasi finite che un po’ per curiosità avevo

registrava un set nel salotto per 5 ospiti, per dire. Insomma

mandato a Philip di MANDY, che ha la label Get Physical.

avevamo bevuto qualche bicchiere e dovevamo rimanere

Lui mi disse che avrebbe voluto che finissi quella traccia

svegli per non perdere il volo, molto semplicemente ci si-

per farla uscire. La storia di questa traccia è poi abbastanza

amo messi in studio e in un’oretta avevamo registrato la

buffa. Ero a Berlino, per gioco avevo preso il microfono e

traccia. Dopo di che ci siamo allontanati e quasi non ho più

cantato un po’ in francese sul set del mio amico Yannick

rivisto Jamie. Un anno dopo mi propose di far uscire la trac-

Robins. Dopo il suo set siamo andati al Panorama Bar e li mi

cia perchè Damian Lazarus la voleva per la sua label Cross-

venne a parlare San Proper che non sapevo chi fosse e mi

town Rebels. Sono stata un po’ sorpresa perché quando poi

propose di provare a fare una registrazione insieme. Quindi

la riascoltai era uguale al momento in cui l’avevamo regis-

eccoci a registrare lui ed io nel bagno di un after party le

trata, quindi nessuno ci aveva quasi rimesso le mani e cosi

voci di ‘Proper real deal party girl’. Ora capite anche il per-

“raw” come quando l’avevamo registrata quella sera. W/E

week/ender | luglio 2017

25


time to festival

PIONEER E IL FATTORE K A luglio va in scena la nuova edizione del Kappa Futur Fest, la più grande manifestazione italiana outdoor dedicata

Jones e molti altri. Non mancano i talenti italiani come i Tale Of Us e Carola Pisaturo.

all'elettronica. Sabato 8 e domenica 9 luglio al Parco Dora

“Le nostre soluzioni per il djing, sono lo standard quali-

di Torino arriverà il meglio della house e della techno mon-

tativo scelto dai più importanti addetti ai lavori – afferma

diale.

Luca Desina, Country Manager di Pioneer DJ per il mercato

Pioneer DJ conferma il suo impegno, sia per il mondo dei

italiano – Abbiamo voluto rendere disponibile il nostro equi-

professionisti sia per gli appassionati di musica, di sup-

pement per il Kappa FuturFestival che è la manifestazione

portare la sesta edizione del Kappa Future, unico festival

più rilevante d'Italia, in linea con la filosofia del brand che

italiano dedicato alla musica dance presente nella classi-

sceglie di supportare tutta la club culture, anche durante i

fica SIAE. Nell’ultima edizione ha registrato oltre 40.000

più grandi eventi a livello globale”.

presenze, di cui il 20% estere. Pioneer offrirà il meglio della sua tecnologia per le performance dei DJ di fama internazionale e non, che si esibiranno durante le due giornate, da mezzogiorno a mezzanotte. I tre palchi del festival saranno allestiti con console di ultima generazione Nexus-2, il set up di riferimento per Dj e club in tutto il mondo. La line up vede la presenza di big come il re della techno tedesca Sven Vath, il leggendario dj house Carl Cox, l'artista di punta della famosissima etichetta Hot Creation, Jamie

26

week/ender | luglio 2017


week/ender | luglio 2017

27


resident dj

FUNKYMAN

FEDERICO GRAZZINI

28

week/ender | luglio 2017


Federico Grazzini è il resident dj del Sankeys di Ibiza, nella

va guadagnata giorno dopo giorno, e questo vale sia per

serata del giovedì denominata Unusual Suspects. Grazzini

l'estero che per l'Italia, il concetto di libertà di esprimersi

è un talento tutto italiano con oltre dieci anni di esperienza

spesso è limitato dalla volontà stessa di esprimersi, inteso

non solo in console, ma anche alla produzione. Le sue res-

come la scelta di prendersi dei rischi o meno. Io cerco sem-

idenze prima del Sankeys sono state al Cocoricò di Riccione

pre di metterci del mio, sia nelle serate che faccio come

e al The Zooproject (Ibiza). Ha suonato nei club più impor-

guest quando vado in giro, e a maggior motivo nei miei set

tanti della scena mondiale come il Cielo di New York, il Wa-

da resident, dove hai davanti una parte di pubblico che vedi

tergate di Berlino e il Fabric di Londra. Ha un’anima funk e

più spesso, ed hai il doppio obiettivo di mantenere la tua

non si pone limiti nella produzione musicale, spaziando da

linea e di dare qualcosa di fresco ogni volta.

tracce techno per Terminal M a remix ufficiali per Raiz degli

Recentemente

Almamegretta. Grazzini vanta una lunga collaborazione in

è uscito un VVAA

studio con Alex Neri e Marco Baroni dei Planet Funk. Recen-

della Claque Music

tementa ha pubblicato la sua nuova release ‘Owl’ su Claque

di Carola Pisaturo,

Music.

un doppio vinile

Ciao Federico! Per te la stagione al Sankeys con Unusual

con 8 tracce. La

Suspects non si ferma mai! Tutti immaginano Ibiza d’estate,

Side C2 contiene la

ma la festa c’è anche nel resto dell’anno, giusto?

tua ‘Owl’. Una bella

Diciamo che ci siamo arrivati con un po' di rincorsa. Du-

traccia minimal tech, con un vocal molto underground e

rante l'inverno ci manteniamo caldi con un party mensile

sound nature. Come sei arrivato a questa traccia, l’hai com-

invece che settimanale, e devo dire che i risultati sono stati

posta appositamente per la label della Pisaturo?

sorprendenti, sia a livello di numeri che a livello di vibrazioni.

Quando sono in studio lavoro liberamente, non metto dei paletti per rimanere dentro lo schema di quella o quell'altra

Anche quest’anno avrai la tua residenza del giovedì al

label, a lavoro finito poi ragiono su quale potrebbe essere

Sankeys. Cosa vuol dire essere resident in uno dei club più

la destinazione migliore per i miei lavori. Su Claque non era

importanti della Isla?

la prima volta, e non sarà l'ultima, ti confido che già siamo

Vuol dire instaurare un rapporto, oltre che con i clienti va-

al lavoro per la prossima, con Carola bastano poche parole

canzieri che vanno e vengono durante la stagione, anche

per intendersi su quello che piacerebbe fare ad entrambi

con i residenti dell'isola, con i quali hai modo di fidelizzare

per il bene della release, scorre sempre tutto in maniera

in una maniera diversa, e con tutto lo staff, che durante la

molto naturale. Riguardo ‘Owl’, come succede molto spesso

lunga estate ibizenca diventa come una seconda famiglia. In

ultimamente, la traccia è figlia di una sorta di jam session

più ti da l'opportunità di esprimere ed affinare una vera e

live in studio, era sera, stavo ascoltando uno spezzone di un

propria idea di suono, cosa che non sarebbe possibile attra-

concerto dei Talkin Heads, uno dei miei gruppi preferiti di

verso un solo dj set.

sempre, e durante l'intro sento una sequenza... stop! Fermo

Tra l’altro di residenze te ne intendi dopo quelle allo

tutto, campiono quel secondo e poco più, lo filtro e inizio a

Zooproject sempre a Ibiza e al Cocoricò. È vero che il resi-

giocarci sopra con le drum machines, trovo molto in fretta

dent all’estero è più considerato, mentre in Italia si aspetta

l'alchimia giusta e il resto viene fuori quasi da solo, come

solo il guest?

se la traccia fosse stata già nell'aria, solo da imprimere su

La considerazione per un resident è una “pagnotta” che

qualche supporto per non farla volare via.

week/ender | luglio 2017

29


30

week/ender | luglio 2017


Va registrato il successo

comprende anche Marco Baroni, socio storico di Alex dagli

di ‘Bender’, traccia che da

esordi, nato tanto tempo fa e di cui abbiamo parlato più

giugno

suonata

volte, quello che può essere più interessante sapere, ve-

regolarmente. Quali sono le

scorso

è

dilo come un aneddoto, è che noi siamo stati veramente

tracce che più rappresentano

rinchiusi in uno studio per 7 anni, quelle che vedi nei negozi

il tuo sound?

di dischi e digital stores sono solo la minima parte dei la-

‘Bender’ era contenuto nel primo vinile della mia la-

vori che abbiamo voluto rilasciare, ma ci sono una quantità

bel Ubuntu, dove sono contento di dire che tutte e

enorme di tracce, a volte fatte esclusivamente per i nostri

quattro le tracce contenute hanno avuto un ottimo

set, che non hanno mai visto la stampa. Mi ricordo di una

riscontro. Su quelle che più rappresentano il mio

sera di un 1° gennaio, di ritorno dalle gig di capodanno,

sound dovrei aprire un capitolo intero, vista l'etero-

dove siamo passati in studio solo per scaricare le borse dei

geneità dei miei lavori: non ho mai voluto stringere

vinili, e all'alba della mattina seguente eravamo ancora lì,

il campo su un genere definito, non mi rispecchiere-

con un disco nuovo quasi finito.

bbe, sono troppo innamorato della musica nella sua totalità, ma al tempo stesso ho sempre cercato di

Oltre Alex Neri, quali sono i colleghi a cui devi di più per quello che sei oggi e quelli con i quali vorresti collaborare?

inserire degli elementi che fossero riconducibili alla

Se nasci a Cortona negli anni 80 come me, la molla che

mia passione primordiale per il funk. Se ne dovessi

ti fa mettere le mani in un vinile non può essere stata che

nominare una però, non ci penserei troppo a nomi-

Jovanotti, poi, sicuramente come per tanti dj della mia zona

nare ‘Tokyo’, certo che in quel rullante di funk ce n'è

e non solo, Ralf, quello che ha fatto da lanterna per le pro-

un bel po'.

duzioni Blade from Jestofunk, e quello che mi ha fatto aprire

Hai pubblicato su tante label importanti, Defected,

gli occhi sul fatto che potesse diventare un lavoro a tempo

Terminal M, ecc. Ci sono label sulle quali vorresti

pieno Stefano Fontana aka Stylophonic. Con chi vorrei col-

pubblicare? Oppure nell’immediato punterai di più

laborare? Se dico Thom Yorke sparo troppo alto? Se sognare

sulla tua Ubuntu Rec? Come sta andando?

è legittimo, in lui vedo proprio la scintilla del genio.

Come ti dicevo sopra, cerco di fare musica per il

Guardo sempre le tue

gusto di farla come mi piace, non tanto per arriv-

jam session sui social,

are a una certa label, nonostante ce ne siano parec-

in rigoroso VHS format.

chie che seguo assiduamente e rispetto. In più se ci

Qual è il set con cui crei

metti quella componente morbosa che hanno i dj

le tue tracce e quanto

per la ricerca dell'introvabile, mi infatuo spesso dei

c’è di preparato e di cre-

movimenti nuovi e delle label nascenti che li accom-

ato live, al momento?

pagnano. Ubuntu è un progetto atipico, dove mi pi-

Premesso

che

ogni

ace mettere su vinile cose mie e di amici che suono

tanto per scongiurare la noia metto tutto in discussione e

spesso nei miei set, senza la necessità della continu-

ribalto i miei metodi, in questo momento quello che vedi

ità tipica di una label tradizionale, quasi un labora-

nelle jam session esprime fedelmente il mio metodo di com-

torio se vogliamo. La prima uscita è andata molto

posizione e arrangiamento. Una volta trovata la struttura di

bene, sono pronto per la prossima, ed ho sempre le

una traccia, lascio tantissimo spazio all'esecuzione dal vivo,

antenne alzate per quello che potrebbe far parte di

credo che il feeling che si ottiene da un arrangiamento live

questo collettivo.

sia molto più efficace nel dance floor di tanti ghirigori estet-

Guardando le tue produzioni c’è una certa costanza

ici che spesso rimangono fini a se stessi.

di collaborazione con Alex Neri. Partendo magari

Come definisci il tuo sound?

dalla vostra prima release insieme (che se non sba-

Le collaborazioni insegnano, stimolano, arricchiscono,

glio è ‘Habla’ sulla SCI+TEC di Dubfire nel 2009) per

spronano a fare sempre meglio, a scoprire lati nascosti, e

arrivare a ‘Desert Rose’.

più sono insolite più vanno a scavare dove non si sa quello

Guardando bene ai vari alias usati come autori in

che si trova. Spero di trovarmi davanti alla stessa domanda

precedenza, sono sicuro che potresti trovare cose

tra altri dieci anni, e di avere ancora come adesso il dubbio

fatte insieme anche molto prima, ma lasciamo un po'

su come autodefinirmi, voglio che la ricerca mi accompagni

di lavoro ai curiosi :) Con Alex c'è un rapporto di la-

all'infinito, e spero di aggiungere ancora tante sfaccettat-

voro-amicizia-stima-collaborazione, che ovviamente

ure. W/E

week/ender | luglio 2017

31


most wanted

un grande evento techno. In timetable Ben Klock, The Martinez Brothers e Matador . Il dj e producer irlandese Gavin Lynch aka Matador ha aperto l’evento poco prima del tramonto in un Arenile già gremito. Il suo è stato un live spettacolare e memorabile. Altra perla per il dj irlandese la performance al ventennale di Awakenings. L’estate di Matador sarà molto ibizenca, infatti si dividerà tra DC-10, Amnesia e Pacha. Nell’ultimo anno Gavin sta avendo ottimi riscontri con la sua label Rukus. Ciao Gavin! Nei prossimi due mesi ti dividerai tra Ibiza e i festival. Awakenings e Sonus su tutti. Estate piena? Sì, questa estate sarà la più impegnativa per me, soprattutto a Ibiza. Sto suonando in qualche nuovo party con buoni amici, un paio dei miei soliti gig e sono molto eccitato di fare il mio debutto all’Amnesia per Elrow e Cocoon. La stagione dei festival è sempre un grande divertimento, un sacco di bella gente e sole, cosa c’è di meglio?! Nell'aprile scorso hai suonato al fabric di Londra. Da irlandese cosa ha significato per te suonarci? Il fabric era un club dove andavo da quando ero più giovane, per il fine settimana da Dublino. E ballavamo per dodici ore. Quindi, era una notizia molto triste che potessero chiuderlo. La cosa meravigliosa è come il fabric è tornato, ossia grazie alla nostra comunità musicale che ha sostenuto enormemente la causa del club. Il sostegno della scena elettronica ha rovesciato la decisione dei poteri forti. Quando ha riaperto e sono stato contattato per suonarci sono stato molto contento. È un'istituzione del clubbing.

32

week/ender | luglio 2017

foto credit profili FB ufficiali Matador e Paradise Official

Lo scorso giugno all’International Talent all’Arenile di Bagnoli a Napoli c’è stato


IL MATTATORE DEL SUONO

L’11 giugno sei tornato in Italia, a Napoli dove avevi già suonato due anni fa. Cosa pensi della scena italiana? Ho suonato parecchio in Italia nei miei primi anni con Mi-

faccio, da un set standard. A inizio 2016 hai fondato la label Rukus. Come procede la label?

nus e ho sempre avuto esperienze fantastiche con i clubber

L'etichetta è stata una delle cose più organiche da svilup-

italiani. Sono selvaggi e pieni di energia, caratteristiche che

pare dal mio progetto Matador. È stato originariamente cre-

un irlandese come me percepisce positivamente. Alcune

ato come uno sfogo per pubblicare la mia musica, consen-

delle mie serate migliori della mia carriera, oltre a Napoli,

tendomi la flessibilità nel mio programma di release. Presto

sono state al Muretto e al Cocorico.

uscirà un nuovo album di remix con una incredibile collezi-

Nel 2016 sei stato premiato come Best Live Performer. Dicci

one di artisti. Sono davvero entusiasta di presentare nuovi

qualcosa dei tuoi show, come differenzi una performance live

artisti con RUKUS quest'anno, c'è tanta ricchezza di talenti

da un normale djset?

e producer creativi là fuori. Abbiamo tante uscite cool in ar-

Con un ‘live set’ l’accordo è quello di suonare oltre i tuoi

rivo!

lavori. Questo è! Suoni ciò che hai composto in maniera differente dalla traccia originale. Questo coinvolge tutti i singoli elementi della canzone registrata separatamente, poi suonati, manipolati e mescolati in diretta con i controllor midi dei tamburi e vari effetti. Non porto mai troppe attrezzature con me, solo i computer portatili, una scheda audio MODEL1 e la mia scheda audio Antelope, tutto in valigetta a mano. In questo modo non devo controllare nulla quando viaggio. Avere strumentazione da controllare mi potrebbe dare un sacco di stress! Quindi il mio set-up è semplificato in qualcosa che ritengo sia pratico ed efficace, dandomi abbastanza controllo aggiuntivo per differenziare quello che

week/ender | luglio 2017

33


(risata, ndr). Suonando con le proprie mani e con qualunque attrezzatura apre a tante nuove idee ed è anche divertente! Sei Ambasciatore del PLAYDifferently MODEL1 di Richie Hawtin. Cosa significa essere amabasciatore? Rich mi ha invitato nel suo quartier generale per provarlo e sono rimasto immediatamente colpito. Sembrava analogico, caldo, lussureggiante. Era qualcosa che stavo cercando, per il mio set up dal vivo, un pratico mixer analogico per “incollare” tutta la mia musica insieme, cosa più importante! E poi suona alla grande! Essere un ambasciatore è una scelta facile quando il prodotto viene distribuito a tutti i livelli, ed è molto divertente lavorare con la squadra PLAYdifferently. Collaborazioni in futuro tra di noi? Fabio è il primo, gli altri Inizialmente hai prodotto solo tuoi dischi, una sorta di one man label, ora stai aprendo l’etichetta ad altri artisti. Prima ANNA ora Carlo Ruetz. Quali sono le basi della label?

chi lo sa... Infine una curiosità. Perché hai scelto Matador come nick del tuo progetto?

Melodia. Questa è la chiave. Ogni release deve avere un

Ho sempre pensato che il personaggio del matador fosse

forte gancio o riff, qualcosa che ti cattura immediatamente.

abbastanza dark e misterioso. E un sentimento simile attra-

E la mia attenzione sarà sempre concentrata sulla qualità

versa gran parte della mia musica. Sentii che il nome fosse

del suono, sempre alla ricerca del migliore suono che possa

abbastanza adatto al suono. Semplicemente questo!

esserci. ANNA e Carlo, e gli altri artisti coinvolti con RUKUS, hanno capito questo e si sono appassionati nel perseguimento del mio stesso obiettivo. A luglio ad esempio uscirà ‘Levity’ di Fabio Florido, un altro del team MODEL1! La tecnologia oggi, software e computer, oggi permette di produrre la musica più facilmente che in passato. Il rischio però è l’omologazione. Come la vedi? Ho un magazzino pieno di apparecchi analogici e credo che sia certamente la strada giusta per differenziarsi e creare un suono personale. Si tratta della combinazione di questi strumenti, hardware e software, in questo modo si può creare un proprio flusso e un proprio sound. Questi sono tutti passi per avere un suono diverso dagli altri. Ed è molto più divertente che fissare lo schermo di un computer

34

week/ender | luglio 2017

W/E


week/ender | luglio 2017

35


mix world

RADIO DATE

Si parla spesso dell’industria musicale come di un’industria in crisi. Nell’ambito musicale però ci sono delle isole felici, questo sono le radio. Abbiamo incontrato Andrea Belli di 105INDAKLUBB, Dimo di Radio Piter Pan, Dj Marietto di Silver Music Radio, Gianpiero XP di Radio Ibiza e Lucio Scarpa di Radio Globo. di STEDANO PRIMALUCE

DJ MARIETTO – Silver Music Radio #THISISSTOP C’è tanta dance nel mondo, diffusa ormai in tanti modi. Cosa è cambiato negli ultimi anni? È un discorso molto vasto. Sicuramente la prima cosa che è cambiata è la voglia di divertirsi. Prima bastava ANDREA BELLI - 105INDAKLUBB

una disco, un dj, della buona musica ed il gioco era fatto. Si andava per ballare, per ridere e per ascoltare

Andrea, come sei arrivato a lavorare a Radio105?

musica che poteva essere bella o brutta, ma era co-

Arrivo dal mondo delle discoteche degli anni 80 e con

munque musica da ballo. Poche produzioni rivolte per

una piccola esperienza in una radio locale genovese,

lo piú al mondo della notte e del divertimento. Oggi

quelle gestite in maniera amatoriale, ma altrettanto

sono tante e tante le produzioni con lo scopo prin-

genuina. Il mio arrivo a 105 è stato nel più semplice dei

cipale di fare la hit per spopolare. Ma poi in realtà si

modi: serviva una persona volenterosa, con la giusta

pensa alla gente che andrà nei locali per divertirsi?

volgia di imparare e che quando lavora non guardi

Forse proprio questo è cambiato. Uno degli obiettivi

l’orologio! Avevo 22 anni e non guardavo mai l’orolo-

del dj era quello di far uscire la gente dai locali con il

gio! Da quel momento in poi ho fatto esperienza in

sorriso, ora non si pensa piú a questo...

regia fino ad arrivare all’ideazione e produzione di un

Cosa rappresenta per te This Is Top?

programma che proprio quest’anno ha compiuto 13 anni.

Innanzi tutto vi dico cos’è. #THISISTOP è il mio programma radiofonico che va in onda tutti i mercoledì

Dove nasce la tua passione per la musica?

dalle 15.30, su silvermusicradio.it. Si tratta di un pro-

Nasce da un mio pallino coltivato sin dall’età di 13

gramma di intrattenimento basato su tutto ciò che nella

anni dalla batteria e anche da una piccola collezione

vita può essere bello, fantastico, esagerato, insomma

di dischi anni 60 di mia madre. Ascoltavo e accom-

TOP. La musica è a 360 gradi, pop, dance (pochissima

pagnavo ritmicamente prima con una batteria artigia-

Italiana), con ospiti provenienti da ogni mondo artis-

nale composta da fustini e scatole di detersivi (chi non

tico. Insomma #THISISTOP è un programma dinamico

si ricorda il fustino del Dixan?), poi con una vera batte-

e pieno di VITA. Ora vi dico invece cosa rappresenta

ria in perfetto setup stile Ringo Starr! Dopo aver suon-

per me: è un pó il ritorno alla radio. Dopo l’esperienza a

ato in un paio di gruppi per quattro anni, una sortita in

Radio Maliboom boom, infatti, mi sono un pó allontan-

discoteca mi ha folgorato e all’indomani riuscii a farmi

ato da questo mondo, ma poi, come tutte le vere pas-

comprare piatti e mixer iniziando un nuovo percorso

sioni che ti chiamano e non ti mollano mai, ho voluto

diventato poi un lavoro.

rimettere piede in questo magico mondo della radio.

36

week/ender | luglio 2017


DIMO - Radio Piterpan

GIANPIERO XP-RadioIbiza-GoGoTime

LUCIO SCARPA - Radio Globo

C'è tanta musica nel mondo, dif-

Lavorare nel settore della musica.

Radio Globo nasce a Roma come

fusa ormai in tanti modi. Cosa è cambiato negli ultimi anni?

Pro e contro?

Gamma Radio e, nel 1986, Cesare

Io direi che chi ha la fortuna di

Benvenuti e Virginia Dantas, attuale

È cambiato il sistema distributivo:

lavorarci non conosce "contro": ci

proprietaria ed editore insieme al

rendere la velocità di distribuzione

sono solo ed esclusivamente "pro".

figlio Bruno Benvenuti, rilevano

così orizzontale e a basso costo im-

Chi sceglie di lavorare con la musica

l'emittente con il nome di Radio

plica volumi enormi e sincronizzazi-

lo fa per passione quindi si incon-

Globo. Il palinsesto dell'emittente

oni sempre più difficili dettate dalla

trano soavemente passione e lavoro

Radio Globo è composto da pro-

voracità del mezzo. Quello che resta

(che a me non pesa mai anche se la-

grammi musicali, notiziari, infor-

è la musica che fondamentalmente

voro 7 gg su 7).

mazioni sul traffico oltre che da al-

è ricorsiva e sempre più targhettizzata. Dove si arriverà?

Come sei arrivato a fare il deejay radiofonico?

cuni programmi di intrattenimento di successo. Nel 2012 l'emittente ro-

All'età di 14 anni ho iniziato a fare

mana pubblica il singolo "Il pulcino

Da qualche parte sicuramente.

il dj, negli anni ho lavorato in altri

Pio", divenuto un vero e proprio tor-

La cosa fondamentale è avere una

campi ma quando arrivava il week-

mentone dell'estate di quell'anno.

identità e non essere la copia di

end, in qualsiasi posto d'Italia la-

qualcos'altro; così una strada prima

vorassi tornavo sempre al mio club

o poi la si trova sempre...secondo

per suonare in console. Fui notato

La spontaneità, l'umorismo, la fre-

me i sentieri scuri selvaggi ed im-

ad un Tour "Martini" da "qualcuno"

schezza. Siamo una radio giovane

pervi sono quelli più belli, ma va a

che mi propose di fare anche il con-

che piace a tutti.

gusti.

duttore radiofonico perchè avevo

Quali sono le armi vincenti di Radio Globo?

La radio dei tormentoni e delle hit?

Progetti per il 2017?

voce e carisma. Così, per gioco, mi

Radio Globo è l'emittente delle hit,

Sto producendo un sacco di gio-

sono ritrovato grazie ai miei editori

i brani di grande successo. Ma an-

vani talenti con la mia BeLove e sono

(la Famiglia Niespolo in particolare

che la radio che da oltre dieci anni

molto contento dei risultati. Ho un

Marcello) a condurre programmi

"sforna" tormentoni estivi. Cerchi-

paio di singoli miei già piazzati sul la-

su Radio Ibiza nonchè la program-

amo di regalare l'allegria e la spen-

bel blasonate internazionali house.

mazione musicale. Soddisfazione è

sieratezza ai nostri ascoltatori, senza

Sto lavorando ad un paio di singoli

stata quella di produrre e remixare

strategie. "Il pulcino Pio" è nato così,

nuovi per l'inverno da solo. Sono fi-

progetti dance con vari pseudonimi

poi è diventano un fenomeno mon-

ero di quello che sto facendo come

(Xp, Deluxe, Vital G) con grossissime

diale, ne andiamo fieri.

dj, come producer ed anche in radio

soddisfazioni già acquisite.

(Piterpan): abbiamo chiuso il 2016 con tutti record e ora siamo la radio

Raccontaci un po' di Gianpiero privato?

Merito del successo di Radio Globo è il tuo, come mai? Io cerco sempre di dare il massimo.

totalmente leader nel nord est nel

Amo la tranquillità e la serenità.

Adoro la qualità, sotto ogni punto di

settore giovanile. Bisogna trovare

Odio la tv e non amo per niente il

vista: dalla creazione dei jingle alla

nuovi stimoli quindi: voglio firmare

gossip. Sono un salutista sfegatato:

programmazione musicale.

io personalmente e con la BeLove

non bevo, non fumo, cerco di man-

Un tuo hobby?

una hit anthem ... io ci provo!

giare sano e sono amico delle per-

Vado pazzo per l'aeromodellismo.

sone oneste e leali (infatti gli amici veri sono pochissimi...).

week/ender | luglio 2017

37


goers

#11

L'ISOLA del DIVERTIMENTO

Il primo luglio, in chiusura di giornale, ci siamo regalati un viaggetto a Monaco di Baviera per il nostro primo Isle Of Summer. Tre stage collocati in un enorme maneggio alle porte di Monaco. In line up tra gli altri Ben Klock, Enrico

prende una esperienza unica per I nostril ospiti e la ex base militare è una parte fondamentale del pacchetto. L’impronta musicale di Ikarus e di Isle of Summer è techno, anche se c’è spazio anche per altri generi. Giusto?

Sangiuliano, Alan Walker, Deborah De Luca e Alle Farben.

Si penso che siamo nella giusta strada, diamo spazio a

Dalle 11 della mattina alle 22. Una super festa baciata dal

tutti I generi così ogni clubber si sente ripagato dei costi

sole, clubbers con la voglia di divertirsi e musica perfetta!

sostenuti. Così proseguiremo in questa politica dei generi e

Chiaramente lo stop alle dieci di sera ci ha un po’ spiazzati.

anche nell’ospitare negli stage le label, come è successo ad

Fortunatamente a seguire l’Isle of Summer by Night, fantas-

esempio ad Ikarus con Cocoon.

tico after party nel mitico club Rote Sonne. Durante la giornata abbiamo scoperto che l’organizzatore

E ora si punta dritti ad Echelon il 19 agosto e poi il Contact di nuovo a Monaco?

di Isle of Summer, Stefan Sumper (foto sotto), è lo stesso

Beh, Echelon è un grande one day festival open air che

di Ikarus (Festival del mese, pagina 20), Echelon e Contact.

farà impazzire tutti i clubber, come tutti i nostri festival. Si

Così abbiamo approfittato per fare due chiacchiere.

svolge nella famosa stazione di monitoraggio satellitare di Bad Aibling con vista sulle Alpi. Contact, invece, si svolgerà il 2 dicembre ed è una grande produzione indoor con 4 stage unici e spettacoli di luce molto speciali. Artisti elettronici internazionali come al solito. Sono diversi i dj italiani che suonano ai vostri eventi: Paganini, De Luca, Carassi, Tale Of Us. L’audience tedesca li apprezza? Lavoriamo con gli artisti techno italiani da molti molti anni. Tutti loro sono molto stimati dal nostro pubblico. Noi amiamo ogni singolo dj e attualmente stiamo tenendo d’occhio i nuovi nomi. Gli inviti seguiranno (ride, ndr)!

Ciao Stefan! La stagione è iniziata alla grande, giusto? Ciao ragazzi, siamo orgogliosi dei 35 mila visitatori ad Ikarus. Adesso è ancora presto per Isle of Summer, ma a giudicare dagli stage andrà bene. Ikarus è stata una nostra idea di un grande ma bel camping festival con dj per tutti quelli che amano la musica elettronica. Siamo stati ad Ikarus e siamo rimasti sbalorditi. Quanto è importante la ex base militare come location? È molto importante. Noi vendiamo un festival che com-

38

week/ender | luglio 2017


Save the date

segnala i tuoi eventi a weekender@virgilioclassics.com

8-9 luglio CHRIS LIEBING Cocoricò, Riccione

NINA KRAVIZ

Tini Soundgarden, Cecina

BRIAN SANHAJI Padova Pride Village

15-16 luglio PAGANINI-MADONNA Guendalina, Santa Cesarea

LUCA AGNELLI

LARRY HEARD

Redentore, Venezia

Circolo Magnolia, Milano

LOCO DICE

AFROJACK

22-23 luglio DAX J-GARY BECK Timeless Festival, Roma

Il Grido, Gallipoli

Diabolika, Cocoricò

CAROLA PISATURO

CHRIS LIEBING

29-30 luglio GIORGIA ANGIULI

Wicked Summer Fest, Varese

Tini Soundgarden, Cecina

Guendalina, Santa Cesarea

week/ender | luglio 2017

39


facebook.com/MatadorOfficial

M A T ADOR #VERSUSCOVER 40

week/ender | luglio 2017

Profile for WEEKENDER

Weekender 14  

Weekender 14, luglio 2017 Super cover con il progetto Pôngo;bomb track del mese Carlo Lio; Lorenzo Tiezzi con AllaDiscoteca su Gianluca Vacc...

Weekender 14  

Weekender 14, luglio 2017 Super cover con il progetto Pôngo;bomb track del mese Carlo Lio; Lorenzo Tiezzi con AllaDiscoteca su Gianluca Vacc...

Advertisement