Page 1

eart threepointzero

environment | art | research | technology

zero/2010

environmental media by WWAmbient


eart threepointzero zero/2010

cover image n #2 from the “Umana-mente” series © Edoardo Piva

editor in chief Ilaria Testa creative director Marco Cassinera copy editor Alessio Sciurpa managing editor Michelle Nebiolo

Copyright © 2010 WWAmbient – Some Rights Reserved – This work is released under the terms of the Creative Commons License Attribution-Noncommercial 2.5 Italy (http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it - http://creativecommons. org/licenses/by-nc/2.5/it/deed.en). This publication is free to download from our website (and websites linked to it) and is published under Creative Commons license. This means that all parts of eart threepointzero can be printed, quoted and circulated without modification and for non-commercial use only, with the sole obligation of quoting www.wwambient.it as original source.

subscribe to our newsletter

Green font Registration in Turin’s Court of Law - n° 20, March 19, 2010

We are using Ecofont - Spranq_eco_sans_regular.ttf, based on an Open Source font and it is free to use (developed by SPRANQ - www.spranq.eu). Is a type of font that uses up to 20% less ink, especially with laser printers.


Da 8.000 a 0 Form 8,000 to 0 2.376 download nei primi 5 giorni. 5.590 download nei primi 3 mesi. 27 download in media ogni giorno. Per un totale di oltre 8000 download fino ad oggi... ...vorrà dire qualcosa?

2,376 downloads in the first 5 days. 5,590 downloads in the first 3 months. 27 downloads a day, on average. Summing up, over 8,000 downloads up to this day... ... could this mean something?

Il tutto senza nessuna campagna di lancio, contando solo sulla rete, sulla qualità del prodotto e dei suoi contenuti.

Without any kind of launch campaign, just counting on the web, and on the quality of the product and of its contents.

Sono questi i numeri del concept “eart”, environmental media rilasciato a Maggio 2009 sotto licenza creative commons, in free download.

These are the figures for eart, the environmental medium released in May 2009 with free download under creative commons license.

Da quell’esperienza nasce ora eart threepointzero evoluzione del concept eart.

From that experience, now a new project is born: eart threepointzero an evolution of eart’s concept.

Nuove features, nuovi contenuti multimediali, ma soprattutto un nuovo editore, nuovi amici, nuovi sostenitori ed una nuova squadra in redazione, aggregatasi spontaneamente intorno al progetto eart... ...da 8.000 a 0, quindi, ripartiamo da questo nuovo numero zero/marzo 2010

New features, new multimedia content, but first and foremost a new publisher, new friends, new supporters and a new editorial team, which spontaneously came together around the project... ... so, from 8,000 to 0. We are starting over with this new issue zero/March 2010

threepointzero

eart

L’editoriale di Ilaria Testa Editorial by Ilaria Testa

Nella speranza che questa nuova avventura ci riservi le stesse emozioni della precedente... ...un grazie ad AICA (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale), che ha contribuito allo sviluppo del primo concept “eart” e oltre 8.000 ringraziamenti particolari a tutti voi.

Hoping this new adventure will hold the same surprises as the last one... ... we thank AICA (International Environmental Communication Association) for contributing to the development of the first eart concept, and over 8,000 of you all.


eart

threepointzero environmental media Teorizzare un “ENVIRONMENTAL MEDIA” ci ha portato a compiere determinate scelte. Innanzitutto una pubblicazione in formato digitale la cui produzione, diffusione e fruizione è di gran lunga meno impattante rispetto all’editoria di tipo tradizionale, oltre naturalmente a delineare features coerenti con tale finalità.

pdf interattivo – facilitare la fruizione non lineare del testo accrescendone l’usabilità. Attraverso semplici funzioni di sharing, ogni singolo contributo editoriale può essere postato su piattaforme diverse.

no print – promuovere una cultura che riduca i processi di stampa solo allo stretto necessario e al contempo familiarizzi gli utenti con le molteplici risorse disponibili on line e che spesso faticano a soppiantare i processi di tipo tradizionale.

testi al fondo – porre tutti i testi al

green font – utilizzare un font che in fase di stampa, ove necessario, faccia risparmiare risorse.

impaginazione orizzontale –

numero monografico – stimolare spunti ed idee innovative. In ogni numero un giovane artista viene invitatoad esplorare il rapporto tra l’uomo ed il suo ambiente.

creative commons – facilitare la libera diffusione dei contributi editoriali, con l’unico obbligo di citarne la fonte.

extra –

sharing – stimolare la diffusione di contenuti di qualità verso un pubblico potenzialmente interessato. Il fine non è la visibilità ad ogni costo, per questo selezioniamo le piattaforme di sharing e utilizziamo i feed RSS.

facilitare la visualizzazione e la lettura, evitando lo scroll. Più un file è leggibile, meno energia è richiesta per la sua fruizione. Più ne aumenta la velocità di fruizione, meno CO2 viene emessa in atmosfera. facilitare l’approfondimento della tematica trattata attraverso contenuti multimediali e link utili, a compendio dei singoli contributi editoriali.

fndo ed in sequenza continua, riducendo al minimo gli elementi grafici. Pensando anche a chi, per esigenze personali, professionali o di salute non può fare ameno di stampare, indicando già noi unanetta linea di demarcazione tra l’aria stampabile e l’aria non.


eart

threepointzero environmental media Theorizing an “ENVIRONMENTAL MEDIA” has led us to make certain choices. We decided to create a digital publication that could be produced, circulated and read causing far less impact than traditional magazines. Thus, we came up with features that are coherent with that goal.

interactive pdf – we aid non-linear fruition of text, increasing its usability. With simple sharing options, every single article can be posted on different platforms.

no print – we promote the culture of

texts in the back

green font – fonts are chosen amongst

horizontal layout - comfortable on-screen visualization and reading minimize scrolling. The more readable a file is, the less energy is required to use it. And quicker use means less CO2 released into the atmosphere.

monograph – to encourage new

creative commons – we promote editorial contents’ free circulation – with the only requirement that you quote the source.

extra – multimedia content and useful links complete editorial features and support in-depth knowledge of the subject issue.

sharing – we want quality content to reach a potentially interested readership. Our goal is not to achieve visibility at all cost – that’s why we have selected only certain sharing platforms and use RSS feeds.

those that require fewer resources when printing is necessary.

reducing printing to the bare minimum, helping users become accustomed to the many available online resources that are struggling to replace traditional processes.

– all texts are placed at the back of the magazine, in one continuous section with minimal graphic elements. For those who really cannot do without printing – for personal, professional or health reasons – we draw a line between the printable and non-printable areas.

suggestions and innovative ideas, in each monograph issue a young emerging artist is invited to explore the relationship between man and his environment.


Contributors to this issue

Susanna Anderegg

Marco Butera

Felice Di Luca

Alison Kriscenski

Swiss aid worker, she was sent to Peru by Misión Belén Immensee and supports the Cadep Jma NGO in international management and in projects regarding mining. She is a social worker and educator.

Expert in SoftPLC automation, he graduated in Electronics and was passionate about informatics since his childhood days. After the first trip to Africa in 2000, he fell in love with that world and has taken any chance to go back.

Iacopo Benini

Software engineer and entrepreneur for over 10 years, he founded a company that produces web applications for large companies. Always involved in charity work, he joined Computer Scientists without Borders in 2007 to match his professional skills with the joy of doing something for others.

With a master’s in Environmental Science and one in Sustainable Design, she has often crossed boundaries between new media, the built environment and ecology, going from freelance writer to managing editor of Inhabitat.com, to her current post as Head of Communications for the Forest Stewardship Council.

Stefano Carabelli

Foreign civil service volunteer, he was sent to Peru by Focsiv and supports the Cadep Jma NGP in project regarding mining and climate change adjustment. He has a degree in international relations and is interested in socialenvironmental conflicts.

Electronics engineer and professor of Mechatronics at Turin’s Polytechnic, where he was head of the Interdisciplinary Mechatronics Lab until 2006. Since 1999 he started “bringing out” from the lab a group of activities and skills, as an entrepreneur, founding AMET (Applied Mechatronics s.r.l.) in 1999, ACTUA (Actuation and Control Technologies s.r.l.) in 2005, and TTW (Three Tilting Wheels s.r.l.) in 2007. Of the latter he is currently President and Managing Director.

Paolo Fresu

Claudio Massimo Paternò

One of the most popular personalities in Italian jazz, both in Italy and abroad, he has undertaken many initiatives in the past few years: from the many concerts and records, to movie soundtracks, to the incredible partyfestival Jazz in Time, which has been animating the August month in his native Berchidda for fifteen years now.

With a diploma in acting from CUT, Umbria’s Repertory Theater, he works for Perugia’s Fontemaggiore Innovation Repertory Theater and Milan’s CRT. Bogdanov’s assistant and artistic coordinator of the International Center for Theater Biomechanics Studies in Mejerchol’d since 2004. He edited the Italian translation of B. Picon Vallin’s essay “Mejerchold”.

Lorenzo Cavassa

John Grant

A Computer engineering graduate, he has been working in the field of information technology since 1995. Cultivating a passion for everything that is or was ‘informatics’ since he was a boy, he’s found in Computer Scientists without Borders the perfect balance between passion, charity work and profession.

Author of “Co-opportunity” (out last January) and of the award-winning “Green Marketing Manifesto”, he was co-founder of St Luke’s, the socially aware ad agency, and recently started Abundancy Partners – a sustainable innovation and strategy consultancy along with Tamara Giltsoff and Jules Peck.

Gennadi Nikolaevic Bogdanov After graduating from Moscow’s State Academy in 1972, he was an actor with the repertory company of Moscow’s Satire Theater. In 1982 he started collaborating with Moscow’s State Academy and in 1986 was appointed professor of Theater Biomechanics. In 1993 he started collaborating with Berlin’s Mime Centrum, Seattle’s Freehold and Manchester’s Talia Theatre, where he directed many shows. In 1997 he was appointed director of the Internaztional School of Biomechanics, first in Moscow and then in Berlin. He’s been education director of Perugia’s International Center for Theatre Biomechanics Studies since 2004. In 2009 he directed, for Milan’s CRT, his first show in Italy.

Karl-Ludwig Schibel Sociologist, he taught social ecology at Frankfurt’s University for twenty years. Since 1988 he has coordinated the yearly Fair or Practical Utopias, which presents experiences and solutions for the ecologic conversion of businesses and society. Since 1992 he’s been part of the Board of the Climate Alliance of the European Cities, the biggest network of cities committed to safeguarding the climate, for which he coordinates activities in Italy.


Sebbene eart magazine promuova una politica rigorosamente no-print, sappiamo che talvolta l’uso di carta e inchiostro sono necessari. Per questo i nostri designer hanno pensato a un’alternativa per ridurre al minimo l’impatto della stampa. Ma alcune scelte non possiamo che lasciarle ai nostri lettori: se stampare su un foglio già usato sull’altro lato. ... continua >

... continue >

eart magazine supports a no-print approach and, when actual paper and ink are absolutely necessary, its designers have thought of a few interesting ways the impact of printing can be reduced. However, some decisions are left up to you, our readers: if you must print, use the blank side of a used sheet of paper.

Please think FSC Please think FSC before you before you print print

Intervista a Alison Kriscenski di Michelle Nebiolo Interview with Alison Kriscenski by Michelle Nebiolo


... continue >

Intervista a John Grant di Michelle Nebiolo After the success of The New Marketing Manifesto, named one of the ten best business books of 1999 by Amazon. com, and The Green Marketing Manifesto, which won the 2008 British Book (Design & Production) Award in the environmental category (and was finally translated in Italian by Brioschi last year), John Grant is back with a new book published by Wiley, called Co-opportunity.

Dopo il successo di “The New Marketing Manifesto”, indicato da Amazon.com come uno dei dieci migliori libri di business del 1999, e di “The Green Marketing Manifesto”, che ha vinto il British Book Award 2008 (Design & Production) nella categoria ambiente (tradotto in italiano da Brioschi lo scorso anno), John Grant è tornato. Il suo nuovo libro, appena pubblicato da Wiley, si chiama “Co-opportunity”. ... continua >

Interview with John Grant by Michelle Nebiolo

Sostenibilità 2.0 Sustainability 2.0


Time in jazz: an idea, a dream, a happy ending

Prendi un piccolo paese della Gallura, l’entusiasmo di uno dei suoi abitanti, la sua abilità come trombettista jazz, la nascita di un’idea che si trasforma in un successo, di pubblico e di critica. Gli ingredienti per una bella storia ci sono tutti e il lieto fine è assicurato: Time in Jazz, il festival internazionale di Berchidda

... continua >

Intervista a Paolo Fresu, di Ilaria Testa

Time in jazz: un’idea, un sogno, una storia a lieto fine Take a small town in Gallura, one of its native’s enthusiasm, his skill at playing jazz on the trumpet, and an idea turning into a success, applauded both by public and critics. You have all the ingredients for a good story, with a guaranteed happy ending: Time in Jazz, the international festival held in Berchidda ... continue >

Interview with Paolo Fresu, by Ilaria Testa


L’ambiente come luogo teatrale

Between the XVII and XIX century, the theatre, as physical space where people of every social background could interact and liaise, considered entertainment a mere accessory. The public, without chairs, and the stage, considered small “pied-à-terre” for business meetings and secluded rendezvous, helped create a “different” world, a place without sunlight where men, protagonist and viewer at the same time, could distance themselves becoming “someone else”. ... continue >

Intervista a Gennadi Nikolaevic Bogdanov di Claudio Massimo Paternò Interview with Gennadi Nikolaevic Bogdanov by Claudio Massimo Paternò

... continua >

The environment as a theatrical place

Tra ‘600 e ‘800, l’ambiente teatrale, inteso come spazio fisico dove persone di ogni stato sociale intessevano rapporti e relazioni, riservava all’intrattenimento importanza meramente accessoria. La platea, senza sedie, e i palchi, concepiti come piccoli “piedà-terre” per incontri d’affari o appartati rendezvous, agevolavano la costruzione di un mondo “altro”, un ambiente non illuminato dalla luce del sole, dove l’uomo, protagonista e spettatore al contempo, poteva astrarsi, diventando di fatto “altro da sé”.


... continue >

In the beginning of 2009, the Piedmontese chapter of ISF (Informatici Senza Frontiere, i.e. Computer Scientists without Borders) was contacted by Antonio Campanaro, of the Italian Hospitals in the World Alliance. He was looking for people or organizations in Turin that could help him create a computer room – with computers, projector, and Internet connection – in a university building in Masi Manimba

Era l’inizio del 2009 quando la sezione Piemontese di ISF (Informatici Senza Frontiere) entrò in contatto con il dott. Antonio Campanaro dell’Alleanza Ospedali Italiani nel Mondo. Antonio stava cercando singoli od organizzazioni a Torino che lo aiutassero nel realizzare un’aula informatica completa di computer, videoproiettore e collegamento alla rete Internet per una struttura universitaria nella cittadina di Masi Manimba

by Felice Di Luca, Marco Butera, Lorenzo Cavassa ... continua >

Masi Manimba, university of life

Masi Manimba, università di vita

di Felice Di Luca, Marco Butera, Lorenzo Cavassa


... continua >

... continue >

Small urban areas, as systems with a specific identity, set themselves apart both from other systems and from the outside environment, in terms of intrinsic socio-cultural and environmental aspects: it’s what they call urban milieu in literature.

LOCAL SOLUTIONS FOR CHANGE Le piccole aree urbane, in quanto sistemi dotati di specifica identità, si distinguono sia dagli altri sistemi sia dall’ambiente esterno, per caratteristiche socio-culturali e ambientali intrinseche: è quello che in letteratura si definisce milieu territoriale.

Interview with Karl-Ludwig Schibel by Alessio Sciurpa

LOCAL SOLUTIONS FOR CHANGE

Interview with Karl-Ludwig Schibel by Alessio Sciurpa


Ineview with Susanna Anderegg by Iacopo Benini Intervista a Susanna Anderegg di Iacopo Benini

... continua > ... continue >

In the past few years, the emerging economies’ steadily growing demand for minerals has made the price of metals increase, attracting important transnational companies in the mining industry. Peru has registered a real boom in the field, as a favorable fiscal and political regime has made exploiting natural resources easier to the point that the country is now one of the major producers of metals in the world. Unfortunately, as is more and more often the case, the availability of a resource that other countries want to buy can become a problem for the balance of the place where that resource is found.

Mining resource or social issue?

Risorsa mineraria o problematica sociale?

Negli ultimi anni la costante crescita della domanda di minerali da parte delle economie emergenti ha determinato un aumento del prezzo dei metalli, suscitando l’interesse di importanti compagnie transnazionali che operano nell’industria mineraria. Il Perù ha fatto registrare un vero e proprio boom del settore, facilitato da un regime tributario e politico favorevole allo sfruttamento delle risorse naturali, ed è diventato uno dei più importanti produttori di metalli al mondo.


... continue >

Now more than ever, the future is Personal

The way technology is spreading, the development of increasingly sophisticated devices and the creation of increasingly personalized products and services gives us a vision of what the future society will be like. The concept of ‘personal’ now includes all of our daily activities, from consumers co-designing with companies the products they will use and the popularity of the ‘community’ concept to profile mining

... continua >

Intervista a Stefano Carabelli di Alessio Sciurpa Interview to Stefano Carabelli by Alessio Sciurpa

Ora come non mai il futuro è Personal

La diffusione della tecnologia, lo sviluppo di device sempre più sofisticati e la creazione di prodotti/servizi sempre più personalizzabili ci danno una visione di quello che sarà la società del futuro. Il concetto di personal oggi coinvolge tutto il campo di attività che ogni giorno svolgiamo, dai consumatori che co-progettano insieme alle aziende i prodotti che useranno, la diffusione del concetto di community, al “profile myning”


macro on by Alessio Sciurpa

Edoardo Piva Freelance photographer.He’s been teaching Still-life and Digital photography since 2007. In 2000 he started collaborating with Alberto Ramella as set photographer for Turin’s Teatro Regio.

Umana-mente A4 (21x29,7 cm) format

ISO 100 – Where was your passion for photography born? I started taking photos with a completely manual camera someone gave me when I was eleven. In the beginning, I liked to “steal” people’s portraits, especially strangers’. By the end of high school I was surrounded by friends who could say something about themselves – by playing an instrument, drawing, painting or writing; at that point I realized that I wanted to say something about myself too, and that photography could be my means of expression. That’s when I started taking photos of what I “see”. Long shot – In Medieval times, the two parts of a diptych were joined by a central hinge; what’s the hinge joining your “diptychs”?

My images always have a second meaning. The first impact is obviously the image itself, which most times is “pleasant” to see, be it for what it portrays, the tones I used or the composition, which is always quite clean and simple. But at a closer look, you’ll discover something else. Many people are convinced that photography represents reality. Wrong! In my studies I’ve discovered it can never do that. And that is exactly why I tend to create images that are simple to read or interpret. I think the hinge holding my diptychs together, in this case, is precisely “the other meaning”, which the two halves explain and create. Zoom – Which technical expedients did you use for “UMANA-MENTE”?

My first instinct is to say: none! But it would be a lie. Although they are not strictly photographic, I think I used two small expedients basically. The most visible one is a strong color de-saturation: the main theme here is the environment. In the past few years, environmental issues have started to be discussed more – unfortunately, because the situation has reached a critical point (a strong-contrast black and white) – but, at the same time, we are looking for solutions to turn back towards an environment that is on a “natural” scale (including humans of course); that is why my de-saturation shouldn’t be seen as a “loss” of color, but as a “takingback”. In an evolutionary perspective. The second expedient is in composition, as I homogenized the transition between the two images.

Bulb exposure – Do you think nature insinuates the urban context, or is the urban context surrounding nature? As far as I’m concerned, I think the urban context is insinuating nature. I don’t think it’s “surrounding” it – this word makes me think of an army surrounding a place. If there were an action of this kind, with a visible army, the attack would be catastrophic but also easier to manage by the defense. Instead, I think the urban context is insinuating nature – this makes me think of a single spy, which unfortunately can be just as destructive as an army. I’m afraid that the urban context has the advantage of invisibility. With my work, I try to amplify the perception we have of it. | BACK


noprintnoprintnoprintnoprint eart threepointzero ITA | ENG

Please think FSC before you print Intervista a Alison Kriscenski di Michelle Nebiolo

Sebbene eart magazine promuova una politica rigorosamente no-print, sappiamo che talvolta l’uso di carta e inchiostro sono necessari. Per questo i nostri designer hanno pensato a un’alternativa per ridurre al minimo l’impatto della stampa. Ma alcune scelte non possiamo che lasciarle ai nostri lettori: se stampare su un foglio già usato sull’altro lato. Se usare carta certificata. O carta riciclata. O, meglio ancora, usare il lato bianco di un foglio già utilizzato, di carta riciclata e certificata. Una delle più note organizzazioni che promuovono l’uso di legname proveniente da foreste gestite in maniera sostenibile (attuando una politica di taglio e contestuale rimboschimento), controllando la certificazione di legno e suoi derivati, come la carta, è il Forest Stewardship Council, meglio

conosciuto sotto l’acronimo FSC e per il logo che ne identifica i prodotti. MN: L’FSC, fondato nel 1993, oggi comprende oltre 110 milioni di ettari di foreste certificate in 82 paesi. Ma all’inizio come avete fatto a fare in modo che la gente riconoscesse e si allineasse ai vostri standard? AK: L’FSC è nato da una Conferenza sullo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite tenuta nel 1992, e sin dagli esordi ha coinvolto un gruppo eterogeneo di soggetti uniti dallo scopo comune di migliorare la gestione delle risorse in tutto il mondo. È importante notare che l’FSC è un’organizzazione di tipo volontario e che le aziende, le organizzazioni e gli individui che la sostengono sono guidati da una varietà e da una combinazione di interessi molto diversi, che vanno dal benessere sociale alle problematiche ambientali, alla responsabilità sociale delle imprese. La struttura di governance dell’FSC è una sintesi di interessi ambientali, sociali ed economici. Questo tipo di struttura multi-stakeholder è volta a dare pari dignità di espressione a tutte queste anime, incoraggia la partecipazione e legittima un processo decisionale basato sul consenso. È un aspetto significativo del perché l’FSC è considerato il sistema di certificazione forestale più credibile al mondo, e del perché imprese, organizzazioni e governi usano FSC come strumento per

raggiungere ognuno i rispettivi obiettivi. MN: Il Nord e il Centro Africa, così come il Medio Oriente, non fanno ancora parte della mappa FSC. Avete una strategia di comunicazione per approcciare le imprese e le istituzioni in questi paesi? AK: Nel 2007 l’FSC ha dato il via alla sua Strategia Globale quinquennale per definire le proprie priorità. Nell’ambito dei suoi cinque obiettivi principali l’organizzazione ha specificato quali sono le aree di particolare interesse, e uno dei focus è proprio il miglioramento dell’applicazione degli standard FSC nella gestione di aree forestali nelle zone tropicali (Goal 2b – Global Strategy). Al momento sono in atto due progetti per perseguire questo obiettivo: quello denominato GEF, dedicato ai sistemi di certificazione avanzati per la gestione sostenibile delle foreste tropicali, e quello denominato PPP-NI, per il rafforzamento delle Iniziative Nazionali FSC per migliorare la gestione delle foreste tropicali. Una panoramica su questi progetti è disponibile online. Inoltre c’è l’FSC Global Development, la business unit dedicata al brand management e alla promozione del marchio nel mondo. L’FSC infatti sta investendo in modo particolare nelle aree tropicali, ma ha anche attuato strategie in varie regioni per rafforzare il proprio sistema nel mercato, stimolare la domanda di prodotti dietro ai quali c’è un approvvigionamento responsabile, e far conoscere a più

gente possibile il proprio lavoro. MN: Sul vostro sito c’è un documentario che mostra come vari consumatori americani, intervistati presso un Home Depot [catena di negozi per il fai-da-te, NdT], nel 1999 sapessero a malapena cosa significasse ‘certificato’, mentre gli intervistati nei Paesi Bassi (dove il 49% della popolazione sapeva per cosa stesse l’acronimo FSC) dicevano di aver letto e visto delle pubblicità sull’FSC. Nella sua esperienza, c’è un elemento culturale che rende alcuni paesi più o meno sensibili ai temi ambientali, o si tratta solo di un problema di informazioni disponibili e comunicazione? AK: La consapevolezza ambientale varia di paese in paese per molte ragioni – la dimensione della popolazione, le strutture e le politiche del governo, e persino la posizione sono tutti fattori da tenere in considerazione. Le stesse variabili possono influenzare quanto sia conosciuto o meno l’FSC. Per questo l’organizzazione ha oltre 50 Iniziative Nazionali nel mondo: ciascuna aiuta a promuovere la gestione responsabile delle foreste in modo coerente e significativo per la popolazione locale. Queste organizzazioni specifiche sostengono la missione e la vision dell’FSC, e sono parte integrante della sua opera. Online è disponibile l’elenco completo delle Iniziative Nazionale e dei loro contatti. MN: È evidente che per l’FSC è fonda-


noprintnoprintnoprintnoprint mentale controllare che il proprio marchio – che comunica in modo immediato tutto ciò che l’organizzazione rappresenta – sia usato in modo corretto. Crede che questo logo molto “visual”, facile da ricordare e riconoscere, possa aver contribuito in parte al successo della certificazione FSC rispetto ad altri sistemi internazionali? AK: Il logo FSC è unico e facile da ricordare. È un marchio registrato, e l’FSC ha un forte programma dedicato proprio alla sua promozione e protezione. Ma la cosa più importante è ciò che quel logo simboleggia: i più alti standard sociali e ambientali e la certificazione per le foreste più credibile a livello internazionale. Dietro al logo ci sono l’integrità degli standard FSC, del Programma di Accreditamento FSC e della comunità globale formata dai Membri FSC.

retta considerazione di fattori sociali e ambientali quando questo avviene. Per questo l’FSC non è un’alternativa alla conservazione del patrimonio boschivo, ma un sostegno al dialogo globale sulla gestione responsabile delle foreste e un forum di discussione internazionale dove si possano creare soluzioni reali. Il messaggio è che, se continuiamo a sfruttare certe risorse, dobbiamo farlo in modo responsabile e l’FSC è uno strumento chiave per riuscirci. EXTRA | SHARE |

BACK

Sostenibilità 2.0 Intervista a John Grant di Michelle Nebiolo

MN: “Please think FSC before you print” è una bella chiusura per le e-mail. AK: Grazie. Vogliamo ricordare che FSC è una buona scelta, una scelta responsabile. Anche la carta riciclata è una buona scelta e, visto che gli standard FSC includono anche un marchio per i prodotti riciclati, questa frase può fare riferimento anche a essi. A livello globale, la domanda di carta è immensa e ci si aspetta che continui a crescere. L’FSC non incoraggia l’esplorazione di nuove foreste, ma promuove la cor-

Dopo il successo di “The New Marketing Manifesto”, indicato da Amazon. com come uno dei dieci migliori libri di business del 1999, e di “The Green Marketing Manifesto”, che ha vinto il British Book Award 2008 (Design & Production) nella categoria ambiente (tradotto in

italiano da Brioschi lo scorso anno), John Grant è tornato. Il suo nuovo libro, appena pubblicato da Wiley, si chiama “Co-opportunity”. Pur essendo impegnato in una serie di progetti (compresi i suoi prolifici blog greenormal.blogspot.com e www.coopp.net), ha trovato un momento per dirci qualcosa di più su se stesso e sulle sue idee – dimostrandosi più disponibile e generoso di quanto avremmo potuto sperare. Ma del resto stiamo parlando di uno che si firma, semplicemente, con una simpatica emoticon personalizzata. MN: Puoi dirci come hai iniziato a interessarti alle tematiche ambientali e sociali? JG: Professionalmente ci sono stati vari passaggi successivi. Al St Luke a metà degli anni ’90 già si incominciava a masticare queste tematiche, provando a capire cosa avrebbero significato per il mercato. Intorno al 2001 ho aderito a un forum del Future Group che si occupava di commercializzazione e sostenibilità. Nel 2002 ho fondato una società che si occupava di content per sponsorizzazioni sostenibili (esperienza che non è mai veramente decollata), poi nel 2004 ho cercato di lanciare un marchio di qualità ecologica denominata “not bad” (idem) e così via. Ora ho scritto diversi libri sull’argomento e continuo a fare molta consulenza in questo ambito; ma a volte è altrettanto importante realizzare un

progetto che ti insegna qualche nuova strategia o applicazione (ad esempio nei media sociali) da usare poi per una buona causa. Al momento sono nel bel mezzo del lancio di una consulenza congiunta con due altre persone, Jules Peck e Tamara Giltsoff (che ne sanno molto più di me di sostenibilità), su di un progetto denominato Abundancy. Negli ultimi 2 anni ho anche lavorato su un’altra start-up verde, Ecoinomy. A livello personale, come molti altri, sin da bambino mi affascinavano alberi, formiche, bruchi e così via. Quando mi chiedevano cosa avrei voluto fare da grande, invece del classico pompiere, dicevo di voler diventare commissario forestale. Nella mia fase adolescenziale da giovane idealista, mi sono molto interessato a tematiche come la povertà, la giustizia, i diritti umani – il tutto farcito con una sana dose di yoga/vegetarianesimo/pacifismo/cultura hippy. Ma il mio principale interesse, oggi come oggi, è pensare a come costruire una società migliore e a quali sono gli strumenti utili per farlo. Mi sembra sia questa la cosa più importante, e che le istanze ambientali e sociali ne siano solo effetti collaterali. Suppongo sia l’ennesima fase della mia vita (Erik Erikson una volta ha detto che arrivati alla mezza età attacchiamo con la “generavità”: le questioni della nostra eredità collettiva e di cos’è meglio “per il bene della specie”).


noprintnoprintnoprintnoprint MN: Quando hai annunciato il tuo nuovo blog www.coopp.net su Greenormal, hai dichiarato che avresti tenuto il marketing e l’innovazione verdi separati dall’innovazione sociale: “Il confine è labile e, quando avrò dei dubbi, farò post incrociati”. Puoi darci qualche esempio di quanto è labile quel confine? JG: Pepsi Refresh, che ho postato sul blog Coopp, in realtà è una campagna marketing (che, guarda caso, applica il crowdsourcing e una piattaforma che coinvolge i consumatori per trovare fondi per beneficienza). È marketing per una causa, più che sostenibilità pura e semplice, ma è certamente sulla lunghezza d’onda giusta. Negli ultimi mesi mi ha stupito anche quante agenzie e uomini di marketing abbiano adottato l’approccio di tipo ecosistema collaborativo – ad esempio, tanti mi invitano da loro per parlarne. Mi aspettavo che questo libro avrebbero potuto “saltarlo” perché è più incentrato sulle imprese e sull’innovazione sociali. Ma invece abbiamo riscontrato un forte interesse iniziale da parte della comunità “green marketing” (per semplificare i termini). E anche da quella “non green”. Forse per loro si tratta di un libro-trend? C’è stato un grande cambiamento di umore nell’ultimo anno, un passaggio dall’apparenza alle radici – dal fare l’orto al sapere da dove arrivano le uova che mettiamo in tavola, fino alla cultura folk e “frucook” (come l’ha chiamata Ed di Futerra).

MN: Cosa c’è in “Co-opportunity” che mancava in “The Green Marketing Manifesto”? Cos’è cambiato nei 3 anni tra un libro e l’altro? JG: Il nuovo libro nasce da una parte del green marketing manifesto che iniziava a dare uno sguardo ai nuovi modelli sociali e di business, come la condivisione, il leasing, l’andare insieme per locali e così via. Ma i due libri sono molto diversi. Con “Green Marketing Manifesto” ho tentato di spiegare e classificare gli approcci che “valeva la pena” adottare in un’era in cui il greenwashing era davvero un problema e una minaccia. “Co-opportunity” invece è un manuale di riferimento per innovatori sociali, gente che ha idee da sviluppare per imprese sociali, per chi deve formulare nuove politiche, sostenere una causa o realizzare una campagna. Copre diversi tipi di esempi, dei quali alcuni sono “green” (ad esempio Transition Towns o il Walmart Index) e altri no (ad esempio MyObama o M2M). Direi che sono entrambi libri sulla sostenibilità e l’innovazione. Credo anche che ci sia stato un cambiamento verso soluzioni più visionarie, e verso approcci da parte della cittadinanza collettiva piuttosto che da parte degli individui come consumatori (10 piccole cose che puoi comprare per cambiare le cose). Il mio editore, per riassumere tutto in modo accattivante, dice che “Co-opportunity” è “Sostenibilità 2.0” e in effetti parla molto anche di social network e di digitale.

MN: Cosa ne pensi della campagna Internet for Peace lanciata da Wired Italia? E ti sembra che il web abbia contribuito alla comunicazione ambientale e sociale in modo davvero innovativo e significativo? JG: La campagna di Wired è sicuramente interessante e intelligente – dovrò parlarne sul blog. Non sono sicuro però che il ruolo giocato da Internet negli eventi politici recenti, per quanto rilevante, lo qualifichi per un premio per la pace... Non sono sicuro che #iranelections sia al livello di un Mandela o di una Piazza Tienanmen. Il web ci ha dato degli strumenti meravigliosi per collegarci agli altri esseri umani. Ad esempio l’estate scorsa, durante un festival su insetti, arte ed ecologia (Pestival), abbiamo creato su Twitter un gioco di ruolo ispirato agli alveari, completo di caccia al tesoro-polline su altri siti (si dovevano trovare varie centinaia di fiori nascosti e indicarli alle altre api), e di un addestramento/briefing completo sui 23 ruoli che si possono assumere in un alveare, con indicazioni su come interagire con gli altri nei vari casi. Il web ci ha dato anche modi fantastici di coordinare e organizzare: ci sono Meetups, Flashmobs, hack days e così via... fino al crowdfunding vero e proprio e al sistema P2P che Obama ha usato in campagna elettorale per prendere contatti con gli elettori. È un tamtam fondamentale, fatto di blog, Twitter e altri circuiti, permette a Tree-

hugger o World Changing flussi informativi maggiori e, oltre a tutto questo, è una piattaforma per campagne come quelle di Avaaz e Virgance. MN: Qual è il mezzo di comunicazione ambientale e sociale più efficace? La conversazione. Tra persone, faccia a faccia. Alcune cose si diffondevano all’impazzata già prima che nascesse Internet, e ci riuscivano (idee politiche e religiose, pettegolezzi e voci di corridoio) perché erano urgenti, importanti e perché chi le riferiva aveva enormi interessi personali. Nell’esplorare la questione del cambiamento climatico, ad esempio, mi rendo conto che continuo a chiedermi come abilitare una maggiore interazione faccia a faccia, per sostenere e difendere qualcosa, educativa. Su un piano più ampio, stiamo incubando un modo completamente diverso di organizzare le società umane e questo richiederà moltissime cellule di interazione umana. Il network è perfetto per unire quelle cellule, ma è solo quando iniziamo a parlare, pensare e vivere insieme che iniziamo a cambiare. La mia esperienza, almeno, è questa. EXTRA | SHARE |

BACK


noprintnoprintnoprintnoprint Time in jazz: un’idea, un sogno, una storia a lieto fine Intervista a Paolo Fresu di Ilaria Testa

Prendi un piccolo paese della Gallura, l’entusiasmo di uno dei suoi abitanti, la sua abilità come trombettista jazz, la nascita di un’idea che si trasforma in un successo, di pubblico e di critica. Gli ingredienti per una bella storia ci sono tutti e il lieto fine è assicurato: Time in Jazz, il festival internazionale di Berchidda (OT), è da oltre vent’anni uno degli appuntamenti estivi più attesi e più frequentati della Sardegna e Paolo Fresu, suo ideatore e direttore artistico, uno dei più grandi jazzisti attuali. È una storia, quella di Time in Jazz che non può essere raccontata senza tenere presente l’ambiente in cui si svolge. Perché è vero che esiste un legame stretto tra persone e luoghi e che questi si condizionano e si influenzano a vicen-

da. E ciò è tanto più vero se pensiamo a Berchidda, alla sua posizione geografica, al territorio circostante: si trova in cima a una collina da cui si scorge uno scenario fatto di rocce che al sole del tramonto riescono a mostrare tutte le tonalità del rosso. Nella campagna greggi di pecore chiazzano i prati, verdissimi dopo le piogge invernali, giallo ocra dopo che il sole estivo le ha scaldate per giorni. E poi, lungo le strade tortuose, i tronchi sanguinanti degli alberi da sughero rimasti nudi dopo che la loro corteccia è stata portata via. Ed è proprio qui che ogni anno, in agosto, musicisti e artisti di tutto il mondo si ritrovano e danno vita a performance entusiasmanti. È qui che pulsa il cuore del festival, la sua organizzazione, e dove nasce l’associazione che porta il nome dell’evento e che da anni si occupa dell’appuntamento estivo. Scopo dell’iniziativa è dare spazio a musicisti e ad artisti che, dotati di talento e di abilità, trovano poco riconoscimento in Italia. E, allo stesso tempo, il festival, crescendo e diventando sempre più noto e frequentato, ha permesso di contribuire all’economia locale, facendo conoscere il territorio a livello nazionale e internazionale. Ma il festival non è solo un momento “turistico” da urlare e vivere durante il suo clou in agosto; la ricaduta sul territorio si traduce in un fermento che dura tutto l’anno: fucina di idee e conoscenze, il festival coinvolge 200 volontari di età compresa tra i 14 e i 60 anni, un gruppo straordinario che ha la possibilità

di uscire da quel sentiero di marginalità e staticità tipico di altre realtà territoriali simili, non solo sarde. Per capire di più lo spirito che muove il Festival e tutto ciò che sta intorno, abbiamo fatto alcune domande al suo ideatore Paolo Fresu che, impegnato in un tour mondiale, ha trovato alcuni minuti per rispondere alle nostre domande. IT: Come nasce l’idea di un festival del jazz? PF: È una bella domanda. Nasce dalla voglia di fare qualcosa di importante. Per se stessi, per il luogo in cui si è nati e vissuti, per la musica e il jazz. Time in Jazz vede la luce nella metà degli anni Ottanta: io, allora, iniziavo la mia carriera professionale e presi spunto proprio da alcune realtà festivaliere che stavano nascendo in Sardegna e cui ero stato invitato. Una era quella di Cagliari e un’altra quella di Sant’Anna Arresi, piccolissimo centro del Sulcidano, che sembrava essere molto vicina a quella di Berchidda per tipologia di luogo. La differenza era che Sant’Anna Arresi era sul mare e dunque aveva una forte attrattiva turistica, mentre Berchidda è un paese dell’interno. La scommessa dunque fu quella di portare un largo pubblico nell’interno della Sardegna ponendo in discussione il concetto di territorio e di movimento turistico e culturale. Ancora si parlava poco di valorizzazione del territorio a meno che non si trattasse

della zona costiera o delle spiagge della Costa Smeralda. Coscienti di questo, sviluppammo il programma di Time in Jazz puntando su progetti originali che non si sentivano altrove e che quindi “obbligavano” la gente a venire a Berchidda. Successivamente si è rafforzato il rapporto con il territorio, con la cultura locale, con l’ambiente. Insomma, Time in Jazz non voleva essere una manifestazione calata dall’alto o imposta, bensì un volano capace di produrre sviluppo legando sempre di più l’arte con il territorio e interrogandosi sul senso di un contenitore culturale in grado di cambiare il percorso di una comunità e di un intero territorio. Ne sono esempi il PAV, ovvero il Progetto Arti Visive, e Semida - Museo all’aperto del Monte Limbara. IT: È indubbio che il festival sia da considerarsi elemento positivo per l’economia locale e occasione di scambio e crescita per i giovani del territorio. Ma, d’altra parte, teme che il festival possa far perdere a Berchidda la sua identità e specificità? PF: Certo il rischio c’è, ma cerchiamo di stare molto attenti. Perché è bella questa idea del festival di successo seguito ormai da diverse decine di migliaia di persone ma che cerca di mantenere una dimensione familiare e paesana; siamo coscienti del fatto che questa sia la chiave di successo per una manifestazione di respiro internazionale che sa dialogare


noprintnoprintnoprintnoprint con il proprio luogo di origine. Del resto era questa la scommessa: scardinare il vecchio concetto della centralità geografica e culturale. Berchidda, proprio per le sue caratteristiche, può diventare per dieci giorni il centro del mondo e proprio da Time in Jazz possono partire idee e input da portare verso l’esterno. IT: Nonostante il successo dell’evento, avete riscontrato in questi anni delle difficoltà, magari con le persone più anziane e più restie ai cambiamenti oppure con le istituzioni? PF: I problemi con le istituzioni sono i problemi di sempre e non sono cambiati. Il discorso sarebbe troppo lungo e articolato per poterlo affrontare, e magari risolvere, in questa sede. Anche perché è un problema che investe in senso più ampio tutta la filosofia di produzione culturale del nostro Paese. In fondo la Sardegna, in quanto regione a statuto speciale, se la passa meglio di altre ma i problemi della cultura in Italia si ripercuotono su tutto e su tutti. In buona sostanza non si può programmare guardando troppo lontano nel tempo e, inoltre, la ricerca delle risorse economiche è complessa e queste sono sempre meno. Insomma, è una politica che di certo non premia, ad esempio, le associazioni culturali come la nostra che devono rischiare in proprio. Il rapporto con il paese e con la sua comunità invece è cambiato molto. È vero che

nei primi anni molti vedevano il festival come una cosa inutile e superflua capace solo di generare problemi, ma oggi sono tutti d’accordo nell’aver compreso l’importanza del festival non solo in relazione all’evento musicale (molti magari non amano il jazz o non lo capiscono), ma anche come strumento per rivitalizzare il paese, per veicolare un’immagine positiva dello stesso, del territorio e della Regione e, non ultimo, il fatto che Time in Jazz ha un indotto economico sul territorio ben superiore al milione e mezzo di euro. Inoltre il festival riesce a coinvolgere nella sua organizzazione un numero elevatissimo di volontari ed è ormai entrato in tutte le case diventando un evento fortemente sentito e atteso.

crescere tutti. Perché un festival può essere uno straordinario strumento di crescita. È questo concetto che scardina il pensiero comune e dominante della cultura effimera e non indispensabile...

IT: Time in Jazz nasce come festival del jazz e poi cresce, non solo in popolarità ma anche nella creazione di altre proposte culturali: perché questa necessità di allargare il campo anche alle altre espressioni artistiche?

L’ambiente come luogo teatrale

PF: Perché questa è la mia idea dell’arte e perché credo che non abbia senso organizzare una manifestazione di tale portata se questa si limita ad programmare qualche concerto più o meno riuscito. La parola ‘festival’ è una parola che implica una festa che è un insieme di cose che coinvolgono tutto e tutti e dove la musica e l’arte sono i primi protagonisti ma non gli unici. È l’unico modo di lasciare un segno profondo nel territorio facendo

IT: Cosa vorrebbe per il futuro del festival, dell’associazione Time in Jazz e di Berchidda? PF: Una realtà più stabile che ci permetta di lavorare in serenità senza dover sempre e comunque cercare di convincere il prossimo che ciò che facciamo ha più che una buona ragione per essere fatto. EXTRA | SHARE |

BACK

Intervista a Gennadi N. Bogdanov di Claudio Massimo Paternò

Tra ‘600 e ‘800, l’ambiente teatrale, inteso come spazio fisico dove persone di

ogni stato sociale intessevano rapporti e relazioni, riservava all’intrattenimento importanza meramente accessoria. La platea, senza sedie, e i palchi, concepiti come piccoli “pied-à-terre” per incontri d’affari o appartati rendezvous, agevolavano la costruzione di un mondo “altro”, un ambiente non illuminato dalla luce del sole, dove l’uomo, protagonista e spettatore al contempo, poteva astrarsi, diventando di fatto “altro da sé”. Dalla seconda metà dell’XIX secolo la prospettiva cambia e da luogo di evasione fisica dal mondo, il Teatro diventa il tempio dell’evasione mentale. Il centro di gravità diventa ora l’intrattenimento, che fattosi adulto, si destreggia in spettacoli sempre più strutturati. Compaiono le poltrone, e la piazza improvvisamente si fa silenziosa. Seppur mutato nelle sue caratteristiche funzionali, la natura del luogo non cambia: un ambiente “altro”, separato dal mondo. L’artista diventa così vero e unico protagonista del teatro e questo rinnovato ruolo lo induce, inevitabilmente, a porsi nuove domande. La risposta è la creazione di metodi e sistemi teatrali più o meno strutturati, che tendano a educare e organizzare il lavoro dell’artista, in rapporto all’ambiente percettivo e spaziale e ai suoi limiti. La Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d è un esempio lampante della necessità dell’arte teatrale di darsi regole pedagogiche chiare. CMP: Maestro Bogdanov, come nasce il


noprintnoprintnoprintnoprint suo rapporto con la Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d? GNB: Ho una formazione attoriale. Dopo aver superato una difficile selezione sono stato ammesso al GITIS, l’Accademia di Stato di Mosca. Cinque anni durissimi che mi hanno permesso di acquisire quelle conoscenze utili per lavorare in teatro in maniera professionale. Ho studiato con i migliori maestri dell’Unione Sovietica tra cui alcuni attori di Stanislawskij. Ho appreso tante tecniche oltre la recitazione (balletto classico, scherma, acrobatica, il lavoro con la maschera neutra) che mi hanno permesso di ampliare le mie possibilità espressive. A 23 sono stato ingaggiato come attore presso la compagnia del Teatro della Satira di Mosca, diretto da Valentin Plucek, in cui gli attori, oltre che recitare, dovono ballare e a volte cantare. Credevo di aver imparato tutto durante gli anni in accademia, ma mi sbagliavo. Gli studi accademici sono solo un punto di partenza, una base solida da cui far partire il proprio processo artistico.Appena ingaggiato, il direttore del teatro invitò me e altri giovani attori, a seguire le lezioni di un suo vecchio maestro, Nikolaj Kustov, attore e istruttore di Biomeccanica Teatrale al Teatro Mejerchol’d negli anni ’30. CMP: Perché ha privilegiato questo sistema di educazione teatrale? GNB: Il mio principale problema era il

rapporto tra le idee presenti nel personaggio, il movimento e lo spazio scenico, l’ambiente in cui il personaggio vive e sviluppa la sua storia. Un problema comune cui gli attori più anziani con cui lavoravo quotidianamente, che cercavano di rispondere con la loro esperienza e con l’istinto. Il Maestro Kustov invece, aveva un approccio del tutto nuovo per me e per tutti i miei colleghi, perché cercava sempre di rispondere ai problemi in modo diretto, senza inutili velleità metafisiche. Ho potuto così fare esperienza di una visione altra dell’arte: una prospettiva tridimensionale che parte dal concreto e dalla coscienza dello spazio che ti circonda e arriva alla piena conoscenza e consapevolezza dei propri strumenti espressivi. Grazie ai principi che costituiscono il complesso sistema d’educazione teatrale della Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d, sono stato in grado di migliorarmi sempre di più: ho potuto conoscere e lavorare sui miei limiti, strutturare il mio lavoro artistico su basi solide e stabili. Una bussola con cui mi sono potuto orientare durante i miei 15 anni di lavoro scenico. CMP: Nello specifico, quali sono gli obiettivi principali di questo sistema? GNB: L’obiettivo primario è sicuramente arrivare a percepire il proprio corpo in maniera tridimensionale, posizionandolo nello spazio e osservando dall’esterno la propria posizione. Secondo passo

è quello di considerare la relazione con gli oggetti o punti di riferimento che lo circondano e di valutarne i movimenti. Un lungo percorso di consapevolezza che mi è costato anni di lavoro fisico e di esercizi, che hanno portato a ottimizzare la mia concentrazione, e che hanno reso ogni mia azione sempre concreta, finalizzata a qualcosa e non frutto di stati emotivi inconsulti. Capire che lo spazio ha un ritmo e che le proprie azioni devono accordarsi con questo per creare un’armonia precisa, è un altro stadio di questo lungo percorso di conoscenza. Una sedia non serve solo per sedersi, come un tavolo non solo per poggiare un oggetto. Essi sono spazi che un attore deve capire, conoscere e sfruttare per esprimere lo stato d’animo del personaggio; devono entrare nella metafora delle azioni dell’attore; lo spazio teatrale deve essere esso stesso metafora. In questa ottica, ogni oggetto è esso stesso uno spazio, che nelle mani coscienti dell’attore assume un ruolo specifico e racconta una parte della storia. Questo grado di consapevolezza, tuttavia, non è ancora sufficiente: l’attore stesso, quando è in scena, crea il proprio spazio e lo modifica costantemente attraverso i propri movimenti, che non sono generici, ma hanno al loro interno una idea chiara, precisa, un obiettivo concreto, in grado di “modificare l’aria” e di dare all’ambiente una nuova vita.

CMP: Cosa intende con l’espressione “modificare l’aria”? GNB: Mi rendo conto che questa espressione può sembrare poco concreta. Tutto quello che circonda un attore è spazio, e concorre a formare la metafora che è propria dell’arte. L’attore è allo stesso tempo sia opera d’arte, in quanto il volume del suo corpo partecipa a livello materiale alla creazione dello spazio, sia creatore, perché pensa sempre a quello che fa e mette in forma il suo pensiero attraverso le sue azioni. L’artista, in questo senso, è in grado in ogni momento di modificare, attraverso la consapevolezza del proprio lavoro, l’ambiente in cui lavora, provocando l’emozione dello spettatore. Nella mia vita ho visto pochi attori riescono a “modificare l’aria” e certamente nessun sistema pedagogico, per quanto collaudato o derivante da un percorso di ricerca serio, è in grado di insegnarlo. Gli anni di studio della Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d con il Maestro Kustov, mi sono serviti sicuramente a essere cosciente di questo e di avere sempre chiari i miei obiettivi così nella professione, come nella vita. CMP: E ora che sono passati molti anni e oltre la conoscenza del metodo, c’è anche l’esperienza, come è cambiato il suo rapporto con questa tecnica? GNB: Il mio lavoro si è evoluto: da atto-


noprintnoprintnoprintnoprint re sono diventato regista e soprattutto pedagogo. L’eredità morale che il mio maestro mi ha lasciato, mi è servita a intraprendere un percorso di conoscenza ulteriore, più profondo, sempre estremamente concreto, ma assolutamente diverso nella vita di tutti i giorni. Il mio modo di vedere la realtà che mi circonda è cambiato. Il Maestro Kustov mi ripeteva spesso che gli occhi di un attore vedono più di quelli di una persona normale, che l’attore, per questo motivo, è un “supereroe”, perché è in grado contemporaneamente di percepire e pensare a tantissime cose insieme, e sempre con assoluta consapevolezza e coscienza. CMP: Certamente è un processo molto difficile, ma è veramente attuabile? GNB: Questo modo di affrontare la vita mi è costato enorme fatica all’inizio, quando ancora ero attore al Teatro della Satira di Mosca ma man mano tutto è diventato naturale e in poco tempo si è trasformato in un processo mentale intimo e veloce. CMP: Come maestro, quanto è difficile poter trasmettere questa consapevolezza ai propri allievi? GNB: Insegnare, implica per me, prima di ogni altro aspetto, una duplice responsabilità: da un lato verso la tradizione della Biomeccanica Teatrale

di Mejerchol’d, che il mio maestro ha trasmesso a me e che io trasmetto e trasmetterò ai miei allievi, per non snaturarla nel rispetto della sua tradizione; dall’altro verso gli allievi cui devo trasmettere un insieme di conoscenze e strumenti utili per il loro lavoro scenico. Mi rendo conto che il compito che mi è stato affidato è molto arduo e non riuscirei a portarlo avanti se non lavorassi sempre con una totale apertura verso gli altri. Questo è il modo migliore per conoscere, meglio ogni giorno, l’ambiente con cui ci si rapporta.

Masi Manimba, università di vita di Felice Di Luca, Marco Butera, Lorenzo Cavassa

CMP: Quali sono i suoi prossimi obiettivi? GNB: Porto avanti, a Perugia, il mio lavoro di insegnate e regista presso il CISBiT - Centro Internazionale Studi di Biomeccanica Teatrale. Nel prossimo aprile dirigerò la 13a sessione di lavoro in sette anni. È molto importante avere una struttura di riferimento che non solo organizzi corsi ma che produca anche spettacoli. Nel novembre 2009 presso il CRT di Milano ho diretto “Georges Dandin o il marito raggirato” di Moliere con otto attori, tutti formati presso il CISBiT. È sicuramente una grande soddisfazione vedere la nascita di un gruppo di lavoro con un linguaggio comune e sono molto orgoglioso del loro lavoro. EXTRA | SHARE |

BACK

Era l’inizio del 2009 quando la sezione Piemontese di ISF (Informatici Senza Frontiere) entrò in contatto con il dott. Antonio Campanaro dell’Alleanza Ospedali Italiani nel Mondo. Antonio stava cercando singoli od organizzazioni che lo aiutassero nel realizzare un’aula informatica completa di computer, videoproiettore e collegamento alla rete Internet per una struttura universitaria nella cittadina di Masi Manimba, Repubblica Democratica del Congo. Le caratteristiche richieste erano: autonomia elettrica (da raggiungersi mediante un impianto fotovoltaico), alta affidabilità del sistema (data la mancanza di assistenza specializzata in loco), basso costo (o meglio: costi più bassi possibile) e ampia possibilità di personalizzazione della dotazione. Qui

siamo entrati in gioco noi. Antonio aveva già molta esperienza nell’installazione di sistemi di comunicazione satellitare e alimentazione tramite impianti fotovoltaici, quindi il contributo principale richiesto ad ISF era legato alla progettazione e installazione della parte informatica. Ci siamo messi all’opera per preparare un certo numero di computer, recuperati, usati, installando sistemi operativi opensource (Linux, o meglio, Ubuntu Linux) e tutto il software necessario per una struttura scolastica (browser, Skype, Openoffice, ecc.)... localizzato ovviamente in francese, la lingua ufficiale in R.D.C, ex-colonia belga. A fine luglio 2009 un aereo carico di strani borsoni si è alzato da Torino, destinazione Kinshasa e poi da lì il nostro viaggio è proseguito per strada, fino a Masi Manimba. Ecco una mail che scrisse Marco agli amici in Italia, in una notte africana di agosto da Masi Manimba, dopo molti tentativi dedicati a far funzionare tutto per il meglio: “Alla fine abbiamo vinto noi. Cari tutti quelli che leggono. Non sapete quale gioia immensa scrivervi questa mail attraverso la parabola satellitare che abbiamo installato qui a Masi-Manimba in Congo. Un posto davvero sperduto nella foresta congolese, dove la città più vicina che si possa vagamente dire tale è a 45 Km di semi-sterrato, e la capitale è a 400 Km. Intorno, il nulla. L’Internet point più vicino non funziona da febbraio e noi, dopo 3 giorni di viaggio per arrivare sul posto, dopo un palo di sostegno per la


noprintnoprintnoprintnoprint parabola “inventato” a mo’ di McGyver, dopo un router bruciato a causa sbalzi di tensione dal generatore e qualche inverter cimito, collegamenti sempre precari e attrezzi inesistenti o antiquati… beh, dopo una miriade di sfighe immense e continue su tutti i fronti… Alla fine eccomi qua a scrivervi dalla nostra ormai bellissima connessione satellitare. Il gusto che questa operazione con i suoi alti e bassi, gioie e dispiaceri, ci ha dato e ci sta dando… è indescrivibile. Qui fino a 2 ore fa eravamo davvero fuori dal mondo. Adesso questa gente potrà avere Internet e quindi assistenza medica remota, comunicazione, informazione, lezioni universitarie a distanza e chi più ne ha più ne metta. Un’esperienza che chiunque dovrebbe fare per rendersi conto di come molte cose che ci appaiano scontate lì in Italia in realtà qui diventano pura e semplice magia. Quando abbiamo captato il segnale del satellite (dopo solo 12 ore di tentativi!) e abbiamo visto apparire “onda verde” sul monitor del pc, ci sembrava di avere trovato l’acqua a 150 mt di profondità. Una festa e una gioia che non avete idea. In Italia questa operazione sarebbe stata banale, ma qui vi assicuro… è un successo senza precedenti, che getta il seme per una crescita sostanziale di questo posto. Non ci si rende conto di cosa significhi qui questa parabola, fino a che non si manda la prima mail, con il batticuore e la consapevolezza di aver fatto una cosa che aiuterà migliaia di persone. Adesso

bisogna iniziare a pensare a ulteriori risorse (economiche, di tempo, materiali) da destinare a questo posto per fare in modo che diventi un centro di eccellenza del Congo, attrezzatura, pc, competenze a distanza possono essere utili…. Bè, che dire, MBOTE! (saluti in dialetto locale).” Siamo tornati a casa con occhi nuovi e un nuovo cuore, ricco di esperienze, ricco di tutto ciò che abbiamo visto, di ogni differenza e di tante consapevolezze. Lo scandire delle ore nel corso della giornata, le usanze locali, i punti di vista, il concetto stesso di vivere e di vita, la piccola, immensa pratica di ogni giorno: la corrente elettrica, l’acqua corrente e potabile, l’illuminazione notturna, ogni cosa che qui ci sembra automatica, scontata da avere, là semplicemente non era. Tutto identico e al contempo tutto diverso. Seduti nella penombra della sera, quando si era finalmente riusciti a instaurare il collegamento Internet, festeggiavamo con un bel po’ di ottima birra congolese e parlavamo (in realta’ era piu’ Marco che parlava: il suo francese e’ francese, quello mio e di Felice decisamente no) con il team di elettricisti del posto, il cui aiuto è stato fondamentale per il set-up dell’impianto fotovoltaico e di comunicazione. Parlavamo di loro e della loro vita, di noi e della nostra, del fatto che noi dall’Europa eravamo riusciti ad arrivare fin là con circa 1.000 euro (il costo del biglietto A/R Torino-Kinshasa via Bruxelles) e che

per loro quei 1.000 euro valevano come 60.000 per noi, e che quindi ovviamente non sarebbero mai venuti in Europa. L’acqua poi. L’acqua, che quando apri un rubinetto zampilla briosa. Là apri un rubinetto (quando c’è) e spesso, anzi quasi sempre, non esce nulla. Un mattino a Kikwit (cittadina dalla quale siamo passati nel viaggio di ritorno a Kinshasa) mi apprestavo alle solite abluzioni quotidiane, gli occhi gonfi, i capelli arruffati. Il lavandino c’era. Apro il rubinetto. Niente. Chiudo. Riapro. Niente. Mi guardo intorno assonnato, lo sguardo intercetta un secchio pieno d’acqua. Ecco il mio rubinetto. Trovato! Mezzo secchio, direi più o meno quattro litri d’acqua, usati fino all’ultima goccia nel caldo mattino africano. Mi ci sono lavato appena le mani. Forse con la pratica sarei riuscito a usarne metà, forse sarei riuscito a scendere a poco più di mezzo litro, per non dover poi tornare troppo spesso al pozzo o al fiume più vicino – lontano chilometri – a riempire di nuovo il secchio. Forse sarebbe stato così ma, intanto, quella mattina almeno quattro litri se n’erano già andati. Mezzo secchio per lavarsi le mani. Due litri per ogni mano... ma quanta acqua utilizziamo tutti i giorni? Qual è la giusta misura? Di quanta acqua ha bisogno un uomo per lavarsi? Di quanta acqua ha bisogno un uomo per sopravvivere? E un bambino? La mente umana è così, specula su ogni spunto di lettura del mondo, e ti ritrovi a porti domande che forse avevi solo sen-

tito durante una partita a Trivial Pursuit. Vivere nell’abbondanza è diseducativo. Almeno ora questa consapevolezza la portiamo con noi, e ci accompagna a ogni doccia e ogni tuffo in piscina, ogni shampoo e ogni pasta, e ogni volta che guardando verso l’orizzonte pensiamo che al di là del mare stanno crescendo i frutti di quanto abbiamo fatto. In attesa di nuovi occhi, nuovi cuori e nuova acqua, a ristorare una terra assetata di vita. È tempo di disfare i bagagli. E di tirar fuori i souvenir che Masi Manimba ci ha lasciato. Comprendere, imparare, migliorare, vivere anche un po’ più responsabilmente. Con maggiore consapevolezza e rispetto, riportati a casa come il souvenir più importante. EXTRA | SHARE |

BACK

LOCAL SOLUTIONS FOR CHANGE Intervista a Karl-Ludwig Schibel di Alessio Sciurpa


noprintnoprintnoprintnoprint Le piccole aree urbane, in quanto sistemi dotati di specifica identità, si distinguono sia dagli altri sistemi sia dall’ambiente esterno, per caratteristiche socio-culturali e ambientali intrinseche: è quello che in letteratura si definisce milieu urbano. Lo sviluppo di esperienze e politiche di prossimità che tendono alla sostenibilità ambientale in senso ampio ci dimostra come queste piccole realtà territoriali, in cui risiede il 50% della popolazione europea, diventano veri e propri modelli di sviluppo, non più solo per esse stesse, ma estendibili all’intero sistema. Climate Alliance, associazione che raccoglie 1.500 comuni ed enti territoriali europei, ne è testimonianza. I suoi membri elaborano e attivano una larga gamma di misure per la lotta al cambiamento climatico, in particolare nei settori energia e trasporto, e contribuiscono alla conservazione delle foreste pluviali, tramite campagne di sensibilizzazione e il boicottaggio dei legnami tropicali in partnership con i Popoli Indigeni delle Foreste Pluviali. “Local solutions for change” è il titolo della prossima Conferenza Internazionale promossa da Climate Alliance a Perugia dal 14 al 16 aprile 2010, in collaborazione con Regione Umbria, Provincia e Comune di Perugia. Spazio di confronto e stimolo, a dimostrazione che il futuro della lotta ai cambiamenti climatici è local. AS: Karl-Ludwig Schibel, membro della Presidenza e Coordinatore per l’Italia della Climate Alliance, qual è il ruolo delle

comunità locali, e delle amministrazioni che ne sono espressione, nella lotta ai cambiamenti climatici? KS: Gli enti locali hanno un ruolo chiave per la salvaguardia del clima perché sono di loro competenza importanti campi d’attività legati alle emissioni di CO2. Pensiamo in particolare a campi quali la mobilità, l’energia – nello specifico la produzione di energia da fonti rinnovabili nel proprio territorio – ma anche l’efficienza energetica, la gestione dei rifiuti, la pianificazione urbanistica e naturalmente le attività dell’ente medesimo: il suo approvvigionamento energetico, il parco veicoli, la gestione del proprio patrimonio edilizio, gli acquisti di beni e servizi (acquisti verdi). Oltre alle attività che ricadono nell’ambito delle loro competenze, gli enti locali hanno importanti funzioni per l’attuazione di norme, decreti, regolamenti, leggi emanate dal governo nazionale, spesso sulla base di provvedimenti europei. Possono, ad esempio, facilitare la produzione di energia rinnovabile attraverso il regolamento edilizio, promuovere l’efficienza energetica per l’esistente e per le nuove costruzioni, adottare misure per ridurre il traffico motorizzato individuale, sensibilizzare la cittadinanza sulle questioni del clima. Hanno un ruolo importante per stimolare il settore economico attraverso collaborazioni pubblico-privato (Il “Sole in Comune”, accordo volontario tra banche, fornitori, installatori, studi tecnici per il fotovoltaico), programmi di certificazione e formazione (Ecoprofit).

AS: L’essere un attore attivo quindi è alla base della Climate Alliance? KS: I membri della Climate Alliance si impegnano a boicottare i legni tropicali (preservazione delle foreste pluviali), eliminare l’uso dei CFC (oggi fortunatamente non più un gran problema) e ridurre le emissioni dei gas serra nel proprio territorio, ogni quinquennio del 10%. Sono impegni unilaterali, volontari. I comuni però prendono quest’impegno nella convinzione che non si tratta solo di risolvere un problema globale, ma che l’uscita dal fossile è comunque la strada indicata per garantire uno sviluppo sostenibile al territorio, per migliorare la qualità dell’ambiente e della vita, rendere l’ambiente più sano, rafforzare la struttura economica del territorio e renderlo più resiliente ai cambiamenti climatici. AS: Durante la prossima Conferenza Internazionale di Perugia, Climate Alliance festeggerà 20 anni di attività: possiamo stilare un breve bilancio dell’attività svolta? KS: In questi due decenni, Climate Alliance ha sviluppato un catalogo di misure utili ai suoi membri per individuare quelle più idonee al proprio territorio, alle risorse e alla volontà politica (Bussola del clima, uno strumento elaborato con finanziamenti europei durante gli ultimi 15 anni). Consigliamo di iniziare in casa propria per poi passare alla performance energetica negli edifici della

pubblica amministrazione, le scuole, il cimitero, lo stadio, il parco macchine dell’ente, gli acquisti di beni e servizi, ecc. Poi estendere le proprie attività al territorio, migliorare il trasporto pubblico (Provincia di Roma), la ciclabilità e pedonalità, e al contempo rendere meno attraente l’uso dell’auto. Ferrara da quasi vent’anni segue un programma coerente. Favorire il termosolare (Bolzano), campagne di sensibilizzazione nelle scuole come le nostre “Miglia verdi” (tra molti altri Reggio Emilia, Ferrara, Piacenza, Modena), quartieri industriali verdi (ZIPA verde, Jesi). I comuni migliori come Hannover e Freiburg in Germania, L’Aia in Olanda, Bolzano, Ferrara, Reggio Emilia o la Provincia di Roma in Italia hanno sviluppato una propria strategia sul clima. Vale a dire che non solo hanno riunito in un apposito programma le varie iniziative a favore del clima, ma hanno istituito anche un piano di monitoraggio. Nel 2009 abbiamo lavorato con un gruppo pilota composto da 6 comuni (Bolzano, Genova, Jesi, Modena, Reggio Emilia, Schio), due Province (Ancona e Roma) e una Regione (Emilia-Romagna) sul programma software ECORegion per elaborare bilanci di CO2 a livello locale e territoriale. AS: Quali i risultati ottenuti finora? KS: Abbiamo dei dati pubblicati da comuni tedeschi ed austriaci. Dimostrano che, ad esempio, il Comune di Hannover è riuscito dal 1990 di ridurre del 11,5% le sue emissioni di gas serra. Sicuramente


noprintnoprintnoprintnoprint al di sotto dell’impegno della Cliamate Alliance, ma va anche detto che senza il cambiamento delle condizioni quadro nazionali ed europee, i comuni non sono e non saranno in futuro in grado di fare la loro parte. In questo contesto è molto incoraggiante il cosiddetto Patto dei sindaci (Covenant of Mayors), cioè la prima iniziativa con la quale la Commissione Europea si rivolge esplicitamente agli enti locali dicendo: riconosciamo il vostro ruolo cruciale, vi chiediamo di darci una mano per raggiungere i nostri obiettivi del 20/20/20 nel 2020 (20% meno gas serra, 20% più efficienza energetica, 20% più rinnovabili). In Italia i nove enti locali e territoriali del gruppo pilota ECORegion stanno lavorando sui propri bilanci di CO2 e la Provincia di Roma ha presentato i primi risultati alla COP 15 a Copenaghen nel dicembre 2009. Bolzano ha deciso di diventare CO2 neutral entro il 2015 e ha presentato recentemente il proprio piano a riguardo. AS: L’Urban Sprawl e la Giusta Misura sono stati i temi portanti della scorsa edizione della “Fiera delle Utopie Concrete”, di cui lei è il coordinatore dal 1988. Qualche anticipazione sul programma e il tema della prossima edizione? KS: La Fiera delle Utopie concrete 2010, che si svolgerà dal 7 al 10 ottobre a Città di Castello, vuole aprire una finestra sull’Altotevere sostenibile presentando le forze, le risorse, le soluzioni presenti nell’Alta Umbria che oggi sono a disposizione dei cittadini, delle istituzioni,

delle imprese per rendere le proprie attività e i consumi compatibili all’ambiente. Saranno chiamati gli attori più vari ad esporre offerte, prodotti e servizi utili ad una vera transizione verso un futuro sostenibile. Come distinguere prodotti e servizi sostenibili da quelli che non lo sono? Un primo criterio è se la loro produzione ed il loro consumo abbassano le emissioni dei gas serra o meno. Nell’Altotevere c’è un’offerta di prodotti e servizi che contribuiscono alla riduzione dei gas serra, che hanno un impatto ridotto in fase di produzione e consumo, chiudendo i cicli nel territorio e rafforzando l’economia locale. Si tratta di una comunità latente che ancora non si percepisce come tale. Ne fanno parte il coltivatore diretto che usa metodi biologici, il falegname che produce porte e finestre ad alto isolamento termico, l’amministratore o il tecnico comunale che promuove la costruzione di piste ciclabili, i distributori, installatori, progettisti di impianti per la produzione di energia, il negozio che offre latte, detersivi o altri beni in forma sfusa, l’albergatore che rinuncia alle porzioni monodose nel buffet della prima colazione – e molto altro ancora. La Fiera delle utopie concrete 2010 vuole far emergere in modo esemplare in uno specifico territorio di 700.000 abitanti e mille kmq, questa comunità sostenibile latente e renderla visibile, agli attori stessi e a un pubblico interessato EXTRA | SHARE |

BACK

Risorsa mineraria o problematica sociale? Intervista a Susanna Anderegg di Iacopo Benini

Negli ultimi anni la costante crescita della domanda di minerali da parte delle economie emergenti ha determinato un aumento del prezzo dei metalli, suscitando l’interesse di importanti compagnie transnazionali che operano nell’industria mineraria. Il Perù ha fatto registrare un vero e proprio boom del settore, facilitato da un regime tributario e politico favorevole allo sfruttamento delle risorse naturali, ed è diventato uno dei più importanti produttori di metalli al mondo. Purtroppo, come accade sempre più di frequente, la disponibilità di una risorsa – utile anche ad altri paesi – può diventare un problema per l’equilibro del luogo dove tale risorsa si trova. Inoltre, nel caso dell’industria mineraria, l’ingente beneficio economico per chi lavora nel settore può significare anche un ingente costo sociale e ambientale per gli strati più poveri della popolazione locale che,

in Perù, si dedica prevalentemente all’agricoltura e all’allevamento. Oltre a richiedere enormi quantità di acqua e terra, con evidenti rischi per l’ecosistema locale, purtroppo alle imprese minerarie non sono sconosciuti episodi di violazione dei diritti umani – che spesso rimangono ignoti a causa delle difficoltà di comunicazione con le zone remote in cui accadono. Nelle provincie di Chumbivilcas e Cotabambas, che si trovano rispettivamente nelle regioni di Cusco e di Apurímac, questo processo è allo stato embrionale. Sono state erogate concessioni per le esplorazioni e alcune imprese transnazionali hanno cominciato le operazioni di estrazione in luoghi dove la popolazione è spesso totalmente all’oscuro dei rischi ambientali dell’estrazione mineraria e del tipo di diritti che può rivendicare. La Corporazione Andina per l’Educazione e Promozione “José Maria Arguedas” (Cadep Jma) – una ONG con base nella città di Cusco che opera nel territorio andino sin dagli anni ’70 per tutelare i diritti delle popolazioni indigene e difenderne l’identità – sta affrontando la problematica. I progetti sviluppati da Cadep Jma hanno lo scopo di ampliare la partecipazione delle comunità indigene e “campesine” alla politica locale. Per quanto riguarda specificatamente l’ambito minerario, Cadep Jma opera nelle provincie di Chumbivilcas e Cotabambas per rafforzare le dinamiche politiche di esercizio dei diritti di cittadinanza perché le imprese si facciano carico della propria responsabilità sociale e ambientale; l’in-


noprintnoprintnoprintnoprint dustria mineraria deve infatti operare nel rispetto di un percorso di sviluppo della popolazione che non può prescindere dall’accesso alle fonti di acqua pulita e dall’integrità ambientale, soprattutto se pensiamo che, oltre che nella vita quotidiana, la madre terra (Pachamama) ha un ruolo fondamentale nella cultura locale. Così, per rafforzare le capacità di vigilanza, di negoziazione e di incidenza della popolazione rispetto ai progetti delle imprese minerarie, Cadep Jma promuove la formazione di comitati di gestione su base locale che si assicurano che siano rispettati determinati valori sociali e ambientali, lancia campagne di incidenza politica e iniziative di conservazione e miglioramento ambientale (valutazioni di impatto ambientale, programmi di riforestazione, ecc.), e genera consenso nella società civile e nei governi locali sui rischi e gli impatti dell’attività mineraria e sulla necessità di una propria proposta di sviluppo, non pregiudicata da un’attitudine irresponsabile da parte dell’impresa. Nella consapevolezza che l’attività mineraria apre possibilità di sviluppo per le aree interessate e per il governo andino, la corporazione non vuole contrastarle tout court, ma creare le condizioni affinché la società civile possa gestire autonomamente le esternalità che ne emergono, nel pieno e consapevole esercizio dei propri diritti. Susanna Anderegg di Misión Belén Immensee lavora da tempo nel campo della cooperazione internazionale nella regione sudamericana, e in particolare si occupa da anni proprio delle tematiche

legate allo sfruttamento minerario. Da quasi tre anni appoggia il Cadep Jma nei progetti dell’area di minería. IB: Susanna, in che modo l’attività mineraria può rappresentare una minaccia? SA: L’attività mineraria utilizza molte volte sostanze chimiche come cianuro e ossidi. Estrarre il minerale grezzo dalla roccia è un processo complesso, e il pericolo nell’utilizzo di tali sostanze è che possano finire negli scarichi o vaporizzarsi nell’aria e ricadere sulla terra. È risaputo che l’estrazione mineraria può contaminare le falde acquifere, incidendo su agricoltura e allevamento ma anche sulla potabilità stessa dell’acqua. Quello che è successo in La Oroya (zona di attività minerarie nella regione di Huancayo, considerata una tra le dieci più inquinate del mondo – ndr) è un esempio concreto. La popolazione è cosciente di questi pericoli? L’effettivo livello di informazione non è elevato in generale, anche se ci sono alcune persone, come leader o dirigenti, che hanno partecipato a incontri informativi o a stage. Ma la maggior parte della popolazione dispone solo di un’informazione frammentaria e poco approfondita: può solo intuire da ciò che sente dire che ci sono conflitti in atto, o che l’attività mineraria non è solo una cosa buona ma ha anche risvolti negativi. IB: Cosa si può fare per responsabilizzare l’industria mineraria? SA: Questo è principalmente compito

delle società minerarie stesse: a livello nazionale e internazionale esistono ben precise norme di comportamento per il settore. Queste aziende devono impegnarsi a svolgere il loro lavoro in modo responsabile, nel rispetto dei diritti della popolazione – incluso quello di non essere ingannata, ma informata in modo accurato e trasparente – e delle leggi vigenti, usando le migliori tecnologie disponibili (anche se più costose) per scongiurare al massimo il pericolo di contaminazione. Per salvaguardare la popolazione è necessario che si prendano questo impegno. Credo però che la responsabilità ricada sia sulle imprese e sui loro dirigenti sia sui governanti locali, che devono impegnarsi perché siano rispettate le buone norme e denunciare le eventuali violazioni a discapito dell’ambiente, della trasparenza verso la popolazione locale e della sicurezza dei lavoratori. IB: Che cosa è già stato fatto concretamente, e che ruolo giocano la comunicazione ambientale e la partecipazione in tutto questo? SA: Da due anni conduciamo campagne di informazione, principalmente nella zona di Cotabambas: abbiamo iniziato a informare i giovani della capitale, Haquira, e l’anno scorso abbiamo esteso l’azione alle comunità rurali, in modo che possano orientarsi sui diversi aspetti relativi alle miniere, sui processi coinvolti e sulle possibili azioni per incidere su di essi. Uno degli obiettivi è che la

gente conosca i propri diritti e inizi a farli valere anche con le società minerarie. Come secondo obiettivo abbiamo iniziato a formare (e informare) comitati di gestione ambientale, i cui rappresentanti possono agire a livello distrettuale acquisendo potere contrattuale. Questi comitati devono essere in grado di coordinarsi con i comuni, avanzare proposte concrete per migliorare l’ambiente e, se necessario, creare consenso e influenzare le decisioni a livello locale, regionale, nazionale e anche internazionale, in caso di violazione dei diritti umani o gravi impatti negativi sull’ambiente. Allo stesso tempo stiamo sostenendo le comunità già colpite da danni derivati dall’attività mineraria, rispondendo alle richieste che di volta in volta ci vengono sottoposte. Stiamo coordinando tavoli di discussione e concertazione a livello locale, che interagiscono con quelli tematici su ambiente e attività mineraria, quelli municipali, quelli aperti da varie altre organizzazioni, anche a livello regionale con il tavolo sullo sviluppo e l’attività mineraria di Abancay (capitale della regione di Apurímac – ndr). Allo stesso tempo abbiamo aperto contatti soprattutto in Europa, in caso si prospettasse un’azione a livello internazionale. In ultimo, anche se ancora poco sviluppato, c’è il lavoro di ricerca: capire e analizzare quali siano le necessità e studiare l’attività mineraria in maniera più approfondita è una base importante per il lavoro che abbiamo svolto e stiamo svolgendo. EXTRA | SHARE |

BACK


noprintnoprintnoprintnoprint Ora come non mai il futuro è Personal Intervista a Stefano Carabelli di Alessio Sciurpa

La diffusione della tecnologia, lo sviluppo di device sempre più sofisticati e la creazione di prodotti/servizi sempre più personalizzabili ci danno una visione di quello che sarà la società del futuro. Il concetto di personal oggi coinvolge tutto il campo di attività che ogni giorno svolgiamo, dai consumatori che co-progettano insieme alle aziende i prodotti che useranno, la diffusione del concetto di community, al “profile myning” (“10 crucial consumer trends for 2010” – trendwatching.com – NdR), la gestione della propria immagine e del flusso di informazioni personali che volenti o nolenti disseminiamo durante tutto il corso della nostra vita. Tale tendenza, se messa in relazione alle stime delle Nazioni Unite secondo le quali entro il 2050 i tre quarti della popolazione mondiale vivrà nelle aree urbane, fornisce uno scenario di lavoro a tutti quei soggetti deputati a

ideare, progettare e realizzare prodotti e servizi che tendono sempre più a ridurre il divario funzionale tra uomo, macchina e ambiente (sempre più spesso urbano) circostante. Rientrano in questa categoria i PCV: i Personal Commuting Vehicles, così battezzati per richiamare il personal computer degli anni ’80, che identificano una nuova classe di veicoli. Come nel caso del PC, che ha rivoluzionato il concetto stesso di informatica rendendola accessibile ad un uso personale e casalingo, un PCV si pone l’obiettivo di rivoluzionare il trasporto urbano e suburbano attraverso un nuovo modo di concepire la strada e la mobilità individuale. A maggio prenderà anche il via il “Progressive Automotive X Prize”, competizione internazionale organizzata negli Stati Uniti dalla X Prize Foundation, con l’obiettivo di ispirare una nuova generazione di veicoli ad alta efficienza e basse emissioni, in grado di offrire ai consumatori un’alternativa concreta ai mezzi di trasporto privato attualmente disponibili sul mercato. Per essere ammessi alla competizione, i veicoli devono rispettare quattro criteri fondamentali: essere in grado di percorrere almeno 43 Km con 1 litro di benzina, rispettare gli attuali standard di sicurezza passiva (crash test), essere autonomamente stabili in ogni condizione di uso (in pratica sono escluse le motociclette) e, infine, essere progettati per la produzione in serie (almeno 10.000 unità l’anno, ovvero sono esclusi prototipi troppo “futuristici” che non potrebbero essere prodotti a costi accetta-

bili). A contendersi i 10 milioni di dollari in palio, 43 team selezionati fra oltre 97 candidature, provenienti da 10 paesi del mondo. Tra questi l’Italiana TTW - Three Tilting Wheels s.r.l., start-up aziendale e laboratorio di creatività ingegneristica, attualmente inserita nell’Incubatore d’Imprese del Politecnico di Torino, con il suo TTW One. AS: Stefano Carabelli, Presidente di TTW s.r.l., quali sono le peculiarità di un PCV e in particolare del vostro? SC: Un Personal Commuting Vehicle è un veicolo specificatamene pensato per il trasporto di una/due persone, in sicurezza e in ambito urbano ma anche suburbano quindi anche con velocità tipica di una tangenziale. TTW One si propone come la naturale evoluzione di un maxiscooter mantenendone ingombro e prestazioni, ma sempre in condizioni di massima stabilità, grazie alla terza ruota e al controllo automatico dell’inclinazione. AS: Come funziona nello specifico la propulsione e quanta autonomia ha? SC: TTW One è dotato di una propulsione ibrida elettrica che combina un motore a combustione con cambio a trasmissione continua connesso alla ruota posteriore, con due motori elettrici posti direttamente nelle ruote anteriori. In tal modo, oltre ai vantaggi in termini di consumi ed emissioni di CO2, si ottiene una trazione integrale. Da non sotto-

valutare la possibilità di utilizzare, per tragitti brevi (tipici nelle aree urbane), la trazione puramente elettrica, quindi a zero emissioni, con una autonomia di circa 25 chilometri. AS: La sicurezza è uno dei problemi che affliggono i veicoli alternativi nel traffico urbano, come avete affrontato questa problematica? SC: La sicurezza non è uno dei problemi, ma il problema di tutti i veicoli a due ruote. Purtroppo le statistiche sono chiarissime: utilizzare un motociclo in ambiente urbano è pericoloso perchè ogni incidente è potenzialmente dannoso per l’occupante, prima ancora che per il veicolo. TTW One è dotato di una cellula di sicurezza che avvolge completamente guidatore e passeggero assicurando loro una protezione al livello di una normale automobile e, al contempo, proteggendoli dal... maltempo! Ma l’Italia non è sola ad affrontare questa sfida, che mira a rivoluzionare in maniera radicale il trasporto all’interno delle aree urbane: anche Francia con Peugeot “HYbrid3 compressor e Lumeneo”, Germania con “Mini E”, Gran Bretagna con “Riversimplee” e Stati Uniti con Tesla Motors “Roadster e Persu hybrid”, stanno sviluppano progetti analoghi. EXTRA | SHARE |

BACK


eart threepointzero ENG | ITA

Please think FSC before you print Interview with Alison Kriscenski by Michelle Nebiolo

eart magazine supports a no-print approach and, when actual paper and ink are absolutely necessary, its designers have thought of a few interesting ways the impact of printing can be reduced. However, some decisions are left up to you, our readers: if you must print, use the blank side of a used sheet of paper. Or use certified paper. Or recycled paper. Better yet, use the blank side of a used sheet of recycled, certified paper. One of the organizations promoting sustainably-sourced timber and controlling the certification of timber and its derivatives, such as paper, is the Forest Stewardship Council, also known by the acronym FSC and by its logo. MN: The FSC was founded in 1993 and now boasts over 110 million hectares of certified forests in 82 different countries. How did the organization get people to recognize and align themselves with its standards at first? AK: FSC evolved from the UN Conference on Sustainable Development in 1992 and was from the onset comprised of a diverse group brought together by the common goal to improve forest management worldwide. It is important to note that FSC is voluntary and that the businesses, organizations and individuals supporting FSC are driven by a variety or combination

of different interests ranging from social wellbeing to environmental concerns to making responsible business decisions. The governance structure of FSC is balanced between environmental, social and economic interests. This is a unique, multi-stakeholder setting, which gives equal voice to these diverse perspectives. This encourages participation and decision making through consensus. It is a significant aspect of why FSC is recognized as the most credible forest certification scheme, and why businesses, organizations and governments use FSC as a tool in reaching their respective goals. MN: Central and Northern Africa, as well as the Middle East, however, are still off the FSC map. Do you have a communication strategy to approach businesses and institutions in these countries? AK: In 2007, FSC launched its five-year Global Strategy to define the organization’s priorities. Within its five main goals, FSC has further articulated specific focus areas and among these is the objective to improve application of FSC standards in managed forest operations in the tropics (Goal 2b – Global Strategy www.fsc.org/global_strategy. html). Two current projects support this goal: GEF project for improved certification systems for sustainable tropical forest management; and PPP-NI project for strengthening FSC National Initiatives to improve tropical forest management. An overview on each project is available online at www.fsc.org/projects.html. Additionally, FSC Global Development is FSC’s market focused business unit charged with brand management and trademark promotion worldwide. While

strengthening FSC at the forest level has strong efforts in the tropics, FSC also has strategies in various regions to strengthen the FSC system on the market side, drive demand for responsibly sourced products and increase awareness of FSC. MN: There’s a video documentary on www.fsc.ord showing that, in 1999, American buyers shopping at Home Depot hardly knew what ‘certified’ meant, while interviewees in The Netherlands (where 49% knew what FSC stands for) mention they’ve read and seen advertisements about the FSC. According to your experience, is there a cultural element that makes people more or less sensitive about environmental issues in different countries, or are different levels of awareness a matter of available information and communication? AK: Environmental awareness varies from country to country for many reasons – population size, government structure and policies, and location are all affecting factors. These same variables affect awareness of FSC. For this reason, FSC has over 50 National Initiatives around the world, which help promote responsible forest management in a way that is relevant to the local population. These focused organizations support FSC’s mission and vision, and are integral to FSC’s work. A full listing and contact details of our National Initiatives may be found online at www.fsc.org/fsc-locations.html. MN: It is obviously crucial for the FSC that its trademark is used properly, as it communicates at a glance all that the organization stands for. But do you think this highly visual logo might also have contributed to the success of the FSC certification compared to other

international certification systems, e.g. making it easier to remember and recognize? AK: FSC’s logo is unique and memorable. It is a protected trademark, and FSC has a strong program focused on Trademark Services – both for promotion and protection. More important though is what the logo stands for: the highest social and environmental forest certification standards and the most credible international forest certification scheme. The logo is backed by the integrity of the FSC standards, the FSC Accreditation Program, and the global community of FSC Members. MN: “Please think FSC before you print” is a smart e-mail closing. AK: Thank you. The e-mail closing is a reminder that FSC is a good choice, a responsible choice. Recycled paper is also a good choice, and FSC standards include a ‘recycled’ product label, so the closing can also refer to recycled paper products. The demand for paper globally is immense, and expected to continue to grow. FSC does not encourage forests to be explored, but rather promotes the equitable incorporation of social and environmental considerations when this does happen. In this, FSC is not an alternative to conservation but a contributing factor in pushing the global dialogue on responsible forest management and providing a forum where internationally applicable solutions may be created. The message is that if we continue to put demand on resources, we need to do so in a responsible manner and FSC is a key tool in making this happen. EXTRA | SHARE |

BACK


Sustainability 2.0 Interview with John Grant by Michelle Nebiolo

After the success of The New Marketing Manifesto, named one of the ten best business books of 1999 by Amazon.com, and The Green Marketing Manifesto, which won the 2008 British Book (Design & Production) Award in the environmental category (and was finally translated in Italian by Brioschi last year), John Grant is back with a new book published by Wiley, called Coopportunity. Though busy with a number of projects (including his prolific blogs, greenormal.blogspot.com and www. coopp.net), he found a moment to tell us more about himself and the ideas he works with – and was more outgoing and generous with his time than we could hope. But then again, this is someone who’s come up with his very own smiley emoticon-signature. MN: Can you tell us why you became interested in social awareness and green issues in the first place? JG: Professionally there have been various stages. At St Luke’s in the mid 1990s we were working with this stuff ourselves and also trying to figure out what it meant for clients. Around 2001 I joined a Forum for the Future group looking at marketing and sustainability. In 2002 I started a sustainability sponsored content company (that never really took off), then in 2004 I tried to launch an eco label called “not bad” (ditto) and so on. Now I’ve written several books on the subject and tend to get a fair bit of consulting work in this space; although sometimes it’s just as

valuable to do a project which teaches you some new strategy or application (for instance in social media) that you can reapply to a good cause. At the moment I’m in the middle of launching a joint consultancy called Abundancy with two people (Jules Peck and Tamara Giltsoff) who know more about sustainability than I do; I’ve also have been working for the last 2 years on yet another green start-up, called Ecoinomy. Personally I had a childhood fascination (as many do) with trees, ants, caterpillars and so on. My version of the ‘fireman’ type early vocation is that I wanted to be a forestry commissioner. In my idealistic teen and young adult phase it was much more about poverty, justice, human rights though – plus a sort of yoga/vegetarian/pacifist/hippy thing. My main interest today is how to think about building a better kind of society, how we can make that shift. I see that as a primary task, and the environmental and social impacts as more like side effects. I guess it is my life stage again (Erik Erikson said that in middle age we ideally get into generativity; the questions of our collective legacy and what is best ‘for the good of the species’). MN: When you announced the www. coopp.net blog on Greenormal, you said you’d keep green marketing and innovation separate from social innovation: “It’s a fuzzy line and when in doubt I will cross post.” Can you give us examples of how fuzzy that line is? JG: Pepsi Refresh, which I decided to put on the Coopp blog, is actually a marketing campaign (that happens to apply crowdsourcing and a consumer engagement platform to funding charities). It’s cause related marketing rather than sustainability per se, but it’s certainly somewhere on that line. Also I’ve been

surprised in the last few months how agency strategists and marketers have seemed to switch on to the collaborative ecosystem sort of approach – for instance how many want me to come in and chat about it. I had expected that this would be the book which they might skip, since it’s more obviously targeted at social ventures and community innovation. But actually there has been a lot of initial interest from the ‘green marketing’ (to put it in broad terms) community too. And even the ‘non green’ sort. Maybe for them it is actually a trend book? And there has been a big mood swing in the last year away from image towards the rooted; in anything from growing your own vegetables, to knowing where your eggs come from, to the new folk culture and ‘frucool’ (as Ed from Futerra calls it). MN: What will readers find in Co-opportunity that was missing in The Green Marketing Manifesto? What has changed in the 3 years between books? JG: The book grows out of a section in green marketing manifesto that started to look at new social and business models, for instance around sharing, leasing, clubbing together and so on. But they are very different books. The Green Marketing Manifesto was an attempt to clarify and classify worthwhile approaches in an era where greenwash was a real worry and threat. Co-opportunity is a sourcebook for social innovators, people with the beginnings of an idea for a social venture, with a new policy job, a cause or campaign. It covers different sorts of examples some of which are green (e.g. Transition Towns, or the Walmart Index) and some which aren’t (e.g. MyObama or M2M). They are both sustainability and innovation books I suppose. The other thing is that I do

think there has been a swing towards more visionary solutions, and towards collective citizen approaches rather than individuals as consumers (10 little things you can buy to make a difference). What my publisher says to sum it up in a snappy way is that Co-opportunity is “Sustainability 2.0” and there is certainly quite a lot of social network and digital stuff in there too. MN: What do you think about Wired Italia’s Internet for Peace campaign? Has the web contributed to environmental and social communication in a truly innovative and significant way? JG: It’s certainly an interesting and sparky campaign – I will have to blog about it in due course. I’m uncertain whether the high profile role that the Internet has played in recent political events quite qualifies it yet for a peace prize... I’m not sure #iranelections was the equivalent of a Mandela or a Tianneman Square. The web has given us wonderful tools to connect with other human beings. For instance last summer, as part of an insect, art and ecology festival (Pestival) a group of us created a role play of a bee colony on Twitter – complete with a pollen treasure hunt on other websites (you had to find several hundred hidden flowers and point them out to other bees), and also a complete training/briefing on the 23 roles you could take in a bee colony and pointers to how you would interact with others. It’s also given us wonderful ways to coordinate and organise, from Meetups, Flashmobs, hack days and so on – to a full crowdfunding and P2P canvassing system in the Obama election campaign. It’s also an essential bush telegraph through our own little blog, Twitter and other circuits, allows for big information streams from Treehugger or


World Changing, and on top of all this is a platform for campaigns like those from Avaaz or Virgance. MN: Which is the most effective media for environmental and social communication? JG: Conversation. Person to person, and face to face. Things spread like wildfire long before the Internet, and they did so (religious ideas, political ideas, gossip and rumours) because they were urgent, important and the people who relayed them had a massive personal stake. Many of the things I’ve been exploring around climate change for instance are asking how we can enable more of these face-to-face, advocacy and educational interactions. On a broader level, we are incubating a completely different way of organising human societies, and that’s going to require lots of cells of rich human interaction. The network is great at joining those cells up but it is when we talk, think and feel together that we start to change. That’s my experience anyway. EXTRA | SHARE |

BACK

Time in jazz: an idea, a dream, a happy ending Interview with Paolo Fresu by Ilaria Testa

Take a small town in Gallura, one of its native’s enthusiasm, his skill at playing jazz on the trumpet, and an idea turning into a success, applauded both by public and critics. You have all the ingredients for a good story, with a guaranteed happy ending: Time in Jazz, the

international festival held in Berchidda (OT), has been one of the main summer attractions in Sardinia for over twenty years, and Paolo Fresu, its creator and artistic director, has become one of the best jazz players of our time. The story of Time in Jazz cannot be told without mentioning the environment where it’s held. There’s a strong bond between people and places, conditioning and influencing each other, and this is especially true for Berchidda, because of its special position and the territory surrounding it: on top of a hill, with a view on rocks that turn every shade of red at sunset. Flocks of sheep dot the countryside meadows, green after winter rain and okra after days of summer sun. Then, along the tortuous roads, tree trunks bleeding, bare after their cork bark has been taken. This is where, every August, musicians and artists from the whole world meet and give life to amazing shows. This is where the festival’s heart beats, where the association bearing its name was born to take care of its organization. The event’s purpose is to give visibility to talented and skilled musicians and artists who are not widely recognized in Italy. But the festival, growing famous and popular, has also contributed to the local economy by promoting this territory both in Italy and abroad. It’s not just a “touristy” moment to highlight during its peak in August: the positive outcome for the territory means a whole year of activities, as the festival is a factory of ideas and knowledge, involving over 200 volunteers between 14 and 60 years of age – an extraordinary group that has the chance to escape the marginality and immobility that is typical of similar areas, in Sardinia and beyond. In order to better understand the spirit animating the festival and everything around it, we asked a few questions to

its creator Paolo Fresu, who found the time for an interview with us while on a world tour. IT: How did you get the idea of a jazz festival? PF: That’s a good question. I wanted to do something important. For myself, for the place where I was born and raised, for music and jazz. Time in Jazz started in the mid-Eighties: my professional career had just started and I was inspired by some of the new festivals in Sardinia where I was being invited at the time. One of them was the one in Cagliari, and another was in Sant’Anna Arresi, a very small town in Sulcidano: it seemed very similar to Berchidda. The difference was that Sant’Anna Arresi was on the seaside, and thus attracted many tourists, while Berchidda is in the hinterland. My challenge was to bring a large public to the hinterland of Sardinia, defying the concept of territory and touristic and cultural movement. At the time, the only territories that people tried to promote were on the coast, like the Costa Smeralda. Aware of this, we developed the Time in Jazz program focusing on original projects that you couldn’t find anywhere else, so people were “forced” to come to Berchidda. Later we strengthened our bond with the territory, the local culture, the environment. All in all, Time in Jazz was never meant to be a top-down event, imposed from the powers that be, but a flywheel for development, tying art and territory together and researching the meaning of a cultural “container” that could change a community’s and a whole territory’s path. Examples are the Visual Arts Project PAV, and Semida Open Air Museum of Mount Limbara. IT: The festival can surely be consid-

ered a positive element for the local economy, and a chance for the younger generation for cultural exchanges and growth. Are you ever afraid that the festival might make Berchidda lose its particular identity? PF: That’s certainly a risk, but we try to be very careful. We like the idea of a successful festival that is now followed by tens of thousands of people, but which tries to maintain the size of a family or town event. We are aware of the fact that this might well be the key to the success of an event that is renown internationally, but can dialogue with its place of origin. And this has always been our challenge: to dismantle the old concept of geographical and cultural centrality. For its particular features, Berchidda can become the center of the world for ten days, and Time in Jazz can be the starting point for ideas and inputs to spread outside. IT: Despite the event’s success, have you ever had any problems, perhaps with the older generation of the town who didn’t want any changes, or with the institutions? PF: The problems with institutions are always the same. It’s too long and complicated to talk about it, and try to solve it, here. Also because it’s a problem that involves the whole country’s philosophy about cultural production. Sardinia, as a special statute region, is better off than others, but the problems of culture in Italy resonate on everything and everyone. To sum up, you cannot plan to far into the future and, moreover, finding funds is difficult because there are always fewer resources. This situation certainly doesn’t reward cultural associations, like ours, which take on risks on their own. Our relationship with the town and its community, instead,


has changed a lot. In the first few years, many people saw the festival as something useless and unnecessary, which could only bring trouble; but today everyone agrees that it’s important not only for music (not everyone loves or understands jazz) but also to give new life to the town, projecting a positive image of Berchidda, its territory and region; last but not least, everyone can now see that Time in Jazz has created linked businesses on the territory that are worth more than 1.5 million euros. And the festival is able to attract a large number of volunteers in its organization, making it an event that every family now feels a part of and looks forward to. IT: Time in Jazz was born as a jazz festival but has grown, not only in popularity but also in the creation of other cultural suggestions: why do you think it’s necessary to open up to other artistic expressions? PF: Because this is my idea of art, and because it would be pointless to organize such a big event if all you are doing is planning a few concerts, whether they are successful or not. The world ‘festival’ also contains the Italian ‘festa’, party, and means you need to involve everyone in something in which music and art are the main focus, but not the only one. It’s the only way to leave a strong mark on the territory, allowing everyone to grow. Because a festival can be an extraordinary instrument of growth. This is the concept that can unhinge the common idea that culture is ephemeral and non necessary... IT: What would you like for the future of the festival, the Time in Jazz association and Berchidda? PF: A more stable reality where we

might work in peace, without having to constantly try to convince everyone that what we do has plenty good reasons to be done. EXTRA | SHARE |

BACK

The environment as a theatrical place Interview with Gennadi N. Bogdanov by Claudio Massimo Paternò

Between the XVII and XIX century, the theatre, as physical space where people of every social background could interact and liaise, considered entertainment a mere accessory. The public, without chairs, and the stage, considered small “pied-à-terre” for business meetings and secluded rendezvous, helped create a “different” world, a place without sunlight where men, protagonist and viewer at the same time, could distance themselves becoming “someone else”. In the second half of the XIX century things changed, and the theater turned from a place of physical escape from the world to a temple of mental escape. Entertainment became the center of gravity, and reaching maturity it tackled increasingly structured shows. Chairs appeared and the audience suddenly went silent. The nature of the place didn’t change despite its new functions: a “different” place, separate from the world. Thus, the artist became the only true protagonist of the theater, and this new role can only lead to new demands. Structured theatrical methods and systems are created in response, to educate and organize the artist’s work in relation to the perceptive and spatial environment and its limits. Mejerchol’d’s Theater Biomechanics is a striking example of theater

art’s need for clear pedagogic rules. CMP: Master Bogdanov, how did you start working with Mejerchol’d’s Theater Biomechanics? GNB: I was an acting student and, after a strict selection, I was admitted at GITIS, Moscow’s State Academy. Five very hard years there taught me how to work in the theater as a professional. I studied with the best masters in the Soviet Union, some of which were Stanislavsky’s actors. I was trained in acting and many other skills (classic ballet, fencing, acrobatics, neutral mask acting), which allowed me to improve my expressive abilities. At 23, I was hired to act in Moscow’s Satire Theater’s repertory company, directed by Valentin Plucek, where actors have to dance and sing as well as act. I thought I had learned everything at the academy, but I was wrong. School is only the beginning, a solid foundation from which one’s own artistic process can start. As soon as I was hired, the theater’s director invited me and other young actors to attend lessons with his former master, Nikolaj Kustov, who was an actor and teacher of Mejerchol’d’s Theater Biomechanics in the 1930s. CMP: Why did you focus on this education system? GNB: My main problem was the relation between the ideas in the character, movement and scenic space, the environment in which the character lives and develops his or her story. It was a common problem I shared with older actors, with whom I worked every day, who tried to find an answer in their experience and instinct. Instead, Master Kustov had a completely new approach for my colleagues and me because he

always tried to find a direct solution, without any useless metaphysical ambitions. Hence I was able to experience a different vision of art: a 3D perspective that starts from reality and awareness of the surrounding space to reach full knowledge and awareness of one’s own expressive instruments. Thanks to the principles that make up the complex educational system of Mejerchol’d’s Theater Biomechanics, I was able to improve more and more: I was able to work on my limits, structure my artistic work on solid and stable foundations. It was a compass that allowed me to know where I was going during my 15 years on stage. CMP: What are the principles of this system exactly? GNB: The first goal is to have a 3D perception of one’s own body, in space, and to observe one’s position from the outside. The second step is to consider the relation with surrounding objects or points of reference, evaluating their movements. A long journey towards awareness, which required years of physical work and exercises but led me to optimize my concentration, making all my actions real, targeted at something, and not the result of uncontrolled emotional states. Understanding that space has a rhythm and that one’s own actions have to fall in step with it to create a precise harmony is another step of this long journey. A chair is not only something to sit on, just like a table is not only something where you can place an object. They are spaces that the actor must understand, get to know and exploit to express the character’s mood; they have to become part of the metaphor of the actor’s actions; the theatrical space must become metaphor itself. Therefore, every object is a space


too, which in the hands of the aware actor gains a specific role and tells a part of the story. However, this degree of awareness is still not sufficient: the actor, on stage, creates his or her own space and modifies it constantly by moving, not in a generic way but with a clear, precise idea and a practical goal that can “modify air” and give the whole environment a new life. CMP: What do you mean by “modify air”? GNB: I know this expression can seem a little abstract. But every thing that surrounds the actor is space, and contributes to create the metaphor that is typical of art. The actor is work of art, as the volume of his or her body participates materially in the creation of space, and creator at the same time, always thinking about his or her actions, which give shape to his or her thoughts. In this sense, through awareness of his or her work, the actor is able to modify the environment triggering the viewers’ emotion. In my life, I’ve seen only a few actors who are able to “modify air”, and I am sure no system can teach how to do it – no matter how well tested it is or how well researched are its foundations. Studying for years Mejerchol’d’s Theater Biomechanics with Master Kustov, I realized this and was able to set clear goals for myself, in work and life. CMP: How has your relationship with this technique changed after all these years, now that you have also gained considerable experience? GNB: My work has evolved: I have become a director and a teacher most importantly. The moral legacy that my master has left me allowed me to start a further journey of knowledge, which is always concrete but absolutely differ-

ent from everyday life. My view of the surrounding reality has changed. Master Kustov often repeated that an actor’s eyes see more than a normal person’s, and that the actor is a kind of “superhero” because he can perceive and think many things at the same time, while always maintaining absolute awareness. CMP: This is certainly a difficult process. Is it really doable? GNB: This way of approaching life cost me a huge effort in the beginning, when I was still an actor at Moscow’s Satire Theater; but everything gradually became natural, and turned into an intimate and quick mental process in little time. CMP: How difficult is it to transmit this awareness to your students? GNB: For me teaching is, first of all, a double responsibility: towards Mejerchol’d’s Theater Biomechanics, which my Master taught me and which I teach and will teach to my students, because I don’t want to distort it but respect its tradition; and towards the students, whom I want to give a set of knowledge and tools they can use for their stage work. I realize that the job I’ve been given is very hard and that I could not make it if I didn’t always work in a completely open way towards others. This is the best way to get to know, better and better every day, the environment we relate to. CMP: What are your next goals? GNB: In Perugia, I continue to teach and direct at CISBiT, the International Center for Theatre Biomechanics Studies. Next April I will direct my 13th work session in seven years. It’s very important

to have a structure to refer to, which not only organizes classes but also produces shows. In November 2009 I directed Moliere’s “George Dandin, or The Confounded Husband” at Milan’s CRT with eight actors, all from CISBiT. It is definitely a great satisfaction to see the birth of a new work group with a common language, and I am very proud of their work. EXTRA | SHARE |

BACK

Masi Manimba, university of life by Felice Di Luca, Marco Butera, Lorenzo Cavassa In the beginning of 2009, the Piedmontese chapter of ISF (Informatici Senza Frontiere, i.e. Computer Scientists without Borders) was contacted by Antonio Campanaro, of the Italian Hospitals in the World Alliance. He was looking for people or organizations that could help him create a computer room – with computers, projector, and Internet connection – in a university building in Msi Manimba, in the Democratic Republic of the Congo. The requirements were: electric autonomy (to be achieved with solar panels), high reliability of the system (considering the little technical assistance available), low cost (or, better yet, as-low-as-possible cost) and good personalization options. That’s where we came in. Antonio already had gained a lot of experience in installing satellite communication systems and solar panels to power them, so what he was asking ISF was mainly the planning and installing of the informatics part. We started preparing a number of second-hand computers, installing

opensource operating systems (Linux or, better yet, Ubuntu Linux) and all the software a school could need (browser, Skype, Openoffice, etc.)... in French of course, the official language in DROC, which was a Belgian colony. In the end of July 2009, we loaded our odd bags on a plane from Turin to Kinshasa, and then continued our journey by on the road to Masi Manimba. Here is an e-mail that Marco wrote to his friends in Italy, that August, during a night in Masi Manimba, after many attempts at making everything work: “We’ve finally made it. Dear all who are reading. You cannot imagine the joy it is to write you this e-mail through the satellite dish we installed here in Masi-Manimba in Congo. A place in the middle of the jungle, with the closest city that is worth that name is 45 Km away on dirt tracks, and the capital is 400 Km away. There’s nothing, all around. The closest Internet point has not been working since February, and after 3 days to reach this place, a pole to support the dish we “invented” à la McGyver, a burnt-out router because of how irregular the tension is coming from the generator, and a few dead inverters, connection always unstable and inexistent or obsolete tools... well, after so much bad luck, on all sides... In the end here I am, writing you from our now wonderful satellite connection! I can’t describe the satisfaction this operation is giving us, with its highs and lows, joys and disappointments. Up until 2 hours ago, we were completely cut out from the world. And now these people can have Internet, and remote medical assistance, communication, information, long-distance university lessons, and much more. Anyone should try this experience to realize how so many things that we give for granted in


Italy are pure and simple magic here. When we finally got the satellite’s signal (after only 12 hours of trying!) and saw the “green light” on the computer’s monitor, we felt as if we’d found water 150 meters under ground. You can’t imagine the celebration and joy. In Italy, this would all have been obvious, but I assure you that here... it’s an unprecedented success, planting the seed for a real growth of this place. You don’t realize what this dish means until you send the first e-mail, with your heart beating and the awareness that you’ve done something to help thousands of people. Now we have to start thinking about finding further resources (funding, time, raw materials) for this place, so that is may become a center of excellence in Congo – with infrastructures, computers, long-distance skills that can be useful... Well, what can I say, MBOTE! (greetings in the local dialect).” We returned home with new eyes and a new heart, full of hope, and enriched by all we had seen, by all the differences and by a new awareness. How time passed, the local traditions, points of view, the concept of living and life itself, the small, huge everyday practice: electricity, running water, lighting at night, everything we think is automatic and give for granted here, simply didn’t exist there. Everything is the same, and yet completely different. Sitting in the darkness at night, when we’d finally connected to Internet, we celebrated with lots of great Congolese beer and talked (actually was Marco speaking: his French is French , mine and Felice definitely not), in the best French we could handle, with the team of local electricians who helped us set up the solar panels and communication station. We talked about them and their life, about us and ours, and about the fact that we

had been able to make the trip from Europe with about 1,000 euros (that’s how much a two-way flight from Torino to Kinshasa and back, via Brussels, cost), and about the fact that those 1,000 euros, for them, would be like 60,000 for us – they would never be able to visit Europe. And water. Water, running freely as soon as you open the faucet. There, you open the faucet (when there is one) and often, almost always, nothing comes out. One morning in Kikwit (where we stopped on our way back to Kinshasa) I was about to wash myself as usual, my eyes swollen and my hair ruffled. There was a sink. I opened the faucet. Nothing. Close. Open. Nothing. I looked around, still sleepy, and caught sight of a bucket full of water. There was my faucet. Found it! I think I used half a bucket, more or less four liters, that hot African morning. Just to barely wash my hands. Perhaps with a little practice I would have learned to use half of that, or maybe I would have been able to come down to half a liter, in order not to have to go back to the closest well or river too often – kilometers far away – to fill the bucket back up. Perhaps I would have improved, but that morning four liters of water were gone. Half a bucket to wash my hands. Two liters for each hand... how much water do we use every day? And what is the right amount? How much water does a man need to wash himself? How much to survive? How much for a child? That’s how the human mind is, it thinks about every possible way it can interpret the world, and then you find yourself asking yourself questions that you’d only heard about while playing Trivial Pursuit. Living in abundance is counter-educational. At least now we are aware of that, with every shower and every dive in a swimming pool, every shampoo and every pasta, and every time we look at

the sunset, knowing that on the other side of the sea the seeds we planted are giving their fruits. Waiting for new eyes, new hearts and new water, to quench the thirst of a land that is thirsty for life. It’s time to unpack, to take out the souvenirs that Masi Manimba left us. Understanding, learning, improving, and even living a little more responsibly. With more awareness and respect, brought home like the most precious souvenir. EXTRA | SHARE |

BACK

LOCAL SOLUTIONS FOR CHANGE Interview with Karl-Ludwig Schibel by Alessio Sciurpa

Small urban areas, as systems with a specific identity, set themselves apart both from other systems and from the outside environment, in terms of intrinsic socio-cultural and environmental aspects: it’s what they call urban milieu in literature. The development of local experiences and policies that favor environmental sustainability proves that these areas, where 50% of the European population lives, can become true models of development not only for similar situations, but also for the entire system. Climate Alliance, an association gathering 1,500 municipalities and territorial entities in Europe, is a testimony to this. Its members produce and implement a wide range of measures to fight climatic change, especially in the energy and transportation sectors, and contribute to the conservation of rainforests with awareness campaigns and by boycotting tropical wood, in partnership with indigenous rainforest peoples. “Local solutions for change” is the title

of the upcoming International Conference promoted by Climate Alliance in Perugia, from April 14-16 2010, in cooperation with Regione Umbria, Provincia di Perugia and Comune di Perugia. An occasion to dialogue and spark new ideas, proving that the future of the fight against climate change is local. AS: Karl-Ludwig Schibel, member of the Climate Alliance board and Coordinator for Italy, what is the role of local communities, and of their administrations, in the fight against climate change? KS: Local entities have a key role to safeguard the climate because they are in charge of important activities connected to CO2 emissions. Think about mobility, energy – its production from local renewable resources, in particular – as well as energy efficiency, waste management, urban planning and obviously the entity’s activities itself: where does it get its electricity, what vehicles it uses, how it manages its own buildings and purchases of products and services (green purchases). On top of the activities that are their responsibility, local entities have an important role in enforcing rules, decrees, regulations and laws passed by the national government, often in compliance with European directives. They can, for example, support the production of renewable energy through the building code, promote energy efficiency in existing and new buildings, take measures to reduce individual motor traffic, increase citizens’ awareness about climate issues. They have an important role in stimulating the economy towards public-private cooperation (Il “Sole in Comune”, a voluntary agreement between banks, suppliers, installers and technicians to promote photovoltaic energy), certification and education programs (Ecoprofit).


AS: So being an active player is at the base of Climate Alliance? KS: The members of the Climate Alliance commit to boycotting tropical woods (to preserve rainforests), eliminate the use of CFCs (not as much of a problem these days, luckily) and reduce greenhouse gas emission in their territory, by 10% every five years. These are voluntary, unilateral agreements, but municipalities making this effort are convinced that independence from fossil fuels is not only the solution to a global problem, but a way to guarantee sustainable development to their territory, to improve the quality of the environment and of their lives, making the environment healthier and strengthening the economic structure by making it more resilient to climatic change. AS: During the next International Conference in Perugia, Climate Alliance will celebrate its 20th anniversary: is it time for a balance? KS: In the past two decades, Climate Alliance has developed a catalog of measures that its members can use to pinpoint the ones that are most useful to their territory, their resources and their political will (Climate compass, a tool that was created with European funding in the past 15 years). We suggest starting with one’s own home, moving on later to the energetic performance of public administration buildings, schools, cemeteries, stadiums, and the entity’s vehicles, goods and services purchased, etc. Then you can extend your action to the territory, to improve public transportation (Provincia di Roma), bikability and walkability, while making cars less attractive. Ferrara has followed a coherent program for almost twenty years. Favoring solar power (Bolzano),

awareness campaigns in schools, like our “Green miles” (Reggio Emilia, Ferrara, Piacenza, Modena just to mention a few), green industrial neighborhoods (ZIPA verde, Jesi). The best municipalities, like Hannover and Freiburg in Germany, The Hague in The Netherlands, Bolzano, Ferrara, Reggio Emilia and the Roma province in Italy have developed their own climate strategy. That means they have not only gathered in a single program the various initiatives regarding the climate, but also created a plan to monitor results. In 2009, we worked with a pilot group of 6 municipalities (Bolzano, Genova, Jesi, Modena, Reggio Emilia, Schio), two Provinces (Ancona and Roma) and one Region (EmiliaRomagna) on a software program called ECORegion to elaborate CO2 balance sheets on a local and territorial level. AS: What results have you achieved until now? KS: The results we’ve published for the German and Austrian municipalities prove that, for example, Hannover was able to reduce its greenhouse gas emissions by 11.5% compared to 1990. That is below the Climate Alliance goals, but we must note that if the situation doesn’t change on the national and European level, municipalities cannot and will not be able to do their part. In this context, the Covenant of Mayors is very encouraging: with this initiative, for the first time, the European Commission recognized the crucial role of local entities, asking them to help in achieving its 20/20/20 goals by 2020 (-20% greenhouse gasses, +20% energetic efficiency, +20% renewables). In Italy, nine local and territorial entities belonging to the ECORegion pilot group are working on their CO2 balance sheets, and the Rome Province has presented its first re-

sults at COP 15 in Copenhagen, last December. Bolzano has decided to become carbon neutral by 2015 and has recently presented its plan to achieve this. AS: Urban Sprawl and “right measure” were the main themes of the last edition of the “Fiera delle Utopie Concrete” (Fair of practical utopias), which you have coordinated since 1988. Can you tell us anything about the program and themes for the next edition? KS: The 2010 “Fiera delle Utopie Concrete”, to be held on October 7-10 in Città di Castello (Umbria - Italy), will focus on sustainability of the Altotevere area (the Northern part of Umbria, on the left bank of the Tiber), presenting the assets, resources, and solutions currently available there for citizens, institutions, and companies who want to make their activities and consumption compatible with the environment. Diverse industries will present their products and services to aid a concrete transition towards a sustainable future. How can we set sustainable products and services from the rest? A first criterion is whether their production and consumption lowers greenhouse gas emissions or not. In Altotevere there are such products and services, with a low impact during both the production and consumption phases, which strengthen the local economy. It’s a community, although it is still not perceived as such, that includes all farmers who use organic methods, carpenters making highly insulating doors and windows, technical experts approving bike paths for their municipality, stores offering unpacked milk, detergents or other goods, hotelkeepers avoiding single-serving packaging at their breakfast buffet... and many more. The 2010 Fair of practical utopias aims at putting a strong focus on a

specific territory of 700,000 people and 1,000 Km2 – making this hidden sustainable community visible, both to its members and to the public. EXTRA | SHARE |

BACK

Mining resource or social issue? Interview with Susanna Anderegg by Iacopo Benini

In the past few years, the emerging economies’ steadily growing demand for minerals has made the price of metals increase, attracting important transnational companies in the mining industry. Peru has registered a real boom in the field, as a favorable fiscal and political regime has made exploiting natural resources easier to the point that the country is now one of the major producers of metals in the world. Unfortunately, as is more and more often the case, the availability of a resource that other countries want to buy can become a problem for the balance of the place where that resource is found. Moreover, as regards the mining industry, the huge economic advantage for those working in the field can turn into a huge social and environmental cost for the poorest parts of the local population – which, in Peru, mainly depend on agriculture and farming. On top of requiring vast quantities of water and land, with obvious risks for the local ecosystems, mining companies unfortunately have a track record in human rights violations, with many episodes remaining unknown because of the difficult communications with remote areas where they happen.


In the Chumbivilcas and Cotabambas provinces, respectively in the Cusco and Apurímac regions, this process has just begun. Exploration licenses have been given and some international companies have started mining operations in areas where the local population is often completely unaware of the environmental risks entailed by mining and about the rights it can claim. The Center for Andean Development, Education and Promotion “José Maria Arguedas” (Cadep Jma) – an NGO based in Cusco that has been operating in the Andean territory since the 1970s to protect the indigenous populations’ rights and identity – is tackling the problem. The projects developed by Cadep Jma aim to widen the indigenous and “campesino” populations’ participation in local political affairs. As regards the mining sector in particular, Cadep Jma is active in the Chumbivilcas and Cotabambas provinces, where the goal is to strengthen the political mechanisms through which the population can claim its citizenship rights, so that mining companies will take social and environmental responsibility; the mining industry must, in fact, respect the population’s development process, which cannot do without access to clean water and environmental integrity – especially since mother Earth (Pachamama) has a strong role in local culture as well as in everyday life. Thus, to strengthen the population’s ability to monitor, negotiate and influence mining companies’ projects, Cadep Jma promotes local management committees that make sure certain social and environmental values are respected; starts lobbying campaigns and initiatives for environmental safeguard and improvement (environmental impact evaluations, reforestation programs, etc.); and builds consen-

sus at grassroots and local government level about the risks and impacts of mining, and about the need for a new proposal for development that is not compromised by companies’ irresponsible attitude. Well-aware that mining also represents a chance for development, the center does not intend to contrast it by default, but to create a situation in which the local population can manage the externalities it brings autonomously, fully aware of its rights. Susanna Anderegg of Misión Belén Immensee has worked in international cooperation for South America for some time, and has focused in particular on issues tied to mining for years. For almost three years, she has supported Cadep Jma in its projects for the minería area. Susanna, how can mining be a threat? Mining often uses chemical substances such as cyanide and oxides. Extracting raw minerals from the rock is a complex process, and using these substances you risk they end up in drains or vaporize in the air and fall back on the ground. Everyone knows that mining can contaminate ground water, affecting agriculture and farming as well as drinkability of water itself. What happened in La Oroya (a mining area in the Huancayo region, one of the 10 most polluted in the world – editor’s note) is a solid example of this. IB: Is the population aware of these dangers? SA: The general level of information is not high, although there are a few people, such as leaders or managers, who have participated in informational meetings and conferences. Most of the population only has fragmentary and superficial information: they can only guess from what they have heard

around that there are conflicts going on, or that mining is not only a good thing, but bears negative consequences too. IB: What can we do to make the mining industry take responsibility? SA: It’s mainly up to mining companies themselves: there are precise national and international behavior rules for the sector. Companies have to commit to doing their job responsibly, respecting the population’s rights – including the right to not be deceived, but informed in an accurate and transparent way – and the current laws, using the best technology available (although that might cost more) to avoid contamination dangers as much as possible. They have to make that commitment to safeguard the population. However, I think the responsibility is of both the industry and its managers and the local governments, which must make an effort to make everyone follow the rules and to prosecute any violation compromising the environment, transparency towards the local population or the safety of workers. What has already been done, and how important are environmental communication and participation in all of this? We started information campaigns two years ago, mainly in the Cotabambas area: we started to inform the youngsters in the capital, Haquira, and last year we extended to rural communities so they have the chance to understand the different aspects of mining, the processes it entails and what they can do to influence them. One of our goals is that people get to know their rights and start to enforce them against mining companies. Secondly, we started putting together and informing environmental management committees,

whose representatives can act for the whole district, gaining negotiating power. These committees must be able to coordinate with municipalities, make sound proposals to improve the environment and, if necessary, build consensus and influence decisions on the local, regional, national and international level, in case of human rights violations or strong negative impact on the environment. At the same time, we are supporting the communities hit by damages caused by mining, responding to their requests as we receive them. We are coordinating local discussion and planning tables, which interact with thematic ones about the environment or mining activities, the municipal ones, those open by various other organizations, even at regional level with the table about development and mining activity in Abancay (capital of the Apurímac region – editor’s note). At the same time we have opened contacts, especially in Europe, in case we need to start an international action. Finally, although it is not highly developed yet, we do research: understanding and analyzing the needs and studying the mining activity more in depth is important for the work we have done and are still doing. EXTRA | SHARE |

BACK

Now more than ever, the future is Personal Interview with Stefano Carabelli by Alessio Sciurpa

The way technology is spreading, the development of increasingly sophisticated devices and the creation of increasingly


personalized products and services gives us a vision of what the future society will be like. The concept of ‘personal’ now includes all of our daily activities, from consumers co-designing with companies the products they will use and the popularity of the ‘community’ concept to profile mining (from “10 crucial consumer trends for 2010”, trendwatching.com – editor’s note), and to managing our own image and the flow of information that – whether we like it or not – we disseminate during our whole lives. This trend, when put in relation with the United Nations’ estimates that by 2050 three quarters of the world’s population will live in urban areas, provides a scenario for the job awaiting all those who are supposed to come up with, design and produce products and services aimed at closing the functional gap between man, machine and the surrounding (and increasingly often urban) environment. Falling in this category, PCVs (Personal Commuting Vehicles – a name that intentionally recalls the Eighties’ personal computers) are a new type of vehicle. Just like the personal computer revolutionized the concept of informatics itself, making it accessible for personal and home use, PCVs intend to revolutionize urban and suburban transportation with a new conception of streets and individual mobility. In May, the Progressive Automotive X Prize will open – an international competition organized in the United States by the X Prize Foundation, exclusively for hi-efficiency and low-emission vehicles – with the goal of inspiring a new generation of highly efficient vehicles, able to offer consumer a real alternative to private means of transportation that are currently available on the market. To enter the competition, vehicles must fulfill four main requirements: go at least 100 miles with one gallon of gas; comply with current passive security standards (crash

tests); be autonomously stable in all usage conditions (basically, motorbikes are ruled out); and, finally, be designed for mass production (at least 10,000 units a year, i.e. excessively “futuristic” prototypes, which might not be manufactured at a reasonable cost, are ruled out). There are 43 teams, selected amongst over 97 entries from 10 different countries in the world, competing for the 10 million dollar prize. One of them is the interesting Italian start up and engineering creativity lab TTW - Three Tilting Wheels s.r.l., currently part of Turin’s Polytechnic’s incubator with the TTW One project AS: Stefano Carabelli, President of TTW s.r.l., what are the specific features of a PCV in general, and of yours in particular? SC: A Personal Commuting Vehicle is a vehicle that is specifically designed to transport one/two people, safely and in an urban or suburban environment – hence also reaching the normal speed for traffic on a ring road. TTW One presents itself as the natural evolution of a maxi-scooter, maintaining that size and performance, but also offering maximum stability thanks to its third wheel and automatic inclination control. AS: How is it propelled and what’s its range? SC: TTW One has electric hybrid propulsion combining a combustion motor, with continuously variable transmission connected to the back wheel, and two electric engines placed directly inside the front wheels. This way, on top of the advantages in terms of gas mileage and CO2 emission, you get four-wheel drive. Moreover, don’t underestimate the possibility to use purely electric (i.e. zero-emissions) traction over short distances, typically in urban areas,

under about 25 kilometers. AS: Safety is one of the problems haunting alternative vehicles in urban traffic: how did you tackle this issue? SC: Safety is not a problem, but the problem of all two-wheel vehicles. Unfortunately, the statistics are very clear: using a motorcycle in an urban environment is dangerous because every accident cannot only damage the vehicle, but potentially harm the driver. TTW One has a safety cell that completely surrounds the driver and passenger guaranteeing them the high-level protection of a regular car and, at the same time, protection from... bad weather! But Italy is not alone in this challenge to revolutionize urban area transportation: “HYbrid3 compressor e Lumeneo” by Peugeot in France, “Mini E” in Germany, “Riversimplee” in the United Kingdom and Tesla Motors’ “Roadster e Persu hybrid” in the United States are developing similar projects. EXTRA | SHARE |

BACK

eart threepointzero

suscribe to our neswletter


rintnoprintnoprint

threepointzero

freedownloadfree

eart

eart-threepointzero_zero_2010  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you