Page 1


ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO ASTA 1487

VENEZIA

ESPOSIZIONE da venerdì 22 a martedì 26 ottobre 2010

Palazzo Correr Cannaregio, 2217 tel +39 041 721811 fax +39 041 5240544

ORARIO 10.00 - 13.00 / 15.00 - 19.00

SEDUTE D’ASTA mercoledì 27 ottobre 2010 ore 16.00 dal lotto n. 1 al n. 230 giovedì 28 ottobre 2010 ore 16.00 dal lotto n. 231 al n. 421


Presidente

Giorgio Corbelli

Consiglieri

Remo Grassi Carlo Pelizzari Giovanni Tampalini Alberto Rittatore Vonwiller

Finarte Casa d’Aste S.p.A. Sede Legale: Piazzetta Maurilio Bossi, 4 - 20121 Milano tel +39 02 863561 - fax +39 02 867318 Capitale Sociale 797.655 i.v. Codice Fiscale e Partita IVA 06896840151 Rea Venezia n. 1124708

SEDI MILANO Piazzetta Bossi, 4 20121 Milano tel +39 02 863561 fax +39 02 867318 Responsabile Giuseppe De Vito

VENEZIA Palazzo Correr Cannaregio, 2217 30121 Venezia tel +39 041 721811 fax +39 041 5240544 Responsabile Antonio Esposito

ROMA Via Margutta, 90 00187 Roma tel +39 06 20190001 fax +39 06 20190111 Responsabile Maria Cristina Corsini

DIPARTIMENTI MOBILI, ARREDI ANTICHI, MAIOLICHE E PORCELLANE MILANO - VENEZIA Maurizio Cera (Capo Dipartimento) VENEZIA Antonio Esposito Bianca Cominotto ROMA Manuela D’Aguanno

DIPINTI E DISEGNI ANTICHI

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

MILANO Vittorio Preda

MILANO Alessandro Rosa (Capo Dipartimento) Valentina Toscani Anna Paola de’ Besi

VENEZIA Pierluigi Fantelli (Capo Dipartimento) ROMA Tommaso Strinati (Capo Dipartimento) Luca Bortolotti

ROMA Maria Cristina Corsini (Capo Dipartimento) Georgia Bava VENEZIA Alberto Vianello

ARGENTI, GIOIELLI E OROLOGI

DIPINTI DEL XIX SECOLO

MILANO Tina Sardano (Gioielli) Anna Clerici (Responsabile Argenti)

MILANO Pasquale Inzitari (Capo Dipartimento) Michele Bruno ROMA Desirée Tommaselli

SERVIZI PER QUESTA VENDITA ABBONAMENTO AI CATALOGHI Giuliana Salmistrari g.salmistrari@finarte.it

CONDITION REPORT Bianca Cominotto b.cominotto@finarte.it

RITIRI Massimiliano Romani m.romani@finarte.it

COMMISSIONI D’ACQUISTO Gianluca Nardin g.nardin@finarte.it

AMMINISTRAZIONE Giuseppe Esposito g.esposito@finarte.it

ESPORTAZIONI Monica Barolo m.barolo@finarte.it


CONDIZIONI DI VENDITA 1. 2.

3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10.

11.

12. 13. 14.

Le vendite si effettuano al maggior offerente e si intendono immediatamente regolate per cassa. Precederà l’asta un’esposizione delle opere, durante la quale il Direttore della vendita o i suoi incaricati saranno a disposizione per ogni chiarimento; l’esposizione ha lo scopo di far bene esaminare lo stato di conservazione e la qualità degli oggetti e chiarire eventuali errori ed inesattezze in cui si fosse incorsi nella compilazione del catalogo la cui contestazione dovrà essere formulata, a pena di decadenza, nei confronti di Finarte Casa d’Aste S.p.A. prima dell’aggiudicazione. Il Direttore della vendita può accettare commissioni d’acquisto, a prezzi determinati, su preciso mandato. L’offerta effettuata in sala prevale sempre sulla commissione d’acquisto. La partecipazione all’asta è subordinata alla preventiva registrazione (vedi “informazioni per gli acquirenti”). Gli oggetti saranno aggiudicati esclusivamente dal Direttore della vendita e l’acquirente è tenuto ad effettuarne il pagamento. Durante l’asta il Direttore della vendita ha la facoltà di abbinare o separare i lotti ed eventualmente variare l’ordine di vendita, L’acquirente è tenuto a pagare in ogni caso, per ogni singolo lotto, oltre al prezzo di aggiudicazione, la commissione d’acquisto pari al 24% fino a € 100.000, e al 18,5% sul prezzo di aggiudicazione eccedente tale importo, comprensivo dell’IVA prevista dalla normativa vigente Gli oggetti venduti devono essere ritirati dall’acquirente a sua cura e rischio previo pagamento da effettuarsi secondo le predette modalità. Scaduto il termine previsto Finarte Casa d’Aste S.p.A. addebiterà tutti i diritti di custodia e il rimborso delle spese di assicurazione maturati fino al momento del ritiro. Finarte Casa d’Aste S.p.A. agisce in qualità di mandatario, ai sensi dell’art. 1704 Cod. Civ., dei proprietari delle opere poste in vendita; pertanto non acquista diritti né assume obblighi in proprio. Ogni responsabilità ex artt. 1476 ss. Cod. Civ. continua a gravare in capo ai proprietari delle opere. Le opere presenti nel catalogo hanno singole schede che ne descrivono l’autenticità e l’attribuzione, e costituiscono espressione di un’opinione critica. Le opere infatti possono essere sempre esaminate dal pubblico durante l’esposizione che precede l’asta. Per i dipinti antichi e del XIX secolo, si certifica l’epoca in cui l’autore attribuito è vissuto e la scuola cui esso appartiene. I dipinti presentati nei cataloghi di arte moderna e contemporanea sono, solitamente, accompagnati da certificati di autenticità, indicati nelle relative schede. Nessun altro diverso certificato, perizia o opinione, richiesti o presentati a vendita avvenuta, potrà essere fatto valere quale motivo di contestazione a Finarte dell’autenticità di tali opere. Gli eventuali reclami potranno essere presi in considerazione solo se comunicati per iscritto alla Finarte Casa d’Aste S.p.A. entro 8 (otto) giorni dalla data del ritiro del bene acquistato. La fondatezza di un reclamo, tempestivamente proposto, sarà valutata in sede scientifica ed in contraddittorio fra un consulente nominato dalla Casa d’Aste e un esperto di pari qualifica indicato dall’acquirente. Un reclamo riconosciuto fondato comporta il semplice rimborso della somma effettivamente pagata, a fronte della restituzione dell’opera. Le opere già dichiarate di importante interesse ai sensi dell’art. 6 D.L. 29/10/99 n. 490 sono indicate come tali nel catalogo o segnalate durante la vendita. Su tali opere lo Stato può esercitare il diritto di prelazione al prezzo di aggiudicazione; la vendita, pertanto, avrà efficacia solo dopo che sia trascorso il termine di legge per l’esercizio del diritto di prelazione. Nel caso in cui il diritto di prelazione venga, in effetti, esercitato, l’aggiudicatario avrà il diritto al rimborso delle somme eventualmente già pagate. Tutte le opere databili ad oltre cinquanta anni sono soggette nelle norme di tutela e, in particolare, non possono essere trasportate fuori dal territorio italiano senza avere ottenuto il certificato di libera circolazione da parte della competente Autorità. Il costo del rilascio dei necessari attestati di libera circolazione e/o licenza di esportazione è a carico dell’acquirente. Il ritardo nel rilascio di una qualsiasi licenza non costituisce una causa di risoluzione o di annullamento della vendita, né giustificato il ritardato pagamento da parte dell’acquirente. Il presente regolamento viene accettato tacitamente da quanti concorrono alla presente vendita all’asta. Le presenti condizioni di vendita ed il contratto sono disciplinati dalla legge italiana. Per tutte le contestazioni in merito alle presenti condizioni di vendita e al contratto è stabilita la competenza esclusiva del Foro di Milano. L’acquirente dichiara di prestare il proprio consenso espresso ai sensi dell’art. 23 D.Lgs. 30.06.2003 n. 196 alla trasmissione dei propri dati personali dichiarando di aver ricevuto le informazioni di cui all’art. 13 D.Lgs. 30.06.2003 n. 196.

CONDITIONS OF SALE Please note that the English version of this document is for information purposes only. Should any discrepancies arise between the Italian and English texts, the former shall prevail. 1. 2.

3. 4. 5. 6. 7. 8. 9.

10.

11.

12. 13. 14.

Sales are carried out to the highest bidder and payment is due immediately. A pre-auction viewing will take place before any auction; during this time the Director of the sale or the Director’s representative will be available for any clarifications; the purpose of the pre-auction viewing is to allow for a close examination of the condition and quality of the works, as well as to rectify any errors or inaccuracies that may have occurred during the compilation of the catalogue. Objections made to such regards are not admitted after the sale. To avoid exclusion, any objection to such regard must be raised against Finarte Casa d’Aste S.p.A. before the knocking down of the item of interest. The Director of the sale is entitled to accept bids on behalf of clients on commission at determined prices and upon a precise mandate. A bid made in the salesroom will always prevail over a commissioned bid. Prospective buyers must be registered in order to participate in the auction (see “information for buyers”). Lots will be exclusively knocked down by the Director of the sale, and the buyer is required to make payment. During the auction, the Director of the sale is entitled to join or separate any lots and change the sale order. In all events, a buyer’s premium of 24% (including VAT) shall be added on a per lot basis to offers up to and including Euro 100,000.00 plus a premium of 18.5 % on any amount above Euro 100,000.00 (for the same lot). Purchased lots are to be collected at the buyer’s own risk and care upon payment made as outlined above. Upon expiration of the deadline, Finarte Casa d’Aste S.p.A. will charge the buyer for storage and insurance costs incurred up to the moment of collection. In accordance with art. 1704 of the Italian Civil Code, Finarte Casa d’Aste S.p.A. acts as an agent for the owners of the works for sale. Therefore Finarte does not acquire any rights, nor does the auction house directly take on any obligations. All the responsibilities pursuant to articles 1476 ff. of the Italian Civil Code continue to rest on the shoulders of those who own the works. The works presented in this catalogue have individual descriptions of authenticity and attribution which constitute the expression of a critical opinion. Any work can always be examined by the public during the pre-auction viewing. For Old Master and 19th century paintings, the period and school in which the attributed artist lived and worked is guaranteed. Modern and Contemporary paintings presented in the catalogue are usually accompanied by certificates of authenticity which are indicated in the appropriate catalogue entries. No other certificate, appraisal or opinion requested or presented after the sale will be considered valid grounds for objections made to Finarte regarding the authenticity of any works. Any complaints will be taken into consideration only if presented in writing to Finarte Casa d’Aste S.p.A. within 8 (eight) days after the date of collection of the purchased work. The legitimacy of a complaint that is duly communicated will be evaluated on the basis of a scientific examination and cross-examination between a consultant appointed by Finarte Casa d’Aste S.p.A. and an equally qualified expert nominated by the buyer. A complaint that is deemed legitimate will lead to a single refund of the amount paid upon the return of the work. The works that have already been declared of significant interest as per art. 6 of the Legislative Decree n. 490 of 29/10/1999 are indicated as such in the catalogue and pointed out during the sale. For such works, the Government may exercise the right of pre-emption at the hammer price; in these instances, the sale will be effective only after the legal period for exercising the right of pre-emption has elapsed. If the right of pre-emption is indeed exercised, the highest bidder will be entitled to a refund of any amounts paid. Any works datable to over fifty years ago are subject to protective regulations and, in particular, cannot be transported outside the Italian territory without a certificate of free circulation issued by the appropriate Authorities. It is the purchaser’s responsibility to obtain any export licences or certificates as well as any other required documentation. Upon request, Finarte Casa d’Aste S.p.A., is willing to assist the purchaser in attempting to obtain the appropriate licenses and/or certificates. All charges for the above documentation shall be borne by the purchaser. The delay in obtaining licenses or the denial of licenses shall in no way justify the rescission or the cancellation of any sale, nor shall it justify the delay in making full payment by the purchaser for the related lot. All participants in the sale tacitly accept the present regulation. The present terms of sale and the contract are regulated by Italian law. All complaints regarding the present terms of sale and the contract are under the exclusive jurisdiction of the Milan Court of Law. The purchaser hereby confirms having received information on art. 13 of Italian Legislative Decree 30.06.2003 n.196 on Data Protection and hereby consents to the processing, disclosure and transfer of sensitive information for the provision of auction and other related services, as required by law.


INFORMAZIONI PER GLI ACQUIRENTI REGISTRAZIONE E PALETTE PER LE OFFERTE L’acquirente, compilando e firmando il modulo di registrazione e di attribuzione di una paletta numerata, accetta le “Condizioni di Vendita” stampate in questo catalogo. Al fine di migliorare le procedure d’asta è richiesto a tutti i potenziali acquirenti di munirsi di una paletta per le offerte prima che inizi la vendita. È possibile pre-registrarsi durante l’esposizione. Nel caso l’acquirente agisca come rappresentante di una terza persona, si richiede una delega scritta a cui dovrà essere unita fotocopia di un documento di identità del delegante. Tutti i potenziali acquirenti sono pregati di portare con sé un valido documento d’identità ai fini di consentire la registrazione. Le palette numerate possono essere utilizzate per indicare le offerte al banditore durante l’asta. Tutti i lotti venduti saranno fatturati al nome e all’indirizzo rilasciato al momento dell’assegnazione delle palette d’offerta numerate. Al termine dell’asta l’acquirente è tenuto a restituire la paletta al banco registrazioni. Ogni cliente è responsabile dell’uso del numero di paletta a lui attribuito. La paletta non è cedibile. PREZZI DI STIMA, PREZZI BASE D’ASTA, PREZZI DI RISERVA E PREZZI DI AGGIUDICAZIONE In tutti i nostri cataloghi, sotto le schede dell’opera presentata, è riportato il prezzo di stima, ovvero la valutazione che i nostri esperti assegnano ad ogni lotto. Tale cifra è espressa in Euro. In alcuni lotti di particolare pregio e importanza appare la dicitura “a richiesta”: gli eventuali acquirenti potranno contattare i nostri esperti per ottenere informazioni specifiche sull’oggetto ed indicazioni di stima. Le diciture “offerta libera” o “M.O.” indicano che la base d’asta è libera. Per prezzo base d’asta si intende la cifra di partenza della gara, che coincide generalmente con la metà del prezzo minimo di stima. Il prezzo di riserva è un dato confidenziale ed è riferibile al prezzo minimo concordato dalla Casa d’Aste con il venditore al di sotto del quale il lotto non potrà essere venduto. È facoltà del battitore variare la base d’asta, correggendo in questo modo l’eventuale imprecisione nella stesura delle valutazioni. Il prezzo di aggiudicazione è il prezzo al quale il lotto viene aggiudicato e sul quale saranno applicate le commissioni d’acquisto. PER LA LETTURA DEL CATALOGO Dove non specificato altrimenti, le misure vanno intese in quest’ordine: altezza, larghezza e profondità. Per i mobili, le dimensioni indicano l’ingombro massimo dell’oggetto. La data tra parentesi è solo indicativa dell’epoca di esecuzione del dipinto, quella senza parentesi risulta invece dal recto o dal verso del dipinto o da una dichiarazione scritta, comunque di mano dell’autore, come specificato nella scheda descrittiva dell’opera. Sotto la voce “Provenienza” sono elencati i timbri e le etichette delle Gallerie e delle Collezioni applicati sul retro, nel caso dei dipinti, oppure le appartenenze in collezioni nel caso di arredi. L’abbreviazione “(s.c.)” indica le opere prive di cornice. Per i gioielli, la caratura delle pietre indicata in catalogo, essendo stata eseguita la perizia su pietre montate, è suscettibile di piccole variazioni. ACQUISTI SU COMMISSIONI Finarte Casa d’Aste S.p.A. può accettare “commissioni di acquisto” delle opere in asta a prezzi determinati su preciso mandato. I lotti saranno sempre acquistati al prezzo più conveniente consentito da altre offerte sugli stessi lotti e dalle riserve degli stessi. In caso di offerte identiche, sarà data la precedenza a quella ricevuta per prima. Si prega di indicare sempre il limite massimo. Non si accettano ordini di acquisto con offerta illimitata. Gli ordini, se dettati telefonicamente, sono accettati solo a rischio del mittente e devono essere confermati per lettera, fax o telegramma prima dell’asta. Le offerte devono pervenire almeno 8 ore prima dell’inizio dell’asta. Non si riterranno valide comunicazioni esclusivamente verbali, incomplete o tardive. PARTECIPAZIONE ALL’ASTA TELEFONICAMENTE Se l’acquirente non può partecipare all’asta di persona, può comunque partecipare telefonicamente, Finarte Casa d’Aste S.p.A. potrà effettuare collegamenti telefonici, nei limiti della disponibilità di linee, per lotti con valore di stima superiore a € 500. Al fine di assicurare il collegamento telefonico, si invita a prendere accordi con il nostro personale (ufficio clienti) almeno 8 ore prima dell’asta e a compilare il modulo predisposto per gli acquisti su commissione da inviare per fax con i documenti richiesti in allegato (vedere “acquisti su commissione”). L’acquirente è invitato a comunicare il suo “limite massimo” di offerta, in modo tale che qualora sia impossibile raggiungerlo telefonicamente, possa comunque partecipare all’asta. La sopradescritta modalità di partecipazione resta comunque a rischio dell’offerente, date le possibili problematiche tecniche ad essa connesse. MODALITÀ DI PAGAMENTO Il pagamento dei lotti dovrà essere effettuato immediatamente dopo l'asta e comunque non oltre sette giorni lavorativi dalla data della stessa, rispettando le modalità previste nelle condizioni di vendita riportate nel catalogo ed in conformità alla normativa antiriciclaggio vigente (D.Lgs.del 21.11.2007 n. 231). Le seguenti forme di pagamento potranno facilitare l’immediato ritiro di quanto acquistato: 1. Contanti inferiore a € 5.000. 2. Assegno circolare, soggetto a preventiva verifica con l’Istituto di emissione. 3. Assegno bancario di conto corrente, previo accordo con la direzione amministrativa. 4. Bonifico bancario. Non è possibile consegnare le merci contro pagamento a mezzo bancario o assegno circolare a meno che ciò non sia stato specificatamente concordato prima dell’asta. Le condizioni di vendita impongono agli acquirenti il pagamento immediato dei beni acquistati. Finarte può, talora, consentire a sua discrezione pagamenti dilazionati, ove richiesti e concordati preventivamente almeno 10 giorni prima dell’inizio della vendita. INFORMAZIONI UTILI PER VENDERE TRAMITE FINARTE Chiunque desideri far valutare o includere nelle vendite dipinti, sculture, disegni sia antichi che moderni, monete, libri e manoscritti, porcellane, argenti, gioielli e orologi, mobili antichi, tappeti o altri oggetti d’antiquariato e da collezione, può mettersi in contatto con i nostri uffici di Milano, Roma e Venezia, o con i nostri associati che faranno da tramite con gli esperi Finarte. L’équipe di critici ed esperti di cui si avvale la nostra Società è a disposizione per studiare, valutare e valorizzare opere d’arte e ogni bene avente valore collezionistico o storico. Qualora sia concordato un prezzo di riserva sul bene e definite le modalità d’asta, sarà richiesta la compilazione di un mandato a vendere alla Finarte Casa d’Aste S.p.A. In caso di vendita è attribuita a Finarte una commissione del 15% più IVA, calcolata sul prezzo di aggiudicazione dei lotti venduti. Le spese di trasporto, assicurazione e fotografie, dovranno comunque essere pagate dal venditore, qualunque sia l’esito dell’asta. Il pagamento di quanto aggiudicato all’asta, al netto dei diritti e delle spese, sarà inviato al mandante dopo 45 giorni lavorativi dalla data della vendita, a condizione che l’acquirente abbia onorato l’obbligazione assunta al momento dell’aggiudicazione, e che non vi siano stati reclami o contestazioni inerenti i beni aggiudicati. Finarte Casa d’Aste S.p.A. metterà a disposizione del mandante le opere invendute nei 40 giorni successivi all’asta, il quale provvederà al ritiro delle stesse a propria cura e spese, salvo che non si concordi una riduzione dei prezzi di riserva concedendo il tempo necessario all’effettuazione di ulteriori tentativi di vendita da espletarsi anche per trattativa privata.


INFORMATION FOR BUYERS REGISTRATION AND BIDDING PADDLES In order to improve auction procedures, all potential buyers are requested to obtain a bidding paddle prior to the start of the auction. It is possible to pre-register during the pre-auction viewing. Following the filling out and signing of the registration form and after a numbered paddle has been assigned, the buyer accepts the “Conditions of Sale” provided herein. If a buyer is acting as a representative for a third party, written authorization is required; copy of some form of identification for the third party is required as well. All potential buyers are requested to bring identification with them to allow for registration. The assigned numbered paddles can be used to indicate bids to the auctioneer during the auction. All lots sold will be invoiced to the name and address provided upon registration when receiving the numbered bidding paddle. At the end of the auction, buyers are kindly requested to return their paddles to the registration counter. Each client is liable for the use of the paddle number assigned to him/her; paddles are not transferable. ESTIMATES, STARTING PRICES, RESERVE PRICES AND HAMMER PRICES In all our catalogues, estimates, namely the value assigned by our experts to each lot, are indicated in each catalogue entry. This amount is expressed in Euros. The specification “a richiesta” (upon request) appears next to certain lots that are particularly precious and important. Prospective buyers may contact our experts for specific information regarding those specific lots and for an indication of the related estimates. If the specification “offerta libera” (free bid) appears, the starting price in the auction is open. The starting price is the price at which bidding starts; this is generally equal to half of the lower estimate. The reserve price is a confidential amount and refers to the minimum price agreed upon between the Auction House and the seller below which the lot cannot be sold. The auctioneer may vary the starting price, thereby correcting any inaccuracies in the assigned estimates. The hammer price is the price at which any lot is sold and on which premiums are calculated. READING THE CATALOGUE Unless otherwise specified, measurements are provided in this order: height, width and depth. For furniture, the measurements indicate the maximum space occupied by the object. Dates in parentheses are merely indicative of the period of the painting; those without parentheses are taken instead from the back or front of the painting or from a written statement by the artist, as specified in the catalogue entry of the work. The heading “Provenienza” (provenance) is followed by a listing of the stamps and labels of the galleries and collections that are indicated on the back of the paintings. The abbreviation “(s.c.)” stands for unframed works. For the weight in carats of all jewels stones, minor variations may occur, as appraisals are carried out on mounted stones. ABSENTEE BIDS Finarte Casa d’Aste S.p.A. may accept “absentee bids” for the works to be auctioned at determined prices and upon a specific mandate. All lots will always be purchased at the lowest price allowed for by other bids on the same lots and by the reserve prices. If identical bids are received, the first bid received by Finarte shall take precedence. A maximum limit must be indicated, as absentee bids with unlimited bidding will not be accepted. Bidding over the telephone is at the caller’s risk, and must be confirmed by letter, fax or telegram prior to the auction. Bidding offers must be sent at least 8 hours before the auction. Oral, incomplete or late communications will not be considered valid. PARTICIPATING IN THE AUCTION BY TELEPHONE Buyers unable to participate in the auction in person may participate by telephone. Finarte Casa d’Aste S.p.A. offers the possibility to place bids by telephone, as warranted by line availability, for lots with an estimate greater than € 500. In order to ensure the telephone connection, we ask that you make arrangements with our staff (client office) at least 8 hours prior to the auction, and that you fill out the appropriate form for absentee bidding, to be sent by fax along with copies of the required documents (see “absentee bidding”). Buyers are requested to give a “maximum bid limit”, in order to ensure participation in the sale, should they not be reachable by telephone. The abovementioned method of participation remains at the bidder’s risk, given the possible technical problems related to it. METHODS OF PAYMENT Payment for purchased lots will have to be made right after the auction and no later than seven working days past the date of the sale; it will be effected in accordance with the methods outlined in the catalogue and in compliance with legislative decree n. 231 dated 21.11.2007 against money-laundering. The following forms of payment may speed up the collection of purchased items: 1. Cash below the amount of € 5.000. 2. Bank draft, subject to prior verification with the issuing institution. 3. Personal cheque, subject to agreement with the administrative office. 4. Money transfer. It is not possible to collect purchased items upon payment with a bank draft or personal cheque, unless this has been specifically agreed upon prior to the auction. According to our conditions of sale, buyers are required to make immediate payments for purchased items. Finarte may occasionally allow, at its own discretion, deferred payment when requested and agreed upon at least 10 days prior to the start of the sale. USEFUL INFORMATION FOR SELLING THROUGH FINARTE Should you wish to have your Old Master and modern paintings, sculptures or drawings, coins, books and manuscripts, porcelain, silver, jewellery and watches, antique furniture, carpets or other antiques or collectibles evaluated or included in our auctions, you may contact our offices in Milan, Rome and Venice, or one of our associates who act as intermediaries with Finarte experts. Finarte’s team of critics and experts is available for the study, appraisal and evaluation of works of art and other objects of collectible or historical value, and we would be pleased to provide you with any further details you may require. Once a reserve price is agreed upon for an item and the auction procedures have been defined, a sale mandate for Finarte Casa d’Aste S.p.A. will have to be drawn. In the case of a successful sale, Finarte will receive a commission; said commission is normally equal to 15% +VAT of the hammer price of sold items. The seller, regardless of the outcome of the sale, will be liable to pay for transportation, insurance and marketing costs. The payment of the hammer price with the deducted sale commission and expenses of sold lots will be sent 45 working days after the date of the sale, provided that the buyer has honoured the due payment and that there has not been any subsequent complaints or protests with respect to the sold items. Finarte will return any unsold items to the seller during the 40-day period following the auction. Seller will duly collect unsold items at their own expenses and care, unless a reduced reserve price is agreed upon with the aim of making further sale attempts, even through private negotiations.


ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

PRIMA SESSIONE mercoledì 27 ottobre 2010 ore 16.00 Lotti 1 - 230


ARGENTI Lotti 1-20


1

1 COPPA DA CENTROTAVOLA CON PRESENTATOIO V. Anderson, Stoccolma, 1899 in argento sbalzato con ornati decorativi Liberty a tralci fogliati di fiori e boccioli. Emblemi coronati entro scudo incisi sui fronti. I motivi vegetali sono ripresi lungo la tesa del presentatoio circolare con sezione centrale rialzata e gradinata, h. complessiva cm. 25,5, gr. 3450 ca. Contrassegno territoriale attribuibile alla città di Stoccolma, marchio per esteso V. Anderson, datario V6 corrispondente all’anno 1899 € 2.500-3.500

27-28 OTTOBRE 2010

9


2

2 COMPOSTIERA S. J. Dupezard, Parigi, 1809/1819 in vermeil. Corpo a vaso cesellato e a giorno con ornati vegetali stilizzati e figure di putto alato musicante e di Cupido, motivo ripreso in fusione ed applicato come fastigio. Vasca in vetro blu probabilmente sostituita. Fusto a sezione cilindrica perlinata con elementi scultorei a delfino e base gradinata a palmette su doppi piedi antropomorfi. Anse curvilinee e testina con elmo al raccordo, h. cm. 26, gr. 800 ca. Riferimento bibliografico relativo al merco: A.A.V.V., Dictionnaire des poinçons de fabricants d’ouvrages d’or et d’argent de Paris et de la Seine 1798-1838, Paris, 1991, n. 03209. Provenienza: etichetta Mazzoleni Arte (Milano) € 2.500-3.500

10

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


3

3 BROCCA E BACILE Possibilmente Flamant, Parigi, seconda metà del XIX secolo in argento. Corpo ad anfora gradinata cesellato e sbalzato con grandi foglie a motivo di lambrequins e cartouches sui fronti. Bocca espansa bordata da fine cordonatura e ansa curvilinea a fusione in forma di sirena. Il decoro vegetale è ripreso sul piede e a doppio ordine lungo la tesa del bacile, brocca h. cm. 33, bacile cm. 10x36,5x36,5, gr. 2000 ca. Merco in parte consunto attribuibile alla manifattura Flamant (Boulenger, succ.) apparentemente rilevato sul retro del bacile. Riferimento bibliografico relativo al merco: A.A.V.V., Dictionnaire des poinçons d’orfèvrerie, Paris, 1970, p. 76 € 4.000-6.000

27-28 OTTOBRE 2010

11


4 CANDELABRO DA CENTROTAVOLA Edward Barnard & Sons, Londra, 1846/47 a quattro luci in argento dorato. Fusto in forma di palma con tre figure muliebri a fusione riferibili all’allegoria delle virtù teologali poggianti su una base a balaustro con piedi a ricciolo vegetale centrato da un ornato a conchiglia. Bracci mossi con portacandela a vaso ornati da motivi fogliati, h. cm. 70,5, gr. 6000 ca. Punzoni apparentemente rilevati sulla base, sui bracci e sui relativi portacandela, sulla parte terminale del fusto al raccordo della sezione superiore: contrassegno della città di Londra, titolo Sterling Silver Standard, lettera-data per il biennio 1846/47, duty mark (profilo della regina Vittoria), merco della Edward Barnard & Sons. Note storiche relative alla manifattura Edward Barnard & Sons Ltd in J. Culme, The directory of gold & silversmiths jewellers & allied traders 1838-1914 from the London assay office registers, vol. I, Woodbridge, 1987, pp. 29-30. In epoca vittoriana questo modello di centrotavola a candelabro conosce la variante del piatto centrale con vasca in cristallo. Si specializzano in questo genere le ditte Barnard di Londra ed Elkington di Birmingham che produsse esemplari anche in metallo argentato 4 (part.)

4 (punzoni)

12

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 13.000-18.000


4

27-28 OTTOBRE 2010

13


5

5 PIATTO DA PARATA Ambito germanico, possibilmente Augsburg, XVIII secolo in metallo argentato sbalzato e cesellato. Nel cavetto centrale la figura di Bacco con fascia di contorno a motivi di scaglie. Decoro a girali fogliati su superficie zigrinata lungo la tesa centinata, cm. 44x36. Le manifatture di Augsburg erano specializzate nella produzione di piatti da parata di modello vicino stilisticamente a quello in catalogo € 1.200-1.500

6 PIATTO DA PARETE Ambito germanico, XIX/XX secolo in argento con volto di armigero sbalzato in rilievo nel cavetto bordato da motivi fogliati. Tesa percorsa da grifoni e stemmi, d. cm. 38,5, gr. 790 ca. € 1.500-1.700 6

14

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


7

7 COPPA DELL’AMORE (WAGER CUP) Germania, XIX/XX secolo in argento in forma di dama in costume settecentesco. La veste incisa a decori fitomorfi e trofei di frutti entro volute e rocailles costituisce la coppa grande; la dama regge i supporti della coppa superiore che riprende il medesimo ornato, h. cm. 35, gr. 590 ca. La wager cup trova le sue origini in Germania, più precisamente a Norimberga, intorno al 1560 con ampia diffusione per tutto il XVII secolo anche in Olanda e in Inghilterra. L’utilizzo era destinato ai banchetti nuziali: lo sposo beveva il vino dalla coppa più grande modellata come veste della dama e offriva il vino nella coppa superiore più piccola e mobile alla sposa che doveva bere contemporaneamente senza far cadere una sola goccia come in un gioco amoroso. La produzione di queste coppe fu ripresa nel XIX secolo; alcuni esemplari vennero realizzati per esportazione negli Stati Uniti. L’uso non fu esclusivamente destinato ai banchetti nuziali ma successivamente anche a forme ludiche di scommessa € 5.000-7.000

27-28 OTTOBRE 2010

15


8

8 CALAMAIO Inghilterra, fine del XIX secolo costituito da un contenitore portainchiostro in ceramica a testine, festoni e cartigli con coperchio in metallo argentato, da tre portapenne a nastro ondulato e da una campana in metallo argentato al centro di due corna di cervo montati su un vassoio ovale in legno, h. cm. 34. La combinazione di questi materiali: metallo argentato, corna di cervo e legno è tipica della produzione scozzese € 800-1.000

16

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


9

9 COPPA DA TROFEO DI CALCIO Glasgow, inizio del XX secolo in argento dorato liscio con fasce cesellate a greca intrecciata e motivi perlinati. Il medesimo ornato è ripreso lungo il coperchio gradinato con fastigio scultoreo applicato raffigurante un atleta con la corona d’alloro della vittoria nella mano destra alzata e un pallone ai piedi. Anse curvilinee a doppia mossa. Fusto a balaustro con elemento ad anello su piede a più ordini sbalzato con motivi di cardi e fogliame, h. cm. 50, gr. 1550 ca. € 2.500-3.000

27-28 OTTOBRE 2010

17


10 DODICI PIATTI R. & S. Garrard & Co., Londra, 1846/47 e 1849/50 in argento a corpo liscio circolare polilobato con fascia di bordura godronata intervallata da ornati a conchiglia ed elementi fogliati cesellati. Emblema gentilizio inciso lungo la tesa, d. cm. 26, gr. 7900 ca. Punzoni: contrassegno della città di Londra, titolo Sterling Silver Standard, duty mark (profilo della regina Vittoria), lettera-data per il biennio 1846/47, merco della R. & S. Garrard & Co., marchio per esteso Garrards Panton Street London impressi sul retro della tesa di otto piatti - contrassegno della città di Londra, titolo Sterling Silver Standard, duty mark (profilo della regina Vittoria), lettera-data per il biennio 1849/50, merco della R. & S. Garrard & Co. impressi sul retro della tesa di quattro piatti. Analogo servizio di quattordici piatti eseguito nel 1842 dalla R. & S. Garrard & Co. (ditta nominata fornitrice della Corona inglese nel 1830) è pubblicato in J. Miller, L’enciclopedia illustrata dell’antiquariato dal XIII secolo al postmoderno, Milano, 1999, p. 236 € 14.000-18.000

10 (punzoni su otto esemplari)

18

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


10 (part.)

10

27-28 OTTOBRE 2010

19


11

11

12

CENTROTAVOLA

TEA URN

Francia, seconda metà del XIX secolo in argento di gusto eclettico. Corpo a vasca ovale decorato a cesello e a giorno con greca continua a fasce ondulate alternate a ghirlande e motivi di rosette. Elementi montanti a riquadri vegetali con piedi gradinati. Contenitore interno in metallo argentato. Montati lateralmente bracci a tre luci ornati da parti in cristallo, cm. 21x70x27,5, gr. 1750 ca.

Inghilterra, XIX secolo in argento. Corpo a vaso liscio con baccellature continue e monogramma coronato con motto inciso sul fronte. Manici laterali ad anello sorretto da una testa d’ariete applicata. Coperchio bombato sormontato da un fastigio in forma di ghianda fogliata. Un motivo plastico a guisa di serpente avvolge la sezione di raccordo alla base quadrata percorsa da una fascia incisa a rosette e si modella lungo il rubinetto con presa a ventaglio in avorio, h. cm. 35, gr. 4100 ca.

€ 2.500-3.500

20

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 8.000-12.000


12

12 (part.)

27-28 OTTOBRE 2010

21


13

13 ICONA Russia, seconda metà del XIX secolo pittura su tavola raffigurante la Decollazione di San Giovanni Battista con riza in argento sbalzato e cesellato a motivi di fiori, vasi dall’antico, nodi d’amore e nastri con scritte in caratteri cirillici. Bordura perlinata a forte getto, cm. 31,5x27,5. Punzoni di difficile identificazione; il contrassegno territoriale potrebbe riferirsi alla città di San Pietroburgo € 2.000-3.000

22

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


14

14 ICONA Misukova Paula Aleksandrova, Mosca, 1899/1908 ca. pittura su tavola raffigurante la Decollazione di San Giovanni Battista con figure sacre ai lati. Riza in argento sbalzato e cesellato a girali fogliati, zigrinato ad ornati stilizzati e inciso a motivi guilloché, cm. 31,5x27. Bibliografia relativa alla punzonatura: M. M. Postnikova - Losseva, N. G. Platonova, B. L. Ulianova, L’orfèvrerie et la bijouterie au XV-XX ss. (Territoire de l’URSS), Mosca, 1983, p. 230, n. 2999, p. 259, n. 3878 € 2.500-3.500

27-28 OTTOBRE 2010

23


15

15 VERSATOIO Possibilmente Hermann Böhm, Vienna, seconda metà del XIX secolo in argento e smalti. Corpo ad anfora con sezione a tronco di piramide a specchi sfaccettati centrati da medaglioni ovali applicati, collo a bocca svasata mossa e piede circolare. Decorazioni policrome con figurazioni riprese dalla mitologia. Ansa sagomata con testina scultorea e nodi di raccordo in argento cesellato con riporti smaltati, h. cm. 19. Merco con iniziali HB in campo rettangolare riferibili a Hermann Böhm. Si veda la nota al lotto 20 € 4.000-6.000

24

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


16

16 (part.)

16 SERVIZIO DI POSATE Possibilmente Austria, XIX secolo in argento parzialmente dorato composto da sei forchette a due rebbi e sei coltelli con terminali in metallo e da sei cucchiai. Manici a torchon ornati da motivi a rocailles e testina finale a fusione con applicazioni in smalto. Contenuto in una custodia a tre ripiani di fattura moderna â‚Ź 3.000-3.500

27-28 OTTOBRE 2010

25


17 18

26

17

18

BROCCA

BROCCA

Vienna, seconda metà del XIX secolo ad anfora in argento e smalti policromi a motivi di girali, mascherone frontale e fascia lungo la parte espansa del corpo con scene di genere. Ansa curvilinea con testina scultorea e fastigio a fusione applicato. Base circolare su piedi sferici, h. cm. 17. Merco JF in campo bilobato

Vienna, seconda metà del XIX secolo ad anfora in argento e smalti policromi a motivi di girali, mascherone frontale e fascia lungo la parte espansa del corpo con scene di genere. Ansa curvilinea con testina scultorea e fastigio a fusione applicato. Base circolare su piedi sferici, h. cm. 17. Merco JF in campo bilobato

€ 4.000-6.000

€ 4.000-6.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


19

19 (part.)

19 ALZATA Austria, seconda metà del XIX secolo in metallo dorato e smalti policromi. Decori mitologici ed allegorici: il trionfo di Bacco nel cavetto centrale e le figurazioni simboliche dei mesi entro medaglioni alternati ad ornati ripresi dall’antico lungo la tesa. Bordura a greca ondulata d’ispirazione classica. Piedi ad artiglio con attacco fogliato. Sul retro smalto cloisonné blu, cm. 3x31,5x26,5. Si veda la nota al lotto successivo € 7.000-9.000

27-28 OTTOBRE 2010

27


20 CORNUCOPIA Vienna, seconda metà del XIX secolo in argento e smalti. Decorazioni policrome con scene e figure riprese dalla mitologia entro riserve ovali e circolari intervallate da motivi ornamentali d’ispirazione neoclassica. Fasce in argento cesellato e zigrinato a girali fogliati. Piede a cupolino poggiante su un sostegno unito in marmo. Elemento di raccordo scultoreo modellato a fusione in forma di rapace ad ali spiegate. Fastigio a guisa di Bacco giovane. Terminale zoomorfo, h. cm. 44. Merco W(L) in campo ovale. Nella seconda metà del XIX secolo Vienna si distingue per il diffondersi di botteghe specializzate in oggetti d’argento o in cristallo inciso e montatura in argento con applicazione di smalti policromi e smalti cloisonné. Il repertorio è vario e comprende diverse tipologie, da vasi, a versatoi, ad orologi da tavolo, a posate in argento o argento dorato e decori pittorici raffiguranti scene mitologiche e grottesche. Si tratta di esemplari storicisti con un particolare interesse al Rinascimento nella forma di coppe zoomorfe in cristallo di rocca che spesso combinano argento, smalto e gemme preziose. Si annoverano tra i principali interpreti di questa maniera Hermann Böhm e Hermann Ratzersdorfer, quest’ultimo col privilegio di committente della Casa Reale e presente alle prestigiose esposizioni internazionali di Londra (1851) e di Parigi (1855) € 18.000-23.000

20 (part.)

28

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


20

27-28 OTTOBRE 2010

29


GIOIELLI D’EPOCA Lotti 21-81


21

24

26

SPILLA

SPILLA

ORECCHINI

di linea geometrica in oro giallo e decori in smalto nero impreziosita da brillanti. Fine del XIX secolo, brillanti 1,40 ct ca.

circolare in oro giallo lavorata a traforo con profili in smalto nero e decori in diamanti a rosa. Corredata da catenella di sicurezza con fermezza ad ago. Fine del XIX secolo

in oro basso a rosone di diamanti a rosa, ciascuno con 3/4 di perla coltivata posta al centro

€ 2.300-2.800

€ 1.200-1.800

€ 4.000-6.000

22 ANELLO

25

27

a losanga traforata in oro giallo e argento con decori in diamanti a rosa e smeraldo quadrato posto al centro

ANELLO

SPILLA

in oro giallo e argento con tondo in smalto blu profilato e ornato da diamanti a rosa con piccolo smeraldo tondo centrale

a volute vegetali in oro giallo e diamanti a rosa con diamante a rosa di taglio maggiore alla sommità. Pendente costituito da una perla coltivata South sea di epoca successiva. Fine del XIX secolo, perla mm. 13,5x13,1

€ 200-300

€ 250-350

€ 2.000-3.000

23 CAMMEO ovale in calcedonio raffigurante un profilo di testa virile laureata. Cornice in argento dorato a piccole foglie montata a ciondolo. In custodia originale. XIX secolo € 1.800-2.400

32

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


21

22

23

25 24

27

26


28

30

COLLANA

ORECCHINI

girocollo a tre fili di perle di acqua dolce intercalate da sfere di smeraldo. Fermezza a fiore in oro brunito con sei zaffiri cabochon, brillanti, zaffiri e tzavoriti taglio tondo in pavé, zaffiri cabochon 35 ct ca.

in oro bianco, ognuno a motivo sagomato in pavé di brilllanti con parte inferiore a semiluna in zaffiri cabochon, brillanti 3,70 ct ca., zaffiri 12 ct ca.

€ 5.000-6.000

€ 5.000-6.000

29

31

PENDENTE

ORECCHINI

in oro bianco e brillanti di linea romboidale lavorato a trafori vegetali. Al centro una placca quadrata in crisoprasio profilata da brillanti e da inserti triangolari in onice. Catenina in oro bianco, brillanti 2 ct ca.

pendenti in oro bianco, ognuno con fiore superiore in agata a sostegno di maglie geometriche allineate in brillanti raccordate da segmenti in onice. Parte terminale a foglie in pavé di brillanti con smeraldi incisi a fiore, brillanti 1,50 ct ca.

€ 1.800-2.600

34

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 1.600-2.200


29

28

30

31


32

34

36

ANELLO

ORECCHINI, TRABERT & HOEFFER MAUBOUSSIN

OROLOGIO

a fascia in oro giallo con parte centrale bombata ornata da rubini sintetici incastonati € 300-400

a doppio uso modellati a nastri fioriti in oro giallo 14 Kt e platino con corindoni gialli e corindoni incolore. Decori in brillanti. Utilizzabili anche come spille a clip. Firmati: Trabert & Hoeffer Mauboussin. Anni ‘40, corindoni gialli e corindoni incolore 16 ct ca. € 9.000-14.000

da polso per signora con cassa rettangolare in oro giallo e pavé di rubini carré. Quadrante a indici e cifre arabe. Bracciale a cordonetto in pelle intrecciata con fermezza in oro. Movimento meccanico a carica manuale. Quadrante marcato: Van Cleef & Arpels. Movimento marcato: Encause & Kraeker. Cassa n. 8325. Francia, anni ‘40 € 5.000-7.000

36

33

35

ANELLO

SPILLA

a ponte in oro giallo e platino con due brillanti e cavallotti in rubini sintetici baguettes. Anni ‘40, brillanti 0,70 ct ca.

in oro giallo e bianco raffigurante una farfalla ad ali spiegate in smalti plique-à-jour nei toni del rosso e fucsia con corpo percorso da brillantini

€ 1.200-1.800

€ 700-1.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


33

32

34

36

35


37

39

41

PENDENTIF

ANELLO

ANELLO

in platino e onice con inserto inferiore in giadeite e cavallotto superiore in nefrite. Decori in pavé di brillanti con rubini baguettes faccettati posti in linea, brillanti 4 ct ca.

in platino, brillanti, diamanti di tagli differenti e rubini baguettes allineati con rubino rettangolare ad angoli smussati posto al centro, diamanti 1,70 ct ca., rubino 5 ct ca.

a fascia in oro bianco con parte superiore in brillanti e smeraldi faccettati taglio carré e baguette. Al centro uno smeraldo taglio carré, brillanti 1,40 ct ca., smeraldo centrale 1 ct ca.

€ 9.000-12.000

38

€ 25.000-30.000

38

40

COLLANA

ANELLO

girocollo realizzata interamente in oro bianco e brillanti con parte anteriore a festoni floreali, brillanti 11,50 ct ca., gr. 58 ca.

a fascia in oro bianco con parte superiore in brillanti culminante in una fila di zaffiri carré cabochon, brillanti 1 ct ca., zaffiri 1,50 ct ca.

€ 8.000-10.000

€ 1.200-1.600

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 3.500-4.500


37

38 39

40

41


42

44

46

ORECCHINI

ANELLO

ORECCHINI

a motivo stellato stilizzato interamente realizzati in platino, brillanti e diamanti baguettes, diamanti 13 ct ca.

in platino con diamante fancy yellow quadrato ad angoli smussati entro griffes in oro giallo. A lato due diamanti tagliati a semiluna, diamante centrale 3 ct ca., diamanti a semiluna 1 ct ca.

pendenti in oro bianco, ognuno ad una morbida fila di sei diamanti taglio princess con terminale costituito da un diamante a goccia, diamanti princess 6,60 ct ca., diamanti a goccia 2 ct ca.

€ 14.000-18.000

€ 12.000-16.000

€ 10.000-13.000

43

45

COLLANA

ANELLO

girocollo in oro bianco costituita da ventotto diamanti rettangolari posti in gradazione entro cornici in pavé di brillanti. Raccordi a catenella con coppie di brillanti, diamanti 26 ct ca.

in platino con brillanti, diamanti baguettes e zaffiri carré faccettati lungo i profili. Gli zaffiri vengono ripresi nella parte superiore a contornare un diamante carré ad angoli smussati posto al centro, diamante centrale 1,20 ct ca.

€ 35.000-45.000

40

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 11.000-14.000


42

43 44

45

46


47

49

51

SPILLA-PENDENTE, BUCCELLATI

PENDENTE

SPILLA

in oro giallo a cupola di margherite con brillante al centro di ciascun fiore. Firmata: Buccellati, brillanti 0,90 ct ca., gr. 16 ca.

in oro giallo costituito da un quarzo citrino taglio carré entro cornici ottagonali in brillanti che vengono ripresi anche sul gancio di sostegno. Sorretto da catenella in oro giallo intercalata da piccoli brillanti, brillanti 2 ct ca.

a motivo fogliaceo in oro giallo impreziosita da brillanti posti a gruppi di tre entro castoni in platino. Anni ‘60, brillanti 1,70 ct ca.

€ 2.800-3.600

48

50

ANELLO

ORECCHINI, BUCCELLATI

in platino e oro giallo con corindone orange taglio cuscino e decori in piccoli brillanti, corindone 20,77 ct, brillanti 1,80 ct ca.

pendenti in oro giallo e bianco, ciascuno con ovale superiore ornato da brillanti che vengono riproposti sulla coppigia a sostenere un motivo a spirale in corallo color salmone. Firmati: Buccellati

Allegato documento di analisi gemmologica n. 17242478 rilasciato il 22 maggio 2008 da GIA € 23.000-28.000

42

€ 1.500-2.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 13.000-16.000

€ 2.500-3.500


47

48

49

51 50


52

54

BRACCIALE

ORECCHINI

a fascia rigida e bombata in oro bianco con parte superiore in pavé di brillanti, brillanti 49,50 ct ca., gr. 183 ca.

pendenti in oro bianco, ciascuno a tre morbide file di rubini tondi trattenuti da motivi in brillanti che si dipartono da una coroncina stilizzata superiore in brillanti. Firmati: Nicoletti, rubini 30 ct ca., brillanti 13,30 ct ca.

€ 45.000-55.000

€ 12.000-16.000

53

55

ANELLO

COLLANA

in platino con rubino cabochon ovale contornato da brillanti e diamanti baguettes, rubino 8,21 ct, diamanti 2 ct.

girocollo di linea semisnodata in oro bianco a rivière di brillanti percorsa lungo tutta la circonferenza da nastri sinuosi che si intersecano in diamanti baguettes, diamanti 37 ct ca., gr. 158 ca.

Allegato documento di analisi gemmologica n. 201025909 rilasciato il 29 gennaio 2010 da GAL attestante che il rubino è Burma

€ 25.000-35.000

€ 14.000-18.000

44

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


52

53

54

55


56

58

PARURE

ANELLO

costituita da orecchini, anello e spilla in oro giallo a motivi quadrangolari di linea bombata in pavé di brillanti e diamanti baguettes con perla coltivata Sout sea al centro di ciascun elemento. Anni ‘70, diamanti 25 ct ca., orecchini: perle mm. 11,6, anello: perla mm. 13, spilla: perla mm. 17,6

a larga fascia in oro giallo e smalto nero. Al centro un cabochon di corallo contornato da venti brillanti entro riporti in oro bianco, brillanti 2,20 ct ca., gr. 35 ca. € 4.000-5.000

€ 40.000-50.000

57

59

GRANDE SPILLA

ANELLO

in oro giallo liscio raffigurante un tralcio di due calle ornate da inserto in oro bianco e brillanti in pavé da cui si dipartono i pistilli in perle coltivate, gr. 59 ca.

a larga fascia geometrica in oro giallo. Parte superiore a cornice quadrata in onice che racchiude un inserto in corallo taglio carré con brillantini a contorno, gr. 60 ca. Firmato: Loffredo

€ 2.000-3.000

46

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 1.800-2.800


56

57

59

58


60

62

64

BRILLANTE

ANELLO

ANELLO

privo di montatura, 2,04 ct. In blister.

in oro bianco con diamante taglio smeraldo, 4,32 ct.

in oro bianco e oro giallo con diamante ovale al centro contornato da brillanti, diamante 4,86 ct, brillanti 1,19 ct ca.

Allegato documento di analisi gemmologica n. F5E46997 rilasciato il 14 ottobre 2009 da IGI, colore F - IF € 28.000-35.000

€ 50.000-60.000

61

63

ORECCHINI

DIAMANTE

in oro bianco, ciascuno con diamante taglio carré modificato a brillante, diamanti 6,06 ct.

taglio smeraldo privo di montatura, 5,18 ct. In blister.

Allegati documenti di analisi gemmologica rispettivamente n. 11143921 rilasciato il 22 giugno 2000 da GIA, 3,04 ct - colore J VVS1 e n. 11161321 rilasciato il 10 luglio 2000 da GIA, 3,02 ct - colore J - VVS1 € 34.000-40.000

48

Allegato documento di analisi gemmologica n. 15844038 rilasciato il 15 maggio 2007 da GIA, colore E - VS2

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

Allegato documento di analisi gemmologica n. 09010195001 rilasciato il giorno 11 giugno 2009 da HRD, colore G - VS1 € 80.000-90.000

Allegato documento di analisi gemmoligica n. US 85427701D rilasciato il 17 febbraio 2010 da EGL, colore K - SI1 € 18.000-24.000


60

61

62

63

64


65

67

69

LORGNETTE

ANELLO

SPILLA

in platino con impugnatura traforata ornata da brillanti. Sorretta da catena in platino intercalata da cilindri smaltati nei toni del nero e bianco. Anni ‘20

in platino e oro giallo con smeraldo rettangolare ad angoli smussati affiancato da due diamanti a semiluna, smeraldo 3,40 ct ca., diamanti 0,96 ct ca.

in platino con placca ovale in giadeite traforata e incisa a raffigurare motivi vegetali. La placca è trattenuta lateralmente da due cavallotti in brillanti traforati a raffigurare fiori con decori in smalto nero. Due fiorellini dal medesimo ornato decorano gli altri due lati. Francia, periodo Déco, brillanti 0,50 ct ca.

€ 1.500-2.500

€ 13.000-16.000

€ 4.500-5.500

66

68

70

PENDENTE

COPPIA DI SPILLE

SPILLA

in platino costituito da uno smeraldo di taglio ottagonale contornato da un giro di brillanti che vengono ripresi anche sul gancio di sostegno. Catenina in oro bianco di epoca successiva. Anni ‘20, smeraldo 27 ct ca., brillanti 3 ct ca.

a clip modellate a voluta interamente realizzate in platino, brillanti e diamanti baguettes. Anni ‘30, diamanti 9 ct ca.

di linea triangolare finemente lavorata a traforo in platino, brillanti e diamanti a rosa con motivi floreali, nodi d’amore e nastri traforati a sostenere una ghirlanda di brillanti al centro della quale pende un brillante di dimensione maggiore entro castone a forma di goccia. Anni ‘20, brillanti 3,80 ct ca., brillante sospeso 1,50 ct ca.

€ 15.000-18.000

€ 12.000-15.000

€ 6.000-8.000

50

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


66

65

68

67

70

69


71

73

75

SPILLA-PENDENTE

SPILLA

BOCCHINO, RONSON

in oro giallo e platino raffigurante il segno zodiacale del sagittario impreziosito da brillanti, brillanti 1,30 ct ca., gr. 51 ca.

a clip raffigurante la testa di un cavallo alato in oro giallo, platino e smalto marrone con decori in brillanti e occhio formato da uno smeraldo a goccia, brillanti 2,80 ct ca., gr. 57 ca.

per sigaretta in bakelite nera e parte in oro giallo e bianco lavorato a motivo impagliato. Marcato: R. Anni ‘60

€ 6.000-8.000

€ 15.000-20.000

72

74

76

SPILLA

BOCCHINO, RONSON

SPILLA

a clip raffigurante la testa di un unicorno in oro giallo, platino e smalto bianco impreziosito da brillanti e ornato da cinque smeraldi a goccia, brillanti 4 ct ca.

per sigaretta in bakelite nera con parte in oro giallo e bianco lavorato a motivo impagliato. Marcato: R. Anni ‘60

in oro giallo e platino raffigurante il segno zodiacale della bilancia impreziosita da brillanti, brillanti 2 ct ca., gr. 72 ca.

€ 15.000-25.000

52

€ 150-250

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 250-350

€ 6.000-8.000


71

72

73

74

76 75


77

79

81

ORECCHINI

ORECCHINI

SPILLA

pendenti in platino e oro bianco, ciascuno con motivo superiore a ventaglio stilizzato in brillanti che vengono riproposti sulla coppigia sostenente una perla coltivata South sea. Francia, fine anni ‘30/inizio anni ‘40, brillanti 3,80 ct ca., perle mm. 14,2 e mm. 14,6

in oro bianco, ognuno con perla coltivata South sea contornata da brillanti e diamanti navettes, perle mm. 16, diamanti 3 ct ca.

a tralcio floreale fogliato in oro bianco e brillanti taglio vecchio con quattro brillanti taglio vecchio di dimensione maggiore, brillanti 2,20 ct ca., quattro brillanti 5,50 ct ca.

€ 6.000-8.000

€ 6.000-8.000

80 ANELLO

78 BRACCIALE semirigido costituito da maglie a disegno geometrico poste in linea a forma di cuore e goccia in oro bianco, pavé di brillanti e diamanti baguettes. Cavallotti di raccordo in pavé di brillanti. Quattro maglie superiori racchiudono quattro quarzi citrini tagliati a goccia e ad ovale entro riporti in oro giallo. Al centro la raffigurazione di un cagnolino con occhi formati da due inserti in onice, diamanti 22 ct ca., gr. 138 ca. € 9.000-12.000

54

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

in oro bianco 14 Kt con brillanti e rubini sintetici tondi. Anni ‘30 € 1.000-1.600

€ 9.000-10.000


77

78

79

80

81


DIPINTI DEL XIX SECOLO Lotti 82-131


82

83

82

83

PIETRO D’ACHIARDI

PIETRO D’ACHIARDI

84 PIETRO D’ACHIARDI

Pisa 1879 - 1940

Pisa 1879 - 1940

Pisa 1879 - 1940

Paesaggio tempera su carta, cm. 45x33.

Istituto Emilio Maraini tecnica mista su carta, cm. 32,5x23,5.

Il cancello fotolitografia su carta, cm. 32x47; firmato in basso a destra: P.D’Achiardi.

Provenienza Eredi dell’artista.

Provenienza Eredi dell’artista.

€ 500-600

€ 350-450

Provenienza Eredi dell’artista. € 200-400

84

85 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Marina tecnica mista su carta, cm. 33x24. Provenienza Eredi dell’artista. € 400-500

58

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


85

86

86 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Paesaggio fluviale tempera su carta, cm. 48x32. 87

Provenienza Eredi dell’artista. € 600-800

87 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Paesaggio tecnica mista su carta, cm. 23,5x32. Provenienza Eredi dell’artista. € 300-400

59


88

89

90

60

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


88 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Ritratto di donna olio su tavola, cm. 43x41. Provenienza Eredi dell’artista. € 700-900

89 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Ritratto di donna olio su tavola, cm. 52x42; firmato in basso a destra: P.D’Achiardi. Provenienza Eredi dell’artista. € 600-700

90 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Dalla terrazza pastelli su carta, cm. 50x65.

91 92

Provenienza Eredi dell’artista. € 800-900

91 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Bimba tempera su carta, cm. 67x49. Provenienza Eredi dell’artista. € 1.000-1.200

92 PIETRO D’ACHIARDI Pisa 1879 - 1940

Il cesto - 1934 olio su tavola, cm. 71x58; firmato e datato in basso a destra: P.D’Achiardi 1934. Provenienza Eredi dell’artista. € 1.000-1.500

61


93 PIERO FOCARDI Settignano 1889 - Cannes 1945

Al pascolo olio su cartone, cm. 33x41; firmato in basso a sinistra: Pier Focardi. € 12.000-18.000

93 94

94 ALFREDO TOMINZ Trieste 1854 - 1936

Passeggiata in carrozza olio su tela riportata su compensato, cm. 56x36; firmato in basso a destra: Tominz. € 8.000-12.000

62

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


95

95 LICINIO BARZANTI Forli’ 1857 - Como 1944

Il gioco dei mici olio su tela, cm. 99x69,5; firmato in alto a destra: L.Barzanti. € 10.000-14.000

63


96

96 BELIMBAU ADOLFO Il Cairo 1845 - Firenze 1938

Corteggiamento olio su tela, cm. 90x56; firmato in alto a sinistra: A.Belimbau. € 18.000-22.000

64

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


97

97 FILIPPO INDONI Attivo a Roma nel XIX secolo - 1908

Innamorati ciociari olio su tela, cm. 100x75; firmato in basso a destra: F.Indoni. â‚Ź 18.000-22.000

27-28 OTTOBRE 2010

65


98

98 RUGGERO FOCARDI Firenze 1864 - Livorno 1934

La lettura olio su cartone, cm. 19x13; firmato in alto a destra: R.Focardi. â‚Ź 8.000-10.000


99

99 RAFFAELLO SORBI Firenze 1844 1931

Passeggiata a cavallo - 1927 olio su tavola, cm. 16x27; firmato e datato in basso a destra: Raf.Sorbi 1927. Al retro etichetta della Galleria Pesaro, Milano â‚Ź 35.000-45.000


100

100 GIANNI MAIMERI Varano 1884 - Milano 1951

Baveno tempera su cartone telato, cm. 40x50. Al retro autentica della figlia dell’artista: Questo dipinto del 1951 intitolato Baveno è del pittore Gianni Maimeri. Lo autentica la figlia Zoe Maimeri Milano 11/9/1995. € 5.000-7.000

68

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


101

102

101

102

ANGIOLO TOMMASI

UGO MANARESI

Livorno 1858 - Torre del Lago 1923

Ravenna 1851 - Livorno 1917

Lavandaie sul lago (Massaciuccoli?) olio su tavola, cm. 10x29,5; firmato in basso a sinistra: Angiolo Tommasi.

Amore nella tempesta olio su tavola, cm. 17x36; firmato in basso a destra: U.Manaresi.

â‚Ź 16.000-20.000

â‚Ź 4.000-6.000

27-28 OTTOBRE 2010

69


103 SALVATORE FERGOLA Napoli 1799 - 1874

Veduta di Capodimonte tempera su cartoncino, cm. 40x61 (foglio cm. 46x66); firmato in basso a destra: Salvatore Fergola disegnò dal vero. ₏ 35.000-45.000


103


104

104

105

NAPOLEONE GRADY

CESARE GHEDUZZI

Santa Cristina 1860 - Brusimpiano 1949

Crespellano 1894 - Torino 1944

Marzo in montagna olio su tela, cm. 59x85; firmato in basso a sinistra: N.Grady.

Paesaggio con figura olio su tela, cm. 50x70; firmato in basso a destra: C.Gheduzzi.

€ 6.000-8.000

€ 4.000-6.000

105

72

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


106

106

107

ENRICO FANFANI

ACHILLE BELTRAME

Firenze 1824 - 1897

Arzignano 1871 - Milano 1945

Passaggio difficile olio su tela, cm. 60x79; firmato in basso a destra: E.Fanfani.

Case montane sotto la neve olio su tavola, cm. 25x35; firmato in basso a destra: A.Beltrame. Al retro reca la scritta: 15 febbraio 1931 Case montane sotto la neve.

€ 4.000-5.000

Provenienza Eredi dell’artista. € 4.500-6.500

107

27-28 OTTOBRE 2010

73


108

109


110

108

109

AMOS CASSIOLI

LUIGI PASTEGA

VINCENZO IROLLI

Asciano 1832 - Firenze 1891

Venezia 1858 - 1927

Napoli 1860 - 1949

L’offerta a Venere olio su tela, cm. 39,5x60,5. Opera registrata negli archivi dell’Istituto Matteucci col numero 406954.

Dall’antiquario olio su tavola, cm. 13,5x22; firmato in basso a destra: L.Pastega

Gioie di primavera olio su tavola, cm. 40x45,5; firmato in basso a sinistra: V.Irolli. Al retro etichetta e firma di Eros Bordin e timbro di Antonio Sianesi.

Del soggetto si conoscono più versioni, una delle quali donata da Cristiano Banti nel 1893 agli Uffizi, attualmente presso la Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti. € 12.000-16.000

€ 5.000-7.000

110

€ 25.000-35.000


111 PEDER MORK MONSTED Grenaa 1859 - 1941

La pappa dei mici - 1921 olio su tela, cm. 39,5x54; firma e data in basso a destra: P.Monsted...1921. € 40.000-60.000

111 (part.)

76

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


111

27-28 OTTOBRE 2010

77


112 CESARE MAGGI Roma 1881 - Torino 1962

L’infante Coda Zabetta - 1921 olio su tela, cm. 57x42; firma e data sulla destra: C.Maggi 921. € 4.000-5.000

112

113 ALESSANDRO MILESI Venezia 1856 - 1945

Ritratto di Napoleone Nani olio su tavola, cm. 50x40. Al retro dedica e firma: A Napoleone Nani con riconoscenza A.Milesi. € 8.000-10.000

78

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

113


114 ALESSANDRO MILESI Venezia 1856 - 1945

Ritratto di signora olio su tela, cm. 75x61,5; firma in basso a destra: A.Milesi. Esposizioni Mostra Alessandro Milesi, Venezia, Sala Napoleonica, aprile-maggio 1959. â‚Ź 18.000-25.000

114

115

115 ALESSANDRO MILESI Venezia 1856 - 1945

La modella in bianco olio su tela, cm. 80x64; firmato in basso a sinistra: A.Milesi. Al retro reca il cartiglio: La modella in bianco fu dipinta da mio padre nel 1914. Antonietta Milesi Esposizioni Terza mostra degli artisti scomparsi, Palazzo Gotico, Piacenza, 1963; Quarta mostra degli artisti scomparsi, Palazzo Gran Guardia, 1964. â‚Ź 15.000-20.000

27-28 OTTOBRE 2010

79


116

116 GIUSEPPE CELLINI Roma 1855 - 1940

Veduta di Oporto - 1892 olio su tavola, cm. 45x30; firma e data in basso a destra: G.Cellini Oporto 1892. € 5.000-7.000

80

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


117 HERMANN SALOMON CORRODI Frascati 1844 - Roma 1905

Luci ed ombre olio su tela, cm. 49x26,5; firmato in basso a sinistra: H.Corrodi Roma. â‚Ź 15.000-20.000 117

27-28 OTTOBRE 2010

81


118

118

119

EUGENIO SCORZELLI

GIUSEPPE CHIAROLANZA

Buenos Aires 1885 - Napoli 1951

Milano 1868 - Napoli 1920

Via Foria, Napoli olio su tela, cm. 35,5x75,5; firmato in basso a sinistra: Eug.Scorzelli.

Nei pressi di Sorrento olio su tela, cm. 43x75,5; firmato in basso a destra: G.Chiarolanza.

€ 10.000-14.000

€ 7.000-9.000

119

82

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


120

120

121

OSCAR RICCIARDI

GIUSEPPE CASCIARO

Napoli 1864 - 1935

Ortelle 1863 - Napoli 1945

La sfida olio su tela riportata su tavola, cm. 65x90; firmato in basso a sinistra: O.Ricciardi.

La costiera verso Salerno - 1919 olio su tavola, cm. 31,5x48; firma, luogo e data in basso a destra: G.Casciaro Salerno 17 sett 1919.

€ 6.000-8.000

€ 9.000-12.000 121

27-28 OTTOBRE 2010

83


122

123

84

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


124

122

123

VINCENZO LORIA

M.GIANNI

124 PIETRO BARUCCI

Salerno 1849 - La Spezia 1939

Napoli, attivo all’inizio del XX secolo

Roma 1845 - 1917

Scena di pesca olio su tela, cm. 36x62; firmato in basso al centro: V.Loria Napoli.

Verso la costiera amalfitana tempera su carta, cm. 50x67; firmato in basso a sinistra: M.Gianni.

€ 8.000-12.000

€ 2.000-3.000

Scena di pesca olio su tela, cm. 49x79; firmato in basso a sinistra: P.Barucci Roma. Al retro etichetta della Galleria d’Arte Bentivegna, Montecatini Terme. € 15.000-25.000

27-28 OTTOBRE 2010

85


125 BARUCCI PIETRO Roma 1845 - 1917

La pastorella olio su tela, cm. 81x49,5; firmato in basso a sinistra: P.Barucci Roma. â‚Ź 25.000-30.000

125 (part.)


125


126

126 RUBENS SANTORO Mongrassano 1859 - Napoli 1942

L’Adigetto a Verona acquarello su carta, cm. 40x32; firma in basso a destra: Rubens Santoro. € 20.000-26.000


127

127 ANTONIO MARIA de MANESCAU REYNA Malaga 1859 - 1937

Squero di San Trovaso olio su tela, cm. 40x60; firmato in basso a destra: A.Reyna Venezia. â‚Ź 20.000-26.000


128 AURELIO TIRATELLI Roma 1842 - 1900

La vendemmia olio su tavola, cm. 51x76; firmato in basso a sinistra: A.Tiratelli Roma. Esposizioni La campagna romana da Hackert a Balla, a cura di P.De Rosa e P.Trastulli, Museo del Corso, Roma, 22 novembre 2001-14 febbraio 2002. Bibliografia Catalogo della mostra La campagna romana da Hackert a Balla, Museo del Corso, Roma, Fondazione Cassa di Risparmio di Roma, 2001, tav. XXIX, n. 29 € 40.000-60.000

128 (part.)

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


128

27-28 OTTOBRE 2010


129

129 SILVIO POMA Trescore Balneario 1841 - Turate 1932

Paesaggio con armenti olio su tela, cm. 75x100; firmato in basso a destra: S.Poma. € 20.000-25.000

92

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


130

130 CESARE BERTOLOTTI Brescia 1854 - 1932

Paesaggio bresciano olio su tela, cm. 82x102; firmato in basso a destra: C.Bertolotti. â‚Ź 25.000-35.000

27-28 OTTOBRE 2010

93


131 ARNALDO SOLDINI Brescia 1862 - Val Trompia 1936

I tetti di Esine - 1889 olio su tela, cm. 70x113; firmato e datato in basso a destra: Soldini Arnaldo 89. â‚Ź 70.000-90.000


131


ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA Lotti 132-230


132 RENATO PENGO Padova 1943

Didascalie - 2006 olio su tela, cm. 100x100. Al retro titolo, data, firma e data: “Didascalie”/ 2006 / Pengo / 2006. Autentica dell’Archivio delle opere di Pengo Renato, a cura della Galleria d’Arte Vecchiato su fotografia con il numero G 2501-1055. € 2.000-2.500

132

133

133 SALVATORE GARAU S.Giusta 1953

Fiori di Alba (Nuvola di Paolo) - 2005 olio su tela, cm. 200x240. Al retro titolo, data, firma e dedica: “Fiori di Alba “/2005 / Salvatore Garau / (Nuvola di Paolo) / dedica. € 8.000-12.000

98

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


134

134 MARCO NEREO ROTELLI Venezia 1955

Door - (2009) tecnica mista su porta in legno, cm. 190x100. Autentica dell’autore su fotografia. € 5.000-7.000

27-28 OTTOBRE 2010

99


135 PAOLO VALLE Venezia 1948

Senza titolo - 1997 tecnica mista su tela, cm. 60x60. Firma e data in basso a destra: Valle 97. Al retro firma e titolo: Valle/”Senza titolo”. Autentica dell’autore su fotografia in data Venezia 21-10-08. € 2.200-2.800

135 136

136 MARIO MADIAI Siena 1944

Frammenti - 2005 olio su tela, cm. 70x120. Firma in basso a destra: Madiai. Al retro firma: Madiai. Autentica dell’autore su fotografia. € 1.000-1.200

100

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


137 VINCENZO BALSAMO Brindisi 1935

Labirinto - (2007) olio su tela, cm. 70x50. Al retro firma: Vincenzo Balsamo. Autentica dell’Archivio Vincenzo Balsamo su fotografia con il numero MI/22. € 2.500-3.000

137

138

138 SALVATORE EMBLEMA Terzigno 1929 - 2006

Senza titolo - 2004 terra colorata su tela di juta, cm. 130x160. Al retro firma e data: Emblema / 2004. Autentica dell’autore su fotografia con il numero DL 165. € 10.000-12.000

27-28 OTTOBRE 2010

101


139

139

102

140

140

GIORGIO CELIBERTI

GIORGIO CELIBERTI

Udine 1929

Udine 1929

Prima che arrivi la notte - 1998/1999 polimaterico su tavola, cm. 220x130. Al retro firma, titolo e data: Celiberti/prima/che arrivi/la notte/1998-99. Autentica dell’autore su fotografia.

Attraverso le parole - 1997/99 polimaterico su tavola, cm. 140x110. Al retro firma, titolo e data: Celiberti/attraverso le parole/1997-99. Autentica dell’autore su fotografia.

€ 16.000-20.000

€ 6.000-8.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


141 GOTTARDO ORTELLI Viggiu’ 1938 - Varese 2003

Per rubarti l’anima, meraviglia - 1995 olio su tela, cm. 130x120. Al retro firma, titolo e data: Gottardo Ortelli/”per rubarti/l’anima, meraviglia/Ortelli 95. Autentica a cura della Galleria Dante Vecchiato su fotografia con il numero E 0310-0008. € 2.000-3.000

141 142

142 GOTTARDO ORTELLI Viggiu’ 1938 - Varese 2003

Slittamenti del cuore - (1995) olio su tela, cm. 130x120. Al retro titolo e firma: “slittamenti del cuore”/Ortelli. Autentica a cura della Galleria Dante Vecchiato su fotografia con il numero E 0310-0012. € 2.000-3.000

27-28 OTTOBRE 2010

103


143 TANO FESTA Roma 1938 - 1987

Senza titolo - 1970 pennarelli su carta, cm. 100x70. Firma e data in basso a destra: Festa 70. Autentica dell’Archivio Tano Festa su fotografia con il n. 70C17/R160. € 3.500-4.000

143 144

144 TANO FESTA Roma 1938 - 1987

“Estate” omaggio al colore - 1973 smalto su tela, cm. 80x60. Al retro titolo, firma e data: “Omaggio al colore”/Festa 1973/Estate. Opera registrata presso l’Archivio Tano Festa con il n. 7386/9151. € 6.000-8.000

104

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


145

145 CONCETTO POZZATI Vo’ Vecchio 1935

Il pittore è il burattinaio - 2002 smalto e acrilico su tela, cm. 100x150. Al retro firma e data: Pozzati 02. Titolo sul telaio: “IL PITTORE E’ IL BURATTINAIO”. Autentica dell’Archivio Genarale di Concetto Pozzati su fotografia con il numero 2059/10. € 6.000-8.000

27-28 OTTOBRE 2010

105


146

147

146

147

MIMMO GERMANA’

MIMMO GERMANA’

148 MIMMO GERMANA’

Catania 1944 - Busto Arsizio 1992

Catania 1944 - Busto Arsizio 1992

Catania 1944 - Busto Arsizio 1992

Mirò rosso - 1990 olio su tela, cm. 60x80. Al retro firma, data e titolo: M. Germanà / 1990 / Mirò rosso.

Senza titolo, tra 4 - 1990 olio su tela, cm. 65x55. Al retro titolo, firma e data: S.T. / tra / 4 / Mimmo Germanà / 1990.

Mare - 1990 olio su tela, cm. 55x65. Al retro firma, titolo e data: M. Germanà / Mare / 1990.

€ 2.000-3.000

€ 2.000-3.000

€ 3.000-4.000

148

106

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


149 RABARAMA Roma 1969

RIFR-AZIONE - (2002) bronzo dipinto, es. 7/8, cm. 41x35x28. Tiolo nella composizione: RIFRAZIONE. Autentica dell’Archivio delle opere di Rabarama su fotografia con il numero n. Ns1311-0571-7. € 7.000-9.000

149

150 RABARAMA Roma 1969

Fobia - 2003 bronzo dipinto, es. IV/IV con numerazione romana, cm. 29x58x34. Firma sul piede: Rabarama. Titolo nella composizione. Autentica dell’Archivio delle opere di Rabarama su fotografia con il n. Ns2912-0931-12. € 7.000-9.000

150

27-28 OTTOBRE 2010

107


151

151 ADRIANO SPILIMBERGO Buenos Aires 1908 - Milano 1975

Paesaggio - 1952 olio su tela, cm. 80x100. Firma e data in basso a destra: Spilimbergo 52. Esposizioni 1952, Venezia, XXVI Esposizione Biennale Internazionale d’Arte. Provenienza Milano, Galleria Ponte Rosso. € 15.000-20.000

108

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


152 CESETTI GIUSEPPE Tuscania 1902 - 1990

Bue e cavallo al pascolo - 1987 olio su tela, cm. 50x60. Firma in basso a sinistra: Cesetti. Provenienza Milano, Galleria Il Castello. € 8.000-10.000

152

153

153 BRUNO SAETTI Bologna 1902 - 1984

Paesaggio col sole olio su cartone, cm. 46x55. Firma in basso a destra: Saetti. Al retro firma: Saetti. Opera inserita nel Registro ufficiale dell’opera di Bruno Saetti con il numero 3262. € 11.000-13.000

27-28 OTTOBRE 2010

109


154 ACHILLE FUNI Ferrara 1890 - Appiano Gentile 1972

L’idolo - 1966 olio su tavola, cm. 70x50. Firma in basso al centro: A. Funi. Titolo e data nella composizione: L’idolo / 1966. Esposizioni 1967, Padova, Galleria Antenore, A. Funi (cat. ill.); 1974, Imola, XIV Biennale Nazionale d’Arte Figurativa (cat. p. 59). Bibliografia N. Colombo (a cura di), Achille Funi, Catalogo Ragionato dei Dipinti, Leonardo Arte, Milano 1996, p. 417 n. II.668. € 9.000-12.000

155 CARLO MARIA MARIANI Roma 1931

Senza titolo - 1959 matita e gouache su carta, cm. 21x15. Firma e dta in alto a sinistra: C. MARIANI 59. Autentica dell’autore su fotografia. Provenienza Catania, L.I.B.R.A. Arte Contemporanea. € 4.000-6.000 154

155

110

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

156


156 GIOVANNI CAPPELLI Cesena 1923 - Millano 1994

Natura morta - 1976 olio su tela, cm. 60x73. Firma e data in basso a destra: Cappelli 76. Al retro dichiarazione di autenticità: Opere del nostro / Giovanni Cappelli / Autenticata dalla moglie / Paola Silvestrini Cappelli / Gargnanolo10-7-09. € 2.500-3.500

157 ENRICO PAULUCCI Genova 1901 - Torino 1999

157

Marina e ombrelloni (anni ‘70-’80) olio su tela, cm. 45x60. Firma in basso a destra: Paolucci. Opera registrata presso l’Archivo delle opere di Enrico Paolucci in data 26 marzo 2007 con il n. 0011. € 5.000-7.000

158

158 SERGIO VACCHI Castenaso di Bologna 1925

Per l’amore del pianeta - 1970 olio su tela, cm. 75x100. Firma e data in basso a destra: Vacchi 1970. Al retro titolo, firma e data: Per / l’amore / del Pianeta / Vacchi / 1970. Autentica dell’autore su fotografia in data 8 maggio 2002. Provenienza Roma, Il Gabbiano; Palermo, Centro Arte 74. € 6.000-8.000

27-28 OTTOBRE 2010

111


159

159 FELICE CARENA Cumiana 1879 - Venezia 1966

Natura morta - (1964) olio su tavola, cm. 46,5x64. Firma in basso a destra: CARENA. Autentica di Luigi Cavallo su fotografia in data 1 maggio 2005. € 10.000-14.000

112

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


160

160 ENNIO MORLOTTI Lecco 1910 - Milano 1992

Natura morta - (1942/69) olio su tela, cm. 40x50. Al retro firma e data: Morlotti/42-69. Autentica dell’autore su fotografia in data 9-12-69. Provenienza Galleria d’Arte Selezione. Bibliografia G. Bruno-P.G. Castagnoli-D. Biasin, Ennio Morlotti. Catalogo Ragionato dei Dipinti, Ed. Skira, Milano 2000, tomo I, p. 67, n. 87 (ripr.). € 22.000-26.000

27-28 OTTOBRE 2010

113


161 OSVALDO PIRACCINI Cesena 1931

Autoritratto olio su carta, cm. 8x10. Al retro firma: Osvaldo / PIRACCINI. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

161 162

162 ARNOLFO CRUCIANELLI Bahia Blanca 1910 - Macerata 1991

Autoritratto olio su tavola, cm. 8x10. Firma in basso a destra: A. Crucianelli. Al retro firma: Arnolfo Crucianelli. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

114

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


163 NAZARENO CUGURRA Verona 1924

Autoritratto olio su tela, cm. 6,5x5,5. Firma in basso a destra: CUGURRA. Al retro firma: Cugurra. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

163 164

164 ETTORE SORDINI Milano 1934

Autoritratto col colpo d’occhi - 1959 olio su cartone, cm. 8x10. Firma in basso a destra: Sordini. Al retro data, titolo e firma: 1959 / AUTORITRATTO / COL COLPO D’OCCHI / Sordini. € 600-800

27-28 OTTOBRE 2010

115


165

167

166

165

LUIGI COBIANCO

Partanna 1923 - Roma 1980

Rovigo 1893 - Venezia 1967

Autoritratto matita su carta, cm. 10,5x8,5.

Autoritratto - 1969 olio su tavola, cm. 10x8. Firma sulla destra: Cobianco. Al retro firma: Cobianco.

Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

166 ROCCO CORONESE Parabita 1931 - 2002

Senza titolo - 1961 olio su tavola, cm. 10x8. Al retro firma e data: CORONESE / 61. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

116

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

167

ANTONIO SANFILIPPO

Bibliografia E. Gribaudo (a cura di), La Raccolta 8 per 10 di Cesare Zavattini, Edizioni d’Arte Fratelli Pozzo, Torino 1967. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800


168

169

168 ACHILLE SDRUSCIA Roma 1910 1994

Autoritratto olio su tavola, cm. 8x5. Firma in alto a sinistra: A. Sdruscia. Al retro firma: Sdruscia. Bibliografia E. Gribaudo (a cura di), La Raccolta 8 per 10 di Cesare Zavattini, Edizioni d’Arte Fratelli Pozzo, Torino 1967. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata.

Bibliografia E. Gribaudo (a cura di), La Raccolta 8 per 10 di Cesare Zavattini, Edizioni d’Arte Fratelli Pozzo, Torino 1967. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

170 LIBERO BIGIARETTI

€ 600-800

Matelica 1905 - Roma 1993

169

Autoritratto olio su cartone, cm. 10x8. Firma in basso a sinistra: L. Bigiaretti.

VIRGILIO GUZZI Molfetta 1902 - Roma 1978

Autoritratto olio su tavola, cm. 10,5x8,5. Al retro firma: GUZZI.

Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

170

27-28 OTTOBRE 2010

117


171 BERNARDINO PALAZZI Nuoro 1907 - Roma 1987

Autoritratto - 1950 olio su cartone, cm. 10x8. Firma e data in basso a destra: B Pal 1950. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

171 172

172 SERGIO VACCHI Castenaso di Bologna 1925

Autoritratto - 1964 olio su vetro, cm. 7,5x6,5. Al retro firma, data e titolo: Vacchi / 1964 / Roma / Autoritratto. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

118

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


173 FABIO FAILLA Lucca 1917

Autoritratto olio su tavola, cm. 10x8. Firm ain basso a sinistra: Failla. Al retro firma: FABIO FAILLA. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

173 174

174 MICHELANGELO CONTE Spalato 1913 - Roma 1996

Autoritratto - Organico n°1 - 1959 olio su tavola, cm. 10x8. Al retro firma, titolo e data: Michelangelo Conte / Roma / Organico n° 1 / 1959. Bibliografia E. Gribaudo (a cura di), La Raccolta 8 per 10 di Cesare Zavattini, Edizioni d’Arte Fratelli Pozzo, Torino 1967. Provenienza Roma, collezione Cesare Zavattini; Milano, Galleria Annunciata. € 600-800

27-28 OTTOBRE 2010

119


175

175 MINO MACCARI Siena 1898 - Roma 1989

La pesca delle vergini - 1960 olio su tela, cm. 60x80. Firma in basso a sinistra: Maccari. Autentica dell’autore su fotografia. Bibliografia Maccari a dispense. 1925/1984, Edizioni Pananti, Firenze 1984, Vol. I, n. 20 (ripr.); Maccari. Catalogo generale. Dipinti ad olio (1920-1989), Edizioni L’Angolo, Vol. I, p. 129, tav. 60/23 (ripr.) Provenienza Verona, Galleria d’Arte Serego, Firenze, Raccolta Comm. Ezio Casamonti. € 16.000-20.000

120

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


176

176 MINO MACCARI Siena 1898 - Roma 1989

Le prigioniere olio su tavola, cm. 50x70. Firma in basso a sinistra: Maccari. Autentica dell’autore su fotografia. € 14.000-18.000

27-28 OTTOBRE 2010

121


177 MARIO SIRONI Sassari 1885 - Milano 1961

Composizione con cavalieri - (1949) olio su masonite, cm. 38,5x60. Firma in basso a destra: SIRONI. Conferma verbale di autenticità da parte di Francesco Meloni. Esposizioni 1953-1954, SIRONI-MARINI, Boston, Institute of Contemporary Art; S. Francisco, M.H. De Young Memorial Museum; Colorado Springs, Fine Arts Center; Wilngton, Delaware Art Center; Manchester, Currier Gallery of Art; Baltimore, Baltimore Museum of Art; Akron, Akron Art Institute (Composition with horsemen, 1949 n. 10). Provenienza Milano, Galleria del Milione con il numero 5054. € 35.000-40.000

122

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


177

27-28 OTTOBRE 2010

123


178

178 FELICE CARENA Cumiana 1879 - Venezia 1966

Natura morta nel paesaggio - (anni ‘50) olio su tavola, cm. 48,5x61,5. Firma in basso a destra: CARENA. Autentica di Luigi Cavallo su fotografia in data 9 maggio 2003. € 15.000-20.000

124

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


179

179 PIERO MARUSSIG Trieste 1879 - Pavia 1937

Vaso di fiori - (1929) olio su tavola, cm. 60x50. Firma in alto a destra: P. Marussig. Provenienza Milano, Galleria del Milione con il numero 3208; Milano, Galleria Milano; Milano, Centro Arte Internazionale; Milano, Battista Pero, Bar Sport.

Note L’Opera visionata dalla dott.ssa Gian Ferrari in data 3 giugno 2004 è stata giudicata autentica e copie fotografiche sono depositate presso la Galleria Gian Ferrari. Il dipinto è stato inserito nel Catalogo Generale di Marussig a cura di C. Gian Ferrari, E. Pontiggia e N. Colombo. € 20.000-22.000

27-28 OTTOBRE 2010

125


180 RENATO GUTTUSO Bagheria 1912 - Roma 1987

Natura morta con cesto e caffettiera - 1960 olio su tela, cm. 71x58,5. Firma in basso al centro: Guttuso. Al retro data, firma e dichiarazione di autenticità: 1960 / Guttuso / Questo dipinto / è di mia mano / in fede / RGuttuso / Roma 24-7-61. Autentica dell’autore su fotografia. Bibliografia E. Crispolti (a cura di), Catalogo Ragionato Generale dei dipinti di Renato Guttuso, Giorgio Mondadori & Associati, vol. II, p. 194 n. 60/74. Provenienza Roma, Siro Spironello; Roma, Galleria Zanini; Milano, Club dell’Arte; Lucca, Galleria Poleschi. € 70.000-90.000


180


181 MASSIMO CAMPIGLI Firenze 1895 - Saint Tropez 1971

Senza titolo - 1955 olio su tela, cm. 50x100. Firma e data in basso a destra: CAMPIGLI 55. Autentica dell’Archivio Campigli su fotografia con il numero 539331098 in data 18/7/2006. Provenienza Roma, Galleria La Barcaccia. € 160.000-200.000


181


182 MARIO TOZZI Fossombrone 1895 - St.Jean du Gard 1979

Senza titolo - 1967 olio su tela,cm. 116x81. Firma e data in basso a destra: MARIO / TOZZI / 1967. Autentica dell’Archivio Generale Merio Tozzi su fotografia n. 62, Foiano della Chiana. Esposizioni Firenze, Galleria Michelangelo, Mario Tozzi, ottobre 1967. Bibliografia M. Pasquali, Catalogo ragionato dei dipinti di Mario Tozzi, Giorgio Mondadori e Associati, Milano 1988, Vol II, p. 152, n. 67/10 (ripr.) ₏ 100.000-140.000


182


183

132

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


183 FILIPPO DE PISIS Ferrara 1896 - Milano 1956

Natura morta - 1948 olio su tela, cm. 78x188. Firma e sigla al centro: S.B. de Pisis. Bibliografia G. Briganti, De Pisis. Catalogo generale, Tomo secondo, Opere 1939-1953, Electa, Milano 1991, p. 746, n. 1948/13. Provenienza Collezione privata. â‚Ź 80.000-120.000

27-28 OTTOBRE 2010

133


184 REMO SQUILLANTINI Stia 1920 - 1996

Le amiche - 1978 olio su cartone intelato, cm. 50x40. Firma in alto a sinistra: Squillantini. Autentica dell’Archivio Squillantini su fotografia con il n. 555/6 AC 2037. € 6.000-8.000

184

185

185 UGO ATTARDI Sori di Genova 1923 - Roma 2006

Senza titolo - 2001 acrilico su tela, cm. 70x100. Firma in basso a destra: Attardi. Autentica dell’Archivio storico Ugo Attardi, Roma su fotografia con il numero 21069110070. € 7.000-9.000

134

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


186 ORFEO TAMBURI Jesi 1906 - Parigi 1994

Senza titolo - (1958) olio su tela, cm. 76x55. Firma in basso a destra: Tamburi. € 13.000-16.000

186

187

187 GIOVAN FRANCESCO GONZAGA Milano 1921 - 2007

Cavaliere Circasso al galoppo sulla costa orientale - (2002) olio su tela, cm. 50x70. Firma in basso a destra: G. F. Gonzaga. Al retro firma, data e dichiarazione autografa: G. F. Gonzaga/2002/ Cavaliere Circasso/ al galoppo sulla costa orientale/ dipinto autentico/ G. F. Gonzaga. Opera registrata presso l’Archivio Fotografico Generale di Giovan Francesco Gonzaga con il numero AC3323. Provenienza Milano, Galleria d’Arte il Salotto. € 4.000-6.000

27-28 OTTOBRE 2010

135


188 VIRGILIO GUIDI Roma 1891 - Venezia 1984

Architettura umana - (1960) olio su tela, cm. 150x182. Autentica di Toni Toniato su fotografia con il numero 0066/GV. Esposizioni 1964, Venezia, XXXII Esposizione Biennale Internazionale d’Arte; 1976, Lugano, Museo Comunale Villa Malpensata, Mostra di Virgilio Guidi, 7 luglio-16 agosto; 1989, Urbino, Palazzo Ducale, Sale del Castellare, Mostra personale, 22 luglio-9 settembre, (ripr. col. p. 55). Bibliografia P.G. Castagnoli-T. Toniato, Guidi, Venezia 1977, p. 95, n. 58 (l’opera è datata 1957); F. Bizzotto-D. Marangon-T. Toniato, Virgilio Guidi. Catalogo generale dei dipinti, Volume secondo, Electa, Milano 1998, p. 717 n. 1960 81. Provenienza Venezia, collezione privata. € 28.000-34.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


188

27-28 OTTOBRE 2010


189 UBALDO OPPI Bologna 1889 - Vicenza 1942

Volto di ragazzo (rif. ragazzo cadorino) - 1928 olio su tela, cm. 46x37. Firma e data in basso a destra: Oppi 1928. Autentica a cura dell’Archivio Ubaldo Oppi su fotografia con il numero 637 in data 06-03. € 16.000-20.000

189 190

190 UBALDO OPPI Bologna 1889 - Vicenza 1942

Paesaggio alpino - (1926) carboncino su carta, cm. 36x43. Firma in basso a sinistra: OPPI. Autentica a cura dell’Archivio Ubaldo Oppi su fotografia con il numero 501 in data gennaio 2004. € 2.000-2.500

138

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


191

191 MICHELE CASCELLA Ortona a Mare 1892 - Milano 1989

Primavera abruzzese olio su tela, cm. 70x100. Firma in basso a sinistra: Michele Cascella. Autentica dell’autore su fotografia. € 18.000-22.000

27-28 OTTOBRE 2010

139


192 ANTONIO BUENO Berlino 1918 - Fiesole 1984

L’indovina e il pompiere - (1984) olio su tavola, cm. 60x75. Firma in alto a destra: A. Bueno. Timbro dello Studio A.B. Esposizioni 1984, Venezia, XLI Esposizione Biennale Internazionale d’Arte; 1987, Roma Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, Antonio Bueno, Mostra Antologica, Luglio-Agosto. (cat. p. 176). € 80.000-100.000

140

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


192

27-28 OTTOBRE 2010

141


193

193

194

FELICITA FRAI

CARLO SOCRATE

CLAUDIO BONICHI

Praga 1914

Mezzanabigli 1889 - Roma 1967

Novi Ligure 1943

Tanta frutta sullo scaffale - 1987 olio su tela, cm. 60x80. Firma e data in basso: Frai 87. Autentica dell’autore su fotografia.

Paesaggio olio su tela, cm. 44,5x34,5. Firma in basso a destra: Socrate.

Il tralcio e la chiocciola - 2000 olio su tela, cm. 70x80. Firma e data in basso a destra: Claudio Bonichi 2000. Al retro firma, titolo e data: CLAUDIO BONICHI/”il tralcio e la chiocciola”/2000. Autentica dell’artista su fotografia.

Esposizioni 1989, Milano, Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, XXXI Biennale Nazionale della città di Milano, giugno-luglio.

€ 3.000-3.500

195

€ 3.000-3.500

€ 3.000-3.500 194

142

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

195


196

197

196

197

ENNIO CALABRIA

MAURO CHESSA

GIOVANNI LA COGNATA

Tripoli 1937

Torino 1933

Comiso 1954

Studio per un gesto nella sera acrilico su tela, cm. 42x32. Firma in basso a sinistra: Calabria. Al retro firma e dichiarazione autografa: E. Calabria/Studio per un gesto nella sera/opera mia/autentica/Ennio Calabria. Autentica dell’artista su fotografia in data 02.11.07. Opera registrata presso l’Archivio di Ennio Calabria con il n. 210701165.

Paesaggio della Dora olio su tela, cm. 70,5x101. Firma in basso a destra: M. Chessa.

Paesaggio olio su tela, cm. 80x100. Firma in basso a destra: La Cognata. Autentica dell’artista su fotografia in data 10-11-90.

Provenienza Torino, Galleria d’Arte Davico; Milano, Club dell’Arte. € 2.000-2.400

198

Provenienza Milano, Cafiso Galleria Arte. € 2.000-2.400

€ 2.000-2.400 198

27-28 OTTOBRE 2010

143


199 FABIO AGUZZI Milano 1953

Luci invernali - 1992 olio su tela, cm. 200x100. Al retro titolo e firma: Luci invernali/(la salute)/Fabio Aguzzi. Autentica dell’autore su fotografia. € 2.000-2.500

199

200 FABIO AGUZZI Milano 1953

Venezia - 1999 olio su tela, cm. 60x120. Al retro titolo, firma e data: Venezia/Fabio Aguzzi/ot’99. Autentica dell’autore su fotografia. € 1.500-2.000

200 201

201 FABIO AGUZZI Milano 1953

Venezia - 1998 olio su tela, cm. 75x115. Al retro titolo, firma e data: VENEZIA/Fabio Aguzzi/Dic.98. Autentica dell’autore su fotografia. € 1.500-2.000

144

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


202

202 BRUNO SAETTI Bologna 1902 - 1984

Affresco - (anni ‘70) affresco su tela, cm. 70,5x80. Firma in basso a destra: Saetti Al retro firma e titolo: Saetti/affresco. Opera inserita nel Registro ufficiale dell’opera di Bruno Saetti con il n. 3300. € 20.000-24.000

27-28 OTTOBRE 2010

145


203

203 FERNANDEZ ARMAN Nizza 1928 - 2005

Ad Eternum - 1981 accumulazione di tubi in ghisa, cm. 57x74. Titolo nella composizione: ETERNUM. Autentica dell’Archivia Arman su fotografia con il n. 8018.81.001 in data 14 novembre 2007. € 30.000-35.000

146

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


204

204 FERNANDEZ ARMAN Nizza 1928 - 2005

Senza titolo - (1978) inclusione di bobine di filo nel plexiglass, cm. 44,5x27x12. Autentica dell’autore su fotografia. € 25.000-30.000

27-28 OTTOBRE 2010

147


205

205 206

148

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

206

LUCIO DEL PEZZO

CONCETTO POZZATI

Napoli 1933

Vo’ Vecchio 1935

Rosso pompeiano collage, acrilico, pigmento metallico su tela e legno, cm. 100x70. Firma in basso al centro: Del Pezzo. Al retro firma e titolo: Lucio Del Pezzo / “ROSSO POMPEIANO”. Autentica dell’autore su fotografia con il numero 09447.

Figurale 4° - 1960 olio su tela, cm. 160x200. Firma e data in alto a sinistra: Pozzati 60. Al retro firma, data e titolo: Pozzati / 60 / “FIGURALE 4°”. Opera archiviata a cura dell’Archivio Coincetto Pozzati con il numero 2149/10. (piccolo taglio nella tela, a destra verso il basso)

Provenienza Milano, Galleria Vinciana.

Provenienza Bologna, collezione Luciano de Vita.

€ 6.000-8.000

€ 13.000-16.000


207

207 ANTONIO CORPORA Tunisi 1909 - Roma 2004

Lettura della mattina - 1973 olio su tela, cm. 100x81. Firma in basso a destra: Corpora. Al retro dedica, firma, titolo e data: Dedica / Corpora / Lettura della mattina 1973. Autentica dell’artista su fotografia in data Roma 27 giugno 1999. Opera registrata nell’Archivio Corpora a cura di Giovanni di Summa con il numero 10081/73 OLIT/E135, in data Roma 12/07/1999. Provenienza Brescia, Alberto Valerio Galleria Arte Contemporanea; Legnano, ArteMix. € 22.000-26.000 27-28 OTTOBRE 2010

149


208

208 MARK TOBEY Centerville 1890 - Basilea 1976

Senza titolo - 1957 inchiostro Sumi su carta, cm. 59x88,5. Firma e data in basso a destra: M. Tobey / 57. Autentica a cura del Committee Mark Tobey su fotografia in data 19 dicembre 2006. â‚Ź 22.000-26.000


209 MARK TOBEY Centerville 1890 - Basilea 1976

Open Space - 1961 tempera su carta, cm. 50x28,5. Firma e data in basso a destra: Tobey 61. Provenienza New York, Philippe Daverio Gallery. â‚Ź 10.000-12.000

209 210

210 MARK TOBEY Centerville 1890 - Basilea 1976

Palette - 1966 tempera e su carta, cm. 26x33. Titolo, firma e data in alto a destra: Palette / Tobey / 1966. Al retro altra opera: Senza titolo monotipo con tempera, cm. 26x33. Autentica a cura del Committee Mark Tobey su fotografia in data 2 dicembre 2006. â‚Ź 16.000-18.000

27-28 OTTOBRE 2010

151


211

211 FERNANDEZ ARMAN Nizza 1928 - 2005

Deux tetes - (1999) bronzo, es. p.a. 4/4, cm. 49x53x31. Firma nella composizione: Arman. Timbro della fonderia Bocquel. Autentica dell’autore su fotografia con il numero Os2302-0280-4. € 30.000-35.000

152

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


211 bis AUGUSTO MURER Falcade 1922 - Padova 1985

Il gelataio bronzo, cm. 22,5x18x15 Firmato in basso a sinistra: A. Murer € 2.000-2.500

211 bis

212 AUGUSTO PEREZ Messina 1929 - Napoli 2001

Meridiana bronzo, es. 2/3, cm. 55x40x30. Al retro firma: Perez. € 8.000-10.000

212

27-28 OTTOBRE 2010

153


213 FERNANDO BOTERO Medellin 1932

Donna che dorme bronzo, es. 1/6, cm. 53x24x20. Firma nella composizione: Botero. Autentica dell’autore su fotografia. ₏ 120.000-160.000


27-28 OTTOBRE 2010

155


214 SANDRO CHIA Firenze 1949

Servitore I - (2002) bronzo, es. 3/4 con numerazione araba, cm. 162x45x50. Firma nella composizione: Chia. Autentica dell’autore su fotografia. ₏ 40.000-60.000


215 ENZO CUCCHI Morro d’Alba 1950

Vista colonna I - (1987) olio su tela e oggetto, cm. 330x600. Autentica dell’autore su fotografia in data Roma 2008. € 180.000-250.000

158

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


27-28 OTTOBRE 2010

159


216

216 MARIO SCHIFANO Homs 1934 - Roma 1998

Senza titolo - 1980 smalto su carta intelata, cm. 130x150. Firma a destra: Schifano. Autentica su fotografia della Fondazione Mario Schifano in data 12 Luglio con il n. 80/151. € 28.000-35.000

160

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


217

217 JACQUES VILLEGLE’ Quimper 1926

Quai de Grenelle - 1992 decollage applicato su tela, cm. 116x81. Al retro firma, titolo e data: Villeglè / Quai de Grenelle / Juin 1992. Autentica dell’autore su fotografia in data 30 aprile 2009. € 20.000-24.000

27-28 OTTOBRE 2010

161


219 218

218

219

FERNANDEZ ARMAN

FERNANDEZ ARMAN

Nizza 1928 - 2005

Nizza 1928 - 2005

Senza titolo - 2003 inclusione di cellulari tagliata in resina poliestere, es. 82/100 con numerazione araba, cm. 48,8x33,8x4. Firma nella composizione: Arman. Autentica dell’Archivio Arman su fotografia con il numero Hs0301-0918-11.

Senza titolo - 2004 bronzo, es. 46/50 con numerazione araba, cm. 80x36x23. Opera archiviata a cura della Galleria Dante Vecchiato con il numero Hs2106-0753-46.

€ 4.000-6.000

€ 5.000-7.000

220 RABARAMA Roma 1969

Ambiguo - (2002) bronzo dipinto, es. 8/8, cm. 35x44x35. Firma nella composizione: RABARAMA. Autentica dell’Archivio delle opere di Rabarama su fotografia con il numero Os0604-0564-8. € 4.000-6.000

220

162

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


221

221 FERNANDEZ ARMAN Nizza 1928 - 2005

Senza titolo - (2003) bronzo (base per tavolo), es. III/X, cm. 50x134x94. Firma nella composizione: Arman. Autentica dell’autore su fotografia. Opera archiviata presso l’Archivio delle opere di Arman con il numero Hs 0104-1054-18. € 15.000-20.000

27-28 OTTOBRE 2010

163


222 SANDRO CHIA Firenze 1949

Servitore II - (2002) scultura in bronzo, es. 3/4 con numerazione araba, cm. 158x45x50. Firma nella composizione: Chia. Autentica dell’autore su fotografia. ₏ 40.000-60.000


223 ENZO CUCCHI Morro d’Alba 1950

Senza titolo - 1986 olio su tela e elementi in ferro, pannello di sinistra cm. 409x88x17, pannello di destra 310x86. Al retro data e firma: 1986 / Enzo Cucchi. Autentica dell’autore su fotografia in data 2007. (segni di restauro) Provenienza Lawrence Olivier Gallery; Anwerpen, Valn Laer Gallery. € 140.000-160.000


224 GIACOMO MANZU’ Bergamo 1908 - Roma 1991

Cardinale con cartella - 2002 bronzo, es. 3/9, cm. h. 60. Timbro con la firma al retro: MANZU’/post mortem. Autentica di Inge Manzù su fotografia. € 30.000-40.000


225

226

225

226

GIULIANO VANGI

FABIO AGUZZI

TOM SEGHI

Barberino di Mugello 1931

Milano 1953

Chicago 1942

Senza titolo tecnica mista su carta intelata, cm. 48,5x48,5. Firma in basso a destra: Vangi.

Oggetto, alluminio - 1993 olio su tela, cm. 95x75. Al retro titolo e firma: Oggetto, allumino/Fabio Aguzzi. Autentica dell’autore su fotografia.

Tre pere rosse - 1999 olio su tela, cm. 76x102. Al retro firma e data: T. Seghi 99.

€ 2.000-2.500

€ 1.500-2.000

227

170

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

227

€ 4.000-5.000


228

229

230

228

229

DANIEL SPOERRI

ACHILLE PACE

Galati 1930

Termoli 1923

Senza titolo - (2005) metallo e tecnica mista su cartoncino, cm. 24x20. Firma in basso a destra: Daniel Spoerri.

Quadrato rosso - (1989) pigmento a filo su tela, cm. 100x80. Al retro firma e data: Achille Pace / “Quadrato rosso”. Autentica dell’autore su fotografia. (lievi cadute di colore agli angoli)

€ 3.500-4.500

€ 8.000-10.000

230 MARIO SCHIFANO Homs 1934 - Roma 1998

Senza titolo - (prima metà anni ‘80) acrilico su gelatina su fotocopia, cm. 20,8x29,8. Autentica della Fondazione M.S. Multistudio su fotografia con il numero PM80/218 in data 22 dicembre 2009. € 2.500-3.000

27-28 OTTOBRE 2010

171


ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

SECONDA SESSIONE giovedì 28 ottobre 2010 ore 16.00 Lotti 231 - 421


MOBILI, OGGETTI E TAPPETI Lotti 231-371


231 COPPIA DI FIGURE PORTACERO in legno dorato e policromo con alcuni particolari in rosso rubino a guisa di angeli portacandela. Sono raffigurati stanti con corpo dalla linea flessuosa, con un arto superiore reggente cornucopia tortile, mentre l’altro è lievemente avanzato. Le gambe, dai calzari aurei, si piegano e appoggiano sopra base a massi rocciosi con amorini alati. Indossano una tunica aperta davanti e panneggiata dietro. Italia centrale, XVI secolo, h. cm. 36 € 3.000-4.000

231

232 COPPIA DI CANDELABRI in bronzo dorato, base a piattello circolare, fusto a balaustro con anelle e nodi. Toscana, seconda metà del XVI secolo, h. cm. 33 € 3.500-5.000

232

176

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


233

233

234

ALZATA

CAPODOPERA

in marmo “lumachella” a fondo marrone con inclusioni fossili e frammenti in giallo e verde. Corpo circolare centrato da umbone in rilievo, anse a guisa di serpenti. Roma, prima metà del XIX secolo secolo, cm. 13x47x38

raffigurante una scatola scolpita a forma di zucca, adagiata su un letto di foglie e avvolta da rami su cui poggiano un passero e uno scarabeo. Nella parte inferiore etichetta con numero d’inventario. Fine del XVIII secolo, cm. 18x34x19

€ 6.000-8.000

€ 3.500-4.000

234

27-28 OTTOBRE 2010

177


235 CROCEFISSO in legno di noce e avorio, con inserti in legno ebanizzato e metallo dorato. Decorato da un minuzioso lavoro di fine intarsio con legni di diverse essenze combinati a creare sequenze geometriche. La figura scultorea del Cristo è rappresentata secondo i canoni classici dell’iconografia e sottende un alto basamento a struttura architettonica. Lombardia, XVIII secolo, cm. 141x44x26 € 9.000-10.000

235

236 PIANO IN SCAGLIOLA decorato con scena di caccia del cinghiale montato su un panchetto antico, in legno ebanizzato con montanti a lira uniti da traversa in ferro battuto. Carpi, fine del XVII secolo, cm. 56x80x70 € 6.000-8.000

236

178

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


237

238

237

238

SCULTURA

TRITTICO

in avorio raffigurante Prelato. Base in legno intagliata ed ebanizzata. Francia, XIX secolo, h. cm. 32

in avorio intagliato a bassorilievo raffigurante scene storiche Francia, XIX secolo, h. cm. 38

â‚Ź 4.000-5.000

â‚Ź 2.500-3.000

27-28 OTTOBRE 2010

179


239

180

239

241

CASSETTONE

TAVOLINO DA CENTRO

lastronato in noce di linea leggermente bombata. Piano in marmo di Carrara. Fronte a quattro cassetti intarsiati con decori di girali vegetali. Lesene e piedi intagliati da ornati di serti vitigni con foglie e grappoli d’uva. Sicilia, prima metà del XIX secolo, cm. 94,5x133x59

in noce, piano circolare lastronato in varie essenze di marmo da comporre una scacchiera, montante centrale bacellato e scanalato, pedana a tripode, piede a cipolla. Seconda metà del XIX secolo, cm. 77x60

€ 8.000-10.000

€ 3.000-4.000

240

242

TAVOLO DA LAVORO

TAVOLO DA CENTRO

lastronato in palissandro con piano apribile celante serie di vani e tiretti, intarsiato in legni chiari e tinti con ornati a motivi di girali vegetali. Montanti a volute, cassetto portalana inferiore, sostegno globulare baccellato, tre piedi arcuati. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 75x54x40

lastronato in divese essenze, noce, radica, mogano, acero, disposte a formare un elegante gioco di sfumature ed arricchito da intarsi raffiguranti motivi floreali , vegetali e geometrici. Il piano di linea sagomato è racchiuso da una tesa in bronzo dorato, fascia con cassetto gambe coniche unite da traversa. Francia, fine del XIX secolo, cm. 72x133x80

€ 2.000-2.500

€ 6.000-8.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


240

241

242

27-28 OTTOBRE 2010

181


243

245

243 COPPIA DI PARASCINTILLE in mogano con montante ad asta sali-scende e pannelli polilobati ricamati a piccolo punto raffiguranti Scene bibliche entro cornice intagliata a motivi di volute fogliate. Base circolare a cupoletta, piede a ricciolo. Inghilterra, metà del XIX secolo, h. cm. 132 € 1.600-2.400

244 SEDIA da musica girevole in palissandro caratterizzata da uno schienale a cartella avvolgente di forma semicircolare intarsiato con ricchi ornati di girali vegetali. Bordura frastagliata, seduta tonda, sostegno a colonna scantonata, piedi arcuati. Francia, prima metà del XIX secolo, cm. 86,5x40 244

182

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 1.800-2.200


246

245

246

247

PORTABUSTO

CASSETTONE

CASSETTONE

lastronato in mogano e piuma di mogano formato da un fusto a colonna tonda e un basamento quadrato ornato da specchiature. Napoli, XIX secolo, h. cm. 150

lastronato in noce e intarsiato sul fronte in amaranto a motivi di girali vegetali. Piano in marmo bianco, sottostante quattro cassetti di cui il superiore di dimensioni ridotte. La cornice inferiore è finemente intagliata con ornati a baccelli susseguenti, montanti scolpiti. Sicilia, metà del XIX secolo, cm. 94x135x59

lastronato in mogano e decorato da intarsi a motivi vegetali e geometrici in peltro. Piano in marmo bianco. Fronte dritto a quattro cassetti. Piede a mensola sagomata. Spagna, prima metà del XIX secolo, cm. 98x134,5x57,5

€ 2.000-3.000

€ 4.000-5.000

€ 8.000-10.000

247

27-28 OTTOBRE 2010

183


248 TAVOLINO DA GIOCO lastronato in palissandro ed intarsiato in acero, decorato con motivi vegetali stilizzati. Piano rettangolare apribile a libro celante panno. Gambe tornite percorse da filetti verticali susseguenti. Francia, metà del XIX secolo, cm. 75x86x42 € 2.500-3.500

248

249 COPPIA DI POLTRONE in mogano con schienale ovale, braccioli arcuati, gambe sfuggenti. Francia, metà del XIX secolo, cm. 110x64 € 2.000-3.000

249

184

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


250 COPPIA DI POLTRONE a pozzetto in mogano, caratterizzate da uno schienale avvolgente di linea sagomata, gambe coniche affusolate, seduta imbottita. Secondo quarto del XIX secolo, cm. 79x63x53 â‚Ź 2.000-2.500

250

251 TAVOLO tondo in palissandro con piano in marmo bianco, fascia sottostante decorata con intarsi in acero a motivi vegetali, montanti a volute su base tripode. Napoli, secondo quarto del XIX secolo, cm. 73x98 â‚Ź 5.000-7.000

251

27-28 OTTOBRE 2010

185


252 PIATTO in porcellana bianca e blu finemente decorato Cina, inizio del XIX secolo, d. cm. 44 € 900-1.000

253 PIATTO in porcellana dipinta in policromia con lumeggiature in oro a riserve raffiguranti ventagli stilizzati e geishe entro giardini fioriti. Giappone, Imari fine del XIX secolo, d. cm. 37 € 800-1.000

254 PIATTO

252

in porcellana policroma decorato con motivi della tradizione orientale. Giappone, Imari, XIX secolo d. cm. 47 € 800-1.000

255 PIATTO ovale in porcellana bianca e blu con decori tipici della tradizione orientale Cina, inizio del XX secolo, d. cm. 56 € 1.000-1.200

256 PIATTO in porcellana dipinta policroma decorato con ornati stilizzati. Giappone, Imari, fine del XIX secolo, d. cm. 44 € 800-1.000

257 GRANDE PIATTO da parata in porcellana dipinta policroma ornato da scene di vita orientale e motivi stilizzati. Giappone, Imari, XIX secolo d. cm. 56 € 1.800-2.400 253

186

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


254

256

255

257

27-28 OTTOBRE 2010

187


258 OKIMONO in avorio, raffigurante uno scimpanzè con una scimmietta sulle spalle. Giappone, seconda metà del XIX secolo, cm. 7,5 € 500-600

259 COPPIA DI COLONNE con basi e piede squadrato in alabastro. Il fusto tondo in porcellana dipinta policroma su fondo verde raffigurante l’effige di Napoleone e Giuseppina. Francia, Sevres, XIX secolo, h. cm. 80 € 3.000-4.000

260 PLACCA ovale in porcellana dipinta policroma raffigurante Sant’Antonio con Gesù Bambino. Cornice in legno dorato ed intagliato. Seconda metà del XIX secolo, cm. 27x22 Marchiato : KPM Berlino 258

259

188

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 3.000-4.000

260


261 MICROMOSAICO raffigurante Piazza San Pietro montato su piano in lavagna, entro cornice ebanizata. Roma, fine del XIX secolo cm. 17x20 € 1.500-2.000

261

262 SCATOLA in porcellana dipinta policroma con coperchio bombato decorato da una scena galante, firmata, entro volute dorate fogliate. La fascia polilobata su fondo blu lapislazzulo è abbellita dai medesimi decori naturalistici. Chiusura a guisa di mascherone. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 13x33x20 Firmata: A. Vegien € 2.500-3.500

262

27-28 OTTOBRE 2010

189


263 264

263

264

SECRETAIRE

CONSOLE CON SPECCHIERA

lastronato in noce e radica di noce decorato da un fronte intarsiato a motivi vegetali e animali fantastici. Calatoia celante scarabattolo con vano e tiretti, sottostante tre cassetti. Piede tornito. Metà del XIX secolo, cm. 156x90x50

lastronata in mogano. La console è caratterizzata da un piano aggettante percorso da una filettatura, un cassetto concavo sulla fascia intarsiato da girali fitomorfi, pannello parietale decorato da medesimi motivi fogliati. Montanti laterali arcuati con terminali a zampa di leone. La specchiera con cornice rettangolare è evidenziata da una teoria di foglioline. Nord Europa, metà del XIX secolo, cm. 225x70x38

€ 3.500-4.500

€ 2.000-2.500

190

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


265

265

266

CASSETTONE

CREDENZA

lastronato in mogano, piano in marmo bianco. Fianchi e fronte dritto con tre cassetti decorati con filettature e profili in ottone. Piede a trottola. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 88x126x57

in ebano con inserti in porcellana dipinta policroma. La parte frontale è scandita da un’anta decorata da una placca ovale raffigurante una scena galante, bordata da foglie d’acanto e coronata da un nastro ritorto, due ante a vetri laterali di linea bombata, montanti a colonna scanalata. Profili e placche in bronzo dorato. Francia, fine del XIX secolo, cm. 116x170x53

€ 6.000-8.000

€ 8.000-12.000

266

27-28 OTTOBRE 2010

191


267

267 MONETIERE in palissandro con profili e cornici in legno ebanizzato ,abbellito da specchiature in tartaruga e finiture in bronzo dorato. Sulla sommità del corpo superiore è collocata una balconata traforata rifinita da pinnacoli a guisa di aquile, sottostante fronte suddiviso da una serie di tiretti con bocchette in bronzo dorato e un’anta pannellata da fregio. Il mobile d’appoggio è retto da montanti tortili uniti da traversa. Sicilia, XVIII secolo, cm. 188x134x46 € 18.000-24.000

267 (aperto)

192

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


268

268 MONETIERE in legno ebanizzato e intarsiato in avorio. Il corpo inferiore presenta un cassetto sottofascia e gambe troncopiramidali raccordate da traversa. La parte superiore, similmente decorata reca due ante, dove all’interno celano otto tiretti. Cimasa aggettante, dentellata e sormontata da coronamento tripartito. Lombardia, seconda metà del XIX secolo, cm. 192x82x47. Marchio a secco dell’ebanista stampigliato sul bordo del cassetto sottofascia (vedi foto a lato).

268 (stampigliatura)

Nel contesto stilistico del revival storico, dominante nella seconda metà dell’Ottocento, favorito dalle Grandi Esposizioni Internazionali e sfociato nel neogotico, nel neorinascimento e nel neobarocco, si inserisce l’opera dell’ebanista Ferdinando Pogliani, figura esemplare del periodo umbertino per l’alto livello di perfezione raggiunta nella tecnica dell’intarsio, già vanto degli artisti milanesi ai tempi di Giuseppe Maggiolini. La sua opera è accostabile a quelle di Carlo e Giovanni Andreoni e Daniele Lovati, che a lui contesero l’eccellenza nella produzione milanese. Bibliografia di riferimento: E. Colle, Il mobile dell’Ottocento in Italia, Milano, 2007 € 20.000-25.000 27-28 OTTOBRE 2010

193


269

269 COPPIA DI SCULTURE in tiglio finemente intagliato a raffigurare un satiro e una satiressa, stanti su alte basi ottagonali ornate da motivi stilizzati. Francia, seconda metà del XIX secolo, h. cm.164 € 8.000-10.000

194

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


270

270 COPPIA DI CONSOLES con alzata in noce, palissandro, bosso e altre essenze di legni pregiati. Tre gambe sagomate a voluta e scolpite sorreggono il piano a mezza-luna delimitato da una fascia intagliata, il sopralzo ornato da animali fantastici ed elementi decorativi, presenta al centro un ripiano e sul cappello un vaso modellato. Piemonte, secondo quarto del XIX secolo, cm. 203x82x48 â‚Ź 20.000-30.000

27-28 OTTOBRE 2010

195


271

272

196

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


273

271

273

COPPIA DI PORTABUSTI

CASSETTONE

lastronati in palissandro a formare cartelle e bordure spinate. Fronte con sportello arricchito da applicazioni in bronzo dorato fuso e cesellato raffiguranti allegorie. Francia, secondo quarto del XIX secolo, cm. 135x65x37,5

lastronato in palissandro e decorato da applicazioni in bronzo dorato. Piano modanato in breccia di Aleppo. Fronte mosso a tre cassetti separati da traverse e ornati da specchiature a spina di pesce entro filettature. Piedi estroflessi. Francia, XVIII secolo, cm. 84x128x58

€ 14.000-20.000

€ 8.000-10.000

272

274

DORMEUSE

PANCHETTO

in mogano con schienale leggermente avvolgente,braccioli arcuati, applicazioni in bronzo dorato sul grembiale. Piede a cipolla. Francia, metà del XIX secolo, cm. 78x180x68

in mogano con braccioli arcuati e intagliati a motivi di cigno. Piede ferino. Inizio del XX secolo, cm. 72x107x33

€ 4.000-5.000

€ 600-800

27-28 OTTOBRE 2010

197


275

275

277

279

CULLA

TAVOLINO

TAVOLINO DA CENTRO

in noce intagliato, a forma di barca con due montanti sagomati, uno a colonna scanalata con terminale a quattro volute arrcciate, l’altro presenta una testa di putto. Piedi a cipolla raccordati da una traversa. Toscana, seconda metà del XIX secolo

in mogano composto da due ripiani a vela; quello superiore è di forma circolare ornato da un’incisione raffigurante Diana con le ancelle, quello inferiore di forma quadrata raffigurante Scena galante. Montanti laterali a colonna scanalata, piede arcuato. Inghilterra, fine del XIX secolo, cm. 83x49

in mogano, piano ovale in marmo grigio. Montante a colonna scanalata, piede arcuato. Inghilterra, fine del XIX secolo, cm. 75x55x46

€ 10.000-13.000

€ 1.500-2.000

276

278

280

DAVENPORT

FIORIERA

TABLE D’APPUIS

in mogano con piano reclinabile parzialmente pannellato in cuoio celante serie di tiretti. Montanti intagliati a volute contrapposte, piedi arcuati e fogliati calzati da rotelle. Piano superiore bordato da ringhierina. Inghilterra, fine del XIX secolo, cm. 84x62x57

lastronata in bois de rose con vano porta fiori di forma ovale bordato da ringhierina in metallo dorato e traforato. La fascia concava è decorata da applicazioni floreali e di putti. Grembiale frastagliato, piano inferiore arricchito da una placca in porcellana dipinta policroma floreale. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 84x56x45

in legno ebanizzato caratterizzato da un piano a vela di linea sagomata ornato da due tondi dipinti a motivi vegetali. Sostegno tornito su cui s’innestano tre piedi arcuati uniti da catenelle. Napoli, seconda metà del XIX secolo, cm. 86x56x37

€ 2.000-3.000

198

€ 1.500-2.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 1.500-2.000

€ 1.000-1.400


276

277

278

279

27-28 OTTOBRE 2010

199


281

282

200

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


283

281

282

283

TAVOLO DA GIOCO

LOTTO DI OTTO SEDIE

CREDENZA

in mogano piano ad apertura a libro celante panno verde. Gambe ad obelisco rovescio calzate da puntali in metallo dorato. Bordure scanalate dorate. Nord Europa, metà del XIX secolo, cm. 75x96x46,5

in legno laccato avorio con profili dorati. Schienale a giorno con cartella scandita da una lira intagliata, seduta imbottita, gambe coniche scanalate con attacchi vegetali. Toscana, XIX secolo, cm. 95x45

lastronata in radica di tuia, piano in marmo color verde Alpi. Sul fronte due ante decorate con profili e rosoni in bronzo dorato di gusto classico. Piede a mensola. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 141x181x57

€ 2.000-2.500

€ 3.000-4.000

€ 10.000-14.000

27-28 OTTOBRE 2010

201


284 COPPIA DI CANDELABRI in bronzo dorato e marmo. Da una base trilobata adorna di rosoni, fregi con maschere stilizzate e cornice si alza il piedistallo a cono con forti scanalature, anch’esso da una corona di perle con tre mensole su cui appoggia lo stelo a forma treppiedi con zoccoli caprini che raggiungono tre teste di caprone unite da ghirlande. All’interno la coppa di marmo. Sette bracci arcuati e fogliati. Seconda metà del XIX secolo, h. cm. 61,5 € 5.000-6.000

284

285 SCATOLA PORTAGIOIE in legno con applicazioni in metallo acciaiato e profili in avorio. Berlino o Tula (Russia), primo quarto del XIX secolo, cm. 10x16x12,5 € 1.400-1.600

285

202

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


286

286 COPPIA DI SCULTURE in bronzo dorato e brunito con alto basamento a plinto in malachite, raffigurante una Chiromante e un Mercante d’oro colto in atto di pesare lingotti e monete. Russia, XIX secolo ₏ 15.000-20.000

286 (part.)

27-28 OTTOBRE 2010

203


287 COPPIA DI CANDELABRI a quattro luci, a doppio uso, in bronzo dorato. Di bella fattura sono impreziositi da una trama ornamentale finemente incisa e resa a sbalzo. Fusto a guisa di colonna scanalata con estremità rifinite da cespi fogliacei. Piede circolare arricchito da palmette, braccetti sagomati a girali fogliati con bobeches a campana rovescia. Francia, primo quarto del XIX secolo, h. cm. 50 € 4.000-5.000

288 SCULTURA in avorio raffigurante Vescovo con incastonate da pietre semipreziose. Germania, XIX secolo, h. cm. 34 € 6.000-8.000 287

288

204

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

289


290 PENDOLA DA TAVOLO in marmo e bronzo dorato, la cassa è decorata da sculture a tutto tondo raffiguranti Venere e Cupido tra tralci di fiori e foglie, che affiancano il quadrante circolare in smalto bianco a due fori di carica e fascia oraria a cifre arabe. Base sagomata ornata da fregi. Piede a trottola. Francia, fine del XVIII secolo, h. cm. 35 € 4.000-5.000

291 PENDOLA DA TAVOLO in bronzo dorato incisa con cassa squadrata ornata da placche in smalto dipinto in policromia. Sul fronte, decorato da una scena di genere, è inserito in quadrante con numeri romani sulla fascia oraria. Francia, Sevres, seconda metà del XIX secolo, h. cm. 12 € 4.000-5.000 290

289 VASO SATZUMA in porcellana, corpo bombato con collo lungo. Il decoro è affidato a miniature raffiguranti scene di vita orientale e festoni a rilievo. Le miniature sono eseguite a rilievo. Giappone, seconda metà del XIX secolo, h. cm. 47 € 1.000-1.400

291

27-28 OTTOBRE 2010

205


292

292

293

CONSOLE

TAVOLO DA CENTRO

lastronata in palissandro ed intarsiata in acero con motivi di figure mitologiche. Piano in marmo bianco sottende i due sostegni a colonna scantonata identificate da filettature che disegnano archi a sesto acuto. La struttura inferiore è caratterizzata da ante a vetro sottese da listelli a foggia di volte ogivali ebanizzate. Sicilia, prima metà del XIX secolo, cm. 104x153x62

interamente intarsiato in legni di diverse essenze e madreperla, impreziosito da una fitta trama decorativa sul piano scantonato raffigurante una scena di genere contornato da intrecci di rami in cui si inseriscono nidi con volatili. La fascia è percorsa da specchiature decorative, sostegno scandito da due colonne scantonate unite da traversa ed abbellite da pinnacoli. Piede a boccia schiacciata. Sorrento, metà del XIX secolo, cm. 87x157x102

€ 8.000-12.000

206

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 20.000-25.000


293

293 (part.)

27-28 OTTOBRE 2010

207


294 (part. aperto)

294 CASSETTONE A RIBALTA CON ALZATA interamente lastronato in radica di noce con fitta decorazione floreale eseguita ad intarsio in legni di frutto. Fronte bombato a quattro cassetti. Calatoia celante otto tiretti con sportello centrale e piano scorrevole. Corpo superiore a due ante con vetro. Piede a sfera e artiglio. Olanda, seconda metà del XVIII secolo, cm. 254x114x68 € 30.000-40.000

208

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


295

295 COPPIA DI IMPORTANTI CONSOLES d’applique in legno intagliato e dorato con piano in marmo grigio sotteso da cornice baccellata e modanata. Impianto sagomato ad andamento trapezoidale. Gambe incurvate desinenti con elementi a ricciolo, segnate da rilievi forti e motivo traforato a rocaille. Lombardia, metà del XVIII secolo, cm. 94x148x73 € 30.000-40.000

210

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


295

295 (part.)

27-28 OTTOBRE 2010

211


296

212

296

297

TAVOLO DA CENTRO

TAVOLO DA CENTRO

con piano di forma polilobata in legno di noce, profilato in bronzo dorato con decori di foglie d’acanto susseguenti. La fascia è elegantemente intarsiata con motivi di girali vegetali ed accoglie un cassetto. Gambe ad obelisco unite da traversa mossa. Francia, fine del XIX secolo, cm. 77x134x80

lastronato ed intarsiato in legni vari e tinti, tra cui spiccano il bois de rose, radica di noce, palissandro, con applicazioni in bronzo dorato. Ricca decorazione a bouquets floreali entro filettature di girali vegetali. Bordura in bronzo dorato ad ovuli raccordati, cassetto sulla fascia, gambe ornate da espagnolettes. Francia, seconda metà del XIX, cm. 77x146x96

€ 6.000-8.000

€ 6.000-8.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


297

297 (part.)

27-28 OTTOBRE 2010

213


298 TAVOLO impiallacciato in noce. Piano circolare intarsiato con essenze varie, al centro un medaglione raffigurante l’Allegoria dell’unificazione d’Italia, con le figura dell’Italia turrita che spezza le catene e il re Vittorio Emanuele II con a fianco l’imperatore Caio Giulio Cesare. Cintura mossa ed intarsiata. Montante centrale a balaustro, piedi arcuati. Liguria, seconda metà del XIX secolo, cm. 73x111 € 6.000-8.000

299 DIVANO lastronato in mogano e piuma di mogano. Seduta e schienale imbottiti. Montanti torniti. Francia, metà del XIX secolo, cm. 96x175x70

298

€ 2.500-3.000

299

214

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


300 SCRITTOIO CON ALZATA in legno ebanizzato decorato alla maniera di Boulle, con inserti in ottone dorato, madreperla e avorio. La parte superiore è coronata da un fregio in bronzo dorato a tutto tondo raffigurante due putti trattenenti un medaglione. Due ante frontali ornate da amorini e girali, calatoia a rullo celante cinque tiretti. Montanti scanalati e piedi torniti uniti da crocera. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 200x89x55 € 8.000-10.000

300

27-28 OTTOBRE 2010

215


301 COPPIA DI CANDELABRI in bronzo dorato a tre luci. Lungo lo stelo a balaustro si sviluppano vigorose volute ascensionali fiammate e fogliate culminanti nella sommità a “bocciolo”, qui le volute si trasformano nei tre braccetti portacandela ospitanti foglie lanceolate e mazzetti di fiori. Una ghirlanda di foglie accartocciate costituisce gli sgocciolatoi dal centro dei quali si erge la bobeche. Base a rocailles. Francia, XVIII/XIX secolo secolo, h. cm. 47 € 10.000-12.000

301

302

302 PIATTO in porcellana dipinta in policromia con lumeggiature in oro a riserve raffiguranti decori stilizzati e fiori. Giappone, Imari, fine del XIX secolo, d. cm. 46 € 800-1.000

216

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


303 COPPIA DI PIATTI in porcellana policroma su fondo bianco, decorati a motivi vegetali Cina, Famiglia Rosa, XVIII secolo, d. cm. 38,5 â‚Ź 4.000-6.000

303

304

303

304 PIATTO in porcellana dipinta policroma con ornati di ricchi racemi floreali. Compagnia delle Indie, XVIII secolo, d. cm. 38 â‚Ź 1.000-1.500

27-28 OTTOBRE 2010

217


305

305 (part.)

305 COPPIA DI VASI con corpo globulare a collo lungo in porcellana dipinta policroma su fondo turchese con coperchio a cupoletta. Il fronte è caratterizzato da decori arabesque e da una fascia abbellita da vedute e scene di ballo. Piede circolare e base quadrangolare in bronzo dorato. Francia, Sevres, seconda metà del XIX secolo, h. cm. 63 € 10.000-12.000

218

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


306

306 (part.)

306 COPPIA DI VASI con corpo piriforme in porcellana dipinta policroma su fondo blu lapislazzuli con coperchio a cupoletta. La superficie è caratterizzata da scene galanti e riserve floreali racchiuse da motivi vegetali. Anse geometriche con attacchi a guisa di mascheroni. Piede circolare base quadrangolare. Francia, Sevres, seconda metà del XIX secolo, h. cm. 67 € 12.000-15.000

27-28 OTTOBRE 2010

219


307

307 GRANDE TAVOLO DA BIBLIOTECA noce con piano rettagonlare e tre cassetti sulla fascia. Gambe a troncopiramidali scanalate con attacchi di fogliami. Venezia, fine del XVIII secolo, cm. 89x214x124 Il mobile è stampigliato sul lato: Z.L.P. € 10.000-14.000 307 (part.)

220

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


308

308 CASSETTONE in noce. Fianchi e fronte mossi, lesene fortemente arrotondate, due cassetti allineati superiori, che sottendono altri due. Piedi arcuati. Venezia, metĂ del XVIII secolo, cm. 91x143x66 â‚Ź 18.000-24.000

27-28 OTTOBRE 2010

221


309

309

310

CONSOLE

CASSETTONE A RIBALTA CON ALZATA

impiallacciata in noce e filettato in bois de rose. Piano sagomato e cassetto sottostante. Gambe arcuate. Roma, fine del XVIII secolo, cm. 83x93x53

lastronato in carrubo e radica di olivo. Il corpo inferiore presenta uno sportello centrale rientrante affiancato da due serie di cassetti a punta di diamante e sormontato da una calatoia, che si apre su uno scarabattolo con vani e tiretti mistilinei. Il corpo superiore, a due ante a specchio, è decorato da intarsi a filettature geometriche e coronato da cimasa a rocailles dorate e traforate. Prima metà del XVIII secolo, cm. 288x160x56

€ 8.000-10.000

€ 110.000-120.000

222

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


310


311 TAVOLO a scrittoio lastronato in palissandro. Piano rettangolare con apertura a bandelle intarsiato in acero con decori angolari a motivi vegetali. La fascia accoglie due cassetti, gambe coniche calzate da rotelle. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 74x130x59 € 2.000-3.000

312 TAVOLINO DA GIOCO in ebano brasiliano, piano a libro celante pannoverde, ciglio con decori perlinati, sostegni arcuati con base tripode, piede sagomati con sabot in bronzo dorato a zampa leonina calzati da rotelle. Inghilterra, seconda metà del XIX secolo, cm. 77x92,5x46 € 4.000-5.000

313 TAVOLINO DA LAVORO

311

lastronato ed intarsiato in palissandro e acero con ricchi decori di girali vegetali. Piano rettangolare apribile celante vano, cassetto inferiore e tiretto portalana. Gambe tornite. Francia, metà del XIX secolo, cm. 71x55x42 € 2.000-3.000

314 PICCOLO MODELLO DI CASSETTONE in mogano. Piano in marmo bianco, fronte dritto a tre cassetti, montanti laterali a lesena scanalata. Piede a trottola. Francia, XIX secolo, cm. 36x44x23,5 € 1.500-2.000

315 POLTRONA in legno dipinto e dorato a simulare un’intarsio alla maniera di Boulle “en contre partie”. Schienale avvolgente e seduta rivestiti in tessuto, piedi arcuati a ricciolo con terminali a rotelle. Francia, seconda metà del XIX secolo, cm. 80x62x60 € 1.800-2.400

316 TAVOLO 312

a vela con piano circolare lastronato in piuma di mogano. Sostegno a colonna tonda e scanalata, base polilobata. Austria, prima metà del XIX secolo, cm. 79x110 € 2.500-3.000

224

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


313

315

314

316

27-28 OTTOBRE 2010

225


317

317

318

LOTTO DI SEI SEDIE

DIVANO

a gondola in ciliegio. Schienale avvolgente con cartella verticale a lira, seduta rivestita con tessuto bianco, gambe a sciabola. Francia, metà del XIX secolo, cm. 80x49x38

in mogano, schienale a cartella intarsiata e decorata da festoni in ottone dorato e madreperla, seduta imbottita. Montante a cono rovesciato calzante di rotelline. Inghilterra, fine del XIX secolo, cm. 85x134x61

€ 2.500-3.500

€ 2.500-3.500

318

226

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


319 MOBILE A TOILETTE in radica di betulla, colonne con specchio centrale, base con marmo grigio e sottostanti due cassetti, gambe a colonna con bronzi applicati. Germania, XIX secolo â‚Ź 4.000-6.000

319

320 CREDENZA lastronata in palissandro con piano in breccia leggermente sporgente. Fronte mosso accoglie un cassetto sulla fascia e uno sportello inferiore riccamente intarsiati in essenze pregiate a guisa di cestino di fiori, ornati di racemi vegetali e profili in ottone. Grembiale sagomato. Piede a mensola. Francia, fine del XIX secolo, cm. 106x85x43 â‚Ź 3.500-4.500

320

27-28 OTTOBRE 2010

227


321

321

322

DIVANO

CASSETTONE

in piuma di mogano con schienale e seduta rivestiti ed imbottiti di tessuto bianco, fascia superiore lineare, braccioli eversi intagliati ad elementi baccellati susseguenti desinenti in attacchi leonini. Piede a trottola. Metà del XIX secolo, cm. 87x192x53

lastronato in mogano e piuma di mogano arricchito da intarsi in acero disposti a formare un elegante gioco di girali fitomorfi con volatili trattenenti festoni. I tre cassetti principali sono decorati con archi ogivali e colonne scanalate. Piede a disco. Spagna, seconda metà del XIX secolo, cm. 105,5x119x56

€ 2.500-3.000

€ 4.000-5.000

322

228

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


323

323

324

TAVOLO DA CENTRO

LOTTO

in legno ebanizzato, e intarsiato in ottone dorato. Piano di linea sagomata centrato da intarsio a raffigurare Il ratto delle Sibille. Ciglio in bronzo dorato a motivi di ovuli, cassetto sulla fascia, gambe tornite unite da una traversa centrata da un vaso a tutto tondo. Francia, fine del XIX secolo, cm. 78x149x88

composto da una coppia di poltrone ed un pouf in mogano, seduta e uno schienale imbottiti, braccioli a ricciolo, gambe arcuate. Francia, metà del XIX secolo, cm. 95x85x65 € 3.000-4.000

€ 6.000-7.000

324

27-28 OTTOBRE 2010

229


325

325 CASSETTONE lastronato in bois de rose, filettato ed intarsiato in palissandro ed arricchito da belle guarnizioni in bronzo dorato, quali sono le bocchette e le scarpette. Il corpo è elegantemente sagomato sia sui fianchi sia sul fronte, ripartito in tre cassetti ed ornati da ramages vegetali e losanghe. Piano in breccia color giallo con ciglio in breccia verde. Roma, seconda metà del XVIII secolo, cm.63x100x137 € 30.000-40.000

230

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


326

326 IGNAZIO REVELLI Vercelli 1756 - 1836

Mobile impiallacciato in palissandro ed intarsiato in essenze diverse. Nella parte frontale uno sportello ornato da un finissimo intarsio raffigurante una veduta architettonica; ai lati due medaglioni ovali pendenti da nastro ritraggono piccoli paesaggi con edifici. Gambe troncopiramidali. Piano in marmo grigio bardiglio. Piemonte, fine del XVIII secolo, cm. 91x119x52 Le tarsie del pannello centrale e dei due medaglioni che l’affiancano, stupendamente intarsiati con vedute prospettiche a motivi architettonici, trovano riscontro nelle opere dell’intarsiatore vercellese, che, coadiuvato in un secondo tempo dal figlio Luigi, si affermò nell’ambiente di corte nella Torino di Vittorio Amedeo III e ottenne nel 1791 il diritto all’insegna con le armi reali. L’opera in catalogo risale probabilmente agli anni 1780/90, datazione che rende improbabile la collaborazione del figlio, nato nel 1776. Un confronto con le opere di Ignazio Revelli, esposte in occasione della Mostra del Barocco Piemontese, tenutasi a Torino nel 1963, mette in evidenza le profonde affinità stilistiche ed esecutive che confermano l’attribuzione. Bibliografia di riferimento: A. Viale, Mostra del Barocco Piemontese, Torino 1963, vol. III, tavv. 217, 218, 219. € 40.000-50.000

27-28 OTTOBRE 2010

231


327

327 ALESSANDRO ALGARDI (atelier) Bologna 1595 - Roma 1654

Il Riposo durante la fuga in Egitto placca ottagonale in bronzo, cm. 31,5x38 Un disegno a penna e inchiostro, conservato nelle Collezioni Reali di Windsor, è considerato il prototipo del rilievo raffigurante “Il riposo durante la fuga in Egitto.” Scrive a questo proposito Jennifer Montagu “Sia nel soggetto che nell’impostazione orizzontale della composizione questa scena è collegabile ad un bassorilievo dell’Algardi, conosciuto attraverso varie repliche . Esse sono in diversi metalli con piccole varianti nel numero e nella posa delle figure e presentano quasi sempre gli angoli tagliati al fine di formare un formato ottagonaleâ€|” ( J. Montagu, Algardi. L’altra faccia del barocco, Roma 1999, n. 73 pag. 250). La cornice paesaggistica, presente nel disegno di Windsor e in numerose varianti, a cui si aggiunge la figura di un angelo protettore sulla sinistra della scena, (si veda ad esempio il rilievo conservato al Fitzwilliam Museum di Cambridge, J. Montagu, Alessandro Algardi, Yale University 1985, pag.307 4. C. 2) è totalmente assente nel nostro esemplare. Il gruppo, staccandosi con forte aggetto dal fondo bulinato, simile a una superficie pietrosa, risulta più isolato nello spazio, raggiungendo però una grande evidenza plastica con un esito qualitativo molto alto. Tale mancanza di sfondo induce a ritenere possibile l’ipotesi che si tratti di una prima versione dell’episodio, completata in un secondo tempo nei rilievi successivi con l’aggiunta del paesaggio e dell’angelo, al fine di legare maggiormente i personaggi alla loro vicenda umana. € 10.000-15.000 232

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


328

328 BASSORILIEVO in terracotta policroma e oro raffigurante Madonna con bambino Firenze, XVI secolo, cm. 48x38 Il professore Giancarlo Gentilini nella sua comunicazione scritta identifica il bassorilievo qui da noi proposto come opera di un collaboratore o seguace di Luca della Robbia, forse Antonio di Cristoforo. Scultore fiorentino, documentato a Ferrara dal 1443 al 1459, è autore certo della figura di Nicolò III nel monumento equestre in suo onore e della terracotta raffigurante la Madonna del Corridoio, ora in cattedrale a Ferrara. Il bel bassorilievo qui a tergo, che ha preso il nome di una tipologia molto diffusa, presenta un fondo blu al cui centro sono le figure della Vergine e del Bambino che abbraccia teneramente tirandole il velo. L’immagine è ravvivata da una policromia ceramica assai complessa: la Madre reca una veste blu, un manto rosso foderato rosso, il Bambino indossa una veste rossa con maglia color beige ornata da fiorellini stilizzati e ha il capo circondato dal nimbo giallo. La tipologia della Madonna Corsini pare fosse legata ai cavalieri dell’Ordine della Croce o del Santo Sepolcro e questo ne potrebbe spiegare infatti esemplari in terracotta invetriata (New York, coll.Straus, Tulsa, Philbrook Art Center), terracotta dipinta, (Berlino, Kaiser Friedrich Museum), stucco, ( Parigi, Musée Jacquemart André), marmo (Ferrara, camposanto della Certosa) e in maiolica policroma (Montelupo fiorentino, Pulica). Come ci riferisce il prof. Gentilini, l’accentuata toscanità della scultura induce a pensare ad un maestro operoso nell’ambito di Luca della Robbia, nello specifico ad Antonio di Cristofo. € 20.000-30.000

27-28 OTTOBRE 2010

233


329

329 CROCEFISSO in bronzo dorato finemente cesellato raffigurante Cristo Crocefisso. La testa è reclinata verso il basso e rivolta a destra, le braccia sone tese per il peso del corpo, il perizoma è particolarmente cesellato con ricco panneggio. Supporto ligneo di epoca posteriore. Venezia, XVI secolo, h. cm. 25 € 4.000-6.000

234

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


330

330 (part.)

330 TANKARD in avorio scolpito a bassorilievo su tutta la superficie con raffigurazioni di putti nell’atto di raccogliere messi e frutti. Ansa a doppia voluta con motivi vegetali terminanti a testa di putto, coperchio gradinato e scolpito con pomolo terminante a sfera. Germania, XVIII/XIX secolo, h. cm. 27 ₏ 10.000-12.000

27-28 OTTOBRE 2010

235


331

331 SCRITTOIO CON ALZATA in legno ebanizzato decorato con placche in smalto policrome dipinte raffiguranti scene mitologiche. La parte superiore è coronata da quattro putti in bronzo dorato centrati da un fregio. Sul fronte due ante pannellate celano sei tiretti ed uno sportello che nasconde a sua volta un piccolo monetiere. La calatoia cela uno scarabattolo formato da quattro tiretti ed un vano centrale. Il mobile è decorato da circa cento placche in smalto policromo. Montanti a colonna tornita. Vienna, seconda metà del XIX secolo, cm. 205x73x108 € 80.000-120.000

236

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

331 (part.)


331 (aperto)


332

332 COPPIA DI ANGOLIERE in noce decorate da una fascia superiore dorata e intagliata a motivo di foglia d’acanto. Anta frontale bombata, piede ferino. Toscana, inizio del XIX secolo, cm. 177x33 € 10.000-12.000

238

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


333 POLTRONA DA SCRIVANIA girevole in noce. Schienale a giorno con cartella sagomata, braccioli mossi desinenti a ricciolo, sedile imbottito con meccanismo girevole ricoperto con cuscino in pelle chiara, grembiule sagomato su gambe mosse terminanti con piedi nervati. Venezia, XVIII secolo, cm. 86x59x49 € 6.000-8.000

334 SCRIVANIA DA CENTRO lastronata in noce, piano rettangolare con profilo intagliato e dorato, sottostante un cassetto, montanti laterali con ordine di due cassetti. Piede ferino. Toscana, prima metà del XIX secolo, cm. 81x121x63,5 333

€ 10.000-12.000

334

27-28 OTTOBRE 2010

239


335

335 SECRETAIRE in piuma di mogano. Il corpo superiore costruito a motivo architettonico ripartito a colonne, con due ante centrali a vetri decorate a bifora celante tiretti. Fascia superiore con pannelli in scagliola policroma decorati da figure classiche, cappello intagliato da foglie d’acanto. Cappette scolpite che sottendono quattro cassetti di cui il primo a calatoia. Montanti laterali a guisa di torcera. Piedi anteriori intagliati e dorati. Toscana, inizi del XIX secolo, cm. 165x101x45 € 25.000-30.000

240

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


336

336 SECRETAIRE in piuma di mogano. Il corpo superiore costruito a motivo architettonico ripartito a colonne, con due ante centrali a vetri decorate a bifora celante tiretti. Fascia superiore con pannelli in scagliola policroma decorati da figure classiche, cappello intagliato da foglie d’acanto. Cappette scolpite che sottendono quattro cassetti di cui il primo a calatoia. Montanti laterali a guisa di torcera. Piedi anteriori intagliati e dorati. Toscana, inizi del XIX secolo, cm. 165x101x45 ₏ 25.000-30.000

27-28 OTTOBRE 2010

241


338

337

337

338

SCULTURA

SCULTURA

in bronzo raffigurante la Maddalena in estasi ritratta seduta, avvolta da un manto fortemente panneggiato. XVII secolo, h. cm. 22

in bronzo raffigurante la Maddalena penitente. Nella figura genuflessa, l’atto di penitenza viene affidato alle braccia aperte in avanti nell’atto di sostenere la croce. Un’intensa carica espressiva viene dall’inclinazione del capo. Base di marmo bianco. Lombardia, XVIII/XIX secolo, h. cm. 13

€ 2.000-2.500

€ 2.000-2.500

339 SCULTURA in bronzo raffigurante Fauno con anfora XVIII/XIX secolo, h. cm. 36 € 2.500-3.000 339

242

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


340 BUSTO raffigurante Giovane con manto, testa in marmo statuario e mantello in breccia su base gradinata. Sottostante colonna circolare scanalata in diagonale del XIX secolo. Roma, XVI secolo, h. cm. 58 € 10.000-12.000

340

341 COPPIA DI VERSATOI in bronzo, base circolare a ghirlanda fogliacea. Piede scanalato, corpo ovoidale percorso da puttini che si riscaldano al fuoco (Allegoria dell’inverno). Collo a bulbo con foglie e bacche, versatoio di linea sinuosa, ansa desinente a riccio e sormontata da giovane Bacco. Firenze, XIX secolo, h. cm. 84 € 6.000-8.000

341

27-28 OTTOBRE 2010

243


342

342 (part.)

244

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


343

342

343

MONETIERE

STIPO

in papier maché dipinto a motivi naturalistici e floreali ed impreziosito da tarsie in madreperla, raffiguranti vasi floreali. Poggiante su lunghe gambe sagomate è decorato da due ante frontali celanti tiretti di diversa misura. Inghilterra, XIX secolo, cm. 120x55,5x36,5

in legno ebanizzato impreziosito da inserti in marmi policromi, madreperla e pietre dure e da applicazioni in bronzo dorato. Il piano è percorso da una ringhiera traforata e la bordura da ovuli raccordati. Due ante frontali abbellite da eleganti composizioni floreali comprese fra colonnine. Lo stipo è sorretto da una console con cassetto e sostegni ad obelisco rovescio uniti da traversa polilobata e centrata da pinnacolo fiammato. Francia, XIX secolo, cm. 144x89x55,5

€ 8.000-12.000

€ 6.000-7.000

27-28 OTTOBRE 2010

245


344

345

246

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


346

344

345

346

CREDENZA

TAVOLO

CASSETTONE A RIBALTA

lastronata in palissandro e intarsiata con varie essenze di legno esotico. Fronte mistilineo decorato con specchiature polilobate ed arricchite sulle ante da vigorosi intagli a foggia di medaglioni centrati da putti e decori a motivi vegetali. Montanti a semi-colonna con erme a guisa di putti. Piano sagomato in marmo color verde alpi. Sicilia, seconda metà del XIX secolo, cm. 108x156x60

impiallacciato in frassino e con profili in palissandro, piano ovale con cassetto sulla fascia, montanti a colonna raccordata da pedana a guisa di lira. Nord Europa, XIX secolo, cm. 80x148x93

lastronato in noce e intarsiato con varie essenze di legni a motivi floreale con cornucopie e conchiglie. Fronte mistilineo dotato di una calatoia celante scarabattolo centrato da antina con otto tiretti laterali. Tre cassetti inferiori, paraste sporgenti, piede a sfera artigliata. Olanda, XVIII secolo, cm. 109x112x53

€ 4.000-5.000

€ 18.000-24.000

€ 8.000-10.000

27-28 OTTOBRE 2010

247


347

347

348

CREDENZA CON ALZATA

TRESPOLO

lastronata in saten wood e mogano con profili in palissandro, struttura lineare, corpo superiore con due ante guarnite da vetri e cappello gradinato. Corpo inferiore con due ante ornate da profilature a simulare due cassetti e medaglioni ovali. Piede ad obelisco rovesciato. Inghilterra, seconda metà del XIX secolo, cm. 220x119x60

in noce scolpito. Piano d’appoggio quadrangolare con perimetro polilobato e sotteso da più ordini d’intaglio quali dentelli, volute e cartigli. Sostegno centrale di effetto scultoreo, a sagome concatenate, unite da serti di fiori e rose e da foglie ripiegate con putto alato seduto su una voluta. Base a guisa di animale fantastico. Venezia, XIX secolo, h. cm. 156

€ 4.000-5.000

248

348

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

€ 6.000-8.000


349

349

350

TAVOLO DA GIOCO

CASSETTONE

in mogano con piano ad apertura a libro celante panno. Montanti troncopiramidali, base polilobata da cui si dipanano le gambe arcuate calzate da rotelle. Inghilterra, fine del XIX secolo, cm. 71x91x42

lastronato in mogano e piuma di mogano. Fronte dritto a cinque cassetti di cui il primo e l’ultimo a scomparsa intarsiati con ricchi decori di girali vegetali. Piede a trottola baccellata. Sicilia, prima metà del XIX secolo, cm. 100x124x57

€ 2.000-3.000

€ 4.000-5.000

350

27-28 OTTOBRE 2010

249


351

250

352

351

352

TAPPETO CINESE

TAPPETO KIRMAN

Interamente annodato a mano, trama ed ordinto in cotone, vello in lana. Cina, fine del XIX secolo, cm. 295x255 Buono lo stato di conservazione

interamente annodato a mano, trama ed ordino in cotone, vello in lana. Persia, fine del XIX secolo, cm. 220x142 Buono lo stato di conservazione

€ 1.800-2.400

€ 3.000-4.000

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


353

354

353

354

TAPPETO MALAYER

TAPPETO PECHINO

Persia, cm. 394x169

Cina, cm. 350x275

€ 2.800-3.500

€ 4.500-5.500

27-28 OTTOBRE 2010

251


355 TAPPETO SAROUGH interamente annodato a mano, trama ed ordino in cotone, vello in lana. Persia, cm. 348x264 Buono lo stato di conservazione € 5.000-6.000

355

356 TAPPETO SAROUGH interamente annodato a mano, trama ed ordino in cotone, vello in lana. Persia, cm. 350x270 Buono lo stato di conservazione € 5.000-6.000

356

252

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


357

357 TAPPETO CINESE Cina, cm. 500x500 € 3.000-3.500

27-28 OTTOBRE 2010

253


358 TAPPETO SAROUGH Persia, cm. 370x270 € 6.000-8.000

358

359 TAPPETO SAROUGH Interamente annodato a mano, trama ed ordito in cotone, vello in lana. Persia, cm. 344x250 Buono stato di conservazione € 5.000-6.000

359

254

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


360

360 TAPPETO KIRMAN Interamente annodato a mano, trama ed ordito in cotone, vello in lana, colori vegetali. Persia, fine del XIX secolo, cm. 342x430 Buono stato di conservazione â‚Ź 5.000-6.000

27-28 OTTOBRE 2010

255


361 TAPPETO KASHAN MANCHESTER Interamente tessuto a mano, trama ed ordito in cotone, nodo asimmetrico e vello in lana. Persia, XIX/XX secolo, cm 448x310 € 6.000-8.000

361

362 TAPPETO KIRMAN Interamente annodato a mano, trama ed ordito in cotone, vello in lana. Persia, seconda metà del XIX secolo, cm. 442x323 € 10.000-12.000

362

256

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


363

363 TAPPETO KIRMAN Interamente annodato a mano, trama ed ordito in cotone, vello in lana. Persia, fine del XIX secolo, cm. 520x310 Buono lo stato di conservazione â‚Ź 10.000-12.000

27-28 OTTOBRE 2010

257


364

364 TAPPETO SAROUGH interamente annodato a mano, trama ed ordino in cotone, nodo assimetrico vello in lana. Persia, inizio del XIX secolo, cm. 340x263 Buono lo stato di conservazione € 8.000-9.000

258

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


365

365 TAPPETO KIRMAN Persia, fine del XIX secolo, cm. 343x328 € 8.000-10.000

27-28 OTTOBRE 2010

259


366

366 TAPPETO KIRMAN Persia, cm. 642x422 € 12.000-15.000

260

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


367

367 TAPPETO KASHAN Persia, fine del XIX secolo, cm. 430x320 € 18.000-22.000

27-28 OTTOBRE 2010

261


368

368 TAPPETO AZERBAJAN Persia, cm. 631x475 € 8.000-10.000

262

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


369

369 TAPPETO KIRMAN Interamente annodato a mano, trama e ordito in cotone, vello in lana. Persia, fine del XIX secolo, cm. 364x475 â‚Ź 8.000-10.000

27-28 OTTOBRE 2010

263


370

370 TAPPETO TABRIZ HADJI JALI LI Persia, fine del XIX secolo, cm. 430x282 € 18.000-24.000

264

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


371

371 TAPPETO SERAPI Persia, fine del XIX secolo, cm. 615x360 € 22.000-28.000

27-28 OTTOBRE 2010

265


DIPINTI E DISEGNI DAL XVI AL XVIII SECOLO Lotti 372-421


372 FRANCESCO FONTEBASSO Venezia 1709 - 1769

Cristo e San Giovanni Battista china su carta, mm. 380x270 (misure massime); con cornice. Macchie di umidità. Perizia del Professor Egidio Martini € 8.000-10.000

373 GIOVAN BATTISTA PITTONI Venezia 1687 - 1767

Studio di un putto Al verso: Studio di panneggio olio su tela, mm. 206x167; con cornice. Al retro etichetta della Collezione Egidio Martini Macchie di umidità. Provenienza Collezione Egidio Marini. Perizia del Professor Egidio Martini. € 4.000-5.000 372 373

374 DONATO CRETI Cremona 1671 - Bologna 1749

Allegro convivio bistro su carta, mm. 196x293; con cornice. Perizia del Professor Egidio Martini € 8.000-10.000

375 GASPARE DIZIANI Belluno 1689 - Venezia 1767

Bacco e Arianna china e acquarello su carta applicato su cartoncino, mm. 190x265; con cornice. Studio preparatorio per il dipinto a olio su carta col medesimo soggetto e di misure leggermente superiori della Collezione Cailleux di Parigi. Bibliografia di riferimento E. Martini, La Pittura del Settecento Veneto, 1982, p. 523, scheda n. 246, fig. 192. Perizia del Professor Egidio Martini € 8.000-10.000


374

375


376

376

377

BALDASSARE DE CARO (seguace)

SCUOLA BOEMA DEL XVII SECOLO

Natura morta di penna olio su tela, cm. 25,5x46; con cornice dipinta. Al retro vecchia etichetta in tedesco, probabilmente di un catalogo d’asta

San Pietro olio su tela, cm. 62x74,5; con cornice dipinta € 5.000-7.000

€ 3.000-5.000 377

270

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


378 SCUOLA LOMBARDA DEL XVIII SECOLO

Ritratto di gentiluomo e suoi cantinieri olio su tela, cm. 119x94; con cornice dipinta € 6.000-9.000

378 379

379 ALESSANDRO LONGHI (ambito)

Ritratto di giovane gentiluomo olio su rame, cm. 25x22; con cornice dipinta € 4.000-5.000

27-28 OTTOBRE 2010

271


380

380 MAESTRO ROMANO DEL XVIII SECOLO

Natura morta con vaso di fiori olio su tela, cm. 68,5x46; con cornice dorata € 8.000-10.000

272

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


381

381 GIUSEPPE BONITO Castellammare di Stabia 1707 - Napoli 1789

Allegoria della Pittura olio su tela, cm. 103x75; con cornice dipinta â‚Ź 10.000-12.000

27-28 OTTOBRE 2010

273


382

382

383

SCUOLA FIAMMINGA DEL XVII SECOLO

SCUOLA LOMBARDA DEL XVIII SECOLO

Natura morta con frutta, biscotti e calice di vino olio su tavola, cm. 49x64,5; con cornice dipinta

Natura morta con fiori in un cesto olio su tela, cm. 51x64,5; con cornice intagliata e dorata.

€ 10.000-14.000

Videoperizia del professor Vittorio Sgarbi € 13.000-15.000 383

274

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


384 FRANZ ANTON MAULBERTSCH Langenargem am Bodensee 1724 - Vienna 1796

La Comunione degli apostoli olio su tela, cm. 56,5x46,5; con cornice intagliata e dorata. Al retro ceralacca di stemma comitale. Provenienza Asta Finarte Roma, 26 novembre 1992, lotto 81. 384

Successore di Paul Troger nella continuazione della scuola barocca austriaca, Maulbertsch si forma inizialmente col padre Anton, frescante di Langenargen, quindi a Vienna dal 1739 pur aggiornando il proprio gusto sulla pittura veneziana, Piazzetta in particolare per quanto concerne il risentito chiaroscuro e la lezione tiepolesca per le grandi composizioni monumentali che realizza in Austria, Ungheria, Boemia, Moravia fino a Dresda. Proprio al linguaggio veneziano sembra rifarsi questa prova del pittore, nella costruzione spaziale inquadrata architettonicamente e drammaticamente sviluppata nel fascio lumionoso che fissa al centro la figura di Cristo. Si allenta la tipica struttura zigzagante e verticale che Maulbertsch solitamente impiega, per favorire una andamento circolare al quale anche la luce sembra

adeguarsi lentamente, degradando dalla massima luminosità del rosa/azzuro di Cristo fino ai bianco/bruni degli apostoli già immersi nell’ombra: una nota squillante è data al verde rosa del manto dell’Apostolo in primo piano, espediente pittorico per creare una gradazione spaziale capace di coinvolgere il riguardante e che ritroviamo in altre prove probabilmente da accostare cronologicamente alla presente, apparsa presso Finarte di Roma il 26 novembre 1992 (lotto 81), come la “Presentazione al tempio“ già Lempertz (22 maggio 2005, lotto 697) € 12.000-14.000

27-28 OTTOBRE 2010

275


385

385 CARLO CORNARA Milano 1605 - 1673

Allegoria della Scultura olio su tela, cm. 80x71,5; con cornice dorata. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 20.000-24.000

276

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


386

386 PSEUDO FARDELLA, IL PITTORE DI “CARLO TORRE” attivo nella seconda metà del XVII secolo

Natura morta con susine, fichi e fiori olio su tela, cm. 72x92,5; con cornice intagliata e dorata € 38.000-42.000

27-28 OTTOBRE 2010

277


387

387 FRANCESCO MANTOVANO Mantova (?) notizie a Venezia - dal 1636 al 1644 e dal 1660 al 1663

Natura morta con vaso di fiori olio su tela, cm. 97x73; con cornice intagliata e dorata. Perizia della Professoressa Mina Gregori Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 18.000-22.000

278

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


388

388 FRANCESCO MANTOVANO Mantova (?) notizie a Venezia - dal 1636 al 1663

Natura morta con vaso di fiori olio su tela, cm. 82x58; con cornice intagliata e dorata. Perizia della Professoressa Mina Gregori Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi â‚Ź 18.000-22.000

27-28 OTTOBRE 2010

279


389

389 GIOVANNI STANCHI Roma 1608 - c. 1673

Ghirlanda di fiori che incornicia il volto di Gesù fanciullo olio su tela, cm. 65,5x50; con cornice dorata. Provenienza Asta Finarte-Semenzato, Mobili Arredi e Dipinti di Villa La Giraffa, Goito, 17 maggio 2007, lotto 944. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi

Assieme a Mario Nuzzi, Giovanni Stanchi è considerato uno dei massimi specialisti della pittura di fiori nella Roma di secondo Seicento. La tela qui presentata è tipica di un genere molto apprezzato nella città papale tra gli anni cinquanta e settanta del Seicento, le cosiddette ghirlande con medaglioni centrali, dipinti costruiti in massima parte attorno a complesse composizioni floreali dove la componente figurata arricchisce la scena in modo discreto, come una sorta di cameo classico. Tra le numerose ghirlande con fiori e figure riferibili allo Stanchi, la nostra mostra una qualità nella stesura pittorica che ne rende indiscutibile l’autografia; tipica la resa attenta e mimetica dei diversi generi di fiori, esaltati da una luminosità diffusa e dal fondo nero € 28.000-32.000

280

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


390

390 ANDREA LOCATELLI Roma 1695 - 1741

Scena agreste olio su tela, cm. 73x60; con cornice intagliata e dorata. Perizia del Professor Giancarlo Sestieri â‚Ź 30.000-35.000

27-28 OTTOBRE 2010

281


391

391 ABRAHAM BRUEGHEL Anversa 1631 - Napoli 1697

Schiavo turco e trionfo di frutta in un loggiato olio su tela, cm. 124x109; con cornice dorata. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 28.000-32.000

282

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


392

392 GIOVANNI PAOLO PANINI (bottega)

Capriccio con vestigia romane e figure olio su tela, cm. 101x129; con cornice intagliata e dorata. Al retro numero di inventario o di casa d’asta € 28.000-32.000

27-28 OTTOBRE 2010

283


393

393

394

MATTHIAS VAN PLATTENBERG

FRANCISCO DE HERRERA IL VECCHIO (ambito)

Anversa 1608 - Parigi 1660

Interno di cucina con natura morta olio su tela, cm. 63x101; con cornice dorata

La tempesta di mare olio su tela, cm. 84x122; con cornice dorata.

€ 18.000-22.000

Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 13.000-15.000 394

284

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


395

395 FRANCESCO CAPPELLA detto DAGGIU’ Venezia 1711 - Bergamo 1784

Sant’Antonio da Padova e il Bambin Gesù olio su tela, cm. 77x61; con cornice intagliata. Già attribuito al Piazzetta, il dipinto viene ricondotto al pittore veneziano - “naturalizzato” bergamasco - da Egidio Martini che lo colloca tra le prime opere sotto la diretta influenza del maestro Piazzetta. Il confronto è con la pala dell’Immacolata nella cappella di Villa Tommasi a Metelliano (Cortona), risalente al 1746 e commissionata dal cantante cortonese Antonio Baldi, amico appunto di Piazzetta. Il Cappella ricava il modello della Vergine dall’Immacolata del mestro, oggi alla Pinacoteca Nazionale di Parma, interpretata con un risentito chiaroscuro che modella plasticamente le figure: un gusto che pienamente s’attaglia a questo Sant’Antonio il cui patetismo viene enfatizzato dal forte contrasto tra fondo e materia pittorica.

A suppoprtare la datazione verso l’avanzata seconda metà del Settecento può essere utile confrontare la tipologia del S.Antonio con il volto di San Luigi, oggi al Museo di Belle Arti di Boston, che in controparte lo ripete riprendendolo dalla stesso Santo dipinto nella Madonna, forse cronologicamente precedente, già in collezione Costa a Genova. Perizia del Professor Egidio Martini € 24.000-26.000

27-28 OTTOBRE 2010

285


396 FRANCESCO ZUGNO (attribuito) Venezia 1708 - 1787

Dama con fanciulla e cagnolino olio su tela, cm. 89,5x70,5 (ovato); con cornice ovale dipinta € 16.000-18.000

396

397 FRANCESCO ZUGNO (attribuito) Venezia 1708 - 1787

Fanciulla che suona il mandolino e fantesca olio su tela, cm. 89x71 (ovato); con cornice ovale dipinta € 16.000-18.000

397

286

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


398

398 PITTORE DEL XVII SECOLO DELLA CHERCHIA DI DANIEL SEGHERS

Vaso di fiori olio su tela, cm. 53,5x36,5; con cornice dorata. Bibliografia J.T. Spike, Il senso del piacere, Milano, 2002, pp. 32-33, n. 8 â‚Ź 35.000-40.000 27-28 OTTOBRE 2010

287


399

399 RINELFRAUT attivo in Germania nel XVIII secolo

Allegoria della Scultura olio su tela, cm. 103x120; con cornice intagliata e dorata. Firmato e datato in basso a sinistra: Rinelfraut fecit 1769. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 26.000-28.000

288

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


400

400 ANTONIO VISENTINI Venezia 1688 - 1782

Capriccio con veduta di nobili architetture presso un porto olio su tela, cm. 65x92; con cornice dorata. Provenienza Asta Christie’s New York, 25 gennaio 2002, lotto 72 (come Cerchia di Antonio Visentini) ₏ 55.000-65.000

27-28 OTTOBRE 2010

289


401

401 MAESTRO SPAGNOLO DELL’INIZIO DEL XVII SECOLO

Natura morta con trionfo di frutta, un cardellino e un colombo olio su tela, cm. 77x102; con cornice intagliata e dorata € 25.000-30.000

290

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


402

402 ANDREA DE LEONE O LIONE Napoli 1595 - 1675

Adunata della cavalleria prima della battaglia olio su tela, cm. 53x76; con cornice dorata.

Andrea de Lione (menzionato con egual frequenza nei documenti e nelle fonti antiche come Andrea di Lione) è una figura centrale negli sviluppi della pittura napoletana del V/ VI decennio del Seicento, quando l’onda lunga dell’influsso caravggesco lasciò spazio alle tendenza più classiciste (ispirate in primis da Poussin e dal Grechetto) e alla fioritura di un gusto in senso lato neo-veneto. Di questa brillante congiuntura furono protagonisti, oltre al Lione, Bernardo Cavallino, Aniello Falcone, Domenico Gargiulo detto Micco Spadaro, Salvator Rosa, e proprio di Falcone, al pari di Rosa e Spadaro, Andrea de Lione, dopo un iniziale apprendistato presso il vecchio Belisario Corenzio, fu dapprima allievo e poi collaboratore e seguace. Raffinato colorista sostenuto da una sicura eleganza compositiva, Andrea de Lione è noto soprattutto come eccellente pittore di Battaglie

e brillante paesaggista, ma nel suo corpus non sono rare le incursione nelle scene di storia sacre o profane. Il dipinto che qui si illustra è caratterizzato dall’uso di gamme cromatiche insolitamente crepuscolari e da un tono sospeso e sin quasi metafisico, volto a restituire, grazie a un ductus pittorico abbreviato e un’impaginazione di suggestiva essenzialità, l’atmosfera carica di attesa e inquietudine di un’adunata di cavalieri precedente una battaglia. Comunicazione verbale del Professor Nicola Spinosa (Soprintendenza al Polo Museale Napoletano) € 25.000-28.000

27-28 OTTOBRE 2010

291


403 GIOVANNI ANTONIO PELLEGRINI Venezia 1675 - 1741

La predica del Battista olio su tela, cm. 64x99; con cornice intagliata e dorata. Giovanni Antonio Pellegrini, come noto, non fu un prolifico disegnatore e in questo è perfettamente in linea con la tradizione seicentesca veneziana meno attenta alla grafica in sé, come ben ha chiarito K. Knox affermando che “il bozzetto e il modello costituirono un importante elemento di sviluppo per le grandi composizioni del Pellegrini”(1). Un buon numero di bozzetti e modelli è infatti presente nel catalogo del pittore e di questi spesso manca l’opera finale di riferimento: si potrebbe quasi pensare a operette finite in sé, se non restasse il dubbio che gli originali in grande sono andati perduti. Pellegrini quindi non fu un disegnatore “per divertimento” ma lo fu probabilmente nel campo del bozzetto e in questo lo si può seguire attraverso significative prove. Così ad esempio del periodo inglese (1709-1712) è l’Alessandro e Poro della Pinacoteca di Ravenna(2), certamente posteriore alla versione in grande oggi alla Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo in Padova(3), mentre al 1716 circa risale quello per la S. Cecilia della chiesa di S. Clemente ad Hannover della Staatsgalerie di Stoccarda(4): sono caratterizzati da un’accentuata luminosità e dalla “sprezzatura della pennellata“ (5) che nello stesso torno d’anni convivono con bozzetti in cui Pellegrini applica un più compatto pittoricismo ed una tavolozza decisamente più scuri, come nelle Nozze di Giovanni Guglielmo e Anna Maria Luisa de’ Medici della National Gallery di Londra riferibile al ciclo realizzato nel castello di Benberg e oggi a Schlessheim, datati al 1713-14(6) o nell’Assunzione della Vergine della Galleria Forster di Dusseldorf(7). Ebbene, volendo collocare la Predica del Battista nel percorso del Pellegrini, si deve partire da tali esempi per il risentito impianto chiaroscurale, la “sprezzatura” esecutiva e quella difficoltà, già notata da E.Martini (8) nel “legare e fondere i vari gruppi figurativi”. In più s’avverte un’intenzione di completezza che fa pensare ad un’opera finita, più che ad un modello per una più ampia versione, databile in un periodo precedente negli esempi citati, quindi entro il primo decennio del Settecento.

Provenienza Venezia, Collezione Sonino Milano, Galleria d’Arte Manzoni, 1970 Asta Finarte-Semenzato Venezia, 27 novembre 2007, lotto 60. Note (1) G. Knox, I disegni di Antonio Pellegrini, in Antonio Pellegrini. Il Maestro veneto del Rococò alle corti d’Europa, catalogo della mostra a cura di A. Bettagno, Padova, Palazzo della Ragione 20 settembre 1988 - 10 gennaio 1999, Venezia, 1998, p. 89. (2) Antonio Pellegrini, op. cit., pp. 130-131, n. 12. (3) Antonio Pellegrini, op. cit., pp. 122-123, n. 8. (4) E. Martini, La pittura del Settecento veneto, Udine, 1982, fig. 64. (5) R. Pallucchini, La pittura nel Veneto.Il Settecento, Milano, 1994, II, p. 84. (6) Antonio Pellegrini, op. cit., p. 154-155, n. 25. (7) E. Young, Some Pellegrini sketches and heir chronology, in “Apollo”, LXXXI, 1965, Agosto, fig. 3. (8) E. Martini, La pittura, op.cit., p. 20 € 35.000-37.000


403


404 GIACOMO LEGI Anversa o Liegi (?) 1605 (?) - Milano 1640 c.

Testa di caprone, galline e carciofi olio su tela, cm. 72x113; con cornice intagliata e dorata. Pur caratterizzata da un’elevata qualità e da caratteri stilistici marcatamente riconoscibili, l’opera pittorica del fiammingo Giacomo Legi costituisce un frutto prezioso degli ultimi venti anni di studi, nel corso dei quali si è potuto isolare un nucleo di superbe nature morte fra loro chiaramente omogenee. I suoi dipinti manifestano generiche connessione con la maniera del cognato Jan Roos (di cui fu forse allievo al principio del suo soggiorno ligure, verso il 1620) e di Anton Maria Vassallo, presentando però contrasti chiaroscurali più marcati, una più accentuata impostazione naturalistica, una qualità maggiormente analitica nella resa delle superfici degli oggetti raffigurati nonché l’insistenza su tonalità cromatiche brunite. Dalle Vite di Raffaello Soprani (1674), suo esclusivo biografo antico, sappiamo che il Legi morì a Milano in giovane età, ciò che spiega non solo il corpus ridotto delle sue opere ma anche l’oblio secolare del suo nome, pur potendosi oggi stimare la sua pittura tra i fenomeni di punta nella scena genovese dei primi decenni del Seicento. Il dipinto che qui si presenta costituisce un esempio notevole di natura morta senza figure del Legi, tipologia piuttosto rara nel suo catalogo che, in linea con la tradizione anversese di cui fu caposcuola Frans Snyders, è composto soprattutto di scene di cucina o di mercato con uno o più personaggi ad animare l’azione, non di rado frutto della collaborazione di illustri figuristi (in primis Domenico Fiasella). Ritroviamo nella nostra tela, elette al rango di protagoniste, alcune della presenze ricorrenti in vari capolavori del Legi, quali le due Dispense del Musée des Beaux-Arts di Bordeaux e della collezione Piero Pagano a Genova

294

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO

(ripr. in I fiori del barocco, cat. della mostra, a cura di A. Orlando, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2006, pp. 50 e 53), restituite con precisione lenticolare, fattura levigata, colorito squillante e sapiente bilanciamento dell’impaginazione. Già pubblicata come opera di Anton Maria Vassallo da Luigi Salerno prima e da Alberto Cottino poi in anni in cui era del tutto sconosciuta l’opera di Giacomo Legi, il dipinto é stato invece ricondotto alla mano del pittore fiammingo dalla Dottoressa Anna Orlando. Bibliografia L. Salerno, La natura morta italiana 1560-1805, Roma, 1984, p. 151, scheda 37, fig. 37.4 (come Anton Maria Vassallo) A. Cottino, Anton Maria Vassallo, in F. Porzio, a cura di, La natura morta in Italia, I, pp. 134-139, fig. 143 (come Anton maria Vassallo) A. Orlando, I fiamminghi e la natura morta di Genova o del trionfo dell’abbondanza, 1997, p. 283 A. Orlando, Anton Maria Vassallo, Genova, 1999, p. 146, nota III.2. A. Orlando, Un fiammingo a Genova: documenti figurativi per Giacomo Liegi, in “Paragone”, n. 4 (549), novembre 1995, pp. 62-85. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 50.000-55.000


404

27-28 OTTOBRE 2010

295


405 (part.)

405 FRANCESCO FONTEBASSO Venezia 1709 - 1769

Allegoria con putti olio su tela, cm. 75x97; con cornice dorata. A voler spulciare nella produzione pittorica di Francesco Fontebasso, si troverebbe che il pittore veneziano aveva un particolare predilezione nella rappresentazione di putti, amorini, angioli e quant’altro potesse riferirsi alla dimensione dell’infanzia. Al di là infatti delle innumerevoli presenze nei dipinti a soggetto sacro, viene subito alla mente La pappa, quel delizioso quadretto dei Musei di Stoccolma che è da annoverare tra le più riuscite interpretazioni del soggetto infantile (cfr. M. Magrini, Francesco Fontebasso, Vicenza 1988, p.175, n.145, fig.91) in cui Fontebasso sembra riscattare la magniloquente retorica che talvolta guida la produzione “in grande” (“Alla pittura di soffitti, unì quella di storia; eseguì molte opere di carattere religioso, non disdegnò la pittura di genere, dove anzi lasciò le sue pagine forse più schiette“, R.Pallucchini) toccando attraverso questo particolare genere una vena lirica più schietta e sincera con diverse gradazioni, dal grazioso al sentimentale, dal popolare all’aristocratico, come nel caso del Fanciullo con collana oggi in collezione Koelliker (cfr. F.Caroli, Il gran teatro del mondo. L’anima e il volto del Settecento, Milano 2003, pp. 162-163, n. I.44). All’effetto contribuisce certamente anche il suo particolare linguaggio pittorico, fatto insieme di colore veneto e forma romanoemiliana, capace di rendere naturalisticamente l’immagine e quindi di mantenerla in una dimensione di immediatezza e di “flagranza” percettiva. Son putti carnosi, robusti, fisicamente pesanti, lontani dall’aerea e cipriosa inconsistenza, ad esempio, dei bimbi di Boucher: qualità che straripano in questo dipinto nel quale due prosperi putti

dialogano attorno ad uno specchio. Escluso che possa trattarsi di un’allegoria dell’arte o della pittura, mancando elementi che possano confermare tale ipotesi (pennello, foglio ecc.), se volessimo interpretare lo specchio come simbolo della Superbia o della Lussuria - ma in questo i due fanciulli non aiutano nella identificazione perché non è chiaro se si tratti di bimbi o bimbe - il dipinto sarebbe un’allegoria morale; ma al contrario, essendo lo specchio anche simbolo cristiano della virtù cardinale della Prudenza, il soggetto potrebbe raffigurare un’esortazione morale, in questa lettura aiutati dal gesto del bimbo disteso che accenna al cielo. Lo specchio però è anche allegoria della visione esatta, del pensiero profondo, “specchio dell’anima”: e io questo senso potrebbe essere sciolto il problema del soggetto, da leggersi come un “conosci te stesso” che permette di superare le vanità del mondo e raggiungere il cielo. Se così è, qui Fontebasso supera la pura scena di genere per arrivare ad una pittura di contenuti precorritrice della sensibilità tardo settecentesca. Perizia del Professor Egidio Martini € 38.000-42.000


405


406 CLAUDIO FRANCESCO BEAUMONT Torino 1694 - 1766

Cupido trasportato da amorini olio su tela, cm. 75x196; con cornice dorata. Danni alla parte bassa della tela. E’ verso il 1736 che il torinese di discendenza francese Claudio Francesco Beaumont, proprio quell’anno insignito del cavalierato dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, avvia l’attività per l’Arazzeria sabauda creando quei bozzetti ad olio che la bottega poi trasformava nei cartoni per gli arazzi. Un’attività che il pittore continuerà negli anni successivi riversandovi quel gusto decorativo mai abbandonato nonostante le forte suggestioni classicistiche romane (Trevisani, Vanloo, Natoire) e che probabilmente la conoscenza dei pittori veneziani, come Sebastiano Ricci e Pittoni, aveva confermato. Di qui la produzione di tele con putti e amorini nelle quali l’elemento rococò si unisce ad un allegorismo di sapore francesizzante. In questo caso è Cupido che viene sostenuto da due putti alati, mentre altri lo precedono con i suoi strumenti (arco e frecce), e lo seguono con ghirlande di fiori. Amore disarmato? Amore ebbro? L’allegoria comunque non soffoca la graziosa e briosa invenzione, forse parte di una più ampia decorazione parietale € 36.000-40.000


406


407

407 ALEXANDRE-EVARISTE FRAGONARD (attribuito) Grasse 1732 - Parigi 1806

Elena e Paride olio su tela, cm. 53,3x63,5; con cornice dorata. Provenienza Asta Sotheby’s New York, 22 maggio 1997, lotto 116. Il dipinto qui presentato, attribuito al talentuoso figlio di Jean-Honoré Fragonard, riprende la fortunatissima composizione col medesimo soggetto eseguita da Jacques-Louis David (1748-1825) per il Conte D’Arthois € 22.000-26.000

300

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


408 GIUSEPPE BONITO Castellammare di Stabia 1707 - Napoli 1789

Ritratto di Maddalena Giordano de’ Tommasi Principessa di Fiorino olio su tela, cm. 60x50; con cornice d’epoca intagliata e dorata. Al retro etichetta della Mostra del Ritratto Italiano, Firenze, marzo-luglio 1911. Provenienza Collezione Conte Giuseppe Caracciolo, Napoli. Collezione privata, Milano. 408

L’opera, assegnata a Giuseppe Bonito nel catalogo della Mostra del Ritratto Italiano (1911) e nel volume Il ritratto italiano dal Caravaggio al Tiepolo alla mostra di Palazzo Vecchio nel MCMXI (1927), è stata esaminata, in originale, dal professore Nicola Spinosa che, in una comunicazione orale, conferma l’attribuzione al pittore partenopeo. Giuseppe Bonito, allievo di Francesco Solimena, fu un famoso ritrattista e pittore di genere. Accademico di San Luca dal 1752 e pittore di corte di Carlo III e poi di Ferdinando IV, ebbe vari incarichi nella decorazione delle Regge di Portici e Caserta e dal 1755 assunse la direzione dell’Accademia napoletana di Belle Arti, incarico che conservò fino al 1789, anno della sua morte. Il ritratto qui presentto proviene dalla raccolta napoletana del conte Giuseppe Caracciolo e raffigura Maddalena Giordano De’ Tommasi, Principessa di Forino. La nobildonna, nata a Capua il 7 aprile del 1740, sposò il duca don Gaetano Giordano e ben presto divenne, per il suo fascino, bellezza ed eleganza, una delle protagoniste nei salotti aristocratici e presso la corte napoletana, dove godeva dell’amicizia della regina Carolina d’Austria. La Principessa di Forino morì il 2 giugno 1808 e fu sepolta nella cappella gentilizia della chiesa dei Santi Severo e Sozio a Napoli. Probabilmente nella sua cornice originale, il dipinto è stato realizzato, secondo il Professor Spinosa, nella tarda maturità dell’artista e più precisamente intorno al 1780, quando il pittore napoletano rimodernava il suo stile attraverso la ritrattistica inglese e francese. Il ritratto è infatti giocato su tonalità delicate e armoniose e la sua qualità è determinata dalla luce e dalla composizione coloristica sapientemente studiata che raggiunge uno straordinario effetto di

luminosità. Sul fondo bruno risaltano i capelli biondi, raccolti e leggermente crespi, la pelle lievemente rosata del volto e il bianchissimo collo. La carnagione d’avorio del petto è incorniciata da un abito di raso grigio bordato di pelliccia scura e completa l’abbigliamento un mantello di raso azzurro foderato di seta rosa negligentemente abbandonato sulle spalle e guarnito da uno svolazzante nastrino verde. Il dipinto è particolarmente interessante anche per le soluzioni di ricercata eleganza formale, la piacevolezza pittorica e le garbate annotazioni di trascrizione “dal vero”. L’assenza di astrazioni celebrative, al di là della impostata aulicità della posa, rivela la profonda penetrazione psicologica ottenuta dal Bonito in questo ritratto, brillante alternativa al ritratto “ufficiale”. Bibliografia AA. VV., Mostra del Ritratto Italiano, catalogo della mostra, Firenze, Palazzo Vecchio, marzo-luglio 1911, Firenze, 1911, pag. 139, n. 2 N. Tarchiani, Giuseppe Bonito, in AA. VV., Il ritratto italiano dal Caravaggio al Tiepolo alla mostra di Palazzo Vecchio nel MCMXI sotto gli auspici del Comune di Firenze, con prefazione di Ugo Ojetti, Bergamo, Istituto Italiano d’Arti Grafiche Editore, Bergamo, 1927, pp. 165-166, tav. V. Comunicazione verbale del Professor Nicola Spinosa che conferma l’attribuzione € 18.000-24.000

27-28 OTTOBRE 2010

301


409 MAESTRO DEI RIFLESSI attivo a Venezia nel XVIII secolo

La dama malata olio su tela, cm. 72x55,5; con cornice dipinta. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 18.000-20.000

409

410

410 PIETRO BIANCHI (attribuito) Roma 1694 - 1740

Martirio di Sant’Agnese olio su rame, cm. 57x41; con cornice dorata Al retro numero d’inventario iscritto sul rame. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 10.000-12.000

302

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


411

411 CANDIDO VITALI Bologna 1680 - 1753

Natura morta di fiori, frutta con due galline olio su tela, cm. 61x78; con cornice dipinta e dorata. Perizia del Professor Giancarlo Sestieri. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi â‚Ź 18.000-22.000

27-28 OTTOBRE 2010

303


412

412

413

414

PIER FRANCESCO CITTADINI

BLAS DE LEDESMA (ambito)

Milano 1616 - Bologna 1681

Natura morta con frutta in un cesto olio su tela, cm. 55,2x64,5; con cornice intagliata e dorata

PSEUDO FARDELLA, IL PITTORE DI CARLO TORRE

Ritratto di giovane nobildonna con cagnolino olio su tela, cm. 92,5x72; con cornice antica intagliata e dorata € 20.000-25.000

€ 28.000-32.000

attivo nella seconda meta’ del XVII secolo

Natura morta di penna con una coppia di colombi, frutta e frammento architettonico olio su tela, cm. 68x100,5; con cornice intagliata e dorata € 12.000-14.000

304

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


413 414

27-28 OTTOBRE 2010

305


415 SCUOLA TOSCANA DEL XVII SECOLO

Studio di fiori e frutta con airone olio su tela, cm. 76,5x103; con cornice dipinta. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 18.000-22.000

415

416

416 SCUOLA TOSCANA DEL XVII SECOLO

Studio di fiori e frutta con animali olio su tela, cm. 82x96; con cornice dipinta. Videoperizia del Professor Vittorio Sgarbi € 18.000-22.000

306

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


417

417 DOMENICO FEDELI detto IL MAGGIOTTO Venezia 1713 - 1793

Amore mercenario olio su tela, cm. 101X138; con cornice intagliata e dorata. L’attribuzione a Domenico Maggiotto spetta ad Ugo Ruggeri che indica inoltre una cronologia al settimo decennio del Settecento. E’ il momento in cui il pittore sviluppa i temi giovanili del maestro Piazzetta, interpretandoli con una senso più fermo e plastico della forma: tra il 1762 e il 1763 ad esempio realizza l’Allegoria dell’Accademia per la sede appunto dell’Accademia veneziana dei pittori, mentre stesse indicazioni di gusto prossime a questa prova, si riscontrano nell’Apollo e Dafne di collezione privata a Sacile e il Coriolano dei Musei Civici di Padova (R. Pallucchini, La pittura nel Veneto. Il Settecento, Milano 1996, II, figg. 255, 256, 257). Comunicazione verbale del Professor Ugo Ruggeri € 20.000-24.000

27-28 OTTOBRE 2010

307


418

418 FRANZ WERNER VON TAMM detto MONSU DAPRAIT Amburgo 1658 - Vienna 1724

Natura morata con fiori in un vaso e frutta su un basamento olio su tela, cm. 64,5x84,5; con cornice in pastiglia dorata â‚Ź 40.000-45.000


419

419 GIACINTO BRANDI Roma 1621 - 1691

Testa di carattere olio su tela, cm. 65,5x49,5; con cornice intagliata e dorata La tela é opera autografa del celebre e prolifico maestro Giacinto Brandi, autorevole esponente della pittura della piena età barocca a Roma tra la prima e la seconda metà del Seicento. L’opera mostra un tema tipico della pittura barocca, la cosiddetta testa di carattere; si tratta di volti apparentemente realistici, il più delle volte teste di anziani barbuti, che costituivano esercizi di virtuosismo pittorico molto in voga nella Roma seicentesca. Prototipo di questa tipologie di opere, legate strettamente alla cultura bolognese di inizio Seicento, è la celebre testa dello Schiavone di Ripa Grande del Reni, piccola tela conservata alla Galleria Spada di Roma e databile all’inizio del XVII secolo, che raffigura per l’appunto una testa di vecchio con espressione intensa e sofferente. La testa, che per la posa ricorda quasi la celebre composizione delle lacrime di San Pietro, può essere riferita alla produzione matura del Brandi, attorno agli anni sessanta del Seicento € 30.000-40.000


420

420 JOHANN CORRAD EICHLER Peine 1688 - Wolfenbuttel 1748

Ritratto di Karl 1 Duca di Brunswick-Wolfenbuttel (1713-1780) olio su tela, cm. 126x87; con cornice dorata con applicazioni in metallo dorato. Al retro etichetta sul telaio: n.58 / Gros(...), in alto; Schloss Blankenburg / Gemaelde Verzeichnis nr 6622, in basso. Iscrizione sulla tela: H. S. BI. 125, al centro in basso. Provenienza Schloss Blankerburg, Germania Schloss Marienburg, Germania Asta Sorheby’s, Schloss Marienburg, 05-13 ottobre 2005, lotto 483 € 12.000-15.000

310

ESEMPI D’ARTE INVITO AL COLLEZIONISMO


421

421 JAN FRANS VAN DAEL Anversa 1764 - Parigi 1840

Natura morta di uva e melograne con vasellame olio su tela, cm. 53x93; con cornice dorata. Firmato in alto a sinistra. Videoperizia del professr Vittorio Sgarbi â‚Ź 30.000-35.000

27-28 OTTOBRE 2010

311


Indice degli Artisti

A Aguzzi F. Arman F. Attardi U.

199, 200, 201, 226 203, 204, 211, 218, 220, 221 185

B Balsamo V. Barucci P. Barzanti L. Beaumont C. F. Belimbau A. Beltrame A. Bertolotti C. Bianchi P. (attribuito) Bigiaretti L. Blass De Ledesma (ambito) Bonichi C. Bonito G. Botero F. Brandi G. Brueghel A. Bueno A. C Calabria E. Campigli M. Cappella F. detto Daggiù Cappelli G. Carena F. Cascella M. Casciaro G. Cassioli A. Celiberti G. Cellini G. Cesetti G. Chessa M. Chia S. Chiarolanza G. Cittadini P. F. Cobianco L. Conte M. Cornara C. Coronese R. Corpora A. Corrodi H. S. Creti D. Crucianelli A. Cucchi E. Cugurra N.

137 124, 125 95 406 96 107 130 410 170 413 195 381, 408 213 419 391 192

159,

139,

214,

215,

196 181 395 156 178 191 121 108 140 116 152 197 222 119 412 167 174 385 166 207 117 374 162 223 163

D D’Achiardi P.

82, 83, 84, 85, 86, 87 88, 89, 90, 91, 92 De Caro B. (seguace) 376 De Herrera F., Il Vecchio (ambito) 394 De Leone A. 402 De Pisis F. 183 Del Pezzo L. 205 Diziani G. 375 E Eichler J. C. Emblema S.

420 138

F Failla F. Fanfani E. Fedeli D. detto Il Maggiotto Fergola S. Festa T. Focardi P. Focardi R. Fontebasso F. Fragonard A. E. (attribuito) Frai F. Funi A. G Garau S. Germanà M. Gheduzzi C. Gianni M. Gonzaga G. F. Grady N. Guidi V. Guttuso R. Guzzi V.

173 106 417 103 143, 144 93 98 372, 405 407 193 154

133 146, 147, 148 105 123 187 104 188 180 169

I Indoni F. Irolli V.

97 110

L La Cognata G. Legi G. Locatelli A. Longhi A. (ambito) Loria V.

198 404 390 379 122

M Maccari M. Madiai M. Maestro dei Riflessi Maggi C. Maimeri G. Manaresi U. Mantovano F. Manzù G. Mariani C. M. Marussig P. Maulbertsch F. A. Milesi A. Monsted P. Morlotti E. Murer A. O Oppi U. Ortelli G. P Pace A. Palazzi B. Panini G. P. (bottega) Pastega L. Paulucci E. Pellegrini G. A.

175, 176 136 409 112 100 102 387, 388 224 155 179 384 113, 114, 115 111 160 211

189, 190 141, 142

229 171 392 109 157 403

Pengo R. Perez A. Piraccini O. Pittoni G. B. Poma S. Pozzati C. Pseudo Fardella, il pittore di Carlo Torre R Rabarama Reyna A. Ricciardi O. Rotelli M. N.

132 212 161 373 129 145, 206 386 , 414

149, 150, 219 127 120 134

S Saetti B. Sanfilippo A. Santoro R. Schifano M. Scorzelli E. Scuola boema del XVII secolo Scuola fiamminga del XVII secolo Scuola lombarda del XVIII secolo Scuola romana del XVIII secolo Scuola spagnola del XVII secolo Scuola toscana del XVII secolo Sdruscia A. Seghers D. (cerchia di) Seghi T. Sironi M. Socrate C. Soldini A. Sorbi R. Sordini E. Spilimbergo A. Spoerri D. Squillantini R. Stanchi G. T Tamburi O. Tamm F. W. Tiratelli A. Tobey M. Tominz A. Tommasi A. Tozzi M.

153, 202 165 126 216, 230 118 377 382 378, 383 380 401 415, 416 168 398 227 177 194 131 99 164 151 228 184 389

186 418 128 208, 209, 210 94 101 182

V Vacchi S. Valle P. Van Dael J. F. Vangi G. Van Plattenberg M. Villeglè J. Visentini A. Vitali C.

158, 172 135 421 225 393 217 400 411

Z Zugno F. (attribuito)

396, 397


DIRITTO DI SEGUITO

In data 19 febbraio 2008 nella Gazzetta Ufficiale n. 42 è stato pubblicato il Decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 2007, n. 275 relativo al Regolamento recante disposizioni modificative al Regio Decreto 18 maggio 1942, n. 1369 nella parte relativa alle norme attuative delle disposizioni per la protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio di cui alla legge 22 aprile 1941, n. 633. Il suddetto Regolamento, entrato in vigore dal 5 marzo 2008, reca specifiche norme attuative del Decreto Legislativo n. 13 febbraio 2006 n. 118, relativo alla normativa sul cosiddetto diritto di seguito per le opere d’arte. Il diritto di seguito spetta all’autore (ed ai suoi eredi entro il sesto grado) di opere delle arti figurative e dei manoscritti in percentuale sul prezzo di vendita degli originali delle proprie opere, in occasione delle vendite successiva alla prima. Il diritto di seguito spetta anche agli autori aventi (o che hanno avuto) cittadinanza in paesi extracomunitari che hanno implementato una normativa analoga a quella di seguito descritta (condizione di reciprocità). Secondo l’art. 3 del D.lgs. n. 118 le opere alle quali si applica il diritto di seguito sono le seguenti: • gli originali delle opere delle arte figurative, quali quadri, “collages”, dipinti, disegni, incisioni, stampe, litografie, sculture, arazzi, ceramiche, opere in vetro, fotografie, nonché gli originali dei manoscritti, purché si tratti di creazioni eseguite dall’autore stesso o di esemplari considerati come opere d’arte e originali; • le copie delle opere delle arti figurative prodotte in numero limitato dall’autore stesso o sotto la sua autorità, purché numerate, firmate e debitamente autorizzate dall’autore; • le opere anonime e pseudonime che possiedono le suddette caratteristiche (art. 13 ). Le vendite, soggette al diritto di seguito, sono tutte quelle successive alla prima (effettuata direttamente dall’autore) di importo pari o superiore ad Euro 3.000,00. Ai sensi del comma 2 dell’art. 2 del D.lgs. n. 118 si intende quale vendita successiva alla prima, quando la stessa preveda l’intervento, a titolo di venditori, acquirenti o intermediari, di soggetti professionisti del mercato dell’arte, quali le case d’aste, le gallerie d’arte e in generale qualsiasi commerciante di opere d’arte. Lo stesso articolo, al comma 3, indica che il diritto di seguito non si applica nel caso in cui il venditore abbia acquistato l’opera direttamente dall’autore nei tre anni precedenti la rivendita e il prezzo stabilito per quest’ultima non sia superiore ad Euro 10.000,00. La vendita si presume effettuata oltre i tre anni dall’acquisto, salvo prova contraria fornita dal venditore. Altri casi, nei quali non si applica il diritto di seguito, sono le rivendite di opere tra privati e da privati ad istituzioni no profit aperte al pubblico. In sintesi si possono prospettare i seguenti casi di esonero: a) prezzo di rivendita inferiore ad Euro 3.000,00; b) vendita effettuata tra privati o comunque senza l’intervento di soggetti professionisti nel mercato dell’arte; c) vendite di opere acquistate direttamente dall’autore nei tre anni precedenti se il prezzo di rivendita non è superiore ad Euro 10.000,00 Il compenso spettante all’autore dell’opera d’arte è calcolato sul prezzo di vendita, al netto dell’imposta (art. 9), applicando delle percentuali differenziate a seconda dei diversi scaglioni di prezzo, così come evidenziato dalla tabella sottostante: Prezzo di vendita (in Euro) Fino a 50.000 tra 50.001 e 200.000 tra 200.001 e 350.000 tra 350.001 e 500.000 Superiore a 500.000

Percentuale da applicare 4% 3% 1% 0,5% 0,25%

L’art. 8 del D.lgs. n. 118 precisa inoltre che l’importo del compenso così calcolato non potrà mai eccedere Euro 12.500,00. Il Diritto di seguito come sopra determinato verrà trattenuto dalla Casa D’Aste dall’importo netto da corrispondere al mandante e sarà riversato alla SIAE entro 90 giorni dalla data dell’avvenuta vendita. Il Diritto di seguito è, per legge, a carico del VENDITORE, e pertanto NESSUN IMPORTO VERRA’ ADDEBITATO A TALE TITOLO ALL’ACQUIRENTE PER LE OPERE ALLO STESSO AGGIUDICATE.


SCHEDA DI OFFERTA / ABSENTEE BID FORM CON LA PRESENTE SCHEDA INTENDO PARTECIPARE ALL’ASTA / WITH THE PRESENT FORM I INTEND TO PARTECIPATE TO THE AUCTION

titolo, luogo e data dell’asta / title and auction date

Il sottoscritto / Name residente in / Address

c.a.p. / ZIP code

Stato / Country via / Street

n.

telefono / Phone

fax

documento di identità (allegare fotocopia) / identity document (attach copy)

n.

luogo e data di rilascio / Issued date Codice Fiscale / Tax payer’s code (if resident in Italy) Partita I.V.A. / VAT number LOTTO LOT N.

OFFERTA MASSIMA (IN CIFRE E LETTERE) HIGHEST BID

DESCRIZIONE DESCRIPTION

€ € € € € € € È inteso che le offerte sopra indicate andranno maggiorate per ciascun lotto del diritto d’asta del 24% sul prezzo di aggiudicazione fino € 100.000 e al 18,5% sul prezzo eccedente tale importo (IVA inclusa). Prendo atto ed accetto che Finarte Casa d’Aste riterrà valida questa offerta se perverrà per lettera o fax almeno 8 ore prima dell’inizio dell’asta; che Finarte Casa d’Aste non sarà ritenuta responsabile per le offerte innavertitamente non eseguite o per eventuali errori relativi all’esecuzione delle stesse; che non si terranno valide comunicazioni incomplete. Dichiaro di conoscere ed accettare le condizioni di vendita riportate nel presente catalogo. Dichiaro di prestare il consenso espresso ai sensi dell’art. 23 D.Lgs 30.06.2003 n. 196 alla trasmissione dei miei dati personali, dichiarando di aver ricevuto le informazioni di cui all’art. 13 D.Lgs 30.06.2003 n. 196. A buyer’s premium of 24% (including VAT) shall be added on a per lot basis to offers up to and including € 100,000.00 plus a premium of 18.5 % on any amount above € 100,000.00 (for the same lot). I hereby acknowledge that FINARTE shall accept this offer as valid if delivered by letter or fax at least seven hours prior to the beginning of the auction; that FINARTE cannot accept liability for failure to operate a written bid or for errors incurred in the execution of the above; that incomplete bids shall not be considered as valid; I hereby declare having read and understood the conditions of sale printed in this catalogue and fully accept them. I hereby confirm having received information on art. 13 of Italian Legislative Decree 30.06.2003 n. 196 on Data Protection and hereby consent to the processing, disclosure and transfer of sensitive information for the provision of auction and other related services, as required by law.

Luogo e Data / Place and Date

Firma / Signature

Dichiaro di aver attentamente letto le condizioni di vendita riportate nel presente catalogo e di avere, in particolare, accettato, ex artt. 1341 e 1342 cod. civ., le seguenti clausole: clausola n. 2 decadenza; clausola n. 5: penale; clausola n. 10: decadenza; clausola n. 13: Foro competente. I hereby declare having carefully read and fully understood the conditions of sale printed in this catalogue; in particular, I accept, for the purpose of Articles 1341 and 1342 of the Italian Civil Code, the following clauses printed in this catalogue: clause n. 2, n. 5, n. 10, n. 13.

Luogo e Data / Place and Date

Firma / Signature

Si prega di compilare e inviare via fax a: Please fill this form and send it by fax to: Semenzato Casa d’Aste

+39 041 5240544 +39 041 2750713


BLINDARTE CASA D’ASTE via Caio Duilio 4d/10 - 80125 Napoli tel. 081 2395261 fax 081 5935042 www.blindarte.com info@blindarte.com

GALLERIA PACE Piazza San Marco 1 - 20121 Milano tel. 02 6590147 fax 02 6592307 www.galleriapace.com pace@galleriapace.com

ARCHAION - BOLAFFI ASTE AMBASSADOR via Cavour 17/F - 10123 Torino tel. 011 5576300 fax 011 5620456 www.bolaffi.it aste@bolaffi.it

GALLERIA PANANTI CASA D’ASTE via Maggio 15 - 50125 Firenze tel. 055 2741011 fax 055 2741034 www.pananti.com info@pananti.com

CAMBI CASA D’ASTE Castello Mackenzie - Mura di S. Bartolomeo 16c - 16122 Genova tel. 010 8395029 fax 010 812613 www.cambiaste.com info@cambiaste.com

PANDOLFINI CASA D’ASTE Borgo degli Albizi 26 - 50122 Firenze tel. 055 2340888-9 fax 055 244343 www.pandolfini.com pandolfini@pandolfini.it

DELLA ROCCA CASA D’ASTE via della Rocca 33 - 10123 Torino tel. 011 888226 - 011 8123070 fax 011836244 www.dellarocca.net info@dellarocca.net

POLESCHI CASA D’ASTE Foro Buonaparte 68 - 20121 Milano tel. 02 89459708 fax 02 86913367 www.poleschicasadaste.com info@poleschicasadaste.com

EURANTICO Loc. Centignano snc - 01039 Vignanello VT tel. 0761 755675 fax 0761 755676 www.eurantico.com info@eurantico.com

PORRO & C. ART CONSULTING Piazza Sant’Ambrogio 10 - 20123 Milano tel. 02 72094708 fax 02 862440 www.porroartconsulting.it info@porroartconsulting.it

FARSETTIARTE viale della Repubblica (area Museo Pecci) - 59100 Prato tel. 0574 572400 fax 0574 574132 www.farsettiarte.it info@farsettiarte.it

SANT’AGOSTINO corso Tassoni 56 - 10144 Torino tel. 011 4377770 fax 011 4377577 www.santagostinoaste.it info@santagostinoaste.it

FIDESARTE ITALIA S.r.l. via Padre Giuliani 7 (angolo via Einaudi) - 30174 Mestre VE tel. 041 950354 fax 041 950539 www.fidesarte.com fidesarte@interfree.it

STADION CASA D’ASTE Riva Tommaso Gulli 10/a - 34123 Trieste tel. 040 311319 fax 040 311122 www.stadionaste.com info@stadionaste.com

FINARTE CASA D’ASTE piazzetta Bossi 4 - 20121 Milano tel. 02 863561 fax 02 867318 www.finarte.it mail@finarte.it

VENETOARTE CASA D’ASTE via XXVIII Aprile 118bis - 35047 Solesino PD tel. 0429 707224 - 0429 707203 fax 0429 770080 www.veneto-arte.it info@veneto-arte.it

MEETING ART CASA D’ASTE corso Adda 11 - 13100 Vercelli tel. 0161 2291 fax 0161 229327-8 www.meetingart.it info@meetingart.it

VON MORENBERG CASA D’ASTE via Malpaga 11 - 38100 Trento tel. 0461 263555 fax 0461 263532 www.vonmorenberg.com info@vonmorenberg.com


PROSSIME ASTE / UPCOMING AUCTIONS

Ottobre

27/28

Arte Moderna e Contemporanea Dipinti del XIX secolo Gioielli Mobili, Arredi e Dipinti Antichi VENEZIA, Palazzo Correr

Novembre

16

Dipinti Antichi MILANO, Via dei Bossi, 2

30

Dipinti del XIX secolo MILANO, Via dei Bossi, 2

4/5

Mobili, Arredi e Dipinti Antichi VENEZIA, Palazzo Correr

13/14

Argenti, Gioielli d’Epoca e Orologi MILANO, Via dei Bossi, 2

22

Arte Moderna e Contemporanea MILANO, Via dei Bossi, 2

Dicembre

Il presente calendario potrebbe subire delle variazioni / This calendar may be subject to changes

www.finarte.it

MILANO • Piazzetta Bossi, 4 - tel +39 02 863561 - fax +39 02 867318 VENEZIA • Palazzo Correr - Cannaregio, 2217 - tel +39 041 721811 - fax +39 041 5240544 ROMA • Via Margutta, 90 - tel +39 06 20190001 - fax +39 06 20190111


Direttore responsabile: Alberto Vianello

foto

stampa

Periodico quindicinale Finarte Casa d’Aste S.p.A. Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 126 del 23 marzo 1973

impaginazione Chiara Giordani Venezia Alice Pecile Venezia

confezione Legatoria Verrati Venezia

finito di stampare il 11 ottobre 2010

periodico associato all’USPI Unione Stampa Periodica Italiana

Esempi d'arte Invito al collezionismo  

Asta 1487 - Esempi d'arte Invito al collezionismo

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you