Page 1

!

Associazione Weareparky ONLUS
 Via Gramignana 1 - 01030 Vitorchianoo VT
 Codice fiscale : 90118740563 info@weareparky.org - www.weareparky.org

Sondaggio sull’efficacia della B1 nel miglioramento della qualità della vita del parkinsoniano!

!

- considerazioni preliminari sul report nr. 3 -

Buongiorno a tutti! I dati che sono stati caricati nelle ultime settimane ci consentono finalmente di fare analisi più approfondite, non definitive ma comunque molto interessanti.!

!

Il campione anagrafico! Il campione è estremamente eterogeneo, non proviene da gruppi precostituiti, hanno compilato indipendentemente in momenti e luoghi diversi. Hanno età che vanno dai 40 ai 74 con esordi da 1 a 40 anni. Sono seguiti specificatamente per l’assunzione di B1 per il 40% da medici e per il 60% in dichiarata autogestione. ! ! Questi aspetti ci fanno affermare che si tratta di un campione :! - ben assortito! - non influenzabile da fattori sociali ! - che rispecchia in pieno le statistiche note circa il Parkinson, abbiamo infatti il 67,7 di popolazione maschile ed il 32,4% femminile, sovrapponibile alla distribuzione nazionale 70/30 (Dati ISTAT 2013)!

!

Riteniamo importante segnalare una prima correlazione diretta : migliore efficacia percepita in soggetti di età più avanzata. Questo è spiegato dal fatto che nei soggetti giovani sicuramente l’apparato digerente è più efficiente che in un soggetto anziano, la B1 resa biodisponibile tramite alimentazione è scarsa nei parkinsoniani più grandi che dalla somministrazione percepiscono normalmente un beneficio più netto.!

!

Il campione (struttura fisica)! Anche in questo aspetto il campione risulta ben assortito con pesi corporei che vanno da 45 a 120Kg su altezze da 148 a 200cm!

!

Effetto placebo! Ci sentiamo di escludere una influenza dell’effetto placebo principalmente per un motivo :!

!

Tempi di assunzione oltre i 12 mesi per il 74% del campione!

!

Modalità di assunzione! Abbiamo individuato tre correlazioni dirette molto interessanti :!

!

Fiala/compressa 
 Il 92% dei soggetti che ha dichiarato assunzione per fiale (che in seguito chiameremo gruppo F1) dichiara di aver riscontrato un miglioramento della qualità della propria vita contro il 26% dei soggetti che la assumono in compresse (C1). Questo potrebbe far affermare che le fiale siano “migliori” delle compresse ma abbiamo scoperto una correlazione di secondo livello altrettanto importante : il sottoinsieme F1 ha delle caratteristiche comuni : mangia minimo 3 volte al giorno, mangia regolarmente frutta, verdura, zuccheri, non consuma alcool, poco caffè, poca carne e latticini, il 31% assumono integratori. Quindi direi che gli F1 sono più motivati e virtuosi adottando uno stile di alimentazione e probabilmente di vita che porta vantaggi a livello sistemico. I C1 sembrano essere meno motivati e meno attenti all’alimentazione. In generale 


Valutazioni preliminari (iii)  

Sondaggio sull’efficacia della B1 nel miglioramento della qualità della vita del parkinsoniano - considerazioni preliminari sul report nr. 3...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you