Page 1

we are

POSTE ITALIANE SPA SPED. IN ABB. POSTALE D.L.353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) art. 1 comma 1 - dcb NO/NO

Lug-Ago 10/2021

access equipment

el cantiere ella alleria i sicure a el Tra oro el r us lavorano ue telescopici Rotativi Merlo ella Manelli mpresa rl acquistati alla eRent Macchine in ispensa ili per la loro prover iale e ficien a

#THE.COVER

Indispensabili in cantiere (@Merlo)

TUTTO QUELLO CHE VALE LA PENA SAPERE SUL SOLLEVAMENTO E I TRASPORTI ECCEZIONALI


ai162627232421_pag TC13_A4_ita_ago-sett21.pdf 1 14/07/2021 16:18:47

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K


1 98 1 -2021

ANNIVERSARY

WAKE UP! G E T B AC K TO REALITY D re a m s a re n o t re e l , i t c a n b e re a l .

Management system certified in accordance with the requirements of ISO 9001 - ISO 14001 - OHSAS 18001

DEMAC S.R.L. | MAGENTA (MI) - ITALY | +39 02 9784488 | INFO@DEMAC.IT | WWW.DEMAC.IT


#The. Cover @M E R L O

Polivalenza, autonomia operativa e flessibilità di utilizzo sono i valori messi in campo da Merlo con la sua gamma Rotativi in grado di passare dalla movimentazione con le forche al sollevamento di persone con navicella Outline Stroke

Outline Stroke

DI LAURA MOLE PIANE

4

we are

access equipment

Fill Shape

Fill Shape

DI MERLO


N ata ufficialmente nel

sociale,

con l’attuale ragione

anelli mpresa rl affonda le proprie

radici nel 1973, anno in cui Vito Manelli diede origine alla propria ditta individuale nel settore delle costruzioni edili. Una realtà che ha basato la propria crescita su una continua ricerca della qualità e un lavoro costante e puntuale. Elementi che il figlio nofrio ha fatto propri, proseguendo l’attività di famiglia con la nofrio

anelli,

fondata nel 1997, il cui obiettivo aziendale era chiaro: distinguersi dai competitor grazie a innovazione, elevato livello qualitativo e valore aggiunto dato da una struttura tecnica preparata ai cambiamenti del mercato.

Dal 2000 el

avviene il cambio di ragione sociale, Manelli Impresa Srl possiede

fondamentale per gestire una crescita costante

sia opere pubbliche. La complessità del mercato

nel tempo. ’ac uisizione di commesse sempre

e la rispondenza alle nuove normative in tema

più complesse, e in campi fra loro complementari,

di acquisizione degli appalti pubblici porta alla

porta l’azienda a strutturarsi in modo articolato,

fondazione, nel 2016, di Aicom Srl, società di

sia da un punto di vista organizzativo, sia

ingegneria attiva in diversi campi. Dalle proprie

gestionale. Nel 2015 viene fondata una succursale

sedi di Valdarno, Roma, Milano e Lecce, Aicom

in omania per supportare l’attività aziendale

si occupa di progettazione architettonica e

in un mercato diventato importante e che

strutturale, restauro architettonico, progettazione

comprende sia lavori per committenti privati,

di strutture militari, sanitarie e della sicurezza

Sicurezza innanzitutto

La sicurezza è da sempre il primo e più importante obiettivo per Merlo. Un mantra che Amilcare Merlo ha sempre propugnato fin dalle ri e acc ine progettate e costruite pensando e dialogando con gli addetti ai lavori. A partire dalla semplicità di manovra data dai movimenti co leta ente idraulici

trasla ione inclusa er arri are oggi ai sistemi di sicurezza sempre più evoluti e perfezionati. l siste a di sicure a Adaptive Stability Control ste agisce in odo dina ico in base alla stabilizzazione effetti a della acc ina al carico che si sta sollevando e alla posizione di braccio e

torretta. Questo permette di sa ere in antici o gra ie all a io dis la uali saranno i o i enti ossibili e nel caso riposizionarsi immediatamente per riuscire a compiere le operazioni programmate per il sollevamento. L’arresto dei o i enti uando si arri a nella zona rischiosa avviene

14 sollevatori telescopici erlo la gran arte dei

uali unità della ga

a

Rotativi. Macchine che si

sono rivelate indispensabili nei cantieri grazie alla

polivalenza e alla capacità di saper svolgere compiti

diversi e integrati fra loro

in modo graduale e lento in modo da evitare sbilanciamenti dovuti a eventuali oscillazioni del carico. La possibilità di operare con gli stabilizzatori estesi e leggermente sollevati o semplicemente su ruote permette di aumentare la polivalenza e la velocità di manovra in molti contesti. we are

access equipment

5


#The. Cover

R T

ati tecnici

DIMENSIONI Lunghezza totale mm Interasse mm Luce libera da terra mm Larghezza mm Larghezza con stabilizzatori mm Larghezza cabina mm Altezza mm Raggio di sterzata ruote mm Raggio di sterzata punta forche mm

@M E R L O

6.030 2.860 290 2.240 3.750 1.010 2.980 4.000 5.750

PRESTAZIONI Massa a vuoto kg 13.600 Portata massima kg 4.000 Altezza massima sollevamento m 17,70 Sbraccio massimo m 15,00 Altezza di sollevamento alla massima portata m 11,70 Sbraccio alla massima portata m 5,50 Portata alla massima altezza di sollevamento kg 3.000 Portata al massimo sbraccio kg 400 Rotazione torretta ° 415° Livellamento del telaio (long/lat) ° +-12 / +-4

I telescopici rotativi Merlo

infrastrutturale. Il Gruppo Manelli si amplia

sono ormai parte integrante

ulteriormente con la nascita, nel

dei numerosi cantieri di anelli

resa rl utili ati

dal semplice carico e scarico dei

e i di tras orto fino

ai getti in calcestruzzo passando per l’uso come gru o piattaforme di lavoro elevabili

, di oman

Srl, impresa specializzata nella costruzione e manutenzione di strade, autostrade e piste aeroportuali. nche in uesto caso l’attenta analisi di nofrio

anelli ha messo a fuoco

come la complessità attuale del mercato

CARATTERISTICHE otore tage FPT F36 Cilindrata/cilindri 3,6 / 4 oten a assi a 90/122 elocità assi a 40 Impianto idraulico Idraulica LS+FS Portata/Pressione l/min – bar 103,5 / 250 Allestimento cabina PREMIUM ASCS (Adaptive Stability Vers.con displ. da 10,1” Control System) Comandi cabina Joystick Merlo capacitivo Sistema EPD (Eco Power Drive) Standard

richieda competenze specialistiche in grado di affrontare le richieste di una committenza

una prospettiva di crescita a fine

evoluta e preparata. l

commesse già acquisite, di circa 130 milioni. Il

segna anche la

nascita di Vivia Bari Srl, società del Gruppo anelli che ha come oggetto la ri ualificazione

, grazie a

campo d’azione del Gruppo, grazie alla capacità organizzativa e produttiva sviluppata negli anni,

di un’area residenziale con la progettazione

ha permesso uno sviluppo aziendale organico

e costruzione di edifici ecocompatibili ad alto

ed e uilibrato. a diversificazione dei lavori e

valore aggiunto. nofrio

della relativa committenza ha, infatti, consentito

anelli ricorda sempre

che “pazienza, perseveranza e duro lavoro sono

di non essere dipendenti dal solo filone delle

la chiave del nostro successo”. Un motto che

costruzioni classicamente intese, ma di spaziare in

è alla base della continua crescita aziendale

ambiti, come l’oil gas o le infrastrutture di rete,

e che ha permesso di arrivare, nel 2020, a un

che consentono un’operatività maggiormente

fatturato consolidato di 50 milioni di euro con

programmabile.

#La realtà Werent arlare di e ent significa arlare del ru o arraffa e in articolare del suo fondatore Michele Marraffa. Imprenditore a tutto tondo ic ele a costruito un’azienda fra le più reputate e stimate nel campo dei trasporti ecce ionali c e a il cuore della ro ria filosofia su tre se lici concetti rofessionalità puntualità ed elevato livello ualitati o. e ent costola del Gruppo nata per occuparsi di noleggio e vendita di macchine

6

we are

access equipment

o eratrici er il solle a ento e eicoli co erciali e industriali è divenuta una presenza costante in buona parte d’Italia. Dalle sedi di artina ranca ari ene ia a enna aranto e an iorgio di ogaro e ent è in grado di essere vicina ai propri clienti con officine ualificate e con un servizio di noleggio che vede i sollevatori telescopici Merlo in prima linea. Michele Marraffa lavora con Merlo da oltre 20 anni. Un rapporto

iniziato nei cantieri aziendali e che si è presto trasferito nel noleggio di cui il ru o è stato un assoluto precursore nel sud Italia. “Ho iniziato a lavorare in prima persona nel settore del sollevamento all’interno degli stabilimenti Miroglio di Ginosa e Castellaneta” ci racconta Marraffa “e mi sono reso subito conto che l’evoluzione normativa avrebbe portato verso un utilizzo del noleggio in uesto s ecifico settore. La complessità dei

controlli e le richieste in tema di sicurezza sul lavoro portarono presto verso una specializzazione del settore”. Una visione che ort alla nascita di en a ud. ecisi di fondare uest a ienda con una partecipazione al 65% del Gruppo Marraffa e al 35% di en a . e olu ione del mercato e la volontà di essere autonomi portarono alla nascita di WeRent. Il nostro campo d’azione era inizialmente limitato a uglia asilicata e alabria.


I PUNTI FORTI DEI ROTATIVI MERLO EFFICIENZA La traslazione gestita elettronicamente con l’EPD e il joystick esclusivo Merlo permettono di ottimizzare le manovre in ogni condi ione o erati a sfruttando al assi o sia le caratteristic e dei ro ulsori del . e del . lus sia la conformazione con torretta girevole che permette un impiego sia co e gru c e co e classico telesco ico fisso.

COMFORT Per Merlo l’operatore è sempre al centro dell atten ione sia er le solu ioni ergono ic e sia er la se licità di guida gra ie alla gestione completamente idraulica di tutta la macchina. La cabina con il nuovo bracciolo ergonomico che integra il joystick esclusivo Merlo permette di ridurre lo stress e di rendere più semplici le manovre di piazzamento grazie alla stabilizzazione automatica.

PRESTAZIONI La gamma Rotativi di Merlo è un punto di riferimento con diagrammi di sollevamento che si collocano al ertice del ercato er uanto riguarda la portata utile alle massime altezze e ai massimi sbracci. La possibilità di correggere l’inclinazione laterale del 12% e frontale del 4% risulta fondamentale non solo per la sicurezza ma anche per la produttività in contesti o erati i difficili.

SICUREZZA Il sistema ASCS permette la gestione automatica del carico in odo sicuro e dina ico. ul dis la da è ossibile visualizzare tutti i parametri di funzionamento in tempo reale sapendo in anticipo le possibili manovre in base al carico effetti o. a cabina confor e alle nor ati e i ello e unta su ergono ia isibilità e sull inclina ione di disponibile nelle versioni Plus.

Macchine ad hoc per lavori importanti a filosofia perseguita nella crescita di

anelli

mpresa rl si ri ette anche nella scelta dei mezzi operativi con i quali realizza le varie commesse. Sempre alla ricerca di autonomia operativa, efficienza e polivalenza, l’azienda negli anni ha acquistato e utilizzato nei propri cantieri un numero sempre maggiore di sollevatori telescopici. antieri che spaziano dall’edilizia residenziale a

galleria e i nuovi edifici in cui troveranno

quella infrastrutturale passando per restauri, reti

spazio i fondamentali servizi di sicurezza e

distributive e progettazione. E dove trovano spazio

manutenzione, insieme alle centrali di areazione

14 sollevatori telescopici Merlo in cui i modelli

dell’infrastruttura. ui operano, in particolare, due

Rotativi svolgono la parte del leone.

erlo della gamma otativi un

.

e un 50.21S Plus.

Il cantiere del Fréjus i posiziona all’interno di uesta filosofia

Macchine indispensabili

anche il cantiere della galleria di sicurezza del

ntrambi caratterizzati da motori

Traforo Autostradale del Fréjus: un cantiere

tage

impegnativo che prevede opere di contenimento e consolidamento, i bastioni di imbocco della

Con lo sviluppo sia del mercato del noleggio c e del ca o d’azione del Gruppo Marraffa nei tras orti ecce ionali ci siamo successivamente espansi anc e nel nord talia con una resen a ualificata a a enna e an iorgio di ogaro unti strategici per le trasformazioni portuali legate allo sviluppo della logistica. asia o la nostra atti ità su ost endita formazione professionale rivolta alle imprese e tecnici

da per il

per il .

.

e il

, con l’ tage

da

lus. a trasmissione idrostatica

è governata dal collaudato e apprezzato sistema

di officina ualificati. el caso del post vendita abbiamo un magazzino ricambi che ci permette un pronto intervento efficiente. i tratta di un in esti ento i ortante c e er è a ia ente ri agato dalla fiducia nei nostri confronti come nel caso di Manelli Impresa rl c e da noi a ac uistato 14 sollevatori telescopici erlo. l ra orto di fiducia è infatti fonda entale e si basa su un aspetto importante:

sa ia o bene uanto ossa essere problematico un fermo acc ina. uindi ci ettia o nei panni dei nostri clienti capendo perfettamente le loro esigenze”.

Michele Marraffa, quarto da sinistra, con la squadra Werent ha creato un gruppo affiatato che punta a qualità, professionalità e competenza we are

access equipment

7


#The. Cover

R T

@M E R L O

Alla base della filosofia di Manelli Impresa Srl e, più in generale, di tutto il Gruppo Manelli, c’è un approccio altamente tecnico e specializzato, per operare al meglio in settori ad alto valore aggiunto. EPD Eco Power Drive che regola motore e impianto idraulico con un occhio rivolto all’efficienza di consumi e prestazioni. La velocità su strada è di 40 km/h permettendo rapidi trasferimenti da un cantiere all’altro. a gestione automatica della coppia consente di ottimizzare gli spostamenti e affrontare pendenze impegnative, come uelle del cantiere di Bardonecchia, senza nessun problema. a cabina

e

ivello

della gamma

Rotativi si distingue per il bracciolo multifunzione con l’esclusivo o stic e con i comandi della stabilizzazione raggruppati in modo intuitivo sulla destra, nonché per un centro di controllo semplice, integrato con il sistema di sicurezza

daptive

I sollevatori telescopici Merlo sono nel DNA di Werent con un rapporto di collaborazione che dura da vent’anni in modo continuativo

lus ati tecnici

DIMENSIONI Lunghezza totale mm Interasse mm Luce libera da terra mm Larghezza mm Larghezza con stabilizzatori mm Larghezza cabina mm Altezza mm Raggio di sterzata ruote mm Raggio di sterzata punta forche mm

6.830 3.070 370 2.430 5.010 1.010 3.120 3.850 6.100

PRESTAZIONI Massa a vuoto kg 16.500 Portata massima kg 4.950 Altezza massima sollevamento m 1,00 Sbraccio massimo m 17,90 Altezza di sollevamento alla massima portata m 10,70 Sbraccio alla massima portata m 7,00 Portata alla massima altezza di sollevamento kg 2.500 Portata al massimo sbraccio kg 800 Rotazione torretta ° continua Livellamento del telaio (long/lat) ° +-12 / +-4 CARATTERISTICHE Motore Stage V FPT N45 Cilindrata/cilindri 4,5 / 4 oten a assi a 125/170 elocità assi a 40 Impianto idraulico Idraulica 2LS+FS Portata/Pressione l/min – bar 138+100 / 250-230 Allestimento cabina PREMIUM ASCS (Adaptive Stability Vers. con displ. da 10,1” Control System) Comandi cabina Joystick Merlo auto accel. Sistema EPD (Eco Power Drive) Standard lavorando in quota. La stabilizzazione della nuova gamma Rotativi ha aggiunto delle funzionalità. l

.

dispone di uattro stabilizzatori

on off mentre il fratello maggiore dispone dei multi posizione . lla base c’ lo stesso sistema di gestione e controllo che permette di lavorare solo su pneumatici, di stabilizzare in automatico e di operare anche in movimento con gli stabilizzatori leggermente alzati. Una prerogativa che aumenta la essibilità e la produttività diminuendo i tempi di manovra. È inoltre possibile correggere l’inclinazione laterale del

e frontale del

caratteristica fondamentale in un cantiere con questi dislivelli interni.

tabilit

ontrol

stem che fornisce indicazioni

chiare mentre si lavora. La visibilità è uno dei punti ualificanti di ueste macchine. e operazioni di sollevamento si controllano tramite il displa elettronico che evidenzia in modo immediato l’operatività. utti i movimenti sono gestiti con la mano destra lasciando la sinistra libera di agire sul volante.

el

.

lus la cabina

dotata

di inclinazione di 20° che agevola la visibilità

8

we are

access equipment

,


Idrogru_PaginaITA-V2.pdf

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

2

04/02/20

14:53


# L E T ’ S S TA R T

(EMANUELA PIROLA • CRISTIANO PINOTTI)

Di storie, romanzi e film distopici ne potrei citare a bizzeffe. Ma si tratta di opere di fantasia, la cui ipotetica realtà è, a mio avviso, lontana dall’avverarsi. Per quanto la nostra non sia una democrazia perfetta, ritengo sia molto improbabile che degeneri in una sorta di tirannia, per quanto a fin di bene.

Il 6 luglio il Parlamento europeo ha approvato (un po’ troppo in fretta, a mio avviso) un regolamento decisamente controverso denominato Chatcontrol, che consente alle piattaforme digitali che offrono un servizio di messaggistica di controllare le chat private degli utenti. Si tratta di un regolamento di emergenza la cui scadenza è fissata a tre anni, e ha come obiettivo quello di trovare e segnalare materiale pedopornografico e tentativi di adescamento di minori. Nonostante lo scopo sia nobile, Chatcontrol stimola delle riflessioni importanti. In sostanza, il punto è capire quanta importanza diamo ad alcuni diritti, ad alcuni crimini, e quanto siamo disposti a cedere sui primi per reprimere o prevenire i secondi. Senza finire in paranoie da complottismo, Chatcontrol potrebbe essere un primo avvallo legislativo verso l’ipersorveglianza di Stato. Va anche detto, però, che già ci sottoponiamo a un’ipersorveglianza volontaria: nessuno, infatti, ci ha obbligato ad avere profili social, Telepass, EasyPark, conto corrente on line, tessere fedeltà di centinaia di negozi, ad acquistare su Amazon, ad avere una carta di credito. E potrei andare avanti per ore. La differenza? Sottile, ma c’è: Chatcontrol porta la sorveglianza nella nostra vita privata, e non più in quella pubblica. Molti diranno: se è per il bene dei bambini, mi sta bene. E potrei dirlo anch’io. E mi potrebbe stare bene anche per controllare il terrorismo, la violenza, la malavita organizzata. Quello che mi spaventa sono i possibili usi di Chatcontrol in malafede (da qui il titolo), e il fatto che la sua approvazione “faccia a botte”con alcuni principi chiave della UE. Ma andiamo oltre: se Chatcontrol permette alle piattaforme digitali di controllare quelle famose chat protette da crittografia end-toend, che impedisce che le stesse piattaforme di messaggistica possano conoscere i contenuti delle chat, c’è qualcosa che non mi torna, a rigor di logica. Quindi queste piattaforme hackerano la propria app per il bene dell’umanità? E chi mi garantisce la loro neutralità? O la loro infallibilità? Mi sembra che i confini di questo dibattito siano molto labili. Ma la base del problema è in questa domanda: quanta riservatezza siamo disposti a barattare per sentirci più sicuri da pedofili, terroristi e altri criminali?

(showcase/we-are-access-equipment)

10

we are

access equipment

È il problema di sempre: chi controlla che i giudici operino nel rispetto della giustizia? E i Carabinieri? O la Polizia? O gli stessi politici? Insomma, serve sempre un sistema che ne controlli un altro, in una sorta di circolo virtuoso. Certo, tutti i sistemi sono fatti di persone, quindi fallaci. Ma in linea di massima, mi sembra che le cose così come sono state impostate dai Padri fondatori stiano tutto sommato funzionando bene. Non perfettamente, ma bene.


#SOMMARIO

we are

access equipment

Lug./Ago. numero 10 / 2021 DIRETTORE RESPONSABILE Emanuela Pirola e.pirola@orsamaggioreint.com ART DIRECTOR Daniela Francescon daniela.francescon@gmail.com

28

@M A N I T O U

#The.Cover

#Great.Machine.Working

04

12

@MERLO Indispensabili in cantiere

#Technical.Notes

18 38 46 62

@BAOLI La sintesi della perfezione

@BKT La nuova dimensione di BKT

@LINDE MH Carrelli a energia verde

@JMG Nuova, girevole, perfetta

#Company.Voices

16 44 54 59

@CTE Finalmente!!!

@AUTEC Ricerca&Sviluppo=Autec

@JLG Molto più di un trabattello

@MP FILTRI niverso filtri

#(R)Evolution

28

@Manitou One step ahead (and more)

20 24 34 40 56

@HAULOTTE Un mix di successo

@ TADANO Demag? Piace

@PALAZZANI La loro casa è il Mondo

@ ELEVO-KILOUTOU Suggestione nel trevigiano

@MAGNI TH Il cantiere virtuoso

@MANITOWOC POTAIN Un nuovo quartiere per Salerno

@INDAGINE BAUMA 2022 Buon viso a cattivo gioco

#Rubriche

10 LET’S START 27/33/37/39/43/55 DO.YOU.KNOW?

66

FOTOGRAFIA Archivio di Orsa Maggiore International S.r.l. UFFICIO TRAFFICO Lucia Gatti l.gatti@orsamaggioreint.com PUBBLICITÀ E MARKETING Tel. 02 91948417 EDITORE Orsa Maggiore International Srl

#The.Zoom

48

COLLABORATORI Renata Bernardini, Claudio Guastoni (c.guastoni@orsamaggioreint.com), Maurizio Gussoni, Cristiano Pinotti (c.pinotti@orsamaggioreint.com).

IL TORTELLINO Ma anche no. O forse si

SEDE LEGALE Via Marconi 4/b, 20062 Vaprio d’Adda (MI) - Italia DIREZIONE E REDAZIONE Via Silvio Pellico 10/35, 20867 Caponago, MB Tel. 02 91948417 www.we-are-access-equipment.com PRE-STAMPA E STAMPA Press Grafica, Gravellona Toce (VB) REGISTRAZIONI Tribunale di Milano, N° 131 del 06/06/2019. Camera Commercio di Milano, R.I. N.O 06405990968 del 16/03/2009 Registro operatori di comunicazione N.O 30915 dal 16/01/2018

COMUNICAZIONE AGLI ABBONATI

Art. 10 Legge 675/96. I dati personali contenuti negli archivi della casa editrice “Orsa Maggiore International” sono utilizzati solo dalla casa editrice e solo per perfezionare gli obblighi derivanti dagli abbonamenti. Tutti gli abbonati possono chiedere in qualsiasi momento l’aggiornamento o la cancellazione dei propri dati. Responsabile: Emanuela Pirola Testi e foto a riproduzione vietata senza consenso della casa editrice. Legge 1396/42, art. 7, Reg. 18

© COPYRIGHT 2021


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @H A U L O T T E

Un mix di successo Specializzata nel noleggio di macchine e attrezzature per cantieri e industria, Edilnoleggi offre una flotta competitiva che include piattaforme di lavoro aereo Haulotte

F

ondata nel 1999 in seguito

portale www.edilnoleggi.it

termine del noleggio”. Riguardo le

all’esperienza maturata

compilando un semplice modulo o

macchine disponibili al noleggio

nel settore commerciale

contattando i nostri commerciali

e all’intuito delle enormi

via mail o telefonicamente”

potenzialità del noleggio di

precisa Menichini. “Inoltre ci

macchine operatrici come valida

si può avvalere del servizio di

alternativa alla vendita, Edilnoleggi

trasporto, facendosi consegnare

si è sviluppata nel tempo grazie

le macchine direttamente sul

anche a preziosi e proficui accordi

luogo di lavoro e ritirare al

commerciali raggiunti con alcune delle migliori aziende produttrici mondiali, tra cui Haulotte. Una solida struttura Dopo aver descritto le principali tappe imprenditoriali, il fondatore e Amministratore Unico di Edilnoleggi S.p.A. Pasquale Menichini ci ha fatto conoscere meglio l’organizzazione tecnica e commerciale di questa azienda, che ha la sede operativa in Campania, nel comune di Casalnuovo di Napoli, poco distante dai caselli di Napoli Nord sull’A1 e di Napoli Est sull’A16, in un comprensorio che si estende su una superficie complessiva di circa 22.000 metri quadrati. “Le macchine possono essere noleggiate tramite il nostro

12

we are

access equipment

L’assistenza Haulotte supporta e affianca dilnoleggi nella manutenzione delle acc ine diretta ente in officina

e la suddivisione per tipologia della otta, va evidenziato che Edilnoleggi noleggia in tutta Italia, mettendo a disposizione dei propri clienti un parco macchine che si compone di circa 450 unità, alle quali si aggiungono accessori e


attrezzature. Le aziende potranno

rapportate al giro d’affari globale

trovare le giuste soluzioni tra

dell’azienda, Menichini sottolinea

sollevatori telescopici, piattaforme

che il “peso” si distribuisce

aeree, macchine movimento terra

abbastanza equamente tra l’edilizia

e gruppi elettrogeni, per affrontare

(40%) e l’industria (40%), mentre

al meglio qualsiasi lavoro. Ma non

il restante 20% è generato dal

è tutto: da alcuni anni Edilnoleggi

segmento dei servizi. E tra i

sta integrando i veicoli municipali,

settori particolarmente dinamici,

e a breve l’azienda darà il via anche

attualmente tra i più interessanti

al noleggio delle autovetture. Sulle

c’è il settore dell’ecologia e dei

percentuali di Edilizia e Industria

servizi ambientali in genere.

Squadra che vince non si ca bia

A

ll interno dell offerta della otta noleggio di dilnoleggi le acc ina aulotte si sono ritagliate sicura ente un osto d onore. er uanto riguarda le iattafor e aeree la otta di dilnoleggi è co osta unica ente da acc ine aulotte. a ienda è infatti in grado di offrire uasi l intera ga a dis onibile er il noleggio e er a ere una otta se re affidabile sostituisce le acc ine con estre a regolarità nel giro di ualc e anno. l nostro ra orto con aulotte è or ai consolidato da anni ci tiene a recisare enic ini. a scelta di aulotte è scaturita da un attenta ricerca di ercato e un analisi a rofondita sulle o ortunità e sulle roble atic e

connesse al settore. nfatti con una asta ga a di rodotti e solu ioni assoluta ente co etiti i in grado di soddisfare le ric ieste della nostra clientela e un assisten a c e ci su orta e ci affianca nella anuten ione delle acc ine diretta ente nella nostra officina è sen a dubbio il artner c e i si adatta al nostro la oro . a asta scelta di rodotti aulotte assoluta ente co etiti i è in grado di soddisfare se re le ric ieste della clientela con la solu ione i adatta. noltre aggiunge enic ini il recente s ilu o di iattafor e articolate co leta ente elettric e anc e er esterni lo tro o olto interessante enso c e il futuro sia elettrico .

Non solo assistenza L’assistenza tecnica è essenziale nel noleggio di macchine, e anche in questo, Edilnoleggi offre un’organizzazione al top. ’azienda offre elevate competenze grazie a un personale altamente ualificato composto da meccanici, idraulici, elettronici, saldatori e verniciatori. ’officina di oltre 2.500 metri quadrati dispone delle più avanzate attrezzature tra cui carroponte, torni, frese alesatrici, trapani radiali, frese, calandre, saldatrici e cabina di verniciatura. “Per l’efficienza delle nostre macchine, e quindi del servizio” ricorda Menichini “ci avvaliamo delle fficine

obili che offrono un

tempestivo ed efficiente servizio a domicilio, reso entro

dalla

chiamata. E abbiamo messo a punto diversi tipi di profili assistenziali compatibili con le diverse esigenze dei clienti. Inoltre, il settore ricambi è da sempre il punto di forza della nostra attività, ed Haulotte, grazie all’ampia disponibilità di ricambi we are

access equipment

13


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @H A U L O T T E

originali in pronta consegna e

attraverso una parte teorica,

alla collaborazione diretta, ci

durante la quale vengono

permette di evadere gli ordini

affrontati aspetti normativi,

con la massima celerità, nella

tecnici e di comportamento,

maggior parte dei casi entro 24

ed una pratica, con l’obiettivo

ore”. Ma l’azienda non si limita

di fornire ai partecipanti

all’assistenza tecnica, e svolge

adeguata e specifica formazione

anche attività di formazione

e addestramento all’utilizzo

ma ricche di risorse ed energie

grazie a un Centro formativo

in sicurezza delle macchine

che stanno per essere liberate.

attivo dal 2009. Lo scopo

operatrici.

Pertanto i nostri maggiori sforzi

primario

di offrire ai clienti

ell a bito delle piattaforme aeree la otta di dilnoleggi è co osta esclusi a ente da acc ine aulotte

difficoltà portando avanti il lavoro con impegno chiudendo l’anno in attivo. “Oggi, l’immagine è quella di un’economia e una società compresse” conclude Menichini “e non potrebbe essere altrimenti dopo quindici mesi di epidemia,

saranno proiettati per il 2022,

la possibilità di seguire corsi di

Il futuro di Edilnoleggi

l’anno della ripresa. Andrà tutto

formazione professionale per

Nel 2020 la pandemia ha provocato

bene, siamo molto fiduciosi .

conduttori di macchine operatrici,

nell’economia italiana una

macchine agricole, apparecchi

grossa crisi, e in particolare un

e mezzi di sollevamento. I corsi

rallentamento delle attività di

Edilnoleggi

sono progettati e realizzati per

noleggio. Ma poiché Edilnoleggi

Via Ascalesi, 30

rispondere agli elevati standard di

offre un servizio importante, non

80013 Casalnuovo di Napoli (Na)

sicurezza europei, sono in perfetta

poteva permettersi di fermarsi, ha

Tel.: 081 522 1310

sintonia con quanto richiesto dagli

resistito alla grande, ed è stata in

www.edilnoleggi.it

obblighi legislativi e si sviluppano

grado di superare egregiamente le

info@edilnoleggi.it

Edilnoleggi, in bre e

a oltre ent anni dilnoleggi o era nel settore del noleggio di acc ine e attre ature er la cantieristica e l industria ris ondendo ad ogni esigen a in ogni settore con una otta di oltre acc ine in ronta consegna. n offerta affidabile e untuale c e ede tra i suoi unti di for a le iattafor e di la oro aereo aulotte. ra ie al suo esteso no o l a ienda si è nel te o e oluta in sinergia con i uta enti del ercato e delle esigen e dei clienti e dalla sede ca ana oggi è atti a su tutto il territorio italiano.

14

we are

access equipment


www.jmgcranes.com


# C o m p a n y . Vo i c e s / @C T E

Finalmente!!!

Foto di gruppo scattata durante l’evento dedicato alla stampa italiana, davanti alla nuova CTE MP24C

Una splendida giornata in CTE. Finalmente siamo tornati a visitare la sede di un costruttore: l’occasione perfetta per comprendere come lavora CTE e sbirciare i nuovi prodotti che saranno protagonisti al GIS

I

l Covid non è riuscito a rovinare il compleanno di CTE. La società, che proprio nel 2021 ha festeggiato i suoi 40 anni di attività, lo scorso giugno ha riaperto le porte (in piena sicurezza) alla stampa italiana con un evento decisamente ben riuscito e che ha saputo coniugare molteplici aspetti. Oltre all’incontro con il management dell’azienda (erano presenti il Presidente Giampaolo Piovan, il Vice Presidente Esecutivo Lorenzo Cipriani, il Direttore Commerciale arco Govoni e l’ufficio ar eting CTE), l’evento è stato arricchito dalla visita ai reparti produttivi e dalla presentazione di alcuni nuovi prodotti: la CTE MP24C e il Traccess 270. L’incontro si è svolto presso la sede di Rivoli Veronese, unità produttiva adibita all’assemblaggio delle piattaforme fino a m. CTE oggi Attualmente CTE può contare su 120 addetti che generano un fatturato di circa 50 milioni di euro, equamente distribuito sull’Italia e sui mercati internazionali.

16

we are

access equipment

La società, oltre al quartier generale di Rovereto, può contare sullo stabilimento di Rivoli Veronese e sul sito di ffi, dove posto il Service; mentre il mercato britannico è seguito da CTE UK Limited. “Il processo produttivo”, ci spiega Marco Govoni, “si avvale di un net or di subfornitori, tutti limitrofi all’azienda, che si occupano di taglio e piega lamiera, saldatura, verniciatura e, in alcuni casi, anche di pre-assemblaggio. Lo stabilimento di Rivoli ha due linee di assemblaggio - una veloce per le macchine standard e una seconda dedicata alle macchine più particolari - che generano un output di un migliaio di macchine all’anno. La gamma si compone della linea B-Lift di piattaforme telescopiche da a m, della ed che la linea articolata che va da a m, della linea raccess che va da a m, dei modelli igh ange da a m, e si conclude con i trasportatori su scala Piano Plan. CTE è inoltre distributrice dei prodotti Genie, fatta eccezione per i sollevatori telescopici”.


Da sinistra: il Presidente Giampaolo Piovan, il Direttore Commerciale arco o oni e il ice residente secuti o oren o i riani

In produzione L’ing. Roberto Berritta, CTE Technical Product and Innovation Manager, ci ha guidati alla scoperta dell’unità produttiva di Rivoli Veronese, dove non solo avviene l’assemblaggio delle macchine, ma anche il collaudo di stabilità strutturale e funzionale. A Rivoli c’è anche la CTE Accademy che si occupa della formazione dei centri assistenza e degli operatori. n uesto modo , afferma Berritta, “ci assicuriamo che la costumer experience non sia legata solo al prodotto, ma che il prodotto sia CTE. Quando un cliente acquista CTE acquista anche una competenza, un servizio, un’assistenza, un’esperienza che deve essere la migliore e la più sicura possibile. Del resto CTE è anche centro di formazione IPAF, quindi la sicurezza è una conditio sine qua non del nostro lavoro”.

Alessandra Mainini e Sara Bassetti, responsabili marketing di CTE

CTE partner Kiloutou

Il mercato sta girando a mille e un gruppo importante quale Kiloutou (presente in Francia, Italia, Spagna, Germania e Polonia con filiali a deciso di a liare la ro ria otta con iattafor e aeree autocarrate articolate CTE ZED da 20 a 25 su t er le sue filiali italiane le o ofiloc e ticar. ote ole la soddisfa ione di Giuseppe Maniero, senior area manager c e a seguito le o era ioni commerciali per l’Italia: “siamo articolar ente soddisfatti di questa vendita e orgogliosi del fatto c e la scelta fra i aggiori roduttori di iattafor e autocarrate sia stata fatta su

I nuovi modelli La visita ci ha permesso di vedere in anteprima due nuovissimi modelli: la CTE MP24C e il Traccess 270. La prima è un’unità Multipurpose da 24 m, dove la C della sua denominazione ufficiale identifica la particolare compattezza della piattaforma. Le performance, che parlano di un’altezza di lavoro di 24 m, uno sbraccio di 14 m e una portata di g, si accompagnano

. ltre al la oro c e è stato fatto in uesti anni con le o e ofiloc si è aggiunta a raffor are il ra orto ticar la consorella del gru o. ella c iusura della trattati a è stata decisi a la scelta di avere un prodotto sempre all’avanguardia, garan ia di sicure a e se lice da usare ele enti fonda entali er soddisfare i clienti del noleggio . ulla stessa linea

infatti a una lunghezza sotto i , m, a una larghezza inferiore ai 2,1 m e a un’altezza di 2,8 m. Il Traccess 270 va invece a incrementare le performance dei ragni CTE. Questo modello infatti assicura 27 m di altezza di lavoro a fronte di uno sbraccio da e una portata da g. ato come evoluzione del modello raccess , presenta non poche innovazioni, tra le quali spicca la , la pi avanzata tecnologia per il sistema di gestione in tempo reale delle prestazioni delle piattaforme aeree e che permette di posizionare ogni singolo stabilizzatore in una diversa posizione. Ma non vogliamo dirvi di più. Perché i nuovi modelli saranno oggetto di approfondimento sul prossimo numero.

Marco Govoni, Direttore Commerciale CTE, c e aggiunge sia o fornitori accreditati da iloutou da arecc i anni e nella otta dell’importante noleggiatore in Francia ossia o contare sia autocarrate c e ragni. Questa importante discesa in campo da arte di iloutou nel territorio italiano ci a dato l’opportunità di consolidare rapporti esistenti e crearne dei nuo i .

we are

access equipment

17


# Te c h n i c a l . N o t e s / @B A O L I

S

La sintesi della perfezione Compatti, ergonomici e performanti, i nuovi carrelli elettrici KBE 20/25N sono anche belli da vedere

ono arrivati i nuovi frontali

sicurezza dell’operatore durante il

parte dell’energia di frenata che

elettrici KBE 20/25N,

cambio della batteria stessa. Oltre

viene convertita in elettricità e

la gamma di carrelli a

ad essere realizzati con componenti

resa nuovamente disponibile.

quattro ruote che Baoli

di alta qualità forniti da importanti

Straordinariamente maneggevoli

ha migliorato come performance,

marchi internazionali, tra cui

grazie alla trasmissione di alta

ergonomia e compattezza

l’azienda italiana SME, fornitore

qualità e di facile accesso durante

rendendoli ancor più prestazionali

del display e dei dispositivi di

gli interventi di manutenzione,

rispetto ai modelli precedenti, e

controllo elettronico, e JULI,

i nuovi modelli KBE, con una

come tutti i carrelli Baoli, anche

fornitore dei motori di trazione

potenza di 48 volt, sono ideali per

questi rappresentano il mix perfetto

e di sollevamento, i KBE sono

l’uso interno ma anche esterno

tra la tecnologia di un grande

estremamente sicuri: su entrambi

alle aziende. Con una capacità

gruppo mondiale e l’attenzione ai

i modelli, il pulsante per l’arresto

di carico di 2/2,5 t e molto

costi tipici dei prodotti realizzati

d’emergenza è accanto al posto

compatti, soddisfano le esigenze

in Asia. Sono solidi, con un design

di guida, la cabina, ergonomica

degli operatori che chiedono un

attraente, dotati di un sistema di

e di facile accesso, garantisce

prodotto affidabile e robusto per le

recupero dell’energia in frenata

una chiara visibilità in tutte le

operazioni standard ma al tempo

e dell’estrazione laterale della

direzioni, e il dispositivo elettrico

stesso elevate prestazioni in termini

batteria: quest’ultima è una

di frenata automatica si attiva al

di produttività.

preziosa opzione che, oltre ad

rilascio dell’acceleratore, il che

aumentare la produttività dei mezzi

garantisce una maggior sicurezza

impiegati su più turni, migliora la

alla guida e consente di recuperare

Efficienza Baoli

C

La sostituzione laterale della batteria è un’opzione importante che migliora la sicurezza dell’operatore durante il cambio della stessa

18

we are

access equipment

ome tutti gli altri prodotti Baoli, anche i KBE sono distribuiti in Italia attraverso una rete composta da oltre 70 dealer, la metà dei quali monomarca, e le vendite sono equamente distribuite tra Nord, Centro e ud. a ca illarità di uesta rete fiore all’occhiello aziendale, offre livelli di servizio elevati, e nel 2020 è stata in grado di evadere il 74% degli ordini entro 30 giorni, superando la concorrenza. Anche il servizio after-sales risulta efficiente ed è in grado di consegnare l’83% degli ordini di ricambi entro 24h. Il magazzino ricambi, ubicato a Rolo (RE), si estende su un’area di 14.000 m² e conta oltre 4.600 referenze a stock.


stand L20 M15

www.platformbasket.com

Platform Basket srl - Via Montessori, 1 - 42028 Poviglio - RE - Italy - Tel. +39 0522 967666 - Fax +39 0522 967667 info@platformbasket.com - www.platformbasket.com


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @T A D A N O

Demag? Piace! Due testimonianze importanti sul territorio italiano: Autovictor e Fedeli si affidano alle gru Demag

U

sate o nuove che siano,

Demag su autocarro con braccio

le gru Demag fanno

a traliccio

sempre la differenza.

ancora oggi svolge egregiamente

disposti a stella di serie, il tutto

In queste pagine due

il proprio lavoro.

per offrire un’enorme capacità di

interessanti testimonianze

usata, che sulla base della

precedente esperienza positiva

utovictor rimette in servizio una

con la

, la società ha

gru multistrada Demag AC 500-8

recentemente deciso di acquistare

usata; mentre Fedeli completa la

un ulteriore modello usato una

propria otta con una nuova gru

gru emag

multistrada emag

ben nota qualità tipica del marchio

.

. ltre alla

Demag, anche i dati tecnici chiave Autovictor

della AC 500-8 hanno svolto un

artiamo dal noleggiatore novarese. Autovictor sa bene come le gru Demag siano sinonimo di qualità e lunga durata nel

, infatti,

l’azienda ha ac uistato una

20

we are

access equipment

ruolo importante nella decisione di Autovictor di acquistare la emag a

assi. i tratta infatti di

una delle macchine più compatte nella classe delle 500 t, con una

lunghezza del carro di soli

, m,

uperlift laterale e stabilizzatori


Chi è Autovictor

F

ondata nel 1969 da Vittorino Gino, Autovictor negli anni è cresciuta con Angelo e continua a muoversi verso il futuro con Alessandro: tre generazioni specializzate nel sollevamento. Realtà italiana che opera nel territorio nazionale e internazionale, è in grado di portare a termine con professionalità, tenacia e precisione le più differenti tipologie di progetto:

dal noleggio quotidiano di mezzi e attrezzature, allo studio e rogetta ione ingegneristica del solle a ento. a otta conta oltre 270 unità tra autogrù, articolati, piattaforme aeree e sollevatori telescopici. La società è composta da più di 80 addetti tra tecnici e operatori, tutti scrupolosamente formati. Quattro le sedi operative site a Novara, Brescia, Gallarate e Gravellona Toce.

carico, nelle varie configurazioni di

di poterla avere finalmente nella

sollevamento possibili. l modello

nostra otta , spiega ilippo

richiesto da Autovictor è stato

edeli al passaggio di consegne.

trovato con il prezioso aiuto della

uo padre lessandro e sua sorella

con un carico utile di kg, rientra nel limite del carico di t per asse, potendo cos accedere alle strade pubbliche

in uesto

filiale adano emag italiana,

Irene, che gestiscono insieme a

modo , conclude edeli possiamo

che si è superata agendo con

lui l’azienda, non possono che

evitare costosi veicoli di supporto

professionalità ed efficienza. opo

dirsi d’accordo. articolarmente

per molti incarichi e operare in

l’arrivo della gru Demag AC 500-8

apprezzato l’innovativo sistema

modo particolarmente economico

presso la sede di utovictor a an

di controllo IC-1 Plus, in grado

per i nostri clienti. Grazie a uesto

di determinare la capacità di

vantaggio competitivo, il nostro

stata sottoposta a un’approfondita

sollevamento della gru per ogni

investimento nella gru si ripagherà

revisione, il cui risultato ha lasciato

posizione del braccio, in funzione

da s molto rapidamente .

tutti positivamente impressionati.

dell’angolo di rotazione della

ietro

osezzo

ovara , uesta

torretta, e che consente alla gru Fedeli

di sfruttare sempre la massima

La tecnologia Demag ha

capacità di carico disponibile.

decisamente convinto anche Fedeli, società con sede a ertaldo, nel cuore della oscana.

on una larghezza di , lunghezza di

,

m e una

m, la macchina

si distingue per una compattezza

La consegna della nuovissima

da record.

gru Demag AC 160-5 è stata

con una lunghezza del braccio

accolta con grande entusiasmo

base di

“siamo rimasti positivamente

la essibilità che potremmo

impressionati dalle caratteristiche

desiderare , chiarisce lessandro

tecniche offerte da uesta gru. Per questo non vedevamo l’ora

edeli.

n combinazione m, la gru ci offre tutta

ci contribuisce anche

il carico assiale della Demag AC

Chi è Fedeli

I

l fornitore di servizi gru Fedeli ha sede a Certaldo, in provincia di Firenze. L’azienda, a conduzione familiare, è gestita da lessandro edeli assie e ai suoi due figli Filippo e Irene, e può contare su altri 10 addetti tra dipendenti e collaboratori. La società – che opera principalmente in Toscana

e nelle regioni limitrofe, come Emilia Romagna, Umbria, Marche e Lazio - è specializzata oltre che nel noleggio a caldo di autogrù, anche nel montaggio delle strutture prefabbricate. a otta edeli si co one di tre autogr e di una iattafor a aerea autocarrata. we are

access equipment

21


# C o m p a n y . Vo i c e s / @C M C

Tornano le fiere, CMC c’è!

CMC torna in fiera in Germania e partecipa al Born To Lift in collaborazione con la filiale tedesca di Metelen

D

opo mesi di contatti azzerati, finalmente l’ uropa riapre alle manifestazioni fieristiche. ne approfitta prontamente partecipando, il e luglio, a nnovationstag orn o ift, manifestazione durante la uale clienti esistenti e potenziali sono tornati ad ammirare le piattaforme rosse del costruttore italiano. n particolare, anche grazie alla collaborazione con la filiale tedesca di di etelen, i visitatori dell’evento hanno potuto osservare e valutare i modelli in versione completamente al litio, e . ’appuntamento di nnovationstag orn o ift ha anticipato di un paio di mesi un altro evento che si terrà in Germania il e settembre, uesta volta nella città di arlsruhe. vviamente sarà presente anche ui, come del resto non potrà mancare al G di iacenza. a se in uropa abbiamo dovuto attendere l’estate per riprendere

L’opinione

“Siamo davvero pieni di motivazioni e buoni ro ositi er la ri resa delle fiere di settore. Le nostre piattaforme sono people-oriented, sebbene siamo stati in grado di presentarle correttamente in digitale, siamo consapevoli che il driver dell’esperienza sia cruciale nel

22

we are

access equipment

l’attività fieristica che, come tutti sanno, ha subito un periodo di fermo in concomitanza con l’emergenza sanitaria da ovid che ha sconvolto le nostre vite, nel resto del mondo le manifestazioni fieristiche hanno ripreso decisamente prima. infatti stata protagonista in ina, dove ha partecipato al auma hina , alla fine dello scorso anno, e alla onferenza azionale inese del easing nel ollevamento, nei primi mesi del . ue momenti che hanno sottolineato, ancora una volta, il legame che unisce il aese del ragone osso e .

processo di acquisto del cliente, sia esso un utente finale con esigen e singole o un noleggiatore con esigenze di arricchire una otta auto e i. ia o inoltre olto felici che questo accada in Germania, dove grazie alla resen a della nostra filiale teutonica

saremo in grado di rispondere al meglio alle as ettati e dei nostri utenti. nei rossi i giorni, saremo in grado di annunciare una nuo a filiale in uro a . Alessandro Mastrogiacomo, Direttore Commerciale Estero di CMC


BASSO COSTO DI UTILIZZO. Il braccio più lungo della categoria, massime portate e dimensioni compatte. • Il telaio leggero e compatto agevola il trasporto e le manovre della gru, anche nei cantieri più congestionati. • Il contrappeso rimovibile opzionale consente il trasporto della macchina senza necessità di permessi. • Configurazione, controllo e manovrabilità della gru semplificati con il sistema Manitowoc Crane Control System (CCS). • Comfort e visibilità senza eguali dalla cabina operatore, inclinabile fino a 20°. • 2 anni di garanzia standard, come su tutte le autogrù fuoristrada Grove GRT. • Compatibile con i requisiti di « Industria 4.0 ».

GRT655L • Portata: 60 t • Braccio: 10,8 - 43 m, a cinque sezioni con sfilo idraulico

GRT655 • Portata: 60 t • Braccio: 10,6 - 34,8 m, a quattro sezioni con sfilo idraulico

Per saperne di più, contatta oggi stesso il tuo distributore locale Grove, o visita il nostro stand al GIS a Ottobre

www.manitowoc.com

SIAMO PRESENTI AL 7.-9. OTTOBRE 2021 • F8-H5


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @P A L A Z Z A N I

Due piattaforme Palazzani, una TZX 225 e una TSJ 25, operano insieme presso l’aeroporto thailandese di Phuket per le operazioni di manutenzione in quota delle strutture dei terminal

La loro casa è il Mondo Non c’è angolo di questo Pianeta dove le piattaforme Palazzani non abbiano trovato casa. Dalla Francia alla Polonia, per arrivare persino in Thailandia... senza dimenticare l’Italia, ovviamente

I

n quel di Paderno Franciacorta

Oh no! Qui si sta parlando di vera

la Thailandia, emerge chiaramente

non ci sono solo i vigneti

internazionalizzazione, che arriva

l’orgoglio dei risultati raggiunti:

che danno i natali, a ogni

agli antipodi (o quasi) del nostro

fare manutenzione agli edifici citati,

vendemmia, alle più famose

Pianeta.

infatti, è estremamente complicato

bollicine del Mondo. C’è anche

Il perché di tanta stima da parte di

perché “presentano condizioni di

una realtà imprenditoriale

clienti in ogni angolo del globo è

fortemente radicata nel territorio,

presto detta, basta citare il pa

ma che da qui spedisce i propri

di Palazzani: quelle che produce

prodotti in tutto il Mondo. Stiamo

sono piattaforme per situazioni

parlando di Palazzani, noto

impossibili. Questo è il segreto delle

costruttore di piattaforme aeree

macchine di Paderno Franciacorta:

(e macchine movimento terra,

risolvere i problemi di coloro che le

ndr), che negli anni ha ampliato

acquistano, qualunque essi siano.

off

notevolmente la propria gamma,

Qualunque sia la tua necessità, non aspettare e contatta Palazzani: il suo Team saprà consi liarti quale ragno è il più adatto alle tue mission. Scopri la gamma Palift: www. palazzani.it/ Piattaforma-aerea

accesso molto limitate e l’unico mezzo in grado di superarle è stato proprio il ragno Palazzani”. apito

’unico mezzo. n effetti,

destreggiarsi in ambienti come aeroporti e centri commerciali non è semplice: alle considerevoli altezze da raggiungere si aggiungono condizioni di accesso spesso molto

sia per tipologia che per numero

L’esempio thailandese...

di modelli, puntando molto sulle

“Abbiamo venduto i ragni Palazzani

piattaforme cingolate (i cosiddetti

a diversi centri commerciali e

ragni) di cui ha messo a punto un

all’aeroporto di Phuket; inoltre

incredibile numero di versioni, che

abbiamo un regolare contratto

hanno raccolto (e stanno tuttora

di noleggio per la manutenzione

o contrattempo crea disagi enormi:

raccogliendo) un apprezzamento

all’aeroporto di Suvarnnabhumi

da qui l’enorme importanza della

nel mercato non solo entusiasta,

di Bangkok”. Dalle parole del Sig.

manutenzione di uesti edifici. na

ma anche internazionale. E per

Worapat, titolare della Faster

situazione che non ha fermato i

internazionale, non intendiamo

Enterprice Co. Ltd., con sede a

ragni Palazzani proprio grazie alle

solo i mercati dell’oltralpe europeo.

Bangkok, importatore Palazzani per

loro caratteristiche intrinseche:

24

we are

access equipment

limitate, iperaffollamento, per non parlare del traffico caotico che rende problematici anche i trasferimenti delle macchine. È evidente come in queste situazioni qualunque guasto


piccoli, agili, veloci, compatti, leggeri, versatili e, soprattutto in grado di operare al chiuso, è proprio un TZX 225 in versione ruotata (con ruote anti-traccia) e motorizzazione ECO (motore elettrico + batterie piombo acido a effettuare le operazioni di manutenzione sia indoor che outdoor dell’aeroporto di Phuket grazie alla sua altezza operativa di 22,5 m, lo sbraccio di 10,25 m e la portata di 200 kg. l

si affianca una seconda

altezza operativa, con uno sbraccio di 13,20 m e una portata di 250 kg,

ha spiegato il team commerciale

sempre in versione ruotata ma, con

di Vertex. “Nel 2020 abbiamo

motorizzazione Bi-energy (motore

importato nel nostro paese 9

diesel + motore elettrico).

ragni Palazzani di vari modelli, con altezze di lavoro da 19 a 39

… e quello russo

m. Il miglioramento continuo

Circa 5 anni fa, la domanda di

e l’approccio innovativo che

macchine per la manutenzione

alazzani offre attraverso la sua

degli edifici esistenti in ussia

vasta gamma di macchine, con

è aumentata distintamente, e

altezze di lavoro da 17 a 52 m, la

proprio per questo motivo, Vertex,

possibilità di personalizzazione di

dealer esclusivo Palazzani per il

ogni singolo mezzo, sono plus che

mercato sovietico, ha deciso per un

rendono vincenti questi prodotti

nuovo approccio alla vendita dei

nel mercato russo dove la cultura

ragni Palazzani, diverso da quello

della manutenzione degli edifici

utilizzato per la vendita di altre

in aumento e dove stanno sorgendo

tipologie di piattaforme aeree.

numerose nuove costruzioni,

“La vendita di ragni nel nostro paese

soprattutto sociali e culturali come

è un processo a lungo termine e

sale da concerto, impianti sportivi,

richiede un approccio pi sofisticato,

centri commerciali, e così via”.

sia in termini di ingegneria che di giustificazione economica.

Spostandosi in Polonia...

La vendita di un ragno inizia spesso

Troviamo Lift 24, azienda familiare

con l’avvio della costruzione

che si occupa di noleggio di

dell’edificio e termina alla fine

piattaforme, la cui mission offrire

della costruzione dello stesso”

ai propri clienti le soluzioni più

Palazzani, una TSJ 25, di 25 m di

Sempre in Italia

Vicoli stretti, piccole strade e passaggi angusti sono tipici dei centri storici toscani, molti dei quali caratterizzati dal celebre stile ro anico fiorentino. La soluzione ideale per operare in questi ambienti preservando tali ricchezze è il ragno Palazzani XTJ 43+, un’innovazione tecnologica fondamentale er uesto territorio. Un’altezza operativa di 43 m, uno sbraccio di 18 m, una portata di 330 kg, il tutto comandato da un siste a an us ero fiore all’occhiello dell’azienda lombarda; e ancora, un sofisticato siste a con pompa a portata variabile c e er ette fino a movimenti contemporanei, facendo girare il moderno motore ausiliario al minimo regime, consentendo anche di contenere sonorità e consu i a li elli record. L’elevata tecnologia costruttiva, nonché le

innumerevoli funzioni operative, rendono il ragno Palazzani XTJ 43+ unico nel panorama dei cingolati e perfetto per muoversi in totale sicurezza, senza deturpare l’architettura toscana. A tutto ciò viene aggiunto un verricello idraulico da 500 kg che è sempre presente sulla macchina e può essere utilizzato al bisogno con una velocità di montaggio ed esecuzione sen a ri ali sul ercato. Il veloce jib telescopico, unito al verricello, rende il lavoro facile, veloce e sicuro. ia o felici dell’arrivo di questa potente piattaforma cingolata” ha dichiarato Luigi Grandi della ditta randi olle a enti. stata scelta proprio per la stima che abbiamo verso il prodotto Palazzani, da sempre per noi sinonimo di ualità efficien a e tecnologia su eriore .

sicure. Dopo un’accurata ed attenta analisi di mercato, nonché diverse visite a clienti che già operavano con piattaforme Palazzani, Lift 24 ha deciso di contattare e visitare Palazzani Industrie: “siamo rimasti colpiti dalla solidità dell’azienda, che ha dimostrato fin dall’inizio serietà, affidabilità e ualità dei suoi prodotti” ha dichiarato il team di Lift 24, durante l’incontro in azienda. “Ascoltare e rispondere ai bisogni dei nostri clienti con we are

access equipment

25


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @P A L A Z Z A N I

macchina molto richiesta per le sue caratteristiche” dichiara Sorbello. La XTJ 37+ raggiunge i 37 m di altezza e uno sbraccio di 15.70 m con portata di 330 kg. “L’XTJ 37+ possiede diverse peculiarità uniche, come la doppia velocità di traslazione e una notevole rapidità nei movimenti del braccio; inoltre, è equipaggiata con un sistema CAN-bus e un’impianto idraulico con pompa a portata variabile che consente più movimenti in contemporanea ma, allo stesso tempo, tiene sotto controllo i consumi di carburante”. La macchina è stata poi venduta a Stilgronde, impresa familiare di osario

icosia, specializzata nella

realizzazione di opere di lattoneria civile e industriale. “Possiedo già una piattaforma Palazzani XTJ 32 del 2015, e ho potuto apprezzarne i prodotti migliori è la nostra forza,

una portata di 400 kg in versione

perciò abbiamo scelto Palazzani

piattaforma e di 500 kg in versione

perch i suoi ragni offrono un

gru. Grazie alla versatilità e alle

diagramma di lavoro migliore di

prestazioni dell’XTJ 52, in soli cinque

qualsiasi altro ragno sul mercato.

giorni stato possibile effettuare il

noltre, su terreni difficili come

ripristino dei tralicci abbattuti.

quello polacco, morfologicamente molto variegato, lavorano in maniera

E in Italia?

incredibile, senza rivali”.

In Sicilia, per esempio, vengono richieste piattaforme aeree capaci

… mentre in Francia...

di operare su terreni disomogenei e

Qui a cavallo tra il 2019 e il 2020

spesso delicati, senza danneggiarli.

nel cuore del territorio francese

Per questo motivo l’azienda Sorbello,

si sono verificati una serie di forti

dealer Palazzani per la Sicilia, ha

temporali che hanno abbattuto alberi

deciso di acquistare un altro XTJ 37+:

che, nel cadere, hanno danneggiato

“è la seconda unità di questo modello

due grandi tralicci elettrici.

che acquistiamo, poiché è una

Momentaneamente sostituiti da grossi pali di legno, quando è venuto il momento di affrontare una seria sostituzione, per effettuare tali operazioni il gestore della rete, l’azienda

, ha scelto un ragno

Palazzani XTJ 52 preso a noleggio dalla Società MediaCo dopo che un suo manager aveva visto all’opera proprio questa macchina durante una serie di complesse operazioni in quota in totale sicurezza, ritenendola ideale per il ripristino dei tralicci abbattuti. L’XTJ 52 è spesso protagonista delle missioni più complesse, in tutto il mondo. È una macchina eccezionale che offre spesso l’unica soluzione a molteplici interventi aerei di difficile accesso, con i suoi 52 m di altezza massima di lavoro, uno sbraccio di 19.50 m,

26

we are

access equipment

Grazie alla versatilità e alle prestazioni dell’XTJ 52, in soli cinque giorni è stato possibile effettuare il ripristino di due grossi tralicci elettrici abbattuti da forti temporali che si sono erificati a ini io 2020 nel cuore della rancia.

tecnologia, affidabilità e ualità che mi hanno accompagnato in questi 6 anni di lavoro. Mi sono deciso ad acquistare un nuovo modello, ossia XTJ 37+ per adoperarlo in campo edile, rifacimento facciate e lattoneria.” ha spiegato Nicosia. “Sono sempre stato un estimatore delle macchine Palazzani, ma le novità presenti sul modello XTJ 37+ hanno davvero superato ogni mia aspettativa”.

Palazzani Industrie S.p.A. Via Del Pavione 4 25050 Paderno Franciacorta (BS) www.palazzani.it


#DO.YOU.KNOW?

IN FINALE!

D

opo essersi aggiudicata già lo scorso anno il primo premio in qualità di “Large Rental Company of the Year”, l’azienda guidata dai fratelli Mauro e Roberto

ollo torna in finale agli uropean ental

ards

con

un progetto di innovazione digitale. Unica società italiana ,da uando

stato istituito il premio, finalista nella categoria est

Digital Innovation. Il premio è rivolto alle società operanti in tutta uropa nel settore del noleggio, ed

uno dei pi autorevoli

e prestigiosi riconoscimenti attribuiti ai migliori noleggiatori su scala internazionale. er l’edizione

, i giudici hanno valutato

oltre 74 candidature pervenute. L’annuncio dei vincitori e la premiazione si svolgeranno il della cui

ettembre, in occasione

onvention. l progetto di innovazione tecnologica con ollo

oleggio

arrivato in finale

nello specifico uello

della firma digitale dei contratti di nolo. la firma digitale

del

. utto

’idea di implementare

partito dal feedbac di pi

clienti, che avevano segnalato tempi troppo lunghi nella fase di sottoscrizione del contratto di noleggio” racconta Mauro Mollo, residente di

ollo

oleggio.

bbiamo cos deciso di sviluppare

una soluzione di firma elettronica che permettesse ai clienti di sottoscrivere un contratto con un semplice clic

.

isponibile per ndroid e i s e utilizzabile da smartphone e tablet, la app

ollo

oleggio

stata ideata per semplificare

l’esperienza di noleggio dei clienti, renderli pi autonomi, consente di snellire e velocizzare le procedure e comunicazioni. Facile da utilizzare, comoda e sicura, garantisce numerose funzionalità e continue implementazioni. agli uropean ental

ards

ssere tra i finalisti

un orgoglio per

ollo

Noleggio, azienda che ha scelto di mettere al primo posto il servizio ai clienti conclude Gianluca rossa. firma digitale sui contratti di noleggio

uello della

stato un progetto

ambizioso e siamo stati la prima realtà in Italia, nel nostro comparto, a implementarlo con successo. Il mercato lo ha apprezzato e lo ha accolto con favore, siamo molto soddisfatti”. www.mollofratelli.com we are

access equipment

27


Outline only

Outline Stroke

#(R)Evolution @M A N I T O U

One step ahead (and more) Outline only

Outline Stroke

DI EMANUELA PIROLA DI MANITOU

Un rinnovamento completo della propria gamma di telescopici rotativi MRT. Così Manitou ha iniziato il 2021. E non si è fermata ai soli rotativi

C

ome sappiamo, a inizio 2021

seguita da due giorni di talk show e interviste con

la pandemia non aveva ancora

tutti i manager Manitou.

allentato la sua presa sul mondo.

Come accennato, sono stati diversi i protagonisti

Ma non per questo ha rallentato

dell’evento (e ci riferiamo alle nuove macchine,

i programmi di molte aziende,

ovviamente): debutto in grande stile per la nuova

che hanno affrontato le difficoltà reinventandosi

gamma di sollevatori telescopici rotativi MRT

mezzi e modalità per comunicare, vendere e

Vision e Vision+. Al loro fianco i nuovi modelli MT

assistere i propri prodotti sul mercato. Anche

di telescopici fissi e, last but not least, le nuove

Manitou ha deciso di percorrere la strada già in

pale articolate MLA. Di cose da raccontare ce ne

parte indicata da altre grosse multinazionali del

sono davvero tante. Da dove cominciare? Beh, dalla

settore construction, affidando uno dei più grandi

gamma MRT, ovviamente.

lanci della sua storia a un evento digitale. Così a fine aprile, oltre 3.000 persone collegate da 90

Completamente ridisegnati

paesi in 4 continenti, tra cui molti rivenditori,

Per fare chiarezza nella propria gamma di

noleggiatori, key account e giornalisti, hanno

sollevatori telescopici rotativi, il gruppo ha deciso

seguito l’anteprima mondiale “Build the future”,

di rinominare le sue due gamme con i nuovi

28

we are

access equipment

Un momento dell’evento digitale Build the future


nomi Vision e Vision+. Carlo Alberto Razzoli, MRT Product Manager, spiega il perché di questo cambiamento: “abbiamo voluto armonizzare tutta la nostra gamma, rendendola pi semplice. Modernizzando il design e l’ergonomia dei nostri prodotti, siamo ora in grado di offrire un’unica cabina su tutti i modelli, fornendo così i medesimi

#Manitou MRT serie Vision VISION

Capacità di sollevamento (t)

Altezza di sollevamento (m)

Motore (CV)

Peso (t)

4,5 4,5 4,5 4,5

16 18 21 25

75 116 116 116

13,3 14,1 14,9 15,9

MRT 1645 MRT 1845 MRT 2145 MRT 2545

plus a tutti gli utenti, ossia un’eccellente visibilità e la possibilità di un’interfaccia comune che

modelli che la compongono, infatti, coprono

faciliterà sicuramente il lavoro degli operatori che

un range di altezze di sollevamento che va dai ai

utilizzano modelli diversi di telescopici Manitou”.

m, per una capacità di sollevamento

nettamente aumentata rispetto ai precedenti

a andiamo nello specifico. rima di affrontare le evoluzioni tecnologiche, segnaliamo subito

modelli, che si attesta a 7 t. Questo notevole

che la gamma Vision si è arricchita di due nuovi

upgrade è anche merito del fatto che dei 12

modelli. Si tratta dell’MRT 1645 e dell’MRT 1845.

modelli, 6 sono completamente nuovi: MRT

on

,

g di capacità di carico aggiuntiva rispetto

un’altezza di sollevamento rispettivamente di 16 e 18 m per un carico massimo sollevabile di 4,5 t. Sono entrambi mossi da un nuovo motore Stage V, con una potenza rispettivamente di 75 CV e 116 CV.

,

disponibile anche

in versione a sospensione elettronica), MRT

ai loro predecessori, uesti due prodotti offrono Laurent_Bonnaure, Executive Vice President Global Sales & Marketing

La gamma Vision, quindi, da oggi è composta da 14 modelli con altezze che vanno da 16 a 25 m, per

e

.

Carlo Alberto Razzoli spiega le ragioni del rinnovamento della gamma: “La domanda di macchine che offrano prestazioni sempre pi elevate nei cantieri

in costante crescita.

uesta nuova gamma ad alte capacità soddisfa

una capacità di sollevamento fino a , tonnellate.

perfettamente queste aspettative”.

Ovviamente spetta alla gamma Vision+ alzare

Va da sé che i nuovi MRT Vision+ siano

ulteriormente l’asticella delle prestazioni: i 12

macchine votate al construction: installazione

#Anche le pale si rinnovano Disponibili con motori Stage V, le nuove pale articolate Manitou presentano un design rinnovato, accompagnato da numerose innovazioni tra cui una larghezza ridotta per spostarsi più facilmente su terreni accidentati, una trasmissione idrostatica ottimizzata per un maggiore comfort e un TCO ancora più basso. I quattro modelli compatti, MLA 2, MLA 3, MLA 4 e MLA 5, saranno equipaggiati con un braccio corto per garantire maggiore capacità, o con un braccio lungo per applicazioni che richiedono una maggiore altezza di sollevamento. we are

access equipment

29


#(R)Evolution @M A N I T O U

#Arrivano i fissi compatti! Con tre nuovi modelli innovativi, MT 730 H, MT 930 H e MT 930 HA (con cestello portapersone), Manitou risponde alla crescente domanda di macchine compatte

I nuovi MT sfoggiano dimensioni davvero microscopiche: 2 metri di larghezza per 2 metri di altezza. Per garantire movimenti precisi e flessibili, questi

30

we are

access equipment

prodotti innovativi hanno una trasmissione idrostatica e un motore da 75 CV. In cabina, lo schermo Harmony, con un software disponibile in 22 lingue,

fornisce all’operatore notifiche di manutenzione e utilizzo in tempo reale. Questo cruscotto universale di facile utilizzo rende rapido l’uso e garantisce la sicurezza sia dell’operatore, che della macchina. Il nuovo braccio con cilindro integrato offre maggiore visibilità. Con le loro piccole dimensioni, questi tre modelli sono facili da trasportare e possono quindi essere rapidamente spostati da un cantiere all’altro. Un sistema di fissaggio a forche sul carrello è stato studiato per ottimizzare ulteriormente la lunghezza della macchina completa di

attrezzatura, riducendo così i costi di trasporto. Con una capacità di 3 t, i modelli MT 730 H, MT 930 H e MT 930 HA sono perfettamente adatti a lavori di edilizia residenziale/ ristrutturazione, sia per abitazioni private che per edifici fino a due piani. Particolarmente significativi sono i risparmi di carburante e le riduzioni di rumorosità, con un minimo del 45% sull’intero tempo di utilizzo di questi modelli. Grazie a queste innovazioni, l’MT 930 H, per esempio, ha un costo orario di soli 18,49 euro (calcolo basato su 500 ore di lavoro in 5 anni).


#Manitou MRT serie Vision+

di strutture in acciaio, ristrutturazione di edifici e persino demolizioni saranno il loro “pane

VISION+

quotidiano”. Queste due gamme sono connesse di serie per ottimizzare la manutenzione, aumentare

MRT 2260 MRT 2660 MRT 3060 MRT 2570 MRT 3570

le ore di funzionamento e ridurre il TCO.

Saliamo a bordo Anzi, prima ancora di entrare in cabina, incontriamo già la prima innovazione, semplice ma

Sbraccio Motore Altezza Capacità (CV) di sollevamento (t) di sollevamento (m) max (m) 156 18,2 22 6 156 21,7 26 6 173 25,9 30 6 173 20,5 25 6 211 28 35 6

Peso (t) 18 18 21,8 21,3 23,8

geniale in quanto non solo agevola la salita a bordo, ma aumenta notevolmente il livello di sicurezza in

macchina dal sapore decisamente automotive. Il

cantiere. Stiamo parlando dei nuovi accessi integrati

nome Vision è stato scelto anche per trasmettere

nel telaio, a sinistra, a destra, nella parte anteriore

l’idea della visibilità di cui l’operatore gode dalla

e posteriore della macchina (quattro in totale),

cabina. Per aumentare tale caratteristica, inoltre,

che consentono all’operatore di salire e scendere

è disponibile come opzione un tetto realizzato con

dalla macchina indipendentemente dal modo in

un pannello trasparente multistrato brevettato da

cui è ruotata la cabina. Presente su tutti i modelli

Manitou, che non necessita di griglia di protezione,

Vision e Vision+, la cabina pressurizzata garantisce

certificato

un ambiente di lavoro salubre per l’operatore e un

vicino le operazioni di carico in quota. Operazioni

ulteriore isolamento acustico, per un maggiore

agevolate anche dal nuovo sedile elettrico che

comfort. Ad aumentare quest’ultimo poi ci pensa

si inclina fino a

un’ergonomia in costante evoluzione. Il nuovissimo

la sommità del braccio.

touchscreen verticale da 8” della gamma Vision

sempre a bordo? No problem, ora è disponibile

(disponibile nella versione XXL da 12,1” sulla

un nuovo telecomando di guida (opzionale) per

gamma Vision+), è una vera interfaccia uomo-

gestire la macchina dalla cesta portapersone o

livello , per monitorare da

per monitorare facilmente se non si pu stare

Per ampliare ulteriormente la propria offerta, Manitou lancerà i nuovi sollevatori telescopici fuoristrada ultracompatti alti 1,90 m e larghi 1,49 m alla fine del 2021. Presentati in anteprima a Build the Future, i nuovi ULM (Ultra-Light Manitou) vantano un peso di soli 2.700 kg e si rivolgono non solo al settore delle costruzioni, ma anche a quello della manutenzione del verde e all'organizzazione di eventi. I nuovi ULM saranno disponibili da inizio 2022.

Interno cabina dei nuovi MRT Vision e Vision+

Per ampliare ulteriormente la propria offerta, Manitou lancerà i nuovi sollevatori telescopici fuoristrada ultracompatti alti 1,90 m e larghi 1,49 m alla fine del 2021. Presentati in anteprima a Build the Future, i nuovi ULM (Ultra-Light Manitou) vantano un peso di soli 2.700 kg e si rivolgono non solo al settore delle costruzioni, ma anche a quello della manutenzione del verde e all’organizzazione di eventi. I nuovi ULM saranno disponibili da inizio 2022.

we are

access equipment

31


#(R)Evolution @M A N I T O U

#Attachment specifici per i nuovi MRT Nuovi accessori, progettati dal Manitou Attachment Competence Center (ACC) con sede in Italia, accompagnano il lancio dei nuovi Vision e Vision+. Due carrelli a forche ottanti da e t e da t andranno a beneficio degli utenti che muovono pallet o big-bag. Sono più leggeri, robusti e dotati di un sistema di bloccaggio della forcella. Le prestazioni di argani, jib e gru sono esaltate dalla presenza di un verricello con un nuovo motore idraulico: con una capacità che va da 600 kg a 2 t, soddisfano perfettamente i requisiti della nuova gamma MRT. Disponibile anche una nuova piattaforma in alluminio 100% per tutta la gamma Vision+. Con un peso di soli 180 kg per una capacità di carico di 365 kg, la nuova cesta portapersone è più leggera della precedente, consentendo uno sbraccio maggiore.

Il design della nuova cabina dei nuovi MRT Vision e Vision+

da terra. i conseguenza,

possibile effettuare

l min, cosa

che conferisce maggior velocità agli

necessariamente tornare in cabina, risparmiando

di velocità per i movimenti simultanei del braccio .

cos tempo prezioso in cantiere. sternamente,

Questo miglioramento sale ulteriormente nei

la visibilità

modelli 2260 e 2660 della gamma Vision+, che sono

fari a

rafforzata da un pacchetto di cin ue

per un’illuminazione completa intorno

e uipaggiati con una pompa da

l min.

alla macchina, oltre a due fari di lavoro sulla testa

Ovviamente tutti i nuovi telescopici sono mossi

del braccio per illuminare le operazioni di carico in

da unità tage

uota. nfine, una telecamera posteriore che invia

Particolare di uno dei nuovi accessi integrati nel telaio sui quattro lati dei nuovi MRT

pompa idraulica con una portata di

tutti i movimenti in sicurezza senza dover

che aiutano a ridurre i consumi.

Le potenze disponibili sono comprese tra i 156 CV

le immagini alla cabina consente all’operatore di

e i 211 CV. Sia le macchine Vision che Vision+

manovrare sempre in totale sicurezza.

montano una trasmissione idrostatica che offre una maggiore essibilità di guida e consente

Sotto i cofani Passiamo ai plus tecnici che si nascondono sotto i cofani. Su tutti i nuovi modelli è montata una nuova

all’operatore una velocità massima di m h, ualun ue sia il modello. e capacità di sollevamento e le tabelle di carico sono state notevolmente migliorate, in particolare la capacità alla massima altezza fino al massimo fino al

e lo sbraccio

.

Migliorato (nel senso di ridotto) anche il peso complessivo dei nuovi telescopici

pur

beneficiando di un aumento della capacità di sollevamento fino al

.

Presto anche elettrici In linea con il proprio percorso di transizione energetica,

anitou offrirà una versione

completamente elettrica della gamma Vision+ entro la fine dell’anno, nonch una versione ibrida che combina un motore pi piccolo con una batteria agli ioni di litio. Saranno disponibili molti modelli, che consentiranno un utilizzo elettrico al i cantieri e i vincoli normativi lo richiedano.

32

we are

access equipment

laddove


#DO.YOU.KNOW?

Veniteci a trovare al

ECONOMIA CIRCOLARE

riciclo green delle risorse l

stato un anno caratterizzato da molti cambiamenti,

innescati dalla pandemia ma che non si interromperanno con il termine dell’emergenza sanitaria. Meno viaggi, telelavoro, eventi digitali, nuovi modelli di condivisione: tutto questo ha portato emessa in atmosfera (si stimano

a una diminuzione della

, Gt di anidride carbonica in meno rispetto al

.

a non

abbastanza: secondo la ricerca Global Carbon Project, sono stati comun ue emessi

gigatoni di altri gas serra che concorrono

ad aumentare la concentrazione di

nell’atmosfera. iccome

non esistono bacchette magiche, e per rimediare a oltre un secolo di danni ecologici non bastano poche settimane di loc do n, lo sforzo per evitare una possibile catastrofe climatica deve

SAFELY, HIGHER.

SAFELY, HIGHER.

Airo by TIGIEFFE S.r.l. via Villa Superiore, 82 42045 Luzzara (RE) Italy Phone: +39 0522 977365 Email: info@airo.com

www.airo.com

   . O  R I A , N  E E R G , H HIG

Piacenza, 7-9 Ottobre 2021

Area Esterna Stand L4/M1

SAFELY, HIGHER.

SAFELY, HIGHER.

M ADE

IN ITA

LY

essere collettivo: ogni singolo individuo, ogni singola attività gli aspetti individuali, in ogni azienda l’approccio corretto è uello di analizzare ogni momento di ogni usso produttivo e individuare dove e come è possibile renderlo meno, o addirittura non, in uinante.

lcune aziende, come

, da tempo offrono

soluzioni che non portano solo vantaggi economici, ma anche ambientali con il suo metodo

e tilsharing , infatti,

possibile

evitare gli sprechi e condividere panni da lavoro di qualità, aiutando l’ambiente affidandosi a una realtà che da

32 m

produttiva, ogni azienda deve fare la sua parte. ralasciando

3 7,4 m

700 kg

anni fa

del rispetto del clima una delle sue priorità. l business

si basa su un concetto semplice i panni non

vengono venduti, ma noleggiati in ull ervice. hi sceglie riceve la quantità necessaria di panni, che vengono consegnati esattamente dove vengono utilizzati. noltre, l’autista porta uno o pi contenitori di sicurezza a on, che servono per lo stoccaggio e il trasporto sicuro e conforme alle normative dei panni usati. Il giorno concordato l’autista raccoglie i panni per portarli a lavare e porta un carico di panni puliti, anche sotto il profilo igienico.

uesto sistema circolare

sostenibile

a tutto tondo evita chili di rifiuti dannosi per l’ambiente e ogni panno pu essere lavato fino a portato a

volte. nche una volta

, infatti, il panno viene sottoposto a processi

di lavaggio e asciugatura assolutamente ecologici. Grazie a tecnologie innovative, i lubrificanti contenuti nei panni sporchi vengono filtrati e riutilizzati per riscaldare le linee di lavaggio e asciugatura. dell’

uesto

il bilancio annuale una copertura

del fabbisogno di energia e un risparmio di sette milioni

di litri di combustibile. Inoltre, l’ultramoderno sistema a cascata delle linee di lavaggio assicura un uso parsimonioso dell’acqua. I detergenti, utilizzati comunque in dosi minime, sono biodegradabili. Poche mosse, ed ecco che uno degli aspetti con il maggior impatto ambientale di realtà come officine e fabbriche può essere minimizzato quasi all’annullamento. In poco tempo. https://mewa.it

we are

access equipment

33


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @E L E V O - K I L O U T O U

Suggestione nel trevigiano Una passerella in acciaio realizzata da Socomet è stata posata lungo un fiume in provincia di Treviso con un telescopico preso a noleggio da Kiloutou

A

Silea, in provincia di

architettonica, che ha scelto di

zattera) che l’azienda Socomet

Treviso, in un’area

sostituire il legno con l’acciaio,

ha preso a noleggio da Kiloutou

denominata Restera

creando un’unica campata di 22

Italia. Comfort, sicurezza ed

lungo il fiume ile, c’

metri da 100 quintali, ed evitando

efficienza sono le principali ualità

il Cimitero dei Burci, un luogo

l’utilizzo di pali portanti nel fiume

che sintetizzano il sollevatore

suggestivo che ha alle spalle una

che, oltre a richiedere continue

telescopico Merlo Roto 40.16S,

storia davvero inusuale. Infatti,

manutenzioni, risulterebbero

da molti considerato, a ragione,

in quella che nei primi anni Venti

di forte impatto sull’ambiente

come “un innovativo concetto

del ‘900 era una cava, si trovano

acquatico.

di movimento . n effetti uesto

oggi una ventina d’imbarcazioni chiamate burci utilizzate fino

Grande aiuto in cantiere

a metà degli anni Settanta per

La movimentazione degli elementi

il trasporto di masserizie dal

in acciaio

mare all’entroterra trevigiano.

all’utilizzo di un sollevatore

Proprio in quegli anni infatti, per

telescopico Merlo Roto 40.16S

protestare contro il trasporto su

(equipaggiato con un gancio su

gomma subentrato a quello via ac ua, i barcari affondarono tutte le storiche imbarcazioni, e il Veneto fu così l’ultima regione ad abbandonare il trasporto uviale. Dal legno all’acciaio Questo incantevole luogo ha visto, nelle scorse settimane, il completamento dei lavori di rifacimento della passerella in legno la cui struttura, nel 2019, aveva iniziato a dare gravi segni di degrado. La realizzazione della nuova passerella

stata affidata

alla Socomet, azienda specializzata in carpenteria industriale ed

34

we are

access equipment

stata possibile grazie

Il Cimitero dei Burci, lungo il fiu e ile è pieno di vecchie imbarcazioni affondate dai barcari a metà anni 70 per protestare contro il trasporto su gomma

telescopico rotativo consente di operare a 360° grazie alla torretta girevole che offre un raggio di azione maggiore rispetto a un telescopico fisso, e segna una nuova era introducendo nuovi standard nel campo dei telescopici,


Il noleggio che se lifica il la oro

I

l servizio Kiloutou accompagna il cliente in tutte le fasi del noleggio, dalla consulenza nella scelta della acc ina fino alla sua untuale consegna, dal rigoroso rispetto dei piani di manutenzione dei mezzi all’intervento tempestivo in cantiere in caso di guasto. Un servizio di assistenza globale il cui obiettivo è garantire all a ienda uno standard ele ato di efficien a rodutti ità e sicure a. n affianca ento costante e in continuo miglioramento grazie ai feedback dei clienti e all’esperienza sul campo costruita in anni di lavoro. Utilizzare la macchina, l’accessorio o l’attrezzatura giusta er le ro rie esigen e significa garantirsi un la oro efficiente rodutti o e sicuro. onsulenti e front office iloutou affiancano il cliente in uesta delicata fase che precede il noleggio, consigliando nella scelta del modello che meglio risponde agli obiettivi. L’esperienza sul campo, la profonda conoscenza di ciascun prodotto e la ualità del arco noleggio iloutou ra resentano una garan ia er il la oro del cliente. l noleggio iloutou prevede che, prima della consegna in cantiere, ogni macchina sia sottoposta ad approfondita assistenza tecnica er onitorarne affidabilità ed efficien a con un piano di manutenzione programmata. adattandosi a più settori e alle

di tecnologie che incrementano

esigenze dei diversi utilizzatori.

gli standard di sicurezza e

migliore visibilità, garantendo

l modello

dotato di

noltre

progettato per offrire la

un livello di performance ed

così operazioni più rapide e

sospensioni idropneumatiche

efficienza senza pari. ltre a

sicure. Gli operatori e i tecnici

intelligenti e allestimenti che

garantire la massima precisione,

raggiungono standard più elevati

risulta compatto e leggero per

per soddisfare le crescenti

ridurre gli spazi di manovra

richieste dei clienti e dei mercati.

e l’impatto sul suolo. Queste

Si distingue per la cabina a elevata

caratteristiche garantiscono

abitabilità, l’innovativo concetto

sicurezza, maneggevolezza,

costruttivo “modulare”, l’impiego

produttività e minori consumi.

presenti sul cantiere sono rimasti Il sollevatore telescopico Merlo oto . entre solleva uno degli elementi della nuova passerella in acciaio

piacevolmente stupiti non solo per l’altezza di sollevamento (15,8 metri), ma soprattutto per lo sbraccio (13,1 metri) con portata di 700 kg e per le componenti tecnologiche che

we are

access equipment

35


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @E L E V O - K I L O U T O U

verifica in tempo

reale i parametri di sicurezza del telescopico e consente all’operatore di lavorare in totale sicurezza, sfruttando al massimo le potenzialità della macchina e dell’attrezzatura utilizzata. L’esclusiva tecnologia Eco Power Drive (EPD) controlla e regola automaticamente i giri motore in base alle condizioni operative. Come risultato, il regime motore risulta svincolato dal pedale dell’acceleratore. Questa tecnologia permette una riduzione dei consumi di carburante fino al

. noltre,

i freni a disco a secco permettono di limitare l’assorbimento di energia, riducendo i consumi permettono di effettuare manovre

terreno per lavorare in totale

della macchina. er la definitiva

precise anche ai meno esperti. In

sicurezza. Nei terreni in pendenza

posa della passerella con l’ausilio

particolare, si sono soffermati

l’operatore può correggere

del radiocomando, il Roto 40.16S

sulla trasmissione idrostatica che

l’inclinazione laterale del 12%

ha lasciato quindi il posto a una

rende le fasi di lavoro più semplici

e frontale del 4%. Ciò consente

potente e altrettanto precisa

e precise assicurando variazioni

di sfilare il braccio telescopico

autogrù da 100 t.

millimetriche nei movimenti e nel

perpendicolarmente per lavorare

posizionamento del carico, ma

in condizioni di massima

Elevo-Kiloutou

anche sul sistema di correzione

sicurezza. uesto modello

Via Nigarzola 10

dell’inclinazione: disponibile di

dotato dell’esclusivo sistema di

24040 Lallio (BG)

serie e integrato nel telaio, questo

sicurezza ASCS (Adaptive Stability

Tel.: 035-6221242

sistema consente all’operatore

Control System) Light di nuova

www.elevo.it

di correggere le pendenze del

generazione.

info@elevo.it

La potenza in un braccio

l braccio del oto . è composto da una doppia sezione a “C” in acciaio alto-resistenziale con saldature realizzate lungo l asse neutro di essione. uba ioni

36

we are

access equipment

idrauliche e cablaggi elettrici posti al suo interno garantiscono protezione contro eventuali urti. ali caratteristic e offrono un’elevata precisione dello

sfilo recisione nei o i enti protezione contro gli urti dei componenti e delle tubazioni. Inoltre, la posizione del braccio, insieme al disegno del cofano e alla

su erficie etrata offrono la iglior visibilità del mercato, garantendo operazioni rapide, sicure e precise, efficien a negli s osta enti e massima sicurezza per i clienti.


#DO.YOU.KNOW? NOLEGGIO

Sempre più fiducia e ottimismo Nel primo trimestre 2021 il noleggio risulta dinamico, soprattutto nei ponteggi e movimento terra light. Riguardo l’andamento del noleggio e la distribuzione nel primo trimestre 2021, il centro studi Smartland ha elaborato per Assodimi l’andamento del settore evidenziando una variazione del fatturato positiva per il 76% degli intervistati e stazionaria per il 17%. Per la distribuzione si ha il 55% con incrementi e il 40% stazionari. La crescita è dovuta principalmente agli incentivi ad oggi attivi. Il noleggio risulta estremamente dinamico con il 78% in crescita e il 17% stazionari, le crescite medie superano il 15%, le zone maggiormente attive sono il NordOvest ed il NordEst, i settori più richiesti sono i ponteggi e il movimento terra light seguite da sollevamento e attrezzature edili. Il settore con performance minori (ma comunque positivi) sono i gruppi elettrogeni. I clienti risultano con sentiment positivo. www.assodimi.it

S O L L E VA M E N T O

una serie di nuove, importanti nomine per genie Il team dipartimento vendite Genie è stato recentemente riorganizzato, e al suo interno sono stati nominati nuovi membri. Dal 10 maggio 2021, Will Westley è il nuovo Direttore Vendite Genie per Regno Unito e Repubblica d’Irlanda. Prima di entrare in Genie, Will ha occupato la posizione di International Industry Manager, dove era responsabile delle vendite di macchine e delle soluzioni aftermarket in oltre 90 paesi. I Responsabili Vendite Regionali per il Regno Unito e la Repubblica d’Irlanda, Keith John, Adam Mitchell e Craig Duffy, faranno capo a Will. Con decorrenza dal 1° settembre, Will Westley assumerà il ruolo aggiuntivo di Direttore delle Vendite per la regione Nordica (Danimarca, Islanda, Svezia, Norvegia, Finlandia e Paesi Baltici). Dal 1° giugno 2021, Arjen Snijder, in precedenza Direttore Vendite Genie, Terex AWP, per la Germania, l’Austria e la Svizzera (regione GAS) e per gli account strategici dal 2018, è passato alla posizione di Direttore Sviluppo Commerciale Genie, Terex AWP, per il Benelux, gli Account Strategici e le Macchine Usate. Arjen manterrà la sede nei Paesi Bassi. Jacco de Kluijver, VP Vendite & Marketing Genie, assumerà la guida per Germania, Austria e Svizzera (Regione GAS). “Siamo lieti di accogliere e di dare il benvenuto a Will nel team Genie e di avere Arjen in un nuovo ruolo”, ha detto Jacco de Kluijver. “Sia la loro esperienza che la loro reputazione nel settore delle costruzioni e dell’accesso aereo saranno eccellenti risorse per il nostro forte gruppo di professionisti. Non ho dubbi che continueremo a rafforzare la nostra leadership e a concentrarci sulla capacità di risposta al cliente”. www.genielift.com/

DAL

MONDO G RU

è arrivata la prima! Alcune settimane fa, Tadano ha annunciato che avrebbe presentato al mercato europeo la nuova famiglia di gru fuoristrada GR-700EX-4, GR 900EX 4 e GR-1000EX-4. E infatti, la prima GR-700EX-4 dal Giappone è arrivata presso la sede di Tadano Nederland BV a Purmerend. “Il nostro team di vendita pensa che sia fantastico offrire queste straordinarie gru ai nostri clienti europei con effetto immediato”, ha dichiarato il direttore delle vendite Europa, Stephan Goluch, mentre commentava l’arrivo della GR-700EX-4 nei Paesi Bassi. In effetti, le gru fuoristrada Tadano “Made in Japan” godono di un’eccezionale reputazione in tutto il mondo per affidabilità, prestazioni, funzionalità e facilità d’uso. www.tadano.com

IN FRANCIA

MediaCo, tra le principali aziende francesi nel sollevamento e manutenzione, ha svolto un intervento aereo nel campo della telefonia mobile su una cisterna d’acqua alta ben m mediante l’uso di una piattaforma ragno

di

alazzani uesti lavori, complicati per l’altezza, richiedono la massima sicurezza e un’approfondita conoscenza delle macchine per operare al meglio e senza rischi.. www.palazzani.it

we are

access equipment

37


# Te c h n i c a l . N o t e s / @B K T

La nuova dimensione di BKT

D

a oggi gli utenti BKT potranno vivere le soluzioni del celebre marchio in modo

coinvolgente, interattivo, immersivo e completamente inedito grazie a nuove funzionalità. L’azienda infatti è ininterrottamente al lavoro per rendere l’esperienza online sempre più alla portata di tutti, puntando a fornire contenuti sempre più interattivi ai propri clienti e utilizzatori. “Ma in cosa consiste la novità?”, vi starete chiedendo. Più di 300 prodotti delle gamme di pneumatici BKT potranno essere visualizzati sul a na iga ione sul sito è alori ata da illole ideo co le entari ai rodotti isuali ati er a rofondirne le caratteristic e

una capacità media del 95% da

sito bkt-tires.com in modalità 3D,

personale, e anche durante la

e le soluzioni saranno consultabili

pandemia di Covid-19 ha introdotto

dal cliente in modo interattivo.

misure di sicurezza grazie alle quali

La nuova funzione consente di

la sua produzione ha continuato

visualizzare gli pneumatici da

a funzionare senza intoppi e

diverse angolazioni e nei minimi

puntuale durante uesto difficile

dettagli, facilitando in questo

periodo introducendo nei propri

Tutte le richieste dei clienti sono

modo gli utilizzatori nella scelta

stabilimenti misure di sicurezza.

state soddisfatte in tempo. Oggi

del prodotto più idoneo alle proprie

L’azienda rassicura che i team BKT

necessità. Come ulteriore novità,

in India e nel mondo sono al

la navigazione è valorizzata da

sicuro e stanno dando il meglio

pillole video BKT complementari ai

per mantenere l’attività a

prodotti visualizzati, per osservare

livelli normali. Grazie ad

lo pneumatico in fase di test

un tempestivo intervento,

approfondendone la tecnologia

i cinque stabilimenti di

e le qualità. Ma BKT è anche,

produzione di BKT in India

da sempre, attenta al proprio

funzionano senza problemi con

Non solo calcio

A

we are

access equipment

stop quando l’azienda ha sospeso la produzione per creare una task force e attuare tutte le misure di protezione necessarie.

il mercato dipende molto dalla disponibilità delle materie

#FOCUS.PILL Cercate il video che illustra le nuove funzionalità del sito BKT? Lo trovate su https:// vimeo.com/547937571

oli insie e alla alernitana e al ene ia è stato ro osso in erie

fine aggio con la ro o ione in erie della alernitana del ene ia e dell oli si è concluso il ca ionato della erie di cui è itle onsor. l celebre arc io a festeggiato uest anno il ter o anno di itle onsors i del ca ionato degli italiani rinno ando la collabora ione con ega fino al . a ienda roduttrice di neu atici ff ig a a dedicato nei esi scorsi ai tifosi nu erose ini iati e organi ando anc e di erse ca agne di solidarietà co e ad ese io la raccolta fondi entraingioco lanciata con onda ione es i lo scorso dice bre e dedicata alla rote ione dell infan ia c e a raccolto oltre . a beneficio dei ba bini eno fortunati a cui si è aggiunta la dona ione di . di . o onsor a su ortato a ini io aggio anc e i ildren s a s incontri digitali dedicati al futuro dei ba bini organi ati se re da onda ione es i.

38

aprile 2020, dopo solo un mese di

prime e dalle difficoltà di trasporto e tutti, più o meno, sono nella stessa situazione, ma BKT ha lavorato e sta lavorando duramente per fornire con puntualità tutti i prodotti richiesti.


#DO.YOU.KNOW?

DAL

MONDO

LOGISTICA

Un ambiente di lavoro tra arte e comfort Un luogo di lavoro verde, di socializzazione, che mira al benessere dei dipendenti. CEVA Logistics e Prologis insieme, a Somaglia (LO), per

PLE

hi-tech

realizzare il parco logistico PARKlife. Da settembre, visite guidate aperte al pubblico, disponibili su prenotazione gratuita. PARKlife costituisce un cambio di paradigma nello sviluppo dei parchi logistici, e grazie ad esso il sito si trasformerà in un piccolo centro urbano con una serie di benefici per arricchire la giornata lavorativa, tra cui trasporto pubblico, servizi generali, attività e spazio aperto per il tempo libero. In particolare, CEVA Logistics celebra una prima assoluta nel suo nuovo sito di Somaglia: un parco logistico trasformato in una galleria d’arte urbana a cielo aperto. Come parte dell’iniziativa Prologis PARKlife, 8 artisti urbani italiani di fama internazionale hanno utilizzato 40.000 m² di facciate di edifici e serbatoi d’acqua come tele per creare opere d’arte ispirate a una serie di parole chiave, tra cui innovazione, futuro, diversità e inclusione, integrità, passione e sostenibilità. www.cevalogistics.com

UNA NUOVA MULTIPURPOSE

N

el

stata presentata la ultipurpose di

della gamma

ultipurpose,

.

su autocarro , t, e ora, nella gamma

, entra un nuovo modello, la

, identica versatilità

ma in dimensioni pi ridotte. a nuova

rappresenta i

sta per

m di altezza di lavoro raggiungibile,

sta per compact

a evidenziare fin nel nome la sua dimensione contenuta nasce come nuovo modello della gamma

ultipurpose con un accento sulla compatezza. llestita su autocarro veco

ail , in posizione di trasporto misura meno di , m di lunghezza e , m di altezza. La grande novità è il braccio, costituito da un doppio telescopico e jib: la sua particolare configurazione garantisce una possibilità di scavalco di con un’escursione del ib fino a di s . a portata comandi

di

g.

, m e di lavorare in negativo,

. a cesta ha attacco frontale e nessun ingombro sotto

otevole la nuova interfaccia uomo macchina con la console

, la pi avanzata tecnologia per il sistema di gestione in tempo reale

delle prestazioni delle piattaforme aeree

. Grazie ad

, ogni singola manovra

controllata dal sistema che, attraverso la grafica integrata a displa , indica uale manovra è consentita, per garantire all’operatore maggior sicurezza. La stabilizzazione è variabile e presenta stabilizzatori frontali con estensione idraulica delle traverse per lavorare in sagoma e fuori sagoma e stabilizzatori posteriori fissi in sagoma.

ontinua il percorso

di viluppo rodotto intrapreso sia per la gamma autocarrate che i ragni afferma Govoni, irettore ommerciale di

.

arco

n uesto caso andiamo a impreziosire la linea

Multipurpose con un nuovo modello che presenta compattezza e performance di assoluto rilievo esaltate dal sistema di controllo

. ra possiamo offrire al mercato una gamma

completa sul segmento , t capace di rispondere alle varie esigenze con ben configurazioni doppia articolazione, telescopica, e doppia telescopica . www.ctelift.com

diverse

L’azienda serba Tenge Doo ha arricchito la propria flotta noleggio con la prima piattaforma autocarrata articolata ZED 25 HV allestita su Iveco Daily. Altezza di lavoro 24,6 m, sbraccio di 12 m, portata di 250 kg: queste le performance della ZED 25 HV CTE, la piattaforma autocarrata articolata con l’altezza di lavoro più alta della gamma articolata ZED su 3,5 t. Dotato di S3 EVO, questo modello è ideale per tutti i lavori in altezza fino a 25 m che richiedono sicurezza, versatilità e compattezza in cantiere e in strada. Ogni singola manovra è controllata dall’ S3 EVO che indica la manovra consentita per garantire all’operatore assoluta sicurezza. La stabilizzazione, anch’essa gestita da S3 EVO, è variabile e presenta stabilizzatori frontali con estensione idraulica delle traverse in qualsiasi posizione e stabilizzatori posteriori fissi in sagoma. CTE Connect garantisce una gestione ottimizzata della flotta, il monitoraggio a distanza, impostazioni e interventi di assistenza. Il titolare di Tenge Doo, Ivan Beloica, ha dichiarato: “sono stato attratto dal sistema S3 EVO di CTE per la garanzia di sicurezza e versatilità di stabilizzazione, e ho deciso di acquistare la piattaforma autocarrata più alta della gamma ZED. Per la nostra flotta noleggio è un importante inserimento e confido che tutta la nostra clientela ne beneficerà”. www.ctelift.com

we are

access equipment

39


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @M A G N I T H

Grazie alle dimensioni compatte, le scissor di Magni sono in grado di operare negli ambienti più stretti, come possono essere i cantieri in galleria

Il cantiere virtuoso

Gallerie. Sono da sempre tra i cantieri più complessi, sia tecnicamente che come logistica e gestione delle operazioni. È proprio qui che la lungimiranza di alcune aziende offre soluzioni all’avanguardia... in ogni senso

S

ono tante le parole

Noleggio d’autore

ad Andrea Lorini, proprietario

d’ordine per i moderni

Inutile dilungarci in noiose

della ditta Noleggio Lorini srl di

cantieri: sostenibilità,

spiegazioni teoriche. Meglio

Montichiari, che ci racconta la sua

sicurezza, tecnologia,

lasciare il campo a testimonianze

esperienza lavorativa con Magni

TCO… potremmo dilungarci a

dirette di chi i cantieri li vive

e perché hanno scelto per la loro

lungo. Molti di questi aspetti sono

tutti i giorni. La parola va quindi

legati all’esperienza delle aziende che “entrano in gioco”. E niente come l’unione di esperienze diverse

efficace nel progettare,

programmare e condurre un moderno cantiere. Quindi al nostro elenco iniziale dobbiamo aggiungere un’ulteriore parola chiave: collaborazione. ollaborare significa trovare le giuste sinergie ed i giusti partner per poter sempre essere competitivi sul mercato, specie in un settore come quello del sollevamento dove la concorrenza è molto forte.

40

we are

access equipment

otta di noleggio le piattaforme


#Dati tecnici DS1823RT

Portata Portata estesa N. max di occupanti (interno/esterno) Altezza di lavoro Altezza piano della piattaforma Lunghezza totale (con stabilizzatori) Larghezza totale Altezza totale (parapetto sù) Altezza di trasporto (parapetto giù) Dimensioni piattaforma (lunghezza/larghezza) Estensione della piattaforma Luce libera dal suolo Passo Trasmissione Raggio di sterzata (interno) Raggio di sterzata (esterno) Motore Velocità di traslazione (chiusa) Velocità di traslazione (aperta) Pendenza superabile Pendenza max. di lavoro Serbatoio olio idraulico Serbatoio carburante Pneumatici Peso (con stabilizzatori)

680 kg 227 kg 6 18 m 16 m 4,88 m 2,27 m 3,19 m 2,49 m 3,98 x 1,83 m 2 x 1,25 m 22 cm 2,86 m idraulica 2,35 m 5,2 m ubota . r 6,1 km/h 1,1 km/h 40% 2°/3° 130 l 100 l 33 x 12-20 9.190 kg

tage

aeree del noto marchio di Castelfranco Emilia: “le prime parole che mi vengono in mente sono affidabilità e semplicità d’utilizzo, due caratteristiche fondamentali per il noleggio. Inoltre la gamma di piattaforme aeree Magni vanta una semplicità di manutenzione ordinaria senza eguali, altro parametro che ha fatto spostare l’ago della bilancia verso Magni. E anche in caso L’alimentazione elettrica delle scissor Magni permette di operare in ambienti chiusi senza problemi legati all’areazione degli ambienti a causa delle emissioni di un eventuale motore endotermico

di riparazioni più complicate o sostituzione di pezzi, la squadra del post-vendita è sempre pronta e reattiva per risolvere il problema nel minor tempo possibile.” Tutti i modelli della gamma di piattaforme aeree di Magni sono equipaggiati con un display, collocato nella parte inferiore del carro, che fornisce tutte le

Le piattaforme Magni

N

ato come costruttore di sollevatori telescopici che si è rapidamente imposto sul mercato nonostante la giovane età dell a ienda nel agni a fir ato una oint enture con la cinese e iang ingli ac iner e creato un centro euro eo che ha portato all aprogettazione e realizzazione di una nuova gamma di piattaforme aeree declinata in una famiglia di modelli scissor, e una famiglia di PLE semoventi verticali. Le prime, elettriche, seguono i medesimi principi costruttivi dei telescopici, ossia essere macchine in grado di risolvere le problematiche di cantiere. La loro stabilità è garantita dalla tecnologia a doppia forbice con braccia rinforzate,

mentre le dimensioni compatte garantiscono una maggiore produttività per le attività lavorative sia in ambienti interni che all’esterno. Offrono un’ampia agilità di manovra e consentono di avvicinarsi a zone di difficile accesso solle ando al edesi o te o i ateriali necessari per svolgere il lavoro in altezza. I modelli semoventi verticali, inoltre, sono macchine ideali per lavorazioni e manutenzioni in spazi ridotti, grazie a un ingombro ridotto che consente il passaggio anche attraverso porte e passaggi stretti. Questi modelli possono essere utilizzati sia in spazi interni che esterni, entre la resen a del ib garantisce un estre a ersatilità di la oro. we are

access equipment

41


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @M A G N I T H

#Dati tecnici DS1218RT

Portata Portata estesa N. max di occupanti (interno/esterno) Altezza di lavoro Altezza piano della piattaforma Lunghezza totale (con stabilizzatori) Larghezza totale Altezza totale (parapetto su) Altezza di trasporto (parapetto giù) Dimensioni piattaforma (lunghezza/larghezza) Estensione della piattaforma Luce libera dal suolo Passo Trasmissione Raggio di sterzata (interno) Raggio di sterzata (esterno) Motore Velocità di traslazione (chiusa) Velocità di traslazione (aperta) Pendenza superabile Pendenza max. di lavoro Serbatoio olio idraulico Serbatoio carburante Pneumatici Peso (con stabilizzatori)

454 kg 136 kg 4 12 m 10 m 3,84 m 1,76 m 2,59 m 1,82 m 2,88 x 1,52 m 1,43 m 24 cm 2,29 m idraulica 2,15 m 4,85 m ubota . r 5,2 km/h 0,48 km/h 40% 1,5°/3° 71 l 47 l 26 x 12-16,5 4.300 kg

tage

indicazioni visive sullo stato di

di Brescia, che proprio in maggio

estraibile multi-posizione, sulla

funzionamento della macchina,

si

parte anteriore della piattaforma,

riducendo così drasticamente

per portare a termine le opere

riuscendo così a garantire uno

i tempi di fermo. Inoltre molte

di rifacimento all’interno di una

spazio di manovra e di movimento

procedure di manutenzione e

galleria sulla

in quota eccezionale.

riparazione sono in comune tra

parliamo della galleria Setteventi,

Sul modello DS1218RT viene

tutti i modelli della gamma per una

tra Ovada e Masone. “Il cliente”

montato di serie l’assale oscillante

più facile cura del mezzo; la stessa

prosegue Andrea Lorini,“ha

per rilevare la pendenza ed

cosa vale anche per i principali

selezionato due piattaforme

adattare così la posizione alle

componenti, che sono in comune.

DS1823RT, scegliendole per la loro

condizioni del terreno per

eccezionale portata di 680 kg e una

garantire sempre la massima

Esperienza... in galleria

DS1218RT con portata da 454 kg.”

stabilità durante il lavoro.

A ulteriore conferma di quanto

Il modello DS1823RT è

Anche i pneumatici in gomma

appena affermato, ndrea orini

equipaggiato di serie con un

piena, montati di serie su tutta

cita il proprio cliente Del Bono SpA

ponte con estensione idraulica

la gamma DS, sono perfetti per

affidato alla sua otta noleggio

.

ello specifico

resistere ai danneggiamenti causati da detriti o terreni sconnessi ed irregolari. Insomma una gamma di prodotti pensati per aggredire il mercato ed essere sicuri di avere performance degne di un fuoriclasse.

Noleggio Lorini Via Eugenio Montale, 15/a 25018 Montichiari (BS) www.noleggiolorini.com

42

we are

access equipment


#DO.YOU.KNOW? P I AT TA F O R M E A E R E E

Maxi commessa

L’azienda tedesca Roggermaier Gmbh ha preso in consegna 10 Multitel Pagliero. Il pacchetto include l’MTE230 e l’MTE270 montati su chassis Mercedes Sprinter da 3,5 t. I due modelli fanno parte del prodotto Multitel di ultima generazione, garantiscono movimenti rapidi, sbraccio eccezionale e prestazioni al top. La prima, con un carico massimo della gabbia di 300 kg garantisce uno sbraccio di 10,60 m, e di 16,00 m con un carico di 100 kg. La seconda, con un carico massimo della gabbia di 230 kg offre uno sbraccio di 12,80 m, e di 17,00 m con un carico di 100 kg. L’azienda Roggermaier è presente in Germania con 10 depositi, gestisce una flotta di noleggio di oltre 2.000 unità formata da tutti i tipi di piattaforme, sollevatori telescopici, mini gru cingolate e carrelli elevatori. www.pagliero.com

NUOVI MOTORI ha lanciato una gamma aggiornata di sollevatori telescopici per il settore delle costruzioni, alimentati dal motore iesel

da

conforme ai re uisiti sulle

emissioni tage . uesto aggiornamento si affianca ai modelli tage

con motorizzazione

stati presentati nel

.

iesel

da

al modello

, l’intera linea di sollevatori telescopici essere alimentata dal motore

che sono

al modello iesel

oadall pu , che eroga

di potenza. e caratteristiche principali dei nuovi modelli includono motori tage

senza necessità di G ,

l’arresto automatico del motore riduce il consumo di carburante e le ore di funzionamento al minimo e quattro tipi di rigenerazione per ridurre i tempi di fermo.

COLLABORAZIONE!

P

rosegue il percorso intrapreso da

agni

www.jcb.com

all’insegna

della collaborazione. opo l’efficace risultato ottenuto insieme a Lorini Noleggio, è la volta dei fornitori. In questo

caso, si tratta di ntergomma, che fornisce a

agni pneus eolus.

La collaborazione che stiamo per raccontarvi pone l’interazione tra persone in primo piano, allo scopo di creare reazioni nuove e positive verso le due aziende e il loro modo di fare business. Ma di cosa stiamo parlando? Di un progetto di comunicazione, online ed o

ine, incentrato sul componente pneumatico, di cui

Intergomma è protagonista, integrato nel contesto macchina (che ovviamente rappresentato dall’intramontabile

di

agni

e contestualizzato in maniera alternativa, che porta in primo piano spunti e idee inusuali per il settore. Due i contesti scelti: romantico il primo, con una coppia che cena librandosi a diversi metri di altezza grazie alla navicella portapersone dell’ agni

di

. emminile il secondo, con una giovane operatrice che

usa lo specchietto del proprio

per mettersi un po’ di rossetto

a fine turno, prima di lasciare il luogo di lavoro. www.magnith.com

we are

access equipment

43


# C o m p a n y . Vo i c e s / @A U T E C

Ricerca&Sviluppo=Autec Al prossimo GIS di Piacenza Autec presenterà al pubblico alcune (interessantissime) innovazioni tecniche. Ecco qualche anticipazione

Un classico esempio di applicazione Autec: su un sollevatore telescopico in un cantiere della Pedemontana

L’

azienda di Caldogno

rilasciati da Autec pensati per

(Vicenza), produttrice di

arricchire la propria offerta di

riferimento di Cableless

soluzioni per il comando remoto

Control Systems, al

per la serie Air e Dynamic. Si

prossimo GIS di Piacenza esporrà

tratta di unità portatili progettate

parecchie interessanti novità

appositamente con specifiche

tecniche. Il comune denominatore

dimensioni e design, allo scopo

di questi nuovi prodotti risiede nella

di aderire il meglio possibile alle

qualità realizzativa, che per Autec

molteplici richieste applicative del

significa ricerca e sviluppo di sistemi

mercato internazionale. Dettaglio

di comunicazione e materiali più

importante è la loro predisposizione

performanti, design moderno ed

a essere utilizzate con il nuovo

ergonomico, oltre che affidabilità

display a colori (programmabile

e sicurezza grazie ai numerosi

in Codesys o JMobile) TFT LCD

test svolti durante tutta la filiera

da 4.3”, 65k colori e risoluzione

produttiva. Il tutto condito da un

di 480x272 px, per un’ottimale

aspetto imprescindibile nei cantieri

visualizzazione dei parametri di

moderni: un’assistenza post-vendita

funzionamento e degli stati della

professionale, rapida ed efficiente.

macchina. Inoltre i modelli Link e Curve

Compact, Link e Curve

sono le novità inserite anche nella

Compact, Link e Curve

famiglia delle unità con comando

rappresentano gli ultimi modelli

a cavo. Questa serie, dedicata alle

44

we are

access equipment

Compact, Link e Curve rappresentano gli ultimi modelli Autec pensati per arricchire la propria offerta di soluzioni per il comando remoto per le serie Air e Dynamic

situazioni applicative dove risulta critico o vietato l’utilizzo delle radiofrequenze, presenta ora ancora più soluzioni, coerentemente con la volontà di offrire una risposta a ogni specifica richiesta del cliente. Da non dimenticare come, grazie alla configurabilità classica dei


prodotti Autec, sia facile predisporre una consolle su misura per molte applicazioni, quali, ad esempio, piattaforme aeree o gru mobili.

AVS (Autec Vision System) AVS, acronimo di Autec Vision System, è invece la novità progettata per migliorare e incrementare l’efficienza di lavoro attraverso l’uso di telecamere con i radiocomandi della serie Dynamic+P con display da 4.3”. La visione nitida dell’immagine a colori dell’ambiente di lavoro, la risposta dinamica del sistema con soli 100 ms di latenza e lo switch immediato tra telecamere permette infatti di ottimizzare le performance Il punto di forza principale di AVS è la totale configurabilità della sua interfaccia grafica a colori.

Autec al GIS

Autec, e non poteva essere altrimenti, parteciperà in grande stile al prossimo GIS di Piacenza, il più importante evento europeo del 2021 dedicato agli utilizzatori di macchine e attrezzature per il sollevamento e la movimentazione, in programma da giovedì 7 a sabato 9 ottobre. I professionisti del settore sono quindi invitati a toccare con mano tutte le soluzioni Autec visitando lo stand C 38, padiglione 1 del GIS, dove ovviamente saranno esposti anche tutti i prodotti protagonisti di queste pagine. Per maggiori informazioni digitali, invece, vi consigliamo di visitare il sito: www.autecsafety.com. in molteplici applicazioni, soprattutto dove si richiede all’operatore di controllare anche i cosiddetti punti ciechi. Ma il punto di forza principale di AVS è la totale configurabilità della sua interfaccia grafica a colori. Grazie alla funzione di overlapping, le immagini delle telecamere, i dati, le eventuali segnalazioni o gli allarmi possono essere configurati per apparire contemporaneamente nel display.

we are

access equipment

45


# Te c h n i c a l . N o t e s / @L I N D E M H

Carrelli a energia verde

S

cegliere un carrello elettrico significa, per

tecnologia a riluttanza sincrona

tempi di movimentazione e costi per

che ne aumenta efficienza

pallet spostato. ome accade per i

caso, dover rinunciare a

e prestazioni, e inoltre sono dotati

carrelli termici, anche i nuovi inde

robustezza, prestazioni

di magneti al neodimio oltre a

si sentono a proprio agio su terreni

ed ergonomia, ualità tipiche dei carrelli termici

ggi sicuramente

uesto, il raffreddamento ad ac ua

molto irregolari le gomme grandi e

dei moduli elettronici assicura

i cuscinetti in elastomero agiscono

no, e al contrario sono sempre di

una grande resistenza anche in

infatti come ammortizzatori

pi le aziende che preferiscono

termini di tempi di funzionamento.

sull’assale anteriore, riducendo

carrelli elevatori elettrici per movimentare le merci in modo

essa a confronto con la serie , la serie

ha

davvero green, grazie anche ai

dimostrato altrettanta potenza in

motori silenziosi e all’elettricità

termini di movimentazione delle

autogenerata.

merci e, rispetto alla concorrenza,

uesto proposito, inde

migliori risultati in termini di

lancia i nuovi carrelli elevatori frontali elettrici serie

ed

, con portata da

della a , t,

i primi che eguagliano prestazioni e robustezza in applicazioni gravose tipiche dei carrelli termici, offrendo tutti i vantaggi ambientali del funzionamento elettrico e al tempo stesso un’adeguata forza e robustezza per superare pendenze e operare in aree sporche e polverose. n moduli elettronici infatti, completamente sigillati o incapsulati nel vano batteria e nel vano motore, garantiscono l’impermeabilità contro sporco, bagnato e particelle di polvere. ispetto alla tecnologia tradizionale, i punti forti di uesti nuovi carrelli sono molteplici i motori che caratterizzano le gamme ed

della serie

si

distinguono per una rivoluzionaria

46

we are

access equipment

Da test comparativi, la serie X20 - X35 ha superato la concorrenza in termini di tempi di movimentazione delle merci

notevolmente vibrazioni e sobbalzi che non vengono trasmessi al conducente evitandogli stress fisico. ’energia fornita dall’innovativa e altamente prestazionale tecnologia delle batterie agli ioni di litio


sviluppata da inde

ueste ultime

movimento dietro al carrello e gli

I Linde X20 e X35 sono ottimi anche all’esterno, su terreni irregolari e in pendenza, grazie alle grandi gommature

sulle varie tipologie di carrelli, e

sono estremamente sicure e

impediscono di fare retromarcia

resistenti agli urti. a serie elettrica,

se ci sono persone o altri veicoli

come la termica, offre un’eccellente

nelle vicinanze. lla base di uesta

e completa visibilità tra le sezioni

nuova generazione di carrelli c’

del montante, lateralmente, sul

il concetto di piattaforma e, di

standard in termini di disponibilità

retro e verso l’alto, il comfort

conseguenza, un numero maggiore

operativa, soprattutto in relazione

dell’operatore garantito

di parti intercambiabili con ovvi

alla manutenzione, grazie alla ridotta

dall’impianto di climatizzazione

vantaggi, tra cui una maggiore

tendenza all’usura. processi di

opzionale con sistema di

essibilità in caso di uttuazioni

ci rende pi semplice all’operatore il passaggio da un tipo di carrello all’altro. a nuova generazione di carrelli stabilisce anche nuovi

assistenza in rete e il nuovo sistema

ventilazione a otto bocchette che

della produzione e la possibilità di

fornisce un potente raffreddamento

scambiare componenti tra diversi

basato sulla trasmissione

o riscaldamento, mentre il sistema

modelli e adattare velocemente i

dei dati e sullo stato del carrello,

opzionale di assistenza alla

carrelli destinati al noleggio.

contribuiscono ad aumentare

guida di inde offre la massima

a disposizione degli elementi di

sicurezza. sensori registrano il

controllo rimane uasi inalterata

e

ruc

ealth

anagement ireless

ulteriormente la capacità operativa del carrello.

ifica e è meglio

I

l procedimento più comune per gestire il prelievo degli ordini in magazzino è prelevare le merci su un lato. In pratica, il conducente guida il carrello alla fermata stabilita, scende, preleva la merce e poi ripete questa manovra. Il ripetersi di questi passaggi richiede tempo e fatica all’operatore, e aumenta il rischio di errori e incidenti tra i dipendenti. Ma Linde MH ha trovato la giusta soluzione a questo problema nei nuovi pick-up semiautomatici Linde N20 SA e N20 C SA che, accompagnando automaticamente il conducente, fanno risparmiare tempo au entando l efficien a fino al e riducendo il risc io di incidenti. I nuovi mezzi intelligenti utilizzano la funzione “seguimi” er seguire l o eratore fino alla fer ata successi a si osi ionano direttamente con le forche accanto alla merce da prelevare, in modo che l’operatore deve solo prelevare la merce e depositarla sul pallet, senza altre manovre. La funzione si basa su tecnologia radio i ostabile con recisione centi etrica. lla fine della corsia

il carrello si ferma automaticamente per evitare possibili collisioni. Salendoci sopra, la modalità semiautomatica termina e il pick-up u essere guidato anual ente fino alla rossi a fer ata. no scanner di sicurezza nella parte bassa rileva pedoni e altri ostacoli, prevenendo collisioni e incidenti. we are

access equipment

47


# T h e Z o o m / @I N D A G I N E B A U M A

Buon viso a cattivo gioco?

Bauma 2022 si sposta a ottobre. Mossa dettata da un colpo di genio, o più semplicemente da prudenza. O è follia? In queste pagine presentiamo la risposta che moltissime aziende hanno dato

M

esse München ha annunciato lo slittamento di

ultime novità è innegabile, ma è altrettanto innegabile lo stato di

Bauma 2022 al 24 al 30 ottobre. Il periodo scelto

incertezza legato alla pandemia che ancora permane.

cade ravvicinato a molte altre manifestazioni: JDL

La decisione di Bauma, dettata dalla volontà di massimizzare

po

eaune, rancia , fiera del settore del

il numero dei possibili visitatori, soprattutto extra-europei,

sollevamento, di solito programmata in giugno, quindi circa 4

va a tutela del grande investimento che Bauma comporta per

mesi prima di auma

gli espositori, ma alcuni hanno aggiunto la considerazione che

annover, Germania

fiera

dedicata ai trasporti on e off road e alle relative filiere, previsto

Conexpo di Las Vegas, prevista per marzo 2023, possa scoraggiare

dal 20 al 25 settembre quindi un mese prima di Bauma 2022;

il viaggio verso Monaco di Baviera da Canada e USA.

Geo uid

iacenza, talia

settore delle perforazioni,

andemia o no, per molte aziende auma resta comun ue un

programmato a settembre 2022 quindi poco più di un mese prima

must, un passaggio obbligato.

di Bauma 2022; Ecomondo 2022 (Rimini, Italia): manifestazione

tempo fa) era un po’ come essere radiati dall’albo delle aziende,

dedicata all’economia circolare, al riciclaggio e alla raccolta

ma adesso alcuni nomi importanti (per ora non tedeschi)

rifiuti, di solito programmata ai primi di novembre uindi

hanno iniziato a mettere delle “question mark” sulla propria

indicativamente una settimana dopo Bauma 2022; SaMoTer

partecipazione, che suonano da forte monito per Monaco Fiere,

erona, talia

fiera del construction e movimento terra,

on esserci almeno fino a poco

anche perch i costi accessori della fiera sono definiti da molte

previsto a marzo 2023, quindi indicativamente cinque mesi dopo

aziende un po’ “fuori di testa”.C’è una gran voglia di scuotersi

Bauma 2022. Come già in parte evidenziato nel nostro recente

da dosso l’artrosi relazionale da Covid-19, certo il periodo scelto

articolo on line (https://www.macchinecantieri.com/Bauma-

cade ravvicinato a molte altre manifestazioni (e ottobre a Monaco

2022-posticipato-a-ottobre/) tante sono le perplessità che

è un periodo climaticamente infelice, diciamolo pure).

sorgono dopo un’analisi preliminare del calendario fieristico

agari poi le altre fiere slitteranno un po’ prima o un po’

2022 in merito ai “danni collaterali” causati dalla decisione

dopo rispetto alle date previste ad oggi. Insomma, all’epoca in

di Messe München che non saranno pochi (e la decisione

cui scriviamo questo articolo (inizio giugno 2021), per molte

dell’organizzatore di GIC di anticipare le date da ottobre 2022

aziende i pro e contro hanno ancora confini piuttosto sfumati,

ad aprile 2022 la dice lunga). Abbiamo quindi posto a moltissime

ed

aziende (e in moltissimi ci hanno risposto) il seguente quesito:

aziende che, per motivi anche molto specifici, un’opinione chiara

in qualità di potenziali espositori, sia di Bauma che delle altre

se la sono fatta.

difficile avere un’opinione. vviamente, poi, ci sono anche

manifestazioni citate, che opinione avete riguardo la decisione di Messe München?

JEKKO Chiara Bellina (Communication&PR)

Ancora molta incertezza

La nostra opinione è che sia stata una scelta prudenziale, in

olte aziende che per puri motivi di spazio non sufficiente

quanto se da un lato è vero che aprile 2022 è ancora lontano, è

in queste poche pagine non citeremo) non hanno ancora

vero anche che auma

un’opinione ufficiale. er i motivi pi disparati.

sicuro che entro tale data l’allarme sanitario sia completamente

a una parte, essendo auma una delle fiere pi importanti al Mondo, la volontà di esporre il prima possibile e presentare le

48

we are

access equipment

una fiera di respiro mondiale e non

cessato. l nostro giudizio forse

anche in uenzato dal fatto che le

altre fiere menzionate non riguardano da vicino e

o, uindi noi


Le associazioni

CECE ha cortesemente risposto di non essere interessato a prendere parte all’indagine. Molto articolata e logica la risposta di Assodimi-Assonolo, che nella persona di Marco Prosperi, Segretario dell’associazione, ha dichiarato: “il ragionamento, dal mio punto di vista, è molto complesso. Sono tantissimi i ‘pesi’ da mettere nei piatti della bilancia. In un Paese come la Germania, con l’organizzazione di un evento come Bauma che non ha mai conosciuto una sbavatura, credo che tale decisione sia stata presa con chirurgica precisione. Da un lato la grandezza della manifestazione sicuramente spaventa (pensiamo alla metropolitana da prendere, seppur organizzata benissimo, ma pur sempre strapiena di persone), idem voli e hotel che generalmente venivano prenotati con larghissimo anticipo. Inoltre alcuni grandi nomi che hanno deciso di rimandare la partecipazione hanno sicuramente aiutato la scelta fatta dall ente fiera. l risc io c e ne risentano altre anifesta ioni fieristic e è

purtroppo, scontato, in special modo quelle di settori li itrofi c e sta ano crescendo come Ecomondo o Samoter, che potrebbero registrare qualche defezione di aziende, anche multinazionali, che saranno costrette a scegliere dove investire. Non credo che Bauma si sia posto la questione delle altre fiere cui a rebbe otuto dare fastidio sicuramente hanno fatto dei ragionamenti interni. Certo anche per Bauma sarà una scommessa perché si è posizionata te oral ente icina alla fiera di Hannover, ma sono comunque lontani dagli errori che negli anni sono stati fatti nel nostro Paese”. “Bauma fa e Bauma disfa: la posizione do inante c e il ercato delle fiere ondiali ha riconosciuto ormai da diversi anni a Bauma ha fatto si che l’evento monacense si prendesse la licenza di scegliere la migliore collocazione per sé. E probabilmente l’avremmo fatto tutti, se ci fossimo trovati nella stessa situazione” ha dichiarato

comun ue non parteciperemmo. ’unica fiera del settore

,

Maurizio Quaranta, Responsabile IPAF per l’Italia & Coordinatore Progetti Internazionali. “Certamente Bauma, con la decisione di spostare la manifestazione a ottobre, vuole essere sicura che l’edizione non abbia alcun tipo di limitazione, sia nello spostamento degli espositori/visitatori, che nell’offerta di tutti i servizi della città. Tra un anno e 5 mesi è probabile che ci ritroveremo tutti quanti vaccinati, con in più un’incredibile voglia di viaggiare e incontrarci e, perché no, anche di fare baldoria. E Bauma ha pensato sicuramente anche a questo. E non alle altre fiere. a del resto era da ingenui ensare c e ‘ne saremmo usciti tutti più buoni’. Quanto al sollevamento e alla presenza di IPAF, presumo che la Federazione sarà presente con un ro rio stand non sco etto in ece che tutti i nostri soci produttori saranno presenti, o comunque presenti in gran spolvero, in quanto so che alcuni preferiranno concentrarsi su alcune fiere locali ben i verticali e quindi mirate di Bauma”.

espositivi ridotti, ma parteciperemo, comunque, sia a Bauma

ma è comunque a carattere nazionale e vi partecipa il nostro dealer

che a Samoter, che sono le manifestazioni che ci interessano.

francese

Certo gli investimenti da sostenere per partecipare a Bauma sono

latforms.

importanti, ma anche il fatto che la fiera porti sempre business

Kobelco Marco Ferroni (Sales & Marketing Italy, Israel and Iberia) enso che auma sia stato l’evento pi importante nel nostro settore per anni. urtroppo il lungo periodo di stand b a cui tutti

in termini di vendite nei tre anni dopo non è trascurabile. L’unica incertezza rimane la pandemia, ma confido che per ottobre non sarà più in vigore la quarantena obbligatoria per i visitatori extra europei.

siamo sottoposti non permette di confutare certezze di questo parte dell’organizzazione monacense; il successo o meno della

Magni TH Maria Benassi (Marketing & Communication Manager)

manifestazione ci permetterà di trarre conclusioni per il futuro.

Credo che in questo periodo di incertezze, soprattutto temporali,

genere, quindi ritengo che sia accettabile qualsiasi decisione da

er il momento ripartiamo dalle certezze.

sia giusto che ognuno cerchi di fissare le proprie scadenze, ottemperando normative, regolamenti e armonizzandosi con

Luxtower Elisa Taini (Sales and marketing director)

altri nti. uesto preambolo per confermare che credo che auma

Bisogna considerare l’impegno economico che il partecipare a

aspettarselo tutti un overlapping di eventi in quel lasso temporale.

ueste fiere comporta. uindi probabilmente opteremo per spazi

sia stata cautelativa a posticipare le date, e penso che potevano La voglia di ripresa e di normalità sta travalicando sicuramente

we are

access equipment

49


# T h e Z o o m / @I N D A G I N E B A U M A

certe regole, mai scritte ma assodate, e mi riferisco agli scaglioni

l’evento dal vivo (tempi stretti e budget chiusi).

temporali tra un evento e l’altro. gnuno cerca di sopravvivere

enso che, alla fine, per il settore del movimento terra auma

come meglio può, e non credo che il prossimo anno un evento

rimarrà anche per il 2022 un evento importante dove moltissimi

cannibalizzi l’altro perché, ripeto, è tanta la voglia di rinascita.

esporranno, e Messersì non si tirerà indietro. C’è voglia di

Magni TH prenderà parte a Bauma, ovviamente sperando di essere

esporre le novità, di partecipare nuovamente a eventi nazionali

per quel momento tutti vaccinati e comunque adempiendo a

e internazionali, di tornare a incontrarsi dal vivo. Il nostro è

tutte le norme di sicurezza che ci verranno richieste. Mi riferisco

un settore dove non si può cancellare dall’oggi al domani una

soprattutto a certi paesi dove la pandemia è tutt’ora pesante e

consuetudine fatta di rapporti umani diretti e di incontri dal vivo

lontana dal definirsi sotto controllo non credo che si possa, n

dove si possono vedere fisicamente e in alcuni casi provare

tanto meno lo reputo giusto e democratico porre un veto sulla loro

le macchine.

partecipazione, ma sicuramente mi aspetto una forte presenza di sicurezza e controlli da parte di chi organizza la fiera, sia per noi espositori che per i visitatori. uesto per il benessere di tutti, ma soprattutto per la riuscita dell’evento stesso. Non dobbiamo farci prendere dall’entusiasmo, ma cercare di agire sempre con

ME A (Divisione Geotecnica, Drilling Oilfield di CIMA) Simona Di Lorenzo (Marketing & Quality Assurance Manager) osticipare la data di auma

da aprile a ottobre ci sembra

un’attenzione particolare verso quello che abbiamo e stiamo

un notevole rischio per diversi motivi, ma in particolare due: in

tutt’ora vivendo. Trarre insegnamento da quanto vissuto,

primis, il forte rischio di cannibalizzare altre fiere del settore che

una volta per tutte. E goderci, nel rispetto di tutti, questa

si terranno in quel periodo; inoltre la partecipazione da parte delle

normalità tanto agognata.

aziende a pi fiere nello stesso periodo esborso economico che non

Manitou Giacomo Borghi (Marketing Responsible) enso che la decisione di

esse

poco sensata, e porta a un

giustificato da un motivo di business,

soprattutto nell’anno post Covid-19. Forse questo non vale per le multinazionali del settore, ma le fiere non annoverano solo la

nchen sia principalmente

partecipazione di multinazionali, ma anche di molteplici aziende

dettata dalla prudenza, dalla volontà di allontanarsi il più possibile

di medie dimensioni per cui partecipare a pi fiere diventerebbe

da uesta maledetta pandemia, considerando fine

troppo dispendioso e senza un reale vantaggio in termini

come un

periodo più sicuro da questo punto di vista (magari ancora in giro

commerciali. l clima, inoltre, a fine ottobre potrebbe essere troppo

con le mascherine, ma tutti vaccinati).

rigido per gli espositori nelle aree esterne. La domanda a questo

Ritengo però che questa situazione fornisca un quadro lucido sulla

punto sarebbe: quando farlo? Se si posticipasse di un intero anno,

frammentazione del mercato fieristico di oggi. ome molti ambiti

cio ad aprile

economici e non solo, Covid-19 è stato un grande acceleratore.

in quel periodo?

, oltre a amoter

, ci sarebbero altre fiere

Bauma come genio perché in questo modo ribadisce la sua importanza e centralità, anche a discapito di fiere minori Forse, certo non follia.

Palazzani Paola Palazzani (Sales Director) Sicuramente le perplessità sono ben fondate, si passa da

Messersì Alessandro Valere (Sales Department - Product Specialist)

un’atmosfera primaverile a una autunnale, con tutto ciò che

Lo spostamento di Bauma non ha scombinato più di tanto i piani

nelle aree esterne, come noi. Non ne facciamo solo una questione

aziendali, visto che comunque Messersì non partecipa alle altre

di clima, e uindi un op di orari visto che le giornate saranno

fiere chiamate in causa. erto faremo amoter

pi corte, fredde e con sicura minore a

, ma uello

ne consegue: scarso appeal della stagionalità per gli espositori

uenza del pubblico nel

che ci interessa prima sono i amoter a s in cava, che potrebbero

pomeriggio. Lo sappiamo, è sempre così per chi espone fuori.

slittare anch’essi ad aprile 2022 (ora che Bauma è slittato) in

Ci sono anche le tempistiche da considerare.

uanto da ui a fine settembre

50

we are

access equipment

difficile per molti organizzare

osa significa per un produttore aspettare pi di un anno per


mostrare prodotti nuovi a una fiera internazionale meno contatto con il cliente finale, che

ignifica avere

ci che fa la differenza tra

il prolungarsi della pandemia ha portato alla compressione degli intervalli temporali a disposizione, e al conseguente affollamento

un prodotto ben riuscito e uno ancora da perfezionare, con tutto

dei calendari.

ciò che ne consegue, cioè altro tempo perso lontano dai clienti.

internazionale degli eventi, che ha indotto alcuni enti a scegliere

uesto si sovrappone la differente rilevanza

Lontano da chi è il vero portatore di interesse per noi costruttori,

le nuove date indipendentemente dal resto del contesto, contesto

perché un cliente la macchina la vuole vedere, toccare, provare,

in cui l’Italia si trova mediamente svantaggiata, sebbene possa

sentire il feeling con essa. Semplicemente una decisione fuori

vantare alcune manifestazioni con contenuti qualitativi altissimi.

luogo e soprattutto per accontentare chi? Gli espositori tedeschi,

In qualità di espositore, la scelta di spostare temporalmente

i noleggiatori? Loro non stanno perdendo mercato? La decisione

gli eventi non ci concede alternativa, in quanto rinunciare alla

a parer nostro è inspiegabile. Ci adeguiamo, ma non siamo

presenza in manifestazioni a cui sono già stati versati acconti

soddisfatti, e speriamo ancora in un ripensamento.

(se non saldi) comporterebbe la perdita degli investimenti fatti. A fronte di espositori sigillati in più eventi tra loro prossimi,

Platform Basket Carloalberto Molesini (Managing & Sales director)

il pubblico sarà costretto a muoversi tra pi fiere, e uesto potrebbe ridistribuire meglio gli ingressi professionali di quanto avrebbe fatto il normale cadenzamento, a tutto vantaggio degli

n veste di latform as et siamo un po’ dispiaciuti dello spostamento della manifestazione fieristica di maggior richiamo

eventi minori. Magari non sarà così per i visitatori generalisti, ma

mondiale uale

solitamente non è quello il pubblico a cui puntano gli espositori.

auma. referiamo la primavera all’autunno,

per ovvie ragioni legate alla stagione e, soprattutto, alla lunghezza Nord Europa la stagione diventa molto incerta, e per costruttori

Simex Alessandro Ferrin (Marketing Responsible)

come noi, obbligati a esporre in piazzali all’aperto, il rischio di

Grandi eventi come Bauma, in particolar modo per le case

esporre in presenza di intemperie, sicuramente non ci rende felici,

costruttrici maggiori, prevedono tempi di programmazione,

e riduce la nostra visibilità al vasto pubblico partecipante.

oltre che di allestimento, molto lunghi. Uno slittamento quindi

della giornata. n particolare, consideriamo che a fine ottobre in

iteniamo, altres , che la fiera abbia un richiamo mondiale di

dell’edizione 2022 in un periodo che, in linea teorica, possa essere

tutto rispetto e siamo anche certi che la partecipazione sarà

considerato più al sicuro da una eventuale coda pandemica, credo

sempre molto sostenuta, indipendentemente dalla vicinanza e/o

fosse inevitabile. Allo stato attuale, molte, troppe sono le incognite

sovrapposizione di altre manifestazioni fieristiche.

che rendono davvero difficile pronosticare uali saranno non

ello specifico, alla domanda genio, prudenza o follia ,

soltanto le modalità di svolgimento, ma la reale fattibilità di un

personalmente non ritengo sia nessuno dei tre casi, ma

evento di queste proporzioni. Certamente la sovrapposizione dei

semplicemente l’organizzatore ha ritenuto prematuro organizzare

calendari degli eventi fieristici

il salone in primavera per stime/proiezioni di pandemia

conseguenze che il Covid-19 ci ha consegnato, ma di cui dovremo

internazionale non ancora completamente risolta, e da ciò ha

tener conto. uest’ultimo anno ci ha insegnato, anzi, direi ci ha

valutato che sei ulteriori mesi di spostamento avrebbero portato un enorme beneficio numerico sotto l’aspetto di visitatori. uesto

un

una delle tante

purtroppo

obbligati a diventare essibili, e a non dare nulla per scontato. e conseguenze uindi ci saranno, ma sarà l’ennesima sfida che

periodo che ha stravolto il mondo intero, e ne consegue che tutti

credo potremmo vincere con l’impegno e la collaborazione di tutti

i settori vengono, in misura diversa, toccati da questa situazione.

gli attori coinvolti, aziende ed enti fieristici in primis.

SAET Giuliano Riccabone (Sales and Marketing Director)

Solmec Carlo Casarotti (Direttore Commerciale)

Dal mio punto di vista, l’accavallamento delle date è causato

osticipare auma

non mi sembra una buona idea, perch

dalla generalizzata mancata cancellazione delle fiere da parte

si va a sovrapporre ad altri eventi. roporrei di rimetterla in

degli organizzatori per ragioni economiche, che combinata con

primavera, come sempre.

we are

access equipment

51


# T h e Z o o m / @I N D A G I N E B A U M A

si lavora per quasi due anni e della quale si raccolgono i frutti

TesCar by TONTI TRADING SRL Antonello Verdolini (Sales Director)

per i successivi tre, le altre manifestazioni perdono (un po’) di

a decisione dell’ente fieristico tedesco di rimandare auma

a prescindere dalla decisione di Messe München di spostare

importanza. arlando nello specifico del settore delle perforazioni,

2022 di circa 6 mesi è assolutamente comprensibile e, in parte,

auma

a ottobre, reputo del tutto inutile l’edizione Geo uid

condivisibile. n fondo non parliamo di una fiera ualun ue, ma

2022, essendosi già svolta (e speriamo al meglio!) quest’anno a

del principale evento mondiale relativo al settore delle costruzioni,

settembre. Infatti, nonostante la cadenza di questa eccezionale

con una portata talmente ampia da aver (purtroppo o per fortuna,

fiera italiana sia negli anni pari, avendo dovuto spostare l’edizione

a seconda dei punti di vista) adombrato alcune altre manifestazioni

2020 al 2021, non vedo la necessità di rifarla l’anno successivo;

internazionali che fino a

e questo, ripeto, a prescindere dalla quasi sovrapposizione con

ntermat

arigi e amoter

anni fa erano allo stesso livello erona in primis . auma di

onaco

auma

. urtroppo la pandemia ha cancellato inesorabilmente

oggi è indiscutibilmente “la Fiera” di riferimento per il mondo

ogni certezza e rotto ogni schema prefissato, rendendo difficile

intero, con una parziale eccezione nel Conexpo/Conagg di Las

programmare e pianificare ualun ue cosa. erci , da affezionato

egas, che ancora rappresenta la principale fiera di settore per il

espositore di uella che reputo la migliore fiera europea per il

mercato americano nel suo complesso (Nord e Sud America).

settore delle perforazioni, suggerirei all’ente fiera di iacenza di

Alla luce di questo, sebbene la situazione sanitaria stia

prendere in considerazione la possibilità di spostare la successiva

rapidamente (e speriamo irrevocabilmente) evolvendo verso un

edizione del Geo uid dopo uella di uest’anno, s’intende al

tangibile miglioramento, vuoi grazie alla campagna vaccinale,

2023, mantenendo quindi la cadenza biennale dell’evento.

vuoi grazie all’arrivo della bella stagione che, come avvenuto lo Covid-19, Messe München sa di aver raggiunto un livello tale

Trevi Benne Christian Tadiotto (Marketing Manager)

di partecipazione, e quindi di valore, da non potersi permettere

Dobbiamo ringraziare Volvo CE, JLG e aggiungiamo pure anche

nessuna defezione. Ricordo ancora quanto successo durante

JCB! Hanno inviato un messaggio forte, addirittura con un anno

l’edizione di Bauma 2010 quando, a causa dell’eruzione di un

di anticipo (il politicamente corretto lo mettiamo nell’esporre le

vulcano islandese, con il relativo blocco aereo resosi necessario

motivazioni, tipo vogliamo fare la nostra parte per un mondo più

sopra i cieli del nord Europa, decine di migliaia di visitatori

sostenibile, meno viaggi, meno persone in giro per il mondo, o il

internazionali non sono riusciti a partecipare alla fiera, con enormi

desiderio di voler partecipare o organizzare eventi meno dispersivi

danni di immagine nonché economici per tutte le ditte espositrici.

e maggiormente orientati al proprio cliente).

Ecco, questa volta, potendolo prevedere, Messe München ha

La realtà nuda e cruda è che gli eventi digitali per il nostro settore

giocato d’anticipo, cercando di allontanare dalla prossima

non funzionano. Non hanno attecchito.

edizione di Bauma 2022 ogni possibile strascico legato all’attuale

Come l’escavatore muove la terra, chi lo utilizza lo vuole toccare

pandemia, e quindi spostando cautelarmente l’evento in avanti di

con mano, vederlo con i propri occhi, parlare con chi lo produce o

6 mesi.Unica incognita, il tempo. Si, perché Monaco non è Rimini,

lo vende. Il nostro mondo fatto di metallo, componenti idraulici,

e a ottobre inizia a fare freddo, col rischio di inibire la voglia di

tecnologia, si relaziona e si completa con il contatto umano. E

“farsi un giretto” in Europa da parte di molti clienti che di solito

questi aspetti di sicuro sono stati messi sul tavolo dal comitato

prendono la scusa della fiera per portarsi la famiglia. er uanto

organizzativo di Bauma.

scorso anno, contribuisce ad abbassare la curva dei contagi da

riguarda la vicinanza, o in alcuni casi la concomitanza, con altre fiere di settore, beh,ubi maior

ispiace dirlo, ma

ovvio che di

prile di olvo,

era una data ancora a rischio e l’effetto della rinuncia G e compagnia, poteva creare un effetto domino

fronte a auma, una fiera che raccoglie centinaia di migliaia di

devastante per la manifestazione e per l’enorme indotto portato

visitatori da ogni angolo del mondo, per la cui organizzazione

alla regione bavarese. uindi ben venga posticipare la fiera a

52

we are

access equipment


ottobre, che ovviamente andrà a cozzare con altri appuntamenti

17 settembre al 3 ottobre (anche l’edizione 2021 è stata annullata)

già in scaletta ma dobbiamo essere onesti, pure altre fiere sono

e Bauma, gli incassi segneranno un nuovo record. Non so se si

state posticipate in altri slot temporali quest’anno, andando a

tratta di genialità, non credo centrino la prudenza o la follia,

cadere in prossimità di fiere simili di settore . auma

ma se la pandemia segnerà il passo, o perlomeno potrà essere

la fiera per

eccellenza del settore delle tecnologie per l’industria construction

gestita, salvaguardando tutti, la scelta di Messe München risulterà

e mining, e faranno il possibile per averla in presenza. Se mi è

vincente, indipendentemente dai noti “difetti” di Bauma (troppo

concesso un paragone, posso dire che vedo l’evento digitale come

grande, troppo caro).

la sigaretta elettronica: il gesto meccanico di aspirare te lo dà, ti dà

Nella mia esperienza lavorativa, in Cifa prima, e Controls poi,

pure una parvenza di sapore di quella tradizionale, ma sappiamo

Bauma, anche se per ragioni diverse, ha sempre costituito un punto

bene che non si sta fumando una vera sigaretta e che quell’atto

di riferimento. Fu così anche quando nel 2010 il vulcano islandese

lontano dal fumare

a fiera

incontro, scambio di idee,

condivisione, guardarsi attorno, parlare con colleghi e competitors. hiudiamo con una ri essione di

edeo livares, per anni figura di

af alla

ull port meno visite, e uindi un basso

ma di

fatto l’edizione seguente registrò l’ennesimo record di espositori e visitatori. È chiaro che la pandemia ha cambiato e cambierà i

spicco nel panorama italiano del settore, e ora “felice pensionato”

nostri modi di muoverci e di riferirci al mercato. orse le fiere,

che però non ha perso la passione per il settore né (a nostro avviso)

Bauma incluso, non saranno più come le conosciamo, e pertanto

il polso del mercato.

dovremo abituarci a una nuova realtà dove prevarranno approcci e tematiche diverse. Di certo le conseguenze, e non solo a causa di Bauma, ci faranno capire tante cose, magari anche una po’ a

Medeo Olivares Genio, prudenza,follia

on

una risposta difficile, anche perch

Messe München non è un ente qualsiasi, e non vive di solo Bauma. Basta leggere la loro press sull’argomento per comprenderne le intenzioni. La prossima è la 33° Edizione e credo che sarà comunque un successo, indipendentemente dallo spostamento in autunno. Come al solito da questo punto di vista la Germania è fortunata, perch l’evento arriva dopo tanta astinenza fieristica, tra l’altro non soddisfatta dagli eventi on-line e non preceduta da eventi di rilievo. o stesso indotto

preparato a offrire

il meglio e a strofinarsi le mani nel

con l’

toberfest dal

discapito della manifestazione bavarese stessa. Molti eventi piccoli, ma iperspecializzati, con particolare riferimento al tunnelling, al calcestruzzo, all’asfalto e al drilling, avranno sempre più successo, e probabilmente cresceranno anche in funzione del mercato. Le stesse tematiche che Bauma propone per il 2022 vanno in direzioni molto chiare: emissioni zero, il cantiere digitale, i materiali e i metodi costruttivi nel futuro, la strada verso macchine autonome e un mining sostenibile, efficiente e, soprattutto, affidabile. el resto il

oon illage , di cui l’

parlava nel 2015, sarà presto realtà.

Le “altre” fiere

A

bbia o inter ellato alcune fiere c e otrebbero risentire in qualche modo dello slittamento di Bauma a ottobre. Iniziamo riportando la risposta di Piacenza Expo er eo uid. n confor ità alla nostra condotta lineare confer ia o lo s olgi ento di eo uid a sette bre . Questo per ritornare nella biennalità corretta della manifestazione” ha dichiarato Sergio Copelli, direttore di Piacenza o. a decisione di esse nc en i orrà olte ri essioni alle aziende espositrici di Bauma su questa edizione transitoria”. “Dal nostro canto Piacenza Expo lavora per mantenere la felice s eciali a ione dell e ento al fine di alori are la resen a professionale e migliorare ulteriormente il costo-contatto a favore delle aziende espositrici” ha confermato Alessandra Bottani, Project Manager e Responsabile della manifestazione eo uid. n uesto eriodo storico l atten ione de e olgersi anche all’integrazione delle tecnologie che favoriscono una aggiore efficacia del rodotto fiera rolungando nel te o gli effetti della partecipazione espositiva. Non si possono paragonare e mettere in competizione due eventi così diversi per dimensioni espositive, numero di visitatori generici e merceologie coin olte co e eo uid e au a. eo uid a una alen a s ecifica e strategica er tutto il settore della geotecnica e del drilling and foundations.” io anni anto ani direttore generale di eronafiere a in ece puntato l’attenzione sull’autonomia decisionale dell’ente organizzatore di Samoter, lasciando intendere una prossima

aluta ione in erito alle date di a oter urtro o Covid-19 ha sparigliato le carte in molti comparti, e i calendari fieristici non fanno ecce ione. o s osta ento di au a a ottobre probabilmente non rappresenta la soluzione ottimale per molti altri eventi di settore e per alcune aziende. Certo è che ci troviamo in una situazione anomala e, come organizzatori di fiere ossia o anc e ca ire la olontà di au a di ri artire al più presto in presenza e intercettare la ripresa, tornando a incontrare i propri clienti e stakeholder dopo più di un anno di iniziative online. E non dobbiamo comunque dimenticare che restiamo in un contesto di mercato libero e competitivo, dove ognuno applica le proprie strategie commerciali, specialmente se si trova in una posizione dominante. Questa è una considerazione generale. er uanto riguarda il caso s ecifico di a oter co e eronafiere abbia o il antaggio di subire olto eno le decisioni altrui sulle date. Essere organizzatori diretti di uasi il delle fiere c e si tengono nel nostro uartiere ci er ette di essere olto i essibili sulla rogra a ione e su eventuali riposizionamenti per armonizzare i calendari nazionali e internazionali. Senza dimenticare che ogni nostra decisione riguardo a Samoter, compresa la calendarizzazione, è sempre concordata collegialmente insieme al comitato d’indirizzo della manifestazione, in cui siedono associazioni di categoria e aziende del settore. Perché, come sempre, il nostro obiettivo è fornire un prodotto tagliato su misura delle esigenze delle imprese e della filiera industriale c e ra resentia o . we are

access equipment

53


# C o m p a n y . Vo i c e s / @J L G

Molto più di un trabattello Veloci, efficienti e facili da usare, le nuove piattaforme per l’accesso a basse quote sono il prodotto di un accordo esclusivo tra JLG e Svelt

S

ono ecologiche, silenziose, senza motore, né batteria, né alimentazione elettrica, e grazie al sistema di elevazione brevettato a energia accumulata, in pochi secondi sollevano l’operatore con un movimento uido fino all’altezza di lavoro desiderata. Si tratta di particolari piattaforme in grado di rivoluzionare il sollevamento degli operatori a basse quote. ltimamente G ha firmato un importante ed esclusivo accordo con Svelt Spa, società leader nella progettazione e produzione di scale e trabattelli, per la fornitura di piattaforme per l’accesso a basse quote della sua linea Power Tower. L’azienda di Bagnatica G potrà uindi offrire ai propri clienti queste macchine Private Label a marchio Svelt, rinominate piattaforme veltlift, come efficace alternativa alle attrezzature tradizionali, usufruendo del servizio post vendita JLG ramificato in tutta talia. velt si porrà l’obiettivo di promuovere

Intesa perfetta “Crediamo fermamente in questo prodotto” ha detto Nicola Pontini, General Manager G talia e grazie a velt riusciremo a comunicare questo approccio anche a un target di utilizzatori a cui noi non ci rivolgiamo direttamente”. “Abbiamo scelto JLG per la grande stima e

Le piattaforme Sveltlift sono in grado di rivoluzionare il sollevamento degli operatori a basse quote

Nicola Pontini, General Manager JLG Italia

affinità tra le nostre aziende ha aggiunto Davide Agosta, responsabile commerciale di Svelt Spa. “La sua esperienza nelle piattaforme aeree è pari a quella che Svelt ha nei trabattelli e nelle scale. Siamo due partner che si incontrano creando una squadra vincente per soddisfare una clientela sempre più esigente in termini di prestazioni, tempi di consegna e servizio post vendita”. Davide Agosta, responsabile commerciale di Svelt Spa

Strategia JLG

JLG si allontana, almeno momentaneamente, dal Bauma e non parteciperà all’edizione 2022. Ha però in serbo importanti novità: si dedicherà ad attività di ar eting ianificate c e includeranno piccoli eventi locali di persona, eventi ibridi,

54

e rendere disponibili in pronta consegna i modelli Sveltlift 350 e Sveltlift 420 rispettivamente con altezze di lavoro fino a , m e 4,2 m, destinati soprattutto a installatori, manutentori, pittori, aziende, grandi magazzini e centri commerciali. Queste macchine infatti sono veloci, efficienti, facili nell’utilizzo in quanto basta salire e girare la manopola, ma al tempo stesso sono anche facili da trasportare e il peso limitato ne consente l’impiego anche su solette con portata limitata.

we are

access equipment

esperienze virtuali personalizzate che integrano perfettamente i canali di marketing digitale e tradizionale. “La pandemia ha causato un cambiamento nel comportamento dei nostri dipendenti, dei nostri partner e dei nostri clienti” ha sottolineato

Karel Huijser, General Manager e Vice President di JLG per EMEAIR. “La tecnologia ha accelerato e migliorato le esperienze virtuali, e ciò ci consente di costruire una “Nuova Prospettiva” facendoci riconsiderare alcuni dei nostri sforzi di marketing

più tradizionali. Continueremo a far leva e investire in queste nuove tecnologie in evoluzione per presentare i prodotti JLG con modalità innovative ed entusiasmanti, per coinvolgere e collaborare con la nostra clientela globale”.


#DO.YOU.KNOW? S O L L E VA M E N T O

Crescita programmata Faresin Industries, realtà operativa nella produzione di carri miscelatori per la zootecnia, strumenti per l’analisi della razione e sollevatori telescopici per l’agricoltura e l’edilizia che commercializza in oltre

paesi nel mondo, ha siglato con ni redit un accordo per strutturare una nuova linea di

credito da , milioni di euro con intervento di garanzia del

ediocredito entrale per sostenere gli

investimenti dei prossimi anni. aresin ndustries stata fondata nel del

DALLA LOGISTICA

ante aresin, che oggi la guida assieme alle figlie ilvia

perations

anager .

dall’attuale residente

ice residente e Giulia

rasformazione digitale, potenziamento delle filiali all’estero, creazione

di un nuovo polo industriale smart ad elevata efficienza energetica, innovazione di prodotto e di processi sono alcuni dei progetti che fanno parte del iano ndustriale aresin di

. l finanziamento

anni sosterrà gli investimenti previsti dal piano di sviluppo industriale di crescita

dell’azienda vicentina. e risorse finanziarie messe a disposizione verranno impiegate per potenziare la produzione e l’organico, dando supporto all’internazionalizzazione e allo sviluppo di tecnologie green e digitali per i prodotti. www.faresindustries.com

AC Q U I S I Z I O N I

CLS cresce

PONTEGGI

nn v r per na storica realt ilosio Con un piano industriale da oltre 8 milioni di euro riparte il Gruppo Pilosio di Tavagnacco (UD), realtà storica nel settore della produzione di attrezzature per costruzione e manutenzione attualmente messa in liquidazione. La svolta è avvenuta il 26 luglio scorso quando la trevigiana Euroedile risultata aggiudicataria definitiva nella procedura competitiva indetta dal ribunale di Udine. Nereo Parisotto, fondatore e Amministratore Unico di Euroedile, si è fatto avanti prospettando un piano industriale che non solo darà continuità di lavoro a tutti i dipendenti, ma rivoluzionerà la produzione del marchio Pilosio per dare vita al ponteggio 4.0 e diventare competitivo a livello mondiale. Una volta entrata a regime la “nuova” Pilosio mira a fornire nuove tecnologie di costruzione, in grado di abbassare i costi di produzione delle aziende che si affideranno a Pilosio; nuovi materiali pi versatili e, quindi, pi pratici da maneggiare; nuovi prodotti innovativi. Porteremo una ventata di aria nuova’ non solo rafforzando la storica produzione Pilosio, ma implementando la gamma con materiali innovativi e nuovi prodotti. Tutto ciò” fa sapere ereo Parisotto Amministratore nico di Euroedile consentirà alle aziende che si affideranno al marchio Pilosio di lavorare meglio, con più velocità e maggiore sicurezza. Al nostro attivo abbiamo 35 anni di esperienza fatta di lavoro sul campo ma soprattutto di studi ingegneristici portati avanti dai tecnici di Euroedile che ci hanno consentito di realizzare opere che altri non sarebbero stati in grado talvolta neanche di pensare”. Il costo dell’acquisizione è di 3.500.000 euro ma è previsto un ulteriore immediato investimento di 5.000.000 di euro entro l’anno per far ripartire l’azienda attraverso un piano industriale molto dettagliato che va dalla riorganizzazione dei processi produttivi alla manutenzione di macchinari e impianti, fino all’acquisizione delle materie prime necessarie.

uando ho iniziato

i primi passi nel mondo dell’edilizia” commenta ancora Nereo Parisotto, “Pilosio era una istituzione nel settore. Non potevo permettere che un’azienda così importante, e in una regione a me così cara, chiudesse. E come me lo hanno compreso le istituzioni e le rappresentanze dei lavoratori. Ringrazio in primis l’Assessorato alle Attività Produttive della Regione FVG e la FIM-Cisl Regionale che con l’Amministrazione Comunale di Tavagnacco ci hanno dato tutto il supporto necessario per concludere questa importante operazione che ci consentirà di dar vita a un’eccellenza tutta italiana che sarà in grado di affrontare in maniera sinergica non solo il mercato nazionale ma quello globale” conclude Nereo Parisotto. Il nuovo gruppo triveneto dividerà il suo quartier generale tra Postioma e Tavagnacco e verrà garantito il mantenimento del brand storico friulano che da sempre è riconosciuto come sinonimo di produzione di alta qualità Italiana nei ponteggi e casseforme. https://pilosio.com/it/

CLS continua lo sviluppo strategico della propria business unit CLS iMation dedicata all’automazione acquisendo Alfaproject. net, società specializzata nell’ottimizzazione e digitalizzazione dei processi operativi delle aziende manifatturiere nel delicato compito di ottimizzare i processi e ridurre i costi. CLS e Alfaproject.net condividono l’obiettivo di contribuire alla digitalizzazione dei processi produttivi e logistici e all’implementazione delle tecnologie di automazione tramite soluzioni innovative, attraverso un approccio consulenziale di tipo ingegneristico in grado di sostenere i clienti nel percorso di efficientamento e di innovazione tecnologica. L’acquisizione si inserisce all’interno di un piano strategico aziendale volto ad ampliare l’ecosistema di soluzioni flessibili, modulari e scalabili per l’automazione e la digitalizzazione dei flussi intralogistici. L’obiettivo di CLS è quello di creare un ecosistema che consenta ai clienti di progettare la digitalizzazione dei flussi intralogistici come primo passo fondamentale verso l’automazione. www.assodimi.it we are

access equipment

55


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @M A N I T O W O C P O T A I N

Un nuovo quartiere per Salerno Una gru MCT 88 di Potain protagonista nella costruzione del Parco Giardino Orientale di Salerno, un ambizioso progetto di riqualificazione edilizia e urbana.

R

iqualificazione è il termine che caratterizza la maggior parte degli interventi degli ultimi

anni. Del resto, da nord a sud le nostre bellissime città in troppi casi sono state deturpate e lasciate in uno stato di degrado indegno per un Paese, come l’Italia, che fa della bellezza la sua bandiera. Di qui la necessità di rivedere e di riqualificare interi quartieri attraverso progetti moderni,


urbano di circa un ettaro, un asilo nido per

bambini e tanto

altro ancora . l progetto

che

com’ facile intuire contribuirà notevolmente al prossimo sviluppo della città campana

sarà un

vero e proprio collegamento tra la zona di

ariconda e il arco

rbostella attraverso una fitta rete di strade con relativi servizi in linea con le pi moderne esigenze abitative e lavorative. ra uesti segnaliamo fibra ottica, ricarica per veicoli elettrici, doppia rete di gestione delle ac ue bianche e nere, bac up per fornitura elettrica e idrica e impianto antincendio. a sinistra l ng. ennaro osso ando direttore dei la ori l rc . aura osso ando rogettista l ing. rancesco Tortora proprietario, progettista e titolare della T&co srl

eco sostenibili e decisamente attenti al benessere degli uomini e delle donne che l vivono e lavorano. l progetto arco Giardino rientale

che vede

l’utilizzo di una gru otain , che sarà prossimamente affiancata da un’ulteriore gru otain

va esattamente

in uesta direzione.

Il progetto co srl si occupa di costruzioni di vario genere commerciali, direzionale e residenziali ed specializzata nello sviluppo immobiliare, dalla progettazione sino alla sua costruzione. a

costruzione di un intero uartiere

società, che ha sede proprio a

di alerno, nell’area orientale del

commerciale all’aperto, la parte

centro cittadino. i costituisce

residenziale sarà sviluppata

di una trasformazione urbana di

con la costruzione di tre torri

alerno, si avvale di molteplici collaborazioni e in uesto momento

impegnata nella

costruzione del arco Giardino

.

m2, in cui sono previsti appartamenti, oltre .

ltre la realizzazione di un parco

rispettivamente da m2

,

e

piani, tutte con piani interrati per

di locali commerciali, varie opere

i bo di pertinenza. Gli edifici,

spiega l’ing. rancesco ortora,

pubbliche tra cui un chilometro

che hanno visto il contributo

proprietario, progettista e titolare

di strada, .

della

parco giochi di .

rientale.

n pratica , ci

co, si tratta della

m2 di piazza, un m2, un parco

dell’architetto aura ossomando, prevedono appartamenti di classe

Le Ferrari delle gru

Le parole dell’Ing. Francesco Tortora, proprietario, progettista e titolare di T&co srl, riassumono la fiducia c e a olge le acc ine a arc io otain. n tutta onestà osso dire c e ci sia o affidati a

otain er le gru a torre erc ci è iaciuto olto il rodotto c e ritenia o all a anguardia una sorta di Ferrari delle gru. Inoltre abbia o tro ato in dilco ru un ottimo partner dal punto di

ista ersonale e rofessionale ualità c e s ecial ente su cantieri così grandi, è sempre eglio a ere. uindi un rodotto di altissi a ualità c e ci garantisce la assi a tran uillità

e ci dà ualcosa in i anc e sotto il rofilo dell i agine con il alore aggiunto dell a oggio di dilco ru c e ci a su ortato anc e in fase di piazzamento”. we are

access equipment

57


# G r e a t . M a c h i n e s . W o r k i n g / @M A N I T O W O C P O T A I N

oto di gru o er il tea c e sta la orando al rogetto arco iardino Orientale di Salerno

preferenza da parte degli operatori, entrambe le gru sono movimentate via radiocomando . a gru il modello pi grande della serie topless per applicazioni urbane di otain. a gru

caratterizzata da

una componentistica minima che garantisce notevole adattabilità e facilità di installazione nei cantieri cittadini. asi, torri, controbraccio articolato, zavorra, bozzelli e gabbie telescopiche sono intercambiabili con gli altri modelli .

livello prestazionale stiamo

parlando di una macchina con una capacità nominale di portata di t

,

t in punta , con un raggio

massimo di gancio di

energetica

e finiture di

sarà affiancata da un’ulteriore

pregio che si accompagnano a

macchina otain

un’interpretazione architettonica

due gru , continua l’ing. ortora,

.

e

vengono utilizzate per gli edifici a

di altissimo livello.

torre da

Le gru in cantiere

,

e

piani. a

otain

dedicata alla torre pi

ome accennato, attualmente

bassa, mentre la otain

presente in cantiere una gru a

occuperà delle due torri di maggiori

torre otain

, che presto

La gru MCT 88 è il odello i grande della serie topless per applicazioni urbane di otain

si

dimensioni. er una uestione di

m e un’altezza sotto , m.

Parco Giardino Orientale Gruppo Tortora Sede Legale: Via VI Settembre, 14 - 84129 Salerno Sede Cantiere: Via San Leonardo, 1 - 84131 Salerno Tel 334 84 50109 tortoragroup@gmail.com https://www. parcogiardinoorientale.it/

Un partner d’eccezione

E

dilcom gru, guidata da uigi usso collabora con il ru o anito oc dalla fine degli anni o anta e si occu a della endita dell assisten a e del

58

we are

access equipment

noleggio di gru edili. a otta noleggio conta oltre unità e s a ia dalle acc ine da centro storico alle automontanti, alle grandi gru a torre c e assicurano altezze e portate ai

assi i li elli. el dilco gru si è trasferita nella nuo a sede di ai ano in ro incia di a oli c e anta un ca annone di 700 m e un piazzale di 10.000 m . Le manutenzioni e le

re isioni delle gru sono s olte da personale tecnico e ingegneri altamente specializzati, tutti for ati resso i centri di addestra ento otain Manitowoc.


# C o m p a n y . Vo i c e s / @M P F I L T R I

Universo filtri

Sorge nel cuore della Brianza una delle maggiori aziende a livello internazionale attiva nella progettazione e produzione di soluzioni complete per impianti oleodinamici. Flessibilità, competenza e innovazione sono alla base del suo successo

MP Filtri è dotata di una gamma completa di accessori per serbatoi per circuiti oleodinamici

F

ondata nel 1964 da Bruno

contaminazione, prodotti nello

Pasotto, MP Filtri è oggi

stabilimento in Gran Bretagna;

una multinazionale tra i top

la linea di prodotti relativi alla

pla er che offrono soluzioni

trasmissione di potenza, vale a

per l’industria oleodinamica in

dire i componenti meccanici atti

grado di soddisfare qualunque

a collegare le pompe ai motori

esigenza applicativa. Massimiliano

elettrici; la linea degli accessori

Sanna, Marketing Manager di

per serbatoi e per centraline,

MP Filtri, ci illustra subito le

che comprende componenti e

uattro linee di prodotti offerte sul

dispositivi a corredo di un circuito

mercato la linea relativa ai filtri

oleodinamico. Queste ultime tre

ed elementi filtranti per sistemi

linee rappresentano ciascuna

oleodinamici, che rappresenta

circa il 10% del fatturato. Grazie

oggi circa il 70% del fatturato

a consistenti investimenti in

aziendale; la linea riguardante

R&D e alla specializzazione dello

i dispositivi di controllo della

staff tecnico, vengono sviluppati

aboratorio di icerca e

ilu

o resso la sede rinci ale di

Il cliente, al centro del progetto ➜

In MP Filtri l’organizzazione aziendale converge nella iena soddisfa ione del cliente filosofia c e a permesso all’azienda di costruire nel tempo solide collaborazioni e diventare partner di piccole e grandi i rese c e o erano in talia e all estero. n ri o luogo si cerca di comprendere le esigenze del cliente e le condi ioni di a lica ione dei filtri. uccessi a ente si studia ogni singolo caso er ro orre la solu ione c e eglio si adatta al settore e alle resta ioni ric ieste. La preparazione e la specializzazione del personale consentono di assistere il cliente ovunque si trovi, fornendogli consulenze post vendita e proponendogli ogni futura solu ione c e ossa igliorare il suo business.

iltri a essano con ornago we are

access equipment

59


# C o m p a n y . Vo i c e s / @M P F I L T R I

prodotti tecnologicamente

elemento filtrante era meccanico,

l’elemento filtrante finito . rima

avanzati che ampliano e

la seconda tipologia riguardava

della convalida, il nuovo elemento

rinnovano continuamente la

i filtri in carta, mentre l’ultima,

filtrante

gamma. MP Filtri ha ottenuto

migliore in termini di efficienza

prove, e grazie al laboratorio R&D

importanti certificazioni

filtrante e dimensione di particelle

presente nella sede di Pessano, MP

internazionali, che attestano

raccolte ed eliminate dal sistema,

Filtri realizza vari e approfonditi

l’eccellenza dei suoi prodotti e

la microfibra.

sottoposto a diverse

test. Macchine movimento terra,

grande attenzione per il sistema di

Nel tempo è cresciuto anche il

sollevamento, drilling: ci si

qualità presente in azienda. Oltre

livello e la qualità dei fornitori

domanda quali siano i principali

all’headquarters italiano ubicato

di materia prima, nonché

re uisiti a cui i filtri devono

a Pessano con Bornago (MI),

di costruttori di macchine

rispondere.

l’azienda vanta una presenza

automatiche o semi-automatiche

Le macchine mobili prevedono

diretta in Germania, Francia,

atte a realizzare materiali filtranti

condizioni di lavoro molto gravose

Regno Unito, USA, Canada, Russia,

composti di qualità elevata e in

e sono soggette all’esperienza

India, Cina, Medio Oriente e

volumi industriali.

degli operatori, pertanto, le

Far East, nonché un network di

“Tutti i top players acquistano

prime caratteristiche di filtri ed

distributori presenti in più di 100

materia prima dai fornitori di

elementi filtranti da considerare

Paesi. La vicinanza territoriale

materiale ualificati afferma

sono la capacità di trattenere

consente di assicurare servizi di

Sanna “per poi accoppiarli

assistenza efficienti e tempestivi,

in diversi strati tramite

dal primo contatto fino al post

apposite macchine. Il materiale

vendita. Sanna ci ricorda che

multistrato viene tagliato e

la filtrazione

confezionato insieme ad altri

un mercato che

esiste da oltre 50 anni. Il primo

componenti per costituire

Protezione ad arte

L’avanzata tecnologia di MP Filtri per trattenere i contaminanti

G

li ele enti filtranti resenti nei filtri prodotti da MP Filtri proteggono il sistema idraulico dalla contaminazione di particelle solide - causa principale di malfunzionamento o guasto nei sistemi oleodinamici -, e di ac ua c e causa il decadi ento delle resta ioni di lubrifica ione e di rote ione delle su erfici del uido. er ridurre il

60

we are

access equipment

livello di contaminazione esistono differenti soluzioni, ma il metodo di arresto meccanico risulta essere il i efficace e u a enire in due odi. l ri o riguarda la filtra ione di su erficie er intercetta ione diretta il filtrante impedisce alle particelle di dimensioni superiori ai pori di proseguire nell’impianto; esso è generalmente prodotto

con tele o reti etallic e. Il secondo consiste nella filtra ione di rofondità i filtranti sono costruiti ediante la so ra osi ione di fibre c e formano percorsi di diverse forme e dimensioni; le particelle rimangono cosi intrappolate nelle aperture più piccole del proprio dia etro. ateriali filtranti sono

general ente rodotti con fibre di cellulosa impregnate con resine fibre etallic e o ure fibre inorganic e. elle filtra ioni in fibra inorganica icrofibre gli strati filtranti engono se re sovrapposti intrecciati per creare vere e proprie maglie intrecciate er au entare la ca acità di trattenere il conta inante.


L’headquarters di MP Filtri è ubicato a Pessano con Bornago (MI)

il contaminante e le eventuali opzioni di connessioni e valvole circuitali. “L’importanza dei filtri nella progettazione delle macchine

fondamentale

afferma anna.

acchine e

impianti oleodinamici sono progettati per lavorare con la massima efficienza.

antenere

queste condizioni è la base per garantire la massima produttività. Un olio contaminato infatti, potrebbe trasportare dello sporco all’interno di dispositivi sensibili come pompe, cilindri o servovalvole, compromettendone il funzionamento attraverso

Strategia vincente

In Italia, MP Filtri è leader, con la maggiore quota di ercato. o o la reali a ione di una rete distributi a certificata l a ienda si sta ora concentrando su di ersi . er uanto riguarda l estero in ece anna recisa c e er un a ienda cos di ensionata le atti ità di interna ionali a ione sono ancora alla base della strategia di enetra ione ed es ansione. a questo punto di vista si è deciso di decentralizzare la rodu ione di alcune linee di rodotto nelle filiali in e India, entrambe grazie alla costruzione di nuovi stabilimenti, per servire meglio i mercati locali. uello a ericano è stato inaugurato a iugno con trasloco di tutte le atti ità e l installa ione delle nuo e acc ine ro rio durante la ri a ondata della ande ia. uello indiano in ece a subito ritardi ro rio a causa della ande ia a do rebbe essere co letato entro la fine del . iltri sta inoltre alutando l a ertura di uffici co erciali e o nuo e filiali la ri a nuo a sede errà inaugurata se re entro la fine del a inga ore. al infine iltri è resente co ercial ente anc e in edio riente.

erosione o abrasione delle superfici, con la creazione di cricche e rotture fino al bloccaggio

classe di contaminazione, ecco

delle loro macchine attraverso

uindi dove i filtri assumono

dispositivi di monitoraggio

degli stessi componenti . os , i

importanza strategica.

costruttori di componenti hanno

Meglio se dotati anche di

pu verificare se la classe di

imparato a definire la classe

indicatori di intasamento,

contaminazione è variata

di contaminazione massima

che funzionano da

nonostante i filtri non

accettata dai loro prodotti,

segnalatori per una

si siano ancora intasati,

classe che il costruttore di una

manutenzione predittiva.

macchina prende solitamente

specifici. n uesto modo si

intervenendo quindi con molto

olitamente aggiunge anna

come riferimento per mantenere

“consigliamo agli utilizzatori

la stessa in buona efficienza.

di effettuare chec periodici del

E per mantenere costante la

livello di contaminazione dell’olio

anticipo non solo a livello assi iliano anna Marketing Manager di MP Filtri

di manutenzione ma anche per prevenire altri guasti o malfunzionamenti .

MP Filtri progetta e produce una gamma completa di soluzioni per il controllo della conta ina ione finali ata ad accrescere rodutti ità e durata dei circuiti

we are

access equipment

61


# Te c h n i c a l . N o t e s /

@J M G

La nuova MC22.5RE, l’ultima nata nella gamma delle girevoli di JMG

M

C50000RE. La ricordate? resentata ufficialmente

a GIS 2019, questa macchina era la

Nuova, girevole, perfetta

estensione. l braccio a sfili,

cofanature metalliche rimovibili,

grazie ai uali lo sbraccio massimo

per la massima protezione

si attesta a

abbinata a una buona comodità di

,

m mentre sono

i metri di altezza massima

manutenzione. motori elettrici di

capostipite di una vera e propria

raggiungibile.

nuova tipologia di mezzo per la

capacità di sollevamento massima,

alle ruote che montano pneumatici

movimentazione industriale, un

e arriva a .

cushion da

concetto che univa il sottocarro di

detto, la

una pic

dalle pic

carr al braccio di

una gru retrocabina.

m dalla ralla la g. ome abbiamo mutua

carr il telaio e tutte le

componenti afferenti a esso cos ,

acchina dalle prestazioni davvero

oltre ai

stabilizzatori a traversa

traslazione sono sugli assi, vicino antitraccia. a

trazione anteriore mentre lo sterzo a rotazione posteriore .

a parte pi delicata della

progettazione di uesta macchina

portentose, racchiuse in dimensioni

singola ripiegabili all’interno

risiede nel corretto bilanciamento

di trasporto degne di un modellino

della macchina per restare nelle

dei pesi la scelta di montare una

dimensioni viste poc’anzi , sui lati

gru articolata con doppia colonna

trovano posto le batterie

e braccio centrale dovuta al fatto

.

mm di larghezza per .

mm di lunghezza e .

mm di

altezza. l peso si attesta sui

.

g comprensivi delle zavorre.

. a

h, in grado di garantire

ore di autonomia di lavoro

che tale configurazione garantisce una maggior stabilità e una maggior

in fase di lavoro tutto cambia

mentre la parte frontale del telaio

portata alla macchina, in uanto

la

custodisce il cuore dell’impianto

la gru pu essere posizionata

idraulico due pompe, una a

esattamente al centro del telaio ,

portata variabile per i controlli

ci spiega l’ufficio

risulta centrata. a stabilizzazione

della gru, e una a portata fissa per

assicura automaticamente il perfetto

in ogni caso di tipo continuo, e

l’alimentazione dell’idraulica del

bilanciamento dei pesi e l’altezza

carro con il relativo serbatoio.

contenuta in fase di trasporto. os la

vanta un’area

massima di stabilizzazione di .

mm, uadrata, dove la ralla

si adatta alla posizione del braccio e allo sfilo necessari non

uindi

osteriormente vi il controllo

indispensabile disporre sempre

dello sterzo e il vano elettrico. utte

gli stabilizzatori alla massima

le componenti sono protette da

62

we are

access equipment

.

uesto

pu essere trasportata su un normale semirimorchio. ’altro aspetto progettualmente


complesso stata la realizzazione

entr

dell’interfaccia tra la gru e il telaio.

dal sottocarro di una pic

n uesto caso abbiamo deciso

composta, concettualmente, carr

del cliente,

G

essendo prodotte

di ampio successo stiamo parlando

fin dall’inizio

di adottare il radiocomando in

della

con l’ottica della

dotazione con la gru, integrando

retrocabina della classe delle

che monta una gru

in esso i comandi relativi alla

tm, la

di ormach.

compatibilità e

a

versatilità.

traslazione e le informazioni sullo

progettazione della

stato di funzionamento della

stata sicuramente un ottimo punto

da vicino ualche

di partenza per la realizzazione della

dettaglio della

nuova

nuova girevole

macchina. a

inoltre

e uipaggiata con un displa a bordo macchina . enultima chicca come abbiamo detto, la configurazione

.

a vediamo pi

spiega

atteo

nzani, responsabile nuovi progetti G.

bbiamo per deciso di

base della macchina garantisce di

cambiare in parte l’approccio, vuoi

per s il corretto bilanciamento

perch si trattava di una macchina

dei pesi. e zavorre sono due, da

di dimensioni diverse, vuoi perch

.

g l’una, che possono essere

si deciso di razionalizzare ueste

rimosse per il trasporto. a cosa

macchine in una gamma vera e

interessante che i tecnici

propria, cosa che determina la

G

hanno pensato di rendere la

necessità di trovare soluzioni che

operativa anche senza le

possano standardizzare, per uanto

zavorre installate ovviamente ci

possibile, la produzione . cco

comporta una leggera riduzione delle

uindi che con la nuova

.

di La MC 50000 RE, presentata per la prima volta a GIS 2019, è la capostipite di una nuova gamma di macchine JMG, le girevoli, composte dal sottocarro di una pick&carry e la parte aerea dal braccio di una gru retrocabina

. di

G. a nuova

un binomio tipico

G, prestazioni elevate in

dimensioni da modellino . mm di larghezza per . lunghezza e .

mm di

mm di altezza.

l peso si attesta sui

.

g

comprensivi delle zavorre. .

vanta un’area massima

di stabilizzazione di .

.

mm, sulla base della uale il braccio

prestazioni, compensata comun ue

l’ufficio tecnico di

dal fatto di aver risparmiato .

basi per il concetto di modularità

con uno sbraccio massimo di

dei sottocarri. a nuova macchina

m mentre sono

g nel trasporto, che a volte fanno la differenza. ’ultima chicca invece il genoma delle pic nella

e successivamente tutte le unità

carr che pulsa la macchina

stata progettata anche con una modalità operativa pic

G ha posto le

carr .

a

in fase di lavoro tutto cambia la

gru pu operare, anteriormente, ,

i metri di altezza

massima raggiungibile dai sfili.

della gamma vedrà la luce su

m dalla ralla la capacità di

un sottocarro della

sollevamento massima, e arriva

prodotto seguendo alcuni principi

a .

di standardizzazione, che lo

altezza fino a m. osteriormente

g, valore analogo anche in

ella particolare configurazione

renderanno pi semplice e meno

e lateralmente, invece, sbraccio

con braccio chiuso, orizzontale e

oneroso da produrre cosa che va

e altezza operativi massimi sono

fronte macchina, la

a vantaggio di una riduzione del

identici ma le portate scendono a

pu traslare con una portata residua

prezzo finale della macchina al

mano mano che aumenta la distanza

di t. ome detto, la

cliente , nonch adatto a essere

dalla ralla, sia in orizzontale che

allestito sia con bracci telescopici

verticale. e si aggiunge il ib

stata la capostipite. eguendo il vecchio adagio che

uadra che

vince non si cambia

G ha fatto

evolvere la propria idea nata la nuovissima

cos che .

. ome

la sorella maggiore, anche la ne

per pic

carr , che con bracci di

di area di stabilizzazione altezza

realizzare componenti e parti di

e sbraccio massimo diventano,

macchine che possano essere tra

rispettivamente,

loro abbinate in base alle esigenze

variano leggermente le portate.

La prima carry-deck

La MC100RE è la prima gru semovente elettrica a batteria dotata di torretta girevole a 360° continui e illimitati, girosagoma, radiocomandata per tutti i movimenti e con stabilizzatori anteriori e posteriori indipendenti di tipo orizzontale e verticale, creata da JMG. Con un peso operativo di 12 t, la MC 100RE assicura una portata massima su stabilizzatori di 10 t che, con il braccio in posizione frontale, rimane invariata anche in modalità Pick&Carry, cioè su ruote. La capacità di carico Pick&Carry con il braccio in

disponibile come optional , a parità

gru articolate. a ui la modularità

posizione posteriore raggiunge le 5,5 t, mentre in posizione laterale è di 500 kg. Telaio, torretta girevole e braccio sono realizzati in lamiera d’acciaio di qualità piegata e saldata. Il braccio è costituito da tre elementi telescopici di cui uno base e due a sfila ento idraulico proporzionale con angolo di inclinazione pari a + 74°/-7°. La rotazione è idraulica su ralla girevole per 360° continui e illimitati, mentre il sistema di sterzatura è posteriore tramite un ponte sterzante con un angolo di sterzatura di + 92°/-92°.

La trazione è anteriore mediante due motori elettrici da 8,5 kW e beneficia di due ruote anteriori e posteriori superelastiche. La MC100RE è inoltre dotata di un sistema di frenatura automatico e da un impianto idraulico alimentato da una pompa a ingranaggi silenziata da 20 kW. La sicurezza della gru si fonda su un sistema elettronico limitatore del carico e

e

m, mentre

del momento (L.M.I.) a norme CE, con display per la visualizzazione del carico sollevato, del carico massimo sollevabile, la percentuale di ribaltamento, di raggio o erati o di angolo di sfilo e stato operativo. we are

access equipment

63


we are Maggio 1/2020

drilling foundations

we are Mag_Giu 3/2020

access equipment

#(R)EVOLUTION

Il pozzo dei

desideri

(@Idrogru)

50,00 SCONTO 35,00

40,00 SCONTO 25,00

POSTE ITALIANE SPA SPED. IN ABB. POSTALE D.L.353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) art. 1 comma 1 - dcb NO/NO

#THE.COVER

6 NUMERI L’ANNO

POSTE ITALIANE SPA SPED. IN ABB. POSTALE D.L.353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) art. 1 comma 1 - dcb NO/NO

2 NUMERI L’ANNO

Insid

@Palazza

Senza con

@Magni

ipartire alla gra

@C

ris di re

www.sipdrill.it

TUTTO QUELLO CHE VALE LA PENA SAPERE SUL SOLLEVAMENTO E I TRA

VUOI RIVISTE DI QUALITÀ?

PAGA!


8 NUMERI L’ANNO

MC M C

ss

I L

M O T O R E

F R E E

P R E S S

D E L L ’ E D I L I Z I A

5.0

t

MACCHINE CANTIERI giugno-luglio 2020, n. 68

Senza confini

@Magni TH

rtire alla grande

@CTE

ris di regine

NTO E I TRASPORTI ECCEZIONALI

Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% NO/NOVARA

Inside

@Palazzani

TFC

TRUCKS FOR CONSTRUCTIONS

60,00 SCONTO 45,00

(e non solo...)

Un titolo provocatorio, per attirare l’attenzione su quello che è un male comune in tutto il mondo, e da noi in particolare: la poco sana abitudine di considerare l’informazione qualcosa di gratuito, perché reperibile su internet. Un’abitudine in verità già consolidata ai tempi del cartaceo, quando comunque gli italiani compravano molti meno giornali della media europea, per accontentarsi di quelli del bar. Chiaro per tutti che questo non consente un giornalismo ragionato e specializzato, ma una macelleria di tematiche facili e veloci, possibilmente d’impatto sui social. Se vogliamo controbilanciare l’attuale tendenza, e tornare a usufruire di un giornalismo di qualità, allora tutti dobbiamo pagare, e farlo felicemente!

PER SOTTOSCRIVERE L’ABBONAMENTO SCRIVI A

l.gatti@orsamaggioreint.com O CHIAMA LO 02 91948417 DALLE 9.00 ALLE 13.00 DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ


# I L#.TNOORTTIEZLILEI N O

MA ANCHE NO. O FORSE SI I “ripieni” più interessanti, stravaganti o insulsi andati on air nelle ultime settimane. Per riflettere, ridere o... TA S S E

SPORT

CALCIO DI UN TEMPO

DA BRIVIDI “Oltre cinquanta milioni percepiti

“La fine della favola Chievo: dal caso

indebitamente nel 2020 da percettori

plusvalenze alla possibile esclusione

del reddito di cittadinanza e più di 3.500 evasori totali. Sono due degli elementi emersi nella relazione della Guardia di Finanza in riferimento alle attività del 2020”. Ma con questi numeri, dove vogliamo andare?

www.ilsole24ore.com

dalla B per irregolarità fiscali e contributive”. Ubriachi dell’inaspettata

E così Draghi alla fine ha fatto più o meno quello che ci si aspettava da Conte: prorogato al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza. Il che significa

finestra nostalgica. Il Chievo che non

che il Governo potrà decidere in

ce la fa è l’ennesimo schiaffo

maniera autonoma come gestire la

a un calcio che non c’è più. Tra giocatori e procuratori mercenari,

www.ilsole24ore.com

UN ALTRO PEZZO D’ITALIA CHE VA?

FINO AL 31 DICEMBRE

vittoria all’Europeo, permetteteci una

ora c’è rimasta solo l’Atalanta...

TELEVISIONE

COVID-19

pandemia (ammesso che continui, ma i dati finora puntano in questa direzione). Quindi il nostro secondo semestre di “ritorno alle fiere” per ora sopravvive sotto la spada di Damocle di un “da domani tutti chiusi” detto oggi. O al massimo ieri l’altro. Ci hanno chiusi, ci

“L’assemblea di Mediaset, con Vivendi che vota insieme alla

hanno riaperti (non tutti), ci

controllante Fininvest, ha

hanno detto di fare le vacanze

approvato il trasferimento

al mare ma di non sciare, di

della sede non fiscale

attrezzarci per la DAD (chi

della capogruppo in

ha figli) e di vaccinarci.

Olanda. Tutte le attività

Checché ne dicano i mass

restano in Italia, con la

media, una larga fetta della

‘nuova’ capogruppo che sarà la base per lo sviluppo

popolazione ha ubbidito

internazionale del gruppo”.

pedissequamente. Ma siamo

Attendiamo sviluppi...

ancora in stato di emergenza.

www. ansa.it

Allora mi domando: e lasciarci liberi di scegliere, no?

AZIENDE

MA ANCORA?

www.ilsole24ore.com

“Alitalia-Ita, la nuova compagnia parte con 52 aerei e meno di 3.000 dipendenti e decollerà per la prima volta venerdì 15 ottobre. Saranno a breve avviate le procedure per l’aumento di capitale da 700 milioni di euro.Pareggio operativo nel 2023”. Ma davvero nel 2021 abbiamo ancora bisogno di una “compagnia aerea

www.repubblica.it

66

we are

access equipment

C’È ANCORA SPERANZA “La battaglia di un ragazzo per vaccinarsi: a 17 anni scelgo da solo, per questo mi ribello a mamma e papà che sono dei convintino vax”. Fortunatamente la genetica è spesso sopravvalutata, e un quasi maggiorenne capisce cosa è bene e cosa è male. Anche senza la guida (che a dire il vero sarebbe comunque meglio ci fosse) di mamma e papà.

di bandiera?”

VA C C I N I

www.repubblica.it

! s k l o f l l a That’s


OMS • MANITOU • HIDROMEK • REM DEVICE • KOHLER • HINOWA • MECALAC • SCANIA • JEKKO • JCB • ENTECO • BAUER MACCHINE ITALIA • IDROGRU • AL CONSULTING • COFILOC • HITACHI • CASE • WEBER • CIFA • DAF TRUCKS • VTN • VOLVO TRUCKS • HAULOTTE • TES CAR • TVH • HYUNDAI • BOMAG • GÖLZ • AUTOVICTOR • MARINI QG • SUMITOMO • PALAZZANI • SCAI • YANMAR CEE • MAN • ORMIG • WACKER NEUSON • COMACCHIO • CTE • CIANCALEONI • ZOOMLION • BRIGADE • DAT INSTRUMENTS • PERKINS • TREVI BENNE • MAGNI TH • AMMANN • SIP&T • DOOSAN • GENIE • PAGANI • ROCKWOOL • VOLVO PENTA • BU POWER SYSTEM • CGT EDILIZIA • MERLO • HELLA • JMG • HPM • CNH • KOBELCO • HOVAL • MEWA • FASB TOOLS • JLG • VOLVO CE • FASSI • EPIROC • KILOUTOU • MESSERSÌ • BOBCAT • BKT • SUMITOMO • PERKINS • JMG • VOLVO CE • ORMIG • WEBER • REM DEVICE • BAUER MACCHINE ITALIA • MARINI QG • MANITOU • HIDROMEK • CIANCALEONI • MAN • BU POWER SYSTEM • FASSI • JLG • DAT INSTRUMENTS • JCB • ENTECO • GENIE • MESSERSÌ • JEKKO • HYUNDAI • HELLA • SIP&T • KILOUTOU • CIFA • HOVAL • BRIGADE • TVH • CASE • VOLVO PENTA • PALAZZANI • HITACHI • MERLO • SCANIA • COFILOC • EPIROC • DAF TRUCKS • AUTOVICTOR • ZOOMLION • FASB TOOLS • WACKER NEUSON • CNH • KOHLER • BKT • DOOSAN • SCAI • VOLVO TRUCKS • MECALAC • AL CONSULTING • YANMAR CEE • TREVI BENNE • MAGNI TH • BOBCAT • OMS • COMACCHIO • CTE • GÖLZ • TES CAR • IDROGRU • PAGANI • HPM • HAULOTTE • HINOWA • AMMANN • CGT EDILIZIA • ROCKWOOL • KOBELCO • BOMAG • MEWA • VTN • COFILOC • BU POWER SYSTEM • TREVI BENNE • EPIROC • BRIGADE • WEBER • CNH • HAULOTTE • BKT • TVH • OMS • IDROGRU • VOLVO TRUCKS • HITACHI • MAN • AMMANN • JLG • AL CONSULTING • KILOUTOU • MAGNI TH • AL CONSULTING • AMMANN • AUTOVICTOR • BAUER MACCHINE ITALIA • BKT • BOBCAT • BOMAG • BRIGADE • BU POWER SYSTEM • CASE • CGT EDILIZIA • CIANCALEONI • CIFA • CNH • COFILOC • COMACCHIO • CTE • DAF TRUCKS • DAT INSTRUMENTS • DOOSAN • ENTECO • EPIROC • FASB TOOLS • FASSI • GENIE • GÖLZ • HAULOTTE • HELLA • HIDROMEK • HINOWA • HITACHI • HOVAL • HPM • HYUNDAI • IDROGRU • JCB • JEKKO • JLG • JMG • KILOUTOU • KOBELCO • KOHLER • MAGNI TH • MAN • MANITOU • MARINI QG • MECALAC • MERLO • MESSERSÌ • MEWA • OMS • ORMIG • PAGANI • PALAZZANI • PERKINS • REM DEVICE • ROCKWOOL • SCAI • SCANIA • SIP&T • SUMITOMO • TES CAR • TREVI BENNE • TVH • VOLVO CE • VOLVO PENTA • VOLVO TRUCKS • VTN • WACKER NEUSON • WEBER • YANMAR CEE • ZOOMLION • COMACCHIO • CTE • SIP&T • ROCKWOOL • MANITOU • CIFA • CASE • HINOWA • BAUER MACCHINE ITALIA • FASSI • HIDROMEK • GENIE • HPM • SUMITOMO • BOBCAT • WACKER NEUSON • REM DEVICE • HELLA • KOBELCO • PAGANI • VOLVO PENTA • SCAI • AUTOVICTOR • PALAZZANI • KOHLER • ENTECO • MARINI QG • MESSERSÌ • VTN • HYUNDAI • BOMAG • HOVAL • SCANIA • DAT INSTRUMENTS • MEWA • CIANCALEONI • ZOOMLION • VOLVO CE • GÖLZ • ORMIG • TES CAR • JCB • FASB TOOLS • JEKKO • JMG • MERLO • PERKINS • YANMAR CEE • DOOSAN • DAF TRUCKS • CGT EDILIZIA • MECALAC • AL CONSULTING • AMMANN • AUTOVICTOR • BAUER MACCHINE ITALIA • BKT • BOBCAT • BOMAG • BRIGADE • BU POWER SYSTEM • CASE • CGT EDILIZIA • CIANCALEONI • CIFA • CNH • COFILOC • COMACCHIO • CTE • DAF TRUCKS • DAT INSTRUMENTS • DOOSAN • ENTECO • EPIROC • FASB TOOLS • FASSI • GENIE • GÖLZ • HAULOTTE • HELLA • HIDROMEK • HINOWA • HITACHI • HOVAL • HPM • HYUNDAI • IDROGRU • JCB • JEKKO • JLG • JMG • KILOUTOU • KOBELCO • KOHLER • MAGNI TH • MAN • MANITOU • MARINI QG • MECALAC • MERLO • MESSERSÌ • MEWA • OMS • ORMIG • PAGANI • PALAZZANI • PERKINS • REM DEVICE • ROCKWOOL • SCAI • SCANIA • SIP&T • SUMITOMO • TES CAR • TREVI BENNE • TVH • VOLVO CE • VOLVO PENTA • VOLVO TRUCKS • VTN • WACKER NEUSON • WEBER • YANMAR CEE • ZOOMLION • AL CONSULTING • VOLVO PENTA • MEWA • BOMAG • TES CAR • WEBER • ZOOMLION • CIFA • REM DEVICE • PALAZZANI • JMG • FASB TOOLS • PAGANI • DAT INSTRUMENTS • HPM • MECALAC • HAULOTTE • MAN • HIDROMEK • SCAI • BOBCAT • MANITOU • KOHLER • IDROGRU • BAUER MACCHINE ITALIA • YANMAR CEE • ENTECO • VTN • COFILOC • DOOSAN • COMACCHIO • CTE • GENIE • TVH • JEKKO • CNH • JLG • MARINI QG • KILOUTOU • SUMITOMO • BRIGADE • VOLVO TRUCKS • MESSERSÌ • SIP&T • SCANIA • PERKINS • BU POWER SYSTEM • FASSI • AUTOVICTOR • KOBELCO • GÖLZ • MERLO • TREVI BENNE • OMS • HOVAL • HINOWA • CIANCALEONI • CGT EDILIZIA • ROCKWOOL • AMMANN • VOLVO CE • MAGNI TH • BKT • WACKER NEUSON


A LONG WAY

TOGETHER

EARTHMAX SR 41 Indipendentemente da quanto siano difficili le tue esigenze, EARTHMAX SR 41 è il tuo migliore alleato quando si tratta di operazioni che richiedono straordinaria trazione. Grazie alla sua struttura All Steel e al disegno a blocchi, EARTHMAX SR 41 offre un’eccellente resistenza alle forature e una durabilità prolungata. Oltre a molte ore operative senza tempi di fermo macchina, lo pneumatico assicura un comfort eccezionale. EARTHMAX SR 41 è la risposta di BKT per resistere alle condizioni operative più difficili nelle applicazioni di trasporto, carico e livellamento.

Per info: europe@bkt-tires.com

New ADV_Earthmax SR 41_IT_210x297, 5_MACCHINE CANTIERI.indd 1

17/02/20 09:47

Profile for We are access equipment

We are access equipment issue 10/2021  

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded