Issuu on Google+

Non potrei proprio dire chi sono. Non ne ho la minima idea. Sono qualcuno che non ha origini, né storia, né paese, e ci tengo. Sto qui, sono libera, posso immaginarmi tutto, tutto è possibile. Non ho che d’alzare gli occhi e ridivento il mondo. Marion, da “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders

Newto[w]n Berlin di Alessio Farina


Porta di Brandeburgo «Segretario generale Gorbačëv, se si cerca la pace, se si cerca la prosperità per l’Unione Sovietica e per l’Europa Orientale, se cercate la liberalizzazione: vieni qui ad aprire questa porta! Mr. Gorbačëv, apra questa porta! Mr. Gorbačëv, abbatta questo muro!» Ronald Reagan, 12 giugno 1987

L’est e l’ovest, il comunismo e il capitalismo, due mondi divisi da un “muro” incapace di resistere alla spinta di una socieltà globalizzata con un pensiero cosmopolita e che non può più essere separata con barriere fisiche. Berlino è icona del mondo di oggi, una città in cui culture diverse tra loro, si sono fuse, facendo evolvere repentinamente l’una e costringendo l’altra ad una convivenza forzata ma inevitabile. Ne è nata così una città di forti contrasti, in cui puoi osservare da un lato lo slancio economico e dall’altro la nostalgia del passato. Berlino è la città dei paradossi e questo è il suo fascino. Perché Berlino è cambiamento e in una città si può osservare come potrebbe cambiare il mondo intero, abbattendo solo un muro... La “W” in evidenza nel titolo di questo editoriale Newto[w]n, può essere intesa come riferimento al termine Wall o sottraendola trasforma il titolo in Newton, il celebre fotografo a cui la produzione si è ispirata per il mood del servizio moda. Shooting in parte ambientato nell’Hotel Bogota, dove l’artista alloggiava quando era a Berlino e oggi inserito nell’albo delle location storiche della moda, dove anche SEI Magazine è riportata nel prestigioso registro presenze insieme a tanti altri personaggi artistici. Fashion editor & director Alessio Farina Photography by Paolo Guadagnin Styled by Irene De Santis Assistant ph. Michele Roma Hair & Make up by Nicoletta Causa Model Lidjia@Major Milano Special thanks to Mr. Joachim Rissmann Hotel Bogota • Schlüterstraße 45/Ecke Ku’damm Berlin-Charlottenburg www.hotel-bogota.de

BRA NERO STRETCH IN SATIN DI SETA CON INSERTO RETE IN TULLE IKONOSTAS by Daniela Corcio PANTALONE NERO CON PROFILI IN PELLE SEA NY COLLANT WOLFORD DéCOLLETé GIVENCHY BRACCIALE IN PELLE CON CATENA SILVER MM6 by MAISON MARTIN MARGIELA CINTURA INDOSSATA COME COLLANA TEMPERLEY LONDON


GIUBBINO IN LANA CON PROFILI E MANICHE IN PELLE MANILA GRACE BRA IN SETA E TULLE IKONOSTAS by DANIELA CORCIO GONNA-LONGUETTE LAVORATA TONELLO COLLANT INDOSSATE AL CONTRARIO CALZEDONIA SANDALO IN VERNICE NERA CON FIBBIE E TACCO A SPECCHIO ORO BALDININI STYLIST‘S OWN CAPPELLO CON PIUME MARABOUT MARZI CINTURA DRIES VAN NOTEN

Memoriale dell’Olocausto (Memoriale della Shoah) 2711 stele in calcestruzzo, grigio, freddo. Dalla vista esterna appaiono tutte di altezze simili ma, poggiando su di un fondo variamente inclinato, le più basse lungo il perimetro esterno, “fagocitano” gradualmente il visitatore che si addentra fra esse. In base al testo di progetto di Eisenman, infatti, le stele sono realizzate per disorientare e l’intero complesso intende rappresentare un sistema teoricamente ordinato, che fa perdere il contatto con la ragione umana in un’angosciante solitudine.


CAPPELLO MILITARE VINTAGE ABITO-CAPPOTTO CON COLLO TRAFORATO IN PELLE, SPACCO CON ZIP CON INSERTO TRASPARENTE BRANCUS by oblò SHOES TRONCHETTO PELLE NERA TRAFORATI AI LATI ROBERT CLERGERIE PARIGINE CON RICAMO IN PIZZO LA PERLA CINTURA ELASTAM CON FIBBIA ORO ELISABETTA FRANCHI GUANTI IN PELLE ALAIA BRACCIALE MM6 by MAISON MARTIN MARGIELA


Colonna della Vittoria «Voi. Voi che noi amiamo, voi non ci vedete, non ci sentite, ci credete molto lontani eppure siamo così vicini. Siamo messaggeri che portano la vicinanza a chi è lontano. Siamo messaggeri che portano la luce a chi è nell’oscurità. Siamo messaggeri che portano la parola a coloro che chiedono. Non siamo luce. Non siamo messaggio. Siamo messaggeri. Noi non siamo niente. Voi siete il nostro tutto». Un angelo in cima alla statua della Vittoria di Berlino, guarda il mondo che passa sotto di lui, ascoltando le preoccupazioni ed i pensieri degli uomini che si muovono velocemente contro il tempo che passa tiranno. L’angelo si chiama Cassel e sa che anche lui potrebbe diventare umano, preferisce la vita terrena lasciandosi cadere dalla statua della Vittoria. Ma perché? Cosa può mai invidiare un angelo ad un umano? Forse vorrebbe sentire l’odore di una sigaretta, toccare un corpo, abbracciarlo e percepirne il calore... “Così lontano, così vicino” di Wim Wenders

CAPPELLO IN PANNO NERO E LACCI IN VELLUTO MARZI ABITO TUBINO NERO CON INSERTO IN PELLE MARIù DE SICA COLLANT CALZEDONIA DèCOLLETé LANVIN-STYLIST‘S OWN CINTURA E BRACCIALE IN PELLE SATINATA MARRONE CON BORCHIE AB A BRAND APART GUANTI IN PIZZO VINTAGE


Potsdamer Platz Ci sono due Potsdamer Platz, quella che segue e quella che precede la costruzione del Muro. Nella prima (e siamo intorno al 1930) incontri Greta Garbo, un via vai continuo di auto e uomini d’affari impomatati, hotel di lusso e il primo semaforo d’Europa. Nella seconda puoi camminare tu stesso, vicino a un brandello del muro e immerso in una quantità indescrivibile di stimoli culturali, fino a perderti negli spazi di vetro del Sony Center, un insieme di sette edifici costruito all’inizio del nuovo millennio che, visto da una certa prospettiva, ricorda la vetta del monte Fuji.

Hotel bogota SMOKING: PANTALONE E GIACCA IN VELLUTO BLU CON REVERS IN SETA NERO TONELLO BRA IN SATIN DI COTONE GRIGIO IKONOSTAS by Daniela Corcio COLLANT RETE EMILIO CAVALLINI BRACCIALE PELLE MOTIVO TESCHI INDOSSATO COME COLLANA ALCOTT BRACCIALE PELLE CON CATENA 2JEWELS Shoes ROBERT CLERGERIE


Hotel bogota CAPPOTTINO IN LANA GRIGIO CON REVERS IN PELLE MARI첫 DE SICA COULOTTE Helmut in satin di seta nero stretch IKONOSTAS by DANIELA CORCIO STIVALI IN PELLE MANILA GRACE CINTURA HAIDER ACKERMANN


HOTEL BOGOTA cappello velour con jaisse metallo MARZI blazer grigio melange MANOUSH bra in satin di seta con ganci ed inserto in pizzo nero e coulotte elastam grigio con inserto raso nero IKONOSTAS by Daniela Corcio calze rete EMILIO CAVALLINI shoes ROBERT CLERGERIE bracciale in pelle FIONA PAXTON


Newto[w]n. Berlin