Page 1

‡‰Ž‹‘‡••‡”‡ƒ–‡‘    

/$92&(

“M “Meglio essere ateo e pensante che credere in un Dio sbagliatoâ€?. g Questa frase di padre Turoldo, grande pensatore, uomo di Chiesa e poeta potrebbe essere fuorviante se non u contenesse una grande veritĂ : l’ateo preso a riferimento è c sicuramente in una posizione sbagliata (come si fa a non s credere, visceralmente, cosĂŹ, a priori), ma se ha la fortuna, c il i coraggio, la dote di pensare, ha la possibilitĂ  di mutare la sua s condizione, di recuperare la sua fede per riempire il vuosu to t della sua anima. Chi invece ha scelto ed è giĂ  convinto di essere a posto con un Dio sbagliato (può essere il potere pere esse sonale, il denaro, la dittatura di turno, la collocazione sociale) è s sonal piĂš difficile che si recuperi perchĂŠ ha giĂ  riempito il suo spazio inp diff teriore. La scelta di quest’ultima posizione, quella di un Dio sbagliate to, to spiega gli orrori di ogni guerra, le ingiustizie di cui è pieno il mondo e gli g eccessi di ogni tirannia. Stessa convinzione di Turoldo la troviamo nell’ereditĂ  illum illuminata che ci ha lasciato il card. Martini. Egli volle, infatti, la “cattedra dei non credentiâ€? non per dare voce a chi crede in un Dio sbagliato, ma a chi, invece, non credendo, pensa sia doveroso approfondire.

'(/ 3232/2           Í™Í ÍĄÍ›

            

  Ǥ              Ǥ 

͘͞

Ǥ”‡•…‹ƒÍ&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘ Ǥ”‡•…‹ƒ 

                  Í‚Í™ÇĄÍ˜Í˜

͚͘ Žˆƒ––‘

‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜Í˜Í›ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒÂƒÂ”Â–Ç¤Í™ÇĄ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇŚ‘Â?–‹‡Â?‡ ǤǤ

Lombardia 2013. Un welfare piĂš giusto e sostenibile

͘͜‘’‘Ž‹‡…‘Â?–‹Â?‡Â?–‹ Arci e circoli. Quando l’Imu non è solo cosa di Chiesa

͚͛……Ž‡•‹ƒ Giornata del malato. Sull’esempio del Buon Samaritano

‘‰Ž‹ƒ†‹ˆ‡•–ƒ ƒƒŽŽ‡ ƒÂ? ƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ…‘Â?Dzƒ”Â?‡˜ƒŽƒÂ?†‘dzǥŽƒƒŽ•ƒ„„‹ƒ…‘Â?ƒ‰‘Ž‹Â?‘ǥŽƒ ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒ…‘Â?†”‘ Â?‘Â?‹…ƒ …‘Â? Dzƒ”Â?‡˜ƒŽƒÂ?†‘dzǥ ŽƒƒŽ•ƒ„„‹ƒ …‘Â? ƒ‰‘Ž‹Â?‘ǥ Žƒ ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒ …‘Â? †”‘ ‡†”„—•…‘ǥŽƒƒ••ƒ…‘Â?ƒ”’‡Â?‡†‘Ž‘ǥŠ‹ƒ”‹‡ƒÂ?‡”„‹‘‡Žƒ…‹––Â?…‘Â?‹Žƒ”Â?‹Â?‡Ǥ‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͘ˆ‡„„”ƒ‹‘ ÂˆÂ‡Â•Â–ÂƒÇĄ…ƒ””‹‡Â?ƒ•…Š‡”‡ƒ”‡•…‹ƒ‡’”‘˜‹Â?…‹ƒǤ‘Â?‡•‡Â?’”‡‹„ƒÂ?„‹Â?‹‡Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹ ÇŻ     

͚ͥ—Ž–—”ƒ‡…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ Giorno del ricordo. I “desaparecidosâ€? ai confini orientali

͛͞…‘Â?‘Â?‹ƒ Dalla societĂ un manifesto per l’economia sociale

Í›Í&#x;’‘”– Sci. Ritorna il circo bianco con speranze d’azzurro

‹‘‹ƒ †ǯ‡••‡” •‡…‘Â?†‹ Nasciamo uomo o donna ma dobbiamo diventare persone, crescere per dispiegare quanto ricevuto, comprendere i nostri talenti e afferrare, procedendo nella storia personale, familiare e di tutta l’umanitĂ , quale tonalitĂ  debba assumere nel grande mosaico della storia la nostra personale tessera. Papa Benedetto in questa Quaresima che si sta aprendo, ci offre la chiave preziosa, ci indica quel “comeâ€? che tanto travaglia i nostri desideri, cui troppo spesso, per carenza d’illuminazione, di principi saldi, non riusciamo a dare forma: l’armonioso rapporto fra “fede e caritĂ â€?. Eppure a questo, soprattutto, è chiamata la persona; se percorriamo il

messaggio papale nei suoi quattro passaggi essenziali. Anzitutto “la fede come risposta all’amore di Dioâ€?: non costruzione umana, neppure teologica e tanto meno filosofica o etica, ma “personale adesione – che include tutte le nostre facoltà – alla rivelazione dell’amore gratuito e ‘appassionato’ che Dio ha per noi e che si manifesta pienamente in GesĂš Cristoâ€?. Tutta la persona ne viene coinvolta e magnetizzata, diventa ardente nelle due direzioni che plasmano il quotidiano: verso Dio e verso i fratelli. Dinamiche che s’intrecciano e diventano feconde e sfociano nella “coscienza di essere amati, perdonati, addirittura serviti dal Signore, che si china a lavare i piedi degli Apostoli e offre Se stesso sulla croce per attirare l’umanitĂ  nell’amore di Dioâ€?. Non è una risposta data una volta per tutte, una sorta di etichetta incollata per qualificare un prodotto, è un’urgenza mobile, sempre

vivace e attiva che sollecita alla donazione di sĂŠ, unica strada percorribile per la costruzione autentica e vera della persona. Poi “la caritĂ come vita nella fedeâ€?: l’urgenza è variegata “di stupore e gratitudine di un’inaudita iniziativa divina che ci precede e ci sollecitaâ€?. Ăˆ il varco che, oltrepassato, fa conoscere l’amicizia con Dio. Indubbiamente punto di arrivo ma non traguardo, photofinish, statico, sĂŹ trampolino di lancio che qualifica l’esistenza e le fa comprendere che, “quando noi lasciamo spazio all’amore di Dio, siamo resi simili a Lui, partecipi della sua stessa caritĂ â€?. Il tempo della nostra storia si trasfigura nel tempo in cui, in sinergia lieta e sicura, l’amore di Dio e l’amore della persona si compenetrano, s’illuminano e la trasformazione della struttura umana di peccato si ritrova a essere colmata di grazia, cioè di amicizia, che non tarpa la persona e non la depaupera,

ma le spalanca davanti un orizzonte vastissimo in cui “la fede ci fa riconoscere i doni che il Dio buono e generoso ci affida; la caritĂ li fa fruttificareâ€?. In terzo luogo “l’indissolubile intreccio tra fede e caritĂ â€?: il nostro Pastore traccia la mappa della trappola, e fin qui si tratta solo di un rilievo, passando poi al cammino da percorrere nella mappa per non rimanere impantanati: “Per una sana vita spirituale è necessario rifuggire sia dal fideismo che dall’attivismo moralistaâ€?. Riprendendo l’antico, ma pur sempre attuale simbolo, tipico di ogni antropologia, papa Benedetto a quell’imprinting umano, con un colpo di pollice, segna il percorso cristiano: “L’esistenza cristiana consiste in un continuo salire il monte dell’incontro con Dio per poi ridiscendere, portando l’amore e la forza che ne derivano, in modo da servire i nostri fratelli e sorelle con lo stesso amore di Dioâ€?.   ǤÍšÍ?


 

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡†‹†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?…Š‡•–ƒ…‘Ž’‡Â?†‘ ƒÂ?…Š‡ŽƒÇ˛Â”Â‹Â…Â…ÂƒÇł‘Â?„ƒ”†‹ƒ…‘Â?†‹œ‹‘Â?ƒ ÂŽÇŻÂƒÂ‰Â‡Â?†ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?’‡–‹œ‹‘Â?‡‡Ž‡––‘”ƒŽ‡’‡” Žƒ…‘Â?“—‹•–ƒ†‡ŽŽƒ’”‡•‹†‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡Ǥ

Â?–‡”‡••ƒÂ?‘ǥ‘‰‰‹’‹Î…Š‡Â?ÂƒÂ‹ÇĄŽ‡”‹•’‘•–‡ …Š‡‘‰Â?‹…ƒÂ?†‹†ƒ–‘‹Â?–‡Â?†‡†ƒ”‡ƒŽ–‡Â?ƒ †‡Ž„‹•‘‰Â?‘ǥ†‡ŽÂ†Â‹Â•ÂƒÂ‰Â‹Â‘ÇĄ†‡ŽŽ‡‡Â?‡”‰‡Â?ÂœÂ‡ÇŁ “—‡•–‹‘Â?‹…Š‡…‘•–‹–—‹•…‘Â?‘‹Ž™‡Žˆƒ”‡•‘…‹ƒŽ‡

‘�„ƒ”†‹ƒ’‘…Š‡•‡––‹�ƒ�‡†ƒŽ˜‘–‘‹�’”‹�‘’‹ƒ�‘°‹Ž–‡�ƒ•‘…‹ƒŽ‡

Regione e welfare: idee a confronto

ÂŽÂ†Â‹Â„ÂƒÂ–Â–Â‹Â–Â‘ÇĄÂ?‡ŽŽ‡•…‘”•‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡ǥˆ”ƒ‹…ƒÂ?†‹†ƒ–‹ƒŽŽƒ’”‡•‹†‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡•——Â? •‡––‘”‡†‡Ž‹…ƒ–‘…‘Â?‡“—‡ŽŽ‘†‡‹•‡”˜‹œ‹Â?‡••‹ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡†‹…Š‹˜‹˜‡…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹†‹ „‹•‘‰Â?‘ǥ†‹†‹•ƒ‰‹‘‡†‹Â?ƒ”‰‹Â?ƒŽ‹–Â?•‘…‹ƒŽ‡‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡”’”‡•‡Â?–ƒ”‡’”‘’‘•–‡†‹˜‡”•‡   

6

ervizi sociali, socio-sanitari, socio-educativi, a favore degli anziani, della disabilitĂ , delle famiglie con figli a carico, del disagio. Ăˆ vasto il campo di quella parte di welfare qualificato dall’aggettivo sociale. Per questo sono guardate con attenzione le idee, le proposte e i progetti che al settore dedicano forze politiche e candidati che in queste settimane si stanno sfidando per la “conquistaâ€? della Lombardia. Regione particolare, per molti aspetti “pilotaâ€? per il resto del Paese, grazie alla presenza di un terzo settore ricco (in termini di proposte, di capacitĂ  di leggere i bisogni e di risposte agli stessi) che ha saputo meglio di altre realtĂ  italiane garantire politiche spesso innovative in tema di welfare sociale. Anche in Lombardia, però, la scure della crisi si è fatta sentire. Tagli, riduzioni di trasferimenti, oneri fiscali anche a carico del non profit hanno finito col mettere in forse il sistema, con il rischio di addossare alle spalle delle famiglie gran parte del sostegno, dell’assistenza e della cura di tante forme di disagio. Normale, dunque, che il mondo del terzo settore, del non profit guardi con attenzione alla futura azione della Regione in questo campo. Sanno bene le realtĂ  del settore presenti in Lombardia (sono 5000 quelle accreditate) che il loro futuro, quello delle persone a cui danno lavoro e, a maggior ragione, quello dei loro utenti, è direttamente legato al tipo di impegno che la Regione vorrĂ  assumersi in tema di welfare sociale. Se questo sarĂ  nella lista delle prioritĂ  il futuro potrĂ  essere roseo (non solo in termini di disponibilitĂ  economiche, ma di inventiva nelle risposte, di capacitĂ  progettuale). In caso contrario‌ Questi e altri ragionamenti hanno fatto da sfondo al confronto tra i candidati alla presidenza della Regione Lombardia, organizzato nei giorni scorsi a Milano da Lombardiasociale. it, che analizza gli indirizzi delle politiche sociali regionali, dal Forum terzo settore e da altre 13 tra associazioni ed enti non profit. Gabriele Albertini, Umberto Ambrosoli, Silvana Carcano e Matteo Salvini (delegato da Maroni) hanno dato vita ad un confronto serrato, capace di passare da ampie ve-

  

dute progettuali a piccole sfumature. Davanti a una platea di addetti ai lavori (i rappresentanti del terzo settore e del non profit lombardo), lo scontro vero, il fondamentale elemento che ha differenziato in modo netto le diverse posizioni in tema di welfare sociale, c’è stato solo sul tema dei voucher, istituiti dalla Regione Lombardia per le persone che hanno bisogno di assistenza sociale, da “spendereâ€? presso enti o cooperative accreditate dal Pirellone. Per Umberto Ambrosoli (centro sinistra) “i voucher sono una finta libertĂ , è il modo dell’amministrazione di liberarsi dell’assistenza. Le persone sono state lasciate sole con un assegno in mano, senza alcuna informazione su come scegliere i serviziâ€?. Per Matteo Salvini, (Lega Nord) invece â€œĂ¨ necessario tenerli, anche se dobbiamo puntare a mettere le persone in grado di scegliere con informazioni adeguateâ€?. Gabriele Albertini (Udc-Monti) è convinto che “la libertĂ  di scelta sia fondamentale e i voucher permettano una maggiore competitivitĂ  tra gli enti che erogano serviziâ€?. Per Silvana Carcano (Movimento 5 stelle) “sono stati pensati in un’ottica di privatizzazione dei servizi che rifiutiamo, anche se in alcuni

‡Â?Â–Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹Â?‘‰Â?‹ Â’Â”Â‘Â’Â‘Â•Â–ÂƒÇĄ‹Ž–‡Â?ƒ†‡Ž ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”Â‘ÇŁ‹ŽÂ?‹‰Ž‹‘”‡–”ƒ –—––‹‰Ž‹ƒÂ?Â?‘”–‹œœƒ–‘”‹ •‘…‹ƒŽ‹

ambiti, come i servizi per l’infanzia, vanno mantenutiâ€?. Il dibattito ha toccato i problemi principali del welfare lombardo: dal suo futuro, al suo finanziamento e della spesa, dai servizi e interventi a favore per anziani non autosufficienti, disabili, minori e famiglia alla governance (il ruolo, cioè che avrĂ il terzo settore nella progettazione del welfare sociale), per finire al contrasto della povertĂ . Molti i punti condivisi, a partire da una revisione di un sistema impostato sulla separazione netta tra assistenza sanitaria e sociale, che si traduce in una divisione di compiti tra Asl e Comuni, con i cittadini che non sempre riescono a destreggiarsi tra un ente e l’altro. Sulla carenza di risorse per il welfare, Ambrosoli ha proposto “una riorganizzazione su base territoriale dei serviziâ€?. Silvana Carcano ha sostenuto che “il terzo settore non deve essere piĂš considerato una stampella del mercato e dello Stato, ma anzi deve diventare un modello di riferimentoâ€?. Salvini è stato piĂš netto: “Se il 75% dei 108 miliardi di euro che i lombardi pagano di tasse rimarrĂ  in Regione avremo i fondi necessari. E poi bisogna unificare i due assessorati, alla sanitĂ  e alla famigliaâ€?. Per Albertini solo una maggiore efficienza, la migliore forma di solidarietĂ , potrĂ  liberare nuove risorse. Tutti hanno proposto l’abolizione dell’Imu per il terzo settore e sgravi sui contributi dei dipendenti. Centrale anche il tema del lavoro, indicato da i candidati presenti come lo strumento principale per combattere la povertĂ . Ambrosoli ha proposto la creazione del “reddito minimo di autonomia per i disoccupatiâ€? e l’accesso al lavoro delle donne e dei giovani. Anche la Carcano ha parlato di reddito di cittadinanza, ma ha proposto anche la creazione di last minute market e accordi tra proprietari, sindacati degli inquilini e banche per utilizzare gli appartamenti che ora sono vuoti. Per Salvini “voceâ€? di Maroni: “Gli interventi da fare sono tanti, qui accenno solo al fatto che bisogna istituire un contributo per quei coniugi separati che rischiano di cadere nella povertĂ â€?. Per Albertini, la creazione di posti di lavoro può avvenire grazie ad incentivi alle imprese.

  



   

ÂŽ•‹•–‡Â?ƒ…Š‡‰—ƒ”†ƒƒŽ‹”‡ŽŽ‘Â?‡ ƒ‘Â?„ƒ”†‹ƒ”‡‰‹‘Â?‡’‹Î”‹……ƒ †ǯ –ƒŽ‹ƒ‡—Â?ƒˆ”ƒŽ‡’‹Î”‹……Š‡ †ǯ—”‘’ƒǤƒ’”‘†—œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ”‹……Š‡œœƒÂ?‘Â?„ƒ•–ƒ’‡”Öƒ ‡Ž‹Â?‹Â?ƒ”‡‹’”‘„Ž‡Â?‹•‘…‹ƒŽ‹‡Ž‡ †‹•—‰—ƒ‰Ž‹ƒÂ?œ‡–”ƒ‹…‡–‹•‘…‹ƒŽ‹…Š‡ǥ ƒÂ?ÂœÂ‹ÇĄ…”‡•…‘Â?‘†‹‰‹‘”Â?‘‹Â?‰‹‘”Â?‘ǥ …‘Â?‡…‘Â?ˆ‡”Â?ƒÂ?‘Ž‡’‹Î”‡…‡Â?–‹ ‹Â?†ƒ‰‹Â?‹•–ƒ–‹•–‹…Š‡Ǥ …ƒ—•ƒ†‡ŽŽƒ…”‹•‹Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ƒ ”‹•…Š‹‘’‘˜‡”–Â?•‘Â?‘•‡Â?’”‡’‹Î Â?—Â?‡”‘•‡ǤÂ?…Š‡Žƒ‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ …‘Â?‹Ž•—‘•‹•–‡Â?ƒ†‹™‡Žˆƒ”‡•‘…‹ƒŽ‡ †‡˜‡Â?‹•—”ƒ”•‹…‘Â?ˆ‡Â?‘Â?‡Â?‹ Â?—‘˜‹Ǥ‡˜‡ˆƒ”‡‹…‘Â?–‹…‘Â?Ž‡ •ˆ‹†‡Ž‡‰ƒ–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?Â?‹‰”ƒœ‹‘Â?‡ǥƒŽŽƒ Â?‘Â?ƒ—–‘•—ˆˆ‹…‹‡Â?ÂœÂƒÇĄƒŽŽƒ–—–‡Žƒ †‡ŽŽƒ•ƒŽ—–‡†‡ŽŽ‡’‡”•‘Â?‡’‹Î ˆ”ƒ‰‹Ž‹Ǥƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ†‹ƒŽ…—Â?‹ Â?—Â?‡”‹…‘Â?•‡Â?–‡†‹…ƒ’‹”‡Â?‡‰Ž‹‘ ‹Žˆ‡Â?‘Â?‡Â?‘Ǥ‹•–‹Â?ƒ…Š‡‹Â? ‘Â?„ƒ”†‹ƒ•‹ƒÂ?‘‘‰‰‹“—ƒŽ…‘•ƒ …‘Â?‡͙͛͜Â?‹ŽƒŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…Š‡ ˜‹˜‘Â?‘•‘––‘‹ŽŽ‹˜‡ŽŽ‘†‹’‘˜‡”–Â? ÂƒÂ•Â•Â‘ÂŽÂ—Â–ÂƒÇ˘ÍšÍĄÍ˜Â?‹Žƒ•‘Â?‘‹Â?˜‡…‡ ‰Ž‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹Â?‘Â?ƒ—–‘•—ˆˆ‹…‹‡Â?–‹ǥ‹Ž ÍœÍ ÎŹ†‡‹“—ƒŽ‹Č‹Â’”ƒ–‹…ƒÂ?‡Â?–‡Žƒ Â?‡–Â?ČŒƒ••‹•–‹–‹†ƒ„ƒ†ƒÂ?–‹Ǥ͚͚͜͜ •‘Â?‘‹Â?‹Â?‘”‹…Š‡˜‹˜‘Â?‘ˆ—‘”‹ †ƒŽŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ†‹‘”‹‰‹Â?‡ǥ’ƒ”‹ƒŽ ͚ǥÍ&#x;ÎŹ†‡ŽŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡Â?‡ŽŽƒ ˆƒ•…‹ƒ†ǯ‡–Â?†ƒœ‡”‘ƒÍ™Í&#x;ƒÂ?Â?‹Ǥ‘Â?‘ …‹”…ƒÍ?͘Â?‹ŽƒŽ‡’‡”•‘Â?‡ƒˆˆ‡––‡ †ƒ†‹˜‡”•‡ˆ‘”Â?‡†‹†‹•ƒ„‹Ž‹–Â?…Š‡ Â?‡…‡••‹–ƒÂ?‘†‹ƒ••‹•–‡Â?œƒǤ‘Â?…‹ ˜—‘Ž‡Â?‘Ž–‘ƒ…ƒ’‹”‡…Š‡ƒÂ?…Š‡ Â?‡ŽŽƒ”‹……ƒ‘Â?„ƒ”†‹ƒŽƒ“—ƒŽ‹–Â? †‡ŽŽƒ˜‹–ƒ†‡ŽŽ‡’‡”•‘Â?‡’‹Îˆ”ƒ‰‹Ž‹ ‡†‡ŽŽ‡Ž‘”‘ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡†‹’‡Â?†ƒ‹Â? ‰”ƒÂ?’ƒ”–‡†ƒŽŽ‡•…‡Ž–‡†‹’‘Ž‹–‹…ƒ •‘…‹ƒŽ‡…Š‡Žƒ‡‰‹‘Â?‡‡‹‘Â?—Â?‹ •ƒ’”ƒÂ?Â?‘Â?‡––‡”ƒÂ?Â?‘‹Â?…ƒÂ?’‘ Â?‡‹’”‘••‹Â?‹ƒÂ?Â?‹Ǥ Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹‹Â?

ƒÂ?„‹–‘•ƒÂ?Â‹Â–ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄ…Š‡‹Â?‘Â?„ƒ”†‹ƒ ƒ••‘”„‘Â?‘‹ŽÍ&#x;Í&#x;ÎŹ†‡ŽŽ‡”‹•‘”•‡ Â?‡••‡ƒ„‹ŽƒÂ?…‹‘ǥÂ?‘Â?‡•ƒ—”‹•…‘Â?‘ Žƒ”‘•ƒ†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‹—Â?ƒ„—‘Â?ƒ ’‘Ž‹–‹…ƒ†‹™‡Žˆƒ”‡Ǥ Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ •ƒÂ?‹–ƒ”‹†‡˜‘Â?‘‡••‡”‡‹Â?–‡‰”ƒ–‹†ƒ ƒŽ–”‹†‹–‹’‘Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ•Â‘Â…Â‹Â‘ÇŚÂ•ÂƒÂ?‹–ƒ”‹‘ ‡Â•Â‘Â…Â‹Â‘ÇŚÂ‡Â†Â—Â…ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘…Š‡˜‡Â?‰‘Â?‘ ‡”‘‰ƒ–‹†ƒ‘Â?—Â?‹‡•Ž’‡” ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â˜Â‹ÂƒÂ”Â‡ÇĄ”‹Â?—‘˜‡”‡‘’”‡˜‡Â?‹”‡ …‘Â?†‹œ‹‘Â?‹†‹†‹•ƒ‰‹‘‘Â?ƒÂ?…ƒÂ?œƒ †‹ƒ—–‘Â?‘Â?‹ƒ†‡ŽŽ‡’‡”•‘Â?‡’‹Î ˆ”ƒ‰‹Ž‹Ǥ“—‡•–‡•‹–—ƒœ‹‘Â?‹†‹ †‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?Žƒ•‘…‹‡–Â?Ž‘Â?„ƒ”†ƒŠƒ –”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡‘ˆˆ‡”–‘”‹•’‘•–‡ǥ •‡”˜‹œ‹‡‹Â?–‡”˜‡Â?–‹•‹ƒ†ƒ’ƒ”–‡ †‡‰Ž‹‡Â?–‹’—„„Ž‹…‹ǥ…‘Â?‡ƒ’’—Â?–‘ ‘Â?—Â?‹‡•Žǥ•‹ƒ†ƒ’ƒ”–‡†‡Ž ’”‹˜ƒ–‘•‘…‹ƒŽ‡Ǥ‰‰‹‰”ƒÂ?’ƒ”–‡†‹ “—‡•–‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹•‘Â?‘’”‘Â?‘••‹ ‡‰‡•–‹–‹†ƒŽ–‡”œ‘•‡––‘”‡…‘Â?‹Ž •‘•–‡‰Â?‘†‹”‹•‘”•‡’—„„Ž‹…Š‡‡ ’”‹˜ƒ–‡Ǥ ‹Â–Â”ÂƒÂ–Â–ÂƒÇĄÂ?‡Ž…‘Â?…”‡–‘ǥ†‹‘Ž–”‡ Í?͘͘͘‡Â?–‹ƒ……”‡†‹–ƒ–‹‘’‡”ƒÂ?–‹•—Ž –‡””‹–‘”‹‘”‡‰‹‘Â?ƒŽ‡…Š‡‘ˆˆ”‘Â?‘ •‡”˜‹œ‹†‹™‡Žˆƒ”‡•‘…‹ƒŽ‡…Š‡ …‘’”‘Â?‘ǥ’‘–‡Â?œ‹ƒŽÂ?‡Â?–‡ǥ‹„‹•‘‰Â?‹ †‹Í™Í ͘Â?‹Žƒ’‡”•‘Â?‡Ǥ‡Â?œƒ™‡Žˆƒ”‡ Â?‘Â?…ǯ°Â•Â˜Â‹ÂŽÂ—’’‘ǥÂ?‘Â?…ǯ°ÂˆÂ—–—”‘ǥ ’‡”…Š¹‹•‘Ž†‹•’‡•‹’‡”‹Ž™‡Žˆƒ”‡ Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‘Ž–”‡ƒ‰‡Â?‡”ƒ”‡ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ …‘Â?•‡Â?–‘Â?‘ƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹’‡”•‘Â?‡ †‹…‘Â?–‹Â?—ƒ”‡‹ŽŽ‘”‘…ƒÂ?Â?‹Â?‘Â?‡ŽŽƒ •‘…‹‡–Â?ÇĄ†‹’‘–‡”’‡Â?•ƒ”‡ƒŽ’”‘’”‹‘ ÂˆÂ—Â–Â—Â”Â‘ÇĄ†‹…‘Ž–‹˜ƒ”‡•’‡”ƒÂ?œ‡Ǥ ‘Â?•‡Â?–‘Â?‘†‹…‘Â?–‹Â?—ƒ”‡ƒ ˜‹˜‡”‡‡†‹˜‡†‡”‡”‹•’‡––ƒ–ƒŽƒ ’”‘’”‹ƒ†‹‰Â?‹–Â?Ǥ—“—‡•–‘–‡””‡Â?‘ Žƒ‡‰‹‘Â?‡‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ…‘Â?‡Ž‡ ƒŽ–”‡‡‰‹‘Â?‹†ǯ Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇĄŠƒ‰”ƒÂ?†‹ ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â?‡‘’’‘”–—Â?‹–Â?†‹ ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘Ǥ


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

‡ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‹†‡‹„”‡•…‹ƒÂ?‹ —ƒŽ‡Žƒ’”‹‘”‹–Â?†‡‹…ƒÂ?†‹†ƒ–‹Ž‘…ƒŽ‹‹Â?–‡Â?ƒ†‹Â™Â‡ÂŽÂˆÂƒÂ”‡Ǎ ‘Â?°•–ƒ–‘’‘••‹„‹Ž‡”ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡‹Ž‘˜‹Â?‡Â?–‘Í?–‡ŽŽ‡

‹ƒ�Ž—‹‰‹—••ƒ�ƒ

‹ƒÂ?Ž—‹‰‹—••ƒÂ?ÂƒÇĄ’”‡•‹†‡Â?–‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂ‹ÂœÂ‘Â?‡ƒÂ?Â?‡‡’ƒ’Â? •‡’ƒ”ƒ–‹†ǯ –ƒŽ‹ƒÇŚŽ‹•–ƒƒ”‘Â?‹ ’”‡•‹†‡Â?–‡ǤDz ‘ƒ……‡––ƒ–‘Žƒ’”‘’‘•–ƒ †‹—Â?ƒ…ƒÂ?†‹†ƒ–—”ƒ’‡”’‘”–ƒ”‡ƒ˜ƒÂ?–‹ —Â?ƒ’”‘’‘•–ƒ†‹Ž‡‰‰‡’‡”Žƒ–—–‡Žƒ†‹ ’ƒ’Â?‡Â?ƒÂ?Â?‡Â•Â‡Â’ÂƒÂ”ÂƒÂ–Â‹ÇĄ’‡”ƒ‹—–ƒ”Ž‹ ƒ•—’‡”ƒ”‡Ž‡…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹†‹†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â? ‹Â?…—‹•‘Â?‘…‘•–”‡––‹ƒ˜‹˜‡”‡Ǥ‘Â?‘ Í™Â?‹Ž‹‘Â?‡‹Â?‘Â?„ƒ”†‹ƒ‹‰‡Â?‹–‘”‹‹Â? “—‡•–‡…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹Ǥƒ’”‘’‘•–ƒ†‹ Ž‡‰‰‡’—Â?–ƒƒ‰ƒ”ƒÂ?–‹”‡ƒŽ‰‡Â?‹–‘”‡ •‡’ƒ”ƒ–‘ÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‡Â•Â•Â‘ƒŽŽ‡…ƒ•‡Â’Â‘Â’Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‹ÇĄ ‘‰‰‹’”‡…Ž—•‘ǥ—Â?…‘Â?–”‹„—–‘ƒŽ”‡††‹–‘ ’‡”—Â?Â?ƒ••‹Â?‘†‹Í™Í Â?‡•‹’‡”ƒ‹—–ƒ”Ž‹

ƒˆƒ”‡ˆ”‘Â?–‡ƒŽŽ‡–ƒÂ?–‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â? …Š‡Žƒ•‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?’‘”–ƒ‡…Š‡ ‘‰‰‹°’‡”Â?‘Ž–‹—Â?ƒ˜‡”ƒ‡’”‘’”‹ƒ ’‘”–ƒ’‡”Žƒ’‘˜‡”–Â?dzǤ

‡Â?ƒ–‘ƒŽ–‹‡”‹ ‡Â?ƒ–‘ÂƒÂŽÂ–Â‹Â‡Â”Â‹ÇĄ‰‹Â?•‡‰”‡–ƒ”‹‘ ‰‡Â?‡”ƒŽ‡†‡ŽŽƒ‹•Ž†‹”‡•…‹ƒÇŚƒ––‘ …‹˜‹…‘…‘Â?Â?„”‘•‘Ž‹’”‡•‹†‡Â?–‡ǤDz Â? …‹Â?ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡ÂŽÂ‡Â?…‘†‡ŽŽ‡’”‹‘”‹–Â?˜ƒ’‘•–ƒ Žƒ“—‡•–‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡”‹•‘”•‡ǥƒŽ—Â?‰‘ •‘––‘’‘•–‡ƒ’‡•ƒÂ?–‹…—”‡†‹Â?ƒ‰”ƒÂ?–‹ ‡“—‡ŽŽƒ†‡‹…”‹–‡”‹†‹ƒ……‡••‘ƒ”‹•‘”•‡ ‡•‡”˜‹œ‹Ǥ—‡•–‘’‡”ˆƒ”‡•¿…Š‡ƒ……‡†ƒ ƒ‹•‡”˜‹œ‹…Š‹•‹–”‘˜ƒ‹Â?…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹†‹ ‡ˆˆ‡––‹˜‘„‹•‘‰Â?‘Ǥ‘Â?…ǯ°ǥˆ”ƒ…Š‹ ˆƒƒˆˆ‹†ƒÂ?‡Â?–‘ƒŽ™‡Žˆƒ”‡Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ —Â?ƒ…ƒ–‡‰‘”‹ƒ…Š‡ƒ„„‹ƒ„‹•‘‰Â?‘ ’‹ÎÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”ÂƒÇ¤ƒ’‘˜‡”–Â?‡‹Ž„‹•‘‰Â?‘ •‘Â?‘”‡ƒŽ–Â?’—”–”‘’’‘–”ƒ•˜‡”•ƒŽ‹Ǥ ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒ“—‡•–‘„‹•‘‰Â?‘†‹ˆˆ—•‘

͛͘

Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ…‘Â?Ž‡–ƒÂ?–‡ ”‡ƒŽ–Â?†‡ŽÂ?‘Â?’”‘ˆ‹–‡ †‡Ž–‡”œ‘•‡––‘”‡ǥ°–‡””ƒ ƒ––‡Â?–ƒƒŽ•‘…‹ƒŽ‡‡ƒ‹ •—‘‹„‹•‘‰Â?‹ǤDz‘…‡dz Šƒ…Š‹‡•–‘ĠƒŽ…—Â?‹ …ƒÂ?†‹†ƒ–‹„”‡•…‹ƒÂ?‹ƒŽŽ‡ ”‡‰‹‘Â?ƒŽ‹†‹‹Â?†‹…ƒ”‡ —Â?ƒ’”‹‘”‹–Â?‹Â?–‡Â?ƒ †‹™‡Žˆƒ”‡•‘…‹ƒŽ‡‡ƒ …Š‹“—‡•–‘Â?‘Â?†‘Ž‘ …‘Â?‘•…‡ǥ…‘Â?‡ƒŽ‡”‹ƒ ‡‰”‹Â?‹‡†”‹ƒÂ?ƒ Â‘Â•Â–ÂƒÂ”Â†ÂƒÇĄ—Â?‰‹—†‹œ‹‘ •—’”‘‰”ƒÂ?Â?‹‡ Â?‡…‡••‹–Â?

 

‘�†‹˜‹•‹‘�‡ †‡ŽŽ‡•…‡Ž–‡

Žǯ—Â?‹…ƒ˜‹ƒ†‹Â—Â•Â…Â‹Â–ÂƒÇĄŽƒ’”‹‘”‹–Â?†‡ŽŽ‡ ’”‹‘”‹–Â?ƒÂ?…Š‡’‡”‹Ž”‡•…‹ƒÂ?‘ǥ° “—‡ŽŽƒ†‹—Â?ˆ‘”–‡‹Â?’‡‰Â?‘’‡”Žƒ ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡†‡ŽÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘dzǤ

Ž„‡”–‘ ‡•–ƒ Ž„‡”–‘ Â‡Â•Â–ÂƒÇĄ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‘Â?‡ŽŽƒ …‘‘’‡”ƒœ‹‘Â?‡•‘…‹ƒŽ‡†ƒŽÍ™ÍĄÍ ÍĄÇŚ †……‘Â?Ž„‡”–‹Â?‹ǤDzƒ”‹ŽƒÂ?…‹ƒ–ƒŽƒ …‡Â?–”ƒŽ‹–Â?†‡ŽŽƒ’‡”•‘Â?ƒ‡†‡ŽŽƒ”‡–‡ ”‡Žƒœ‹‘Â?ƒŽ‡…Š‡‡••ƒ‰‡Â?‡”ƒǤ‡”˜‡ —Â?™‡Žˆƒ”‡…ƒ’ƒ…‡†‹–”‘˜ƒ”‡Â?‡ŽŽƒ ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡‡Â?‡ŽŽƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?‹Ž ’”‘’”‹‘˜ƒŽ‘”‡ƒ‰‰‹—Â?–‘ƒˆƒ˜‘”‡†‹…Š‹ °‹Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?ÇĄ•‡…‘Â?†‘…”‹–‡”‹†‹‡“—‹–Â?Ǥ —Žˆ”‘Â?–‡„”‡•…‹ƒÂ?‘ǥ‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‘ ƒÂ?…Š‡Ž‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‘ÇĄ—Â?ƒ’”‹‘”‹–Â?•‹ƒ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?’‡‰Â?‘•—Žˆ”‘Â?–‡ †‡Ž†‹•ƒ‰‹‘Â?‡—”‘’•‹…Š‹ƒ–”‹…‘…Š‡ •–ƒ‹Â?–‡”‡••ƒÂ?†‘—Â?Â?—Â?‡”‘•‡Â?’”‡ …”‡•…‡Â?–‡†‹‰‹‘˜ƒÂ?‹‡‰‹‘˜ƒÂ?‹••‹Â?‹  

…‘•¿…‘Â?‡“—‡ŽŽ‘†‡‹†‹•–—”„‹ •’‡…‹ˆ‹…‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’’”‡Â?†‹Â?‡Â?–‘…Š‡ •–ƒÂ?Â?‘Â?‡––‡Â?†‘‹Â?…”‹•‹Žƒ•…—‘Žƒ‡ ÂŽÇŻÂ‡Â†Â—Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡dzǤ



ƒŽ‡”‹ƒ‡‰”‹Â?‹ǥ‘Â?ˆ…‘‘’‡”ƒ–‹˜‡

†”‹ƒÂ?ƒÂ‘Â•Â–ÂƒÂ”Â†ÂƒÇĄ—•‡”

‹ƒŽ‘‰‘…‘Â?…Š‹‘’‡”ƒ’‡”Žǯ‹Â?…Ž—•‹‘Â?‡•‘…‹ƒŽ‡

‹Î†‹‰Â?‹–Â?ƒŽ–‡”œ‘•‡––‘”‡

“Quello che Confcooperative chiede a coloro che si candidano a governare la Regione – afferma Valeria Negrini, vice presidente di Confcooperative Brescia e presidente settore solidarietĂ sociale – è che le loro azioni siano ispirate dalla convinzione che l’economia sociale e la coesione sono i veri motori di sviluppo e le chiavi utili per la crescita e per uscire dalla crisiâ€?. Una richiesa, prosegue Valeria Negrini, che vale ancora di piĂš quando si parla di politiche di welfare che sono trasversali alle questioni legate all’assistenza, alla salute, alla casa, al lavoro, all’ambiente per tutti i cittadini, i giovani, le donne, le famiglie, gli italiani e gli stranieri. “Di questa visione, che è un modo diverso di interpretare la societĂ  e di agire la politica economica,

finanziaria, sociale – afferma ancora – vediamo alcune tracce nei documenti che illustrano il programma delle varie coalizioniâ€?. La vice presidente di Confcooperative Brescia chiede un nuovo rapporto con il territorio e i suoi attori. “Se è vero che al centro sta la persona e la famiglia – afferma al proposito – i bisogni e le risorse di questi soggetti e di conseguenza le risposte da dare ai primi e le modalitĂ per attivare le seconde, non possono essere definite e codificate dai soggetti piĂš lontani ma da chi il territorio lo abita, lo conosce, lo ascolta e si assume la responsabilitĂ  di renderlo un luogo sempre migliore nel quale vivere e far crescere le generazioni futureâ€?. Per questo, per Valeria Negrini, è prioritaria la modifica delle modalitĂ  con le quali la Regione dialoga con Asl, con Aziende ospedaliere e soprattutto con i Comuni. “Altrettanto importante – prosegue – è il ruolo e lo spazio che la Regione intende riconoscere a realtĂ  quali, ad esempio, la cooperazione, che da sempre opera per cercare di mantenere coesione sociale nelle comunitĂ  e produrre inclusione e benessere per le personeâ€?.

Adriana Mostarda, presidente dell’Auser di Brescia, sino a poco tempo fa presidente del Forum del terzo settore provinciale, conosce bene il tema del welfare sociale e quello del rapporto tra terzo settore e Regione. Una conoscenza che la porta a dire che c’è molto da fare. “Abbiamo un sistema di welfare avanzato – afferma – che ha difetti strutturaliâ€?. La presidente dell’Auser ha le idee chiare su come superare questi limiti. “Bisogna pensare a una sanitĂ che modifichi le sue modalitĂ  di risposta – è la ricetta – per ridurre la spesa e liberare risorse da destinare al welfare socialeâ€?. Spese sanitarie aumentate a dismisura negli anni anche per effetto di una falsa competizione tra pubblico e privato devono, per Adriana Mostarda, essere riviste perchĂŠ sono altre le risposte di cui i cittadini

hanno bisogno. “Contesti sociali mutati rispetto al passato – è la sua idea – confermano che piĂš delle risposte sanitarie, servono azioni sociali per rispondere a bisogni sempre piĂš diffusiâ€?. Per la presidente Auser sono cresciute esponenzialmente, rispetto alle risorse a disposizione, le urgenze, le emergenze in campo sociale. Altro tema è quello di rivedere i rapporti tra enti locali e terzo settore. “Occorre ripartire dall’idea – afferma Adriana Mostarda – che la spesa sociale è costituita da una parte pubblica e da una privata che non viene mai considerata, costituita da ciò che le famiglie pagano per badanti e altre forme di assistenzaâ€?. Il terzo settore, infine, deve essere investito di nuove e importanti responsabilitĂ per una nuova compartecipazione alla programmazione e alla progettazione. “Chi governerĂ  la Regione – conclude la presidente dell’Auser Brescia – dovrĂ  porsi il tema della dignitĂ  del terzo settore che non può piĂš essere considerato come la realtĂ  chiamata a dare le risposte piĂš efficaci al minor costo possibile. Ai candidati chiede una svolta culturale piĂš che un elenco di cose da fare.

C’è un aspetto piĂš volte toccato nel corso del dibattito milanese che, presentato nel pezzo di apertura di queste pagine, dovrebbe interessare piĂš di altri chi, a Brescia come nel resto della Lombardia, opera nell’ampio campo del welfare sociale: la politica (almeno quella che ha partecipato al confronto promosso da Lombardiasociale.it e dal Forum lombardo del terzo settore) ha intenzione, piĂš e meglio che in passato, di avvalersi della stretta collaborazione di chi il mondo del sociale lo frequenta ogni giorno, per la stesura di progetti e programmi per il welfare sociale della Lombardia del futuro. Gabriele Albertini, Umberto Ambrosoli, Silvana Carcano e Roberto Maroni, attraverso la “voceâ€? di Matteo Salvini, pur con accenti diversi, hanno confermato la necessitĂ di un cammino comune sul terreno della progettazione e della definizione delle linee delle politiche sociali regionali. Politiche che, come è emerso nel corso del confronto, dovrebbero poter contare (anche questo è un altro elemento condiviso) su risorse disponibili non per una maggiore ricchezza della Lombardia (il solo Salvini con la teoria del 75% delle imposte pagate dai lombardi che non devono varcare il Po, si è posto in parte fuori dal coro, ndr.) ma per un serio esame del capitolo di spesa della sanitĂ . Una voce di bilancio che sino a oggi ha “cannibalizzatoâ€? le risorse disponibili (l’ultimo bilancio regionale approvato ha destinato alla sanitĂ  17,5 dei 22,5 miliardi di euro complessivi). Una razionalizzazione delle realtĂ  esistenti, una riconversione in strutture sociali di realtĂ  della sanitĂ  lombarda dovrebbero consentire, è il parere condiviso da tutti i candidati, di non considerare piĂš il welfare sociale il “figlio di un dio minoreâ€? nella spesa lombarda.


͘͜

 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

–ƒŽ‹ƒ ‘�˜‡”‰‡�–‡‹�’‡‰�‘ƒ•‡”˜‹œ‹‘†‡Ž„‡�‡…‘�—�‡

   

“Il richiamo ai Patti Lateranensi ci consente di misurare la lunga strada percorsa – anche negli ultimi anni e per convergente impegno – verso una serena e fiduciosa cooperazione tra Stato e Chiesa al servizio del bene comune, ‘nel pieno rispetto’ sono sue parole (di Benedetto XVI, ndr) – ‘della distinzione tra la sfera politica e la sfera religiosa’�. Lo ha rilevato in Vaticano il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, prima del concerto che il Maggio musicale fiorentino

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

ha offerto nell’anniversario della sottoscrizione dei Patti Lateranensi, rivolgendosi pubblicamente a Benedetto XVI. Esprimendo in tale circostanza “una forma di simbolico pubblico commiatoâ€? per il termine del settennato presidenziale, Napolitano ha fatto memoria degli “incontri e colloquiâ€? avuti con il Papa “in molteplici occasioni, nel corso di questi sette difficili anni, difficili non solo per il mio Paese in un mondo sempre piĂš interdipendenteâ€?. “Molto mi dice

– ha aggiunto il Capo dello Stato – la memoria del nostro reciproco ascoltarci. Molto mi ha arricchito il dialogo che abbiamo potuto intrattenere: sull’Italia, sull’Europa, sulla pace e sulla stessa politica intesa come dimensione essenziale dell’agire umano, sulle radici ideali e morali dell’impegno politicoâ€?. E ha concluso: “Continueremo, SantitĂ , come italiani, in qualunque posizione, a prestare attenzione ai suoi messaggi, a trarne motivo di riflessione e di fiduciaâ€?.

 

–ƒŽ‹ƒ‹ƒŽŽƒ”‰ƒ—�†‹„ƒ––‹–‘ƒ……—•ƒ–‘†‹‡••‡”‡†‹’ƒ”–‡

‘Â?•Ǥƒ‰Ž‹ƒ ‘Â?•‡”˜ƒ–‘”‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?‹”‡

7XWWLVFRSURQRFKHO¡,PX QRQqVRORFRVDGL&KLHVD

ǯDzƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ…ǯ°ǥƒŽ†‹ÂŽÂ?†‡‹ …ƒ–ƒ•–”‘ˆ‹•Â?‹dzǤ†ƒ••‹…—”ƒ”Ž‘ °•–ƒ–‘Â?‘Â?•Ǥ‹Â?…‡Â?œ‘ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡Ž‘Â?–‹ˆ‹…‹‘ …‘Â?•‹‰Ž‹‘’‡”ŽƒˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄÂ?‡ŽŽƒ •—ƒ’”‹Â?ƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ•–ƒÂ?’ƒ Â?‡ŽŽƒ•—ƒÂ?—‘˜ƒ˜‡•–‡ǤDzÂ?…Š‡ •‡Â?‘Â?•‹˜‡†‡Č‚Šƒ…‘Â?–‹Â?—ƒ–‘ ‹Ž‡•…‘˜‘Č‚Žƒ•–”ƒ‰”ƒÂ?†‡ Â?ƒ‰‰‹‘”ƒÂ?œƒ†‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡˜‹˜‡—Â?ƒ…‘Â?†‹œ‹‘Â?‡ †‹†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?ÇĄƒÂ?…Š‡‡…‘Â?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ ‡–—––ƒ˜‹ƒ”‡•–ƒ—Â?•‘•–‡‰Â?‘Ǥ ‡‘‰‰‹ǥ‹Â? –ƒŽ‹ƒ‡ƒŽ–”‘˜‡ Â?‘Â?…‹ˆ‘••‡”‘Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ǥ Â?‘Â?•‘†‘˜‡ƒÂ?†”‡„„‡”‘ ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…Š‡Â?‘Â?–”‘˜ƒÂ?‘ ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”Â‘ÇłÇ¤ Â? Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇĄŠƒ”‹…‘”†ƒ–‘ Â?‘Â?•Ǥƒ‰Ž‹ƒ”‹ˆ‡”‡Â?†‘•‹ƒ —Â?ƒ”‹…‡”…ƒˆƒ––ƒ‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯ Â?…‘Â?–”‘Â?‘Â?†‹ƒŽ‡†‡ŽŽ‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ƒ‹ŽƒÂ?‘ǥ…‹”…ƒ ÂŽÇŻÍ Í˜ÎŹ†‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹†‹…Š‹ƒ”ƒÂ?‘ †‹’”‡ˆ‡”‹”‡‹ŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘ǥ …‹˜‹Ž‡‘”‡Ž‹‰‹‘•‘…Š‡Â•Â‹ÂƒÇĄ Â?‡Â?–”‡•‘Ž‘‹ŽÍšÍ˜ÎŹ‘’–ƒ’‡” Žƒ…‘Â?˜‹˜‡Â?œƒǤ Â? ”ƒÂ?Â…Â‹ÂƒÇĄDz‹ •‘Â?†ƒ‰‰‹”‹Ž‡˜ƒÂ?‘…Š‡‹ŽÍ&#x;Í&#x;ÎŹ †‡•‹†‡”ƒ…‘•–”—‹”‡Žƒ’”‘’”‹ƒ ˜‹–ƒ†‹ˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ”‹Â?ƒÂ?‡Â?†‘ …‘Â?Žƒ•–‡••ƒ’‡”•‘Â?ƒ’‡” –—––ƒŽƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇłÇ¤—‡•–‘˜—‘Ž †‹”‡ǥŠƒ…‘Â?Â?‡Â?–ƒ–‘Â?‘Â?•Ǥ ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ…Š‡Ç˛ÂŽÂƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ° ƒÂ?…‘”ƒ—Â?ƒ„—‘Â?ƒÂ?‘–‹œ‹ƒ’‡” ‹ŽÂ?‘Â?†‘†‹‘‰‰‹dzǤ’’—”‡ǥ Dz‹Ž†‡•‹†‡”‹‘†‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒČ‚° ÂŽÇŻÂƒÂ?ƒŽ‹•‹†‡Ž’”‡•—Ž‡Č‚‘‰‰‹ °•–”‘Â?…ƒ–‘†ƒ—Â?ƒ…—Ž–—”ƒ …Š‡’”‹˜‹Ž‡‰‹ƒŽǯ‹Â?†‹˜‹†—‘ƒŽŽƒ •‘…‹‡–Â?ÇĄŽǯ‹‘ƒŽÂ?‘‹ǥ‹†‹”‹––‹ †‡ŽŽǯ‹Â?†‹˜‹†—‘ƒ“—‡ŽŽ‹†‡ŽŽƒ ˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇłÇ¤Dz‘”’”‡Â?†‡Č‚ Šƒ†‡––‘Â?‘Â?•Ǥƒ‰Ž‹ƒƒŽ ’”‘’‘•‹–‘Č‚Žƒ•—’‡”ˆ‹…‹ƒŽ‹–Â?…‘Â? …—‹ŽƒŠ‹‡•ƒ˜‹‡Â?‡ƒ……—•ƒ–ƒ †‹…‘Â?•‡”˜ƒ–‘”‹•Â?‘Ǥ‘Â?•‹ –”ƒ––ƒÂ†ÇŻÂ‹Â•Â–‹–—œ‹‘Â?‹Â•Â—Â’Â‡Â”ÂƒÂ–Â‡ÇĄ Â?ƒ†‹’‡Â?•ƒ”‡ƒŽˆ—–—”‘†‡ŽŽƒ •–‡••ƒ•‘…‹‡–Â?—Â?ƒÂ?ƒǤ‡Â?Â?ƒ‹ •‹’‘–”‡„„‡†‹”‡…Š‡•‹ƒÂ?‘ ǎ…‘Â?•‡”˜ƒ–‘”‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?‹”‡ǯǥ ƒ’’—Â?–‘ǥ†‡Žˆ—–—”‘†‡ŽŽƒ •‘…‹‡–Â?dzǤ

Â?ƒ’”‘–‡•–ƒ’—„„Ž‹…ƒ‹Â?•…‡Â?ƒ–ƒƒ ‹”‡Â?œ‡†ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹†‹‹”…‘Ž‹”…‹‡ƒ•‡†‡Ž’‘’‘Ž‘”‹Â?‡––‡ƒŽ…‡Â?–”‘†‡ŽŽƒ †‹•…—••‹‘Â?‡—Â?ƒ‹Â?’‘•–ƒ…Š‡’‡Â?ƒŽ‹œœƒ‹ŽÂ?‘Â?’”‘ˆ‹–†‹“—ƒŽ•‹ƒ•‹Dz…‘Ž‘”‡dz   

3

er mesi la questione è stata raccontata, seppure a fasi alterne, da giornali e televisioni come la crociata della Chiesa che chiedeva favori allo Stato. La discussione in merito al pagamento dell’Imu da parte di parrocchie e oratori (di cui si è occupata anche “Voceâ€? a piĂš riprese, l’ultima solo poche settimane fa, ndr.) è stata inquadrata, soprattutto dai grandi network critici “a prescindereâ€? nei confronti della realtĂ ecclesiale italiana (chi non ricorda la polemica montata qualche anno fa sull’8xmille dato alla Chiesa cattolica?), come una richiesta di trattamento di favore, una prebenda che Roma avrebbe dovuto concedere alla Chiesa anche in una stagione di sacrifici generalizzati per la societĂ  italiana. Da queste pagine si è dato conto di quanto le parrocchie e gli oratori bresciani abbiano pagato, non senza difficoltĂ , ma nella consapevolezza che anche a loro toccava dare “a Cesareâ€? ciò che era di Cesare. Nei giorni scorsi, però, una polemica esplosa nella rossa Toscana ha fatto definitivamente capire che le osservizioni e le critiche avanzate da tanti parroci, curati e amministratori parrocchiali nei confronti di una normativa che di fatto equiparava tante delle loro attivitĂ  a quelle svolte da realtĂ  del commercio, non era una crociata. Nei giorni scorsi, davanti alla sede della Regione Toscana, del-



�‘•…ƒ�ƒ”‹…‘�•‡‰�ƒ–‡ Ž‡…Š‹ƒ˜‹†‹•‡†‹…‘�–”‘ —�ƒ�‘”�ƒ…Š‡–ƒ‰Ž‹ƒŽ‡ ‰ƒ�„‡ƒ–ƒ�–‡ƒ––‹˜‹–� •‘…‹ƒŽ‹

la Provincia di Firenze e della locale prefettura, questi i fatti raccontati con dovizia di particolatri da televisioni e giornali, si sono radunati rappresentanti di Case del popolo e di Circoli Arci per consegnare alle autoritĂ le

chiavi delle loro sedi come forma di protesta estrema nei confronti di una legge, quelle che ha istituito l’Imu, che li ha messi in ginocchio. 280, in totale, le realtĂ associative della “rossaâ€? Toscana che si sono mobilitate per denunciare gli effetti di una imposta che mette una seria ipoteca sulle attivitĂ  sociali, ricreative e culturali svolte nei circoli, considerati, proprio come le sale delle comunitĂ  e i bar di tanti oratori e centri giovanili, come vere e proprie attivitĂ  commerciali. E cosĂŹ quella dell’Imu ha finito di essere una battaglia del non profit cattolico per diventare, finalmente, una questio-

ne che interessa tutto quel variegato mondo delle attivitĂ sociali senza fine di lucro, che non è solo cattolico, che con la sua presenza opera spesso e volentieri anche in soccorso di uno Stato che fa sempre piĂš fatica a garantire i suoi servizi. Marco Tarquinio, in una nota pubblicata su “Avvenireâ€? nei giorni scorsi, ha ricordatoche per lungo tempo il non profit cattolico ha combattuto una battaglia di democrazia per dimostrare “che non c’era una norma confezionata ad ecclesiam e che tutto ciò che si stava dicendo contro le attivitĂ  sociali della Chiesa... era contro l’intero mondo del non profitâ€?.

 

  

7DQWLJOLVWUDQLHULFKHODVFLDQRO¡,WDOLD Sempre piÚ stranieri rifanno le valigie e abbandonano l’Italia per cercare fortuna altrove o per tornare nel Paese d’origine. Secondo la Fondazione Leone Moressa di Mestre, istituto di studi e ricerche nato nel 2002 da un’iniziativa dell’Associazione Artigiani e piccole imprese di Mestre Cgia, con lo scopo statutario di valorizzare la cultura, il ruolo sociale ed economico dell’artigianato e della piccola impresa, le cancellazioni dall’anagrafe tra

il 2010 e il 2011 sono aumentate del 15,9%. La fuga dall’Italia riguarda tutte le nazionalitĂ , ma soprattutto quelle asiatiche (17,7%) e africane (12,2%). Tra le regioni asiatiche fa eccezione il Bangladesh che registra un calo e non un aumento delle cancellazioni. Dei 32.404 stranieri cancellati nel 2011, quasi 20mila sono cittadini europei (oltre un terzo romeni). Tra gli asiatici in partenza il 30,2% è costituito da cinesi e il 19,1% da indiani. “In gene-

rale – commentano i ricercatori della Moressa – sembrano lasciare l’Italia quelle popolazioni provenienti da Paesi in via di sviluppo, per cui si può ipotizzare una propensione al rientro nel Paese di origine oltre che allo spostamento verso altri Paesi terzi�. La crisi sarebbe alla base della maggior parte delle partenze: tra il 2008 e il 2011 il numero di disoccupati stranieri è quasi raddoppiato, con un incremento di oltre 148mila unità , men-

tre quello degli italiani è aumentato di 267mila unitĂ . Nello stesso periodo il tasso di disoccupazione degli stranieri è cresciuto di 3,6 punti percentuali (dall’8,5 al 12,1%), mentre quello degli italiani è passato dal 6,6 all’8,0%. I dati della Fondazione Moressa sembrano confermare che in periodo di crisi, a causa della maggiore debolezza delle reti di supporto, gli stranieri hanno minori probabilitĂ  rispetto agli italiani di resistere alle difďŹ coltĂ .


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

͘Í?

‹”‹ƒ ƒ‰—‡””ƒ…‘Â?–‹Â?Â—ÂƒÇĄÂ?ƒ•’—Â?–ƒ‹Ž†‹ƒŽ‘‰‘ Timidi segnali di svolta dalla Siria o l’ennesima illusione? Il dubbio è legittimo perchĂŠ da Damasco giungono segnali contrastanti. Per la prima volta, dallo scoppio della guerra civile, del Paese mediorientale non si parla soltanto per le sanguinose azioni della guerra civile in corso, ma per una seppure parziale apertura al dialogo. Nei giorni scorsi infatti, Moaz al-Khatib, guida della Syrian National Coalition, temendo nuovi e sanguinosi

massacri, ha chiesto un incontro con il vice-presidente siriano al-Shaara, considerato dal leader della Snc “come l’unico membro del regime a non avere le mani grondanti di sangueâ€?. Insieme ad altri funzionari, questi si sarebbe opposto piĂš di una volta alla linea sanguinaria di Assad. Intanto, il regime continua la sua propaganda e attraverso Fahed al- Freij, ministro della Difesa, annuncia che l’esercito non ha paura nĂŠ degli attacchi di Israele

nĂŠ delle minacce internazionali. Nonostante il silenzio del regime, i suoi piĂš grandi sostenitori Russia e Iran giudicano “incoraggianteâ€? l’offerta di Khatib. Intanto, la guerra continua a devastare tutte le regioni della Siria. Secondo dati Onu, le vittime sono ormai oltre 60mila. Le battaglie piĂš cruente sono in corso soprattutto ad Aleppo divenuta negli ultimi sei mesi il principale fronte di scontro fra ribelli ed esercito.

Testimoni locali raccontano che la storica cittĂ , patrimonio dell’Unesco, è quasi completamente distrutta. Lo scorso 3 febbraio l’esercito ha raso al suolo uno dei principali ediďŹ ci storici del quartiere di Ansari, in mano ai ribelli, uccidendo almeno nove persone. Continuano anche le esecuzioni sommarie da parte delle milizie islamiche, che uccidono tutti coloro che sono sospettati di avere legami con il regime.

‡œœƒ–‘ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‡Ž•‡”˜‹œ‹‘…‹˜‹Ž‡˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‘

&RQRVFHUHVHVWHVVL VHUYHQGRJOLDOWUL ‹‡Â?–”ƒ–‹†ƒŽ—†Â?‡”‹…ƒ‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂˆÂ”Â‹Â…ÂƒÇĄ‹͙͘˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‹Â?•‡”˜‹œ‹‘…‹˜‹Ž‡‹Â?˜‹ƒ–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â–‡”‘†ƒ “—ƒ––”‘Â?‰„”‡•…‹ƒÂ?‡Č‹Â…ÂƒÂ‹Â’ÇĄÂ˜Â‹ÇĄ‡†‹…—•—Â?†‹‡ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‘˜‹Â?Â‹ČŒ•‹”ƒ……‘Â?–ƒÂ?‘    

 

  

8

n anno fa erano partiti, dopo un’apposita formazione, carichi di speranza e con grande entusiasmo. Oggi sono tornati con maggiore determinazione e con l’intenzione di raccontare la loro esperienza. Certo non sono mancate le difficoltà , anche per questo motivo il 30 e il 31 gennaio in tutta Italia si sono svolti dei corsi di fine attività per i volontari al rientro dal servizio civile: nel Bresciano si sono incontrati al convento dei francescani di Rezzato per rielaborare la loro esperienza. Hanno scelto, per motivi diversi e con curriculum differenti (chi alla fine del tradizionale percorso di studi superiori, chi ha interrotto l’università o chi ha deciso di prendersi un anno di aspettativa dal lavoro) di dedicare un po’ di tempo agli altri. Scaip (Servizio di collaborazione assistenza internazionale piamartino) ha inviato in Mozambico Marcello Filippini e in Brasile Andrea Corti e Alice Paleari; Maria Laura Ghini e Gabriella Cavalli sono state con lo Svi in Brasile, mentre Manuela Buratti con Medicus Mundi è andata in Burkina Faso; la Fondazione Tovini, invece, ha mandato Cristina Scuderi e Davide Cattaneo in Mozambico e Serena Nicoli e Jessica Panigada in Ecuador. I compiti erano molto diversi fra loro. C’è chi come Manuela Buratti ha prestato

ƒÂ?Â?‘Â’ÂƒÂ”Â–Â‡Â…Â‹Â’ÂƒÂ–Â‘ÇĄ ‘ˆˆ”‡Â?†‘—Â?ƒÂ?Â?‘†‡ŽŽƒ Ž‘”‘Â˜Â‹Â–ÂƒÇĄƒŽ’”‘‰‡––‘ Dzƒ•…Š‹„‹ƒÂ?…Š‹ǣ ‹Â?–‡”˜‡Â?–‹—Â?ƒÂ?‹–ƒ”‹ ‹Â?ƒ”‡‡†‹…”‹•‹dz servizio come infermiera, realizzando il sogno di una vita di “partire per l’Africaâ€?: lo scopo del progetto era quello di formare gli operatori

sanitari che si occupano di malnutrizione dei bambini a causa di un povertĂ materiale e culturale (nella dieta compaiono solo i carboidrati). Nei ricordi di Manuela riaffiorano le tante immagini di un popolo che, nonostante la povertĂ , ha una grande dignitĂ . Tra i volontari c’è anche chi come Jessica, che è stata a Salinas in Ecuador a 4.200 metri d’altezza, ha scoperto durante il servizio una nuova vocazione. Jessica, 27 anni mamma eritrea e papĂ  italiano, si è presentata alla Tovini per sviluppare la tesi di laurea e poi insieme all’amica Serena si è ritrovata in Ecuador a lavorare – dopo un iniziale corso di fiosterapia per bambini disabili – nel commercio della lana per due diverse microimprese comunitarie, girando il Paese e partecipando anche alle Fiere per promuovere la produzione della lana di alpaca di Salinas; ha favorito anche il commercio equo e solidale e soprattutto responsabilizzato le persone del posto. E adesso lei e Serena sono pronte a ripartire. SĂŹ, l’anno di volontariato può servire anche a capire quale strada percorrere. Nel loro futuro lavorativo c’è ancora l’Ecuador e, in particolare, l’impiego nella filanda dove potranno mettere ulteriormente a frutto quanto imparato in questi mesi. “Non avrei mai pensato – confida Jessica – ma credo che questa esperienza sia stata voluta dal Cieloâ€?.

—”‘’ƒ ‘�–”‘–—––‡ Ž‡�‹�ƒ……‡ƒŽŽƒ˜‹–ƒ

–‘’ƒŽ„—ŽŽ‹•Â?‘Â?‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡Ǣ•–‘’ ƒŽŽ‡ƒ”Â?‹Â?—…Ž‡ƒ”‹‹Â?–—––‘‹ŽÂ?‘Â?ÇŚ †‘ǣ†—‡†‹…Š‹ƒ”ƒœ‹‘Â?‹•…”‹––‡†‡Ž ƒ”ŽƒÂ?‡Â?–‘‡—”‘’‡‘ǥ†‹˜‡Â?—–‡ ’‘•‹œ‹‘Â?‡—ˆˆ‹…‹ƒŽ‡†‡ŽŽǯ••‡Â?„Ž‡ƒ ƒ˜‡Â?†‘”ƒ‰‰‹—Â?–‘ŽƒÂ?ƒ‰‰‹‘”ƒÂ?ÇŚ œƒ†‡ŽŽ‡ˆ‹”Â?‡†‡‰Ž‹Â‡Â—Â”Â‘Â†Â‡Â’Â—Â–ÂƒÂ–Â‹ÇĄ ’‘”–ƒÂ?‘‹Â?’”‹Â?‘’‹ƒÂ?‘“—‡•–‹†—‡ ƒ”‰‘Â?‡Â?–‹ǤÇŻÂ‡Â—Â”Â‘Â’ÂƒÂ”ÂŽÂƒÂ?‡Â?–ƒ”‡ ‰”‡…‘ ‡‘”‰‹‘•‘—Â?‘—–•ƒÂ?‘•° ‹Ž’”‹Â?‘ˆ‹”Â?ƒ–ƒ”‹‘†‡ŽŽƒÂ†Â‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡…Š‡…Š‹‡†‡ÂŽÇŻÂ‹Â•Â–‹–—œ‹‘Â?‡†‹ —Â?ƒ ‹‘”Â?ƒ–ƒ‡—”‘’‡ƒ…‘Â?–”‘‹Ž „—ŽŽ‹•Â?‘‡Žƒ˜‹‘Ž‡Â?œƒÂ?‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡Ǥ

ÂŽ–‡•–‘”‹…‘”†ƒ…Š‡„ƒÂ?„‹Â?‹‡Â”ÂƒÇŚ ‰ƒœœ‹•‘Â?‘Dz‹Ž‰”—’’‘’‹Î˜—ŽÂ?‡nj ”ƒ„‹Ž‡†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?Çł‡’‡”–ƒÂ?–‘ Ç˛ÂŽÂƒ•…—‘Žƒ†‡˜‡”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ”‡—Â? ƒÂ?„‹‡Â?–‡•‹…—”‘ǥ‹Ž…—‹‘„‹‡––‹˜‘ ’”‹Â?…‹’ƒŽ‡°Žǯ‹Â?–‡”‡••‡†‡Ž„ƒÂ?ÇŚ „‹Â?‘dzǢ‹Â?‘Ž–”‡•‹ƒˆˆ‡”Â?ƒ…Š‡Ç˛ÂŽÂƒ ˜‹‘Ž‡Â?œƒÂˆÂ‹Â•Â‹Â…ÂƒÇĄÂ˜Â‡Â”Â„ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‡••—ƒŽ‡ ‡Â’Â•Â‹Â…Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…ÂƒÇĄ‹Â?…Ž—•‡Â?‹Â?ƒ……‡‡

’—Â?‹œ‹‘Â?‹ÂˆÂ‹Â•Â‹Â…Š‡ǥ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?‘ ˜‹‘Žƒœ‹‘Â?‹ˆŽƒ‰”ƒÂ?–‹†‡Ž†‹”‹––‘†‡‹ „ƒÂ?„‹Â?‹ƒŽŽƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇĄƒŽŽƒ•‹…—”‡œœƒ‡ ƒŽŽƒ†‹‰Â?‹–Â?dzǤ ‡”“—‡•–‘‹Žƒ”ŽƒÂ?‡Â?–‘…Š‹‡†‡ ƒŽŽƒ‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡†‹Dz•‘•–‡Â?‡”‡ ÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â‹Â–Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‹—Â?ƒ ‹‘”Â?ƒ–ƒ…‘Â?ÇŚ –”‘‹Ž„—ŽŽ‹•Â?‘‡Žƒ˜‹‘Ž‡Â?œƒÂ?‡ŽŽ‡ •…—‘Ž‡ƒŽˆ‹Â?‡†‹•‡Â?•‹„‹Ž‹œœƒ”‡ÂƒÂŽÇŚ Ž‡‰”ƒ˜‹…‘Â?•‡‰—‡Â?œ‡†‹–ƒŽ‡ÂˆÂ‡ÇŚ Â?‘Â?‡Â?‘dzǤ

ÂŽ–‡•–‘‹Â?…‘”ƒ‰‰‹ƒ‰Ž‹–ƒ–‹Ç˛ÂƒÂ† ƒ†‘––ƒ”‡Â?‹•—”‡ƒ†‡‰—ƒ–‡’‡” ’”‘–‡‰‰‡”‡‹„ƒÂ?„‹Â?‹†ƒÂ“Â—ÂƒÂŽÂ•Â‹ÂƒÇŚ •‹ˆ‘”Â?ƒ†‹˜‹‘Ž‡Â?œƒˆ‹•‹…ƒ‡’•‹…‘nj ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…ÂƒÇĄ‹Â?…Ž—•‘‹Ž„—ŽŽ‹•Â?‘‘Â?Ž‹Â?‡dzǤ ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ†‹…Š‹ƒ”ƒœ‹‘Â?‡ȋ’”‡•‡Â?–ƒ–‘”‹ ƒ”‘•Žƒ™ƒŽ‡•ƒ‡‡‹Â?Šƒ”†ò–‹nj Â?Â‘ÂˆÂ‡Â”ČŒÇĄ•‹‡•’”‹Â?‡’‡”‹ŽDz•‘•–‡‰Â?‘ ƒŽ’‹ƒÂ?‘Â†ÇŻÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ Ž‘„ƒŽ‡”‘’‡” Žǯ‡Ž‹Â?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡‰”ƒ†—ƒŽ‡‡†Â‡ÂˆÂˆÂ‡Â–ÇŚ –‹˜ƒ†‡ŽŽ‡ƒ”Â?‹Â?—…Ž‡ƒ”‹ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘ Â?‘Â?Â†Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇ¤


͘͞

 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

  

Â†Â‹Â”Â‡Â–Â–Â‘Â”Â‡ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

—‘�‡�‘–‹œ‹‡ �ƒ„—‘�ƒ’”ƒ••‹†ƒƒ†‡�‰Š‡

ƒ”‡Â?‡Â?‘”‹ƒǤǤǤ’‡”…Š¹Ǎ

Il Comune di Padenghe sul Garda, tramite l’Assessorato ai servizi sociali, ha raggiunto con il gruppo Sma, che nel centro gardesano ha un supermercato, un accordo per la raccolta delle derrate in scadenza. Periodicamente i servizi sociali, con la collaborazione dei lavoratori socialmente utili, prelevano dal supermercato i prodotti alimentari che sono prossimi alla scadenza o che hanno confezioni danneggiate che nessuno comprerebbe. I generi raccolti successivamente

GiovedĂŹ 7 febbraio, alle 20.45 presso l’auditorium S. Fedele di Palazzolo sull’Oglio, Paolo De Benedetti, teologo e biblista (e uno dei massimi esperti contemporanei dell’ebraismo), proporrĂ la lezione:“Il futuro di Dioâ€?. La serata fa parte del programma del festival di filosofia “Fare memoria... perchĂŠ?â€? Paolo De Benedetti dirige, tra le altre, la prestigiosa collana “Pellicano rossoâ€? della Morcelliana ed è tra i curatori del Dizionario Bompiani

vengono preparati in pacchi alimentari misti che vengono poi distribuiti a famiglie, anziani e persone in temporanea difficoltà economica. L’iniziativa consente di raggiungere un duplice obiettivo: si aiutano le famiglie che, anche solo temporaneamente. sono in difficoltà e al contempo si evita lo spreco di derrate ancora non scadute. Grazie alla collaborazione pubblicoprivato è stato messo in campo un pregevole esempio di solidarietà sociale e di attenzione agli sprechi.

delle Opere e dei Personaggi di tutti i tempi e di tutte le letterature, voll. XII. Nel giugno del 2011 ha ricevuto, nell’ambito del Festival Internazionale della Cultura ebraica di Casale Monferrato, il Premio OyOyOy!, prima di lui assegnato a Emanuele Luzzati, David Grossman, Abraham Yehoshua e Amos Oz. L’ingresso alla serata è libero. Per informazioni: Ufficio cultura tel. 030.7405525 oppure cultura@ comune.palazzolosulloglio.bs.it

…—‘Žƒ

�‹˜‡”•‹–�

…Š‡•‡”˜‘Â?‘‰Ž‹‡”‘‹Ǎ

Žˆƒ•…‹�‘’‡”†—–‘

ƒ…‘Â?–‹Â?—ƒ‡•ƒŽ–ƒœ‹‘Â?‡†‡‹’‡”•‘nj Â?ƒ‰‰‹•’‘”–‹˜‹”‹•…Š‹ƒ†‹‹Â?ˆƒ•–‹†‹”‡‡† ƒŽŽ‘Â?–ƒÂ?ƒ”‡Ž‡’‡”•‘Â?‡†ƒŽŽ‘•’‘”–Ǥ Â? “—‡•–‹‰‹‘”Â?‹°ƒ˜‘Ž–ƒ†‹ƒ”‹‘ÂƒÂŽÂ‘ÇŚ –‡ŽŽ‹Ǥ‘’‘‹Ž–‡Â?’‘‹Â?…—‹Ž‡…”‘Â?ƒ…Š‡ •‹‘……—’ƒ˜ƒÂ?‘†‡‹•—‘‹‡……‡••‹ȋ•–‹’‡Â?ÇŚ †‹‘Â‡Â•ÂƒÂ‰Â‡Â”ÂƒÂ–Â‘ÇĄŽ‹–‹‰‹…‘‹…‘Â?’ƒ‰Â?‹†‹ Â•Â“Â—ÂƒÂ†Â”ÂƒÇĄÂ?—Ž–‡ˆƒ”ƒ‘Â?Â‹Â…ÂŠÂ‡ČŒÇĄ•‹–‘”Â?ƒ ƒ’ƒ”Žƒ”‡†‹Ž—‹…‘Â?‡—Â?‡”‘‡ǣ’‡”…Š¹ °–‘”Â?ƒ–‘‹Â? Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇ˘’‡”…Š¹Šƒ•‡‰Â?ƒ–‘ †—‡‰‘ŽƒŽŽƒ’”‹Â?ƒÂ—Â•Â…Â‹Â–ÂƒÇ˘’‡”…Š¹Šƒ—Â? –ƒŽ‡Â?–‘‹Â?Â?ƒ–‘Ǥ ƒ…‘Â?‡†‹Â?‡Â?–‹…ƒ”‡Žǯ‡……‡••‘†‹ ‡•ƒŽ–ƒœ‹‘Â?‡…”‡ƒ–‘ƒÂ?…Š‡’‡”ƒŽ–”‹ Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜Â‹ÇŤÂŽ…ƒŽ…‹ƒ–‘”‡‡Ž‹‡”‘†‡†‹nj …ƒ”‘Â?‘‹Â?ˆ‹Â?‹–‡’ƒ‰‹Â?‡’‡”…‡Ž‡„”ƒ”‡‹Ž ˆ‹Â?‡…ƒ””‹‡”ƒ‡Žƒ–”ƒ•ˆ‡”–ƒ‹Â?—•–”ƒŽ‹ƒǤ ‘•¿’—”‡ƒ‡‰”‘––ƒ‰Ž‹‡…Š‡ǥ†‘’‘ ƒÂ?Â?‹†‹˜‹–ƒ•ˆ”‡Â?ÂƒÂ–ÂƒÇĄ†‹…Š‹ƒ”ƒ˜ƒƒŽŽƒ •–ƒÂ?’ƒŽƒ•—ƒ…‘Â?˜‡”•‹‘Â?‡‡Žƒ•…‡Ž–ƒ †‹˜‹˜‡”‡Žƒ…ƒ•–‹–Â?’‡”Â?‘–‹˜‹”‡Ž‹‰‹‘•‹Ǥ ‰—ƒŽÂ?‡Â?–‡’‡” ‡†‡”‹…ƒ‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹ǥ…‹ ˆ—’‹Î‰‘••‹’•—ŽŽƒ˜‹–ƒ’‡”•‘Â?ƒŽ‡…Š‡ •—‹”‹•—Ž–ƒ–‹‘Ž‹Â?’‹…‹Ǥ†‡ŽÂ?ƒ”ƒ–‘Â?‡–ƒ Ž‡šÂ…ÂŠÂ™ÂƒÂ”ÂœÂ‡Â”ÇĄ”‹…‘”†‹ƒÂ?‘Ž‡Žƒ…”‹Â?‡ †‘’‘Žƒ•“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒ’‡”†‘’‹Â?‰‡Â?‘Â?Ž‡ Â?‡†ƒ‰Ž‹‡˜‹Â?–‡Ǥ

Ž‹‡”‘‹Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄ‘’”‡nj •—Â?–‹Â–ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ”‹•…Š‹ƒÂ?‘†‹‡••‡”‡…”‡ƒ–‹ƒ –ƒ˜‘Ž‹Â?‘‡†—•ƒ–‹’‡”ˆ‹Â?‹†‹˜‡”•‹†ƒ‹ ”‹•—Ž–ƒ–‹•’‘”–‹˜‹”ƒ‰‰‹—Â?–‹ǤƒÂ?‘–‹œ‹ƒ …Š‡…‹˜‹‡Â?–”ƒ•Â?‡••ƒ°•’‡••‘Ž‡‰ƒ–ƒ ƒ•…ƒÂ?†ƒŽ‹…”‡ƒ–‹ĠŠ‘…’‡”ˆƒ”’ƒ”Žƒ”‡

‡…‘Â?†‘‹Ž—Â?ȋ‹Ž‘Â?•‹‰Ž‹‘—Â?Â‹Â˜Â‡Â”Â•Â‹Â–ÂƒÇŚ ”‹‘Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ—Â?‘”‰ƒÂ?‘…‘Â?•—Ž–‹˜‘†‡Ž Â?‹Â?Â‹Â•Â–Â‡Â”Â‘ČŒÂ?‡ŽŽǯ—Ž–‹Â?‘†‡…‡Â?Â?‹‘Ž‡‹Â?ÇŚ Â?ƒ–”‹…‘Žƒœ‹‘Â?‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—Â?‹˜‡”•‹–Â?•‘Â?‘Â…ÂƒÂŽÂƒÇŚ –‡†‡ŽÍ™Í&#x;ÎŹČ‹Â†ÂƒÂŽÂŽÂ‡Í›Í›Í Ç¤ÍœÍ Íš†‡ŽÍšÍ˜Í˜Í›Č€Í˜Íœ ƒŽŽ‡͚͘͠Ǥ͙͜͜†‡ŽÍšÍ˜Í™Í™Č€Í™ÍšČŒÇ¤Çł1…‘Â?‡•‡ ‹Â?—Â?†‡…‡Â?Â?‹‘ˆ‘••‡•…‘Â?’ƒ”•‘—Â?‹Â?ÇŚ –‡”‘ƒ–‡Â?‡‘†‹‰”ƒÂ?†‹†‹Â?‡Â?•‹‘Â?‹ǥĠ ‡•‡Â?’‹‘Žƒ–ƒ–ƒŽ‡†‹‹ŽƒÂ?‘dzǥŠƒÂ?Â?‘ …‘Â?Â?‡Â?–ƒ–‘†ƒŽ—Â?Ǥ ÂŽ†ƒ–‘…‘Â?ÂˆÂ‡Â”ÇŚ Â?ƒ“—ƒÂ?–‘‡”ƒ•–ƒ–‘‰‹Â?’—„„Ž‹…ƒ–‘ Â?‡‹Â?‡•‹•…‘”•‹†ƒŽ‡Â?•‹•‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ •–ƒ–Ǥ ‡ŽÂ?‘•–”‘ƒ‡•‡ÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?Šƒ’‡”•‘ ƒ’’‡ƒŽǤ‡Â?‡‹’”‹Â?‹ƒÂ?Â?‹—‡Â?Â‹ÂŽÂƒÇĄ•—Žnj Žƒ•’‹Â?–ƒ†‡ŽŽǯ‹Â?–”‘†—œ‹‘Â?‡†‡ŽDz͛Ύ͚dzǥ ÂŽÇŻÂ‹Â•Â…Â”Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?‡”ƒ“—ƒ•‹†‹nj ˜‡Â?–ƒ–ƒ—Â?’ƒ••ƒ‰‰‹‘Â?ƒ–—”ƒŽ‡†‘’‘‹Ž †‹’Ž‘Â?ÂƒÇĄ–ƒÂ?–‘…Š‡†‹˜‡”•‹…‘Â?Â?‡Â?ÇŚ –ƒ–‘”‹’ƒ”Žƒ˜ƒÂ?‘†‹Ž‹…‡‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹ ƒ–‡Â?‡‹ǥ‘”ƒŽ‡…‘•‡•‘Â?‘…ƒÂ?„‹ƒ–‡Ǥ Â? ’ƒ••ƒ–‘‹•…”‹˜‡”•‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?‡ÂŽÂƒÂ—”‡nj ƒ”•‹‹Â?–‡Â?’‘ƒ••‹…—”ƒ˜ƒ—Â?’‘•–‘†‹ÂŽÂƒÇŚ ˜‘”‘ƒ…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹•‹…—”ƒÂ?‡Â?–‡Â?‹‰Ž‹‘nj ”‹”‹•’‡––‘ƒŽ†‹’Ž‘Â?ÂƒÇĄ‘‰‰‹Â?‘Â?°’‹Î …‘•¿Ǥ†—‡ǥ–”‡ƒÂ?Â?‹†ƒŽŽƒŽƒ—”‡ƒ•‘Â?‘ –ƒÂ?–‹••‹Â?‹‰Ž‹•–—†‡Â?–‹ƒÂ?…‘”ƒ‹Â?…‡”…ƒ †‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ‘’’—”‡…‘•–”‡––‹ƒ–”‘˜ƒ”‡ ‹Â?’‹‡‰‘‹Â?—Â?•‡––‘”‡…‘Â?’Ž‡–ƒÂ?‡Â?ÇŚ –‡†‹˜‡”•‘”‹•’‡––‘ƒŽ’‡”…‘”•‘—Â?Â‹Â˜Â‡Â”ÇŚ •‹–ƒ”‹‘…‘Â?’‹—–‘Ǥƒ…”‹•‹‡…‘Â?‘Â?‹…ƒ ‡ŽƒÂ?ƒÂ?…ƒ–ƒ…”‡ƒœ‹‘Â?‡†‹Â?—‘˜‹’‘nj •–‹†‹Žƒ˜‘”‘‹Â?ˆŽ—‡Â?œƒÂ?‘Ž‡•…‡Ž–‡†‡‹ Â?‡‘†‹’Ž‘Â?ƒ–‹…Š‡ǥ’‹—––‘•–‘†‹‹Â?Â–Â”ÂƒÇŚ

†‡Ž’‡”•‘Â?ƒ‰‰‹‘‡”‡Â?†‡”Ž‘ˆƒÂ?‘•‘ƒŽ ‰”ƒÂ?†‡’—„„Ž‹…‘ǥ’‹Î…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒ”Â?‡ Žǯ‹Â?’”‡•ƒ•’‘”–‹˜ƒǤ1ˆ‘”–‡‹Ž•‘•’‡––‘ …Š‡“—ƒŽ…—Â?‘—•‹†‡ŽŽƒÂ?‘–‘”‹‡–Â?•’‘”nj –‹˜ƒ’‡”…”‡ƒ”‡‡”‘‹…ƒ’ƒ…‹†‹ˆƒ”˜‡Â?ÇŚ †‡”‡’”‘†‘––‹ǥ†‹ƒ—Â?‡Â?–ƒ”‡‹…‘Â?•—Â?‹ǥ †‹ƒ––”ƒ””‡‹Â?–‡”‡••‹‘…‘Â?•‡Â?•‹Ǥ Â?•‘Â?ÇŚ Â?ÂƒÇĄ‡”‘‹Â?‘Â?’‡”Â?‡”‹–‹Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜Â‹ÇĄÂ?ƒ ‡”‘‹Ġ—•‘•–”—Â?‡Â?–ƒŽ‡†‡ŽÂ?‡”…ƒ–‘ ‰Ž‘„ƒŽ‡ǤDzˆ‘”–—Â?ƒ–‘“—‡Ž’‘’‘Ž‘…Š‡ Šƒ„‹•‘‰Â?‘†‹‡”‘‹dz°Žƒ…‡Ž‡„‡””‹Â?ƒ ˆ”ƒ•‡…‘Â?…—‹‡”–‘Ž†”‡…Šˆƒ…‘Â?…Ž—nj †‡”‡‹Ž•—‘Dz‹–ƒ†‹ ÂƒÂŽÂ‹ÂŽÂ‡Â‘ÇłÇ¤†°Žƒ–”‹nj •–‡…‘Â?•–ƒ–ƒœ‹‘Â?‡…Š‡“—‡•–‘–‹’‘†‹ ‡”‘‹Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜Â‹ÇĄ‘ˆˆ‡”–‘…‹…‘Â?–ƒÂ?–ƒ‰‡Â?‡nj ”‘•‹–Â?†ƒ‹Â?Â‡Â†Â‹ÂƒÇĄÂ?‘Â?…‹•‡”˜‡’”‘’”‹‘Ǩ ‘Â?…‹•‡”˜‘Â?‘ˆ‹Â?–‹‡”‘‹’‡”‹Â?‡„”‹ƒ”‡ ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹‡†‡•ƒŽ–ƒ”‡†‡‰‡Â?‡”ƒœ‹‘Â?‹ǥ –”ƒ•‰”‡••‹‘Â?‹ǥƒÂ?‘”ƒŽ‹–Â?‘•‘––‡”ˆ—‰‹Ǥ

•‘Ž‹‡”‘‹•’‘”–‹˜‹…Š‡˜‘””‡‹ˆ‘••‡”‘ ’‘”–ƒ–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ––‡Â?œ‹‘Â?‡†‡‹Â?‡†‹ƒ•‘Â?‘ “—‡ŽŽ‹‰‡Â?‡”ƒ–‹†ƒŽ•ƒ…”‹ˆ‹…‹‘†‡ŽŽǯ‡•‡”nj …‹œ‹‘‡†ƒŽŽƒ†‹ˆ‡•ƒ†‡‹˜ƒŽ‘”‹—Â?ƒÂ?‹Ǥ ‡•–‹Â?‘Â?‹…Š‡‹Â?†‹…ƒÂ?‘—Â?Â?‘†‘’‡”nj ˆ‡––‘†ǯ‡••‡”‡—‘Â?‘Ǥ‡”•‘Â?‡…Š‡†‘nj Â?ƒÂ?†‘Žƒ’”‘’”‹ƒ˜‹–ƒ’‡”—Â?ƒÂ?‘„‹Ž‡ …ƒ—•ƒ•ƒ…”‹ˆ‹…ƒÂ?‘•‡•–‡••‹’‡”’”‘–‡‰nj ‰‡”‡ƒŽ–”‡’‡”•‘Â?‡‘‹˜ƒŽ‘”‹†‹—Â?’‘nj ’‘Ž‘Ǥ Ž‹‡”‘‹ǥÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…‘Â?‘Â?†‘‰”‡…‘ ‡”ƒÂ?‘‰—‡””‹‡”‹…ƒ’ƒ…‹†‹‡……‡†‡”‡Â?‡Ž „‡Â?‡ǥÂ?‡ŽŽƒ†‹ˆ‡•ƒ†‡‹Â˜ÂƒÂŽÂ‘”‹ǥÂ?‡ŽŽƒÂ˜Â‹Â”ÇŚ –ÎČ‹ÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡Â–Â°ČŒÇ¤—––‘–”ƒÂ?Â?‡…Š‡‹ˆƒÂ?–‘……‹ …”‡ƒ–‹†ƒ‹Â?‡†‹ƒ’‡”‹ŽŽ—†‡”…‹Ǥ

    

    

’”‡Â?†‡”‡—Â?’‡”…‘”•‘†‹•–—†‹…Š‡Â?‘Â? ƒ••‹…—”‡”Â?Ž‘”‘—Â?ƒ‘……—’ƒœ‹‘Â?‡Â…Â‡Â”Â–ÂƒÇĄ ’”‡ˆ‡”‹•…‘Â?‘‡•’Ž‘”ƒ”‡•‹Â?†ƒ•—„‹–‘‹Ž Â?‡”…ƒ–‘†‡ŽŽƒ˜‘”‘Ǥ Â?’‹Î‹Ž…‘•–ƒÂ?–‡ ƒ—Â?‡Â?–‘†‡ŽŽ‡–ƒ••‡—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹‡‡Žƒ ”‹†—œ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡„‘”•‡†‹•–—†‹‘Â?‘Â?‹Â?ÇŚ …‘”ƒ‰‰‹ƒÂ?‘ƒ‹Â?–”ƒ’”‡Â?†‡”‡‹Ž’‡”…‘”nj •‘Ǥ„‡Â?˜‡†‡”‡‹Ž†ƒ–‘‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘Â?‘Â? –”‘˜ƒ…‘””‹•’‘Â?†‡Â?œƒÂ?‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–Â?„”‡nj •…‹ƒÂ?ƒǤ‹ƒ‹Â?Â–ÂƒÂ–ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‹ƒ‹Â?ƒ––‘Ž‹…ƒŽ‡ ‹Â?Â?ƒ–”‹…‘Žƒœ‹‘Â?‹•‘Â?‘•–ƒ„‹Ž‹‡–—––‹‹ …‘”•‹†‹Žƒ—”‡ƒÂ?ƒÂ?–‡Â?‰‘Â?‘Ž‡’”‘’”‹‡ ’‘•‹œ‹‘Â?‹Ǥƒ—Â?ƒÂ?Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘…‹•‘Â?‘ …‘”•‹’‹Îˆ”‡“—‡Â?–ƒ–‹†‹ÂƒÂŽÂ–”‹ǥÂ?ƒÂ?‡Ž …‘Â?’Ž‡••‘ŽƒÂ?‘”‹ƒ†‹Â?ƒ–”‹…‘Ž‡Â?‘Â? Šƒ‹Â?–‡”‡••ƒ–‘’‡”‹ŽÂ?‘Â?‡Â?–‘”‡nj •…‹ƒǤÂ?ƒ†‡ŽŽ‡”ƒ‰‹‘Â?‹†‡ŽÂ?ƒÂ?…ƒ–‘ …ƒŽ‘’—Ö‡••‡”‡ÂŽÇŻÂ‡ÂŽÂ‡Â˜ÂƒÂ–ƒ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡ †‹‹Â?•‡”‹Â?‡Â?–‘Â?‡ŽÂ?‡”…ƒ–‘†‡ŽŽƒ˜‘”‘ †‘’‘ŽƒŽƒ—”‡ƒǤ‡—Ž–‹Â?‡‹Â?†ƒ‰‹Â?‹ŠƒÂ?ÇŚ Â?‘†‹Â?‘•–”ƒ–‘‹Â?ˆƒ––‹…Š‡•‹ƒ‹Â?Â–ÂƒÂ–ÂƒÇŚ Ž‡•‹ƒ‹Â?ƒ––‘Ž‹…ƒƒ†—‡ƒÂ?Â?‹†ƒŽ–‹–‘Ž‘ Žƒ˜‘”ƒ•–ƒ„‹ŽÂ?‡Â?–‡ŽƒÂ?ƒ‰‰‹‘”’ƒ”–‡ †‡‹Žƒ—”‡ƒ–‹ǤÂ?…Š‡‹Â?“—‡•–‘…ƒ•‘‹ Â?—Â?‡”‹…ƒÂ?„‹ƒÂ?‘ƒ•‡…‘Â?†ƒ†‡‹…‘”•‹ †‹ÂŽÂƒÂ—Â”Â‡ÂƒÇĄÂ?ƒŽǯ‹Â?†‹…ƒ–‘”‡Â?‡†‹‘°’‘nj •‹–‹˜‘Ǥ Â?†‡ˆ‹Â?Â‹Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄ•‡Žƒ”‡ƒŽ–Â?ÂŽÂƒÂ˜Â‘ÇŚ ”ƒ–‹˜ƒƒ••‘”„‡‹Žƒ—”‡ƒ–‹‹‰‹‘˜ƒÂ?‹•‘Â?‘ ‹Â?…‡Â?–‹˜ƒ–‹ƒ‹•…”‹˜‡”•‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?ÇĄ †‹˜‡”•ƒÂ?‡Â?–‡’”‡ˆ‡”‹•…‘Â?‘ˆƒ”Â?‡ƒ Â?‡Â?‘Ǥ‘Â?’‡•ƒÂ?–‹…‘Â?•‡‰—‡Â?œ‡•—ŽŽƒ …”‡•…‹–ƒ…—Ž–—”ƒŽ‡†‡Žƒ‡•‡‡•—ŽŽƒ•—ƒ …‘Â?’‡–‹–‹˜‹–Â?ˆ—–—”ƒǤ

͙͚͘  

Non ci son piĂš fanciulli Tolgo dall’Avanti! questa piccola nota sopra uno spettacolo teatrale: “Si presenta alla ribalta la piccola Clely, la minuscola divette che il cattivo gusto dominante ha portato agli onori della notorietĂ . Ăˆ una bimba di otto-dieci anni, bionda, capelli d’oro, occhietti impertinenti, visino di donna fatta. Canta – cioè no, non canta, dice – con una voce che stride le solite canzoni e le non meno note scipitaggini. E dice sculettando, saltellando, ridendo, giuocando, ballando, smorfeggiando e facendo la ‘mossa’ alla Maria Campi. Una seconda Titina, dunque, Una seconda Titina che ripete pappagallescamente intonazioni e gesti imparati come una lezione, sĂŹ che il contrasto fra l’esteriore serenitĂ  della sua innocenza e la caricatura della malata femminilitĂ  che esibisce fa soffrire. Ma chi l’avverte? Il pubblico – quanti papĂ , quante mamme in platea! – va in goga e magoga, e non comprende, non può comprendere che il numero della dolce Clely è una mostruositĂ . PerchĂŠ, o la bimba non sa quel che fa e la sua arte non è quindi che arte

—‡•–ƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ Ž‘•’ƒœ‹‘†‡†‹…ƒ–‘ƒ ‡†‹–‘”‹ƒŽ‹‡…‘Â?Â?‡Â?–‹ ’—„„Ž‹…ƒ–‹†ƒDz‘…‡dz Â?‡Ž…‘”•‘†‡ŽŽƒ•—ƒ •–‘”‹ƒ°”‹•‡”˜ƒ–‘ƒ—Â?ƒ Â?‘–ƒƒ’’ƒ”•ƒ•—ŽÂ?ÎťÍ? †‡ŽÍ›ˆ‡„„”ƒ‹‘͙͚ͥ͛Ǥ

ÂŽ–‡Â?ƒ…Š‡ƒˆˆ”‘Â?–ƒ °†‹•–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹ƒ ƒ––—ƒŽ‹–Â?ÇŁ•–‹‰Â?ƒ–‹œœƒ‹ …‘•–—Â?‹†‹—Â?ƒ•‘…‹‡–Â? …Š‡Â?‘Â?ˆƒÂ?‹‡Â?–‡ ’‡”•ƒŽ˜ƒ‰—ƒ”†ƒ”‡ Žǯ‹Â?–‡‰”‹–Â?†‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹

scimmiesca, o lo sa, e allora il prodigio è una turpitudine. Ăˆ chiaro. Ma la folla in sagra non ha scrupoli e non ha tempo nĂŠ voglia di interrogarsi. Vuol divertirsi: grassamenteâ€?. Questo ha scritto il giornale socialista. Un altro giornale, “Il Secoloâ€? mi offre questo secondo appunto: “Cologni Luigi è un

ragazzetto che frequenta le scuole di Porta Romana. I suoi genitori tengono in via Verziere una di quelle ‘note’ case che, quando mancano certi requisiti, si chiamano, chi sa perchĂŠ, malgrado siano conosciutissime, ‘clandestine’. Il padre, Ambrogio Cologni, si trova al Cellulare perchĂŠ implicato in una

rapina‌ La posizione del padre, l’ambiente nel quale il ragazzetto viveva, il continuo timore delle frequenti visite che nella sua casa faceva la P.S. avevano reso il ragazzetto Luigi spaurito, facile ad impressionarsi. MercoledÏ nella sua vita avvenne una piccola tragedia. Il maestro, come punizione di non si sa quale fallo, lo cacciò fuori di scuola per un giorno. Angosciato il ragazzo fuggÏ di casa, non avendo coraggio di presentarsi a sua madre, e maturando, nel piccolo cuore un oscuro proposito. Prima di fuggire cercò in un vecchio canterano una rivoltella, con la quale evidentemente pensava por fine ai suoi giorni. Se non che la rivoltella, al momento tragico, non funziona. Allora il ragazzo si procura una forte dose di tintura di iodio, e, la sera, lungo le scale della sua casa – alla quale forse era tornato attratto da una ultima nostalgia, al buio, ingoia il veleno. Poco dopo lungo le scale si ode un tonfo: si accorre e viene trovato il fanciullo che si contorce fra gli spasimi del fuoco che gli brucia le viscere‌ Quante riflessioni amare, se l’animo si sofferma sull’episodio! Vi sono

creature che vivono nell’ombra, e per questo non sono piÚ fanciulli, chÊ possono soffrire come uomini!... E poi, le armi, che non fanno piÚ terrore a nessuno; e poi lo stoicismo di una creatura di 13 anni! Chi ha cancellato i fanciulli dalla faccia della terra?� Hai letto bene? Adesso tu che leggi bene, domandati cos’hai fatto, perchÊ si abbiano ancora dei fanciulli e cioè delle anime innocenti, semplici, generose, buone, biricchine ma candide. Se ti pare di non aver fatto niente mai, di non aver mai accarezzato un bimbo, di non averlo mai regalato d’un giocattolo, di non aver evitato un gesto che lo potesse maliziare, corrompere, turbare, di non esserti astenuto dal teatro quando una piccola creatura vi veniva prostituita, di non aver protestato quando al cinematografo la scena violenta e truce o vergognosa veniva a raggrinzare le piccole fronti o a turbare il sereno degli occhi di un innocente, se non hai fatto nulla di tutto questo, uomo o giovane che tu sia, riconosci d’aver tu pure, la tua responsabilità , nel radiare dalla faccia della terra l’esistenza dei fanciulli.


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

͘Í&#x;

—Â?‡œœƒÂ?‡ ǯ‘„„‡†‹‡Â?œƒÂ?‘Â?°’‹Î—Â?ƒÂ˜Â‹Â”–Îǣ—Â?ƒ•‡”ƒ–ƒ•—†‘Â?‹ŽƒÂ?‹



 

“Avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l’obbedienza non è ormai piĂš una virtĂš, ma la piĂš subdola delle tentazioni, che non credano di potersene far scudo nĂŠ davanti agli uomini nĂŠ a Dio, che bisogna che si sentano ognuno l’unico responsabile di tuttoâ€?. Questo scritto di don Lorenzo Milani è ripreso dalla sua “Lettera ai giudiciâ€? e fa da sfondo alla serata in programma a Lumezzane venerdĂŹ

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

8 febbraio. Il titolo dell’incontro è “L’obbedienza non è piĂš una virtĂšâ€? con una riflessione a piĂš voci a partire dall’esperienza di don Milani (Firenze, 27 maggio 1923 – Firenze, 26 giugno 1967), sacerdote, insegnante, scrittore ed educatore italiano. L’appuntamento è per venerdĂŹ 8 febbraio alle ore 20.45 nella “Sala convegniâ€? presso l’oratorio di Sant’Apollonio. Interverranno: Francesco Gesualdi, allievo di don Milani, responsabile

del Centro nuovo modello di sviluppo, cofondatore Rete Lilliput e presidente della Fondazione Don Milani Firenze, e Luciano Pendoli, vicepresidente provinciale Acli di Brescia e consulente del Centro servizi volontariato. La serata è organizzata dagli oratori di Piatucco, S. Apollonio e San Sebastiano insieme all’associazione “Il mondo in casaâ€? e dalla cooperativa “Il Mosaicoâ€?.

”‘˜‹�…‹ƒƒ”�‡˜ƒŽ‡

0DVFKHUHFRULDQGROL HFDUULDOOHJRULFL ƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ…‘Â?Dzƒ”Â?‡˜ƒŽƒÂ?†‘dzǥŽƒƒŽ•ƒ„„‹ƒ…‘Â?ƒ‰‘Ž‹Â?‘ǥŽƒ ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒ…‘Â?†”‘‡†”„—•…‘ǥ Žƒƒ••ƒ…‘Â?ƒ”’‡Â?‡†‘Ž‘‡Žƒ…‹––Â?…‘Â?‹Žƒ”Â?‹Â?‡Ǥ‘Â?‘“—‡•–‹ƒŽ…—Â?‹†‡‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹•…‡Ž–‹’‡”˜‘‹    



&

ome ogni anno arriva il carnevale ad allietare con maschere, frittelle e colori la fredda stagione invernale. E puntuale è anche l’impegno della Provincia nel raccogliere e divulgare sul sito i principali carnevali organizzati da Comuni, oratori, pro loco e associazioni. Si può scegliere fra carnevali antichi e di grande valore antropologico come quello di Bagolino che ripropone, fra i piĂš longevi, danze e canti di “Mascher e BalarĂŹâ€? o quello di Carpenedolo dove siamo arrivati alla 55ÂŞ edizione (sabato 9 alle 14 la sfilata dei carri e alle 15 giochi e scalata della cuccagna). Dalle montagne alla pianura c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il carnevale bagosso trasforma il paese: lunedĂŹ 11 febbraio alle 6.30 la Messa per i balarĂŹ (ballerini) presso la parrocchiale di S. Giorgio, alle 7.30 l’inizio delle danze che proseguono nella parte alta (localitĂ Cavril) fino alle 12, per essere poi ripresi dalle 14. MartedĂŹ 12 i balarĂŹ arrivano alle 8 nelle strade della parte bassa del paese. Il carnevale prosegue con la presenza dei mascher e dei carri fino alle 20 con il ballo finale dei balarĂŹ in piazza. Se ci spostiamo in Valle Camonica, tra Gianico, Artogne e Pian Camuno va in scena la 12ÂŞ edizione del Carnevalando: domenica 10 febbraio la sfilata dei carri e dei gruppi mascherati partendo alle ore 13.30 da Gianico, passando da Artogne (ore

ƒ„ƒ–‘ÍĄ Dzƒ”Â?‡˜ƒŽ—Â?‡dz ’‡”‰‹‘˜ƒÂ?‹

  

‡Ž”‡•…‹ƒÂ?‘–”ƒ‹ ’‹ÎŽ‘Â?‰‡˜‹…‹•‘Â?‘ ƒ”’‡Â?‡†‘Ž‘‡ ƒ‰‘Ž‹Â?‘…Š‡”‹’”‘’‘Â?‡ †ƒÂ?œ‡‡…ƒÂ?–‹†‹ Dzƒ•…Š‡”‡ÂƒÂŽÂƒÂ”¿dz 14.30) fino all’arrivo in Pian Camuno (ore 15). SeguirĂ la merenda per tutti con dolci e frittelle e la premiazione dei carri. In Franciacorta occhi puntati sul 16° carnevale adrense: domenica 10 febbraio alle 14 la sfilata dei

carri allegorici per le vie del paese; partenza da ex via Valli, arrivo in piazza Costantino (Piazza del Mercato), alle 16 la festa animata con l’intrattenimento musicale in compagnia di Luigi Del Panno. Sabato 9 febbraio sotto il tendone riscaldato dell’oratorio di Erbusco alle ore 16 lo spettacolo di Burattini “Il principe ranocchio� con la Compagnia Degan, presenta Gianduia e Testa Fina, intrattenimento con gonfiabili, truccatrici, pop corn e zucchero filato; alle 21 tocca alla musica dal vivo con “Nautiblues Band�, concorso marchere adulte in movimento, mentre alle 23 viene servito il

risotto al franciacorta. Domenica 10 il corpo musicale “Dino Magriâ€? di Erbusco accompagnerĂ le maschere in oratorio. La lunga giornata si conclude alle 21 con lo spettacolo “Carnevalandoâ€? degli oratori. Per chiudere in cittĂ , sabato 9 febbraio alle 18 tocca a “Carmen-Valeâ€?: il carnevale del Carmine allestito tra via Bandiera, via Battaglie e via Bixio. Carri, maschere, trampolieri e truccatori per una festa aperta a tutti. Anche il martedĂŹ grasso spazio alle maschere con il Gran Ballo di Carnevale alle ore 16 (quota di partecipazione 5 euro) all’oratorio della Pace.



   

&RUVRGLLFRQRJUDILD Il Gruppo di animazione culturale Nexus della parrocchia di Ghedi propone un cammino di fede attraverso un Corso di iconografia che svilupperĂ il tema “Una porta ecumenica sull’Infinitoâ€?. Il corso inizia il 20 febbraio, per concludersi il 12 giugno e si terrĂ  all’oratorio di Ghedi, di mercoledĂŹ, dalle 20.20 alle 22.30. Durante le lezioni, sia teoriche che pratiche, si vivrĂ  l’esperienza della scrittura di un’icona bizantina: l’icona verrĂ  rea-

lizzata da ogni singolo partecipante sotto la guida del maestro iconografo su una tavola in legno di tiglio già gessata e levigata. L’intento di questo percorso è dare indicazioni teoriche e pratiche, con esercitazioni propedeutiche alla messa in opera dell’icona, che vengono viste come via di preghiera, prospettiva della misericordia del Padre che attraverso l’incarnazione del Figlio, grazie allo Spirito Santo, ha generato la Chiesa. Gli interessati

possono già iscriversi (le iscrizioni sono aperte fino al 16 febbraio) e chiedere informazioni alla biblioteca nelle giornate di giovedÏ e sabato mattina dalle 10 alle 12; il martedÏ e venerdÏ dalle 17 alle 19. Altre informazioni, al numero 030901062 (ore pomeridiane/ serali) o sul sito nexusghedi@gmail. com. Il corso, che si ricorda, è a numero chiuso (è previsto un massimo di 15 partecipanti) verrà attivato al raggiungimento di minimo otto iscrizioni.

ƒ„ƒ–‘ÍĄˆ‡„„”ƒ‹‘‹Ž ‡†‹‘‡˜‘”‹–‘”Â?‡”Â?Ġ‡••‡”‡ ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–ƒÂ?‡ŽŽƒ•‡…‘Â?†ƒ ‡†‹œ‹‘Â?‡†‹Dzƒ”Â?‡˜ƒŽ—Â?‡dzǥ Žƒˆ‡•–ƒ†‹…ƒ”Â?Â‡Â˜ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ”‹˜‘Ž–ƒ Ġƒ†‘Ž‡•…‡Â?–‹‡‰‹‘˜ƒÂ?‹ǥ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–ƒ†ƒ‰Ž‹‘”ƒ–‘”‹†‹ —Â?‡œœƒÂ?‡Ǥ‘’‘‹Ž•—……‡••‘ †‡ŽŽ‘•…‘”•‘ƒÂ?Â?‘“—‡•–ƒ ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž…ƒ”Â?‡˜ƒŽ‡ DzÂ?ƒ†‡‹Â?—Â?‡œœƒÂ?‡dz•‹ •˜‘Ž‰‡”Â?’”‡••‘ÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘ †‹ƒÂ?–ǯ’‘ŽŽ‘Â?‹‘ǥ…Š‡’‡” —Â?ƒ•‡”ƒ•‹–”ƒ•ˆ‘”Â?‡”Â?Â?‡Ž Â?‘„‹Ž‡…ƒ•–‡ŽŽ‘†‹”‡”–ÎǤ ˜‡”‹ ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘‹”ƒ‰ƒœœ‹ †‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡Â?‡†‹‡‡•—’‡”‹‘”‹ …Š‡’‘–”ƒÂ?Â?‘˜‹˜‡”‡—Â?ƒ ’‹ƒ…‡˜‘Ž‡•‡”ƒ–ƒ‹Â?Â?ƒ•…Š‡”ƒ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?•‡‰Â?ƒ†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒ‡†‡Ž •ƒÂ?‘†‹˜‡”–‹Â?‡Â?–‘‘”ƒ–‘”‹ƒÂ?‘Ǥ ˆƒ”†ƒ…‘Â?–‘”Â?‘…‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘ ÂŽÇŻÂƒÂ?‰‘Ž‘Â?—Ž–‹Â?‡†‹ƒŽ‡ †‡ŽŽ‡ˆ‘–‘‡‹Ž–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡ …‘Â?…‘”•‘…Š‡˜‡†”Â?’”‡Â?‹ƒ”‡ †ƒ—Â?ƒ‰‹—”‹ƒƒ……”‡†‹–ƒ–ƒ ŽƒÂ?‹‰Ž‹‘”Â?ƒ•…Š‡”ƒ‡Žƒ Â?‹‰Ž‹‘”Â?ƒ•…Š‡”ƒ†‹‰”—’’‘Ǥ ’‡”…Š‹˜‘‰Ž‹ƒ†‹••‡–ƒ”•‹‡ ”‹ˆ‘…‹ŽŽƒ”•‹•ƒ”Â?ˆ—Â?œ‹‘Â?ƒÂ?–‡ ƒÂ?…Š‡Dz‹Ž„ƒÂ?…Š‡––‘Â”Â‡ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇ¤ DzŽ–”‡Ġ‡••‡”‡—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘ †‹‰‹‘‹ƒ‡†‹˜‡”–‹Â?‡Â?–‘ǥ‹Ž Â?‘•–”‘ƒ”Â?‡˜ƒŽ—Â?‡˜—‘Ž‡ ‡••‡”‡ƒÂ?…Š‡—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘ †‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—ŽŽ‡—Â?‹–Â? ’ƒ•–‘”ƒŽ‹Ǥ Â?ˆƒ––‹Č‚…‘Â?–‹Â?—ƒÂ?‘ ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘”‹ Č‚‹‰”—’’‹‰‹‘˜ƒÂ?‹†‹†—‡ ’ƒ””‘……Š‹‡Č‹Â‹Â‡Â˜Â‡ÇŚ ‘Â?–ƒÂ?ƒ‡ ƒÂ?–ǯ’‘ŽŽ‘Â?‹‘ǥÂ?Â†Â”ČŒŠƒÂ?Â?‘ †‡…‹•‘†‹—Â?‹”‡Ž‡’”‘’”‹‡ ˆ‘”œ‡’‡”†ƒ”‡—Â?ˆ‘”–‡ •‡‰Â?ƒŽ‡†‹—Â?‹–Â?ƒ–—––ƒŽƒ …‘Â?—Â?‹–Â?˜ƒŽ‰‘„„‹Â?ÂƒÇĄ•‡Â?œƒ †‹•–‹Â?œ‹‘Â?‡†‹…ƒÂ?’ƒÂ?‹Ž‡dzǤ

ÂŽ˜‹ƒƒŽŽ‡†ƒÂ?œ‡•ƒ”Â?†ƒ–‘ ƒŽŽ‡‘”‡͚͙’”‡••‘Žƒ•ƒŽƒ †‡Ž–”‘Â?‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘†‹ ƒÂ?–ǯ’‘ŽŽ‘Â?‹‘…‘Â?‹Â?‰”‡••‘ ‰”ƒ–—‹–‘Ǥ ˆ‡•–‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‹ ’”‘•‡‰—‹”ƒÂ?Â?‘†‘Â?‡Â?‹…ƒ…‘Â? Žƒ•ˆ‹Žƒ–ƒ‡Žƒ’”‡Â?‹ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ …ƒ””‹ǤČ‹ÂƒÇ¤ÂƒÂ?Ç¤ČŒ


͘Í

 Í&#x;ˆ‡„„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

‘�—�‡†‹”‡•…‹ƒ �’‘”–ƒŽ‡™‡„’‡”Ž‡ˆƒ�‹‰Ž‹‡ Il Comune di Brescia ha presentato il progetto, che ha coinvolto diversi assessorati, relativo al nuovo portale web dedicato ai servizi alla famiglia. Si tratta di uno spazio informatico (http:// famiglia.comune.brescia.it) in cui si potranno reperire informazioni, dati e comunicazioni utili alla famiglie nelle diverse fasi della vita. Come ha ricordato l’assessore Giorgio Maione (nella foto), ospite della rubrica Zoom di Radio Voce, il portale vuole contribuire

a rendere piÚ facile la vita delle famiglie, fornendo in modo rapido una serie di informazioni per le quali si perde tempo prezioso. Un servizio on line, ha continuato Maione, che non vuole sminuire l’importanza del rapporto diretto tra le persone che, anzi, va promosso e tutelato. Il nuovo portale vuole essere l’espressione della centralità della famiglia, della unitarietà dei bisogni che esprime, della solidarietà nei confronti della famiglia stessa

per sostenerla nei suoi compiti di cura e di assistenza solidale e della necessità di promuoverne e ancora piÚ sostenerne l’autonomia e l’autoderminazione nel senso di creare le condizioni, affinchÊ la famiglia torni a essere il primo osservatorio dei bisogni e dei disagi personali, assumendo un ruolo centrale nei processi decisionali delle politiche comunitarie, affinchÊ nella programmazione dei servizi si vadano ad attivare risorse e

strumenti adeguati che tengano conto delle reali esigenze. Nelle intenzioni il portale è destinato a costituire non solo un nuovo strumento di comunicazione e di informazione per le famiglie, ma in prospettiva anche un canale diretto e semplificato di accesso ai servizi con la possibilità di collegamenti online in aree dedicate. Dovrà diventare uno strumento attraverso il quale amministrazione e famiglie possano aprire un dialogo.

    

”‡•…‹ƒƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ ÂŽ‘•ƒ‹…‘

‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘�‹

Ž‹ƒ’’—�–ƒ�‡�–‹ †‡Žƒ–”‘�‘

5LYLYHUHLOSDVVDWR  



/

’associazione di guide turistiche abilitate Il Mosaico da oltre 20 anni propone percorsi di approfondimento storico-artistico sulla realtà bresciana. Quest’anno l’associazione propone quattro percorsi nel centro storico cittadino, sulle orme di chi, tra il 1943 e il 1945, attraversò quelle strade cercando rifugio dalle SS, portando viveri e notizie ai partigiani nascosti o di coloro che, per primi, si riunirono per dar vita alla Resistenza. Attraverso i percorsi si potranno rivedere i luoghi della Resistenza, ascoltare le memorie e conoscere i protagonisti del biennio repubblichino; saranno ricordati i deportati bresciani e sarà reso omaggio ai resistenti caduti agli angoli delle strade. Sono stati pensati quattro percorsi sui luoghi dell’oppressione, della Resistenza cattolica, della Resistenza laica e della memoria. Per quanto riguarda l’oppressione, la partenza è dalla Vineria Dolcevite in

—ƒ––”‘’‡”…‘”•‹‹�…‹––� ’‡””‹˜‡†‡”‡‹Ž—‘‰Š‹ †‡ŽŽƒ‡•‹•–‡�œƒ‡ ƒ•…‘Ž–ƒ”‡Ž‡�‡�‘”‹‡

TV2000 PiĂš di quello che vedi

Digitale terrestre canale 28

piazza Paolo VI 21. Per sottolineare l’opera della Resistenza di sacerdoti e religiosi si incomincia dall’Osteria dei Mercanti. Con la rinascita delle formazioni politiche si prendono in rassegna i luoghi della Resistenza

partendo da Caffè Magenta. Per la memoria si ricordano, dall’Infopoint turistico, gli ebrei bresciani deportati e gli eccidi cittadini. Non è obbligatoria la prenotazione, la durata della visita è di circa un’ora e mezza. Il costo a persona è di 4 euro (gratuito per i minori di 18 anni) con la possibilità di un biglietto per la partecipazione a tutti e quattro gli itinerari al costo di 12 euro. Per le scuole è stato pensato un unico percorso, che unisce i diversi argomenti,. Viene proposto a pagamento, in orario scolastico, su prenotazione. Ecco le date: domenica 17 febbraio (ore 10.30 - Vineria Dolcevite, ore 15.30 - Caffè Magenta di Corso Magenta, 42), sabato 2 marzo (ore 15.30 - Infopoint turistico di via Trieste 1), domenica 3 marzo (ore 10.30 - Osteria dei Mercanti di via delle Battaglie 2/A, ore 15.30 - Vineria Dolcevite), sabato 9 marzo (ore 15.30 - Infopoint turistico), domenica 10 marzo (ore 10.30 - Osteria dei Mercanti, ore 15.30 - Caffè Magenta).

Â?…Š‡Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘‹ŽÍ™Í? ˆ‡„„”ƒ‹‘”‹–‘”Â?ƒŽƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡ ˆ‹‡”ƒǤ Ž‹‡˜‡Â?–‹•‘Â?‘Â?‘Ž–‹ ‡•‹’‘••‘Â?‘…‘Â?•—Ž–ƒ”‡•—Ž•‹–‘ …‘Â?ˆ”ƒ–‡”Â?‹–ƒ•ƒÂ?–‹ˆƒ—•–‹Â?‘ ‡‰‹‘˜‹–ƒǤ‹–Ǥ ƒ„ƒ–‘ÍĄˆ‡„„”ƒ‹‘ƒŽŽ‡͙͞ǥ †ƒŽŽƒƒ•‹Ž‹…ƒ†‹ƒÂ? ƒ—•–‹Â?‘ ’ƒ”–‡—Â?…‘”–‡‘†‹”‡––‘˜‡”•‘ ŽƒÂ‘Â‰Â‰Â‹ÂƒÇĄ’‡”Žƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ‹Â? …—‹‹Ž’ƒ””‘…‘†‹ƒÂ? ƒ—•–‹Â?‘ǥ †‘Â?”Â?ƒÂ?†‘‘ŽŽ‹ǥ…‘Â?•‡‰Â?ƒ ƒŽ‹Â?†ƒ…‘‹Ž‰ƒŽ‡”‘”‘••‘ǥ •‹Â?„‘Ž‘†‡ŽŽƒ’”‘–‡œ‹‘Â?‡Ǥ ƒ”Â?’‘‹Â?‘Â?•Ǥ‘Â?ƒ”‹ƒ ‹Â?–”‘†—””‡ǥ‹Â?—Â?‹Â?…‘Â?–”‘ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—ÂŽÂƒÂ?ƒ‰Â?ƒ†‡ŽŽƒ ƒ…‘Ž–Â? †‹‡…‘Â?‘Â?Â‹ÂƒÇĄDzƒÂ˜Â‹Â”–Î …‹˜‹…ƒ†‡ŽŽƒ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â?dzǥ Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͙͚ˆ‡„„”ƒ‹‘ƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ǥ

ÂŽ͙͜ƒŽŽ‡͙ͥŽƒ‡••ƒ†‡ŽŽƒ ˜‹‰‹Ž‹ƒ’‡”ƒ””‹˜ƒ”‡ƒŽÍ™Í?…‘Â? Ž‡‡••‡‹Â?ƒÂ? ƒ—•–‹Â?‘‡ Žƒ‡••ƒ†‡ŽŽ‡͙͙ǥ’”‡…‡†—–ƒ ƒŽŽ‡͙͘Ǥ͛͘†ƒŽŽƒ†‡’‘•‹œ‹‘Â?‡ †‹—Â?ƒ…‘”‘Â?ƒÂ†ÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‘”‘‹Â? ÂƒÂ•Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‘ÇĄƒŽÂ‘Â˜Â‡Â”Â‘Â–Â–Â‘ÇĄ•‡‰Â?‘ †‹”‹…‘Â?‘•…‡Â?œƒ’‡”Žƒ†‹ˆ‡•ƒ †‡ŽŽƒ…‹––Â?Ǥ ‘Â?…Ž—†‡‰Ž‹‡˜‡Â?–‹‹Ž Dz‘Â?…‡”–‘†‡‹ƒÂ?–‹ ƒ—•–‹Â?‘ ‡ Â‹Â‘Â˜Â‹Â–ÂƒÇłÇĄ•ƒ„ƒ–‘͙͞ˆ‡„„”ƒ‹‘ ƒŽŽ‡͚͙ǥƒŽ ”ƒÂ?†‡Ǥ

Anche sul canale

142

di Sky

TV2000 è la tv possibile, l’altra tv, che sa intrattenere e fa riflettere, che ti ascolta e ti tiene compagnia. La tv dei pensieri e delle emozioni, dei volti e delle storie, di chi ha trovato e di chi cerca. TV2000 è piÚ tua. E lo vedi.

Streaming video www.tv2000.it

PiĂš di quello che vedi


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

Í˜ÍĄ

ƒ˜‡Â?‡”†¿Í ƒŽ—Â?‡†¿͙͙ˆ‡„„”ƒ‹‘ ͘͘͜‡•’‘•‹–‘”‹ƒŽŽƒ ‹‡”ƒ†‹”‡•…‹ƒ’‡”Dz Â‘ÂŽÂ‘Â•Â‹Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇł “Golositaliaâ€? cresce. Nel numero degli espositori, oltre 400, provenienti dall’Italia e dall’Europa, ma anche in quello degli eventi collaterali, una cinquantina, che propongono formazione teorica e pratica. “Abbiamo pensato ad una esposizione fieristica – afferma Mauro Grandi, direttore di Area Fiera, societĂ  organizzatrice – che accontenti non solo il palato e la gola, con le eccellenze dei nostri prodotti, ma educhi anche a mangiare in modo corretto e sano,

proponendo una completa ‘cultura’ enogastronomicaâ€?. “Golositaliaâ€?, in programma da venerdĂŹ 8 a lunedĂŹ 11 nei padiglioni della Fiera di Brescia, è divisa in settori dedicati a food, ristorazione e prodotti di qualitĂ , settore enologico, birra artigianale e attrezzature professionali. Uno spazio è destinato al turismo enogastronomico, uno degli elementi piĂš importanti per il rilancio dell’economia. Il visitatore avrĂ  modo di conoscere i prodotti facendoseli raccontare da chi li

produce, assaggiarli e acquistarli, potendo scegliere tra le migliori produzioni provenienti dal territorio bresciano, nazionale ed europeo. “Golositaliaâ€? è studiata per promuovere una vera ‘cultura’ enogastronomica attraverso iniziative di approfondimento, degustazioni, assaggi, dimostrazioni, lezioni di galateo, corsi di decorazione e cucina senza glutine, percorsi sensoriali. Attenzione anche alla salute. Domenica, dalle 13 alle 18, verranno

esposti i principi di uno stile di vita corretto, le cause dell’obesitĂ e i passi da percorrere per affrontare con successo la perdita di peso. C’è spazio anche per il concorso del “Divin Mattarelloâ€?, destinato alle massaie, ma aperto anche agli uomini e per la sfida dei “Cuochi d’autoreâ€? tra i ristoratori bresciani, nell’intento di dare maggiore visibilitĂ  alla creativitĂ  ed all’abilitĂ  dei professionisti presenti sul territorio. Le informazioni sul sito www.golositalia.it. (v.b.)



ˆˆ‹…‹‘•…‘Žƒ•–‹…‘’”‘˜‹�…‹ƒŽ‡”‘‰‡––‘†‹ƒŽˆƒ„‡–‹œœƒœ‹‘�‡�‘–‘”‹ƒ

)DUHPRYLPHQWR

ÂŽ’”‘‰‡––‘’”‡˜‡†‡…Š‡—Â?‡•’‡”–‘ǥŽƒ—”‡ƒ–‘‹Â?•…‹‡Â?œ‡Â?‘–‘”‹‡ǥƒˆˆ‹ƒÂ?…Š‹‹Ž†‘…‡Â?–‡ Â?‡ŽŽƒ’”‘’‘•–ƒ†‹‰‹‘…Š‹‡Â?‘Â?‡Â?–‹Â‡Â†Â—Â…ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‹ÇĄ•‡Â?’Ž‹…‹‡ƒ……‡••‹„‹Ž‹ƒ–—––‹‹„ƒÂ?„‹Â?‹    

4

uando l’alfabetizzazione non è solo imparare a leggere, ma è anche imparare a conoscere il proprio corpo. Sono iniziate il 21 gennaio le attivitĂ di alfabetizzazione motoria promosse per il terzo anno a livello nazionale da Miur, Coni e Ufficio scolastico orovinciale nelle scuole primarie della nostra provincia. A beneficiare delle due ore settimanali di attivitĂ , programmate fino alla fine di maggio, saranno nell’anno scolastico in corso oltre 8000 bambini, appartenenti a 40 istituti diffusi in maniera omogenea sul territorio, da Edolo a Montichiari, da Palazzolo a Lonato. “L’adesione all’offerta ministeriale di alfabetizzazione motoria –spiega la dirigente dell’Ufficio scolastico Maria Rosa Raimondi – è andata progressivamente aumentando in questi tre anni, coinvolgendo un numero sempre piĂš maggiore di scuole ed alunniâ€?. Il progetto prevede che un esperto, laureato in scienze motorie, affianchi il docente, normalmente titolare dell’insegnamento, nella proposta di giochi e momenti educativi, non competitivi e non discriminatori, semplici ed accessibili a tutti i bambini, compresi gli alunni disabili. Le lezioni offerte hanno l’obiettivo di condurre i piĂš piccoli alla scoperta del proprio corpo, del movimento e della relazione con l’altro, facendosi portavoce di uno stile di vita sano sin dai primi anni di etĂ . Inoltre, ogni scuola aderente all’iniziativa riceve un kit di attrezzi che, alla fine delle ore di lezione, rimane in dotazione all’istituto. “L’attivitĂ  – prosegue la dott.ssa Raimondi – viene costante-

‹ƒ‘•‡ ÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â•Â‘’‘Â?–‡ƒ””‹˜ƒ‹Ž͙ͥˆ‡„„”ƒ‹‘

Â?“—‡•–‹‰‹‘”Â?‹•‹Žƒ˜‘”ƒƒ‰Ž‹—Ž–‹Â?‹Â†Â‡Â–Â–ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÇĄÂ?ƒ‘”Â?ƒ‹…‹•‹ƒÂ?‘Ǥ‘Â?°Â•Â–ÂƒÇŚ –‘•‡Â?’Ž‹…‡ǥÂ?ƒ‹Ž’‘Â?–‡†‹˜‹ƒ‘•‡•–ƒƒ””‹˜ƒÂ?†‘ǤDz„„‹ƒÂ?‘’‡”•‘–ƒÂ?–‹•nj •‹Â?‹Â?‡•‹’‡”Žƒ–—–‡Žƒ†‡ŽŽƒ•ƒŽ—–‡†‡‹…‹––ƒ†‹Â?‹Ǣ‰‹—•–‘–•’‹‡‰ƒÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘ÇŚ ”‡ƒ‹ƒ˜‘”‹’—„„Ž‹…‹ǥƒ”‹‘ƒ„‘ŽƒÂ?‹– ˆƒ”‡‹…‘Â?–”‘ŽŽ‹ǥƒŽ–”‡––ƒÂ?–‘‰‹—•–‘ ’‡”ÖÂ?‘Â?’‡”†‡”‡–ƒÂ?–‹Â?‡•‹dzǤƒŽ͙ͥˆ‡„„”ƒ‹‘‹…‹––ƒ†‹Â?‹ƒ˜”ƒÂ?Â?‘—Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ ˜‹ƒ†‹‡Â?–”ƒ–ƒ‡†‹—•…‹–ƒ†ƒŽŽƒ…‹––Â?ǤDzƒ”Â?—Â?ƒ†‡ŽŽ‡•–”ƒ†‡’‹Î‹Â?’‘”–ƒÂ?ÇŚ –‹’‡”Â?‘‹Ǥ‡”Â?‡––‡”Â?†‹ƒ„„ƒ••ƒ”‡‹Ž–”ƒˆˆ‹…‘†‹˜‹ƒ‹ŽƒÂ?‘Ǥ‡Žˆ—–—”‘•‹ ’‘–”‡„„‡’‡Â?•ƒ”‡ƒ—Â?’‘••‹„ Ž‡…‘ŽŽ‡‰ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â?‘Â?…ƒ†‡ŽŽ‡Ǥ ÂŽÂ?‘•–”‘ ‘„‹‡––‹˜‘°†‹–—–‡Žƒ”‡ƒŽÂ?ƒ••‹Â?‘ŽƒÂ?‘„‹Ž‹–Â?•—˜‹ƒ‹ŽƒÂ?‘Ǥ‹–‡Â?‹ƒÂ?‘ ƒˆƒ”’ƒ”–‹”‡‹Žƒ˜‘”‹…Š‡ƒ„„‹ƒÂ?‘Â…Â—Â”ÂƒÂ–Â‘ÇłÇ¤‘’‘ƒÂ?Â?‹†‹†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?ÇĄŽ‡‰ƒ–‡ ƒŽŽ‡‹Â?†ƒ‰‹Â?‹”‹‰—ƒ”†ƒÂ?–‹‹Ž’‘••‹„‹Ž‡‹Â?“—‹Â?ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ–‡””ƒ†ƒ•…‘–‹…‘ †‡Ž•‹–‘†‡Ž…ƒÂ?–‹‡”‡ǥ‹Ž͙͘‘––‘„”‡•…‘”•‘°ƒ””‹˜ƒ–‘‹Ž†‹••‡“—‡•–”‘†‘’‘ Žǯ‡•‹–‘Â?‡‰ƒ–‹˜‘†‡ŽŽ‡Â’Â‡Â”Â‹ÂœÂ‹Â‡ÇĄ‡•‘Â?‘•—„‹–‘”‹’”‡•‹‹Žƒ˜‘”‹Ǥ‡‹Â?…Š‹‡•–‡ •‘Â?‘ˆ‹Â?‹–‡ǥ“—‹Â?†‹ǥ‹Â?—Â?†ƒ–‘†‹ˆƒ––‘Ǥ Â?“—‡•–‹‰‹‘”Â?‹•‹•–ƒ’”‘…‡†‡Â?†‘ ƒŽŽƒ’‘•ƒ†‡‹’ƒÂ?Â?‡ŽŽ‹ˆ‘Â?‘ƒ••‘”„‡Â?–‹‡ǥ…‘Â?‡Šƒ”‹…‘”†ƒ–‘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡ƒ‹ ƒ˜‘”‹’—„„Ž‹…‹ƒ”‹‘ƒ„‘ŽƒÂ?‹Â?‡ŽŽ‘‘‘Â?†‹ƒ†‹‘‘…‡ǥ‹Ž͙ͥˆ‡„„”ƒ‹‘ ‡Â?–”‡”Â?‹Â?ˆ—Â?œ‹‘Â?‡ŽƒÂ?—‘˜ƒ˜‹ƒ†‹ƒ……‡••‘ƒŽŽƒ…‹––Â?†ƒ‘˜‡•–Ǥ

‹ƒœœƒŽ‡”�ƒŽ†‘

�ƒ—‰—”ƒ–‘‹Ž’ƒ”…Š‡‰‰‹‘†ƒ͛͘͘’‘•–‹

  

Ž–”‡Í ͘͘͘„ƒÂ?„‹Â?‹ǥ ƒ’’ƒ”–‡Â?‡Â?–‹ƒ͘͜ ‹•–‹–—–‹„‡Â?‡ˆ‹…‡”ƒÂ?Â?‘ ˆ‹Â?‘ƒÂ?ƒ‰‰‹‘†‡ŽŽ‡†—‡ ‘”‡•‡––‹Â?ƒÂ?ƒŽ‹ †‹ƒ––‹˜‹–Â? mente monitorata e valutata su scala nazionale, producendo statistiche e dati concreti. Oltre ad essere un’importante opportunitĂ  per i bambini, è quindi anche un occasione di formazione sul campo per i nostri docenti grazie all’affiancamento di un esperto e alla possibilitĂ  di ottenere un’analisi dei risultati ottenutiâ€?. Il progetto viene inoltre supervisionato da quattro figure professionali, che si occupano

di coordinare l’attivitĂ a livello piĂš generale e di gestire il rapporto tra docente ed esperto. “L’attivitĂ  sportiva fa bene alla salute e all’apprendimento – ha sottolineato il presidente del Coni provinciale Ugo Ranzetti – perchĂŠ è stato dimostrato che, imparando gli schemi di gioco, i bambini stimolano la memoria e ottengono risultati migliori anche nello studioâ€?. A livello nazionale, il progetto ha preso il via nel 2009-2010 con una fase di sperimentazione in 31 province italiane, che dall’anno successivo sono diventate 103, dato confermato anche nel 2013. Quasi 3000 i plessi coinvolti per un dato che fa segnare un impegno economico di 12 milioni e mezzo di euro, per un totale di piĂš di 500mila bambini iscritti al programma.

‘Â?‘–‡”Â?‹Â?ƒ–‹‹Žƒ˜‘”‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â—Â?Â?‘ÍšÍ˜Í˜ÍĄ’‡”Žƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡ †‡Ž’ƒ”…Š‡‰‰‹‘’—„„Ž‹…‘‹Â?–‡””ƒ–‘†‹’‹ƒœœƒŽ‡”Â?ƒŽ†‘ƒ”‡•…‹ƒǤ ÂŽÂ’ÂƒÂ”ÇŚ …Š‡‰‰‹‘•‹•˜‹Ž—’’ƒ–‘–ƒŽÂ?‡Â?–‡‹Â?•‘––‡””ƒÂ?‡‘‡•‘Â?‘•–ƒ–‹Â?ƒÂ?–‡Â?—–‹ •‹ƒ‹Ž•ƒŽ–‘†‹Ž‹˜‡ŽŽ‘‡•‹•–‡Â?–‡–”ƒ‹‰‹ƒ”†‹Â?‹‡Žƒ Â‘Â•Â•ÂƒÇĄ•‹ƒŽƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œƒ †‹“—‘–ƒ–”ƒ’‹ƒœœƒŽ‡”Â?ƒŽ†‘‡‹Ž˜‡……Š‹‘’ƒ”…Š‡‰‰‹‘ƒÂ”ÂƒÂ•Â‘ÇĄ‘”ƒ•‘•–‹nj –—‹–‘†ƒ—Â?ƒœ‘Â?ƒÂ?‹•–ƒ‡”„ƒ„Ž‘…Â?ÇĄ’”ƒ–‘˜‡”†‡‡’ƒ˜‹Â?‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡‹Â? Â?ƒ”Â?‘†‹„‘––‹…‹Â?‘Ǥƒ…ƒÂ?…‡ŽŽƒ–ƒ•–‘”‹…ƒ°•–ƒ–ƒ…‘Â?•‡”˜ƒ–ƒǤǯ‹Â?’‘”nj –‘…‘Â?’Ž‡••‹˜‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ°†‹…‹”…ƒÍ Â?‹Ž‹‘Â?‹†‹‡—”‘ǣ‹Ž’ƒ”…Š‡‰‰‹‘•— “—ƒ––”‘’‹ƒÂ?‹†ƒÍšÍ&#x;͘’‘•–‹°‰‡•–‹–‘†ƒŽ‰”—’’‘”‡•…‹ƒ‘„‹Ž‹–Â?…‘Â?Ž‡ Â?‡†‡•‹Â?‡Â?‘†ƒŽ‹–Â?‹Â?ƒ––‘Â?‡‹’ƒ”…Š‡‰‰‹†‡ŽŽƒœ‘Â?ƒ…‡Â?–”ƒŽ‡†‡ŽŽƒ…‹–nj –Â?Ǣ•‘Â?‘•–ƒ–‹”‡ƒŽ‹œœƒ–‹ƒÂ?…Š‡͛͘„‘š’”‹˜ƒ–‹Ǥ Žƒ˜‘”‹•‹•‘Â?‘’”‘–”ƒ––‹ƒ Ž—Â?‰‘’‡”…Š¹ŠƒÂ?Â?‘”‹…Š‹‡•–‘ƒÂ?…Š‡—Â?•‹•–‡Â?ƒ†‹Â?‘Â?‹–‘”ƒ‰‰‹‘†‡‰Ž‹ ‡†‹ˆ‹…‹ƒ†‹ƒ…‡Â?–‹ȋ…‘Â?†‘Â?‹Â?‹—”ƒ–‹‡Â—Â•Â–Â‡Â”ÂŽÂƒČŒ‡Ž‡‘’‡”‡†‹Â•ÂƒÂŽÂ˜ÂƒÂ‰Â—ÂƒÂ”ÇŚ †‹ƒ–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒ†‡ŽŽ‡Â?—”ƒƒÂ?–‹…Š‡Žƒ–‘†‹˜‹ƒ—”ƒ–‹Â?‡†‹ƒÂ?–‡ÂŽÇŻÂ—–‹Ž‹œœ‘ †‹–‹”ƒÂ?–‹‡–”ƒ˜‹‹Â?ˆ‡””‘ǤÂŽ’‹ƒÂ?‘ÇŚÍ™•‘Â?‘•–ƒ–‹”‹•‡”˜ƒ–‹ƒÂ?…Š‡͙͞’‘•–‹ Ç˛Â”Â‘Â•ÂƒÇłȋ’‡”Ž‡•‹‰Â?Â‘Â”Â‡ČŒ‡͙͘’‘•–‹ƒ—–‘’‡”Ž‡˜‡––—”‡…‘Â?‹Â?’‹ƒÂ?–‘ƒ‰’ŽǤ



       

´,WUHYROWLÂľGHOO¡DFFRJOLHQ]D Accogliere al Carmine. Prosegue il progetto di ospitalitĂ e promozione alla crescita promosso dalla comunitĂ  parrocchiale San Giovanni evangelista. La struttura della casa di accoglienza “I tre voltiâ€? è essibile, aperto e attento alle esigenze dei minori stranieri e italiani. Da novembre 2009 a oggi il servizio ha accolto complessivamente 21 ragazzi: 19 minori migranti non accompagnati, un minore allontanato

dalla famiglia e un minore italiano. Il progetto ha in essere un accordo per la gestione del servizio con l’amministrazione comunale; è sostenuto, inoltre, dalla Fondazione Conte Gaetano Bonoris, dall’UfďŹ cio oratori e dalla onlus SS. Desiderio ed Elisabetta. La struttura è stata ricavata all’interno del chiostro di San Giovanni, al secondo piano: è un appartamento costituito da un ampio salone e da tre

camere. Le ďŹ nalitĂ speciďŹ che sono tre: l’ospitalitĂ , la formazione e l’aggregazione. Gli adolescenti, quindi, che non hanno un luogo dove abitare e in attesa di una sistemazione protetta (famiglie afďŹ datarie, rete amicale o parentale) vengono ospitati temporaneamente. All’interno e all’esterno della struttura vengono offerte anche delle opportunitĂ  formative personalizzate con l’attenzione a un

inserimento graduale e positivo all’interno della comunità e del territorio. Nella gestione della quotidianità sono previsti momenti di condivisione in gruppo e di inserimento scolastico, orientamento lavorativo e attività ludico-sportive unite ad attività di volontariato (ritiro e consegna mobili usati, ritiro frutta per il banco alimentare, raccolta carta da riciclare e animazione dei grest estivi).


͙͘

 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͙͚‡͙ͥˆ‡„„”ƒ‹‘ —‡•‡”ƒ–‡Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂˆÂˆÂ‹Â†Â‘ˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡ MartedĂŹ 12 e 19 febbraio dalle 20.30 alle 22.30 il Coordinamento famiglie affidatarie di Brescia, in collaborazione con le parrocchie di Rezzato, Virle e Botticino, organizza due serate di sensibilizzazione sull’affido familiare. L’iniziativa è promossa con la finalitĂ di diffondere la cultura dell’affido familiare nel territorio. L’affido familiare, pur essendo un’istituzione disciplinata dalla legge sin dal 1983, continua ad essere applicata in maniera non ancora sistematica

e costante, soprattutto rispetto all’affidamento di minori a famiglie o singole persone. L’affido familiare è un atto di grande solidarietà , che può migliorare la vita di un bambino. L’affido è rivolto alle famiglie, ma anche alle persone single che intendono rendersi disponibili ad accogliere un minore. L’affidamento è un provvedimento temporaneo, che viene disposto per una durata breve, che può divenire media o molto spesso lunga quando i servizi territoriali competenti lo

reputano essere la risposta piÚ appropriata ai bisogni del minore: in questo caso viene preparato un progetto educativo personalizzato, individuando le caratteristiche di famiglia o persona a cui affidarlo, affinchÊ sia seguito e fatto crescere in un ambiente sereno fino a quando la famiglia naturale non abbia superato i problemi che ne hanno determinato l’allontanamento. Durante il periodo di permanenza nel nuovo nucleo familiare, essi continuano a mantenere vivi i

rapporti con la famiglia d’origine. I due incontri di sensibilizzazione si svolgeranno: martedÏ 12 febbraio a Rezzato presso le Suore Dorotee in via Scalabrini 19 (dietro Villa Fenaroli) alle 20.30 e martedÏ 19 febbraio a Botticino Sera presso l’oratorio. Interverranno Fabrizia Quecchia, presidente del Coordinamento e Marco Mason, esperto di affido familiare, con la testimonianza di una famiglia affidataria. Per informazioni, 3664763007.

  

  

”‡•…‹ƒ •–‹–—–‘•ƒŽ‡•‹ƒ�‘‘�‘•…‘‹�ˆ‡•–ƒ

,O9DQJHORGHOODJLRLD  

/

’Istituto salesiano Don Bosco di Brescia ha festeggiato San Giovanni Bosco, santo ed educatore, fondatore dei Salesiani e delle Suore figlie di Maria Ausiliatrice, definito dal beato Giovanni Paolo II “Padre e maestro della gioventĂšâ€?. Mentre la parrocchia e l’oratorio hanno festeggiato sabato 26 e domenica 27, l’Opera scolastica ha vissuto in modo speciale il giorno della memoria liturgica, giovedĂŹ 31 gennaio: La Scuola dell’Infanzia e la Primaria delle Suore con una Messa alle 9 presieduta da don Massimo Setti, incaricato dell’Oratorio e una giornata intera di giochi; la Scuola media con una mattinata di giochi, conclusa con la celebrazione eucaristica presieduta dal direttore dell’Opera salesiana di Brescia; l’Istituto tecnico, il Liceo scientifico e il Centro di formazione professionale con il pomeriggio di giochi e attivitĂ ricreative ed educative. Fra queste, l’Educational Lab per

”ƒ‰ƒœœ‹ŠƒÂ?Â?‘•‡‰—‹–‘ ÂŽÇŻ†—…ƒ–‹‘Â?ƒŽƒ„…‘Â?

‹ƒ…‘�‘…ƒ�œ‹ ‡Š”‹•–‹ƒ�”‡•…‹—––‹

le superiori, con le testimonianze di Giacomo Scanzi, direttore del Giornale di Brescia, Christian Presciutti, pallanuotista della An Brescia e della Nazionale, Rodolfo Rombaldoni, cestista del Monticelli basket ed ex

Nazionale e il dj del Circus, Brio. Un altro momento particolarmente sentito è stata la consegna delle borse di studio intitolate alla memoria della prof.ssa Barbara Ferrari, insegnante di inglese del Liceo, mancata nel 2011, a tre allievi delle classi quinte dello scorso anno scolastico. La giornata si è conclusa con la celebrazione dell’eucaristia presieduta da mons. Carlo Ghidelli, arcivescovo emerito di Lanciano-Ortona, alla presenza degli allievi, genitori, insegnanti, exallievi e amici di don Bosco e dell’Opera salesiana di Brescia. Tutti i giovani, le loro famiglie, gli insegnanti, gli ex-allievi, gli educatori e gli animatori sono stati affidati a don Bosco perchĂŠ possano sentirsi coinvolti nell’avventura bella e profonda dell’educazione, secondo quello che il rettor maggiore dei Salesiani, don Pascual ChĂ vez, ha proposto per il 2013: “Come don Bosco educatore, offriamo ai giovani il Vangelo della gioia attraverso la pedagogia della bontĂ â€?.

‡”–ƒÂ?‡Â?”‹š‹‡Â?•‡ ǯ‡……‡ŽŽ‡Â?œƒ –ƒ”‰ƒ–ƒŽƒ–‹Â?‘ ƒ„ƒ–‘Íšˆ‡„„”ƒ‹‘•‹°•˜‘Ž–ƒ •–ƒÂ?ƒ––‹Â?ƒÂŽÇŻÍ ÂŞ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž ‡”–ƒÂ?‡Â?”‹š‹‡Â?•‡ǥ…‘Â?…‘”•‘ †‹…—Ž–—”ƒŽƒ–‹Â?ƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘ †ƒŽ‹…‡‘Žƒ••‹…‘‡•ƒ”‡ ”‹…‹ǤÍĄÍ •–—†‡Â?–‹†‡ŽŽǯ—Ž–‹Â?‘‡ ’‡Â?—Ž–‹Â?‘ƒÂ?Â?‘†‹Â?‘Ž–‹Ž‹…‡‹ Â…ÂŽÂƒÂ•Â•Â‹Â…Â‹ÇĄ•…‹‡Â?–‹ˆ‹…‹‡—Â?ƒÂ?‹•–‹…‹ǥ •‹•‘Â?‘…‹Â?‡Â?–ƒ–‹‹Â?—Â?ƒ ’”‘˜ƒ†‹–”ƒ†—œ‹‘Â?‡†‹„”ƒÂ?‹†‹ ƒ—–‘”‹Žƒ–‹Â?‹ǥ”‹•’‡––‹˜ƒÂ?‡Â?–‡ ‡”‡Â?œ‹‘ƒ””‘Â?‡‡‹„—ŽŽ‘ ’‡”‹Ž’‡Â?—Ž–‹Â?‘ƒÂ?Â?‘‡ƒ…‹–‘ ‡‡Â?‡…ƒ’‡”Žǯ—Ž–‹Â?‘ƒÂ?Â?‘ǥ …‘Â?Â?‡Â?–ƒÂ?†‘’‘‹‹Ž„”ƒÂ?‘ †ƒ—Â?’—Â?–‘†‹˜‹•–ƒ•–‘”‹…‘ ‘Ž‡––‡”ƒ”‹‘‘Ž‹Â?‰—‹•–‹…‘Ǥ

ÂŽÂ?—Â?‡”‘†‡‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ ’”‘˜‡Â?‹‡Â?–‹†ƒ†‹˜‡”•‡ ”‡‰‹‘Â?‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡ǥ‡Ž‡˜ƒ–‘‡ …‘•–ƒÂ?–‡ƒÂ?…Š‡”‹•’‡––‘ƒŽŽ‡ ’”‡…‡†‡Â?–‹‡†‹œ‹‘Â?‹Â?‡Ž…‘”•‘ †‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ǥ‡Žǯ‡Â?–—•‹ƒ•Â?‘ †ƒ‡••‹†‹Â?‘•–”ƒ–‘ŠƒÂ?Â?‘ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ–‘Žǯ‡Ž‡Â?‡Â?–‘ ’‹Î•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‘†‡ŽŽƒ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡’”‘Â?‘••ƒ …‘Â?Žǯ‹Â?–‡Â?–‘†‹•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ”‡ Žǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?œƒˆ‘”Â?ƒ–‹˜ƒ†‡ŽŽƒ …‘Â?‘•…‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ–‹Â?‘Ǥƒ ’”‡Â?‹ƒœ‹‘Â?‡°’”‡˜‹•–ƒ’‡”Ž‡ ’”‘••‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡Ǥ


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

͙͙

Š‡†‹ ”‘•‡‰—‘Â?‘‹Žƒ˜‘”‹ƒŽŽƒ•ƒŽƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â? I lavori sono iniziati lo scorso autunno e termineranno a breve. Stiamo parlando dell’importante intervento edilizio che sta interessando il cinema-teatro Il Gabbiano di Ghedi. Grazie a questo restyling, l’edificio, di proprietĂ della parrocchia, tornerĂ  come nuovo. Costo dei lavori, circa mezzo milione di euro. Questo intervento era in programma da tempo: il cinema teatro non rispondeva piĂš alle norme di sicurezza e quindi si è pensato ad un’azione preventiva,

prima che capitasse qualcosa. A breve, dunque, Il Gabbiano sarà non solo tirato a nuovo, ma anche e soprattutto rigorosamente a norma. L’intervento, infatti, non è stato fatto per modificare la struttura della grande sala (non era questa la priorità), che è rimasta pressochÊ la stessa, ma per mettere a norma questa grande struttura che, di fatto, è l’unica del suo genere presente nel Comune di Ghedi. Infatti, se si esclude la sala consiliare, spesso utilizzata anche

per piccole manifestazioni canore e teatrali, giusto perchÊ non c’è di meglio; se si considera che il datato Cinema Moderno è oramai in disuso da alcuni decenni; e se si considera che l’annunciato (dalla precedente amministrazione) Teatro Arcioni non vedrà la luce perchÊ l’attuale amministrazione comunale non crede nel progetto, a Ghedi quando si parla di cinema e/o di teatro si fa riferimento a questa bella struttura parrocchiale, dove vengono ospitati, oltre che le

programmazioni cinematografiche, molte manifestazioni culturali, canore e teatrali. I lavori, cosĂŹ assicura don Giovanni, il curato dell’oratorio, “dovrebbero concludersi entro la fine di marzoâ€?. La spesa dell’intervento, come si diceva, è di circa mezzo milione di euro: “Soldi che al momento non abbiamo – ha riferito mons. Gian Mario Morandini –, almeno non tuttiâ€?. Qualche gesto di generositĂ da parte dei ghedesi non guasterebbe‌ (mtm).

 

Š‹ƒ”‹ ‡•–ƒ†‡‹ƒ�–‹ƒ–”‘�‹

&LWWDGLQLPHULWHYROL

Â?‘Â?‹†‡‹’”‡Â?‹ƒ–‹•‘Â?‘ǣ’”‘ˆǤ‹‡–”‘ƒ’‹–ƒÂ?‹‘’‡”Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘’”‘ˆ‡••‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?‹‘ ‘Ž‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÇĄˆ‘–‘‰”ƒˆ‘Â…Â”Â‡ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇĄ‡ƒ˜‹†‡ ‘œœ‹Â?‹ǥ’Ž—”‹’”‡Â?‹ƒ–‘…ƒÂ?’‹‘Â?‡†‹—’‡”Â?‘–‘    

0

ai come quest’anno l’assegnazione dei riconoscimenti civici che il Comune di Chiari consegna il 15 febbraio nell’ambito dei festeggiamenti dei patroni Faustino e Giovita, a persone o associazioni che si sono distinte in campo culturale, professionale, sportivo e sociale, hanno soddisfatto i requisiti previsti. I loro nomi, segnalati dai cittadini e scelti da una commissione presieduta dal presidente del consiglio comunale Fabiano Navoni, sono quelli del prof. Pietro Capitanio, per l’impegno professionale, di Enio Molinari, fotografo creativo, e di Davide Gozzini, campione di Supermoto. La consegna dei riconoscimenti avverrĂ alle ore 17.30 nel salone marchettiano di via Ospedale Vecchio alla presenza delle autoritĂ . Per l’occasione la Civica scuola di musica, la CittĂ  di Chiari Symphony Orchestra e il Coro Polifonico “CittĂ  di Chiariâ€?, proporranno la nuova edizione sinfonica de “La brezza e il sangueâ€? del maestro Emiliano Facchinetti. In merito ai beneficiari del premio, il prof. Pietro Capitanio, laureato in chimica industriale all’universitĂ  di Bologna, ha speso la sua vita dedicandosi in maniera quasi esclusiva alla comunitĂ  che ha sempre servito con dedizione. Ha ricoperto innumerevoli ruoli: inizialmente insegnante e poi anche preside, passando alla politica, come consigliere indipendente prima, assessore alle politiche sanitarie e ambientali poi, consigliere di amministrazione, difensore civico dal 2006 al 2010. Dal 2011 ad oggi è presidente

”œ‹Â?—‘˜‹ —‘”‡‡”ƒ‰‹‘Â?‡ǣ…‘Â?‘•…‡”‡•‡•–‡••‹ ƒŽ‹„‡”ƒ—Â?‹˜‡”•‹–Â?†‹”œ‹Â?—‘˜‹Šƒ†ƒ–‘”‡…‡Â?–‡Â?‡Â?–‡‹Ž˜‹ƒĠ—Â?…‘”•‘†‹ ’•‹…‘Ž‘‰‹ƒ‹Â?Â–Â‹Â–Â‘ÂŽÂƒÂ–Â‘ÇŁDz—‘”‡‡”ƒ‰‹‘Â?‡–ŽƒŽ‡––—”ƒ‡‹Ž…ƒÂ?„‹ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽƒÂ•Â‘ÂˆÇŚ ˆ‡”‡Â?œƒ’•‹…Š‹…ƒ…‘Â?‡•–”—Â?‡Â?–‹’‡”…‘Â?‘•…‡”‡•‡•–‡••‹dzǤ‘’‘Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘ ‹Â?‹œ‹ƒŽ‡†‡ŽÍ&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘†‡†‹…ƒ–‘ƒŽŽƒÂ’ÂƒÂ—Â”ÂƒÇĄƒŽ’ƒÂ?‹…‘‡ƒŽŽ‡ÂˆÂ‘„‹‡ǥ‹Ž…‘”•‘…Š‡ ƒ˜”Â?…ƒ†‡Â?œƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒŽ‡ƒÂ?†”Â?Ġƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡—Â?ƒ’Ž—”ƒŽ‹–Â?†‹ƒ”‰‘Â?‡Â?–‹Ǥ

Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙͜•‹’ƒ”Žƒ†‹†‡’”‡••‹‘Â?‡ǥ†‹…‘Â?‡•‹Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒ‡†‹…‘Â?‡•‹’—Ö…—nj ”ƒ”‡…‘Â?Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘Dz‘Â?…ǯ°Â?‘––‡…Š‡Â?‘Â?˜‡†ƒ‰‹‘”Â?‘dzǤ Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͚͙Žƒ–‡Â?ÂƒÇŚ –‹…ƒ°†‡†‹…ƒ–ƒƒŽŽ‡Dz”‹‰‹‘Â?‹†‡Ž…‹„‘dzǥ˜ƒŽ‡ƒ†‹”‡‹†‹•–—”„‹ƒŽ‹Â?‡Â?Â–ÂƒÂ”Â‹ÇĄŽƒŽ‘”‘ ‹Â?•‘”‰‡Â?œƒ‡ŽƒŽ‘”‘”‹•‘Ž—œ‹‘Â?‡Ǥǯ—Ž–‹Â?‘‹Â?…‘Â?–”‘†‹ˆ‡„„”ƒ‹‘˜‡†”Â?…‘Â?‡ ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–ƒŽƒ†‹’‡Â?†‡Â?œƒ†ƒŽ‰‹‘…‘Â†ÇŻÂƒÂœÂœÂƒÂ”Â†Â‘ÇĄˆ‡Â?‘Â?‡Â?‘”‡…‡Â?–‡Â?‡Â?–‡ „ƒŽœƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?œ‹‘Â?‡ƒÂ?…Š‡†‡‹Â?Â‡Â†Â‹ÂƒÇĄÂ?‡Â?–”‡Žƒ…‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡•ƒ”Â?‹ŽÍ&#x;Â?ÂƒÂ”ÇŚ œ‘…‘Â?DzÂ?‘”‡‡•‹…Š‡–˜˜‡”‘“—ƒÂ?†‘Žƒˆƒ˜‘Žƒ†‹˜‡Â?–ƒÂ’Â•Â‹Â…Â‘Â’ÂƒÂ–Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹ÂƒÇłÇ¤ ‹’”‡Â?†‡”Â?‹Â?…‘Â?•‹†‡”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‡Žƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‡ƒÂ?‘”‘•ƒ•–‹ƒƒŽ…‡Â?–”‘†‡ŽŽƒ ˜‹–ƒ†‡ŽŽ‡’‡”•‘Â?‡‰‡Â?‡”ƒÂ?†‘•’‡”ƒÂ?œ‡‡ÂƒÂ•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‡ÇĄÂ?ƒƒŽŽ‡˜‘Ž–‡ƒÂ?…Š‡ †—„„‹ǥÂ?ƒŽ‡••‡”‹‡•‘ˆˆ‡”‡Â?ÂœÂ‡ÇĄ“—ƒÂ?†‘Â?‘Â?˜‡”‹‡’”‘’”‹•–ƒ–‹’ƒ–‘Ž‘‰‹…‹Ǥ ÂŽ …‘”•‘ǥŽ‹„‡”‘‡Â‰Â”ÂƒÂ–Â—Â‹Â–Â‘ÇĄ•ƒ”Â?–‡Â?—–‘†ƒŽ†‘––Ǥ‹‡”ƒÂ?‰‡Ž‘ ‡””‹‡•‹–‡””Â?†ƒŽŽ‡ ͚͘Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͚͚Â?‡ŽŽƒ•ƒŽƒƒŽ•‡…‘Â?†‘’‹ƒÂ?‘†‡Ž…‡Â?–”‘…—Ž–—”ƒŽ‡DzŽ†‘‘”‘dzǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

ƒ•–‡Â?‡†‘Ž‘ •ƒ‡Â?‘Â?ÂƒÂ„Â—Â•ÂƒÇŁŽƒ„‘”ƒ–‘”‹‹Â?‘”ƒ–‘”‹‘

   

‘œœ‹Â?‹ǥ…Žƒ”‡Â?•‡ …Žƒ••‡Í™ÍĄÍ ͙ǥ°‹Ž’‹Ž‘–ƒ …Š‡˜ƒÂ?–ƒ‹ŽÂ?ƒ‰‰‹‘” Â?—Â?‡”‘†‹˜‹––‘”‹‡Â?‡Ž …ƒÂ?’‹‘Â?ƒ–‘†‡ŽÂ?‘Â?†‘ —’‡”Â?‘–‘ del Coro polifonico CittĂ  di Chiari. Di Enio Molinari, farmacista di formazione ma con l’indole dell’artista dedito alla fotografia, la parola che naturalmente affiora incontrandolo dietro al banco del civico 30, di via XXVI aprile, è garbatezza. La sua viene definita una “fotografia creativa realizzata con la tecnica di sovrapposizione di immagini in proiezione per tradurre in espressioni artistiche emozioni e

ricordi personali�. I soggetti dei suoi scatti spaziano da scorci della campagna clarense, alle colline moreniche della Franciacorta, alle architetture di Brasilia o Bilbao. Le opere di Molinari sono state esposte nelle piÚ prestigiose gallerie italiane e mondiali. Su Davide Gozzini, Gozzo per gli amici, si potrebbero versare fiumi di inchiostro. Classe 1981, è attualmente il pilota che vanta il maggior numero di vittorie nel campionato del mondo Supermoto ed è considerato uno dei piloti piÚ spettacolari e aggressivi del circuito. Il suo palmarès è lunghissimo: piÚ volte campione italiano S2, campione del mondo al Supermoto delle Nazioni (Team Italia), campione d’Australia Supermoto S1, campione di Nuova Zelanda Supermoto.

Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙͜ˆ‡„„”ƒ‹‘ƒŽŽ‡‘”‡͙͞Ǥ͛͘’”‡••‘ÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘‹‘†‹ƒ•–‡Â?‡†‘Ž‘•‹ –‡””Â?Žƒ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡‹Žƒ„‘”ƒ–‘”‹Â?—•‹…ƒŽ‡‡–‡ƒ–”ƒŽ‡”‡ƒŽ‹œœƒ–‹Â?‡ŽÂ“Â—ÂƒÇŚ †”‘†‡Ž’”‘‰‡––‘Dz•ƒ‡Â?‘Â?ÂƒÂ„Â—Â•ÂƒÇł‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‹…‘Â?‡•’‡”–‹‡’”‘ˆ‡••‹‘Â?‹•–‹ †‡Ž•‡––‘”‡Ǥ Žƒ„‘”ƒ–‘”‹•‘Â?‘ƒ’‡”–‹ƒ‹”ƒ‰ƒœœ‹†ƒ‹͙͚ƒ‹Í™Í&#x;ƒÂ?Â?‹ǤÇŻÂ‹Â•Â…Â”Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡° ‰”ƒ–—‹–ƒǤ‘Â?‘ǥ“—‹Â?†‹ǥ’”‡˜‹•–‹‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‹Ž‘Â?—Â?‡ǥ…‘Â?ÂŽÇŻ •–‹–—nj –‘…‘Â?’”‡Â?Â•Â‹Â˜Â‘ÇĄ…‘Â?Ž‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹Ž‘…ƒŽ‹‡…‘Â?‹Ž‡Â?–”‘•‡”˜‹œ‹˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇŚ –‘‹ŽŽƒ„‘”ƒ–‘”‹‘†‹Â?—•‹…ƒDz‘–‡†ǯ‹Â?•‹‡Â?‡dz‡‹ŽŽƒ„‘”ƒ–‘”‹‘†‹–‡ƒ–”‘DzÇŻÂƒÂ”Â–Â‡ ˆƒ…”‡•…‡”‡dzǣ‹Ž’”‹Â?‘’ƒ”–‡‹ŽÍ™Í ˆ‡„„”ƒ‹‘†ƒŽŽ‡Í™Í&#x;ƒŽŽ‡Í™Í Ç¤Í›Í˜ÇĄÂ?‡Â?–”‡‹Ž•‡…‘Â?ÇŚ †‘‹Â?‹œ‹ƒ‹Ž͙ͥˆ‡„„”ƒ‹‘†ƒŽŽ‡͙͞Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͠Ǥ͛͘Ǥ ÂŽ’”‘‰‡––‘’”‡˜‡†‡—Â?ƒ•‡”‹‡†‹ ƒ––‹˜‹–Â?ˆ‘”Â?ƒ–‹˜‡‡†‹ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡…Š‡•‹•˜‹Ž—’’‡”ƒÂ?Â?‘Â?‡Ž…‘”•‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ •…‘Žƒ•–‹…‘…‘Â?ÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘†‹”‹•˜‡‰Ž‹ƒ”‡Â?‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹—Â?ƒÂ?ƒ‰‰‹‘”‡ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?’‹‡‰‘†‡Ž’”‘’”‹‘–‡Â?’‘‡†‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇĄ‡†—…ƒÂ?†‘Ž‹ƒ—Â?‘•–‹Ž‡†‹ ˜‹–ƒ•ƒÂ?‘ǥ‹Â?—Â?ÇŻÂ‘Â–Â–Â‹Â…Âƒ†‹‹Â?–‡‰”ƒœ‹‘Â?‡Ǥ ÂŽ’”‘‰‡––‘•‹’”‘’‘Â?‡†‹”ƒˆˆ‘”œƒ”‡‹Ž •‡Â?•‘†‹…‘Â?—Â?‹–Â?Ǥǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ°…‘ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒ–ƒ†ƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ÂƒÂ”‹’Ž‘ǥ•˜‡ ‘Â?‹–ƒ–‘†‹‰‡•–‹‘Â?‡†‡Ž ‘Â?†‘•’‡…‹ƒŽ‡’‡”‹Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘‹Â?‘Â?„ƒ”†‹ƒǤ

     

'XHLQFRQWULFRQO¡$JH Febbraio è tempo di Age. Il locale gruppo, formato e animato dai genitori di Pontoglio, è pronto infatti a entrare in azione con almeno due appuntamenti da segnarsi in agenda. La prima iniziativa è organizzata in collaborazione con la Biblioteca comunale dove, sabato 9 febbraio alle 17, andrĂ in scena l’originale spettacolo delle ombre dal titolo “Le avventure del boscoâ€? di Mau-

ra Paletti (ingresso libero), aperto ai bambini del nido e della scuola dell’infanzia e a cui faranno seguito piacevoli momenti d’interazione curati da un gruppo di animatori. La seconda proposta riguarda invece la Giornata di formazione rivolta questa volta a tutti i genitori dei bimbi di nido e materna, promossa in collaborazione con la scuola. La serata, intitolata “La gestione dei capricciâ€?, offrirĂ inte-

ressanti spunti e riessioni proprio sul come migliorare in modo semplice ed efďŹ cace la delicata fase di comunicazione tra genitori e ďŹ gli, ma saranno affrontati e discussi anche tempi e modi per attuare mirate strategie atte ad imparare a gestire i conitti. L’appuntamento, curato dalla relatrice Katia Cadei, è ďŹ ssato per martedĂŹ 19 alle 20.30 presso la scuola primaria. Nel frattempo,

proseguono a ritmo serrato anche i preparativi in vista del Carnevale, organizzato in sinergia con l’oratorio San Giovanni Bosco, e in particolare della sďŹ lata di lunedĂŹ 11 febbraio: il ritrovo è previsto nel piazzale del cimitero in via Santa Marta da dove partirĂ la sďŹ lata di carri e maschere che, snodandosi per il paese, approderĂ  al Palabosco in cui si svolgerĂ  la festa per i bambini e allargata alle famiglie.


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

͙͛

‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹ Â…Â—Â‘ÂŽÂƒÇŁ•‹˜‘Ž–ƒ’ƒ‰‹Â?ƒ‡ƒ””‹˜ƒÂŽÇŻ •–‹–—–‘…‘Â?’”‡Â?•‹˜‘ C’è aria di novitĂ nel panorama scolastico: dal prossimo settembre si parte con il nuovo Istituto comprensivo. Sino ad oggi, a differenza di altri Comuni, la cittĂ  dei sei colli disponeva di due distinte direzioni per le scuole dell’infanzia e primarie e per la secondaria di primo grado, una soluzione che non era piĂš in grado di rispondere adeguatamente alle necessitĂ  della popolazione scolastica e soprattutto capace di far fronte alla crisi economica

e ai tagli imposti agli enti locali. “Per questo – spiega l’assessore alla Pubblica istruzione Gianluca Imperadori (nella foto) – anche a seguito di incontri avuti con la dirigente scolastica Angela Bozzi, che da agosto segue tutti i plessi che vanno dall’infanzia alla secondaria di primo grado, ed in attuazione di una legge del 2011, la giunta comunale ha deliberato di voltare pagina al fine di offrire una migliore offerta formativa nell’ottica di una continuitĂ di-

dattica e per una maggiore integrazione tra le professionalità dei docenti dei diversi gradi. Tale modifica comporterà una migliore efficienza nell’impiego delle risorse umane, finanziarie e strutturali oltre a permettere una perfetta organizzazione in relazione al trasporto scolastico e al servizio di refezione�. Il nuovo Istituto comprensivo andrà ad accorpare tre gradi di scuole: l’infanzia statale, la primaria e la secondaria di primo grado che ad oggi sono costi-

tuite rispettivamente da 225 alunni (dislocati su due plessi), 1300 (in sei plessi) e 700 per una popolazione scolastica di oltre 2200 studenti, circa la metĂ del corpo studentesco che gravita su Montichiari. Rimarranno escluse dal sistema sia le scuole paritarie sia la secondaria di secondo grado. La sede dirigenziale unica coinciderĂ  con l’attuale Direzione didattica, ubicata in via Battisti 52, con una “filialeâ€? presso la scuola secondaria Alberti. (f.m.)

ƒ”…‹ƒ”‡’‡”Žƒ’ƒ…‡





‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹ǯ‹Â?’‡‰Â?‘’‡”Žƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?

7UHDVVRFLD]LRQL SHUO¡KDQGLFDS Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â?‘Â?‹ƒ…Š‡°Ž‘”‘Â’Â”Â‘Â’Â”Â‹ÂƒÇĄ…‹ƒ•…—Â?ƒ†‹“—‡•–‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹Šƒ•ƒ’—–‘ ’”‘Â?—‘˜‡”‡Â?‡Ž–‡Â?’‘‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡‡†‡˜‡Â?–‹–‡•‹ƒ•‡Â?•‹„‹Ž‹œœƒ”‡Žƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡    

 

(

ssere vicini. Il mondo del volontariato rappresenta un patrimonio inestinguibile di impegno, passione e valori che, in barba alla crisi imperante, muove giovani e adulti nei piĂš vari campi. Quando poi esso viene declinato nella forma del sostegno ai soggetti piĂš deboli della societĂ , non può che infondere speranza nel futuro. Numerose realtĂ  nella cittĂ  di Montichiari si occupano, per esempio, di disabilitĂ , con riferimento in particolare all’ambito dei minori: sono “La sorgenteâ€?, “Un sorriso di speranzaâ€? e “Tandemâ€?. Nell’autonomia che è loro propria, ciascuna di queste associazioni ha saputo promuovere nel tempo iniziative ed eventi tesi a sensibilizzare la popolazione sul difficile percorso che sovente bambini e famiglie sono costretti a vivere e, con la collaborazione ottenuta da enti pubblici e privati, sponsor ed aziende del territorio, hanno assunto ormai un ruolo di veri e propri punti di riferimento nel settore. Per “La sorgenteâ€?, storica cooperativa nata nel 1984 e presieduta da Mauro Bettenzoli, parallelamente alla gestione di due centri diurni per disabili, l’attivitĂ  consta nell’offrire spazi di consulenza e di aiuto a insegnanti e genitori, ma soprattutto nel supportare



Dzƒ•‘”‰‡Â?–‡dzǥDzÂ? •‘””‹•‘†‹•’‡”ƒÂ?ÂœÂƒÇł ‡DzƒÂ?†‡Â?Çł•‘Â?‘—Â? ’—Â?–‘†‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ …‘•–ƒÂ?–‡’‡”Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ …‘Â?ˆ‹‰Ž‹†‹•ƒ„‹Ž‹ e sostenere i bambini per quanto riguarda i disturbi dell’apprendimento. In questo senso assume particolare significato il Sape, vale a dire l’assistenza pedagogica ed educativa nelle scuole. Di minori si occupa specificamente “Un sorriso di speranzaâ€?, sodali-

zio onlus diretto da Daniele Zanetti e costituito da genitori di bambini diversamente abili, spastici, cerebrolesi, sordociechi, affetti da disturbi genetici o nati gravemente prematuri, uniti dal confronto quotidiano con i problemi che questo stato comporta. “Il nostro scopo principale – ricorda il presidente - è il benessere del minore in tutte le sue forme, sia fisico sia psicologico e, con il suo, quello della relativa famiglia. Per questo svolgiamo un ruolo di supporto morale, informativo ed economico. Ăˆ nostra intenzione favorire gli incontri tra nuclei familiari di bambini diversamente abili ed agevolare gli scambi di informazioni utili collaborando inoltre con le scuole per sostenere al meglio l’inserimento dei figli disabiliâ€?. Numerose iniziative sono promosse anche da “Tandemâ€?, associazione che punta ad offrire uno spazio ludico e ricreativo ai ragazzi con handicap creando situazioni attraverso le quali possano fare attivitĂ sportiva, essere seguiti a scuola, avere occasioni di socializzazione al di fuori del contesto familiare. “Le famiglie – afferma la presidente dell’associazione, Paola Invernali – sanno di poter contare su di noi nei tanti aspetti della cura e del sostegno al proprio figlio in difficoltĂ â€?.

‡Â?‘ ‹˜‡Â?–ƒ”‡˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒŽ‘”•‘†‹’”‹Â?‘•‘……‘”•‘ ƒ”‘…‡‹ƒÂ?…ƒ‘Â?‹Â?ƒ–‘‡‘Â?‡Â?•‡ŽƒÂ?…‹ƒ—Â?ƒ’’‡ŽŽ‘ƒ–—––‹‹…‹––ƒ†‹Â?‹ǣDz ƒ‹ ’‹Î†‹Í™Í ƒÂ?Â?‹‡Â?‡Â?‘†‹Í&#x;Í?ÇŤ‡‹—Â?‘•–—†‡Â?–‡ǥ—Â?ƒ…ƒ•ƒŽ‹Â?‰ƒ‘—Â?‰‹‘˜ƒÂ?‡ ’‡Â?•‹‘Â?ÂƒÂ–Â‘ÇŤ ƒ‹“—ƒŽ…Š‡‘”ƒƒŽŽƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ†ƒÂ†Â‡Â†Â‹Â…ÂƒÂ”Â…Â‹ÇŤ‹‡Â?‹ƒ–”‘˜ƒ”…‹‡ †‹˜‡Â?–ƒƒÂ?…Š‡–—˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇłÇ¤ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͙ͥˆ‡„„”ƒ‹‘ƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡”‘…‡‹ƒÂ?…ƒ†‡Ž‘Â?‹Â?ƒ–‘‡‘Â?‡Â?‡Â?Ž—•’”‡•‡Â?–‡”Â?Â?‡Ž†‡––ƒ‰Ž‹‘‹ …‘Â?–‡Â?—–‹†‹“—‡ŽŽ‘…Š‡•ƒ”Â?‹ŽÍĄÎť’‡”…‘”•‘†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹ ”‹Â?‘‘……‘”•‘”‹˜‘Ž–‘Ġƒ•’‹”ƒÂ?–‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ǤÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘•‹–‡””Â?’”‡••‘ Žƒ•‡†‡ƒ••‘…‹ƒ–‹˜ƒ†‹˜‹ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ͘͜ƒ‡Â?‘ǥ•‡†‡‹•–‹–—œ‹‘Â?ƒŽ‡…Š‡‘•’‹–‡”Â?Žƒ •‡••‹‘Â?‡ˆ‘”Â?ƒ–‹˜ƒ†‡ŽÍšÍ˜Í™Í›ÇĄÂ?‡ŽŽ‡•‡”ƒ–‡†‹Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż‡Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż†ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘ƒŽŽ‡ ͚͚Ǥ͛͘Ǥ‡Ž…‘”•‘†‡ŽŽƒ•‡”ƒ–ƒ‹Â?ˆ‘”Â?ƒ–‹˜ƒ˜‡””Â?’”‡•‡Â?–ƒ–‘‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‡Ž …‘”•‘†‹’”‹Â?‘•‘……‘”•‘Ǥ—”ƒÂ?–‡‹Ž’”‹Â?‘Â?‘†—Ž‘†‡Ž’‡”…‘”•‘ȋ—Â?ƒ˜‡Â?–‹Â?ƒ †‹Â•Â‡Â”ÂƒÂ–Â‡ČŒ‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹‡Â?–”‡”ƒÂ?Â?‘‹Â?…‘Â?–ƒ––‘…‘Â?‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹„ƒ•‹Žƒ”‹•—Ž •‘……‘”•‘‡•—Ž’”‹Â?‘‹Â?–‡”˜‡Â?–‘‹Â?…ƒ•‘†‹‡Â?‡”‰‡Â?œ‡ƒ••‹•–‡Â?œ‹ƒŽ‹‘•ƒÂ?Â‹Â–ÂƒÇŚ ”‹‡ǥ…‘Â?…‡––‹•‡Â?’Ž‹…‹‡†‡•‡Â?’‹…‘Â?…”‡–‹…Š‡’‘–”ƒÂ?Â?‘’‘‹–‘”Â?ƒ”‡—–‹Ž‹ƒÂ?ÇŚ …Š‡Â?‡ŽŽƒ“—‘–‹†‹ƒÂ?‹–Â?Ǥ‡”Â?ƒ‰‰‹‘”‹‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹…‘Â?–ƒ––ƒ”‡Žƒ”‘…‡‹ƒÂ?…ƒ ‘Â?‹Â?ƒ–‘‡‘Â?‡Â?•‡ǥ˜‹ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ͘͜‡Â?‘Í˜Í›Í˜ÇŚÍĄÍ˜ÍžÍšÍœÍ&#x;ÇŚ…‡ŽŽǤÍ›ÍœÍĄÇ¤ÍžÍ˜ÍšÍ›ÍšÍ Í?‘ …‘Â?•—Ž–ƒ”‡‹Ž•‹–‘™™™Ǥ…”‘…‡„‹ƒÂ?…ƒŽ‡Â?‘Ǥ‹–Ǥ

‡Â?‘ ‘Â? ‹Â?‘‹‰‘Ž†‹•—Ž–‡Â?ƒ†‡Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘ ‡••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹DzŽ‹’‡”Â˜Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇłÇĄDzƒ•ƒ ÂƒÂ”Â†ÂƒÇłÇĄDz ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‘Â?‹Â?ƒ–‘‡nj ‘Â?‡Â?•‡dzǥDz”‘‘…‘†‹‡Â?‘dzǥDzƒ‘Ž‘‹Ž”‘dz‡Dz••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ ƒÂ?‹…‹dzÂ‘Â”Â‰ÂƒÇŚ Â?‹œœƒÂ?‘—Â?‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?†‘Â? ‹Â?‘‹‰‘Ž†‹Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ•—Ž–‡Â?ƒDz ˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ ˆƒÂ?Â?‘”‡–‡dzǤÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘°’‡”•ƒ„ƒ–‘͙͞ˆ‡„„”ƒ‹‘ƒŽŽ‡Í™Í?’”‡••‘‹Ž–‡ƒ–”‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘DzƒÂ?—‹‰‹dz†‹‡Â?‘‹Â?˜‹ƒ‡‡•‹†‡”‹‘Í›Í?Ǥƒ”–‹–‘ƒ‘––‘„”‡ÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ ‹Ž’”‘‰‡––‘Dz‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?•‹‡Â?‡dzǥˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒ–‘†ƒŽ•˜‡†ƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ ÂƒÂ”Â‹Â’ÂŽÂ‘ÇĄ˜‡†‡ƒ†‡”‹”‡ƒŽ…—Â?‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹Ž‡Â?‡•‹Ǥ‘’‘—Â?ƒ’”‹Â?ƒ’ƒ”–‡†‹ÂˆÂ‘”nj Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‡ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‹Â‘ÇĄ†ƒŽÂ?‡•‡†‹‰‡Â?Â?ƒ‹‘ÍšÍ˜Í™Í›ÇĄ†‡Ž…‘”•‘†‹”–‡–‡nj Â”ÂƒÂ’Â‹ÂƒÇĄ˜‹‡Â?‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘“—‡•–‘‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?†‘Â? ‹Â?‘‹‰‘Ž†‹ǥ…ƒ’’‡ŽŽƒÂ?‘ †‡Žƒ”…‡”‡DzǤÂ‡Â…Â…ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇł†‹‹ŽƒÂ?‘‡ƒ—–‘”‡†‹Â?—Â?‡”‘•‡’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‹ǥ‘Ž–”‡ …Š‡’”‡•‹†‡Â?–‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Dz‘Â?—Â?‹–Â?Â?Â—Â‘Â˜ÂƒÇł’‡”Žǯ‹Â?•‡”‹Â?‡Â?–‘•‘…‹ƒŽ‡ †‡‹”ƒ‰ƒœœ‹—Â?ƒ˜‘Ž–ƒ—•…‹–‹†ƒŽŽƒ†‡–‡Â?œ‹‘Â?‡Ǥ—”ƒÂ?–‡‹Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘ǥÂ?‡Ž“—ƒŽ‡ ‹Ž•ƒ…‡”†‘–‡Â?‹ŽƒÂ?‡•‡’‘”–‡”Â?Žƒ•—ƒ‡•’‡”‹‡Â?ÂœÂƒÇĄ˜‡””Â?’”‡•‡Â?–ƒ–‘‹Ž’”‘‰‡––‘ Dz‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?•‹‡Â?‡dzǤ ÂŽ’”‘‰‡––‘‘Ž–”‡ƒˆ‘”Â?ÂƒÂ”Â‡Č€Â‹Â?ˆ‘”Â?ÂƒÂ”Â‡ÇĄ…‘Â?…‘”•‹ ƒ’’‘•‹–ƒÂ?‡Â?–‡Â•Â–Â—Â†Â‹ÂƒÂ–Â‹ÇĄ…Š‹†‡•‹†‡”ƒ‹Â?–”ƒ’”‡Â?†‡”‡ƒ––‹˜‹–Â?†‹˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄ ‹Â?–‡Â?†‡ˆƒ”Žƒ˜‘”ƒ”‡‹Â?•‹‡Â?‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‹†‹˜‡”•‡‡•˜‹Ž—’’ƒ”‡ˆ‘”Â?‡…‘nj ‘’‡”ƒ–‹˜‡†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‘‡•‹Â?‡”‰‹‡–”ƒŽ‡†‹˜‡”•‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ

”œ‹Â?—‘˜‹ ––‘ƒ”–‹•–‹‹Â?Â?‘•–”ƒ ƒ‘……ƒ†‹ƒÂ? ‹‘”‰‹‘†ƒŽÍĄƒŽÍšÍ&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘‘•’‹–ƒŽƒÂ?‘•–”ƒ†‹’‹––—”ƒDzŽ–”‡Ǥ ––‘ƒ”–‹•–‹ƒŽ†‹ÂŽÂ?Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’ÂƒÂ”Â‡Â?ÂœÂƒÇł†ƒŽŽ—Â?‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡͙͞ƒŽŽ‡͙ͥǥÂ•ÂƒÂ„ÂƒÇŚ –‘‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ†ƒŽŽ‡͙͘ƒŽŽ‡͙͚‡†ƒŽŽ‡Í™Í?ƒŽŽ‡͙ͥǤ––‘ƒ”–‹•–‹Č‹‹‡”’ƒ‘Ž‘—”–‹ǥ ‹‡–”‘ÇŻ‰‘•–‹Â?‘ǥƒÂ?†”‘‡Ž‡šƒÂ?†”‹•ǥ ˜ƒÂ?‡‡Â?‹•ǥƒ—”‹œ‹‘‘Â?ÂœÂ‡ÂŽÇŚ Ž‹ǥÂ?–‘Â?‹‘ƒ”…Š‡––‹ƒÂ?Â‡Â”ÂƒÇĄƒ†ƒÂ‹Â˜Â‡Â–Â–ÂƒÇĄ ‹‘”‡Â?œ‘Â‘Â•Â•Â‘ČŒÇĄ‹Ž…—‹Žƒ˜‘”‘ …‘•–‹–—‹•…‡—Â?ÇŻÂƒÂ?ƒŽ‹•‹’”‡œ‹‘•ƒ•—Žˆƒ”‡ƒ”–‹•–‹…‘…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡‘ǥ—Â?‹–‹‹Â?—Â?ƒ …‘”ƒŽ‹–Â?Â–Â—Â–Â–ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘…Š‡…ƒ•—ƒŽ‡Ǥ‘Â?—Â?ƒÂ?‘•–”ƒ…‘ŽŽ‡––‹˜ƒ†—Â?“—‡ǥÂ?ƒ—Â?ƒ ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—Ž•—’‡”ƒÂ?‡Â?–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡ÂˆÂˆÂ‹Â?‡”‘Â?‡Ž’ƒÂ?‘”ƒÂ?ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”–‡…‘Â?–‡Â?’‘nj ”ƒÂ?‡ƒ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒǤ1—Â?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡“—‡•–ƒ…Š‡˜ƒ‘Ž–”‡‹•‹Â?‰‘Ž‹Â?Â‡ÂœÂœÂ‹ÇĄ…Š‡’—Â?ÇŚ –ƒ‹”‹ˆŽ‡––‘”‹•—ŽŽǯ‡••‡Â?œƒ‡Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒÂ”Â‡ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹Â…Â‘ÇĄƒ––”ƒ˜‡”•‘†‹˜‡”•‹Ž‹Â?‰—ƒ‰‰‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‡ÇŁ†ƒŽŽƒ’‹––—”ƒƒŽŽƒ•…—Ž–—”ƒƒŽÂ˜Â‹Â†Â‡Â‘ÇĄÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?•–ƒŽŽƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒǤ


͙͜

 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡ DzƒŠ‹‡•ƒ†‘Â?‘†‹‹‘dzǣŽǯ—Ž–‹Â?‘Ž‹„”‘†‹—‰‡Â?‹‘ ‘Â?–ƒÂ?ƒ Ha visto la luce la nuova fatica di Eugenio Fontana “La Chiesa dono di Dioâ€? (edizioni “UniversitĂ 2000, parrocchia SS. Salvatore, Breno). Nel primo capitolo Fontana, per avvicinarsi al grande mistero che è la Chiesa, prende le mosse dell’ecclesiologia veterotestamentaria per poi passare attraverso Paolo, gli Atti e gli scritti neotestamentari. Dato che la Chiesa è connessa con un processo di separazione in Israele e ha nella celebrazione

eucaristica il suo centro, può esserci Chiesa in senso stretto solo dopo Pasqua e dopo Pentecoste. Riannodando la Chiesa all’Antico Testamento si attribuiscono ad essa, aggiornandoli i valori appartenenti alla nozione biblica di popolo di Dio. Questa continuità ripropone l’elezione e la chiamata; riattualizza il popolo dell’alleanza; identifica la Chiesa; apre lo spazio al sacerdozio comune. C’è poi una felice consuetudine: quella di vari excursus, brevi disquisizioni

di carattere informativo, inserite a completamento di uno o piĂš punti di una trattazione. CosĂŹ tra i quattro capitoli della prima parte ed i due della seconda inserisce ben 16 digressioni pertinenti ed interessanti. Qualche titolo Nomen Christianum, “I Cristiani e lo Stato nell’era dei martiriâ€?, “L’Anafora eucaristicaâ€?, “Segni allegorici e segni figuraliâ€?, “Le diaconie romaneâ€?, ecc. Nel secondo e terzo capitolo l’autore si occupa della provenienza dei convertiti ecclesia

ex circumcisione ed ecclesia ex gentibus. Segue il quarto capitolo Ecclesia Martyrum. Sull’esempio di Pietro e di Paolo una schiera di martiri sigillerà con il sangue la fedeltà alla chiamata; segnerà la differenza con ogni altra religione. Il primo capitolo della seconda parte è dedicato al Dies Domini: anche il tempo vissuto è ripensato e progettato dalla comunità delle origini sull’evento della morte e della resurrezione che fa di Cristo il centro della storia. (e.g.)

    

‘�‡�‹…ƒ͙͘ˆ‡„„”ƒ‹‘’’—�–ƒ�‡�–‹

‘�‡�‹…ƒ͙͘ ˆ‹Žƒ–ƒ‡’”‡�‹ ƒŽ�‹‰Ž‹‘”…ƒ””‘

&DUQHYDOHLQ9DOOH  



,

l piccolo borgo di Bienno si presta bene per la conformazione delle sue vie alla sfilata, lunedĂŹ 11 febbraio alle 14, in maschera con partenza da piazza Liberazione. Per informazioni, si può contattare Bienno Eventi al numero 3275598513. A Borno la vetrina nella giornata di domenica 10 febbraio è tutta per il carnevale bornese: alle 14 la sfilata per le vie del centro storico con partenza dalla piazza ex mercato. L’Alta Valle si segnala per l’appuntamento caratteristico di Edolo: domenica 10 vanno in scena “I colori del carnevale edoleseâ€? con il raduno, alle 14, presso piazzale Battaglione Orobica e la partenza della sfilata carri e maschere; alle 15.30 è in programma uno spettacolo con l’animazione musicale, mentre alle 17 vengono premiati i migliori tre carri in piazza Martiri della LibertĂ . Anche a Malonno non mancano le maschere con il ritrovo alle 14 presso la parrocchia e partenza della sfilata dei

—Â?‡†¿͙͙ƒŽŽ‡͚͙Žƒ ˆ‹ƒ……‘Žƒ–ƒ†‡‹Â?ƒ‡•–”‹†‹ •…‹ǥÂ?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ˜‹Â?„”—Ž¹ ƒ‘Â?–‡nj‘Â?ƒŽ‡

carri e maschere. Stesso programma anche a Paspardo per “La giornata del carnevale in maschera�: alle 15 di domenica 10 la partenza dei carri da piazzale Marcolini e sfilata per le vie del paese; premiazioni e de-

gustazione di frittelle presso la Sala polivalente. In quel di Monno si incomincia sabato 9 febbraio alle 14 il ritrovo presso piazza Municipio e la partenza della sfilata carri e maschere. A Piamborno la festa ha come tema il mondo incantato “Cappuccetto Rosso: la psicofavola dei fantagenitori per grandi e piccoliâ€?: alle 14.30 il ritrovo in piazza del Mercato e la sfilata per alcune vie del paese poi nel teatro dell’Oratorio; in caso di pioggia favola e merenda in oratorio. A Ponte di Legno, sabato 9 febbraio alle 14.30, la sfilata di carnevale e delle maschere per le vie del paese di Pezzo; alle 20.30 la serata danzante presso il centro sociale di Pezzo; domenica 10 all’oratorio di Ponte alle 15 la sfilata dei carri e delle maschere di carnevale con partenza/arrivo all’oratorio. LunedĂŹ 11 alle 21 la fiaccolata dei maestri di sci, musica, vin brulĂŠ con gli alpini e animazione per bambini presso la partenza della cabinovia Ponte-Tonale.

Â?ƒŽ…—Â?‹Â’ÂƒÂ‡Â•Â‹ÇĄ…‘Â?‡ƒ ÂƒÂ”ÂˆÂ‘ÇĄÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡ †‡Ž…ƒ”Â?‡˜ƒŽ‡°‘”Â?ƒ‹—Â?ƒ –”ƒ†‹œ‹‘Â?‡ǤÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹ƒ”ˆ‘‘ƒ”‹‘ ‡”Â?‡ǥŽƒ”‘Ž‘…‘†‹ƒ”ˆ‘ ‡Ž‡’ƒ””‘……Š‹‡…‹––ƒ†‹Â?‡ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?‘ǥ†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͘ ÂˆÂ‡Â„Â„Â”ÂƒÂ‹Â‘ÇĄŽƒÍ™Í?ÂŞ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž …ƒ”Â?‡˜ƒŽ‡…‹––ƒ†‹Â?‘…‘Â?Žƒ •ˆ‹Žƒ–ƒ†‡‹…ƒ””‹ƒŽŽ‡‰‘”‹…‹ ‡†‡‹‰”—’’‹‹Â?Â?ƒ•…Š‡”ƒǤ ‹’ƒ”–‡ƒŽŽ‡͙͜†ƒ’‹ƒœœƒ ‘Â?ƒ–‘”‹†‹ƒÂ?‰—‡‡•ˆ‹Žƒ Ž—Â?‰‘Ž‡˜‹‡…‹––ƒ†‹Â?‡ǤÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘ °’”‡˜‹•–‘’‡”Ž‡͙͞…‘Â?Ž‡ ‡•‹„‹œ‹‘Â?‹‡Ž‡’”‡Â?‹ƒœ‹‘Â?‹ ‹Â?’‹ƒœœƒŽ‡‹Â?ƒ—†‹ƒ‘ƒ”‹‘ ‡”Â?‡Ǥ Â?…ƒ•‘†‹Â?ƒŽ–‡Â?’‘ ŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡˜‹‡Â?‡ ”‹Â?˜‹ƒ–ƒƒŽŽƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ •—……‡••‹˜ƒǤ‘Â?‘’”‡˜‹•–‹ ƒÂ?…Š‡†‡‹”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‹ ƒŽÂ?‹‰Ž‹‘”…ƒ””‘…‹––ƒ†‹Â?‘ǣ‹Ž ’”‹Â?‘’”‡Â?‹‘°†‹Í?͘͘‡—”‘ǥ ͘͘͜‡—”‘’‡”‹Ž•‡…‘Â?†‘‡͛͘͘ ’‡”‹Ž–‡”œ‘Ǥ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǥ •‹’—Ö…‘Â?–ƒ––ƒ”‡ÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ –—”‹•Â?‘ƒŽÂ?—Â?‡”‘ ͛͘͜͞Í?͙͙͘͜͞‘…‘Â?•—Ž–ƒ”‡ ‹Ž•‹–‘‹Â?–‡”Â?‡–™™™Ǥ †ƒ”ˆ‘„‘ƒ”‹‘–‡”Â?‡Ǥ‰‘˜Ǥ

Viagggiamo verso nuovi orizzonti!

STAMPATI COMMERCIALI • MAILING RIVISTE • LIBRI • VOLUMI • MANIFESTI CATALOGHI• RICEVUTE FISCALI www.tipog raf iacamuna.it

CENTRO TIPOGRAFICO BRESCIA 25124 BRESCIA - Via A. Soldini, 25 Tel. 030.2422416 - Fax 030.2422725

NUOVO CENTRO TIPOGRAFICO BRENO 25043 BRENO (BS) - Via Mazzini, 84/86 Tel. 0364.22669 - Fax 0364.326098


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

Í™Í?

‘��‘

Â?–‡”˜‡Â?–‹’‹……‘Ž‹ǥÂ?ƒ†‹‰”ƒÂ?†‡—–‹Ž‹–Â? Una piccola manna è piovuta in Valle grazie all’attenta politica di programmazione territoriale dell’Assessorato foreste e bonifica montana della ComunitĂ montana, per nove interventi che vanno da Monno (nella foto) a Gratacasolo in altrettante zone critiche dal punto di vista idrogeologico. I nove interventi riguardano la bonifica della frana Picen a Monno, la messa in sicurezza della Val Dovala a Corteno, la realizzazione delle barriere paramassi a Monte

di Berzo Demo, la sistemazione della valle del BlÊ a Ono S. Pietro e la regimazione del torrente Re a Gianico e del Re a Gratacasolo. Tutti i lavori sono progettati dalla Comunità montana tramite i propri tecnici e vengono appaltati alle ditte secondo il criterio del miglior ribasso d’asta. Un caso esemplare è quello del torrente Palobbia a Braone che interessa il conoide su cui è posto l’abitato, ma anche la strada intercomunale Ceto-Braone, la nuova e la vecchia statale 42, la

ferrovia. La porzione del torrente in alta montagna è già stata oggetto di intervento nel passato e rimaneva da mettere in sicurezza la parte del torrente a ridosso dell’abitato di Braone dove nel 1987 c’era stata una terribile alluvione che aveva causato anche due vittime. La messa in sicurezza della parte terminale dell’asta del Palobbia prevedeva una base d’asta di 209.209 euro: tra le 13 ditte invitate a partecipare ha vinto la ditta Filippi di Costa Volpino che ha proposto un ribasso d’asta fino a

94.994 euro, con un risparmio di ben oltre il 50%. Anche questo intervento è stato progettato dalla Comunità montana, affidato all’esperienza del geometra Marco Bazzana, con risparmio sui costi generali. I lavori sull’asta del Palobbia procedono alacremente e, nonostante le difficoltà dovute al maltempo di dicembre e gennaio, verranno terminati entro il 10 aprile come da cronoprogramma. Soddisfatto il sindaco di Braone Gabriele Prandini. (Davide Alessi)



Ž–ƒƒŽŽ‡ Ž…ƒ•‘’‘•‹–‹˜‘†‹†‘Ž‘

'LIIHUHQ]LDUHVLSXz ‡…‹ˆ”‡—ˆˆ‹…‹‘•‡’ƒ”ŽƒÂ?‘†‡Ž”ƒ‰‰‹—Â?‰‹Â?‡Â?–‘†‹“—‘–ƒÍ?Í˜ÎŹÇĄ…‘Â?Žƒˆ‘”–‡’”‘„ƒ„‹Ž‹–Â?†‹ •ˆ‘Â?†ƒ”‡Â?‡Ž͚͙͛͘Žƒ„ƒ””‹‡”ƒ†‡ŽÍžÍ˜ÎŹÇ¤‡ƒ†‘Ž‘•‹†‹ˆˆ‡”‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÇĄÂ?‡Ž”‡•–‘†‡ŽŽƒƒŽŽ‡Â?‘  

   

9

olere è potere, si direbbe. A Edolo la scelta degli amministratori di investire nella raccolta differenziata sta dando frutti. I dati ufficiali della Provincia relativi al 2010 relegavano il principale Comune dell’Alta Valle al 25% di rifiuti raccolti in maniera differenziata. Oggi le cifre ufficiose parlano del raggiungimento di quota 50%, con la forte probabilitĂ di sfondare nel 2013 la barriera del 60%. Risultati cosĂŹ consistenti dimostrano che con un’adeguata pianificazione ed opera di informazione la popolazione è molto disponibile. Ăˆ un peccato che in altre zone dell’Alta Valle da quest’orecchio non si voglia sentire, in particolare a Ponte di Legno dove la differenziata raggiunge a malapena il 20% e ancor peggio vanno le cose nel limitrofo TemĂš, nonchĂŠ a Vione. Per non dire di Corteno Golgi, che differenzia poco piĂš del 15% dei propri scarti. Se poi si pensa che i traguardi per fine 2012 a livello di programmazione territoriale provinciale favoleggiavano di un 65% ci si può rendere conto che solo in pochi casi la questione è stata presa sul serio. Tornando a Edolo i dati della raccolta porta a porta parlano chiaro: oltre 420 tonnellate di rifiuti hanno evitato di essere smaltiti in modo indifferenziato; le 150 tonnellate di carta raccolte nel 2010 sono diventate lo scorso anno 300 e per quanto riguarda il verde si è passati da un misero 32 tonnellate a 260. Quanto ai rifiuti organici, al di lĂ  di quelli recuperati attraverso i composter dai singoli cittadini, si viaggia su una media di circa 130 tonnellate

”‡Â?‘ Dzƒ°Žƒ†‡”¹dz ‡”œƒ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Dzƒ°Žƒ†‡”¹dzČ‹ÂŽÂƒ„‡ŽŽƒ†‹”‡Â?Â‘ČŒÇ¤‹–‘”Â?ƒƒŽ’ƒ••ƒ–‘”‹‡nj ˜‘…ƒÂ?†‘‹ŽDz ‹ò‡†¹†‡Ž‡°Ž‡dzȋ‹ŽÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż†‡ŽŽ‡Â‡ÂŽÂŽÂ‡ČŒÇĄƒ––”ƒ˜‡”•‘‹Ž…‘Â?…‘”•‘ Dzƒ°Žƒ†‡”¹dzǥ†‡†‹…ƒ–‘ƒŽŽ‡‰‹‘˜ƒÂ?‹†‘Â?Â?‡…ƒÂ?—Â?‡Ǥ‡”“—‡•–ƒ–‘”Â?ƒ–ƒ •ƒ”ƒÂ?Â?‘‘––‘Ž‡…ƒÂ?†‹†ƒ–‡…Š‡•‹•ˆ‹†‡”ƒÂ?Â?‘ǣ’”‘˜‡Â?‰‘Â?‘†ƒ”‡Â?‘ǥ‘”Â?‘ǥ ‡ŽŽ‡”‘ǥ‹Â?„‡”‰‘ǥƒ”ˆ‘‘ƒ”‹‘‡”Â?‡ǤÇŻÂ?–‡‡Ž‡”‹‘•’‹–‡”Â?•‹ƒŽƒ•‡”ƒ–ƒ †‡†‹…ƒ–ƒƒŽŽƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽDz ‹ò‡†‡†‡Ž‡°Ž‡dz•‹ƒ‹Ž’‘Â?‡”‹‰‰‹‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡ÂŽÂ‡ÂœÂ‹Â‘Â?‡ ’”‡˜‹•–ƒ’‡”‹ŽÍ™Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘Ǥ‡”Žƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒÂ†ÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”ÂƒÇĄ’”‡••‘Žƒ•ƒŽƒ†‡Ž ‡Ž‡”‹ǥ ”ƒÂ?…ƒ˜ƒÂ?…‹Â?‹‡œœ‘––‹…—”‡”Â?Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘Dz‘Â?Â?‡ǣ’ƒ••ƒ–‘‡’”‡•‡Â?ÇŚ –‡dzǤ‡…ƒÂ?†‹†ƒ–‡•ˆ‹Ž‡”ƒÂ?Â?‘Â?‡‹…‘•–—Â?‹‹•’‹”ƒ–‹ƒ‹’”‹Â?‹†‡Ž‘˜‡…‡Â?–‘ǥ…”‡nj ƒ–‹†ƒ‹Â?ƒƒÂ?œ‘‰Â?‹’‡”‹Ž‡Â?–”‘…—Ž–—”ƒŽ‡–‡ƒ–”‘…ƒÂ?—Â?‘Ǥƒ”–‡…‹’‡”ƒÂ?Â?‘ ‹Â?‘Ž–”‡ƒŽŽƒÂ•Â‡Â”ÂƒÂ–ÂƒÇŁ‹Ž‰”—’’‘Dz°Ž‡†‡”¹dz†‡ŽŽ‡†—‡’ƒ••ƒ–‡‡†‹œ‹‘Â?‹ǥ‰—‹†ƒ–‘ †ƒƒ”‹ƒ Š‡œƒȋDz°Žƒ†‡”¹ÍšÍ˜Í™ÍšČŒÇĄ‰Ž‹ƒ––‘”‹Â?”‹…‘‘Â?†‹‘Â?‹‡ƒÂ?‹‡Ž‡ÂƒÇŚ ”‹‘Ž‹‡†‹ˆ‹•ƒ”Â?‘Â?‹…‹•–‹ƒ˜‹†‡‘Â?‡Â?‹‰Š‹Â?‹‡‘”‡†ƒÂ?ƒ‘Â?‹‘––‹ǤƒÂ?‘˜‹–Â? °Žƒ’”‘’‘•–ƒ†‡ŽŽƒ–‡”œƒÂ?‘•–”ƒˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…ƒ†‡†‹…ƒ–ƒƒDz‰—ƒ”†‹‡†‘‰‰‡––‹ †‡ŽÂ’ÂƒÂ•Â•ÂƒÂ–Â‘ÇłÇĄ”‡ƒŽ‹œœƒ–ƒ†ƒŽŽ‘•–—†‹‘ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…‘‡†ƒÂ?‹ǤƒÂ?‘•–”ƒ•ƒ”Â?ÂƒÂŽÂŽÂ‡ÇŚ •–‹–ƒ’”‡••‘‹ŽƒŽƒœœ‘†‡ŽŽƒ…—Ž–—”ƒČ‹Â˜Â‹Âƒ ÂƒÂ”Â‹Â„ÂƒÂŽÂ†Â‹ČŒ‡”‹Â?ƒ””Â?ƒ’‡”–ƒ†ƒŽÍĄƒŽ͙͞ ˆ‡„„”ƒ‹‘Ǥ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í&#x;ÂˆÂ‡Â„Â„Â”ÂƒÂ‹Â‘ÇĄƒŽŽ‡Í™Í?ÇĄ’”‡••‘ÂŽÇŻÂ?–‡‡Ž‡”‹ÂŽÇŻÂ‡ÂŽÂ‡ÂœÂ‹Â‘Â?‡͚͙͛͘Ǥ

•‹Â?‡ ƒÂ?—‘˜ƒÂƒÂ‰Â”Â‹Â…Â‘ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇŁ”‹–‘”Â?‘ƒŽˆ—–—”‘

ÇŻ 

 

—‡•–‹”‹•—Ž–ƒ–‹ †‹Â?‘•–”ƒÂ?‘…Š‡ …‘Â?’‹ƒÂ?‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡ ‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡Žƒ ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡ °†‹•’‘Â?‹„‹Ž‡ annue. Utile è risultato anche l’ampliamento dell’orario di apertura della locale isola ecologica. Sembra essere questa la strada per evitare cifre negative nel bilancio di gestione della raccolta dei rifiuti: gli ultimi dati sono del 2010 e parlavano di circa 370mila euro di passivo in Valcamonica, di cui 100mila dal solo Ponte di Legno. In questo senso l’atteso aumento della tassazione circa questo ambito ci si

attende possa favorire i cittadini dei Comuni piĂš virtuosi. Per i meriti di cui si è detto, ma anche a suggellare una ventina d’anni di impegno sul fronte delle energie rinnovabili anche da parte delle amministrazioni De Toni e Branella, il Comune di Edolo è stato insignito a metĂ gennaio del premio internazionale “Un bosco per Kyoto 2013â€?, consegnato a Roma all’attuale sindaco, Vittorio Marniga. D’altra parte è dello scorso novembre l’unanime approvazione in consiglio comunale del “Piano d’Azione per l’energia sostenibileâ€? (Paes), finanziato da Fondazione Cariplo e ci si attende anche dall’Unione europea, con lo scopo di abbattere del 20% le emissioni di anidride carbonica sul territorio entro il 2020.

ÇŻÂƒÂ‰Â”Â‹Â…Â‘ÂŽÂ–Â—Â”Âƒ…‘Â?‡‡Ž‡Â?‡Â?–‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡†‡Ž’ƒ••ƒ–‘†‡ŽŽƒƒŽŽ‡ÂƒÇŚ Â?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡…‘Â?‡’‘••‹„‹Ž‡’”‘’‘•–ƒ’‡”‹Žˆ—–—”‘Ǥ—ƒÂ?–‘•—…nj …‡†‡‹Â?“—‡•–‘•‡Â?•‘‹Â?‰‹”‘’‡”ÂŽÇŻ Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇŁ•–‘”‹‡†‹’‡”•‘Â?‡ǥ‡•’‡”‹‡Â?ÂœÂ‡ÇĄ ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‹•——Â?Â?—‘˜‘Â?‘†‘†‹’”‘†—””‡…‹„‘ǥ†‹…‘Ž–‹˜ƒ”‡‡…‘Â?‘Â?Â‹ÂƒÇĄ†‹ ˜‹˜‡”‡‹Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥǯ‹Â?…‘Â?–”‘DzƒÂ?—‘˜ƒÂƒÂ‰Â”Â‹Â…Â‘ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇŁ”‹–‘”Â?‘ƒŽˆ—–—”‘Ǥ •’‡”‹‡Â?œ‡‹Â? –ƒŽ‹ƒ‡Â?‡Ž–‡””‹–‘”‹‘…ƒÂ?—Â?‘dz‹Â?‹œ‹ƒ…‘Â?—Â?ƒ’”‡•‡Â?ÇŚ –ƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‹‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹ ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…Š‡†‹Ž‡••‹‘‘Â?‡Â?‹‰Š‹Â?‹Ǥ‘’‘‹Ž•ƒŽ—–‘‹Â?‹œ‹ƒŽ‡†‹ ‹‘”‹nj Â?‘ ‡Â?‹Â?‹ǥ•‹Â?†ƒ…‘†‹•‹Â?‡ǥ‹Â?–‡”˜‡Â?‰‘Â?‘ǣ–‡ˆƒÂ?‘ ”‹•‘Ž‹ǥ’”‡•‹†‡Â?–‡ †‹‹ƒ„Č‹••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒƒ‰”‹…‘Ž–—”ƒÂ„Â‹Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…ÂƒČŒ‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ‹‡” ƒ‘Ž‘‘‰‰‹‘ǥ•–‘”‹…‘ǥƒ”…‡ŽŽ‘‘ŽƒÂ?–‹ǥ‹•’‡––‘”‡ …‡ƒ‡—Â?Â”ÂƒÂ’Â’Â”Â‡ÇŚ •‡Â?–ƒÂ?–‡†‡ŽŽƒ‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒƒŽŽ‹Â?‹–‡ÇŚ‘•–ƒ‡•…‘˜ƒ–‘Č‹ÂŽČŒÇ¤‡‰—‡‹Ž †‹„ƒ––‹–‘…‘Â?‹Ž’—„„Ž‹…‘ǤÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘°Â?‡ŽŽƒƒŽƒ’‘Ž‹ˆ—Â?œ‹‘Â?ƒŽ‡ •ƒ•‹Â?‡†‹˜‹ƒŠ‹‘•‹Í›’‡”•ƒ„ƒ–‘͙͞ˆ‡„„”ƒ‹‘†ƒŽŽ‡ÍĄƒŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘Ǥǯ‘”nj ‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡°…—”ƒ–ƒ†ƒŽ‘Â?—Â?‡†‹•‹Â?‡ǥÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ƒŽ…ƒÂ?‘nj Â?‹…ƒ‹‘‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒƒ‰”‹…‘Ž–—”ƒ„‹‘Ž‘‰‹…ƒ‘Â?„ƒ”†‹ƒǤ

     

 



$VSHWWDQGRLO6LPSRVLRGLVHWWHPEUH Il Centro camuno di studi preistorici sta giĂ pensando al Simposio che avrĂ  luogo dal 20 al 26 settembre prossimi. Emmanuel Anati ha comunicato il titolo: “L’Arte come sorgente di storiaâ€? ed ha invitato colleghi ed amici alla collaborazione. Verso gli anni Sessanta del Novecento nasce il progetto del “Valcamonica Symposiumâ€? che giunge felicemente quest’anno alla 25ÂŞ sessione. Ma tornando alla mis-

siva di Anati, in apertura ci imbattiamo in un “incipitâ€? invitante: “Il 25° Simposio di Valcamonica, che avrĂ luogo nel cuore della maggiore concentrazione d’arte rupestre d’Europa, è aperto a tutti coloro che sono interessati, cioè studiosi, ricercatori, studenti, appassionati, sia partecipanti attivi, sia uditoriâ€?. Ovviamente coloro che intendono presentare una comunicazione sono invitati a farlo, accompagnando

l’intervento con un breve sunto, entro il 16 febbraio 2013. Gli abstracts ad oggi pervenuti spaziano su varie discipline delle scienze umane e sociali dall’antropologia alla storia dell’arte, alla semiotica, alla psicologia, dalla preistoria alla storia. “Ed è proprio l’incontro – prosegue Anati – tra discipline diverse che caratterizza questo evento: un dialogo senza frontiereâ€?. Mancano ancora otto mesi e ďŹ nora gli iscritti

a presentare comunicazioni sono oltre 100 da 32 Paesi: studiosi, professori, studenti, appassionati sono potenziali ambasciatori della Valcamonica nel mondo. A conclusione del suo messaggio, Anati scrive: “Il Simposio potrebbe essere l’occasione per riunire gli enti pubblici e privati nell’impegno comune di promuovere l’immagine di questa Valle e nel favorire la cultura, la ricerca scientiďŹ ca e l’educazioneâ€?.


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

Í™Í&#x;

‘˜ƒ–‘ ƒ•–‡ŽŽ‘—‹•–‹�‹—�…‘”•‘†‹’‘–ƒ–—”ƒ Una giornata per imparare l’arte della potatura. L’inverno segna l’inizio delle operazioni di taglio e sfoltimento per favorire il corretto sviluppo di una vegetazione compatta e aiutare la crescita della pianta nel migliore dei modi. Per sapere come preparare il giardino e ottenere un’ottima ripresa primaverile e per conoscere, le tecniche corrette di potatura di rose, piante da frutto, siepi e cespugli ornamentali, l’Officina

botanica di Castello Quistini organizza per domenica 17 febbraio un corso teoricopratico con forbici in mano dedicato all’approfondimento degli interventi corretti sulle piante con prove pratiche sul campo: tecniche e regole per non sbagliare e ottenere il massimo dalle vostre piante. Il corso, rivolto ad appassionati e curiosi, sarà tenuto da Silvano Torri, vero esperto del settore e titolare dell’omonima azienda agricola

con sede a Botticino, e si svolgerà in un unico pomeriggio dalle 14 alle 18 tra i giardini e le oltre 1500 varietà di rose di una location unica: Castello Quistini, dimora storica con giardino botanico di Rovato, che per un pomeriggio offrirà ai partecipanti la possibilità di sperimentare direttamente sulle piante presenti in giardino le tecniche apprese. La potatura delle piante è un processo complesso per chi non è del mestiere. Nel corso del

pomeriggio verranno introdotti anche cenni di botanica e alcune nozioni riguardanti le concimazioni e i trattamenti fitosanitari. Per i dettagli relativi al corso e per iscriversi si può viistare il sito web di Castello Quistini www.castelloquistini. com/officinabotanica/. Castello Quistini è presente e molto attivo anche all’interno della pagina Facebook che puoi trovare a questo indirizzo: www.facebook. com/officinabotanica.brescia.

    

ƒœœƒ‰‘ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘”‡Â?‹ƒ–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ••‡”˜ƒ–‘”‹‘’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡

&RPXQHULFLFORQH

ÂŽ‘Â?—Â?‡‹Â?’”‘˜‹Â?…‹ƒ…‘Â?Žƒ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡’‹ÎƒŽ–ƒ†‹”ƒ……‘Ž–ƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–ƒ °’”‘’”‹‘ƒœœƒ‰‘ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘ǥ…Š‡‰—‹†ƒŽƒ…Žƒ••‹ˆ‹…ƒ…‘Â?‹ŽÍ&#x;Í ÇĄÍ&#x;͞Ώ    

$

nche quest’anno i Comuni serviti da Cogeme Gestioni si confermano un’eccellenza nel campo della raccolta differenziata. Va anche detto, però, che il resto della provincia si segnala per percentuali molto basse di raccolta differenziata. La recente pubblicazione del Quaderno 2012 dell’Osservatorio provinciale rifiuti ha confermato ancora una volta come il sistema di raccolta porta a porta adottato in diversi Comuni della Franciacorta e dell’Ovest bresciano si collochi oramai costantemente a livelli di assoluta eccellenza in termini di percentuali di raccolta differenziata. Basti pensare che il 1° Comune in provincia di Brescia in termini di percentuale di raccolta differenziata è Cazzago San Martino, con il 78,76%. Per queste ragioni, Cogeme Gestioni ha voluto sottolineare il costante impegno a favore dell’ambiente con un piccolo ma significativo gesto: la consegna di un Attestato a quei Comuni serviti da Cogeme Gestioni collocatisi nei primi dieci posti della classifica della Provincia di Brescia. L’evento, tenutosi presso la sede di Cogeme in via XXV aprile a Rovato, ha visto la presenza dei sindaci dei Comuni serviti da Cogeme Gestioni che si sono collocati nelle prime 10 posizioni della classifica stilata dall’Osservatorio provinciale Rifiuti. Questi i Comuni: Cazzago San Martino al 1° posto con il 78, 76%, seguono Passirano con il

ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒǤ‹‰‹Ž‹‘†‹‘Â?–‡”‘–‘Â?†‘˜—‘Ž‡”‹…‘”†ƒ”‡Žƒˆ‹‰—”ƒ†‹ †‘Â? ‰‹Â?‘‡Žƒ‹†‡ŽŽ‹Č‹Â’ƒ””‘…‘†‹‘Â?–‡”‘–‘Â?†‘†ƒŽÍ™ÍĄÍ Í?ƒŽ͙ͥͥÍ?ČŒÂ?‡ŽÍ?Í˜Îť †‡ŽŽǯ‘”†‹Â?ƒœ‹‘Â?‡•ƒ…‡”†‘–ƒŽ‡‡ƒ͙͠ƒÂ?Â?‹†ƒŽŽƒÂ?‘”–‡Ǥ ÂŽ’”‹Â?‘ƒ’’—Â?ÇŚ –ƒÂ?‡Â?–‘°•ƒ„ƒ–‘ÍĄˆ‡„„”ƒ‹‘ƒŽŽ‡͙͠Ǥ͛͘…‘Â?ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ’”‡•‹‡†—–ƒ †ƒÂ?‘Â?•Ǥ ”ƒÂ?…‡•…‘‡•…Š‹ǥ˜‡•…‘˜‘†‹‡”‰ƒÂ?‘‡ƒŽŽ‹‡˜‘†‹†‘Â? ‰‹nj Â?‘Ǥ‡‰—‡”‹Â?ˆ”‡•…‘Ǥ‡Â?‡”†¿Í™Í?ÂˆÂ‡Â„Â„Â”ÂƒÂ‹Â‘ÇĄ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄƒŽŽ‡͚͘Ǥ͜Í?Â?‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ ’”‹Â?ƒ”‹ƒDz‘Â? ‰‹Â?‘Â‡ÂŽÂƒÂ‹Â†Â‡ÂŽÂŽÂ‹Çł°‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ—Â?ƒ–ƒ˜‘Žƒ”‘–‘Â?†ƒ•— Dz‘Â? ‰‹Â?‘Â•ÂƒÂ…Â‡Â”Â†Â‘Â–Â‡ÇĄÂ‡Â†Â—Â…ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ÇĄ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡‡ƒÂ?‹…‘dzǤƒ”–‡…‹’ƒÂ?‘‹Ž ’”‘ˆǤÂ?‰‹‘Ž‹Â?‘ Â‡Â”Â”ÂƒÂ”Â‹ÇĄ‹Ž†‘––Ǥ†‘ƒ”†‘‘Ž‘Â?„‘ǥ†‘Â?‹‡‰‘ ÂƒÂ…Â…ÂŠÂ‡Â–ÇŚ –‹ǥ†‘Â?˜ƒÂ?†”‘‡ŽŽƒ‘–‡‡Ž‡ƒŽŽ‹‡˜‡†‹†‘Â? ‰‹Â?‘Ǥ‘Â? ‰‹Â?‘‡”ƒ•–ƒ–‘ ‘”†‹Â?ƒ–‘•ƒ…‡”†‘–‡ƒ”‡•…‹ƒ‹Ž͚ͥ‰‹—‰Â?‘†‡Ž͙ͥ͛͞ǥÂ?‡ŽÍ™ÍĄÍžÍœ‘––‡Â?Â?‡Žƒ Ž‹…‡Â?œƒ‹Â?–‡‘Ž‘‰‹ƒ†‘‰Â?ƒ–‹…ƒƒŽŽƒ ”‡‰‘”‹ƒÂ?ƒ‡Â?‡Ž͙ͥ͞͞ǥ’”‡••‘‹Ž‘Â?ÇŚ –‹ˆ‹…‹‘‹•–‹–—–‘„‹„Ž‹…‘ǥŽƒŽ‹…‡Â?œƒ‹Â?ƒ…”ƒ…”‹––—”ƒǤ‹‡Â?–”ƒ–‘‹Â?†‹‘…‡•‹ ‹Â?•‡‰Â?Ă–’‡”͙ͥƒÂ?Â?‹‹Â?‡Â?‹Â?ƒ”‹‘’”‹Â?ƒŽ‡––‡”ƒ–—”ƒ…Žƒ••‹…ƒ‡’‘‹–‡‘nj Ž‘‰‹ƒˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡Ǥ‹—Â?ƒ•‡Â?’Ž‹…‹–Â?•–”ƒ‘”†‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇĄ†‘Â?‡Žƒ‹†‡ŽŽ‹Šƒ ‡•‡”…‹–ƒ–‘˜‡”ƒÂ?‡Â?–‡Žǯ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â?‡—Â?ƒÂ?‹••‹‘Â?‡ǣ°•–ƒ–‘’”‘nj ˆ‡••‘”‡ƒÂ?…Š‡†‡ŽŽ‡Â?ƒ‡•–”‡†‹•…—‘ŽƒÂ?ƒ–‡”Â?ƒ’”‡••‘Ž‡ƒÂ?‘••‹ƒÂ?‡Ǥ

ƒ’”‹‘Ž‘

„ƒ�„‹�‹…‘�‡†‘�‘�‡ŽŽƒ ‹‘”�ƒ–ƒ†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ

  ÇĄ

 

ÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡ –‡ˆƒÂ?‘‘––‹”‹Â?ƒ”…ƒŽƒ Â?‡…‡••‹–Â?†‹’”‘•‡‰—‹”‡ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹Â‡Â?ÂœÂƒÇĄƒŽœƒÂ?‘Žƒ Â?‡†‹ƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡…Š‡•‹ ƒ––‡•–ƒƒŽÍœÍœÇĄÍĄÍ?ÎŹ 78,51%, Paderno Franciacorta con il 73,96%, Maclodio con il 73,80% e Castrezzato con il 73,25. Il Presidente di Cogeme Gestioni Gianluca Delbarba ha sottolineato come – dalla sua introduzione nel 2008, sino alle attuali ultime attivazioni (giugno 2012 Orzinuovi, ed il prossimo aprile Longhena) la raccolta differenziata globale “rappresenti un elemento di eccellenza a livel-

lo provinciale nel servizi di Igiene urbana. I dati di questi ultimi anni confermano come sovente i comuni che piÚ effettuano la raccolta differenziata siano serviti da Cogeme Gestioni. Il merito va anzitutto ai cittadini, che con il loro impegno effettuano quotidianamente un piccolo ma fondamentale gesto a favore dell’ ambiente�. L’assessore all’Ambiente della Provincia di Brescia, Stefano Dotti, ha sottolineato i positivi risultati raggiunti dai Comuni premiati e ha voluto rimarcare la necessità anche per il resto del territorio bresciano di proseguire lungo un cammino di una sempre miglior efficienza della raccolta differenziata, andando oltre la media provinciale del 44,95%.

     

8QGRSSLRERQXVVRFLDOH Doppio bonus sociale dal Comune di Pisogne che, con l’avvio dell’anno nuovo, ha anche aperto le domande per la partecipazione a due bandi sociali. Il primo bando è rivolto alle famiglie con almeno quattro ďŹ gli (di cui almeno un minore), residenti nei Comuni compresi nel Distretto Valle Camonica-Sebino, e prevede un beneďŹ cio annuo di 1.200 euro. Il secondo bando è indetto per l’assegnazione di un contributo diretto

‘�–‡”‘–‘�†‘ ‹…‘”†‘†‹†‘� ‰‹�‘‡Žƒ‹†‡ŽŽ‹

a favore le famiglie presso cui operano assistenti familiari regolarizzate: addette all’assistenza di soggetti affetti da particolari patologie o handicap che ne limitano l’autosufďŹ cienza. Il valore del buono qui ammonta a 200 euro mensili e verrĂ erogato per il periodo 1 gennaio-31 dicembre 2012, con riferimento però al solo periodo in cui l’assistente familiare ha prestato servizio. Tra i requisiti richiesti in questo secondo

bando, è contemplato inoltre avere un reddito familiare Isee (riferito al 2011) inferiore o uguale a 25mila euro. Per tutti gli interessati, c’è tempo ďŹ no alle ore 12 del 15 febbraio per depositare le domande, che dovranno essere compilate su appositi moduli, disponibili nell’ufďŹ cio Servizi sociali del Comune di Pisogne, dove è possibile rivolgersi anche per ricevere maggiori delucidazioni sui requisiti richiesti.

ÂŽ‡Â?–”‘†‹ƒ‹—–‘ƒŽŽƒ˜‹–ƒ†‹ƒ’”‹‘Ž‘Šƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘ŽƒÍ›Í?ÂŞ ‹‘”Â?ƒ–ƒ’‡” Žƒ˜‹–ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ›ˆ‡„„”ƒ‹‘Ǥ‘‰Â?‹ƒÂ?–ƒ‡••ƒ•‘Â?‘•–ƒ–‡’”‡•‡Â?–ƒ–‡ Ž‡ƒ––‹˜‹–Â?†‡Ž‘˜‹Â?‡Â?–‘ǥ†‡‹ƒ˜‡•‘’”ƒ––—––‘†‡Žƒ˜†‹ÂƒÂ’”‹‘Ž‘ǥ…Š‡ ‘’‡”ƒ•—Ž–‡””‹–‘”‹‘†ƒ͙͙ƒÂ?Â?‹ǥ‡†°•–ƒ–ƒÂ?—‘˜ƒÂ?‡Â?–‡’”‘’‘•–ƒŽǯ‹Â?Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇŚ –‹˜ƒ‡—”‘’‡ƒDzÂ?‘†‹Â?‘‹dz…‘Â?Žƒ”ƒ……‘Ž–ƒ†‹Â?—Â?‡”‘•‡ƒ†‡•‹‘Â?‹Ǥ‘Â?‘ •–ƒ–‡ƒÂ?…Š‡‘ˆˆ‡”–‡͘͘͞’”‹Â?—Ž‡ǥ”‡‰ƒŽƒ–‡ƒŽƒ˜†ƒ—Â?˜‹˜ƒ‹‘†‹ƒ’”‹‘Ž‘ ‡†°•–ƒ–‘†‹•–”‹„—‹–‘Â?‘Ž–‘Â?ƒ–‡”‹ƒŽ‡†‹˜—Ž‰ƒ–‹˜‘Č‹ÂżƒŽŽƒÂ‹Â–ÂƒÇĄ‘‹‰‡Â?‹nj –‘”‹‡ÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹ÇĄƒ˜‹–ƒ—Â?ƒÂ?ƒ’”‹Â?ƒÂ?Â‡Â”ÂƒÂ˜Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄÂ‡Â…Â…Ç¤ČŒÇ¤ƒ”–‹…‘Žƒ”‡•‘Ž‡Â?Â?‹–Â?° •–ƒ–ƒ†ƒ–ƒƒŽŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ†‡ŽŽ‡‘”‡Í™Í?Ç¤Í›Í˜ÇĄƒŽŽƒ“—ƒŽ‡•‘Â?‘•–ƒ–‹‹Â?˜‹–ƒ–‹ ‹„ƒÂ?„‹Â?‹Č‹Í™Í˜Í˜ČŒÂ?ƒ–‹ƒƒ’”‹‘Ž‘Â?‡Ž͚͙͚͘Ǥƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ°•–ƒ–ƒÂ?‘Ž–‘Â’ÂƒÂ”ÇŚ Â–Â‡Â…Â‹Â’ÂƒÂ–ÂƒÇĄ•‘’”ƒ––—––‘†ƒŽŽ‡‰‹‘˜ƒÂ?‹…‘’’‹‡…‘Â?‹Ž‘”‘„ƒÂ?„‹Â?‹‡†°•–ƒ–ƒ ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–ƒ†ƒ‰Ž‹ƒŽŽ‹‡˜‹‡†ƒ‰Ž‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹†‡ŽŽǯ……ƒ†‡Â?‹ƒÂ?—•‹…ƒŽ‡ †‹ÂƒÂ’”‹‘Ž‘ǥ…Š‡†ƒƒŽ…—Â?‹ƒÂ?Â?‹‘ˆˆ”‘Â?‘ŽƒŽ‘”‘’”‡œ‹‘•ƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡Ǥ –—––‹‹„ƒÂ?„‹Â?‹Â?ƒ–‹Â?‡Ž͚͙͚͘°•–ƒ–‘‘ˆˆ‡”–‘—Â?’‹……‘Ž‘”‹…‘”†‘‡—Â?ƒ’‡”nj ‰ƒÂ?‡Â?ƒ…‘Â?Žƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ†‡ŽŽǯÂ?‰‡Ž‘—•–‘†‡‘†‡ŽŽǯ˜‡ƒ”‹ƒǤŽŽƒˆ‹Â?‡ †‡ŽŽƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ”‡Ž‹‰‹‘•ƒ°•–ƒ–‘‘ˆˆ‡”–‘—Â?’‹……‘Ž‘”‹Â?ˆ”‡•…‘Ǥ


Í™Í

 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

ƒ”‡œœ‘

ÂŽ•ƒ”‡–‹Â?‘ƒ•‹Â?‹‹Â?ˆ‹Â?ƒŽ‡ƒDzƒ’”‘˜ƒ†‡Ž…—‘…‘dz Lo scorso 11 gennaio il saretino Augusto Pasini è stato in gara nella trasmissione di Antonella Clerici “La prova del cuocoâ€? e venerdĂŹ 1 febbraio si è ripetuto. Un doppio passaggio televisivo per il 28enne di Sarezzo all’interno della gara “Caccia al cuocoâ€?, vera e propria sďŹ da tra giovani cuochi alla conquista di un posto nella cucina del programma. Una sďŹ da ai fornelli che Augusto ha giĂ superato vincendo il quarto di ďŹ nale e aggiudicandosi in

quest’inizio di febbraio anche la semiďŹ nale contro il cesenate Marco Marcino. Un rotondo 3-0, segno dell’apprezzamento unanime da parte dei tre giudici per il suo “Hamburger Bresciaâ€?, delicato panino con taragnette e cetriolini. Sous chef presso la “Dispensa Pani e Viniâ€? di Torbiato di Adro, Augusto Pasini predilige una “cucina tradizionale in evoluzioneâ€? perchĂŠ – come dice lui stesso – “il compito delle nuove generazioni è quello di preservare e allo stesso tempo

dare nuova linfa alla tradizione stessaâ€?. Un modo di cucinare e di presentarsi che ha conquistato il voto dei tre esperti gastronomici della trasmissione diretta da Antonella Clerici e che gli ha cosĂŹ consentito di andare a giocarsi le proprie chance nella ďŹ nalissima di venerdĂŹ prossimo. Per il 28enne di Sarezzo la sospirata ďŹ nale per entrare in pianta stabile nel cast della “Prova del cuocoâ€? arriverĂ venerdĂŹ 8 febbraio alle 12 in punto, orario d’inizio della trasmissione

culinaria di Rai1. L’avversario sarĂ il 36enne di Bassano del Grappa Riccardo Antoniolo: il migliore entrerĂ  all’interno del parco di cuochi che ogni giorno accompagna concorrenti da tutta Italia nella preparazione di gustosi piatti in diretta tv. “Poter essere in televisione – dice Augusto Pasini – e presentare piatti della tradizione gastronomica bresciana e valtrumplina è per me un privilegio. Una grande possibilitĂ  che spero di trasformare in opportunitĂ â€?. (a.a.)

 

ƒ”†‘�‡ǤǤ’’”‘˜ƒ–‘‹Ž„‹Žƒ�…‹‘’”‡˜‡�–‹˜‘†‡ŽŽƒ‘�—�‹–��‘�–ƒ�ƒ

,OELODQFLRIDLFRQWL FRQLWDQWLWDJOL ‹Â?‡…‡••‹–Â?Â˜Â‹Â”Â–ĂŽÇ¤ ÂŽ…‘Â?–”‹„—–‘†‡ŽŽ‘–ƒ–‘•‹°”‹†‘––‘ƒÍ™Í&#x;͘Â?‹Žƒ‡—”‘‹Â?–—––‘Ǣ‰Ž‹ •–ƒÂ?œ‹ƒÂ?‡Â?–‹”‡‰‹‘Â?ƒŽ‹†ƒ“—ƒ•‹͙ǥ͛Â?‹Ž‹‘Â?‹•‘Â?‘‹Â?’”‡˜‹•‹‘Â?‡’‡”Í Í&#x;Í›Â?‹Žƒ‡—”‘  

/

’assemblea della ComunitĂ montana ha approvato il bilancio preventivo presentato dal presidente Bruno Bettinsoli. La minoranza del Pd si è astenuta dopo i no “politiciâ€? alla maggioranza Pdl-Lega, che hanno caratterizzato il 2012. “ Lo facciamo – ha detto il capogruppo sindaco di Sarezzo Massimo Ottelli – dopo aver preso atto in commissione delle difficoltĂ  oggettive nello stendere il bilancio per la continua diminuzione o venir meno di fondi regionali e statali, nella speranza anche che presto si chiarisca a livello nazionale e locale il rapporto Pdl-Legaâ€?. Lo stesso presidente Bettinsoli aveva appena definito il 2013 “... anno della veritĂ  per il futuro di un ente senza entrate proprie che attraverso i tanti servizi associati ha un suo ruolo, è giĂ  di fatto una Unione di Comuni e intende proseguire su questa stradaâ€?. Tutto evidente spulciando le entrate. Il contributo dello Stato si è ridotto a

ƒÂ?‘˜‹–Â?° ÂŽÇŻÂƒÂ?’Ž‹ƒÂ?‡Â?–‘†‹ Â‹Â˜Â‹Â–ÂƒÂ•ÇŁ‘Ž–”‡ƒŽ•‡––‘”‡ Â•Â‘Â…Â‹Â‘ÇŚÂƒÂ•Â•Â‹Â•Â–Â‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ‰‡•–‹”Â?‹Ž•‹•–‡Â?ƒ …—Ž–—”ƒŽ‡ 170mila euro in tutto: 40mila per funzioni associate, 130mila il fondo per investimenti. Gli stanziamenti regionali da quasi 1,3 milioni, sono in previsione per 873mila euro. Ăˆ costante il contributo di gestione (385mila euro) che consente un risicato funzionamento amministrativo dell’ente dove, dall’1 maggio 2010 non ci sono indennitĂ agli amministratori. Ma i trasferimenti, per esempio per servizi associati passano da 346mila a 157mila euro, e sono azzerati in alcuni settori. Ultima tegola: la Provincia ha ridotto la compartecipazione per la manutenzione della viabilitĂ  intercomunale da

140mila a 75mila euro azzerando la possibilità di nuovi interventi. Il bilancio pareggia ancora nella bella cifra di 8,6 milioni: quasi quattro riguardano trasferimenti per servizi associati, in continuo incremento, con capofila la Comunità montana: si va dai servizi sociali a quelli culturali; dalla gestione del territorio e dell’ambiente ai servizi e funzioni comunali di catasto. Al riguardo spicca l’ampliamento del ruolo di Civitas Srl: oltre all’intero settore socio-assistenziale, gestirà di fatto tutto il sistema culturale (bibliotecario, archivistico e museale) che ha risorse in bilancio per 854mila euro. Fiore all’occhiello è il sistema bibliotecario da 10 anni sempre in crescita: 23.501 iscritti attivi quasi il 20% su 122mila abitanti; 260mila prestiti. Vi si affianca positivamente il sistema archivistico. Sotto la lente il sistema museale coi suoi 10 siti sulla Via del Ferro: dal Forno Fusorio di Tavernole e miniere (con investimenti milionari dell’Agenzia Parco Minerario ora

ƒ”…Š‡�‘�ƒ‰‹‘”�ƒ–ƒ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡

/DSUHVHQ]DGHOOHVXRUH GL6DQWD'RURWHD

……ƒÂ?–‘ƒŽŽ‡‘”‘–‡‡ °…”‡•…‹—–‘—Â?‰”—’’‘ †‹—Â?ƒ“—ƒ”ƒÂ?–‹Â?ƒ †‹…‘‘’‡”ƒ–”‹…‹…Š‡ •˜‘Ž‰‘Â?‘—Â?ǯ‹Â?–‡Â?•ƒ ƒ––‹˜‹–Â?Â?‡Ž’ƒ‡•‡

Ăˆ stata una domenica speciale nella ricorrenza di S. Dorotea quella vissuta a Marcheno, dove opera una piccola comunitĂ di tre religiose: la superiora suor Veronica con suor Iole e suor Ester. I marchenesi vogliono loro bene ed attorno è cresciuto un gruppo di una quarantina di cooperatrici con le quali svolgono intensa attivitĂ  nel paese in assistenza agli anziani, con la Caritas, in tutte le iniziative parrocchiali. Il 13 aprile saranno in S. Marco a Venezia per la canonizzazione del loro fondatore don Luca Passi: hanno voluto condividere la loro gioia con tutti. Hanno addobbato la parrocchiale in modo particolare nel nome del loro futuro santo ricordando il suo motto “Ardere per accendereâ€?. Poi durante l’affollata Messa domenicale, dove

erano al posto d’onore circondate dalle Cooperatrici, il parroco don Maurizio Rinaldi ha diretto, al posto dell’omelia, un derby speciale tra due squadre di ragazzi, alunni delle elementari e medie,â€?Don Passiâ€? e “Doroteeâ€?, che si sono sfidati, due a due, in chiesa per rispondere a domande sui tempi e l’azione del religioso. Erano stati preparati dalle suore stesse durante le ore di catechismo con l’ausilio di un video sulla vita del sacerdote della antica famiglia dei conti Passi. Anche la Superiora si è cimentata sportivamente nella corsa al campanello con un adulto per rispondere al quiz. Infine hanno distribuito a tutti i presenti un piccolo libretto sulla storia del loro fondatore. Poi la foto ricordo insieme alle cooperatrici.

 

in sofferenza) al presepio Paolo VI di Concesio. Le presenze sono calate del 42% tra il 2010 (27.785) e il 2011 (16.060). Senza dimenticare, operativi nella sede di Gardone, il Polo catastale, il Geoportale, lo Sportello unico attivitĂ produttive (Suap). Questo ha siglato con la ComunitĂ  del Sebino un rilevante accordo: la sua tecnologia verrĂ  usata in modo standardizzato, creando un vero e proprio polo di servizi in un bacino di quasi 200mila abitanti suddivisi in 32 Comuni.

ƒ”‘˜‹Â?…‹ƒŠƒ ”‹†‘––‘ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄŽƒ …‘Â?’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ ’‡”ŽƒÂ?ƒÂ?—–‡Â?œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ˜‹ƒ„‹Ž‹–Â? ‹Â?–‡”…‘Â?—Â?ƒŽ‡†ƒ ͙͘͜Â?‹ŽƒƒÍ&#x;Í?Â?‹Žƒ‡—”‘


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

͙ͥ

ƒÂ? ƒ—•–‹Â?‘†‹‹‘Â?‡ ƒ–‡Žƒ”‡•–ƒ—”ƒ–ƒ†‡Ž‹–‘……Š‡––‘ VenerdĂŹ 15 febbraio, in occasione della festa patronale dei Santi Faustino e Giovita, la parrocchia di San Faustino in Bione presenta alla comunitĂ l’importante tela “L’Eterno Padre e lo Spirito Santo con i santi Francesco Regis, Fermo, Filippo Neri e Albertoâ€? del 1729 di Giacomo Ceruti detto “Il Pitocchettoâ€? che è stata restaurata da Romeo Seccamani. Il programma è il seguente: alle 19 la Messa nella parrocchiale con la presenza della Schola Cantorum parrocchiale,

alle 20 il saluto delle autorità e descrizione dell’intervento di restauro con Romeo Seccamani, alle 20.30 il rinfresco presso l’oratorio. La tela, che troverà posto nella parrocchiale dei Santi Faustino e Giovita, costituiva la pala dell’altare maggiore del Santuario della Madonna della Rupe, una chiesetta a pianta ottagonale che domina la Conca d’Oro. L’olio su tela rischiava di essere compromesso irreparabilmente. Grazie al sostegno della Provincia

e della Fondazione della comunitĂ bresciana onlus che hanno elargito rispettivamente un contributo di 6.000 euro e di 15mila euro, all’inizio del 2012 sono iniziati i lavori di restauro che hanno interessato la tela del Pitocchetto e la soasa in legno intagliata dallo scultore Marchiondo Bonomini. SarĂ  necessario reperire ancora 40mila euro per completare la sistemazione della chiesetta; per questo è stata costituita l’associazione “Amici Madonna della Rupeâ€?.

  

‘�—�‹–�†‡Ž ƒ”†ƒ—‘Ž‹‡…‘�’‡–‡�œ‡

&RRUGLQDWRUH GLXQWDYRORDPSLR —Â?ƒÂ?Â?‘†ƒŽ•—‘‹Â?•‡†‹ƒÂ?‡Â?–‘ƒ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡ŽŽƒ‘Â?—Â?‹–Â?†‡Ž ÂƒÂ”Â†ÂƒÇĄ ‹‘”‰‹‘ ƒ••‹‘Â?‡ŽŽ‹Šƒ–”ƒ……‹ƒ–‘—Â?„‹ŽƒÂ?…‹‘†‡ŽŽ‡’”‹Â?…‹’ƒŽ‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡‡ƒœ‹‘Â?‹‹Â?–”ƒ’”‡•‡    

$

un anno dal suo insediamento a presidente della ComunitĂ del Garda, Giorgio Passionelli ha tracciato un bilancio delle principali azioni intraprese. “Dal punto di vista istituzionale abbiamo puntato all’allargamento della base associativa e alla approvazione dell’accordo quadro interregionale che riconosce alla ComunitĂ  il ruolo di soggetto coordinatore in diversi settori strategiciâ€?. Tra gli altri: tutela dell’ambiente e del paesaggio, qualitĂ  delle acque, sicurezza idraulica e regolazione dei livelli, mobilitĂ , sicurezza della navigazione, tutela e valorizzazione del patrimonio storico, archeologico, artistico e culturale e predisposizione di un disegno sulla pianificazione territoriale dell’area gardesana. Attiva la partecipazione a progetti europei e nazionali, in sinergia con enti pubblici e privati. “Ricordo i progetti “Eulakesâ€? che mira a promuovere un nuovo approccio integrato per migliorare la gestione sostenibile dei laghi europei, “Life +â€? sulla tutela e la valorizzazione delle aree lacustri destinate a canneto, “Sumâ€? sulla mobilitĂ  sostenibile e il coordinamento dei lavori rivolti allo sviluppo del turismo enogastronomico, culturale, sportivo ed escursionisticoâ€?. Particolare attenzione ai temi legati all’ambiente. “Per quanto riguarda i livelli del lago, in accordo



 

Žƒ„‘”ƒ–ƒ—Â?ƒ’”‘’‘•–ƒ ’‡”—Â?ƒÂ?—‘˜ƒ‰‡•–‹‘Â?‡ †‡Ž ƒ”†ƒ’‡””‹˜‡†‡”‡ ‹Â?Â?‘†‘†‡ˆ‹Â?‹–‹˜‘Žƒ “—‡•–‹‘Â?‡†‡‹Ž‹˜‡ŽŽ‹ †‡ŽŽƒ‰‘ con l’Agenzia interregionale per il fiume Po e le Regioni interressate, è stata elaborata una proposta per una nuova gestione del Garda per rivedere in modo definitivo l’annosa questione, tutelando sia le esigenze del turismo e della navigazione, sia quelle agricole ed industriali, tenendo conto delle

problematiche riguardanti la depurazione ed il collettamentoâ€?. Altri temi riguardano la navigazione, intesa come integrazione e alternativa alla mobilitĂ su gomma (a tal proposito è stato proposto di costituire una societĂ  che gestisca, in modo autonomo e disgiunto dagli altri laghi, la navigazione pubblica) e la sicurezza, con il rinnovo e il finanziamento del servizio di Guardia Costiera e l’ottenimento del divieto di transito, per tutto l’anno, dei mezzi pesanti sulla Gardesana orientale. La ComunitĂ  del Garda ha fornito collaborazioni organizzative e patrocini per la promozione di importanti eventi culturali, che fanno da volano al comparto turistico. “Abbiamo contribuito alla riuscita di importanti manifestazioni come la Fiera di Polpenazze e quella di Puegnago, il campionato delle bisse “Bandiera del lagoâ€?, le Rassegne di Danza di Salò e il Gran GalĂ  del Garda di Gardone Riviera. Stiamo lavorando alle celebrazioni del 150° anniversario della nascita di D’Annunzio che prenderanno il via a marzo e alla realizzazione del festival “I suoni del Gardaâ€? che inizierĂ  a maggio e che, coinvolgendo il maggior numero di Comuni gardesani, mira a diventare un festival d’area di rilevanza nazionale ed internazionaleâ€?. Iniziative e azioni che ribadiscono il ruolo di confronto, di sintesi e di unitĂ  d’intenti che l’ente gardesano gioca all’interno di un’area disomogenea.

‘°‘Ž…‹ƒÂ?‘ Â?ƒ•‡”ƒ–ƒ‹Â?Â?—•‹…ƒ’‡”‹Ž†‹ƒ„‡–‡ Ž‹Â?‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡Â…Â‘Â”Â”Â‡Â–Â–ÂƒÇĄ•ƒÂ?‹•–‹Ž‹†‹˜‹–ƒ‡—Â?ƒ‰‡•–‹‘Â?‡‘…—Žƒ–ƒ†‡Ž’‡•‘ …‘”’‘”‡‘‰‹‘…ƒÂ?‘—Â?”—‘Ž‘ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡Â?‡Ž…‘Â?„ƒ––‡”‡Žǯ‹Â?•‘”‰‡Â?œƒ†‹ Â?ƒŽƒ––‹‡…”‘Â?‹…‘nj†‡‰‡Â?‡”ƒ–‹˜‡ǤÂ?ƒ†‹“—‡•–‡ǥ‹Ž†‹ƒ„‡–‡Â?‡ŽŽ‹–‘–‹’‘͚ǥ …‘Ž’‹•…‡‹ŽÍ™Í˜ÎŹ†‡ŽŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡ǤDz‡”•–‹Â?‘Žƒ”‡‹Ž…ƒÂ?„‹ƒÂ?‡Â?–‘ÇŽÂ•ÂƒÂŽÂ—Â–ÂƒÂ”Â‡ÇŻ Č‚•’‹‡‰ƒ ‡Ž‹…‡ƒÂ?‰‡”‹ǥ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡†‡ŽŽǯÂ?‹–Â?†‹‡Â?†‘…”‹Â?‘Ž‘‰‹ƒ‡ †‹ƒ„‡–‘Ž‘‰‹ƒ†‡ŽŽǯ•’‡†ƒŽ‡†‹ ƒ˜ƒ”†‘Č‚ÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡†‹ƒ„‡–‹…‹†‡ŽŽƒ ”‘˜‹Â?…‹ƒŠƒ‹Â?–”ƒ’”‡•‘—Â?ƒ•‡”‹‡†‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡‹Â?Â?Â‘Â˜ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‡ÇłÇ¤Â?ƒ†‹“—‡•–‡ °DzƒŽŽƒÂ?†‘dzǥƒ…”‘Â?‹Â?‘†‹Dz‡Â?‡ˆ‹…‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜‹–Â?Ž—†‹…ƒ•—‹Ž‹˜‡ŽŽ‹†‹ÂŽÂ…‡ ‰”ƒ••‘˜‹•…‡”ƒŽ‡Â?‡Ž†‹ƒ„‡–‡‡‘„‡•‹–Â?dzǥ—Â?‘•–—†‹‘†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‘•—ŽŽ‘•–‹Ž‡ †‹˜‹–ƒƒ––‹˜‘†‹’ƒœ‹‡Â?–‹†‹ƒ„‡–‹…‹‡‘„‡•‹ǤŽŽ‘•…‘’‘†‹’”‘Â?—‘˜‡”‡‹Ž„ƒŽŽ‘ …‘Â?‡ƒ––‹˜‹–Â?ˆ‹•‹…ƒ‡…‘Â?‡•–”—Â?‡Â?–‘†‹–‡”ƒ’‹ƒÂŽÇŻ†’„‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż ͙͚ƒŽŽƒœƒ‹•…‘†‹‘°‘Ž…‹ƒÂ?‘—Â?ƒ•‡”ƒ–ƒ†‹„‡Â?‡ˆ‹…‡Â?œƒǤ’ƒ”–‹”‡ †ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘Ž‡•…—‘Ž‡†‹„ƒŽŽ‘†‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒƒÂ?‹Â?‡”ƒÂ?Â?‘Žƒ•‡”ƒ–ƒ…‘Â? ‡•‹„‹œ‹‘Â?‹‡•’‡––ƒ…‘Ž‹†‹Ž‹•…‹‘ǥŽƒ–‹Â?‘‡†‹•…‘ǤÂ?ƒ‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡”†‹˜‡”–‹”•‹ ‡…‘‹Â?˜‘Ž‰‡”‡’‹Î’‡”•‘Â?‡Â?‡ŽŽƒ†‹ˆˆ—•‹‘Â?‡†‹•–‹Ž‹†‹˜‹–ƒ…‘””‡––‹Ǥǯ‹Â?…ƒ••‘ †‡ŽŽƒ•‡”ƒ–ƒȋ„‹‰Ž‹‡––‘†ǯ‹Â?‰”‡••‘Í Â‡Â—Â”Â‘ČŒ•ƒ”Â?‹Â?–‡”ƒÂ?‡Â?–‡†‡˜‘Ž—–‘ƒ ˆƒ˜‘”‡†‡ŽŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡†‡ŽŽǯ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡†‹ƒ„‡–‹…‹ǤČ‹Â˜Ç¤Â„Ç¤ČŒ

ƒ„ƒ–‘ÍĄˆ‡„„”ƒ‹‘ ‹ƒ•’‘Žƒ–ƒƒŽŽ‡‡”–‹…Š‡ ƒ„ƒ–‘ÍĄˆ‡„„”ƒ‹‘ƒ””‹˜ƒŽƒDzÂ‹ÂƒÂ•Â’Â‘Â’Â‡Â”Â–Â‹Â…ÂŠÂ‡ÇłÇĄŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–ƒ†ƒŽŽƒ‘Ž‹•’‘”–‹˜ƒ‡”–‹…ƒƒ••ƒ…‘Â?‹Ž‘Â?—Â?‡†‹‡”–‹…ƒŽ–ƒ ‡‡”–‹…ƒƒ••ƒǤƒ’ƒ••‡‰‰‹ƒ–ƒ’”‡Â?†‡‹Ž˜‹ƒ†ƒ˜‡Â?‘Â?‡†‹‡”–‹…ƒƒ••ƒ ‡ǥ’‡”…‘””‡Â?†‘—Â?–”ƒ……‹ƒ–‘Ž—Â?‰‘Â?‘˜‡…Š‹Ž‘Â?‡–”‹ǥ…‘Â?—Â?†‹•Ž‹˜‡ŽŽ‘†‹ Í?͘͘Â?‡–”‹Č‹Â†Â—”ƒ–ƒ…‹”…ƒ–”‡Â‘Â”Â‡ČŒˆƒ”Â?–ƒ’’ƒƒŽŽ‡Â?ƒŽ‰Š‡DzÂƒÂ”Â—ÂœÂœÂ‘ÇłČ‹‡”–‹…ƒ ÂƒÂ•Â•ÂƒČŒÇĄDzÂƒÂŽÂ•Â‘Â”Â†ÂƒÇłČ‹‡”–‹…ƒÂŽÂ–ÂƒČŒ‡Dzƒ•…‹Â?ƒÂ‘ÂˆÇłČ‹‡”–‹…ƒÂƒÂ•Â•ÂƒČŒ‹Â?…—‹…‹•‹ ’‘–”Â?–—ˆˆƒ”‡‹Â?ƒ••ƒ‰‰‹‰ƒ•–”‘Â?‘Â?‹…‹Ǥ ÂŽ”‹–”‘˜‘°ˆ‹••ƒ–‘ƒŽŽ‡͙͞Ǥ͛͘’”‡••‘ ‹Ž…ƒÂ?’‘•’‘”–‹˜‘†‹˜‡Â?‘Â?‡ǥ†ƒ†‘˜‡‹Â?†—‡‰”—’’‹•…ƒ‰Ž‹‘Â?ÂƒÂ–Â‹ÇĄƒŽŽ‡Í™Í ‡ ƒŽŽ‡͙͠Ǥ͙Í?’”‡Â?†‡”Â?‹Ž˜‹ƒŽƒ…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ–ƒ‰ƒ•–”‘Â?‘Â?‹…ƒǤ


  œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

/$92&( '(/ 3232/2   ÇĄ Č?ǤȎ ÇĄ   Ǥ

,/9$1*(/2 '(//$'20(1,&$

Colti di sorpresa  

 

9'20(1,&$'(/7(03225',1$5,2 '$/9$1*(/26(&21'2/8&$ 

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, GesĂš, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. SalĂŹ in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca. Quando ebbe ďŹ nito di parlare, disse a Simone: “Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pescaâ€?. Simone rispose: “Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le retiâ€?. Fecero cosĂŹ e presero una quantitĂ enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche ďŹ no a farle quasi affondare. Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di GesĂš, dicendo: “Signore, allontĂ nati da me, perchĂŠ sono un peccatoreâ€?. Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; cosĂŹ pure Giacomo e Giovanni, ďŹ gli di Zebedèo, che erano soci di Simone. GesĂš disse a Simone: “Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uominiâ€?. E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto (...).

,

mprovviso. Scommetto che Pietro e gli altri pescatori non avevano ascoltato una sola parola di quello che GesĂš aveva detto. Erano indaffarati nelle loro cose, presi dal pensiero di non aver pescato niente. Cose concrete rispetto alle parole del profeta di Galilea. CosĂŹ come incomprensibile doveva essere per loro quell’accalcarsi di gente solo per ascoltarlo. Improvviso l’invito: non a scostare le barche perchĂŠ potesse predicare, ma a gettare le reti, di nuovo, e fuori orario per la pesca. Ăˆ un azzardo che Pietro accetta, forse giĂ affascinato da GesĂš, o forse solo orgoglioso per averlo ospitato, lui, un pescatore qualunque che prende sulla sua barca un personaggio cosĂŹ famoso. Non ha ancora ascoltato niente di quello che GesĂš ha detto, ma accetta. Si fida. Ecco l’altra faccia dell’improvviso di Dio: la fiducia dell’uomo. E il modo di Dio per farsi capire è parlare la lingua dell’uomo. Non in generale, ma di ciascuno a suo modo. Quei pescatori non stavano ascoltando, ma

il fatto concreto di una pesca fuori misura li tocca, come loro toccano i pesci e trascinano le reti che quasi si spezzano. Non serve aver ascoltato per accorgersi che qualcosa succede. L’improvviso di Dio ha un’altra faccia ancora per gli uomini: lo stupore. E ci si può fermare qui. Si può constatare che qualcosa succede e che è fuori dalla nostra portata. Lo stupore è solo la soglia ma non è ancora il passaggio per arrivare all’improvviso di Dio. Anzi non si deve attraversare nessun passaggio: perchĂŠ è Dio che passa, è Lui che attraversa quella soglia: per primo si abbassa al nostro linguaggio di cose e poi si lascia accettare. Pietro lo capisce e quella concretezza del profeta di Galilea (che lui credeva di non aver bisogno di ascoltare) capisce da dove viene, capisce che non è solo pesce; che invece è il modo che ha usato Dio per parlargli. Per questo dice ‘sono peccatore’, che non ha senso davanti a una pesca eccezionale: la pesca per Pietro è il discorso, è la parola, è l’annuncio. Pietro sente quello che non ha ascoltato. Quello per cui si

è fidato all’inizio è il modo con il quale Dio gli ha parlato, l’unico modo che era disponibile ad ascoltare. Questa è l’altra faccia ancora, l’ultima dell’uomo rispetto all’improvviso di Dio: è l’improvviso dell’uomo, la folgorazione, il coraggio di fare quello che non si farebbe in una vita. Ăˆ subito. Non un momento dopo, non una considerazione dopo. Ăˆ subito. Come fa Pietro e gli altri. E non per il pesce pescato ma per l’improvviso aprirsi davanti a loro del futuro di Dio che chiama pescatori i pescatori anche se ne cambia in profonditĂ il senso. Sono ancora loro e non sono piĂš loro. CosĂŹ come una pesca non è piĂš una pesca ma il modo con il quale Dio è diventato improvviso e futuro per quei pescatori. Sono loro e non lo sono piĂš, cosĂŹ come le cose che accadono fin dall’inizio, come una nuova creazione, come nel momento d’inizio nel quale Dio dava il nome alle cose. E cosĂŹ è sempre: quando l’improvviso di Dio cambia il senso di quello che accade e con esso cambia l’esistenza di chi lo vede. Cosa che diventa Parola.

   

 ǥ Ǥ

,OSDVVDJJLR Storiella popolare: un fiume di persone si dirige verso un monte portando una pesante croce. Ciascuno la sua. Alcuni si fermano per riposare, poi riprendono il cammino. Tutti vanno verso la Terra Promessa, ma intanto il cammino per arrivarci è faticoso. Per ritrovare le forze si incoraggiano a vicenda, cantano e pregano. I piĂš forti aiutano i piĂš deboli, ma tutti, grandi e piccoli, giovani e vecchi, uomini e donne avanzano insieme, ognuno con la sua croce. Solo alcuni si fermano, parlano tra loro e ad un certo punto esplodono in una risata “Eureka!â€?. Hanno escogitato uno stratagemma per poter avanzare fino alla cima senza faticare piĂš di tanto, anzi senza faticare per niente. Prendono la croce piĂš grande e pesante

e la dividono in tante parti in modo che ciascuno di loro ne porti un pezzetto. Poi quasi danzando riprendono il cammino sbeffeggiando gli altri. Giungono tutti alla cima. Si trovano davanti ad uno stretto e profondo precipizio. Non si può scavalcare saltando perchÊ non è abbastanza stretto e nemmeno possono attraversarlo col loro moncherino di legno in mano. Gli altri invece, seppur sfiniti dalla fatica, appoggiano la loro croce tra una sponda e l’altra del precipizio e vi camminano sopra come se la croce fosse un ponte, un passaggio. La storia ci è stata raccontata da alcuni amici che ospitavamo a pranzo. L’hanno raccontata alludendo al fatto che la loro giovinezza non è stata facile, l’umile origine della famiglia,

la guerra, il dopoguerra, gli studi, gli anni di lavoro, i lutti, ma oggi hanno anche tante soddisfazioni: i figli, i nipoti, la casa‌ ognuno comunque con la sua croce fatta di tante piccole croci. La fede li ha aiutati a portarla e a capire che il senso della vita sta tutto in questa fatica e che senza fatica non si costruisce nulla. Non penso che la storiella voglia dirci che la nostra croce è la garanzia per il passaggio all’Aldilà , per questo basta la Croce di Cristo. Certo quella Terra Promessa vuole simboleggiare l’età adulta, la maturità, chi non vuole fare la fatica di crescere ne rimane al di qua, pensa di divertirsi ma si taglia fuori dalla vita, quella vera. Questa è stata l’esperienza dei miei genitori e l’educazione che ho ricevuto.


ƒ‘…‡†‡Ž‘’‘Ž‘Ǧ‡––‹ƒƒŽ‡†‹‘…‡•ƒ‘†ƒŽ͙͛͠͡Ǧ ‡†‡ǡŽ‡ƒŽ–ǡ…‘”ƒ‰‰‹‘ǦǤ͘͞Ǧ”‡•…‹ƒǡ͟ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘Ǧ‘…‡”‹…‘”†‘͘͞

͚͙‰‹—‰‘ ƒ’‹‡–‘‡ƒ••ƒ••‹‹‘†‡Ž†‡’—–ƒ–‘ ‹ƒ…‘‘ƒ––‡‘––‹ǡ•‡‰”‡–ƒ”‹‘’‘Ž‹–‹…‘ †‡Žƒ”–‹–‘‘…‹ƒŽ‹•–ƒ‹–ƒ”‹‘Ǥ‘‘”‹’‘”–ƒ–‡ƒŽ…—‡˜‹‘Ž‡œ‡ˆƒ•…‹•–‡ƒ˜˜‡—–‡ ‡Ž”‡•…‹ƒ‘ȋƒƒœœƒ‰‘ƒƒ”–‹‘ǡƒƒ”‘‡‡ƒ”ƒ‰‘‡ŽŽƒȌǤƒ‡‘‡••ƒ †ǯ –ƒŽ‹ƒ•‹’”‡’ƒ”ƒƒˆ‡•–‡‰‰‹ƒ”‡‹Ž͟͝냐‹˜‡”•ƒ”‹‘†‡ŽŽ‡‹‡…‹ ‹‘”ƒ–‡ǡƒŽŽƒ ’”‡•‡œƒ†‡Ž’”‹…‹’‡‡”‡†‹–ƒ”‹‘„‡”–‘†‹ƒ˜‘‹ƒǤ‘•Ǥ‰‹•–‘‡Ž…Š‹‘”‹ǡ ƒ„ƒ–‡†‹‘–‡˜‹…‘ǡ…‘•ƒ…”ƒ–‘˜‡•…‘˜‘†‹‘ŽƒǤƒŽ…‹‘ǣ‹Ž”‡•…‹ƒǡ ‹…ƒ•ƒǡ•…‘ˆ‹‰‰‡‹Ž‹˜‘”‘ǤŽƒ‰Ž‹ˆ‹…‹‘ ‘”ƒ”‹ƬǤ•‹’‘••‘‘–”‘˜ƒ”‡…ƒŽœ‡ǡ ƒ‰Ž‹‡”‹‡ǡ…ƒ‹…‡”‹‡ǡ…”ƒ˜ƒ––‡ǡ…‘ŽŽ‹ǡ‰—ƒ–‹ǡ…ƒ‹…‡––‡•‡–ƒ—Ž–‹‡‘˜‹–Ǥ

/$92&('(/3232/2


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

͚͛

‘––‘‹Ž‘Â?–‡Č‹‡”‰ƒÂ?Â‘ČŒ Ž–”‡͘͘͜Â?‹Žƒ’‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹ƒ––‡•‹Â?‡Ž’ƒ‡•‡Â?ƒ–ƒŽ‡†‹ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹

Oltre 400mila pellegrini sono attesi quest’anno a Sotto il Monte (nella foto), paese natale di Giovanni XXIII, in occasione dei 50 anni della morte del pontefice bergamasco avvenuta il 3 giugno 1963. Saranno numerose le iniziative organizzate nel corso dell’anno. Per esempio, il 12 e 13 aprile, un convegno internazionale su Giovanni XXIII e Paolo VI. Ci saranno poi un percorso mariano, un nuovo sito internet e un video, mentre sono in corso di completamento la nuova

Casa del pellegrino e il giardino della pace. Mons. Alberto Carrara, delegato vescovile per la cultura e le comunicazioni sociali della diocesi di Bergamo, ha parlato di Giovanni XXIII come di “un testimone credibile del Novecento, un uomo di Chiesa�. Ha sottolineato la caratteristica “autenticamente popolare� dei pellegrini di Sotto il Monte, un “paese santuario, dove incontrare Giovanni XXIII nel suo ambiente natale�. Sono circa 4000 ogni domenica i pellegrini che si

recano in visita a Sotto il Monte: circa 100mila l’anno. La diocesi di Bergamo e l’associazione “Papa Giovanni Sotto il Monte Giovanni XXIIIâ€? ha pensato alla costruzione di una “Casa del pellegrinoâ€?, una struttura di accoglienza, gestita da volontari dell’Associazione. “Il nostro obiettivo – ha spiegato don Claudio Dolcini, parroco di Sotto il Monte – è di favorire non un semplice turismo religioso, ma una vera e propria esperienza di pellegrinaggioâ€?.

 





‹‘”�ƒ–ƒ�‘�†‹ƒŽ‡†‡Ž�ƒŽƒ–‘‘�‡�‹…ƒ͙͘ˆ‡„„”ƒ‹‘

6XOO¡HVHPSLRSRVLWLYR GHO%XRQ6DPDULWDQR ‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͘ÂˆÂ‡Â„Â„Â”ÂƒÂ‹Â‘ÇĄ͚͔͘ ‹‘”Â?ƒ–ƒÂ?‘Â?†‹ƒŽ‡†‡ŽÂ?ÂƒÂŽÂƒÂ–Â‘ÇĄÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘’‡”Žƒ•ƒŽ—–‡•‹”‹–”‘˜ƒÂ?‡ŽŽƒƒ•‹Ž‹…ƒ †‹ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ†‡ŽŽ‡ ”ƒœ‹‡’‡”Žƒ”‡…‹–ƒ†‡Ž‘•ƒ”‹‘ƒŽŽ‡Í™Í?Ǥ͛͘‡ŽƒǤ‡••ƒ’‘Â?–‹ˆ‹…ƒŽ‡ƒŽŽ‡͙͞   

,

l “dono delle indulgenzeâ€? a quanti, “veramente pentiti e stimolati dalla caritĂ , sull’esempio del Buon Samaritano, con spirito di fede e con animo misericordioso, pongano se stessi a servizio dei fratelli sofferenti e, se a loro volta malati, sopportino i dolori e le avversitĂ  della vita, innalzando con umile fiducia l’anima a Dio e offrendo aperta testimonianza di fede attraverso la via del Vangelo della sofferenzaâ€?. A concederlo è il Papa, in occasione della Giornata mondiale del malato sul tema: “Va’ e anche tu fa’ lo stessoâ€? (Lc 10,37). L’esempio additato da Benedetto XVI è quello del Buon Samaritano, che insegna a “fare del bene a chi soffre e fare del bene con la propria sofferenzaâ€?, come si legge nella Salvifici doloris. Benedetto XVI concede l’indulgenza plenaria a quei fedeli che, “con animo veramente pentito e contritoâ€?, dal 7 all’11 febbraio parteciperanno “devotamente a una cerimonia celebrata per impetrare da Dio i propositi della Giornata mondiale del malato e reciteranno il Padre Nostro, il Credo e una pia invocazione alla Beata Vergine Mariaâ€?. Indulgenza plenaria anche ai fedeli che “negli ospedali pubblici o in qualsiasi casa privata assistono caritatevolmente, come il Buon Samaritano, gli ammalati e, a motivo del loro servizio, non pos-

‡Â?‡†‡––‘ …‘Â?…‡†‡ Žǯ‹Â?†—Ž‰‡Â?œƒ’Ž‡Â?ƒ”‹ƒ ƒÂ?…Š‡ƒ‹ˆ‡†‡Ž‹…Š‡Â?‡‰Ž‹ ‘•’‡†ƒŽ‹‘‹Â?“—ƒŽ•‹ƒ•‹ …ƒ•ƒ’”‹˜ƒ–ƒƒ••‹•–‘Â?‘ ‰Ž‹ƒÂ?Â?ƒŽƒ–‹ sono partecipare alle funzioniâ€?, se in quei giorni “presteranno generosamente almeno per qualche ora la loro caritatevole assistenza come se lo facessero allo stesso Cristo Signoreâ€?. I fedeli, infine, che “per malattia, per etĂ avanzata o per al-

tra simile ragione, sono impediti dal prendere parte alla cerimoniaâ€?, otterranno l’indulgenza plenaria purchĂŠ, “avendo l’animo distaccato da qualsiasi peccato e proponendosi di adempiere non appena possibile le solite condizioni, partecipino spiritualmente alle sacre funzioniâ€?, attraverso la tv e la radio, offrendo a Dio “le loro sofferenze fisiche e spiritualiâ€?. Indulgenza “parzialeâ€?, invece, “a tutti i fedeli ogniqualvolta rivolgeranno a Dio misericordioso, con cuore contritoâ€?, nei giorni della Giornata, “devote preghiere in aiuto degli infermi nello spirito del cor-

rente Anno della fedeâ€?. “La salute è il bene piĂš prezioso che l’uomo possa avere ed in questo giorno non può essere disatteso il pensiero anche nei riguardi di coloro che portano nel loro corpo i segni di una grande sofferenza psico-fisicaâ€?. Lo scrive in una nota Franco Previte, presidente dell’associazione “Cristiani per Servireâ€?, richiamando l’“intuizioneâ€? del beato Giovanni Paolo II, che ha istituito questa Giornata, il presidente cita figure quali San Camillo de Lellis, San Vincenzo de’ Paoli, San Giovanni di Dio, che dettero vita a famiglie religiose dedite agli infermi.

 

´/D%LEELDGHOO¡RUJDQR¾ La Bibbia è sempre stato il soggetto di molte opere e progetti d’arte. Un’iniziativa unica in questo senso è in fase di preparazione nella Repubblica ceca su proposta dell’organista della chiesa di San Maurizio a Olomouc, Karel Martínek, che ha composto una serie di improvvisazioni musicali ispirate ad alcuni capitoli del testo biblico. Ha iniziato il lavoro all’inizio dell’Avvento 2012 e i primi brani sono già stati

pubblicati sul sito www.karelmartinek.sk. Ogni giorno l’organista compone un brano strumentale improvvisato e attualmente sta lavorando al libro della Genesi. “A poco a poco mi piacerebbe mettere in musica tutti i 1.189 capitoli della Bibbia, un progetto che dovrebbe durare circa tre anni�, dice il compositore. “A volte l’ispirazione arriva facilmente, ma alcuni testi mistici richiedono un approccio e

un’attenzione particolari. Il lungo elenco dei nomi nell’albero genealogico della famiglia di Abramo, ho cercato di immaginarlo come un motivo del tempo che passaâ€?, precisa MartĂ­nek. Il titolo del progetto originale di Karel MartĂ­nek è “La Bibbia dell’organoâ€? e l’autore spera nella possibilitĂ di presentare le sue opere anche nelle chiese del suo Paese nativo e all’estero.

—ƒ”‡•‹Â?ƒ ”‡†‡”‡ Â?‡ŽŽƒ…ƒ”‹–Â? DzƒŽ˜‘Ž–ƒ•‹–‡Â?†‡ƒ …‹”…‘•…”‹˜‡”‡‹Ž–‡”Â?‹Â?‡ …ƒ”‹–Â?ƒŽŽƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?‘ƒŽ •‡Â?’Ž‹…‡ƒ‹—–‘—Â?ƒÂ?‹–ƒ”‹‘Ǥ1 ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ”‹…‘”†ƒ”‡ …Š‡Â?ƒ••‹Â?ƒ‘’‡”ƒ†‹…ƒ”‹–Â? °’”‘’”‹‘ÂŽÇŻÂ‡Â˜ÂƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡ǥ ‘••‹ƒ‹Žǎ•‡”˜‹œ‹‘†‡ŽŽƒÂƒÂ”Â‘ÂŽÂƒÇŻÇ¤ ‘Â?Â˜ÇŻÂ°ƒœ‹‘Â?‡’‹Î„‡Â?Â‡ÂˆÂ‹Â…ÂƒÇĄ ‡“—‹Â?†‹Â…ÂƒÂ”Â‹Â–ÂƒÂ–Â‡Â˜Â‘ÂŽÂ‡ÇĄ˜‡”•‘‹Ž ’”‘••‹Â?‘…Š‡•’‡œœƒ”‡‹Ž’ƒÂ?‡ †‡ŽŽƒƒ”‘Žƒ†‹‹‘ǥ”‡Â?†‡”Ž‘ ’ƒ”–‡…‹’‡†‡ŽŽƒ—‘Â?ƒ‘–‹œ‹ƒ †‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘ǥ‹Â?–”‘†—”Ž‘ Â?‡Ž”ƒ’’‘”–‘…‘Â?‹‘ǣ ÂŽÇŻÂ‡Â˜ÂƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡°Žƒ’‹ÎƒŽ–ƒ ‡‹Â?–‡‰”ƒŽ‡’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ’‡”•‘Â?ƒ—Â?ƒÂ?ÂƒÇłÇĄŽ‘ƒˆˆ‡”Â?ƒ ‡Â?‡†‡––‘ Â?‡ŽÂ?‡••ƒ‰‰‹‘ ’‡”Žƒ—ƒ”‡•‹Â?ƒ͚͙͛͘•—Ž–‡Â?ƒ Dz”‡†‡”‡Â?‡ŽŽƒ…ƒ”‹–Â?•—•…‹–ƒ …ƒ”‹–Â?ÇŚÇŽ„„‹ƒÂ?‘…‘Â?‘•…‹—–‘ ‡…”‡†—–‘ÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡…Š‡‹‘Šƒ ‹Â?Â?‘‹ǯČ‹Í™ ˜ÍœÇĄÍ™ÍžČŒÇłÇ¤ ÂŽ”ƒ’’‘”–‘ Ç˛ÂˆÂ‡Â†Â‡ÇŚÂ…ÂƒÂ”Â‹Â–Â?Çł˜‹‡Â?‡•˜‹Ž—’’ƒ–‘ †ƒŽƒ’ƒ•——Â?†—’Ž‹…‡ „‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇŁ‹Ž’”‹Â?‘ǥ–‡‘Ž‘‰‹…‘ǥ Â?‡Ž“—ƒŽ‡ƒÂ?ƒŽ‹œœƒ…‘Â?‡Žƒ ˆ‡†‡…‘•–‹–—‹•…ƒDz—Â?ƒ”‹•’‘•–ƒ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡†‹‹‘dz‡Žƒ…ƒ”‹–Â?ÇĄƒ •—ƒÂ˜Â‘ÂŽÂ–ÂƒÇĄ—Â?ƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?…”‡–ƒ†‡ŽŽƒÇ˛Â˜Â‹Â–ƒÂ?‡ŽŽƒ ÂˆÂ‡Â†Â‡ÇłÇ¤‹Ž•‡…‘Â?†‘ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ’‹Î ’”ƒ–‹…‘‡†‡•’‡”‹‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?‡Ž “—ƒŽ‡‹Ž…”‡†‡Â?–‡°…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ Â?Â‘Â•Â–Â”ÂƒÂ”Â‡ÇĄ–”ƒÂ?‹–‡Ž‡Dz…‘Â?…”‡–‡ ‘’‡”‡†‹…ƒ”‹–Â?dzǥ“—ƒÂ?–‘Žƒ •—ƒ˜‹–ƒ•‹ƒ…ƒÂ?„‹ƒ–ƒ†‘’‘ ƒ˜‡”•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ–‘Ç˛ÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡ †‹‹‘dzǤDzŽŽǯ‹Â?‹œ‹‘†‡ŽŽǯ‡••‡”‡ …”‹•–‹ƒÂ?‘Č‚•…”‹˜‡‹Žƒ’ƒČ‚Â?‘Â? …ǯ°—Â?ƒ†‡…‹•‹‘Â?‡‡–‹…ƒ‘—Â?ƒ ‰”ƒÂ?†‡Â‹Â†Â‡ÂƒÇĄ„‡Â?•¿Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘ …‘Â?—Â?ƒ˜˜‡Â?‹Â?‡Â?–‘ǥ…‘Â?—Â?ƒ ‡”•‘Â?ÂƒÇĄ…Š‡†Â?ƒŽŽƒ˜‹–ƒ—Â? Â?—‘˜‘‘”‹œœ‘Â?–‡‡…‘Â?…‹ÖŽƒ †‹”‡œ‹‘Â?‡†‡…‹•‹˜ƒǤǤǤ‹……‘Â?‡ ‹‘…‹ŠƒƒÂ?ƒ–‹’‡”’”‹Â?‘ǥ ÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡ƒ†‡••‘Â?‘Â?°’‹Î•‘Ž‘ —Â?ǎ…‘Â?ƒÂ?†ƒÂ?‡Â?–‘ǯǥÂ?ƒ°Žƒ ”‹•’‘•–ƒƒŽ†‘Â?‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡ǥ…‘Ž “—ƒŽ‡‹‘…‹˜‹‡Â?‡‹Â?…‘Â?–”‘dzǤ ƒˆ‡†‡Dz…‘•–‹–—‹•…‡“—‡ŽŽƒ ’‡”•‘Â?ƒŽ‡ƒ†‡•‹‘Â?‡ƒŽŽƒ ”‹˜‡Žƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡‰”ƒ–—‹–‘ …Š‡‹‘Šƒ’‡”Â?‘‹dzǤ


͚͜

 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

‰‡Â?†ƒ †‡Ž‡•…‘˜‘ VenerdĂŹ 8 febbraio Ore 21 - Brescia Incontro di preghiera per i giovani presso la Basilica delle Grazie. Sabato 9 febbraio Pellegrinaggio per le parrocchie presso il santuario di Nostra Signora di Lourdes a Verona. Ore 17 - Mompiano Visita alla sede dell’associazione Bimbo chima Bimbo. Domenica 10 febbraio Ore 16 - Brescia - Santa Messa in

occasione della Giornata del malato presso la Basilica delle Grazie. LunedÏ 11 febbraio Ore 9.30 - Bienno - Incontro con i sacerdoti sul Vangelo di Luca presso l’Eremo. MartedÏ 12 febbraio Ore 17 - Brescia - Intervento sul tema della responsabilità presso la sede dell’Università Statale a S. Faustino. MercoledÏ 13 febbraio Ore 18.30 - Brescia - Santa Messa delle Ceneri in Cattedrale. Il 14, 15 e 16 febbraio il Vescovo partecipa alla visita ad limina apostolorum a Roma.

ƒÂ?…‡ŽŽ‡”‹ƒ ƒ–‡”‹˜‹Â?ƒ‡ ”ƒ–‹ƒ‡ ‘Â?‹Â?‡‡’”‘˜˜‡†‹Â?‡Â?–‹ ÂŽ…ƒÂ?Â?‹Â?‘Â?‡ŽŽ—––‘ La Cancelleria della Curia diocesana comunica i seguenti provvedimenti: Il sac. don Paolo Morbio, vicario parrocchiale di Nozza e Vestone, è stato nominato vicario parrocchiale anche di Lavenone.

Il Centro di spiritualitĂ Mater Divinae Gratiae di via S. Emiliano 30 organizza percorsi di vita attraverso la morte. Il 23 e il 24 febbraio (dalle ore 9 del sabato alle 18 della domenica) si tiene il percorso “Il cammino nel lutto: rielaborare per tornare a vivereâ€?. Per partecipare a questo seminario devono essere trascorsi almeno sei mesi dalla morte di un familiare. L’esperienza è guidata da padre Peter Gruber, francescano cappuccino.

   ”‡•…‹ƒƒ…ƒÂ?’ƒ‰Â?ƒDzÂ?‘†‹Â?‘‹dz

/¡LQQHJDELOH GLULWWRDOODYLWD ‹‘…‡•‹ǥ‘˜‹Â?‡Â?–‘’‡”ŽƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇĄ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡…‹‡Â?œƒĆŹÂ‹Â–ÂƒÇĄ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Â?‡†‹…‹ …ƒ––‘Ž‹…‹‡ ‘”—Â?†‡ŽŽ‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹ˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‹†‡ŽŽƒ‘Â?„ƒ”†‹ƒŠƒÂ?Â?‘’”‘Â?‘••‘—Â? ‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‡‹Â?…‘Â?–”‘Â?‡ŽŽƒ•‡”ƒ–ƒ†‹Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙͛‰‡Â?Â?ƒ‹‘’”‡••‘‹Žƒ‘Ž‘

  

1

el dicembre 2009 entrava ufficialmente in vigore il Trattato di Lisbona. Circa due anni piĂš tardi divenne operativo l’articolo 11 dello stesso che prevede la nascita dell’Iniziativa europea, un nuovo strumento di democrazia diretta attraverso il quale si riconosce ai cittadini europei la possibilitĂ di unirsi per chiedere che si legiferi su una specifica materia ritenuta di grande importanza. Un atto, dunque, che dĂ  ai cittadini la possibilitĂ  di far sentire la propria voce e farsi a loro modo protagonisti delle azioni portate avanti dall’Unione europea in un contesto decisamente piĂš democratico rispetto al passato. Tenendo dunque conto di questa nuova e importante possibilitĂ , i movimenti Pro-Life europei hanno promosso l’iniziativa “Uno di noi – One of Usâ€? attraverso la quale desiderano chiedere all’Ue di riconoscere il diritto alla vita anche al bimbo concepito

ƒ”Ž‘ƒ•‹Â?‹ǣ DzÇŻ—”‘’ƒ†‹†‘Â?ƒÂ?‹ °Â?‡ŽŽ‡˜‘•–”‡Â?ƒÂ?‹Ǥ ƒ˜‘”ƒ–‡’‡” ”‡•–‹–—‹”Ž‡Žƒ•—ƒ˜‡”ƒ †‹‰Â?‹–Â?Çł e non ancora nato. Anche il Movimento per la vita italiano partecipa all’iniziativa in accordo con quanto affermato da Benedetto XVI che ha ricordato ai cristiani come la questione sociale oggi piĂš che mai è una questione antropologica e che dunque ognuno di noi è chiamato a riconoscere la vera natura dell’uomo. Per spiegare il valore di tale azione, la diocesi, Movimento per la vita, Associazione Scienza & Vita, Associazione medici cattolici e Forum delle associazioni familiari della Lombardia hanno promosso un interessante incontro. A prende-

re la parola, l’onorevole Carlo Casini, presidente nazionale del Mpv, introdotto dal prof. Massimo Gandolfini, vicepresidente di Scienza & Vita a cui è andato il compito di riassumere quanto accaduto alla Legge 40 dal 2005 a oggi. Nel giugno 2005, infatti, si votò per un referendum abrogativo della stessa Legge, che era stata promulgata nel febbraio dell’anno precedente e che fin dalla sua nascita venne messa al centro di numerose polemiche in quanto poneva in sÊ una serie di limiti alla procreazione assistita e alla ricerca sperimentale su embrioni. I referendum non raggiunsero il quorum, ma il primo aprile 2009, la Corte costituzionale italiana, con la sentenza n° 151 dichiarò parzialmente illegittimi i commi 2 e 3 dell’articolo 14 della legge 40, togliendo di fatto il limite dei tre embrioni fecondabili; dal 2009 a oggi, in seguito alla 151, il numero di embrioni congelato si è piÚ che raddoppiato, passando da

/,',2/$020%(//, 256, 1H GDQQR LO WULVWH DQQXQFLR 5RVDQQD 7L]LDQR &KLDUD H *LXOLD 8Q SDUWLFRODUH ULQJUD]LDPHQWR DOGRWW3DROR(UEDFKHO¡KDVHJXLWDFRQDIIHWWR 6L ULQJUD]LD OD GLULJHQWH H WXWWR LO SHUVRQDOH GHOOD &DVDGL5LSRVR&RPLQL

6,/9$1$&$55$¡ 'LDQQL 5HVWHUDLVHPSUHQHLQRVWULFXRUL

)5$1&(6&2&$&&$*1, 'LDQQL 1HGDQQRLOWULVWHDQQXQFLRODPRJOLH0DULD OHĂ€JOLH$QJHOD3DRODH&KLDUDHLQLSRWL

 

7337 a oltre 16280. “Con Uno di noi, vorremmo costringere l’Europa allo sguardo, perseguire la salvezza di ogni bambino, invertire l’attuale tendenza e creare maggiore unitĂ â€? ha affermato Casini durante il suo intervento per spiegare il progetto. “Non vi spaventi la difficoltĂ  del compito, non vi freni l’essere minoranza... L’Europa di domani è nelle vostre mani. Lavorate per restituirle la sua vera dignitĂ : essere luogo dove la persona, ogni persona, è affermata nella sua incomparabile dignitĂ â€? disse il beato Giovanni Pao-

lo II. Il tutto nella certezza che ogni bambino, sin dal suo concepimento, è veramente “Uno di noiâ€?.

‡ŽŽƒ…‡”–‡œœƒ…Š‡ ‘‰Â?‹„ƒÂ?„‹Â?‘•‹Â?†ƒŽ •—‘…‘Â?’‹Â?‡Â?–‘° ˜‡”ƒÂ?‡Â?–‡DzÂ?‘†‹‘‹dz …‘Â?‡”‡…‹–ƒŽ‘•Ž‘‰ƒÂ? †‡ŽŽƒ…ƒÂ?’ƒ‰Â?ƒ



‡Â?‡”†¿Í ‡’ƒ”‘Ž‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—Â?…‹‘

ƒ�…‡ŽŽ‡”‹ƒ ‘–‹ˆ‹…ƒ•—ŽŽ‡”‡Ž‹“—‹‡ †‹’ƒ’ƒƒ‘Ž‘

ƒ––‡†”ƒŽ‡ ͙͞’ƒ��‡ŽŽ‹ •—Žƒ–‹…ƒ�‘

‡Â?‡”†¿Í ˆ‡„„”ƒ‹‘ÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ ’‡”Žƒ…ƒ–‡…Š‡•‹‘”‰ƒÂ?‹œœƒ —Â?ƒ•‡”ƒ–ƒ…‘Â?Â?œ‘‹‡Â?Â?‹ǥ ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡ŽŽǯ“—‹’‡‡—”‘’‡ƒ †‡‹…ƒ–‡…Š‡–‹•—Ž–‡Â?ƒDz‡’ƒ”‘Ž‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—Â?…‹‘ǣƒ”‘Žƒ†‹‹‘‡ …ƒ–‡…Š‹•Â?‘Â?‡ŽŽƒ–”ƒ•Â?‹••‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒÂˆÂ‡Â†Â‡ÇłÇ¤ÇŻÂƒÂ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ǥ‹Â? ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘ƒŽ‡Â?–”‘ ’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘ ÇĄ°ƒ’‡”–‘ ƒ–—––‹ǥ‹Â?Â?‘†‘’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ƒ‹ Â•ÂƒÂ…Â‡Â”Â†Â‘Â–Â‹ÇĄƒ‰Ž‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹†‹ ”‡Ž‹‰‹‘Â?‡‡ƒ‰Ž‹‡†—…ƒ–‘”‹Â?‡ŽŽƒ ˆ‡†‡Ǥ ”ƒ–‡ŽÂ?œ‘‹‡Â?Â?‹° —Â?”‡Ž‹‰‹‘•‘ƒ’’ƒ”–‡Â?‡Â?–‡ƒŽŽƒ ‘Â?‰”‡‰ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ˆ”ƒ–‡ŽŽ‹ †‡ŽŽƒƒ…”ƒ ƒÂ?‹‰Ž‹ƒǤ”ƒŽ‡ •—‡’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‹ǥ•‹”‹…‘”†ƒDz ÂŽ •‡…‘Â?†‘ƒÂ?Â?—Â?…‹‘Ǥƒ‰”ƒœ‹ƒ†‹ ”‹…‘Â?‹Â?Â…Â‹ÂƒÂ”Â‡ÇłÇ¤

‹’‘”–‹ƒÂ?‘—Â?ƒÂ?‘–‹ˆ‹…ƒ†‡ŽŽƒ ƒÂ?…‡ŽŽ‡”‹ƒˆ‹”Â?ƒ–ƒ†ƒÂ?‘Â?•Ǥƒ”…‘ ÂŽÂ„ÂƒÇĄ…ƒÂ?…‡ŽŽ‹‡”‡†‹‘…‡•ƒÂ?‘ǤDzƒ ƒÂ?…‡ŽŽ‡”‹ƒ†‡ŽŽƒ…—”‹ƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ÂƒÇĄ •—Â?ƒÂ?†ƒ–‘†‹•—ƒ‡……‡ŽŽ‡Â?œƒ Â?‘Â?•Ǥ—…‹ƒÂ?‘‘Â?ÂƒÂ”Â‹ÇĄ˜‡•…‘˜‘ †‹”‡•…‹ƒ‡ÇŽÂƒÂ––‘”‡ǯ†‡ŽŽƒ…ƒ—•ƒ†‹ ‡ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž˜‡Â?‡”ƒ„‹Ž‡’ƒ’ƒ ƒ‘Ž‘ ÇĄ†ǯ‹Â?–‡•ƒ…‘Â?‹Ž’‘•–—Žƒ–‘”‡ †‡ŽŽƒ•—††‡––ƒÂƒÂ—Â•ÂƒÇĄ‹Ž”‡˜‡”‡Â?†‘ ’ƒ†”‡Â?–‘Â?‹‘ƒ””ƒœœ‘Â?‘–‹ˆ‹…ƒ…Š‡ Žƒ†‹ˆˆ—•‹‘Â?‡†‹’”‡•—Â?–‡”‡Ž‹“—‹‡†‡Ž ˜‡Â?‡”ƒ„‹Ž‡’ƒ’ƒƒ‘Ž‘ •‡Â?œƒŽƒ Â?‡…‡••ƒ”‹ƒƒ—–‡Â?–‹…ƒ†ƒ’ƒ”–‡†‡ŽŽƒ ‘•–—Žƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ…ƒ—•ƒ°†ƒ”‹–‡Â?‡”•‹ Â?‘Â?ƒ—–‘”‹œœƒ–ƒ‡‹ŽŽ‡…‹–ƒǤƒÂ?–‘•‹ …‘Â?—Â?‹…ƒ’‡”‘’’‘”–—Â?ƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ ‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ƒ‹ˆ‡†‡Ž‹‡ƒ“—ƒÂ?–‹ ’‘••‘Â?‘‡••‡”‡‹Â?“—ƒŽ…Š‡Â?‘†‘ ‹Â?–‡”‡••ƒ–‹ƒŽŽƒÂ?ƒ–‡”‹ƒ‹Â?‘‰‰‡––‘dzǤ

ƒƒ––‡†”ƒŽ‡‘•’‹–ƒŽƒÂ?‘•–”ƒ Dz ÂŽǎ‰”ƒÂ?†‡†‘Â?‘ǯ†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ ƒŽŽƒÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇŁ͙ͥ͞Í?ÇŚÍšÍ˜Í˜Í?‹Ž‘Â?…‹Ž‹‘ †ƒ˜ƒÂ?–‹ƒÂ?‘‹dzǤ‡ƒŽ‹œœƒ–ƒ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻœ‹‘Â?‡…ƒ––‘Ž‹…ƒÂ?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ °•–ƒ–ƒ’‘”–ƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻœ‹‘Â?‡ …ƒ––‘Ž‹…ƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒƒÂ?…Š‡ƒ ”‡•…‹ƒ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â? Žƒ†‹‘…‡•‹ǤÇŻÂ‡Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ǥ…Š‡° •–ƒ–ƒ…‘ŽŽ‘…ƒ–ƒ•‹Â?„‘Ž‹…ƒÂ?‡Â?–‡ ƒ……ƒÂ?–‘ƒŽÂ?‘Â?—Â?‡Â?–‘†‡†‹…ƒ–‘ ƒƒ‘Ž‘ ÇĄ•‹‹Â?•‡”‹•…‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?’‹‘ …ƒŽ‡Â?†ƒ”‹‘†‡ŽŽ‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹ ’‡”Ž‡ˆ‡•–‡’ƒ–”‘Â?ƒŽ‹†‡‹ƒÂ?–‹ ƒ—•–‹Â?‘‡ ‹‘˜‹–ƒǤƒÂ?‘•–”ƒ ”ƒ……‘Â?–ƒ‹’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹‡‹Â?–”‘†—…‡ ƒ‹‘…—Â?‡Â?–‹‡ƒŽŽ‡‘•–‹–—œ‹‘Â?‹ ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‹Ǥ‹’—Ö˜‹•‹–ƒ”‡ˆ‹Â?‘ ƒŽ͙ͥˆ‡„„”ƒ‹‘•‡…‘Â?†‘‰Ž‹‘”ƒ”‹†‹ ƒ’‡”–—”ƒ†‡Ž—‘Â?‘Ǥ


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

‡‰—‡†ƒ’ƒ‰Ǥ͙

‹‘‹ƒ†ǯ‡••‡”•‡…‘Â?†‹ Ăˆ ben chiaro, allora, che nessuno di noi umani può dirsi “Martaâ€? senza essere “Mariaâ€?, se cosĂŹ fosse cadremmo in due estremi l’uno da robot multiuso, l’altro da meccanismo fuori uso per il non uso! In noi vivono e convivono le due dimensioni che “devono coesistere e integrarsiâ€?. Ricordandoci sempre che noi siamo “secondiâ€?, anche se vorremmo sempre e comunque essere “primiâ€?, l’errore di prospettiva può dimostrarsi

ÍšÍ?

Â?—‘Â?‘†ƒŽ͙͛ —ƒ”‡•‹Â?ƒŽ‹͚͙͛͘ una tentazione continua, una sfida che logora, da cui bisogna uscire come dal risucchio di una sabbia mobile con un colpo deciso di tallone: “La prioritĂ spetta sempre al rapporto con Dio e la vera condivisione evangelica deve radicarsi nella fedeâ€?. Allora saremo veramente “secondiâ€? perchĂŠ le nostre opere di caritĂ , pur essendo nostre, le percepiremo non come “frutto principalmente dello sforzo umanoâ€?, in cui il

nostro ego si troverebbe solo lusingato ma ancora chiuso in se stesso, “ma nascono dalla stessa fede, sgorgano dalla Grazia che Dio offre in abbondanzaâ€?. Egli “primoâ€?, noi “secondiâ€?. “PrioritĂ della fede, primato della caritĂ â€?: abbiamo salito il Monte e lo abbiamo ridisceso, i passi sono i nostri passi, contati sul sentiero ma il cuore dov’è? Dov’è tutta l’adesione della persona? Si concentra in un grido che accogliamo

come dono: “AbbĂ ! Padreâ€?, cui rispondiamo, offrendo il nostro (secondo!) dono: “Maranatha!â€?. “Infondendo in noi la caritĂ , lo Spirito Santo ci rende partecipi della dedizione propria di GesĂš: filiale verso Dio e fraterna verso ogni uomoâ€?. Ancora una volta non è architettura pensata e studiata in proprio dalla persona, dalla societĂ , è ben altro: è sigillo del battesimo, è ardore dell’eucaristia. (Cristiana Dobner)

“Le ďŹ gure veterotestamentarie del Cristoâ€? è il tema delle meditazioni scelto dalla Compagnia dei custodi delle Sante Croci per i Quaresimali 2013 in Duomo. Si inizia mercoledĂŹ 13 alle 18.30 con la meditazione di Monari su “Mi alzerò e andrò da mio padreâ€?. Il secondo incontro, sempre con Monari, è il 22 febbraio alle 20.30 su “Geremia, il profeta osteggiatoâ€?. Le altre serate vedono la presenza di Brunetto Salvarani, padre Giovanni Cavalcoli, don Flavio Dalla Vecchia e Andrea Tornielli.

 

—ƒ”‡•‹�ƒ ’”‘‰‡––‹†‡ŽŽƒ—ƒ”‡•‹�ƒ�‹••‹‘�ƒ”‹ƒ

9RFD]LRQHPLVVLRQDULD GHOODWHUUDEUHVFLDQD ––‘†‡•–‹Â?ƒ–ƒ”‹†‹˜‡”•‹’‡””‹„ƒ†‹”‡ƒÂ?…‘”ƒ—Â?ƒ˜‘Ž–ƒŽǯ‹Â?’‡‰Â?‘ƒÍ›ÍžÍ˜Îť†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘’‡”Ž‡Â?‹••‹‘Â?‹ǣ•‹˜ƒ †ƒŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ…‘•–”—œ‹‘Â?‡†‹•…—‘Ž‡‡•’ƒœ‹†‹ƒ……‘‰Ž‹‡Â?ÂœÂƒÇĄ’ƒ••ƒÂ?†‘’‡”Žǯ‹Â?˜‹‘†‹Dz‘…‡dz‡†‹Dz‹”‡Â?Â„ÂƒÇł    

2

tto progetti di fraternitĂ per la Quaresima missionaria. Il primo parte da lontano, dall’iniziativa della diocesi che nel lontano 1964 scelse di costruire l’ospedale di Kiremba in Burundi come dono per l’elezione al soglio pontificio di Paolo VI. Oggi l’ospedale offre servizi primari e vitali a migliaia di persone del nord del Paese. Il secondo progetto che prevede l’invio del settimanale diocesano e di “Kirembaâ€? ai missionari sparsi per il mondo. Spesso ricevere e tenersi aggiornati sulle notizie lontane diventa un modo per rafforzare la comunione con la Chiesa di origine. Il terzo progetto vuole sostenere i missionari laici, che con la loro vita esprimono una vocazione: vi sono famiglie intere che prestano servizio in missione. Gli ambiti di interesse sono molti: sanitario, educativo, formativo in campo agricolo e professionale. Attualmente sono 11 i missionari laici che operano in Brasile, Burundi, Uganda, Tanzania, Venezuela, Togo e Burkina Faso. La diocesi di Palmares in Brasile è la destinataria del quarto progetto: l’Ufficio per le missioni sostiene un seminarista della diocesi in ricordo di don Luigino Plebani: il vescovo di Palmares, mons. Genival Saraiva de França, ha avuto l’idea di istituire una borsa di studio per un seminarista maggiore o un sacerdote in formazione. L’interessato è padre

   

‘Â?•‘Ž‘‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ Â?ÂƒÂ–Â‡Â”Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇŁ‹Â?…”ƒ‹Â?ƒ ŽƒÂ?‡…‡••‹–Â?†‹…”‡ƒ”‡ —Â?‰”—’’‘…Š‡’‘••ƒ •‡Â?•‹„‹Ž‹œœƒ”‡Ž‡†‘Â?Â?‡ •—Ž–‡Â?ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„‘”–‘ Josè Fabricio Rodrigues dos Santos Cabral, che sta frequentando a Roma l’UniversitĂ gregoriana per specializzarsi in Teologia spirituale. Il quinto progetto vuole aiutare, su segnalazione di don Mario Neva, la diocesi di Bo-

hicon in Benin per il Centro culturale e di formazione. Il Centro è giĂ stato messo in funzione con segreteria, aula informatica, aula audiovisivi, biblioteca, ristorante e accoglienza; da ottobre a maggio organizza la scuola di formazione per laici e religiosi. Servono 10mila euro per lanciare il centro a pieno ritmo. Dal Togo (Africa occidentale) arriva la richiesta di Federica, Patrizia e Maristella che hanno formato una nuova comunitĂ  missionaria chiamata “Cuori Grandiâ€?. Il loro sogno è quello di creare una cittĂ  dei ragazzi con oratorio, scuole, famiglia e ospedale per i malati. Il primo obiet-

tivo è quello di costruire una scuola che raccolga i piccoli per la materna e un primo gruppo per le elementari. Il gruppo Est-portiamo nei suoi viaggi frequenti in Ucraina è stato coinvolto dal Vescovo della diocesi latino-cattolica di Mukachevo per un’iniziativa importante: fondare un gruppo che che possa sensibilizzare le donne sul tema dell’aborto (Il 90% delle donne ha abortito). Padre Alessandro Facchini e padre Marco Ferrucci si sono, invece, impegnati per la costruzione di una casa di accoglienza intitolata a Madre Teresa con una mensa per i piÚ poveri sulle Ande peruviane.

 

/¡HVHPSLRGHOODIHGHGL6LPHRQH “Quando ero giovane e ho deciso di diventare prete, avevo il desiderio di tutti i giovani: fare qualcosa di bello, vivere per ciò che c’è di piĂš grande e santo – per Dio – spendere la vita perchĂŠ altri potessero credere all’amore di Dio e potessero sentire la sicurezza che ne proviene. Sembrava la primavera della Chiesa e del mondo, tempo di entusiasmi e di slanci, di speranze infinite e di inizi sempre nuoviâ€?. Il vescovo Monari nell’omelia per la Gior-

nata della vita consacrata ha aperto il suo cuore. Monari ha sottolineato che guarda Simeone con invidia, perchĂŠ lui ha potuto vedere il compimento di ciò per cui era vissuto, il Messia di Dio, mentre noi invece “abbiamo talvolta l’impressione di vedere il tramonto e non l’alba, di sentire la stanchezza e non l’energia giovanile. Le vocazioni che diminuiscono ci danno un senso di malinconia, come se l’ideale che abbiamo accarezzato, che sap-

piamo essere un ideale potente, fosse però diventato fuori moda, incapace di parlare agli orecchi del mondoâ€?. Ma che cosa ha visto Simeone? Un bambino, un bambino di poche settimane con i suoi genitori religiosi e poveri. Nient’altro. “Il resto, la salvezza, tutto rimaneva per lui collocato nel futuro. Ebbene, noi abbiamo visto di piĂš: abbiamo visto quel bambino crescere nella pratica umile di un mestiere, nel contesto semplice di una famiglia,

lo abbiamo ascoltato annunciare con convinzione la vicinanza del Regno di Dio, abbiamo gustato le sue parole come un cibo nutriente, abbiamo ammirato i suoi miracoli come lampi di bene, abbiamo ricevuto da lui il pane della vita e il sangue dell’alleanza. Potremmo desiderare qualcos’altro? In fondo, nella dimensione misteriosa del sacramento, abbiamo ricevuto tutta la grazia di Dio, senza diminuzione, Cristo�.

—••‹†‹‘

ÂŽ•‡‰Â?‘ †‡ŽŽƒ•ƒŽ˜‡œœƒ ÇŻˆˆ‹…‹‘’‡”Ž‡Â?‹••‹‘Â?‹‡ ÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘’‡”‰Ž‹‘”ƒ–‘”‹‡‹ ‰‹‘˜ƒÂ?‹ŠƒÂ?‡••‘ƒ’—Â?–‘ǥ …‘Â?Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‹ –—––‹‰Ž‹ •–‹–—–‹Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹ …Š‡’”‡•‡Â?–‹ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ‹Ž •—••‹†‹‘†‹’”‡‰Š‹‡”ƒDz ÂŽ •‡‰Â?‘†‡ŽŽƒÂ•ÂƒÂŽÂ˜Â‡ÂœÂœÂƒÇł’‡” ‹Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘“—ƒ”‡•‹Â?ƒŽ‡Ǥ —‘Ž‡‘ˆˆ”‹”‡—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡ “—‘–‹†‹ƒÂ?ƒ†‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡ ‡’”‡‰Š‹‡”ƒƒ’ƒ”–‹”‡ †ƒŽŽƒƒ”‘Žƒ†‹‹‘‡†ƒŽŽ‡ –‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œ‡”ƒ……‘Ž–‡†ƒ‹ Â?‘•–”‹Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹Ǥ––”ƒ˜‡”•‘ ‹”ƒ……‘Â?–‹•‹’‘••‘Â?‘ Ž‡‰‰‡”‡‹•‡‰Â?‹ȋ†‹ÂˆÂ‹Â†Â—Â…Â‹ÂƒÇĄ†‹ …ƒÂ?„‹ƒÂ?‡Â?–‘ǥ†‹Â‰Â‹Â—Â•Â–Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇĄ †‹Â?Â‹Â•Â‡Â”Â‹Â…Â‘Â”Â†Â‹ÂƒÇĄ†‹•’‡”ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ †‹Â•ÂƒÂŽÂ˜Â‡ÂœÂœÂƒČŒÇŁŽƒÂ?‘•–”ƒ ’”‡‰Š‹‡”ƒ†‹˜‡Â?–ƒƒœ‹‘Â?‡ Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘‡Žƒ•…‹ƒ—Â?ƒ –”ƒ……‹ƒ˜‹•‹„‹Ž‡Â?‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ ˜‹–ƒ‡‹Â?“—‡ŽŽƒ†‡‹ˆ”ƒ–‡ŽŽ‹Ǥ

ÂŽ•‡‰Â?‘˜‹•‹„‹Ž‡°’”‘’”‹‘ Žƒ…”‘…‡ǣŽƒ—ƒ”‡•‹Â?ƒ…‹ ƒ‹—–ƒƒÂ?‡––‡”ŽƒƒŽ…‡Â?–”‘ †‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ˜‹–ƒǤ ÂŽ•—••‹†‹‘° •–”—––—”ƒ–‘‹Â?“—‡•–‘Â?‘†‘ǣ —Â?„”ƒÂ?‘†‡ŽŽƒƒ”‘Žƒ†‹ ‹‘ǥ—Â?…‘Â?Â?‡Â?–‘‡—Â?ƒ –‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?ÂœÂƒÇ˘‘‰Â?‹‰‹‘”Â?ƒ–ƒ ’‘”–ƒ…‘Â?•¹ǥ†‘’‘ƒ˜‡” ”‡…‹–ƒ–‘‹Ž•ƒŽÂ?‘ǥƒÂ?…Š‡—Â? ‹Â?’‡‰Â?‘†ƒ’”‡Â?†‡”‡Ǥƒ …‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡°ƒˆˆ‹†ƒ–ƒƒŽ ˜‡”„‘†‡ŽŽƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ…Š‡ ƒ‹—–ƒƒˆƒ””‹•—‘Â?ƒ”‡Â?‡Ž …—‘”‡Žƒ’”‡‰Š‹‡”ƒˆƒ––ƒ ‹Â?•‹‡Â?‡ǤŠ‹ƒ”ƒÂ?‡Â?–‡ ‹Ž–‡•–‘°‹†‡ƒŽ‡’‡”Žƒ ’”‡‰Š‹‡”ƒ‹Â?ˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄÂ?ƒ ƒÂ?…Š‡’‡”Žƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡ ’‡”•‘Â?ƒŽ‡Ǥ ÂŽ–‡Â?–ƒ–‹˜‘° ƒÂ?…Š‡“—‡ŽŽ‘†‹•…‘’”‹”‡ ‹‰‡•–‹†‹ƒ……‘‰Ž‹‡Â?œƒ‡†‹ ƒÂ?‘”‡ǥƒ˜‘Ž–‡Â?ƒ•…‘•–‹†ƒŽŽƒ “—‘–‹†‹ƒÂ?‹–Â?ǤÂŽÇŻÂ?Â?‘†‡ŽŽƒ ˆ‡†‡’—Ö‡••‡”‡—Â?ǯ—Ž–‡”‹‘”‡ ‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡””‹ˆŽ‡––‡”‡‹Â? ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ•—‹ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–‹ †‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒˆ‹†—…‹ƒ‹Â? ‡•Î ”‹•–‘Ǥ ÂŽ–‡•–‘‘•’‹–ƒƒÂ?…Š‡ —Â?‘•…Š‡Â?ƒ’‡”Žƒ‹ƒ”—…‹•Ǥ


͚͞

 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

‡�–”‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘

‹‘”�ƒ–ƒ†‹•’‹”‹–—ƒŽ‹–�†‡‹…ƒ–‡…—�‡�‹ƒ†—Ž–‹

ƒŽ—Â?‡†¿ÍšÍ? ‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘

�’‡‰�‘•‘…‹ƒŽ‡ ‡”•‘Ž‡‡Ž‡œ‹‘�‹

Domenica 17 febbraio 2013, prima domenica di Quaresima, si tiene presso il Centro Paolo VI la Giornata di spiritualità diocesana deicatecumeni adulti (dalle ore 15.30 alle ore 17.30) e in Cattedrale il Rito della elezione dei candidati a ricevere i sacramenti dell’iniziazione cristiana (ore 18.30). La giornata di domenica 17 febbraio si svolgerà nel seguente modo: 15.30–17.30: preghiera, riflessione e confronto per

LunedÏ 25 febbraio parte il pellegrinaggio diocesano (tre giorni in pullman), presieduto da mons. Monari, per sacerdoti, religiosi e diaconi nelle Marche con le mete di Loreto, Fonte Avellana e Tolentino. Fra gli incontri previsti, c’è la visita all’abbazia cistercense di Chiaravalle di Fiastra, fondata nel 1142 da un piccolo gruppo di monaci provenienti dall’abbazia di Milano. La quota di partecipazione è di 390 euro. Informazioni allo 0302895311.

Sul sito della diocesi (www. diocesi.brescia.it) è consultabile il documento dell’Ufficio diocesno per l’impegno sociale in vista delle elezioni. Il documento ha come titolo “In cammino verso il futuro tra riflessioni e proposteâ€?. Può essere uno strumento utile per l’approfondimento all’interno delle comunitĂ parrocchiali. Ci attendono vari appuntamenti elettorali, ciascuno dei quali, di per sĂŠ, si carica di aspettative e speranze di rinnovamento.

tutti i catecumeni; ore 17.30: si fermano solo i catecumeni ammessi al Rito della Elezione; ore 18.30, rito della elezione in Cattedrale col vescovo Luciano. Per il Rito della Elezione è necessaria la presenza del padrino/madrina. Chi desidera concelebrare al Rito è pregato di comunicarlo al numero 0303722 245. Le prossime Giornate di spiritualità dei catecumeni saranno: domenica 24 marzo e domenica 5 maggio.

     

Ž�‡•‡†‹ˆ‡„„”ƒ‹‘

Ž‹ƒ’’—�–ƒ�‡�–‹ ‡‰Ž‹‡•‡”…‹œ‹

‹ŽŽƒƒ…‡‘�…Ž—•ƒŽƒ•‡…‘�†ƒ‡†‹œ‹‘�‡

/DVFXRODGHO&RQFLOLR   



$

50 anni di distanza il Concilio Vaticano II è ancora oggetto di molte interpretazioni e riflessioni. Si è conclusa il 19 gennaio scorso la scuola di Concilio di Villa Pace. L’iniziativa, giunta al secondo anno, è stata promossa dall’Azione cattolica bresciana e dall’Ufficio diocesano per gli organismi di comunione, in collaborazione con la Scuola di teologia per laici e l’Ufficio diocesano scuola. Il percorso di approfondimento sui documenti conciliari si articola in un biennio e quest’anno è terminato il secondo anno. Mentre nel primo è stata offerta una conoscenza di base delle quattro costituzioni conciliari, ai partecipanti del secondo anno, quasi una sessantina, è stata data la possibilità di affrontare altri documenti, forse meno conosciuti, ma non per questo meno significativi come le dichiarazioni Nostra Aetate e Dignitatis Humanae oppure i decreti Ad Gentes, Apostolicam Actuositatem e Unitatis Redintegratio. Il calendario prevedeva otto incontri su altrettanti documenti, con la presentazione di un documento in un primo momento e con la riflessione sulla recezione a 50 anni in un secondo momento. Se il primo incontro era dunque

Ǥ



ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ°•–ƒ–ƒ ’”‘Â?‘••ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻœ‹‘Â?‡ …ƒ––‘Ž‹…ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒ‡ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘ ’‡”‰Ž‹‘”‰ƒÂ?‹•Â?‹ †‹…‘Â?—Â?‹‘Â?‡

finalizzato ad una conoscenza almeno embrionale dei testi – che va pur detto non si presentano di facile lettura – il secondo incontro ha invece permesso di vedere come la lezione del Concilio sia passata nella vita della Chiesa. Questo momento di verifica ha consentito anche di valutare come a volte il cammino da fare per attuare il Concilio sia ancora ben lungo. L’avvio della scuola nell’ottobre 2012 ha

visto un incontro con un testimone diretto del Concilio, mons. Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea e a suo tempo giovane padre conciliare a fianco del card. Lercaro. La sua testimonianza appassionata e lucida ha fatto veramente percepire come il Vaticano II sia stato un momento di grazia per la vita della Chiesa, consentendole di compiere quel “balzo in avantiâ€? auspicato da papa Giovanni. Un momento di verifica condotto tra i partecipanti alla scuola alla fine del cammino, specialmente tra quanti hanno seguito l’intero biennio, ha permesso di mettere a fuoco i numerosi aspetti positivi dell’iniziativa insieme a qualche correttivo in vista del cammino futuro. Vista poi la volontĂ dei partecipanti di proseguire anche per il prossimo anno, si è pensato di attivare anche un terzo momento di carattere “monograficoâ€? dedicato ad un documento conciliare con un particolare approfondimento del testo e con l’accostamento delle tematiche che toccano l’attualitĂ  ecclesiale, un’attualitĂ  che ha senz’altro le sue radici profonde nel Concilio Vaticano II. Solo con lo studio approfondito dei testi si riesce a percepire l’importanza e l’attualitĂ  di un evento che ha cambiato la storia della Chiesa.

ƒ„ƒ–‘ÍĄÇŁ‘”‡ÍĄÇĄ”‹–‹”‘’‡” ”‡Ž‹‰‹‘•‡‡…‘Â?•ƒ…”ƒ–‡Ǥ ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í˜ÇŁ‘”‡ÍĄÇ¤Í›Í˜ÇĄ”‹–‹”‘ ’‡”‰Ž‹ƒÂ?Â?ƒŽƒ–‹‡‰Ž‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹Ǣ ‘”‡͙͞Ǥ͛͘‡••ƒ…‘Â?Žƒ „‡Â?‡†‹œ‹‘Â?‹†‡ŽŽ‡Â?‡Ž‡ǥÂ?‡ŽŽƒ ˆ‡•–ƒ†‹ƒÂ?–ƒ‘”‘–‡ƒǤ —Â?‡†¿͙͙ǥ‹Ž‡•…‘˜‘‹Â?…‘Â?–”ƒ‹ •ƒ…‡”†‘–‹•—ŽƒÂ?‰‡Ž‘†‹Â—Â…ÂƒÇĄ ‘”‡ÍĄÇ¤Í›Í˜Ç˘‘”‡͚͘‘Â?•‹‰Ž‹‘ ’ƒ•–‘”ƒŽ‡†‡ŽŽƒ͚ª œ‘Â?ƒǤ ‡”…‘Ž‡†¿͙͛ǥ‘”‡ÍžƒŽ ‘Â?ÂƒÂ•Â–Â‡Â”Â‘ÇĄˆˆ‹…‹‘†‡ŽŽ‡ Ž‡––—”‡ǥ†‡ŽŽ‡Ž‘†‹‡†‡ŽŽƒ Â‡Â•Â•ÂƒÇ˘‘”‡ÍšÍ˜ÇĄ‹Â?…‘Â?–”‘†‹ •’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?’‡”‰Ž‹ƒ†—Ž–‹Ǥ

Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍ™ÍœÇŁ‘”‡ÍšÍ˜ÇĄ‰”—’’‘ Dz ÂƒÂŽÂ‹ÂŽÂ‡ÂƒÇłÇ¤‡Â?‡”†¿Í™Í?ÇŁ ‡•–ƒ ƒ–”‘Â?ƒŽ‡Ǥƒ„ƒ–‘͙͞ǥ‘”‡ Í™ÍžÇ¤Í›Í˜ÇĄ‡••ƒ’‡”‹Ç˛ÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹‹Â? …‹‡Ž‘dzǢ‘”‡͚͘Ǥ͛͘ˆˆ‹…‹‘†‡ŽŽ‡ Ž‡––—”‡Ǥ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í&#x;ÇĄ‘”‡͙͞Ǥ͛͘ ‡••ƒǤ‡”…‘Ž‡†¿ÍšÍ˜ÇĄ‘”‡͞ǥ ƒŽ‘Â?ÂƒÂ•Â–Â‡Â”Â‘ÇĄ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘†‡ŽŽ‡Ž‡––—”‡‡†‡ŽŽƒ ‡••ƒ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒ†‘Â? ‡”‰‹‘‘Â?–‡••‹Ǥ Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͚͙ǥ ‘”‡ͥǤ͙Í?ÇĄ”‹–‹”‘’‡”‹•ƒ…‡”†‘–‹Ǥ ‡Â?‡”†¿͚͚ǥ‹Â?…‘Â?–”‘DzÂ?‘†‹ Â?‘‹dz…‘Â?ƒ••‹Â?‘ ƒÂ?†‘Žˆ‹Â?‹ǥ ‘”‡͚͘Ǥ͛͘Ǥƒ„ƒ–‘͚͛ǥ‹Â?‹œ‹‘†‡Ž …‘”•‘’‡”ˆ‹†ƒÂ?ÂœÂƒÂ–Â‹ÇĄ‘”‡ÍšÍ˜Ç˘‘”‡ ͚͘Ǥ͛͘ˆˆ‹…‹‘†‡ŽŽ‡Ž‡––—”‡ƒŽ ‘Â?ƒ•–‡”‘Ǥ‘Â?‡Â?‹…ƒÍšÍœÇĄ‘”‡ ͙͞Ǥ͛͘‡••ƒ“—ƒ”‡•‹Â?ƒŽ‡Ǥ ‡”…‘Ž‡†¿ÍšÍ&#x;ÇĄ‘”‡͞ǥƒŽ ‘Â?ÂƒÂ•Â–Â‡Â”Â‘ÇĄˆˆ‹…‹‘†‡ŽŽ‡ Ž‡––—”‡ǥ†‡ŽŽ‡Ž‘†‹‡†‡ŽŽƒ‡••ƒ ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒ†‘Â?‹‡–”‘ ƒ”œƒÂ?‹Ǣ‘”‡ÍĄÇĄ”‹–‹”‘’‡”Ž‡ †‘Â?Â?‡Ǥ Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍšÍ ÇĄ‘”‡͙͘Ǥ͙Í? ƒ…Č‹Â?‹‘Â?‡ƒ’‘•–‘Ž‹…ƒ†‡Ž Â…ÂŽÂ‡Â”Â‘ČŒÇ¤

,15,&25'2

$1*(/$%25*+,1, YHG%2120,1,

0DLROLQL$OELQR 0RQWDQDUL'LQR =DQL0DXUR)HUHQFLFK

  

*DERVVL*LXVHSSH )RUHVWL*URXS *DVSDULQL*0HUFXULR

  

%UHVFLD


 Í&#x;ˆ‡„„”ƒ‹‘͚͙͛͘

ÍšÍ&#x;

ÂŽÍšˆ‡„„”ƒ‹‘•…‘”•‘ …Ž‹„”‡•…‹ƒÂ?‡‹Â?…‘Â?‰”‡••‘•–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹‘ A distanza di un anno dal 24° Congresso provinciale, i delegati dei 72 circoli Acli si sono nuovamente riuniti presso l’istituto Artigianelli nella mattinata di sabato 2 febbraio. Il punto principale all’ordine del giorno era l’approvazione del nuovo statuto delle Acli provinciali di Brescia, in linea con il nuovo statuto adottato da tutta l’associazione. Inoltre è stato avviato l’iter per la costituzione di una fondazione che tuteli il

patrimonio delle Acli bresciane. La mattinata è stata anche l’occasione per una riessione sull’attuale situazione politica, in vista delle imminenti elezioni regionali e politiche. L’intervento centrale (introdotto dalla relazione del presidente provinciale Roberto Rossini, nella foto) è stato afďŹ dato a Filippo Pizzolato, che ha invitato tutti a leggere queste elezioni in un quadro piĂš ampio, cioè quello europeo. Purtroppo la nostra classe politica fatica

ancora molto a concepirsi in un contesto europeo, e le elezioni per il parlamento europeo vengono considerate una sorta di veriďŹ ca di “metĂ mandatoâ€?. Oltre a Pizzolato anche il presidente Rossini e i delegati intervenuti hanno evidenziato come in questa campagna elettorale siano assenti alcuni temi fondamentali, che sappiano dare una prospettiva piĂš ampia rispetto alle sole questioni ďŹ scali o di possibili alleanze tra partiti.(Roberto Toninelli)



‹”…‘ŽƒÂ?†‘ǣ‹Ž…‹”…‘Ž‘…Ž‹†‹Ǥ—ˆ‡Â?‹ƒ

ÂŽ…‹”…‘Ž‘†‹Ǥ—ˆ‡Â?‹ƒ°Â?ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘ †‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ÇŻÍ?͘Ġ‘’‡”ƒ†‹ƒŽ…—Â?‹ ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄ•‡Â?•‹„‹Ž‹ƒ‹’”‘„Ž‡Â?‹Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ ‹Â?…‘”ƒ‰‰‹ƒ–‹†ƒŽ…—”ƒ–‘†‘Â? —‡”‹Â?‘ ”ƒÂ?œ‘Â?‹…Š‡…‘Â?…‡••‡ÂŽÇŻÂ—–‹Ž‹œœ‘†‹—Â? Ž‘…ƒŽ‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘”ƒ–‘”‹‘Ǥ ”ƒ†—ƒŽÂ?‡Â?–‡‹Ž …‹”…‘Ž‘•‹°Â•Â˜Â‹ÂŽÂ—Â’Â’ÂƒÂ–Â‘ÇĄˆ‹Â?‘ƒ†‹˜‡Â?–ƒ”‡ ’‡”‹ŽŽƒ‹…ƒ–‘…ƒ––‘Ž‹…‘—Â?’—Â?–‘†‹ ”‹–”‘˜‘Â†Â‘Â˜Â‡ÇĄƒ……ƒÂ?–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹Â–Â? Â”Â‹Â…Â”Â‡ÂƒÂ–Â‹Â˜ÂƒÇĄ’‡”Žƒ’”‡•‡Â?œƒ†‡Ž„ƒ”‡ †‡Ž…ƒÂ?’‘†‹„‘……‡ǥŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‹Â?†ƒ…ƒŽ‡‡’‘Ž‹–‹…ƒŠƒ•‡Â?’”‡ ƒ˜—–‘—Â?’‘•–‘†‹”‹Ž‹‡˜‘ǤÂ?…‘” ’”‹Â?ƒ†‡ŽŽƒÂ?ƒ•…‹–ƒ†‡Ž’ƒ–”‘Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄ …Š‡‘”ƒ•˜‘Ž‰‡—Â?…‘Â?’Ž‡–‘•‡”˜‹œ‹‘

†‹ƒ••‹•–‡Â?œƒ•‘…‹ƒŽ‡‡ÂˆÂ‹Â•Â…ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‹‡”ƒ …‘•–‹–—‹–‘‹Ž‡‰”‡–ƒ”‹ƒ–‘†‡Ž’‘’‘Ž‘ ’‡”ƒ••‹•–‡”‡‹Žƒ˜‘”ƒ–‘”‹Â?‡‹”ƒ’’‘”–‹ …‘Â?Žƒ’—„„Ž‹…ƒƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡Ǥ ‡…‡Â?–‡Â?‡Â?–‡‹Žˆƒ„„”‹…ƒ–‘ ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡°•–ƒ–‘”‹•–”—––—”ƒ–‘‡ ƒŽ…‹”…‘Ž‘°•–ƒ–‘”‹•‡”˜ƒ–‘—Â?Ž‘…ƒŽ‡ ƒ†‡‰—ƒ–‘’‡”•˜‘Ž‰‡”‡Žƒ’”‘’”‹ƒ ƒ––‹˜‹–Â?Ǥ‡””‹•’‘Â?†‡”‡ƒŽÂ?‘Â?‹–‘ †‡ŽÂƒÂ’ÂƒÇĄ…Š‡Â?‡Ž͚͙͘͘†‡Â?—Â?…‹ƒ˜ƒ Ç˛ÂŽÂƒ†‹•’ƒ”‹–Â?•‡Â?’”‡’‹Î‡˜‹†‡Â?–‡ –”ƒ”‹……Š‹‡Â’Â‘Â˜Â‡Â”Â‹ÇłÇĄ°•–ƒ–ƒŽƒÂ?…‹ƒ–ƒ Žǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ†‡Â?‘Â?‹Â?ƒ–ƒDz—Â?…‡Â?–‡•‹Â?‘ †‹•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?‡Â‰Â‹Â—Â•Â–Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇł…Š‡’”‘’‘Â?‡ †‹˜‡”•ƒ”‡Žǯ͙Ώ†‡Ž”‡††‹–‘Â?‡Â?•‹Ž‡ǥ

…‘Ž†—’Ž‹…‡•…‘’‘†‹•‘•–‡Â?‡”‡ ’”‘‰‡––‹†‹’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡•‘…‹ƒŽ‡Â?‡Ž •—††‡ŽÂ?‘Â?†‘‡†‹…‘Â?˜‡”–‹”•‹ƒ—Â?‘ •–‹Ž‡†‹˜‹–ƒ•‘„”‹‘‡•‘Ž‹†ƒŽ‡Ǥ‘Ž–‘ ƒ’’”‡œœƒ–‹‹…‘”•‹†‹ƒŽˆƒ„‡–‹œœƒœ‹‘Â?‡ǥ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‹‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â? Žƒ•…—‘Žƒ‡Ž‡Â?‡Â?Â–ÂƒÂ”Â‡ÇĄÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘Â?‡‹ Ž‘…ƒŽ‹•…‘Žƒ•–‹…‹‡ƒ†‡••‘Â?‡ŽŽ‡ƒ—Ž‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘ÇĄƒˆƒ˜‘”‡†‡‰Ž‹•–”ƒÂ?‹‡”‹ ƒ†—Ž–‹Ǥ —Â?œ‹‘Â?ÂƒÇĄ‹Â?‘Ž–”‡ǥŽ‘’‘”–‡ŽŽ‘ Žƒ˜‘”‘…Š‡ˆ‘”Â?‹•…‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ ‡‘”‹‡Â?–ƒÂ?‡Â?–‘’‡”ƒ‹—–ƒ”‡Ž‡ ’‡”•‘Â?‡Â?‡ŽŽƒ”‹…‡”…ƒ†‹—Â?Žƒ˜‘”‘Ǥ

Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Žƒƒ•–‘”ƒŽ‡ †‡ŽÂ…Â”Â‡ÂƒÂ–Â‘ÇĄ•‹•˜‘Ž‰‡—Â?ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ†‹

•‡Â?•‹„‹Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡‡…‘Ž‘‰‹…ƒ’‡” ÂŽÇŻÂ—Â–Â‹ÂŽÂ‹ÂœÂœÂ‘†‹„‘”•‹Â?‡†‹–‡Žƒ‡’‡””‹†—””‡ ‡†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ”‡”‹ˆ‹—–‹‡‹Â?„ƒŽŽƒ‰‰‹Ǥ Â?…Š‡Ž‘’‘”–‡ŽŽ‘‡Â?‡”‰‹ƒˆ‘”Â?‹•…‡ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹•—”‹•’ƒ”Â?‹‘‡Â?‡”‰‡–‹…‘ ‡…‘Â?•—Ž‡Â?œƒÂ?‡ŽŽ‘•˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘ †‡ŽŽ‡”‡Žƒ–‹˜‡’”ƒ–‹…Š‡Ǥ‡Â?‰‘Â?‘ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‹‹Â?…‘Â?–”‹†‹…ƒ”ƒ––‡”‡ ”‡Ž‹‰‹‘•‘‡•‘…‹‘’‘Ž‹–‹…‘ƒ••‹‡Â?‡ƒŽŽƒ Â’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇĄÂƒÂŽÂŽÇŻœ‹‘Â?‡…ƒ––‘Ž‹…ƒ‡ƒŽ ‰”—’’‘ƒ‹”ƒǤ Â?ˆ‹Â?‡ǥ‹…‹”…‘Ž‹…Ž‹‡ Ž‡’ƒ””‘……Š‹‡†‡ŽŽƒœ‘Â?ƒ•–†‡ŽŽƒ…‹––Â? ‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?‘‹ŽÂ?‡•‡†‡ŽŽƒ’ƒ…‡…Š‡ …‘•–‹–—‹•…‡‘”Â?ƒ‹—Â?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ ƒÂ?Â?Â—ÂƒÂŽÂ‡Ç¤Č‹ƒŽ˜ƒ–‘”‡‡ŽÂ‡Â…Â…ÂŠÂ‹Â‘ČŒ

‡”•‘Ž‡‡Ž‡œ‹‘�‹ Ž–‡�ƒ†‡ŽŽƒ†‹•‘……—’ƒœ‹‘�‡

1XRYRGLDORJRLQWHUJHQHUD]LRQDOH    

8

   

no d e i t e m i f o r t i dell’attuale campagna elettorale è la disoccupazione giovanile: nei programmi di partiti e liste (e dei singoli candidati) compare spesso questa voce, cosĂŹ come le relative misure per contrastarla. Se a ciò si aggiunge la forte presenza di candidati trentenni c’è da ben sperare che le future camere nazionali e regionali affronteranno presto e con coraggio questo problema (solo la disoccupazione giovanile però, perchĂŠ di quella femminile non si parla quasi mai). In realtĂ , anche il modo con cui si cerca di metter mano a tale problema è indice del fatto che non lo sĂŹ è compreso fino in fondo, in Italia non c’è un problema specifico di “disoccupazione giovanileâ€?, ma ce n’è uno molto piĂš complesso che interpella la dimensione intergenerazionale e di cui la disoccupazione è solo l’aspetto piĂš emblematico. Tralasciando

‡‹’”‘‰”ƒÂ?Â?‹ ‡Ž‡––‘”ƒŽ‹“—‡ŽŽ‘†‡Ž Žƒ˜‘”‘’‡”‹‰‹‘˜ƒÂ?‹° —Â?ƒ“—‡•–‹‘Â?‡…‡Â?–”ƒŽ‡Ǥ ‹˜‡”•‡Ž‡”‹…‡––‡ ’”‘’‘•–‡ il caso eclatante dei Neet – not in education, employment or trading ovvero i giovani che non studiano nĂŠ lavorano – parlando con i ragazzi, si ha la sensazione che non si sentano a pieno protagonisti del momento che stanno vivendo. Giovani spesso preparati da un punto di vista culturale ma anche tecnologico (molto piĂš degli adulti) che si sentono quasi soffocare in un Paese per certi versi non ancora pienamente sviluppato e che fatica a comprenderli. Certo, gioca molto l’assenza di un posto fisso di lavoro, ma non c’è solo questo; molte volte

si rileva da parte delle istituzioni la difficoltĂ di approcciarsi ai giovani e di ascoltare ciò che hanno da dire. Ciò si riflette, per contro, nella tendenza a isolarsi, facendo gruppo a sĂŠ. Sbaglia chi dipinge i giovani come egoisti e dinteressati verso ciò che li circonda; provate a scoprire quante realtĂ  giovanili di carattere sociale e culturale esistono a Brescia e provincia: una miriade, la maggior parte a carattere informale (senza statuto). I giovani che s’impegnano ci sono, ma sempre meno in partiti, sindacati e grandi associazioni, luoghi di scambio per natura, dove si dialoga e spesso ci si scontra anche con la generazione adulta. Ma soprattutto luoghi storicamente e costituzionalmente deputati all’esercizio della rappresentanza democratica. PiĂš i giovani “fuggonoâ€? dalle grandi istituzioni (partiti/sindacati/grandi associazioni) piĂš va in crisi la rappresentanza politica sia dell’intero

Paese che delle singole comunitĂ ; piĂš le grandi istituzioni ritardano nel trattare il problema del dialogo intergenerazionale, piĂš i giovani le percepiscono come vecchie. Ăˆ un gatto che si morde la coda o, a maglie larghe, una riproposizione del dilemma del prigioniero. Ecco quindi che, appena terminate le elezioni, sarĂ  utile (almeno nella nostra cittĂ ) aprire dei tavoli dove giovani e adulti possano, prima ancora che risolvere assieme i problemi che li riguardano, conoscersi e imparare ad ascoltarsi.

ƒ’‘Ž‹–‹…ƒ†‡˜‡ ”‡…—’‡”ƒ”‡Žƒ…ƒ’ƒ…‹–� †‹†‹ƒŽ‘‰‘‡†‹ …‘�ˆ”‘�–‘…‘�Ž‡�—‘˜‡ ‰‡�‡”ƒœ‹‘�‹’‡”–”‘’’‘ –‡�’‘Žƒ•…‹ƒ–‡ƒ‹ �ƒ”‰‹�‹

,67,78729(1',7(*,8',=,$5,('(/75,%81$/(',%5(6&,$ %UHVFLDÂą9LD'DOPD]LDÂą7HOÂą)D[6,72,17(51(7ZZZLYJEUHVFLDFRP0$,/LYJEUHVFLD#LYJEUHVFLDFRP 352*5$00$ '(//( 9(1',7( ', %(1, *,$&(17, ,1 6('( '(/  25(  ( 6(*8(17, $/ 0$**,25 2))(5(17( 6(1=$ 7$66$',5(*,6752 /2772%(1,02%,/(%$662&21$17(7$92/25(77$1*2/$ 5(&219(752683(5,25((7(/$,2,1)(5526(,6(',(,17(668 72%$6($67$0$**,252))(5(17( 352*5$00$'(//(9(1',7(,16('('(/25( (6(*8(17, /2772  %(1, /$9$6729,*/,( 352)(66,21$/( ,1 $&&,$,2 0$5 &$ .5202 %$6( $67$ (852  ( 352*5(66,9( 5,'8=,21, ',  /2772%(1,75$3$129(57,&$/(0$5&$683(59$/7(502 '(//27521&$75,&()$%5,66$/'$75,&(7(&12/,7(&20$7( &2035(6625( &2/25( $==8552 0$5&$ '(//252  /,75, 02/$ 3,&&2/$02'(//2:%$6($67$(852(352*5(6 6,9( 5,'8=,21, ',  /2772  %(1, 48$'52 (/(775,&2 *(:,66 ,1'8675,$/($66(0%/$72%$6($67$(852(352*5(66,9( 5,'8=,21,',/2772%(1,&(175$/,1$7(/()21,&$$50$',2 7(/$,2 &$%/$72 0$5&$ 6,(0(16 18292$1&25$ ,0%$//$72  %$6( $67$(852(352*5(66,9(5,'8=,21,',

/27726$/2Âś%(1,$872&$552%5(0$&+7*5(7*&:$/$112 &21&$6621(5,%$/7$%,/(75,/$7(5$/(&21'8(&+,$9,/,%5(772 ',&,5&2/$=,21(%$6($67$(852(352*5(66,9(5,'8=,21,', /27726$/2Âś%(1,$872&$5523(8*(27(;3(577*'93<$112 $/,0(17$=,21( *$62/,2 &,/,1'5$7$  && .:  &21 /,%5(772 ', &,5&2/$=,21( ( 81$ &+,$9( .0  %$6( $67$ (852  ( 352*5(66,9(5,'8=,21,',

/27726$/2Âś%(1,$872&$5521,66$17/&$%(67$5&21&$6 621(5,%$/7$%,/(75,/$7(5$/(7*%;1;$112&,/,1'5$7$ &&.:&21&+,$9(/,%5(772',&,5&2/$=,21(0$1&$17( ',&(57,),&$72',35235,(7$Âś6&227(5<$0$+$&&7*$: $112&21&+,$9(/,%5(772',&,5&2/$=,21(0$57(//2'( 02/,725(+,/7,7(&21&8672',$0$57(//2'(02/,725(+,/7, 7(&21&8672',$%$6($67$(852(352*5(66,9( 5,'8=,21,',/27726$/2Âś%(1,1Â&#x192;02%,/,%$66,,1/(*12 1(52$'8($17(&$'$812&216&203$57,,17(51,'$1(*2=,2 1Â&#x192;  3$17$/21, (  *,$&&+( '$ 612:%2$5' ', &8, 75( 6212 787( ,17(5( 1Â&#x192;  $57,&2/, ', $%%,*/,$0(172 9$5,2 0$5&+( %/8(',675,%87,212%(<)(1&+85&+)/<&2/8'&2032672 '$ *211( *,8%%,1, 3$17$/21, 3$17$/21&,1, *8$17, &$33(//, 6&,$53((6&$53(%$6( $67$(852(352*5(66,9(5, '8=,21,', 75,%81$/(',%5(6&,$)$//6$%$72$//(25( (6(*8(17,35(662/$6('(,9*,1%5(6&,$9,$'$/0$=,$1Â&#x192; /2772)%(1,/2772',/$03$'(/$03$'$5,$1&25$,0%$//$ 7,$/&81,0$5&$7,)/26%$1&21(,1/(*12%,$1&2&213,$12,1 9(7528/7,0,/277,%$6($67$0$**,252))(5(17(


Í&#x161;Í

 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;

Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â? Â&#x2039;Â&#x2022;Â?Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021; Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;

Negli ultimi decenni le scuole dellâ&#x20AC;&#x2122;infanzia aderenti alla Fism hanno risposto a un bisogno educativo e sociale molto sentito dalle famiglie italiane, realizzando servizi per la prima infanzia (zerotre anni), offrendo cosĂŹ percorsi di continuitĂ educativa dalla primissima infanzia ai sei anni di etĂ . Ogni Regione prevede tipologie di servizio diverse tra loro per caratteristiche e denominazione (asili nido, nidi integrati, spazi gioco) ma di fatto simili per

organizzazione, dimensioni e qualitĂ dellâ&#x20AC;&#x2122;offerta. Inoltre, dal 2007 sono stati istituiti servizi â&#x20AC;&#x153;sperimentaliâ&#x20AC;? per la fascia 24-36 mesi denominati â&#x20AC;&#x153;Sezioni Primaveraâ&#x20AC;?, a cui le scuole-Fism hanno subito aderito in massa. In un quadro pur non del tutto deďŹ nito, il governo ha continuato a garantire il servizio delle â&#x20AC;&#x153;Sezioni Primaveraâ&#x20AC;?, deďŹ nendo un contributo che consentisse continuitĂ  e stabilitĂ  a questa importante iniziativa educativa. Nel corso degli anni, però, il contributo

ǧ 

ha subito tagli e riduzioni, passando dai quasi 30 milioni di euro del 2007 ai 23 milioni e mezzo del 2010, per arrivare ai 17 milioni del 2011. Alcune sezioni, data la perenne insicurezza in merito ai ďŹ nanziamenti, sono state costrette a chiudere e molte altre attendono di conoscere il loro destino. Un mancato riďŹ nanziamento comporterĂ lâ&#x20AC;&#x2122;inevitabile chiusura di un servizio fortemente richiesto soprattutto da tante famiglie giovani.

        

Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;

'DPXOWLWDVNLQJ DPXOWLSURFHVVLQJ  

  

&

hi sono i bambini multitasking? Sono i bambini contemporanei, quelli che vivono in una dimensione di â&#x20AC;&#x2DC;multi processualitĂ â&#x20AC;&#x2122;, ossia che fanno piĂš cose contemporaneamente (ascoltano musica, parlano al telefono, usano il computer); sono i bambini che imparano in modo diverso rispetto al passato. Parlano senza saper ascoltare, raramente aspettano il loro turno di parola e non percepiscono il silenzio e la concentrazione come mezzi imprescindibili dellâ&#x20AC;&#x2122;apprendimento. Anzi, la concentrazione diventa sempre piĂš spesso obiettivo da rincorrere giĂ  alla scuola dellâ&#x20AC;&#x2122;infanzia. LĂŹ ci sono bambini reali, non quelli visti sul computer o in tv; la televisione non câ&#x20AC;&#x2122;è e le abilitĂ  cognitive e sociali da mettere in campo sono diverse. Ă&#x2C6; richiesto di ascoltare, di parlare, di rispettare i propri compagni. Ed è qui che i bambini â&#x20AC;&#x2DC;multitaskingâ&#x20AC;&#x2122;, a volte, entrano in crisi. Ascoltare la lettura di una storia in silenzio richiede molta concentrazione e attendere il proprio turno per intervenire mette a dura prova la pazienza di un bambino â&#x20AC;&#x2DC;contemporaneoâ&#x20AC;&#x2122;; anche prestare attenzione a ciò che dicono i compagni riguardo allâ&#x20AC;&#x2122;argomento affrontato richiede di saper isolare tutti gli stimoli provenienti dallâ&#x20AC;&#x2122;esterno. Queste sono competenze adeguate al livello di sviluppo dei bambini di tre/sei anni, quindi è importante richiederle, educarle e coltivarle, a scuola ma anche in famiglia. Il linguaggio, poi, è fondamentale per la

   

Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192; Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄÂ?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;ÇĄ Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽ Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192; vita e per il percorso scolastico di un individuo, quindi richiede, per essere appreso e utilizzato a livello di conversazione, che si sviluppi prima come capacitĂ ricettiva, ossia di ascolto, e poi come capacitĂ  di produzione. Il parlare senza lâ&#x20AC;&#x2122;ascoltare, invece, dĂ  luogo a una serie di comunicazioni a sen-

so unico che precludono lâ&#x20AC;&#x2122;apertura allâ&#x20AC;&#x2122;altro (come invece dovrebbe permettere una corretta conversazione). Inoltre, parlare molto non significa necessariamente parlare in modo corretto. La scuola dellâ&#x20AC;&#x2122;infanzia deve isolare quella miriade di stimoli che bombardano la vita di un bambino, proponendone pochi alla volta. Ecco allora che lâ&#x20AC;&#x2122;iper eccitazione lascia il posto allâ&#x20AC;&#x2122;ordine, ai pensieri fluidi, alle parole ricercate, pensate, riflettute. Non si vuole, nella scuola, lottare contro la cultura moderna, ma si desidera fare in modo che il bambino si riappropri di una dimensione a sua misura, meno veloce, meno frenetica, ma piĂš profonda e â&#x20AC;&#x153;umanaâ&#x20AC;?.

,67,78729(1',7(*,8',=,$5,('(/75,%81$/(',%5(6&,$ %UHVFLDÂą9LD'DOPD]LDÂą7HOÂą)D[6,72,17(51(7 ZZZLYJEUHVFLDFRP0$,/LYJEUHVFLD#LYJEUHVFLDFRP 352*5$00$'(//(9(1',7(,1/82*2'(/25((6(*8(17, /2772  %(1,$//( 25(  ( 6(*8(17, ,1 &2/2*1( 9,$ 3217( )$%%52 1Â&#x192; 0$&&+,1$ /$925$=,21, 0(7$//,&+( 20(6 ,/&$ 0$7  &203/(72 ', 381=21( %$55$ 6, 67(0$&21752//2$8720$7,&2%$6($67$(852( 352*5(66,9(5,'8=,21,',/2772%(1,)5(6$9(5 7,&$/( 25$9 $ &21752//2 180(5,&2 02'(//2 0,',67$03 %$6($67$(852(352*5(66,9(5,'8=,21,', /2772%(1,$//(25((6(*8(17,,1&2/2*1(9,$ 0252 1Â&#x192; 3217(**, ,1 0(7$//2$ 7(/$,2 35()$%%5,&$72 0$5&$(',/3217($%2&&$/(&267,78,7,'$7(/$,&255(1 7, ',$*21$/, 3(5 &,5&$  0(75, 48$'5, 1Â&#x192;  3257(7$ */,$)82&2$'8(%$77(17,&203/(7(',$&&(6625,$1&2 5$ ,0%$//$7( 0$5&$ *5(33, +2/',1* 65/ 6&$))$/$785$ ,1'8675,$/(3257$3$//(760$5&$6$&(3(5&203/(66,9, 0(75,48$'5,%$6($67$(852(352*5(66,9( 5,'8=,21,',/2772%(1,$//(25((6(*8(17,,1 32172*/,29,$3$/$==2/21Â&#x192;38/,75,&($1$67520$5&$

3$68%,806&+,2,1&$92%$6($67$(852(352 *5(66,9(5,'8=,21,',/2772%(1,$//(25( ( 6(*8(17, ,1 &+,$5, 9,$ '(, 9(75$, 1Â&#x192; 675(772,2 $8 720$7,&2 &20,/ &2602 1. &2/25( *5,*,2 %$6( $67$ (852(352*5(66,9(5,'8=,21,',/2772 %(1,$//(25((6(*8(17,,125=,1829,9,$0,/$12 1Â&#x192; 08/,12 ', 0$&,1$=,21( &(5($/, 0$5&$ %8+/(5 02 '(//2'($-306(5,($112%$6($67$ (852(352*5(66,9(5,'8=,21,',/2772 %(1,$//(25((6(*8(17,,125=,1829,9,$(,1$8', 1Â&#x192; 1Â&#x192; 7$92/, '$ %$5 ,1 /(*12 0$5521( 6&852 1Â&#x192;  6(',($%%,1$7(%$6($67$(852(352*5(66,9( 5,'8=,21,',/2772%(1,$//(25((6(*8(17, ,1&$/&,1$729,$*$9$5',1$6235$1Â&#x192;75$9(56$,A75$3$ 12%,0$.02'(//2)7(&1,*5$)2,10(7$//20$&&+, 1$ (/(7752(526,21( 0$5&$ $5' &,67(51$ ,1 0(7$//2 $0$02'(//23.),$7675$'$7*%.+0%$6($67$ (852(352*5(66,9(5,'8=,21,',

Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;°Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Âą°Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039; °Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;ÇĄÂ&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Ǣ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǨČ&#x152;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192; Â&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄ°Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x2C6;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2018;ǤÂ&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x17D;ÇŻÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x160;ÂąÂ&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2018; °DzÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇłÂ&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x2022;ÎǤÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â?ÇŁÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2C6;Â&#x2014;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Č&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018; Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ǢÂ&#x201E;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;DzÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;dzǨČ&#x152;Ǥ Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â?Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ǢÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Č&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2020;Â&#x192;Č&#x152;Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?ǤÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇŁÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Č&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;ÇĄÂ?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â? Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;°Č&#x152;ǤÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;ÇŁÂ&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;ǤÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x192;ÇŁÂ&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â? Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;ǤÂ&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;ÇŁÂ&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x2021;ǤÂ&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x192;ÇŁÂ&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Č&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;ǢÂ&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;ǤČ&#x152;ǤÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;ÇŁÂ&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;ǤÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇŁ Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Č&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Č&#x152;ǤÇŻÂ&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x192;ÇŁ Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;ǤÂ&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;ÇŁ Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǤÂ&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇŁÂ&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄ Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŁÂ&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Ǥ


 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Í&#x161;ÍĄ

    Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ĚťÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;ǤÂ&#x2039;Â&#x2013;

Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Í&#x203A;Í?Í&#x2DC;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x2018;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x153;Í&#x203A;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D; Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚÂ&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x153;Í?ÇĄ Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;

Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x17D; Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;

,´GHVDSDUHFLGRV¾ DLFRQILQLRULHQWDOL

Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x153;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2020;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;ǤÂ&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;   

5

icordare le vittime della pulizia etnica posta in essere dal maresciallo Tito nella Venezia Giulia, in Istria, a Fiume e in Dalmazia, come affermato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che provocò lâ&#x20AC;&#x2122;esodo di 350mila cittadini italiani, significa dare un orizzonte piĂš ampio e maturo per un esame storiografico obiettivo di un tema che si impone dopo oltre 60 anni di silenzio. Questo il senso del Giorno del ricordo, che il 10 febbraio si celebra in tutto il Paese, nelle parole del presidente del Centro mondiale per la cultura giuliano-dalmata Luciano Rubessa. Quella che si celebra nei prossimi giorni è la 9ÂŞ edizione del â&#x20AC;&#x153;Giornoâ&#x20AC;? istituito con la legge 92 del 2004 per fare memoria della tragedia delle foibe e dellâ&#x20AC;&#x2122;esodo della popolazione autoctona residente lungo il confine orientale dellâ&#x20AC;&#x2122;Italia. Quella che la giornata del 10 febbraio prossimo intende celebrare è una

    

Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192; Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;ÂżÂ&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018; Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021; delle meno conosciute pagine della storia nazionale, una vicenda su cui non si è ancora adeguatamente soffermata lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione dellâ&#x20AC;&#x2122;opinione pubblica italiana. Proprio per questo motivo associazioni come quelle presieduta dal bresciano Luciano Rubessa si stanno rivolgendo in modo particolare al mondo della scuola perchĂŠ, attraverso la presentazione di testimonianze, documentazioni di carattere storico, culturale, artistico e paesaggistico prendano coscienza di quella che deve essere a tutti gli effetti considerata come una parte consistente del tragico conto, uno

strascico drammatico, che il Paese pagò alla Seconda guerra mondiale. Cosa fu la tragedia delle foibe? Una risposta a questa domanda non può essere ridotta alla pur tragica conta delle migliaia di persone gettate, giĂ uccise in vario modo o ancora vive, nelle cavitĂ  carsiche diffuse tra Venezia Giulia, Istria e Dalmazia, secondo lo stretto significato del termine nel lessico geologico o speleologico. Si tratta, invece, di tutte quelle esecuzioni e sparizioni di persone avvenute dal settembre 1943 fino al maggiogiugno 1945, a opera delle formazioni partigiane jugoslave o della polizia segreta (Ozna), che accompagnava e controllava lâ&#x20AC;&#x2122;intero movimento di liberazione jugoslavo (Avnoj), nel passaggio dalla lotta armata contro gli invasori stranieri e i nemici interni, che con essi avevano collaborato, alla costruzione del nuovo stato comunista a partito unico che alla fine della Seconda guerra mondiale sostituĂŹ il defunto regno di Jugosla-

via. Una pagina triste della storia italiabna su cui deve necessariamente essere scritto anche il nome delle migliaia di deportati civili di nazionalitĂ italiana dai territori considerati e dei militari italiani appartenenti a reparti della Repubblica sociale italiana qui dislocati, ma anche dei reparti partigiani italiani o al Corpo di liberazione nazionale del Sud, catturati negli stessi territori alla fine delle ostilitĂ  (aprile-maggio 1945), che risultarono ufficialmente scomparsi dopo la cattura. Di essi infatti non è dato conoscere se siano stati trucidati e gettati nelle foibe, nelle cave o miniere abbandonate o nelle fosse comuni sparse un poâ&#x20AC;&#x2122; ovunque sul territorio, o siano morti per le privazioni e le sevizie nei campi di concentramento iugoslavi o durante i trasferimenti a marce forzate da un campo allâ&#x20AC;&#x2122;altro, negli anni successivi. Eccidi, tragedie individuali e collettive, che nel Giorno del ricordo trovano doverosa memoria, che iscrivono il Paese nel tuttâ&#x20AC;&#x2122;altro

che ambito circolo di quelle realtĂ che hanno consciuto il dramma dei â&#x20AC;&#x153;desaparecidosâ&#x20AC;?. Un fenomeno che, come la vicenda delle foibe incomincia a insegnare, non è solo delle dittature del Sudamerica o di qualche improbabile democrazia africana. Una pagina nera che è stata scritta ai confini orientali del Paese. Solo per una minima parte dei â&#x20AC;&#x153;desaparecidosâ&#x20AC;? italiani dalle cittĂ  e dalle campagne della Venezia Giulia, Istria e Dalmazia, è stato possibile, seppure dopo gravi traversie, conoscere la cuasa della morte e il luogo di â&#x20AC;&#x153;infoibamentoâ&#x20AC;? del cadavere. Ă&#x2C6; rimasta invece ignota la sorte finale di decine di migliaia di militari, partigiani o semplici cittadini. Sono stati â&#x20AC;&#x153;liquidatiâ&#x20AC;? con la semplice certificazione di â&#x20AC;&#x153;morte presuntaâ&#x20AC;?. Quella del ricordo, dunque, non è solo la scelta di un Paese che voglia finalmente guardare con responsabilitĂ  a tutta la sua storia, ma anche un passaggio obbligato per togliere tanti, troppi italiani da una sorta di colpevole oblio.



   





Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇŁÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;

Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x201E;ÇŚ Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;ǤDzÂ&#x192;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2021;ÇŚ Â?Â&#x2021;ǨdzÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;ǤDzÂ&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;ǨdzÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Č&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Č&#x152;ǤÂ&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;ÇŽÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;ÇŻÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?ÇŁDzÂ&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;ÇŽ Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;ÇŻÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2039; ÇŽÂ&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;dzǢÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?ÇŁ DzÂ&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;dzǤ 1Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;°Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;ÇŚ Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â? Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;ÂąÂ&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;ÂżDzÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇłÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Ǥ Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;ÇŤ

Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D; Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ǢÂ?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇŁ DzÂ&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;ÂąÂ?Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â? Â?Â&#x192;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;ÇłÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x2018;Â&#x2039; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2039;ÇŤÂ&#x2021;Č&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Č&#x152;ÇŁDzÂ&#x2018;Â? Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2039;dzǤÂ&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Č&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Č&#x152; Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â?ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?

Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â?ÇĄÂ?Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Ǥ

Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇŽÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;ÇŻÇĄÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â? Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŁDzÂ&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;dzǤÂ&#x192;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;ÇŁDzÂ&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;dzǢÂ&#x2019;Â&#x2014;Ă&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;ÇŁDzÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2039; Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;dzǤÂ&#x192;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;ÇŁDzÂ&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2030;ÇŚ Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;ÇĄÂ?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2039; Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x203A;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?dzǢÂ&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?ÇŁ DzÂ&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Âą Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;° Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;dzǤÂ&#x2013;Â&#x2026;ǤÂ&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;ÇŚ Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2021; Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;ǤǥÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;ǤǥÂ&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2014;Ă&#x2013;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?ÇŚ Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;ÇŚ

Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2039;ǢÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;ÇŁDzÂ&#x2021;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;ǨdzǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â? Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŁDzÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇŚ Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;dzǢÂ&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇŁDzÂ&#x192;Â&#x2DC;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x192;Â?Â&#x192;Â?Â?Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â?Â&#x192;ÇĄ Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;°Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2039;dzǢÂ&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇŁDzÂ&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2019;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2026;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x160;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;dzǢÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Ǥ Â?Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;°Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇŁDzÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;ǼdzǢ Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇŁDzÂ&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;ǯ°Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;ÇŽÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;ÇŻÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D; Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;ǨdzǤÂ&#x192;Č&#x201A;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x201A;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021; Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Ǥ


Í&#x203A;Í&#x2DC;

 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â? Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;

Â&#x2021;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;

Dopo la solenne inaugurazione del 31 gennaio scorso del complesso processo di restauro che ha interessato la chiesa di Santa Maria della CaritĂ , ha preso il via anche unâ&#x20AC;&#x2122;iniziativa ďŹ nalizzata a far conoscere quella che è una delle piĂš belle chiese della cittĂ  di Brescia e uno dei piĂš signiďŹ cativi esempi del barocco lombardo. Su iniziativa di Federica Martinelli è stato messo a punto un calendario di visite guidate. La particolaritĂ  della chiesa di via dei Musei ha

PrenderĂ il via il 22 febbraio, presso la sede della Fondazione Cocchetti di Cemmo, il corso di storia â&#x20AC;&#x153;La Valle Camonica nella contemporaneitĂ â&#x20AC;?. La prima lezione del corso, dedicata al tema â&#x20AC;&#x153;Tra due culture: la macroregione alpina nellâ&#x20AC;&#x2122;Otto-Novecento europeoâ&#x20AC;?, è afďŹ data a Giovanni Gregorini, dellâ&#x20AC;&#x2122;UniversitĂ  cattolica e coordinatore del corso. Sempre Gregorini terrĂ  anche la seconda lezione, prevista per il 1° marzo, sul tema â&#x20AC;&#x153;Agricoltura, industria e servizi

suggerito di pensare a piccoli gruppi. Per questo motivo le visite guidate sono solo su prenotazione. Questo il calendario (che si apre il 9 febbraio con due visite già complete): 16 febbraio (ore 10 e 11); 23 febbraio (15 e 16); 24 febbraio (15 e 16); 2 marzo (15 e 16). Il costo della visita è di 5 euro (i ragazzi sino a 18, se accompagnati, entrano gratis). Per informazioni e prenotazioni: Federica Martinelli, 347/3028031; guida.artistica@gmail.com

nel lungo Ottocento camunoâ&#x20AC;?. Le altre lezioni sono in programma lâ&#x20AC;&#x2122;8 marzo (â&#x20AC;&#x153;Attori sociali e dinamiche istituzionali tra XIX e XX secoloâ&#x20AC;?, docente Sergio Onger), il 15 marzo (â&#x20AC;&#x153;Politica, economia, societĂ fra guerre e dopoguerraâ&#x20AC;?, docente Mimmo Franzinelli) e il 22 marzo (â&#x20AC;&#x153;Il volto trasformativo della Valle nel secondo Novecentoâ&#x20AC;?, docente Gianfranco Tosini). Altre informazioni sul corso (iscrizione 40 euro) su www. fondazionecocchetti. bs.it



Â&#x2013;Â&#x201E;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;

4XDOHVFXROD SHUOHPRJOL"    

,

n scena al Sociale, sino a domenica 10 febbraio, la â&#x20AC;&#x153;Scuola delle mogliâ&#x20AC;? di Molière nellâ&#x20AC;&#x2122;edizione che il regista Marco Sciaccaluga ha realizzato per il Teatro Stabile di Genova. La nuova proposta della stagione di prosa del Ctb vede il ritorno a Brescia di Eros Pagni, protagonista di una commedia che si delineò fin dal suo primo apparire, nel 1662, come uno dei maggiori successi della carriera di Molière. Per la veritĂ il debutto della commedia non fu particolarmente fortunato per lâ&#x20AC;&#x2122;autore. Lo spettacolo suscitò infatti lo scandalo della corte e Molière, il quale fu accusato di essere volgare, osceno, immorale. Venato molto probabilmente di autobiografismo (proprio in quellâ&#x20AC;&#x2122;anno il quarantenne Molière aveva sposato la ventenne Armande BĂŠjart), â&#x20AC;&#x153;La scuola delle mogliâ&#x20AC;? è in realtĂ  un capolavoro di analisi psicologica e comportamentale, sotteso da una travolgente â&#x20AC;&#x153;vis comicaâ&#x20AC;? nella quale la societĂ  francese di allora (ma anche tutti gli spettatori dei tre secoli e mezzo seguenti) hanno avuto modo di rispecchiarsi con paura e con orrore. Da qui,

Â?Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039; quel clamoroso scandalo al quale Molière, forte della protezione del Re, rispose con le commedie â&#x20AC;&#x153;Critica della scuola delle mogliâ&#x20AC;? e â&#x20AC;&#x153;Improvvisazione a Versaillesâ&#x20AC;?. Lâ&#x20AC;&#x2122;accusa di trivialitĂ rivolta alla commedia è infatti solo pretestuosa: ciò che suscitò la rivolta dei benpensanti deriva non solo dalla â&#x20AC;&#x153;veritĂ â&#x20AC;? che Molière seppe portare sul palcoscenico, ma anche dalla novitĂ  di una commedia in cui il serio e il comico sono indissolubilmente congiunti. Il pubblico bresciano che giĂ  in anni passati ha avuto modo di applaudire altre versioni della commedia di Molière, ha modo di guastare la versione di Giovanni Raboni. La chiave di lettura che il regista Marco Sciaccaluga ha voluto dare al testo rende lo stesso, come hanno avuto modo di sottolineare alcuni critici in occasione del debutto genovese

dello scorso anno, una sorta di manifesto ante litteram della libertĂ e della dignitĂ  della donna. La traduzione operata da Raboni, infatti, mette infatti in risalto, debitamente assecondata dalla regia, il problema capitale dellâ&#x20AC;&#x2122;amore che una deviata educazione dei tempi di Molière (per altro sopravvissuta per tante generazioni ancora, ndr.) snaturava in diritto dellâ&#x20AC;&#x2122;uomo e in dovere per la donna. â&#x20AC;&#x153;La scuola delle mogliâ&#x20AC;? resta di scena al Teatro sociale sino al 10 febbraio. I biglietti sono in vendita alla biglietteria del Teatro sociale, via Felice Cavallotti, 20 con il seguente orario: (feriali dalle 16 alle 20 (domenica dalle 15 alle 18). Per altre informazioni sullo spettacolo e sulla continuazione della stagione di prosa è possibile consultare il sito www.ctbteatrostabile.it.

Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; DzÂ&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;°Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;dzǣ Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;

DzÂ&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;°Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;dzǤÂ&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Č&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Í&#x17E;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Č&#x152;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;ÇŚ Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;ÇŁÍ&#x153;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŁ ǤǤÂ&#x2021;Â&#x2122;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;ǢÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŁÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x192;ǢÍ&#x2122;Í Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŁ Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ǢÍ&#x161;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŁÂ?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;ÇŚÂ&#x161;Â&#x2014;Â&#x2019;ÂąÂ&#x201D;Â&#x203A; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Č&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152;ǤÂ&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;°Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;ÇŚ Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǤÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x153;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x161;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x201D;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;DzÂ&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;°Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;dzǤ ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;ÇŁÂ&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;

Č&#x201A;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Č&#x201A;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;ÇŽÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇŻÇĄÂ&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;°Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Ǥ

Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;ÇŻÂ&#x192;Â?Â?Â&#x2018;°Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;ǤÇŻÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; °Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Ǥ Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ÇŁÂ&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;ĚťÂ&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ&#x2039;Â&#x2013;ÇĄ Í&#x2DC;Í&#x203A;Í&#x2DC;Í&#x203A;Í&#x203A;Í&#x17E;Í&#x17E;ÍĄÍ&#x2122;ÍĄÇĄÍ&#x203A;Í&#x203A;Í&#x153;Í?Í Í&#x2122;Í?ÍĄÍ&#x2DC;Í?Ǥ

  ǥ  Dz  dz

Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2020;Â&#x2026;

*OLRUWRGRVVLLQ,WDOLD SUREOHPLHSURVSHWWLYH Riprendono il 7 febbraio, gli appuntamenti promossi dalla Ccdc, con una serata dedicata allâ&#x20AC;&#x2122;ecumenismo tema a cui la coopertiva ha dedicato negli anni diversi momenti di approfondimento. â&#x20AC;&#x153;Gli ortodossi in Italia: Problemi e prospettive ecumnenicheâ&#x20AC;? è il tema scelto per lâ&#x20AC;&#x2122;incontro che vede lâ&#x20AC;&#x2122;intervento, presso la sala Bevilacqua di via Pace a Brescia (inzio 20.45) di Siluan Span (nella foto), vescovo della diocesi ortodossa rumena in Italia. La serata, oltre che dalla Ccdc, è promossa anche dallâ&#x20AC;&#x2122;Ufficio diocesano per lâ&#x20AC;&#x2122;ecumenismo e dalla parrocchia ortodossa rumena dei Santi Costantino ed Elena. Il 22 febbraio, alle 18, presso la libreria dellâ&#x20AC;&#x2122;UniversitĂ cattolica di via Trieste, Ilario Bertoletti intervisterĂ  il filosofo Adriano Fabris che ha da poco dato alle stampe il libro, edito dallâ&#x20AC;&#x2122;editrice La Scuola, â&#x20AC;&#x153;Etica delle nuove tecnologieâ&#x20AC;?. Altro appuntamento della Ccdc, è quello in calendario per il 28 febbraio, questa volta presso le librerie Paoline di via Gabriele Rosa. Alle 18 verrĂ  presentata la raccolta di poesie di Arnoldo Mosca Mondadori â&#x20AC;&#x153;La lenta agonia delle beatitudiniâ&#x20AC;? alla presenza dello stesso autore, di Pietro Gibelli e Franca Frisoni. Lâ&#x20AC;&#x2122;attrice Giuseppina Turra intepreterĂ  alcune poesie della raccolta. Il 7 marzo la Ccdc tornerĂ  nella sala Bevilacqua di via Pace per â&#x20AC;&#x153;Tu ci hai fatti per te. Inquietudine e desiderio di Dio in Agostinoâ&#x20AC;?, commento che Luigi Alici, docente di filosofia morale allâ&#x20AC;&#x2122;UniversitĂ  di Macerata proporrĂ , alle 20.45, ad alcuni brani della â&#x20AC;&#x153;Confessioniâ&#x20AC;? di Santâ&#x20AC;&#x2122;Agostino,

letti da Luciano Bertoli. Nel pomeriggio, alle 18, Alici presenterĂ nella sala conferenze dellâ&#x20AC;&#x2122;editrice La Scuola, in via Gramsci, 26, il libro â&#x20AC;&#x153;I cattolici e il Paese. Provocazioni per la politicaâ&#x20AC;?. Il 14 marzo, presso le Paoline, Saverio Xeres e Giorgio Campanini, presenteranno, alle 17.30, due libri dedicati a don Primo Mazzolari. Ă&#x2C6; fissata, invece, per le 18.30 di venerdĂŹ 8 febbraio, nella chiesa della Pace, la Santa Messa in ricordo di Matteo Perrini, fondatore della Ccdc.

ÇŻÍ Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;͠ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x2039;Â?Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;


 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;

Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192; LunedĂŹ 11 febbraio, alle ore 20.45 al Teatro Sancarlino di via Matteotti 6/A, viene presentato il libro â&#x20AC;&#x153;Giustizia e Letteraturaâ&#x20AC;? a cura di Gabrio Forti, Claudia Mazzuccato, Arianna Visconti. In questo testo, la letteratura e le altre â&#x20AC;&#x153;arti narrativeâ&#x20AC;? confermano la loro vocazione a dischiudere orizzonti di senso nei quali chiunque può intravedere spiragli di risposta a secolari domande dellâ&#x20AC;&#x2122;umanitĂ . La cultura delle regole, il rapporto tra legge

formale e giustizia sostanziale e tra diritto e moralitĂ , la questione della responsabilitĂ , della colpa e del perdono, il tema della narrazione come resistenza allâ&#x20AC;&#x2122;ingiustizia e forma essa stessa di giustizia trovano illuminazione grazie alla ricerca di una giustizia che, superando formalismi giuridici e istintualitĂ  vendicative, sappia aprirsi a percorsi di riconciliazione. Intervengono: Benedetta Tobagi, Gabrio Forti, Gherardo Colombo e Renzo Nardin.

 

Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;  

ÇĄÍ&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;ÇĄ Í&#x161;ÇĄÍ?Í&#x2DC;

Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;DzÂ&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Çł

9HUGLSHUO¡,VWLWXWR GHO5DGLR´$OEHUWLÂľ Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Í&#x161;Í Ć&#x2026; Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;   

3

er Brescia e per tutti i bresciani amanti della lirica e, piĂš in generale, della buona musica il â&#x20AC;&#x153;Concerto di San Valentinoâ&#x20AC;? è diventato un appuntamento da non mancare, una di quelle occasioni in cui il gusto del bello riesce a fondersi anche con quello del buono. Promosso dallâ&#x20AC;&#x2122;associazione â&#x20AC;&#x153;Amici Istituto del Radio Olindo Albertiâ&#x20AC;?, il concerto dedicato alla festa degli innamorati consente di raccogliere ogni anno i frutti della solidarietĂ bresciana per destinarli poi allâ&#x20AC;&#x2122;acquisto di apparecchiature sempre piĂš aggiornate e tecnologicamente avanzate per la Radioterapia degli Spedali Civili di Brescia. Per anni il â&#x20AC;&#x153;Concerto di San Valentinoâ&#x20AC;?, che in questo 2013 raggiunge il traguardo delle 28 edizioni, ha avuto in Adriano Marenda, profondamente innamorato della musica lirica e dei suoi interpreti, il suo instancabile animatore. Dalla sua scomparsa, nel 2004, il timone della manifestazione è passato nelle mani della moglie Claudia Marenda che, con il cipiglio e la tenacia che era del marito, ha continuato a portare avanti lâ&#x20AC;&#x2122;iniziativa, fornendo un importante contributo alla sanitĂ  bresciana e, nello specifico, nella lotta al cancro e a tutte le patologie che possono essere

curate con le apparecchiature messe a disposizione della Radioterapia. Ă&#x2C6; stata proprio Claudia Marenda, affiancata da Stefano Magrini, direttore dellâ&#x20AC;&#x2122;Istituto del Radio del Civile e da Cornelio Coppini, direttore generale dellâ&#x20AC;&#x2122;Azienda ospedaliera â&#x20AC;&#x153;Spedali civiliâ&#x20AC;? di Brescia, ad illustrare la nuova edizione del â&#x20AC;&#x153;Concerto di San Valentinoâ&#x20AC;? che si terrĂ il 3 marzo prossimo al Teatro Grande. Protagonista dellâ&#x20AC;&#x2122;edizione 2013 del concerto non poteva essere che Giuseppe Verdi, di cui ricorre questâ&#x20AC;&#x2122;anno il bicentenario della nascita. Lâ&#x20AC;&#x2122;omaggio al â&#x20AC;&#x153;cigno di Bussetoâ&#x20AC;? sarĂ  affidato alla bacchetta del maestro Giovanni Andreoli, giĂ  direttore artistico del massimo cittadino e dal gennaio 2010 maestro del Coro presso la Fondazione Arena di Verona, che con il Coro e lâ&#x20AC;&#x2122;Orchestra filarmonica italiana, sulla scena italiana e internazionale da oltre un ventennio con vasto repertorio che spazia dalla musica lirica a quella sinfonica, con importanti â&#x20AC;&#x153;incursioniâ&#x20AC;? nella musica cameristica e coreutica, proporrĂ  al pubblico bresciano il programma ricompreso nel titolo â&#x20AC;&#x153;Ricordando Verdiâ&#x20AC;?. Sul palco del Grande anche importanti voci della lirica nazionale e internazionale, molte della quali legate alla

famiglia Marenda da profondi legami di amicizia. Due nom per tutti: quello del soprano Daniela DessĂŹ che da sempre risponde con entusiasmo agli inviti bresciani a sostegno dellâ&#x20AC;&#x2122;Istituto del Radio e quello del baritono bresciano Ivan Inverardi. La 28ÂŞ edizione del â&#x20AC;&#x153;Concerto di San Valentinoâ&#x20AC;? è stata presentata nella sala consigliare degli Spedali civili con largo anticipo rispetto allâ&#x20AC;&#x2122;appuntamento del 3 marzo. Una scelta, è stato ricordato nel corso della presentazione, per fare in modo che i bresciani possano acquistare per tempo i biglietti per il concerto del Grande e garantire, cosĂŹ, per un anno ancora il sostegno alla Radioterapia del Civile, per altro sostenuta dallâ&#x20AC;&#x2122;associazione â&#x20AC;&#x153;Amici Istituto del Radio Olindo Albertiâ&#x20AC;? con numerose altre iniziative nel corso dellâ&#x20AC;&#x2122;anno. Per ulteriori informazioni: 030/2306100; 030/2306044.

Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x17D;DzÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Çł Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039; Â?Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;

Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;ǤǤǤ

  Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x161;ÇĄ Í?ÇĄÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2022;°Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ǤǤǤ ÇĄ ÇĄ 

 Č? Č&#x17D; Ǥ  

    

Â&#x2018;Â?°Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;  

ÇĄÍ&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x161;ÇĄ Í&#x2122;Í&#x2122;ÇĄÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Í&#x203A;Í&#x2122;

Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;ǤDzÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄ°Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Ǥ Â&#x192;ÇŻÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;ÇŚ Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â? Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x192;dzǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021; Í&#x2122;Í?Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ÇŁÂ&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x153;Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x17D;Â&#x192; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;ÇĄ°Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x153;Í?Â&#x2021;Â&#x2020;° Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x;Í&#x153;ǤÂ&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â? Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Ǥ Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;ÇĄ °Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;DzÂ&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;dzǥÂ&#x201D;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â? Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Ǥ Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;DzÂ&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇłÂ&#x2021;DzÂ&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2022;ĂŽÇŁÂ&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;dzǤ

DzÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇŁÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇŚÂ&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?ÇŚ Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;ÇŚ Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2021;ǤÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;ÂąÂ?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄÂ?Â&#x2018;Â? Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄÂ?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄ Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;ǤÂ&#x2018;Â? °Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x203A;Â&#x2021;Â&#x2022;Â?Â&#x192;Â?ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ?Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄ Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?ÇŚ Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ǤČ&#x2039;ÇĽČ&#x152;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x2018;Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2018; Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŚ Â&#x17D;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â?ÇŚ Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;ÇŻÂ&#x2022; Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â? Â&#x203A;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Č&#x2039;ÇĽČ&#x152;dzǤČ&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;ÇŚ Â?Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x161;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Č&#x152;

Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x2022;° Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?

Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Ă&#x2013;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ?Í&#x203A;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ?ÍĄ Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;ÇŚÂ&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D; Í&#x2122;ÍĄÍ?ÍĄÂ&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x17E;Í&#x;ǤÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;ÍĄ Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x2122;Í&#x161;°Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x17D;ÇŻÍ&#x2122;Í&#x2122;Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x17E;Í&#x;ǤÂ&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Ă&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x17D;ÍĄÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x203A;Í&#x2DC;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Ă&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x17D;Í&#x2122;Í?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021; Í&#x2122;ÍĄÍ&#x203A;Í&#x17E;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;ÂżÂ&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ?Í&#x203A;Â&#x2C6;Â&#x2014; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2014;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Ă&#x2013;Â&#x2014;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;ǢÂ&#x192; Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2018;Â?Â&#x192;ǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?ÇŚ Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2039;°Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â?Ǥ

Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2C6;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x192;Â?ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2021;ÇŁÂ&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2039;°Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039; Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;ÇŻÂ&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŚ Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Ǥ Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇŁÂ&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D; Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;ÇŻÂ&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?DzÂ&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇłÂ&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;ǢÂ&#x2021;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â? Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Ǥ


     Ž‡‘„”—‘̻”ƒ†‹‘˜‘…‡Ǥ‹–

    ™™™Ǥ”ƒ†‹‘˜‘…‡Ǥ‹– ˆ͠͠Ǥ͛ ͠͠Ǥ͝

ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿

”ƒœ‹‘ƒŽ‹†ƒŽŽ‡͠ƒŽŽ‡͙͠

”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ‘”‡͠‡‘”‡͙͡Ǥ͛͘

”Ž‘…ƒŽ‹͡Ǥ͛͘Ǧ͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͙Ǥ͛͘ ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘

@



 

͞Ǥ͘͘……Ž‡•‹ƒ ͞Ǥ͚͝Ǥ‡••ƒ ͟Ǥ͘͘ ” ͟Ǥ͘͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ …‘†‘†”‹ƒ‘‹ƒ…Š‹ ͟Ǥ͙͝ Ž—‘˜‘—‡”‘ †‡Ž•‡––‹ƒƒŽ‡ ƒ‘…‡†‡Ž‘’‘Ž‘ ͠Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͡Ǥ͘͘ ” ͙͘Ǥ͘͘ƒ––‹ƒ–ƒ „Ž—™‡‡‡† ͙͙Ǥ͘͘ ” ͙͚Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͙͛Ǥ͘͘ ” Ǧƒ†‹‘‘…‡ ”‡ƒ–‡•–Š‹–• ͙͠Ǥ͘͘ ” ͙͠Ǥ͙͝‘ƒ”‡Žƒš ͚͙Ǥ͘͘‹•…‘•–‘”›

͟Ǥ͘͘ƒ––‹ƒ‹–ƒŽ‹ƒƒ ͡Ǥ͘͘ƒ—‘ƒ‘˜‡ŽŽƒ͙ƅ’ƒ”–‡ ƒ…—”ƒ†‹‡––›ƒ––ƒ‡‘ Ǧ‘‡–‘ƒŽƒ‰‡Ž‘ ƒ…—”ƒ†‹‘•Ǥ ƒ„”‹‡Ž‡ ‹Ž‹’’‹‹ Ǧ‡––‡‰‹‘”‹‹†‹‘…‡•‹ …‘—…‹ƒ‘ƒƒ”†‹‹ Ǧ”‹‘‹ƒ‘ƒˆ‡•–ƒ†‡‹’ƒ–”‘‹ Ǥ ƒ—•–‹‘‡ ‹‘˜‹–ƒȋ…‘†‘ Ǥ‘ŽŽ‹‡Ǥ‡”—……Š‡––‹Ȍ ͙͘Ǥ͘͘Ǥ‡••ƒ†ƒŽŽƒƒ––‡†”ƒŽ‡ ͙͙Ǥ͘͘ƒ—‘ƒ‘˜‡ŽŽƒ͚ƅ’ƒ”–‡ Ǧ……Ž‡•‹ƒ…‘Žƒ•‡œǤ’”‘˜Ǥ†‡ŽŽǯ‹• Ǧ‹‡ƒ’‡”Ž‘•’‹”‹–‘ƒ…—”ƒ†‹ ’ƒ†”‡ Ǥƒ”Ž‘ƒ”‹• Ǧ‹–‡†‡‹•ƒ–‹‹„”‡˜‡†‹’Ǥ‹…ƒ”‹ Ǧǯ‰‡†ƒ†‡ŽŽƒ•‡––‹ƒƒ ͙͜Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ Ǧ ”ƒ†‹•—……‡••‹‘•–‘’

ƒ†‹‘‘…‡ƒ—ƒ ‹ƒƒœœ‹‹ǡ͚͡Ǧ͚͛͘͜͝”‡‘ȋ•Ȍ

‘…‡‰‹‘”ƒŽ‡‘–‹œ‹ƒ”‹‘ ”ƒ†‹‘ˆ‘‹…‘’”‹…‹’ƒŽ‡ †ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ ƒŽŽ‡͠Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǧ͚͚Ǥ͛͘Ǥ ‘…‡ Žƒ•Š‘–‹œ‹‡‹„”‡˜‡†ƒŽ Ž—‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ ƒŽŽ‡͙͙Ǧ͙͜Ǧ͙͞Ǧ͚͘Ǧ͚͛Ǥ͜͝Ǥ ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ“—‘–‹†‹ƒƒ ƒ’’—–ƒ‡–‘…‘Ž‡’”‹‡ ’ƒ‰‹‡†‡‹“—‘–‹†‹ƒ‹†ƒŽŽ—‡†¿ ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͡Ǥ͛͘Ǥ

Žƒƒ……‘’”‡˜‹•‹‘‹†‡Ž–‡’‘Ǥ ‡•‹‡”‘”‡Ž‹‰‹‘•‘ǡ‡……Ǥ†ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ •ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͠Ǥ –”‡ƒ†°••–‘”‹ƒ‡˜ƒ”‹ƒ…—Ž–—”ƒ Ž‘…ƒŽ‡˜‡‡”†¿ƒŽŽ‡͙͟ ‡†‘‡‹…ƒƒŽŽ‡͙͙Ǥ ‡”œƒ’ƒ‰‹ƒƒ––—ƒŽ‹–…—Ž–—”ƒŽ‡ ‡”…‘Ž‡†¿ƒŽŽ‡͙͟Ǥ ƒ’”‘’‘•–ƒ—•‹…ƒŽ‡ƒŽ‰‹‘”‘ ’”‘‰”ƒƒ—•‹…ƒŽ‡†ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ •ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͙͛Ǥ

͞Ǥ͘͘……Ž‡•‹ƒ ͞Ǥ͚͝Ǥ‡••ƒ ͞Ǥ͟͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ …‘†‘†”‹ƒ‘‹ƒ…Š‹ ͟Ǥ͙͘”‡•…‹ƒ‹†‹”‡––ƒ ͟Ǥ͙͝‡͟Ǥ͛͞ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ ͟Ǥ͚͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ȋ”Ȍ ͠Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͠Ǥ͛͘ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒŽ‘…ƒŽ‡ ͠Ǥ͜͝Ȁ͡Ǥ͙͝Ȁ͡Ǥ͜͝‘‘ ‡–”‘Žƒ‘–‹œ‹ƒ ͙͘Ǥ͛͝‘…‡ƒ––‹ƒ …‘ƒ”…‘‹‰‘Ž‡––‹ ͙͚Ǥ͙͝‹‡ƒ‘ƒ‘—” ͙͜Ǥ͙͘͘͘͘ά”‡•…‹ƒ …‘ƒ”‹‘‹……‹ ͙͝Ǥ͘͘‘‡”‹‰‰‹‘‹Ž— ͙͟Ǥ͘͘‡”ƒ–ƒ‹Ž— ͙͡Ǥ͙͝‘ƒ”‡Žƒš ͙͡Ǥ͚͘‘˜‡ƒ†‹ƒ‘•–ƒ•‡”ƒ ͙͡Ǥ͛͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͙͡Ǥ͘͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ȋ”ǤȌ ͚͘Ǥ͝͝‘…‡–”ƒ‹Ž‡” ͚͙Ǥ͘͘‹•…‘–‘”› ͚͚Ǥ͘͘ˆˆ‡––‘‘––‡

ƒ†‹‘‘…‡ ƒ‡••ƒ†‡ŽŽ‡‡‡”‹

”‡•…‹ƒ ƒƒ–ƒ‡••ƒ‹–˜

Mercoledì 13 febbraio alle ore 18.30 Radio Voce si collegherà in diretta con la Cattedrale per la Santa Messa con imposizione delle Ceneri. La celebrazione sarà presieduta da mons. Luciano Monari. Il tema della meditazione del Vescovo è “Mi alzerò e andrò da mio padre”. Come ogni anno Radio Voce offre agli ascoltatori una serie di dirette speciali in occasione dei Quaresimali e della Scuola di preghiera, quest’ultima sul tema: “La preghiera e il ricordo nella fede”.

La Messa del sabato alle 18.30, viene trasmessa in diretta dalla chiesa parrocchiale di Cristo Re in Brescia su TT 2 Teletutto (87) e Super Tv (92-115).







ƒ͟ǡŠǤ͙͙Ǥ͘͘ ǯ    ›”–ƒ‡”Ž‹‘…‘†—…‡—ƒ ”—„”‹…ƒ…Š‡ƒˆˆ”‘–ƒ‹’”‘„Ž‡‹ ‡…‘‘‹…‹†‡ŽŽǯ –ƒŽ‹ƒǡ†ƒŽ†‡„‹–‘ ’—„„Ž‹…‘ǡƒŽŽƒ•’‡…—Žƒœ‹‘‡Ǥ

ƒ‹”‡ǡŠǤ͟Ǥ͛͘  



 ‘•‰—ƒ”†‘ƒ’’”‘ˆ‘†‹–‘•—ŽŽƒ ‘„ƒ”†‹ƒ‡•—‹•—‘‹‘”‰ƒ‹ ‹•–‹–—œ‹‘ƒŽ‹ǣ•‡”˜‹œ‹‡”‡’‘”–ƒ‰‡…‹ ”ƒ……‘–ƒ‘Žƒ‘•–”ƒ‡‰‹‘‡Ǥ

ƒ‹”‡ǡŠǤ͙͙Ǥ͛͘ 

   ”ƒ•‹••‹‘‡“—‘–‹†‹ƒƒ …Š‡•‹‘……—’ƒ†‹‡†‹…‹ƒǤ ‰‹’—–ƒ–ƒ•‹‘……—’ƒ†‹— †‹•–—”„‘…‘—‡ǡ…‡”…ƒ†‘—ƒ •‘Ž—œ‹‘‡‰”ƒœ‹‡ƒŽ’ƒ”‡”‡†‹ ‡•’‡”–‹‡‡†‹…‹Ǥ

ƒ‹—‡ǡŠǤ͡Ǥ͛͘    ’’—–ƒ‡–‘•‡––‹ƒƒŽ‡…‘ Ž‡‘–ƒ‰‡‹–ƒŽ‹ƒ‡ǡ’‡”•…‘’”‹”‡ “—‡•–‘ˆƒ–ƒ•–‹…‘–‡””‹–‘”‹‘ ƒ––”ƒ˜‡”•‘’ƒ‡•ƒ‰‰‹‘ǡ•–‘”‹ƒ‡ …—Ž–—”ƒǤ•’‹–‡†‡ŽŽƒ’—–ƒ–ƒŽ‘ •…”‹––‘”‡‘”‹ƒ‘ƒ……Š‹ƒ˜‡ŽŽ‹Ǥ

ƒ‹”‡ǡŠǤ͙͜Ǥ͘͝   ’’—–ƒ‡–‘“—‘–‹†‹ƒ‘…‘ Žƒ•–”‹•…‹ƒ†‹‹ˆ‘”ƒœ‹‘‡…Š‡•‹ ‘……—’ƒ†‹–‡…‘Ž‘‰‹ƒ‡†‹—‘˜‡ •…‘’‡”–‡‹…ƒ’‘•…‹‡–‹ˆ‹…‘Ǥ

‡–‡͜ǡŠǤ͙͝Ǥ͝͝ ǯ ‹Ž†‡Ž͙͡͝͡…‘ ‘Šƒ›‡ ‡‡ƒƒ”–‹Ǥ‘•…‡”‹ˆˆ‘†‹ ‹‘”ƒ˜‘ƒ””‡•–ƒ’‡”‘‹…‹†‹‘ ‹Žˆ”ƒ–‡ŽŽ‘†‡Ž…ƒ’‘†‹—ƒ„ƒ†ƒ †‹ƒŽŽ‡˜ƒ–‘”‹Ǥ••‹‡‡ƒŽ•—‘˜‹…‡ †‘˜”†‹ˆ‡†‡”•‹†ƒŽŽƒ”‡ƒœ‹‘‡ †‡‹„ƒ†‹–‹Ǥ

ƒ‹”‡ǡŠǤ͚͙Ǥ͘͝   ȃ     ‘‡†‹ƒ†‡Ž͚͛͘͘…‘ —Ž‹ƒ‡‘‘”‡‡‹‡”…‡ ”‘•ƒǤ—‡ƒ˜˜‘…ƒ–‹ †‹˜‘”œ‹•–‹•‘‘•—ˆ”‘–‹‘’’‘•–‹ ‹—ƒ…ƒ—•ƒ†‹•‡’ƒ”ƒœ‹‘‡…Š‡ Ž‹…‘•–”‹‰‡ƒ”‡…ƒ”•‹‹ ”Žƒ†ƒǤǤǤ

‡ŽǤ͛͘͜͞Ǥ͚͚͚͛͜ ˆƒš͚͛͛͘͘͘͜͞͡͞ ‡Ǧƒ‹Žǣ”ƒ†‹‘̻˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹– ”‡†ƒœ‹‘‡̻˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹– ™™™Ǥ˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹–

‹–‘Ž‹†‹…‘†ƒ•–”‹•…‹ƒ—•‹…ƒŽ‡ …‘˜‘…‹†‹ˆˆ‡”‡–‹‘‰‹˜‘Ž–ƒǤ —––‹‹‰‹‘”‹†ƒŽŽ‡͚͘ƒŽŽ‡͚͚Ǥ ’‘‹ƒ…‘”ƒ‡”…ƒ–‹‘ȋ͙͘Ǥ͚͘Ǧ ͙͚Ǥ͚͘Ǧ͙͠Ǥ͚͘ȌǢ‘”•‹Ƭ‘…‘”•‹ ȋ͟Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͜͝Ǧ͙͠Ǥ͜͝ȌǢ‹˜‹Žƒ˜ƒŽŽ‡ ȋ͡Ǧ͙͚Ǧ͙͠ȌǤ

”‹•ǡŠǤ͚͙Ǥ͘͝  ‹Ž†‡Ž͙͚͡͠†‹‹†‡›—‡– …‘‹…Šƒ‡Žƒ‹‡‡Š”‹•–‘’Š‡” ‡‡˜‡Ǥˆƒ‘•‘•…”‹––‘”‡‹ …”‹•‹…”‡ƒ–‹˜ƒ…Š‹‡†‡ƒ‹—–‘ƒ— •—‘ƒŽŽ‹‡˜‘ǤǤǤ

 



ƒ†‹‘ ‹ƒ‰‹—‰‘ǡ͜Ǧ͚͙͘͜͝ƒ•–‡‡†‘Ž‘ȋ•Ȍ

Ǥ ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿͡Ǥ͛͘Ǧ ͙͡Ǥ͛͘Ǣ•ƒ„ƒ–‘͙͡Ǥ͘͘Ǣ †‘‡‹…ƒ͡Ǥ͘͘Ǧ͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͘͘ ‘’’—”‡ƒ•…‘Ž–ƒ“—‡ŽŽ‡‡••‡‹ ‘†ƒ†ƒŽŽƒ–—ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ•—ŽŽ‡ ‘•–”‡ˆ”‡“—‡œ‡Ǥ

   

ǣƒŽŽ—‡†¿ƒŽ ˜‡‡”†¿ǣ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘Ǧ͙͡Ǥ͘͜Ǥ ǣƒŽ—ƒ˜‡Ǥ ƒ––‹‘ǣ͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͙Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͛͘Ǥ

‡ŽǤ͚͙͛͛͘͘͟͜͜͜ ƒš͚͙͙͙͛͛͘͘͘͡ ™™™Ǥ”ƒ†‹‘‡…œǤ‹– ‹ˆ‘̻”ƒ†‹‘‡…œǤ‹–

‘‡”‹‰‰‹‘ǣ͙͜Ǥ͛͘Ǧ͙͝Ǥ͛͘Ǧ͙͞Ǥ͛͘Ǧ ͙͟Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǥ ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘Ǧ͙͜Ǥ͛͘Ǧ ͙͝Ǥ͛͘Ǧ͙͞Ǥ͛͘Ǧ͙͟Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǥ ǯ1ǣ ‡‹‹œ‹ƒ–‹˜‡–‡ƒ–”ƒŽ‹ǡ—•‹…ƒŽ‹ ‡…‹‡ƒ–‘‰”ƒˆ‹…Š‡†‹…‹–– ‡’”‘˜‹…‹ƒǤ ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿ǣ͙͚Ǥ͛͟Ǧ͙͛Ǥ͛͟Ǧ ͙͡Ǥ͜͟    ‘’‘Ž‹–”ƒ•‘‰‹‡ǤǤǤ—͙͘Ǥ͘͡

–ƒŽ‹ƒ͙ǡŠǤ͚͙Ǥ͙͘   

‘‡†‹ƒ†‡Ž͚͘͘͠Ǥ Ž–—––‘ˆƒ”‡ †‹—ƒŽ„‡”‰‘‘……—’ƒ†‘•‹†‡‹ •—‘‹‹’‘–‹‹•…‘’”‡…Š‡Ž‡•–‘”‹‡ …Š‡‹˜‡–ƒ†‹˜‡–ƒ‘”‡ƒŽ–Ǥ

‹•‹–ƒ‹Ž‘•–”‘•‹–‘‘’’—”‡ –‡Ž‡ˆ‘ƒƒ‹‘•–”‹—‡”‹ ’‡”‹†‹˜‹†—ƒ”‡ǡ–”ƒŽ‡‘Ž–”‡͘͞ ˆ”‡“—‡œ‡†‹ǡ“—‡ŽŽƒ…Š‡ …‘””‹•’‘†‡ƒŽŽƒ–—ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ

‰‰‹’ƒ”Ž‹ƒ‘†‹ǥ—͙͙Ǥ͛͘ —‘”‹ ‹‘…‘Ǩ—͙͠Ǥ͘͘

ˆ‘”ƒœǤŽ‹–—”‰ǤǦ’ƒ•–Ǥƒ”͙͘Ǥ͘͡ ‹‡˜‡‹†ƒǤǤǤƒ”͚͘Ǥ͘͝ ‡––—”‡‡”͙͘Ǥ͘͡

‹‘˜‡†¿‹•‹‡‡ ‹‘͙͘Ǥ͘͡

Ž’—–‘ǤǤǤ ‹‘͙͙Ǥ͘͡

•‹‡‡ǤǤǤƒŽŽǯ‘’‡”ƒ‡͙͘Ǥ͘͡ ”—‘–ƒŽ‹„‡”ƒǤǤǤ‡͙͙Ǥ͘͡ —…‹ƒ‡–”ƒ†‹œ‹‘‡‡͙͚Ǥ͙͝ ‹…‘Ž‹•…‹‘ƒ„͡Ǥ͛͘ ƒ„—‘ƒ‘˜‡ŽŽƒ‘͙͝Ǥ͘͘

‹‡Ž‘ǡŠǤ͚͙Ǥ͙͘  

‹Ž†‡Ž͙͡͠͝†‹––‘”‡…‘Žƒ …‘ƒ”…‡ŽŽ‘ƒ•–”‘‹ƒ‹‡ ƒ… ‡‘Ǥƒƒ‰‡”ƒ‡”‹…ƒ‘ –‘”ƒƒƒ’‘Ž‹†‘˜‡‡”ƒ•–ƒ–‘ †—”ƒ–‡Žƒ‰—‡””ƒǤǤǤ


 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?ÇŁÂ&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2013;ĂŽÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;

Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;

Attorno al tema della responsabilitĂ ruota il festival di iniziative religiose, culturali e artistiche in onore dei patroni Faustino e Giovita, promosso dalla Confraternita S. Faustino e dal Comune con la collaborazione di numerose associazioni e realtĂ  del territorio. In Primo Piano (alle 9.20) ne parlano don Armando Nolli e Carmela Perucchetti. Ecclesia (ore 11) nel mese dedicato alla Pastorale della salute si occupa di sclerosi multipla in occasione

La prossima puntata della rubrica settimanale â&#x20AC;&#x153;La Buona Notiziaâ&#x20AC;? apre con il servizio â&#x20AC;&#x153;La festa dei consacratiâ&#x20AC;?, che hanno rinnovato il loro impegno di fedeltĂ a Dio e alla Chiesa. A seguire: â&#x20AC;&#x153;Il sacramento della penitenzaâ&#x20AC;?, tema di riďŹ&#x201A;essione nella settimana teologicopastorale; per il Giorno della memoria â&#x20AC;&#x153;Nave celebra la memoriaâ&#x20AC;?; â&#x20AC;&#x153;Capriolo per la vitaâ&#x20AC;? con le iniziative del Comune in occasione della giornata del 3

della visita del vescovo il 20 febbraio nella sede della sezione provinciale dellâ&#x20AC;&#x2122;Aism. Dalla scorsa settimana padre G. Carlo Paris cura un nuovo ciclo di Cinema per lo spirito (11.20). Il programma domenicale prodotto da VoceMedia e curato da Betty Cattaneo, va in onda (in differita e in diversi orari) anche su Radio Voce Camuna, Ecz, Radio Claronda, Radio Basilica Verolanuova, Radio Ponte di Manerbio e Radio RaphaĂŤl. Le rubriche sono sul sito radiovoce.it

Í&#x203A;Í&#x203A;

febbraio. La rubrica â&#x20AC;&#x153;4 parole...â&#x20AC;? è con don Carlo Tartari per la Quaresima missionaria. â&#x20AC;&#x153;La Buona Notiziaâ&#x20AC;? va in onda: la domenica alle 13.05 su Teletutto e alle 18.30 su Tt2 Teletutto; su Super TV la domenica e il martedĂŹ alle 20; su PiĂš Valli TV la domenica alle 8; su Teleboario la domenica alle 8.15 e alle 10; e su www.vocemedia.tv che manderĂ in onda anche lo speciale â&#x20AC;&#x153;Lâ&#x20AC;&#x2122;evoluzione dello Statoâ&#x20AC;?, con relatore Silvio Troilo.











Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í?  Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇŁÂ&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Ǥ

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x2122;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í? 

   Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍĄÍ&#x203A;ǤÂ&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2122;Â&#x2021;Â&#x2021;Â?Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2039; Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x160;ǤͥǤÍ?Í?   Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2039; Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ Ç¤Í&#x2DC;Í&#x2DC;   Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;ǤÂ&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;   Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2021;

Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;ǤÂ&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x17E;ǤÍ?Í&#x2DC;     Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x;Í&#x;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x160;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022; Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2026;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?ǤÂ? Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x192;ǤÂ? Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018; Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í? Í&#x17E;Í&#x203A;Îť    Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?ÇĄ Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2021; Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Í&#x2122;Í&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2122;Í&#x2DC;

ÇŻ  Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x17E;Í Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2039;ǤÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2014;Â? Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Ǥ Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;ǤÍ&#x2DC;Í? ÇŻ    Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;ÇĄ Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;͠ǤÂ&#x2039; Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021; Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2014;Â?Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Í?Í&#x2DC;Í&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Í?ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2122;Í?  Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Ǥ Â?ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x161;ǤÍ?Í? 

 



Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Í&#x;Ć&#x2026;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x192;Â?Â&#x2022;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x203A;ǤÇŻÂ&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192; DzÂ?Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x192;dzǤ

Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x161;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;   Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x17E;ǤÍ?Í&#x2DC;      ÇŁ    

Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2013;Â&#x2DC;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ Í&#x203A;Ǥ Â?Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2014;Â? Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ&#x2018;Â&#x2039; Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x153;ǤÍ?Í?  Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Ǥ Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â? Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â? Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x2122;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;ͥǤÍ&#x161;Í? ÇŻ  Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â?Â&#x203A; Â&#x2021;Â&#x2021; Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;ǤÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â? Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2122;Í&#x2DC;    Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;ǤÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â? Â&#x2C6;Â&#x2014;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í?ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;  ÇŁ  Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2013;Â&#x2DC;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020; Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;ǤÇŻÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x203A;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â? Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x203A;ǤÍ&#x153;Í? 

Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x2122;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D; Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;ǤÂ?Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â? Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x192;ǤÂ&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ǤǤǤ

Â&#x2013;Â&#x2DC;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x203A;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;    Â?Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â?Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;°Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Ǥ

Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;    Â&#x160;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x2122;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x203A;Â?Â&#x2026;Â&#x160; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2022;ǤÂ&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2020; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x203A;ǤÂ&#x192;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x201D;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Ǥ

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x2122;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2122;Í&#x2DC;    Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;ÇŻÂ&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2DC;Ǥ

Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x192;Â?ÇĄÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x203A;Ǥ

Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Í?ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;  Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x153;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â? Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇĄÂ?Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;ǤÇŻÂ&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í?

   Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x160;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?ǤÂ&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x192; Č&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Č&#x152;ÇĄÍ&#x2122;ÍĄÍ&#x;Í&#x2122;ǤÂ?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;°Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Í?ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2122;Í?

    Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x2021;Ǥ Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x192; Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ǤǤǤ

Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í? Í&#x17E;Í&#x203A;Îť    Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2014;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;

,O´SROLWLFDOO\FRUUHFWÂľGL'DULD%LJQDUGL Lei ha giĂ annunciato che questa sarĂ  lâ&#x20AC;&#x2122;ultima stagione del programma ma non câ&#x20AC;&#x2122;è da crederci: il suo raffinato salotto su misura le piace troppo e, a quanto pare, piace anche al pubblico televisivo nostrano, se è vero che nel generale calo di ascolti di La7, â&#x20AC;&#x153;Le invasioni barbaricheâ&#x20AC;? (mercoledĂŹ 21.10) mantiene il suo zoccolo duro di fedelissimi. Almeno, questo è il responso delle prime puntate dellâ&#x20AC;&#x2122;edizione 2013. La protagonista di cui si parla è naturalmente Daria Bignardi, ideatrice e conduttrice dal 2004 della trasmissione andata in onda fino al 2008, poi interrotta per il passaggio della gior-

nalista a Rai 2 (â&#x20AC;&#x153;Lâ&#x20AC;&#x2122;era glacialeâ&#x20AC;?) e ripresa nel 2010 con il piĂš classico dei ritorni a casa televisivi. Il filo rosso del talk show è costituito dalle interviste barbariche in cui la Bignardi siede a un tavolo faccia a faccia con lâ&#x20AC;&#x2122;ospite di turno, a cui non vengono risparmiate domande di alcun genere. Dalla politica allo spettacolo, pochi sono i vip dello â&#x20AC;&#x153;show systemâ&#x20AC;? che non si sono ancora fatti intervistare da Daria. La quale, con quellâ&#x20AC;&#x2122;aria sempre un poâ&#x20AC;&#x2122; snob, riesce nellâ&#x20AC;&#x2122;intento di mettere a nudo anche i risvolti piĂš nascosti dellâ&#x20AC;&#x2122;animo di molti dei suoi ospiti, complice una squadra di redattori molto preparata

e capace di aiutarla nel documentarsi per bene sulle biografie di chi viene invitato. La struttura del programma è ampiamente rodata, per questo nel corso degli anni gli autori e la conduttrice hanno pensato bene di non stravolgerla piĂš di tanto, limitandosi a qualche intervento sulla scenografia e al ricambio dellâ&#x20AC;&#x2122;ospite piĂš o meno fisso. Se in passato Morgan si esibiva in ogni puntata con una canzone, questâ&#x20AC;&#x2122;anno la presenza stabile è quella di Geppi Cucciari, attrice comica dallâ&#x20AC;&#x2122;accento marcatamente sardo, chiamata a curare la copertina di apertura. La prima puntata di questâ&#x20AC;&#x2122;anno ha

preso avvio con lâ&#x20AC;&#x2122;intervista a Matteo Renzi, il sindaco di Firenze tornato in tv alla sua prima apparizione dopo le primarie del centrosinistra, per proseguire con il trio di spietati giudici di Masterchef e chiudersi con un colloquio a 360° con Tiziano Ferro. PiĂš impegnato il tono della seconda puntata, con il giornalista Beppe Severgnini, lâ&#x20AC;&#x2122;ex campione di marcia Alex Schwazer, Belen Rodriguez, Arisa. La cifra stilistica che connota la trasmissione resta il tono improntato al â&#x20AC;&#x153;politically correctâ&#x20AC;?, anche se le domande che la Bignardi rivolge ai propri ospiti non di rado sono quasi im-

  

pertinenti. Ha dalla sua la capacitĂ di non alzare mai la voce, di non incalzare (quasi) mai chi le siede di fronte e dâ&#x20AC;&#x2122;intrufolarsi con la giusta discrezione anche negli aspetti piĂš intimi delle biografie altrui. Il suo obiettivo non sembra quello di ottenere picchi di audience, piuttosto quello di creare unâ&#x20AC;&#x2122;atmosfera piacevole e rilassata per un dialogo che può anche avere momenti drammatici ma che raramente va sopra le righe. Ă&#x2C6; vero, il suo atteggiamento salottiero e perbenista non è propriamente â&#x20AC;&#x153;nazionalpopolareâ&#x20AC;?, ma è molto meglio di quello di chi grida o fa gridare pur di colpire a tutti i costi lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione degli spettatori.


Í&#x203A;Í&#x153;

 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x201D;° Il 12 aprile alle 21 sale sul palco del PalaBrescia di via San Zeno un grande nome della musica italiana: Cristiano De AndrĂŠ, che farĂ tappa in cittĂ  con il tour di presentazione del nuovo album di inediti â&#x20AC;&#x153;Come in cielo cosĂŹ in guerraâ&#x20AC;?, prodotto da Nuvole e distribuito da Universal, in uscita nel mese di marzo 2013. Il nuovo disco â&#x20AC;&#x153;Come in cielo cosĂŹ in guerraâ&#x20AC;? segna il ritorno di un grande artista, a 12 anni dallâ&#x20AC;&#x2122;ultimo album di inediti (â&#x20AC;&#x153;Scaramanteâ&#x20AC;?), e dopo il

successo della sua rivisitazione del repertorio del padre con â&#x20AC;&#x153;De AndrĂŠ canta De AndrĂŠ vol. 1â&#x20AC;? (2009) e â&#x20AC;&#x153;De AndrĂŠ canta De AndrĂŠ vol. 2â&#x20AC;? (2010), a seguito dellâ&#x20AC;&#x2122;omonima fortunata tournĂŠe. I biglietti sono in vendita alla biglietteria del PalaBrescia (via San Zeno 168, Brescia, tel 030.348888, info@palabrescia. it, aperta dal lunedĂŹ al sabato ore 16-19), al Centro oratori bresciani, nelle prevendite abituali del circuito TicketOne e su www.ticketone.it.

 

6HODPXVLFD YLQFHVXOORVKRZ

Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;ÇŁÂ&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Í&#x17E;Í&#x203A;Í&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;°Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Ǥ Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x203A;Â&#x192;Â?Â&#x2021;ÇĄ Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2021;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ&#x192;Â&#x161; Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;°ǥÂ&#x2018;Â&#x2020;Â?ÇĄÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;

Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â? Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Í&#x2122;Í Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;

Â&#x17D;Í&#x2122;Í Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;°Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŚ Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;ǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?ÇŚ Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ÇĄ Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2020; Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;ǢÂ&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;ÎťÂ&#x2030;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x153;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǤÂ&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;ÇŚ Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2022;Ǥ

Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;

  

$

DzÂ&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Çł Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x192;Â? Â&#x2018;Â&#x160;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x160;

Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?ÇŚÂ&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013; Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;

In un futuro, non molto lontano, le associazioni criminali, che hanno inventato il viaggio nel tempo, assoldano killer per eliminare nel presente chi farĂ loro uno sgarbo nel futuro. Questi specialisti si chiamano â&#x20AC;&#x153;looperâ&#x20AC;?. E sono vincolati da una sorta di contratto. Ma un loop si può anche chiudere. Ă&#x2C6; facile. Basta eliminare nel presente il proprio io invecchiato di 30 anni che viene spedito indietro nel tempo. In questo caso il looper scioglie

 

Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;Í&#x161;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;Í&#x17E;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;

nche se gli albergatori si lamentano delle scarse presenze in realtĂ Sanremo è giĂ  popolata dai primi protagonisti, che stanno prendendo confidenza con il Teatro Ariston. Molte le novitĂ  di questa edizione. La prima è senza dubbio il ritorno di Fabio Fazio, a distanza di 13 anni dalla sua ultima partecipazione sanremese (presentò nel 1999 e nel 2000). Fazio sarĂ  affiancato da Luciana Littizzetto, mina vagante dotata di innata simpatia. Una coppia affiatata, che farĂ  leva sullâ&#x20AC;&#x2122;intelligenza e sullâ&#x20AC;&#x2122;arguzia, per offrire una conduzione diversa dai canoni generalmente richiesti dal Festival. Una coppia che sa di poter osare, perchĂŠ da piĂš parti è chiesto un segnale di discontinuitĂ  che dia nuova linfa alla kermesse. E cambiamento sia, seppur senza stravolgere alcuni capisaldi, come ad esempio la presenza delle due vallette, che assicurano bella presenza e audience: questâ&#x20AC;&#x2122;anno sarĂ  il turno delle modelle Bianca Balti e Bar Refaeli. Lâ&#x20AC;&#x2122;altra grossa novitĂ  sono gli artisti, il cui elenco è stato depurato dalla presenza tra i concorrenti di alcuni nomi storici, quali Albano, Ricchi e i Poveri, Toto Cotugno â&#x20AC;&#x201C;

Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;

tutti e tre presenti però in qualitĂ di ospiti â&#x20AC;&#x153;vintageâ&#x20AC;? â&#x20AC;&#x201C; per dare spazio ad artisti, emergenti o giĂ  affermati, provenienti da settori musicali piĂš innovativi. Contrariamente a quanto preannunciato da Fazio saranno presenti anche un paio dei protagonisti degli ultimi format tv: Chiara Galiazzo, reduce da X Factor e Annalisa (Scarrone) proveniente da Amici. Ecco lâ&#x20AC;&#x2122;elenco completo dei

Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2DC;ÇŁÂ&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;

Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;  Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192; Č&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Č&#x152;Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039; partecipanti: Almamegretta, Annalisa, Chiara Galiazzo, Daniele Silvestri, Elio e le Storie Tese, Malika Ayane, Marco Mengoni, Maria Nazionale, Marta sui tubi, Max Gazzè, ModĂ , Raphael Gualazzi, Simona Molinari con Peter Cincotti, Simone Cristicchi. Lâ&#x20AC;&#x2122;Orchestra sarĂ  diretta dal maestro, bresciano di Chiari, Mauro Pagani. Parallelamente al Festival dei Campioni si svolgerĂ  quello dei Giovani, con la selezione

di un vincitore tra gli otto giovani partecipanti. Il favorito tra questi pare essere Il Cile, che presenterĂ il brano â&#x20AC;&#x153;Le parole non servono piĂšâ&#x20AC;?. Tra i big invece appare molto quotata Malika Ayane, con la canzone â&#x20AC;&#x153;E se poiâ&#x20AC;?. Anche questa edizione del Festival, inevitabilmente, genera come sempre polemiche e discussioni. Critiche alle scelte artistiche sono infatti piovute da alcuni addetti ai lavori, tra cui Pino Daniele, Francesco Bianconi dei Baustelle, che ha composto con i Tiromancino il brano di Chiara Galiazzo ma che dichiara che â&#x20AC;&#x153;il Festival è come la morteâ&#x20AC;? e Mogol. Cominciano a filtrare anche le prime indiscrezioni circa la qualitĂ  delle canzoni. Dallâ&#x20AC;&#x2122;ascolto segreto delle 28 canzoni di Sanremo (ogni â&#x20AC;&#x153;campioneâ&#x20AC;? presenterĂ  inizialmente due brani, dei quali uno verrĂ  poi scartato) sono emersi giudizi favorevoli verso Elio e le Storie Tese, mentre deludenti paiono essere i brani di Mengoni, Scarrone, Galiazzo e ModĂ . Molti anche i nomi, non tutti confermati, degli ospiti del Festival, tra i quali pare certa la presenza dei Muse, probabile quella di Carla Bruni, sorprendente quella del musicista israeliano Asaf Avidan, artefice di un paio di recenti successi.

Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Dz Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;ÇŚÂ&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;dzǤ Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2026;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ?Â?Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;ǤÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;ÍĄÍ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Í?Í&#x2DC;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Č&#x20AC;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Č&#x20AC;Â?Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021; Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Ǥ Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÍ Â&#x161;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Č&#x20AC;Â?Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;ÍĄÍ&#x2DC;Í&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2018;ǤÇŻÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?ÇŚ Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2026;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;ÇŁÍ&#x2DC;Í&#x17E;Í&#x153;Í&#x153;Í&#x2DC;Í&#x161;Í&#x161;Í&#x;Í&#x203A;Ǥ Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;DzÂ&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;ÇŚÂ&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Í&#x2122;Í&#x153;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Çł

 

Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x153;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A; Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x203A; Â&#x2122;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;ǤÇŻÂ&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D; Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2039;Â?Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;ǤÂ&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018; Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽ Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Ǥ Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;DzÂ&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;dzǤ



 

Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x203A;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x203A;ÇŚÂ&#x2021;Â&#x2122;Â&#x2039;Â&#x2022;Č&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152; Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x160; Â&#x192;Â&#x2026;Â?Â?Â&#x192;Â? Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x160;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2013;Â&#x2018;Â? Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x161;


 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

Í&#x203A;Í?

  

il suo contratto e può godersi i 30 anni di vita restanti, con lâ&#x20AC;&#x2122;oro trovato sul corpo del malcapitato â&#x20AC;&#x153;te stessoâ&#x20AC;? invecchiato. In â&#x20AC;&#x153;Looperâ&#x20AC;? di Rian Johnson, regista scoperto qualche anno fa a Venezia, la trama si innesta e si costruisce su uno dei canovacci classici del genere fantascienza: quello dei viaggi nel tempo e dei paradossi che si possono generare. Ne esce un film che gioca, proprio come piace fare al bravo Johnson,

con questo e altri generi. E il tutto riesce anche grazie allâ&#x20AC;&#x2122;ottima interpretazione del protagonista Joseph Gordon-Levitt che si ritrova a percorrere strade e campi allâ&#x20AC;&#x2122;inseguimento del â&#x20AC;&#x153;proprio ioâ&#x20AC;? di 30 anni piĂš vecchio Bruce Willis. Non câ&#x20AC;&#x2122;è errore piĂš grosso per un looper che farsi scappare il proprio premio di buona uscita, soprattutto perchĂŠ chi paga non è disposto a rinunciare facilmente allâ&#x20AC;&#x2122;uscita del soggetto in questione.

Johnson costruisce un impianto quasi perfetto. Sin dallâ&#x20AC;&#x2122;inizio delle vicende la storia accompagna lo spettatore dandogli le coordinate necessarie a capire i meccanismi successivi. E lâ&#x20AC;&#x2122;operazione riesce, ed è importante, con una voce fuori campo, quella del protagonista, che spiega in poche battute; voce che in uno strano loop torna poco prima del finale, a sorpresa. La tensione e la narrazione reggono, lo spettatore si sente coinvolto in una storia

Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;

    ǥ Ǥ  

 

  

   

   

Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Í&#x203A; Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;

Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;

Â&#x192;Â&#x2026;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;

Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;ÂżÍ Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í?

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2026; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x160;ÇĄ Â&#x2018;Â?Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â?

Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í?ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;  Â&#x2039; Â&#x2013; Â&#x2013;Â&#x2039;  Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â?Â&#x192;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x161;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í?

 ǥ Ǥ 

Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;

nel tempo e senza tempo che piace anche ai non amanti del genere. E per gli amanti câ&#x20AC;&#x2122;è invece il gioco della ricerca delle citazioni: James Cameron, Terry Gilliam e Cronenberg, solo per dirne alcuni. Un film che piace, puro intrattenimento, su cui ci si perde in ragionamenti, piacevolmente, sia durante la visione che dopo. PerchĂŠ non câ&#x20AC;&#x2122;è nulla di piĂš incerto in un film sul tempo, che quale possa essere il futuro. Giusto per chiudere con il tempo.

 

 

  

 

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;

Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;

Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x161;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x161; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â?

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â?Â&#x192;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;

  

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x203A;Â?Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x203A;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

 

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020; Č? 

Í&#x161;Č&#x17D;

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;Ǣ

  ÇŻ  

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x192;Â&#x2026;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â?

   

 

Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x160;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x160; Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x2122;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;ÇĄ Â?Â&#x2020;Â&#x203A;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x2122;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x203A;Â?Â&#x2122;Â&#x2021;Â&#x201D;

Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x17E;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

 

 

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â?Â&#x192;

Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;ÂżÍ Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;



  

Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â? Â&#x2021;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2122;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Č&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152; Â&#x2014;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x160;Â&#x192;Â?ÂąÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022; Â&#x192;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2022; Â?Â?Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;

Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄ Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â? Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x203A;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Č&#x201A;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Č&#x201A;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄ Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇŁÂ&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?ǤÂ&#x192; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;°Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x203A;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ǤǤǤ

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x17E;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2013;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;

Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2014;

  



Â&#x2018;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2013; Â?Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í?Ǣ Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í?Ǣ Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í?

 

Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x203A;

Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x161; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x161;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x161;  Â&#x2039; Â&#x2021; Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x161; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â? Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020; Č? 

Í&#x203A;Č&#x17D;



 

Â&#x192;Â?Â?Â&#x203A;Í&#x161; Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x192;

Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;ÂżÍ Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í?ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC; Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x153;Í? Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x161;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x17E;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

  

Ǥ  

Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2013;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;

Â&#x192;Â&#x2026;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;

Č? 

Í&#x161;Č&#x17D;

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x2122;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;ÇĄ Â?Â&#x2020;Â&#x203A;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x2122;Â&#x2022;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x203A;Â?Â&#x2122;Â&#x2021;Â&#x201D;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;



 



  

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;

Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2021; Â&#x2021;Â?Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x17D;Â&#x2039;Â? Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2021; Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2030;Č&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152; Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;ǤÂ&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;

Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;

Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC; Č&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2014;Â?Č&#x152;

Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;

   

  

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â?Â&#x192;

Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?

Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x203A;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x17E;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

Â&#x192;Â?Â&#x201D;Â&#x203A;Â&#x2019;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x192;

Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Č&#x201A;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021; Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2122;Â&#x2021;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Č&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x160;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â? Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;ǨÂ&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2022;

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

  

Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x192;Â? Â&#x2018;Â&#x160;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?

Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÍĄÂ&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;

Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â? Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;ÇĄ Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x201E;ÇĄ° Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ Â&#x192;Â&#x2039;°Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2DC;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x192; Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;ǤǤǤ



  

Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x2018;Č&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152;Č&#x201A;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2013;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2020; Â&#x152;Â&#x192;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Č&#x201A;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;ÂąÂ&#x201D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Č&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152; Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â?Č&#x201A; Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇŁÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2022;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x203A;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x2018;Â? Â?Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x201D;Č&#x201A;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Č&#x201A;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x203A;


Í&#x203A;Í&#x17E;

 Í&#x;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A;

ÇŻÍ&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;

Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?

  

In occasione delle festivitĂ dei Santi Faustino e Giovita, la Camera di commercio di Brescia, nel quadro del calendario di iniziative predisposto dalla Confraternita dei Santi Faustino e Giovita, organizza un evento specificamente dedicato al tema: â&#x20AC;&#x153;Giovani, lavoro e imprenditorialitĂ â&#x20AC;?, che si terrĂ  lunedĂŹ 11 febbraio, dalle 15 presso la Sala consiliare della Camera di commercio di via Brescia. Lâ&#x20AC;&#x2122;evento ha lâ&#x20AC;&#x2122;obiettivo di illustrare alcune specifiche e concrete

Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ĚťÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;ǤÂ&#x2039;Â&#x2013;

forme di sostegno ai giovani che progettano di avviare attivitĂ imprenditoriali, offrendo esempi pratici portati da parte di giovani che hanno avviato con successo nuove iniziative imprenditoriali. La partecipazione è gratuita, previa registrazione tramite scheda di adesione, disponibile sul sito www.bs.camcom.it, da inviare entro lâ&#x20AC;&#x2122;8 febbraio alla segreteria organizzativa: Ufficio affari generali e relazioni esterne (fax 030.3725364, e-mail: convegni@bs.camcom.it).

 

Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x161;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;DzÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Çł

'DOODVRFLHWjXQPDQLIHVWR SHUO¡HFRQRPLDVRFLDOH

Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x203A; Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021; Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192; Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022; Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020; Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x192;ÇĄÂ&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021; Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x161;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039; Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Ǥ Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x161;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;ǤÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D; Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2039; Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x161;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x192; Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;ÇĄÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Ǥ Â&#x17D;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192; Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x203A;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x17E;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2039;