Page 1

‘‰�—�‘‹Ž‰‘˜‡”�‘…Š‡�‡”‹–ƒ    

/$92&(

C’è chi sostiene che ogni popolo ha il governo che si merita. All’opposto, c’è chi sostiene che il governo decide e orienta le fortune o le disgrazie del popolo governato. Autori autorevoli, anche di recente, si sono impegnati su queste teorie. A sostegno della prima si dice, ad esempio, che la politica italiana sarebbe piÚ limpida e semplice se gli elettori italiani fossero piÚ precisi e meno arruffoni. A sostegno della seconda si cita la Cina, che sicuramente vede un popolo inquadrato dall’alto e governato da una Êlite politica. La questione è difficile da dirimere e ritengo che per un po’ di tempo resteranno in auge gli opposti pareri. PiÚ semplicemente si potrebbe chiedere, o meglio dire, pretendere, che coloro che hanno la responsabilità di governo, di qualsiasi tipo (politico, economico e sociale) e a qualsiasi livello (dal Parlamento alla cooperativa di quartiere) siano provvisti di un solo, grande obiettivo, il bene comune. Quasi dimenticavo: il bene comune è fondato sulla giustizia, la pace, il rispetto degli altri, la libertà e la democrazia.

'(/ 3232/2           Í™Í ÍĄÍ›

            

  Ǥ              Ǥ 

͛͞

Ǥ”‡•…‹ƒÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

                  Í‚Í™ÇĄÍ˜Í˜

͚͘ Žˆƒ––‘

‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜Í˜Í›ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒÂƒÂ”Â–Ç¤Í™ÇĄ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇŚ‘Â?–‹‡Â?‡ ǤǤ

Brescia. La società civile per l’ora della città

͙͚ƒ‡•‹‡’ƒ””‘……Š‹‡ Maclodio. Rivive la battaglia del Carmagnola

͚͞……Ž‡•‹ƒ Nuovi diaconi. Il segreto? Mettersi all’ultimo posto

„ƒÂ?„‹Â?‹ ’”‹Â?ƒ†‹–—––‘ ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡”‘Â?‡•‹Â?–‹†‹”‡•…‹ƒ•‘Â?‘‹Â?ƒ†‡Â?’‹‡Â?–‹Â?‡Ž’ƒ‰ƒÂ?‡Â?–‘†‡‹•‡”˜‹œ‹•…‘Žƒ•–‹…‹Ǥ ‡Â?–”‡•‹•…ƒ–‡Â?ƒÂ?‘Ž‡’‘Ž‡Â?‹…Š‡ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘Ž‘…ƒŽ‡‡Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ’ƒ†”‡ƒ”‹‘‘ˆˆƒ”‹†‹…Š‹ƒ”ƒƒ‘…‡ǣ Dz ÂŽ’”‹Â?…‹’‹‘°…Š‡ƒ’ƒ‰ƒ”‡Â?‘Â?•‹ƒÂ?‘‹„ƒÂ?„‹Â?‹Ǥƒ˜‹ƒ’”‹Â?…‹’ƒŽ‡Â”Â‡Â•Â–ÂƒÇĄ…‘Â?—Â?“—‡ǥŽƒŽ‡‰ƒŽ‹–Â?Çł ÇŻ   

͙͛—Ž–—”ƒ‡…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ Veltroni a Brescia. La cultura, volano della civiltĂ

͛ͥ…‘Â?‘Â?‹ƒ Fiat: si torna a parlare di aiuti di Stato?

͙͜’‘”– Brescia calcio. Nuova puntata per la questione-stadio

ƒÂ?–‘ ’‡”…ƒÂ?„‹ƒ”‡ C’è da chiedersi perchĂŠ. PerchĂŠ il ministro Profumo esterna sull’insegnamento della religione cattolica (Irc), mostrando tra l’altro di non conoscerlo molto bene? PerchĂŠ adesso? Lo stesso ministro, non molto tempo fa, ha firmato un’intesa con la Conferenza episcopale italiana sulle nuove indicazioni didattiche per l’Irc nelle scuole superiori (oltre a un’altra sulla qualificazione dei docenti) che tengono certamente conto dell’attenzione alla societĂ multietnica, della conoscenza e del rapporto tra le religioni. Quei temi che, secondo le ultime esternazioni, renderebbero invece l’Irc inadeguato e da rivedere. GiĂ  a Torino, settimana scorsa,

alla festa di Sinistra, ecologia e libertĂ , Profumo aveva sostenuto che l’ora di religione, cosĂŹ com’è strutturata, avrebbe poco senso e andrebbe modificata. PerchĂŠ ormai “nelle nostre classi, soprattutto alle elementari e alle medie, il 30% degli studenti è di origine straniera e, spesso, non di religione cattolicaâ€?. “Probabilmente - aveva aggiunto - quell’ora di lezione andrebbe adattata, potrebbe diventare un corso di storia delle religioni o di eticaâ€?. Oggi, a margine di un incontro per la presentazione della biblioteca ministeriale, è tornato sulla questione, scatenando inevitabilmente una ridda di commenti, e di confusione, sull’Irc “catechismo coi soldi pubbliciâ€?, che indottrina i ragazzi. A chi giova sollevare un polverone del genere? Tanto piĂš che il Ministro dovrebbe sapere bene che l’Irc è ben diverso dal “catechismoâ€? su cui insistono gli irriducibili paladini di ideologie

ormai superate, non è solo per i cattolici ma è per tutti, concorre al pieno raggiungimento delle finalitĂ della scuola pubblica, non chiede adesioni di fede, contempla, nei programmi e negli strumenti didattici, la conoscenza e il confronto con tradizioni culturali e religiose diverse. Dovrebbe sapere, anche, il Ministro, che tale insegnamento è frequentato in concreto da molti allievi non cattolici, anche stranieri, i quali evidentemente non si sentono discriminati dall’Irc e che, attraverso la conoscenza dei principi del cattolicesimo, parte del patrimonio storico del popolo italiano, contribuisce a promuovere integrazione culturale e cittadinanza. Lo ha ricordato molto bene, tra l’altro, Giuseppe Della Torre su “Avvenireâ€?, facendo intendere come il Paese e la scuola abbiano ben altri e “gravissimiâ€? problemi. E allora viene da pensare che il polverone – alimentato anche

da un modo senza scrupoli di fare notizia (un titolo sull’ora di religione “tiraâ€? sempre, anche se c’è poco da mordere) – serve a coprire proprio i “gravissimiâ€? problemi, che vanno dall’edilizia scolastica disastrata alla situazione precaria delle scuole terremotate, dalla situazione irrisolta del precariato al malumore e disamore di molti operatori scolastici e chi piĂš ne ha piĂš ne metta. Problemi che evidentemente nemmeno i proclami sulla “scuola digitaleâ€? riescono a mettere in secondo piano. Davvero non serve oggi una polemica in piĂš sull’Irc. Ben venga una riflessione sulle didattiche innovative, sulla necessitĂ di restare al passo con la societĂ  e i bisogni educativi delle nuove generazioni, ma senza confusioni. L’Irc in questi anni ha camminato proprio in questa direzione. Si può sempre migliorare, ma polemiche e ideologia non sono la strada giusta.


 

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

”‹Â?ƒ˜‡”ƒÍšÍ˜Í™Í›ÇŁ”‡•…‹ƒ–‘”Â?‡”Â?ƒŽŽ‡—”Â?‡ ’‡”Žƒ•…‡Ž–ƒ†‡‹•—‘‹Â?—‘˜‹ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‹Ǥ ÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘°‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡‡Žƒ…‹––Â? •‡Â?„”ƒ†‹Â?‘•–”ƒ”‡—Â?ƒ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡ƒŽ˜‘–‘Ǥ ǯ°…Š‹•‹Â?‡––‡‹Â?‰‹‘…‘’‡”Žƒ†‡ˆ‹Â?‹œ‹‘Â?‡†‹ Â?—‘˜‹’”‘‰‡––‹ƒÂ?Â?‹Â?Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‹ÇĄƒˆ‹ƒÂ?…‘ ‘‘Ž–”‡‹’ƒ”–‹–‹

”‡•…‹ƒ‡”•‘ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘‡Ž‡––‘”ƒŽ‡†‡Ž͚͙͛͘

LDVRFLHWjFLYLOH SHUO¡RUDGHOODFLWWj ƒ–‡Â?’‘‹’ƒ”–‹–‹•‘Â?‘ƒŽŽƒ˜‘”‘’‡”’”‡’ƒ”ƒ”‡Ž‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜‡†‡Ž’”‘••‹Â?‘ƒÂ?Â?‘Ǥ ‹Â?‘Ž–‹’Ž‹…ƒÂ?‘ǥ’‡”ÖǥŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡…Š‡˜‡†‘Â?‘‰”—’’‹†‹…‹––ƒ†‹Â?‹ǥŽƒ…‘•‹††‡––ƒ •‘…‹‡–Â?Â…Â‹Â˜Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ•…‡Â?†‡”‡‹Â?…ƒÂ?’‘’‡”’‘”–ƒ”‡ƒ˜ƒÂ?–‹‹†‡‡Â?‡Ž•‡‰Â?‘†‡Ž…‘Â?ˆ”‘Â?–‘   

;

Brescia (l’ultima nata), Piattaforma civica, Brescia per la gente, Donne per Brescia, ma anche Grillo e il suo movimento Cinque stelle e forse ancora altro... La cittĂ che cerca al di fuori dei partiti e della politica le risposte sul suo futuro si è messa in moto in vista delle elezioni amministrative previste per la primavera del 2013. E lo ha fatto con un dinamismo tale da rischiare di arrivare all’election day con un numero di proposte (liste) piĂš alto rispetto a quello degli elettori. Ăˆ un buon segnale? Ăˆ un messaggio che l’antipolitica (che conosce diverse declinazioni) indirizza alla politica? Ăˆ una severa critica a chi negli anni ha governato la cittĂ ? Per dare risposte a tutte queste domande c’è tempo. Saranno i mesi a venire che dovranno dire quante delle iniziative messe in campo (e di quelle che ancora probabilmente vedranno la luce da qui all’avvio della campagna elettorale) hanno veri fondamenti civici e quante, invece, appartengono al genere delle liste “civettaâ€?. Quello che appare certo è che si tratta di un fenomeno che dovrebbe interessare i partiti che da tempo sono al lavoro per mettere a punto la strategia elettorale. Ci sarĂ  tempo nelle settimane a venire per capire come questi stanno muovendosi per mettere a punto progetti amministrativi e per tamponare quelle falle che gli scandali nazionali hanno aperto nella loro credibilitĂ  anche a livello locale. Per il momento, dunque, occhi puntati sulla societĂ  civile che sembra voler diventare protagonista del futuro di Brescia. Un obiettivo, una dichiarazione di intenti che ad oggi è uno dei pochi elementi che accomuna la diverse realtĂ  che hanno giĂ  fatto un passo in avanti. La conferma arriva anche da Davide Gasparetti (nella foto), della direzione della rivista “CittĂ  & Dintorniâ€? che, nei giorni scorsi, ha messo intorno a un tavolo tutte le realtĂ  che hanno come obiettivo le amministrative del 2013, liste civiche comprese. “Abbiamo invitato persone qualificate, ma non i candidati sindaco – sottoliena Gasparetti – per evitare il rischio di personalizzazioneâ€?. Quello della rivi-

sta non è un interesse dell’ultimora. Con un editoriale, già nel 2010, aveva lanciato infatti l’idea di creare anche fisicamente lo spazio per un dialogo tra associazioni, cittadini e politici attenti alla domanda di cambiamento. Invito che, evidentemente, nessuno

‘Â?ƒ˜‹†‡ ÂƒÂ•Â’ÂƒÂ”Â‡Â–Â–Â‹ÇĄ †‹‹––Â?ĆŹ†‹Â?–‘”Â?‹ Žƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—Ž ˆ‡Â?‘Â?‡Â?‘Â…Â‹Â˜Â‹Â…ÂŠÂ‡ÇĄ …Š‡Šƒ’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â?‡ ƒŽ–”‡––ƒÂ?–‡…”‹–‹…‹–Â? ha accolto se è vero, come dimostra la realtĂ cittadina, che i partiti hanno continuato a corre sui loro binari e la societĂ  civile ha percorso vie parallele. “Le liste civiche – è il suo pensiero rispetto al proliferare del fenomeno a Brescia – sono una risposta a un sistema democratico ripiegato sulle dinamiche interne ai partiti incapaci di aprirsi ai mondi concreti della cittĂ â€?. C’è però un rischio che Davide Gasparetti sottolinea ed è quello che l’attuale “civismoâ€? finisca con l’inserirsi all’interno di un pensiero che si è radicato nella politica italiana in questi ultimi 20 anni, ovvero la voglia di demonizzare ed enfatizzare le differenze e le negativitĂ  dell’altro. Di qui il suo invito perchĂŠ “le realtĂ  associative si esprimano in modo non neutrale per stimolare movimenti e partiti a trovare sintonie su temi programmatici e a proporre un’idea

comune di cittĂ da condividere e da costruire insiemeâ€?. Chiaro è anche il pensiero di Gasparetti sull’attendibilitĂ  di proposte che, pur con toni diversi, dichiarano di di mettere al centro la cittĂ , di essere trasversali e di porsi come baluardo costruttivo alla sterile antipolitica. Per il membro della direzione di “CittĂ  & dintorniâ€? sarebbe curioso che puntassero ad altro. “Il prendersi cura della cittĂ  in cui si vive – afferma al proposito – è un obbligo per ogni cittadino impegnato perchĂŠ significa prendersi cura delle persone e dei loro bisogni. Il progresso di una cittĂ  si misura dalla capacitĂ  di dare risposte ai bisogni reali e non fittiziâ€?. In attesa di quella che Davide Gasparetti definisce “evoluzione morale individuale e collettivaâ€? che renda possibile la convergenza di politici di sentire diversi su temi che riguardano i bisogni e la persone, proprio le liste civiche, afferma ancora “possono diventare i soggetti politici piĂš indicati a percorrere strade nuove, ma in politica ci si deve necessariamente misurare con il consenso. La strada è in salita. I partiti non accettano di abdicare al ruolo di indicare il candidato sindacoâ€?. Gasparetti indica nell’“esperienza milaneseâ€?, che ha visto una straordinaria convergenza di persone e associazioni (e che CittĂ  & Dintorni ha seguito con attenzione), il senso di una richiesta di cambiamento che, se ben interpretata dai partiti, potrebbe aiutarli a rinnovarsi e a trovare nuovi consensi. “Le civiche, intese come autentica espressione della pluralitĂ  – è la convinzione di Gasparetti – potrebbero essere il capofila di questo ambizioso percorso politicoâ€?. Un ruolo impegnativo che apre però a una questione ulteriore: la capacitĂ  di queste liste di sopravvivere al momento elettorale. â€œĂˆ necessario distinguere tra le varie specie di civiche – afferma –. Quelle che sostengono il sindaco di un partito hanno hanno la funzione di intercettare un voto politicamente orientato e vivono la fiammata della competizione elettorale. Quelle personalizzate vivono finchè c’è la luce del leader. C’è poi “la civica idealeâ€?, che risveglia la coscienza collettiva della cittĂ  con una progettualitĂ  che la rende interlocutore credibileâ€?.

ÇŻ

 

  



…”‹•–‹ƒÂ?‹‡Žƒ…‹––Â? Â?…‹…Ž‘†‹‹Â?…‘Â?–”‹’‡”…Š‹…‘Â?–‹Â?—ƒ Ġƒ˜‡”‡ƒ…—‘”‡”‡•…‹ƒ Â?ƒ–”‡Â?–‹Â?ƒ†‹’‡”•‘Â?ƒŽ‹–Â?Č‹Â?‡ŽŽƒ ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄ‡•’”‡••‹‘Â?‡†‹†‹˜‡”•‹ ƒÂ?„‹–‹†‡ŽÂ?‘Â?†‘…ƒ––‘Ž‹…‘ „”‡•…‹ƒÂ?‘ǥŠƒ’”‡•‡Â?–ƒ–‘Â?‡‹ ‰‹‘”Â?‹•…‘”•‘‹Ž’‡”…‘”•‘Dz  …”‹•–‹ƒÂ?‹‡Žƒ…‹––Â?Ǥ‡•–‹Â?‘Â?‹ †‹ ‡•Î”‹•‘”–‘ǥ•’‡”ƒÂ?œƒ†‡Ž Â?‘Â?†‘dzǥ…Š‡Šƒ…‘Â?‡‘„‹‡––‹˜‘ ’‘”–ƒ”‡—Â?ƒÇ˛Â’ƒ”‘Žƒ…”‹•–‹ƒÂ?ƒ Â?‡ŽŽƒ…‹––Â?†‹‘‰‰‹‡†‹†‘Â?ƒÂ?‹dzǤ ‹Â?ƒŽ‹–Â?†‹…Š‹ƒ”ƒ–ƒ†‡ŽŽƒ’”‘’‘•–ƒ °ƒÂ?…Š‡“—‡ŽŽƒ†‹•–‹Â?‘Žƒ”‡—Â?ƒ ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡‹Â?˜‹•–ƒ†‡ŽŽ‡‡Ž‡œ‹‘Â?‹ ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜‡’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ–‡’‡” ‹Ž͚͙͛͘ǤÂ?ÇŻÂƒÂ?„‹œ‹‘Â?‡Ž‡‰‹––‹Â?ÂƒÇĄ •‘’”ƒ––—––‘‹Â?—Â?…‘Â?–‡•–‘…‘Â?‡ “—‡ŽŽ‘†‡ŽŽƒ…‹––Â?†‹”‡•…‹ƒ‹Â? …—‹•‹˜ƒÂ?Â?‘ˆƒ…‡Â?†‘•‡Â?’”‡’‹Î Â?—Â?‡”‘•‡Ž‡’”‘’‘•–‡…‹˜‹…Š‡ …Š‡Â?‹”ƒÂ?‹‘ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ”‡Ž‡ ‹•–ƒÂ?ÂœÂ‡ÇĄƒ‹Â?–‡”’”‡–ƒ”‡Ž‡ƒ––‡•‡ †‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?…Š‡…‘Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?

•‡Â?’”‡Â?ƒ‰‰‹‘”‹•‹‹Â?†‡Â?–‹ˆ‹…ƒ …‘Â?‹ŽƒŽƒœœ‘Ǥ ÂŽ’”‘‰‡––‘ǥ…Š‡ Šƒ’”‡•‘‹Ž˜‹ƒ‹Ž͚͙•‡––‡Â?„”‡ ‡†°•‘•–‡Â?—–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ †‹‘…‡•ƒÂ?‘’‡”Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ •‹…‘Â?…”‡–‹œœƒ‹Â?…‹Â?“—‡‹Â?…‘Â?–”‹ǥ ƒ‹“—ƒŽ‹•‘Â?‘‹Â?˜‹–ƒ–‹ƒ’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ –—––‹‹…”‹•–‹ƒÂ?‹ƒÂ?‹Â?ƒ–‹†ƒŽŽƒ ’ƒ••‹‘Â?‡’‡”Žƒ’”‘’”‹ƒ…‹––Â?Ǥ ‘‰‰‡––‹’”‘Â?‘–‘”‹†‡ŽŽǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ •‘Â?‘—Â?Â?—–”‹–‘‰”—’’‘†‹Žƒ‹…‹‡ Â•ÂƒÂ…Â‡Â”Â†Â‘Â–Â‹ÇĄ…Š‡‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡ŠƒÂ?Â?‘†‹…Š‹ƒ”ƒ–‘†‹ ‡••‡”Â?‡’ƒ”–‡…‘Â?‡•‹Â?‰‘Ž‹‡Â?‘Â? …‘Â?‡‡•’”‡••‹‘Â?‡†‹Â?‘˜‹Â?‡Â?–‹‘ ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹Ǥ ”‹Â?‘Â‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄ†—Â?“—‡ǥ° “—‡ŽŽ‘†‹…‘Â?–”‹„—‹–‡ƒ•ˆƒ–ƒ”‡ ÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â—Â•Âƒ†‹ƒˆƒ•‹ƒ…Š‡•’‡••‘ ˜‹‡Â?‡Â?‘••ƒƒŽÂ?‘Â?†‘Â…ÂƒÂ–Â–Â‘ÂŽÂ‹Â…Â‘ÇĄ …‘Â?‡Šƒ’”‡…‹•ƒ–‘†‘Â?†‘Â? ƒ”‹‘‡Â?‡†‹Â?‹ǥ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͙͘

  ǤǤǤ ÇŻ1Ǩ ƒÂ?…ƒÂ?‘ƒÂ?…‘”ƒ’ƒ”‡……Š‹Â?‡•‹ƒŽŽ‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜‡†‡Ž͚͙͛͘Ǥ’’—”‡Žƒ…‹––Â? •‹•–ƒÂ?—‘˜‡Â?†‘Ǥ‹•‡‰—‹–‘Žƒ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‹Ž‹•–‡‡Žƒ„‘”ƒ–‘”‹…‹˜‹…‹ǤÂ?ƒ ’ƒÂ?‘”ƒÂ?‹…ƒ…Š‡‹Â?ˆ—–—”‘’‘–”‡„„‡—Ž–‡”‹‘”Â?‡Â?–‡ƒŽŽƒ”‰ƒ”•‹Ǥ

‹ƒ––ƒˆ‘”Â?ƒ‹˜‹…ƒ 1Žƒ”‡ƒŽ–Â?…‹˜‹…ƒ…Š‡’‡”’”‹Â?ƒ•‹°Â?‡••ƒ‹Â?…ƒÂ?’‘Ǥƒ’‘ˆ‹Žƒ†‡ŽŽƒ’”‘’‘•–ƒ ° ”ƒÂ?…‡•…‘Â?‘ˆ”‹Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ‰‹Â?‹Â?…‘”•ƒ’‡”Ž‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜‡†‡ŽÍšÍ˜Í˜Í  …‘Â?Žƒ•—ƒˆˆ‹…‹Â?ƒ’‡”Žƒ…‹––Â?Ǥ‘Â?Ž—‹Žƒ˜‘”ƒÂ?‘••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡‹˜‹…ƒ”‡•…‹ƒ‡ ‡†‡”ƒœ‹‘Â?‡†‡‹‡”†‹Ǥ‹ƒ––ƒˆ‘”Â?ƒ‹˜‹…ƒŠƒ’‡Â?•ƒ–‘ƒ—Â?’‡”…‘”•‘†‹‹Â?…‘Â?–”‹ ‡†‹‡˜‡Â?–‹’‡”ˆƒ”‡‡Â?‡‰‡”‡–‡Â?‹‡’”‹‘”‹–Â?’‡”ˆƒ”‡†‹”‡•…‹ƒ—Â?ƒ…‹––Â?’‹Î Â?‘†‡”Â?ÂƒÇĄ’‹Î•‘•–‡Â?‹„‹Ž‡‡ƒ––‡Â?–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹‡Â?–‡ǥƒ‹„‹•‘‰Â?‹†‡‹’‹Î†‡„‘Ž‹‡ †‡ŽŽ‡‰‹‘˜ƒÂ?‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ǤÂ?ƒ…‹––Â?’”‘Â?–ƒĠƒ‹—–ƒ”‡Ž‡‹Â?’”‡•‡Ġ—•…‹”‡†ƒŽŽƒ …”‹•‹Ǥ‹ƒ––ƒˆ‘”Â?ƒ…‹˜‹…ƒŠƒ‹Â? ”ƒÂ?…‡•…‘Â?‘ˆ”‹‹Ž•—‘…ƒÂ?†‹†ƒ–‘•‹Â?†ƒ…‘Ǥ

͛͘

‡Â?–”‡‹’ƒ”–‹–‹ …‘Â?–‹Â?—ƒÂ?‘Â?‡Ž Ž‘”‘’‡”…‘”•‘†‹ ƒ˜˜‹…‹Â?ƒÂ?‡Â?–‘ƒŽ˜‘–‘ ƒÂ?Â?‹Â?Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇĄŽƒ •‘…‹‡–Â?…‹˜‹Ž‡…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ •—„‹Â?ƒ”‹’ƒ”ƒŽŽ‡Ž‹Ǥ1‹Ž •‡‰Â?ƒŽ‡†‡ŽŽƒ˜‘‰Ž‹ƒ†‹ …ƒÂ?„‹ƒÂ?‡Â?–‘Ǎ

”‡•…‹ƒ’‡”Žƒ‰‡Â?–‡ÇŚƒ‹˜‹…ƒ ‡”Ž‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜‡††‡Ž͚͙͛͘•…‡Â?†‡‹Â?…ƒÂ?’‘ƒÂ?…Š‡—Â?ƒŽ‹•–ƒÂ…Â‹Â˜Â‹Â…ÂƒÇĄ ˆ‘”Â?ƒ–ƒ†ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹‡†‡•’‘Â?‡Â?–‹†‡ŽÂ?‘Â?†‘†‡Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘Ǥ1 Dz”‡•…‹ƒ’‡”Žƒ ‡Â?–‡njƒÂ‹Â˜Â‹Â…ÂƒÇł‡•ƒ”Â?‹Â?…‘”•ƒ’‡”ƒŽƒœœ‘‘‰‰‹ƒ…‘Â?—Â? ’”‘’”‹‘…ƒÂ?†‹†ƒ–‘•‹Â?†ƒ…‘Ǥ ÂŽ’”‘‰‡––‘°“—‡ŽŽ‘†‹Â?‡––‡”•‹ƒŽ•‡”˜‹œ‹‘†‹…Š‹ Šƒ„‹•‘‰Â?‘ǥ†‡Ž†‹•ƒ‰‹‘‡†‡ŽŽ‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?•‘…‹ƒŽ‹Ǥ ”ƒ‹•—‘‹ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹ ‹ƒÂ?Ž—‹‰‹ —••ƒÂ?ÂƒÇĄ’”‡•‹†‡Â?–‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘…‹ƒœ‹‘Â?‡DzƒÂ?Â?‡‡ƒ’Â?•‡’ƒ”ƒ–‹ Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇłÇĄ ˜ƒÂ?ƒ

‹ƒÂ?Â?‡––‹ǥ’”‡•‹†‡Â?–‡‡Ž‡ˆ‘Â?‘ÂœÂœÂ—Â”Â”Â‘ÇŚÂ‘Â•ÂƒÇĄƒÂ?†”ƒÂƒÂ‹Â‰Â—Â‡Â”ÂƒÇĄ…‘‘”†‹Â?ƒ–‘”‡ †Â?‘‡Â?†”‡ƒ‘Â?‰‘ǥ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‡†‡ŽŽǯÂ?–Ǥ

  

‘––ƒÂ?ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ÇŤ ‘ǥ…ƒÂ?†‹†ƒ–‘

‘Â?Â?‡’‡””‡•…‹ƒ Dz‘Â?Â?‡’‡”Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇł°‹ŽÂ?‘Â?‡•…‡Ž–‘’‡”ŽƒŽ‹•–ƒ…‹˜‹…ƒ–—––ƒƒŽˆ‡Â?Â?‹Â?‹Ž‡‹Â? …‘”•ƒ’‡”Žƒ‘‰‰‹ƒÂ?‡ŽŽ‡‡Ž‡œ‹‘Â?‹†‡Ž͚͙͛͘Ǥ ÂŽ‰”—’’‘ǥ…Š‡Šƒƒ’‡”–‘—Â?’”‘’”‹‘ ’”‘ˆ‹Ž‘‹Â?ˆƒ…‡„‘‘Â?ÇĄ•–ƒŽƒ˜‘”ƒÂ?†‘ƒŽŽƒ†‡ˆ‹Â?‹œ‹‘Â?‡†‡Ž•—‘’”‘‰‡––‘Ǥ‡Ž ‰”—’’‘ˆƒ’ƒ”–‡Â?Â?ƒ‡Â?Â‹Â‰ÂƒÇĄ‡š•—ƒˆˆƒ”‘…Š‡˜‘””‡„„‡’”‘˜ƒ”‡ƒ’”‘’‘””‡ —Â?ƒŽ‹•–ƒ…Š‡•‹‘……—’‹–”ƒŽ‡ƒŽ–”‡…‘•‡†‹–—–‡Žƒ”‡‹Â?Â?‘†‘’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡Žƒ†‘Â?Â?ƒǤ

”‡•…‹ƒ DzÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇł°Žǯ—Ž–‹Â?‘ƒ””‹˜ƒ–‘Â?‡Ž’ƒÂ?‘”ƒÂ?ƒ†‡ŽŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡…‹˜‹…Š‡Â?ƒ–‡ƒ ”‡•…‹ƒǤ‹–”ƒ––ƒ†‹—Â?Žƒ„‘”ƒ–‘”‹‘ˆ‘”Â?ƒ–‘†ƒ—Â?‰”—’’‘†‹’‡”•‘Â?‡Ž‡‰ƒ–‡ ƒŽ…‘Â?•‹‰Ž‹‡”‡†Ž‹Â?‹ ‡””ƒ”‹‡…Š‡‹Â?–‡Â?†‡‘ˆˆ”‹”‡‹Ž’”‘’”‹‘…‘Â?–”‹„—–‘†‹ ‹†‡‡‡†‹’”‘‰‡––‹ƒŽŽƒ”‡•…‹ƒ†‹†‘Â?ƒÂ?‹…Š‡†‘˜”‡„„‡ƒ˜‡”‡ƒÂ?…‘”ƒ†”‹ƒÂ?‘ ƒ”‘Ž‹‹Ž•—‘•‹Â?†ƒ…‘Ǥ”‡•…‹ƒŠƒ†‹…Š‹ƒ”ƒ–‘Žƒ’”‘’”‹ƒ˜‹…‹Â?ƒÂ?œƒ‡‹Ž’”‘’”‹‘ ƒ’’”‡œœƒÂ?‡Â?–‘’‡”Žƒˆ‹‰—”ƒ†‡Ž’”‹Â?‘…‹––ƒ†‹Â?‘‹Â?Â…ÂƒÂ”Â‹Â…ÂƒÇĄ”‹ˆ‹—–ƒÂ?†‘’‡”Ö‘‰Â?‹ ƒ……‘•–ƒÂ?‡Â?–‘’‘Ž‹–‹…‘ǤÂ?…Š‡‹ŽÂ?—‘˜‘Žƒ„‘”ƒ–‘”‹‘Šƒ‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‡†‹ŽƒÂ?…‹ƒ”‡ —Â?’‡”…‘”•‘†‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‘‡†‹‹Â?…‘Â?–”‹…‘Â?Žƒ…‹––Â?Ǥ”‹Â?‹ƒ†‡”‡Â?–‹•‘Â?‘ǥ‘Ž–”‡ƒ ‹Â?‹ Â‡Â”Â”ÂƒÂ”Â‹ÇĄŽ„‡”–‘Ž„‡”–‹Â?‹ǥ‡”‰‹‘ÂƒÂ•Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‡Â–Â–Â‹ÇĄƒ”…‘ ƒÂ?Â†ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄŽ‡••ƒÂ?†”ƒ ƒŒ‘”ƒÂ?ÂƒÇĄ‡•ƒ”‡”‘–‘ǥ ”ƒÂ?…‡•…‘ÂƒÂ•Â–Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄŽ„‡”–‘ÂƒÂŽÂ˜ÂƒÂ†Â‘Â”Â‹ÇĄ ”ƒÂ?…‡•…‘ „‡”–‘ǥƒ”…‘‡Ž‘‡ ‡Â?†”‹Â?ƒ‹•‡Â?œ‹Ǥ

†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘’‡”Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘•‘…‹ƒŽ‡ Dz‡•—•…‹–ƒ”‡Â?‡ŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â? ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‹Žǯ‹Â?–‡”‡••‡•—‹–‡Â?‹ …Š‡”‹‰—ƒ”†ƒÂ?‘Žƒ…‹––Â?†ƒ˜‹…‹Â?‘ǥ •‡Â?œƒƒ˜‡”‡Žǯ‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‡†‹–‹”ƒ”‡ Žƒ˜‘Žƒ–ƒƒÂ?‡••—Â?…ƒÂ?†‹†ƒ–‘ ’‘Ž‹–‹…‘dzǤ

Ž‹ƒ”‰‘Â?‡Â?–‹…Š‡˜‡””ƒÂ?Â?‘ –”ƒ––ƒ–‹Â?‡‹…‹Â?“—‡‹Â?…‘Â?–”‹ǥ…Š‡ •‹–‡””ƒÂ?Â?‘‹Â?†‹˜‡”•‹’—Â?–‹†‡ŽŽƒ …‹––Â?†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ”‹‰—ƒ”†‡”ƒÂ?Â?‘ Žƒ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â?ÇĄ†‡…Ž‹Â?ƒ–ƒ ‹Â?†‹˜‡”•‡Â’Â”Â‘Â•Â’Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‡ÇŁ˜‡”•‘ ‹Žˆ—–—”‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ǥ ÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡‡ÂŽÇŻÂ‡Â†Â—…ƒœ‹‘Â?‡ȋ͚ͥ ‘––‘„”‡ǥœ‘Â?ƒÂ‡Â•Â–ČŒÇ˘˜‡”•‘•¹ •–‡••‹–”ƒÂ?‹–‡Žƒ…—Ž–—”ƒ‡Žƒ ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ—Â?‹˜‡”•‹–Â? Č‹Í?Â?‘˜‡Â?„”‡ǥÂ?Â‘Â”Â†ČŒÇ˘˜‡”•‘‰Ž‹ ƒŽ–”‹Â?‡†‹ƒÂ?–‡‹Ž™‡Žˆƒ”‡ȋ͙͚ Â?‘˜‡Â?„”‡ǥÂ•Â—Â†ČŒÇ˘Â?‡‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹‡Â?–‡ȋ͙ͥÂ?‘˜‡Â?„”‡ǥ Â‘Â˜Â‡Â•Â–ČŒÇĄ˜‡”•‘Žƒ˜‘…ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ…‹––Â?Č‹Âƒ‰‡Â?Â?ÂƒÂ‹Â‘ÇĄ‹Â?…‡Â?–”‘ Â•Â–Â‘Â”Â‹Â…Â‘ČŒÇ¤Dz ÂŽÂ?‡–‘†‘†‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‘ ƒ†‘––ƒ–‘’‡”Žƒ”‡ƒŽ‹œœƒ‹‘Â?‡ †‹‘‰Â?‹•‹Â?‰‘Ž‘‹Â?…‘Â?–”‘Č‚Šƒ •’‹‡‰ƒ–‘†‘Â?ƒˆˆƒ‡Ž‡ƒ‹‘Ž‹Â?‹ Č‚˜‡†”Â?‹Â?–‡”ƒ‰‹”‡Žƒƒ”‘Žƒ†‹ ‹‘…‘Â?“—‡ŽŽƒ†‡‰Ž‹—‘Â?‹Â?‹dzǤ ‰Â?‹‹Â?…‘Â?–”‘’ƒ”–‹”Â?†—Â?“—‡ †ƒŽŽƒ”‹Ž‡––—”ƒ†‡ŽŽƒ’ƒ”ƒ„‘Žƒ†‡Ž —‘Â?ƒÂ?ƒ”‹–ƒÂ?‘ǥ…Š‡˜‡””Â?†‹ ˜‘Ž–ƒ‹Â?˜‘Ž–ƒ‹Â?–‡”’”‡–ƒ–ƒ†ƒ—Â? ”‡Žƒ–‘”‡’”‡•…‡Ž–‘ǥ•—ŽŽƒ•…‘”–ƒ †‡Ž–‡Â?ƒ•’‡…‹ˆ‹…‘ƒ’’Ž‹…ƒ–‘ƒŽŽƒ •‹–—ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ…‹––Â?ÇĄ’‡”ˆƒ”Â?‡ ‡Â?‡”‰‡”‡‹•‡‰Â?‹†‹•’‡”ƒÂ?ÂœÂƒÇĄŽ‡ ˆ‡”‹–‡‡†‹”‹Â?‡†‹ƒ‹’”‘„Ž‡Â?‹ǥ‹Â? —Â?…Ž‹Â?ƒ†‹†‹ƒŽ‘‰‘Ǥ Š‹Šƒ‹†‡ƒ–‘‹Ž’‡”…‘”•‘Šƒ ƒÂ?…Š‡’‡Â?•ƒ–‘ƒ—Â?†‘…—Â?‡Â?–‘ ’”‡’ƒ”ƒ–‘”‹‘‹Â?…—‹•‹Ž‡‰‰‡…Š‡ Žƒ’ƒ”‘Žƒ…”‹•–‹ƒÂ?ƒ•—ŽŽƒ…‹––Â? °—Â?ƒ’ƒ”‘Žƒ†‹•’‡”ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ …”‹–‹…ƒǤƒ°ƒÂ?…Š‡—Â?ƒ’ƒ”‘Žƒ ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–ƒ‡ǥ’‡”—Ž–‹Â?‘ǥ …‘Â?’‡–‡Â?–‡Ǥ ÂŽ–‡”Â?‹Â?‡†‡Ž…‹…Ž‘†‹‹Â?…‘Â?–”‹ ‹’”‘Â?‘–‘”‹’”‘…‡†‡”ƒÂ?Â?‘ƒŽŽƒ ”‡†ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?†‘…—Â?‡Â?–‘ …‘Â?…Ž—•‹˜‘ǤČ‹Ž‹…‡ —••‘Â?Â‹ČŒ

”‡•…‹ƒ‡’”‡‘……—’ƒœ‹‘�‹…Š‡ƒ‰‹–ƒ�‘‰Ž‹‡Ž‡––‘”‹†‡Ž…‡�–”‘•‹�‹•–”ƒ

$VWHQVLRQLVPROLVWHFLYLFKH" )HQRPHQLFKHFKLHGRQRQRYLWj Â?†‘…—Â?‡Â?–‘•‘––‘•…”‹––‘†ƒ͙͛’‡”•‘Â?‡ƒ†‹˜‡”•‘–‹–‘Ž‘‹Â?’‡‰Â?ƒ–‡Â?‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â? „”‡•…‹ƒÂ?ƒ…Š‹‡†‡ƒ‹’ƒ”–‹–‹‡ƒŽŽ‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‹…Š‡ˆƒÂ?Â?‘”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ƒÂ“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ”Â‡Âƒ †‹Â?‘Â?•‘––‘˜ƒŽ—–ƒ”‡…‹Ö…Š‡‹Ž’”‘Ž‹ˆ‡”ƒ”‡†‹’”‘’‘•–‡…Š‡•‹†‹…Š‹ƒ”ƒÂ?‘…‹˜‹…Š‡†‹ ˆƒ––‘‹Â?†‹…ƒÂ?‘ǣŽƒ•ˆ‹†—…‹ƒ‡‹Ž†‹•–ƒ……‘†ƒŽŽƒ’‘Ž‹–‹…ƒ…Š‡•‡Â?„”ƒ‰—ƒ”†ƒ”‡Ġ—Â? ’ƒ••ƒ–‘‘”Â?ƒ‹•—’‡”ƒ–‘ Il proliferare anche a Brescia dei laboratori e delle liste civiche che mettono nel loro “biglietto da visitaâ€? il netto distacco dalla politica qualche preoccupazione la sta destando. Se il sindaco Adriano Paroli, evidentemente gratificato dell’apprezzamento espressogli da “XBresciaâ€?, tanto da auspicare la nascita di altre realtĂ simili, magari disposte a trasformarsi da qui all’appuntamento elettorale della primavera 2013 in vere e proprie liste in appoggio alla sua candidatura, in attesa che la Lega e gli altri alleati sciolgano le loro riserve, c’è chi, soprattutto nell’area di quel centrosinistra che intende subentrare a Paroli nella guida della cittĂ  guarda non senza disagio a ciò che si sta profilando all’orizzonte. L’insofferenza verso i partiti politici tradizionali e chi li dirige, resa evidente dall’astensionismo sempre maggiore e dalla crescita dell’attenzione verso proposte che si fanno vanto della loro natura antipolitica, ha spinto nelle scorse settimane 31 bresciani a sottoporre un documento partiti e ai raggruppamenti che si riconoscono nel centrosinistra o nelle aree ad esso contigue. I sottoscrittori del documento si dicono preoocu-

pati dalla blanda reazione del centro sinistra che trasmette l’imperssione di essere piĂš interessato, anche in termini di candidature, a guardare a un passato prossimo e talvolta anche remoto e nel quale l’elettorato legge il rifiuto di qualsiasi volontĂ di rinnovamento. “Una classe politica lungimirante e sensibile al bene della comunitĂ , – è un altro passaggio del documenti – nell’intento di scongiurare il grave rischio di allargare la frattura che la separa da una parte sempre piĂš consistente dell’elettorato, ha il dovere di formulare una proposta politica che segni un’evidente discontinuitĂ  con il passato e che sia in grado di dar vita alla piĂš ampia possibile partecipazioneâ€?. Come? Anche presentando personaggi nuovi, la cui storia personale sia ga-

‹…‡”…ƒ”‡˜‘Ž–‹‡ ’‡”•‘Â?ƒŽ‹–Â?Â?—‘˜‡ …Š‡ƒ‹—–‹Â?‘Žƒ…‹––Â? ƒ’”‘‹‡––ƒ”•‹˜‡”•‘‹Ž ÂˆÂ—Â–Â—Â”Â‘ÇŁ‹Ž…‘Â?–‡Â?—–‘ †‡Ž†‘…—Â?‡Â?–‘

ranzia di preparazione, competenza, serietĂ , “cosĂŹ che la cittĂ  – prosegue il documento – possa arricchirsi di nuove energie che pure fanno parte del suo patrimonio e che mai come ora è doveroso liberareâ€?. I sottoscrittori del documento auspicano poi che le forze del centrosinistra e quelle ad esso contigue, comprese le formazioni civiche, diano inizio a un percorso di aperto confronto per la ricerca di queste nuove personalitĂ , interessando i cittadini con iniziative per pervenire all’individuazione di pochi e chiari punti programmatici e di candidature fortemente innovative. I firmatari? Pompeo Anelli, Vittorio Arena, Arianna Barbarisi, Silvio Betti, Giuseppe Bertinelli, Maria Gabriella Bertoli, Fiorenzo Bertuzzi, Gianluigi Bezzi, Maria Ughetta Bini, Tino Bino, Francesco Capretti, Alberto Cerioli, Francesco Cerioli, Claudia Crescini, Salvatore Del Vecchio, Ciso Gitti, Davide Guaragni, Elisabetta Lazzaroni, Andrea Lepidi, Anna Liscardi, Luisa Liscardi, Maurizio Lovisetti, Corrado Luzzago, Mauroernesto Macca, Carla Marchese, Riccardo Montagnoli, Sara Remus, Vittorio Rubagotti, Vito Salvadori, Enzo Trommacco, Igor Valzelli

Un auditorium del liceo Leonardo stracolmo ha accolto il 22 settembre scorso, Matteo Renzi (nella foto), il sindaco di Firenze, il rottamatore, ma soprattutto candidato alle primarie per guidare la coalizione di centrosinistra alle elezioni politiche del 2013. Ăˆ una platea variegata, quella bresciana, fatta di giovani e meno giovani, di molti sostenitori e di qualche semplice curioso. In sala, molti giovani sindaci della provincia di Brescia, nonchĂŠ il segretario provinciale del Pd, Luigi Bisinella, quello cittadino, Giorgio De Martin, e il capogruppo in Loggia, Emilio Del Bono. Renzi, però, non ha vestito a Brescia i panni del rottamatore. Si è proposto, invece, nell’ottica di chi ambisce a guidare il centro sinistra alla conquista del governo del Paese. Debito pubblico troppo elevato, tasse troppo alte, sistema dell’educazione da rifondare: sono questi i temi toccati da Matteo Renzi, questioni non particolarmente nuove. Ma al sindaco di Firenze va riconosciuto il merito di essere tornato a parlarne, in un panorama nazionale desolante per idee, contenuti e principi e di non avere timore a dire che pensa e che, almeno sulla carta, vuol realizzare. E, infatti, si presenta bene, con un motto, “Adesso!â€?, che sottolinea l’urgenza del cambiamento di rotta e una campagna in tutto e per tutto in stile Obama (dalla grafica alla camicia con le maniche rimboccate). Tre sono le parole chiave su cui si è snodato l’intervento, durato circa un’ora, di Renzi a Brescia: futuro, Europa, merito. Tre parole che corrispondono a tre obiettivi da porsi per costruire un’Italia migliore. Il futuro che si costruisce a partire dall’istruzione, in ogni suo ordine e grado. Il merito, tema non facile, anzi spinoso, che ha sempre il rovescio della medaglia: il rischio di precipitare nella selezione naturale della specie e che per questo non può essere disgiunto dai temi della giustizia sociale e dell’equitĂ . PiĂš Europa, infine, è la ricetta renziana per superare il localismo e il rischio di essere schiacciati nelle piccole beghe di quartiere. L’Europa come risorsa e come opportunitĂ , non come limite. (Luca Rivali)


͘͜

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

–ƒŽ‹ƒ

ÂŽÂ?‹Â?‹•–”‘”‘ˆ—Â?‘‡ÂŽÇŻÂ‘”ƒ†‹”‡Ž‹‰‹‘Â?‡ǣ“—‡•–‹‘Â?‡Â?ƒŽ’‘•–ƒ

   

“Credo che il Paese sia cambiato. Nelle scuole ci sono studenti che vengono da culture, religioni e Paesi diversi. Credo che debba cambiare il modo di fare scuola, che deve essere piĂš aperto. E credo che non solo per la religione, ma anche, ad esempio, per la geografia ci voglia una revisione dei nostri programmi in questa direzioneâ€?. Le dichiarazioni del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, che sono state accolte con soddisfazione dai detrattori

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

storici dell’insegnamento della religione cattolica nella scuola italiana, hanno riaperto un dibattito mai completamente concluso e molto spesso strumentalizzato. Alle affermazioni del ministro ha replicato mons. Gianni Ambrosio, presidente della commissione episcopale per l’Educazione cattolica, la scuola e l’universitĂ . â€œĂˆ giĂ  cambiata la proposta dell’insegnamento della religione cattolica all’interno delle scuole – ha affermato il Vescovo di

Piacenza –. Non è di certo una lezione di catechismo, bensÏ una introduzione a quei valori fondanti della nostra realtà culturale che trovano la propria radice proprio nel cristianesimo. Quindi, c’è una presentazione del cristianesimo visto in modo particolare, dal punto di vista culturale perchÊ si tratta di un’aula scolastica e quindi è giusto, che tutti i ragazzi, tutti i giovani abbiano la possibilità di conoscere la visione cristiana della vita, l’insegnamento cristiano�.



–ƒŽ‹ƒ‘Ž‹–‹…ƒ•‡Â?’”‡’‹ÎÂ?‡ŽŽǯ‘……Š‹‘†‡Ž…‹…Ž‘Â?‡

6HLO/D]LRSLDQJHLOUHVWR GHOO¡,WDOLDQRQULGH ƒ…”‹•‹…Š‡’‘”–ƒ–‘ƒŽŽ‡†‹Â?‹••‹‘Â?‹†‹‡Â?ƒ–ƒ‘Ž˜‡”‹Â?‹˜ƒ‘Ž–”‡‹…‘Â?ˆ‹Â?‹”‡‰‹‘Â?ƒŽ‹‡‡•‹‰‡—Â?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡…‘Â?’Ž‡••‹˜ƒ •——Â?•‹•–‡Â?ƒ…Š‡Â?‘•–”ƒ•‡Â?’”‡’‹ÎŽ‹Â?‹–‹‡˜‹†‡Â?–‹…Š‡˜ƒÂ?Â?‘•—’‡”ƒ–‹   

,

l polverone della Polverini rsichia di tracimare dalla regione Lazio all’intero sistema politico nazionale, per altro giĂ traballante di suo. La vicenda che, dopo qualche tentennamento, ha portato la governatrice a rassegnare le sue dimissioni ha reso manifesta una sensazione che gli italiani da tempo avvertivano con chiarezza: la politica continua a vivere in un mondo parallelo a quello in cui abitano gli italiani. Quello che indigna non è solo l’utilizzo indebito che Franco Fiorito, ex capogruppo del Pdl in Regione Lazio, avrebbe fatto dei fondi copiosamente assegnati al suo gruppo politico, ma il fatto che tutte le forze presenti in quel consiglio abbiamo votato a favore dell’aumento di questi appannaggi gestiti poi senza alcun controllo ufficiale. Che poi qualcuno li abbia utilizzati per festini e toga party o li abbia dirottati su conti privati (di qui l’accusa di peculato nei confronti di Fiorito che ha poi scatenato il polverone) è solo la conferma dello stato di malattia irreversibile in cui versa il sistema politico nazionale, malattia provata anche dalla stessa Polverini che ha minacciato di raccontare tutto il male che ha visto da presidente ma che, inspiegabilmente, non ha denunciato (come avrebbe dovuto) prima della bufera che l’ha travolta. “Il Sole 24 Oreâ€? nei giorni scorsi ha verificato quanto costi il sistema delle Regioni,

ÇŻ  

  

ƒ—Â?ǯ‹Â?†ƒ‰‹Â?‡†‡Dz ÂŽ ‘Ž‡͚͜‘”‡dz‹…‘•–‹ †‡ŽŽ‡”‡‰‹‘Â?‹Ǥ‹ˆ”‡ …Š‡…‘Â?–”ƒ•–ƒÂ?‘…‘Â?‹ ’‡•ƒÂ?–‹•ƒ…”‹ˆ‹…‹…Š‹‡•–‹ ƒ‰Ž‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹ oggi nell’occhio del ciclone. I risultati si commentano da soli: sono 79 i milioni di euro (manca però il dato della regione Lazio) che dalle tasche dei contribuenti passano, come una sorta di finanziamento pubblico, in quel-

le dei partiti che siedono nei consigli delle 21 regioni italiane senza particolare motivo. A questi devono esserne aggiunti altri 220 per gli indennizzi (mancano nel calcolo quelli di Liguria, Marche e Trentino Alto Adige), 150 versati come vitalizi (anche qui il calcolo è incompleto) e 260 per il costo del personale. Cifre astronomiche soprattutto in una stagione di grandi sacrifici per tutti gli italiani. Eppure la politica su questo tema parte non avvertire particolari imbarazzi. Certo, come va ripeptendo in questi giorni in tanti salotti televisivi, ha deliberto alcuni tagli: onorevoli e senatori gua-

dagneranno di meno (ovviamente a partire dalla prossima legislatura) perchè il Parlamento ha stabilito un taglio delle indennità e meno fondi saranno dati ai partiti come rimborsi elettorali... La stessa politica, però, non riesce a trovare l’accordo per una nuova legge elettorale capace di restituire dignità al voto degli italiani. Meglio avanzare tanti se e tanti ma piuttosto che mettere nelle mani degli elettori uno strumento serio ed efficace con il quale permettere loro di esprimere un giudizio sull’operato degli eletti e il servizio svolto a favore della gente.

 

/HRFFDVLRQLGHOODSROLWLFD “Lo stallo dei partiti. La politica dei tecnici. E i cittadini?â€?è stato il tema scelto per uno dei laboratori tematici di LoppianoLab, la manifestazione promossa dal Movimento dei Focolari dal 20 al 23 settembre scorsi nella cittadella “focolarinaâ€? a pochi chilometri da Firenze. Tra i partecipanti anche il politologo Antonio Maria Baggio (nella foto), docente straordinario di filosofia politica all’Istituto universitario “Sophiaâ€?,

che a Loppiano ha portato una sua analisi sulla situazione politica attuale e sulla possibile via di uscita da intraprendere. Baggio ha parlato della necessitĂ di una rifondazione radicale “perchĂŠ – ha spiegato – siamo in una fase di emergenzaâ€?. Per il politogolo il cambiamento deve ripartire da un dialogo serrato tra le forze sociali organizzate e i gruppi di politici che sono giĂ  in politica. “Ci vuole – ha proseguito – una

pressione sociale tale che con creativitĂ riesca a tirare fuori dalle forze politiche quegli elementi che sono in grado di proporre dei progettiâ€?. Per Antonio Maria Boaggio l’esperienza del governo Monti doveva essere usata dalle forze politiche per una loro riorganizzazione e per presentare programmi che avessero una visione dell’Italia. “Una visione – ha concluso – che stenta ancor ad emergere ma che va elaborataâ€?.

ƒ”†Ǥƒ‰Â?ƒ•…‘ ‘Â?–”‘ —Â?ƒ …”‹•‹ …Š‡°†‹•‹•–‡Â?ƒ ‡ŽŽƒ…”‹•‹…Š‡•–ƒ•‹ ƒ„„ƒ––‡Â?†‘•—Žƒ‡•‡Šƒ ’ƒ”Žƒ–‘ƒÂ?…Š‡‹Ž…ƒ”†ǤÂ?‰‡Ž‘ ƒ‰Â?ƒ•…‘Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÂ?‡ŽŽƒ ’”‘Ž—•‹‘Â?‡ƒŽ‘Â?•‹‰Ž‹‘ ’‡”Â?ƒÂ?‡Â?–‡†‡ŽŽƒ‡‹ƒ‘Â?ƒǤ —‡ŽŽƒ‹Â?…‘”•‘°•–ƒ–ƒ†‡ˆ‹Â?‹–ƒ †ƒŽ”‡•‹†‡Â?–‡†‡‹˜‡•…‘˜‹ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹—Â?ƒ…”‹•‹†‹˜‡”•ƒ†ƒ “—‡ŽŽ‡…Š‡ŠƒÂ?Â?‘‹Â?–‡”‡••ƒ–‘ ‹Â?’ƒ••ƒ–‘ÂŽÇŻ –ƒŽ‹ƒǤDz Â?ƒŽ–”‹ ’ƒ••ƒ‰‰‹Č‚Šƒƒˆˆ‡”Â?ƒ–‘Č‚ •ǯ‹Â?’‘Â?‡˜ƒÂ?‘…‘Â?˜‹Â?œ‹‘Â?‡ Â†Â‹ÂˆÂˆÂ—Â•ÂƒÇĄ…‘”ƒ‰‰‹‘Â…Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ“—ƒ•‹ —Â?‡Â?–—•‹ƒ•Â?‘…‘Â?Â–ÂƒÂ‰Â‹Â‘Â•Â‘ÇłÇ¤

Â?˜‡…‡‘‰‰‹•‡Â?„”ƒÂ?‘Â? ‡••‡”‡’‹Î…‘•¿Ǥ ÂŽ”‡•‹†‡Â?–‡ †‡ŽŽƒ‡‹ŠƒÂ?‘–ƒ–‘…Š‡‹Ž ƒ‡•‡•‡Â?„”ƒƒ˜˜‘Ž–‘†ƒDz—Â?ƒ …ƒ’’ƒ†‹Â•ÂˆÂ‹Â†Â—Â…Â‹ÂƒÇłÇĄÇ˛ÂˆÂƒÂ–Â–Â‘Â”Â‡ ’‹Î’‡”Â?‹…‹‘•‘‡Â’Â‡Â”Â˜ÂƒÂ•Â‹Â˜Â‘ÇłÇĄ ƒ…—‹ˆƒ†ƒ…‘Â?–”ƒ•–‘•‘Ž–ƒÂ?–‘ —Â?Dz’‘’‘Ž‘…Š‡–‹‡Â?‡ǥ”‡•‹•–‡Ǣ Â?ƒ–—”ƒŽÂ?‡Â?–‡•‹‹Â?–‡””‘‰ƒ‡ Â’ÂƒÂ–Â‹Â•Â…Â‡Ç˘Â?ƒÂ?‘Â?•‹ƒ””‡Â?†‡‡ ˜—‘ŽÂ”Â‡ÂƒÂ‰Â‹Â”Â‡ÇłÇ¤‘Â?—Â?‡˜‹†‡Â?–‡ ”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â—ÂƒÂŽÂ‹Â–Â?‹Ž …ƒ”†Ǥƒ‰Â?ƒ•…‘Šƒ†‡’Ž‘”ƒ–‘ ‹ŽDz”‡–‹…‘Ž‘†‹…‘””—––‡Ž‡‡†‹ •…ƒÂ?Â†ÂƒÂŽÂ‹Çł‡Â?‡”•‘‹Â?“—‡•–‹ —Ž–‹Â?‹–‡Â?’‹ǥ…”‡ƒÂ?†‘Dz—Â?ƒ ”ƒˆˆ‘”œƒ–ƒ‹Â?†‹‰Â?ƒœ‹‘Â?‡…Š‡ Žƒ…Žƒ••‡’‘Ž‹–‹…ƒ…‘Â?–‹Â?—ƒƒ Â•Â‘Â–Â–Â‘Â˜ÂƒÂŽÂ—Â–ÂƒÂ”Â‡ÇłÇ¤‡”“—‡•–‘ Šƒƒ—•’‹…ƒ–‘Ç˛Â”Â‹ÂˆÂ‘Â”Â?‡ –ƒÂ?–‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹“—ƒÂ?–‘ ÂƒÂ–Â–Â‡Â•Â‡ÇłÇĄƒ˜‡Â?†‘’”‡•‡Â?–‡ Ž‡‹Â?Â?‹Â?‡Â?–‹‡Ž‡œ‹‘Â?‹…Š‡ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?‘DzÂ?‘Â?—Â? ’ƒ••ƒ‰‰‹‘–ƒ—Â?ÂƒÂ–Â—Â”Â‰Â‹Â…Â‘ÇĄÂ?ƒ —Â?˜‹Â?…‘Ž‘†‡Â?‘…”ƒ–‹…ƒÂ?‡Â?–‡ ‹Â?Â•Â—Â’Â‡Â”ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ‡“—‹Â?†‹ “—ƒŽ‹ˆ‹…ƒÂ?–‡‡Â†Â‡Â…Â‹Â•Â‹Â˜Â‘ÇłÇ¤ ‡Ž”‡•–‘ǥŽƒ…”‹•‹Dz…Š‡Â?‘Â? °…‘Â?‰‹—Â?–—”ƒŽ‡Â?ƒ†‹ •‹•–‡Â?ÂƒÇł‡•‹‰‡†‹‡••‡”‡ ƒˆˆ”‘Â?–ƒ–ƒ…‘Â?Dz…‘Â?’‡–‡Â?œƒ ‡ÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡Â˜Â‘ÂŽÂ‡ÂœÂœÂƒÇłÇ¤ ‹˜‡”•ƒÂ?‡Â?–‡‹Žˆ—–—”‘ •ƒ”‡„„‡ƒÂ?…‘”ƒ’‹ÎÂ?‡”‘ ’‡”‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…Š‡Č‚Šƒ†‡––‘ Č‚Dz•‘Â?‘‹ŽÂ?‘•–”‘Â?ƒ‰‰‹‘”‡ ÂƒÂ•Â•Â‹ÂŽÂŽÂ‘Çł’‡”…Š¹Dz°‹Â?–‘ŽŽ‡”ƒ„‹Ž‡ Ž‘•’‡”’‡”‘ƒÂ?–”‘’‘Ž‘‰‹…‘ †‹…—‹ǥŽ‘”‘Â?ÂƒÂŽÂ‰Â”ÂƒÂ†Â‘ÇĄ•‘Â?‘ ÂƒÂ–Â–Â‘Â”Â‹ÇłÇ¤


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͘Í?

‹”‹ƒ ‹„‡”ƒ–‹‹͚͘͜ˆ‡†‡Ž‹…ƒ––‘Ž‹…‹”ƒ’‹–‹Â?‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹ ‘Â?• Siria, Iran e fondamentalismi sono stati al centro dell’intervento del presidente Usa Barak Obama che ha aperto i lavori della 67ÂŞ assemblea generale dell’Onu in corso a New York. Parlando della situazione siriana Obama ha evidenziato la necessitĂ che il regime di Assad giunga presto a conclusione, non solo per mettere ďŹ ne alle violenze che stanno causando migliaia di vittime. “In Siria – sono le considerazioni del Presidente Usa – il futuro non può appartenere a chi

massacra la gente. Oggi dobbiamo unirci contro un regime sanguinario e dobbiamo far sĂŹ che una protesta iniziata come paciďŹ ca non si concluda con una guerra settaria. Dobbiamo pensare a un futuro in cui tutti i siriani abbiano una voce in capitolo. Ăˆ questo il risultato verso cui lavoreremoâ€?. Altrettanto chiare sono state le sue parole sull’Iran e sulla sua rincorsa al nucleare. Obama ha usato parole di condanna anche per il ďŹ lm su Maometto e per le violente rea-

zioni dei fondamntalismi islamici. Mentre Obama pronunciava il suo discorso, in Siria, nel territorio circostante il villaggio di Rableh, situato tra il conďŹ ne libanese e la cittĂ di Qusayr, nella provincia di Homs, trovava una vicenda soluzione che rischiava di ingarbugliare ulteriormente una situazione giĂ  complicata. Il patriarca greco-cattolico di Damasco, Gregorios III Laham (nella foto) che nei giorni precedenti aveva denunciato il rapimento di

240 fedeli cattolici, maroniti e soprattutto greco-cattolici che aveva gettato nella paura la comunitĂ cristiana del Paese, ha dato la notizia della loro liberazione. Un risultato dovuto, come ha ricordato lo stesso Patriarca, al dialogo tra la gente del villaggio di Rableh e i rapitori armati. “Si tratta – sono state le conclusioni di Gregorios III Laham – di un nuovo esempio per dire che con il dialogo si può fare tutto, o meglio si può fare moltoâ€?.



‡Žˆƒ”‡‘Â?•—Ž–ƒœ‹‘Â?‹†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡

3HUXQSDWWR´HTXRÂľ ‡‹‰‹͘”Â?‹•…‘”•‹ƒ”‡•…‹ƒ—Â?‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?–—––‡Ž‡”‡ƒŽ–Â?…Š‡ǥƒ†‹˜‡”•‘–‹–‘Ž‘ǥ‘’‡”ƒÂ?‘ Â?‡Ž•‘…‹ƒŽ‡’‡”Žƒ…‘Â?†‹˜‹•‹‘Â?‡†‹ƒŽ…—Â?‡Ž‹Â?‡‡‰—‹†ƒ   

+

a fatto tappa anche a Brescia il tour che Giulio Boscagli, assessore regionale alla Famiglia, conciliazione, integrazione e sussidiarietĂ , sta compiendo in tutte le province lombarde per incontrare soggetti pubblici e privati attivi nel campo delle politiche sociali. Obiettivi del viaggio: arrivare alla stesura di un patto per il welfare condiviso tra tutti i soggetti, Regione in testa, che hanno parte attiva in questo delicato settore della politica regionale. “L’attuale impianto di protezione sociale costruito dal dopoguerra in avanti – è la premessa da cui è partito l’assessore Boscagli – mostra in maniera evidente i propri limiti sia da un punto di vista economico che da quello della capacitĂ  di rispondere ai bisogniâ€?. Istituzioni locali, sindacati, associazioni imprenditoriali, organizzazioni di categoria, enti non profit e del volontariato, cooperative e, piĂš in generale, tutti i soggetti protagonisti del welfare sono stati chiamati a questo confronto con la Regione. Brescia, territorio che da questo punto di vista vanta presenze considerevoli per numero e per qualitĂ  dell’attivitĂ  svol-

  

�…‘�ˆ”‘�–‘’‡” —�•‹•–‡�ƒ…Š‡–‡�‰ƒ …‘�–‘†‡ŽŽ‡…‘�†‹œ‹‘�‹ ‡…‘�‘�‹…Š‡‡•‘…‹ƒŽ‹ †‡‰Ž‹—–‡�–‹ ta (come ha avuto modo di sottolineare Margherita Peroni, per anni alla presidenza della compentente commissione regionale, presente all’incontro) ha risposto in modo massiccio all’invito. Anche a Brescia la base

di discussione è stato un progetto in sette punti, elaboratodalla Regione sulla scorta del lavoro compiuito negli ultimi anni in tema di politiche sociali. CentralitĂ della famiglia, passaggio dalla domanda all’offerta, fattore famiglia, semplificazione, integrazione, sussidarietĂ , inclusione e coesione sociale sono i punti fermi che, chiuso il giro di consultaizoni, dovrebbero costituire il perimentro del nuovo patto regionale per il welfare. Un patto che punta, nelle intenzioni degli assessori Boscagli e Peroni, ad un unico obiettivo: quello dell’equitĂ . “In tempi come quelli attuali – hanno ribadito – non ha piĂš senso parlare di egalitarsimo nell’accesso ai servizi. Ăˆ piĂš rispettoso dei bisogni e di risorse sempre piĂš ridotte pensare che ci possa essere una compartecipazione all’erogazione dei servizi direttamente proporzionale alle disponibilitĂ  di ogni famiglia e di ogni singola personaâ€?. In questa prospettiva si inserisce anche la sperimentazione in 15 Comuni lombardi del fattore famiglia, disciplina che regola l’accesso ai servizi sulla base sia della valutazione dei bisogni che della situazione ecomomica. Palazzolo e Malegno le realtĂ  bresciane coinvolte in questa fase.

–ƒŽ‹ƒ ƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇŁ’‡”‹Ž ‘”—Â?°ƒŽŽƒ”Â?‡”‘••‘

ÂŽ…‘Â?•‹‰Ž‹‘†‹”‡––‹˜‘†‡Ž ‘”—Â?†‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ǥ”‹—Â?‹–‘ƒ‘Â?ÂƒÇĄŠƒ”‹ŽƒÂ?Â…Â‹ÂƒÇŚ –‘…‘Â?ˆ‘”œƒÂŽÇŻÂƒÂŽÂŽÂƒÂ”Â?‡•—ŽŽƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡•‘…‹ƒŽ‡‡†‡…‘Â?‘Â?‹…ƒ†‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡ǥDz–‡Â?ƒ•—Ž“—ƒŽ‡‹•‡‰Â?ƒŽ‹’”‡‘……—’ƒÂ?–‹‹Â?“—‡•–‹‰‹‘”Â?‹•‹•‘Â?‘Â?‘Žnj Â–Â‹Â’ÂŽÂ‹Â…ÂƒÂ–Â‹ÇłÇ¤‘Â?‘•–ƒÂ?–‡ƒŽ…—Â?‹•‡‰Â?ƒŽ‹…Š‡Â?‡‹Â?†‹…ƒÂ?‘Ž‘•–ƒ–‘†‹•‘ˆˆ‡”‡Â?œƒ Žƒ’‘Ž‹–‹…ƒ…‘Â?–‹Â?—ƒƒ‰—ƒ”†ƒ”‡ŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ…‘Â?—Â?‘•‰—ƒ”†‘•–”ƒ„‹…‘ǤDz‘Â? Â?‡Ž‡‰‰‡Ž‡’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â?Č‚•‘Â?‘…‘Â?•‹†‡”ƒœ‹‘Â?‹†‡Ž ‘”—Â?Č‚‡•‡†‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ •‹Â‘Â…Â…Â—Â’ÂƒÇĄ’”‡ˆ‡”‹•…‡‹Â?•‡‰—‹”‡’‡”…‘”•‹‹†‡‘Ž‘‰‹…‹Ž‘Â?–ƒÂ?‹†ƒ‰Ž‹‹Â?–‡”‡••‹ †‡ŽŽƒ‰‡Â?–‡dzǤDz‘˜‡•‘Â?‘Ž‡•…‡Ž–‡•–”ƒ–‡‰‹…Š‡‡‰Ž‹‹Â?˜‡•–‹Â?‡Â?–‹•—ŽŽ‡ÂˆÂƒÇŚ Â?‹‰Ž‹‡…‘Â?ˆ‹‰Ž‹‘‹Ž•‘•–‡‰Â?‘”‡ƒŽ‡ƒ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…Š‡†‡…‹†‘Â?‘†‹Â•Â’Â‘Â•ÂƒÂ”Â•Â‹ÇŤČ‚•‹ °…Š‹‡•–‘‹Ž ‘”—Â?ȂǤÂ‘Â˜ÇŻÂ°ÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?œ‹‘Â?‡ƒ‹„‹•‘‰Â?‹”‡ƒŽ‹†‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…‘Â?ÇŚ …”‡–‡…Š‡†ƒƒÂ?Â?‹…‘Â?„ƒ––‘Â?‘ŽƒŽ‘”‘„ƒ––ƒ‰Ž‹ƒ…‘Â?–”‘Žƒ…”‹•‹ǍdzǤŠ‹ƒ”ƒŽƒ …‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡ǣDz‘Â?…ǯ°”‹’”‡•ƒ…Š‡Â?‘Â?’ƒ••‹’‡”‹Ž•‘•–‡‰Â?‘ƒŽŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ…Š‡ °Žǯ—Â?‹…‘˜‡”‘’‘ŽÂ?‘Â?‡†‡Ž•‹•–‡Â?ƒ Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇłÇ¤ ÂŽ†‹”‡––‹˜‘†‡Ž ‘”—Â?Šƒ“—‹Â?†‹ ”‹Â?Â?‘˜ƒ–‘ƒŽ’”‡•‹†‡Â?–‡‘Â?–‹ÂŽÇŻÂƒÂ’’‡ŽŽ‘ƒ‰ƒ”ƒÂ?–‹”‡”‹•‘”•‡‡†‡“—‹–Â?ˆ‹•…ƒŽ‡ ƒŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡Ǥ†Šƒ”‹„ƒ†‹–‘Žƒ”‹…Š‹‡•–ƒ†‹—Â?–ƒ˜‘Ž‘ƒ’‡”–‘Dz’‡”˜‡”‹ˆ‹…ƒ”‡ Žƒ…‘Â?…”‡–ƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹†ƒ”‡ƒ’’Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡ǥ•‹ƒ’—”‡‹Â?—Â?ƒŽ‘‰‹…ƒ†‹Â‰Â”ÂƒÇŚ †—ƒŽ‹–Â?ÇĄƒŽ ƒ––‘”‡ ƒÂ?‹‰Ž‹ƒǤ

‘•…‘”•‘͚͛•‡––‡Â?„”‡ ƒ•…‘Â?’ƒ”•ƒ†‹’Ǥ ‹ƒÂ?…ƒ”Ž‘‘••‹ ŽŽƒˆ‹Â?‡‹ŽÇ˛Â‰Â‹Â‰ÂƒÂ?–‡„—‘Â?‘dz•‹°ƒ””‡•‘Ǥ‡ŽŽ‡’”‹Â?‡‘”‡†‡Ž͚͛•‡––‡Â?ÇŚ „”‡’Ǥ ‹ƒÂ?…ƒ”Ž‘‘••‹ǥÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘†‡Ž‹Â?‡”ƒ’‹–‘Â?‡Ž͚͘͘Í&#x;Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â‘ÂŽÂƒ†‹ ‹Â?†ƒÂ?ƒ‘Â?‡ŽŽ‡ ‹Ž‹’’‹Â?‡ǥ°Â?‘”–‘Â?‡ŽŽƒ…Ž‹Â?‹…ƒ —Â?ƒÂ?‹–ƒ•†‹‘œœƒÂ?‘•—Ž ÂƒÂ˜Â‹Â‰ÂŽÂ‹Â‘ÇĄÂ?‡Ž‹ŽƒÂ?‡•‡Ǥ ÂŽ•—‘”ƒ’‹Â?‡Â?–‘ǥ’‡”‘’‡”ƒ†‹—Â?…‘Â?Â?ƒÂ?†‘†‹ ‡•–”‡Â?‹•–‹Â?—•—ŽÂ?ƒÂ?‹ˆ—‘”‹—•…‹–‹†ƒŽ‹ŽˆČ‹‘”‘‹•ŽƒÂ?‹…Ž‹„‡”ƒ–‹‘Â?ˆ”‘Â?Â–ČŒ ‹Ž͙͘‰‹—‰Â?‘͚͘͘Í&#x;ÇĄŽ‘ƒ˜‡˜ƒ”‡•‘Â?‘–‘‹Â? –ƒŽ‹ƒ‡Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘ǤŽŽǯ‹Â?†‘Â?ƒÂ?‹ †‡Ž”ƒ’‹Â?‡Â?–‘ǥ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ•‹‡”ƒÂ?‘‡Ž‡˜ƒ–‡’”‡‰Š‹‡”‡ǥ‡”ƒÂ?‘•–ƒ–‡’”‡•‡Â?Â–ÂƒÇŚ –‡‹Â?–‡””‘‰ƒœ‹‘Â?‹ƒ‹‰‘˜‡”Â?‹’‡”Žƒ•—ƒŽ‹„‡”ƒœ‹‘Â?‡ǤÂ?…Š‡‡Â?‡†‡––‘  ƒ˜‡˜ƒˆƒ––‘—Â?ƒ’’‡ŽŽ‘ƒ‹”ƒ’‹–‘”‹‡’”‡‰ƒ–‘’‡”‹ŽÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘†‡Ž‹Â?‡Ǥ ƒŽ‹„‡”ƒœ‹‘Â?‡†‹‘••‹ǥƒ˜˜‡Â?—–ƒ‰”ƒœ‹‡ƒÂ?…Š‡ƒŽŽƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ ‰‘˜‡”Â?‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘‡ˆ‹Ž‹’’‹Â?‘ǥ‡”ƒƒ˜˜‡Â?—–ƒ‹Ž͙ͥŽ—‰Ž‹‘†‡ŽŽ‘•–‡••‘ƒÂ?Â?‘Ǥ ƒ—Â?ƒŽ—Â?‰ƒ‹Â?–‡”˜‹•–ƒƒŽ†‹”‡––‘”‡†‹Dz‘Â?†‘‡‹••‹‘Â?‡dzǥ ‡”‘ŽƒÂ?‘ ƒœœ‹Â?Â‹ÇĄÂ‡Â”Âƒ’‘‹Â?ƒ–‘‹ŽŽ‹„”‘Dzƒ’‹–‘Ǥ—ƒ”ƒÂ?–ƒ‰‹‘”Â?‹…‘Â?‹”‹„‡ŽŽ‹ǥ—Â?ƒÂ˜Â‹ÇŚ –ƒÂ?‡ŽŽ‡Â?ƒÂ?‹†‹‹‘dzǤƒ”ŽƒÂ?†‘†‡‹͘͜‰‹‘”Â?‹…‘Â?‹”ƒ’‹–‘”‹‹Â?—Â?”ƒ†—Â?‘†‹ ‰‹‘˜ƒÂ?‹…‘Â?‹Žƒ’ƒƒ‘”‡–‘Â?‡Ž•‡––‡Â?„”‡͚͘͘Í&#x;ÇĄ’ƒ†”‡‘••‹ƒ˜‡˜ƒ•’‡nj •‘’ƒ”‘Ž‡†‹Â’ÂƒÂ…Â‡ÇĄ•’‹‡‰ƒÂ?†‘†‹‡••‡”‡•–ƒ–‘–”ƒ––ƒ–‘„‡Â?‡‡†‹ƒ˜‡”’”‡nj ‰ƒ–‘’‡”Ž‘”‘ǤDz—”ƒÂ?–‡‹͘͜‰‹‘”Â?‹†‡ŽÂ?‹‘†‡•‡”–‘Â?‡ŽŽƒˆ‘”‡•–ƒČ‚†‹••‡ †ƒ˜ƒÂ?–‹ƒ͛͘͘Â?‹Žƒ‰‹‘˜ƒÂ?‹Č‚Â?‹•‘Â?‘•‡Â?–‹–‘”‹Â?Â?‘˜ƒ”‡ǤƒÂ?‹ƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ °†‹˜‡Â?–ƒ–ƒ’‹Î‡••‡Â?œ‹ƒŽ‡‡ˆ‘”–‡ǤƒÂ?‹ƒ†‹•’‘Â?‹„‹Ž‹–Â?ƒ‹‘’‹Î‹Â?…‹•‹˜ƒǤ ‡ŽŽ‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?…‘Â?ˆ‘”œƒ•‹•’‡”‹Â?‡Â?–ƒŽƒ–‡Â?‡”‡œœƒ†‹‹‘dzǤ‡Ž‰‡Â?Â?ƒ‹‘ ÍšÍ˜Í˜Í ’ƒ†”‡‘••‹°”‹–‘”Â?ƒ–‘Â?‡ŽŽ‡ ‹Ž‹’’‹Â?‡Ǥ


͘͞

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

  

Â†Â‹Â”Â‡Â–Â–Â‘Â”Â‡ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

—‘�‡�‘–‹œ‹‡ �‰”ƒœ‹‡‡—�„‡�˜‡�—–‘

‘�ƒ�‰ƒ�‡ŽŽ‘ƒ‘”‰‘•ƒ–‘ŽŽ‘

Con questo numero di “Voce� cambia l’autore delle riflessioni che, settimanalmente, aprono le pagine del giornale. Si tratta dei pensieri brevi e agili, ma non per questo meno profondi, ospitati nello spazio posto a fianco della testata. Don Diego Facchetti, direttore diocesano dell’Apostolato della preghiera, che ha accompagnato i lettori dal settembre del 2011, lascia spazio alla firma di Agostino Mantovani. Figura di spicco del panorama

GiovedĂŹ 27 settembre alle 20.45 presso il teatro comunale di Borgosatollo, nell’ambito della 5ÂŞ edizione della rassegna “Esperienze vere, storie di testimoni del nostro tempoâ€?, don Aniello Manganiello sarĂ ospite del Comitato per la pace di Borgosatollo. Don Aniello è stato per oltre 16 anni alla guida di una delle parrocchie di frontiera di Scampia. Dopo il suo trasferimento don Manganiello ha deciso di prendersi un anno sabbatico e ha dedicato del tempo a lavorare al

culturale bresciano che non necessita di grandi presentazioni. Presidente dell’Unione agricoltori, europarlamentare, presidente della Focsiv, in anni recenti ha legato il suo nome a quello della Fondazione Cab che tanto ha fatto e ancora sta facendo per la crescita culturale della città e del Bresciano, Mantovani proporrà riflessioni su diversi aspetti della quotidianità. Un grazie, quindi, a don Diego Facchetti e un buon lavoro ad Agostino Mantovani.

suo libro “GesĂš è piĂš forte della camorraâ€?, scritto a quattro mani con Andrea Manzi. Edito da Rizzoli (i proventi saranno completamente devoluti in beneficenza al centro Don Guanella di Scampia e alle famiglie indigenti) il testo racconta i 16 anni di lotta e misericordia che lo hanno visto protagonista sul campo. Dopo il dibattito, coordinato da Fernando Scarlata, fondatore del Comitato Antimafia Peppino Impastato, ci sarĂ spazio per interventi e domande dal pubblico.

…—�‡�‹•�‘

ƒ–‡…Š‡•‹

‡‰�ƒŽ‹‹�…‘”ƒ‰‰‹ƒ�–‹

�ƒ•…‡Ž–ƒŽ—�‰‹�‹”ƒ�–‡

‹Î˜‘Ž–‡ƒ„„‹ƒÂ?‘’ƒ”Žƒ–‘†‡ŽŽǯ‹Â?’‡nj ‰Â?‘…Š‡ŽƒÂ?‘•–”ƒ†‹‘…‡•‹’”‘ˆ‘Â?†‡ Â?‡ŽŽƒ”‹…‡”…ƒ†‹Ž—‘‰Š‹†‹…—Ž–‘’‡”Ž‡ †‹˜‡”•‡Š‹‡•‡…”‹•–‹ƒÂ?‡…Š‡•‘Â?‘‘”nj Â?ƒ‹”ƒ†‹…ƒ–‡‹Â?…‹––Â?‡’”‘˜‹Â?…‹ƒ‡Â‘ÂˆÇŚ ˆ”‘Â?‘ƒ–ƒÂ?–‹ˆ”ƒ–‡ŽŽ‹’”‘˜‡Â?‹‡Â?–‹†ƒÂƒÂŽÇŚ –”‡Â?ƒœ‹‘Â?‹Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹‹Â?…‘Â?–”ƒ•‹ ’‡”˜‹˜‡”‡‡•’‡”‹‡Â?œ‡†‹ˆ‡†‡•‡…‘Â?ÇŚ †‘‹”‹–‹‡Ž‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹†‡ŽŽƒ’ƒ–”‹ƒŽ‘Â?ÇŚ –ƒÂ?ƒǤ‹–”ƒ––ƒ†‹…‘Â?—Â?‹–Â?‘”–‘†‘••‡ ”—Â?‡Â?‡ǥ”—••‡ǥÂ?Â‘ÂŽÂ†ÂƒÂ˜Â‡ÇĄ•’‡••‘Â?—nj Â?‡”‘•‡ǥ…Š‡…Š‹‡†‘Â?‘ƒÂ?„‹‡Â?–‹†‘˜‡ …‡Ž‡„”ƒ”‡Ž‡ˆ—Â?œ‹‘Â?‹”‡Ž‹‰‹‘•‡Č‹Â–ƒŽ‘”ƒ ƒÂ?…Š‡Â?‘Ž–‘ÂƒÂˆÂˆÂ‘ÂŽÂŽÂƒÂ–Â‡ČŒ‡–”ƒ•Â?‡––‡”‡ ƒ‹’”‘’”‹ˆ‹‰Ž‹‹Ž’ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘†‡ŽŽƒˆ‡†‡Ǥ ‘•ˆ‘”œ‘†‡ŽŽƒ†‹‘…‡•‹°•‡Â?’”‡Â•Â–ÂƒÇŚ –‘‹Â?–‡Â?•‘ǥÂ?ƒ‹”‹•—Ž–ƒ–‹•–‡Â?–ƒ˜ƒÂ?‘ƒ ˜‡†‡”•‹Ǥ”ƒ‹Â?˜‡…‡…ǯ°“—ƒŽ…Š‡„—‘Â?ƒ Â?‘–‹œ‹ƒǤ Â?’”‹Â?‘Ž—‘‰‘“—‡ŽŽƒ†‡ŽŽƒ†‡nj ˆ‹Â?‹–‹˜ƒƒ’’”‘˜ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?’”‘‰‡––‘ …Š‡˜‡†”Â?Žƒ…‘•–”—œ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ…Š‹‡nj •ƒ‘”–‘†‘••ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?”—Â?‡Â?ƒ Â?‡ŽŽƒœ‘Â?ƒ†‹ƒÂ?’‘Ž‹Â?‘ǣ‹”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹ †‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?‘”–‘†‘••ƒŠƒÂ?Â?‘ÂŽÂƒÇŚ ˜‘”ƒ–‘…‘Â?…ƒ’ƒ”„‹ƒ†‡–‡”Â?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡ ’‡”ƒ””‹˜ƒ”‡‹Â?ˆ‘Â?†‘ǥÂ?ƒÂ?‘Ž–‘ŠƒÂˆÂƒÂ–ÇŚ –‘ƒÂ?…Š‡Žƒ†‹‘…‡•‹…Š‡Ž‹Šƒƒˆˆ‹ƒÂ?…ƒ–‹ Â?‡‹”ƒ’’‘”–‹…‘Â?Ž‡†‹˜‡”•‡”‡ƒŽ–Â?…‹˜‹Ž‹ …‹––ƒ†‹Â?‡‡Ž‹Šƒ•‘•–‡Â?—–‹Â?‡ŽŽ‘”‘Ž‡nj ‰‹––‹Â?‘†‡•‹†‡”‹‘†‹ƒ˜‡”‡—Â?ƒ’”‘’”‹ƒ …Š‹‡•ƒǤ‡”–ƒÂ?‡Â?–‡’ƒ••‡”Â?ƒÂ?…‘”ƒ—Â? ’‘ǯ†‹–‡Â?’‘’‡”…Š¹Â?‡Ž’ƒÂ?‘”ƒÂ?ƒ †‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ…‹––Â?•‹•–ƒ‰Ž‹—Â?…ƒÂ?Â’ÂƒÇŚ

Dz’‡––ƒƒŽ‡•…‘˜‘‘ˆˆ”‹”‡ƒŽŽƒŠ‹‡•ƒ †‹‘…‡•ƒÂ?ƒŽ‡•…‡Ž–‡‡‰Ž‹‹Â?†‹”‹œœ‹Â’ÂƒÇŚ •–‘”ƒŽ‹ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‹ÇĄƒ…—‹–—––‹‹ˆ‡†‡Ž‹ ȋ’”‡•„‹–‡”‹ǥ”‡Ž‹‰‹‘•‹‡ÂŽÂƒÂ‹Â…Â‹ČŒ•‘Â?‘Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇŚ Â?ƒ–‹ƒ…‘Â?ˆ‘”Â?ÂƒÂ”Â•Â‹Ç˘‡ÂŽÇŻÂƒÂ’’ƒ”–‡Â?‡Â?œƒƒ —Â?ƒŠ‹‡•ƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒ‡Žƒ…‘Â?—Â?‹‘Â?‡ …‘Ž•—‘‡•…‘˜‘’‘••‘Â?‘ƒÂ?…Š‡…Š‹‡nj †‡”‡†‹ƒ……‡––ƒ”‡…‹Ö…Š‡ǥ’—”‡••‡Â?†‘ –‡‘Ž‘‰‹…ƒÂ?‡Â?–‡ˆ‘Â?Â†ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ?‘Â?°Â–Â—Â–Â–ÂƒÇŚ ˜‹ƒ—Â?†‘‰Â?ƒ†‹ˆ‡†‡‡”‹Â?ƒÂ?‡’‡”…‹Ö •‡Â?’”‡†‹•…—–‹„‹Ž‡dzǤ1“—‡•–‘‹Ž…ƒ•‘ †‡Ž”‹Â?Â?‘˜ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽǯDz Â?‹œ‹ƒœ‹‘Â?‡…”‹nj •–‹ƒÂ?ƒ†‡‹ˆƒÂ?…‹—ŽŽ‹‡†‡‹Â”ÂƒÂ‰ÂƒÂœÂœÂ‹ÇłČ‹ Â…ÂˆÂ”ČŒ ˜‘Ž—–‘†ƒÂ?‘Â?•ǤƒÂ?‰—‹Â?‡–‹’‡”–—–nj –ƒŽƒ†‹‘…‡•‹ǥ…‘Â?‹Ž†‘…—Â?‡Â?–‘†‡ŽÍ™Í? ƒ‰‘•–‘ÍšÍ˜Í˜Í›ÇĄ‹Â?…‘Â?–‹Â?—‹–Â?…‘Â?Žƒ•…‡Žnj –ƒÂ’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄDz ‡•Î”‹•–‘‹‡”‹ǥ‘‰‰‹‡ •‡Â?’”‡dzǥ†‡ŽÍœŽ—‰Ž‹‘͙ͥͥͥǥ…Š‡ǥÂ?‡–nj –‡Â?†‘ƒŽ…‡Â?–”‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?œ‹‘Â?‡‹Ž–‡Â?ƒ †‡ŽŽƒDzÂ?—‘˜ƒ‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡dzǥ•‹’”‡nj ÂˆÂ‹Â‰Â‰Â‡Â˜ÂƒÇĄ‹Â?Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ†‹Dz”‡•–‹–—‹”‡‹Ž ’”‹Â?ƒ–‘ƒŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡…”‹•–‹ƒÂ?ƒ†‡‹ ‰‹‘˜ƒÂ?‹ǥ†‡‰Ž‹ƒ†—Ž–‹‡•‘’”ƒ––—––‘†‡‹ ‰‡Â?‹–‘”‹dzȋ’ǤÍšÍ˜ČŒÇ¤‘Â?‘’ƒ”‘Ž‡“—‡•–‡ …Š‡ƒ†‹•–ƒÂ?œƒ†‹“—ƒŽ…Š‡ƒÂ?Â?‘•—‘Â?ÂƒÇŚ Â?‘ƒÂ?…‘”ƒÂ?—‘˜‡‡’‡”–‹Â?‡Â?–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘†‹‡”nj Â?‘…‘Â?–‡•–‘•‘…‹‘…—Ž–—”ƒŽ‡„”‡•…‹ƒÂ?‘ ‡Â?‘Â?•‘Ž‘Ǥ”‹’”‘˜ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…—Â?‡‡†‡ŽŽƒ Ž—Â?‰‹Â?‹”ƒÂ?œƒ†‡Ž˜‡•…‘˜‘ƒÂ?‰—‹Â?‡–‹ •‘Â?‘Ž‡†‹‘…‡•‹•’ƒ”•‡’‡”ÂŽÇŻ –ƒŽ‹ƒ…Š‡ •‡Â?’”‡†‹’‹ÎǥÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ƒ–‡…Š‡•‹†‹ Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ”‹…Š‹‡†‘Â?‘Â?ÂƒÂ–Â‡Â”Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ–‡•–‹nj Â?‘Â?‹ƒÂ?ÂœÂ‡ÇĄ…‘Â?˜‡‰Â?‹ǥ•‡Â?‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÇĄ–ƒ˜‘Ž‡

Â?‹Ž‡•‘”Â?‘Â?–ƒ–‘†ƒ—Â?ƒ„‡ŽŽƒ…—’‘Žƒ –‘Â?†‡‰‰‹ƒÂ?–‡…Š‡”‹•’Ž‡Â?†‡ƒŽ•‘Ž‡ǥ Â?ƒ‹Ž’”‹Â?‘’ƒ••‘°ˆƒ––‘‡‹Ž•‘‰Â?‘†‹ –ƒÂ?–‹…”‹•–‹ƒÂ?‹”—Â?‡Â?‹•–ƒ†‹˜‡Â?–ƒÂ?†‘ ”‡ƒŽ–Â?ÇŁÂ?‘Â?’‘••‹ƒÂ?‘…Š‡”ƒŽŽ‡‰”ƒ”…‹ †‹“—‡•–ƒÂ?‘˜‹–Â?…Š‡…‹‹Â?˜‹–ƒƒÂ?‘Â?”‡nj •–ƒ”‡’”‹‰‹‘Â?‹‡”‹†‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡…‡”–‡œœ‡ Č‹ÂƒÂ?…Š‡ƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…Š‡‡ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹Â…ÂŠÂ‡ČŒ‡ ĠƒŽŽƒ”‰ƒ”‡‰Ž‹‘”‹œœ‘Â?–‹†‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡ …‘Â?—Â?‹–Â?ƒŽ†‹ÂŽÂ?†‡‹…‘Â?ˆ‹Â?‹ƒ„‹–—ƒŽ‹Ǥ Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ„‡ŽŽƒÂ?‘˜‹–Â?°Žƒ…‘Â?…‡••‹‘Â?‡ ƒ—Â?ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?†‹‘”–‘†‘••‹Â?‘Ž†ƒ˜‹ †‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?‡„ƒ•–‹ƒÂ?‘ƒÂŠÂ‹ÂƒÇŚ ”‹ǥ‘ˆˆ‡”–ƒ†ƒŽŽƒ‰‡Â?‡”‘•ƒ•‡Â?•‹„‹Ž‹–Â?†‹ —Â?ƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ…Š‡Â?‡°Žƒ’”‘’”‹‡–ƒ”‹ƒ‡ Šƒ”ƒ……‘Ž–‘Ž‡•‘ŽŽ‡…‹–ƒœ‹‘Â?‹†‡ŽŽƒ‹‘nj …‡•‹Â?‡ŽŽƒ”‹…‡”…ƒ†‹•’ƒœ‹’‡”‹Ž…—Ž–‘ †‡ŽŽ‡†‹˜‡”•‡Š‹‡•‡…”‹•–‹ƒÂ?‡ǣ“—‡•–‘ …‘Â?•‡Â?–‡…Š‡ǥ’‡”‹–ƒÂ?–‹ˆ‡†‡Ž‹Â?Â‘ÂŽÂ†ÂƒÇŚ ˜‹†‹“—‡ŽŽƒœ‘Â?ÂƒÇĄŽ‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹•‹–‡Â?ÇŚ ‰ƒÂ?‘’‹Î˜‹…‹Â?‘ƒ‹Ž—‘‰Š‹†‹”‡•‹†‡Â?ÂœÂƒÇĄ ˆƒ˜‘”‡Â?†‘Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡‡Žƒ’”‡nj •‡Â?ÂœÂƒÇĄ…‘•ƒ…Š‡Â?‘‹ǥƒ„‹–—ƒ–‹Ġƒ˜‡”‡ Ž‡…Š‹‡•‡“—ƒ•‹•‘––‘…ƒ•ƒ‡ƒˆƒ”‡’‘…ƒ •–”ƒ†ƒ’‡”ƒÂ?†ƒ”‡ƒÂ?Â‡Â•Â•ÂƒÇĄˆ‘”•‡Â?‘Â? ˜ƒŽ—–‹ƒÂ?‘…‘Â?Žƒ†‘˜—–ƒƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡Ǥ ƒ“—‡•–‘‰‡•–‘”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒƒÂ?…Š‡ ‹Ž•‡‰Â?‘†‹—Â?ÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â‰ÂŽÂ‹Â‡Â?œƒ…Š‡•ƒÂ‰Â—ÂƒÂ”ÇŚ †ƒ”‡Ž‘Â?–ƒÂ?‘‡†‘˜”‡„„‡†‹˜‡Â?–ƒ”‡ •–‹Ž‡†‹‘‰Â?‹Â?‘•–”ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?’‡”…Š¹ °†ƒ˜˜‡”‘„‡ŽŽ‘…Š‡–—––‹‹…”‹•–‹ƒÂ?‹ ’‘••ƒÂ?‘”‹—Â?‹”•‹‡…ƒÂ?–ƒ”‡‹Â?•‹‡Â?‡Ž‡ Ž‘†‹†‡Ž‹‰Â?‘”‡Ǥ

  

 

”‘–‘Â?†‡…‹”…ƒ“—‡•–‘Â?—‘˜‘Â?‘†‡ŽŽ‘Ǥ 1“—‡•–‘—Â?•‡‰Â?‘˜‹•‹„‹Ž‡‡–ƒÂ?‰‹„‹nj Ž‡†‹‡••‡”‡’”‡…—”•‘”‹†‹—Â?Â?‘†‡ŽŽ‘ …Š‡Â?‘Â?ŠƒŽƒ’”‡–‡•ƒ†‹‡••‡”‡’‡”nj ÂˆÂ‡Â–Â–Â‘ÇĄÂ?ƒ†‹‡••‡”‡—Â?ƒ’”‘’‘•–ƒÂƒÂŽÇŚ –ƒ†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ…”‹•–‹ƒÂ?ƒÂ?‡ŽŽǯ‘‰‰‹ƒ„‹–ƒ–‘ †ƒ‹‘Ǥ ‘”•‡’‘…‘ǥÂ?—ŽŽƒ°…ƒÂ?„‹ƒ–‘ Â?‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡Â’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹Â‡ÇĄÂ?ƒŽƒ•–”ƒ†ƒ° •–ƒ–ƒ–”ƒ……‹ƒ–ƒǤ Â?“—‡•–ǯ‹Â?‹œ‹‘†‹ƒÂ?Â?‘ ’ƒ•–‘”ƒŽ‡ÂŽÇŻÂƒÂ—‰—”‹‘ƒ–—––‹‹Â…ÂƒÂ–Â‡Â…ÂŠÂ‹Â•Â–Â‹ÇĄ ‡†—…ƒ–‘”‹‡ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹‹Â?’‡‰Â?ƒ–‹Â?‡Žnj Žƒ…ƒ–‡…Š‡•‹°’”‘’”‹‘†‹”‹’ƒ”–‹”‡…‘Â? Žǯ‡Â?–—•‹ƒ•Â?‘ǥ‹ŽÂ…Â‘Â”ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄŽƒÂˆÂ‹Â†Â—Â…Â‹ÂƒÇĄŽƒ •’‡”ƒÂ?œƒ†‹‹Â?˜‡•–‹”‡–‡Â?’‘ǥˆ‘”œ‡‡ ”‹•‘”•‡‹Â?…‹Ö…Š‡‹Ž†‘…—Â?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ ‡‹Dz†—…ƒ”‡ƒŽŽƒ˜‹–ƒ„—‘Â?ƒ†‡ŽƒÂ?ÇŚ ‰‡Ž‘dzÇŚ”‹‡Â?–ƒÂ?‡Â?–‹’ƒ•–‘”ƒŽ‹†‡ŽŽǯ‡’‹nj •…‘’ƒ–‘‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘’‡”‹Ž†‡…‡Â?Â?‹‘ÍšÍ˜Í™Í˜ÇŚ ÍšÍ˜ÍšÍ˜ÇĄƒŽÂ?—Â?‡”‘͘͜†‹…‡†‡ŽŽǯ …ˆ”‡…‹‘°ǣ Dz‡•’‡”‹‡Â?œƒˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡†‡ŽŽǯ‡†—nj …ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ˜‹–ƒ†‹ˆ‡†‡°Žǯ‹Â?‹œ‹ƒœ‹‘Â?‡ …”‹•–‹ƒÂ?ÂƒÇĄ…Š‡Â?‘Â?°“—‹Â?†‹—Â?ƒ†‡ŽŽ‡ –ƒÂ?–‡ƒ––‹˜‹–Â?ÇĄÂ?ƒÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜‹–Â?…Š‡Â“Â—ÂƒÂŽÂ‹ÂˆÂ‹ÇŚ …ƒŽǯ‡•’”‹Â?‡”•‹’”‘’”‹‘†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒÂ?‡Ž •—‘‡••‡”‡‹Â?˜‹ƒ–ƒƒ‰‡Â?‡”ƒ”‡ƒŽŽƒˆ‡†‡ ‡”‡ƒŽ‹œœƒ”‡•‡•–‡••ƒ…‘Â?‡Â?ÂƒÂ†Â”Â‡ÇłÇ¤

Â?—Â?ƒÂ?„‹‡Â?–‡•’‡••‘‹Â?†‹ˆˆ‡”‡Â?–‡•‡ Â?‘Â?ƒ††‹”‹––—”ƒ‘•–‹Ž‡ƒŽÂ?‡••ƒ‰‰‹‘†‡Ž ƒÂ?‰‡Ž‘ǥŽƒŠ‹‡•ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒ”‹•…‘’”ƒ‹Ž Ž‹Â?‰—ƒ‰‰‹‘‘”‹‰‹Â?ƒ”‹‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—Â?…‹‘ǥ…Š‡ Šƒ‹Â?•¹†—‡…ƒ”ƒ––‡”‹•–‹…Š‡‡†—…ƒ–‹˜‡ •–”ƒ‘”†‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇŁŽƒ†‹Â?‡Â?•‹‘Â?‡†‡Ž†‘Â?‘ ‡ÂŽÇŻÂƒÂ’’‡ŽŽ‘ƒŽŽƒ…‘Â?˜‡”•‹‘Â?‡…‘Â?–‹Â?—ƒǤ

     

La globalizzazione e la legge della giungla Per alcuni giorni il seno di Kate Middleton, la principessa di Cambridge, ha oscurato la crisi. Se, come ripete Monti, vedevamo l’uscita dal tunnel, ad attenderci era un branco di guardoni. Non è il caso di attardarsi a commentare perchĂŠ sono troppi quelli che badano piĂš al seno che al senno. CosĂŹ come devono essere respinte al mittente le perorazioni in nome della libertĂ di stampa e di informazione. Se quella è informazione è meglio chiudere baracca e burattini. Su un altro piano, ma sempre nell’ambito della libertĂ  di espressione, c’è anche il problema dei ďŹ lm, dei video e delle vignette contro l’Islam. Serpeggia nell’opinione pubblica la convinzione che bisogna stare attenti a non provocare le reazioni violente dei musulmani, mentre sono pochi quelli che si preoccupano del rispetto verso chi ha un credo diverso. Quali che siano i meriti o i demeriti dell’altro. Sono tutti capaci (lo dice il vangelo) a essere buoni con chi è buono, di amare chi ti ama. Il problema si pone quando devi rispettare anche chi non ti rispetta, se non vuoi essere travolto dalla

spirale dell’odio. Fine della predica. In realtà i problemi piÚ preoccupanti in fatto di comunicazione si determinano, spesso nel silenzio, ad altri livelli. So bene che ne parlo spesso. Non è per deformazione professionale. Il fatto è che la comunicazione governa l’intera vita sociale, politica, culturale, economica, incide sui ritmi della vita, sul usso dei pensieri e su ogni situazione in cui possono trovarsi persone e popoli interi. Oppure possiamo invertire i fattori cosÏ:

tutti i processi che sono decisivi ai ďŹ ni della vita umana e sociale sono strettamente connessi con le comunicazioni. Chi non se ne rende conto rischia di diventare schiavo del pensiero unico dei piĂš forti. Prendiamo in considerazione uno degli ultimi esempi, che si ricollega alle violenze islamiche. La presidenza americana è entrata in conitto con YouTube proprio a proposito della limitazione della libertĂ di parola e di espressione. Google

ha deciso di non tenere conto della richiesta della Casa Bianca di “riconsiderare l’opportunitĂ di tenere in circolazione il video anti-Islam che ha scatenato la violenza e le manifestazioni antiamericane e anti-occidentali in tutto il mondo araboâ€?. Google si è appellata all’auto-governo e ha precisato di avere giĂ  controllato afďŹ nchĂŠ il video non violi i termini della legge americana sull’incitamento all’odio e di avere oscurato il video in alcune regioni del mondo, per esempio l’Egitto,

‹ˆ”‘Â?–‡ƒŽŽƒ ”ƒ„„‹ƒ‹•ŽƒÂ?Â‹Â…ÂƒÇĄ —Â?…‘Ž‘••‘†‡ŽŽƒ …‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‡

‘‘‰Ž‡”‹˜‡�†‹…ƒ‹Ž †‹”‹––‘†‹†‡…‹†‡”‡ ƒ—–‘�‘�ƒ�‡�–‡•— …‘•ƒ’—„„Ž‹…ƒ”‡‘�‘� ’—„„Ž‹…ƒ”‡

la Libia, l’India e l’Indonesia. La decisione di Google si basa su un protocollo che la compagnia ha adottato per risolvere decisioni controverse: nel prendere decisioni sulla pubblicazione di materiale sui suoi siti deve tener conto non soltanto delle leggi e delle politiche dei Paesi, ma del contesto etico e tradizionale. Di fronte al pluralismo Google vuole essere sensibile alle “culture localiâ€?, ma non permette ad alcun potere di qualsiasi Paese di imporle una sua linea di comportamento. Alle critiche Google ha risposto cosĂŹ: “A Google noi nutriamo un pregiudizio in favore dei diritti della gente alla libera espressione in tutto ciò che facciamo... ma riconosciamo anche che la libertĂ di espressione non deve o non dovrebbe essere senza limiti. La difďŹ coltĂ  consiste nel decidere dove porre questi limitiâ€?. Google non riconosce alle autoritĂ  dello Stato, di nessuno Stato, il potere di ďŹ ssare dei limiti. Siamo al tema fondamentale della globalizzazione: tutto il mondo è paese. Un Paese senza sindaco, senza consiglio comunale, senza regole. O, meglio, vale la regola della forza (come nella giungla).


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͘Í&#x;

�’”‡�‹‘’”‡•–‹‰‹‘•‘

ÂŽ‹––‘”‹ƒŽ‡°‹Ž’ƒ”…‘’‹Î„‡ŽŽ‘†ǯ –ƒŽ‹ƒ



 

Il Vittoriale degli Italiani è il vincitore della decima edizione del premio “Il Parco PiĂš Bello d’Italiaâ€?. L’arte dei giardini, è stato detto, somiglia straordinariamente alla poesia, il poeta fa con le parole ciò che il giardiniere fa con le piante, i cespugli, i fiori, le acque, le statue. Il pensiero corre subito al Vittoriale degli Italiani, la cittadella di Gardone Riviera ove Gabriele d’Annunzio approda nel 1921 per poi stabilirvi la sua ultima dimora, che concepisce come un mausoleo

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

della propria prodigiosa avventura di artista e di eroe. Ed è proprio al parco e ai giardini del Vittoriale degli Italiani che quest’anno viene assegnato l’importante riconoscimento di Parco PiÚ Bello d’Italia 2012. La giuria dell’ormai famoso Premio di Parchi e Giardini, giunto quest’anno alla decima edizione, si è infatti riunita ed ha eletto il Parco del Vittoriale degli Italiani vincitore dell’edizione 2012 del concorso. Il parco del Vittoriale degli Italiani, che proprio l’anno

prossimo festeggerĂ i 150 anni dalla nascita del poeta, è stato prescelto tra una rosa di dieci finalisti selezionati in primavera tra gli oltre ottocento parchi e giardini italiani iscritti al concorso e pubblicati nella guida online ai parchi piĂš belli d’Italia www.ilparcopiubello.it. Il Vittoriale è un giardino polimaterico di piante ma anche di parole scritte sulle pietre. Ăˆ una quintessenza di luoghi teatrali, di emergenze e di massi erratici; dove anche le acque si fanno poesia.

  

”‡•…‹ƒǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘†‡Ž†‹”‡––‘”‡†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘’‡”‹Â?‹‰”ƒÂ?–‹

/DYLDPDHVWUD qTXHOODGHOODOHJDOLWj ƒ†”‡ƒ”‹‘‘ˆˆƒ”‹’”‡Â?†‡’‘•‹œ‹‘Â?‡Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡Ž‘Â?—Â?‡…Š‡Šƒ•‘•’‡•‘‹•‡”˜‹œ‹•…‘Žƒ•–‹…‹Č‹Â•Â…Â—Â‘ÂŽÂƒÂ„Â—Â•ÇĄÂ?‡Â?•ƒ ‡Â?ƒ–‡”Â?ÂƒČŒƒ‹Â?—…Ž‡‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ”‹”‘Â?‡•‹Â?–‹†‹˜‹ƒ‘”‰‘•ƒ–‘ŽŽ‘‡†‹˜‹ƒ”œ‹Â?—‘˜‹‹Â?†‡„‹–‘…‘Â?‹’ƒ‰ƒÂ?‡Â?–‹    

0

i pare, sinceramente, che non ci sia un odio razziale in questa presa di posizioneâ€?. Padre Mario Toffari, direttore dell’Ufficio diocesano per i migranti, non ha dubbi sulla questione che in queste ore sta portando Brescia al centro della cronaca nazionale. Facciamo un passo indietro. Ha fatto discutere, e non poco, la scelta del Comune di sospendere ai nuclei familiari in debito con i pagamenti verso la Loggia i servizi scolastici (scuolabus, mensa e materna) per i campi Rom e Sinti di via Borgosatollo e di via Orzinuovi. “Bisogna mettere d’accordo due realtĂ sussistenti. La prima è che non devono pagare i bambini. Se a monte c’è una mancanza, non possiamo – spiega padre Mario – farla pagare ai bambini; non possiamo nemmeno pensare che una categoria di persone possa dire: ‘Io non pago, tanto sono della tal categoria e quindi non posso pagare’. Ovviamente si va incontro alle possibili esigenze della persona povera. “C’è da vedere veramente se queste persone non possono pagare, ma non è una questione di razza. Il Comune vuole 1/3 o di 2/3 della spesa (in nove anni il pregresso dovrebbe essere di 140mila euro, nda)â€?. Come in tutte le vicende c’è il rischio che, per come vengono annunciate o spiegate, certe azioni rispondano anche a un possibile calcolo elettorale.

ÇĄ  

ƒ†”‡ƒ”‹‘Â‘ÂˆÂˆÂƒÂ”Â‹ÇŁ Dz‘„„‹ƒÂ?‘ƒ””‹˜ƒ”‡ ƒ–‘‰Ž‹‡”‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â’‡––‘ Â’Â‘ÂŽÂ‹Â–Â‹Â…Â‘ÇŚÂ’ÂƒÂ”Â–Â‹Â–Â‹Â…Â‘‡ƒ ’”‘’‘””‡—Â?–ƒ˜‘Ž‘ †‹Â†Â‹ÂƒÂŽÂ‘‰‘dz “Dobbiamo arrivare, e su questo la nostra Chiesa si è impegnata senza fare denunce o clamori, a togliere l’aspetto politico-partitico e a proporre un tavolo di dialogo che convinca le parti interessate degli adulti a prestare at-

tenzione ai bambini. Viviamo in una societĂ nella quale non è piĂš possibile dire io vivo solo e ho tutti i diritti: hai tutti i diritti perchè vivi in una societĂ â€?. Si parla del servizio di trasporto, ma anche della mensa. “Se il papĂ  non paga, il bambino deve chiaramente mangiare. Non ho, invece, approfondito bene la questione del trasporto, perchè effettivamente si tratta di verificare la sicurezza del bambino. Comunque anche un’organizzazione privata può andare incontro a uno specifico bisogno; non perchĂŠ sussiste un diritto inalienabile collegato a quella categoria, altrimenti sarebbe

una discriminazioneâ€?. Difficile, però, trovare un equilibrio. “Il principio è che i bambini non devono pagare, ma attenzione a ogni strumentalizzazione. La via dell’integrazione si fa uscendo dalla politica, dicendo a tutti (Sindacato e Comune) che dobbiamo promuovere la persona nei suoi diritti e nei suoi doveri. Se vengono dati i soldi, ad esempio, dalla Regione per i libri scolastici, questi vanno utilizzati per quella finalitĂ â€?. Al momento è stata avviata una trattativa perchè le famiglie paghino qualcosa degli arretrati. Potrebbe essere una soluzione ragionevole.

   

&RQFOXVRLOFHQWHQDULR Era cominciato giusto 12 mesi fa con la presenza del vescovo Luciano Monari. L’ha terminato domenica scorsa mons. Vigilio Mario Olmi che ha presieduto con l’arciprete don Luca Giuseppe Ferrari la solenne S.Messa. Parliamo dell’anno del centenario della parrocchiale dei Ss. Cosma e Damiano a Marmentino. La chiesa, ricorda una lapide dietro l’altare maggiore, fu consacrata, parroco don Carlo Zubani,

nel 1911, il 26 settembre festa dei patroni. Ma la sua storia è quasi millenaria. Prima dell´attuale vi era un altro edificio, piÚ piccolo e basso a tre navate (ne rimane il portichetto esterno con brani di affreschi) risalente al XIII secolo, consacrato l´8 maggio 1550. Poi la chiesa si arricchÏ con le rimesse degli emigranti a Venezia a lavorare armi: splendide pale del Moretto e del Bagnadore, paliotti marmorei, opere lignee. Agli

inizi del ´900 il parroco don Antonio Cosi ne decise il rifacimento parziale e l´ampliamento: un´unica navata con altari laterali. In occasione del centenario la comunitĂ ha realizzato il ripristino del vecchio sagrato. Nel fine settimana la festa patronale: sabato 29 alle 20,45 il Concerto del coro “Le voci di Zefiroâ€? di Brescia; domenica 30 alle 11 la Messa con don Armando Scarpetta, giĂ  parroco di Marmentino .

ƒŽÍšÍ&#x;ƒŽ͛͘ ƒ ‡•–ƒ†‡Žˆ—Â?‰‘ ‡†‡ŽŽƒ…ƒ•–ƒ‰Â?ƒ ƒ”‘nj‘…‘†‡Ž…‘Â?—Â?‡ †‹‹•‘‰Â?‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒ†ƒŽ ÍšÍ&#x;ƒŽ͛͘•‡––‡Â?„”‡Žƒ͚͞ª ‡•–ƒ†‡Žˆ—Â?‰‘‡†‡ŽŽƒ …ƒ•–ƒ‰Â?ƒǤÂŽÂŽ…‡Â?–”‘†‡Ž ’ƒ‡•‡•‹ƒÂ?‹Â?ÂƒÇĄƒ”‹†‘••‘ †‡ŽŽƒ‰‘Ž‡…ƒŽ†ƒ””‘•–‡ȋ‘ Â?‘Â?†‘Ž‡…‘Â?‡•‹†‹…‡ƒ ‹•‘‰Â?Â‡ČŒƒ„„”—•–‘Ž‹•…‘Â?‘‹Â? —Â?ǯ‡Â?‘”Â?‡Â’ÂƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄÂ?‡Â?–”‡ ‰”ƒÂ?†‹‡’‹……‹Â?‹‘••‡”˜ƒÂ?‘ ‡•–ƒ•‹ƒ–‹‡ƒ•’‡––ƒÂ?‘‹Ž Â?‘Â?‡Â?–‘‰‹—•–‘’‡”’‘–‡”Ž‡ ‰—•–ƒ”‡ǤÂ—Â–Â–ÇŻÂƒÂ–Â–Â‘Â”Â?‘Ž‡ Â?—Â?‡”‘•‡„ƒÂ?…ƒ”‡ŽŽ‡‡ ‹Â?‡”…ƒ–‹Â?‹Â?‘Â?ˆƒÂ?Â?‘ Â?ƒÂ?…ƒ”‡Â?—ŽŽƒƒ‹Â˜Â‹Â•Â‹Â–ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇŁ ˆ—Â?‰Š‹ǥ…ƒ•–ƒ‰Â?‡ǥˆ‘”Â?ƒ‰‰‹ ‡†‡Ž‹œ‹‡‰ƒ•–”‘Â?‘Â?‹…Š‡Ǥ ǯ°ƒÂ?…Š‡‹Ž…‘Â?…‘”•‘’‡”‹Ž …‡•–‘†‹ˆ—Â?‰Š‹‡…ƒ•–ƒ‰Â?‡ ’‹Î„‡ŽŽ‘Ǥ ”‹•–‘”ƒÂ?–‹ …‘Â?˜‡Â?œ‹‘Â?ƒ–‹‡‹’—Â?–‹ ”‹•–‘”‘‘ˆˆ”‘Â?‘Â?‡Â?ĂŽƒ –‡Â?ÂƒÇĄ…‘Â?’”‘†‘––‹–‹’‹…‹‡ ‰‡Â?—‹Â?‹Ǥƒ•‡Â?’”‡ǥ‹Â?‘Ž–”‡ǥ •’‡––ƒ…‘Ž‹‡…‘Â?…‡”–‹ŠƒÂ?Â?‘ ƒ””‹……Š‹–‘‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ †‡ŽŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‡Ž …‘”•‘†‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹Â?‘Ž–‹‰”ƒÂ?†‹ ƒ”–‹•–‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹ŠƒÂ?Â?‘…ƒŽ…ƒ–‘ ‹’ƒŽ…Š‹†‡ŽŽƒˆ‡•–ƒ†‡Ž ˆ—Â?‰‘Ǥ ”ƒ‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ǥ ˜‡Â?‡”†¿ÍšÍ ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͙Í?Žƒ ‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒ–‡ƒ–”ƒŽ‡DzÂŽ Â‰ÂƒÂ–Çł†‹‘”–‡ˆ”ƒÂ?…ƒ’‘”–ƒ ‹Â?•…‡Â?ÂƒÇĄ’”‡••‘Žƒ’‹ƒœœƒ ‡•…‘˜‘‘”Â?ƒ‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹ǥ Ž‘•’‡––ƒ…‘Ž‘†‹ƒŽ‡––ƒŽ‡ DzƒŽ‘…ƒÂ?†ƒ†‡Ž†—–—”dzǤ ƒ„ƒ–‘͚ͥǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ…°ƒŽŽ‡ ͚͙Ǥ͛͘—Â?–”‹„—–‘Â?—•‹…ƒŽ‡ ƒ ‹ƒÂ?Â?‹ƒÂ?Â?‹Â?‹ǥÂ?‡Â?–”‡ †‘Â?‡Â?‹…ƒ•’ƒœ‹‘ƒŽ„ƒŽŽ‘ Ž‹•…‹‘Ǥ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ›Í˜ÇĄƒŽ ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘ǥ–‘……ƒ‹Â?˜‡…‡ ƒ‹…‘Â?‹…‹†‹‡Ž‹‰DzƒŽ‹‡ Â‹Â•Â’ÂƒÂ”Â‹Çł‡•‹„‹”•‹‹Â?’‹ƒœœƒ ‡•…‘˜‘‘”Â?ƒ‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹Ǥ

ÂŽ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘•—ŽŽ—Â?‰‘Žƒ‰‘ ˜‹‡Â?‡ƒÂ?‹Â?ƒ–‘†ƒŽˆ”‡‡•–›Ž‡Ǥ ‡…ƒŽ†ƒ””‘•–‡˜‡””ƒÂ?Â?‘ †‹•–”‹„—‹–‡Â?‡ŽŽƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ†‹ •ƒ„ƒ–‘Č‹Â†ÂƒÂŽÂŽÂ‡͙͞ƒŽŽ‡ÍšÍœČŒ‡ Â?‡ŽŽƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ†‹†‘Â?‡Â?‹…ƒ Č‹Â†ÂƒÂŽÂŽÂ‡͙͙ƒŽŽ‡ÍšÍšČŒÇ¤


͘Í

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ƒÂ?‘Ž‘ ”‡•…‹ƒ‹Â?“—‹Â?ÂƒÂ–ÂƒÇŁŽ‡’”‘’‘•–‡†‡Ž† I dati di Asl e Arpa parlano chiaro: Brescia è una delle cittĂ piĂš inquinate d’Italia sia per la propria collocazione sia per la sua lunga storia industriale che, pur portando enormi benefici ha, al contempo, creato situazioni gravose a livello ambientale. Tra le zone che maggiormente necessiterebbero di un intervento di “bonifica ambientaleâ€? c’è senza dubbio il territorio della Circoscrizione Est, compreso tra San Polo e Buffalora, dove, accanto a quattro grandi

arterie stradali, convivono diversi insediamenti industriali di non poco conto; ed è proprio da questa zona che il Partito democratico ha deciso di ripartire. Un momento informale è stata l’occasione, per il Pd locale, di illustrare ai bresciani alcuni piani che i suoi esponenti vorrebbero realizzare per la città . All’incontro, tenutosi a San Polo storico, hanno preso parte, oltre al candidato sindaco Del Bono, l’onorevole Paolo Corsini, il segretario cittadino Giorgio De Martin, il consigliere

comunale Valter Muchetti e Gianni Fornoni del Circolo Brescia Est. Un momento che ha aperto una due giorni di presenza sul territorio da parte dei massimi esponenti del Pd bresciano per presentare il proprio programma elettorale e l’impegno che, da sempre, hanno scelto di porre nella tutela ambientale della cittĂ . “Oggi Brescia ha bisogno di segni netti: piĂš attenzione alla qualitĂ  di vita che alla quantitĂ , fine del consumo di suolo agricolo, riqualificazione

delle aree esistenti dismesse, nuova cultura nella gestione del ciclo dei rifiuti e maggior attenzione alla raccolta differenziataâ€? ha detto Del Bono. “Se saremo noi a governare, costruiremo il Parco delle Cave, un vero e proprio polmone verde per la cittĂ e adotteremo maggior attenzione alla mobilitĂ  ciclopedonale, rafforzando i parcheggi scambiatori nei dintorni delle stazioni metro. La nostra sarĂ  una vera e propria inversione di rottaâ€? ha concluso. (fr. a.)

   ‘––‹…‹�‘”‡‰‹‘”�‹†‹�ƒ�‹ˆ‡•–ƒœ‹‘�‹

/DEHOODUHDOWj GHOO¡(FRPXVHR     

/

’ecomuseo, erede dei “musei del territorioâ€?, si qualifica oggi come “museo diffusoâ€? che ha come oggetto di esposizione il territorio in tutte le sue componenti. Nonostante gli ecomusei siano ancora realtĂ poco conosciute, in provincia di Brescia se ne contano attualmente giĂ  una decina. Tra questi l’Ecomuseo del Botticino, riconosciuto ufficialmente dalla Regione Lombardia nel novembre 2011, vanta il piĂš vasto ambito territoriale di intervento. Include infatti 11 Comuni compresi tra S. Eufemia e Gavardo: Botticino, Serle, Rezzato, Mazzano, Nuvolera, Nuvolento, Prevalle, Paitone e Valio Terme. Si tratta di un’area geografica caratterizzata da importanti componenti naturalistiche, storiche, architettoniche, economiche e culturali unificanti: dal bacino marmifero all’altopiano di Cariadeghe, dal Naviglio grande al fiume Chiese, dalle chiese ai siti storici, dai musei agli impianti di archeologia industriale. Sabato 29 e domenica 30 settembre giunge a compimento il primo progetto di marketing culturale e turistico denominato “Il sentiero degli antenatiâ€?, nato dalla col-

        

ƒ„ƒ–‘͚ͥ‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ͛͘•‡––‡Â?„”‡‰‹—Â?‰‡ƒ …‘Â?’‹Â?‡Â?–‘‹Ž’”‹Â?‘’”‘‰‡––‘†‹Â?ƒ”Â?‡–‹Â?‰…—Ž–—”ƒŽ‡ ‡–—”‹•–‹…‘†‡Â?‘Â?‹Â?ƒ–‘Dz ÂŽ•‡Â?–‹‡”‘†‡‰Ž‹ƒÂ?–‡Â?ÂƒÂ–Â‹ÇłÇĄ Â?ƒ–‘†ƒŽŽƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡–”ƒ‡…‘Â?—•‡‘‡’‹Î‡Â?–‹ laborazione tra ecomuseo e piĂš enti: Regione Lombardia, Comuni del territorio ecomuseale, Turismo Verde e Agriturist Lombardia. Il progetto che il presidente Marco Luppis illustra con soddisfazione, si concretizza attraverso 85 sagome di antenati scelti tra i personaggi significativi, vissuti nei Comuni che fanno riferimento all’Ecomuseo del Botticino, ciascuna con approfondimento biografico e 10 bacheche illustrative del territorio che verranno istallate sulla strada ciclopedonale della Gavardina, lungo il canale Naviglio. L’evento è valorizzato da un nutrito programma, articolato in tre giornate che include, oltre alla presentazione ufficiale prevista per sabato 29 alle ore 11 presso il palazzo Morani di Prevalle, alla presenza di autoritĂ regionali, provinciali e locali, varie iniziative culturali proposte per “passeggiare con la storiaâ€?. VenerdĂŹ

28 alle ore 20.45 presso la sala consiliare di Prevalle si terrĂ la conferenza “Ecomuseo del Botticino e Sentiero degli antenati: storia locale, ricchezza da preservareâ€?. Sabato 29 alle 17.30 si inaugureranno gli scavi della villa romana di Nuvolento e alle 18.30 presso la cascina Saleri di Botticino verrĂ  presentato il libro “ Palazzi, ville e cascine di Botticino Mattinaâ€? promosso dal Comune di Botticino. Domenica 30, al mattino, con partenza alle 10 o da Treponti o da Gavardo viene organizzata una biciclettata lungo la Gavardina per conoscere le figure degli antenati; mentre nel pomeriggio alle ore 16, in ogni Comune del territorio ecomuseale, è prevista la visita a un bene culturale, con la guida di storici e ricercatori. SarĂ  offerta l’opportunitĂ  di conoscere piĂš da vicino monumenti, edifici religiosi, musei, architetture civili e ambienti naturalistici.

ƒÂ?‘Ž‘ …—‘Žƒ†‹“—ƒ”–‹‡”‡ ’‡”‹Â?’ƒ”ƒ”‡ÂŽÇŻÂ‹Â–ƒŽ‹ƒÂ?‘‡Â?‘Â?•‘Ž‘

Â?‘•’ƒœ‹‘’‡”’ƒ”Žƒ”‡‡…‘Â?˜‡”•ƒ”‡‹Â?‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘Č‹Â?ƒ Â?‘Â?Â•Â‘ÂŽÂ‘ČŒÇĄ’‡”‹Â?’ƒ”ƒ”‡ƒ—–‹Ž‹œœƒ”‡‹Ž…‘Â?’—–‡”‡–ƒÂ?ÇŚ –‡ƒŽ–”‡’‘••‹„‹Ž‹–Â?ǤÂ—Â‡Â•Â–ÂƒÇĄ‹Â?•‹Â?–‡•‹ǥ°Žƒ”‡ƒŽ–Â?†‡ŽŽƒ Dz…—‘Žƒ†‹Â“Â—ÂƒÂ”Â–Â‹Â‡Â”Â‡ÇłÇŁ°‹Ž•‘‰Â?‘†‹ƒŽ…—Â?‹‡Â?–‹…Š‡ÂŽÂƒÇŚ ˜‘”ƒÂ?‘ƒƒÂ?‘Ž‘†ƒƒÂ?Â?‹‘”Â?ƒ‹Â?‡ŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‡ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹…‘”•‹†‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘’‡”•–”ƒÂ?‹‡”‹Ǥ ÂŽ

”—’’‘‡Ž‡ˆƒÂ?–‹˜‘ŽƒÂ?–‹ƒÂ?†”‘’‘Ž‹•ǥŽƒƒ•ƒ†‡ŽŽ‡ÂƒÂ•Â•Â‘ÇŚ …‹ƒœ‹‘Â?‹ǥŽƒƒ”‹–ƒ•ƒÂ?–ǯÂ?‰‡Žƒ‡”‹…‹‡Ž‡…Ž‹†‹ƒÂ? ‘Ž‘•‹•‘Â?‘‹Â?…‘Â?–”ƒ–‹‡ŠƒÂ?Â?‘Â?‡••‘ƒÂ†Â‹Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡Ž‡Ž‘”‘…‘Â?’‡–‡Â?œ‡’‡””‡ƒŽ‹œœƒ”‡—Â?ǯ—Â?‹…ƒ‡Â?‡ŽŽ‘ •–‡••‘–‡Â?’‘Â?—Ž–‹ˆ‘”Â?‡•…—‘Žƒƒ…—‹–—––‹ǥ…‹––ƒ†‹Â?‹ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹‡•–”ƒÂ?‹‡”‹ǥ’‘••‘Â?‘’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡Ǥ……‘ÂƒÂŽÂŽÂ‘Â”ÂƒÇĄ …Š‡‰”ƒœ‹‡ƒÂ?…Š‡ƒŽ•—’’‘”–‘†‹”‡•…‹ƒƒ’‡”–ƒ‡•‘Ž‹nj Â†ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹˜ƒ”‹…‘”•‹•‹…‘‘”†‹Â?ƒÂ?‘‡•‹‹Â?–‡‰”ƒÂ?‘…‘Â?—Â?ƒ ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡ƒŽŽ‡’‡”•‘Â?‡‡ƒŽŽ‘”‘’‡”…‘”•‘ †‹˜‹–ƒǤƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ǤÂ?‰‡Žƒ‡”‹…‹‹Â?˜‹ƒ‹Â?ÂƒÇŚ

„—‡ÍšÍ&#x;Í™ƒƒÂ?‘Ž‘Šƒ‰‹Â?ƒ––‹˜ƒ–‘‹…‘”•‹†‹ÂƒÂŽÂˆÂƒÂ„Â‡Â–Â‹ÂœÇŚ œƒœ‹‘Â?‡‹Â?Ž‹Â?‰—ƒ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒČ‹ÂŽÂ‹Â˜Â‡ÂŽÂŽÂŽÂ‘’”‹Â?…‹’‹ƒÂ?Â–Â‡ČŒÇĄÂ?‡Â?–”‡

ÂŽ ”—’’‘Ž‡ˆƒÂ?–‹˜‘ŽƒÂ?–‹Šƒ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ–‘—Â?…‘”•‘†‹ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒ–‹…ƒ‡—Â?‘†‹ƒ”ƒ„‘’‡”‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹ǤƒŽÍš‘––‘„”‡ǥ ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ’ƒ”–‡‹Ž…‘”•‘†‹ƒŽˆƒ„‡–‹œœƒœ‹‘Â?‡‹Â?Ž‹Â?‰—ƒÂ‹Â–ÂƒÇŚ Ž‹ƒÂ?ƒČ‹ÂŽÂ‹Â˜Â‡ÂŽÂŽÂ‘Í™ČŒ…Š‡–‡”Â?‹Â?‡”Â?‹Ž͙͜†‹…‡Â?„”‡…‘Â?Ž‡ Ž‡œ‹‘Â?‹‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ‹ŽÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż†ƒŽŽ‡ÍĄƒŽŽ‡͙͙‡‹ŽÂ˜Â‡ÇŚ Â?‡”†¿†ƒŽŽ‡ÍĄƒŽŽ‡͙͚Ǥ‡”Ž‡Â?ƒÂ?Â?‡°’”‡˜‹•–‘ƒÂ?…Š‡ —Â?•‡”˜‹œ‹‘†‹„ƒ„›•‹––‡”‘ˆˆ‡”–‘†ƒŽŽ‡˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‡†‡Ž ‡”˜‹œ‹‘…‹˜‹Ž‡†‹Dzƒ•ƒ†‡ŽŽ‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹dzǤ‡ŽŽƒƒ•ƒ †‡ŽŽ‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹°‘•’‹–ƒ–‘—Â?…‘”•‘†‹…‘Â?˜‡”•ƒœ‹‘Â?‡ ‹Â?Ž‹Â?‰—ƒǤ‘Â?‘’”‡˜‹•–‹ƒŽ–”‹…‘”•‹ǣ•–‘”‹‡…Š‡˜‡Â?‰‘Â?‘ †ƒŽ‘Â?–ƒÂ?‘‡†ƒ˜‹…‹Â?‘Č‹Â•Â…Â”Â‹Â˜Â‡Â”Â‡‡”ƒ……‘Â?–ƒ”‡†‹Â•Â°ČŒ‡ —Â?…‘”•‘†‹‡…‘Â?‘Â?‹ƒ†‘Â?‡•–‹…ƒ‡†‹…‹––ƒ†‹Â?ƒÂ?œƒÂƒÂ–ÇŚ –‹˜ƒǤ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǥ•‹’—Ö…‘Â?–ƒ––ƒ”‡Žƒƒ•ƒ†‡ŽŽ‡ ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹ƒŽÂ?—Â?‡”‘Í˜Í›Í˜ÍšÍ›Í˜ÍĄÍšÍ Í˜Ç¤

…Ž‹ƒŽÍšÍ ƒŽ͛͘•‡––‡Â?„”‡ƒƒÂ?‘Ž‘

´)XWXUDQGRÂľLJLRYDQL VLLQWHUURJDQR I Giovani delle Acli (GA) e Ipsia (l’Associazione delle Acli che si occupa di promuovere la mondialitĂ e nuovi stili di vita), in collaborazione con le Acli provinciali di Brescia, organizzano l’evento denominato “Futurando - Giovani sostenibiliâ€? che si svolgerĂ  venerdĂŹ 28, sabato 29 e domenica 30 settembre presso il circolo Acli di S. Polo a Brescia. Il titolo dell’iniziativa vuole dare l’idea di un futuro in progress, in costruzione; infatti si intendono affrontare i temi del lavoro, in particolare quello dell’imprenditoria giovanile, degli stili di vita sostenibili e del consumo in un’ottica di promozione di proposte concrete e realizzabili per un futuro migliore, di cui i giovani si rendano co-costruttori e responsabili. L’obiettivo dell’evento è di: far conoscere esperienze virtuose che hanno attivato processi o progetti negli ambiti sopraccitati; invitare a una riflessione condivisa su che tipo di modello di sviluppo desiderano i giovani per continuare ad avere un futuro chesia per tutti in modo equo e solidale; ribadire l’impegno delle Acli, attraverso il suo gruppo di giovani e Ipsia Brescia, su questi temi. Durante le tre giornate, ciascuna dedicata a un tema in particolare,

verranno proposti: tavole rotonde (dalle 18.30 alle 20) per condividere alcune esperienze e riflettere insieme ad associazioni e altre realtà del terzo settore; concerti e spettacoli teatrali (dalle 21) come occasioni di riflessione; stand gastronomico aperto tutte le sere con prodotti a km 0; animazione per i bambini e per i giovani con giochi, laboratori, caccia al tesoro; stand di associazioni o realtà rappresentative di un modo piÚ sostenibile ed equo di intendere i rapporti con gli altri popoli, mangiare, abitare, viaggiare, fare cultura, etc. La particolarità dell’evento è che oltre a veicolare dei contenuti con le attività in programma, si intende mantenere uno stile coerente con i temi, attraverso alcune scelte significative come l’utilizzo dell’acqua del rubinetto, la stampa di magliette in cotone bio ed ecologico, l’utilizzo di stoviglie biodegradabili, etc.

‘�Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘�‡†‹

”—’’‘‹„‡”ƒÂ?‡Â?–‡ǥ —…‹ǥƒÂ?–—ǥ‰‡•…‹ ƒÂ?‘Ž‘ǥ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ Š‹”‘Â?‡†‹ƒÂ?‡”„‹‘


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

Í˜ÍĄ

‘Â?˜‡Â?–‘†‹ƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘ ƒˆ‹‰—”ƒ‡ÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ†‹ƒ”‹ƒÂƒÂšÂ‹Â—ÇĄ†‘Â?Â?ƒ†‡Ž†‹ƒŽ‘‰‘ Anche quest’anno i Frati Minori Conventuali di Brescia hanno preparato una serie di proposte ed appuntamenti per la solennitĂ di San Francesco. In particolare venerdĂŹ 28 settembre 2012, alle 20.30 nel Salone del Convento verranno ricordate la ďŹ gura e l’opera di Maria Baxiu, da parte del teologo padre Antonio Maria Sicari con la presentazione del libro di Mario Sgarbossa “Maria Baxiu - donna del dialogo giudaico cristianoâ€?. Mentre alle ore 21.15 in chiesa è previsto il

“Concerto di San Francescoâ€? con l’orchestra da Camera Arteviva, guidata dal maestro Matteo Baxiu, in collaborazione con il Coro Polifonico Theophilus, eseguirĂ la Messa da Requiem di W. A Mozart. Gli appuntamenti proseguiranno la prossima settimana: lunedĂŹ 1 ottobre alle 20.45 è prevista la veglia di preghiera ecumenica per il creato con la presenza dei ministri delle diverse chiese cristiane presenti a Brescia mentre mercoledĂŹ 3 ottobre alle 21 si terrĂ  la celebrazione

del Transito di San Francesco nel Chiostro. “La solennitĂ di S. Francesco d’Assisi ci porta a pregare – spiega padre Giancarlo Paris – per la pace e soprattutto per il dialogo con l’Islamâ€?. Per la solennitĂ  di San Francesco, giovedĂŹ 4 ottobre, saranno celebrate le Sante Messe con orario festivo (alle 7; 8; 9.30, 10.30 e 11.30). Nel pomeriggio alle 16 la preghiera per il Creato e la benedizione degli animali. La Messa Solenne si terrĂ  alle 18.30 preceduta dai

Vespri cantati alle 18. Quest’anno sarà la comunità di Concesio ad offrire l’olio per la lampada della pace che verrà accesa dal Sindaco di Concesio Stefano Retali. La S. Messa sarà presieduta da mons. Dino Orsi, animerà la Corale di San Francesco. Dopo la celebrazione, nel piazzale della chiesa ci sarà il concerto della Banda Musicale di Concesio. L’olio che è offerto a turno da un Comune bresciano esprime il desiderio di un impegno comune per la pace. (a.t.)



‘�†ƒœ‹‘�‡‘˜‹�‹ Ž�—‘˜‘’”‡•‹†‡�–‡‹…Š‡Ž‡‘�‡––‹•‹’”‡•‡�–ƒ

/¡HGXFD]LRQH FRPHULVRUVD ƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ǥ”ƒ†‹…ƒ–ƒÂ?‡Ž”‡•…‹ƒÂ?‘ǥ•˜‘Ž‰‡ƒ––‹˜‹–Â?”‹˜‘Ž–‡ƒŽŽƒ’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡ †‹‘’‡”ƒ–‘”‹Â?‡Ž…ƒÂ?’‘Â‡Â†Â—Â…ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇĄÂ•Â…Â‘ÂŽÂƒÂ•Â–Â‹Â…Â‘ÇĄ…—Ž–—”ƒŽ‡‡•‘…‹ƒŽ‡     

&

ambia il Presidente, ma non mutano gli impegni. Michele Bonetti, giĂ membro del Comitato permanente, raccoglie il testimone del compianto Giuseppe Camadini, presidente per quasi 30 anni della Fondazione Tovini. “L’ereditĂ  è molto esigente, però possiamo – spiega l’avvocato Bonetti – contare su una rete di persone, su una comunitĂ  inserita nella comunitĂ  piĂš grande brescianaâ€?. La Tovini è una Fondazione pedagogica che può contare su 55 anni di storia alle spalle. In passato l’avvocato Bonetti, subito dopo la laurea, fu proprio un borsista della Tovini attraverso la quale approfondĂŹ i suoi studi nel campo dei diritti umani. La cultura bresciana, in particolare cattolica, è sempre stata marcata molto dalla passione educativa. E Giuseppe Tovini è un alfiere di questa passione educativa; la Fondazione a lui dedicata fu voluta fortemente tra gli altri da Vittorino Chizzolini (è in corso il processo di canonizzazione), anima per decenni dell’Editrice La Scuola. La Fondazione Tovini è un laboratorio in cui si sperimenta e si fa ricerca sull’educazione. Educazione significa anche impegno per i giovani con la famiglia universitaria che, come recita il nome stesso, indica il tentativo di non essere un qualcosa   

  

ƒ˜‘…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡°†‹ …ƒ”ƒ––‡”‡‡†—…ƒ–‹˜‘Ǥƒ •—ƒ•–‘”‹ƒ°Ž‡‰ƒ–ƒƒŽ ’”‘ˆǤ‹––‘”‹‘Š‹œœ‘Ž‹Â?‹ ‡ƒÂ?‘Â?•ǤƒÂ?Â?ƒ”…Š‹ di neutrale: â€œĂˆ proprio una famiglia nella quale coesistono persone diverse con studi diversi e ambizioni diverseâ€?. Quest’anno i Padri della Pace hanno offerto l’intero stabile di Villa San Filippo, ecco allora che “la Famiglia universitaria ha la possibilitĂ di mettere sul tavolo

nuove iniziative, lasciandosi interrogare dalle esigenze formative per dare delle risposteâ€?. Sono sĂŹ molte le iniziative per gli universitari con il collegio, ma la Fondazione ha anche la “genialitĂ particolare del volontariato e della cooperazione internazionale; si fa volontariato con la prospettiva educativa di far crescere le persone e ampliare il loro livello di conoscenzaâ€?. A proposito di scambio culturale, in questi giorni sono presenti a Brescia alcuni ragazzi del Benin accompagnati dai loro professori: “Serve a loro, ma soprattutto a noi che avendo un rapporto diretto con persone provenienti da un altro mondo non possiamo non acquistare una maggiore conoscenzaâ€?. In cantiere ci sono tanti piccoli progetti, ma fra questi piace ricordare proprio il Seminario pedagogico di cooperazione internazionale che prevede alcuni momenti di approfondimento perchĂŠ “bisogna formarsi per andare e incontrare gli altri; l’obiettivo finale è quello di mettere in rete e costituire delle collaborazioni con le diverse associazioni localiâ€?. Giusto ricordare che la Fondazione è un’espressione chiarissima dei laici cattolici. “Il segreto di queste cose – come ricordava Camadini – è darsi reciprocamente una serie di stimoli, ciascuno mantenendo la propria identitĂ  ma costruendo insiemeâ€?.

ƒÂ?‘Ž‘‹Ž͛͘•‡––‡Â?„”‡ Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?•‡‰Â?ƒ†‡ŽŽ‘•’‘”– ‡”•—’‡”ƒ”‡‹’”‘„Ž‡Â?‹‡’—Â?–ƒ”‡•—ŽŽ‡’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â?†‹—Â?ƒœ‘Â?ÂƒÇĄ “—‡ŽŽƒ†‹ƒÂ?‘Ž‘ǥ•’‡••‘ƒŽ…‡Â?–”‘†‡Ž†‹„ƒ––‹–‘’‘Ž‹–‹…‘Ǥ‹ƒ––ƒˆ‘”Â?ƒ ‹˜‹…ƒŠƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘—Â?ƒÂˆÂ‡Â•Â–ÂƒÇĄ†‘Â?‡Â?‹…ƒ͛͘•‡––‡Â?„”‡†ƒŽŽ‡‘”‡ ÍĄƒŽŽ‡‘”‡Í™Í Ȁ͙ͥ’”‡••‘Žƒ†‹•…‘–‡…ƒƒ”ƒ†‹•‘ƒƒÂ?‘Ž‘ǥ’‡”ˆƒ” …‘Â?‘•…‡”‡‹’”‘„Ž‡Â?‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”‡ƒ‡Ž‡’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â?•’‘”–‹˜‡†‡ŽŽƒœ‘Â?ƒǤ DzƒˆƒÂ?‘•ƒ…‹––ƒ†‡ŽŽƒ†‡ŽŽ•’‘”–†‹ƒ”‘Ž‹–•…”‹˜‘Â?‘Â?‡Ž…‘Â?—Â?‹…ƒ–‘‰Ž‹ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘”‹†‡ŽŽƒ‹˜‹…ƒ”‡•…‹ƒ–Â?‘Â?˜‡†”Â?Â?ƒ‹ŽƒŽ—…‡‡’‡”…ƒ”‡Â?œ‡ †‹ˆ‘Â?†‹‘……‘””‡˜ƒŽ‘”‹œœƒ”‡ƒŽÂ?ƒ••‹Â?‘Žǯ‡•‹•–‡Â?–‡Ǥ‡ŽŽƒœ‘Â?ƒ†‡ŽŽ‡ …ƒ˜‡…‹•‘Â?‘‹Â?’‹ƒÂ?–‹•’‘”–‹˜‹‹Â?ƒ…“—ƒ‡ƒ•‡……‘…Š‡Â?ƒÂ?—–‡Â?œ‹‘Â?ƒ–‹ ƒ†‘˜‡”‡’‘••‘Â?‘•‘††‹•ˆƒ”‡Â?‘Ž–‡‡•‹‰‡Â?œ‡†‡‹…‹––ƒ†‹Â?‹dzǤ‡”Žƒ ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ†‹†‘Â?‡Â?‹…ƒ•‘Â?‘•–ƒ–‡‹Â?˜‹–ƒ–‡–—––‡Ž‡•‘…‹‡–Â?•’‘”–‹˜‡…Š‡ ˜‘””ƒÂ?Â?‘’”‡•‡Â?–ƒ”‡ŽƒŽ‘”‘ƒ––‹˜‹–Â?Ǣƒ˜”ƒÂ?Â?‘ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡‰ƒœ‡„‘’‡” ‡•’‘””‡Ž‘”‘Â?ƒ–‡”‹ƒŽ‡Ǥ ”ƒ‰ƒœœ‹’‘–”ƒÂ?Â?‘’”‘˜ƒ”‡ĠƒÂ?†ƒ”‡‹Â?…ƒÂ?‘ƒ ‘…‘Â?„ƒ”…Š‡•—ŽŽƒ‰Š‡––‘ÂƒÂ”ÂƒÂ†Â‹Â•Â‘ÇĄ‘’’—”‡•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ”‡—Â?’‡”…‘”•‘ ‹Â?Â?‘—Â?–ƒ‹Â?„‹Â?‡ǥ‰‹‘…ƒ”‡ƒ–‡Â?Â?‹•ǥƒ”—‰„›ǥ‡……Ǥ‹•ƒ”Â?ÇĄ‹Â?‘Ž–”‡ǥ—Â? Â?‘Â?‡Â?–‘†‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‘…‘Â?‘Â?—Â?‡ǥ‘†‹•ƒ‡ƒŽ–”‹’”‘‰‡––‹•–‹•—Ž ˆ—–—”‘†‡Žƒ”…‘†‡ŽŽ‡ƒ˜‡Ǥ

‡†‡”ƒœ‹‘�‡ƒ�œ‹ƒ�‹‡’‡�•‹‘�ƒ–‹…Ž‹

Â?˜‡……Š‹ƒ”‡•‹’—Ö ÇŻÂƒÂ—Â?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡ƒÂ?œ‹ƒÂ?ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ—Â?ˆ‡Â?‘Â?‡Â?‘ ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ•‘…‹‡–Â?Ǥ‹•’‡––‘ƒŽ’ƒ••ƒ–‘Â?‘Â?°˜ƒ”‹ƒ–ƒ Žƒ†—”ƒ–ƒÂ?ƒ••‹Â?ƒ†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ—Â?ƒÂ?ÂƒÇĄÂ?ƒ“—‡ŽŽ‘…Š‡•‹°Â?‘†‹ˆ‹…ƒ–‘ †”ƒ•–‹…ƒÂ?‡Â?–‡°Žƒ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡†‡‰Ž‹‹Â?†‹˜‹†—‹…Š‡”ƒ‰‰‹—Â?‰‘Â?‘Žǯ‡–Â? ƒ˜ƒÂ?œƒ–ƒǤ ÂŽÂ?—Â?‡”‘†‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹‹Â? –ƒŽ‹ƒ†‹‡–Â?…‘Â?’”‡•ƒˆ”ƒ‹ÍžÍ?‡Í&#x;Íœ ƒÂ?Â?‹°‘––‘˜‘Ž–‡Â?ƒ‰‰‹‘”‡”‹•’‡––‘Žǯ‹Â?‹œ‹‘†‡Ž•‡…‘Ž‘•…‘”•‘ǥÂ?‡Â?–”‡ ‰Ž‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹…‘Â?‡–Â?•—’‡”‹‘”‡ƒÍ Í?ƒÂ?Â?‹•‘Â?‘ƒ—Â?‡Â?–ƒ–‹†‹‘Ž–”‡͚͜ ˜‘Ž–‡Ǥƒ ‡†‡”ƒœ‹‘Â?‡ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹‡’‡Â?•‹‘Â?ƒ–‹…Ž‹†‡ŽŽƒ•‡†‡†‹”‡•…‹ƒ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒDz‹˜‡Â?–ƒ”‡ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹•‡Â?œƒ‹Â?˜‡……Š‹ƒ”‡ǤǤǤ•‹’—Ödzǥ–”‡‹Â?…‘Â?–”‹ ’‡”…ƒ’‹”‡Ǥ‹‹Â?‹œ‹ƒŽ—Â?‡†¿͙Ν‘––‘„”‡ƒŽŽ‡‘”‡͙͞…‘Â?Dzƒ˜‡……Š‹ƒ‹ƒˆ”ƒ ’‡••‹Â?‹•Â?‘‡‘––‹Â?‹•Â?‘dzǣ‹‹Â?–‡”˜‹‡Â?‡†‘––Ǥ••ƒƒ”‹ƒ”‘•ƒ Â?ÂœÂ‘ÂŽÂ‹ÇĄ‰‹Â? ”‹Â?ƒ”‹‘‡†‹…‹Â?ƒ”‹ƒ„‹Ž‹–ƒ–‹˜ƒ’”‡••‘•’‡†ƒŽ‡Ǥ”•‘Žƒ†‹”‡•…‹ƒǤ ƒ†‘––Ǥ••ƒ ”ƒÂ?…‡•…ƒ‘Â?‘Â?‡––‹ǥÂ?‡†‹…‘Â‰Â‡Â”Â‹ÂƒÂ–Â”ÂƒÇĄŽ—Â?‡†¿Í ‘––‘„”‡ ƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ǥ͙Í?ÇĄ•‹•‘ˆˆ‡”Â?ƒ•—DzÇŻÂƒÂ?œ‹ƒÂ?‘‡Žƒ†‡’”‡••‹‘Â?‡dzǤ—Â?‡†¿Í™Í? ‘––‘„”‡ƒŽŽ‡‘”‡͙͞–‘……ƒƒŽ†‘––Ǥ—‹‰‹‹ƒÂ?…Š‡––‹ǥ‰‹Â?”‹Â?ƒ”‹‘†‹ ƒ”†‹‘Ž‘‰‹ƒ’”‡••‘ÂŽÇŻ•’‡†ƒŽ‡†‡‹„ƒÂ?„‹Â?‹†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ”ƒ……‘Â?–ƒ”‡ Dzƒ’”‡˜‡Â?œ‹‘Â?‡†‡‹ˆƒ––‘”‹†‹”‹•…Š‹‘Â…ÂƒÂ”Â†Â‹Â‘Â˜ÂƒÂ•Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇłÇ¤ Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹ •‘Â?‘ƒ’‡”–‹ƒ–—––‹‡•‹–‡””ƒÂ?Â?‘’”‡••‘Žƒ•‡†‡’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡…Ž‹‹Â?˜‹ƒ ‘”•‹…ƒ͙͞Í?ƒ”‡•…‹ƒǤÂŽ–‡”Â?‹Â?‡†‹‘‰Â?‹‹Â?…‘Â?–”‘•ƒ”Â?’‘••‹„‹Ž‡’‘””‡ †‘Â?ƒÂ?†‡†‹…Š‹ƒ”‹Â?‡Â?–‘ƒ‹”‡Žƒ–‘”‹Ǥ


͙͘

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ƒ•–‘”‹ƒ†‡ŽŽǯ‹Â?’‡‰Â?‘†‡ŽŽƒ”‘…‡‹ƒÂ?…ƒƒƒ‰ƒÂ?‹…ƒ

ÂŽ•‘‰Â?‘˜‹…‹Â?‘†‹—Â?’ƒ”…‘‰‹‘…Š‹’‡”‹’‹Î’‹……‘Ž‹ “L’ambulanza è il mezzo che chiude l’Operazione Paganica della croce Bianca, ma è stata preceduta da due Opel Agila destinate al trasporto del sangue e ai prelievi a domicilio – specificano i capisquadra Giancarlo Pelizzari e Claudio Sbrofatti – mezzi dismessi non giĂ in quanto non in grado di operare, ma perchĂŠ, per etĂ , non rispondenti piĂš alle specifiche imposte dalla Regione Lombardia, ma che, ricondizionate e spogliate dalle attrezzature per l’emergenza, sono pronte per una

nuova vitaâ€?. Assieme all’ambulanza – benedetta dal parroco di Paganica, il colombiano don Dionisio Rodriguez – sono state portate alcune attrezzature, quali maglie, divise, palloni, destinate ai bambini di Onna, che hanno come campo sportivo il sagrato della chiesa, piĂš piccolo della metĂ di un campo da tennis. Il parroco di Onna, il venezuelano don Cesare Cardozzo, ha detto che “i bresciani sono la testimonianza di una caritĂ  operosa e non parlata, perchĂŠ dopo quasi

quattro anni sono ancora qui e non sembrano intenzionati a fermarsiâ€?. Questo è confermato da un nuovo progetto, che vedrĂ il parco di Paganica arricchirsi dell’attrezzatura per i giochi dei piĂš piccoli, non appena verranno reperite le necessarie risorse. “Quanto fatto fino ad ora non è costato nulla alla Croce Bianca – tiene a sottolineare Giancarlo Pelizzari – perchĂŠ ogni cosa portata a Paganica è stata donata da aziende, negozi e privatiâ€?. “Va aggiunto – è Claudio

Sbrofatti a dirlo – che i mezzi erano frutto di donazioni e che, trovando una seconda vita anzichÊ la rottamazione, tramandano il nome di chi ne aveva fatto dono alla Croce Bianca, in una continuazione concreta della sua volontà �. Il parco porterà un nome legato a Brescia quale segno della continuità del legame che si è instaurato fra le persone che va ben oltre gli oggetti e le istituzioni; un legame che risponde all’amicizia e alla solidarietà. (fr.a.)

  ”‘…‡‹ƒÂ?…ƒƒ…‘Â?•‡‰Â?ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„—ŽƒÂ?œƒƒŽ ”—’’‘Ž’‹Â?‹†‹ƒ‰ƒÂ?‹…ƒ

/DVROLGDULHWj FKHODVFLDLOVHJQR    

/

o scorso weekend, con la consegna al Gruppo Alpini di Paganica di un’ambulanza dismessa da parte della Croce Bianca di Brescia, si è chiuso un capitolo del lungo libro della solidarietĂ che distingue il sodalizio bresciano anche e ben oltre i confini provinciali, per aprirne subito un altro, quasi a voler rinforzare, se mai ve ne fosse bisogno, il legame fra la frazione de L’Aquila, fra le piĂš duramente colpite dal sisma del 6 aprile di tre anni fa e la storica associazione cittadina. “Questo mezzo è destinato alla colonna mobile dell’Ana del 4° raggruppamento, che viene attivata nel centrosud in occasione di grandi e drammatici eventi – ha detto il capo gruppo degli alpini Pietro D’alfonso – ma non rimarrĂ  inattiva, perchĂŠ, augurandoci di non doverla mai usare in ambito nazionale, sarĂ  a disposizione sul piano locale per tutti i servizi che non riguardano l’emergenzaâ€?. L’ambulanza, dopo la consegna formale avvenuta nella sede di Brescia della Croce Bianca nel luglio scorso, è stata portata a Paganica dal gruppo storico che ha avviato quella che venne denominata,

Â?–”‡ƒÂ?Â?‹‡Â?‡œœ‘‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹„”‡•…‹ƒÂ?‹ŠƒÂ?Â?‘ …‘Â?’‹—–‘…‹”…ƒ—Â?ƒ†‡…‹Â?ƒ†‹˜‹ƒ‰‰‹ƒƒ‰ƒÂ?‹…ƒ Â?‡Ž…‘”•‘†‡‹“—ƒŽ‹°•–ƒ–‘ƒ––”‡œœƒ–‘†‹–—––‘ ƒÂ?…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂ?„—Žƒ–‘”‹‘†‡ŽŽǯ•Ž quasi fosse un’azione militare, “Operazione Paganicaâ€?, i capisquadra Riccardo Chiodelli, Giancarlo Pelizzari e Claudio Sbrofatti, assieme al giovane milite Paolo Vignoni. “Tutto nacque circa sei mesi dopo il terremoto – ricorda Pelizzari – quando, affiancati ad un’iniziativa dell’Associazione ‘La Porta dei Quartieri’ presieduta da Serena Perini, raggiungemmo il capoluogo abruzzese per consegnare le prime attrezzature destinate all’Asl di Paganica. A questa frazione ne fanno capo molte, da Onna a Monticchio, da San Gregorio a Tempera, a Bazano ed altre ancora per oltre 20.000 abitanti e fu lĂŹ che scattò la scintilla dell’operazione, perchĂŠ venimmo a contatto con una realtĂ inimmaginabile e con persone splendide, quali il presidente della circoscrizione Paganica Ugo De Paulis, il capo gruppo alpini Pietro D’Alfonso, il direttore

dell’Asl Lino Scoccia ed il comandante la locale stazione dei Carabinieri Maurizio Facchini. Con l’onestà che contraddistingue chi ha le mani pulite – sottolineano Pelizzari, Chiodelli e Sbrofatti – ci chiesero, sollecitati da noi, le cose di cui avevano bisogno, per cominciare a riprendere una vita quasi normale e da allora non ci siamo mai fermati. In tre anni e mezzo abbiamo compiuto circa una decina di viaggi a Paganica, nel corso dei quali è stato attrezzato di tutto l’ambulatorio di Paganica dell’Asl, dai mobili agli strumenti informatici ai presidi sanitari di prima necessità. Anche la circoscrizione ha ricevuto computer e stampanti ed i ragazzi dai 7 ai 15 anni del Paganica Calcio sono stati dotati di attrezzatura sportiva completa, perchÊ la vita ricomincia anche con lo sport�, evidenzia Riccardo Chiodelli.

ƒ„ƒ–‘͚ͥ•‡––‡Â?„”‡

…Ž‘™�†‹…‘”•‹ƒ‡‹˜‘Ž‘�–ƒ”‹ †�‘•…‡�†‘�‘‹�’‹ƒœœƒ

ƒ„ƒ–‘͚ͥ•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘‹Â?‹ƒœœƒ†‡ŽŽƒ‘‰‰‹ƒƒ ”‡•…‹ƒ†ƒŽŽ‡Í™Í?ƒŽŽ‡͙ͥ‹…Ž‘™Â?†‹…‘”•‹ƒ†‡ŽŽǯÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡‹’ –ƒŽ‹ƒÂ?Ž—•‡‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹†Â?‘•ƒ”ƒÂ?Â?‘ƒ †‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡’‡”…Š‹—Â?“—‡˜‘Ž‡••‡…‘Â?‘•…‡”‡Â?‡nj ‰Ž‹‘‹ŽÂ?‘Â?†‘†‡ŽŽƒ†‘Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹Â?‹†‘ŽŽ‘ǥ‰”ƒœ‹‡ƒŽ “—ƒŽ‡‘‰Â?‹ƒÂ?Â?‘˜‡Â?‰‘Â?‘•ƒŽ˜ƒ–‹Â?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹Â?ƒŽƒ–‹ †‹Ž‡—…‡Â?‹ƒ‡ƒŽ–”‡‰”ƒ˜‹Â?ƒŽƒ––‹‡†‡Ž•ƒÂ?‰—‡ǤÂ?ÂƒÂ”ÇŚ ‰‘Â?‡Â?–‘•‡”‹‘ǥ…Š‡‹…Ž‘™Â?Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡‹’–‡Â?ÇŚ –‡”ƒÂ?Â?‘†‹Ç˛ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â‰Â‰Â‡Â”‹”‡dzǥ…‘Â?Žƒ…‘Â?•—‡–ƒ•‹Â?’ƒ–‹ƒ‡ †‹•’‘Â?‹„‹Ž‹–Â?ÇĄ’”‘’‘Â?‡Â?†‘‰‹‘…Š‹†‹ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡ǥ‹Â?ÇŚ –”ƒ––‡Â?‹Â?‡Â?–‘‡Ç˛Â–”—……ƒ„‹Â?„‹dzǤ‡”…Š‹Ž‘˜‘””Â?•ƒ”Â? ’‘••‹„‹Ž‡†ƒ”‡•—Ž’‘•–‘Žƒ’”‘’”‹ƒ†‹•’‘Â?‹„‹Ž‹–Â?…‘Â? —Â?ƒ’”‘Â?‡••ƒ†‹†‘Â?ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‡Ž͚͙͙͘ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘ǥ…Š‡Šƒ …‘‹Â?Â˜Â‘ÂŽÂ–Â‘ÇĄ‘Ž–”‡ƒ‹Â?‘Ž–‹••‹Â?‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹†Â?‘ǥ͚ǤÍ&#x;͘͘ …Ž‘™Â?‡…‡Â?–‹Â?ƒ‹ƒ†‹Â?‡†‹…‹ǥ•‹°–‡Â?—–‘‹Â?’‹Î†‹͘͜ ’‹ƒœœ‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡ǥ…‘Â?‡•‹–‹•–”ƒ‘”†‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÇŁ„‡Â?Í™Ç¤Í Í?ÍĄÂ?—‘nj

˜‹’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹†‘Â?ƒ–‘”‹Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â…Â‘†‹͙͚‘”‡ǤÂ—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?ÇŚ Â?‘ǥ…‘Â?•‹†‡”ƒ–‹‰Ž‹‹Â?…‘”ƒ‰‰‹ƒÂ?–‹”‹•—Ž–ƒ–‹†‡ŽŽƒ’”‹nj Â?ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡ǥŽ‡ƒ•’‡––ƒ–‹˜‡•‘Â?‘ƒÂ?…‘”ƒÂ?ƒ‰‰‹‘”‹Ǥ ‡†”‡Â?‘•‡‰Ž‹ –ƒŽ‹ƒÂ?‹”‹—•…‹”ƒÂ?Â?‘ƒÂ?…‘”ƒ—Â?ƒ˜‘Ž–ƒ ƒÂ?‘Â?†‡Ž—†‡”Ž‡Ǥ‡” Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǣ†Â?‘‘Â?Â„ÂƒÂ”ÇŚ †‹ƒ‘Â?Ž—•ÇŚ‡ŽǤÍ˜ÍšÍ›ÍĄÍ˜Í˜Í?͛͞Í&#x;ÇŚ‹Â?ÂˆÂ‘ĚťÂƒÂ†Â?‘Ž‘Â?„ƒ”†‹ƒǤ ‘”‰Ǥ‹˜ƒŽ—–ƒ…Š‡‹Â? –ƒŽ‹ƒ•‹ƒÂ?‘Â?‡…‡••ƒ”‹…‹”…ƒ͙Ǥ͘͘͘ Â?—‘˜‹†‘Â?ƒ–‘”‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ǤÂ?ƒ•–‹Â?ƒ…Š‡°†‡•–‹Â?ƒ–ƒ ƒ•—„‹”‡—Â?Â?‘–‡˜‘Ž‡ƒ—Â?‡Â?–‘ÇŚ•‡•‹–‹‡Â?‡…‘Â?–‘†‡Ž ˆƒ––‘…Š‡‹Ž–”ƒ’‹ƒÂ?–‘†‡ŽŽ‡…‡ŽŽ—Ž‡•–ƒÂ?‹Â?ƒŽ‹’”‡•‡Â?–‹ Â?‡ŽÂ?‹†‘ŽŽ‘‘••‡‘°ƒ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡ƒŽ…‡Â?–”‘†‹”‹…‡”…Š‡ ƒÂ?…Š‡Â?‡Ž…ƒÂ?’‘†‡‹–—Â?‘”‹•‘Ž‹†‹ÇŚÂ?‡Â?–”‡•–ƒÂ?Â?‘ †‹˜‡Â?–ƒÂ?†‘†‹”‘—–‹Â?‡ƒŽ…—Â?‡ƒ’’Ž‹…ƒœ‹‘Â?‹‹Â?…ƒÂ?’‘ ‰‡Â?‡–‹…‘ǥ…‘Â?‡Â?‡Ž…ƒ•‘†‡ŽŽ‡–ƒŽƒ••‡Â?‹‡Ǥ Â?“—‡•–‘ ’ƒÂ?‘”ƒÂ?ÂƒÇĄ†Â?‘•˜‘Ž‰‡—Â?”—‘Ž‘ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡†‹ •–‹Â?‘Ž‘‡…‘‘”†‹Â?ƒÂ?‡Â?–‘Ǥ

ƒ•…‹Â?ƒƒ‰‰‹ƒƒ„ƒ–‘͚ͥ•‡––‡Â?„”‡

8QSRPHULJJLR SHULOYLQWDJHHLOVRFLDOH Dopo il successo della prima edizione, l’Associazione culturale no profit “Mille 1 Eventoâ€? ripropone “Delicious Vintageâ€? a Cascina Maggia sabato 29 settembre dalle 14 alle 20, per un pomeriggio interamente dedicato al vintage e all’handmade, che accontenterĂ sia il pubblico femminile che maschile, senza dimenticare i bambini e l’impegno sociale. Swinging London il tema della manifestazione, che calerĂ  il pubblico nel clima londinese anni ’60, che ha segnato una rivoluzione culturale nel mondo occidentale, in un “oscillareâ€? di tendenze (to swing), che ha coinvolto moda, musica, arte. Oltre ad innumerevoli occasioni di shopping tra oggetti ricercati vintage, artigianato, vinili, truccatrici e decoratrici unghie saranno a disposizione gratuitamente per far vivere alle visitatrici lo stile di quegli anni. Ciglia a ragno ed eyeliner marcato resi famosi dalla modella Twiggy, labbra neutre e unghie “britishâ€?, degne dell’ultima moda presentata alle Olimpiadi 2012, trasformeranno le presenti per il set fotografico gratuito sullo sfondo della Londra di quegli anni. La piĂš fortunata sarĂ  estratta per vincere un cesto di prodotti di bellezza. Un raduno d’auto d’epoca d’oltreoceano terrĂ  occupati i visitatori tra rombi di motore e luccicanti carrozzerie. Pezzi davvero rari nel mondo automobilistico, nelle dimensioni e nello stile, che accontenteranno gli esperti piĂš preparati e toglieranno il fiato anche ai profani dei motori. Per i bambini, e per i piĂš golosi, l’immancabile tè

delle 5, da gustare presso l’Osteria di Cascina Maggia con i biscotti “fatti in casaâ€?. All’interno del parco altalene, scivoli e giochi. Il tutto con una valenza sociale: i volontari dell’Associazione Bimbo chiama bimbo saranno presenti per raccogliere abiti usati (uomo, donna, bambino) per il Guardaroba che mettono gratuitamente a disposizione di oltre 500 famiglie ogni mese che non possono permettersi il lusso di shopping e negozi. In caso di pioggia, la manifestazione si terrĂ sotto gli accoglienti portici di Cascina Maggia.

˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡‹Â?„‘ …Š‹ƒÂ?ƒ„‹Â?„‘•ƒ”ƒÂ?Â?‘ ’”‡•‡Â?–‹’‡””ƒ……‘‰Ž‹‡”‡ ƒ„‹–‹—•ƒ–‹


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͙͙

‘�–‡˜‹…‘

Â?ƒ—‰—”ƒ–‡͚͘Â?—‘˜‡…ƒÂ?‡”‡’‡”Žƒ•ƒ Inaugurati l’ampliamento e la ristrutturazione della Rsa Giroldi Forcella Ugoni di Pontevico con la presenza dell’abate mons. Antonio Tomasoni, che ha benedetto le nuove strutture. Nel salone dell’istituto il presidente Franco Gobbi ha illustrato le novitĂ e ringraziato i volontari che realizzano valide iniziative tra le quali laboratori di teatro, musica e musicoterapia, arte terapia, riabilitazione e stimolazione cognitiva. Con il coordinamento

della direttrice della Rsa Laura Corbellini hanno preso la parola il sindaco Roberto Bozzoni e il direttore sanitario del distretto Augusto Olivetti. Poi la visita alle 20 nuove camere che assicurano un miglior accoglienza agli anziani ospiti e ai loro familiari, alla nuova palazzina degli ambulatori dei medici di base e per le visite specialistiche. Sono interventi finanziati con fondi della Rsa che dall’1 ottobre avrà un nuovo Consiglio d’amministrazione

composto da Antonella Acerbis (presidente) e dai consiglieri: Antonio Baronio, Giovanni Triglia, Mara Griffini, Marzia Bernardini, Gian Andrea Gennari e Pierangelo Bosio. Subentrano al consiglio uscente del presidente Franco Gobbi e composto dai consiglieri: Luigi Marini, Ernesto Grazioli, Nella Ziletti, Erminia Arisi, Umberto Beccagutti, Mara Biaggio; a questi è stato riconosciuto il merito di aver gestito in maniera ottimale la Fondazione. (f.pio)

 

Š‹ƒ”‹‡Â?‡”†¿Í?‘––‘„”‡

8QDQQLYHUVDULR GDQRQGLPHQWLFDUH ƒ•‘Ž‡Â?Â?‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒ•‡”ƒŽ‡°‹ŽÂ?‘Â?‡Â?–‘ˆ‹Â?ƒŽ‡†‡‹ˆ‡•–‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‹’‡”‹ Í™Í?͘ƒÂ?Â?‹†ƒŽŽƒ’”‘…ŽƒÂ?ƒœ‹‘Â?‡†‹Š‹ƒ”‹ƒ‹––Â?Ǥ”‡˜‹•–‡†—‡Â?‘•–”‡ƒ‹ŽŽƒƒœœ‘––‹    

&

i sono alcuni appuntamenti che segnano la vita di una comunità e restano indelebili. I festeggiamenti per la ricorrenza dei 150 anni dalla proclamazione di Chiari a Città con Regio Decreto del Re d’Italia Vittorio Emanuele II,avvenuto il 5 ottobre 1862, hanno segnato a mesi alterni, tutto il 2012, a partire dalla festa patronale dei Santi Faustino e Giovita il 15 febbraio. VenerdÏ 5 ottobre sarà il momento topico di questo anno. E mentre i bracieri sulle balaustre illumineranno la torre campanaria e piazza Zanardelli sarà vestita con drappi giallo-rossi in omaggio ai colori delle campiture dello stemma della Città di Chiari, in Duomo, alle 20.30 si svolgerà la solenne celebrazione di ringraziamento del Te Deum. Il canto K.141 in do maggiore di Mozart, composto nel 1769, verrà interpretato al termine dell’omelia di mons. Verzeletti, dalla Schola Cantorum S. Agape diretta da don Giuseppe Fusari e accompagnata da un’orchestra da camera composta prevalentemente da musicisti clarensi. Vista la solennità dell’evento, su invito della parrocchia prepositurale clarense e dell’Amministrazione, saranno presenti le autorità civili, religiose e militari. Invito esteso anche al Prefetto di Brescia, alle re-

ƒŽŽ‡ÍĄƒŽŽ‡Í™Í ÇĄ‹Â? ‹ƒœœƒƒÂ?ÂƒÂ”Â†Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄ•‹ –‡””Â?ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—ŽŽ‘ˆ‹Žƒ–‡Ž‹…‘ DzŠ‹ƒ”‹…‹––Â?†ƒÍ™Í?͘ ƒÂ?Â?‹dzǥ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡ altĂ  associative clarensi d’Arma, ai rappresentanti delle istituzioni scolastiche del territorio e a i presidenti delle quattro Quadre. Momenti significativi della celebrazione, oltre al Te Deum, saranno l’esposizione sull ‘Altare Maggiore del Santissimo Sacramento al canto dell’inno

eucaristico di Chiari “O Cristo dei secoliâ€?, composto dal maestro Carlo Capra in occasione del Congresso eucaristico svoltosi a Chiari nel 1938, e l’uscita, sempre del Santissimo, per la benedizione alla CittĂ impartita dal Prevosto dalla porta centrale del Duomo mentre il Corpo Pedersoli intonerĂ  l’Inno eucaristico di Chiari. Dopo la preghiera comunitaria, verrĂ  diffuso il canto “Tantum Ergoâ€? di Mozart eseguito dal coro. A concludere, il discorso celebrativo dei 150 anniCittĂ  di Chiari da parte del sindaco Mazzatorta. La giornata di venerdĂŹ 5 sarĂ  ricordata anche per un altro evento. Su iniziativa del Circolo collezionisti CittĂ  di Chiari – che si è avvalso della collaborazione del Gruppo Alpini clarensi e del Circolo Filatelico Numismatico di Salò – dalle 9 alle 18, in piazza Zanardelli si terrĂ  l’annullo filatelico “Chiari cittĂ  da 150 anniâ€? in collaborazione con Poste Italiane e la Federazione fra le SocietĂ  filateliche italiane. Sabato 6 e domenica 7 , nei locali di Villa Mazzotti saranno allestite due mostre :â€?Chiari in immagini dal 1900 ad oggiâ€? e “Numismatica: dalla lira all’euro 1862-2012â€?. Quest’ultima sarĂ  il tema della conferenza di sabato alle ore 11 in Villa con il prof.Giuseppe Avantaggiati presentato dal vicedirettore del Giornale di Brescia Claudio Baroni.

ƒ”„ƒ”‹‰ƒ ”‡‰‹‘”Â?‹…‘Â?ŽƒDz ‹‡”ƒ†‡Ž…ƒ•‘Â?…‡ŽŽ‘dz ƒ˜‡Â?‡”†¿ÍšÍ ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ͛͘ƒ”„ƒ”‹‰ƒ‘•’‹–ƒŽƒÍĄÂއ†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒDz ‹‡”ƒ †‡Ž…ƒ•‘Â?…‡ŽŽ‘„”‡•…‹ƒÂ?‘dz…Š‡•‹•˜‘Ž‰‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘‡Â?‡Ž ‰”ƒÂ?†‡•’ƒœ‹‘†‡ŽŽ‘•–ƒ†‹‘…‘Â?—Â?ƒŽ‡ǤƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡°’”‘Â?‘••ƒ †ƒŽŽƒŽ‘…ƒŽ‡”‘Ž‘…‘ǥ…Š‡•‹ƒ˜˜ƒŽ‡†‡ŽŽƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?…‡Â?–‹Â?ƒ‹‘†‹ ˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ǤÂ—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡’”‘’‘Â?‡—Â?ǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡Â?‘˜‹–Â?ÇŁ ‘•’‹–‡”Â?Žƒ–‹’‹…ƒ•’‘Â?‰ƒ†ƒ†‹”‡Â?‘Ǥ ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ’”‡Â?†‡‹Ž˜‹ƒ˜‡Â?‡”†¿ ͚͠ǥƒŽŽ‡͙͠ǥ…‘Â?‹Ž‡…‘Â?†‘–‘”Â?‡‘†‹–‡Â?Â?‹•Dz ‹‡”ƒ†‡Ž…ƒ•‘Â?…‡ŽŽ‘dzǤŽŽ‡ Í™ÍĄÇ¤Í›Í˜ÇĄƒ’‡”–—”ƒ†‡‰Ž‹•–ƒÂ?†‡•’‘•‹–‘”‹ǥ†‡Ž”‹•–‘”ƒÂ?–‡‡†‡Ž•‡Žˆ•‡”˜‹…‡ǤŽŽ‡ ͚͘Ǥ͛͘˜‡””Â?”‹’”‘’‘•–‘—Â?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘Â?‘Ž–‘ÂƒÂ–Â–Â‡Â•Â‘ÇŁŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ Â?‘–‘…‹…Ž‹•–‹…ƒ†‹ ƒ”Ž‡›ƒ˜‹†•‘Â?Dz‡…‘Â?†‘‡Â?‘”‹ƒŽ—…ƒ ‘”ŽƒÂ?‹dzǤ Â? Â•Â‡Â”ÂƒÂ–ÂƒÇĄÂ?—•‹…ƒǤƒ„ƒ–‘Žƒ ‹‡”ƒ’”‘…‡†‡…‘Â?ƒŽ–”‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ǥˆ”ƒ…—‹ ƒŽŽ‡͙͞ǥ‹Ž‡…‘Â?†‘–‘”Â?‡‘†‹–‡Â?Â?‹•Dz ‹‡”ƒ†‡Žƒ•‘Â?…‡ŽŽ‘dzǤ Â?•‡”ƒ–ƒƒÂ?…‘”ƒ …—…‹Â?ƒÂ?‘•–”ƒÂ?ƒ‡Â?—•‹…ƒǤ—Â?‡”‘•‹‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹†‹†‘Â?‡Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ…Š‡ ’”‡Â?†‘Â?‘‹Ž˜‹ƒČ‹ÂƒÂŽÂŽÂ‡ÍĄČŒ…‘Â?—Â?“—ƒ†”ƒÂ?‰‘Žƒ”‡†‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ…ƒŽ…‹‘ǤŽŽ‡ Í™Í˜ÇĄ‡•‹„‹œ‹‘Â?‡†‹ƒ‡”‘Â?‘†‡ŽŽ‹•Â?‘‡•ˆ‹Žƒ–ƒ†‡ŽŽ‡”‘••‡†‹ƒ”ƒÂ?‡ŽŽ‘Ǥ Â?‡œœ‘‰‹‘”Â?‘ƒ’‡”–—”ƒ†‡Ž”‹•–‘”ƒÂ?–‡‡•‡Žˆ•‡”˜‹…‡Ǥ ”ƒ‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ǥ ƒŽŽ‡Í™ÍœÇ¤Í›Í˜ÇĄŽƒ‰ƒ”ƒÂ?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‹‘””ƒǤČ‹Â?–Â?ČŒ

ƒ�‡”„‹‘

Â?’‹ƒœœƒ’‡”‹„ƒÂ?„‹Â?‹‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹„‹‘ „‹‘‹–ƒŽ‹ƒ‘Â?Ž—•’”‘Â?—‘˜‡•—–—––‘‹Ž–‡””‹–‘”‹‘Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹Â?’‹Î†‹͙͘͘ Â’Â‹ÂƒÂœÂœÂ‡ÇĄŽƒ’”‘’”‹ƒ ‹‘”Â?ƒ–ƒÂ?‘Â?†‹ƒŽ‡Ǥ ˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹„‹‘•ƒ”ƒÂ?Â?‘’”‡•‡Â?–‹ǥ •ƒ„ƒ–‘͚ͥ•‡––‡Â?„”‡ǥ‹ŽÂ?ƒ––‹Â?‘†ƒ˜ƒÂ?–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻ•’‡†ƒŽ‡‡–—––‘‹Ž‰‹‘”Â?‘‹Â?˜‹ƒ ‡––‡Â?„”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–‡œœƒ†‡Ž…‹˜‹…‘͛͛†‹ˆ”‘Â?–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â†Â‹Â…‘ŽƒǤ‘Â?‡‘‰Â?‹ƒÂ?Â?‘ ‘ˆˆ”‹”ƒÂ?Â?‘—Â?…‡•–‹Â?‘†‹’‡”‡‹Â?…ƒÂ?„‹‘†‹—Â?ƒ’‹……‘Žƒ‘ˆˆ‡”–ƒ‡‰ƒ†‰‡– ‘Â?ƒ‰‰‹‘’‡”‹’‹Î’‹……‘Ž‹Ǥ„‹‘ƒÂ?‡”„‹‘ǥ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡’‡”‹ŽƒÂ?„‹Â?‘‹Â? •’‡†ƒŽ‡‘Â?Ž—•ǥ°†‹˜‡Â?—–ƒ•‡†‡ƒ—–‘Â?‘Â?ÂƒÇĄ†‘’‘ƒŽ…—Â?‹ƒÂ?Â?‹†‹ƒ––‹˜‹–Â? †‹–‹”‘…‹Â?‹‘•‡‰—‹–ƒ†‹”‡––ƒÂ?‡Â?–‡†ƒ„‹‘ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‹ŽƒÂ?‘ǥÂ?‡Ž͚͙͘͘Ǥ ‘Â?‡‘‰Â?‹•‡†‡„‹‘ǥ‡••ƒ’”‘Â?—‘˜‡Žǯ—Â?ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘•’‡†ƒŽ‡Ǥ „‹‘ƒÂ?‡”„‹‘ƒ†‡”‹•…‡ƒŽŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡„‹‘ –ƒŽ‹ƒ‘Â?Ž—•ǥ†‹…—‹° ’‘••‹„‹Ž‡–”‘˜ƒ”‡‘‰Â?‹‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?†‹”‹œœ‘™™™Ǥƒ„‹‘Ǥ‘”‰Ǥ ˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ •‹‘……—’ƒÂ?‘†‹•‘•–‡Â?‡”‡‡ÂƒÂ……‘‰Ž‹‡”‡ǥ’”‡••‘‹Ž”‡’ƒ”–‘†‹’‡†‹ƒ–”‹ƒ †‡ŽŽǯ•’‡†ƒŽ‡†‹ƒÂ?‡”„‹‘ǥ‹„ƒÂ?„‹Â?‹‡Ž‡Ž‘”‘ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ǥƒŽˆ‹Â?‡†‹ƒ––‡Â?—ƒ”‡ ‹ˆƒ––‘”‹†‹”‹•…Š‹‘†‡”‹˜ƒÂ?–‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‰”‡••‘‹Â?—Â?ƒ•–”—––—”ƒ‘•’‡†ƒŽ‹‡”ƒ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?†‘ǥƒÂ?…Š‡‹Â?ƒ……‘”†‘…‘Â?ƒŽ–”‡”‡ƒŽ–Â?Ž‘…ƒŽ‹“—ƒŽ‹Žƒ‹„Ž‹‘–‡…ƒ ‘Â?—Â?ƒŽ‡‡…‘Â?—Â?“—‡•‡Â?’”‡‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Ž‡‹”‡œ‹‘Â?‹•ƒÂ?‹–ƒ”‹ƒ ‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜ƒ†‡ŽŽǯ•’‡†ƒŽ‡Ǥ ”ƒÂ?†‡ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡˜‹‡Â?‡†ƒ–ƒƒŽ‰‹‘…‘ “—ƒŽ‡‡Ž‡Â?‡Â?–‘’”‹Â?…‹’‡Â?‡ŽŽƒ•‘…‹ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‹’‹……‘Ž‹’ƒœ‹‡Â?–‹‡ƒŽŽƒ …ƒ’ƒ…‹–Â?†‹ƒ•…‘Ž–‘‡†‹ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡…Š‡‘‰Â?‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‘ †‡˜‡•ƒ’‡”‡Žƒ„‘”ƒ”‡‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡…‘Â?‹‰‡Â?‹–‘”‹Ǥ

*,86(33(0$5&(//, GLDQQL ,WXRLFDUL QDWRD3RQFDUDOH %V LO GHFHGXWRD%UHVFLDLO

$1721,2),25,//2 GLDQQL 0RJOLHHĂ€JQL QDWRD&DVDYDWRUH 1D LO GHFHGXWRD%UHVFLDLO

,QULFRUGR 5(02%,==$55, 5HVWHUDLVHPSUHQHLQRVWULFXRUL ²


͙͚

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ƒ••ƒ�‘”‡•…‹ƒ�‘

ÂŽ’ƒ–”‘Â?‘ƒÂ?‹…Š‡Ž‡”‹˜‹˜‡Â?‡Žˆ‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ Da venerdĂŹ 28 a domenica 30 settembre, il paese di Bassano Bresciano celebra il patrono San Michele Arcangelo. Sono tre giorni dell’annuale sagra che apre venerdĂŹ sera con l’appuntamento al cinema: sullo schermo “El pret nofâ€? che conta nelcast l’allenatore della Nazionale, Cesare Prandelli; l’ingresso è gratuito. Sabato verso sera apertura del “mercatino dell’hobbistica e prodotti enogastronomiciâ€?; alle 20 nella piazzetta del mercato musica anni

Ottanta; alle 20,30 cinema sotto le stelle. Domenica alle 10 nella parrocchiale la Messa con i canti della Schola cantorum; ore 11 inaugurazione della sagra e sfilata dei trattori e mezzi agricoli d’epoca; ora 15 sfilata del corteo medioevale in costumi con partenza da palazzo Luzzago; a seguire sgranatura e accartocciatura del mais quarantino e mostra dei mestieri d’una volta. “Ogni anno – commenta il sindaco Giampaolo Seniga – con la sagra di San Michele cerchiamo di

di riaffermare le nostre radici radicate nella cristianitĂ , il lavoro manuale e la solidarietĂ . Per questo – prosegue il sindaco – proponiamo manifestazioni in un clima festoso in collaborazione con associazioni e realtĂ  del volontariato del nostro paese in un impegno collettivo che auspica la crescita sociale ed economicaâ€?. Tra le iniziative piĂš recenti quella di Pro Loco e Consulta giovanile che hanno realizzato la “Quarta festa giovane durante le serata

dell’estate nella cornice del Centro sportivo. Nei giorni della sagra i commercianti sono promotori di interessanti iniziative. I ristoranti promettono in tavola piatti locali e prelibatezze tipiche della pianura come biscotti e sbrisolona, polenta e stufato, tortelli e altre eccellenze dell’enogastronomia. Il programma è coordinato dal Comune che registra la collaborazione di Fondazione Pianura Bresciana, Coldiretti provinciale, Pro Loco e Consulta giovanile. (f.pio)

 ƒ…Ž‘†‹‘ƒŽÍšÍ ƒŽ͛͘•‡––‡Â?„”‡

5LYLYHODEDWWDJOLD GL&DUPDJQROD   

Ăˆ

possibile nell’arco di tre giorni fare un salto indietro nel tempo di quasi 600 anni? Tornare a quel 1427 nel quale gli eserciti di Milano e Venezia si affrontarono nella battaglia immortalata dal Manzoni con i celebri versi “S’ode a destra uno squillo di tromba, a sinistra risponde uno squilloâ€?? Eppure è proprio ciò che accadrĂ dal 28 al 30 settembre a Maclodio, che rivivrĂ  il piĂš importante avvenimento della propria storia. La battaglia in cui rifulse la figura del conte di Carmagnola, protagonista dell’omonima tragedia manzoniana, verrĂ  resa attuale con una rievocazione storica che fa parte ormai degli appuntamenti tradizionali del paese, da diversi giorni parato a festa con bandierine e gonfaloni bianchi e azzurri ad ogni finestra e balcone. Tutto era incominciato 25 anni fa e inizialmente la manifestazione si teneva, a distanza di un anno, a Maclodio e poi a Carmagnola, per poi osservare una pausa di tre anni. Successivamente la tradizione è stata mantenuta solamente qui a cadenza quinquennale, per quella che oggi è la settima edizione. Fitto

ǯ‡’‹•‘†‹‘‹Â?…—‹”‹ˆ—Ž•‡Žƒˆ‹‰—”ƒ†‡Ž…‘Â?–‡†‹ ƒ”Â?ƒ‰Â?Â‘ÂŽÂƒÇĄ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–ƒ†‡ŽŽǯ‘Â?‘Â?‹Â?ƒ–”ƒ‰‡†‹ƒ Â?ƒÂ?œ‘Â?‹ƒÂ?ÂƒÇĄ˜‡””Â?”‡•‘ƒ––—ƒŽ‡…‘Â?—Â?ƒ”‹‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‡ •–‘”‹…ƒǤ ‹––‘‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒƒŽŽ‡•–‹–‘†ƒŽŽƒ”‘Ž‘…‘ il programma delle iniziative, curate dalla Pro-loco, che trasformerĂ il paese in un autentico borgo antico, almeno per la durata di un weekend. Si comincia venerdĂŹ 28 alle 18 con l’apertura ufficiale presso la Sala civica, seguita dall’insediamento delle prime compagnie d’armi e l’esibizione degli arcieri in serata. Sabato, invece, appuntamento alle 16 in castello per la presentazione del libro “Maclodio e la sua battagliaâ€? e del romanzo storico di Pietro Orizio “Gli Ottone, la battaglia della vitaâ€?. Alle 18, invece, inaugurazione della mostra “Arti e mestieri del Medioevoâ€?, anche se la novitĂ  di quest’anno sarĂ  la “Cena medievale con delittoâ€? allestita in serata presso la cascina Ciocchino. Il clou della manifestazione è ovviamente previsto per domenica: alle 10.30 verrĂ  celebrata la Messa con la benedizione di cavalli

e cavalieri e alle 14 si terrĂ la sfilata storica. Finalmente alle 16 saliranno in arcione, per il 6° torneo cavalleresco, i campioni che si sfideranno quindi per tenere alto l’onore di Maclodio, Chiari, Rudiano, Orzinuovi e Carmagnola. â€œĂˆ davvero una grande emozione – commenta la presidente della Pro-loco Cristina Rivetti – perchĂŠ per me, come per molti altri è la prima rievocazione da organizzatori. Voglio ringraziare i veterani, senza il cui impegno tutto ciò non sarebbe possibile. Non vediamo l’ora che la rievocazione inizi e siamo sicuri che la gente parteciperĂ  numerosa e speriamo anche soddisfatta. Abbiamo dovuto fare un po’ di economie, visto il contesto di crisi e il budget ridotto, ma siamo sicuri del buon risultato di un anno e mezzo di lavoroâ€?. Che squillino le trombe e rullino i tamburi dunque, e il torneo abbia inizio.

‹‰‘Ž‡ ƒŽƒœœ‘‹‰‘Žƒƒ”–‹Â?‘Â?‹ †‹˜‡Â?–ƒDzƒŽƒœœ‘†‡Ž —•–‘dz

ƒŽƒœœ‘‹‰‘Žƒƒ”–‹Â?‘Â?‹°ƒÂ?…Š‡‹ŽDzƒŽƒœœ‘†‡Ž —nj •–‘dzǤƒ–‘Â?‡ŽÍšÍ˜Í˜ÍĄÇĄ‹Â?•‹‡Â?‡ƒŽŽƒ…—‘Žƒ†‹—…‹Â?ƒ •‹–—ƒ–ƒÂ?‡ŽŽ‘•–‡••‘Â‡Â†Â‹ÂˆÂ‹Â…Â‹Â‘ÇĄ…‘•–‹–—‹•…‡‹Ž‡Â?–”‘†‹ ƒŽ‘”‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ…—Ž–—”ƒ”—”ƒŽ‡‡†‡ŽŽǯ‡Â?Â‘Â‰ÂƒÂ•Â–Â”Â‘ÇŚ Â?‘Â?‹ƒǤÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘°“—‡ŽŽ‘†‹ˆƒ”…‘Â?‘•…‡”‡‹Ž˜ƒŽ‘”‡ †‡‹’”‘†‘––‹–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‹‹Â?•‡”‡Â?†‘Ž‹‹Â?—Â?…‘Â?–‡•–‘ ”‹……‘†‹Â•Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡‡†—…ƒ”‡ƒŽ‰—•–‘‡•’Ž‘”ƒÂ?ÇŚ †‘•‡Â?–‹‡”‹‹Â?‡†‹–‹Ǥ 1—Â?˜‹ƒ‰‰‹‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘ŽƒÂ•Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇĄŽƒ…—Ž–—”ƒ‡Žƒ…‘nj Â?‘•…‡Â?œƒÂ…Â‘ÂŽÂŽÂ‡Â–Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄ‘Ž–”‡…Š‡—Â?’‡”…‘”•‘‹Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â†Â—ÂƒÇŚ Ž‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â’ÂŽÂ‘Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡‹•‡Â?•‹Ǥ‹–—––‘“—‡•–‘ŠƒÂ?Â?‘ ƒ˜—–‘…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ‘•‘…‹†‡‹‘–ƒ”›…Ž—„ǣ”‡•…‹ƒ‘nj ”‡––‘ǥƒÂ?‡”„‹‘‡—†Ǥ•–”‡•…‹ƒ‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹‹Â“Â—ÂƒÇŚ Ž‹ŠƒÂ?Â?‘•˜‘Ž–‘‹Ž•‡––‹Â?ƒÂ?ƒŽ‡‹Â?…‘Â?–”‘†‡ŽÂ?‡ŽŽ‡•ƒŽ‡ †‡Ž’ƒŽƒœœ‘‹‰‘Žƒƒ”–‹Â?‘Â?‹†‹‹‰‘Ž‡’‡”‡•’”‹Â?‡nj ”‡•‡Â?•‹„‹Ž‹–Â?‡•‘•–‡‰Â?‘ƒ‹–‡””‡Â?‘–ƒ–‹†‡ŽŽǯÂ?‹Ž‹ƒ‡

†‡ŽŽƒ‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡”‡•‹†‡Â?–‹Â?‡ŽŽƒ’”‘nj ˜‹Â?…‹ƒ†‹ƒÂ?–‘˜ƒǤ‡”“—‡•–‘ƒŽŽƒ•‡”ƒ–ƒ‡”ƒÂ?‘’”‡nj •‡Â?–‹”‘–ƒ”‹ƒÂ?‹†‡Ž…Ž—„ ‘Â?ÂœÂƒÂ‰ÂƒÇŚÂ—ÂœÂœÂƒÂ”ÂƒÇĄ…‘Â?‹Ž’”‡nj •‹†‡Â?–‡ƒ—”‘ƒÂ?‹•‹ǥ…Š‡Šƒ”‹Â?‰”ƒœ‹ƒ–‘’‡”Žǯ‹Â?Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇŚ –‹˜ƒ”‹•’‘Â?†‡Â?†‘ƒŽ•ƒŽ—–‘†‡‹’”‡•‹†‡Â?–‹†‡‹‘–ƒ”› „”‡•…‹ƒÂ?‹Ǣ—‹‰‹ƒ‹‘Â?‡ǥ ‹ƒÂ?…ƒ”Ž‘ƒ……ƒ”‹Â?‹‡†Ž‹‘ ‘Â?ƒ•‘Â?‹ǤŽŽƒ•‡”ƒ–ƒ•‘Â?‘‹Â?–‡”˜‡Â?—–‹ǣ‹Ž“—‡•–‘”‡ —…‹‘ÂƒÂ”ÂŽÂ—Â…Â…Â‹Â‘ÇĄ‹Ž…ƒ’‹–ƒÂ?‘†‡‹…ƒ”ƒ„‹Â?‹‡”‹ ‹ƒÂ?ˆ”ƒÂ?ÇŚ …‘‘”•‡––‹‡‹•‹Â?†ƒ…‹”‹•–‹Â?ƒÂŽÂ?‹…‹Č‹ƒ‰Â?‘Ž‘Â‡ÂŽÂŽÂƒČŒÇĄ

‹ƒÂ?’ƒ‘Ž‘‡Â?‹‰ƒČ‹ƒ••ƒÂ?‘„”‡•…‹ƒÂ?Â‘ČŒÇĄ‘”‡Â?œ‘‘Ž†‹ Č‹ ÂŠÂ‡Â†Â‹ČŒ‡ƒ”‹ƒ‡”‡•ƒ ‡”‘Ž†‹Č‹Žˆ‹ƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÂ‘ČŒÇ¤ ÂŽ–‡Â?‘”‡ ‹‡”’ƒ‘Ž‘‹…‘‰Â?‡––‹ǥ”‡†—…‡†‡ŽŽǯ”‡Â?ÂƒÇĄŠƒ…‘Â?…Ž—nj •‘Žƒ•‡”ƒ–ƒ…‘Â?—Â?ƒ’’Žƒ—†‹–‘…‘Â?…‡”–‘ǥ—Â?Â?‹•–‘†‹ …ƒÂ?œ‘Â?‹Â?ƒ’‘Ž‡–ƒÂ?‡‡…‡Ž‡„”‹”‘Â?ƒÂ?œ‡†‡ŽŽƒŽ‹”‹…ƒǤ

’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒŠƒÂ?Â?‘ƒ…“—‹•–ƒ–‘‰”ƒÂ?ƒ ƒ†ƒÂ?‘†‡‹…ƒ•‡‹ˆ‹…‹†ƒÂ?Â?‡‰‰‹ƒ–‹†ƒŽ•‹•Â?ƒǤČ‹ÂˆÇ¤Â’Â‹Â‘ČŒ

ÇŻ 

ÇŻ    

‹ŽœƒÂ?‘ƒ„ƒ–‘Íž‘––‘„”‡Žǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡

2OWUHSH]]L SHULO0XVHRFRQWDGLQR Oltre 900 pezzi esposti a rievocare la quotidianitĂ della vita agricola dei nostri bisnonni: apre a Milzano il museo contadino, in uno stabile del ‘700 in via S.Michele, a due passi dal centro del paese. L’inaugurazione è sabato 6 ottobre, alle 19.30, nell’ambito della Sagra della madonna del rosario. L’esposizione permanente è divisa in due sezioni: al piano terra le stanze della vita privata di mezzadri e mandiari, con cucina tipica, camera da letto e stalla, al piano superiore gli strumenti da lavoro. Tutto è sistemato esattamente come era allora, per riprodurre le abitudini della tradizione agricola, con la monèga a scaldare il letto e la toletta in camera, pentolame in rame e lumi in cucina, scalĂŠre per i bachi da seta e fieno nella stalla. Entrando nel museo si viene immersi nella cultura contadina del passato e si scopre quanto fosse misera, eppure ordinata, la vita in campagna a inizio‘900, si svela l’origine di detti tramandatoci dai nonni e si assaporano le antiche usanze. Salendo la scalinata, oltre l’affresco di Sant’Antonio, si arriva al granaio, dove sotto la santella di San Biagio, protettore di Milzano, sono rievocati antichi mestieri e siti del tempo: la scòla con banchi e lavagna, l’angolo del masadĂšr, gli attrezzi del calzolaio come la macchina per cucire il cuoio e molto altro. Tra gli oggetti interessanti e dai piĂš mai visti ci sono il rosario ad anello con i 10 pater noster, le vecchie raseghe, le pialle del fabbro ed i finimenti per i cavalli. Da almeno dieci

anni Lucio Bulgari, Giuseppe Girardini, Francesco Pancera, Francesco Olivetti e gli altri “Amici del Museo� collezionano gli oggetti che ora trovano casa nell’esposizione permanente, per ridare vita agli ambienti e testimoniare la passione per la tradizione. A far da cornice all’inaugurazione, sabato 6 ottobre, ci saranno la rievocazione di antichi mestieri, pigiatura dell’uva e sgranatura del mais quarantino, domenica 7 ottobre visite al museo contadino e sfilata di venti trattori d’epoca. (l.o.)

’”‡…‘Â?Žƒ”‹‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‡ †‹ƒÂ?–‹…Š‹Â?‡•–‹‡”‹‡ Žƒ•ˆ‹Žƒ–ƒ†‡‹–”ƒ––‘”‹ ÂŽÇŻÂ‡Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡‡†‡†‹…ƒ–ƒ ƒŽÂ?‘Â?†‘…‘Â?–ƒ†‹Â?‘


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͙͛

‡”‘ŽƒÂ?—‘˜ƒ ‡…Ž‹’”‘Â?—‘˜‘Â?‘—Â?…‘”•‘•—ŽŽƒ‰‡•–‹‘Â?‡†‡Ž„‡Â?‡…‘Â?—Â?‡ Il Circolo Acli di Verolanuova, in collaborazione con i circoli della zona bassa ovest (Bassano Bresciano, Bagnolo Mella, Leno, Manerbio, Milzano, Motella, Quinzano e San Gervasio) organizza il Corso di formazione all’impegno socio-politico e amministrativo “La partecipazione dei cittadini alla gestione del bene comune: il Comuneâ€?. Il corso si preďŹ gge di far conoscere quali sono i principali settori in cui può operare un Comune, con quali modalitĂ può e

deve svolgere le proprie funzioni e quali sono le possibilitĂ che ha a disposizione per incidere sulla qualitĂ  della vita dei cittadini. Vista la breve durata, non può e non vuole essere esaustivo degli argomenti trattati, ma solo un primo passo verso la conoscenza del “come i cittadini possono partecipare alla gestione del bene comuneâ€?. Si rivolge a chi desidera informarsi e conoscere quali sono i meccanismi di gestione di un Comune. Pertanto è consigliato sia a chi ha intenzione

di avvicinarsi alla “vita politicoamministrativaâ€? sia a coloro che, da semplici cittadini, sono interessati a sapere come funziona la “macchina amministrativa di un Comuneâ€?. La durata (presso la sede del Circolo Acli Verolanuova Via Dante, 13) è di 12 ore, suddivise in sei incontri di due ore cadauno, distribuiti nell’arco di un mese. Per l’iscrizione viene richiesto un contributo di 10 euro per la fornitura del materiale del corso. Informazioni ai numeri 030/932174–3384074641.



ƒÂ?‡”„‹‘ ÂŽÍœ‘––‘„”‡”‹’ƒ”–‡ÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜‹–Â?

/D/XPHLO1RYHFHQWR ‡Â?ƒ’”‹Â?…‹’ƒŽ‡†‹Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘•ƒ”Â?‹Ž‘˜‡…‡Â?–‘ǥ†‘’‘…Š‡Ž‘•…‘”•‘ƒÂ?Â?‘‡”ƒ•–ƒ–ƒˆƒ––ƒ—Â?ƒŽ—Â?‰ƒ…ƒ˜ƒŽ…ƒ–ƒ†ƒŽ ‡†‹‘‡˜‘ˆ‹Â?‘ƒŽÍ™Í ÍžÍ˜Č€Í™Í ÍžÍ™ÇĄ‰Ž‹ƒÂ?Â?‹†‡ŽŽǯÂ?‹–Â?†ǯ –ƒŽ‹ƒǤ ÂŽ•‡…‘Ž‘ƒ’’‡Â?ƒ–”ƒ•…‘”•‘•ƒ”Â?‡•ƒÂ?‹Â?ƒ–‘‹Â?–—––‹‹•—‘‹ƒ•’‡––‹    

6

ono 11 anni all’insegna di “piacevoleâ€? cultura. CosĂŹ si potrebbe riassumere la storia della Libera UniversitĂ di Manerbio (Lum), che si appresta ad inaugurare un nuovo anno accademico. GiovedĂŹ 4 ottobre, alle ore 15.15, il Piccolo Teatro di Manerbio tornerĂ  ad ospitare fino all’inizio di maggio i pomeriggi a base di musica, letteratura, storia, arte, economia e altre discipline. Tema principale di quest’anno sarĂ  il Novecento, dopo che lo scorso anno la Lum aveva fatto una lunga cavalcata dal Medioevo fino al 1860/1861, gli anni dell’UnitĂ  d’Italia. A partire dalla prossima settimana, il secolo appena trascorso sarĂ  esaminato negli avvenimenti che lo hanno segnato negli aspetti positivi e in quelli piĂš controversi. Anche quest’anno, all’interno del programma è stato scelto un “corso monograficoâ€?. Nell’anno accademico 2011-2012, il filo rosso era stato “Conoscere l’Italia attraverso le sue capitaliâ€?, un viaggio attraverso le cittĂ  italiane che simboleggiavano un determinato periodo. Il filo conduttore dell’anno alle porte sarĂ  il “cinemaâ€?, un’arte novecentesca per eccellenza. Lezioni sul cinema e la cinematografia, oppure proiezioni cinematografiche saranno appuntamenti fissi durante l’anno. Intanto il 4 ottobre si comincia con la musica, come tradizione vuole. A inaugurare l’anno della Lum sarĂ  il maestro Edmondo Savio, manerbiese di nascita, pianista, direttore, ora alla guida del “Coro CittĂ  di Bresciaâ€?: “Visions fuggitive: un assaggio musicaleâ€? è il titolo della lezione-concerto che intende aprire una finestra sulle novitĂ  musicali nate nel Novecento. La settimana successiva inizieranno le lezioni: giovedĂŹ 11 ottobre, sarĂ  di scena la storia con la relazione del prof. Giovanni Gregorini, docente di storia economica all’UniversitĂ  cattolica di Brescia e giĂ  apprezzato relatore lo scorso anno. Il titolo del suo intervento sarĂ  “Gli italiani e la valigia: emigrazione e sviluppo fra XIX e XX secoloâ€?. Il gio-

ÂŽÂ?‘†‡”Â?‘‹Â?’‹ƒÂ?–‘ †‹‹Â?Â?‡˜ƒÂ?‡Â?–‘Šƒ ‰ƒ”ƒÂ?–‹–‘…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹ †‹’‹•–‡‡Ž‘‰‹ƒ–‡†ƒ –—––‹Â?‡”‰‡Â?œƒ•„ƒ”…Š‹ …Š‡•–ƒ•–”‹Â?‰‡Â?†‘ Â†ÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â†Â‹Â‘ƒÂ?’‡†—•ƒȋ‡ ‹Ž”‡•–‘†‡ŽÂƒÂ‡Â•Â‡ÇĄÂ?Â†Â”Ç¤ČŒ

ÂŽÂ•Â‘Â†ÂƒÂŽÂ‹ÂœÂ‹Â‘ÇĄŽ‡‰ƒ–‘†ƒ —Â?ƒ…‘Â?˜‡Â?œ‹‘Â?‡…‘Â?‹Ž ‘Â?—Â?‡†‹ƒÂ?‡”„‹‘ǥ° ”‡––‘†ƒŽ‡Â?ƒÂ?‰ƒ”‹

vedĂŹ successivo sarĂ dedicato al primo degli incontri dedicati al cinema. Enrico Danesi, esperto conoscitore del settore, terrĂ  una lezione sugli esordi di questa arte con “L’alba del

cinema: dai Lumière (il cinema come documento) a Mèliès (il cinema come gioco) a Griffith (il cinema come narrazione). Chiuderà il mese di ottobre, il 25, il prof. Damiano Solsi,

docente dell’Istituto cittadino “Ariciâ€? con una lezione di filosofia: “L’oltreuomo sia il senso della terra!â€?. La filosofia di Nietzsche e il Novecento â€? è il titolo scelto. Sempre secondo una tradizione ormai decennale alle lezioni verranno intervallate uscite, la prima delle quali giĂ dovrebbe svolgersi in ottobre e avere come meta Rovereto. Allo stesso modo, anche quest’anno verrĂ  riproposto il corso di disegno, visto il successo finora riscosso, ma non si esclude la possibilitĂ  che altri corsi possano essere attivati.

ALLA MAP, NON SI ARRIVA PER CASO.

MAP CUCINE - ARREDI COMPLETI 25010 Borgosatollo (Brescia) via Bellini, 30 tel. 030 2702403 (r.a.) fax 030 2702031 www.mapcucine.it - info@mapcucine.it APERTO DOMENICA POMERIGGIO

Chi arriva alla Map sa cosa sta cercando. I nostri clienti cercano sempre una cucina veramente su misura, personalizzabile sui loro gusti, garantita da un’azienda presente dal 1960 nelle case bresciane. La nostra politica aziendale segue gli obiettivi di serietĂ e trasparenza: da noi trovate, oltre a tre piani di cucine, chiarezza su prodotti, servizi e prezzi. Da sempre realizziamo preventivi chiari e contratti dettagliati e “senza sorpreseâ€?, con rilievo misure ed installazione eseguiti da personale specializzato. Tutto con la garanzia di un’assistenza post-vendita sempre al servizio del cliente. Fidatevi della Map: oltre 25.000 famiglie possono garantire sulla qualitĂ  del nostro lavoro.

‘……ƒˆ”ƒÂ?…ƒ ƒ”–‘Â?‘‹Žƒ˜‘”‹ ’‡””‡ƒŽ‹œœƒ”‡ —Â?’‘Ž‘…—Ž–—”ƒŽ‡ ‹Â?ƒ•–”‹†‹’ƒ”–‡Â?ÂœÂƒÇĄ †‘’‘—Â?’‡”…‘”•‘Ž—Â?‰‘ ‡ƒ……‹†‡Â?Â–ÂƒÂ–Â‘ÇŁ‹Â?“—‡•–‹ ‰‹‘”Â?‹’ƒ”–‡‹Ž”‡•–ƒ—”‘ †‡ŽŽǯ‡šƒ•‹Ž‘†‹‘……ƒˆ”ƒÂ?Â…ÂƒÇĄ ‹Ž…‘Â?’Ž‡••‘•‹–—ƒ–‘‹Â?˜‹ƒ Š‹‡•ƒ…Š‡•‹ƒ˜˜‹ƒƒ†‹˜‡Â?–ƒ”‡ ‹Ž…‡Â?–”‘†‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹Â–Â?…—Ž–—”ƒŽ‡Â?‡Ž ’ƒ‡•‡ǤÇŻÂ‡Â†Â‹ÂˆÂ‹Â…Â‹Â‘ÇĄ”‹•ƒŽ‡Â?–‡ ƒ‹’”‹Â?‹†‡ŽŽǯ––‘…‡Â?–‘ǥ•‹ ƒ˜˜‹ƒƒ—•…‹”‡†ƒŽŽ‘•–ƒ–‘ †‹ƒ„„ƒÂ?†‘Â?‘ǥ…‘Â?Žǯ‹Â?‹œ‹‘ †‡‹Žƒ˜‘”‹ˆ‹••ƒ–‘‡Â?–”‘‹Ž ’”‹Â?‘‘––‘„”‡ǥ“—ƒÂ?†‘‹Ž …ƒÂ?–‹‡”‡˜‡””Â?’”‡’ƒ”ƒ–‘ …‘Â?‹Ž’‘•‹œ‹‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘ †‡ŽŽƒ‰”—‡†‡‹’‘Â?–‡‰‰‹ ‡•–‡”Â?‹…Š‡†ƒ”ƒÂ?Â?‘•— ˜‹ƒŠ‹‡•ƒǤ ÂŽ˜‹…‡•‹Â?†ƒ…‘ ƒ”…‘ ”ƒÂ?ÂœÂ‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄƒ••‡••‘”‡ ƒ‹ƒ˜‘”‹’—„„Ž‹…‹’ƒ”ŽƒÂ?‡Ž †‡––ƒ‰Ž‹‘†‡‰Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ …Š‡˜‡””ƒÂ?Â?‘‡•‡‰—‹–‹ǣDz‹ –”ƒ––ƒ†‹…‘Â?•‘Ž‹†ƒ”‡ƒŽ…—Â?‡ •–”—––—”‡ǥ–”ƒŽ‡“—ƒŽ‹‹Â?—”‹ ’‡”‹Â?Â‡Â–Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ…Š‡’‡”Žƒ †—”ƒ–ƒ†‡‹Žƒ˜‘”‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘ ƒ‰‰ƒÂ?…‹ƒ–‹ƒ‹’‘Â?–‡‰‰‹ǥ‡ Ž‡ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒǤ‡”“—ƒÂ?–‘ ”‹‰—ƒ”†ƒ‹Â•Â‘ÂˆÂˆÂ‹Â–Â–Â‹ÇĄ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ †‘˜”‡Â?‘”‡…—’‡”ƒ”‡ƒÂ?…Š‡ ’ƒ”–‹†‹•‘Ž‡––ƒ…Š‡˜‡””ƒÂ?Â?‘ ‹Â?…‘ŽŽƒ–‡Â?—‘˜ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?•‹‡Â?‡ ƒŽŽƒ…‘’‡”–—”ƒƒÂ…ÂƒÂ’Â”Â‹ÂƒÂ–Â‡ÇłÇ¤ Â?‹Â?–‡”˜‡Â?–‘†‹”‡•–ƒ—”‘ …‘Â?’Ž‡–‘ǥ…Š‡Â?‡Ž’‡”‹‘†‘†‹ ƒ––‹˜‹–Â?†‡Ž…ƒÂ?–‹‡”‡‘……—’‡”Â? ’ƒ”–‡†‡ŽŽƒ•‡†‡•–”ƒ†ƒŽ‡ Žƒ•…‹ƒÂ?†‘’”ƒ–‹…ƒ„‹Ž‡ÂŽÇŻÂƒÂ……‡••‘ ’‡”‹”‡•‹†‡Â?–‹‡’‡”“—ƒÂ?–‹•‹ ”‡…ƒÂ?‘ƒŽŽ‡ˆ—Â?œ‹‘Â?‹”‡Ž‹‰‹‘•‡Ǥ ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡Šƒ—Â?ƒ…‡”–ƒ ˜ƒŽ‡Â?œƒƒ”…Š‹–‡––‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄƒŽ ’—Â?–‘…Š‡‹Žƒ˜‘”‹ŠƒÂ?Â?‘ †‘˜—–‘•‘––‘•–ƒ”‡ƒŽ’ƒ”‡”‡ †‡ŽŽƒ‘’”‹Â?–‡Â?†‡Â?œƒ ’‡”‹„‡Â?‹ƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…‹‡ Â’ÂƒÂ‡Â•ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â•Â–Â‹Â…Â‹ÇĄ…‘Â?Žƒ“—ƒŽ‡ •‘Â?‘•–ƒ–‹…‘Â?…‘”†ƒ–‹ Â?‡Ž–‡Â?’‘‹†‡––ƒ‰Ž‹ †‡ŽŽǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘Ǥƒ“—‡•–‹‘Â?‡ ”‹•ƒŽ‡ƒŽÍšÍ˜Í˜ÍĄÇĄ–”ƒ’ƒ••ƒ‰‰‹ „—”‘…”ƒ–‹…‹…Š‡ƒ˜‡˜ƒÂ?‘ Â?‡••‘‹Â?ˆ‘”•‡Žƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡ •–‡••ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒǤ†‘’‡”ƒ ˆ‹Â?‹–ƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â†Â‹ÂˆÂ‹Â…Â‹Â‘•ƒ”ƒÂ?Â?‘ ‘•’‹–ƒ–‹‹Ž‘…ƒŽ‹†‡ŽŽƒ„‹„Ž‹‘–‡…ƒ …‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ…Š‡˜‡””Â?ƒÂ?’Ž‹ƒ–ƒ ‡†‘–ƒ–ƒ†‹•ƒŽ‡Ž‡––—”ƒ…‘Â? ’‘•–ƒœ‹‘Â?‹‹Â?–‡”Â?‡–ǤÂŽ’‹ƒÂ?‘ •—’‡”‹‘”‡–”‘˜‡”Â?’‘•–‘Žƒ Â?—‘˜ƒ•ƒŽƒ…‘Â?•‹Ž‹ƒ”‡ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ


͙͜

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

‡ŽŽ‡”‘

Â?—Â?Ž‹„”‘ŽƒÂ?‡Â?‘”‹ƒ†‹†‘Â?ƒ––‹•–ƒ ƒÂ?‡––‹ Ci sono preti che segnano il cuore di tanti. Uno di questi fu don Battista Fanetti (Sellero 1912-Villaggio Badia 1997). A lui è dedicato un bel libro di Giacomo Fanetti, l’autore di Sonico cui si deve, tra gli scritti, la biograďŹ a di don Vittorio Bonomelli “Quando tornerĂ il serenoâ€? (Breno 2009). Quest’ultima fatica porta il titolo “ ‘L cĂźradĂŹâ€? (Breno-Brescia 2012) e in 237 pagine racconta grazie a lettere e altri documenti d’archivio, ma pure con testimonianze orali, la vita di questo prete magrolino e

fragile nel corpo, ma forte e deciso nell’animo. Si ripercorrono cosĂŹ le tappe della vita di un prete capace sempre di un di piĂš, rispetto alla normalitĂ del ministero. Ordinato sacerdote nel ‘35 fu curato a Breno, dove porta una ventata di gioventĂš, ma non si allinea alla disponibilitĂ  verso il fascismo di mons. Regazzoli. CosĂŹ nel 1942 si offre come cappellano militare sul fronte balcanico. Tornato con i suoi alpini e, stabilitosi a Brescia come mansionario del Capitolo

della Cattedrale, opera a favore della Resistenza. Nonostante la tubercolosi, è cappellano all’ospedale dei Fatebenefratelli e assistente del Centro volontari della sofferenza. Poi il breve (1971-1973) soggiorno in Valle, a Megno, piccola frazione in Val di Corteno. InďŹ ne il ritiro al Villaggio Badia, dove una cardiopatia non lo risparmierĂ . Un pregio di questo libro è di porre in evidenza il grande spessore morale della personalitĂ  de ‘l cĂźradÏ’, capace di una pastorale

d’oratorio in anticipo sui tempi, ma anche impegnato nella Resistenza al servizio della libertĂ e poi, col Dopoguerra, dell’onestĂ ; colpisce la sua testimonianza di malato e di prete vicino a chi soffre, assieme al suo amore per la montagna dove riconosceva le sue radici (Sonico, paese natale del padre) e dove ha voluto essere sepolto (Corteno Golgi). In appendice anche una serie di testi, preghiere e poesie di don Battista nonchè una sezione fotograďŹ ca. (g.c.)

  

”‡•–‹�‡‘’‘–”‡�‡•‹†‹Žƒ˜‘”‘

/DVLFXUH]]D LQWHPSRXWLOH ‘Â?–”‡Â?‡•‹†‹Žƒ˜‘”‘‡…‘Â?‹Ž…‘Â?–”‹„—–‘†‡–‡”Â?‹Â?ƒÂ?–‡†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ Žƒ˜ƒŽŽ‡…Š‡•‹’”‡•‡Â?–ƒ˜ƒ‹Â?ˆ‘”–‡†‡‰”ƒ†‘°•–ƒ–ƒ”‹Â?‡••ƒ‹Â?•‹…—”‡œœƒ     

/

a valle del Fossato a Prestine, che si snoda a nord dell’abitato verso la Valgrigna, non ha un torrente con sorgente a monte: drena le acque dei versanti ripidi della zona chiamata da sempre “FosĂ tâ€? sulla quale insistono calanchi franosi di argilla e tufo chiamate in loco “GaraĂŹneâ€?. Con tre mesi di lavoro e con il contributo determinante della Regione Lombardia, pari all’interno del Piano di sviluppo rurale della ComunitĂ  montana di Valle Camonica 2007-2013, dell’importo totale di 200mila euro, Iva inclusa, la valle che si presentava in forte degrado è stata rimessa in sicurezza, allestendo nuove briglie di contenimento e restaurando quelle ancora un buone condizioni. L’operazione ha visto come ente attuatore il Consorzio Forestale bassa Vallecamonica che ha lavorato per tre mesi, sfruttando la parte migliore della stagione, per realizzare i lavori in tempo utile per l’autunno, con un numero variabile di persone coinvolte, a seconda delle opere murarie, forestali e di trasporto, in media pari a 10. Un lavoro particolarmente interessante sul piano storico e urbanistico è la scelta della tipologia di griglia di contenimento che è stata fatta in analogia alle briglie giĂ  esistenti agli inizi degli anni sessanta: l’opera quindi si pre-

   

ƒ‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ Šƒ‹Â?˜‡•–‹–‘Â?‘Ž‡ ‡Â?‡”‰‹‡ǥ‘––‡Â?‡Â?†‘ †ƒŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡†ƒŽ͚͘͘Í&#x; ƒŽ͚͙͛͘‘Ž–”‡͚͘Â?‹Ž‹‘Â?‹ †‹‡—”‘ senta anche piacevolmente inserita nella valle delle GaraĂŹne creando anche un armonioso linguaggio artigianale, ricco di sfaccettature e rispettoso dei lavori fatti nel passato. Infatti, sono stati recuperati i blocchi di granito squadrati a mano in loco oltre 50 anni fa e accatasta-

ti sulle rive del torrente, , numerati e riposizionati a fregio delle nuove briglie, maggiormente consolidate con cemento armato e piÚ resistenti rispetto alle precedenti. Con l’occasione del rifacimento dei lavori in alveo, sono stati sistemati i versanti, disboscandoli dalla vegetazione infestante e consolidandoli con con geotessili e semina di prato autoctono. Il Piano di sviluppo rurale (Psr in sigla), sul quale la Comunità montana di Valle Camonica ha investito mole energie di ricerca e progettazione, ottenendo dalla Regione Lombardia nel settennato 2007-2013 la cifra considerevole di oltre 20 milioni di euro, si sta dimostrando ogni giorno di piÚ uno strumento di grande importanza per la montagna. Infatti, dalle strade alle malghe, dai boschi ai corsi d’acqua,. Dal recupero di muri di contenimento alla bonifica e di frane e smottamenti, la Comunità montana di Valle Camonica ha saputo costruire con attenzione e acume il finanziamento per opere importanti su tutto il territorio. Soddisfatto il sindaco di Prestine Franco Monchieri e il Direttore del Consorzio forestale che ha eseguito i lavori, Alessandro Fiora, perchÊ ora anche Prestine può avere una maggiore sicurezza. Grazie all’imbrigliamento della valle del Fossato e la bonifica dei versanti.

‘Â?‹…‘ ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?•‹”‹–”‘˜ƒ‹Â?ˆ‡•–ƒ ‘Â?‡Â?‹…ƒ͛͘•‡––‡Â?„”‡Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â?†‹‘Â?‹…‘•‹”‹–”‘˜ƒƒÂˆÂ‡Â•Â–‡‰nj ‰‹ƒ”‡‹Â?•‹‡Â?‡ǥ‰”ƒÂ?†‹‡’‹……‘Ž‹Ǥ‹˜‡Â?–ƒ…‘•¿—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡’‡”•–ƒ”‡ ‹Â?•‹‡Â?‡ǥÂ?ƒƒÂ?…Š‡’‡”˜ƒŽ‘”‹œœƒ”‡“—‡ŽŽ‡•–”—––—”‡…Š‡•‹‹Â?–‡”‡•nj •ƒÂ?‘†‡ŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹—‘Â?‹Â?‹ǣŽƒ•…—‘ŽƒÂ?ƒ–‡”Â?ƒ‡Žƒ…Š‹‡•ƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡Ǥ ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ°‹Ž•‡‰—‡Â?–‡ǤŽŽ‡͙͘Ǥ͛͘°’”‡˜‹•–ƒŽƒ „‡Â?‡†‹œ‹‘Â?‡†‡‹Ž‘…ƒŽ‹†‡ŽŽƒ•…—‘ŽƒÂ?ƒ–‡”Â?ÂƒÇĄƒ•‡‰—‹”‡‹Ž…‘”–‡‘…‘Â? ‹„ƒÂ?„‹Â?‹ǥŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ǥŽ‡ƒ—–‘”‹–Â?‡Ž‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹•‹Â?‘ƒŽ•ƒ‰”ƒ–‘ †‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡…‘Â?Žƒ„‡Â?‡†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒˆƒ……‹ƒ–ƒÂ”Â‡Â•Â–ÂƒÂ—ÇŚ ”ƒ–ƒǤ ÂŽÂ?‘Â?‡Â?–‘”‡Ž‹‰‹‘•‘’”‹Â?…‹’ƒŽ‡°ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ•‘Ž‡Â?Â?‡†‡ŽŽ‡ ‘”‡͙͙’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒÂ?‘Â?•Ǥ‹‰‹Ž‹‘ƒ”‹‘ÂŽÂ?‹Ǥ‡”–—––‹…ǯ°Žƒ’‘•nj •‹„‹Ž‹–Â?†‹Â˜Â‹Â˜Â‡Â”‡ǥ•—……‡••‹˜ƒÂ?‡Â?–‡—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹ˆ”ƒ–‡”Â?‹–Â?…‘Â?‹Ž ’”ƒÂ?œ‘’”‡••‘ÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘ȋ͙͚‡—”‘‹Ž…‘•–‘’‡”‰Ž‹ÂƒÂ†Â—Ž–‹ǥ•‡‹‡—”‘’‡” ‹„ƒÂ?„‹Â?‹ˆ‹Â?‘ƒ͙͘ƒÂ?Â?Â‹ČŒÇ¤ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ†‹ˆ‡•–‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‹•‹…‘Â?…Ž—†‡ ƒŽŽ‡Í™Í?…‘Â?‹Ž…‘Â?…‡”–‘†‡ŽŽƒ„ƒÂ?†ƒÂ?—•‹…ƒŽ‡†‹ƒÂ?‘”‡Â?œ‘Ǥ‡Â?‘nj –‡Â?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ“—‹Â?†‹ǥ…Š‹—†‘Â?‘‹Â?„‡ŽŽ‡œœƒ—Â?ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ†ƒÂ”Â‹Â…Â‘Â”Â†ÂƒÇŚ ”‡’‡”–—––‹‰Ž‹ƒ„‹–ƒÂ?–‹†‡ŽŽƒ˜‹˜ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?…ƒÂ?—Â?ƒ†ƒŽŽ‡’”‘ˆ‘Â?†‡ ”ƒ†‹…‹Â?‡Ž’ƒ••ƒ–‘Ǥ

‹‡��‘

ÂŽ ‘•’‡Žƒ””‹˜ƒÂƒÂŽÂŽÇŻ”‡Â?‘ ǯ‡”‡Â?‘†‹‹‡Â?Â?‘ǥ’‡”‹ŽÍšÍĄČ‚͛͘•‡––‡Â?„”‡ǥ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‹Ž…‘”‘Dz ‘nj ’‡‹Â?‰‡”•dz†‹ƒ”ˆ‘‘ƒ”‹‘‡”Â?‡ǥ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ‹Ž’”‹Â?‘Dz™‘”Â?•Š‘’dz†‹Â?—•‹…ƒ Dz‰‘•’‡Ždz‹Â?ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒǤ ÂŽ…‘Â?’Ž‡••‘ƒÂ?Â?Â‘Â˜Â‡Â”ÂƒÇĄ–”ƒ‹•—‘‹ˆ‹Â?‹‹•–‹–—œ‹‘Â?ÂƒÇŚ Ž‹ǥ“—‡ŽŽ‘†‹’”‘Â?—‘˜‡”‡Žƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ‡Žƒ˜ƒŽ‘”‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒDz‰‘nj •’‡Ždz‡Ç˛Â•Â’Â‹Â”Â‹Â–Â—ÂƒÂŽÇłÇĄˆƒ˜‘”‡Â?†‘ŽƒÂ?ƒ–—”ƒœ‹‘Â?‡Â?—•‹…ƒŽ‡‹Â?†‹˜‹†—ƒŽ‡Ǥ ÂŽ‰”—’’‘ǥ ˆ‘Â?†ƒ–‘Â?‡ŽÍ™ÍĄÍĄÍœ‡…—”ƒ–‘†ƒƒ”‰Š‡”‹–ƒŠ‹Â?‹Â?‡ŽŽ‹Č‚Â?—•‹…‹•–ƒ†‹’Ž‘Â?ƒ–ƒ ‹Â?˜‹‘Ž‘Â?…‡ŽŽ‘‡…ƒÂ?–‘Ž‹”‹…‘Č‚°†‹”‡––‘†ƒŽ‡••ƒÂ?†”‘ ‘”‡•–‹ǥ…‘Â?’‘•‹–‘”‡ǥ ƒ””ƒÂ?‰‹ƒ–‘”‡‡†‘”‰ƒÂ?‹•–ƒǤǯ‡”‡Â?‘ǥ…‡Â?–”‘”‡Ž‹‰‹‘•‘‡Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‹–—ƒ–‘Â?‡Ž •—‰‰‡•–‹˜‘•…‡Â?ƒ”‹‘†‡ŽŽ‡”‡ƒŽ’‹ˆƒ”Â?†ƒ‹†‡ƒŽ‡…‘”Â?‹…‡ƒ“—‡•–ƒ•‹Â?‰‘Žƒ”‡ …‹”…‘•–ƒÂ?œƒǤ‡Ž…‘”•‘†‡Ž•‡Â?‹Â?ƒ”‹‘˜‡””ƒÂ?Â?‘ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹–‹‹•‡‰—‡Â?–‹–‡Â?‹ǣ •–‘”‹ƒ†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒ‡†‡ŽŽƒ…—Ž–—”ƒÂƒÂˆÂ”Â‘ÇŚÂƒÂ?‡”‹…ƒÂ?ÂƒÇ˘–‡‘”‹ƒ‡–‡…Â?‹…ƒ†‡ŽŽƒÂ?—nj •‹…ƒDz‰‘•’‡ŽdzǢ–‡‘”‹ƒ‡–‡…Â?‹…ƒÂƒÂˆÂ”Â‘ÇŚÂƒÂ?‡”‹…ƒÂ?ÂƒÇ˘–‡…Â?‹…ƒ˜‘…ƒŽ‡ÂƒÂˆÂ”Â‘ÇŚÂƒÂ?Â‡Â”Â‹Â…ÂƒÇŚ Â?ÂƒÇ˘—•‘†‡ŽŽƒÂ˜Â‘…‡Ǣ…‘”‡‘‰”ƒˆ‹ƒǤǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ°’‡Â?•ƒ–ƒ…‘Â?‡—Â?˜‹ƒ‰‰‹‘ÂƒÂ–Â–Â”ÂƒÇŚ ˜‡”•‘ŽƒÂ?—•‹…ƒ‡Žƒ•–‘”‹ƒ†‡Ž’‘’‘Ž‘ƒˆ”‹…ƒÂ?‘ǤÂ?’‡”…‘”•‘…Š‡Â?ƒ•…‡†ƒ‰Ž‹ DzÂ’Â‹Â”Â‹Â–Â—ÂƒÂŽÂ•ÇłÇĄ‹…ƒÂ?–‹†‹’”‡‰Š‹‡”ƒ†‹—Â?’‘’‘Ž‘ƒÂ?…‘”ƒÂ•Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ˜Â‘ÇĄ…Š‡’‘”–ƒ…‘Â? •¹Žƒ•–‘”‹ƒ†‡ŽŽƒ–‡””ƒ†ƒ…—‹°•–ƒ–‘•–”ƒ’’ƒ–‘Ǥ—‡•–‘‡˜‡Â?–‘•ƒ”Â?…‘Â?†‘–nj –‘†ƒŽŽ‘•–ƒ–—Â?‹–‡Â?•‡‡Š‡Â?‹ƒŠ Ǥ”‘™Â?Ǥ•Ǥ‹–ǤČ‹Â‡Ç¤Â‰Ç¤ČŒ

  

ƒ”ˆ‘ Â?ƒ…‘”•ƒ–”ƒŽƒÂ?ƒ–—”ƒ†‡ŽŽƒƒŽŽ‡ Â?ƒ…‘”•ƒ–”ƒŽ‡„‡ŽŽ‡œœ‡†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘…ƒÂ?—Â?‘Ǥ‹•˜‘Ž‰‡–”ƒŽƒÂ?ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄŽƒ‰ƒ”ƒ ’‘†‹•–‹…ƒ†‹†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ&#x;‘––‘„”‡͚͙͚͘…Š‡•‡‰—‡Â?†‘Žƒ’‹•–ƒ…‹…Ž‘nj’‡†‘Â?ƒŽ‡ ”‡Â?‘nj‹•‘‰Â?‡‡’ƒ••ƒÂ?†‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ„Â‹Â–ÂƒÂ–Â‘†‹ƒ”ˆ‘ˆƒ”Â?˜‹˜‡”‡ˆ‘”–‹‡Â?‘œ‹‘Â?‹Ǥ ƒ‰ƒ”ƒ’‘†‹•–‹…ƒ†‹͛͘Â?Â?ÇĄÂ?ƒ•…Š‹Ž‡‡ˆ‡Â?Â?‹Â?‹Ž‡‡…‘Â?’‡–‹–‹˜ƒ‡Â?‘Â?…‘Â?ÇŚ Â’Â‡Â–Â‹Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄ’ƒ”–‹”Â?†ƒ”‡Â?‘ƒŽŽ‡ͥǤ͙Í?‡•‡‰—‹”Â?Žǯ‹–‹Â?‡”ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ’‹•–ƒ…‹…Ž‘nj’‡†‘nj Â?ƒŽ‡…Š‡Ž—Â?‰‘‹Žˆ‹—Â?‡‰Ž‹‘ǥ•——Â?ƒ•–”ƒ†ƒƒ–”ƒ––‹ƒ•ˆƒŽ–ƒ–ƒ‡ƒ–”ƒ––‹‹Â?–‡””ƒ Â„ÂƒÂ–Â–Â—Â–ÂƒÇĄ…‘Â?†—””Â?‹…‘Â?…‘””‡Â?–‹ˆ‹Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘ƒ‹•‘‰Â?‡ǤÂ?ƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ …Š‡˜—‘Ž‡—Â?‹”‡Ž‘•’‘”–‡ÂŽÇŻÂƒÂ?„‹‡Â?–‡‹Â?—Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ”‡•ƒ’‘••‹„‹Ž‡‡Â‘Â”Â‰ÂƒÇŚ Â?‹œœƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻ•†“—‹’‡—Â?Â?‹Â?‰‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‹•’ǥ‡…Š‡‰‘†‡†‡Ž ’ƒ–”‘…‹Â?‹‘†‡‹…‘Â?—Â?‹†‹”‡Â?‘ǥƒ”ˆ‘‡‹•‘‰Â?‡ǥ†‡ŽŽƒ‘Â?—Â?‹–Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ †‹˜ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ†‡Ž‹Â?‡†‡Ž‘Â?•‘”œ‹‘‡”˜‹œ‹†‹ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒǤČ‹Â?Ç¤Â’Ç¤ČŒ


͙͞

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ƒ”†‘�‡ƒŽ”‘�’‹ƒ

ÂŽÍ›Í˜ÎťDz—–—Â?Â?‘Â?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÂŽÂ‡Çł Arriva a 30 edizioni lo storico “Autunno musicaleâ€? di Gardone, cresciuto anno dopo anno da quando nel 1982 si scommise sulla possibilitĂ che attorno alla magnificenza del ristrutturato e sontuoso organo della parrocchiale di San Marco Evangelista avrebbe potuto prender avvio un percorso artistico-musicale di spessore. “Grazie all’iniziale interessamento di soggetti privati – dice l’assessore alla Cultura William Fantini –, raccolti intorno all’allora parroco

e organista mons. Giuseppe Borra, all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Bondio e all’assessore alla Cultura Giorgino Entrata, ogni edizione ha permesso di offrire alla cittadinanza l’incontro con artisti, orchestre, cori di grande levatura nazionale e internazionale. Il pubblico ha avuto la possibilità di approfondire la propria cultura musicale e di accedere a una proposta culturale sempre piÚ elevata e mai disattesa dal direttore artistico, il maestro

Enrico Sandriniâ€?. Tra le novitĂ di quest’anno c’è la proposta di domenica 30 settembre con il “Quintetto d’ottoniâ€? dell’orchestra “Arturo Toscaniniâ€? di Parma in un programma vario che spazierĂ  dal periodo barocco fino all’epoca moderna (ore 20.45 all’auditorium della Pieve di Concesio). Sabato 6 ottobre toccherĂ  alla parrocchiale di Marcheno ospitare l’organista Alberto Barbetta in un concerto che inaugurerĂ  l’organo appena restaurato, mentre venerdĂŹ 19

ottobre presso la basilica di S. Maria degli Angeli a Gardone il concerto per organo e soprano in omaggio a mons. Giuseppe Borra con Enrico Zanovello e Cristina Baggio. Una lunga serie di appuntamenti che proseguiranno il 26 ottobre con un concerto per pianoforte, la rassegna di giovani artisti russi (3 novembre), il concerto per flauto, arpa e soprano (11 novembre) e la chiusura il 17 novembre con “Natale in Veneto� nella chiesa gardonese di San Marco. (a.a.)

 

ƒ”†‘Â?‡ƒŽ”‘Â?’‹ƒ Í?͘͘ƒÂ?Â?‹†‡ŽŽƒƒ•‹Ž‹…ƒ†‹Ǥƒ”‹ƒ†‡‰Ž‹Â?‰‡Ž‹

8QDQQRGLIHVWD SHUGLVWRULD  

&

hi, giunto in via Convento a Gardone Val Trompia, entra nella antica chiesa e giunge al presbiterio sulla parete destra nota subito una lapide con scolpita in latino la scritta: “Questa Basilica di S. Maria degli Angeli fu consacrata il 29 settembre del 1513â€?. Per celebrare il 500° anno che sta per cominciare, la Parrocchia di S. Marco con apposita commissione, supportata anche dai servizi culturali di ComunitĂ montana e Comune, ha programmato 12 mesi di eventi pubblici e religiosi. Il calendario è stato presentato dal parroco don Francesco Bazzoli mentre don Giuseppe Fusari, direttore del Museo Diocesano, ha tenuto una stimolante dissertazione su â€?Arte e spiritualitĂ  nella Basilica di S. Maria degli Angeliâ€?. Sabato 29, giorno della ricorrenza della consacrazione, sarĂ  il cardinale Giovanni Battista Re a dare il via agli eventi religiosi, presiedendo alle 17.30 la Messa. Domenica alle 16 Vespri e adorazione eucaristica. Poi prenderĂ  il via una intera settimana con tema “I Segni Sacramentaliâ€?. La storia dell’edificio religioso inizia nel 1442 quando S. Bernardino da Siena dei fra-

ÂŽ…ƒ”†Ǥ‡…‡Ž‡„”ƒŽƒƒÂ?–ƒÂ‡Â•Â•ÂƒÇĄ‹Ž͚ͥ•‡––‡Â?„”‡ ƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ç¤Í›Í˜ÇĄ‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”ÂƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘†‹ ˆ‡•–‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‹’‡””‹…‘”†ƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹˜‡”•ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ …‘Â?•ƒ…”ƒœ‹‘Â?‡…Š‹‡•ƒ…ƒ”ƒƒ‹˜ƒŽ–”—Â?’Ž‹Â?‹‡Â?‘Â?•‘Ž‘ ti Minori Osservanti sarebbe giunto a Gardone Val Trompia, due anni prima della sua morte all’Aquila. Certo è l’atto in data 20 aprile 1442 redatto in casa dei nobili Avogadro a Ponte Zanano con la donazione del terreno necessario ad erigere “... chiesa la quale sarĂ chiamata la Madonna degli Angeli ed anche il Conventoâ€? con diritto dei donatori d’essere sepolti nella chiesa e di innalzarvi il loro stemma. Il primo atto notarile relativo alla fabbrica affidata all’architetto Bernardino da Martinengo è del 1496: preesistente vi era sicuramente una cappella dedicata a S. Bernardino giĂ  elevato agli altari nel 1450. Accanto alla chiesa sorge il complesso conventuale che ripete le architetture del tempo: un quadrilatero con poche aperture esterne e splendido chiostro interno su due piani con sul lato nord la Basilica. Questa con l’ampia aula ad una

navata con tre cappelle sulla sinistra, ha presbiterio e abside ricco di notevoli affreschi. Nella lunetta centrale sta quello che raffigura la Madonna degli Angeli con in braccio il Bambin GesĂš: è datato 1502 e giudicato di scuola foppesca. Consacrata, vedrĂ la presenza costante nel convento dei francescani che saranno cacciati una prima volta nel 1798 “... per causa della MunicipalitĂ  gardonese tutta senza religioneâ€?. Ritornati a furor di popolo, saranno definitivamente allontanati nel 1803. Il parroco Giuseppe Borra ne ha curato il restauro completo negli anni 1970/75. Nel programma di celebrazioni definite da don Bazzoli di “memoria, cultura, arte e fedeâ€? che si susseguiranno ogni mese, spiccano anche i due giorni (23 e 24 marzo) del Fai con le visite guidate. Il compleanno, il 29 settembre 2013, sarĂ  festeggiato dal vescovo Monari.

‘˜‡œœ‘ ‹ˆˆ‡”‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂ–ÂƒÇŁ‰Ž‹‘„‹‡––‹˜‹ ƒÂ?„‹œ‹‘•‹†‡Ž‘Â?—Â?‡

ƒŽŽ‘•…‘”•‘͙ΝŽ—‰Ž‹‘‘˜‡œœ‘Šƒ’‡”ˆ‡œ‹‘Â?ƒ–‘‹Ž’”‘’”‹‘ •‹•–‡Â?ƒ†‹”ƒ……‘Ž–ƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–ƒǤ‘Â?‘‹Â?ˆƒ––‹•–ƒ–‹‹Â?–”‘nj †‘––‹‹…ƒ••‘Â?‡––‹ƒ…ƒŽ‘––ƒ’‡”‹”‹ˆ‹—–‹‘”‰ƒÂ?‹…‹‡‹Â?†‹ˆˆ‡”‡Â?ÇŚ œ‹ƒ–‹ǤÂ?ǯ‹Â?–‡‰”ƒœ‹‘Â?‡ƒ˜˜‡Â?—–ƒ’‡”ƒ†‡‰—ƒ”•‹ƒŽ†‡…”‡–‘ Ž‡‰‹•Žƒ–‹˜‘Â?ǤÍ?Íš†‡Ž͚͘͘͞…Š‡‹Â?’‘Â?‡†‹ƒ””‹˜ƒ”‡ƒŽÍžÍ?ÎŹ†‹ †‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–ƒ‡Â?–”‘‹Ž͙͛†‹…‡Â?„”‡͚͙͚͘ǤDz ÂŽ†ƒ–‘Č‚”‹ˆ‡”‹•…‡‹Ž •‹Â?†ƒ…‘Â?–‘Â?‹‘ƒœœƒÂ?‹Č‚‡”ƒƒÂ?…‘”ƒŽ—Â?‰‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â•Â‡Â”Â‡Â”ÂƒÂ‰ÇŚ ‰‹—Â?–‘’‡”‹ŽÂ?‘•–”‘‘Â?—Â?‡ǥ‡’”‘’”‹‘’‡”“—‡•–‘ƒ„„‹ƒÂ?‘ †‡…‹•‘†‹”‡Â?†‡”‡’‹Î‡ˆˆ‹…‹‡Â?–‡‹ŽÂ?‘•–”‘•‹•–‡Â?ƒ†‹”ƒ……‘Ž–ƒ †‡‹Â”Â‹ÂˆÂ‹Â—Â–Â‹ÇĄ†‹•–”‹„—‡Â?†‘•—Ž–‡””‹–‘”‹‘Â?‹Â?‹‹•‘Ž‡‡…‘Ž‘‰‹…Š‡ …‘Â?…‘Â?–‡Â?‹–‘”‹•–”ƒ†ƒŽ‹–”ƒ…—‹“—‡ŽŽ‹…‘Â?Žǯ‹Â?Â?‘˜ƒ–‹˜‘†‹•’‘nj •‹–‹˜‘ƒ…ƒŽ‘––ƒƒ’”‹„‹Ž‹‡•…Ž—•‹˜ƒÂ?‡Â?–‡–”ƒÂ?‹–‡…Š‹ƒ˜‡––ƒ ‡Ž‡––”‘Â?‹…ƒ’‡”•‘Â?ƒŽ‡Ǥ Â?–‘–ƒŽ‡ƒ„„‹ƒÂ?‘’”‡†‹•’‘•–‘͘͜ …ƒ••‘Â?‡––‹–”ƒ…ƒÂ?’ƒÂ?‡„‹ƒÂ?…Š‡’‡”ŽƒÂ…ÂƒÂ”Â–ÂƒÇĄ˜‡”†‹’‡”Â˜Â‡ÇŚ –”‘‡Žƒ––‹Â?‡‡…ƒ••‘Â?‡––‹‰‹ƒŽŽ‹†‡•–‹Â?ƒ–‹ƒŽŽƒÂ’ÂŽÂƒÂ•Â–Â‹Â…ÂƒÇ˘•‘Â?‘ ‹Â?˜‡…‡͘͞“—‡ŽŽ‹†‘–ƒ–‹†‹•‹•–‡Â?ƒƒÂ…ÂƒÂŽÂ‘Â–Â–ÂƒÇĄ•—††‹˜‹•‹Â?‡‹

…Žƒ••‹…‹…‘Ž‘”‹ǣÂ?ƒ””‘Â?‡’‡”ÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹…‘ȋ“—‹˜ƒÂ?Â?‘—–‹Ž‹œœƒ–‹ •ƒ……Š‡––‹…‘Â?Â’Â‘Â•Â–ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‹ČŒ‡‰”‹‰‹‘’‡”Žƒ’ƒ––—Â?‹‡”ƒ‹Â?Â†Â‹ÂˆÇŚ ˆ‡”‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂ–ÂƒÇłÇ¤Â?ƒ•‘Ž—œ‹‘Â?‡…Š‡–”ƒ‹˜ƒÂ?–ƒ‰‰‹ƒÂ?Â?‘˜‡”ƒŽƒ ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹ƒ’’Ž‹…ƒ”‡‹Â?ˆ—–—”‘—Â?ƒ–ƒ”‹ˆˆƒ’”‘’‘”œ‹‘Â?ƒŽ‡ƒ‹ …‘Â?ˆ‡”‹Â?‡Â?–‹‹Â?†‹˜‹†—ƒŽ‹‡†‹Ž‹Â?‹–ƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂ’’‘”–‘•—Ž–‡””‹–‘”‹‘ †‹”‹ˆ‹—–‹’”‘†‘––‹‹Â?ƒŽ–”‹‘Â?—Â?‹ǤDz ÂŽ…ƒ••‘Â?‡––‘ƒ…ƒŽ‘––ƒČ‚ ’”‘•‡‰—‡‡…‘Â?…Ž—†‡‹Ž’”‹Â?‘…‹––ƒ†‹Â?‘†‹‘˜‡œœ‘Č‚ÂƒÂ„Â„Â‹ÇŚ Â?ƒ–‘ƒŽŽƒ…Š‹ƒ˜‡‡Ž‡––”‘Â?‹…ƒ°—Â?˜‡”‘‡’”‘’”‹‘ǎ…‘Â?–ƒ–‘”‡ †‡‹Â”Â‹ÂˆÂ‹Â—Â–Â‹ÇŻ…Š‡…‘Â?•‡Â?–‹”Â?‹Â?ˆ—–—”‘†‹’ƒ‰ƒ”‡‹Ž•‡”˜‹œ‹‘‹Â? ’”‘’‘”œ‹‘Â?‡ƒ‹”‹ˆ‹—–‹‹Â?†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–‹‡ˆˆ‡––‹˜ƒÂ?‡Â?–‡…‘Â?ÂˆÂ‡ÇŚ ”‹–‹Ǥ Â?’‡‰Â?ƒ”•‹Â?ƒ‰‰‹‘”Â?‡Â?–‡Â?‡ŽŽƒ”ƒ……‘Ž–ƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–ƒ •ƒ”Â?…‘Â?˜‡Â?‹‡Â?–‡Â?‘Â?•‘Ž‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?„‹‡Â?–‡ǥÂ?ƒƒÂ?…Š‡’‡” ‹Ž’‘”–ƒˆ‘‰Ž‹‘Ǥ ÂŽÂ?‘†‡ŽŽ‘…‘Â?‹ǎ…ƒ••‘Â?‡––‹ƒÂ…ÂƒÂŽÂ‘Â–Â–ÂƒÇŻƒ„‹–—ƒ ƒ…‘Â?’ƒ––ƒ”‡‹Â”Â‹ÂˆÂ‹Â—Â–Â‹ÇĄ”‹†—…‡Â?†‘†”ƒ•–‹…ƒÂ?‡Â?–‡‹ŽÂ?—Â?‡”‘ †‹“—‡ŽŽ‹…‘Â?ˆ‡”‹–‹‹Â?Â†Â‹Â•Â…ÂƒÂ”Â‹Â…ÂƒÇĄˆƒ…‡Â?†‘…‘•¿…ƒŽƒ”‡‹Ž…‘•–‘ ƒ…ƒ”‹…‘†‡ŽŽƒ…‘ŽŽ‡––‹˜‹–Â?dzǤ

       

‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ”‘–‘…‘ŽŽ‘†ǯ‹Â?–‡•ƒ…‘Â?ÂŽÇŻ•Ž

/R6SRUWHOORXQLFR VLSDJDDQFKHRQOLQH Ăˆ stato firmato lunedĂŹ 24 settembre il Protocollo di intesa tra l’Asl di Brescia e la ComunitĂ montana di Valle Trompia per il pagamento elettronico dei diritti di istruttoria per le pratiche dello Suap (Sportello unico attivitĂ  produttive). Un accordo volto a fornire una piĂš efficiente e rapida modalitĂ  nelle risposte alle istanze dei cittadini. “Si tratta del primo caso in Lombardia di istituzione del servizio di pagamento online per questo tipo di pratiche da parte della Pubblica amministrazione – dice Fabrizio Veronesi, responsabile dell’area tecnica dell’ente sovracomunale –. Un esempio virtuoso e concreto dell’applicazione delle leggi vigenti in materia di digitalizzazione e semplificazione dell’azione amministrativa. In particolare, i decreti impongono ai comuni l’obbligo di istituire un ufficio unico cui fanno riferimento tutti i procedimenti del proprio territorio legati alle attivitĂ  produttiveâ€?. Il Suap, che comprende commercio, servizi e attivitĂ  manifatturiere e produttive, deve acquisire per conto dell’utente tutte le autorizzazioni e i nulla osta necessari per l’avvio (o la modifica o la chiusura) di un’attivitĂ  (Scia), evitando al cittadino di doversi recare presso tutti gli enti che hanno una parte di competenza sul procedimento (tra questi anche l’Asl). Un Suap che in Valtrompia è gestito dalla ComunitĂ  montana, per dare aiuto operativo ai comuni che non hanno la forza economica e le conoscenze tecnologiche per affrontare questo passo strategico. “Secondo dati statistici della Camera di Commer-

cio di Brescia – prosegue l’architetto Veronesi – il bacino di utenza della Valtrompia ha prodotto un volume di circa 2.000 pratiche l’anno. Almeno la metà di queste sono interessate dal pagamento di diritti Asl per i sopralluoghi o l’istruttoria di competenza. Il nuovo sistema (operativo da ottobre) permette la condivisione telematica delle informazioni tre le due amministrazioni, e l’utente che si rivolgerà al Portale Suap avrà il vantaggio di poter esaurire in un unico sito (www.suap. valletrompia.it) le incombenze per la presentazione della pratica�. (a.a.)

ÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â”Â†Â‘’‡”‹Ž ’ƒ‰ƒÂ?‡Â?–‘‡Ž‡––”‘Â?‹…‘ ’‡”Â?‡––‡—Â?ƒ”‹•’‘•–ƒ ’‹Î‡ˆˆ‹…‹‡Â?–‡ƒŽŽ‡ ‹•–ƒÂ?œ‡†‡‹…‹––ƒ†‹Â?‹


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

Í™Í&#x;

ƒ”‡œœ‘

ÂŽ‰–˜—‘Ž‡”‹†—””‡‹Ž…‡Â?‡Â?–‘ Un Piano regolatore ben studiato può determinare il destino urbanistico di un paese e incidere sulla vivibilitĂ dei cittadini che devono nascere. Uno strumento fondamentale che a Sarezzo è stato presentato con importanti paletti da tenere in considerazione. Il sindaco Massimo Ottelli ha parlato di un dispositivo che ruota attorno a un fulcro inderogabile: una diminuzione di ediďŹ ci sul territorio. Una direttiva che l’Amministrazione

comunale saretina intende seguire fermamente nel vagliare il documento ďŹ nale del Pgt, anche in considerazione delle 120 istanze presentate dai cittadini. Una disamina delle richieste di cui tener conto nella redazione di un piano che accoglierĂ progetti giĂ  in cantiere: l’ampliamento di via San Bernardino a Noboli, la realizzazione della bretella verso Polaveno sulla Sp 345 (la questione dipende dalle risorse della Provincia) e una rideďŹ nizione

dell’incrocio di Ponte Zanano, la modiďŹ ca di via Bailo, la riqualiďŹ cazione dell’ex oratorio di San Nicola, dove verrebbero ospitati altri ufďŹ ci comunali e spostata la sede della polizia. Progetti che riguarderanno il rifacimento della scuola elementare di Ponte Zanano, la realizzazione di un’area camper in via Seradello, dove oggi sorge un parcheggio; quindi l’idea di un parco pubblico in localitĂ Cagnaghe e di uno attorno al cimitero di Zanano. “L’iter per l’approvazione

del Pgt – dice il sindaco Massimo Ottelli – è iniziato con l’avvio del procedimento e la prima raccolta delle proposte e il contestuale avvio del procedimento di Vas del Documento di piano. Nella prima conferenza di Vas sono stati incontrati gli Enti sovracomunali e le associazioni. A breve sarà convocata una seconda conferenza per valutare, mediante il Rapporto ambientale, le scelte d’indirizzo anche relative alle trasformazioni territoriali proposte�. (a.a.)



ƒ‹Ž‹Â?ƒ†‹‹ŽŽƒƒ”…‹Â?ƒ ‹Â?‘ƒŽÍ&#x;‘––‘„”‡

,OSDWURQRGDULFRUGDUH  

6

i è aperta lo scorso 17 settembre la festa che Cailina ogni anno dedica a S. Michele Arcangelo, con una serie di appuntamenti che faranno della frazione di Villa Carcina un attivo luogo di ritrovo fino al prossimo 7 ottobre. Una lunga festa che, dopo l’iniziale settimana di tornei e di spunti di riflessione con alcune conferenze e dibattiti (fra gli altri quello con don Adriano Santus, cappellano della casa circondariale di Brescia dal 1991), proseguirà giovedÏ 27 alle ore 20.30 con il torneo di bocce per giovani e adulti all’interno delle sfide che le contrade della frazione stanno disputando per la conquista del titolo 201; e venerdÏ sempre al medesimo orario ci sarà l’esibizione di calcio femminile. Sabato 29 settembre sarà un pomeriggio tutto da vivere in oratorio e dedicato ai piÚ piccoli con tornei di tiro alla fune, palla bollata e

    

‹°ƒ’‡”–ƒŽ‘•…‘”•‘Í™Í&#x; •‡––‡Â?„”‡Žƒˆ‡•–ƒ…Š‡ ƒ‹Ž‹Â?ƒ‘‰Â?‹ƒÂ?Â?‘†‡†‹…ƒ ƒǤ‹…Š‡Ž‡”…ƒÂ?‰‡Ž‘

bandierina, mentre alle 18 si terrà una S. Messa in onore al 45° anniversario di ordinazione sacerdotale di don Pierino Ongaretti; poi, dalle 18.30 apertura dello stand gastronomico e in serata l’atteso

appuntamento con il palo della cuccagna. Una cornice di eventi che ruota attorno alla ricorrenza ufficiale di domenica 30 settembre, quando San Michele sarà ricordato con una S. Messa solenne alle ore 10.30 in parrocchiale, prima di un pomeriggio di divertimento per i bambini con i giochi gonfiabili in oratorio e dalle 14.30 con l’apertura della pesca di beneficenza. E nella prima settimana di ottobre si continuerà con i giochi (briscola, ping pong, scala 40). VenerdÏ 5 l’incontro formativo con Roberto Merli, presidente dell’Associazione vittime della strada, sabato 6 alle ore 20 una S. Messa e nel saloncino dell’oratorio cena e asta dei cuscini fatti a mano dalle parrocchiane, prima di chiudere i festeggiamenti domenica 7 ottobre alle 10.30 con la S. Messa. Quindi, alle ore 15 la gara di torte in oratorio, la tombolata e alle 20 la proclamazione della contrada vincitrice.

‘Â?…‡•‹‘ Dz‘Ž˜‡”‡ †‹•’‡”ƒÂ?ÂœÂƒÇł

‹—Â?‰‡ƒŽÍ™Í˜ÎťƒÂ?Â?‘ Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡–”ƒ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‡ Dz‡•–‡ŽŽ‡dz‡‹Ž‘Â?—Â?‡†‹ ‘Â?…‡•‹‘‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ‡––‹Â?ƒÂ?ƒÂ?‘Â?–‹Â?‹ƒÂ?ƒǤ …‘Â?‡†ƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡°’”‘’”‹‘ ÂŽÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‡Â•Â–Â‹Â?‡Â?–‘…—”ƒ–‘†ƒ ƒ”Â?‡Žƒ‡”—……Š‡––‹ǥ ƒ—•–‘ ‘”‡•…Š‹‡Â?–‘Â?‹‘’‹Â?‹ƒ ‹Â?ƒ—‰—”ƒ”‡ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘…—Ž–—”ƒŽ‡Ǥ Â?ƒÂ?‘•–”ƒ‹Â?–‹–‘Žƒ–ƒ Dz‘Ž˜‡”‡†‹•’‡”ƒÂ?ÂœÂƒÇł‡ ”‡ƒŽ‹œœƒ–ƒ†ƒŽŽƒ•…—Ž–”‹…‡ ‘Ž‘”‡•”‡˜‹–ƒŽ‹…‘Â?Žǯ‹Â?–‡Â?–‘ †‹…‘Â?†—””‡—Â?ƒ’‘‡–‹…ƒ •—ŽŽǯ—‘Â?‘Ǣ‹Â?•–ƒŽŽƒœ‹‘Â?‹ •…—Ž–‘”‡‡…Š‡Â?‡‹†—‡Ž—‘‰Š‹ •ƒ…”‹•‹Â?‘•–”ƒÂ?‘‹Â?ˆ‹‰—”‡ …Š‡”‹…‘”†ƒÂ?‘ÂŽÇŻÂ‡ÂŽÂ‡Â‰ÂƒÂ?–‡ Â?‘Â?—Â?‡Â?–ƒŽ‹–Â?†‹ƒÂ?ÂœĂŽÇĄ Žǯ‡•–”‡Â?ƒƒ•…‹—––‡œœƒ ˆ‘”Â?ƒŽ‡†‹‹”‰‹Â?‹‘‹Â?‹Â?ƒ‰Š‹ ‘“—‡ŽŽ‡’‘”–ƒ–‡ƒ‹Ž‹Â?‹–‹ †‡ŽŽ‘•‰”‡–‘ŽƒÂ?‡Â?–‘ˆ‹•‹…‘ †‹Ž„‡”–‘ ‹ƒ…‘Â?‡––‹Ǥƒ Â?‘•–”ƒ°˜‹•‹–ƒ„‹Ž‡Â?‡ŽŽƒ …Š‹‡•‡––ƒ†‹ƒÂ?–ǯÂ?†”‡ƒƒ ‘Â?…‡•‹‘‡‹Â?ƒÂ?‡Â?‘Â?‡ƒ ”‡•…‹ƒ–—––‹‹‰‹‘”Â?‹ȋ‡•…Ž—•‘‹Ž Ž—Â?Â‡Â†ÂżČŒˆ‹Â?‘ƒŽÍ&#x;‘––‘„”‡†ƒŽŽ‡ ‘”‡͙͞ƒŽŽ‡͙ͥǤ


Í™Í

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ƒ˜ƒ”†‘ ‹’ƒ”–‡Dz ‡Â?‹–‘”‹‹Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘dz

†”‘

�…‘�–”‘†‹ˆ‘”�ƒœ‹‘�‡’‡”‹‰‡�‹–‘”‹

GiovedĂŹ 27 settembre alle ore 20.30 presso l’auditorium C. Zane (via Quarena 8) parte la quarta edizione del percorso formativo denominato “Genitori in cammino 2012 2013â€?. Il progetto è realizato dall’Associazione genitori insieme al Comitato genitori e all’Istituto Comprensivo in collaborazione con l’Ac Gavardo e l’associazione Resilience e con il contributo dell’Amministrazione comunale. Lo scopo del progetto, che prosegue ďŹ no ad aprile 2013,

L’ adolescenza è una fase della vita caratterizzata dalla ricerca della propria identitĂ . Questo processo di crescita è raramente indolore sia per l’adolescente che per i genitori. MartedĂŹ 2 ottobre alle 20.30 nell’aula magna dell’istituto “Giacomo Perlascaâ€? di via Treviso 26 è in programma un incontro formativo. La ComunitĂ  montana di Valle Sabbia e l’istituto Perlasca invitano i genitori con ďŹ gli dai 14 ai 19 anni a una serata sul tema

è di sostenere la genitorialitĂ e l’educazione dei ďŹ gli nelle varie fasce d’etĂ  che vanno dall’infanzia all’adolescenza. Intrecciare un rapporto piĂš stretto e collaborativo con la scuola, istituto fondamentale per l’educazione e lo sviluppo dei ďŹ gli con l’intera comunitĂ  educante. L’obiettivo ďŹ nale è quello di promuovere la conoscenza e la solidarietĂ  fra le famiglie e le realtĂ  educative del territorio con incontri e percorsi formativi.

“Genitori e Figliâ€?. Intervengono la dott.ssa Mariella Bombardieri (psicopedagogista e formatrice) e il dott. Angelo Mattei (Pedagogista e Counselor Cooperativa Il Calabrone). Seguiranno tre incontri di formazione nelle serate del 9, del 16 e del 23 ottobre. L’adolescenza è una fase caratterizzata da frequenti conitti con i genitori. Questi conitti, se non sono spinti all’eccesso, hanno una valenza positiva e di crescita.

  

‘Â?ƒ–‘Â?’”‘‰‡––‘‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻÂ?ˆˆƒ•

$SSUHQGLVWLYLWLFROWRUL    

8

n progetto che fa sentire i nostri ragazzi vivi, che li aiuta a capire che non sono soli, che li motiva a crescere nella societĂ â€?. Nelle parole di Gianfranco Bertolotti, presidente Anffas di Desenzano, è racchiuso il senso del progetto “Apprendisti viticoltoriâ€? nato da un’idea del Centro Socio Educativo gardesano e che ha trovato accoglienza e supporto da parte di Coldiretti Brescia, dell’azienda vinicola “La Perla del Gardaâ€? di Lonato e del ristorante “Desenzaninoâ€? di Desenzano, gestito dalla cooperativa sociale “La Cascinaâ€?. Una trentina di persone, 18 ragazzi ospitati nelle strutture del centro e i loro accompagnatori, sarĂ  impegnata, per un paio di giorni, nei vigneti dell’azienda lonatese nella vendemmia, proseguirĂ  poi all’interno con la fase di spremitura e la conoscenza del ciclo di lavorazione del vino. SeguirĂ  infine tutta la produzione, dall’imbottigliamento all’etichettatura. Tutte queste fasi avverranno nella massima sicurezza grazie ad un protocollo studiato ad hoc, in contemporanea e in contiguitĂ  con la normale attivitĂ  dell’azienda, con i ragazzi immersi nell’atmosfera lavorativa e sociale del contesto vitivinicolo delle colline moreniche. Il prodotto che nascerĂ  sarĂ  poi utilizzato per creare una pic-

    

ÂŽ’”‘‰‡––‘Šƒ–”‘˜ƒ–‘‹Ž •—’’‘”–‘†‹‘Ž†‹”‡––‹ǥ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ˜‹Â?‹…‘Žƒ Dzƒ‡”Žƒ†‡Ž ÂƒÂ”Â†ÂƒÇł†‹ ‘Â?ƒ–‘‡†‡Ž”‹•–‘”ƒÂ?–‡ Dz‡•‡Â?œƒÂ?‹Â?‘dz cola linea di vino, con una speciale etichettatura alla cui creazione parteciperanno gli stessi ragazzi con le loro elaborazioni grafiche. Giovanna Prandini, titolare della cantina situata lungo la strada che collega Lonato al Santuario della Madonna della Scoperta, ha accolto con entusiasmo il progetto perchè “crediamo

che queste iniziative siano in grado di rimuovere ostacoli culturali e favorire l’inclusione sociale e l’uguaglianza tra le persone. In questo senso l’attivitĂ vitivinicola si presta ad aumentare le autonomie relazionali con grande soddisfazione e felicitĂ  dei ragazzi coinvoltiâ€?. Ettore Prandini, presidente Coldiretti Brescia, spiega l’adesione convinta dell’associazione per una iniziativa che è rivolta al sociale e che guarda con lungimiranza al concetto di ‘filiera corta’. “Il vino che nascerĂ  dal progetto “Apprendisti viticoltoriâ€? sarĂ  inserito nel menĂš del ristorante Desenzanino e farĂ  il suo debutto alla prossima edizione di Vinitaly, per far conoscere l’iniziativa al grande pubblico e contribuire a

modificare la percezione e la cultura che la societĂ ha nei confronti della persona diversamente abileâ€?. Con questa nuova iniziativa prosegue l’opera dell’Anffas di Desenzano che, a partire dalla sua costituzione avvenuta nel 1980, ha sempre svolto un importante ruolo di stimolo e di impulso perchè la persona disabile abbia pari dignitĂ  sociale. Il centro oggi accoglie una settantina di persone adulte con compromissione del funzionamento intellettivo, al momento non collocabili in ambiente lavorativo, ma che possiedono capacitĂ  relazionali, di comunicazione e margini di autonomia che possono essere sviluppati in ambienti ‘normali’.

ƒ‰‘†‹ ƒ”†ƒ

‹‘˜ƒ�‹’ƒœ‹‡�–‹ ’‡”Žƒ˜‡Žƒ

ÂŽ ƒ”†ƒŠƒ‘•’‹–ƒ–‘Žƒˆ‡•–ƒ †‡ŽŽƒÂ˜Â‡ÂŽÂƒÇĄ‡˜‡Â?–‘…ƒ”‹…‘†‹ •‹‰Â?Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ–Â‹ÇĄ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹‹ ‰‹‘˜ƒÂ?‹’ƒœ‹‡Â?–‹†‡‹”‡’ƒ”–‹†‹ ‘Â?…‘nj‡Â?ƒ–‘Ž‘‰‹ƒ’‡†‹ƒ–”‹…ƒ †‡ŽŽǯ•’‡†ƒŽ‡†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ ‰Ž‹•Â?‹’’‡”†‡ŽŽƒ•“—ƒ†”ƒ ˜‡Ž‹…ƒ†‹ ƒ”†ƒ‡‡„‹Â?‘ǥ‹ …ƒÂ?’‹‘Â?‹†‡ŽÂ?‘Â?†‘†‡ŽŽǯ• Â‡Â˜ÂƒÇĄ‹ŽÂ?ƒ†‡”Â?‡•‡‡‘ –‘……Š‡”‘‡†‹Ž•—‘’”‘†‹‡”‡ǥ ‹Ž‰ƒ”‰Â?ƒÂ?‡•‡—…ƒ‹”‰‡Â?–‹ǥ Žƒ‰‹‘˜ƒÂ?‹••‹Â?ƒ‡„‹Â?ƒ ƒ”‰Š‡”‹–ƒ‘””‘ǥƒ••‹Â?‘ ‹‰Š‡ǥ—Â?‘†‡‰Ž‹•Â?‹’’‡” †‡Ž‘Â?ƒ”†‡ŽŽƒƒÂ?‘––‹‡”‹

ƒ”†ƒƒŽŽ‡ƒ”ƒŽ‹Â?’‹ƒ†‹ †‹‘Â?Â†Â”ÂƒÇĄ‹”ƒ‰ƒœœ‹†‡ŽŽ‡ •“—ƒ†”‡’–‹Â?‹–‡‹…†‹

ƒ”‰Â?ƒÂ?‘ǥ‡‰ƒƒ˜ƒŽ‡ Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇŚ‡•‡Â?œƒÂ?‘ǥÂ?• —ŽœƒÂ?‘‡‘•…‘ŽƒÂ?‘nj ƒ†‡”Â?‘ǥ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒŽ†‹ ƒŽ–”‡†‹•…‹’Ž‹Â?‡’”‹Â?‘–”ƒ –—––‹‹Ž‰”ƒÂ?†‡…—‘”‡†‡Ž ƒ’‹–ƒÂ?‘†‡Ž”‡•…‹ƒƒ”…‘ ƒÂ?„‡ŽŽ‹ǥŽƒ•‹Â?’ƒ–‹ƒ†‹ …ƒ’‹–ƒÂ?‡Â?–‘•ƒ†‹–”‹•…‹ƒ ŽƒÂ?Â‘Â–Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇĄÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ —”„‘–—„„‹‡•†‹‘Ž‘”ƒ†‘ ƒˆ°ǤƒŠ‹Ž†”‡Â?™‹Â?†…—’nj ‡Â?–‘Â?‹‰Ž‹ƒ†‡‹”ƒ‰ƒœœ‹Šƒ ‘ˆˆ‡”–‘—Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒƒ˜ƒ”ƒ†‹ ˜‡Â?–‘ǥÂ?ƒ”‹……ƒ†‹•‹‰Â?Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ–Â‹ÇĄ —Â?•‘””‹•‘‘ˆˆ‡”–‘ƒ‹’‹……‘Ž‹ †ƒŽŽƒ‰‡Â?–‡†‡ŽÂŽÂƒÂ‰Â‘ÇĄƒÂ?œ‹†‡‹ ÂŽÂƒÂ‰ÂŠÂ‹ÇĄ…‘Â?’”‡•‹‰Ž‹•Â?‹’’‡”†‹ Dz‡ƒÂ?‘”Â?dzǥ‰Ž‹•˜‹œœ‡”‹†‡Ž Žƒ‰‘†‹ ‹Â?‡˜”ƒ…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ ”‹…‡˜—–‘’‡”ÂŽÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡‹Ž –”‘ˆ‡‘†‡ŽŽƒ—Ž–‹‡Â?–‘ǥŽƒ …‘’’ƒ†‡†‹…ƒ–ƒƒ ‹‘”‰‹‘ —……‘Ž‹Ǥ

   

 

´2OWUHOHQXYROH¾ Senti il desiderio o il bisogno di condividere con altri il tuo dolore per essere capito e ascoltato? Ti senti isolato nel tuo dolore? Non conosci nessuno che sta vivendo con una persona affetta da disagio psichico? A queste domande ci sono delle risposte che si possono tradurre in alcune parole chiave: sostegno, solidarietà , sincerità, spontaneità e speranza. A volte,

però, ci si può trovare disorientati senza sapere come muoversi nella difďŹ coltĂ . L’Assessorato ai servizi sociali del Comune di Bedizzole, in collaborazione con la Provincia di Brescia, annuncia la nascita di un nuovo progetto assistenziale dedicato a tutte quelle famiglie che devono fare fronte alla sofferenza di un parente con disagio psichico, o coloro che sentono il bisogno di condividere il proprio dolore con la certezza di essere capiti. Ora queste persone non sono piĂš sole grazie al Gruppo “Oltre Le Nuvoleâ€? che si propone come nuovo punto di riferimento ed aiuto per coloro che si trovano a fronteggiare il dolore in ogni sua sfumatura, anche di una persona cara, grazie ad un percorso speciďŹ co di mutua assistenza. “Oltre Le Nuvoleâ€?, Associazione

Ama di auto - mutuo - aiuto, è nata a Bedizzole lo scorso febbraio ed ora sta muovendo i primi passi per raccogliere un numero maggiore di membri. L’intenzione dei partecipanti, che mantengono vivo il loro impegno programmando le attività di ciascun incontro, è quella di favorire il piÚ possibile l’ingresso di nuove persone grazie al sostegno professionale del dott. Nobili e del dott. Seggioli. L’Ama è nata Montichiari nel 1997 e da allora si è sviluppata in altre sedi nelle provincie di Brescia, Mantova e Cremona seguendo l’esempio di Peter Kropotkin. Gli incontri, alle 17.30 di ogni primo e terzo GiovedÏ del mese presso i locali di San Vito in Bedizzole, affrontano tematiche di grave problematicità come il divorzio, il lutto o la malattia, cercando di ri-

stabilire la salute mentale dell’individuo anche con il solo stare assieme. “Oltre Le Nuvoleâ€? vuole farsi conoscere e consentire ad altre persone che si trovano nella medesima condizione di poter trovare un valido sostegno. Se le reti sociali di oggi mancano di vera solidarietĂ e condivisione che allevia l’anima, L’Associazione punta sulla forza della condivisione, della disponibilitĂ  e della speranza dalle quali può nascere un desiderio nuovo di ritrovarsi ancora e di stare insieme, andando cosĂŹ “oltre le nuvoleâ€?. Per maggiori informazioni, soi può contattare il Gruppo di automutuo-aiuto per la salute mentale “Oltre Le Nuvoleâ€? tel. 327/6691816 oppure l’UfďŹ cio servizi sociali del Comune di Bedizzole 030/6871700 - 030/6873105.


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͙ͥ

‘……‘†‹”„—•…‘ ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?ƒ……‘‰Ž‹‡Žƒƒ†‘Â?Â?ƒ†‹ ƒ–‹Â?ƒ In questo anno speciale nel quale il Papa ha indetto l’Anno della fede, la parrocchia di San Lorenzo Martire in Zocco, ha pensato di introdursi invitando la statua della Madonna pellegrina di Fatima. II messaggio di Fatima, che riflette il Vangelo, sottolinea i seguenti punti: la conversione permanente; la preghiera e specialmente la recita della Corona del Santo Rosario; il senso di responsabilitĂ

collettiva e la pratica della riparazione. Oltre ad essere un privilegio è occasione per rafforzare la devozione mariana e l’affidamento a Lei di tutta la comunità parrocchiale. La statua arriverà domenica 30 settembre alle 19.30 dalla vicina parrocchia di Cologne portata dagli Alpini, accompagnata dai corpi musicali delle rispettive comunità. L’intenso programma prevede specifici incontri per famiglie, ragazzi, giovani

e malati. Nel pomeriggio di domenica 7 ottobre, festa della Madonna del S. Rosario saluteremo solennemente la statua della Madonna che partirà , dopo la Messa delle 15.30, con l’elicottero alla volta di Clusane nelle opere di carità fondate da don Pierino Ferrari. Provvidenzialmente proprio il giorno 7 di ottobre ricorre il 5° anniversario dell’ingresso del parroco don Dario Pedretti nella parrocchia di Zocco.

    

ƒŽƒœœ‘Ž‘ ͘͜ƒ��‹†‹‘”�—�

/DJLRLDQHOGDUH ÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡†‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘…‘•–‹–—‹–ƒÂ?‡Ž͙ͥÍ&#x;͚ǥ‰”ƒœ‹‡ƒŽ•‘•–‡‰Â?‘‹Â?‹œ‹ƒŽ‡†‡Ž ’ƒ””‘…‘Â?‘Â?•Ǥ ƒ—•–‹Â?‘ —‡”‹Â?‹ǥŠƒ•ƒ’—–‘ƒŽŽƒ”‰ƒ”‡Ž‡•—‡ˆ‹Žƒ‡Žƒ•—ƒ’”‡•‡Â?œƒ   

8

na giornata piena, dedicata alla rievocazioni e alla riflessione su 40 anni di storia rivolta al sociale di Palazzolo, con il tema: “Il volontariato regala colore e calore alla vitaâ€? quella di domenica 23 settembre, che ha dato modo ai responsabili e ai volontari dell’associazione “Cor Unumâ€? di esprimere, alla fine della giornata, una grande soddisfazione e uno stimolo in piĂš per continuare nel loro impegno quotidiano. La giornata del 40° anniversario è stata un’occasione per “capitalizzareâ€? questa energia e farla conoscere alla cittadinanza, per favorire un proficuo scambio di esperienze, di competenze e per promuovere la partecipazione, in particolare, delle giovani generazioni. Al mattino tutti i volontari si sono ritrovati presso il Centro diurno “G. Orsattiâ€?, dove alle ore 11 è stata celebrata la S. Messa, officiata da don Angelo Anni. Dopo il pranzo sociale, la compagine associativa si è trasferita presso l’Auditorium S. Fedele per gli appuntamenti in programma: la tavola rotonda, meglio una intervista pubblica, sul tema: “Nel servizio agli altri la persona costruisce la propria identitĂ â€?, la premiazione dei volontari emeriti e l’estrazione dei premi della lotteria. Si sono alternati una serie di interventi in risposta alle domande di Massimo Venturelli e intercalati dalle note musicali dei maestri Davide Bottarelli e Silvia MuscarĂ  del Centro di formazione musicale “Riccardo Moscaâ€?: hanno portato il loro contributo Urbano Gerola (presidente Csv), Diego Mesa (sociologo e responsabi-

ƒ”Â?‹…‘ Dzƒ…ƒ•–ƒ‰Â?ÂƒÂ–ÂƒÇłƒ•ˆ‘Â?†‘•‘…‹ƒŽ‡ ‡––‡Â?„”‡ǣ–‡Â?’‘†‹…ƒ•–ƒ‰Â?‡ǨĂˆ…‘•¿…Š‡‹Ž‰”—’’‘Dz˜‹•ÇŚ‘Ž‘Â?–ƒ”‹ÂƒÂ—–‘nj ƒÂ?„—ŽƒÂ?œƒƒ••‘‡„‹Â?‘dzǥ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻÂ?Â’ÂƒÂ•ÇĄŠƒ„‡Â?’‡Â?•ƒ–‘†‹ …‘Â?‹—‰ƒ”‡—Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ†‹•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?ÇĄ…‘Â?—Â?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘–‹’‹…‘ •–ƒ‰‹‘Â?ƒŽ‡‡–ƒÂ?–‘ƒ’’”‡œœƒ–‘†ƒ‹„—‘Â?‰—•–ƒ‹†‡‹‰‡Â?—‹Â?‹’”‘†‘––‹ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‘”nj ‰ƒÂ?‹œœƒÂ?†‘’‡”ŽƒÍšÍ?ÂŞ‡†‹œ‹‘Â?‡Žǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒÂ•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇŚÂ„Â‡Â?‡ˆ‹…ƒDzƒ…ƒ•–ƒ‰Â?ÂƒÂ–ÂƒÇłÇ¤ ƒ’”‘’‘•–ƒƒÂ?‹Â?‡”Â?‡ƒŽŽ‹‡–‡”Â?Žƒ…‡Â?–”ƒŽ‡’‹ƒœœƒ‡––‡Â?„”‡†‹ƒ”Â?‹…‘ ’‡”Žǯ‹Â?–‡”‘ˆ‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?ÂƒÇĄ†ƒ˜‡Â?‡”†¿ÍšÍ ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ͛͘•‡––‡Â?„”‡ǣŽǯ‹Â?–‡nj ”‘”‹…ƒ˜ƒ–‘†‡ŽŽ‡‹Â?˜‹–ƒÂ?–‹…ƒŽ†ƒ””‘•–‡†‹•–”‹„—‹–‡•ƒ”Â?‹Â?–‡”ƒÂ?‡Â?–‡†‡˜‘Ž—–‘ ƒ•‘•–‡‰Â?‘†‡‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ǤƒÂ?‘Â?ˆ‹Â?‹•…‡“—‹ǣƒŽ–”‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡•‘Â?‘‹Â?ˆƒ––‹‰‹Â? •–ƒ–‡’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ–‡’‡”‹’”‘••‹Â?‹‰‹‘”Â?‹ǥˆ‹Â?‘ƒÂ?‘˜‡Â?„”‡Ǥ”ƒŽ‡‹Â?Â?‹Â?‡Â?–‹ ‹Â?Â•Â…ÂƒÂŽÂ‡Â–Â–ÂƒÇŁ‹Žˆ‡•–‹˜ƒŽ†‹Ž‡––—”ƒDz ‹ƒ–‘ƒŽ‹„”‹dz‡‰Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡Â‘Â”Â‰ÂƒÇŚ Â?‹œœƒ–‹’‡”‘––‘„”‡†ƒŽŽƒ‹„Ž‹‘–‡…ƒ…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹ŽÍœÎť‘Â?˜‡‰Â?‘‹Â?Â?‡Â?‘”‹ƒ †‹ƒ”‹‘ƒˆˆ‹‹Â?‹ŽŽƒ—””‡†‹˜‹ƒ”‡†‘”‡ǥ‹Ž‘”Â?‡‘†‹‡Â?Â?‹•’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‡ ƒŽƒÂ?’‹‘Â?ƒ–‘ƒ•“—ƒ†”‡‡”‹‡͙Ȁ‡Ž‡†—‡”‡‰ƒ–‡˜‡Ž‹…Š‡’”‘Â?‘••‡†ƒŽ ‹”…‘Ž‘˜‡Ž‹…‘ƒ”Â?‹…‘ǣ‹ŽÍ&#x;‘––‘„”‡Žƒ

‘’’ƒ—–—Â?Â?‘͚͙͚͘‡‹ŽÍšÍ ‘–nj –‘„”‡‹Ž

ƒÂ?’‹‘Â?ƒ–‘‹Â?˜‡”Â?ƒŽ‡†‡Ž‡„‹Â?‘Ǥ ÂŽ͙͘Â?‘˜‡Â?„”‡ƒŽŽ‡͚͙‹Â? ’ƒ””‘……Š‹ƒ…Š‹—†‡”Â?‹Ž‘”‘Dz ÂŽÂƒÂ•Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‘Çł…‘Ž‘Â?…‡”–‘†‹ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘ǤČ‹ÂƒÇ¤Â•Ç¤ČŒ

‘Ž‘‰�‡

Â?Â?‘•–”ƒ‹’‹––‘”‹…‘Ž‘‰Â?‡•‹†ƒŽÍ™ÍĄÍ˜Í˜ƒ‘‰‰‹



Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ†‡†‹…ƒ–ƒ ƒŽŽƒ”‹‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‡‡ƒŽŽƒ ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—͘͜ƒÂ?Â?‹†‹ •–‘”‹ƒ”‹˜‘Ž–ƒƒŽÂ•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇŁ Dz ÂŽ˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘”‡‰ƒŽƒ …‘Ž‘”‡‡…ƒŽ‘”‡ƒŽŽƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇł le della promozione e formazione del volontariato giovanile della Caritas di Brescia) e padre Franco Inversini (dehoniano), che ha raccolto da mons Guerini l’ereditĂ dell’assistente spirituale dell’associazione, oggi parroco a Milano; hanno rappresentato per l’esercito dei volontari presenti vere e proprie lezioni magistrali, contributi formativi importanti con spunti sulla identitĂ  del volontario e del suo im-

pegno, sulle motivazione dell’attività svolta, sulla necessità dell’aggiornamento formativo e del rinnovamento dei volontari per la continuità, su uno sfondo sociale di autentica solidarietà, interpretata anche alla luce del Vangelo, sull’importanza della dimensione spirituale della personalità e dell’attività del volontario. Ognuno, per le sue competenze ed esperienze, ha saputo esaurire le materie proposte con spunti di interesse comune che hanno sottolineato la necessità di una testimonianza competente, motivata e rinnovata, ispirata ai principi e valori di solidarietà, trasparenza ma anche di attenzione alle istanze del mondo associativo che a sua volta deve incalzare la politica perchÊ intervenga sulle cause dei disagi.

‘”–‡ƒ’‡”–‡’‡”ŽƒDzÂ?–‘Ž‘‰‹…ƒ†‡‹’‹––‘”‹…‘Ž‘‰Â?‡•‹†ƒŽÍ™ÍĄÍ˜Í˜Ġ‘‰‰‹dz’‡Â?•ƒ–ƒ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡…—Ž–—”ƒŽ‡…ƒ˜Ǥ”‹•–‘ˆ‘”‘‘””‹ǥ‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡Ž˜‡Â?–‡Â?Â?ÂƒÇŚ Ž‡†ƒŽŽƒ’”‹Â?ƒ”ƒ••‡‰Â?ƒ†‡†‹…ƒ–ƒƒ‹’‹––‘”‹…‘Ž‘‰Â?‡•‹ǤÇŻÂ‡Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ǥƒŽŽ‡•–‹–ƒ Â?‡‹“—ƒ•‹͘͘͜Â?“†‡Ž…ƒ’ƒÂ?Â?‘Â?‡DzšÂ?‘–‘Â–Â‡Â”ÂœÂ‹Çł†‹˜‹ƒƒ”…‘Â?‹Í›Í?”‹Â?ƒ””Â? Ž‹„‡”ƒÂ?‡Â?–‡Â˜Â‹Â•Â‹Â–ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‡ÇŁÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż‡˜‡Â?‡”†¿†ƒŽŽ‡͚͘ƒŽŽ‡͚͛ǥ•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡Í™Í&#x;ÂƒÂŽÇŚ Ž‡͚͛‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ†ƒŽŽ‡͙͘ƒŽŽ‡͙͚‡†ƒŽŽ‡͙͞ƒŽŽ‡͚͛ǤDz”ƒ‹Í?Íœƒ”–‹•–‹…‘Â?–ƒ––ƒ–‹ Č‚Šƒ•’‹‡‰ƒ–‘ÂŽÇŻÂƒÂ”Â–†‹”‡…–‘”ƒˆˆƒ‡ŽŽ‘‘••‹ȋ‰‹Â?…—”ƒ–‘”‡Â?‡Ž͙͚ͥͥ†‡ŽŽƒ’”‡nj …‡†‡Â?–‡ƒÂ?Â–Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…ÂƒČŒČ‚•‹ƒÂ?‘”‹—•…‹–‹ƒ•–‹Â?‘Žƒ”Â?‡͛͞ǥƒ””‹˜ƒÂ?†‘Ġ‡•’‘””‡ …‘Â?’Ž‡••‹˜ƒÂ?‡Â?–‡‡‹Â?‘”†‹Â?‡†‹Â?ƒ•…‹–ƒȋ’‡”Â?‡‰Ž‹‘ˆƒ””‹•ƒŽ–ƒ”‡ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‘ÂŽÂ—ÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡–‡…Â?Â‹Â…Â‘ÇŚÂ•Â–Â‹ÂŽÂ‹Â•Â–Â‹Â…ÂƒÂ?‡Ž–‡Â?Â’Â‘ČŒ—Â?ƒ…ƒ””‡ŽŽƒ–ƒ†‹…‹”…ƒ…‡Â?–‘‘’‡”‡Č‹Â?ÂƒÂ•Â•Â‹ÇŚ Â?‘Í›’‡”ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–ÂƒÇĄƒ„„‹Â?ƒ–‡ƒ„”‡˜‡„‹‘‰”ƒˆ‹…ƒ‡ƒŽ–”‡–”‡ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ†ƒŽ…ƒ’‘•–‹’‹–‡ Ž‡••ƒÂ?†”‘ƒ”œƒÂ?‹Č‹Í™Í ÍĄÍšČŒƒŽŽƒ…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒ†‡•‹‰Â?‡”‹…Š‡Žƒƒ––ƒŽ‹Â?‹ ȋ͙ͥ͠Í?ČŒÇłÇ¤Dz‹–”ƒ––ƒ†‹—Â?“—ƒ†”‘†‹“—ƒ†”‹Č‚Šƒƒ‰‰‹—Â?–‘‘••‹Č‚Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â–Â–Â‹Â…Âƒ†‹ •–‹Â?‘Žƒ”‡‹Ž’ƒ‡•‡ƒŽŽƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ†‡ŽŽ‡•—‡’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â?ÇĄŽ‡‰ƒÂ?†‘Žƒ•–‘”‹ƒ ƒ”–‹•–‹…ƒƒ“—‡ŽŽƒ‹Â?†—•–”‹ƒŽ‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â’‘…ƒƒ…ƒ˜ƒŽŽ‘†‡ŽÇŽÍĄÍ˜Í˜ÇĄ‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—Â•Â’Â‹Â…Â‹Â‘†‹ †ƒ”’”‡•–‘Ž—…‡ƒ—Â?ƒŽÂ?ƒÂ?ƒ……‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â–Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…ÂƒÇłÇ¤Č‹ÂƒÇ¤Â•Ç¤ČŒ

     

´0\6SDFHÂľSHUJHQLWRULHLQVHJQDQWL “Può capitare di sentirsi disorientati, non sapere come affrontare una particolare situazione, non riuscire a trovare soluzioni oppure non sapere con chi parlarne e a chi rivolgersi... A volte, invece, si sente semplicemente il bisogno di un break, per fare il punto della situazione e chiarirsi con se stessiâ€?. In risposta a queste esigenze, è stato concepito il riservato e conďŹ denziale spazio d’ascolto “My Spa-

ceâ€?, gestito dalla professionista Nadia Liborio, psicologa- psicoterapeuta della cooperativa sociale “ComunitĂ Il Nucleoâ€? di Chiari e aperto a tutti i genitori e gli insegnanti degli alunni frequentanti l’Istituto comprensivo e la Scuola per l’infanzia “Urbani e Nespoliâ€? di Coccaglio. I colloqui (gratuiti, ma su appuntamento obbligatorio allo 030/7721190) avranno luogo nel-

la scuola secondaria di I grado un sabato mattina (dalle 8 alle 13) al mese (20 ottobre, 24 novembre e 15 dicembre) e nella scuola dell’Infanzia Urbani e Nespoli (su richiesta). Successivamente, sarà divulgato anche il calendario delle prossime date da gennaio a giugno 2013, mentre per chi fosse assolutamente impossibilitato il sabato mattina sarà possibile accordarsi direttamente con la segreteria.

Per maggiori informazioni, tutti gli interessati potranno liberamente partecipare a due serate di presentazione del progetto, incentrate sul tema “I desideri dei nostri ďŹ gliâ€?: martedĂŹ 30 ottobre alle 20.30 presso l’Istituto comprensivo e giovedĂŹ 8 novembre sempre alle 20.30, ma presso la Scuola dell’infanzia, dove s’inizieranno ad esplorare “bisogni, risorse e sďŹ de dell’essere genitori ed insegnanti oggiâ€?.


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͚͙

Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ ”‡•‡Â?–ƒ–ƒƒÂ?…Š‡—Â?ƒÂ?‘•–”ƒÂ•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…Â“Â—Âƒ Nel programma dell’ “Autunno gussagheseâ€?, momento di festa e di allegria ma anche di riscoperta di antiche tradizioni e del patrimonio artistico ed ambientale, vengono inserite iniziative proposte da associazioni operanti sul territorio diverse dalla Pro-loco. Quest’anno è stata la volta del gruppo Sentieri e del movimento “L’acqua non si vendeâ€?, che hanno organizzato

   

,QIHVWDWUDWHDWUR PXVLFDHIRONORUH    

/

Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‹˜‡”•‡ …‘Â?Â?‡†‹‡Â?‡ŽŽ‡ˆ”ƒœ‹‘Â?‹ ‡Ž‘…ƒŽ‹–Â?†‡Ž‘Â?—Â?‡ ˆ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–‹Â?‘ǥ‘Ž–”‡ ƒŽŽƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡•ˆ‹Žƒ–ƒ †‹…ƒ””‹ƒŽŽ‡‰‘”‹…‹

accompagnato da un bicchiere di vino e un assaggio d’uva, che a ďŹ ne giornata viene servito al prezzo di 13 euro. Per aderire alla degustazione gastronomica è gradita la prenotazione, che sarĂ possibile nelle serate in calendario e nella giornata di domenica 30 settembre in Piazza Vittorio Veneto per tutta la durata della festa. In alternativa è possibile rivolgersi allo 0302521800 o allo 0302770388.

    

‡•–ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ—˜ƒ Ž‹—Ž–‹Â?‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹

a 45ÂŞ edizione della Festa dell’uva e dell’autunno a Gussago, che fa da contenitore alle manifestazioni che la Pro-loco organizza, sta per giungere a completa realizzazione. Tutto è cominciato sabato 8 settembre con una commedia a Ronco di Gussago, prima frazione ospitante, per poi transitare da Civine, Navezze, Pièdeldosso, dove si sono rispettivamente esibite le compagnie teatrali “La ruotaâ€? di Gussago, il “Teatro del borgoâ€? di Borgo San Giacomo, il Gruppo “Don Angelo Tedoldiâ€? di Poncarale e il “Fil de ferâ€? di Villanuova sul Clisi. Lo spettacolo è continuato poi in piazza Vittorio Veneto con intrattenimenti musicali e con il servizio ristoro gestito dai volontari, che con la loro concreta disponibilitĂ collaborano con la Pro-loco. L’iniziativa culinaria, oltre a fornire i tradizionali piatti locali, serve anche a sostenere le spese di tutto il programma delle manifestazioni settembrine. Tra di esse spicca quella di sabato 15 settembre nel parco del vecchio giardino storico â€?Il terrazzo di Villaâ€? dove, per la prima volta dopo l’inaugurazione, si è trovato lo spazio per l’esibizione

un doppio appuntamento: oltre all’allestimento di una suggestiva mostra fotograďŹ ca, è stata anche organizzata una visita guidata “Ai luoghi dell’acquaâ€?, per conoscere meglio il territorio e stimolare una riessione su questo irrinunciabile e prezioso prodotto della natura. Il tutto si tiene nella cornice di giornate trascorse con parenti e amici a degustare il tipico spiedo con polenta,

della banda musicale “Santa Maria Assuntaâ€?, con un repertorio di classici brani musicali e particolari colonne sonore internazionali. Tutto questo verrĂ coronato dagli eventi dell’ultima settimana, tra i quali spiccano ulteriori commedie teatrali nelle contrade di Casaglio, Sale e Croce con le compagnie “Piccola ribaltaâ€? di Travagliato, “FontanĂŹ de Gionaâ€? di Paderno Franciacorta e il gruppo “Gtoâ€? di Zanano, oltre agli spettacoli musicali ancora in piazza Vittorio Veneto. Giovedi sarĂ  la volta di “Gussago’s talentâ€? che ospiterĂ  l’emergente cantante Elodea, cui si aggiunge la serata di ballo con “Andrea e Rosaâ€? e il tributo ai “Pink Floydâ€?. La conclusione è prevista per domenica 30 settembre con la grande sfilata dei carri allegorici che i contradaioli delle frazioni di Gussago hanno realizzato rispondendo al tema: “Quando il lavoro del contadino era‌ braccia forti e cervello finoâ€?. La parata sarĂ  arricchita dalla banda musicale di Gussago “Santa Maria Assuntaâ€? e dal coro locale “La zerlaâ€?, insieme ai tradizionali e colorati gruppi folkloristici “Gli sbandieratori & musici di Zevetoâ€? di Chiari e “I cuori ben natiâ€? di Rivoltella del Garda.


  œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

/$92&( '(/ 3232/2 ‹Â?‡Ž‹ŒƒČ‹…—–ƒ”‹͙͚ͥ͞njÂ?–”‘†‘…‘Í™ÍĄÍĄÍœČŒ†‹‘”‹‰‹Â?‡ ƒŽ„ƒÂ?‡•‡…‘Â?’‹‡‹•—‘‹•–—†‹ƒƒ‰ƒ„”‹ƒ“—‹Â?†‹•‹ –”ƒ•ˆ‡”‹•…‡ƒ‘Â?ƒ†‘˜‡…‘Â?‘•…‡’ƒ†”‡ƒ”Ž‘”‡Â?‘Â?ƒǤ ‘Ž–‡Ž‡•—‡Â?‘•–”‡‡Ž‡‘‡’”‡‡•’‘•–‡‹Â?†‹˜‡”•‹Â?—•‡‹ †‡ŽÂ?‘Â?†‘

  ÇĄ  Č?Í™ÍĄÍžÍ Ç§Í™ÍĄÍ&#x;Í?ȎǤ  ÇĄ  ČƒǤ

,/9$1*(/2 '(//$'20(1,&$ ;;9,'20(1,&$'(/7(03225',1$5,2 '$/9$1*(/26(&21'20$5&2 

In quel tempo, Giovanni disse a GesĂš: “Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perchĂŠ non ci seguivaâ€?. Ma GesĂš disse: “Non glielo impedite, perchĂŠ non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi. Chiunque infatti vi darĂ da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perchĂŠ siete di Cristo, in veritĂ  io vi dico, non perderĂ  la sua ricompensa. Chi scandalizzerĂ  uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anzichĂŠ con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anzichĂŠ con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anzichĂŠ con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingueâ€?.

Lo scandalo  

 

&

ontro. In un altro passo del Vangelo GesĂš dichiara beato chi riuscirĂ a non scandalizzarsi di lui: e lo scandalo è il paradosso di vedere sconfitto quello che si proponeva come il Salvatore, come il Messia. Da quel paradosso può uscire la fede, la possibilitĂ  di vedere al di lĂ  della sconfitta umana il disegno di Dio. Ăˆ uno scandalo possibile, anzi, necessario per portare alla maturitĂ  della fede, diverso dallo scandalo di cui parla qui GesĂš: in questo passo lo scandalo tocca i piccoli che credono, quelli che non sono ancora pronti per lo scandalo della fede, per quello che stanno ancora imparando a credere. Stanno all’inizio del cammino e, come bambini, devono imparare a stare in piedi, a muovere i primi passi. CosĂŹ lo scandalo, la provocazione, non può portare a nulla di buono, è solo provocazione, inciampo, ostacolo. Lui che provoca i grandi impone una grande umiltĂ  a vantaggio dei piccoli. Come a dire che la strada per credere non è uguale per tutti; che ci sono quelli

che sono piÚ cresciuti e il loro compito non è quello di provocare ma di educare. Le parole di fuoco rivolte agli scribi e ai farisei non sono quelle che potrebbe dire ai piccoli. GesÚ incalza quelli che sono (o credono di essere) maturi perchÊ il Regno è un’urgenza che possono e devono avvertire; ma i piccoli non devono essere incalzati e non c’è motivo, nemmeno la fede, che possa spingere a scandalizzare questi piccoli. Per loro valgono regole piccole e quella constatazione disarmante: chi non è contro di noi è con noi. Cosa cosÏ piccola rispetto alle grandi richieste che fa GesÚ ai suoi. PerchÊ loro possono e devono capire, ma i piccoli devono essere presi per mano. CosÏ quell’ordine di tagliarsi mani e piedi e cavarsi gli occhi quando sono di scandalo non significa per forza che queste membra stiano compiendo qualcosa di sporco o di immorale: basta che mettano in scena l’atto di orgoglio di credersi capaci di scandalizzare un piccolo nella fede, basta che servano a dividere, a impedire e a invocare una purezza della fede che

può sconcertare chi è piccolo. Ăˆ il pericolo di segnare i confini tra chi crede e chi non crede, come aveva tentato di fare Giovanni impedendo di far miracoli a chi non li seguiva. Ăˆ il pericolo di scrivere noi le regole dello stare dalla parte di GesĂš e di dimenticare che in mezzo a quelli che stanno ai margini delle nostre esperienze forti ci sono molti che non saprebbero che balbettare qualche sillaba di fede ma che, allo stesso tempo, sentono l’attrazione di questo Cristo che passa e che non riescono ancora a seguire. Sono piccoli da non scandalizzare e non solo con le nostre incoerenze, ma anche con le nostre imposizioni da adulti (nella fede), scandalizzando non tanto perchĂŠ facciamo male ma perchĂŠ diventiamo inflessibili esecutori delle leggi invece che amorevoli compagni di viaggio per tanti piccoli che vorrebbero cominciare a camminare. Per questo l’occhio scandalizza: perchĂŠ non li vede. Per questo la mano scandalizza: perchĂŠ non stringe la loro. Per questo il piede scandalizza: perchĂŠ non cammina al loro fianco.

   

3HUXQDSDVWRUDOHGLQDPLFD La morte di don Ivan Martini nella sua chiesa colpita dal terremoto, la scomparsa del card. Carlo Maria Martini (“Studioso appassionato della Bibbia, pastore creativo sul fronte della nuova evangelizzazione, cercatore indomito di strade che portino a incontrare gli uomini del nostro tempoâ€?) pochi giorni dopo quella del vescovo emerito mons. Maffeo Ducoli, e i “tradimenti impensabiliâ€? che hanno riguardato la casa pontificia sono stati richiamati dal cardinale presidente, per ricordare una veritĂ : “La Chiesa non è moribonda come a volte si vorrebbe e viene rappresentata‌ la Chiesa è unita e, seppure sotto sforzo, vuole affrontare le traversie del tempo con umiltĂ , vigore e lungimiranzaâ€?. Da questo ricono-

scimento ha quindi fatto derivare il legame del popolo cristiano con gli eventi che ci attendono: Anno della fede, Sinodo dei Vescovi sulla nuova evangelizzazione, ricordo dei 50 anni del Concilio e dei 20 del Catechismo della Chiesa cattolica. Ha auspicato per questi tempi nuovi e difficili “una pastorale non piĂš solo stanzialeâ€? ma aperta a “un contesto culturale dinamicoâ€?. Di fronte a un Dio “diventato per molti il grande Sconosciutoâ€? ha auspicato un annuncio piĂš incisivo, fatto anche con gli strumenti di cui la Chiesa italiana dispone. I protagonisti di questo impegno per riavvicinare gli uomini a Dio – ha poi ricordato – sono da un lato il clero, per il quale urge “una decisa accelerazione alla pastorale vocazionaleâ€? per avere “preti en-

tusiasti, con una chiara identitĂ â€?; e il laicato fatto di “credenti di prim’ordine, con una forte presa soprannaturaleâ€?. Non ci uniscono però solo le tragedie, ci uniscono di piĂš – nel senso che ci edificano insieme – gli esempi di quanti ci ricordano che solamente delle esistenze non mediocri riescono ad incidere nel vissuto ecclesiale e sociale. E che, senza lo spirituale nella persona e nella societĂ , c’è una povertĂ  strutturale incolmabile, si determina una perdita per tutti, anche per chi tale dimensione non la coltiva o non la stima. Siamo inoltre aiutati, e quasi sospinti a stare costruttivamente insieme, dalla testimonianza d’amore e dalla sapiente iniziativa di Benedetto XVI: la sua figura sempre emerge nitida e disarmante.


͚͜

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

Í?͘ƒÂ?Â?‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’‡”–—”ƒ†‡Ž‘Â?…‹Ž‹‘

ÂŽ˜‡Â?–‘†‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘ L’evangelizzazione “non è opera di alcuni specialisti, ma dell’intero popolo di Dio, sotto la guida dei pastoriâ€?. E ogni fedele, all’interno della comunitĂ ecclesiale e con essa, è chiamato a “sentirsi responsabile dell’annuncio e della testimonianza del Vangeloâ€?. Incontra, Benedetto XVI, nella sala degli Svizzeri a Castel Gandolfo, i vescovi di recente nomina partecipanti al convegno promosso dalle congregazioni per i vescovi e per le Chiese orientali e si

sofferma a riflettere sul tema della nuova evangelizzazione. E lo fa partendo dalle parole di Giovanni XXIII secondo il quale il Vaticano II sarebbe stato “un balzo innanzi verso una penetrazione dottrinale e una formazione delle coscienzeâ€?; per questo affermava che â€œĂ¨ necessario che questa dottrina certa e immutabile, che deve essere fedelmente rispettata, sia approfondita e presentata in modo che risponda alle esigenze del nostro tempoâ€?. Il Concilio stesso,

nei suoi tempi e nei suoi luoghi, aveva fatto capire che spirava un vento nuovo. Giovanni XXIII pronuncia il suo celebre discorso di apertura - “Gaudet Mater Ecclesia� - prendendo le distanze dai cosiddetti profeti di sventura e invitando a usare la medicina della misericordia piuttosto che condannare. Pronuncia il suo discorso nella basilica di San Pietro davanti a un numero incredibile di vescovi e rappresentanti delle Chiese sorelle. (Fabio Zavattaro)

  ÇŻ 

‹Â?‘†‘ƒŽÍ&#x;ƒŽÍšÍ ‘––‘„”‡

7XWWDOD&KLHVDLPSHJQDWD QHOO¡HYDQJHOL]]D]LRQH ‹–‡””Â?ÇĄ‹Â?—Â?ƒÂ?„‹‡Â?–‡†‹Â’Â”Â‡Â‰ÂŠÂ‹Â‡Â”ÂƒÇĄ†‹†‹ƒŽ‘‰‘‡†‹ˆ”ƒ–‡”Â?ƒ…‘Â?—Â?‹‘Â?‡ǥŽƒ

ƒ••‡Â?„Ž‡ƒ‰‡Â?‡”ƒŽ‡ ‘”†‹Â?ƒ”‹ƒ†‡Ž‹Â?‘†‘•—Ž–‡Â?ƒDzƒÂ?—‘˜ƒ‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡’‡”Žƒ–”ƒ•Â?‹••‹‘Â?‡†‡ŽŽƒˆ‡†‡…”‹•–‹ƒÂ?ÂƒÇł  

6

otto la guida di Benedetto XVI, presidente del Sinodo dei vescovi, rappresentanti dell’episcopato del mondo intero in un ambiente di preghiera, di dialogo e di fraterna comunione, rifletteranno sulla trasmissione della fede cristiana. Il prossimo evento riguarda solo i vescovi? Certamente essi sono i primi interessati, a motivo della missione che svolgono, ma il tema a motivo della sua portata riguarda tutto il popolo di Dio. Nessuno, infatti, può rimanere indifferente al fatto che in alcune regioni della terra la fede vada estinguendosi o che il discorso su Dio sia considerato non significativo per l’uomo contemporaneo. Inoltre, la prossima assemblea sinodale avverrà in un momento particolarmente significativo per la Chiesa cattolica: il 50° anno dall’apertura del Concilio Vaticano II e il 20° dalla promulgazione del Catechismo della Chiesa cattolica, che è uno dei frutti piÚ belli della teologia del Concilio. Ora, proprio i padri conciliari sentirono forte il desiderio di rinnovare la vita di tutti i cristiani – pastori e fedeli – guidandoli a un’adesione sempre piÚ personale a Cristo GesÚ. E dalla contemplazione del volto di Cristo nasce il desiderio, prima che impegno, della nuova evangelizzazione. Questa dinamica la riaffermò con chiarezza il beato Giovanni Paolo II al termine del grande Giubileo, altro evento signifi-

ǯ‹Â?’‡‰Â?‘’‡”ŽƒÂ?—‘˜ƒ ‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡–‘……ƒ Žǯ‹Â?–‡”‘’‘’‘Ž‘†‹‹‘‡ Žƒ•—ƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡’—Ö ‡••‡”‡ÂŽÇŻÂ‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡” —Â?ƒ”Â?‘Â?‹…‘‘’‡”ƒ”‡ cativo del periodo postconciliare. Se la preparazione aveva avuto lo scopo di mantenere lo sguardo fisso su GesĂš, se il Giubileo era stato una grande celebrazione di Cristo Salvatore, gli anni a venire avrebbero dovuto costituire un grande impegno, inteso come

un continuo ripartire dal volto di Cristo. Un ripartire per il miglioramento di sÊ, secondo la meta alta e ordinaria insieme della santità , un ripartire per annunciare al mondo il Vangelo di Cristo. Un impegno, questo, che riguarda tutti coloro che compongono, nella loro diversità e complementarietà, il Corpo mistico di Cristo. Su questo c’è da fare un passo in piÚ per recuperare la prospettiva globale del Concilio; in questi 50 anni si è giustamente insistito che la Chiesa ha inteso rivalutare la condizione battesimale dei fedeli al fine di renderli partecipi della missione evangelizzatrice. Questo è vero, ma

non è tutto. Prima ancora, il Concilio ha voluto mostrare la bellezza della vita cristiana e la chiamata a partecipare alla vita stessa di Dio, come dono offerto a tutti. Essere cristiani è anzitutto un dono, che porta con sÊ l’alta vocazione alla filiazione divina: il Padre nel suo Figlio ci accoglie come figli e in questa intimità ci genera. Dimenticare l’orizzonte soprannaturale è un po’ come non considerare l’aria che respiriamo. Se ci si limita a pensare al ruolo dei laici nel popolo di Dio, a quello che possono o non possono fare, si può facilmente cadere nelle rivendicazioni di ruoli e posti.

  

/HJDPLGLYLWDEXRQD “Il Concilio è il nostro presente e il nostro futuro. Ăˆ la chiamata a rinnovare il nostro patto di fedeltĂ alla Chiesa e a dare risposte alle aspettative di questo nostro tempo, carico di drammi e pur fecondoâ€?. CosĂŹ il presidente nazionale dell’Azione Cattolica, Franco Miano (nella foto), ha concluso a Roma il convegno nazionale “Legami di vita buona. Azione Cattolica, Chiesa locale e Chiesa universaleâ€?, che dal 21 al 23 settembre ha riunito oltre 350

tra presidenti e assistenti unitari diocesani e regionali. Con lo sguardo al nuovo anno associativo, che s’inserisce e si orienta nel cammino tracciato dalla coincidenza di tre grandi eventi – i 50 anni dall’apertura del Concilio, l’inizio dell’Anno della fede e l’inaugurazione del Sinodo dei vescovi sulla nuova evangelizzazione –, Miano ha rinnovato la “promessa� dei laici di Ac di “costruire legami di vita buona con tutti gli uomini e le donne di buona

volontĂ , nel cammino ordinario compiuto da ciascuno di noi nelle diocesi e nelle parrocchieâ€?. “Ogni fondamento di “vita buonaâ€?, ha spiegato mons. Domenico Sigalini, presuppone una “fede intelligenteâ€?, poichĂŠ “una fede senza intelligenza è un insulto a noi stessi e allo stesso Signore che non vuole automi o persone compiacentiâ€?, bensĂŹ “persone vere, intere, diritte nella loro dignitĂ ; non vuole atteggiamenti servili, compromissoriâ€?.

‡�‡†‡––‘

‹•–ƒÂ?œƒ‹Â?–‡”‹‘”‡ –”ƒŽǯ—‘Â?‘‡‹‘ —ƒÂ?†‘’‡”…‡’‹ƒÂ?‘—Â?ƒ Ž—Â?‰Š‡œœƒ†ǯ‘Â?†ƒ†‹˜‡”•ƒ …‘Â?“—ƒŽ…—Â?‘ǥ…‹”‹–”ƒ‹ƒÂ?‘ ‡ǼŽƒ•…‹ƒÂ?‘’‡”†‡”‡ǥ“—ƒ•‹ Â?‘Â?‡•‹•–‡••‡Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹ •‹•–‡Â?ƒ”‡Ž‡ˆ”‡“—‡Â?œ‡Ǥƒ †‹•–ƒÂ?œƒƒŽŽ‘”ƒÂ?‘Â?•‘Ž‘”‹Â?ƒÂ?‡ Â?ƒƒÂ?…Š‡•‹ƒŽŽ—Â?‰ƒǤ ‡•Îǥ Â?‡Ž”ƒ……‘Â?–‘†‹ÂƒÂ”…‘ǥ…Š‡ ‡Â?‡†‡––‘ Â?‡ŽŽǯÂ?‰‡Ž—• †‡Ž͚͛•‡––‡Â?„”‡…‘Â?Â?‡Â?–ƒ ’‡”Â?‘‹ǥ…ǯ‹Â?•‡‰Â?ƒ—Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ Â’Â‘Â•Â–Â—Â”ÂƒÇĄ†‡Ž–—––‘†‹˜‡”•ƒ’‡” …‘ŽÂ?ƒ”‡“—‡•–ƒÇ˛Â’”‘ˆ‘Â?†ƒ †‹•–ƒÂ?œƒ‹Â?–‡”‹‘”‡dzǥƒÂ?…Š‡•‡ ‰Ž‹Â…ÂƒÂ’Â‹Â•Â…Â‡ÇĄ†ƒŽŽ‡”‡ƒœ‹‘Â?‹ǥ…Š‡ ‹•—‘‹†‹•…‘”•‹DzÂ?‘Â?˜‡Â?‰‘Â?‘ …‘Â?’”‡•‹dz‘’’—”‡DzŽ‘•‘Â?‘ •‘Ž–ƒÂ?–‘•—’‡”ˆ‹…‹ƒŽÂ?‡Â?–‡dzǤ

ÂŽƒ‡•–”‘Â?‘Â?†‡Â?‘”†‡ǥ Â?‘Â?Â?‘ŽŽƒŽƒÂ’Â”Â‡Â•ÂƒÇĄ…‘Â?–‹Â?—ƒ ƒ•’‹‡‰ƒ”‡‡ƒÂ”Â‹Â•Â’Â‹Â‡Â‰ÂƒÂ”Â‡ÇĄƒ –‡Â?–ƒ”‡†‹ƒ’”‹”•‹—Â?Â˜ÂƒÂ”Â…Â‘ÇĄ Â?ƒŽ‰”ƒ†‘”‹•…‘Â?–”‹‹•‡‰Â?‹ †‡ŽŽƒÂ?‘Â?…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‡ǣ•‘Ž‘ Dz ‡•Î‰—ƒ”‹•…‡…‘Â?Žƒˆ‘”œƒ †‡ŽŽƒÂ’Â”Â‡Â‰ÂŠÂ‹Â‡Â”ÂƒÇłÇĄÂ?‡Â?–”‡‹ †‹•…‡’‘Ž‹ˆƒÂ?Â?‘Â…Â‹ÂŽÂ‡Â…Â…ÂƒÇ˘ ‡•Î Dz‹Â?†‹‰Â?ÂƒÂ–Â‘Çł˜—‘Ž‡˜‹…‹Â?‘ƒ•¹ ‹„ƒÂ?„‹Â?‹ǥÂ?‡Â?–”‡‹†‹•…‡’‘Ž‹ ”‹Â?’”‘˜‡”ƒÂ?‘‹’‹……‘Ž‹Ǥƒ †‹•–ƒÂ?œƒ°‡˜‹†‡Â?–‡ǣ ‡•Î ˜—‘Ž‡…‘Â?†—”Ž‹ƒŽDz‡‰Â?‘†‡‹ …‹‡Ž‹dzǥÂ?‡Â?–”‡“—‡ŽŽ‹•–ƒÂ?Â?‘ Â?‹”ƒÂ?†‘ƒŽŽƒ–‡””ƒǤ‡‰Â?‘ †‡‹…‹‡Ž‹…Š‡Â?‘Â?°ƒŽ–”‹…Š‡

‡•Î•–‡••‘ǥ…‘Â?Žƒ•—ƒ˜‹–ƒ –‡•–‹Â?‘Â?Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ…‘•¿˜‹…‹Â?ƒƒÂ?‘‹ Â?ƒƒÂ?…Š‡…‘•¿†‹˜‡”•ƒǤ—‡ Ž‘‰‹…Š‡•‹•–ƒÂ?Â?‘ƒˆˆ”‘Â?–ƒÂ?†‘ ‡…‘Â?ˆ”‘Â?–ƒÂ?†‘•‹Â?‡‰Ž‹ ƒ˜˜‡Â?‹Â?‡Â?–‹†‡ŽŽƒ•–‘”‹ƒ…Š‡ •‡Â?’”‡…‹…‘‹Â?˜‘Ž‰‘Â?‘‡•‘Â?‘ Â?‘•–”‹’‡”…Š¹ƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‘”‘ •‹•˜‹Ž—’’ƒŽƒÂ?‘•–”ƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇĄ–—––ƒ ŽƒÂ?‘•–”ƒ‡•‹•–‡Â?œƒƒ…“—‹•–ƒ Žƒ…‘Ž‘”‹–—”ƒ†‡ŽŽ‡†‡…‹•‹‘Â?‹ǥ †‡ŽŽ‡˜‹…‡Â?†‡…Š‡‹Â?–‡”’‡ŽŽƒÂ?‘ ‡”‹•—Ž–ƒÂ?‘‡Â?‹‰Â?ƒ–‹…Š‡‘ ˆƒ•–‹†‹‘•‡Ǥ ÂŽ”‹Â?„ƒŽœ‘…‘Â?–‹Â?—‘ †ƒŽŽƒÇ˛ÂŽÂ‘‰‹…ƒ†‹‹‘dzƒŽŽƒ Ž‘‰‹…ƒ†‡ŽŽǯ—‘Â?‘°—Â?ƒ’ƒ”–‹–ƒ •ˆ‡””ƒ–ƒ•‡Â?œƒ”‡Â?‹••‹‘Â?‡†‹ …‘Ž’‹…Š‡˜ƒÂ?Â?‘…‘•–”—‡Â?†‘ ‘†‡Â?‘Ž‡Â?†‘ǥ†ƒ—Â?ƒ’ƒ”–‡‘ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”ÂƒÇ¤Č‹”‹•–‹ƒÂ?ƒ‘„Â?Â‡Â”ČŒ


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ÍšÍ?

”‡•–‘‹†ƒ–‹•—Ž•‹–‘†‡ŽŽƒ†‹‘…‡•‹ Žƒ„‘”ƒ–‘‹Ž†‘…—�‡�–‘’”‡’ƒ”ƒ–‘”‹‘

/K^//Z^/

ŽžƾŜĹ?ĆšÄƒ Ĺ?ĹśÄ?ĂžžĹ?ŜŽ

ǯ‘”†‹Â?ƒ–‘•˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘ †‡ŽŽ‡•‡••‹‘Â?‹†‡Ž͚ͥΝ •‹Â?‘†‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘†‹ ”‡•…‹ƒ‡•‹‰‡—Â?‡‰‘nj ŽƒÂ?‡Â?–‘…Š‡’”‡…‹•‹‹ …‘Â?’‹–‹‡‰ƒ”ƒÂ?–‹•…ƒ ƒ–—––‹—Â?ƒˆ”—––—‘•ƒ ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡

Si è conclusa la consultazione con migliaia di schede individuali e di gruppo che sono pervenute in Curia. Presto i dati saranno diffusi sul sito della diocesi (www.diocesi.brescia.it). A partire dalle schede una piccola commissione ha elaborato il documento preparatorio del sinodo. L’assemblea si riunirà nella chiesa del Centro pastorale Paolo VI come avvenne per il sinodo del 1978. Il documento preparatorio sarà pubblicato dopo

la metĂ di ottobre e sarĂ  inviato a tutti i sinodali perchĂŠ ne possano discutere nel mese di novembre all’interno delle parrocchie e delle zone pastorali. Questo documento sarĂ  strutturato a proposizioni. Tutti i sinodali hanno diritto di proporre interventi relativi al “testo base di lavoroâ€? (Instrumentum laboris) e alla “bozza del documento finaleâ€?. I partecipanti al sinodo saranno circa 420, oltre agli eletti sono membri di diritto fra gli altri il Consiglio episcopale, il Consiglio presbiterale,

il Consiglio pastorale diocesano, i rappresentanti della vita consacrata e i responsabili delle aggregazioni laicali. Diversamente dal 1978, dove non furono effettuate votazioni, il sinodo sulle unitĂ pastorali prevede alcune votazioni in aula. Il “documento finaleâ€? approvato dall’Assemblea sinodale verrĂ  poi consegnato al Vescovo per la redazione dei provvedimenti che riterrĂ  piĂš opportuni. Nel sinodo diocesano l’unico legislatore è il Vescovo.

^ / E K  K   / K   ^  E K  ^ h > >   h E / d  W ^ d K Z  > /

  

 

͚ͥΝ‹Â?‘†‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘ÂŽ‡Â?–”‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ™†‹…‡Â?„”‡

,OGHFUHWRYHVFRYLOH FRQYRFDO¡DVVLVHVLQRGDOH ‘Â?—Â?†‡…”‡–‘ǥ…‘Â?•—Ž–ƒ„‹Ž‡•—Ž•‹–‘†‡ŽŽƒ†‹‘…‡•‹ǥ‹Ž˜‡•…‘˜‘‘Â?ƒ”‹Šƒ…‘Â?˜‘…ƒ–‘Žƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž͚ͥΝ‹Â?‘†‘ †‹‘…‡•ƒÂ?‘•—Ž–‡Â?ƒ†‡ŽŽ‡—Â?‹–Â?’ƒ•–‘”ƒŽ‹Ǥ‘Â?‹Ž†‡…”‡–‘°•–ƒ–‘ƒ’’”‘˜ƒ–‘—Â?”‡‰‘ŽƒÂ?‡Â?–‘•—††‹˜‹•‘‹Â?͙͛ƒ”–‹…‘Ž‹    

6

i muove la macchina organizzativa. Conclusa la fase preparatoria del sinodo diocesano a norma dell’Istruzione sui sinodi diocesani della Congregazione per i Vescovi e considerato l’esito dei lavori della Commissione preparatoria, il vescovo Monari ha convocato la celebrazione del 29° sinodo diocesano sul tema delle unità pastorali. Il sinodo verrà celebrato nei giorni 1-2 dicembre e 8-9 dicembre 2012 presso la sede del Centro Pastorale Paolo VI in Brescia. Con il decreto è stato presentato anche il calendario dei lavori e approvato il regolamento per il corretto svolgimento dell’assise sinodale, composto da 13 articoli. In qualità di presidente del sinodo, il Vescovo ha nominato i membri degli Organismi sinodali: il vicario generale, mons. Gianfranco Mascher, come vice presidente. I moderatori dei lavori dell’assemblea sinodale, con funzioni di direzione, coordinamento e programmazione sono mons. Cesare Polvara (provicario generale) e mons. Renato Tononi (vicario episcopale per i laici e la pastorale). La segreteria generale è affidata a don Pierantonio Lanzoni (coordinatore), a don Gianfranco Rossi e a Angela Mantovani. Per la commissione di coordinamento le persone coinvolte sono le seguenti: mons. Giacomo Canobbio (presi-

ÇŻ    ÇŻ ͚͙͚͘

ÂŽ•‹Â?‘†‘°ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â?„Ž‡ƒ †‡‹•ƒ…‡”†‘–‹‡†‡‰Ž‹ ƒŽ–”‹ˆ‡†‡Ž‹†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ•…‡Ž–‹ ’‡”’”‡•–ƒ”‡ƒ‹—–‘ƒŽ ‡•…‘˜‘ dente), don Mario Metelli, don Angelo Maffeis, don Massimo Orizio, Francesco Tomasoni e Giovanna Foresti Arrighini. La Commissione arbitrale, infine, è composta da mons. Marco Alba (cancelliere ve-

scovile), mons. Rosario Verzeletti e da don Daniele Mombelli. Al fine di avviare l’iter per la composizione della Assemblea sinodale, che verrà approvata con un successivo decreto, in ogni zona pastorale il vicario zonale competente deve provvedere all’elezione di un presbitero (e di un suo supplente in caso di impedimento) e di tre rappresentanti laici facenti parte del Consiglio pastorale zonale (di cui uno sia un giovane tra i 18 e i 30 anni e uno sia una donna). Queste elezioni avverranno secondo le consuete modalità adottate

nei Consigli pastorali zonali; i cinque nominativi delle persone elette saranno poi comunicati alla Segreteria generale del sinodo. il decreto, regolamento e programma sono giĂ scaricabili dal sito della diocesi (www.diocesi.brescia.it).

ÇŻ••‡Â?„Ž‡ƒ° …‘Â?’‘•–ƒ†ƒ‹Â?‡Â?„”‹ ”‡…‡Â?•‹–‹Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â‘Â•Â‹Â–Â‘ ‡…”‡–‘‡•…‘˜‹Ž‡Ǥ—––‹ ‹Â?‡Â?„”‹‰‘†‘Â?‘†‡‹ Â?‡†‡•‹Â?‹†‹”‹––‹

     

,OƒGDOODQDVFLWDGL3DROR9, Domenica 30 settembre alle ore 16, presso la Basilica della Madonna delle Grazie a Brescia, il vescovo Luciano Monari presiede la celebrazione eucaristica in ricordo del 115° anniversario della nascita del Servo di Dio Papa Paolo VI, avvenuta a Concesio il 16 settembre 1997. Il 30 settembre ricorre inoltre l’anniversario del battesimo, ricevuto dal futuro Paolo VI nella Pieve di Concesio, per le mani dell’arciprete don Giovanni Fiorini.

In prossimità della ricorrenza del 50° anniversario dell’apertura del Concilio Vaticano II (11 ottobre 1962), diventa particolarmente importante rinnovare nella preghiera la memoria di papa Paolo VI, il Papa che con la sua azione saggia e prudente ha guidato il cammino del Concilio e ne ha favorito la piena attuazione. Davanti a una realtà sociale che tendeva sempre piÚ a separarsi dalla spiritualità, che andava progressivamente secola-

rizzandosi, di fronte a un difďŹ cile rapporto chiesa-mondo, Paolo VI seppe sempre mostrare con coerenza quali sono le vie della fede e dell’umanitĂ attraverso le quali è possibile avviare una solidale collaborazione verso il bene comune. Il Concilio è uno degli eventi che maggiormente ha segnato la vita della Chiesa del Novecento. Fortemente voluto da Papa Giovanni XXIII, per una chiesa viva e segno profetico nel mondo.

ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ™†‹…‡Â?„”‡ ‘Â?—Â?‹–Â? ‹Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘ Í™  ‘”‡ÍĄÇŁǤ‡••ƒ‹Â?ƒ––‡†”ƒŽ‡ †‹ƒ’‡”–—”ƒ†‡Ž‹Â?‘†‘ …‘Â?’”‘ˆ‡••‹‘Â?‡†‹ˆ‡†‡‡ ‰‹—”ƒÂ?‡Â?–‘†‡‹‹Â?‘†ƒŽ‹ ‘”‡͙͙ǣ‡Žƒœ‹‘Â?‡•—ŽŽ‘ Dz–”—Â?‡Â?–‘†‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘dzȋÂ?‡ŽŽƒ …Š‹‡•ƒ†‡Ž‡Â?–”‘ƒ•–‘”ƒŽ‡ ƒ‘Ž‘ ČŒ ‘”‡͙͛ǣ”ƒÂ?œ‘ȋ’”‡••‘‹Ž‡Â?–”‘ ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘ ČŒ ‘”‡Í™Í?ÇŁ Â?–‡”˜‡Â?–‹•—ŽŽ‘•…Š‡Â?ƒ ‰‡Â?‡”ƒŽ‡‡•—‹˜ƒ”‹…ƒ’‹–‘Ž‹†‡ŽŽ‘ Dz–”—Â?‡Â?–‘†‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘dz ‘”‡͙ͥǣ‡•’”‹  Íš  ‘”‡Í Ç¤Í›Í˜ÇŁǤ‡••ƒÂ?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ †‹ƒÂ?–ǯˆ”ƒ‹Â?ƒÂ?–ǯ—ˆ‡Â?‹ƒ ‘”‡Í™Í˜ÇŁ‹’”‡•ƒ†‡‹Žƒ˜‘”‹•—ŽŽ‘ •…Š‡Â?ƒ‰‡Â?‡”ƒŽ‡‡•—‹˜ƒ”‹ …ƒ’‹–‘Ž‹†‡ŽŽ‘Dz–”—Â?‡Â?–‘†‹ ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”Â‘Çł ‘”‡͙͛ǣ”ƒÂ?œ‘ ‘”‡Í™Í?ÇŁ‹’”‡•ƒ†‡‰Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ •—ŽŽ‘•…Š‡Â?ƒ‰‡Â?‡”ƒŽ‡‡•—‹ ˜ƒ”‹…ƒ’‹–‘Ž‹†‡ŽŽ‘Dz–”—Â?‡Â?–‘ †‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘dz ‘”‡͙͠ǣ”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡‡ ƒ’’”‘˜ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ„‘œœƒ†‹ •…Š‡Â?ƒ†‡ŽDz‘…—Â?‡Â?–‘ˆ‹Â?ÂƒÂŽÂ‡Çł ‘”‡͙ͥǣ‡•’”‹ Í   ‘”‡ÍĄÇŁ”ƒÂ?‡†‹ƒ‡ Â?‡†‹–ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž‡•…‘˜‘ ”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ„‘œœƒ†‡Ž Dz‘…—Â?‡Â?–‘ˆ‹Â?ÂƒÂŽÂ‡Çł

Â?–‡”˜‡Â?–‹‹Â?ƒ••‡Â?„Ž‡ƒ ‘”‡͙͛ǣ”ƒÂ?œ‘ ‘”‡Í™ÍœÇ¤Í›Í˜ÇŁ‹’”‡•ƒ†‡‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‹Ȁ ‹Â?–‡”˜‡Â?–‹‹Â?ƒ••‡Â?„Ž‡ƒ ‘”‡Í™Í&#x;ÇŁ‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡†‡‹Žƒ˜‘”‹ ‘”‡Í™Í Ç¤Í›Í˜ÇŁǤ‡••ƒ‹Â? ƒ––‡†”ƒŽ‡  ÍĄ  ‘”‡ÍĄÇŁ”ƒÂ?‡†‹ƒ‡ Â?‡†‹–ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž‡•…‘˜‘ ‘–ƒœ‹‘Â?‡‡ƒ’’”‘˜ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‡•‹Â?‰‘Ž‡’ƒ”–‹†‡Ž Dz‘…—Â?‡Â?–‘ˆ‹Â?ÂƒÂŽÂ‡Çł ‘”‡͙͛ǣ”ƒÂ?œ‘ ‘”‡Í™Í?ÇŁ‘–ƒœ‹‘Â?‡ ‡ƒ’’”‘˜ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽDz‘…—Â?‡Â?–‘ˆ‹Â?ÂƒÂŽÂ‡Çł ‘”‡Í™Í Ç¤Í›Í˜ÇŁǤ‡••ƒ‹Â? ƒ––‡†”ƒŽ‡’‡”Žƒ…‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡ †‡Ž‹Â?‘†‘‡’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”Âƒ †‡ŽŽǯÂ?Â?‘†‡ŽŽƒ ‡†‡


͚͞

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

‰‡Â?†ƒ †‡Ž‡•…‘˜‘ GiovedĂŹ 27 settembre Ore 16 – Iseo – Incontro e S. Messa per la Giornata mondiale del turismo. Sabato 28 settembre Ore 9.30 – Brescia – S. Messa in occasione della festa patronale della Polizia di Stato presso la parrocchia delle Sante Capitanio e Gerosa. Ore 20 – Costa Volpino – S. Messa di apertura delle missioni popolari presso la chiesa di Corti. Domenica 30 settembre Ore 10 – Magno di Gardone VT – Cresime e prime comunioni.

Ore 16 – Brescia – S. Messa nel 115° anniversario della nascita del servo di Dio papa Paolo VI presso la Basilica delle Grazie. LunedÏ 1 ottobre Ore 9 – Brescia – Incontro con i seminaristi della diocesi di Fermo presso il Centro Paolo VI. Ore 15 – Brescia – Assemblea degli educatori del Seminario diocesano. MartedÏ 2 ottobre Il Vescovo partecipa alla Cel a Caravaggio MercoledÏ 3 ottobre Ore 9.30 – Bienno – Incontro con i sacerdoti della macrozona presso l’Eremo.

ƒ�…‡ŽŽ‡”‹ƒ ‘�‹�‡

ƒ”�‡Ž‹–ƒ�‡…ƒŽœ‡ ‡•–ƒ†‹Ǥ‡”‡•ƒ

La Cancelleria della Curia diocesana comunica i seguenti provvedimenti: Don Fausto (Tino) Bergamaschi, già parroco di Lumezzane Sant’Apollonio, è stato nominato parroco della parrocchia di San Lorenzo in Montirone. Don Italo Lombardi, già parroco della parrocchia di San Rocco in Lumezzane Fontana, è stato nominato presbitero collaboratore delle parrocchie di Carpeneda, Collio di Vobarno, Degagna, Pompegnino, Teglie e Vobarno.

Le Monache carmelitane scalze di via Amba d’Oro 96 invitano apregare con loro in occasione della festa di S. Teresa di GesÚ Bambino, dottore della chiesa e patrona delle missioni. LunedÏ 1° ottobre con le Messe alle 7 alle 17.30 (presieduta da padre Gianni Bracchi). Domenica 14 ottobre, solennità liturgica di Santa Teresa, alle 17 c’è la celebrazione della divina liturgia in rito bizantino slavo con il coro di Russia cristiana; lunedÏ 15 ottobre alle 7 la Messa.

     

ƒ––‡†”ƒŽ‡”†‹�ƒœ‹‘�‹†‹ƒ…‘�ƒŽ‹

´,OVHJUHWR"0HWWHUVL DOO¡XOWLPRSRVWRÂľ ƒ„ƒ–‘͚͚•‘Â?‘•–ƒ–‹‘”†‹Â?ƒ–‹•‡––‡Â?—‘˜‹†‹ƒ…‘Â?‹Ǥ‡ŽŽǯ‘Â?‡Ž‹ƒ‹Ž‡•…‘˜‘Šƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘…‘Â?ˆ‘”œƒŽǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?œƒ †‡Ž˜ƒÂ?‰‡Ž‘†‹ƒ”…‘“—ƒÂ?†‘ƒŽ…ƒ’‹–‘Ž‘Â?‘˜‡Â”Â‡Â…Â‹Â–ÂƒÇŁDz‡—Â?‘˜—‘Ž‡‡••‡”‡‹Ž’”‹Â?‘ǥ•‹ƒ•‡”˜‹–‘”‡†‹–—––‹dz    

5

icevi il Vangelo di Cristo del quale sei divenuto l’annunziatore: credi sempre a ciò che proclami, insegna ciò che hai appreso nella fede, vivi ciò che insegni�. La formula con la quale il Vescovo ha consegnato simbolicamente il Vangelo ai sette diaconi vale piÚ di mille trattati di teologia. Sono frasi che accompagneranno sempre la vita di Angelo Bonardi, Mauro Cinquetti, Davide Corini, Michele Flocchini, Mauro Merigo, Claudio Pluda e Nicola Santini: a giugno questi giovani bresciani saranno ordinati sacerdoti. Molte persone hanno testimoniato la loro vicinanza a questi giovani partecipando alla Santa Messa in Cattedrale: amici, parenti e compagni di viaggio nel percorso della vita. C’erano anche le parrocchie di Passirano, Quinzano d’Oglio, San Vigilio, Provaglio, Toscolano, Borgosatollo e Offlaga. Le stesse comunità che hanno visto crescere nella fede questi seminaristi che rappresenteranno il futuro della Chiesa bresciana. Nel corso della solenne cerimonia di ordinazione diaconale, i sette – accompagnati dai rispettivi parroci delle comunità d’origine – hanno ascoltato le parole di Monari che ha ripreso e ha suggerito di imparare a memoria il brano del Van-

      ÇŻ



‘Â?•Ǥ‘Â?ÂƒÂ”Â‹ÇŁ Dz‡”‹—•…‹–‡Ġ ƒ••‹Â?‹Žƒ”‡“—‡•–‡ Â’ÂƒÂ”Â‘ÂŽÂ‡ÇĄ†‹˜‡Â?–ƒ–‡†‡ŽŽ‡ ’‡”•‘Â?‡Ž‹„‡”‡dz gelo di Marco quando al capitolo 9 recita: “Se uno vuole essere il primo, sia servitore di tuttiâ€?. “Se riuscite ad assimilare queste parole – ha sottolineato il Vescovo – diventate delle persone libere. Non c’è piĂš niente che vi possa

spaventare e niente che vi possa sottomettere al suo volereâ€?. Ăˆ importante, ha spiegato Monari, mettersi all’ultimo posto, in una posizione che di certo non è invidiata. L’invito è quello di non cercare il proprio prestigio. L’annuncio della Parola di Dio, la celebrazione dell’eucaristia e dei sacramenti, la preghiera e la capacitĂ di creare legami comunitari sono lo specifico dell’esperienza sacerdotale. E in quanto al contesto sociale di oggi, il Vescovo ha praticamente fatto capire che non è poi cambiato molto rispetto al periodo della

sua ordinazione, perchè giĂ allora si parlava di un cambiamento della visione del sacerdote nella comunitĂ . Anche per questo motivo, cadute alcune protezioni sociali, il prete deve contare su stesso e sulla Parola di Dio, la vera forza per affrontare la quotidianitĂ . L’auspicio finale è nell’invocazione del Vescovo allo Spirito Santo: “Sostenuti dalla coscienza del bene compiuto, forti e perseveranti nella fede, siano immagine del tuo Figlio, che non venne per essere servito ma per servire, e giungano con lui alla gloria del tuo regnoâ€?.

ÇŻ    

1XRYHVHWWHHULWRGHOOHHVHTXLH Dal 24 al 26 settembre il Vescovo ha incontrato i 32 vicari zonali a Montecastello per l’inizio dell’anno pastorale. In particolare al centro della riessione c’erano le sette e i nuovi movimenti religiosi e il nuovo rito delle esequie. Il fenomeno dei movimenti religiosi e delle spiritualitĂ alternative interroga da vicino la Chiesa. Qual è la fede degli italiani? In cosa credono? Molti si deďŹ niscono cattolici, ma sono

anche aperti a nuove spiritualità di origine orientale o a gruppi religiosi nuovi. Il compito della Chiesa, oggi come ieri, è quello di proporre il Vangelo. Con il nuovo anno liturgico entra in vigore anche il nuovo rito delle esequie. L’azione liturgica deve essere rapportata alla dimensione umana. La visita alla famiglia e la benedizione della bara rimandano a due degli ambiti del Convegno di Verona: l’affettività e la fragilità.

Celebrare il rito delle esequie signiďŹ ca partire dalla fragilitĂ della famiglia colpita nella sua affettivitĂ  e attraverso i riti e le preghiere e i canti annunciare che il Signore è risorto di fronte al pericolo di strumentalizzazione dello stesso rito delle esequie. La Chiesa ci ricorda, ha sottolineato don Boselli (nella foto), che la celebrazione del rito delle esequie è celebrazione del rito pasquale di Cristo.

’’—�–ƒ�‡�–‹

ÂŽÂ?‡•‡†‹‘––‘„”‡ °Â?‘Ž–‘‹Â?–‡Â?•‘ ƒ„ƒ–‘͚ͥ•‡––‡Â?„”‡ǣ ™‘”Â?•Š‘’†‹…ƒÂ?–‘‰‘•’‡ŽǢ †‘Â?‡Â?‹…ƒÍ›Í˜ÇŁ™‘”Â?•Š‘’†‹ …ƒÂ?–‘‰‘•’‡ŽǤƒ‘––‘„”‡ƒ Â?ƒ”œ‘ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒˆ‡•–‹˜ƒ °ƒŽŽ‡‘”‡͙͞Ǥ͛͘Ǥ —Â?‡†¿͙Ν‘––‘„”‡ǣ‘”‡ÍšÍ˜Ç¤Í›Í˜ÇĄ ’”‡‰Š‹‡”ƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒƒŽ ‘Â?ƒ•–‡”‘Ǥ ‡”…‘Ž‡†¿͛ǣ‘”‡ÍĄÇ¤Í›Í˜ÇĄ‹Â?…‘Â?–”‘ †‡Ž‡•…‘˜‘…‘Â?‹Â•ÂƒÂ…‡”†‘–‹Ǣ ‘”‡͚͘Ǥ͛͘ƒŽ‘Â?ÂƒÂ•Â–Â‡Â”Â‘ÇĄ Â?‡Â?‘”‹ƒ†‡ŽŽƒÂ?‘”–‡†‹ƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘Č‹”ƒÂ?Â•Â‹Â–Â‘ČŒÇ¤

Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍœÇŁ‘”‡Í&#x;ÇĄƒŽ‘Â?ÂƒÂ•Â–Â‡Â”Â‘ÇĄ ƒÂ?–ƒ‡••ƒÂ?‡ŽŽƒ•‘Ž‡Â?Â?‹–Â?†‹ ƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘Ǥ ƒ„ƒ–‘͞ǣ‘”‡ÍĄÇĄ”‹–‹”‘’‡” ”‡Ž‹‰‹‘•‡‡…‘Â?•ƒ…”ƒ–‡Ǥ ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ&#x;ÇŁ‘”‡͙͞Ǥ͛͘‘”‹ ÂƒÂŽÂŽÇŻ”‡Â?‘ǥƒÂ?–ƒ‡••ƒ…‘Â? ‹Ž‘”‘†‹Â?‘ƒÂ?‹‡–”‘‡‹Ž …ƒÂ?–‘†‡ŽŽǯ••‡Â?„Ž‡ƒǤ —Â?‡†¿Í ÇŁ‘”‡͚͘Ǥ͙Í?ÇĄ…‘”•‘’‡” ‹…ƒ–‡…Š‹•–‹‡‰Ž‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹ •—DzƒÂˆÂ‡Â†Â‡ÇŁ–‘”‹ƒ†‡Ž …”‹•–‹ƒÂ?‡•‹Â?‘‹Â?ƒŽŽ‡ ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇłÇ˘‹Â?–‡”˜‹‡Â?‡‹Ž†‘––Ǥ Ž‹˜‹‡”‘ ”ƒÂ?œ‘Â?‹Ǥ ‡”…‘Ž‡†¿Í™Í˜ÇŁ‘”‡ÍšÍ˜ÇŚÍšÍšÇĄ

Â?…‘Â?–”‘†‹•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?’‡” ‰Ž‹ÂƒÂ†Â—Ž–‹ǣŽƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ†‡Ž Â”Â‘Â•ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ …‘Â?Žƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—ŽŽǯÂ?Â?‘ †‡ŽŽƒ ‡†‡ǥÂŽÇŻÂƒÂ†Â‘Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ ‡—…ƒ”‹•–‹…ƒ‡Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‡ŽŽƒ …‘Â?ˆ‡••‹‘Â?‡Ǥ

Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙͙ǣ‘”‡ͥǤ͙Í?ÇĄ ”‹–‹”‘’‡”Â•ÂƒÂ…Â‡Â”Â†Â‘Â–Â‹Ç˘ ‘”‡ÍšÍ˜ÇĄ ”—’’‘Dz ÂƒÂŽÂ‹ÂŽÂ‡ÂƒÇłÇ¤ ‡Â?‡”†¿͙͚ÇŚ‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘ƒ —……ƒ‡••‹•‹•—ŽŽ‡‘”Â?‡ †‹ƒÂ?–ƒ ‡Â?Â?ƒ ƒŽ‰ƒÂ?‹ ‡†‹ƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘ Č‹ÂˆÂ‹Â?‘ƒ†‘Â?‡Â?Â‹Â…ÂƒČŒÇ¤ ƒ„ƒ–‘͙͛ÇŚ‘”‡Í™ÍžÇ¤Í›Í˜ÇĄƒÂ?–ƒ ‡••ƒ’‡”‹Ç˛ÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹‹Â?…‹‡Ž‘dzǤ —Â?‡†¿Í™Í?ÇŁ‘”‡͚͘Ǥ͙Í?ÇĄ…‘”•‘ ’‡”‹…ƒ–‡…Š‹•–‹‡‰Ž‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹ •—DzƒÂˆÂ‡Â†Â‡ÇŁÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘†‡ŽŽƒ ÂˆÂ‡Â†Â‡Çł…‘Â?†‘Â?‘„‡”–‘ ‘Â?‡Â?‹‰Š‹Â?‹Ǥ ‡”…‘Ž‡†¿Í™Í&#x;ÇŁ‘”‡ÍĄÇĄ ”‹–‹”‘’‡”Ž‡†‘Â?Â?‡Ǥ

Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍ™Í ÇŁ‘Â?‰”‡‰ƒœ‹‘Â?‡ ˜‹…ƒ”‹ƒŽ‡ÂƒÂŽÂŽÇŻ”‡Â?‘’‡”Žƒ‘Â?ƒǤ


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ÍšÍ&#x;

”‡Â?‘†‹‘Â?–‡…ƒ•–‡ŽŽ‘ ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹†‹‘––‘„”‡‡†‡•‡”…‹œ‹•’‹”‹–—ƒŽ‹ Laici (giovani e adulti) - Domenica 7, dalle 9 alle 17, ritiro spirituale: lectio divina con la Parola di Dio della liturgia eucaristica del giorno. Donne - MartedĂŹ 9, dalle 10 alle 16,30, ritiro spirituale: lectio divina con la Parola di Dio che verrĂ ascoltata nella liturgia eucaristica della domenica successiva. Presbiteri e religiosi - MercoledĂŹ 10 a Limone dai padri Comboniani, dalle 9.30 alle 14, per celebrare, nel primo ritiro annuale del presbiterio gardesano, la memoria

gioiosa di San Daniele Comboni. Il servizio della Parola è offerto da don Giampietro Prandelli, parroco a San Polo, il ministero della riconciliazione dai padri Cappuccini di Barbarano. Fidanzati della zona XVII della Madonna di Montecastello - L’itinerario di fede in preparazione alla celebrazione del matrimonio ha sede presso l’oratorio di Gargnano, il giovedÏ sera dalle 20.30 alle 22.30, a partire da giovedÏ 4 ottobre per concludersi giovedÏ 22 novembre: unica

eccezione la serata di mercoledĂŹ 31 ottobre. Il ritiro spirituale si terrĂ a Tignale, presso l’Eremo di Montecastello, domenica 28 ottobre dalle 9.30 alle 17. Esercizi spirituali per le religiose e consacrate: 13-20 ottobre, don Dino Capra si sofferma sul libro dell’Esodo “Cantate al Signore, perchĂŠ ha mirabilmente trionfatoâ€?. Esercizi per presbiteri, diaconi e religiosi: 4-9 novembre, don Francesco Cattadori, parroco a Rivalta tiene una lectio divina sul libro dell’Esodo “Mia forza e

mio canto è il Signoreâ€?; per laici: 6-9 dicembre, don Dino Capra sul capitolo 8 della Lettera ai Romani “Quello che era impossibile Dio lo ha reso possibileâ€?. Esercizi spirituali per giovani, giovani adulti, coppie di giovani sposi per riscoprire la vita come chiamata a farsi dono: 26-30 dicembre, don Dino Capra sui capitoli 7-8 della Lettera ai Romani “Predestinati ad essere conformi all’immagine del Figlioâ€?. Per informazioni, telefonare allo 0365760255.



”‡•…‹ƒ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ&#x;‘––‘„”‡

0LJUDQWLFDWWROLFL LQSHOOHJULQDJJLR ƒƒŽ…—Â?‹ƒÂ?Â?‹Ž‡†‹‘…‡•‹Ž‘Â?„ƒ”†‡˜‹˜‘Â?‘“—‡•–‘Â?‘Â?‡Â?–‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?•‡‰Â?ƒ †‡ŽŽƒ‰‹‘‹ƒ‡†‡ŽŽƒ•’‡”ƒÂ?œƒ…Š‡•‹…‘Â?…Ž—†‡”Â?…‘Â?ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ‹Â?ƒ––‡†”ƒŽ‡  



'

a alcuni anni le diocesi lombarde vivono il pellegrinaggio dei migranti all’insegna della gioia e della speranza, un’iniziativa nata per per dare una visibilitĂ agli immigrati cattolici della Lombardia ma anche per “far parlare la quotidianitĂ â€?. Una quotidianitĂ  fatta di volti e di storie che possono essere motivo di arricchimento culturale. Quest’anno è stata scelta Brescia come meta. Il pellegrinaggio in programma domenica 7 ottobre è per i migranti con i credenti bresciani: è importante, quindi, che ci siano i bresciani. Nel cerimoniale è stato inserito il saluto al Sindaco e gli immigrati deporranno anche una corona ai Caduti di piazza della Loggia per testimoniare che vogliono un inserimento nella societĂ  che non veda altri martiri dell’odio. Il pellegrinaggio, fin dall’inizio quando si svolse a Caravaggio, è sempre stato mariano. La frase che accompagnerĂ  i fedeli è “Maria si mise in cammino... beata te, che hai credutoâ€?. Un grande corteo partirĂ  da Campo Marte alle ore 11 poi ogni gruppo di immigrati, riuniti per continente di origine, partiranno in corteo con canti e colori tipici per vivere, alle 13, un momento di preghiera in diverse chiese della cittĂ : gli immigrati europei andranno al Carmine, gli immigrati asiatici nella chiesa della Grazie, gli immigrati

ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ °—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡’‡” ”‹„ƒ†‹”‡Žǯ—Â?‹˜‡”•ƒŽ‹–Â? †‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ‡†ƒ”‡ ˜‘…‡ƒ‰Ž‹•–”ƒÂ?‹‡”‹ …ƒ––‘Ž‹…‹ dell’America Latina si porteranno nella chiesa della Pace e gli africani nella chiesa di San Francesco. La Santa Messa, presieduta dal vescovo Monari, è in Cattedrale alle ore 15. Nel Bresciano le comunitĂ piĂš numerose sono di origine ucraina e ghanese; sono, invece, circa 30mila

gli immigrati cattolici all’interno della diocesi. L’Ufficio diocesano per i migranti, guidato da padre Mario Toffari, segue pastoralmente le comunitĂ immigrate: fa catechesi alla prima generazione, mentre i figli sono indirizzati alle rispettive parrocchie per favorire l’integrazione all’interno della comunitĂ . I migranti cattolici possono essere autentici “portatori di speranzaâ€? nel mondo di oggi, e per questo motivo le associazioni ecclesiali devono cercare di mettersi il piĂš possibile al loro servizio per aiutarli a far fronte alle sfide che devono inevitabilmente affrontare. Accompagnare i lavoratori migranti e le persone che sono costrette a spostarsi e non vivono nella propria patria è molto impegnativo. Richiede di essere sensibili e attenti alla loro situazione, e di capire come i loro bisogni cambino nel corso del tempo. In questo panorama, le associazioni cattoliche possono essere uno strumento prezioso per dare ai migranti non solo sostegno materiale e spirituale per far fronte alle loro necessitĂ , ma anche l’opportunitĂ  di condividere e donare. Parte della missione è camminare con loro perchĂŠ possano sentirsi parte della Chiesa e diventarne membri maturi. La Parola di Dio e i sacramenti li aiuteranno ad acquisire la forza per vivere pienamente la loro vocazione cristiana.

ƒ˜‡

•ƒ…”‹•–‹‹Â?…‘Â?–”ƒÂ?‘‹Ž‡•…‘˜‘ ‰Â?‹ƒÂ?Â?‘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡DzÂ?‹‘Â?‡†‹‘…‡•ƒÂ?ƒƒÂ?‘•–ƒÂ?œ‘†‡‰Ž‹ ƒ††‡––‹ƒŽÂ…Â—ÂŽÂ–Â‘ÇŚÂ•ÂƒÂ…Â”Â‹Â•Â–Â‹Çł‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘Ž‹–—”‰‹…‘†‡ŽŽƒ †‹‘…‡•‹†‹”‡•…‹ƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡—Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ †‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ǤÂ—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘°‹ŽÍĄ‘––‘„”‡’”‡••‘ ÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘†‹ÂƒÂ˜Â‡Ç˘Â?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‹ƒ˜‡°…—•–‘†‹–‘‹Ž…‘”’‘†‡Ž’ƒ–”‘Â?‘ ƒÂ?‘•–ƒÂ?œ‘ǤÂ—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ǥƒŽŽƒ˜‹‰‹Ž‹ƒ†‡Ž•‹Â?‘†‘•—ŽŽ‡—Â?‹–Â?Â’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ•ƒ”Â?…‡Ž‡„”ƒ–ƒ†Žƒ˜‡•…‘˜‘—…‹ƒÂ?‘Ǥ‡Ž’‡”…‘”•‘ †‡ŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‡†‡ŽŽƒ…”‡•…‹–ƒ†‡ŽŽ‡—Â?‹–Â?’ƒ•–‘”ƒŽ‹ŽƒÂ?‹Â?•‹–‡”‹ƒŽ‹–Â? °’”‘’‘•–ƒ…‘Â?‡Â?‘Â?‡Â?–‘ˆ‡…‘Â?†‘†‡Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘Ǥ ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ° ‹Ž•‡‰—‡Â?–‡ǣƒŽŽ‡ÍĄ—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹Â•ÂƒÂŽÂ—–‘ǥƒŽŽ‡ÍĄÇ¤Í›Í˜Žƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ?‡†‹ƒ‡Žƒ•—……‡••‹˜ƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‡†‹†‘Â?‹‡”‹Â?‘‘•‡ŽŽ‹ǥ ƒ••‹•–‡Â?–‡†‹‘…‡•ƒÂ?‘ǥ•—Ž•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‘‡‹…‘Â?–‡Â?—–‹†‡ŽŽǯÂ?Â?‘†‡ŽŽƒÂˆÂ‡Â†Â‡Ç˘ ƒŽŽ‡͙͙ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒŽ˜‡•…‘˜‘‘Â?ƒ”‹ǤŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘•‹ …‘Â?…Ž—†‡…‘Â?‹Ž’”ƒÂ?œ‘…‘Â?—Â?‹–ƒ”‹‘Ǥ‡”Â?‘–‹˜‹‘”‰ƒÂ?Â‹ÂœÂœÂƒÂ–Â‹Â˜Â‹ÇĄ•‹…Š‹‡†‡ †‹…‘Â?—Â?‹…ƒ”‡Č‹Â–‡Ž‡ˆ‘Â?ƒÂ?†‘ƒŽÂ?—Â?‡”‘͛͛͘͘Í&#x;͚͚͚Í?Í›ČŒƒŽŽƒ•‡‰”‡–‡”‹ƒ ‰‡Â?‡”ƒŽ‡†‡ŽŽƒ…—”‹ƒ‡Â?–”‘‡Â?‘Â?‘Ž–”‡˜‡Â?‡”†¿Í?‘––‘„”‡‹ŽÂ?—Â?‡”‘‘‹Â? Â?‘Â?‹Â?ƒ–‹˜‹†‡‰Ž‹ƒ††‡––‹ƒŽÂ…Â—ÂŽÂ–Â‘ÇŚÂ•ÂƒÂ…Â”Â‹Â•Â–Â‹…Š‡‹Â?–‡Â?†‘Â?‘’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡Ǥ

ƒ„ƒ–‘͞‘––‘„”‡

Â?…‘Â?–”‘’‡”‰Ž‹ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹Ž‹–—”‰‹…‹ ƒ…—‘Žƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒ†‹Â?—•‹…ƒƒÂ?–ƒ‡…‹Ž‹ƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ—Â?‹Â?…‘Â?–”‘ ’‡”‰Ž‹ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒŽ‹–—”‰‹…ƒ†‡ŽŽƒ‹‘…‡•‹Ǥǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ’ƒ”–‡ ƒÂ?…Š‡ƒÂ?…Š‡†ƒŽŽ‡•‘ŽŽ‡…‹–ƒœ‹‘Â?‹…Š‡ǥ‹Â?“—‡•–‹ƒÂ?Â?‹ǥ•‘Â?‘•–ƒ–‡‘ˆˆ‡”–‡ †ƒŽ‡•…‘˜‘‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡Â?‡ŽŽ‡Ž‡––‡”‡’ƒ•–‘”ƒŽ‹Dzƒƒ”‘Žƒ†‹‹‘Â?‡ŽŽƒ ˜‹–ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?…”‹•–‹ƒÂ?ÂƒÇł‡DzÇŻ—…ƒ”‹•–‹ƒÂ?‡ŽŽƒ˜‹–ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â? …”‹•–‹ƒÂ?ÂƒÇłÇ¤ Â?“—‡•–‹†‘…—Â?‡Â?–‹Â?‘Â?•Ǥ‘Â?ƒ”‹Šƒ’‹Î˜‘Ž–‡ˆƒ––‘ ”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ƒŽ…ƒÂ?–‘Ž‹–—”‰‹…‘ǥ”‹…‘”†ƒÂ?†‘…‘Â?‡‡••‘…‘Â?…‘””ƒƒ”‡Â?†‡”‡ ˜‹˜ƒ‡’‹Î‹Â?–‡Â?•ƒŽƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ˆ‡†‡Ž‹ƒŽŽƒŽ‹–—”‰‹ƒǤ‡ŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â? †‡˜‡…‘Â?–‹Â?—ƒ”‡ƒ‡••‡”‡ƒ••‹…—”ƒ–ƒŽƒ’”‡•‡Â?œƒ‡ÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ†‹’‡”•‘Â?‡…Š‡ •‹†‡†‹…Š‹Â?‘…‘Â?’ƒ••‹‘Â?‡ƒŽŽƒÂ?—•‹…ƒ•ƒ…”ƒǤÂŽ–‡Â?’‘•–‡••‘‘”‰ƒÂ?‹•–‹ǥ †‹”‡––‘”‹†‹…‘”‘ǥ‰—‹†‡†‡Ž…ƒÂ?–‘‡•–”—Â?‡Â?–‹•–‹†‡˜‘Â?‘ƒ˜‡”‡ƒ…—‘”‡ ŽƒŽ‘”‘’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‡”“—‡•–‘°•–ƒ–‘’‡Â?•ƒ–‘—Â?‹Â?…‘Â?–”‘‹Â?…—‹ •…ƒÂ?„‹ƒ”‡‹†‡‡‡•—‰‰‡”‹Â?‡Â?–‹ǥÂ?‘Â?…Š¹”ƒ……‘‰Ž‹‡”‡’”‘’‘•–‡‘”‹‡Â?–ƒ–‡ƒŽ …‘‹Â?˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘†‹ƒŽ–”‡’‡”•‘Â?‡Â?‡Ž•‡”˜‹œ‹‘Ž‹–—”‰‹…‘njÂ?—•‹…ƒŽ‡Ǥǯ‹Â?…‘Â?–”‘ •‹–‡””Â?•ƒ„ƒ–‘Íž‘––‘„”‡ƒŽŽ‡‘”‡Í™Í?Ǥ͛͘’”‡••‘Žƒ…—‘Žƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒ†‹ —•‹…ƒǤ‡…‹Ž‹ƒ‹Â?˜‹ƒ‘Â?‡Â?‹…‘‘ŽŽƒÂ?‹͚͘ƒ”‡•…‹ƒǤ

’‘•–‘Žƒ–‘†‡ŽŽƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ ‡‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‹†‡ŽÂ?‡•‡†‹‘––‘„”‡ ÇŻ†’°Ž‹‡–‘†‹…‘ŽŽƒ„‘”ƒ”‡ƒˆˆ‹Â?…Š¹ÂŽÇŻÂ?Â?‘†‡ŽŽƒˆ‡†‡’‘”–‹ˆ”—––‹†‹˜‹–ƒ Â?—‘˜ƒ‡†‹ˆ‘”–‡•ŽƒÂ?…‹‘†‹‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡Ǥ‹‹Â?’‡‰Â?ƒĠƒ……‘‰Ž‹‡”‡‡ –”ƒ•Â?‡––‡”‡Ž‡‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‹ǣ ‡Â?‡”ƒŽ‡–‡”Ž‘•˜‹Ž—’’‘‡‹Ž’”‘‰”‡••‘†‡ŽŽƒ Â?—‘˜ƒ‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡Â?‡‹ƒ‡•‹†‹ƒÂ?–‹…ƒ…”‹•–‹ƒÂ?‹–Â?ǢÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒ– ‡”…Š¹Žƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ‹‘”Â?ƒ–ƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒÂ?‘Â?†‹ƒŽ‡•‹ƒÂŽÇŻÂ‘……ƒ•‹‘Â?‡ †‹—Â?”‹Â?Â?‘˜ƒ–‘‹Â?’‡‰Â?‘†‹‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡Ǣ†‡‹‡•…‘˜‹–‡”…Š¹Žƒ ‡”‰‹Â?‡ƒ”‹ƒ•‹ƒƒ……‘Ž–ƒÂ?‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…‘Â?‡ÂŽÇŻÂƒÂ……‘Ž•‡‹Ž‹•…‡’‘Ž‘ ’”‡†‹Ž‡––‘‡…‹ƒ‹—–‹ƒ‡••‡”‡ˆ‡†‡Ž‹ƒŽ•—‘ ‹‰Ž‹‘ ‡•ÎǢÂ?—‘˜ƒ‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‡†‡Ž ˜‡•…‘˜‘—…‹ƒÂ?‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ÍšÍ˜Í™ÍšČ€Í™Í›–‡”…Š¹‹Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘†‹ˆ‡†‡’‡”•‘Â?ƒŽ‡ ‡…‘Â?—Â?‹–ƒ”‹‘•‹ƒ•‘•–‡Â?—–‘†ƒŽŽƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?’‡‰Â?‘’‡”Žǯ—Â?‹–Â?Ǥ


ÍšÍ

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

‡Â?–”‘ƒ–‡”‹˜‹Â?ƒ‡ ”ƒ–‹ƒ‡ ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?ƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‡ˆ‘”Â?‡†‡ŽŽƒ†ƒÂ?œƒ‡†‡ŽŽƒ’ƒ”‘Žƒ Il 7 ottobre alle ore 17.30 il Centro Mater Divinae Gratiae di Brescia, animato dalle Suore Dorotee di Cemmo, dĂ inizio alle attivitĂ  dell’anno 2012/2013 offrendo uno spazio di fruizione artistica che permetta ai partecipanti di gustare i temi della spiritualitĂ  attraverso le forme della danza e della parola. Tre saranno le sezioni in programma: una prima parte guidata dalla danza contemporanea di Marina Rossi; “Una strada nell’animaâ€? condurrĂ  a guardare

l’esperienza mistica femminile espressa dal movimento del corpo, tra tensione e abbandono. SeguirĂ una partitura vocale, realizzata ed eseguita da Anna Teotti, “L’anima cantaâ€?, che dĂ  voce al segreto dell’anima che prega, implora e chiama Dio. Al termine, le Suore del Centro presenteranno le iniziative dell’anno offrendo ai presenti la brochure che ne riporta il calendario. Di seguito riportiamo le iniziative previste per il mese di ottobre. MartedĂŹ 9, 16, 23 e 30 (ore

20,30/22,30) – “La terra... l’incontroâ€?: quando le parole umane diventano simbolo che dice Dio. MartedĂŹ 9, 16, 23 e 30 (ore 9/10,30) – lectio divina settimanale: lettura, riflessione condivisa e dialogo sulla Lettera di S. Paolo ai Romani. Sabato 13 (ore 16/17,30) – “Forti nella debolezzaâ€?: percorso di spiritualitĂ per persone disabili, loro familiari e operatori. Da domenica 14 a domenica 21: esercizi spirituali per religiose/i, sacerdoti e laici con don Carlo

Molari (diocesi di Cesena). Domenica 21 (ore 9/16) – Incontro di formazione per giovani animatori. Domenica 21 (ore 9/17) – “Perdonarsiâ€?: percorso laboratoriale sull’arte del perdono. Sabato 27 e domenica 28 – Meditazione cristiana con padre Andrea SchnĂśller. Per maggiori dettagli e iscrizioni, contattare il Centro Mater Divinae Gratiae di via S. Emiliano 30 a Brescia al numero 030.384721 o consultare il sito www. materdivinaegratiae.it

    

‡�–”‘ˆƒ�‹‰Ž‹ƒ†‹‘…‡•ƒ�‘�ƒ�—‘˜ƒˆ‘”�ƒ‘”‰ƒ�‹œœƒ–‹˜ƒ

$VHUYL]LRGHOODIDPLJOLD   

,

l 22 settembre 2006 veniva inaugurata la nuova sede del Consultorio diocesano in via Schivardi 58, per volontĂ dell’allora vescovo Giulio Sanguineti, con l’intento di offrire al territorio diocesano un servizio alla coppia e alla famiglia che avrebbe dovuto “rispondere evangelicamente a tutti, senza distinzioni di persone, ma sempre con grande chiarezza di identitĂ â€?. Al tempo il nuovo consultorio si poneva in diretta continuitĂ  con l’esperienza del “Centro di consulenzaâ€? alla famiglia istituito dal vescovo Bruno Foresti in via Spalto san Marco. Oggi, sulla scia di ventisei anni di esperienza nel campo della consulenza ai singoli, alla coppia e alla famiglia, Il Consultorio diocesano assume una nuova forma organizzativa per continuare a perseguire la sua finalitĂ  pastorale d’origine, tenendo conto dei nuovi bisogni e delle nuove problematiche che hanno investito la realtĂ  delle relazioni coniugali e familiari. Non si tratta quindi di un “nuovo inizioâ€?, ma di una trasformazione e di un adattamento alla situazione attuale. In particolare, il “Centro famiglia diocesano – questo il nuovo nome del consultorio – specificherĂ  la sua opera in tre distinte forme di servizio. La prima rimane la “consulenza familiareâ€? (di coppia, educativa,

 

  

ÂŽÂ?—‘˜‘…‘‘”†‹Â?ƒ–‘”‡ †‡Ž’‡”•‘Â?ƒŽ‡‡†‡ŽŽ‡ ƒ––‹˜‹–Â?†‡Ž‡Â?–”‘ ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ†‹‘…‡•ƒÂ?‘ǥ —…‹ƒÂ?‘ÂƒÂ…Â‡ÇĄ’”‡•‡Â?–ƒ‹ •‡”˜‹œ‹‘ˆˆ‡”–‹†ƒŽ‡Â?–”‘

giuridica, medico-sanitaria, psicologica, religiosa) per adulti e minori, secondo le disposizioni specifiche stabilite ancora a partire dalla legge del 29 luglio 1975, n. 405. La seconda forma di servizio è data dalla “clinica psicologicaâ€?. Infatti, dal 2006 in avanti, gli operatori dell’ambito psico-socio-pedagogico presenti in consultorio si sono accorti di come molte delle richieste che giungevano non rientravano

nell’ambito della consulenza, ma si configuravano come vere e proprie richieste di ordine psico-terapeutico. Il servizio di psicologia clinica – il quale è proposto a pagamento, in quanto non rientra nelle ordinarie prestazioni consulenziali – si offre come tentativo di far fronte a questa specifica area di bisogno. La terza forma di servizio riguarda l’ambito della “promozione di informazione e formazioneâ€? tramite l’offerta di percorsi di educazione alla salute; di educazione affettiva e sessuale per preadolescenti, adolescenti e giovani; di sostegno alla genitorialitĂ , sia naturale che adottiva; di educazione e sostegno alla relazione di cura in situazioni difficili. Tutte queste iniziative si rivolgono a parrocchie, oratori, centri giovanili, scuole, istituti religiosi, enti e istituzioni pubbliche e private. A livello logistico ed organizzativo, ogni servizio è gestito da tre diverse equipe di professionisti (consulenziale, terapeutica e formativa), supervisionate dal coordinatore del personale e delle attivitĂ . Per ulteriori informazioni e contatti è possibile telefonare al numero 030/396613, inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica amministrazione@consultoriodiocesano. it oppure recandosi direttamente al Centro.

œ‹‘�‡ƒ––‘Ž‹…ƒ

ÂŽ‘Â?…‹Ž‹‘ ‡Žƒ•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â? ‘Â?‘ƒ’‡”–‡Ž‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹ƒ Dz ÂŽ‘Â?…‹Ž‹‘†ƒ˜ƒÂ?–‹ƒÂ?‘‹dz‡ ƒDz‘•–‹Ž‡†‡Ž‘Â?…‹Ž‹‘dzȋ—Â? Žƒ„‘”ƒ–‘”‹‘•—Ž‘Â?…‹Ž‹‘ƒ …—”ƒ†‹ƒ‘Žƒ‹‰Â?ÂƒÂ”Â†Â‹ČŒÇ¤‡ ‹•…”‹œ‹‘Â?‹•‹”‹…‡˜‘Â?‘’”‡••‘ ÂŽÇŻœ‹‘Â?‡ƒ––‘Ž‹…ƒ‡Â?–”‘‹Ž ͙͘‘––‘„”‡ǥ–‡Ž‡ˆ‘Â?ƒÂ?†‘ƒŽ Â?—Â?‡”‘Í˜Í›Í˜Ç¤ÍœÍ˜Í™Í˜ÍšÇŁ͘͜‡—”‘ ’‡”Dz ÂŽ‘Â?…‹Ž‹‘†ƒ˜ƒÂ?–‹ƒÂ?‘‹dz ‡…‹Â?“—‡‡—”‘’‡”‹Ž’‡”…‘”•‘ Žƒ„‘”‹ƒŽ‡Ǥ …‘”•‹•‹•˜‘Ž‰‘Â?‘ †‹Â•ÂƒÂ„ÂƒÂ–Â‘ÇĄ†ƒŽŽ‡Í™Í?ƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ǥ

ÂŽ’‡”…‘”•‘˜‹‡Â?‡’”‘’‘•–‘ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻœ‹‘Â?‡ƒ––‘Ž‹…ƒ †‹”‡•…‹ƒ‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ †‹‘…‡•ƒÂ?‘†‡‰Ž‹”‰ƒÂ?‹•Â?‹†‹ …‘Â?—Â?‹‘Â?‡ǥ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?Žƒ…—‘Žƒ†‹–‡‘Ž‘‰‹ƒ’‡” Žƒ‹…‹‡ÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘ •…—‘ŽƒǤ ÂŽ…‘”•‘•‹ƒ”–‹…‘Žƒ‹Â? —Â?„‹‡Â?Â?‹‘‡•‹”‹˜‘Ž‰‡ƒ…Š‹ †‡•‹†‡”ƒ—Â?ƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ †‹„ƒ•‡†‡‹†‘…—Â?‡Â?–‹†‡Ž ‘Â?…‹Ž‹‘Ǥ‡”‰Ž‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹†‹

”…Žƒˆ”‡“—‡Â?œƒ°”‹…‘Â?‘•…‹—–ƒ ‡ƒ……”‡†‹–ƒ–ƒǤ‹•‡‰—‹–‘ ‹Ž…ƒŽ‡Â?†ƒ”‹‘†‡‰Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ÍšÍ˜Í™ÍšÇŚÍšÍ˜Í™Í›Ç¤ ‹ŽŽƒƒ…‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ ‘––‘„”‡ ”‹’”‡Â?†‡ǥ‘‰Â?‹Ž—Â?‡†¿Â•Â‡Â”ÂƒÇĄ Žƒ…—‘Žƒ†‡ŽŽƒƒ”‘Žƒ…‘Â? †‘Â? Žƒ˜‹‘ƒŽŽƒ‡……Š‹ƒǤƒŽ ͙͚‘––‘„”‡”‹–‘”Â?ƒDz”‡‰ƒ”‡ …‘Â?‹•ƒŽÂ?‹dzǣ—Â?ƒ’”‘’‘•–ƒ ˜ƒŽ‹†ƒƒÂ?…Š‡’‡”‹‰”—’’‹‡Ž‡ ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹…Š‡†‡•‹†‡”ƒÂ?‘ ƒ˜‡”‡—Â?’‡”…‘”•‘ˆ‘”Â?ƒ–‹˜‘ •’‹”‹–—ƒŽ‡‡Â?‘Â?Â?‡ŠƒÂ?Â?‘ Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?Ǥ Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹ •‹–‡Â?‰‘Â?‘†‹˜‡Â?‡”†¿†ƒŽŽ‡ ͚͘Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͚͚Ǥ͛͘Ǥ ÂŽ…‘•–‘°†‹ ͙͘‡—”‘ƒ’‡”•‘Â?ƒǤ

,15,&25'2 9$/(5,$%21$66, ,1%21(77, GLDQQL

3$2/$6,021&(//, ,10$))(,6 GLDQQL

&$67(/0(//$ 

&$67(/0(//$ 


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͚ͥ

ǯ͙͙‘––‘„”‡

‹‘˜ƒÂ?‹‡˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇŁ—Â?…‘Â?˜‡‰Â?‘ L’UniversitĂ cattolica di Brescia in collaborazione con l’Osservatorio sul volontariato promuove il convegno “Verso un volontariato giovane. I rapporti intergenerazionali nelle associazioni di volontariatoâ€?. Il convegno si terrĂ  giovedĂŹ 11 ottobre dalle 9,30 presso l’Aula magna dell’UniversitĂ  cattolica in via Trieste, 17 a Brescia. Nel corso dell’incontro verranno presentati i risultati della ricerca “I rapporti intergenerazionali

nelle associazioni di volontariatoâ€?, una tematica ampia e ricorrente nel mondo associazionistico che continua ad essere di difďŹ cile risoluzione. Da una parte si fatica a passare la mano e a cedere il timone di associazioni molte volte create da chi oggi si trova per motivi anagraďŹ ci a doverlo fare, dall’altra una difďŹ coltĂ di dialogo e di “lavorare insiemeâ€? con modalitĂ  che sono spesso diverse da quelle proposte dai giovani.

I lavori verranno introdotti da Luigi Pati (nella foto), direttore dell’Osservatorio sul volontariato e da Maria Paola Mostarda, assegnista di ricerca dell’Osservatorio stesso. I risultati della ricerca verranno poi analizzati e discussi nel resto della mattinata. Durante il pomeriggio sarà organizzata una tavola rotonda a piÚ voci seguita da alcune testimonianze di volontari bresciani di diverse generazioni.

    ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹’‘…Š‹‰‹‘”Â?‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â?„Ž‡ƒÂ?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡

$SSXQWDPHQWR D/¡$TXLOD   

 

,

l volontariato dice la sua con un percorso di riflessione che ha attraversato tutto il Paese, a partire da L’Aquila: punto di partenza e di arrivo di questa maratona della solidarietĂ . La 6ÂŞ Conferenza nazionale del volontariato si terrĂ  infatti dal 5 al 7 ottobre nella cittĂ  colpita ormai tre anni fa dal tremendo terremoto. L’appuntamento vedrĂ  la partecipazione di tutto il mondo del volontariato, chiamato a ripensare il proprio ruolo e a dare il proprio responsabile contributo per un radicale e costruttivo cambiamento. Fino a domenica 30 settembre, le associazioni, i volontari e tutti coloro che sono interessati a prendere parte all’appuntamento in programma dal 5 al 7 ottobre, possono iscriversi attraverso l’apposita scheda online raggiungibile dal sito www.csvbs.it. Il programma della tre giorni è denso e fitto di appuntamenti fin dal pomeriggio di venerdĂŹ che verrĂ  aperto da un intervento del ministro del Lavoro e delle politiche sociali Elsa Fornero. Il rapporto politica-associazionismo è proprio uno dei punti maggiormente indagati e discussi anche negli incontri zonali che si sono tenuti nelle scorse settimane a Brescia e in provincia. Ăˆ emerso che le organizzazioni intendono dire concretamente ai leader politici, al mondo economico e ai sindacati che il volontariato deve essere considerato come soggetto attivo, indispensabile alla vita della comunitĂ , e quindi soggetto politico da coinvolgere nei momenti decisionali, con

LOYRORQWDULDWR YDOH ODSHQD     

  

‹�…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘�‡…‘�

…‘�‹Ž…‘�–”‹„—–‘†‹

0 L Q L V W H UR  G H O O D  * L X V W L ] L D Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Brescia

AIFVS

www.vittimestrada.org

™™™Ǥ„”‡•…‹ƒ˜‘Ž‘�–ƒ”‹ƒ–‘Ǥ‹–

     

‡ŽŽƒ…‹––Â?ƒ„”—œœ‡•‡ …‘Ž’‹–ƒ–”‡ƒÂ?Â?‹ˆƒ †ƒŽ–‡””‡Â?‘–‘†ƒŽÍ? ƒŽÍ&#x;‘––‘„”‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‹Â•Â‡ †‡Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘ la convinzione che il volontariato è chiamato a contribuire al sistema del welfare e a sperimentare nuovi interventi e servizi in relazione ai bisogni emergenti, recepiti da strutture leggere che stanno sul territorio, con le persone e fra le persone. Altro tema centrale riguarda la situazione economica: la crisi e la conseguen-

te riduzione delle risorse sono problematiche che preoccupano anche il mondo associativo bresciano. La situazione colpisce soprattutto le fasce piÚ deboli e fragili: anziani, disabili, giovani, immigrati e genitori separati. Per i giovani la mancanza di lavoro toglie la possibilità di guardare al futuro con voglia di partecipazione ed entusiasmo. Ed è questo aspetto di un impoverimento non solo economico ma anche sociale e culturale che va combattuto ed arginato da parte delle associazioni. La Conferenza nazionale rappresenta un’occasione per provare a dialogare, istituzioni e associazionismo, attorno a tematiche fondamentali per la comunità tutta.

3HUFRUVLGL JLXVWL]LDULSDUDWLYD HGLPLVXUH DOWHUQDWLYH DOFDUFHUH

=D>E80??A>38 3URJHWWRGLVHQVLELOL]D]LRQHDFXUDGHO&HQWUR6HUYL]L9RORQWDULDWRGL%UHVFLD


͛͘

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

ƒ’”‘’‘•–ƒ ‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡‰”ƒœ‹‡ A 50 anni dal Concilio Vaticano II, a 40 dalla istituzione della Caritas italiana, la Caritas diocesana di Brescia ha inteso guardare ai gesti, ai segni, alle tante opere di caritĂ che hanno contribuito a rendere la Chiesa bresciana una “comunitĂ  in camminoâ€? per dire “Semplicemente grazieâ€?. Sabato 15 settembre, nell’ambito di AgorĂ  2012, il grazie ha trovato espressione tra parole, musica, immagini. I grazie del direttore Caritas Giorgio Cotelli e di mons

Luciano Monari, riportati in questa pagina, sono stati accompagnati da quelli di alcuni uomini e donne della caritĂ che, nel video “Insieme. Incontri di voltiâ€? hanno raccontato e condiviso, il loro grazie a partire da fatti, fatiche, frutti legati ad esperienze di caritĂ . 12 grazie che si sono fatti “insiemeâ€? nel grazie comune (grazie a tutti coloro che nella caritĂ  continuano a dare ragione della speranza che è in loro) e all’unisono hanno espresso

la forza e la bellezza di dire “Semplicemente grazie�. La compositrice Maria Ventura, accompagnata da La Fauci, Naclerio, Bini, ha interpretato in musica la riconoscenza gioiosa del grazie. L’artista William Fantini, a partire dal discorso di Benedetto XVI in occasione della celebrazione per i 40 anni di Caritas italiana, ha realizzato en plain air “Le stagioni del grazie�. (vedi: www.brescia. caritas.it)

 

‡Â?†‡”‡˜‹•‹„‹Ž‡‹Ž˜‘Ž–‘†‹ ‡•Î ‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡Â‰Â”ÂƒÂœÂ‹Â‡ÇĄ˜‡•…‘˜‘ —…‹ƒÂ?‘’‡”‡••‡”“—‹‘‰‰‹…‘Â? ÂƒÂ”Â‹Â–ÂƒÂ•ÇĄ…Š‡˜—‘Ž‡†‹”‡ƒ–—––‹ Dz‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡Â‰Â”ÂƒÂœÂ‹Â‡ÇłÇĄ‹Â?—Â?‘ •’ƒœ‹‘†‹‹Â?…‘Â?–”‘ǥ†‹ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡‹Â? …—‹Â†ÂƒÂ”Â‡ÇĄÂ”Â‹Â…Â‡Â˜Â‡Â”Â‡ÇĄ˜‹˜‡”‡•‘’”ƒ––—––‘ Žƒ„‡ŽŽ‡œœƒ†‡Ž‰”ƒœ‹‡Ǥ ‡‰—ƒ”†‘ŽƒÂ?‹ƒ‡•’‡”‹‡Â?ÂœÂƒÇĄ° ‡•Î …Š‡…‡”…ƒ‹ŽÂ?‘•–”‘˜‘Ž–‘‡Ž‘ˆƒƒŽ†‹ŽÂ? †‹‘‰Â?‹Â?‘•–”‘Â?‡”‹–‘ǥƒŽ†‹ŽÂ?†‡ŽŽ‡ Â?‘•–”‡‘’‡”‡Ǥ ÂŽ˜‘Ž–‘†‹‹‘ǥ‹Ž˜‘Ž–‘ Â?‹•‡”‹…‘”†‹‘•‘†‹ ‡•Îǥ’‡”ƒÂ?‘”‡ Â?‘•–”‘ǥ•‹°ˆƒ––‘—‘Â?‘‡Šƒ˜‹••—–‘ —Â?ǯ‡•‹•–‡Â?œƒ†‹—‘Â?‘ǣ•‹°ˆƒ––‘˜‹…‹Â?‘ǥ ’‡”‡Â?–”ƒ”‡‹Â?”‡Žƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Â?‘‹Ǥ‘‹

˜‘””‡Â?Â?‘†‹”‰Ž‹Dz‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡ Â‰Â”ÂƒÂœÂ‹Â‡ÇłÇ¤Â?œ‹–—––‘˜‘””‡Â?Â?‘†‹”‡ ‰”ƒœ‹‡ƒ‹‘’‡”…Š¹ǥ…‘Â?‡‡‹…‹ ‹Â?•‡‰Â?ƒ…‘Ž•—‘Â?ÂƒÂ‰Â‹Â•Â–Â‡Â”Â‘ÇĄ†ƒ •‡Â?’”‡—‹ǥ‹Â? ‡•Îǥ•‹’”‡Â?†‡…—”ƒ †‹‘‰Â?—Â?‘†‹Â?‘‹‡Ž‘ˆƒƒˆˆ‹†ƒÂ?†‘…‹ ‡…‘Â?•‡‰Â?ƒÂ?†‘…‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‹…‹œ‹ƒ‡ƒŽŽƒ •‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?†‡‰Ž‹ƒŽ–”‹Ǥ

�“—‡•–‹͘͜ƒ��‹†‹ƒ”‹–ƒ•‹–ƒŽ‹ƒ�ƒ‹� ƒ•…‘Ž–‘†‡Ž‘�…‹Ž‹‘ƒ–‹…ƒ�‘

ÇĄ–ƒÂ?–‹ —‘Â?‹Â?‹‡†‘Â?Â?‡†‡ŽŽƒ…ƒ”‹–Â?ŠƒÂ?Â?‘ …‡”…ƒ–‘‹Â?•‹‡Â?‡‹Ž˜‘Ž–‘†‹ ‡•ÎǥÂŽÂ? †‘˜‡‰Ž‹•‹’”‡•‡Â?Â–ÂƒÂ˜ÂƒÇŁ…‘Â?‡†‹…‡ Žƒ ƒ—†‹—Â?‡–•’‡•ǥÂ?‡ŽŽǯ—Â?ƒÂ?‹–Â? ÂˆÂ‡Â”Â‹Â–ÂƒÇĄÂ?‡ŽŽǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?…Š‡°–”‹•–‡ǥ

Â?‡ŽŽǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?…Š‡’”‘˜ƒƒÂ?Â‰Â‘Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ Â?ƒƒÂ?…Š‡Â?‡ŽŽǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?…Š‡•ƒ‰‹‘‹”‡ǥ Â?‡ŽŽǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?…Š‡•’‡”ƒǤ 1Â?‡ŽŽǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?…Š‡ ‡•Î …‘Â?–‹Â?—ƒÂ?‡Â?–‡…‹˜‹•‹–ƒǤ

Â?–—––‡Ž‡‘……ƒ•‹‘Â?‹…Š‡…‹ŠƒÂ?Â?‘˜‹•–‹ ‹Â?•‹‡Â?‡ƒŽ‡‹ǥ˜‡•…‘˜‘—…‹ƒÂ?‘ǥÂ?‘‹ †‹ƒ”‹–ƒ•…‹•‹ƒÂ?‘•‡Â?–‹–‹Â˜Â‹Â•Â‹Â–ÂƒÂ–Â‹ÇĄ†ƒ ‡‹”‹Â?…—‘”ƒ–‹‡•’”‘Â?ÂƒÂ–Â‹Ç˘’‹Î˜‘Ž–‡…‹ Šƒ†‡––‘ǣ”‡Â?†‡–‡˜‹•‹„‹Ž‡ŽƒˆƒÂ?–ƒ•‹ƒ †‡ŽŽƒ…ƒ”‹–Â?Ǥ‹’‡”Â?‡––ƒ†‹†‹”Ž‡ Dz‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡Â‰Â”ÂƒÂœÂ‹Â‡ÇłÇ¤ •‡Â?’”‡‹Ž‰”ƒœ‹‡”‹•…ƒŽ†ƒ‹Ž…—‘”‡†‹ …Š‹Ž‘”‡‰ƒŽƒ‡†‹…Š‹Ž‘Â”Â‹Â…Â‡Â˜Â‡ÇĄ’‡”…Š¹ ‹Ž‰”ƒœ‹‡ƒ’’ƒ”–‹‡Â?‡ƒ—Â?˜‹••—–‘‡‹

Â˜Â‹Â•Â•Â—Â–Â‹ÇĄÂ?‡ŽŽƒ…ƒ”‹–Â?ÇĄ’ƒ”ŽƒÂ?‘†‹Ž‡‰ƒÂ?‹Ǥ ‹ƒÂ?‘…‘Â?˜‹Â?–‹…Š‡‹Ž‰”ƒœ‹‡°˜‡”‘ •‡ǥ‹Â?…‹Ö…Š‡…‘Â?’‹ƒÂ?‘ǥ‡Â?–”ƒ—Â?ƒ ”‡Žƒœ‹‘Â?‡˜‡”ƒ…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘ÇĄ…Š‡†‹˜‡Â?–ƒ ÂŽÇŻÂƒÂ?‹…‘ǥ‹Žˆ”ƒ–‡ŽŽ‘‡ÂŽÇŻÂƒÂ?ƒ–‘Ǥ ‹’‡”Â?‡––ƒ†‹†‹”‡…‘Â?‹Ž…—‘”‡ —Â?Dz‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡Â‰Â”ÂƒÂœÂ‹Â‡Çłƒ‰Ž‹ Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄƒ‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹…Š‡Â?‡ŽŽ‡˜ƒ”‹‡ ƒ––‹˜‹–Â?‘’‡”ƒÂ?‘ƒˆƒ˜‘”‡†‡ŽŽƒƒ”‹–ƒ• ‡†‹ƒ”‹–ƒ•†‹‘…‡•ƒÂ?ÂƒÇĄ’‡”…Š¹•‘Â?‘ ’‡”•‘Â?‡…‘Â?Ž‡“—ƒŽ‹‘‰Â?‹‰‹‘”Â?‘ …‡”…Š‹ƒÂ?‘†‹˜‹˜‡”‡ÂŽÇŻÂ‡Â•Â‡Â”…‹œ‹‘†‡Ž ‰”ƒœ‹‡Ǥ ”ƒœ‹‡ƒ–—––‹Ž‘”‘ǥƒ–—––‹Â˜Â‘‹ǥ ’‡”…Š¹‹Â?•‹‡Â?‡…‡”…Š‹ƒÂ?‘†‹”‡Â?†‡”‡ ˜‹•‹„‹Ž‡‹Ž˜‘Ž–‘†‹ ‡•ÎǤČ‹ ‹‘”‰‹‘Â‘Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‹ČŒ

ǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘‡•‡Â?–‹–‡’ƒ”‘Ž‡†‡Ž‡•…‘˜‘

,JUD]LHHODUHVSRQVDELOLWj    

6

ono state parole sentite, di sincero ringraziamento quelle che il vescovo Luciano Monari ha pronunciato nel corso di “Semplicemente grazieâ€?. “Il Vescovo – ha affermato – è quello che dovrebbe ringraziare di piĂš ha piĂš debiti nei confronti delle personeâ€?. Per questo motivo il grazie di mons. Monari è stato molteplice: il primo lo ha pronunciato nei confronti dei preti, dei diaconi e delle comunitĂ cristiane. Ăˆ stato un grazie sentito perchĂŠ proprio una comunitĂ  che vive in armonia è una di quelle cose che allarga il cuore di un Vescovo “ perchĂŠ fa vedere – ha continuato mons. Monari – che il Signore ha messo dei legami di fraternitĂ  tra le persone, che ci fa diventare poco alla volta un unico popolo che costruisce un senso di gioia nell’essere insiemeâ€?. Se la presenza di tanti volontari

Ǥ Dz   dz

ÂŽ”‹Â?‰”ƒœ‹ƒÂ?‡Â?–‘ †‡Ž˜‡•…‘˜‘‘Â?ƒ”‹ †—”ƒÂ?–‡Žƒˆ‡•–ƒ Dz‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡ Â‰Â”ÂƒÂœÂ‹Â‡Çł–‡Â?—–ƒ‹Â?’‹ƒœœƒ ƒ‘Ž‘

che si impegno nelle comunitĂ sono un segno, come ha ricordato il Vescovo, della Provvidenza che passa attraverso l’attenzione delle persone vicine. “E allora – ha proseguito – ci sono da ringraziare con tutto il cuore queste persone. Bisognerebbe ringraziare i poveri, tutti quelli che bussano alla nostra porta, perchĂŠ, se è vero che nella loro faccia c’è il volto del Signore, nascosto ma vero, per noi sono un dono grande enei loro confronti dobbiamo dire grazie con tutto il cuoreâ€?. Un altro ringraziamento, chiaro e

sentito, anche se non direttamente collegato con il tema della festa proposta dalla Caritas, stava particolarmente a cuore al vescovo Monari: quello ai bambini e ai giovani, “perchĂŠ – ha spiegato – quando incontro i ragazzi della cresima o gruppi di giovani nelle scuole è come se la speranza si allargasse, è come se il loro futuro diventasse anche il mioâ€?. Ai suoi molteplici grazie il Vescovo ha voluto aggiungere un’appendice perchĂŠ l’attestazione di gratitudine è impegnativa. PerchĂŠ dire grazie a qualcuno, è stato il pensiero del Vescovo, chiede poi unatteggiamento di rispetto, di stima, di attenzione. “Se ringrazio le comunitĂ cristiane – ha continuato – vuol dire che so di avere una responsabilitĂ  nei loro confronti, bisogna che faccia il possibile perchĂŠ l’annuncio del Vangelo che devo dare alle comunitĂ  cristiane sia dato nel modo miglioreâ€?. Un atteggiamento che deve essere

universale.â€?Insomma – sono state ancora considerazioni del Vescovo –, il grazie ci compromette sempre; è in realtĂ una cosa bella perchĂŠ lo possiamo dire a persone che ci sono amiche, che consideriamo amiche, che non solo ci hanno fatto un dono, ma l’hanno fatto con il cuore e quindi che riconosciamo vicine e per questo ci danno sicurezzaâ€?. Per questo il grazie è bellissimo, è una delle cose che allarga il cuore. Non bisogna però dimenticare, è stata la conclusione di mons. Luciano Monari, che il destinatario ultimo di ogni ringraziamento è il Signore. “Tutto va ricondotto a Dio – ha precisato il Vescovo - perchĂŠ i preti e i diaconi me li ha dati il Signore; le comunitĂ  cristiane me le ha date il Signore; e anche i giovani e i ragazzi sono dono del Signore anche loro; i volontari vengono dal Signore. Quindi grazie, semplicemente grazie, ma con responsabilitĂ !â€?.


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͙͛

    –‘Â?‹Â?Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

ƒŽ–‡”‡Ž–”‘Â?‹ǥ ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ°‹Â?–‡”˜‡Â?—–‘ ‹Â?—Â?ƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ Â?‡Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ †‡Dz‡‰‹‘”Â?ÂƒÂ–Â‡ÇłÇ˘ ‹Â?ƒŽ–”ƒ•‡†‡Šƒ ’”‡•‡Â?–ƒ–‘‹Ž•—‘—Ž–‹Â?‘ Ž‹„”‘DzÇŻÂ‹Â•Â‘ÂŽÂƒ‡Ž‡”‘•‡dzǥ ‡†‹–‘†ƒ‹œœ‘Ž‹

‡‰‹‘”Â?ƒ–‡Dzƒ…—Ž–—”ƒ†‡ŽŽƒ’‘Ž‹–‹…ƒ’‡”—Â?ƒÂ?—‘˜ƒ’‘Ž‹–‹…ƒÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡Çł

/DFXOWXUDYRODQR GHOODFLYLOWj ƒŽ–‡”‡Ž–”‘Â?‹ˆƒÂ?‘–ƒ”‡…‘Â?‡Žƒ…—Ž–—”ƒ•‹ƒˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡’”‘’”‹‘’‡”…Š°•‹ˆ‘Â?†ƒ •—ŽŽ‡“—ƒŽ‹–Â?‹Â?–”‹Â?•‡…Š‡†‡ŽŽǯ‡••‡”‡—Â?ƒÂ?‘‡…‘Â?–”‹„—‹•…‡ƒŽŽƒ•—ƒ…”‡•…‹–ƒ  

    

$

ristotele afferma che la filosofia pura, quindi la cultura nella sua accezione piĂš alta, che ha come scopo la sapienza, non “serveâ€? a niente: non nel senso che è superflua o insignificante, ma nel senso che, immediatamente, sembra inutile, non dĂ vantaggi pratici visibili. Proprio per questo, però, essa è la piĂš nobile delle scienze, perchĂŠ è libera. Nel nostro mondo, in un’ottica tecnicistica egemonica, appare come rilevante solo ciò che è utile nell’immediato, che dĂ  esiti pratici evidenti, vantaggi materiali, mentre tutto ciò che è legato al pensiero puro, alla cultura, all’attivitĂ  dello spirito umano sembra irrilevante, marginale. Questo quadro è condizionato anche dal momento contingente, in cui c’’è una grave crisi economica, che fa sĂŹ che la politica si occupi maggiormente delle emergenze finanziarie, trascurando il mondo



Â?’ƒ‡•‡•‡Â?œƒÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ ”‹……‘•‘Ž‘†‹…‡Â?–”‹ ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒ”‹‡…‘Â?Â?Â‡Â”Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ †‹˜‡Â?–ƒÂƒÂ”‹†‘ǥ ‹Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â†Â—ÂƒÂŽÂ‹Â•Â–ÂƒÇĄ…Š‹—•‘ Â?‡ŽŽ‡’ƒ”–‹…‘Žƒ”‹–Â? della cultura. L’incontro organizzato nell’ambito de “Le Xgiornate di Bresciaâ€?, dal titolo “La cultura della politica per una nuova politica culturaleâ€?, con Walter Veltroni intervistato da Massimo Tedeschi, affronta proprio uno dei nodi cruciali della nostra temperie attuale. Veltroni fa notare il fatto che la cultura è il perno di una civiltĂ , poichĂŠ si fonda sulle qualitĂ  intrinseche dell’essere umano. Essa contribuisce alla nostra crescita spirituale, intellettiva, etica: in un certo senso, è il nostro “volanoâ€?, che ci stimola a camminare verso il nostro compi-

mento. A tale riguardo, Veltroni ricorda i primi umanisti del ‘400, come Poggio Bracciolini, che viaggiano per l’Europa, cercando antichi testi e salvandoli dall’oblio. L’Italia non può dimenticare queste radici, non per sentirsi superiore, in una logica di rozzo nazionalismo, ma per ritrovare se stessa, per porre le fondamenta del proprio futuro. La vera cultura, inoltre, essendo frutto del pensiero e dello spirito, vive nella libertĂ : un popolo colto, conscio della propria anima, è senz’altro un popolo libero. Non a caso le dittature, come primo atto di politica culturale, bruciano i libri, in agghiaccianti roghi preparati nei centri delle cittĂ . La politica attuale, gravata dalle prospettive della crisi economica, rischia di perdere di vista tale valore della cultura. Secondo Veltroni, invece, bisogna rendersi conto che la politica culturale di un governo, oltre ad implicare una crescita

morale, e spirituale della nazione, presenta anche innegabili vantaggi pratici. Infatti, essa, se organizzata bene, con criteri razionali e con progetti fondati, può causare un aumento del Pil, poichĂŠ provoca una crescita delle presenze turistiche, un movimento di affari commerciali, con ricadute positive sul bilancio dello stato. Il politico richiama gli esempi delle notti bianche romane o dei grandi eventi musicali, che hanno comportato notevoli esperienze di massa, la partecipazione di migliaia di persone, anche per spettacoli di alta cultura, come il “Don Giovanniâ€?. Certo, questa politica richiede delle condizioni basilari: una gestione corretta delle finanze, un’ottima organizzazione dell’evento, una capacitò di creare infrastrutture permanenti, magari usando sia gli interventi pubblici sia quelli privati. Se si riuscisse a realizzare tale azione governativa, potremmo anche

migliorare la qualitĂ della vita delle nostre cittĂ , perchĂŠ gli eventi culturali, rivolti a un ampio pubblico, riescono a creare un clima di pace, di serenitĂ , di dialogo tra le persone. Invece un paese senza cultura, ricco solo di centri finanziari e commerciali, diventa arido, individualista, chiuso nelle proprie particolaritĂ  isolate, frammentato in un atomismo sociale che nega il senso della collettivitĂ , del bene comune, della “polisâ€?. Allora la vera emergenza è proprio questa, non tanto la crisi economica, che pure è rilevante e ci ferisce: dobbiamo recuperare , tanto sul piano politico quanto su quello personale, il vero valore della cultura, che è sia lo studio, la ricerca, il pensiero e l’attivitĂ  spirituale, sia la formazione, l’azione, la crescita umana, la “paideiaâ€? greca, se vogliamo evitare il triste tramonto dell’Occidente verso l’inaridimento delle persone e l’imbarbarimento dei costumi.



     

”ƒ˜‹‘…ƒ––‹˜‹‹Â?•‡‰Â?ƒ–‹ˆƒÂ?Â?‘Žƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œƒ Ž‡••‹‘°—Â?”ƒ‰ƒœœ‘…Š‡ˆ”‡“—‡Â?–ƒŽƒ–‡”œƒ Â?‡†‹ƒČ‹ÂƒÂ?…Š‡•‡’‡”‡–Â?†‘˜”‡„„‡‡••‡”‡‹Â? ’”‹Â?ƒÂ•Â—Â’Â‡Â”Â‹Â‘Â”Â‡ČŒÇ¤ƒÂ?ƒŽ‡ƒ•…—‘ŽƒƒÂ?ÂœÂ‹ÇĄ…‘nj Â?‡†‹…‡Ž—‹ǥŽƒ‘†‹ƒǤDz ÂƒÂ”Ă–‹ŽÂ?—”ƒ–‘”‡‘‹ŽÂ‰Â‹ÂƒÂ”ÇŚ †‹Â?‹‡”‡ǤÂ?†”Öƒ•…—‘Žƒ—Â?ƒÂ?Â?‘’‡”Žǯ‘„„Ž‹‰‘ •…‘Žƒ•–‹…‘Â?ƒ’‘‹ÂŽÂƒÂ•Â…‡”Ö’‡”†‡”‡Ǥ‘Â?Â?‹ ‹Â?–‡”‡••ƒ•–—†‹ƒ”‡Ǥ”‘‹Â?–‡”œƒ‡Ž‡Â?‡Â?–ƒ”‡‡ ˆƒ…‡˜‘ˆƒ–‹…ƒǤ Ž‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹“—ƒÂ?†‘Â•Â„ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÇŚ ˜‘Â?‹†‹…‡˜ƒÂ?‘ǣÂ”Â‹Â’Â”Â‘Â˜ÂƒÇĄÂ?ƒ•‡Â?œƒ•’‹‡‰ƒ”Â?‹ †‘˜‡•„ƒ‰Ž‹ƒ˜‘‡…‘•ƒ†‘˜‡˜‘…ƒÂ?„‹ƒ”‡Ǥ ‘”‹nj ’”‘˜ƒ˜‘‡•„ƒ‰Ž‹ƒ˜‘‡Ž‘”‘Â?‹†‹…‡˜ƒÂ?‘”‹’”‘nj Â˜ÂƒÇ˘†‘’‘—Â?’‘ǯÂ?‹•‘Â?‘”‘––‘Ž‡•…ƒ–‘Ž‡‡†Š‘ ’‡Â?•ƒ–‘…Š‡‡”‘•–ƒÂ?…‘†‹’”‘˜ƒ”‡‡”‹’”‘˜ƒ”‡ †ƒ•‘Ž‘ǥ…‘•¿Š‘Žƒ•…‹ƒ–‘’‡”†‡”‡ǤÂ?ƒ˜‘Ž–ƒ Â?‹”‹…‘”†‘…Š‡—Â?ǯ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡Â?‹Šƒ–‹”ƒ–‘‹Â? ˆƒ……‹ƒ—Â?“—ƒ†‡”Â?‘ǤǤǤ’‡Â?•ƒ˜ƒ†‹•’”‘Â?ƒ”Â?‹ ƒˆƒ”‡Â?‡‰Ž‹‘Â?ƒ•‹•„ƒ‰Ž‹ƒ˜ƒ‹‘†ƒ“—‡ŽÂ?‘nj Â?‡Â?–‘Š‘†‡…‹•‘…Š‡Â?‘Â?ƒ˜”‡‹’‹Î•–—†‹ƒ–‘ Žƒ•—ƒÂ?ÂƒÂ–Â‡Â”Â‹ÂƒÇłÇ¤Â?ƒ†‡ŽŽ‡…ƒ’ƒ…‹–Â?‡†—…ƒ–‹˜‡ ’‹Î‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹°•‹…—”ƒÂ?‡Â?–‡“—‡ŽŽƒ†‹Dz‡•nj •‡”…‹dz•ƒ’‡Â?†‘•–ƒ”‡‹Â?’”‡•‡Â?œƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‹Â‡Â˜Â‘ ‹Â?Â?‘†‘ƒ—–‘”‡˜‘Ž‡Ǥǯ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡Â†Â‘Â˜Â”Â‡Â„ÇŚ „‡Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ”Â‡ÇĄ•‘•–‡Â?‡”‡ǥ•’”‘Â?ƒ”‡ˆƒ…‡Â?†‘

•‡Â?–‹”‡Žƒ’”‘’”‹ƒ˜‹…‹Â?ƒÂ?œƒǤǯ‡••‡”…‹”‹…Š‹‡nj †‡—Â?ÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?œ‹‘Â?‡ƒŽ’”‘’”‹‘•–‹Ž‡‡†—…ƒ–‹˜‘ …Š‡•‡–”‘’’‘ƒ—–‘”‹–ƒ”‹‘‘•˜ƒŽ—–ƒÂ?–‡’‘”–ƒ ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ—Â?Â?‘Ġ‘’’‘”•‹ǥƒ…Š‹—†‡”•‹‹Â?•‡•–‡••‘ǥƒ †‹ˆ‡Â?†‡”•‹ǤÂ?“—ƒ†‡”Â?‘•„ƒ––—–‘‹Â?ˆƒ……‹ƒ…‘nj Â?—Â?‹…ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ—Â?Â?‘ƒ‰‰”‡••‹˜‹–Â?ÇĄ”ƒ„„‹ƒˆ‘”•‡ †‡––ƒ–‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•ÂƒÂ•Â’‡”ƒœ‹‘Â?‡Â?ƒ…Š‡”‹•…Š‹ƒÂ?‘ †‹‹Â?Â?‡•…ƒ”‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘ŽƒÂ?‡†‡•‹Â?ƒ”‹•’‘•–ƒǤ Â?…‘Â?’‘”–ƒÂ?‡Â?–‘ƒ‰‰”‡••‹˜‘Â?‘Â?’‡Â?•ƒ–‘ ’‡‰‰‹‘”ƒŽƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡‡Â?‘Â?•‘Ž‘’‡”…Š‹•—nj „‹•…‡ÂŽÇŻÂƒÂ––‘Â?ƒƒÂ?…Š‡’‡”…Š‹Ž‘…‘Â?’‹‡…Š‡•‹ –”‘˜ƒƒ†‘˜‡”ˆƒ”‡‹…‘Â?–‹…‘Â?—Â?ƒ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‡†‹ •¹Â?‡‰ƒ–‹˜ƒǤ’‘‹“—‡ŽÂ?Â‡Â•Â•ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇŁÇ˛Â”Â‹Â’Â”Â‘Â˜ÂƒÇł •‡Â?œƒ•’‹‡‰ƒœ‹‘Â?‹ǥ’ƒ”‡“—ƒ•‹—Â?ƒ’”‡•ƒ‹Â?‰‹nj ”‘‘’’—”‡—Â?ƒ•ˆ‹†—…‹ƒ‘—Â?˜‡”†‡––‘Â?‡‰ƒ–‹˜‘ …Š‡…Š‹‡†‡•‘Ž‘†‹‡••‡”‡…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ–‘Ǥ‡”…Š¹ Â?‘Â?‰—‹†ƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‹Â‡Â˜Â‘ƒŽ’‡Â?•ƒ”‡Â?ƒ‰ƒ”‹Â’ÂƒÂ•ÇŚ •‘ƒ’ƒ••‘†‹Â?‘•–”ƒÂ?†‘‰Ž‹…Š‡–‡Â?‹ƒÂ?‘ƒŽ—‹Ǎ ǯ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡†‡˜‡…‡”…ƒ”‡†‹…‘Â?’”‡Â?†‡”‡‹ Â?‘–‹˜‹†‹…‡”–‹‡””‘”‹‘†‡ŽŽƒ†‡Â?‘–‹˜ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?—Â?ƒ‰‹”‡‹Â?…‘”ƒ‰‰‹ƒÂ?–‡…Š‡ˆƒ˜‘”‹•…ƒŽƒ Â?ƒ–—”ƒœ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹ƒŽŽ‹‡˜‹‡…Š‡…”‡‹—Â?…Ž‹Â?ƒ ’‘•‹–‹˜‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â”Â‡Â?†‹Â?‡Â?–‘Ǥ

Ž‹ƒÂ?ÂƒÇĄ—Â?ƒ”ƒ‰ƒœœƒ†‹’”‹Â?ƒÂ?Â‡Â†Â‹ÂƒÇĄ•…”‹˜‡Dz‹ •‘Â?‘ƒŽ—Â?Â?‹…Š‡‘†‹ƒÂ?‘Žƒ•…—‘Žƒ’‡”…Š¹‹’”‘nj ˆ‡••‘”‹Â?‘Â?Ž‹ƒ‹—–ƒÂ?‘ǥ…‘•¿”‡•–ƒÂ?‘‹Â?†‹‡–”‘ǥ ’”‡Â?†‘Â?‘„”—––‹˜‘–‹‡’‘••‘Â?‘‡••‡”‡’”‡•‹ ‹Â?‰‹”‘‘Â?ƒŽ–”ƒ––ƒ–‹’‡”—Â?ƒ„ƒÂ?ƒŽ‹–Â?…Š‡’—‘ǯ ƒ……ƒ†‡”‡‡…Š‡’‘‹†‹˜‡Â?–ƒ“—‘–‹†‹ƒÂ?‹–Â?Ǥ Â? “—‹Â?–ƒ‡Ž‡Â?‡Â?Â–ÂƒÂ”Â‡ÇĄ—Â?‰‹‘”Â?‘ǥÂ?‘Â?Ž‘Â?–ƒÂ?‘ †ƒŽŽƒˆ‹Â?‡†‡ŽŽƒÂ•Â…Â—Â‘ÂŽÂƒÇĄ˜‡Â?Â?‡ƒŽ’‘•–‘†‡ŽŽƒ Â?‘•–”ƒÂ?ÂƒÂ‡Â•Â–Â”ÂƒÇĄ—Â?ƒ•—’’Ž‡Â?–‡Â?‘Â?†‡Ž–—–nj –‘„—‘Â?ÂƒÇ˘ƒ’’‡Â?ƒ‡Â?–”ƒ–ƒˆ‡…‡ÂŽÇŻÂƒÂ’’‡ŽŽ‘‡’‘‹ …‘Â?‹Â?…‹ÖƒÂ‰Â”Â‹Â†ÂƒÂ”Â‡Ç˘…‘Â?Ž‡‹‹…‘Â?’‹–‹‹Â?…Žƒ••‡ ƒÂ?†ƒ˜ƒÂ?‘Â?ÂƒÂŽÂ‡Ç˘—Â?ƒÂ?‘––‡•‘‰Â?ƒ‹’‡”ˆ‹Â?‘†‹ „‡”•ƒ‰Ž‹ƒ”Žƒ…‘Â?‹Žˆ—…‹Ž‡Ǥ‘Â?Ž‡‹‹˜‘–‹‡”ƒ•‡Â?ÇŚ ’”‡„”—––‹Â?ƒÂ?‘Â?•‘Ž‘’‡”Â?‡Â?ƒ’‡”–—––ƒ Žƒ…Žƒ••‡Ǥ‹•‡Â?„”ƒ˜ƒ†‹‘†‹ƒ”‡Žǯ‹Â?‰Ž‡•‡Â?ƒ ‘†‹ƒ˜‘•‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡ŽƒÂ?ƒ‡•–”ƒ…Š‡—”Žƒ˜ƒ ‡…‹ˆƒ…‡˜ƒÂ’ÂƒÂ—Â”ÂƒÇłÇ¤ǯ‹Â?–‡”‡••‡’‡”—Â?ƒÂ?ƒ–‡”‹ƒ ’ƒ••ƒ†ƒŽŽƒˆ‹‰—”ƒ†‡ŽŽǯ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡ǣ†ƒŽŽƒ•—ƒ ’ƒ••‹‘Â?‡ǥ†ƒŽŽ‘•–‹Ž‡†‹…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ǥÂ†ÂƒÂŽÇŚ Ž‡Â?‘˜‹–Â?…Š‡•ƒ‹Â?–”‘†—””‡ǤÂ?ƒŽ–”‘ƒ•’‡––‘ ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡°Žƒ…ƒ’ƒ…‹–Â?†‹‡Â?’ƒ–‹ƒ†‡Ž†‘nj …‡Â?–‡…Š‡†‡˜‡’”‘˜ƒ”‡ƒÂ?‡––‡”•‹Â?‡‹’ƒÂ?Â?‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ—Â?Â?‘ǥ•‡Â?œƒƒ‰‰”‡†‹”Ž‘‘‘ˆˆ‡Â?†‡”Ž‘Ǥ


͚͛

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

‡––‹Â?ƒÂ?‡ƒ”‘……Š‡ —•‹…ƒ†‡†‹…ƒ–ƒƒÂƒÂ…Šǣˆ‹Â?‘ƒÍšÍ?ƒÂ?Â?‹•‹‡Â?–”ƒ‰”ƒ–‹• La decima edizione delle Settimane Barocche di Brescia è un omaggio a Johann Sebastian Bach ed alla sua famiglia di musicisti. Dopo i primi due appuntamenti, con i due ensemble Brixia Musicalis e L’Armoniosa, il programma di concerti proseguirĂ fino al 2 dicembre prossimo, e vedrĂ  sui palchi di Brescia e della Provincia artisti di calibro internazionale alternarsi con giovani promesse della musica. La collaborazione con la Fondazione Teatro Grande

ha portato all’inserimento in cartellone di tre appuntamenti che avranno luogo nelle sale del Teatro cittadino: il 27 ottobre il Ridotto ospiterĂ l’ensemble Cafè Zimmermann; il 19 novembre sarĂ  la volta delle “Cantate d’amor traditoâ€? proposte dal soprano Emanuela Galli, mentre il 2 dicembre, nella Sala Grande, andranno in scena le opere barocche “The Fairy Queenâ€? e “Pygmalionâ€?, protagonista l’Orchestra Barocca dell’Unione Europea. Tra gli ospiti, l’ensemble

Sonar Cantando, gli allievi del Masterclass Internazionale di Musica Antica Parzanica 2012, il duo Cristiano Contadin - Michele Barchi e i vincitori del Premio delle Arti 2012. Accanto al Festival è nato “Controfestival Divertissement Musicaliâ€?, per stimolare l’interesse per il barocco nei giovani: tra gli ospiti il violoncellista Marco Frezzato, il Quintetto Bislacco e The Swingle Singers. Ingresso 10 euro, fino a 25 anni gratuito. Info: settimanebarocche.com. (a.g.)



 

‡ƒ–”‘–‡Žƒ‹‘‡†‹…‡•‹�ƒ‡†‹œ‹‘�‡’‡”Žƒ”ƒ••‡‰�ƒ†‹–‡ƒ–”‘”ƒ‰ƒœœ‹

6ROR´6WRULHVWRULHVWRULHÂľ —ƒÂ?†‘ˆƒ”‡–‡ƒ–”‘Šƒ•‘Â?‡•…‘’‘”ƒ……‘Â?–ƒ”‡ƒ”ƒ‰ƒœœ‹‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡•–‘”‹‡•‡Â?’Ž‹…‹ǥ”‹……Š‡†‹˜ƒŽ‘”‹Ǥ”‘’‘•–‡ …Š‡˜ƒÂ?Â?‘†ƒ‹–‡ƒ–”‹ƒŽŽ‡•…—‘Ž‡Ǣ•‹‹Â?ƒ—‰—”ƒÂ?‡Ž…ƒ”…‡”‡†‹‡”œ‹ƒÂ?‘…‘Â?—Â?‘•’‡––ƒ…‘Ž‘’‡”‹†‡–‡Â?—–‹‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ”‹    

/

e “storie storie storieâ€? del Teatro Telaio, giunte quest’anno alla sedicesima edizione, propongono un calendario diffuso sul territorio provinciale e ricco di novitĂ . La rassegna di teatro per ragazzi debutta il 20 ottobre con “Il viaggiatoreâ€?, spettacolo sul senso della felicitĂ , riservato ai detenuti del carcere di Verziano e alle loro famiglie. “La scelta – spiega il direttore organizzativo Maria Rauzi – va letta in funzione del nostro essere un teatro con finalitĂ  sociale ed educativa, per questo ci rivolgiamo anche alle famiglie, per cosĂŹ dire, carcerate, per offrire loro un pomeriggio di normalitĂ â€?. L’apertura al pubblico avverrĂ  il giorno seguente alle 16.30 presso il Teatro Santa Giulia: in scena, “Persi e ritrovati. Storia di un bambino e di un pinguinoâ€?, in una particolare versione tradotta nel linguaggio dei segni realizzata in collaborazione con la scuola Audiofonetica di Mompiano. Lo spettacolo, che pone giĂ  nella sua versione originale una particolare attenzione al linguaggio non verbale, è stato scelto per sensibilizzare l’opinione pubblica circa il tema della disabilitĂ  uditiva, ed ha ottenuto attenzione anche nei festival internazionali, tanto da approdare in Romania e Turchia alla fine del mese. Non mancheranno come di consueto gli appuntamenti della domenica pomeriggio per le famiglie, che vedranno in cartellone, tra le altre numerose proposte, due spettacoli dedicati ai papĂ , “L’aggiustaorsettiâ€?

ÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”ÂƒƒŽ’—„„Ž‹…‘ °‹Ž͚͙‘––‘„”‡ƒŽŽ‡͙͞Ǥ͛͘ ’”‡••‘ŽƒƒŽƒ †‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?ƒÂ?–ƒ

‹—Ž‹ƒ†‡Ž‹ŽŽƒ‰‰‹‘ ”‡ƒŽ’‹Â?‘ e “Fantastico papĂ â€?, oltre al il gradito ritorno degli spettacoli natalizi. Per la sezione dedicata alle scuole, che prevede in tutto dalle 50 alle 70 repliche, tema caro alle “storieâ€? sarĂ  quest’anno la scienza, alla quale saranno dedicati gli spettacoli “E il cielo si fece rossoâ€?, per i ragazzi dagli 8 ai 14 anni, “Questo spettacolo contiene almeno un erroreâ€?, basato sul tema del paradosso, per le scuo-

le superiori, e la nuova produzione dedicata ai piĂš piccoli, “Gocceâ€?, che affronterĂ la scoperta dell’acqua. I tre spettacoli andranno a comporre la sezione “Teatro+Scienzaâ€?, realizzata in collaborazione con AmbienteParco. Altre novitĂ  per le scuole sono “Teatro in linguaâ€?, che proporrĂ  spettacoli in inglese, tedesco e spagnolo, differenziati per etĂ , e “Palcoscenici Superioriâ€?, riservato alle secondarie di secondo grado, che integrerĂ  gli spettacoli scientifici e quelli in lingua straniera con una produzione ad hoc, “Giulietta e Romeo - Animeâ€?, centrata sulla difficoltĂ  di comunicazione tipica dell’etĂ  adolescenziale. In occasione della giornata della memoria, sarĂ  inoltre proposto lo spettacolo “Cara Kittyâ€?,

basato sul diario di Anne Frank. Potenziato anche il progetto “Storie di classe�, che permette di mettere in scena gli spettacoli direttamente nelle sedi scolastiche. Biglietti: adulti 7 euro, bambini 5; per le scuole, 4.50 euro. Per info: teatrotelaio.it.

‡”Žƒ•‡œ‹‘Â?‡†‡†‹…ƒ–ƒ ƒŽŽ‡•…—‘Ž‡ǥ…Š‡’”‡˜‡†‡ †ƒŽŽ‡Í?͘ƒŽŽ‡Í&#x;͘”‡’Ž‹…Š‡ǥ ‹Ž–‡Â?ƒ…ƒ”‘Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ •ƒ”Â?Žƒ•…‹‡Â?œƒǤŽ–”‡ Â?‘˜‹–Â?’‡”Ž‡•…—‘Ž‡ •‘Â?‘Dz‡ƒ–”‘‹Â? Ž‹Â?Â‰Â—ÂƒÇł‡DzƒŽ…‘•…‡Â?‹…‹ —’‡”‹‘”‹dz

  

   

,QL]LDWLYHLQ&DWWROLFDGDOOHDPH]]DQRWWH Il 28 settembre l’UniversitĂ Cattolica offre il proprio contributo alla Notte europea dei ricercatori. L’iniziativa, che si svolge da 8 anni, vede per la prima volta la partecipazione della FacoltĂ  di Scienze matematiche, ďŹ siche e naturali della sede bresciana dell’ateneo, in collaborazione con le principali UniversitĂ  lombarde. “La nostra attivitĂ  – spiega il prof. Alfredo Marzocchi, preside della facoltĂ  – ha bisogno di essere spiegata, ed è

questa l’occasione per sollecitare il reperimento di fondi sempre necessari e per dimostrare che la ricerca non è qualcosa di astratto, ma un lavoro affascinante, con applicazioni pratiche�. Dalle 15 alla mezzanotte, nella sede di via Musei 41, i ricercatori saranno protagonisti di visite guidate, conferenze e momenti di svago, con l’obiettivo di porre l’accento sull’importanza del proprio lavoro, stimolare l’interesse e facilitarne la com-

prensione. Alle ore 15 sarĂ possibile entrare in laboratorio e compiere un percorso guidato alla scoperta degli effetti quantistici della luce e della materia (per le scolaresche, è necessaria la prenotazione); alle 17, Alessandro Musesti sarĂ  protagonista di una conferenza interattiva, “Sotto le stelle della matematicaâ€?, dedicata all’analisi della “Tassellazione di Penroseâ€? e del legame con i “quasicristalliâ€?, particolari strutture della materia scoperte

dal ďŹ sico israeliano Dan Shechtman, vincitore del Nobel per la Chimica nel 2011. Alle 18, sulla base della precedentemente discussa tassellazione di Penrose, il cortile della sede di via Musei sarĂ ricoperto dai tasselli che verranno consegnati al pubblico partecipante, che si guadagnerĂ  la possibilitĂ  di posare un frammento rispondendo a semplici quesiti di matematica. Dalle 19 a mezzanotte, inďŹ ne, happy hour ed intrattenimento musicale.

”‡•…‹ƒ ‡’ƒ••‡‰‰‹ƒ–‡ Ž‡––‡”ƒ”‹‡ ‡””‹•…‘’”‹”‡‹–‡•‘”‹Â?ƒ•…‘•–‹ †‡ŽŽƒ…‹––Â?–‘”Â?ƒÂ?‘Ž‡ ’ƒ••‡‰‰‹ƒ–‡ÂŽÂ‡Â–Â–Â‡Â”ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇĄ‹Â?—Â?ƒ †—’Ž‹…‡Â˜Â‡Â•Â–‡ǣ“—‡ŽŽƒÂ…ÂŽÂƒÂ•Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ ‹–‹Â?‡”ƒÂ?–‡ǥ‡Â“Â—Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄ‹Â?…‘Â?•—‡–ƒ ˆ‹Â?‘ĠÂ‘Â”ÂƒÇĄÇ˛Â…ÂƒÂ”Â–ÂƒÂ…Â‡ÂƒÇłÇĄ‰”ƒœ‹‡ ƒŽŽƒ’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‹„”‘ Dzƒ••‡‰‰‹ƒ–‡‡––‡”ƒ”‹‡ƒ Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇłÇĄƒ…—”ƒ†‹ ƒ„‹‘ ÂƒÂ”Â‘Â˜Â‡Â”Â‡ÇĄ…Š‡”ƒ……Š‹—†‡ ‹’‡”…‘”•‹…Š‡Â?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ •‘Â?‘•–ƒ–‹’”‘’‘•–‹’”‹Â?ƒ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ƒ’‹–‘Ž‹—Â?ÇĄ ‡†‘‰‰‹‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‹†ƒ‹‡Ž‹ ‹„”ƒÂ?–‹Ǥ‡’ƒ••‡‰‰‹ƒ–‡˜‡”‡‡ ’”‘’”‹‡•‹•˜‘Ž‰‡”ƒÂ?Â?‘•ƒ„ƒ–‘Íž ‘––‘„”‡‹Â?—Â?†‘’’‹‘–—”Â?‘ǥ…‘Â? ’ƒ”–‡Â?œƒƒŽŽ‡‘”‡͙͜Ǥ͛͘‡ƒŽŽ‡͙͞ †ƒŽ…Š‹‘•–”‘†‹ƒÂ?ƒŽ˜ƒ–‘”‡ †‡Ž‘Â?ƒ•–‡”‘†‹ƒÂ?–ƒ ‹—Ž‹ƒ ȋ‹Â?‰”‡••‘†ƒ˜‹ƒ‹ƒÂ?ÂƒÂ”Â–ÂƒÇĄ ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ÂŽÂ‹Â„Â‡Â”ÂƒÇĄ•‡Â?œƒ ’”‡Â?‘–ƒœ‹‘Â?Â‡ČŒÇ¤ ’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ •ƒ”ƒÂ?Â?‘ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‹Ž—Â?‰‘ Ž‡˜‹‡†‡ŽŽƒ…‹––Â?Č‹Â’Â‹ÂƒÂœÂœÂƒ†‡Ž ‘”‘ǥ…Š‹‡•ƒ†‡Ž—‘Â?ÂƒÂ•Â–Â‘Â”Â‡ÇĄ ’‹ƒœœƒƒ‘Ž‘ ČŒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â‹Â„Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ †‹ƒ”‹‘Â‡Â˜ÂƒÂ…Â“Â—ÂƒÇĄƒŽŽ‹‡˜‘ †‡ŽŽǯ……ƒ†‡Â?‹ƒ†‡ŽŽƒŠ‹–ƒ””ƒ †‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ‡†ƒ‰Ž‹ƒ––‘”‹†‡Ž —–ƒ–ƒÂ?œƒǤDzƒ••‡‰‰‹ƒ–‡ Ž‡––‡”ƒ”‹‡ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇłÇĄ‡†‹–‘†ƒ

Â”ÂƒÂˆÂ‘ÇĄ˜‡””Â?’”‡•‡Â?–ƒ–‘•ƒ„ƒ–‘ ͚ͥ•‡––‡Â?„”‡ǥ‹Â?…‘Â?…‘Â?‹–ƒÂ?œƒ …‘Â?Žƒ ‹‡”ƒ†‡Ž‹„”‘ǥÂ?‡Ž ƒŽ‘Â?‡†‡ŽŽ‡•…‡Â?‘‰”ƒˆ‹‡†‡Ž ‡ƒ–”‘ ”ƒÂ?†‡ǤŽ–”‡ƒŽŽƒ †‡•…”‹œ‹‘Â?‡†‡‹’‡”…‘”•‹…Š‡ …‘Â?’‘Â?‡‹Ž…‘”’—•’”‹Â?…‹’ƒŽ‡ †‡Ž˜‘Ž—Â?‡ǥÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘˜‹•‘Â?‘ ƒÂ?…Š‡—Â?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡†‡Ž ‰‹‘˜ƒÂ?‡•…”‹––‘”‡„”‡•…‹ƒÂ?‘ ƒ”…‘”…Š‡––‹ǥ—Â?‘•…”‹––‘ †‡Ž†‹”‡––‘”‡†‡ŽŽƒ‹„Ž‹‘–‡…ƒ —‡”‹Â?‹ƒÂ?ƒÂ?Â?‹‘ ‡””ƒ‰Ž‹‘‡ ‹Ž…‘Â?–”‹„—–‘†‡Ž…ƒÂ?–ƒ—–‘”‡ Šƒ”Ž‹‡‹Â?‡ŽŽ‹ǥ‹Â?˜‡•–‡†‹ –”ƒ†—––‘”‡†‹ƒÂ?‘••‹Ǥ ƒ•‡‰Â?ƒŽƒ”‡Žǯ‹Â?–”‘†—œ‹‘Â?‡ƒ …—”ƒ†‡ŽŽ‘•…”‹––‘”‡Ž‡••ƒÂ?†”‘ ÇŻ˜‡Â?Â‹ÂƒÇĄƒ—–‘”‡†‹Dz‹ƒÂ?…ƒ …‘Â?‡‹ŽÂŽÂƒÂ––‡ǥ”‘••ƒ…‘Â?‡ ‹Ž•ƒÂ?‰—‡dz‡†‹Dz‘•‡…Š‡ Â?‡••—Â?‘Â•ÂƒÇłÇ¤Č‹ÂƒÇ¤Â‰Ç¤ČŒ


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

͛͛

…—‘Žƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒ†‹Â?—•‹…ƒƒÂ?–ƒ‡…‹Ž‹ƒ ‘Ž–‹‹…‘”•‹’”‘’‘•–‹’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ÍšÍ˜Í™ÍšÇŚÍšÍ˜Í™Í›ÇĄ…‘Â?ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡ƒ‹’‹Î‰‹‘˜ƒÂ?‹ Iscrizioni aperte per l’anno scolastico 2012-2013 alla Scuola Diocesana di Musica Santa Cecilia di Brescia, in via Bollani. L’attività è articolata in tre settori: formazione liturgico – musicale, con l’Ufficio Liturgico della Dio+esi; formazione musicale; proposte musicali per bambini e ragazzi. “FinalitĂ  principale della Scuola – spiegano presidente e direttore don Tullio Stefani e don Alberto Donini (nella foto) – è curare la formazione dei responsabili e animatori della

musica e del canto nella liturgia. L’offerta didattica è pure rivolta a un’utenza piĂš ampia, con particolare attenzione ai ragazzi e ai giovaniâ€?. La Fondazione “promuove iniziative per la conservazione e l’incremento della tradizione religiosa locale, soprattutto valorizzando e custodendo il patrimonio storico – artistico della Chiesa brescianaâ€?. Iniziative di formazione rivolte a chi opera in parrocchia: corsi di organo, direzione di coro, canto liturgico, canto gregoriano,

laboratori di letteratura e vocalità corale; vi sono incontri per direttori di coro e organisti parrocchiali, il laboratorio di canto gregoriano, nuovi canti liturgici e le voci dell’organo (quest’ultimo per ragazzi dagli 11 ai 14 anni). La Scuola è attiva con diversi corsi di strumento (pianoforte, clavicembalo, violino e chitarra) e con il corso di composizione; vi sono i corsi di perfezionamento mentre in ambito vocale quelli di vocalità rinascimentale e barocca,

canto e lettura della musica. A queste discipline si affiancano quelle teorico pratiche. Vi sono quindi i corsi preparatori agli esami di accesso alla formazione musicale pre-universitaria e accademica. L’attività per bambini e ragazzi è sostenuta dalla Fondazione Asm e dalla Fondazione Comunità Bresciana. Tra i corsi il coro di voci bianche, fiore all’occhiello della scuola, diretto da Mario Mora. Iscrizioni aperte. Info: 0303712233; santaceciliabrescia.it. (f.l.)



—Â?‡œœƒÂ?‡”‡•‡Â?–ƒ–ƒŽƒÂ?—‘˜ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ†‡‘Â?

,PDJQLILFLQRYH ’”‘Â?‘Ž‡‘”‡ŽŽ‡ƒ”‹Â?‡––‹‡’‘‹•‡‰—‘Â?‘‹‰”ƒÂ?†‹”‹–‘”Â?‹†‹ƒ”‹ƒƒ‹ƒ–‘‡ƒ”…‘ ƒ‘Ž‹Â?‹Ǥ Â?…ƒŽ‡Â?†ƒ”‹‘ƒÂ?…Š‡–‡ˆƒÂ?‘……‘”•‹ǥ‹Ž˜‹‘”ŽƒÂ?†‘ǥ—œœ—””‘‡ ƒ•’ƒ”‡    

,

l Teatro Comunale Odeon di Lumezzane inaugura il 31 ottobre una nuova stagione nel segno dell’equilibrio tra intrattenimento e ricerca. Il calendario degli appuntamenti comprende nove spettacoli di prosa, a cui si aggiungono i momenti musicali “Odeon Classicâ€?, la rassegna “Schegge di cinemaâ€? e le immancabili serate dedicate alle tradizioni popolari “Vers e Ă™sâ€?. Spettacoli di prosa che promettono di “produrre veritĂ attraverso la sorpresa ed un po’ di ruvidezza – parola del direttore artistico Vittorio Pedrali – e consolidano la maturitĂ  artistica di un teatro che in quindici anni ha saputo mantenere alta su di sĂŠ l’attenzione grazie alla scoperta di esordienti oggi famosi e alla proposta di attori consolidatiâ€?. Anche quest’anno, dunque, grandi nomi. L’esordio spetta alle Sorelle Marinetti, che riporteranno il pubblico agli anni ‘30 con la pièce di teatro musicale “Non ce ne importa nienteâ€?. A seguire, due graditi ritorni: Maria Paiato, che il 15 novembre scivolerĂ  nella follia di “Anna Cappelliâ€?, e Marco Paolini, che il 6 dicembre presenta “Studio per una ballata di uomini e caniâ€?, tributo a Jack London e spunto per parlare del senso del limite nella vita d’oggi. Esordio a Lumezzane di Stefano Accorsi in veste teatrale, con “Furioso Orlandoâ€?, per la regia di Marco Baliani, liberamente tratto dal capolavoro di Ludovico Ariosto (10 dicembre). Dall’amore tormentato al dolore esistenziale, il passo è breve: il Premio Ubu 2012 Mario Perotta in “Atto Finale - Flau-

…†… ‹’ƒ”–‘�‘ ‰Ž‹‹�…‘�–”‹

‘�…‡”–‹ ‘”„‹ƒ–‘‡ƒŽƒœœ‘Ž‘ ’‡”Žƒ�—•‹…ƒ

‹’”‡Â?†‘Â?‘‰Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹’”‘’‘•–‹ †ƒŽŽƒ‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒÂ…ÂƒÂ–Â–Â‘ÂŽÂ‹Â…Â‘ÇŚ †‡Â?‘…”ƒ–‹…ƒ†‹…—Ž–—”ƒǤ Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͜Í?ƒŽ‹Â?‡Â?ƒ Â?—‘˜‘†‡Â?ÇŁDzƒˆˆƒ‡ŽŽ‘Ǥƒ•–ƒÂ?œƒ †‡ŽŽƒ‡‰Â?ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇł’”‡•‡Â?–ƒ–ƒ†ƒŽ ˆ‹Ž‘•‘ˆ‘ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹Â‡ÂƒÂŽÂ‡ÇĄƒ…—‹ •‡‰—‹”Â?Žƒ’”‘‹‡œ‹‘Â?‡†‡Žˆ‹ŽÂ?ƒŽŽƒ ’”‡•‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ”‡‰‹•–ƒŽ‹•ƒ„‡––ƒ ‰ƒ”„‹Ǥ Â?‰”‡••‘‰ƒ”–—‹–‘ˆ‹Â?‘ ƒ‡•ƒ—”‹Â?‡Â?–‘’‘•–‹Ǥ Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍœ ‘––‘„”‡‹Ž•‡…‘Â?†‘ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ ƒŽŽ‡Í™Í ’”‡••‘ŽƒƒŽƒ‡˜‹Žƒ…“—ƒ †‡‹’ƒ†”‹†‡ŽŽƒƒ…‡Ǥ‹–‡””Â?—Â?ƒ …‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ•—Ž–‡Â?ƒDzŠƒŽ‘Â?Ǥ ÂŽ •ƒŽ—–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”Â‹Â‰Â‹Â?‡†‡ŽŽƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‡dz‹Â? …—‹‹Â?–‡”˜‡Â?‰‘Â?‘ƒ••‹Â?‘ ‹—Ž‹ƒÂ?‹ǥ †‘…‡Â?–‡†‡Ž’‡Â?•‹‡”‘‡„”ƒ‹…‘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‹”‡Â?–‘‡ƒ‘Ž‘‡ ‡Â?‡†‡––‹ǥ–‡‘Ž‘‰‘‡„‹„Ž‹•–ƒǤÂŽ –‡”Â?‹Â?‡†‡ŽŽǯ‹Â?…‘Â?–”‘”ƒ……‘Ž–ƒ†‹ ‘ˆˆ‡”–‡’‡”Žƒ•‹Â?ƒ‰‘‰ƒ†‹ Â‡Â”Â”ÂƒÂ”ÂƒÇĄ †ƒÂ?Â?‡‰‰‹ƒ–ƒ†ƒŽ–‡””‡Â?‘–‘Ǥ‡” ‹Â?ÂˆÂ‘ÇŁ……†…Ǥ‹–‘’’—”‡͛͘͘͜Í&#x;͙͛͘Ǥ

Â?’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ ‡•–ƒ†‡ŽŽƒ ƒ†‘Â?Â?ƒ†‡Ž‘•ƒ”‹‘Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ †‹‘”„‹ƒ–‘‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž ‘”‘‘Ž‹ˆ‘Â?‹…‘ƒÂ‘Â…Â…ÂŠÂ‡Â–Â–ÂƒÇĄ †‹”‡––‘†ƒŽÂ?ƒ‡•–”‘‡Â?œ‘ƒ‰ƒÂ?‹ǥ ’”‘’‘Â?‡•ƒ„ƒ–‘͚ͥ•‡––‡Â?„”‡ ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘—Â?ƒˆ‹‘”‹–ƒ†‹…ƒÂ?–‹†‡ŽŽƒ ’‘Ž‹ˆ‘Â?‹…ƒ…Žƒ••‹…ƒ†‹…ƒ”ƒ––‡”‡ Â?ƒ”‹ƒÂ?‘ǣ—Â?ƒDzŽ‡˜ƒœ‹‘Â?‡ ƒ”‹ƒÂ?ÂƒÇł…Š‡Žƒ‘……Š‡––ƒ†‹ ƒŽƒœœ‘Ž‘Šƒ‰‹Â?’”‘’‘•–‘Ǥ ÂŽ ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ’”‡˜‡†‡„”ƒÂ?‹†‡Ž ”‡’‡”–‘”‹‘Â?ƒ”‹ƒÂ?‘…Žƒ••‹…‘‡ Â?‘†‡”Â?‘†‹Ǥ ƒ›†‹Â?ÇĄǤǤ Â‘ÂœÂƒÂ”Â–ÇĄǤ”—…Â?Â?‡”ǥǤ ”‹•‹Â?ƒ‡ ƒŽ–”‹ǤÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‡ Â?‹…‹†‡ŽŽƒÂ—Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ’”‘’‘Â?‡ ’‡”†‘Â?‡Â?‹…ƒ͛͘•‡––‡Â?„”‡ƒŽŽ‡ ͙͞Ǥ͛͘ÂƒÂŽÂŽÇŻ—†‹–‘”‹—Â?Ǥ ‡†‡Ž‡†‹ ƒŽƒœœ‘Ž‘—Â?…‘Â?…‡”–‘ƒˆƒ˜‘”‡ †‡ŽŽǯDz••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Â?‹…‹†‡ŽŽƒ Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇł†‹‹”ƒÂ?†‘Žƒ…Š‡Â?‡Ž –‡””‡Â?‘–‘Šƒ•—„‹–‘Žƒ†‹•–”—œ‹‘Â?‡ †‡Ž…‡Â?–”‘‡†‡ŽŽǯ—†‹–‘”‹—Â?ǤČ‹ÂŽÇ¤Â†Ç¤ČŒ

‘–‘Â?‘–‹œ‹ƒ Â?‘•…ƒ––‘ †ƒDzƒÂˆÂ‡Â•Â–ÂƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒÇł   ÇŻ Íž 

Â‡Â†Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇŁDz”‘†—””‡˜‡”‹–Â? ƒ––”ƒ˜‡”•‘Žƒ•‘”’”‡•ƒ ‡—Â?’‘ǯ†‹Â”Â—Â˜Â‹Â†Â‡ÂœÂœÂƒÇłÇ¤ ‘Â?’Ž‡–ƒÂ?‘Dz†‡‘Â? Â…ÂŽÂƒÂ•Â•Â‹Â…ÇłÇĄÇł…Š‡‰‰‡†‹ …‹Â?‡Â?ÂƒÇł‡Dz‡”•‡k•dz bertâ€? affronta in un mix di sorrisi e profonditĂ il dramma della morte del commediografo che lascia un’opera incompiuta (5 febbraio). Un altro grande interprete, Silvio Orlando, porta in scena il 12 marzo “Il nipote di Rameauâ€?, capolavoro satirico del ‘700 che manca dai teatri dall’inizio degli anni ‘90. I momenti dedicati alla risata sono invece affidati a Zuzzurro e Gaspare in “La cena dei cre-

tiniâ€? l’11 gennaio e al comico di Zelig Maurizio Lastrico, reso celebre dalla rivisitazione degli endecasillabi danteschi, in “Facciamo che io ero ioâ€? (10 aprile). La chiusura della stagione di prosa prevista per il 30 aprile è infine dedicata ad una coproduzione internazionale tra Ravennna Teatro ed il Belgio, dedicata a Marco Pantani, per la regia di Marco Martinelli, che ripercorre la parabola del “pirataâ€? offrendo spunti di riflessione sulla societĂ di massa e sulle sue vittime sacrificali. Tutti gli spettacoli iniziano alle 20.45. Rinnovo abbonamenti dal 28 settembre (115 euro, ridotto 110). Nuovi abbonamenti dall’8 ottobre, biglietti per i primi spettacoli dal 23 ottobre (20-25 euro). Info: teatro-odeon.it

ƒ„ƒ–‘͚͚•‡––‡Â?„”‡”‡•…‹ƒ°•–ƒ–ƒ–‡ƒ–”‘ƒ…‹‡Ž‘ƒ’‡”–‘’‡”Žƒ ‡•–ƒ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ…Š‡Šƒ˜‹•–‘ƒ……‘””‡”‡Â?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹’‡”•‘Â?‡ǥƒ––”ƒ––‡†ƒÂ?—•‹…Š‡‡ ƒ”‹‡ˆƒÂ?‘•‡†‹—Â?‰‡Â?‡”‡…Š‡•ƒƒÂ?…‘”ƒƒˆˆƒ•…‹Â?ƒ”‡ǤÂ?–‡’”‹Â?ƒ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ †‡ŽŽƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡Ž‹”‹…ƒƒŽ ”ƒÂ?†‡…Š‡•‹‹Â?ƒ—‰—”‡”Â?‹ŽÍ?‘––‘„”‡…‘Â?DzÂ‘Â•Â…ÂƒÇłÇ¤

 

     

/¡$FLJHVWLUjLQSULPDSHUVRQDODFRUVD Con la presentazione nel salone Vanvitelliano di palazzo Loggia ha preso il via l’avvicinamento all’edizione 2013 della Mille Miglia. Conclusa la gestione ‘romana’, l’organizzazione della corsa, che giunge alla 31ÂŞ rievocazione storica, torna ad essere ‘bresciana’. L’Aci Brescia, proprietario del nome e del marchio della Freccia Rossa, ha ritenuto doveroso preservare ogni aspetto della tradizione che ha reso celebre Brescia quale “CittĂ del-

la Mille Migliaâ€? e, con la costituzione della societĂ â€œ1000 Miglia srlâ€?, ha deciso di organizzare la “corsa piĂš bella del mondoâ€? in prima persona. Di orgoglio bresciano e di importanza che la corsa riveste per la cittĂ  e per il nostro territorio ha parlato il sindaco Adriano Paroli. “Non è solo un eccezionale avvenimento sportivo, ma fa parte della nostra stessa cultura, che racconta di sacriďŹ ci, di passione e di obiettivi da raggiungereâ€?. A dirigere

è stato chiamato Stefano Sacco, manager con esperienza di marketing e gestione di marchi a livello mondiale. Ha fornito alcune anticipazioni facendo capire che la Freccia Rossa sarĂ un mix di tradizione e di modernitĂ , saranno “entusiasmo e professionalitĂ : le parole d’ordine con le quali affrontare la nuova avventura e cogliere gli obiettivi prepostiâ€?. Il via il prossimo 16 maggio, con la tradizionale partenza da viale Venezia; toccherĂ  i luoghi

che hanno reso mitica la corsa, con il ricordo di Giannino Marzotto e Marco Crosara, vincitori delle edizioni del 1950 e 1953 e al presente, con il passaggio nelle zone dell’Emilia colpite dal terremoto. Ritorno a Brescia il 18 e premiazioni il 19 maggio. L’edizione 2013 è allo start, ma già si guarda avanti. Al 2015 quando la Mille Miglia passerà da Milano in occasione dell’Expo. Le iscrizioni apriranno il 15 ottobre. Tutto su 1000miglia.it.


͛͜

 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

Â?“—‡•–ƒ’ƒ‰‹Â?ƒ •‡‰Â?ƒŽ‹ƒÂ?‘ǥ–”ƒ Ž‡–ƒÂ?–‡ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â•Â–‹–‡ǥ ƒŽ…—Â?‡Â?‘•–”‡‹Â? …‘”•‘Â?‡ŽŽ‡ ƒŽŽ‡”‹‡ †‹…‹––Â?‡’”‘˜‹Â?…‹ƒ

‘Ž‘••‹”–‡…‘�–‡�’‘”ƒ�‡ƒ ‡•ƒ‰‘�‡†‹‘�œ‘‡‹Ž‘’’†‹‡‡

’ƒœ‹‘”–‡ Dz‘Ž‹–—†‘dz

Un’ esposizione di opere dell’artista bresciana di Elena Monzo, che riempie le sagome sinuose dei corpi femminili con composizioni di lembi di tessuto multicolor, carte, glitter e tratti di colore dark; un lavoro di collage, un mix di stoffe a creare un mondo caotico, visionario e provocatorio. In contemporanea in galleria una mostra personale dell’artista newyorkese Thomas Bee che, accostando svariati materiali semplici, dai chiodini

Una mostra sul tema della solitudine, una realtĂ dal duplice volto: condizione connaturata all’esistenza e esaltazione dell’unicitĂ  della creatura umana. In esposizione 20 opere a tecnica mista su tavola e su tela dei giovani artisti Elisa Anfuso e Jessica Rimondi. “Solitudo. Elisa Anfuso e Jessica Rimondiâ€?, Spazio Arte Duina, via Italia, 1, Paitone – Brescia. Dal 6 ottobre al 10 novembre, apertura da martedĂŹ a sabato (9-12 e 15.30-19).

colorati ai biglietti dei gratta e sosta, riproduce, con una trama tridimensionale vicina al pixelismo, immagini quotidiane e i loghi delle multinazionali, rielaborando il linguaggio pop in modo innovativo e gioioso. “Elena Monzo, Happy Packagingâ€?, dal 29 settembre al 10 novembre, “Thomas Bee, Pop Upâ€?, dal 29 settembre al 17 novembre, Colossi Arte Contemporanea, Corsia del Gambero 12/13 - Brescia. Da martedĂŹ a sabato (10-12 e 15-19).



 

ƒŽƒœœ‘Ž‘’ƒœ‹‘‡•’‘•‹–‹˜‘

&DUXOORSRHVLD PDWHULDHFRORUH   

/

o Spazio Espositivo di Via Gorini di Palazzolo ospita una personale dell’artista varesino Roberto Carullo. Attivo fra l’Italia e New York, Carullo sperimenta nelle sue opere l’utilizzo di polimeri di Pvc, per riprodurre volti di personaggi dello spettacolo alla maniera di fumettista, attraverso la combinazione di svariate tinte vivaci. Poesia, materia e colore si fondono cosÏ in un unicum, dopo mesi di meticoloso lavoro, che denotano la perizia artigianale del maestro. In seguito ad un incontro con l’assistente di Stan Lee, fumettista e creatore del supereroe SpiderMan, rimasto affascinato da uno dei suoi quadri, in cui veniva ritratto con originalità il supereroe, L’Uomo Ragno, la fortuna critica di Carullo aumenta considerevolmente; l’artista decide di trasferirsi nella metropoli americana, nella quale apre una galleria d’arte, con la conseguente opportunità di affacciarsi con successo sul mercato dell’arte d’oltreoceano. Attento conoscitore del cinema, della sua storia e del

suo linguaggio, i moderni affreschi di Carullo riproducono a tecnica mista su tela volti di numerose celebrità e di icone dei cartoni e dei fumetti, tra cui Pinocchio, Spider Man, Peter Pan, Lupin, Diabolik, Michael Jackson, Lady Diana, Eva Kant, Valentino Rossi. Collocati in ambientazioni reali, quali gli edifici delle grandi città, seppur in scenari dall’aspetto ludico e giocoso, i suoi soggetti manifestano talvolta una velata ironia per denunciare

Žƒ˜‘”‹†‹¹‰Â?‹‡”’‡” Žƒ’”‹Â?ƒ˜‘Ž–ƒ‹Â? –ƒŽ‹ƒ …‘”…‹•—‰‰‡•–‹˜‹†‹Â?ƒ–—”ƒ‹Â?…‘Â?Â–ÂƒÇŚ Â?‹Â?ÂƒÂ–ÂƒÇĄ—Â?ÇŻ –ƒŽ‹ƒ•‡Ž˜ƒ‰‰‹ƒ…Š‡ÂƒÂˆÇŚ ˆƒ•…‹Â?ƒŽǯ‘……Š‹‘‡†‹•’‹‡‰ƒ‡Â?Â‘ÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‹ǣ°ÂŽÇŻÂƒÂ”–‡†‹ •ƒ„‡ŽŽ‡¹‰Â?‹‡”ǥ’‹––”‹nj …‡ˆ”ƒÂ?…‡•‡…Š‡‡•’‘””Â?Â?‡ŽŽƒ‘””‡ ‹˜‹…ƒ†‹‡†‘Ž‡†ƒŽ͚ͥ•‡––‡Â?„”‡ Č‹Â˜Â‡Â”Â?‹••ƒ‰‡ˆ‹••ƒ–‘ƒŽŽ‡Í™Í&#x;ČŒƒŽ͚͙‘–nj –‘„”‡ǥ’‡”Ž‡ ‹‘”Â?ƒ–‡—”‘’‡‡†‡Ž ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘ǤƒÂ?Â‘Â•Â–Â”ÂƒÇĄ†ƒŽ–‹–‘Ž‘ Dz Â–ÂƒÂŽÂ‹Â‡ÇĄ‘†›••¹‡†‡Žƒ…‘—Ž‡—”dzČ‹ Â–ÂƒÇŚ ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ‘†‹••‡ƒ†‡ŽÂ…Â‘ÂŽÂ‘Â”Â‡ČŒÇĄ°‘”‰ƒÂ?Â‹ÂœÇŚ œƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘”ƒ–‘ƒŽŽƒÂ—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ †ƒŽŽƒ‹˜‹…ƒƒ……‘Ž–ƒ†ǯ”–‡‡†ƒŽŽƒ ”‘Ž‘…‘‡†°—Â?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘†‹ ’”‡•–‹‰‹‘–”ƒŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡…—Ž–—”ƒŽ‹ †‡ŽŽƒ‘””‡Ǥƒ–ƒÂ?‡ŽÍ™ÍĄÍžÍ˜ƒÂƒÂ”‹‰‹ǥ …”‡•…‹—–ƒƒƒ‘…Š‡ŽŽ‡Â?‡ŽŽƒ ”ƒÂ?ÇŚ …‹ƒ……‹†‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ¹‰Â?‹‡”˜‹‡Â?‡…‘Â?ÇŚ “—‹•–ƒ–ƒ†ƒ‰Ž‹—Â?‘”‹Â?ƒ”‹Â?‹ƒ–ŽƒÂ?–‹nj …‹Ǥ‘Â?Ž‡•—‡’”‹Â?‡˜‹•‹–‡‹Â? Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇĄ ÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Âƒ•…‘’”‡‹ŽÂ?‘•–”‘ƒ‡•‡‡Ž‡ •—‡Â”Â‹Â…Â…ÂŠÂ‡ÂœÂœÂ‡Ç˘‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‘†‘Ž‡ ‹•‘Ž‡‘Ž‹‡‡‹Ž‰‘Žˆ‘†‹ƒ’‘Ž‹ǤDz—‡nj •–‹Ž—‘‰Š‹ǥ–—–‡Žƒ–‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‡•…‘‡†ƒŽ ‘†‹…‡†‡‹‡Â?‹—Ž–—”ƒŽ‹Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒ‹Ž †‹”‡––‘”‡†‡ŽŽƒ‹˜‹…ƒƒ……‘Ž–ƒ†ǯ”–‡

ƒ„”‹œ‹‘‹‰Ž‹‘”ƒ–‹Č‚”‹˜‹˜‘Â?‘•‘––‘ —Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”ÂƒŽ—…‡‡…‘Â?—Â?ǯ‹Â?Â–Â‡Â”Â’Â”Â‡Â–ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡‡……‡œ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‘––‘‹ˆ‡””‹†‡ŽÂ?‡nj •–‹‡”‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”–‹•–ƒˆ”ƒÂ?…‡•‡Ǥ Žƒ˜‘”‹ †‹ •ƒ„‡ŽŽ‡¹‰Â?‹‡”ǥ‰‹Â?‡•’‘•–‹‹Â? Â?—Â?‡”‘•‡’‡”•‘Â?ƒŽ‹‡…‘ŽŽ‡––‹˜‡‹Â? ”ƒÂ?Â…Â‹ÂƒÇĄ‘•Â?Â‹ÂƒÇŚ”œ‡‰‘˜‹Â?ÂƒÇĄÂ”ÂƒÂ•Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ ‹Â?ƒ‡ ‹ƒ’’‘Â?‡ǥ•‘Â?‘‹Â?‡†‹–‹‹Â? –ƒŽ‹ƒ ‡ÂŽÇŻÂ‡Â•Â’‘•‹œ‹‘Â?‡†‹‡†‘Ž‡”ƒ’’”‡•‡Â?ÇŚ –ƒ—Â?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘‹””‹Â?—Â?…‹ƒ„‹Ž‡ ’‡”ƒ˜˜‹…‹Â?ƒ”‡‘’‡”‡‘”‹‰‹Â?ƒŽ‹‡†ÂƒÂˆÇŚ ˆƒ•…‹Â?ƒÂ?–‹ǤŠ‡•‹ƒÂ?‘˜—Ž…ƒÂ?‹‘Â˜Â‡Â†Â—ÇŚ –‡ǥ’ƒÂ?‘”ƒÂ?‹‡‘’‡”‡†‡ŽŽǯ‹Â?‰‡‰Â?‘ǥŽ‡ „‡ŽŽ‡œœ‡†ƒŽ‡‹”‹–”ƒ––‡”‹Â?ƒÂ?‰‘Â?‘ǥ ƒŽŽ‘•–‡••‘–‡Â?’‘‡†‹Â?•…‹Â?†‹„‹ŽÂ?‡Â?ÇŚ –‡ǥ”‹……Š‡œœ‡ˆ‡”Â?ƒÂ?‡Â?–‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡‡ ’ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘†‹–—––‹Ǥ‘‰Ž‹ƒÂ?‘ǥ‹Â?—Žnj –‹Â?ƒƒÂ?ÂƒÂŽÂ‹Â•Â‹ÇĄˆƒ”ƒ’’”‡œœƒ”‡‹ŽÂ”ÂƒÂˆÂˆÂ‹ÇŚ Â?ƒ–‘Žƒ˜‘”‘†‹—Â?ÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Âƒ†‹Ž‹˜‡ŽŽ‘‹Â?ÇŚ –‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡‡…‘Â?ˆ”‘Â?–ƒ”…‹…‘Â?—Â?ƒ †‹˜‡”•ƒŽ‡––—”ƒ†‹ƒŽ…—Â?‹†‡‹Â?‘•–”‹ „‡Â?‹…—Ž–—”ƒŽ‹Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‹ÇłÇ¤ƒÂ?‘•–”ƒ °˜‹•‹–ƒ„‹Ž‡†ƒŽÂ?‡”…‘Ž‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ Č‹Í™Í?Ç¤Í›Í˜ÇŚÍ™Í ÇĄÍ›Í˜ČŒ‡Žƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒČ‹Í™Í˜ÇŚÍ™Íš ‡Í™Í?Ç¤Í›Í˜ÇŚÍ™Í Ç¤Í›Í˜ČŒÇ¤‡”‹Â?ÂˆÂ‘ÇŁ‘Â?—Â?‡†‹ ‡†‘Ž‡Č‹Í˜Í›Í&#x;ÍžÍ ÍžÍ Í˜Í˜Í™ČŒÇ¤Č‹ÂˆÇ¤Â?Ç¤ČŒ

malinconicamente le problematiche della societĂ , osserva Chiara Seghezzi. Lavori dai quale emerge un istinto quasi fanciullesco, semplice ma non semplicistico, di un artista che fa dell’arte un espressione positiva che vuole emozionare sĂŠ stesso e lo spettatore. “Roberto Carullo. Moderni Affreschiâ€? sarĂ  visibile fino al 28 ottobre con i seguenti orari: sabato dalle 16 alle 19, domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

 

‡Ž‡„”ƒ”‡ ÂŽÇŻ—…ƒ”‹•–‹ƒ

ÇŻÂƒÂ•Â‹Â?‘ †‹ ‡•Î

‘Â?Â?‹ǥ …Š‡ˆ‘”–—Â?ƒǨ



ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í&#x;ÇĄÍĄÍ˜

  

ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í™ÍœÇĄÍ?͘

Ǥ

  Ǥ

ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í™ÍšÇĄÍ˜Í˜

Ž – –

ÂŽ–‡•–‘’”‡Â?†‡‹Â?‡•ƒÂ?‡–”‡ƒ•’‡––‹†‡ŽŽƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡Ž‹–—”‰‹nj † ‹ – Â…ÂƒÇŁ‹Ž—‘‰Š‹…‘Â?‹Ž‘”‘•‹‰Â?Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ–Â‹Ç˘‹’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹…‘Â?‹Ž‘”‘…‘Â?ÇŚ ’‹–‹Ǣ‹Â?‘Â?‡Â?–‹†‡ŽŽƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â—…ƒ”‹•–‹ƒ•’‹‡‰ƒÂ?†‘Â?‡ ‹‰‡•–‹ǥŽ‡’ƒ”‘Ž‡‡‹…‘Â?–‡Â?—–‹Ǥ ”—––‘†‹—Â?’‡”…‘”•‘†‹•–—†‹‘ ‡†‹‡•’‡”‹‡Â?œ‡‹Â?…‘Â?—Â?‹–Â?Â‡Â…Â…ÂŽÂ‡Â•Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‹Ž˜‘Ž—Â?‡ŠƒŽ‘•…‘’‘ †‹…‘Â?–”‹„—‹”‡ƒŽ”‹Â?Â?‘˜ƒÂ?‡Â?–‘Ž‹–—”‰‹…‘‡†‹ˆƒ˜‘”‹”‡Žƒ…‘Â?Â•ÂƒÇŚ ’‡˜‘Ž‡œœƒ†‹…‘•ƒ•‹‰Â?‹ˆ‹…Š‹’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â—…ƒ”‹•–‹ƒǤ ‹—•‡’nj ’‡—”ƒÂ?‹ǥ•ƒ…‡”†‘–‡†‡ŽŽƒ†‹‘…‡•‹†‹‡”‰ƒÂ?‘‡’ƒ””‘…‘†‡ŽŽƒ …‘Â?—Â?‹–Â?†‹‘Â?–‡ƒ”‡Â?œ‘Č‹Â…ČŒÇ¤‡Žƒ–‘”‡ƒ…‘”•‹†‹‡•‡”…‹œ‹ •’‹”‹–—ƒŽ‹‡†‹ƒ‰‰‹‘”Â?ƒÂ?‡Â?–‹ÂŽÂ‹Â–Â—Â”Â‰Â‹Â…Â‘ÇŚÂ’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇĄŠƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒ–‘ …‘Â?†‹˜‡”•‡”‹˜‹•–‡†‡‹ƒ†”‹ƒ…”ƒÂ?‡Â?–‹Â?‹ǥ‡ƒ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡…‘Â? ‹Ž„‹Â?‡•–”ƒŽ‡†‡Ž‡Â?–”‘†‹ƒœ‹‘Â?‡ÂŽÂ‹Â–Â—Â”Â‰Â‹Â…ÂƒÇŁDzÂ‹Â–Â—Â”Â‰Â‹ÂƒÇłÇ¤

 – –– ÂŽ Š ‹ Š ”ƒ–—––‡Ž‡…‘•‡…Š‡‹‘Šƒ‹Â?˜‡Â?–ƒ–‘‰Ž‹ƒÂ?‹Â?ƒŽ‹•‘Â?‘•–ƒ–‹ †ƒ˜˜‡”‘—Â?ÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ‰‡Â?‹ƒŽ‡Ǥ‡ŽŽƒ‹„„‹ƒˆƒÂ?Â?‘ŽƒŽ‘”‘’ƒ”–‡…‘Â? •–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹ƒÂ?ƒ‡•–”‹ƒ‡‹‘ǥƒ––”ƒ˜‡”•‘†‹Ž‘”‘ǥ•’‡••‘…‹†Â? —Â?ƒ„‡ŽŽƒŽ‡œ‹‘Â?‡Ǥ‡‹Â?’ƒ”ƒ••‹Â?‘ƒ‡••‡”‡ˆ‡†‡Ž‹‡ƒ’‡”–‹…‘nj Â?‡Ž‘”‘ƒŽŽƒ’”‘˜˜‹†‡Â?–‡„‘Â?–Â?†‡Ž‹‰Â?‘”‡ǥŽƒÂ?‘•–”ƒ˜‹–ƒ…‹ ƒ’’ƒ”‹”‡„„‡Â?‡Â?‘ˆƒ–‹…‘•ƒ‡‹†‹•‡‰Â?‹†‹‹‘’‡”Â?‘‹—Â?’‘ǯ’‹Î ˆƒ…‹Ž‹†ƒ…ƒ’‹”‡Ǥ‡”“—ƒÂ?–‘•‡Â?„”‹…Š‡Ž‡’‡…‘”‡•ƒ’’‹ƒÂ?‘•‘Ž‘ Â„Â‡ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹Ž‡‘Â?‹•„”ƒÂ?ÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹…‘”˜‹Â‰Â”ÂƒÂ…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‡ÇĄ‡••‹•ƒÂ?Â?‘ǥƒŽ„‹•‘nj ‰Â?‘ǥ–”ƒ•…‡Â?†‡”‡‹Ž‘”‘Â?‘”Â?ƒŽ‹Â?‘†‹†‹ˆƒ”‡’‡”†‹˜‡Â?–ƒ”‡‹Â?ÇŚ •‡‰Â?ƒÂ?‡Â?–‘‡ƒ‹—–‘ƒÂ?‘‹ǥ•—’‡”„‹‡••‡”‹—Â?ƒÂ?‹Ǥ‹Ž‹ƒ‘Â?‘Â?‹° ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡†‹”‡Ž‹‰‹‘Â?‡…ƒ––‘Ž‹…ƒǤ…”‹˜‡•ƒ‰‰‹•–‹…ƒ…‘Â?‹—‰ƒÂ?†‘ —Â?‘•–‹Ž‡‹Â?Â?‡†‹ƒ–‘‡„”‹ŽŽƒÂ?–‡…‘Â?…‘Â?–‡Â?—–‹†‹ƒŽ–‘’”‘ˆ‹Ž‘Ǥ

Ž Ž‹„ ȋ Š –‹ ŽŽ

ÂŽŽ‹„”‘ȋ…Š‡ƒ’’ƒ”–‹‡Â?‡ƒŽŽƒ…‘ŽŽƒÂ?ƒDz‡”…‘”•‹ˆƒÂ?Â‹ÂŽÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇłČŒ”‹’‘”–ƒ ‹Ž’”‘ˆ‹Ž‘†‡‹Â?‘Â?Â?‹†‹‘‰‰‹‡ƒˆˆ”‘Â?–ƒ†‹˜‡”•‹’—Â?–‹—–‹Ž‹ƒŽŽƒˆƒÂ?‹nj ‰Ž‹ƒ‡ƒ‹Â?‘Â?Â?‹•–‡••‹’‡”˜‹˜‡”‡ƒŽÂ?‡‰Ž‹‘Ž‡”‡Žƒœ‹‘Â?‹…‘Â?‹ˆ‹‰Ž‹ ‡‹Â?‹’‘–‹Ǥ†‡•‡Â?’‹‘“—ƒÂ?†‘‹Â?‘Â?Â?‹•‹Â?‡––‘Â?‘‹Â?Â?‡œœ‘–”ƒ ‰‡Â?‹–‘”‹‡Â?‹’‘–‹Ǣ“—ƒÂ?†‘‹Â?‘Â?Â?‹”‹˜‡Â?†‹…ƒÂ?‘†‹”‹––‹Â‡Â†Â—Â…ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‹Ç˘ “—ƒÂ?†‘•’ƒŽŽ‡‰‰‹ƒÂ?‘‹Ž‰‡Â?‡”‘‘“—ƒÂ?†‘Â?—–”‘Â?‘—Â?ÂƒÂ–Â–ÂƒÂ…Â…ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‘Â?‘”„‘•‘˜‡”•‘‹Â?‹’‘–‹Â?‹Ǥ—‡•–‘Ž‹„”‘°—Â?’‡”ˆ‡––‘”‡nj ‰ƒŽ‘’‡”‹Â?‘Â?Â?‹ǣ†ƒ’ƒ”–‡†‡‹ÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹Č€Â‰Â‡Â?‹–‘”‹…Š‡ŠƒÂ?Â?‘‰”ƒ–‹–—†‹Â?‡ ’‡”Ž‘”‘Ǣ†ƒ’ƒ”–‡†‹Â?‹’‘–‹…”‡•…‹—–‹ǥ…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ƒ˜—–‘Žƒˆ‘”–—Â?ƒ †‹…Š‹ƒÂ?ƒ”Ž‹Â?‘Â?Â?‹Ǣ†ƒ’ƒ”–‡†‡‹Â?‘Â?Â?‹•–‡••‹Ǽ’‡”‹Â?’ƒ”ƒ”‡…Š‹ •‘Â?‘‡“—ƒÂ?–‘•‘Â?‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹’‡”Ž‡‰‹‘˜ƒÂ?‹‰‡Â?‡”ƒœ‹‘Â?‹ƒ…—‹ ’‘••‘Â?‘–”ƒ•Â?‡––‡”‡ˆ‡†‡‡˜ƒŽ‘”‹Ǥ


 ÍšÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘

Í›Í?

ƒ…‹…‘Â?–‡Â?’‘”ƒ”› Dz‹‰Š–ƒÂ?†Â†ÂƒÂ›Çł

‹ƒœœƒ‘‰‰‹ƒ ƒ�ƒ�‹‡”ƒ�‡”ƒ†‹ ƒ”ƒ•Š‹�ƒ

ƒ†‡”�‡ŽŽ‘ ‡�‹�ˆ‡†‹‘�ƒ…‘

Giorno e notte: immagini di Nicola Civiero e Grace Weston. Civiero pone attenzione sui simboli religiosi, esprimendo la soliditĂ del concetto e del mistero; nelle fotograďŹ e della Weston luce, miniature e modellini danno vita a un’atmosfera di umore e fantasia. “Night and day. Nicola Civiero and Grace Westonâ€?, Pacicontemporary, via Trieste, 48 – Brescia, dal 29 settembre al 20 novembre, da martedĂŹ a sabato (1013; 15.30-19.30).

Una mostra che vuole illustrare la produzione incisoria deďŹ nita “maniera neraâ€? del giapponese Narumi Harashina che, mediando tra le culture orientale e occidentale alla base della propria formazione, sviluppa un dialogo personale con le umili e semplici cose che fanno parte del vivere quotidiano, descritte con minuziositĂ , per creare una forte valenza emozionale. Una tecnica antichissima, che risale alla tradizione germanica seicentesca, e

Nel Castello di Padernello, una mostra di medaglie celebrative, realizzate dall’artista Cesare Monaco. Volti di ninfe protettrici delle acque che circondano il cuore della campagna di Padernello. “Nymphe. La committenza a Cesare Monacoâ€?, Fondazione Castello di Padernello, via Cavour 1, Padernello di Borgo San Giacomo – Brescia. Fino al 18 novembre, da martedĂŹ a sabato su prenotazione; domenica (14.30-18.30).

poco praticata oggi perchĂŠ richiede pazienza e sforzo . Lavori su lastre di rame da cui viene cavato il segno che deve presentare una texture di solchi tracciati con un berceau – una specie di mezzaluna di metallo – che restituiscono allo sfondo sulla carta, un aspetto morbido e vellutato. “La Magia del Nero. Incisioni alla maniera nera di Narumi Harashinaâ€?, Piazza Loggia 11/f – Brescia, ďŹ no al 21 ottobre, da giovedĂŹ a domenica (16-19.30).

—•‹…ƒ �–‡”˜‹•–ƒƒ�ƒ”‡†”‹�‹

(RUDXQQXRYRGLVFR Â?ƒ”‰‹Â?‡†‡ŽŽƒˆ‡•–ƒDz‡”•‘ÂŽÇŻŽ–”‘dzǥĠ†”‘‹Â? ”ƒÂ?Â…Â‹ÂƒÂ…Â‘Â”Â–ÂƒÇĄ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–ƒ†ƒŽŽ‡••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡—Â?–‘‹••‹‘Â?‡‘Â?Ž—•‡†ƒŽƒ—Ž‡ †‡ŽŽƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?ÇĄ‡Â?–”ƒÂ?„‡†‹‘†‡Â?‰‘ǥ‹Ž”‘…Â?‡”„”‡•…‹ƒÂ?‘•‹…‘Â?ˆ‹†ƒ’‡”‹Ž‡––‘”‹†‹Dz‘…‡dzǣƒÂ?‘”‡’‡”‹Ž…‹Â?‡Â?ƒ‡’”‘‰‡––‹ˆ—–—”‹   

2

  

mar arriva e ringrazia affettuosamente i fan, un saluto ai cuochi, con assaggio d’obbligo, e poi via, di corsa sul palco. Lo ritroviamo dopo il concerto, molto apprezzato e partecipato. Il tuo viaggio prosegue, tra l’affetto di chi continua a volerti bene. Certamente, sto bene e sono in perfetta forma. Ho aggiunto questa serata benefica al tour estivo, che mi ha regalato ottime sensazioni e grandi soddisfazioni, come l’altra sera ad Udine. Sono contento di questa serata, che mi ha permesso di raccontare con le canzoni, le parole e le immagini il mio magico mondo, che parte dalla musica ma che si muove in mille direzioni. Un posto speciale lo riservi al cinema, che tu conosci da appassionato ma anche da protagonista. Amo il cinema e ho la fortuna di conoscere registi bresciani molto bravi come Claudio Uberti, con cui ho avuto il piacere di collaborare in un paio di corti; mi piace citare il docu-film “Francesco Bussone - La battaglia di Maclodio�, nel quale interpreto il ruolo del protagonista, tra l’altro con molto divertimento. Mi piace ricor-

Dz‘Â?Š‘Žƒ’”‡•—Â?œ‹‘Â?‡ †‹†ƒ”‡Â?Â‡Â•Â•ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÇĄ†‘’‘ —Â?ƒ…ƒ†—–ƒ…ǯ°•‡Â?’”‡ Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹”‹ƒŽœƒ”•‹ ‡‰”ƒœ‹‡ƒ‹‘ǥ•‹’—Ö ƒÂ?…Š‡Â”Â‹Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â”Â‡Çł dare anche il cameo nel film di Pupi Avati “Il figlio piĂš piccoloâ€?, nel quale eseguo il mio brano “Il figlio del ventoâ€?. LĂŹ ho conosciuto attori bravissimi come Christian De Sica, Laura Morante, Luca Zingaretti e Nicola Nocella. Questa sera abbiamo ammirato il video de “La folliaâ€?, ricreato da Giovanni Missaglia partendo dalle opere del papĂ Renato, stimato pittore bresciano che di ammireremo nei prossimi mesi in una sua esposizione al Santa Giulia. Renato è un amico di Gussago, oltre che un importante artista. Era inevitabile, vista la mia predilezione per la pittura, far nascere qualcosa di rilevante con lui. Renato ha prodotto circa 200 opere per il video de “La folliaâ€?, il cui risultato per me è splendido. Sappiamo che tu hai uno slancio

particolare con i giovani: talvolta si arrendono prima di combattere. Non ho la presunzione di dare messaggi, vorrei dire loro che dopo una caduta c’è sempre la possibilitĂ di rialzarsi, e che, grazie a Dio, si può anche ripartire meglio di prima, come è capitato a me. Dopo il grave problema al cuore sono rinato e ora mi ritrovo con tantissime passioni che riesco con grande impegno ma con altrettanto entusiasmo a portare a termine. Progetti per il futuro? Tanti, in particolare un paio. Il primo esclusivamente musicale riguarda il mio prossimo disco, che mi vede giĂ  impegnato nelle registrazioni. Con stasera chiudo le date e mi rifugio in sala di registrazione. Il secondo invece è un progetto nato con Nicola Nocella, bravissimo attore che ho conosciuto sul set de “Il figlio piĂš piccoloâ€?. Con Nicola è emerso il desiderio di dare voce ad una passione comune verso John Belushi, prematuramente scomparso 30 anni fa. Per noi è un mito; abbiamo pensato di costruire un’opera teatrale sulla sua figura, che abbiamo intitolato “Sangue impazzitoâ€? e che presenteremo per dieci date di fila al Teatro Parenti di Milano.

ƒ’”‡•—�œ‹‘�‡ †‹†‡ˆ‹�‹”‡‹‘

ƒ”‹ƒƒš‹—ÇŚ ‘Â?Â?ƒ†‡Ž†‹ƒŽ‘‰‘ǤǤǤ

ÇŻÂƒÂ?‘”‡ ”—„ƒ–‘

   ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í™Í˜ÇĄÍ˜Í˜

    ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í™ÍšÇĄÍ˜Í˜

  

  ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í™Í?

‹ ° ‹ ‹‘°‹Â?Â’Â‡Â”Â•Â…Â”Â—Â–ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‡ÇĄÂ?‹•–‡”‹‘•‘ǥ‹Â?†‹…‹„‹Ž‡Ǥ‘•¿ƒˆˆ‡”Â?ƒÂ?‘‹ – „‹Ž ‹– ˆ‹Ž‘•‘ˆ‹‡‹–‡‘Ž‘‰‹“—ƒÂ?†‘…‡”…ƒÂ?‘†‹‹Â?†ƒ‰ƒ”Â?‡‹•‡‰”‡–‹ǤÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ Â’ÂƒÂ”Â–Â‡ÇĄ‰Ž‹•–‡••‘ǥƒ––”ƒ˜‡”•‘ŽƒÂ•Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇĄ•‹•˜‡ŽƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—Â?ƒÂ?‹–Â?•‘nj ’”ƒ––—––‘‹Â? ‡•ÎÂ?‘”–‘‡”‹•‘”–‘ǣ‹‘•‹”‹Â?’‹……‹‘Ž‹•…‡Â?‡Ž–‡Â?ÇŚ ’‘‡Â?‡ŽŽ‘•’ƒœ‹‘‡•ǯ‹Â?Â?‡”‰‡Â?‡‹Â?‘•–”‹’‡Â?•‹‡”‹‡Â?‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡ ’ƒ”‘Ž‡Ǥ Ž‹—‘Â?‹Â?‹•‹‡•’”‹Â?‘Â?‘‹Â?Ž‹Â?‰—ƒ‰‰‹ˆ”ƒ‰‹Ž‹‡Â’Â”Â‘Â˜Â˜Â‹Â•Â‘ÇŚ ”‹ǢÂ?‘Â?’‡”Ž—•–”ƒÂ?‘ƒŽ–”‘…Š‡‘”‹œœ‘Â?–‹•–‘”‹…‹ǥ‡•‹•–‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄˆ‹•‹…‹Ǥ ÇŻÂƒÂ—Â•Â’Â‹Â…Â‹Â‘°…Š‡“—‡•–‡’ƒ‰‹Â?‡’‘••ƒÂ?‘ƒ‹—–ƒ”‡ƒ…‘Â?’”‡Â?†‡”‡ ‡…‘””‡‰‰‡”‡ƒŽ…—Â?‡†‡ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǥ•‘’”ƒ––—––‘‹Â?ƒÂ?„‹–‘…”‹nj •–‹ƒÂ?‘Ǥˆˆ‹Â?…Š¹Â?‡••—Â?‘DzÂ?‘Â?‹Â?‹‹‘‹Â?˜ƒÂ?‘dz‘•‘•–‡Â?‰ƒ…Š‡ ‹Ž•—‘ǥ‹Ž•—‘•‘Ž–ƒÂ?–‘ǥ°‹Ž˜‡”‘‹‘Ǥ‹‘•–ƒ‘Ž–”‡‹…‘Â?ˆ‹Â?‹—Â?ƒÂ?‹ǥ †ƒ˜ƒÂ?–‹ƒŽ—‹Žǯ—‘Â?‘–ƒ…‡…‘Â?–‡Â?’ŽƒÂ?†‘Ǥ

ÂŽ ÂŽ‡Â?‡”†¿ƒÂ?–‘†‡Ž͙ͥÍ&#x;Í?ƒ”‹ƒƒš‹—Â•Â…Â”Â‹Â˜Â‡ÇŁDz1 •”ƒ‡Ž‡…Š‡Â?‹  †¿  – † ÂŽ  ˆƒ†‘Â?‘†‹ ‡•Î†‹ÂƒÂœÂƒÂ”‡–Šǥ…Š‡•‘Ž‘’—Ö†ƒ”Â?‹Žǯ‹Â?–—‹œ‹‘Â?‡ †‡ŽÂ?‹•–‡”‘†‹ Â•Â”ÂƒÂ‡ÂŽÂ‡ÇĄ‘••‹ƒ†‡Ž’‹ƒÂ?‘†‹‹‘…Š‡ƒ––”ƒ˜‡”•‘‹Ž •—‘’‘’‘Ž‘•‹ƒ––—ƒÂ?‡ŽŽƒ•–Â&#x2018