Issuu on Google+

ǯ‘”‡……Š‹‘†‡Ž…—‘”‡      

/$92&(

Abbiamo appena celebrato la festa di San Benedetto, patrono d’Europa, trasferita - per ragioni liturgiche non da tutti comprensibili - dal 21 marzo all’11 luglio. Comunque sia, il ricordo del “patriarca dei monaci d’Occidenteâ€? può esserci di stimolo a riflettere sulla sua figura e sulla sua ereditĂ , che tanto ha segnato la nostra cultura. Se appena potete, vi invito a leggere la sua Regola. Ăˆ vero che non tutti siamo chiamati ad essere monaci - come potrebbero essere dati nuovi figli/e alla Chiesa e al mondo? - ma, se le diverse vocazioni sono collegate fra loro, anche dalle parole di un santo monaco possiamo trarre aiuto per la nostra vita. Potreste cominciare proprio dal Prologo della Regola. Vi troverete, fra l’altro, questo invito: “Ascolta, figlio, i precetti del maestro e inclina l’orecchio del tuo cuore; accogli volentieri gli ammonimenti di un padre che ti vuol bene e mettili risolutamente in pratica, per ritornare con la fatica dell’obbedienza a colui dal quale ti sei allontanato per l’accidia della disobbedienzaâ€?. Alzi la mano chi non ha bisogno di seguire questa proposta.

'(/ 3232/2           ͙ͥ͛͠

            

  Ǥ              Ǥ 

͚͠

Ǥ”‡•…‹ƒ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘ Ǥ”‡•…‹ƒ 

                  Í‚Í™ÇĄÍ˜Í˜

͘͜‘’‘Ž‹‡…‘�–‹�‡�–‹

‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜Í˜Í›ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒÂƒÂ”Â–Ç¤Í™ÇĄ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇĄ…‘Â?–‹‡Â?‡ ǤǤ

Sud Sudan. Nella libertĂ  il dono di mons. Mazzolari

͘Í&#x;ƒ‡•‹‡’ƒ””‘……Š‹‡

•–ƒ–‡“—‹

Bagolino. I ragazzi del grest tra gioia e Parola

͚͛……Ž‡•‹ƒ Oratori. Un happening per confrontarsi

‘Â?’Ž‹…‡Žƒ…”‹•‹ǥ•‘Â?‘•‡Â?’”‡†‹’‹Î‹„”‡•…‹ƒÂ?‹†‡ŽŽƒ…‹––Â?‡†‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ…Š‡Â?‘Â?’ƒ”–‘Â?‘’‡”Ž‡˜ƒ…ƒÂ?œ‡Ǥ ‹ †‹ ‹Î‹„ ‹ ܠ ÂŽÂŽ ‹––Â? † ÂŽÂŽ ‹ ‹ Š – ÂŽ †ƒ”‡Ž‘”‘•‘ŽŽ‹‡˜‘—Â?ƒÂ?—–”‹–ƒ•‡”‹‡†‹’”‘’‘•–‡ǣ…‘Â?…‡”–‹‡•’‡––ƒ…‘Ž‹Â–Â‡ÂƒÂ–Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡ˆ‡•–‡†‹’ƒ‡•‡ ‡•ƒ‰”‡’‡”–”ƒ•…‘””‡”‡ƒŽ…—Â?‹Â?‘Â?‡Â?–‹‹Â?ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â‰Â”Â‹ÂƒÇĄ†‹Â?‡Â?–‹…ƒÂ?†‘•‹†‡ŽŽ‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â? ÇŻ     

—ƒÂ?†‘ Ž‡ˆ‡”‹‡ •‘Â?‘„—‘Â?‡ Non so voi, ma in questo periodo sento proprio il bisogno di andare in ferie. SarĂ  il caldo e il ritmo quotidiano, ma la necessitĂ  di staccare credo tocchi un po’ tutti, fosse solo per un qualche giorno, perchĂŠ è quasi ďŹ sica la necessitĂ  di ritemprare le forze. Andare “in ferieâ€? assume poi un signiďŹ cato ancor piĂš profondo quando il sospendere il corso frenetico della vita moderna, fatta di appuntamenti, risposte da dare, sollecitazioni continue ci dĂ  l’opportunitĂ  di recuperare la bellezza di ciò che è “ferialeâ€?. Ognuno ha le sue idee rispetto alle vacanze, ma la ferialitĂ  per me resta la forma dentro cui il riposo si fa piĂš efďŹ cace. SarĂ  perchĂŠ l’adolescenza è ormai un ricordo, ma fatico sempre di piĂš a immaginare una vacanza

fatta di eventi incredibili, di ritmi straordinari, di stimoli strabilianti. Non perchĂŠ in vacanza non si possano fare tante cose, vedere molti luoghi, incontrare molte persone; non perchĂŠ essa debba essere, altresĂŹ, l’occasione per fare spazio all’ozio (padre dei vizi), ma oggi la trovo “buona per meâ€? se permette ai ritmi della mia vita di diventare piĂš umani, piĂš rispondenti ai miei bisogni biologici, spirituali e relazionali. Leggendo in questi giorni alcune riessioni per la rubrica di Radio Voce sui “maestri dello spiritoâ€? mi è capitato tra le mani un testo di Enzo Bianchi, priore di Bose, sulla societĂ  dei consumi e il bisogno di ritrovare il gusto dell’ascolto. “In questa societĂ  dei consumi, che ci crea tanti bisogni, – dice Bianchi – in cui tutto ci è proposto in modo prepotente, come ascoltare? Gli annunci commerciali fanno di noi degli schiavi proprio quando c’è tanta sete di liberazioneâ€?. Bianchi

propone, quindi, il silenzio per combattere gli idoli del nostro tempo che non sono d’argento e oro, ma “di suggestioni e di cattura dei nostri cuoriâ€?. Sono idoli rumorosi, invadenti, che ci fanno rotolare la vita come una sequenza continua e pericolosamente vuota di senso. Bisogna farli tacere. Ecco allora che l’occasione delle vacanze diviene tempo opportuno per ritrovare, nella ferialitĂ , il gusto di stare, di ascoltare, di tacere e far tacere ciò che rende distratto continuamente il nostro cuore. Continua Bianchi: “E questo si può con la preghiera, con l’opporre a queste parole la Parolaâ€?. Vacanze allora, riposo, ferialitĂ , spazio per ritrovare noi stessi e ad accogliere lo spazio di Dio dentro di noi. Dove? “Nel silenzio – dice ancora – del desertoâ€? come GesĂš. Ma come “fare desertoâ€? attorno a noi? Almeno su questo lasciamo lo spazio alla fantasia, anche se una regola base potrebbe essere:

cercare luoghi, almeno un poco, fuori dalla confusione. Le montagne, anche di casa nostra, offrono da sole l’ambiente piĂš in sintonia per ottenere questo risultato. Ciò che una vetta, un bosco, un ghiacciaio sanno restituire per leggere il mistero di Dio sul mondo e su di noi è impagabile. Ma anche l’immensitĂ  del mare e il calore del sole possono evocare, in coloro che hanno uno sguardo attento, bellezze altrettanto grandi e suggestioni intense. Il deserto interiore si può scoprire anche nella ferialitĂ  della propria casa, magari lasciandosi accompagnare da qualche bel libro che, mai come in ferie, può divenire un autentico compagno di viaggio. E poi la veritĂ  dell’ascolto si può sperimentare con le persone care di cui godere, senza la schiavitĂš dell’orologio, la compagnia, la vicinanza e l’amicizia. Insomma ce n’è per tutti i gusti, basta saper scegliere perchĂŠ le vacanze siano davvero “buone ferieâ€?.

͚͠—Ž–—”ƒ‡…‘�—�‹…ƒœ‹‘�‡ Famiglia. Un investimento per il futuro

Í›Í?…‘Â?‘Â?‹ƒ‡Žƒ˜‘”‘ Spending review. Tagliare non basta, serve responsabilitĂ 

Í›Í&#x;’‘”– Olimpiadi. Una sola bandiera per tanti valori


�Ž—�‰‘‡Ž‡�…‘ ƒŽŽ‡ƒŽŽ‹ƒŽŽƒƒ••ƒ’‡”˜‹˜‡”‡Žƒ•–ƒ‰‹‘�‡‡•–‹˜ƒ

 

La Provincia di Brescia ha attivato sul proprio sito internet uno spazio che raccoglie tutte le manifestazioni programmate, da Ponte di Legno a Pontevico, per il periodo estivo. Si tratta di un elenco lungo, praticamente impossibile da presentare nel dettaglio. Un elenco in cui compare un po’ di tutto: sagre di paese, feste patronali, happening sportivi, concerti, rassegne teatrali. Una programmazione che potrebbe tenere impegnati per tutta l’estate. Non sono poche, anche nel

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

Bresciano, le persone che, elenco degli appuntamenti alla mano, si organizzano per non perdere una data. Il fenomeno, per il momento, riguarda soprattutto gli amanti del ballo. Spesso in gruppi organizzati si spostano nelle diverse località della provincia per dare libero sfogo alla loro passione. A Brescia la parte del leone la fanno le circoscrizioni che hanno messo in campo moltissime proposte per l’estate di chi resta in città. Gite, serate danzanti, teatro dialettale e animazione

per bambini compongono il “corposoâ€? menĂš predisposto. PiĂš di 60 sono gli eventi presenti sul sito della Provincia: si va dalla festa alpina alla manifestazione sportiva, senza dimenticare la sagra enogastronomica o quella pensata per esaltare precise caratteristiche del territorio. Tutte le manifestazioni, e questo è un dato positivo, sono frutto della collaborazione tra diverse realtĂ  del territorio che hanno capito l’importanza di lavorare insieme.

—Ž–—”ƒ‡�—�‡”‘•‡’”‘’‘•–‡�‡Ž”‡•…‹ƒ�‘

/¡HVWDWHqDQFRUD VRWWROHVWHOOH   

/

’estate, nonostante tutto, continua a essere “sotto le stelleâ€?. Non sono bastati la crisi e l’eterno dibattito tra qualitĂ  e quantitĂ  a far venire meno la passione dei bresciani per una serata d’estate da trascorrere all’aria aperta, magari a godersi un concerto, uno spettacolo teatrale, un film. L’invenzione (recente, visto che non arriva ai due decenni di vita, ndr) delle programmazioni estive è di quelle storiche. Invitare la gente a uscire la sera, dopo una giornata di lavoro, magari quando il caldo non dĂ  alcuna tregua, con il richiamo della buona musica o di una commedia poteva sembrare un azzardo. Eppure la formula è piaciuta e non solo a Brescia. La cittĂ , con le sue programmazioni estive, ha fatto scuola e in breve quasi tutti i Comuni, dalle valli alla bassa, hanno pensato cartelloni estivi ricchi di proposte in grado di soddisfare la voglia di stare insieme e di divertirsi della propria gente. Non sono mancati, negli anni, tentativi di qualificare le proposte. Molti ancora ricordano quel “Teatro in villaâ€?, nato da un’intuizione di “Promozione Franciacortaâ€?, realtĂ  che, avendo compreso l’importanza del marketing territoriale e dell’azione sinergica, aveva lanciato, con interessanti risultati, la proposta di spettacoli teatrali all’aperto in alcune delle piĂš belle ville di Franciacorta, abbinando alla proposta culturale, per altro sostenuta anche grazie alla presenza di personaggi di primo piano del panorama teatrale nazionale, quella storico-architettonica (non

‘�‘•–ƒ�–‡Ž‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–� “—‡ŽŽƒ‡•–‹˜ƒ…‘�–‹�—ƒ ƒ‡••‡”‡—�ƒ•–ƒ‰‹‘�‡ ’”‘’‹œ‹ƒ’‡”Žƒ…—Ž–—”ƒǤ ‘Ž–‡Ž‡’”‘’‘•–‡ ’‡�•ƒ–‡’‡”•‘††‹•ˆƒ”‡ ‘‰�‹‡•‹‰‡�œƒ



accadeva spesso, all’epoca, che i proprietari aprissero le loro ville) a quella enogastronomica (l’assaggio di vini e di altri prodotti del territorio). Un’esperienza che ha fatto da apripista: “Odisseaâ€?, nella Bassa, “Acque e terre festivalâ€? in Valsabbia e Archeoweek in Valcamonica, tre fra le tante proposte che ancora oggi tengono banco nel Bresciano, arrivano proprio da lĂŹ. Brescia, negli anni, ha anche vissuto un intenso dibattito (non privo di polemiche) sul “tonoâ€? della propria estate. Meglio una programmazione diffusa, ricca, fatta di piccoli eventi (come era nel-

le primissime edizione dell’Estate in cittĂ ) o un progetto capace di fare della cittĂ  un punto di riferimento sovraterritoriale, magari una delle grandi capitali della cultura estiva europea? La domanda si pose con l’idea, geniale, di Gigi Cristoforetti, uomo di cultura di cui la cittĂ  forse si è liberata un po’ troppo in fretta. PerchĂŠ, questa la sua sfida, non fare di Brescia la capitale del circo contemporaneo? La cittĂ , con le sue piazze e i suoi parchi, aveva tutte le potenzialitĂ  per affermarsi come punto di riferimento europeo di una forma espressiva che utilizza l’aspetto visionario e spettacolare del circo per declinarlo alla danza contemporanea, per costruire coreografie che non hanno nulla a che vedere con i numeri tradizionali. La sfida venne accolta e alla Festa del circo per alcuni anni vennero dedicate gran parte delle risorse che la cittĂ  aveva a disposizione per l’estate. L’esperimento ha funzionato e sino al 2008 Brescia è stata la capitale estiva del circo contemporaneo, sede di una festa capace di chiamare un pubblico sempre piĂš numeroso da tutta l’Italia. Un grande successo che, forse, aveva il torto, se di torto di può parlare, di strizzare un po’ troppo l’occhio ai panorami nazionali, lasciando scoperti alcuni “bisogniâ€? tipicamente locali. Laddove non sono arrivate le polemiche è arrivata la crisi e la sempre minore disponibilitĂ  di risorse ha indotto molte amministrazioni, non solo quella del capoluogo, a rivedere le filosofie delle proprie estati. Una scelta dettata anche dal fatto che la stagione di difficoltĂ , che ormai dura

  

‘Ž–‹‹‘�—�‹…‘•–”‡––‹ ƒ–ƒ‰Ž‹ƒ”‡•—Žˆ”‘�–‡ †‡ŽŽ‡’”‘’‘•–‡‡•–‹˜‡ …Š‡•‘’”ƒ˜˜‹˜‘�‘‰”ƒœ‹‡ ƒŽŽƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘�‡–”ƒ ƒ••‘…‹ƒ‹œ‘�‹‡”‡ƒŽ–�†‡Ž ˜‘Ž‘�–ƒ”‹ƒ–‘

  

ƒ”†‘Â?‡‹˜‹‡”ƒ ‡Â?Â‡Â”ÇŚÂƒÇŚÂ?‡Â?–‡ǣ —Â?ˆ‡•–‹˜ƒŽ Â?‡Ž•‡‰Â?‘ †‹ÇŻÂ?Â?—Â?œ‹‘

Ăˆ in pieno svolgimento al Vittoriale di Gardone Rivera il festival “Tener-amenteâ€?, il cartellone piĂš importante nell’estate culturale bresciana. Il programma, che nella scelta del nome rimanda a un gioco di parole di Gabriele D’Annunzio, presenta nomi di primo piano del panorama culturale nazionale e internazionale. Un insieme di proposte, quello elaborato da Viola Costa, direttore artistico del Festival, in grado di richiamare l’attenzione (e contestualmente la presenza) di un pubblico numeroso e diversificato. Nel programma messo a punto

figurano infatti proposte di diverso genere, in grado di rivolgersi a un pubblico esigente. Il via l’1 luglio scorso con il Gran Gala, un omaggio alla figura di Gabriele D’Annunzio. Dopo il concerto di Francesco De Gregori (6 luglio) e di Yann Tiersen in programma per domenica 15, c’è attesa per la serata con Pat Matheny e la sua Unity band del 17 luglio. L’artista (nella foto a sinistra) non ha bisogno di presentazioni, è una vera e propria leggenda (vivente) del jazz. Un artista poliedrico e completo, che torna sul palco del Vittoriale nel pieno della sua maturità, a pochi

da qualche anno, ha finito con l’allargare la potenziale platea di chi si vede costretto a rinunciare alle vacanze e chiede alle proprie amministrazioni momenti di svago. Oggi, nonostante i limiti imposti da tagli e difficoltà, le due tendenze sembrano coesistere: non mancano le proposte di ampio respiro (i grandi concerti nelle piazze del centro storico di Brescia o il festival in corso al Vittoriale di cui si parla in queste pagine). Con queste, però,


 ͙͚  ͚͙͚͘

͛͘

ÂŽˆ‡•–‹˜ƒŽƒ”‡Â?‹ƒÂ?‘ —‡Ž’‡Â?†‘Žƒ”‹•Â?‘–”ƒ”‡•…‹ƒ‡‡”‘Â?ƒ I tanti bresciani appassionati dell’opera lirica considerano da sempre il festival areniano come un appuntamento di casa. Moltissimi sono quelli che ogni anno, singolarmente o in gruppi, si mettono in viaggio per andare a Verona a godersi uno dei capolavori della lirica sotto le stelle. Molti i Comuni, le associazioni, le biblioteche che organizzano queste frequenti trasferte nella cittĂ  di Romeo e Giuletta per l’appuntamento

ha preso piede una programmazione diffusa di feste sul territorio, proposte che le diverse amministrazioni riescono ancora a organizzare chiamando a raccolta le associazioni del territorio, le parrocchie, il volontariato. Si è scoperto, insomma, il valore delle collaborazioni, del “fatto in casaâ€? per dare, nonostante tutto, ancora una grande estate alle tante persone (il loro numero continua a crescere) che anche d’estate restano a casa.

in Arena. Quest’anno, poi, il cartellone è particolarmente “attraenteâ€?. Aida di Giuseppe Verdi, Carmen di Geoges Bizet, Turandot e Tosca di Giacomo Puccini, piĂš Don Giovanni di Mozart e Romeo et Juliette di Charles Gounod sono i titoli della stagione 2012 che hanno “scatenatoâ€? il consueto pendolarismo tra Brescia e Verona. Una lunga frequentazione che ha consentito di dare vita anche a rapporti che vanno oltre la

stagione delle opere in Arena. Alcune realtà, come l’Associazione amici della musica di Palazzolo sull’Oglio, hanno messo in campo un’ampia collaborazione che consente di anno in anno di programmare la presenza dei bresciani in Arena (e, in inverno, al Filarmonico) e di studiare una serie di iniziative per avvicinare il pubblico a una fruizione piÚ attenta dell’opera in cartellone, con lezioni concerto messe in calendario nel corso dell’anno.

 

 

‘�‹ƒƒ�‰‘�‹ —‡Ž…Š‡…‘�–ƒ°‹Ž’”‘‰‡––‘

ƒ‰”ƒ�†‡�—•‹…ƒ ’’—�–ƒ�‡�–‹‹�’‹ƒœœƒƒ‘Ž‘

1•–ƒ–ƒˆ”ƒŽ‡’”‹Â?‡Ġ‘……—’ƒ”•‹ †‹‡˜‡Â?–‹Â‡Â•Â–Â‹Â˜Â‹ÇĄ…‘Â?“—‡ŽDz‡ƒ–”‘ ‹Â?Â˜Â‹ÂŽÂŽÂƒÇłȋ‰‹Â?”‹…‘”†ƒ–‘‹Â?“—‡•–‡ ’ƒ‰‹Â?Â‡ČŒ…Š‡’‡”–ƒÂ?–‹˜‡”•‹Šƒ ˆƒ––‘†ƒƒ’”‹’‹•–ƒƒ—Â?ƒÂ?—–”‹–ƒ •‡”‹‡†‹’”‘’‘•–‡ƒÂ?…‘”ƒ‘‰‰‹ ’”‡•‡Â?–‹Â?‡Ž’ƒÂ?‘”ƒÂ?ƒ„”‡•…‹ƒÂ?‘Ǥ ƒÂ?…Š‡•‡Â?‘Â?•‹‘……—’ƒ’‹Î †‹Ç˛Â‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡ÇłÇĄ‘Â?‹ƒƒÂ?‰‘Â?‹ǥ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–”‹…‡†‹‡˜‡Â?–‹ǥ‡•’‡”–ƒ †‹…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡‡†‹’—„„Ž‹…Š‡ ”‡Žƒœ‹‘Â?‹ǥ•ƒ„‡Â?‡…‘•ƒ•‹‰Â?‹ˆ‹…Š‹ Â?‡––‡”•‹ƒŽŽƒ˜‘”‘’‡”’‡Â?•ƒ”‡ —Â?…ƒŽ‡Â?†ƒ”‹‘†‹’”‘’‘•–‡‡•–‹˜‡ ‹Â?‰”ƒ†‘†‹•‘††‹•ˆƒ”‡‹Ž’—„„Ž‹…‘ †‡ŽŽ‡•‡”ƒ–‡Dz•‘––‘Ž‡•–‡ŽŽ‡dzǤDz ÂŽ –‡””‹–‘”‹‘ǥÂ?‘Â?‘•–ƒÂ?–‡Žƒ…”‹•‹†‹ ”‹•‘”•‡‘‰‰‹‘ˆˆ”‡Â?‘Ž–‹••‹Â?‘ Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒ‘Â?‹ƒƒÂ?‰‘Â?‹ȂǤ ‰”ƒœ‹‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?’‡‰Â?‘†‹‘Â?—Â?‹ǥ ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹‡†‹‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‹ ’”‹˜ƒ–‡…Š‡…‘Ž–‡Â?’‘ŠƒÂ?Â?‘ …ƒ’‹–‘…‘•ƒ•‹‰Â?‹ˆ‹…Š‹’‡Â?•ƒ”‡—Â?ƒ ’”‘’‘•–ƒÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇ¤ ‡––‡”‡‹Â?•‹‡Â?‡—Â?…ƒ”–‡ŽŽ‘Â?‡ †‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡…Š‡ƒ„„‹ƒ—Â? Â?‹Â?‹Â?‘†‹†‹‰Â?‹–Â?”‹…Š‹‡†‡ ‹Â?ˆƒ––‹—Â?‹Â?’‡‰Â?‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡Ǥ Dz‘Â?‘Â?‘Ž–‡’Ž‹…‹‰Ž‹ƒ•’‡––‹†ƒ …‘Â?•‹†‡”ƒ”‡Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒˆƒ…‡Â?†‘ ƒÂ?…Š‡”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ƒŽŽƒ•—ƒ ‡•’‡”‹‡Â?œƒ’”‘ˆ‡••‹‘Â?ƒŽ‡ȂǤ †ƒŽ…‘Â?–ƒ––‘…‘Â?‰Ž‹ÂƒÂ”–‹•–‹ǥƒ‰Ž‹ ƒ•’‡––‹’‹Î’”ƒ–‹…‹Â”Â‡ÂŽÂƒÂ–Â‹Â˜Â‹ÇĄ’‡” ‡•‡Â?’‹‘ǥƒ‰Ž‹•’ƒœ‹’‹Î‹Â?†‹…ƒ–‹ ’‡”‘•’‹–ƒ”‡—Â?‡˜‡Â?–‘ǥƒŽŽ‡ Â?‘†ƒŽ‹–Â?†‹…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‘•–‡••‘dzǤDzÂ‡Â”Â˜Â‡ÇĄƒŽ’—Â?–‘ †ƒ‡••‡”‡†‡–‡”Â?‹Â?ƒÂ?–‡’‡”Žƒ ”‹—•…‹–ƒ†‹—Â?ƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ǥ Žƒ’”‘‰‡––—ƒŽ‹–Â?ÇĄ“—‡Ž’‡Â?•‹‡”‘ ’”‡˜‡Â?–‹˜‘…Š‡†ƒ•‘Ž‘’—Ö –”ƒ•ˆ‘”Â?ƒ”‡—Â?ƒ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ‹Â?—Â?ƒ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡†‹•—……‡••‘ǤÂ? ÂƒÂ•Â’Â‡Â–Â–Â‘ÇĄ“—‡ŽŽ‘”‹…‘”†ƒ–‘†ƒ‘Â?‹ƒ ƒÂ?‰‘Â?‹ǥ…Š‡˜‹‡Â?‡ƒÂ?…Š‡’”‹Â?ƒ †‡ŽŽ‡…‘’‡”–—”‡‡…‘Â?‘Â?‹…Š‡ …Š‡‘‰Â?‹’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒœ‹‘Â?‡ †‡˜‡ƒ˜‡”‡ǤDz‡”“—‡ŽŽƒ…Š‡° ŽƒÂ?‹ƒ‡•’‡”‹‡Â?œƒČ‚”ƒ……‘Â?–ƒƒŽ ’”‘’‘•‹–‘‘Â?‹ƒƒÂ?‰‘Â?‹Č‚Š‘ •‡Â?’”‡…‘Â?•‹†‡”ƒ–‘’”‹‘”‹–ƒ”‹‘ Â?—‘˜‡”Â?‹•—ŽŽƒ•…‘”–ƒ†‹ —Â?ÇŻÂ‹Â†Â‡ÂƒÂ’Â”Â‡Â…Â‹Â•ÂƒÇĄ…Š‹ƒ”ƒ†‹…‹Ö …Š‡•‹˜‘Ž‡˜ƒ’”‘’‘””‡dzǤ‘Â?‘ ÂŽÇŻÂ‹Â†Â‡ÂƒÇĄ‹Ž’”‘‰‡––‘…‘Â?’Ž‡••‹˜‘ …Š‡†‡˜‘Â?‘‰—‹†ƒ”‡Â?‡ŽŽƒ

ƒÂ?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇĄŽƒ‰”ƒÂ?†‡Â?—•‹…ƒ° •‡Â?’”‡•–ƒ–ƒ—Â?ƒ†‡‹’—Â?–‹†‹ ˆ‘”œƒ†‡ŽŽƒ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒœ‹‘Â?‡ ‡•–‹˜ƒƒ”‡•…‹ƒǤ‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹•‘Â?‘ ’ƒ••ƒ–‹‹Â?…‹––Â?ƒŽ…—Â?‹†‡‹’‹Î ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹Â?‘Â?‹†‡Ž’ƒÂ?‘”ƒÂ?ƒ Â?—•‹…ƒŽ‡‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡…Š‡ ŠƒÂ?Â?‘…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ”‡•…‹ƒ ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‹†ƒ‘‰Â?‹’ƒ”–‡ †ǯ –ƒŽ‹ƒǤÂ?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘•— –—––‹ǣ‹Ž…‘Â?…‡”–‘†‹–‹Â?‰…Š‡Ž‘ •…‘”•‘ƒÂ?Â?‘”‹…Š‹ƒÂ?Ă–‹Â?’‹ƒœœƒ ‘‰‰‹ƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‹Ǥ Â?…Š‡’‡”Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ ÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡‹‰”ƒÂ?†‹ …‘Â?…‡”–‹°•–ƒ–ƒƒˆˆ‹†ƒ–ƒƒŽ ‹’‹‡••‡…Š‡…—”ƒƒÂ?…Š‡Â?‘Ž–‡ ”ƒ••‡‰Â?‡…‹Â?‡Â?ƒ–‘‰”ƒˆ‹…‡‡•–‹˜‡ ‹Â?…‹––Â?‡’”‘˜‹Â?…‹ƒČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇŁ ƒ”…‘ÂƒÂ•Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄƒ”…‘˜‹ƒ—ŽŽ‘ǥ ”‡Â?ƒ†‡Ž‡Â?–”‘ƒŽ‹Â?‹ǥƒ’”‹ƒÂ?‘ †‡Ž‘ŽŽ‡ǥÂ‡ÂŽÂŽÂƒÂ–Â‹Â…ÂƒÇĄ‡•‡Â?œƒÂ?‘ǥ Ž‡”‘ǥ Â—Â•Â•ÂƒÂ‰Â‘ÇĄÂ‡ÂœÂœÂƒÂ–Â‘ÇĄƒÂ? ‡Ž‹…‡†‡Ž‡Â?ÂƒÂ…Â‘ÇĄ‡”‘ŽƒÂ?Â—Â‘Â˜ÂƒČŒÇ¤

ÂŽ‘Â?—Â?‡ǥ’‡”’ƒ”–‡Â•Â—ÂƒÇĄŠƒ Â?‡••‘ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡Ž‡•—‡ Â’Â‹ÂƒÂœÂœÂ‡ÇĄ•’Ž‡Â?†‹†‡Ž‘…ƒ–‹‘Â? …Š‡ŠƒÂ?Â?‘•‡Â?’”‡•—•…‹–ƒ–‘ ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹”ƒœ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹ƒ”–‹•–‹ ’ƒ••ƒ–‹Â?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹‹Â?…‹––Â?Ǥ

ÂŽ’”‹Â?‘ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â? Žƒ‰”ƒÂ?†‡Â?—•‹…ƒ°ˆ‹••ƒ–‘ ’‡”“—‡•–‘ˆ‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?ƒǤ  ‡‰”‹–ƒ•ƒ”ƒÂ?Â?‘ƒ”‡•…‹ƒ…‘Â?‹Ž Ž‘”‘DzƒÂ?Â?ƒ–‘˜‹˜‡”‡‘—”ÍšÍ˜Í™ÍšÇłÇĄ …Š‡’‡”’”‘„Ž‡Â?‹Ž‘‰‹•–‹…‹ǥ°•–ƒ–‘ •’‘•–ƒ–‘†ƒ’‹ƒœœƒƒ‘Ž‘ ƒŽŽƒ

giorni dal suo 19° Grammy Awards. Cinque giorni piÚ tardi il 22 luglio, è previsto l’arrivo a Gardone Riviera di un altro nome di spicco della musica beat generation come Patti Smith. Di grande richiamo, dopo gli appuntamenti con l’Orquestra Buena vista social club (25 luglio) e con Walter Beltrami e il suo Paroxysmal Vertigo Quintet (27 luglio), la prima volta al Vittoriale di Paolo Conte (nella foto a sinistra) che si esibirà sabato 28 luglio. Altro genere e altro pubblico per l’appuntamento del giorno successivo (domenica 29) con il Kataklò Athletic Dance

  

”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?…ƒ”–‡ŽŽ‘Â?‡†‹ ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡Ǥ‘Â?•‡Â?’”‡Â?‡––‡”‡ —Â?ƒ’”‘’‘•–ƒƒ……ƒÂ?–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ•‹ –”ƒ†—…‡‹Â?—Â?ƒ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒœ‹‘Â?‡ †‹•—……‡••‘ǤDzƒ•…‡Ž–ƒ†‹—Â?‘ •’ƒœ‹‘’”‡…‹•‘Č‹Â…Í˜Â?‡ˆ—’‡” †‹Â?‘”‡ˆ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–‹Â?‡…‘Â? Dz‡ƒ–”‘‹Â?Â˜Â‹ÂŽÂŽÂƒÇłÇĄÂ?Â†Â”Ç¤ČŒÇĄ†‹—Â?ˆ‹Ž‘Â?‡ –‡Â?ƒ–‹…‘ƒ†ƒ––‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡ÇĄ†‹ •‹Â?‡”‰‹‡–”ƒ†‹˜‡”•‡‡……‡ŽŽ‡Â?œ‡†‡Ž –‡””‹–‘”‹‘ǥ†‹ƒÂ?„‹–‹Â?‘Â?ƒÂ?…‘”ƒ …‘’‡”–‹†ƒ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒœ‹‘Â?‹ •’‡…‹ˆ‹…Š‡Č‚•‘Â?‘ƒÂ?…‘”ƒ …‘Â?•‹†‡”ƒœ‹‘Â?‹†‹‘Â?‹ƒƒÂ?‰‘Â?‹ Č‚•‘Â?‘ƒ•’‡––‹‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹Â?‡ŽŽƒ ’”‘‰‡––ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡ Â‡Â•Â–Â‹Â˜ÂƒÇłÇ¤—‡ŽŽƒ…Š‡°Â?‘–ƒƒŽ ’—„„Ž‹…‘„”‡•…‹ƒÂ?‘’‡”‡••‡”‡ —Â?ƒ†‡ŽŽ‡Dz†‘Â?Â?‡‹Â?Â‰Â‹ÂƒÂŽÂŽÂ‘Çł…Š‡ ŠƒÂ?Â?‘…”‡ƒ–‘†ƒŽÂ?—ŽŽƒ“—‡Ž Dz“—ƒŽ…—Â?‘’‹ƒ…‡Â‰Â‹ÂƒÂŽÂŽÂ‘Çł…Š‡ǥ ’”‘„ƒ„‹ŽÂ?‡Â?–‡ǥ°•–ƒ–ƒ–”ƒŽ‡’‹Î ‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‹’”‘’‘•–‡…—Ž–—”ƒŽ‹ Â?ƒ–‡ƒ”‡•…‹ƒÂ?‡‰Ž‹—Ž–‹Â?‹ƒÂ?Â?‹ǥ Â?‘Â?•‹ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ’‹Î†‹–ƒÂ?–‘ƒŽ †‹„ƒ––‹–‘…Š‡˜‡†‡…‘Â?–”ƒ’’‘•–‹‹ •‘•–‡Â?‹–‘”‹†‹—Â?ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡‡•–‹˜ƒ ˆƒ––ƒ†‹‰”ƒÂ?†‹‡˜‡Â?–‹‡“—‡ŽŽ‹†‹ —Â?ƒ‡•–ƒ–‡Ç˛ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÇłÇ¤ Dz”‡†‘Č‚…‘Â?…Ž—†‡‘Â?‹ƒƒÂ?‰‘Â?‹ Č‚…Š‡‡Â?–”ƒÂ?„‹‰Ž‹ƒ•’‡––‹ ’‘••ƒÂ?‘…‘‡•‹•–‡”‡’—”…Š¹ •—’’‘”–ƒ–‹†ƒ—Â?’”‘‰‡––‘…Š‡ Â?‘Â?ˆƒ……‹ƒƒ’’ƒ”‹”‡“—‡•–‡†—‡ †‹Â?‡Â?•‹‘Â?‹…‘Â?‡—Â?ÇŻÂƒÂ…Â…Â‘ÂœÂœÂƒÂ‰ÂŽÂ‹Âƒ •‡Â?œƒƒŽ…—Â?•‡Â?•‘dzǤ

Theatre che porta a Gardone Riviera “Puzzleâ€?, la sua piĂš recente produzione. A sei anni di distanza dalla prima estemporanea e apparizione all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 31 luglio si ripropone al Vittoriale il connubio tra Paolo Fresu, protagonista della scena jazzistica degli ultimi anni, e Ludovico Einaudi. Altri nomi di prestigio sono stati chiamati per “Tener-a-menteâ€?: Samuele Bersani con il suo “Psycho tourâ€? il 3 agosto, esponenti di primo piano della danza mondiale che daranno vita al “Gran

‹‡”ƒ†‹”‡•…‹ƒǤƒ’‹ƒœœƒ†‡Ž …‡Â?–”‘•–‘”‹…‘–‘”Â?‡”Â?Ġ‘•’‹–ƒ”‡ —Â?…‘Â?…‡”–‘•ƒ„ƒ–‘͚͙Ž—‰Ž‹‘ǥ “—ƒÂ?†‘…‘Â?‹ŽŽ‘”‘Dz‘—”ÍšÍ˜Í™ÍšÇł •ƒ”ƒÂ?Â?‘ƒ”‡•…‹ƒ‹—„•‘Â?‹…ƒǤ —‡‰‹‘”Â?‹’‹ÎÂ–ÂƒÂ”Â†Â‹ÇĄ‹Ž͚͛Ž—‰Ž‹‘ǥ° ’”‡˜‹•–‘‹Ž…‘Â?…‡”–‘†‹ ”ƒÂ?…‡•…‘ ‡Â?Â‰ÂƒÇĄƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘†‡•–‹Â?ƒ–‘ ƒ”‹…Š‹ƒÂ?ƒ”‡‹Â?’‹ƒœœƒƒ‘Ž‘  ‹Â?—Â?‡”‘••‹Â?‹ˆƒÂ?†‡Ž…ƒÂ?–ƒÂ?–‡ „”‡•…‹ƒÂ?‘Ǥ

ÂŽ͚͜Ž—‰Ž‹‘‹Ž’ƒŽ…‘ƒŽŽ‡•–‹–‘‹Â?—Â?ƒ †‡ŽŽ‡’‹Î„‡ŽŽ‡’‹ƒœœ‡†‡ŽŽƒ…‹––Â? ƒ……‘‰Ž‹‡—Â?ƒ†‡ŽŽ‡„ƒÂ?†•–‘”‹…Š‡ †‡Ž”‘…Â?Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹DzÂ‹ÂˆÂ–Â‹Â„ÂƒÇł…Š‡ •ƒ”ƒÂ?Â?‘ƒ”‡•…‹ƒ…‘Â?‹ŽŽ‘”‘–‘—” ͚͙͚͘Ǥƒ”Â? Â‹Â‘Â”Â‰Â‹ÂƒÇĄŽƒ”ƒˆˆ‹Â?ƒ–ƒ …ƒÂ?–ƒÂ?–‡”‘Â?ƒÂ?ÂƒÇĄƒ…Š‹—†‡”‡ ‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹…‘Â?Žƒ‰”ƒÂ?†‡ Â?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ‹ŽÍšÍ?Ž—‰Ž‹‘ǥ•‡Â?’”‡‹Â? ’‹ƒœœƒƒ‘Ž‘ …‘Â?‹Ž•—‘Dz‹‡–”‘ Ž‡’’ƒ”‡Â?œ‡–‘—”ÍšÍ˜Í™ÍšÇłÇ¤ ‡”‰Ž‹ƒÂ?ƒÂ?–‹†‡ŽŽƒÂŽÂ‹Â”Â‹Â…ÂƒÇĄ…‘Â?‡•‹ Ž‡‰‰‡‹Â?ƒŽ–”ƒ’ƒ”–‡†‡Ž‰‹‘”Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ÂŽÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡Â?—•‹…ƒŽ‡…‹––ƒ†‹Â?ƒ ”‹’”‘’‘Â?‡ǥ’‡”‹Ž͙͛ΝƒÂ?Â?‘ …‘Â?Â•Â‡Â…Â—Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â? ‹ŽÂ?‡Ž‘†”ƒÂ?Â?ƒǤ‡”“—‡•–‘͚͙͚͘ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡”‹š‹ƒ›Â?’Š‘Â?› Šƒ’‡Â?•ƒ–‘ƒDzƒÂ”ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇł †‹ ‹—•‡’’‡‡”†‹ǥ…Š‡•ƒ”Â? ’”‘’‘•–ƒ‹ŽÍ™Í&#x;Ž—‰Ž‹‘Â?‡Ž…Š‹‘•–”‘ †‹ƒÂ?ƒŽ˜ƒ–‘”‡Â?‡Ž…‘Â?’Ž‡••‘ Â?—•‡ƒŽ‡†‹ƒÂ?–ƒ Â‹Â—ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ…‘Â?Žƒ …‘Â?•—‡–ƒˆ‹Â?ƒŽ‹–Â?„‡Â?‡ˆ‹…ƒČ‹ÂŽÂƒ ˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡…—‘Žƒ‹Â?‘ŽƒŒ‡™Â?ƒ †‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇ¤

Gala di Danza e Danzeâ€? del 5 agosto. E ancora David Larible (nella foto a destra), il grande clown inglese, giĂ  applaudito lo scorso anno, che torna il 6 agosto con uno spettacolo che la critica ha definito come una “summaâ€? dei suoi migliori numeri. Per giovedĂŹ 9 agosto è in cartellone il concerto di Ute Lemper con “Last tango in Berlinâ€?. “Tener-a-menteâ€? chiuerĂ  i battenti il 12 agosto con “Principals of New York balletâ€?, uno spettacolo in cui è racchiusa la storia di una delle migliori compagnie di danza del mondo.


͘͜

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

‹„‹ƒ ”‹Â?‡‡Ž‡œ‹‘Â?‹Ž‹„‡”‡ǣ•‹’”‘ˆ‹ŽƒŽƒ˜‹––‘”‹ƒ†‡‹Â?‘†‡”ƒ–‹

   

La Libia ha celebrato nei giorni scorsi le sue prime libere elezioni dopo la fine del regime di Gheddafi. Alle elezioni tenute il 7 luglio, secondo i dati forniti dalla commissione elettorale, si sono presentati 2501 candidati indipendenti e 1206 candidati di 142 partiti politici. A votare sono stato chiamati 2 milioni e 700mila libici, gli aventi diritto residenti all’estero hanno già votato nei giorni precedenti. In attesa dei dati ufficiali sembra profilarsi la vittoria dei

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

moderati a scapito degli islamici. Se le urne confermassero questo dato la Libia sarebbe il primo Paese della Primavera araba a vedere gli islamici sconfitti alle urne. Quattro i partiti che si sono contesi il grosso dei voti dei libici: il partito Giustizia e costruzione dei Fratelli musulmani; il Fronte nazionale per la salvezza della Libia, creato nel 1981 da Muhammad Yusuf al Magarief, ex ambasciatore libico in India; al Watan, il partito che fa capo ad Abdel Hakim Belhaj e ad

Ali al Sellabi, di ispirazione islamica; e, infine, i ‘laici’ dell’Alleanza delle forze nazionali di Mahmoud Jibril, giĂ  primo ministro di transizione. Lo stesso Mahmoud Jibril ha comunque richiamato alla calma e ha inviato i suoi sostenitori ad aspettare i risultati ufficiali delle elezioni per il Congresso nazionale. Ha poi annunciato che, in caso di vittoria lavorerĂ  per un progetto di larghe intese al fine di elaborare la nuova costituzione e varare un governo.

 

—†—†ƒÂ? ÂŽƒ‡•‡ƒ—Â?ƒÂ?Â?‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?œƒ†ƒŠƒ”–‘—Â?

/DOLEHUWjXOWLPRGRQR GLPRQV0D]]RODUL ’‘…Š‹‰‹‘”Â?‹†ƒŽŽƒÂ?ƒ•…‹–ƒ†‡ŽÂ?—‘˜‘–ƒ–‘’‡”Žƒ“—ƒŽ‡–ƒÂ?–‘•‹‡”ƒ‹Â?’‡‰Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‹Ž‡•…‘˜‘…‘Â?„‘Â?‹ƒÂ?‘Â?‘”‹˜ƒ ‹Â?’”‘˜˜‹•ƒÂ?‡Â?–‡Ǥ”‡•…‹ƒ—Â?ƒ•‡”‹‡†‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡’‡””‹…‘”†ƒ”Ž‘‡†ƒ”‡…‘Â?–‹Â?—‹–Â?ƒŽŽƒ•—ƒ‘’‡”ƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒ   

,

l 9 luglio scorso la Repubblica del Sud Sudan ha festeggiato il suo primo anno di vita. A distanza di un anno, l’arcivescovo cattolico di Giuba, mons. Paulino Lukudu Loro, e il primate anglicano del Sudan, il reverendo Daniel Deng Bul, hanno rivolto un messaggio congiunto ai cittadini. Nel testo, sono stati ricordati i passi avanti compiuti dalla giovane nazione in 365 giorni di indipendenza: la costruzione delle strade, l’ampliamento della rete delle telecomunicazioni, “il nascente senso di orgoglio ed identitĂ  nazionaleâ€?. In questo primo anniversario dell’indipendenza (ottenuta dopo un regolare referendum) del Paese africano, che è uscito da una guerra devastante e sta lottando con forza e tra moltissime difficoltĂ  per costruire un futuro di pace e sviluppo, c’è anche un po’ di Brescia. Tra i padri fondatori della Repubblica del Sud Sudan un posto di primo piano spetta a mons. Cesare Mazzolari che tanto si è speso perchĂŠ il sogno di un Sud Sudan indipendente da Kartoum potesse diventare realtĂ . Il Vescovo di Rumbek, putroppo, non ha potuto godere a lungo dell’indipendenza della sua gente. Il 16 luglio dello scorso anno, a una settimana dalla proclamazione dell’indipendenza del Sud Sudan, il comboniano bresciano moriva improvvisamente. Il suo impegno e la sua passione per

Ǥ   

ƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‡•ƒ”’‡” ‹Ž…‘Â?’Ž‡–ƒÂ?‡Â?–‘†‹—Â? …‡Â?–”‘†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ …Š‡‹ŽÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘ „”‡•…‹ƒÂ?‘˜‘ŽŽ‡Â?‡ŽŽƒ•—ƒ †‹‘…‡•‹†‹—Â?„‡Â? il Paese africano non sono però andati dispersi. La Fondazione Cesar, nata proprio per sostenere l’azione missionaria di mons. Mazzolari, si è impegnata in quest’anno per dare continuitĂ  all’opera del Vescovo scomparso. Proprio in concomitanza

con l’anniversario dell’indipendenza del Sud Sudan la fondazione ha inaugurato, a Concesio, la sua nuova sede, e, nel contempo, ha predisposto una serie di iniziative sul territorio e una grande campagna nazionale di comunicazione (sulla Rai e su altre testate) per far conoscere il nuovo Sud Sudan, raccontare l’impegno dell’organizzazione e raccogliere fondi per completare il primo Centro di formazione per insegnanti di Cuiebet, voluto da mons. Mazzolari e realizzato in collaborazione con la popolazione locale. Quello di Cuiebet è un progetto essenziale per lo

sviluppo del Sud Sudan. Ancora oggi infatti sono meno del 60% i bambini che vanno a scuola e di questi nemmeno il 4% sono bambine, costrette spesso ad abbandonare quasi subito gli studi . E per loro, ci sono solo 16 insegnanti diplomati, in tutto il Paese. La maggior parte si dedica all’insegnamento senza titolo, “un capitolo avanti i loro studentiâ€? come diceva mons. Mazzolari, che nell’educazione del suo popolo vedeva l’unica concreta opportunitĂ  di pace. Le iniziative messe a punto dalla fondazione Cesar mirano a completare questa importante opera educativa.



     

$QFRUDYLROHQ]HQHOODUHJLRQHGL-RV Contingenti militari provenienti da diverse zone della Nigeria hanno raggiunto la regione di Jos, nello Stato centrale di Plateau, dopo gli scontri tra comunità che nello scorso finesettimana hanno provocato almeno 58 vittime. La notizia è stata rilanciata dall’agenzia Misna, che ha raccolto la testimonianza di Andronicus Adeyemo, vice-capo della Croce Rossa per la gestione delle emergenze. Tra i morti delle violenze dei giorni scorsi ci sono

anche due parlamentari. “I soldati e i poliziotti della Forza congiunta sono arrivati da diversi Stati – ha affermato Andronicus Adeyemo – anche per scongiurare rappresaglieâ€?. Secondo il quotidiano “Daily Trustâ€?, molte delle vittime sono state uccise durante assalti di allevatori di etnia fulani e religione musulmana in villaggi per lo piĂš berom e cristiani. La strage piĂš efferata sarebbe avvenuta, ancora una volta, all’interno di una chiesa nella

localitĂ  di Maseh, dove molti contadini si erano rifugiati. Negli ultimi anni la regione di Jos è stata piĂš volte teatro di violenze legate a conitti politici o a lotte per il controllo della terra e delle risorse in generale. I fatti del ďŹ ne-settimana hanno trovato ampio spazio sulla stampa nazionale anche per l’assassinio, durante una cerimonia funebre seguita alle stragi, di un senatore del parlamento federale e di un deputato dell’assemblea di Plateau.

‡•ƒ” ÂŽŽƒ˜‘”‘ ’‡”—‹‡„‡– ƒ”…‘Â?‘•…‡”‡‹ŽÂ?—‘˜‘ —†—†ƒÂ?ÇĄ”ƒ……‘Â?–ƒ”‡ Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡ ‡”ƒ……‘‰Ž‹‡”‡ˆ‘Â?†‹’‡” …‘Â?’Ž‡–ƒ”‡‹Ž’”‹Â?‘‡Â?–”‘ †‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡’‡”‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹ †‹—‹‡„‡–Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄ˜‘Ž—–‘ †ƒÂ?‘Â?•Ǥƒœœ‘Žƒ”‹Ǥ—‡•–‘ Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘…Š‡Žƒˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ ‡•ƒ”†‹‘Â?…‡•‹‘•‹°†ƒ–ƒ …‘Â?‡Â?‘†‘’‡””‹…‘”†ƒ”‡ ‹Ž˜‡•…‘˜‘…‘Â?„‘Â?‹ƒÂ?‘ •…‘Â?’ƒ”•‘‹Ž͙͞Ž—‰Ž‹‘†‡ŽŽ‘ •…‘”•‘ƒÂ?Â?‘Ǥ—‡ŽŽ‘’‡”‹Ž…‡Â?–”‘ †‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡°—Â?‹Â?’‡‰Â?‘ …Š‡Žƒˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ǥÂ?ƒ–ƒ’‡” ƒ‹—–ƒ”‡‹ŽÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘„”‡•…‹ƒÂ?‘ǥ •‹‡”ƒ†ƒ–‡Â?’‘ƒ••—Â?Â–ÂƒÇĄ–ƒÂ?–‘ …Š‡‹’”‹Â?‹‡†‹ˆ‹…‹†‡Ž‡Â?–”‘ ‘•’‹–ƒÂ?‘ǥ†ƒƒŽ…—Â?‹Â?‡•‹ǥ‹…‘”•‹ †‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‡ƒ‰‰‹‘”Â?ƒÂ?‡Â?–‘ †‹ÍšÍ?͘‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹…Š‡•‘Â?‘‰‹Â? ƒ––‹˜‹Â?‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡†‹—Â?„‡Â? ‡†‹Â?–‘”Â?‹Ǥ‰‰‹°‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ …‘Â?…Ž—†‡”‡‹Ž…‡Â?–”‘’‡”’‘–‡” ˆƒ”Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â”Â‡ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘’”‘••‹Â?‘ǥ ‹…‘”•‹”‡‰‘Žƒ”‹ǤÂ?‹Â?’‡‰Â?‘ …Š‡Šƒ•’‹Â?–‘Žƒˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ ‡•ƒ”ƒÂ?‡––‡”‡‹Â?…ƒÂ?’‘—Â? Â?—–”‹–‘’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ …Š‡ǥ†‘’‘Žƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ†‹ ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒÂ?—‘˜ƒ •‡†‡ǥŽǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ Žƒ’‹†‡Č‹Â–”ƒ˜‹ƒ’ƒŽ–‘ƒÂ? ƒ”…‘‡˜‹ƒ ǤŽŽ‹Â‡Â…ÂŠÂ‹ČŒ…‘Â? …—‹‹Ž‘Â?—Â?‡†‹”‡•…‹ƒŠƒ ˜‘Ž—–‘”‹”…‘”†ƒ”‡‹Ž‡•…‘˜‘ •…‘Â?Â’ÂƒÂ”Â•Â‘ÇĄ’”‘•‡‰—‹”ƒÂ?Â?‘ •ƒ„ƒ–‘͙͜Ž—‰Ž‹‘ǥ‹Â?ˆ‹Â?‡ǥƒŽŽ‡ Í™Í Ç¤Í›Í˜ÇĄ’”‡••‘‹‘Â?„‘Â?‹ƒÂ?‹ †‹˜‹ƒŽ‡‡Â?‡œ‹ƒ…‘Â?Žƒ …‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒǤ‡••ƒ ƒ”‹…‘”†‘†‹Â?‘Â?•Ǥƒœœ‘Žƒ”‹Ǥ

Â?…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?Â‡ÂƒÇĄ‡•ƒ”•ƒ”Â? ‘•’‹–‡’‡”–—––ƒŽƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ †‹–—––‡Ž‡”‡–‹Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹ÂƒÂ‹ÇĄ ‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡•—ƒ†‹‘ÂƒÂ‹ÇĄ ƒ‹’‘”–‡ƒŽ–”‘ƒÂ?Â…Â‘Â”ÂƒÇĄ‡ •—†‹˜‡”•‡–‡•–ƒ–‡Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹Ǥ „‹‡––‹˜‘†‡ŽŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡Â?‡••‡ ‹Â?…ƒÂ?’‘°“—‡ŽŽ‘†‹–”‘˜ƒ”‡ Ž‡”‹•‘”•‡’‡”…‘Â?’Ž‡–ƒ”‡ ‹Ž’”‘‰‡––‘‡†—…ƒ–‹˜‘…Š‡ •–ƒ˜ƒƒ…—‘”‡ƒÂ?‘Â?•Ǥ‡•ƒ”‡ ƒœœ‘Žƒ”‹Ǥ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ ™™™Ǥ…‡•ƒ”•—†ƒÂ?Ǥ‘”‰Ǥ


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

͘Í?

”‡•…‹ƒ ƒ”‹Â?ƒ˜‡”ƒƒ”ƒ„ƒ•‡…‘Â?†‘Â?‘Â?•ǤƒÂ?‹ Mons. Vincenzo Zani (nella foto), sottosegretario della Congregazione per l’educazione cattolica, è stato recentemente ospite a Brescia del Rotary Club Val Sabbia Centenario e Brescia Est. Di ritorno da un viaggio a Beirut ha esposto il suo pensiero sulla Primavera araba e ha illustrato lo stato di avanzamento del “progetto Sferaâ€? avviato in Congo per realizzare un campus educativo. “I radicali cambiamenti in atto nel mondo arabo sono del tutto particolari perchĂŠ sono partiti dai

giovani che hanno superato le paure e hanno fatto sentire, attraverso la rete, il grido di libertà�. Ma in Paesi dove non c’è democrazia e nemmeno si sa cosa sia, dove non c’è orizzonte di storia e di cultura, si rischia che dalla radiosa primavera si ripiombi velocemente nel cupo inverno. Da qui parte l’idea del progetto Sfera, acronimo di Sviluppo, fraternità, educazione, responsabilità e accoglienza, di realizzare un campus educativo con scuole primarie, secondarie

e professionali, alloggi per gli studenti e i docenti, refettorio, ofďŹ cine didattiche e poliambulatorio clinico. “Un campus che guarda con particolare attenzione all’aspetto sanitario e all’educazione nei confronti delle donne che rappresentano il perno della societĂ  congoleseâ€?. Numerosi sono gli enti aderenti, dalla Congregazione delle Suore Francescane, che saranno direttamente impegnate nella gestione della struttura,

all’Associazione nazionale dei genitori, dai Rotary Club a ComunitĂ  e Scuola, Coordinamento del mondo scolastico bresciano, cosĂŹ come numerose sono anche le persone che hanno deciso di mettersi in gioco. “Solo grazie ad una sinergia di collaborazioni il popolo africano diventa soggetto protagonista della propria crescita e diventa possibile costruire una realtĂ  che, mettendosi in rete con altre analoghe esperienze, ne garantisca il futuroâ€?.

•–ƒ–”‡•‡�–ƒ–‹‹†ƒ–‹†‡‹…‘�•—�‹

6SHQGLQJUHYLHZ VHFRQGRODIDPLJOLD ƒ”‡…‡Â?–‡”‹…‡”…ƒ†‡ŽŽǯ‹•–‹–—–‘†‹•–ƒ–‹•–‹…ƒ…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ—Â?ƒ”ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡‹…‘Â?•—Â?‹ ’‡”ˆƒ”ˆ”‘Â?–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—Â?‡Â?–‘†‹ƒŽ…—Â?‡˜‘…‹†‡Ž„‹ŽƒÂ?…‹‘ˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡  

 

 k 

,

l 5 luglio scorso l’Istat ha diffuso un comunicato “I consumi delle famiglie anno 2011â€?. La spesa media mensile per famiglia nel 2011 è stata pari a 2.488, con un aumento dell’1,4% rispetto al 2010 che, tenuto conto dell’inflazione e di altre variabili (aumento del canone d’affitto, etc.) di fatto si traduce, in termini reali, in una leggera flessione. Le principali voci di spesa in ordine di importanza sono: le spese per abitazione (28,9% sul totale), per alimentari e bevande (19,2%), per trasporti (14,2%), altri beni e servizi (10,2%), abbigliamento e calzature (5,4%), combustibili e energia elettrica (5,2%), arredamenti elettrodomestici e servizi per la casa (5,1%). Le famiglie, dunque, hanno usato il buon senso in tempi di crisi tagliando le spese meno necessarie: in particolare hanno utilizzato l’abbigliamento presente negli armadi a volte condividendo gli abiti nella cerchia di amici e parenti, sono state attente ai consumi dei combustibili e chi ha potuto ha anche rinnovato gli impianti di produzione di calore e di energia, hanno rinviato il cambio degli elettrodomestici e dei mobili. Le altre spese relative alla vita sociale hanno subito un leggero calo frutto di maggiore attenzione e alla stabilitĂ  dei prezzi. I consumi alimentari sono leggermente diminuiti in quantitĂ  con una maggiore

ƒ…ƒ•ƒ‡‹…‘Â?•—Â?‹ƒ ‡••ƒ…‘ŽŽ‡‰ƒ–‹•‘Â?‘Ž‡ ˜‘…‹’‹Î•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‡ Â?‡ŽŽƒ•’‡•ƒ…Š‡Ž‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡ ƒˆˆ”‘Â?–ƒÂ?‘‘‰Â?‹Â?‡•‡ attenzione al recupero degli avanzi; solo il 5% delle famiglie ha diminuito la qualitĂ  degli acquisti correndo cosĂŹ il rischio di mettere a repenta-

glio la salute. I consumi rimangono stabili nella salute e nell’istruzione ambiti necessari a preservare il proprio futuro, nelle comunicazioni (in questo caso grazie al calo delle tariffe nell’unico settore dei servizi dove la concorrenza è efficiente). L’incremento della voce trasporti è causata dal prezzo di carburanti, delle assicurazioni, dai biglietti dei mezzi di trasporto. Ăˆ prevedibile per i prossimi anni un calo di questa voce di spesa per effetto della diminuzione delle vetture immatricolate. Un discorso a parte riguarda la casa dove i consumi delle tre voci che la interessano (abitazioni, combustibili e energia, arredamenti e mobili) raggiungono il 39,2%. Incidono negativamente su questa voce gli affitti che malgrado gli anni di crisi non sono diminuiti, le spese condominiali che aumentano per via delle normative, dei lavori condominiali (alcune volte da considerarsi come investimenti se destinati al risparmio energetico). Le famiglie che vivono in abitazioni di proprietĂ  sono pari al 72,4% del totale del campione, in calo rispetto al 73,6% del 2010. Il 16% delle famiglie che vivono in proprietĂ  paga un mutuo e la rata media è pari a 514 euro mensili in aumento rispetto ai 494 del 2010. Questa voce di bilancio, che non è considerata una spesa per consumi, interessa circa 2.906.000 famiglie.

‘��‡�–‹ ‡”‹…‘�•—�ƒ–‘”‹ °ˆ‘”–‡Žƒ”‹†—œ‹‘�‡

Çł‘Â?Žǯ—Ž–‡”‹‘”‡„ƒŽœ‘˜‡”•‘‹Ž„ƒ••‘ †‡Ž’‘–‡”‡†‹ƒ…“—‹•–‘†‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ •‹ˆƒƒÂ?…‘”ƒ’‹Î†”ƒÂ?Â?ƒ–‹…‘‹Ž„‹ŽƒÂ?ÇŚ …‹‘…‘Â?’Ž‡••‹˜‘†ƒŽ͚͘͘͠ǤƒÂ…ÂƒÂ†Â—ÇŚ –ƒ…‘Â?’Ž‡••‹˜ƒ†‡ŽŽƒ…ƒ’ƒ…��‹Â–Â?†‹ÂƒÂ…ÇŚ “—‹•–‘ƒ’ƒ”–‹”‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘†‡ŽŽƒ…”‹nj •‹ǥ“—‹Â?†‹ǥƒÂ?Â?‘Â?–‡”Â?ƒˆ‹Â?‡͚͙͚͘ƒ „‡Â?nj͙͙ǥ͠ΏǤÂ?ƒ’‡”†‹–ƒ‰”ƒ˜‹••‹Â?ÂƒÇĄ …Š‡Â?‘Â?’‘–”Â?…Š‡ƒ˜‡”‡”‹…ƒ†—–‡†‹nj •ƒ•–”‘•‡•—‹…‘Â?•—Â?‹‡•—ŽŽƒ’”‘†—nj œ‹‘Â?‡dzǤ1•‘•–ƒÂ?œ‹ƒŽÂ?‡Â?–‡Â†Â‹Â˜Â‡Â”Â•ÂƒÇĄ ”‹•’‡––‘ƒ“—‡ŽŽƒ†‡ŽŽǯ Â•Â–ÂƒÂ–ÇĄŽƒŽ‡––—”ƒ †‡‹…‘Â?•—Â?‹†‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ˆ‘”Â?‹–ƒ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ••‡”˜ƒ–‘”‹‘Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ ‡†‡”nj …‘Â?•—Â?ƒ–‘”‹•—ŽŽƒ„ƒ•‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?ƒŽ‹•‹ †‡Ž’”‘’”‹‘…ƒÂ?’‹‘Â?‡”‡Žƒ–‹˜ƒÂ?‡Â?ÇŚ –‡ƒŽŽ‡’”‡˜‹•‹‘Â?‹Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?†ƒÂ?‡Â?–‘†‡‹ …‘Â?•—Â?‹Â?‡Ž͚͙͚͘Ǥ‡’”‹Â?ƒ•‹•–‹Â?ÂƒÇŚ ˜ƒ—Â?ƒ…ƒ†—–ƒ†‡Žnj͛ǥ͚Ώǥ‹Ž…‘Â?•—Â?–‹˜‘ †‡Ž͚͙͚͘”‹•…Š‹ƒ†‹ƒ––‡•–ƒ”•‹Ġ‘Ž–”‡‹Ž ÇŚÍ?ΏǤ ÂŽ†ƒ–‘°…‘Â?–‡Â?—–‘‹Â?—Â?…‘Â?—nj Â?‹…ƒ–‘†‹ ‡†‡”…‘Â?•—Â?ƒ–‘”‹Ǥ‡…‘Â?ÇŚ

†‘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡•‘Â?‘Ç˛Â‰Â”ÂƒÂ˜Â‹Â•Â•Â‹Â?‡ Ž‡”‹…ƒ†—–‡†‹–ƒŽ‡ƒÂ?†ƒÂ?‡Â?–‘•—ŽŽ‡ …‘Â?†‹œ‹‘Â?‹‡•—Ž„‡Â?‡••‡”‡†‡ŽŽ‡ÂˆÂƒÇŚ Â?‹‰Ž‹‡ǥ…‘•–”‡––‡ƒ–ƒ‰Ž‹ƒ”‡’‡”•‹Â?‘ Žƒ•’‡•ƒÂ?‡Ž•‡––‘”‡ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‡…Š‡ǥ Â?‘Â?…‹•–ƒÂ?…Š‡”‡Â?‘Â?ƒ‹†‹”‹’‡–‡”Ž‘ǥ° Žǯ—Ž–‹Â?‘Ġ‡••‡”‡‹Â?–ƒ……ƒ–‘‹Â?—Â?ƒ•‹nj –—ƒœ‹‘Â?‡†‹…”‹•‹Ǥ Â?Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄƒÂ…ÂƒÂ—ÇŚ •ƒ†‡ŽŽƒˆ‘”–‡…‘Â?–”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž’‘–‡”‡ †‹ÂƒÂ…“—‹•–‘ǥŽƒ”‹†—œ‹‘Â?‡†‡‹…‘Â?•—Â?‹ ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‹†‹—Â?ƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒÂ?‡†‹ƒÂ•ÂƒÇŚ ”Â?’ƒ”‹ƒ…‹”…ƒnj͚͠͞‡—”‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ǤÂ? –ƒ‰Ž‹‘Č‚’”‘•‡‰—‡ ‡†‡”…‘Â?•—Â?ÂƒÂ–Â‘ÇŚ ”‹Č‚…Š‡‡“—‹˜ƒŽ‡ƒŽŽƒ”‹Â?—Â?…‹ƒ†‡ŽŽƒ •’‡•ƒƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‡’‡”͙͠‰‹‘”Â?‹dzǤ‡” ‡†‡”…‘Â?•—Â?ƒ–‘”‹‡Â†Â—Â•Â„Â‡ÂˆÇĄ†—Â?ÇŚ “—‡ǥŽƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡°‡•–”‡Â?ƒÂ?‡Â?–‡ ‰”ƒ˜‡‡”‹…Š‹‡†‡’”‘˜˜‡†‹Â?‡Â?–‹—”nj ‰‡Â?–‹‡•–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹ƒ’ƒ”–‹”‡†ƒ•‡”‹ …‘Â?–”‘ŽŽ‹Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?†ƒÂ?‡Â?–‘†‡‹’”‡œœ‹‡ †ƒŽ„Ž‘……‘†‡ŽŽ‡–ƒ”‹ˆˆ‡’”‘•’‡––ƒ–‘‡ ’‘‹•Â?‡Â?–‹–‘†ƒŽ‰‘˜‡”Â?‘Ǥ


͘͞

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

  

Â†Â‹Â”Â‡Â–Â–Â‘Â”Â‡ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

—‘Â?‡Â?‘–‹œ‹‡ DzƒÂ”ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇł‹Â?ƒÂ?ƒŽ˜ƒ–‘”‡

�ƒˆ‡•–ƒ’‡”�‡”‰‡�…›

Si è aperta nei giorni scorsi la prevendita dei biglietti per la rappresentazione de “La Traviataâ€? di Giuseppe Verdi che si terrĂ  il prossimo 17 luglio nella suggestiva cornice del chiostro di San Salvatore nel complesso museale di Santa Giulia a Brescia. Lo spettacolo è inserito nel cartellone di “Operadestateâ€? e fa parte delle manifestazioni estive promosse dal Comune di Brescia. “La Traviataâ€? è promossa a favore della Scuola Nikolajewka di

Ăˆ il programma per venerdĂŹ 13 luglio la “Festa di Emergency in Franciacortaâ€?. La Cascina Clarabella, di via delle Polle 1800 a Iseo, mette a disposizione i suoi spazi per una cena solidale le corso della quale verrĂ  presentata l’attivitĂ  portata avanti in tanti Paesi dilianiati dalla guerra, dalla associazione umanitaria fondata da Gino Strada. Dopo la cena, il cui inizio è fissato per le 19.30, la serata prevede, alle 21, l’incontro-testimonianza di

Mompiano, conta sul sostegno della Fondazione Asm e di altri sponsor privati. Il capolavoro verdiano andrĂ  in scena in allestimento completo e avrĂ  per protagonisti la Brixia Symphony Orchestra e Coro diretti dal maestro Giovanna Sorbi. In caso di maltempo l’opera sarĂ  rappresentata all’auditorium S. Barnaba. “La Traviataâ€? sarĂ  poi replicata giovedĂŹ 19 luglio al castello di Padernello.

Adriano Torri, un infermiere di Emergency che presta la sua opera nel Centro cardiochirurgico Salam di Khartoum in Sudan. A seguire musica dal vivo con il gruppo Utopia. La quota di partecipazione è di 18 euro. Gli interessati possono prenotare presso la Bottega dei popoli di via San Faustino a Brescia (tel. 030/3772355) a quella di Rovato (tel. 030/7709585), presso la libreria Battioni di Iseo (tel.030/9822003) o presso la stessa cascina Clarabella (335/1809785).

ƒ–‡…Š‡•‹

’‹”‹–—ƒŽ‹–�

ǯ–”‹‘†‡‹‰‡�–‹Ž‹

‹�…‡”‡Žƒ…”‹•‹

ÇŻ–”‹‘†‡‹‰‡Â?–‹Ž‹°—Â?ÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ …—Ž–—”ƒŽ‡Â?ƒ–ƒƒ ‘••ƒÂ?‘‹Ž͙͜†‹†‹nj …‡Â?„”‡†‡Ž͙ͥͥ͞ǥ„‡Â?…Š¹…‘Â?‡”‡ƒŽ–Â? ˆ‘••‡ƒ––‹˜ƒ‰‹Â?†ƒƒŽ…—Â?‹ƒÂ?Â?‹Ǥ Â?„ƒ•‡ ƒŽŽ‘Â–ÂƒÂ–Â—Â–Â‘ÇĄ•‘…‹‘’”‘Â?‘–‘”‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•ÇŚ •‘…‹ƒœ‹‘Â?‡°Žƒ†‹‘…‡•‹†‹ ‘••ƒÂ?‘Ǥ ƒ ƒ†‡”‹–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ƒÂ?…Š‡ÂŽÇŻœ‹‘Â?‡ ƒ––‘Ž‹…ƒ†‹ ‘••ƒÂ?‘ǥ…Š‡°•–ƒ–ƒŽƒ…—Žnj Žƒ‘˜‡•‹•‘Â?‘•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ–‡“—‡ŽŽ‡‹Â?‹nj œ‹ƒ–‹˜‡’‘‹…‘Â?ˆŽ—‹–‡Â?‡ŽŽǯ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Ǥ ÇŻ–”‹‘†‡‹‰‡Â?–‹Ž‹Č‚‹Ž…—‹Â?‘Â?‡˜‹‡Â?‡ †ƒŽ‰”ƒÂ?†‡…‘”–‹Ž‡…Š‡…‹”…‘Â?†ƒ˜ƒ‹Ž –‡Â?’‹‘†‹ ‡”—•ƒŽ‡Â?Â?‡ǥ†‘˜‡–—––‹ǥ ‡„”‡‹‘’ƒ‰ƒÂ?‹ǥ’‘–‡˜ƒÂ?‘‡Â?Â–Â”ÂƒÂ”Â‡ÇĄ…‹”nj …‘Žƒ”‡‡†—•…‹”‡Ž‹„‡”ƒÂ?‡Â?–‡Č‚Â?ƒ•…‡ …‘Â?‡Ž—‘‰‘†‹Â?‡†‹ƒœ‹‘Â?‡‡†‹ƒŽ‘‰‘ –”ƒŽƒˆ‡†‡‡Žƒ…—Ž–—”ƒ…‘Â?–‡Â?Â’Â‘Â”ÂƒÇŚ Â?Â‡ÂƒÇĄÂ?‡‹•—‘‹˜ƒ”‹ƒ•’‡––‹‡Â?‡ŽŽ‡•—‡ †‹˜‡”•‡Â?‘†ƒŽ‹–Â?ǤÇŻÂ‘ÂˆÂˆÂ‡Â”Â–Âƒˆ‘”Â?ƒ–‹˜ƒ †‡DzÇŻ–”‹‘†‡‹‰‡Â?–‹Ž‹dz•‹…‘Â?…”‡–‹œœƒ ‹Â?‹Â?…‘Â?–”‹ǥ•‡Â?‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÇĄ…‹…Ž‹†‹…‘Â?ˆ‡”‡Â?ÇŚ ÂœÂ‡ÇĄ…‘Â?˜‡‰Â?‹‡•’‡––ƒ…‘Ž‹ƒ’‡”–‹ƒ–—––‹ǥ •‘…‹‡Â?‘Â?•‘…‹ǤŽ…—Â?‡‘ˆˆ‡”–‡ˆ‘”Â?ÂƒÇŚ –‹˜‡•‘Â?‘ǣŽǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‡ŽŽƒŽ‡…–‹‘Â†Â‹Â˜Â‹ÇŚ Â?ƒ…Š‡•‹„ƒ•ƒ•—ŽŽƒˆ‘”Â?ƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡ †‹“—‡•–‘ƒ˜˜‹…‹Â?ƒÂ?‡Â?–‘ƒŽŽƒ…”‹––—”ƒ ‡•‹…ƒ”ƒ––‡”‹œœƒ’‡”Žƒ•—ƒ–‘–ƒŽ‡Â‰Â”ÂƒÇŚ –—‹–Â?Ǥ •‡Â?‹Â?ƒ”‹–‡Â?ÂƒÂ–Â‹Â…Â‹ÇŁƒ––‹˜‹–Â?…Š‡ ”‹…Š‹‡†‡—Â?–‡Â?’‘’‹Î’”‘Ž—Â?‰ƒ–‘ȋ—Â?ƒ ‘†—‡‰‹‘”Â?ÂƒÂ–Â‡ČŒÇĄ…‘Â?’‘•–ƒ†‹†‹˜‡”•‹ DzÂ?‘†—Ž‹dz†‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ…‘Â?ƒ’’”‘……‹Â†Â‹ÂˆÇŚ ˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–‹ƒŽŽ‘•–‡••‘–‡Â?ÂƒÇĄƒŽˆ‹Â?‡†‹ ’‘”–ƒ”‡Ġ—Â?ƒƒ’’”‘’”‹ƒœ‹‘Â?‡’”‘nj

‘Â?’‘…Š‡•‘Â?‘Ž‡˜‹––‹Â?‡†‡ŽŽƒ…”‹•‹ǥ †ƒ…Š‹•‹–‘‰Ž‹‡Žƒ˜‹–ƒƒ…Š‹Žƒ˜‹˜‡Â?ƒ‹Â? ‡•–”‡Â?ƒ†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?Ǥ—––‹•’‡”‹ƒÂ?‘†‹ —•…‹”Â?‡ǥÂ?ƒ“—‡•–ƒ•’‡”ƒÂ?œƒƒ’’ƒ”‡ •‡Â?’”‡’‹Î”‡Â?Â‘Â–ÂƒÇĄ…ƒ—•ƒ†‹ˆ”—•–”ƒÂ?ÇŚ –‹†‡Ž—•‹‘Â?‹Ǥ…‡”…ƒ”‡–”ƒ‹ŽÂ?‘Ž–‘…Š‡ •‹†‹…‡‡…Š‡•‹•…”‹˜‡•—“—‡•–‘–‡Â?ƒ …‘Ž’‹•…‡Žƒ”‹†—œ‹‘Â?‡†‡Ž…‘Â?’Ž‡••‘ ‡’‡”˜ƒ•‹˜‘Â?‡……ƒÂ?‹•Â?‘†‡ŽŽƒ…”‹•‹ƒŽ ’‹ƒÂ?‘’—”ƒÂ?‡Â?–‡‡…‘Â?‘Â?‹…‘Ǥƒ••ƒ‹Ž Â?‡••ƒ‰‰‹‘…Š‡•‡‹•‘Ž†‹”‹–‘”Â?‡”ƒÂ?Â?‘ Ġƒ„„‘Â?†ƒ”‡ƒÂ?…Š‡Â?‘‹”‹–‘”Â?‡”‡Â?‘ ÂˆÂ‡ÂŽÂ‹Â…Â‹ÇĄ–—––‘•‹ƒ‰‰‹—•–‡”Â?Ǥ‘Â?•‘Â?‘ Â?‘Ž–‹…‘Ž‘”‘…Š‡ŠƒÂ?Â?‘Žǯ‘Â?‡•–Â?‹Â?ÇŚ –‡ŽŽ‡––—ƒŽ‡†‹ƒÂ?Â?‡––‡”‡…Š‡ŽƒÂ˜Â‡ÇŚ ”‹–Â?†‹“—‡•–ƒ…”‹•‹°„‡Â?ƒŽ–”ƒ‡…Š‡ …‹ƒ‹—–ƒÂ?‘ƒ…ƒ’‹”‡…Š‡°Â?‘Ž–‘†‹’‹Î †‡ŽŽƒ’‡Â?—”‹ƒ†‹Â?‡œœ‹‡…‘Â?‘Â?‹…‹ǥ°Žƒ …”‹•‹†‡Žǎ•‹•–‡Â?ÂƒÇŻ—‘Â?‘ÇŚÂ?‘Â?†‘ǥÂ•Â‹ÂƒÇŚ Â?‘Â?‘‹…Š‡•–‹ƒÂ?‘’‡”†‡Â?†‘…‘ŽŽ‡––‹nj ˜ƒÂ?‡Â?–‡Žƒ„—••‘ŽƒǤ‘Â?‡˜‹Â?Â…Â‡Â”ÂŽÂƒÇŤ

Â?†‹˜‹†—ƒ”‡Ž‡…ƒ—•‡…Š‡ŠƒÂ?Â?‘’”‘nj †‘––‘“—‡ŽŽ‘…Š‡•–‹ƒÂ?‘˜‹˜‡Â?†‘’‡” ‹Â?’ƒ”ƒ”‡ƒÂ?‘Â?”‹’”‘†—”Ž‡‹Â?ˆ—–—”‘° ‹Â?†—„„‹ƒÂ?‡Â?–‡Žƒ•‘Ž—œ‹‘Â?‡”ƒ†‹…ƒŽ‡ †‡Ž’”‘„Ž‡Â?ÂƒÇŁ•‡’‘‹“—‡•–‘†‹•…‡”Â?‹nj Â?‡Â?–‘•…ƒ–—”‹•…‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â…‘Ž–‘ˆ‡†‡Ž‡ †‡ŽŽƒƒ”‘Žƒ†‹‹‘ǥŽƒÂ?’ƒ†ƒƒ‹Â?‘•–”‹ Â’ÂƒÂ•Â•Â‹ÇĄŽ—…‡•—ŽÂ?‘•–”‘ÂˆÂ—Â–Â—Â”Â‘ÇĄ‹ŽÂ˜ÂƒÂ”ÇŚ …‘†‹•ƒŽ˜‡œœƒ…Š‡•‹ƒ’”‡°…‡”–‘Ǥ Ž‹ ƒ„‹–—ƒ–‹Ġ—Â?ƒŽ‡––—”ƒ•ƒ’‹‡Â?œ‹ƒŽ‡‡ “—‘–‹†‹ƒÂ?ƒ†‡ŽŽƒ‹„„‹ƒŠƒÂ?Â?‘‹Â?Â’ÂƒÇŚ ”ƒ–‘…Š‡ǎ…”‹•‹ǯ•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒÇŽÂ‰Â‹Â—Â†Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇŻÇŁ°‹Ž

‰”‡••‹˜ƒ‡’‡”•‘Â?ƒŽ‡†‡ŽŽ‡“—‡•–‹‘Â?‹ –”ƒ––ƒ–‡Ǥ Â?ˆ‹Â?‡‹‰”—’’‹†‡Ž˜‡Â?‡”†¿ Â•Â‡Â”ÂƒÇŁ‰”—’’‘•’‘Â?–ƒÂ?‡‹ǥ‡–‡”‘‰‡Â?‡‹ ȋ…”‡†‡Â?–‹‡’‡”•‘Â?‡‹Â?Â”Â‹Â…Â‡Â”Â…ÂƒČŒ…Š‡•‹ ”‹—Â?‹•…‡Â?‡Â?•‹ŽÂ?‡Â?–‡‹Â?…ƒ•‡’”‹˜ƒ–‡ ’‡”ƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡‹Â?Â?‘†‘•‹•–‡Â?ƒ–‹…‘ –‡Â?ƒ–‹…Š‡”‡Ž‹‰‹‘•‡ǤÇŻ–”‹‘†‡‹‰‡Â?–‹Ž‹ Â?ƒ•…‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?…‘Â?–”‘–”ƒ†—‡†‡•‹†‡”‹ǣ†ƒ —Â?ƒÂ’ÂƒÂ”Â–Â‡ÇĄ‹Ž†‡•‹†‡”‹‘†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ…Š‡ °‹Â? ‘••ƒÂ?‘†‹–”‘˜ƒ”‡•‡Â?’”‡’‹ÎŽ—‘nj ‰Š‹‡’ƒ”‘Ž‡’‡”‹Â?…‘Â?–”ƒ”‡Ž‡’‡”•‘Â?‡‡ Â?‡––‡”‡ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡Ž‡…‘•‡Â?—‘˜‡‡ Ž‡…‘•‡ƒÂ?–‹…Š‡†‡Ž–‡•‘”‘†‹ˆ‡†‡‡†‹ ˜‹–ƒ…Š‡Šƒ‹Ž…‘Â?’‹–‘†‹…—•–‘†‹”‡‡ …‘Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â†Â‡Â”Â‡Ç˘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ‹Ž†‡•‹†‡”‹‘†‹ ’‡”•‘Â?‡…‘Â?…”‡–‡…Š‡ŠƒÂ?Â?‘˜‘Ž—–‘ •’‡œœƒ”‡‹ŽÂ?—”‘†‹•‹Ž‡Â?œ‹‘‡Â?‡–nj –‡”‡‹Â?…‘Â?—Â?‡Ž‡Ž‘”‘†‘Â?ƒÂ?†‡‡Ž‡ Ž‘”‘”‹…‡”…Š‡ǥ‹Â?—Â?‘•’ƒœ‹‘†‹Â‰Â”ÂƒÂ–Â—ÇŚ ‹–Â?Â”Â‡Â…Â‹Â’Â”Â‘Â…ÂƒÇĄ†‹ƒ•…‘Ž–‘‡†‹†‹ƒŽ‘‰‘Ǥ ƒ’ƒ‡Â?‡†‡––‘ ÇĄÂ?‡Ž†‹•…‘”•‘ ’‡”‰Ž‹ƒ—‰—”‹Â?ƒ–ƒŽ‹œ‹ƒŽŽƒ—”‹ƒ”‘nj Â?ƒÂ?ÂƒÇĄ’”‘’‘Â?‡˜ƒ—Â?ƒˆ‘”Â?—Žƒœ‹‘Â?‡ †‡Ž”ƒ’’‘”–‘ˆ”ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?…”‡†‡Â?–‡‡ —Â?ƒÂ?‹–Â?‹Â?”‹…‡”…ƒŽ‡…—‹•—‰‰‡•–‹‘Â?‹ Ž‡••‹…ƒŽ‹‡•–‘”‹…Š‡Â?‡”‹–ƒÂ?‘†‹‡••‡nj ”‡†‹’ƒÂ?ƒ–‡…‘Â?Â…Â—Â”ÂƒÇŁDzƒŠ‹‡•ƒ†‘nj ˜”‡„„‡ƒÂ?…Š‡‘‰‰‹ƒ’”‹”‡—Â?ƒ•‘”–ƒ†‹ Dz…‘”–‹Ž‡†‡‹‰‡Â?–‹Ž‹dzǥ†‘˜‡‰Ž‹—‘Â?‹Â?‹ ’‘••ƒÂ?‘‹Â?—Â?ƒ“—ƒŽ…Š‡Â?ƒÂ?‹‡”ƒÂƒÂ‰ÇŚ ‰ƒÂ?…‹ƒ”•‹ƒ‹‘ǥ•‡Â?œƒ…‘Â?‘•…‡”Ž‘‡ ’”‹Â?ƒ…Š‡ƒ„„‹ƒÂ?‘–”‘˜ƒ–‘ÂŽÇŻƒ……‡••‘ ƒŽ•—‘Â?‹•–‡”‘dzǤ

 

  

Â?‘Â?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ˜‡”‹–Â?’‡”–—––‘“—‡ŽŽ‘ …Š‡•‹ƒÂ?‘‡ˆƒ……‹ƒÂ?‘Ǥ Â?Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂ‘Â–Â–Â‹Â…Âƒ –—––‘°ǎ‹Â?…”‹•‹ǯǥ•–”—––—”ƒŽÂ?‡Â?–‡ǥ’‡”nj Â?ƒÂ?‡Â?–‡Â?‡Â?–‡•‘––‘‰‹—†‹œ‹‘†‹Â˜ÂƒÂŽÂ‘ÇŚ ”‡Ǥƒ…”‹•‹ǥ’‡”ŽƒÂ‹Â„Â„Â‹ÂƒÇĄ°‹Ž‰‹—†‹œ‹‘†‹ ‹‘•—“—ƒÂ?–‘Â?‘‹•‹ƒÂ?‘‡ˆƒ……‹ƒÂ?‘ǣ —Â?‰‹—†‹œ‹‘…Š‡…‹•ƒŽ˜ƒ’‡”…Š¹…‹•˜‡Žƒ …‹Ö…Š‡”‡ƒŽÂ?‡Â?–‡•‹ƒÂ?‘‡‹ŽÂ?ƒŽ‡…Š‡ …‹ˆƒ……‹ƒÂ?‘“—ƒÂ?†‘”‹‰‡––‹ƒÂ?‘ŽƒÂ•ÂƒÇŚ ’‹‡Â?œƒ…”‡ƒ–”‹…‡†‹‹‘ˆƒ…‡Â?†‘…‹Â?‹nj •—”ƒƒ••‘Ž—–ƒ†‡ŽŽ‡…‘•‡ǥ†‡‰Ž‹‡˜‡Â?–‹ǥ †‡ŽŽƒ•–‘”‹ƒǤ‘Â?°—Â?‰‹—†‹œ‹‘ÂˆÂ”Â‡Â†ÇŚ †‘‡Â†Â‹Â•Â–ÂƒÂ…Â…ÂƒÂ–Â‘ÇĄ†‹—Â?ƒ†‹˜‹Â?‹–Â?ÂƒÂŽÂ‹Â‡ÇŚ Â?ÂƒÇĄ‹Â?†‹ˆˆ‡”‡Â?–‡ƒŽŽƒÂ?‘•–”ƒ˜‹…‡Â?†ƒ —Â?ƒÂ?ÂƒÇĄÂ?ƒ‰‹—†‹œ‹‘…Š‡Â?ƒ•…‡†ƒŽ†‹ †‡Â?–”‘†‹Â‡Â•Â•ÂƒÇĄ…Š‡‹‘Šƒˆƒ––ƒ’”‘nj ’”‹ƒ’‡”•‡Â?’”‡Ǥ‡ŽŽǯ‹Â?Â?ƒŽœƒÂ?‡Â?–‘†‹

‡•Î”‹•–‘•—ŽŽƒ…”‘…‡‡ƒŽŽƒ‰Ž‘”‹ƒ° ”‹•—‘Â?ƒ–ƒÂŽÇŻÂ‘”ƒ†‡…‹•‹˜ƒ…Š‡Šƒƒ’‡”–‘ Žƒ…”‹•‹†‡Ž–‡Â?’‘ǥ†‡ŽŽǯ—Â?‹˜‡”•‘Â…Â”Â‡ÂƒÇŚ –‘ǥ†‡ŽŽǯ—‘Â?‘‡†‹–—––ƒŽƒ•—ƒÂ•Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇŁ …‘Ž—‹…Š‡•‹‡”ƒ‹Â?‰‹—•–ƒÂ?‡Â?–‡ˆƒ––‘ ’ƒ†”‘Â?‡†‹“—‡•–‘Â?‘Â?†‘ÂƒÂ•Â•Â‘Â‰ÇŚ ‰‡––ƒÂ?†‘ƒ•¹Žǯ—‘Â?‘˜‹‡Â?‡…ƒ……‹ƒ–‘ ˆ—‘”‹‡‹ŽÂ‡Â”Â˜Â‘ÇĄ˜‡”‘•‘˜”ƒÂ?‘˜‡•–‹–‘ †‹—Â?ƒÂ?‹–Â?ÇĄ”‹ƒ––‹”ƒƒ•¹–—––‘…‹Ö…Š‡ °•—‘ǤÇŻ Â?…ƒ”Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ…Â”Â‘Â…Â‹ÂˆÂ‹Â•Â•Â‘ÇĄ°Žƒ…”‹nj •‹†‹–—––‹Â?‘‹‡Â?‡ŽŽ‘•–‡••‘–‡Â?’‘Žƒ •—ƒÂ˜Â‹Â–Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇĄ˜ƒ”…‘†‹•ƒŽ˜‡œœƒ’‡”ˆƒ” ”‹–”‘˜ƒ”‡ƒ…‹ƒ•…—Â?‘Žǯ‘Â?‡•–Â?‹Â?–‡ŽŽ‡–nj –—ƒŽ‡†‹”‡•–‹–—‹”‡ƒ‹‘…‹Ö…Š‡°†‹ ‹‘ǥ…‘Â?’”‡•ƒŽƒǎ’ƒ”–‹…‡ŽŽƒ†‹‹‘ǯǥ‡ ƒ‡•ƒ”‡…‹Ö…Š‡°†‹‡•ƒ”‡Ǥ

     

La crisi rallenta l’economia, non i rifiuti Il problema dei riďŹ uti è sempre all’ordine del giorno. Non solo a Napoli. In questo periodo se ne parla anche da noi per un fenomeno molto italiano, in salsa bresciana. Nella nostra provincia ci sono molti Comuni che fanno la raccolta differenziata porta a porta e altri invece che usano ancora i vecchi cassonetti. Come avviene in cittĂ . E molti, all’italiana, approďŹ ttano dei cassonetti dei Comuni vicini per scaricare i propri riďŹ uti e cosĂŹ schivare il disturbo di selezionarli e distribuirli negli appositi contenitori in dote a ogni famiglia. L’abitudine è stata registrata anche in un servizio televisivo de “Le ieneâ€?. Ma non ďŹ nisce qui. C’è chi fa di peggio. Butta i riďŹ uti in qualche angolo, piĂš o meno nascosto, creando delle piccole discariche abusive a cielo aperto. Per combattere il malcostume adesso ďŹ occano le multe, anche salate. In alcuni Comuni vengono fotografati, e puniti, i furbi del caso. Siccome siamo italiani su tutti i fronti, bisogna registrare anche le gesta dei fanatici. Un cittadino della Franciacorta (non

diciamo il paese per caritĂ  di Franciacorta) è stato multato per una busta postale che recava il suo indirizzo ed è stata trovata nei pressi di un cassonetto. Motivazione (la formula è di mia invenzione): il signor Tal dei tali abbandonava per terra una busta vuota di sua propria proprietĂ  per evitare la fatica di smaltirla nell’apposito cassonetto a portata di piedi e di mani. A nulla è valsa l’opposizione del reo che sosteneva di aver immesso nel cassonetto i riďŹ uti familiari comprendenti

‡”—Â?˜‡”•‘ ‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘‹Ž ’”‘„Ž‡Â?ƒ†‡‹”‹ˆ‹—–‹ °•‡Â?’”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘”†‹Â?‡ †‡Ž‰‹‘”Â?‘Ǥ‡” Žƒ†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?†‹ …‘Â?–”‘ŽŽƒ”‡Žƒ †‹•Â?‹•—”ƒÂ?‡ŽŽǯ—•‘ †‡ŽŽ‡…‘•‡

la famigerata busta, fuoriuscita successivamente per cause imprecisate, forse nel momento del travaso del cassonetto o forse per opera di qualche frugatore di professione. Evidentemente l’idea che uno possa perdere una busta, o un pezzo di carta qualsiasi, per caso e senza rendersene conto, è un pensiero troppo impegnativo per menti burocratiche con macchinetta sputa multe incorporata. A parte questa variazione sul tema, il problema dei riďŹ uti

è un tormentone destinato a restare in primo piano un giorno sĂŹ e l’altro pure. PerchĂŠ ne produciamo troppi. Siamo nell’ordine, in Italia, di 51 milioni di tonnellate all’anno. Secondo i dati Eurostat sono, mediamente, 561 i chilogrammi di riďŹ uti urbani raccolti per abitante. Non molto sopra la media europea che si attesta sui 525 kg. Molti Paesi europei fanno peggio di noi. Meglio invece la Francia, con 543 chilogrammi di riďŹ uti raccolti. I Paesi piĂš virtuosi in

questo senso sono quelli dell’Est. I riďŹ uti organici rappresentano il 30%; molti riďŹ uti sono dovuti agli imballaggi (scatole, bottiglie, confezioni) e agli oggetti usa e getta. Gli scarti industriali aumentano alla stessa rapiditĂ  cui la gente consuma le merci. Il Comune di Brescia sostiene la campagna “Riduciamo i riďŹ utiâ€?. Le azioni riguardano in particolare: la vendita di prodotti sfusi presso la grande distribuzione; la vendita a prezzi promozionali di pannolini lavabili per bambini; la promozione dell’utilizzo della compostiera domestica per la riduzione dei riďŹ uti organici; la promozione della vendita di prodotti bio e a ďŹ liera corta in cassetta; l’organizzazione delle “giornate del riusoâ€? che si propone un’azione di scambio di tutto ciò che per qualcuno è diventato superuo ma che per altri può essere ancora molto utile; la distribuzione, tramite associazioni, di prodotti alimentari invenduti ritirati nei supermercati. Il problema dei riďŹ uti è in grande misura un problema di sprechi insensati. Che gridano vendetta al cospetto di Dio.


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

͘Í&#x;

—”‹•Â?‘ ‘––ƒƒ’‡”–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„—•‹˜‹•Â?‘•—‹Â’ÂƒÂ…Â…ÂŠÂ‡Â–Â–Â‹ÇŚÂ˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘



 

Il vostro vicino di casa, in pensione e appassionato di viaggi vi propone una bella vacanza, con tanto di trasporto, pernottamento e visite guidate? Diffidate. O quantomeno informatevi se è in regola con le disposizioni sul settore. E lo stesso dicasi per le iniziative simili proposte da privati cittadini. C’è puzza di bruciato, anzi di abusivismo. La legge è chiara: un pacchetto turistico a pagamento può essere organizzato esclusivamente da una agenzia di

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

viaggio con licenza regolarmente concessa dalla Provincia. Tutto il resto rientra nel reato di abuso professionale. Di questo e del danno economico che il sommerso produce, stimato nel bresciano intorno ai 30 milioni di euro, hanno discusso i rappresentanti degli operatori turistici nella sede dell’assessorato provinciale al turismo e alla cultura. “La nostra – spiega l’Assessore Silvia Razzi – è una provincia virtuosa e vogliamo che tale rimangaâ€?. La Provincia,

deputata a vigilare in materia, ha in programma una serie di incontri per portare alla luce il fenomeno. A partire dal prossimo 20 luglio quando in Regione si parlerĂ  di una iniziativa a tutela della legalitĂ . E successivamente in Prefettura e sul territorio per far conoscere la legge. “Occorre vigilare per tutelare chi opera nella legalitĂ  e nell’interesse dell’economia e del territorio bresciano, ma anche per proteggere i consumatori, che rischiano in qualitĂ , ma soprattutto in sicurezzaâ€?.

 

ƒ‰‘Ž‹Â?‘ÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡†‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹–”ƒ‰”‡•–‡Â?‹••‹‘Â?‹’‘’‘Žƒ”‹

/DFDULFDGHLUDJD]]L SHUWUDVPHWWHUHOD3DUROD ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡†‡ŽŽƒ„‡ŽŽƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡…—”ƒ–‡†ƒŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ‡†‡†‹…ƒ–‡ƒ‹’‹Î‰‹‘˜ƒÂ?‹•‘Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?•‡‰Â?ƒ Â?‘Â?•‘Ž‘†‡Ž†‹˜‡”–‹Â?‡Â?–‘ǥÂ?ƒƒÂ?…Š‡†‡ŽŽƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ‰‹‘‹‘•ƒ†‡‹˜ƒŽ‘”‹…”‹•–‹ƒÂ?‹   

/

a carica dei 170. O dei 220, se preferite. Tanti infatti sono i ragazzi, se contiamo anche gli adolescenti che si impegnano come animatori, che frequentano in questi giorni il grest della parrocchia di Bagolino, guidato dal curato festivo don Ovidio Vezzoli, insegnante e bibliotecario del Seminario diocesano. L’iniziativa estiva, che si rifĂ  al tema “PasspartĂšâ€? proposto dall’Ufficio oratori, durerĂ  per quattro settimane, fino a fine luglio, e prevede un ricco programma di appuntamenti. “A fronte di tre giorni di attivitĂ  in oratorio − racconta il parroco don Arturo Viani che accompagna molte delle attivitĂ  dei ragazzi − ogni settimana si tiene un’uscita sulle montagne di casa per esempio alla piana di Gaver, all’altipiano di Bruffione o al monte Maniva. In queste occasioni viene anche celebrata una Messa all’apertoâ€?. Inoltre sono state previste gite nelle cascine e nei prati intorno al paese, senza contare le uscite settimanali ai parchi acquatici: queste diventano un’occasione per la partecipazione delle famiglie di presenziare all’attivitĂ  del grest, con molte mamme che accompagnano i propri figli in piscina. Questo vale soprattutto per i piĂš piccoli, dato che vengono accolti anche i

 

”ƒ‰Ž‹‡˜‡Â?–‹ǥ ‹Ž’‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘ …‘Â?…Ž—•‹˜‘†‡Ž‰”‡•– ’”‡••‘‹Ž•ƒÂ?–—ƒ”‹‘ †‹‘Â?–‹•‘Žƒ ‹Ž͚͞Ž—‰Ž‹‘ bambini appena usciti dalla scuola dell’infanzia. “Per gli adolescenti, invece − continua il parroco don Viani − è stato predisposto prima dell’inizio del grest un percorso guidato da don

        

Ovidio per avvicinarsi alle tematiche dell’animazione con la sensibilità necessaria a rapportarsi con i bambini piÚ piccoli. in ogni caso riteniamo importante il tema proposto quest’anno, della trasmissione e dell’importanza di una parola efficace�. Tra gli eventi che meritano di essere segnalati, oltre alla festa finale di sabato 28 nella quale ogni gruppo presenterà un proprio ban animato, c’è di certo il pellegrinaggio conclusivo a Montisola di giovedÏ 26 luglio: una volta giunti sull’isola con il traghetto i ragazzi saliranno a piedi fino al santuario

della Madonna della Ceriola. Trascorso poi il periodo di pausa delle attivitĂ  nel mese di agosto, la prima settimana di settembre vedrĂ  svolgersi una missione popolare tenuta dai frati francescani minori della Lombardia e diretta ai ragazzi dai 15 ai 25 anni: dopo i primi giorni di sensibilizzazione, ai quali collaborerĂ  anche un “Gruppo di coordinamentoâ€? formato da giovani universitari, si terrĂ  una serie di incontri serali. A conclusione vi sarĂ  una festa per le famiglie in oratorio e una serata di spiritualitĂ .

   

&RQLOZLILLSDUFKLGLYHQWDQR´¾ Anche Concesio entra nel mondo delle connessioni pubbliche senza fili. Un progetto avviato con le aziende locali Intred ed Eir per una rete Wi-fi che l’amministrazione comunale ha voluto concentrare nelle aree verdi del suo territorio. Connessioni gratuite a internet verranno avviate un po’ alla volta nel corso di questo mese, con il primo appuntamento lo scorso venerdÏ 6 luglio alle ore 19.15 al parco di via Santa Giulia a Costorio alla presenza

del sindaco Stefano Retali e dell’assessore all’Informatizzazione Giampietro Belleri. VenerdÏ 20 luglio sarà invece il turno dell’area verde di via Camerate a Sant’Andrea con inaugurazione alle ore 20.30, mentre domenica 29 luglio alle ore 20 toccherà al parco di via Galilei a San Vigilio. Servizi pubblici che coprono alcuni dei parchi di Concesio cosÏ come l’area nei pressi di piazza Paolo VI, antistante il municipio (nella foto), dove è stato

installato un hot-spot e un tabellone elettronico. Per l’accesso a internet basterĂ  selezionare dall’elenco delle reti wireless “Eirâ€?, quindi compilare online un form di registrazione fornendo generalitĂ , indirizzo e-mail e numero di cellulare sul quale verranno inviate le credenziali di accesso per la navigazione in tutti i parchi di Concesio. Una procedura che per l’amministrazione ha un costo di circa 600 euro al mese.

……‡ ‹•–”‹‘Ǩ ‹…Š‹—†‡ …‘Â?Dz‡–”‘Ždz DzÂ?ƒ•‡”‹‡†‹ƒÂ?–‡’”‹Â?‡ Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹…Š‡ŠƒÂ?Â?‘…‘Â?‡ ˆ‹Ž‘…‘Â?†—––‘”‡‹Ž”‹–‘”Â?‘ƒ ”‡•…‹ƒ†‹“—ƒŽ…—Â?‘…Š‡Šƒ ˆƒ––‘—Â?ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒŽ‘Â?–ƒÂ?‘ †ƒŽŽƒ…‹––Â?‡’‘‹Ž‘Â”Â‹Â’Â‘Â”Â–ÂƒÇł Šƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘ƒ‘Ž‘‡Ž‹ǥ †‹”‡––‘”‡ƒ”–‹•–‹…‘†‡Žˆ‡•–‹˜ƒŽ Dz ‹•–”‹‘Ǩdz’”‡•‡Â?–ƒÂ?†‘‹Ž …ƒ”–‡ŽŽ‘Â?‡Ǥ‘††‹•ˆƒ––‘†‘Â? Â?‡”‹‰‘ÂƒÂ”Â„Â‹Â‡Â”Â‹ÇĄ’ƒ””‘…‘ †‹ƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ȋ—Â?ƒ†‡ŽŽ‡ Ž‘…ƒ–‹‘Â?ÇĄ…‘Â?‹Ž—•‡‘ †‹‘…‡•ƒÂ?‘ǥ†‡‰Ž‹Â•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ…Â‘ÂŽÂ‹ČŒ …Š‡Šƒ”‹…‘”†ƒ–‘…‘Â?‡Žƒ…”‹•‹ †‹ƒŽƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?Dz†‹‘ˆˆ”‹”‡—Â?ƒ …—Ž–—”ƒ…Š‡’ƒ”–ƒ†ƒŽÂ„ÂƒÂ•Â•Â‘ÇĄ †ƒŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?†ƒŽŽƒ‰‡Â?–‡dzǤ ˜˜‹ƒÂ?‡Â?–‡•‘††‹•ˆƒ––‹ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡ƒ„‘ŽƒÂ?‹‡‹Ž ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡ŽŽƒ‹”…‘•…”‹œ‹‘Â?‡ ‡Â?–”‘‘Â?ƒ”†‹Ǥ ‡Â?‡”†¿͙͛‡•ƒ„ƒ–‘͙͜Ž—‰Ž‹‘ ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͙Í?Â?‡ŽŠ‹‘•–”‘†‹ƒÂ?

‹‘˜ƒÂ?Â?‹Dz “—‹Â?†‹…‹Â?‹ŽƒÂ’ÂƒÂ•Â•Â‹Çł †‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘”‡˜‹•ƒÂ?ÇĄ–”ƒ––‘ †ƒŽ”‘Â?ƒÂ?œ‘‘Â?‘Â?‹Â?‘†‡ŽŽ‘ •–‡••‘ƒ—–‘”‡ƒ†ƒ––ƒ–‘†ƒ ‹……ƒ”†‘ Â‡Â•Â–ÂƒÇĄƒÂ?…Š‡ƒ––‘”‡ •—Ž’ƒŽ…‘ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‘†ƒŽŽƒ Â?—•‹…ƒ†‹ƒÂ?‹‡Ž‡‘……ƒ–‘Ǥ ƒ…ƒ•ƒ†‹Š‘Â?ĥƒŽŽ‘•–—†‹‘ †‡ŽÂ?‘–ƒ‹‘…‹•‘Â?‘Í™Í?Â?‹Žƒ ’ƒ••‹Ǥ‡Â?–”‡Ž‹…‘Â?–ƒŠ‘Â?ĥ ”ƒ……‘Â?–ƒŽƒ’”‘’”‹ƒ˜‹–ƒǤ Dz‹’—Ö•‡Â?’”‡Â?‘”‹”‡Â?‡‰Ž‹‘dz °†‹•…‡Â?ƒƒŽ—•‡‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘ ‹ŽÍ™Í&#x;‡͙͠Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͙Í?Ǥƒ•…‡ Ç˛Â†ÂƒÂŽ˜‘Ž‡”‡˜ƒ†‡”‡†ƒŽ•‹•–‡Â?ÂƒÇ˘ Â?Ž‡–‘°‹Ž’”‡–‡•–‘’‡”’ƒ”Žƒ”‡ †‹ÂˆÂ—Â‰ÂƒÇł•’‹‡‰ƒ ‹ƒÂ?Ž—…ƒ Ž„‡”–‹ǥƒ—–‘”‡‡ƒ––‘”‡…‘Â? Ž‡Â?ƒ‘Â?‹Â?‹ǤŠ‹—•—”ƒ‹Â? ‰”ƒÂ?†‡•–‹Ž‡…‘Â?Dz‡–”‘Ždz†‹

‹ƒ…‘Â?‘ ƒÂ?Â„ÂƒÇĄ•’‡––ƒ…‘Ž‘ ’”‡Â?‹ƒ–‘ƒŽŽƒ͙͔͞‡†‹œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‡ˆ‡•–‡‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹†‡Ž –‡ƒ–”‘‹Â?ƒÂ?ƒ†ƒǤDz1”‹…‡”…ƒ ’‘‡–‹…ƒ…Š‡–”ƒ†—…‡‹ŽŽƒ˜‘”‘ †‡ŽŽ‡Â?ƒ•Š‡”‡‹Â?—Â?ƒ•–‘”‹ƒ…Š‡ •‹ƒ’”‡ƒŽŽƒŽ—…‡’ƒ”–‡Â?†‘†ƒŽ „—‹‘†‹—Â?’‘œœ‘†‹’‡–”‘Ž‹‘dz •’‹‡‰ƒ ƒÂ?„ƒǤ Â?‰”‡••‘ Í ‡—”‘ǤÂ‡ÂœÂœÇŻÂ‘Â”Âƒ’”‹Â?ƒǤ ‘Â?•‹‰Ž‹ƒ–ƒŽƒ’”‡Â?‘–ƒœ‹‘Â?‡ǣ ͛͛Í?͚͚͘͜͠͞Í?ǤČ‹Â?Ç¤Â–Ç¤ČŒ


͘͠

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

‹––Â? Â?ƒ……‘”†‘’‡”‹Ž”‡•–ƒ—”‘†‹†—‡Â?‘Â?—Â?‡Â?–‹ Brescia sarĂ  ancora piĂš bella, grazie anche all’accordo stipulato fra il Comune e lo Studio Advertising, che prevede il restauro di due monumenti, quelli dedicati ad Arnaldo da Brescia e a Giuseppe Zanardelli in via XX settembre (nella foto). “L’accordo prevede che le spese, circa 160mila euro, siano a carico interamente della societĂ  – ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Mario Labolani – che in cambio ha la facoltĂ  di poter installare, durante il restauro, dei teloni pubblicitari. Il censimento dei

monumenti in stato di degrado ha dimostrato come questi due abbiano la priorità – ha aggiunto Labolani – ma stiamo lavorando per poter estendere ad altre opere cittadine questo tipo di accordo. Siamo impegnati a promuovere presso i privati l’adozione di spazi verdi e presto presenteremo l’adozione, da parte dei Lyons, di alcune fontane della città, mentre il prossimo monumento che sarà oggetto di attenzione sarà la statua della Bella Italia in piazza Loggia, i cui marmi di base sono danneggiati in maniera

sensibile�. “I lavori saranno realizzati da ditte specializzate – ha illustrato la responsabile del settore Edilizia monumentale Paola Faroni – e consisteranno nella rimozione di polveri e di depositi superficiali incoerenti, applicazioni di cicli di impacchi ed accurati lavaggi, in piena osservanza di quanto disposto dalla Soprintendenza dei beni architettonici e paesaggistici�. “Lo Studio Advertising, specializzato nella ricerca di location e spazi pubblicitari – ha detto il responsabile del progetto Emanuele Piziali – ha proposto al Co-

mune di realizzare il restauro dei due monumenti, ricevendo l’autorizzazione di poter utilizzare le coperture a favore dell’immagine degli sponsor, che avremo cura di ricercare in accordo con il comune stesso, affinchĂŠ non si creino utilizzi inadeguati. I lavori inizieranno contemporaneamente il 1° settembre e la loro durata è stimata in sette mesiâ€?. “Va detto – ha chiosato Paola Faroni – che per quanto attinente il monumento di Giuseppe Zanardelli – la riqualificazione riguarderĂ  anche il verde antistante lo stessoâ€?.

   ‹––� Ž’”‘˜˜‡†‹�‡�–‘†‹‰‹—�–ƒ•—Ž˜ƒŽ‘”‡†‡‰Ž‹‹��‘„‹Ž‹

´9LOODJJL¾YLDOLEHUD DOODULYDOXWD]LRQH   

/

a storia dell’edilizia popolare ha a Brescia una grande importanza, principalmente grazie all’esperienza, avviatasi negli anni Cinquanta, dei famosi “villaggiâ€? costruiti dalla cooperativa “La famigliaâ€? di padre Ottorino Marcolini. Violino, Badia, Prealpino: intere zone della nostra cittĂ  edificate a prezzi accessibili per tutti, villette bifamiliari con un piccolo spazio verde intorno, delle quali divenire proprietari non era un sogno. Vista la grande diffusione di questa tipologia abitativa, si può ben comprendere la rilevanza del provvedimento adottato dalla giunta comunale di Brescia e presentato in questi giorni nel corso di una conferenza stampa alla presenza del sindaco Adriano Paroli, del vice Fabio Rolfi e dell’assessore al Bilancio Silvano Pedretti. Recependo un provvedimento legislativo nazionale, infatti, essa consentirĂ  la rivalutazione sul mercato di questo tipo di immobili. La questione si pone in questi termini: i terreni sui quali queste case erano stati costruiti erano stati dati in

’”‘’”‹‡–ƒ”‹†‹…ƒ•‡…‘•–”—‹–‡‹Â?‡†‹Ž‹œ‹ƒ…‘Â?˜‡Â?œ‹‘Â?ƒ–ƒ ƒ˜”ƒÂ?Â?‘Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹ƒ†‡‰—ƒ”‡‹’”‘’”‹‹Â?Â?‘„‹Ž‹ƒŽ ˜ƒŽ‘”‡†‹Â?‡”…ƒ–‘˜‡”•ƒÂ?†‘ƒŽ‘Â?—Â?‡—Â?ƒ•‘Â?Â?ƒ ’‡””‹•…ƒ––ƒ”‡‹†‹”‹––‹†‹•—’‡”ˆ‹…‹‡ concessione dal Comune, perciò gli immobili sono gravati da un diritto di superficie, che influisce pesantemente sul loro valore. In alcuni casi, infatti, secondo le stime proposte nel corso della conferenza stampa, esso si riduce addirittura del 50% rispetto ad un’analoga costruzione libera da questo gravame. La soluzione consiste pertanto nel riscatto di tale diritto da parte dei proprietari delle case, i quali potranno versare al Comune, tramite un atto notarile, una somma calcolata in base ad altezza ed etĂ  che consentirĂ  loro di godere della piena proprietĂ : in altre parole “libererĂ â€? la casa dal diritto di superficie e le consentirĂ  di acquistare il reale valore di mercato. “Questo provvedimento − afferma il sindaco Paroli− servirĂ  secondo noi a dare una spinta al mercato delle

abitazioni, che in alcune zone, come il San Polo vecchio, è praticamente fermo. Per quanto riguarda l’edilizia convenzionata, uno dei fattori bloccanti era proprio questa forbice con il valore di mercato, che finora ha scoraggiato i proprietari dalla vendita, anche se a fronte di una certa domanda nel settore�. Il provvedimento dovrebbe interessare circa 5000 immobili in città, per un valore medio di circa 120mila euro ciscuno. Gli introiti derivanti dalla riscossione di questi diritti di superifcie costituiranno per il Comune ulteriori entrate sul fronte immobiliare, sul quale nel frattempo si registrano alcune novità riguardanti il gettito proveniente dall’Imu: nella prima tornata di giugno sono infatti stati versati nelle casse comunali piÚ di 24 milioni di euro.

‹‰”ƒÂ?–‹ Â‘ÂˆÂˆÂƒÂ”Â‹ÇŁDz‘•‹–‹˜‘‹Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘ †‡ŽŽƒ…ƒŽƒ„”‹Â?‹‘Â?‘Â?‡ŽŽ‹dz

‡Â?–‹–‘ƒÂ?ƒ”‰‹Â?‡†‡Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘Â?‡‹ ‰‹‘”Â?‹•…‘”•‹†ƒŽŽƒ…‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒ…ƒŽƒ„”‹Â?‹‘Â?‘Â?‡Žnj Ž‹’”‡••‘Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ƒÂ? ‹—•‡’’‡Žƒ˜‘”ƒ–‘”‡ƒŽ ˜‹ŽŽƒ‰‰‹‘‹‘Ž‹Â?‘ǥ†ƒŽ–‹–‘Ž‘Dz–”ƒÂ?‹‡”‘ǥ‘•’‹–‡ǥ…‘Â?…‹–nj –ƒ†‹Â?‘Ǽ‘Â?‡‘”‹‡Â?–ƒ”•‹Â?‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ•‘…‹‡–Â?dzǥ’ƒ†”‡ ƒ”‹‘Â‘ÂˆÂˆÂƒÂ”Â‹ÇĄ†‹”‡––‘”‡†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘Â?‹‰”ƒÂ?–‹Â†Â‹Â‘Â…Â‡Â•ÂƒÇŚ Â?‘”‹’‘”–ƒŽ‡’”‘’”‹‡‹Â?’”‡••‹‘Â?‹Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ǣ Dz ÂŽ…‘Â?˜‡‰Â?‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘†ƒŽŽƒ‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒ…ƒŽƒ„”‹Â?‹ ‘Â?‘Â?‡ŽŽŽ‹−‡Â?‘Â?ÇĄ…‘Â?ÇŻÂ‡Â”Âƒ•–ƒ–‘•…”‹––‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ Â?‹‰”ƒÂ?–‹−°•–ƒ–‘Â?‘Ž–‘’‘•‹–‹˜‘•’‡…‹ƒŽÂ?‡Â?–‡’‡” ‹Ž†‹ƒŽ‘‰‘–”ƒ‹”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹†‡ŽŽ‡‹•–‹–—œ‹‘Â?‹ǥ…‘Â?‡ Žƒ—‡•–—”ƒČ‹Â‡Â”ƒÂ?‘’”‡•‡Â?–‹‹Â?ˆƒ––‹‹Ž˜‹…ƒ”‹‘“—‡•–‘”‡ Â?ƒÂ?—‡Ž‡Â‹Â…Â‹ÂˆÂƒÂ”Â‹ÇĄŽƒ†‹”‹‰‡Â?–‡†‡ŽŽǎˆˆ‹…‹‘‹Â?Â?Â‹Â‰Â”ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ“—‡•–—”ƒ‘„‡”–ƒ‹ ”‘Â?œ‘‡Žƒ•—ƒ˜‹…‡ ƒÂ?‹‡ŽƒÂƒÂ”Â”ÂƒÂ’Â‘Â†Â‹ČŒÇĄ‡‹Â?‹‰”ƒÂ?–‹Ǥ’‡••‘Žƒ’‘Ž‹œ‹ƒ‘ ‹”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹†‡ŽŽ‡ˆ‘”œ‡†‡ŽŽǯ‘”†‹Â?‡˜‡Â?‰‘Â?‘˜‹•–‹

‹Â?—Â?ÇŻÂ‘Â–Â–Â‹Â…Âƒ†‹…‘Â?Â–Â”ÂƒÂ•Â–Â‘ÇĄ‹Â?˜‡…‡‹Â?Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡ǥ ƒŽŽƒ“—ƒŽ‡•‘Â?‘•–ƒ–‘‹Â?˜‹–ƒ–‘‹Â?“—ƒŽ‹–Â?†‹Â”Â‡ÂŽÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ÇĄ•‹ °”‡•’‹”ƒ–‘—Â?…Ž‹Â?ƒ†‹ˆ‹†—…‹ƒÂ?‡ŽŽ‡‹•–‹–—œ‹‘Â?‹Ǥ

ÂŽ”‹•—Ž–ƒ–‘°…Š‡Â?‘Ž–‹ŠƒÂ?Â?‘…Š‹‡•–‘…Š‡—Â?†‹ƒŽ‘‰‘ †‹“—‡•–‘‰‡Â?‡”‡˜‡Â?‰ƒ•‡Â?’”‡’‹Î‹Â?•–ƒ—”ƒ–‘ƒÂ?ÇŚ …Š‡…‘Â?ƒŽ–”‡‹•–‹–—œ‹‘Â?‹•–ƒ–ƒŽ‹…‘Â?‡Žƒ•…—‘Žƒ‡Žƒ Â’Â”Â‡ÂˆÂ‡Â–Â–Â—Â”ÂƒÇłÇ¤ ‘Ž–‹“—‹Â?†‹‰Ž‹•’—Â?–‹’‘•‹–‹˜‹†ƒ‹“—ƒŽ‹Â”Â‹Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â”Â‡ÇĄƒÂ?ÇŚ …Š‡…‘Â?•‹†‡”ƒÂ?†‘‹Ž’”‘‰”‡••‹˜‘…‘‹Â?˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘†‡nj ‰Ž‹‹Â?Â?‹‰”ƒ–‹†—”ƒÂ?–‡Ž‘•˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘†‡Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘ǥ •’—Â?–‹•—‹“—ƒŽ‹•‹’‘–”Â?Žƒ˜‘”ƒ”‡Â?‡Ž’”‘••‹Â?‘’‡”‹‘nj †‘ǤDz‘Â?•‘…‘•ƒˆƒ”Â?†‹’”‡…‹•‘•—Ž–‡Â?ƒŽƒ‘‘’‡nj ”ƒ–‹˜ƒ−ƒˆˆ‡”Â?ƒ‹Â?’”‘’‘•‹–‘’ƒ†”‡‘ˆˆƒ”‹−Â?ƒ†‹ …‡”–‘‰Ž‹•’—Â?–‹•‘Â?‘•–ƒ–‹Â?‘Ž–‘‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‹’‡”—Â? …‘Â?˜‡‰Â?‘‹…—‹ˆ”—––‹•’‡––‡”Â?’”‘’”‹‘ƒŽŽƒÂ‘Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÇŚ –‹˜ƒ†‹…‘‰Ž‹‡”‡dzǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

ÇŻ 

‘Â?˜‹––‘ƒÂ? ‹‘”‰‹‘ •…”‹œ‹‘Â?‹’‡”‹ŽÍšÍ˜Í™ÍšÇŚÍšÍ˜Í™Í›

8QDQQRDOO¡LQVHJQD GHOORVYLOXSSRVRVWHQLELOH Il convitto vescovile San Giorgio ha presentato la propria struttura in occasione dell’apertura delle iscrizioni al prossimo anno accademico 2012-2013. Lo ha fatto con una conferenza stampa alla quale erano presenti Michele Bonetti (presidente dell’opera diocesana “Ven. Alessandro Luzzagoâ€? che gestisce il convitto) e il rettore don Alessandro Camadini, oltre al responsabile della segreteria generale Elvio Favagrossa. Il convitto ospita 99 studenti provenienti in massima parte da Brescia e dalle altre province lombarde, ma anche da Paesi stranieri come Camerun, Congo, Israele e Togo, in una struttura che è stata fortemente rinnovata nel 2010 all’insegna della sostenibilitĂ  ambientale. Sono stati infatti installati pannelli solari e impianti per il recupero delle acque reflue, oltre all’isolamento termico su tutta la copertura esterna. Proprio il tema della sostenibilitĂ , declinato non solo in ambito ambientale, ma anche dal punto di vista sociale, economico

ed umano, costituirĂ  il programma culturale del prossimo anno. “Tutti gli studenti − spiega il rettore don Alessandro Camadini, nella foto − saranno interessati dal progetto, ognuno nel proprio ambito specifico. Bisogna chiedersi quale modello di umanitĂ  oggi è sostenibile, questa diventa in qualche modo anche una domanda vocazionale: che uomo voglio diventare?â€?. Per il prossimo anno buona parte dei posti in collegio saranno coperti da riconferme, mentre vi sono a disposizione alcuni posti; inoltre il collegio alla fine di ogni anno istituisce alcune borse di studio basate sul merito, finanziate da sostenitori esterni. Tra le idee per il futuro, infine, c’è anche la realizzazione di una sezione femminile accanto agli spazi finora in uso.

Dz ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ …—Ž–—”ƒŽ‡•‡”˜‹”Â? ƒ…Š‹‡†‡”•‹“—ƒŽ‡ Â?‘†‡ŽŽ‘†‹—Â?ƒÂ?‹–Â?° ‘‰‰‹•‘•–‡Â?‹„‹Ž‡dz


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

Í˜ÍĄ

‘Ž‹–‹…ƒ

ÂŽÂ?—‘˜‘…‘”•‘†‡Žƒ””‘……‹‘‡‹Ž”—‘Ž‘†‡ŽŽƒ…‘Â?’‘Â?‡Â?–‡„”‡•…‹ƒÂ?ƒ Il congresso federale della Lega Nord, tenutosi ad Assago ad inizio luglio, ha sancito una sorta di nuovo corso per il partito, che ha eletto come segretario Roberto Maroni al posto di Umberto Bossi. Tra le molte novitĂ  nell’organigramma, anche l’elezione della bresciana Simona Bordonali (nella foto), presidente del consiglio comunale cittadino, nel consiglio federale, che commenta cosĂŹ la nuova stagione: “C’è molta voglia di ripartire, di

ritornare alla Lega degli inizi, quella delle cose concrete. Dobbiamo arrivare al federalismo, perchĂŠ in momenti di crisi economica come questa è fondamentale tenere le risorse economiche sul territorioâ€?. Richiesta invece di un commento sulla propria elezione e sul “pesoâ€? politico acquisito dalla componente bresciana, afferma: “La componente bresciana ha un ruolo importante, la mia presenza, nuova nel consiglio federale, è stata votata dalla base. Io

sostituisco Davide Caparini, che organizzativamente appartiene alla sezione della Valle Camonica. In ogni caso anche lui mi ha votata e questa è un’ulteriore legittimazione oltre a quella della baseâ€?. Un’ultima opinione è dedicata invece alla questione delle alleanze in vista delle future elezioni. Ăˆ nota, infatti, la presa di posizione di qualche tempo fa che prevedeva il mantenimento delle attuali alleanze sul territorio ďŹ no alle elezioni, nelle quali il Carroccio avrebbe corso

da solo. “Credo sia abbastanza prematuro parlare del 2013 − ha affermato in proposito la Bordonali − è certo che dobbiamo ripartire dal territorio, dove moltissimi nostri sindaci e amministratori lavorano per la propria gente, quindi è essenziale puntare sulle amministrative. Quanto alle alleanze, si determineranno nel tempo, quel che è certo è che ora abbiamo le mani libere e questo ci darĂ  facoltĂ  nel futuro di prendere decisioniâ€?. (f.u.)



”‡•…‹ƒÂ?ƒ–ƒ’’ƒ’‡”Žƒ…ƒ”‘˜ƒÂ?ƒƒˆƒ˜‘”‡†‡ŽŽǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘

,QFLWWjSHUVDOYDUH LOVHUYL]LRFLYLOH ŽŽǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒƒ†‡”‹•…‘Â?‘˜ƒ”‹‡Â?–‹ǥ–”ƒ‹“—ƒŽ‹Žƒ‘Â?—Â?‹–Â?ƒ’ƒ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹

ÇĄ’‡” ’‘”–ƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂ––‡Â?œ‹‘Â?‡•——Â?ƒ”‹•‘”•ƒ…Š‡”‹•…Š‹ƒ†‹•’ƒ”‹”‡’‡”Â?ƒÂ?…ƒÂ?œƒ†‹ˆ‘Â?†‹  



6

e non abbiamo pace è perchĂŠ abbiamo dimenticato che apparteniamo gli uni agli altri. Questa frase di madre Teresa di Calcutta racchiude il nocciolo della proposta che piĂš enti, tra cui l’associazione ComunitĂ  Papa Giovanni XXIII di don Benzi, stanno portando in giro per l’Italia: la Carovana del servizio civile. Un’iniziativa itinerante per risvegliare i cittadini sul rischio che quest’importante espressione di cittadinanza attiva che coinvolge i giovani venga soppressa o notevolmente ridotta. La “Carovana del servizio civileâ€? il cui motto è “RianimiAmo il servizio civileâ€? vuole mettere in luce l’importanza non solo sui tavoli di discussione ma anche in piazza di questa esperienza e del suo rifinanziamento programmatico. Con questo obiettivo vuole coinvolgere le persone ed i giovani che camminano per strada, che si incontrano nelle piazze, nei luoghi di servizio. Una delle tappe del percorso è stata Brescia: il 2 luglio i “rianimatoriâ€? hanno vissuto in cittĂ  una giornata all’insegna della solidarietĂ  che ha coinvolto i partecipanti a prestare il proprio servizio, nella mattinata, sia al convento dei Carmelitani in Castello (nella foto) sia alla Men-



”ƒ‹’—Â?–‹ˆ‘”–‹†‡Ž •‡”˜‹œ‹‘…‹˜‹Ž‡ …ǯ°ÂŽÇŻÂ‘……ƒ•‹‘Â?‡ ’‡”‰‡––ƒ”‡—Â?’‘Â?–‡ –”ƒ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ ‡Ž‡‹•–‹–—œ‹‘Â?‹ sa Menni, della Caritas bresciana che quotidianamente offre un pasto caldo ad oltre cento persone. Il pranzo è stato poi una imprevista e bella, per quanto breve, occasione di reciproca conoscenza con i giovani ospiti, stranieri non accompagnati, accolti all’interno

della parrocchia di San Giovanni, proprio nel cuore della cittĂ . Nel pomeriggio si è passati dalla “praticaâ€? alla “teoriaâ€? quando i carovanieri hanno accolto i partecipanti al convegno “Servizio civile nazionale: strumento di costruzione di cittadinanzaâ€?, con un corridoio colorato dal logo dell’iniziativa, invitandoli, come di consueto a farsi fotografare per “metterci la facciaâ€?. La relatrice del convegno Elena Marta, autrice del saggio “Costruire cittadinanzaâ€?, ha messo in luce quelli che sono i punti forti, ma anche le criticitĂ  del Servizio civile italiano. Da rilanciare due fra i molti concetti esposti: il Servizio civile è un’eccellente occasione per realizzare un ponte tra le istituzioni e i giovani, in cui gli enti che impiegano i volontari hanno una funzione sociale preziosa. Inoltre i volontari percepiscono un contributo irrisorio rispetto al lavoro che svolgono (413 euro mensili per 30 ore settimanali) ma proprio per questo segno tangibile di un valore che non ha prezzo: la soddisfazione di prendersi cura del patrimonio ambientale, istituzionale e umano dell’Italia contribuendo alla costruzione di un mondo migliore che tanto sta a cuore a molti giovani, e non solo.

”‘˜‹�…‹ƒ

Â?–‡•ƒ’‡”‹Ž…”‡†‹–‘•’‘”–‹˜‘ ƒ”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡•…‹ƒŠƒ•–‹’—Žƒ–‘…‘Â?ÂŽÇŻ •–‹–—–‘’‡”‹Ž…”‡†‹–‘•’‘”–‹˜‘—Â? ’”‘–‘…‘ŽŽ‘†ǯ‹Â?–‡•ƒˆ‹Â?ƒŽ‹œœƒ–‘ƒŽŽƒ…‘•–”—œ‹‘Â?‡ǥÂ?‹‰Ž‹‘”ƒÂ?‡Â?–‘‘Â”Â‹ÂƒÂ†ÂƒÂ–Â–ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‘†‹‹Â?’‹ƒÂ?–‹•’‘”–‹˜‹†‹’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡‹Â?–‡”‡••‡’‡”Žƒ”‘˜‹Â?…‹ƒǤÇŻ •–‹–—nj –‘ǥÂ?‡ŽŽ‹Â?‹–‡†‡ŽŽƒ•‘Â?Â?ƒ…‘Â?’Ž‡••‹˜ƒ†‹͛͘Â?‹Ž‹‘Â?‹†‹‡—”‘ǥ•‹‹Â?’‡‰Â?ƒƒ …‘Â?…‡†‡”‡ƒŽŽƒ”‘˜‹Â?…‹ƒ†‡‹Â?—–—‹ˆ‹Â?ƒŽ‹œœƒ–‹Ġ—Â?ƒ’Ž—”ƒŽ‹–Â?†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ •—‹Â?’‹ƒÂ?–‹•’‘”–‹˜‹…Š‡˜ƒÂ?Â?‘†ƒŽŽƒ…‘•–”—œ‹‘Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?’Ž‹ƒÂ?‡Â?–‘ǥÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–ÇŚ –”‡œœƒ–—”ƒƒŽÂ?‹‰Ž‹‘”ƒÂ?‡Â?–‘ˆ‹Â?‘ƒŽŽƒ”‹•–”—––—”ƒœ‹‘Â?‡ǥ…‘Â?’Ž‡–ƒÂ?‡Â?–‘‡ Â?‡••ƒƒÂ?‘”Â?ƒ†‹‹Â?’‹ƒÂ?–‹•’‘”–‹˜‹‡Ȁ‘•–”—Â?‡Â?–ƒŽ‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜‹–Â?•’‘”–‹˜ƒǤ”ƒ †‹‡••‹ˆ‹‰—”ƒƒÂ?…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂ…“—‹•–‘†‹‹Â?Â?‘„‹Ž‹†ƒ†‡•–‹Â?ƒ”‡Ġƒ––‹˜‹–Â?•’‘”–‹˜‡Ǥ ǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘†‡ŽŽǯ •–‹–—–‘ƒ˜”Â?˜ƒŽ‹†‹–Â?†‹–”‡ƒÂ?Â?‹Ǥƒ”‘˜‹Â?Â…Â‹ÂƒÇĄ‘Ž–”‡Ġ—•—nj ˆ”—‹”‡†‡ŽŽ‡…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹’”‡˜‹•–‡Â?‡Ž”‘–‘…‘ŽŽ‘†ǯ Â?Â–Â‡Â•ÂƒÇĄ•˜‘Ž‰‡”Â?—Â?”—‘Ž‘†‹ …‘‘”†‹Â?ƒÂ?‡Â?–‘‡†‹’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹Ǥ Dz‹‹Â?’‡‰Â?‡”‡Â?‘ƒŽŽƒ”‡†ƒœ‹‘Â?‡†‹•–—†‹’”‡Ž‹Â?‹Â?ƒ”‹†‹ˆƒ––‹„‹Ž‹–Â?…Š‡…‘Â?ÇŚ •‡Â?–ƒÂ?‘—Â?ƒ˜ƒŽ—–ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?’Ž‡••‹˜ƒ†‡‹’”‘‰‡––‹†ƒ”‡ƒŽ‹œœƒ”‡Â?‡Ž•‡––‘”‡ †‡ŽŽǯ‹Â?’‹ƒÂ?–‹•–‹…ƒÂ•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄƒŽŽ‘•…‘’‘†‹ˆƒ˜‘”‹”‡—Â?ƒ”ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡’”‘‰”ƒÂ?Â?ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹‹Â?˜‡•–‹Â?‡Â?–‹dzǤ‘•¿Šƒ…‘Â?Â?‡Â?–ƒ–‘Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡ƒŽŽ‘ ’‘”–†‡ŽŽƒ”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ ƒ„‹‘ƒÂ?†‡ŽŽ‹Ǥ

”–Š‘„ ‹–”‘˜‘‡•–‹˜‘†‡‰Ž‹ƒ••‘…‹ƒ–‹ ‘Â?•—‡–‘”‹–”‘˜‘‡•–‹˜‘’‡”ÂŽÇŻ”–Š‘„ǥÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡”‹•–‘”ƒÂ?–‹–”ƒ––‘”‹‡Š‘nj •–ƒ”‹‡„”‡•…‹ƒÂ?‡ǥ…Š‡†ƒ͙͛ƒÂ?Â?‹”‹—Â?‹•…‡Ž‡’”‹Â?…‹’ƒŽ‹”‡ƒŽ–Â?†‡ŽŽƒ”‹•–‘”ƒœ‹‘Â?‡ „”‡•…‹ƒÂ?ÂƒÇĄÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?•‡‰Â?ƒ†‹—Â?‘•–”‡––‘”ƒ’’‘”–‘–”ƒŽƒ…—…‹Â?ƒ‡‹’”‘†‘––‹†‡ŽŽƒ Â?‘•–”ƒ–‡””ƒǤÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ǥ…Š‡…‘Â?–ƒ’‹Î†‹͚͘͘ÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂ–Â‹ÇĄ°—Â?‘†‡‹’‹Žƒ•–”‹ †‡ŽŽǯ……ƒ†‡Â?‹ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒƒ”–‹‡Â?‡•–‹‡”‹†‡ŽŽƒ„—‘Â?ƒ–ƒ˜‘ŽƒǤ‡”Žƒ”‹—Â?‹‘Â?‡ ‡•–‹˜ƒ†‡‰Ž‹ÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂ–Â‹ÇĄ‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ…‡Â?ƒ•‘Â?‘•–ƒ–‹’”‡Â?‹ƒ–‹‹•‘…‹ˆ‘Â?ÇŚ †ƒ–‘”‹Â?œ‘‡”‡––‹ǥ‹––‘”‹‘ ”ƒÂ?œ‘Â?‹ǥƒ”‹‘ÂƒÂŽÂŽÂƒÂ’Â‡Â”Â–ÂƒÇĄ ‡Ž‹…‡Â‘Â†ÂƒÇĄƒ”‹‘

ƒ”‰‹‘Â?‹ǥ—…‹ƒÂ?‘‡Ž—••‹ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?ƒ”‹•‘”‹‘ǥ‡Ž‡•–‡‘Â?ƒ•‘Â?ÇĄÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄ‹nj …‘Ž‹ǤƒŽ‡Â?–‹Â?‘ƒœœƒ”‹Â?‹ǥ ‹ƒÂ?„ƒ––‹•–ƒÂ”ÂƒÂ…Â…ÂŠÂ‹ÇĄ”‡•–‡ƒ‘Ž’‘Â?‹ǥœ‹‘ƒÂ?ÇŚ ’ƒ‰Â?Â‘ÂŽÂƒÇĄ ”ƒœ‹ƒÂ?‘‘Â?‹Â?‡ŽŽ‹ǥ ‹—•‡’’‡ÂƒÂ––‘Ž‹ǥ‘„‡”–‘‡”‡––‹‡ ‹—•‡’’‡ ‘……ƒǤ‘Â?°•–ƒ–ƒÂŽÇŻÂ‘……ƒ•‹‘Â?‡†‹„‹ŽƒÂ?…‹Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?†ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽ‡’”‡•‡Â?œ‡Â?‡‹ ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‹Ž’”‡•‹†‡Â?–‡ ‹—•‡’’‡‘……ƒČ‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒŠƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘Ž‡Â?‘–‡’‘nj •‹–‹˜‡†‹“—‡•–‹Â?‘Â?‡Â?–‹…Š‡’‡”Â?‡––‘Â?‘—Â?‹Â?…‘Â?–”‘–”ƒ’”‘†‘––‹‡Â”Â‹Â•Â–Â‘Â”ÂƒÇŚ –‘”‹ǥƒÂ?…Š‡•‡Žƒ…‘Â?–‹Â?‰‡Â?œƒ‡…‘Â?‘Â?‹…ƒ•‹ˆƒ•‡Â?–‹”‡‹Â?“—‡•–‘•‡––‘”‡…‘Â?‡ †ƒ’’‡”–—––‘Ǥƒ…‡Â?ƒ°•–ƒ–ƒ‘•’‹–ƒ–ƒ†ƒŽŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ”ƒÂ?†‹Â?‹Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ ƒ‰”‹…‘Žƒ‡”Žƒ†‡Ž ƒ”†ƒƒƒ•–‡Ž˜‡Â?ÂœÂƒÂ‰Â‘ÇĄˆ”ƒœ‹‘Â?‡†‹‘Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄƒŽŽƒ’”‡•‡Â?œƒ †‹‰”ƒÂ?†‹Â?‘Â?‹†‡Ž•‡––‘”‡‡Â?‘‰ƒ•–”‘Â?‘Â?‹…‘’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡Ǥ

     

ƒ”…Š‡‰‰‹ …‘Â?–‘’‡”…Š‹ˆƒ…‘Â?’‡”‡‹Â?…‡Â?–”‘ ÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?”‡•…‹ƒ‘„‹Ž‹–Â?ÇĄ ‹Â?–‡•‹‡‘Â?•‘”œ‹‘”‡•…‹ƒ‡Â?–”‘ǥŠƒ’”‘Â?‘••‘—Â?ƒ……‘”†‘’‡”—Â?‘ •…‘Â?–‘†‡ŽÍšÍ˜ÎŹˆ‹Â?‘ƒ–”‡‘”‡•—ŽŽƒ•‘•–ƒ†‡‹’ƒ”…Š‡‰‰‹‹Â?•–”—––—”ƒÂ‹ÂƒÂœÇŚ œƒ‹––‘”‹ƒ‡ ‘••ƒƒ‰Â?‹Ǥǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒˆƒ’ƒ”–‡†‡ŽŽ‡’‘Ž‹–‹…Š‡†‹”‹ŽƒÂ?…‹‘ †‡Ž…‡Â?–”‘•–‘”‹…‘‡•‹’”‘’‘Â?‡Žƒˆ‹†‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡‹…Ž‹‡Â?–‹…Š‡ÂƒÂ…“—‹nj •–ƒÂ?‘‘…‘Â?•—Â?ƒÂ?‘’”‡••‘‰Ž‹‡•‡”…‹œ‹†‡Ž‡Â?–”‘ǤÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â”Â†Â‘ÇĄ“—‡•–‘ ÂŽÇŻÂƒÂ—Â•Â’Â‹Â…Â‹Â‘ÇĄ†‘˜”‡„„‡’‘”–ƒ”‡–”ƒÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–”‘‰Ž‹‡•‡”…‹œ‹…‘Â?Â?‡”…‹ƒŽ‹ƒˆƒ”•‹ ƒ‰‡Â?–‹‹Â?’”‹Â?ƒ’‡”•‘Â?ƒ†‹—Â?ƒ…‘””‡––ƒ…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡•—ŽŽ‡…‘Â?Â†Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‹†‹ƒ……‡••‹„‹Ž‹–Â?ƒŽ‡Â?–”‘•–‡••‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘ÂŽÇŻÂ—Â–Â‹ÂŽÂ‹ÂœÂœÂ‘†‡‹Â’ÂƒÂ”Â…ÂŠÂ‡Â‰Â‰Â‹ÇĄ †‡‹Â?‡œœ‹’—„„Ž‹…‹‡•‘’”ƒ––—––‘†‡ŽÂ?‡–”‘„—•ǥ‘”Â?ƒ‹‹Â?ˆƒ•‡†‹’”‘•nj •‹Â?ƒƒ––‹˜ƒœ‹‘Â?‡Ǥ


͙͘

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

ƒ†‡”Â?‡ŽŽ‘ Dz ‡”…ƒ–‹†‡ŽŽƒÂ–Â‡Â”Â”ÂƒÇłƒŽƒ•–‡ŽŽ‘

‘�–‹…Š‹ƒ”‹ ƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘�‡‹�”‹…‘”†‘†‹�‘�•Ǥ‘˜ƒ”‡•‡

Si rinnova l’inziiativa della Fondazione castello di Padernello in collaborazione con Slow Food denominata “I Mercati della terraâ€?. L’appuntamento è per sabato 14 luglio dalle 19 alle 23 negli ambienti del Castello, ad ingresso libero. L’obiettivo è di valorizzare i prodotti del territorio, alla riscoperta di tradizioni contadine invariate nel tempo, rispettose dell’ambiente, dei suoi tipici sapori genuini, e di prodotti lontani dalle

Si terrĂ  sabato 21 luglio a partire dalle 16, presso la casa dei Silenziosi operai della croce in via Matteotti 6 a Montichiari, la celebrazione del 28° anniversario della morte del venerabile mons. Luigi Novarese, fondatore della congregazione che sarĂ  proclamato beato l’11 maggio 2013. Dopo l’accoglienza, a partire dalle 17, nel parco Bonoris si terrĂ  una serie di testimonianze di persone legate alla congregazione e all’associazione “Centro volontari della sofferenzaâ€?, fondata dallo

sofisticazioni. I prodotti, infatti, sono locali, di stagione, ottenuti con tecniche sostenibili, Inoltre il mercato sostiene le aziende agricolo-casearie colpite dal terremoto, attivandosi nella vendita delle forme di formaggio rovinate a terra per conseguenza delle scosse del sisma di maggio. Per informazioni contattare il numero 030 9408766 o il sito www.castellodipadernello. it, oppure scrivere a info@ castellodipadernello.it.

stesso mons. Novarese nel 1947 con lo scopo di riunire persone ammalate e sane, che riconoscono nella sequela di Cristo la possibilità di vivere l’esperienza della sofferenza senza soccombere allo scoraggiamento. Dalle 18, inoltre, dopo il saluto del sindaco del Comune di Montichiari (che ha offerto il proprio patrocinio), si terrà la Messa presieduta dal card. Giovanni Battista Re. La giornata si concluderà con un buffet e una serata in musica. (f.u.)

 

”œ‹Â?—‘˜‹ǯ‹Â?–‡”˜‹•–ƒĠÂ?†”‡ƒƒ––‹

6DUjXQDILHUDGLTXDOLWj" ’”‹”Â?‹„ƒ––‡Â?–‹ƒˆ‹Â?‡ƒ‰‘•–‘ŽƒÍžÍœĆ…‡†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ•–‘”‹…ƒˆ‹‡”ƒ†‡†‹…ƒ–ƒĠƒ‰”‹…‘Ž–—”ƒ‡ƒ”–‹‰‹ƒÂ?ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ?ƒ‰‹Â?•‹•‘Â?‘ ”‡‰‹•–”ƒ–‡ƒŽ…—Â?‡’‘Ž‡Â?‹…Š‡Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â?œƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â’‘•‹œ‹‘Â?‡œ‘‘–‡…Â?Â‹Â…ÂƒÇŁÂ?‡’ƒ”Ž‹ƒÂ?‘…‘Â?‹Ž•‹Â?†ƒ…‘‘”…‡ƒÂ?‘   

/

a nuova edizione della fiera si avvicina a grandi passi, quali saranno le particolarità dell’appuntamento di fine agosto? Quest’anno ci dedicheremo principalmente alla promozione di alcuni prodotti di eccellenza agroalimentare tipici del nostro territorio: penso per esempio al Grana Padano di elevata qualità prodotto con il latte dei nostri allevamenti. Purtroppo, a questo proposito, quest’anno le difficoltà economiche non ci consentiranno di allestire la tradizionale esposizione della vacca frisona, che costituiva un appuntamento molto atteso. A questo proposito nelle scorse settimane molte sono state le voci di dissenso in merito a questa scelta... Non è una decisione che abbiamo preso a cuor leggero: rinunciare a questa mostra non ci lascia certo indifferenti e siamo consapevoli che in questo modo la rassegna perderà un po’ di lustro. Speriamo che non sia una scelta definitiva e di poter riprendere questa tradizione, magari pensando ad una programmazione biennale. In ogni caso cerchiamo di compensare questa mancanza sia promuovendo altri tipi di esposizione (per esempio quella cunicola) sia allestendo una vasta programmazione di convegni e tavole rotonde, specialmente dedicati al nuovo regime di Pac. Interlocutori privi-

 ǯ   Ǥǥ

Dz‘Â?’‡Â?•‡”‡Â?‘Žƒ Â?ƒÂ?…ƒ–ƒ‡•’‘•‹œ‹‘Â?‡ „‘˜‹Â?ƒ…‘Â? ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹†‹”‹Ž‹‡˜‘ “—ƒŽ‹…‘Â?˜‡‰Â?‹ ‡–ƒ˜‘Ž‡”‘–‘Â?†‡dz legiati saranno ovviamente le associazioni di categoria, ma anche la Confartigianato organizzerĂ  un convegno perchĂŠ la fiera è una vetrina per tutte le eccellenze del territorio, di diversi settori, quindi anche per le aziende che producono o i negozi della piazza. Lei ha evocato il territorio, quale il legame con la fiera? La fiera deve avere un’ampia visua-

le su tutta la Bassa e non solo sul territorio comunale. Per questo motivo, per esempio, ci sarà una collaborazione con il Parco dell’Oglio Nord nel contesto di un itinerario turistico ed enogastronomico. Lo ripeto ancora una volta: la fiera dev’essere principalmente una vetrina per il territorio. Il periodo economico non è certamente dei migliori. Quali aspettative avete per l’edizione di quest’anno? Il contesto di sofferenza di molti settori produttivi in effetti è un dato preoccupante, cosÏ come la ridotta capacità di spesa dei consumatori. La preoccupazione non è tanto sul numero dei visitatori, che anche

quest’anno dovrebbe mantenersi elevato e addirittura crescere, quanto piuttosto sul fatto che si traducano in una clientela sufficientemente ampia, che possa consentire agli operatori un ritorno economico�.

Dz ÂŽ–‹Â?‘”‡Â?‘Â?° –ƒÂ?–‘•—ŽÂ?—Â?‡”‘ †‹Â˜Â‹Â•Â‹Â–ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄ…Š‡•‹ ’”‡˜‡†‡…‘Â?—Â?“—‡ Â?‘Ž–‘‡Ž‡˜ƒ–‘ƒÂ?…Š‡ Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ǥ“—ƒÂ?–‘ ’‡”‹Žˆƒ––‘…Š‡ Â?‘Â?•‹–”ƒ†—…ƒÂ?‘ ‹Â?˜ƒ•–ƒ…Ž‹‡Â?Â–Â‡ÂŽÂƒÇł

  

   

 

/XJOLR´FRUDOHÂľQHOODSLHYHGL6DQ3DQFUD]LR Entra nel vivo il cartellone estivo “Vivi Montichiariâ€? organizzato dall’assessorato alla Cultura in collaborazione con Montichiari Musei, Pro loco e diverse associazioni cittadine: nella serie di eventi in programma, uno dei piĂš interessanti riguarda la Rassegna corale internazionale che si tiene nella Pieve di San Pancrazio, a cura del Festival internazionale Verona Garda Estate. Numerosi sono i cori che, nei quattro venerdĂŹ di luglio a partire dalle

ore 21, si esibiranno nella splendida chiesa romanica monteclarense: i primi tre (due catalani, El Parc e Estrella Blava ed uno brasiliano, Cantus Firmus) hanno dato sfoggio della loro bravura lo scorso 6 luglio eseguendo brani di musica sacra e della tradizione popolare del loro Paese. VenerdĂŹ 13 sarĂ  la volta del ďŹ nlandese Viihdekuoro Essut diretto da Arja Virtanen-Haapasalmi, dell’italiana Schola Cantorum Upter diretta da Giovanni Gava

e del coro francese Dauphinelle diretto da AndrĂŠ Chamberod. Complessi molto interessanti anche venerdĂŹ 20 con Rauman Kamarikuoro (coro ďŹ nlandese che sarĂ  diretto da Nora Pasi) e del belga Con Cuore Waregem del direttore Jan Vuye. La chiusura della rassegna si terrĂ  venerdĂŹ 27 luglio con l’esibizione del coro polifonico Tarenti Cantores di Taranto sotto la guida di Giovanna Facilla, della Corale polifonica Santa Cecilia di Cagliari diretta

da Giovanni Pani e dal gruppo islandese tutto al maschile Heimir Men’s Choir diretto da Helga Ros. “Con questi appuntamenti – ricorda il sindaco Elena Zanola – vogliamo dare modo ai nostri concittadini ed ai tanti turisti presenti nella zona di “avvicinare� complessi di livello nell’ambito della musica corale, visti direttamente all’opera�. I concerti sono ad ingresso libero. Per informazioni: www.montichiari.it; 030/9656309 – 030/9650455.

‘�–‹…Š‹ƒ”‹

‡Â?‹–‘”‹ƒŽŽƒ˜‘”‘ ’‡”—Â?ƒ•‹Ž‘’‹Î„‡ŽŽ‘ ƒ•…—‘Žƒ°Ž—‘‰‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â†Â—Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡’‡” ‡……‡ŽŽ‡Â?ÂœÂƒÇĄƒ“—ƒÂ?–‘Â’ÂƒÂ”Â‡ÇĄÂ?‘Â? •‘Ž‘’‡”‰Ž‹ƒŽ—Â?Â?‹ǥÂ?ƒƒÂ?…Š‡ ’‡”‹‰‡Â?‹–‘”‹ǤÂ?„‡ŽŽǯ‡•‡Â?’‹‘ ‰‹—Â?‰‡†ƒ‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹†‘˜‡ —Â?‰”—’’‘†‹‰‡Â?‹–‘”‹†‹ „ƒÂ?„‹Â?‹ˆ”‡“—‡Â?–ƒÂ?–‹Žƒ •…—‘Žƒ†‡ŽŽǯ‹Â?ˆƒÂ?œ‹ƒƒ”…‘Ž‹Â?‹ǥ ƒ”Â?ƒ–‹†‹„—‘Â?ƒ˜‘Ž‘Â?–Â? ‡‰‡Â?‡”‘•‹–Â?ÇĄŠƒ’‡Â?•ƒ–‘ „‡Â?‡†‹†ƒ”•‹†ƒˆƒ”‡’‡” ”‹Â?‡––‡”‡‹Â?•‡•–‘‹‰‹‘…Š‹ ‘”Â?ƒ‹ƒÂ?Â?ƒŽ‘”ƒ–‹†ƒŽ–‡Â?’‘Ǥ —”ƒÂ?–‡ƒŽ…—Â?‹ˆ‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?ÂƒÇĄ …‘Â?’‡Â?Â?‡ŽŽ‹‡…‘Ž‘”‹ǥŠƒÂ?Â?‘ ”‹†‹’‹Â?–‘…ƒ•‡––‡‡•…‹˜‘Ž‹ ”‹†ƒÂ?†‘˜‹–ƒƒ“—‡•–‘ƒÂ?‰‘Ž‘ ˜‡”†‡Â?‘Ž–‘—•—ˆ”—‹–‘ǤÂ?ƒ ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ†‡ŽŽ—‘‰‘ǥ‹Â?‘Ž–”‡ǥ Šƒ†‘Â?ƒ–‘—Â?’ƒ‹‘†‹ƒ––”‡œœ‹ Ž—†‹…‹…Š‡•‘Â?‘‰‹Â?•–ƒ–‹ Ç˛Â’Â”Â‘Â˜ÂƒÂ–Â‹Çł…‘Â?•‘††‹•ˆƒœ‹‘Â?‡ †ƒ‹’‹……‘Ž‹‘•’‹–‹Ǥ‡‹‰‹‘”Â?‹ •…‘”•‹ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?—Â?ƒŽ‡…‹––ƒ†‹Â?ƒŠƒ˜‘Ž—–‘ ”‡Â?†‡”‡‘Â?ƒ‰‰‹‘ƒ‹‰‡Â?‹–‘”‹ ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‹Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ †‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘…‘Â?•‡‰Â?ƒÂ?†‘ Ž‘”‘—Â?ƒ•’‹ŽŽƒ”ƒˆˆ‹‰—”ƒÂ?–‡ Ž‘•–‡Â?Â?ƒ†‡Ž‘Â?—Â?‡ǥDz—Â? ’‹……‘Ž‘•‡‰Â?‘Č‚Šƒ†‹…Š‹ƒ”ƒ–‘‹Ž •‹Â?†ƒ…‘Ž‡Â?ƒƒÂ?‘ŽƒČ‚Â?ƒ—Â? ‰”ƒÂ?†‡•‹Â?„‘Ž‘†‡ŽŽǯ‹Â?’‡‰Â?‘ …‹˜‹…‘…Š‡˜‘‹ƒ˜‡–‡ÂƒÂ˜Â—–‘dzǤ ‹‘”‡ŽŽƒƒÂ?‰‹‘”‰‹ǥ†‹”‹‰‡Â?–‡ •…‘Žƒ•–‹…ƒÂ?‘Â?–‡…Žƒ”‡Â?•‡ǥŠƒ ”‹Â?‰”ƒœ‹ƒ–‘–—––‘‹Ž’‡”•‘Â?ƒŽ‡ †‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ†‡ŽŽǯ‹Â?ˆƒÂ?œ‹ƒ Dz…Š‡•‹°Â?‡••‘ƒ–‘–ƒŽ‡ †‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡†ƒÂ?†‘’”‘˜ƒ †‹‡Â?…‘Â?‹ƒ„‹Ž‡†‡†‹œ‹‘Â?‡ ƒŽ’”‘’”‹‘Žƒ˜‘”‘Ǥ–‹ƒÂ?‘ ˜‹˜‡Â?†‘–‡Â?’‹†‹…”‹•‹‡‰‡•–‹ ’‹……‘Ž‹ǥÂ?ƒ•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‹…‘Â?‡ “—‡•–‹ˆƒÂ?Â?‘„‡Â?‡ƒ–—––‹‡† ƒŽŽƒ•…—‘Žƒ‹Â?Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇłÇ¤ ‡…‡Â?–‡Â?‡Â?–‡ǥ‹Â?‘Ž–”‡ǥ•‘Â?‘ •–ƒ–‹‹Â?ƒ—‰—”ƒ–‹ƒŽ–”‹‰‹‘…Š‹ ’”‡•‡Â?–‹‹Â?ƒŽ…—Â?‹’ƒ”…Š‹ …‹––ƒ†‹Â?‹ǥ‹Â?“—‡•–‘…ƒ•‘†‘Â?ƒ–‹ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ Â?‡”–‹‡Ž˜‡†‡”‡ ’‡”—Â?‹Â?’‘”–‘…‘Â?’Ž‡••‹˜‘†‹ ÍœÍ?Â?‹Žƒ‡—”‘ǤČ‹ÂˆÇ¤Â?Ç¤ČŒ


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

͙͙

Š‹ƒ”‹ ‡Ž™‡‡Â?‡Â?†–—––‹‹Â?ˆ‡•–ƒ…‘Â?ÂŽÇŻÂ?‹–ƒŽ•‹ Chiari si prepara a ospitare nel weekend la prima edizione della festa provinciale dell’Unitalsi, l’associazione nata nel 1903 con lo scopo di accompagnare gli ammalati al santuario di Lourdes e oggi estesa su tutto il territorio italiano. Per tre giorni, infatti, da venerdĂŹ 13 a domenica 15 luglio, la cittĂ  della Bassa sarĂ  al centro di una serie di iniziative che, organizzate dalla sottosezione bresciana dell’Unitalsi, si estenderanno

anche al mondo del volonatriato e dell’associazionismo locale. “Il nostro intento − spiega il presidente della sottosezione Tarcisio Busseni − è quello di farci conoscere: nonostante la nostra organizzazione abbia una lunga storia alle spalle e sia piuttosto diffusa sul territorio è ancora poco conosciuta. In particolare vorremmo far capire che le nostre attivitĂ  non si limitano all’organizzazione dei pellegrinaggi a Lourdes, ma

proseguono durante tutto l’anno con soggiorni, pellegrinaggi in giornata e assistenza agli ammalati, che vengono anche accompaganti ad assistere alle Messeâ€?. A Chiari quindi appuntamento presso il centro sportivo in via TrinitĂ , quando, dopo la serata inaugurale in musica di venerdĂŹ si terrĂ  sabato la “Giornata del volontariatoâ€?: a partire dalle 15 incominceranno le dimostrazioni delle associazioni presenti sul territorio oltre ad

una rappresentanza della sezione di protezione civile dell’Unitalsi, attualmente impegnata con il grosso delle sue forze in Emilia a sostegno dei terremotati, mentre alle 18.30 sarà la volta della tavola rotonda con la partecipazione del presidente nazionale Salvatore Pagliuca e di quello della sezione lombarda Vittore De Carli. La domenica, infine, sarà una giornata dedicata al rapporto tra sport e disabilità con una corsa per le vie del centro. (f.u.)



Š‡†‹……ƒÂ?–‘ƒŽŽƒ’‹•…‹Â?ƒ…‘’‡”–ƒ•‘”‰‡”Â?—Â?‹Â?’‹ƒÂ?–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â‘

8Q´OLGR¾SHUO¡HVWDWH    

,

n queste settimane, a Ghedi, sono partiti i lavori per la realizzazione della piscina scoperta. Nel grande prato che si trova a sud della piscina coperta di Ghedi sono partiti i lavori del cosiddetto Lido, cioè di quella che, tutti chiamano la “piscina scopertaâ€?. Quest’opera doveva essere pronta per la scorsa estate, ma a causa di alcuni problemi tecnici il progetto era rimasto solo sulla carta. La partenza dei lavori, infatti, era stata annunciata un paio di volte, senza che agli annunci seguisse l’apertura del cantiere. “L’inizio dei lavori – riferisce il sindaco Lorenzo Borzi – è stato ritardato da piĂš fattori. Il principale è che, proprio lĂ  dove dovevamo scavare la buca per realizzare la vasca, la falda era piĂš alta di quello che doveva essere. Il risultato è che abbiamo dovuto rivedere il progetto, cosĂŹ da poter ‘innalzare’ la vasca. Durante questo iter tecnico-burocratico, però, è cambiata la legge sugli appalti. A quel punto abbiamo dovuto ferma-

   

‘”‡Â?œ‘Â‘Â”ÂœÂ‹ÇŁ Dz Â?’‡”‹‘†‹†‹…”‹•‹ …‘Â?‡“—‡•–‘ †‹ƒÂ?‘Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â? ƒŽŽƒ‰‡Â?–‡†‹†‹˜‡”–‹”•‹ …‘Â?’‘…‘dz

re tutto. Comunque siamo in ritardo e di questo mi assumo la responsabilitĂ , almeno per la parte che mi compete. Ora la cosa importante è che i lavori sono iniziati e si concluderanno a breveâ€?. L’inaugurazione del lido, infatti, è prevista per metĂ  luglio. La piscina sarĂ  una vasca che potrĂ  essere utilizzata per gare agonistiche, ma anche come parco ludico, con zone attrezzate per prendere il sole e un piccolo bar. Il costo del’impianto si aggira intorno al 1.400.000 euro. Soldi a carico della societĂ  Sport Management, che ha ottenuto in gestione l’intero impianto per 20 anni. In cambio, realizzerĂ , a spese sue, la piscina scoperta. “Oggi realizzare un’opera di questa entitĂ  – conclude il primo cittadino – ha un doppia valenza: primo perchĂŠ a costo zero; secondo, perchĂŠ siamo consapevoli che in un momento di crisi come questo diamo la possibilitĂ  alla gente di divertirsi con poco. Credo che la piscina sia una valida alternativa per chi di solito andava altrove. L’unico rammarico è che per quest’anno non riusciremo a concludere la zona verdeâ€?.

2SHUD)HGHUDWLYD 7UDVSRUWR$PPDODWL/RXUGHV ZZZRIWDORUJ Lourdes, quattro giorni in pullman

Lourdes, voli sp. diretti Milano Malpensa

Nevers e Lourdes

Banneux Oropa

â‚Ź 258

da â‚Ź 612

â‚Ź 335

â‚Ź 395 â‚Ź 455 da â‚Ź 155

Loreto e Assisi Fatima e Santiago, i grandi Monasteri e Porto Lourdes, cammino Santiago e Fatima Fatima, Lisbona e Coimbra

â‚Ź 385 â‚Ź 849 â‚Ź 745 â‚Ź 585

San Giovanni Rotondo, Pietrelcina

â‚Ź 282

Terrasanta classico, Speciale Oftal

da â‚Ź 1.360

28 aprile -1 maggio 12 - 15 agosto 6 -9 dicembre 23 - 27 aprile 18 - 21 giugno 26 - 30 luglio 16 - 19 settembre 28 aprile -1 maggio 12 - 15 agosto 6 - 9 dicembre 6 - 11 giugno (Bus) 7 - 11 giugno (Aereo) 11 - 14 luglio 22 - 23 agosto 24 -28 settembre 7 - 11 maggio 12 - 19 agosto 22 - 25 aprile 18 - 21 agosto 12 -16 ottobre 22 - 25 aprile 28 aprile -1 maggio 14 - 21 novembre

Š‡†‹ ƒ“—‡•–‹‘Â?Â‡ÇŚÂ…ÂƒÂ˜Âƒ ƒ””‹˜ƒ‹Â?…‘Â?•‹‰Ž‹‘

ƒ‹”ƒ�‘

Žˆ‘–‘˜‘Ž–ƒ‹…‘ ”ƒ††‘’’‹ƒ

1•–ƒ–‘…‘Â?˜‘…ƒ–‘Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙͚‹Â? Ç˛ÂƒÂ†Â—Â?ƒÂ?œƒÂƒÂ’Â‡Â”Â–ÂƒÇłÇĄ‹Ž…‘Â?•‹‰Ž‹‘ …‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹ Š‡†‹ǥ…Š‹ƒÂ?ƒ–‘Ġ ‡•’”‹Â?‡”•‹•—ŽŽƒDz‹“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡Âƒƒ˜ƒ Â?ˆ‡”Â?‘dzǤ‹–”ƒ––ƒ †‹—Â?ƒ“—‡•–‹‘Â?‡…Š‡ǥ†ƒŽŽ‘•…‘”•‘ Â?‘˜‡Â?„”‡ǥ°Â?‘Ž–‘…ƒŽ†ƒǤ —––‘‹Â?…‘Â?‹Â?…‹ƒƒ‹–‡Â?’‹†‡ŽŽƒ ’”‡…‡†‡Â?–‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡ǥ…Š‡ ƒ˜‡˜ƒ‹’‘–‹œœƒ–‘†‹”‹“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒ”‡ Žǯ‡šƒ˜ƒ Â?ˆ‡”Â?‘ǥ…Š‡•‹–”‘˜ƒ •—Ž…‘Â?ˆ‹Â?‡…‘Â?Â‘Â”Â‰Â‘Â•ÂƒÂ–Â‘ÂŽÂŽÂ‘ÇĄ ”‡ƒŽ‹œœƒÂ?†‘ǥ‘Ž–”‡ƒ—Â?ƒÂ†Â‹Â•Â…ÂƒÂ”Â‹Â…ÂƒÇĄ ƒÂ?…Š‡—Â?‡Â?–”‘†‹‰—‹†ƒ•‹…—”ƒǤ

ÂŽ’”‘‰‡––‘‡”ƒ”‹Â?ƒ•–‘ÂŽÂżˆ‹Â?‘ ƒŽŽ‘•…‘”•‘Â?‘˜‡Â?„”‡ǥ“—ƒÂ?†‘ ŽƒÂ?—‘˜ƒƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡ÂŽÇŻÂŠÂƒ ”‹’”‡•‘‹Â?Â?ƒÂ?‘ǥÂ?‘†‹ˆ‹…ƒÂ?†‘Ž‘Ǥ

Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ‘Ž–”‡Ġ—Â?Â?‹Â?‘”‹Â?–”‘‹–‘ ’‡”Ž‡…ƒ••‡†‡Ž‘Â?—Â?‡ǥŽ‡ ‘’’‘•‹œ‹‘Â?‹ƒ……—•ƒÂ?‘ƒ’‡”–ƒÂ?‡Â?–‡ ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡‹Â?…ƒ”‹…ƒ†‹ Â?‘Â?˜‘Ž‡”’‹Îˆƒ”‡‹Ž‡Â?–”‘†‹ ‰—‹†ƒ•‹…—”ƒǤ……—•ƒ”‡•’‹Â?–ƒ …‘Â?‡Â?‘Â?˜‡”ƒǤ—‡Ž…Š‡°…‡”–‘ °…Š‡Ž‡‘’’‘•‹œ‹‘Â?‹’”‹Â?ÂƒÇĄ‡’‘‹ ƒÂ?…Š‡‹Ž‘Â?‹–ƒ–‘†‹…‹––ƒ†‹Â?‹Â?ƒ–‘ “—ƒŽ…Š‡Â?‡•‡ÂˆÂƒÇĄƒ˜‡˜ƒÂ?‘’‹Î˜‘Ž–‡ …Š‹‡•–‘—Â?…‘Â?ˆ”‘Â?–‘’—„„Ž‹…‘ Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‰Â‘Â?‡Â?–‘Ǥ”ƒ‹Ž…‘Â?•‹‰Ž‹‘ ƒ’‡”–‘°ÂŽÇŻÂ‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡”ˆƒ”‡‹Ž ’—Â?–‘†‡ŽŽƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡ǤČ‹Â?–Â?ČŒ

Â?“—‡•–‹‰‹‘”Â?‹ƒƒ‹”ƒÂ?‘ ‹Žˆ‘–‘˜‘Ž–ƒ‹…‘”ƒ††‘’’‹ƒǤ ÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ•–ƒ’”‘˜˜‡†‡Â?†‘Ġ ‹Â?•–ƒŽŽƒ”‡‹Ž•‡…‘Â?†‘‹Â?’‹ƒÂ?–‘†‹ ’”‘†—œ‹‘Â?‡†‹‡Â?‡”‰‹ƒÂ?‡ŽŽƒœ‘Â?ƒǤ Dz‹–”ƒ––ƒ†‡Ž•‡…‘Â?†‘‹Â?’‹ƒÂ?–‘ †‹Í?͘Â?™…Š‡°•–ƒ–‘”‡ƒŽ‹œœƒ–‘‹Â? Â?‡Â?‘†‹†—‡ƒÂ?Â?‹†ƒŽ‘Â?—Â?‡ •‡…‘Â?†‘“—ƒÂ?–‘’”‡˜‹•–‘†ƒŽ Â?‘•–”‘’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ−’”‡…‹•ƒ •‘††‹•ˆƒ––‘‹Ž•‹Â?†ƒ…‘‹Â?…‡Â?œ‘ ƒÂ?œ‘Â?‹−Ǥ ÂŽ…‘•–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ •ƒ”Â?†‹…‹”…ƒ͙͙͘Â?‹Žƒ‡—”‘ǥ”‹•‘”•‡ †‹•’‘Â?‹„‹Ž‹ƒÂ?…Š‡‰”ƒœ‹‡Ġ—Â? ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒÂ?‡Â?–‘ƒ‰‡˜‘Žƒ–‘†‡ŽŽ‘ –ƒ–‘Ǥ—‡•–‘‹Â?’‹ƒÂ?–‘…‘Â?•‡Â?–‹”Â? †‹ƒ„„ƒ––‡”‡‹…‘•–‹†‹‡Â?‡”‰‹ƒ†‡Ž Â?—‘˜‘…‡Â?–”‘Â•Â‘Â…Â‹Â‘ÇŚÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡Ç¤ ‘‹…”‡†‹ƒÂ?‘Â?‘Ž–‘Â?‡ŽŽ‡ˆ‘Â?–‹ ”‹Â?Â?Â‘Â˜ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‹ÇĄ„ƒ•–‹’‡Â?•ƒ”‡…Š‡‹Â? ͚͜Â?‡•‹ƒ„„‹ƒÂ?‘”ƒ††‘’’‹ƒ–‘ ‹Žˆ‘–‘˜‘Ž–ƒ‹…‘•—Ž–‡””‹–‘”‹‘dzǤDz ÂŽ –‘–ƒŽ‡†‹…ƒ’ƒ…‹–Â?”ƒ‰‰‹—Â?–‘†ƒ “—‡•–‹†—‡ƒŽŽ‡•–‹Â?‡Â?–‹°†‹͙͘͘ Â?™Č‚Šƒ…‘Â?…Ž—•‘‹Ž•‹Â?†ƒ…‘ȂǤ‘Â?‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‹Â•Â‘…Š‡‰Ž‹‡Â?–‹’—„„Ž‹…‹ †‡„„ƒÂ?‘‡••‡”‡‹’”‹Â?‹ƒ†ƒ”‡ Žǯ‡•‡Â?’‹‘•—ŽŽ‡ˆ‘Â?–‹”‹Â?Â?‘˜ƒ„‹Ž‹ ‹Â?“—ƒÂ?–‘‹Ž„‡Â?Â‡ÂˆÂ‹Â…Â‹Â‘ÇĄÂ?‘Â?•‘Ž‘ ‡…‘Â?‘Â?‹…‘ǥÂ?ƒƒÂ?…Š‡ƒÂ?„‹‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ”‹…ƒ†‡•—ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?dzǤČ‹Â?–Â?ČŒÇ¤

Chi Siamo Accompagnare il pellegrino e il viaggiatore nel suo cammino, fornendo la massima professionalità e la profonda esperienza maturata, è la passione di Sogevitour, divenuto in breve tempo un punto di riferimento per i Pellegrinaggi e il Turismo Religioso e Culturale. Alle classiche mete ormai consolidate come Lourdes, Nevers,Terra Santa, Fatima, Santiago, San Giovanni Rotondo e Banneux, abbiamo aggiunto nuovi percorsi di approfondimento turistico e culturale. La Nostra Vocazione Andare alle radici del nostro essere, vocazione religiosa e grande respiro culturale. Nuovi percorsi spirituali alla scoperta di luoghi e terre in cui fede e cultura si fondono in un unico cammino di ricerca da vivere fino in fondo per andare alle radici del nostro essere cristiani. Vengo Anch’Io Nel solco della tradizione dell’OFTAL (Opera Federativa Trasporto Ammalati a Lourdes) molte delle nostre proposte, pur riprendendo itinerari e luoghi comuni ad altri operatori del settore, hanno la grande particolarità di rivolgersi anche alle persone disabili, alle quali viene riservato da sempre un trattamento molto curato e personalizzato. 9 L D  * L R E H U W L    %          7U L Q R  9 &   _   W H O               _  Z Z Z V R J H Y L W R X U F R P

Spagna cattolica Andalusia Gran tuor della Polonia La Santa Russia

â‚Ź 1.190 da â‚Ź 1.045 â‚Ź 1.340 â‚Ź 2.065

27 aprile - 1 maggio 23 - 28 aprile 14 - 20 maggio 11 -19 settembre

* Terra Santa a piedi, sulle orme dei primi pellegrini e dei crociati, Cammino di Santiago, tratto francese e altro su richiesta.

Pellegrinaggio Diocesano - Sezione di Brescia Lourdes 6 - 12 agosto 2012 interviene S. E. Mons. Luciano Monari vescovo di Brescia ,VFUL]LRQLWHO &HOHVWH  5HQDWR ZZZRIWDOEUHVFLDLW


͙͚

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

••‹�‘ ŽŽƒ•…‘’‡”–ƒ†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘

‘”�‘ ‘”�ƒ‹ŽƒŽ‹‘†‹ƒ�ƒ”–‹�‘

L’associazione Pro loco “Per Osèmâ€? propone una serie di escursioni guidate alla scoperta del territorio ossimese, con la ďŹ nalitĂ  di studiare e realizzare itinerari naturalistici, storici e culturali, che sono state denominateâ€?Esplorando Ossimoâ€?. In questo contesto domenica 15 luglio si svolgerĂ  la prima escursione tra i 1000 e i 1200 metri di quota tra le localitĂ  AndarĂš, Predenar e Baleggie, con partenza da piazza Roma

Borno si prepara a un tuffo nel passato con il Palio di San Martino: una magica atmosfera medievale nelle musiche, nei sapori, e in un paese trasformato come tanti secoli fa. A farla da padrona una gara, fatta di giochi antichi rivisitati, che coinvolge le sei contrade di Borno: ecco quindi il torneo di palla corda, la corsa del formaggio, il combattimento sulla trave, lo scontro della battagliola tra combattenti mascherati, e ancora la corsa con gli zoccoli, la pignatta,

alle ore 9 e rientro previsto per le ore 17; il pranzo sarĂ  al sacco. Durante l’escursione verranno effettuati alcuni rilievi topograďŹ ci e toponomastici per identiďŹ care e documentare le caratteristiche del territorio attraversato. Si studieranno i percorsi piĂš agevoli e le indicazioni cartograďŹ che in modo che l’esperienza sia piacevole e accessibile per tutti. Nel contempo, se possibile, verranno eseguiti anche alcuni lavori di pulizia dei percorsi.

gli anelli, ďŹ no al campionato di tira la corda al gatto. Si comincia la sera del 13 luglio, a partire dalle 20.30, con la sďŹ lata dei giocatori di tutte le contrade, che conuiranno nella piazza principale del paese, dove avverrĂ  la benedizione dei vessilli e si ingaggerĂ  subito la battagliola. La giornata di sabato 14, dalle 9 sino al banchetto serale, sarĂ  dedicata alle gare. Domenica 15, dopo la Santa Messa mattutina, si disputeranno le ultime gare e nel pomeriggio verrĂ  decretata la contrada vincitrice.

  

†‘Ž‘‡‹�‹œ‹ƒ–‹˜‡†‡ŽŽƒ„‡ŽŽƒ•–ƒ‰‹‘�‡

3DUURFFKLDG¡HVWDWH  

   

'

avvero un periodo intenso questo per la comunitĂ  di Edolo. Giugno si è aperto con la prima messa di don Claudio Sarotti. Il traguardo tagliato dal novello sacerdote edolese ha suscitato l’entusiasmo generale. L’oratorio, guidato da don Simone Paganin, non solo ha avuto grande parte nel tributo gioioso per uno dei suoi figli divenuto presbitero, ma sullo slancio ha portato a termine fra il 14 e il 17 giugno la festa dell’oratorio, ribattezzata in loco “Oratorenfestâ€?. D’altra parte, come tiene a ricordare don Simone “finiscono la scuola, il catechismo, i mille impegni che durante l’anno ‘soffocano’ un pochino i nostri ragazzi. Quindi, i mesi estivi sono importanti per ‘tirare il fiato’, riposarsi un pochino fisicamente e mentalmente, ma sono anche gli unici momenti in cui si possono vivere delle esperienze prolungate, che la quotidianitĂ  impedisce di attuare durante l’anno. Ecco perchĂŠ l’oratorio in estate non si ferma, anzi, intensifica la sua attivitĂ !â€?. Ora è in pieno svolgimento l’affollato grest ‘PaspartÚ’, dove l’occasione educativa intende fare di questa esperienza un qualcosa di piĂš di un ‘parcheggio estivo’ per bambini e ragazzi. Giochi a squadre, gite e momenti piĂš riflessivi ne compongono il programma. Sul fronte ‘animatori’ il tentativo di

    

ÂŽ‰”‡•–°“—ƒŽ…‘•ƒ †‹’‹Î†‹—Â?’ƒ”…Š‡‰‰‹‘ ‡•–‹˜‘’‡”„ƒÂ?„‹Â?‹ ‡”ƒ‰ƒœœ‹Ǥ—Žˆ”‘Â?–‡ ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹Žƒ•ˆ‹†ƒ °Žƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ farne degli ‘educatori’, grazie ad una adeguata preparazione. In questo senso si colloca anche la partecipazione all’iniziativa diocesana “Vi attendiamo!â€?, per aiutare le parrocchie della diocesi di Modena-Nonantola dove il grest rischia di saltare perchĂŠ il terremoto ha danneggiato le strutture degli

oratori. La raccolta fondi per dotare queste comunità di adeguate tensostrutture, ha trovato buona accoglienza. Resta da dire della proposta per adolescenti e giovani. Con loro non si vuole semplicemente fare una vacanza, ma un’esperienza che sia davvero incisiva per la vita. L’invito è a vivere una particolare settimana di servizio caritativo (23-28 luglio) insieme ad altri ragazzi provenienti da tutta Italia, presso il Sermig di Torino. Ci sarebbe da dire delle iniziative del gruppo Scout per arrivare infine alla festa patronale di Santa Maria Nascente, ma allora sarà l’8 di settembre e ormai i cantieri saranno aperti per il nuovo anno pastorale.

ƒ’‘†‹‘�–‡

Ž‹‡˜‡�–‹†‡Ž…‡�–”‘ •–—†‹’”‡‹•–‘”‹…‹

•ŽƒŽ…ƒ�‘�‹…ƒ —––‹‹�—�‡”‹ †‡‰Ž‹‹�–‡”˜‡�–‹

ÂŽ‹’ƒ”–‹Â?‡Â?–‘”‹…‡”…ƒ‡ ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž‡Â?–”‘…ƒÂ?—Â?‘ †‹•–—†‹’”‡‹•–‘”‹…‹ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ—Â? ‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‡…‹…Ž‘†‹‹Â?…‘Â?–”‹•— –‡Â?ƒ–‹…Š‡ÂƒÂ”…Š‡‘Ž‘‰‹…Š‡ǥ•–‘”‹…Š‡ ‡ƒÂ?–”‘’‘Ž‘‰‹…Š‡ǣ—Â?ƒ•‡”‹‡†‹ …‘Â?ˆ‡”‡Â?ÂœÂ‡ÇĄŽƒÂ?ƒ‰‰‹‘”’ƒ”–‡†‡ŽŽ‡ “—ƒŽ‹Šƒ…‘Â?‡•‡†‡Žƒ…ƒ’‘Â?–‹Â?ƒ ‹––ƒ†‡ŽŽƒ†‡ŽŽƒ…—Ž–—”ƒǤ’”‡ǥ •ƒ„ƒ–‘͚͙Ž—‰Ž‹‘Dz ÂŽ…‘Â?’Ž‡••‘ †‡ŽŽ‡‹Â?…‹•‹‘Â?‹…ƒÂ?—Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘ †‡Ž’‹Î˜ƒ•–‘“—ƒ†”‘‡—”‘’‡‘Ǥ ‡‰—‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͛Ž—‰Ž‹‘‹Â?œ‹ƒ ‡––‹Â?‡•…Š‹…‘Â?Dz‡ˆ‹‰—”‡†‹‘”ƒÂ?–‹ ‡‰”ƒÂ?†‹njÂ?ƒÂ?‹dzǤ—Â?‡†¿͚͛Ž—‰Ž‹‘ –‘……ƒĠŽ„‡”–‘ÂƒÂ”Â”Â‡Â–Â–ÂƒÇŁDzÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘ Â?‡ǣ—‘Â?‹Â?‹‡ƒÂ?‹Â?ƒŽ‹Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‡ ”—’‡•–”‡†‹ƒŽ…ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇłÇ¤ ‡”…‘Ž‡†¿ÍšÍ?Ž—‰Ž‹‘‡Â?ƒ–‘†‡Ž ‘Â?–‡’”‘’‘””Â?—Â?ƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‡ †ƒŽ–‹–‘Ž‘Dz‡ŽŽƒ–‡””ƒ†‡ŽÂ†Â”ÂƒÂ‰Â‘Ç˘ Â?‘–‡‹Â?•‘Ž‹–‡†‹˜‹ƒ‰‰‹‘Â?‡Ž ”‡‰Â?‘Š‹Â?ƒŽƒ›ƒÂ?‘†‡ŽŠ—–ƒÂ?Çł ’‡”Žƒ‘…‹‡–Â?‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒ†‹•–‘”‹ƒ †‡ŽŽ‡”‡Ž‹‰‹‘Â?‹Ǥ‡Â?‡”†¿ÍšÍ&#x;Ž—‰Ž‹‘ ‹‡”Ž—‹‰‹‘ŽÂ?‹†ƒ’ƒ”Ž‡”Â?†‹ DzŽ…—Â?‡•‹Â?‰‘Žƒ”‹…‘””‡Žƒœ‹‘Â?‹–”ƒ ’•‹…‘’ƒ–‘Ž‘‰‹ƒ‡†ƒ”–‡”—’‡•–”‡dz Č‹ÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡°•’‡…‹ƒŽ‹•–ƒ†‹’•‹…‘Ž‘‰‹ƒ …Ž‹Â?‹…ƒ‡’ƒ–‘Ž‘‰‹…ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â? †‹ÂƒÂ”Â‹Â‰Â‹ČŒÇ¤ƒ„ƒ–‘͚͠Ž—‰Ž‹‘ƒ…—”ƒ †‹Žˆ‡”–‹Ž••‘Â?…‹•ƒ”Â?Dz‘…Â?”–‹Â? …ƒÂ?†‹Â?ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÇŁ—Ž–—”‡•ǥ”ƒ†‹–‹‘Â?• ƒÂ?†Š”‘Â?‘Ž‘‰›Ǣȋ‹Ž”‡Žƒ–‘”‡° †‹”‡––‘”‡†‡ŽDz™‡†‹•Š‘…Â?”– ‡•‡ƒ… ږ‡„‘”‰Â?Â‹Â˜Â‡Â”Â•Â‹Â–Â›ÇłÇĄ Â˜Â‡ÂœÂ‹ÂƒČŒÇ¤ŽŽ‡‘”‡Í™Í&#x;Ç¤Í›Í˜ÇŁŠ”‹•–‘’Š‡” Š‹’’‹Â?†ƒŽ‡…‘Â?–‹Â?—‡”Â?…‘Â?Dz‘…Â? ”–‹Â?„‘”‹‰‹Â?ƒŽÂ—Â•Â–Â”ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇłÇ¤ —Â?‡†¿͛͘Ž—‰Ž‹‘ÇĄ‹Â?ˆ‹Â?‡ǥ Žǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘†‹ ‡”Â?ƒÂ?‘‹–‡ŽŽ‹ǣ Dzǯ‡–Â?†‡Žˆ‡””‘Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡ÂƒÂ?‡†‹‘nj ÂƒÂ†Â”Â‹ÂƒÂ–Â‹Â…ÂƒÇłÇ¤Č‹Â‡Ç¤Â‰Ç¤ČŒ

1†‹•’‘Â?‹„‹Ž‡Žƒ„ƒÂ?…ƒ†ƒ–‹͚͙͙͘ ”‡†ƒ––ƒƒ…—”ƒ†‡Ž…‘Â?–”‘ŽŽ‘†‹ ‰‡•–‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ•Ž†‹ƒŽ…ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇŚ ‡„‹Â?‘Ǥ‡…‹ˆ”‡”‹˜‡ŽƒÂ?‘Žǯ‹Â?…‹†‡Â?œƒ †‹Â?ƒŽƒ––‹‡‡‹Â?–‡”˜‡Â?–‹Ž—Â?‰‘‹Ž …‘”•‘Â?‘Â?–ƒÂ?‘†‡ŽŽǯ‰Ž‹‘’‡” “—ƒÂ?–‘”‹‰—ƒ”†ƒ—Â?ƒ˜ƒ”‹‡–Â?†‹ Â…ÂƒÂ•Â‹ÇĄ†ƒ‹–”ƒ’‹ƒÂ?–ƒ–‹ƒ‹•‘ˆˆ‡”‡Â?–‹ †‹‹Â?•—ˆˆ‹…‹‡Â?œƒ”‡Â?ƒŽ‡†ƒŽŽ‡ ’‡”•‘Â?‡ƒˆˆ‡––‡†ƒÂ?ƒŽƒ––‹‡ ‡Â?†‘…”‹Â?‡‡Â?‡–ƒ„‘Ž‹…Š‡ƒ‹ •‘ˆˆ‡”‡Â?–‹†‹’ƒ–‘Ž‘‰‹‡”ƒ”‡Ǥ‡ ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‹’‹ÎƒŽ–”‡”‹‰—ƒ”†ƒÂ?‘ ‹…ƒ”†‹‘˜ƒ•…—Ž‘’ƒ–‹…‹Č‹Í?Í™ÇĄÍ™ÍœÎŹČŒÇĄ‹ †‹ƒ„‡–‹…‹Č‹Í™ÍœÇĄÍžÍšÎŹČŒ‡†‹Â?‡‘’Žƒ•–‹…‹ Č‹Í™ÍœÇĄÍšÍ ÎŹČŒÇ¤—––‹‹•‘‰‰‡––‹Ç˛ÂˆÂ”ÂƒÂ‰Â‹ÂŽÂ‹ÇłÇĄ ’‡”…Š¹ƒˆˆ‡––‹†ƒ—Â?ƒ’ƒ–‘Ž‘‰‹ƒ …”‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄÂ…ÂŠÂ‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘͚͙͙͘ ŠƒÂ?Â?‘ƒ˜—–‘—Â?…‘Â?–ƒ––‘…‘Â?Žƒ •ƒÂ?‹–Â?Č‹Â?‘Â?•‘ŽƒÂ?‡Â?–‡…‘Â?ÂŽÇŻ•Ž ƒŽ…ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‡„‹Â?‘ǥÂ?ƒ…‘Â?–—––‡ Ž‡•–”—––—”‡ƒ……”‡†‹–ƒ–‡†ƒŽ‡”˜‹œ‹‘ •ƒÂ?‹–ƒ”‹‘”‡‰‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ČŒ…Š‡Šƒ’‘”–ƒ–‘ ƒŽŽƒ†‡ˆ‹Â?‹œ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ‡•‡Â?œ‹‘Â?‡ ’‡”Â’ÂƒÂ–Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹ÂƒÇĄĠ—Â?ƒ–‡”ƒ’‹ƒ ˆƒ”Â?ÂƒÂ…Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…ÂƒÇĄĠ—Â?”‹…‘˜‡”‘‘Ġ —Â?ƒ˜‹•‹–ƒÂ•Â’Â‡Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹Â•Â–Â‹Â…ÂƒÇĄ˜‡Â?‰‘Â?‘ ‹Â?•‡”‹–‹‹Â?—Â?ˆ‹Ž‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒ–‹…‘ …Š‡•‹…Š‹ƒÂ?ƒƒ’’—Â?–‘ƒÂ?…ƒ †ƒ–‹ƒ••‹•–‹–‘ǤÂƒÇĄƒ…‘•ƒ’—Ö •‡”˜‹”‡Žƒ„ƒÂ?Â…ÂƒÇŤ‡””‡‰‹•–”ƒ”‡Žƒ Â?‘”„‘•‹–Â?ÇĄ…‹‘°ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‘Ž—œ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡ Â?ƒŽƒ––‹‡•—Ž–‡””‹–‘”‹‘ǥ‘˜˜‡”‘ “—ƒÂ?–‹•‘‰‰‡––‹•‘Â?‘ƒˆˆ‡––‹†ƒ †‡–‡”Â?‹Â?ƒ–‡’ƒ–‘Ž‘‰‹‡…”‘Â?‹…Š‡ ‡“—ƒÂ?–‹ŠƒÂ?Â?‘Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒ–‘Žƒ Â?ƒŽƒ––‹ƒ’‡”Žƒ’”‹Â?ƒ˜‘Ž–ƒÂ?‡ŽŽ‘ •–‡••‘ƒÂ?Â?‘Č‹Â–ÂƒÂ•Â•Â‘†‹‹Â?…‹†‡Â?ÂœÂƒČŒÇ˘ ’‡”ƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡Ž‡Â?ƒš‹‡Â?‡”‰‡Â?ÂœÂ‡Ç˘ Ġ‡•‡Â?’‹‘’‡”Žƒ’”‡˜‡Â?œ‹‘Â?‡†‡‹ ”‹•…Š‹†‘˜—–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?Â?ƒŽœƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ –‡Â?’‡”ƒ–—”ƒ‡•–‹˜ƒǤČ‹Â‡Ç¤Â‰Ç¤ČŒ


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

͙͛

ƒŽ•ƒ˜‹‘”‡

ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‡ŽŽƒ Â‹Â‡Â”ÂƒÇŁ–—––‹‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ La Fiera della sostenibilitĂ  nella natura delle Alpi si articola in quattro giorni con un totale di oltre 30 appuntamenti. Si inizia giovedĂŹ 12 luglio alle 10 al Rifugio Cai Lissone con il convengo “Alta qualitĂ : un messaggio di sostenibilitĂ  dai rifugi alpini verso la pianuraâ€?. Alle 17 presso il Musil di Cedegolo ci sarĂ  l’inaugurazione della Fiera; alle 19.00 la consegna delle bandiere verdi di Legambiente durante la tappa della Carovana delle Alpi; alle 20 a Monte di

Berzo Demo l’apertura degli stand gastronomici tipici e alle 21.30 nella Centrale Enel di Cedegolo musica e canti dal mondo celtico con “Morrigan’s wakeâ€?. VenerdĂŹ 13 luglio sono previsti quattro eventi: il primo alle 9.30 alla Casa del Parco dell’Adamello a Cevo con un convegno sull’attuazione della Convenzione delle Alpi; alle 11.30 a Berzo Demo ci sarĂ  l’inaugurazione della centrale Green Power di Forno d’Allione; a Sellero alle 15 nelle Torri della “Fabbrica della calceâ€?

con l’inaugurazione della mostra “Abitare minimo nelle Alpiâ€? e il quarto evento dalle 18 a Cedegolo al Musil (nella foto), cui segue alle 20.30 la visita al Parco solare di Cevo e un appuntamento con musica popolare d’autore. Sabato 14 luglio è la giornata dedicata al recupero della pietra istoriata dal villaggio minerario preistorico del “Dos del CurĂšâ€?, mentre in serata a Cevo ci sarĂ  la manifestazione “Cento fuochiâ€?. Quattro gli eventi di domenica: il primo sul tema

dell’alpeggio a Cevo allo spazio feste alle 10; sempre alle 10 ci saranno le visite guidate alla centrale Green Power di Forno d’Allione, a seguire a Cevo la presentazione del “Minifestival Scienza & Ambienteâ€? e alle 21 a Saviore dell’Adamello “Viva le nostre bandeâ€?, con le bande di Cevo e Demo. Ci saranno iniziative riservate ai giovani: arrampicata sportiva, conoscenza delle erbe ofďŹ cinali, escursione sui sentieri notturni della Valsaviore, orienteering. (f.g.)

Â‘Â˜Â‡Â”Â‡Č€Í™ ”‘•‡‰—‡‹Ž…‹…Ž‘

Â?…‘Â?–”‹…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡

Â‘Â˜Â‡Â”Â‡Č€Íš Â?™‡‡Â?‡Â?† †‹Â?—•‹…ƒ‡–‡ƒ–”‘

ƒŽ•ƒ˜‹‘”‡ƒŽ͙͚‰‹—‰Â?‘ŽƒDz ‹‡”ƒ†‡ŽŽƒ•‘•–‡Â?‹„‹Ž‹–Â?Çł

—ŽŽ‡”‹˜‡†‡Žƒ‰‘†ǯ •‡‘ǥÂ?‡ŽŽƒ …ƒ”ƒ––‡”‹•–‹…ƒ’‹ƒœœƒ†‹‘˜‡”‡ …‘Â?–‹Â?Â—ÂƒÇĄ…‘Â?†—‡‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‹ ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹˜‡Â?‡”†¿͙͛‡•ƒ„ƒ–‘ ͙͜Ž—‰Ž‹‘ǥ‹Ž…‹…Ž‘Dz Â?…‘Â?–”‹…‘Â? ÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡ÇłÇ¤ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ‰‹—Â?–ƒƒŽŽƒÍ?Ć…‡†‹œ‹‘Â?‡ǥ•‹•˜‘Ž‰‡”Â? ƒÂ?…Š‡Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ƒŽŽƒŽ‹„”‡”‹ƒ ‘Â?†ƒ†‘”‹Ǥƒ„ƒ–‘•‡”ƒ•‹’‘–”Â? ƒ••‹•–‡”‡ƒŽŽƒ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž Ž‹„”‘DzŽ‹˜‹ƒǤ˜˜‡”‘ŽƒŽ‹•–ƒ†‡‹ †‡•‹†‡”‹’‘••‹„‹Ž‹dz†‹ƒ‘ŽƒÂƒÂŽÂ˜Â‡Â––‹ǥ Â?‘–ƒ•…”‹––”‹…‡‡‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–ƒ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒǤ ÂŽŽ‹„”‘…‹”‹’‘”–ƒŽƒ•–‘”‹ƒ †‹ÂŽÂ‹Â˜Â‹ÂƒÇĄ’ƒ”–‡Â?†‘†ƒ—Â?‹Â?‹œ‹‘ Â?‘Ž–‘Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇŁ‰Ž‹•‰—ƒ”†‹†‹ †—‡„ƒÂ?„‹Â?‹…Š‡•‹•ˆ‹‘”ƒÂ?‘†ƒ Ž‘Â?–ƒÂ?‘Ǥ—ƒŽ…Š‡ƒÂ?Â?‘†‘’‘ǥŽƒ ’‘…‘’‹Î…Š‡–”‡Â?–‡Â?Â?‡ÂŽÂ‹Â˜Â‹ÂƒÇĄ ƒ’‘…Š‹‰‹‘”Â?‹†ƒŽƒ–ƒŽ‡˜‹‡Â?‡ Ž‹…‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄ‘Â?‡‰Ž‹‘Â?‘Â?‡••‡Â?†‘ Â?ƒ‹•–ƒ–ƒƒ••—Â?–ƒ’‡”†‡‹Ž’‘•–‘†‹ Žƒ˜‘”‘’”‡…ƒ”‹‘Ǥ‘•¿ǥ…‘Â?Žƒ•‘Žƒ …‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒ†‡ŽŽ‘•…ƒ–‘Ž‘Â?‡‹Â?…—‹ Šƒ”‹’‘•–‘–—––‹‰Ž‹‘‰‰‡––‹…Š‡Šƒ †‘˜—–‘’‘”–ƒ”‡˜‹ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹Â‘ÇĄ†‹ —Â?ƒ„—‘Â?ƒ†‘•‡†‹Â?ƒŽ‹Â?…‘Â?‹ƒ‡ †‡‰Ž‹•–”ƒ–ƒ‰‡Â?Â?‹…Š‡ŽƒÂ?‘Â?Â?ƒ Ž‡Šƒ‹Â?•‡‰Â?ƒ–‘’‡”ƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡ Ž‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?ÇĄŽ‹˜‹ƒ•‹ƒ˜˜‹ƒ’‡”Ž‡ •–”ƒ†‡†‡ŽŽƒ•—ƒ…‹––Â?Ǥ ÂŽŽ‹„”‘…‹ ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ‹Â?“—‡•–‘˜‹ƒ‰‰‹‘†‹ ”‹…‘”†‹†‡ŽŽƒ‰‹‘˜ƒÂ?‡’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–ƒ …Š‡†‘’‘ƒ˜‡”–”‘˜ƒ–‘”‹’ƒ”‘‹Â? —Â?Â„ÂƒÂ”ÇĄ•…‘””‡‹Ž•—‘…—””‹…—Ž—Â? ’‡Â?•ƒÂ?†‘ƒ–—––‘…‹Ö…Š‡“—‡ŽŽ‡ ’ƒ‰‹Â?‡•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒÂ?‘Ǥ‡Â?‡”†¿Â•Â‡Â”ÂƒÇĄ ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ•‹•˜‘Ž‰‡”Â?Žƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ Dz‡Ž‡‰‰‹†‡ŽŽƒ’”‘•’‡”‹–Â?Çł…‘Â? ‡”‡Â?ƒƒ‰ƒÂ?‡ŽŽ‹ǣ•‹’ƒ”Ž‡”Â? †‹…‘Â?‡…‘Â?‘•…‡”‡Ž‡’”‘’”‹‡ …ƒ’ƒ…‹–Â?‡‹ŽÂ?‘†‘’‹Î’”‘ˆ‹…—‘’‡” —–‹Ž‹œœƒ”Ž‡ǤČ‹Â?Ç¤Â’Ç¤ČŒ

Â?ˆ‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ†‹Â?—•‹…ƒ‡ ”‹…‘”†‹ƒ––‡Â?†‡Â‘Â˜Â‡Â”Â‡ÇĄ‰”ƒœ‹‡ƒŽŽ‡ ‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡’”‘’‘•–‡ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ••‡••‘”ƒ–‘ƒŽŽƒ…—Ž–—”ƒ’‡” •ƒ„ƒ–‘͙͜‡†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í?Ž—‰Ž‹‘ ͚͙͚͘Ǥ Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ•ƒ„ƒ–‘•‡”ƒƒŽŽ‡ ͚͘Ǥ͜Í?ÇĄ•ƒ”Â?’‘••‹„‹Ž‡ƒ•…‘Ž–ƒ”‡Ž‡ …Žƒ••‹…Š‡Â?‘–‡†‡Ž…‘Â?…‡”–‘†‡‹ –ƒŽ‡Â?–‹†‡ŽDz‡„‹Â?‘•—Â?Â?‡”Â…ÂŽÂƒÂ•Â•ÇłÇ¤ Â?ǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ Â?ƒ–‘…‘Â?ÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘†‹…‘Â?‹—‰ƒ”‡ ŽƒÂ?—•‹…ƒ…Žƒ••‹…ƒ‡‹Ž–ƒŽ‡Â?–‘†‹ ‰‹‘˜ƒÂ?‹ƒ”–‹•–‹Ǥ‡Ž…‘”•‘†‡ŽŽƒ Â•Â‡Â”ÂƒÂ–ÂƒÇĄ…Š‡•‹•˜‘Ž‰‡”Â?Â?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ †‡‹ˆ”ƒ–‹ƒ’’—……‹Â?‹ǥ•‹‡•‹„‹”ƒÂ?Â?‘ǣ

‹‘˜ƒÂ?Â?‹ Â?‘……Š‹ǥ —‡•–”‹Â?…‹’ƒŽ ‡ŽŽ‹•–†‡ŽŽƒ‘›ƒŽŠ‹ŽŠƒ”Â?‘Â?‹… Â”Â…ÂŠÂ‡Â•Â–Â”ÂƒÇ˘‹Â?‘Â?‹†‡”ƒ…‘Â?‹ǥ ’”‹Â?ƒ‹‘Žƒ…ƒŽƒ†‹‹ŽƒÂ?‘Ǣ‰Ž‹ ƒŽŽ‹‡˜‹†‡Žƒ•–‡”…Žƒ••‡ÂŽÇŻÂ‘”…Š‡•–”ƒ Dz —•‹…‹†‹ƒ”Â?ÂƒÇłÇ¤ ÂŽŽ—……‹…Š‹‘†‡Ž Žƒ‰‘‡Žƒ…ƒŽ†ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ‡•–‹˜ƒ •ƒ”ƒÂ?Â?‘•ˆ‘Â?†‘†‡ŽŽ‡†—‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ …Š‡ƒ˜”ƒÂ?Â?‘Ž—‘‰‘Â?‡Ž’ƒ”…‘ †‡Ž‘”–‘–—”‹•–‹…‘†‹‘˜‡”‡Ǥƒ ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ‹Â?‹œ‹‡”Â?‹Â?ˆƒ––‹ƒŽŽ‡͙͞Ǥ͛͘ …‘Â?‹Ž…‘Â?…‡”–‘†‡Ž…ƒÂ?–ƒ—–‘”‡Dz ÂŽ ‡’‹dz‡Žƒ•—ƒ„ƒÂ?†Dz‡’‹ĆŹ–Š‡ ”‹•Â?ÂƒÂ•ÇłÇĄÂ?—•‹…ƒ…Š‡ƒÂ?‹Â?‡”Â?‹Ž ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘Ž‘˜‡”‡•‡Ǥ‹’”‘•‡‰—‹”Â? ƒŽŽ‡͚͙…‘Â?—Â?‘•’‡––ƒ…‘Ž‘ …‘Â?Â?‡Â?Â‘Â”ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇŁ‹Ž’—„„Ž‹…‘’‘–”Â? ƒ••‹•–‡”‡ƒŽÂ?‘Â?‘Ž‘‰‘Dz Ž‡Â?‘ǥÍ™ †‹…‡Â?„”‡͙͚ͥ͛dzǥ‰”ƒœ‹‡ƒŽŽƒ˜‘”‘ †‡Ž‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–ƒÂ?ƒÂ?—‡Ž‡—”‡ŽŽ‹Ǥ —Ž’ƒŽ…‘ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?‡”ƒÂ?Â?‘ Žǯ‹Â?–‡”‘Â•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ…Â‘ÂŽÂ‘ÇĄƒ––”ƒ˜‡”•‘ ÂŽÇŻÂ‡Â•Â‡Â…Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡ŽŽ‡…‘Ž‘Â?Â?‡•‘Â?‘”‡ •…”‹––‡†ƒŽƒ—†‹‘‘Â?‹Â?ƒ”†‹‡†‡Ž –‘……ƒÂ?–‡„”ƒÂ?‘Â?—•‹…ƒŽ‡Dz Ž‡Â?‘dzǥ •‡Â?’”‡Žƒ„ƒÂ?†Dz‡’‹ĆŹ–Š‡ ”‹•Â?ÂƒÂ•Çł‡‹Ž…ƒÂ?–ƒ—–‘”‡‹œ‹ƒÂ?‘

Â?…ƒÂ?‹ȋ‹Â?ƒ”–‡Dz ÂŽÂ‡Â’Â‹ÇłČŒÇ¤Č‹Â?Ç¤Â’Ç¤ČŒ



/HEXRQHSUDWLFKH   

3

rima “Fiera della sostenibilitĂ  nella natura alpinaâ€?, dal 12 al 15 luglio in Valsaviore, organizzata dalla ComunitĂ  montana di Valle Camonica, ente gestore del Parco dell’Adamello, per studiare assieme ad enti, persone, alcuni obiettivi comuni e condivisi per la valorizzazione del territorio. La Fiera, che si presenta come una scommessa da vincere, si avvale del dualismo antitetico di due verbi: “sostenereâ€? e “consumareâ€?. Come afferma il direttore del Parco dell’Adamello, Dario Furlanetto, “sostenereâ€? significa tenere qualcosa o qualcuno sollevati, sopportandone il peso e significa anche rinforzare, aiutare, difendere e dare appoggio, accudire e nutrire. Al contrario, “consumareâ€? significa ridurre al nulla e finire un bene con l’uso, logorare, dissipare, sfruttare. Riflettendo sul loro valore nasce l’idea e il progetto di un evento che intende mettere in mostra tutto ciò che un’area marginale alpina è in grado di mostrare. Infatti la relativa marginalitĂ  delle Alpi, mentre le ha rese fragile preda di sistemi economici piĂš forti, le ha anche difese dall’omologazione consumistica sottesa a quei sistemi. Se la “societĂ  dei consumiâ€? non ha futuro allora è necessario costruire un sistema sociale che sappia aiutare, accudire, rinforzare, nutrire uomini e natura. Nelle Alpi le prati-

  

ÂŽŽ‡‹–Â?‘–‹˜ †‡ŽŽƒˆ‹‡”ƒ•‹‰‹‘…ƒ •—Ž†—ƒŽ‹•Â?‘ –”ƒ‹…‘Â?…‡––‹ †‹•‘•–‡Â?‡”‡ ‡…‘Â?•—Â?ƒ”‡ che della sostenibilitĂ  non hanno mai cessato di esistere. Perciò le Alpi oggi possono diventare luogo di sperimentazione di una societĂ  che sappia fare della “sostenibilitĂ â€? (sociale, economica e ambientale) il proprio perno. Su queste basi, la ComunitĂ  montana di Valle Camonica ha fondato questa

prima edizione della Fiera, imperniandola sull’azione coordinata del Servizio parco Adamello con il Servizio cultura e valorizzazione del territorio e con il servizio agricoltura della Comunità montana stessa affidando loro il compito di coinvolgere i vari attori locali, impegnati a vari livelli sugli stessi temi. I capisaldi di questa prima Fiera sono legati alle energie rinnovabili, all’agricoltura e agli alpeggi, alle culture per la montagna. L’evento, che coinvolge in prima persona l’Unione dei Comuni della Valsaviore, intende anche dare adeguata visibilità alla valle ed alle sue risorse. Il progetto è grande, ma l’organizzazione lo ha affrontato con decisione.


͙͜

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

‘Ž‘‰Â?‡ ÂŽ’ƒŽƒœœ‡––‘†‡ŽŽ‘•’‘”– ƒÂ?†„ƒŽŽ ‡•–‡Â?–”ƒÂ?‡Ž˜‹˜‘ Ăˆ cominciata lo scorso week end, ma, per dirla alla Luciano Ligabue, il meglio deve ancora venire. Si tratta dell’Handball Fest 2012, piĂš popolarmente nota a Cologne come la Festa della pallamano.Un appuntamento che ormai da anni (questa è la decima edizione) con successo si rinnova, ma sempre secondo un condiviso e indovinato intento: quello di “creare una festa dagli spiccati connotati enogastronomici, di divertimento per i piĂš piccoli, allietata dalla musica

live serale di band affermate e dove ci si possa amichevolmente ritrovare in un’atmosfera unica e speciale, che solo i volontari sanno magicamente ricreare, anno dopo anno�. Dopo la prima tornata festiva del 6, 7 e 8 luglio, giovedÏ 12 luglio il Palazzetto dello sport di via Dante Alighieri di Cologne, scenario della manifestazione (nella foto), è pronto cosÏ per essere nuovamente invaso: con l’apertura dalle 19 dei giochi gonfiabili per i piÚ piccoli, del servizio cucina e

con l’inizio dalle 21.30 della musica italiana revival targata “Bitta bandâ€?. VenerdĂŹ 13 la festa proseguirĂ  secondo gli stessi orari, anche se la serata sarĂ  allietata dal sound della “Solo Liga Bandâ€? in tributo a Ligabue, mentre sabato 14 è atteso sempre dalle 21.30 lo show da non perdere degli “Mt liveâ€?. Il clou della manifestazione sportiva è in programma però per la giornata conclusiva di domenica 15 quando, a partire da mezzogiorno, si potrĂ  prender parte al “Maxi spiedo alla

brescianaâ€? da 300 posti imbandito al Palasport dai volontari (info e prenotazioni al 347/1531506). Alle 18, il divertimento proseguirĂ  invece per i piĂš piccoli con l’apertura dei gonfiabili gratuiti e l’animazione dei trucca-bimbi itineranti, mentre il top del coinvolgimento sarĂ  probabilmente raggiunto in serata con l’esibizione live della band coccagliese dei “Ponderosa Ranchâ€?, pronta a coinvolgere il pubblico col suo trascinante repertorio di musiche e balli country. (a.s.)

   

—••ƒ‰‘”‘•‡‰—‘�‘‹”‡•–ƒ—”‹†‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡

&KLHVDDSHUWD SHUO¡$VVXQWD    

3

arrocchiale agibile per la festa patronale dell’Assunta. Stanno dando i propri frutti le cure sulla chiesa parrocchiale di Gussago, che a seguito dell’acuirsi di alcune sofferenze strutturali dovute al terremoto emiliano, è da oltre un mese inagibile. L’agibilitĂ  ad agosto sarĂ  però solo temporanea in attesa degli ultimi lavori di consolidamento previsti da settembre, che dovrebbero riconsegnare definitivamente l’antico tempio alla comunitĂ  parrocchiale prima dell’arrivo della brutta stagione. “Siamo soddisfatti di come stanno procedendo i lavori – spiega il parroco don Adriano Dabellani –, sia per come procedono le opere sia per la generositĂ  e l’interesse dei parrocchiani, che finora con le loro offerte generose hanno premesso, nonostante la crisi, di far procedere i lavori per il meglio. Confido che la generositĂ  dimostrata non venga meno anche per far fronte all’aggravio di costi causato dal terremoto, che comunque si è riusciti a contenere al minimo. Fa inoltre piacere che anche la Soprintendenza per i beni architettonici abbia espresso soddisfazione

ƒ”Â?—Â?ÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”Âƒ–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒ‹Â?˜‹•–ƒ†‡‹Žƒ˜‘”‹ †‹…‘Â?•‘Ž‹†ƒÂ?‡Â?–‘’”‡˜‹•–‹’‡”•‡––‡Â?„”‡ǥ…Š‡ †‘˜”‡„„‡”‘”‹Â?‡†‹ƒ”‡†‡Ž–—––‘ƒ‹†ƒÂ?Â?‹’”‘˜‘…ƒ–‹ †ƒŽ•‹•Â?ƒ˜‡”‹ˆ‹…ƒ–‘•‹‹ŽÂ?‡•‡•…‘”•‘ per come il cantiere sta procedendo. A breve inoltre non appena il sottotetto verrĂ  ripulito, verrĂ  data inoltre la possibilitĂ  ai parrocchiani stessi di constatare lo stato di avanzamento dei lavori, osservando la propria chiesa da un punto di vista inusualeâ€?. Ancora per qualche settimana quindi le celebrazioni proseguiranno, nell’antica chiesa di San Lorenzo e in oratorio, mentre da settembre con molta probabilitĂ  si potrĂ  accedere ad una parte della parrocchiale per le celebrazioni festive. Fortunatamente le problematiche relative ai distacchi provocati dal terremoto si sono inserite in un cantiere di recupero e restauro giĂ  aperto sulla chiesa parrocchiale gussaghese il cui costo iniziale era stimato in 1,6 milioni di euro. Cantiere che giĂ  prevedeva consolidamenti antisismici alla luce delle giĂ  evidenti sofferenze, che ave-

vano indotto la parrocchia nonostante la difficile situazione economica a rompere gli indugi e intervenire. Il piano di lavoro come rimarcato dall’architetto Stefano Cartella, curatore dei restauri dovrebbe durare complessivamente 18 mesi (lavori iniziati a febbraio ndr). “Si interverrĂ  a fornire maggiore stabilitĂ  alla struttura – ha ribadito l’architetto Cartella – in particolare con il rinforzo degli elementi che costituiscono l’orditura principale della chiesa sia nell’abside che nella sacrestia che in facciata con l’inserimento di elementi metallici per contrastare le spinte subite dall’edificio. Poi si procederĂ  con il restauro delle coperture e degli intonaci esterni per limitare le infiltrazioni di acqua garantendo l’integritĂ  delle murature nel tempoâ€?. Il successivo intervento riguarderĂ  la sacrestia la canonica e il sagrato.

ƒ•–‡‰�ƒ–‘ ��—‘˜‘�‡œœ‘ ’‡”‹‡”˜‹œ‹•‘…‹ƒŽ‹

ÂŽ’ƒ”…‘†‡‹Â?‡œœ‹ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡†‡‹‡”˜‹œ‹Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÇŚ Ž‹†‡Ž‘Â?—Â?‡†‹ƒ•–‡‰Â?ƒ–‘•‹ƒÂ?’Ž‹ƒ‡•‹’‘–‡Â?œ‹ƒ …‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘‡Žǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?Â?—‘˜‘ˆ‹ƒÂ?Â?ƒÂ?–‡ Â˜Â‡Â‹Â…Â‘ÂŽÂ‘ÇĄƒ’’‘•‹–ƒÂ?‡Â?–‡ƒ––”‡œœƒ–‘’‡”‹Ž–”ƒ•’‘”–‘†‹ ’‡”•‘Â?‡†‹•ƒ„‹Ž‹Ǥ Dz ”ƒœ‹‡ƒŽ•‘•–‡‰Â?‘†‹‹Â?•‡”œ‹‘Â?‹•–‹•‘Ž‹†ƒŽ‹‡…‘Â?‡ ‰‹Â?•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ–‘…‘Â?•—……‡••‘Â?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹’”‡…‡†‡Â?–‹ Č‚ŠƒÂ?Â?‘•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘†ƒŽ‘Â?—Â?‡–Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ –”ƒ…‘Â?—Â?‡‡Žƒ•‘…‹‡–Â?‘„‹Ž‹–Â?‰ƒ”ƒÂ?–‹–ƒÂ‰Â”ÂƒÂ–Â—Â‹Â–ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‡ –ƒŽ‹ƒ•’ƒŠƒ…‘•¿…‘Â?•‡Â?–‹–‘ƒ‹‡”˜‹œ‹‘…‹ƒŽ‹ †‹Â—Â•Â—ÂˆÂ”Â—Â‹Â”Â‡ÇĄ…‘Â?Žƒˆ‘”Â?—Žƒ†‡Ž…‘Â?‘†ƒ–‘Â‰Â”ÂƒÂ–Â—Â‹Â–Â‘ÇĄ †‹—Â?ˆ—Â?œ‹‘Â?ƒŽ‡ ‹ƒ–‘„ŽÖǥ…Š‡°•–ƒ–‘‘Â?‘Ž‘‰ƒ–‘ ’‡”‹Ž–”ƒ•’‘”–‘†‹Â?ÂƒÂŽÂƒÂ–Â‹ÇĄ†‹•ƒ‰‹ƒ–‹‡’‡”•‘Â?‡…‘Â?Â†Â‹ÂˆÇŚ ˆ‹…‘Ž–Â?Â?‘–‘”‹‡dzǤ ƒ•–‡‰Â?ƒ–‘‹Ž•‡”˜‹œ‹‘‘’‡”ƒ–‹˜‘†‹•‘•–‡‰Â?‘ƒŽŽƒ Â?‘„‹Ž‹–Â?•‘…‹ƒŽ‡•—Ž–‡””‹–‘”‹‘˜‹‡Â?‡•˜‘Ž–‘‹Â?•‹Â?‡”nj

‰‹ƒ…‘Â?Ž‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹…‘Â?˜‡Â?œ‹‘Â?ƒ–‡‡‹˜ƒ”‹˜‘Ž‘Â?ÇŚ –ƒ”‹†‡Ž’ƒ‡•‡…Š‡Â?‡––‘Â?‘ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡–‡Â?’‘‡† ‡Â?‡”‰‹‡’‡”Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Ǥ ƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ—ˆˆ‹…‹ƒŽ‡†‹…‘Â?•‡‰Â?ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—–‘˜‡‹…‘Ž‘•‹ °•˜‘Ž–ƒÂ?‡‹‰‹‘”Â?‹•…‘”•‹Â?‡ŽŽƒ…‡Â?–”ƒŽ‡’‹ƒœœƒƒÂ?–‡ Ž‹‰Š‹‡”‹ǥƒŽŽƒ’”‡•‡Â?œƒ†‡ŽŽ‡ƒ—–‘”‹–Â?Â…Â‹Â˜Â‹ÂŽÂ‹ÇĄ˜ƒŽ‡ƒ†‹”‡ †‡Ž’”‹Â?‘…‹––ƒ†‹Â?‘ ‹—•‡’’‡Â”Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇĄ†‡ŽÂ˜Â‹Â…‡nj•‹Â?†ƒ…‘ ƒ–”‹œ‹ƒ—”‡ŽŽ‹‡†‡ŽŽƒ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡†‡ŽŽǯ”‡ƒƒˆˆƒ”‹ ‰‡Â?‡”ƒŽ‹†‡Ž‘Â?—Â?‡ǥ”Â?‡ŽŽƒ ‘œœ‹Â?‹Č‹Â?‡ŽŽƒˆ‘–‘—Â? Â?‘Â?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ†‹…‘Â?•‡‰Â?ÂƒČŒÇ¤ ”‡•‡Â?–‹†—”ƒÂ?–‡Žƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ†‹…‘Â?•‡‰Â?ƒƒÂ?…Š‡—Â? ˆ—Â?œ‹‘Â?ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?‘„‹Ž‹–Â?‰ƒ”ƒÂ?–‹–ƒÂ‰Â”ÂƒÂ–Â—Â‹ÇŚ –ƒÂ?‡Â?–‡ –ƒŽ‹ƒ•’ƒǤ Â?•‹‡Â?‡ƒŽ‘”‘•‹°”‡‰‹•–”ƒ–ƒŽƒ ’”‡•‡Â?œƒ†‡‹”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹†‡‰Ž‹•’‘Â?•‘”…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ ’‡”Â?‡••‘Žƒ…‘Â?…”‡–‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹“—‡•–‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ ‡•‘Ž‹†ƒŽ‡’”‘‰‡––‘Ǥ

 

‘Â?–‡ —‰Ž‹‡ŽÂ?‘ ÂŽÍ™Í™Í˜ÎťƒÂ?Â?‹˜‡”•ƒ”‹‘

)HVWDSHULOPRQXPHQWR GHO5HGHQWRUH Domenica 15 luglio 2012, l’Associazione culturale Redentore, vuole ricordare i 110 anni del monumento posto sulla sommità del Monte Guglielmo intitolato a Cristo Redentore (nella foto). Lo fa con una festa offerta alla comunità, nella quale al momento musicale previsto con l’esibizione di quattro cori (coro della Montagna di Inzino, coro La Faita di Gavardo, coro Erica di Paitone e coro Isca di Iseo) oltre che della Filarmonica Santa Cecilia di Sarezzo, si aggiungerà il pellegrinaggio di molti fedeli saliti fino alla sommità del Monte Guglielmo per partecipare alle ore 11 alla Santa Messa celebrata dal vescovo di Brescia mons. Luciano Monari. Nell’occasione, il Gal GÜlem proporrà una degustazione di prodotti tipici delle nostre valli oltre che, in visione, materiale illustrativo di alcune realtà locali ancora a molti sconosciute. Questa è solo l’ultima tappa di una storia iniziata il 4 agosto 1902 con l’inaugurazione del monumento al Redentore sulla cima di una montagna della Lombardia (in forma analoga nelle altre 20 regioni d’Ita-

‡”Žƒˆ‡•–ƒ ˜‡””�…‡Ž‡„”ƒ–ƒ ‹�“—‘–ƒ —�ƒ‡••ƒ †ƒ�‘�•Ǥ‘�ƒ”‹

lia, all’inizio del secolo, per consacrare l’Italia al Redentore). Il progetto dell’architetto Carlo Melchioni, era stato voluto e sostenuto da Giorgio Montini, padre del futuro papa Paolo VI, che nel 1966, volle riportare al primitivo splendore il monumento che necessitava di un energico restauro. Ulteriori interventi si succedettero negli anni, fino all’ultimo nel 2011, quando è stato realizzato un mosaico (l’ultimo di una lunga serie), per impreziosire l’interno del monumento. Questo mosaico, realizzato in vetro di Murano dai mosaicisti Travisanutto, rappresenta la “Madonna dell’accoglienzaâ€?, firmata dall’artista bresciano Furri con la benedizione di mons. Bruno Foresti.


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

Í™Í?

Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡’”‘nj–‡””‡Â?‘–ƒ–‹ ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í?Ž—‰Ž‹‘•‡”ƒ–ƒ‹Â?Â?—•‹…ƒ’‡””ƒ……‘‰Ž‹‡”‡ˆ‘Â?†‹ Come il sindaco Zanni aveva annunciato, grazie alla collaborazione di numerose associazioni cittadine (coro “La Rocchettaâ€?, associazione “Terzarmonicaâ€?, corpo musicale â€?CittĂ  di Palazzoloâ€?, centro di formazione Musicale “Riccardo Moscaâ€?, gruppo Alpini, Protezione civile, associazione commercianti di Piazza Roma), domenica 15 luglio la piazza centrale di Palazzolo ospiterĂ  una serata musicale dalle 19 alle 24, come momento di solidarietĂ 

verso le comunitĂ  colpite dal terremoto e con una raccolta di fondi da parte del gruppo Alpini e della Protezione civile. Accogliendo l’invito dell’Anci. Lombardia, il Comune di Palazzolo intende aderire cosĂŹ all’iniziativa “Adotta un Comune terremotatoâ€? che si traduce in un’azione di supporto a favore delle popolazioni e delle strutture danneggiate. In particolare, per quelle del Comune di Moglia, nel mantovano (nella foto), con cui ci si è gemellati. In quelle zone

si sono recentemente recati i volontari del gruppo comunale della Protezione civile e del gruppo di Protezione civile Ana di Palazzolo sull’Oglio, rispettivamente nel Comune di San Giacomo delle Segnate e nel Comune di Moglia. Entrambi i gruppi hanno potuto rilevare la gravità dei danni causati dalle ripetute scosse di terremoto ed aiutare le persone ospitate nelle tendopoli. La serata sarà caratterizzata da un susseguirsi di brani musicali di

vario genere, con ďŹ lmati, immagini, mentre ai lati della piazza i bar e i commercianti offriranno un aperitivo e il gruppo Alpini panini con salamina; è gradita l’offerta, con ricevuta, che verrĂ  devoluta al Comune di Moglia. Le iniziative pro-terremotati proseguiranno nel mese di settembre con un concerto dell’associazione “Amici della Musicaâ€? di Palazzolo, presso l’Auditorium S. Fedele, a favore del Comune di Mirandola. L’invito è esteso a tutta la cittadinanza. (l.d.)

 ƒÂ?ƒÂ?…”ƒœ‹‘ ÂŽ•‹–‘ƒ”…Š‡‘Ž‘‰‹…‘’‘–”‡„„‡•’‹‡‰ƒ”‡Žƒ•–‘”‹ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”‡ƒ

/DYLOODURPDQD ILQHVWUDVXOSDVVDWR ƒ‰Ž‹ƒÂ?Â?‹‡••ƒÂ?–ƒ†ƒ—Â?…ƒÂ?’‘…‘Ž–‹˜ƒ–‘‹Â?Ž‘…ƒŽ‹–Â?‘””‡––ƒ•’—Â?–ƒÂ?‘”‡’‡”–‹ ÂƒÂ”Â…ÂŠÂ‡Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…Â‹ÇŁ‹Â?†‹œ‹’‡”…‘Â?’”‡Â?†‡”‡Ž‡‘”‹‰‹Â?‹”‡Â?‘–‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„‹–ƒ–‘     

0

olto spesso pensando all’archeologia le prime immagini che giungono alla mente sono quelle di rovine maestose, tesori sepolti in località esotiche, avventure e misteri. Il tutto rigorosamente lontano nel tempo e nello spazio. Recuperare frammenti di un antico passato a pochi passi da casa sembra impossibile‌ ma è tempo di ricredersi. A San Pancrazio, infatti, è nota ormai da decenni la presenza di una villa romana datata indicativamente al I secolo a.C., sepolta dal tempo e dalle opere umane e ancora non riportata alla luce. Siamo in località Torretta, nei pressi del canale Miola. Da questi campi, dopo ogni aratura, curiosi ed appassionati locali raccolgono frammenti di ceramica, bronzo, intonaco, ma anche tessere di mosaico, pesi da telaio e persino qualche moneta. Tutto questo è noto

ƒ–‡Â?’‘‹Ž•‹–‘°Â?‘–‘ ƒŽŽƒ‘’”‹Â?–‡Â?†‡Â?œƒ ‡Â?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹•‘Â?‘•–ƒ–‹ ‡ˆˆ‡––—ƒ–‹ƒŽ…—Â?‹•ƒ‰‰‹ †ǯ‹Â?†ƒ‰‹Â?‡…Š‡Â?‡ŠƒÂ?Â?‘ ”‹˜‡Žƒ–‘Ž‡•–”—––—”‡ alla Soprintendenza per i beni archeologici della Lombardia dagli anni Sessanta del secolo scorso, quando alcune personalitĂ  di spicco della cultura locale segnalarono i rinvenimenti e chiesero il permesso di effettuare modesti saggi di indagine. Le ricerche rilevarono la presenza di muri di fondazione, pavimentazioni, parti di colonne e di una vasca rivestita in calce lisciata; le indagini dovettero, però, interrompersi per lasciare spazio alla coltivazione, e da allora non sono piĂš state riprese. Per quanto riguarda,

invece, i territori finitimi, studi recenti hanno permesso di confermare la presenza di insediamenti databili all’etĂ  del Bronzo recente e finale (secoli XIII-XI a.C.) sulle pendici del Monte Orfano; non possiamo tralasciare che a nord, sulle sponde del lago d’Iseo, sorgevano ancor piĂš antichi abitati palafitticoli, posti a controllo della via che dalla pianura conduceva alle aree minerarie dove venivano estratti metalli. Che l’area in questione fosse legata fin dalla preistoria al comparto lacustre del Sebino (e con esso alle valli prealpine) è cosa nota agli addetti ai lavori. Che il territorio di San Pancrazio ospitasse vestigia romane come la villa rustica e di una via di collegamento tra i centri di Bergomum e Brixia è altrettanto noto. Ăˆ possibile ipotizzare una frequentazione continua del territorio tra preistoria ed etĂ  romana?



’‘”–

ŽƒŽƒœœ‘Ž‘ƒŽ…‹‘’ƒ”–‡‹�”‹–‹”‘ –”ƒ…ƒ�„‹ƒ�‡�–‹†‹”‹‰‡�œ‹ƒŽ‹‡†‹”‘•ƒ

…‘�‘�‹ƒ ‘‰‡‹�˜‡”•‘ Žƒ†‹•�‹••‹‘�‡

ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡…Š‡•–ƒ’‡”‹Â?‹œ‹ƒ”‡”‹•‡”˜‡”Â?…‡”–ƒÂ?‡Â?–‡†‡ŽŽ‡…—”‹‘•‹–Â?—Â?‹…Š‡’‡” ‹ŽƒŽƒœœ‘Ž‘ƒŽ…‹‘Ǥ Â?“—‡•–‹—Ž–‹Â?‹†—‡Â?‡•‹ǥ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄÂ?‡•‘Â?‘•—……‡••‡†‹–—––‹‹ …‘Ž‘”‹‡’‡”‹–‹ˆ‘•‹Ž‘…ƒŽ‹Â?‘Ž–‡•‘Â?‘Ž‡ÂƒÂ•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‡ÇĄ•‹ƒƒŽ‹˜‡ŽŽ‘†‹”‹‰‡Â?œ‹ƒŽ‡…Š‡ ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘ƒ‰‘Â?‹•–‹…‘Ǥ Â?‹œ‹ƒÂ?†‘†ƒ‹†‹”‹‰‡Â?–‹•ƒ’’‹ƒÂ?‘…Š‡°•–ƒ–‘…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ–‘ ‹Ž’”‡•‹†‡Â?–‡ƒ”‹‘‹„‘”‹‘ǥ˜‡†”‡Â?‘‹Ž”‹–‘”Â?‘ƒƒŽƒœœ‘Ž‘†‹•˜ƒŽ†‘‘„„‹‘ †‘’‘—Â?ƒÂ?Â?‘†‹ˆ‡”Â?‘ǥÂ?ƒ•‡Â?‡ƒÂ?†”Â?–‡ˆƒÂ?‘Š‹ƒ”‹†‘’‘†—‡ƒÂ?Â?‹…Š‡ •‹’‘••‘Â?‘“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒ”‡…‘Â?‡‡……‡ŽŽ‡Â?–‹ǥ…‘Â?†—‡’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‹ƒ‹ÂŽÂƒÂ›ÇŚÂ‘ÂˆÂˆÇĄ Â?‡Â?–”‡ ”ƒÂ?…‘‡†”ƒŽ‹ˆƒ”Â?‹Ž’”‡•‹†‡Â?–‡†‡Ž•‡––‘”‡‰‹‘˜ƒÂ?‹Ž‡ǣ‹Â?•‘Â?Â?ƒ—Â?ƒ ˜‡”ƒ‡’”‘’”‹ƒ”‹˜‘Ž—œ‹‘Â?‡Ǥ‘Â?‡†‹”‡––‘”‡•’‘”–‹˜‘‡ƒŽŽ‡Â?ƒ–‘”‡”‹–‘”Â?ƒ‹Â? ”‹˜ƒÂƒÂŽÂŽÇŻ‰Ž‹‘•˜ƒŽ†‘‘„„‹‘ǥ’”ƒ–‹…ƒÂ?‡Â?–‡—Â?†‹”‹‰‡Â?–‡Â?ƒÂ?ƒ‰‡”Ǥǯ°†ƒ ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡’‡”Ö…Š‡–‡ˆƒÂ?‘ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇĄƒÂ?†ƒÂ?†‘Â˜Â‹ÂƒÇĄ•‹’‘”–‡”Â?†‹‡–”‘Â?‡œœƒ Â•Â“Â—ÂƒÂ†Â”ÂƒÇŁ†ƒ —ŽŽ‹–ǥƒƒ……ƒ‰Â?‹ǥƒ ‹‘”†ƒÂ?‘•‘Ž‘’‡”ˆƒ”‡ƒŽ…—Â?‹Â?‘Â?‹Ǥ‘„„‹‘ ”‡•–ƒ‹Ž…‘Â?’‹–‘†‹”‹Â?’‹ƒœœƒ”Ž‹˜ƒŽ‹†ƒÂ?‡Â?–‡ǢÂ?‘Â?•ƒ”Â?…‡”–ƒÂ?‡Â?–‡ˆƒ…‹Ž‡Â?ƒ Â?‡Â?Â?‡Â?‘–”‘’’‘ÂƒÂ”Â†Â—Â‘ÇĄ…‘Â?•‹†‡”ƒ–‘…Š‡‹Ž…ƒÂ?’‹‘Â?ƒ–‘†ǯ……‡ŽŽ‡Â?œƒÂ?‘Â? ’”‡•‡Â?–ƒ•“—ƒ†”‡‹Â?˜—ŽÂ?‡”ƒ„‹Ž‹Ǥǯ‹Â?–‡Â?–‘†‡ŽŽƒÂ?—‘˜ƒ†‹”‹‰‡Â?œƒ°“—‡ŽŽ‘†‹ •ƒŽ‹”‡ƒŽ’‹Î’”‡•–‘†‹Â…ÂƒÂ–Â‡Â‰Â‘Â”Â‹ÂƒÇ˘˜‹•–‘…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘…—‹•‹˜ƒ‹Â?…‘Â?–”‘°“—‡ŽŽ‘ †‡Ž…‡Â?–‡Â?ƒ”‹‘†‹ˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž…Ž—„•’‘”–‹˜‘Â’ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‘ÂŽÂ‡Â•Â‡ÇĄ…‡Â?–”ƒ”‡“—‡•–‘ ‘„‹‡––‹˜‘•ƒ”‡„„‡Â?‘Ž–‘‰”ƒ–‹ˆ‹…ƒÂ?–‡’‡”–—––‹Ǥ‡”‹‰‹‘…ƒ–‘”‹‹Â?‡Â?–”ƒ–ƒ•‹•‡Â?–‡ ’ƒ”Žƒ”‡†‹‹‰”‹•‘Ž‹†‡ŽŽƒ‡ŽŽ‡•‡ǥÂ?ƒ‰‹Â?†‡ŽƒŽƒœœ‘Ž‘†—‡ƒÂ?Â?‹ÂˆÂƒÇĄ‡†‹—Â? ‰‹‘˜ƒÂ?‡’‘”–‹‡”‡Ǥ ÂŽ”‹–‹”‘†‡ŽŽƒ•“—ƒ†”ƒ‹Â?‹œ‹‡”Â?‹Ž͛͘Ž—‰Ž‹‘ƒƒŽƒœœ‘Ž‘Ǥȋ‰ǤÂ?Ç¤ČŒ

‘’‘—Â?‹Â?…‘Â?–”‘–”ƒ‹Â?‡Â?„”‹ †‡Ž†ƒ†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?‘‰‡‹Â?‡‹ Â?—‘˜‹ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‹…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ ’‡”ˆƒ”‡‹Ž’—Â?–‘•—ŽŽƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ’ƒ”–‡…‹’ƒ–ƒ‡’‡”‹ŽŽ—•–”ƒ”‡‰Ž‹ ‘”‹‡Â?–ƒÂ?‡Â?–‹†‡ŽŽƒ‰‹—Â?–ƒ•—Ž•—‘ †‡•–‹Â?‘ǥ•‘Â?‘•‡‰—‹–‡Ž‡†‹Â?‹••‹‘Â?‹ †‡Ž”‡•‹†‡Â?–‡‡†‡‹‘Â?•‹‰Ž‹‡”‹Ǥ ”ƒ•‹’”‘…‡†‡”Â?ƒŽŽƒÂ?‘Â?‹Â?ƒ†‹—Â? ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‡—Â?‹…‘ǥÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â–Â–Â‹Â…Âƒ †‹—Â?ƒ”ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ‰‡•–‹‘Â?‡Ǥ—‡•–‘’‡”Ö†‘˜”‡„„‡ ‡••‡”‡•‘Ž‘‹Ž’”‹Â?‘’ƒ••‘…Š‡ ’‘”–‡”Â?ƒŽŽƒ†‡ˆ‹Â?‹–‹˜ƒ†‹•Â?‹••‹‘Â?‡ †‹‘‰‡‹Â?ÇĄ…‘Â?‡”‹…Š‹‡•–ƒ†ƒŽŽƒ Â?‹Â?‘”ƒÂ?œƒÂ?‡ŽŽ‡’”‡…‡†‡Â?–‹ –‘”Â?ƒ–‡‡…‘Â?‡ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–‘Â?‡Ž ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒÂ‡ÂŽÂ‡Â–Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡ …‘Â?‡’”‡˜‹•–‘†ƒŽŽ‡Â?‘”Â?‡‹Â? Â?ƒ–‡”‹ƒǤČ‹ÂŽÇ¤Â†Ç¤ČŒ

   

Fu un’area insediativa o di solo approvvigionamento? Quali furono le genti che per prime si stabilirono in questa zona? L’obiettivo degli studiosi e degli appassionati palazzolesi è quello di approfondire la ricerca sul territorio e nel contempo di tutelarlo: la nostra storia, infatti, rappresenta una ricchezza per la cittadinanza, è un’occasione per riscoprirsi comunità e per ritrovare un’identità radicata nei secoli.

Dz ÂŽ–‡””‹–‘”‹‘˜ƒ–—–‡Žƒ–‘ ’‡”…Š¹”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ —Â?ƒ”‹……Š‡œœƒ’‡”Žƒ …‘Â?—Â?‹–Â?ÇĄ—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡ ’‡””‹•…‘’”‹”•‹ ‡”‹–”‘˜ƒ”‡—Â?ǯ‹†‡Â?–‹–Â? ”ƒ†‹…ƒ–ƒÂ?‡‹•‡…‘Ž‹dz


͙͞

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

‡†‹œœ‘Ž‡ —––‹‹Â?ˆ‡•–ƒ’‡”Žƒƒ†‘Â?Â?ƒ†‡Žƒœœƒ”‡––‘ In estate è tempo di riposo e vacanza per molti ma non per la comunitĂ  di Bedizzole che, come ogni anno, prepara la festa in onore della Madonna del Lazzaretto di Masciaga. Lo storico santuario mariano è casa della Vergine da oltre 200 anni: qui è custodita l’amata efďŹ gie testimone di numerosi miracoli ed avvenimenti storici. Le celebrazioni iniziano venerdĂŹ 13 e proseguiranno ďŹ no a domenica 22 luglio: in questi giorni la comunitĂ  vivrĂ  momenti di

devozione, condivisione e musica. Il programma religioso prevede nel pomeriggio di domenica 15 Vespro solenne e Santa Messa in onore di “Maria Vergine salute degli infermiâ€?, mentre tra lunedĂŹ 16 e giovedĂŹ 19 luglio, si segnala ogni sera il Rosario e la Santa Messa, in cui la Vergine sarĂ  onorata con gli appellativi di “Causa della nostra gioiaâ€?, “Tempio del Signoreâ€?, “Donna nuovaâ€? e inďŹ ne “Madre della riconciliazioneâ€?. Sabato 21 la S. Messa Solenne in onore di

“Maria Vergine madre e immagine della Chiesaâ€? sarĂ  allietata dai canti della Corale di Santo Stefano. A corredo delle celebrazioni, diversi gli appuntamenti: venerdĂŹ 13 luglio, alle ore 19, l’apertura ufďŹ ciale con lo stand gastronomico presso il Mandorlo, lo splendido giardino dietro il Santuario e serata in musica con il karaoke e DJ Roby. Sabato 14, invece, grande tombolata. Domenica 15, alle 12.30, grigliata al Mandorlo; alla sera, asta delle torte. VenerdĂŹ 20 luglio in

programma il torneo di calciobalilla: la serata continuerĂ  in musica con il gruppo di giovani bedizzolesi “The Reasons After Floodâ€?. Nel weekend gran ďŹ nale con la chiusura del torneo dei calciobalilla e musica revival con il tributo ai Nomadi della band ufďŹ ciale Onda Nomade. Al termine, l’estrazione dei biglietti della lotteria. Chiude la settimana la processione mariana di domenica 22: partenza in Santuario alle ore 20.30 scandita dalle note della Marching Band di Bedizzole. (gdm)

 

–‹Â?‡”ƒ”‹‹‡Â†ÇŻÂƒÂ…“—ƒ’‡”•…‘’”‹”‡‹–‡•‘”‹†‡Ž ƒ”†ƒ

,OSLHQRGLEHOOH]]D LQFURFLHUDVXOODJR Â?Â?‘†‘†‹˜‡”•‘†ƒŽ•‘Ž‹–‘’‡”‰‘†‡”‡†‡‰Ž‹•…‘”…‹Žƒ…—•–”‹°“—‡ŽŽ‘†‹Â?—‘˜‡”•‹…‘Â?‹ Â?‡œœ‹†‹Â?ƒ˜‹‰ƒœ‹‘Â?‡ǣ‹Â?—Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒŽ—‘‰Š‹ǥ•—‘Â?‹‡…‘Ž‘”‹†ƒŽ‡Â?ƒ…‘    

,

l lago dal lago, dimenticando traffico, caos e code interminabili. I motivi per concedersi una crociera sulle rotte benacensi non mancano davvero e la Gestione governativa navigazione lago di Garda offre una serie di proposte che si adattano alle richieste del visitatore. Non c’è che l’imbarazzo della scelta con una flotta composta da ventisette imbarcazioni, tra veloci aliscafi e placidi traghetti, tra vecchi piroscafi a pale e moderni catamarani. Il primo servizio pubblico di navigazione sul Garda risale al 1827, con il varo del piroscafo “Arciduca Ranieriâ€? e da quell’anno un popolo di turisti italiani e stranieri, fra i quali si sono mescolati illustri personaggi della storia, dell’arte e della letteratura, ha potuto ammirare le bellezze che il Benaco offre a chi si avventura sulla schiuma delle sue onde o sulla piatta delle frequenti bonacce. Per il giro completo Desenzano-Riva-Desenzano è necessaria una intera giornata, zigzagando

ÂŽ’”‹Â?‘•‡”˜‹œ‹‘ ’—„„Ž‹…‘†‹Â?ƒ˜‹‰ƒœ‹‘Â?‡ •—Ž ƒ”†ƒ”‹•ƒŽ‡ ƒŽ͙͚͠Í&#x;…‘Â?‹Ž˜ƒ”‘ †‡Ž’‹”‘•…ƒˆ‘ Dz”…‹†—…ƒƒÂ?‹‡”‹dz tra i porti della sponda bresciana e di quella veronese, pranzando al ristorante di bordo o semplicemente prendendo il sole e respirando l’aria frizzante che scende dai monti sulle terrazze dei ponti. Prima di imbarcarsi si può passeggiare nelle vie e piazze del centro storico della “capitale del lagoâ€?. La prima tappa, fino a Sirmione, è breve. Dal lago si profilano il suo castello, gioiello dell’architettura militare e custode del centro storico, fatto costruire nel XIII secolo da Mastino della Scala e, proprio sulla punta della penisola, i ruderi della villa romana universalmente noti co-

5REHUWR&LJROLQL 'LDQQL &RQ LPPHQVR GRORUH OR DQQXQFLDQR OD PRJOLH 5LQDLIUDWHOOLHSDUHQWLWXWWL

8PEHUWR3DWUL]L 'LDQQL &RQLPPHQVRGRORUHORDQQXQFLDQRLĂ€JOL)HU GLQDQGR FRQ 0LULDP 6LOYLR FRQ $QQD (PLOLR FRQ /LGLD 0DXUR FRQ =LQDLGD H 0DULQD FRQ 3DVTXDOHLQLSRWL'HQLVH2UQHOOD$OHVVDQGUR )UDQFHVFR /XFD 3DROR 0LFKHOH $UWLRP H 0DUFROHSURQLSRWL(OHQDH%HQHGHWWD

me ‘grotte di Catullo’. Il lago si apre e si raggiunge Salò con il suo Duomo, il palazzo del Provveditore e il golfo chiuso da un lato dalla lussureggiante Isola del Garda e dall’altro dall’ampia sagoma del Vittoriale di Gardone Riviera, ultima dimora del ‘vate’ Gabriele D’Annunzio. Ăˆ la volta di Toscolano Maderno, reso famoso nei secoli da cartiere e stamperie, ora recuperate in una valle che riporta indietro nel tempo. Risalendo verso nord il lago si stringe per dar modo, quasi, di toccare le storiche limonaie, strappate alla roccia da Gargnano fino a Limone. Ăˆ il regno dei surfisti e degli appassionati di vela che compiono evoluzioni a pelo d’acqua. Approdando sulle rive veronesi si giunge fin sotto il castello di Malcesine sovrastato dalla possente catena montuosa del Baldo, si lambisce la leggiadra punta di S. Vigilio immersa fra olivi e cipressi ed ancora le popolose cittadine ed i piccoli borghi dei pescatori sparsi sulle rive, con i loro castelli, le mura diroccate e

 Dz  dz  

le storie antiche che ancor oggi si respirano fra le vie di pietra e di mattoni. Riva ci attende, ultima tappa del nostro itinerario. Storica porta del lago, ha da sempre rappresentato il naturale sbocco delle Alpi verso la pianura. Inizia il viaggio di ritorno ed è una nuova scoperta di luoghi, ma soprattutto di colori, dal bianco delle rocce all’azzurro dell’acqua, dal verde degli alberi al rosso del sole che tramonta nel golfo di Desenzano. Per informazioni: www.navlaghi.it, 0309149511.

ÂŽ˜‹ƒ‰‰‹‘’ƒ”–‡ †ƒ‡•‡Â?œƒÂ?‘ ‡˜‹”‹–‘”Â?ƒ’ƒ••ƒÂ?†‘ ’‡”‹˜ƒ†‡Ž ƒ”†ƒǤ ǯ‹–‹Â?‡”ƒ”‹‘…‘Â?’”‡Â?†‡ ‹’‘”–‹•‹ƒ†‡ŽŽƒ•’‘Â?†ƒ „”‡•…‹ƒÂ?ƒ•‹ƒ˜‡”‘Â?‡•‡



ƒ†‡Â?‰Š‡‡‘Ž’‡Â?ƒœœ‡ ‡ƒ–Â?‘•ˆ‡”‡†‡Ž†‡•‡”–‘ ’‡”DzƒŠƒ”ƒ ƒ”†ƒÂˆÂ‡Â•Â–Â‹Â˜ÂƒÂŽÇł

ƒŽ–‡Â?‡•‹ –‘”‹‡”‹˜‹•‹–ƒ–‡ …‘Â?Dzƒ‡•‹†ƒÂˆÂ‹ÂƒÂ„ÂƒÇł

‹–Â?‹ǥ…‘Ž‘”‹‡•ƒ’‘”‹‘”‹‡Â?–ƒŽ‹•—Ž ƒ”†ƒǤ–Â?‘•ˆ‡”‡Â?ƒ‰‹…Š‡”‹…Š‹ƒÂ?ƒ–‡ †ƒŽDzƒŠƒ”ƒ ƒ”†ƒÂˆÂ‡Â•Â–Â‹Â˜ÂƒÂŽÇłÇĄÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‹†ƒÂ?ÂœÂƒÇĄÂ?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ ™‡ŽŽÂ?‡••ǥ…—Ž–—”‡‘”‹‡Â?–ƒŽ‹‡†‡–Â?‹…Š‡‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒƒƒ†‡Â?‰Š‡‡ƒ ‘Ž’‡Â?ƒœœ‡†ƒ˜‡Â?‡”†¿͚͜ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͞ƒ‰‘•–‘ǤDz ÂŽˆ‡•–‹˜ƒŽČ‚ƒˆˆ‡”Â?ƒ ƒ—”ƒ‡”Â?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÂ”Â‘ÇĄ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡†‹†ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ†ƒÂ?œƒ–”‹…‡‡…‘”‡‘‰”ƒˆƒČ‚Â?ƒ•…‡ …‘Â?Žǯ‹Â?–‡Â?–‘†‹†‹ˆˆ‘Â?†‡”‡‡ˆƒ”…‘Â?‘•…‡”‡Žƒ…—Ž–—”ƒ†‡ŽŽ‡†ƒÂ?œ‡‘”‹‡Â?–ƒŽ‹ ‡†‡–Â?‹…Š‡‹Â?–—––‡Ž‡†‹˜‡”•‡•ˆ—Â?ÂƒÂ–Â—Â”Â‡ÇĄÂ?‡†‹ƒÂ?–‡Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘†‹……‹†‡Â?–‡ ‡†”‹‡Â?–‡ǥ‹Â?—Â?ƒ†‡ŽŽ‡Ž‘…ƒ–‹‘Â?’‹Î•—‰‰‡•–‹˜‡ƒŽÂ?‘Â?†‘dzǤƒ—Â?Žƒ–‘‹Ž ÂƒÂŠÂƒÂ”ÂƒÇĄ…Š‡‡˜‘…ƒÂŽÇŻÂƒÂˆÂˆÂƒÂ•Â…‹Â?ƒÂ?–‡…—Ž–—”ƒ†‡ŽŽǯ”‹‡Â?–‡ǥÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘‹Ž ÂƒÂ”Â†ÂƒÇĄ …Š‡”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ—Â?’ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘Â?ƒ–—”ƒŽ‡‡ƒ”–‹•–‹…‘†‹Ž‹˜‡ŽŽ‘Â?‘Â?†‹ƒŽ‡Ǥ Ž–”‡͘͞™‘”Â?•Š‘’†‹†ƒÂ?œƒ…‘Â?‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹’”‘˜‡Â?‹‡Â?–‹†ƒ–—––‘‹Ž Â?‘Â?†‘ǥÂ?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ•’‡––ƒ…‘Ž‹…‘”‡‘‰”ƒˆ‹…‹…‘Â?‰”—’’‹‡ƒ”–‹•–‹Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹‡ ‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ…‘Â?ˆ‡”‡Â?ÂœÂ‡ÇĄ‡•’‘•‹œ‹‘Â?‹ǥ„ƒœƒƒ”‡—Â?ƒ”ƒ••‡‰Â?ƒ…—”ƒ–ƒ †ƒŽŽ‡•…—‘Ž‡†‹†ƒÂ?œƒ‘”‹‡Â?–ƒŽ‡’”‡•‡Â?–‹•—Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ†‘•’‹–ƒ”‡ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘ ‹Ž‡•– ƒ”†ƒ ‘–‡Ž†‹ƒ†‡Â?‰Š‡Ǥ ÂŽ•‘Ž‘•’‡––ƒ…‘Ž‘‹Â?ƒ—‰—”ƒŽ‡•‹•˜‘Ž‰‡ ‹Â?’‹ƒœœƒƒ•–‡ŽŽ‘ƒ‘Ž’‡Â?ƒœœ‡…‘Â?‹Â?‹œ‹‘ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͜Í?ǤÂ?ƒ‡•’‡”‹‡Â?œƒ —Â?‹…ƒ‡‹””‹’‡–‹„‹Ž‡†‘˜‡†ƒÂ?ÂœÂƒÇĄÂƒÂ”Â–Â‡ÇĄÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ”ƒˆˆ‹Â?ÂƒÂ–Â‡ÂœÂœÂƒÇĄƒÂ?‘”‡ǥ ’ƒ••‹‘Â?‡ǥ…‘Â?†‹˜‹•‹‘Â?‡‡„‡ŽŽ‡œœƒÂ?ƒ–—”ƒŽ‡•‹Â?‡•…‘ŽƒÂ?‘’‡””‡‰ƒŽƒ”‡ ‡Â?‘œ‹‘Â?‹Ǥ‡”‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ…‘Â?’Ž‡–‘‡Ž‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹˜‹•‹–ƒ”‡‹Ž•‹–‘™™™Ǥ •ƒŠƒ”ƒ‰ƒ”†ƒˆ‡•–‹˜ƒŽǤ…‘Â?ǤČ‹Â˜Ç¤Â„Ç¤ČŒ

‡ˆ‹ƒ„‡”‡•‹•–‘Â?‘ƒ‹–‡Â?’‹‡ƒŽŽ‡ Â?‘†‡Ǥ’‡”…‡Ž‡„”ƒ”‡‹Ž…Žƒ••‹…‘ DzÇŻÂ‡Â”Âƒ—Â?ƒÂ˜Â‘ÂŽÂ–ÂƒÇ¤Ç¤Ç¤Çł‹Â?ƒŽ–‡Â?‡•‹° •–ƒ–ƒ‹Â?˜‡Â?–ƒ–ƒDzƒ‡•‹†ƒÂˆÂ‹ÂƒÂ„ÂƒÇłÇĄ —Â?ƒ”ƒ••‡‰Â?ƒ–”ƒ–‡ƒ–”‘‡…‹Â?‡Â?ƒ ’‡””‹˜‹•‹–ƒ”‡ƒŽ…—Â?‡–”ƒŽ‡ˆ‹ƒ„‡ ’‹Î„‡ŽŽ‡Ǥ†‘‰Â?‹‘Â?—Â?‡—Â?ƒ Â•Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇŁƒ‘‹ƒÂ?‘ǥ‹Â?…ƒ•–‡ŽŽ‘‹Ž͙͜‡ ‹ŽÍ™Í?ÇĄŽ‡‰‡•–ƒ†‹Dz”–·‡”Ž‹Â?‘dzǢ ƒƒ†‡Â?‰Š‡ǥÂ?‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡‹Ž͚͚ ‡Â?‡Ž‰‹ƒ”†‹Â?‘†‡ŽŽƒ„‹„Ž‹‘–‡…ƒ ‹Ž͚͛ǥ‹†‡•‹†‡”‹†‹DzŽƒ†‹Â?‘dzǢƒ ‘Ž’‡Â?ÂƒÂœÂœÂ‡ÇĄ‹Â?…ƒ•–‡ŽŽ‘‹Ž͚͞‡‹ŽÍšÍ&#x;ÇĄ ÂŽDzƒ‡ŽŽƒ‡ŽƒÂ„Â‡Â•Â–Â‹ÂƒÇłÇĄƒ‘Â?Â‹Â‰ÂƒÇĄ‹Â? …ƒ•–‡ŽŽ‘‹Ž͛͘‡‹Ž͙͛ǥ‹˜‘Ž‹†‹Dz‡–‡” ƒÂ?Çł‡ƒƒÂ?Â‡Â”Â„ÂƒÇĄƒ’ƒŽƒœœ‘ ‹Â?‡”˜ƒ‹ŽÍ›ƒ‰‘•–‘‡Â?‡Ž…‘”–‹Ž‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘‹ŽÍ?ÇĄŽ‡Â?ƒ”ƒ…Š‡ŽŽ‡†‹ Dz‹Â?‘……Š‹‘dzǤ Â?‹œ‹‘•’‡––ƒ…‘Ž‹ƒŽŽ‡ ͚͙Ǥ Â?‰”‡••‘Ž‹„‡”‘ǤČ‹Â˜Ç¤Â„Ç¤ČŒ


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

Í™Í&#x;

—”‹•Â?‘ ‡––‹Â?•‘Ž‹ǣ…‘Â?Žƒ‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ’”‘Â?—‘˜‹ƒÂ?‘Žƒ•‹Â?‡”‰‹ƒÂ?‡Ž•‡––‘”‡ Estate tempo di sagre e iniziative turistiche: come portarle avanti in periodi di difďŹ coltĂ  economica? quale il ruolo delle istituzioni? Il parere di Bruno Bettinsoli (nella foto) presidente della ComunitĂ  montana di Valle Trompia. Che valore attribuite alle iniziative turistiche e che efďŹ cacia hanno per il territorio? Le consideriamo iniziative valide, che vanno promosse in maniera efďŹ cace. Noi abbiamo puntato sui totem informativi e

sull’uso di strumenti informatici. Abbiamo inoltre razionalizzato le risorse. In passato troppi soggetti si sovrapponevano rendendo inefďŹ cace l’azione. La strategia è piĂš chiara: il nostro ruolo deve essere di supporto, dobbiamo aiutare tali realtĂ  a farsi conoscere. Solo cosĂŹ si proporranno in chiave turistica. Pubblico e privato uniti in una visione strategica di medio lungo periodo? Il turismo oggi è “mordi e fuggiâ€?. Senza l’attivitĂ  dei privati e dei

volontari il solo pubblico, riesce a fare poco. Dobbiamo imparare a ďŹ darci e interagire. Il turismo è necessario per tutti anche per la Valtrompia e per i suoi operatori. Parliamo di queste sinergie. Cominciamo a veriďŹ care i calendari: non c’è un ďŹ ne settimana senza animazione. Se il turista sceglie una visita, una volta realizzato l’obiettivo se non c’è altro che possa coinvolgerlo torna da dove viene. Noi stiamo cercando di far conoscere le tante occasioni in Valle

per indurre il turista a fermarsi. Anche in tempi come quelli odierni c’è spazio per crescere? Alla fantasia non c’è limite. Bisogna essere attenti, disponibili a innovarsi, e modesti per accettare consigli e suggerimenti. Bisogna essere pronti a cambiare. Cerchiamo di lavorare insieme a beneďŹ cio del territorio, dei suoi residenti, e degli operatori economici, perchĂŠ se proponiamo cose poco interessanti la delusione del turista la pagheremo tutti. (m.l.)

  ƒ˜‡”Â?‘Ž‡•—Ž‡ŽŽƒƒÍ™Í?Ć…‡†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ…‘Â?’‡–‹œ‹‘Â?‡ƒ—–‘Â?‘„‹Ž‹•–‹…ƒ

$XWRVWRULFKH LQJDUDSHUO¡$LGR ‹–‡””Â?‹Ž’”‘••‹Â?‘™‡‡Â?‡Â?†‹Ž–”‘ˆ‡‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘†ƒŽŽƒ•‡œ‹‘Â?‡‰ƒ”†‘Â?‡•‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ǥ…Š‡—Â?‹•…‡’ƒ••‹‘Â?‡ǥÂ?‡Â?‘”‹ƒ‡•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?  

   

1

ella cornice del forno fusorio di Tavernole sul Mella, stupendo monumento industriale, uno dei piĂš importanti in Europa visitato anche da Leonardo Da Vinci, i responsabili della sezione gardonese dell’Aido hanno presentato la 15Ć… edizione del trofeo per auto storiche “Monica Giovanelli Gran Premio Annalisa Gnuttiâ€?. Un filo rosso lega l’Aido e il forno al nome di Monica Giovanelli: quando la giovane scomparve in un tragico incidente d’auto, stava preparando la tesi di laurea proprio sul forno fusorio. I suoi organi furono donati e da allora la sezione Aido gardonese porta il suo nome; la gara la ricorda assieme ad Annalisa Gnutti, giovane lumezzanese pure scomparsa in circostanze analoghe la cui famiglia sostiene fin dagli inizi la manifestazione. Una gara particolare, quindi, che negli anni è diventata importante per partecipazioni e qualitĂ  eccelsa della auto d’epoca, ma anche per il suo fascino: i suoi concorrenti sono “ambasciatori dell’Aidoâ€? ed ogni anno nuove motivazioni ne animano l’organizzazione promossa dalla “Associazione sportiva dilettantistica solidarietĂ  sport cultura Monica Giovanelli.â€? Quest’ultima appoggia diverse iniziative nello spirito dell’Aido come le borse di studio e il sostegno al day hospital di ema-

   

�ƒ�ƒ�‹ˆ‡•–ƒœ‹‘�‡ �‘Ž–‘‹�’‘”–ƒ�–‡ ’‡”Žƒ“—ƒŽ‹–�†‡ŽŽ‡ ˜‡––—”‡‹�‰ƒ”ƒ ‡’‡”Ž‡�‘–‹˜ƒœ‹‘�‹ …Š‡Žƒƒ�‹�ƒ�‘ tologia presso l’Ospedale di Gardone Val Trompia. L’anno scorso fu gara “tricolore “ con vetture rigorosamente bianche, rosse e verdi per

il 150° dell’unitĂ  d’Italia, nel 2012 è dedicata a “Gli amici dell’Aidoâ€?: una felice coincidenza infatti unisce il 15° del Trofeo Aido (nacque nel 1997 col prezioso contributo della scuderia Brescia corse, presieduta da Ugo Gussalli Beretta) al 35° della sezione, celebrato in maggio con la stampa e distribuzione a 4500 famiglie gardonesi dell’opuscoloâ€?Un donatore moltiplica la vitaâ€?. L’evento è in programma sabato 15 settembre con il prologo della salita Inzino-Magno “Trofeo Annalisa Gnuttiâ€?, novitĂ  di quest’anno, e domenica 16 con il trofeo Aido, partendo come sempre da Gardone Val Trompia presso l’oratorio per arrivare poi a Sarezzo. L’iscrizione da alcuni anni è ad invito per autovetture certificate Csai-Fia, costruite fino al 1961. Inoltre, come nel 2011, è prova dell’Aido historic challenge, che riunisce in un unico concorso manifestazioni di auto storiche dall’Etna a Trieste. Le iscrizioni sono aperte fino al 20 agosto, il sito www.trofeoaido.org fornisce tutte le informazioni. La gara si svolgerĂ  su 220 km in due tappe: da Gardone verso Marmentino scendendo in Valsabbia per salire al lago di Ledro con pausa pranzo; poi verso Riva del Garda e ritorno in Valtrompia. L’inziativa è sostenuta da enti pubblici, associazioni e partner ufficiali di prestigio come Ubi-Banco di Brescia e Spa Beretta.

—�‡œœƒ�‡ ˆ‹�‡Ž—‰Ž‹‘…ƒ�’‘ •‹�–‡–‹…‘ƒ ƒœœ‘Ž‘

ÂŽ…ƒŽ…‹‘‡ÂŽÇŻÂ‘”ƒ–‘”‹‘•‘Â?‘•‡Â?’”‡ƒÂ?ÇŚ †ƒ–‹ƒ„”ƒ……‡––‘Ǥ‡’”‡Â?†‡–‡‹Â?Â?ÂƒÇŚ Â?‘ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ„Â—Â?†‡‹”‹…‘”†‹˜‹”‹…‘”†‡”‡–‡ †‹“—ƒÂ?†‘‡”ƒ˜ƒ–‡’‹……‘Ž‹‡†ƒ˜ƒ–‡ ‹’”‹Â?‹…ƒŽ…‹Ġ—Â?’ƒŽŽ‘Â?‡•—Ž…ƒÂ?ÇŚ ’‘‹Â?–‡””ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘”ƒ–‘”‹‘Ǥ‘Ž˜‡”‡‡ ‰‹‘‹ƒ…Š‡”‡‰ƒŽƒ˜ƒÂ?‘•‘””‹•‹Ǥ –‡Â?’‹ …ƒÂ?„‹ƒÂ?‘‡†‡……‘ƒ””‹˜ƒ”‡ÂŽÇŻÂ‡Â”ƒ†‡‹ …ƒÂ?’‹‹Â?•‹Â?–‡–‹…‘ǤÂ?Â?—‘˜‘Â?‘†‘ †‹˜‹˜‡”‡‹Ž…ƒŽ…‹‘‡‰‹‘…ƒ”‡‹Â?•‹‡Â?‡Ǥ —Â?‡œœƒÂ?‡ƒÂ?…Š‡‹Ž…ƒÂ?’‘•’‘”nj –‹˜‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘†‹ ƒœœ‘Ž‘Č‹Â?‡ŽŽƒ ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄŽǯ—Ž–‹Â?‘‹Â?–‡””ƒ†‡ŽŽƒÂƒÂŽÂ‰Â‘„nj Â„Â‹ÂƒÇĄ‡Â?–”‘Žƒˆ‹Â?‡†‡ŽÂ?‡•‡ƒ˜”Â?—Â? Â?ƒÂ?–‘‹Â?‡”„ƒ•‹Â?–‡–‹…ƒǤƒÂ’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…ÇŚ …Š‹ƒŠƒÂ?‡ŽŽǯ—Ž–‹Â?‘’‡”‹‘†‘‹Â?˜‡•–‹–‘ –ƒÂ?–‹••‹Â?‘Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘’‡”†ƒ”‡ƒŽŽƒ ’”‘’”‹ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?ÇĄ‡Â?‘Â?•‘Ž‘ǥ†‡ŽŽ‡ ‹Â?ˆ”ƒ•–”—––—”‡Â?‘†‡”Â?‡‡…‘Â?ÂˆÂ‘Â”ÇŚ –‡˜‘Ž‹Ǥ †—‡Â’ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‡Â–Â–Â‹ÇĄˆ‹Â?‘Ġ‘”ƒ —•ƒ–‹’‡”Ž‡ˆ‡•–‡’ƒ–”‘Â?ƒŽ‹•‘Â?‘•–ƒ–‹ –”ƒ•ˆ‘”Â?ƒ–‹‹Â?—Â?…‡Â?–”‘’‘Ž‹˜ƒŽ‡Â?–‡

…‘Â?—Â?…ƒÂ?’‘†ƒÂ…ÂƒÂŽÂ…Â‡Â–Â–Â‘ÇĄÂ’ÂƒÂŽÂŽÂƒÂ˜Â‘ÂŽÂ‘ÇĄ „ƒ•Â?‡–‡—Â?ƒ’‹•–ƒ†‹’ƒ––‹Â?ƒ‰‰‹‘‹Â? Ž‹Â?‡ƒǤ“—‡•–‘•‹˜ƒĠƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡ ‹ŽÂ?—‘˜‘…ƒÂ?’‘•‹Â?–‡–‹…‘†‹—Ž–‹Â?ƒ ‰‡Â?‡”ƒœ‹‘Â?‡Ǣ‹ŽÂ?—‘˜‘Â?ƒÂ?–‘•ƒ”Â? †‘–ƒ–‘†‹‹Â?–ƒ•‘‘”‰ƒÂ?‹…‘ǥ—Â?•‹•–‡nj Â?ƒ…Š‡’‡”Â?‡––‡”Â?†‹ƒ˜˜‹…‹Â?ƒ”•‹ •‡Â?’”‡’‹ÎÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â”Â„Âƒ˜‡”ƒǤƒ•–”—––—nj ”ƒ•ƒ”Â?‰‡•–‹–ƒ†ƒŽ‘Â?‹–ƒ–‘†‹‰‡nj •–‹‘Â?‡ǥ—Â?‘”‰ƒÂ?‘…”‡ƒ–‘ĠŠ‘…’‡” ‹ŽÂ?ƒÂ?–‡Â?‹Â?‡Â?–‘‡Žƒ•—’‡”˜‹•‹‘Â?‡ †‡Ž…ƒÂ?’‘Ǥ ÂŽÂ?—‘˜‘‹Â?’‹ƒÂ?–‘•’‘”nj –‹˜‘’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡•ƒ”Â?–‡”Â?‹Â?ƒ–‘‡Â?ÇŚ –”‘ˆ‹Â?‡Ž—‰Ž‹‘‡ƒ„”‡˜‡˜‡””ƒÂ?Â?‘”‡•‹ Â?‘–‹–—––‹‹”‡…ƒ’‹–‹—–‹Ž‹’‡”…Š‹‡†‡”‡ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂ—Â–Â‹ÂŽÂ‹ÂœÂœÂ‘†‡Ž…ƒÂ?ÇŚ ’‘Ǥ‡Žˆ”ƒ––‡Â?’‘Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ ƒÂ?–ǯ’‘ŽŽ‘Â?‹‘‡‹Ž‰”—’’‘•’‘”–‹nj ˜‘—‰—•–ƒŠƒÂ?Â?‘ˆ‡•–‡‰‰‹ƒ–‘’‡” Žǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž’”‘’”‹‘…ƒÂ?’‘ Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄƒŽ“—ƒŽ‡°•–ƒ–‘”‹Â?Â?‘˜ƒ–‘ ‹ŽÂ?ƒÂ?–‘‹Â?‡”„ƒ•‹Â?–‡–‹…ƒǤČ‹ÂƒÂŽÇ¤ÂƒÂ?Â†Â”Ç¤ČŒ


͙͠

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

”‘Â?–‘•‘……‘”•‘’‡†‹ƒ–”‹…‘ ‘Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹Ž‰Š‹•‹ǣ‡……‘ÂŽÇŻÂƒÂ…Â“Â—Â‹Â•Â–Â‘†‹—Â?ƒ„ƒ”‡ŽŽƒ‡†‹—Â?’—Ž•‘••‹Â?‡–”‘ Grazie alla generosa donazione di Terenzio Giuseppe Alghisi sono state acquistate per il Pronto soccorso pediatrico degli Spedali civili una barella e un pulsossimetro. La barella verrĂ  utilizzata per i piccoli pazienti che giungono in emergenza e che necessitano di assistenza intensiva e devono essere trasportati nei diversi servizi diagnostici, in sala operatoria, in rianimazione nelle condizioni ideali a garantire la massima sicurezza. Il modello

acquistato è stato individuato seguendo le indicazioni della rianimazione pediatrica, con la quale il pronto soccorso gestisce i pazienti in codice rosso. Il pulsossimetro portatile acquistato, strumento correntemente usato anche negli ambulatori dei medici e dei pediatri di famiglia per la rilevazione della saturazione di ossigeno nel sangue (e quindi, parametro fondamentale per la valutazione della funzione

respiratoria) ha invece la peculiarità di individuare anche la concentrazione di ossido di carbonio, gas responsabile, ogni anno, di numerosi decessi. La diagnosi di intossicazione da ossido di carbonio non è però sempre immediata, soprattutto nei bambini, e questo strumento sarà un ausilio prezioso per non perdere tempo e fornire da subito l’assistenza adeguata, in modo da risolvere nel minor tempo possibile anche le situazioni piÚ critiche.

 

ƒ”†‘�‡ƒŽ”‘�’‹ƒŽ•‡”˜‹œ‹‘†‡‹�ƒŽƒ–‹†‹–—�‘”‡

1XRYRDPEXODWRULR GLUDGLRWHUDSLD ƒ”ƒÂ?Â?‘‡ˆˆ‡––—ƒ–‡†‹˜‡”•‡–‹’‘Ž‘‰‹‡†‹Â˜Â‹Â•Â‹Â–‡ǥ–”ƒ…—‹…‘Â?–”‘ŽŽ‹’‡”‹‘†‹…‹

A

pre in questi giorni presso il Presidio ospedaliero di Gardone Val Trompia un nuovo ambulatorio specialistico di radioterapia oncologica, gestito dai sanitari dell’Istituto del Radio degli Spedali Civili. I pazienti valtrumplini hanno cosĂŹ a disposizione una nuova opportunitĂ : l’obiettivo della Azienda è quello di avvicinare all’utenza questo servizio, facilitando l’accesso e riducendo i disagi. Si vuole inoltre favorire la collaborazione multidisciplinare tra gli specialisti del Presidio di Gardone e quelli dell’Istituto del Radio “O. Albertiâ€?. Questa nuova modalitĂ  organizzativa faciliterĂ  inoltre la collaborazione “in tempo realeâ€? con gli altri specialisti del Presidio Spedali Civili che giĂ  gestiscono ambulatori specialistici a Gardone Valtrompia. Presso l’ambulatorio verranno effettuate le diverse tipologie di visite (“primeâ€? visite, controlli periodici‌); la connessione con la cartella informatizzata dell’Istituto del

ÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ ƒŽ–”‘Â?’‹ƒ…—‘”‡ Šƒ•‘•–‡Â?—–‘‡ •–‹Â?‘Žƒ–‘Žǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ ƒÂ?…Š‡ƒ––”ƒ˜‡”•‘Žƒ †‘Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹ƒ””‡†‹ radio e con i vari applicativi aziendali consentirĂ  il collegamento in tempo reale con tutti i relativi servizi dell’Uo e dell’Azienda. L’accesso all’ambulatorio di radioterapia oncologica di Gardone potrĂ  quin-

di essere prenotato direttamente dagli specialisti che operano nel Presidio di Gardone, o dall’utenza, con impegnativa del medico di famiglia, chiamando il numero telefonico dell’Uo di radioterapia 0303995272 da lunedÏ a venerdÏ dalle 8.30 alle 15. Lo specialista dell’Istituto del radio effettuerà inoltre servizio di consulenza all’interno del Presidio di Gardone. L’associazione Valtrompiacuore ha sostenuto e stimolato l’iniziativa, anche attraverso la donazione degli arredi dell’ambulatorio.


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

͙ͥ

‡–‡”Â?‡ Â?ÇĄ†‘˜‡Ç˛ÂŽÂƒÂ?ƒ–—”ƒ‡……‡ŽŽ‡†‹‰”ƒÂ?Ž—Â?‰ƒŽǯ—Â?ƒÂ?‘‹Â?‰‡‰Â?‘dz Sin dall’antichitĂ  romana erano localitĂ  famose per le loro proprietĂ  beneďŹ che e, grazie alla fama curativa delle loro acque, venivano frequentate da importanti personaggi come funzionari, generali e persino imperatori. Poeti e scrittori ne hanno celebrato le virtĂš in versi rimasti famosi e nei secoli la loro popolaritĂ  non è mai scemata. Le terme, infatti, da sempre sono indicate come un rimedio molto salutare per

diversi malanni, da quelli che afiggono le vie respiratorie ďŹ no ai dolori reumatici e alle malattie della pelle. Tutto questo grazie ai fanghi o alle acque con proprietĂ  terapeutiche, impiegati in un metodo di cura che non appartiene alla medicina alternativa, ma è considerato preventivo e complementare alla medicina tradizionale, tanto che il Servizio sanitario nazionale prevede il rimborso di un periodo di cura per anno. L’efďŹ cacia di

acque ricche di sali minerali, somministrate generalmente per inalazione, e di fanghi è comprovata ed al proposito si è espresso anche un progetto avviato anni fa a livello nazionale in collaborazione tra Ministero della salute e Federterme: si tratta del progetto Naiade, che ha consentito di gettare uno sguardo d’insieme sulla situazione delle stazioni termali in italia. Il rafforzamento del sistema immunitario prodotto dai

trattamenti consentirebbe una maggiore resistenza alle malattie e una minore necessitĂ  di ricorso ai farmaci. Una cura, quindi, salutare da molti punti di vista, che a ragione gode della fama che da sempre gli viene tributata, ad esempio da Cassiodoro nelle Variae: “Le terme, alimentate da vapori caldi, sono piĂš salubri di qualsiasi bagno riscaldato artiďŹ cialmente, poichĂŠ la natura eccelle di gran lunga l’umano ingegnoâ€?.

    

�‰‘Ž‘‡”�‡‘‰‰‹‘”�‹…Ž‹�ƒ–‹…‹’‡”ƒ�œ‹ƒ�‹

8QDULVSRVWD DOODFDOXUDHVWLYD ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ•‡”˜‹œ‹‡…‘‹Â?˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘’‡”…Š‹•–ƒƒˆˆ”‘Â?–ƒÂ?†‘—Â?ƒ†‹ˆˆ‹…‹Ž‡•–ƒ‰‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ     

 

&

on l’avvento della stagione estiva e il consueto aumento delle temperature iniziano da parte del governo e degli enti locali le importantissime campagne di sensibilizzazione per quanto riguarda l’emergenza caldo valutata sulla popolazione anziana. Secondo indagini statistiche effettuate a livello nazionale, a rischio sarebbero tra il 10 e il 20 % della popolazione avanti con l’etĂ , percentuale alla quale vanno aggiunte quelle persone che per cause varie vivono nella piĂš completa solitudine, domiciliate in case con una logistica ostile e senza alcun aiuto esterno. In questo contesto Acquanatura s.r.l sulla scia del Progetto “Senior Livingâ€?, vuole inserirsi come punto di riferimento per dare ospitalitĂ  e assistenza a tutti gli anziani bresciani e non che necessitano, in questo periodo di caldo torrido, di un luogo fresco dove trascorrere giornate liete, in compagnia e assistiti giornalmente. Le Terme di Angolo e la nostra strut-

‘Â?–”‘‹Ž…ƒŽ†‘‹Â?…‹––Â?ÇĄ …“—ƒÂ?ƒ–—”ƒÂ?‹”ƒ ƒŽ„‡Â?‡••‡”‡…‘Â?’Ž‡–‘ †‡‹˜‹ŽŽ‡‰‰‹ƒÂ?–‹…Š‡ •…‡Ž‰‘Â?‘ŽƒŽ‘…ƒ–‹‘Â? ƒÍ?͘͘Â?‡–”‹•ǤŽǤÂ?Ǥ

tura ricettiva si prestano in maniera unica e splendida a questa iniziativa: dal punto di vista ambientale non si può dimenticare il microclima perfetto che si crea nella vallata dove sono site, nonchÊ la flora e la fauna di cui essa è dotata in abbondanza e lo splendido paesaggio che la abbellisce. Tutto ciò, unito alla compagnia e all’allegria, sarà di stimolo psicologico per tutti i villegianti, in modo che possano trascorrere un sereno periodo di ferie. Coloro che, alle prese con qualche problema fisico, in città sarebbero rimasti chiusi soli in casa per intere giornate senza alcuna assistenza o avrebbero seria-

mente rischiato problemi di salute, anche gravi, uscendo all’aperto con temperature proibitive nelle ore piÚ calde del giorno, potranno in questo modo accedere alla possibilità di un soggiorno in montagna. PerchÊ purtroppo la realtà odierna con la quale bisogna fare i conti è che solo poche delle persone bisognose ed anziane riescono ad essere raggiunte da servizi adeguati al clima del periodo e alle loro necessità. Qui alle Terme di Angolo, invece, verrà data la possibilità a tante persone di vivere allegramente e in completa tranquillità fisica e mentale degli splendidi squarci di vita in completo relax, stando in compagnia e soprattutto in completa sicurezza. Infatti, oltre ad una pura azione di ospitalità e accoglienza durante il soggiorno, verranno parallelamente attivate anche delle campagne di sensibilizzazione volte alla cura dell’anziano, sia in situazioni critiche come il periodo estivo, sia in tutti i casi della normalità quotidiana in modo che l’allerta non si limiti a pochi mesi all’anno. Acquanatura

attraverso l’idea prossima futura del “Senior Livingâ€? vuole partecipare attivamente e in maniera innovativa alla cura a 360 gradi della popolazione anziana, offrendo servizi materiali e coinvolgimento umano a coloro che stanno affrontando una difficile stagione della loro vita. L’offerta quindi non è solo quella del classico soggiorno “climaticoâ€? per assaporare la frescura della zona, situata a circa 500 m s.l.m, nĂŠ l’unico beneficio

verrà dalle brezze provenienti dalle cime della Presolana, che dall’alto dei suoi 2521 metri domina sulla vallata. La nostra, infatti, sarà un’offerta integrata, orientata al benessere totale della persona, con il duplice obiettivo sia di limitare i pericoli derivanti dall’opprimente afa cittadina sia di regalare ai nostri ospiti quel valore aggiunto che meritano e che solo in rarissimi casi si può trovare nelle strutture esistenti.


$4'5%+#

&#4(1$6

9LD5LHWL 7HO )D[

9LD*KLVODQGL 7HO )D[

Z ZZ

P

'LUHWWRUHVDQLWDULR'U5LJDPRQWL)DEUL]LR 2UGLQHGL%UHVFLDQ

H FR

'LUHWWRUHVDQLWDULR'U5LJDPRQWL)DEUL]LR 2UGLQHGL%UHVFLDQ

V FX DO RO DV RQ FLS RQWHW

HVHUFLWR LWDOLDQR

)HGHUD]LRQH $XWRQRPD %DQFDUL ,WDOLDQL 6LQGDFDWR$XWRQRPR%DQFDULGL%UHVFLD

Lombardia

del Sebino


  œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

/$92&( '(/ 3232/2 ”ƒÂ?…‘‘˜‡––ƒČ‹”‡•…‹ƒÍ™ÍĄÍ›Í ČŒˆ‘”Â?ƒ–‘•‹Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘ †‡ŽŽǯ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡”–‹•–‹”‡•…‹ƒÂ?‹ǥ•‹†‡†‹…ƒˆ‹Â?Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘ ƒŽ–‡Â?ƒ†‡Ž’ƒ‡•ƒ‰‰‹‘…Š‡ǥƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽ͙ͥͥÍ?ÇĄ˜‹‡Â?‡ ‹Â?–‡”’”‡–ƒ–‘‹Â?•‡Â?•‘•‡Â?’”‡’‹Î’‘Ž‹Â?ƒ–‡”‹…‘‡ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒŽ‡Ǥ

ÇĄDz    ÇłČ?ÍšÍ˜Í˜ÍšČŽÇ¤ ÇĄ   ČƒǤ

,/9$1*(/2 '(//$'20(1,&$ ;9'20(1,&$'(/7(03225',1$5,2 '$/9$1*(/26(&21'20$5&2 

In quel tempo, GesĂš chiamò a sĂŠ i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: nĂŠ pane, nĂŠ sacca, nĂŠ denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: “Dovunque entriate in una casa, rimanetevi ďŹ nchĂŠ non sarete partiti di lĂŹ. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loroâ€?. Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Mandati, disarmati  

 

'

isarmati. Li vuole proprio cosĂŹ: disarmati. Senza la sicurezza di poter contare su una via di fuga, sulla possibilitĂ  di fermarsi, sull’attaccarsi a qualcosa o a qualcuno. Disarmati, in fondo, anche riguardo al messaggio, che non è la loro prioritĂ : il loro compito è quello di preparare, di precedere e – sembra curioso alla nostra mente moderna – di allontanare gli spiriti impuri. Come a dire che la preparazione (la conversione, l’allontanamento dei demoni, la guarigione dei malati) è la base per capire il messaggio. Ăˆ fare spazio, trovare il posto necessario nel quale far cadere quelle parole che non sono le loro. Anzi, nemmeno sanno quali parole arriveranno dopo di loro. Loro sono disarmati: senza tetto sulla testa, senza pane, sacca, denaro; senza la sicurezza di potersi arrangiare. O di deviare dal loro compito. E dall’umiltĂ , soprattutto, del loro compito. PerchĂŠ non sono loro la Parola. E per quanto preparino all’incontro, non sono quello che dovrĂ  essere incontrato. Disarmati davanti al non

possedere nemmeno quello che devono fare; anche se è importante. Creare lo spazio necessario per il vero arrivo, per le parole vere, per l’incontro vero. Mi ha sempre stupito questa mancanza di contenuti della predicazione dei primi discepoli: non predicano proprio nulla; non parlano di GesÚ; non annunciano nulla. Solo fanno spazio. Disarmati. Come le loro sacche vuote, e un paio solo di sandali. Per non dimenticare che quello che stanno facendo è momentaneo, è un viaggio, è una corsa in avanti. Lui arriverà. E parlerà secondo le parole che deve dire. Forse nemmeno loro saranno capaci di capirle, anche se sono stati mandati prima, mandati avanti a fare spazio. Non sono meglio degli altri, ma sono mandati: inutili perchÊ vuoti, servi perchÊ non proprietari di quello che fanno, instabili perchÊ già devono ripartire. Loro non sanno e devono solo far capire che qualcosa (o qualcuno) arriverà e non sarà dolore nÊ male ma la salvezza. Della quale c’è bisogno senza saperlo ed è quello che sempre manca perchÊ noi uomini di tutti i tempi crediamo

di poter farci bastare quello che c’è. Poi non ci basta nulla e ci accorgiamo di quanto è maligno il nostro credere che basti, che siano solo le cose che abbiamo davanti a renderci felici. Invece non è vero. Non è il rubare il momento, il cogliere l’attimo che ci rende felici. Quella è la resa, la sconfitta davanti a quello che non possiamo. Ăˆ riconoscere che non è nostro nĂŠ il passato nĂŠ il futuro e che solo il presente colma il bisogno. A meno che non arrivi una Parola. E non sia la chiave della speranza, che non sia il senso della salvezza. SalvĂ ti da chi? Da cosa? Da noi stessi prima di tutto e dal non sentire il bisogno di nessuno; dal credere che basti cosĂŹ, che vada bene cosĂŹ. Che non c’è bisogno di salvezza ma solo di salute e di tranquillitĂ . Ăˆ fermarsi a quei disarmati che vengono a due a due a colmare il vuoto e ad aprirne un altro. Aprono all’attesa, a una nuova, non a quella che si chiama nostalgia. Aprono alla speranza che è giĂ  desiderio di salvezza che si può trovare in una sola Parola. In Lui che arriva. In Lui che li ha mandati. Disarmati.



,SULPLSHQVLHULVXOODPLVVLRQH Una istantanea, vescovi e sacerdoti ritratti nella classica posizione della foto di gruppo. Sono passati 47 anni da quell’immagine, e quello scatto è tornato di attualità. In ultima fila un trentottenne teologo: Joseph Ratzinger. La foto era stata scattata nella casa dei Missionari del Verbo Divino a Nemi. Era la primavera del 1965 e in quei giorni, nella casa che si affaccia sul lago, era in corso un lavoro molto importante. Nell’aula conciliare il progetto di una dichiarazione sull’attività missionaria della Chiesa era stato rimandato alla commissione che ne aveva redatto l’impostazione. Per la nuova stesura si decise di costituire una sottocommissione guidata da padre Johannes Schßtte, allora superiore generale dei verbiti, e composta da quattro vescovi

e cinque periti tra cui il sessantunenne padre Yves Congar e, appunto, Joseph Ratzinger. Nei giorni scorsi quel giovane teologo, oggi diventato papa, è tornato nella casa dove è stato elaborato lo schema della dichiarazione Ad Gentes (nella foto). “Ne avevo un ricordo bellissimo, forse – ha ricordato Benedetto XVI ai partecipanti al 17° capitolo dei missionari verbiti – il piĂš bel ricordo di tutto il Concilio. Io abitavo nel centro di Roma, nel Collegio di Santa Maria dell’Anima, con tutto il rumore: tutto questo è anche bello! Ma stare qui nel verde, avere questo respiro della natura e anche questa freschezza dell’aria, era giĂ  in sĂŠ una cosa bella. E poi c’era la compagnia di tanti grandi teologi, con un incarico cosĂŹ importante e bello di preparare

un decreto sulla missioneâ€?. A chiedere la collaborazione dello stesso Ratzinger nella stesura di un nuovo schema De Missionibus era stato il superiore generale dei missionari verbiti, padre Johannes SchĂźtte. Alla prima riunione del gruppo di lavoro, dal 12 al 26 gennaio, il giovane Ratzinger non aveva potuto prendere parte, ma aveva inviato un testo sul fondamento teologico della missione della Chiesa, testo che ispirò, come è stato messo in evidenza in un recente studio sul Vaticano II, alcuni passaggi del primo capitolo del decreto conciliare Ad Gentes. Un contributo che procurò al giovane teologo tedesco l’apprezzamento di padre Yves Congar, che nei suoi diari cosĂŹ lo descrive: â€œĂˆ ragionevole, modesto, disinteressato, di buon aiutoâ€?.


͚͚

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

ÂŽ…‘Â?˜‡‰Â?‘†‹‡Â?‘Â?†‹ƒŽ‹–Â? ”‘˜ƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ„ƒ†‡Â?–”‘Žǯ‹Â?„”—Â?‹”‡

ƒŽ͙ͥƒŽÍšÍ?ƒ‰‘•–‘

Ž͛͛Ν‡‡–‹�‰†‹‹�‹�‹

“Trovare l’alba dentro l’imbrunire. Arte, passione, interculturaâ€?. Ăˆ il tema del 51° convegno di Cem MondialitĂ , che si svolgerĂ  a Trevi (Perugia) dal 19 al 24 agosto. Al centro dei lavori, spiega Lucrezia Pedrali, condirettrice di Cem MondialitĂ , il binomio “arte e bellezza come possibilitĂ  di miglioramento del rapporto con l’ambiente in cui viviamo e che vive in noi e la produzione artistica come espressione del signiďŹ cato del rapporto fra l’uomo

“In un momento in cui il problema è che tutto sta crollando, ma che sembra difďŹ cile, quasi impossibile rialzarsi, si mette a tema ciò che rende la persona veramente umana: il suo rapporto con l’inďŹ nitoâ€?. CosĂŹ la presidente Emilia Guarneri (nella foto) ha presentato la 33ÂŞ edizione del Meeting per l’amicizia tra i popoli, in programma a Rimini dal 19 al 25 agosto, sul tema: “La natura dell’uomo è rapporto con l’inďŹ nitoâ€?. In programma come

e il mondoâ€?. “Siamo convinti – spiega Brunetto Salvarani, direttore di Cem MondialitĂ  – che anche per il mondo della scuola, della formazione e dell’educazione permanente, nell’attuale momento di crisi, non solo economica, una strada da percorrere con sempre maggiore forza e convinzione sia quella del recupero del bello. Un bello che non ha nulla a che fare con l’estetismo e con i modelli antropologici oggi dominantiâ€?.

ogni anno oltre 100 convegni, 10 mostre, 26 spettacoli, 10 eventi sportivi. Ospiti e visitatori provenienti da tutto il mondo, quasi 4.000 volontari. SarĂ  uno dei capolavori della pittura italiana del Quattrocento, il Cristo morto con quattro angeli di Giovanni Bellini, il grande pittore col quale inizia il Rinascimento dell’arte a Venezia, al centro della mostra che aprirĂ  il 19 agosto presso i Musei comunali di Rimini e resterò aperto ďŹ no al 28 ottobre.

   

‡‡‘Â?•Ǥƒ”‹ƒÂ?‘”‘…‹ƒ–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?…‘Â?–”‘†‹†‹Â?„—”‰‘

8Q¡XPDQLWjDQFRUDVDQD FKHORWWDFRQWUROHOREE\

‡‰”‡–ƒ”‹†‡ŽŽ‡†‹˜‡”•‡‘Â?ˆ‡”‡Â?œ‡‡’‹•…‘’ƒŽ‹‡—”‘’‡‡•‹•‘Â?‘…‘Â?ˆ”‘Â?–ƒ–‹•—ƒŽ…—Â?‡†‡ŽŽ‡—”‰‡Â?œ‡ÂƒÂ–Â–Â—ÂƒÂŽÂ‹ÇĄƒ ’ƒ”–‹”‡†ƒ“—‡ŽŽƒ†‡ŽŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ…Š‡’ƒ”‡‘‰‰‡––‘†‹—Â?ƒ–‡Â?•‹‘Â?‡†‹•‰”‡‰ƒ–”‹…‡   

1

ei giorni scorsi si è tenuto ad Edimburgo, in Scozia, il 40° incontro dei segretari generali delle conferenze episcopali europee al quale ha partecipato anche mons. Mariano Crociata, segretario generale della Cei. Molti i temi di rilievo affrontati (vita, famiglia, libertĂ  religiosa, libertĂ  di educazione) in un incontro che il Segretario della Cei ha definito “non mero adempimento nell’attivitĂ  di un organismoâ€?, ma segno dell’interesse “nutrito dai partecipanti mossi dal bisogno di condividere un’esperienza cosĂŹ intensa e significativa come quella delle conferenze episcopaliâ€?. “Credo – ha continuato mons. Crociata – che oggi si sia raggiunta una coscienza avvertita che non si può fare Chiesa rimanendo chiusi nel proprio alveo nazionale. In questo mondo globalizzato, fatalmente ci si impoverisce senza la circolazione della vita delle diverse Chiese in un territorio – pur con tutte le sue differenze – largamente omogeneo come quello europeo. In questo senso le lingue sono la cifra della fatica da fare per superare le barriere che ancora ci sono nel comunicare, ma anche della possibilitĂ  e della necessitĂ  di imparare a comunicare e a capirsiâ€?. A Edimburgo si è parlato molto di famiglia, anche in termini di preoccupazione. Ăˆ lo stesso Segretario della Cei a dire il perchĂŠ di questa attenzione: “Abbiamo riscontrato la

  ÇŻ    

ǯ°ƒÂ?…‘”ƒ—Â?–‡••—–‘†‹ —Â?ƒÂ?‹–Â?•ƒÂ?‘ǥ…ƒ’ƒ…‡ †‹”‡‰‰‡”‡Žǯ—”–‘†‹…Š‹ ˜‘””‡„„‡†‹•‰”‡‰ƒ”‡Žƒ ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‡‹Ž”ƒ’’‘”–‘ —‘Â?‘nj†‘Â?Â?ƒ conferma di una pericolosa linea di tendenza che pare addirittura rafforzarsi, quella cioè a disarticolare la famiglia, a mutarla e a stravolgerla. Ho chiesto – ha affermato al proposito mons. Crociata – ad alcuni miei

confratelli se questo sia l’obiettivo di gruppi di pressione, di aree culturali definite e circoscritte o piuttosto una tendenza che va a diffondersi sempre piÚ�. Dal confronto è emersa la convizione che, nonostante la presenza di lobby attive nel portare avanti iniziative dirette a cambiare volto alla famiglia, al rapporto uomo-donna, alla persona nella sua integrale dignità, ci sia ancora un tessuto di umanità profondamente sano, anche in quei Paesi che appaiono prevalentemente pervasi di laicismo. C’è un sentimento profondo, sotterraneo, radicato, che testimonia che il senso dell’umano persiste e può

essere sempre meglio recuperato. “A fronte di questa sfida – sono ancora considerazioni del Segretario della Cei – dovremmo prendere ancor piĂš coscienza che qui è in gioco l’identitĂ  dell’essere umano, la salvaguardia della sua integritĂ â€?.

ǯ‹Â?…‘Â?–”‘•…‘œœ‡•‡Â?‘Â? °•–ƒ–‘ÂŽÇŻÂƒÂ†Â‡Â?’‹Â?‡Â?–‘ †‹—Â?ƒ•‡Â?’Ž‹…‡ ˆ‘”Â?ƒŽ‹–Â?ÇĄÂ?ƒ ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡‘……ƒ•‹‘Â?‡†‹ …‘Â?ˆ”‘Â?–‘‡†‹…”‡•…‹–ƒ

  ͚͙͛͘

8QVXVVLGLRSHU5LRGH-DQHLUR Anche in Italia si prepara alla prossima Giornata mondiale della gioventÚ. A poco meno di un anno dall’inizio della Gmg 2013 di Rio de Janeiro, il Servizio nazionale per la pastorale giovanile (Snpg) ha elaborato una serie di sussidi rivolti a tutti, sia a quelli che avranno la possibilità di seguire Benedetto XVI in Brasile, sia a quelli che resteranno in Italia. Si tratta di una scheda mensile, nella quale è raccolto tutto quel mate-

riale che può aiutare a confezionare un incontro di preparazione con cadenza mensile. La scheda, spiegano dal Snpg, “si rivolge ai gruppi diocesani, parrocchiali, associativi, a tutte le realtĂ  giovanili interessate; non si tratta di uno schema giĂ  pronto ma di una serie di ‘ingredienti formativi’ che ognuno potrĂ  adattare alla propria situazioneâ€?. Il materiale è composto da testi, immagini, link e di ďŹ lmati, uno per ogni mese. Il percorso

mensile si è aperto proprio in questo mese di luglio e durerĂ  un anno esatto, ďŹ no all’avvio della Gmg 2013. Sul sito italiano (www.gmgrio2013.it) Ă�� possibile trovare anche uno schema per la preghiera comunitaria del secondo venerdĂŹ del mese che accompagna, in tutto il mondo, la preparazione alla Gmg. Da domenica 2 dicembre 2012, inďŹ ne, sarĂ  attiva una applicazione utile per un cammino quotidiano personale.

‘……ƒ†‹ƒ’ƒ ƒ’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡ ƒŽ•ƒ…‡”†‘œ‹‘ ‡‹‰‹‘”Â?‹•…‘”•‹•‹°•˜‘Ž–‘ ƒ‘……ƒ†‹ƒ’ƒČ‹‘Â?ÂƒČŒÇĄ‹Ž …‘Â?˜‡‰Â?‘Dz…‡‰Ž‹ƒÂ?‘“—‡•–‹ Â?‘•–”‹ˆ”ƒ–‡ŽŽ‹…‘Â?‡…‘ŽŽƒ„‘”ƒ–‘”‹ †‡ŽÂ?‘•–”‘Â?‹Â?‹•–‡”‘Ǥƒ ’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡†‹—‘Â?‹Â?‹…”‡†‡Â?–‹ ƒ†‹˜‡Â?–ƒ”‡’”‡•„‹–‡”‹‘dzǤ ÂŽ …‘Â?˜‡‰Â?‘°‹Ž–‡”œ‘†ƒŽŽƒ ’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ–‡”œƒ ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹Dz”‹‡Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ ‡Â?‘”Â?‡’‡”Žƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ ’”‡•„‹–‡”‹Â?‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ÂƒÇłÇĄ ƒ˜˜‡Â?—–ƒÂ?‡Ž͚͘͘Í&#x;Ǥ”‘Â?‘••‘ †ƒŽŽƒ‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡‡’‹•…‘’ƒŽ‡ ’‡”‹Ž…Ž‡”‘‡Žƒ˜‹–ƒ…‘Â?Â•ÂƒÂ…Â”ÂƒÂ–ÂƒÇĄ ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒÂ?‘Â?•Ǥ ”ƒÂ?…‡•…‘ ƒÂ?Â„Â‹ÂƒÂ•Â‹ÇĄ°•–ƒ–‘…‘‘”†‹Â?ƒ–‘ †ƒŽ‡Â?–”‘Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‹Ǥ

ˆ‘”Â?ƒ–‘”‹’”‡•‡Â?–‹•‘Â?‘•–ƒ–‹ …‹”…ƒÍ™ÍšÍ˜ÇĄ‹Â?”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?œƒ †‹…Š‹ǥ‘‰‰‹ǥ‹Â? –ƒŽ‹ƒ•‹‘……—’ƒ †‡ŽŽƒ’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹‘Ž–”‡ Í?ǤÍ?͘͘‰‹‘˜ƒÂ?‹…Š‡•‹’”‡’ƒ”ƒÂ?‘ ƒŽ•ƒ…‡”†‘œ‹‘Ǥ„‹‡––‹˜‘ †‡Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘‡”ƒ“—‡ŽŽ‘†‹ ”‹ˆŽ‡––‡”‡•—ŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ ƒŽ’”‡•„‹–‡”‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘ǥ ”‹…Š‹ƒÂ?ƒÂ?†‘“—‡ŽŽƒ‡••‡Â?œ‹ƒŽ‡ ˆ‘”Â?ƒ…‘ŽŽ‡‰‹ƒŽ‡…Š‡‹ŽÂ?‹Â?‹•–‡”‘ •ƒ…‡”†‘–ƒŽ‡’”‡•‡Â?–ƒÂ?‡ŽŽƒ –”ƒ†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄ ƒ—–‘”‡˜‘ŽÂ?‡Â?–‡”‹…Š‹ƒÂ?ƒ–ƒ †ƒŽŽƒ”‡•„›–‡”‘”—Â?‘”†‹Â?‹• ‡†ƒŽŽƒƒ•–‘”‡•†ƒ„‘˜‘„‹•Ǥ ǯ‡•‹‰‡Â?œƒ†‹—Â?…‘Â?ˆ”‘Â?–‘‡†‹ —Â?ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹Â?‡Â?–‘†‹“—‡•–‘ ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡ƒ•’‡––‘†‡ŽŽƒ ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡”‹˜ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?…‘”ƒ ’”‡˜ƒŽ‡Â?–‡…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‡ ‹Â?†‹˜‹†—ƒŽ‡†‡ŽŽƒ˜‘…ƒœ‹‘Â?‡Ǥ

Â?“—‡•–‘•‡Â?•‘‹Ž…‘Â?–”‹„—–‘ †‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡†‡Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘° •–ƒ–‘Â?‘–‡˜‘Ž‡Ǥ‡Ž…‘”•‘†‡Ž …‘Â?˜‡‰Â?‘°•–ƒ–‘ƒˆˆ”‘Â?–ƒ–‘ ƒÂ?…Š‡‹Ž–‡Â?ƒ†‡ŽŽƒ…”‹•‹†‡ŽŽ‡ ˜‘…ƒœ‹‘Â?‹ǥ—Â?…ƒÂ?’‘•—…—‹‹ ’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹•‹•‘Â?‘…‘Â?ˆ”‘Â?–ƒ–‹ ”‹…‘Â?‘•…‡Â?†‘…Š‡Žƒ…”‹•‹†‡ŽŽ‡ ˜‘…ƒœ‹‘Â?‹°•‡Â?’”‡’”‹Â?ƒ†‹ –—––‘—Â?ƒ…”‹•‹†‹–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ …‘ŽŽ‡‰‹ƒŽ‡ƒ…—‹”‹•’‘Â?†‡”‡…‘Â? —Â?ƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ˜‹••—–ƒ …‘Â?‡‘”†‹Â?‡’”‡•„‹–‡”ƒŽ‡ …ƒ”ƒ––‡”‹œœƒ–‘†ƒŽŽƒ …‘Â?—Â?‹‘Â?‡‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?’‡‰Â?‘’‡” ÂŽÇŻÂ‡Â˜ÂƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡Ǥ


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

͚͛

—Â?Â?‡””– ƒ’ƒ”‘ŽƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‡˜‹•‹–ƒƒ‹Ž—‘‰Š‹†‹ƒ‘Ž‘

Il Centro oratori bresciani, in collaborazione con l’Opera per l’educazione cristiana, ha organizzato a Concesio tre giorni speciali per i grest bresciani. Circa 400 tra bambini, ragazzi e animatori di grest hanno partecipato all’iniziativa “Summer Art la parola nell’arte�, un progetto che ha permesso di far conoscere e valorizzare i luoghi di Paolo VI anche nel periodo estivo attraverso diversi momenti: la visita alla casa natale di Papa

Montini con un breve video introduttivo, la visita guidata alle opere della collezione Paolo VI Arte Contemporanea (nella foto) su tre percorsi divisi per bambini, ragazzi e animatori e i laboratori didattici sulla parola nell’arte. Proprio la parola è stata il collante tra il grest “PasspartĂšâ€? degli oratori bresciani e i luoghi di Paolo VI dove la “Parolaâ€? è divenuta arte grazie al dialogo del Papa con gli artisti. Per molti bambini è stata l’occasione di

scoprire la ďŹ gura di Paolo VI e i suoi luoghi, per altri un valido momento di approfondimento sul tema del grest 2012. Per il Centro oratori bresciani e per l’Opera per l’educazione cristiana Summer Art è stato un momento di collaborazione molto importante che ha permesso di concludere con successo le attivitĂ  educative 2012 volte ad inserire i linguaggi dell’arte contemporanea anche nei percorsi di riessione e di aggregazione degli oratori bresciani.

   ”ƒ–‘”‹ �’”‘‰”ƒ��ƒ–”ƒ”‡•…‹ƒ‡‡”‰ƒ�‘

+2VLDYYLFLQD O¡KDSSHQLQJ ‹Â?‘ƒŽ͛͘Ž—‰Ž‹‘•‘Â?‘ƒ’‡”–‡Ž‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹ƒŽŽƒ’”‹Â?ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ’‡Â?•ƒ–ƒ ’‡”Â?‡––‡”‡ƒ…‘Â?ˆ”‘Â?–‘Ž‡†‹˜‡”•‡‡•’‡”‹‡Â?œ‡†‹‘”ƒ–‘”‹‘‹Â? –ƒŽ‹ƒ   

     

+

1O: non è una formula chimica; si tratta dell’efficace sigla scelta per il 1° happening degli oratori che si terrĂ  tra Brescia e Bergamo dal 6 al 9 settembre prossimo. L’iniziativa, di carattere nazionale, è promossa dal Foi, il Forum degli oratori italiani, “coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all’oratorio, luogo ed espressione dell’amore della Chiesa per le nuove generazioniâ€?, come cita l’art.1 del suo statuto. “Quello che si terrĂ  tra Brescia e Bergamo – afferma don Marco Mori che del Foi è presidente – è un happening, cioè un’esperienza che include piĂš proposte. H1O: evoca gli elementi essenziali della vita, l’acqua, la fontana del villaggio, gli incontri di Dio con il suo popolo ai vari pozzi, GesĂš acqua viva. Nell’happening di settembre c’è la volontĂ  di far capire gli elementi essenziali dell’essere e del fare oratorio oggi, convinti che la proposta educativa dell’oratorio, nella sua completezza, è ancora attualeâ€?. Il tema scelto per la prima edizione dell’happening è “Oratorio e/è educare. Sfide, prospettive, esperienzeâ€?, con l’obiettivo di esplicitare il modo con cui l’oratorio educa. Diverse saranno le modalitĂ  con cui i partecipanti a H1O avranno modo di declinare il tema scelto: nell’incontro con i singoli oratori, nella plenaria



‘Â?‘”‹ǣDz”‡‰‹‘”Â?‹ ’‡””‹„ƒ†‹”‡…Š‡ Žǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ‡†—…ƒ–‹˜ƒ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘ÇĄÂ?‡ŽŽƒ•—ƒ …‘Â?Â’ÂŽÂ‡Â–Â‡ÂœÂœÂƒÇĄ°ƒÂ?…‘”ƒ †‹‰”ƒÂ?†‡ƒ––—ƒŽ‹–Â?Çł nel corso della quale si alterneranno relazioni e testimonianze; nella fiera: “Le sfide degli oratoriâ€? e negli workshop. Il lavoro delle giornate

dell’happening troverĂ  poi sintesi nel mandato finale “Continuare a sfidare l’educazioneâ€?. “A H1O – afferma ancora don Mori – parteciperanno animatori in arrivo dagli oratori di tutto il Paese che saranno accolti dalle diocesi di Brescia e Bergamo che insieme hanno lavorato all’organizzazioneâ€?. Province separate dal corso dell’Oglio e dal lago d’Iseo, sono realtĂ  accomunate proprio dall’esperienza dell’oratorio, che in ogni paese, dalle valli alle zone della Bassa è sempre stato (e continua ad essere) una grande fucina di creativitĂ , formazione e confronto. Una presenza capillare che ha sempre fatto dell’accoglienza il proprio stile. “Accoglienza – ricorda don Marco Mori – che viene prima anche dell’appartenenza ecclesiale, se è vero che tra questi numerosi volontari c’è anche chi ha qualche conto da fare con la propria fede, accoglienza che si concretizza nel fare qualcosa insieme, nella laboriositĂ  e nell’orgoglio di rendere piĂš bello il proprio territorioâ€?. Questo modo di intendere l’oratorio verrĂ  proposto alla condivisione e al confronto con altri modelli ed esperienze, compresa quella spirituale. Le iscrizioni a H1O si possono efffettuare, sino al 30 luglio, sul sito www.oratori.org. Per ulteriori informazioni è possibile consultare lo stesso sito o scrivere a scrivere a happening@ oratori.org.

͞njͥ•‡––‡�„”‡

Ž’”‘‰”ƒ��ƒ †‹ ͙

Í™•‹•˜‘Ž‰‡”Â?ƒ‡”‰ƒÂ?‘‡”‡nj •…‹ƒ†ƒŽÍžƒŽÍĄ•‡––‡Â?„”‡͚͙͚͘Ǥ ÂŽÍž ‡Í&#x;•‡––‡Â?„”‡ÂŽÇŻÂŠÂƒÂ’’‡Â?‹Â?‰‡Â?–”‡nj ”Â?Â?‡Ž˜‹˜‘…‘Â?Â?‘Â?‡Â?–‹†‹Dz‰‡nj Â?Â‡ÂŽÂŽÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘Çł–”ƒ‘”ƒ–‘”‹Ǥ‰Â?‹Â‘Â”ÂƒÇŚ –‘”‹‘ǥ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ˜‡””Â?‘•’‹–ƒ–‘†ƒ—Â? ƒŽ–”‘‘”ƒ–‘”‹‘ȋ•‹‹Â?’‡‰Â?ƒÂ?‘’‡” –ƒŽ‡•…‘’‘‰Ž‹‘”ƒ–‘”‹†‹Â‡Â”Â‰ÂƒÇŚ Â?‘‡“—‡ŽŽ‹†‹”‡•…‹ƒÂ?‡ŽŽƒœ‘Â?ƒ ˜‹…‹Â?ƒƒ‡”‰ƒÂ?Â‘ČŒÇ¤—‡•–‘’”‹nj Â?‘Â?‘Â?‡Â?–‘†‹ Í™…‘Â?•‡Â?–‹”Â? …‘•¿†‹…‘Â?‘•…‡”‡—Â?Â?‘†‡ŽŽ‘†‹ ‹Â?’‘•–ƒœ‹‘Â?‡‘”ƒ–‘”‹ƒÂ?ƒǤ‡”Žƒ •‡”ƒ†‡ŽÍ&#x;•‡––‡Â?„”‡°’”‡˜‹•–ƒ —Â?ƒˆ‡•–ƒ‹Â?’‹ƒœœƒƒ‡”‰ƒÂ?‘Ǥ ÇŻÍ  •‡––‡Â?„”‡ ‹ ’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂŠÂƒÂ’Â’Â‡Â?‹Â?‰•‹•’‘•–‡”ƒÂ?Â?‘ƒŽ ‡Â?–”‘ˆ‹‡”ƒ†‡Ž ƒ”†ƒ†‹‘Â?ÇŚ –‹…Š‹ƒ”‹’‡”Žƒ’ƒ”–‡Dz…‘Â?˜‡‰Â?‹nj Â•Â–Â‹Â…ÂƒÇł †‹ Í™ ‡ Žǯ‹Â?–”‘†—œ‹‘Â?‡ †‡Ž–‡Â?ƒ…‘Â?†—‡Â?‘Â?‡Â?–‹ǣ—Â?ƒ ’ƒ”–‡†‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡‡—Â?ƒ’ƒ”–‡†‹

–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œ‡ƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽŽƒ’”‘nj ’”‹ƒ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‹‘”ƒ–‘”‹‘Ǥ‡‰Ž‹ •–‡••‹•’ƒœ‹˜‡””Â?ƒÂ?…Š‡ƒŽŽ‡•–‹–ƒ —Â?ƒˆ‹‡”ƒ†‡‰Ž‹‘”ƒ–‘”‹Č‹Âƒ…—”ƒ†‡Ž Â‘Â‹ČŒÇŁ•–ƒÂ?†‡†—…ƒ–‹˜‹…Š‡’”‡•‡Â?ÇŚ –ƒÂ?‘Ž‡ƒœ‹‘Â?‹’‹Î•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‡ …Š‡‰Ž‹‘”ƒ–‘”‹•–ƒÂ?Â?‘•˜‘Ž‰‡Â?†‘ ‹Â? –ƒŽ‹ƒȋ’”‘‰‡––‹ǥÂ’Â—Â„Â„ÂŽÂ‹Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‹ǥ‡•’‡”‹‡Â?ÂœÂ‡ÇĄ’”‘’‘•–‡ÇĽČŒÇ¤‡Ž ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘Â?—‘˜‘•’‘•–ƒÂ?‡Â?–‘ ƒ”‡•…‹ƒǤ Â?˜ƒ”‹’—Â?–‹†‡Ž…‡Â?–”‘ •–‘”‹…‘†‡ŽŽƒ…‹––Â?•‹–‡””ƒÂ?Â?‘ÂƒÂŽÇŚ …—Â?‹ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹Â?‡Â?–‹–‡Â?ÂƒÂ–Â‹Â…Â‹ÇĄ Â?‡ŽŽƒˆ‘”Â?ƒ†‹˜‡Ž‘…‹™‘”Â?•Š‘’Ǥ

Â?Â•Â‡Â”ÂƒÂ–ÂƒÇĄƒŽŽ‡ÍšÍ™Ç¤Í›Í˜ÇĄˆ‡•–ƒ‹Â?Â’Â‹ÂƒÂœÇŚ œƒ‘‰‰‹ƒǤƒ’”‹Â?ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡†‹ Í™•‹…Š‹—†‡”Â?Â?‡ŽŽƒÂ?ƒ––‹Â?ƒ–ƒ †‡ŽÍĄ•‡––‡Â?„”‡ǤŽŽ‡͙͙ŽƒÂƒÂ–ÇŚ –‡†”ƒŽ‡‘•’‹–‡”Â?Žƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ ˆ‹Â?ƒŽ‡Â?‡Ž…‘”•‘†‡ŽŽƒ“—ƒŽ‡•ƒ”Â? …‘Â?•‡‰Â?ƒ–‘‹ŽÂ?ƒÂ?†ƒ–‘ˆ‹Â?ƒŽ‡ƒ‰Ž‹ ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹Ǥ


͚͜

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

‰‡�†ƒ †‡Ž‡•…‘˜‘

ƒ�…‡ŽŽ‡”‹ƒ ‘�‹�‡

Dal 15 al 21 luglio Il Vescovo guida gli Esercizi spirituali presso la Casa di spiritualitĂ  della Madonna di Pietravolta, a Frassinoro (Mo).

La Cancelleria della Curia diocesana comunica i seguenti provvedimenti.

vicario parrocchiale delle parrocchie della Badia e del Villaggio Violino in cittĂ .

Il sac. don Raffaele Donneschi, parroco del Villaggio Violino in città, è stato nominato parroco anche della parrocchia della Badia, in città.

Il sac. don Luigi Bonardi è stato nominato presbitero collaboratore festivo delle parrocchie della Badia e del Villaggio Violino in città.

Il sac. don Fausto Mussinelli, già vicario parrocchiale di Botticino Sera, Botticino Mattina e San Gallo, è stato nominato

Il sac. don Mario Benedini, presbitero collaboratore della parrocchia della Badia, è stato nominato presbitero collaboratore

anche della parrocchia del Villaggio Violino in città. Il sac. don Luigi Salvetti, presbitero collaboratore della parrocchia del Violino, è stato nominato presbitero collaboratore anche della parrocchia della Badia in città. Il diacono Francesco Turla, in servizio presso la parrocchia della Badia, è stato nominato anche per il servizio nella parrocchia del Villaggio Violino in città.

   

�‹Ž‹ƒƒ˜‹•‹–ƒ„”‡•…‹ƒ�ƒƒŽŽ‡…‘�—�‹–�–‡””‡�‘–ƒ–‡

”‡•…‹ƒ ƒ•…‘�’ƒ”•ƒ †‹†‘�‘”‘•ƒ�‹

)DFFLDPRWUHWHQGH

‘•…‘”•‘Í Ž—‰Ž‹‘°Â?‘”–‘ǥ ÂƒÂŽÂŽÇŻ ‘•’‹…‡†‡ŽŽƒ‘Â?—•ÂƒÂŽÂ—–‹•ǥ †‘˜‡‡”ƒÂ”Â‹Â…Â‘Â˜Â‡Â”ÂƒÂ–Â‘ÇĄ†‘Â? ‹‘Â?‡ŽŽ‘‘”‘•ƒÂ?‹ǥ…ƒ’’‡ŽŽƒÂ?‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â?ƒ†‡‹ƒ”ƒ„‹Â?‹‡”‹Ǥ

•—‘‹ˆ—Â?‡”ƒŽ‹•‘Â?‘•–ƒ–‹ …‡Ž‡„”ƒ–‹Žǯ͙͙Ž—‰Ž‹‘Â?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡†‡ŽŽ‡ƒÂ?–‡ ƒ’‹–ƒÂ?‹‘‡ ‡”‘•ƒ‹Â?…‹––Â?Ǥ ‘Â?‹‘Â?‡ŽŽ‘‘”‘•ƒÂ?‹‡”ƒÂ?ƒ–‘ ƒ”‡•…‹ƒ‹Ž͚͞†‹…‡Â?„”‡͙ͥÍ?Íš ‡†‡”ƒ•–ƒ–‘‘”†‹Â?ƒ–‘•ƒ…‡”†‘–‡ ĠŽ„ƒÂ?‘ƒœ‹ƒŽ‡‹ŽÍšÍ? ‰‡Â?Â?ƒ‹‘†‡ŽÍ™ÍĄÍ ÍœÇ¤ƒŽ͚͘͘Í&#x;‡”ƒ …ƒ’’‡ŽŽƒÂ?‘Â?Â‹ÂŽÂ‹Â–ÂƒÂ”Â‡ÇĄ…‘Â?‹Ž‰”ƒ†‘ †‹…‘Ž‘Â?Â?‡ŽŽ‘ǥ†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡ ƒ”ƒ„‹Â?‹‡”‹†‹‘Â?„ƒ”†‹ƒǤ

  

7

re, come il numero delle tende che i discepoli Pietro, Giovanni e Giacomo volevano realizzare sul monte Tabor. Tre tensostrutture che non sono state pensate per ospitare GesĂš, Mosè e il profeta Elia, ma tre comunitĂ  private dal terremoto delle loro chiese, dei loro oratori, destinate, dunque, a una funzione non meno nobile rispetto a quella del monte della Trasfigurazione. Le tre tensostrutture sono giunte da Brescia all’Emilia grazie all’iniziativa “Vi attendiamo!â€? lanciata dall’Ufficio oratori e da “Voceâ€? nelle scorse settimane per coinvolgere in una iniziativa di solidarietĂ  il “popoloâ€? dei grest bresciani. Le tre tensostrutture che stanno ospitando le iniziative estive, le anche le celebrazioni domenicali a altre attivitĂ  comunitarie, sono state montate a Villafranca di Medolla, a San Prospero e a Massa Finalese, tre comunitĂ  della diocesi di Modena-Nonantola private di tutto dal terremoto che ogni tanto si fa ancora sentire. La situazione è ancora precaria, ma grazie alla generositĂ  dei ragazzi bresciani, tanti pari etĂ  delle tre comunitĂ  parrocchiali emiliane possono godere, almeno nel momento delle attivitĂ  estive, di alcune parentesi di normalitĂ . Come annunciato giĂ  in occasione del lancio dell’iniziativa, Brescia ha visitato le tre comunitĂ . Una delegazione gui-

‘�–‹”‘�‡ ƒ�‘”–‡ †‹†‘�‡––‹�•‘Ž‹          

‘Â?‹Ž‹…ƒ”‹‘‰‡Â?‡”ƒŽ‡ ƒÂ?…Š‡—Â?ƒˆ‘Ž–ƒ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?œƒ†‡‹ ‰”‡•–„”‡•…‹ƒÂ?‹…Š‡ ŠƒÂ?Â?‘’”‡•‘’ƒ”–‡ƒ Dz‹ƒ––‡Â?†‹ƒÂ?‘Ǩdz data dal vicario generale Gianfranco Mascher e composta dalla Commissione diocesana grest e da una sessantina di animatori delle parrocchie di San Zeno Naviglio, Sarezzo e Isorella è stata in Emilia l’11 luglio per

farsi interprete della vicinanza della diocesi alle comunitĂ  colpite dal terremoto. I bresciani sono stati accolti dal Vescovo di Modena-Nonantola. “Vi ringrazio per quanto state facendo per noi – sono state le parole di mons. Antonio Lanfranchi –. Il terremoto, evento terribile, ha però permesso alle nostre Chiese di incontrarsi, di conoscersiâ€?. Ha poi accompagnato mons. Mascher, che gli ha consegnato un’offerta personale del vescovo Monari, in visita alle comunitĂ  a cui sono state donate le tensostrutture. Come gli altri bresciani ha potuto toccare con mano l’utilitĂ  delle strutture

donate; ha appreso dalle parole dei sacerdoti, degli animatori, dei partecipanti alle attività cosa significhi la vicinanza di tanta gente nel momento della difficoltà. Sotto la tenda issata a Massa Finalese il Vicario generale ha celebrato la Santa Messa al fianco del vescovo di Modena-Nonantola Antonio Lanfranchi che non ha rinnovato il suo grazie e quello della Chiesa modenese a Brescia e ai ragazzi dei grest. La visita della delegazione bresciana è stata conclusa da un momento di festa proprio sotto quelle tensostrutture donate grazie alla generosità dei grest.

‘’‘—Â?ƒ„”‡˜‹••‹Â?ƒÂ?ÂƒÂŽÂƒÂ–Â–Â‹ÂƒÇĄ Â?‡Ž’”‹Â?‘’‘Â?‡”‹‰‰‹‘†‹ Â?‡”…‘Ž‡†¿͙͙Ž—‰Ž‹‘ǥ°Â?‘”–‘ †‘Â? ”ƒÂ?…‘‡––‹Â?•‘Ž‹ǥ†ƒŽ͚͛͘͘ ’ƒ””‘…‘†‹‘Â?–‹”‘Â?‡Ǥƒ–‘ ƒ‘†”‹Â?‘Â?‡ŽÍ™ÍĄÍœÍ˜ÇĄ‡”ƒ•–ƒ–‘ ‘”†‹Â?ƒ–‘ƒ”‡•…‹ƒÂ?‡Ž͙ͥ͞͞Ǥ ƒÂ?‘–‹œ‹ƒ†‡ŽŽƒ•—ƒÂ?‘”–‡Šƒ Žƒ•…‹ƒ–‘•‰‘Â?‡Â?–ƒŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â? †‹‘Â?–‹”‘Â?‡…Š‡•‘Ž‘’‘…Š‡ •‡––‹Â?ƒÂ?‡ˆƒƒ˜‡˜ƒ…‘Â?†‹˜‹•‘ …‘Â?†‘Â? ”ƒÂ?…‘Žƒ‰‹‘‹ƒ’‡” Žǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒÂ?—‘˜ƒ •ƒŽƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Ǥ‘Â?•Ǥ ‘Â?ƒ”‹’”‡•‹‡†‡”Â?‹ˆ—Â?‡”ƒŽ‹ …Š‡•‹…‡Ž‡„”‡”ƒÂ?Â?‘Â?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡†‹‘Â?–‹”‘Â?‡‹Ž͙͛ Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡ͥǤ

,15,&25'2 0$5$7855$ 'LDQQL

9,7$/,1$=,3321, 9HG0217,1, 'LDQQL

$1*(/27$*/,(77, 'LDQQL 1H GDQQR LO WULVWH DQQXQ FLR L ÂżJOL )UDQFR FRQ /LQD 6WHIDQRFRQ3LHUD$QGUHD FRQ 0DULD 0DULR FRQ 0D ULDURVD L QLSRWL 'DULV FRQ 'RQDWHOOD&ODXGLR0LFKHOH H/DXUDLSURQLSRWL'LHJRH 'DYLGH H SDUHQWL WXWWL 8Q SDUWLFRODUH ULQJUD]LDPHQWR DWXWWRLOSHUVRQDOHPHGLFR HSDUDPHGLFRGHOOD&DVDGL 5LSRVR 7LOGH H /XLJL &ROR VLRGL5RGHQJR6DLDQRSHU OÂśDVVLVWHQ]DSUHVWDWD

QDWDD&DOYLVDQR GHFHGXWDD%UHVFLD

QDWDD&DVWHJQDWR GHFHGXWDD5RGHQJRVDLDQR

526$ *,1$ /25,1, 9HG%HUWRQL 'LDQQL

(/,6$%(77$,19(5$5', 'LDQQL

&RQ LPPHQVR GRORUH OR DQQXQFLDQR OH ÂżJOLH &HFLOLD FRQ )UDQFR /DXUDFRQ3DRORLOJH QHUR 5LQR OD 6RUHOOD LO IUDWHOOR FRJQDWL FR JQDWH QLSRWL H SDUHQWL WXWWL

QDWRD&DVWHO0HOOD GHFHGXWRD&DVWHO0HOOD

1H GDQQR LO WULVWH DQ QXQFLRLIUDWHOOL*LXVHS SH /XLJL 9DOHQWLQR OD VRUHOOD 5RVD FRQ OH UL VSHWWLYHIDPLJOLHQLSRWL HSDUHQWLWXWWL 8Q SDUWLFRODUH ULQJUD ]LDPHQWRDWXWWRLOSHU VRQDOHPHGLFRHSDUD PHGLFR H DL YRORQWDUL GHOOD FDVD GL ULSRVR GL 2VSLWDOHWWR SHU OÂśDVVL VWHQ]DSUHVWDWD QDWDD&DVWHJQDWR GHFHGXWDD2VSLWDOHWWR


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

ÇŻ œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

ÍšÍ?

‡‹��ƒ‰‹�‹†‡ŽŽƒ‰”ƒ�†‡‡•–ƒ–‡

Â?‘”ƒ–‘”‹‘’‡”Â‰Â‹Â‘Â…ÂƒÂ”Â‡ÇĄÂ•Â…ÂŠÂ‡Â”ÂœÂƒÂ”Â‡ÇĄ…”‡•…‡”‡‡’”‡‰ƒ”‡ Per molti il grest è un bel ricordo. Le giornate passate in oratorio hanno lasciato il posto ai campi scuola, alle vacanze “fuori sedeâ€?. In questa pagina viene riproposta, attraverso le fotografie che alcuni grest bresciani hanno inviato a “Voceâ€? questa pagina importante della grande estate degli oratori. Solo poche immagini che idealmente ripercorrono la gioia delle decine di migliaia di ragazzi (60mila secondo la stima dell’Ufficio oratori) che con “PasspartĂšâ€? hanno giocato, scherzato con i loro

animatori e con i tanti “donâ€? che, con indosso la maglietta d’ordinanza, in mezzo a tante parole non hanno perso l’occasione (perchĂŠ alla fine il grest è anche questo) di buttare lĂŹ la Parola giusta. Molti di quelli che nei giorni scorsi hanno prestato la loro opera come animatori in questi giorni stanno probabilmente vivendo l’esperienza dei campi scuola o di una vacanza al mare con il curato. Proprio in questo sta il bello della grande estate degli oratori: proporre esperienze diversificate in cui

ciascuno, alla fine, trova i propri spazi di protagonismo. Quest’anno, poi, agli oratori bresciani è stata data anche l’opportunitĂ  di sperimentare direttamente la dimensione della solidarietĂ . Con l’iniziativa “Vi attendiamo!â€? (di cui si legge nella pagina a fianco, ndr) i grest bresciani sono stati chiamati a sostenere quelli emiliani colpiti dal sisma. In questa pagina trovano spazio immagini dai grest di Rovato, Palazzolo (S.Cuore e S. Sebastiano) e Virle Treponti.

‹‘…‡•‹ƒ‰”ƒ�†‡‡•–ƒ–‡†‡‰Ž‹‘”ƒ–‘”‹

*UHVWSLVLDPR PHJOLRVWLDPR 1–‡�’‘†‹ˆ‡•–‡†‹…Š‹—•—”ƒǤ‡ƒ––‹˜‹–�‹�‘”ƒ–‘”‹‘•–ƒ��‘’‡”Žƒ•…‹ƒ”‡‹Ž’‘•–‘ƒ…ƒ�’‹•…—‘Žƒ ‡ƒ†ƒŽ–”‡‡•’‡”‹‡�œ‡Ǥ‡”†‡…‹�‡†‹�‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹”ƒ‰ƒœœ‹”‡•–ƒ‹Ž”‹…‘”†‘†‡ŽŽ‡‰‹‘”�ƒ–‡˜‹••—–‡

ƒˆ‘–‘‰ƒŽŽ‡”›Â?Â‘Â•Â–Â”ÂƒÇĄ ƒ––”ƒ˜‡”•‘ƒŽ…—Â?‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹ǥ Žƒ‰”ƒÂ?†‡‡•–ƒ–‡…Š‡’‹Î †‹͘͞Â?‹Žƒ”ƒ‰ƒœœ‹‡͙͘Â?‹Žƒ ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹ŠƒÂ?Â?‘˜‹••—–‘ ȋ‘•–ƒÂ?Â?‘ƒÂ?…‘”ƒ˜‹˜‡Â?Â†Â‘ČŒ ‹Â?–—––‹‰Ž‹‘”ƒ–‘”‹†‡ŽŽƒ †‹‘…‡•‹ǤÂ?ÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡ÇĄ“—‡ŽŽƒ †‘…—Â?‡Â?–ƒ–ƒ‹Â?“—‡•–ƒ ’ƒ‰‹Â?ÂƒÇĄˆƒ––ƒ†‹–ƒÂ?–‘ †‹˜‡”–‹Â?‡Â?–‘ǥ†‹˜‘‰Ž‹ƒ†‹ •–ƒ”‡‹Â?•‹‡Â?‡ǥ†‹Â‰Â‹Â‘Â…ÂƒÂ”Â‡ÇĄ†‹ Â’Â”Â‡Â‰ÂƒÂ”Â‡ÇĄ†‹…‘Â?‘•…‡”‡Â?—‘˜‡ ”‡ƒŽ–Â?ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡†‹’‘–‡” ƒ‹—–ƒ”‡Ǥ‘Â?Žǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒDz‹ ƒ––‡Â?†‹ƒÂ?‘Ǩdzǥ’”‘Â?‘••ƒ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘‘”ƒ–‘”‹‡†ƒ Dz‘…‡dz’‡”†‘–ƒ”‡ƒŽ…—Â?‡ ’ƒ””‘……Š‹‡†‡ŽŽǯÂ?‹Ž‹ƒ …‘Ž’‹–‡†ƒŽ–‡””‡Â?‘–‘†‡ŽŽ‡ •–”—––—”‡Â?‡…‡••ƒ”‹‡ƒŽŽ‡ ƒ––‹˜‹–Â?Â‡Â•Â–Â‹Â˜Â‡ÇĄ‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ ƒ‹‰”‡•–ŠƒÂ?Â?‘•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ–‘ ƒÂ?…Š‡Žƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?Ǥ

DzÂƒÂ•Â•Â’ÂƒÂ”Â–ĂŽÇł°‹Ž –‡Â?ƒ…Š‡Šƒˆƒ––‘ †ƒˆ‹Ž‘…‘Â?†—––‘”‡ ƒ‹‰”‡•–†‡‰Ž‹ ‘”ƒ–‘”‹„”‡•…‹ƒÂ?‹Ǥ

�“—‡•–ƒ’ƒ‰‹�ƒ –”‘˜ƒ�‘•’ƒœ‹‘ Ž‡‹��ƒ‰‹�‹…Š‡ •‘�‘‰‹—�–‡‹� ”‡†ƒœ‹‘�‡†ƒ ƒŽ…—�‡’ƒ””‘……Š‹‡Ǥ

Â?Â?ƒ‰‹Â?‹…Š‡ǥ ‹Â?•‹‡Â?‡ƒŽŽƒ Ç˛Â’ÂƒÂ”Â‘ÂŽÂƒÇł‡˜‘…ƒ–ƒ ƒÂ?…Š‡†ƒŽ–‡Â?ƒ •…‡Ž–‘ǥ…‘Â?’Ž‡–ƒÂ?‘ Žƒ‰”ƒÂ?†‡Ç˛Â‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡Çł ͚͙͚͘


͚͞

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

”‡•…‹ƒ Â?’”‘‰‡––‘’‡”‹…‘Â?’‹–‹†‡ŽŽ‡˜ƒ…ƒÂ?œ‡ L’Efal, l’ente di formazione Mcl, in collaborazione con la Circoscrizione Centro e l’Assessorato al Centro storico del Comune di Brescia, ripropone un progetto di sostegno allo svolgimento dei compiti estivi per i ragazzi delle classi I e II media. Le lezioni si terranno dal 9 luglio all’8 agosto, il lunedĂŹ e mercoledĂŹ dalle ore 8.30 alle ore 11.30, perchĂŠ anche i compiti vadano in vacanza (una volta ďŹ niti), queste poche ore riservate allo studio

aiuteranno i ragazzi a tornare a scuola con un sorriso, sicuri di aver passato l’estate in modo costruttivo. Una buona idea che cerca di dare una risposta concreta ad un incombenza che si tende ad accantonare ed aiuto concreto alle famiglie, che con l’ attuale organizzazione della societĂ  e la difďŹ cile conciliazione dei tempi tra il lavoro e la famiglia, sono intralciate nella cura dei propri ďŹ gli anche in un momento delicato come quello della trasmissione

   

culturale. Ad occuparsi degli studenti saranno giovani, tra cui anche studenti universitari, tutti super- qualiďŹ cati, in modo da creare un ambiente giovane in grado di rendere piacevole anche i compiti estivi. Lo scorso anno oltre all’aiuto compiti è nato un corso parallelo per avviare all’italiano ragazzi extracomunitari appena giunti in Italia che, in questo modo, hanno trovato meno faticoso l’inserimento scolastico. Il costo settimanale è di 15 euro, 90 euro per tutto il periodo.

     

  

”‡•…‹ƒ‡Ž‡„”ƒ–‘Žǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ƒÂ?Â?‹˜‡”•ƒ”‹‘

‡”…ƒ–‘‡•‘…‹‡–� †ƒŽ˜‘Ž–‘—�ƒ�‘

 

Ăˆ

stata una festa. La Basilica dei Santi Patroni di Brescia gremita di fedeli, i rappresentanti delle istituzioni pubbliche e della societĂ  civile, i sacerdoti giunti dalle diocesi lombarde; il card. Giovanni Battista Re, a suo tempo testimone della nascita di Mcl. Tutti hanno ascoltato le sue parole durante l’omelia che, riflettendo sulla centralitĂ  del lavoro e della persona, ha ricordato come “Il Movimento ha sempre profuso grande impegno per il lavoro e i lavoratori. Sono stato testimone di questo sin dalla sua costituzione alla quale Paolo VI teneva moltissimo, quando ero a Roma alla Segreteria di Stato con monsignor Giovanni Benelliâ€?. Devozione ai primi diffusori del cristianesimo nella nostra terra, i Santi Faustino e Giovita, nel segno dell’impegno all’ecclesialitĂ  di Mcl, ma anche vocazione: la festa è continuata nell’attigua sala che porta il nome del beato (prossimo santo) che ivi fu battezzato nel 1841, Giovan Battista Piamarta, il suo impegno nel sociale ispira la vocazione di Mcl come movimento di lavoratori. Inugurando la mostra “Gerusalemme: dalla terra alle gentiâ€?, hanno parlato Margherita Peroni, assessore regionale, Aristide Peli, assessore provinciale, il Sindaco di Brescia Adriano Paroli, dopo l’intervento del presidente nazionale Mcl Carlo Costalli e del suo vice, nonchĂŠ presidente regionale di Mcl Lombardia Noè Ghidoni (che ha organizzato a Brescia la ricorrenza regionale del 40°). Presente anche l’assistente nazionale Mcl mons. Checco Rosso.

   

Â?ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ’‡”‹Ž Â?‘Â?†‘†‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ ”‡•ƒ’‘••‹„‹Ž‡‰”ƒœ‹‡ ƒŽŽƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ †‹†‹˜‡”•‡”‡ƒŽ–Â?†‡Ž –‡””‹–‘”‹‘ Sono poi intervenuti i rappresenti del terzo settore: Nino Sutera, presidente regionale del Forum delle famiglie, Enzo Torri, Segretario generale Cisl Brescia, Roberto Rossini, presidente delle Acli bresciane. La festa è continuata il giorno dopo in largo Formentone (dietro piazza Loggia), con stand gastronomici, gazebo con la presentazione dei servizi Mcl e giochi

per piccoli e grandi. Dal pomeriggio alla sera appassionate partite con gli scacchi giganti, una folla di bambini sui gonfiabili disposti in piazza. Una Festa popolare per Mcl, un futuro di impegno per accompagnare la comunitĂ , ricordando le parole di Paolo VI: “La vostra azione e la vostra presenza nel mondo del lavoro, cristianamente ispirate, mentre costituiscono valido apporto al progresso civile e alla promozione umana dei lavoratori, diventano anche forma attuale ed efficace di evangelizzazione. Vi esortiamo, quindi, a perseverare nel vostro impegno con questa duplice prospettiva, che giustifica il vostro Movimento e lo rende elemento vivo ed importante dell’intera comunitĂ  ecclesiale.â€?

”‡••‘ÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?…ƒ––‘Ž‹…ƒ†‡Ž ƒ…”‘…—‘”‡†‹‹ŽƒÂ?‘ÇĄ†ƒŽ͚͘ƒŽ ͚͛‰‹—‰Â?‘ǥ•‹°•˜‘Ž–ƒŽƒ—Â?Â?‡” …Š‘‘Ž•—Ž–‡Â?ƒDz‡Â?‘Ž–‡’Ž‹…‹ ˆ‹Â?ƒŽ‹–Â?†‡Ž’”‘ˆ‹––‘Ǥ‡”—Â?ƒ —Â?ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽÂ?‡”…ƒ–‘‡†‡ŽŽƒ •‘…‹‡–Â?dzȋÂ?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄˆ”—––‘†‡ŽŽƒ …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡–”ƒ‹Ž‘˜‹Â?‡Â?–‘ …”‹•–‹ƒÂ?‘ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ–Â‡Â?‡‘ Â?‹ŽƒÂ?‡•‡‡‹Ž…‡Â?–”‘†‹–‡Â?‡‘’‡” Žƒ†‘––”‹Â?ƒ•‘…‹ƒŽ‡†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ†‡ŽŽƒ •–‡••ƒ—Â?‹˜‡”•‹–Â?ǤÇŻÂ‡Â†Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡͚͙͚͘ †‡ŽŽƒ—Â?Â?‡”…Š‘‘ŽŠƒÂ?‡••‘ ÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‡Â?–‘•—ŽŽƒÂ?‡…‡••‹–Â?†‹•—’‡”ƒ”‡ Žƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡•‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡–”ƒ ’”‘ˆ‹–‡Â?‘Â?Â’Â”Â‘ÂˆÂ‹Â–ÇĄ‡†‹ƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡ ‹Â?–—––ƒŽƒ•—ƒ†‹”‘Â?’‡Â?–‡‹Â?…‹•‹˜‹–Â? ‹Ž–‡Â?ƒ†‡ŽŽƒ‰”ƒ–—‹–Â?‡†‡Ž†‘Â?‘ …‘Â?‡’”‘’‘•–‘†ƒ‡Â?‡†‡––‘  Â?‡ŽŽƒƒ”‹–ƒ•‹Â?˜‡”‹–ƒ–‡‹Â?…—‹‹Â?†‹…ƒ …‘Â?…Š‹ƒ”‡œœƒ…Š‡‹Ž’”‘ˆ‹––‘Â?‘Â? ’—Ö‹Â?ƒŽ…—Â?Â?‘†‘…‘Â?•‹†‡”ƒ”•‹—Â? ˆ‹Â?‡‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?–‡ǥÂ?ƒ—Â?Â?‡œœ‘ ’‡”…‘Â?•‡‰—‹”‡‹Ž„‡Â?‡…‘Â?—Â?‡Ǥ

ÂŽÂ’Â”Â‘ÂˆÂ‹Â–Â–Â‘ÇĄƒŽŽ‘•–‡••‘–‡Â?’‘ǥ Â?‘Â?•‹’—Ö‰‹—†‹…ƒ”‡•‘ŽƒÂ?‡Â?–‡ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ—•‘…Š‡•‡Â?‡ÂˆÂƒÇĄÂ?ƒ’—”‡ †ƒ…‘Â?‡˜‹‡Â?‡”‡ƒŽ‹œœƒ–‘Ǥƒ ‰”ƒ–—‹–Â?†‡Ž†‘Â?‘†‹•¹ƒ––”ƒ˜‡”•‘ ‹Ž’”‘’”‹‘ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”Â‘ÇĄ—Â?˜ƒŽ‘”‡…Š‡ Â?‘Â?’—Ö‡••‡”‡Â?Âą”‡Â?—Â?‡”ƒ–‘Â?‡ “—ƒÂ?–‹ˆ‹…ƒ–‘’‡”…Š¹‹Â?ˆ‹Â?‹–ƒÂ?‡Â?–‡ ’‹Î‰”ƒÂ?†‡†‹“—ƒŽ•‹ƒ•‹˜ƒŽ‘”‡

‡…‘Â?‘Â?‹…‘ǥ°Žƒ•–”ƒ†ƒ’‡”•—’‡”ƒ”‡ Žƒ…‘Â?…‡œ‹‘Â?‡’”‡––ƒÂ?‡Â?–‡ —–‹Ž‹–ƒ”‹•–‹…ƒ‡…‘Â?–”ƒ––—ƒŽ‹•–‹…ƒ †‡ŽÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ‡’‡””‹•…‘’”‹”‡‹Ž˜‡”‘ ˜ƒŽ‘”‡Ǥƒ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â?•‘…‹ƒŽ‡ †ǯ‹Â?’”‡•ƒ•’‡••‘˜‹‡Â?‡…‘Â?•‹†‡”ƒ–ƒ …‘Â?‡—Â?“—ƒŽ…‘•ƒ‹Â?’‹Î…Š‡ Â?‘Â?‹Â?…‹†‡”‡ƒŽÂ?‡Â?–‡Â?‡ŽŽƒ˜‹–ƒ •–‡••ƒǤ Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄÂ?‡ŽŽǯ‡•’‡”‹‡Â?ÂœÂƒÇĄ —Â?ǯ‹Â?’”‡•ƒ…ƒ’ƒ…‡†‹’”‡Â?†‡”•‹ …—”ƒ‹Â?Â?‘†‘”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡†‡Ž …‘Â?–‡•–‘‹Â?…—‹Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÇĄ†‡ŽŽ‡’‡”•‘Â?‡ …Š‡Â?‡ˆƒÂ?Â?‘Â’ÂƒÂ”Â–Â‡ÇĄ‡…Š‡°…‘Â?•…‹ƒ †‡ŽŽ‡”‹…ƒ†—–‡Â?‘Â?•‘ŽƒÂ?‡Â?–‡ ‡…‘Â?‘Â?‹…Š‡†‡Ž’”‘’”‹‘Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÂ–Â‘ÇĄ °‹Â?‰”ƒ†‘†‹ƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡…‘Â?ˆ‹†—…‹ƒ Ž‡•ˆ‹†‡†‡ŽŽƒ‰Ž‘„ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡‡ †‡ŽŽƒ…”‹•‹…Š‡•–‹ƒÂ?‘˜‹˜‡Â?†‘Ǥƒ “—‡•–‡‰‹‘”Â?ƒ–‡Â?‹ŽƒÂ?‡•‹‡Â?‡”‰‡ …Š‹ƒ”ƒÂ?‡Â?–‡…Š‡Žƒ”‹•’‘•–ƒƒŽŽƒ •ˆ‹†ƒ†‡ŽŽƒŽ—Â?‰ƒ…”‹•‹…Š‡•–‹ƒÂ?‘ ˜‹˜‡Â?†‘Â?‘Â?’—ÖŽ‹Â?‹–ƒ”•‹Ġ ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡—Â?…‘””‡––‹˜‘ƒ‹Â?‘†‡ŽŽ‹ ‡…‘Â?‘Â?‹…‹‡•‹•–‡Â?–‹Ǥ‹–”ƒ––ƒ‹Â?˜‡…‡ †‹’ƒ”–‹”‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ‡†—…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ’‡”•‘Â?ÂƒÇĄƒˆˆ‹Â?…Š¹•ƒ’’‹ƒ˜‡†‡”‡Žƒ ”‡ƒŽ–Â?Â?‡ŽŽƒ•—ƒ‹Â?–‡”‡œœƒ‡•‡Â?œƒ Ž‹Â?‹–ƒ”ŽƒĠ—Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ȋ…‘Â?‡ Žƒ•ˆ‡”ƒ‡…‘Â?‘Â?Â‹Â…ÂƒČŒÇ¤ˆˆ‡”Â?ƒ”‡ —Â?Â?—‘˜‘Â?‘†‡ŽŽ‘†‹•˜‹Ž—’’‘° —Â?ƒÂ?‡…‡••‹–Â?†‹“—‡•–‘Â?‘Â?‡Â?–‘ •–‘”‹…‘ǥ…‘Â?‡…‹”‹…Š‹ƒÂ?ƒ ‡Â?‡†‡––‘ Ǥ

Effetto ProFamily: il prestito che ti fa forte.

ProFamily è la nuova societĂ  del Gruppo Banca Popolare di Milano che si caratterizza per un nuovo modo di concedere credito alle famiglie. Un modo unico, cui fanno riferimento valori importanti come l’eticitĂ , la responsabilitĂ , la competenza, l’accessibilitĂ  e la consapevolezza, che trovano la loro sintesi nel concetto di “Credito Genuinoâ€?.

Prestiti Personali Mutui Prestiti Finalizzati Cessione del quinto dipendenti e pensionati

Credito Responsabile

Acquisto Consapevole

Chiarezza

Trasparenza

Personalizzare lo standard offrendo al cliente una gamma di prodotti con soluzioni su misura.

Evitare di incentivare il sovraindebitamento e proporre il prodotto in funzione della rata sostenibile.

Tradurre in modo comprensibile concetti finanziari e garantire consulenza sulle normative.

Offrire una comunicazione e una contrattualistica chiare e specifiche del prodotto richiesto.

Per una consulenza personalizzata e gratuita, rivolgiti subito alla nostra filiale di:

ÂźBRESCIA - Via Corsica, 16 tel. 030 2425822 - cell. 335 1289823

Messaggio pubblicitario con finalitĂ  promozionale, per le condizioni contrattuali si rimanda ai documenti informativi disponibili presso la sede e le filiali ProFamily

I 40 anni di Mcl: una festa vera


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

ÍšÍ&#x;

‡’ƒ”‘Ž‡†‡Ž’”‡•‹†‡Â?–‡ƒ’‘Ž‹–ƒÂ?‘ ‡…‘‘’‡”ƒ–‹˜‡‡‹Ž˜ƒŽ‘”‡†‡ŽŽƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â? “Le cooperative hanno messo l’accento sul valore fondamentale della solidarietĂ  e dell’equitĂ  che certamente deve valere ancora di piĂš nel mondo economico e nella sfera delle attivitĂ  economicheâ€?. Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a margine della giornata sull’Anno internazionale delle Cooperative organizzata dall’Alleanza delle cooperative che si è tenuta a Roma il 5 luglio scorso. “La federazione delle cooperative ha dato prova

di grande serietà – ha sottolineato il Capo dello Stato – creando un’alleanza che rappresenta il superamento di qualsiasi concorrenzialità, per non dire contrapposizione, del passato. Un esempio unitario molto eloquente�. Luigi Marino ha rivolto al Presidente parole di stima e gratitudine:� La sua presenza fra noi Signor Presidente, rinsalda il legame tra le cooperative e l’Italia. Sottolinea i nessi tra la storia delle cooperative e quella

  

dell’Italia Unita. Ci richiama verso le difďŹ coltĂ  e i problemi attuali del nostro Paese e verso il contributo che noi possiamo e vogliamo dare. Ci ricorda la responsabilitĂ  speciďŹ ca di essere cooperatori italiani. La ringraziamo di cuore per questa partecipazione, che completa il signiďŹ cato del nostro incontro. La ringraziamo perchĂŠ la sentiamo vicino all’esperienza cooperativa, quella che si muove lealmente nell’alveo della previsione costituzionaleâ€?.

  

   

Â?…‘Â?–”‹„—–‘ƒŽƒ‡•‡”‡ƒŽ‡ Dz‡”…Š‹Šƒ‘……Š‹’‡”˜‡†‡”‡‹Žƒ‡•‡”‡ƒŽ‡‡ ‘”‡……Š‹‡’‡”•‡Â?–‹”‡‹•—‘‹‹Â?–‡”’”‡–‹’‹Î‘”‹‰‹Â?ƒŽ‹ Žƒ•–”ƒ†ƒ†‡Žˆ—–—”‘ƒ’’ƒ”‡‰‹Â?•—ˆˆ‹…‹‡Â?–‡Â?‡Â?–‡ Â–Â”ÂƒÂ…Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇŁ’ƒ••ƒ”‡†ƒ—Â?Â?‘†‡ŽŽ‘†‹…”‡•…‹–ƒ Â†Â‹Â•Â•Â‹Â’ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇĄ…Š‡Šƒ…‘””‘•‘’”‘ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–‡ ‹ŽÂ?‘•–”‘–‡••—–‘•‘…‹ƒŽ‡‡—Â?ƒÂ?‘ǥĠ—Â?‘ ’‹Î‰‡Â?Â‡Â”ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇĄ…ƒ’ƒ…‡†‹Dz’”‘†—””‡˜ƒŽ‘”‡ …‘Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â•Â‘ÇłÇ¤Š‡…‘Â?…”‡–ƒÂ?‡Â?–‡•‹‰Â?Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÇŁ ”‹’‡Â?•ƒÂ?‡Â?–‘†‡Ž™‡Žˆƒ”‡ƒŽ†‹ÂŽÂ?†‡ŽŽƒ†‹…‘–‘Â?‹ƒ Â’Â—Â„Â„ÂŽÂ‹Â…Â‘ÇŚÂ’Â”Â‹Â˜ÂƒÂ–Â‘Â?‡ŽŽƒ’”‘•’‡––‹˜ƒ†‡‹„‡Â?‹ …‘Â?—Â?‹Ǣ—Â?ƒ”‹…—…‹–—”ƒ†‹—Â?–‡••—–‘•‘…‹ƒŽ‡ ‰”ƒ˜‡Â?‡Â?–‡ÂŽÂƒÂ…Â‡Â”ÂƒÂ–Â‘Ç˘…‡Â?–”ƒŽ‹–Â?†‡ŽŽǯ‹Â?’”‡•ƒ ȋ…‘Â?Ž‡•—‡Â?‘Ž–‡’Ž‹…‹ˆ‘”Â?Â‡ČŒ‡†‡ŽŽƒ…”‡ƒœ‹‘Â?‡†‹ Â”Â‹Â…Â…ÂŠÂ‡ÂœÂœÂƒÇĄÂ?‡†‹ƒÂ?–‡Žƒ˜ƒŽ‘”‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ †‡ŽŽƒ‡†—…ƒœ‹‘Â?‡ǥ†‡ŽŽƒÂ”Â‹Â…Â‡Â”Â…ÂƒÇ˘”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‘ †‡ŽŽƒ˜‹–ƒ‡†‡ŽŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ†ƒŽ’—Â?–‘†‹˜‹•–ƒ

Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄˆ‹•…ƒŽ‡‡Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡Ç˘‡—”‘’‡‹•Â?‘ ˜‹‰‘”‘•‘•‡…‘Â?†‘—Â?ƒ˜‹•‹‘Â?‡’‘Ž‹ƒ”…Š‹…ƒ‡ •—••‹†‹ƒ”‹ƒ†‡ŽŽ‡ˆ‘”Â?‡‹•–‹–—œ‹‘Â?ƒŽ‹Ǥ—‡•–‘ ‡ƒŽ–”‘Â?‡Ž†‹„ƒ––‹–‘•—Ž”—‘Ž‘†‡‹…ƒ––‘Ž‹…‹‹Â? ’‘Ž‹–‹…ƒǤÂ?Â?‘‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‡ŽŽ‡Â…Â‘Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‡ÇŁ ˆ‘”Â?ƒ†ǯ‹Â?’”‡•ƒ…Š‡ǥ”‹’‡–‡˜ƒ—Â?†‹”‹‰‡Â?–‡ „”‡•…‹ƒÂ?‘ǥDzÂ?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹†‡ŽŽ‡˜ƒ……Š‡Â‰Â”ÂƒÂ•Â•Â‡ÇĄ ˜‹‡Â?‡‹‰Â?Â‘Â”ÂƒÂ–ÂƒÇ˘Â?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹†‡ŽŽ‡…ƒ˜ƒŽŽ‡––‡†ƒ –—––‹˜‹‡Â?‡‹Â?Â˜Â‘Â…ÂƒÂ–ÂƒÇłÇ¤”ƒ•‹ƒÂ?‘Â?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ Dz†‡ŽŽ‡Â…ÂƒÂ˜ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â–Â–Â‡Çł‡‹Ž•‹•–‡Â?ƒ†‡ŽŽ‡‹Â?’”‡•‡ …‘‘’‡”ƒ–‹˜‡°…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ”‹…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ”‡Žƒ•—ƒ •’‡…‹ˆ‹…‹–Â?Ǥ‹Ö…Š‡•–ƒƒ˜˜‡Â?‡Â?†‘Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘ ’‘Ž‹–‹…‘’ƒ”‡‹Â?†‹”‹œœƒ–‘ƒ”‹Â?‡†‹ƒ”‡…‘Â? •–”—Â?‡Â?–‹˜‡……Š‹Ġ‡””‘”‹˜‡……Š‹Ǥ‹…—”ƒÂ?‡Â?–‡ °—Â?ƒˆƒ•‡Â?‘Â?•—ˆˆ‹…‹‡Â?–‡‹Â?…—‹‹Ž•‹•–‡Â?ƒ†‡ŽŽ‡ ‹Â?’”‡•‡…‘‘’‡”ƒ–‹˜‡°…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒˆƒ”„”‹ŽŽƒ”‡

Žƒ’”‘’”‹ƒ‹†‡Â?–‹–Â?†‹Â•Â‡Â”Â˜Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇĄ†‹•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?ÇĄ†‹ ’”‹Â?ƒ–‘†‡ŽŽƒ’‡”•‘Â?ƒǤ‡”˜‡”‹…‘”†ƒ”‡…Š‡Ž‡ ˆ‘”Â?‡†ǯ‹Â?’”‡•ƒ…‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒ…Š‡–”ƒ‰‰‘Â?‘ ‹•’‹”ƒœ‹‘Â?‡†ƒ‹…‘Â?–‡Â?—–‹‡••‡Â?œ‹ƒŽ‹†‡ŽŽƒ †‘––”‹Â?ƒ•‘…‹ƒŽ‡†‡ŽŽƒÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄ•‹”‹ˆƒÂ?Â?‘ƒ ’‹Žƒ•–”‹’‘”–ƒÂ?–‹‹Â?–—––‡Ž‡•‹–—ƒœ‹‘Â?‹’‘Ž‹–‹…Š‡ǥ ‡…‘Â?‘Â?‹…Š‡‡ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒ”‹‡Ǥ‹ƒÂ?‘•ƒ–—”‹†‡Ž ”‹’‡–‡”•‹†‹ˆ‘”Â?—Ž‡‹Â?…—‹Dz‹ŽÂ?Â‡Â”Â…ÂƒÂ–Â‘Çł° Â?‘Â?ƒ”…ƒ†ƒ„ŽƒÂ?†‹”‡Ǣ•‹ƒÂ?‘ƒ””ƒ„„‹ƒ–‹…‘Â?‡ ‘•°“—ƒÂ?†‘˜‡†‡‹Ž’‘’‘Ž‘†‹‹‘’”‘Â?‘ƒŽ ˜‹–‡ŽŽ‘†ǯ‘”‘ǤƒÂ?‘•–”ƒ†‹˜‡Â?–ƒ—Â?ƒ’”‘’‘•–ƒ ‘”‰ƒÂ?‹…ƒ†‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡‹Â?…—‹˜‘‰Ž‹ƒÂ?‘˜‡†‡”‡‹Ž †‹‘Â?‡”…ƒ–‘’”‘Â?‘†ƒ˜ƒÂ?–‹ƒŽŽƒ’‡”•‘Â?ƒǤ‘Â? °—Â?ƒ•…‘Â?Â?‡••ƒ†ƒ’‘…‘Ǣ•‡Â?‘Â?ˆ‘••‡…Š‡Žƒ …‘‘’‡”ƒœ‹‘Â?‡Šƒ—Â?ƒŽ—Â?‰ƒ•–‘”‹ƒƒŽŽ‡•’ƒŽŽ‡‡†° ˆ‘”Â?ƒ†ǯ‹Â?’”‡•ƒ’”‡•‡Â?–‡Ġ‘‰Â?‹Žƒ–‹–—†‹Â?‡Ǥ

”‡•…‹ƒ ÂŽÍ&#x;Ž—‰Ž‹‘•…‘”•‘—Â?ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ”‹—•…‹–ƒ

3RUWHDSHUWHLQFRRSHUDWLYD     

  

Ăˆ

stata un’occasione per uno scambio di esperienze e un modo per farsi conoscere, per presentare il proprio lavoro e far sapere alla gente “che molti prodotti e servizi che si utilizzano quotidianamente sono realizzati dalle cooperativeâ€?. Ăˆ questa la sintesi dell’open day promosso da Confcooperative Brescia lo scorso 7 luglio in occasione della giornata mondiale delle cooperative, che si celebra ogni anno il primo sabato di luglio, e che quest’anno ha avuto una valenza ancora piĂš significativa poichĂŠ il 2012 è stato proclamato dall’Onu Anno internazionale delle cooperative. Lasciare la porta aperta è un atteggiamento di apertura, di condivisione, di capacitĂ  di colloquio: tutte caratteristiche che non devono mancare mai nelle societĂ  cooperative. Ha raccolto apprezzamenti l’open day delle cooperative ade-

ǯ‘’‡Â?†ƒ›”‡ƒŽ‹œœƒ–‘ ‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ‰‹‘”Â?ƒ–ƒÂ?‘Â?†‹ƒŽ‡†‡ŽŽ‡ …‘‘’‡”ƒ–‹˜‡‹Â?—Â?ƒÂ?Â?‘ …Š‡ÂŽÇŻÂ?—Šƒ†‡†‹…ƒ–‘ƒ “—‡•–‘Â?‘Â?†‘ renti a Confcooperative Brescia. Dalla cittĂ  al Garda, da Montichiari alle Valli, sono state numerose le strutture che oltre a presentarsi alla cittadinanza hanno organizzato vere e proprie attivitĂ  per far toccare con mano servizi e professionalitĂ  dando credibilitĂ  – in maniera indiretta – allo slogan dell’Onu “le imprese cooperative costruiscono un mondo miglioreâ€?. Come sempre le cooperative sono state concrete: le proposte hanno spaziato dallo sconto del 10% su tutta la spesa e possibilitĂ  di degustazioni della Comab Famiglia di Mon-

tichiari, allo scambio dei libri usati della Cauto a Brescia, alla possibilitĂ  di conoscere servizi per bambini e anziani (due “problemiâ€? che gravano a volte contemporaneamente sulle famiglie che necessitano di sostegno) del Gruppo Elefanti Volanti Andropolis sempre a Brescia. Anche una nota d’impegno civile ha caratterizzato la giornata : la cooperativa SolidarietĂ  nelle Botteghe dei Popoli ha promosso la raccolta firme per il progetto di Legge Regionale di iniziativa popolare a favore del commercio equo e solidale. Riprendendo quanto affermato da Luigi Marino, presidente di Confcooperative e dell’Alleanza delle cooperative italiane “La crisi ha portato, nel mondo e in Europa, alla ‘riscoperta’ delle cooperative che hanno resistito e reagito alle difficoltĂ  meglio delle altre impreseâ€? si può dire che l’open day bresciano è stato un evento che ancora una volta ha messo in evi-

denza la vitalitĂ , la capacitĂ  di reazione e di assunzione di responsabilitĂ  delle imprese cooperative che, come ha ricordato il presidente di Confcooperative Brescia Marco Menni, “possono essere un modello anche per altri soggetti economici perchĂŠ il modello imprenditoriale cooperativo è uno dei fattori principali dello sviluppo economicoâ€?.

 ƒ…”‹•‹Šƒ’‘”–ƒ–‘ ƒŽŽƒ”‹•…‘’‡”–ƒ†‡ŽŽ‡ …‘‘’‡”ƒ–‹˜‡…ƒ’ƒ…‹†‹ ”‡•‹•–‡”‡�‡‰Ž‹‘ƒŽŽ‡ †‹ˆˆ‹…‘Ž–�‡†‹”‡ƒ‰‹”‡ …‘��ƒ‰‰‹‘”‡’”‘�–‡œœƒ ”‹•’‡––‘ƒ†ƒŽ–”‡ ‹�’”‡•‡

4XDOLWjHFRQYHQLHQ]DSHUODSXOL]LDGHOODWXDFDVD 9DVWRDVVRUWLPHQWRGLSURGRWWLSHU O¡LJLHQHGHOODFDVDHGHOODSHUVRQD

0217,521( %V YLD%RUJRVDWROOR WHO

2UDULG¡DSHUWXUD/XQHGuH6DEDWRGDOOHDOOH GDO0DUWHGuDO9HQHUGuGDOOHDOOH RUDULRFRQWLQXDWR


͚͠

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

    –‘Â?‹Â?Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

Dz ƒÂ?‹‰Ž‹ƒ”‹•‘”•ƒ †‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?Çł°‹ŽŽ‹„”‘ †‹‹‡”’ƒ‘Ž‘‘Â?ÂƒÂ–Â‹ÇĄ ’”‡•‡Â?–ƒ–‘•ƒ„ƒ–‘ Í&#x;Ž—‰Ž‹‘ƒŽ‡Â?–”‘ ’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘ ÇĄ ƒŽŽƒ’”‡•‡Â?œƒ †‹‘……‘—––‹‰Ž‹‘Â?‡‡ †‡Ž…ƒ”†ǤÂ?Â?‹‘Â?–‘Â?‡ŽŽ‹

‡†‡‡…‹‡�œƒ”‡•‡�–ƒœ‹‘�‡†‹—�ƒ”‹…‡”…ƒ•—ŽŽƒˆƒ�‹‰Ž‹ƒ

,QYHVWLPHQWR SHULOIXWXUR ƒ—Â?…ƒÂ?’‹‘Â?‡†‹Í›Í?͘͘’‡”•‘Â?‡–”ƒ‹͛͘‡‹Í?Í?ƒÂ?Â?‹‹Â?–‡”˜‹•–ƒ–‡Â?‡Ž͚͙͙͘”‹•—Ž–ƒ…Š‡Žƒ ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡‘ˆˆ”‡ˆ‡Ž‹…‹–Â?ÇĄŽ‡ƒŽ–”‡’‘••‘Â?‘…‘Â?‘•…‡”‡Â?ƒ‰‰‹‘”„‡Â?‡••‡”‡Â?ƒǤǤǤ   

6

abato 7 luglio scorso, presso il Centro pastorale Paolo VI di Brescia, alla presenza del vescovo Luciano Monari e del prefetto Livia Narcisa Brassesco Pace, è stato presentato il volume “Famiglia risorsa della societĂ â€? (Bologna, Il Mulino, 2012), frutto di una ricerca curata da Pierpaolo Donati, ordinario di sociologia della famiglia presso l’UniversitĂ  di Bologna, e realizzata in occasione dell’Incontro mondiale delle famiglie che si è svolto nel maggio scorso a Milano. Lo studio presenta una riflessione su dati sociologici e statistici sulla famiglia a livello mondiale: matrimoni, divorzi, problematiche relative all’educazione dei figli (carenza di asili, di spazi verdi, di adeguate politiche sociali e fiscali), piuttosto che all’aumento della povertĂ . La ricerca tuttavia non si limita a descrivere e quantificare i dati, ma ha inteso verificare in che misura i cambiamenti e le situazio-

  Ǣ  

…‘Â?ˆ”‘Â?–‘ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ Â?‘”Â?Â‘Â…Â‘Â•Â–Â‹Â–Â—Â‹Â–ÂƒÇĄ•‹Â?‰Ž‡ǥ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡Â?‘Â?‘’ƒ”‡Â?–ƒŽ‹ ȋ’‡”Â•Â…Â‡ÂŽÂ–ÂƒČŒÇĄ…‘’’‹‡ •‡Â?œƒˆ‹‰Ž‹ȋ’‡”Â•Â…Â‡ÂŽÂ–ÂƒČŒ ‡…‘’’‹‡…‘Â?ˆ‹‰Ž‹ ni siano soddisfacenti e producano vantaggi e/o svantaggi per la societĂ . Ecco allora l’analisi vera e propria che fa riferimento a interviste condotte nel 2011 su un campione di 3.500 persone tra i 30 e i 55 anni, residenti in Italia. All’incontro di presentazione, organizzato da Fede e Scienza, fondazione cattolica per la formazione politica ed economica, dopo l’introduzione di Bartolomeo Rampinelli Rota, presidente del consiglio di amministrazione di Fede e Scienza, sono intervenuti l’on. Rocco Buttiglione, presidente di Fede e Scienza, e il card. Ennio Antonelli,

presidente del Pontificio consiglio per la famiglia. Come emerso dalla presentazione e come sostenuto nella carta dei Diritti universali dell’uomo e nella Costituzione italiana, la famiglia è il nucleo della societĂ  e il luogo di formazione umana e morale del singolo. Tuttavia anche se i risultati dell’indagine rivelano un processo di destrutturazione della famiglia tradizionale, che non sempre migliora le condizioni del singolo, sembra si possa giungere alla conclusione che la famiglia tradizionale genera felicitĂ , mentre le altre forme non tradizionali possono conoscere mediamente un maggiore benessere materiale, ma determinano una minore soddisfazione personale. Lo studio che è alla base del libro ha inteso mettere in relazione la famiglia “normocostituitaâ€?, formata da una coppia sposata con figli, con le altre diverse tipologie di famiglia. Quattro sono i modelli emersi: single

o famiglia monoparentali (per scelta); coppie senza figli (per scelta); coppie con un solo figlio; coppie con due o piÚ figli. Quest’ultima tipologia, oltre a essere la piÚ desiderata, risulta essere quella che complessivamente fornisce un grado maggiore di soddisfazione, nonchÊ la piÚ vantaggiosa per il benessere della società, anche in termini di apertura all’esterno e di educazione dei figli, poichÊ rappresenta il modello di interazione sociale piÚ ricco. Le famiglie cosÏ composte risultano, però, piÚ povere da un punto di vista materiale, e penalizzate sia dallo Stato (per una fiscalità non equa e per la cronica mancanza di servizi) sia dal mercato. Alla realizzazione di una famiglia tradizionale risultano dunque di ostacolo da un lato l’insicurezza economica, dall’altro la mancanza o l’insufficienza del sostegno sociale. La ricerca conferma inoltre dati emersi da indagini precedenti: in primo luogo il matrimonio rende la

coppia piĂš stabile e migliora la condizione finanziaria del singolo, nonchĂŠ la sua salute fisica e psichica. All’interno delle coppie sposate, per esempio, i casi di violenza sulle donne sono meno numerosi che nelle coppie conviventi. Di contro, la rottura del matrimonio impoverisce il singolo e accresce la spesa pubblica: persone cresciute in situazioni familiari complesse risultano inoltre soggetti piĂš a rischio di criminalitĂ  e di disagio sociale. Di tutto questo andrebbe tenuto conto anche nelle discussioni parlamentari: invece che di “divorzio breveâ€? sarebbe semmai da affrontare il problema del “matrimonio breveâ€?. Certo il lavoro è impegnativo, soprattutto in un momento delicato come quello presente, ma proporre la famiglia come un investimento economico, oltre che sociale e umano, può essere un argomento convincente anche per chi ha la responsabilitĂ  di far quadrare i conti dello Stato.

        

      

ƒ”–‹…‡ŽŽƒ†‹‹‘ǣÂ?‘Â?•‹ƒÂ?‘ˆ‹‰Ž‹†‡Ž…ƒ‘• Â?–‘Â?‹Â?‘‹…Š‹…Š‹ǥ†‘…‡Â?–‡‡Â?‡”‹–‘†‹ˆ‹•‹…ƒ •—’‡”‹‘”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‹‘Ž‘‰Â?ƒ‡ˆ‘Â?Â†ÂƒÂ–Â‘ÇŚ ”‡†‡Ž‡Â?–”‘†‹…—Ž–—”ƒ•…‹‡Â?–‹ˆ‹…ƒ––‘”‡ÂƒÇŚ Œ‘”ƒÂ?ÂƒÇĄ†‡•…”‹˜‡Žǯ‹Â?†‹˜‹†—ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž„‘•‘Â?‡ †‹ ‹‰‰•Č‚”‹„ƒ––‡œœƒ–‘†ƒ‹Â?‡†‹ƒÇ˛Â’ƒ”–‹…‡ŽŽƒ †‹‹‘dzǤ‘•…‹‡Â?œ‹ƒ–‘‡”ƒ’”‡•‡Â?–‡ƒ ‹Â?‡˜”ƒ …‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ?‹…‘‡–‡” ‹‰‰•ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—Â?…‹‘Ǥ ”‘ˆǤ‹…Š‹…Š‹ǥ’‡”…Š¹°…‘•¿‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡Žƒ •…‘’‡”–ƒƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒƒ ‹Â?Â‡Â˜Â”ÂƒÇŤ ƒ…‘•ƒ•–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹ƒ…Š‡Žƒ•…‘’‡”–ƒ†‡Ž„‘nj •‘Â?‡†‹ ‹‰‰•…‹Šƒ†‹Â?‘•–”ƒ–‘°…Š‡ŽƒÂ?ƒ••ƒ ”‡ƒŽ‡ŠƒŽ‡•—‡”ƒ†‹…‹Â?‡ŽŽƒÂ?ƒ••ƒ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ÂƒÇŚ Â”Â‹ÂƒÇŁ…ǯ°„‹•‘‰Â?‘ǥ…‹‘°ǥ†‡ŽŽƒÂ?ƒ••ƒ‹Â?Â?ÂƒÂ‰Â‹ÇŚ Â?ƒ”‹ƒ’‡”†‡•…”‹˜‡”‡‹ŽÂ?‘Â?†‘Ǥ‘‹ˆ‹•‹…‹Â?‡Ž Â?‘•–”‘Žƒ˜‘”‘’‘••‹ƒÂ?‘˜‡†‡”‡•‘Ž‘…‘•‡ Â”Â‡ÂƒÂŽÂ‹ÇĄÂ?ƒ…‘•–”—‡Â?†‘—Â?ƒ–‡‘”‹ƒ…‘Â?Â’ÂŽÂ‡Â–ÂƒÇĄ …Š‡‹Â?“—‡•–‘…ƒ•‘Šƒ”‹…Š‹‡•–‘—Â?’‡”…‘”•‘ †—”ƒ–‘Í?͘ƒÂ?Â?‹ǥƒ„„‹ƒÂ?‘…ƒ’‹–‘…Š‡‘Ž–”‡Žƒ Â?ƒ••ƒ”‡ƒŽ‡…ǯ°ŽƒÂ?ƒ••ƒ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇĄ†‹…—‹ ƒ„„‹ƒÂ?‘„‹•‘‰Â?‘’‡”‡˜‹–ƒ”‡”‹•—Ž–ƒ–‹…Š‡ †‹ƒÂ?‘‹Â?ˆ‹Â?‹–‘Ǥ —ƒŽ‹’”‘•’‡––‹˜‡•‹ƒ’”‘Â?‘…‘Â?ŽƒDzÂ?ƒ••ƒ ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇłÇŤ

ƒ•…‘’‡”–ƒƒ’”‡Žƒ•–”ƒ†ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â‹Â•Â–‡Â?œƒ†‹—Â? ǎ•—’‡”Â?‘Â?†‘ǯǥ‹’‘–‡•‹…Š‡’‡”‘”ƒÂ?‘Â?Šƒ ”‡‰‹•–”ƒ–‘Â?‡••—Â?ƒ…‘Â?–”ƒ††‹œ‹‘Â?‡–‡‘”‹…ƒǤ ‡…ǯ°—Â?„‘•‘Â?‡†‹ ‹‰‰•ǥƒŽŽ‘”ƒ†‡˜‡‡•‹nj •–‡”‡‹Žǎ•—’‡” ‹‰‰•ǯǼƒ‘‰‰‹‹Â?’‘‹•‹ƒ’”‡ —Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ…‘Â?…‡œ‹‘Â?‡†‹Â?‘Â?†‘ǥ…Š‡•ƒÂ?…‹•…‡ Žƒˆ‹Â?‡…‘Â?’Ž‡–ƒ†‡ŽÂ?ƒ–‡”‹ƒŽ‹•Â?‘•…‹‡Â?–‹ˆ‹…‘ †‹•–ƒÂ?’‘Â?ƒ”š‹•–ƒǤ‰‰‹•ƒ’’‹ƒÂ?‘…Š‡Žƒ Â?ƒ••ƒ”‡ƒŽ‡‡•‹•–‡‰”ƒœ‹‡ƒŽˆƒ––‘…Š‡…ǯ°—Â?ƒ Â?ƒ••ƒ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ƒ”‹ƒÂ?‡ŽŽ‡•—‡‘”‹‰‹Â?‹ǤƒÂ?ÂƒÂ•ÇŚ •ƒ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ƒ”‹ƒ‡Â?–”ƒ…‘•¿Â?‡ŽŽƒ†‡•…”‹œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯ—Â?Â‹Â˜Â‡Â”Â•Â‘ÇĄ…Š‡°ˆƒ––‘†‹•–‡ŽŽ‡‡†‹‰ƒŽƒ••‹‡ Â?ƒ…Š‡ŠƒŽ‡•—‡”ƒ†‹…‹Â?‡ŽŽǯ—Â?‹˜‡”•‘•—„Â?—nj Â…ÂŽÂ‡ÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹Ž“—ƒŽ‡°’‹Î‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡†‡ŽŽ‡•–‡ŽŽ‡ ‡†‡ŽŽ‡‰ƒŽƒ••‹‡��¤‹Ö…Š‡•–ƒ†‡Â?–”‘†‹Â?‘‹ǥ‹Â? ƒŽ–”‹–‡”Â?‹Â?‹ǥ•’‹‡‰ƒƒÂ?…Š‡Ž‡•–‡ŽŽ‡Ǥ ÂŽÂ?Â‡Â•Â•ÂƒÂ‰ÇŚ ‰‹‘†‡ŽŽƒ•…‹‡Â?œƒ°…Š‡–—––‹Â?‘‹•‹ƒÂ?‘ˆ‹‰Ž‹†‹ —Â?ƒŽ‘‰‹…ƒÂ”Â‹Â‰Â‘Â”Â‘Â•ÂƒÇĄÂ?‘Â?†‡ŽÂ…ÂƒÂ‘Â•ÇŁÂŽÇŻÂƒÂ–Â‡Â‹Â•Â?‘ °—Â?ƒ––‘†‹ÂˆÂ‡Â†Â‡ÇĄÂ?‘Â?†‹”ƒ‰‹‘Â?‡ǥÂ?‡ŽÂ?—ŽŽƒǤ ”‘ˆǤ ƒ……Š‹Â?‹ȋ‡Â?‡”‹–‘†‹ƒÂ?–”‘’‘Ž‘‰‹ƒ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‹‘Ž‘‰Â?ÂƒÇĄÂ?Â†Â”ČŒ…‘•ƒ…ƒÂ?„‹ƒ †‘’‘Žƒ•…‘’‡”–ƒ†‡ŽŽƒÇ˛Â’ƒ”–‹…‡ŽŽƒ†‹‹‘dz Â?‡Ž†‹„ƒ––‹–‘•—‡˜‘Ž—œ‹‘Â?‡‡…”‡ƒœ‹‘Â?‡Ǎ

ƒ†‡Â?‘Â?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡†ƒ–ƒƒŽ„‘•‘Â?‡†‹ ‹‰‰• †‹Ç˛Â’ƒ”–‹…‡ŽŽƒ†‹‹‘dz°‹Â?’”‘’”‹ƒ‡•‹Ž‡‰ƒƒ …‹”…‘•–ƒÂ?œ‡ƒ……‹†‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ–—––ƒ˜‹ƒ†‹…‡Â“Â—ÂƒÂŽÇŚ …‘•ƒ†‡ŽŽ‡•—‡’”‘’”‹‡–Â?Ç˛Â…Â”Â‡ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‡ÇłÂ?‡Ž†ƒ”‡ DzÂ?ÂƒÂ•Â•ÂƒÇłƒŽŽ‡…‘•‡Ǥƒ‹Ž…‘Â?…‡––‘†‹…”‡ƒœ‹‘Â?‡ °ƒŽ–”ƒ…‘•ƒǤƒÂ?—‘˜ƒ•…‘’‡”–ƒÂ?‘Â?…ƒÂ?„‹ƒ Â?—ŽŽƒ’‡”“—ƒÂ?–‘”‹‰—ƒ”†ƒÂŽÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ†‹Â…Â”Â‡ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡ǥƒÂ?…Š‡•‡ƒ””‹……Š‹•…‡Ž‡…‘Â?‘•…‡Â?œ‡•—ŽŽƒ Â?ƒ–—”ƒ˜‘Ž—–ƒ†ƒ‹‘‡•—ŽŽ‡•—‡’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â? ‡”‹Â?ƒÂ?†ƒƒŽŽƒ‰”ƒÂ?†‡œœƒ†‡Ž”‡ƒ–‘”‡Ǥ‡Žnj Ž‘•–—†‹‘†‡ŽŽƒÂ?ƒ–—”ƒ•‹—–‹Ž‹œœƒÂ?‘…ƒ–‡‰‘”‹‡ …Š‡•‘Â?‘‹Â?“—ƒŽ…Š‡Â?‘†‘Â?‹•—”ƒ„‹Ž‹‘“—ƒÂ?ÇŚ Â–Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‹ÇĄ…‘Â?‡“—‡ŽŽ‡†‹Â?ƒ••ƒ‡†‹‡Â?Â‡Â”Â‰Â‹ÂƒÇĄ ‡…‹•‹Â?—‘˜‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–Â?ˆ‹•‹…ƒǤ ”ƒÂ?‡••—Â?ƒ†‹‡••‡ǥÂ?‡’’—”‡‹Ž”ƒ’’‘”–‘–”ƒ Â?ƒ••ƒ‡†‡Â?Â‡Â”Â‰Â‹ÂƒÇĄ•‹…‘ŽŽ‘…ƒˆ—‘”‹†ƒ—Â?Â”ÂƒÂ’ÇŚ ’‘”–‘†‹†‹’‡Â?†‡Â?œƒ”ƒ†‹…ƒŽ‡†‹…‹Ö…Š‡‡•‹nj •–‡†ƒ—Â?ƒŽ–”‘‡••‡”‡†ƒ…—‹”‹…‡˜‡Žǯ‡•‹•–‡Â?ÇŚ œƒǤŠ‡…‘•ƒƒ„„‹ƒ…‘Â?’‘”–ƒ–‘‡…‘Â?’‘”–‹ “—‡•–ƒ†‹’‡Â?†‡Â?œƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘†‹–—––‘‡Â?‡ŽŽ‡ –”ƒ•ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ƒ˜˜‡Â?—–‡Â?‡Ž…‘”•‘†‡Ž–‡Â?ÇŚ ’‘Č‹Â”Â‡Â•Â–Âƒƒ”†—‘‹Â?Â†ÂƒÂ‰ÂƒÂ”Â‡ČŒÂ?‘Â?°ƒˆˆ”‘Â?–ƒ„‹Ž‡ …‘Â?‹Â?‡œœ‹†‡ŽŽƒˆ‹•‹…ƒǤ


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

‘Â?ˆ”‘Â?–‘ ˆ”ƒ—Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ †‡Ž†‹’‹Â?–‘ †‹ƒ”ƒ˜ƒ‰‰‹‘ ÇŽ‡Â?ƒ‹Â?Â?Â?ÂƒÂ—Â•ÇŻ ‡—Â?‘†‡‹†‹•‡‰Â?‹ ƒ––”‹„—‹–‹ƒŽ‰‹‘˜ƒÂ?‡ ‹…Š‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘ ‡”‹•‹†ƒ‰Ž‹•–—†‹‘•‹ „”‡•…‹ƒÂ?‹‡”Â?ƒ”†‡ŽŽ‹ —”—œ‡‘Â?…‘Â?‹ ‡†”‹‰‘ŽŽ‹ ‡’—„„Ž‹…ƒ–‹•—Ž•‹–‘ †‡Ž‘Â?—Â?‡†‹‹ŽƒÂ?‘

͚ͥ

ƒ“—‡•–‹‘�‡ƒ”ƒ˜ƒ‰‰‹‘

”ƒœ‹‡ƒ—”—œ‡ ‡†”‹‰‘ŽŽ‹•‹”‹’ƒ”ŽƒÂ†ÇŻÂƒÂ”–‡ Di Caravaggio o no? Questa è la questione che nel caldo estivo attanaglia studiosi d’arte e sollecita discussioni al bar e sotto l’ombrellone. Quasi un centinaio di disegni del fondo Pederano sono stati attribuiti da Maurizio Bernardelli Curuz e Adriana Conconi Fedrigolli al giovane Michelangelo Merisi. Ma la conclusione a cui sono arrivati i due studiosi bresciani ha acceso discussioni e polemiche. Tra i pareri anche quello di Claudio

Strinati, esperto del Seicento e di Caravaggio, che considera “intelligenteâ€? l’operazione, e riettendo sul metodo (canone geometrico) usato ha sottolineato che â€œĂ¨ meno deboleâ€? di quanto s’aspettasse. Caravaggio è stato nella bottega Peterzano, per cui alcuni disegni potrebbero essere effettivamente suoi, ma “si resterĂ  nel dubbioâ€?, ha concluso. Il Comune di Milano ha caricato i disegni sul proprio sito. Ciò che è certo è che ora l’Italia riparla di arte...





ƒœœ‘Â?–Š‡”‘ƒ†Í™Í˜Ć…‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Žˆ‡•–‹˜ƒŽ

$ULWPRGLMD]] ƒ˜‡Â?‡”†¿͙͛ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í?Ž—‰Ž‹‘Â?—•‹…ƒ‹Â?˜‹‡‡’‹ƒœœ‡†‡Ž…‡Â?–”‘•–‘”‹…‘Ǥ ‡Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒƒÂ?…Š‡ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘Dz‘”•…Š‡‹˜‡Ǥ ‹‘˜ƒÂ?‹‡ ƒœœǤ ÂŽ–‘—”dz    

9

enerdĂŹ 13 luglio prenderĂ  il via la 10ÂŞ edizione di Jazz on the Road, festival musicale, in collaborazione con Jazz in Eden. “SarĂ  una tre giorni molto intensa – ha spiegato il direttore artistico Francesco Schettino – con grandi concerti che animeranno il centro storico e si sposteranno dalla consueta location di piazza Tebaldo Brusato, per contaminare a ritmo di jazz una zona piĂš vasta, partendo dal chiostro del Museo diocesano, piazzetta Tito Speri, via Gasparo da Salò, fino ad arrivare in via Musei, coinvolgendo appassionati e non nel ritmo e l’atmosfera della musica jazzâ€?. I nomi sono di spicco: ad aprire la kermesse il 13 luglio alle 21 in piazza Tebaldo Brusato sarĂ  il Joe Lovano&Dave Douglas Quintet Sound Prints (ingresso 20 euro), gruppo che nasce dalla collaborazione tra Lovano e Douglas, due maestri assoluti di sassofono e tromba, e che porta avanti da anni il tributo ad un’icona vivente del jazz, Wayne Shorter (in terra bresciana in un appuntamento in cartellone al Teatro Grande, il 10 novembre) arrangiando alla loro maniera alcuni dei suoi brani piĂš noti. Lovano sarĂ  inoltre protagonista alle 16 di un seminario che avrĂ  luogo al Nuovo Eden (ingresso 35 euro). Tre i concerti previsti per sabato: si comincia alle 18 con la fisarmonica di Fausto Beccalossi nel chiostro del Museo diocesano (ingresso gratuito); ci si sposterĂ  poi lungo le vie adiacenti con la Magicaboola Brass Band, che si esibirĂ  in un concerto itinerante che colorerĂ  il cuore del-





Â?…ƒ”–‡ŽŽ‘Â?‡ ‘‡ ‘˜ƒÂ?‘Əƒ˜‡ ‘—‰Žƒ•“—‹Â?–‡–ǥ ƒ—•–‘‡……ƒŽ‘••‹ƒŽ —•‡‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘‡ ƒ‰‹…ƒ„‘‘Žƒ”ƒ••ƒÂ?† la cittĂ  con suoni e ritmi, al confine con il teatro. Alle 21 si farĂ  poi ritorno nella consueta location di piazza Tebaldo Brusato dove il brasiliano Trio Da Paz porterĂ  la propria visione del jazz, con interazioni armonicamente avventurose e improvvisazioni audaci (ingresso 10 euro). Conclude la rassegna, domenica, il sassofonista Miguel Zenon, che presenterĂ  il suo ultimo progetto discografico, “Alma

Adentroâ€? (ingresso 10 euro). Jazz on the Road quest’anno ospiterĂ  inoltre l’evento “Porsche Live. Giovani e Jazz. Il tourâ€?, che avrĂ  luogo domenica dalle 18 alle 21 nel Castello di Brescia, durante il quale si esibiranno i vincitori delle prime due edizioni delle selezioni che Porche Italia ha svolto nel 2010 e nel 2011 nel Nord Italia: AlfaOmega Jazz Duo, composto da due giovanissimi allievi del conservatorio di Trieste, e il torinese Fabio Giachino Trio. Inoltre, si esibiranno il Marta dei Grandi Quartet, il Nido Workshop, il Chromatic Escape Trio ed il Federico Bonifazi Quartet, tutti meritevoli di menzioni speciali durante le selezioni. Per tutti i concerti sono previste riduzioni; per info e prenotazioni: jazzontheroad.net.

ƒ˜ƒ”†‘ ‡”‘Â?‹…ƒ‹˜‡––‹ ’‡”Dz ÂŽ’‘Â?–‡dz

…“—‡Ə–‡””‡ˆ‡•–‹˜ƒŽ ‡”Ž‡ŽƒÂ?‘––‡ Ž‡––‡”ƒ”‹ƒ–”ƒ‹„‘•…Š‹

ÂŽ͙͜Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡͚͙‹Â?’‹ƒœœƒƒ”…‘Â?‹ •‹•˜‘Ž‰‡”Â?Dz²–‡ž–²–‡ǥ’ƒ••‹‘Â?‹ •–‘Â?ÂƒÂ–Â‡Çł…‘Â?‡”‘Â?‹…ƒ‹˜‡––‹‡ Ž‡••ƒÂ?†”‘‹†‹ƒŽ’‹ƒÂ?‘ˆ‘”–‡Ǥ …—”ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Dz ÂŽ‘Â?–‡dzǥ ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Dz‹‡Ž‹‹„”ƒÂ?–‹dz ‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Dz‘Â?…‡”–‘dz Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡Žˆ‡•–‹˜ƒŽDz ÂŽ‘Â?–‡

ƒ˜ƒ”†‘‹Â?‘Â?…‡”–‘dzǤ Â?…ƒ•‘ †‹Â?ƒŽ–‡Â?’‘Ž‘•’‡––ƒ…‘Ž‘•‹ –‡””Â?’”‡••‘‹Ž•ƒŽ‘Â?‡‹‘ ‹Â?˜‹ƒ ƒÂ?‰ƒÂ?‘ƒ ƒ˜ƒ”†‘Ǥ‡Â?’”‡ •ƒ„ƒ–‘͙͜ƒŽŽ‡͙͠ƒŽ‡……Š‹‘—Ž‹Â?‘ †‹ ƒ˜ƒ”†‘•‹–‡””Â?ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘Dz Ž‹ ’‡”‹–‹˜‹†‡Ž—Ž‹Â?‘ǣÂ…ÇŻÂ‡Â”Âƒ—Â?ƒ ˜‘Ž–ƒ‹Ž ÂƒÂœÂœÇ¤Ç¤Ç¤ÇłÇŁ ‹Ž‹’’‘ ƒ”ŽƒÂ?†ƒ Č‹ÂƒÂ–Â–Â‘Â”Â‡ČŒ…‘Â? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹‘Ž‘Â?„‘ ƒŽ’‹ƒÂ?‘ˆ‘”–‡Ǥ ÂŽ͚͙Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡‘”‡ ÍšÍ™Ç¤Í˜Í˜ÇĄÂ?—•‹…ƒ…Žƒ••‹…ƒ’”‡••‘ ‹Ž’ƒ”…‘Dzƒ”‹‘ƒ”‘Â?…Š‡ŽŽ‹dzÇŁ Dz‡—ƒ––”‘•–ƒ‰‹‘Â?‹dz‡•‡‰—‹–‡ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â?•‡Â?„Ž‡Â†ÇŻÂƒÂ”…Š‹Dzˆˆ‹…‹Â?ƒ —•‡—Â?Çł†‹”‡––‹†ƒ‹……ƒ”†‘ ƒ˜‡”‘Ǥ

Ž–‹Â?‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹’‡”Žƒ’”‹Â?ƒ ’ƒ”–‡†‹Dz…“—‡Ə–‡””‡ÂˆÂ‡Â•Â–Â‹Â˜ÂƒÂŽÇłÇ¤

Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙͚Ž—‰Ž‹‘ƒƒŽ˜ƒ‰‡•‡†‡ŽŽƒ Â‹Â˜Â‹Â‡Â”ÂƒÇĄ’”‡••‘ÂŽÇŻœ‹‡Â?†ƒ‰”‹…‘Žƒ Dzƒ‘””‡dz–‡”œƒ”‡’Ž‹…ƒ’‡” Dz‘Â?Â?‡†‹Â‡Â”Â”ÂƒÇłÇ¤ Â?‹œ‹‘ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͙Í?Ǥ Dzƒ……‘Â?–‹‹Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘ǤƒÂ?‘––‡ Ž‡––‡”ƒ”‹ƒ†‹‡”Ž‡dz˜‡Â?‡”†¿͙͛ Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͙Í?Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â‘Â’Â‹ÂƒÂ?‘†‹ ƒ”‹ƒ†‡‰Š‡ȋ‹Â?…ƒ•‘†‹Â?ƒŽ–‡Â?’‘ ‹Ž͙͜ÂŽÂ—Â‰ÂŽÂ‹Â‘ČŒ”‡Â?†‡’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–ƒ ‹Ž’—„„Ž‹…‘…Š‡•‹ƒ˜˜‡Â?–—”‡”Â? Â?‡‹„‘•…Š‹‡‹Â?…‘Â?–”‡”Â?“—ƒ––”‘ ÂƒÂ–Â–Â‘Â”Â‹ÇĄ…Š‡”‡…‹–‡”ƒÂ?Â?‘„”ƒÂ?‹†‹

ƒŽ‡ƒÂ?‘ǥ…ƒ„‹ƒ‡œ›Â?„‘”•Â?ƒǤ

ÂŽ”‹–”‘˜‘°ƒŽŽƒƒ•ƒ†‡‰Ž‹Ž’‹Â?‹ ƒÂƒÂ”Â‹ÂƒÂ†Â‡Â‰ÂŠÂ‡Ç˘’ƒ”–‡Â?œƒ‘‰Â?‹ ͛͘Â?‹Â?—–‹’‡”‰”—’’‹†‹Í›Í? ’‡”•‘Â?‡Ǥ •…”‹œ‹‘Â?‹ƒŽ‘Â?—Â?‡ Í˜Í›Í˜Ç¤ÍžÍĄÍ™Í˜Í˜Í˜Í˜Ç¤ ÂŽ’‡”…‘”•‘Â?‘Â? …‘Â?•‡Â?–‡Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡†‹ ’‡”•‘Â?‡…‘Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?Â?‘–‘”‹‡Ǥ …ƒ”’‡…‘Â?‘†‡ǥ–‘”…‹ƒ‡Ž‡––”‹…ƒ‡ ƒ„„‹‰Ž‹ƒÂ?‡Â?–‘ƒ†ƒ––‘Ǥ

ƒ�‹�‹ƒ–‘

Ž’”‹�‘…‘�˜‡‰�‘ ‡‹•—Ž–‡ƒ–”‘•ƒ…”‘

‘�†‘ ƒ˜‡”‹‘’‡”Žƒ’‘’ ƒ”–ƒ…—”ƒ†‹ƒ�‡––‹

1ƒ‹Â?ƒ•–”‹†‹’ƒ”–‡Â?œƒ‹Ž’”‹Â?‘ …‘Â?˜‡‰Â?‘Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡’”‘’‘•–‘ †ƒ‡‹•—Ž–‡ƒ–”‘‡•—Ž”ƒ’’‘”–‘ …‘Â?Žƒ†‹Â?‡Â?•‹‘Â?‡•’‹”‹–—ƒŽ‡ †‡ŽŽǯ—‘Â?‘ǥ‹Â?–‹–‘Žƒ–‘ƒ’’—Â?–‘Dz ÂŽ –‡ƒ–”‘‡Žǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‡ŽÂ•ÂƒÂ…”‘dzǥ …Š‡•‹•˜‘Ž‰‡”Â?‹Ž͙͛‡͙͜Ž—‰Ž‹‘ ƒƒÂ?‹Â?‹ƒ–‘Ǥ”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘ †ƒŽŽƒ‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ‡’‹•…‘’ƒŽ‡ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â? ‹Â?’‘”–ƒ–‹ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹…Š‡•‹ ‘……—’ƒÂ?‘†‹–‡ƒ–”‘†‡ŽŽ‘•’‹”‹–‘ …‘Â?‡ ‡†‡”‰ƒ–‡…‡…ǥƒÂ?†”Â? Ġ‡•ƒÂ?‹Â?ƒ”‡‹˜ƒ”‹ƒ•’‡––‹ †‡Ž–‡ƒ–”‘†‡Ž•ƒ…”‘Ǥ‘–‡˜‘Ž‡ ‹Ž’ƒ”–‡””‡†‡‹Â”Â‡ÂŽÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄ…Š‡ …‘Â?Â–ÂƒÇĄ–”ƒ‰Ž‹ÂƒÂŽÂ–”‹ǥ‹Ž˜‹ƒ —‹†‹ǥ ”‡†ƒ––”‹…‡†‡ŽŽǯ••‡”˜ƒ–‘”‡ ‘Â?ƒÂ?‘ǥ‹Ž”‡‰‹•–ƒ–‡ƒ–”ƒŽ‡ Ž‡••ƒÂ?†”‘‡”–‹ǥ ”ƒÂ?…‡•…‘

‹”ƒŽ†‘†‡ŽŽǯÂ?‹˜‡”•‹–Â?…ƒ––‘Ž‹…ƒǤ

ƒ„ƒ–‘͙͜Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ǥ͛͘•ƒ”Â? ‹Â?ƒ—‰—”ƒ–ƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…ƒ…Š‹‡•ƒ†‹ ‘Â?†‘Č‹”‡Â?Â–Â‘ČŒŽƒÂ?‘•–”ƒDz‘’ ”–‡‘Ž–”‡Ǽƒ“—‘–‹†‹ƒÂ?‹–Â?‡ ‹•—‘‹Â?‹–‹dz”‡ƒŽ‹œœƒ–ƒ†ƒƒ”‹‘ ƒÂ?‡––‹†‡ŽŽ‘•–—†‹‘Â†ÇŻÂƒÂ”Â–Â‡ƒÂ?‡––‹ †‹ƒ‰‘Ž‹Â?‘Ǥƒ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡ °ƒˆˆ‹†ƒ–ƒƒŠ‹Ž‹’’‡ÂƒÂ˜Â‡Â”‹‘ǥ ˆƒÂ?‘•‘…”‹–‹…‘Â†ÇŻÂƒÂ”Â–Â‡Ç¤ÂŽ–‡”Â?‹Â?‡ †‡ŽŽǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽ‡Í™Í Ç¤Í›Í˜ÇĄ‰Ž‹ ‘•’‹–‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘‹Â?–”ƒ––‡Â?—–‹†ƒŽ…‘”‘ †‹ƒ‰‘Ž‹Â?‘ǥ†ƒŽ…‘”‘‹‘†‹ƒÂ?–ƒ

‹—•–‹Â?ƒ‡ŽŽ—Â?‡•‡‡†ƒŽŽƒ…‘”ƒŽ‡†‹ ƒÂ?ƒ”Â?ƒ„ƒ†‹‘Â?†‘Ǥ‡‘’‡”‡ ‡•’‘•–‡•‘Â?‘†‹Â?†›ÂƒÂ”Š‘Žǥ ƒ˜‹† ‘…Â?Â?‡›ǥŽŽ•™‘”–Š‡ŽŽ›ǥ ”ƒÂ?Â–Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄ ƒ•’‡” ‘ŠÂ?•ǥ‘„‡”– ƒ—•…Š‡Â?„‡”‰‡‘›‹…Š–‡Â?•–‡‹Â?Ǥ ÇŻÂ‡Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡°ƒ’‡”–ƒˆ‹Â?‘ƒŽ͙͞ •‡––‡Â?„”‡Ǥ Â?ÂˆÂ‘ÇŁœƒÂ?‡––‹ƒ”–‡Ǥ…‘Â?‘ …‘Â?—Â?‡Ǥ„‘Â?†‘Ǥ–Â?Ǥ‹–

  ͙͜     

/DIRU]DURFNGHL1HJULWDVFXRWH%UHVFLD Cambio di location per il concerto dei Negrita del 14 luglio (21.30), previsto in piazza Duomo e trasferito presso la struttura della Fiera Brixia Expo. Cipiesse comunica che i biglietti giĂ  acquistati sono validi. ChissĂ  se il cambio ha a che fare con il timore che l’energia dei Negrita potesse provocare danni a piazza Duomo? Una cosa è certa, i Negrita sono una delle band italiane piĂš “tosteâ€?, capaci di scatenare una forza rock che ha pochi rivali

in Italia. Con questo “Dannato vivere Tour 2012â€? i Negrita intendono confermare tutte le loro qualitĂ , maturate nel corso di una carriera iniziata nel 1994 con l’album “Negritaâ€? e continuata attraverso una serie di dischi che hanno consolidato e irrobustito il sound della band aretina, che oggi sta vivendo un momento di grande entusiasmo e di meritati consensi. Il primo disco importante è “XXXâ€? del 1997, registrato tra gli Stati Uniti e i

dintorni di Arezzo, disco che vende grazie anche alla spinta regalata loro dall’inserimento del singolo “Ho imparato a sognareâ€? nella colonna sonora del ďŹ lm “Tre uomini e una gambaâ€? di Aldo, Giovanni e Giacomo e dalla partecipazione come opening act ai concerti di Ligabue, tra una data live e l’altra per lanciarlo. Continua la collaborazione con il trio comico per cui compongono l’intera colonna sonora del ďŹ lm “CosĂŹ è la vitaâ€?: il singolo “Ma-

ma Maèâ€? è di quelli che proiettano i Negrita ai vertici delle classiďŹ che, regalando loro la conquista del disco di platino. Il nuovo millennio segna un ritorno alle radici rock, L’ultimo album di inediti rimane “Dannato vivereâ€? del 2011, con il singolo “Brucerò per teâ€?. A Brescia sarĂ  grande rock e grande impegno, con i Negrita guidati come sempre da Pau, front men di una band che concentra tutte le caratteristiche che una rock band dovrebbe avere.


͛͘

 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

ƒÂ?–ƒ ‹—Ž‹ƒ ‘…‘Â?Â?‡Â?–†ƒ‹–‡…Â?‹…‹ǥ…Š‡’‡”ÖƒÂ?ƒÂ?‘‹Ž‘Â?‰‘„ƒ”†‹ No comment. Rispondono cosĂŹ Francesca Morandini, responsabile servizio collezioni e siti archeologici del Comune di Brescia, e Francesca Guerini, della Fondazione Brescia Musei, alle domande sulla situazione del museo della cittĂ  che si trova, dopo aver avuto l’importante riconoscimento internazionale, a chiudere le porte in determinate ore e con personale ridotto, a causa della crisi e della mancanza di fondi. La chiusura, ha assicurato Arcai, è stata fatta nelle fasce in cui non

c’è affluenza. Morandini e Guerini, entrambe in prima linea nel lavoro fatto per ottenere il riconoscimento Unesco per Santa Giulia e per il Capitolium, fanno capire che sulla questione risponderà chi di dovere (assessore Arcai, ndr); non è loro competenza. Il mondo culturale in Italia soffre, e soffrirà piÚ di altri settori, la scarsità di fondi, nazionali e locali (A2A). Se poi si pensa alla gloria di Brescia nel passato prossimo, con indotti economici e presenze rilevanti, sfruttate male

o poco, in prospettiva di stagioni difficili, viene da mangiarsi le dita. Ovviamente con il senno di poi; con colpe distribuite, non solo sugli amministratori. Certo la fine di una stagione, ha dato vita ad un’altra che ha rilanciato un tesoro cittadino, poco sviluppato e poco conosciuto come Santa Giulia e il Capitolium. L’occasione è stata data dall’incontro culturale sui luoghi della rete longobarda all’interno della proposta “Il salotto culturaleâ€?, presso “Emporium up. Strumenti

da cucina�, in cui le due relatrici hanno preso per mano i presenti e, dopo aver svelato il mondo Unesco, li hanno condotti in un viaggio virtuale per tutti i sette siti che compongono “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)� unendoli alla storia del popolo che “seppe integrare la propria cultura con quella precedente classica� ha sottolineato Francesca Morandini. Passione nei volti delle relatrici. Ora ci aspettiamo iniziative degne della passione. (m.t.)



 ‡ŽŽ‡‰”‹�ƒ‰‰‹‘†‹‘…‡•ƒ�‘‘�ƒ”‹‡…‡�–‘„”‡•…‹ƒ�‹‹�˜‹ƒ‰‰‹‘

%XOJDULDVWRULD IHGHHQDWXUD Â?ƒ–‡””ƒ”‹……ƒ†‹•–‹Â?‘Ž‹Ǥƒˆ‡†‡†‹‹”‹ŽŽ‘‡‡–‘†‹‘ǥŽƒ•–‘”‹ƒ†‡‹”‡‰Â?‹„—Ž‰ƒ”‹‡—Â? ’ƒ‡•ƒ‰‰‹‘‹Â?…‘Â?–ƒÂ?‹Â?ƒ–‘Ǥ”‡˜‹˜‡–Šƒ…—”ƒ–‘ÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡Ž‘‰‹•–‹…ƒ    

O

ccidentale e orientale allo stesso tempo, a maggioranza cristiana ortodossa, ma ricca di minareti, la discreta Bulgaria ha deciso di diventare europea dal 2007, insieme alla Romania, dopo aver attraversato 40 anni di comunismo. Oggi questo Stato balcanico confinante con la Turchia ha molte cose da insegnarci sulle nostre origini comuni. La Bulgaria è una terra in cui il tempo sembra sospeso, ma che in realtà è ritmato da numerose feste popolari, caratterizzate da un’allegra combinazione di sapori slavi, greci, orientali e locali, e sempre accompagnate dal famoso yogurt dal gusto unico. Questa la meta del pellegrinaggio diocesano 2012, guidato dal vescovo Luciano Monari, tenutosi dal 22 al 28 giugno scorsi. Una scoperta gradita per tutti anche per il Vescovo di Brescia che, ancora una volta ha riletto l’esperienza del pellegrinaggio come metafora del cammino della vita e come spazio in cui apprendere criteri, elementi e stimoli per dare senso e orientamento all’esistenza di ciascuno. Accompagnati da don Claudio Zanardini, direttore dell’Ufficio per il

ƒ—Ž‰ƒ”‹ƒ•‹’”‡•‡Â?–ƒ …‘Â?‡—Â?ƒ–‡””ƒ ”‹……ƒ†‹Â•ÂˆÂƒÂ…Â…Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â—Â”Â‡ÇĄ …‘Â?Â?‘Ž–‡ ’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â?ÇĄ’”‘Â?–ƒ ‘‰‰‹ƒ†‡…‘ŽŽƒ”‡ turismo e i pellegrinaggi, il viaggio dei circa cento bresciani di diverse localitĂ  di cittĂ  e provincia e una decina di sacerdoti, è stato supportato con la consueta professionalitĂ  e competenza da Brevivet. Prima tappa del cammino Sofia, la capitale, circondata da selvaggi vallate e da maestosi massicci montani ricoperti da fitti boschi, uno dei paesaggi caratteristici della Bulgaria. Qui, in inverno, le stazioni sciistiche sono affollate dai turisti, che in estate frequentano invece le stazioni balneari del Mar Nero. Capitale della Bulgaria solo dal 1879, Sofia conserva preziose testimonianze della sua storia: vestigia romane e medievali, moschee, edifici di etĂ  austro-ungarica, costruzioni monumentali dell’epoca staliniana e soprattutto i sublimi affreschi della chiesa di

”‡˜‹˜‡– ‡Ž͚͙͛͘’—Â?–‡”‡Â?‘•—ŽŽƒ ”‡…‹ƒ†‹ƒ‘Ž‘ Brevivet ha accompagnato con la consueta professionalitĂ  e discrezione anche questo pellegrinaggio organizzato dall’UfďŹ cio diocesano per il turismo e i pellegrinaggi. Giovanni Sesana, presidente di Brevivet, è soddisfatto dell’esito di questo appuntamento che unisce la cultura, la storia e la fede di un popolo con la parola sempre ricca e stimolante del vescovo Monari e che negli anni si rinnova come una tappa imprescindibile nelle proposte del tour operator bresciano. “Abbiamo notato che la scelta della meta del pellegrinaggio di Brescia – ricorda Sesana – fa da stimolo poi ad altre diocesi e traina l’interesse nell’anno di molte persone anche singole. Lo è stato anche negli anni scorsi dalla Terra Santa a Cipro e speriamo lo sia anche per la Bulgaria, una terra che davvero merita un’attenzione particolareâ€?. Come da tradizione al termine del pellegrinaggio 2012 è stata annunciata la meta della proposta diocesana per l’estate 2013. “Il vescovo Luciano ha indicato – ha spiegato il presidente – la Grecia di Paolo nel contesto dell’Anno della fedeâ€?.

Bojana. Grazie ai suoi musei, ai piacevoli parchi pubblici, all’atmosfera briosa, vitale e decisamente orientale. Degni di nota la basilica Santa Sofia, la chiesa Alexander Nevski, il Museo delle Icone, la rotonda San Giorgio, la cattedrale di Santa Domenica. La chiesa di Bojana in particolare merita una visita. All’interno, sarete stupiti dagli affreschi realizzati nel 1259. Da Sofia la visita al monastero di Rila, il piÚ grande ed importante della Bulgaria, sotto la protezione dell’Unesco. Testimonianza ricca, insieme ai molti monasteri ortodossi visitati, di una fede che ha le sue radici nella santità di Cirillo e Metodio, patroni d’Europa, e su cui il vescovo Monari ha speso parole alte nella descrizione delle opere e della spiritualità. Annidata a 1000 metri d’altezza, sui primi contrafforti della catena dello Sredna Gora, si estende la cittadina di Koprivťtica. Considerata una della piÚ belle città bulgare, deve in gran parte il suo fascino ai dintorni boscosi e agli edifici dalle pregevoli caratteristiche architettoniche e dalla ricchezza della sua storia legata al risorgimento bulgaro. Veliko Tarnovo, invece, è la capitale del secondo Impero bulgaro e

  ÇĄ  k    


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

�’‘”‹—�’

ÂŽ•ƒŽ‘––‘†‡ŽŽƒ…—Ž–—”ƒ Due eventi al mese a cadenza ďŹ ssa sono dedicati alla cultura, il secondo martedĂŹ di ogni mese un esponente della cultura bresciana racconta la sua esperienza e alcune curiositĂ ; l’ultimo giovedĂŹ del mese, invece, è dedicato agli aperitivi letterari: scrittori bresciani presentano negli spazi di Emporium Up, negozio di articoli per la tavola e la cucina (via Duca degli Abruzzi a Brescia), i loro libri. Nel mese di luglio l’appuntamento è con Ruggero Bontempi che accompagnerĂ  alla

scoperta del Parco Alto Garda Bresciano, tema dell’omonima guida. La programmazione riprende poi martedĂŹ 11 settembre: Francesca Morandini è protagonista di un incontro dedicato al Patrimonio archeologico bresciano. Sabato 15 settembre il maestro Alberto Presutti, proporrĂ  “Domani mi sposoâ€?, corso di bon ton per i futuri sposi. Chiude settembre l’aperitivo letterario di giovedĂŹ 27 con Mauro Toninelli e il suo “PerchĂŠ ci vuole Cuoreâ€? sul mondo della scuola.

 

‹ƒ”‹‘ †‹—Â?‘„‹‡––‘”‡   ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í™ÍœÇĄÍ˜Í˜

 ÇĄ  

‘Â?ƒ”‹‹Â?˜‹•–ƒ †‡ŽŽǯÂ?Â?‘†‡ŽŽƒÂˆÂ‡Â†Â‡ÇŁ Dz‰‰‹…”‡†‡”‡°’‹Î †‹ˆˆ‹…‹Ž‡Ǥ‹•‘‰Â?ƒ –”ƒ†—””‡‹ŽƒÂ?‰‡Ž‘Â?‡Ž ˜‹••—–‘“—‘–‹†‹ƒÂ?‘dz sorge in una posizione eccezionale. Le sue case bianche e fiorite formano un intricato insieme che si affaccia a strapiombo sulle sette anse del placido Jantra. La visita della fortezza Tsarevets con le imponenti mura medievali, la Torre di Baldovino delle Fiandre e la chiesa reale dei Santi Pietro e Paolo e l’escursione al villaggio museo Arbanassi, con sosta alla chiesa dei Quaranta Martiri, mostra ancora una volta una fede che ha segnato l’identitĂ  di questo popolo, La visita poi al villaggio etnografico Etara, con le sue botteghe artigianali in attivitĂ , e del monastero Sokolovski restituisce l’aspetto piĂš tradizionale e popolare di questa terra che fa delle tradizioni contadine e dei prodotti dell’artiginato una fonte ancora rilevante della sua economia. La storia antica dei Traci invece si

incontra a Kazanlak, cittĂ  principale della valle delle Rose. Qui si visita una copia della celebre tomba tracia del IV sec. a. C. Degna di nota pure la chiesa russo-ortodossa di Shipka, costruita per commemorare i caduti russi della guerra del 1877. Infine la seconda cittĂ  della Bulgaria, Plovdiv che conquista i visitatori grazie alla sua originale topografia. Attraversata dal celebre fiume Marica, si estende infatti su sei ripide colline di granito. Ricca di un passato prestigioso, la cittĂ  conserva belle vestigia della civiltĂ  tracia, monumenti romani, vecchie moschee turche e soprattutto un eccezionale complesso di case costruite nel periodo della Rinascenza. Insomma un bel viaggio per uscire da un pregiudizio e aprirsi a un’incontro che fa crescere nella condivisione e nella fede comune dei due polmoni del cristianesimo: l’Oriente e l’Occidente. Monari non ha smesso di ricordarlo anche attraverso la catechesi che ha dedicato al tema del “credere oggiâ€?. Una sfida che vedrĂ  la Chiesa universale vivere a partire dall’11 ottobre prossimo l’Anno della fede a 50 anni dall’apertura del Concilio Vaticano II.

‡”˜‹‹Â?—–‹Ž‹ ƒ–‡Â?’‘’‹‡Â?‘   ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í&#x;ÇĄÍĄÍ˜

Ž–”‡‹Ž˜‡•–‹–‘

Ǥ

  Ǥ  ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í ÇĄÍ˜Í˜

‡ŽŽ‡–”‡ˆ‘–‘ ƒŽƒ–‘‹Â?‘”†‹Â?‡ǣ ‹Ž–‡ƒ–”‘”‘Â?ƒÂ?‘ †‹ÂŽÂ‘Â˜Â†Â‹Â˜ÇĄ ‹’‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹„”‡•…‹ƒÂ?‹ Â?‡Ž˜‹ŽŽƒ‰‰‹‘†‹Â–ÂƒÂ”ÂƒÇĄ Ž‡–‹’‹…Š‡…ƒ•‡ †‹Â‘Â’Â”Â‹Â˜ĂŚÂ–Â‹Â…Âƒ ƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ ƒÂ?‰      ÇĄÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ Í™Í ÇĄÍ˜Í˜

͙͛

͚͠Â?ƒ‰‰‹‘͙ͥ͞͠ǣ‹Ž”‹„—Â?ƒŽ‡Â?‹Ž‹nj –ƒ”‡†‹‘”‹Â?‘…‘Â?†ƒÂ?Â?ƒ—Â?…ƒ””‹•–ƒ ’‡”‡••‡”•‹•–”ƒ’’ƒ–‘†ƒŽŽƒ†‹˜‹•ƒ Â?‘•–”‹Â?‡‡•–‡ŽŽ‡––‡Ǥdz ‘”‹ˆ‹—–ƒ–‘ †‹’”‘•‡‰—‹”‡‹Ž•‡”˜‹œ‹‘Â?‹Ž‹–ƒ”‡ †‘’‘ƒ˜‡”‹Â?—–‹ŽÂ?‡Â?–‡…‡”…ƒ–‘†‹ •‘•–‹–—‹”Ž‘…‘Â?—Â?•‡”˜‹œ‹‘…‹˜‹Ž‡‹Â?

–ƒŽ‹ƒ‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â–Â‡Â”Â‘ÇłÇĄ•’‹‡‰ƒ‹ŽÂ…ÂƒÂ’Â‘ÇŚ ”ƒŽ‡‡ŽŽ‡––ƒ–‘ǤDz–ƒŽ‡”‹ˆ‹—–‘Â?‹ •’‹Â?‰‡ŽƒÂ?‹ƒ…‘•…‹‡Â?œƒ†‹Â…ÂƒÂ–Â–Â‘ÇŚ Ž‹…‘ǤÂ?…Š‡…‘Â?‡Â?ƒ‡•–”‘†‡˜‘ ‡•’”‹Â?‡”‡‹ŽÂ?‹‘†‹••‡Â?•‘†ƒŽŽƒÂ˜Â‹ÇŚ –ƒÂ?Â‹ÂŽÂ‹Â–ÂƒÂ”Â‡ÇĄ…Š‡°˜‹‘Ž‡Â?œƒÂŽÂ‡Â‰ÂƒÂŽÂ‹ÂœÇŚ œƒ–ƒ‡‹•–‹–—œ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‹ÂœÂœÂƒÂ–ÂƒÇłÇ¤—‡•–‘° ‹Ž†‹ƒ”‹‘…Š‡‹ŽDz†‹•‘„„‡†‹‡Â?–‡dzŠƒ –‡Â?—–‘†ƒŽ’”‹Â?‘‰‹‘”Â?‘†‹Â?ƒ‹ƒƒŽ …‘Â?‰‡†‘ǥ’ƒ••ƒÂ?†‘’‡”‹ŽÂ…ÂƒÂ”Â…Â‡ÇŚ ”‡†‹‡•…Š‹‡”ƒǤ ÂŽ…ƒ•‘‡ŽŽ‡––ƒ–‘ ƒ˜”Â?ƒÂ?…Š‡—Â?ǯ‹Â?ƒ––‡•ƒ”‹’‡”…—•nj •‹‘Â?‡ǣŽƒ•‡Â?–‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ‘”–‡…‘nj •–‹–—œ‹‘Â?ƒŽ‡†‡Ž͙ͥÍ&#x;Í˜ÇĄ’‡”Žƒ“—ƒŽ‡ Žƒ’”‘’ƒ‰ƒÂ?†ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘„‹‡œ‹‘Â?‡Â?‘Â?° ’‹ÎÇ˛Â‹Â•Â–Â‹Â‰ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ƒ†‡Ž‹Â?“—‡”‡dzǤƒ Ž‡‰‰‡’‡”ÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‹…‘•…‹‡Â?œƒ ˜‡””Â?’”‘Â?—Ž‰ƒ–ƒÂ?‡Ž͙ͥÍ&#x;͚Ǥ

Â?‹Â?˜‹–‘•…Š‹‡––‘ƒ†‹˜‡Â?‹”‡‰‹‘nj ‹‘•‹–‡•–‹Â?‘Â?‹†‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘‹Â?‘‰Â?‹ •‹–—ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ˜‹–ƒǤ

ÂŽÂ?‡‰Ž‹‘†‡‹–‡•–‹ǥ†‡ŽŽ‡Ž‡––‡”‡‡ †‡‰Ž‹ƒ’’—Â?–‹–”ƒ––‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”…Š‹˜‹‘ ’‡”•‘Â?ƒŽ‡†‹†‘Â?‘Â?‹Â?‘‡ŽŽ‘ǤÂ? ˜‘Ž—Â?‡†‡†‹…ƒ–‘ƒ“—ƒÂ?–‹Ž‘––ƒÂ?‘ •—‹ˆ”‘Â?–‹†‡ŽŽƒ“—‘–‹†‹ƒÂ?‹–Â?Ǣ’ƒ‰‹Â?‡ …Š‡‹Â?˜‹–ƒÂ?‘ƒ•—’‡”ƒ”‡Žǯ‹Â?Â‡Â”ÂœÂ‹ÂƒÇĄŽƒ ’‹‰”‹œ‹ƒ‡‹’”‡‰‹—†‹œ‹‡’‘”–ƒÂ?‘ƒ …‘Â?’”‘Â?‡––‡”•‹’‡””‹•–‘•‡Â?œƒ ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•Â?‹†‹…‘’‡”–‹Â?ƒǤÂ?‹Â?Â˜Â‹ÇŚ –‘ƒ†‹˜‡Â?‹”‡–‡•–‹Â?‘Â?‹†‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘ ˆ—‘”‹†ƒŽŽ‡Â•ÂƒÂ…”‡•–‹‡ǥ‹Â?’‘•–ƒÂ?†‘ …‘Â?‡Â?–—•‹ƒ•Â?‘—Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘†‹ •’‡”ƒÂ?œƒǤ‹‘Â?‘Â?…Š‹‡†‡Â?—ŽŽƒ†‹ •–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—Â‘Â?‘ǣ…Š‹‡†‡•‘Žnj –ƒÂ?–‘…Š‡ǥ‘˜—Â?“—‡“—‡•–‹•‹Â†Â‹Â”Â‹Â‰ÂƒÇĄ ‹Â?“—ƒŽ•‹ƒ•‹ƒÂ?‰‘Ž‘…‘Â?•—Â?‹Žǯ‡•‹nj •–‡Â?ÂœÂƒÇĄ’‘••ƒ†‹ˆˆ‘Â?†‡”•‹ƒ––‘”Â?‘ ƒŽ—‹Dz‹Ž„—‘Â?’”‘ˆ—Â?‘†‹”‹•–‘dzǤ Š‹‡†‡…Š‡Žǯ—‘Â?‘•‹Žƒ•…‹•…ƒ˜ƒ”‡ ÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒ†ƒŽŽ‡Žƒ…”‹Â?‡†‡‹•—‘‹ÂˆÂ”ÂƒÇŚ –‡ŽŽ‹‡…Š‡•‹‹Â?’‡‰Â?‹ƒ˜‹˜‡”‡Žƒ˜‹–ƒ …‘Â?‡—Â?†‘Â?‘ǥÂ?‘Â?…‘Â?‡—Â?’‡•‘Ǥ

—‡•–‘Â?—‘˜‘˜‘Ž—Â?‡†‡ŽŽƒÂ…Â‘ÂŽÂŽÂƒÇŚ Â?ƒDz ‡Â?‹–‘”‹Â?‘’”‘„Ž‡Â?Ǩdzƒˆˆ”‘Â?–ƒ Ž‘•’‹Â?‘•‘’”‘„Ž‡Â?ƒ†‡ŽŽǯ‹Â?ˆŽ—‡Â?ÇŚ œƒ†‡ŽŽ‡Â?‘†‡‡†‡ŽŽƒ’—„„Ž‹…‹–Â? Â?‡Ž”ƒ’’‘”–‘‰‡Â?Â‹Â–Â‘Â”Â‹ÇŚÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹Ç¤‘••‘ ’‡”Â?‡––‡”‡ƒÂ?‹‘ˆ‹‰Ž‹‘†‹‡••‡”‡ ‹Â?–—––‘‡’‡”–—––‘…‘Â?‡‰Ž‹ÂƒÂŽÂ–”‹Ǎ Š‡…‘•ƒˆƒ”‡“—ƒÂ?†‘•…ƒÂ?„‹ƒ‹Ž Ž‘‘Â?’‡”—Â?ƒDzÂ?ÂƒÂ•Â…ÂŠÂ‡Â”ÂƒÇł…Š‡Ž‘Â?‹nj Â?‡–‹œœƒ‹Â?Â?‡œœ‘ƒ‰Ž‹ÂƒÂŽÂ–”‹Ǎ‘Â?‡ …‘Â?’‘”–ƒ”•‹“—ƒÂ?†‘‹ˆ‹‰Ž‹Dz…”‡†‘nj Â?‘dz’‹ÎƒŽ˜‹”–—ƒŽ‡…Š‡ƒŽÂ”Â‡ÂƒÂŽÂ‡ÇŤ1 ’”‘’”‹‘˜‡”‘…Š‡‘‰‰‹„‹•‘‰Â?ƒÂŽÂƒÇŚ •…‹ƒ”Ž‹„‡”‹‹ˆ‹‰Ž‹†‹ˆƒ”‡•‡••‘ǥÂƒÂ…ÇŚ …‡––ƒÂ?†‘‹ŽÂ–ÂƒÂ„ĂŽ…—Ž–—”ƒŽ‡†‹”‡•–ƒ”‡ ‹Â?•‹Ž‡Â?ÂœÂ‹Â‘ÇŤ—‡•–‘Ž‹„”‘’”‘˜ƒƒ”‹nj •’‘Â?†‡”‡ƒ“—‡•–‹‡ƒŽ–”‹‹Â?Â–Â‡Â”Â”Â‘Â‰ÂƒÇŚ Â–Â‹Â˜Â‹ÇĄƒˆˆ”‘Â?–ƒÂ?†‘‹–‡Â?‹Ž‡‰ƒ–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?ÇŚ ˆŽ—••‘†‡ŽŽ‡Â?‘†‡ǥ†‡ŽŽƒ’—„„Ž‹…‹–Â?ÇĄ †‡ŽŽ‡ƒ––”ƒœ‹‘Â?‹‡•–‡”Â?‡•—ŽÂ?‘Â?†‘ ˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡‡’”‘’‘Â?‡Â?†‘Â?—Â?‡”‘•‹ ‡•‡Â?’‹–”ƒ––‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â’‡”‹‡Â?œƒ…‘Â?ÇŚ …”‡–ƒ†‡‰Ž‹ÂƒÂ—–‘”‹ǥ†ƒ•‡Â?’”‡‹Â?’‡nj ‰Â?ƒ–‹’”‘ˆ‡••‹‘Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡Â?‡Ž…ƒÂ?ÇŚ ’‘‡†—…ƒ–‹˜‘ˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡Ǥ

‘Â?ƒÂ?œ‘†‹••ƒ…”ƒÂ?–‡‡‹”‘Â?‹…‘ †‡†‹…ƒ–‘ƒŽŽƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—Ž…‘Â?ÇŚ …‡––‘†‹ƒ”–‡‡†‹ƒ”–‹•–ƒ‡•—ŽÂ”ÂƒÂ’ÇŚ ’‘”–‘‰‡Â?Â‹Â–Â‘Â”Â‹ÇŚÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹Ç˘’‡”‹Ž‡™ ‘”Â?‹Â?‡•ǥÂ?‹‰Ž‹‘”Ž‹„”‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?ÇŚ Â?‘Ǥ  ƒÂ?‰Č‹ƒŽ‡„‡ƒÂ?Â‹ÂŽÂŽÂƒČŒ•‘Â?‘ —Â?ƒ…‘’’‹ƒ†‹…‘Â?‹—‰‹•–”ƒ˜ƒ‰ƒÂ?–‹ …Š‡ŠƒÂ?Â?‘ˆƒ––‘†‡ŽŽƒŽ‘”‘˜‹–ƒ—Â? …‘Â?–‹Â?—‘•’‡––ƒ…‘Ž‘ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹Â…Â‘ÇŁƒ‰Ž‹ ‹Â?…”‘…‹†‡ŽŽ‡•–”ƒ†‡‘Â?‡Ž…—‘”‡†‡‹ …‡Â?–”‹…‘Â?Â?‡”…‹ƒŽ‹‘‰Â?‹‘……ƒ•‹‘Â?‡ °„—‘Â?ƒ’‡”‹Â?•…‡Â?ƒ”‡’‡”ˆ‘”Â?ƒÂ?ÇŚ …‡•‹–—ƒœ‹‘Â?‹•–‡ƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‡“—ƒŽ‹ •…‹‘……ƒ”‡‡ˆƒ”•‹„‡ˆˆ‡†‡ŽŽ‡‹’‘nj …”‹–‡‡–‹…Š‡––‡†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?„‘”nj ‰Š‡•‡Ǥ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‹“—‡•–‡ „‹œœƒ””‡”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‹•‘Â?‘‰Ž‹ ‹Â?…‘Ž’‡˜‘Ž‹ÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹ÇŁÂ?Â?‹‡Č‹Â…Š‹ƒÂ?ƒ–ƒ „ƒÂ?„‹Â?‘ČŒ‡—•–‡”Č‹Â„ÂƒÂ?„‹Â?‘ČŒÇ¤ ‡‰Â?ƒ–‹†ƒ—Â?ǯ‹Â?ˆƒÂ?œ‹ƒ‡……‡Â?–”‹…ƒ ‡•–”ƒÂ?’ƒŽƒ–ƒ—Â?ƒ˜‘Ž–ƒ…”‡•…‹—–‹ †‘˜”ƒÂ?Â?‘ˆƒ”‡‹…‘Â?–‹…‘Â?Ž‡”‡‰‘nj Ž‡†‡ŽŽƒ˜‹–ƒƒ†—Ž–ƒǤȋ”‡…‡Â?•‹‘Â?‡†‹ —…ƒ‹ƒÂ?…Š‡––‹’‡”…‘Â?–‘†‡ŽŽƒ‹nj „”‡”‹ƒ Â‡Â”Â”ÂƒÂ–ÂƒČŒ


     Ž‡‘„”—‘̻”ƒ†‹‘˜‘…‡Ǥ‹–

    ™™™Ǥ”ƒ†‹‘˜‘…‡Ǥ‹– ˆ͠͠Ǥ͛ ͠͠Ǥ͝

ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿

”ƒœ‹‘ƒŽ‹†ƒŽŽ‡͟ƒŽŽ‡͙͠

”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ‘”‡͠‡‘”‡͙͡Ǥ͛͘

”Ž‘…ƒŽ‹͡Ǥ͛͘Ǧ͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͙Ǥ͛͘ ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘

@



 

͞Ǥ͘͘……Ž‡•‹ƒ ͟Ǥ͘͘ ” ͟Ǥ͘͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ …‘†‘†”‹ƒ‘‹ƒ…Š‹ ͟Ǥ͙͝ Ž—‘˜‘—‡”‘ †‡Ž•‡––‹ƒƒŽ‡ ƒ‘…‡†‡Ž‘’‘Ž‘ ͟Ǥ͛͘Ǥ‡••ƒ ͠Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͡Ǥ͘͘ ” ͙͘Ǥ͘͘ƒ––‹ƒ–ƒ‹Ž—™‡‡‡† ͙͙Ǥ͘͘ ” ͙͚Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͙͛Ǥ͘͘ ” Ǧƒ†‹‘‘…‡ ”‡ƒ–‡•–Š‹–• ͙͠Ǥ͘͘ ” ͙͡Ǥ͛͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ

͟Ǥ͘͘ƒ––‹ƒ‹–ƒŽ‹ƒƒ ͙͘Ǥ͘͘Ǥ‡••ƒ†ƒŽŽƒƒ––‡†”ƒŽ‡ ͙͙Ǥ͘͘ƒ—‘ƒ‘˜‡ŽŽƒ ƒ…—”ƒ†‹‡––›ƒ––ƒ‡‘ Ǧ‘‡–‘ƒŽƒ‰‡Ž‘ ƒ…—”ƒ†‹†‘‹‡‰‘ ƒ……Š‡––‹ Ǧ‡––‡‰‹‘”‹‹†‹‘…‡•‹ …‘ƒ••‹‘‡–—”‡ŽŽ‹ Ǧ”‹‘‹ƒ‘ …‘†‘ƒ”…‘‘”‹•—ŽŽǯ‹‹œ‹ƒ–‹˜ƒ†‹ •‘Ž‹†ƒ”‹‡–Dz‹ƒ––‡†‹ƒ‘Ǩdz Ǧ‹–‡†‡‹•ƒ–‹‹„”‡˜‡ ƒ…—”ƒ†‹’ƒ†”‡–‘‹‘‹…ƒ”‹ Ǧǯ‰‡†ƒ†‡ŽŽƒ•‡––‹ƒƒ ƒ’’—–ƒ‡–‹‡‹‹œ‹ƒ–‹˜‡†‹‘…‡•ƒ‡ ͙͚Ǥ͘͘‡…‹–ƒ†‡ŽŽǯ‰‡Ž—• ͙͜Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ

ƒ†‹‘‘…‡ƒ—ƒ ‹ƒƒœœ‹‹ǡ͚͡Ǧ͚͛͘͜͝”‡‘ȋ•Ȍ

‘…‡‰‹‘”ƒŽ‡‘–‹œ‹ƒ”‹‘ ”ƒ†‹‘ˆ‘‹…‘’”‹…‹’ƒŽ‡ †ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ ƒŽŽ‡͠Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǧ͚͚Ǥ͛͘Ǥ ‘…‡ Žƒ•Š‘–‹œ‹‡‹„”‡˜‡†ƒŽ Ž—‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ ƒŽŽ‡͙͙Ǧ͙͜Ǧ͙͞Ǧ͚͘Ǧ͚͛Ǥ͜͝Ǥ ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ“—‘–‹†‹ƒƒ ƒ’’—–ƒ‡–‘…‘Ž‡’”‹‡ ’ƒ‰‹‡†‡‹“—‘–‹†‹ƒ‹†ƒŽŽ—‡†¿ ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͡Ǥ͛͘Ǥ

Žƒƒ……‘’”‡˜‹•‹‘‹†‡Ž–‡’‘Ǥ ‡•‹‡”‘”‡Ž‹‰‹‘•‘ǡ‡……Ǥ†ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ •ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͠Ǥ –”‡ƒ†°••–‘”‹ƒ‡˜ƒ”‹ƒ…—Ž–—”ƒ Ž‘…ƒŽ‡˜‡‡”†¿ƒŽŽ‡͙͟ ‡†‘‡‹…ƒƒŽŽ‡͙͙Ǥ ‡”œƒ’ƒ‰‹ƒƒ––—ƒŽ‹–…—Ž–—”ƒŽ‡ ‡”…‘Ž‡†¿ƒŽŽ‡͙͟Ǥ ƒ’”‘’‘•–ƒ—•‹…ƒŽ‡ƒŽ‰‹‘”‘ ’”‘‰”ƒƒ—•‹…ƒŽ‡†ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ •ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͙͛Ǥ

͞Ǥ͘͘……Ž‡•‹ƒ ͟Ǥ͙͘”‡•…‹ƒ‹†‹”‡––ƒ ͟ǡ͙͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ …‘†‘†”‹ƒ‘‹ƒ…Š‹ ͟Ǥ͛͘Ǥ‡••ƒ ͟Ǥ͛͞ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ ͟Ǥ͘͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ȋ”Ȍ ͠Ǥ͛͘ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒŽ‘…ƒŽ‡ ͠Ǥ͜͝‘‘Ǥ‡–”‘Žƒ‘–‹œ‹ƒ ͘͡Ǥ͙͝ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ ƒœ‹‘ƒŽ‡ ͘͡Ǥ͜͝‘‘Ǥ‡–”‘Žƒ‘–‹œ‹ƒ ͙͘Ǥ͘͞ƒ––‹ƒ Ž—‡•–ƒ–‡Ǥ

…‘ŽŽ‡‰ƒ‡–‘…‘‹‹‹ ͘Ǥ͘͝ Ž‡”…ƒ–‹‘ ͙͚Ǥ͙͝‹‡ƒ‘ƒ‘—” Ǧ‘…‡–”ƒ‹Ž‡” ͙͚Ǥ͘͝‹„”‹‡ƒ’’—–ƒ‡–‹ ͙͝Ǥ͘͘‘‡”‹‰‰‹‘‹Ž— ͙͟Ǥ͘͘‡”ƒ–ƒ‹Ž— ͙͡Ǥ͙͝‘ƒ”‡Žƒš ͙͡Ǥ͛͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͙͡Ǥ͘͝ ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘ȋ”ǤȌ ͚͘Ǥ͝͝‘…‡–”ƒ‹Ž‡” ͚͙Ǥ͘͘‹•…‘–‘”› ͚͚Ǥ͘͘ˆˆ‡––‘‘––‡

”‡•…‹ƒ‹†‹”‡––ƒ ‘–‹œ‹‡‹–‡’‘”‡ƒŽ‡

ƒ†‹‘‘…‡ ”‹ƒ†‹ǤǤǤƒ”‡

Anche nel periodo estivo, dal lunedì al venerdì a partire dalle 7, Radio Voce vi informa sui principali fatti da Brescia, dall’Italia e dal mondo. Nell’arco di oltre due ore in diretta, potete seguire rassegne stampa locali e nazionali ed approfondimenti. Per cominciare la giornata col piede giusto, ascoltando la musica migliore, e costantemente informati, l’appuntamento è con Brescia in diretta. Seguite il nostro consiglio e buon ascolto.

Dal 2 luglio, fino all’1 settembre la mattinata di Radio Voce profuma di salsedine. Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12, in collegamento con Rimini, potrete seguire l’estate in Riviera, con musica, notizie, le voci dei turisti in spiaggia, oltre alla consueta informazione su Brescia e provincia coi vari gr del mattino. Un programma in collegamento col circuito InBlu e Radio Icaro. Voce mattina con Marco Vignoletti vi dà appuntamento a settembre con sorprese sempre nuove.







ƒ‹”‡ǡŠǤ͞Ǥ͘͘

 1   

Ž†‹”‡––‘”‡†‹ƒ‹‡™•͚͜Ž‡‰‰‡ Žƒ“—‘–‹†‹ƒƒ”ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ †‡‹‰‹‘”ƒŽ‹ƒœ‹‘ƒŽ‹‡†‹Ž •—‘’—–‘†‹˜‹•–ƒ•—‹ˆƒ––‹†‡Ž ‰‹‘”‘Ǥ

ƒ‹‘ǡŠǤ͞Ǥ͘͘  ‘ŽŽ‡‰ƒ‡–‘…‘Ž‡‘–‹œ‹‡ ‡•–‡”‡‡ƒœ‹‘ƒŽ‹Ǥ‡’”‹‡ ’ƒ‰‹‡†‡ŽŽ‡’‹î‹’‘”–ƒ–‹ –‡•–ƒ–‡‡—”‘’‡‡Ǥ

ƒ‹”‡ǡŠǤ͠Ǥ͘͘

   

   ‹Ž†”ƒƒ–‹…‘†‡Ž͙͜͟͡ǡ …‘Ž†‘ ƒ„”‹œ‹Ǥ‘†‡•–‘ ‹’‹‡‰ƒ–‘ǡ‹ƒ‘”ƒ–‘†‡ŽŽƒ †‘ƒ•„ƒ‰Ž‹ƒ–ƒǡ•‹Žƒ•…‹ƒ –”ƒ•…‹ƒ”‡†ƒ—–”—ˆˆƒ–‘”‡‹ —ƒ•‡”‹‡†‹ƒœ‹‘‹…”‹‹ƒŽ‹Ǥ ƒ‹”‡ǡŠǤ͙͜Ǥ͜͝    

’’—–ƒ‡–‘“—‘–‹†‹ƒ‘…‘ Žƒ„‘”•ƒ‡Žƒˆ‹ƒœƒ†‡Ž‘•–”‘ ƒ‡•‡Ǥ ƒ‹‘ǡŠǤ͚͙Ǥ͚͘  ‘”ƒŽǯƒ’’—–ƒ‡–‘…‘Žƒ •…‹‡œƒ‡‹Žˆƒ•…‹‘†‡Ž‘•–”‘ ’‹ƒ‡–ƒǤ‹‡”‘‰‡Žƒ…‹’ƒ”Ž‡” †‡ŽŽ‡œ‘‡‰Š‹ƒ……‹ƒ–‡†‡Ž‘•–”‘ ’‹ƒ‡–ƒǡ‡†‡Ž†‹•‰‡Ž‘…‘ Žǯƒ””‹˜‘†‡ŽŽƒ’”‹ƒ˜‡”ƒǤ

‹ƒ‰‹—‰‘ǡ͜Ǧ͚͙͘͜͝ƒ•–‡‡†‘Ž‘ȋ•Ȍ

Ǥ ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿͡Ǥ͛͘Ǧ ͙͡Ǥ͛͘Ǣ•ƒ„ƒ–‘͙͡Ǥ͘͘Ǣ †‘‡‹…ƒ͡Ǥ͘͘Ǧ͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͘͘ ‘’’—”‡ƒ•…‘Ž–ƒ“—‡ŽŽ‡‡••‡‹ ‘†ƒ†ƒŽŽƒ–—ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ•—ŽŽ‡ ‘•–”‡ˆ”‡“—‡œ‡Ǥ

   

ǣƒŽŽ—‡†¿ƒŽ ˜‡‡”†¿ǣ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘Ǧ͙͡Ǥ͘͜Ǥ ǣƒŽ—ƒ˜‡Ǥ ƒ––‹‘ǣ͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͙Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͛͘Ǥ

‡ŽǤ͚͙͛͛͘͘͟͜͜͜ ƒš͚͙͙͙͛͛͘͘͘͡ ™™™Ǥ”ƒ†‹‘‡…œǤ‹– ‹ˆ‘̻”ƒ†‹‘‡…œǤ‹–

‘‡”‹‰‰‹‘ǣ͙͜Ǥ͛͘Ǧ͙͝Ǥ͛͘Ǧ͙͞Ǥ͛͘Ǧ ͙͟Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǥ ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘Ǧ͙͜Ǥ͛͘Ǧ ͙͝Ǥ͛͘Ǧ͙͞Ǥ͛͘Ǧ͙͟Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǥ ǯ1ǣ ‡‹‹œ‹ƒ–‹˜‡–‡ƒ–”ƒŽ‹ǡ —•‹…ƒŽ‹‡…‹‡ƒ–‘‰”ƒˆ‹…Š‡†‹…‹–– ‡’”‘˜‹…‹ƒǤƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿ǣ ͙͚Ǥ͛͟Ǧ͙͛Ǥ͛͟Ǧ͙͡Ǥ͜͟    ‰‰‹’ƒ”Ž‹ƒ‘†‹ǥ—͙͙Ǥ͛͘

ˆ‘”ƒœǤŽ‹–—”‰ǤǦ’ƒ•–Ǥ‡”͙͘Ǥ͘͡

‡–‡͜ǡŠǤ͙͞Ǥ͘͝

  ‹Ž†‡Ž͙͜͜͡…‘Ž‹œƒ„‡–Š ƒ›Ž‘”‡‹…‡›‘‘‡›Ǥƒ ”ƒ‰ƒœœ‹ƒ†‡…‹†‡†‹’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ ‹•‹‡‡ƒŽ•—‘…ƒ˜ƒŽŽ‘ƒŽ ”ƒ ”‡‹‘†‹‘†”ƒǤ Žˆ‹Ž˜‹•‡ †—‡’”‡‹•…ƒ”Ǥ ‹‡Ž‘ǡŠǤ͚͙Ǥ͙͝     ‹Ž†‹•’‹‘ƒ‰‰‹‘†‡Ž͚͘͘͡Ǥ ƒ‰‡–‡†‡ŽŽǯ –‡”’‘Ž‡Žǯƒ••‹•–‡–‡ †‡Ž’”‘…—”ƒ–‘”‡‹†ƒ‰ƒ‘•—ŽŽ‡ ƒ––‹˜‹–‹ŽŽ‡‰ƒŽ‹†‹—’‘–‡–‹••‹‘ ‰”—’’‘ˆ‹ƒœ‹ƒ”‹‘ǡ†‹•’‘•–‘ƒ –—––‘’—”†‹†‹ˆ‡†‡”•‹Ǥ

‡ŽǤ͛͘͜͞Ǥ͚͚͚͛͜ ˆƒš͚͛͛͘͘͘͜͞͡͞ ‡Ǧƒ‹Žǣ”ƒ†‹‘̻˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹– ”‡†ƒœ‹‘‡̻˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹– ™™™Ǥ˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹–

‹–‘Ž‹†‹…‘†ƒ•–”‹•…‹ƒ—•‹…ƒŽ‡ …‘˜‘…‹†‹ˆˆ‡”‡–‹‘‰‹˜‘Ž–ƒǤ —––‹‹‰‹‘”‹†ƒŽŽ‡͚͘ƒŽŽ‡͚͚Ǥ ’‘‹ƒ…‘”ƒ‡”…ƒ–‹‘ȋ͙͘Ǥ͚͘Ǧ ͙͚Ǥ͚͘Ǧ͙͠Ǥ͚͘ȌǢ‘”•‹Ƭ‘…‘”•‹ ȋ͟Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͜͝Ǧ͙͠Ǥ͜͝ȌǢ‹˜‹Žƒ˜ƒŽŽ‡ ȋ͡Ǧ͙͚Ǧ͙͠ȌǤ

‡–‡͜ǡŠǤ͚͙Ǥ͙͘ ǯǯ  ‹Ž†ǯƒ˜˜‡–—”ƒ…‘–Š‘› ‘’‹•‡Ž‡…ƒŽ†™‹Ǥ—‡ —‘‹‹•‹”‹–”‘˜ƒ‘ǡ†‘’‘— ‹…‹†‡–‡ƒ‡”‡‘ǡ•‘Ž‹‹—ƒ ‰‹—‰Žƒ‹‘•’‹–ƒŽ‡Ǥ

  

ƒ†‹‘

˜͚͘͘͘ǡŠǤ͠Ǥ͘͝  

‡œœǯ‘”ƒ‹‰‹‘”ƒŽ‹•–‹ †‡ŽŽƒ”‡†ƒœ‹‘‡Ž‡‰‰‘‘‡ …‘‡–ƒ‘Ž‡’”‹…‹’ƒŽ‹ ‘–‹œ‹‡†‡‹“—‘–‹†‹ƒ‹ƒœ‹‘ƒŽ‹Ǥ

‹•‹–ƒ‹Ž‘•–”‘•‹–‘‘’’—”‡ –‡Ž‡ˆ‘ƒƒ‹‘•–”‹—‡”‹ ’‡”‹†‹˜‹†—ƒ”‡ǡ–”ƒŽ‡‘Ž–”‡͘͞ ˆ”‡“—‡œ‡†‹ǡ“—‡ŽŽƒ…Š‡ …‘””‹•’‘†‡ƒŽŽƒ–—ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ

‹‘˜‡†¿‹•‹‡‡ ‹‘͙͘Ǥ͘͡ —…‹ƒ‡–”ƒ†‹œ‹‘‡‡͙͚Ǥ͙͝ ‹…‘Ž‹•…‹‘ƒ„͡Ǥ͛͘ ƒ„—‘ƒ‘˜‡ŽŽƒ‘͙͝Ǥ͘͘ Dz    ǤǤǤdz ”—‘–ƒŽ‹„‡”ƒǤǤǤƒ”͙͘Ǥ͘͡ Ž‹„”‘’‡”–—––‹ƒ”͙͙Ǥ͘͡

•‹‡‡ǤǤǤƒŽŽǯ’‡”ƒǨ‡”͙͙Ǥ͘͡ —•‹…ˆ”‘ ‡ƒ˜‡ȋȌ‡”͚͙Ǥ͘͘ ‹‡•–”ƒ•—ŽŽǯ”–‡ ‹‘͙͙Ǥ͘͡

Ž’—–‘†‡ŽŽƒ•‡––‹ƒƒ‡͙͘Ǥ͘͡ —•‹…ˆ”‘ ‡ƒ˜‡‡͙͙Ǥ͘͡ Ž‹„”‘’‡”–—––‹ȋȌ‡͚͙Ǥ͘͘

ƒ͟ǡŠǤ͚͙Ǥ͙͘  ǯ ‹Ž†‡Ž͙͟͡͝†‹”‡––‘†ƒ‹ŽŽ› ‹Ž†‡”ǡ…‘ƒ”Ž‡‡‹‡–”‹…Š ‡›”‘‡‘™‡”Ǥˆƒ‘•‘ ƒ˜˜‘…ƒ–‘†‡…‹†‡†‹†‹ˆ‡†‡”‡— —‘‘ƒ……—•ƒ–‘†‹‘‹…‹†‹‘ǤǤǤ


 ͙͚Ž—‰Ž‹‘͚͙͚͘

͛͛

”‡•…‹ƒ ƒƒ�–ƒ‡••ƒ‹�–˜

ƒ—‘�ƒ‘˜‡ŽŽƒ ƒ…Š‹‡•ƒ„”‡•…‹ƒ�ƒ�‡‹Ž—‘‰Š‹…‘Ž’‹–‹†ƒŽ•‹•�ƒ

ƒ—‘�ƒ‘–‹œ‹ƒ •–ƒ–‡͚͙͚͘

La Messa del sabato alle 18.30, viene trasmessa in diretta dal duomo di Santa Maria Assunta in Montichiari su TT 2 Teletutto (87) e Super Tv (92-115).

L’UfďŹ cio oratori della diocesi in collaborazione con il settimanale “La Voce del Popoloâ€? ha avviato l’iniziativa di solidarietĂ  “Vi attendiamo!â€?, raccolta fondi per l’allestimento di tre tensostrutture per permettere il regolare svolgimento del grest degli oratori della diocesi di Modena e Nonantola. MercoledĂŹ scorso una delegazione diocesana ha visitato Finale Emilia e Massa Finalese incontrando le comunitĂ  colpite dal terremoto. In Primo Piano

La prossima puntata della rubrica settimanale “La Buona Notiziaâ€?, e la web tv, manderanno in onda il documentario “La bottega dell’oreďŹ ceâ€? di Karol Wojtyla.“La Buona Notiziaâ€? va in onda: la domenica alle 13.05 su Teletutto e alle 18.30 su Tt2 Teletutto; su Super TV la domenica e il martedĂŹ alle 20; su PiĂš Valli TV la domenica alle 8; su Teleboario la domenica alle 8.15 e alle 10; e su www. vocemedia.tv.

(alle 11.20 circa) interviene don Marco Mori, responsabile della pastorale giovanile. Il programma, prodotto da VoceMedia e curato da Betty Cattaneo, in estate va in onda nella versione estiva di un’ora dalle 11 alle 12. In differita, va in onda, sempre la domenica, anche su Radio Voce Camuna, Ecz, Radio Claronda, Radio Basilica Verolanuova, Radio Ponte Manerbio, Radio RaphaÍl. Primo Piano è disponibile in podcast sul sito www.radiovoce.it











ƒ‹”‡ǥŠǤÍĄÇ¤Í˜Í˜  ‹ŽÂ?†‡Ž͙ͥ͞͞…‘Â?ƒ–‡”‹Â?ƒ ƒ•‡ŽŽ‹ǤÂ?ƒ–”‘˜ƒ–‡ŽŽƒ˜—‘Ž‡ •ˆ‘Â?†ƒ”‡Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘†‡Ž…‹Â?‡Â?ÂƒÇĄ Â?ƒÂ?‘Â?•ƒ…‘Â?‡Â?—‘˜‡”•‹Ǥ’‡” …‘Â?’Ž‹…ƒ”‡Ž‡…‘•‡•ǯ‹Â?Â?ƒÂ?‘”ƒ †‡ŽŽǯ—‘Â?‘•„ƒ‰Ž‹ƒ–‘Ǥ

ƒ‹”‡ǥŠǤÍ&#x;ǤÍ?͘    ‹ŽÂ?†”ƒÂ?Â?ƒ–‹…‘†‡Ž͙ͥÍ?Í?ÇĄ…‘Â? Â?‡†‡‘ƒœœƒ”‹ǤÂ?—‘Â?‘‹Â? …”‹•‹’‡”—Â?ƒ†‡Ž—•‹‘Â?‡Â†ÇŻÂƒÂ?‘”‡ ‹Â?…‘Â?–”ƒ—Â?ƒ†‘Â?Â?ƒ…Š‡’‘–”‡„„‡ •ƒŽ˜ƒ”Ž‘ǤǤǤ

ƒÍ&#x;ÇĄŠǤÍ&#x;Ǥ͘͘  ͚͙͚͘ ‰Â?‹Â?ƒ––‹Â?ƒ‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–‹ †‹ƒÍ&#x;ÇĄ†‘’‘Žƒ…‘Â?•—‡–ƒ ”ƒ••‡‰Â?ƒ•–ƒÂ?Â’ÂƒÇĄ…‘Â?†—…‘Â?‘ —Â?ǯ‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‡ƒ”‡Â?ƒ’‘Ž‹–‹…ƒ †‡†‹…ƒ–ƒƒ‹’”‘„Ž‡Â?‹†‡ŽŽǯ –ƒŽ‹ƒǤ

ƒ‹Â?‘ǥŠǤ͞Ǥ͛Í?        ‡”˜‹œ‹‘“—‘–‹†‹ƒÂ?‘’‡”…Š‹ †‘˜”Â?Â?‡––‡”•‹ƒŽ˜‘ŽƒÂ?–‡ǣ‰Ž‹ ƒ‰‰‹‘”Â?ƒÂ?‡Â?–‹†ƒ–—––ƒ –ƒŽ‹ƒ ”‹‰—ƒ”†‘ƒ‹’”‘„Ž‡Â?‹•—ŽŽ‡ ’”‹Â?…‹’ƒŽ‹˜‹‡†‹•…‘””‹Â?‡Â?–‘Ǥ

‡–‡ÍœÇĄŠǤ͞ǤÍ?͘  Ǥ Ǥ ‡Ž‡ˆ‹ŽÂ?ƒÂ?Â?‹––ƒÂ?–ƒ …‘Â?‘Â?‡ŽŽ‡…Â?ǤÂ? ‹Â?˜‡•–‹‰ƒ–‘”‡’”‹˜ƒ–‘ƒŽ•‘Ž†‘ †‹—Â?‡……‡Â?–”‹…‘Â?‹Ž‹ƒ”†ƒ”‹‘ •‰‘Â?‹Â?ƒ„ƒÂ?†‡†‹Â?ƒŽˆƒ––‘”‹Ǥ

‡–‡ÍœÇĄŠǤ͙͚Ǥ͘͘  —„”‹…ƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒŽ‡†‡†‹…ƒ–ƒ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â?‘‰ƒ•–”‘Â?‘Â?‹ƒ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒǤ †‘ƒ”†‘ƒ•’‡ŽŽ‹°‹Â?”‡Â?–‹Â?‘ Ž–‘†‹‰‡ǥ’‡”ˆƒ”…‹•…‘’”‹”‡Žƒ …—”‹‘•ƒÇ˛Â’‡…‘”ƒ…‘Â?‰Ž‹Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂŽÂ‹ÇłÇ¤

ƒÍ&#x;ÇĄŠǤÍĄÇ¤ÍœÍ?   ‹œ‹ƒÂ?ƒƒÂ?‡ŽŽƒ’”‡•‡Â?–ƒ—Â?ƒ –”ƒ•Â?‹••‹‘Â?‡“—‘–‹†‹ƒÂ?ƒ†‹ ƒ––—ƒŽ‹–Â?‡ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹Â?‡Â?–‘•—‹ ˆƒ––‹†‡Ž‰‹‘”Â?‘Ǥ

”‹•ǥŠǤÍ&#x;Ǥ͘͜  ‡Ž‡„”‡–‡Ž‡ˆ‹ŽÂ?†‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ ––ƒÂ?–ƒ…‘Â?ƒ˜‹† ƒ••‡ŽŠ‘ˆˆ …Š‡”ƒ……‘Â?–ƒŽ‡ƒ˜˜‡Â?–—”‡†‹—Â? …ƒ˜ƒŽ‹‡”‡Â?‘†‡”Â?‘‹Â?†‹ˆ‡•ƒ†‡‹ ’‹Î†‡„‘Ž‹ǥƒ„‘”†‘†‡ŽŽƒ•—ƒ ”‘Â?„ƒÂ?–‡†—‡’‘•–‹Ǥ

ƒ‹”‡ǥŠǤÍĄÇ¤ÍœÍ˜   

‡”‹‡†‹†‘…—�‡�–ƒ”‹ …Š‡�ƒ””ƒ�‘Žƒ•–‘”‹ƒ†‡Ž ‘˜‡…‡�–‘Ǥ ��ƒ‰‹�‹†‹ ”‡’‡”–‘”‹‘‡†‘…—�‡�–‹ ‹�‡†‹–‹Ǥ‘�†—…‡ ‹‘˜ƒ��‹ ‹�‘Ž‹Ǥ

ƒ‹—‡ǥŠǤ͙͛ǤÍ?͘  Íš ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘“—‘–‹†‹ƒÂ?‘…‘Â? Žƒ…—…‹Â?ƒ‡‹ŽÂ?ƒÂ?‰‹ƒ”•ƒÂ?‘ǥ •‡”˜‹œ‹•—Ž–‡””‹–‘”‹‘‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘‡ •—ŽŽ‡„‘Â?–Â?…Š‡Žƒ…—…‹Â?ƒŽ‘…ƒŽ‡ ‘ˆˆ”‡Ǥ

‡–‡ÍœÇĄŠǤ͙͞Ǥ͘͜  ÇŻČ‚

  

‘Â?Â?‡†‹ƒ†‡Ž͙ͥͥÍ?…‘Â? ƒ…Â? ‡Â?Â?‘Â?ÇĄƒŽ–‡”ƒ––Šƒ—‡ ‘ˆ‹ƒ‘”‡Â?Ǥ—‡ƒÂ?‹…‹’‡”Žƒ ’‡ŽŽ‡•…‘’”‘Â?‘…‘•ǯ°Žƒ”‹˜ƒŽ‹–Â? ‹Â?ƒÂ?‘”‡“—ƒÂ?†‘…‘Â?‘•…‘Â?‘ —Â?ÇŻÂƒÂˆÂˆÂƒÂ•Â…Â‹Â?ƒÂ?–‡ˆ‡Â?Â?‡ˆƒ–ƒŽ‡Ǥ

–ƒŽ‹ƒ͙ǥŠǤ͙͙Ǥ͘͘    ‹ŽÂ?†‹ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘†‡Ž ÍšÍ˜Í˜Í™ÇĄ…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒŽƒ•–‘”‹ƒ†‹ —Â?„ƒÂ?„‹Â?‘…Š‡Ž‘––ƒ…‘Â?–”‘—Â? ‘•…—”‘‡•‡”…‹–‘•‡‰”‡–‘…Š‡Šƒ †‡…‹•‘†‹”—„ƒ”‡‹Ž–‡Â?’‘ƒ‰Ž‹ —‘Â?‹Â?‹Ǥ ƒ‹Â?‘ǥŠǤ͙͜Ǥ͘͘   ”ƒ•Â?‹••‹‘Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?ƒŽ‡…Š‡ •…‘’”‡Ž‡„‡ŽŽ‡œœ‡†‡ŽÂ?‘•–”‘ –‡””‹–‘”‹‘Ǥ‘Â?ƒ–‡ŽŽƒ‹ƒÂ?…Š‹…‹ ’‘”–ƒ•—ŽŽǯ •‘Žƒ†‹ƒÂ?Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‡Â”Â‹ÂƒÇĄˆ”ƒ Â?ƒ–—”ƒ‡ƒ”…Š‡‘Ž‘‰‹ƒǤ

‡–‡ÍœÇĄŠǤ͙͞Ǥ͛Í?  ‹ŽÂ?†‹ˆƒÂ?–ƒ•…‹‡Â?œƒ†‡Ž͙ͥÍ&#x;ÍĄÇĄ…‘Â? ‡ƒÂ?‘Â?Â?‡”›‡ƒ–ƒŽ‹‡‘‘†Ǥ Â?‡Â?‘”Â?‡Â?‡–‡‘”‹–‡•–ƒ’‡” …‘Ž’‹”‡Žƒ‡””ƒǤÂ?‘•…‹‡Â?œ‹ƒ–‘ ƒÂ?‡”‹…ƒÂ?‘ǥÂ?‘Â?‘•–ƒÂ?–‡Žƒ —‡””ƒ ÂˆÂ”Â‡Â†Â†ÂƒÇĄ…Š‹‡†‡Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯÂ?‹‘Â?‡Â‘Â˜Â‹Â‡Â–Â‹Â…ÂƒÇĽ

‡–‡ÍœÇĄŠǤ͙ͥǤ͛Í?  ‡Ž‡ˆ‹ŽÂ?’‘Ž‹œ‹‡•…‘…‘Â?‡–‡” ƒŽÂ? Â?‡‹’ƒÂ?Â?‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â–—–‘–‡Â?‡Â?–‡ †‡ŽŽƒ‘Ž‹œ‹ƒ†‹‘•Â?‰‡Ž‡•Ǥ

ƒ‹”‡ǥŠǤ͚͛Ǥ͛͘

   ‹ŽÂ?†‡ŽÍšÍ˜Í˜ÍĄ…‘Â?ƒŽ‡”‹‘ ƒ•–ƒÂ?†”‡ƒǤÂ?ƒÂ?°—Â?”ƒ‰ƒœœ‘ •‘Â?ƒŽ‘•…ƒÂ?’ƒ–‘ƒŽŽƒ‰—‡””ƒ…Š‡ –‹”ƒƒ˜ƒÂ?–‹‹Â? –ƒŽ‹ƒŽƒ˜ƒÂ?†‘ƒ—–‘ǤǤǤ

ƒ‹Â‘Â˜Â‹Â‡ÇĄŠǤ͚͙Ǥ͙͘

  ‹ŽÂ?†ƒÂ?‡•‡†‡Ž͙ͥ͠Í&#x;ǤÂ?ƒ†‘Â?Â?ƒ ˆ”ƒÂ?…‡•‡Žƒ˜‘”ƒ…‘Â?‡…—‘…ƒ‹Â?—Â? ’ƒ‡•‹Â?‘†‡ŽŽƒƒÂ?‹Â?ƒ”…ƒǤ––‹‡Â?‡ —Â?ƒˆ‘”–‡˜‹Â?…‹–ƒƒŽŽƒŽ‘––‡”‹ƒ‡ †‡…‹†‡†‹…—…‹Â?ƒ”‡—Â?’”ƒÂ?œ‘ǤǤǤ

‡–‡ÍœÇĄŠǤ͚͙Ǥ͛͘   ÇŁ   ‹ŽÂ?Â†ÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?–—”ƒ…‘Â?‘Â?”—‹•‡ ‡ ‡ƒÂ?‡Â?‘ǤÂ?ƒ‰‡Â?–‡†‡ŽŽƒ ‹ƒ•‘’”ƒ˜˜‹˜‡ƒ—Â?ǯ‹Â?„‘•…ƒ–ƒ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–ƒ†ƒ—Â?ƒ–ƒŽ’ƒ‹Â?–‡”Â?ƒ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‰Â‡Â?œ‹ƒ…Š‡˜ƒ‹Â?†‹˜‹†—ƒ–ƒǤǤǤ

ƒ‹”‡ǥŠǤ͙͠Ǥ͘͘

   ‡Ž‡ˆ‹ŽÂ?ƒ—•–”‹ƒ…‘…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒ Ž‡ƒ˜˜‡Â?–—”‡†‹—Â?…ƒÂ?‡’ƒ•–‘”‡ –‡†‡•…‘‹Â?ˆ‘”œƒƒŽŽƒ•“—ƒ†”ƒ ‘Â?‹…‹†‹†‹‹‡Â?Â?ƒǤ Â?‘Â?†ƒŽ‡ ’—Â?–ƒ–‡†‡ŽŽƒÍ?Ć…•–ƒ‰‹‘Â?‡Ǥ Â˜ÍšÍ˜Í˜Í˜ÇĄŠǤ͚͛Ǥ͙Í?  

  ƒŽÂ?nj•Š‘™…‘Â?†‘––‘†ƒ”‹ƒÂ?Â?ƒ ‹ƒÂ?’‘Ž‹‡ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹Â?˜‡”•ƒ …Š‡‹Â?†ƒ‰ƒÂ?‘Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â—ÂƒÂŽÂ‹Â–Â? †‡ŽŽǯ—Â?‹˜‡”•‘ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒǤ

‡–‡ÍœÇĄŠǤ͚͙Ǥ͙͘     ‹ŽÂ?’‘Ž‹œ‹‡•…‘†‡ŽÍšÍ˜Í˜Í™ÇĄ …‘Â?–ŠƒÂ? ĪÂ?‡‡‡Â?œ‡Ž ƒ•Š‹Â?‰–‘Â?Ǥ‘•Â?‰‡Ž‡•ǤÂ? ƒ‰‡Â?–‡†‡ŽŽƒÂ?ƒ”…‘–‹…‹˜‹‡Â?‡ ƒ••‡‰Â?ƒ–‘ƒ—Â?•‡”‰‡Â?–‡ǤǤǤ

ƒÍ&#x;ÇĄŠǤ͚͙Ǥ͙͘

  ‘…—Â?‡Â?–ƒ”‹‘†‡†‹…ƒ–‘ƒŽ „—•‹Â?॥†‡ŽŽǯ‹Â?Â&