Issuu on Google+

ƒ’ƒ…‡†‡Ž…—‘”‡      

/$92&(

Tutti la desiderano, ma quanti sono disposti ad accettarne il prezzo? Nella Liturgia risentiamo la consegna di GesĂš: ÂŤVi lascio la pace; vi dò la mia paceÂť. Sappiamo che la pace sgorga dalla Croce di GesĂš ed è donata la sera di Pasqua. ÂŤPace a voi!Âť è il saluto del risorto. Ma come essere in pace in mezzo alle difficoltĂ  quotidiane, alle incomprensioni, allo stress, provocatoci talora anche dalle persone che ci vogliono bene? (non parliamo poi di quelle che ci vogliono male!). S. Margherita Maria, mistica ben radicata nella realtĂ  (memoria facoltativa il 16 ottobre, quest’anno “assorbitaâ€? dalla domenica) indica la strada del Cuore di GesĂš, che lei ha percorso con entusiasmo. La santa esorta: ÂŤCercate di conservare la pace del cuore, che supera qualsiasi tesoroÂť. Con quali strumenti? ÂŤIl mezzo per arrivare a questo consiste nel non avere piĂš volontĂ  propria, ma quella di questo Cuore divino al posto della nostraÂť. ÂŤSia fatta la tua volontĂ Âť chiediamo al Padre. ÂŤSia fatta la tua volontĂ Âť chiediamo al Signore GesĂš, e la potremo accogliere confidando nella misericordia infinita del suo Cuore.

'(/ 3232/2                   ͙ͥ͛͠

             

  Ǥ              Ǥ 

͛ͥ

Ǥ”‡•… Ǥ”‡•…‹ƒ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘ 

     

͚͘ Žˆƒ––‘

‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜Í˜Í›ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒÂƒÂ”Â–Ç¤Í™ÇĄ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇŚÍ‚Í™ÇĄÍ˜Í˜ÇŚ‘Â?–‹‡Â?‡ ǤǤ

Brescia. La salute al tempo della crisi

͘Í&#x;ƒ‡•‹‡’ƒ””‘……Š‹‡ Ospitaletto. Una Chiesa per incontrare le persone

͚͠……Ž‡•‹ƒ Centro salesiano. Un’offerta formativa aperta a tutti

͛͠—Ž–—”ƒ‡…‘�—�‹…ƒœ‹‘�‡ Camisasca. La famiglia porta grande speranza

‹––Â?ƒŽ’‹Â?ƒ ƒŽƒœœ‘Ž‘ƒ……‘‰Ž‹‡‹ŽÍ™Í?‡͙͞‘––‘„”‡‹Žƒ†—Â?‘†‡Ž͚Νƒ‰‰”—’’ƒÂ?‡Â?–‘ …Š‡’‘”–‡”Â?‹Â?”‹˜ƒÂƒÂŽÂŽÇŻ‰Ž‹‘Í™Í?Â?‹Žƒ’‡Â?Â?‡Â?‡”‡Ǥƒ„ƒ–‘ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ …‘Â?‹Ž…ƒ”†Ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ––‹•–ƒ‡‡†‘Â?‡Â?‹…ƒŽƒ•ˆ‹Žƒ–ƒ†‡‰Ž‹ƒŽ’‹Â?‹’‡”Ž‡˜‹‡†‡Ž…‡Â?–”‘ ÇŻ    

͜͜…‘Â?‘Â?‹ƒ‡Žƒ˜‘”‘ Agricoltura. Meno quantitĂ , piĂš qualitĂ  per l’uva

ÍœÍ?’‘”– Brescia calcio. Piacere mi presento, ma ci conosciamo giĂ 

ƒ˜ƒ‰Ž‹‘ Â?‘”–ƒŽ‡ Decine di giornali rischiano la chiusura. Migliaia di posti di lavoro sono in bilico. Eppure questo fatto non fa notizia. Le emittenti nazionali e i grandi quotidiani ignorano il pericolo incombente. L’opinione pubblica, distratta dal vento anticasta, considera ogni tipo di intervento statale insopportabile e da eliminare. Stiamo parlando dei contributi all’editoria, un correttivo al mercato dell’informazione introdotto nel nostro ordinamento nel 1981, ma con origini molto piĂš

lontane. Nobile l’intenzione del legislatore: favorire il pluralismo in un settore delicato e decisivo come quello dei mass media. Inoltre, l’agire dello Stato in questo settore diventa un correttivo della distribuzione delle risorse pubblicitarie per lo piÚ orientate verso i maggiori network. Tutto questo impianto ora viene messo in discussione. Nessuno desidera che si mantengano privilegi che suonerebbero del tutto stonati, ma occorre agire con sobrietà, rigore ed equità. La gravissima crisi in atto ha ridotto in maniera drastica le risorse a disposizione della Presidenza del Consiglio dei Ministri da cui dipende il Dipartimento per l’editoria. I fondi per l’anno in corso sono il 50 per cento rispetto a quelli

del 2010, già diminuiti del 10 per cento, in una successione senza soste di erosioni. Delle 189 testate che fanno capo alla Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc), circa la metà beneficia di tali aiuti governativi, per un totale che non arriva a quattro milioni di euro. Si tratta di briciole per il bilancio statale, eppure molto importanti, se non decisive, per diversi nostri giornali. Veniamo da un 2010 terribile che ha costretto numerosi periodici a confrontarsi con l’improvviso aumento della tariffe postali del primo aprile dello scorso anno. Molti hanno tremato, ma tutti hanno retto all’urto imprevisto. Ora un’altra tegola si abbatte su tanti giornali, e noi siamo tra questi. C’è una parte di Paese che non fa notizia, ma che ogni giorno vive, opera, soffre,

si danna l’anima per fornire una prospettiva positiva a un presente quanto mai incerto. A questa parte d’Italia ogni settimana diamo voce. Una voce che magari non arriva nei piani alti dei palazzi, ma che accompagna l’esistenza delle borgate, dei paesi di montagna, delle mille cittĂ  di provincia di cui quasi mai ci si occupa. Togliere l’ossigeno a questi fogli (oltre a noi a diversi “giornali di ideeâ€?) significherebbe mettere il bavaglio al territorio, da sempre un’immensa risorsa per questo nostro Paese. Ci auguriamo che nessuno voglia assumersi la responsabilitĂ  di mettere il silenziatore anche a uno solo di questi giornali. Per ogni voce che si spegne nessuno ha un guadagno, ma di certo tutti ci rimettiamo in libertĂ  e democrazia.


͚͘

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

•’‡†ƒŽ‹’—„„Ž‹…‹Â?‡Ž”‡•…‹ƒÂ?‘ —ƒ––”‘ƒœ‹‡Â?†‡ǥ͙͜’”‡•‹†‹•—Ž–‡””‹–‘”‹‘

  ˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

Sono quattro le aziende ospedaliere presenti nel Bresciano. Tre fanno riferimento al Asl di Brescia. C’è poi l’ospedale di Esine collegato all’asl di Valle Camonica. La principale per le aziende ospedaliere bresciane è quella degli Spedali civili, una delle eccellenze della sanità pubblica nazionale. Della stessa azienda fanno parte anche l’Ospedale dei Bambini, il presidio di Gardone Valtrompia e quello

di Montichiari che operano in stretta sinergia con la struttura cittadina. L’azienda ospedaliera di Desenzano (nella foto) è composta, oltre che dal nosocomio di riferimento, dalle strutture di Gavardo, Salò, Manerbio e Leno. Questa azienda ospedaliera articola la propria offerta di servizi sanitari ad un potenziale bacino d’utenza di oltre 300mila abitanti che, per la particolare collazione geografica a ridosso del Garda,

nella stagione estiva vede aumentare esponenzialmente il numero potenziale dei suoi utenti. La terza azienda ospedaliera del Bresciano è la “Mellino Melliniâ€? di Chiari che si articola in strutture di ricovero e cura (Chiari, Iseo e Orzinuovi), strutture ambulatoriali (Chiari, Iseo, Orzinuovi, Rovato, e Palazzolo s/Oglio) e in strutture psichiatriche territori. Il suo bacino di utenti è stimato in circa 250mila persone.

ƒ�‹–�‡’”‘•’‡––‹˜‡�‡Ž”‡•…‹ƒ�‘

/DVDOXWHSXEEOLFD DOWHPSRGHOODFULVL ‡ƒœ‹‡Â?†‡‘•’‡†ƒŽ‹‡”‡…Š‡‘’‡”ƒÂ?‘•—Ž–‡””‹–‘”‹‘„”‡•…‹ƒÂ?‘•‘Â?‘…Š‹ƒÂ?ƒ–‡ƒ—Â?ƒ ‰‡•–‹‘Â?‡ƒ––‡Â?–ƒ†‹”‹•‘”•‡•‡Â?’”‡’‹Î”‹†‘––‡

  

/

a notizia diffusa come indiscrezione da un quotidiano locale ha, com’era prevedibile, creato una forte agitazione: per via di nuove regole nell’erogazione dei servizi sanitari decise dalla Regione nei mesi scorsi (e probabilmente dettate dalla primaria esigenza di contenimento dei costi) l’azienda degli Spedali civili avrebbe deciso di tagliare alcuni dei servizi erogati dal presidio ospedaliero di Gardone Valtrompia. Nell’occhio del ciclone il punto nascita e del relativo servizio di neonatologia destinati, secondo le anticipazioni, alla sopressione a vantaggio di reparti a piÚ bassa specializzazione come quello per i sub-acuti. Le anticipazioni hanno creato scompiglio dentro e fuori la struttura ospedaliera valtrumplina, tanto da spingere nei giorni successivi Cornelio Coppini, direttore generale dell’azienda ospedaliera Spedali Civili, a un incontro con le diverse realtà operanti presso l’ospedale di Gardone. Scopo dell’incontro l’illustrazione del progetto di riorganizzazione del nosocomio valtrumplino. Gli incontri hanno coinvolto le organizzazioni sindacali, gli operatori dell’area ostetrico-ginecologica e neonatale, quella effettivamente piÚ coinvolta nella riorganizzazione, i direttori delle diverse unità operative del presidio e

i coordinatori infermieristici. Molte delle ipotesi dei “si dice� hanno trovato conferma nelle spiegazioni di Coppini. Il direttore generale ha confermato la soppressione del punto nascita e del correlato servizio di neonatologia. Una scelta, ha spiegato, dettata da una recente normativa regionale che prevede la soppressione di quei punti nascita in cui si registrano nascite inferiori ai 500 parti/anno. E Gardone Valtrompia, purtroppo, non raggiunge i “limiti di legge�. Le proiezioni sull’anno in

sonale medico dell’ematologia degli Spedali Civili. La gente di Gardone e dei paesi limitrofi ha ascoltato le ragioni dell’azienda e, come si legge in questa pagina, ha affidato le proprie reazioni a una pagina Facebook contro l’annunciata riorganizzazione del presidio ospedaliero. Quanto avvenuto a Gardone, alla luce delle già citate regole che la Regione ha varato nei mesi scorsi, potrebbe forse ripertersi in un futuro non molto lontano su altri presidi delle aziende ospedaliere presenti nel Bresciano.

ƒÂ?‘–‹œ‹ƒ†‡ŽŽƒ”‹‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹ƒŽ…—Â?‹•‡”˜‹œ‹ †‡Ž’”‡•‹†‹‘‘•’‡†ƒŽ‹‡”‘†‹ ƒ”†‘Â?‡ƒŽ–”‘Â?’‹ƒ° •–ƒ–ƒÂŽÇŻÂ‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡”—Â?ƒƒÂ?ƒŽ‹•‹…‘Â?’Ž‡••‹˜ƒ†‡ŽŽƒ •‹–—ƒœ‹‘Â?‡Â?‡ŽŽ‡ƒœ‹‡Â?†‡†‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ corso fisserebbero in 400 il numero massimo dei parti raggiungibili presso il presidio valtrumplino. Conferma, invece, per l’attivitĂ  di ginecologia erogata unitamente all’attivitĂ  di monitoraggio per le donne in attesa di un figlio. A fronte di tale riduzione di attivitĂ  Coppini, confermando le anticipazioni della vigilia, ha annunciato l’apertura di un nuovo reparto di sub-acuti dotato di 20 posti letto e l’avvio di un’attivitĂ  di ematologia gestita direttamente da per-

Interessante, dunque, sentire dalla viva voce dei direttori delle stesse aziende quanto le nuove indicazioni regionali andranno a incidere sull’attuale organizzazione della sanità nel Bresciano e nei servizi offerti dai diversi presidi ospedalieri. Coppini, Russo (azienda ospedaliera di Desenzano) e Pierluigi Sbardolini, direttore amministrativo della Mellini di Chiari hanno indicato le prospettive entro cui intendono guidare le loro aziende.

ǤǤ   

—••‘ǣ”ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹œœƒ”‡’‡”Žƒ“—ƒŽ‹–Â? Dzƒ‡‰‹‘Â?‡‘Â?„ƒ”†‹ƒŠƒ‹Â?–”‘†‘––‘ǥ Â?‡ŽŽ—‰Ž‹‘•…‘”•‘ƒŽ…—Â?‡Â?—‘˜‡”‡‰‘Ž‡ƒ …—‹–—––‡Ž‡ƒœ‹‡Â?†‡‘•’‡†ƒŽ‹‡”‡Â†Â‡Â˜Â‘ÇŚ Â?‘ƒ––‡Â?‡”•‹Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â”Â‘Â‰ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡ŽŽ‡’”‡nj •–ƒœ‹‘Â?‹•ƒÂ?Â‹Â–ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇłÇ¤ƒ”–‘Â?‘†ƒ“—‡•–‘ ’”‡•—’’‘•–‘Ž‡…‘Â?•‹†‡”ƒœ‹‘Â?‹†‹ ƒ„‹‘ —••‘Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄ†‹”‡––‘”‡‰‡Â?‡”ƒŽ‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ‘•’‡†ƒŽ‹‡”ƒ†‹‡•‡Â?œƒÂ?‘ǥ ‹Â?Â?‡”‹–‘ƒ‹’‘–‡•‹†‹”‹‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ•–‡••ƒǤDz1•–ƒ–ƒ†‡…‹•ƒ—Â?ƒÂ”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡ƒ––‹˜‹–Â?Č‚…‘Â?–‹Â?—ƒ

Č‚‡†°•–ƒ–ƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–ƒŽǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?œƒ †‹—Â?ƒ•‡Â?’”‡’‹Î…‘””‡––ƒ‡”‘‰ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‡’”‡•–ƒœ‹‘Â?‹…‘Â?”‹†—œ‹‘Â?‡†‹“—‡ŽŽ‡ ‹Â?ƒ’’”‘’”‹ƒ–‡‡…‘Â?–‡Â?‹Â?‡Â?–‘†‹“—‡ŽŽ‡ Â?‘Â?Â?Â‡Â…Â‡Â•Â•ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇłÇ¤Â?ƒŽ–”‘ƒ•’‡––‘ˆ‘Â?ÇŚ †ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡ƒ…—‹Ž‡ƒœ‹‡Â?†‡‘•’‡†ƒŽ‹‡”‡ †‡˜‘Â?‘’”‡•–ƒ”‡ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡°Žƒ•…‡Ž–ƒ †‡ŽŽƒ…‘””‡––ƒÂ?‘†ƒŽ‹–Â?†‹‡”‘‰ƒœ‹‘Â?‡ Č‹ÂƒÂ?„—Žƒ–‘”‹ƒŽ‡‘Â”Â‹Â…Â‘Â˜Â‡Â”Â‘ČŒ‡‹ŽÂ?ƒÂ?–‡Â?‹nj Â?‡Â?–‘†‹Ž‹˜‡ŽŽ‹†‹“—ƒŽ‹–Â?…‘•–ƒÂ?–‹•‹ƒ†‡Žnj Ž‡’”‡•–ƒœ‹‘Â?‹…Š‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‹Â•Â–‡Â?ÂœÂƒÇĄDzÂ?ƒČ‚

•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ—••‘Č‚”‹†—…‡Â?†‘ǥŽƒ††‘˜‡ ’”‡•‡Â?–‹ǥ‰Ž‹•’”‡…Š‹dzǤ ÂŽ†‹”‡––‘”‡‰‡Â?‡nj ”ƒŽ‡Šƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘…‘Â?‡…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ †‹‡•‡Â?œƒÂ?‘ƒ„„‹ƒÂ”Â‡Â‰Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ?‡ŽÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ —Â?ƒ—Â?‡Â?–‘†‡Ž˜‘Ž—Â?‡†‡ŽŽ‡Â’Â”Â‡Â•Â–ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‹ƒÂ?„—Žƒ–‘”‹ƒŽ‹ȋ‡†‡ŽŽƒŽ‹“—‹†‹–Â?ČŒÇ¤DzÂ–Â‹ÂƒÇŚ Â?‘ˆƒ…‡Â?†‘˜ƒŽ—–ƒœ‹‘Â?‹•—ŽŽ‡˜‘…‹†‹…‘•–‘ †‡ŽŽ‡˜ƒ”‹‡’”‡•–ƒœ‹‘Â?‹’‡”ƒ””‹˜ƒ”‡Ġ—Â?ƒ ”ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡”‹•‘”•‡‹Â?’‹‡‰ƒ–‡ •‡Â?’”‡•ƒŽ˜ƒ‰—ƒ”†ƒÂ?†‘‡Â?ƒÂ?–‡Â?‡Â?†‘ Žƒ“—ƒŽ‹–Â?†‡ŽŽ‡’”‡•–ƒœ‹‘Â?‹•–‡••‡Ǥdz


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

͛͘

ÂŽ’ƒÂ?‘”ƒÂ?ƒ ‘Â?…ǯ°•‘Ž‘Žƒ•ƒÂ?‹–Â?’—„„Ž‹…ƒ Gli approfondimenti di queste pagine si limitano com’è evidente all’analisi di quanto si sta muovendo sul fronte della sanitĂ  pubblica. Nel Bresciano è però radicata anche una presenza privata che opera su alti standard qualitativi. La Fondazione Poliambulanza (nella foto) è il ďŹ ore all’occhiello della sanitĂ  privata che opera in regime di convenzione con la Regione Lombardia. Si tratta di un polo ospedaliero che richiama pazienti ben al di lĂ  dei conďŹ ni regionali. La casa di cura Sant’Anna,

la clinica Città di Brescia e l’istituto clinico San Rocco di Ome che fanno capo al Gruppo San Donato e la casa di cura San Camillo completano il panorama dell’offerta sanitaria accreditata bresciana. Seppure con aspetti diversi possoni rientrare in questa panoramica anche la Fondazione Richiedei di Gussago che mette in campo iniziative tendenti al recupero sociale dell’anziano e la Fondazione don Gnocchi che ha una struttura riabilitativa a Rovato.

  

”‡•…‹ƒ ÂŽ‹”‡––‘”‡‰‡Â?‡”ƒŽ‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ’‡†ƒŽ‹‹˜‹Ž‹

&RSSLQLOHGLYHUVHYLH SHUXQDJHVWLRQHRFXODWD GHOO¡D]LHQGDRVSHGDOLHUD

Ă‹

salito a Gardone Valtrompia e ha illustrato le ragioni della riorganizzazione pensata per quel presidio ospedaliero. La ha fatto forte della convinzione, come ribadisce piĂš volte anche nel corso dell’intervista concessa a “Voceâ€?, che sia un dovere di una realtĂ  come gli Spedali civili di Brescia trovare la via per rendere compatibile il mantenimento di livelli di eccellenza delle prestazioni erogate e una gestione oculata di risorse che non sono illimitate. â€œĂˆ questo il nocciolo del problema – afferma Cornelio Coppini, direttore generale della piĂš importante fra le aziende ospedaliere del Bresciano – che non mi stanco di ripadire nel mio lavoroâ€?. Una gestione oculata che in una stagione di risorse sempre piĂš ridotte com’è quella attuale si consegue combattento in primo luogo le inefficienze. “Si tratta – continua Coppini – di individuare quelle aree in cui si spendono risorse che, con una riorganizzazione razionale delle stesse, potrebbero essere risparmiateâ€?. Cosa questo comporti a livello pratico è lo stesso direttore generale a indicarlo. “Ogni volta che si affrontano questi discorsi - afferma Coppini - immediato è il rimando a pretese revisioni di unitĂ  operative, di dipartimenti. Certo, anche queste sono ipotesi che potranno essere valutate ma non nell’immediatoâ€?. PiĂš importante per il manager è domandarsi se qualche intervento di razionalizzazione possa invece interessare, con effetti benefici, sulla logistica di una azienda significativa com’è quella degli Spedali Civili. “Quello che stiamo approntando in queste settimane – afferma al proposito – è proprio un piano di riordino

  

„„‹Â?ƒ”‡ƒŽ–‹•–ƒÂ?†ƒ”† “—ƒŽ‹–ƒ–‹˜‹ƒ—Â?ƒ ‰‡•–‹‘Â?‡ƒ––‡Â?–ƒ †‹”‹•‘”•‡…Š‡•‘Â?‘ •‡Â?’”‡’‹ÎŽ‹Â?‹–ƒ–‡ logistico. Abbiamo giĂ  individuato settori in cui andare a ottimizzare le risorse con un evidente risparmioâ€?. Sempre nell’ottica di una gestione oculata delle risorse un tema che il Direttore generale mette sul tappeto è quello dei farmaci ad alto costo. “Si tratta – afferma ancora Coppini – di introdurre il principio dell’appropriatezza, fare cioè tutto ciò che serve per curare bene il paziente, nulla di meno e nulla di piĂšâ€?. Un’applicazione costante di questo principio consentirebbe per il Direttore generale di recuperare risorse significative.â€?Sono criteri che val-

gono non solo per la prescrizione farmaceutica – sono ancora considerazioni di Coppini – ma anche per quella diagnostica, per quella terapeutica non farmacologicaâ€?. In questa prospettiva diventa importante, per Coppini, un rapporto piĂš puntuale con la medicina di base, perchĂŠ non aumentino a dismisura le prescrizioni diagnostiche anche quando le stesse potrebbero essere validamente sostituite da un esame anamnestico e clinico accurato. Sono considerazioni che Coppini fonda su dati numerici: l’Italia, Brescia compresa, ha un numero di prescrizioni diagnostiche di alta tecnologia decisamente piĂš elevato rispetto a quello di altri Paesi. Ăˆ in questi contesti che si può efficacemente lavorare per far fronte alla costante riduzione delle risorse. Coppini non si sottrae al tema scottante delle ristrutturazioni. Le sue considerazioni, però, non sono guidate esclusivamente dalle ragioni economiche, per altro sottolineate, ma dall’evoluzione dei contesti umani e sociali. “Con una popolazione in costante invecchiamento – afferma al proposito – si andrĂ  verso la cronicizzazione di alcune patologie a cui i presidi sanitari, insieme a altre realtĂ  del territorio dovranno dare risposteâ€?. Per il futuro, e la scelta del reparto dei sub-acuti a Gardone può essere inquadrata in questa prospettiva, si dovrĂ  pensare a presidi ospadelieri come il Civile in grado di affrontare la fase acuta della malattia e di strutture territoriali capaci di un accompagnamento del paziente che non preveda necessariamente il ricovero in ospedale. Ăˆ la prospettiva a cui Coppini sembra guardare.

ƒ’”‘–‡•–ƒ …‘””‡•— ƒ…‡„‘‘� ‡‹�‡•‹•…‘”•‹ ƒ…‡„‘‘� ‡ƒŽ–”‹•‘…‹ƒŽ�‡–™‘”� Šƒ��‘ˆƒ––‘†ƒ…ƒ••ƒ †‹”‹•‘�ƒ�œƒƒŽ�ƒŽ…‘�–‡�–‘ †‡ŽŽ‡‰‹‘˜ƒ�‹‰‡�‡”ƒœ‹‘�‹ ‹�–ƒ�–‹ƒ‡•‹†‡Ž‘”†ˆ”‹…ƒǤ

Â?ÂŽÂ‰Â‡Â”Â‹ÂƒÇĄ—Â?Â‹Â•Â‹ÂƒÇĄ‰‹––‘ǥ ‹”‹ƒ‡‹„‹ƒ“—‡•–‡Â?‘†‡”Â?‡ ’‹ƒœœ‡˜‹”–—ƒŽ‹•‘Â?‘•–ƒ–‹‹ Ž—‘‰Š‹‹Â?…—‹•‹°…‘ƒŽ‹œœƒ–ƒŽƒ ’”‘–‡•–ƒ‡ŠƒÂ?Â?‘’”‡•‘‹Ž˜‹ƒ “—‡ŽŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ ’‡”Â?‡••‘†‹•…ƒ”†‹Â?ƒ”‡ ”‡‰‹Â?‹…Š‡’ƒ”‡˜ƒÂ?‘ ‹Â?‘••‹†ƒ„‹Ž‹Ǥ ƒ…‡„‘‘Â?…‘Â?‡•–”—Â?‡Â?–‘ †‹ƒ‰‰”‡‰ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ’”‘–‡•–ƒ•–ƒ–”‘˜ƒÂ?†‘ ‹Â?“—‡•–‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡ƒÂ?…Š‡ —Â?ƒ†‡…Ž‹Â?ƒœ‹‘Â?‡„”‡•…‹ƒÂ?ƒǤ ƒŽ‰‹‘”Â?‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—Â?…‹‘†‹ —Â?ƒ’‘••‹„‹Ž‡”‹˜‹•‹–ƒœ‹‘Â?‡ †‡‹•‡”˜‹œ‹‘ˆˆ‡”–‹†ƒŽ’”‡•‹†‹‘ ‘•’‡†ƒŽ‹‡”‘†‹ ƒ”†‘Â?‡ ƒŽ–”‘Â?’‹ƒ°Â?ƒ–‘…‘•¿ ‹Ž’”‘ˆ‹Ž‘ ƒ…‡„‘‘Â? Dz‘ƒŽŽƒ…Š‹—•—”ƒ†‡Ž”‡’ƒ”–‘ †‹‘•–‡–”‹…‹ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘•’‡†ƒŽ‡†‹

ƒ”†‘Â?‡–dzǤ

Â?’‘…Š‹‰‹‘”Â?‹Šƒ ƒ……—Â?—Žƒ–‘—Â?…‘Â?•‹†‡”‡˜‘Ž‡ Â?—Â?‡”‘†‹ƒÂ?‹…‹ƒ”‹’”‘˜ƒ †‹“—ƒÂ?–‘‹Ž’”‘„Ž‡Â?ƒ•‹ƒ ƒ˜˜‡”–‹–‘•—Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ —ŽÂ’Â”Â‘ÂˆÂ‹ÂŽÂ‘ÇĄƒ……ƒÂ?–‘ƒ ‰‡Â?‡”‹…Š‡˜ƒŽ—–ƒœ‹‘Â?‹ Â?‡‰ƒ–‹˜‡’‡”Ž‡•…‡Ž–‡ ‘’‡”ƒ–‡†ƒŽŽƒ†‹”‡œ‹‘Â?‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ‘•’‡†ƒŽ‹‡”ƒ ’‡†ƒŽ‹Â‹Â˜Â‹ÂŽÂ‹ÇĄ –”‘˜ƒÂ?‘•’ƒœ‹‘‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‹ ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‹•—ŽŽǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?œƒ †‹—Â?’”‡•‹†‹‘‘•’‡†ƒŽ‹‡”‘ ‡ˆˆ‹…‹‡Â?–‡•—Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ ‘Ž–‡ƒÂ?…Š‡Ž‡ƒ––‡•–ƒœ‹‘Â?‹ †‹•–‹Â?ƒÂ?‡‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‹ †‡Ž’‡”•‘Â?ƒŽ‡†‡Ž’—Â?–‘ Â?ƒ•…‹–‡‡†‡Ž•‡”˜‹œ‹‘†‹ Â?‡‘Â?ƒ–‘Ž‘‰‹ƒ†‡•–‹Â?ƒ–‹ƒ Žƒ•…‹ƒ”‡‡Â?–”‘“—ƒŽ…Š‡Â?‡•‡ ŽƒƒŽ–”‘Â?’‹ƒǤ ƒ•’‡”ƒÂ?œƒ†‡‹’”‘Â?‘–‘”‹ †‡Ž’”‘ˆ‹Ž‘°…Š‡–ƒÂ?–‡ ƒ––‡•–ƒœ‹‘Â?‹†‹•–‹Â?ƒ ’‘••ƒÂ?‘‹Â?†—””‡ƒ“—ƒŽ…Š‡ ”‹’‡Â?•ƒÂ?‡Â?–‘Ǥ

ǤǤ  

   Ǥ

‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?•¿ǥ–ƒ‰Ž‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‹Â•Â–‡Â?œƒÂ?‘ Â?…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?†ƒ‘•’‡†ƒŽ‹‡”ƒ‡ŽŽ‹Â?‹†‹ Š‹ƒ”‹°•–ƒ–ƒ‹Â?–‡”‡••ƒ–ƒ†ƒ‹–ƒ‰Ž‹•—‹ …‘Â?–”ƒ––‹•–‹’—Žƒ–‹’‡”Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘…‘Â? Žƒ‡‰‹‘Â?‡‘Â?„ƒ”†‹ƒ‹Â?Â?‡”‹–‘ƒ‹”‹…‘nj ˜‡”‹‡ƒŽŽƒ•’‡…‹ƒŽ‹•–‹…ƒƒÂ?„—Žƒ–‘”‹ƒŽ‡Ǥ Dz‘’‘—Â?ƒ†‡Ž‹„‡”ƒ†‡ŽŽ‘•…‘”•‘Ž—‰Ž‹‘Č‚ •’‹‡‰ƒ‹Ž†‹”‡––‘”‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜‘‹‡”nj Ž—‹‰‹„ƒ”†‘Ž‹Â?‹Č‚…‹•‹ƒÂ?‘–”‘˜ƒ–‹…‘Â? ‹Â?–”‘‹–‹Â?‹Â?‘”‹”‹•’‡––‘ƒ“—‡ŽŽ‘…Š‡‡”ƒ ‹Ž„‹ŽƒÂ?…‹‘’”‡˜‹†‡Â?œ‹ƒŽ‡’‡”Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?ÇŚ Â?‘Ǥ‘‹…Š¹Ž‡•’‡•‡‡”ƒÂ?‘•–ƒ–‡’”‡nj

˜‡Â?–‹˜ƒ–‡…‘Â?—Â?„‹ŽƒÂ?…‹‘Â†Â‹Â˜Â‡Â”Â•Â‘ÇĄÂƒÂ„ÇŚ „‹ƒÂ?‘ƒ˜—–‘“—ƒŽ…Š‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘ …‘Â?Â–ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‡ÇłÇ¤‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?…Š‡–—––ƒ˜‹ƒÂ?‘Â?•‹ –”ƒ†—””ƒÂ?Â?‘‹Â?ƒŽ…—Â?–ƒ‰Ž‹‘•—Ž•‡––‘”‡ ƒ••‹•–‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂŽÂ‡ÇŁDz ”‡…—’‡”‹Č‚’”‡…‹•ƒ‹Ž†‹nj ”‡––‘”‡ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‹˜‘Č‚Â?‘Â?ƒÂ?†”ƒÂ?ÇŚ Â?‘ƒ•…ƒ’‹–‘†‡ŽŽǯ—–‡Â?ÂœÂƒÇĄÂ?ƒ˜‡””ƒÂ?Â?‘ ‡ˆˆ‡––—ƒ–‹•—‹„‡Â?‹‡•‡”˜‹œ‹†‹…‘Â?•—Â?‘ …‘Â?‡’‡”‡•‡Â?’‹‘Žƒ…ƒÂ?…‡ŽŽ‡”‹ƒǤ‡Ž ”‡•–‘‰‹Â?ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘‡”ƒ•–ƒ–‘ …‘Â?…‘”†ƒ–‘—Â?’”‘•’‡––‘†‹…‘Â?–‡Â?‹nj

Â?‡Â?–‘†‹“—‡•–‡˜‘…‹†‹•’‡•ƒǤ‹ÖŠƒ ’‡”Â?‡••‘ǥ”‹•’‡––‘Ġ—Â?ƒÂ?Â?ƒÂ?…‘†‹ …‹”…ƒ—Â?Â?‹Ž‹‘Â?‡†‹‡—”‘Č‚˜ƒŽ‡ƒ†‹”‡ÂŽÇŻÍ™ ÎŹ†‹“—ƒÂ?–‘‡”ƒ•–ƒ–‘•–ƒ„‹Ž‹–‘†ƒŽ…‘Â?ÇŚ –”ƒ––‘Č‚†‹Ž‹Â?‹–ƒ”‡Ž‘•ˆ‘”œ‘†‹Â”Â‹Â•Â’ÂƒÂ”ÇŚ Â?‹‘ƒÍ?͘͘Â?‹Žƒ‡—”‘dzǤƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡’‡” ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘’”‘••‹Â?‘ǥ•‡…‘Â?†‘Ž‡‹Â?†‹…ƒœ‹‘Â?‹ ”‡‰‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ†‘˜”‡„„‡Â?ƒÂ?–‡Â?‡”•‹•–ƒ„‹Ž‡ Dz‡”…‹ÖŽ‡”‹†—œ‹‘Â?‹‘’‡”ƒ–‡Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ Č‚…‘Â?…Ž—†‡Č‚…‘Â?•‡Â?–‹”ƒÂ?Â?‘†‹ƒˆˆ”‘Â?Â–ÂƒÇŚ ”‡‹Žˆ—–—”‘…‘Â?•—ˆˆ‹…‹‡Â?–‡–”ƒÂ?“—‹ŽŽ‹–Â?dzǤ


͘͜

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

ƒÂ?‡Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘ ‹Â?‹Â?—‹•…‡ǥ†‹’‘…‘ǥÂ?ƒÂ?‘Â?‹Â?–—––‡Ž‡ƒ”‡‡

   

La fame nel mondo è diminuita negli ultimi 21 anni, ma di poco e non in maniera uniforme. In sei Paesi, cinque africani e la Corea del nord, la situazione è addirittura peggiorata. La maglia nera spetta alla Repubblica democratica del Congo. Ăˆ quanto emerge dal Global hunger index (Indice globale della fame), presentato nei giorni scorsi a Milano nella sede dell’Ispi. Curatori della versione italiana sono Link 2007, Cesvi e Cosv. L’Indice viene calcolato utilizzando

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

tre indicatori: la percentuale di persone denutrite, di bambini (da zero a cinque anni) sottopeso e il tasso di mortalitĂ  infantile. Nel mondo l’indice della fame è sceso da 19.7 del 1990 a 14.6 del 2011: situazione che il rapporto classifica come “graveâ€?. L’indice è diminuito in tutte le macroaree in cui è possibile suddividere il mondo. In Asia meridionale è sceso del 25% (da 30 a 22.6), in Africa subsahariana del 18% (da 25 a 20.5), nel Vicino Oriente e Africa

del nord del 39% (da 7.9 a 4.8). Progressi consistenti nel Sud est asiatico (da 14.4 a 8.0) e in America Latina (da 8.8 a 4.9) in cui l’indice è sceso del 44%. Nell’Europa dell’est è calato del 47% (da 5.1 a 2.7). Ma è in alcuni Paesi che la situazione è “allarmanteâ€?: nella Repubblica democratica del Congo l’indice era 24 nel 1990 ed è salito a 39 nel 2011, in Burundi è passato da 31.4 a 37.9 (nel 1990 era 24), in Corea del nord da 16 a 19, alle Comore da 22 a 26, nello Swaziland da 9.1 a 10.

 

‰‹––‘‘’‘‰Ž‹•…‘�–”‹…Š‡Šƒ��‘…ƒ—•ƒ–‘Žƒ�‘”–‡†‹͚͜…‘’–‹

9LROHQ]HILJOLHGLDQQL GLSROLWLFKHGLUHSUHVVLRQH

ÂŽÂƒÂ‡Â•Â‡ÇĄƒ’‘…Š‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡†ƒŽ˜‘–‘’‘Ž‹–‹…‘ǥŠƒ…‘Â?‘•…‹—–‘Žǯ‡Â?Â?‡•‹Â?‘„ƒ‰Â?‘†‹•ƒÂ?‰—‡†‘’‘Žǯ‹Â?…‡Â?†‹‘†‹—Â?ƒ…Š‹‡•ƒ Â?‡ŽŽƒ”‡‰‹‘Â?‡†‹••—ƒÂ?†ƒ’ƒ”–‡†‹ˆ”ƒÂ?‰‡ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‹•–‡†‹Â?—•—ŽÂ?ƒÂ?‹   

Ă‹

stato di 24 morti e 212 feriti il bilancio di alcuni violenti scontri fra cristiani copti e le forze di sicurezza registrati nei giorni scorsi al Cairo, scontri che hanno riportato la situazione di precarietĂ  che sta vivendo l’Egitto sotto i riflettori dell’attenzione mondiale. Le violenze sono scoppiate durante una dimostrazione voluta da copti e altri egiziani, che condannavano l’attacco di estremisti musulmani contro una chiesa ad Assuan, aggravato dall’inerzia della polizia e del governatore del luogo. Il primo ministro Essam Sharaf (che secondo voci non confermate al momento di mandare in stampa il giornale sarebbe prossimo alle dimissioni), dopo aver visitato il luogo dello scontro, ha dichiarato che “la minaccia piĂš grande alla sicurezza della nazione è la manipolazione dell’unitĂ  nazionale e accendere la discordia fra musulmani e cristianiâ€?. Queste violenze – ha aggiunto – “minacciano le relazione fra il popolo e l’esercitoâ€?. Migliaia di cristiani hanno marciato dal distretto di Shubra verso la sede della televisione di Stato, chiedendo le dimissioni del governatore di Assuan, colpevole di aver coperto gli estremisti islamici. I dimostranti sono stati assaliti da un gruppo di teppisti in borghese che hanno cominciato a tirare sassi e a sparare. I cristiani hanno risposto con lancio di

   

 

‡…‘�†‘ƒŽ…—�‹ ‘••‡”˜ƒ–‘”‹Ž‡˜‹‘Ž‡�œ‡ •ƒ”‡„„‡”‘ˆ‘�‡�–ƒ–‡ ’‡”’‹Ž‘–ƒ”‡‹Ž˜‘–‘ ’‘Ž‹–‹…‘‹�’”‘‰”ƒ��ƒ ’‡”‹Ž͚͠�‘˜‡�„”‡ sassi e l’esercito ha attaccato la dimostrazione. La polizia ha sparato sulla folla ; i dimostranti hanno tirato pietre e tutto quanto potevano lanciare. Dalla caduta di Mubarak, grazie ai sitin in piazza Tahrir, tenuti da cristiani

e musulmani uniti, vi è stato un crescendo di attacchi contro i cristiani ad opera di forze islamiche fondamentaliste. L’esercito sembra non riuscire a contenere le violenze, ma piÚ spesso sembra incline a difendere gli estremisti piuttosto che i cristiani. Nei giorni successivi alla nuova strage i cristiani hanno chiesto le dimissioni del consiglio militare e del suo presidente, il gen. Mohamed Tantawi. Secondo osservatori internazionali le violenze anti-cristiane sarebbero parte di una campagna elettorale per aumentare il consenso verso i partiti islamici in vista delle elezioni politiche previste

per il prossimo 28 novembre. I cristiani in Egitto costituiscono il 10% dell’intera popolazione. Essi subiscono emarginazione dalle cariche pubbliche e freni alla libertĂ  religiosa, sia nella costruzione di chiese che nella libertĂ  di evangelizzare. Gli scontri dei giorni scorsi sarebbero il risultato di 30 anni di politiche basate solo sulla repressione e sulla sicurezza. Ăˆ quanto ha affermato all’agenzia AsiaNews da p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana. Secondo il sacerdote l’esercito non sta facendo nulla per risolvere il conflitto fra copti e musulmani.

    

&DUG1DJXLEFULVWLDQLILGXFLRVL “La rivoluzione del 25 gennaio ha potuto far cadere un regime, forte e stabile da piĂš di 30 anni. Nello stesso tempo, il popolo si è trovato in una situazione non prevista pochi mesi fa, dunque non era preparato ad affrontarla a vari livelli: politico, di sicurezza, economico... Anche il Consiglio superiore delle Forze Armate si trova in una situazione molto complessa: affrontare la popolazione creando un conitto di forza, o agire con molta

cautela dando l’impressione di lentezza e mancanza di fermezza. Questo crea confusione, e suscita molti interrogativi. Il futuro prossimo mostrerà le intenzioni e i piani. Con le prossime elezioni del Parlamento la situazione si chiarirà, e speriamo che sarà per il bene del Paese�. A parlare, nel giorno in cui Il Cairo ha celebrato i funerali delle vittime delle violenze, è stato il patriarca di Alessandria dei copti cattolici, il card. Antonios Naguib (nella

foto). “Nonostante molte preoccupazioni – ha affermato – guardiamo al futuro con speranza. Abbiamo ďŹ ducia che il Signore ci farĂ  superare questa fase critica e ci condurrĂ  a un esito che sarĂ  per il bene di tutti. I cristiani d’Egitto hanno vissuto simili situazioni nella loro lunga storia di sofferenza e di pace. Continueremo a fare tutto ciò che possiamo, sostenuti dalla preghiera, la ďŹ ducia in Dio, e il sostegno spirituale e morale di tutti i cattoliciâ€?.

ÂŽ͚͚‘––‘„”‡ ‘”Â?ƒ‹Ž‘„‡Ž †‡‹Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹ ‘”Â?ÂƒÇĄ’‡”ÂŽÇŻÂ‡Â†Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ‹Ž ”‡Â?‹‘—‘”‡Â?‹…‘ǥ‘”Â?ƒ‹ Â?‘–‘…‘Â?‡‹Ž‘„‡Ž†‡‹ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹ǤÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ ’‡”Žƒ…‘Â?•‡‰Â?ƒ†‡Ž ”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‘‹•–‹–—‹–‘ Â?‡ŽÍ™ÍĄÍĄÍ˜Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒDz—‘”‡ƒÂ?‹…‘ ˆ”ƒ–‡”Â?‹–Â?‘Â?Ž—•dz°’‡”Ž‡ ÍĄÇ¤Í›Í˜†‹•ƒ„ƒ–‘͚͚‘––‘„”‡ ’”‡••‘Žƒ•ƒŽƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œ‡ †‡ŽŽƒƒ••ƒƒ†ƒÂ?ƒ‹Â?˜‹ƒ ƒŽ…ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄÍ™ÍšČ€Í™ÍœÂŠƒ ”‡•…‹ƒǤ ‘Â?‡Â?‡ŽŽ‡’”‡…‡†‡Â?–‹ ‡†‹œ‹‘Â?‹ǥƒÂ?…Š‡Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ ‹Ž”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‘°•–ƒ–‘ ƒ••‡‰Â?ƒ–‘ƒ—Â?Â•ÂƒÂ…Â‡Â”Â†Â‘Â–Â‡ÇĄ ƒ—Â?ƒ”‡Ž‹‰‹‘•ƒ‡ƒ—Â?ƒŽƒ‹…‘ …Š‡•‹•‘Â?‘…‘Â?–”ƒ††‹•–‹Â?–‹ ’‡”ƒ˜‡”‡•…‡Ž–‘†‹˜‹˜‡”‡ Žƒ’”‘’”‹ƒ˜‘…ƒœ‹‘Â?‡ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒƒˆ‹ƒÂ?…‘†‡‹ •‘ˆˆ‡”‡Â?–‹‡†‡‹„‹•‘‰Â?‘•‹Ǥ ‡”‹Ž͚͙͙͘Žƒ•…‡Ž–ƒ†‹ —‘”‡ƒÂ?‹…‘°…ƒ†—–ƒ•—‹ ˆ”ƒ–‡ŽŽ‹Ž„‡”–‘Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ ‡‡Â?ƒ–‘‘†‘Â?‡•‹ǥ†—‡ •ƒ…‡”†‘–‹’‡”Â?‘Ž–‘–‡Â?’‘ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‹Â?—†ƒÂ?‡’‘‹‹Â? ‰‹––‘‡Â?‡ŽŽƒ‡’—„„Ž‹…ƒ †‡Â?‘…”ƒ–‹…ƒ†‡Ž‘Â?‰‘Ǥƒ ”‡Ž‹‰‹‘•ƒ†‡•–‹Â?ƒ–ƒ”‹ƒ†‡Ž ’”‡Â?‹‘°ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ•—‘”ƒ”‹ƒ —…‹ƒ‹ƒÂ?…Š‹ǥƒ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒ‹Â?—”—Â?†‹Ǥ ”Â?‡•–‹Â?ƒ‘”Â?ÂƒÂ…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇĄ …Š‡’”‡•–ƒŽƒ•—ƒ‘’‡”ƒ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒ‹Â?Â”ÂƒÂ•Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ° ŽƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒŽƒ‹…ƒ•…‡Ž–ƒ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡„”‡•…‹ƒÂ?ƒ “—ƒŽ‡–‡”œƒ†‡•–‹Â?ƒ–ƒ”‹ƒ †‹“—‡•–‘‘„‡Ž†‡Ž–—––‘ ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡Ǥ‡”“—‡•–‘ ÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ‹Â?‘Ž–”‡ǥÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ Šƒ†‡…‹•‘†‹’”‘’‘””‡ —Â?ƒÂ?‡Â?œ‹‘Â?‡•’‡…‹ƒŽ‡‹Â? Â?‡Â?‘”‹ƒ†‡ŽŽƒ†‘––‘”‡••ƒ ƒ”‹ƒ ”ƒœ‹ƒ—‰‰‹ƒÂ?‹Â? Â?‡†‹…‘‹Â?‹Â?„ƒ„™‡Ǥ  ’”‡Â?‹ƒ–‹•‹†‹˜‹†‡”ƒÂ?Â?‘Žƒ †‘–ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž’”‡Â?‹‘…Š‡ǥ ’‡”“—‡•–‘ÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ°•–ƒ–ƒ ˆ‹••ƒ–ƒ‹Â?͚͘͘Â?‹Žƒ‡—”‘Ǥ—Ž •‹–‘™™™Ǥ…—‘”‡ƒÂ?‹…‘Ǥ‘”‰‹ ”‹–”ƒ––‹†‡‹’”‡Â?‹ƒ–‹Ǥ


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

͘Í?

‘„‡Ž’‡”Žƒ’ƒ…‡

ÂŽ’”‡Â?‹‘ƒ–”‡†‘Â?Â?‡ Ăˆ andato a tre donne il Premio Nobel per la pace, l’importante riconoscimento per i diritti e lo sviluppo. Ellen Johnson Sirleaf (nella foto), 72 anni, presidente della Liberia dal 2005, prima donna capo di Stato in Africa e “signora di ferroâ€? impegnata nella ricostruzione del suo Paese, devastato da 14 anni di guerra civile che ha causato oltre 250 mila morti. Leymah Roberta Gbowee, avvocato, anch’essa liberiana, attivista e organizzatrice di un gruppo di donne cristiane e

musulmane per sďŹ dare i signori della guerra in Liberia, vincitrice nel 2009 del ProďŹ le in Courage Award. Tawakkul Karman, 32 anni, yemenita, giornalista e madre di tre bambini, fondatrice del gruppo Women journalists without chains e distintasi nell’organizzazione delle proteste iniziate a gennaio nello Yemen contro il presidente Ali Abdullah Saleh. Sono le tre vincitrici del Nobel per la pace 2011, attribuito il 7 ottobre a Oslo e che verrĂ  consegnato il prossimo

10 dicembre, Giornata mondiale dei diritti umani. Per il segretario generale Onu Ban Ki-moon, il Comitato norvegese ha mandato “un messaggio chiaro: le donne sono importanti per la pace�. Un “riconoscimento della leadership femminile che sottolinea un principio fondamentale dello Statuto delle Nazioni Unite: il ruolo vitale delle donne nella promozione di pace, sicurezza, sviluppo e diritti umani�. “In tutto il mondo – sono ancora considerazioni di Ban

Ki-moon – constatiamoâ€? che esse rappresentano la pietra angolare su cui si fondano famiglie e comunitĂ . In maniera preponderante educano, assistono, intrecciano le maglie del nostro tessuto socialeâ€?.“In Africa settentrionale, Medio Oriente e altrove, ho udito voci di donne chiedere giustizia e democraziaâ€?, ha proseguito il segretario Onu sottolineando che “le donne stanno progressivamente guadagnando ruoli guida dovuti loro da tempoâ€?.

”‡•…‹ƒƒÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͙͠‘––‘„”‡—Â?ƒÂ?—‘˜ƒ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ‡†‹–‘”‹ƒŽ‡

&RUULHUHGHOODVHUD PDGHLQ/HRQHVVD ƒ••‹Â?‘‡†‡•…Š‹ǥÂ?‘–ƒˆ‹”Â?ƒ†‡Ž‰‹‘”Â?ƒŽ‹•Â?‘„”‡•…‹ƒÂ?‘ǥƒ…ƒ’‘†‡ŽŽƒÂ?—‘˜ƒ”‡†ƒœ‹‘Â?‡ Ž‘…ƒŽ��‡†‡ŽŽƒ•–‘”‹…ƒ–‡•–ƒ–ƒÂ?‹ŽƒÂ?‡•‡   

  Dz dz

2

tto professionisti per raccontare Brescia e la sua terra dalle pagine del piĂš importante quotidiano nazionale. Dal 18 ottobre il “Corriere della seraâ€? uscirĂ  ogni giorno con 12 pagine dedicate alla cittĂ  e al suo territorio. Lo farĂ  affidandosi a una apposita redazione di otto giornalisti professionisti guidati da Massimo Tedeschi, firma conosciuta nel Bresciano per il suo lavoro a “Bresciaoggiâ€?. La redazione bresciana, che ha la sua sede in via Crispi 3, nel cuore della cittĂ , è in queste ore al lavoro per preparare al meglio il debutto. Le 12 pagine bresciane costituiranno il “cuoreâ€? dell’inserto MilanoLombardia. L’iniziativa editoriale risponde al disegno di un radicamento della storica testata in un contesto, come quello bresciano, in cui giĂ  gode di un buon seguito. L’avvio di questa nuova esperienza coinciderĂ  anche con l’apertura di un portale web del “Corriereâ€? dedicato a Brescia e che si aggiungerĂ  ai 20 giĂ  esistenti sul sito www.corriere.it A capitanare il gruppo di lavoro bresciano, come giĂ  detto, la direzione del quotidiano di via Solferino, ha chiamato Massimo Tedeschi, per anni firma di primo piano del quotidiano “Bresciaoggiâ€?. “Il mio stato d’animo – afferma il giornalista – è segnato da una varietĂ  di emozioni. Oltre al peso della responsabilitĂ  che questa nuova iniziativa comporta c’è anche l’attesa per l’avvio di una nuova avventura informativaâ€?. Un’esperienza, continua Tedeschi, che mette Brescia al centro dell’attenzione di un’importante testata nazionale che ha logica e cultura diversa rispetto a quelle del quotidiano locale. A pochi giorni dal debutto il respon-

 

ÂŽ‰”—’’‘”‡†ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ °…‘Â?’‘•–‘†ƒ‘––‘ ‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–‹•…‡Ž–‹’‡” ”‡ƒŽ‹œœƒ”‡—Â?‰‹‘”Â?ƒŽ‡ …Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ”ƒ……‘Â?–ƒ”‡ ”‡•…‹ƒ sabile del dorso locale risponde a quanti ritengono che le 12 pagine bresciane del “Corriereâ€? possano alla fine diventare di fatto il terzo quotidiano locale. “Il progetto predisposto e gli incoraggiamenti avuti dai lettori attraverso focus group dedicati – sottolinea Massimo Tedeschi – ci hanno ribadito di non fare concorrenza ai quotidiani locali sul volume della cronaca e delle informazioni locali, anche perchĂŠ gli spazi a nostra disposizione sono decisamente inferiori rispetto a quelli dei quotidiani brescianiâ€?. Obiettivo

della redazione bresciana del “Corriereâ€? sarĂ  invece quello di offrire qualcosa di nuovo e di inedito sul fronte della qualitĂ . “Dovremo dedicare una grande attenzione alla scelta delle notizie – sono ancora considerazioni del giornalista – e un approccio basato sull’approfondimento e sulla proposta di punti di vista autorevoli capaci di animare il dibattitoâ€?. Come giĂ  ricordato la redazione di via Crispi è composta da otto giornalisti professionisti. “La cosa interessante e nuova – ricorda Massimo Tedeschi – è che tre di questi sono usciti da una selezione pubblica, una sorta di concorso che il Corriere, forse per la prima volta nella storia dei quotidiani nazionali, ha bandito seleziona doli tra un centinaio di candidati che aspiravano a questo ruoloâ€?. Massimo Tedeschi, probabilmente, la prima pagina del debutto l’ha giĂ  in mente. Quale potrebbe essere, però, la notizia ideale con cui aprire il 18 ottobre? “In questi giorni – afferma – abbiamo sofferto perchĂŠ la cronaca ha offerto molti spunti con sui avremmo voluto cimentarci. Abbiamo in mente qualche argomento e altri ci verranno sicuramente dettati dalla cronacaâ€?. Se potesse scegliere, però, il giornalista opterebbe per un tema che desse immediatamente la possibilitĂ  di far capire ai lettori che l’approccio delle pagine bresciane è dalla parte del cittadino, “per aiutarlo – conclude Tedeschi – a leggere i fatti senza prestarsi a fare da eco a interessi o alle dichiarazioni della politica e del mondo istituzionale. Mi piacerebbe trovare un argomento che conferma che noi ci poniamo in questa prospettiva, senza per altro rinunciare a raccontare tutti quegli aspetti che qualificano la vita di una cittĂ  importante come Bresciaâ€?.

:HHN(QGEHQHVVHUH GDOQRYHPEUH HXUR DSHUVRQD

‹ŽƒÂ?‘ ‡”…Š¹•‡”˜‘Â?‘ Ž‡”‘˜‹Â?…‡

ǯ‡•‹•–‡Â?œƒ†‹—Â?Ž‹˜‡ŽŽ‘‹Â?–‡”Â?‡†‹‘ –”ƒ‡‰‹‘Â?‹‡‘Â?—Â?‹°‹Â?’”‡•…‹Â?ÇŚ †‹„‹Ž‡ǥ•‘’”ƒ––—––‘‹Â?—Â?ƒ”‡‰‹‘Â?‡ …‘Â?‡Žƒ‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ…Š‡…‘Â?–ƒ„‡Â? Í™Í?͜͜…‘Â?—Â?‹ǥŠƒ“—ƒ•‹͙͘Â?‹Ž‹‘Â?‹ †‹ƒ„‹–ƒÂ?–‹‡•—’‡”ƒ‹Â?•—’‡”ˆ‹…‹‡‡ ’”‘†‘––‘‹Â?–‡”Â?‘Ž‘”†‘†‹˜‡”•‹Â–ÂƒÇŚ –‹†‡ŽŽǯÂ?‹‘Â?‡Â‡Â—Â”Â‘Â’Â‡ÂƒÇłÇ¤—‡•–‘ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â—Â?–‘†‹ˆ‘Â?†‘†‡Ž†‘…—Â?‡Â?–‘ •‘––‘•…”‹––‘†ƒŽŽ‡†‘†‹…‹”‘˜‹Â?…‡ Ž‘Â?„ƒ”†‡‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ••‡Â?ÇŚ „Ž‡ƒ‰‡Â?‡”ƒŽ‡Â’ÂŽČ‹Â?‹‘Â?‡’”‘˜‹Â?…‡ Ž‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‡ČŒÇ¤”‹ˆ‡”‹”Ž‘°ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘”‡ ’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡ƒŽŽ‡––‹˜‹–Â?’”‘†—––‹˜‡

‹‘”‰‹‘‘Â?–‡Â?’‹Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄ…Š‡ Šƒ’ƒ”–‡…‹’ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?…‘Â?–”‘‹Â?Â”ÂƒÂ’ÇŚ ’”‡•‡Â?–ƒÂ?œƒ†‡Ž’”‡•‹†‡Â?–‡‘Žnj ‰‘”ƒǤDz‘Â?•‘Ž‘…‘Â?‡ƒ••‡••‘”‡ ’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡Č‚•‘•–‹‡Â?‡‘Â?–‡Â?’‹ Č‚ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡‡•‘’”ƒ––—––‘…‘Â?‡ †‹•‹Â?†ƒ…‘†‹‰Â?‘•‹Â?‡ǥ–‘……‘‘‰Â?‹ ‰‹‘”Â?‘…‘Â?Â?ƒÂ?‘Žǯ—–‹Ž‹–Â?†‡ŽŽǯ‡Â?–‡ ”‘˜‹Â?Â…Â‹ÂƒÇłÇ¤ ÂŽ†‘…—Â?‡Â?–‘•‘––‘•…”‹–nj –‘†ƒŽŽ‡”‘˜‹Â?…‡Ž‘Â?„ƒ”†‡…‘Â?–‹‡nj Â?‡†‡ŽŽ‡…‘Â?•‹†‡”ƒœ‹‘Â?‹’”‡…‹•‡‡ ˜‡””Â?•‘––‘’‘•–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?œ‹‘Â?‡Â?‘Â? •‘Ž‘†‹‡‰‹‘Â?‡Â?ƒƒÂ?…Š‡ǥ–”ƒÂ?‹–‡ ÂŽÇŻ’‹Č‹Â?‹‘Â?‡’”‘˜‹Â?…‡†ǯ Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒČŒÇĄ†‹

‘˜‡”Â?‘‡ƒ”ŽƒÂ?‡Â?–‘ǤÂŽ…‡Â?–”‘ǥ ‹Ž’”‡•—Â?–‘”‹•’ƒ”Â?‹‘…Š‡•‹‘––‡”nj ”‡„„‡‡Ž‹Â?‹Â?ƒÂ?†‘Ž‡”‘˜‹Â?…‡ǣDz ‘”nj •‡Â?‘Â?–—––‹•ƒÂ?Â?‘…Š‡Ž‡”‘˜‹Â?…‡ Ž‘Â?„ƒ”†‡•‘Â?‘‡Â?–‹˜‹”–—‘•‹‡Â…Â‘Â•Â–ÂƒÇŚ

0HUFDWLQLGL1DWDOH GLFHPEUH 0HUDQRH%RO]DQR %UHVVDQRQHH%RO]DQR HXUR DSHUVRQD

Â?‘•‘Ž‘Í™‡—”‘’”‘…ƒ’‹–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘Č‚ •‘•–‹‡Â?‡‘Â?–‡Â?’‹Č‚ÇĄÂ?‘Â?‘•–ƒÂ?–‡ •˜‘Ž‰ƒÂ?‘ˆ—Â?œ‹‘Â?‹Â…Â”Â—Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ…‘Â?‡Žƒ Â?ƒÂ?—–‡Â?œ‹‘Â?‡‡Žƒ‰‡•–‹‘Â?‡ǥ‘”†‹nj Â?ƒ”‹ƒ‡•–”ƒ‘”†‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇĄ†‡ŽŽ‡•–”ƒ†‡‡ †‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡ǥŽƒ–—–‡ŽƒƒÂ?„‹‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‡ÇĄŽƒ ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡’”‘ˆ‡••‹‘Â?ƒŽ‡‡‹Ž”‡‹Â?ÇŚ •‡”‹Â?‡Â?–‘†‡‹†‹•‘……—’ƒ–‹Ǥ‘Â?’‡nj –‡Â?œ‡…Š‡ǥ•‡ƒˆˆ‹†ƒ–‡†‹”‡––ƒÂ?‡Â?–‡ ƒŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡ǥ’‡”‡ˆˆ‡––‘†‡ŽÂ†Â‹Â˜Â‡Â”ÇŚ •‘‹Â?“—ƒ†”ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â?–”ƒ––—ƒŽ‡†‡‹ †‹’‡Â?†‡Â?–‹ǥ’”‘†—””‡„„‡”‘ǥ–”ƒÂŽÇŻÂƒÂŽÇŚ –”‘ǥ—Â?ƒ—Â?‡Â?–‘†‹•’‡•ƒ•–‹Â?ƒ–‘ ‹Â?–‘”Â?‘ƒŽÍšÍ˜ÎŹÇ¤Çł”‘’”‹‘’‡”ˆƒ”Ž—…‡ •—ŽŽ‡”‡ƒŽ‹•’‡•‡†‡ŽŽƒÇ˛Â…‘•ƒ’—„„Ž‹nj Â…ÂƒÇłÇĄŽ‡”‘˜‹Â?…‡Ž‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‡ÇĄÂ?‘˜‡Â?ÇŚ †‘•‹–”ƒ•˜‡”•ƒŽÂ?‡Â?–‡ǥ•‹•‘Â?‘ˆƒ––‡ ’”‘Â?‘–”‹…‹†‹—Â?ÇŻÇ˛Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡Â˜Â‡Â”‹nj –Â?Çł•—‹…‘•–‹‡‹„‡Â?‡ˆ‹…‹†‡ŽŽ‡”‘nj ˜‹Â?…‡ǣDzÇŻ’‹ǥ•—Â?‘•–”ƒ’”‘’‘•–ƒ Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒ‘Â?–‡Â?’‹Č‚ÇĄŠƒƒˆˆ‹†ƒ–‘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?‘……‘Â?‹—Â?‘•–—†‹‘ •’‡…‹ˆ‹…‘ˆ‹Â?ƒŽ‹œœƒ–‘ƒ‡˜‹†‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂ”Â‡ÇĄ …‘Â?†ƒ–‹…‡”–‹ǥ˜ƒÂ?–ƒ‰‰‹‡•˜ƒÂ?Â–ÂƒÂ‰ÇŚ ‰‹Ž‡‰ƒ–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„‘Ž‹œ‹‘Â?‡†‹“—‡•–‹‡Â?ÇŚ –‹ǤÇŻÂƒÂ—Â•Â’Â‹Â…Â‹Â‘Č‚…‘Â?…Ž—†‡ÂŽÇŻ••‡••‘”‡ „”‡•…‹ƒÂ?‘Č‚°…Š‡ǥƒÂ?…Š‡‰”ƒœ‹‡ƒŽ Â?‘•–”‘…‘Â?–”‹„—–‘ǥ•‹ƒ””‹˜‹’”‡•–‘Ġ —Â?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡‘”‰ƒÂ?‹…ƒ•—ŽŽ‡Â?‘nj †‹ˆ‹…Š‡†ƒƒ’’‘”–ƒ”‡ƒ–—––‹‹Ž‹˜‡ŽŽ‹ †‹‰‘˜‡”Â?‘ǥ…‘Â?’”‡•‹‰Ž‹‘Ž–”‡Í&#x;͘͘͘ Â?–‹‹Â?–‡”Â?‡†‹ǥ…Š‡’‡”‹•‘Ž‹…†ƒ …‘•–ƒÂ?‘‘Ž–”‡͚ǥÍ?Â?‹Ž‹ƒ”†‹†‹‡—”‘Ǥdz

0HUFDWLQLGL1DWDOH D,QQVEXUFN H0XVHR6ZDURYVNL GLFHPEUH HXURDSHUVRQD LQFOXVRELJOLHWWR DOPXVHRGHO&ULVWDOOR

5LFKLHGLVHQ]DLPSHJQRLSURJUDPPLGHWWDJOLDWLLQDJHQ]LD9286$//(=9LDJJLH$XWRQROHJJLR/26,2FKHGDVHPSUH VLGLVWLQJXRQRSHUFRUWHVLDHFRPSHWHQ]DVRQRXQVLFXURSXQWRGLULIHULPHQWRSHUJUXSSLSDUURFFKLHRUDWRULHFF


͘͞

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

—‘�‡�‘–‹œ‹‡ ƒ‡–‡‡ Ž‘†‘

  

Â†Â‹Â”Â‡Â–Â–Â‘Â”Â‡ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

La cooperativa sociale “La Reteâ€?, nel ventennale della sua costituzione, avvia la pubblicazione de “Il Nodoâ€?, bimestrale dedicato alle tematiche sociali che impegnano il terzo settore e il volontariato a Brescia. Il primo numero esce in concomitanza con la Giornata mondiale contro la povertĂ , occasione di mobilitazione per tutte le associazioni, tutti i movimenti e i soggetti che operano per il contrasto alla

‹•‘”‰‹Â?‡Â?–‘‹Â?Â?‘•–”ƒƒƒŽƒœœ‘Ž‘ povertĂ , inserita dall’Onu nel calendario delle Giornate internazionali dal 1992. Il giornale sarĂ  diffuso gratuitamente in cittĂ , a tutti i cittadini, alle associazioni, alle cooperative, alle istituzioni, agli enti e a tutti i soggetti pubblici e privati che la Cooperativa Sociale “La Reteâ€? considera interlocutori indispensabili nel proprio operare, e ai quali, con “Il Nodoâ€?, rivolge un ulteriore invito al dialogo e al confronto.

Ăˆ visitabile sino al 30 ottobre, presso il Museo San Fedele, collezione Mario Pedrali, la mostra “Documenti storici del Risorgimento italianoâ€?. All’esposizione di numerose ed inedite testimonianze degli eventi che hanno caratterizzato il Risorgimento, sia di rilevanza nazionale che locale è affiancata la mostra permanente di macchine per scrivere e da calcolo che, considerata la varietĂ  e la raritĂ  dei pezzi, rappresenta quanto di

piÚ interessante nel settore anche a livello internazionale. Per l’occasione è stato concesso un annullo speciale delle Poste per una busta e un folder di tre cartoline che riproducono una macchina da scrivere Olivetti rara, la famosa Lettera 22 del giornalista Indro Montanelli e un documento dell’archivio storico del Pedrali. Questi gli orari di apertura della mostra: festivi dalle 9.30 alle 12, feriali dalle 16 alle 19.

…—�‡�‹•�‘

‘…‹ƒŽ‡

‘•ƒ•ƒ”�••‹•‹͚͙͙͘

Ž‰‹‘…‘†‹ƒ”…Š‹‘��‡

ƒDz ‹‘”Â?ƒ–ƒ†‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡ǥ†‹ƒŽ‘‰‘‡ ’”‡‰Š‹‡”ƒ’‡”Žƒ’ƒ…‡‡Žƒ‰‹—•–‹œ‹ƒÂ?‡Ž Â?‘Â?†‘dz…Š‡•‹–‡””Â?Ġ••‹•‹‹ŽÍšÍ&#x;‘–nj –‘„”‡°—Â?‡˜‡Â?–‘…Š‡Â?‡”‹–ƒ“—ƒŽ…Š‡ ‘••‡”˜ƒœ‹‘Â?‡ǥ’‡”‡˜‹–ƒ”‡…‘Â?ˆ—•‹‘Â?‹ ‡‹Â?…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‹Ǥ†••‹•‹…‘Â?Â˜Â‡Â”ÇŚ ‰‡”ƒÂ?Â?‘”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹†‡ŽŽ‡†‹˜‡”•‡ …‘Â?ˆ‡••‹‘Â?‹…”‹•–‹ƒÂ?‡‡†‡•’‘Â?‡Â?–‹†‡Žnj Ž‡˜ƒ”‹‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹”‡Ž‹‰‹‘•‡†‡ŽÂ?‘Â?†‘Ǥ ƒ”Â?…‹‘°—Â?‹Â?…‘Â?–”‘‡…—Â?‡Â?‹…‘‡†‹Â?ÇŚ –‡””‡Ž‹‰‹‘•‘‡•—“—‡•–ƒ†‹•–‹Â?œ‹‘Â?‡Â˜ÂƒÇŚ Ž‡Žƒ’‡Â?ƒ†‹”‹ˆŽ‡––‡”‡Ǥǯ‡…—Â?‡Â?‹•Â?‘ °—Â?ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ’”‘’”‹ƒ†‡ŽŽ‡†‹˜‡”•‡ Š‹‡•‡…”‹•–‹ƒÂ?‡…Š‡’”‘ˆ‡••ƒÂ?‘Žƒ…‘nj Â?—Â?‡ˆ‡†‡‹Â? ‡•Î”‹•–‘‡…Š‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?ÇŚ Â?—Â?…‹‘Â?‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘–”‘˜ƒÂ?‘‹Ž’‹Îˆ‘”–‡ Â?‘–‹˜‘†‹‹†‡Â?–‹–Â?‡†‹—Â?‹–Â?Ǥ ÂŽ†‹ƒŽ‘‰‘ ‹Â?–‡””‡Ž‹‰‹‘•‘‹Â?˜‡…‡•‹ƒ’”‡ƒŽŽ‡ƒŽ–”‡ ‡•’”‡••‹‘Â?‹”‡Ž‹‰‹‘•‡ǥˆ‹Ž‘•‘ˆ‹…Š‡‘…—Žnj –—”ƒŽ‹†‡ŽÂ?‘Â?†‘Ǥ Â?•‘•–ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ“—‹Â?†‹ǥ ”‡ƒŽ–Â?†‹˜‡”•‡…Š‡•‡Â?„”ƒÂ?‘’‡”…‡”–‹ ƒ•’‡––‹Ž‘Â?–ƒÂ?‡ǤÇĄ‹Â?Â‡ÂˆÂˆÂ‡Â–Â–Â‹ÇĄÂ?‘Â?•‘nj Â?‘Â?ƒÂ?…ƒ–‡…”‹–‹…Š‡‘”‹•‡”˜‡ƒ––‘”Â?‘ ƒ“—‡•–ƒ ‹‘”Â?ÂƒÂ–ÂƒÇĄ†ƒ’ƒ”–‡†‹…Š‹–‡nj Â?‡—Â?ƒ’’‹ƒ––‹Â?‡Â?–‘”‡Žƒ–‹˜‹•–ƒ…Š‡ ˆ‹Â?‹•…ƒ’‡”ƒ’’ƒÂ?Â?ƒ”‡‘‰Â?‹•’‡…‹ˆ‹…‹–Â? †‡ŽŽ‡†‹˜‡”•‡‡•’‡”‹‡Â?œ‡”‡Ž‹‰‹‘•‡‡†‹ …‘Â?ˆ‘Â?†‡”Ž‡‹Â?—Â?‰‡Â?‡”‹…‘•‡Â?–‹Â?‡Â?ÇŚ –‘„—‘Â?‹•–ƒ…Š‡ƒ……‘Â?–‡Â?–ƒ–—––‹•‡Â?œƒ ‹Â?’‡‰Â?ƒ”‡˜‡”ƒÂ?‡Â?–‡Â?‡••—Â?‘Ǥ ÂŽ”‹nj •…Š‹‘’‘–”‡„„‡‡••‡”…‹ǥÂ?ƒ•ƒ”Â?’”‘nj ’”‹‘…‘Â?’‹–‘†‹–—––‹“—ƒÂ?–‹•‹•‡Â?–‘Â?‘ ‹Â?–‡”’‡ŽŽƒ–‹†ƒŽŽƒ’ƒ”‘Ž‡†‡Žƒ’ƒˆƒ”‡

ƒŽ‡––‡”ƒ…‘Â?…—‹ƒ”…Š‹‘Â?Â?‡Šƒ…‘nj Â?—Â?‹…ƒ–‘Žƒ†‡…‹•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ‹ƒ–†‹—•…‹nj ”‡†ƒ‘Â?ˆ‹Â?†—•–”‹ƒÂ?‘Â?•’‹‡‰ƒÂ?‘Ž–‘Ǥ ÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‡†‡Ž‡‰ƒ–‘Â‹Â–ÂƒÂŽÂ‘ÇŚÂ…ÂƒÂ?ÂƒÇŚ †‡•‡•‡Žƒ’”‡Â?†‡…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â”Â†Â‘†‡Ž͚͠ ‰‹—‰Â?‘–”ƒ‘Â?ˆ‹Â?Â†Â—Â•Â–Â”Â‹ÂƒÇĄ‰‹Žǥ‹•Ž‡ ‹Ž•—”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?œƒ‡…‘Â?–”ƒ––‹Ǥ‘nj •–‹‡Â?‡ƒ”…Š‹‘Â?Â?‡…Š‡Â“Â—Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â”Â†Â‘ †‹•…‘Â?‘•…‡Žǯ‘”Â?ƒ‹ˆƒÂ?‘•‘ƒ”–‹…‘Ž‘Í  †‡ŽŽƒÂ?ƒÂ?‘˜”ƒ‡…‘Â?‘Â?‹…ƒǤƒÂ?‘Â?° ˜‡”‘Ǥ ÂŽÂ?‘……‹‘Ž‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂ‘Í ÇĄ“—‡ŽŽ‘ …Š‡”‹•’‘Â?†‡ƒŽŽ‡’”‡‘……—’ƒœ‹‘Â?‹ ‹ƒ–‡ …Š‡Â?‡––‡ƒŽ•‹…—”‘‰Ž‹ƒ……‘”†‹†‹‘Â?‹nj ‰Ž‹ƒÂ?‘‡‹”ƒˆ‹‘”‹Č‚˜ƒŽ‡ƒ†‹”‡Žƒ˜ƒŽ‹†‹–Â? ”‡–”‘ƒ––‹˜ƒ’‡”–—––‹†‡ŽŽƒ…‘Â?Â–Â”ÂƒÂ–Â–ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡ƒœ‹‡Â?†ƒŽ‡•‘––‘•…”‹––ƒ‹Â?†‡”‘‰ƒƒ‹ …‘Â?–”ƒ––‹Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹Č‚–”‘˜ƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â”Â†Â‘ …‘Â?–‡•–ƒ–‘†ƒƒ”…Š‹‘Â?Â?‡—Â?•‘•–ƒÂ?ÇŚ œ‹ƒŽ‡”ƒˆˆ‘”œƒÂ?‡Â?–‘Ǥ—ƒŽ°†—Â?“—‡Žƒ ”ƒ‰‹‘Â?‡˜‡”ƒ†‡ŽŽƒ•…‡Ž–ƒ†‹ƒ”…Š‹‘Â?ÇŚ Â?‡Ǎ ÂŽ’ƒ••ƒ’ƒ”‘Žƒ°•–ƒ–‘˜‡Ž‘…‹••‹Â?‘ǣ Žƒ ‹ƒ–•‹’”‡’ƒ”ƒƒŽƒ•…‹ƒ”‡ÂŽÇŻ –ƒŽ‹ƒǤƒ ’‡”…Š¹Â?ƒ‹†‘˜”‡„„‡ÂˆÂƒÂ”Ž‘Ǎ‘Â?Šƒ •‡Â?•‘ǣÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂ‘Í †‡ŽŽƒÂ?ƒÂ?‘˜”ƒ°•–ƒ–‘ …‘Â?ˆ‡œ‹‘Â?ƒ–‘ƒ’’‘•‹–ƒÂ?‡Â?–‡’‡” ‹ƒ–‡ ’‡”‡˜‹–ƒ”Ž‡—Â?‹Â?•‘•–‡Â?‹„‹Ž‡…‘Â?–‡Â?ÂœÂ‹Â‘ÇŚ •‘‰‹—”‹†‹…‘nj•‹Â?Â†ÂƒÂ…ÂƒÂŽÂ‡Ç˘‡’‘‹…‹•‘Â?‘‰Ž‹ ‹Â?˜‡•–‹Â?‡Â?–‹…Š‡‹Ž‰”—’’‘‹Â?†—•–”‹ƒŽ‡ –‘”‹Â?‡•‡Šƒ…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ–‘Ǥƒ”ƒ‰‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‘•–”ƒ’’‘†‹ƒ”…Š‹‘Â?Â?‡•–ƒÂ?‡ŽŽƒ †‡…‹•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒƒ”…‡‰ƒ‰Ž‹ƒ†‹•—„‘”nj †‹Â?ƒ”‡Ž‡†‡”‘‰Š‡‹Â?Â?ƒ–‡”‹ƒ†‹Ž‹…‡Â?ÇŚ œ‹ƒÂ?‡Â?–‹ƒ—Â?ǯ‹Â?–‡•ƒ–”ƒŽ‡’ƒ”–‹•‘…‹ƒŽ‹Ǥ

‹Â?Â?‘†‘…Š‡…‹ÖÂ?‘Â?ƒ……ƒ†ƒǤǯ‹Â?˜‹–‘ †‡Žƒ’ƒ°—Â?ˆ‘”–‡ƒ’’‡ŽŽ‘ƒ–—––‹’‡”nj …Š¹•‹†‹ƒ‹Â?•‹‡Â?‡—Â?ƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ …”‡†‹„‹Ž‡‡†‡…‹•ƒ’‡”Žƒ’ƒ…‡‡’‡”Žƒ ‰‹—•–‹œ‹ƒÂ?‡ŽÂ?‘Â?†‘ǥ’‡”…Š¹–—––‹•‹ ‹Â?’‡‰Â?‹Â?‘ǥ…‘Â?‡•‹Â?‰‘Ž‹‡…‘Â?‡…‘nj Â?—Â?‹–Â?ÇĄƒÂ?‘Â?–”ƒ•ˆ‘”Â?ƒ”‡Žƒ’”‘’”‹ƒ ˆ‡†‡‘Žƒ’”‘’”‹ƒ‡•’‡”‹‡Â?œƒ”‡Ž‹‰‹‘•ƒ ‹Â?Â?‘–‹˜‹†‹ÂŽÂ‘Â–Â–ÂƒÇĄ‘•–‹Ž‹–Â?‘˜‹‘Ž‡Â?ÂœÂƒÇĄ •‡Â?œƒ…Š‡…‹ƒ•…—Â?‘”‹Â?Â?‡‰Š‹‹Â?Â?‡••—Â? Â?‘†‘Ž‡•—‡…‘Â?˜‹Â?œ‹‘Â?‹ǥÂ?‡Ž’‹‡Â?‘”‹nj •’‡––‘†‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ‹†‡Â?–‹–Â?Ǥ1“—‡nj •–‘—Â?’‡”…‘”•‘–‹’‹…ƒÂ?‡Â?–‡‡…—Â?‡nj Â?‹…‘’‡”…Š¹Žǯ‡…—Â?‡Â?‹•Â?‘†ƒ•‡Â?’”‡ …ƒÂ?Â?‹Â?ƒ•—ŽŽƒ•–”ƒ†ƒ†‡ŽŽƒ’ƒ…‡‡†‡Ž ”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‘”‡…‹’”‘…‘Ǥƒ°ƒÂ?…Š‡ Žƒ•–”ƒ†ƒ†‹‘‰Â?‹†‹ƒŽ‘‰‘‹Â?–‡””‡Ž‹‰‹‘•‘ ‘Â?‡•–‘‡‹Â?–‡ŽŽ‡––—ƒŽÂ?‡Â?–‡Ž‹„‡”‘…Š‡ •ƒ’’‹ƒ”‹…‘Â?‘•…‡”‡Â?‡ŽŽƒÂ…Â‘ÂŽÂŽÂƒÂ„Â‘Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡‡Â?‡ŽŽƒ…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‡Ž‡…Š‹ƒ˜‹†‹ ˜‘Ž–ƒ’‡”Žƒ…‘•–”—œ‹‘Â?‡†‹—Â?Â?‘Â?†‘ Â?—‘˜‘‡”‹Â?Â?‘˜ƒ–‘Ǥ ÂŽ–‡Â?ƒ’”‘’‘•–‘ ƒŽŽƒÂ?‡†‹–ƒœ‹‘Â?‡ǥDz‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹†‡ŽŽƒÂ˜Â‡ÇŚ ”‹–Â?’‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹†‡ŽŽƒÂ’ÂƒÂ…Â‡ÇłÇĄ…‹ƒ‹—–ƒ‹Â? Â?‘†‘•‹‰Â?Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇŁ…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ”‡˜‡”•‘ Žƒ˜‡”‹–Â?•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ†‡’‘””‡Â’Â”Â‡Â‰Â‹Â—Â†Â‹ÂœÂ‹ÇĄ ’”‡…‘Â?…‡––‹‡…Š‹—•—”‡‡ƒ’”‹”•‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–”‘ ‹Â?—Â?ƒ––‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‘Â?‘Â?”‹Â?—Â?…‹ƒ–ƒ”‹‘ ‡†‡„‘Ž‡ǥÂ?ƒˆ‡”Â?‘‡’—”‹ˆ‹…ƒ–‘†ƒ ‘‰Â?‹”‹•‡Â?–‹Â?‡Â?–‘ǥ”‹ƒˆˆ‡”Â?ƒÂ?†‘…‘Â? †‡…‹•‹‘Â?‡“—ƒÂ?–‘…”‡†‹ƒÂ?‘’‡”…Š¹•‘nj Ž‘†‘˜‡…‹•‘Â?‘ƒ—–‡Â?–‹…‹–Â?‡•‹Â?…‡”‹–Â? …ǯ°ƒÂ?…Š‡Žƒ’ƒ…‡Ǥ

  

   

ƒ‰‡•–‹‘Â?‡†‡ŽŽƒˆŽ‡••‹„‹Ž‹–Â?°—Â?‘––‹Â?‘ ’”‡–‡•–‘’‡”—Â?‘•…‘Â?–”‘…Š‡ ‹ƒ–Â˜Â‘Â”ÇŚ ”‡„„‡”‹•‘Ž—–‘”‹‘ǥ’—Â?–ƒÂ?†‘ƒÂ”Â‡ÂŽÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‹•‹Â?†ƒ…ƒŽ‹…Š‡’‘••ƒÂ?‘•˜‹Ž—’’ƒ”•‹ƒŽ †‹ˆ—‘”‹†‡‹…‘Â?†‹œ‹‘Â?ƒÂ?‡Â?–‹‹†‡‘Ž‘‰‹…‹ †‡ŽŽƒ ‹‘Â?Ǥ—Â?“—‡˜‡””‡„„‡†ƒ†‹”‡ …Š‡ÂŽÇŻÂ—•…‹–ƒ†ƒ‘Â?ˆ‹Â?†—•–”‹ƒˆƒ’ƒ”–‡ †‡ŽŽƒ–ƒ––‹…ƒ†‹ƒ”…Š‹‘Â?Â?‡ǤƒŽ‡Â”Â‹Â…ÂƒÇŚ †—–‡•‘Â?‘’‡•ƒÂ?–‹Ǥ‘Â?•‹–”ƒ––ƒ†‡ŽŽ‡ …‘Â?–”ƒ††‹œ‹‘Â?‹ǥ…Š‡’—”‡…‹•‘Â?‘Č‹ ‹ƒ– ‡•…‡†ƒ‘Â?ˆ‹Â?†—•–”‹ƒÂ?ƒ‹Ž’”‡•‹†‡Â?–‡ †‡ŽŽƒ Â‹ÂƒÂ–ÇĄÂŽÂ?ƒÂ?Â?ÇĄ”‡•–ƒÂ?‡ŽŽƒ•“—ƒ†”ƒ †‡ŽŽƒÂƒÂ”Â…Â‡Â‰ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÇ˘ƒ”…Š‹‘Â?Â?‡•…”‹nj ˜‡…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂ†Â†Â‹Â‘°†‡ˆ‹Â?‹–‹˜‘Â?ƒ•‡Â?„”ƒ ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‘ƒ•‘•–‡Â?‡”‡’‡”‹Ž˜‡”–‹…‡†‹ ‘Â?ˆ‹Â?†—•–”‹ƒŽƒ…ƒÂ?†‹†ƒ–—”ƒ†‹‘Â?ÇŚ Â„ÂƒÂ•Â•Â‡Â‹ČŒÇĄÂ?ƒ†‡ŽŽƒ•…‡Ž–ƒ†‹…Š‹ƒÂ?ƒ”•‹ ˆ—‘”‹†ƒ—Â?†‹•‡‰Â?‘†‹…‘‡•‹‘Â?‡ƒŽ“—ƒŽ‡ Ž‘•–‡••‘Â?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‡†‡Ž‡‰ƒ–‘Šƒ †‡†‹…ƒ–‘’‹Î†‹—Â?‹Â?–‡”˜‡Â?–‘’—„„Ž‹nj …‘Ǥ‡ŽŽƒŽ‡––‡”ƒ…Š‡ŽƒƒÂ?…ƒ…‡Â?–”ƒŽ‡ ‡—”‘’‡ƒŠƒ•…”‹––‘ƒŽ ‘˜‡”Â?‘‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘ ’‡”•‘ŽŽ‡…‹–ƒ”‡†‡…‹•‹‘Â?‹…Š‡…‹ƒŽŽ‘Â?Â–ÂƒÇŚ Â?‹Â?‘†ƒŽ”‹•…Š‹‘ˆƒŽŽ‹Â?‡Â?–‘ǥŽǯ—Â?‹…ƒÂ?‘–ƒ ’‘•‹–‹˜ƒ‡”ƒ’”‘’”‹‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â”Â†Â‘†‡Ž͚͠ Ž—‰Ž‹‘ǥ—Â?ƒ…‘”Â?‹…‡‡ˆˆ‹…ƒ…‡’‡”‹Ž†‹ƒŽ‘‰‘ Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ’‡”ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ”‡‰Ž‹•ˆ‘”œ‹Â?‡nj …‡••ƒ”‹ƒŽŽƒ”‹’”‡•ƒ‡ƒ—Â?ƒ’”‘•’‡––‹˜ƒ†‹ •˜‹Ž—’’‘†‡ŽÂ?‘•–”‘ƒ‡•‡ǤÂ?”‹…‘Â?‘•…‹nj Â?‡Â?–‘…Š‡‹Â?“—‡•–‘Â?‘Â?‡Â?–‘Â?‘Â?ˆƒ ‰‹‘…‘ƒƒ”…Š‹‘Â?Â?‡ǥ’‹Î‹Â?–‡”‡••ƒ–‘ƒ —Â?†‘’‘ƒ”…‡‰ƒ‰Ž‹ƒ‹•’‹”ƒ–‘ƒŽŽƒ ‹ƒ– ’Š‹Ž‘•‘’Š›Ǥ

     

/DVWXSLGLWjqPROWRSHULFRORVD Il pastore protestante Dietrich Bonhoeffer, impiccato dai nazisti il 9 aprile 1945, durante i due anni trascorsi in carcere scrisse lettere e riessioni molto importanti (raccolte in “Resistenza e resaâ€?). Fra l’altro tracciò un bilancio di dieci anni (19331943) del regime di Hitler, nel quale si può leggere quanto segue: “Per il bene la stupiditĂ  è un nemico piĂš pericoloso della malvagitĂ . Contro il male è possibile protestare, ci si può compromettere, in caso di necessitĂ  è possibile opporsi con la forza; il male porta sempre con sĂŠ il germe dell’autodissoluzione, perchĂŠ dietro di sĂŠ nell’uomo lascia almeno un senso di malessere. Ma contro la stupiditĂ  non abbiamo difese. Qui non si può ottenere nulla, nĂŠ con proteste, nĂŠ con la forza; le motivazioni non servono a niente. Ai fatti che sono in contraddizione con i pregiudizi personali semplicemente non si deve credere – in questi casi lo stupido diventa addirittura scettico – e quando sia impossibile sfuggire ad

essi, possono essere messi semplicemente da parte come casi irrilevanti. Nel far questo lo stupido, a differenza del malvagio, si sente completamente soddisfatto di sÊ; anzi, diventa addirittura pericoloso, perchÊ con facilità passa rabbiosamente all’attacco. Perciò è necessario essere piÚ guardinghi nei confronti dello stupido che del malvagio. Non tenteremo mai piÚ di persuadere lo stupido: è una cosa senza senso e pericolosa�.

‘‘†›ŽŽ‡Â?Č‹Â?‡ŽŽƒ ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ°—Â?‰‡Â?‹‘ †‡Ž…‹Â?‡Â?ƒ‡—Â? —‘Â?‘•’‹”‹–‘•‘Ǥ ƒÂ?‘Â?°’‡”ˆ‡––‘Ǥ ‰Â?‹–ƒÂ?–‘‰Ž‹ •…ƒ’’ƒ“—ƒŽ…Š‡ •–—’‹†ƒ‰‰‹Â?‡

Bonhoeffer parla di una stupiditĂ  paragonabile a una cecitĂ  della mente e dello spirito e sviluppa ampiamente la sua idea in proposito, soprattutto in riferimento al rapporto tra stupiditĂ  e potere. Osserva anche: “Queste riessioni sulla stupiditĂ  comportano questo di consolante, che con esse viene assolutamente esclusa la possibilitĂ  di considerare la maggioranza degli uomini come stupida in ogni caso. Tutto dipenderĂ  in realtĂ 

dall’atteggiamento di coloro che detengono il potere: se essi ripongono le loro aspettative piĂš nella stupiditĂ  o piĂš nell’autonomia interiore e nella intelligenza degli uominiâ€?. Le grandi menti pensano all’attualitĂ , ma con un’apertura della mente (sconosciuta agli stupidi) che è senza luogo e senza tempo. Anche perchĂŠ pure la stupiditĂ  è senza luogo e senza tempo. Spesso ritorna. E può infettare gli scranni dell’Eliseo come quelli di PifďŹ one

(con tutto il rispetto). Quindi è bene parlare poco o nulla degli stupidi perchĂŠ si fa il loro gioco, grazie anche alla cassa di risonanza dei mass-media che danno la percezione al sindaco di PifďŹ one (se c’è) di essere importante e famoso quanto il compagno di Carla Bruni. La stupiditĂ  si insinua ovunque. Woody Allen, un genio della letteratura cinematograďŹ ca che non ha mai nascosto le sue miserie e i suoi dubbi, tempo fa ha rilasciato un’intervista al “New York Timesâ€? (ripresa in parte anche dai giornali italiani), a proposito del suo ďŹ lm “Incontrerai uno sconosciuto alto e brunoâ€?, sul tema della fede. “Per me – ha commentato Allen – non esiste differenza tra una cartomante, un biscotto della fortuna o una delle religioni ufďŹ ciali. Sono tutti sistemi validi o non validi, altrettanto utiliâ€?. L’intervista si conclude con questa battuta: “Sono ignorante. Leggo perchĂŠ devo leggere. Per me divertimento è guardare una partita di football e bere una birraâ€?. La banalitĂ  della stupiditĂ .


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

͘Í&#x;

”‡•…‹ƒ Dzƒ…‡Â?ƒÂ‰Â‹Â—Â•Â–ÂƒÇł…‘Â?Ž‘˜‹



 

Sabato 22 ottobre alle 19.30 presso l’oratorio della parrocchia di San Luigi Gonzaga in via Carpaccio 28 lo Svi propone “La cena giustaâ€? a base di antipasti etnici e spiedo e al costo di 18 euro (10 per i bambini). La prenotazione è obbligatoria (entro il 17 ottobre) allo 0303367915. Il ricavato servirĂ  a finanziare i progetti in Venezuela. Lo Svi come membro della Focsiv, aderisce all’iniziativa “Io faccio la cena

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

giustaâ€?, all’interno del periodo di sensibilizzazione nazionale sul commercio equo e solidale “Io faccio la spesa giustaâ€?, giunta alla sua 8ÂŞ edizione. “Io faccio la spesa giustaâ€? è la settimana nazionale di sensibilizzazione dedicata ai prodotti di Commercio equo e solidale ideata dal Consorzio Fairtrade Italia, marchio di certificazione delle referenze provenienti dai Paesi del Sud del mondo che seguono i criteri del commercio

equo: eliminazione del lavoro infantile, retribuzione adeguata per i lavoratori, definizione di un margine da destinare a progetti di crescita per le loro comunità. La settimana è nata nel 2004 con l’obiettivo di sensibilizzare i consumatori a questa forma di acquisto consapevole. All’interno di questa manifestazione anche lo Svi organizza, in collaborazione con realtà sensibili a queste tematiche, eventi, cene e aperitivi in Brescia e provincia.



•’‹–ƒŽ‡––‘��‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡

8QD&KLHVDWUDODJHQWH SHULQFRQWUDUHOHSHUVRQH

ÂŽ͙ͥÂ?‘˜‡Â?„”‡†‡ŽÍ™Í&#x;͙͙•‹…‡Ž‡„”ƒ˜ƒŽƒ’”‹Â?ƒ‡••ƒÂ?‡ŽŽƒÂ?—‘˜ƒ…Š‹‡•ƒ†‹Â•Â’Â‹Â–ÂƒÂŽÂ‡Â–Â–Â‘ÇĄ‘‰‰‹ƒ†‹•–ƒÂ?œƒ†‹͛͘͘ ƒÂ?Â?‹Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ƒÂ? ‹ƒ…‘Â?‘ƒ‰‰‹‘”‡Šƒ’‡Â?•ƒ–‘ƒ—Â?ƒÂ?Â?‘†‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡…‘Â?ƒŽ…‡Â?–”‘ÂŽÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ†‹…‘Â?—Â?‹–Â?    

/

’anno della comunitĂ  inizia domenica 16 ottobre e si conclude a giugno 2012 con un convegno (un’assemblea dal titolo evocativo “Pietre vive per una comunitĂ  vivaâ€?) al termine del quale saranno consegnate le linee guida al consiglio pastorale parrocchiale, che avrĂ  il compito di formulare delle proposte pastorali. Il sogno del parroco don Renato Musatti è quello di “Una Chiesa tra la genteâ€? dove i laici sappiano essere antenne sul territorio o “piccole comunitĂ  territorialiâ€?. L’impegno diventa inevitabile se si considera che la parrocchia negli ultimi 10 anni è passata dai 9 ai 15mila abitanti. Non a caso sarĂ  effettuata una ricerca sociologica (coordinata dal dott. Paolo Corvo, docente di sociologia generale in Cattolica) per conoscere il vissuto religioso e sociale degli abitanti di Ospitaletto nelle varie dimensioni: credenza religiosa, identitĂ  e appartenenze sociali, livello di partecipazione, grado di socializzazione, etica familiare e sociale, inserimento nella realtĂ  parrocchiale e comunale, integrazione tra le varie zone del Comune. Da gennaio a marzo i gruppi parrocchiali saranno invitati a fare una verifica della vita comunitaria partendo dallo specifico del proprio servizio. In particolare per gli operatori pastorali, Marco Vergottini, docente di teologia alla facoltĂ  di teologia dell’Italia settentrionale, si sof-

ÇŻ   

‘Â?‡Â?ƒ–‘Â—Â•ÂƒÂ–Â–Â‹ÇŁ Dz ÂŽ•‘‰Â?‘°“—‡ŽŽ‘†‹ —Â?ƒŠ‹‡•ƒ–”ƒŽƒ‰‡Â?–‡ †‘˜‡‹Žƒ‹…‹•ƒ’’‹ƒÂ?‘ ‡••‡”‡’‹……‘Ž‡…‘Â?—Â?‹–Â? Â–Â‡Â”Â”Â‹Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÂŽÂ‹Çł fermerĂ  (il 5 febbraio) sul tema “La Chiesa che vivo, la Chiesa che vorreiâ€?: dal Concilio Vaticano II una Chiesa popolo di Dio che annuncia il Signore. Il 15 aprile, invece, sarĂ  la volta di Serena Noceti con “Quale Chiesa per

quale evangelizzazione?â€?. Sarebbero tanti gli appuntamenti e gli incontri da ricordare, fra questi meritano una menzione le proposte forti, perchĂŠ “la comunione è fatta di formazione e spiritualitĂ  per essere missioneâ€?. Don Renato crede in una comunitĂ  nella quale i laici siano presente da credenti e siano al tempo stesso attenti a ciò che c’è attorno. L’obiettivo è quello di arrivare a un tavolo educativo con le scuole e con il Comune per ragazzi, giovani e adulti. Non va dimenticata la dimensione dell’attenzione all’altro in un contesto nel quale i cittadini stranieri si attestano al 18%.

La comunità cresce un po’ perchÊ le aziende del territorio offrono opportunità di lavoro e un po’ perchÊ molti si allontanano dalla città: nel 2010 il saldo nascite (192) e funerali (86) è stato positivo. Una comunità che si apre all’altro è quella che conosce e incontra il vicino. In occasione dei 20 anni dalla costruzione dell’oratorio, è stato rivisitato il progetto educativo con la codifica della figura di un coordinatore laico dell’oratorio, una persona che aiuterà a gestire la struttura e permetterà al prete di essere prete cioè di avere piÚ spazio per intessere relazioni personali.

Í™Í?Îť   

´$PELHQWHHGLJQLWjGHOO¡XRPRÂľ Per il 20 ottobre è in calendario al Tartaglia (nella foto) il 15° Convegno provinciale per l’educazione ambientale dal titolo “Ambiente e dignitĂ  dell’uomo... tra scienza, storia e leggendaâ€?. “Con questa iniziativa – afferma Giovanni Quaresmini, referente provinciale per l’educazione ambientale dell’Ust di Brescia – la scuola presenta alla comunitĂ  e alle istituzioni il lavoro svolto in tema di salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente.

Il Convegno rappresenta una sollecitazione che la scuola rivolge a se stessa attraverso l’approfondimento delle iniziative educativo-didattiche intraprese in un reciproco scambio di esperienzeâ€?. Si pone come momento di riessione rispetto alla situazione ambientale per un futuro sostenibile in “un’esperienza di relazioneâ€? intesa come rapporto che lega in modo inscindibile e intimo la Terra-ambiente con la comunitĂ  degli esseri viventi

in una visione di interdipendenza e di responsabilitĂ . “Dall’ambiente alla scuola e ritornoâ€? era l’idea di riferimento all’avvio “del nostro impegno, una dichiarazione programmatica che ancora la scuola al suo territorio inteso come relazione con tutti gli esseri viventi e con la complessitĂ  dell’ambienteâ€?. Dopo anni di lavoro si è giunti alla conclusione del nesso inscindibile tra tutela dell’ambiente e della dignitĂ  dell’uomo.

‡•–ƒ†‹…‘�—�‹–�

Â?…ƒÂ?’‘ •…—‘Ž‡‡ƒ”–‹•–‹ Dz‡•–ƒ—”ƒ”‡—Â?ƒ…Š‹‡•ƒ°—Â?ƒ ˆ‡•–ƒ†‹…‘Â?—Â?‹–Â?’‡”…Š¹ ˆƒ”‹…‘”†ƒ”‡Žƒ•–‘”‹ƒ†‹—Â?ƒ …‘Â?—Â?‹–Â?‡†‹…‘Â?•‡‰—‡Â?œƒŽƒ •—ƒ‹†‡Â?–‹–Â?dzǤ‘•¿‹Ž’ƒ””‘…‘ †‘Â?‡Â?ƒ–‘—•ƒ––‹Č‹Â?‡ŽŽƒ ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ•‹°”‹˜‘Ž–‘ƒ‰Ž‹ƒ”–‹•–‹†‹ •’‹–ƒŽ‡––‘ƒ‹“—ƒŽ‹Šƒ…Š‹‡•–‘ †‹DzÂ?‘Â?ˆƒ”Â?ƒÂ?…ƒ”‡ŽƒŽ‘”‘ Â˜Â‘Â…Â‡ÇłÇ¤‰Ž‹ƒ”–‹•–‹°•–ƒ–ƒ …‘Â?Â?‹••‹‘Â?ƒ–ƒ—Â?ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ•—Ž …ƒÂ?Â?‹Â?‘†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?ÇĄ Â?‡Â?–”‡Ž‡•…—‘Ž‡Žƒ˜‘”‡”ƒÂ?Â?‘ •—ŽŽ‡‘’‡”‡Â†ÇŻÂƒÂ”–‡†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒǤ ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•‹…‘Â?…Ž—†‡”Â?…‘Â? Žǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‡‹”‡•–ƒ—”‹ †‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡Â?‹”ƒ–‹ƒŽŽƒ •ƒŽ˜ƒ‰—ƒ”†‹ƒ†‡ŽŽǯ‹Â?’‹ƒÂ?–‘ †‡…‘”ƒ–‹˜‘ƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…‘‡ ƒŽ”‡…—’‡”‘†‡‰Ž‹ƒ””‡†‹ˆ‹••‹‡ Â?‘„‹Ž‹Ǥ’ƒ”–‹”‡†ƒÂ?‘˜‡Â?„”‡ ˜‡Â?‰‘Â?‘’”‘’‘•–‡–”‡–ƒ’’‡ Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇŁÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‘ÂŽÂ—ÂœÂ‹Â‘Â?‡•–‘”‹…ƒ †‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒČ‹Â?‘˜‡Â?Â„Â”Â‡ČŒÇĄ ŽƒÂ?‡Â?‘”‹ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â? Č‹Â†Âƒˆ‡„„”ƒ‹‘ƒÂ?ÂƒÂ”ÂœÂ‘ČŒ‡‰Ž‹ ‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‹”‡•–ƒ—”‘Â?‡‹•‡…‘Ž‹ ‡‹”‡•–ƒ—”‹†‹‘‰‰‹Č‹Â†ÂƒÂ?ƒ‰‰‹‘ ƒ‰‹—‰Â?Â‘ČŒÇ¤‡ŽŽƒ’”‹Â?ƒ–ƒ’’ƒ •‹‹Â?•‡”‹•…‘Â?‘—Â?ƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ Â•Â–Â‘Â”Â‹Â…Â‘ÇŚÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹Â…Âƒ‡—Â?ƒÂ?‘•–”ƒ ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…ƒ…‘Â?†‘…—Â?‡Â?–‹ ‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒǤ ’”‘’‘•‹–‘†‹ÂƒÂ”–‡ǥÂ?‡Ž’‡”‹‘†‘ Â?ƒ–ƒŽ‹œ‹‘‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ•‹–‡””Â?—Â?ƒ Â?‘•–”ƒ•—Â?‰‡Ž‘ ÂƒÂŽÂ‡ÂœÂœÂ‹ÇĄ ‹Â?…‹•‘”‡†‹ˆƒÂ?ƒÂ?‘Â?†‹ƒŽ‡ ‡…‹––ƒ†‹Â?‘†‹•’‹–ƒŽ‡––‘Ǥ ƒ–‡”œƒ–ƒ’’ƒ†‡Ž’‡”…‘”•‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡°†‡†‹…ƒ–ƒ ƒ‰Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‹Â”Â‡Â•Â–ÂƒÂ—Â”Â‘ÇŁ° •–ƒ–ƒ’‡Â?•ƒ–ƒ—Â?ƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ †‘˜‡˜‡””ƒÂ?Â?‘’”‡•‡Â?–ƒ–‹‰Ž‹ ‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‡‹•‡…‘Ž‹•…‘”•‹ ‡“—‡ŽŽ‘ƒ––—ƒŽ‡Ǥ‡””Â?ÇĄ ‹Â?‘Ž–”‡ǥˆ‘”Â?ƒ–‘—Â?‰”—’’‘ †‹‰‹‘˜ƒÂ?‹••‹Â?‹Dz…‹…‡”‘Â?‹dz …Š‡’”‘’‘””ƒÂ?Â?‘†‡ŽŽ‡˜‹•‹–‡ ‰—‹†ƒ–‡‹Â?…Š‹‡•ƒǤ‡Â?–”‡ Ž‡•…—‘Ž‡ƒ––‹˜‡”ƒÂ?Â?‘—Â? Žƒ„‘”ƒ–‘”‹‘’‡”’‡”Â?‡––‡”‡ƒ‹ Â”ÂƒÂ‰ÂƒÂœÂœÂ‹ÇĄ†‘’‘—Â?ƒÂ”Â‹Â…Â‡Â”Â…ÂƒÇĄ†‹ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ”‡ȋ‹Â?˜ƒ”‹‡ˆ‘”Â?Â‡ČŒ Žƒ…Š‹‡•ƒÂ’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂŽÂ‡ÇŁ‹Žƒ˜‘”‹ •ƒ”ƒÂ?Â?‘‡•’‘•–‹ƒˆ‹Â?‡ƒÂ?Â?‘Ǥ


͘͠

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

Í?͘ƒÂ?Â?‹†‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‡ŽŽƒǤ”‹Â?‹–Â? Â?ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?ˆƒ––ƒ†‹’‹‡–”‡˜‹˜‡ “Siamo qui non tanto per ricordare le opere compiute, quanto per celebrare il cammino impegnativo di costruire la comunitĂ  cristiana, quella fatta di pietre vive, che ha bisogno di rinnovarsi in ogni generazioneâ€?. Nel saluto di don Elio Pitozzi, terzo parroco della SS. TrinitĂ , alla presenza del vescovo Monari, è racchiuso il senso del ritrovarsi 50 anni dopo, a ringraziare il Signore per i tanti doni elargiti. Sono passati 50 anni da quell’8 ottobre 1961, giorno nel

quale faceva il suo ingresso sul territorio il suo primo pastore don Francesco Zilioli, che ricevendo in dono l’efďŹ gie di una neonata in una culla la paragonava alla “nuova comunitĂ  parrocchiale che deve crescere con l’amorevole preoccupazione e collaborazione di tuttiâ€?. E la comunitĂ  parrocchiale è cresciuta, inserita negli avvenimenti che hanno interessato la Chiesa universale. Prova di questa crescita l’esperienza di “pastorale integrataâ€? voluta a partire dal 1974

da don Secondo Moretti, parroco per 30 anni. Commentando la parabola del banchetto nuziale Monari ha affermato come “l’uomo è un affamato di vita: nel commercio, nell’economia, nella politica, nell’arte, nella musica, nella scienza, nella ďŹ losoďŹ a, c’è un’anima, un desiderio profondo di vita che motiva ogni nostro comportamentoâ€?. E come Dio risponda a questo desiderio preparando un banchetto, che signiďŹ ca abbondanza di vita e gioia

di fare festa stando insieme. “Il banchetto di nozze è pronto, tutti sono invitati, nessuno escluso, ma bisogna che la disponibilitĂ  a partecipare sia piena, senza riserve. Il dono del Signore deve essere messo al di sopra di tuttoâ€?. A suggellare la celebrazione, le benedizioni impartite dal Vescovo ai catechisti impegnati nell’iniziazione cristiana, ai missionari per la visita alle famiglie della parrocchia e alla coppia di sposi in partenza missionaria per Taiwan. (v.b,)

   ”‡•…‹ƒƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘�‡ƒ––‹˜ƒ†‡ŽŽ‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘�‹

&HQVLPHQWR" (FFROHULVSRVWH    

6

iglato il protocollo d’intesa tra l’Ufficio comunale di Censimento di Brescia e una serie di associazioni, appartenenti al mondo associativo, sindacale e fiscale, per agevolare la popolazione nella compilazione e/o consegna del questionario. “Sono tante le associazioni, ben 16 (Acli, Anmic, Amici del Calabrone, Anolf, Anteas, Acai, Cgil, Confartigianato, Uil, Centro migranti, Cisl, Cna Impresa, Centro servizi per il commercio, Gruppo campo Marte, Mcl, Ugl), alcune delle quali con piĂš sportelli – ha illustrato l’assessore comunale alle Associazioni Diego Ambrosi – che affiancheranno nelle prossime settimane i punti di supporto predisposti dall’Amministrazione, dall’Ufficio di censimento in via XX Settembre 15 ai molteplici predisposti dalle circoscrizioni, affinchĂŠ ogni cittadino possa trovare risposta alle possibili difficoltĂ  che potrĂ  incontrare nella compilazione del questionarioâ€?. Gli obiettivi consistono nell’aumentare i servizi resi gratuitamente ai cittadini, riducendo il disagio alle famiglie, applicando il principio di sussidiarietĂ  e dando alle associazioni l’op-

Â?„”‘•‹ǣDz‘Â?‘͙͞Ž‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹…Š‡ƒˆˆ‹ƒÂ?…Š‡”ƒÂ?Â?‘ ‹’—Â?–‹†‹•—’’‘”–‘’”‡†‹•’‘•–‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?—Â?ƒŽ‡ƒˆˆ‹Â?…Š¹‘‰Â?‹…‹––ƒ†‹Â?‘’‘••ƒ–”‘˜ƒ”‡ ”‹•’‘•–ƒƒŽŽ‡’‘••‹„‹Ž‹†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?Â?‡ŽŽƒ…‘Â?’‹Žƒœ‹‘Â?‡dz portunitĂ  di fornire ai propri iscritti ed ai cittadini un servizio aggiuntivo, nella consapevolezza della rilevanza del Censimento e delle conseguenze amministrative e pecuniarie che può avere la mancata risposta allo stesso. Le associazioni si sono impegnate a raccogliere i questionari precompilati dai cittadini, oltre che a supportarli nella compilazione medesima, anche via web. “Abbiamo contribuito, con questo protocollo – ha aggiunto il responsabile del settore Statistica Marco Trentini – ad estendere il percorso di sussidiarietĂ  nella cittĂ , agevolando soprattutto quelle fasce di popolazione che possono vivere situazioni di difficoltĂ  come gli anziani e gli stranieri, cui va spiegato che si tratta di un’operazione informativa e non di polizia, come qualcuno potrebbe temere. Con questo accordo i punti di informazione e raccolta sono deci-

ne – ha chiosato Trentini – e va dato atto a tutte le associazioni di un alto spirito di servizio, poichĂŠ il rimborso previsto è quasi simbolicoâ€?. La sigla del protocollo è avvenuta presso la Piastra Pendolina per sottolineare come la stessa sia stata in prima fila nell’alfabetizzazione digitale rivolta agli anziani e organizzata dal Comune di Brescia nell’ambito del progetto “e-citizen, generazioni in Internetâ€?. Dal 10 ottobre ogni punto è attivo e ogni informazione – compresi gli elenchi e gli indirizzi dei punti predisposti – sarĂ  disponibile presso l’Ufficio Censimento in via XX Settembre, tel. 030.2978001, i cui orari sono: dal lunedĂŹ al venerdĂŹ 8.30-19 senza interruzione ed il sabato dalle 8.30 alle 12.30. Nel frattempo è giusto ricordare di fare attenzione: si sono giĂ  verificate truffe con falsi incaricati che bussano alla porta.

‹ƒœœƒƒ‘Ž‘ 

Ž’ƒ�‡†ƒ†‡‰—•–ƒ”‡‹�–—––‡ Ž‡•—‡ˆ‘”�‡‡‹�–—––‹‹•—‘‹•ƒ’‘”‹

‹ƒœœƒƒ‘Ž‘ ˆ‹Â?‘ƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞‘––‘„”‡•‹–”ƒ•ˆ‘”Â?ƒ‹Â? —Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡„‘––‡‰ƒƒ”–‹‰‹ƒÂ?ƒŽ‡†‘˜‡Dzƒ”‡ƒŽ–Â?•ƒ†‹’ƒÂ?‡dzǤ 1“—‡•–‘‹ŽÂ?‘Â?‡•…‡Ž–‘’‡”Žƒ•‡…‘Â?†ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡Č‹ÂŽÂƒ’”‹Â?ƒ ”‹•ƒŽ‡ƒ–”‡ƒÂ?Â?‹ÂˆÂƒČŒ†‡ŽŽƒˆ‡•–ƒ’”‘Â?‘••ƒ†ƒŽ‹Â?†ƒ…ƒ–‘Â’ÂƒÇŚ Â?‹ˆ‹…ƒ–‘”‹†‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡•…‹ƒǤ ÂŽ‹Â?†ƒ…ƒ–‘…‘Â?–ƒ…‹”…ƒ ͚͘͘‹•…”‹––‹’‡”—Â?–‘–ƒŽ‡†‹Í?͘͘ˆ‘”Â?‡”‹‡‹Â?’”‘˜‹Â?…‹ƒ‡†° ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‘Â?‡ŽŽƒ„ƒ––ƒ‰Ž‹ƒ…‘Â?–”‘ÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”Âƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒŽ‡Ǥ Dz—‡ŽŽ‘†‡Žˆ‘”Â?ƒ‹‘°—Â?Žƒ˜‘”‘†—”‘ǥƒ”–‹‰‹ƒÂ?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ†ƒÂ•Â˜Â‘ÂŽÇŚ ‰‡”‡Â?‡ŽŽ‡‘”‡Â?‘––—”Â?‡ǥ…‘Â?†‘––‘“—ƒ•‹•‡Â?’”‡ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘ ˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡‡…Š‡Â?‘Â?‰‘†‡†‹Â?‘Ž–ƒƒ––”ƒ––‹˜ƒ’‡”‹‰‹‘˜ƒÂ?‹Č‚ ’”‘•‡‰—‡‡Â?•‹ȂǤÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”Âƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒŽ‡Â?‡†‡…”‡–‡”‡„„‡ Žƒˆ‹Â?‡dzǤÂ?ƒ‰”ƒÂ?†‡–‡Â?•‘•–”—––—”ƒČ‹ÍœÍ˜ÂšÍ™Í?Â?Â‡Â–Â”Â‹ČŒÇĄƒŽŽƒ“—ƒŽ‡ •‹’‘–”Â?ƒ……‡†‡”‡Ž‹„‡”ƒÂ?‡Â?–‡†ƒŽŽ‡Í ƒŽŽ‡ÍšÍ˜ÇĄ‘•’‹–‡”Â?—Â? Žƒ„‘”ƒ–‘”‹‘ƒ––‹˜‘…‘Â?‹ˆ‘”Â?‹‡ÂŽÇŻÂƒÂ––”‡œœƒ–—”ƒÂ?‡…‡••ƒ”‹ƒƒŽŽƒ Žƒ˜‘”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž’ƒÂ?‡Ǥ”‘’”‹‘“—‹–—––‹‹…‹––ƒ†‹Â?‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘ ‹Â?˜‹–ƒ–‹ƒ”‹•…‘’”‹”‡ǥÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ”Â‹Â‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â‹Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄ•ƒ’‘”‹Â–Â”ÂƒÂ†Â‹ÇŚ

œ‹‘Â?ƒŽ‹…Š‡˜‡†‘Â?‘‹Ž’ƒÂ?‡…‘Â?‡‡Ž‡Â?‡Â?–‘ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡ ’‡”ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ‹Â?‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‹‰‹‘˜ƒÂ?‹‡ÂƒÂ†Â—Ž–‹ǥÂ?‡Â?–”‡Ž‡Â?ƒ––‹Â?ÂƒÇŚ –‡•‘Â?‘†‡†‹…ƒ–‡ƒ‹„ƒÂ?„‹Â?‹ǥ’‡”‘ˆˆ”‹”‡Ž‘”‘Žǯ‘’’‘”–—Â?‹–Â? †‹Â?‡––‡”‡Ž‡––‡”ƒŽÂ?‡Â?–‡Ž‡DzÂ?ƒÂ?‹‹Â?Â’ÂƒÂ•Â–ÂƒÇłÇ¤‡Ž’‘Â?‡nj ”‹‰‰‹‘•ƒ”ƒÂ?Â?‘‹’”‘†‘––‹ƒ‹ˆ‹Â?‹†‹†‡‰—•–ƒœ‹‘Â?‹’—„„Ž‹…Š‡ Č‹Â‰Â”ÂƒÂ–Â—Â‹Â–Â‡‡†‹•’‘Â?‹„‹Ž‹ˆ‹Â?‘Ġ‡•ƒ—”‹Â?‡Â?–‘†‡‹Â’Â”Â‘Â†Â‘Â–Â–Â‹ČŒ ’ƒÂ?‡ǥˆ‘…ƒ……‡‡Â’Â‹ÂœÂœÂ‡ÇŁÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙͛Ç˛Â’ÂƒÂ?‡‡ˆ‘”Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇłÇ˘‹Ž ͙͜•‹’”‘•‡‰—‡…‘Â?Ç˛Â’ÂƒÂ?‡‡Â?ƒ”Â?Â‡ÂŽÂŽÂƒÂ–ÂƒÇłÇĄÇ˛Â’ÂƒÂ?‡ǥ„—””‘‡ ÂœÂ—Â…Â…ÂŠÂ‡Â”Â‘Çł‡Ç˛Â’ƒÂ?‡‡Â?‹‡Ž‡dzČ‹ÂƒÂŽÂŽÂ‡‘”‡Í™ÍžČŒÇĄÇ˛Â’ƒÂ?‡‡•ƒŽƒÂ?‡dz Č‹ÂƒÂŽÂŽÂ‡Í™Í ČŒÇĄ’‡”…‘Â?…Ž—†‡”‡•ƒ„ƒ–‘Í™Í?ÇĄƒŽŽ‡‘”‡͙͠ǥ…‘Â?Ç˛Â’ÂƒÂ?‡ ‡‘Ž‹‘dzǤƒ„ƒ–‘Í™Í?ÇĄƒŽŽ‡͙͞ǥ—Â?‹Â?…‘Â?–”‘•—Ž’”‘‰‡––‘Dz‘Â? Â?‡Â?‘•ƒŽ‡Â?‡Ž’ƒÂ?‡…ǯ°’‹Î‰—•–‘Ǽ‡‰—ƒ†ƒ‰Â?‹‹Â?Â•ÂƒÂŽÂ—Â–Â‡ÇłÇĄ Â?‡Â?–”‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞ǥƒŽŽƒ•–‡••ƒÂ‘Â”ÂƒÇĄDzÂŽÂ’Â?‡Â?Â˜Â°Â”Â•ÇłÇĄ—Â?ƒ Ž‡––—”ƒ†‹’‘‡•‹‡†‹ƒŽ‡––ƒŽ‹Ǥ Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒÂ?ƒÂ?Â‹ÂˆÂ‡Â•Â–ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡•ƒ”ƒÂ?Â?‘‹Â?‘Ž–”‡”ƒ……‘Ž–‡‘ˆˆ‡”–‡†ƒ†‡˜‘Ž˜‡”‡ƒŽ‡Â?ÇŚ –”‘ƒ‹—–‹’‡”ÂŽÇŻÂ–Â‹Â‘Â’Â‹ÂƒÇĄ‘Â?Ž—•‹Â?’‡‰Â?ƒ–ƒÂ?‡Ž‘”Â?‘†ǯˆ”‹…ƒǤ

  

‘�ˆ”ƒ–‡”�‹–ƒ†‡‹ƒ�–‹ƒ–”‘�‹‘�…‘”•‘

/DFRQFRUGLDUDFFRQWDWD GDJOLVWHVVLUDJD]]L In un trittico marmoreo, custodito a Santa Giulia, i Santi Faustino e Giovita affiancano il vescovo Sant’Onorio, noto, come ricorda don Armando Nolli (nella foto), presidente della Confraternita dedicata ai Patroni della cittĂ , come “colui che guarisce dai mali pensieriâ€?. Pensieri negativi che caratterizzano parte del vivere sociale e negano la realizzazione di un clima concorde. Per riportare al centro della comunitĂ  un valore definito provocatoriamente “inattualeâ€?, la Confraternita dei Santi Faustino e Giovita ha indetto un concorso sul tema della concordia, invitando gli alunni delle scuole primarie, secondarie e superiori della provincia a presentare, entro il 31 gennaio 2012, un elaborato libero (narrativo, poetico, artistico, musicale, ecc.) che riprenda l’argomento, declinato in base al tipo di indirizzo scolastico. Gli elaborati vincitori saranno presentati nella settimana precedente la celebrazione della festivitĂ  dei Santi Patroni. “Santi giovani – sottolinea Andrea Ghezzi, consigliere nella Commissione Comunale per l’istruzione, la cultura, lo sport e le politiche giovanili – la cui azione pacificatrice deve essere d’esempio per i giovani d’oggi, chiamati a riscoprirne il valore eticoâ€?. “Si tratta di un tema di grande valore culturale e civile – sottolinea il dirigente scolastico provinciale Maria Rosa Raimondi – e abbiamo accolto volentieri l’invito anche perchĂŠ è reso stimolante dalla multidisciplinarietĂ â€?. “La Confraternita – spiega il segretario Angelo Baronio – vede il coinvolgimento di molte istituzioni: Comune e

Provincia di Brescia, Camera di Commercio, UniversitĂ  statale e Cattolica, e le Fondazioni Brescia Musei, Asm, CiviltĂ  bresciana, Banca San Paolo e Ateneoâ€?. â€œĂˆ un esempio di come la concordia tra istituzioni possa produrre un cambiamento in positivo per la cittĂ â€?, conclude Maurizio Bernardelli Curuz, direttore artistico di Fondazione Brescia Musei. Per info, tel. 0302400640. (a.g.)

ǯ‹Â?˜‹–‘°’‡”‰Ž‹ƒŽ—Â?Â?‹ †‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡’”‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇĄ •‡…‘Â?†ƒ”‹‡‡•—’‡”‹‘”‹ †‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒƒ ’”‡•‡Â?–ƒ”‡—Â?‡Žƒ„‘”ƒ–‘


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

ƒ•ƒ†‹…—”ƒƒÂ?ƒÂ?‹ŽŽ‘ Â?Â?—‘˜‘„Ž‘……‘‘’‡”ƒ–‘”‹‘ VenerdĂŹ 21 ottobre la Casa di cura San Camillo inaugura il nuovo blocco operatorio recentemente ristrutturato. La cerimonia sarĂ  preceduta alle ore 14.30 da una celebrazione eucaristica presieduta mons. Luciano Monari in onore dei Beati Fondatori dell’Istituto Figlie di San Camillo, padre Luigi Tezza e madre Giuseppina Vannini. Il progetto di aggiornamento tecnologico e organizzativo che la Casa di cura San Camillo ha eseguito con questa ristrutturazione,

è stato teso principalmente all’adeguamento degli obbiettivi e dei dettami che il Piano sanitario regionale ha stabilito per la miglior tutela e garanzia del “cittadinoâ€? quale ďŹ gura centrale da cui far dipendere la qualitĂ  dell’intero sistema sanitario regionale. In particolare il progetto ha previsto un miglioramento strutturale ed impiantistico teso a migliorare l’organizzazione funzionale del precedente blocco operatorio ottimizzando gli spazi,

Í˜ÍĄ

•–‹–—–‘ƒÂ?‘••ƒ ‘Â?•‡‰Â?ƒ†‡‹†‹’Ž‘Â?‹ creandone di nuovi dedicati ad attivitĂ  di day surgery e a piccoli interventi migliorando le risposte differenziate, alle domande di bisogni sanitari del territorio in un’ottica di ottimizzazione ed efďŹ cienza dei costi del sistema. Particolare attenzione è stata posta sull’aspetto dell’umanizzazione del ricovero e della cura. Adeguata la sala operatoria principale con moderni applicativi, attrezzandola come una “sala ad alta integrazioneâ€?.

Sabato 15 ottobre, alle ore 11, presso l’Aula Magna G. Tovini dell’Università cattolica in via Trieste, 17, si tiene la Cerimonia di consegna dei diplomi e delle medaglie commemorative agli studenti e alle studentesse che hanno sostenuto l’Esame di Stato nell’anno scolastico 2010-11. Intervengono Giorgio Arici (Università cattolica di Brescia) e madre Marisa Varini, superiora dell’Istituto Canossa e Antonella Belometti (ex alunna, oggi avvocato).



”‡•…‹ƒƒ�–‘�‘�„‡ŽŽ‘‡‡”œ‹ƒ�‘

�‡•…‘

Ž�ƒ�‹ˆ‡•–‘

/DFXOWXUDYRODQR GHOUHLQVHULPHQWR ƒ ‹—Â?–ƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡Šƒ†‡Ž‹„‡”ƒ–‘†—‡…‘Â?˜‡Â?œ‹‘Â?‹…Š‡ˆ‘”Â?ƒŽ‹œœƒÂ?‘‹Ž’”‘‰‡––‘ Dz‹„Ž‹‘–‡…Š‡‹Â?Â…ÂƒÂ”Â…Â‡Â”Â‡Çł’‡”‰ƒ”ƒÂ?–‹”‡ƒ–—––‹‹…‹––ƒ†‹Â?‹‹Ž†‹”‹––‘ƒŽŽƒ…—Ž–—”ƒ    

$

nche le biblioteche interne dei due istituti penitenziari bresciani, Canton Mombello e Verziano, aderiscono ai servizi provinciali della Rbb, Rete bibliotecaria bresciana, coordinata dall’Ufficio biblioteche della Provincia. La Giunta provinciale ha deliberato due apposite convenzioni che confermano e formalizzano il progetto “Biblioteche in carcereâ€? avviato dal 2005 a Canton Mombello e dal 2008 a Verziano. “Ho colto la necessitĂ  – spiega Silvia Razzi, assessore alle

  

attivitĂ  e beni culturali della nostra provincia – della presenza della Provincia all’interno delle carceri, come segno tangibile che la cultura diventi fruibile anche da chi non la può vivere sul territorioâ€?. Le biblioteche sono ormai inserite nel circuito della pubblica lettura del territorio, in piena coerenza con il compito istituzionale degli enti locali di favorire la solidarietĂ  sociale tra la comunitĂ  esterna e quella interna agli istituti. “Da questo progetto deriva poi una serie di azioni collaterali tese ad arricchire la dotazione documen-

taria delle biblioteche, supportando anche diverse iniziative culturali come la distribuzione di segnalibri, l’avvio del gruppo di volontari “Valelapena� e “Dona un libro alla biblioteca�. E sono in fase di definizione nuovi corsi di rieducazione e formazione all’interno dei due istituti. Penso a corsi di lingue e la realizzazione di incontri incentrati sulla conoscenza del territorio attraverso immagini e filmati presentati da esperti di vari settori della nostra cultura, fatta di arte, storia, ambiente ed enogastronomia�. “La bibliote-

ca di Canton Mombello – precisa Francesca Gioieni, direttore della Casa circondariale – non è solo un luogo fisico, ma rappresenta soprattutto un luogo mentale ed ideale all’interno del quale le riflessioni ed i pensieri possono trovare spazio ed alimentarsi in un contesto ‘normale’â€?. “La biblioteca – ribadisce Francesca Paola Lucrezi, direttore della Casa di reclusione di Verziano – come possibilitĂ  di accesso alla conoscenza deve diventare il centro di riferimento per tutte le attivitĂ  che si collegano all’esternoâ€?.

ÂŽƒÂ?‹ˆ‡•–‘†‡ŽŽǯÂ?‡•…‘•—ŽŽ‡ „‹„Ž‹‘–‡…Š‡’—„„Ž‹…Š‡°Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇŚ ”‘ǣDzƒŽ‹„‡”–Â?ÇĄ‹Ž„‡Â?‡••‡”‡‡ Ž‘•˜‹Ž—’’‘†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?‡†‡nj ‰Ž‹‹Â?†‹˜‹†—‹’‘–”ƒÂ?Â?‘‡••‡”‡ ”ƒ‰‰‹—Â?–‹•‘Ž‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘Žƒ …ƒ’ƒ…‹–Â?†‹…‹––ƒ†‹Â?‹„‡Â?‹Â?ÇŚ ˆ‘”Â?ƒ–‹†‹‡•‡”…‹–ƒ”‡‹Ž‘”‘†‹nj ”‹––‹†‡Â?‘…”ƒ–‹…‹‡†‹‰‹‘…ƒ”‡ —Â?”—‘Ž‘ƒ––‹˜‘Â?‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?Ǥ ƒ„‹„Ž‹‘–‡…ƒ’—„„Ž‹…ƒ…‘•–‹nj –—‹•…‡—Â?ƒ…‘Â?†‹œ‹‘Â?‡‡••‡Â?ÇŚ œ‹ƒŽ‡ ’‡” ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â”Â‡Â?†‹Â?‡Â?–‘ ’‡”Â?ƒÂ?‡Â?–‡‡Žǯ‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?œƒ Â?‡ŽŽ‡†‡…‹•‹‘Â?‹ǥ°—Â?Ž—‘‰‘†‹ …‘Â?ˆ”‘Â?–‘†ƒ…—‹’‘••‘Â?‘Â?ÂƒÇŚ •…‡”‡ƒ•’‡––‹Â’Â‘Â•Â‹Â–Â‹Â˜Â‹ÇłÇ¤

Ž„‡”–‘‘Â?ƒÂ?‘ •‡Â?’‹‘†‹†‹ƒŽ‘‰‘ Dz‡ „‹„Ž‹‘–‡…Š‡ ‹Â? …ƒ”…‡”‡ Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒƒ”Ž‘Ž„‡”–‘‘nj Â?ƒÂ?‘ǥ’”‡•‹†‡Â?–‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘ÇŚ …‹ƒœ‹‘Â?‡ƒ”…‡”‡‡‡””‹–‘”‹‘Č‚ •‘Â?‘Žǯ‡Â?Â?‡•‹Â?ƒ†‹Â?Â‘Â•Â–Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡…Š‡–—––‹•‘Â?‘…Š‹ƒÂ?ƒ–‹ƒ ˆƒ”‡“—ƒŽ…‘•ƒ‡…Š‡“—ƒÂ?†‘Ž‡ …‘Â?—Â?‹–Â?†‹ƒŽ‘‰ƒÂ?‘•‹’‘••‘nj Â?‘‘––‡Â?‡”‡‰”ƒÂ?†‹Â”Â‹Â•Â—ÂŽÂ–ÂƒÂ–Â‹ÇłÇ¤


͙͘

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‘Â?’‹ƒÂ?‘ Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡Âƒ†‡ŽŽǯ‡š’‘Ž˜‡”‹‡”ƒŽƒ‰”ƒÂ?†‡ˆ‡•–ƒ†‡Ž ƒ‹ Anche quest’anno la delegazione Fai di Brescia aderisce alla campagna di raccolta fondi intitolata “Ricordati di salvare l’Italiaâ€?. Da 35 anni il Fondo ambiente italiano si impegna nel recupero di palazzi, parchi e giardini salvandoli dall’incuria e dall’abbandono. Dall’1 al 31 ottobre chiunque può aderire alla campagna, inviando un sms del valore di 2 euro al numero 45506. A Brescia l’evento che veicolerĂ  la raccolta fondi sarĂ  una grande festa nell’area verde

dell’ex polveriera di Mompiano, in programma per domenica 16 ottobre. La scelta del luogo non è casuale: la piazza dell’ex polveriera, dopo le recenti opere di boniďŹ ca degli ordigni bellici, si conďŹ gura come una vasta area collinare di 146.510 mq. Acquisita nel 2007 dall’Amministrazione comunale, la zona è sottoposta a vincoli paesaggistici ed ora giace inutilizzata ma, vista l’ampiezza e l’interesse storico e naturalistico che essa ricopre, potrebbe diventare

un luogo complementare al Parco delle Colline. La giornata di domenica sarĂ  l’occasione per vedere alcuni dei progetti che hanno partecipato al bando comunale “Manifestazione di interessi alla sistemazione ďŹ nale dell’area dell’ex polveriera di Mompianoâ€? chiusosi nel febbraio 2011 (in caso di pioggia nella sala della Circoscrizione Nord di via Rampinelli 5). Ogni 30 minuti i volontari del Fai terranno delle visite guidate nell’area, della durata di un’ora, illustrando l’ecosistema

del bosco e la struttura dell’ex zona militare con i suoi ediďŹ ci (ultima partenza alle 17). L’area sarĂ  raggiungibile tramite bus navetta dal parcheggio di via Lama, mentre l’Associazione “Amici della biciâ€? organizzerĂ  due partenze di gruppi in bicicletta da piazza della Loggia, alle 10 e alle 14.30. Durante l’orario di apertura i visitatori saranno accompagnati dalle performance degli attori del Teatro Inverso che reciteranno ďŹ abe della tradizione bresciana. (e.b.)

  ”‡•…‹ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Dz‘Â?•‘Ž‘’‡Â?•‹‘Â?ÂƒÂ–Â‹Çł

,ODGULGHLVRJQL IXRULGDOODSRUWD ‹�‘Ž–‹’Ž‹…ƒ�‘•—Ž–‡””‹–‘”‹‘‰Ž‹‡’‹•‘†‹†‹”ƒ‰‰‹”‘�‡‹…‘�ˆ”‘�–‹†‡ŽŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘�‡ ƒ�œ‹ƒ�ƒǤ‡”…‘�–”ƒ•–ƒ”‡‹Žˆ‡�‘�‡�‘°•–ƒ–‘”‡ƒŽ‹œœƒ–‘‹Ž’ƒ••ƒ’‘”–‘ƒ�–‹–”—ˆˆƒ    

&

ambiano il pelo ma non il vizio. Sono i ladri dei sogni, i truffatori degli anziani. Nonostante le campagne di sensibilizzazione, non mancano in cittĂ  e provincia le truffe a danno degli anziani. La cronaca degli ultimi giorni racconta anche di sedicenti incaricati dell’Ufficio censimento che passano a riscuotere casa per casa (ma anche nelle chiese per fantomatici inventari): chiaramente queste persone vanno segnalate alle forze dell’Ordine. E per combattere il fenomeno si realizza anche il “passaporto antitruffaâ€?. A proporlo l’associazione “Non solo pensionatiâ€? che dal 2009 è attiva su tutto il territorio provinciale per combattere l’odioso problema delle truffe perpetrate ai danni degli anziani. Per Fabio Rolfi, vicesindaco cittadino e assessore alla Sicurezza, “insieme alla prevenzione e alla repressione è necessario portare avanti una campagna

Â‘ÂŽÂˆÂ‹ÇŁDz Â?•‹‡Â?‡ƒŽŽƒ ’”‡˜‡Â?œ‹‘Â?‡‡ƒŽŽƒ ”‡’”‡••‹‘Â?‡°Â?‡…‡••ƒ–‹‘ ’‘”–ƒ”‡ƒ˜ƒÂ?–‹—Â?ƒ …ƒÂ?’ƒ‰Â?ƒ’‡”Â?ƒÂ?‡Â?–‡ †‹•‡Â?•‹„‹Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡dz permanente di sensibilizzazione sul fenomeno. Con il ‘passaporto antitruffa’ continua dunque e si arricchisce di un nuovo strumento il percorso iniziato con ‘Fermiamo i ladri dei sogni’ e ‘Non aprite quella porta’ per portare a conoscenza dei nostri anziani le regole basilari che li aiutino a vivere il piĂš possibile serenamenteâ€?. Il passaporto, di semplice consultazione, contiene una serie di vignette che illustrano i principali raggiri messi in atto dai truffatori (l’ultimo in ordine di tempo è quello di fingersi medici e fisioterapisti in grado

di guarire con pomate e massaggi miracolosi), consigli utili e numeri telefonici da contattare nei casi sospetti. “I risultati migliori – ha affermato Daniele Ceresa, presidente dell’associazione – si ottengono in un grande gioco di squadra con le istituzioni. Per questo ringraziamo Regione Lombardia, Provincia e Comune di Brescia, Associazione comuni bresciani, Questura, Carabinieri, Fondazione Asm, Centro servizi del volontariato e Banca Valsabbina per la fattiva collaborazione nella realizzazione di questo vademecum tascabile che l’anziano può e deve portare sempre con sĂŠ e usarlo in tutte le situazioni poco chiareâ€?. A preoccupare non è solo l’immediato danno economico relativo alla perdita di denaro e di oggetti preziosi, legati il piĂš delle volte agli affetti piĂš cari, ma anche il prolungarsi nel tempo di sofferenze che possono provocare danni sullo stato di salute. “Per questo – ha

     

concluso Ceresa – la nostra associazione in futuro svilupperĂ  altre iniziative che andranno ad ampliare il progetto iniziale delle rappresentazioni teatrali organizzate nelle parrocchie, nelle circoscrizioni e nelle sedi di enti e che con l’impegno di tutti consentirĂ  di raggiungere un numero sempre maggiore di cittadiniâ€?. Il passaporto antitruffa, stampato in 30mila copie, è a disposizione nella sede di “Non solo pensionatiâ€? in via Parenzo 23 a.

ƒÂ?‹‡Ž‡Â‡Â”ÂƒÂ•ÂƒÇŁDz Â”Â‹Â•Â—ÂŽÂ–ÂƒÇŚ –‹Â?‹‰Ž‹‘”‹•‹‘––‡Â?‰‘Â?‘‹Â? —Â?‰”ƒÂ?†‡‰‹‘…‘†‹•“—ƒ†”ƒ …‘Â?Ž‡‹•–‹–—œ‹‘Â?‹Ǥ‡”“—‡nj •–‘”‹Â?‰”ƒœ‹ƒÂ?‘Ž‡‹•–‹–—nj œ‹‘Â?‹’‡”Žƒˆƒ––‹˜ƒÂ…Â‘ÂŽÂŽÂƒÂ„Â‘ÇŚ ”ƒœ‹‘Â?‡Â?‡ŽŽƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡ †‹“—‡•–‘˜ƒ†‡Â?‡…—Â? Â–ÂƒÂ•Â…ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‡Çł

‘ŽŽ‡„‡ƒ–‘‘�—�‡

,YRXFKHUFRQWURODFULVL FKHFROSLVFHLOODYRUR

Ž‹ƒ••‡‰�ƒ–ƒ”‹†‡‹ ˜‘—…Š‡”•˜‘Ž‰‡”ƒ��‘ ƒ––‹˜‹–�Žƒ˜‘”ƒ–‹˜‡’‡” ‹Ž‘�—�‡‹�…ƒ�„‹‘ †‹—�ƒ”‡–”‹„—œ‹‘�‡ ‡…‘�‘�‹…ƒ

Voucher contro la crisi. L’amministrazione comunale ha stanziato 10mila euro per l’assegnazione di voucher (buoni lavoro) attraverso bando e successiva graduatoria. Il valore massimo dei voucher per persona è di 1000 euro lordi, che corrispondono a 100 ore di lavoro. I beneficiari dell’iniziativa saranno quei lavoratori che hanno perso il posto di lavoro o che si trovano in cassa integrazione; è possibile la partecipazione anche di altri purchÊ abbiano una situazione economica al di sotto di una determinata soglia e siano in grado di svolgere 100 ore di lavoro nei mesi di novembre e dicembre 2011. L’assegnazione dei voucher avverrà tramite una graduatoria che sarà stilata avvalendosi d’indicatori economici (Isee) che valuteranno i redditi reali percepiti nei

primi otto mesi del 2011. Gli interessati possono chiedere chiarimenti e ritirare il modulo per la presentazione della domanda presso l’Ufficio servizi sociali del Comune. Il termine per la presentazione delle domande è il 25 ottobre 2011. Gli assegnatari svolgeranno attività lavorative per il Comune (lavori di pulizia, manutenzione del patrimonio pubblico e supporto agli uffici amministrativi) tra novembre e dicembre di quest’anno. In questo tempo in cui la crisi economica ha colpito anche alcune persone della nostra comunità, il bando voucher rappresenta il tentativo di dare una risposta concreta alle necessità delle famiglie. Viene offerta infatti la possibilità di lavorare per esigenze della comunità in cambio di una retribuzione economica per le attività effettuate.



‘ŽŽ‡„‡ƒ–‘

Ž�‹…”‘…”‡†‹–‘ ‹�”‹•’‘•–ƒƒŽŽƒ…”‹•‹

ƒŽƒœœ‘‘‰‰‹ƒ ‡‰�ƒŽƒ—�ƒ’‡”•‘�ƒ ’‡”‹Ž—ŽŽ‘�‹

ÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡Šƒ ƒ†‡”‹–‘ƒŽ’”‘‰‡––‘Â?‹…”‘…”‡†‹–‘ ’”‘’‘•–‘†ƒŽŽƒƒ”‹–ƒ•ǤƒŽ‡’”‘nj ‰‡––‘…‘Â?•‡Â?–‡ƒŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…Š‡•‹ –”‘˜ƒÂ?‘‹Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡‡ ƒ…ƒ—•ƒ†‡ŽŽƒ’‡”†‹–ƒ†‡ŽÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ ‘ŠƒÂ?Â?‘ŽƒÂ?‡…‡••‹–Â?†‹•‘•–‡Â?‡”‡ •’‡•‡•ƒÂ?‹–ƒ”‹‡…‘Â?…ƒ”ƒ––‡”‡†‹—”nj ‰‡Â?ÂœÂƒÇĄ‘•’‡•‡Ž‡‰ƒ–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„Â‹Â–ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡‡Ȁ‘ƒŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ǥ†‹‘––‡Â?‡”‡ —Â?’”‡•–‹–‘„ƒÂ?Â…ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄ…‘Â?–ƒ••‹†ǯ‹Â?ÇŚ –‡”‡••‡ÂƒÂ‰Â‡Â˜Â‘ÂŽÂƒÂ–Â‹ÇĄ†ƒ—Â?Â?‹Â?‹Â?‘†‹ Í?͘͘ƒ—Â?Â?ƒ••‹Â?‘†‹͛Ǥ͘͘͘‡—”‘ǥ ƒÂ?Â?‘”–‹œœƒ„‹Ž‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â…Â‘†‹͛͞Â?‡nj •‹Ǥ ÂŽ‘Â?—Â?‡†‹‘ŽŽ‡„‡ƒ–‘ŠƒÂƒÂ†Â‡ÇŚ ”‹–‘ƒŽ’”‘‰‡––‘˜‡”•ƒÂ?†‘Žƒ•‘Â?Â?ƒ †‹͛Ǥ͘͘͘‡—”‘…‘Â?‡…‘Â?–”‹„—–‘ƒŽ ˆ‘Â?†‘†‹‰ƒ”ƒÂ?œ‹ƒ‡†‹…‘’‡”–—”ƒ†‹ ‡˜‡Â?–—ƒŽ‹’‡”†‹–‡ǥ•–ƒ„‹Ž‹–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…ÇŚ …‘”†‘–”ƒƒ”‹–ƒ•‡ƒÂ?…Š‡Ǥ

‘”Â?ƒÂŽÇŻÂƒÂ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â? ‹Ž’”‡Â?‹‘ƒŽŽƒÂ?‡Â?‘”‹ƒ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‘Â…ÂƒÂ–Â‘‹‡–”‘—ŽŽ‘Â?‹Ǥ

ÂŽ”‡Â?‹‘”‹…‘””‡†ƒŽ͙ͥÍ?͛Ǥ‡ •‡‰Â?ƒŽƒœ‹‘Â?‹’‡”‹Ž”‡Â?‹‘—ŽŽ‘Â?‹ ÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ…Š‡’‘••‘Â?‘‰‹—Â?‰‡”‡ ƒÂ?…Š‡†ƒ•‡Â?’Ž‹…‹…‹––ƒ†‹Â?‹ …Š‡†ƒ•‘Ž‹‘‹Â?•‹‡Â?‡ĠƒŽ–”‹ ˜‘‰Ž‹‘Â?‘ƒ……‡Â?†‡”‡‹”‹ˆŽ‡––‘”‹ •—’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‡ŽŽƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â? Â˜Â‹Â•Â•Â—Â–ÂƒÇĄ–‡•–‹Â?‘Â?‹†‡‹˜ƒŽ‘”‹†‹ ƒŽ–”—‹•Â?‘ǥ‰‡Â?‡”‘•‹–Â?ÇĄ…‹˜‹•Â?‘ ‡ƒ……‘‰Ž‹‡Â?ÂœÂƒÇĄ†‘˜”ƒÂ?Â?‘‡••‡”‡ •’‡†‹–‡’‡”’‘•–ƒ‡Â?–”‘‹Ž͙ͥ Â?‘˜‡Â?„”‡ǥ‹Â?†‹”‹œœƒÂ?†‘Ž‡ÂƒÇŁ ‹Â?†ƒ…‘†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ‹ƒœœƒ†‡ŽŽƒ ‘‰‰‹ƒ͙ǥÍšÍ?͙͚͙Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ‘’’—”‡ ˜‹ƒˆƒšƒŽÂ?—Â?‡”‘͚͛͘͘͘͘͜Í&#x;͚͛ ‘–”ƒÂ?‹–‡‡njÂ?ƒ‹ŽÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?†‹”‹œœ‘ •‹Â?Â†ÂƒÂ…Â‘ĚťÂ…Â‘Â?—Â?‡Ǥ„”‡•…‹ƒǤ‹–Ǥ


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‘Â?–‡˜‹…‘ Â?‹Â?…ƒ”‹…‘†‹’”‡•–‹‰‹‘’‡”‡•ƒ”‡ƒœœ‘Â?‹ Cesare Bazzoni, componente del consiglio comunale di Pontevico, è stato nominato vicepresidente vicario nell’esecutivo di FedersanitĂ  Anci. Giacomo Bazzoni è attivo da anni nel settore del welfare e della sanitĂ  ed è presidente della commissione Welfare di Anci e del dipartimento Welfare e sanitĂ  di Anci Loombardia. Egli è presidente e amministratore delegato della cooperativa “Il Gabbianoâ€? che ha fondato con un gruppo di amici e opera nella gestione di servizi socio-

sanitari, assistenziali ed educativi nelle province di Brescia, Cremona e Mantova con un radicamento nel territorio del proprio Distretto socio-sanitario di Leno. “In un momento in cui le risorse dei Comuni si stanno esaurendo – dichiara Bazzoni – mi impegnerò ad essere particolarmente attento a ricercare tutte le possibilitĂ  di integrazione e compenetrazione con le politiche sanitarie e socialiâ€?. “La nomina di Bazzoni è il giusto riconoscimento del suo impegno

͙͙

ƒ†‡”�‡ŽŽ‘

—•–‘ƒŽƒ•–‡ŽŽ‘ di anni a difesa dei servizi sociosanitari dei Comuni e delle fasce piĂš deboli della popolazione – aggiunge il segretario di Anci Lombardia Pier Attilio Superti –. Il lavoro che lo attende è ancora piĂš impegnativo, perchĂŠ oggi i servizi essenziali dei Comuni sono messi in dubbio dalla manovra e dai tagli alle risorse di Regioni e Ministeri, occorrerĂ  ripensare il sistema di welfare provando a integrare le risorse e a gestirle con ancora piĂš efďŹ cienzaâ€?. (pio)

La Fondazione Castello di Padernello e SlowFood Condotta Bassa Bresciana, domenica 16 ottobre, dalle 9.30 alle 18.30 organizzano “Il mercato del buono pulito e giusto�. Condotta Bassa Bresciana propone una degustazione dalle 15 alle 17: l’iniziativa realizzata per sostenere il progetto Slow Food “Mille Orti in Africa�. Oltre alle delizie della Bassa saranno proposti assaggi di due dolci: la Spongarda di Crema e la Spongada della Valle Camonica.

 

‘‰”ƒ–‘‡”�‹�ƒ–‡Ž‡ˆ‡•–‡“—‹�“—‡��ƒŽ‹

0DULDODPDGUH FKHDFFRJOLH ‘�•Ǥ‘�ƒ”‹Šƒ’”‡•‹‡†—–‘Žƒ‡••ƒˆ‹�ƒŽ‡†‡ŽŽ‡ˆ‡•–‡’‡”Žƒƒ†‘��ƒ†‡Ž‘•ƒ”‹‘ǤŽ –‡”�‹�‡°•–ƒ–ƒƒ��—�…‹ƒ–ƒŽƒ�—‘˜ƒ†‡•–‹�ƒœ‹‘�‡†‡Ž’ƒ””‘…‘†‘�‘�‡�‹…‘�‹†ƒ�‹   

'

omenica di sentimenti contrastanti per la comunitĂ  cristiana di Lograto. Gioia e tristezza si sono mescolate negli animi di tutti durante la celebrazione eucaristica che ha concluso le solenni feste quinquennali in onore della Madonna del Rosario. I fedeli della parrocchia, infatti, hanno salutato con entusiasmo la presenza tra di loro del vescovo di Brescia Luciano Monari, accolto dalle autoritĂ  civili e dalle realtĂ  associative del territorio. Dopo il saluto del sindaco Mezzana, intorno alle 17 il Vescovo ha fatto il suo ingresso nella parrocchiale di Ognissanti, offrendo in seguito nell’omelia una significativa interpretazione del ruolo della devozione mariana nella vita dei credenti e delle comunitĂ  cristiane. “La Vergine – ha affermato mons. Monari – non si sostituisce in nessun modo a Dio, la devozione mariana è motivata dal fatto che in lei la grazia del Signore ha potuto agire compiutamente, grazie alla risposta senza reticenze che ella ha offerto al suo progetto. Maria diventa quindi un esempio perchĂŠ anche la nostra possa essere una risposta sempre piĂš convintaâ€?. Al termine della celebrazione si è tenuta la tradizionale processione che ha attraversato il paese tutto pavesato di bianco ed azzurro, sostando

  

ƒ•‘Ž‡Â?Â?‹–Â?Â?ƒ”‹ƒÂ?ƒ °•–ƒ–ƒÂ?‘Ž–‘•‡Â?–‹–ƒ †ƒŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â? …Š��‡‹Â?“—‡•–‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡ •‹‡”ƒ’”‡’ƒ”ƒ–ƒ …‘Â?†‡˜‘œ‹‘Â?‡ presso i numerosi altarini innalzati per l’occasione in onore della Madonna, alla cui protezione è stata solennemente affidata la comunitĂ . Una bella serata da consegnare alle memorie parrocchiali, insomma, di quelle che si ricordano con piacere a distanza di anni. E allora perchĂŠ

la tristezza di cui si diceva? Essa è nata poichĂŠ questa celebrazione ha anche fornito al Vescovo l’occasione per l’annuncio ufficiale della partenza del parroco: don Domenico Amidani, a Lograto dal 2001, è stato destinato alla parrocchia di Orzinuovi. La notizia era giĂ  nell’aria da qualche giorno e a testimonianza di quanto la comunitĂ  tenga al suo pastore sta un toccante episodio avvenuto poco prima della S. Messa. Davanti a mons. Monari appena sceso dall’auto, infatti, si sono presentate con semplicitĂ  alcune ragazze dell’oratorio per manifestargli il loro apprezzamento per la persona e l’operato di don Domenico e per chiedere di lasciarlo nella propria parrocchia. In questo modo le solennitĂ  mariane, cosĂŹ sentite dagli abitanti di Lograto, sono diventate anche una cornice significativa per incominciare a prendere congedo dal loro parroco. Per una curiosa coincidenza la medesima festivitĂ  ha costituito l’occasione anche per don Franco Bertanza di salutare la comunitĂ  di Orzinuovi, nella quale ha prestato servizio come parroco dal 1991: domenica mattina, infatti, in piazza Vittorio Emanuele II al termine della processione ha ricordato: “Sono arrivato qui 20 anni fa proprio in occasione di questa festa e nello stesso modo adesso vi salutoâ€?.

‘……ƒˆ”ƒÂ?…ƒ ÂŽ˜‹ƒ‹ˆ‡•–‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‹’‡”‰Ž‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹ ‘……ƒˆ”ƒÂ?…ƒ•‹’”‡’ƒ”ƒ’‡”…‡Ž‡„”ƒ”‡Žƒˆ‡•–ƒ†‡‰Ž‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹…‘Â?—Â?Â…ÂƒÇŚ Ž‡Â?†ƒ”‹‘…Š‡’”‡˜‡†‡˜ƒ”‹‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ǤÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â‹Â–Â‹Â˜Â‘°’”‡˜‹•–‘’‡”Žƒ•‡nj ”ƒ†‹•ƒ„ƒ–‘Í™Í?ÇĄ“—ƒÂ?†‘Â?‡ŽŽƒ…Š‹‡•‡––ƒ†‹ƒÂ?–ǯÂ?–‘Â?‹‘ƒÂ?†”Â?‹Â?•…‡nj Â?ƒŽƒ…‘Â?Â?‡†‹ƒ†‹ƒŽ‡––ƒŽ‡DzÂŽÂˆĂšÂ…ÂŠÇł†‹ƒ”‹ƒ ‹Ž‹’’‹Â?‹ǥ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ–ƒ †ƒŽŽƒŽ‘…ƒŽ‡…‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒ–‡ƒ–”ƒŽ‡Dz ‡†‡”‹…‘ Â‡Â”Â”ÂƒÂ”Â‡Â•Â‹ÇłÇ¤ ÂŽ…Ž‘—°‹Â?˜‡…‡ ƒ––‡•‘†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞ǣ‹Â?“—‡ŽŽƒÂ†ÂƒÂ–ÂƒÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ‰Ž‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹†‹‘……ƒˆ”ƒÂ?…ƒ ‡†‡ŽŽƒˆ”ƒœ‹‘Â?‡—†”‹ƒÂ?‘ǥ’‡”Žƒ•‡…‘Â?†ƒ˜‘Ž–ƒÂ?‡‰Ž‹—Ž–‹Â?‹–”‡ƒÂ?Â?‹ǥ ˆ‡•–‡‰‰‡”ƒÂ?Â?‘‹Â?•‹‡Â?‡Žƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒŽ‘”‘†‡†‹…ƒ–ƒǤƒ’’”‹Â?ƒ‹ŽÂ–Â”ÂƒÂ•ÂˆÂ‡ÇŚ ”‹Â?‡Â?–‘‹Â?’—ŽŽÂ?ƒÂ?ƒŽ•ƒÂ?–—ƒ”‹‘†‡ŽŽƒƒ†‘Â?Â?ƒ†‡ŽŽƒ‡˜‡†‹†”‘ǥ †‘˜‡˜‡””Â?…‡Ž‡„”ƒ–ƒŽƒƒÂ?–ƒÂ‡Â•Â•ÂƒÇĄ’‘‹‹Ž’”ƒÂ?œ‘‹Â?…‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒƒŽ”‹nj •–‘”ƒÂ?–‡Dz‹‘ Çł†‹”„—•…‘ǤDz1—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡’‡”‰Ž‹ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹†‡ŽŽ‡†—‡ …‘Â?—Â?‹–Â?–ˆƒÂ?Â?‘•ƒ’‡”‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡–’‡”•–ƒ”‡ ‹Â?•‹‡Â?‡‡…‘Â?†‹˜‹†‡”‡—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹ˆ‡•–ƒǤ Â?“—‡•–‘•‡Â?•‘…‹ŠƒÂ?Â?‘ …‘Â?ˆ‘”–ƒ–‘‹’ƒ”‡”‹’‘•‹–‹˜‹•—ŽŽƒ’”‡…‡†‡Â?–‡‡•’‡”‹‡Â?œƒ…‘Â?†‘––ƒ‹Â? Â?ƒÂ?‹‡”ƒƒÂ?ƒŽ‘‰ƒǤ Â?‘Ž–”‡°ÂŽÇŻÂ‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡”—Â?ƒ„‡ŽŽƒ‰‹–ƒˆ—‘”‹’‘”–ƒ …Š‡’—Ö‡••‡”‡Â?‘Ž–‘ƒ’’”‡œœƒ–ƒ†ƒ…Š‹Â?‘”Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡Â?‘Â?°ÂƒÂ„Â‹Â–Â—ÂƒÇŚ –‘ƒ•’‘•–ƒ”•‹‡Â˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÂƒÂ”Â‡ÇłÇ¤Č‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

”œ‹Â?—‘˜‹ ƒ‹„‡”ƒ—Â?‹˜‡”•‹–Â?ƒ’”‡‹„ƒ––‡Â?–‹ ––‘„”‡°‹ŽÂ?‡•‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡ÂŽÂ‡Â‰ÂƒÂ–‘ǥ’‡”Ž‡—Â?‹˜‡”•‹–Â?ÇĄÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘—ˆˆ‹…‹ƒŽ‡ †‡ŽŽ‡Ž‡œ‹‘Â?‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ƒ……ƒ†‡Â?‹…‘’‡”…‹ÖƒÂ?…Š‡ƒ”œ‹Â?—‘˜‹”‹ƒ’”‘Â?‘’‡”‹Ž •‡…‘Â?†‘ƒÂ?Â?‘…‘Â?•‡…—–‹˜‘‹„ƒ––‡Â?–‹†‡ŽŽƒ‹„‡”ƒ—Â?‹˜‡”•‹–Â?ÇĄŽǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ…—Žnj –—”ƒŽ‡˜‘Ž—–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡Ǥ …‘”•‹’”‡˜‹•–‹’‡”Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ •‘Â?‘…‹Â?“—‡‡•‹’”‘–”ƒ””ƒÂ?Â?‘ˆ‹Â?‘ƒŽÍœƒ’”‹Ž‡ÍšÍ˜Í™ÍšÇŁ•‹°‹Â?…‘Â?‹Â?…‹ƒ–‘Ž—Â?‡†¿ ͙͘‘––‘„”‡…‘Â?—Â?…‹…Ž‘†‹Ž‡œ‹‘Â?‹†‹ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒ†ƒŽ–‹–‘Ž‘’ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‡Â?–‡Â‡Â˜Â‘ÇŚ …ƒ–‹˜‘…‘Â?‡Dz Â?’ƒ”ƒ”‡ƒ˜‡†‡”‡’‡”‡••‡”‡–‡•–‹Â?‘Â?‹‡Â?‘Â?Ž‹Â?‹–ƒ”•‹ƒÂ‰Â—ÂƒÂ”ÇŚ †ƒ”‡†ƒÂ•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇłÇ¤‡Ž‡œ‹‘Â?‹•‹–‡””ƒÂ?Â?‘‘‰Â?‹Ž—Â?‡†¿•‡”ƒƒŽŽ‡͚͘Ǥ͜Í?ˆ‹Â?‘ƒŽÍ? †‹…‡Â?„”‡‡•’ƒœ‹‡”ƒÂ?Â?‘Â?‡ŽŽƒ–”ƒ––ƒœ‹‘Â?‡•——Â?ÇŻÂƒÂ?’‹ƒ‰ƒÂ?Â?ƒ†‹ƒ”‰‘Â?‡Â?ÇŚ –‹ǣÂ?‘Â?•‘Ž‘…Žƒ••‹…‹ƒ……‘”‰‹Â?‡Â?–‹–‡…Â?‹…‹…‘Â?‡‹Â?“—ƒ†”ƒ–—”ƒ‡…‘Â?’‘•‹œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹ǥÂ?ÂąŽƒ•—††‹˜‹•‹‘Â?‡–”ƒˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒ†‹Â’ÂƒÂ‡Â•ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…ƒ ‡Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡‡•‘’”ƒ––—––‘Žƒ…‘Â?Â?‡••‹‘Â?‡…‘Â?Ž‡Â?—‘˜‡–‡…Â?‘Ž‘‰‹‡Ǥ ‹’ƒ”Ž‡”Â?‹Â?ˆƒ––‹†‹ˆ‘”Â?ƒ–‹†‹ƒ”…Š‹˜‹ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹‡Â†Â‹Â‰Â‹Â–ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ†‹Â—Â–Â‹ÂŽÂ‹ÂœÇŚ œ‘†‡‹’”‘‰”ƒÂ?Â?‹†‹‰”ƒˆ‹…ƒ‡†‹Â?‘†‹ˆ‹…ƒ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹’‹Î†‹ˆˆ—•‹Č‹Š‘–‘•Š‘’ •—Â–Â—Â–Â–Â‹ČŒ‡†‡ŽŽ‡ƒ„‹Ž‹–Â?”‹…Š‹‡•–‡’‡”‹ŽÂ?‘Â?–ƒ‰‰‹‘†‹—Â?˜‹†‡‘‡Žƒ…”‡ƒœ‹‘Â?‡ †‹ƒŽ„—Â?†‹‰‹–ƒŽ‹Ǥ‹•ƒ”Â?•’ƒœ‹‘ƒÂ?…Š‡’‡”—Â?’ƒ‹‘†‹—•…‹–‡…‘ŽŽ‡––‹˜‡’‡””‹nj …ƒ˜ƒ”‡Â?ƒ–‡”‹ƒŽ‡†‡•–‹Â?ƒ–‘ƒ—Â?ƒÂ?‘•–”ƒ…‘Â?…Ž—•‹˜ƒǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

  ÇŻ   

‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹ ÂŽ‡”‰‘Â?‹’‡”‹Â?’ƒ”ƒ”‡ƒ…‘•–”—‹”‡ǤǤǤ ÂŽ—•‡‘‡”‰‘Â?‹ǥ‰”ƒœ‹‡ƒŽ‘Â?—Â?‡‡ƒ‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹—•‡‹ǥ…‹•‘Â?‘…‘”•‹†‹ ‘‰Â?‹‰‡Â?‡”‡Ǥ‡”‰Ž‹ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‹†‹…‹Â?‡Â?ÂƒÇĄ°‹Â?…‘”•‘Žƒ”ƒ••‡‰Â?ƒDz‘•’‡…nj …Š‹‘‡‰Ž‹ÂƒÂŽÂ–”‹dzǢŽǯ‹Â?‰”‡••‘°Ž‹„‡”‘‡‹’”‘••‹Â?‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹•‘Â?‘’”‡˜‹•–‹‹Ž Í™ÍœÇĄ͚͙‡͚͠‘––‘„”‡ǤÂ?‘˜‡Â?„”‡ǥ‹ŽÍœÇĄ•‹’ƒ”–‡…‘Â?‹Ž…‘”•‘†ƒŽ–‹–‘Ž‘DzƒÂ?–ƒ …Š‡–‹Â’ÂƒÂ•Â•ÂƒÇł…‘Â?•‹•–‡Â?–‡‹Â?•‡––‡Ž‡œ‹‘Â?‹’‡”ƒ’’”‡Â?†‡”‡Ž‡…ƒÂ?œ‘Â?‹Â’Â‘Â’Â‘ÂŽÂƒÇŚ ”‹Ǥ Â?“—‡•–‘…ƒ•‘Ž‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹•‘Â?‘Ž‹Â?‹–ƒ–‡ƒ—Â?Â?—Â?‡”‘†‹Í™Í?’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ ‡†‹Ž…‘•–‘°†‹Í?͘‡—”‘…‘Â?’Ž‡••‹˜‹Ǥ‡Â?’”‡Â?‡ŽÂ?‡•‡†‹Â?‘˜‡Â?„”‡ǥ•ƒ„ƒ–‘ ͙͚ǥ͙ͥ‡͚͞†ƒŽŽ‡Í™Í?ƒŽŽ‡͙͠•‹–‡””Â?—Â?Žƒ„‘”ƒ–‘”‹‘Â?ƒÂ?—ƒŽ‡’‡”ƒ’’”‡Â?†‡”‡Žƒ ’”‘†—œ‹‘Â?‡‡ˆƒ„„”‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒÂ…ÂƒÂ”Â–ÂƒÇ˘’‡”’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡°Â?‡…‡••ƒ”‹‘‹•…”‹˜‡”•‹ ‡˜‡”•ƒ”‡Žƒ“—‘–ƒ†‹͙͚͘‡—”‘ǤƒŽ͚ͥÂ?‘˜‡Â?„”‡ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘°’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ–‘ —Â?…‘”•‘†‹…—…‹Â?ƒ•—ŽŽ‡“—ƒ––”‘•–ƒ‰‹‘Â?‹ǢÂŽÇŻÂ‹Â•Â…Â”Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡°Ž‹Â?‹–ƒ–ƒƒÍ™Í?Â’ÂƒÂ”Â–Â‡Â…Â‹ÇŚ ’ƒÂ?–‹‡Šƒ—Â?…‘•–‘†‹͘͠‡—”‘Ǥ Â?ÂˆÂ‘ÇŁÍ˜Í›Í˜Č€ÍĄÍžÍ?͘Í?ÍĄÍ™‘’’—”‡Í˜Í›Í˜Č€ÍĄÍžÍ?͘͜Í?Í?ǤČ‹ÂˆÇ¤Â?Ç¤ČŒ


͙͚

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

…“—ƒˆ”‡††ƒ ‡•—‘”‡•ƒŽ—–ƒÂ?‘Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â?†‘’‘͙͘Í?ƒÂ?Â?‹ “La ComunitĂ  acquafreddese è chiamata a porgere un saluto che, se da un lato, è carico di gratitudine e ricco di riconoscenza, dall’altro è permeato da un sentimento di smarrimento, a cui si mescolano stupore e preoccupazione, commozioneâ€?. Con queste parole il parroco di Acquafredda, don Marco Lancini, riassume bene i sentimenti di tutta la comunitĂ  per le suore Ancelle, che dopo 105 anni salutano la parrocchia.

Domenica 16 ottobre alle 10 è ďŹ ssato il ritrovo presso l’asilo con il corteo verso la chiesa parrocchiale; alle 10.30 la S. Messa solenne presieduta da mons. Mario Vigilio Olmi. MartedĂŹ 18 ottobre il personale e i bambini della scuola dell’infanzia “Margherita Marchiâ€? salutano le suore. Sabato 22 ottobre, invece, nella chiesa parrocchiale c’è, alle 20.30, il concerto “Viaggio nella musica sacraâ€? da Bach a Frisina. Domenica 23 ottobre,

inďŹ ne, alle 10.30 la S. Messa per la celebrazione comunitaria degli anniversari di matrimonio e il saluto della comunitĂ  a madre Rosalia e a suor Cesarina. “Il ritiro delle Suore Ancelle presenti ad Acquafredda, comporta purtroppo – spiega don Lancini – anche la dolorosa e sofferta decisione di chiudere la comunitĂ  delle Ancelle della CaritĂ , che dal 1906 nel servizio della scuola dell’infanzia, nella visita agli ammalati e anziani,

nell’assistenza oratoriale dei ragazzi, nella catechesi dei piccoli, nell’animazione della liturgia e della CaritĂ  hanno saputo onorare il loro carisma e rendere onore alla loro Santa Fondatrice: S. Maria CrociďŹ ssa Di Rosaâ€?. Nel momento dei ringraziamenti, è anche giusto guardare avanti alla luce della fede: “Questo paese non può arrendersi ai fatti, essi sono davanti a noi e ci interrogano: diamo dunque una risposta che sia quella della fede e della speranzaâ€?.

 ‘�–‹…Š‹ƒ”‹‡ƒ–”‘‘�‘”‹•

6XOSDOFRWUDSURVD WHDWURHFRQFHUWL    

 

'

opo 36 spettacoli dal 21 ottobre al prossimo 25 marzo: è, in sintesi, quanto propone il cartellone di Teatro Bonoris di Montichiari per la stagione 2011/2012. Durante la presentazione alla stampa il sindaco Elena Zanola e il vicesindaco Gianantonio Rosa hanno ricordato come “pur in un contesto di tagli agli enti locali, l’amministrazione comunale e l’associazione Teatro Sociale non hanno voluto ridurre in alcun modo la quantitĂ  e la qualitĂ  degli appuntamenti teatrali. Credo sia doveroso, da parte nostra, ricordare due persone che hanno fatto molto per il nostro teatro, la compianta Elvira Bicelli, custode di lungo corso e straordinaria figura di amante della cultura e il dottor Alberto Verzotti che ha poco rassegnato le dimissioni da consigliere di amministrazione dell’associazione teatraleâ€?. Si parte, come detto, il 21 ottobre con “La scuola delle mogliâ€?, opera immortale di Molière portata in scena dalla compagnia teatrale I Guitti per poi lasciare spazio, domenica 23, al concerto pianistico a quattro mani dei maestri Daniela Piovani e Manuela Dalla Fontana. Per la

ƒŽ͚͙‘––‘„”‡ƒŽÍšÍ?Â?ƒ”œ‘‹Ž…ƒ”–‡ŽŽ‘Â?‡†‡ŽŽƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡ ÍšÍ˜Í™Í™Č€ÍšÍ˜Í™Íš’”‘’‘Â?‡͛͞•’‡––ƒ…‘Ž‹Ǥ‡”Žƒ’”‘•ƒ•‹ •‘––‘Ž‹Â?‡ƒÂ?‘ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹†‹”‹Ž‹‡˜‘…‘Â?‡Dzƒ „‹•„‡–‹…ƒ†‘Â?ÂƒÂ–ÂƒÇł…‘Â?Žƒ…‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒƒŽƒÂ?ƒÂ?†‡” prosa sono da sottolineare alcuni appuntamenti di rilievo come “Toccata e fugaâ€? di Benfield con Gigi Sammarchi e Patrizia Rossetti (il 2 dicembre), “La bisbetica domataâ€? di Shakespeare, a cura della compagnia teatrale di Genova Salamander (il 20 gennaio), “Questa sera si recita Pirandelloâ€? dello stesso Pirandello, con I Guitti (il 27 gennaio), “Honourâ€? di Murray-Smith con Paola Pitagora e Roberto Alpi (il 16 marzo). Sono riconfermate la Rassegna concertistica e quella dialettale: la prima vedrĂ  l’esibizione dei migliori allievi dei Conservatori del Nord Italia (Bolzano, Milano, Brescia, Mantova, Padova, Vicenza, Parma, Piacenza e Verona). Il concerto di apertura è previsto il 6 novembre, mentre quello di chiusura con la premiazione dei vincitori avrĂ  luogo il 4 marzo. Da ricordare che anche quest’anno tutti gli ingressi agli eventi della Rasse-

gna concertistica sono gratuiti. Altro punto di forza del “Bonorisâ€? è il dialetto e la consueta Rassegna vernacolare, in partenza il 20 novembre con la commedia “Casimiro ciao ciaoâ€? a cura della Compagnia de Riultela, che si concluderĂ  con “Sota la nef el pĂ â€? della immarcescibile compagnia monteclarense CafĂŠ di PiĂścc (in tre appuntamenti il 24 e 25 marzo). La Stagione teatrale propone inoltre il concerto della Scuola d’archi Pellegrino da Montechiaro (il 10 dicembre) e della Banda cittadina (il 23 dicembre). Gli abbonamenti alla stagione, divisi tra prosa (92 euro in platea e 68 in galleria) e Rassegna dialettale (rispettivamente 48 e 32 euro) sono sottoscrivibili fino al 20 ottobre esclusi il 15, 16 e 17) dalle 16 alle 19 presso la biglietteria di Teatro Bonoris. Per informazioni, si può chiamare il Teatro al seguente numero 030/961115.

‡�–”‘†‹—”�‘ƒ•ƒ‹ƒ�…ƒ ƒŽ…—…‹–‘‡†ƒŽ”‹…ƒ�‘ ƒŽŽ‡Ž‡œ‹‘�‹†‹•–‘”‹ƒ

1’ƒ”–‹–ƒ…‘Â?•—……‡••‘Žƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡ÍšÍ˜Í™Í™Č€ÍšÍ˜Í™Íš†‡Ž‡Â?–”‘ †‹—”Â?‘ƒ•ƒ‹ƒÂ?…ƒ†‹‘Â?Â–Â‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇĄ—Â?‘†‡‹’‘Ž‹”‹…”‡ƒ–‹˜‹ ’‹Îƒ––‹˜‹†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ ÂŽÂ?‡”‹–‘˜ƒƒŽ‰”—’’‘†‹˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÇŚ ”‹…‘‘”†‹Â?ƒ–‹†ƒÂ?”‹…‘ƒ”‹ƒ‘••‹‡•‘––‘Žƒ•—’‡”˜‹•‹‘Â?‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘ƒ‹‡”˜‹œ‹•‘…‹ƒŽ‹Ǥ—Â?‡”‘•‹‰Ž‹ƒ’’—Â?Â–ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‹–”ƒ‹“—ƒŽ‹”‹…‘”†‹ƒÂ?‘‹…‘”•‹’‡”‹‘†‹…‹†‹…—…‹–‘‡”‹nj …ƒÂ?‘Č‹Â’Â”Â‡Â˜Â‹Â•Â–Â‹‘‰Â?‹Ž—Â?‡†¿’‘Â?‡”‹‰‰‹‘†ƒŽŽ‡Í™Í?ƒ…—”ƒ†‹ÂŽÇŚ „ƒ”‘•ƒ‘”‡Â?‹‡†‡Ž‰”—’’‘Â…Â—Â…Â‹Â–Â‘ČŒ‡†‹ƒ”–‡ȋ‘‰Â?‹Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘†ƒŽŽ‡Í™Í?ČŒÇ¤‡ŽÂ?‡•‡†‹‘––‘„”‡•‘Â?‘’”‡˜‹•–‡ ÂƒÂŽÂ–Â”Â‡Â•Âż†—‡Ž‡œ‹‘Â?‹•—ŽŽƒ–‘”‹ƒ†‡Ž ‹”‘†ǯ –ƒŽ‹ƒȋ‹Ž͙͚‡͙ͥÂƒÂŽÇŚ Ž‡Í™Í?ČŒ’‡”˜‘Ž‘Â?–Â?†‡Ž‡Ž‘†”‘Â?‘ ƒ••ƒ‘”–‘Ž‘†‹‘Â?–‹nj Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇĄ—Â?ǯ‡•…—”•‹‘Â?‡ƒ‡”‰ƒÂ?‘…‘Â?‹Ž‰”—’’‘˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ȋ‹Ž Í™Í ČŒÇĄŽƒ–‘Â?„‘Žƒ–ƒȋ‹ŽÍšÍ™ČŒ‡Žƒ ‡•–ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ—˜ƒȋ‹Ž͚͛†ƒŽŽ‡Í™Í?ČŒÇ¤

Â?ƒÂ?„‹–‘ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹Â…Â‘ÇĄ‹Ž͚͞ƒŽŽ‡Í™Í?ƒ‘Ž‘Â‘Â‹ÂˆÂƒÂ˜ÂƒÇĄ†‹”‡––‘”‡†‹ ‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹—•‡‹ǥ‹Â?–”ƒ––‡””Â?‹’”‡•‡Â?–‹•—ŽŽƒ•–‘”‹ƒ†‡ŽŽƒ ‘ŽŽ‡œ‹‘Â?‡‡…Š‹Ǥ‡”“—ƒÂ?–‘”‹‰—ƒ”†ƒ‹ŽÂ?‡•‡†‹Â?‘˜‡Â?„”‡

†ƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ”‡‹†—‡ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹†‡ŽÍĄ‡†‡Ž͙͞ƒŽŽ‡Í™Í?…‘Â? Dzƒ”Ž‘‘ŽŽ‘†‹‡Ž‡ƒ˜˜‡Â?–—”‡†‹‹Â?‘……Š‹‘dzǥŽ‡œ‹‘Â?‹ƒ…—”ƒ†‹ Â?–‘Â?‡ŽŽƒ—••‡Â?‹Ǣ‹Ž͙͞•’ƒœ‹‘ƒŽŽƒÂ„Â”Â‹Â•Â…Â‘ÂŽÂƒÇĄÂ?‡Â?–”‡‹Ž͚͙‡ ͚͠…‹•‹’‘–”Â?•„‹œœƒ””‹”‡…‘Â?Ž‡…”‡ƒœ‹‘Â?‹†‹ÂƒÂ–ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‰”ƒœ‹‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â’Â‡Â”Â‹Â‡Â?œƒ†‹‘Â?‹…ƒ—”‘•‹Â?‹‡ ƒ„”‹‡ŽŽƒ—Ž‰ƒǤ ÂŽÂ?‡•‡ •‹…Š‹—†‡”Â?…‘Â?—Â?ƒ…ƒ•–ƒ‰Â?ƒ–ƒ…‘Â?„ƒŽŽ‘Ž‹•…‹‘ȋ‹ŽÍšÍ&#x;ČŒ‡—Â?ƒ •‡”‹‡†‹’”‘‹‡œ‹‘Â?‹‡†‘…—Â?‡Â?–ƒ”‹”‡Žƒ–‹˜‹ƒŽŽƒ‹‡˜‡†‹ƒÂ? ƒÂ?…”ƒœ‹‘’‡””‹…‘”†ƒ”‡Â?‘Â?•ǤÂ?‰‡Ž‘Š‹ƒ”‹Â?‹ǣ”‡Žƒ–‘”‡Â•ÂƒÇŚ ”Â? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹‹‰ƒŽƒǤ ÂŽ‡Â?–”‘†‹—”Â?‘ƒ•ƒ‹ƒÂ?…ƒ…Š‹—†‡”Â? ‹Ž͚͙͙͘…‘Â?—Â?†‹…‡Â?„”‡’‹‡Â?‘†‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ǣ‹Ž͙Ν°‹Â? ’”‘‰”ƒÂ?Â?ÂƒÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ—Â?–‘”Â?‡‘†‹Â„Â‹ÂŽÂ‹ÂƒÂ”Â†Â‘ÇĄƒ”—‘–ƒ–‘……Š‡”Â? ƒŽ’”ƒÂ?œ‘†‹ƒ–ƒŽ‡ȋŽǯ͙͙ƒŽŽ‡Í™ÍšÇĄÍ›Í˜ČŒÇĄƒ—Â?ƒˆ‡•–ƒÂ?ƒ–ƒŽ‹œ‹ƒ…‘Â? ‰Ž‹‘•’‹–‹†‡ŽŽƒƒ•ƒƒŽ„‡”‰‘ȋ‹ŽÍ™ÍžČŒ’‡”…Š‹—†‡”‡ƒŽŽƒ‰”ƒÂ?†‡ …‘Â?‹Žƒ’‘†ƒÂ?Â?‘ƒŽ‡Â?–”‘ǥ‹Ž͙͛†‹…‡Â?„”‡Ǥ‡”…‘Â?‘•…‡”‡ †ƒ˜‹…‹Â?‘Ž‡ƒ––‹˜‹–Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ–‡•‹’—Ö…Š‹ƒÂ?ƒ”‡Žƒ•‡†‡ †‡Ž‡Â?–”‘ƒŽŽ‘Í˜Í›Í˜Č€ÍĄÍĄÍžÍ™ÍĄÍ›Í Ç¤Č‹ÂˆÇ¤Â?Ç¤ČŒ

  Dz  dz

ƒ”’‡�‡†‘Ž‘‡––‡ƒ��‹†‹ƒ––‹˜‹–�

/D3URORFRqODVWUDWHJLD SHUSDUODUHDOWHUULWRULR Sette anni di vivace attivitĂ  sono il grande patrimonio che può portare a proprio vanto la Pro loco di Carpenedolo guidata da Mario Ferrari (nella foto), sodalizio che sarĂ  chiamato al consueto appuntamento assembleare per rinnovare (o confermare) il direttivo. L’associazione dei carpini ha saputo entrare in contatto con le realtĂ  del paese sia istituzionali che minori dialogando con loro e intraprendendo un cammino comune. “Il grande merito della Pro loco – afferma Ferrari – è stato di proporre un linguaggio popolare accessibile a tutti con proposte a qualsiasi livello affiancando alla cultura d’Êlite una piĂš popolare, ma nel medesimo tempo condivisa da tutti. L’organizzazione del nostro gruppo ha fatto strabiliare non pochi attirando numerosi interessi, tanto da essere divenuta un prezioso e fondamentale punto di riferimento soprattutto per l’aspetto partecipativo di molti volontariâ€?. Si è trattato di “un impegnativo lavoro di ricerca, creativo e di responsabilitĂ  – continua Ferrari – che ha permesso di svolgere una funzione altamente sociale verso tutte le realtĂ  presenti: culturali, artistiche, sociali, ricreative ed economiche. In questi ultimi anni, nel momento in cui sono venuti meno i contributi dell’ente locale, il lavoro certosino di presenza e dialogo soprattutto in campo economico ha permesso di ripianare le necessitĂ  finanziarie consentendoci di diventare autonomi. Questo ha consentito, grazie a una precisa pianificazione e un’attenta funzione amministrativa, di gestire tutte quelle risor-

se ottenute con parsimonia, risparmio e oculatezza per far quadrare i conti e continuare nel grande lavoro di rilancio delle tradizioni e di sostegno a tante iniziative�. In assemblea verrà presentato un patrimonio consistente in un’organizzazione amministrativa e logistica di eccellenza oltre a un grande spirito di volontariato di tante persone che anima da sempre il sodalizio carpenedolese. (f.m.)

Â‡Â”Â”ÂƒÂ”Â‹ÇŁDz ÂŽ‰”ƒÂ?†‡ Â?‡”‹–‘†‡ŽŽƒ”‘Ž‘…‘ °•–ƒ–‘†‹’”‘’‘””‡—Â? Ž‹Â?‰—ƒ‰‰‹‘’‘’‘Žƒ”‡ ƒ……‡••‹„‹Ž‡ƒ–—––‹dz


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

͙͛

‡Â?–”‘ˆ‹‡”ƒ†‡Ž ƒ”†ƒ ‡”˜‘Â?‘‹’”‡’ƒ”ƒ–‹˜‹’‡”ŽƒDzƒ••‡‰Â?ƒƒÂ?Â–Â‹Â“Â—ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇł

‡ŽŽ‘ ƒ‰”ƒ†‡Ž…Š‹‘†‹�‘

Con l’edizione 2011 di “Rassegna antiquariaâ€? in programma dal 29 ottobre al 6 novembre, ritorna al Centro ďŹ era di Montichiari un appuntamento ormai divenuto tradizione per il pubblico di collezionisti e appassionati. “Rassegna antiquaria ha un’identitĂ  perfettamente riconoscibile nel panorama degli eventi dedicati all’antiquariato.â€?, spiega Ezio Zorzi, direttore del Centro ďŹ era. “L’offerta è senza dubbio di alto proďŹ lo e non

Tre giorni di eventi. Come ogni autunno si rinnova l’appuntamento con la prestigiosa sagra del fungo chiodino giunta alla 21ª edizione. La manifestazione è in programma dal 21 al 23 ottobre nel centro storico di Dello. Non solo profumo di funghi (uno dei prodotti piÚ ricercati), ma anche di vino e altri prodotti con la presenza in piazza dei mercatini. Per informazioni, si può telefonare al numero 0309718012 o consultare il sito www.comune.dello.bs.it.

mancherĂ  di riscuotere interesse tra i numerosi appassionati che, ogni anno, confermano l’attenzione del territorio per l’arte e l’antiquariatoâ€?. “Rassegna antiquariaâ€?, dunque, si ripropone all’insegna della qualitĂ . Nelle giornate della mostra, i visitatori potranno ammirare proposte che spaziano dai mobili antichi alle tele e ai dipinti, dall’oggettistica d’alto antiquariato ai pezzi da collezione, con legni antichi, tappeti orientali e caucasici,

libri d’epoca, olii, tempere, in un percorso che attraversa la tradizione del Vecchio Continente, con aperture all’arte popolare europea e americana, ďŹ no ad arrivare ad inserti di vintage e collezionismo. Ad impreziosire l’edizione 2011 di “Rassegna antiquariaâ€? è in programma un evento collaterale di assoluto prestigio dal titolo “Cesare Monti: libertĂ  espressiva tra Novecento e Post-impressionismoâ€?, a cura di Guido e Stefano Cribiori.



ƒ•–‡�‡†‘Ž‘••‹•–‡�œƒƒŽŽ‡ˆƒ�‹‰Ž‹‡

/DGHPHQ]D QHOTXRWLGLDQR Â?’”‘‰‡––‘†‡Ž‘Â?—Â?‡‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻ•Žǥ‹Ž‡Â?–”‘Ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹†‹‹‘ ƒ–‡„‡Â?‡ˆ”ƒ–‡ŽŽ‹Č‹ Â”Â…Â…Â•ČŒ†‹”‡•…‹ƒ‡Žƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡’‹‘”‹…‘˜‡”‘‹Â?ƒ„‹Ž‹ƒŽŽƒ˜‘”‘  

   

/

’assessorato ai Servizi sociali del Comune di Castenedolo, avendo rilevato nel proprio contesto territoriale la presenza di numerosi nuclei familiari che ogni giorno, con estrema difficoltĂ  e talvolta con senso di smarrimento e di isolamento, convivono con persone affette da gravi forme di decadimento cognitivo, intende promuovere percorsi di integrazione fra i vari soggetti, pubblici e privati, che giĂ  si occupano dell’assistenza a questi pazienti e del sostegno alle loro famiglie. In collaborazione con l’Asl di Brescia, il Centro S. Giovanni di Dio e la Fondazione pio ricovero inabili al lavoro, il Comune di Castenedolo vuole offrire alle famiglie di cittadini affetti da deficit cognitivo, una serie di iniziative che abbiano come fine il supporto ai caregiver (“coloro che si prendono curaâ€?) su cui ricade l’onere dell’assistenza, favorendo nel contempo la permanenza del paziente nella propria abitazione e nel proprio contesto relazionale. GiĂ  nel maggio scorso si sono tenuti incontri di informazione dei caregivers con notevole successo in termini di partecipazione e di gradimento. Dal 4 ottobre è stato attivato presso l’Ufficio servizi alla persona del Comune di Castenedolo un punto di accesso, con linea telefonica dedicata (339 7868625 ) in funzione cinque giorni alla settimana, dal lunedĂŹ

 

  

Â?ƒ•‡”‹‡†‹‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ ’‡”ˆƒ˜‘”‹”‡Žƒ ’‡”Â?ƒÂ?‡Â?œƒ†‡Ž ’ƒœ‹‡Â?–‡Â?‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ ƒ„‹–ƒœ‹‘Â?‡‡Â?‡Ž’”‘’”‹‘ …‘Â?–‡•–‘”‡Žƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ al venerdĂŹ dalle 9 alle 12, affidato ad un educatore professionale dipendente comunale (Luisa Tagliani) che ha maturato una specifica preparazione nell’ambito dei disturbi cognitivi. A tale operatore potranno rivolgersi tutti coloro che, per motivi personali o professionali, vivono situazioni di

relazione, assistenza, gestione di pazienti affetti da decadimento cognitivo. L’intervento dell’educatore fornirà supporto e indicazioni specifiche, attraverso la consulenza telefonica, ma anche recandosi nelle famiglie che vorranno avvalersi del suo aiuto. Egli avrà anche il compito di formare e supportare gli operatori domiciliari che erogano servizi comunali intervenendo in occasione di difficoltà e problematiche che possono presentarsi con pazienti dementi. Appena il servizio sarà stabilizzato, le famiglie potranno avvalersi di una consulenza sanitaria e assistenziale specifica con personale dell’Irccs, presso gli ambienti del Pio ricovero. Ad integrazione degli interventi sopra descritti, sono ripresi presso la Casa di riposo anche i percorsi di formazione ed educazione per le famiglie: lunedÏ 10 ottobre è intervenuto il dott. Christian Bonanno, psicologo dell’Asl, mentre lunedÏ 17 i dott. Angelo Forti e Manuela Botticchio proporranno l’esperienza di un gruppo di auto-aiuto (Gruppo Agapè) formato dai familiari di ospiti della Rsa affetti da problemi di decadimento cognitivo; si coinvolgeranno altre persone che si prendono cura di persone affette da demenza, affinchÊ si sentano meno sole nella gestione quotidiana dei loro cari. Gli incontri si tengono presso il Centro diurno del Pio ricovero in via Pluda 10 a Castenedolo alle 20.30.

Š‡†‹ ‘”•‘ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…‘†‹„ƒ•‡  Š‡†‹•‘Â?‘ƒ’‡”–‡Ž‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹’‡”’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ƒ—Â?…‘”•‘ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…‘†‹ „ƒ•‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘†ƒ‡ƒÂ?ÂŠÂ‘Â–Â‘Â‹Â–ÂƒÂŽÂ›ÇĄ—Â?‰”—’’‘†‹ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹’”‘ˆ‡••‹‘Â?‹•–‹ ‡Â?‘Â?…‘Â?†‹˜‡”•‹ƒÂ?Â?‹†‹‡•’‡”‹‡Â?œƒǤ‡Ž‡œ‹‘Â?‹ǥÂ?‘˜‡‹Â?–—––‘ǥ’”‡Â?†‡”ƒÂ?Â?‘ ‹Ž˜‹ƒÂ?‡”…‘Ž‡†¿͙ͥ‘––‘„”‡‡•‹–‡””ƒÂ?Â?‘•‡Â?’”‡†‹Â?‡”…‘Ž‡†¿ǥƒŽŽ‡͚͙ǥÂ?‡ŽÂ•ÂƒÇŚ Ž‘Â?‡ Š‹•Ž‡”‹‹Â?’‹ƒœœƒ”‡Â?–‘Ǥ‡Ž…‘”•‘†‡ŽŽƒ’”‹Â?ƒŽ‡œ‹‘Â?‡˜‡””Â?‹ŽŽ—•–”ƒ–ƒ —Â?ƒ„”‡˜‡•–‘”‹ƒ†‡ŽŽƒˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒ‡†‡‹‰”ƒÂ?†‹ÂƒÂ—–‘”‹ǢÂ?‡ŽŽƒ•‡…‘Â?Â†ÂƒÇĄ‹Â?…ƒŽ‡Â?ÇŚ †ƒ”‹‘‹Ž͚͞ǥÂŽÇŻÂƒÂ”Â‰Â‘Â?‡Â?–‘–”ƒ––ƒ–‘•ƒ”Â?Dz‹‰‹–ƒŽ‡…‘Â?Â’ÂƒÂ–Â–ÂƒÇĄ”‘•—Â?‡”‡‡nj ÂˆÂŽÂ‡ÂšÇłÇĄŽ‡’ƒ”–‹’”‹Â?…‹’ƒŽ‹…Š‡Ž‡…‘Â?’‘Â?‰‘Â?‘‡ÂŽÇŻÂ—–‹Ž‹œœ‘†‡ŽŽ‡˜ƒ”‹‡ˆ—Â?œ‹‘Â?‹ǥ •‡Â?•‘”‡……†ǥ†‹•’Žƒ›Ǥ ÂŽ…‘”•‘’”‘•‡‰—‡Â?‡”…‘Ž‡†¿ÍšÂ?‘˜‡Â?„”‡…‘Â?—Â?ƒ•‡”ƒ–ƒ †‡†‹…ƒ–ƒƒ‰Ž‹DzÂ„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‹ÇĄˆ‹Ž–”‹‡ƒŽ–”‹ÂƒÂ……‡••‘”‹dzǤ‡‰Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹•—……‡••‹˜‹˜‡””Â? •’‹‡‰ƒ–‘Žǯ—•‘†‡ŽÂ†Â‹Â‰Â‹Â–ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹‰‡Â?‡”‹ÂˆÂ‘Â–Â‘Â‰Â”ÂƒÂˆÂ‹Â…Â‹ÇĄŽƒŽ—…‡ǥ‹–‡Â?’‹ǥ‹Ž†‹ƒˆ”ƒÂ?Â?ƒ ‡Žƒ…ƒÂ?‡”ƒ‘•…—”ƒǤ ÂŽ…‘”•‘•‹…‘Â?…Ž—†‡”Â?‹Ž͙͜†‹…‡Â?„”‡Ǥ‰Â?‹ƒŽŽ‹‡˜‘’‘”–‡nj ”Â?…‹Â?“—‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹†ƒ˜‹•‹‘Â?ƒ”‡‡‹Ž–‡ƒÂ?Š‘–‹–ƒŽ›…‘Â?Â?‡Â?–‡”Â?‰Ž‹ƒ•’‡––‹ –‡…Â?‹…‹‡ƒ”–‹•–‹…‹†‡ŽŽ‡ˆ‘–‘”‡ƒŽ‹œœƒ–‡†‡…”‡–ƒÂ?†‘…‘Â?˜‡”†‡––‘ˆ‹Â?ƒŽ‡‹ŽÂ?‹nj ‰Ž‹‘”ƒ—–‘”‡‡Ž‡Â?‹‰Ž‹‘”‹ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹‡Ǥ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹•‹’—Ö…‘Â?–ƒ––ƒ”‡‹ŽÂ?—nj Â?‡”‘͛͛ͥnj͠Í&#x;͚͙͘͜͞Ǥ‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹†‡Ž…‘”•‘•‘Â?‘”‡’‡”‹„‹Ž‹ƒÂ?…Š‡•—Ž•‹–‘ ‹Â?–‡”Â?‡–ǣ™™™Ǥ’Š‘–‹–ƒŽ›Ǥ…‘Â?ǤČ‹Â?–Â?ČŒ

ƒ”„ƒ”‹‰ƒ ‘˜‹–Â?Â?‡Ž‹ƒÂ?‘†‹†‹”‹––‘ƒŽŽ‘•–—†‹‘ ’’”‘˜ƒ–‘†ƒŽ…‘Â?•‹‰Ž‹‘…‘Â?—Â?ƒŽ‡‹Ž’‹ƒÂ?‘’‡”‹Ž†‹”‹––‘ƒŽŽ‘•–—†‹‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ •…‘Žƒ•–‹…‘ÍšÍ˜Í™Í™ÇŚÍšÍ˜Í™Íš…Š‡ǥ’—”Â?‡ŽŽƒ…‘Â?–‹Â?—‹–Â?ÇĄ‹Â?–”‘†—…‡ƒÂ?…Š‡ƒŽ…—Â?‡Â?Â‘Â˜Â‹ÇŚ –Â?ǤDz‹ƒÂ?‘”‹—•…‹–‹ǥ’—”ˆ”ƒÂ?‹ŽŽ‡†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?Č‚Šƒ†‡––‘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡‘•ƒ—••‘ Č‚ƒ‰ƒ”ƒÂ?–‹”‡Žƒ…‘Â?–‹Â?—‹–Â?†‡‹•‡”˜‹œ‹Â‡Â”Â‘Â‰ÂƒÂ–Â‹ÇĄ…Š‡•’‡••‘†‡–‡”Â?‹Â?ƒ—Â?‹Â?…”‡nj Â?‡Â?–‘†‹”‹•‘”•‡†ƒ‹Â?˜‡•–‹”‡ǤƒŽ‡‡Ž‡Â?‡Â?–‘°‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡•‡˜‹•–‘ƒŽŽƒŽ—…‡ †‡‹’‡•ƒÂ?–‹–ƒ‰Ž‹†‡ŽŽ‘•–ƒ–‘ƒ‹–”ƒ•ˆ‡”‹Â?‡Â?–‹†‡‹‘Â?—Â?‹Ǥ Â?•‡…‘Â?†‘Ž—‘‰‘ ƒ„„‹ƒÂ?‘‹Â?–”‘†‘––‘ƒŽ…—Â?‡Â?‘˜‹–Â?†‹Â”Â‹ÂŽÂ‹Â‡Â˜Â‘ÇĄ“—ƒŽ‹ÂŽÇŻÂƒÂ’’Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡–ƒ”‹ˆˆ‡ †‡‹•‡”˜‹œ‹•…‘Žƒ•–‹…‹…‘Â?Â?‹•—”ƒ–‡ƒŽ”‡††‹–‘ •‡‡‡’”‡˜‡†‹ƒÂ?‘†‹”‡ƒŽ‹œœƒ”‡ —Â?’”‘‰‡––‘‡†—…ƒ–‹˜‘‹Â?ˆƒ˜‘”‡†‡‰Ž‹ƒŽ—Â?Â?‹†‡ŽŽƒ…—‘Žƒ’”‹Â?ƒ”‹ƒ†‹ÂƒÂ”Â„ÂƒÇŚ ”‹‰ƒČ‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇłÇ¤Â?…Š‡’‡”‹Ž’”‘••‹Â?‘ƒÂ?Â?‘Â•Â…Â‘ÂŽÂƒÂ•Â–Â‹Â…Â‘ÇĄƒƒ”„ƒ”‹‰ƒ‹•‡”˜‹œ‹ •ƒ”ƒÂ?Â?‘‰ƒ”ƒÂ?–‹–‹‡‹Â?ƒŽ…—Â?‹…ƒ•‹‹Â?…”‡Â?‡Â?–ƒ–‹Ǥǯ‹Â?’‡‰Â?‘†‹•’‡•ƒ†‹Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?ÇŚ Â?‘ƒÂ?Â?‘Â?–ƒ‹Â?ˆƒ––‹ƒ͚͙͜ǤÍ&#x;͚͜‡—”‘ǥƒˆ”‘Â?–‡†‹Í™ÍĄÍœÇ¤Í˜ÍĄÍžÇĄ‹Â?˜‡•–‹–‹Â?‡Ž‹ƒÂ?‘ †‹”‹––‘ƒŽŽ‘•–—†‹‘ÍšÍ˜Í™Í˜ÇŚÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ…‘Â?—Â?‹Â?…”‡Â?‡Â?–‘†‹”‹•‘”•‡’ƒ”‹ƒŽÍ™Í˜ÎŹÇ¤‡”Ž‡ •…—‘Ž‡†‡ŽŽǯ‹Â?ˆƒÂ?œ‹ƒ•ƒ”ƒÂ?Â?‘‡”‘‰ƒ–‹͜͠ǤÍ?͘͘Č‹Â?ƒ–‡”Â?ƒ†‹ÂƒÂ”Â„ÂƒÂ”Â‹Â‰ÂƒČŒ‡Í™Í&#x;ǤÍ?͘͘ ‡—”‘Č‹Â?ƒ–‡”Â?ƒ†‹ ”‘Â?–‹‰Â?ƒÂ?Â‘ČŒÇ¤”ƒŽ‡”‹•‘”•‡†‡•–‹Â?ƒ–‡ƒŽŽƒ’”‹Â?ƒ”‹ƒ•‹•‘–nj –‘Ž‹Â?‡ƒŽƒ…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ†‡Ž•‡”˜‹œ‹‘†‹Â’Â”Â‡ÇŚÂ•Â…Â—Â‘ÂŽÂƒ‡•‘”˜‡‰Ž‹ƒÂ?œƒ•—ŽŽ‘•…—‘Žƒ„—• Č‹Â?‡‹Â?‘Â?‡Â?–‹†‹Â?ƒ‰‰‹‘”’”‡•‡Â?ÂœÂƒČŒ…‘Â?•–ƒÂ?œ‹ƒÂ?‡Â?–‘†‹Í?Ǥ͞͠͠‡—”‘ǤČ‹Â?–Â?ČŒ

   

 ÇĄ       

—†‹ƒ�‘ ”‡�‹‘ƒŽŽƒ„‘�–�

ÂŽ‘Â?—Â?‡†‹—†‹ƒÂ?‘Šƒƒ’‡”–‘‹Ž„ƒÂ?†‘’‡”Žƒ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡’”‘nj ’‘•–‡†‹…ƒÂ?†‹†ƒ–—”‡ƒŽ”‡Â?‹‘Dz‡”—†‹ƒÂ?‘dz’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘͚͙͘͘Ǥƒˆ‹Â?ƒŽ‹–Â? †‡ŽDz”‡Â?‹‘’‡”—†‹ƒÂ?‘dz°“—‡ŽŽƒ†‹”‹…‘Â?‘•…‡”‡’—„„Ž‹…ƒÂ?‡Â?–‡‹ŽÂˆÂ‘”nj –‡‹Â?’‡‰Â?‘‡†‹ŽŽ‘†‡˜‘Ž‡…‘Â?’‘”–ƒÂ?‡Â?–‘†‹…‘Ž‘”‘…Š‡•‹•‘Â?‘†‹•–‹Â?–‹ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?”—†‹ƒÂ?‡•‡Â?‡‹˜ƒ”‹•‡––‘”‹†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ•‘…‹ƒŽ‡ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â‡Â”Â…Â‹ÂœÂ‹Â‘†‹ǣƒ––‹˜‹–Â?ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”ÂƒÂ–Â‹Â˜ÂƒÇ˘ƒ––‹˜‹–Â?…‘Â?ˆ‹Â?‹Â?—–—ƒŽ‹•–‹…‹‘•‘Ž‹†ƒŽ‹ ‘†‹˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‹ÂƒÂ–Â‘Ç˘ƒ––‹˜‹–Â?Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜ÂƒÇ˘ƒ––‹˜‹–Â?ƒ”–‹•–‹…ƒǤ…‘Â?—Â?“—‡”‹‡Â?Â–Â”ÂƒÇŚ Â?‘Â?‡Ž’”‡Â?‹‘–—––‹…‘Ž‘”‘…Š‡…‘Â?‹ŽŽ‘”‘‹Â?’‡‰Â?‘ŠƒÂ?Â?‘…‘Â?–”‹„—‹–‘ƒŽŽ‘ •˜‹Ž—’’‘Â…Â‹Â˜Â‹ÂŽÂ‡Č€Â…Â‹Â˜Â‹Â…Â‘†‡Ž’ƒ‡•‡Ǥ‹’”‡…‹•ƒ…Š‡Ž‡…ƒÂ?†‹†ƒ–—”‡†‘˜”ƒÂ?Â?‘ ‡••‡”‡‹Â?Â˜Â‹ÂƒÂ–Â‡ÇĄƒŽ‹Â?†ƒ…‘†‹—†‹ƒÂ?‘ǥ‡Â?–”‘Ž‡‘”‡͙͚Ǥ͘͘†‡Ž͙͚Ǥ͙͙Ǥ͚͙͙͘Ǥ ‡”•ƒ’‡”Â?‡†‹’‹Î‡…‘Â?‘•…‡”‡‹Ž”‡‰‘ŽƒÂ?‡Â?–‘ǥ•‹’—Ö…‘Â?–ƒ––ƒ”‡‹ŽÂ?—nj Â?‡”‘͛͘͘Í&#x;͘͘͞Í&#x;͛͜ÇŚÍ&#x;ÍœÍĄÇ¤


͙͜

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

”‡Â?‘ ƒˆ‹‰—”ƒÂ?‹–‹…ƒ†‡ŽDzÂƒÂ†ÂƒÂŽÂ‹Â•Â…Çł La festa del “BadalĂŹscâ€? di solito ha luogo ad Andrista (frazione di Cevo in Valsaviore) il 4 ed il 5 di gennaio. Ne parliamo adesso perchĂŠ di questa ďŹ gura mitica s’è trattato in questi giorni a Breno nel corso del convegno “Carnevali e folclore delle Alpiâ€?, organizzato dall’associazione “LontĂ no verdeâ€? e dal movimento “Incontri per lo studio delle tradizioni alpineâ€?. Sul “BadalĂŹscâ€? ha tenuto un’interessante comunicazione la studiosa e giornalista Fulvia Scarduelli.

La ďŹ gura di questo animale ha origini molto antiche, legate a riti pagani. Nei bestiari è una creatura mitologica che si riteneva avesse il potere di uccidere col solo sguardo, o col ďŹ ato. Il mostro ha corpo peloso, occhi infuocati, bocca enorme (che ricorda vagamente il televisivo Gabibbo). Sotto il travestimento si cela un ragazzo del borgo montano. Quando è il momento, gli altri giovani (mantello da pastore, cappello e bastone) si riuniscono e salgono verso i boschi

per catturare la bestia; una volta fattala prigioniera la trascinano in paese. Un tempo la creatura entrava nelle stalle e cominciava a parlare, indirizzando allusioni verso i presenti: tradimenti matrimoniali, ruberie varie, calunnie infondate ed in genere peccati di una piccola comunitĂ , panni sporchi che sarebbe opportuno non lavare nemmeno in casa. Ai nostri giorni invece tutti si raccolgono nello spazio deputato alle riunioni, alle manifestazioni, o alle feste. La

gente ovviamente cerca di catturare la benevolenza della belva con l’offerta di cibo, anche perchĂŠ se si riesce a riempire quelle enormi fauci, forse, almeno per un po’, si ottiene il silenzio dell’implacabile accusatore che sciorina in pubblico, senza pietĂ , le malefatte di tutto un anno. Attorno alla presenza magica è nato prima il salame, poi la polenta del “BadalĂŹscâ€? ed alla ďŹ ne tutti i salmi ďŹ niscono in gloria, con una tavolata che rimette d’accordo, dopo l’elenco delle odiose malefatte.

  †‘Ž‘–ƒ‰‹‘�‡–‡ƒ–”ƒŽ‡

5LGHUHHULIOHWWHUH VXOSDOFRVFHQLFR ‘Â?“—‡•–ƒ’”‘’‘•–ƒ†‘Ž‘•‹‹Â?Â?‡•–ƒÂ?‡Ž…‹”…—‹–‘‡ƒ–”‹„”‡•…‹ƒÂ?‹‹Â?”‡–‡ǥ’”‘‰‡––‘ …Š‡…‘Â?’”‡Â?†‡ƒÂ?…Š‡Ž‡’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒœ‹‘Â?‹†‡‹‘Â?—Â?‹†‹ƒÂ?‡”„‹‘‡—Â?‡œœƒÂ?‡   

3

romossa dall’Amministrazione comunale di Edolo torna EdoloTeatro, la stagione teatrale che ospitata presso il Teatro San Giovanni Bosco (via Roma 3) riapre il palcoscenico agli appassionati della Valle Camonica. Il rinnovato impegno, inoltre, mette in cantiere non solo appuntamenti per il pubblico serale, ma spettacoli destinati ad altre anime della comunitĂ  edolese. Una stagione in grado di far ridere e sorridere, anche di noi stessi, con momenti di svago e divertimento ma anche di riflessione, calata in diversi contesti temporali ma che in un certo modo rispecchiano anche la nostra epoca. L’inaugurazione è affidata ad una delle attrici piĂš amate del panorama italiano, Lella Costa, che giovedĂŹ 3 novembre apre la stagione portando in scena, in prima provinciale, “Arieâ€?, una raccolta di brani di precedenti lavori che hanno come filo conduttore la musica, non solo come semplice colonna sonora, ma proprio

ǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡ǥ‹ŽÍ› Â?‘˜‡Â?„”‡ǥ°ƒˆˆ‹†ƒ–ƒ ƒ‡ŽŽƒ‘•–ƒ…Š‡’‘”–ƒ ‹Â?•…‡Â?ƒDz”‹‡dzǥ—Â?ƒ ”ƒ……‘Ž–ƒ†‹„”ƒÂ?‹†‹ ’”‡…‡†‡Â?–‹Žƒ˜‘”‹ come voce altra, come complice di palcoscenico. GiovedĂŹ 24 novembre sarĂ  la volta della Compagnia Gank con uno dei testi piĂš rappresentativi di Luigi Pirandello, “Questa sera si recita a soggettoâ€?, che nella versione di Alberto Giusta ripropone con l’energia di questa giovane ma apprezzata compagine il gioco del teatro nel teatro in cui vertiginosamente si passa dal tono della commedia a quello del melodramma, per infine sfiorare la tragedia. A chiudere l’anno sarĂ , giovedĂŹ 15 dicembre, un altro grande artista, Marco Baliani, che dopo il felicissimo debutto al Festival di Spole-

to, porta sul palco del teatro edolese la sua ultima fatica: “Terra promessa. Briganti e migrantiâ€?. Partendo dalla vicenda del brigante Carmine Crocco, lo spettacolo esplora, con la solita passione civile, alcune “zone oscureâ€? della storia dell’unificazione italiana. Ad accompagnare le parole del narratore, compaiono in scena, come apparizioni fantasmatiche, altri personaggi: un mosaico di racconti fatto di voci e punti di vista differenti. MercoledĂŹ 25 gennaio riapre il sipario una delle piĂš interessanti realtĂ  bresciane composta da giovani attori, l’Associazione S.R. Lo spettacolo, su testo di Alessandro Quattro e per la regia di Alessandro Mor, vede rappresentata in scena “La fine del Titanicâ€?. L’atmosfera all’inizio è quella di un film d’epoca. Siamo a bordo del Titanic, ma anche di qualunque nave da crociera, dove gli animatori turistici impazzano. Chiude la sezione serale del programma di Edoloteatro, giovedĂŹ 23 febbraio, un’altra presenza



d’eccezione: Ascanio Celestini. Il suo “La pecora neraâ€? è un lavoro pieno di personaggi esilaranti, ma è, nel complesso, uno spettacolo in cui prevale la poesia fondata sull’indagine, una indagine nella memoria personale e collettiva del presente come luogo di sedimentazione di storie diverse. “La pecora neraâ€?, è uno squarcio sul prima e sul dopo la riforma della psichiatria attuata in Italia con la legge 180, meglio conosciuta come Legge Basaglia.

ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡°‹Â?‰”ƒ†‘ †‹ˆƒ””‹†‡”‡‡•‘””‹†‡”‡ǥ ƒÂ?…Š‡†‹Â?‘‹•–‡••‹ǥ…‘Â? Â?‘Â?‡Â?–‹†‹•˜ƒ‰‘‡ †‹˜‡”–‹Â?‡Â?–‘Â?ƒƒÂ?…Š‡ †‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡ǥ…ƒŽƒ–ƒ‹Â? †‹˜‡”•‹…‘Â?–‡•–‹

†‘Ž‘—‡•’‡––ƒ…‘Ž‹

$SSXQWDPHQWL SHUJOLVWXGHQWL



Â?Ž‡–‘’‡”‰Ž‹•–—†‡Â?–‹ †‡ŽŽ‡•—’‡”‹‘”‹‡ ‹Â?‘……Š‹‘’‡”“—‡ŽŽ‹ †‡ŽŽ‡Â?‡†‹‡ǣ“—ƒÂ?†‘ ‹Ž–‡ƒ–”‘”ƒ‰‰‹—Â?‰‡Ž‡ •…—‘Ž‡†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘

La proposta teatrale di Edolo si amplia come di consueto ad altre anime della comunitĂ  edolese. Due infatti sono gli appuntamenti dedicati agli studenti. MartedĂŹ 24 gennaio, Oscar De Summa e la sua compagnia propongono “Amleto a pranzo e a cenaâ€?, un modo per far toccare con mano ai ragazzi delle scuole superiori come il teatro di Shakespeare possa fornirci strumenti quanto mai efficaci per interpretare il tempo in cui viviamo, per mostrarci quanto Amleto abiti il nostro quotidiano, costantemente, a pranzo e a cena. GiovedĂŹ 2 febbraio, Teatri Possibili propone al pubblico delle scuole medie Pinocchio a testa in giĂš, riscritto e progettato da William Medini, ispirato chiaramente al capolavoro collodiano. Uno spettacolo (vista la pluriennale esperienza

circense e di teatro di strada del regista) che si può leggere a piÚ strati, ma legato a tematiche dell’età adolescenziale, quali la coscienza, la capacità di scegliere, il bullismo, le cattive compagnie, il rapporto genitori/figli, tutto in chiave divertente ma nello stesso tempo poetica. Gli abbonamenti per la stagione teatrale si possono sottoscrivere presso la Biblioteca di via Porro 27 a Edolo, fino a venerdÏ 21 ottobre negli orari di apertura (da lunedÏ a venerdÏ: 8.3012 e 14,30-18) al costo di 80 euro per l’intero e 70 euro per il ridotto. Gli eventuali biglietti (18 euro intero e 15 euro ridotto) si potranno acquistare, per tutti gli spettacoli in cartellone, da lunedÏ 24 ottobre e sempre presso la Biblioteca Civica di via Porro 27 a Edolo.



ƒ•’ƒ”†‘ ”•‹ǥŽ—’‹‡Ž‹Â?…‹ ‹Â?—Â?ƒ•‡”ƒ–ƒ

ƒŽ‡‰�‘ ‘„‡Ž’‡”’ƒ…‡ ‡Žƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–�

‡Â?‡”†¿•‡”ƒƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘Â?‡ŽŽƒ •ƒŽƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œ‡†‹ƒ•’ƒ”†‘°‹Â? ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ—Â?‹Â?…‘Â?–”‘•—‘”•‹ǥ Ž—’‹‡Ž‹Â?…‹Ǥǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ”‹‡Â?–”ƒ Â?‡Ž’”‘‰‡––‘Dz ”ƒÂ?†‹…ƒ”Â?Â‹Â˜Â‘Â”Â‹ÇŁ †‹ˆˆ‘Â?†‡”‡Žƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ ’‡”‡†—…ƒ”‡ƒŽŽƒ…‘Â?˜‹˜‡Â?ÂœÂƒÇł ”‡ƒŽ‹œœƒ–‘†ƒŽŽƒ‘Â?—Â?‹–Â? Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ…‘Â?‹Ž…‘Â?–”‹„—–‘ †‡ŽŽƒˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ƒ”‹’Ž‘‡ †‡Ž‘Â?—Â?‡†‹ƒ•’ƒ”†‘Ǥ ǯ‹Â?–‡Â?–‘°“—‡ŽŽ‘†‹ˆ‘”Â?‹”‡ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ƒŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â?Ž‘…ƒŽ‹ •—ŽŽ‡‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹†‹Â?ƒÂ?‹…Š‡†‹ ”‹…‘Ž‘Â?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡‹‰”ƒÂ?†‹ …ƒ”Â?‹˜‘”‹Â?‡ŽŽ‡ƒŽ’‹Ž‘Â?„ƒ”†‡ ‡‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡•—Ž–‡””‹–‘”‹‘ †‡ŽŽƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒǤ—”ƒÂ?–‡ Žƒ•‡”ƒ–ƒ˜‡””ƒÂ?Â?‘’”‘’‘•–‹‹ ’”‹Â?…‹’ƒŽ‹‹Â?†‹…‹†‹’”‡•‡Â?œƒǤ

Â?‘„‡ŽŽ‘…ƒŽ‡Ǥ ÂŽ‘Â?—Â?‡ †‹ƒŽ‡‰Â?‘’”‘Â?—‘˜‡ƒÂ?…Š‡ Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘‹Ž’”‡Â?‹‘Dz‹–‡• –‡””ƒÂ?’‘••‹†‡Â?–dzǥŽƒ–‡””ƒ ƒ’’ƒ”–‹‡Â?‡ƒŽŽ‡’‡”•‘Â?‡Â?‹–‹Ǥ

ÂŽ’”‡Â?‹‘˜‹‡Â?‡ƒ••‡‰Â?ƒ–‘ ƒ’‡”•‘Â?‡ǥƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹ǥ ‹•–‹–—–‹‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡’‡” Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘‹Â?’”‘‰‡––‹‡ƒœ‹‘Â?‹ †‹•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?‡Â’ÂƒÂ…Â‡ÇĄ‹Â?ƒ––‹ …‘Â?…”‡–‹†‹‰‡Â?‡”‘•‹–Â?‡„‘Â?–Â? —Â?ƒÂ?ƒƒŽ‹˜‡ŽŽ‘ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ ‡Â?‘Â?†‹ƒŽ‡Ǥ‡…ƒÂ?†‹†ƒ–—”‡ ’‘••‘Â?‘‡••‡”‡ƒ˜ƒÂ?œƒ–‡ ˆ‹Â?‘ƒŽŽ‡͙͛†‡ŽÍšÂ?‘˜‡Â?„”‡ †‹”‡––ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?‘Â?—Â?‡…‘Â? Žƒ’”‘’‘•–ƒÂ?‘–‹˜ƒ–ƒǤ ÂŽ’”‡Â?‹‘ …‘Â?•‹•–‡‹Â?—Â?”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‘ ‹Â?†‡Â?ƒ”‘‡‹Â?—Â?Â?ƒÂ?—ˆƒ––‘…Š‡ ”ƒˆˆ‹‰—”ƒŽ‘•–‡Â?Â?ƒ†‹ƒŽ‡‰Â?‘Ǥ


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‹� —‘˜‹ˆ‘�†‹’‡”•‡‹’”‘‰‡––‹

ƒ”ˆ‘‘ƒ”‹‘‡”Â?‡ Dz‹Â?ƒ…‘Â?–”‘ÂƒÂ–Â–Â‹Â•Â–Â‹Çł

L’ultima assemblea della Bim ha deciso di stanziare 600mila euro. Le opposizioni hanno contestato la decisione perchĂŠ non “distribuisce fondi ai Comuniâ€?. La cifra piĂš considerevole è destinata all’allargamento della strada statale di Edolo. Per il completamento della cantina comprensoriale di Losine e per il settore dei servizi sociali sono stati stanziati rispettivamente 150mila euro. Altri 50mila euro saranno utilizzati per la costituzione di una struttura tecnica

Dalla “Canzone del soleâ€? a “Pensiero stupendoâ€?, passando per “Emozioniâ€? e “Parole, parole, paroleâ€?. Ăˆ un viaggio nella memoria musicale collettiva quello che viene riproposto a Darfo Boario Terme con la serata dedicata alla musica leggera italiana, in cui i grandi che hanno fatto la storia del genere vengono idealmente messi a confronto. “Mina contro Battistiâ€?, questo il titolo della manifestazione, è in programma venerdĂŹ 14 ottobre

all’incubatore di Cividate Camuno e altrettanti per ďŹ nanziare le spese correnti. Per la nuova societĂ  di gestione del demanio sciabile di Montecampione sono stati previsti 400mila euro. Il resto sarò speso per l’integrazione di alcuni interventi in spesa corrente: 90mila euro per la gestione e la salvaguardia del territorio, 20mila per il fondo Comuni della Valtrompia e altrettanti per “Impresa e territorioâ€? per il progetto Esco e 10mila per la mostra “Pitotiâ€?.

alle 21, presso il teatro San Filippo della cittĂ . Intervallati dalla conduzione di Ambrogio Minini, verranno proposti sul palco i maggiori successi della canzone italiana con performance dal vivo accompagnate dalla band “Zona Francaâ€?. Ognuno degli spettatori potrĂ  cosĂŹ rivivere, durante la serata, sentimenti ed episodi della propria vita legati indissolubilmente nella memoria alla colonna sonora di una particolare canzone del

Í™Í?

repertorio nazionale. L’evento è stato sponsorizzato dall’assessorato alla Cultura e dall’Avis intercomunale di Darfo Boario Terme, cui fanno riferimento anche i Comuni di Artogne, Gianico, Pian Camuno e Angolo Terme. Il costo dell’ingresso è di 6 euro; i biglietti, non rimborsabili, possono essere acquistati in prevendita presso la biblioteca civica di Darfo Boario Terme ďŹ no ad esaurimento posti.



‹‡Â?Â?‘ ÇłÂ?ƒ˜‹–ƒ‹Â?Â?‘Â?–ƒ‰Â?ÂƒÇł

ÂŽ‰”—’’‘ƒ‹ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ†‹‡†‡‰‘Ž‘‡‹Ž‰”—’’‘ƒ‹†‹‹‡Â?Â?‘DzÂƒÂ–ÇŚ –‹•–‹Â?‘‘Â?ÂƒÂŽÂ‹Çł‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‹‡Â?Â?‘‡˜‡Â?–‹ǥ‹Ž‘Â?—Â?‡‡ÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÇŚ –‘”‹‘ƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹‘•…‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?‘•ƒ„ƒ–‘Í™Í?‘––‘„”‡ƒŽŽ‡͚͙’”‡••‘ Žƒ•ƒŽƒ…‹Â?‡Â?ƒ–‘‰”ƒˆ‹…ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘”ƒ–‘”‹‘†‹‹‡Â?Â?‘Žƒ’”‘‹‡œ‹‘Â?‡†‡Žˆ‹ŽÂ?ƒ–‘ DzÂ?ƒ˜‹–ƒ‹Â?Â?‘Â?–ƒ‰Â?ÂƒÇł†‹”‡•–‡ ‘”Â?‘ǤŽŽƒˆ‹Â?‡†‡ŽŽƒ’”‘‹‡œ‹‘Â?‡•‡‰—‡ —Â?†‹„ƒ––‹–‘…‘Â?”‡•–‡ ‘”Â?‘ǥ…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒƒÂ?…Š‡‹Ž•—‘Ž‹„”‘Dz ‹‘”‹†‹ …‹Ž‹‡‰‹‘dzǤÇŻ‡Â?–”ƒ–ƒ°ƒ‘ˆˆ‡”–ƒÂŽÂ‹Â„Â‡Â”ÂƒÇ˘‹Ž”‹…ƒ˜ƒ–‘•ƒ”Â?†‡˜‘Ž—–‘ƒŽŽƒ‘Ž‹nj •’‘”–‹˜ƒ†‹•ƒ„‹Ž‹ƒŽŽ‡…ƒÂ?‘Â?‹…ƒǤƒ‘Ž‹•’‘”–‹˜ƒ†‹•ƒ„‹Ž‹ƒŽ…ƒÂ?‘Â?‹…ƒ° •–ƒ–ƒˆ‘Â?†ƒ–ƒÂ?‡Ž͙͚ͥͥ…‘Â?Žƒˆ‹Â?ƒŽ‹–Â?†‹…‘‹Â?˜‘Ž‰‡”‡Ž‡’‡”•‘Â?‡†‹•ƒ„‹Ž‹ †‡ŽŽƒƒŽŽ‡Â?‡ŽŽƒ’”ƒ–‹…ƒ•’‘”–‹˜ƒ‹Â?–‡•ƒ…‘Â?‡Â?‡œœ‘’‡”‘––‡Â?‡”‡—Â? „‡Â?‡••‡”‡ÂˆÂ‹Â•Â‹Â…‘ǥÂ?ƒƒÂ?…Š‡…‘Â?‡—Â?ƒ•–”ƒ†ƒ’‡”Žǯ‹Â?•‡”‹Â?‡Â?–‘‡Žǯ‹Â?ÇŚ –‡‰”ƒœ‹‘Â?‡Â?‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?Ǥ Ž‹‡•‘”†‹Â?‘Â?•‘Â?‘•–ƒ–‹ÂˆÂƒÂ…‹Ž‹ǥƒÂ?…Š‡’‡”…Š¹ •‹•‘Â?‘†‘˜—–‹•—’‡”ƒ”‡•…‡––‹•…‹•Â?‘ǥ†‹ˆˆ‹†‡Â?œƒ‡‹Â?…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‹Ǥƒ Â?‘•–”ƒ’”‹Â?ƒƒ––‹˜‹–Â?°•–ƒ–ƒ—Â?…‘”•‘†‹Â?—‘–‘…Š‡Šƒ˜‹•–‘ŽƒÂ’ÂƒÂ”Â–Â‡Â…Â‹ÇŚ ’ƒœ‹‘Â?‡†‹•‡‹‹•…”‹––‹ǥÂ?ƒ‰‹Â?…‹’ƒ”‡˜ƒ—Â?•—……‡••‘Ǥ‰‰‹Ž‘ˆ”‡“—‡Â?ÇŚ –ƒÂ?‘”‡‰‘Žƒ”Â?‡Â?–‡„‡Â?“—ƒ”ƒÂ?–ƒÂ†Â‹Â•ÂƒÂ„‹Ž‹ǣ°Žƒ†‹Â?‘•–”ƒœ‹‘Â?‡…Š‡…‘Â? Žƒ’‡”•‡˜‡”ƒÂ?œƒ‡Žƒ’ƒ••‹‘Â?‡•‹’‘••‘Â?‘‘––‡Â?‡”‡”‹•—Ž–ƒ–‹‹Â?•’‡”ƒ–‹Ǥ

  ǥ Ǥ  



”‡�‘ �ƒ—‰—”ƒœ‹‘�‡

,O´7HDWURGHOOH$OLÂľ SHUIDUHFXOWXUD ‘Â?—Â?ƒ•ƒŽƒ–‡…Â?‘Ž‘‰‹…ƒ†ƒ͚͘͘’‘•–‹•‹…‘Â?…Ž—†‡Žǯ‹–‹Â?‡”ƒ”‹‘…Š‡’”‹Â?ƒƒ˜‡˜ƒ˜‹•–‘ •‘”‰‡”‡ÂŽÇŻ……ƒ†‡Â?‹ƒƒ”–‡‡˜‹–ƒ‰”ƒœ‹‡ƒŽŽƒ‰‡Â?‡”‘•‹–Â?†‡‹…‘Â?‹—‰‹ƒŽ‡•Â?‹  



/

’evento è stato giustamente definito “Una festa per aprire le ali e iniziare a volareâ€?. Non si tratta soltanto dell’inaugurazione del nuovissimo “Teatro delle Aliâ€?, ma della conclusione di un lungo itinerario che ha visto sorgere l’Accademia arte e vita, un centro culturale di prima grandezza frutto della generositĂ  dei coniugi Romain ed HĂŠlène Zaleski. I benefattori hanno permesso che il progetto delle Serve del Sacro Cuore di GesĂš e dei Poveri (meglio conosciute come suore messicane) decollasse (visto che si tratta di ali). In questi giorni – neanche a farlo apposta – ricorre il 50° anniversario (1961-2011) dell’arrivo a Breno delle prime quattro religiose dal Messico, per diretto interessamento – a suo tempo – del brenese mons. Maffeo Ducoli. Dapprima le monache venute d’oltreoceano si occuparono di un collegio-convitto di studentesse valligiane che frequentavano qui, poi, col tempo, dovettero adattarsi e inventarono l’Accademia di cui s’è detto e da quel momento “la cultura ha messo le aliâ€?. “Motoreâ€? instancabile che ha sempre pulsato è stata madre Luciana Bertoglio, superiora del convento di Breno che sottolinea: “Si vuole proseguire, assieme all’Accademia arte e vita, la missione educativa intrapresa negli

  

ÂŽ‡Â?–”‘•‹‹Â?•‡”‹•…‡ Â?‡ŽŽ‡ƒ––‹˜‹–Â?†‡ŽŽ‡ Dz•—‘”‡Â?‡••‹…ƒÂ?‡dzǥ …Š‡‹Â?‹œ‹ƒŽÂ?‡Â?–‡‡”ƒÂ?‘ ƒ””‹˜ƒ–‡‹Â?ƒŽŽ‡’‡” ‰‡•–‹”‡—Â?…‘Â?˜‹––‘ anni. Si propone come un luogo dove i giovani possano saziare la loro sete di protagonismo. E vuole essere anche strumento di rinascita dei valori del Vangelo, della civiltĂ  e della cultura cristianaâ€?. In questi ultimi giorni è stato dato il “viaâ€? alla settimana di spettacoli, predisposta per solennizzare l’apertura della sala da spettaco-

lo. Ovviamente l’inizio del fitto calendario di avvenimenti ha avuto luogo nel duomo, ove il cardinal Re ha concelebrato col parroco di Breno mons. Franco Corbelli, col vicario generale mons. Gianfranco Mascher, don Aldo Mariotti e don Alessandro Nana. All’omelia, il porporato ha parlato a lungo dell’impegno delle suore per Breno e per la Valcamonica nell’intento di arginare quella che Benedetto XVI ha definito “emergenza educativaâ€?. “Educare – ha concluso l’oratore – è trasmettere valori ed idealiâ€?. Alla fine della Messa vespertina, calata ormai la sera, tutti i presenti si son recati presso l’enorme edificio che ospita tutte le attivitĂ . Qui mons. Re ha benedetto una lapide in ricordo ed ha pubblicamente ringraziato i coniugi Zaleski e tutti coloro che han prestato la loro opera per l’iniziativa. Brevi parole anche da parte dei due benefattori (recentemente insigniti della cittadinanza onoraria di Breno) e del sindaco Sandro Farisoglio. Ha condecorato il tutto la banda musicale cittadina. Nella notte, l’edificio avveniristico del nuovo teatro illuminato a giorno ha offerto le sue forme ai molti obiettivi puntati (macchine fotografiche e telecamere). Da poco è cominciato anche l’anno scolastico e quasi 400 alunni si sono iscritti alla miriade di discipline artistiche e pratiche.

”‡Â?‘ Dz–‘”‹ƒ†‡‹…ƒÂ?—Â?‹‡†‡ŽŽƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇł Â?•‡”ƒ–ƒ’‡Â?•ƒ–ƒ’‡”‰Ž‹ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‹…—Ž–‘”‹†‡ŽŽ‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ†‡†‹…ƒ–ƒ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â”Â‘ÂˆÂ‘Â?†‹Â?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ•–‘”‹ƒ‡†‡ŽŽƒ…—Ž–—”ƒ…ƒÂ?—Â?ƒ…‘Â?—Â?”‡Žƒ–‘”‡†‹ ˜ƒ‰Ž‹ƒǤ ÂŽ‹•–‡Â?ƒ„‹„Ž‹‘–‡…ƒ”‹‘†‹ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ‡Žƒ„‹„Ž‹‘–‡…ƒ…‘Â?ÇŚ ’”‡Â?•‘”‹ƒŽ‡†‹”‡Â?‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?‘ǥ…‘Â?‹Ž’ƒ–”‘…‹Â?‹‘…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄŽƒ’”‡•‡Â?Â–ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡†‡ŽŽƒ–‡”œƒ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‹„”‘Dz–‘”‹ƒ†‡‹…ƒÂ?—Â?‹‡†‡ŽŽƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇłÇĄ ‘’‡”ƒ†‹ƒ—”‘ ‹‘”ƒ’‡”Ž‡‡†‹œ‹‘Â?‹”‡ƒ Â”ÂƒĆ¤Â…ÂƒÇ¤ÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡ÇĄÂ?ƒ–‘ƒ‘”Â?‘Â?‡Ž Í™ÍĄÍœÍĄÇĄ°Žƒ—”‡ƒ–‘‹Â?‘…‹‘Ž‘‰‹ƒ‡†Šƒ‹Â?•‡‰Â?ƒ–‘’‡”ƒŽ…—Â?‹ƒÂ?Â?‹Â?ƒ–‡Â?ƒ–‹…ƒ‡ ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡–‡ƒ–”ƒŽ‡’”‡••‘ƒŽ…—Â?‡•…—‘Ž‡Â?‡†‹‡†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ‡Ž͙ͥÍ&#x;Íœˆ‘Â?ÇŚ †ƒƒ†‹‘ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‡•‹†‡†‹…ƒƒŽŽƒ…ƒ””‹‡”ƒ†‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–ƒ”ƒ†‹‘ˆ‘Â?‹…‘ǥ ƒ„„ƒÂ?†‘Â?ƒÂ?†‘Žǯ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?‡Â?–‘Â?‡Ž͙ͥÍ&#x;͠Ǥ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‘ˆ‘–‘‰”ƒˆ‘‡’‹––‘”‡ †‹Ž‡––ƒÂ?–‡ǥ°ˆƒÂ?‘•‘ƒÂ?…Š‡…‘Â?‡•…”‹––‘”‡‡’‘‡–ƒ‡†°—Â?‘†‡‹’‡”•‘Â?ƒ‰‰‹ ’‹ÎÂ?‘–‹†‡ŽŽƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒǤÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘°’‡”Žƒ•‡”ƒ–ƒ†‹˜‡Â?‡”†¿͚͙ ‘––‘„”‡ƒŽŽ‡͚͙ǥ’”‡••‘‹ŽƒŽƒœœ‘†‡ŽŽƒ—Ž–—”ƒ†‹”‡Â?‘Ǥ‡”—Ž–‡”‹‘”‹‹Â?ÂˆÂ‘Â”ÇŚ Â?ƒœ‹‘Â?‹‹Â?Â?‡”‹–‘ƒŽŽƒ•‡”ƒ–ƒ°’‘••‹„‹Ž‡”‹˜‘Ž‰‡”•‹ƒŽƒŽƒœœ‘†‡ŽŽƒ—Ž–—”ƒ†‹ ”‡Â?‘ǣ’‡”–‡Ž‡ˆ‘Â?‘‡ˆƒšƒŽŽ‘Í˜Í›ÍžÍœÇ¤Í›ÍšÍ›Í›ÍœÍ›ÇĄ‘’’—”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?†‹”‹œœ‘‡njÂ?ƒ‹ŽÂ’ÂƒÂŽÂƒÂœÇŚ ÂœÂ‘Â†Â‡ÂŽÂŽÂƒÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒĚťÂ…Â?˜ƒŽŽ‡…ƒÂ?‘Â?‹…ƒǤ„•Ǥ‹–Ǥ

‡”˜‡Â?‘ ‘Â?•Ǥƒ••‹Žƒ•…‹ƒ’‡”Â?‘–‹˜‹†‹•ƒŽ—–‡ ‘Â?•ǤÂ?‰‡Ž‘ƒ••‹Šƒ”‹Â?—Â?…‹ƒ–‘’‡”Â?‘–‹˜‹†‹•ƒŽ—–‡ƒŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â? †‹‘•‹Â?‡‡†‹‡”˜‡Â?‘‡•‹°”‹–‹”ƒ–‘Â?‡Ž•—‘’ƒ‡•‡†ǯ‘”‹‰‹Â?‡Č‹••‹Â?Â‘ČŒÇ¤

ÂŽ˜‡•…‘˜‘Šƒ‰‹Â?Â?‘Â?‹Â?ƒ–‘…‘Â?‡•—……‡••‘”‡†‘Â? ‹—•‡’’‡ ”ƒÂ?œ‘Â?‹ǥ Â?ƒ–‹˜‘†‹‹‡Â?Â?‘ǥ‡ƒ––—ƒŽ‡’ƒ””‘…‘†‹‡”œ‘‡Â?‘‡†‹‘Â?–‡Ǥ‡Ž ˆ”ƒ––‡Â?’‘‹Ž”—‘Ž‘†‹ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‡ƒ’‘•–‘Ž‹…‘˜‹‡Â?‡”‹…‘’‡”–‘†ƒ†‘Â? ‘„‡”–‘‘Â?‡Â?‹‰Š‹Â?‹ǥ†‹”‡––‘”‡†‡ŽŽǯ”‡Â?‘†‹‹‡Â?Â?‘Ǥ‘Â?•Ǥƒ••‹•‹ ‡”ƒ‹Â?•‡”‹–‘Â?‘Ž–‘„‡Â?‡Â?‡ŽŽ‡†—‡…‘Â?—Â?‹–Â?–ƒÂ?–‘†ƒ‡••‡”‡‹Â?’‘…‘ –‡Â?’‘•–‹Â?ƒ–‘‡ƒ’’”‡œœƒ–‘†ƒŽŽ‡’‡”•‘Â?‡ǤŽŽ‡•’ƒŽŽ‡Šƒ—Â?ƒŽ—Â?‰ƒ ‡•’‡”‹‡Â?œƒ…‘Â?‡…ƒ’’‡ŽŽƒÂ?‘Â?‹Ž‹–ƒ”‡Ǥ˜‡˜ƒ‰‹Â?ÂƒÂ˜Â˜Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‹Â?Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÇŚ ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹Žƒ˜‘”‹†‹”‡•–ƒ—”‘†‡ŽŽ‡…ƒ’’‡ŽŽ‡†‡ŽŽƒ˜‹ƒ…”—…‹•†‹‡Â?‹ƒÂ?‹Â?‘ ‹Â?‘Â?‹‡ƒ˜‡˜ƒ’”‡†‹•’‘•–‘‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ‹Â?˜‹•–ƒ†‡ŽŽƒ•ƒ…”ƒÂ”ÂƒÂ’Â’Â”Â‡ÇŚ •‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡…‡Â?Â?ƒŽ‡†‡ŽŽƒƒÂ?–ƒ”—•’”‡˜‹•–ƒ’‡”‹ŽÂ?ƒ‰‰‹‘͚͙͚͘Ǥ


͙͞

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

Â?œ‹Â?‘ Dz‡––‡Â?„”‡‹Â?œ‹Â?‡•‡dzƒŽŽ‡„ƒ––—–‡ˆ‹Â?ƒŽ‹

‹ŽŽƒƒ”…‹Â?ƒ Â?•‡Â?ƒˆ‘”‘Ç˛Â’Â”Â‘Â˜Â˜Â‹Â†Â‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂŽÂ‡Çłƒ…Š‹ƒÂ?ƒ–ƒ

Sta per concludersi la 51ÂŞ edizione del “Settembre inzineseâ€?, la tradizionale manifestazione di arte, folklore, cultura e sport che è incominciata il 10 settembre scorso e che ha attirato come consuetudine molte persone nella piccola localitĂ  valtrumplina. Il ricco programma della ďŹ era ha occupato ogni giornata del mese con mostre – tra le quali ricordiamo quella intitolata “Reale e immaginarioâ€? dell’artista Tiziano Calcari – degustazioni ed eventi

Il gruppo di volontari dell’Associazione Autolettiga Avis e il Comune di Villa Carcina avevano chiesto alla Provincia l’installazione di un semaforo a chiamata sulla SP BS 345 “delle tre valliâ€? all’altezza dell’incrocio tra via Monte Guglielmo e via Bernocchi. La richiesta era scaturita al ďŹ ne di evitare alle autolettighe del 118, lunghe soste nell’incrocio, perdendo cosĂŹ minuti preziosi sull’intervento. Dallo scorso sabato 17 settembre l’impianto è operativo e può essere

sportivi come la gara podistica non competitiva tenutasi tra i Comuni di Marcheno e Gardone Val Trompia. L’appendice di ottobre ha, invece, visto svolgersi, il giorno 15, la 17ÂŞ edizione della rassegna di cori e canti della montagna con la collaborazione del coro “Inzinoâ€?. La conclusione della manifestazione è prevista, inďŹ ne, per il 22 ottobre, alle 21, con uno spettacolo di danza presso il cinema teatro della localitĂ  valtriumplina.

attivato solo dai volontari tramite un telecomando. “Sono convinta – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Brescia Mariateresa Vivaldini – dell’importanza di quest’opera, la spesa sostenuta servirĂ  a ridimensionare i tempi d’attesa delle autolettighe nei casi di emergenza.â€? La Provincia ha disposto di compartecipare all’iniziativa con lo stanziamento di una somma di 10mila euro da erogare al Comune di Villa Carcina.

  œ‹‡�†ƒƒ‰”‹…‘Žƒ‡•°‹”‘‰‡––‘†‹†ƒ––‹…‘

/HSULPDULHLQILOD QHOODQDWXUD  

+

anno cominciato i ragazzi della primaria di Marcheno, hanno continuato quelli della secondaria di Sarezzo: sono i primi alunni che hanno goduto di una esperienza e giornata straordinaria in Pesèi, l’azienda agricola in Caregno immersa in 100mila metri di verde coltivato con frutti di montagna. Hanno assistito, con adeguata lezione relativa, all’inanellamento e liberazione di uccelli migratori per il monitoraggio ornitologico del progetto “Alpiâ€? dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) di Bologna in collaborazione con la FacoltĂ  di scienze naturali di Trento. Un esperto dell’ente ha illustrato e curato l’operazione nella “passataâ€? appena sotto il roccolino con al centro la splendida “brescianaâ€?, il casello in muratura di pietra locale con lo “sbrofâ€? (sistema di stracci) per far abbassare gli uccelli in volo: entravano cosĂŹ nelle reti in circolo rese invisibili dalle piante potate e curate con arte secolare. Ăˆ l’ultima proposta didattica dell’azienda, nata nel 1997, quando Amedeo Materossi, laureato in agraria, lasciava la affermata azien-

‡•…—‘Ž‡†‹ƒ”…Š‡Â?‘‡ƒ”‡œœ‘ŠƒÂ?Â?‘ƒ••‹•–‹–‘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?ƒÂ?‡ŽŽƒÂ?‡Â?–‘‡ƒŽŽƒŽ‹„‡”ƒœ‹‘Â?‡†‹—……‡ŽŽ‹Â?‹‰”ƒ–‘”‹Ǥ ƒ͙͘ƒÂ?Â?‹°ÂƒÂ–Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄ‹Â?‘Ž–”‡ǥ—Â?ƒ’”‘’‘•–ƒ†‹†ƒ––‹…ƒ’‡” Ž‡•…—‘Ž‡•‘––‘ƒ”‡‰Â?‘‹Â?—Â?ƒÂ?„‹‡Â?–‡…‘Ž–‹˜ƒ–‘ da paterna in Brescia, per questa avventura: lassĂš sotto Caregno su quel dosso panoramico c’erano cascine, prati, roccolo, destinati al degrado, di proprietĂ  materna, una Piotti di Pezzaze. Amante dell’aria aperta, con la laurea giusta vi vedeva il sogno della sua vita. Trovava spalla convinta in Abramo Sabatti, esperto rappresentante di commercio, giusto per pensare poi alla vendita del prodotto. Ristrutturate le cascine, hanno sviluppato e consolidato con passione e grandi sacrifici una produzione di nicchia: ribes rosso e nero, lampone, uva spina, mora, rosa canina, sambuco, piante aromatiche sia per la vendita del prodotto fresco, sia per farne confetture, finite anche a Londra. Hanno rivalutato, recuperando tecniche antiche, prodotti poco conosciuti ma di pregio come il miele di melata. Una storia esemplare di imprendito-

ria giovanile. L’azienda si è strutturata nella cascina principale: laboratorio con autorizzazione Asl per la smielatura (un centinaio di arnie) e il confezionamento del miele. Si aggiunge la lavorazione della frutta prodotta in azienda, la cella frigorifera per il suo stoccaggio, magazzini per il prodotto. Un’ampia sala ospitale, aperta a tutti di domenica, consente assaggi e degustazioni, dimostrazioni, acquisti. C’è anche un piccolo appartamento per l’ospitalità di chi volesse trascorrere piÚ di una giornata nella azienda. Da 10 anni si è affiancata la proposta didattica affidata ora alla dr.ssa Carla Fausti. La giornata tipo prevede l’arrivo in azienda alle 10, ricreazione e divisione in gruppi (max 20/22 alunni) poi la visita a piantagioni, arnie ecc, sui vari percorsi didattici. Per informazioni contattare Abramo: 335 372332.

ƒ�ƒ�‘

Ž‹Â˜Â‘Â‰ÂƒÂ†Â”Â‘ÇĄ—Â?Ž‹„”‘…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒ Ž‡˜‹…‡Â?†‡†‹—Â?ƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒÂ?‘„‹Ž‡

1•–ƒ–ƒ’ƒ”–‡‹Â?–‡‰”ƒÂ?–‡†‡ŽŽƒ•–‘”‹ƒ•ƒ”‡–‹Â?ƒ‡†‡ŽŽǯ‹Â?–‡”ƒ ƒŽ–”‘Â?’‹ƒŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ†‡‰Ž‹˜‘‰ƒ†”‘ǤÂŽ•—‘”‡–ƒ‰‰‹‘‡ ƒŽ•—‘Â?‘†‹ˆ‹…ƒ”•‹Â?‡Ž…‘”•‘†‡Ž–‡Â?’‘°†‡†‹…ƒ–‘‹ŽŽ‹„”‘ Dz Ž‹Â˜Â‘Â‰ÂƒÂ†Â”Â‘Çł•…”‹––‘†ƒ ƒŽŽ‹ƒÂ?‘”—Â?‡ŽŽ‘ǥ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡ ‹Â?’‡Â?•‹‘Â?‡ƒ„‹–ƒÂ?–‡ƒƒÂ?ƒÂ?‘ǤÂ?˜‘Ž—Â?‡…—”ƒ–‘Č‹ÂƒÂ?…Š‡ ‰”ƒˆ‹…ƒÂ?‡Â?Â–Â‡ČŒ†ƒ ‹ƒÂ?ƒ”‹‘ƒœœ‘Ž‹‡…‘Â?ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹‡†‹

˜ƒÂ?‹Â?‡ŽŽ‹ǥ…Š‡•ƒ”Â?’”‡•‡Â?–ƒ–‘ƒŽ’—„„Ž‹…‘˜‡Â?‡”†¿͙͜ ‘––‘„”‡ƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘’”‡••‘ƒŽƒœœ‘˜‘‰ƒ†”‘ƒƒÂ?ƒÂ?‘ …‘Â?—Â?ǯ‹Â?–”‘†—œ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‘•–‘”‹…‘ƒ”Ž‘ƒ„ƒ––‹ǤDz—‡•–‘ Č‚•’‹‡‰ƒÂŽÇŻÂƒÂ—–‘”‡Ȃ°—Â?Ž‹„”‘’‡”–—––‹ǥ…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒŽ‡Â˜Â‹ÇŚ …‡Â?†‡†‡ŽŽƒÂ?‘„‹Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ†‹ƒÂ?ƒÂ?‘ǥ‹Â?–”‡……‹ƒÂ?†‘Ž‡…‘Â? “—‡ŽŽ‡†‡ŽŽƒǎ‰”ƒÂ?†‡ǯ•–‘”‹ƒǤ‡Žƒ’”‘˜‡Â?‹‡Â?œƒ†‹“—‡•–ƒ Â?‘„‹Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ°‹Â?Â…Â‡Â”Â–ÂƒÇĄ°‹Â?˜‡…‡‡˜‹†‡Â?–‡‹Ž”—‘Ž‘’”‡•–‹nj ‰‹‘•‘”‹…‘’‡”–‘†ƒ‹•—‘‹Â?‡Â?„”‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ „”‡•…‹ƒÂ?ÂƒÇĄ…‘•¿†ƒ‡••‡”‡‹†‡Â?–‹ˆ‹…ƒ–‹…‘Â?‡ÇŽ†˜‘…ƒ–‹Â…ÇŚ …Ž‡•‹ƒ‡”‹š‹‡Â?•‹•ǯǣ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄƒ”‡•…‹ƒ‡”ƒÂ?‘…Š‹ƒÂ?ƒ–‹ÇŽÂ˜Â‘Â‰ÂƒÇŚ

†”‹ǯ‹Â?‡Â?„”‹†‡ŽŽƒ‹ŽŽ—•–”‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ…Š‡ƒ˜‡˜ƒ”‹…‡˜—–‘†ƒŽ ˜‡•…‘˜‘Žǯ‹Â?…ƒ”‹…‘†‹ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ”‡‡•ƒŽ˜ƒ‰—ƒ”†ƒ”‡‹„‡Â?‹ †‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒŽ‘…ƒŽ‡Ǥ‡”•‘‹Ž͙͚͘͘‡••‹•‹•–ƒ„‹Ž‹”‘Â?‘ƒÂ?…Š‡ƒ ƒÂ?ƒÂ?‘‡‹Â?—Â?ƒŽƒ’‹†‡”‹Â?˜‡Â?—–ƒƒ……ƒÂ?–‘ƒŽŽƒÂ’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇŚ Ž‡†‡‹ǤǤ ƒ—•–‹Â?‘‡ ‹‘˜‹–ƒ•–ƒ•…”‹––‘ÇŽÂ?Â?‘†‡Ž‹‰Â?‘”‡ ͙͛͛Í&#x;Ǥ—‡•–‘Â?‘Â?—Â?‡Â?–‘°†‡‹•‹‰Â?‘”‹˜‘‰ƒ†”‘†‹ƒÂ?ÂƒÇŚ Â?‘ǯdzǤ—‹•‹…‘Â?…‡Â?–”ƒ‹Ž”ƒ……‘Â?–‘†‹ ƒŽŽ‹ƒÂ?‘”—Â?‡ŽŽ‘ǥ…Š‡ Šƒ˜‘Ž—–‘”ƒ……‘‰Ž‹‡”‡Â?‡ŽŽ‹„”‘Ž‡–ƒÂ?–‡Â?‘–‹œ‹‡’—„„Ž‹…ƒ–‡ •—“—‡•–ƒ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄŽ‡…—‹˜‹…‡Â?†‡ŠƒÂ?Â?‘†ƒ–‘ Ž—•–”‘ƒŽ’ƒ‡•‡˜ƒŽ–”—Â?’Ž‹Â?‘ǥ‹Â?–”‡……‹ƒÂ?†‘•‹…‘Â?Žƒ•–‘”‹ƒ†‹ ”‡•…‹ƒ‡†‡ŽŽƒ‡’—„„Ž‹…ƒ†‹‡Â?Â‡ÂœÂ‹ÂƒÇĄƒŽŽƒ“—ƒŽ‡•‹Ž‡‰ÖƒÂ?ÇŚ …Š‡Â?‡Ž–”ƒÂ?‘Â?–‘†‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ˜‹…‡Â?†ƒ’‡”•‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‘––‘‹Ž †‘Â?‹Â?‹‘‹Â?’‘•–‘†ƒƒ’‘Ž‡‘Â?‡‘Â?ƒ’ƒ”–‡Â?‡ŽÍ™Í&#x;ÍĄÍ&#x;ǤÂ?ƒ ’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡ˆ‘”–‡Â?‡Â?–‡˜‘Ž—–ƒ†ƒŽ‘Â?‹–ƒ–‘…—Ž–—”ƒŽ‡†‹ ‘„‘Ž‹‡•‘””‡––ƒ†ƒ‘Â?—Â?‡†‹ƒ”‡œœ‘‡”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡nj •…‹ƒǤ ÂŽ…‘•–‘†‡ŽŽ‹„”‘°†‹͚͘‡—”‘Ǥ‡”‹Â?ÂˆÂ‘ÇĄÍ˜Í›Í˜Ç¤Í ÍĄÍ˜Í™ÍšÍœÍœÇ¤

ÇŻ 

‘�—�‹–��‘�–ƒ�ƒ‘˜‹–�

6XDSXQLFR SHUOHLPSUHVH Dallo scorso 1 ottobre le pratiche da inviare ai Comuni sulle attivitĂ  produttive vanno inviate in forma digitale, potendo contare sul portale internet r www.suap.valletrompia.it. D’ora in poi non saranno piĂš ammesse trasmissioni di documenti cartacei (si parla di oltre 3.000 pratiche archiviate nel 2010), con un risparmio di cellulosa e uno snellimento della parte burocratica. Un servizio che viene gestito in maniera associata dalla ComunitĂ  montana di Valle Trompia per conto di tutti i Comuni valtrumplini piĂš quelli extra-territoriali di Cellatica e Collebeato. Proprio nella sede dell’ente sovracomunale in via Matteotti 327 a Gardone è stato presentato il nuovo servizio web: un’occasione durante la quale Antonio D’Azzeo (conservatore del registro delle imprese della Camera di commercio di Brescia) ha illustrato le novitĂ  introdotte dal decreto legislativo 160/2010 e fatto il punto sulla trasmissione telematica delle istanze. Nel corso della mattinata è stato distribuito ai Comuni, agli utenti e ai professionisti presenti il lettore di smart card necessario per svolgere le pratiche tramite la ‘Carta regionale dei servizi’. “Con questo progetto – spiega il dirigente dell’area tecnica in ComunitĂ  montana, Fabrizio Veronesi – tutta la Valtrompia si è unita per mettersi in regola con il D.lgs 160/2010, istituendo uno Sportello unico per cittadini e imprese che debbano presentare richieste di autorizzazione per avvio, sospensione o modifica di attivitĂ  produttive sul territorio. Una volta presentata la domanda,

l’utente non dovrà piÚ recarsi presso le diverse istituzioni per acquisire gli eventuali pareri di competenza (Asl, Vigili del fuoco, Sovrintendenza), ma sarà lo Sportello unico che dovrà procurarseli. Inoltre, se la domanda sarà corredata da tutte le certificazioni o dichiarazioni di rito, potrà autorizzare subito l’avvio dell’attività, lasciando alle pubbliche amministrazioni solo il compito di controllare la veridicità di tali dichiarazioni�.

‡’”ƒ–‹…Š‡•—ŽŽ‡ƒ––‹˜‹–� ’”‘†—––‹˜‡˜ƒ��‘‹� ˆ‘”�ƒ–‘†‹‰‹–ƒŽ‡•—Ž ’‘”–ƒŽ‡™™™Ǥ•—ƒ’Ǥ ˜ƒŽŽ‡–”‘�’‹ƒǤ‹–


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

ƒ”…Š‡Â?‘ Í™Í?͘ƒÂ?Â?‹†‹—Â?‹–Â?ǤǤǤ—Â?ÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ•‡Â?œƒ‡–Â?

ƒ�‹‰‹Ž‹‘†‹‘�…‡•‹‘

Ž…‡�–‡�ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ…‘�•ƒ…”ƒœ‹‘�‡†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ

il Comune di Marcheno ha organizzato quattro appuntamenti (“150 anni di unitĂ ... un’idea senza etĂ â€?) per ricordare i 150 anni dell’UnitĂ  d’Italia. Dopo i primi due, il terzo è in programma giovedĂŹ 20 ottobre nella sala consigliare alle ore 20.30: “Il Risorgimento in celluloideâ€?, relatore Lionello Anelli. GiovedĂŹ 27 ottobre, sempre nella sala consigliare alle ore 20.30, Roberto Rizzini affronta il tema “Lingua,

La parrocchia di San Vigilio di Concesio sta celebrando il centenario della consacrazione della chiesa parrocchiale con una serie di eventi che culmineranno il 21 ottobre (giorno esatto del centenario). La casa di Dio è il segno di una comunitĂ  che vuole essere ediďŹ cio spirituale fatto di pietre vive, attraverso l’ascolto e l’annuncio della Parola, la vita sacramentale e la caritĂ . MartedĂŹ 18 ottobre alle 20.30 nella parrocchiale c’è

letteratura, nazioneâ€?. Con i partecipanti del corso verrĂ  concordato un appuntamento integrativo (probabilmente il 3 novembre) realizzato presso una sede archivistica o museale, per approfondire i temi esposti negli incontri. In tale occasione verrĂ  proiettato il ďŹ lmato “Le unitĂ  degli Italianiâ€? realizzato per le celebrazioni del 150° anniversario dell’UnitĂ  d’Italia.

Í™Í&#x;

l’adorazione eucaristica, mentre venerdÏ 21 ottobre alle 20.30 il vescovo Monari presiede la Santa Messa. La chiesa era stata consacrata il 21 ottobre del 1911 dall’allora vescovo Giacinto Gaggia; l’avvenimento è attestato da una lapide in latino collocata in sacrestia. In queste settimane la parrocchia ha invocato Maria perchÊ aiutasse la comunità a camminare con amore fraterno sostenuta dal Signore.



ƒ”‡œœ‘”‘‰‡––‘Dz ‡Â?‡”œ‹‘Â?‹dz

3HUO¡LQWHJUD]LRQH  

Ăˆ

è partito ufficialmente il progetto “GenerAzioniâ€?, avviato dopo che il ministero della Pubblica istruzione ha riconosciuto la Valle del Mella come “area a forte processo migratorioâ€? (17% della popolazione scolastica 2010 costituita da alunni stranieri). “Il progetto – spiega Valter Tanghetti della cooperativa sociale ‘Il mosaico’ – è nato dalla collaborazione in rete fra gli istituti superiori ‘C. Beretta’ di Gardone, ‘P. Levi’ di Sarezzo, ‘F. Moretti’ e ‘V. Bachelet’ di Lumezzane, la nostra cooperativa oltre a Fondazione Cariplo e ComunitĂ  montana. La spesa complessiva sarĂ  di 100mila euro (60mila finanziati da Cariplo) spalmata sui due anni del progetto e interessando due aree di lavoro: lo sviluppo di una proficua relazione scuola-famiglia e una serie di percorsi educativi di cittadinanza attiva e globaleâ€?. “Gener-Azioniâ€? si articola in sei azioni, seguendo alcune prassi operative e valorizzando figure professionali come quella del mediatore linguistico-culturale. “La mediazione – spiega Enrica Coccoli, referente del Cti (Centro territoriale intercultura, ndr) – servirĂ  a rendere autorevole e riconosciuta la voce della scuola nei confronti di genitori stranieri, troppo spesso non coinvolti nella vita scolastica dei figli. Con questo

 

ÂŽ’”‘‰‡––‘…‘‹Â?˜‘Ž‰‡ Ž‡•…—‘Ž‡‡˜ƒŽ‘”‹œœƒ ˆ‹‰—”‡’”‘ˆ‡••‹‘Â?ƒŽ‹ …‘Â?‡“—‡ŽŽƒ †‡ŽÂ?‡†‹ƒ–‘”‡ Ž‹Â?Â‰Â—Â‹Â•Â–Â‹Â…Â‘ÇŚÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ progetto potremo disporre di 200 ore di mediazione, avendo l’opportunitĂ  per rendere saldo un rapporto fra la scuola e le famiglie di questi ragazzi, figli di una prima generazione che sta cambiando la nostra societĂ â€?. Oltre al supporto del mediatore, verranno attivati un servizio di counseling

interculturale e altre quattro azioni. “Importante – spiega la prof.ssa Maria D’Abrosca, referente per il ‘Primo Levi’ di Sarezzo – sarĂ  la formazione in rete rivolta a insegnanti e operatori sociali sui diversi modelli educativi delle persone provenienti da Paesi stranieri; poi l’attivazione di alcuni percorsi guidati, fra cui le visite alla mostra ‘Ritorno a TimbuctÚ’, i laboratori interculturali per ragazzi e adulti, i gruppi di parola e confronto. Inoltre, creeremo un gruppo ‘multiculturale’ di ragazzi che possano svolgere il ruolo di ‘facilitatori culturali’ e faremo partire un percorso socio-educativo dall’apprendimento dello sport e delle regole del cricketâ€?.

ƒ”‡œœ‘ ‡”ƒ–‡†‹‹�…‘�–”‹ ƒ–—––ƒŽ‹”‹…ƒ

ƒ”†‘�‡

Ž˜‘Ž‘�–ƒ”‹ƒ–‘†‹”‡–‡ •‹”‹–”‘˜ƒ‹�ˆ‡•–ƒ

’‡••‘’”‡•–‹ƒÂ?‘Žǯ‘”‡……Š‹‘ ƒ—Â?ÇŻÂƒÂ”Â‹ÂƒˆƒÂ?‘•ƒ‡˜‘””‡Â?Â?‘ •ƒ’‡”Â?‡†‹’‹ÎǤ‡”†ƒ”‡”‹•’‘•–‡ ƒ‹…—”‹‘•‹‡ƒ‰Ž‹ƒÂ?ƒÂ?–‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒÇĄ ƒ””‹˜ƒŽǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒŽƒÂ?…‹ƒ–ƒ†ƒŽ ‘Â?—Â?‡†‹ƒ”‡œœ‘…‘Â?‹Ž…‘”•‘ Dz‘Â?‘•…‡”‡‡ƒ•…‘Ž–ƒ”‡ÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ ÂŽÂ‹Â”Â‹Â…ÂƒÇłÇ¤ ÂŽ…‘”•‘•‹’”‘’‘Â?‡†‹ ’”‡•‡Â?–ƒ”‡ƒŽ…—Â?‡†‡ŽŽ‡Â?ƒ‰‰‹‘”‹ ‘’‡”‡Ž‹”‹…Š‡ǥƒ’’”‘ˆ‘Â?†‡Â?†‘Â?‡ Žƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â…‘Ž–‘‹Â?Â?‘†‘ ˆƒ…‹Ž‡‡‹Â?Â?‡†‹ƒ–‘Ǥƒ”ƒÂ?Â?‘ ‘‰‰‡––‘†‡ŽŽƒÂ”ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄŽƒÂ‘Â•Â…ÂƒÇĄ Žƒ‘Š¹Â?‡‡Žƒ—”ƒÂ?†‘–ǥ •˜‹Ž—’’ƒÂ?†‘’‡”‘‰Â?—Â?ƒ†‹‡••‡ —Â?’‡”…‘”•‘†‹†ƒ––‹…‘•—–”ƒÂ?ÂƒÇĄ ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒČ‹Â•Â–Â”Â—Â–Â–Â—Â”ÂƒÇĄ Â˜Â‘Â…Â‹ÇĄ•–”—Â?‡Â?Â–Â‹ČŒÇĄƒ•…‘Ž–‘‰—‹†ƒ–‘ ‡…‘Â?Â?‡Â?–ƒ–‘Ǥ Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹ •ƒ”ƒÂ?Â?‘–‡Â?—–‹†ƒ ‡†‡”‹…ƒ —ƒ”ƒÂ?Â–ÂƒÇĄ†‹’Ž‘Â?ƒ–ƒ‹Â?˜‹‘Ž‹Â?‘‡ …‘Â?‡•’‡”‹‡Â?œƒ…‘Â?…‡”–‹•–‹…ƒ†‹ Â”Â‹ÂŽÂ‹Â‡Â˜Â‘ÇĄ–”ƒ…—‹Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?ÂŽÇŻ”…Š‡•–”ƒ•‹Â?ˆ‘Â?‹…ƒ†‡Ž ‡•–‹˜ƒŽ†‹ƒÂ?”‡Â?‘Ǥ ÂŽ…‘”•‘•‹ •˜‘Ž‰‡”Â?†‹Â?‡”…‘Ž‡†¿…‘Â?—Â?ƒ †—”ƒ–ƒ†‹‘‰Â?‹Ž‡œ‹‘Â?‡†‹†—‡‘”‡ …‹”…ƒČ‹Â†ÂƒÂŽÂŽÂ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘ƒŽŽ‡ÍšÍšÇ¤Í›Í˜ČŒ •‡…‘Â?†‘‹Ž•‡‰—‡Â?–‡…ƒŽ‡Â?Â†ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇŁ͙ͥ ‘––‘„”‡ǥ͚͞‘––‘„”‡ǥÍšÂ?‘˜‡Â?„”‡ǥ ÍĄÂ?‘˜‡Â?„”‡ǥ͙͞Â?‘˜‡Â?„”‡’”‡••‘ ÂŽÇŻÂƒÂ—Â†Â‹Â–Â‘Â”Â‹Â—Â?†‡ŽŽƒ‹„Ž‹‘–‡…ƒ†‡Ž ƒ‹Ž‘ȋ—Ž–‹Â?‘’‹ƒÂ?Â‘ČŒ‹Â?˜‹ƒƒ‹Ž‘Â?Ǥ ÍœÍ&#x;ƒƒ”‡œœ‘Ǥ ÂŽ…‘•–‘†‹‹•…”‹œ‹‘Â?‡ °†‹Í›Í?‡—”‘’‡”‘‰Â?‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‡Ǥ ‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹•‹”‹…‡˜‘Â?‘’”‡••‘ ÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘•‡”˜‹œ‹…—Ž–—”ƒŽ‹‡•…‘Žƒ•–‹…‹ †‡Ž‘Â?—Â?‡†‹ƒ”‡œœ‘’”‡••‘ ƒŽƒœœ‘˜‘‰ƒ†”‘ƒƒÂ?ƒÂ?‘ȋ–‡ŽǤ Í˜Í›Í˜Ç¤Í ÍĄÍ˜Í™ÍšÍœÍœČŒÇ¤ ÇŻÂ—ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹Â‘°ƒ’‡”–‘ƒŽ’—„„Ž‹…‘†ƒŽ Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†ÂżƒŽ•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡‘”‡͙͘ƒŽŽ‡ ‘”‡͙͚Ǥ

ƒ‘Â?•—Ž–ƒ†‡ŽŽ‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹ …—Ž–—”ƒŽ‹‡•‘…‹ƒŽ‹†‹ ƒ”†‘Â?‡ ƒŽ”‘Â?Â’Â‹ÂƒÇĄ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?‰Ž‹ƒ••‡••‘”ƒ–‹ƒ—Ž–—”ƒ ‡•‡”˜‹œ‹•‘…‹ƒŽ‹†‹‘Â?—Â?‹–Â? Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ‡‘Â?—Â?‡†‹ ƒ”†‘Â?‡ǥ ‹Ž ‘”—Â?–‡””‹–‘”‹ƒŽ‡†‡Ž‡”œ‘ •‡––‘”‡†‹ƒŽŽ‡‡…‘Ž’ƒ–”‘…‹Â?‹‘ †‡Ž•˜Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ ’‡”•ƒ„ƒ–‘Í™Í?‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞ ‘––‘„”‡Žƒ͚ª‡†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ Dz ‡•–ƒ†‡Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘‹Â?”‡–‡dzǤ ‡†‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘•ƒ”Â?…‘Â?‡ ’‡”‹Ž͚͙͘͘Žƒ•–”—––—”ƒ†‡‹ ƒ’ƒÂ?Â?‘Â?…‹Â?‹’”‡••‘‹Žƒ”…‘ †‡ŽÂ‡ÂŽÂŽÂƒÇĄ…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”Âƒ†‡ŽŽƒ ˆ‡•–ƒ’”‡˜‹•–ƒƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͙Í?†‹ •ƒ„ƒ–‘ǤÂ‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡…‹•ƒ”Â?Žƒ ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯÂ?Â?‘‡—”‘’‡‘ †‡Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘…‘Â?‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‹ ‘”‡Â?œ‘—”–‹Č‹Â”Â‹Â™ÂƒÂ”ÂƒČŒÇĄ ‹—•‡’’‡ ƒŽ˜‹Â?‡ŽŽ‹Č‹ ‘Â?Â•Â‹Â’Â‡Â…ČŒ‡ ‹ƒ…‘Â?‘ ‹‰Â?‘”‘Â?‹Č‹Â˜Â‹ČŒÇ˘ƒ•‡‰—‹”‡ǥ ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ˜‡””Â?’”‘‹‡––ƒ–‘‹Žˆ‹ŽÂ?DzÂŽ „‘•“—‡Â–Â‡Â”Â…Â‹ÂƒÂ”Â‹Â‘Çł†‘…—Â?‡Â?–ƒ”‹‘ ’”‘†‘––‘†ƒƒ„͘͠ ‹ŽÂ?‡‰‹”ƒ–‘ †ƒŽ”‡‰‹•–ƒŽ„‡”–‘ƒŽ–‡ŽŽ‹Â?ƒ ȋ’”‡•‡Â?–‡ƒŽŽƒÂ•Â‡Â”ÂƒÂ–ÂƒČŒÂ?‡‹†‹Â?–‘”Â?‹ †‹ÂƒÂ…ÂƒÂ•ÇĄ…—ƒ†‘”‘”‹‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ …‘Â?’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ †‡ŽŽƒ —Â?Â†ÂƒÂ…Â‹Ă—Â?ŠƒÂ?Â?Â—ÂƒÂ’ÇŻ‡‰Ž‹ ‹Â?†‹‰‡Â?‹…Š‡˜‹˜‘Â?‘•—Ž…‘Â?ˆ‹Â?‡ ’‡”—˜‹ƒÂ?‘‹Â?—Â?†‹ƒŽ‘‰‘ƒ––‘”Â?‘ƒŽ Â?—Ž–‹ˆ‘”Â?‡…‘Â?…‡––‘†‹ÇŽÂ•Â˜Â‹ÂŽÂ—’’‘ǯǤ ‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ’”‡••‘ ‹Ž…‘Â?’Ž‡••‘†‹Ǥƒ”‹ƒ†‡‰Ž‹ Â?‰‡Ž‹ƒ ƒ”†‘Â?‡•‹–‡””Â?†ƒŽŽ‡ ‘”‡͙͘Ǥ͙Í?ƒŽŽ‡͙͞‹ŽÂ?‡”…ƒ–‹Â?‘ †‡ŽŽ‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹ǥ…‘Â?‹‰—ƒ†ƒ‰Â?‹ †‡˜‘Ž—–‹ƒŽ ”—’’‘Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘ ‹Â?œ‹Â?‡•‡’‡”Žƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹—Â? …‡Â?–”‘•ƒÂ?‹–ƒ”‹‘‹Â?ƒÂ?‡”—Â?ÇĄ‰‹Â? ‡†‹ˆ‹…ƒ–‘ƒŽÍ&#x;Í˜ÎŹÇ¤

  Dz dz    

,OSUHPLR&HVDUSDUODEUHVFLDQR Il 7 ottobre si è tenuta a Roma la premiazione del Concorso “Aggiungi un posto in classe, c’è un compagno in piĂšâ€?. All’interno dell’auditorium dell’Itis Galilei, l’Associazione Cesar onlus ha consegnato i riconoscimenti ai vincitori delle tre categorie previste dal Concorso. Aria di brescianitĂ  tra i vincitori, grazie agli studenti della primaria “Anna Frankâ€? dell’istituto comprensivo di Nave. Guidati dai loro insegnanti e dalla maestra Maria Rita Gugliotta hanno conquistato il terzo posto, salendo di diritto sul podio. L’Associazione Cesar è stata fondata nel 2000 dal compianto mons. Cesare Mazzolari (nella foto), comboniano bresciano scomparso improvvisamente alcuni mesi fa e giĂ  vescovo di Rumbek. Creata allo scopo di coordinare gli enti impegnati a promuovere attivitĂ  di cooperazione e di sensibilizzazione a favore delle popolazioni

del Sud del Sudan, essa ha realizzato interventi in ambito educativo, sanitario e umanitario. Cesar promuove lo sviluppo attraverso la gestione di una Bottega di commercio equo e solidale e grazie a iniziative quali il concorso nazionale “Aggiungi un posto in classe, c’è un compagno in piĂš!â€?, per sensibilizzare gli studenti italiani al diritto all’istruzione dei coetanei sud sudanesi. L’evento, inserito nelle iniziative a favore della costruzione del centro di formazione per insegnanti che l’associazione Cesar sta realizzando a Cuiebet, è stato promosso con il patrocinio del ministero dell’Istruzione, universitĂ  e ricerca, e ha visto Rai Educational in qualitĂ  di media partner. Il bando richiedeva di utilizzare i diversi linguaggi dell’espressione artistica, per rappresentare il diritto all’istruzione. Quindi, grazie a poesie, cartelloni dipinti a mano e due video

dai titoli eloquenti (“Quello che non hoâ€? e “Costruiamo insieme il futuroâ€?), gli alunni della scuola primaria di Nave hanno conquistato il terzo posto tra i 70 Istituti italiani partecipanti perchĂŠ “hanno saputo veicolare in modo chiaro e originale il progetto di cui il concorso è promotore, esprimendo nei loro lavori l’importanza dell’istruzione a ogni latitudineâ€?. I lavori realizzati dagli studenti diventeranno ora le immagini della prossima campagna di sensibilizzazione che Cesar proporrĂ  nell’autunno 2011 e saranno proposti a livello nazionale sui media; grazie al loro utilizzo si potrĂ  cercare di rendere partecipe la popolazione italiana di una causa importante come la costruzione di un vero e proprio centro di formazione per docenti che ogni anno formerĂ  30 insegnanti qualiďŹ cati per dare un’istruzione di base completa ad oltre 5.000 bambini.


͙͠

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

ƒ”†‘�‡‹˜‹‡”ƒ …‘�˜‡‰�‘•—ŽŽ‡„—‘�‡’”ƒ–‹…Š‡†‡ŽŽƒ’‘Ž‹–‹…ƒ

••‘…‹ƒœ‹‘�‡…—Ž–—”ƒŽ‡Š‘”‘• ‘”’‹„ƒ�†‹•–‹…‹‹�ƒŽ•ƒ„„‹ƒ

Disaffezione dei giovani dalla politica? A smentire questa tesi ci prova il convegno organizzato domenica 16 a Villa Alba di Gardone Riviera. Giovani amministratori under 35, europarlamentari, onorevoli, sindaci, assessori e consiglieri, discuteranno di “buone pratiche politicheâ€?. L’iniziativa è promossa da Stefano Ambrosini, consigliere di Gardone. “L’obiettivo della manifestazione è quello di fare rete fra i giovani amministratori

Per gli appassionati di musica, Sabbio Chiese e Gavardo ospiteranno due appuntamenti della Rassegna bandistica bresciana organizzata dall’Associazione culturale Choros che tocca diversi paesi del territorio bresciano fino al 23 ottobre. Nel corso di queste serate si tengono una serie di esibizioni musicali di corpi bandistici bresciani. Domenica 16 ottobre alle 20.30 presso la chiesa di San Michele Arcangelo di Sabbio Chiese si

che, in futuro, saranno la nuova classe dirigente locale, nazionale ed europeaâ€?. I lavori sono moderati da Gianluigi Nuzzi, autore de “L’infedeleâ€? ed Eva Giovannini, inviata per Piazza Pulita. Al convegno hanno concesso il patrocinio Regione Lombardia, Anci Giovane e oltre 80 realtĂ  comunali e per dare un esempio concreto è organizzato grazie al sostegno di sponsor privati. Informazioni sul sito www.ypbpr.it.

esibiranno in un concerto a tema sacro l’Associazione filarmonica Conca d’Oro, l’Associazione Banda Cittadina di Salò G. Bertolotti e il Corpo musicale G.Sgotti di Nuvolera. Sabato 22 ottobre a Gavardo alle ore 20.30 presso il Palafiera di via Avanzi si esibiranno in un concerto bandistico a tema libero il Corpo musicale Viribus Unitis, il Corpo bandistico sociale di Vobarno e il Corpo musicale Vincenzo Capirola di Leno. (n.t.)

  ‡•‡Â?œƒÂ?‘‘Â?˜‡‰Â?‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ†…

6YLOXSSRHODYRUR VXOODJRGL*DUGD    

$

Desenzano, una delle capitali dell’industria turistica della provincia, la sezione dell’Udc ha organizzato all’oratorio Giovanni XXIII un convegno su “Sviluppo e lavoro nella vocazione turistica del Gardaâ€?. “L’incontro – ha spiegato il segretario locale Luigi Cavaliere – è nato sull’onda di dati positivi che indicano arrivi e presenze in aumento, con il ritorno dei turisti stranieri che negli ultimi anni avevano un po’ latitatoâ€?. Una prova che il Garda rappresenta un biglietto da visita appetibile e uno stimolo a cogliere le opportunitĂ  che il turismo può offrire sotto l’aspetto occupazionale. “L’invito a partecipare rivolto alle categorie produttive, albergatori, artigiani, industriali e commercianti, focalizza l’attenzione sulle concrete possibilitĂ  di queste opportunitĂ â€?. Se partiamo dai numeri – il 20% del Pil mondiale è mosso dal turismo –, la nostra provincia assorbe oltre il 17% degli arrivi e il 28% delle presenze di turisti in Lombardia e il solo lago di Garda attrae oltre il 70% del turismo provinciale, possiamo affermare che queste opportunitĂ  devono davvero

Ž‡••‹‘‡”‹‰‘ǥ’”‡•‹†‡Â?–‡†‹‘Â?ˆ‡•‡”…‡Â?–‹ǣ Dz—‡ŽŽ‘…Š‡Â?ƒÂ?…ƒ°—Â?’”‘‰‡––‘…‘Â?†‹˜‹•‘ †‹–—––ƒÂŽÇŻÂƒÂ”‡ƒ”‹˜‹‡”ƒ•…ƒǤ ƒ•–ƒ‡……‡••‹˜‹Ž‘…ƒŽ‹•Â?‹‡’ƒ”–‹…‘Žƒ”‹•Â?‹dz essere colte e concretizzate in occupazione. “Sul Garda – ha esordito Vittorio Cerini, presidente del Consorzio albergatori Desenzano – il turismo di massa è decollato a partire dagli anni ‘60. Dai 2 milioni di turisti si è passati con una crescita esponenziale agli oltre 20 milioni degli ultimi anni, quando a Desenzano abbiamo registrato 700mila presenze. Abbiamo una forza di 6.000 posti letto cui si aggiungono un migliaio di seconde case, ci sono 250 tra ristoranti e bar e 600 esercizi commercialiâ€?. Sono numeri che sottolineano la vocazione turistica della cittadina gardesana. “Quello che manca – ha detto il presidente Alessio Merigo, presidente della Confesercenti di Brescia – è un progetto condiviso di tutta l’area rivierasca. Basta eccessivi localismi e particolarismi. C’è un turismo mordi e fuggi, ma certe attivitĂ  sono cresciute con questo. Mancano

le grandi marche? Le indagini di mercato fatte prima di posizionare un negozio non sempre coincidono con le intenzioni localiâ€?. “A Desenzano va forte l’artigianato di servizi – ha spiegato Eugenio Massetti, presidente della Confartigianato di Brescia – e ci auguriamo che il federalismo fiscale non si tramuti in piĂš tasse. Per fare rete e condividere progetti è stata creata la Confartigianato del Garda in collaborazione con quelle di Verona, Mantova e Trentoâ€?. L’imprenditore locale Renzo Scamperle ha ricordato che il lavoro manuale è un lavoro dignitoso e redditizio e ha aggiunto: “Il problema delle imprese è che sono troppo piccole e non possono reinvestire. Un imprenditore deve guardare al futuro, deve avere progettualitĂ â€?. Dagli interventi è emerso come il Garda abbia bisogno di puntare sul turismo per creare occupazione.

ƒŽ•ƒ„„‹ƒ ’’—�–ƒ�‡�–‹†‹–‡ƒ–”‘ �‡‹�‡•‹ƒ—–—��ƒŽ‹

‘Â?‘†‹˜‡”•‹‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹’‡”‰Ž‹ƒÂ?ƒÂ?–‹†‡Ž–‡nj ƒ–”‘‡†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‹‹Â?“—‡•–‹’”‹Â?‹Â?‡•‹ ƒ—–—Â?Â?ƒŽ‹‹Â?ƒŽŽ‡ƒ„„‹ƒǤÇŻƒ••‡••‘”ƒ–‘ƒŽŽƒ—Ž–—”ƒ †‡Ž‘Â?—Â?‡†‹‘„ƒ”Â?‘‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻ••‘nj …‹ƒœ‹‘Â?‡…—Ž–—”ƒŽ‡ ÂŽ‘†‘Â‡ÂƒÂ–Â”Â‘ÇĄ’”‘Â?—‘˜‡ŽƒÂ?—‘nj ˜ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡–‡ƒ–”ƒŽ‡†‡Ž‡ƒ–”‘…‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹‘„ƒ”Â?‘ ÍšÍ˜Í™Í™Č€ÍšÍ˜Í™ÍšÇĄ‰‹—Â?–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÍ Âއ†‹œ‹‘Â?‡Ǥ ÂŽ’”‹Â?‘ƒ’’—Â?Â–ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‘°ˆ‹••ƒ–‘’‡”•ƒ„ƒ–‘Í™Í?‘––‘„”‡…‘Â?Žƒ…‘Â?ÇŚ Â?‡†‹ƒ†‹•…ƒ”‹Ž†‡DzÂ?ƒ†‘Â?Â?ƒ•‡Â?œƒ‹Â?’‘”–ƒÂ?ÂœÂƒÇł Č‹Â”Â‡Â‰Â‹Âƒ†‹ƒ˜‹†‡‘”Â?ƒ……Š‹‘Â?Â‡ČŒÇ¤ ‹…‘Â?–‹Â?—ƒ•ƒ„ƒ–‘͚ͥ‘––‘„”‡…‘Â?Žƒ…‘Â?Â?‡†‹ƒ†‹

‡‘”‰‡• ‡›†‡ƒ—Dz•…ƒ–‘ŽƒÂ…ÂŠÂ‹Â—Â•ÂƒÇłČ‹Â”Â‡Â‰Â‹Âƒ†‹ƒ––‹ƒ ÂƒÂ”Â–Â‘Â”Â‡ÂŽÇĄ‡ƒ–”‘”–‡‘˜‡”ƒÂ”Â‡Â˜Â‹Â•Â‘ČŒÇ¤ Ž–”‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ƒÂ?‘˜‡Â?„”‡Â?‡ŽŽ‡•‡”‡†‹Â•ÂƒÂ„ÂƒÇŚ –‘͙͚…‘Â?Žƒ…‘Â?Â?‡†‹ƒDz—‡Â?ƒ”‹–‹‹Â?„”‘‰Ž‹‘Â?‹dz†‹ †—ƒ”†‘…ƒ”’‡––ƒČ‹Â”‡‰‹ƒ†‹Â?œ‘ÂƒÂ’Â‹Â•ÂƒÂ”Â†ÂƒÇĄ—‘˜ƒ

‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒ–‡ƒ–”ƒŽ‡†‹‡”‘Â?ƒÇŚ˜‡†‹ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄ‡•ƒ„ƒ–‘ ͚͞Â?‘˜‡Â?„”‡…‘Â?Dzƒ…ƒ•ƒÂ?Â—Â‘Â˜ÂƒÇł†‹ƒ”Ž‘ ‘Ž†‘Â?‹ Č‹Â”Â‡Â‰Â‹Âƒ†‹ƒˆˆƒ‡ŽŽ‘ÂƒÂŽÂ‡Â•Â…Â‹ÇĄ ÂŽ‘†‘Â‡ÂƒÂ–Â”Â‘ČŒÇ¤ǯ—Ž–‹Â?‘ ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘°ˆ‹••ƒ–‘’‡”•ƒ„ƒ–‘͙͘†‹nj …‡Â?„”‡…‘Â?DzŽƒ†‹Â?‘‡‹Ž ‡Â?‹‘†‡ŽŽƒƒÂ?Â’ÂƒÂ†ÂƒÇłÂ†ÂƒÂŽÇŚ Ž‡‹ŽŽ‡‡—Â?ƒÂ?‘––‡…‘Â?Žƒ”‡‰‹ƒ†‹ƒˆˆƒ‡ŽŽ‘ƒŽ‡•…‹ †‡ ÂŽ‘†‘‡ƒ–”‘Ǥ ƒÂ?‡”Â?‡••‡–‡ƒ–”ƒŽ‡’”‘•‡‰—‹”Â?Â?‡Ž͚͙͚͘…‘Â?ƒŽ–”‹ “—ƒ––”‘ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹Ǥ—––‹‰Ž‹•’‡––ƒ…‘Ž‹ƒ˜”ƒÂ?Â?‘ ‹Â?‹œ‹‘ƒŽŽ‡‘”‡͚͙’”‡••‘‹Ž‡ƒ–”‘‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹Â‘Â„ÂƒÂ”ÇŚ Â?‘‹Â?’‹ƒœœƒ‹‰Ž‹ƒ˜ƒ……ƒ͚Ǥǯ‹Â?‰”‡••‘°ƒ’‘•–‘—Â?‹nj …‘ǥ•‡Â?œƒ•‡”˜‹œ‹‘†‹’”‡Â?‘–ƒœ‹‘Â?‡ǥ‡‹Ž…‘•–‘†‡Ž„‹nj ‰Ž‹‡––‘°†‹Í?‡—”‘Ǥƒ…ƒ••ƒ†‡Ž‡ƒ–”‘ƒ’”‡ƒŽŽ‡‘”‡ ͚͘Â?‡‹‰‹‘”Â?‹†‹•’‡––ƒ…‘Ž‘ȋ’‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹•‹’—Ö …Š‹ƒÂ?ƒ”‡‹ŽÂ?—Â?‡”‘͛͘͘ÍĄÍ™Í˜ÍĄÍšÍ™Í˜‘…‘Â?•—Ž–ƒ”‡‹Ž•‹–‘ ™™™Ǥ˜‘„ƒ”Â?‘–‡ƒ–”‘Ǥ…‘Â?ČŒÇ¤Č‹Â?Ç¤Â–Ç¤ČŒ

  

ƒ�’‹‘�‡†‡Ž ƒ”†ƒ”‡•‡�–ƒœ‹‘�‡

/¡LGHDGHOO¡8QLYHUVLWj GHOODYHODqYLFLQD Presentato il progetto “UniversitĂ  della vela di Campione del Gardaâ€? nuovo centro di preparazione che consentirĂ  di espandere l’offerta e le strutture finalizzate al turismo sportivo in Lombardia, incontrando le aspettative e le richieste di molti operatori. “Campione è frazione a lago di Tremosine – commenta il sindaco Diego Ardigò – Comune che offre un territorio con caratteristiche uniche per la pratica degli sport velici, del turismo di montagna e dell’equitazione. Il territorio offre eccellenze enogastronomiche tra cui tartufo, olio e formaggi. Il progetto UniversitĂ  della vela costituisce un valido complemento ai punti di forza che giĂ  il territorio offreâ€?. L’idea dell’UniversitĂ  della vela di Campione nasce nel 2007 e rientra nel piĂš ampio progetto che comprende la realizzazione di una rete di Centri di preparazione federale a livello nazionale per gli atleti della Federazione italiana vela. I Centri sono pensati sia per offrire agli atleti e ai tecnici spazi e strumenti idonei alla loro preparazione, sia per ospitare attivitĂ  complementari fra cui stage, convegni e meeting aziendali. Nei periodi in cui il centro non verrĂ  utilizzato per il programma di preparazione degli atleti sarĂ  a disposizione di realtĂ  nazionali e internazionali che potranno beneficiare delle strutture e delle particolaritĂ  climatiche del luogo. Il centro, la cui disponibilitĂ  è prevista per maggio 2012, sarĂ  dotato di tutte le attrezzature necessarie per l’allenamento e la pratica della vela agonistica per classi olimpiche e paraolimpiche e offrirĂ  vitto e alloggio ad

atleti e tecnici. Comprenderà una foresteria con camere, palestre, piscine, spogliatoi, aula per lezioni tecniche, rimessaggio e alaggio imbarcazioni. L’Università della Vela rappresenta un ulteriore passo avanti nel progetto di riqualificazione di Campione: l’obiettivo è di valorizzare il borgo attirando attività produttive e servizi richiesti dal mercato puntando sul binomio sport e turismo.

‹‡‰‘”†‹‰Öǣ Dz ÂŽ’”‘‰‡––‘…‘•–‹–—‹•…‡ —Â?˜ƒŽ‹†‘…‘Â?’Ž‡Â?‡Â?–‘ ƒ‹’—Â?–‹†‹ˆ‘”œƒ…Š‡‰‹Â? ‹Ž–‡””‹–‘”‹‘Â‘ÂˆÂˆÂ”Â‡Çł


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

—••ƒ‰‘ Dz‘•’‹‡†‘•…‘’’‹‡––ƒÂ?†‘dz

ƒŽ‹Â?‘ ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â?ŽƒDz‘””‹‘•…Š‹dz

Nel segno dello spiedo, piatto della tradizione bresciana che raggiunge nella cucina gussaghese una dei migliori risultati. ContinuerĂ  tutti i giovedĂŹ ďŹ no al 24 novembre la seconda edizione della rassegna “Lo spiedo scoppiettandoâ€? in 15 ristoranti aderenti nel territorio di Gussago. L’occasione è quella di degustare il piatto tipico della cucina gussaghese con un menĂš al prezzo ďŹ sso di 22 euro e bere le migliori etichette del Franciacorta o le

Il silenzio della natura, il bosco intorno, i ďŹ lari di viti e il panorama molto probabilmente cattureranno i podisti. Domenica 16 ottobre a Calino di Cazzago va in scena alle 9.30 la prima edizione della “Corri Boschiâ€? in ricordo di Graziano Gatti (un giovane atleta scomparso l’estate scorsa a Calino a seguito di un incidente stradale). Si tratta di una corsa su strada provinciale (9 km per gli uomini e 5 per le donne) organizzata dal Running di Cazzago in collaborazione con

grappe delle numerose distillerie. Quest’anno poi lo spiedo ha ottenuto il marchio Deco, una certiďŹ cazione di tipicitĂ . Tra i tesori piĂš preziosi del nostro Paese c’è di sicuro quello dei cibi, dei vini, delle mille e mille specialitĂ  della tradizione gastronomica locale Per tutte le informazioni è possibile contattare l’UfďŹ cio sviluppo economico del Comune di Gussago al numero di telefono 0302522919. (a.g.)

͙ͥ

il Comune. Il ritrovo è ďŹ ssato in via Sala 41 (agriturismo “Le fattorie prioreâ€?). Il percorso è collinare, ma interamente asfaltato. Per informazioni, www. runningcazzago.blogspot.com. Domenica 16, invece, la comunitĂ  di Calino festeggia la Madonna del Rosario: si rinnova la tradizione popolare che fa seguito alle celebrazioni che si sono tenute, la prima e la seconda domenica di ottobre, a Provaglio d’Iseo e a Passirano.

    

—••ƒ‰‘ƒ�‘˜‹–�†‡Ž ‹ƒ”†‹�‘†‡‹•‡�’Ž‹…‹ƒŽ‹…Š‹‡†‡‹

6ROOLHYRQHOODFXUD    

/

a semplicitĂ  di un giardino per alleviare la sofferenza. La bellezza di un fiore per scacciare la solitudine. I colori dell’anno che variano con il passare delle stagioni. I profumi nell’aria che richiamano i ricordi. Questi solo alcuni dei significati racchiusi dal “Giardino dei sempliciâ€?, ospitato all’interno dell’articolato parco della Fondazione Richiedei, a cui è stato donato proprio dalla onlus “Il giardino dei sempliciâ€? costituitasi nel 2005 proprio con questo scopo. Molte le iniziative messe in campo perchĂŠ questo “monumento alla sofferenzaâ€?, come è stato definito dagli stessi fondatori, potesse vedere la luce e recare un po’ di sollievo ai tanti anziani ospitati nella casa di riposo gussaghese. “Accogliamo con gratitudine questa realizzazione che contribuirĂ  ad alleviare le sofferenze degli ospiti, questo bel gesto che aiuta a rendere l’accoglienza piĂš umana e piĂš funzionaleâ€? ha detto ringraziando l’associazione il presidente della Fondazione Fausto Gardoni. Il costo dell’opera realizzate grazie al grande impegno dei numerosi soci dell’associazione e al contributo dei progettisti: l’architetto Paolo Di Rosa e l’ingegner Duilio Conti e l’agronomo Fausto Nasi, ha raggiunto gli 80mila euro, necessari per allestire lo spazio del giardino, non solo con piante ma per permettere che questo

ÇŻ  

ƒ”†‘Â?‹ǣDz……‘‰Ž‹ƒÂ?‘ …‘Â?‰”ƒ–‹–—†‹Â?‡“—‡•–ƒ ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡…Š‡ …‘Â?–”‹„—‹”Â?ĠƒŽŽ‡˜‹ƒ”‡ Ž‡•‘ˆˆ‡”‡Â?œ‡ †‡‰Ž‹‘•’‹–‹dz luogo non rappresentasse alcun tipo di pericolo per gli ospiti della Rsa gussaghese e del Centro diurno integrato, permettendole l’assoluta fruibilitĂ  in ogni momento. L’opera è quasi ultimata ed è stata accolta con attenzione e sensibilitĂ  sia dagli ospiti che dai parenti che si trovano ad affiancarli in

alcuni dei momenti difficili della vita, in cui i ritmi della natura, vedono spesso la sofferenza, la solitudine e il silenzio, compagni degli ultimi anni. Anni in cui però spesso si scopre anche la generosità e la sensibilità di persone che hanno scelto un lavoro di grande spessore umano e sociale. Anche a loro il giardino è dedicato. CosÏ come i fiori rinascono dopo il lungo inverno ora sembra che anche per la Fondazione Richiedei sembra giunto il periodo del rilancio, la relazione verrà presentata nelle prossime settimane al consiglio comunale, tuttavia sembra che lo storico ente gussaghese stia allontanando le nuvole che ne mettevano a rischio il futuro.

‘Ž‘‰�‡ ”‹�‘ƒ��‘ †‡Ž‰”—’’‘ƒ”‹–ƒ•

‘……ƒ‰Ž‹‘ ‘”•‹†‹ƒ—–‘†‹ˆ‡•ƒ ‡†‹�—‘–‘

”ƒ‘„‹‡––‹˜‹”ƒ‰‰‹—Â?–‹‡ Â?—‘˜‹’”‘‰‡––‹‹Â?…ƒÂ?–‹‡”‡ǥ‹Ž

”—’’‘ƒ”‹–ƒ•†‹‘Ž‘‰Â?‡ Šƒˆ‡•–‡‰‰‹ƒ–‘‹Ž•—‘’”‹Â?‘ ƒÂ?Â?‘Â†ÇŻÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹Â–Â?Ǥ ÂŽŽ‘…ƒŽ‡ Â•Â‘Â†ÂƒÂŽÂ‹ÂœÂ‹Â‘ÇĄÂ?ƒ–‘†ƒŽŽƒ˜‘Ž‘Â?–Â? †‹†‹•–”‹„—‹”‡ǥ‰”ƒœ‹‡ƒŽŽƒ ‰‡Â?‡”‘•‹–Â?†‡‹…‹––ƒ†‹Â?‹‡ƒŽŽ‡ Ž‹„‡”‡‘ˆˆ‡”–‡†‘Â?ƒ–‡ƒ•—‘”‡‡ Â•ÂƒÂ…Â‡Â”Â†Â‘Â–Â‹ÇĄ‰‡Â?‡”‹ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‹‡ †‹’”‹Â?ƒÂ?‡…‡••‹–Â?ƒŽŽ‡’‡”•‘Â?‡ „‹•‘‰Â?‘•‡ǥ’—Öƒ˜˜ƒŽ‡”•‹‘”ƒ ƒÂ?…Š‡†‹ƒ‹—–‹’‹ÎÂ•Â–Â”Â—Â–Â–Â—Â”ÂƒÂ–Â‹ÇĄ †‘’‘ÂŽÇŻÂƒÂ†Â‡Â•Â‹Â‘Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻ‰‡ƒ Č‹Â‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡‰‘˜‡”Â?ƒ–‹˜ƒ …Š‡‰‡•–‹•…‡Ž‡‡……‡†‡Â?œ‡ ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‹†‡‹ƒ‡•‹Â‡Â—Â”Â‘Â’Â‡Â‹ČŒÇĄ ƒŽƒÂ?…‘Ž‹Â?‡Â?–ƒ”‡’‡” Ž‡’”‘˜˜‹‰‹‘Â?‹Â?‡Â?•‹Ž‹‡ƒ‹ ”‹ˆ‘”Â?‹Â?‡Â?–‹Â?‡ŽÂ?ƒ‰ƒœœ‹Â?‘ ƒ”‹–ƒ•†‡ŽŽǯ––ƒ˜‘‰‹‘”Â?‘ǤDz‡ ’‡”•‘Â?‡…Š‡•‹”‹˜‘Ž‰‘Â?‘ƒÂ?‘‹ •‘Â?‘†ƒ˜˜‡”‘–ƒÂ?–‡‡Ž‡•–‘”‹‡ •’‡••‘†”ƒÂ?Â?ƒ–‹…Š‡Č‚ŠƒÂ?Â?‘ ”ƒ……‘Â?–ƒ–‘‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‰—‹†ƒ–‹ †ƒ•—‘”‹ƒČ‚ÇŁŽ‡•‹–—ƒœ‹‘Â?‹’‹Î ‰”ƒ˜‹•‘Â?‘•‡‰Â?ƒŽƒ–‡ƒ‹‡”˜‹œ‹ Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄÂ?‡Â?–”‡Â?‘‹…‹†‡†‹…Š‹ƒÂ?‘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â…Â‘ÂŽÂ–Â‘‡‹Â?…ƒ•‘Â†ÇŻÂ‡ÂˆÂˆÂ‡Â–Â–Â‹Â˜Âƒ Â?‡…‡••‹–Â?…‘Â?•‡‰Â?‹ƒÂ?‘—Â?ƒ –‡••‡”ƒ…‘Â?…—‹°’‘••‹„‹Ž‡ ”‹–‹”ƒ”‡—Â?’ƒ……‘…‘Â?–‡Â?‡Â?–‡ Â’ÂƒÂ•Â–ÂƒÇĄ”‹•‘ǥ‘Ž‹‘ǥˆƒ”‹Â?ÂƒÇĄÂœÂ—Â…Â…ÂŠÂ‡Â”Â‘ÇĄ ’ƒ••ƒ–ƒ†‹’‘Â?‘†‘”‘ǥ–‘Â?Â?‘ǥ •…ƒ–‘ŽƒÂ?‡‡ÂŽÂƒÂ––‡ǥ„‹•…‘––‹‡ ’ƒÂ?Â?‘Ž‹Â?‹ȋ‹Â?…ƒ•‘†‹’”‡•‡Â?œƒ†‹ „ƒÂ?„‹Â?Â‹ČŒÇłÇ¤ƒ‹Â?‹œ‹‘ƒÂ?Â?‘•‘Â?‘ •–ƒ–‹†‹•–”‹„—‹–‹‘Ž–”‡͘͘͠’ƒ……Š‹ ƒŽ‹Â?‡Â?Â–ÂƒÂ”Â‹ÇĄƒ‹—–ƒÂ?†‘†‹…‹”…ƒ͙͘͘ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡‡Žǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ…‘Â?–‹Â?—ƒǤ ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǥ”‹˜‘Ž‰‡”•‹ƒŽ ‡Â?–”‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡ ȋ‡š‹ŽŽƒ Â?Â‡Â…Â…ÂŠÂ‹ČŒÇ¤Č‹ÂƒÇ¤Â•Ç¤ČŒ

–—––‡Ž‡†‘Â?Â?‡†‹‡–Â?•—’‡”‹‘”‡ ƒ‹͙͠ƒÂ?Â?‹‡†‡•‹†‡”‘•‡†‹ ”‹•˜‡‰Ž‹ƒ”‡‘”ƒˆˆ‘”œƒ”‡‹Ž’”‘’”‹‘ •‡Â?•‘†‹ƒ—–‘†‹ˆ‡•ƒ’‡”•‘Â?ƒŽ‡ Â?‡ŽŽƒ˜‹–ƒ†‹–—––‹‹‰‹‘”Â?‹ǥ •‹”‹˜‘Ž‰‡‹ŽÂ?—‘˜‘‘”•‘†‹ ƒ—–‘†‹ˆ‡•ƒˆ‡Â?Â?‹Â?‹Ž‡ǥ’”‘Â?‘••‘ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡ †‹Â‘Â…Â…ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹Â‘ÇĄ‹Â?•‹Â?‡”‰‹ƒ…‘Â? ÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Dz‹˜‡”‡•‡Â?œƒ Â’ÂƒÂ—Â”Â‡Çł†‹‘……ƒ‰Ž‹‘Ǥ‹–”ƒ––ƒ†‹ —Â?’‡”…‘”•‘‰”ƒ–—‹–‘‡ƒ’‡”–‘ ƒ–—––‡ǥƒ”–‹…‘Žƒ–‘‹Â?—Â?…‹…Ž‘ †‹…‹Â?“—‡‹Â?…‘Â?–”‹’”ƒ–‹…‹…Š‡ ƒ˜”ƒÂ?Â?‘‹Â?‹œ‹‘†‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͛ ‘––‘„”‡ƒŽŽ‡͙͘Â?‡ŽŽƒ’ƒŽ‡•–”ƒ †‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ’”‹Â?ƒ”‹ƒDz‘Â?‡Â?‘ ‘Â?‘Ž‹dz†‹˜‹ƒ—•…ƒ”‹Â?‘Ǥ ‡Ž‡œ‹‘Â?‹ƒ˜”ƒÂ?Â?‘Žƒ†—”ƒ–ƒ †‹…‹”…ƒ—Â?’ƒ‹‘†ǯ‘”‡Č‹ÂˆÂ‹Â?‘ ƒŽŽ‡Í™ÍšČŒ‘‰Â?—Â?ÂƒÇ˘’‡”Â?ƒ‰‰‹‘”‹ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹° ’‘••‹„‹Ž‡”‹˜‘Ž‰‡”•‹ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ ”’ȋ•—„‹–‘ƒ†‡•–”ƒ‡Â?–”ƒÂ?†‘ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‰”‡••‘’”‹Â?…‹’ƒŽ‡†‡Ž —Â?Â‹Â…Â‹Â’Â‹Â‘ČŒ‘’’—”‡–‡Ž‡ˆ‘Â?ƒ”‡ ƒŽŽ‘Í˜Í›Í˜Č€Í&#x;Í&#x;ÍšÍ?Í&#x;͙͙Ǥ‡Žˆ”ƒ––‡Â?’‘ ’”‘•‡‰—‡…‘Â?•—……‡••‘‹Ž’”‹Â?‘ ‘”•‘†‹Â?—‘–‘”‹˜‘Ž–‘ƒ‹”ƒ‰ƒœœ‹ †‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡‡Ž‡Â?‡Â?–ƒ”‹‡Â?‡†‹‡ †‹‘……ƒ‰Ž‹‘Ǥ ÂŽ…‘”•‘’”‡••‘Žƒ ’‹•…‹Â?ƒ†‹ƒŽƒœœ‘Ž‘•‹•˜‘Ž‰‡ –—––‹‹Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż†ƒŽŽ‡Í™Í&#x;ƒŽŽ‡͙͠ ˆ‹Â?‘ƒŽ͚͘†‹…‡Â?„”‡ǥ‰”ƒœ‹‡ƒ—Â?ƒ •’‡…‹ƒŽ‡…‘Â?˜‡Â?œ‹‘Â?‡•–‹’—Žƒ–ƒ †ƒŽ‘Â?—Â?‡ǥ…Š‡’‡”Â?‡––‡Â?‘Â? •‘Ž‘†‹‰‘†‡”‡†‹’”‡œœ‹ƒ‰‡˜‘Žƒ–‹ ȋ͛͞‡—”‘’‡”͙͚•‡––‹Â?ƒÂ?Â‡ČŒÇĄ Â?ƒƒÂ?…Š‡Žƒ…‘Â?‘†‹–Â?†‹ƒ˜‡” ƒ••‹…—”ƒ–‘‹Ž–”ƒ•’‘”–‘Č‹Â‰Â”ÂƒÂ–Â—Â‹Â–Â‘ČŒÇŁ ‹Ž’—ŽŽÂ?ƒÂ?’ƒ”–‡†ƒŽ’ƒ”…Š‡‰‰‹‘ †‡ŽÂ?—Â?‹…‹’‹‘‘‰Â?‹Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†ÂżƒŽŽ‡ ͙͞Ǥ͛͘ǤČ‹ÂƒÇ¤Â•Ç¤ČŒ

    

´)RU]DYHQLWHJHQWHÂľDWHDWUR A grande richiesta e a seguito del successo riscosso nella frazione di Zocco, a Erbusco e Ospitaletto, la compagnia “Il sogno nel cassettoâ€? è pronta a far tappa anche nel Cine-teatro dell’oratorio di Cologne con una doppia data: 22 e 29 ottobre alle 20.30. Lo squadrone da 50 (tra attori, collaboratori e coristi) salirĂ  sul palco per proporre, in modo accurato e coinvolgente, il musical “Forza venite genteâ€? di Michele Paulicelli, secondo una rivisitazione abilmente interpretata dalla neo compagnia dell’oratorio San Domenico Savio di Zocco d’Erbusco (una delle scene del musical con San Francesco (nella foto San Francesco - Gabriele Sottini e Sorella Morte-Daniela Bonassi), afďŹ data alla direzione artistica del diacono Costantino Raineri, alla regia di Pasquino Sottini e con l’appoggio del parroco don Dario Pedretti. La prima del musical risale all’au-

tunno 2009, quando alcuni erbuschesi pensarono di dedicare uno spettacolo alla compianta maestra d’asilo Anna Corioni, scomparsa (settembre 2009) a soli 50 anni, lasciando un profondo vuoto tra tutti coloro che l’avevano conosciuta, soprattutto nell’ambito di scuola e oratorio, dove era impegnata nel curare divertenti scenette teatrali. Ci vollero alcuni mesi e un inďŹ nito impegno prima di riuscire a concretizzare l’ambito progetto: da gennaio a ottobre due sere obbligatorie di prove a settimana, la costituzione di un coro del musical ad hoc diretto da Anna Aimo e Vincenzo Corioni, ma anche l’afďŹ atata collaborazione di esperte sarte-costumiste (Angelina Armanelli e Clemi Cominardi) e l’affabilitĂ  di scenograďŹ e tecnici di vario genere. “Tra sacriďŹ ci e gioie, è come se fossimo diventati una grande famiglia – ha espresso soddisfat-

to il direttore artistico Costantino –: è capitato di chiudere le prove alle 2 di notte, magari ďŹ nendo a discutere, stimolati proprio dal voler ancor piĂš approfondire per meglio interpretare la vita di San Francesco, su temi delicati e profondi, come quello del dolore o della religioneâ€?. La prima del musical andò in scena un anno fa (22 ottobre 2010) nella tensostruttura da 300 posti vicina all’oratorio: da lĂŹ fu subito decollo. “Vista la sentita partecipazione e i sinceri apprezzamenti – ha aggiunto il regista Pasquino – abbiamo manifestato la disponibilitĂ  a riproporci scrivendo a tutti gli assessorati alla Cultura dei paesi limitroďŹ , mentre l’augurio è quello, sulla scia di questa prima e positiva esperienza, di riuscire a imbastire un nuovo musical puntando stavolta sulla vita di un altro santo di grande importanza soprattutto per i giovani: don Giovanni Boscoâ€?.


͚͘

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

ÂŽ‰”—’’‘Â?ƒ–‘Â?‡Ž͙͚ͥ͞ Â?ƒŽ—Â?‰ƒ•–‘”‹ƒ†‹•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?‡†‡†‹œ‹‘Â?‡ ƒŽƒœœ‘Ž‘ƒ……‘‰Ž‹‡Ž‡’‡Â?Â?‡Â?‡”‡ †‹‘Â?„ƒ”†‹ƒ‡†Â?‹Ž‹ƒ‘Â?ƒ‰Â?ƒ ‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ͠Í?ÎťƒÂ?Â?‹˜‡”•ƒ”‹‘ †‹ˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ•‡œ‹‘Â?‡Ž‘…ƒŽ‡ †‡ŽŽǯÂ?ƒǤ”ƒ‹Â?ˆƒ––‹‹Ž͚͘‰‹—‰Â?‘͙͚ͥ͞ “—ƒÂ?†‘•‹…‘•–‹–—‹˜ƒ—Â?’”‹Â?‹–‹˜‘ ‰”—’’‘†‹ƒŽ’‹Â?‹ǥ”‡†—…‹†ƒ‹ˆ”‘Â?–‹†‹ „ƒ––ƒ‰Ž‹ƒ†‡ŽŽƒ”‹Â?ƒ‰—‡””ƒÂ?‘Â?†‹ƒŽ‡Ǥ ƒ†”‹Â?ƒ†‡ŽÂ?‡‘Â?ƒ–‘‰”—’’‘‡”ƒÂ?Â?ƒ —ˆˆŽ‹…‘ƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄ•‘”‡ŽŽƒ†‡Ž–‡Â?‡Â?–‡ ƒŽ’‹Â?‘ ‹ƒÂ?Â„ÂƒÂ–Â–Â‹Â•Â–ÂƒÇĄ…ƒ†—–‘†‡ŽŽƒ

”ƒÂ?†‡‰—‡””ƒǤ”ƒÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‹Â‘†‹—Â?ƒ•–‘”‹ƒ ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ǥ•‡‰Â?ƒ–ƒƒÂ?…Š‡†ƒ‹–”ƒ‰‹…‹ ‡˜‡Â?–‹†‡Ž•‡…‘Â?†‘…‘Â?ˆŽ‹––‘Â?‘Â?†‹ƒŽ‡

…Š‡…Š‹‡•‡—Â?Â?—‘˜‘–”‹„—–‘ƒ‰Ž‹ƒŽ’‹Â?‹ ’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‹Ǥ‡Ž͙ͥÍ?Í?ÇĄƒ”‹…‘”†‘†‡ŽŽ‡ ‡Â?Â?‡Â?‡”‡…ƒ†—–‡Â?‡ŽŽ‡†—‡‰—‡””‡ǥŽƒ •‡œ‹‘Â?‡’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‡†‡ŽŽǯÂ?ƒ†‡…‹•‡†‹ ‡†‹ˆ‹…ƒ”‡—Â?Â?‘Â?—Â?‡Â?–‘Ǥ ÂŽ͙ͥÂ?ƒ”œ‘ †‡ŽŽ‘•–‡••‘ƒÂ?Â?‘‹ŽÂ?‘Â?—Â?‡Â?–‘ǥ ”‡ƒŽ‹œœƒ–‘‹Â?Â?ƒ”Â?‘”‘••‘†‹‡”‘Â?ƒ †ƒŽŽ‘•…—Ž–‘”‡‘Â?‡Â?‹…‘—•‡––‹ǥ ‰‹—Â?‰‡˜ƒƒƒŽƒœœ‘Ž‘†‘Â?ƒ”Ž‘

Â?‘……Š‹ǥ‰‹Â?…ƒ’’‡ŽŽƒÂ?‘†‡‰Ž‹ƒŽ’‹Â?‹ •—‹ˆ”‘Â?–‹Â‰Â”Â‡Â‰Â‘ÇŚÂƒÂŽÂ„ÂƒÂ?‡•‡’”‹Â?ƒ‡•— “—‡ŽŽ‘”—••‘’‘‹ǥ‡Ž‡˜ƒ–‘Â?‡ŽÍšÍ˜Í˜ÍĄ ƒ‰Ž‹‘Â?‘”‹†‡‰Ž‹ƒŽ–ƒ”‹Ǥƒ‹͙͘͘•‘…‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘†‹ˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡Žƒ•‡œ‹‘Â?‡

…‘Â?–‹Â?—ƒƒ…”‡•…‡”‡ǥ•ˆ‹‘”ƒÂ?†‘‹͘͘͞ ‹•…”‹––‹†‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ÍžÍ˜Č€Í&#x;͘†‡Ž•‡…‘Ž‘ •…‘”•‘Ǥ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡‹Ž‰”—’’‘…‘Â?–ƒ •—͛͘͜•‘…‹…Š‡”‹•’‘Â?†‘Â?‘ǥ†ƒ˜‡”‹ ƒŽ’‹Â?‹ǥ•‡Â?’”‡…‘Â?‰‡Â?‡”‘•‹–Â?ƒŽŽ‡ ’”‘’‘•–‡†‡ŽŽƒ•‡œ‹‘Â?‡Ǥ‘Â?‘’ƒ”–‡ ‹Â?–‡‰”ƒÂ?–‡†‡ŽÂ?—…Ž‡‘’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‡ †‡ŽŽƒ”‘–‡œ‹‘Â?‡…‹˜‹Ž‡‡ǥ‹Â?“—‡•–ƒ Â˜Â‡Â•Â–Â‡ÇĄŠƒÂ?Â?‘’”‡•–ƒ–‘ƒ’‹Î”‹’”‡•‡Žƒ Ž‘”‘‘’‡”ƒ‹Â?“—‡ŽŽ‡Ž‘…ƒŽ‹–Â?…‘Ž’‹–‡†ƒ …ƒŽƒÂ?‹–Â?Â?ƒ–—”ƒŽ‹Ǥ”ƒ‹ˆ‹‘”‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘……Š‹‡ŽŽ‘ †‡ŽŽƒ•‡œ‹‘Â?‡ǥ…Š‡Â?‡Ž͚͘͘͞Šƒ…‘Â?…Ž—•‘ ‹Ž”‡…—’‡”‘†‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ•‡†‡‹Â?“—‡ŽŽ‘ …Š‡—Â?ƒ˜‘Ž–ƒ‡”ƒŽǯ‡š–‹”‘ƒ•‡‰Â?‘ǥ

…ǯ°ƒÂ?…Š‡‹Ž‘”‘ƒŽ’‹Â?‘Â’ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‘ÂŽÂ‡Â•Â‡ÇĄ ˆ‘Â?†ƒ–‘Â?‡Ž͙ͥͥ͛Ǥ‘•…‘”•‘ƒÂ?Â?‘ –—––‡Ž‡˜‹…‡Â?†‡†‡ŽŽ‡‡Â?Â?‡Â?‡”‡Ž‘…ƒŽ‹ •‘Â?‘•–ƒ–‡”ƒ……‘Ž–‡Â?‡ŽŽ‹„”‘DzŽ’‹Â?‹ †‹ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‘Ž‘dzǥ—Â?Â?‡–‹…‘Ž‘•‘Žƒ˜‘”‘ †‹”‹…‡”…ƒ•–‘”‹…ƒ…Š‡Šƒ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‘ ’‡”ƒÂ?Â?‹ÂŽÇŻÂƒÂ—–‘”‡—…‹ƒÂ?‘‡Â?ƒ•‹Ǥ‹ –”ƒ––ƒ†‹—Â?ƒ’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡‹Â?…—‹•‘Â?‘ •–ƒ–‡”ƒ……‘Ž–‡Ž‡„‹‘‰”ƒˆ‹‡†‹“—ƒ•‹͛͘͘ ƒŽ’‹Â?‹’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‹‡ƒ”–‹‰Ž‹‡”‹ƒŽ’‹Â?‹…Š‡ ŠƒÂ?Â?‘…‘Â?„ƒ––—–‘•—‹ˆ”‘Â?–‹†‡ŽŽ‡†—‡ ‰—‡””‡Â?‘Â?†‹ƒŽ‹ǤƒÍšÍ?ƒÂ?Â?‹Žƒ•‡œ‹‘Â?‡ ’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‡°’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒƒ”‹‘ ‹Â?‘Â?‹Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇ¤

    Ž’‹Â?‹’‘…Š‡‘”‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‹Â‘†‡Ž”ƒ†—Â?‘†‡Ž͚Νƒ‰‰”—’’ƒÂ?‡Â?–‘

/DFLWWjqSURQWD DOO¡DEEUDFFLR ÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘†‹Â?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹‡Â?Â?‡Â?‡”‡‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡””‹ˆŽ‡––‡”‡•—Ž…‘Â?–”‹„—–‘†ƒ–‘ƒŽƒ‡•‡   

Ă‹

ormai cominciato il conto alla rovescia per l’invasione delle Penne nere di Lombardia ed Emilia Romagna a Palazzolo sull’Oglio. Prenderà ufficialmente il via nel primo pomeriggio di venerdÏ 14 ottobre il raduno del 2° Raggruppamento degli alpini organizzato quest’anno dalla sezione Ana palazzolese per ricordare gli 85 anni di fondazione. 15mila sono le Penne nere attese in riva all’Oglio, in una cittadina parata a festa e che da settimane si sta preparando al caloroso abbraccio. Gli Alpini godono di grande simpatia a Palazzolo, non solo per la generosità

    ÇŻ  

—‡ŽŽƒ’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‡ Â?‘Â?•ƒ”Â?•‘Ž‘—Â?ƒ ‰”ƒÂ?†‡ƒ†—Â?ƒ–ƒǤ 1—Â?ǯ‘’’‘”–—Â?‹–Â?’‡” ˆƒ”…‘Â?‘•…‡”‡ƒ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ ˜ƒŽ‘”‹†‹Â?‡Â?–‹…ƒ–‹

che li porta a essere sempre a disposizione della comunità, ma anche per il tributo che hanno pagato alle pagine piÚ tristi della storia nazionale. Quello del raduno del 2° Raggruppamento è per numero di partecipanti l’appun-

tamento piÚ importante per le Penne nere, secondo soltanto all’adunata nazionale. Quasi impossibile raccontare in poche righe il corposo programma messo a punto dalla sezione Ana di Palazzolo per questo atteso appuntamento. Un occhio di riguardo, accanto alla sfilata per le vie cittadina prevista per l’intera mattinata di domenica 16 ottobre, è stato dato alla riflessione sui compiti a cui è chiamato oggi il corpo degli alpini. Se è vero, infatti, che con l’abolizione della leva obbligatoria anche il numero delle Penne nere ha conosciuto una riduzione, è altrettanto vero che gli alpini continuano a essere chiamati

a importanti missioni internazionali, missioni di pace che richiedono in molti casi anche un alto tributo umano. Si tratta di considerazioni emerse anche nel corso del convegno tenuto nella serata dell’8 ottobre scorso al San Fedele. Andrea Margelletti, presidente del Centro studi internazionale, il generale Marcello Bellacicco, già comandante della Brigata Julia e del regional command west della missione Isaf e del contigente italiano in Afghanistan, il colonnello Giovanni Coradello, comandante del 5° Alpini impegnato in Afghanistan con il suo reggimento hanno affrontato il tema delle missioni di pace

degli alpini in Afghanistan, riattualizzando il senso di quella dedizione che da sempre segna l’attività degli alpini. La cittadinanza palazzolese, in attesa di salutare le Penne nere che arriveranno in riva all’Oglio, ha risposto con grande partecipazione alle iniziative culturali già inaugurate. Merito degli alpini palazzolesi guidati dal capogruppo Mario Simoni, che da settimane sono al lavoro per mettere a Palazzolo il vestito della festa, impavesandola con migliaia di tricolori che ricordano come il raduno del 2° Raggruppamento cada nell’anno che ha visto anche il 150° dell’Unità d’Italia.


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

͚͙

ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‡Ž”ƒ†—Â?‘ ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹‡Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‹’”‹Â?ƒ†‡ŽŽƒ‰”ƒÂ?†‡•ˆ‹Žƒ–ƒ ‘Â?‡…ƒ’‹–ƒ’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ†Â—Â?ƒ–ƒÂ?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ƒÂ?…Š‡ƒƒŽƒœœ‘Ž‘‹ŽÂ?‘Â?‡Â?–‘…Ž‘— †‡Ž”ƒ†—Â?‘†‡Ž͚Νƒ‰‰”—’’ƒÂ?‡Â?–‘° …‘•–‹–—‹–‘†ƒŽŽƒ•ˆ‹Žƒ–ƒ’‡”Ž‡˜‹‡†‡ŽŽƒ …‹––ƒ†‹Â?ƒƒ––”ƒ˜‡”•ƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻ‰Ž‹‘ǥ …Š‡‘……—’‡”Â?–—––ƒŽƒÂ?ƒ––‹Â?ƒ–ƒ†‹ †‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞‘––‘„”‡Ǥ ”‹Â?ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ––‡•‘ˆ‹—Â?‡†‹‡Â?Â?‡ Â?‡”‡ǥ’‡”ÖǥƒŽƒœœ‘Ž‘ƒ˜”Â?Â?‘†‘ †‹˜‹˜‡”‡–ƒÂ?–‹ƒŽ–”‹Â?‘Â?‡Â?–‹Â?‡Ž ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘†‹•ƒ„ƒ–‘Í™Í?Ǥ ‡––‘‹Â?“—‡•–ƒ’ƒ‰‹Â?ƒ†‡‰Ž‹ ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹”‹•‡”˜ƒ–‹ƒ‹ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹†‡ŽŽ‡•‡œ‹‘Â?‹Â?ÂƒÇĄ

‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‡Ž”ƒ†—Â?‘’”‡˜‡†‡ Â?‘Ž–‹ƒŽ–”‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹Ǥ‡” Ž‡Í™Í?†‹•ƒ„ƒ–‘°’”‡˜‹•–‘—Â?‘ •’‡––ƒ…‘Žƒ”‡ŽƒÂ?…‹‘†‹’ƒ”ƒ…ƒ†—–‹•–‹ …Š‡’ŽƒÂ?‡”ƒÂ?Â?‘•—’‹ƒœœƒŽ‡ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ 

•ƒŽ—–ƒ–‹†ƒŽ…ƒ”‘•‡ŽŽ‘†‹ —Â?ƒˆƒÂ?ˆƒ”ƒƒŽ’‹Â?ƒǤŽŽ‡Í™ÍžÇ¤Í›Í˜ÇĄ‹Â? ’ƒŽƒœœ‘…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄŽǯ‘Â?‘”‡ƒŽŽƒ„ƒ”‘ Â?ƒ‡ǥ•—„‹–‘†‘’‘ǥŽǯ‘Â?ƒ‰‰‹‘ƒŽ Â?‘Â?—Â?‡Â?–‘…Š‡”‹…‘”†ƒ‹…ƒ†—–‹ ’ƒŽƒœœ‘Ž‡•‹†‡ŽŽ‡†—‡‰—‡””‡ Â?‘Â?†‹ƒŽ‹Ǥƒ’‹ƒœœƒŽ‡‹––‘”‹‘ ‡Â?‡–‘’”‡Â?†‡”Â?’‘‹‹Ž˜‹ƒ—Â?…‘”–‡‘ …Š‡ǥƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‡˜‹‡†‡Ž…‡Â?–”‘

…‹––ƒ†‹Â?‘ǥ’‘”–‡”Â?Ž‡‡Â?Â?‡Â?‡”‡‹Â? ’‹ƒœœƒŽ‡ƒœœ‹Â?‹’‡”—Â?‘Â?ƒ‰‰‹‘ ƒŽÂ?‘Â?—Â?‡Â?–‘†‡‰Ž‹ƒŽ’‹Â?‹Ǥ‹Ž¿ǥ ’‘‹ǥ‹Ž”‹–‘”Â?‘˜‡”•‘Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡ †‹ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ••—Â?–ƒÂ†Â‘Â˜Â‡ÇĄƒŽŽ‡ Í™Í&#x;Ǥ͜Í?ÇĄ•‹–‡””Â?—Â?ƒ…‘Â?…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒŽ…ƒ”†Ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ ƒ––‹•–ƒ‡Ǥ ŽŽ‡͙ͥǥ‹Â?’‹ƒœœƒŽ‡ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ 

ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ?Â?ƒ‹Â?ƒ„ƒÂ?†‹‡”ƒ‡ƒŽŽ‡ ͚͙ǥ•‡Â?’”‡Â?‡ŽŽƒÂ’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹Ž …‘Â?…‡”–‘…‘Â?Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ †‡Ž‘”‘ƒŽ’‹Â?‘Â’ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‘ÂŽÂ‡Â•Â‡ÇĄ†‡Ž ‘”‘Ž–‡‹Â?‡ǥ†‡Ž…‘”‘Â?ƒ†‹

ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‡†‡Ž‘”‘ƒŽƒÂ? ƒ”–‹Â?‘Ǥ‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞‘––‘„”‡ǥ ƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽŽ‡Í Ç¤Í›Í˜ÇĄ‰Ž‹ƒŽ’‹Â?‹•‹ ƒÂ?Â?ƒ••‡”ƒÂ?Â?‘‹Â?’‹ƒœœƒŽ‡‡Â?Â?‡†› †ƒÂ†Â‘Â˜Â‡ÇĄƒŽŽ‡ͥǤ͙Í?ÇĄ’”‡Â?†‡”Â?‹Ž˜‹ƒŽƒ •ˆ‹Žƒ–ƒ…Š‡ǥƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‡˜‹‡ Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇĄ ƒ”…‘Â?‹ǥƒÂ?ÂƒÂ”Â†Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄÂƒÂ–Â–Â‡Â‘Â–Â–Â‹ÇĄ ‘””‡†‡Ž‘’‘Ž‘ǥ•‡––‡Â?„”‡ǥ ‘Â?–‡Â?Â—Â‘Â˜Â‘ÇĄ—Â?‰‘‰Ž‹‘‡•ƒ”‡ ƒ––‹•–‹‡†‡Ž‘Â?–‡ǥ’‹ƒœœƒ‘Â?ƒ ‡’‹ƒœœƒƒÂ?ÂƒÂ”ÂƒÇĄ’‘”–‡”Â?Ž‡’‡Â?Â?‡ Â?‡”‡‹Â?’‹ƒœœƒŽ‡ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹

’‡”Žƒ …Š‹—•—”ƒ—ˆˆ‹…‹ƒŽ‡†‡Ž”ƒ†—Â?‘†‡Ž͚Ν ƒ‰‰”—’’ƒÂ?‡Â?–‘Ǥ

    

Ž’”‘‰”ƒ��ƒ‘Ž–‡Ž‡‹�‹œ‹ƒ–‹˜‡‹�…ƒŽ‡�†ƒ”‹‘

*OLDOSLQLXQLVFRQR ODFRPXQLWj ǯ°‰”ƒÂ?†‡ƒ––‡•ƒ‹Â?”‹˜ƒÂƒÂŽÂŽÇŻ‰Ž‹‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–‘ƒ””‹˜‘†‹Â?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹‡Â?Â?‡Â?‡”‡   

'

ire alpini a Palazzolo, come in qualsiasi altra parte del Paese, è dire di una storia fatta di impegno, di dedizione e di sacrificio. Ăˆ dire anche di una presenza rassicurante, capace di aiuto e di grande solidarietĂ . Per questi e per tanti altri motivi le Penne nere, a Palazzolo come altrove, sono benvolute. CosĂŹ lo sforzo che la sezione Ana palazzolese sta profondendo in queste ore che precedono l’avvio del Raduno del 2° Raggruppamento, che porterĂ  in riva all’Oglio migliaia di alpini, è lo sforzo di tutta la comunitĂ  cittadina che, in occasione delle giornate del 15 e 16 ottobre, vuole mostrare il suo volto migliore. Ăˆ lo sforzo della macchina comunale che, pur in una stagione di oggettive ristrettezze economiche, è al lavoro per fare Palazzolo piĂš bella (asfaltature e risistemazioni di marciapiedi e altro ancora erano comunque in programma e il raduno degli alpini ha accelerato la realizzazione degli interventi); è l’impegno di tante realtĂ  del tessuto cittadino che hanno

 

Â?‘•ˆ‘”œ‘…‘”ƒŽ‡’‡” ˆƒ”‡†‡ŽŽ‡‰‹‘”Â?ƒ–‡†‡Ž Í™Í?‡͙͞‘––‘„”‡—Â?ƒ ˜‡”ƒ‡’”‘’”‹ƒˆ‡•–ƒ…‘Â? Ž‡‡Â?Â?‡Â?‡”‡‹Â?ƒ””‹˜‘ ƒƒŽƒœœ‘Ž‘

offerto il loro appoggio agli alpini per fare sÏ che le prossime giornate siano di grande festa. Gli alunni delle scuole elementari, a riprova del generale coinvolgimento della comunità, sono da mesi al lavoro per preparare al meglio un concerto in onore delle Penne nere in programma nella serata di venerdÏ 13 ottobre al palazzetto dello sport del centro scolastico polivalente cittadino; volontari delle diverse associazioni cittadine garantiranno nei giorni del raduno l’apertura straordinaria dei monumenti palazzolesi piÚ significativi. Da parte loro le Penne nere locali

sono ancora in febbrile attività per dare gli ultimi ritocchi ad una macchina organizzativa che deve girare al meglio. Il programma elaborato per le giornate del raduno che porterà a Palazzolo alpini da tutta la Lombardia e dall’Emilia Romagna, è talmente denso di appuntamenti da non permettere il minimo intoppo. Molti degli appuntamenti programmati sono già in corso, come la mostra sulla storia degli alpini allestita negli spazi espositivi di Palazzo Marzoli, e quella della gruppo di Protezione civile dell’Ana di Brescia realizzata al parco Metelli, tanti altri stanno per essere varati. La giornata di venerdÏ 14 ottobre, anteprima la raduno vero e proprio, prevede cosÏ alle 14 l’omaggio a tutti i monumenti ai caduti presenti in Palazzolo e alla tomba del colonnello Dante Belotti nel cimitero di Palosco. Alle 18.30, sempre presso il parco Metelli, è in programma la rievocazione delle condizioni di vita in un campo trincerato della prima guerra mondiale. Alle 19 prenderà il via da piazza Roma una fiaccolata

per il 150° dell’Unità d’Italia che si concluderà in piazzale Vittorio Veneto con la deposizione di un omaggio floreale davanti alle lapidi che ricordano Garibaldi e Vittorio Emanuele II. In serata il già ricordato concerto degli alunni delle scuole elementari a cui prenderà parte anche il Coro alpino palazzolese. La mattinata di sabato 15, dopo l’alzabandiera delle 9 in piazzale Giovanni XXIII, sarà interamente dedicata a riunioni dei responsabili delle diverse sezioni Ana presenti al raduno palazzoelse. Nella sala consiliare del Palazzo comunale si riuniranno i presidenti sezionali, a Palazzo Marzoli i referenti dei Centi studi, presso la sede Ana di via Sgrazzuti i coordinatori aib del 2° Raggruppamento e al San Fedele i responsabili dei gruppi sportivi. Alle 11 presso la sala civica del Comune si terrà l’incontro tra il Gruppo alpini di Ginevra e quello di Palazzolo a suggello del 30° del gemellaggio. Dal pomeriggio, come si legge in questa pagina, il via alla grande festa del raduno.

…ƒ––‹†ƒŽˆ”‘Â?–‡ ƒŽ…‡Â?–”‘…—Ž–—”ƒŽ‡ ‘”–‡—”ƒ ”‡••‘‹Ž…‡Â?–”‘…—Ž–—”ƒŽ‡ ‘”–‡—”ƒČ‹Â˜Â‹ÂƒÂ—Â”ÂƒÇĄ͙͘ƒ ƒŽƒœœ‘Ž‘•—ŽŽǯÂ‰ÂŽÂ‹Â‘ČŒ°•–ƒ–ƒ ‹Â?ƒ—‰—”ƒ–ƒ—Â?ƒÂ?‘•–”ƒ ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…ƒ…Š‡ǥ’—”Â?‘Â? ”‹‡Â?–”ƒÂ?†‘Â?‡‹’”‘‰”ƒÂ?Â?‹ —ˆˆ—…‹ƒŽ‹†‡Ž”ƒ†—Â?‘ǥ°—Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ ’”‘˜ƒ†‡ŽŽƒ˜‹…‹Â?ƒÂ?œƒ†‡ŽŽƒ …‹––ƒ†‹Â?ƒƒŽŽ‡•—‡‡Â?Â?‡ Â?‡”‡Ǥ‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒDz…ƒ––‹ †ƒŽˆ”‘Â?–‡dz•‘Â?‘’”‘’‘•–‡ ͙͛͘‹•–ƒÂ?–ƒÂ?‡‡‡…ƒ”–‘Ž‹Â?‡ †ƒŽˆ”‘Â?–‡Â‰Â”Â‡Â…Â‘ÇŚÂƒÂŽÂ„ÂƒÂ?‡•‡‡ ”—••‘…‘•–—†‹–‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â…ÂŠÂ‹Â˜Â‹Â‘ †‡ŽÂ?ƒ‰‰‹‘”‡†‡‰Ž‹ƒŽ’‹Â?‹ Â?‹Ž‹‘‘Â?ƒ”‹ǤƒÂ?‘•–”ƒ•ƒ”Â? ˜‹•‹–ƒ„‹Ž‡ƒÂ?…Š‡•ƒ„ƒ–‘Í™Í?‡ †‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͞‘––‘„”‡†ƒŽŽ‡ ͙͜Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͠Ǥ͛͘Ǥ


͚͚

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

ƒÂ? ‡Ž‹…‡†‡Ž‡Â?ƒ…‘ ‡‘’‡”‡†‡Ž‹Â?’‘•‹‘ƒÂ?‡ŽŽ‹ÂƒÂŽÂŽÇŻ •‘Žƒ†‡Ž ƒ”†ƒ Prosegue sino al 23 ottobre presso l’Isola del Garda (nella foto) a San Felice del Benaco l’esposizione delle opere d’arte realizzate dai partecipanti il Simposio e dai docenti della Scuola Vantini, della Libera Accademia di Belle Arti Laba e dell’Accademia Santa Giulia tenuto nello scorso mese di settembre a Rezzato. Vengono dalla Spagna, dalla Polonia, dalla Toscana e dalla Basilicata, oltre che dalla provincia di Brescia e di Cremona, i 10 giovani scultori che dal 5

 

settembre al 15 settembre hanno dato vita a Rezzato, all’interno della Scuola delle arti e della formazione professionale Vantini, al Primo simposio internazionale di scultura in pietra di Botticino intitolato ad Angelo Zanelli. La manifestazione era stata pensata dagli organizzatori come corollario alle iniziative per i 100 anni dell’Altare della Patria, realizzato in marmo di Botticino e di Mazzano. Il simposio ha permesso di valorizzare la creatività giovanile applicata alla scultura del marmo.

Situata sulla sponda bresciana del Benaco, l’Isola del Garda è stata per secoli espressione del piÚ alto misticismo (San Francesco vi aveva fondata una piccola comunità). Oggi deve il suo fascino alla straordinaria villa in stile neogotico veneziano, progettata dall’architetto Luigi Rovelli nei primi ’900; un’imponente costruzione armonica, ricca di particolari architettonici sorprendenti che qualche giorno ancora ospita le opere d’arte del Simposio Angelo Zanelli.

    

‘Ž–ƒƒ�–‘˜ƒ�ƒ �–‡”˜‡�–‹�‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡

3UHVWRUHVWDXUDWD ODFDSSHOODGHOÂś ƒ”Â?†‹ ƒ––‹‹Ž”‡…—’‡”‘†‡Ž’”‡œ‹‘•‘‰‹‘‹‡ŽŽ‘ƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…‘†‡†‹…ƒ–‘ƒŽŽƒ‡ƒ–ƒƒ‘Žƒ    

9

olta Mantovana parla da oggi anche bresciano. All’interno della chiesa parrocchiale è collocata la seicentesca “Cappella della Beata Paolaâ€?, prezioso gioiello architettonico del XVII secolo. Un perfetto equilibrio di geometrie di oltre 200 metri quadrati di superficie, fa da contorno a un’infinitĂ  di stucchi, originariamente arricchiti da numerosissime dorature, oggi quasi completamente compromesse dal cattivo stato di conservazione del manufatto. 42 angeli, due meravigliose statue e ben cinque tele, arricchiscono ulteriormente questa magnifica cappella. Padre Agostino Panelli, nato a Bagolino, dopo gli studi nel Seminario dei Canonici Regolari, ha ricoperto per 12 anni a Roma il ruolo di superiore della Casa Generalizia, per poi approdare in terra mantovana nel 1998. Oggi, dopo oltre due anni di pianificazione, è riuscito, grazie alla creazione di un comitato alla cui

–ƒÂ?Â?‘’‡”’”‡Â?†‡”‡‹Ž ˜‹ƒ‹Žƒ˜‘”‹’‡””‹’‘”–ƒ”‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”Â‹Â‰Â‹Â?ƒ”‹‘•’Ž‡Â?†‘”‡ Žǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ƒ’’ƒ”ƒ–‘ ƒ”–‹•–‹…‘”‹•ƒŽ‡Â?–‡ ƒŽ

•‡…‘Ž‘

presidenza onoraria è stato nominato il dott. Enzo Reni, a muovere i primi passi per il restauro della cappella. L’obiettivo è di terminare il lavoro per il 2014, in occasione del cinquecentenario della morte della Beata, e del bicentenario del trasporto della sua salma da Mantova a Volta Mantovana. Per questo intervento, si è avvalso della collaborazione di un’Êquipe tutta bresciana, composta dall’arch. Massimo Depaoli (figlio dell’indimenticato e amato Gigi, bomber del Brescia calcio negli anni sessanta con 103 goal all’attivo), docente universitario e specialista

di fama internazionale negli ordini architettonici, dell’ing. Andrea Panteghini, camuno di Bienno, specialista in verifiche di stabilitĂ  sismica in edifici antichi, e del bresciano Leonardo Gatti, restauratore specializzato in restauro di beni artistici e superfici architettoniche. Al loro fianco opera la prof.ssa Donatella Martelli, studiosa e ricercatrice storico-artistica, che ha raccolto numerosi antichi documenti, utilissimi alla corretta realizzazione dei futuri lavori. Un’impresa imponente, data la complessitĂ  dell’intervento previsto, anche in termini economici. Lo scopo di questo progetto, finalizzato non solo al restauro e al risanamento della Cappella, ma anche alla realizzazione, attraverso una futura pubblicazione, di uno strumento di lettura e analisi dell’identitĂ  storico-artistica e geografica, sarĂ  illustrato con foto e filmati sabato 22 ottobre, nella serata “Angeli in concertoâ€?, presso la chiesa parrocchiale, col fine di trovare finanziamenti e sponsorizzazioni.


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

͚͛

’‡†ƒŽ‹…‹˜‹Ž‹

Â?’‘”–ƒÂ?–‡”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‘’‡”Žǯ—Â?ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‹Â•Â–‡Â?œƒ‘Â?…‘Ž‘‰‹…ƒ

ÂŽ’”‘‰‡––‘ —ƒ”‡Č‹ —Â?ƒÂ?‹œƒ–‹‘Â? ‘ˆ…ƒÂ?…‡”ÂƒÂ”Â‡ČŒ’”‡˜‡†‡ Žǯ‹Â?’Ž‡Â?‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡Â?‡‹…‡Â?–”‹ ‘Â?…‘Ž‘‰‹…‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ ‡˜‹†‡Â?Â…Â‡ÇŚÂ„ÂƒÂ•Â‡Â†’‡”Â?‹‰Ž‹‘”ƒ”‡Ž‘ •–ƒ–‘’•‹…‘•‘…‹ƒŽ‡†‡‹’ƒœ‹‡Â?–‹…‘Â? …ƒÂ?…”‘Ǥ1‹Â?‹œ‹ƒ–‘Â?‡Ž͚͘͘͠‰”ƒœ‹‡ƒŽ ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽÂ?‹Â?‹•–‡”‘†‡ŽŽƒ ƒŽ—–‡‡†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ Šƒ…‘‹Â?˜‘Ž–‘’‹Î†‹͛͘…‡Â?–”‹ ‘Â?…‘Ž‘‰‹…‹ˆ”ƒ•’‡†ƒŽ‹‡ •–‹–—–‹†‹ ‹…‡”…ƒ‡‘Ž–”‡Í&#x;͘͘’”‘ˆ‡••‹‘Â?‹•–‹ǥ Â?‡†‹…‹ǥ‹Â?ˆ‡”Â?‹‡”‹ǥ’•‹…‘nj‘Â?…‘Ž‘‰‹‡ ƒŽ–”‹”‹…‡”…ƒ–‘”‹Ǥ‹…‡Â?–”‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹

‹Ž’”‘‰‡––‘Šƒ†ƒ–‘Žǯ‘’’‘”–—Â?‹–Â? †‹‹Â?–”ƒ’”‡Â?†‡”‡—Â?’‡”…‘”•‘†‹ Â?‹‰Ž‹‘”ƒÂ?‡Â?–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‹Â•Â–Â‡Â?œƒ ’•‹…‘•‘…‹ƒŽ‡‘ˆˆ‡”–ƒƒ‹Â?ƒŽƒ–‹‡ƒ‹ Ž‘”‘ˆƒÂ?Â‹ÂŽÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇĄ…‘Â?ÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘ˆ‹Â?ƒŽ‡ †‹Dz”‡Â?†‡”‡’‹Î—Â?ƒÂ?‘dz–—––‘‹Ž ’”‘…‡••‘†‹…—”ƒǤÇŻÂ?…‘Ž‘‰‹ƒ †‡‰Ž‹’‡†ƒŽ‹‹˜‹Ž‹‡†‡Ž”‡•‹†‹‘†‹ ‘Â?Â–Â‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇĄ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ–‡†ƒŽŽƒ †”Ǥƒ††ƒ‹Â?‘Â?…‹Â?‹ǥŠƒÂ?Â?‘Â?‡‹ ‰‹‘”Â?‹•…‘”•‹ƒ‹ŽƒÂ?‘Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡Ž ‘Â?˜‡‰Â?‘Dz‘Â?‡”‡Â?†‡”‡’‹Î—Â?ƒÂ?ƒ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‹Â•Â–Â‡Â?œƒ‘Â?Â…Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…ÂƒÇŁ‹Ž’”‘‰‡––‘ —ÂƒÂ”Â‡ÇĄ”‹•—Ž–ƒ–‹‡Â’Â”Â‘Â•Â’Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‡Çł

—Â?ƒ––‡•–ƒ–‘…Š‡…‡”–‹ˆ‹…ƒÂŽÇŻÂ‡ÂŽÂ‡Â˜ÂƒÂ–‘ •–ƒÂ?†ƒ”†Â?‡ŽŽǯ‹Â?–”‘†—œ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡…—”‡ ’•‹…‘•‘…‹ƒŽ‹‹Â?ƒÂ?„‹–‘‘Â?…‘Ž‘‰‹…‘ ƒ˜‡Â?†‘”ƒ‰‰‹—Â?–‘–—––‹‰Ž‹‘„‹‡––‹˜‹ ’”‡˜‹•–‹†ƒŽ’”‘‰‡––‘Ǥ‘Â?‘ÍšÍ?‰Ž‹ ‘•’‡†ƒŽ‹‘Â?…‘Ž‘‰‹…‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹…Š‡ ŠƒÂ?Â?‘ƒ…“—‹•‹–‘‰Ž‹•–”—Â?‡Â?–‹’‡” ”‡Â?†‡”‡Dz’‹Î—Â?ƒÂ?‘dz‹Ž’”‘…‡••‘ †‹…—”ƒǤ‹†—…‡Â?†‘Â?‡‹’ƒœ‹‡Â?–‹‹Ž †‹•ƒ‰‹‘’•‹…Š‹…‘‰”ƒ˜‡†‡ŽÍ?Í˜ÎŹȋ‹Â? Â?‡†‹ƒ—Â?ƒ’‡”•‘Â?ƒ•—–”‡…‘Ž’‹–ƒ†ƒ –—Â?‘”‡•‘ˆˆ”‡†‹ƒÂ?•‹ƒ‡ †‡’”‡••‹‘Â?Â‡ČŒ‡Â?‹‰Ž‹‘”ƒÂ?†‘ ÂŽÇŻÂƒÂ†Â‡Â•Â‹Â‘Â?‡ƒŽŽ‡–‡”ƒ’‹‡Ǥƒ

 

‘Â?„ƒ”†‹ƒ°Žƒ‡‰‹‘Â?‡’‹ÎÂ˜Â‹Â”Â–Â—Â‘Â•ÂƒÇĄ …‘Â?„‡Â?͚͚…‡Â?–”‹…‡”–‹ˆ‹…ƒ–‹ǤDz͙Í?Íž Â?‡†‹…‹ȋ•—Í™ÍĄÍ˜ČŒ‡͙͘͜‹Â?ˆ‡”Â?‹‡”‹ȋ•— ÍœÍ&#x;ÍĄČŒČ‚Šƒ•’‹‡‰ƒ–‘‹Ž’”‘ˆǤ‘†‘Žˆ‘ ÂƒÂ•Â•ÂƒÂŽÂƒÂ…Â“Â—ÂƒÇĄ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡•…‹‡Â?–‹ˆ‹…‘ †‹ —ƒ”‡‡’”‹Â?ƒ”‹‘†‹Â?…‘Ž‘‰‹ƒƒ ”‡Â?‘Â?ƒČ‚ŠƒÂ?Â?‘•‡‰—‹–‘—Â?…‘”•‘ †‹ƒŽ–ƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡’‡”Â?‹‰Ž‹‘”ƒ”‡Ž‡ …‘Â?’‡–‡Â?œ‡…‘Â?—Â?‹…ƒ–‹˜‡Ǥ‹ƒÂ?‘ ”‹—•…‹–‹ƒ”‹†—””‡ •‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜ƒÂ?‡Â?–‡‹Ž†‹•ƒ‰‹‘ ’•‹…Š‹…‘‰”ƒ˜‡‰”ƒœ‹‡ƒ—Â?’‡”…‘”•‘ …Š‡’‡”Â?‡––‡†‹‹Â?†‹˜‹†—ƒ”Ž‘ –‡Â?’‡•–‹˜ƒÂ?‡Â?–‡Ǥ

    

ƒÂ?‡Â?‘ƒ˜‹‰Ž‹‘Â?ÇŻÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹Â–Â?Â?ƒ–ƒÂ?‡ŽÍ™ÍĄÍĄÍ˜

6PDRXQLPSHJQR SHUODVDOXWH ÇŻÂƒÂœÂ‹Â‡Â?Â†ÂƒÇĄŽ‡ƒ†‡”Â?‡Ž…ƒÂ?’‘†‡ŽŽƒÂ?‡†‹…‹Â?ƒ†‡ŽÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥŠƒ†‹˜‡”•‹ˆ‹…ƒ–‘Ž‡ƒ––‹˜‹–Â?    

1

ata nel 1990 come societĂ  attiva nel campo della medicina del lavoro, negli anni la Smao è andata ampliando la gamma dei propri servizi come risposta a bisogni sempre nuovi. La societĂ  ha cosĂŹ adeguato le proprie risorse materiali e umane all’evolversi dei tempi, con lo scopo di fornire alla propria clientela un servizio sempre piĂš qualificato. Negli anni Smao ha dato vita ad altro rami d’azienda. Nel 1997 è nata Smao sicurezza, una societĂ  che si occupa, appunto, di sicurezza, formazione e informazione. Ăˆ del 2006, invece, la partecipazione alla crea-

 

 

Ž–”‡ƒ“—‡ŽŽƒ „”‡•…‹ƒÂ?ÂƒÇĄŽƒ•‘…‹‡–Â? …‘Â?–ƒ•——Â?ƒ•‡†‡ ƒƒ•–‹‰Ž‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‡–‹˜‹‡”‡…‘Â? ’‘Ž‹ƒÂ?„—Žƒ–‘”‹

zione di una nuova societĂ , con sede legale in Castiglione delle Stiviere che svolge attivtĂ  di poliambulatorio specialistico e medicina del lavoro nella provincia mantovana. Due anni dopo, Smao sicurezza, con la collaborazione di tecnici del set-

tore, ha dato vita alla società Acse che effettua controlli e consulenze su apparecchi a pressione, su caldaie a vapore e attrezzature/insieme a pressione. Da ultimo è nata anche Smao consulenza, una srl che si occupa di tutte le problematiche che le aziende assistite (circa 4000) incontrano nella gestione quotidiana della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Gli spazi realizzati in via Galvani 4 a San Zeno Naviglio per le attività legarte alla medicina del lavoro (attività che per altro vede i professionisto della Smao operare presso le aziende) sono stati messi a disposizione di medici e

specialisti per un importante servizio al territorio. Numerose sono le specialità ospitate nei poliambulatori Smao: dalla cardiologia alla chiururgia vascolare, dalla dermatologia alla fisiatria, dall’oculistica all’ostetricia e ginecologia, dall’otorinolaringoiatria alla psicologia. Presso i poliambulatori di San Zeno operano poi anche alcuni professionisti in regime di completa autonomia. Si tratta di una logopedista, di un osteopata, di uno studio dentisticio e di un esperto in protesi acustiche. La possibilita di cure inalatorie con acqua sulfurea e di haloterapia, con l’attivazione della stanza del sale,

uno spazio in cui viene nebulizzato del cloruro di sodio micronizzato. Le persone, comodamente sedute, potranno inalare queste particelle di sale con effetti benefici sulle vie respiratorie. Si tratta di una terapia innovativa particolarmente indicata per una serie di patologie dell’apparato respiratorio. Ultima novitĂ , in ordine di tempo è l’apertura nei poliambulatori di San Zeno e di Castiglione delle Stiviere di un centro benessere per idrocolonterapia, grazie alla collaborazione con la Gnali Bocia di Lumezzane, che ha ideato e messo in produzione “Wife-Lotusâ€? un sistema di pulizia rettale con l’uso di acqua naturale.


 

,/9$1*(/2 '(//$'20(1,&$

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

;;,;'20(1,&$'(/7(03225',1$5,2 '$/9$1*(/26(&21'20$77(2 

/$92&( '(/ 3232/2 

In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo GesÚ nei suoi discorsi. Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiàni, a dirgli: Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perchÊ non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?. Ma GesÚ, conoscendo la loro malizia, rispose: Ipocriti, perchÊ volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo. Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?. Gli risposero: Di Cesare. Allora disse loro: Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio.

ǥ  Ǥ  ǥ

 ÇĄ 

7UDIHGHHSROLWLFD  

 

5

estituire. Commentando questo brano di Vangelo possiamo anche noi cadere nella trappola tesa a GesÚ dai farisei e dalla loro malizia. Possiamo arrenderci a estrapolare da queste righe (come è legittimo) qualche necessaria deduzione sul rapporto tra fede e politica, tra Chiesa e Stato, tra credente e legge umana. Tutto giusto. Ma GesÚ non ha voluto cadere in questa trappola. L’ha giudicata malizia. L’ha vista come un modo per uccidere la Verità. La sua risposta – che è servita nei secoli per giudicare i rapporti tra fede e politica – è, in verità, il richiamo a un rigore che riguarda due campi nei quali ogni uomo vive. Non parla dei loro rapporto, ma del rapporto con chi li ha generati: la fede da Dio, le cose dal potere politico. Il resto è congettura dei commentatori. E un modo per cascare nella trappola dei farisei. Tutto sta in quel verbo: rendere, cioè restituire, cioè corrisponde-

       

/¡HPHUJHQ]DHODVSHUDQ]D In Calabria per condividere gioie e speranze, ideali e aspirazioni di questa terra. Poco piĂš di 12 ore tra Lamezia Terme e Serra San Bruno per dire la necessitĂ  di uno stile nuovo di presenza nel sociale e nel politico. Celebra la Messa nell’area ex-Sir, da domenica sarĂ  chiamata con il nome di Benedetto XVI, auspicio di un cambiamento e di uno sviluppo che finora non c’è stato. CosĂŹ il Papa ricorda che non mancano, a Lamezia e in tutta la Calabria, difficoltĂ , problemi e preoccupazioni. E auspica la formazione, da parte dei cattolici, di “una nuova generazione di uomini e donne capaci di promuovere non tanto interessi di parte, ma il bene comuneâ€?. Parla di “terra sismicaâ€? il Papa, non solo dal punto di vista geologico, “ma anche da un punto di

vista strutturale, comportamentale e socialeâ€?; “una terra, cioè, dove i problemi si presentano in forme acute e destabilizzanti; una terra dove la disoccupazione è preoccupante, dove una criminalitĂ  spesso efferata ferisce il tessuto sociale, una terra in cui si ha la continua sensazione di essere in emergenzaâ€?. Benedetto XVI evidenzia la necessitĂ  di un lavoro pastorale moderno e organico che “impegni tutte le forze cristianeâ€?. Loda, il Papa, le iniziative della Chiesa locale come la scuola di dottrina sociale e incoraggia la nascita di una nuova generazione di laici che s’impegnino per il bene comune. PerchĂŠ, spiega all’Angelus, “i problemi sociali piĂš gravi di questo territorio e dell’intera Calabria, specialmente quelli del lavoro, della

gioventĂš e della tutela delle persone disabiliâ€? richiedono una “crescente attenzione da parte di tutti, in particolare delle istituzioniâ€?. Temi che il Papa affronta partendo dalle letture della liturgia domenicale, e in modo particolare dalla parabola del banchetto di nozze cui molti sono gli invitati. L’immagine del banchetto: la festa, la gioia di partecipare nell’abbondanza dei doni. La festa indica la volontĂ  di “porre fine alla tristezzaâ€?, di “asciugare le lacrime su ogni voltoâ€?. Ma cosa accade: molti rifiutano di partecipare alla festa, anzi “mostrano di disprezzare l’invitoâ€? del re. Di fronte a un Dio generoso, che ci offre amicizia, doni, gioia, noi spesso “mettiamo al primo posto le nostre preoccupazioni materiali, i nostri interessiâ€?.

re. Come a dire che il nostro agire è risposta, anzi corrisposta. Ciò significa, in primo luogo, che quello che facciamo, nell’uno come nell’altro campo, non riguarda solo noi, ma tutta la comunitĂ ; e, in secondo luogo, che il nostro fare conosce la sua radice. PiĂš semplicemente: non possiamo pensare che quello che facciamo sia qualcosa che riguarda solo noi. La fede, come l’azione politica, sono azione comunitaria, finiscono per coinvolgere molti, non sono neutre, portano al miglioramento o al peggioramento della comunitĂ , dell’insieme (sociale o ecclesiale) al quale apparteniamo. E la misura per capire il possibile miglioramento o peggioramento di quello che facciamo non dipende dal nostro giudizio ma dal principio al quale dobbiamo “rendereâ€? conto. Quindi nĂŠ una fede “fai da teâ€?, nĂŠ una politica “fai da teâ€?: altrimenti gli obiettivi diventano brevi e il respiro corto. L’essere a posto o il sentirsi a posto non sono nell’orizzonte della risposta di GesĂš perchĂŠ

sono il ripiego su se stessi e hanno come criterio solo il nostro punto di vista. La risposta di GesĂš chiama in causa la radice, l’origine, la pretesa dell’essere uomini e donne di fede e uomini e donne nel mondo. Chiede di non accontentarsi di essere a posto con se stessi ma di guardare a quello che si riceve, a quello che genera il nostro essere comunitĂ . La prospettiva dei farisei e la loro trappola stanno dalla parte dell’essere a posto con se stessi; la risposta di GesĂš va dalla parte dell’impossibilitĂ  di sentirsi a posto perchĂŠ impone una prospettiva di dialogo e di risposta. E di restituzione. Come a dire: un cammino che non mette noi all’origine del nostro essere e del nostro fare, ma ci vede protagonisti insieme agli altri di un dovere che è quello di restituire vivendo quanto abbiamo ricevuto dall’origine. Ăˆ riconoscere innanzi tutto un dono ricevuto; è riconoscere poi la necessitĂ  del restituire come atto di responsabilitĂ  di uomini e di credenti.


͚͞

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‘Â?—Â?‹–Â?•‹Â?–‹ ƒ‰Â?ÂƒÂ•Â…Â‘ÇŁDz ˆ‹‰Ž‹•‘Â?‘—Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡Â”Â‹Â…Â…ÂŠÂ‡ÂœÂœÂƒÇł I ďŹ gli “sono una grande ricchezzaâ€? e “la vita fragile è sacra e merita l’attenzione della comunitĂ  interaâ€?. Ad affermarlo è l’arcivescovo di Genova e presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco, che ha visitato la comunitĂ  dei nomadi sinti di Genova Bolzaneto nell’ambito della visita pastorale che sta compiendo nelle parrocchie del vicariato della Valpolcevera. Il porporato è stato accolto dai membri della comunitĂ  e dai volontari di Sant’Egidio che da

oltre 25 anni assistono i nomadi e operano per la loro integrazione nella societĂ . Il card. Bagnasco ha ascoltato alcune testimonianze dei presenti, poi ha ringraziato i sinti per l’insegnamento della loro cultura. “Nella vostra comunitĂ  – ha detto il porporato – i ďŹ gli sono una grande ricchezza e questo non è scontato. Oggi qui c’è un insegnamento che tutti dovremmo raccogliere ossia che, nonostante le difďŹ coltĂ  materiali, da voi i ďŹ gli sono accolti come un grande

dono. Oggi talvolta, i ďŹ gli, sono considerati un limite, un pesoâ€?. “Per voi – ha aggiunto il Cardinale – la vita in tutte le sue fasi è sacra e merita l’attenzione, non solo dei parenti stretti, ma della comunitĂ  intera anche se con grandi sacriďŹ ci. Questo è un altro valore che avete radicato ed è un grande messaggio per la cultura occidentaleâ€?. Il Cardinale ha ringraziato i nomadi per l’accoglienza che manifestano nei confronti della vita in tutte le sue fasi, dalla nascita ďŹ no alla

ďŹ ne naturale. “Oggi infatti – ha proseguito il card. Bagnasco – non sempre la vita fragile, ferita, malata, che va verso il cielo, è considerata qualcosa di sacro che merita attenzione, cura e sacriďŹ cio da parte di tutti, non solo dei parenti, ma della comunitĂ  intera. I vostri – ha precisato – sono valori profondamente umani che noi a volte stiamo perdendoâ€?. Nel campo di Bolzaneto, aperto nel 1988, vivono circa 140 sinti italiani di origine piemontese.

   

••‹•‹Çł‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹†‡ŽŽƒ˜‡”‹–Â?ÇĄ’‡ŽŽ‡‰”‹Â?‹†‡ŽŽƒÂ’ÂƒÂ…Â‡Çł

/HUHOLJLRQLSHUODSDFH

ÂŽÍšÍ&#x;‘––‘„”‡‡Â?‡†‡––‘ ’ƒ”–‡…‹’ƒƒŽŽƒ ‹‘”Â?ƒ–ƒ†‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡ǥ†‹ƒŽ‘‰‘‡’”‡‰Š‹‡”ƒ’‡”Žƒ’ƒ…‡ ‡Žƒ‰‹—•–‹œ‹ƒÂ?‡ŽÂ?‘Â?†‘ǥ”‹ŽƒÂ?…‹ƒÂ?†‘…‘•¿Ž‘•’‹”‹–‘†‹••‹•‹‹Â?ƒ—‰—”ƒ–‘ÍšÍ?ƒÂ?Â?‹ˆƒ†ƒ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

 

*

iovedĂŹ 27 ottobre ad Assisi verrĂ  rinnovato il solenne impegno per la pace da parte delle religioni del mondo. L’iniziativa è stata presa da Benedetto XVI, con la volontĂ  di ricordare anzitutto lo storico meeting interreligioso per la pace celebratosi ad Assisi il 27 ottobre 1986, 25 anni fa, convocato da Giovanni Paolo II. Incontro poi replicato, in un momento particolarmente denso di tensioni internazionali, il 24 gennaio 2002. “Nel prossimo mese di ottobre – annunciava papa Ratzinger all’Angelus dell’1 gennaio, Giornata mondiale della pace – mi recherò pellegrino nella cittĂ  di San Francesco, invitando ad unirsi a questo cammino i fratelli cristiani delle diverse confessioni, gli esponenti delle tradizioni religiose del mondo e, idealmente, tutti gli uomini di buona volontĂ â€?. Quella del 27 ottobre sarĂ  una Giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace e la giustizia nel mondo e avrĂ  come tema: “Pellegrini della veritĂ , pellegrini della paceâ€?. Il tema del pellegrinaggio sarĂ  sottolineato anche dai gesti della giornata, con l’arrivo delle delegazioni e del Papa ad Assisi da Roma, in treno e poi col cammino da Santa Maria degli Angeli verso la basilica di San Francesco, dove si concluderĂ  la giornata con la rinnovazione solenne del comune impegno di pace. Il pellegrinaggio è luogo ideale dell’incontro. Si fa insieme la strada, ci si dirige insieme verso una meta. Ecco allora che la proposta di

ÇŻ    ͚͚͘͘

quest’anno raccoglie e rilancia quello “Spirito di Assisiâ€?, di incontro, stima e rispetto reciproco, inaugurato 25 anni fa e successivamente tenuto vivo da tanti meeting interreligiosi che insistono sulla possibilitĂ  di collaborazione e intesa soprattutto intorno al tema della pace. Non è un fatto scontato. Basti pensare che quando Giovanni Paolo II immaginò il primo incontro del 1986 dovette misurarsi con non poche resistenze, anche all’interno della Chiesa cattolica. Si disse che lo stesso Ratzinger, allora tra i primi collaboratori di papa Wojtyla, non fosse del tutto d’accordo con l’intuizione del Papa. Tra i timori, quello della confusione e del sincretismo

ÂŽƒ’ƒ•‹”‡…Š‡”Â?Â?‡ŽŽƒ …‹––Â?†‹ƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘ǥ ‹Â?˜‹–ƒÂ?†‘Ġ—Â?‹”•‹ ƒ“—‡•–‘…ƒÂ?Â?‹Â?‘‹ …”‹•–‹ƒÂ?‹ǥ‰Ž‹‡•’‘Â?‡Â?–‹ †‡ŽŽ‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹ ”‡Ž‹‰‹‘•‡‡‰Ž‹—‘Â?‹Â?‹ †‹„—‘Â?ƒ˜‘Ž‘Â?–Â? religioso, poi ampiamente scacciati da come si svilupparono gli eventi. E l’incontro del 2002 – pochi mesi dopo la strage alle Torri Gemelle e in un clima di “conflitto di civiltĂ â€? e diffidenza soprattutto verso l’Islam,

con l’incubo del terrorismo – lasciò vedere con maggiore chiarezza l’importanza del cammino tracciato da Giovanni Paolo II, con un forte impegno comune dei leader religiosi contro la violenza e il terrorismo, per la giustizia, la solidarietĂ  e la pace. Ciascuno dalla propria posizione, pronto tuttavia a condividere la tensione dell’altro. Tornare ad Assisi 25 anni dopo il primo incontro non vuol dire solo celebrare il passato. Piuttosto il nuovo incontro porta con sĂŠ il desiderio di guardare al futuro. Per rilanciare il proposito di andare avanti, gli uomini e le donne di buona volontĂ , tutti insieme, a camminare sulla via del dialogo e della fraternitĂ , nel contesto di un mondo in rapida trasformazione. Un cammino di pace, che ha un forte richiamo, anzitutto, alla ricerca della veritĂ  e del bene e in fondo pone, una volta di piĂš, la domanda su Dio che inquieta l’animo umano. Quella domanda che solo pochi giorni fa ancora Benedetto XVI, durante il viaggio in Germania, ha fortemente sottolineato, auspicando che non venga mai meno. La pace è “dono di Dioâ€? o, per dirla con un’altra espressione forte frutto dello Spirito di Assisi, “Pace è il nome di Dioâ€?. Ebbene, i leader religiosi che nella cittĂ  del Santo della pace e cercatore di Dio per eccellenza, come fu Francesco, si mostrano insieme pellegrini e cercatori loro stessi, richiamano a tutti il senso profondo della vita di ogni uomo e di ogni donna di questo mondo che, nel dialogo e nell’incontro rispettoso, fraterno, condividono il cammino.

͙ͥ͠͞ǥ͙ͥͥ͛‡͚͚͘͘

͙͘‹�’‡‰�‹ ƒ�…‘”ƒƒ––—ƒŽ‹

ÂŽÍšÍ&#x;‘––‘„”‡͙ͥ͠͞ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ ƒ‘Ž‘

Šƒ”‹—Â?‹–‘‹’”‹Â?…‹’ƒŽ‹ Ž‡ƒ†‡””‡Ž‹‰‹‘•‹†‡ŽÂ?‘Â?†‘ Ġ••‹•‹’‡”—Â?ƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ …‘Â?—Â?‡’‡”Žƒ’ƒ…‡Ǥ ƒÂ?Â?‘ ’ƒ”–‡…‹’ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?…‘Â?–”‘‹…ƒ’‹ †‹–—––‡Ž‡…Š‹‡•‡…”‹•–‹ƒÂ?‡ǥ ‹ŽƒŽƒ‹ƒÂ?ƒ‡Â?‘Ž–‹ƒŽ–”‹Ǥ ÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?‹Â?‡Â?–‘ǥ‘”‹‰‹Â?ƒŽ‡ ‡ƒ••‘Ž—–ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?‡†‹–‘ǥ ‡•’”‡••‡Ž‘•ˆ‘”œ‘…‘Â?—Â?‡ †‡ŽŽ‡˜ƒ”‹‡”‡Ž‹‰‹‘Â?‹Â?‘Â?†‹ƒŽ‹ ’‡”—Â?ƒ…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‡ ”‡…‹’”‘…ƒ‡’‡”—Â?‹Â?’‡‰Â?‘ †‹’ƒ…‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡†‹ˆ”‘Â?–‡ ƒŽŽ‡‰—‡””‡Ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

°–‘”Â?ƒ–‘Ġ••‹•‹…‘Â?‹ Ž‡ƒ†‡””‡Ž‹‰‹‘•‹†‡ŽÂ?‘Â?†‘‹Ž ͙͘‡͙͙‰‡Â?Â?ƒ‹‘͙ͥͥ͛ǥÂ?‡Â?–”‡ ‡”ƒ‹Â?…‘”•‘Žƒ‰—‡””ƒÂ?‡‹ ƒŽ…ƒÂ?‹Ǥƒ•‘’”ƒ––—––‘˜‹° –‘”Â?ƒ–‘‹Ž͚͜‰‡Â?Â?ƒ‹‘ÍšÍ˜Í˜ÍšÇĄ †‘’‘‹–‡””‹„‹Ž‹‡˜‡Â?–‹†‡ŽŽǯ͙͙ •‡––‡Â?„”‡͚͙͘͘…Š‡ƒ˜‡˜ƒÂ?‘ Â?‘•–”ƒ–‘ƒ–—––‘‹ŽÂ?‘Â?†‘ Žƒˆ‘”œƒ†‹•–”—––”‹…‡†‡ŽŽǯ‘†‹‘ ‡†‡Ž–‡””‘”‹•Â?‘…ƒ’ƒ…‹†‹ ‡•’Ž‘†‡”‡‹Â?‘‰Â?‹ƒÂ?‰‘Ž‘†‡Ž Â?‘Â?†‘ǤŽŽ‘”ƒ‹Žƒ’ƒ‹Â?Â˜Â‹Â–Ă– ƒÂ?…‘”ƒ—Â?ƒ˜‘Ž–ƒƒ”‹–”‘˜ƒ”•‹ ‹Â?••‹•‹…Š‹‡†‡Â?†‘ƒŽŽ‡˜ƒ”‹‡ ”‡Ž‹‰‹‘Â?‹†‹ˆƒ”•‹•–”—Â?‡Â?–‘†‹ ’ƒ…‡’‡”…Š¹Žǯ‘†‹‘‡Žƒ‰—‡””ƒ Â?‘Â?’‘”–ƒÂ?‘•‡Â?‘Â?ƒŽ–”‘‘†‹‘ ‡ƒŽ–”ƒ‰—‡””ƒǤÂŽ–‡”Â?‹Â?‡ †‡ŽŽƒ‰”ƒÂ?†‡’”‡‰Š‹‡”ƒ †‡ŽŽƒ’ƒ…‡†‡Ž͚͜‰‡Â?Â?ƒ‹‘ ÍšÍ˜Í˜ÍšÇĄ‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ŠƒÂ?Â?‘ •‘––‘•…”‹––‘͙͘‹Â?’‡‰Â?‹ǥ…Š‡ ’ƒ’ƒ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

Šƒ …‘�•‡‰�ƒ–‘•—……‡••‹˜ƒ�‡�–‡ ƒ‹ƒ’‹†‹–ƒ–‘‡†‹‰‘˜‡”�‘Ǥ

 ÇĄ 

 ͚͙͚͘

%HQHGHWWR;9,DO3DUFR1RUG SarĂ  al Parco Nord di Milano, nell’area dell’aeroporto di Bresso (nella foto) l’incontro di Benedetto XVI con le famiglie di tutto il mondo che dal 30 maggio al 3 giugno si ritroveranno nel capoluogo lombardo per il 7° Incontro mondiale delle famiglie dal titolo “La famiglia, il lavoro e la festaâ€?. L’annuncio pone ďŹ ne a settimane di incertezze in cui oltre a Bresso erano in ballo come possibile alternativa le aree di Rho che sareb-

bero dovute essere destinate a Expo 2015. “Ora occorre dotare la zona delle infrastrutture necessarie – ha spiegato il sindaco Giuliano Pisapia – il Comune si impegna a completare in tempo per l’evento la linea metropolitana 5 in corso di realizzazione da alcuni anniâ€?. Intanto la macchina organizzativa di Famiglie 2012 è a pieno regime: “Mi piacerebbe che questo evento fosse caratterizzato da tre principi: trasparenza, sobrie-

tà ed ecosostenibilità – dice mons. De Scalzi – e che lasciasse un segno concreto alla città, come una casa di accoglienza per famiglie che hanno bisogno�. Mons. De Scalzi ha sottolineato che Family 2012 è un incontro aperto a tutti, non solo nelle due giornate di sabato 2 giugno e domenica 3 giugno, in cui sarà a Milano il Papa che presenzierà a Bresso alla festa delle testimonianze e presiederà la Messa della domenica.


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‡––‹Â?ƒÂ?‡Â–Â‡Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹Â…Â‘ÇŚÂ’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‹ ‡”—Â?ƒŠ‹‡•ƒ•‹Â?‘†ƒŽ‡ Il cammino della Chiesa diocesana verso la celebrazione del Sinodo sulle unitĂ  pastorali ha suggerito di porre all’attenzione per le Settimane teologico-pastorali la vita della prima comunitĂ  cristiana quale è narrata dagli Atti degli Apostoli (il Vangelo della Chiesa, come è chiamata l’opera lucana). Guidati dall’esperto, il biblista mons. Carlo Ghidelli, i sacerdoti si confronteranno con le vicende della Chiesa nascente per cogliere quelle sollecitazioni

che ci possono aiutare a prendere parte con entusiasmo e rinnovato impegno al cammino della nostra diocesi. Lo stile consueto prevede le lodi, la lectio, la celebrazione eucaristica e nel pomeriggio i lavori di gruppo; alla sera, prima dei vespri, l’adorazione eucaristica. Fra le relazioni di mons. Ghidelli: “I protagonisti della storia della salvezza: lo Spirito Santo, la Parola, la fede. Per una lettura unitaria degli Atti degli Apostoli�; “In principio era la predicazione

ÍšÍ&#x;

‘�‡�‹…ƒ͚͛

‹‘”Â?ƒ–ƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒ (Atti 2, 1-41)â€?; “Missionari a confronto (Atti 15)â€?; “L’identikit del pastore-missionarioâ€?. Alle Settimane partecipa il vescovo Monari. La prima è in programma all’Eremo di Bienno (nella foto) dal 23 al 28 ottobre, la seconda (sempre in Valle Camonica) dal 5 al 10 febbraio 2012. Ăˆ necessario portare la Bibbia e i documenti del Concilio Vaticano II. Ogni presbitero deve portare con sĂŠ il camice per le concelebrazioni; la stola sarĂ  fornita dalla casa.

Domenica 23 ottobre è in programma la Giornata missionaria mondiale. Alle 18.30 in Cattedrale il Vescovo presiede la Santa Messa con il sacramento della cresima degli adulti. La veglia missionaria, invece, si svolge sabato 29 ottobre in Cattedrale alle 20.30 con la consegna del crociďŹ sso (in sostanza il mandato della Chiesa bresciana) ai missionari (laici e religiosi) che partono per un servizio in missione.



—••ƒ‰‘‹ŽŽƒƒ…‡

ƒ„ƒ–‘͚͚ ƒ†”‡ƒˆ‘�–

´,O&RQFLOLR GDYDQWLDQRL¾

ÂŽ͚͚‘––‘„”‡‹Â?‹œ‹ƒ‹Ž’‡”…‘”•‘„‹‡Â?Â?ƒŽ‡†‹•–—†‹’‡””‹•…‘’”‹”‡ÂŽÇŻÂƒÂ––—ƒŽ‹–Â?†‡Žƒ–‹…ƒÂ?‘

‡’‡”ˆƒ˜‘”‹”‡…‘•¿Žƒ…”‡•…‹–ƒ†‹—Â?ƒDzÂ?‡Â?–ƒŽ‹–Â?…‘Â?Â…Â‹ÂŽÂ‹ÂƒÂ”Â‡ÇłÂ?‡ŽÂ?‘Â?†‘…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡‘  



/

’11 ottobre 2012 cade il 50° anniversario dell’apertura del Concilio Vaticano II, senz’altro l’evento piĂš importante per la Chiesa del nostro tempo. Al di lĂ  dell’aspetto meramente celebrativo, è significativo cogliere i motivi che ne evidenziano l’importanza e il valore anche nell’attuale stagione ecclesiale. “In questo senso è sembrato opportuno – ha spiega don Antonio Lanzoni, direttore dell’Ufficio diocesano organismi di partecipazione – proporre un’iniziativa finalizzata alla ripresa dei testi conciliari, considerati come la fonte

 

privilegiata e imprescindibile per raccogliere e far propri gli insegnamenti del Concilioâ€?. Ecco allora che è stato pensato a livello diocesano un biennio di studi, una sorta di “Scuola di Concilioâ€? per utilizzare le parole del coordinatore don Antonio Lanzoni. “L’obiettivo del percorso – sottolinea don Lanzoni – vuole essere una riscoperta dell’attualitĂ  dell’insegnamento del Vaticano II, cosĂŹ da favorire la crescita di una ‘mentalitĂ  conciliare’ adatta a credenti consapevoli della propria vocazione nella Chiesa e nella societĂ â€?. I destinatari sono i giovani e gli adulti interessati, in particolare gli

insegnanti di religione e quanti hanno giĂ  frequentato la Scuola di teologia per laici e l’Istituto superiore di scienze religiose. Nelle parole di Andrea Re, presidente diocesano dell’Ac l’urgenza di “rimettere al centro l’importanza del Concilio Vaticano II perchĂŠ crediamo nell’attualitĂ  e nella profezia delle intuizioni che ne uscirono e che, a 50 anni dall’apertura dei lavori, appaiono spesso inattuate nelle nostre comunitĂ . L’esigenza di questo approfondimento è nata in particolare dal percorso che la nostra Chiesa locale sta iniziando verso il Sinodo sulle unitĂ  pastorali e la loro costituzioneâ€?.

Il primo anno di approfondimento è dedicato alle costituzioni, il secondo ai decreti e alle dichiarazioni conciliari; per ogni documento sono previsti due momenti: una presentazione generale e una ripresa per valutarne la recezione. Vogliamo “offrire agli associati di Ac e a tutti i laici – conclude Re – un’opportunitĂ  per conoscere meglio i documenti su cui si fonda l’idea di un laico consapevole e adulto dentro la Chiesa, un contributo per calarsi dentro la costruzione di questa nuova dimensione comunitaria con un vero stile sinodale, fatto di corresponsabilitĂ , di apertura, di dialogoâ€?.

ƒ†”‡ Š‹•Žƒ‹Â?ƒˆ‘Â?–ǥÂ?‘Â?ÂƒÇŚ …‘„‡Â?‡†‡––‹Â?‘‡–‡‘Ž‘‰‘ˆ”ƒÂ?ÇŚ …‡•‡ǥƒ’”‡•ƒ„ƒ–‘͚͚‘––‘„”‡‹Ž ’‡”…‘”•‘†‹•–—†‹Dz ÂŽ‘Â?…‹Ž‹‘Â†ÂƒÇŚ ˜ƒÂ?–‹ƒÂ?‘‹dzǤƒˆ‘Â?–°…‘Â?Â•Â‹Â†Â‡Â”ÂƒÇŚ –‘—Â?ƒ†‡ŽŽ‡Â?‡Â?–‡’‹ÎŽ—…‹†‡‹Â? ‰”ƒ†‘†‹‹Â?–‡”’”‡–ƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂ––—ƒŽ‡ …‘Â?‰‹—Â?–—”ƒ‡……Ž‡•‹ƒŽ‡‡†‹‹Â?†‹nj Â…ÂƒÂ”Â‡ÇĄƒŽ–‡Â?’‘•–‡••‘ǥ…ƒÂ?Â?‹nj Â?‹’‡”Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â?…”‹•–‹ƒÂ?ƒ†‡Ž Â?‘•–”‘–‡Â?’‘ǤÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ °ƒ‹ŽŽƒƒ…‡†‹ —••ƒ‰‘†ƒŽŽ‡ ‘”‡Í™Í?ƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ǥ͛͘Ǥ ”ƒ‹”‡Žƒ–‘”‹ †‡Ž„‹‡Â?Â?‹‘ǥ†‘Â?˜‹†‹‘Â‡ÂœÂœÂ‘ÂŽÂ‹ÇĄ †‘Â?ƒˆˆƒ‡Ž‡ƒ‹‘Ž‹Â?‹ǥ†‘Â?Â?ÇŚ ‰‡Ž‘ÂƒÂˆÂˆÂ‡Â‹Â•ÇĄƒ”…‘‡”‰‘––‹Â?‹ ‡—…‹ƒÂ?‘ƒ‹Â?‹Ǥ

’”‘Â?‘–‘”‹ ƒ‹…‹’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹ ÇŻ ‹ Â? ‹ Âœ ‹ ƒ – ‹ ˜ ƒ  °  Â’ ” ‘ Â? ‘ • • ƒ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻœ‹‘Â?‡…ƒ––‘Ž‹…ƒÂ„Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇŚ Â?ÂƒÇĄÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻ •–‹–—–‘•—’‡”‹‘”‡†‹ •…‹‡Â?œ‡”‡Ž‹‰‹‘•‡ǥ†ƒŽŽƒ…—‘Žƒ †‹–‡‘Ž‘‰‹ƒ’‡”Žƒ‹…‹‡†ƒ‰Ž‹ÂˆÂˆÂ‹ÇŚ …‹†‹‘…‡•ƒÂ?‹’‡”Žƒ•…—‘Žƒ‡’‡” ‰Ž‹‘”‰ƒÂ?‹•Â?‹‡……Ž‡•‹ƒŽ‹†‹Â’ÂƒÂ”ÇŚ –‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹‡ ‹•…”‹œ‹‘Â?‹Č‹ÍœÍ˜Â‡Â—Â”Â‘ČŒÇĄ•‹’—Ö…‘Â?ÇŚ –ƒ––ƒ”‡‹ŽÂ?—Â?‡”‘͙͚͛͘͘͘͘͜Ǥ


͚͠

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‡”…‘”•‘ˆ‘”Â?ƒ–‹˜‘ ‘Â?–‹”‹Â?Â?‘˜ƒ„‹Ž‹‡†‡ˆˆ‹…‹‡Â?œƒ‡Â?‡”‰‡–‹…ƒ Il 16 novembre parte (termina il 14 marzo 2012) il percorso formativo “Marcolini-Toviniâ€? per la gestione responsabile di organizzazioni. Verranno approfondite le fonti rinnovabili e l’efďŹ cienza energetica per uno sviluppo sostenibile. I sei incontri teorici si tengono tutti i mercoledĂŹ dalle ore 18 alle 20 presso il Centro pastorale Paolo VI in via Gezio Calini 30 a Brescia. Nello speciďŹ co si parla di: fonti rinnovabili, risparmio energetico, etica ambientale e

politica, ďŹ nanziamenti e supporti per la ricerca e lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Sono previste anche delle esperienze concrete: quattro visite guidate presso le aziende e le organizzazioni designate. Promosso dall’Ucid e dalla SďŹ sp, si rivolge a un massimo di 30 giovani. La quota di iscrizione è di 90 euro; la direzione della scuola è afďŹ data al prof. Gianfranco Tosini. I relatori sono proprio Gianfranco Tosini, docente di economia internazionale presso

l’UniversitĂ  cattolica di Brescia, e don Gabriele Scalmana (nella foto), collaboratore dell’UfďŹ cio diocesano di pastorale sociale. Per la partecipazione costituisce titolo preferenziale l’aver seguito il primo anno di “ImprenditorialitĂ  responsabileâ€? o il biennio della SďŹ sp. L’iscrizione va effettuata entro il 31 ottobre 2011 via e-mail corredandola con il proprio curriculum vitae ai seguenti indirizzi: info@ucidbrescia.org, fabio.lavini@a2a.eu.

      

ƒ˜‡‡Â?–”‘•ƒŽ‡•‹ƒÂ?‘†‹•–—†‹‘Dzƒ‘Ž‘ Çł

,OVHUYL]LRDOODIRUPD]LRQH qSURPHVVDSHULOIXWXUR ǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽÂ?—‘˜‘ƒÂ?Â?‘ƒ……ƒ†‡Â?‹…‘°‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡””‹Â?Â?‘˜ƒ”‡Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘Â?‡Ž•‡”˜‹œ‹‘ƒŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ ‰‹‘˜ƒÂ?‹‡†‡‰Ž‹‡†—…ƒ–‘”‹ǤƒÂ?‘˜‹–Â?°ÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?‹ƒÂ?‘†‹•–—†‹–”‹‡Â?Â?ƒŽ‡’‡”‹Ž„ƒ……ƒŽƒ—”‡ƒ–‘‹Â?ˆ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒ   

,

l Centro salesiano di studio “Paolo VIâ€? ha iniziato sabato 8 ottobre 2011 il suo 31° anno di attivitĂ  universitaria con alcune novitĂ  di rilievo. Fino al passato anno accademico l’offerta culturale si articolava in quattro semestri di un biennio universitario orientato al conseguimento del baccalaureato in filosofia. Il 27 gennaio 2011 la Congregazione per l’educazione cattolica ha promulgato il Decreto di riforma degli studi ecclesiastici di Filosofia, che ha portato a tre anni la durata degli studi, per la totalizzazione dei 180 crediti formativi necessari al conseguimento del titolo universitario di primo ciclo in filosofia. Il Centro salesiano “Paolo VIâ€? di Nave dall’anno accademico 2011-2012 attiva cosĂŹ un Piano di studi triennale disciplinato dalla FacoltĂ  di filosofia dell’UniversitĂ  pontificia salesiana di Roma. Il percorso didattico, articolato in sei semestri, è orientato al conseguimento del titolo triennale di baccalaureato in filosofia. Coloro che ne entreranno in possesso, oltre ad usufruire del valore in sĂŠ del grado accademico conseguito (equivalente al Corso di laurea in filosofia per l’ordinamento universitario italiano), potranno eventualmente proseguire i loro studi filosofici di II ciclo sia presso le UniversitĂ  statali sia presso le facoltĂ  pontificie di filosofia. L’impegno richiesto al Centro di studio per l’adeguamento alla nuova disciplina

  

 

‡Â?‡†‡––ƒŽƒÂ?—‘˜ƒ •ƒŽƒ’‘Ž‹ˆ—Â?œ‹‘Â?ƒŽ‡ ’‡””‹•’‘Â?†‡”‡ƒŽŽ‡ ˆ‹Â?ƒŽ‹–Â?†‡Ž‡Â?–”‘‡ƒŽŽ‡ ”‹…Š‹‡•–‡†‹ƒ……‘‰Ž‹‡Â?œƒ †‹’ƒ””‘……Š‹‡‡‘”ƒ–‘”‹ accademica è notevole, investendo la didattica, la formazione del personale docente, la dotazione degli ambienti e delle strutture, le risorse della biblioteca. La comunitĂ  salesiana di Nave, che nel suo servizio universitario ha

raggiunto 559 giovani – salesiani e di altre congregazioni presenti nella diocesi – ha potuto constatare la necessitĂ , l’urgenza e la feconditĂ  di questa missione formativa e culturale. Il Centro di studio “Paolo VIâ€? affronta questa nuova fase della sua storia nella certezza che il servizio alla formazione dei giovani e degli educatori costituisce un’autentica promessa per il futuro. Il Superiore dei Salesiani di Lombardia Emilia, don Claudio Silvano Cacioli, ha inaugurato una sala polifunzionale ricavata dalla ristrutturazione di alcuni ambienti e realizzata per rispondere tanto alle

finalità istituzionali del Centro quanto alle crescenti richieste di accoglienza per attività formative e di educazione alla fede soprattutto di parrocchie e oratori. La benedizione della sala ha offerto alla comunità un’occasione propizia per commemorare una benefattrice, Pierina Migliorati, che ha contribuito, con il lascito di una sua proprietà, all’edificazione della nuova struttura. Titolando la sala proprio a Pierina Migliorati, i salesiani di Nave intendono ricordare la sua luminosa testimonianza come ostetrica, per 35 anni, a Orzinuovi, Castel Mella e Remedello.

    

&DPPLQLSHUVSRVLHILGDQ]DWL GesÚ indica il cammino delle beatitudini per realizzare la nostra felicità. Le meditazioni sulle beatitudini dal Vangelo di Matteo sono proposte da don Faustino Guerini all’interno del programma 2011-2012 del gruppo famiglie dell’Istituto Pro Familia. Nato dall’intuizione profetica di don Giovanni Battista Zuaboni (1880-1939), l’Istituto svolge un tipico servizio di evangelizzazione del matrimonio e di promozione dei valori umani. Dopo i

primi due incontri di ottobre, il prossimo è in programma il 13 novembre (“Beati gli operatori di pace, perchĂŠ saranno chiamati figli di Dioâ€?); la struttura è la seguente: l’inizio è alle 15.30 con la preghiera, poi la proposta di riessione e la condivisione; alle 18 il vespro. La sede degli incontri è presso l’Istituto in via della Lama 61 a Brescia. Per informazioni, si può telefonare al numero 03046358 o consultare il sito www.profamilia.it.

L’Istituto Pro Familia offre anche ai ďŹ danzati come tradizione un percorso di fede, attraverso testimonianze di vita, momenti di ascolto e di approfondimento della Parola di Dio, incontri guidati da esperti, attivitĂ  di confronto in gruppo e celebrazioni liturgiche. I corsi, che si tengono presso la sede dell’Istituto, sono in programma durante tutto l’anno: il prossimo appuntamento è per sabato 22 ottobre alle 15.

‡…–‹‘Â?ƒ‰‹•–”ƒŽ‹• Dzƒˆƒ–‹…ƒ †‹•…‡‰Ž‹‡”‡dz ÇŻÂƒÂ?Â?‘ƒ……ƒ†‡Â?‹…‘ÍšÍ˜Í™Í™Č€ÍšÍ˜Í™Íš °•–ƒ–‘‹Â?ƒ—‰—”ƒ–‘…‘Â?—Â?ƒ Ž‡…–‹‘Â?ƒ‰‹•–”ƒŽ‹•Dzƒˆƒ–‹…ƒ †‹•…‡‰Ž‹‡”‡dz–‡Â?—–ƒ†ƒŽŽƒ †‘––Ǥ••ƒ‘†‘˜‹…ƒƒ”‹ƒ ƒÂ?‡–ǥ”‹…‡”…ƒ–”‹…‡’”‡••‘Žƒ …—‘ŽƒÂ?‘”Â?ƒŽ‡•—’‡”‹‘”‡ †‹ƒ”‹‰‹‡Ž‡Â?‹˜‡”•‹–Â?ƒÂ? ƒˆˆƒ‡Ž‡‡ƒ––‘Ž‹…ƒ†‹‹ŽƒÂ?‘ǥ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—ÂŽÂƒÂ?ƒ‰Â?ƒ†‡Ž‡Â?–”‘ǥ ‰”‡Â?‹–ƒ†‹ƒ—–‘”‹–Â?‡ƒÂ?‹…‹ †‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?•ƒŽ‡•‹ƒÂ?ƒ …‘Â?’‘•–ƒ†ƒ͛͜Â?‡Â?„”‹Ǥ ƒƒÂ?‡–Šƒ’”‡•‡Â?–ƒ–‘Žƒ ˆ‹‰—”ƒ‡Žƒ†‘––”‹Â?ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‡ †‡ŽŽƒˆ‹Ž‘•‘ˆƒ‡„”‡ƒ†‹˜‡Â?—–ƒ …ƒ”Â?‡Ž‹–ƒÂ?ƒ…‘Â?‹ŽÂ?‘Â?‡ †‹‡”‡•ƒ‡Â?‡†‡––ƒ†‡ŽŽƒ ”‘…‡ǥ†‡’‘”–ƒ–ƒ‡—……‹•ƒ Ġ—•…Š™‹–œÂ?‡ŽÍ™ÍĄÍœÍšÇĄ …ƒÂ?‘Â?‹œœƒ–ƒ‡’”‘…ŽƒÂ?ƒ–ƒ ’ƒ–”‘Â?ƒ†ǯÂ—Â”Â‘Â’ÂƒÇĄÂ?‡Ž͙ͥͥͥǥ †ƒŽ„‡ƒ–‘ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

Ǥ—‹ ’ƒ••‹†‡ŽŽƒ–‡‹Â?’”‘–‡•ƒ•‹Â? †ƒ‰‹‘˜ƒÂ?‡ƒDzÂ?‹”ƒ”‡‹Â?ÂƒÂŽÂ–Â‘ÇłÇĄ Žƒ†‘––Ǥ••ƒƒÂ?‡–Šƒ…‘Â?†‘––‘ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â?„Ž‡ƒƒ”‹’‡”…‘””‡”‡Ž‡ –ƒ’’‡†‹—Â?ƒƒ•…‡•ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‡ ‡‹Â?–‡ŽŽ‡––—ƒŽ‡†‡ŽŽƒ†‹•…‡’‘Žƒ †‹ —••‡”Ž…‘Â?–”ƒ••‡‰Â?ƒ–ƒ †ƒDz—Â?ƒ•’—†‘”ƒ–ƒ”‹…‡”…ƒ †‡ŽŽƒ˜‡”‹–Â?Çłƒ––”ƒ˜‡”•‘—Â? •ƒŽ†ƒ”‡’”‘‰”‡••‹˜‘†‹Dz•‡Â?–‹”‡ ‡Â˜Â‘Ž‡”‡dzǤ‘’‘—Â?Ž—Â?‰‘ ’‡”…‘”•‘ǥŽǯ‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?Žƒ ˆ‹‰—”ƒ†‹ƒÂ?–ƒ‡”‡•ƒ†ǯ˜‹ŽƒŽƒ ’‘”–‡”Â?Ġ‡•…ŽƒÂ?ƒ”‡Ç˛Â“—‡•–ƒ °Žƒ‡”‹–Â?Ǩdz‡ƒÂ?‘Â?•…‡‰Ž‹‡”‡ ’‹Î’‡”…Š¹Â?‘–‹˜ƒ–ƒĠƒ‰‹”‡ Â?ƒ’‡”‡••‡”•‹Dz•‡Â?–‹–ƒÂ•Â…Â‡ÂŽÂ–ÂƒÇĄ Â’Â”Â‡Â…Â‡Â†Â—Â–ÂƒÇĄƒÂ?ÂƒÂ–ÂƒÇłÇ¤……‘•–ƒ”‡ Žƒˆ‹‰—”ƒ†‹†‹–Š–‡‹Â?ÇĄ’‡” —Â?ÇŻÂ‹Â•Â–Â‹Â–Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡ƒ……ƒ†‡Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ •‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ‡•’”‹Â?‡”‡‹Ž’”‘’”‹‘ †‡•‹†‡”‹‘†‹ƒ••‹…—”ƒ”‡ƒŽŽƒ †‘…‡Â?œƒ‡ƒŽŽ‘•–—†‹‘—Â? ”‡•’‹”‘—Â?ƒÂ?‘‡…”‹•–‹ƒÂ?‘‹Â? —Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘˜‡”•‘Žƒ˜‡”‹–Â? …Š‡‹Â?’‡‰Â?ƒŽǯ‹Â?–‡”‘‡••‡”‡ —Â?ƒÂ?‘ǣDz‘Â?…ǯ°Žǯ‹Â?–‡ŽŽ‹‰‡Â?œƒ ‡’‘‹ÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡ǣ…‹•‘Â?‘ ÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡”‹……‘†‹‹Â?–‡ŽŽ‹‰‡Â?œƒ‡ Žǯ‹Â?–‡ŽŽ‹‰‡Â?œƒ’‹‡Â?ƒ†‹ƒÂ?‘”‡dz Č‹‡Â?‡†‡––‘ ÇĄ‹•…‘”•‘ƒ‹ ’”‘ˆ‡••‘”‹—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹Č‚ƒ†”‹† ͙ͥƒ‰‘•–‘ÍšÍ˜Í™Í™ČŒÇ¤


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

MercoledĂŹ 19 ottobre, alle 20.30 presso il Centro pastorale Paolo VI, è in programma l’assemblea per gli animatori vocazionali. L’incontro “Ogni battezzato è pro-vocazione nella Chiesaâ€? è tenuto dal vescovo Monari. Il Gruppo Emmaus, l’itinerario di discernimento vocazionale per giovani dai 18 anni che non escludono per la loro vita la vocazione sacerdotale, inizia domenica 23 ottobre presso il Seminario diocesano di via delle

Razziche 4 dalle 12.30 con il pranzo ďŹ no alle 18. Sono state ďŹ ssate le settimane vocazionali “Signore, da chi andremo?â€? (Gv 6,68); a livello parrocchiale l’adorazione eucaristica; a livello zonale, la possibilitĂ  di incontri e testimonianze. Quando? La settimana dal 10 al 16 ottobre nella zona Alta Valle Camonica; la settimana dal 17 al 23 ottobre nella zona Media Valle Camonica;; la settimana dal 24 al 30 ottobre nella zona Bassa Valle Camonica.

ƒÂ?‘’‘…Š‹ ‡Í™Í&#x;ƒÂ?Â?‹•‡Â?„”     

mi ha catacombe di San Callisto Nella visita recente alle di alcuguida sulla giovane etĂ  il colpito l’insistenza della a tutt’altro, hanno avuto ni martiri: invece di pensare per la fede. Dalla storia di vita coraggio di offrire la loro che giĂ  a 17 anni decide San Daniele Comboni si apprende vita all’apostolato dell’Africa “di consacrare tutta la sua Non per una scelta radicale? centraleâ€?. Non sono pochi adolescenti, anzichĂŠ stimonostri i non è meglio “coccolareâ€? decisive? Indubbiamente la larli a scelte faticose e forse o di San Daniele, ma il Cecilia Santa di tempi sia siamo piĂš ai sempre traduzione – non è forse Van Vangelo – anche se in nuova andare, fare discepoli, battezzare, stesso? E non invita ad lo ste ha mantenuto ha comandato? Comboni la rigenerainsegna insegnare ciò che GesĂš “disegnatoâ€? un “Piano per all’impegno giovanile: ha fede all’im con l’aiuto del Signore, ed ha cercato in tutti i modi, dell’Af zione dell’Africaâ€? anche un “Piano si richiede forse con urgenza fare per realizdi realizzarlo. Oggi non PerchĂŠ non darsi da rigenerazione dell’Europaâ€?? per la rigenera prima? an in su, ma magari anche zarlo, dai 177 anni

( /$92&( '(/ 3232/2  

      Í™

Í ÍĄÍ›

          





  Ǥ        

     Ǥ 

͛͠

”‡• ‹ƒ͞‘––‘„”‡͚͙͘ Ǥ  Ǥ”‡•…



Í™



͚͘ Ž ƒ––‘ Profughi. La via difficile della convivenza

ÇŚČ‹‘Â?–‹‡Â?‡ ǤÇ¤ČŒ ͙ǥ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇŚÍ‚Í™ÇĄÍ˜Í˜ ͛͘ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒƒ”–Ǥ „„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜ ‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?

‡�–”‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘

••‡�„Ž‡ƒ†‡‰Ž‹ƒ�‹�ƒ–‘”‹˜‘…ƒœ‹‘�ƒŽ‹

ÂŽÂ?Â?‘Â?‡ ‹…‹œ‹ƒ ƒÂ? ÂŽÂŽÇŻ †‡

͘Í&#x;ƒ‡•‹‡’ƒ””‘……Š‹‡ Parrocchia SS. TrinitĂ  Da mezzo secolo a servizio degli uomini

ÍšÍ?……Ž‡•‹ƒ Monari nelle zone. UnitĂ  pastorali: un passo necessario

Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ‰Ž‹ŠƒÂ?Â?‘ …‘Â?†ƒÂ?Â?ƒ–‘†ƒŽ”‹„—Â?ƒŽ‡†‹ ‹––Â?Ǥ Â?Â?‘…‡Â?ÂœÂƒÇĄ˜‡”‹–Â?‡

Ž‹ƒÂ?‹…‹†‹†‘Â?ƒ”…‘ÂƒÂ”Â‡Â•Â‹ÇĄ Â?ƒˆ‹ƒ……‘Žƒ–ƒ’‡”Ž‡˜‹‡†‡ŽŽƒÂ… Žƒˆ‹†—…‹ƒ‡Žƒ•–‹Â?ƒ†‹Â?‘Ž–‹ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒ–‘•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?…‘Â?— Â?ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒÂ?ƒ–ƒ’‡”’ƒŽ‡•ƒ”‡ ‰‹—•–‹œ‹ƒŽ‡’ƒ”‘Ž‡…Š‹ƒ˜‡†‹—

͙͛—Ž–—”ƒ‡…‘�—�‹…ƒœ‹‘�‡

ÇŻ    

l’una sportive, parteggiando per o l’altra parte, quando dovrebbe trattarsi di comune e doverosa, della veritĂ  seppure sofferta, ricerca rendere e della responsabilitĂ  per nostro giustizia alle vittime. Nel caso la vittima è stata Meredith sono Amanda ha sofferto, tutti una studentessa inglese, Kercher, non e preoccupati. Attorno a lei che è stata sgozzata brutalmente. gioco con da oggi si è svolto un ampio La vicinanza piena di affetto giudiziario verso Amanda mediatico, che dal piano la vicenda gesti di protezione Raffaele è e processuale ha trasferito come verso lo stralunato loro sul piano spettacolare. Protagonista legittima e rispettabile. Anche di una è stata questa giovane donna sono in qualche modo vittime attenzione secondo il avvenente che ha destato carcerazione non dovuta anche la e curiositĂ  e ha conquistato di appello, e magari vittime verdetto cacciati stima del cappellano frequentando anche di se stessi, essendosi del carcere. l’altro, con assiduitĂ  la cappella in tanti guai. Amanda, tra e Al momento dell’assoluzion è stata condannata per calunnia in base alla dall’accusa dell’omicidio, Lumumba, risultato Patrick contro in primo la pena, quale era stata condannata innocente. Ha giĂ  scontato tutte le di una grado, si sono concentrate ma non ha fugato l’ombra ritorno situazioni, premure per facilitare il suo persona capace, in certe è fatta in patria, a Seattle, dove si in maniera insincera una vittoria di comportarsi brutta e festa, come si trattasse di e senza scrupoli. In questa In la sospirata ďŹ nalmente raggiunta. tragica storia è difďŹ cile nominare si la parola ambito processuale, purtroppo, parola innocenza. E anche usano linguaggi da competizioni

�ƒ •‡�–‡�œƒ ‹�†‹”‡––ƒ–˜

resta sulle procedure d’indagine morte di avrebbero giustizia. Il fatto certo è la seguite ďŹ n dall’inizio, che in una Meredith, che abbiamo visto dovuto condurre a piĂš convincenti apparsa che foto, la prima volta che è conclusioni. La conseguenza dotata veritĂ , in su giornali e teleschermi, da tutto ciò si trae è che la tipica sempre di una maschera macabra ogni ambito di ricerca, non pagana della ricorrenza della festa si appalesa facilmente soprattutto festa interessi Halloween. Per alcuni una quando sono presenti da sballo. La cittĂ  di innocente, per molti solo perchĂŠ rimanga nascosta. vittime, anch’essa Lei e la sua famiglia, le vere Perugia è stata certamente male non accuse sono rimaste male, molto vittima. Chi le addossa delle chi fosse per potendo sapere neppure di essere una cittĂ  a rischio che che stato l’assassino, considerato i giovani dovrebbe riettere è dove c’è il ragazzo africano Rudy GuedĂŠ questo è comune alle cittĂ  in gioventĂš stato condannato per “concorsoâ€? un’alta concentrazione di Raffaele del omicidio. L’assoluzione di proveniente da ogni parte lascia al Sollecito e di Amanda Knox mondo, allegra e spensierata, Vi dubbi. di e queste d’interrogativi In una scia limite della trasgressione. contrarie sono state anche reazioni situazioni c’è sempre qualcuno la corte. Di al grido di “vergognaâ€? verso che se ne può approďŹ ttare. a Questa ha certamente decretato questa tragedia si continuerĂ  il l’assoluzione secondo scienza parlare essendo giĂ  annunciato mentre e coscienza, dopo aver assistito terzo grado del processo, le ascoltato e Che a tutte le sedute tutti vorrebbero dimenticare. difesa persino arringhe dell’accusa, della questa prolungata memoria, alzare il e dei periti e dopo aver discusso ossessiva, serva almeno ad giovani. per 11 ore in camera di consiglio. livello d’impegno verso i dubbio Il ciò. su Nessun dubbio

Museo diocesano. Daverio: ci sono ancora gli artisti

͘͜…‘�‘�‹ƒ Montecitorio. Il grido d’allarme dell’editoria minore

͙͜’‘”– Intervista a Zambelli Capitano, mio capitano.

͚ͥ

‘Â?‡Â?‹…ƒÍžÂ?‘˜‡Â?„”‡ ƒ ‹‘”Â?ƒ–ƒ†‡Dzƒ‘…‡†‡Ž‘’‘Ž‘dz Domenica 6 novembre la diocesi festeggia la Giornata de “La Voce del Popoloâ€?. Le parrocchie e le delegate sono invitate a contattare la nostra segreteria al numero 04044250 (interno 19 per prenotare in tempo le copie da distribuire e diffondere al termine delle Messe. La comunicazione diocesana passa anche da questo strumento importante che, insieme alla radio, al web, alle Sale della comunitĂ  e al Centro

audiovisivi, si sforza di portare la Buona Notizia sul territorio. In particolare, per le parrocchie interessate, c’è la possibilitĂ  di ďŹ ssare, il sabato sera durante l’arco dell’anno, una messa presieduta da don Adriano Bianchi, direttore dell’UfďŹ cio diocesano e del Centro per le comunicazioni sociali. Anche per quest’anno per la Giornata del settimanale saranno predisposte una serie di iniziative di cui presto vi daremo notizia.



”‘˜ƒ‰Ž‹‘†ǯ •‡‘ Dz‘Â?ƒ‘Ž‘ƒˆˆ‡ŽŽ‹ •ƒ…‡”†‘–‡†‹‹‘dz

‘”‘–‡‡†‹‡Â?Â?‘ Dz‡‰Â?‹†‹Ž—…‡dz ‹Â?Â?‘•–”ƒ

Dz‘Â?ƒ‘Ž‘ƒˆˆ‡ŽŽ‹•ƒ…‡”†‘–‡†‹ ‹‘dz°‹Ž–‹–‘Ž‘†‡ŽŽƒ’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡ ’‡Â?•ƒ–ƒ‡”‡ƒŽ‹œœœƒ–ƒ†ƒŽŽƒ …‘Â?—Â?‹–Â?†‹”‘˜ƒ‰Ž‹‘†ǯ •‡‘’‡” ”‹…‘”†ƒ”‡Žƒˆ‹‰—”ƒ†‡ŽŽ‘•–‘”‹…‘ ’ƒ””‘…‘†‘Â?ƒ‘Ž‘ƒÍ?͘ƒÂ?Â?‹†ƒŽŽƒ Â?‘”–‡Ǥ‡ŽŽƒ’”‡ˆƒœ‹‘Â?‡ƒŽ˜‘Ž—Â?‡

‹‘˜ƒÂ?Â?‹‡”–ƒ‰Â?ƒ”‹…‘•–”—‹•…‡ Žƒ˜‹–ƒ†‹†‘Â?ÂƒÂ‘ÂŽÂ‘ÇŁDz”ƒŽ‹‰‹‘ƒŽ Â†Â‘Â˜Â‡Â”Â‡Ç˘Žƒˆ—Â?œ‹‘Â?‡•ƒ…‡”†‘–ƒŽ‡ ‡”ƒ–—––ǯ—Â?‘…‘Â?Ž‡…ƒ”ƒ––‡”‹•–‹…Š‡ †‡ŽŽƒ„‡Â?…‘Â?‘•…‹—–ƒ•‹Â?‰‘Žƒ”‡ ’‡”•‘Â?ƒŽ‹–Â?dzǤ‘Â?ƒ‘Ž‘ƒˆˆ‡ŽŽ‹° Â?ƒ–‘ƒƒ‹ƒÂ?‘‹Ž͙ͥÂ?ƒ‰‰‹‘͙͙͠͠‡† °Â?‘”–‘ƒ”‘˜ƒ‰Ž‹‘‹Ž͚͞‰‹—‰Â?‘ ͙͙ͥ͞Ǥ1•–ƒ–‘‘”†‹Â?ƒ–‘•ƒ…‡”†‘–‡ ‹Ž͚ͥÂ?ƒ‰‰‹‘Í™ÍĄÍ˜Íœ‡†‡•–‹Â?ƒ–‘ ƒ‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹…‘Â?‡…—”ƒ–‘Ǥ ‘Â?‹Â?ƒ–‘’ƒ””‘…‘†‹”‘˜ƒ‰Ž‹‘ ‹ŽÍ™Í?ƒ‰‘•–‘͙͙ͥ͞ǥŠƒÂ?ƒÂ?–‡Â?—–‘ Žǯ‹Â?…ƒ”‹…‘•‹Â?‘ƒŽŽƒÂ?‘”–‡Ǥ ƒ•ƒ’—–‘‡••‡”‡—Â?–‡•–‹Â?‘Â?‡ …”‡†‹„‹Ž‡Ǥƒ•–‹’‡Â?•ƒ”‡…Š‡ •‘Â?‘•‡‹‹’”‘˜ƒ‰Ž‹‡•‹†‹˜‡Â?–ƒ–‹ •ƒ…‡”†‘–‹…‘Â?†‘Â?ƒ‘Ž‘Ǥƒ’”‹Â?ƒ ˜‘…ƒœ‹‘Â?‡Â?ƒ–—”ƒ–ƒƒ‹–‡Â?’‹†‹ †‘Â?ƒ‘Ž‘°•–ƒ–ƒ“—‡ŽŽƒ†‹†‘Â? Ž‹••‡‹Â?‘Â?‹Â?‹ǥÂ?ƒ•‹”‹…‘”†ƒÂ?‘ ƒÂ?…Š‡†‘Â?—‰‡Â?‹‘‹Â?‘Â?‹ǥ†‘Â? ‹…‘Žƒ‹‡–”ƒ‰‹‘˜ƒÂ?Â?ÂƒÇĄÂ?‘Â?•Ǥ Â?‰‡Ž‘ƒÂ?‡––‹ǥÂ?‘Â?•Ǥ ‡Â?Â?ƒ”‘ ”ƒÂ?…‡•…Š‡––‹‡†‘Â? ‹ƒÂ?Â?ƒ”‹‘ ‹‡Â?Â?‹ǤŽŽƒ•–‡•—”ƒČ‹Â•Â–ƒÂ?’ƒ–‘ †ƒŽŽƒ–‹’‘‰”ƒˆ‹ƒ ”ƒˆ‹…Š‡Â—Â˜Â”Â‹Â–Â‹ČŒ ŠƒÂ?Â?‘Â…Â‘ÂŽÂŽÂƒÂ„Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘ÇĄˆ”ƒ‰Ž‹ÂƒÂŽÂ–”‹ǥ Â?‰‡Ž‘Â?‰‡”ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹‡”–ƒ‰Â?ÂƒÇĄ †‘Â? ‹ƒÂ?Â?ƒ”‹‘‹‡Â?Â?‹ǥ†‘Â? ‹ƒÂ?Â?‹ ”ƒ……Š‹‡ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹‡”–ƒ‰Â?ƒǤ—––‘ …‹Ö…Š‡°’”‡•‡Â?–ƒ–‘Â?‡ŽŽ‹„”‘Â?‘Â? °…‡”–‘Ç˛Â‡Â•ÂƒÂ—Â•Â–Â‹Â˜Â‘–…‘Â?‡•…”‹˜‡ ‡”–ƒ‰Â?ƒ–Â?ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–‡”Â?—Â? ’‹……‘Ž‘•‡‰Â?‘†‹”‹…‘Â?‘•…‡Â?œƒ ˜‡”•‘‹Ž•—‘Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÂ–Â‘ÇłÇ¤

1•–ƒ–ƒ‹Â?ƒ—‰—”ƒ–ƒDz‡‰Â?‹†‹—…‡dzǥ —Â?ƒÂ?‘•–”ƒ…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒŽƒ˜‹–ƒ‡ ‹Ž…ƒ”‹•Â?ƒ†‡ŽŽƒ‡ƒ–ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ ‘……Š‡––‹‡ŽƒÂ?‹••‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡ •—‘”‡‘”‘–‡‡ƒ”‡•…‹ƒ‡Â?‡Ž Â?‘Â?†‘ǤŽŽǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡ŠƒÂ?Â?‘ ’ƒ”–‡…‹’ƒ–‘…‹”…ƒ͛͘͘’‡”•‘Â?‡Ǥ Â?ƒÂ?‘•–”ƒ…Š‡°—Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘ Â‡Â˜Â‘Â…ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇĄ‹Â?…—‹•‹‹Â?–”‡……‹ƒÂ?‘ Â?‘Ž–‡’Ž‹…‹Ž‹˜‡ŽŽ‹†‹…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡Ǥ ‹†‡‘ǥ–‘—…Šnj•…”‡‡Â?ÇĄ•—‘Â?‹‡Ž‡ •–‡••‡•…‡Â?‘‰”ƒˆ‹‡•‘Â?‘’‡Â?•ƒ–‹ ’‡”ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ”‡‹˜‹•‹–ƒ–‘”‹‹Â? —Â?’”‘…‡••‘†‹…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‡‡ ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹Â?‡Â?–‘…Š‡Ž‹…‘‹Â?˜‘Ž‰ƒ ƒ––”ƒ˜‡”•‘–—––‹‹•‡Â?•‹Ǥ‹Â?‘–‡˜‘Ž‡ ‹Â?’ƒ––‘ÂŽÇŻÂƒÂ?„‹‡Â?–‡ǣŽƒÂ?‘•–”ƒ° ‹Â?ˆƒ––‹ƒŽŽ‡•–‹–ƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…‘ •–‹–—–‘ †‡ŽŽ‡•—‘”‡‘”‘–‡‡†‹‡Â?Â?‘Ǥ ƒÂ?‘•–”ƒ°†‡†‹…ƒ–ƒƒŽŽƒ‡ƒ–ƒ Â?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ‘……Š‡––‹ǥ ‘Â?†ƒ–”‹…‡ ‡—’‡”‹‘”ƒ†‡ŽŽǯ •–‹–—–‘†‹Ǥ ‘”‘–‡ƒ†‹‡Â?Â?‘ǤDz‡‰Â?‹†‹ —…‡dz°—Â?ƒÂ?‘•–”ƒ’‡”Â?ƒÂ?‡Â?–‡ǥ …Š‡˜—‘Ž‡‡••‡”‡—Â?‘•–‹Â?‘Ž‘ ƒ”‹ˆŽ‡––‡”‡•—ŽÂ?‡••ƒ‰‰‹‘†‡ŽŽƒ ‡ƒ–ƒÂ?Â?—Â?Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄ‘Ž–”‡…Š‡ —Â?ƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ†‡Ž”—‘Ž‘…Š‡ Ž‡•—‘”‡‘”‘–‡‡ŠƒÂ?Â?‘ƒ˜—–‘ Â?‡ŽŽƒƒŽŽ‡‡…Š‡…‘Â?–‹Â?—ƒÂ?‘Ġ ƒ˜‡”‡ƒ”‡•…‹ƒ‡Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘Ǥ Â?…Š‡Žƒ…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡°•–ƒ–ƒ ƒˆˆ‹†ƒ–ƒƒ•–”—Â?‡Â?–‹‹Â?Â?‘˜ƒ–‹˜‹Ǥ ‘Â?‘•–ƒ–‹”‡ƒŽ‹œœƒ–‹†‡‹Â˜Â‹Â†Â‡Â‘ÇĄ …Š‡Dz‹Â?’‹ŽŽ‘Ž‡dzǥ”‹’”‡Â?†‘Â?‘Ž‡ ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹’‹Î•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‡†‡ŽŽƒ ˜‹–ƒ‡†‡ŽÂ?‡••ƒ‰‰‹‘†‡ŽŽƒ‡ƒ–ƒ Â?Â?—Â?Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇ˘‹˜‹†‡‘•‘Â?‘•–ƒ–‹ …ƒ”‹…ƒ–‹•—Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÇŚÂ?‡–™‘”Â?‡•— ›‘—–—„‡ǤƒÂ?‘•–”ƒ°˜‹•‹–ƒ„‹Ž‡ •‘Ž‘•—’”‡Â?‘–ƒœ‹‘Â?‡ǣ…‘Â?–ƒ––ƒ”‡ •—‘”ƒ”‹ƒ‡…‹Ž‹ƒ‹‰Â?‘”‘––‘ƒŽ ͚͛͜͠͠͠Í&#x;͚͘͞Ǥ

ƒ––‡†”ƒŽ‡ –‹�‡”ƒ”‹†‹•’‹”‹–—ƒŽ‹–�’‡”‹‰‹‘˜ƒ�‹

%HDWLVDUDQEHDWL  



/

e beatitudini sono la via verso la gioia, verso la felicitĂ â€?. Nella serata di apertura degli itinerari di spiritualitĂ  per i giovani il vescovo Monari ha affrontato il tema delle beatitudini. Le beatitudini sono il “ritratto spirituale di GesĂšâ€? e ci ricordano che “il Regno di Dio è vicino e opera in mezzo a noi: i valori delle beatitudini vanno contro le attese dell’uomoâ€?. Nel mondo della finanza sono beati i ricchi, nel mondo del successo valgono solo gli applausi. GesĂš, invece, ci dice “beati quelli che sono nel pianto, perchĂŠ Dio è quello che asciuga le lacrimeâ€?. Monari ha anche sottolineato che “le beatitudini vanno lette con gli occhi e con il cuoreâ€? ma non si apprendono in maniera matematica come può accadere, per esempio, con il teorema di Pitagora: “Le beatitudini una volta che sono state capite, non sono subito assimilate dal cuore; ecco perchĂŠ dobbiamo tornare davanti al Signore con umiltĂ â€?. Durante la celebrazione, nella quale è stata ricordata anche attraverso due testimonianze la figura del beato Conforti (fondatore dei missionari saveriani e prossimo alla canonizzazione), i tanti giovani presenti hanno formulato delle preghiere che sono state consegnate alle monache del Buon Pastore. Il Vescovo ha affidato il mandato agli anima-

           

gioia sia piena, e perchĂŠ ogni sofferenza sia vinta e superata dall’amore. Il cammino della vostra vita oggi è il cammino con Dioâ€?. Al termine è stata consegnata a tutti la lettera ai giovani scritta nel 1925 da Guido Maria Conforti. Gli itinerari di spiritualitĂ  proseguono nelle varie zone nella seconda settimana di ogni mese; in cittĂ  le meditazioni saranno tenute dal Vescovo nella Basilica delle grazie il secondo venerdĂŹ di ogni mese. Chi volesse ricevere avvisi, appuntamenti e informazioni sulle proposte di spiritualitĂ , si può mandare un’email con scritto “iscrizioneâ€? all’indirizzo doveabitimaestro@diocesi. brescia.it.

‘Â?ÂƒÂ”Â‹ÇŁDz‡•‹†‡”‘ …Š‡…‘Â?‘•…‹ƒ–‡Žƒ „‡ƒ–‹–—†‹Â?‡†‹˜‹˜‡”‡ •‡…‘Â?†‘‹ŽƒÂ?‰‡Ž‘ǥ ’‡”…Š¹Žƒ˜‘•–”ƒ‰‹‘‹ƒ •‹ƒ’‹‡Â?ÂƒÇł tori e ai predicatori, consegnando un sussidio per la formazione dei giovani preparato dagli uffici nazionali di Pastorale giovanile e di pastorale vocazionale. L’invito finale è stato, invece, rivolto ai giovani: “Desidero che conosciate la beatitudine di vivere secondo il Vangelo, perchĂŠ la vostra

ƒ•ƒ ‘”‡•–‹

�…‘�–”‘’‡”‘’‡”ƒ–‘”‹ Žƒ‹…‹‹�‘”ƒ–‘”‹‘

N O VIT À BRUNO FORTE

UNA TEOLOGIA PER LA VITA 2822 – pp. 256, ₏ 14,50

L’arcivescovo metropolita di Chieti-Vasto mette in relazione teologia e filosofia, religione ed estetica, educazione e vita quotidiana. Un libro che racconta la ricerca di Dio nel nostro tempo segnato dai problemi del confronto tra identità e dialogo, della globalizzazione e del futuro del cristianesimo, affrontando temi e interrogativi che toccano la vita di credenti e non credenti.

E

D

I

T

R

I

C

E

LA SCUOLA    

 MKT-2011 32

Anche quest’anno la struttura formativa di Casa Foresti offre occasioni di riessione e approfondimento sui vari ambiti della vita oratoriana. Per questo, su indicazione dell’assemblea del Centro oratori, è stato predisposto un calendario formativo quindicinale a partire da lunedĂŹ 17 ottobre alle ore 9.30 a Casa Foresti. Vengono proposti momenti di formazione speciďŹ ca su temi di pastorale giovanile e animazione sociale, accompagnamento e aiuto nella soluzione dei problemi pastorali, la condivisione di proposte, iniziative e buone prassi. Il Centro oratori offre un supporto regolare e specialistico a coloro che giĂ  operano in oratorio con funzioni di direzione e coordinamento di settori speciďŹ ci. L’iscrizione è gratuita. Al termine del percorso verrĂ  consegnato un attestato di partecipazione.

  


͛͘

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‰‡�†ƒ †‡Ž‡•…‘˜‘

GiovedÏ 13 ottobre Ore 17.45 - Breno - Visita e S. Messa per il 50° di presenza delle Suore serve del Sacro Cuore di GesÚ e dei poveri (Messicane). Sabato 15 ottobre Ore 20 - Mompiano - Veglia degli sportivi presso la parrocchia di San Gaudenzio.

Domenica 16 ottobre Ore 11 - Leno - Cresime e prime comunioni. Ore 16 - Nuvolento - Cresime. MartedĂŹ 18 ottobre Ore 16 - Brescia - Incontro e S. Messa presso il Seminario maggiore in via Razziche. MercoledĂŹ 19 ottobre Ore 9.30 - Brescia Consiglio presbiterale presso il Centro pastorale Paolo VI. Ore 20.30 - Brescia Assemblea degli animatori vocazionali presso il Centro pastorale Paolo VI.

ƒÂ?…‡ŽŽ‡”‹ƒ ‘Â?‹Â?‡ ‡’”‘˜˜‡†‹Â?‡Â?–‹ La Cancelleria della Curia diocesana, a seguito dell’ordinanza dell’Ordinario diocesano, comunica i provvedimenti della settimana: Il sac. don Giuseppe Franzoni, giĂ  parroco delle parrocchie di Berzo Demo e Monte Berzo è stato nominato parroco delle parrocchie di Cerveno e Losine. Il sac. padre Michele De Salvia, scalabriniano, è stato nominato vicario parrocchiale della parrocchia di San

Giovanni Battista – Stocchetta, in cittĂ . Il sac. don Franco Bertanza, giĂ  parroco delle parrocchie di Orzinuovi e Ovanengo, è stato nominato presbitero collaboratore delle parrocchie di Sant’Anna e Sant’Antonio di Padova in cittĂ  e cappellano dell’Istituto clinico Sant’Anna in Brescia. Il sac. don Giuseppe Maccalli (della diocesi di Crema), giĂ  presbitero collaboratore della parrocchia di Malonno è stato nominato presbitero collaboratore della parrocchia di Marone. Il sac. don Francesco Cucchi, giĂ  presbitero collaboratore della parrocchia di San Bartolomeo in cittĂ , è stato destinato agli studi, a Roma, presso la PontiďŹ cia universitĂ  gregoriana.

   ˆˆ‹…‹‘�‹••‹‘�ƒ”‹‘‘�˜‡‰�‘

1RDOEXRQLVPR VuDLGLULWWL

ÂŽ‡Â?–”‘Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘Šƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘—Â?•‡Â?‹Â?ƒ”‹‘†‹•–—†‹•—Dz‹••‹‘Â?‡ǥ…‘‘’‡”ƒœ‹‘Â?‡ ‡•˜‹Ž—’’‘Â?‡Ž—††‡ŽÂ?‘Â?†‘dzǤ Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‹‡”‰‹‘ƒ”‡ŽŽ‹Č‹ Â‘Â…Â•Â‹Â˜ČŒ‡’ƒ†”‡Ž„ƒÂ?‡•‡     

/

a provincia di Brescia è ricca di enti impegnati nella missione e nella cooperazione internazionale. Da un veloce censimento realizzato dal Centro missionario diocesano (Cmd) sono stati individuati oltre 200 gruppi impegnati secondo svariati modi nelle missioni. Per far colloquiare tra di loro tutti gli operatori missionari, il Cmd ha proposto un seminario di studio. Allo stesso tavolo si sono sedute le Ong bresciane (Medicus Mundi, Fondazione Sipec, Fondazione Tovini, Scaip e Svi), gli istituti missionari (Comboniani, Saveriani, Suore mariste, Comunità di Villaregia e Missionari della Consolata), una decina di gruppi, le associazioni parrocchiali e rappresentanti dei gruppi censiti dal Cmd. Ciascun ente ha raccontato la propria esperienza e si è cercato di far emergere punti di forza e debolezze dei gruppi per delineare minacce e opportunità dell’azione missionaria. A stimolare i

‡”‰‹‘ÂƒÂ”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇŁDz‘Â? ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?–‘†‡ŽŽƒ…”‹•‹ Â?—Ž–‹†‹Â?‡Â?•‹‘Â?ƒŽ‡‹Ž Â?‘†‡ŽŽ‘†‹…”‡•…‹–ƒ†‡‹ ƒ‡•‹‹Â?†—•–”‹ƒŽ‹œœƒ–‹° Â?‡••‘ƒ†—”ƒÂ’Â”Â‘Â˜ÂƒÇł lavori gli interventi di Sergio Marelli e padre Giulio Albanese. Entrambi i relatori si sono soffermati sulle sfide attuali delle missioni e sui necessari cambiamenti nell’azione, cambiamenti che vanno capiti e poi messi in pratica. “Con l’avvento della crisi multidimensionale il modello di crescita dei Paesi industrializzati è messo a durissima prova e dimostra l’insostenibilitĂ  dei suoi processi. Come ha detto il presidente della Banca mondiale non è piĂš quindi possibile un approccio ai Paesi in via di sviluppo basato sul fate ciò che diciamo, ma non ciò che facciamoâ€?, ha osservato Marelli, aggiun-

gendo come la logica del “buonismo filantropico e caritatevole non può essere piĂš seguitaâ€?. Secondo l’esponente del Focsiv (la Federazione degli organismi di volontariato internazionale di ispirazione cattolica) il principale problema da affrontare è “l’immobilismo conservatore della nostra classe dirigenteâ€?. Occorre optare per una “azione che provi a modificare le tendenze culturali e le politiche globali che stanno attivamente imponendo il nuovo modello di sviluppoâ€?. Per far ciò “bisogna convincersi che non stiamo chiedendo sostegno per un’opera caritatevole, ma una riaffermazione dei diritti e della giustiziaâ€?. Secondo padre Albanese, oggi c’è bisogno di una “nuova evangelizzazione, cosĂŹ da poter illuminare un percorso umano caratterizzato da grandi contraddizioni: ricchezza e povertĂ , certezze e insicurezze, conquiste e sconfitteâ€?. Nonostante il mondo attuale sia diverso da quello dei tempi di GesĂš Cristo “la missione – spiega padre Giulio,

   

missionario comboniano, giornalista e scrittore – non è arrivata al capolinea come vorrebbero i falsi profetiâ€?. Bisogna però “trovare un nuovo modo di viverla, cercando di cogliere i segni dei tempi. La missione quindi non si può ridurre solo alla celebrazione dei sacramenti, ma deve impegnarsi nella promozione di beni spirituali e morali e di valori socio culturaliâ€?. La sfida consiste nel coniugare “spirito e vita, nel senso che la Parola deve entrare a pieno titolo nelle vicende umaneâ€?.

ƒ†”‡Ž„ƒÂ?‡•‡ǥ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘ …‘Â?„‘Â?‹ƒÂ?‘ǣ DzƒÂ?‹••‹‘Â?‡Â?‘Â?° ƒ””‹˜ƒ–ƒƒŽ…ƒ’‘Ž‹Â?‡ƒ …‘Â?‡˜‘””‡„„‡”‘ ‹ˆƒŽ•‹Â’Â”Â‘ÂˆÂ‡Â–Â‹Çł

‡Â?–”‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘ ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͙͠‘––‘„”‡

,IDPLOLDULGHOFOHUR VLULWURYDQRLQSUHJKLHUD MartedÏ 18 ottobre, presso il Centro pastorale Paolo VI, riprendono gli appuntamenti dei familiari del clero. Il programma è il seguente: alle 9 l’accoglienza, alle 9.30 la preghiera. Seguono la meditazione, l’adorazione, la preghiera personale e comunitaria e le confessioni. Alle 11.30 la Santa Messa prima del pranzo (alle 12.30).

Nel pomeriggio si possono condividere esperienze, difficoltĂ  e suggerimenti prima del vespro. Gli appuntamenti sono in calendario ogni terzo martedĂŹ del mese: a marzo si terrĂ  invece il 27 e a giugno il 12. Sono invitati a partecipare i genitori, i parenti, chi vive in casa con il sacerdote, ma anche chi collabora con lui.



†’

�ƒ†‘”ƒœ‹‘�‡ ’‡”Ž‡˜‘…ƒœ‹‘�‹

͙ͥ‘––‘„”‡ ‘Â?•‹‰Ž‹‘ ’”‡•„‹–‡”ƒŽ‡

�‹˜‡”•‹–�…ƒ––‘Ž‹…ƒ ƒ…‡‡‰‹—•–‹œ‹ƒ ‹� ‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

ÇŻ’‘•–‘Žƒ–‘†‡ŽŽƒ’”‡‰Š‹‡”ƒŠƒ ’‡Â?•ƒ–‘ƒ—Â?ÇŻÂ‘Â”Âƒ†‹ƒ†‘”ƒœ‹‘Â?‡ ‡—…ƒ”‹•–‹…ƒ’‡”Ž‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‹Ǥ ‡”…‘Ž‡†¿͙ͥ‘––‘„”‡ǥ†ƒŽŽ‡‘”‡ Í™Í&#x;ƒŽŽ‡͙͠ǥ’”‡••‘Žƒƒ’’‡ŽŽƒ †‡ŽǤƒ…”ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽ‡—‘”‡ Â?…‡ŽŽ‡†‡ŽŽƒƒ”‹–Â?ÇĄ‹Â?Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ ˜‹ƒ‘”‡––‘Í›Í?ÇĄ•‹–‡””Â?—Â?ÇŻÂ‘Â”Âƒ †‹ƒ†‘”ƒœ‹‘Â?‡’‡”Ž‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‹Ǥ ÇŻ†’°—Â?Â?‘˜‹Â?‡Â?–‘†‹ •’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?…‘Â?Í™Í?͘ƒÂ?Â?‹†‹ •–‘”‹ƒ–—––‘”ƒÂ?‘Ž–‘ƒ––‹˜‘Ǥ ‹ƒ––—ƒ‹Â?†—‡ˆ‘”Â?‡ǣ…‘Â?‡ ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡…ƒ––‘Ž‹…ƒ‡…‘Â?‡ •‡Â?’Ž‹…‡•‡”˜‹œ‹‘Â’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ‹Â?–‡‰”ƒ„‹Ž‡ˆƒ…‹ŽÂ?‡Â?–‡Â?‡ŽŽƒ˜‹–ƒ •’‹”‹–—ƒŽ‡†‡‹ˆ‡†‡Ž‹Ǥ ÂŽ†‹”‡––‘”‡ †‹‘…‡•ƒÂ?‘†‡ŽŽǯ’‘•–‘Žƒ–‘†‡ŽŽƒ ’”‡‰Š‹‡”ƒ°ǥ†ƒŽ͚͘͘Í?ÇĄ†‘Â? ‹‡‰‘ ƒ……Š‡––‹Ǥ

‡”…‘Ž‡†¿͙ͥ‘––‘„”‡°‹Â? ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒŽƒ“—‹Â?–ƒ•‡œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯ͙͙Ν‘Â?•‹‰Ž‹‘’”‡•„‹–‡”ƒŽ‡ƒŽ ‡Â?–”‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘ ƒ’ƒ”–‹”‡ †ƒŽŽ‡ÍĄÇ¤Í›Í˜Ç¤‘’‘Žƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ ‹Â?Â‹ÂœÂ‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ†‘Â?ƒ—”‹œ‹‘ —Â?ƒœœ‹ ȋ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡†‹‘…‡•ƒÂ?‘†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘ †‹’ƒ•–‘”ƒŽ‡†‡ŽŽƒÂ•ÂƒÂŽÂ—Â–Â‡ČŒ’”‡•‡Â?–ƒ Dzƒ˜‡……Š‹ƒ‹ƒ…Š‡Â˜Â‘””‡‹dzǣƒŽ…—Â?‡ …‘Â?•‹†‡”ƒœ‹‘Â?‹•—‹”‹•—Ž–ƒ–‹†‹—Â?ƒ ”‡…‡Â?–‡‹Â?†ƒ‰‹Â?‡•—ŽŽ‡’”‘•’‡––‹˜‡ †‡ŽŽǯ‹Â?˜‡……Š‹ƒÂ?‡Â?–‘†‡‹•ƒ…‡”†‘–‹ †‹‘…‡•ƒÂ?‹Ž‘Â?„ƒ”†‹Ǥ‘Â?Ž„‡”–‘ ‘Â?‹Â?‹ǥ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡†‹Â?—•‹…ƒ•ƒ…”ƒ ’”‡••‘‹Ž‡Â?‹Â?ƒ”‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘†‹ ”‡•…‹ƒ‡†‹”‡––‘”‡†‡ŽŽƒ…—‘Žƒ †‹‘…‡•ƒÂ?ƒ†‹Â?—•‹…ƒƒÂ?–ƒ‡…‹Ž‹ƒ †‹”‡•…‹ƒǤƒÂ?ƒŽ‹œœ‡”Â?ÇĄ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄŽƒ •‹–—ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒ†‹ Â?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇŁ„‹ŽƒÂ?…‹‡’”‘•’‡––‹˜‡Ǥ

Dzƒ…‡‡‰‹—•–‹œ‹ƒ Â?‡ŽŽǯ‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?‡Â?–‘†‹ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ ƒ‘Ž‘

Çł°‹Ž–‹–‘Ž‘†‡Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘ ’”‘Â?‘••‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?…ƒ––‘Ž‹…ƒ ‹Ž͚͙‘––‘„”‡Ǥ Â?–‡”˜‡Â?‰‘Â?‘ǣ Â?‘Â?•Ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ ‹—†‹…‹ǥ˜‡•…‘˜‘ †‹ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÇĄ’”‡•‹†‡Â?–‡ƒšŠ”‹•–‹

Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇĄ‡‹Ž’”‘ˆǤ ˜‘Â‹ÂœÂœÂ‘ÂŽÂƒÇĄ’”‡•‹†‡ †‡ŽŽƒ ƒ…‘Ž–Â?†‹…‹‡Â?œ‡†‡ŽŽƒ ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‡‰Ž‹ –—†‹†‹‡”‰ƒÂ?‘Ǥǯ‹Â?…‘Â?–”‘ǥ …Š‡°‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ç¤Í›Í˜ÇĄ °’”‘Â?‘••‘†ƒŽŽƒ‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡ ‡’‹•…‘’ƒŽ‡’‡”‹’”‘„Ž‡Â?‹•‘…‹ƒŽ‹‡ ‹ŽÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥŽƒ‰‹—•–‹œ‹ƒ‡ŽƒÂ’ÂƒÂ…Â‡ÇĄ†ƒ ƒ”‹–ƒ•‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒƒšŠ”‹•–‹ –ƒŽ‹ƒ †‹‘…‡•‹†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â? Â…ÂƒÂ–Â–Â‘ÂŽÂ‹Â…ÂƒÇĄ†ƒŽ‡Â?–”‘•–—†‹ƒ‘Ž‘  Dzƒ‹’‹ÎŽƒÂ‰Â—Â‡Â”Â”ÂƒÇł‡†ƒŽ‡Â?–”‘ •–—†‹’‡”ÂŽÇŻÂ‡Â†Â—Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ƒŽŽƒŽ‡‰ƒŽ‹–Â?Ǥ


 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‡Â?‹Â?ƒ”‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘ ǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ƒ……ƒ†‡Â?‹…‘ LunedĂŹ 24 ottobre, presso il Seminario diocesano di via delle Razziche 4, alle 15.30 viene inaugurato l’anno accademico dello studio teologico “Paolo VIâ€?, afďŹ liato alla facoltĂ  teologica dell’Italia settentrionale. La preghiera, il saluto del rettore (mons. Carlo Bresciani) e l’introduzione del prefetto agli studi (don Ovidio Vezzoli) precedono la relazione di don Mario Trebeschi su “Il clero bresciano e gli avvenimenti

dell’UnitĂ  d’Italiaâ€?. “L’apporto della Chiesa e dei credenti – ha scritto Benedetto XVI nel messaggio al presidente Napolitano per i 150 anni dell’UnitĂ  d’Italia – al processo di formazione e consolidamento dell’identitĂ  nazionale continua nell’etĂ  moderna e contemporaneaâ€?. Ai moti risorgimentali (la sede del Seminario diocesano dal 1806 al 1849 è presso il convento di San Pietro in Oliveto) parteciparono alcuni chierici; Tito Speri fu

͙͛

ƒ”�‡Ž‹–ƒ�‡•…ƒŽœ‡

�”‹–‘„‹œƒ�–‹�‘ ospitato in Seminario nel 18461847. Durante le Dieci Giornate di Brescia il Seminario divenne un punto di riferimento del comitato clandestino di insurrezione popolare e fu per questo saccheggiato dagli austriaci. Tornando al 24 ottobre, alle 18.30, invece, il vescovo Monari precede la Santa Messa. Per informazioni, telefonare al numero 03037121 o consultare il sito internet www. seminariobrescia.it.

Il monastero delle Carmelitane scalze di via Amba d’Oro si ritrova in preghiera per le missioni. Sabato 15 ottobre, solennitĂ  di Santa Teresa di GesĂš (fondatrice delle monache e dei frati Carmelitani Scalzi; è stata proclamata santa nel 1622 ed è annoverata tra i dottori della Chiesa), alle 7 la Messa; alle 17.30 la celebrazione della Divina liturgia in rito bizantino-slavo è presieduta da padre Romano ScalďŹ (nella foto); partecipa il coro di Russia cristiana.



ˆˆ‹…‹‘…ƒ–‡…Š‡•‹

–‹Â?‡”ƒ”‹†‹ˆ‡†‡’‡”‰‹‘˜ƒÂ?‹‡ƒ†—Ž–‹ ÇŻˆˆ‹…‹‘†‹…ƒ–‡…Š‡•‹†‡ŽŽƒ†‹‘…‡•‹†‹”‡•…‹ƒŠƒ•–”—––—”ƒ–‘‰Ž‹‹–‹Â?‡”ƒ”‹ †‹ˆ‡†‡’‡”‰‹‘˜ƒÂ?‹‡ƒ†—Ž–‹‹Â?’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ”‡•‹Â?ƒ†‡‰Ž‹ƒ†—Ž–‹Ǥ Â?ÇŚ –‡Â?†‘Â?‘‡••‡”‡—Â?ƒ‹—–‘ƒ“—‡ŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â?‡……Ž‡•‹ƒŽ‹…Š‡ŠƒÂ?Â?‘Â†Â‹ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‘ÂŽÇŚ –Â?Â?‡Ž’”‡’ƒ”ƒ”‡‰Ž‹ƒ†—Ž–‹‹Â?’ƒ””‘……Š‹ƒǤƒ’”‘’‘•–ƒ°”‹˜‘Ž–ƒƒ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ …‘Â?’‹Î†‹͙͜ƒÂ?Â?‹‡ƒ‰Ž‹ƒ†—Ž–‹…Š‡ǥ’‡”•…‡Ž–ƒ’‡”•‘Â?ƒŽ‡‘‹Â?˜‹•–ƒ†‡Ž Â?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘ǥ‹Â?–‡Â?†‘Â?‘ƒ……‘•–ƒ”•‹ƒŽ•ƒ…”ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ…‘Â?ˆ‡”Â?ƒœ‹‘Â?‡ ‡…‘•¿…‘Â?–‹Â?—ƒ”‡ȋ‘”‹’”‡Â?Â†Â‡Â”Â‡ČŒ—Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘†‹Â?ƒ–—”ƒœ‹‘Â?‡…”‹•–‹ƒÂ?ƒǤ ‰Â?‹‹–‹Â?Â‡Â”ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄ…Š‡…‘Â?•–ƒ†‹Í™Í&#x;Ȁ͙͠‹Â?…‘Â?–”‹…‘Â?ˆ”‡“—‡Â?œƒÂ‘Â„Â„ÂŽÂ‹Â‰ÂƒÂ–Â‘ÇŚ Â”Â‹ÂƒÇĄ’”‡˜‡†‡Žƒ˜‘”‹†‹‰”—’’‘ǥÂ?‘Â?‡Â?–‹†‹Â…ÂƒÂ–Â‡Â…ÂŠÂ‡Â•Â‹ÇĄ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹Ž‹–—”nj ‰‹…Š‡‡†‡•’‡”‹‡Â?œ‡†‹–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒǤ‡”‹ŽÍšÍ˜Í™Í™ÇŚÍšÍ˜Í™Íš‹’‡”…‘”•‹•‘Â?‘ –”‡ǣ‹Ž’”‹Â?‘ȋ°‹Â?‹œ‹ƒ–‘ÂŽÇŻÍ ‘––‘„”‡ǥ‘‰Â?‹•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡Í™Í?Ǥ͛͘ƒŽŽ‡Í™Í ČŒÂ?‡ŽŽƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ǤÂ?–‘Â?‹Â?‘†‹‘Â?…‡•‹‘ǥ‹Ž•‡…‘Â?†‘Č‹Â†ÂƒÂŽ͚͙‰‡Â?Â?ƒ‹‘͚͙͚͘ ‹Ž•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡Í™Í?Ǥ͛͘ƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ç¤Í›Í˜ČŒƒ”‡•…‹ƒÂ?‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‡ŽŽ‡ƒÂ?–‡ ƒ’‹–ƒÂ?‹‘‡ ‡”‘•ƒ‡‹Ž–‡”œ‘Č‹Â†ÂƒÂŽ͙͛‰‡Â?Â?ƒ‹‘͚͙͚͘‹ŽÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż†ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘ ƒŽŽ‡ÍšÍšÇ¤Í›Í˜ČŒ•‡Â?’”‡ƒ”‡•…‹ƒÂ?‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹Ǥ ”ƒÂ?…‡•…‘†ƒƒ‘ŽƒǤ

ÇŻ      ÇŻ     

ˆˆ‹…‹‘‘”ƒ–‘”‹ƒ„ƒ–‘Í™Í?‘––‘„”‡

,YDORULHGXFDWLYL DWWRUQRDOORVSRUW

˜˜‹•‘†‡Ž‹…ƒ”‹‘‰‡Â?‡”ƒŽ‡ Â?–”‘†‹…‡Â?„”‡Ž‡”‹…Š‹‡•–‡’‡”Ž‡…”‡•‹Â?‡ ‹”‹…‘”†ƒƒ‹”‡˜‡”‡Â?†‹’ƒ””‘…‹†‹ˆƒ”’‡”˜‡Â?‹”‡ƒŽŽƒ•‡‰”‡–‡”‹ƒ†‡Ž‹nj …ƒ”‹‘‰‡Â?‡”ƒŽ‡Č‚‡Â?–”‘Žƒˆ‹Â?‡†‹†‹…‡Â?„”‡Č‚Ž‡”‹…Š‹‡•–‡’‡”‹ŽÂ?‹Â?‹•–”‘ †‡ŽŽƒ…”‡•‹Â?ƒ‘’’—”‡’‡”Žƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž•ƒ…”ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ…”‡•‹Â?ƒ ‹Â?ƒ––‡†”ƒŽ‡Ǥƒ•‡‰”‡–‡”‹ƒ†‡Ž‹…ƒ”‹‘‰‡Â?Â‡Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄƒ•—ƒÂ˜Â‘ÂŽÂ–ÂƒÇĄˆƒ”Â?…‘nj Â?‘•…‡”‡ǥ…‘Â?ƒŽÂ?‡Â?‘–”‡Â?‡•‹†‹ƒÂ?–‹…‹’‘ǥ†ƒ–ƒ‡‘”ƒ”‹‘†‡ŽŽ‡…”‡•‹Â?‡Ǥ ‹ˆǤ‡ŽǤ͛͘͘Í›Í&#x;ÍšÍšÇ¤ÍšÍšÍĄÇŚÍšÍžÍ˜Ç˘ˆƒš͛͘͘Í›Í&#x;͚͚Ǥ͚Í?͞ǣ‡njÂ?ÂƒÂ‹ÂŽÇŁ˜‹…ƒ”‹‘‰‡Â?Â‡Â”ÂƒÂŽÂ‡Ěť †‹‘…‡•‹Ǥ„”‡•…‹ƒǤ‹–Ǥ

ŽŽǯ‹Â?–‡”Â?‘†‡ŽŽƒ‡––‹Â?ƒÂ?ƒ†‡ŽŽ‘•’‘”–‹˜‘Â?‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ƒÂ? ƒ—†‡Â?œ‹‘ƒ ‘Â?’‹ƒÂ?‘ƒŽŽ‡͚͘•‹–‹‡Â?‡—Â?ƒ˜‡‰Ž‹ƒ†‹Â’Â”Â‡Â‰ÂŠÂ‹Â‡Â”ÂƒÇŁ‹Ž˜‡•…‘˜‘‘Â?ƒ”‹‹Â?…‘Â?–”ƒ–—––‹‰Ž‹ •’‘”–‹˜‹’‡”ˆƒ”‡—Â?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—‹–ƒŽ‡Â?–‹‡•—ŽŽ‡–‡Â?ƒ–‹…Š‡†‡ŽŽǯ‹Â?’‡‰Â?‘‡†‡ŽŽƒˆƒ–‹…ƒ    

8

na settimana per gli sportivi bresciani. Un appuntamento educativo che da quest’anno entra a pieno titolo nel calendario pastorale dell’Ufficio oratori. La proposta è quella di mettere al centro dell’attenzione delle singole comunitĂ  l’impegno dei volontari, dei ragazzi, degli allenatori e dei dirigenti sportivi. La settimana indicata è questa e ha il suo culmine nell’appuntamento diocesano con il vescovo Luciano: la veglia degli sportivi in programma sabato 15 ottobre nella parrocchia di San Gaudenzio a Mompiano. Ogni parrocchia, però, può scegliere di collocare questa settimana in un altro periodo dell’anno. Durante le gare del Csi gli arbitri hanno consegnato la preghiera dello sportivo (“Grazie perchĂŠ tu, Signore, sei il nostro allenatore e maestro e rimani con noi ogni giornoâ€?) con l’invito alla veglia di preghiera. L’auspicio è quello che nei nostri oratori si possa organizzare una serata di approfondimento sui temi dello sport. Va ricordato che presso il Cob è disponibile gratuitamente il testo “Lo sport in

giocoâ€? curato dagli oratori delle diocesi lombarde, uno strumento utile per allestire un momento di formazione per dirigenti e allenatori: lo sport, una questione di sfide. Fra le proposte, c’è anche la proiezione del film “Invictusâ€? ispirato alla storia della Coppa del mondo di rugby del 1995; è una storia vera che mostra come lo sport possa essere strumento di inclusione in un contesto complesso come il Sudafrica del post apartheid. Una pellicola che risulta quanto mai attuale in un contesto come il nostro dove negli oratori (insieme all’ambito scolastico) si verifica l’integrazione. Il programma della serata di sabato 15 ottobre nella parrocchia di San Gaudenzio prevede alle 20 l’inizio della veglia con una riflessione sui talenti e sulle tematiche dell’impegno e della fatica. Alle 21.15, presso l’oratorio di Mompiano, inizia la festa con il gruppo “Miss Brown & the Blues Assaultâ€? e con la possibilitĂ  dello stand gastronomico. Alle 21.45 vengono consegnate le menzioni per i gruppi sportivi meritevoli per la correttezza e l’impegno educativo. Il Csi nel suo statu-

to punta molto sulla formazione e sulla preparazione di base. La presidente del Csi provinciale, Amelia Morgano, ha individuato tre realtà: l’oratorio di Nuvolera per la squadra di calcio a 7 giocatori under 11; l’oratorio di Calcinato con la squadra di calcio a 7 giocatori under 14; la Polisportiva Castel Mella con la squadra di pallavolo under 14. Nel corso della serata viene premiata anche la Polisportiva bresciana no frontiere che offre un’opportunità sportiva (nuoto, tiro con l’arco, atletica leggera, ma anche sci nordico, golf, ginnastica ritmica, basket, bowling e calcio) a ragazzi, giovani e adulti con disabilità fisica o intellettiva: attualmente i tesserati sono un centinaio. Partecipa a Special Olympics, un programma internazionale di allenamento sportivo presente in 170 Paesi. Lo sport è educativo, ma molto dipende da chi lo guida. Con lo sport si sviluppano dei talenti che poi entrano in gioco nella vita quotidiana. Ecco allora che la settimana diventa un monito per capire, anche all’interno dei nostri oratori, il valore altamente educativo del praticare lo sport.

‡Â?‡”†¿͙͜‘––‘„”‡ Dz’‡”ƒ”‡’‡”–—––‹dz

ÂŽ…‹”…‘Ž‘…—Ž–—”ƒŽ‡†‘Â?–‡ˆƒÂ?‘‡„‡ŒƒÂ?‹†‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ƒÂ? ”ƒÂ?ÇŚ …‡•…‘†ƒƒ‘Žƒƒ”‡•…‹ƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ—Â?ƒ•‡”ƒ–ƒ†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‡Â?‡”†¿ ͙͜‘––‘„”‡ƒŽŽ‡͚͙†‘Â? ƒ—•–‹Â?‘ —‡”‹Â?‹ǥƒ••‹•–‡Â?–‡•’‹”‹–—ƒŽ‡†‡ŽŽǯ‹•–‹–—nj –‘‡•ƒ”‡”‹…‹ǥƒˆˆ”‘Â?–ƒ‹Ž–‡Â?ƒDz’‡”ƒ”‡’‡”–—––‹dzǥ—Â?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡•—‹ Â?‘˜‹••‹Â?‹Ǥ‡ŽŽƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡…ƒ–‡…Š‹•–‹…ƒ•‹—–‹Ž‹œœƒ‹Ž–‡”Â?‹Â?‡Â?‘˜‹••‹Â?‹ Č‹Â?‡Ž•‡Â?•‘†‹Dz…‘•‡—Ž–‹Â?Â‡ÇłČŒ’‡”‹Â?†‹…ƒ”‡“—ƒ––”‘’ƒ”‘Ž‡…Š‹ƒ˜‡†‡Ž†‡nj •–‹Â?‘ˆ‹Â?ƒŽ‡†‡ŽŽǯ—‘Â?‘ǣÂ?‘”–‡ȋ—Ž–‹Â?ƒ…‘•ƒ…Š‡ƒ……ƒ†‡‹Â?“—‡•–‘Â?‘Â?ÇŚ Â†Â‘ČŒÇĄ‰‹—†‹œ‹‘†‹‹‘ȋ—Ž–‹Â?‘‰‹—†‹œ‹‘…Š‡•‹†‘˜”Â?•‘•–‡Â?Â‡Â”Â‡ČŒÇĄ‹Â?ˆ‡”Â?‘ Č‹Ç˛Â•Â–ÂƒÂ–Â‘†‹†‡ˆ‹Â?‹–‹˜ƒÂƒÂ—–‘nj‡•…Ž—•‹‘Â?‡†ƒŽŽƒ…‘Â?—Â?‹‘Â?‡…‘Â?‹‘‡…‘Â?‹ Â„Â‡ÂƒÂ–Â‹ÇłČŒÇĄ’ƒ”ƒ†‹•‘ȋ•‘Â?Â?‘„‡Â?‡…Š‡ƒ˜”ƒÂ?Â?‘Dz…‘Ž‘”‘…Š‡Â?—‘‹‘Â?‘Â?‡Žnj Žƒ‰”ƒœ‹ƒ‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‹…‹œ‹ƒ†‹‹‘‡…Š‡•‘Â?‘’‡”ˆ‡––ƒÂ?‡Â?–‡Â’Â—Â”Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ–Â‹ÇłČŒÇ¤


͚͛

 ͙͛‘––‘„”‡͚͙͙͘

‘––‹…‹Â?‘ 1‰Ž‘„ƒŽ‡Ž‘•ˆ‘”œ‘‡†—…ƒ–‹˜‘†‡ŽŽƒ•…—‘ŽƒDz‘Â?”‹‘Â?‡dz La scuola “Don Orioneâ€? è gestita dalla parrocchia di Botticino Sera che vede in questo impegno un aspetto dell’attenzione educativa che caratterizza ogni cristiano. Con la scuola propone alle famiglie la possibilitĂ  di vivere in maniera costruttiva il rapporto educativo, favorendo la vicinanza tra genitori, alunni ed insegnanti. L’obbiettivo è quello di aiutare i ragazzi a crescere con una personalitĂ  matura, sicura e capace nello stile di vita propriamente

cristiano. Per favorire questo è parte integrante del percorso l’attenzione alla persona con un supporto particolare e individuale per alcune necessitĂ  educative particolari. La scuola secondaria di primo grado (medie) si fonda su una tradizione forte e su una certa diffusione sul territorio anche fuori dai conďŹ ni parrocchiali. Cinque anni fa la scuola ha fatto la scelta di iniziare la scuola primaria. La scuola primaria giunge quest’anno alla conclusione del suo primo



ciclo e, forte dello sforzo compiuto quest’anno potrĂ  fare domanda di estensione della paritĂ  avendo realizzato l’adeguamento delle strutture necessarie per garantire la sicurezza degli ambienti secondo la normativa ministeriale esistente. Da alcuni anni la scuola “Don Orioneâ€? dell’unitĂ  parrocchiale di Botticino organizza occasioni di incontro per la comunitĂ  in orario serale, con l’obiettivo di favorire momenti di crescita umana e culturale.