Issuu on Google+

‘�ƒ�†‡    

/$92&(

Le domande dell’uomo sono molte, ma in fondo è una sola: “PerchĂŠ il dolore, il male, la morte, se tutto è Tuo?â€?. Ci si inceppa qui. E non c’è via d’uscita ragionevole, malgrado i tentativi che la storia e le diverse spiritualitĂ  hanno prodotto. La cosa stupefacente è che nemmeno Tu hai voluto darci una risposta razionale; in Esodo 3 si legge: “Il Signore disse: Ho osservato la miseria del mio popolo in Egitto e ho d udito il suo grido a causa dei suoi sorveglianti; conosco infatud ti le sue sofferenze. Sono sceso per liberarlo‌â€?. Sei “semplicementeâ€? sceso, lungo il tragitto dell’umano, fino al fondo possibile. ment stato appeso insieme a noi due, i ladroni: ogni angolo dell’umano Sei stat toccato, assaporato, sentito addosso, perfino l’odore del sepoll’hai tocca quello che nasconde. Ecco la tua risposta. Ci sono, “Io-sonoâ€?. cro, e di quel La domanda ““perchĂŠ cosĂŹ?â€? si fa largo: umiliato senza appello, torturato, silenzio al macello‌ Per dirci come sei. condotto in sil

'(/ 3232/2           ͙ͥ͛͠

            

  Ǥ              Ǥ 

͛͘

Ǥ”‡• Ǥ”‡•…‹ƒ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘  



͚͘ Ž ƒ––‘

‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜Í˜Í›ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒÂƒÂ”Â–Ç¤Í™ÇĄ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇŚÍ‚Í™ÇĄÍ˜Í˜

Monari in Africa. “Ho incontrato una Chiesa viva�

 ‹‘Ž‡�œƒ‹�ƒ—†‹–ƒ

͘Í&#x;ƒ‡•‹‡’ƒ””‘……Š‹‡ Stadolina. I 400 anni sono un tesoro da custodire e rilanciare

͚͞……Ž‡•‹ƒ Costa Volpino. Una mostra sulle origini della Gmg

‘’‘Ž‘…Š‘…ǥ•‘Â?‘‰‹‘”Â?‹†‹Ž—––‘‹Â?‘”˜‡‰‹ƒ’‡”Ž‡•–”ƒ‰‹†‹•Ž‘Ǥ

ÂŽÂ?—Â?œ‹‘ƒ’‘•–‘Ž‹…‘Â?‹Žƒ—Ž•…Š‡””‹‰”‹…‘”†ƒ…Š‡DzÂ?‘Â?’‘••‹ƒÂ?‘†‹”…‹ƒ’’ƒ”–‡Â?‡Â?–‹ ƒ—Â?ƒ”‡Ž‹‰‹‘Â?‡‡’‘‹‰‹—•–‹ˆ‹…ƒ”‡—Â?ƒ˜‹‘Ž‡Â?œƒ…‘•¿‹Â?•‡Â?•ƒ–ƒ‡‹Â?…”‡†‹„‹Ž‡dz ÇŻ    

—‘”‡ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘ Sono appena tornato da una visita in Mozambico con il nostro vescovo Luciano e non posso che ripetere che il cuore missionario di Brescia è grande. Numerose sono state, anche quest’estate, le esperienze missionarie di tanti giovani o adulti bresciani. Nelle parrocchie continuano i gruppi missionari, con le loro proposte di animazione, di spiritualitĂ  e di solidarietĂ . Ma la novitĂ  degli ultimi anni è quella del sorgere di gruppi spontanei, associazioni, onlus, non necessariamente legati alla comunitĂ  parrocchiale, che magari “sposanoâ€? un progetto, una realizzazione, un amico missionario o missionaria e si dedicano a iniziative in loro sostegno. Mi chiedo, però, tra

tutte queste esperienze quali sono realmente missionarie? Quali interrogativi suscitano? Che cosa può offrire loro la pastorale missionaria, cosĂŹ come è proposta dalla Chiesa italiana? Spesso la “missioneâ€? è vista come l’invio di preti, religiosi e religiose, laici per il primo annuncio; il sostegno economico di emergenze e progetti da parte dei cristiani verso i poveri del mondo; la cooperazione tra le Chiese. Sono descrizioni parziali che aiutano, ma non esauriscono la necessitĂ  di coniugare la missio ad gentes e le scelte quotidiane di un servizio pastorale. Bisognerebbe ricordare, anzitutto, che l’elemento qualificante dell’esistenza e dell’azione delle commissioni/gruppi missionari parrocchiali sta da un lato nell’approfondimento della centralitĂ  della missione nella vita della Chiesa e dall’altro nella linea della vocazione ecclesiale. PiĂš volte,

nei documenti dei vescovi italiani, si dice che la missio ad gentes: “può essere intesa non soltanto come il punto piĂš alto e conclusivo del nostro impegno pastorale, ma anche come il suo paradigma piĂš stimolante ed illuminanteâ€?. Ne consegue che, pur senza rivendicare alcun monopolio da parte della diocesi o della parrocchia, anche i gruppi non ecclesiali che si relazionano in vari modi con i missionari, pur sempre espressione della Chiesa cattolica, si potrebbero confrontare, se non coordinare, con le realtĂ  ecclesiali. Non è ‘bello’ che i membri dei gruppi spontanei o di una onlus, normalmente praticanti e frequentanti la parrocchia, facciano tutto “per conto loroâ€? in ciò che riguarda il sostegno a un missionario, spesso illustre membro della parrocchia stessa! Per le parrocchie, d’altro canto, può essere importante riprendere alcuni punti essenziali della propria

‘pratica missionaria’. Tra questi essenziale in ogni attivitĂ  missionaria è l’incontro e il collegamento con i missionari. Inoltre quanti si occupano di missione utilizzano gran parte del loro tempo e delle loro risorse per la promozione di aiuti economici a favore delle missioni. Certamente qui si esprime un legame tra promozione umana, Vangelo e fede, che però va riletto sempre alla luce dei criteri evangelici e della trasparenza dell’annuncio cristiano. I giovani, poi, sono talvolta coinvolti nell’esperienza missionaria, con viaggi o proposte che vengono da gruppi di volontariato. I viaggi rappresentano segni promettenti per la realtĂ  missionaria, ma mettono anche in luce contraddizioni quali una formazione non sempre adeguata, l’incapacitĂ  ad adattarsi e a leggere mondi nuovi.  Ǥ͚͘

ÍšÍ&#x;—Ž–—”ƒ‡…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ Teatro a S. Miniato. “Sarabandaâ€?, dramma dell’oggi

Í›Í?…‘Â?‘Â?‹ƒ Ricerca sul territorio. Farmacie rurali: presidio sociale

͛͠ƒ”ƒ‘…‡ Gite fuori porta. Sulle dolci colline della Valtenesi


ƒŽŽƒ’”‹�ƒǤǤǤ —‘”‡�‹••‹‘�ƒ”‹‘

 

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

AltresÏ la pastorale missionaria non può restare estranea a tutto ciò che oggi è legato all’intercultura, al dialogo interreligioso, alla convivenza con i migranti presenti nelle nostre comunità. Infine, il tema degli stili di vita tocca un numero crescente di giovani e di famiglie, coinvolgendo sempre piÚ quanti rientrano da esperienze missionarie di vario tipo. Penso pertanto che, alla luce della Parola, la condivisione che nasce dalla missio ad gentes possa

diventare profezia e svelare valori e limiti dei diversi volti di Chiesa presenti in una società pluralista come la nostra. La missione si esprime normalmente attraverso l’annuncio e il dialogo. Con essi le realtà ecclesiali missionarie bresciane potranno riconoscere e proporre percorsi di testimonianza già provvidenzialmente presenti nelle nostre comunità e particolarmente espressivi del Vangelo. (Raffaele Donneschi)

�–‡”˜‹•–ƒ‘�•Ǥ‘�ƒ”‹‡‹Ž˜‹ƒ‰‰‹‘‹�‘œƒ�„‹…‘

/¡HQWXVLDVPRGHOODPLVVLRQDULHWj   

0

ons. Luciano Monari ha da pochi giorni concluso il suo terzo viaggio missionario da vescovo di Brescia. Dopo il Burundi e il Venezuela ha fatto visita al Mozambico, il Paese africano in cui operano quattro fidei donum (don Piero Marchetti Brevi, don Lino Zani, don Pierino Minelli e don Bruno Moreschi attualmente a Brescia per ragioni di salute), religiosi e laici bresciani. Il bilancio di questa esperienza è anche occasione per il Vescovo per affrontare in modo piĂš generale il tema della missionarietĂ  all’interno della Chiesa bresciana. “Sono contento del lavoro che i fidei donum svolgono in Mozambico, come negli altri Paesi in cui sono presenti – sono le prime considerazioni di mons. Monari –. Credo che si tratti di una delle esperienze piĂš belle che la Chiesa bresciana vive ormai da decenni, un’esperienza importante non solo per l’aiuto che la nostra Chiesa fornisce ad altre Chiesa particolari ma anche per il vantaggio che ne deriva per Bresciaâ€?. Prestare aiuto a Chiese ancora giovani e che da poco hanno iniziato a camminare sulle proprie gambe rappresenta per il Vescovo una salutare iniezione di entusiasmo per Chiese come quella bresciana. “Senza una dimensione missionaria vivace – sono ancora considerazioni del vescovo Monari – una Chiesa rischia di ripiegarsi su stessa per curare le sue ferite o illudersi di essere chissĂ  che cosaâ€?. I fidei donum, nello specifico quelli incontrati nel corso del recente viaggio in Mozambico, sono dunque una ricchezza per la Chiesa bresciana e continuano a dare testimonianza di un impegno riconosciuto e ap-

     

prezzato delle realtĂ  che li hanno accolti. “Rispetto alle precedenti esperienze in Burundi e in Venezuela – ha continato il Vescovo ho incontrato contesti sociali sostanzialmenrte diversi, ma anche una sostanziale continuitĂ . I nostri fidei donum sono bene accetti a qualsiasi latitudine e vengono accolti senza alcuna diffidenza. Sanno che scelgono la via della missione non per un tornaconto personale ma perchĂŠ animati dalla volontĂ  di portare un aiuto concreto a Chiese ancora giovaniâ€?. Il viaggio in Mozambico è stato impegnativo, caratterizzato da tanti

�ƒŠ‹‡•ƒƒ’‡”–ƒƒŽŽƒ �‹••‹‘�‡°—�ƒ”‡ƒŽ–� ˜‹˜ƒ…Š‡”‹�—�…‹ƒƒ ”‹’‹‡‰ƒ”•‹•—•‡•–‡••ƒ ’‡”…—”ƒ”‡Ž‡’”‘’”‹‡ ˆ‡”‹–‡  

 



incontri e dalla conoscenza di nuove realtĂ . Un viaggio che ha arricchito mons. Monari. “Sono rimasto colpito – ha affermato al proposito – dalla partecipazione corale della gente alle celebrazioni, aspetto che da noi sta venendo progressivamente meno. Nelle nostre comunitĂ  si ha spesso la sensazione che la gente assista alle celebrazioni e che non le partecipi da protagonista. In Mozambico ho avuto modo di presiedere una celebrazione domenicale nel corso della quale ho anche amministrato le cresime, a cui partecipavano solo per quello che riguarda l’animazione liturgica piĂš di 50 personeâ€?. L’esperienza nel Paese africano ha reso evidente anche agli occhi del Vescovo un rischio a cui stanno andando incontro le comunitĂ  bresciane, alle prese con “celebrazioni molto meno partecipate, che pur mantenendo il senso fondamentale dell’eucaristia, fanno fatica a comunicare ai presenti il senso di quello che sta avvenendo e la gioia per il Signore risorto e l’essere parte di una comunitĂ  fatta di personeâ€?. Un altro aspetto che mons. Monari ha indicato tra le tante note positive di questo terzo viaggio missionario è stato l’incontro con tante comunitĂ  disperse sul territorio accompagnate da catechisti, da consigli di comunitĂ . “Ho incontrato comunitĂ  – ha sottolineato – capaci di gestire la loro vita nella quotidianitĂ  anche quando la presenza del missionario non può essere molto frequenteâ€?. ComunitĂ  che, per il Vescovo, hanno saputo crescere grazia ad una grande organizzazione dal basso. Per la Chiesa bresciana che si sta preparando a vivere il sinodo dio-

cesano sulle unitĂ  pastorali l’esempio che arriva dal Mozambico potrebbe essere, per il Vescovo, di grande stimolo. “Le unitĂ  pastorali funzioneranno – sono le considerazioni di mons. Monari – se, come ho visto in Mozambico si radicheranno le ĂŠquipe pastorali, ossia quei gruppi di persone che sono impegnate nella edificazione della comunitĂ  e nella sua vita. Ăˆ evidente che non possiamo copiare in modo pedissequo ciò che fanno in Africa o in America latina, perchĂŠ sono profondamente diversi i contesti sociali. Possiamo però imparare, cosa che per altro sta giĂ  avvenendo, da loro il senso di responsabilitĂ  nei confronti della comunitĂ â€?. PiĂš volte, immaginando quella che potrĂ  essere la Chiesa bresciana negli anni a venire, mons. Monari ha evidenziato tra le note critiche la costante riduzione del numero dei sacerdoti. Non sarĂ  questa prospettiva a modificare l’attenzione missionaria diocesana. “Non sarĂ  – ha affermato il Vescovo – la riduzione dei sacerdoti diocesani a imporre un ripensamento della dimensione missionaria. Ho giĂ  affermato che uma Chiesa attenta a questo aspetto è una Chiesa riccaâ€?. Si tratterĂ , semmai, di ripensare lo stile di una presenza missionaria che, in presenza di Chiese ormai capaci di camminare sulle proprie gambe, non potrĂ  piĂš essere quello dei decenni passati. “In ogni caso – ha concluso mons. Monari – non sarò io a dire no a un sacerdote che intenda vivere una esperienza missionaria, perchĂŠ fidei donum continueranno a essere, pur in presenza del calo dei sacerdoti, una straordinaria ricchezza per la Chiesa che li invia nel mondoâ€?.

    

/¡LQFRQWURFRQFKLRSHUDLQ*HUPDQLD Nei giorni scorsi, quasi in ideale continuazione con il suo viaggio in Mozambico, mons. Luciano Monari ha incontrato presso il Santuario della Stella i cinque sacerdoti cappellani in Germania. L’incontro ha rinnovato quella che ormai sta diventando una apprezzata consuetudine. Ogni anno, infatti, i sacerdoti bresciani che operano nelle missioni tedesche riescono ad incontrare il Vescovo

(nella foto l’incontro in Germania del 2008). Il santuario bresciano ha fatto da sfondo ad un incontro che in prima battuta ha visto mons. Monari presiedere una celebrazione eucaristica a cui hanno preso parte don Giovanni Paganini, don Andrea Gozio, don Giuseppe Gilberti e don Riccardo Baxiu. Nel corso dell’omelia il Vescovo ha sottolineato la missionarietà e l’impegno che questa com-

porta. La missione, in Germania come in qualsiasi parte del mondo, è stato in sintesi il pensiero di mons. Monari, comparta l’accettazione di sacriďŹ ci. Per questo il Vescovo non ha mancato di esprimere ai sacerdoti presenti la sua gratitudine e quella dell’intera Chiesa bresciana perchĂŠ operano in un contesto fortemente secolarizzato. La mattinata è poi proseguita con un momento di confronto nel

corso del quale i sacerdoti hanno presentato al Vescovo la realtà in cui sono chiamati a operare non senza alcuni accenni in una dimensione prospettica. La diocesi ha assunto l’impegno futuro (che, come ha ricordato p. Mario Toffari presente all’incontro, deve essere però ancora accolto dall’episcopato tedesco) di mantenere due missioni in Germania: una a Berlino e una, anco-


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͛͘

Ž–‡”œ‘˜‹ƒ‰‰‹‘�‹••‹‘�ƒ”‹‘

�…‘�–”‘…‘�ŽƒŠ‹‡•ƒ„”‡•…‹ƒ�ƒ…Š‡˜‹˜‡‹�‘œƒ�„‹…‘ 10 giorni per conoscere quella parte di Chiesa bresciana che opera in Mozambico. Dal 13 al 23 luglio scorso il vescovo Luciano Monari, accompagnato dal suo segretario don Andrea Gazzoli e da don Raffaele Donneschi, direttore del Centro missionario diocesano, ha effettuato il suo terzo viaggio missionario, dopo quelli in Burundi e Venezuela. Quelli trascorsi nel Paese africano sono stati giorni intensi nel corso dei quali il Vescovo ha avuto modo di

incontrare i sacerdoti fidei donum, i religiosi e i laici che danno vita a preziose opere per la cresciata umana e spirituale locale. A Morrumbene, prima tappa del viaggio dopo l’arrivo a Maputo, mons. Monari ha incontrato don Piero Marchetti Brevi e don Lino Zani e con loro ha visitato la missione. Da qui il Vescovo si è poi trasferito a Inhambane; durante il viaggio ha visitato il Centro pastorale di GuÏua, gestito dai Missionari della Consolata. Mons.

Monari ha tenuto una lezione ai catechisti che frequentano un corso di formazione annuale. All’arrivo a Inhambane c’è stato, nel locale Seminario, l’incontro con il vescovo Adriano Langa. Nel prosieguo del viaggio mons. Monari ha avuto modo di incontrare gli altri bresciani presenti in Mozambico: p. Giacomo Marietti, tornato in Africa dopo il ferimento dello scorso anno, il laico Bruno Comini, il fidei donum don

Pierino Minelli e il vescovo di Pemba mons. Ernesto Maguenge. A Montepuez mons. Monari ha presieduto una celebrazione eucaristica nel corso della quale ha amministrato la cresima e la prima comunione a un gruppo di giovani e di adulti. Prima della partenza per fare ritorno in Italia il vescovo Luciano Monari e i suoi accompagnatori hanno fatto tappa nella capitale Maputo per un incontro con il nunzio apostolico, il bresciano mons. Antonio Arcari.

  

ÂŽ‡•…‘˜‘Šƒ…‘Â?…Ž—•‘Žƒ•—ƒ˜‹•‹–ƒƒ‹ˆ‹†‡‹†‘Â?—Â? ’”‡•‡Â?–‹Â?‡Žƒ‡•‡ƒˆ”‹…ƒÂ?‘Ǥ‘’‘—”—Â?†‹‡ ‡Â?‡œ—‡Žƒ•‹–”ƒ––ƒ†‡ŽŽƒ–‡”œƒ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†ǯ‹Â?…‘Â?–”‘ …‘Â?‹„”‡•…‹ƒÂ?‹‹Â?–‡””ƒ†‹Â?‹••‹‘Â?‡Ǥ ÂŽ„‹ŽƒÂ?…‹‘†‡Ž ˜‹ƒ‰‰‹‘°†‹˜‡Â?–ƒ–‘‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡”—Â?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡’‹Î ƒÂ?’‹ƒ•—ŽŽǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡†‹Â?‡Â?•‹‘Â?‡’ƒ•–‘”ƒŽ‡

—”—�†‹ �’‡”…‘”•‘ �‹••‹‘�ƒ”‹‘

͙͞‰‹‘˜ƒÂ?‹ǥ†‘Â? ‹ƒÂ?Ž—…ƒÂƒÂ—‰‡”‹ǥ •ƒ…‡”†‘–‡Â?Â‘Â˜Â‡ÂŽÂŽÂ‘ÇĄ‡•—‘””‹Â?ƒ

—ƒ”ƒ‰Â?‹ǥ†‡ŽŽ‡—‘”‡Â’Â‡Â”ÂƒÂ‹Â‡ÇŁ° “—‡•–ƒŽƒ…‘Â?’‘•‹œ‹‘Â?‡†‡Ž‰”—’’‘ …Š‡–”ƒ’‘…Š‡‘”‡Č‹Â?‡ŽŽƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ †‹˜‡Â?‡”†¿͚ͥÂŽÂ—Â‰ÂŽÂ‹Â‘ČŒ’ƒ”–‹”Â?ƒŽŽƒ ˜‘Ž–ƒ†‡Ž—”—Â?†‹’‡”˜‹˜‡”‡ —Â?ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒǤ

ÂŽ‰”—’’‘Â?‘Â?°Â?ƒ–‘ƒÂ…ÂƒÂ•Â‘Ç˘•‹ –”ƒ––ƒ†‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…Š‡Â?‡‹Â?‡•‹ •…‘”•‹ŠƒÂ?Â?‘’ƒ”–‡…‹’ƒ–‘ƒŽ ’‡”…‘”•‘†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡’”‘Â?‘••‘ †ƒŽ‡Â?–”‘Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘Ǥ ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ‹Â?—”—Â?†‹ ”ƒ’’”‡•‡Â?Â–ÂƒÇĄ†—Â?“—‡ǥ—Â?ƒ•‘”–ƒ†‹ …‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡‹†‡ƒŽ‡†‡Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘ †—”ƒ–‘—Â?ƒÂ?Â?‘ǤDzÂ?†”‡Â?‘‹Â?˜‹•‹–ƒ ƒŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â?…Š‡Ž‡—‘”‡’‡”ƒ‹‡ ƒÂ?‹Â?ƒÂ?‘‹Â?—”—Â?†‹–ƒˆˆ‡”Â?ƒ •—‘””‹Â?ƒ —ƒ”ƒ‰Â?‹–’‡”˜‹˜‡”‡ ‡•’‡”‹‡Â?œ‡†‹…‘Â?†‹˜‹•‹‘Â?‡ǥ†‹ ‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?…—Ž–—”‡†‹˜‡”•‡‡…‘Â? …‘Â?†‹œ‹‘Â?‹†‹‡•–”‡Â?ƒ’‘˜‡”–Â?dzǤ ‡•—‘”‡’‡”ƒ‹‡•‘Â?‘’”‡•‡Â?–‹ Â?‡Žƒ‡•‡ƒˆ”‹…ƒÂ?‘Â?‡ŽŽ‡Â?‹••‹‘Â?‹ †‹—Œ—Â?Â„Â—Â”ÂƒÇĄ Â‹Â–Â‡Â‰ÂƒÇĄÂ™Â‡Â‰Â—Â”ÂƒÇĄ ›ƒÂ?—”‡Â?œƒ‡—›‹Â?‰ƒČ‹Â?‡ŽŽƒ ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇ¤‡‹͚͘‰‹‘”Â?‹†‹’‡”Â?ƒÂ?‡Â?œƒ ‹Â?—”—Â?†‹‹Ž‰”—’’‘„”‡•…‹ƒÂ?‘ ’”‡Â?†‡”Â?’ƒ”–‡ƒÂ?…Š‡ƒ‹Žƒ˜‘”‹’‡” ÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ��ƒˆ‡•–ƒ’‡”Žƒ ’”‘ˆ‡••‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ•—‘”ƒ’‡”ƒ‹ƒǤ Dzƒ”–‹ƒÂ?‘–ƒˆˆ‡”Â?ƒƒÂ?…‘”ƒ•—‘” ”‹Â?ƒ–…‘Â?—Â?‡Â?–—•‹ƒ•Â?‘…Š‡…‹ †‡”‹˜ƒ†ƒŽŽƒ’ƒ••‹‘Â?‡…‘Â?…—‹Ž‡ ’ƒ””‘………Š‹‡†‹‘”‹‰‹Â?‡†‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ ’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ŠƒÂ?Â?‘•‡‰—‹–‘“—‡•–ƒ ‡•’‡”‹‡Â?ÂœÂƒÇłÇ¤

ra da deďŹ nire nel sud del Paese. Mons. Monari ha presentato a sacerdoti impegnati in Germania il cammino che porterĂ  la Chiesa bresciana alla celebrazione del Sinodo diocesano dedicato alle unitĂ  pastorali. L’incontro ha visto anche la partecipazione anche di mons. Gianfranco Mascher a cui i sacerdoti presenti hanno espresso il desiderio di essere coinvolti nella preparazione del cammino

sinodale. “L’esperienza che stanno vivendo in un Paese come la Germania alle prese con un veloce processo di secolarizzazione – ha evidenziato p. Toffari sottolineando l’importanza della richiesta sottoposta al vicario generale – potrĂ  essere di grande aiuto anche a una Chiesa come quella bresciana che afďŹ da alla celebrazione del Sinodo la deďŹ nizione di alcune importanti scelte per il futuroâ€?.

ˆˆ‹…‹‘�‹••‹‘�ƒ”‹‘ ƒ‡�‘ ƒ˜‹ƒ‘•‹‘

Ž„ƒ�‹ƒ

�…‘�–”‹ƒ�‘…‹ ƒŽ†‹Ž�†‡Ž�ƒ”‡

‘Â?ƒ”Ž‘ƒ”–ƒ”‹Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ°•–ƒ–‘ †ƒ’‘…Š‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡Â?‘Â?‹Â?ƒ–‘˜‹…‡ †‹”‡––‘”‡†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘ †‹‘…‡•ƒÂ?‘Ǥ ‹–”ƒ––ƒ†‹—Â?ƒ•…‡Ž–ƒ‹Â?•‘Ž‹–ƒ†ƒŽ Â?‘Â?‡Â?–‘…Š‡†ƒ•‡Â?’”‡ŽƒŠ‹‡•ƒ „”‡•…‹ƒÂ?ƒŠƒƒˆˆ‹†ƒ–‘“—‡•–‘ ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡‹Â?…ƒ”‹…‘ƒ•ƒ…‡”†‘–‹…Š‡ ŠƒÂ?Â?‘˜‹••—–‘‹Â?’”‹Â?ƒ’‡”•‘Â?ƒ Žǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒǤ ÂŽÂ?—‘˜‘ ˜‹…‡†‹”‡––‘”‡ǥ‹Â?“—‡•–‹‰‹‘”Â?‹ ƒÂ?…‘”ƒƒŽŽ‡’”‡•‡…‘Â?‹Dz…‘Â?’‹–‹dz †‡Ž…—”ƒ–‘ȋ‹Ž…ƒÂ?’‘•…—‘Žƒ‹Â?ƒŽŽ‡ ƒÂ?‘Â?‹…ƒ…‘Â?‰Ž‹ƒ†‘Ž‡•…‡Â?–‹†‡ŽŽƒ •—ƒÂ’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒČŒ°•–ƒ–‘‘”†‹Â?ƒ–‘ •ƒ…‡”†‘–‡Â?‡Ž͚͙͘͘‡†ƒƒŽŽ‘”ƒŽƒ •—ƒÇ˛Â–‡””ƒ†‹Â?‹••‹‘Â?‡dz°•–ƒ–ƒŽƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹‡Â?‘Ǥ‡”…Š¹ǥÂƒÂŽÂŽÂ‘Â”ÂƒÇĄ “—‡•–ƒÂ•Â…Â‡ÂŽÂ–ÂƒÇŤŽŽƒ†‘Â?ƒÂ?†ƒ ”‹•’‘Â?†‡‹Ž†‹”‡––‘‹Â?Â–Â‡Â”Â‡Â•Â•ÂƒÂ–Â‘ÇŁ Dz”‡†‘…Š‡Žƒ•…‡Ž–ƒ–ƒˆˆ‡”Â?ƒ†‘Â? ƒ”Ž‘ƒ”–ƒ”‹–˜ƒ†ƒŽ‡––ƒ…‘Â?‡ Žƒ˜‘Ž‘Â?–Â?†‹Â?‡––‡”‡‹Â?”‹•ƒŽ–‘ …Š‡•‹°’”‡–‹’‡”‹ŽÂ?‘Â?†‘ƒŽ†‹ÂŽÂ? †‡ŽŽ—‘‰‘‡†‡Ž–‡Â?’‘‹Â?…—‹—Â? •ƒ…‡”†‘–‡°…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ•˜‘Ž‰‡”‡ ‹Ž•—‘Â?‹Â?‹•–‡”‘dzǤǯ°’‘‹ÂŽÇŻÂƒÂ•Â’‡––‘ Â?‘Â?Â?‡Â?‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡…Š‡°“—‡ŽŽ‘ †‹—Â?ƒÂ?—‘˜ƒ†‹Â?‡Â?•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‡–Â?Ǥƒ””‘……Š‹‡‡‰”—’’‹ Â?‘Â?’‘••‘Â?‘’‹Î˜‹˜‡”‡“—‡•–ƒ †‹Â?‡•‹‘Â?‡…‘Â?‡”ƒ’’‘”–‘…‘Â?—Â? •‹Â?‰‘Ž‘Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘Ǥ‡˜‘Â?‘ǥƒÂ?…Š‡ ‰”ƒœ‹‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘ ƒ’”‹”•‹‹Â?Â?‘†‘Â?—‘˜‘ƒ“—‡•–ƒ †‹Â?‡Â?•‹‘Â?‡’ƒ•–‘”ƒŽ‡ǤÂ?…‘Â?’‹–‘ ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‹˜‘ƒ…—‹†ƒ•‡––‡Â?„”‡•ƒ”Â? …Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ†‘Â?ƒ”Ž‘ƒ”–ƒ”‹Ǥ

‘Â?‘Â?‘Ž–‡Ž‡”‡ƒŽ–Â?†‡Ž ”‡•…‹ƒÂ?‘…Š‡ǥÂ?‡Ž’‡”‹‘†‘Â‡Â•Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄ ’”‘’‘Â?‰‘Â?‘ƒ‰‹‘˜ƒÂ?‹‡Â?‡Â?‘ ‰‹‘˜ƒÂ?‹‡•’‡”‹‡Â?œ‡…Š‡’‘••‘Â?‘ ƒ•…”‹˜‡”•‹ƒŽŽƒ•ˆ‡”ƒÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹ƒǤ —‡ŽŽƒ†‡ŽŽ‡‡•’‡”‹‡Â?œ‡ ‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹‹Â?–‡””ƒ†‹Â?‹••‹‘Â?‡ °†—Â?“—‡—Â?ƒ’”ƒ••‹ƒ…“—‹•‹–ƒǤ Â‹ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ‹Â?’‘…Š‡”‹‰Š‡ǥ†ƒ”‡…‘Â?–‘ †‡ŽÂ?—Â?‡”‘†‡ŽŽ‡’”‘’‘•–‡‹Â?…‘”•‘ ‘’”‘••‹Â?‡ƒŽ˜‹ƒ‹Â?“—‡•–‹‰‹‘”Â?‹†‹ ˆ‹Â?‡Ž—‰Ž‹‘Ǥ ‡”–—––‹•‹”‹…‘”†ƒÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜‹–Â?…Š‡†ƒŽ ͙ͥͥÍ?‹‘Ž‘Â?–ƒ”‹†‡Ž‡„‹Â?‘˜ƒÂ?Â?‘ ’”‘’‘Â?‡Â?†‘ǣ—Â?ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‹Í™Í? ‰‹‘”Â?‹‹Â?Ž„ƒÂ?‹ƒ’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡ †‹“—‡Ž’ƒ‡•‡†‹…ƒÂ?’‹‡•–‹˜‹Ǥ ƒ’‹Î†‹—Â?“—‹Â?†‹…‡Â?Â?‹‘‹ ˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘…‹ƒœ‹‘Â?‡•‹ †‡†‹…ƒÂ?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹”ƒ‰ƒœœ‹ ‡„ƒÂ?„‹Â?‹‹Â?ƒŽ…—Â?‡…‹––Â?‡˜‹ŽŽƒ‰‰‹ †‡Ž†‹•–”‡––‘†‹Ž„ƒ•ƒÂ?ÇĄÂ?‡Ž…‡Â?–”‘nj •—††‡ŽŽǯŽ„ƒÂ?Â‹ÂƒÇĄ‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?†‘ …ƒÂ?’‹‡•–‹˜‹‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â? ‹Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹†‡ŽŽ—‘‰‘ǤDzÂ?†‹ƒÂ?‘‹Â? Ž„ƒÂ?‹ƒ–ƒˆˆ‡”Â?ƒÂ?‘‹”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡–’‡”…Š¹†‹ “—‡•–‘ƒ‡•‡…‘•¿˜‹…‹Â?‘…‹ŠƒÂ?Â?‘ …‘Ž’‹–‘Žƒ’‘˜‡”–Â?‡Žǯ‡•–”‡Â?‘ „‹•‘‰Â?‘†‹ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡‡†‹ƒŽ‘‰‘ ’”‡•‡Â?–‹Â?‡ŽŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡‡ Â?‡‹Â”ÂƒÂ‰ÂƒÂœÂœÂ‹ÇĄ•‡Â?’”‡†‡•‹†‡”‘•‹ †‹‡•’”‹Â?‡”‡ƒŽÂ?‡‰Ž‹‘Ž‡Ž‘”‘ …ƒ’ƒ…‹–Â?dzǤ ÂŽ–‡Â?ƒ•…‡Ž–‘’‡” ÂŽÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡͚͙͙͘°Dz Â?…‘Â?–”‹ƒÂ?‘…‹ƒŽ †‹ÂŽÂ?†‡ŽÂ?ÂƒÂ”Â‡ÇłÇ¤‘Ž–‹ǥ…‘Â?‡Â?‡‰Ž‹ ƒÂ?Â?‹•…‘”•‹ǥ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ ƒ……‘Ž–‘Žǯ‹Â?˜‹–‘Ǥ


͘͜

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

Â?‹‘Â?‡‡—”‘’‡ƒ ‡––‡Â?‹Ž‹ƒ”†‹†‹‡—”‘’‡”Žƒ”‹…‡”…ƒ‡Žǯ‹Â?Â?‘˜ƒœ‹‘Â?‡

   

Ha preso il via nei giorni scorsi il piĂš grande bando mai pubblicato dall’Unione europea, e riguarda la ricerca: sette miliardi di euro nel 2012 aperto alla partecipazione di universitĂ  e centri di ricerca, imprese, e anche ai singoli ricercatori. La parola chiave è innovazione, per il futuro delle imprese ma anche per creare lavoro: secondo le previsioni questi ďŹ nanziamenti dovrebbero creare nel breve periodo circa 174mila posti di

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

lavoro che arriveranno a circa 450mila nell’arco di 15 anni, oltre a creare circa 80 miliardi di euro di ricchezza. Il ďŹ nanziamento della ricerca è tra le prioritĂ  dell’agenda politica dell’Ue e si trova al centro dell’Unione dell’innovazione, lanciata dall’Europa ha bisogno se vuole competere con economie grandi e dinamiche come gli Stati Uniti e la Cina. Con quest’azione l’Ue fa la sua parte, ma molto si attende anche dal livello nazionale:

molti Paesi, tra cui l’Italia, sono ben lontani dal destinare il 3% del pil alla ricerca, come si sono impegnati a fare. Tra gli oltre 16mila beneďŹ ciari previsti ďŹ gurano universitĂ , enti di ricerca e industria, mentre un’attenzione speciale sarĂ  rivolta alle piccole e medie imprese, cui è destinato tra le altre cose un pacchetto pari a quasi un miliardo di euro. VerrĂ  inoltre istituito un nuovo riconoscimento europeo per le donne innovatrici.

ˆ‰Šƒ�‹•–ƒ�‘’‘Žƒ�—‘˜ƒ˜‹––‹�ƒ‹–ƒŽ‹ƒ�ƒ

6DQJXHVXOSLDQR GLWUDQVL]LRQH ÇŻ –ƒŽ‹ƒ’ƒ‰ƒ—Â?Â?—‘˜‘–”‹„—–‘ƒ—Â?ƒ‡•‡…Š‡Â…Â‡Â”Â…ÂƒÇĄˆƒ–‹…‘•ƒÂ?‡Â?–‡ǥ†‹”‹–”‘˜ƒ”‡ —Â?ƒ…‘Â?†‹œ‹‘Â?‡†‹Â?‘”Â?ƒŽ‹–Â?†‘’‘ƒÂ?Â?‹†‹Ž‘––ƒ†—”ƒ   

/

a preghiera è la risposta all’incapacitĂ  di accogliere il dolore e la perdita di un altro figlio della nostra nazione. Dalla morte dei nostri soldati dobbiamo imparare a chiederci che cos’è l’uomo se non ci prendiamo cura dell’altro, che cosa sarebbe la vita senza l’amore. Ăˆ questa la dichiarazione, rilasciata nei giorni scorsi dall’arcivescovo ordinario militare per l’Italia (Omi), mons. Vincenzo Pelvi, a commento della morte di un soldato italiano e del ferimento di altri due, in Afghanistan, durante un’operazione congiunta tra militari italiani e forze afghane nella zona a nord ovest della valle di Bala Murghab. Il militare morto è il primo caporal maggiore David Tobini, di Roma, in forza al 183° reggimento paracadutisti “Nemboâ€? di Pistoia. Si tratta della 41ÂŞ vittima italiana dall’avvio della missione in Afghanistan. “Bisogna andare oltre

ƒÂ?‘”–‡†‡ŽÂ?‹Ž‹–ƒ”‡ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘Č‹ÂŽÂƒ–‡”œƒÂ?‡Ž Â?‡•‡†‹ÂŽÂ—Â‰ÂŽÂ‹Â‘ČŒƒ’‘…Š‡ ‘”‡†ƒŽŽƒ†‹•…—••‹‘Â?‡ •—Ž”‹ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒÂ?‡Â?–‘ †‡ŽŽƒÂ?‹••‹‘Â?‡ la superficialitĂ  e le risposte emotive dei pro e dei contro le missioni di sicurezza – afferma l’arcivescovo – non dobbiamo avere paura di porci domande fondamentali sul senso della morte e non fermarci a risposte immediate e parziali ma andare in profonditĂ  per capire la professione militare che è anche capacitĂ  di offerta della propria vita. I nostri soldati sono persone che sanno che il Signore accompagna il loro camminoâ€?. “La professione militare – aggiunge – ha quella novitĂ  che può cambiare le relazioni internazionali, contribuendo di fatto a costruire un

mondo piĂš giusto e solidale. Prendiamo questa morte come espressione del bene comune che prevale sulle logiche egoisticheâ€?. Parole di cordoglio, a nome di tutto il Paese, sono venute dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che in una nota, ha espresso “profonda commozioneâ€? e “sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliariâ€?. Anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha voluto ribadire vicinanza alla famiglia della vittima, a quelle dei due feriti e rinnovare “la gratitudineâ€? a tutti i soldati impegnati “nelle missioni di pace contro il terrorismoâ€?. La morte del caporale Tobini è giunta alla vigilia della discussione del ddl sul rifinanziamento delle missioni al Senato. Discussione che, pur con diversitĂ  di vedute, si è conclusa con la riconferma degli impegni assunti. Con il militare ucciso nello scontro a fuoco nella zona di Bala Murghab sono 41 i morti italiani

     

dall’inizio della missione Isaf in Afghanistan. La maggioranza è rimasta vittima di attentati e scontri a fuoco, mentre alcuni sono deceduti in incidenti o a causa di malori. Si è registrato anche un caso di suicidio. Con 13 vittime il 2010 si segnala come l’anno piÚ sanguinoso. Dopo Gaetano Tuccillo, deceduto il 2 luglio 2011, e Roberto Marchini il 12 luglio, il soldato italiano morto è il terzo del mese in corso. L’Italia registra una nuova vittima mentre

prosegue faticosamente il piano di transizione del controllo dell’Afghaistan dalle forze della missione Nato alle truppe locali per un progressivo disimpegno della coalizione internazionale da un Paese in cui è presente dal 2001. L’Afghanistan fu infatti attaccato poche settimane dopo l’attentato dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle perchÊ si riteneva che Osama Bin Laden, mandante dell’attentato di New York avesse le sue basi in questo Paese.



  

7XWWLLQXPHULGHOODPLVVLRQH Quella in Afghanistan è una delle tante missioni che vede l’impegno di militari italiani all’estero. Ad oggi sono oltre 7000 i militari italiani (la fonte è il ministero della Difesa) impegnati in 29 missioni in 28 Paesi del mondo. La missione della Nato Isaf in Afghanistan è quella piĂš impegnativa per l’Italia. Prevede infatti l’impiego di circa 4200 militari italiani, il contingente piĂš numeroso di sempre. Nonostante le missioni all’estero siano state riďŹ nanziate, con un decreto, ďŹ no alla ďŹ ne del 2011, il numero dei militari dovrebbe ridursi dall’inizio del 2012 per arrivare, entro la ďŹ ne del 2014, ad avere un contingente ridotto con compiti di addestramento delle forze di sicurezza locali. Se si escludono circa 100 militari schierati a Kabul, nella sede del co-

mando, la totalitĂ  dei militari italiani è di stanza nella regione ovest del Paese ed è composta da paracadutisti della brigata Folgore, che il 4 aprile scorso – al comando del generale Carmine Masiello – hanno avvicendato gli alpini della “Juliaâ€?. La loro sede si trova ad Herat, Camp Arena. Sotto la responsabilitĂ  italiana ci sono le province di Herat, Badghis, Ghowr e Farah, un’area grande complessivamente quanto il Nord Italia. Sotto il gen. Masiello operano anche altri militari provenienti da 12 nazioni. Oltre alla Folgore (esercito) il contingente italiano è formato da uomini e mezzi dell’aeronautica, della marina, dei carabinieri e della guardia di ďŹ nanza. Nella provincia di Herat opera un team di ricostruzione provinciale (Prt), composto da civili e, at-

tualmente, dai militari del 132° reggimento artiglieria terrestre della brigata “Arieteâ€? di Maniago (Pordenone) che ha il compito di sostenere il processo di ricostruzione e sviluppo insieme ad una componente civile del ministero degli Esteri. Il contingente italiano è dotato anche di velivoli C-130, caccia Amx (non autorizzati a bombardare), aerei Predator senza pilota, elicotteri d’attacco Mangusta e da trasporto. Per l’addestramento, i militari italiani hanno costituito diversi Omlt, cioè nuclei che seguono i soldati afghani in ogni loro attivitĂ , anche quelle piĂš pericolose sul campo, mentre i carabinieri sono impegnati nella formazione delle forze di sicurezza locali nell’ambito della Nato “training missionâ€? Afghanistan.


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͘Í?

–ƒŽ‹ƒ ƒ†ƒÂ?–‹ƒ”‹•…Š‹‘DzÂ?‡”‘dz…‘Â?‹–ƒ‰Ž‹ƒŽŽ‡ƒ‰‡˜‘Žƒœ‹‘Â?‹ˆ‹•…ƒŽ‹ I tagli alle agevolazioni ďŹ scali e assistenziali previsti per il 2013 e il 2014 dalla manovra approvata la scorsa settimana, rischiano di far esplodere il fenomeno delle badanti pagate in nero. L’ allarme è stato lanciato nei giorni scorsi da Antonio Longo, presidente del Movimento difesa del cittadino, nel corso della presentazione della ricerca “Badanti informate famiglie protetteâ€?. Secondo Longo per i prossimi due anni c’è in previsione un “abbattimento

degli sgravi ďŹ scali delle famiglie e quando questo andrĂ  a regime in molti si troveranno in condizione di rigettare in nero le assistenti familiariâ€?. Un rischio condiviso anche da Antonia Paoluzzi presidente di Api-Colf. “Il fenomeno delle badanti incrocia il mondo della fragilitĂ  e della povertĂ . Prima avere un aiuto in casa era un privilegio di pochi, oggi è una necessitĂ  di molti, che però a volte non se lo possono permettere – ha detto –. La deriva privatistica della povertĂ  è

un problema. Assumere una donna irregolarmente sembra una cosa normale, dobbiamo contrastare in tutti i modi questo fenomenoâ€?. Non solo, ma secondo Paoluzzi c’è anche il “rischio di aggravare la spesa pubblica, perchĂŠ le persone che non si riescono a seguire in casa vengono portate negli istituti di curaâ€?. Riccardo Comini di Adiconsum ha aggiunto che “si può uscire dalla crisi solo rigenerando i consumi, che sono alla base di un’economia equilibrataâ€?.

Í&#x;ÍžŽ‡˜‹––‹Â?‡ ‡ˆƒ”Â?‡–‹…ƒœ‹‘Â?‹ †‹Â?†”‡•”‡‹˜‹Â?

ƒ”Žƒ‹Ž—Â?œ‹‘ ‘Â?…ǯ°”‹•…Š‹‘ †‹‹Â?‹–ƒœ‹‘Â?‡

‘”˜‡‰‹ƒ‘�•‹†‡”ƒœ‹‘�‹†‘’‘Žƒ–‡””‹„‹Ž‡•–”ƒ‰‡†‡‹‰‹‘”�‹•…‘”•‹

‡‹‰‹‘”Â?‹•…‘”•‹ǥ•—„‹–‘†‘’‘ ÂŽÇŻÂƒÂ”Â”Â‡Â•Â–Â‘ÇĄÂ?‡ŽŽǯ—†‹‡Â?œƒ’”‡Ž‹Â?‹Â?ƒ”‡ Â?†‡”•”‡‹˜‹Â?ÇĄ‹Ž͚͛‡Â?Â?‡ Â?‘”˜‡‰‡•‡…Š‡‹Ž͚͚Ž—‰Ž‹‘•…‘”•‘ Šƒ’”‘˜‘…ƒ–‘ŽƒÂ?‘”–‡†‹Í&#x;Íž ’‡”•‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒ––‡Â?ƒ–‘ƒ•Ž‘ ‡—Â?ƒÂ?ƒ––ƒÂ?œƒÂ•Â—ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â‘ÂŽÂƒ†‹ Â–Â‘Â›ÂƒÇĄŠƒƒÂ?Â?‡••‘†ƒ˜ƒÂ?–‹ƒŽ ‰‹—†‹…‡Ž‡’”‘’”‹‡”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â? Â?ƒ•‹°†‹…Š‹ƒ”ƒ–‘Â?‘Â?…‘Ž’‡˜‘Ž‡ ƒ‰‰‹—Â?‰‡Â?†‘†‹ƒ˜‡”ƒ‰‹–‘’‡” ˆ‡”Â?ƒ”‡“—‡ŽŽƒ…Š‡Šƒ†‡ˆ‹Â?‹–‘ Ç˛ÂŽÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‡ÂƒÂ?œƒÂ?ÂƒÂ”ÂšÂ‹Â•Â–ÂƒÇŚÂ‹Â•ÂŽÂƒÂ?Â‹Â…ÂƒÇłÇ¤ ǯ—‘Â?‘ŠƒƒÂ?…Š‡ƒÂ?Â?‡••‘†‹ ƒ˜‡”’”‡’ƒ”ƒ–‘‰Ž‹ƒ––‡Â?–ƒ–‹…‘Â? ÂŽÇŻÂƒÂ‹Â—Â–Â‘†‹†—‡…‡ŽŽ—Ž‡Ǥ‘Â?‘‹Â? …‘”•‘‹Â?†ƒ‰‹Â?‹ǥ‡Â?‘Â?•‘Ž‘Â?‡Ž ƒ‡•‡•…ƒÂ?†‹Â?ÂƒÂ˜Â‘ÇĄ’‡”‹Â?†‹˜‹†—ƒ”‡ ‡˜‡Â?–—ƒŽ‹…‘Â?’Ž‹…‹ǤÂ?†‡”•”‡‹˜‹Â? ”‹•…Š‹ƒÂ?‘Â?’‹Î†‹͚͙ƒÂ?Â?‹†‹…ƒ”…‡”‡Ǥ 1Â“Â—Â‡Â•Â–ÂƒÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄŽƒ’‡Â?ƒÂ?ƒ••‹Â?ƒ ’‡”•–”ƒ‰‹Ž‡‰ƒ–‡ƒŽ–‡””‘”‹•Â?‘Â?‡Ž ƒ‡•‡…‘Â?‹Ž’‹Î„ƒ••‘Â?—Â?‡”‘†‹ †‡–‡Â?—–‹‹Â?—”‘’ƒǤƒÂŽÇŻÂƒÂ—–‘”‡ †‡Ž†—’Ž‹…‡ƒ––‡Â?–ƒ–‘Ġ•Ž‘‡ Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â‘ÂŽÂƒ†‹–‘›ƒ’‘–”‡„„‡‡••‡”‡ ‹Â?…”‹Â?‹Â?ƒ–‘’‡”…”‹Â?‹Â?‹…‘Â?–”‘ Žǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?ÇĄ”‡ƒ–‹‹Â?–”‘†‘––‹Â?‡Ž …‘†‹…‡’‡Â?ƒŽ‡Â?‘”˜‡‰‡•‡Â?‡ŽÍšÍ˜Í˜Í ÇĄ …‘Â?—Â?ƒ…‘Â?†ƒÂ?Â?ƒ‹Â?“—‡•–‘…ƒ•‘ ƒ͛͘ƒÂ?Â?‹†‹’”‹‰‹‘Â?‡Ǥ ÂŽÂ?‹Â?‹•–”‘ †‡ŽŽƒ ‹—•–‹œ‹ƒÂ?Â‘Â”Â˜Â‡Â‰Â‡Â•Â‡ÇĄÂ?—– –‘”„‡”‰‡–ǥŠƒ‡Ž‘‰‹ƒ–‘‹ŽŽƒ˜‘”‘ •˜‘Ž–‘†ƒŽŽƒÂ’Â‘ÂŽÂ‹ÂœÂ‹ÂƒÇĄ…”‹–‹…ƒ–ƒ‹Â?˜‡…‡ †ƒÂ?‘Ž–‹’‡”‹Ž–ƒ”†‹˜‘‹Â?–‡”˜‡Â?–‘ Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â‘ÂŽÂƒ†‹–‘›ƒǤ 1•–ƒ–‘ƒÂ?…Š‡”‡•‘Â?‘–‘…Š‡ ”‡‹˜‹Â?‡”ƒ‰‹Â?•–ƒ–‘•‡‰Â?ÂƒÂŽÂƒÂ–Â‘ÇĄŽ‘ •…‘”•‘Â?‡•‡†‹Â?ÂƒÂ”ÂœÂ‘ÇĄƒ‹•‡”˜‹œ‹ †‹•‹…—”‡œœƒÂ?‘”˜‡‰‡•‹’‡”ƒ˜‡” ƒ…“—‹•–ƒ–‘‰”ƒÂ?†‹“—ƒÂ?–‹–Â?†‹ ’”‘†‘––‹…Š‹Â?‹…‹‹Â?‘Ž‘Â?‹ƒǤ

‘’‘Ž‘…Š‘…ǥ•‘Â?‘‰‹‘”Â?‹†‹Ž—––‘ ’‡”‹ƒ‡•‹‡‹’‘’‘Ž‹†‹–—––ƒŽƒ …ƒÂ?†‹Â?ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÇĄ•…‘Â?˜‘Ž–‹†ƒŽŽƒˆ—”‹ƒ ‘Â?‹…‹†ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ––‡Â?–ƒ–‘”‡…Š‡Šƒ …‘Ž’‹–‘•Ž‘‡Žƒ‘”˜‡‰‹ƒǤ•‘Â?‘ ƒÂ?…Š‡‹‰‹‘”Â?‹†‡Ž‰‹—†‹œ‹‘‡†‡ŽŽ‡ ‹Â?†ƒ‰‹Â?‹’‡”…ƒ’‹”‡•‡Â?†‡”• ‡Š”‹Â?‰”‡‹˜‹Â?Šƒƒ‰‹–‘†ƒ•‘Ž‘ ‘’’—”‡…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ‹Â—Â–Â‘†‹…‘Â?’Ž‹…‹Ǥƒ ’‘Ž‹œ‹ƒÂ?‘”˜‡‰‡•‡’‡Â?•ƒƒÂ?…Š‡†‹ ‹Â?˜‘…ƒ”‡—Â?ƒÂ?—‘˜ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡ †‡Ž…‘†‹…‡’‡Â?ƒŽ‡’‡”Dz…”‹Â?‹Â?‹ …‘Â?–”‘Žǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?Çł Dz‘Â?‘–—––‹ƒÂ?…‘”ƒ•‘––‘…Š‘… Č‚•‘Â?‘Ž‡’ƒ”‘Ž‡†‡ŽÂ?—Â?œ‹‘ ƒ’‘•–‘Ž‹…‘Â?‹Žƒ—Ž•…Š‡””‹‰ Č‚‡…ǯ°Žƒ’‘Ž‹œ‹ƒ…Š‡…‘Â?–‹Â?—ƒƒ ‹Â?†ƒ‰ƒ”‡’‡”…Š¹Žƒ…‘•ƒÂ?‘Â?° ƒÂ?…‘”ƒÂ…ÂŠÂ‹Â—Â•ÂƒÇłÇ¤ ”‡‹˜‹Â?Â?‡Ž•—‘Â?‡Â?‘”‹ƒŽ‡ ’—„„Ž‹…ƒ–‘‘Â?Ž‹Â?‡ǥˆƒ”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ Ġ—Â?ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‹•Â?‘ …”‹•–‹ƒÂ?‘ǤDz‘Â?‘…‘•‡…Š‡ Â?‘Â?ŠƒÂ?Â?‘ƒŽ…—Â?ƒ”ƒ†‹…‡Â?‡Ž …”‹•–‹ƒÂ?‡•‹Â?‘Č‚•‘Â?‘ƒÂ?…‘”ƒ …‘Â?•‹†‡”ƒœ‹‘Â?‹†‡Ž—Â?œ‹‘ȂǤ‘Â? ’‘••‹ƒÂ?‘†‹”…‹ƒ’’ƒ”–‡Â?‡Â?–‹Ġ —Â?ƒ”‡Ž‹‰‹‘Â?‡‡’‘‹‰‹—•–‹ˆ‹…ƒ”‡ —Â?ƒ˜‹‘Ž‡Â?œƒ…‘•¿‹Â?•‡Â?•ƒ–ƒ‡ ‹Â?…”‡†‹„‹Ž‡Ǥ1“—‡ŽŽ‘…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ †‡––‘‹ƒ’‹†‹–—––‡Ž‡‰‡Â?‡”ƒœ‹‘Â?‹ ‡•‘’”ƒ––—––‘”‡…‡Â?–‡Â?‡Â?–‡

‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

‡‡Â?‡†‡––‘  •‹ƒ‹Â?”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•ÂŽÂƒÂ?…Š‡ ƒŽ…”‹•–‹ƒÂ?‡•‹Â?‘dzǤ‡”‹ŽÂ?—Â?œ‹‘ •…Š‡””‹Â?‰Â?‘Â?‡•‹•–‡‹Ž”‹•…Š‹‘ …Š‡‹Ž‰‡•–‘†‹”‡‹˜‹Â?’‘••ƒ •—•…‹–ƒ”‡–‡Â?–ƒ–‹˜‹†‹‹Â?‹–ƒœ‹‘Â?‡Ǥ Dz—‡ŽŽ‘…Š‡°•—……‡••‘–Šƒ ƒˆˆ‡”Â?ƒ–‘–°–ƒŽÂ?‡Â?–‡ˆ—‘”‹†ƒ ‘‰Â?‹Ž‘‰‹…ƒ†‹’‡Â?•‹‡”‘ǥ—……‹†‡”‡ †‡ŽŽ‡’‡”•‘Â?‡•‘Ž–ƒÂ?–‘’‡”—Â?ÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ •‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡ƒ„‡””ƒÂ?–‡dzǤ



/DYLROHQ]DHODIHGH     



+

a affidato a un memoriale di 1500 pagine, intitolato “2083 Dichiarazione d’indipendenza europeaâ€? le ragioni del suo gesto. Anders Behring Breivik, l’uomo arrestato per la strage di Utoya (76 il bilancio definitivo delle vittime) e per l’esplosione al centro di Oslo, ha riassunto nel documento – pubblicato on line – una vera e propria dichiarazione di guerra preventiva contro “tutte le elite marxiste e multiculturaliste dell’Europa occidentaleâ€?. Ăˆ Riccardo Burigana, direttore del Centro per l’ecumenismo in Italia istituito presso l’Istituto di studi ecumenici di Venezia, ad analizzare i contenuti del documento con cui Breivik cerca di rivestire di una matrice cristiana il suo folle gesto. “Nessuno – sono le sue prime considerazioni – può richiamarsi a una cultura e a una religione per giustificare una violenza, sempre ingiustificabile, tanto piĂš quando provoca la morte di tanti uomini e donne inermi, colpevoli di aver scelto una vita fatta di riflessione e di impegnoâ€?. Di fronte a questo orrore i cristiani devono, secondo Burigana, ribadire, con fermezza e con chiarezza, quanto il cristianesimo non sia solo estraneo a qualunque atto di violenza, di discriminazione, di ingiustizia, ma sia anche portavoce di valori con i quali costruire, insieme a tutti gli uomini e



  



‡••—Â?‘’—Ö”‹…Š‹ƒÂ?ƒ”•‹ ƒ—Â?ƒ”‡Ž‹‰‹‘Â?‡‘ƒ—Â?ƒ …—Ž–—”ƒ’‡”‰‹—•–‹ˆ‹…ƒ”‡ ƒ––‹†‹˜‹‘Ž‡Â?ÂœÂƒÇĄ…‘Â?‡Šƒ –‡Â?–ƒ–‘†‹ˆƒ”‡”‡‹˜‹Â? †‘’‘Žƒ•—ƒ•–”ƒ‰‡ alle donne di buona volontĂ , un futuro di dialogo, di pace, nel rispetto di quei valori umani che sono alla base della condivisione delle gioie e delle speranze del mondo. Eppure le idee di Breivik non sono tanto isolate nel contesto europeo, come conferma il direttore del Centro per l’ecume-

nismo. “Le Chiese e le comunitĂ  ecclesiali, separatamente, ma spesso ecumenicamente – ha affermato al proposito –, hanno messo in guardia l’Europa da ogni forma di intolleranza e di violenza, denunciando un clima che si stava facendo sempre piĂš pesante, non solo in Europa. Molte parole sono state dette e molti gesti sono stati compiuti in questi ultimi anni, con un appello pressante nei confronti degli ultimi che arrivano e che vivono in Europa. L’accoglienza dell’altro, il dialogo con l’altro, la conoscenza dell’altro sono tappe di un cammino, indicato dalle Chiese, sulle quali ampio è il consenso delle comunitĂ  religiose in Europaâ€?

–ƒŽ‹ƒƒŽƒŽƒ’”‘’‡�•‹‘�‡ƒ‹…‘�•—�‹

1RQRVWDQWHLVDOGL OHIDPLJOLHQRQVSHQGRQR

  

ÇŻÂƒÂ?†ƒÂ?‡Â?–‘†‡‹ …‘Â?•—Â?‹•‡‰Â?ƒ—Â?ƒ Â?—‘˜ƒ”‡…‡••‹‘Â?‡ǥ ƒÂ?…‘”ƒ’‹Îˆ‘”–‡ †‹“—‡ŽŽƒ†‡ŽŽ‘•…‘”•‘ ƒÂ?Â?‘

Scende la fiducia dei consumatori a luglio, andamento confermato dal vero e proprio ‘flop’ dei saldi che, a metĂ  stagione, risultano giĂ  un disastro. Secondo l’Onf (l’Osservatorio nazionale di Federconsumatori), dopo il crollo del 2010, la riduzione degli acquisti a saldo nella stagione estiva 2011 si attesta al -9,5%â€?. Le famiglie coinvolte risultano “ancora meno di quanto previsto: ad acquistare a saldo è solo 1 famiglia su 3, pari al 33% (8,100 mln), con una spesa di 134 euro. Dati che testimoniano, per l’associazione dei consumatori, “l’estrema difficoltĂ  delle famiglie, sempre piĂš impossibilitate a fare acquisti, anche in occasione dei saldiâ€?. Peraltro Federconsumatori conferma che “ad approfittare degli

sconti sono soprattutto le famiglie che, all’insegna del risparmio, anticiperanno le spese per il corredo scolastico (zaini, astucci, ecc. della passata stagione)â€?. Questa per l’associazione è la “drammatica situazioneâ€? che, del resto, “non è destinata a migliorare: le aspettative delle famiglie, anche alla luce della manovra economica che si abbatterĂ  sulle loro tasche, peggiorano di giorno in giornoâ€?. Per questo sarebbe ora, conclude Federconsumatori, che “il Governo aprisse gli occhi su questa situazione e corresse ai ripari, correggendo la manovra e disponendo misure tese a rilanciare il potere di acquisto delle famiglie a reddito fisso, invece di abbatterlo ulteriormente con conseguenze tragiche per l’intera economiaâ€?.



‘”Â?‘†ǯˆ”‹…ƒ ‡”˜‡—Â?ƒÂ?‹••‹‘Â?‡ —Â?ƒÂ?‹–ƒ”‹ƒ

‘Â?ƒÂ?‹ƒ ‡Â?’”‡†‹’‹Î ‹Â?‹Â?‘”‹ƒ„„ƒÂ?†‘Â?ƒ–‹

Â?ˆ‘”–‡ƒ’’‡ŽŽ‘ƒÂ?‘„‹Ž‹–ƒ”•‹ ’‡”Ç˛ÂˆÂ‡Â”Â?ƒ”‡ŽƒÂ?‘”–‡’‡”ˆƒÂ?‡dz †‹͙͙Â?‹Ž‹‘Â?‹’‡”•‘Â?‡Â?‡Ž‘”Â?‘ †ǯˆ”‹…ƒ°‰‹—Â?–‘†ƒ Žƒ˜‹‘ ‘––‹ǥ…‘‘”†‹Â?ƒ–‘”‡Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ †‡ŽŽƒƒ˜‘Žƒ†‡ŽŽƒÂ’ÂƒÂ…Â‡ÇŁDz Â? ˆ”‹…ƒ•‹•–ƒ…‘Â?•—Â?ƒÂ?†‘—Â?ƒ Â?—‘˜ƒ•–”ƒ‰‡†‹‹Â?Â?‘…‡Â?–‹‡ Â?‘‹Â?‘Â?•–‹ƒÂ?‘ˆƒ…‡Â?†‘Â?—ŽŽƒ ’‡”ˆ‡”Â?ƒ”ŽƒČ‚ƒˆˆ‡”Â?ƒȂǤ ÂŽ Â?‘Â?†‘ǥ’‡”Žǯ‡Â?Â?‡•‹Â?ƒÂ˜Â‘ÂŽÂ–ÂƒÇĄ •…ƒ”‹…ƒ–—––‘•——Â?Â?ƒÂ?‹’‘Ž‘†‹ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‹†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?…‹˜‹Ž‡ ‡†‹ƒ‰‡Â?œ‹‡—Â?ƒÂ?‹–ƒ”‹‡†‡ŽŽǯÂ?—ǥ ƒŽŽ‡“—ƒŽ‹Â?‡‰ƒ’‡”•‹Â?‘Ž‡”‹•‘”•‡ Â?‡…‡••ƒ”‹‡’‡”‹Â?–‡”˜‡Â?‹”‡…‘Â?‡ •‹Â†Â‘Â˜Â”Â‡Â„Â„Â‡ÇĄ͛͘͘Â?‹Ž‹‘Â?‹†‹†‘ŽŽƒ”‹ ’‡”‹’”‘••‹Â?‹†—‡Â?‡•‹Ǥ‹‡Â?–‡ ƒ…‘Â?ˆ”‘Â?–‘†‹“—ƒÂ?–‘•‹•’‡Â?†‡ ‘‰Â?‹‰‹‘”Â?‘’‡”ŽƒÂ‰Â—Â‡Â”Â”ÂƒÇłÇ¤

‡‹’”‹Â?‹–”‡Â?‡•‹†‡Ž͚͙͙͘‹Â? ‘Â?ƒÂ?‹ƒ͙͜͜„ƒÂ?„‹Â?‹•‘Â?‘ •–ƒ–‹ƒ„„ƒÂ?†‘Â?ƒ–‹ƒŽŽƒÂ?ƒ•…‹–ƒ Â?‡‹”‡’ƒ”–‹†‹Â?ƒ–‡”Â?‹–Â?†‡‰Ž‹ ‘•’‡†ƒŽ‹Ǥ‘”‡Â?†‡Â?‘–‘‹Ž Â?‹Â?‹•–‡”‘†‡ŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ†‡ŽŽƒ ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‡†‡ŽŽƒ’”‘–‡œ‹‘Â?‡ •‘…‹ƒŽ‡Ǥ‹“—‡•–‹ǥ͙͚ͥ•‘Â?‘•–ƒ–‹ ”‹’‘”–ƒ–‹Â?‡ŽŽ‡Ž‘”‘ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ǥ ͙͘•‘Â?‘•–ƒ–‹…‘ŽŽ‘…ƒ–‹•‘––‘Žƒ ’”‘–‡œ‹‘Â?‡†‹—Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”ÂƒˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ Í™Í?Í›…‘ŽŽ‘…ƒ–‹…‘Â?ƒ••‹•–‡Â?–‹ Â?ƒ–‡”Â?‡ǥÂ?‡Â?–”‡͚͚•‘Â?‘•–ƒ–‹ ’‘”–ƒ–‹Â?‡‰Ž‹‘”ˆƒÂ?‘–”‘ˆ‹Ǥ ÂŽ ‹•–‡Â?ƒÂ?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‹’”‘–‡œ‹‘Â?‡ †‡Ž„ƒÂ?„‹Â?‘…‘Â?’”‡Â?†‡ ƒ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡͜͞Ǥ͚͠͠„ƒÂ?„‹Â?‹Ǥ ‘Â?‘‘Ž–”‡Í Í?Â?‹Žƒ‹Â?‹Â?‘”‹”—Â?‡Â?‹ …‘Â?—Â?‘‘‡Â?–”ƒÂ?„‹‹‰‡Â?‹–‘”‹ˆ—‘”‹ Â…ÂƒÂ•ÂƒÇĄ’‘‹…Š¹Žƒ˜‘”ƒÂ?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â–Â‡Â”Â‘Ç¤


͘͞

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

  

Â†Â‹Â”Â‡Â–Â–Â‘Â”Â‡ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

—‘Â?‡Â?‘–‹œ‹‡ ••‡”˜ƒ”‡Ž‡•–‡ŽŽ‡—Â?ƒ•‡”ƒÂ†ÇŻÂ‡Â•Â–ƒ–‡

��ƒ�‹ˆ‡•–‘’‡”Žƒ„—‘�ƒ’‘Ž‹–‹…ƒ

VenerdĂŹ 29 luglio, alle ore 21, appuntamento davanti al portale di ingresso del Castello di Brescia per una doppia serata astronomica. La prima parte è dedicata ad una proiezione sulle sonde spaziali che hanno esplorato il pianeta Giove. Nella seconda parte si svolgeranno invece le osservazioni con gli strumenti della Specola Cidnea “Angelo Ferretti Torricelliâ€?. I telescopi sono infatti gratuitamente a disposizione del pubblico tutti i venerdĂŹ sera dell’anno. La serata è a

Presentato a Roma, dal Forum delle persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel mondo del lavoro, il “Manifesto per la buona politica e per il bene comune�. Con questa iniziativa le Organizzazioni che compongono il Forum – Cisl, Confartigianato, Compagnia delle Opere, Acli, Confcooperative, Coldiretti, Mcl – sollecitano il mondo politico ad affrontare le questioni decisive per il Paese: porre la persona al centro della politica, puntare su

cura degli astroďŹ li bresciani (www. castellodibrescia.org). MartedĂŹ 2 agosto, alle ore 21, sul colle San Bernardo di Lumezzane Pieve, sede dell’Osservatorio SeraďŹ no Zani, è in programma invece una proiezione dedicata ai corpi minori del Sistema solare. L’iniziativa è aperta a tutti. L’Osservatorio, insieme al Planetario di Lumezzane, fa parte del “Museo delle Costellazioniâ€? ed è aperto tutti i martedĂŹ, tranne l’ultimo martedĂŹ del mese.

produttivitĂ , competitivitĂ  ed efficienza, sostegno alle famiglie, welfare moderno con spazio alla sussidiarietĂ , rinnovamento delle classi dirigenti. Natale Forlani, portavoce del Forum, ha spiegato le ragioni del Manifesto: “Siamo convinti che abbiamo davanti anni difficili, di trasformazioni radicali che ci porteranno a ripensare non solo stili di vita e di sviluppo: dobbiamo rimuovere gli ostacoli strutturali che impediscono uno sviluppo generazionaleâ€?.

‘�—�‹…ƒœ‹‘�‡

”–‡

‘–‹œ‹‡…‘•–”—‹–‡

Ž…‘”ƒ‰‰‹‘†‹•…‡‰Ž‹‡”‡

„„‹ƒÂ?‘•…‘’‡”–‘…Š‡‹Ž‰‹‘”Â?ƒŽ‹•Â?‘ ’”‘†‘––‘†ƒŽ“—‘–‹†‹ƒÂ?‘†‹—”†‘…Š Dzથ‘ˆ–Š‡‘”Ž†dzǥ‡”ƒDz†‡Ž‹Â?“—‡Â?ÇŚ ÂœÂƒÇłÇ¤ƒ’”‡‰Â?ƒÂ?–‡†‡ˆ‹Â?‹œ‹‘Â?‡°†‹ƒ”Ž ‡”Â?•–‡‹Â?ÇĄ‹Ž…”‘Â?‹•–ƒ†‡Žƒ–‡”‰ƒ–‡Ǥ

Ž‹ƒ‰‰‹‘”Â?ƒÂ?‡Â?–‹•—ŽŽ‡‹Â?†ƒ‰‹Â?‹…Š‡ ’”‘˜‡Â?‰‘Â?‘†ƒŽŽ‘•…ƒÂ?†ƒŽ‘Ž‘Â?†‹Â?‡•‡ ”ƒ……‘Â?–ƒÂ?‘…‘Â?‡Â?‡Ž‰‹‘”Â?ƒŽ‡Ž‡Â?‘–‹nj œ‹‡˜‡Â?‹••‡”‘…‘•–”—‹–‡Ġƒ”–‡‡…‘nj Â?‡ǥĠ‡•‡Â?’‹‘ǥ—Â?…”‘Â?‹•–ƒ•‹ƒ•–ƒ–‘ …‘•–”‡––‘ƒ–”ƒ˜‡•–‹”•‹†ƒ ƒ””›‘––‡” ‡‰‹”ƒ”‡’‡”Žƒ…‹––Â?Â?‡Â?–”‡ƒŽ–”‹ˆ‹ŽÂ?ÂƒÇŚ ˜ƒÂ?‘‡•…”‹˜‡˜ƒÂ?‘•——Â?ƒDz‘––‡”njÂ?ÂƒÇŚ Â?Â‹ÂƒÇłÇĄ‡˜‹†‡Â?–‡Â?‡Â?–‡…‘•–”—‹–ƒĠƒ”–‡Ǥ ǯ‹Â?†—•–”‹ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡•‡”˜‡ ƒ˜‡Â?†‡”‡‡ƒ”‡ƒŽ‹œœƒ”‡‹Â?–”‘‹–‹’‡”Ž‡ ƒœ‹‡Â?†‡’”‘’”‹‡–ƒ”‹‡†‡‹Â?‡†‹ƒǤ…ƒÂ?ÇŚ †ƒŽ‹˜‡”‹‘’”‡•—Â?–‹ǥÂ’Â‡Â–Â–Â‡Â‰Â‘ÂŽÂ‡ÂœÂœÂ‹ÇĄÂ•Â’Â‹ÂƒÇŚ –‡˜‡”•‘‹Â˜Â‹Â’ÇĄ–—––‘‡˜‹†‡Â?–‡Â?‡Â?–‡ •‡”˜‡ƒˆƒ”…”‡•…‡”‡‹Ž‰—ƒ”†‘Â?‹•Â?‘†‡Ž ’—„„Ž‹…‘‡†—Â?“—‡ƒ˜‡Â?†‡”‡ǤÂƒÂ’Â’Â‹ÂƒÇŚ Â?‘’‘‹…‘Â?‡Žƒ–‡Ž‡˜‹•‹‘Â?‡•‹ƒŽ‹Â?‡Â?–‹ †ƒŽŽƒŽ‡––—”ƒ†‡‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹‡†—Â?“—‡…‹•‹ƒ —Â?…‹”…‘Ž‘˜‹œ‹‘•‘…Š‡…‘•–”—‹•…‡•‡Â?ÇŚ ’”‡†‹’‹Î—Â?ǯ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ƒ”–‹ˆ‹…‹‘•ƒǤ ‘Â?°•„ƒ‰Ž‹ƒ–‘˜‡Â?†‡”‡Ǥ1Â•Â„ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÇŚ –‘‹Ž’”‡•—’’‘•–‘ǥ…‹‘°…Š‡•‹†‡„„ƒ ˆƒ”Ž‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘—Â?ƒÂ?ƒÂ?‹’‘Žƒœ‹‘Â?‡ …‘•–ƒÂ?–‡†‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–Â?Ǥ‡”†‹ˆ‡Â?†‡”nj •‹’”‘„ƒ„‹ŽÂ?‡Â?–‡Â?‘Â?•‡”˜‘Â?‘†‡ŽŽ‡ Ž‡‰‰‹‡Â?‡’’—”‡†‡‹…‘†‹…‹†‡‘Â?–‘Ž‘nj ‰‹…‹Ǥ—‡ŽŽ‹…Š‡…‹•‘Â?‘ǥĠ‡•‡Â?’‹‘‹Â?

Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇĄ•‡Â?ÂœÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘Â„ÂƒÂ•Â–Â‡Â”Â‡Â„Â„Â‡Â”Â‘ÇĄ’‡”Ö•‡

”‘’”‹‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘†‡ŽDz’‡”‹‘†‘ÂƒÂ—Â”Â‡Â‘Çł †‡ŽŽ‡˜ƒ…ƒÂ?ÂœÂ‡ÇĄ—Â?ƒ•–”‡––ƒˆ‹•…ƒŽ‡…‘Žnj ’‹•…‡Ž‡ˆƒ•…‡’‹Î†‡„‘Ž‹†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â? …‘Â?Ç˛Â†Â‘Â˜Â‡Â”Â‘Â•Â‹Çłƒ—Â?‡Â?–‹†‡ŽŽ‡–ƒ”‹ˆˆ‡ ’—„„Ž‹…Š‡‡˜ƒƒ‰”ƒ˜ƒ”‡•—ŽŽ‡Â?‡…‡••‹nj –Â?’”‹Â?ƒ”‹‡†‡ŽŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂƒÂ—ÇŚ Â?‡Â?–‹Â?‘Ž–‘‘Ž–”‡‹Ž–ƒ••‘†‹‹Â?ˆŽƒœ‹‘Â?‡ ’”‘‰”ƒÂ?Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‡–ƒ‰Ž‹ƒŽŽƒ•’‡•ƒ…Š‡ǥ ’‡”ÖǥÂ?‘Â?–‘……ƒÂ?‘ǥ‹Dz•‘Ž‹–‹Â?‘–‹dz‘•‘nj Ž‘Â?ƒ”‰‹Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡Ž‹”‹‰—ƒ”†ƒÂ?‘Ǥ—‹ǥ ƒÂ?…‘”’‹Îǥ…ǯ°†ƒ…Š‹‡†‡”•‹•‡‹Dz„‡Â?‹ Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‹Çł•‹ƒÂ?‘‘Â?‘—Â?ƒÂ?‡…‡••‹–Â? ’”‹Â?ƒ”‹ƒǤ‡”–ƒÂ?‡Â?–‡‘‰Â?‹’‡”•‘Â?ƒ †‹”‡††‹–‘Â?‘†‡•–‘ǥ‘ƒÂ?…Š‡Â?‡†‹‘ǥ ‘‰‰‹ǥ•‡†‘˜‡••‡•…‡‰Ž‹‡”‡–”ƒ’ƒ‰ƒ”‡ ‹Ž–‹…Â?‡–•ƒÂ?Â‹Â–ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄ‹Ž„‹‰Ž‹‡––‘†‡Ž–”ƒÂ? ‘†‡Ž–”‡Â?‘ǥ‡’ƒ‰ƒ”‡Žǯ‹Â?‰”‡••‘’‡” —Â?ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡–‡ƒ–”ƒŽ‡ÇĄ‘Žǯ‹Â?ÇŚ ‰”‡••‘Ġ—Â?Â?—•‡‘‘Ġ—Â?ƒÂ?‘•–”ƒ Â†ÇŻÂƒÂ”Â–Â‡ÇĄ‘’–‡”‡„„‡ȋ‹Â?˜‡”‹–Â?°…‘•–”‡–nj Â–ÂƒČŒÂ?‘Â?’‡”‹ŽDz„‡Â?‡Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇĄÂ?ƒ’‡” Žƒ•ƒŽ—–‡‡Ž‡Â?‡…‡••‹–Â?“—‘–‹†‹ƒÂ?‡ǤÂ…ÇŚ …‘””‡ǥƒÂ?‹‘Â’ÂƒÂ”Â‡Â”Â‡ÇĄ…Š‡’‘Ž‹–‹…‹‡ƒÂ?ÇŚ Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‹•‹ƒ••—Â?ƒÂ?‘”‡•’‘Â?Â•ÂƒÂ„Â‹ÇŚ Ž‹–Â?Â?‘Â?•‘Ž‘…‘Â?—Â?ƒ†‘˜‡”‘•ƒ‡•—„‹nj –ƒÂ?‡ƒ”‹†—œ‹‘Â?‡†‡‹’”‘’”‹Dz„‡Â?Â‡ÂˆÂ‹Â–ÇłÇĄ Â?ƒƒÂ?…Š‡”‹Â?—Â?…‹ƒÂ?†‘ƒ–—––‡“—‡ŽŽ‡ •’‡•‡†‹Ç˛Â”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?ÂœÂƒÇł‡†‹Dz‹Â?ÇŚ Â?ƒ‰‹Â?‡dzǤ—‡•–‡‹Â?„—‘Â?ƒ’ƒ”–‡˜‡Â?ÇŚ ‰‘Â?‘”‹˜‡”•ƒ–‡‹Â?•’‡––ƒ…‘Ž‹‡†‡˜‡Â?–‹ ‘ˆˆ‡”–‹‰”ƒ–—‹–ƒÂ?‡Â?–‡ǥ‘’”‡œœ‘–”‘’nj ’‘”‹†‘––‘”‹•’‡––‘ƒŽ…‘•–‘Â‡ÂˆÂˆÂ‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄ •‡Â?œƒƒŽ…—Â?”ƒ’’‘”–‘–”ƒ…‘•–‹‡”‹…ƒ˜‹

˜‡Â?‹••‡”‘ƒ’’Ž‹…ƒ–‹Ǥ‘Â?˜‡Â?‰‘Â?‘ÂƒÂ’ÇŚ ’Ž‹…ƒ–‹’‡”…Š¹‹•‹Â?‰‘Ž‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–‹Â?‘Â? Ž‹ƒ’’Ž‹…ƒÂ?‘‡Â?‡’’—”‡ƒ˜‘Ž–‡Ž‹…‘Â?‘nj •…‘Â?‘ǥ‹Â?“—ƒÂ?–‘‹•‹Â?‰‘Ž‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–‹•‘nj Â?‘Ž‘”‘•–‡••‹˜‹––‹Â?‡†‡ŽÂ?‡……ƒÂ?‹•Â?‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’ÂƒÂ”Â‹Â”Â‡ÇĄ†‡ŽÂ?ƒ”…‹•‹•Â?‘†‹Žƒ‰ƒÂ?–‡ǥ †‹—Â?•‹•–‡Â?ƒ†‹’‘–‡”‡‡…‘Â?‘Â?‹…‘’‡” …—‹†‹‡–”‘‘‰Â?‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–ƒ…Š‡Žƒ˜‘”ƒ ȋ•’‡••‘Â?ÂƒÂŽÂ’ÂƒÂ‰ÂƒÂ–Â‘ČŒ…‡Â?‡•‘Â?‘͙͘‘ ƒÂ?…Š‡͚͘…Š‡ˆƒ”‡„„‡”‘“—ƒŽ—Â?“—‡ …‘•ƒ’‡”ƒ˜‡”‡“—‡Ž’‘•–‘Ǥ……‘Žƒ”‡nj ƒŽ–Â?†‹…—‹Â?‘Â?•‹Â’ÂƒÂ”ÂŽÂƒÇĄ…Š‡•…‘Â?Â’ÂƒÂ”Â‡ÇĄ ‡…Š‡°˜‡”ƒÂ?‡Â?–‡”‹Ž‡˜ƒÂ?–‡’‡”—Â?ǯ‡–‹nj …ƒ…Š‡˜‘‰Ž‹ƒ†‹”•‹–ƒŽ‡ǤÇŻÂ‡Â–Â‹Â…Âƒ†‡ŽŽƒ…‘nj Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡•‹”‹ˆ‡”‹•…‡ƒ—Â?•‹•–‡Â?ƒ …‘Â?’Ž‡••‘Ǥ‘••‘’”‡–‡Â?†‡”‡”‹•’‡––‘ †‡ŽŽ‡”‡‰‘Ž‡•‡Ž‡”‹•’‡––‘’‡”’”‹Â?‘…‘nj Â?‡‡†‹–‘”‡‡†ƒ–‘”‡†‹Žƒ˜‘”‘Ǥ‘••‘ ˆ‘”Â?ƒ”‡‡–‹…ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?‹‡‹…‘Â?—Â?Â‹Â…ÂƒÇŚ –‘”‹‡‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–‹•‡’”‹Â?ƒ†‹–—––‘…‘nj Â?‡‡†‹–‘”‡Â?‹‹Â?’‡‰Â?‘ƒ†ƒ”‡…‘Â?–‘ †‡ŽŽ‡•…‡Ž–‡ǥ†‡ŽŽ‡Â?Â‘Â–Â‹ÂœÂ‹Â‡ÇĄ•‡Â?‘Â?Â?ÂƒÇŚ •…‘Â?†‘ǥÂ?‘Â?‘……—Ž–‘ǥ•’‹‡‰‘‡†‹ƒŽ‘‰‘ ‹Â?Â?ƒÂ?‹‡”ƒ…‘•–ƒÂ?–‡…‘Â?‹Ž‡––‘”‹Ǥ‘•¿ Žǯ‹Â?–‡”’”‡–ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–Â?•‹…‘Â?ÇŚ „‹Â?ƒ…‘Â?—Â?ƒŽ‡––—”ƒ†‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–Â?ÇĄ’‡” ˆƒ”…”‡•…‡”‡Žƒ…‘•…‹‡Â?œƒ…‹˜‹Ž‡†‹–—––ƒ Žƒ…‘ŽŽ‡––‹˜‹–Â?Ǥ’ƒ––‘†‹•ƒ’‡”‡…Š‡Ž‡ ”‡‰‘Ž‡•‹”‹•’‡––ƒÂ?‘ˆ‹Â?Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇĄŽ‹Â?‹nj –ƒÂ?†‘‹Ž•‘––‘„‘•…‘†‡ŽÂ?ƒŽ’ƒ‰ƒ–‘‡ †‡ŽÂ’Â”Â‡Â…ÂƒÂ”Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄ†‡Ž˜‘Ž‡””‹•’ƒ”Â?‹ƒ”‡‹Â? ‘‰Â?‹Â?‘†‘‡ˆ‘”Â?ƒÂ?†‘’”‘ˆ‡••‹‘Â?‹•–‹ ˜‡”‹‡•‡”‹Ǥ“—‡•–‹•‹’ƒ‰ƒÂ?‘Ǥ

     

  

Č‹Âƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œƒ†‡‹•‡”˜‹œ‹Â’Â—Â„Â„ÂŽÂ‹Â…Â‹ČŒƒÂ?ÇŚ †ƒÂ?†‘ƒ„‡Â?‡ˆ‹…‹‘†‡ŽŽ‡Dz’—„Ž‹…Â”Â‡ÂŽÂƒÇŚ –‹‘Â?Çł†‡ŽŽƒÇ˛Â…ÂƒÂ•Â–ÂƒÇłÇĄ‡ƒ••ƒ‹Â?‡Â?‘†‡ŽŽ‡ ”‹•’‘•–‡Dz’”‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‡Çł†‡ŽŽǯ‡•‹•–‡Â?œƒǤ‘Â? •‹…ƒ’‹•…‡’‡”…Š¹•‹†‡„„ƒ’ƒ‰ƒ”‡‹Ž ÍšÍ˜ÎŹ‹Â?’‹Î’‡”—Â?„‹‰Ž‹‡––‘†‡Ž–”‡Â?‘ǥ ‡Â?‘Â?’‡”‡˜‡Â?–‹…—Ž–—”ƒŽ‹Ǥ•‡Â?‘Â? Â…ÇŻÂ‡Â”ÂƒÂ?‘ƒŽ–”‹Â?‘†‹’‡””‡’‡”‹”‡”‹•‘”•‡ ’‡”‹Dz„‡Â?‹Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇłÇ¤Š‡”‹Â?ƒÂ?‰‘Â?‘ …‘Â?—Â?“—‡—Â?Dz„‡Â?‡ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇĄ Â†Â‘Â˜Â‡ÇĄ•‡‹–ƒ‰Ž‹•‘Â?‘Â?Â‡Â…Â‡Â•Â•ÂƒÂ”Â‹ÇĄ°„‡Â?‡ ˆƒ”Ž‘’‹Î•—‰Ž‹Ç˛Â‡Â˜Â‡Â?–‹dzǥ…Š‡Â?‘Â?•—ŽŽ‡ Ç˛Â‹Â•Â–Â‹Â–Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‹dzǥ…Š‡ƒŽ–”‹Â?‡Â?–‹”‹•…Š‹ƒÂ?‘ †‹Â?‘”‹”‡‡†‹…‘Â?’”‘Â?‡––‡”‡Â?‘Â?•‘Ž‘ ŽƒÂ?‘•–”ƒ‹†‡Â?–‹–Â?Â•Â–Â‘Â”Â‹Â…ÂƒÇĄ…Š‡•—ŽŽƒÂ?‡nj Â?‘”‹ƒ…—Ž–—”ƒŽ‡•‹ˆ‘Â?Â†ÂƒÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡Žƒ ˆ”—‹œ‹‘Â?‡†‡‹Dz„‡Â?‹dz…Š‡–ƒÂ?–‘’‘••‘Â?‘ …‘Â?–”‹„—‹”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â…‘Â?‘Â?‹ƒ†‡ŽÂƒÂ‡Â•Â‡ÇŁ•‡ —Â?Â?—•‡‘ǥ—Â?ƒÂ…ÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄ—Â?Â?‘Â?—Â?‡Â?–‘ ˜ƒÂ?Â?‘‹Â?”‘˜‹Â?ÂƒÇĄ“—ƒŽ‡‡˜‡Â?–‘’‘–”ƒÂ?ÇŚ Â?‘Â‘Â•Â’Â‹Â–ÂƒÂ”Â‡ÇŤ—‹Â?†‹ǥÂ?‡Â?‘Ž—Â?‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇĄ Â?‡Â?‘…‘Â?…‡”–‹ǥ’‡”’‡”Â?‡––‡”‡ƒ‹Â?—nj •‡‹†‹Â˜Â‹Â˜Â‡Â”‡ǥƒŽŽ‡‘’‡”‡Â†ÇŻÂƒÂ”–‡†‹‡••‡”‡ ”‡•–ƒ—”ƒ–‡‡…‘Â?•‡”˜ƒ–‡Ǥ‰‰‹Â?‘Â?° ’‹Î’‘••‹„‹Ž‡”‹…‘””‡”‡ǥ…‘Â?‡ˆ‡…‡‡Žnj –”‘Â?‹ǥƒŽŽƒÂ?‘Ž–‹’Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡Â‡Â•Â–Â”ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‹†‡ŽŽ‘––‘’‡”ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒ”‡‹„‡Â?‹…—Žnj Â–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‡ƒŽŽ‘”ƒ’‘••‹ƒÂ?‘ƒÂ?…Š‡Â”ÂƒÂ•Â•Â‡ÇŚ ‰Â?ƒ”…‹ƒ“—ƒŽ…Š‡•’‡––ƒ…‘Ž‘‰”ƒ–—‹–‘ ‹Â?Â?‡Â?‘‘ƒ’ƒ‰ƒ”‡“—ƒŽ…‘•ƒ†‹’‹Î’‡” ‰Ž‹Dz‹Â?‰”‡••‹dzƒ‹Ž—‘‰Š‹†‡ŽŽƒ…—Ž–—”ƒǤ‹ –”ƒ––ƒ†‹ƒ˜‡”‡‹Ž…‘”ƒ‰‰‹‘†‹•…‡‰Ž‹‡”‡ǥ Â?ƒ‰ƒ”‹…‘Â?–”‘…‘””‡Â?–‡Ǥ

  

$P\ODPDOHGL]LRQHGHLDQQL" “Stroncata da un cocktail di farmaci e droga: cosĂŹ è morta Amy Winehouse, rockstar britannica famosa per le sue trasgressioni, trovata senza vita nella sua casa nel nord di Londra.â€? Questa la notizia del giornale. Il titolo sottolinea una coincidenza che vorrebbe suscitare sorpresa: “Amy, la maledizione dei 27 anni.â€? A 27 anni, infatti, sono morti Jim Morrison, Kurt Cobain, Janis Joplin, e Jimi Hendrix: “Star del rock, tutte scomparse in modo violento alla stessa etĂ â€?. Naturalmente i numeri sono neutrali, l’etĂ  non è rilevante. Dove sta dunque la maledizione, il maleďŹ cio, se c’è? chi l’ha uccisa? Nel 2006 Amy ha pubblicato il suo album piĂš famoso, Back to Black; da allora piĂš niente, silenzio. Eppure chi se ne intende la considerava straordinariamente dotata, una musicista di razza, che non faceva musica commerciale; chi ha distrutto il suo talento? chi l’ha castrata? L’alcool, la droga. Una fotograďŹ a che ha fatto il giro del mondo la ritrae mentre si droga insieme col suo boyfriend; la didascalia fa osservare che si tratta di crack.

Naturalmente foto come questa sono manna per i giornali che possono sparare titoli cubitali, solleticare la curiositĂ , sfruttare la morbositĂ , vendere‌ Il suo pezzo piĂš famoso è ‘Rehab’, cioè ‘riabilitazione’ e grida il riďŹ uto di percorrere il cammino difďŹ cile del riscatto, della liberazione dal potere delle droghe. Una professione di libertĂ  – ma,

paradossalmente, la libertĂ  di rimanere schiava. Che cosa le ha fatto scambiare le sbarre di una prigione con l’azzurro del cielo? chi l’ha imprigionata? Il successo. Cominci a cantare e migliaia di braccia si levano con te, migliaia di voci ti acclamano; batti le mani e mille, diecimila, centomila le battono insieme a te. Ăˆ forte, il successo; dice che tu vali, che

sei forte. Ma è cieco il successo: dilata immensamente il bello che hai pensato, ma ingrandisce senza misura il male che senti. Non pensa, non valuta; approva o ripudia con criteri suoi: il look e l’emozione, la seduzione e la novità. Un antidoto? L’anima; quel piccolo spazio nel quale sei solo con te stesso e con Dio. Dove puoi

goderti il successo solo se nello stesso tempo te ne distacchi e ne diventi padrone, non servo; dove l’applauso non giustiďŹ ca e l’apparenza non inganna. Il luogo dell’autenticitĂ , dove non funzionano le droghe, nĂŠ quelle chimiche, nĂŠ quelle psicologiche; dove abita solo l’umiltĂ  che conosce se stessa e la speranza che va oltre se stessa.

1ÂˆÂ‘Â”Â–Â‡ÇĄ‹Ž•—……‡••‘Ǣ †‹…‡…Š‡–—Â˜ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ…Š‡ •‡‹ˆ‘”–‡Ǥƒ°…‹‡…‘ ‹Ž•—……‡••‘ǣ†‹Žƒ–ƒ ‹Â?Â?‡Â?•ƒÂ?‡Â?–‡‹Ž „‡ŽŽ‘…Š‡Šƒ‹’‡Â?Â•ÂƒÂ–Â‘ÇĄ Â?ƒ‹Â?‰”ƒÂ?†‹•…‡•‡Â?œƒ Â?‹•—”ƒ‹ŽÂ?ƒŽ‡…Š‡ •‡Â?–‹


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͘Í&#x;

‘�†ƒœ‹‘�‡…‹˜‹Ž–�„”‡•…‹ƒ�ƒ

Ž‹�‹…‹†‡ŽŽƒ‹…‹’”‡�‹ƒ�‘�‘�•Ǥ ƒ’’ƒ�‹



 

A mons. Antonio Fappani, presidente della Fondazione civiltĂ  bresciana, gli Amici della Bici hanno consegnato la tessera onoraria numero 500 del sodalizio al quale aderisce anche l’arch. Dezio Paoletti che commenta: â€œĂˆ un riconoscimento appropriato poichĂŠ conferito ad una grande personalitĂ  della provincia bresciana che la bici l’ha usata, dalla sua infanzia alla vecchiaia, e da giovane girava in bici per le sue parrocchie e dove c’era necessitĂ 

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

di portar conforto, fosse d’inverno e d’estate, con vento, pioggia o neve, dando un esempio che la bici non sarebbe solo per il tempo libero, ma impiego full-time. Complimenti per la scelta ed avanti ancora nelle reciproche collaborazioniâ€?. Paoletti è presidente anche dell’associazione Amici Fondazione civiltĂ  bresciana della Bassa e dal Parco dell’Oglio e annota come la bicicletta ha il pregio di “far arrivare puntuali negli appuntamenti in centro e si può trasportare al seguito viaggiando

in treno. Da 12 anni almeno – prosegue Paoletti – fra Amici della Fondazione e Amici della Bici di Brescia vi è uno stretto legame, nato nel 1999 durante l’esperienza della proposta fatta alla Provincia di realizzare la ciclabile BresciaCremona che vide unite le due Associazioni in un impegno per far conoscere il percorso ciclopedonale; un legame seguito fino alla realizzazione del sottopasso alla Provinciale 668 in località Faverzano di Offlaga�. (f. pio)

ÇŻ  

–ƒ†‘Ž‹�ƒŽ–ƒƒŽŽ‡ƒ�‘�‹…ƒ

DQQLVRQRXQWHVRUR GDFXVWRGLUHHULODQFLDUH

ÂŽ˜‡•…‘˜‘‘Â?ƒ”‹Šƒ…‡Ž‡„”ƒ–‘ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒČ‹Â’ƒ”–‡…‹’ƒ–ƒ…‘Â?†‡˜‘œ‹‘Â?‡†ƒ‹ÂˆÂ‡Â†Â‡ÂŽÂ‹ČŒÂ?‡ŽŽƒ’‹……‘Žƒˆ”ƒœ‹‘Â?‡ †‡Ž…‘Â?—Â?‡†‹‹‘Â?‡‹Â?—Â?ƒ”‡ƒŽ–Â?…Š‡•–ƒ…‘•–”—‡Â?†‘Žǯ—Â?‹–Â?’ƒ•–‘”ƒŽ‡…‘Â?Ž‡’ƒ””‘……Š‹‡†‹‹‘Â?‡‡ƒÂ?°    

'

a 400 anni a Stadolina viene celebrata l’eucaristia. Questa ricorrenza è stata festeggiata in maniera solenne con una settimana di appuntamenti che hanno avuto come culmine la Santa Messa officiata da mons. Monari. Il Vescovo nella sua omelia ha fissato l’attenzione dei fedeli presenti sull’importanza della chiesa non tanto come struttura fisica, ma come insieme di pietre vive. Monari ha ricordato quanti in quella chiesa hanno gioito nel momento del battesimo, ma anche quanti si sono stretti nel dolore per la scomparsa di un loro caro. Rileggendo il Vangelo domenicale, il Vescovo ha sottolineato come il Regno di Dio si concretizzi nella Chiesa locale e la chiesa in muratura serva come monumento alla fede. Sono molti i fedeli che hanno preso parte alla Santa Messa: per favorire maggiormente un’idea di comunità, il parroco don Ermanno Magnolini ha convogliato tutte le Messe domenicali mattutine nella chiesa di Stadolina. Interessante anche l’iniziativa (riuscita) di adibire un bus navetta per portare gli abitanti alla Messa con il Vescovo. Prima della celebrazione (che si conclusa con tanto di sbandieratori) è stato benedetto il sagrato nuovo realizzato grazie anche al

   

 

‘Â?ÂƒÂ”Â‹ÇŁDzƒ…Š‹‡•ƒÂ?‘Â? °–ƒÂ?–‘—Â?ƒ•–”—––—”ƒ ÂˆÂ‹Â•Â‹Â…ÂƒÇĄÂ?ƒ—Â?‹Â?•‹‡Â?‡†‹ ’‹‡–”‡˜‹˜‡Ǥ ÂŽ‡‰Â?‘†‹ ‹‘•‹…‘Â?…”‡–‹œœƒÂ?‡ŽŽƒ Š‹‡•ƒÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‡Çł contributo del Comune: in fondo al sagrato c’è il cimitero. Per l’occasione sono state anche ritinteggiate le pareti ed è stata fatta una nuova programmazione delle campane. Soprattutto la comunitĂ  ha portato

a termine la pubblicazione di un libro: “Stadolina, terra dell’Alta Valleâ€?. La pubblicazione è stata curata dallo scrittore vionese Dino Marino Tognali, poeta vernacolare e colonna portante del piccolo borgo per aver ricoperto il ruolo di Sindaco, l’incarico di maestro elementare e la presidenza del museo etnografico “Zufâ€? (il giogo). Facendo un passo indietro, l’intensa settimana di preghiera (aperta da una Messa celebrata da mons. Morandini) ha visto come momento principale la processione con la statua restaurata di San Giacomo, pa-

trono della parrocchiale. Da segnalare, inoltre, i momenti di preghiera serali, gli intrattenimenti sportivi e musicali con il coro “La Pieveâ€? di Cividate Camuno e una grande festa dedicata ai giovani. In generale c’è stata una grande partecipazione, anche grazie alla regia del parroco don Ermanno Magnolini, che da quasi due anni guida le comunitĂ  di Vione, Stadolina e Canè. Durante l’anno, infine, la comunitĂ  si è preparata con devozione all’appuntamento: era stata predisposta una preghiera per l’anniversario della consacrazione della parrocchiale.



      

,O3DOLRGL6DQW¡$QWRQLR La festa di Sant’Antonio ospita quest’anno (dal 28 luglio al 1° agosto) due appuntamenti del Palio delle contrade di Ome creando un mix religioso, culturale, gastronomico e ricreativo. La popolosa frazione ha dato vita lo scorso anno all’edizione quinquennale delle “Arcate di Sant’Antonioâ€? con un allestimento di verde e ďŹ ori di carta. Quest’anno (e per i prossimi tre) non ci sarĂ  il “festĂšâ€?. Si inizia giovedĂŹ 28 luglio con la consegna alla

contrada, da parte dell’Amministrazione comunale, di un quadro seicentesco di grande valore per la comunitĂ  martignaghese: è il ritratto di don Pietro Battola, ďŹ gura di spicco nel panorama franciacortino del XVII secolo. Sul versante religioso è da sottolineare la Messa alla santella dei Mighe alle 19 di venerdĂŹ, quella di domenica alle 10.30 e la celebrazione della Santa Croce lunedĂŹ alle 20. Sul versante culturale una mostra di artisti locali

nel “lĂśkâ€? delle “MuritĂŹneâ€? dove è vissuto don Battola. Due gli appuntamenti per il Palio: il taglio del tronco sabato sera e la staffetta lungo le stradine di Martignago alle 19 di Domenica. Rane in cucina e spiedo domenica a mezzogiorno su prenotazione. Tutte le sere cucina tipica. I cacciatori offrono ai presenti pasta col salmĂŹ alle 23 di lunedĂŹ dopo la cerimonia per la Santa Croce. Informazioni su www. santantonio.martignago.it.

‘�ƒ‰�‘Ž‹�‹ ‡’‘–‡�œ‹ƒŽ‹–� †‹—�ƒ–‡””ƒ

Â?—–‹Ž‡Â?ƒ•…‘Â?†‡”•‹†‹‡–”‘ ƒ—Â?†‹–‘ǣ•’‡••‘“—ƒÂ?†‘ •‹’ƒ”Žƒ†‹”‡ƒŽ–Â?’‹……‘Ž‡ ‡Ž‘Â?–ƒÂ?‡†ƒŽ…‡Â?–”‘•‹ ‹Â?•‡”‹•…‘Â?‘ƒŽ…—Â?‹’”‡‰‹—†‹œ‹ †ƒ–‹Â?ƒ‰ƒ”‹ƒÂ?…Š‡†ƒŽŽ‡ †‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?Ž‘‰‹•–‹…Š‡ǤÂ?…Š‡ ƒŽ…—Â?‹•ƒ…‡”†‘–‹ƒ””‹˜ƒÂ?‘ƒ •–‘”…‡”‡‹ŽÂ?ÂƒÂ•Â‘ÇĄ’”‡ˆ‡”‡Â?†‘ ƒŽ–”‡†‡•–‹Â?ƒœ‹‘Â?‹’‹Î ˜‹…‹Â?‡Ǥǯ°…Š‹ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ…‘Â?‡ †‘Â?”Â?ƒÂ?Â?‘ƒ‰Â?‘Ž‹Â?‹ Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ°‡Â?–—•‹ƒ•–ƒ †‡ŽŽǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ…Š‡•–ƒ ˜‹˜‡Â?†‘‘˜˜‡”‘•ƒ…‘‰Ž‹‡”‡‰Ž‹ ƒ•’‡––‹’‘•‹–‹˜‹†‹—Â?•‡”˜‹œ‹‘ ’ƒ•–‘”ƒŽ‡‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡Ǥ ‡ŽŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ‹Ž ‡•…‘˜‘Šƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘ …‘Â?˜‹‰‘”‡“—ƒÂ?–‹‹Â?“—‡•–‹ ͘͘͜ƒÂ?Â?‹†‹•–‘”‹ƒŠƒÂ?Â?‘ ˜‹•–‘Žƒ…Š‹‡•ƒ…‘Â?‡—Â? ’—Â?–‘†‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘Ǥ‘Â? ƒ‰Â?‘Ž‹Â?‹…‘Â?‘•…‡„‡Â?‡Žƒ ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ’‡”…Š¹° ‘”‹‰‹Â?ƒ”‹‘†‹”–‘‰Â?‡ǥÂ?ƒ ƒÂ?…Š‡’‡”…Š¹Â?‡Ž…‘”•‘†‡Ž •—‘Â?‹Â?‹•–‡”‘Šƒ’‘–—–‘ ’”‡•–ƒ”‡•‡”˜‹œ‹‘ƒƒŽ‘Â?Â?‘ǥ

Â?…—†‹Â?‡‡‘Â?Â?‘’”‹Â?ƒ†‹ –”ƒ•ˆ‡”‹”•‹Â?‡ŽŽǯŽ–‘‡„‹Â?‘ ƒ ”‹‰Â?ƒ‰Š‡‡‘Â?–ƒ•‹‘Ǥ †‡••‘†ƒ“—ƒ•‹†—‡ ƒÂ?Â?‹‰—‹†ƒ–”‡…‘Â?—Â?‹–Â? Č‹‹‘Â?‡ǥ–ƒ†‘Ž‹Â?ƒ‡ƒÂ?Â°ČŒ …Š‡‰”ƒ˜‹–ƒÂ?‘•—ŽŽǯ—Â?‹…‘ –‡””‹–‘”‹‘…‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹ ‹‘Â?‡Ǥ‘Â?”Â?ƒÂ?Â?‘•‹ –”‘˜ƒ„‡Â?‡‹Â?Ž–ƒƒŽŽ‡‹Â? …ƒÂ?Â?‹Â?‘…‘Â?’‡”•‘Â?‡…Š‡ǥ ƒ’’ƒ”‡Â?–‡Â?‡Â?–‡ǥ’‘••‘Â?‘ •‡Â?„”ƒ”‡…Š‹—•‡ǥÂ?ƒ…Š‡ Ç˛Â“Â—ÂƒÂ?†‘•‹ƒ’”‘Â?‘ǥ†ƒÂ?Â?‘ –—––‘“—‡ŽŽ‘…Š‡ŠƒÂ?Â?‘dzǤ Â? “—‡•–‹‰‹‘”Â?‹•–ƒ•‡‰—‡Â?†‘ ‹Ž‰”‡•–ȋ—Â?‹…‘’‡”Ž‡–”‡ Â’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹Â‡ČŒÇĄƒÂ?…Š‡Dz’‡”…Š¹‹ ”ƒ‰ƒœœ‹Â?‘Â?ŠƒÂ?Â?‘’”‘„Ž‡Â?‹ ƒˆƒ”‡’‡”…‘”•‹…‘Â?—Â?‹…‘•¿ …‘Â?‡ƒ……ƒ†‡ƒÂ?…Š‡…‘Â?‹Ž …ƒ–‡…Š‹•Â?‘‡…‘Â?Žǯ‹Â?‹œ‹ƒœ‹‘Â?‡ …”‹•–‹ƒÂ?ÂƒÇłÇ¤’”‘’‘•‹–‘ †‡ŽŽǯ Â…ÂˆÂ”ÇĄƒ‘––‘„”‡°‹Â? ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒŽƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ —Â?‹–ƒ”‹ƒ†‡ŽŽƒ…”‡•‹Â?ƒ‡†‡ŽŽƒ ’”‹Â?ƒ…‘Â?—Â?‹‘Â?‡Ǥ


͘͠

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

Dz‘Â?ƒƒŽ–—‘‘•’‡†ƒŽ‡‹–—‘‹Â?‘Â?‡Â?–‹ÂˆÂ‡ÂŽÂ‹Â…‹dz —ƒÂ?†‘Ž‡Â?‘œœ‡•‘Â?‘•‘Ž‹†ƒŽ‹ Nel giorno piĂš importante della loro vita, hanno pensato anche agli altri. Particolarmente signiďŹ cativa l’esperienza di due giovani sposi della provincia, Milena e Cristian, che hanno richiesto ai loro invitati di destinare l’ammontare dei loro regali di nozze all’acquisto di un gastroscopio per l’Ospedale dei Bambini. L’iniziativa è stata pienamente compresa ed apprezzata da parenti e amici, che hanno generosamente contribuito consentendo di raccogliere

oltre 18mila euro. L’iniziativa di Milena e Cristian si inserisce nella campagna “Dona al tuo ospedale i tuoi momenti feliciâ€? promossa dagli Spedali Civili. Sono sempre piĂš frequenti le piccole donazioni di giovani coppie che dedicano, in occasione di matrimoni, battesimi, comunioni e cresime, il valore delle loro bomboniere all’Ospedale dei Bambini o ai reparti dell’Ospedale Civile. In queste occasioni viene omaggiato un cartoncino personalizzato da

consegnare a parenti e amici in occasione della cerimonia. Si tratta spesso di piccole somme, ugualmente preziose perchÊ testimoniano la vicinanza e la riconoscenza della comunità nei confronti dell’Ospedale. Il gastroscopio consente di esplorare l’esofago, lo stomaco ed il duodeno, di visualizzare la mucosa di questi visceri e di valutare la loro elasticità, il loro decorso ed i loro contenuti. Con la gastroscopia si cura e si fa diagnosi di malattie

da reusso e patologie maligne come i tumori di esofago e stomaco. Questo strumento è tra le priorità d’acquisto della struttura ospedaliera e sarà reso disponibile alle Unità operative di Gastroenterologia pediatrica e di Chirurgia pediatrica dove il settore si sta implementando per far fronte alle sempre piÚ ampie richieste di cura. Per info, 0303995808 o visita il sito http:// www.ospedalebambinibrescia.it/ ospedale-brescia/donazioni.asp.

  ‹ŽŽƒ‰‰‹‘‹‘Ž‹�‘ �–‡”˜‹•–ƒƒŽ’ƒ””‘…‘†‘�‰‘•–‹�‘ƒ‰Ž‹ƒ�‹

/DGLPHQVLRQH UHOLJLRVDQHOVRFLDOH ‘Â?‰‘•–‹Â?‘Â•ÂƒÂŽÂ—Â–ÂƒÇĄ†‘’‘‘––‘ƒÂ?Â?‹ǥ‹Ž‹‘Ž‹Â?‘Ǥ‘Â?‡Â?‹…ƒÍšÍ?•‡––‡Â?„”‡ƒŽŽ‡͙͞ˆƒ‹Ž•—‘ ‹Â?‰”‡••‘ƒƒ’”‹‘Ž‘…‘Â?Žƒ˜‘Ž‘Â?–Â?†‹˜ƒŽ‘”‹œœƒ”‡‹Ž–‡•‘”‘†‹—Â?ƒÂ?‹–Â?†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?    

    

'

on Agostino Bagliani, dopo otto anni al Violino, si ritrova a fare alcuni bilanci e, soprattutto, a rilanciare il suo impegno pastorale per il nuovo servizio a Capriolo. Cosa lascia al Violino? Ho fatto attenzione a cogliere e ad accogliere le necessitĂ  particolari, ma soprattutto ho sollecitato singoli e gruppi a riconoscersi parte di un tutto in cui ciascuno fa bene e volentieri la propria parte e sostiene la buona riuscita di ogni attivitĂ  benchĂŠ proposta da altri. La cura soprattutto della chiesa è stata per me l’espressione tangibile di un pieno affetto alla comunitĂ . Cosa ha “imparatoâ€? in questa sua prima esperienza da parroco? A fare il presidente effettivo della Scuola materna parrocchiale. Battute a parte, la storia e l’attualitĂ  del Violino mi hanno consegnato che la dimensione religiosa di una comunitĂ  cristiana non può non esprimersi nel “socialeâ€?. Ho scoperto che la parrocchia deve essere propositiva in ogni ambito della vita del quartiere, a patto di non trascurare o ridurre l’evangelizzazione e la celebrazione dei misteri di Dio. Ho cercato sempre di curare la liturgia e l’annuncio della Parola di Dio: ho imparato che le persone ascoltano, si lasciano interpellare piĂš che non si pensi e in

‘Â?‰‘•–‹Â?‘ǣ Dz‘Â?Â•ÂƒÂ’Â”Ă–Â?ƒ‹ ƒ†‡‰—ƒ–ƒÂ?‡Â?–‡ ”‹Â?‰”ƒœ‹ƒ”‡’‡”‹Ž˜‹˜‘ •‡Â?•‘†‹…‘Â?’Ž‡••‹˜ƒ ’ƒ–‡”Â?‹–Â?Â•Â’Â‹Â”Â‹Â–Â—ÂƒÂŽÂ‡Çł seguito bisogna dare loro lo spazio di un feed-back che non è gratificazione, ma sprone a crescere anche per la mia fede di prete. Non è possibile

restituire tutto quello che ho ricevuto; in particolare non saprò mai adeguatamente ringraziare per il vivo senso di complessiva paternitĂ  spirituale. Cosa avrebbe voluto portare a termine? A fine ottobre il Vescovo conferirĂ  la cresima e donerĂ  la prima eucaristia a 48 ragazzi, dando poi inizio all’anno della mistagogia. Resta aperta la riflessione sull’oratorio, come luogo fisico (nuova costruzione a fianco della chiesa?) e come condizione educativa (soprattutto l’attenzione ad adolescenti e giovani). Mi pare infine di cogliere segnali di vitalitĂ  con fidanzati e giovani sposi: forse era il momento di configurare, oltre all’itinerario verso il matrimonio, anche uno stabile percorso di gruppo. Con quale stato d’animo si appresta a entrare nella parrocchia di Capriolo? La chiara volontĂ  di scoprire e valorizzare il “tesoroâ€? di umanitĂ  e di vita cristiana della nuova comunitĂ . Immagino che in un paese cosĂŹ popoloso, dovrò chiedere molta pazienza e altrettanta offrirne. Quale sarĂ  l’attenzione pastorale prioritaria? Non vado con programmi avulsi dal contesto. Porto la mia persona che, con l’esperienza e le convinzioni maturate, desidera contribuire a realizzare quanto il Consiglio pastorale e i numerosi gruppi hanno intrapreso.

”‘˜‹�…‹ƒ ƒŽ…ƒ”…‡”‡ƒŽŽƒ˜‘”‘ •—Ž–‡””‹–‘”‹‘

Â?…Š‡‹Â?’”‘˜‹Â?…‹ƒ˜‹‡Â?‡‡•–‡•‘ ÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â”Â†Â‘…‘Â?‹Ž”‹„—Â?ƒŽ‡’‡”Žƒ ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡†‡‹Žƒ˜‘”‹†‹’—„„Ž‹nj …ƒ—–‹Ž‹–Â?Č‹Â’Â—ČŒ’‡”‹…‘•‹††‡––‹ ”‡ƒ–‹Â?‹Â?‘”‹Ǥǯ‹Â?Â–Â‡Â•ÂƒÇĄ•‹‰Žƒ–ƒ‹Â? ”‘Ž‡––‘ǥŠƒ˜‹•–‘Žƒˆ‹”Â?ƒ†‡ŽŽƒ ”‘˜‹Â?Â…Â‹ÂƒÇĄ†‡Ž”‹„—Â?ƒŽ‡‡†‡ŽŽǯ•nj •‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?—Â?‹ „”‡•…‹ƒÂ?‹ Č‹Â…Â„ČŒÇ¤ÇŻ…„ƒ˜”Â?…‘Â?‡…‘Â?’‹–‘ “—‡ŽŽ‘†‹’”‘Â?—‘˜‡”‡Žǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ –”ƒ‹•—‘‹‡Â?–‹Ǥ‹‡Â?‡…‘•¿’‘”–ƒ–‘ ƒ˜ƒÂ?–‹—Â?ƒ’’”‘……‹‘‡†—…ƒ–‹˜‘ Â?‡‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‹†‡‹Â?‹Â?‘”‹ȋ‹•‘‰nj ‰‡––‹…Š‡’”‡˜ƒŽ‡Â?–‡Â?‡Â?–‡•‹ÂƒÂ˜ÇŚ ˜‹…‹Â?ƒÂ?‘ƒ“—‡•–‹Â”Â‡ÂƒÂ–Â‹ČŒÇ¤ ‘Â?—nj Â?‹ǥ“—‹Â?†‹ǥ’‘–”ƒÂ?Â?‘ƒ……‘‰Ž‹‡”‡Ž‡ ’‡”•‘Â?‡…Š‡’”‡•–‡”ƒÂ?Â?‘…‘•¿—Â? •‡”˜‹œ‹‘†‹’—„„Ž‹…ƒ—–‹Ž‹–Â?ƒÂ?…Š‡ ‹Â?•‡†‡†‹’ƒ––‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‘Ǥ‘nj •¿ˆƒ…‡Â?†‘ÂŽÇŻ •–‹–—–‘†‡‹Žƒ˜‘”‹†‹ ’—„„Ž‹…ƒ—–‹Ž‹–Â?ƒŽŽ‡‰‰‡”‹•…‡ƒÂ?ÇŚ …Š‡‹Ž…ƒ”‹…‘†‡Ž”‹„—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ–”‘’’‘

•’‡••‘‹Â?‰‘Žˆƒ–‘†‹’”‘…‡†‹Â?‡Â?ÇŚ –‹Ǥ‡”“—ƒÂ?–‘”‹‰—ƒ”†ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ ‹•‡”˜‹œ‹…‘’‡”–‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘’”‹Â?…‹nj ’ƒŽÂ?‡Â?–‡“—‡ŽŽ‹†‡ŽŽƒÂ”Â‘Â–Â‡ÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡Â…Â‹Â˜Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ†‡ŽŽƒ…—•–‘†‹ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”‡ƒ Â?Â—Â•Â‡ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ†‡ŽŽƒ’”‡˜‡Â?œ‹‘Â?‡†‡Ž ”ƒÂ?†ƒ‰‹•Â?‘ ‡ †‡ŽŽƒ Â?ƒÂ?—–‡Â?ÇŚ œ‹‘Â?‡†‡‹„‡Â?‹†‡Â?ƒÂ?‹ƒŽ‹Ǥ†‘‰nj ‰‹“—‡•–ƒÂ?‹•—”ƒ˜‹‡Â?‡—–‹Ž‹œœƒ–ƒ ’‘…‘ƒÂ?…Š‡†ƒ‹‰‹—†‹…‹†‹Â’ÂƒÂ…Â‡ÇŁ Â?‘Ž–‘•’‡••‘Â?ƒÂ?…ƒÂ?‘Ž‡”‡ƒŽ–Â? ’”‘Â?–‡ĠÂƒÂ…Â…Â‘Â‰ÂŽÂ‹Â‡Â”Â‡ÇĄ‡†—…ƒ”‡‡ Â?‘Â?‹–‘”ƒ”‡‹ŽŽƒ˜‘”ƒ–‘”‡Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÇŚ Â?‡Â?–‡—–‹Ž‡Ǥ Ž‹‡Â?–‹ǥ‹Â?‘Ž–”‡ǥƒŽŽƒ ˆ‹Â?‡†‡Ž’‡”…‘”•‘†‘˜”ƒÂ?Â?‘”‡†‹nj ‰‡”‡—Â?ƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‡ǣ•‘Ž‘ƒŽŽ‘”ƒ‹Ž ‰‹—†‹…‡†‡…‹†‡”Â?•‡‡•–‹Â?‰—‡”‡‘ Â?‡Â?‘Žƒ’‡Â?ƒǤÂƒÇĄ‹Â?‘Ž–”‡ǥ”‹…‘”nj †ƒ–‘…Š‡‹ŽŽƒ˜‘”ƒ–‘”‡Â?‘Â?”‹…‡nj ˜‡”Â?ƒŽ…—Â?…‘Â?’‡Â?•‘’‡”‹Ž•—‘ Â•Â‡Â”Â˜Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇĄÂ?ƒƒ˜”Â?—Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡‘’nj ’‘”–—Â?‹–Â?‡†—…ƒ–‹˜ƒǤ

Concessionaria di pubblicitĂ  per:

Voce Media S.r.l. Via A. Callegari 6 - Brescia - Tel. 030 2808966 - www.vocemedia.it


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

Í˜ÍĄ

‘�†ƒœ‹‘�‡…‘�—�‹–�„”‡•…‹ƒ�ƒ

ÂŽ ‘Â?†‘—…ƒ‹‘……ƒ’‡”—Â?‘•–—†‹‘•—‹–—Â?‘”‹…‡”‡„”ƒŽ‹ Il Fondo memoriale Luca Ciocca, costituito presso la Fondazione comunitĂ  bresciana, ha stanziato 45mila euro per uno studio sui tumori cerebrali condotto presso gli Spedali civili di Brescia. I tumori primitivi cerebrali sono tumori altamente aggressivi. Il glioblastoma è il tumore piĂš comune e con la peggiore prognosi tra i tumori primitivi dell’encefalo. Costituisce circa il 25% di essi. Un aspetto verso il quale si pone molto l’attenzione nel trattamento dei malati

oncologici nel loro complesso è quello della qualitĂ  della vita. Questo è certamente vero anche per questa neoplasia proprio perchĂŠ caratterizzata da conseguenze ďŹ siche e sulla vita del paziente. Esiste un sottogruppo di questi ammalati, con prognosi ancora peggiore, per i quali è ancora da deďŹ nire il trattamento migliore. Per questa categoria di pazienti sono disponibili studi che confrontano la radioterapia a dosi convenzionali con un trattamento piĂš breve

(“ipofrazionatoâ€?). Viceversa non sono disponibili ancora confronti fra questa radioterapia “concentrata nel tempoâ€? e la sola chemioterapia. Lo studio supportato dal Fondo memoriale Luca Ciocca confronta proprio questi due trattamenti: la radioterapia ipofrazionata, concentrata nell’arco di due settimane, e la chemioterapia per cinque giorni ogni mese, per un numero massimo di sei cicli. Con il procedere dello studio, con l’adesione di sempre piĂš Centri

partecipanti e con l’aumento progressivo del numero di pazienti arruolati, si rende necessaria una persona “dedicataâ€?, specializzata nella creazione e gestione di un supporto informatico per la raccolta dei dati, e che si occupi del progressivo inserimento dei dati stessi nel database e della sua gestione quotidiana. La donazione del Fondo memoriale Luca Ciocca ďŹ nanzierĂ , sull’arco di tre anni, l’attivitĂ  di questa ďŹ gura professionale.

”‡•…‹ƒ……‘”†‘…‘��‹…”‡†‹–

&RQWURODFULVL" &¡qOD&DUWD(WLFD ‹Â?Â?‘˜ƒ–ƒŽƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡’‡”ƒ‹—–ƒ”‡’ƒ†”‹‡Â?ƒ†”‹•‘Ž‡‹Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?Ǥ‡”Â?‹”‡†‹– ‡”ƒ’”‡•‡Â?–‡‘Â?‹…ƒ‡ŽŽ‡”‹Â?‘ǥ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡†‹–‡””‹–‘”‹‘’‡”Žƒ‘Â?„ƒ”†‹ƒ  



Ă‹

stato firmato dal Comune e da UniCredit il rinnovo dell’accordo per la “Carta Eticaâ€? che permetterĂ  di aiutare concretamente 100 madri e padri soli in difficoltĂ  e con bambini a carico, residenti nel Comune di Brescia, che potranno beneficiare del flusso di 120mila euro messi a disposizione per iniziative di solidarietĂ . Un esempio virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato per il sostegno delle fasce piĂš deboli in un momento difficoltĂ  economica. I fondi messi a disposizione dalla banca saranno resi disponibili grazie all’innovativa carta di credito UniCreditCard Classic E (Etica). Si tratta di una normale carta di credito che può essere emessa su entrambi i circuiti internazionali MasterCard o Visa, ma con una differenza: il 3 per mille di ogni spesa effettuata andrĂ  ad alimentare un fondo destinato ad iniziative di aiuti concre-

ÂŽ•‹Â?†ƒ…‘ÂƒÂ”Â‘ÂŽÂ‹ÇŁDzƒ”–ƒ –‹…ƒ°Žƒ†‹Â?‘•–”ƒœ‹‘Â?‡ †‹…‘Â?‡Žƒ•‹Â?‡”‰‹ƒ–”ƒ ’—„„Ž‹…‘‡’”‹˜ƒ–‘’‘••ƒ ’‘”–ƒ”‡‡Â?‘”Â?‹„‡Â?‡ˆ‹…‹ ƒ–—––ƒŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Çł ti nei confronti delle fasce piĂš deboli. Grazie ad essa, UniCredit può destinare significative risorse a fini di solidarietĂ , mentre i possessori della carta di credito “eticaâ€? possono fare beneficenza con il semplice utilizzo della carta e senza oneri aggiuntivi. SarĂ  il Comune di Brescia a individuare i genitori soli destinatari dell’iniziativa. Questi saranno avvisati per lettera e poi chiamati presso un’agenzia UniCredit a ritirare una carta prepagata che verrĂ  assegnata loro gratuitamente e ricaricata con 100 euro al mese per un anno. “Per un’amministrazione pub-

blica è importante poter contare sugli interventi delle realtĂ  private, specialmente in ambito sociale – ha dichiarato il sindaco Paroli – Carta Etica è la dimostrazione di come la sinergia tra pubblico e privato possa portare enormi benefici a tutta la comunitĂ . Voglio dunque ringraziare UniCredit, che ha promosso questa iniziativa volta a offrire un aiuto concreto alle famiglie disagiate che vivono nella nostra cittĂ . Il fatto che ci si ritrovi per il terzo anno consecutivo a rinnovare l’accordo è un palese riconoscimento della ricaduta reale positiva di questo progetto sul territorio brescianoâ€?. “Per il terzo anno consecutivo viene rinnovato l’accordo con il Comune di Brescia – ha affermato Monica Cellerino, responsabile di Territorio per la Lombardia di UniCredit –. Si tratta di una iniziativa di solidarietĂ  che ci permette di venire incontro alle fasce piĂš disagiate della popolazione di Brescia. Grazie

    

alla Carta Etica, infatti, sono stati oltre 200 i genitori soli con bambini a carico, residenti nel Comune di Brescia, che hanno già potuto usufruire dei fondi messi a disposizione dalla Banca da quando, nel giugno del 2009, è stata stipulato per la prima volta l’accordo con il Comune di Brescia, a cui si aggiungeranno quelli di quest’anno, per un totale di circa 300 famiglie bresciane che avranno beneficiato di un aiuto concreto e utile�.

‡ŽŽ‡”‹Â?‘ǣDz‹–”ƒ––ƒ †‹—Â?ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ†‹ •‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?…Š‡…‹ ’‡”Â?‡––‡†‹˜‡Â?‹”‡ ‹Â?…‘Â?–”‘ƒŽŽ‡ˆƒ•…‡ ’‹Î†‹•ƒ‰‹ƒ–‡†‡ŽŽƒ ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡ǤŽ–”‡͚͘͘ ‹‰‡Â?‹–‘”‹…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ ’‘–—–‘—•—ˆ”—‹”‡†‡‹ ˆ‘Â?†‹†‡ŽŽƒƒÂ?Â…ÂƒÇł

”‘˜‹�…‹ƒƒ�†‘�ƒœ‹‘�ƒŽ‡ 

3URJUDPPDFRQWUR ODGLVFULPLQD]LRQH

”‡•…‹ƒ ”ƒ‹ƒÂ?‘†‹‰‘˜‡”Â?‘†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘ ‡…ƒÂ?’—•—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹‘ƒŽŽƒƒÂ?†ƒ……‹‘ —„„Ž‹…ƒ–ƒ•—Ž•‹–‘†‡Ž‘Â?—Â?‡Žƒ’”‘’‘•–ƒ†‹Dzƒ’’‘”–‘ƒÂ?„‹‡Â?–ƒŽ‡ ‡•‹Â?–‡•‹Â?‘Â?–‡…Â?‹…ƒ‡†‹†‘…—Â?‡Â?–‘†‹‹ƒÂ?‘†‡Ž”‡†‹‰‡Â?†‘‹ƒÂ?‘†‹

‘˜‡”Â?‘†‡Ž‡””‹–‘”‹‘dzǤ …‹––ƒ†‹Â?‹‡–—––‹‹’‘”–ƒ–‘”‹†‹‹Â?–‡”‡••‡ƒ˜”ƒÂ?Â?‘͘͞ ‰‹‘”Â?‹†‹–‡Â?’‘’‡”’”‘’‘””‡‹Ž‘”‘…‘Â?–”‹„—–‹Ǥ‡Žˆ”ƒ––‡Â?’‘‹Ž‘Â?•‹‰Ž‹‘ …‘Â?—Â?ƒŽ‡Šƒ†ƒ–‘‹Ž˜‹ƒŽ‹„‡”ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—Â?ƒÂ?‹Â?‹–Â?ƒŽ’”‘‰‡––‘•—ŽŽǯ‡š…ƒ•‡”Â?ƒ ƒÂ?†ƒ……‹‘…Š‡†‹˜‡Â?–‡”Â?…ƒÂ?’—•—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹‘ǤƒÂ?ƒ‰‰‹‘”ƒÂ?œƒŠƒƒ……‘Ž–‘ Ž‡•‘ŽŽ‡…‹–ƒœ‹‘Â?‹†‡Žƒ”–‹–‘†‡Â?Â‘Â…Â”ÂƒÂ–Â‹Â…Â‘ÇĄ…Š‡…Š‹‡†‡˜ƒ‹Ž…‘‹Â?˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘ †‡ŽŽ‡‘Â?Â?‹••‹‘Â?‹’”‡’‘•–‡Č‹Â‹Â•Â–”—œ‹‘Â?‡‡Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ—”„ƒÂ?‹•–‹…ƒ‡Žƒ˜‘”‹ Â’Â—Â„Â„ÂŽÂ‹Â…Â‹ČŒ‡†‡ŽŽǯ •–‹–—œ‹‘Â?‡—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹ƒ‡Žƒ…‘•–‹–—œ‹‘Â?‡†‹—Â?‰”—’’‘†‹ Žƒ˜‘”‘ĠŠ‘…Ǥƒ…ƒ•‡”Â?ƒ‡Â?–”‡”Â?Â?‡ŽŽƒ†‹•’‘Â?‹„‹Ž‹–Â?†—‡Â?‡•‹†‘’‘…Š‡ •ƒ”Â?…‘ŽŽƒ—†ƒ–ƒŽƒ•–”—––—”ƒ†‡ŽŽǯ‡š––ƒ˜‹ƒÂ?‹ǥ†‘˜‡˜‡””ƒÂ?Â?‘–”ƒ•ˆ‡”‹–‹‰Ž‹ ˆˆ‹…‹’”‡ˆ‡––‹œ‹‘•’‹–ƒ–‹Â?‡ŽŽƒƒÂ?†ƒ……‹‘Ǥ Â?…‹––Â?–‹‡Â?‡„ƒÂ?…‘Žƒ’‘Ž‡Â?‹…ƒ –”ƒ‹Ž†‡ŽƒÂ?ƒ‰‰‹‘”ƒÂ?œƒ’‡”Žƒˆ‡•–ƒ†‡Ž†Ǥ ‹‘”‰‹‘‡ƒ”–‹Â?ÇĄ•‡‰”‡–ƒ”‹‘ …‹––ƒ†‹Â?‘†‡Ž†ǥŠƒ•’‹‡‰ƒ–‘…‘•¿Žƒ˜‹…‡Â?Â†ÂƒÇŁDzÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡Šƒ ‰‹—•–‹ˆ‹…ƒ–‘‹Ž•—‘Â?‘ƒŽŽƒˆ‡•–ƒ†‹”ƒ‰‘…‘Â?ŽƒÂ?‡…‡••‹–Â?†‹”‡ƒŽ‹œœƒ”‡ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡Âƒ—Â?’ƒ”…Š‡‰‰‹‘†ƒ͞ȀÍ&#x;’‘•–‹ƒ—–‘Ǥ‹ˆ”‘Â?–‡ƒ“—‡•–‘†‹Â?‹‡‰‘ǥ Šƒ…‘Â?–‹Â?—ƒ–‘Žǯ‡•’‘Â?‡Â?–‡†‡Ž†ǥƒ„„‹ƒÂ?‘…Š‹‡•–‘†‹’‘–‡”‘……—’ƒ”‡‹Ž ’ƒ”…Š‡‰‰‹‘†‡Ž‘Ž‹˜ƒŽ‡Â?–‡ǤŽƒ‘‰‰‹ƒ…‹Šƒ”‹•’‘•–‘ƒÂ?…‘”ƒ’‹……Š‡Ǥƒ †‘Â?ƒÂ?†ƒ†‹—–‹Ž‹œœƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂ”‡ƒ†‡ŽŽ—Â?ƒ’ƒ”Â?ÇĄ†‡’‘•‹–ƒ–ƒƒÂ?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄŠƒƒ˜—–‘ —Â?ƒ”‹•’‘•–ƒ’‘•‹–‹˜ƒ•‘Ž–ƒÂ?–‘ƒŽ—‰Ž‹‘ǥ“—ƒÂ?†‘‘”Â?ƒ‹‡”ƒ–”‘’’‘Â–ÂƒÂ”Â†Â‹ÇłÇ¤

Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡ŽŽƒ

 ‡––‹�ƒ�ƒ�ƒœ‹‘�ƒŽ‡ …‘�–”‘Žƒ˜‹‘Ž‡�œƒ ’—„„Ž‹…ƒ–‘—�ƒ˜˜‹•‘’‡” ‹Žˆ‹�ƒ�œ‹ƒ�‡�–‘ †‹ƒŽ…—�‡‹�‹œ‹ƒ–‹˜‡

Ăˆ stato pubblicato l’avviso per il finanziamento di un programma di attivitĂ  di sensibilizzazione, informazione e formazione rivolte agli studenti, ai genitori e ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado sulla prevenzione della violenza fisica e psicologica, compresa quella fondata sull’intolleranza razziale, religiosa e di genere, nonchĂŠ di ogni forma e causa di discriminazione, nell’ambito della terza Settimana nazionale contro la violenza. La scuola può contribuire allo sviluppo e alla diffusione di una cultura che rifiuti la violenza e la discriminazione e diffonda la conoscenza dei diritti della persona, del rispetto verso gli altri e dell’educazione alla legalitĂ . Proprio per creare un momento di riflessione condivisa

su questi temi nel corso della Settimana ogni istituzione scolastica, nell’ambito della propria autonomia, è stata invitata a promuovere iniziative anche con il coinvolgimento di rappresentanti delle Forze dell’Ordine, delle associazioni e del volontariato sociale, rivolte agli studenti, ai genitori e ai docenti. Le richieste di partecipazione dovranno improrogabilmente pervenire entro le ore 24 del 5 settembre 2011 oppure essere recapitate a mano nei giorni 1 e 2 settembre dalle ore 9 alle 12 al Dipartimento per le Pari Opportunità (Largo Chigi n, 19 - 00187 Roma) - V piano, stanza n. 5019. Per scaricare il decreto e l’avviso con le modalità di partecipazione vai al sito: www. pariopportunita.gov.it.


͙͘

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ƒ�ƒ”–‘Ž‘�‡‘

�‘�…ƒ”‡�ƒ’‡”…‘�‘•…‡”‡Žƒ�ƒ–—”ƒ Conoscere la natura unendo la fase teorica a quella esperienziale. Il tutto in un clima familiare che consente di non appesantire le giornate. Don Angelo Cretti organizza anche quest’anno il corso di lettura ambientale (geologia, botanica, alimentazione con erbe naturali) dal 31 luglio al 6 agosto presso il rifugio Baita Iseo a Ono San Pietro in Valle Camonica. I docenti (don Cretti per la botanica e la lettura ambientale, la prof.ssa Tiziana Carrara per la geologia e

il perito agrario Fulvio Betta per erboristeria-ďŹ toalimurgia) cercano di “addestrareâ€? i partecipanti a entrare nel mondo della natura in tutti i suoi aspetti: geologia, ora, endemismi esclusivi dei calcari orobici, erbe alimentari e velenose, aromatiche e medicinali, fenomeni legati a correnti fredde che generano ghiaccio in piena estate. Si tratta di una settimana di scuola tra prati e sentieri, ma anche di una bella esperienza in compagnia con la possibilitĂ 

anche di degustare dei prodotti genuini alla Baita Iseo a 1354 metri d’altezza. Il corso si rivolge ad adulti o minori accompagnati; le escursioni si alternano nell’arco della giornata. Il raduno è ďŹ ssato alle 16 di domenica 31 luglio presso il municipio di Ono San Pietro, da lĂŹ poi si sale sotto le pareti della Concarena (nella foto) per il rifugio Baita Iseo. Nel programma si possono sperimentare le escursioni alle Corne Rosse, alle Baite di Nuadè, al Bait dei Niei, Doss Serèt,

Baite del Mella, Passo Campelli. L’ultima giornata prevede anche una lezione su “La Valle nella preistoria e le incisioni rupestri� con la visita della Pieve di San Siro a Capo di Ponte e il parco di Luine a Boario. Il percorso termine alle 18 con l’inaugurazione della mostra mercato di Pisogne dove don Cretti spiega le icone riportate su tavole antiche. Per informazioni, telefonare a don Angelo (0302002438) o alla famiglia Zana di Ono San Pietro (0364339383).

  ”‡•…‹ƒƒ•–‘”‹ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ ‘ ‘•°

4XDQGRO¡DGR]LRQH QRQqXQ¡XWRSLD ƒ”‡ƒŽ–Â?„”‡•…‹ƒÂ?ƒ°‹Â?’‡‰Â?ƒ–ƒȋŽǯ—Â?‹…ƒ”‹…‘Â?‘•…‹—–ƒ•—Ž–‡””‹–‘”‹‘†ƒŽ ‘˜‡”Â?Â‘ČŒÂ?‡Ž …ƒÂ?’‘‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ǤŽ…—Â?‡’”‡…‹•ƒœ‹‘Â?‹•——Â?ƒ”‰‘Â?‡Â?–‘ƒÂ?…‘”ƒ’‘…‘…‘Â?‘•…‹—–‘    

3

er molti è un sogno, per altri resta un desiderio da approfondire. Sulle adozioni internazionali c’è una letteratura disparata, fatta di luoghi comuni (costi esorbitanti e tempi lunghissimi) anche perchĂŠ ci sono alcune associazioni (spesso le piĂš grandi e rinomate) che vanno oltre le direttive del Cai (Centro adozioni internazionali) e chiedono cifre insostenibili (lo standard imposto dal Governo è di 16.500 euro). In alcuni casi servirebbe, forse, un maggiore controllo dello Stato. Da anni nel Bresciano è attiva l’associazione filantropica SĂŁo Josè che garantisce una preparazione delle coppie (il rischio è quello di idealizzare il bambino, di “costruirloâ€? a tavolino) e la fase post adozione, cioè “insegnaâ€? a fare i genitori. Determinante il contributo di due psicologi (Vittorio Padula e Germano Pasquali), dell’assistente sociale e di un sociologo. Il presidente della SĂŁo Josè è Angelo Giacomini (il vicepre-

‡…‹ˆ”‡”‹…Š‹‡•–‡ ’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ†Â‘ÂœÂ‹Â‘Â?‡ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ ‘ ‘•°•‘Â?‘†‹…‹”…ƒ͙͙Ǥ͘͘͜ ‡—”‘ǥ•‘Ž†‹…Š‡…‘’”‘Â?‘ ‹Â?–‡”ƒÂ?‡Â?–‡Ž‡’”ƒ–‹…Š‡ sidente è Franco Tamburini) che con passione ed entusiasmo riesce a coinvolgere nei suoi progetti tanti volontari: dall’operaio in pensione che porta i documenti presso il Consolato al dirigente di Banca che segue la promozione delle iniziative sul territorio. Ogni anno l’Associazione riesce a chiudere una ventina di adozioni, anche se la richiesta (bambini che avrebbero bisogno) è molto piĂš alta. Sempre piĂš frequentemente il Tribunale fissa il programma di adozione per due fratelli (anche perchĂŠ quando siamo in presenza di un solo figlio, questo viene piĂš facilmente accudito dall’entou-

rage parentale), mentre le famiglie italiane in molti casi prediligono un solo figlio. Certo da parte di alcune coppie servirebbe anche un po’ di elasticità, perlomeno sull’età: il dono non ha misura. L’Associazione opera nel campo dell’adozione internazionale (è l’unica a Brescia riconosciuta dal Ministero) dal 1992 attraverso due strutture: una principale alla Pavoniana, dove si tengono i corsi delle coppie, e una operativa (a Rezzato) donata dalla famiglia Tamburini. Il suo raggio d’intervento è ampio e comprende una macroarea (la Lombardia, il Veneto, il Trentino Alto Adige e l’Emilia Romagna). Chi chiede l’adozione, diventa socio dell’associazione e inizia a collaborare (sempre nello spirito della gratuità) nell’organizzazione delle feste, ma anche nell’allestimento dei container che partono per l’estero. Alla coppia viene fatta una proposta informale (spetta ai genitori l’ultima parola) di adozione corredata da una scheda del ragazzo/a; i tempi possono essere an-

  

che molto brevi. São Josè non è attiva solo nell’adozione internazionale (anche a distanza), ma invia aiuti per le necessità locali, costruisce asili/scuole (fra le ultime la realizzazione di una scuola per sordomuti e di una casa di accoglienza per i bimbi di strada) non solo in Brasile ma anche in Africa. In questi anni è stata sviluppata una collaborazione con gli enti religiosi (i Comboniani, i Pavoniani, le suore di Filippo Sbardone e i Padri della Divina Provvidenza) che possono cosÏ ga-

rantire una continuità nel tempo. Uno dei prossimi progetti prevede l’apertura – con i padri Somaschi e con un contributo del Governo – del raviolificio Fßlmen (in memoria di Agostino Fracassi) a Uberaba. Giacomini conosce il Brasile da piÚ di 50 anni e, in molte delle costruzioni, ha coinvolto anche il cognato Piero, muratore e al tempo stesso responsabile sul posto dei lavori. E anche questo è il segno di un volontariato vincente. Per informazioni, 0302590066.

‘�—�‡‡†‘�ƒŽ‹œœƒœ‹‘�‡†‡Ž…‡�–”‘•–‘”‹…‘

$SLHGLLQFHQWUR" 3HULOPRPHQWRVu



˜˜‹ƒ–‘Ž‘•–—†‹‘’‡” Žƒ’‡†‘Â?ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡ †‡Ž…‡Â?–”‘•–‘”‹…‘ǣŽƒ •’‡”‹Â?‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡° ’ƒ”–‹–ƒ†ƒ’‹ƒœœƒƒ‘Ž‘  ‡†ƒ…‘”•‘ƒÂ?‡Ž‹

L’amministrazione comunale ha avviato, anche in funzione di nuovi servizi di mobilitĂ , lo studio per la pedonalizzazione del centro storico. La modalitĂ  consiste in un progetto di pedonalizzazione progressiva, da attuarsi in piĂš step, partendo da piazza Paolo VI, corso Mameli, piazza Loggia, ed estenderlo in corso Zanardelli e via X Giornate. Fino a tempo indeterminato è istituita la “area pedonaleâ€? sulle carreggiate est e ovest e riquadri centrale e sud di piazza Paolo VI, nel tratto, antistante il Duomo Nuovo e Duomo Vecchio, compreso tra via Cardinal Querini e via Trieste. Ăˆ aperto al traffico il varco collegante via Trieste e via X Giornate, con istituzione dell’obbligo di fermarsi e dare la precedenza “stopâ€? sulla via Trieste stes-

sa nei confronti di via X Giornate; è aperto al traffico il varco collegante via padre Giulio Bevilacqua e via X Giornate, con istituzione dell’obbligo di fermarsi e dare la precedenza “stopâ€? sulla via P.G. Bevilacqua stessa nei confronti di via X Giornate. Il varco di controllo per gli accessi in ztl di via Cardinal Querini, è attivo per la rilevazione 24 ore su 24; è ribadita l’istituzione di zona traffico limitato sulla via stessa e sulla parte nord di piazza Paolo VI. Istituita l’“area pedonaleâ€? su corso G. Mameli, nel tratto compreso tra via Pace (Pallata) e via Paitone, con accesso e uscita consentiti dal lato ovest (Pallata) per i veicoli adibiti alle operazioni di carico/scarico merci nella fascia oraria compresa dalle ore 6.30 alle 10 dal lunedĂŹ al venerdĂŹ.



”‘˜‹�…‹ƒ ’‹ƒ‰‰‡‡Ž‹†‹ †ƒ…‘�•—Ž–ƒ”‡

ƒ� ‹‘˜ƒ��‹ ’’—�–ƒ�‡�–‹ †‹ˆ‹�‡Ž—‰Ž‹‘

‘Ž‡–‡ƒÂ?†ƒ”‡‹Â?Â•Â’Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÂƒÇĄ ”‡•–ƒÂ?†‘Â?‡Ž”‡•…‹ƒÂ?‘ǥÂ?ƒ‰ƒ”‹ ’‡”—Â?™‡‡Â?‡Â?†ȋ–‡Â?’‘ ’‡”Â?‡––‡Â?Â†Â‘ČŒÇŤƒ”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹ ”‡•…‹ƒŠƒ‹Â?•‡”‹–‘•—Ž•—‘’‘”–ƒŽ‡ Žǯ‡Ž‡Â?…‘†‡ŽŽ‡•’‹ƒ‰‰‡‡†‡‹Ž‹†‹ †‡ŽŽƒ”‘˜‹Â?…‹ƒǤÂż•‹’‘••‘Â?‘ –”‘˜ƒ”‡–—––‡Ž‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ †‡––ƒ‰Ž‹ƒ–‡’‡”‘‰Â?‹Ž—‘‰‘ǣƒ”‡‡ Â˜Â‡Â”Â†Â‹ÇĄ•’ƒœ‹’‡”‹Ž‰‹‘…‘Ž‹„‡”‘ǥ •‡”˜‹œ‹‹‰‹‡Â?‹…‹ǢÂ?‘Ž‡‰‰‹‘Ž‡––‹Â?‹ ‡Â’Â‡Â†ÂƒÂŽĂ–ÇĄ•‘Ž‘’‡”…‹–ƒ”‡ƒŽ…—Â?‹ †‡‹•‡”˜‹œ‹ƒ––‹˜‹Ǥˆ‘‰Ž‹ƒÂ?†‘‹Ž Â…ÂƒÂ–ÂƒÂŽÂ‘Â‰Â‘ÇĄ•‹’‘••‘Â?‘•…‘’”‹”‡ •’‹ƒ‰‰‡”‹Â?‘Â?ÂƒÂ–Â‡ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡ ’‹……‘Ž‡‘……ƒ•‹‘Â?‹Č‹Â•Â‘Ž‹–ƒÂ?‡Â?–‡ •’‹ƒ‰‰‡ÂŽÂ‹Â„Â‡Â”Â‡ČŒ’‡”–”ƒ•…‘””‡”‡ —Â?’‘ǯ†‹–‡Â?’‘Ǥ‡”ƒ……‡†‡”‡ ƒŽÂ?ÂƒÂ–Â‡Â”Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ™™™Ǥ’”‘˜‹Â?…‹ƒǤ „”‡•…‹ƒǤ‹–Ǥ

”‘•‡‰—‘Â?‘‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹†‡Ž Dz—‰Ž‹‘ƒƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹dzǤ‡Â?‡”†¿ ͚ͥŽ—‰Ž‹‘’‡”‹Ž…‹…Ž‘Dz•’‡––ƒÂ?†‘ ‡Â?Â‡ÂœÂ‹ÂƒÇł˜‹‡Â?‡’”‘‹‡––ƒ–‘‹Ž ˆ‹ŽÂ?DzŠ‡”‡•–Ž‡”dzǢŽ—Â?‡†¿͙Ν ƒ‰‘•–‘’‡”Žƒ”ƒ••‡‰Â?ƒDz‹Â?‡Â?ƒ ĆŹÂ‹Â–Â–Â—Â”ÂƒÇł˜ƒÂ?Â?‘‹Â?•…‡Â?ƒDzÂ? Š‹‡Â?Â?Â†ÂƒÂŽÂ‘Â—ÇłÇĄDzÂ‘Â”Â˜Â‹Çł‡† DzŽ‡‰‹ƒ†‹—Â?Â˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇłÇ¤ÂŽ–‡”Â?‹Â?‡ †‡ŽŽ‡’”‘‹‡œ‹‘Â?‹•ƒ”Â?‘ˆˆ‡”–ƒ—Â?ƒ ˜‹•‹–ƒ‰—‹†ƒ–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ ’ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘’‹––‘”‹…‘†‡ŽŽƒ …Š‹‡•ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡ǤÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż Íšƒ‰‘•–‘–‘……ƒƒDz‡Â?‘”‹ƒ•› ÂŽÂ˜Â‹Â†Â‘Â•ÇłÇŁ—Â?‘•’‡––ƒ…‘Ž‘†‹–ƒÂ?‰‘ ƒ”‰‡Â?–‹Â?‘ƒ…—”ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒ DzƒÂ?‰‘‹Â?–‘dzǤ Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹ȋ‹Â?‹œ‹‘ ƒŽŽ‡ÍšÍ™Ç¤Í›Í˜ČŒ•‹–‡Â?‰‘Â?‘’”‡••‘ ‹ŽŠ‹‘•–”‘†‹ƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ ȋ…‘Â?–”ƒ†ƒƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹Í ČŒÇ¤


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͙͙

‡”‘Žƒ�—‘˜ƒ

ÂŽ ‹ƒ–‘„ŽÖ’‡”ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹‡†‹•ƒ„‹Ž‹

—‹�œƒ�‡ŽŽ‘ –—––‘’‡•…‡

‡”‘ŽƒÂ?—‘˜ƒ Dz—”ƒÂ…Â”Â‘Â•Â–ÂƒÇł

Un nuovo mezzo di trasporto per gli anziani e i disabili. La collaborazione tra il Comune di Verolanuova e la societĂ  “Tailai Srlâ€? di Modena procura in comodato d’uso gratuito un furgone Fiat Doblò, attrezzato per il trasporto di anziani, disabili o persone svantaggiate. Il progetto prevede non solo il comodato d’uso per quattro anni del furgone di nuova immatricolazione ma in caso di rinnovo della collaborazione

Dal 29 al 31 luglio all’oratorio di Quinzanello è di scena la Festa del pesce che si concretizza ogni anno grazie al lavoro di centinaia di volontari. Nella piccola frazione di Dello si rinnova dunque anche quest’anno l’atteso appuntamento. Le specialità servite a tavola saranno soprattutto quelle di mare, sarà però disponibile anche un menÚ a base di piatti di cucina gastronomica locale. Nell’organizzazione sono coinvolti un centinaio di volontari.

MercoledĂŹ 10 agosto festa di San Lorenza patrono della comunitĂ  parrocchiale a Verolanuova. Due gli appuntamenti dalla parrocchia per la giornata: alle 20 la Santa Messa solenne in Basilica, lo spettacolo dell’associazione culturale “Ca’ luogo d’arteâ€? che presenta “Dura crostaâ€?, un divertente momento adatto sia ai bambini e ragazzi che agli adulti. In scena : Zeno Bercini e Massimiliano Grazioli, e il verolese Alberto Branca.

prevede di donare il mezzo di trasporto all’ente pubblico beneďŹ ciario del servizio. La societĂ  “Tailai Srlâ€? ha provveduto ad acquistare il furgone Fiat con la copertura economica offerta da alcune ditte locali, interessate a fare conoscere il proprio marchio, che verrĂ  riprodotto sul mezzo di trasporto pubblico. Il Comune spenderĂ  solo per il carburante, l’olio e la manutenzione necessaria del mezzo. (f.pio)

 

”‡„‡�‹ Ž’—�–‘•—ŽŽƒ•‹–—ƒœ‹‘�‡

$PHWjqWHPSR GLIDUHELODQFL ƒ‰‰‹—Â?–ƒŽƒÂ?‡–Â?†‡ŽŽǯ‹–‡”ǥ°•–ƒ–‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘—Â?…‘Â?˜‡‰Â?‘Â?‡Ž…ƒÂ?–‹‡”‡†‹ƒŽ…‹‘ ’‡”†ƒ”‡…‘Â?–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜ÂƒÂ?œƒÂ?‡Â?–‘†‡‹Žƒ˜‘”‹‡†‡ŽŽ‡’”‘•’‡––‹˜‡’‡”‹Žˆ—–—”‘   

6

ono passati circa due anni da quando il Presidente del consiglio inaugurò, con la posa della prima pietra nel cantiere di Urago d’Oglio, i lavori dell’autostrada Brebemi prevedendone la completa realizzazione entro quattro anni. CosÏ, raggiunta in questi giorni la metà dell’iter, è stato organizzato un convegno nel cantiere di Calcio, sulla sponda bergamasca dell’Oglio, per dare conto dell’avanzamento dei lavori e delle prospettive per il futuro. Presenti molte figure istituzionali, dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni al viceministro per le Infrastutture Roberto Castelli, da Francesco Bettoni – presidente della società di progetto Brebemi spa – all’assessore regionale alle infrastrutture Raffaele Cattaneo. Assenti invece il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il ministro alle Infrastrutture Altero Matteoli. Una panoramica generale sui lavori compiuti finora è stata affidata ad un video di presentazione, mentre gli interventi dei relatori si sono concentrati soprattutto su alcune tematiche relative alla loro prosecuzione. Dopo aver dato notizia della copertura totale dei costi relativi al progetto grazie a contributi bancari, Francesco Bettoni ha giustificato gli aumenti dei costi fino a quasi due miliardi con le opere di mitigazione e completamento del tracciato auto-

 



ÂŽ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡ŽŽƒ ‡‰‹‘Â?‡‘„‡”–‘ ‘”Â?‹‰‘Â?‹ǣDz‘Â? ’‘••‹ƒÂ?‘’‡”Â?‡––‡”…‹ –”ƒ•’‘”–‹‹Â?ƒ†‡‰—ƒ–‹ƒŽ Â?‘•–”‘•‹•–‡Â?ÂƒÇł stradale, annunciando anche un probabile anticipo sulla conclusione dei lavori, entro fine 201, a patto che venga completata la tangenziale esterna est di Milano. Successivamente l’intervento di Massimo Caccia, amministratore delegato della Banca infrastrutture, innovazione e sviluppo

di Intesa San Paolo, ha sottolineato alcuni aspetti piÚ prettamente economici, quantificando in 10 miliardi di euro l’apporto fornito dall’opera al Pil nazionale. A margine del convegno, a proposito dell’interazione con gli enti locali, il presidente provinciale Molgora ha sottolineato il proprio ruolo nel mantenimento delle opere di compensazione in territorio bresciano. Non solo Brebemi. Un aspetto importante sul quale durante il convegno si è posto l’accento da parte di tutti i relatori intervenuti, è la collocazione dell’autostrada all’interno del sistema viario della Lombardia, un sistema il piÚ possibile integrato, che consenta un movimento fluido di merci e persone. In quest’ottica le opere piÚ importanti sono quelle che collegheranno la nuova arteria autostradale con le infrastrutture esistenti, cioè la Tem (acronimo che sta per Tangenziale est esterna di Milano) che consentirà l’ingresso nel capoluogo lombardo e il raccordo Ospitaletto-Montichiari. Inoltre sono in cantiere anche altre infrastrutture, non direttamente collegate a Brebemi, tra le quali merita una menzione particolare la Pedemontana, che correrà nella parte piÚ settentrionale della pianura padana e per la quale è prevista un raccordo con Brebemi in prossimità di Milano. Per questi progetti sono stati stanziati in tutto 10 miliardi di euro.

ƒ‹”ƒÂ?‘ –—––ƒ’‹•–ƒ…‹…Žƒ„‹Ž‡ –ƒÂ?Â?‘–‡”Â?‹Â?ƒÂ?†‘ƒƒ‹”ƒÂ?‘‰Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‹”‹“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡ǥÂ?‡••ƒ‹Â? •‹…—”‡œœƒ‡†ƒ„„ƒ––‹Â?‡Â?–‘†‡ŽŽ‡„ƒ””‹‡”‡ƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…Š‡’‡””‡Â?†‡”‡ƒÂ?ÇŚ …‘”ƒ’‹Îˆ”—‹„‹Ž‹‡•‹…—”‡Ž‡’‹•–‡…‹…Žƒ„‹Ž‹†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ‡’‹•–‡•‘Â?‘‘”Â?ƒ‹ ’ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‡Â?–‡ˆ”‡“—‡Â?Â–ÂƒÂ–Â‡ÇĄ•‘’”ƒ––—––‘†ƒ‰‹‘˜ƒÂ?‹‡†ƒÂ?œ‹ƒÂ?‹Ǥ‡”“—‡nj •–‘Â?‘–‹˜‘‰Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹†‹”‹“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ”‹……ƒ†‘–ƒœ‹‘Â?‡†‹“—‡•–ƒ ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡–‹’‘Ž‘‰‹ƒ˜‹ƒ”‹ƒ°•–ƒ–ƒÂ?‡••ƒ‹Â?…‹Â?ƒƒŽŽ‡’”‹‘”‹–Â?Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹nj Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡Ž‘…ƒŽ‡†‹ƒ‹”ƒÂ?‘ǤDz‡’‹•–‡…‹…Ž‘nj’‡†‘Â?ƒŽ‹•–ƒÂ?Â?‘†‹˜‡Â?‡Â?†‘ ‹Žˆ‹‘”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘……Š‹‡ŽŽ‘†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Č‚Šƒƒˆˆ‡”Â?ƒ–‘…‘Â?‘”‰‘‰Ž‹‘‹Ž ’”‹Â?‘…‹––ƒ†‹Â?‘‹Â?…‡Â?œ‘ƒÂ?œ‘Â?‹Č‚‡†°’‡”“—‡•–‘…Š‡•–‹ƒÂ?‘‹Â?˜‡•–‡Â?ÇŚ †‘Â?‘Ž–‡”‹•‘”•‡‹Â?“—‡•–ƒ†‹”‡œ‹‘Â?‡ǥ•‹…—”‹†‹‹Â?…‘Â?–”ƒ”‡ÂŽÇŻÂƒÂ’’”‡œœƒÂ?‡Â?–‘ †‡‹Â?‘•–”‹…‹––ƒ†‹Â?‹Ǥ‡’‹•–‡ǥ•‹Â•ÂƒÇĄˆƒ˜‘”‹•…‘Â?‘Žƒ•‘…‹ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡ǥŽƒÂ’Â”ÂƒÂ–Â‹ÇŚ …ƒ†‡ŽŽ‘•’‘”–Â?ƒ”‡Â?†‘Â?‘ƒÂ?…Š‡’‹Î˜‹˜‹„‹Ž‡‹Ž–‡””‹–‘”‹‘dzǤƒ…‘ŽŽ‘…ƒ–ƒ‹Â? “—‡•–ƒ’”‘•’‡––‹˜ƒŽƒ”‡…‡Â?–‡ƒ’‡”–—”ƒƒŽ’—„„Ž‹…‘†‹—Â?ƒÂ?—‘˜ƒ’‹•–ƒ…‹…Ž‘ ’‡†‘Â?ƒŽ‡Ǥ ÂŽ•—‘’‡”…‘”•‘•‹•Â?‘†ƒ‹Â?–‡”ƒÂ?‡Â?–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘†‹•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‹ ’ƒ‡•ƒ‰‰‹Â?ƒ–—”ƒŽ‹‡…‘ŽŽ‡‰ƒŽƒœ‘Â?ƒ‘˜‡•–‡“—‡ŽŽƒ‡•–†‹ƒ‹”ƒÂ?‘Ǥ ÂŽ’‡”…‘”nj •‘”‡ƒŽ‹œœƒ–‘…‘•–‡‰‰‹ƒ‹Ž˜ƒ•‘‹•ƒ”†ƒ‡˜ƒƒ…‘Â?’Ž‡–ƒ”‡Žƒ”‡–‡†‹’‡”…‘”•‹ –”ƒ‹Ž…ƒ’‘Ž—‘‰‘‡Žƒˆ”ƒœ‹‘Â?‡‹‡˜‡†‹œ‹‘Ǥ

‡”‘ŽƒÂ?—‘˜ƒ —‘˜‘Â?‘†‡ŽŽ‘†‹†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–ƒ ‘Â?‘‹Â?ƒ””‹˜‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹Â?‘˜‹–Â?‹Â?Â?ƒ–‡”‹ƒ†‹”‹ˆ‹—–‹ƒ‡”‘ŽƒÂ?—‘˜ƒǤƒŽ’”‘••‹nj Â?‘Â?‡•‡†‹ÂƒÂ‰Â‘•–‘ǥ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄÂ?‡ŽŽƒ…‹––ƒ†‹Â?ƒ†‡ŽŽƒƒ••ƒ’ƒ”–‹”Â?—Â?ƒÂ?—‘˜ƒÂ?‘nj †ƒŽ‹–Â?†‹”ƒ……‘Ž–ƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄ…Š‡’”‡˜‡†‡ƒÂ?…Š‡Ž‘•Â?ƒŽ–‹Â?‡Â?–‘†‡ŽŽǯ—Â?‹†‘Ǥ

…‹––ƒ†‹Â?‹˜‡”‘Ž‡•‹˜‡””ƒÂ?Â?‘…‘•¿†‘–ƒ–‹†‹ƒ’’‘•‹–‹•ƒ……Š‡––‹‡†‹…ƒ••‘Â?‡––‹†‹ …‘Ž‘”‡Â?ƒ””‘Â?‡‹Â?•–ƒŽŽƒ–‹’‡”Ž‡˜‹‡†‡Ž’ƒ‡•‡Ǥ‘’‘Žƒ’”‹Â?ƒˆ‘”Â?‹–—”ƒ†‹…‘Â?ÇŚ –‡Â?‹–‘”‹†ƒ’ƒ”–‡†‡Ž‘Â?—Â?‡ǥ‹”‡•‹†‡Â?–‹’‘–”ƒÂ?Â?‘•—……‡••‹˜ƒÂ?‡Â?–‡—–‹Ž‹œœƒ”‡ ‹•ƒ……Š‡––‹„‹‘†‡‰”ƒ†ƒ„‹Ž‹†‡‹•—’‡”Â?‡”…ƒ–‹Č‹Â†Â‹ÂˆÂˆÂ‡Â”‡Â?–‹“—‹Â?†‹†ƒ“—‡ŽŽ‹’‡”‹ ”‹ˆ‹—–‹‹Â?†‹ˆˆ‡”‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂ–Â‹ČŒÇ¤‡”ˆƒ…‹Ž‹–ƒ”‡‹Â?‡–‘†‹†‹•Â?ƒŽ–‹Â?‡Â?–‘ǥÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡•‹°ˆƒ––ƒ’”‘Â?‘–”‹…‡ǥ‘Ž–”‡…Š‡†‡ŽÂ?ƒ–‡”‹ƒŽ‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒ–‹˜‘…‘Â? Ž‡‹•–”—œ‹‘Â?‹”‡Žƒ–‹˜‡ƒ‹–‹’‹†‹Â•Â…ÂƒÂ”Â–Â‹ÇĄƒÂ?…Š‡†‹ƒŽ…—Â?‡•‡”ƒ–‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒ–‹˜‡…Š‡ •‹•‘Â?‘•˜‘Ž–‡‹Â?“—‡•–‘Â?‡•‡†‹Ž—‰Ž‹‘Ǥ ÂŽÂ?—‘˜‘Â?‡–‘†‘Žƒ•…‹ƒƒ‹…‹––ƒ†‹Â?‹Žƒ Â?ƒ••‹Â?ƒŽ‹„‡”–Â?ȋ‡…‘Â?–‡•–—ƒŽÂ?‡Â?–‡Ž‹”‡•’‘Â?Â•ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‹ÂœÂœÂƒČŒ’‡”“—ƒÂ?–‘”‹‰—ƒ”†ƒ‹ –‡Â?’‹†‹…‘Â?•‡‰Â?ƒ†‡‹•ƒ……Š‡––‹†‡‹”‹ˆ‹—–‹†‘Â?‡•–‹…‹ǥˆ‹Â?‘Ġ‘”ƒ”‡•ƒ‹Â?’‘•nj •‹„‹Ž‡†ƒŽŽƒ”ƒ……‘Ž–ƒ’‘”–ƒƒ’‘”–ƒǤ ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‹•Â?ƒŽ–‹Â?‡Â?–‘Â”Â‹ÂˆÂ‹Â—Â–Â‹ÇĄ…Š‡ ’”‡˜‡†‡—Â?…‘•–‘–‘–ƒŽ‡†‹Í&#x;͚Ǥ͙͞͞‡—”‘ǥ†‹…—‹͙͚ǤÍ&#x;͚͠•–ƒÂ?œ‹ƒ–‹†ƒŽŽƒ”‘˜‹Â?ÇŚ …‹ƒ‡†ƒŽ–”‹ˆ‘Â?†‹ƒ––‡•‹†ƒŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡ǥ’—Â?–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—Â?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒ–ƒ †ƒŽÍœÍšÎŹƒ––—ƒŽ‡ƒŽÍžÍ?ΏǤČ‹Â‡Ç¤Â„Ç¤ČŒ

 

‘––‘Ž‡Â?‰‘ ƒ‰ƒ”ƒ†‡‹’‘Â?‘†‘”‹ Dz ÂŽÂ?‹‘’‘Â?‘†‘”‘°’‹Î‰”‘••‘†‡Ž–—‘dzǤƒ”–‡Žƒ•ˆ‹†ƒƒŽŽ‡•—’‡”˜‡”†—”‡ǤÇŻ•nj •‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Dz ‘––‘Ž‡Â?‰‘ÍšÍ˜Í˜Í˜Çł‘”‰ƒÂ?‹œœƒ’‡”†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͛Ž—‰Ž‹‘Žƒ’”‹Â?ƒ ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž’‘Â?‘†‘”‘’‹Î‰”‘••‘˜‘Ž–ƒƒ˜ƒŽ‘”‹œœƒ”‡Žƒ…—Ž–—”ƒ†‡‰Ž‹‘”–‹‡ Žƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ†‡ŽŽ‡•’‡…‹‡…‘Ž–‹˜ƒ–‡‡†‡ŽŽ‡Ž‘”‘˜ƒ”‹‡–Â?ǤÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡˜‹˜‡ †‡ŽŽǯ‡Â?–—•‹ƒ•Â?‘‡†‡ŽŽƒ’ƒ••‹‘Â?‡†‡‹•—‘‹•‘…‹ǥ…‘Â?˜‹Â?–‹ƒ••‡”–‘”‹‡…—Ž–‘”‹†‹ —Â?Â?‘†‡ŽŽ‘†‹˜‹–ƒ•ƒÂ?ƒ†ƒ”ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡’—Â?–ƒÂ?†‘ƒÂ?…Š‡•—ŽŽƒ“—ƒŽ‹–Â?†‡‹…‹nj „‹ƒ–ƒ˜‘ŽƒǤƒÂ‰ÂƒÂ”ÂƒÇĄ†‹…‘Â?‘‹•‘…‹ǥ†‡˜‡†‹˜‡Â?–ƒ”‡—Â?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘•–ƒ„‹Ž‡ †‡Ž’ƒ‡•‡Ǥ ‘––‘Ž‡Â?‰‘ǥ…‘Â?Ž‡•—‡’”‹Â?‹œ‹‡‡Ž‡•—‡‡……‡ŽŽ‡Â?ÂœÂ‡ÇĄ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒŽƒ Ž‘…‘Â?‘–‹˜ƒ†‡Ž•‹•–‡Â?ƒƒ‰”‘ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‡†‡ŽŽƒƒ••ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒǤƒÂ?ƒÂ?Â‹ÂˆÂ‡Â•Â–ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡•‹•˜‘Ž‰‡”Â?’”‡••‘Žƒ ‡””ƒÂ?‡Â?–ƒ‘”ƒÂ?†‹‹Â?˜‹ƒ‹”…‘Â?˜ƒŽŽƒœ‹‘Â?‡‡”ƒ †‘˜‡…‹•ƒ”Â?‹Ž”‹–”‘˜‘‡Žƒ’‡•ƒ–—”ƒ†‡Ž’”‘†‘––‘ǥ†ƒŽŽ‡͙͘ƒŽŽ‡͙͚†‹†‘Â?‡Â?‹…ƒ ͙͛Ž—‰Ž‹‘Ǥ‹……Š‹‹’”‡Â?‹Ǥƒ‰ƒ”ƒ°ƒ’‡”–ƒƒ–—––‹ǥ„ƒ•–ƒ’‘”–ƒ”‡—Â?’‘Â?‘†‘”‘Ǥ


͙͚

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‘Â?…ƒ”ƒŽ‡ Dz”–‹•–‹‹Â?Â‘Â…Â…ÂƒÇłˆ‹Â?‘ƒ•‡––‡Â?„”‡ L’amministrazione comunale ha organizzato anche quest’anno “Artisti in Rocca 2011â€?, un ricco programma di eventi estivi. “Il programma di Artisti in Rocca – racconta il sindaco Giuseppe Migliorati (nella foto, il Municipio) – rispetto alle piĂš recenti edizioni, presenta almeno due novitĂ : la prima consiste nella partecipazione attiva e preziosissima delle realtĂ  vitivinicole e agroalimentari del nostro territorio, che non producono soltanto pregevoli

generi di consumo, ma anche autentica “cultura materialeâ€?, contribuendo alla deďŹ nizione e al consolidamento dell’identitĂ  complessiva della comunitĂ . La seconda è rappresentata dal ritorno nella Rocca degli artisti e delle loro opereâ€?. La rassegna, iniziata il 20 luglio, durerĂ  ďŹ no all’11 settembre. Numerosi gli appuntamenti, fra cui ďŹ lm, concerti e spettacoli teatrali. Il prossimo è il concerto per quintetto d’ottoni, con il gruppo Brass che proporrĂ 

musica classica e moderna. La serata musicale, domenica 28 agosto alle 21, è ospitata a palazzo Girelli di Borgo Poncarale. Contestualmente sarĂ  allestito uno stand di degustazione di vini a cura delle aziende del Consorzio tutela dei vini di Capriano del Colle. Di rilievo l’appuntamento del 9 settembre, giorno in cui prende il via “Poncarale e Borgo in festaâ€?. La manifestazione si apre con il concerto della Banda di PoncaraleFlero, dedicato al 150° anniversario

dell’UnitĂ  d’Italia, e si conclude domenica 11 con la “Festa del toroâ€?. “Nell’esprimere soddisfazione per il numero e la qualitĂ  degli eventi – conclude il sindaco Migliorati – formulo l’auspicio che essi possano incontrare il gradimento dei nostri concittadini ed esprimo sentita gratitudine, a nome dell’amministrazione, a tutti coloro, persone ed enti, che con generositĂ  e intelligenza si sono adoperati e si adopereranno per il felice esito della manifestazioneâ€?. (mtm)

 ƒ’”‹ƒ�‘†‡Ž‘ŽŽ‡•‡––‡�„”‡Žƒ†‡…‹•‹‘�‡ˆ‹�ƒŽ‡

,O&RPXQHGLFHQR DOODFHQWUDOH Â?‘Â?‹–ƒ–‘•’‘Â?–ƒÂ?‡‘†‹…‹––ƒ†‹Â?‹Šƒ”ƒ……‘Ž–‘…‡Â?–‹Â?ƒ‹ƒ†‹ˆ‹”Â?‡‡Šƒƒˆˆ‹ƒÂ?…ƒ–‘Žƒ ‰‹—Â?–ƒČ‹ÂƒÂ˜Â‡Â˜Âƒ‰‹Â?‡•’”‡••‘‹Ž’ƒ”‡”‡Â?‡‰ƒ–‹˜‘ƒŽŽƒ”‘˜‹Â?Â…Â‹ÂƒČŒ…Š‡Šƒ†‡––‘Â?‘ƒŽ’”‘‰‡––‘   

 

8

n no convinto. Il consiglio comunale di Capriano del Colle si è riunito, sotto gli occhi attenti del comitato civico Salute e Ambiente dei cittadini, per decidere della spinosa proposta di insediamento di una nuova centrale termoelettrica ad oli vegetali, palma e colza in prevalenza. Un no unanime ne è emerso. La giunta comunale aveva già espresso parere negativo alla Provincia che, dopo una iniziale forte resistenza, sembra essersi lasciata convincere dalle motivazioni del no e non essere piÚ intenzionata ad un’approvazione d’ufficio del progetto. Il Comitato spontaneo di cittadini ha raccolto in pochi giorni centinaia di firme e ha affiancato la giunta nella presa di posizione contraria al progetto per una serie ben definita di motivi. PerchÊ l’impianto da 3,6 megawatt proposto dalla azienda Sei di Bergamo sarebbe ubicato troppo vicino alle case, via Carlo Alberto Dalla Chiesa si trova a meno di 80 metri dall’abitato. PerchÊ questo tipo di Centrale termica produrrebbe rumori, vibrazioni; odori. PerchÊ emetterebbe inquinanti: polveri sottili pm 10 (ne sarebbero prodotti circa 40 kg al giorno) e pm 2,5 in una zona già fortemente provati dalle fornaci della Danesi e dall’alta densità di traffico proveniente dalla Sp IX e della Sp 19. PerchÊ Capriano, infine, è una zona di viticoltori e un

ǯ‹Â?’‹ƒÂ?–‘Ġ‘Ž‹ Â˜Â‡Â‰Â‡Â–ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ’ƒŽÂ?ƒ‡ …‘Žœƒ†ƒ͛ǥ͞Â?‡‰ƒ™ƒ–– •ƒ”‡„„‡—„‹…ƒ–‘˜‹…‹Â?‘ ƒŽŽƒÂ…ÂƒÂ•Â‡ÇŁ’”‘†—””‡„„‡ ”—Â?‘”‹‡‘†‘”‹ incremento dell’inquinamento non farebbe che un danno agli abitanti avvantaggiando solamente l’azienda proprietaria che potrebbe beneficia-

re dei certificati regionali emessi per favorire questi impianti. La centrale, che sarebbe composta da quattro impianti non cogenerati per un totale di otto motori da 455 chilowatt di potenza, brucerebbe quasi 22 tonnellate di olio vegetale al giorno. Un dato significativo perchÊ la produzione di olio di colza e altri biocombustibili è legata al problema della necessità di colture estensive, che richiedono grandi superfici di terreno, sottratte alla produzione di grano per il consumo alimentare. Inoltre queste estese coltivazioni si trovano prevalentemente in America Latina e in India, i lunghi viaggi per il trasporto via mare dei combustibili comporterebbe un significativo grado di inquinamento sminuendo immediatamente l’unico valore di questi impianti e cioè che il biocarburante inquina il 98% in meno del normale gasolio. Le sorti del progetto si decideranno a settembre nella conferenza di servizio alla quale parteciperanno, oltre al Comune di Capriano, la Provincia, l’Asl e l’Arpa. Nel frattempo le opposizioni hanno invitato il sindaco e la sua giunta a lavorare per fornire una linea di difesa forte dei dati scientifici necessari ad arginare la proposta dell’azienda bergamasca. Anche il comitato civico non intende arrendersi e ha già organizzato per settembre un incontro pubblico con don Scalmana dell’Ufficio di pastorale del creato.

‡�‘ ’‡”–‡Ž‡‹•…”‹œ‹‘�‹ ƒŽŽƒ—„‡•

‡”‡••‡”‡•‡Â?’”‡ƒŽ’ƒ••‘…‘Â? Ž‘•–—†‹‘‡’‡”Â?ƒÂ?–‡Â?‡”‡ŽƒÂ?‡nj Â?‘”‹ƒƒ––‹˜ƒǤ ‹Â?’”‘Â?–‘‹ŽÂ?—‘˜‘ …‹…Ž‘†‹‹Â?…‘Â?–”‹†‡ŽŽƒDz—„‡•dzǥŽƒ ‹„‡”ƒ—Â?‹˜‡”•‹–Â?†‡‹ƒÂ?–‹‡Â?‡nj †‡––‘‡…‘Žƒ•–‹…ƒ†‹‡Â?‘ǥ…Š‡Šƒ ƒ’‡”–‘‹•…”‹œ‹‘Â?‹’”‡••‘Žƒ•‡‰”‡nj –‡”‹ƒ†‡ŽŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‘Â?‹Â?ÂƒÇŚ –‘‡‘Â?‡Â?•‡ǥ‹Â?˜‹ƒƒ”…‘Â?‹͚͠ ƒ‡Â?‘Ǥ ‡Ž‡œ‹‘Â?‹•‹–‡””ƒÂ?Â?‘‹Â?‹ŽŽƒÂƒÇŚ †‹ƒƒ‹ŽÂ?‡”…‘Ž‡†¿’‘Â?‡”‹‰‰‹‘Â†ÂƒÂŽÇŚ Ž‡Í™Í?ƒŽŽ‡͙͞Ǥ͛͘Ǥ ”ƒ‹–‡Â?‹†‡ŽŽ‡’”‘••‹Â?‡Ž‡œ‹‘Â?‹ Â?‘Â?’‘–‡˜ƒÂ?ƒÂ?…ƒ”‡‹Ž‹•‘”‰‹nj Â?‡Â?–‘‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘ǥ…‘Â?—Â?ƒ’’”‘ˆ‘Â?ÇŚ †‹Â?‡Â?–‘†‡†‹…ƒ–‘ƒŽ”—‘Ž‘†‡ŽŽ‡ †‘Â?Â?‡‡†—Â?ƒ˜‹•‹–ƒƒŽŽƒÂ?‘•–”ƒ DzÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘‹•‘”‰‹Â?‡Â?–‘Ǥ •‘Žƒ‘nj ˜ƒ”‡•‡’‹……‘Žƒ’‹‡–”ƒÂ?‡Ž‰”ƒÂ?ÇŚ †‡‡†‹ˆ‹…‹‘†‡ŽŽǯ Â?†‹’‡Â?†‡Â?œƒ‡‹Ž ‰‡Â?Ǥ ”ƒÂ?…‡•…‘Â‹Â•Â–Â‘ÂŒÂƒÇłÇĄÂƒÂŽÂŽÂ‡Â•Â–Â‹ÇŚ

–ƒĠ •‘Žƒ‘˜ƒ”‡•‡Č‹”‡Â?‘Â?ÂƒČŒÇ¤ ‹’ƒ”Ž‡”Â?ƒÂ?…Š‡†‹‡Â?‘ǥŽƒÂ…Â‹Â–Â–ÂƒÇŚ †‹Â?ƒ‹Â?…—‹•‹•˜‘Ž‰‡Žƒ—„‡•Ǣ’‡” •…‘’”‹”‡Ž‡’”‡œ‹‘•‡‘’‡”‡Â†ÇŻÂƒÂ”ÇŚ –‡‰‡Ž‘•ƒÂ?‡Â?–‡…—•–‘†‹–‡Â?‡ŽŽ‡ …Š‹‡•‡†‡Ž’ƒ‡•‡‡ǥ‹Â?‘Ž–”‡ǥÂƒÂ’ÇŚ ’”‡Â?†‡”‡Â?‘…‘Â?‡°Â?ƒ–‘‹Ž‘nj Â?—Â?‡†‹‡Â?‘Ǥ ‘Â?•‘Ž‘ƒ”–‡‡Â•Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇŁ•‹‹Â?Â’ÂƒÂ”Â‡ÇŚ ”Â?ƒ…‘Â?‘•…‡”‡Ž‡•–‡ŽŽ‡ǥƒ…ƒ’‹”‡ ‹Ž†‹˜‡”•‘Â?‘†‘†‹…‘Â?—Â?‹…ƒ”‡ ˆ”ƒ—‘Â?‘‡†‘Â?Â?ÂƒÇĄƒÂ?†”‡Â?‘Ġ ‹Â?†ƒ‰ƒ”‡Ž‡Â?‘–‹˜ƒœ‹‘Â?‹†‡Ž’‡”nj …Š¹Žǯ—‘Â?‘…”‡†‡‹Â?‹‘Ǥ —‡•–‘‡Â?‘Ž–‘ƒŽ–”‘Â?‡ŽÂ?—‘˜‘ ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‡ŽŽƒ—„‡•ǥ’‡”—Â? ƒÂ?Â?‘ƒ……ƒ†‡Â?‹…‘…Š‡•‹’”‡ƒÂ?ÇŚ Â?—Â?…‹ƒ†‹•’‡••‘”‡‡“—ƒŽ‹–Â?Ǥ”nj ‰ƒÂ?‹œœƒÂ?‘Žƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‘Â?‹nj Â?ƒ–‘‡‘Â?‡Â?•‡ǥÂŽÇŻ •–‹–—–‘–‡…Â?‹…‘ •—’‡”‹‘”‡ƒ’‹”‘Žƒ‡‹Ž‘Â?—Â?‡†‹ ‡Â?‘ǤČ‹Â’Â‹Â‘ČŒ


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹ ‡ƒ–”‘‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡Â?‡ŽŽƒŽ‘…ƒŽ‹–Â?”‹˜‡ŽŽ‹Â?‹ L’associazione “I saggi e i folliâ€? ha allestito una serie di eventi. Dopo il successo della scorsa estate, è in programma una tappa della rassegna “La maschera e il suo doppioâ€? a cura dell’UniversitĂ  cattolica di Brescia e del Centro universitario teatrale. Il titolo dell’evento è esplicativo: “Care memorie, i volti e le maschere; antropologia del ricordo, il mito dell’eterno ritorno nella saggezza popolare contadinaâ€? in cui protagonista sarĂ  la storia locale

che va ad inserirsi nella macrostoria nazionale. Si inizierĂ  con un seminario teatrale-residenziale (dall’8 al 20 agosto), con la partecipazione di attori provenienti da vari Paesi europei, il clou della rassegna è in programma il 18, 19, 20 agosto alle ore 20.30 nella localitĂ  Trivellini di Montichiari. “La didattica del seminario – spiega Marina Beatini dell’associazione I saggi e i folli – verte sull’esperienza del barattoâ€?, cosĂŹ come sperimentato dall’Odin Teatre

͙͛

‡Â?‘ Š‹‡•ƒ‹Â?…ƒ•…‹Â?ƒ da molti anni. Docenti saranno i percussionisti Rita Superbi e Catia Castagna, Mauro Vizioli, che si occupa di lavoro sulla maschera e Mariko Irie, attrice giapponese allieva della Accademia d’arte drammatica di San Pietroburgo. Ad essi si afďŹ ancheranno alcuni studiosi di quella cultura popolare locale e sovralocale che verrĂ  rappresentata in scena, realizzando il momento del “barattoâ€? di culture. L’evento è a ingresso libero; per informazioni: 030/9656309. (f.m.)

VenerdÏ 28 luglio festa dei martiri Nazaro e Celso ai quali è dedicata la chiesetta della cascina Pluda di Leno sulla strada campestre per Calvisano. Alle 20.30 mons. Franco Bertoni (nella foto), ex curato della parrocchia di Leno negli anni sessanta, celebrerà la Messa alla quale seguirà la festa. Da giugno a settembre la chiesa è aperta dalle ore 15 alle 17. All’interno i visitatori possono trovare tutte le informazioni storiche sulla costruzione. Info al 0309038463.



‹Ž‘•‘ˆ‹Ž—Â?‰‘ÂŽÇŻ‰Ž‹‘Š‹—•ƒŽƒ ‡†‹œ‹‘Â?‡

/DILORVRILDULOHWWD LQSLD]]HHFDVFLQH ‡”Â?‹Â?ƒ–ƒ—Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ‡†‹œ‹‘Â?‡†‹•—……‡••‘†‡Ž Â‡Â•Â–Â‹Â˜ÂƒÂŽÇĄ’‡”‹Ž’”‘••‹Â?‘ƒÂ?Â?‘°’”‡˜‹•–‘ –”ƒ‰‡Â?Â?ƒ‹‘‡ˆ‡„„”ƒ‹‘—Â?…‹…Ž‘†‹‹Â?…‘Â?–”‹†‡†‹…ƒ–‹ƒŽŽƒ ‹‘”Â?ƒ–ƒ†‡ŽŽƒÂ?‡Â?‘”‹ƒ   

8

n’edizione feliceâ€?. Richiamando il tema scelto per quest’anno, Francesca Nodari commenta cosĂŹ il successo della manifestazione che anche quest’estate si è spostata tra piazze, cascine e chiese della Bassa offrendo alle persone la possibilitĂ  di serate di alto livello con relatori d’eccezione. L’idea di un festival itinerante e distribuito su un lungo periodo, innovativa rispetto a quelli tradizionali, si è rivelata vincente e apprezzata da tutti i partner dell’iniziativa, riuniti a Palazzo Loggia per la conferenza di chiusura. Per il Comune di Brescia, per esempio, l’assessore alla cultura Andrea Arcai ha espresso grande soddisfazione in proposito: “Abbiamo offerto patrocinio e contributo perchĂŠ in questa iniziativa crediamo davvero e ci auguriamo che possa continuare ed aumentare la capacitĂ  di accoglienza delle persone. Sosteniamo volentieri iniziative private che possano essere utili alla comunitĂ , secondo il principio della sussidiarietĂ â€?. I medesimi giudizi positivi sono venuti anche dai rappresentanti della Bcc di Pompiano Franciacorta e di Cogeme, sponsor economici del Festival, nonchĂŠ dai sindaci dei paesi coinvolti, su tutti Andrea Ratti di Orzinuovi e Simona Plodari di Brandico. Tra le novitĂ  di quest’anno gli



”ƒÂ?…‡•…ƒÂ‘Â†ÂƒÂ”Â‹ÇŁ Dz ÂŽ ‡•–‹˜ƒŽ°…”‡•…‹—–‘ •‘––‘–—––‹‹’—Â?–‹†‹ ˜‹•–ƒǤÂ?†ƒ–‘…Š‡…‹ …‘Â?ˆ‘”–ƒ°ÂŽÇŻÂƒÂ—Â?‡Â?–‘†‡‹ ˜‹•‹–ƒ–‘”‹•—ŽÂ?‘•–”‘•‹–‘dz “istant-booksâ€?, cioè volumi stampati in occasione delle singole serate che contengono gli interventi dei relatori. La pubblicazione è curata dalla Compagnia della Stampa MassettiRodella che si occupa anche dei volumi collectanei che riuniscono tutti gli interventi di ogni edizione. Era

una Francesca Nodari emozionata quella che ha disegnato un quadro d’insieme dell’edizione 2011 di “Filosofi lungo l’Oglioâ€?, proponendo una chiave d’interpretazione unitaria della manifestazione: “Il nostro Festival è cresciuto da tutti i punti di vista, ad oggi abbiamo avuto in tutto circa 6200 spettatori, moltissimi dei quali di giovane etĂ . Un altro dato che ci conforta è l’aumento dei numeri di visitatori sul nostro sito, quasi raddoppiato rispetto allo scorso anno. Anche nei Comuni che per la prima volta sono stati coinvolti nel nostro lungo peregrinare nel suggestivo paesaggio della nostra Bassa, come Dello e Brandico, abbiamo avuto un’ottima risposta di pubblico, attestatosi sulle 450-500 personeâ€?. Il motivo di tanto successo va ricercato, secondo la Nodari, nella risposta che un evento del genere fornisce ad un “bisogno socialeâ€? avvertito dalla gente, secondo la definizione coniata da Bernhard Casper. L’organizzazione ha annunciato per i primi mesi del 2012 la nascita di un’iniziativa che può in qualche modo essere considerata una “costolaâ€? di “Filosofi lungo l’Oglioâ€?. Gli stessi attori dell’iniziativa che da sei anni porta la filosofia nei paesi della Bassa saranno impegnati tra gennaio e febbraio del prossimo anno in un ciclo di incontri dedicati alla Giornata della memoria.

‹•–”‡––‘ƒ••ƒ…‡Â?–”ƒŽ‡ ”‡‘Â?—Â?‹‹Â?•‹‡Â?‡’‡”‹Ž…‘Â?Â?‡”…‹‘ ”‡‘Â?—Â?‹ǥƒÂ?‡”„‹‘ǥƒ••ƒÂ?‘”‡•…‹ƒÂ?‘‡‡”‘ŽƒÂ?—‘˜ƒ‹Â?•‹‡Â?‡Â?‡Ž‹nj •–”‡––‘…‘Â?Â?‡”…‹ƒŽ‡†‡ŽŽƒƒ••ƒ…‡Â?–”ƒŽ‡…‘Ž’”‘‰‡––‘†‹’‘”–ƒ”‡ƒƒÂ?‡”nj „‹‘‹ŽÂ?‘Â?†‘†‡Ž˜‹Â?Â–ÂƒÂ‰Â‡ÇĄ…Š‡Â?‡‰Ž‹—Ž–‹Â?‹ƒÂ?Â?‹°•–ƒ–‘”‹˜ƒŽ—–ƒ–‘†ƒ‹’‹Î‰”ƒÂ?ÇŚ †‹•–‹Ž‹•–‹‡†‡•‹‰Â?‡”†‡ŽÂ?‘Â?†‘ǥ‹Â?’Ž‡Â?‡Â?–ƒÂ?†‘Ž‘ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ǤǤ ƒÂ?‡”„‹‘’”‡•‡Â?„–‡”Â?Žƒ–‡”œƒ‡†‹œ‹‘Â?‡†‹‡•–‡”†ƒ›Â?‡Ž’ƒ”…‘†‹’ƒŽƒœœ‘ —œœƒ‰‘•‡†‡†‡ŽÂ?—Â?‹…‹’‹‘•ƒ„ƒ–‘ÍšÍ&#x;Č‹Â†ÂƒÂŽÂŽÂ‡͙͘ƒŽŽ‡ÍšÍ›ÇĄÍ›Í˜ČŒ‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͠ ƒ‰‘•–‘Č‹Â†ÂƒÂŽÂŽÂ‡͙͘ƒŽŽ‡Í™ÍĄČŒÇĄ‹Â?…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒƒŽŽƒˆ‹Â?ƒŽ‡†‡Ž–‘”Â?‡‘‹Â?–‡”Â?ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?ƒŽ‡†‹–‡Â?Â?‹•Ǥǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ‡…‘‘”†‹Â?ƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘”‡ƒŽ…‘Â?Â?‡”…‹‘ƒÂ?‹‡nj ŽƒƒŽ‡Â?–‹Â?‹ǥ…‘Â?Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž„„Č‹‹•–”‡––‘„ƒ••ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ÂƒČŒÇĄ’‡” …—‹‡•–‡”†ƒ›…”‡•…‡†‹‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?‡†‹œ‹‘Â?‡’ƒ••ƒÂ?†‘†ƒ‹͚͘‹Â?‹œ‹ƒŽ‹ƒ‹Í›Í?†‹ Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘Ǥ Â?‡•’‘•‹œ‹‘Â?‡—Â?ƒ˜ƒ•–ƒ‰ƒÂ?Â?ƒ†‹’”‘†‘––‹ÇŁƒ„„‹‰Ž‹ƒÂ?‡Â?–‘ǥ „‘”•‡ǥÂ‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄÂ…ÂƒÂ’Â’Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄ’‡ŽŽ‹……‡ǥ‰‹‘‹‡ŽŽ‹ǥŽ‹„”‹ǥ˜‹Â?‹Ž‹‡’‡œœ‹†‹Â?‘†‡”Â?ƒ”‹ƒ–‘Ǥ ‡”–—––ƒŽƒ†—”ƒ–ƒ†‡ŽŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡•ƒ”Â?ƒ––‹˜‘‹Ž•‡”˜‹œ‹‘„ƒ”ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘ †‡Ž’ƒ”…‘‰‡•–‹–‘†ƒŽ‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†ÇŚÂ‘Â?‡†‹’‹ƒœœƒ”Â?ƒŽ†‘Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ†ƒŽ”‹•–‘”ƒÂ?ÇŚ –‡ ƒ„‹†‹†‹‡Â?‘Ǥ—”ƒÂ?–‡–—––ƒŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡‡•–‡”†ƒ›’”‘’‘””Â?Â?—nj •‹…ƒ…‘Â?ÂŒ•‡–‡˜‹†‡‘‹Â?•–ƒŽŽƒœ‹‘Â?‹ǥÂ?‡ŽŽƒ•‡”ƒ–ƒ†‹Â•ÂƒÂ„ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ?—•‹…ƒ†ƒŽ˜‹˜‘Ǥ ÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘•ƒ”Â?Â•Â—Â’Â’Â‘Â”Â–ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡Ǥ

‹‰Â?ƒÂ?‘ …ƒ……‘Â?ƒ––‘‹Â?•–‹Ž‡”‹Â?ƒ•…‹Â?‡Â?–ƒŽ‡ ‹‰Â?ƒÂ?‘ǥˆ”ƒœ‹‘Â?‡†‹ÂˆÂˆÂŽÂƒÂ‰ÂƒÇĄ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹•‹•–ƒÂ?Â?‘Â?‘„‹Ž‹–ƒÂ?†‘’‡”Žƒ’ƒ”–‹–ƒ ˜‹˜‡Â?–‡ƒÂ•Â…ÂƒÂ…Â…ÂŠÂ‹ÇĄ’”‘’‘•–ƒ’‡”Žƒ’”‹Â?ƒ˜‘Ž–ƒÂ?‡ŽÍ™ÍĄÍĄÍ˜Ç¤Ž–”‡͙͘͘’‡”•‘Â?ÂƒÂ‰ÇŚ ‰‹‹Â?…‘•–—Â?‡”‹Â?ƒ•…‹Â?‡Â?–ƒŽ‡’‡”Žƒ•ˆ‹†ƒ…Š‡”‹‡˜‘…ƒŽƒ„ƒ––ƒ‰Ž‹ƒ†‹‹‰Â?ƒÂ?‘ …‘Â?„ƒ––—–ƒ‹ŽÍšÍ?‰‹—‰Â?‘͙͙͜͜†ƒŽŽ‡–”—’’‡†‡Ž—…ƒ–‘†‹‹ŽƒÂ?‘ƒ••‡””ƒ‰Ž‹ƒ–‡ Â?‡Ž…ƒ•–‡ŽŽ‘‡†ƒŽŽ‡ˆ‘”œ‡†‡ŽŽƒ‡”‡Â?‹••‹Â?ƒ‡’—„„Ž‹…ƒ†‹‡Â?‡œ‹ƒ…Š‡–‡Â?Â–ÂƒÇŚ ”‘Â?‘‹Â?—–‹ŽÂ?‡Â?–‡†‹•—’‡”ƒ”‡Ž‡ˆ‘”–‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‹Ǥ‡ƒ–”‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘”‹‡˜‘…ƒ–‹˜‘ •ƒ”Â?†‹ˆ”‘Â?–‡ƒ“—‡Ž…Š‡”‡•–ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…‘…ƒ•–‡ŽŽ‘Ǥ Â?Â?‘Â?‡Â?–‹†‹˜‡”•‹ŽƒÂ”ÂƒÂ’ÇŚ ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡ǣŽ‘•’‡––ƒ…‘Ž‘†‡‰Ž‹•„ƒÂ?†‹‡”ƒ–‘”‹‡†‡‹–ƒÂ?„—”‹Â?‹ǥŽƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ †‡ŽŽǯ‹Â?˜‡•–‹–—”ƒ†‡‹…‘Â?†‘––‹‡”‹ǥŽƒ’ƒ”–‹–ƒ‡Žƒ•…‡Â?ƒ†‡ŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘ˆ”ƒ‹ƒÂ?ÇŚ …ƒƒ”‹ƒ‹•…‘Â?–‹‡‹Ž…‘Â?–‡ ”ƒÂ?…‡•…‘ˆ‘”œƒǤÂ—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘”‹…‘””‡Â?†‘‹ŽÍ?Í&#x;Í˜Îť ƒÂ?Â?Â‹Â˜Â‡Â”Â•ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄÂŽÇŻÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡…‘ŽŽ‘…Š‡”Â?•—ŽÂ?—”‘†‡Ž…ƒ•–‡ŽŽ‘ —Â?ƒŽƒ’‹†‡ƒ”‹…‘”†‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?‹Â?‡Â?–‘Ǥ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡•‘Â?‘…—”ƒ–‡†ƒŽŽƒ”‘Ž‘nj …‘ǣ†‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͙ƒ‰‘•–‘†ƒŽŽ‡͙͠Ǥ͛͘Â?‡ŽŽƒ’‹ƒœœƒ†‹‹‰Â?ƒÂ?‘’‡”…‘Â?…Ž—†‡”‡Žƒ ˆ‡•–ƒ†‹ˆ‹Â?‡‡•–ƒ–‡†‹˜‡Â?‡”†¿͙ͥǥ•ƒ„ƒ–‘͚͘‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͙ǤÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡ Šƒ†‡…‹•‘†‹ƒ’’‘‰‰‹ƒ”•‹’‡”Žƒ…—…‹Â?ƒƒŽ‰”—’’‘—Â?ƒDz‘Â?‡Â?‹…ƒÂ‹Â˜Â‡Â”Â•ÂƒÇłÇĄÂ˜Â‘ÇŚ Ž‘Â?–ƒ”‹…Š‡”ƒ……‘‰Ž‹‡”ƒÂ?Â?‘ˆ‘Â?†‹†‡•–‹Â?ƒ–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…“—‹•–‘†‹ƒ––”‡œœƒ–—”‡‘Â?‡œœ‹ †‡•–‹Â?ƒ–‹ƒ‹„ƒÂ?„‹Â?‹Â†Â‹Â•ÂƒÂ„‹Ž‹ǥ’‡”…Š¹•‹’—Öˆƒ”‡†‡Ž„‡Â?‡ƒÂ?…Š‡†‹˜‡”–‡Â?†‘•‹Ǥ

    ÇĄ         

ƒÂ?‡”„‹‘ Dz‹Â?Â?‹†‹•¿dz‰‹‘…ƒÂ†ÇŻÂƒÂ?–‹…‹’‘ ƒŽ͚͚ƒŽ͚͠ƒ‰‘•–‘•…ƒ––ƒ‹Ž–‘”Â?‡‘†‹–‡Â?Â?‹•ƒÂ?‡”„‹‘’‡”Žƒ͛͠ƅ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž DzÂƒÂ˜Â‘ÂŽÂ†Â‹ÇŚÖdzǥÍ?Í”‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž–”‘ˆ‡‘Dz‹Â?Â?‹†‹•¿dzǤÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡°…‘Â?’Ž‡nj –ƒ…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â‘Â”Â–Â‘†‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹…Š‡ƒˆˆ‹ƒÂ?…ƒÂ?‘ ‹ƒÂ?Â?‹ƒŽ†‹Â?‹ǥ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡Ž•‘nj †ƒŽ‹œ‹‘…—‹•–ƒÂ?Â?‘ƒˆˆŽ—‡Â?†‘Ž‡ƒ†‡•‹‘Â?‹ǤDz ÂŽÂ?‘•–”‘°—Â?–‘”Â?‡‘‡Â?–—•‹ƒ•Â?ƒÂ?–‡ Č‚†‹…‡ ‹—•‡’’‡ÂƒÂ–Â–ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹Â‘ÂŽÂƒÇĄÂ?—Â?‡”‘—Â?‘†‡ŽŽƒ‹Â?‡ƒ‡”†‡•’‘Â?•‘”—ˆˆ‹…‹ƒŽ‡ †‡Ž–‘”Â?‡‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?•‡‰Â?ƒ†‡ŽÂ?ƒ”…Š‹‘‹Â?Â?‹†‹‹Č‚‡Â?‡•‹ƒÂ?‘‘”‰‘‰Ž‹‘•‹†‹ˆƒ”Â?‡ ’ƒ”–‡ǤƒŽ‡˜ƒ…Š‡…‹•’‹Â?‰‡ƒ•‘•–‡Â?‡”‡“—‡•–‘‡˜‡Â?–‘°—Â?†‘˜‡”‘•‘•‡Â?•‘ †‹’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ƒ—Â?ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ǥ…Š‡•’‡”‹ƒÂ?‘’‘••ƒ‡••‡”‡†‹ “—ƒŽ‹–Â?•—’‡”‹‘”‡‡†‹„—‘Â?ƒ—•’‹…‹‘’‡”ŽƒÂ?‘•–”ƒƒœ‹‡Â?Â†ÂƒÇĄ’‡”–—––‡“—‡ŽŽ‡ …Š‡‘’‡”ƒÂ?‘Â?‡Ž–‡””‹–‘”‹‘ǥ’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡‡’‡”Žƒ‰‡Â?–‡dzǤ ”ƒ‹„”‡•…‹ƒÂ?‹°’”‡˜‹•–ƒÂŽÇŻÂ‹Â•Â…”‹œ‹‘Â?‡†‹Ž„‡”–‘Â”Â‹ÂœÂœÂ‹ÇĄ–”ƒ‹’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‡ŽŽƒ ’ƒ••ƒ–ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡ǥ˜‹Â?–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘ŽƒÂ?†‡•‡‘„‹Â? ƒƒ•‡Ǥ


͙͜

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‘Ž‘‰Â?‡ Â?ƒÂ?‘•…Š‡ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘”‹œœ‘Â?–‡Ǎ A Cologne si torna a parlare di spazi per luoghi di culto. “Una comunitĂ  civile deve attuare tutte le possibilitĂ  per integrare al meglio le persone nel tessuto sociale – ha ribadito il sindaco Danilo Verzeletti, durante l’ultimo consiglio e in risposta alle accuse lanciate dal Gruppo Lega Nord che ha invitato “a riettere sulle ripercussioni sociali che la realizzazione di un’eventuale moschea a Cologne potrebbe comportareâ€?. “Si tratta di garantire l’esercizio di un

fondamentale diritto civile e religioso – speciďŹ cano dal Comune – : la relazione della Variante di salvaguardia adottata il 2 dicembre 2009 affermava che non erano piĂš consentiti luoghi di culto nella zona residenziale e che il Comune avrebbe individuato i luoghi dove sarebbe stato possibile esercitare il cultoâ€?. Ora la variante deďŹ nitiva al Pgt è in corso d’adozione e l’Amministrazione ha individuato una zona da adibire a luoghi di culto per le necessitĂ  dei colognesi:

si tratta di un’area ubicata lungo la strada per Palazzolo, subito a ovest di via Peschiera appena superata la rotonda. “Precisiamo che tale individuazione – precisano dal Comune – non signiďŹ ca l’insediamento di questo o quel culto: ogni decisione sarĂ  presa sulla base delle richieste, solo dopo la stipula di una convenzione e gli oneri ďŹ nanziari saranno a carico degli eventuali acquirentiâ€?. Mentre prosegue la raccolta ďŹ rme della Lega contro la Variante al Pgt,

nell’area di via Brescia oggetto di polemiche il 25 luglio si è svolto coinvolgendo i Comuni limitroďŹ il comizio “Moschea? No grazieâ€?. In merito ai dati tecnici, si parla di un appezzamento di circa 1320 mq, su cui potrebbe sorgere una moschea dalla capienza massima di 150 persone e dotata di un eventuale minareto non piĂš alto però di 12 metri. La discussione proseguirĂ  il 28 luglio durante l’assemblea pubblica sul Pgt alle 20.30 alle scuole medie. (a.s.)

    ‘�—�‹”‹…‹…Ž‘�‹‡‰ƒ�„‹‡�–‡

/D)UDQFLDFRUWD QHOODOLVWDYHUGH ƒ…Žƒ••‹ˆ‹…ƒŽ‘Â?„ƒ”†ƒÂ?‘Â?°‹Â?…‡Â?–”ƒ–ƒ•‘Ž‘•—ŽŽƒ“—ƒÂ?–‹–Â?†‹”ƒ……‘Ž–ƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?ÂœÂ‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄÂ?ƒ ƒÂ?…Š‡•—ŽŽǯ‹Â?•‹‡Â?‡†‹–—––‡Ž‡„—‘Â?‡’”ƒ–‹…Š‡ƒ––‡ƒ‹Â?…‡Â?–‹˜ƒ”‡—Â?ƒ”‹†—œ‹‘Â?‡†‡‹”‹ˆ‹—–‹   

/

a Franciacorta ricicla sempre di piĂš e... sempre meglio. Ăˆ la situazione generale che emerge dalla classifica dei “Comuni ricicloni 2011â€? recentemente divulgata da Legambiente, a seguito di un’oculata analisi focalizzata non solo sulla quantitĂ  di raccolta differenziata, ma anche sull’insieme di tutte le buone pratiche atte a incentivare una responsabile e piĂš attenta riduzione dei rifiuti, a partire dall’introduzione di adeguate tariffe. Nonostante in cima alla lista svetti il Comune mantovano di Roverbella (detentore di un indice di buona gestione pari al 78,4%), in seconda posizione si piazza infatti il borgo franciacortino di Paderno col 77,3%, seguito a poco da Coccaglio, al quinto posto col 76% di buona gestione. Il settimo posto se lo è aggiudicato invece Travagliato, col 75,7% e vincitore tra l’altro della classifica interna dei comuni lombardi con piĂš di diecimila abitanti, subito rincorso da Adro

ƒ†‡”Â?‘ǥÂ‘Â…Â…ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹Â‘ÇĄ ”ƒ˜ƒ‰Ž‹ƒ–‘‡†”‘ ˆ‹‰—”ƒÂ?‘ȋ—Â?‹…‹Â?‡Ž ”‡•…‹ƒÂ?Â‘ČŒÂ?‡ŽŽƒ–‘’–‡Â? †‡‹‘Â?—Â?‹…Š‡”‹…‹…ŽƒÂ?‘ †‹’‹Î‹Â?‘Â?„ƒ”†‹ƒ che, dopo alcuni anni di pole position nella top ten del Comuni lombardi piĂš ricicloni, si è stabilizzato in nona posizione col 74,9%. Dal monitoraggio, sempre curato da Legambiente e incentrato prettamente sull’incremento della raccolta differenziata fra un anno e l’altro, spicca Castrezzato, al secondo posto con un incremento del 36,9% fra il 2008 e il 2009, seguito al terzo posto da Coccaglio con un aumento del 35,2% e al quinto Rudiano col 30,9%. Tra i Comuni bresciani piĂš popolosi (oltre diecimila abitanti), la classifica è guidata da Travagliato e con Ghedi al terzo posto (71,2% di in-

dice di buona gestione), mentre tra quelli piĂš ristretti (sotto i 10mila abitanti) resta sul podio Paderno, Coccaglio al quinto gradino e Adro all’ottavo. In termini di virtuosismi nella gestione dei rifiuti, risulta dunque una panoramica positiva per quanto riguarda la zona della Franciacorta, particolarmente attenta ad introdurre buone pratiche che incentivino al miglioramento della raccolta. Da non sottovalutare inoltre, allargando gli orizzonti verso cittĂ  e provincia, che Brescia è stata scelta dalla Regione come laboratorio di sperimentazione per la riduzione dei rifiuti e che ha portato, da gennaio a settembre 2010, a risparmiare qualcosa come 145.670 kg di rifiuti (ogni bresciano annualmente produce in media 597 kg di rifiuti), mentre prendendo in rassegna i 206 Comuni bresciani solo 24 sono stati considerati ricicloni. In una recente nota divulgata dall’associazione ambientalista si apprende anche che “Brescia risulta seconda, dopo Milano

   ÇĄ    

e Monza, per la diffusione dei pannolini lavabili e l’applicazione di criteri piÚ puntuali per la designazione della tariffa; che è la prima provincia per la piÚ alta presenza di punti acqua sul territorio (68), prima a pari merito con Milano per i distributori di detersivi alla spina (25), seconda per gli erogatori di latte crudo (71) e, nonostante sia ferma oggi col 41%, il piano strategico provinciale per la riduzione dei rifiuti ha stabilito di toccare nel 2016 la quota del 65% di raccolta differenziata�.

”‡•…‹ƒ°•–ƒ–ƒ •…‡Ž–ƒ†ƒŽŽƒ”‡‰‹‘Â?‡ …‘Â?‡Žƒ„‘”ƒ–‘”‹‘†‹ •’‡”‹Â?‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡’‡”Žƒ ”‹†—œ‹‘Â?‡†‡‹”‹ˆ‹—–‹‡…Š‡ Šƒ’‘”–ƒ–‘ƒ”‹•’ƒ”Â?‹ƒ”‡ ͙͜Í?Ǥ͞Í&#x;͘Â?‰†‹”‹ˆ‹—–‹

ƒÂ?†‹œœƒÂ?‘†‹ƒŽ‡ƒ”ƒ•‹Â?‘ ÂŽÍœ‡‹ŽÍ?ƒ‰‘•–‘

6DQWXDULRLQIHVWD SHUOD0DGRQQD



ÂŽÍ?ƒŽŽ‡͚͚˜ƒ‹Â?•…‡Â?ƒŽƒ Dz‡˜‹…ƒ–ƒÂ?Â‹Â”ÂƒÂ…Â‘ÂŽÂ‘Â•ÂƒÇłÇĄ ”‹‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‡‹Â?”‹…‘”†‘ †‡ŽŽƒÂ?‡˜‹…ƒ–ƒƒ˜˜‡Â?—–ƒ ‹ŽÍ?ƒ‰‘•–‘†‡ŽÍ›Í?Íš•—Ž …‘ŽŽ‡•“—‹Ž‹Â?‘ƒ‘Â?ƒ

Il 4 e il 5 agosto, presso il Santuario di Gandizzano, frazione di Sale Marasino, verrà celebrata la festa della Madonna della Neve. L’edificio sacro, un tempo dedicato alla Madonna della Misericordia, ben raffigurata nella statua lignea conservata sul polittico dell’altar maggiore, vede la sua ultima intitolazione alla Madonna della neve. Il simulacro, opera seicentesca di Giuseppe Bulgarini, si presenta molto particolare, in quanto è l’unico, nella zona, a raffigurare la Madonna in dolce attesa. La festa inizierà giovedÏ 4 agosto con il S. Rosario solenne presso il Santuario alle ore 20. VenerdÏ 5, memoria liturgica della Madonna della neve, il Santuario resterà aperto tutta la giornata per le visite da

parte dei fedeli. Alle 8.30 il canto delle lodi ed alle 19.30 la S. Messa solenne durante la quale verrĂ  recitata la preghiera e cantato l’inno alla Madonna di Gandizzano, come atto di affidamento della comunitĂ  salese alla sua “Maduninaâ€?. Alle ore 20.15 cena a buffet con oltre 30 pietanze preparate per l’occasione da alcune donne salesi (per prenotazioni telefonare al 329.43.13.501 o 338.32.93.378). Alle 21 la tradizionale supertombola con ricchi premi e alle 22 lo spettacolo “Nevicata miracolosaâ€?, suggestiva rievocazione in ricordo della nevicata avvenuta il 5 agosto del 352 sul colle Esquilino a Roma. Tutto il ricavato verrĂ  interamente devoluto per il restauro del Santuario della Madonna di Gandizzano.



ƒŽƒœœ‘Ž‘

…‘��‡”…‹ƒ�–‹ ˆƒ��‘”‡–‡

ƒŽƒœœ‘Ž‘ Dz”‡•‡Â?–ƒ–ƒ Žƒ ‹‘˜‡Â?–ÎÂ…ÂƒÂ”Â†Çł

‡Â?‡’ƒ”Žƒ˜ƒ†ƒ–‡Â?’‘Â?‡Ž Â?‘Â?†‘†‡‹…‘Â?Â?‡”…‹ƒÂ?–‹ Â’ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‘ÂŽÂ‡Â•Â‹Ç˘ˆ‹Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡°Â?ƒ–ƒ ŽƒŽ‘”‘ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‹’ƒ”–‡ …‘Â?—Â?ƒ…‹Â?“—ƒÂ?–‹Â?ƒ†‹‹•…”‹––‹ Â?ƒ•‹…‘Â?–ƒ†‹‰‹—Â?‰‡”‡‹Â?„”‡˜‡ –‡Â?’‘ĠƒŽÂ?‡Â?‘Í™Í?͘ƒ••‘…‹ƒ–‹Ǥ ƒÂ?—‘˜ƒƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡•‹…Š‹ƒÂ?ƒ Dz••…‘Â?Ǥ ‡†‡Ž‡dz‡ƒ‰—‹†ƒ”Žƒ° Žƒ’”‡•‹†‡Â?–‡ ƒ„”‹‡ŽŽƒ‡•…Š‡––‹ǥ –‹–‘Žƒ”‡†‡ŽŽǯ‘Â?‘Â?‹Â?‘‡•‡”…‹œ‹‘ †‹Â‰Â‹Â‘Â‹Â‡ÂŽÂŽÂ‡Â”Â‹ÂƒÇĄƒˆˆ‹ƒÂ?…ƒ–ƒ†ƒ†—‡ Â…Â‘ÂƒÂ†Â‹Â—Â–Â‘Â”Â‹ÇŁÂ?–‘Â?‹‘‹……‹‘ǥ†‡Ž ”‹•–‘”ƒÂ?–‡Dzƒ‘Â?›dzǥÂ˜Â‹Â…Â‡ÇŚ ’”‡•‹†‡Â?–‡‡ ƒ˜‹†ÂƒÂ‡Â‹Â†ÇĄ ’”‘’”‹‡–ƒ”‹‘†‡ŽŽƒDz ƒ”ƒŠ͙ͥÍ&#x;Í˜ÇłÇĄ …‘Â?•‹‰Ž‹‡”‡Ǥ ÂŽ„ƒ––‡•‹Â?‘†‡ŽŽƒ ••…‘Â?°ƒ˜˜‡Â?—–‘‹Â?‘Â?—Â?‡ ƒ’”‹Â?ƒ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ° —Â?ƒÂ?‘––‡„‹ƒÂ?…ƒ’‡”•‡––‡Â?„”‡Ǥ

—‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘”ƒ–‘ ƒŽŽƒ‘Ž‹–‹…Š‡‰‹‘˜ƒÂ?‹Ž‹ǥ‹Â? …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘ ƒŽ‘Â?Â?‡”…‹‘‹Â?…‘‘”†‹Â?ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?“—ƒÂ?–‘’”‡†‹•’‘•–‘†ƒŽŽƒ ”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ°•–ƒ–ƒ ’”‡•‡Â?–ƒ–ƒŽƒDz ‹‘˜‡Â?–ÎÂ…ÂƒÂ”Â†ÇłÇĄ—Â?ƒ –‡••‡”ƒ‰”ƒ–—‹–ƒ…Š‡’‡”Â?‡––‡”Â? ƒ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹†ƒ‹͙͞ƒ‹͚ͥƒÂ?Â?‹†‹ —•—ˆ”—‹”‡†‹•…‘Â?–‹‡ƒ‰‡˜‘Žƒœ‹‘Â?‹ ȋ‹Â?Â?‹•—”‡…Š‡˜ƒ”‹ƒÂ?‘†ƒŽÍ™Í˜ÎŹƒŽ ÍšÍ˜ÎŹ†‡‹Â?‘”Â?ƒŽ‹’”‡œœ‹†‹˜‡Â?Â†Â‹Â–ÂƒČŒÇĄ ’”‡••‘ƒŽ…—Â?‹Â?‡‰‘œ‹…‹––ƒ†‹Â?‹…Š‡ †‹•–”‹„—‹•…‘Â?‘’”‘†‘––‹‡•‡”˜‹œ‹Ġ —Â?Â?‡”…ƒ–‘’”‡––ƒÂ?‡Â?–‡‰‹‘˜ƒÂ?‹Ž‡ Č‹Â?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ•’‘”–ǥŽ‹„”‹ǥÂ˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹ČŒÇ¤ ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ŠƒÂ˜Â‹Â•Â–‘ǥˆ‹Â?†ƒŽŽƒ ˆƒ•‡’”‡’ƒ”ƒ–‘”‹ƒ‡†Â‡Â•Â‡Â…Â—Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄ‹Ž …‘‹Â?˜‘Ž‰‹Â?‡Â?–‘†‡‹”ƒ‰ƒœœ‹ƒÂ?…Š‡ Â?‡ŽŽƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ‰”ƒˆ‹…ƒǤ


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‡˜‘

Ž—•‡‘†‡ŽŽƒ‡•‹•–‡�œƒ

‘”�‘ �†‡ˆ‹„”‹ŽŽƒ–‘”‡’‘”–ƒ–‹Ž‡’‡”Žƒ…‘�—�‹–�

Il contributo dato da Cevo per la sconďŹ tta del fascismo e del nazismo e la conseguente riconquista della libertĂ  e della democrazia in Italia e in Europa, è stato senz’altro un fatto emblematico che ad oltre 60 anni da quegli avvenimenti fa sentire gli abitanti orgogliosi e ďŹ eri di appartenere a questa comunitĂ . La lotta partigiana, le sofferenze sopportate dalla popolazione, le deportazioni nei campi di concentramento, l’incendio e la distruzione del paese il 3 luglio

Presso il piazzale adiacente al Centro sportivo in quel di Borno, è stato consegnato alla popolazione, nel contesto della giornata dedicata al volontariato organizzata dalla Protezione civile, un nuovissimo deďŹ brillatore portatile. La macchina è di estrema importanza perchĂŠ rappresenta l’unica possibile ancora di salvezza in caso di arresto cardiaco persistente. L’iniziativa è stata promossa dal

1944 a opera dei fascisti, sono fatti, avvenimenti e insegnamenti che questo paese non può consegnare alla storia solamente attraverso la lettura dei libri; per questo è stato realizzato il Museo della Resistenza della Valsaviore (l’ediďŹ cio è intitolato al “3 luglio 1944â€? ed è adiacente al piazzale e al monumento alla Resistenza); è aperto nei seguenti orari: tutte le domeniche ďŹ no al 28 agosto dalle ore 14 alle ore 18; dal 7 al 21 agosto tutte le sere dalle 20.30 alle 22.30.

circolo culturale “La Gazzaâ€?. C’è da ricordare che Borno è distante non meno di venti minuti d’auto dal primo presidio ospedaliero (Esine) e che, nel caso di qualche accidente cardiaco, magari anche solo qualche minuto può fare la differenza. Il deďŹ brillatore è uno strumento elettronico di ultima generazione, in grado di effettuare in completa autonomia una diagnosi di arresto cardiaco e decidere se effettuare un intervento di scarica attraverso

Í™Í?

elettrodi e di ripetere in caso di necessitĂ  la procedura, sino al raggiungimento del riequilibrio. L’utilizzo dell’apparecchio da parte di personale anche non strettamente addetto ai lavori è stato reso possibile da corsi appositamente organizzati in Borno nei mesi precedenti, che han visto la partecipazione di oltre 30 volontari. “La Gazzaâ€? si augura che l’iniziativa possa aver seguito presso altre comunitĂ  della Valle Camonica.

  

‹•–”‡––‘…—Ž–—”ƒŽ‡ Çł’‡”–‘dz‹Â?•‡––‡‘Â?—Â?‹ Dz’‡”–‘͚͙͙͘”–‘Â?–Š‡„‘”†‡”dz°ŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡Â†ÇŻÂƒÂ”–‡…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒ ’”‘Â?‘••ƒ†ƒŽ‹•–”‡––‘…—Ž–—”ƒŽ‡†‹ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒǤ •‡––‡ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹ÇĄÂ’Â”Â‘Â–ÂƒÂ‰Â‘ÇŚ Â?‹•–‹†‡Ž’”‘‰‡––‘•‘Â?‘‹Â?’‡‰Â?ƒ–‹Â?‡ŽŽƒ˜‘”‘†‹…”‡ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡’”‘’”‹‡‘’‡”‡ ‰‹Â?†ƒ–‡Â?’‘Ǣ•‘Â?‘‡Â?–”ƒ–‹Â?‡Ž˜‹˜‘‹Â?—Â?‡”‘•‹‡˜‡Â?–‹…‘ŽŽƒ–‡”ƒŽ‹†‡ŽŽƒÂ?ƒÂ?Â‹ÂˆÂ‡ÇŚ •–ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‘Â?‡°Â?‘–‘•‹–”ƒ––ƒ†‡ŽŽƒ•‡…‘Â?†ƒ‡†‹œ‹‘��?‡†‡ŽŽǯ‹Â?Â‹ÂœÂ‹ÂƒÂ–Â‹Â˜ÂƒÇ˘‹Žƒ˜‘”‹ •‹•–ƒÂ?Â?‘•˜‘Ž‰‡Â?†‘Â?‡‹‘Â?—Â?‹†‹†‘Ž‘ǥ Â?…—†‹Â?‡ǥ‘Â?Â?‘ǥ‡œœƒ†ǯ‰Ž‹‘ǥ ‹‘Â?‡ǥ‡Â?ĂŽ‡‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘ǤDz‰Â?‹Â?—Â?‹…‹’‹‘Č‚•’‹‡‰ƒ ‹‘”‰‹‘œœ‘Â?‹†‹nj ”‡––‘”‡ƒ”–‹•–‹…‘Č‚‘•’‹–ƒ—Â?ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–ÂƒÇĄ…Š‡°…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ†ƒ”‡ˆ‘”Â?ƒĠ—Â?ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ …‘Â?…‡’‹–ƒ‡”‡ƒŽ‹œœƒ–ƒ’‡”‹ŽŽ—‘‰‘‡’‡”†‹ƒŽ‘‰ƒ”‡…‘Â?Žƒ•—ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Ǥ Ž‹ ƒ”–‹•–‹•‘Â?‘’”‘–ƒ‰‘Â?Â‹Â•Â–Â‹ÇŚÂƒÂ–Â–Â‹Â˜ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹†‹—Â?’”‘…‡••‘”‡Žƒœ‹‘Â?ƒŽ‡…Š‡…‘‹Â?˜‘Ž‰‡ Ž‘Â•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ÇŚÂ…Â‹Â–Â–ÂƒÂ†Â‹Â?‘‹Â?“—ƒÂ?–‘ˆ”—‹–‘”‡‡‹Â?ƒŽ…—Â?‹…ƒ•‹“—ƒŽ‡Â…Â‘ÇŚÂ…Â”Â‡ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ †‡ŽŽƒ˜‘”‘ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹Â…Â‘Ç˘’—Ö‹Â?•‡”‹”•‹‹Â?—Â?’‡”…‘”•‘…‘Â?†‹˜‹•‘†‹…—‹ÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒÂ?‘Â? °Â?‘Â?‡Â?–‘…‘Â?Â…ÂŽÂ—Â•Â‹Â˜Â‘ÇĄÂ?ƒ’—Â?–‘†‹ƒ’‡”–—”ƒ’‡”Â?—‘˜‡”‹…‡”…Š‡‡ÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹ÇŚ –Â?dzǤ Ž‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ƒ”–‹•–‹…‹‡•’Ž‘”ƒÂ?‘‹˜ƒŽ‘”‹…—Ž–—”ƒŽ‹‡•‘…‹ƒŽ‹†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹nj –Â?ÇĄ‹Â?–‡”˜‡Â?‡Â?†‘•—ƒÂ?„‹–‹‡Ž—‘‰Š‹•…‡Ž–‹‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Ž‡ƒÂ?Â?‹Â?‹nj •–”ƒœ‹‘Â?‹Ǥ •‡––‡ƒ”–‹•–‹•‘Â?‘ǣ ”ƒÂ?…‘Â”Â‹ÂƒÂ—Â†Â‘ÇĄÂ?†”‡ƒÂƒÂ‰ÂƒÂ”ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÂƒÇĄ‡”‡Â?ƒ Â‘Â”Â”ÂƒÂ–Â‹ÇĄŠ”‹•–‹ƒÂ?”‹’‘†‹Â?ÂƒÇĄŠ‹ƒ”ƒÂ”Â‹Â˜Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄƒ”‹ƒƒÂ?…Š‹ǥ‘•‹Â?‘‡Â?‡œ‹ƒÂ?‘Ǥ

    

‡•…ƒ”œ‘ƒŽ͛͘Ž—‰Ž‹‘ƒŽÍ&#x;ƒ‰‘•–‘

$UWLHPHVWLHUL LQPRVWUD Ž–”‡͘͞�ƒ‡•–”‹ƒ”–‹‰‹ƒ�‹–”ƒ•ˆ‘”�ƒ�‘‹Ž’‹……‘Ž‘„‘”‰‘�‡†‹‡˜ƒŽ‡‹�—�˜‹ƒ‰‰‹‘˜‹”–—ƒŽ‡ …Š‡˜—‘Ž‡‡••‡”‡—�…ƒ��‹�‘ƒŽŽƒ”‹•…‘’‡”–ƒ†‡ŽŽ‡•‹�‰‘Ž‡†‹ˆˆ‡”‡�œ‡Ž‘…ƒŽ‹  



'

al 30 luglio al 7 agosto 2011 Pescarzo di Capo di Ponte si vestirĂ  a festa per la XII esposizione itinerante di arti visive e mestieri. Il piccolo borgo medievale situato al centro della Valle Camonica si trasforma in centro di arte e creativitĂ  ad opera di oltre 60 maestri artigiani in parte portatori della sapiente tradizione locale ed in parte provenienti dal resto d’Italia. Cortili, involti, cantine vengono trasformati in botteghe; le strade sono illuminate dalla luce soffusa di mille torce; i vicoli risultano animati da spettacoli e dalla presenza di migliaia di persone che danno vita ad una grande festa. Ai piedi del monte Concarena, che fa da cornice a questa suggestiva manifestazione, gli artigiani si cimentano nei piĂš svariati generi artistici: dalla scultura alla pittura, dalla tessitura all’intaglio del legno, dall’oreficeria al ricamo, dalla lavorazione della pietra e della ceramica alla fotografia ed all’intreccio di vimini. Quest’anno gli organizzatori hanno lavorato alacremente per inserire alcuni elementi di novitĂ  rispetto alle edizioni passate. Si parte anzitutto dalla “tematizzazioneâ€? della mostra: la caratteristica saliente è quella del “viaggio in Italiaâ€?. Un simbolico itinerario, storico e geografico è stato previsto per questa tornata di “ImmaginArtiâ€?. Un

   

Dz Â?Â?ƒ‰‹Â?”–‹dz‘•’‹–‡”Â? ’‹Î†‡ŽÍœÍ˜ÎŹ†‹Â?—‘˜‹ ƒ”–‹‰‹ƒÂ?‹‡†‡•’‘•‹–‘”‹ ’”‘˜‡Â?‹‡Â?–‹†ƒŽŽ‡ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‹ ’‹Î’”‡•–‹‰‹‘•‡ percorso che in passato molti hanno compiuto (Goethe ad esempio cercava nel nostro Paese un nuovo sguardo sul mondo) e che merita di essere intrapreso anche oggi. Non soltanto un viaggio virtuale in onore dei festeggiamenti per il 150° dell’UnitĂ , ma anche un cammino alla scoperta della vitalitĂ  e della creativitĂ  artigianali italiane e delle

singole differenze locali e regionali. Il “viaggio in Italiaâ€? è anche la linea guida della proposta spettacolare, molto ampia ed eterogenea, che accompagnerĂ  i nove giorni di apertura della mostra mercato: si troveranno spettacoli di strada, musica, concerti che ravviveranno le vie del paesino di montagna. Si percorrerĂ  l’Italia in lungo ed in largo, raccontando le sue tradizioni musicali regionali; il pubblico verrĂ  accompagnato in un vero e proprio viaggio nel tempo alla scoperta delle musiche del passato che ricordano l’infanzia, la giovinezza: ognuno cosĂŹ riscoprirĂ  un pezzo della sua storia, magari con un po’ di nostalgia. Tra le novitĂ  emerge poi sicuramente un elemento degno di nota: quest’anno “ImmaginArtiâ€? ospiterĂ  oltre il 40% di nuovi artigiani-espositori, alcuni dei quali provenienti dalle piĂš prestigiose manifestazioni nazionali, con prodotti di straordinaria qualitĂ . Nel programma: sabato 30 luglio: Lorenzo Baronchelli e Mirko e Malò. Domenica 31: Teatro viaggiante e Compagnia della Vocata. LunedĂŹ 1 agosto: Claudio Carboni trio. MartedĂŹ 2: Piccola orchestra del Mediterraneo. MercoledĂŹ 3: Fanfara e cori. GiovedĂŹ: “Carlotti Ensembleâ€?. VenerdĂŹ: concerto dei “Cisalpipersâ€?. Sabato Clown e Bedizzole Band. Domenica: concerto de gli “Idilliaciâ€?. Per informazioni www.capodiponte. eu, oppure: tel. 3346575628.

‘�–‡†‹‡‰�‘ ‡”•‘—�…ƒ•‡‹ˆ‹…‹‘

ÂŽ‘Â?•‘”œ‹‘’‡”Ž‡–ƒœ‹‘Â?‹”ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹Â†ÇŻÂƒÂŽÂ’‡‰‰‹‘†‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡•…‹ƒŠƒ …‘Â?Â?‹••‹‘Â?ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‰Ǥ—…ƒ‹–ƒŽ‹†‹”‡Â?‘Žƒ•–‡•—”ƒ†‹—Â?’”‘‰‡––‘†‹Â”Â‹Â“Â—ÂƒÇŚ ÂŽÂ‹Ć¤Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡ŽŽ‡•–”—––—”‡Â’Â”Â‘Â†Â—Â–Â–Â‹Â˜Â‡ÇĄ—„‹…ƒ–‡Â?‡Ž‘Â?—Â?‡†‹‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘ǥ ‹Â?Ž‘…ƒŽ‹–Â?ƒÂ?–ƒ’‘ŽŽ‘Â?Â‹ÂƒÇĄ†‹’”‘’”‹‡–Â?†‡ŽŽƒ”‘˜‹Â?…‹ƒǤǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ’”‡˜‡†‡ —Â?‹Â?–‡”˜‡Â?–‘†‹”‹•–”—––—”ƒœ‹‘Â?‡‡†ƒ†‡‰—ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ•–”—––—”ƒ‡•‹•–‡Â?–‡ †‡•–‹Â?ƒ–ƒƒÂ…ÂƒÂ•Â‡Â‹Ć¤Â…Â‹Â‘ÇĄŽƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?Â?—‘˜‘‡†‹Ƥ…‹‘ÂƒÂ‰Â”Â‹Â…Â‘ÂŽÂ‘ÇĄŽƒ…—‹ •—’‡”Ƥ…‹‡•ƒ”Â?”‹’ƒ”–‹–ƒ–”ƒŽ‘…ƒŽ‹ƒ†‹„‹–‹ƒŽŽƒŽƒ˜‘”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ––‡‡•’ƒœ‹”‹nj •‡”˜ƒ–‹Ġƒ––‹˜‹–Â?†‹–‹’‘”‹…‡––‹˜‘‡–—”‹•–‹…‘ǥŽƒ•‹•–‡Â?ƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ†‹ ’”‡•ƒ‡•‹•–‡Â?–‡‡Žƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?Â?—‘˜‘–”ƒ––‘†‡ŽŽƒ”‡–‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…“—‡nj †‘––‘Ǥǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘•‹ƒ”Â?‘Â?‹œœƒ…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ?„‹‡Â?–‡…‹”…‘•–ƒÂ?–‡Â?‡Ž“—ƒŽ‡•ƒ”Â? ‹Â?•‡”‹–‘Ǥƒ”–‹…‘Žƒ”‡ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡°•–ƒ–ƒ’‘•–ƒÂ?‡ŽŽƒ”‹…‡”…ƒ†‡‹Â?ƒ–‡”‹ƒŽ‹‡† ‹Â?‘”†‹Â?‡ƒŽŽ‘”‘—–‹Ž‹œœ‘Ǥ‹Â?‰‘Ž‹‡Ž‡Â?‡Â?–‹ƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…‹‡–”ƒ––‹‰‡Â?‡”ƒŽ‹•‘nj Â?‘•–ƒ–‹’‡Â?•ƒ–‹†‘’‘ƒ……—”ƒ–‡‹Â?†ƒ‰‹Â?‹ƒ––‡ƒÂ˜Â‡Â”Â‹Ć¤Â…ÂƒÂ”Â?‡•‹ƒŽƒ…‘Â?’ƒ–‹„‹Ž‹–Â? ƒÂ?„‹‡Â?–ƒŽ‡…Š‡—”„ƒÂ?‹•–‹…ƒǤƒ•…‡Ž–ƒÂ’Â”Â‘Â‰Â‡Â–Â–Â—ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‹ƒ’‡”“—ƒÂ?–‘”‹‰—ƒ”†ƒ‹ Â?ƒ–‡”‹ƒŽ‹—–‹Ž‹œœƒ–‹…Š‡’‡”Žƒ–‹’‘Ž‘‰‹ƒƒ”…Š‹–‡––‘Â?‹…ƒŠƒ…‡”…ƒ–‘†‹”‹’”‡Â?†‡”‡ Ž‡†‹”‡––”‹…‹†‡‹Â?ƒÂ?—ˆƒ––‹‡•‹•–‡Â?–‹‹Â?Ž‘…‘‡†‡ŽŽ‡•–”—––—”‡•‹Â?‹Žƒ”‹†‡ŽŽƒœ‘Â?ƒǤ

‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘ ‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘‹Â?†ƒÂ?‡ŽŽ‘ ‡‡œ‹‘Â?‹Â?ƒ†‹ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‡†‹”‡Â?–‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒÂ?‘‹ŽÍœÍ Îť‡ŽŽ‡nj ‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘‹Â?†ƒÂ?‡ŽŽ‘†ƒŽ͚͠ƒŽ͙͛Ž—‰Ž‹‘Ǥ‘Ž–‘ƒ––‡•ƒŽƒÂ?‡–ƒ†‡ŽŽƒ …‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡†‹•ƒ„ƒ–‘͛͘Ž—‰Ž‹‘…Š‡Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘•ƒ”Â?‹Žƒ••‘ÂƒÂ‰Â‘Â•Â…Â—ÇŚ ”‘ǥ†‘˜‡•‘”‰‡˜ƒ—Â?˜‹ŽŽƒ‰‰‹‘ƒŽ’‹Â?‘Â†ÇŻÂƒÂŽÂ–Âƒ“—‘–ƒˆ‹Â?†ƒŽ‰‹—‰Â?‘͙͙ͥÍ?Ǥ ƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ‹Â?•—ˆˆ”ƒ‰‹‘†‹–—––‹‹ÂƒÂ†Â—–‹ǥ†‹‘‰Â?‹’ƒ”–‡‡•—‘‰Â?‹ ˆ”‘Â?–‡ǥÂ?ƒ’ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‡Â?–‡†‹“—‡ŽŽ‹ƒ†ƒÂ?‡ŽŽ‹Â?‹ǥ•ƒ”Â?Â‘ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄÂ?‡ŽŽƒ Â?ƒ––‹Â?ƒ–ƒ†‹•ƒ„ƒ–‘͛͘Ž—‰Ž‹‘ǥ†ƒŽ…ƒ”†‹Â?ƒŽ‡ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ––‹•–ƒ‡Ǥ‘nj Â?‡Â?‹…ƒ͙͛…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ…‘Â?…Ž—•‹˜ƒƒ‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘ƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽŽ‡ÍĄ…‘Â? ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?ƒ••ƒÂ?‡Â?–‘ǥŽƒ•ˆ‹Žƒ–ƒ’‡”Ž‡˜‹‡†‡ŽÂ’ÂƒÂ‡ÎşÂ•Â‡ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘Â?‡Ž‰”ƒÂ?†‡ •’ƒœ‹‘‡”„‘•‘†‡ŽŽƒ–‡Ž‡…ƒ„‹Â?ƒ‘Â?–‡nj‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄŽƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒ…‹˜‹Ž‡…‘Â?‹ †‹•…‘”•‹—ˆˆ‹…‹ƒŽ‹‡Žƒ‡••ƒ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒÂ?‘Â?•ǤÂ?‰‡Ž‘ÂƒÂœÂœÂƒÂ”Â‹ÇĄ’”‡nj •‹†‡Â?–‡†‡ŽŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‘Â? Â?‘……Š‹Ǥ


͙͞

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‘Â?…‡•‹‘ Dz‹ƒ‰‰‹‡Â?Â‹Â”ÂƒÂ‰Â‰Â‹Çł‹Â?‹„Ž‹‘–‡…ƒ Continua anche quest’anno la rassegna “Viaggi e miraggiâ€? che la Biblioteca comunale di Concesio ha proposto in questi ultimi anni. Cominciata lo scorso 5 aprile con uno spettacolo a cura di Flora Zanetti e proseguita con due appuntamenti di cineforum (“Mars: dove nascono i sogniâ€? e “Nostalghiaâ€?), l’edizione 2011 si appresta a entrare nel mese di maggio con altri tre eventi. “Anche quest’anno – dice Enrica Rizzini, assessore alla Cultura – la

Commissione della biblioteca ha ritenuto opportuno continuare l’esperienza della rassegna che, lungo un percorso fatto di testimonianze, immagini, musica, cultura, cibo e cinema cerca di riunire l’interesse delle persone verso aree geograďŹ che lontane, con l’auspicio di incontrare la curiositĂ  della gente e offrire il piacere di nuove scoperteâ€?. Una scelta che quest’anno è ricaduta sulla Russia, Paese di grandi cittĂ , grandi paesaggi e vasta arte

culinaria. Proprio il cibo è al centro di “Cene russeâ€?, due pranzi nella casa Alberina di via Mattei (a ďŹ anco della biblioteca) con menĂš tipici della tradizione gastronomica russa: il primo martedĂŹ 3 maggio, il secondo martedĂŹ 10 maggio con un massimo di 54 posti disponibili per ogni pranzo (la quota è di 8 euro, per iscrizioni: 0302184141). GiovedĂŹ 5 maggio saranno gli spazi della biblioteca a ospitare alle 20.45 “Viaggio letterarioâ€?, un recital a cura di Beppe Valenti con musiche di

Nicola Panteghini. InďŹ ne, chiusura della manifestazione venerdĂŹ 13 maggio sempre alle 20.45 presso la biblioteca comunale con un concerto di musica folklorica russa e dell’Europa orientale. “Una serie di iniziative – aggiunge Enrica Rizzini – che speriamo possano incuriosire, appassionare, suscitare desiderio di conoscenza e di viaggio nei partecipanti, confermando l’importante ruolo della biblioteca come centro attivo di vita culturale e di socialitĂ â€?. (a.a.)

  ƒ”‡œœ‘ �–‡”˜‹•–ƒƒƒ—”‹œ‹‘‡Ž–”ƒ––‹

8QFKLPLFR DO&HUQGL*LQHYUD Â‡ÂŽÂ–Â”ÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ†‹”‡––‘”‡†‹’”‘†—œ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ‡ƒ†š–”—•‹‘Â?•ȋ‹Â?’”‡•ƒ…Š‡’”‘†—…‡’‹‘Â?„‘ƒ ˆ”‡††‘Â?‡Ž•‡––‘”‡’‡–”‘Ž…Š‹Â?‹…‘‡Â?‡……ƒÂ?Â‹Â…Â‘ČŒÇĄŠƒ‡Žƒ„‘”ƒ–‘—Â?†‹ˆˆ‹…‹Ž‡’”‘‰‡––‘  

&

he cosa può portare un chimico valtrumplino da un’azienda di Paderno Franciacorta al Cern di Ginevra? A spiegarcelo è il 40enne Maurizio Deltratti, laureatosi in Chimica all’UniversitĂ  di Parma e direttore di produzione alla Lead Extrusions (www. leadextrusions.com), impresa che produce piombo a freddo nel settore petrolchimico e meccanico. “L’anno scorso ci ha contattato il professore Michele Livan, direttore del Dipartimento di Fisica nucleare e teorica all’UniversitĂ  di Pavia, collaboratore del Cern e uno dei primi che negli anni Settanta cominciarono a costruire acceleratori di particelle; ci aveva trovato su internet e alla richiesta se fossimo in grado di produrre una sottilissima lamina di piombo da utilizzare al Cern non abbiamo esitato un attimo, spinti anche dalla passione per la ricerca scientificaâ€?. Dunque, qual è stato nello specifico il vostro contributo al Cern di Ginevra? In sostanza noi ci siamo messi al lavoro dallo scorso ottobre per perfezionare una lamina di piombo che fosse spessa quattro decimi di millimetro e andasse poi a sovrapporsi ad altre lamine uguali in un parallelepipedo lungo due metri e mezzo: ciascuna di esse doveva servire a

Â‡ÂŽÂ–Â”ÂƒÂ–Â–Â‹ÇŁDz1“—ƒŽ…‘•ƒ †‹‹Â?…”‡†‹„‹Ž‡ǥƒÂ?…Š‡ ’‡”…Š¹ƒ„„‹ƒÂ?‘’‘–—–‘ †ƒ”‡‹ŽÂ?‘•–”‘’‹……‘Ž‘ …‘Â?–”‹„—–‘ƒŽ’”‘‰‡––‘ ’‹Î‰”‘••‘‘˜˜‡”‘Â–ÂŽÂƒÂ•Çł incapsulare le fibre ottiche, che ricevono il flusso di elettroni sparati ad altissima velocitĂ  e sono poi trasformati in impulsi luminosi. A fine giugno l’abbiamo terminato e consegnato al Cern, dove l’hanno messo insieme e fatto partire dallo scorso 20 luglio, acquisendo dati per tre settimane e trascorrendo poi i prossimi mesi ad analizzarli. Che cosa significa, a livello professionale e non solo, aver di fatto aiutato un grosso centro di ricerca come il Cern? Ăˆ qualcosa di incredibile, anche perchĂŠ abbiamo potuto dare il nostro piccolo contributo al progetto piĂš grosso che è in corso, ossia Atlas, seguito da un’Êquipe tra cui il professor Livan. Al Centro ginevrino l’acceleratore fa scontrare particelle sparate quasi alla velocitĂ  della luce e Atlas è uno dei quattro punti di scontro (gli altri sono Alice, Lhcb e Cms) che funge da rilevatore di particelle. Quello che abbiamo prodotto non è altro che

un componente prototipo del rilevatore, ossia un calorimetro con lo scopo di misurare la quantità di energia prodotta e capire quante particelle passano. Quale può essere il futuro della vostra applicazione, considerati i tempi della ricerca? I tempi della ricerca sono molto lunghi e può darsi che il nostro prototipo sia l’embrione per realizzare calorimetri piÚ efficienti che possano poi servire ad altri esperimenti, con effetti a breve termine o che saranno in grado di vedere i nostri figli; cosÏ come potrebbe invece non trovare applicazione. D’altra parte, questa è la ricerca, sempre alla rincorsa di soluzioni da sperimentare per dare risposta a questioni e teorie ancora incomplete come quelle della relatività e della meccanica quantistica, cui manca ancora una visione d’insieme. Dagli scontri fra particelle ne nascono altre sconosciute e tuttora gli scienziati sono alla ricerca del famigerato bosone di Higgs, particella elementare ipotetica, responsabile della massa delle particelle. Particelle a noi invisibili che, insieme alla ricerca di quella materia oscura che sarebbe causa della non dispersione delle galassie, la ricerca può scovare anche grazie al dettaglio di un piccolo rilevatore assemblato da un chimico della Valtrompia.

   ǥ Ǥ    

‡”�

Ž”‹Ž‡˜ƒ–‘”‡–Žƒ•

–‡Â?’‹†‡ŽŽƒ”‹…‡”…ƒ •‘Â?‘Ž—Â?‰Š‹‡’—Ö †ƒ”•‹…Š‡‹Ž’”‘–‘–‹’‘ •‹ƒŽǯ‡Â?„”‹‘Â?‡’‡” ”‡ƒŽ‹œœƒ”‡…ƒŽ‘”‹Â?‡–”‹ ’‹Î‡ˆˆ‹…‹‡Â?–‹

Il Cern è l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare e si trova a Ginevra, al conďŹ ne tra Svizzera e Francia. Al suo interno è ospitato il Large Hadron Collider, ossia l’acceleratore di particelle piĂš potente ďŹ nora realizzato, che ha cominciato a essere sviluppato nel 1986, è stato costruito nel 2000 e acceso con le prime collisioni di particelle nel 2010. L’anno prossimo l’acceleratore verrĂ  spento per un anno per motivi di manutenzione. Lavora otto mesi all’anno, perchĂŠ consuma una quantitĂ  enorme di energia e non ha le risorse sostenere le spese di un anno intero. Al suo interno lavorano piĂš di 7.000 ďŹ sici. Atlas è un rilevatore di 46 metri con un diametro di 25 e sull’apposito sito web (atlas.web. cern.ch) se ne possono seguire i risultati in diretta.


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ƒ”‡œœ‘ ƒ˜‡……Š‹ƒˆ—…‹�ƒ†ƒ˜‹•‹–ƒ”‡

ƒ˜‡

…ƒ……‹ƒ–‘”‹’‡”ÂŽÇŻ•’‡†ƒŽ‡†‡‹„ƒÂ?„‹Â?‹

Per una giornata diversa al Museo I Magli. Rivive la vecchia fucina, attiva dal XV al XX secolo, a metĂ  strada tra l’ofďŹ cina e la fabbrica per imponenza degli impianti e modalitĂ  lavorative. Non solo la ricostruzione della storia della fucina di Valgobbina, consentita dalle ricerche di studiosi locali, ma anche il recupero della memoria sedimentata in questo luogo del lavoro ha rappresentato una coordinata di fondo della messa a punto e nella realizzazione del

Al campo sportivo comunale dal 28 al 31 luglio va in scena la 5ÂŞ Festa del cacciatore con il consueto sfondo beneďŹ co. Sono previsti stand gastronomici con piatti tipici, musica dal vivo, pista da ballo, giochi gonďŹ abili gratuiti per bambini e molto altro. Le serate musicali vedranno protagonisti i gruppi locali Dust soul, Cantina 14, Tosio & The Sbehecc, il cantautore bresciano Charlie Cinelli, le orchestre Janita music e Daniele Cordani. Alle novitĂ  in campo gastronomico vanno

progetto museale dei Magli di Sarezzo. Innanzitutto la memoria dell’ex proprietario, Roberto Sanzogni, e di alcuni dei numerosi lavoranti che sono passati in questa fucina dal XVI secolo in questa stessa fucina. Il Museo resta aperto tutto l’anno, la domenica e i festivi, dalle 14 alle 18. Ăˆ possibile effettuare visite guidate ogni giorno della settimana per gruppi di almeno 25 persone previa prenotazione telefonica con almeno 15 giorni di anticipo.

Í™Í&#x;

aggiunte la gara di minicross per bambini organizzata dagli Amici del Motoclub Nave, lo show di tiro a volo di Raniero Testa del Team Benelli e l’esibizione di ballo latinoamericano dei bambini della societĂ  Studio Danza. Sabato e domenica esibizione di tiro a volo di Raniero Testa “Trick Shooterâ€? del team Benelli. Come di consueto parte del ricavato verrĂ  devoluto al Centro di supporto ďŹ brosi cistica del presidio Ospedale dei Bambini. L’ingresso è libero.

ƒ”…Š‡�‘”ƒ–‘”‹‘

6SRUWLQRUDWRULR ULFHWWDLQYLGLDELOH  

1

el 1986 era da poco arrivato come parroco don Luigi Bellini (indimenticato arciprete fino al ‘97) mentre l’allora curato era don Daniele Faita. All’oratorio l’unica realtĂ  sportiva ufficialmente organizzata era il Tennis-Club Marcheno fondato nel 1969 da un gruppo di 13 amici col sindaco Giovanni Fausti: avevano realizzato il campo da tennis sul terreno messo a disposizione dal parroco don Ernesto Moscardi. Ăˆ passato nel 1983 alla parrocchia: dopo aver raggiunto i 150 iscritti, organizzato tornei, era in difficoltĂ . Giocava sul campo dell’oratorio anche l’esterna F.C. Marcheno fusa poi con l’A.C. Lodrino. Si progetta la Polisportiva: don Daniele ha bisogno di un presidente laico e chiama Angiolino Zubani (primo presidente) Giuseppe Caem (tesoriere), Mario Baresi. Il nucleo di fatto cresciuto col tennis. Subito la Polisportiva inizia a giocare nel Csi a pallone (6/7 squadre), a tennis (organizza un campionato provinciale) e nel 1993 si aggiunge la pallavolo femminile. Si erano costruiti gli spogliatoi nuovi, viene rifatto il fondo del

–‡••‡”ƒ–‹†‡Ž ‘Ž‹•’‘”–‹˜‘ȋ–‡Â?Â?‹•ǥ …ƒŽ…‹‘Â?ƒ•…Š‹Ž‡‡ ˆ‡Â?Â?‹Â?‹Ž‡ǥÂ’ÂƒÂŽÂŽÂƒÂ˜Â‘ÂŽÂ‘ČŒ •‘Â?‘…‹”…ƒ͙͘͘Ǥ

Â?’‘”–ƒÂ?–‡Žƒ˜ƒŽ‡Â?œƒ ‡†—…ƒ–‹˜ƒ†‹—Â?ƒ”‡ƒŽ–Â? •‘•–‡Â?—–ƒƒ––‹˜ƒÂ?‡Â?–‡ Â?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ †ƒŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ campo sportivo, aggiunta la piastra polivalente. Arriva il nuovo parroco don Roberto Zanini, mentre curato è don Alfredo Scaroni: a Zubani per un anno succede Rocco Tedeschi, e poi Gianfranco Bullegas, che lo farĂ  per 10 anni in stretta collaborazione col curato don Giuseppe Albini. Grande appassionato di calcio (giocatore e ora allenatore dell’A.C. Lodrino), la Polisportiva cresce ulteriormente: la realtĂ  oratoriana coinvolge 130 atleti. Riprende vigore il tennis rimasto chiuso per tre anni. Nel 2004, oltre alle squadre iscritte al campionato Csi, viene iscritta in “promozioneâ€?

nel campionato della Figc la squadra a 11 “Polisportiva oratorio Marchenoâ€?: l’anno dopo diventa “Polisportiva oratorio Marcheno-Elettrica Cargnoniâ€? e sarĂ  sostenuta fino alla fine (2009) dalla ditta locale. Fiore all’occhiello diventa il Torneo delle Frazioni (giunto quest’anno alla 16ÂŞ edizione e vinto da Brozzo Lattoneria Lombarda), momento di rivalitĂ  antiche e grande aggregazione. Una convenzione col Comune riconosce la valenza pubblica del sodalizio oratoriano e regola le modalitĂ  di collaborazione. La Polisportiva diventa “associazione dilettantisticaâ€?. Nel 2006 gli succede Luciano Fausti con vice Luigi D’Angelo, segretario Francesco Zubani, amministratore Cristina Fausti e responsabile tecnico Pasquale Serio. Nel 2008/2009 la squadra di tennis vince il campionato provinciale Csi. Nei cinque anni trascorsi è continuata la presenza sul territorio in collaborazione con le altre realtĂ  sportive; la partecipazione attiva alle iniziative comunali (Natale dello Sportivo); l’apertura ad altri sport (calcio e pallavolo femminile). Attualmente i tesserati sono circa 100.

ƒ”‡œœ‘

ÂŽ‡•–‘†‡ŽÂƒÂ—”›ǣ“—ƒÂ?†‘•’‘”– ‡•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?•‘Â?‘˜‹Â?…‡Â?–‹

‘Â?‡…ƒ’‹–ƒƒ…Š‹•ƒÂ?‡––‡”‡Žƒ’ƒ••‹‘Â?‡‹Â?—Â?’”‘‰‡––‘ …ƒ’ƒ…‡†‹”‡•‹•–‡”‡ƒŽ–‡Â?’‘ǥ“—‡ŽŽ‘•–‡••‘–‡Â?’‘•ƒ”‡nj •–‹–—‹”‡˜‹––‘”‹‡‹Â?‰”ƒ†‘†‹”‹Â?ƒÂ?‡”‡‹Â?†‹Â?‡Â?–‹…ƒ„‹Ž‹Ǥ‡ ˜‹––‘”‹‡†‡Ž‡•–‘†‡ŽÂƒÂ—”›ǥ†‹“—‡ŽŽƒ•“—ƒ†”ƒ…Š‡’‡”Žƒ •‡…‘Â?†ƒ˜‘Ž–ƒ…‘Â?•‡…—–‹˜ƒ”‹‡•…‡Ġƒ‰‰‹—†‹…ƒ”•‹‹Ž–‘”nj Â?‡‘…ƒŽ…‹•–‹…‘†‹‘Ž’‡Â?ƒœœ‡Ǥ‡˜‹––‘”‹‡†‡ŽŽƒ•—ƒƒÂ?‹Â?ƒ ’‘”–ƒÂ?–‡ǥƒ—”‹œ‹‘ƒÂ?‘••‹ǥ’”‘Â?–‘ƒ•‘””‹†‡”‡Ġ‘‰Â?‹ ƒœ‹‘Â?‡ǥƒ‘‰Â?‹‰‘Ž†ƒŽ•—‘’‘•–‘˜‹…‹Â?‘ƒŽŽƒ„ƒÂ?†‹‡”‹Â?ƒ†‡Ž …‘”Â?‡”ǥ’”‘Â?–‘ƒ•‘””‹†‡”‡ƒŽŽ‘•–”‡’‹–ƒ”‡†‡ŽŽ‡–”‘Â?„‡–nj –‡‡†‡‹…‘”‹…Š‡Â?‡‹Â?˜‘…ƒ˜ƒÂ?‘…‘Â?ƒ••‹†—ƒ…‘•–ƒÂ?œƒ‹Ž Â?‘Â?‡ǤÂ?ƒ˜‹––‘”‹ƒƒ””‹˜ƒ–ƒÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍ™Í?Ž—‰Ž‹‘Ǥƒ•“—ƒ†”ƒ †‹ƒ”‡œœ‘–”‹‘Â?ˆƒ…‘•¿ƒŽŽƒ‰”ƒÂ?†‡Â?‡ŽŽƒ͔͛͛‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž –‘”Â?‡‘Â?‘––—”Â?‘‰ƒ”†‡•ƒÂ?‘ǥ‹Â?ˆŽ‹‰‰‡Â?†‘—Â?’‡”‡Â?–‘”‹‘ Í?ÇŚÍ™ƒŽŽƒ”‹˜‡Žƒœ‹‘Â?‡ƒ” ‡•†‹Â‡Â†Â‹ÂœÂœÂ‘Ž‡ǥ…Š‡”‹‡•…‡’—”‡ ĠƒÂ?†ƒ”‡‹Â?˜ƒÂ?–ƒ‰‰‹‘Ǥ‘‹ǥ‹Ž‡•–‘†‡Žƒ—”›•…ƒŽ†ƒ‹ Â?‘–‘”‹‡“—ƒÂ?†‘‹Â?Â?‡•–ƒŽ‡Â?ƒ”…‡†‡Ž•—‘†‹‡•‡ŽÂ?‘Â?…ǯ°

’‹ÎÂ?—ŽŽƒ†ƒˆƒ”‡’‡”‹Â?ƒŽ…ƒ’‹–ƒ–‹ÂƒÂ˜Â˜Â‡Â”Â•ÂƒÂ”Â‹ÇĄ…Š‡•‹˜‡†‘Â?‘ ‹Â?ˆ‹Žƒ”‡†ƒƒ—”‘‘”‡•…Š‹ǥ ƒ„”‹‡Ž‡ƒÂ?ÂƒÇĄƒ—”‘”ƒÂ?†‹ ‡†—‡˜‘Ž–‡†ƒƒÂ?‹‡Ž‡ ”‡‰‘Â?‹ǥ‘‰Â?—Â?‘Ġ‡•—Ž–ƒ”‡Â†ÂƒÇŚ ˜ƒÂ?–‹ƒŽŽƒÇ˛Â…Â—Â”Â˜ÂƒÇł”—Â?‘”‡‰‰‹ƒÂ?–‡†‹—Â?ˆ‘Ž–‘‰”—’’‘†‹–‹nj ˆ‘•‹ƒ””‹˜ƒ–‘†ƒŽŽƒƒŽ–”‘Â?’‹ƒ’‡”•‘•–‡Â?‡”‡Žƒ•“—ƒ†”ƒ†‡Ž ƒ—”›‡Žƒ•—ƒ˜‘‰Ž‹ƒ†‹†‹˜‡”–‹”‡‡†‹˜‡”–‹”•‹ǤÂ‘Â’Â”ÂƒÂ–Â–Â—Â–Â–Â‘ÇĄ —Â?ƒ˜‹––‘”‹ƒˆ‹‰Ž‹ƒ†‡ŽŽǯ‹Â?’‡‰Â?‘…‘•–ƒÂ?–‡†‹ƒ—”‹œ‹‘Â?‡Ž Â?‘Â?†‘†‡ŽŽ‘•’‘”–…‘Â?‹Ž•‘•–‡‰Â?‘†ƒ–‘Â?‡Ž…‘”•‘†‹͛͘ ƒÂ?Â?‹ƒŽŽ‡’‹Î†‹˜‡”•‡ƒ––‹˜‹–Â?Č‹Â†ÂƒÂŽ…ƒŽ…‹‘ƒŽŽƒÂ’ÂƒÂŽÂŽÂƒÂ˜Â‘ÂŽÂ‘ÇĄ†ƒŽ –‡Â?Â?‹•ƒŽ…‹…Ž‹•Â?‘ǥ†ƒŽÂ?‘–‘…”‘••ƒŽÂ”ÂƒÂŽÂŽÂ›ČŒ‡Ġ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ †‹•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?…‘Â?‡ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â‡Â”†ƒ–‘˜‹–ƒƒŽŽƒƒ”‹–ƒ•†‹ƒ”‡œœ‘ Č‹Â‘Â”Âƒƒ•ƒÂ—Â–ČŒÇ¤Dz ÂŽ’”‹Â?‘’”‡Â?‹‘ƒŽ–‘”Â?‡‘†‹‘Ž’‡Â?ƒœœ‡ Č‚†‹…‡ƒ—”›Č‚°•‘Ž‘Žǯ—Ž–‹Â?ƒ‰‹‘‹ƒ•’‘”–‹˜ƒ‹Â?‘”†‹Â?‡†‹ –‡Â?’‘Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â•Âƒ…Š‡ƒŽ–”‹’”‘‰‡––‹ƒ‹—–‹Â?‘ƒÂ?ƒÂ?–‡Â?‡”‡ •‡Â?’”‡˜‹˜ƒŽƒ˜‘‰Ž‹ƒ†‹”‹–”‘˜ƒ”•‹‹Â?•‹‡Â?‡ǥ•‡Â?œƒ”‹Â?…Š‹—nj †‡”•‹Â?‡‹”‹…‘”†‹ǥ’‡”•‘•–‡Â?‡”‡ŽƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇłÇ¤Č‹ÂƒÇ¤ÂƒÇ¤ČŒ

͙͘

‘Žƒ˜‡�‘‘�‡�‹…ƒ͙͛Ž—‰Ž‹‘

,O3DOLRGHOO¡2FD GDDQQLVXOODVFHQD C’è un paese incastonato tra Valtrompia e lago d’Iseo dove prende corpo quel “fĂ  nĂ  le ocheâ€? spesso rivolto al pigro camminatore. Siamo a Polaveno, dove ormai da 25 anni si tiene il famoso Palio dell’Oca, che si concluderĂ  domenica 31 luglio. “Sin dal 1986 il Palio vuole essere una festa patronale – dice il parroco don Mario Laini (nella foto) – un modo per coinvolgere l’intera comunitĂ  polavenese nel ricordo di S. Anna (patrona insieme a S. Nicola vescovo). Un modo di incontrarsi che non si esaurisce nella sola giornata di celebrazione patronale (26 luglio), ma parte da lontano con la preparazione da parte dei contradaioli di una festa lunga una settimanaâ€?. I verdi del Castello, gli arancioni della Sorgente, i gialli della Fontana, i rossi della Valle e gli azzurri di Zoadello, queste le contrade che si sfidano nei sette giorni di prove e giochi. Una settimana che richiama gente da tutta la Valle e arriverĂ  nel fine settimana al punto culminante: sabato 30 alle 19 la sfilata di carri allegorici fino al campo sportivo e in serata i fuochi d’artificio; domenica 31 scalata mattutina in bicicletta e in serata l’attesa gara delle oche. Gente che accorre per assistere alla curiosa sfida “animalescaâ€?: cinque oche impegnate in una corsa dalla parrocchiale al campo sportivo, guidate ciascuna da un contradaiolo munito di bastoncino ma che non può toccarle. Oche che corrono per portare punti alle rispettive squadre, perchĂŠ il Palio è un vero e proprio torneo di prove sportive. E alla fine, la contrada che met-

terà in carniere il maggior numero di punti potrà portarsi a casa l’ambito Palio, quel drappo decorato a mano che potrà conservare sino all’edizione successiva e diverrà di sua proprietà se riuscirà a vincerlo per due edizioni, anche non consecutive. Tutto questo è il Palio dell’Oca, festa che fino a domenica 31 luglio illuminerà Polaveno con migliaia di piccole bandiere colorate. (a.a.)

‘Â?ƒ”‹‘ƒ‹Â?‹ǣDz ÂŽ ƒŽ‹‘˜—‘Ž‡‡••‡”‡—Â?ƒ ˆ‡•–ƒ’ƒ–”‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ—Â? Â?‘†‘’‡”…‘‹Â?˜‘Ž‰‡”‡ Žǯ‹Â?–‡”ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Çł


͙͠

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‘Â?ƒ•–‡”‘†‹‡”Ž‡ Dz‹œ‹‡Â˜Â‹Â”–Ά‡Ž •‡…‘Ž‘dz Il Monastero benedettino di S. Bartolomeo sul monte Orsino è luogo di meditazione spirituale. In questi ultimi anni si stanno concretizzando varie iniziative ďŹ nalizzate al recupero del ruolo originario di elevatezza spirituale svolto dall’antico cenobio, dal Medioevo al 1668, anno della sua soppressione. La parrocchia di Serle e il “Comitato pro San Bartolomeoâ€? da oltre un decennio organizzano l’apertura della chiesa e dell’ex Monastero tutte le domeniche

estive, da metĂ  giugno a metĂ  settembre, per visite guidate e per la celebrazione della S. Messa alle ore 17.30. Inoltre da quattro anni vi si svolge una rassegna di conferenze su “Vizi e virtĂš del XXI secoloâ€?. Tre gli appuntamenti proposti: il primo si è tenuto il 6 luglio con l’intervento del prof. Paolo Ferliga su “Consumismo e assenza del limiteâ€?; il secondo, mercoledĂŹ 27 alle ore 20.30, è sul tema “Non desiderare la donna – l’uomo d’altriâ€?: relatrice la prof.ssa Eliana

Zanoletti. L’ultimo appuntamento è per mercoledĂŹ 31 agosto con il prof. Giuliano Venieri che parlerĂ  della compassione. Come ogni anno, nel rispetto di una tradizione secolare, l’ultimo weekend di agosto, per la ricorrenza di S. Bartolomeo si festeggierĂ  la sagra dell’accoglienza dei pellegrini. Risalire la cima rocciosa del monte Orsino (934 m) signiďŹ ca per gli abitanti del luogo e per i fedeli riscoprire i segni di un passato glorioso, ancora attuale, di fede e di intensa spiritualitĂ . (e.n.)

te il lavoro di chi deve intervenire sul postoâ€?. Una applicazione della tecnologia che ha solo risultati positivi. “Grazie al lavoro attento e prezioso dell’Ana locale, della Protezione Civile, dell’Associazione genitori, della Scuderia Castello, di Ivo Gardumi e di Daniele Cibra, e dei tanti enti e istituzioni che ci hanno supportato in questa iniziativa che si è tradotta in realtĂ . E c’è spazio per un’ultima novitĂ , ancora legata alla tecnologia. “Abbiamo creato una vera e propria fotogallery dedicata al percorso, per agevolare ancora di piĂš l’utente. Insieme alla Protezione Civile, che ha svolto un ruolo importante anche a livel-

lo tecnico, abbiamo individuato una possibile area adatta all’atterraggio, in caso di emergenza, dell’elicottero. E inserito con il loro supporto anche le coordinate terrestri per agevolare il soccorso�. La Carta dei sentieri è reperibile negli uffici della Pro Loco.

  ‘•…‘Žƒ�‘ƒ†‡”�‘”‡•‡�–ƒœ‹‘�‡

&DUWDGHLVHQWLHUL SHUQRQSHUGHUVL

ÂŽ’”‘‰‡––‘•‹•˜‹Ž—’’ƒƒ…‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡†‹—Â?Žƒ˜‘”‘Ž‡‰ƒ–‘ƒŽŽƒÂ…ÂƒÂ”Â–Â‘Â‰Â”ÂƒÂˆÂ‹ÂƒÇŁ͙͠•‡Â?–‹‡”‹ ƒ†ƒ––‹ƒ‹’‹Î†‹˜‡”•‹Ž‹˜‡ŽŽ‹†‹—–‹Ž‹œœƒ–‘”‹Ǥǯ°ƒÂ?…Š‡Ž‘•˜‹Ž—’’‘•—‹Â?–‡”Â?‡–’‡”‹Ž ’•



   

'

i grande utilitĂ  e molto pratica. Una risposta valida alle esigenze dei tanti ospiti del nostro territorio, frutto di quell’attenzione costante che vogliamo migliorare, giorno dopo giorno, con cura e passioneâ€?. CosĂŹ Ermes Buffoli, assessore al Turismo del Comune di Toscolano Maderno, presenta la nuova Carta dei sentieri della cittadina gardesana. La Carta si sviluppa a conclusione di un lavoro di cartografia. “Di notevole importanza per il livello di dettaglio raggiunto nel tracciare e ‘spiegare’ qualcosa come 18 sentieri

adatti ai piĂš diversi livelli di utilizzatori. Una serie di percorsi che spazieranno in tutto il territorio di Toscolano Maderno, consentendo di scoprire vie nuove alternative alle consuete passeggiate e scorci di paesaggio di grande suggestione e panorami davvero mozzafiatoâ€?. Con una particolaritĂ  in piĂš, rappresentata dalla disposizione ad anello di questi 18 sentieri, segnati con lettere e riproposti in tre lingue. Ogni tracciato è arricchito con particolari e informazioni adatteâ€?. Oltre alla carta, c’è internet. “Abbiamo usato al meglio le sue potenzialitĂ , per le applicazioni che si possono

connettere a questo nuovo modo di intendere il turismo e il trekking. La novità assoluta è che per spostarsi nel migliore dei modi abbiamo reso disponibili i sentieri sul web e dal web si possono scaricare in quattro diversi formati Gps forniti di relative coordinate satellitari. Questo significa potersi orientare direttamente via satellite, inserendo i dati nel Gps o collegandosi, seguire la mappa online su qualsiasi supporto, e, in caso di emergenza, come può accadere, identificare immediatamente la propria posizione, comunicarla alle squadre di soccorso e facilitare enormemen-

Â—ÂˆÂˆÂ‘ÂŽÂ‹ÇŁDzÂ?ƒ”‹•’‘•–ƒ ˜ƒŽ‹†ƒƒŽŽ‡‡•‹‰‡Â?œ‡†‡‹ –ƒÂ?–‹‘•’‹–‹†‡ŽÂ?‘•–”‘ –‡””‹–‘”‹‘ǥˆ”—––‘†‹ Â“Â—Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?œ‹‘Â?‡…Š‡ ˜‘‰Ž‹ƒÂ?‘Â?Â‹Â‰ÂŽÂ‹Â‘Â”ÂƒÂ”Â‡Çł


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͙ͥ

†‘Ž‘ Dz•–ƒ–‡ƒÍž…‘”†‡dzƒŽ—•‡‘

‘–ƒ”›ƒŽŽ‡ƒ„„‹ƒ ƒ‰Ž‹•ƒ’‡”•–—†‹‘

Ž‹‹˜‡”‰Š‡ ‘”�‡‘†‡ŽŽ‡˜‘…‹

Dopo il grande successo di pubblico, ottenuto nell’edizione 2010 del festival, il festival della chitarra continua a catturarci con una nuova edizione che ci accompagnerĂ  nel corso dell’estate 2011. La rassegna denominata “Estate a 6 cordeâ€? prosegue con il concerto del 30 luglio nel Comune di Odolo al Museo del Ferro – Fucina di Pamparame alle 20,30. La serata prevede il concerto “Cafè Bordel – Flauto e Chitarraâ€? eseguito da Giovanna Mambrini

Scambio culturale. GiungerĂ  in Valle Sabbia, per la precisione a Sabbio Chiese, il 1° settembre Angelo David Callerame da New York. Si tratta di un giovane diciassettenne che per il tramite del Rotary Valle Sabbia ha espresso il desiderio di venire a studiare in Italia. Ăˆ stato iscritto all’Istituto Battisti di Salò e il Rotary Valle Sabbia. Per prendere contatto con il giovane, è possibile rivolgersi al Rotary Valle Sabbia: info@rotaryvallesabbia.org.

Canta che ti passa. Dal 29 al 31 luglio l’oratorio di Ciliverghe organizza e ospita “Il torneo delle voci – summer edition 2011â€?: una manifestazione canora non competitiva alla quale possono partecipare tutti. Ăˆ sufďŹ ciente contattare l’organizzazione per entrare a far parte della competizione. Si può partecipare come cantante o come spettatore. Informazioni al numero 3487117627 o al sito internet www.cilyboys.it

(auto) e Emidio Alfano (chitarra). Come lo scorso anno, il Festival rientra nella volontĂ  di realizzare nuovamente un progetto in sette Comuni della Valle Sabbia uniti per una grande estate all’insegna della cultura per la realizzazione di altrettanti concerti con la partecipazione di artisti a livello Internazionale e giovani di talento per dar vita ad un Festival unico in Italia tutto incentrato sul mondo della chitarra. La regia è dell’Associazione “Note Futureâ€?.



ƒ˜‹‰ƒ”†ƒ•–ƒ–‡

*LUDUIUDOHRQGH GHOODJRGL*DUGD ‡”‹Ž‰‹”‘…‘Â?’Ž‡–‘‡•‡Â?œƒÂ?‘njÂ‹Â˜ÂƒÇŚ‡•‡Â?œƒÂ?‘°Â?‡…‡••ƒ”‹ƒ—Â?ǯ‹Â?–‡”ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ–”ƒ‹ ’‘”–‹†‡ŽŽƒ•’‘Â?†ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒ‡“—‡ŽŽƒ˜‡”‘Â?‡•‡ǣ•‹’—Ö’”ƒÂ?œƒ”‡ƒŽ”‹•–‘”ƒÂ?–‡†‹„‘”†‘    

,

motivi per concedersi una crociera sulle rotte benacensi non mancano davvero e la Navigarda offre una serie completa di proposte che si adattano alle richieste del visitatore. Non c’è che l’imbarazzo della scelta con una flotta di oltre 20 imbarcazioni, tra placidi traghetti, veloci aliscafi, moderni catamarani e vecchi piroscafi a pale. Il primo servizio pubblico di navigazione sul Garda risale al 1827, con il varo del piroscafo Arciduca Ranieri e da quell’anno un popolo di turisti italiani e stranieri, fra i quali si sono mescolati personaggi famosi della storia, dell’arte e della letteratura, hanno potuto ammirare le bellezze naturali che il Benaco offre a chi si avventura sulla schiuma delle sue onde o sulla piatta delle frequenti bonacce. Per il giro completo Desenzano-RivaDesenzano è necessaria una intera giornata, zigzagando tra i porti della sponda bresciana e di quella veronese, pranzando al ristorante di bordo o semplicemente prendendo il sole e respirando l’aria frizzante che scende dai monti sulle terrazze dei ponti di prua o di poppa. Prima di imbarcarsi si può passeggiare nelle vie e piazze del centro storico della ‘capitale’ del lago, dove, dopo il progressivo ritiro dei ghiacciai sorsero i primi insediamenti umani della misteriosa civiltĂ  della ‘Polada’. La prima tappa, fino a Sirmione, è breve. Dal lago si posso-

 

ÂŽ’”‹Â?‘•‡”˜‹œ‹‘ ’—„„Ž‹…‘†‹Â?ƒ˜‹‰ƒœ‹‘Â?‡ •—Ž ƒ”†ƒ”‹•ƒŽ‡ ƒ††‹”‹––—”ƒƒŽ͙͚͠Í&#x; …‘Â?‹Ž˜ƒ”‘†‡Ž’‹”‘•…ƒˆ‘ ”…‹†—…ƒƒÂ?‹‡”‹ no ammirare il suo castello, gioiello dell’architettura militare e custode del centro storico, fatto costruire nel XIII secolo da Mastino della Scala e, proprio sulla punta della penisola, i ruderi della villa romana universalmente noti come ‘grotte di Catullo’. Il lago si allarga e si raggiunge Salò con

il suo Duomo, il palazzo del Provveditore e il golfo chiuso da un lato dalla lussureggiante Isola del Garda, la piĂš grande del lago e dall’altro dall’ampia sagoma del Vittoriale di Gardone Riviera, ultima dimora del ‘vate’ Gabriele D’Annunzio. Ăˆ la volta di Toscolano Maderno, reso famoso nei secoli da cartiere e stamperie, ora recuperate in una valle che riporta indietro nel tempo. Risalendo verso nord il lago si stringe per dar modo, quasi, di toccare le storiche limonaie, fatte di mura e pilastri di pietra, strappate alla roccia da Gargnano fino a Limone. Spostandosi sulle rive veronesi si giunge fin sotto il castello imperioso e solitario di Malcesine sovrastata dalla possente catena montuosa del Baldo, si lambisce la leggiadra punta di S. Vigilio immersa fra olivi e cipressi ed ancora le popolose cittadine ed i piccoli borghi dei pescatori sparsi sulle rive, con i loro castelli, le mura diroccate e le storie antiche che ancor oggi si respirano fra le vie di pietra e di mattoni. Riva ci attende, ultima tappa del nostro itinerario. Storico porto del lago, ha da sempre rappresentato il naturale sbocco delle Alpi verso la pianura. Inizia il viaggio di ritorno ed è una nuova scoperta di luoghi, ma soprattutto di colori, dal bianco delle rocce all’azzurro dell’acqua, dal verde degli alberi al rosso del sole che tramonta nel golfo di Desenzano. Per informazioni: www.navlaghi.it, 0309149511.

Â?ÍšÍ?Ž‘…ƒŽ‹–Â? ‘––‡†‡ŽŽ‡•–‡ŽŽ‡ ‹ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ•—Ž ƒ”†ƒ—Â?‘•’‡––ƒ…‘Ž‘†ƒ —‹Â?Â?॥‘”Ž†‡…‘”†Ǥ ÂŽ͙͛ƒ‰‘•–‘ •ƒ”Â?Dzƒ‰”ƒÂ?†‡Â?‘––‡†‡ŽŽ‡•–‡ŽŽ‡dzǥ—Â?‰‹‰ƒÂ?–‡•…‘•’‡––ƒ…‘Ž‘’‹”‘–‡…Â?‹…‘ǥƒ …‘‹Â?˜‘Ž‰‡”‡Ž‡’‹ƒœœ‡†‡‹’”‹Â?…‹’ƒŽ‹…‡Â?–”‹‰ƒ”†‡•ƒÂ?‹…‘Â?‰‹‘…Š‹†‹Ž—…‹ǥ…‘Ž‘”‹ǥ •—‘Â?‹‡„‘––‹…Š‡ǥƒŽŽ‘•…‘……ƒ”‡†‡ŽŽƒÂ?‡œœƒÂ?‘––‡ǥ‹ŽŽ—Â?‹Â?‡”ƒÂ?Â?‘ǎƒ‰‹‘”Â?‘ǯ‹Ž …‹‡Ž‘†‡ŽŽ‡”‹˜‹‡”‡„‡Â?ƒ…‡Â?•‹ǤÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘°’”‘Â?‘••‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡Dzƒ‰‘†‹

ƒ”†ƒ–—––‘ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘dzǥ…Š‡…‘‹Â?˜‘Ž‰‡„‡Â?ÍšÍ?Ž‘…ƒŽ‹–Â?ƒˆˆƒ……‹ƒ–‡ƒŽ‡Â?ƒ…‘‡…Š‡ ’”‘’‘Â?‡—Â?ƒ•‡”‹‡†‹‡˜‡Â?–‹•’‡––ƒ…‘Žƒ”‹‹Â?‰‹”‘’‡”‹ŽŽƒ‰‘ǤDzƒ‰”ƒÂ?†‡Â?‘––‡ †‡ŽŽ‡•–‡ŽŽ‡dz’”‡˜‡†‡’‡”–—––‡Ž‡Ž‘…ƒŽ‹–Â?ŽƒÂ?‡†‡•‹Â?ƒÂ•Â…ÂƒÂŽÂ‡Â–Â–ÂƒÇŁ•‹…‘Â?‹Â?…‹ƒ ƒŽŽ‡͙͠…‘Â?ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡ǥ‡˜‡Â?–‹‡Â?—•‹…ƒÂ?‡ŽŽ‡’‹ƒœœ‡Ǥ‡”–—––ƒŽƒ•‡”ƒ–ƒ†—‡ Â?‘–‘Â?ƒ˜‹†‡ŽŽƒˆŽ‘––ƒƒ˜‹‰ƒ”†ƒ•‹•’‘•–‡”ƒÂ?Â?‘†ƒ—Â?’ƒ‡•‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–”‘…‘Â?ƒ „‘”†‘„‹‰†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒ†‡Ž…ƒŽ‹„”‘†‹Â?”‹…‘—‰‰‡”‹ǥ‡”‘••‘Ž—–‘‡ƒ‘Žƒ —”…‹…Š‡’”‘’‘””ƒÂ?Â?‘ǥƒ”‘–ƒœ‹‘Â?‡Â?‡‹˜ƒ”‹’‘”–‹ǥ—Â?ƒ•…ƒŽ‡––ƒŽ‹˜‡†‡‹Ž‘”‘ •—……‡••‹Ǥ‡”Ž‡˜‹‡‡Ž‡’‹ƒœœ‡†‡‹‘Â?—Â?‹ǥ…‘Â?‹Â?‡‰‘œ‹ƒ’‡”–‹ˆ‹Â?‘ƒ–ƒ”†ƒ Â?‘––‡ǥ•‹•—••‡‰—‹”ƒÂ?Â?‘ƒŽ–”‹‡˜‡Â?–‹ƒÂ?‹Â?ƒ–‹†ƒ†Œ‡ƒ”–‹•–‹†‹•–”ƒ†ƒǤ͙͘•‡…‘Â?ÇŚ †‹’”‹Â?ƒ†‡ŽŽƒÂ?‡œœƒÂ?‘––‡‹Â?‹œ‹‡”Â?‹Ž…‘—Â?РԪÂ?†‡Ž‰”ƒÂ?†‡•’‡––ƒ…‘Ž‘’‹”‘nj –‡…Â?‹…‘…Š‡…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒÂ?‡Â?–‡ǎ‹Â?…‡Â?†‹‡”Â?ÇŻ‹Ž…‹‡Ž‘‰ƒ”†‡•ƒÂ?‘Ǥ†‘’‘‹ ˆ—‘…Š‹•‹„ƒŽŽƒ…‘Â?ŽƒDz‘––‡†‡ŽŽ‡•–‡ŽŽ‡†ƒÂ?…‡dzǤ

—˜‘Ž‡Â?–‘ ‡…Š‹‡•‡‹Â?—Â?˜‘Ž—Â?‡ ‡Â?‡”†¿͚ͥŽ—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘’”‡••‘Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡˜‡””Â?’”‡•‡Â?–ƒ–‘‹ŽÂ˜Â‘ÇŚ Ž—Â?‡Dz‡…Š‹‡•‡†‹—˜‘Ž‡Â?–‘dzƒ…—”ƒ†‡Ž’”‘ˆǤ—‹‰‹ ”ƒÂ?œ‘Â?‹‡†‹‡Â?ƒÂ?œ‹‘ ƒ••ƒ”†‹‡Ž„‡”–‘ ”ƒÂ?œ‘Â?‹ǥ”‡ƒŽ‹œœƒ–‘†ƒŽŽ‡ ”ƒˆ‹…Š‡—Â?Â?‹Â?‡ŽŽ‘†‹ ÂƒÂ˜ÂƒÂ”ÇŚ †‘ǤÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒÇĄ…Š‡Šƒ”‹…Š‹‡•–‘’‹Î†‹†—‡ƒÂ?Â?‹†‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ†‡•…”‹˜‡ÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…ƒ‹‡˜‡ †‹ƒÂ?–ƒ–‡ˆƒÂ?Â‹ÂƒÇĄŽƒ…Š‹‡•‡––ƒ†‹ƒÂ?–ǯÂ?†”‡ƒ‡Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡†‹ƒÂ?–ƒÂƒÇŚ ”‹ƒ†‡ŽŽƒ‡˜‡Ǥ‡ŽŽ‡ÍšÍ&#x;Íš’ƒ‰‹Â?‡˜‹‡Â?‡•‹Â?–‡–‹œœƒ–ƒÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‘Ž—œ‹‘Â?‡•–‘”‹…ƒ†‡‹–”‡ Ž—‘‰Š‹†‹…—Ž–‘†ƒŽŽ‡‘”‹‰‹Â?‹Â?‡†‹‘‡˜ƒŽ‹ƒ‹‰‹‘”Â?‹Â?‘•–”‹Ǥƒ”–‹…‘Žƒ”‡ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡ ˜‹‡Â?‡†ƒ–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â’Â‡Â–Â–Â‘Â†Â‹Â†ÂƒÂ–Â–Â‹Â…Â‘Č‚Â†Â‡Â˜Â‘ÂœÂ‹Â‘Â?ƒŽ‡Ǥ‹–—––‹‹ƒÂ?–‹”ƒˆˆ‹‰—”ƒ–‹Â?‡‰Ž‹ ƒˆˆ”‡•…Š‹‡Â?‡ŽŽ‡’ƒŽ‡…ǯ°—Â?„”‡˜‡’”‘ˆ‹Ž‘„‹‘‰”ƒˆ‹…‘Ǥ‹Î†‹Í™Í?͘‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹ƒ …‘Ž‘”‹ƒ””‹……Š‹•…‘Â?‘‹Ž˜‘Ž—Â?‡‡Ž‘”‡Â?†‘Â?‘‹Â?˜‹–ƒÂ?–‡Ǥ‘Â?Â?ƒÂ?…ƒÂ?‘’‘‹‹ŽŽ—nj •–”ƒœ‹‘Â?‹•–‘”‹…Š‡‡„”‡˜‹†‡•…”‹œ‹‘Â?‹†‡‰Ž‹ÂƒÂ””‡†‹ǥ†‡‹’ƒ”ƒÂ?‡Â?–‹•ƒ…”‹‡†‡‹ ”‡Ž‹“—‹ƒ”‹Ǥ‘Â?’Ž‡–ƒÂ?‘‹Ž˜‘Ž—Â?‡“—ƒ––”‘ƒ’’‡Â?†‹…‹ǣÂ?‡ŽŽƒ’”‹Â?ƒ…ǯ°Žǯ‡Ž‡Â?…‘ †‡‹’ƒ””‘…‹‡˜‹…ƒ”‹ˆ‘”ƒÂ?‡‹†‹—˜‘Ž‡Â?–‘†ƒŽ͙͙͘͘Ġ‘‰‰‹‡†‡‹˜‹…ƒ”‹…‘‘nj ’‡”ƒ–‘”‹†‡ŽŽǯ—Ž–‹Â?‘•‡…‘Ž‘ǢÂ?‡ŽŽƒ•‡…‘Â?†ƒ˜‹‡Â?‡’”‡•‡Â?–ƒ–ƒ‹Â?„”‡˜‡ÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ ’”‡œ‹‘•ƒ†‡ŽŽ‡Dz ‹‰Ž‹‡†‡ŽŽƒƒ”‹–Â?ƒÂ?‘••‹ƒÂ?‡dzǢÂ?‡ŽŽƒ–‡”œƒ…ǯ°Žƒ„‹‘‰”ƒˆ‹ƒ†‹ –—––‹‹…‘Â?•ƒ…”ƒ–‹…Š‡Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŠƒ†ƒ–‘ƒŽŽƒŠ‹‡•ƒ†ƒŽÍ™ÍĄÍ˜Í˜Ġ‘‰‰‹ǢÂ?‡Žnj Žƒ“—ƒ”–ƒ•‘Â?‘‡Ž‡Â?…ƒ–‡‡†‡•…”‹––‡Ž‡DzƒÂ?–‡ŽŽ‡dz…Š‡•‘”‰‘Â?‘Â?‡Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ

  



ƒ†‡Â?‰Š‡ ”‡•‡Â?–‹‡”‹’‡”•…‘’”‹”‡‹Ž–‡””‹–‘”‹‘ ÇŻÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡†‡ŽŽƒ…‹––ƒ†‹Â?ƒ˜ƒŽ–‡Â?‡•‹Â?ƒŠƒ•–—†‹ƒ–‘ŽƒÂ”Â‡ÂƒÂŽÂ‹ÂœÇŚ œƒœ‹‘Â?‡†‹–”‡‹–‹Â?‡”ƒ”‹†ƒ’‡”…‘””‡”‡ƒ’‹‡†‹‘‹Â?„‹…‹…Ž‡––ƒǤ –”‡’‡”…‘”•‹•‘Â?‘ ‹†‡Â?–‹ˆ‹…ƒ–‹†ƒ†‹˜‡”•‹…‘Ž‘”‹ǣƒ”ƒÂ?…‹‘“—‡ŽŽ‘†‡Žǎ…‡Â?–”‘•–‘”‹…‘ǯ…Š‡ǥ’ƒ”–‡Â?†‘ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„Â„ÂƒÂœÂ‹Âƒ†‹ƒ‰—œœƒÂ?‘ǥ‘Ž–”‡’ƒ••ƒŽƒÂ?—‘˜ƒƒ”‡ƒ†‡Ž’ƒ”…‘…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‡Â?ÇŚ –”ƒÂ?‡Ž…‡Â?–”‘ǥ”ƒ‰‰‹—Â?‰‡ÂŽÇŻÂƒÂ”‡ƒ†‡Žˆ—–—”‘’ƒ”…‘ƒŽ‘••‡‡•‹…‘Â?…Ž—†‡ǥ†‘’‘ …‹”…ƒÍ?Â?Â?ÇĄƒŽ…‘Â?ˆ‹Â?‡…‘Â?‘Â?‹‰ƒǤ‹…‘Ž‘”‡ƒœœ—””‘°‹Ž–”ƒ……‹ƒ–‘ǎ†‡ŽÂŽÂƒÂ‰Â‘ÇŻ …Š‡•‹•Â?‘†ƒ’‡”…‹”…ƒÍœÂ?Â?†ƒŽŽ‹†‘†‹‘Â?ƒ–‘‡•‡‰—‡‹’‡”…‘”•‹’‡†‘Â?ÂƒÂŽÂ‹ÇŚ …‹…Žƒ„‹Ž‹˜‡”•‘‘Â?Â‹Â‰ÂƒÇĄ’ƒ••ƒÂ?†‘˜‹…‹Â?‘ƒŽ’‘”–‘”‘Â?ƒÂ?‘‡ƒ‰Ž‹‹Â?•‡†‹ƒÂ?‡Â?–‹ ’”‡‹•–‘”‹…‹†‹‘……Š‡––ƒ‡ƒÂ?ƒ••‹ƒÂ?‘Ǥ ÂŽ…‘Ž‘”‡˜‹‘Žƒ°ƒ••‡‰Â?ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â–Â‹Â?‡nj ”ƒ”‹‘ǎ†‡‹…‘ŽŽ‹ǯǣ†ƒ˜‹ƒƒÂ?–ǯÂ?Â?ƒƒ––”ƒ˜‡”•ƒÂŽÇŻÂƒÂ”‡ƒƒ”…Š‡‘Ž‘‰‹…ƒ†‹ƒÂ?–ǯÂ?‹nj Ž‹ƒÂ?‘ǥƒ””‹˜ƒƒŽƒ•–‡ŽŽ‘‡ƒŽ˜ƒ•‘¿ǥˆ‹Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡ÂƒDz‡ ”‡††‹dzǥ–”ƒÂ?•‹–ƒÂ?†‘’‡” Žƒˆ”ƒœ‹‘Â?‡†‹”ƒ–‡ŽŽ‘‡”ƒ‰‰‹—Â?‰‡Â?†‘‹’ƒ‡•‹Ž‹Â?‹–”‘ˆ‹Ǥ


6$/87(( %(1(66(5( &RQO·DYYHQWRGHOO HVWDWHHO DXPHQWRGHOOHWHPSHUDWXUH LQL]LDQROHFDPSDJQHGLVHQVLELOL]]D]LRQHQHOOD SRSROD]LRQHDQ]LDQDSHUO·HPHUJHQ]DFDOGR6HFRQGR VWDWLVWLFKHQD]LRQDOHDULVFKLRVDUHEEHWUDLOHLO GHOODSRSROD]LRQHDYDQWLFRQO·HWjSHUFHQWXDOHDOOD TXDOHYDQQRDJJLXQWHTXHOOHSHUVRQHFKHYLYRQRVROH VHQ]DDOFXQDLXWRHVWHUQR,QTXHVWRFRQWHVWR $FTXDQDWXUDVUOVXOODVFLDGHO3URJHWWR´6HQLRU /LYLQJµYXROHLQVHULUVLFRPHSXQWRGLULIHULPHQWRSHU GDUHRVSLWDOLWjHDVVLVWHQ]DDWXWWLJOLDQ]LDQLEUHVFLDQL HQRQFKHQHFHVVLWDQRLQTXHVWRSHULRGRGLFDOGRWRUULGR GLXQOXRJRIUHVFRGRYHWUDVFRUUHUHJLRUQDWHOLHWHLQ FRPSDJQLDHDVVLVWLWLJLRUQDOPHQWH/H7HUPHGL$QJROR HODVWUXWWXUDGL$FTXDQDWXUDSUHVWDQRLQVLHPH O LQL]LDWLYDGDOSXQWRGLYLVWDDPELHQWDOHQRQVLSXz GLPHQWLFDUHLOPLFURFOLPDSHUIHWWRFKHVLFUHDQHOOD YDOODWDGRYHVRQRVLWHQRQFKpODIORUDHODIDXQDGLFXL HVVDqGRWDWDLQDEERQGDQ]DHORVSOHQGLGRSDHVDJJLR FKHODDEEHOOLVFH7XWWRFLzXQLWRDOODFRPSDJQLDH DOO·DOOHJULDVDUjGLVWLPRORSVLFRORJLFRSHUWXWWLL YLOOHJLDQWLLQPRGRFKHSRVVDQRWUDVFRUUHUHXQVHUHQR SHULRGRGLIHULH&RORURFKHDOOHSUHVHFRQTXDOFKH SUREOHPDILVLFRLQFLWWjVDUHEEHURULPDVWLFKLXVLVROLLQ FDVDSHULQWHUHJLRUQDWHVHQ]DDOFXQDDVVLVWHQ]DR DYUHEEHURVHULDPHQWHULVFKLDWRSUREOHPLGLVDOXWHDQFKH JUDYLXVFHQGRDOO·DSHUWRFRQWHPSHUDWXUHSURLELWLYH QHOOHRUHSLFDOGHGHOJLRUQRSRWUDQQRLQTXHVWRPRGR DFFHGHUHDOODSRVVLELOLWjGLXQVRJJLRUQRLQPRQWDJQD $OOH7HUPHGL$QJRORLQYHFHYHUUjGDWDODSRVVLELOLWjD WDQWHSHUVRQHGLYLYHUHDOOHJUDPHQWHLQWUDQTXLOOLWjH VRSUDWWXWWRLQFRPSOHWDVLFXUH]]D2OWUHDOO RVSLWDOLWjH DOO DFFRJOLHQ]DGXUDQWHLOVRJJLRUQRYHUUDQQRDWWLYDWH DQFKHFDPSDJQHGLVHQVLELOL]]D]LRQHYROWHDOODFXUD GHOO·DQ]LDQRVLDLQVLWXD]LRQLFULWLFKHFRPHLOSHULRGR HVWLYRVLDLQWXWWLLFDVLGHOODTXRWLGLDQLWj $FTXDQDWXUDDWWUDYHUVRO·LGHDSURVVLPDIXWXUDGHO ´6HQLRU/LYLQJµYXROHSDUWHFLSDUHDWWLYDPHQWHHLQ PDQLHUDLQQRYDWLYDDOODFXUDDJUDGLGHOOD SRSROD]LRQHDQ]LDQDRIIUHQGRVHUYL]LGLTXDOLWjH FRLQYROJLPHQWRXPDQRDFRORURFKHVWDQQRDIIURQWDQGR XQDGLIILFLOHVWDJLRQHGHOODORURYLWD/·RIIHUWDTXLQGL QRQqVRORTXHOODGHOFODVVLFRVRJJLRUQRµFOLPDWLFRµSHU DVVDSRUDUHODIUHVFXUDGHOOD]RQDVLWXDWDDFLUFDP VOPQpO·XQLFREHQHILFLRYHUUjGDOOHEUH]]HSURYHQLHQWL GDOOHFLPHGHOOD3UHVRODQDFKHGDOO·DOWRGHLVXRL PHWULGRPLQDVXOODYDOODWD4XHOODSURSRVWDLQIDWWL VDUjXQ·RIIHUWDLQWHJUDWDRULHQWDWDDOEHQHVVHUHWRWDOH GHOODSHUVRQDFRQLOGXSOLFHRELHWWLYRVLDGLOLPLWDUHL SHULFROLGHULYDQWLGDOO·RSSULPHQWHDIDFLWWDGLQDVLDGL UHJDODUHDLQRVWULRVSLWLTXHOYDORUHDJJLXQWRFKH PHULWDQRHFKHVRORLQUDULVVLPLFDVLVLSXzWURYDUHQHOOH VWUXWWXUHHVLVWHQWL


  ‘Â?Â‰Â‡Â”ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

/$92&( '(/ 3232/2   

Č‹‘Â?‘Í™ÍĄÍ›ÍšČŒ ‹ˆ‘”Â?ƒÂƒÂŽÂŽÇŻ……ƒ†‡Â?‹ƒ†‹”‡”ƒƒ‹ŽƒÂ?‘Ǥ ÂŽ•—‘•–‹Ž‡ —Â?‹•…‡ƒŽ†‹•‡‰Â?‘–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡‡Ž‡Â?‡Â?–‹…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡‹ “—ƒŽ‹Žƒ†‹••‘Ž˜‡Â?œƒ‡‹Ž…‘Â?–”ƒ•–‘Ž—Â?‹Â?‹•–‹…‘Ǥ ƒ †‡…‘”ƒ–‘ƒÂ?…Š‡Ž‡…Š‹‡•‡†‹ƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹‘•…‘‹Â? ”‡•…‹ƒ‡‹Â?‘˜ƒ–‘Ǥ        Č?͙ͥ͛͠ȎÇĄ    

$QGDUHROWUHLOLPLWL ,/9$1*(/2 '(//$'20(1,&$ ;9,,,'20(1,&$'(/7(03225',1$5,2 '$/9$1*(/26(&21'20$77(2 

GesĂš partĂŹ di lĂ  su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle cittĂ . Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentĂŹ compassione per loro e guarĂŹ i loro malati. Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: “Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perchĂŠ vada nei villaggi a comprarsi da mangiareâ€?. Ma GesĂš disse loro: “Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiareâ€?. Gli risposero: “Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!â€?. Ed egli disse: “Portatemeli quiâ€?. E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietĂ , e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

 

 

0

olto di piĂš. Il numero enorme delle persone e quello dei pezzi avanzati del cibo dato da GesĂš rispetto alla pochezza di quello che gli era stato dato sono l’immagine di un dono che va molto al di lĂ  delle nostre aspettative. Mi fa sorridere sempre la frase disarmante dei discepoli che fanno presente a GesĂš che c’è poca roba e che loro non saprebbero proprio come fare a dar da mangiare a tutti. Dopo che lui li ha invitati a sfamare la gente. Una cosa impossibile. E con cinque pani e due pesci, anche. Una folla della quale GesĂš ha compassione, per la quale parla, ma soprattutto va incontro guarendo. Ăˆ la folla dei disperati, di quelli che si attaccano a Lui solo per una spinta di necessitĂ , per un sentimento che potrebbe rasentare la disperazione. Matteo non dice che GesĂš insegna loro: GesĂš sente compassione e guarisce. Ăˆ il popolo che non può nemmeno ascoltare perchĂŠ manca del

    

 

/RVSLULWRGLOLEHUWj “E non ci indurre in tentazione: nascosta o manifesta, improvvisa o persistente. Ma liberaci dal male: passato, presente e futuroâ€?. L’uomo conosce un’unica tentazione quella di voler fare a meno di Dio. Da questa tentazione si diramano tutti i peccati dell’uomo. Francesco ci aiuta a capire le varie tipologie di tentazione: c’è quella riconoscibile immediatamente (manifesta) come quelle che riguardano la sfera affettiva e sessuale, ma c’è anche quella subdola, nascosta non cosĂŹ evidente come appunto il pensare di poter fare a meno di Dio. Non è tanto la tentazione dell’ateo, ma quella del credente che smettendo di essere figlio si chiude alla paternitĂ  di Dio. Qui scopriamo la Provvidenza nascosta nel peccato:

quella di rivelarci la nostra natura fragile e di riportarci umilmente davanti a Dio. Francesco saggiamente ci ricorda che il male, perdurando nel tempo, ci si appiccica addosso. Forse per questo GesÚ ci insegna a chiedere nella preghiera la libertà; una libertà vissuta dentro la paternità di Dio. I totalitarismi del recente passato avevano tutti la pretesa di sostituirsi a Dio. La scienza vive in questa tentazione, come la politica e l’economia, ecco che allora, la fede cristiana restituendo a Dio il primato, rimette al centro della coscienza il valore dell’obbedienza. L’anelito di libertà che è nell’uomo come una necessità vitale, va unito all’obbedienza alle indicazioni di Dio. I Comandamenti e le Beatitudini sono indicazioni per vivere la

libertĂ . Senza indicazioni stradali ci si affida al caso e tutte le strade sembrano quella giusta. Un altro santo, Francesco di Sales, scrisse in una lettera a Santa Giovanna di Chantal: “Vi lascio lo spirito di libertĂ , non giĂ  quello che esclude l’obbedienza, chĂŠ questa è la libertĂ  del mondo; ma quello che esclude la violenza, l’ansia e lo scrupoloâ€? (lettera del 14 ottobre 1604). Lo scopo dell’obbedienza è proprio questo sviluppo di una libertĂ  pienamente orientata al bene. Concludiamo il percorso sul Padre Nostro, idealmente l’ultima richiesta della preghiera che GesĂš ci ha insegnato viene unita alla parola iniziale “Padreâ€?. Questa prima parola è la veritĂ  che GesĂš getta sull’uomo per rivelargli il suo essere per natura “figlioâ€?.

necessario, sente aggressivamente il bisogno, intuisce prima ancora di capire. Ăˆ una folla, non ancora popolo. Ăˆ una folla che lo insegue per bisogno, per il pane quotidiano, la necessitĂ  prima del vivere. E allora congedarli e disperderli è rinunciare a mettere davanti ai loro occhi il primo messaggio balbettante di una salvezza che è molto di piĂš. Capiranno? Forse non capiscono nemmeno i discepoli. E la folla vedendosi arrivare il pane non si sarĂ  chiesta da che parte potesse venire, e nemmeno se ci fosse stato un prodigio lĂŹ vicino. Ăˆ stretta da altre necessitĂ , dal bisogno che non lascia vedere. Come per le parabole la folla non può vedere. Il segno è fatto per i discepoli ed è la spiegazione nei fatti della Parola tante volte ascoltata. Ăˆ il messaggio della possibilitĂ  del Regno e la misura di quel ‘di piÚ’ che può la fede. GesĂš chiede un atto di fede concreto ai discepoli: chiede che siano loro a dar da mangiare alla folla, a trovare la soluzione a una situazione

impossibile. Non importa quanto sia poco quello che hanno. Ăˆ come il granello di senape e il lievito. E il risultato è qualcosa che li supera perchĂŠ è dono ed è il farsi presente del Regno di Dio. Loro lo vedono e lo capiscono. Lontana la folla saziata. Il censimento dei 5000 uomini e delle dodici ceste è solo un atto di stupore. Una follia collettiva per chi, anche oggi, deve piegare il miracolo alla spiegazione delle meccaniche umane; esagerazione pubblicistica per chi, anche oggi, vuole che tutto sia falso o al massimo simbolico. Ma come nelle parabole anche questo miracolo è per i discepoli: perchĂŠ comprendano. Per gli altri vale sempre la profezia di Isaia: perchĂŠ vedendo non vedano, sentendo non capiscano e non imparino a credere. Per loro rimane l’esigenza del quotidiano e il barlume del desiderio che si riduce a favola di speranza; per i discepoli continua a essere speranza vera di quell’abbondanza che da soli non potranno mai darsi.


͚͚

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‘”Â?‘†ǯˆ”‹…ƒ ƒ‹Â?‡†‹…‹†‡Ž—ƒÂ?Â?—Â?ƒ’’‡ŽŽ‘’‡”ˆ”‡Â?ƒ”‡Žǯ‡Â?‡”‰‡Â?œƒ Medici con l’Africa Cuamm è organizzazione sanitaria fondata a Padova negli anni Cinquanta su impulso dell’allora vescovo mons. Bortignon ed è presente nelle aree piĂš colpite dalla siccitĂ  e dalla carestia, come la regione della Karamoja in Uganda e in Etiopia, da dove lancia un appello per la crisi nel Corno. “L’emergenza aggrava una situazione terribilmente ordinaria – dichiara il direttore don Dante Carraro – sulla quale non abbiamo mai smesso di

portare l’attenzione. In queste regioni abbiamo il piÚ alto tasso di malnutrizione infantile dell’Africa sub-sahariana: il 48% dei bambini al di sotto dei cinque anni ne soffre e il tasso di mortalità ospedaliera raggiunge, e talvolta supera, il 20% perchÊ arrivano in ospedale in condizioni già gravissime�. Affrontare e lenire questa piaga è oggi una missione ancora piÚ urgente: Medici con l’Africa Cuamm interviene presso l’ospedale di Matany in Karamoja e presso

l’ospedale di Wolisso in Etiopia, dove è stato inaugurato da poco un reparto dedicato alla cura dei bambini malnutriti. In questo momento di grande difďŹ coltĂ  Medici con l’Africa Cuamm lancia un appello a favore dei bambini malnutriti dell’ospedale di Wolisso in Etiopia e di Matany in Nord Uganda, sottoposti ad un enorme carico di richieste di aiuto. “Anche un piccolo aiuto può produrre un risultato concretoâ€?, spiegano a Medici con l’Africa Cuamm.

  

”‹‡•–‡͚͔͞‡––‹�ƒ�ƒŽ‹–—”‰‹…ƒ�ƒœ‹‘�ƒŽ‡

/LWXUJLDHFDWHFKHVL ´'LRHGXFDLOVXRSRSRORÂľ ÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘ǥ‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ–”ƒ‹Ž͚͚‡‹Ž͚͞ƒ‰‘•–‘Â?‡ŽŽƒ…‹––Â?Â?Â‹Â–Â–Â‡ÂŽÂ‡Â—Â”Â‘Â’Â‡ÂƒÇĄ•‹’”‘’‘Â?‡•‡…‘Â?†‘Ž‡’ƒ”‘Ž‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â…Â‹Â˜Â‡Â•Â…Â‘Â˜Â‘Â?‘Â?•Ǥ”‡’ƒŽ†‹†‹Ç˛ÂˆÂƒÂ””‹•…‘’”‹”‡ŽƒÂ?ƒ–‹˜ƒˆ—Â?œ‹‘Â?‡‡†—…ƒ–‹˜ƒ†‡ŽŽ‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹Ž‹–—”‰‹…Š‡dz     

 

1

ella lettera che presenta la 62ÂŞ Settimana liturgica nazionale, firmata dall’arcivescovo di Trieste mons. Giampaolo Crepaldi e dal responsabile del Centro di azione liturgica mons. Felice Di Molfetta, sono giĂ  contenuti tutti i temi piĂš importanti che in essa verranno affrontati: innanzitutto la dimensione catechistica secondo il tema scelto quest’anno: “Dio educa il suo popolo. La liturgia, sorgente inesauribile di catechesiâ€?. Poi, l’attenzione alla storia e alla tradizione, rappresentata dalla Chiesa madre di Aquileia, e l’apertura ad una dimensione che partendo dal contesto italiano acquisti un respiro internazionale. Presentando la Settimana liturgica, inoltre l’arcivescovo Crepaldi ha aggiunto che si tratta di “un evento nazionale ma anche di un evento liturgico, spirituale e culturale di grande spessoreâ€?. â€œĂˆ fondamentale – ha osservato- la scelta del temaâ€? che “coniuga liturgia, educazione e catechesi, in stretta connessione con le indicazioni del Santo Padre e dei Vescovi italiani che hanno posto l’emergenza educativa come tema principale di riflessione per il prossimo decennioâ€?. Relatori di spicco saranno, tra gli altri, il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e pre-

Ǥ

    

”ƒ‹Â”Â‡ÂŽÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄÂ?‘Â?•Ǥ ‘Â?ƒ”‹…‘Â?Žǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘ Dzƒ”‘Žƒ†‹‹‘‡ÂŽÂ‹Â–Â—Â”Â‰Â‹ÂƒÇŁ ’”‘•’‡––‹˜‡‡†—…ƒ–‹˜‡ †‹—Â?”ƒ’’‘”–‘ ‘”‹‰‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‘Çł sidente della Cei, il card. Angelo Scola, da poco eletto alla sede di Milano, e Andrea Riccardi, fondatore della ComunitĂ  di S. Egidio. Sede del convegno sarĂ  il Molo IV. Il programma prevede – oltre agli

interventi dei relatori giĂ  citati – la prolusione iniziale, lunedĂŹ 22 alle 17, pronunciata dal cardinale Angelo Comastri, dal titolo “Liturgia luogo educativoâ€?, l’indomani, invece, mons. Luciano Monari alle 16 rifletterĂ  su “Parola di Dio e liturgia: prospettive educative di un rapporto originarioâ€?. Dopo che la giornata di mercoledĂŹ 24 sarĂ  dedicata all’approfondimento del modello fornito dalla Chiesa di Aquileia, giovedĂŹ i lavori saranno suddivisi secondo gruppi di interessi che approfondiranno singoli aspetti dell’ambito liturgico. La conclu-

sione, venerdÏ 26, sarà affidata a mons. Crepaldi che presenterà in mattinata il Breviarium aquileiese. L’evento triestino punta a raggiungere, nelle intenzioni degli organizzatori, non solo un migliaio di iscritti da tutta Italia, ma anche a coinvolgere le Chiese sorelle di Austria, Slovenia e Croazia, secondo la vocazione mitteleuropea da sempre presente nell’anima della città. Non solo: un’importante declinazione ecumenica si avrà anche grazie al coinvolgimento delle comunità religiose ortodosse e riformate presenti.

͚͚Ν ƒÂ?„‘”‡‡ ‡”—Â?Â?‘Â?†‘ †‹’ƒ…‡ ”‘˜‡Â?‰‘Â?‘†ƒ‘‰Â?‹’ƒ”–‡†‡Ž Â?‘Â?†‘‹͛͠Â?‹Žƒ”ƒ‰ƒœœ‹•…‘—– …Š‡ǥ†ƒ†‘Â?ƒÂ?‹ƒŽÍ&#x;ÂƒÂ‰Â‘Â•Â–Â‘ÇĄ †ƒ”ƒÂ?Â?‘˜‹–ƒƒ‹Â?Â?ƒ„›Č‹Â˜Â‡ÂœÂ‹ÂƒČŒ ƒŽ͚͚Ν ƒÂ?„‘”‡‡Â?‘Â?†‹ƒŽ‡Ǥ ”ƒ†‹‡••‹ǥ͙ǤÍ&#x;͘͘•‘Â?‘‰Ž‹ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹‹Â?”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?œƒ †‡ŽŽǯ‰‡•…‹‡†‡ŽŽƒÂ?‰‡‹ǥŽ‡ †—‡•‹‰Ž‡…Š‡”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?‘ǥ ”‹•’‡––‹˜ƒÂ?‡Â?–‡ǥŽ‘ •…‘—–‹•Â?‘…ƒ––‘Ž‹…‘‡“—‡ŽŽ‘ ƒ…‘Â?ˆ‡••‹‘Â?ƒŽ‡ǤDz‹Â?’Ž› •…‘—–‹Â?‰dzǥ•‡Â?’Ž‹…‡Â?‡Â?–‡ •…‘—–ǥ°‹Ž–‡Â?ƒ•…‡Ž–‘’‡” “—‡•–ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡ǤÂ?Ç˛Â‡Â˜Â‡Â?–‘ ‡†—…ƒ–‹˜‘’‡”Žƒ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ’ƒ…‡‡†‡ŽŽƒ†‹ˆˆ‡”‡Â?œƒ Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡Çł…Š‡˜‡””Â?†‡…Ž‹Â?ƒ–‘ •‡…‘Â?†‘–”‡…‘Â?…‡––‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ˜Â‡ÇŁ ‹Â?…‘Â?–”‹ǥÂ?ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?Ǥ Dz‘Â?‘•…‡”‡Â?—‘˜‡’‡”•‘Â?‡ǥ •–‹Ž‹†‹Â˜Â‹Â–ÂƒÇĄ…—Ž–—”‡‡ƒ„‹–—†‹Â?‹ †‹˜‡”•‡†ƒŽŽ‡’”‘’”‹‡Č‚ •’‹‡‰ƒÂ?‘‹’”‘Â?‘–‘”‹Č‚°—Â?ƒ †‡ŽŽ‡…ƒ”ƒ––‡”‹•–‹…Š‡†‡ŽŽ‘ •…‘—–‹•Â?‘‡‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡†‡Ž ‘”Ž†…‘—– ƒÂ?„‘”‡‡Č‹Â•ÂŒČŒÇłÇĄ ‹Ž“—ƒŽ‡Dz‹Â?…‘”ƒ‰‰‡”Â?‹Â?…‘Â?–”‹ –”ƒ’‡”•‘Â?‡†‹†‹ˆˆ‡”‡Â?–‡ Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ”‡Ž‹‰‹‘Â?‡ǥ’ƒ‡•‡‡ …‘Â?–‹Â?‡Â?–‡dzǤ Â?•‡…‘Â?†‘ Ž—‘‰‘ŽƒÂ?ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ†ƒŽÂ?‘Â?‡Â?–‘ …Š‡Dz’”‹Â?…‹’‹‘‡••‡Â?œ‹ƒŽ‡†‡Ž Â?‡–‘†‘‡†—…ƒ–‹˜‘•…‘—–° Žƒ˜‹–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‹ÂƒÂƒÂ’Â‡Â”Â–ÂƒÇłÇ¤ Â?ˆ‹Â?‡ Žƒ•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?ÇŁDz‰Â?‹•…‘—– °ˆ”ƒ–‡ŽŽ‘†‹–—––‹‰Ž‹ƒŽ–”‹ •…‘—–ǥ’‡”…Š¹’ƒ”–‡†‹—Â? Â?‘˜‹Â?‡Â?–‘…Š‡…‘Â?†‹˜‹†‡ ‰Ž‹•–‡••‹˜ƒŽ‘”‹†‹”‹•’‡––‘‡ •‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?˜‡”•‘‰Ž‹ƒŽ–”‹‡˜‡”•‘ •‡•–‡••‹Ǥ ÂŽ•Œ‹Â?…‘”ƒ‰‰‡”Â?Žƒ •‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?–”ƒ•…‘—–†‹‘‰Â?‹ ‡–Â?ÇĄ‡’”‘Â?—‘˜‡”Â?Žǯ—Â?‹–Â?–”ƒŽ‡ ‘”‰ƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‹•…‘—–‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ †‹–—––‘‹ŽÂ?‘Â?†‘Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â–Â–Â‹Â…Âƒ†‹ —Â?ƒ…‘Â?—Â?‡”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â?Â?‡‹ …‘Â?ˆ”‘Â?–‹†‡ŽÂ?‘Â?†‘‡†‡‰Ž‹ ƒŽ–”‹Ǥ ÂŽ ƒÂ?„‘”‡‡’”‘Â?—‘˜‡”Â? ‹Ž”‹•’‡––‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘ÇĄ ÂŽÇŻÂ—Â‰Â—ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÂ?œƒ‡ŽƒÂ’ÂƒÂ…Â‡ÇłÇ¤—––‹ Â—Â‰Â—ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?–‡Â?‡Â?–‡ †ƒŽŽ‡…ƒ”ƒ––‡”‹•–‹…Š‡’‡”•‘Â?ƒŽ‹‘ †ƒŽŽ‡‘”‹‰‹Â?‹Ǥ

      

1XRYHYLHSHUULPRWLYDUHLOODLFDWR Uno scambio “utileâ€? per fare circolare “nuove ideeâ€? e trovare “insieme nuove vieâ€? per la pastorale. Ăˆ un bilancio positivo quello tracciato da mons. NĂĄndor BosĂĄk, vescovo di Debrecen-NyĂ­regyhĂĄza, a proposito dell’esperienza del 26° Colloquio europeo delle parrocchie (Cep), che si è tenuto proprio a NyĂ­regyhĂĄza in Ungheria dal 17 al 22 luglio. L’evento, che si era aperto con la Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo, in rito greco-cattolico, si

è concluso con una celebrazione nella cattedrale cattolica di rito latino. Una scelta che rispecchia la volontĂ  di istituire un confronto tra parrocchie dell’Est e dell’Ovest dell’Europa. Un confronto i cui risultati sono cosĂŹ sintetizzati da mons. Bosak: “La differenza principale tra la nostra Chiesa e quelle dell’Europa dell’ovest è che a noi mancano le strutture, le tradizioni consolidate e abbiamo pochi laici impegnati. Durante il periodo comu-

nista anche se le chiese non erano chiuse ed era possibile frequentare le celebrazioni c’era comunque una forte pressione e controllo dall’esterno che scoraggiava i fedeli ad impegnarsi; oggi, al contrario, la nostra società vive una forte secolarizzazione e sembra che nei laici non ci sia piÚ la voglia�. Alle prese con problemi comuni a tutta l’Europa il Presule individua come campi privilegiati per rimotivare l’azione laicale non solo l’impegno

nella Chiesa, ma anche nella societĂ  civile, per costruire il bene comune a partire dalla situazione attuale: “Per noi è importante formare una nuova classe dirigenti con valori forti, perchĂŠ tutta la vita pubblica, in realtĂ , è improntata ai valori del secolarismo e la gente è indifferente. Nonostante questo, circa il 30% dei cattolici richiede attualmente i sacramenti e il 10-15% frequenta regolarmente la Messa domenicaleâ€?.


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͚͛

‘Â?ƒ†‡Žˆ‹ƒ ‡DzÂ‡Â”ÂƒÂ–Â‡ÇłˆƒÂ?Â?‘–ƒ’’ƒÂ?‡Ž”‡•…‹ƒÂ?‘ Le “Serate di NomadelďŹ aâ€? sono un modo originale e coinvolgente con cui NomadelďŹ a, la comunitĂ  fondata da don Zeno Saltini vicino a Grosseto nel 1947, si fa conoscere attraverso danze e ďŹ gurazioni acrobatiche eseguite dai suoi giovani, un video che ne descrive la vita e la storia e un messaggio di fraternitĂ  proposto dal vivo. Nate nel 1966 su proposta di don Zeno le Serate hanno avuto piĂš di mille repliche sulle piazze di

tutta Italia ed anche all’estero, superando ampiamente il milione di spettatori, tra i quali negli anni non sono mancate personalità di spicco: il 12 agosto 1980, infatti, a Castelgandolfo è stata presentata una Serata a papa Giovanni Paolo II, mentre nel marzo del 1999, a Grosseto, vi assistette l’allora presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Nell’ambito della programmazione per il 2011 sono previste anche alcune tappe

bresciane: sabato 30 e domenica 31 luglio i giovani di NomadelďŹ a si esibiranno a Palazzolo sull’Oglio, in piazza Giovanni XXIII, grazie all’interessamento della Fondazione Galignani in collaborazione con l’Amministrazione comunale. MartedĂŹ 2 agosto lo spettacolo si sposterĂ  a Iseo, in via Repubblica, per poi salutare Brescia giovedĂŹ 4 agosto con una Serata in Piazza Paolo VI. Le danze sono tratte dal folklore di tutto il mondo e

impiegano 140 persone in tutto, ciascuno con diversi compiti. a far la parte del leone ovviamente i 100 ballerini tra i sei e i 21 anni, preparati da una maestracoreografa professionista. Ogni spettacolo inzia alle 21.30 e l’ingresso è libero. Al termine di ciascuna serata verrĂ  distribuito agli spettatori del materiale informativo per far conoscere meglio la proposta di NomadelďŹ a, il sogno divenuto realtĂ  di don Zeno. (f.u.)

   

”ƒŽ„‘‹Â?‘ ‡•–ƒƒƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ†‡‰Ž‹Â?‰‡Ž‹ ”ƒŽ‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹…Š‡‹Â?‘‰Â?‹’ƒ”–‡†‡ŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ•‘Â?‘Ž‡‰ƒ–‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?†—Ž‰‡Â?œƒ‘––‡Â?—–ƒ†ƒƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘Â?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‡ŽŽƒ‘”œ‹—Â?Â…Â‘ÂŽÂƒÇĄ Â?‡”‹–ƒ†‹‡••‡”‡…‹–ƒ–ƒ“—‡ŽŽƒ…Š‡•‹–‡””Â?ƒ”ƒŽ„‘‹Â?‘ǥÂ?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‹ ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ†‡‰Ž‹Â?‰‡Ž‹Ǥ••ƒ•‘”‰‡’‘…‘ˆ—‘”‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„Â‹Â–ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‹Â?†‹”‡œ‹‘Â?‡ †‹ ƒÂ?Â„ÂƒÂ”ÂƒÇĄ‡ƒ’’ƒ”–‹‡Â?‡Ġ—Â?…‘Â?’Ž‡••‘…‘Â?˜‡Â?–—ƒŽ‡˜‘Ž—–‘†ƒŽ ’”‡†‹…ƒ–‘”‡ˆ”ƒÂ?…‡•…ƒÂ?‘ƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹†ƒƒ’‡•–”ƒÂ?‘Ǥ‹˜‡Â?—–ƒ†‹ ’”‘’”‹‡–Â?†‡Â?ƒÂ?Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?ƒ•‘––‘Žƒ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â?†‡ŽŽƒÂ’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇĄ ‡••ƒ•‘’’‡”‹˜ƒƒŽŽ‡Â?‡…‡••‹–Â?•’‹”‹–—ƒŽ‹†‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…Š‡ˆ‹Â?‘ƒÂ?‘Â? Â?‘Ž–‹ƒÂ?Â?‹ˆƒ˜‹˜‡˜ƒÂ?‘‹Â?–‘”Â?‘Ġ‡••ƒǤ‘‰‰‹ǥ’‡”“—ƒÂ?–‹•‹•‘Â?‘ Â–Â”ÂƒÂ•ÂˆÂ‡Â”Â‹Â–Â‹ÇĄ‹ŽŽ‡‰ƒÂ?‡…‘Â?Žƒ…Š‹‡•ƒ•‹Â?ƒÂ?–‹‡Â?‡‰”ƒœ‹‡Ġ—Â?ÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ †‹DzÂ?‹…‹†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ†‡‰Ž‹Â?‰‡Ž‹dz‡’”‘’”‹‘…‘Â?Žƒ ˆ‡•–ƒ†‡ŽÍšƒ‰‘•–‘…Š‡ǥ…‘Â?‡†ƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡Â?‘Ž–‘•‡Â?Â–Â‹Â–ÂƒÇĄ’”‡˜‡†‡Žƒ Â?‡••ƒÂ?ƒ––—–‹Â?ƒ†‡ŽŽ‡ÍĄÇĄŽƒ˜‹•‹–ƒ†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ’‡”Ž—…”ƒ”‡Žǯ‹Â?†—Ž‰‡Â?œƒ ‡‹Ž”‘•ƒ”‹‘Žƒ•‡”ƒƒŽŽ‡ÍšÍ˜Ç¤Í›Í˜ÇĄ•‡‰—‹–‘†ƒ—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹ˆ”ƒ–‡”Â?‹–Â?Ǥ Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ǥƒ…ƒ—•ƒ†‡‹Žƒ˜‘”‹†‹”‹•‹•–‡Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ‹Â?’‹ƒÂ?–‘‡Ž‡––”‹…‘ǥ Žƒ…Š‹‡•ƒ•ƒ”Â?ƒ’‡”–ƒ•‘ŽƒÂ?‡Â?–‡’‡”ŽƒÂ˜Â‹Â•Â‹Â–ÂƒÇĄÂ?‡Â?–”‡Žƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ ‡—…ƒ”‹•–‹…ƒƒ˜˜‡””Â?ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â‘Â?‡ŽŽ‘•’ƒœ‹‘ƒÂ?–‹•–ƒÂ?–‡ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

   ÇĄ 

Š‹ƒ”‹ƒ�‡”�ƒ”†‹�‘‘”‰ƒ�‹œœƒ–‡�‘•–”ƒ‡’‡•…ƒ�‹••‹‘�ƒ”‹ƒ

3HUGRQG¡$VVLVL IHVWDHSUHJKLHUD   

(

ra il luglio del 1216 quando Francesco d’Assisi, mentre era in preghiera nella chiesa di Santa Maria degli Angeli, ebbe una visione di GesĂš e della Madonna. Gli fu chiesto quale grazia desiderasse, avendo egli tanto pregato per i peccatori. Francesco rispose domandando che fosse concesso il perdono completo di tutte le colpe a coloro che, confessandosi e pentendosi, visitassero la chiesa. Nasceva cosĂŹ il Perdon d’Assisi, che ancora oggi viene celebrato nelle chiese francescane, ma anche nelle basiliche e nelle chiese parrocchiali, il 2 agosto. A Chiari i francescani oggi non ci sono piĂš. Nel corso dei secoli nel convento di San Bernardino ci sono stati i francescani, i gesuiti, i benedettini e, dal 1926, i salesiani, che però mantengono viva la tradizione del Perdon d’Assisi come momento di preghiera e festa per tutta la comunitĂ . Dal 30 luglio al 7 agosto infatti sono programmate dalla curazia di San Bernardino, le celebrazioni per il Perdon d’Assisi. Si comincia sabato 30 agosto alle 19 nel salone “Don Boscoâ€? dell’Istituto Salesiano di Via Palazzolo, con l’inaugurazione di una mostra d’arte ad ingresso libero. “16 artisti – ha precisato il curatore della rassegna, don Felice Rizzini – partecipano alla mostra che, ogni anno, rappresenta la cornice culturale nell’ambito della solennitĂ  liturgica del Perdon

   ǥ Ǥ 

•ƒŽ‡•‹ƒÂ?‹Â?ƒÂ?–‡Â?‰‘Â?‘ ˜‹˜ƒŽƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž ‡”†‘Â?†ǯ••‹•‹…‘Â?‡ Â?‘Â?‡Â?–‘†‹’”‡‰Š‹‡”ƒ ‡†‹ˆ‡•–ƒ’‡”–—––ƒŽƒ …‘Â?—Â?‹–Â? d’Assisi, in memoria delle origine francescane del quattrocentesco convento di San Bernardino. Spiccano in particolare gli affreschi di Giacomo Olini, i disegni di Oscar Di Prata, i ritratti di Dino Decca, gli studi figurativi di Giacomo Bergomi, il cromatismo di Dino Gregorio e le costruzioni astratte di Giancarlo Zammarchi ma anche la produzione artistica in tecnica mista del coadiutore sa-

lesiano di San Bernardino, Luigi Fumagalli. La mostra, molto varia per le tematiche e la tecnica delle opere, è stata realizzata in collaborazione con il collezionista d’arte Silvano Bertinelli di Mairano�. Un altro momento a cui i clarensi che frequentano la curazia di San Bernardino sono particolarmente legati è rappresentato dalla pesca di beneficenza, che ha lo scopo di sostenere le attività missionarie di don Ernesto Sirani, che da oltre 30 anni presta il suo servizio nelle Ande peruviane. La pesca di beneficenza apre domenica 31 luglio. E, sempre domenica 31 luglio, alle 11 nella chiesa di San Bernardino è prevista la celebrazione liturgica in segno di ringraziamento e di saluto al direttore don Antonio Ferrari che lascia l’Opera salesiana di Chiari al successore don Stefano Vanoli. MartedÏ 2 agosto, per la solennità del Perdon d’Assisi, le messe a San Bernardino seguono l’orario festivo: alle 9.30 celebra il direttore dei Salesiani, don Antonio Ferrari; alle 11 il preside della Scuola Paritaria don Luigi Mapelli, mentre alle 17.30 la messa è animata dalla Comunità Shalom. La conclusione della giornata è prevista per le 20, con la solenne concelebrazione presieduta dal prevosto di Chiari, mons. Rosario Verzeletti. Alle 21 spettacolo del gruppo folk boliviano Yanapakuna e alle 22.15 con i tradizionali fuochi d’artificio. La mostra e la pesca proseguono fino al 7 agosto.

‘Â?˜‡Â?–‘†‹ƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘†‹”‡•…‹ƒ ‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹’‡”Žǯ‹Â?†—Ž‰‡Â?œƒ ‡…‘Â?†‹œ‹‘Â?‹’‡”‘––‡Â?‡”‡Žǯ‹Â?†—Ž‰‡Â?œƒ’Ž‡Â?ƒ”‹ƒ†‡Ž‡”†‘Â?†ǯ••‹•‹ǥ …‘•¿…‘Â?‡ˆ—”‘Â?‘…‘Â?—Â?‹…ƒ–‡ƒƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘Â?‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‡ŽŽƒ ‘”œ‹—Â?Â…Â‘ÂŽÂƒÇĄ’”‡˜‡†‘Â?‘‡••‡Â?œ‹ƒŽÂ?‡Â?–‡ǥ‘Ž–”‡Ġ—Â?ƒ„—‘Â?ƒ †‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡Â†ÇŻÂƒÂ?‹Â?‘ǥŽƒ…‘Â?ˆ‡••‹‘Â?‡•ƒ…”ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡‡Žƒ…‘Â?—Â?‹‘Â?‡ Â‡Â—Â…ÂƒÂ”Â‹Â•Â–Â‹Â…ÂƒÇĄŽƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ•‡…‘Â?†‘Ž‡‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‹†‡Ž‘Â?Â?‘ ‘Â?–‡ˆ‹…‡‡Žƒ˜‹•‹–ƒƒ—Â?ƒ…Š‹‡•ƒˆ”ƒÂ?…‡•…ƒÂ?ƒ‘’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡ǤÂ?…Š‡ Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ƒÂ? ”ƒÂ?…‡•…‘ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ”‡––ƒ†ƒ‹ˆ”ƒÂ?…‡•…ƒÂ?‹ …‘Â?˜‡Â?Â–Â—ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‘ˆˆ”‡“—‡•–ƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?•‹ƒ’‡”“—ƒÂ?–‘”‹‰—ƒ”†ƒŽƒ ˜‹•‹–ƒ†‡‹ÂˆÂ‡Â†Â‡ÂŽÂ‹ÇĄ•‹ƒ’‡”Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽ‡ƒÂ?–‡‡••‡…Š‡ •‹–‡””ƒÂ?Â?‘•‡Â?œƒ˜ƒ”‹ƒœ‹‘Â?‹Â†ÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇŁŽƒÂ?ƒ––‹Â?ÂƒÇĄÂ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ˜‡””ƒÂ?Â?‘ Â…Â‡ÂŽÂ‡Â„Â”ÂƒÂ–Â‡ÇĄ…‘Â?‡†‹…‘Â?•—‡–‘ǥƒŽŽ‡Í&#x;ÇĄƒŽŽ‡ÍĄ‡ƒŽŽ‡Í™Í˜ÇĄŽƒ•‡”ƒ‹Â?˜‡…‡ ƒŽŽ‡͙͠Ǥ͛͘ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

‘Â?˜‡Â?–‘†‡ŽŽǯÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ†‹‘‰Â?‘

Â?”‹…‘”†‘†‡Ž‡ƒ–‘ Â?Â?‘…‡Â?œ‘ ÂŽ…‘Â?˜‡Â?–‘†‡ŽŽǯÂ?Â?—…‹ƒ–ƒŽƒˆ‡•–ƒ†‡Ž‡”†‘Â?†ǯ••‹•‹°Ž‡‰ƒ–ƒƒ †‘’’‹‘ˆ‹Ž‘…‘Â?Žƒˆ‹‰—”ƒ†‡Ž‡ƒ–‘‹Â?Â?‘…‡Â?œ‘†ƒÂ‡Â”ÂœÂ‘ÇĄ…Š‡‘‰Â?‹ ƒÂ?Â?‘˜‹‡Â?‡”‹…‘”†ƒ–‘’”‘’”‹‘Â?‡ŽŽƒ†‘Â?‡Â?‹…ƒ•—……‡••‹˜ƒƒ“—‡•–ƒ ”‹…‘””‡Â?œƒǤÂ?…Š‡•–ƒ˜‘Ž–ƒ‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‡‹ˆ‡•–‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‹° ’ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‡Â?–‡”‹……‘‡•‹…‘Â?…‡Â?Â–Â”ÂƒÇĄƒ’ƒ”–‹”‡†ƒ•ƒ„ƒ–‘͛͘Ž—‰Ž‹‘ǥ •—Ž’‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘†‡ŽŽǯ—”Â?ƒ†‡Ž‡ƒ–‘Ǥ‹’‡”…‘””‡Â?†‘‹Â?“—ƒŽ…Š‡ Â?‘†‘Žǯ‹–‹Â?‡”ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ†‹ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹…ƒŽ˜‹Â?‘Â?‹ȋ“—‡•–‘‹Ž•—‘Â?‘Â?‡ Â•Â‡Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ČŒÇĄ‡••ƒ’ƒ”–‹”Â?†ƒ‡”œ‘‹Â?ˆ‡”‹‘”‡’‡”‰‹—Â?‰‡”‡ǥˆƒ…‡Â?†‘ –ƒ’’ƒ‹Â?Â?‘Ž–‹†‡‹’ƒ‡•‹…‹”…‘•–ƒÂ?–‹ǥƒŽ…‘Â?˜‡Â?–‘ǥ†‘˜‡ƒŽŽ‡͙͞˜‡””Â? …‡Ž‡„”ƒ–ƒ—Â?ƒ•‘Ž‡Â?Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹ƒ†ƒŽ’ƒ†”‡’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡†‡‹ ”ƒ–‹ Â?‹Â?‘”‹…ƒ’’—……‹Â?‹ǤÂż”‹Â?ƒ””ƒ’‡”–—––ƒŽƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒÂ•Â—Â…Â…Â‡Â•Â•Â‹Â˜ÂƒÇĄÂ?‡ŽŽƒ “—ƒŽ‡•‘Â?‘’”‡˜‹•–‹Â?‘Ž–‹‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ǣ†ƒŽ͙͛Ž—‰Ž‹‘ǥ ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ°‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ—Â?–”‹†—‘†‹’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡ƒŽ‡”†‘Â?†ǯ••‹•‹ǥ Â?‡Â?–”‡Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍœƒ‰‘•–‘‹Â?…‘Â?‹Â?…‡”Â?—Â?•‡…‘Â?†‘–”‹†—‘ǥ†‡†‹…ƒ–‘ “—‡•–ƒ˜‘Ž–ƒƒŽŽƒ’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒˆ‡•–ƒ†‡Ž‡ƒ–‘ Â?Â?‘…‡Â?œ‘†ƒ Â‡Â”ÂœÂ‘ÇĄ–”‹†—‘…Š‡•‹…‘Â?…Ž—†‡”Â?†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ&#x;ƒ‰‘•–‘…‘Â?Žƒ‡••ƒ •‘Ž‡Â?Â?‡ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ


͚͜

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ƒ…‡”†‘–‡†‡ˆ—�–‘ —––‘’‡”†‘�‡•…‘�‹

’‘•–‘Žƒ–‘’”‡‰Š‹‡”ƒ

�–‡�œ‹‘�‹†‹ƒ‰‘•–‘

ƒ–‡”Š”‹•–‹ ‡ŽŽ‡‰”‹�ƒ‰‰‹‘

Il Signore ha chiamato a sÊ don Mario Vesconi, di 97 anni. La salma si trova presso la casa di riposo di Maderno. La veglia funebre, presieduta da mons. Vigilio Mario Olmi, è prevista per giovedÏ 28 luglio alle ore 20.30 nella chiesa parrocchiale. I funerali, presieduti da mons. Luciano Monari, si celebreranno venerdÏ 29 luglio alle ore 15.30. Don Mario sarà sepolto nel cimitero di Maderno. Ricordiamo lui e i suoi familiari nella preghiera.

Generale: perchĂŠ la Gmg incoraggi i giovani a fondare la loro vita in Cristo. Missionaria: perchĂŠ i cristiani dell’Occidente ritrovino la freschezza e l’entusiasmo della loro fede. Vescovi: perchĂŠ lo Spirito Santo conceda ai giovani di accogliere con coraggio l’invito di GesĂš che li chiama alla sequela. Vescovo Luciano: perchĂŠ sacerdoti, consacrati e laici crescano nella collaborazione reciproca per divenire sempre piĂš “una cosa solaâ€? in Cristo.

Il gruppo “Mater Christi� San Padre Pio organizza un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo dal 5 al 9 settembre con visite a Loreto, monte S. Angelo, Manoppello, Roccaporena e Cascia. Per informazioni: 0302731010.

—”‹ƒ†‹‘…‡•ƒ�ƒ

Si comunica che gli uffici di Curia rimarranno chiusi da lunedĂŹ 1 a domenica 21 agosto.

   �…‘�ƒ Ž’‡ŽŽ‡‰”‹�ƒ‰‰‹‘†‡ŽŽƒ†‹‘…‡•‹†‹”‡•…‹ƒ

7HVRULGLIHGH QHO%HOSDHVH ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡†‡Ž‘Â?‰”‡••‘‡—…ƒ”‹•–‹…‘Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡Â?‡ŽŽƒ…‹––Â?Â?ƒ”…Š‹‰‹ƒÂ?ƒ‹Â?˜‹–ƒ ƒŽŽƒ•…‘’‡”–ƒ†‡‹Ž—‘‰Š‹’‹Î•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‹’‡”ÂŽ��ƒˆ‡†‡‡Žƒ†‡˜‘œ‹‘Â?‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒ    

'

a ormai 10 anni, in settembre c’è un pellegrinaggio diocesano dalla durata di pochi giorni. Ăˆ stata una scelta fatta per dare la possibilitĂ  a chi non ha mezzi economici o tempo per un pellegrinaggio piĂš lungo. Negli anni scorsi abbiamo peregrinato a Lourdes, Fatima, Santiago, Cracovia, Mariazell, Malta. Quest’anno in occasione del XXV Congresso eucaristico nazionale, si è messo in programma un pellegrinaggio nelle Marche. I pellegrini non parteciperanno al Congresso eucaristico nelle sue giornate ed eventi, ma si uniranno ai fedeli cristiani della metropolia di Ancona e di tutta Italia per la Messa conclusiva di domenica 11 settembre, presieduta dal Santo Padre Benedetto XVI. Sovente ci muoviamo per andare lontano a vivere momenti di spiritualitĂ , ma è importante che ogni tanto prendiamo atto di come la fede, lungo

ǯ‹Â?–‡Â?–‘†‡Ž ’‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘°†‹ ’‡”…‘””‡”‡ƒŽ…—Â?‡˜‹‡†‹ ˆ‡†‡†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ –ƒŽ‹ƒ –‘……ƒÂ?†‘•ƒÂ?Â–Â—ÂƒÂ”Â‹ÇĄ ƒ„„ƒœ‹‡‡…ƒ––‡†”ƒŽ‹ i secoli, si sia radicata da noi, nelle nostre cittĂ  e contrade. Per questo ci è parso importante vivere alcune giornate del Congresso eucaristico, non tanto partecipando all’evento, ma, nei luoghi dove esso si svolge, mettendoci in ricerca delle tracce che testimoniano di come i nostri padri hanno pensato, vissuto la loro fede e come l’hanno espressa anche attraverso la ricchezza dell’arte. Pertanto, l’intento del nostro pellegrinaggio è quello di percorrere alcune vie di fede della nostra Italia, toccando santuari, abbazie e cattedrali in una regione ricca d’interes-

se spirituale e culturale. Visiteremo Abbazie di grande importanza per il loro significato storico e religioso come quella di Fonte Avellana (anno Mille) ai piedi del monte Catria, legata alla figura di San Romualdo, padre dell’ordine camaldolense, quella di Chiaravalle di Fiastra fondata nel 1142. Una tappa ulteriore sarà rappresentata dalla basilica agostiniana di San Nicola, risalente al secolo XII, a Tolentino. Sarà d’obbligo una sosta di ristoro spirituale presso il santuario di Loreto, che custodisce la Santa Casa di Nazareth, e non mancherà la visita al santuario di San Giuseppe da Copertino, patrono degli studenti. Nei diversi spostamenti avremo anche l’occasione di visitare città di notevole interesse storico, ricche di grandi opere artistiche: Fabriano, Osimo e Jesi. Si può trovare il programma dettagliato delle giornate presso Brevivet e sul sito della diocesi: www.diocesi.brescia.it. Il mez-

  ÇĄ  



zo scelto per il pellegrinaggio è il pullman e la quota di partecipazione è di 520 euro, a cui si deve aggiungere una quota individuale di gestione pratica quantificata in 30 euo. inoltre, per chi opta per la camera singola, è previsto un supplemento di 80 euro. Quanti desiderano partecipare a questo pellegrinaggio possono iscriversi, il piÚ presto possibile, direttamente presso Brevivet (in via Monti 29) che si occupa di tutta l’organizzazione tecnica.

‘˜‡Â?–‡ƒÂ?†‹ƒÂ?‘ Ž‘Â?–ƒÂ?‘’‡”˜‹˜‡”‡ Â?‘Â?‡Â?–‹†‹•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?ÇĄ Â?ƒ°‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡…Š‡…‹ ”‡Â?†‹ƒÂ?‘…‘Â?–‘†‹…‘Â?‡ Žƒˆ‡†‡•‹•‹ƒ”ƒ†‹…ƒ–ƒ Â?‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡…‘Â?–”ƒ†‡

‡ŽŽ‡‰”‹�ƒ‰‰‹‘ Ž’”‘‰”ƒ��ƒ…‘�’Ž‡–‘

'D%UHVFLDDG$QFRQD OHWDSSHGHOYLDJJLR

  

   

ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ’”‡˜‡†‡ Â?‡ŽŽǯ—Ž–‹Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒŽƒ ’ƒ”–‡Â?œƒ’‡”Â?…‘Â?ƒ‡ Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ ƒÂ?–ƒ‡••ƒ…‡Ž‡„”ƒ–ƒ †ƒ’ƒ’ƒ‡Â?‡†‡––‘ 

La partenza per la comitiva è fissata la mattina dell’8 settembre, quando il pullman muoverà alla volta delle Marche. Il primo giorno di pellegrinaggio sarà dedicato in mattinata alla visita dell’eremo di Fonte Avellana, dove verrà anche celebrata la Messa. Nel pomeriggio invece ci si sposterà a Fabriano, per ammirare il nucleo storico, ad impianto medievale, con la piazza del Comune sulla quale si affaccia il palazzo del Podestà ed il duomo dedicato a San Venanzo. In serata si raggiungerà Camerano, da cui si ripartirà al mattina successiva alla volta di Tolentino per la visita all’abbazia agostinana, per poi far tappa a Chiaravalle di Fiastra e infine al santuario di Loreto, dove avverrà la celebrazione eucaristica. La giornata del 10

sarà divisa in due parti: la mattinata ad Osimo prevede la visita con guida del nucleo antico, con sosta al duomo dedicato a San Leopardo ed al santuario di San Giuseppe da Copertino, con le stanze dove il Santo trascorse gli ultimi anni della sua vita. Dopo pranzo invece ci si trasferirà a Jesi, cittadina di remota fondazione, il cui nucleo storico è situato in posizione collinare. L’ultima giornata di pellegrinaggio, infine, prevede, dopo la colazione, la partenza per Ancona e, una volta arrivati, la partecipazione alla Santa Messa presieduta da Benedetto XVI a chiusura del XXV Congresso eucaristico. Il tempo di pranzare e poi il pullman ricondurrà i partecipanti al pellegrinaggio diocesano a Brescia.



ÂŽ–‡Â?ƒ ÇŻÂ‡Â—Â…ÂƒÂ”Â‹Â•Â–Â‹ÂƒÇĄ…—‘”‡ †‡ŽŽǯ‡•‹•–‡Â?œƒ

Ž’”‘‰”ƒ��ƒ

�‘�‡�–‹ †‡ŽŽƒ‰‹‘”�ƒ–ƒ

Dz‹‰Â?‘”‡ǥ†ƒ…Š‹ƒÂ?†”‡Â?‘Ǎ ÇŻ—…ƒ”‹•–‹ƒ’‡”Žƒ˜‹–ƒ “—‘–‹†‹ƒÂ?ÂƒÇłÇ¤1“—‡•–‘‹Ž –‡Â?ƒ†‡Ž‘Â?‰”‡••‘ ‡—…ƒ”‹•–‹…‘Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ…Š‡•‹ –‡””Â?ĠÂ?…‘Â?ƒ‡Â?‡ŽŽ‡†‹‘…‡•‹ †‡ŽŽƒÂ?‡–”‘’‘Ž‹ƒ†ƒŽÍ›ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ™Í™ •‡––‡Â?„”‡͚͙͙͘Ǥƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ•‹ ƒ”–‹…‘Ž‡”Â?‹Â?Â?‘Â?‡Â?–‹•’‹”‹–—ƒŽ‹ ‡Â…Â‡ÂŽÂ‡Â„Â”ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‹ÇĄ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‹‡ –‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œ‡‡…—ŽÂ?‹Â?‡”Â?…‘Â? —Â?ƒ…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒ †‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͙•‡––‡Â?„”‡͚͙͙͘Ǥ †Â?…‘Â?ƒ˜‡””ƒÂ?Â?‘”‹’”‡•‹‹ …‹Â?“—‡ƒÂ?„‹–‹†‡ŽŽǯ‡•‹•–‡Â?œƒ ‰‹Â?ƒŽ…‡Â?–”‘†‡Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘ †‹‡”‘Â?ÂƒÇŁŽƒ˜‹–ƒÂƒÂˆÂˆÂ‡Â–Â–Â‹Â˜ÂƒÇĄ‹Ž Žƒ˜‘”‘‡ŽƒÂˆÂ‡Â•Â–ÂƒÇĄŽƒˆ”ƒ‰‹Ž‹–Â? —Â?ƒÂ?ÂƒÇĄŽƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡‡Žƒ …‹––ƒ†‹Â?ƒÂ?œƒǤ

ÂŽ…‘Â?‰”‡••‘•‹–‡””Â?ĠÂ?…‘Â?ƒ †ƒŽÍ›ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ™Í™•‡––‡Â?„”‡Ǥ ƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ°•–ƒ–ƒ’‡Â?•ƒ–ƒ •—ŽŽƒ„ƒ•‡†‹—Â?ƒ‰‹‘”Â?ÂƒÂ–ÂƒÇŚÂ–Â‹Â’Â‘ÇŁ ƒŽŽ‡Í ƒÂ?–ƒ‡••ƒƒ…—‹•‡‰—‡ ÂŽÇŻ†‘”ƒœ‹‘Â?‡Â‡Â—Â…ÂƒÂ”Â‹Â•Â–Â‹Â…ÂƒÇĄƒŽŽ‡ ÍĄÇĄÍ›Í˜’”‡‰Š‹‡”ƒ‡‡…–‹‘†‹˜‹Â?ÂƒÇĄ †ƒŽŽ‡͙͘ƒŽŽ‡͙͚Â?‘Â?‡Â?–‘ ƒ••‡Â?„Ž‡ƒ”‡ǤŽŽ‡͙͛’ƒ—•ƒǤ ‡Ž’‘Â?‡”‹‰‰‹‘ƒŽŽ‡Í™Í?‹Â?‹œ‹ƒÂ?‘ ‹’‡”…‘”•‹–—”‹•–‹…‹ǥ…—Ž–—”ƒŽ‹ ‡”‡Ž‹‰‹‘•‹…‘Â?Â?‘Â?‡Â?–‹†‹ ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡Â’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‡Ç˘ƒŽŽ‡Í™Í&#x;ÇĄÍ›Í˜ …‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒÂ?‡ŽŽ‡ ƒ––‡†”ƒŽ‹†‘˜‡•‹•˜‘Ž‰‘Â?‘ ‰Ž‹‡˜‡Â?–‹Ǣ†ƒŽŽ‡͙ͥƒŽŽ‡͚͘ ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡’”‘…‡••‹‘Â?ƒŽ‹‘ƒŽ–”‡ †‹Â?ƒ–—”ƒ†‡˜‘œ‹‘Â?ƒŽ‡ǤŽŽ‡ ͚͙‹Â?‹œ‹‘†‡‹…‘Â?…‡”–‹‘ƒŽ–”‡ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‹Ǥ


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ÍšÍ?

”…Š‹˜‹‘•–‘”‹…‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘ ‘”•‘†‹ƒ”…Š‹˜‹•–‹…ƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒ Sono una miniera di informazioni sul passato, scrigni preziosi che custodiscono la storia delle nostre comunitĂ . Gli archivi ecclesiastici, siano essi diocesani o parrocchiali, appartenenti a ordini religiosi oppure a congregazioni ed istituti, hanno un’importanza universalmente riconosciuta nel campo della ricerca e della memoria. Per esplicare il loro compito, però, è necessario che essi vengano curati da personale specializzato, in grado di conservarli

e di approcciarvisi in maniera corretta. Per questo motivo l’archivio storico diocesano ha organizzato un corso, articolato in due annualità, con l’obiettivo di formare non archivisti professionisti, ma persone in possesso di conoscenze e competenze tali da poter diventare referenti per la gestione. Il 15 ottobre di quest’anno parte la seconda annualità, del corso, per la cui freqeunza non è necessario aver seguito le lezioni dello scorso

anno. Le lezioni previste sono sei, a cadenza settimanale ďŹ no al 26 novembre, con una pausa di due settimane tra il 22 ottobre e il 5 novembre. Gli argomenti trattati andranno da alcuni elementi di archivistica generale ed ecclesiastica, ďŹ no a discipline piĂš tecniche come la diplomatica (che appura l’autenticitĂ  di un documento). Due laboratori relativi al riordino e all’inventariazione dei documenti concluderanno il corso. Docenti del corso saranno Mario

Livraga, direttore dell’Archivio di Stato di Bergamo, e Massimo Galeri, del Sistema archivistico della Valtrompia, don Mario Trebeschi e Lucia Signori, dell’Archivio storico diocesano di Brescia, e Simona Gavinelli, dell’UniversitĂ  Cattolica di Brescia. Le iscrizioni sono aperte, per un massimo di 60 posti, ďŹ no al 16 settembre presso l’Archivio diocesano o la portineria della Curia. Non sono richiesti titoli particolari di accesso. La quota di partecipazione è di 50 euro.



‘Â?ƒ1Â?ƒÂ?…ƒ–‘‹Ž͚͜Ž—‰Ž‹‘ƒÂ?…Š‡Â?‘Â?•Ǥ‘°ǥ•—‘…‡”‹Â?‘Â?‹‡”‡

,QPHPRULD GL3DROR9,   

(

ra il 6 agosto del 1978, festa della Trasfigurazione, quando Paolo VI chiuse gli occhi su questo mondo per entrare nella luce di Dio. A distanza di 33 anni molte sono le cerimonie che tra Brescia e Roma, il 6 agosto, ne ricorderanno la grande figura. A Brescia, alle 18, verrà celebrata una Santa Messa presso il santuario delle Grazie, che vide celebrare per la prima volta il giovane don Giovanni Battista; alla stessa ora sono previste celebrazioni anche a Verolavecchia, Ponte di Legno e Concesio, suo paese natale. A Roma, invece, alle 17 mons. Crepaldi, vescovo di Trieste, presiederà una solenne eucaristia nella basilica di San Pietro. Per un singolare destino, inoltre, poco prima che esse abbiano luogo è mancato un personaggio che al Pontefice bresciano fu molto legato: il cardinale Virgilio Noè, morto il 24 luglio a Roma. Era nato a Zelata di Bereguardo, in diocesi di Pavia, il 30 marzo 1922 e, dopo aver frequentato il Seminario vescovile di Pavia, fu ordinato sacerdote il 1° ottobre 1944. Nel 1948 è a Roma, dove nel 1952 consegue la laurea in Storia ecclesiastica alla Gregoriana. Ritorna

nella Capitale nel 1964 come segretario del Centro di Azione liturgica e in tale veste dà impulso alle Settimane liturgiche nazionali. Nel 1969 Paolo VI gli affida l’incarico di sottosegretario della Congregazione per il culto divino, il nuovo dicastero che dovrà attuare la riforma liturgica voluta dal Concilio Vaticano II. Nel gennaio 1970 è nominato maestro delle Cerimonie pontificie, un incarico che vede impegnato mons. Noè nell’opera di rinnovamento di tutte le celebrazioni papali: dalla Messa stazionale celebrata dal Pontefice alle cappelle per le canonizzazioni e le beatificazioni; dai riti di apertura e di chiusura della Porta santa in occasione degli anni giubilari, ai riti dei funerali del Papa, quelli del Conclave e dell’inizio del ministero apostolico del Pontefice.

ÂŽ…‘”†‘‰Ž‹‘’‡”Žƒ Â?‘”–‡†‡Ž…ƒ”†‹Â?ƒŽ‘° •‹—Â?‹•…‡‹Ž”‹…‘”†‘†‡Ž •—‘Ž‡‰ƒÂ?‡…‘Â?’ƒ’ƒ ƒ‘Ž‘ ÇĄ…Š‡Ž‘˜‘ŽŽ‡ •—‘…‡”‹Â?‘Â?‹‡”‡

Viene cosĂŹ favorita la partecipazione “piena, consapevole e attivaâ€? dei fedeli ad ogni celebrazione papale. Nel gennaio 1982 mons. Noè viene eletto alla sede titolare di Voncaria col titolo personale di arcivescovo e nominato segretario della Congregazione per i sacramenti e il culto divino, sezione Culto divino. Dal gennaio 1991 è vicario generale di Sua SantitĂ  per lo Stato della CittĂ  del Vaticano. Nello stesso anno Giovanni Paolo II lo crea cardinale (concistoro del 28 giugno) e gli affida l’incarico di presidente della Fabbrica di San Pietro. Ăˆ soprattutto la Basilica Vaticana – come ebbe a ricordare Giovanni Paolo II – il campo apostolico in cui il cardinale Noè ha dato prova di “grande zelo pastoraleâ€?. Sotto la sua guida fu eseguito il restauro della facciata, in occasione del Grande Giubileo del 2000, e progettata la suggestiva illuminazione grazie alla quale, anche nella notte, la cupola michelangiolesca si offre alla visione di pellegrini e turisti. Al cordoglio per la sua morte si unisce quindi il ricordo del legame con Paolo VI, nel comune impegno al servizio della Chiesa in un periodo cruciale come quello che seguĂŹ il Concilio Vaticano II.

”‡˜‹˜‡–

�…”‘…‹‡”ƒ ’‡”ƒ�–ƒƒ”‹ƒ

‡•…‘˜‘—…‹ƒ�‘ ƒŽ—–‘ ƒ‹–—”‹•–‹

‹Â?‰‘Žƒ”‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‰Â‡Â?œ‹ƒ ˜‹ƒ‰‰‹”‡˜‹˜‡–…Š‡ǥ‹Â? …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ Â?Ž—•DzÂ?‹…‹†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?–ƒ ƒ”‹ƒ†‡ŽŽƒƒ”‹–Â?dzǥŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ †‡ŽŽƒ…ƒ––‡†”ƒŽ‡‡Žƒˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ ÂƒÂ„ÇĄ‘”‰ƒÂ?‹œœƒŽƒDz”‘…‹‡”ƒ’‡”Žƒ …Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ†‡ŽŽƒƒ”‹–Â?dzǤ ƒ…”‘…‹‡”ƒ’ƒ”–‹”Â?†ƒ‡Â?‡œ‹ƒ‹Ž͙ͥ Â?‘˜‡Â?„”‡͚͙͙͘‡’‡”‘––‘‰‹‘”Â?‹‡ •‡––‡Â?‘––‹‹Â?…”‘…‹‡”Â?Dz”ƒ”‹‡Â?–‡ ‡……‹†‡Â?–‡dz–‘……ƒÂ?†‘†‹˜‡”•‡ •—‰‰‡•–‹˜‡Ž‘…ƒŽ‹–Â?†‹ Â”Â‡Â…Â‹ÂƒÇĄ —”…Š‹ƒ‡Â”Â‘ÂƒÂœÂ‹ÂƒÇĄ–”ƒ…—‹Â?‡”‹–ƒÂ?‘ —Â?ƒ…‹–ƒœ‹‘Â?‡ ÂœÂ?‹”ǥ •–ƒÂ?„—Ž‡ —„”‘˜‹Â?Â?ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…ƒƒ‰—•ƒǤ  ’”‡œœ‹†‡ŽŽƒ…”‘…‹‡”ƒ•‘Â?‘•…‘Â?–ƒ–‹

ÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡°–‡Â?’‘†‹˜ƒ…ƒÂ?œ‡‡ †‹Â˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÇĄÂ?‡Ž“—ƒŽ‡•‹†‡†‹…ƒ ˜‘Ž‡Â?–‹‡”‹•’ƒœ‹‘ƒŽ”‡Žƒš‡ ƒŽŽƒ…—Ž–—”ƒǤÂ?…Š‡‹Ž–‡””‹–‘”‹‘ „”‡•…‹ƒÂ?‘˜‡†‡‹Â?“—‡•–‘’‡”‹‘†‘ Žƒ’”‡•‡Â?œƒ†‹Â?‘Ž–‹–—”‹•–‹ǥ •‹ƒ•—ŽŽ‡”‹˜‡†‡‹ÂŽÂƒÂ‰ÂŠÂ‹ÇĄ•‹ƒ‹Â? Â?‘Â?–ƒ‰Â?ƒÂ?‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡–”‡Â˜ÂƒÂŽÂŽÂ‹ÇĄ •‡Â?œƒ†‹Â?‡Â?–‹…ƒ”‡Žƒ…‹––Â?…‘Â?Ž‡ •—‡„‡ŽŽ‡œœ‡•–‘”‹…Š‡‡ƒ”–‹•–‹…Š‡ –—––‡†ƒ•…‘’”‹”‡Ǥ…‘•–‘”‘‹Ž ˜‡•…‘˜‘—…‹ƒÂ?‘”‹˜‘Ž‰‡‹Ž•ƒŽ—–‘ …Š‡•‡‰��—‡ǥ…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ—Â‰Â—Â”Â‹Â‘…Š‡Ž‡ ˜ƒ…ƒÂ?œ‡†‹˜‡Â?–‹Â?‘—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹ ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡‡Â’Â”Â‡Â‰ÂŠÂ‹Â‡Â”ÂƒÇŁ Dzƒ”‹ƒÂ?‹…‹ǥƒ˜‘‹…Š‡˜‹•‹–ƒ–‡Žƒ –‡””ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒ’‡”—Â?’‡”‹‘†‘ †‹˜ƒ…ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ”‹˜‘Ž‰‘‹ŽÂ?‹‘’‹Î …ƒŽ‘”‘•‘•ƒŽ—–‘…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ—Â‰Â—Â”Â‹Â‘ …Š‡‹Ž–‡Â?’‘†‡Ž”‹’‘•‘†‹ƒƒ –—––‹Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹”‹Â?ˆ”ƒÂ?…ƒ”•‹ ’‡”ƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡…‘Â?’‹Î•‡”‡Â?‹–Â? ‹ŽŽƒ˜‘”‘“—‘–‹†‹ƒÂ?‘Ǥƒ „‡ŽŽ‡œœƒ†‡ŽŽƒÂ?ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‡ ‡†‡ŽŽ‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹…Š‡’‘–”‡–‡ …‘Â?–‡Â?Â’ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ‘ˆˆ”‡Ž‘•’—Â?–‘ ’‡””‹ˆŽ‡––‡”‡•—‹–ƒÂ?–‹†‘Â?‹…Š‡ …‘•–‡ŽŽƒÂ?‘ŽƒÂ?‘•–”ƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇŁ•‘Â?‘ —Â?”‹ˆŽ‡••‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡†‹‹‘’‡” Â?‘‹‡†‡ŽŽƒ‰”ƒÂ?†‡œœƒ†‡ŽŽǯ—‘Â?‘ǥ …Š‡…‘Â?‹Ž•—‘‹Â?‰‡‰Â?‘‡Žƒ•—ƒ ’ƒ••‹‘Â?‡’‡”…‹Ö…Š‡°„—‘Â?‘‡ „‡ŽŽ‘”‹ˆŽ‡––‡Žǯ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‡•–‡••ƒ †‹‹‘ǤÇŽŠ‡…‘•ƒ°Â?ƒ‹Žǯ—‘Â?‘ ’‡”…Š¹†‹Ž—‹–‹”‹…‘”†‹ǥ‹Žˆ‹‰Ž‹‘ †‡ŽŽǯ—‘Â?‘ǥ’‡”…Š¹–‡Â?‡…—”‹Ǎǯǣ‹‘ Šƒ’‡”Žǯ—‘Â?‘—Â?ƒ…—”ƒ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ ‡ƒÂ?‘‹ƒˆˆ‹†ƒŽǯ‹Â?’‡‰Â?‘†‹ ’”‡Â?†‡”…‹…—”ƒ‰Ž‹—Â?‹†‡‰Ž‹ƒŽ–”‹Ǥ ‘••ƒ“—‡•–‘–‡Â?’‘†‹˜ƒ…ƒÂ?œƒ ƒ‹—–ƒ”˜‹ƒ”‹Â?•ƒŽ†ƒ”‡‹Ž‡‰ƒÂ?‹†‹ ƒÂ?‘”‡…‘Â?‹‘‡…‘Â?…‘Ž‘”‘…Š‡˜‹ •–ƒÂ?Â?‘ƒ……ƒÂ?–‘dzǤ

‡ǥ’‡”—Â?ƒ…ƒ„‹Â?ƒ‡•–‡”Â?ƒ…‘Â? „ƒŽ…‘Â?‡ÇĄ–”ƒŽƒ“—‘–ƒ…”‘…‹‡”ƒ ‡“—‡ŽŽƒ†‹‹•…”‹œ‹‘Â?‡Žǯ‹Â?’‘”–‘ ’”‡˜‹•–‘°†‹Í&#x;͙͘‡—”‘ǥ…—‹˜ƒÂ?Â?‘ ƒ‰‰‹—Â?–‹‹…‘•–‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‹Â…—”ƒœ‹‘Â?‡Ǥ ƒ”–‡†‡Ž”‹…ƒ˜ƒ–‘†‡ŽŽƒ…”‘…‹‡”ƒ •ƒ”Â?†‡˜‘Ž—–‘ƒŽ”‡•–ƒ—”‘†‡ŽŽƒ …Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ†‡ŽŽƒ ƒ”‹–Â?Ǥ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹”‹˜‘Ž‰‡”•‹ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‰Â‡Â?œ‹ƒ”‡˜‹˜‡–ƒŽÂ?—Â?‡”‘ Í˜Í›Í˜ÍšÍ ÍĄÍ?͙͙͛ǥ‘’’—”‡…‘Â?•—Ž–ƒ”‡ ‹Ž•‹–‘‹Â?–‡”Â?‡–ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?†‹”‹œœ‘™™™Ǥ „”‡˜‹˜‡–Ǥ‹–

/EDD/EK sZ^K/>^/EKK &LVLSUHSDUDDGXQFDPELDPHQWRVWRULFR 5LFKLHGLODSUHVVR OHXQLWjSDVWRUDOL/HFRPXQLWjFULVWLDQHVRQR 2Q/LQH FKLDPDWHDFRQIURQWDUVLLQYLVWDGHO6LQRGR'LRFHVDQR ZZZYRFHVWRUHLW ³&RPXQLWjLQFDPPLQR´qORVWUXPHQWRSHUOD ULIOHVVLRQHHODFRQVXOWD]LRQHFKHVHJQHUjLOFDPPLQR (PSRULR&HQWUR2UDWRUL%UHVFLDQL GHOO¶DQQRSDVWRUDOH 9LD7ULHVWHF%UHVFLD $SUHLOWHVWRGHOODFRPPLVVLRQHDQWHSUHSDUDWRULDOD /LEUHULD3DROLQH OHWWHUDGHO9HVFRYR/XFLDQR0RQDULVXOOH8QLWjSDVWRUDOL 9LD*DEULHOH5RVD%UHVFLD &RPXQLWjLQFDPPLQR ­QFRUD 2SHUDGLRFHVDQD6DQ)UDQFHVFRGL6DOHV 9LD7RVLR%UHVFLD %UHVFLD(XUR


͚͞

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‡�–”‘‘”ƒ–‘”‹

ƒ�–—ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ–‡ŽŽƒ

ƒ•–‘

A due settimane dalla partenza per Madrid il Centro oratori bresciani invita i responsabili di ognuno dei gruppi iscrittisi alla Gmg a presentarsi per una riunione a Casa Foresti, lo spazio di formazione del centro oratori, martedÏ 2 agosto alle 20.30. L’incontro servirà per fornire le ultime indicazioni in vista del viaggio e per distribuire i kit del pellegrino che i responsabili, a loro volta, forniranno a tutti i ragazzi iscritti.

VenerdĂŹ 5 agosto i responsabili del gruppo della zona XXVI saliranno insieme ai ragazzi al santuario della Stella di Bagnolo Mella dove, alle 20.30, inzierĂ  una veglia di preghiera per l’afďŹ damento del gruppo in vista della partenza. Al momento piĂš spirituale farĂ  seguito, invece, una riunione organizzativa, per deďŹ nire gli ultimi dettagli pratici necessari alla buona riuscita del viaggio in terra spagnola per una comitiva che conta circa 160 giovani.

MartedÏ 9 agosto alle ore 20.30, presso il santuario della Madonna di Auro, collocato sopra l’abitato di Casto, i giovani che parteciperanno alla Gmg di Madrid animeranno con canti e preghiere un’adorazione eucaristica che coinvolgerà amici e genitori. Lo scopo è quello di rinsaldare, in vista della partenza, il legame che intercorre tra il gruppo che partirà, le loro famiglie e la comunità di appartenenza.

�…‘�–”‘…ƒ’‹‰”—’’‘

‡ŽŽ‡‰”‹�ƒ‰‰‹‘

†‘”ƒœ‹‘�‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒ





‘•–ƒ‘Ž’‹�‘�ƒ�‘•–”ƒ•—ŽŽ‡‘”‹‰‹�‹†‡ŽŽƒ�ƒ�‹ˆ‡•–ƒœ‹‘�‡

&HUFDQGRXQDULVSRVWD

”ƒ‰ƒœœ‹†‡ŽŽƒÂ’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇĄ‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒˆ‡•–ƒ’ƒ–”‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‹•‘Â?‘‹Â?–‡””‘‰ƒ–‹…‘Â?—Â?ƒ•‡”‹‡†‹…ƒ”–‡ŽŽ‘Â?‹‡Â†ÂąÂ’Ž‹ƒÂ?–ǥ ‹Â?Â?‘•–”ƒ’”‡••‘‹Ž‘…ƒŽ‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘ÇĄ•—Ž•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‘†‡ŽŽƒ Â?‰ƒ––”ƒ˜‡”•‘Žƒ•—ƒ•–‘”‹ƒ   

6

ono tutti alla prima esperienza e forse è per questo che hanno voluto documentarsi, capire qualcosa di piĂš sull’esperienza che andranno a vivere a Madrid tra il 16 e il 21 agosto. Sono gli undici ragazzi di Costa Volpino che partiranno alla volta di Madrid accompagnati da quattro animatori dell’oratorio. Durante il viaggio, in pullman insieme al gruppo di Edolo, faranno tappa a Barcellona sia all’andata che al ritorno, ma è nella preparazione alla partenza che si annida la particolare storia che questo gruppo ha da raccontare. In occasione della festa in programma presso l’oratorio della frazione Piano dal 29 al 31 luglio, non metteranno in atto solamente iniziative legate all’autofinanziamento del gruppo, come la vendita di piccoli monili realizzati da una mamma dell’oratorio, ma presenteranno alla comunitĂ , grazie ad una piccola mostra nei pressi dei locali dell’oratorio, i risultati della loro ricerca sulla storia, l’origine e il significato della Gmg. Un’esigenza di approfondimento che si rileva anche nelle parole del responsabile del gruppo Matteo Buffoli: “L’aspet-

        

to piÚ avvertito è ovviamente quello del viaggio, anche se un po’ strano. Tuttavia molti si chiedono il perchÊ di questo raduno, che cosa abbia il Papa da dire ai giovani e per quale motivo essi accorrano al suo invito. Non è semplice capire il significato piÚ elevato di questo evento, perciò è nata l’esigenza di approfondire�. Esigenza che non si è fermata all’allestimento

della mostra, ma si è espressa anche negli incontri di preparazione, iniziati addirittura nel settembre 2010, nei quali gli animatori hanno portato le loro testimonianze e invitato ospiti esterni come il “veteranoâ€? Piergugliemo Piantoni. PerchĂŠ i ragazzi possano avere una prima risposta ai loro interrogativi, in attesa di trovarne una piĂš profonda a Madrid.

‘Ž–‹•‹…Š‹‡†‘Â?‘ ‹Ž’‡”…Š¹†‹“—‡•–‘ ”ƒ†—Â?‘ǥ…Š‡Â…Â‘Â•ÇŻÂƒÂ„Â„Â‹Âƒ‹Ž ƒ’ƒ†ƒ†‹”‡ƒ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ ‡’‡”“—ƒŽ‡Â?‘–‹˜‘‡••‹ ƒ……‘””ƒÂ?‘ƒŽ•—‘‹Â?˜‹–‘Ǥ ƒ•…‡…‘•¿Žǯ‡•‹‰‡Â?œƒ†‹ ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹”‡

”‘˜ƒ‰Ž‹‘ ŽŽƒ”‹…‡”…ƒ †‡ŽŽǯ‡••‡Â?œ‹ƒŽ‡ Â?˜‹ƒ‰‰‹‘…Š‡•‹…‘Â?…‡Â?–”ƒ•— …‹Ö…Š‡†ƒ˜˜‡”‘°‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ǥ …Š‡•‹•˜‘Ž‰‡”Â?‹Â?•‡Â?’Ž‹…‹–Â? ‡Ž‡–‹œ‹ƒǤ‡Â?œƒ—Â?ÇŻÂ‡Â…Â…Â‡Â•Â•Â‹Â˜Âƒ ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒœ‹‘Â?‡ǥ•‘Ž‘ …‘Â?–ƒÂ?–ƒ˜‘‰Ž‹ƒ†‹Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â”Â‡ÇĄ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?–—”ƒǤ‘•¿ŠƒÂ?Â?‘ ‹Â?–‡•‘Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ

Â?‰‹͙͞Â”ÂƒÂ‰ÂƒÂœÂœÂ‹ÇĄ–—––‹–”ƒ‹͙͞ ‡‹ÍšÍ?ƒÂ?Â?‹ǥ…Š‡†ƒ”‘˜ƒ‰Ž‹‘ †ǯ •‡‘ǥƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‹†ƒ†—‡ ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹Ç˛Â‘Â˜Â‡Â”ÍœÍ˜Çł‡†ƒŽ …—”ƒ–‘†‘Â? ‹—Ž‹ƒÂ?‘ÂƒÂ•Â•ÂƒÂ”Â†Â‹ÇĄ •‹Â?—‘˜‡”ƒÂ?Â?‘˜‡”•‘ƒ†”‹† †ƒŽÍ™Í&#x;ƒŽ͚͚ƒ‰‘•–‘ǤDz„„‹ƒÂ?‘ •…‡Ž–‘‹Ž’ƒ……Š‡––‘™‡‡Â?‡Â?† Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒ†‘Â? ‹—Ž‹ƒÂ?‘Č‚ –‡Â?‡Â?†‘…‘Â?–‘ƒÂ?…Š‡†‡Žˆƒ––‘ …Š‡ƒ„„‹ƒÂ?‘—Â?Ž—Â?‰‘˜‹ƒ‰‰‹‘ †ƒƒˆˆ”‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‡ÇłÇ¤‹ƒ‰‰‹‘…Š‡ ˜‡””Â?…‘Â?†‹˜‹•‘…‘Â?‹”ƒ‰ƒœœ‹ †‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹ÂŠÂ‹ÂƒÂ”‹ǥ ‹Â?–—––‘ÍœÍĄ’‡”•‘Â?‡•——Â? —Â?‹…‘’—ŽŽÂ?ƒÂ?Ǥ ÂŽ͚͠Ž—‰Ž‹‘‹ †—‡‰”—’’‹•‹•‘Â?‘‹Â?…‘Â?–ƒ”–‹ ’‡”…‘Â?‘•…‡”•‹Â?‡‰Ž‹‘‡ ”‹…‡˜‡”‡Ž‡Â?ƒ‰Ž‹‡––‡†‡ŽŽƒ

Â?‰ǥ’”‘†‘––‡†ƒ‹•ƒŽ‡•‹ƒÂ?‹ †‹ƒ†‘˜ƒǤŽ–”‹†—‡‹Â?…‘Â?–”‹ •‘Â?‘‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ‡Â?–”‘Žƒ ’ƒ”–‡Â?ÂœÂƒÇŁ—Â?‘†‹…ƒ”ƒ––‡”‡ ’”ƒ–‹…‘‡‘”‰ƒÂ?Â‹ÂœÂœÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ÇĄÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘ ’‹ÎÂ•Â’Â‹Â”Â‹Â–Â—ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ†‡†‹…ƒ–‘ƒŽŽƒ Ž‡––—”ƒ†‡ŽÂ?‡••ƒ‰‰‹‘†‹’ƒ’ƒ ‡Â?‡†‡––‘ Ǥ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ “—‡•–‹—Ž–‹Â?‹…Š‡ƒ—Â?‡Â?–ƒÂ?‘ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â‹Â˜Âƒ†‡ŽŽƒ’ƒ”–‡Â?œƒǤDz  ”ƒ‰ƒœœ‹•‘Â?‘†ƒ˜˜‡”‘ÇŽÂ‰ÂƒÂ•ÂƒÂ–Â‹ÇŻČ‚ …‘Â?…Ž—†‡†‘Â? ‹—Ž‹ƒÂ?‘Č‚ƒÂ?…Š‡ ’‡”…Š¹•‘Â?‘“—ƒ•‹–—––‹ƒŽŽƒŽ‘”‘ ’”‹Â?ƒ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‹ Â?‰‡’‡” Žƒ’”‹Â?ƒ˜‘Ž–ƒˆƒÂ?Â?‘—Â?˜‹ƒ‰‰‹‘ †ƒ•‘Ž‹dzǤ

 

‡••‹…ƒ ‹ƒ”Žƒ�–‡

ƒ˜‹†‡ ‹––ƒ†‹�‹

Ž‡š ƒ”�‹�ƒ–‹

  Í™Í&#x; ÇĄ

  ǯ  ͙͞ ǥ

    ͙͠ ǥ

 Â?˜‡……Š‹‘’”‘˜‡”„‹‘…‹Â?‡•‡†‹…‡˜ƒDz…Š‹–‘”Â?ƒ†ƒ—Â? Š‹ „‹ ‹ ˜‹ƒ‰‰‹‘Â?‘Â?°Â?ƒ‹Žƒ•–‡••ƒ’‡”•‘Â?ƒ…Š‡°Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â–ÂƒÇłÇĄ …Š‹••Â?•‡ƒ……ƒ†”Â?…‘•¿ƒÂ?…Š‡ƒÂ?‡Ǎ‡Šǥ‹‘•’‡”‘†‹ •¿Ǥ‡”…Š¹‹‘Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡Š‘†‡…‹•‘†‹’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ ƒŽŽƒ Â?‰ǥ—Â?ƒ˜ƒ…ƒÂ?œƒ—Â?’‘ǯ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡Ǥ‘Â?•‘ ƒÂ?…‘”ƒ„‡Â?‡…Š‡…‘•ƒ•—……‡†‡”Â?Ǣ’‡Â?•‘’”‘’”‹‘…Š‡Â?‹ •–ƒÂ?…Š‡”ÖÂ?‘Ž–‘ǥ†‘”Â?‹”Ö’‘…‘‡’‡”–‡””ƒ‡’”‡‰Š‡”Ö Â?‘Ž–‘†‹’‹Î†‹“—‡ŽŽ‘…Š‡ƒ„‹–—ƒŽÂ?‡Â?–‡ÂˆÂƒÂ……‹‘ǥ’‡”Ö ƒÂ?‡Ž‡Â?—‘˜‡ƒ˜˜‡Â?–—”‡•‘Â?‘•‡Â?’”‡’‹ƒ…‹—–‡Ǥ ‘Â?‘…ƒ”‹…ƒ’‡”“—‡•–ƒ‘……ƒ•‹‘Â?‡—Â?‹…ƒ‡•‡Â?ÂœÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘ ‹””‹’‡–‹„‹Ž‡Ǥ

1ÂŽ ‹ ‹ – ‹ ‹ 1ŽƒÂ?‹ƒ’”‹Â?ƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ƒ—Â?ƒ Â?‰Ǥ‘Â?‘ †ƒ˜˜‡”‘…—”‹‘•‘†‹…‘Â?‘•…‡”‡‹Â?‹‡‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…‘‡–ƒÂ?‡‹ †‹–—––‹‹ŽÂ?‘Â?†‘ǥ†‹˜‡†‡”‡…‘Â?‡˜‹˜‘Â?‘ŽƒŽ‘”‘ÂˆÂ‡Â†Â‡ÇĄ °†ƒ˜˜‡”‘—Â?ƒ„‡ŽŽƒ‘’’‘”–—Â?‹–Â?Ǥ1„‡ŽŽ‘˜‡†‡”‡…‘Â?‡ ŽƒŠ‹‡•ƒ”‹‡•…ƒƒ‡••‡”‡…‘Â?—Â?‹–Â?ÇĄƒ”‹Â?Â?‘˜ƒ”‡ƒÂ?…Š‡ …‘Â?‹‰‹‘˜ƒÂ?‹—Â?‘•’‹”‹–‘†‹‹Â?–‡•ƒ‡…‘Â?—Â?‹‘Â?‡Ǥ”ƒŽ‡ ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ’”‘’‘•–‡Â?‡ŽŽ‡‰‹‘”Â?ƒ–‡ƒƒ†”‹†ƒ•’‡––‘ …‘Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡–”‡’‹†ƒœ‹‘Â?‡Žƒ˜‡‰Ž‹ƒ†‹•ƒ„ƒ–‘Â•Â‡Â”ÂƒÇĄ ͚͘Ž—‰Ž‹‘ÍšÍ˜Í™Í™ÇĄÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‡Â”Â‘Â’Â‘Â”Â–Â‘Â?‹Ž‹–ƒ”‡†‹—ƒ–”‘‹‡Â?–‘•Ǥ ƒ”Â?„‡ŽŽ‘•‡Â?–‹”•‹—Â?‹–‹ƒ–ƒÂ?–‹‰‹‘˜ƒÂ?‹‡ƒ’ƒ’ƒ ‡Â?‡†‡––‘ Ǥ

 † ÂŽ ˆ Ž‹ †‹ ‘Â?‘†ƒ˜˜‡”‘Â?‘Ž–‘ˆ‡Ž‹…‡†‹’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ƒ“—‡•–ƒ„‡ŽŽƒ ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ Â?‰ǤƒÂ?‹ƒ•’‡”ƒÂ?œƒ°†‹’‘–‡”˜‹˜‡”‡ „‡Â?‡“—‡‹…‹Â?“—‡‰‹‘”Â?‹‡†‹†‹˜‡”–‹”Â?‹Ǥ‡˜‘†‹”‡…Š‡ Žǯ‡Â?–—•‹ƒ•Â?‘°ƒŽŽ‡•–‡ŽŽ‡‹Â?˜‹•–ƒ†‡ŽŽƒ’ƒ”–‡Â?œƒ’‡”—Â?ƒ …‹––Â?ˆƒÂ?–ƒ•–‹…ƒ…‘Â?‡ÂƒÂ†Â”‹†ǥ†‘˜‡•’‡”‘†‹‹Â?…‘Â?–”ƒ”‡ –ƒÂ?–‡’‡”•‘Â?‡ǥ–ƒÂ?–‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…‘Â?‡Â?‡ǥ…‘Â?‹“—ƒŽ‹ …‘Â?†‹˜‹†‡”‡‹Ž•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‘‡Žƒ„‡ŽŽ‡œœƒ†‡ŽŽǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒǤ ƒ•’‡”ƒÂ?œƒ’‡”“—‡•–‡‰‹‘”Â?ƒ–‡°…Š‡’‘••ƒÂ?‘ǥ Â?ÂƒÂ‰ÂƒÂ”Â‹ÇĄ…‘•–‹–—‹”‡’‡”Â?‡—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡†‹…”‡•…‹–ƒ‡†‹ Â?ƒ–—”ƒœ‹‘Â?‡ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘’‡”•‘Â?ƒŽ‡Ǥ‘‰Ž‹‘’‘”–ƒ”‡…‘Â?Â?‡ †ƒŽŽƒ’ƒ‰Â?ƒ”‹…‘”†‹‡†‡•’‡”‹‡Â?œ‡‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹Ǥ


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ÍšÍ&#x;

    Ž‡‘Â?„”—Â?Â‘ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

‡Ž’‹……‘Ž‘„‘”‰‘ –‘•…ƒÂ?‘‹Ž–‡ƒ–”‘ …‘Â?–‹Â?—ƒƒ”‹•’‘Â?†‡”‡ ƒŽŽƒ•—ƒˆ—Â?œ‹‘Â?‡ ‘”‹‰‹Â?ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇŁ’‘””‡ †‘Â?ƒÂ?†‡‡•—•…‹–ƒ”‡ ‹Â?–‡””‘‰ƒ–‹˜‹Â?‡ŽŽ‘ •’‡––ƒ–‘”‡

‡ƒ–”‘Â?†ƒ–‘‹Â?•…‡Â?ƒƒŽŽƒDz Â‡Â•Â–ÂƒÇł†‹ƒÂ?‹Â?‹ƒ–‘

“Sarabandaâ€?, dramma dell’uomo d’oggi ǯ—Ž–‹Â?ƒ†”ƒÂ?Â?ƒ–—”‰‹ƒ†‹ Â?‰Â?ƒ”‡”‰Â?ƒÂ?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘…‡Â?–”ƒŽ‡†‹—Â?ƒ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡…Š‡Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘Šƒ”ƒ‰‰‹—Â?–‘‹Ž–”ƒ‰—ƒ”†‘†‡ŽŽ‡ÍžÍ?‡†‹œ‹‘Â?‹   

3

er rispondere a un misterioso impulso. Marianne, una sessantenne che esercita la professione di avvocato specialista in divorzi, racconta che ha deciso improvvisamente di intraprendere un viaggio per incontrare Johan, il suo ex marito che non vede da oltre trent’anni e che vive la sua vecchiaia solitaria in una casa in mezzo ai boschi. Nelle vicinanze, a ridosso di un lago, abitano anche Henrik, il figlio musicista che Johan ha avuto in un precedente matrimonio. Con lui vive Karin sui cui, dopo la morte della moglie Anna, Henrik riversa il suo amore quasi morboso. Ăˆ il suo maestro di violoncello perchĂŠ vuole che diventi una stella di prima grandezza nel panorama della musica classica, ma tenta di uccidersi quando Karin decide di andarsene dalla casa paterna. In questo contesto, fatto anche di indifferenza e morbositĂ , si consumano il mistero dell’amore e dell’odio, del contrasto tra padri e

    

     Dzdz

ÂŽ–‡•–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡ •˜‡†‡•‡Â?‡••‘‹Â? •…‡Â?ƒÂ?‡ŽŽƒÍžÍ?Í” ‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Žˆ‡•–‹˜ƒŽ †‡Ž–‡ƒ–”‘†‡ŽŽ‘•’‹”‹–‘ †‡Ž…‡Â?–”‘’‹•ƒÂ?‘ figli animato da fantasmi e ricordi di un passato che sembrano ostacolare ogni tentativo di pacificazione. Tutto questo è stato “Sarabandaâ€?, il dramma di Ingmar Bergman andato in scena nella 65ÂŞ edizione della Festa del teatro di San Miniato. L’ultimo lavoro del grande drammaturgo svedese (perchĂŠ prima che un grande regista Bergman è uno scrittore capace di condensare nelle sue pagine il dramma di una societĂ  come quella contemporanea che tenta di mettere al bando ogni valore) è stato lo spettacolo che ha segnato l’edizione 2011 di un festival, quello di San Miniato ap-

punto, dedicato al teatro dello spirito, un festival in cui il teatro continua a svolgere quella che è la sua funzione primaria: stimolare domande sull’esistanza umana. Anche “Sarabandaâ€?, seppure lontano dai canoni del teatro sacro che pure hanno portato nel secondo dopoguerra alla creazione della “Festaâ€? di San Miniato, può essere considerato intrinsecamente un dramma religioso anche se “non confessionaleâ€?, come l’ha definito il regista Massimo Luconi che ne ha curato la messa in scena. “I protagonisti di Sarabanda – sono ancora considerazioni del regista – sono come dei fantasmi che vivono nell’impossibilitĂ  di uscire dal loro schema di rancore, di paura, incapaci di perdonare gli altri e se stessiâ€?. La casa in mezzo al bosco dove si svolgono i 10 dialoghi che compongono lo spettacolo rappresenta una sorta di terra di nessuno dove le solitudini, le paure, le violenze, le ansie dei

protagionisti trovano terreno ideale per uno scontro. L’arrivo di Marianne, la prima a entrare in scena e l’ultima a lasciare il palco rappresenta uno squarcio, da principio debole, in questi orizzonti bui. Tutti i personaggi sembrano riuscire ad aprirsi con lei che in breve diventa depositaria di tutti i segreti della famiglia. Grazie a Marianne ogni Johan, Henrik e Karin scoprono che c’è qualcosa che li tiene aggrappati a un barlume di speranza che non avevano ancora scoperto: il ricordo di Anne, la moglie di Henrik morta pochi anni prima di cancro e che, seppure a diversi livelli, era riuscita a fare breccia anche nei cuori induriti dei personaggi. Bergman nella sua drammaturgia non ha dato eccesivo spazio a questo aspetto, eppure la figura di Anne, evocata a piÚ riprese nel corso dei 10 dialoghi dello spettacolo, c’è, è presente e rappresenta un, seppure timido, barlume di speranza a cui

tutti, piĂš o meno coscientemente, vogliono aggrapparsi. Magistrale è stata l’intepretazione che Giuliana Lojodice, Massimo De Francovich, Luca Lazzareschi e Clio Cipolletta hanno dato ai quattro personaggi di “Sarabandaâ€?, una produzione che dopo la prima nazionale di San Miniato girerĂ  in tournĂŠe per l’Italia. Dal 13 al 18 dicembre sarĂ  anche al Teatro Paolo Grassi di Milano. Lo spettacolo, per le domande che pone, oltre che per la bravura dei suoi interpreti e l’intensa regia, merita la fatica di una trasferta a Milano.

ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‡Â?–‡ ‡ˆˆ‹…ƒ…‡Žƒ’”‘˜ƒ†‡‹ “—ƒ––”‘ƒ––‘”‹…‘•¿ …‘Â?‡Žƒ”‡‰‹ƒ †‹ƒ••‹Â?‘—…‘Â?‹



     

ÂŽ–”ƒ†‹Â?‡Â?–‘ǥ’‘••‹„‹Ž‹–Â?’‡”…”‡•…‡”‡ ‘Â?•‹‰Ž‹ƒ–ƒ†ƒ—Â?ƒ’‡”•‘Â?ƒ…Š‡Ž‡‰‰‡Â?‘Ž–‘ǥ Š‘ƒ…“—‹•–ƒ–‘Dz—‡”‡–‡”Â?—•dz†‡ŽŽ‘’•‹…‘Ž‘nj ‰‘ ƒÂ?‡• ‹ŽŽÂ?ƒÂ?Ǥ ÂŽŽ‹„”‘‹Â?‹œ‹ƒ…‘Â?—Â?ƒ•–‘nj ”‹‡ŽŽƒ•——Â?’ƒ†”‡‡„”‡‘…Š‡˜‘Ž‡Â?†‘‹Â?•‡‰Â?ÂƒÇŚ ”‡ƒŽˆ‹‰Ž‹‘ƒ‡••‡”‡Â?‡Â?‘Â’ÂƒÂ—Â”Â‘Â•Â‘ÇĄĠƒ˜‡”‡ ’‹ÎÂ…Â‘Â”ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄŽ‘ˆƒ•ƒŽ–ƒ”‡†ƒ‹‰”ƒ†‹Â?‹Ǥ‡ŽŽ‡ ’”‹Â?‡’”‘˜‡‹Ž„‹Â?„‘•ƒŽ–ƒ‡‹Ž’ƒ†”‡Ž‘’”‡Â?ÇŚ †‡–”ƒŽ‡Â„Â”ÂƒÂ…Â…Â‹ÂƒÇĄÂ?ƒÂ?‡ŽŽǯ—Ž–‹Â?‘Â•ÂƒÂŽÂ–Â‘ÇĄ“—‡ŽŽ‘ ’‹ÎÂ†Â‹ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ‹Ž’ƒ†”‡Žƒ•…‹ƒ…Š‡‹Žˆ‹‰Ž‹‘…ƒ†ƒ DzŽ—Â?‰‘‡†‹•–‡•‘dzǤ‡”…Š¹ˆƒ”‹Â?Â?‘†‘…Š‡‹Ž ˆ‹‰Ž‹‘•‹ˆƒ……‹ƒÂ?ÂƒÂŽÂ‡ÇŤ’‡”…Š¹Â?‘Â?’”‡Â?†‡”Ž‘–”ƒ Ž‡Â„Â”ÂƒÂ…Â…Â‹ÂƒÇĄ’‡”…Š¹Â?‘Â?†‹”‰Ž‹…Š‡Žƒ’”‘˜ƒÂ•ÂƒÇŚ ”‡„„‡•–ƒ–ƒÂ†Â‹ÂˆÂˆÂ‹Â…‹Ž‡ǍŠ‡°…‘Â?‡†‹”‡ǣ’‡”…Š¹ ˆƒ”•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ”‡‹Ž†‘Ž‘”‡“—ƒÂ?†‘’‘–”‡Â?Â?‘ ‡••‡”‡Â?‘‹‰‡Â?‹–‘”‹ƒ–‘‰Ž‹‡”Ž‘Ǎ”‘•‡‰—‡Â?†‘ Â?‡ŽŽƒŽ‡––—”ƒÂ?‹’ƒ”‡†‹ƒ˜‡”–”‘˜ƒ–‘“—ƒŽ…Š‡ ”‹•’‘•–ƒǤ ÂŽ†‘Ž‘”‡‡Žƒˆƒ–‹…ƒÂ?‘Â?•‘Â?‘•‡Â?’”‡ †‹•–”—––‹˜‹Â?ƒƒ˜‘Ž–‡•‘Â?‘Žǯ—Â?‹…‘Â?‘†‘’‡” …”‡•…‡”‡ǥƒˆˆ”ƒÂ?…ƒ”•‹†ƒ‹‰‡Â?‹–‘”‹ǥ–”‘˜ƒ”‡Žƒ ’”‘’”‹ƒ•–”ƒ†ƒǤ1‹Ž–‡Â?ƒ†‡Ž–”ƒ†‹Â?‡Â?–‘ǤÂ?ÇŚ …Š‡Â?‘‹‰‡Â?‹–‘”‹–”ƒ†‹ƒÂ?‘‹ˆ‹‰Ž‹“—ƒÂ?†‘†‹ƒÂ?‘ Ž‘”‘—Â?ǯ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‡†‹˜‡”•ƒ†ƒ“—‡ŽŽƒ…Š‡ŠƒÂ?ÇŚ Â?‘†‹Â?‘‹Ǥ”ƒ†‹”‡˜—‘Ž†‹”‡Â?‘Â?ˆƒ”‡’‹Î–—––‘

“—‡ŽŽ‘…Š‡ƒ„„‹ƒÂ?‘ˆƒ––‘’‡”Ž‘”‘ǥˆƒ”‰Ž‹•’‡nj ”‹Â?‡Â?–ƒ”‡ƒÂ?…Š‡‹Ž†‘Ž‘”‡ǥÂ?‡––‡”Ž‹†‹ˆ”‘Â?–‡ ƒŽŽ‡Ž‘”‘’ƒ”‘Ž‡…Š‹‡†‡Â?†‘‰Ž‹†‡‹‰‡•–‹ǤDz ‘Â?‡ Žƒ…ƒ˜‘†ƒ•‘Ž‘dzǥDz ‘˜‘‰Ž‹‘‡••‡”‡Ž‹„‡”‘dzǣ•‘nj Â?‘ˆ”ƒ•‹…Š‡‰Ž‹ƒ†‘Ž‡•…‡Â?–‹†‹…‘Â?‘ƒ‹‰‡Â?‹–‘”‹ †‹Â?‘•–”ƒÂ?†‘•’‡••‘—Â?ÇŻÂƒÂ?„‹˜ƒŽ‡Â?œƒÂ•Â‘Â’Â”ÂƒÂ–ÇŚ –—––‘“—ƒÂ?†‘†ƒŽŽ‡’ƒ”‘Ž‡†‡˜‘Â?‘’ƒ••ƒ”‡ƒ‹ ˆƒ––‹Ǥ”ƒ†‹”Ž‹Â?‡ŽŽ‡Ž‘”‘ˆƒÂ?–ƒ•‹‡‘Â?Â?‹’‘–‡Â?–‹ ˜—‘Ž†‹”‡Žƒ•…‹ƒ”‡…Š‡—Â?’‘ǯ•‹ˆƒ……‹ƒÂ?‘Â?ÂƒÇŚ Ž‡Ǥ‡‹Â?‘•–”‹ˆ‹‰Ž‹”‡•–ƒ••‡”‘•‡Â?’”‡‹Â?Â”Â‡ÂŽÂƒÇŚ œ‹‘Â?‹„—‘Â?‡ǥÂ’Â‘Â•Â‹Â–Â‹Â˜Â‡ÇĄ†‹ˆ‹†—…‹ƒ–‘–ƒŽ‡Â?‘Â? ”‹—•…‹”‡„„‡”‘Â?ƒ‹ƒ…”‡•…‡”‡Ǥ‡”…‘•–”—‹”‡ †‡Â?–”‘†‹•¹ŽƒÂˆÂ‹Â†Â—Â…Â‹ÂƒÇĄ‹ˆ‹‰Ž‹†‘’‘ƒ˜‡”ÂƒÂ˜Â—ÇŚ –‘”‹•’‘•–ƒƒŽ„‹•‘‰Â?‘†‹Â•Â‹Â…Â—Â”Â‡ÂœÂœÂƒÇĄ†‡˜‘Â?‘ ’‘–‡”ƒÂ?…Š‡•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ”‡Žƒ•‘Ž‹–—†‹Â?‡ǤDz ÂŽ –”ƒ†‹Â?‡Â?–‘ƒ’’ƒ”–‹‡Â?‡ƒŽŽƒˆ‹†—…‹ƒ…‘Â?‡‹Ž †—„„‹‘ƒ’’ƒ”–‹‡Â?‡ƒŽŽƒˆ‡†‡˜‹˜‡Â?–‡dzǥ•…”‹˜‡ ‹ŽŽÂ?ƒÂ?Ǥ‡”–‘‹Ž–”ƒ†‹Â?‡Â?–‘†‡Ž‰‡Â?‹–‘”‡Â?‘Â? †‡˜‡‡••‡”‡’‡”Ç˛Â…ÂƒÂ˜ÂƒÂ”Â•Â‹†ƒ—Â?‹Â?’‹……‹‘ǥ’‡” ˆƒ”‡†‡ŽÂ?ƒŽ‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–”‘ǥ’‡”Â—Â•ÂƒÂ”ÂŽÂ‘ÇĄ’‡”’Žƒ…ƒ”‡ —Â?’”‘’”‹‘†‡•‹†‡”‹‘ǤǤǤÂ?ƒ’‡”ƒ‹—–ƒ”‡ƒ…”‡nj •…‡”‡ǥ’‡”ˆƒ”•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ”‡ƒŽˆ‹‰Ž‹‘Žƒ’‘••‹nj „‹Ž‹–Â?†‹ˆƒ”…‡Žƒ…‘Â?Ž‡•—‡ˆ‘”œ‡Ǥ1ŽƒŽ‘‰‹…ƒ

Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â†Â—Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡…Š‡ƒ‹—–ƒƒ…”‡•…‡”‡ˆƒ…‡Â?†‘ •—’‡”ƒ”‡†‡ŽŽ‡Â’Â”Â‘Â˜Â‡Ç˘Žƒ•…‹ƒÂ?†‘†ƒ’ƒ”–‡—Â? ’‘…‘Žǯ‹•–‹Â?–‘Â?ƒ–‡”Â?‘‡†ƒÂ?†‘˜‘…‡ƒ“—‡ŽŽ‘ ’ƒ–‡”Â?‘Ǥ ÂŽ–”ƒ†‹Â?‡Â?–‘Šƒ—Â?’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‡…”‡nj ƒ–‹˜‘’‡”…Š¹‹Žˆ‹‰Ž‹‘•—’‡”ƒ–ƒŽƒ†‡Ž—•‹‘Â?‡ ’—Ö–‡Â?‡”•‹†‡Â?–”‘‹Ž‰‡Â?‹–‘”‡”‡ƒŽ‡Č‹Â’‘•‹–‹˜‘ ‡Â?Â‡Â‰ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‘ČŒ‡ƒÂ?†ƒ”‡ƒŽŽƒ”‹…‡”…ƒ†‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ •–”ƒ†ƒǤDz‹†‡˜‡‡••‡”‡•‘Ž‹ǢÂ?‘Â?…ǯ°•…ƒÂ?’‘Ǣ …‡”…ƒÂ?†‘‡•’‡”‹‡Â?œ‡‹Â?‰”ƒ†‘†‹•‘””‡‰‰‡”…‹Ǥ

ÂŽ–”ƒ†‹Â?‡Â?–‘‡‹Ž’‡”†‘Â?‘–”ƒ•ˆ‘”Â?ƒÂ?‘‹ŽÂ•ÂƒÇŚ Ž‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?ƒ”‡œœƒ‹Â?•ƒŽ‡†‹Â•ÂƒÂ‰Â‰Â‡ÂœÂœÂƒÇłÇ¤Â?…Š‡ •‡‹Â?‘•–”‹ˆ‹‰Ž‹†‡˜‘Â?‘ƒˆˆ”‘Â?–ƒ”‡†‡ŽŽ‡Â†Â‹ÂˆÂˆÂ‹ÇŚ …‘Ž–Â?‡Â?‘‹Â?‘Â?’‘••‹ƒÂ?‘’‹Îƒ‹—–ƒ”Ž‹’‡”…Š¹ Â?‘Â?•‘Â?‘’‹Î…‘•¿’‹……‘Ž‹‡’‡”…Š¹ˆƒ…‡Â?†‘Ž‘ •˜ƒŽ—–‡”‡Â?Â?‘ŽƒŽ‘”‘ƒ—–‘•–‹Â?ÂƒÇĄ†‘„„‹ƒÂ?‘ …”‡†‡”‡…Š‡…‹Ö…Š‡ƒ„„‹ƒÂ?‘•‡Â?‹Â?ƒ–‘•–ƒ †‡Â?–”‘†‹Ž‘”‘‡…Š‡‡••‹ŠƒÂ?Â?‘Ž‡”‹•‘”•‡’‡” ”‡ƒ‰‹”‡ƒŽŽ‡’”‘˜‡Ǥ‘’‘“—‡•–ƒŽ‡––—”ƒ‹ŽÂ?‹‘ †‹•’‹ƒ…‡”‡’‡”Žƒ•–‘”‹‡ŽŽƒ†‡Ž’ƒ†”‡…Š‡Žƒ•…‹ƒ …ƒ†‡”‡‹Žˆ‹‰Ž‹‘•‹°–”ƒ•ˆ‘”Â?ƒ–ƒ‹Â?…‘Â?Â•ÂƒÂ’Â‡ÇŚ ˜‘Ž‡œœƒ…Š‡DzÂ?‘Â?–—––‘‹ŽÂ?ƒŽ‡˜‹‡Â?’‡”Â?—‘nj …‡”‡dz‡‹Â?ˆ‹†—…‹ƒÂ?‡ŽŽƒˆ‘”œƒ…Š‡‹Â?‘•–”‹ˆ‹‰Ž‹ ’‘••‘Â?‘–”‘˜ƒ”‡‡ˆƒ”…”‡•…‡”‡†‡Â?–”‘†‹Ž‘”‘Ǥ


͚͠

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

”‡•…‹ƒ ÇŻÂ‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‡’‘”–ƒÂ?—•‹…ƒ†‹“—ƒŽ‹–Â?‹Â?’‹ƒœœƒ‘‰‰‹ƒ Si rinnova una tradizione da tempo conosciuta che d’estate porta i bresciani a vivere la prima piazza della cittĂ , piazza Loggia, travolti dalle note musicali. Tanti artisti di alto livello sono saliti sul palco della storica piazza, simbolo della cittĂ  e di un’epoca storica che speriamo di non vivere una seconda volta. Nell’ultima settimana si sono avvicendati tre artisti dallo stile diverso ma di grande richiamo. Ed è bello, proprio considerata la loro rapida successione, ritornare con

la mente, anche se solo con poche righe, alle loro esibizioni a partire da Giovanni Allevi che, sul palco con il suo pianoforte, ha divertito il pubblico con il suo atteggiamento scherzoso e apparentemente distratto, e colpendo forte con “Helena�, un pezzo per sola mano destra composto per una pianista che a causa di un incidente aveva perso proprio l’uso della mano e la speranza di suonare. Acrobata e giocoliere, tanto con la voce quanto con il corpo; non sta

fermo un secondo, se non quando è seduto per suonare. Cesare Cremonini si diverte con il pubblico, che lo osanna con cori da stadio, e con i propri musicisti tra cui il bassista Ballo, con il quale aveva cominciato l’avventura ai tempi dei Lunapop. Coinvolgente, elettrizzante e con la musica nel sangue, Franco Battiato (nella foto), 66 anni, ha portato nella splendida cornice della piazza non solo il grande rock ma un’ondata di adrenalina, simpatia e umiltà.





ÂŽ‹––‘”‹ƒŽ‡ƒ‹’‹‡†‹†‹‹Â?‹…‹‘ ƒÂ?—•‹…ƒ…Š‡’ƒ”Žƒ†‡ŽŽǯ—‘Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—Â‘Â?‘

    ÇĄ   

ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ ‡•–‹˜ƒŽ†‡ŽŽƒ…ƒÂ?œ‘Â?‡—Â?‘”‹•–‹…ƒÂ†ÇŻÂƒÂ—–‘”‡

1RQDFDQGHOLQD SHUOR´VFLDPDQR¾   

)

itto e variegato, come in realtĂ  è sempre stato nel corso delle sue precedenti edizioni, il programma del Festival della canzone umoristica d’autore “Dallo sciamano allo showmanâ€? 2011, che si snoderĂ  da luglio a ottobre in vari luoghi della Valle Camonica. La manifestazione anche quest’anno si caratterizza per coniugare l’attenzione per lo sciamanesimo (ispirato ai riti millenari raffigurati nelle celebri incisioni rupestri della zona) con proposte artistiche che fondono umorismo e musica. Un festival innovativo che porta l’immagine della Valle Camonica alla ribalta nazionale per la scelta del tema, per un partner di grande valore come il Club Tenco, e per la peculiaritĂ  e ricchezza delle sue sezioni: spettacoli, concerti, le Pagine di musica curate da Enrico de Angelis, incontri, convegni, percorsi guidati, un rito sciamanico e un concorso gastronomico. Un Festival di qualitĂ , per la gente e della gente. Tra gli ospiti dell’edizione che ha preso il via mercoledĂŹ 27 luglio, compaiono grandi “shomaniâ€? come Paolo Hendel, Simone Cristicchi, Leonardo Manera, Dario Salvatori, Alberto Patrucco, Sergio Staino, Dario Vergassola, Mauro Ermanno Giovanardi, Davide Van De Sfroos, Roberto Vecchioni, Le Sorelle Marinetti, Peppe Voltarelli. E Antonio Ricci, Targa Shomano 2011, che sarĂ  consegnata in data da definire. Ma molti altri artisti, forse meno noti ma di alto livello, si esibiran-

  



––‡Â?œ‹‘Â?‡’‡”Ž‘ •…‹ƒÂ?ƒÂ?‡•‹Â?‘Č‹Â‹Â•Â’Â‹Â”ÂƒÂ–Â‘ ƒ‹”‹–‹”ƒˆˆ‹‰—”ƒ–‹Â?‡ŽŽ‡ ‹Â?…‹•‹‘Â?‹”—’‡•–”‹†‡ŽŽƒ œ‘Â?ÂƒČŒ…‘Â?’”‘’‘•–‡–”ƒ —Â?‘”‹•Â?‘‡Â?—•‹…ƒ no nei vari appuntamenti: Gli Inadatti, Roberta Carrieri, Dino Fumaretto, Piji, Zibba, Duo Sbilenco, Quartetto Euphoria, Alessio Lega, Freddy Colt. La conduzione delle serate è di Bibi Bertelli e Antonio Silva. Nel corso della manifestazione verranno assegnati, oltre alla Targa “Shomanoâ€?, i tradizionali riconoscimenti: Targa “Dallo sciamano allo showmanâ€?, Targa “Bigi Barbieri – la proposta del festivalâ€? e Targa “Cuoco Sho-

manoâ€?. Tutte le Targhe del Festival sono state realizzate da un grande artista, Mauro Felter, orafo cesellatore le cui opere, esposte in numerose mostre e gallerie d’arte, si ispirano alle incisioni rupestri camune. L’organizzazione e l’ideazione sono del Centro culturale teatro camuno con la direzione artistica di Nini Giacomelli, il patrocinio del Club Tenco di Sanremo e il sostegno di Regione Lombardia (assessorato alle Culture, identitĂ  e autonomie), e altri enti pubblici e aziende private. Un rapido sguardo al programma in generale sul quale avremo modo di tornare anche in altre occasioni e tolto l’appuntamento inaugurale che come detto sopra si è tenuto mercoledĂŹ 27 a Edolo con Paolo Hendel in “Il tempo delle susine verdiâ€? accompagnato alla chitarra da Ranieri Sessa, ci porta nella capitale della Valle Camonica, Breno, dove il 4 agosto alle 21, in piazza Sant’Antonio (in caso di maltempo chiesa di Sant’Antonio) ci sarĂ  Simone Cristicchi con Riccardo Corso (chitarra) e Riccardo Ciaramellari (fisarmonica, tastiere). Appuntamento successivo a Edolo, il 10 agosto, ultimo appuntamento che vi presentiamo oggi, sempre alle 21, Centro Sportivo Tennis, via Gelpi (in caso di pioggia al Teatro S. Giovanni Bosco) per il recital di Leonardo Manera accompagnato da “Gli Inadattiâ€?: Alessandro CarlĂ  (piano elettrico), Stefano Melchiorre (chitarra elettrica), Eugenio Mori (batteria), Marco Rampoldi (basso). Info: www.shomano.it

Â?‡–Â?–”ƒ—Â?‘•’‡––ƒ…‘Ž‘‡—Â?…‘Â?…‡”–‘ǣ’‡”†‹”ŽƒƒŽŽƒ‹Â?‹…‹‘Dz—Â? Â˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇłÇ¤ÇŻÂ‡Â•Â‹Â„Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ƒŽ‹––‘”‹ƒŽ‡†‹Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͚͞Ž—‰Ž‹‘°†ƒ–—––‘ ‡•ƒ—”‹–‘‹Â?—Â?’‡”…‘”•‘Â?—•‹…ƒŽ‡…Š‡ˆƒ†‡Ž–‡Â?ƒ†‡ŽÂ˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄ†‡ŽŽƒ Â?‹–‘Ž‘‰‹ƒ‡†‡ŽŽƒŽ‡––‡”ƒ–—”ƒ‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‹…—Ž–—”ƒŽ‹…ƒÂ?Â–ÂƒÂ–Â‹ÇĄÂ?—•‹…ƒ–‹ Dz…Š‡•‘Â?‘…‘Â?‡Ž‡…ƒ•…ƒ–‡‘Ž‡Â?‘Â?–ƒ‰Â?‡…Š‡Â?‘Â?ŠƒÂ?Â?‘„‹•‘‰Â?‘†‹ ‡••‡”‡Â•Â–Â—Â†Â‹ÂƒÂ–Â‹ÇŁ•‹•ƒÂ?Â?‘dz†‹…‡‹Ž…ƒ’‹–ƒÂ?‘†‡ŽŽƒÂ?ÂƒÂ˜Â‡ÇĄ’‡”…Š¹’ƒ”ŽƒÂ?‘ †‡ŽŽǯ—‘Â?‘ǥ†‡ŽŽƒ•—ƒƒÂ?‹Â?ƒǤ‘Â?‹Â?…‹ƒ…‘•¿ǥ…‘Â?—Â?’‘’‘Ž‘†‹Â?ƒ”‹Â?ƒ‹ ‡Â’Â‹Â”ÂƒÂ–Â‹ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ?†ƒ”’‡”Â?ƒ”‡‡‹Ž”‹Â?‰”ƒœ‹ƒÂ?‡Â?–‘ƒ‹’”‡•‡Â?–‹’‡”ƒ˜‡” ƒ……‡––ƒ–‘†‹ƒ˜˜‡Â?–—”ƒ”•‹…‘Â?–ƒŽ‡‰—‹†ƒǤ „”ƒÂ?‹–”ƒ––‹†ƒŽ•—‘—Ž–‹Â?‘ ƒŽ„—Â?Dzƒ”‹Â?ÂƒÂ‹ÇĄ’”‘ˆ‡–‹‡„ƒŽ‡Â?‡dz•…ƒŽ†ƒÂ?‘Žƒ…‹—”Â?ƒƒ……‘”•ƒƒŽ ‹––‘”‹ƒŽ‡Ǥ‡Dz ÂŽ‰”ƒÂ?†‡‡˜‹ƒ–ƒÂ?‘dzǥDzƒ„‹ƒÂ?…Š‡œœƒ†‡ŽŽƒ„ƒŽ‡Â?ÂƒÇłÇĄ Dz ‘„dz‡Dz‹ŽŽ›—††dz”ƒ……‘Â?–ƒÂ?‘•–‘”‹‡Ž‡‰ƒ–‡ƒÂ?‘•–”‹Â?ƒ”‹Â?‹†‹„‹„Ž‹…ƒ ‡Â?‡Ž˜‹ŽŽ‹ƒÂ?ƒÂ?‡Â?Â‘Â”Â‹ÂƒÇĄDzƒŽƒÂ?…‹ƒ†‡Ž‡Ž‹†‡dzǥDz‡ÂŽÂ‡Â‹ÂƒÂ†Â‹ÇłÇĄDzÂƒÂŽÂ‹Â’Â•Â‘ÇłÇĄ Dz‹Â?Â?‹Â‹Â”Â‡Â•Â‹ÂƒÇł‘Dz‡•‹”‡Â?‡dzÂ?ƒ””ƒÂ?‘‹Â?˜‡…‡‹Â?•—‘Â?‹‡Â?—•‹…ƒŽƒ …—Ž–—”ƒÂ?‹–‘Ž‘‰‹…ƒ…Žƒ••‹…ƒǤƒ…‹—”Â?ƒ‰‘†‡ƒÂ?…Š‡†‹ƒŽ…—Â?‹„”ƒÂ?‹’‹Î ˜‡……Š‹†‡Ž•—‘”‡’‡”–‘”‹‘…Š‡•‹‹Â?ˆ‹ŽƒÂ?‘ĠŠ‘…Â?‡ŽŽ‘•’‡––ƒ…‘Ž‘…‘Â?‡ Dz ÂŽ…Šƒ…Šƒ†‡ŽŽƒÂ‡Â†Â—Â•ÂƒÇł‘Dz”—…‹ƒÂ”Â‘Â‹ÂƒÇłÇ¤ ÂŽ–—––‘ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‘†ƒ –”ƒ˜‡•–‹Â?‡Â?–‹‡Â?ÂƒÂ•Â…ÂŠÂ‡Â”Â‡ÇĄƒ˜‘Ž–‡ƒ……‡Â?Â?ƒ–‡‡ƒŽ–”‡’‹Îƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹–‡ǥ …Š‡ŠƒÂ?Â?‘‹ŽŽ—•–”ƒ–‘Žƒ•–‘”‹ƒ†‹“—‡•–‘˜‹ƒ‰‰‹‘Ǥ‹Â?‹…‹‘ƒ’‘•‡ŽŽƒ Č‹Â?‡ŽŽƒˆ‘–‘Â•Â‘Â–Â–Â‘ČŒÂ?‘Â?Šƒ†‡Ž—•‘ǣÂ?‘Â?Šƒ†‡Ž—•‘‹•—‘‹ˆƒÂ?ÇĄƒ……‘”•‹‹Â? Â?ƒ••ƒƒŽÂ‹Â–Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?‘Â?Šƒ†‡Ž—•‘…‘Ž‘”‘…Š‡ŠƒÂ?Â?‘’”‡•‘—Â?„‹‰Ž‹‡––‘ǥ ’‹Î’‡”…—”‹‘•‹–Â?…Š‡’‡”ƒŽ–”‘‡Â?‘Â?Šƒ†‡Ž—•‘‰Ž‹‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘”‹…Š‡ •‹•‘Â?‘–”‘˜ƒ–‹…‘Â?—Â?•‘Ž†‘—–‹Â?’‹Î•…ƒŽ‡––ƒǤŽŽƒˆ‹Â?‡ǥ‰Ž‘”‹ƒƒ‹ Â?—•‹…‹•–‹ǥ–”ƒ‹“—ƒŽ‹•’‹……ƒDz••‘dzŽ‡••ƒÂ?†”‘–‡ˆƒÂ?ÂƒÇĄ…Š‹–ƒ””‹•–ƒ†‹ ƒ˜‡…Š‡‹Â?‹…‹‘’”‡•‡Â?–ƒ…‘Â?‡Ç˛ÂŽÂƒ•–ƒ”ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇ¤‘Â?’ƒ‰Â?‹†‹˜‹ƒ‰‰‹‘ †‡Ž…ƒ’‹–ƒÂ?‘†‡ŽŽƒ…‹—”Â?ƒˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‹ƒŽŽƒ”‹—•…‹–ƒ†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒ‡ †‡ŽŽƒ’‡”ˆ‡œ‹‘Â?‡†‹“—‡ŽŽƒ…ƒ…‘ˆ‘Â?‹ƒ‹Â?‰”ƒ†‘†‹•–ƒ”‡Ġ—Â?’‹……‘Ž‘ •‡Â?‹–‘Â?‘†ƒŽŽƒ•–‘Â?ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡†‹…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ”‡•—“—‡Žˆ‹Ž‘†‹ŽƒÂ?ƒ …Š‡Žƒ”‡Â?†‡Â’Â‡Â”ÂˆÂ‡Â–Â–ÂƒÇĄ”‹…‡”…ƒ–ƒ‡Â‰Â”ÂƒÂ†Â‡Â˜Â‘ÂŽÂ‡Ç˘’‡”†‹”Žƒ…‘Â?Žƒ…—Ž–—”ƒ Â…ÂŽÂƒÂ•Â•Â‹Â…ÂƒÇĄ…Š‡–ƒÂ?–‘’‹ƒ…‡ƒÂƒÂ’Â‘Â•Â•Â‡ÂŽÂƒÇĄDzŽ‘•–”ƒ„‹•Â?‘†‹‡Â?‡”‡dzǤ—‡ ‘”‡†‹…‘Â?…‡”–‘‡—Â?Ž—Â?‰‘ƒ’’Žƒ—•‘ˆ‹Â?ƒŽ‡…‘Â?•–ƒÂ?†‹Â?‰‘˜ƒ–‹‘Â?†‡Ž ’—„„Ž‹…‘Ǥ Â?…Š‹—•—”ƒ‹”‹Â?‰”ƒœ‹ƒÂ?‡Â?–‹…ƒŽ‘”‘•‹†‡Ž…ƒÂ?–ƒ—–‘”‡…—‹ŠƒÂ?Â?‘ ˆƒ––‘•‡‰—‹–‘‹„‹•…‘Â?‰Ž‹ƒŽ–”‹„”ƒÂ?‹…‘Â?‘•…‹—–‹†‡Ž•—‘”‡’‡”–‘”‹‘‡ —Â?‘Â?ƒ‰‰‹‘ƒ›ŽƒÂ?Ǥ ÂŽˆ‡•–‹˜ƒŽDz‡Â?Â‡Â”ÇŚÂƒÇŚÂ?‡Â?–‡dz…‘Â?–‹Â?—ƒǤƒ„ƒ–‘͛͘ Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͙Í?Dz‘…Š‡ˆŽƒÂ?‡Â?…ƒĆŹ‘Ž‡†ƒ†ÂƒÂ””‹‘dzǤ Â?ˆ‘’‡”‹’”‘••‹Â?‹ ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ǣ™™™ǤƒÂ?ˆ‹–‡ƒ–”‘†‡Ž˜‹––‘”‹ƒŽ‡Ǥ‹–Č‹Â?Ç¤Â–Ç¤ČŒ

•ƒ—”‹–‘’‡”‘—‡‡†

Â?Â?ƒÂ?‘”ƒ–‘†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒ”‘…Â? 1—Â?‹––‘”‹ƒŽ‡’‹‡Â?‘‹Â?‘‰Â?‹‘”†‹Â?‡†‹’‘•–‘“—‡ŽŽ‘…Š‡ƒ……‘‰Ž‹‡‹Ž ’‘Ž‹‡†”‹…‘‘—‡‡†Ǥ…”‹––‘”‡ǥÂ’Â‘Â‡Â–ÂƒÇĄ•…‡Â?Â‡Â‰Â‰Â‹ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ÇĄƒŽŽƒ•‘‰Ž‹ƒ †‡‹Í&#x;͘ƒÂ?Â?‹”‹Â?ƒÂ?‡’”‘ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–‡—Â?‹Â?Â?ƒÂ?‘”ƒ–‘†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒ ”‘…Â?Ǥ‘’‘Žǯ—Ž–‹Â?ƒ–‘—”Â?¹‡‹Â? –ƒŽ‹ƒ†‹“—ƒ––”‘ƒÂ?Â?‹ˆƒ°–‘”Â?ƒ–‘ ’”‘’‘Â?‡Â?†‘„”ƒÂ?‹’‘…‘…‘Â?‘•…‹—–‹†‡Ž•—‘”‡’‡”–‘”‹‘Ǥ ÂŽ…‘Â?…‡”–‘ǥ …‘Â?‡†ƒ…‘’‹‘Â?‡ǥ…‘Â?‹Â?…‹ƒ…‘Â?“—ƒŽ…Š‡Â?‹Â?—–‘†‹Â”Â‹Â–ÂƒÂ”Â†Â‘ÇĄÂ?‘Â?–”‘’’‹ ’‡”Žƒ˜‡”‹–Â?ÇĄÂ?ƒ“—ƒÂ?†‘ÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Âƒ•‹’”‡•‡Â?–ƒƒŽ’—„„Ž‹…‘—Â?•‹Ž‡Â?œ‹‘ Â?‹•–‹…‘…‘’”‡ÂŽÇŻÂƒÂ?ÂˆÂ‹Â–Â‡ÂƒÂ–Â”Â‘Ç˘ŽƒÂ?—•‹…ƒ”‘…Â?†‹‘—‡‡†Â?‡”‹‡Â?’‹‘‰Â?‹ ƒÂ?‰‘Ž‘Ǥ‘””‡––‘ǥ˜‡””‡„„‡“—ƒ•‹†ƒ†‹”‡ˆ‹•‹…ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?“—ƒŽ…Š‡ ˆ”ƒÂ?‰‡Â?–‡ǥ†ƒ—Â?ƒ„ƒÂ?††‹‘––‹Â?‹‰‹‘˜ƒÂ?‹Â?—•‹…‹•–‹…‘Â?ˆ‹ƒ–‹‡˜‹‘Ž‹Â?‹ǥ ‹ŽÂ?‘–‘…ƒÂ?–ƒÂ?–‡ƒÂ?‡”‹…ƒÂ?‘–‹‡Â?‡‹Ž’—„„Ž‹…‘…‘Â?Ž‡Â?‘–‡†‹•–‘”–‡†‡Ž •—‘”‡’‡”–‘”‹‘Ǣ„”ƒÂ?‹Â?‡Â?‘…‘Â?‘•…‹—–‹•‹ƒŽ–‡”Â?ƒÂ?‘ƒ‹•—‘‹Â…ÂƒÂ’Â‘ÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”Â‹ÇĄ “—‡ŽŽ‹…Š‡•—’‡”ƒÂ?‘Ž‘•…‘””‡”‡†‡Ž–‡Â?’‘…‘Â?‡Dz—Â?†ƒ›Â?‘”Â?‹Â?‰dzǥ …‘‹Â?˜‘Ž‰‡Â?†‘–—––‹‹’”‡•‡Â?–‹ǤÂ?…‘Â?…‡”–‘†ƒDz‡Â?Â‡Â”ÇŚÂƒÇŚÂ?‡Â?–‡dzǥ •‘’”ƒ‘‰Â?‹ÂƒÂ•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â‹Â˜ÂƒÇĄÂ?‘Â?†‹“—ƒÂ?–‹–Â?Â?ƒ†‹‰”ƒÂ?†‡“—ƒŽ‹–Â?ǢŽƒ †‹Â?‘•–”ƒœ‹‘Â?‡Žƒ†ƒÂ?Â?‘‹•—‘‹ˆƒÂ?ÇĄ”‹…‘Â?‘•…‡Â?†‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Âƒ—Â?…ƒŽ‘”‘•‘ ƒ’’Žƒ—•‘ˆ‹Â?ƒŽ‡ǤƒŽ—–‘ƒ—Â?ǯ‹…‘Â?ƒ‡ƒŽŽƒ•—ƒÂ?—•‹…ƒǤČ‹ÂˆÇ¤Â„Ç¤ČŒ


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͚ͥ

‘˜‡”‡ ‘”Â?ƒDz…‘”–‘Â‘Â˜Â‡Â”Â‡ÇłÇĄ‹Žˆ‡•–‹˜ƒŽ†‡ŽŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‘Â?‡Â?‹…‘’”ƒÂ?†‹ SarĂ  Luigi Lo Cascio (nella foto) a presiedere la giuria della 14ÂŞ edizione di “cortoLovereâ€?, festival internazionale di cortometraggio, che si terrĂ  dal 22 al 24 settembre a Lovere, sul Lago d’Iseo. Nato a Palermo nel 1967, Luigi Lo Cascio ha intrapreso presto una carriera teatrale e cinematograďŹ ca di alto livello che gli ha fatto meritare non pochi premi tra i quali il Nastro d’argento, la Coppa Volpi, e due volte il premio Ubu come miglior attore. Nella sua

carriera Lo Cascio è stato diretto da registi del calibro di Elio De Capitani, Marco Tullio Giordana, Luca Ronconi, Marco Bellocchio, Cristina Comencini. Anche quest’anno il Festival sarĂ  arricchito da una serie di eventi a corollario, tra i quali segnaliamo la proiezione di un ďŹ lm di Luigi Lo Cascio (giovedĂŹ 22 settembre); la mattina di venerdĂŹ 23 settembre sarĂ  dedicata alle scuole con la proiezione di alcune video-poesie di Giorgio Longo,

mentre in serata avrĂ  luogo la proiezione dei cortometraggi selezionati con assegnazione del “premio del pubblicoâ€?. La serata clou sarĂ  come sempre quella riservata al Gran Gala (sabato 24 settembre), durante la quale si svolgeranno le premiazioni del concorso (secondo la formula con le sezioni Miglior ďŹ lm, Miglior sceneggiatura, Miglior Soggetto e altre ancora). Si ricorda che il Bando di concorso scade il 31 agosto 2011.

�‹ �ƒ ’”‘’‘•–ƒ †‡Ž ��•’‡”Žƒ…‘ŽŽƒ�ƒ ‘‘� –ƒŽ‹ƒ

”‘†‘––‘‡†‹–‘”‹ƒŽ‡‘Ž—–‘†ƒŽ‘‹‰‡



ƒŽŽ‡ƒ�‘�‹…ƒ ‡––‡ƒ”–‹•–‹‡†—‡ –—–‘”ƒŽŽƒ˜‘”‘‹� Ž–ƒƒŽŽ‡

7YTXDQWLERFFLDWL 1•–ƒ–‘’”‡•‡Â?–ƒ–‘Â?‡‹‰‹‘”Â?‹•…‘”•‹‹Ž–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡”ƒ’’‘”–‘ƒÂ?Â?—ƒŽ‡•—‹’”‘‰”��ƒÂ?Â?‹ ’”‡•‡Â?–ƒ–‹‹Â?–‡Ž‡˜‹•‹‘Â?‡‹Â?ˆƒ•…‹ƒ’”‘–‡––ƒ•—‹…ƒÂ?ƒŽ‹‰‡Â?‡”ƒŽ‹•–‹†‹‰‹–ƒŽ‹‡•ƒ–‡ŽŽ‹–ƒ”‹  

‹…Š‹ƒÂ?ƒÇ˛ÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â‘Ě¸ÍšÍ˜Í™Í™ÇłÇĄ…‘Â? •‘––‘–‹–‘Ž‘Ç˛ÂƒÂ”Â–‘Â?–Š‡„‘”†‡”dzǥ ŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡Â†ÇŻÂƒÂ”–‡ …‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒ’”‘Â?‘••ƒ †ƒŽ‹•–”‡––‘…—Ž–—”ƒŽ‡†‹ƒŽŽ‡ ƒÂ?‘Â?‹…ƒ…Š‡•‹•–ƒƒ˜˜‹…‹Â?ƒÂ?†‘ ƒŽŽƒ†ƒ–ƒ†ǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡Â—ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇŁ ͛͘Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘Ǥ

•‡––‡‰‹‘˜ƒÂ?‹ÂƒÂ”–‹•–‹ǥ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹ †‡Ž’”‘‰‡––‘ǥ•‘Â?‘‹Â?’‡‰Â?ƒ–‹ Â?‡ŽŽƒ˜‘”‘†‹…”‡ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡ ’”‘’”‹‡‘’‡”‡‰‹Â?†ƒƒŽ…—Â?‹‰‹‘”Â?‹ ‡•‘Â?‘‡Â?–”ƒ–‹Â?‡Ž˜‹˜‘ƒÂ?…Š‡‹ Â?—Â?‡”‘•‹‡˜‡Â?–‹…‘ŽŽƒ–‡”ƒŽ‹†‡ŽŽƒ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡Ǥ ƒ͚͔‡†‹œ‹‘Â?‡†‹Ç˛ÂƒÂ’‡”–‘̸dz•‹•–ƒ •˜‘Ž‰‡Â?†‘‹Â?Ž–ƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ Â?‡‹‘Â?—Â?‹†‹†‘Ž‘ǥ Â?…—†‹Â?‡ǥ ‘Â?Â?‘ǥ‡œœƒ†ǯ‰Ž‹‘ǥ‹‘Â?‡ǥ ‡Â?ĂŽ‡‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘Ǥ Dz‰Â?‹‘Â?—Â?‡Č‚•’‹‡‰ƒ ‹‘”‰‹‘ œœ‘Â?‹ǥ†‹”‡––‘”‡ƒ”–‹•–‹…‘Č‚ ‘•’‹–ƒ—Â?ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–ÂƒÇĄ…Š‡°…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ ƒ†ƒ”‡ˆ‘”Â?ƒƒ—Â?ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ•‹–‡ Â•Â’Â‡Â…Â‹ÂˆÂ‹Â…ÇĄ…‘Â?…‡’‹–ƒ‡”‡ƒŽ‹œœƒ–ƒ ’‡”‹ŽŽ—‘‰‘‡’‡”†‹ƒŽ‘‰ƒ”‡ …‘Â?Žƒ•—ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Ǥ Ž‹ƒ”–‹•–‹ •‘Â?‘‹’”‘–ƒ‰‘Â?Â‹Â•Â–Â‹ÇŚÂƒÂ–Â–Â‹Â˜ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ †‹—Â?’”‘…‡••‘”‡Žƒœ‹‘Â?ƒŽ‡…Š‡ …‘‹Â?˜‘Ž‰‡Ž‘Â•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ÇŚÂ…Â‹Â–Â–ÂƒÂ†Â‹Â?‘ ‹Â?“—ƒÂ?–‘ÂˆÂ”Â—Â‹Â–Â‘Â”Â‡ÇĄ‡‹Â?ƒŽ…—Â?‹ Â…ÂƒÂ•Â‹ÇĄƒÂ?…Š‡“—ƒŽ‡Â…Â‘ÇŚÂ…Â”Â‡ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡†‡Ž Žƒ˜‘”‘ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹Â…Â‘Ç˘‡‰Ž‹’—Ö‹Â?•‡”‹”•‹ǥ †—Â?“—‡ǥ‹Â?—Â?’‡”…‘”•‘…‘Â?†‹˜‹•‘ †‹…—‹ÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒÂ?‘Â?°Â?‘Â?‡Â?–‘ …‘Â?Â…ÂŽÂ—Â•Â‹Â˜Â‘ÇĄÂ?ƒ’—Â?–‘†‹ƒ’‡”–—”ƒ ’‡”Â?—‘˜‡”‹…‡”…Š‡‡ƒ––‹˜‹–Â?Ǥ Ž‹ ‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ƒ”–‹•–‹…‹‡•’Ž‘”ƒÂ?‘‹˜ƒŽ‘”‹ …—Ž–—”ƒŽ‹‡•‘…‹ƒŽ‹†‡ŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â?ÇĄ ‹Â?–‡”˜‡Â?‡Â?†‘•—ƒÂ?„‹–‹‡Ž—‘‰Š‹ •…‡Ž–‹‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Ž‡ ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‹Ž‘…ƒŽ‹Ǥƒ•–”‡––ƒ ”‡Žƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‹Ž–‡””‹–‘”‹‘’‡”Â?‡––‡ ƒŽŽ‡†‹˜‡”•‡•‡Â?•‹„‹Ž‹–Â?ƒ”–‹•–‹…Š‡†‹ …‘‰Ž‹‡”Â?‡Žǯ‡••‡Â?ÂœÂƒÇĄ–”ƒ†—…‡Â?†‘Â?‡ •‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹‡˜ƒŽ‘”‹‹Â?ˆ‘”Â?‡‡ƒœ‹‘Â?‹Ǥ ‹ƒ•…—Â?‹Â?–‡”˜‡Â?–‘…‘•–‹–—‹•…‡ ‹Ž…ƒ’‹–‘Ž‘†‹—Â?ƒÂ?ƒ””ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â•ÂƒÇĄ†‹—Â?ƒ”‹…‡”…ƒ…Š‡° ‡•’‡”‹‡Â?œƒ…‘ŽŽ‡––‹˜ƒ‹Â?†‹˜‡Â?‹”‡dzǤ ”–‹•–‹–—–‘”ǥ˜‹•‹–‹Â?‰’”‘ˆ‡••‘”• ÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ•‘Â?‘Â?†”‡ƒƒ”‡––‘‡ ƒˆˆƒ‡ŽŽƒ’ƒ‰Â?ÂƒÇĄƒÂ?…Š‡Ž‘”‘‰‹Â? ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‹Â?‡ŽŽƒ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹ —Â?ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”ÂƒÇŁ—Â?ǯ‹Â?•–ƒŽŽƒœ‹‘Â?‡…Š‡ •‹Â?–‡–‹œœƒ…‘Â?…‡––—ƒŽÂ?‡Â?–‡‹ ’‡”…‘”•‹ƒ”–‹•–‹…‹ƒ˜˜‹ƒ–‹‹Â?“—‡•–ƒ •–ƒ‰‹‘Â?‡†‹”‹…‡”…ƒǤ ‹…‘”†‹ƒÂ?‘ǥ‹Â?ˆ‹Â?‡ǥ…Š‡ Ç˛ÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â‘Ě¸ÍšÍ˜Í™Í™Çł°†‡†‹…ƒ–‘ƒŽ–‡Â?ƒ †‡ŽÇ˛ÂˆÂƒÂ”‡ƒ”–‡ƒŽ…‘Â?ˆ‹Â?‡dzǤ

ǯ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡°’‘–‡”‡ǥÂ?‘Â?•‘Ž‘ Žǯ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‹–‡Ž‡‰‹‘”Â?ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ Â?ƒ•‘’”ƒ––—––‘“—‡ŽŽƒ…Š‡ ‹Â?†‹”‡––ƒÂ?‡Â?–‡…‹ƒ””‹˜ƒ†ƒ‹ Â?‡†‹ƒ†‹‹Â?–”ƒ––‡Â?‹Â?‡Â?–‘ǥ†ƒŽŽƒ ’—„„Ž‹…‹–Â?‡†ƒŽ‰‘••‹’Ǥ 1•‘’”ƒ––—––‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘“—‡•–‡ ˆ‘”Â?‡Dz•’—”‹‡dz…Š‡Žǯ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ °—•ƒ–ƒ’‡”‰‘˜‡”Â?ƒ”‡Ž‡‹†‡‡ǥŽ‡ •…‡Ž–‡†‡‹…‘Â?•—Â?ƒ–‘”‹‡“—‹Â?†‹ ˆ‘”Â?ƒ”‡ÂŽÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ‰‡Â?‡”ƒŽ‡†‹…‘Â?‡ ‰‹”ƒ‹ŽÂ?‘Â?†‘Ǥ

ÂŽŽ‡‰ƒÂ?‡–”ƒÂ?‡†‹ƒ‡’‘–‡”‡° —•ƒ–‘‹Â?–—––‘‹ŽÂ?‘Â?†‘Â?ƒÂŽÇŻ –ƒŽ‹ƒ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ—Â?…ƒ•‘’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡‡ ÂŽÇŻÂƒÂ?‘Â?ƒŽ‹ƒ”‹•…Š‹ƒ†‹Â?ƒ•…‘Â?†‡”‡ “—ƒÂ?–‘‡…‘Â?‡•‹ƒ’”‘ˆ‘Â?†‘ “—‡•–‘Ž‡‰ƒÂ?‡Ǥ‡”“—‡•–‘ Â?ƒ•…‡Dz Â?‡”…ƒÂ?–‹†‡ŽŽƒÂ?Â‘Â–Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇłÇŁ —Â?ƒ”ƒ†‹‘‰”ƒˆ‹ƒ…Š‹ƒ”ƒ‡’”‡…‹•ƒ †‡ŽŽ‡’”‘’”‹‡–Â?‡†‡‰Ž‹‹Â?–‡”‡••‹ ‡…‘Â?‘Â?‹…‹…Š‡‰‹”ƒÂ?‘ƒ––‘”Â?‘ ƒŽŽƒ…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡Ǥ Â?–‡”‡••‹ ‡’”‘’”‹‡–Â?…Š‡‹Â?…”‘…‹ƒÂ?‘ ˆ”‡“—‡Â?–‡Â?‡Â?–‡Ž‡ƒ—Ž‡ Â‰Â‹Â—Â†Â‹ÂœÂ‹ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇĄ…‘•¿…‘Â?‡‹’ƒŽƒœœ‹†‡Ž ’‘–‡”‡‡Ž‡•‡‰”‡–‡”‹‡†‡‹’ƒ”–‹–‹Ǥ

ÂŽŽ‹„”‘Šƒ—Â?†—’Ž‹…‡Â‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘ÇŁ‹Ž ’”‹Â?‘°ˆƒ”‡Ž—…‡•—ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ ‡Ž‡‹•–‹–—œ‹‘Â?‹…Š‡†‹ˆƒ––‘ †‡–‡Â?‰‘Â?‘‹Ž’‘–‡”‡‡…‘Â?‘Â?‹…‘ ‡’‘Ž‹–‹…‘‹Â? –ƒŽ‹ƒ‡ǥ‹Ž•‡…‘Â?†‘ǥ ƒ‹—–ƒ”‡ƒ”‹…‘Â?‘•…‡”‡‰‹‘”Â?ƒŽ‹‡† ‡Â?‹––‡Â?–‹–‡Ž‡˜‹•‹˜‡‹Â?„ƒ•‡ƒ‹Ž‘”‘ ’”‘’”‹‡–ƒ”‹Ǥ Â?ƒ˜‡”ƒ‡’”‘’”‹ƒ‰—‹†ƒ†ƒ …‘Â?Â•Â—ÂŽÂ–ÂƒÂ”Â‡ÇĄ…‘Â?–‡•–‹ǥ•…Š‡†‡‡ †‹ƒ‰”ƒÂ?Â?‹ǥ’‡”…Š¹…‘Â?‘•…‡”‡ °‹Ž’”‹Â?‘’ƒ••‘’‡”’‘–‡” ‡•‡”…‹–ƒ”‡‹Ž†‹”‹––‘†‹•…‡Ž–ƒ‡ ’‘–‡”•‹Â?—‘˜‡”‡Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘ †‡ŽŽǯ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ǥ…‘Â?“—‡ŽŽƒ ‰‹—•–ƒ†‘•‡†‹ƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡…Š‡ …‹’‡”Â?‡––‡†‹Â?‘Â?…ƒ†‡”‡ –‘–ƒŽÂ?‡Â?–‡˜‹––‹Â?‡†‡ŽŽƒ Â?ƒÂ?‹’‘Žƒœ‹‘Â?‡Ǥ

ÂŽ‡Â?–”‘Â?—‘˜‘Â?‘†‡ŽŽ‘†‹ •˜‹Ž—’’‘°•‘”–‘ƒ‡……Š‹ƒÂ?‘ Č‹Â‹Â•ÂƒČŒÂ?‡Ž͙ͥ͠Í?‡†°…‘‘”†‹Â?ƒ–‘†ƒ ”ƒÂ?…‡•…‘ ‡•—ƒŽ†‹Ǥƒ’”‹Â?…‹’ƒŽ‡ ƒ––‹˜‹–Â?…‘Â?•‹•–‡Â?‡ŽŽƒ•–‡•—”ƒ†‹ ‰—‹†‡•—Ž…‘Â?’‘”–ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽ‡ ‹Â?’”‡•‡ǥÂŽÇŻÂ‘Â”Â‰ÂƒÂ?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‹ …ƒÂ?’ƒ‰Â?‡ǥ•—‰‰‡”‹Â?‡Â?–‹•—‰Ž‹ •–‹Ž‹†‹˜‹–ƒǤ ‘Â?‹‘‡ŽŽǯŽ‹‘ǥ†‹”‡––‘”‡ †‹…‘ŽŽƒÂ?ÂƒÇĄ°•ƒ…‡”†‘–‡‡ ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡†‡Ž•‡––‘”‡ ‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‹‹„‡”ƒÇŚ ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹Â?‘Â?‹‡Â?—Â?‡”‹ …‘Â?–”‘Ž‡Â?ƒˆ‹‡Ǥ

/

a guida critica all’offerta televisiva italiana “Un anno di zappingâ€?, realizzata dal Moige (Movimento genitori) con il suo Osservatorio media, e curata da Alessandra Caneva e Daniela Delfini, è giunta alla quarta edizione. Secondo Piermarco Aroldi, vice direttore di OssCom, centro di ricerca sui media e la comunicazione dell’UniversitĂ  cattolica di Milano, “la qualitĂ  della programmazione tv è una questione che non riguarda solo i genitori e gli educatori (cui il volume è indirizzato), perchĂŠ sulla adeguatezza dei programmi destinati ai piĂš piccoli si misurano la maturitĂ  e la responsabilitĂ  dell’intero sistema dei mediaâ€?. Edita anche quest’anno dalle Edizioni Magi, l’edizione 2010/2011 ha analizzato oltre 100 programmi andati in onda in fascia protetta segnalati dai genitori utenti all’Osservatorio media del Moige – attraverso il numero verde 800.93.70.70 e il form di segnalazione online sul sito www. genitori.it – o selezionati come must del palinsesto televisivo e considerati, quindi, degni di nota per l’influenza dei modelli offerti o per il valore del prodotto stesso. “Ogni avvenimento può essere trasmesso senza linguaggi volgari o trash – ha dichiarato Elisabetta Scala, responsabile dell’Osservatorio media del Moige –. Proprio con questo criterio abbiamo premiato determinati programmi d’intrattenimento televisivo. La nostra forte disapprovazione va, invece, ai reality per il voyeurismo, l’esibizionismo, la volgaritĂ . E sono programmi che purtroppo il pubblico continua a vedereâ€?. La pubblicazione cura con particolare riguardo l’intera programmazione della fiction (Rai e Mediaset), in quanto prodotto che riscuote il piĂš alto livello di ascolti e, di conseguenza, influisce in maniera piĂš incisiva su gusti, mode, valori e modelli educativi. NovitĂ  di questa nuova edizione, la sezione dedicata ai cartoni animati: l’analisi è volutamente incentrata soprattutto sugli aspetti psicologici. Spesso, infatti, i cartoni animati vengono erroneamente ritenuti tutti idonei ai minori, ma come ricorda Anna Oliverio Ferraris nella prefazione del libro, “ci possono essere scene che i piccoli spettatori hanno difficoltĂ  ad assimilare, non tan-

ÂŽ‘‹‰‡…Š‹‡†‡ —Â?ƒÂ?‘”Â?ƒ–‹˜ƒ’‹Î •–”‹Â?‰‡Â?–‡ƒˆ”‘Â?–‡ †‹—Â?ƒ–˜Â?‡†‹‘…”‡

to sul piano intellettivo, quanto su quello emotivoâ€?. Il Moige chiede una normativa piĂš stringente a fronte di una televisione sempre piĂš mediocre. D’altra parte, oggi, violare il Codice di tutela tv e minori non arreca alcun danno, perchĂŠ le multe che vengono comminate alle produzioni televisive sono irrisorie – ha dichiarato Elisabetta Scala –. L’unica soluzione possibile per porre fine a tutto ciò, è che da parte degli spettatori e, soprattutto, degli inserzionisti, ci sia un “no!â€? deciso a sponsorizzare programmi di bassa qualitĂ . “Un anno di zappingâ€? è acquistabile nelle librerie italiane e on line: per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.genitori.it e il sito www.magiedizioni.com.


͛͘

 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

“—‡•–ƒ’ƒ‰‹ƒ •‡‰ƒŽ‹ƒ‘ǡ–”ƒ Ž‡–ƒ–‡ƒŽŽ‡•–‹–‡ǡ ƒŽ…—‡‘•–”‡‹ …‘”•‘‡ŽŽ‡ ƒŽŽ‡”‹‡ †‹…‹––‡’”‘˜‹…‹ƒ

ƒŽŽ‡”‹ƒƒ”…Š‹ƒ ”ƒ†‹‘”‡ˆƒ‹Ž‹ƒ”‹‡Ž—‘‰Š‹‹’‡”•‘ƒŽ‹

ƒŽŽ‡”‹ƒ‰‡ŽŽ‹‹ …‘”ƒ ‹‹‡

ǯƒƒŽ‹•‹‹–”‘•’‡––‹˜ƒ†‹†‹‘”‡ ˆƒ‹Ž‹ƒ”‹‡†‹Ž—‘‰Š‹‹’‡”•‘ƒŽ‹ǡ –‡ƒ–‹…Š‡†”ƒƒ–‹…Š‡‡ ‹–‹‹•–‹…Š‡…Š‡•‹…‘–”ƒ’’‘‰‘‘ ƒ—ƒ‰‹”‡ƒ”–‹•–‹…‘˜‹‘Ž‡–‘‡† ‡•–”‘˜‡”•‘Ǥ‡Ž‹––‹†‹ƒ˜‹‘’ƒŽƒœœ‹ †‡˜ƒ•–ƒ–‹ƒ•‡‰ƒ”‡’ƒ‡•ƒ‰‰‹†‡•‘Žƒ–‹ †ƒŽŽǯƒ–‘•ˆ‡”ƒ•‘•’‡•ƒ‹…—‹ǡ…‘‡ ‹ƒŽ…—‹†‹’‹–‹—”„ƒ‹†‡‹’‹––‘”‹ ‡–ƒˆ‹•‹…‹ǡŽǯ—‘‘°‡˜‘…ƒ–‘‡ŽŽƒ •—ƒƒ••‡œƒ‡‡ŽŽƒ•—ƒ‡•–”ƒ‡‹–Ǥ ‘‘Ž‡‘’‡”‡†‹ƒ„”‹ƒƒ•ƒ†‡‹ǡ ‰‹‘˜ƒ‡ƒ”–‹•–ƒƒ–ƒƒ‘ƒ‡Ž͙͡͠͝ ‡”‡•‹†‡–‡ƒ‡”Ž‹‘ǡ‡ŽŽ‡“—ƒŽ‹Žǯƒ”–‡

”‘•‡‰—‡ƒŽŽƒ ƒŽŽ‡”‹ƒ‰‡ŽŽ‹‹Žƒ ‘•–”ƒ‘‘‰”ƒˆ‹…ƒ†‹ ‹‹‡ǡ—‘ †‡‹ƒ‰‰‹‘”‹’”‘–ƒ‰‘‹•–‹†‡ŽŽǯƒ”–‡ ƒ‡”‹…ƒƒ†ƒ‰Ž‹ƒ‹ǯ͘͞‹’‘‹ǡƒ …‘–ƒ––‘’”‹ƒ…‘Žƒ’‘’ƒ”–ǡ‹ •‡‰—‹–‘…‘Žǯ‡”‹…ƒ‡™‡ƒŽ‹• ‡†ƒ‰Ž‹ƒ‹ǯ͘͠…‘Žǯ•’”‡••‹‘‹•‘Ǥ

‡•’‘•‹œ‹‘‡‘Ž–”‡͚͘‘’‡”‡–”ƒ †‹’‹–‹ƒ‘Ž‹‘‡ƒ…”‹Ž‹…‘ǡ‡•…—Ž–—”‡‹ „”‘œ‘‡Ž‡‰‘ǤDz ‹‹‡dzǡ ƒŽŽ‡”‹ƒ ‰‡ŽŽ‹‹”–‡‘†‡”ƒǡ˜‹ƒ‘Ž†‹‹ǡ ͞ȀƒȂ”‡•…‹ƒǤ ‹‘ƒŽ͚͜•‡––‡„”‡ǡ†ƒ ƒ”–‡†¿ƒ•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡͙͘ƒŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘‡ †ƒŽŽ‡͙͝Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͡Ǥ͛͘Ǥ

•‹†‹•–‹‰—‡’‡”—ƒ”‹…‡”…ƒ‡•–‡–‹…ƒ ‹—œ‹‘•ƒǡ…ƒ”ƒ––‡”‹œœƒ–ƒ†ƒ•–”ƒŽ…‹ –‡•–—ƒŽ‹ǡˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…‹‡’‹––‘”‹…‹…Š‡ •‹ˆ‘†‘‘‡˜‘…ƒ†‘’”‘ˆ‘†‹•–ƒ–‹ ‡‘–‹˜‹Ǥƒ”‹Ž‡––—”ƒ†‹†ƒ–‹‘‰‰‡––‹˜‹ †‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–”‹˜‹•–‹–”ƒ‹–‡—ƒ’‹––—”ƒ †‡––ƒ–ƒ†ƒ•‡•‹„‹Ž‹’‡”…‡œ‹‘‹ •‡•‘”‹ƒŽ‹ǡˆ”‹œœƒ–‡‡‹ˆ‘”ƒŽ‡‡ †ƒ‰Ž‹ƒ……‘•–ƒ‡–‹†‹˜ƒ”‹‡–‡…‹…Š‡ ƒ”–‹•–‹…Š‡ǤDzƒ„”‹ƒƒ•ƒ†‡‹dzǡ ƒŽŽ‡”‹ƒ ƒ”…Š‹ƒ”–‡‘–‡’‘”ƒ‡ƒǡ˜‹ƒ ‹‘Ž‹‘†‹‘’”ƒǡ͙͘Ȃ”‡•…‹ƒǤ ‹‘ƒŽ ͟•‡––‡„”‡ǡ†ƒŽ—‡†¿ƒ•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡ ͙͝ƒŽŽ‡͙͡Ǥ



 

”‡•…‹ƒ ƒŽŽ‡”‹ƒ ‘ƒ…‹•‘––‘Ž‡•–‡ŽŽ‡

/HVXJJHVWLYHRSHUH ILUPDWH5DPDQ]LQL    

&

olorate silhouette femminili, fatte di puzzle e carte da gioco, pazientemente ritagliate su sfondi neutri. Questo è l’universo di Rossella Ramanzini, artista bresciana che fino a settembre espone presso lo spazio di arte contemporanea de “I Monaci sotto le stelle”. Rossella Ramanzini si è avvicinata alla pittura come autodidatta e la sua opera è stata principalmente influenzata dalla pop art americana, che spesso sfrutta matrici e tecniche di stampa commerciale, e dalla Op Art. Una fonte d’inspirazione va cercata però anche nella storia familiare: la Ramanzini è infatti pronipote del Trainini, celebre affrescatore di innumerevoli chiese e palazzi nel Bresciano. La pittrice elabora nel suo personalissimo stile le suggestioni artistiche degli ultimi 60 anni, mescolando layout, moda e design contemporaneo a richiami al passato. Il suo corpus di opere è composto da quadri optical e silhouette ritagliate a mano, definite con nastri sulla tela e dipinte una per volta a brillanti colori acrilici con pazienza e perfezione certosina. Le

ƒŽƒœœ‘ ƒŽŽ‡”› —‘˜‡Ž‡˜‡ƒ”–‹•–‹…Š‡ ‡ŽŽƒ•’Ž‡†‹†ƒ…‘”‹…‡†‹ƒŽƒœœ‘

ƒŽŽ‡”›˜‡‰‘‘‡•’‘•–‹‹Žƒ˜‘”‹†‹ –”‡‰‹‘˜ƒ‹ƒ”–‹•–‹ǣ •ƒ„‡ŽŽ‡‘”ƒ”‘ǡ ˆ”ƒ…‡•‡ƒ–ƒƒƒ”‹‰‹‡Ž͙͟͜͡ǡ•‹ •‘ˆˆ‡”ƒ•—ŽŽ‘•–—†‹‘ǡ•—ŽŽƒ†‡…‘Ǧ ’‘•‹œ‹‘‡‡•—ŽŽƒ†‡…‘•–”—œ‹‘‡†‡ŽŽ‡ ˆ‘”‡†‹•–‘”‹ƒ†‡ŽŽǯƒ”–‡‡†‡‹•‡‰‹ǡ ‹–‡””‘‰ƒ†‘•‹•—Ž˜ƒŽ‘”‡†‡‰Ž‹‘‰Ǧ ‰‡––‹‡”‹ˆŽ‡––‡†‘•—ŽŽ‘”‘˜ƒŽ‘”‡ƒ‰Ǧ ‰‹—–‘‹“—ƒ–‘‘‰‰‡––‹†ǯƒ”–‡Ǣ‹Ǧ ‘Žƒ• ƒ„ƒ”‘ˆˆǡƒ‡”‹…ƒ‘ƒ–‘ƒ ‡ƒ––Ž‡‡Ž͙͟͡͝ǡ”‡ƒŽ‹œœƒ†‡…‘ŽŽƒ‰‡ …‘’‡œœ‹†‹…ƒ”–ƒ•–”ƒ’’ƒ–‹†ƒƒǦ ‹ˆ‡•–‹’—„„Ž‹…‹–ƒ”‹ǡ”‹‡˜‘…ƒ†‘Žǯƒ”–‡ †‹‹‘‘–‡ŽŽƒǡ”‹…‹…Žƒ–‹‹•‡‰—‹–‘ ’‡”ƒ˜˜‘Ž‰‡”‡—…—……Š‹ƒ‹‘‡—ƒˆ‘”Ǧ …Š‡––ƒǡ‹…‘‡†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–†‡Ž…‘Ǧ •—‘Dz—–”‹–ƒdz†ƒŽ…‘•–ƒ–‡ƒˆˆŽ—••‘ †‹‹ˆ‘”ƒœ‹‘‹’—„„Ž‹…‹–ƒ”‹‡Ǥ•…ƒ” —ƒœ‘ǡƒ–‘‹ ‡”ƒ‹ƒ‡Ž͙͟͡͡ ƒƒ‡”‹…ƒ‘†ǯƒ†‘œ‹‘‡ǡ˜‹˜‡‡ŽƒǦ ˜‘”ƒƒ‡™‘”‡ƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‡•—‡ •…—Ž–—”‡…‡”…ƒ†‹‹’ƒ†”‘‹”•‹†‡ŽŽ‘ •’ƒœ‹‘ǡ‹˜ƒ†‡†‘Žƒ•—’‡”ˆ‹…‹‡…‘ Žƒ•–”‡‰”‡œœ‡†‹…ƒŽ…‡•–”—œœ‘ǡˆ‡””‘ǡ –”ƒ˜‹†‹Ž‡‰‘‘–”ƒ––ƒ–‘ǡ…‘”–‡……‡

†ǯƒŽ„‡”‘‡’‡•ƒ–‹…ƒ–‡‡†‹‡–ƒŽǦ Ž‘Ǥ –‡”‡••ƒ–‡‹‘Ž–”‡°Žǯ‹•–ƒŽŽƒǦ œ‹‘‡”‡ƒŽ‹œœƒ–ƒ…‘…‘–‡‹–‘”‹‹ ˜‡–”‘•‘ˆˆ‹ƒ–‘‹•‹‡‡ƒŽˆ”ƒ–‡ŽŽ‘Ž‹ ƒ•‡ǡ‡ŽŽƒ“—ƒŽ‡‹‹—œ‹‘•‹‡ ‹’‡”ˆ‡––‹†‡––ƒ‰Ž‹ˆƒ‘†‡ŽŽǯ‘’‡Ǧ ”ƒ—‡•‡’‹‘†‹˜‹”–—‘•ƒ…”‡ƒœ‹‘‡ ƒŽ–‡”ƒ–‹˜ƒƒŽŽƒ•–ƒ†ƒ”†‹œœƒœ‹‘‡ †‡ŽŽƒ’”‘†—œ‹‘‡‹†—•–”‹ƒŽ‡ǡ…Š‡•‹ –”ƒ†—…‡‹—ƒ…—”‹‘•ƒ‹˜‡œ‹‘‡ ˆƒ‹†ƒ–‡Ǥ—„‹‡„ƒ……Š‡––‡‹•‡”‹–‹‹ ‹—‡”‡˜‘Ž‹…‘”’‹˜‹–”‡‹ǡ•ˆ‡”‡ǡ…‘Ǧ ‹‡„‘––‹‰Ž‹‡ƒ„‘……‹ƒǡ„‘……‡––‡…‘ ‹Ž–ƒ’’‘†‹•—‰Š‡”‘ǡˆ‹ƒ•…Š‡––‡ǡ…”‹Ǧ •–ƒŽŽ‹‡…‹‘†‘Ž‹ǡ—ƒ”…Š‹‰‡‰‘ ‡Ž“—ƒŽ‡Žǯ‹–‡•‘‡˜‹˜ƒ…‡…”‘ƒ–‹Ǧ •‘†‡‰Ž‹‘‰‰‡––‹…Š‡•‹ˆ‘†‘‘ƒ”Ǧ ‘‹…ƒ‡–‡°—Ž–‡”‹‘”‡’”‘˜ƒ†‡ŽŽƒ •‹‰‘Žƒ”‡ƒ‘†‡ŽŽǯƒ”–‹•–ƒǤ Dz •ƒ„‡ŽŽ‡‘”ƒ”‘ǡ‹‘Žƒ• ƒ„ƒǦ ”‘ˆˆǡ•…ƒ”—ƒœ‘™‹–ŠŽ‹ ƒ•‡dzǡ ƒŽƒœœ‘ ƒŽŽ‡”›ǡ’‹ƒœœƒ‡„ƒŽ†‘ ”—•ƒ–‘ǡ͛͝Ȃ”‡•…‹ƒǤ ‹‘ƒŽ͙͛•‡–Ǧ –‡„”‡ǡ†ƒƒ”–‡†¿ƒ•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡ ͙͙ƒŽŽ‡͙͡ǤŠ‹—•‘†ƒŽ͛͘Ž—‰Ž‹‘ƒŽ͝ •‡––‡„”‡ǤȋŽǤ„ǤȌ

  ǡ 

͚

opere esposte in “Libero Gioco” richiamano l’arte optical, così tipica e rappresentativa di un’epoca, diffusissima a livello capillare anche negli oggetti della vita quotidiana. Le tavole della Ramanzini non sono però un semplice riferimento al passato, ma la creazione di un mondo fantastico, bizzarro e giocoso. Se è rintracciabile una certa influenza di Magritte, soprattutto nelle due opere intitolate “Come quando fuori piove”, l’aspetto ludico è sia sog-

getto che mezzo espressivo, in un turbinio di immagini illusionistiche alla Escher, non prive di humor, come in “Dama sull’oca” che riproduce il famoso gioco con i dadi. Questa pittura non vuole essere semplicemente decorativa, ma punta ad un sottile gioco di rimandi destinato all’osservatore. “Libero Gioco”, fino al 18 settembre presso I Monaci sotto le stelle arte contemporanea, via San Zeno 119, aperta dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 23.

 

‹‡…‹’ƒ•–‹ …‘ ‡•î

—ƒ†‘ƒ……ƒ†”ƒ‘ “—‡•–‡…‘•‡ǫ

‡––‡”‡ †ƒŽ•‘Žƒ‹‘

 ȍ Ȏ  ǡ͚͙͙͘ǡ ͙͘ǡ͘͘

 ǡ͚͙͙͘ǡ ͙͙ǡ͘͘



  

ǡ͚͙͙͘

– –ƒ”‡ƒ–ƒ˜‘Žƒǡ’‡” ‡•î‡”ƒŽǯ‘……ƒ•‹‘‡†‹‡•’”‹‡”‡‹Ž•‡•‘ – Ž

î †‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ‹••‹‘‡‡”‹˜‡Žƒ”‡Žƒ•—ƒ‹†‡–‹–†‹”‘ˆ‡–ƒǡ†‹ ‡••‹ƒ‡†‹‹‰‘”‡Ǥ—‡•–‘‹–‡”‡••ƒ–‡Ž‹„”‘…‹”‡†‡’ƒ”–‡Ǧ …‹’‹†‹“—‡ŽŽ‡Dz‡—…ƒ”‹•–‹‡dzǦ‹Žƒ‰‡Ž‘•‡…‘†‘—…ƒ…‡‡”ƒ…Ǧ …‘–ƒ͙͘Ǧ‰”ƒœ‹‡ƒŽŽ‡ƒ””ƒœ‹‘‹†‹͙͘…‘‡•ƒŽ‹Ǧ–‡•–‹‘‹Ǥ ‘‘ƒŽ–”‡––ƒ–‹…ƒ’‹–‘Ž‹ǡ‡ŽŽƒ”‹ƒ’ƒ”–‡ǡ—–‹Ž‹’‡”—’‡”…‘”•‘ ’‡”•‘ƒŽ‡‡…‘—‹–ƒ”‹‘†‹•–—†‹‘‡†‹’”‡‰Š‹‡”ƒǤǯƒ’’”‘ˆ‘†‹Ǧ ‡–‘†‡ŽŽƒ‡…‘†ƒ’ƒ”–‡…‹ƒ‹—–ƒǡ‹˜‡…‡ǡƒ…‘‰Ž‹‡”‡Ž‡•ˆ‹†‡ ‡Ž‡ƒ––‡œ‹‘‹†ƒ–‡‡”‡’”‡•‡–‹’‡”‡••‡”‡ǡ‡ŽŽƒ‘•–”ƒ•‘Ǧ …‹‡–’Ž—”ƒŽ‡ǡ…‘–‹—ƒ–‘”‹ˆ‡†‡Ž‹‡…”‡ƒ–‹˜‹†‡ŽŽƒ‹••‹‘‡…Š‡

‡•î”‹•–‘•˜‘Ž•‡‡…Š‹ƒ”¿ǡƒ––”ƒ˜‡”•‘‹Ž•—‘…‘’‘”–ƒ‡–‘‡ Ž‡•—‡’ƒ”‘Ž‡ǡ•‡†—–‘ƒŽŽ‡‡•‡…Š‡Ž‘˜‹†‡”‘‘•’‹–‡Ǥ

Ž – † ŽŽ ‹ † ‹  ‹°

Ž–‡ƒ†‡ŽŽƒ ‹‡†‡‹‡’‹°‘”ƒ‹†‹˜‡—–‘—ƒ˜‡”ƒ‘••‡•Ǧ •‹‘‡†‡ŽŽǯ‹ƒ‰‹ƒ”‹‘…‘–‡’‘”ƒ‡‘ǡ•’‡••‘—–”‡†‘•‹†‹ ‹•–‹ˆ‹…ƒœ‹‘‹‡„ƒƒŽ‹–ƒ••Ǧ‡†‹ƒ–‹…Š‡Ǥ “—‡•–‘•ƒ‰‰‹‘ǡƒŽ …‘–”ƒ”‹‘ǡŽǯƒ—–‘”‡”‹…‘•–”—‹•…‡Žƒ˜‹•‹‘‡ƒ’‘…ƒŽ‹––‹…ƒ†‡Ž”‹•–‹ƒǦ ‡•‹‘ƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽŽ‡ƒ…”‡…”‹––—”‡ǡ‹—…ƒ‹‘ƒ–ƒ’’‡ …Š‡…‘’”‡†‡–—––ƒŽƒ˜‹…‡†ƒ—ƒƒǣ†ƒŽŽƒƒ†—–ƒ†‹†ƒ‘ ƒŽŽǯƒ˜˜‡–‘†‡Ž‡••‹ƒǡ†ƒŽŽƒƒ‹ˆ‡•–ƒœ‹‘‡†‡ŽŽǯƒ–‹…”‹•–‘ƒŽŽƒ ƒ”—•‹ƒ†‹ ‡•îǤ‘•‰—ƒ”†‘‹‡†‹–‘•——–‡ƒ„ƒ•‹Žƒ”‡’‡” Žƒˆ‡†‡…”‹•–‹ƒƒǡ†‘˜‡Žǯƒ—…‹‘†‡‰Ž‹Dz•…‘˜‘Ž‰‹‡–‹dz†‡‹ ‡’‹Ž–‹‹•‹•—„Ž‹ƒ‡ŽŽǯƒ––‡•ƒ…ƒ”‹…ƒ†‹•’‡”ƒœƒ†‡Ž‘Ǧ †‘—‘˜‘‡†‡ŽŽƒ ‡”—•ƒŽ‡‡‡Ž‡•–‡Ǥ Ǥƒ”Ž‡––ƒǡŽƒ—”‡ƒ–‘‹ –‘”‹ƒ‡†‹‡˜ƒŽ‡‡…‹‡œ‡”‡Ž‹‰‹‘•‡ǡ°’”‘ˆ‡••‘”‡†‹”‡Ž‹‰‹‘‡Ǥ

Dz‹ Š‹ ‹ † Ž – †‹ Dz‹…Š‹ƒ‹†‡Ž’ƒ••ƒ–‘ǡ†‹—‘†‘ˆƒ––‘†‹—ƒƒ•‡’Ž‹…‹Ǧ –ǡ‹…—‹Ž‡†‘–‹†‹—ƒ’‡”•‘ƒ…‘‡Žƒ‘ƒ‡ƒ‡•–”ƒƒ”‹ƒ ‹Žƒ–‹ǡ’‘–‡˜ƒ‘ƒ…‘”ƒ†ƒ”‡—ƒ‹’”‘–ƒƒ‰Ž‹ƒ˜˜‡‹‡–‹ǡ ’‡”…Š±‘†‘‹ƒ˜ƒƒ…‘”ƒŽǯ‡˜‘Ž—œ‹‘‡†‡Ž’”‘‰”‡••‘ǡƒ ‡……‡ŽŽ‡˜ƒ‘‹•‡–‹‡–‹ǡ‹˜ƒŽ‘”‹‡‰Ž‹‹†‡ƒŽ‹—ƒ‹ǡ’—”•‡’”‡ …‘†‹œ‹‘ƒ–‹†ƒ‡˜‡–‹•–‘”‹…‘Ǧƒ„‹‡–ƒŽ‹•ˆƒ˜‘”‡˜‘Ž‹ǤȋǥȌ1‹ ‡œœ‘ƒ–ƒ–‡˜‹…‹••‹–—†‹‹‡‹•‡”‹‡—ƒ‡ǡ…Š‡…‘‹˜‘Ž‰‘‘ –ƒ–‡ˆƒ‹‰Ž‹‡‡’‡”…‘””‘‘–ƒ–‹’ƒ‡•‹ǡ†ƒƒ ‡Ž‹…‡ƒƒŽŽ‹‘‡ ƒŽ–”‹ˆ‹‘ƒŽŽǯ‡•–‡”‘ȋǥȌ…Š‡•‹‡Ž‡˜ƒ‹Ž…ƒ”ƒ––‡”‡ˆ‘”–‡†‡ŽŽƒ†‘ƒǡ ‘ƒ‡ƒ‡•–”ƒǡŽƒ•—ƒ†‹•’‘‹„‹Ž‹–‡†‡†‹œ‹‘‡ǡŽƒ•—ƒ…‘˜‹Ǧ –ƒ”‡Ž‹‰‹‘•‹–‡‘’‡”‘•‘ƒ‘”‡˜‡”•‘–—––‹dzȋǥȌǤȋ†ƒŽŽƒ”‡•‡–ƒǦ œ‹‘‡†‹‹‡–”‘‡„‘Ž‹ǡ•‹†ƒ…‘†‹ƒŽŽ‹‘‡”‡ȌǤ


 ͚͠Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ƒŽŽ‡”‹ƒ‹�‹�‹

ƒ� ƒ�‹Ž–‘� ‹�Ž‡›‡ƒ‘Ž‘‘˜‡ŽŽ‹

ƒ˜‡Š‘–‘‰ƒŽŽ‡”›

��‘•–”ƒ‰Ž‹•…ƒ––‹†‹“—ƒ––”‘’”‘ˆ‡••‹‘�‹•–‹

Â?ÇŻÂ‡Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡…Š‡”‡Â?†‡‘Â?ƒ‰‰‹‘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Âƒ’‘‡–ƒ‡ˆ‹Ž‘•‘ˆ‘ ƒÂ? ƒÂ?‹Ž–‘Â? ‹Â?ÂŽÂƒÂ›ÇĄƒ…‹Â?“—‡ƒÂ?Â?‹†ƒŽŽƒ •…‘Â?’ƒ”•ƒǤ”ƒŽ‡‘’‡”‡‹Â?Â?‘•–”ƒ —Â?ƒ’‹‡–”ƒ‹Â?ƒ”†‡•‹ƒ†ƒŽ–‹–‘Ž‘DzƒÂ? ƒÂƒÂ•Â•Â‡Â”„›dz”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ—Â?ƒ•‘”–ƒ †‹‡’‹–ƒˆˆ‹‘…Š‡‹Â?˜‹–ƒƒŽŽƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡ •—ŽŽƒ…‘Â?†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ—‘Â?‘•—ŽŽƒ –‡””ƒǤÂ?’‡”…‘”•‘”‹……‘†‹…‹–ƒœ‹‘Â?‹‡ ƒˆ‘”‹•Â?‹ǥ‹Â?•…”‹œ‹‘Â?‹•—’‹‡–”ƒ‘Ž‡‰Â?‘Ǥ

Â?…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒ‹Â?‰ƒŽŽ‡”‹ƒ ƒŽ…—Â?‡ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹‡‹Â?„‹ƒÂ?Â&#