Page 1

‘Â?‡ ‡•Î‡†—…ƒ    

/$92&(

Con una mano porge le parole nitide del principio, con l’altra accarezza e chiama a sĂŠ. Ăˆ quanto accade alla donna di Samaria (Giovanni 4,1-42). Questa donna è “altraâ€? perchĂŠ eretica, perchĂŠ donna, perchĂŠ con cinque storie di mariti alle spalle. Eppure GesĂš non evita di chiederle da bere, non le rinfaccia le sue povertĂ : solo fa saltare fuori dal cuore la veritĂ . Da parte della donna, il correre verso gli altri e poi ancora verso GesĂš non è risposta a timori e decreti: è risposta a ciò che ormai non può piĂš trattenere dentro, l’invito ad una vita luminosa. Qui c’è tutto. C’è il rischio di GesĂš che va sempre oltre confine, c’è il rischio di una persona che si lascia coinvolgere e mettere a nudo, c’è il rischio di una domanda sulla religione e quello di una risposta che spiazza: la vera adorazione è interiore e nella veritĂ . Ăˆ un cambiamento di rotta. Ed è indicazione di metodo.

'(/ 3232/2                   ͙ͥ͛͠

             

  Ǥ              Ǥ 

͚ͥ

Ǥ”‡• Ǥ”‡•…‹ƒ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘ 

     

͘Í?‘’‘Ž‹‡…‘Â?–‹Â?‡Â?–‹

‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜Í˜Í›ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒÂƒÂ”Â–Ç¤Í™ÇĄ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇŚÍ‚Í™ÇĄÍ˜Í˜ÇŚ‘Â?–‹‡Â?‡ ǤǤ

Africa. La morte del vescovo Cesare Mazzolari

͘Í&#x;ƒ‡•‹‡’ƒ””‘……Š‹‡ Coordinamento famiglie affidatarie. “I bambini vi cercanoâ€?

Â?†ƒ˜ƒÂ?‘ ƒ…‡Â?–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”Âƒ

͚͚……Ž‡•‹ƒ Missione metropoli. Fisichella: “Ripartire dalle cattedrali�

͛͘—Ž–—”ƒ‡…‘�—�‹…ƒœ‹‘�‡ Il regista Ermanno Olmi: “Con gli occhi dell’innamorato�

—Â?‡Â?–ƒÂ?‘ƒÂ?…Š‡ƒ”‡•…‹ƒ‡’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡Â?—Ž–‡‡Ž‡’‘•–ƒœ‹‘Â?‹†‡‰Ž‹ƒ—–‘˜‡Ž‘šǤ Â?–‡Â?ƒ…Š‡•—•…‹–ƒ’‘Ž‡Â?‹…Š‡–”ƒŽǯ‡•‹‰‡Â?œƒ†‹Â?ƒ‰‰‹‘”•‹…—”‡œœƒ•–”ƒ†ƒŽ‡‡‹Ž–‡Â?—–‘ •‘•’‡––‘…Š‡‹’”‘˜˜‡†‹Â?‡Â?–‹Â?‹”‹Â?‘•‘Ž‘ƒÇ˛ÂˆÂƒÂ”Â‡Â…ÂƒÂ•Â•ÂƒÇł’‡”‹‘Â?—Â?‹ ÇŻ     

Í›Í?…‘Â?‘Â?‹ƒ‡Žƒ˜‘”‘ Enzo Torri. La Cisl tra manovra e contrattazione

͛͞’‘”– Mandelli: “Brescia: io ci credo anche grazie a Facebook�

͙͘͘͘‡—”‘ ‹Â?†—‡ƒÂ?Â?‹ Tanto peserĂ  sulle famiglie la manovra economica. Una stangata che deriva dal taglio di tutte le agevolazioni fiscali (figli a carico, spese per la sanitĂ , redditi da lavoro dipendente, asili, tasse universitarie) e dalla riduzione degli sconti fiscali su detrazioni e deduzioni per la casa, dall’introduzione dei ticket sanitari, dalla conferma degli aumenti delle accise sui prodotti energetici, dal blocco della rivalutazione delle pensioni. Un terremoto che ha il suo epicentro nel welfare

e riempie di crepe il sistema dei servizi e della protezione sociale. La manovra è stata presentata, discussa, approvata e promulgata praticamente in una sola settimana, in un clima di emergenza e di grande preoccupazione per la tenuta economica dell’Italia. In meno di due mesi siamo passati infatti dal “Paese dai conti in ordine che ha retto meglio di altri in Europa all’impatto della crisiâ€? – come scandiva instancabilmente il Presidente del Consiglio – al Paese sull’orlo del precipizio di venerdĂŹ 8 luglio. Gli esperti concordano nel dire che oggi l’Europa è campo di battaglia della speculazione e che l’obiettivo ultimo è lo scardinamento dell’euro. Le tensioni di Irlanda, Portogallo e Grecia non sarebbero che

l’inizio delle operazioni, già sufficienti però a far emergere i distinguo di un’Europa in perenne deficit di strategia e di coesione politica. Nel quadro di debolezza complessiva dell’Unione, elezioni amministrative prima e referendum poi hanno fatto esplodere in Italia le contraddizioni nel Governo e nella sua maggioranza, con una presa di distanza dalla politica di bilancio portata avanti dal ministro Tremonti. Un conflitto che ha aperto le porte alla speculazione e innescato sulla nostra economia una disastrosa tempesta finanziaria. Il rigore della manovra dovrebbe fare argine alla speculazione, ma è troppo presto per dire se il segnale ha davvero convinto i mercati. Si allarga però sulla

manovra il dissenso sociale. La critica è sui contenuti non sugli obiettivi e nemmeno sui saldi complessivi del provvedimento: si tolgono decine di miliardi alla spesa sociale, ma ancora una volta non si toccano le rendite patrimoniali e quelle finanziarie; si riafferma la lotta all’evasione fiscale ma contemporaneamente si allentano le maglie dei controlli; si impongono sacrifici immediati a lavoratori e pensionati, ma i costi della politica e dei suoi privilegi rimangono invariati. In un documento sindacale di queste ore si leggono due parole programmatiche delle prossime settimane e dei prossimi mesi: contrattazione e mobilitazione. Non contro la manovra, ma per metterci un po’ di equità.


�…ƒ•‘‡�„Ž‡�ƒ–‹…‘ ‹•…”‹˜‡–ƒ�‰‡�œ‹ƒŽ‡•‹Ž‡‰‰‡ƒ—–‘†”‘�‘†‹‘�œƒǤǤǤ

 

Sono molte le strade bresciane su cui quotidianamente si giova la “battagliaâ€? tra gli automobilisti e gli strumenti messi in campo per dissuadere eventuali comportamenti contrari al codice della strada. Praticamente non c’è chilometro della rete viaria presente nel Bresciano che sfugga a questa contesa. Alcuni tratti piĂš di altri, però, sono nell’occhio del ciclone. Nel sistema viario dei Comuni del Sebino, per esempio, negli

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

ultimi cinque anni, c’è stato un raddoppio delle infrazioni al codice della strada con il conseguente innalzamento del numero delle multe. Spostandosi da un lago all’altro a Gavardo, a pochi chilometri dal lago di Garda, il primo semestre di questo 2011 il numero delle contravvenzioni elevate si è praticamente quadruplicato rispetto allo stesso periodo del’anno precedente. 20mila sono state le contravvenzioni

elevate tra Desenzano e Lonato, con il secondo Comune particolarmente severo con chi supera i limiti di velocità. Esemplare a questo riguardo, però, è quanto sta avvenendo in quel tratto di tangenziale sud posto nel territorio del Comune di Roncadelle. Che la tangenziale, soprattutto dopo i lavori di ammodernamento degli scorsi, anni fosse uno dei tratti stradali bresciani a stimolare la voglia di velocità di tanti era

‹„ƒ––‹–‹‹’”‹Â?‹’‘•–‹†‹—Â?ƒ…Žƒ••‹ˆ‹…ƒÇ˛Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡Çł

1XPHURGLPXOWH %UHVFLDFUHVFH

†ƒ–‹†‡Ž’”‹Â?‘•‡Â?‡•–”‡͚͙͙͘…‘Â?ˆ‡”Â?ƒÂ?‘—Â?ƒ–‡Â?†‡Â?œƒ‹Â?ƒ––‘‰‹Â?Â?‡‰Ž‹•…‘”•‹ƒÂ?Â?‹ǣ •—ŽŽƒ•–”ƒ†‡•‹…‘Â?Â?‡––‘Â?‘Â?‘Ž–‡‹Â?ˆ”ƒœ‹‘Â?‹Ǥ…Š‹…‘Â?–‡•–ƒ”‹•’‘Â?†‘Â?‘–”‡‹Â?†ƒ…‹ 

  

'

iciotto multe al minuto: questa è stata la media delle contravvenzioni elevate nelle cittĂ  italiane capoluogo di provincia nel 2010. Ogni italiano lo scorso anno ha pagato 132 euro in multe. In questa singolare graduatoria Brescia ha occupato la terza posizione con 116 euro pro capite di contravvenzioni pagate. Quasi 78mila sono state le multe comminate lo scorso anno nel Bresciano, per il mancato rispetto delle norme del codice della strada, con un aumento dell’85% (pari a quasi 36mila multe) rispetto al 2009. Molti anche i Comuni della provincia che “hanno conquistatoâ€? i posti piĂš alti di una classifica che non si fa fatica a considerare odiata da molti. Gargnano, con una media di 142 euro di multe per ogni abitante è stato nel 2010 il Comune del Bresciano piĂš “generosoâ€? con le casse pubbliche, seguito da Nuvolera con 115, Paratico con 102, Vallio Terme con 99,9, Roncadelle

ƒÂ?‡†‹ƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡ †‡ŽŽ‡…‘Â?–”ƒ˜˜‡Â?œ‹‘Â?‹ °•—’‡”‹‘”‡ƒ“—‡ŽŽƒ Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡Ǥ Â?Â?‘Ž–‹ ‰—ƒ”†ƒÂ?‘…‘Â?•‘•’‡––‘ ƒ‹„‹ŽƒÂ?…‹…‘Â?—Â?ƒŽ‹ con 75, Sirmione con 69,3, Maclodio con 53 e Gardone Riviera con 50,5. I bresciani piĂš virtuosi (probabilmente anche in virtĂš di condizioni ambientali piĂš tolleranti) sono quelli di Bovegno e Ono San Pietro che nel 2010 non hanno sborsato alcun centesimo per multe e contravvenzioni. Quello delle multe, come per altro documentato dall’attenzione con cui i mezzi di comunicazione hanno seguito il fenomeno, è uno di quei temi che nel Bresciano sono particolarmente avvertiti e che dividono l’opinione pubblica: da una parte i multati che si sentono molto spesso dei tartassati (anche se

tantissime delle contravvenzioni elevate raccontano di comportamenti che poco o nulla hanno a che fare con il codice della strada, ndr.) e che vedono nelle multe un escamotage a cui molte amministrazioni ricorrono per rimpinguare (oggi piĂš che mai) casse comunali che risentono della stagione di crisi. D’altra parte basta leggere i bilanci di previsione di tanti Comuni per rendersi conto che le entrate “da multeâ€? sono voce tutt’altro che secondaria nell’architettura complessiva delle finanze comunali. E quando una voce è messa a bilancio, si sa, deve essere in qualche modo garantita... Sull’altro piatto della bilancia vi sono però tanti comportamenti che non è possibile non sanzionare non solo perchĂŠ contrari alle piĂš elementari norme del codice della strada (il divieto di sosta), ma anche perchĂŠ pericolosi per la vita comune, come il superamento dei limiti di velocitĂ  su tante strade del Bresciano, usate come vere e proprie piste.

 

‡Â˜Â‹Â‡ÇŁ’”‡ˆ‡––‘‘‰‹—†‹…‡†‹’ƒ…‡ Â?‡••—Â?‘ǥÂ?‡Â?Â?‡Â?‘“—ƒÂ?–‘°…‘Ž–‘ …‘Â?Ž‡Â?ƒÂ?‹Â?‡ŽÂ•ÂƒÂ……‘ǥ’‹ƒ…‡’ƒ‰ƒ”‡ —Â?ƒÂ?—Ž–ƒǤÂ?ƒ…‘Â?–”ƒ˜˜‡Â?œ‹‘Â?‡Â˜Â‹Â‡ÇŚ Â?‡•’‡••‘…‘Â?•‹†‡”ƒ–ƒ—Â?˜‡”‘‡’”‘nj ’”‹‘•‘’”—•‘†‡ŽŽƒ’—„„Ž‹…ƒƒÂ?Â?‹Â?‹nj •–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?–”‘…—‹”‹…‘””‡”‡Ǥ Â?Â?‘Ž–‹ Â…ÂƒÂ•Â‹ÇĄ•‘’”ƒ––—––‘“—ƒÂ?†‘Žǯ‹Â?ˆ”ƒœ‹‘Â?‡ °Ž‹‡˜‡Č‹Â?‘Ž–‹ƒ—–‘Â?‘„‹Ž‹•–‹•‘Â?‘•–ƒ–‹ Â?—Ž–ƒ–‹’‡”‡……‡••‘†‹˜‡Ž‘…‹–Â?‹””‹•‘nj ”‹Â?ƒ’—”•‡Â?’”‡’ƒ••‹„‹Ž‹†‹•ƒÂ?œ‹‘Â?‡ ‡†‡–”ƒœ‹‘Â?‡†‡‹’—Â?–‹†ƒŽŽƒ’ƒ–‡Â?Â–Â‡ČŒÇĄ •‹ŠƒŽǯ‹Â?’”‡••‹‘Â?‡…Š‡ŽƒÂ?—Ž–ƒ•‹ƒ—Â? ‡•’‡†‹‡Â?–‡ƒ…—‹Â?‘Ž–‡ƒÂ?Â?‹Â?Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‹”‹…‘””‘Â?‘’‡”ˆƒ”“—ƒ†”ƒ”‡‹…‘Â?–‹ǤÂ? †—„„‹‘…Š‡Â?ƒ•…‡ȋ‡ƒ…—‹”‹•’‘Â?†‘Â?‘‹Â? “—‡•–‡’ƒ‰‹Â?‡ƒŽ…—Â?‹•‹Â?†ƒ…‹Â„Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇŚ Â?‹‹Â?–‡”’‡ŽŽƒ–‹ƒŽÂ’Â”Â‘Â’Â‘Â•Â‹Â–Â‘ČŒ“—ƒÂ?†‘•‹ ’”‡Â?†‡˜‹•‹‘Â?‡†‡‹„‹ŽƒÂ?…‹…‘Â?—Â?ƒŽ‹†‘nj ˜‡•‘Â?‘‹Â?†‹…ƒ–‡’”‡˜‹•‹‘Â?‹†‹‡Â?–”ƒ”‡†ƒ …‘Â?–”ƒ˜˜‡Â?œ‹‘Â?‹†‹…‡Â?–‹Â?ƒ‹ƒ†‹Â?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ †‹‡—”‘Č‹Â?‡‹‘Â?—Â?‹’‹ÎÂ’Â‹Â…Â…Â‘ÂŽÂ‹ČŒÇ¤…ƒ––ƒ Â?‘Ž–‘•’‡••‘‹ŽÂ?‡……ƒÂ?‹•Â?‘†‡Ž”‹…‘”•‘

’‡”–‡Â?–ƒ”‡†‹ƒÂ?Â?—ŽŽƒ”‡Žƒ…‘Â?–”ƒ˜˜‡Â?ÇŚ œ‹‘Â?‡Ǥ Â?’”‹Â?ƒ„ƒ––—–ƒ–ƒÂ?–‹…‹––ƒ†‹Â?‹ •‹”‹˜‘Ž‰‘Â?‘ƒŽ†‹ˆ‡Â?•‘”‡…‹˜‹…‘…Š‡‹Â? Â?ƒ–‡”‹ƒÂ?‘Â?Šƒ’‡”Ö’ƒ”–‹…‘Žƒ”‹…‘Â?ÇŚ ’‡–‡Â?œ‡Ǥ—‡•‘Â?‘‹Â?˜‡…‡‹…ƒÂ?ƒŽ‹…Š‡ Ž‡‰‹•Žƒœ‹‘Â?‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒ‹Â?†‹…ƒƒ‹…‹––ƒ†‹Â?‹ ’‡”‡ˆˆ‡––—ƒ”‡—Â?”‹…‘”•‘Ǥ ÂŽ’”‹Â?‘ǥ‹Â? –‡‘”‹ƒ’‹Î•‡Â?’Ž‹…‡ǥ°“—‡ŽŽ‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘ ‹Ž’”‡ˆ‡––‘Ǥǯ‹Â?–‡”‡••ƒ–‘†‡˜‡‹Â?‘Ž–”ƒ”‡ ‹•–ƒÂ?œƒ†‹”‹…‘”•‘‘†‹”‡––ƒÂ?‡Â?–‡ƒŽŽƒ ”‡ˆ‡––—”ƒ†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘‹Â?…—‹°•–ƒ–ƒ ‡Ž‡˜ƒ–ƒŽƒ…‘Â?–”ƒ˜˜‡Â?œ‹‘Â?‡‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘ ‹Ž‘Â?ƒÂ?†‘…Š‡Šƒ‡Â?‡••‘Žƒ•–‡••ƒǤ ÂŽ ”‹…‘”•‘†‡˜‡‡••‡”‡‹Â?‘Ž–”ƒ–‘‡Â?–”‘‹ŽÍžÍ˜Îť ‰‹‘”Â?‘†ƒŽŽƒ…‘Â?•‡‰Â?ƒ‘†ƒŽŽƒÂ?‘–‹ˆ‹…ƒ †‡ŽŽƒÂ?—Ž–ƒǤÂŽ”‹…‘”•‘†‡˜‡‡••‡”‡ÂƒÂŽÂŽÂ‡ÇŚ ‰ƒ–ƒ…‘’‹ƒ†‡Ž˜‡”„ƒŽ‡†‹…‘Â?–‡•–ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯ‹Â?ˆ”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Â?‡••ƒǤ ÂŽ’”‡ˆ‡––‘ †‡˜‡”‹•’‘Â?†‡”‡‡Â?–”‘͙͚͘‰‹‘”Â?‹†ƒŽŽƒ ”‹…‡œ‹‘Â?‡†‡‰Ž‹ƒ––‹Ǥ—‡•–‘…ƒÂ?ƒŽ‡Â?‘Â? …‘Â?’‘”–ƒƒŽ”‹…‘””‡Â?–‡Žǯ‘„„Ž‹‰‘†‹’”‡nj •‡Â?–ƒ”•‹†‹’‡”•‘Â?ƒƒ•‘•–‡Â?‡”‡Ž‡’”‘nj

’”‹‡”ƒ‰‹‘Â?‹Ǥ Â?…ƒ•‘†‹”‹‰‡––‘†‡Ž”‹…‘”•‘ Žǯ‹Â?’‘”–‘†‡ŽŽƒÂ?—Ž–ƒ•‹”ƒ††‘’’‹ƒǤÂŽÇŚ –”‘…ƒÂ?ƒŽ‡’‡”‹Ž”‹…‘”•‘°“—‡ŽŽ‘†ƒ˜ƒÂ?–‹ ƒŽ‰‹—†‹…‡†‹’ƒ…‡Ǥ Â?“—‡•–‘…ƒ•‘˜‹‰‡ Žǯ‘„„Ž‹‰‘†‹’”‡•‡Â?–ƒ”•‹’‡”•‘Â?ƒŽÂ?‡Â?ÇŚ –‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—†‹‡Â?œƒǤ ÂŽ‰‹—†‹…‡†‹Â’ÂƒÂ…Â‡ÇĄƒÂ†Â‹ÂˆÇŚ ˆ‡”‡Â?œƒ†‡ŽÂ”Â‡ÂˆÂ‡Â–Â–Â‘ÇĄÂ?‘Â?°˜‹Â?…‘Žƒ–‘ƒ –‡Â?’‹’ƒ”–‹…‘Žƒ”‹’‡”Žǯ‡Â?‹••‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ •‡Â?–‡Â?œƒǤ‹˜‡”•ƒÂ?‡Â?–‡†ƒŽÂ’Â”Â‡ÂˆÂ‡Â–Â–Â‘ÇĄ ‹Ž‰‹—†‹…‡†‹’ƒ…‡ƒÂ?…Š‡‹Â?’”‡•‡Â?œƒ†‡Ž ”‡•’‹Â?‰‹Â?‡Â?–‘†‡Ž”‹…‘”•‘ǥŠƒŽƒÂˆÂƒÂ…‘Žnj –Â?†‹”‹†—””‡ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘Â?–ƒ”‡†‡ŽŽƒÂ?—Ž–ƒ …‘Â?–‡•–ƒ–ƒǤ ”ƒ‹˜ƒÂ?–ƒ‰‰‹†‹“—‡•–‘ •‡…‘Â?†‘…ƒÂ?ƒŽ‡…ǯ°‹Žˆƒ––‘…Š‡‹Ž‰‹—†‹nj …‡†‹’ƒ…‡”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒƒ–—––‹‰Ž‹‡ˆˆ‡––‹ —Â?ÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‹Â–Â?–‡”œƒ”‹•’‡––‘ƒ…Š‹Šƒ‡Ž‡nj ˜ƒ–‘Žƒ…‘Â?–”ƒ˜˜‡Â?œ‹‘Â?‡‡ƒ…Š‹Šƒ’”‡nj •‡Â?–ƒ–‘‹Ž”‹…‘”•‘ǥ‡†ƒ˜‹–ƒĠ—Â?˜‡”‘ ‡’”‘’”‹‘’”‘…‡†‹Â?‡Â?–‘Â’Â”Â‘Â…Â‡Â•Â•Â—ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ Â?‡Â?–”‡‹Ž’”‡ˆ‡––‘•‹Ž‹Â?‹–ƒƒ”‹…‡˜‡”‡ Žƒ†‘…—Â?‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡•‡Â?œƒŽǯ‘„„Ž‹‰‘†‹ •‡Â?–‹”‡Ž‡’ƒ”–‹Ǥ




 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

risaputa. La struttura della sede stradale rendeva veramente difficile il rispetto di limiti che in alcuni tratti della stessa sembravano veramente severi. Nei mesi scorsi è stato così posizionato un autovelox al chilometro 2 in direzione Verona, con l’intento, più volte ribadito dalle autorità competenti, di monitorare i comportamenti di tanti autombilisti in un tratto di tangenziale particolarmente impegnativo per i volumi di

traffico giornalieri e la sicurezza. L’apparecchiatura montata, prima in via sperimentale e poi con l’obiettivo di “pizzicare” i trasgressori, rileva l’eccesso di velocità e scatta un’immagine del veicolo che commette l’infrazione, identificandone la targa. Già dopo la prima settimana di sperimentazione l’occhio elettronico ha la sensazione che molti considerino la tangenziale una sorta di autodromo.

͛͘

Un quarto dei veicoli transitati durante la sperimentazione ha superato il limite dei 90 km previsto con casi limite, fortunatamente pochi, di automobilisti o motociclisti che hanno toccato nel tratto una velocità prossima ai 200 km/h. Nel passaggio dalla fase sperimentale a quella della piena operatività, nonostante una campagna informativa non indifferente la situazione non è cambiata con uno stillicidio di multe che ha suscitato anche l’interesse del Codacons.

   

ƒ„”‹‡ŽŽƒ—’ƒ–‹‹ǣ

‹—•‡’’‡”‹œ‹‘ǣ —‡•–‹‘‡†‹•‹…—”‡œœƒ —–—––‘Žƒ’”‡˜‡œ‹‘‡

‡Ž‡––‹ǣ…‘–ƒ•‘Ž–ƒ–‘‹Ž–”ƒˆˆ‹…‘

Ž‘—‡†‹ƒ‡”„‹‘ǡ‡Ž„‹Žƒ…‹‘ ’”‡˜‡–‹˜‘†‹‡•‡”…‹œ‹‘’‡”Žǯƒ‘‹ …‘”•‘Šƒ•–‹ƒ–‘–”ƒŽ‡˜‘…‹†‹‡–”ƒǦ –ƒ…‹”…ƒ͘͘͠‹Žƒ‡—”‘…Š‡†‘˜”‡„„‡”‘ ’”‘˜‡‹”‡†ƒŽŽ‡…‘–”ƒ˜˜‡œ‹‘‹‡Ž‡Ǧ ˜ƒ–‡ƒ‰Ž‹ƒ—–‘‘„‹Ž‹•–‹Ǥ –‡”’‡ŽŽƒ–‘ƒŽ ’”‘’‘•‹–‘ǡ‹Ž•‹†ƒ…‘ ‹—•‡’’‡‡•ƒ”‡ ‡Ž‡––‹…Š‹ƒ”‹•…‡‹‘–‹˜‹‡Ž‡‘†ƒŽ‹– …Š‡Šƒ‘’‘”–ƒ–‘ƒ“—‡•–ƒ†‡…‹•‹‘‡ǡ …‘ŽŽ‡‰ƒ†‘ŽƒƒŽŽƒ•‹–—ƒœ‹‘‡˜‹ƒ”‹ƒ‡†‹ –”ƒˆˆ‹…‘†ƒ…—‹‹Ž‘—‡†‡ŽŽƒƒ••ƒ° ‹–‡”‡••ƒ–‘ǤDz‹•‘‰ƒ‹ƒœ‹–—––‘–‡Ǧ ‡”‡’”‡•‡–‡Ȃƒˆˆ‡”ƒ–…Š‡Žƒ‘•–”ƒ °—ƒ…‹––ƒ†‹ƒ†‹…‹”…ƒ͙͛Ǥ͘͘͝ƒ„‹–ƒǦ –‹ǡ•—Ž…—‹–‡””‹–‘”‹‘•‹‹–‡”•‡…ƒ‘ƒŽǦ ‡‘–”‡•–”ƒ†‡‘Ž–‘‹’‘”–ƒ–‹ǣ˜‹ °‹ˆƒ––‹‹Ž…ƒ•‡ŽŽ‘†‡ŽŽǯƒ—–‘•–”ƒ†ƒ͚͙ ”‡•…‹ƒǦ‹ƒ…‡œƒǦ‘”‹‘ǡŽƒ•–ƒ–ƒŽ‡ ͞͞͠‹Žƒ‘Ǧƒ‰‘†‹ ƒ”†ƒ‡Žƒ͜͝„‹• …Š‡†ƒ”‡•…‹ƒƒ””‹˜ƒˆ‹‘ƒ”‡‘ƒǤ ƒ•‹–—ƒœ‹‘‡°“—‹†‹†‹–”ƒˆˆ‹…‘‘ŽǦ –‘‹–‡•‘ǡ•‹ƒ’‡”“—ƒ–‘”‹‰—ƒ”†ƒŽ‡

ƒ—–‘‘„‹Ž‹ǡ•‹ƒ’‡”‹‡œœ‹’‡•ƒ–‹ǡ •—…—‹°‡…‡••ƒ”‹‘˜‹‰‹Žƒ”‡ǡ–‡‡†‘ …‘–‘…Š‡ǡ͜͝„‹•ƒ’ƒ”–‡ǡ’‡”–—––‡Ž‡ •–”ƒ†‡’”‡…‡†‡–‡‡–‡…‹–ƒ–‡‹Ž‹‹Ǧ –‹•‘‘•–ƒ„‹Ž‹–‹ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘’”‘˜‹…‹ƒŽ‡dzǤ Ž ‹†ƒ…‘°ƒŽ–”‡––ƒ–‘†‡…‹•‘‡Ž…‘Ǧ ‡–ƒ”‡Ž‡”ƒ‰‹‘‹…Š‡Šƒ‘’‘”–ƒ–‘ ƒŽŽƒ’”‡˜‹•‹‘‡†‹‡–”ƒ–ƒ”‹‰—ƒ”†ƒ–‡ Ž‡—Ž–‡ǣDz‘•‹–”ƒ––ƒƒ••‘Ž—–ƒ‡–‡ †‹—‘„‹‡––‹˜‘…Š‡…‹•‹ƒ‘’”‡ˆ‹••‹†‹ ”ƒ‰‰‹—‰‡”‡’‡”ˆƒ”“—ƒ†”ƒ”‡‹„‹Žƒ…‹ǡ ‘°˜‹…‘Žƒ–‡‹ƒŽ…—‘†‘Ǥ1•‡Ǧ ’Ž‹…‡‡–‡‹Ž”‹•—Ž–ƒ–‘†‹—ƒ•–ƒ–‹•–‹…ƒ ‡ˆˆ‡––—ƒ–ƒ„ƒ•ƒ†‘•‹•—Ž–”ƒˆˆ‹…‘…‹”…‘Ǧ Žƒ–‡ƒƒ‡”„‹‘‡‰Ž‹ƒ‹’ƒ••ƒ–‹Ǥ‹ •‘‘•–ƒ–‡‡Ž”‡…‡–‡’ƒ••ƒ–‘’‘Ž‡‹Ǧ …Š‡ƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽˆƒ––‘…Š‡Žƒ“—ƒ–‹– †‹…‘–”ƒ˜˜‡œ‹‘‹‡”ƒ–”‘’’‘ƒŽ–ƒ‹ ”‡Žƒœ‹‘‡ƒŽ—‡”‘†‹ƒ„‹–ƒ–‹Ǥ‹‘ ’ƒ”‡”‡ǡ’‡”ÖǡŽƒ”‹Ž‡˜ƒœ‹‘‡’‹î…‘””‡–Ǧ –ƒ†‡˜‡–‡‡”‡…‘–‘†‡Ž–‘–ƒŽ‡†‡‹˜‡‹Ǧ …‘Ž‹…‹”…‘Žƒ–‹•—Ž–‡””‹–‘”‹‘…‘—ƒŽ‹ǡ

‘•‘Ž‘†‹“—‡ŽŽ‹†‡‹”‡•‹†‡–‹dzǤ”‘’”‹‘ Žƒ‰”ƒ“—ƒ–‹–†‹˜‡‹…‘Ž‹…”‡ƒƒ˜‘Ž–‡ ‘–‡˜‘Ž‹‹…‘˜‡‹‡–‹…‘‡ƒ……ƒ†—–‘ “—ƒŽ…Š‡–‡’‘ˆƒ‹—•…‹–ƒ†ƒŽ…ƒ•‡ŽŽ‘ ƒ—–‘•–”ƒ†ƒŽ‡ǤDz…ƒ‹‘ƒ††‡––‘ƒŽ –”ƒ•’‘”–‘„‘˜‹‹–”ƒ……‘–ƒ‹Ž‹†ƒ…‘ –ƒ˜‡˜ƒˆ‘”ƒ–‘—ƒ‰‘ƒ’‘‹…Š±‡…Ǧ …‡••‹˜ƒ‡–‡…‘•—ƒ–ƒǤ „‘˜‹‹•‘‘ ”‹ƒ•–‹„Ž‘……ƒ–‹’‡”“—ƒ•‹͙͚‘”‡•‘––‘‹Ž •‘Ž‡†ƒ†‘†‹•ƒ‰‹‘†ƒ’‘…‘Ǥ˜˜‹ƒǦ ‡–‡‹“—‡•–‹…ƒ•‹„‹•‘‰ƒ‹–‡”˜‡‹Ǧ ”‡…‘—ƒ•ƒœ‹‘‡dzǤŽ†‹Ž†‡Ž…ƒ•‘ ‡……‡œ‹‘ƒŽ‡‹Ž‹†ƒ…‘’‘‡Žǯƒ……‡–‘ •—ŽŽƒˆ—œ‹‘‡†‡–‡””‡–‡‡†‹’”‡˜‡Ǧ œ‹‘‡†‡Ž”‹•…Š‹‘‡•‡”…‹–ƒ–ƒ†ƒŽŽƒ’‘Ž‹œ‹ƒ Ž‘…ƒŽ‡‡†ƒ‰Ž‹ƒ’’ƒ”‡……Š‹‡Ž‡––”‘‹…‹ǡ •‘––‘Ž‹‡ƒ†‘•‘’”ƒ––—––‘—†ƒ–‘ǣ Dzƒ“—ƒ†‘°‹…ƒ”‹…ƒ“—‡•–ƒƒ‹Ǧ ‹•–”ƒœ‹‘‡–•’‹‡‰ƒ–‘•‹•‘‘’‹î ˜‡”‹ˆ‹…ƒ–‹‡Ž–‡””‹–‘”‹‘†‹ƒ‡”„‹‘‹Ǧ …‹†‡–‹‘”–ƒŽ‹‡“—‡•–‘Ž‘•‹†‡˜‡ƒŽŽ‡ ‹•—”‡‹ƒ––‘dzǤȋˆǤ—ǤȌ

‘—•ƒ‡œœ‹–‡”‹‹ ‡ŽŽǯƒˆˆ”‘–ƒ”‡Žƒ“—‡•–‹‘‡ ‹Ž•‹†ƒ…‘†‹ƒ•–”‡œœƒ–‘

ƒ„”‹‡ŽŽƒ—’ƒ–‹‹ǤŽŽǯ‹‹œ‹‘†‹ “—‡•–ǯƒ‘°•–ƒ–‘‹•–ƒŽŽƒ–‘— ƒ—–‘˜‡Ž‘š‡Ž–”ƒ––‘†‡ŽŽƒ•–”ƒ†ƒ ’”‘˜‹…‹ƒŽ‡͙͡…‘’”‡•‘‡Ž –‡””‹–‘”‹‘…‘—ƒŽ‡ǡ•—Ž“—ƒŽ‡ †‘’‘“—ƒŽ…Š‡‡•‡†‹ƒ––‹˜‹– ‹Ž’”‹‘…‹––ƒ†‹‘–”ƒ……‹ƒ— „‹Žƒ…‹‘ǣDz••‡”˜ƒ†‘‹Ž˜‘Ž—‡ †‹–”ƒˆˆ‹…‘‹…‘•–ƒ–‡…”‡•…‹–ƒ •—ŽŽƒ’”‘˜‹…‹ƒŽ‡ƒ„„‹ƒ‘ ”‹–‡—–‘†‹’‘–‡”‹•‡”‹”‡‡Ž „‹Žƒ…‹‘—ƒ’”‡˜‹•‹‘‡†‹ ͙͘͘‹Žƒ‡—”‘…Š‡°•–ƒ–ƒ‹ ‡ˆˆ‡––‹”ƒ‰‰‹—–ƒǤ…Š‹Žƒ‡–ƒ ‹Žˆƒ––‘…Š‡“—‡•–‹•‘Ž†‹•‡”˜ƒ‘ •‘Ž‘’‡”ˆƒ”‡…ƒ••ƒ”‹…‘”†‘…Š‡ ŽƒŽ‡‰‰‡‹’‘‡†‹‹’‹‡‰ƒ”‡ ƒŽ‡‘Žƒ‡–’‡”Žƒ•‹…—”‡œœƒ ‡Žƒƒ—–‡œ‹‘‡•–”ƒ†ƒŽ‡ǡ ƒ•’‡––‘’‹—––‘•–‘…‘•–‘•‘ǡƒ …Š‡ƒŽŽƒŽ—‰ƒ’ƒ‰ƒdzǤ”‘’”‹‘ ‹“—‡•–‡•‡––‹ƒ‡Ž‘•–‡••‘ •‹•–‡ƒ˜‡””ƒ––‹˜ƒ–‘ƒ…Š‡ ‹•‡‹’—–‹‹–‡”‹ƒŽŽǯƒ„‹–ƒ–‘ǡ …‘Žǯ‘„‹‡––‹˜‘†‹‹–‡”˜‡‹”‡ •—ŽŽƒ˜‹ƒ„‹Ž‹–‡‹Ž–”ƒˆˆ‹…‘ ‹–‡”‘ǡ•‡…‘†‘—‡–”‘†‹ ‰‹—†‹œ‹‘…Š‡‘Žƒ•…‹ƒ•’ƒœ‹‘ ƒŽ…—‘ƒŽŽǯ‹–‡”’”‡–ƒœ‹‘‡ǣDz‡ …‘–”ƒ˜˜‡œ‹‘‹•‘‘‰‹—•–‡ ’‡”…Š±‡†—…ƒ‘‡•‘‘—ƒ ˆ‘”ƒ†‹”‹•’‡––‘˜‡”•‘…Š‹ ‘••‡”˜ƒŽ‡‘”‡†‡Ž…‘†‹…‡†‡ŽŽƒ •–”ƒ†ƒdzǤ‡”“—‡•–‘ƒƒ•–”‡œœƒ–‘ •‹•‘‘ƒˆˆ‹†ƒ–‹ƒ‹•‡”˜‹œ‹ˆ‘”‹–‹ †ƒŽŽƒ…‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒDzƒˆ”ƒ–‡”‹–dz …Š‡ǡ‡––‡†‘ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘‡ —ƒ’‡”•‘ƒ’‡”‹ŽŽƒ˜‘”‘†ǯ—ˆˆ‹…‹‘ …Š‡”‹‰—ƒ”†ƒ‡••‡œ‹ƒŽ‡–‡Ž‡ ‘–‹ˆ‹…Š‡†‡ŽŽ‡…‘–”ƒ˜˜‡œ‹‘‹ǡ Šƒ…‘•‡–‹–‘†‹Ž‹„‡”ƒ”‡— ƒ‰‡–‡’‡”‹Ž’ƒ––—‰Ž‹ƒ‡–‘ •—•–”ƒ†ƒǤ‹ˆ”‘–‡ƒ’‘••‹„‹Ž‹ Žƒ‡–‡Ž‡‹Ž‹†ƒ…‘’‘‡ Žǯƒ……‡–‘•—ŽŽǯ‹ˆ‘”ƒœ‹‘‡ǣDz‡Ž „‘ŽŽ‡––‹‘…‘—ƒŽ‡ƒ„„‹ƒ‘ †ƒ–‘ƒ’‹ƒ‡–‡•’ƒœ‹‘ ƒŽŽǯ‹ˆ‘”ƒœ‹‘‡•—ŽŽ‡—‘˜‡ ’‘•–ƒœ‹‘‹‡Žƒ†‹‘•–”ƒœ‹‘‡ †‡ŽŽƒ‘•–”ƒ…‘””‡––‡œœƒ•–ƒ ‡Ž„ƒ••‹••‹‘—‡”‘†‹ ”‹…‘”•‹dzǤƒŽ‹‡ƒ†‹…‘†‘––ƒ „‡’”‡…‹•ƒǡ“—‹†‹ǡ•…‡Ž–ƒ …‘•ƒ’‡˜‘Ž‡–‡‡•‡œƒ –‹‘”‡†‹…‘ˆ”‘–ƒ”•‹…‘ ‡˜‡–—ƒŽ‹…”‹–‹…Š‡‡†‹•ƒˆˆ‡œ‹‘‹ ƒŽŽǯ‹–‡”‘†‡ŽŽƒ…‘—‹–ǣ Dz‘‘„‡…‘•…‹‡–‡†‡Žˆƒ––‘ …Š‡Žƒ‹•—”ƒ°’‡”‘Ž–‹ ‹’‘’‘Žƒ”‡–…‘…Ž—†‡‹ˆƒ––‹ Žƒ—’ƒ–‹‹–†‡Ž”‡•–‘•‡ƒ˜‡••‹ ˜‘Ž—–‘’‹ƒ…‡”‡ƒ–—––‹‘ƒ˜”‡‹ ˆƒ––‘‹Ž•‹†ƒ…‘dzǤȋˆǤ—ǤȌ

‡ŽŽ‡•…‘”•‡•‡––‹ƒ‡‡”ƒ ’”‘–ƒ‰‘‹•–ƒ†‹—ƒ……‡•‘ …‘ˆ”‘–‘…‘Žǯƒ••‡••‘”‡ ’”‘˜‹…‹ƒŽ‡ƒŽŽǯ ‘˜ƒœ‹‘‡‘””ƒ†‘

Š‹”ƒ”†‡ŽŽ‹ƒ’”‘’‘•‹–‘†‹—ƒ —Ž–ƒ’”‡•ƒ†ƒ“—‡•–ǯ—Ž–‹‘‡Ž ‘—‡†ƒŽ—‹ƒ‹‹•–”ƒ–‘Ǥ

‹—•‡’’‡”‹œ‹‘ǡ•‹†ƒ…‘†‹ ƒ•–‡‰ƒ–‘ǡ”‹–‘”ƒ•—Ž–‡ƒ ƒ—–‘˜‡Ž‘š‡•’‘‡†‘Žƒ•‹–—ƒœ‹‘‡ ’‡”“—ƒ–‘”‹‰—ƒ”†ƒŽǯƒ’’ƒ”‡……Š‹‘ ’‘•‹œ‹‘ƒ–‘’‘…‘’”‹ƒ†‡ŽŽƒ –ƒ‰‡œ‹ƒŽ‡•—†ǤDz Ž–”ƒ––‘†‹ •–”ƒ†ƒ‹“—‡•–‹‘‡°†ƒƒ‹•‡†‡ †‹ƒ’’‘•–ƒ‡–‹†ƒ’ƒ”–‡†‡ŽŽ‡ ‘•–”‡’ƒ––—‰Ž‹‡Žƒ…—‹•‡˜‡”‹– ‡Ž–‡’‘ǡƒ……‘‰Ž‹‡†‘†‹˜‡”•‡ ‹•–ƒœ‡ǡ°†‹‹—‹–ƒǤ ‘Ž–”‡ ‡Ž–”ƒ––‘‹‡†‹ƒ–ƒ‡–‡ •—……‡••‹˜‘…ǯ°‹Ž…‘–”‘ŽŽ‘†ƒ ’ƒ”–‡†‡ŽŽƒ’”‘˜‹…‹ƒǡ’‡”…—‹‹ —…‡”–‘‘†‘‘‹‡•‡”…‹–‹ƒ‘ —ƒˆ—œ‹‘‡†‡–‡””‡–‡ǡƒ˜‡†‘ ƒ—‡–ƒ–‘’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡–‡Žƒ ‘•–”ƒ˜‹•‹„‹Ž‹–dzǤƒˆ—œ‹‘‡†‹ …‘–‡‹‡–‘†‡ŽŽƒ˜‡Ž‘…‹–†‡‹ ˜‡‹…‘Ž‹…Š‡–”ƒ•‹–ƒ͘†ƒŽ¿ǡ“—‹†‹ǡ …Š‡‘˜‹‡‡•…‘ˆ‡••ƒ–ƒ‡…Š‡ ’‡”Öǡ…‘‡˜‹‡‡”‹…‘‘•…‹—–‘†ƒŽ ’”‹‘…‹––ƒ†‹‘ǡŠƒ‹’‘”–ƒ–‹ ”‹ˆŽ‡••‹ƒ…Š‡•—Ž’‹ƒ‘‡…‘‘‹…‘ǣ Dz‡°˜‡”‘…Š‡‹Ž͘͝ά†‡ŽŽ‡ ‡–”ƒ–‡†‡˜ǯ‡••‡”‡†‡•–‹ƒ–‘ƒŽŽƒ ’”‡˜‡œ‹‘‡‡ƒŽŽƒƒ—–‡œ‹‘‡ •–”ƒ†ƒŽ‡–’”‡…‹•ƒ”‹œ‹‘Ȃ° ‡˜‹†‡–‡…Š‡“—‡•–‘•–”—‡–‘ ˆ‘”‹•…‡ƒ‹‘—‹Žƒ’‘••‹„‹Ž‹– †‹—•—ˆ”—‹”‡†‹‡–”ƒ–‡‘ †‹•’”‡œœƒ„‹Ž‹Ǥ “—‡•–‘’‡”‹‘†‘‹ …—‹†‹‹—‹•…‘‘•‡•‹„‹Ž‡–‡‹ –”ƒ•ˆ‡”‹‡–‹†ƒŽŽ‘–ƒ–‘ƒ‰Ž‹‡–‹ Ž‘…ƒŽ‹ǡ“—‡ŽŽƒ†‡ŽŽ‡—Ž–‡†‹˜‡–ƒ ‹‡˜‹–ƒ„‹Ž‡–‡—ƒ˜‘…‡‘ •‡…‘†ƒ”‹ƒ†‡Ž„‹Žƒ…‹‘…‘—ƒŽ‡dzǤ —‡•–‘‘˜—‘Ž†‹”‡ǡ…‹–‹‡‡ƒ •‘––‘Ž‹‡ƒ”‡”‹œ‹‘ǡ—’”‘Ž‹ˆ‡”ƒ”‡ †‹—Ž–‡Dz•‡Ž˜ƒ‰‰‡dzǣDz‹ƒ•…—‘ †‡˜‡ˆƒ”„‡‡‹Ž’”‘’”‹‘Žƒ˜‘”‘ǡ‹ ‘•–”‹ƒ‰‡–‹†‹’‘Ž‹œ‹ƒŽ‘…ƒŽ‡•‘‘ ‡Ž’‹‡‘”‹•’‡––‘†‡ŽŽƒŽ‡‰ƒŽ‹–ǡ •‡…‘•¿‘ˆ‘••‡•ƒ”‡„„‡‹‘ …‘’‹–‘”‹’”‡†‡”Ž‹Ǥ‡‹•‘Ž†‹ …‹•‘‘‡…‡••ƒ”‹°ƒŽ–”‡––ƒ–‘ ‡…‡••ƒ”‹‘…Š‡‡••‹•‹ƒ‘‘––‡—–‹ …‘””‡––ƒ‡–‡Ǥ ‘Ž–”‡’‡”‘‹Žƒ ˜‘…‡’‹î•‹‰‹ˆ‹…ƒ–‹˜ƒƒŽ…ƒ’‹–‘Ž‘ …‘–”ƒ˜˜‡œ‹‘‹°”ƒ’’”‡•‡–ƒ–ƒ ‘–ƒ–‘†ƒŽŽ‡—Ž–‡’‡”‡……‡••‘ †‹˜‡Ž‘…‹–ǡ“—ƒ–‘†ƒ“—‡ŽŽ‡ǡ †‡ŽŽǯ‹’‘”–‘†‹͘͘͝‡—”‘…‹ƒ•…—ƒǡ …Š‡…‘Ž’‹•…‘‘Žƒ’”‘•–‹–—œ‹‘‡Ǥ ƒ‘–‹˜ƒœ‹‘‡†‹†‡…‘”‘ǡ “—‹†‹ǡ’‡”Žƒ“—ƒŽ‡ƒ„„‹ƒ‘ ”ƒ……‘ƒ†ƒ–‘Žƒƒ••‹ƒ•‡˜‡”‹– ‡‘—ƒ•–”ƒ–‡‰‹ƒ’‡”ˆƒ”‡ …ƒ••ƒdzǤȋˆǤ—ǤȌ


͘͜

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

Â?‹‘Â?‡‡—”‘’‡ƒ ‹––ƒ†‹Â?ƒÂ?œƒÂ‡Â—Â”Â‘Â’Â‡ÂƒÇŁ—Â?Â?‡‡–‹Â?‰‹Â?‘Ž‘Â?‹ƒ

   

Mettere a confronto le diverse visioni dell’Europa e dell’impatto dell’integrazione politica sui cittadini; promuovere gemellaggi e altre forme di partenariato tra gli enti regionali e locali dell’Ue; sostenere il programma “L’Europa dei cittadiniâ€? ďŹ nanziato dal bilancio l’Unione. Sono questi alcuni degli obiettivi del “Congresso della cittadinanza e dei gemellaggiâ€? che si svolgerĂ  dal 29 settembre al 1 ottobre a Rybnik, Polonia, promosso da

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

Commissione Ue, presidenza polacca di turno dell’Unione e Ccre (Conseil des Communes et RÊgions d’Europe). Informazioni sull’incontro continentale sono presenti sul sito www. rybnik2011.eu, mediante il quale si trovano programma e modalità di iscrizione. All’evento sono attese alcune centinaia di politici, amministratori locali, rappresentanti della società civile e organizzazione di

cittadini. Tra le domande che saranno rivolte agli esperti, chiamati nella cittadina polacca in qualitĂ  di relatori, ďŹ gurano: Come favorire lo sviluppo di una “democrazia di prossimitĂ â€?? Cosa signiďŹ ca oggi essere europei? Come promuovere a livello locale una societĂ  che sia inclusiva? Quali forme di gemellaggio possono contribuire a rispondere alle esigenze dei cittadini e degli enti locali nel contesto comunitario?

‘”Â?‘†ǯˆ”‹…ƒ‘Ž–‹‹ƒ‡•‹‹Â?‰‹Â?‘……Š‹‘

6LFFLWjO¡DLXWR GHOODUHWH&DULWDV

��‡†‹ƒ–‘‹Ž•‘……‘”•‘‰ƒ”ƒ�–‹–‘ƒŽŽ‡’‘’‘Žƒœ‹‘�‹…‘Ž’‹–‡†ƒ“—‡ŽŽƒ…Š‡ƒ–—––‹‰Ž‹‡ˆˆ‡––‹° —�ƒ˜‡”ƒ‡’”‘’”‹ƒ…ƒŽƒ�‹–��ƒ–—”ƒŽ‡Ǥ�…Š‡ƒ”‡•…‹ƒ—�ƒ”ƒ……‘Ž–ƒ†‹ˆ‘�†‹   

6

ono circa 10 milioni le persone colpite da siccitĂ  e carestia che stanno affliggendo il Corno d’Africa per la scarsitĂ  delle precipitazioni degli ultimi due anni e il conseguente innalzamento del prezzo di cibo e acqua. Secondo i dati Onu si tratta della peggiore siccitĂ  degli ultimi 60 anni e coinvolge 3,2 milioni di persone in Kenya, 2,6 in Somalia, 3,2 in Etiopia, 117mila a Gibuti, ed anche parte della popolazione in Eritrea. A soffrirne sono soprattutto i bambini: in Somalia uno su tre è denutrito. Si teme che l’emergenza travolga anche Tanzania e Sud Sudan. La siccitĂ  sta determinando anche la morte di molti capi di bestiame e grandi spostamenti di persone in tutto il Corno d’Africa, soprattutto in Kenya, dove i campi profughi sono ormai al limite della capienza. “La situazione umanitaria in Somalia è disastrosaâ€? ha dichiarato mons. Giorgio Bertin, presidente di Caritas Somalia, amministratore apostolico

‘Â?‘‰‹Â?‘Ž–”‡͙͘ Â?‹Ž‹‘Â?‹Ž‡’‡”•‘Â?‡…Š‡ ’ƒ–‹•…‘Â?‘‰Ž‹‡ˆˆ‡––‹ †‡ŽŽƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡Ǥ ÇŻÂƒÂ’Â’Â‡ÂŽÂŽÂ‘†‡Žƒ’ƒƒŽŽƒ …‘Â?—Â?‹–Â?‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ di Mogadiscio e vescovo di Gibuti. “Nel sud della Somalia – ha aggiunto il Vescovo – gli effetti della siccitĂ  si sommano a 20 anni di vuoto politico e conflitti. Se vogliamo evitare la catastrofe umanitaria occorre agire velocemente e con grande attenzione alla complessitĂ  del contestoâ€?. Anche Benedetto XVI, nell’Angelus di domenica scorsa, ha sottolineato la gravitĂ  della situazione e ha auspicato l’intervento della comunitĂ  internazionale “per inviare tempestivamente soccorsi a questi nostri fratelli e sorelle giĂ  duramente provati, tra cui vi sono tanti bambini. Non manchi – ha auspicato

il Papa – a queste popolazioni sofferenti la nostra solidarietà e il concreto sostegno di tutte le persone di buona volontà�. Tempestiva, come in altre occasioni, la risposta fornita dalla Caritas italiana, che da anni è impegnata nel Corno d’Africa, in collaborazione con le Chiese locali, in ambiti diversi quali la salute, la lotta all’esclusione sociale, l’istruzione. In occasione di questa nuova emergenza è in costante contatto con le Caritas africane attive nei Paesi colpiti dalla siccità e ha offerto sostegno alle azioni in atto e al piano in via di definizione. In Somalia, Caritas Somalia attraverso l’operazione Lifeline, raggiunge con aiuti d’urgenza 7000 persone, di cui circa 1400 bambini e anziani. Inoltre la rete Caritas sta offrendo assistenza a 70mila persone seminomadi nel Somaliland orientale. In Kenya, Caritas Kenya distribuisce generi di prima necessità a 40mila persone nelle aree piÚ gravemente colpite e nella Rift Valley. I primi ad essere soccorsi sono stati i



   ÇŻ  

bambini e le mamme, ed è in corso un programma veterinario per assistere circa 15mila bovini. Mons. Peter Kihara, vescovo di Marsabit, una delle aree piÚ gravemente colpite, ha lanciato un appello per aiuti immediati. In Etiopia, nella zona meridionale dove i pastori Borana sono in gravi difficoltà per carenza di acqua e di pascoli, la rete Caritas sta aiutando circa 25mila famiglie nel mantenimento dei propri capi di bestiame. Caritas Etiopia sta inoltre distribuendo cibo e acqua a 80mila per-

sone nelle regioni di Haraghe e Meki. In Eritrea, la Caritas sta monitorando la situazione per mettere a punto un piano di intervento. A rafforzamento delle azioni già avviate la rete Caritas sta predisponendo un programma globale di aiuto d’urgenza riguardante i Paesi che verrà lanciato nelle prossime settimane. Caritas bresciana ha lanciato una raccolta fondi a sostegno degli interventi in atto. Per informazioni: 030/3757746; www.brescia.caritas.it; e-mail: caritas.brescia@caritas.it

”ƒ“�ƒ…‘�ˆ‡”‡�œƒƒ‹”�—�

,QVLHPHSHUXQ3DHVH YHUDPHQWHQXRYR

Ǥ 

‡Žƒ‡•‡°‹Â?…‘”•‘ †ƒŽÂ?ƒ”œ‘•…‘”•‘ —Â?ƒ’”‘–‡•–ƒƒÂ?–‹nj ‰‘˜‡”Â?ƒ–‹˜ƒ†‹…—‹’‘…‘ǥ ƒŽ†‹ˆ—‘”‹†‡‹…‘Â?ˆ‹Â?‹ǥ •‹…‘Â?‘•…‡

Nelle scorse settimane l’arcidiocesi di Kirkuk, in Iraq, ha promosso una conferenza, finanziata dall’Associazione per i popoli minacciati di Erbil (Kurdistan), a cui hanno partecipato oltre 150 fra politici e leader religiosi delle comunitĂ  cristiane e musulmane di etnia curda, araba, turcomanna, caldea, assira yazida, mandea. Insieme a mons. Sako, arcivescovo di Kirkuk, sono intervenuti tre rappresentanti delle comunitĂ  musulmane di etnia kurda, araba e turkmena: Umer Ibrahim, Abdul Karim Khalifa e Adil Salih che hanno analizzato il tema della convivenza sul piano socio-culturale, educativo-psicologico e religioso. “L’Iraq – ha affermato mons. Sako – è formato da vari gruppi, che costituiscono un mosaico di culture e civiltĂ , religioni, sette e linguaggi con piĂš fac-

ce e colori. Tutti però portano con sÊ un patrimonio, che ci lega in profondità. Il nostro Paese ha ora bisogno di un modello culturale e sociale che promuova l’unità attraverso il pluralismo, la tolleranza e la convivenza armoniosa fra le varie religioni ed etnie�. Secondo l’Arcivescovo gli odii del moderno Iraq sono stati generati da una eccessiva politicizzazione della religione. L’Arcivescovo ha indicato poi alcune proposte pratiche per favorire l’unità e la separazione fra religione e politica a partire da un sistema educativo che spinga all’unità nazionale, eliminando nei programmi scolastici, nei libri e nelle istituzioni religiose, espressioni che invitano all’odio e all’emarginazione di un gruppo religioso rispetto a un altro.



‹”‹ƒ —ŽŽǯ‘”Ž‘ †‡ŽŽƒ‰—‡””ƒ…‹˜‹Ž‡

‡””ƒƒ�–ƒ ‘�ˆ‡”‡�œƒ •—‹…”‹•–‹ƒ�‹

ƒ‹”‹ƒ•‡Â?„”ƒ‘”Â?ƒ‹ƒ˜˜‹ƒ–ƒƒ —Â?ƒ˜‡”ƒ‡’”‘’”‹ƒ‰—‡””ƒ…‹˜‹Ž‡Ǥ ŽŽǯ‹Â?–‡Â?•‹ˆ‹…ƒ”•‹†‡ŽŽ‡’”‘–‡•–‡ †‹’‹ƒœœƒ…‘””‹•’‘Â?†‡—Â?ƒ ”‡ƒœ‹‘Â?‡•‡Â?’”‡’‹Î˜‹‘Ž‡Â?–ƒ†ƒ ’ƒ”–‡†‡Ž”‡‰‹Â?‡†‡Ž’”‡•‹†‡Â?–‡ ••ƒ†Ǥ ‡˜‹‘Ž‡Â?œ‡•‘Â?‘‘”Â?ƒ‹†‹ˆˆ—•‡ ‹Â?–—––‡Ž‡œ‘Â?‡†‡Žƒ‡•‡Ǥ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘†‡ŽŽ‡’”‘–‡•–‡•‹’ƒ”Žƒ †‹‘Ž–”‡͙͘͘͜Â?‘”–‹‡͙͚Â?‹Žƒ ÂƒÂ”Â”Â‡Â•Â–ÂƒÂ–Â‹ÇĄ…‘Â?†‡…‹Â?‡†‹Â?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ †‹’‡”•‘Â?‡…Š‡•‘Â?‘ˆ—‰‰‹–‡ ‘Ž–”‡…‘Â?ˆ‹Â?‡ǥ•‘’”ƒ––—––‘‹Â? ‹„ƒÂ?‘ǥ’‡”•‘––”ƒ”•‹ƒ”‹–‘”•‹‘Â?‹ †‡ŽŽǯ‡•‡”…‹–‘Ǥ

ÂŽ‰‘˜‡”Â?‘ǥ…Š‡†ƒÂ?‡•‹Šƒ …ƒ……‹ƒ–‘†ƒŽƒ‡•‡‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–‹ •–”ƒÂ?‹‡”‹ǥ”‡Â?†‡†‹ˆˆ‹…‹Ž‡Žƒ˜‡”‹ˆ‹…ƒ ‡Žƒ†‹ˆˆ—•‹‘Â?‡†‹Â?‘–‹œ‹‡Ǥ

‹°ƒ’‡”–ƒÂ?‡‹‰‹‘”Â?‹•…‘”•‹ƒ ‘Â?†”ƒÂ?‡ŽŽƒ”‡•‹†‡Â?œƒ—ˆˆ‹…‹ƒŽ‡ †‡Ž’”‹Â?ƒ–‡†‡ŽŽƒ‘Â?—Â?‹‘Â?‡ ƒÂ?‰Ž‹…ƒÂ?ÂƒÇĄŽƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ ‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡•—‹…”‹•–‹ƒÂ?‹†‹‡””ƒ ƒÂ?–ƒǤǯ‹Â?…‘Â?–”‘Č‚Šƒ•’‹‡‰ƒ–‘ Â?‘Â?•Ǥ‹Â?…‡Â?–‹…Š‘Ž•ǥƒ”…‹˜‡•…‘˜‘ …ƒ––‘Ž‹…‘†‹‡•–Â?‹Â?•–‡”Č‚ ƒ˜˜‹‡Â?‡‹Â?—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘“—ƒÂ?–‘ Â?ƒ‹‘’’‘”–—Â?‘ǥ‹Â?…—‹…”‡•…‡Žƒ …‘Â?•ƒ’‡˜‘Ž‡œœƒ†‡ŽŽǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?œƒ†‹ —Â?ƒ’ƒ…‡Â†Â—Â”Â‡Â˜Â‘ÂŽÂ‡ÇłÇ¤ÇŻÂƒÂ”Â…Â‹Â˜Â‡Â•Â…Â‘Â˜Â‘ †‹ƒÂ?–‡”„—”›ǥ‘™ƒÂ?‹ŽŽ‹ƒÂ?•ǥ ’”‹Â?ƒ–‡†‡ŽŽƒ‘Â?—Â?‹‘Â?‡ ƒÂ?‰Ž‹…ƒÂ?ÂƒÇĄŠƒƒ—•’‹…ƒ–‘Žƒ …‘•–‹–—œ‹‘Â?‡†‹—Â?ˆ‘Â?†‘•’‡…‹ƒŽ‡ ’‡”‹Žˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒÂ?‡Â?–‘†‹’”‘‰‡––‹ ‹Â?ˆƒ˜‘”‡†‡ŽŽǯ‡…‘Â?‘Â?‹ƒŽ‘…ƒŽ‡Ǥ ”‡•‡Â?–‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘‹Ž’ƒ–”‹ƒ”…ƒ Žƒ–‹Â?‘†‹ ‡”—•ƒŽ‡Â?Â?‡™ƒŽǤ


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͘Í?

–ƒŽ‹ƒ ‘˜‡”–Â?ÇŁ—Â?ƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡‹Â?„‹Ž‹…‘ Percentuali “stabiliâ€?, ma che confermano una situazione di precarietĂ  delle famiglie italiane, in particolare quelle numerose e che vivono al Sud. Ăˆ quanto emerge dal rapporto Istat sulla povertĂ  in Italia, relativo al 2010 per il quale “l’11% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assolutiâ€?. Se “la stima dell’incidenza di povertĂ  relativaâ€? è rimasta sostanzialmente stabile rispetto al 2009, “segnali di peggioramento – rileva l’Istat – si osservano, tuttavia,

tra le famiglie di cinque o piĂš componenti (dal 24,9% al 29,9%), in particolare nel Centro (dal 16,1% al 26,1%), tra quelle con membri aggregati (dal 18,2% al 23%) e di monogenitori (dall’11,8% al 14,1%)â€?, mentre “nel Mezzogiorno peggiora la condizione delle famiglie con tre o piĂš ďŹ gli minoriâ€?. In Italia, nel 2010, “sono 2 milioni 734mila le famiglie in condizione di povertĂ  relativaâ€?, pari all’11% di tutte quelle residenti, cioè “8 milioni 272mila individui poveri, il 13,8% dell’intera

popolazione�. La soglia di povertà relativa (pari alla spesa media pro capite nel Paese), per una famiglia di due componenti, è di 992,46 euro, mentre la soglia mensile di povertà assoluta, sempre per una famiglia di due componenti con 18-59 anni, oscilla tra i 747,71 euro per chi vive in un piccolo Comune del Sud e 1.057,18 euro per i residenti in un’area metropolitana al Nord. In condizioni di povertà assoluta vivono 1 milione 156mila famiglie, il 5,2% dell’intera popolazione.

ƒ–‘Â?‡Ž͙ͥ͛Í&#x; ƒ”‡•…‹ƒ ƒŽ—†—†ƒÂ?

—�„‡�

Ž”‹…‘”†‘ †‡ŽŽƒ•—ƒ‰‡�–‡

”‡•…‹ƒƒ†”‡ ‹—Ž‹‘Ž„ƒ�‡•‡Šƒ”‹…‘”†ƒ–‘�‘�•Ǥ‡•ƒ”‡ƒœœ‘Žƒ”‹

‘Â?•Ǥ‡•ƒ”‡ÂƒÂœÂœÂ‘ÂŽÂƒÂ”Â‹ÇĄ˜‡•…‘˜‘ †‹—Â?„‡Â?ÇĄÂ?‡Ž—†—†ƒÂ?ÇĄ° Â?‘”–‘‹Â?’”‘˜˜‹•ƒÂ?‡Â?–‡‹Ž͙͞ Ž—‰Ž‹‘ǥÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â–Â?†‹Í&#x;ÍœƒÂ?Â?‹ǥ…‘Ž’‹–‘†ƒ —Â?Â?ƒŽ‘”‡Â?‡Â?–”‡•‹ƒ……‹Â?‰‡˜ƒƒ …‡Ž‡„”ƒ”‡Žƒ‡••ƒÂ?‡ŽŽƒ…ƒ––‡†”ƒŽ‡ †‡ŽŽƒ…‹––Â?Ǥ ÂŽÍĄŽ—‰Ž‹‘Â?‘Â?•Ǥ ƒœœ‘Žƒ”‹ƒ˜‡˜ƒ’ƒ”–‡…‹’ƒ–‘ƒŽŽƒ …‡”‹Â?‘Â?‹ƒ’‡”Žǯ‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?œƒ†‡ŽŽ‘ –ƒ–‘†‡Ž—†—†ƒÂ?ǤÂ?ƒ‡••ƒ ‹Â?•—‘•—ˆˆ”ƒ‰‹‘°•–ƒ–ƒ…‡Ž‡„”ƒ–ƒ ’”‡••‘Žƒƒ•ƒ†‡‹‘Â?„‘Â?‹ƒÂ?‹ƒ Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͙ͥŽ—‰Ž‹‘Ǥ ÂŽ‰‹‘”Â?‘ †‡‹ˆ—Â?Â‡Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ•˜‘Ž–‹ƒ—Â?„‡Â?‹Ž͚͙ Ž—‰Ž‹‘ǥ•‹°–‡Â?—–ƒ—Â?ƒ•‡…‘Â?†ƒ …‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡Â?‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡†‹

—••ƒ‰‘Ǥ‡”•ƒ„ƒ–‘͚͛Ž—‰Ž‹‘ǥƒŽŽ‡ ͙͠ǥ°‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ—Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Âƒ‡••ƒ †‹•—ˆˆ”ƒ‰‹‘…Š‡Â?‘Â?•ǤÂƒÂ•Â…ÂŠÂ‡Â”ÇĄ ˜‹…ƒ”‹‘‰‡Â?Â‡Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ’”‡•‹‡†‡”Â?Â?‡ŽŽƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‡ŽŽƒ–‘……Š‡––ƒǤ‘Â?•Ǥ ÂƒÂœÂœÂ‘ÂŽÂƒÂ”Â‹ÇĄ…‘Â?‡†ƒ•—ƒ˜‘Ž‘Â?–Â?ÇĄ° •–ƒ–‘’‘‹•‡’‘Ž–‘‹Â?“—‡ŽŽƒ…Š‡’‡” ƒÂ?Â?‹°•–ƒ–ƒŽƒ•—ƒ…ƒ––‡†”ƒŽ‡Ǥ ƒ–‘Â?‡Ž͙ͥ͛Í&#x;ƒ”‡•…‹ƒ‡‘”†‹Â?ƒ–‘ •ƒ…‡”†‘–‡‹ŽÍ™Í&#x;Â?ƒ”œ‘͙͚ͥ͞ǥÂ?‘Â?•Ǥ ‡•ƒ”‡ƒœœ‘Žƒ”‹Â?‡Ž͙͙ͥ͠ƒ””‹˜ƒ ‹Â?—†ƒÂ?‘’‡”ƒÂ?†‘’”‹Â?ƒÂ?‡ŽŽƒ †‹‘…‡•‹†‹‘Â?Â„Â—Â”ÂƒÇŚƒÂ?„‹‘‡’‘‹ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â…Â‹Â†Â‹Â‘Â…Â‡Â•Â‹†‹ Â—Â„ÂƒÇĄÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡Âƒ …‡Â?–”‘njÂ?‡”‹†‹‘Â?ƒŽ‡Ǥ‡ŽÍ™ÍĄÍĄÍ˜ Â?‘Â?•Ǥƒœœ‘Žƒ”‹˜‹‡Â?‡Â?‘Â?‹Â?ƒ–‘ ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‡ƒ’‘•–‘Ž‹…‘†‡ŽŽƒ †‹‘…‡•‹†‹—Â?„‡Â?Ǥ Â?“—‡ŽŽ‘•–‡••‘ ƒÂ?Â?‘Ž‹„‡”ƒÍ™Í?͘‰‹‘˜ƒÂ?‹••‹Â?‹ •…Š‹ƒ˜‹Ǥ‡Â?–”‡Â?‡ŽÍ™ÍĄÍĄÍœ° …ƒ––—”ƒ–‘‡–‡Â?—–‘‹Â?‘•–ƒ‰‰‹‘’‡” ͚͜‘”‡†ƒ‹‰—‡””‹‰Ž‹‡”‹†‡ŽŽ‘Â’ÂŽÂƒÇĄ ‰”—’’‘ƒ”Â?ƒ–‘‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?–‹•–ƒ ‹Â?Ž‘––ƒ…‘Â?–”‘‹Ž‰‘˜‡”Â?‘†‹ Šƒ”–‘—Â?Ǥ ÂŽÍž‰‡Â?Â?ƒ‹‘͙ͥͥͥ ˜‹‡Â?‡‹Â?ˆ‹Â?‡‘”†‹Â?ƒ–‘˜‡•…‘˜‘†ƒ

‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

Ǥ

‡ŽŽƒ”‡†ƒœ‹‘Â?‡†‹Dzƒ†‹‘ ‘‘† ‡™•dzǥŽǯ‡Â?‹––‡Â?–‡…ƒ––‘Ž‹…ƒ†‹ —Â?„‡Â?ÇĄ‹Ž–‡Ž‡ˆ‘Â?‘Â?‡‹‰‹‘”Â?‹ †‡ŽŽƒÂ?‘”–‡†‹Â?‘Â?•Ǥƒœœ‘Žƒ”‹ Šƒ•“—‹ŽŽƒ–‘†‹…‘Â?–‹Â?—‘Ǥ Â?–ƒÂ?–‹ ŠƒÂ?Â?‘˜‘Ž—–‘”‹…‘”†ƒ”‡Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘ ’‡”Žƒ’ƒ…‡‡Žƒ”‹…‘Â?…‹Ž‹ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž Ž‘”‘Â‡Â•Â…Â‘Â˜Â‘ÇĄ—Â?‡•…‘˜‘•’‡…‹ƒŽ‡ †‡Ž—†—†ƒÂ?Ǥ Dz‘’‘‰Ž‹•…‘Â?–”‹Â?‡Ž†‹•–”‡––‘ †‹ƒ’—‘”†‹–‹Â?…‘Â?–”Ö’‘Ž‹–‹…‹ ‡‰‘˜‡”Â?ƒ–‘”‹’‡”‘––‡Â?‡”‡—Â? ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘—Â?ƒÂ?‹–ƒ”‹‘†ǯ—”‰‡Â?ÂœÂƒÇł Šƒ”ƒ……‘Â?–ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‰Â‡Â?œ‹ƒ‹•Â?ƒ ’Ǥ‘•…‘…Š‹‡Â?‰ǥ‹Ž†‹”‡––‘”‡†‹ Dzƒ†‹‘ ‘‘†‡™•dzǤ”ƒÂ?ƒ”œ‘ ‡Žƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‡”‹˜ƒŽ‹–Â?–”ƒ ƒŽŽ‡˜ƒ–‘”‹†‹Â?Â?ƒ‡…‘Â?–ƒ†‹Â?‹Œ—” ƒ˜‡˜ƒ…ƒÂ?…‡ŽŽƒ–‘Â˜Â‹ÂŽÂŽÂƒÂ‰Â‰Â‹ÇĄ—……‹•‘ ‡…‘•–”‡––‘ƒŽŽƒˆ—‰ƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‹ƒ†‹ ’‡”•‘Â?‡ǤÂ?…‘”ƒ—Â?ƒ˜‘Ž–ƒÂ?‘Â?•Ǥ ƒœœ‘Žƒ”‹ƒ˜‡˜ƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘…Š‡ •‘Ž–ƒÂ?–‘—Â?‹–‹‹’‘’‘Ž‹†‡Ž—† —†ƒÂ?…‡ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â”‡„„‡”‘ˆƒ––ƒǤ”ƒ Ž‘•–‡••‘Â?‡••ƒ‰‰‹‘†‹Dz‹‡…‹ ’ƒ••‹’‡”Žǯ—Â?‹–Â?dzǥ—Â?ǯ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ†‹ ’”‡‰Š‹‡”ƒ…Š‡Šƒƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‘ “—‡•–ƒÂ?—‘˜ƒÂ?ƒœ‹‘Â?‡ˆ‹Â?‘ƒŽŽƒ ’”‘…ŽƒÂ?ƒœ‹‘Â?‡†ǯ‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?œƒ †‡ŽÍĄŽ—‰Ž‹‘ǤDz—––‹Č‚Šƒƒˆˆ‡”Â?ƒ–‘ ‹Ž†‹”‡––‘”‡†‹Dzƒ†‹‘ ‘‘†‡™•dz Č‚ŠƒÂ?Â?‘˜‘Ž—–‘…‘Â?†‹˜‹†‡”‡—Â? ”‹…‘”†‘ǥÂŽÇŻÂƒÂ‹Â—Â–Â‘“—ƒÂ?†‘Â?‘Â?Â…ÇŻÂ‡Â”Âƒ †ƒÂ?ƒÂ?Â‰Â‹ÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹Ž„ƒ––‡•‹Â?‘†‡‹ ÂˆÂ‹Â‰ÂŽÂ‹ÇĄŽƒ…‘•–”—œ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒÂ•Â…Â—Â‘ÂŽÂƒÇłÇ¤ —Â?„‡Â?…ǯ°‰”ƒÂ?†‡–”‹•–‡œœƒ ’‡”Žƒ•…‘Â?’ƒ”•ƒ†‡Ž˜‡•…‘˜‘Ǥ ƒƒÂ?…Š‡Žƒ…‘Â?•‘Žƒœ‹‘Â?‡…Š‡ “—‡•–ǯ—‘Â?‘Šƒ˜‹•–‘Žƒˆ‡•–ƒ’‡” Žǯ‹Â?†‹’‡Â?†‡Â?ÂœÂƒÇĄÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘’‡”‹Ž “—ƒŽ‡•‹‡”ƒ•‡Â?’”‡Â„ÂƒÂ–Â–Â—Â–Â‘ÇĄ‡…Š‡ Â‘Â”ÂƒÇĄ…‡”–ƒÂ?‡Â?–‡ǥÇ˛Â’Â”Â‡Â‰Âƒ’‡”Â?‘‹ †ƒŽÂ’ÂƒÂ”ÂƒÂ†Â‹Â•Â‘ÇłÇ¤



0LVVLRQHQHOFXRUH   

0

olto è stato scritto in questi giorni sulla figura di mons. Cesare Mazzolari, il vescovo comboniano di Rumbek, deceduto improvvisamente mentre celebrata la Messa nella sua cattedrale. Un ricordo inedito del missionario bresciano è quello proposto da p. Giulio Albanese, comboniano come mons. Mazzolari e che con il Vescovo di Rumbek ha condiviso la passione per l’Africa. “Mons. Mazzolari – ha affermato p. Albanese – è stato un grande della missione che si è prodigato per i poveriâ€?, per la gente della diocesi di Rumbek che il comboniano definisce “bassifondi della storiaâ€?. Mons. Mazzolari, sono ancora considerazioni di p. Albanese, si è sempre prodigato per la pace. “Contrariamente a quanto molti hanno scritto – ha continuato – non si è mai schierato per una parte in causa. Non ha esitato a condannare con durezza sia le violenze del regime governativo ma anche gli abusi dei ribelli del Sud. Il suo punto di riferimento è sempre stata la gente che per tanti anni ha dovuto sopportare la tragedia della guerraâ€?. Tra i grandi meriti del Vescovo scomparso va annoverato, secondo p. Albanese, anche quello di aver dato voce a situazioni sconosciute. “Quando divenne amministratore apostolico di Rumbek nel 1990 nessuno parlava del

Ǥ

ÂŽ‡•…‘˜‘†‹—Â?„‡Â?° •–ƒ–‘—Â?‰”ƒÂ?†‡†‡ŽŽƒ Â?‹••‹‘Â?‡ǥ…ƒ’ƒ…‡†‹†ƒ”‡ ˜‘…‡ƒ…Š‹Â?‘Â?Â?‡ƒ˜‡˜ƒ ’‡”’‘”–ƒ”‡ƒŽŽƒ”‹„ƒŽ–ƒ ‹Ž†”ƒÂ?Â?ƒ†‡Ž—†—†ƒÂ? Sud Sudan e della guerra in corso ormai da sette anniâ€?. Una delle sue prioritĂ  fu dunque quella di far conoscere al mondo questa tragedia e di spiegare che la guerra non era dettata solo da ragioni culturali e religiose. “Disse senza mezzi termini – ha ricordato p. Albanese – che c’erano soprattutto ra-

gioni economiche legate al controllo di importanti bacini petroliferiâ€?. Quel che per il comboniano non bisogna dimenticare di mons. Mazzolari, anche in termini di ereditĂ , è la sua azione evangelizzatrice. “Padre Cesare – ha affermato p. Albanese – ha lasciato un messaggio che vale non solo per i Sud Sudan, ma per l’intera Chiesa: l’evangelizzazione non è solo una questione di numeri. Anche una presenza numericamente insignificante, com’è quella dei cattolici nella diocesi di Rumbek, può essere elemento trainante per la costruzione di una societĂ  nuovaâ€?. Da bresciano, poi, mons. Mazzolari ha tracciato anche la via per una missionarietĂ  operosa.

     

0DQRYUDWUDQRYLWjHLQFRJQLWH Il Parlamento, a tempo di record, ha approvato nei giorni scorsi la manovra ďŹ nanziaria che punta al pareggio di bilancio entro il 2014. Importante, nella rapiditĂ  dell’approvazione, è stato il ruolo del presidente della Repubblica (nella foto) che, con due inediti interventi pubblici, una dichiarazione scritta e una lettera al “Sole 24 Oreâ€?, ha accompagnato la promulgazione della manovra su cui, però, grava un’incognita. Al di lĂ  delle decisioni immediatamente operative, che riguardano essenzialmente misure-tampone, per la gran parte a carico dei “soliti notiâ€? del prelievo ďŹ scale italiano, essa prevede nell’arco dei prossimi anni la necessitĂ  di scelte invece strutturali. A partire da una riduzione, che si vuole e non può che essere esemplare, dei “costi della politicaâ€?. Questi obiettivi non possono essere ulteriormente dilazionati, a

partire da due punti: una lotta signiďŹ cativa all’evasione ďŹ scale, che danneggia due volte la collettivitĂ  nazionale e i contribuenti e una concreta promozione della famiglia, che ancora e sempre rappresenta la vera forma del welfare nazionale. D’altra parte la necessitĂ  di un orizzonte strutturale diventa sempre piĂš stringente, da un lato perchĂŠ la crisi ďŹ nanziaria, come dimostrano le vicende del bilancio americano, non è superata, dall’altro per il nuovo quadro di regolazione mondiale, che si tratta, non senza fatica, di delineare proprio in questi anni. Ăˆ, quello attuale, un momento complesso, ma anche importante e creativo. Certo la confusione è evidente: sembrano infatti giocarsi in contemporanea due partite. Accanto a quella tradizionale di questo quindicennio, tra la coalizione berlusconiana e “gli altriâ€?, che si è dipanata nelle

successive elezioni politiche, se ne sta sviluppando un’altra, piÚ sottile sui contorni e il quadro della nuova offerta politica. Mentre i riettori sono ancora puntati sulla prima, comincia la seconda: perciò la vicenda di questi mesi conclusivi della legislatura è importante. E cosÏ il gioco si fa duro, si affollano diversi attori, interni ed esterni al sistema politico, in uno scoppiettante stillicidio di conitti e di sorprese. Se la dialettica si fa dunque sempre piÚ aspra, quel che conta è comunque salvaguardare il quadro d’insieme e la coerenza di un percorso di sostenibilità e di sviluppo del sistema-Paese. In questo senso è richiesto sempre piÚ un pensare strategico: rispetto al ruolo dell’Italia in Europa e dell’Europa nel quadro globale, rispetto alla coesione sociale in Italia ed alla necessità di misurarsi con la sua salvaguardia nei prossimi decenni.


͘͞

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

  

Â†Â‹Â”Â‡Â–Â–Â‘Â”Â‡ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

—‘Â?‡Â?‘–‹œ‹‡ ‡Ž‡–Š‘Â?ÇŁ͙͘͘Â?‹Žƒ‡—”‘’‡”Žƒ”‹…‡”…ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒ

ƒ‡––‹�ƒ�ƒ–‡‘Ž‘‰‹…ƒ’‡”‰Ž‹—�‹˜‡”•‹–ƒ”‹

In arrivo 100mila euro da Telethon per la ricerca scientiďŹ ca bresciana: dopo la valutazione da parte della Commissione medico-scientiďŹ ca della Fondazione, tra i progetti ďŹ nanziati c’è anche quello di Dario Finazzi dell’UniversitĂ  di Brescia. Salgono cosĂŹ a 2,2 milioni di euro i fondi totali stanziati ad oggi da Telethon nella provincia di Brescia. Il progetto neoďŹ nanziato, che coinvolge anche due gruppi di ricerca milanesi, riguarda una rara sindrome di origine genetica

Ha inizio domenica 31 luglio la Settimana teologica di Camaldoli, storico appuntamento della Federazione universitaria cattolica italiana. Una tradizione che si rinnova dal lontano 1933, anno in cui l’allora assistente ecclesiastico nazionale, Giovanni Battista Montini, la inaugurò con un gruppo di fucini. Sono attesi circa 100 studenti universitari provenienti da tutta Italia per partecipare all’appuntamento nazionale che si protrarrà fino a sabato 6 agosto.

chiamata Pkan. Alla base della sindrome c’è il difetto in una proteina chiamata pantotenatochinasi (Pkan), che porta a un anomalo accumulo di ferro nel cervello giĂ  a partire nella prima infanzia. Tra i sintomi principali gravi problemi nel controllo di tutti i muscoli, che con il tempo compromettono la capacitĂ  di camminare e di mangiare. Anche la retina va incontro a degenerazione progressiva: le capacitĂ  visive diminuiscono, ďŹ no alla cecitĂ .

“Mettimi come sigillo sul tuo cuoreâ€? (Ct 8,6). La cura dei legami nell’epoca delle passioni tristi: questo il tema che impegnerĂ  le riflessioni dei partecipanti alla Settimana. A guidarli, nel corso delle giornate camaldolesi, saranno don Gianantonio Borgonovo, biblista, e i coniugi Claudio e Laura Gentili, fondatori del Centro Betania, centro di consulenza familiare. Ăˆ possibile reperire il programma delle Settimane sul sito www.fuci.net.

�‹˜‡”•‹–�

ƒ–‡…Š‡•‹

Ž•‡�•‘†‡ŽŽ‡’ƒ”‘Ž‡

Ž„‹„Ž‹‘†”ƒ��ƒ

ǯ°—Â?ƒ•’‡––‘†‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ…Š‡ƒ……ƒ†‡ ‹Â?“—‡•–‘’‡”‹‘†‘†‹…—‹•‹’ƒ”Žƒ’‘…‘‡ †‹…—‹‹‘•–‡••‘Â?‘Â?Š‘ƒÂ?…‘”ƒ’ƒ”Žƒ–‘Ǥ ‹”‹ˆ‡”‹•…‘ƒ‰Ž‹‡•ƒÂ?‹—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹†‡Žnj Žƒ•‡••‹‘Â?‡‡•–‹˜ƒǤ‹”‹ƒ†‹†‹•–—†‡Â?–‹ …Š‡‘‰Â?‹‰‹‘”Â?‘‹Â?“—‡•–‘’‡”‹‘†‘ÂƒÂˆÇŚ ˆ‘ŽŽƒÂ?‘‹…‘””‹†‘‹‡Ž‡ƒ—Ž‡—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹‡ ’‡”Ç˛Â†ÂƒÂ”Â‡Çł‹Ž‘”‘‡•ƒÂ?‹ǤÂ?‡…ƒ’‹–ƒ†ƒ “—ƒŽ…Š‡–‡Â?’‘†‹ƒ•…‘Ž–ƒ”‡•–—†‡Â?–‹ †‡Ž…‘”•‘†‹Žƒ—”‡ƒ‹Â?…‹‡Â?œ‡†‡ŽŽƒÂˆÂ‘”nj Â?ƒœ‹‘Â?‡’”‹Â?ƒ”‹ƒȋ…‘”•‘‹Ž…—‹•…‘’‘° ˆ‘”Â?ƒ”‡‹Â?—‘˜‹Â?ƒ‡•–”‹†‡ŽŽ‡‡Ž‡Â?‡Â?ÇŚ Â–ÂƒÂ”Â‹ČŒ’‡”ÂŽÇŻÂ‡Â•ÂƒÂ?‡†‹‡†ƒ‰‘‰‹ƒ‹Â?–‡”…—Žnj –—”ƒŽ‡Ǥ—‡•–ƒ†‹•…‹’Ž‹Â?ƒ•‹‹Â?–‡””‘‰ƒ•— …Š‡…‘•ƒ˜‘‰Ž‹ƒ†‹”‡‡†—…ƒ”‡‹Â?—Â?ƒ•‘nj …‹‡–Â?‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒÂ?Â—ÂŽÂ–Â‹ÇŚÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ…‹‘°—Â?ƒ •‘…‹‡–Â?ˆƒ––ƒ•‡Â?’”‡’‹Î†ƒ’‡”•‘Â?‡ …Š‡Â?‘Â?…‘Â?†‹˜‹†‘Â?‘Žƒ•–‡••ƒ…—Ž–—nj ”ƒ†‹‘”‹‰‹Â?‡Ǥ‡”“—‡•–‘‡•ƒÂ?‡‘‰Â?‹ •–—†‡Â?–‡°…Š‹ƒÂ?ƒ–‘ƒ†‹Â?‘•–”ƒ”‡†‹ ƒ˜‡”•–—†‹ƒ–‘†ƒ˜ƒÂ?–‹ƒÂ?‡Ǥ‡‹–‡•–‹†‹ •–—†‹‘…‹•‘Â?‘†‡ŽŽ‡’ƒ”‘Ž‡Dz–‡…Â?‹…Š‡dzǥ …Š‡•‡”˜‘Â?‘’‡”’‘–‡”’ƒ”Žƒ”‡…‘””‡–nj –ƒÂ?‡Â?–‡‡…Š‹ƒ”ƒÂ?‡Â?–‡†‡ŽŽƒÂ?ƒ–‡”‹ƒ ‹Â?“—‡•–‹‘Â?‡Ǥ˜‹†‡Â?–‡Â?‡Â?–‡ǥ†—”ƒÂ?ÇŚ –‡ÂŽÇŻÂ‡Â•ÂƒÂ?‡Â?‹…ƒ’‹–ƒ†‹‡•’Ž‘”ƒ”‡•‡‰Ž‹ •–—†‡Â?–‹…‘Â?‘•…ƒÂ?‘‹Ž•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‘†‡ŽŽ‡ ’ƒ”‘Ž‡–‡…Â?‹…Š‡…‘Â?–‡Â?—–‡Â?‡‹–‡•–‹Ǥ‘ ˆƒ……‹‘ƒ’’—Â?–‘’‡”…ƒ’‹”‡•‡ŠƒÂ?Â?‘ Â•Â–Â—Â†Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‘Ž–”‡…Š‡Ž‡––‘‡•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘Ǥ Â–Â—Â†Â‹ÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ’—Ö‡••‡”‡†‡•…”‹–nj –‘…‘Â?‡‹Žˆƒ–‹…‘•‘ƒ––‘†‡ŽŽƒÂ?‡Â?–‡ …‘Â?‹Ž“—ƒŽ‡…‹ƒ„‹Ž‹–‹ƒÂ?‘ƒÂ?œ‹–—––‘ƒ

ÂŽ„‹„Ž‹‘†”ƒÂ?Â?ƒ°—Â?ƒÂ?‡–‘†‘Ž‘‰‹ƒ ˜‘Ž–ƒƒˆƒ˜‘”‹”‡—Â?‹Â?…‘Â?–”‘’”‘ˆ‘Â?†‘ –”ƒŽƒƒ”‘Žƒ†‹‹‘‡Žƒ’‡”•‘Â?ÂƒÇĄÂ?‘Â? •‘Ž‘•—Ž’‹ƒÂ?‘”ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?ƒÂ•Â‘Â’Â”ÂƒÂ–ÇŚ –—––‘ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘‡Â?‘œ‹‘Â?ƒŽ‡‡†‡•’‡nj ”‹‡Â?œ‹ƒŽ‡Ǥ Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹•‘Â?‘ ƒ‹—–ƒ–‹ĠDz‡Â?Â–Â”ÂƒÂ”Â‡ÇłÂ?‡Ž„”ƒÂ?‘…‘Â? Ž‡’”‘’”‹‡‡Â?‘œ‹‘Â?‹‡†‡•’‡”‹‡Â?œ‡ †‹Â˜Â‹Â–ÂƒÇĄ†ƒÂ?†‘“—‹Â?†‹˜‘…‡‡ˆ‘”Â?ƒ ƒŽŽ‡”‹•‘Â?ƒÂ?œ‡…Š‡Žƒƒ”‘Žƒ•—•…‹–ƒ ‹Â?Ž‘”‘Ǥ Â?—Â?…Ž‹Â?ƒ†‹…‘Â?†‹˜‹•‹‘Â?‡ ‡…‘Â?ˆ”‘Â?–‘…”‡ƒ–‹˜‘•‹ƒ’’”‘ˆ‘Â?ÇŚ †‹•…‡Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?‹Ž–‡•–‘„‹„Ž‹…‘ǥ ˜ƒŽ‘”‹œœƒÂ?†‘Žƒ”‹……Š‡œœƒ…Š‡‘‰Â?‹ ’‡”•‘Â?ƒ’‘”–ƒǤ‡Â?‘†ƒŽ‹–Â?Â—Â–Â‹ÂŽÂ‹ÂœÂœÂƒÇŚ –‡’‡”†ƒ”‡—Â?ƒˆ‘”Â?ƒ…‘Â?†‹˜‹•‹„‹Ž‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹‘‰Â?‹Â’ÂƒÂ”Â–Â‡Â…Â‹ÇŚ ’ƒÂ?–‡ǥ•‹†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‹ƒÂ?‘ƒ•‡…‘Â?†ƒ†‡Ž ‰”—’’‘‡†‡ŽŽ‡‹Â?…Ž‹Â?ƒœ‹‘Â?‹‡•‡Â?•‹„‹nj Ž‹–Â?†‡Ž…‘Â?†—––‘”‡ǣÂˆÂ‘Â–Â‘ÇŚÂŽÂ‹Â?Â‰Â—ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄ †‹•‡‰Â?‘ǥ‡•’”‡••‹‘Â?‹…‘”’‘”‡‡ǥÂ”ÂƒÂ’ÇŚ ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‹ǥ•‘Â?‘•‘Ž‘ƒŽ…—Â?‹†‡‹ ’‘••‹„‹Ž‹•–”—Â?‡Â?–‹Ǥ‡ŽŽǯ‹Â?•‹‡Â?‡‹Ž „‹„Ž‹‘†”ƒÂ?Â?ƒ†‘Â?ƒŽƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹ …‘‰Ž‹‡”‡Ž‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹Â‡Â˜Â‘ÂŽÂ—Â–Â‹Â˜Â‡ÇĄ•—nj •…‹–ƒ–‡†ƒŽŽƒÂƒÂ”Â‘ÂŽÂƒÇĄ…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒ†‹ ‘‰Â?—Â?‘†‡•‹†‡”ƒ’‘”–ƒ”‡ƒŽ‹˜‡ŽŽ‘ †‡ŽŽƒ…‘Â?•ƒ’‡˜‘Ž‡œœƒǤ

…ƒ–‡…Š‹•–‹’‘••‘Â?‘—–‹Ž‹œœƒ”‡“—‡nj •–ƒÂ?‡–‘†‘Ž‘‰‹ƒ†ƒ—Â?Žƒ–‘…‘Â?‡ •—’’‘”–‘’‡”ƒ‰‡˜‘Žƒ”‡—Â?‹Â?…‘Â?–”‘ ƒ—–‡Â?–‹…‘‡•’‘Â?–ƒÂ?‡‘–”ƒ‹Â’ÂƒÂ”Â–Â‡ÇŚ …‹’ƒÂ?–‹ǥÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘’‡”ˆƒ…‹Ž‹–ƒ”‡‹Ž”‹nj

…‘Â?’”‡Â?†‡”‡‹•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹†‡ŽŽ‡’ƒ”‘Ž‡ ‹Â?’‹‡‰ƒ–‡†ƒ—Â?ƒ†‹•…‹’Ž‹Â?ƒ’‡”’‘–‡” ‡•’”‹Â?‡”‡‹•—‘‹’‡Â?•‹‡”‹•—Ž•—‘‘‰‰‡–nj –‘†‹•–—†‹‘Ǥ‡”‹’‡Â?•‘ƒŽŽƒ•…—‘Žƒ‡Ž‡nj Â?‡Â?Â–ÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹Â?‹‡‹Â?ƒ‡•–”‹Č‚‘„„Ž‹‰ƒÂ?†‘nj Â?‹Ġ‹Â?’ƒ”ƒ”‡ƒŽ‡‰‰‡”‡‡•…”‹˜‡”‡‹Â? ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘Č‚Â?‹ƒ˜‡˜ƒÂ?‘‹Â?“—ƒŽ…Š‡Â?‘†‘ ‹Â?•‡‰Â?ƒ–‘…Š‡‘‰Â?‹’ƒ”‘Žƒ°Dz–‡…Â?Â‹Â…ÂƒÇłÇ¤

Â?ƒŽ–”‹–‡”Â?‹Â?‹ǥ‘‰Â?‹’ƒ”‘Žƒ°—Â?•‡‰Â?‘ Â‰Â”ÂƒÂˆÂ‹Â…Â‘ÇĄ‹Â?†‹…ƒÂ?–‡—Â?‘‘’‹Î•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹ …Š‡°Â?‡…‡••ƒ”‹‘…‘Â?‘•…‡”‡’‡”’‘–‡”nj Â?‡ˆƒ”—•‘…‘””‡––ƒÂ?‡Â?–‡Â?‡ŽŽƒ…‘•–”—nj œ‹‘Â?‡†‹—Â?Dz’‡Â?•‹‡”‹Â?‘dzǤŠ•¿ǥ’‡”…Š¹ •‡Â?œƒÇ˛Â’ƒ”‘Ž‹Â?‡…‘””‡––‡dzÂ?‡••—Â?Dz’‡Â?ÇŚ •‹‡”‹Â?‘…Š‹ƒ”‘‡…‘””‡––‘dz”‹—•…‹”Â?Â?ƒ‹ ƒÂ?‘•–”ƒ”•‹‹Â?…‹Ö…Š‡†‹…‹ƒÂ?‘‘•…”‹nj ˜‹ƒÂ?‘Ǥ‡––‘“—‡•–‘ǥÂ?‘Â?’‘…Š‹†‡‰Ž‹ •–—†‡Â?–‹…Š‡„‘……‹‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•ÂƒÂ?‡‹Â?“—‡nj •–‹‘Â?‡ǥ’‡”…Š¹Â?‹†‹Â?‘•–”ƒÂ?‘†‹Â?‘Â? ƒ˜‡”Â•Â–Â—Â†Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄ•‹•–‹œœ‹•…‘Â?‘“—ƒÂ?†‘ ’”‘˜‘…‘Â?‰‡Â?–‹Ž‡œœƒƒ†‹”‡Ž‘”‘…Š‡ Žƒ”ƒ‰‹‘Â?‡’‡”…—‹•‘Â?‘„‘……‹ƒ–‹°Â†ÂƒÇŚ –ƒ†ƒŽŽƒŽ‘”‘‹‰Â?‘”ƒÂ?œƒ•—Ž•‡Â?•‘†‡ŽŽ‡ ’ƒ”‘Ž‡…Š‡•‡”˜‘Â?‘’‡”’‡Â?•ƒ”‡ŽƒÂ?ÂƒÇŚ –‡”‹ƒǤ“—‡•–‘Â?‹†‹•’‹ƒ…‡Ǥ‘Â?–ƒÂ?ÇŚ –‘’‡”Ž‘”‘ǥÂ?ƒ’‡”‹„ƒÂ?„‹Â?‹…—‹Ž‘”‘ †‘˜”ƒÂ?Â?‘‹Â?•‡‰Â?ƒ”‡ˆ”ƒ“—ƒŽ…Š‡ƒÂ?Â?‘ǥ ‹Â?“—‡ŽŽ—‘‰‘…Š‡•‹…Š‹ƒÂ?ƒÇ˛Â•Â…Â—Â‘ÂŽÂƒÇłÇ¤ —‘‰‘ÂˆÂ‹Â•Â‹Â…Â‘ÇĄ…Š‡‡•‹•–‡’‡””‡Â?†‡”‡‰Ž‹ ƒŽ—Â?Â?‹•‡Â?’”‡’‹Î…‘Â?’‡–‡Â?–‹Â?‡ŽŽ‡‰nj ‰‡”‡ǥÂ?‡ŽŽ‘•…”‹˜‡”‡‡Â?‡Žˆƒ”†‹…‘Â?–‘ǥ …‹‘°Â?‡Ž’‡Â?•ƒ”‡‡Â?‡Ž’ƒ”Žƒ”‡…‘””‡–nj –ƒÂ?‡Â?–‡‡…Š‹ƒ”ƒÂ?‡Â?–‡Ǥ

  

 

•’‡……Š‹ƒÂ?‡Â?–‘’‡”•‘Â?ƒŽ‡Â?‡Ž–‡•–‘‡ Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹…ƒŽƒ”•‹DzÂ?‡‹’ƒÂ?Â?‹dz†‡‹ ’‡”•‘Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÇĄƒÂ?…Š‡•—Ž’‹ƒÂ?‘‡Â?Â‘ÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?ƒŽ‡Ǥ ÂŽ„‹„Ž‹‘†”ƒÂ?Â?ƒ°’”‘’‘Â?‹„‹Ž‡ ƒ–—––‡Ž‡‡–Â?ÇŁÂ?‘†ƒŽ‹–Â?‡•–”—Â?‡Â?–‹ ˜ƒÂ?Â?‘‘˜˜‹ƒÂ?‡Â?–‡•…‡Ž–‹‹Â?„ƒ•‡ƒŽ ‰”—’’‘†‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹Ǥ Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ ƒ‹‰”—’’‹†‹‰‹‘˜ƒÂ?‹‡ƒ†—Ž–‹‘ˆˆ”‡—Â? ‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?Žƒƒ”‘Žƒ–ƒŽ‡†ƒ’‘–‡” …‘‰Ž‹‡”‡”‹•’‘•–‡…‘Â?…”‡–‡ƒ†‡•‹†‡”‹ ‡„‹•‘‰Â?‹ˆƒ––‹‡Â?‡”‰‡”‡†ƒ‹Â’ÂƒÂ”Â–Â‡Â…Â‹ÇŚ ’ƒÂ?–‹‹Â?”‡Žƒœ‹‘Â?‡ƒŽ–‡Â?ƒƒˆˆ”‘Â?–ƒ–‘Ǥ Š‹Ž‘†‡•‹†‡”ƒ’—Ö’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ƒ‹ Žƒ„‘”ƒ–‘”‹’”‘’‘•–‹ǥ‘’—ÖÂƒÂ”Â”Â‹Â…Â…ÂŠÂ‹ÇŚ ”‡‹Ž„ƒ‰ƒ‰Ž‹‘†‹•–”—Â?‡Â?–‹ˆ‘”Â?ÂƒÂ–Â‹ÇŚ ˜‹‹Â?•—‘’‘••‡••‘…‘Â?“—‡•–ƒ‹Â?–‡nj ”‡••ƒÂ?–‡Â?‡–‘†‘Ž‘‰‹ƒǤÂ?’‡”…‘”•‘ †‹ƒ’’”‡Â?†‹Â?‡Â?–‘…Š‡’‡”Â?‡––ƒ†‹ ’”‘’‘””‡’‡”…‘”•‹†‹‰”—’’‘Ġ—Â? Ž‹˜‡ŽŽ‘Â„ÂƒÂ•Â‡ÇĄ°’‘••‹„‹Ž‡ƒÂ?…Š‡ÂƒÂ–Â–Â”ÂƒÇŚ ˜‡”•‘—Â?…‘”•‘ˆ‘”Â?ƒ–‹˜‘†‹’‘…Š‹ ‰‹‘”Â?‹Ǥ‘”•‹’‹Î‹Â?’‡‰Â?ƒ–‹˜‹Č‹ÂƒÂ†‡•Ǥ ’‡”Žǯ—•‘†‡ŽŽǯ‡•’”‡••‹‘Â?‡Â…Â‘Â”Â’Â‘Â”Â‡ÂƒČŒ •‘Â?‘’‘‹†‹•’‘Â?‹„‹Ž‹’‡”…Š‹˜‘Ž‡••‡ ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹”‡ǤƒÂ?Â‡Â–Â‘Â†Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹ÂƒÇĄ—–‹nj Ž‹œœƒ–ƒ‹Â?—”‘’ƒ†ƒ–‡Â?’‘ǥ–”‘˜ƒ Â?ƒ••‹Â?ƒ†‹ˆˆ—•‹‘Â?‡‹Â?ƒÂ?„‹–‘–‡†‡nj •…‘Ǥ Â? –ƒŽ‹ƒ°•–ƒ–ƒˆ‘Â?†ƒ–ƒÂ?‡Ž͚͙͘͘ ÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒ„‹„Ž‹‘†”ƒÂ?ÇŚ Â?ÂƒÇŁ‹•—‘‹ˆ‘”Â?ƒ–‘”‹‰‹Â?†ƒ†‹˜‡”•‹ ƒÂ?Â?‹”‡ƒŽ‹œœƒÂ?‘…‘”•‹’‡”…ƒ–‡…Š‹•–‹ ‡†ƒÂ?‹Â?ƒ–‘”‹„‹„Ž‹…‹•‹ƒ‹Â?–‡””‹–‘”‹‘ Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡…Š‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â–‡”‘Ǥ

     

/DSHQQDVWLORJUDILFDYDLQVRIILWWD La parola ha un futuro o sarĂ  fagocitata dai gesti e dalle immagini? Come sempre, e su tutti gli argomenti, le opinioni oscillano fra i sĂŹ, i no e i ni. Nel frattempo gli interrogativi si moltiplicano e investono non tanto l’uso o meno della parola, quanto il senso delle parole. A volte si ha l’impressione che il linguaggio esca da un frullatore dopo che ha macinato vocabolari di lingue diverse. Oggi però siamo alle prese con un’altra sďŹ da, quella della scrittura. L’avvento del computer e degli altri strumenti della comunicazione moderna ha ridotto l’uso di penne, biro, matite e generi vari. Aumenta a vista d’occhio il numero dei ragazzi (e degli adulti) che scrivono in stampatello perchĂŠ trovano ostico il corsivo. E non ďŹ nisce qui. Infatti dal prossimo autunno nello Stato americano dell’Indiana i bambini che inizieranno la scuola non avranno piĂš bisogno di portare penne e matite e non dovranno piĂš incominciare a fare le aste perchĂŠ sul banco avranno il computer. In veritĂ  il Dipartimento per l’educazione di

Indianapolis ha sottolineato che la scelta spetterĂ  alle scuole. Ăˆ difďŹ cile pensare che non prevalga la novitĂ  e la semplicitĂ  di una tastiera che sforna lettere e parole senza fatica. E viene il momento degli esperti. Paul Sullivan sostiene che la scrittura a mano “sviluppa anche la capacitĂ  di pronuncia. E aiuta a capire meglio quello che si legge. C’è un legame nel cervello tra la capacitĂ  di imparare queste abilitĂ  e la capacitĂ  di scrivereâ€?. Marshall

ǯ‹Â?˜ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡ –ƒ•–‹‡”‡”‹•…Š‹ƒ†‹ ‡Ž‹Â?‹Â?ƒ”‡Ž‡’‡Â?Â?‡‡ Ž‡Â?ƒ–‹–‡†ƒ‰Ž‹ƒ•–—……‹ †‡‹”ƒ‰ƒœœ‹‡†ƒŽŽ‡ •…”‹˜ƒÂ?‹‡†‡‰Ž‹ƒ†—Ž–‹Ǥ ƒ•‘’”ƒ––—––‘ †‹…ƒÂ?…‡ŽŽƒ”‡Žƒ •…”‹––—”ƒƒÂ?ƒÂ?‘

T. Poe ha ricordato che ci sono voluti 175mila anni prima che l’uomo imparasse a scrivere. “Parlare e ascoltare costa poco – ha spiegato il professore –. Scrivere e leggere, invece, ci costa. E per ragioni che ancora non conosciamo ci sarĂ  sempre una minoranza di bambini che non riusciranno mai a scrivereâ€?. Ma su una cosa gli evoluzionisti sono d’accordo: la scrittura a mano è tra quelle poche cose che ci distinguono come specie. Una tv locale dell’Indiana ha raccolto

l’indignazione degli anziani: “E quando si tratterĂ  di ďŹ rmare un assegno?â€?. Quelli favorevoli rispondono che quando questi bambini avranno l’etĂ  di usarli si pagherĂ  tutto col telefonino. “La veritĂ  è che i professori ormai da tempo avevano smesso di insegnare a scrivere a manoâ€?, ha detto Andree Anderson dell’Indiana University. “Non era considerata una prioritĂ . E intanto la scrittura dei nostri studenti è diventata atroceâ€?. Sto scrivendo queste parole sul

computer e le copio dai fogli che ho scritto a mano perchĂŠ non mi riesce di scrivere direttamente sul computer. O, meglio, lo faccio ma soltanto per cronache brevi e scontate. Se si tratta di riessioni, anche semplici, non riesco a concentrarmi perchĂŠ la tastiera richiede un’attenzione che non è necessaria per la penna che scorre piĂš facilmente, sotto dettatura del cervello (quando c’è). Ho l’impressione che la scrittura diretta sul computer comporti uno stile freddo e meccanico. Opinione personale. Devo dire che mi ha colpito il fatto che nel giorno in cui ho letto la notizia, lo stesso giornale, qualche pagina piĂš in lĂ , riferiva che giovedĂŹ 14 luglio da Sotheby’s, a Londra, si batteva all’asta il manoscritto di “The Watsonsâ€? di Jane Austen (fra le scrittrici che preferisco, per quel che vale la mia opinione) 68 pagine vergate a mano in una calligraďŹ a squisita, minuta, precisa. Belle da vedere. E penso al legame tra la scrittura e la personalitĂ  dello scrivente. Cancellato dalla omologazione di una battitura a macchina. Ăˆ solo nostalgia? Non penso.


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͘Í&#x;

‡‘”‹‰‹�‹ �ƒ”‡ƒŽ–�”ƒ†‹…ƒ–ƒ•—Ž–‡””‹–‘”‹‘



 

A Brescia il Coordinamento delle famiglie affidatarie è sorto ufficialmente nel 2005 e, gestito da famiglie affidatarie (che hanno sperimentato l’esperienza dell’affido), unisce tre associazioni: le famiglie di Cana con sede a Lograto (presidente Angelo Bulgarini); l’associazione l’affido a Carpenedolo (presidente Maria Panizza); l’Abfa (Associazione bresciana famiglie affidatarie) a Capriolo con la presidente Fabrizia Quecchia.

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

Entro fine anno dovrebbe nascere, per coprire maggiormente il territorio, un ulteriore gruppo che faccia capo alla cittĂ  di Brescia. Il Coordinamento delle famiglie affidatarie si può trovare presso Cascina BotĂ  (all’interno dello “Spazio Famigliaâ€? del Comune), in via S. Zeno 174 (accanto al PalaBrescia). Il lunedĂŹ, il mercoledĂŹ, il giovedĂŹ (solo il pomeriggio) e il venerdĂŹ dalle 9.30 alle 12.30 è aperto lo sportello. Per ricevere informazioni, si può

contattare il numero 0303531078 (famiglieaffidatarie@yahoo.it). Fra le attività dell Coordinamento, si segnala anche l’organizzazione di convegni e la promozione di campagne di sensibilizzazione sul tema dell’affido. A questo proposito va precisato che i genitori sono disponibili anche a tenere serate o incontri di formazione negli oratori o nelle associazioni, perchÊ la testimonianza diretta vale di piÚ di mille parole scritte su carta.



”‡•…‹ƒ‘‘”†‹�ƒ�‡�–‘ˆƒ�‹‰Ž‹‡ƒˆˆ‹†ƒ–ƒ”‹‡

8QVRVSHUOHIDPLJOLH LEDPELQLYLFHUFDQR Â?…Š‡Â?‡Ž”‡•…‹ƒÂ?‘•‹•‡Â?–‡ˆ‘”–‡‹Ž„‹•‘‰Â?‘†‹–”‘˜ƒ”‡†‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ȋ•‡Â?œƒŽ‹Â?‹–‹†‹‡–Â?ČŒÂ?ƒƒÂ?…Š‡†‡‹•‹Â?‰Ž‡…Š‡•‹ Â?‡––ƒÂ?‘‹Â?‰‹‘…‘’‡”Â‘ÂˆÂˆÂ”Â‹Â”Â‡ÇĄ–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒÂ?‡Â?–‡ǥƒˆˆ‡––‘ƒ†‡‹”ƒ‰ƒœœ‹ƒŽŽ‘Â?–ƒÂ?ƒ–‹†ƒŽ”‹„—Â?ƒŽ‡†ƒŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡Â?ƒ–—”ƒŽ‹    

6

ono tanti i bambini che anche solo per un tempo limitato hanno bisogno di sentire il calore di una famiglia affidataria. Sono tanti i bambini che soffrono situazioni difficili. Oggi piĂš di ieri, verrebbe da dire, se si pensa alle cause di separazioni e divorzi anche traumatici ma anche alla crisi economica che ha impoverito le famiglie. L’esperienza dell’affido familiare in Italia funziona da piĂš di 30 anni, ma è ancora poco conosciuta. La famiglia affidataria è una famiglia un po’ “specialeâ€? che deve essere pronta a essere una famiglia aperta, perchĂŠ il bambino porta se stesso, il suo vissuto e il tessuto sociale del suo territorio. Ăˆ bello pensare che la famiglia affidataria svolge un servizio sociale: la comunitĂ  gli affida un bambino perchĂŠ lo possa crescere in un luogo protetto. Solitamente il Tribunale dei minori seleziona lo strumento dell’affido (due anni piĂš altri due anni, ma non sono infrequenti i casi di ragazzi che arrivano alla maggiore etĂ  o restano per sempre con la famiglia affidataria) per cercare poi di riportare – laddove è possibile – il bambino all’interno del nucleo familiare naturale. Attualmente sono coinvolte nel coordinamento bresciano un centinaio di famiglie affidatarie, ma l’obiettivo è quello di coinvolgerne altre – anche

  

   

ƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒƒˆˆ‹†ƒ–ƒ”‹ƒ •˜‘Ž‰‡—Â?”—‘Ž‘Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇŁ Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â?‰Ž‹ƒˆˆ‹†ƒ —Â?„ƒÂ?„‹Â?‘’‡”…Š¹Ž‘ ’‘••ƒ…”‡•…‡”‡‹Â?—Â? Ž—‘‰‘’”‘–‡––‘ attraverso l’ausilio di campagne di sensibilizzazione (l’ultima realizzata con il Comune di Brescia aveva come slogan “Un bambino vi cercaâ€?) – per avere una rosa piĂš ampia per la destinazione dei bambini. Il

Coordinamento permette anche di non essere “soliâ€? e di condividere un percorso in questa difficile opera educativa: la difficoltĂ , spesso, è maggiore nella fase dell’adolescenza e della preadolescenza. Non può essere una esperienza relegata alla sola sfera privata, perchĂŠ altrimenti rischierebbe di schiacciare sotto il peso delle responsabilitĂ  i protagonisti della vicenda. Singolare l’esperienza nel Bresciano di alcune coppie di giovani pensionati che decidono di mettersi nuovamente in gioco, portando la loro esperienza, diventando famiglie affidatarie. Il

Coordinamento delle famiglie bresciane coltiva anche il sogno di uno spazio accogliente che possa essere un luogo ideale per far incontrare le famiglie di origine e le famiglie affidatarie. La struttura dell’affido è una risposta a un problema sociale che può anche diventare (se non controllato) un problema economico per le casse dello Stato: intervenire oggi praticamente a costo zero, significa evitare un domani di avere persone difficili da gestire. Può sembrare un’analisi un po’ materialista, ma trova radici nella quotidianità.

 

    

'RQ3LHWUREHOOLSUHVWREHDWR" Borgo San Giacomo è sempre stato terra fertile di vocazioni sacerdotali. Fra tutti i sacerdoti nati in questo paese, il piĂš conosciuto è stato certamente don Angelo Pietrobelli. A questo proposito, pochi mesi or sono si è costituito, sotto l’impulso decisivo del parroco locale don Renato Baldussi, un Comitato con lo scopo preciso di promuovere la richiesta, da sottoporre al Vescovo di Brescia, di beatiďŹ cazione di questo sacerdote

originario della comunitĂ  gabianese. Angelo Pietrobelli era nato a Borgo San Giacomo il 13 marzo del 1908. Ha donato molto alla Chiesa bresciana ed ai poveri in tanti modi: consulente ecclesiastico del Movimento ciechi, assistente dell’Associazione dei familiari del clero, superiore delle Suore del “Buon Pastoreâ€?, assistente della Compagnia delle Figlie di S. Angela Merici, assistente dei malati della Casa di Dio, fondatore della Caritas

vescovile, assistente spirituale della Cooperativa Radio Taxi di Brescia, assistente spirituale della Associazione Alpini, cappellano del Carcere Giudiziario di Canton Mombello. La straordinaria vita di don Angelo ebbe anche, negli anni, riconoscimenti ufďŹ ciali che ne premiavano la dedizione all’uomo ispirata dal profondo senso religioso. Fra questi, si ricorda in particolare il Premio Bulloni ricevuto nel 1992.

ÇŻÂƒÂˆÂˆÂ‹Â†Â‘ ‡–ƒÂ?–‡Â?‘†ƒŽ‹–Â? †‹—Â?•‡”˜‹œ‹‘

Â?—Â?’”‘…‡••‘†‹ƒˆˆ‹†‘Žƒ ’”‹‘”‹–Â?°“—‡ŽŽƒ†‹…‘Â?‘•…‡”‡ Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ƒˆˆ‹†ƒ–ƒ”‹‡’‡” Â?‘Â?ƒÂ?†ƒ”‡‹Â?…‘Â?–”‘ƒ—Â? ˆƒŽŽ‹Â?‡Â?–‘ǣ’‡”‹Ž„ƒÂ?„‹Â?‘…Š‡ Šƒ‰‹Â?•‘ˆˆ‡”–‘‡’‡”ŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ ƒˆˆ‹†ƒ–ƒ”‹ƒ…Š‡’‘–”‡„„‡ …‘Â?•‹†‡”ƒ”•‹DzÂ?‘Â?‹†‘Â?Â‡ÂƒÇłƒ •˜‘Ž‰‡”‡“—‡•–‘…‘Â?’‹–‘…‘•¿ †‡Ž‹…ƒ–‘Â?ƒ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡Ǥ……‘ ƒŽŽ‘”ƒ…Š‡‹Ž…‘Â?–ƒ––‘…‘Â?Ž‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡•‹‡•’Ž‹…ƒ‹Â?—Â?’”‹Â?‘ …‘ŽŽ‘“—‹‘†‹…‘Â?‘•…‡Â?œƒƒŽ “—ƒŽ‡Â?‡•‡‰—‘Â?‘ƒŽ–”‹†—‡ …‘Â?‰Ž‹‘’‡”ƒ–‘”‹ȋ—Â?ǯ°“—‹’‡ †‹’•‹…‘Ž‘‰‹‡Â’Â•Â‹Â…Â‘Â–Â‡Â”ÂƒÂ’Â‡Â—Â–Â‹ČŒ …Š‡•‘Â?†ƒÂ?‘Ž‡”‡ƒŽ‹ Â?‘–‹˜ƒœ‹‘Â?‹†‡ŽŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒǤ —……‡••‹˜ƒÂ?‡Â?–‡°’”‡˜‹•–‘—Â? …‘”•‘†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹“—ƒ––”‘ •‡”ƒ–‡ƒŽ–‡”Â?‹Â?‡†‡ŽŽ‡“—ƒŽ‹ ˜‹‡Â?‡ˆƒ––ƒ—Â?ƒ˜ƒŽ—–ƒœ‹‘Â?‡†ƒ ‹Â?˜‹ƒ”‡ƒŽ…‡Â?–”‘ƒˆˆ‹†‹†‡ŽŽǯ•Žǣ •‡ÂŽÇŻ•Ž…‘Â?…‡†‡Žǯ‹†‘Â?‡‹–Â? ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂˆÂˆÂ‹Â†Â‘ÇĄŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‡Â?–”ƒ Â?‡ŽŽƒ„ƒÂ?…ƒ†ƒ–‹’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡‡‹Â? “—‡ŽŽƒ†‡Ž‘‘”†‹Â?ƒÂ?‡Â?–‘ǤÂ?ƒ ˜‘Ž–ƒ‹Â?†‹˜‹†—ƒ–‡Ž‡”‹•‘”•‡†‡ŽŽ‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡’‹Î…‘Â?’ƒ–‹„‹Ž‹…‘Â?Ž‡ ‡•‹‰‡Â?œ‡†‡ŽÂ?‹Â?‘”‡•‹’”‘…‡†‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂˆÂˆÂ‹Â†Â‘Ç¤‹’ƒ”Žƒ†‹ƒˆˆ‹†‘ …Žƒ••‹…‘Č‹Âƒ–‡Â?’‘’‹‡Â?‘’‡”—Â? ’‡”‹‘†‘†‹–‡Â?’‘†‡–‡”Â?‹Â?ƒ–‘ †ƒŽ”‹„—Â?ÂƒÂŽÂ‡ČŒÇĄ†‹ƒˆˆ‹†‘†‹—”Â?‘ǥ Â?ƒƒÂ?…Š‡†‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…Š‡ˆƒÂ?Â?‘ ’”‘Â?–‘‹Â?–‡”˜‡Â?–‘Č‹ÂƒÂ?…Š‡ ’‡”—Â?Žƒ••‘†‹–‡Â?’‘Â?‘Ž–‘ Â„Â”Â‡Â˜Â‡ČŒ’‡”‹„ƒÂ?„‹Â?‹†ƒœ‡”‘ ƒ–”‡ƒÂ?Â?‹…Š‡Â?‡…‡••‹–ƒÂ?‘ —Â?ÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?œ‹‘Â?‡‹Â?Â?‡†‹ƒ–ƒ ‡†‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡Â†ÇŻÂƒÂ’’‘‰‰‹‘Ǥ —‡•–ǯ—Ž–‹Â?ƒ”‡ƒŽ–Â?° •’‡”‹Â?‡Â?–ƒ–ƒ…‘Â?•—……‡••‘ ‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ƒÂƒÂ’”‹‘Ž‘ǣŽ‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ƒ’’‘‰‰‹ƒÂ?‘ƒŽ–”‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…Š‡ƒ––”ƒ˜‡”•ƒÂ?‘ —Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?‡† ‡˜‹–ƒÂ?‘…Š‡•‹’‘••ƒ˜‡”‹ˆ‹…ƒ”‡ ÂŽÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‘Â?–ƒÂ?ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽÂ?‹Â?‘”‡ †ƒŽÂ?—…Ž‡‘ˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡†‹ ‘”‹‰‹Â?‡ǤƒƒÂ?…Š‡’”‡…‹•ƒ–‘ …Š‡Â?‘Â?…ǯ°—Â?Ž‹Â?‹–‡†ǯ‡–Â? ‡…Š‡ŽƒÂ?‘”Â?ƒ–‹˜ƒ…‘Â?…‡†‡ ÂŽÇŻÂƒÂˆÂˆÂ‹Â†Â‘ƒÂ?…Š‡ƒ‹•‹Â?‰Ž‡Ǥ‡” ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǥ•‹’—Ö…‘Â?–ƒ––ƒ”‡ ‹ŽÂ?—Â?‡”‘͛͛͘͘Í?͙͛͘Í&#x;͠Ǥ


͘͠

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

Š‡†‹ ‡Ž‘Â?‘ǣDz‡Â?‘•–”‡’‹ƒœœ‡Â?‘Â?ŠƒÂ?Â?‘Â?—ŽŽƒ†‹‡—”‘’‡‘dz Una petizione “Piazze storiche aperte alle personeâ€? a favore della pedonalizzazione del nostro centro cittadino. “Si tratta di una mozione – spiega Paolo Vitale, portavoce del gruppo Ecodem – avanzata da una quindicina di movimenti e associazioni con la quale si chiede che le piazze del centro storico, piazza Vittoria, piazza Loggia e l’adiacente bella Italia, piazza Rovetta, piazza Paolo VI con il cortile del Broletto e piazza del Mercato, non siano piĂš adibite a

parcheggio per auto ma diventino a tutti gli effetti Ztl riservate ai residenti delle piazze stesse e delle vie limitrofe 24 ore su 24, in quanto luoghi di socializzazione e di valenza artistico-monumentaleâ€?. Una petizione che ha raccolto alla ďŹ ne di febbraio oltre 300 ďŹ rme in due ore, ma che non è stata ancora sottoposta ad approvazione, quando avrebbe dovuto essere votata entro 60 giorni. Nella conferenza stampa Giorgio De Martin, coordinatore cittadino

del Pd, punta il dito anche su una macchina molto costosa, installata per aspirare aria e per rimetterla in circolo senza Pm 10, che contrasta con una piazza ridotta a parcheggio. “Come si può ben vedere – precisa Emilio Del Bono, capogruppo del Pd in Loggia – le nostre piazze non hanno nulla di europeo, intasate come sono di automobili a tutte le ore. La colpa è della politica schizofrenica della giunta Paroli che prima per un anno e mezzo sbandiera un ‘piano sosta’ da ‘libera

auto in libera città’, poi cambia rotta e va verso una pedonalizzazione radicale, almeno nelle intenzioni. Il progetto di pedonalizzare a metà, in questo primo step, piazza Duomo e corso Mameli è da noi pienamente condiviso. Valuteremo di volta in volta i passi seguenti in quanto ci sembra che la politica della giunta Paroli cozzi ancora con troppi elementi di contraddizione. Se la giunta si avvierà su una strada europea avrà il nostro appoggio�. (v.b.)

  ”‡•…‹ƒ……‘”†‘…‘�‹Ž‡�–”‘ƒ‹—–‘ƒŽŽƒ˜‹–ƒ

/DYLWDSULPD GLRJQLDOWUDFRVD ƒ”‡‰‹•–”ƒ–ƒ—Â?ƒ’‘•‹–‹˜ƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡–”ƒÂ’Â—Â„Â„ÂŽÂ‹Â…Â‘ÇŚÂ’Â”Â‹Â˜ÂƒÂ–Â‘•‘…‹ƒŽ‡Č‹Â‡Â…Â…ÂŽÂ‡Â•Â‹ÂƒÂŽÂ‡ČŒ ƒˆƒ˜‘”‡†‡ŽŽƒ–—–‡Žƒ†‡ŽŽƒÂ?ƒ–‡”Â?‹–Â?‡†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ—Â?ƒÂ?ƒƒŽ•—‘‹Â?‹œ‹‘  



,

l Comune di Brescia ha firmato un accordo (da giugno 2011 a marzo 2012 per un esborso di 85mila euro) con l’associazione Centro aiuto alla vita (Cav) per le gestanti in difficoltà. Il servizio è rivolto alle donne residenti a Brescia, che necessitino di aiuto e di ascolto finalizzato alla prevenzione dell’interruzione della gravidanza e sostegno alla maternità. Le donne potranno accedere spontaneamente o su segnalazione dei Servizi sociali, di privati cittadini, di gruppi parrocchiali e associazioni, consultori familiari, enti ospedalieri ecc. L’Associazione svolgerà l’attività di supporto e di sostegno a favore delle donne e dei loro bambini da zero a un anno, impegnandosi ad accogliere le richieste spontanee di sostegno e valutazione del bisogno e attivando, ove opportuno, i sostegni relazionali ed economici. Non va trascurato il ruolo che potrà essere esercitato dalla rete sociale parentale, amicale, di vicinato, parrocchiale, associativa ecc. Il sostegno si esplica in generi di prima necessità (pacchi alimentari e vestiario; corredi per bambini; latte in polvere, pannolini...) individuando anche una sede idonea per la consegna. L’accordo prevede anche una collaborazione tra il Cav e il Comune: il Cav potrà segnala-

‡ˆ‹Â?‹–‹‹”ƒ’’‘”–‹–”ƒ ‹Ž‘Â?—Â?‡†‹”‡•…‹ƒ ‡ÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡†‹ ˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘‡Â?–”‘ ƒ‹—–‘ƒŽŽƒ˜‹–ƒƒˆƒ˜‘”‡ †‹‰‡•–ƒÂ?–‹‹Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â? re ai Servizi sociali le situazioni in difficoltĂ  per le quali non è stato possibile l’attivazione di adeguati sostegni economici, socio-sanitari

e/o educativi da parte della stessa Associazione. Nei casi di maggiore complessità e bisogno economicosociale (es. donne sole senza diritto a ricevere assegno di maternità o altri benefici previsti dalla legge) nella strutturazione ed attuazione di progetti individualizzati, i due contraenti (Comune e Cav) concorderanno tempi e rispettivi ruoli, tramite una condivisione operativa e definizione del progetto con l’assistente sociale referente. Le famiglie seguite dal Centro aiuto alla vita potranno altresÏ accedere al Banco alimentare dell’Associazione Bimbo chiama Bimbo di Brescia per le necessità dei bambini da zero a sei mesi, sulla base degli accordi stipulati dal Comune con la medesima Associazione. Per la gestione delle attività oggetto della convenzione, l’Associazione si avvarrà di proprio personale volontario e/o professionista. L’Associazione si impegna altresÏ a contrarre, per il personale volontario, apposita polizza assicurativa con massimali congrui, per i danni che potrebbero derivare agli operatori stessi durante l’esecuzione del servizio o questi causare agli utenti, esonerando il Comune da ogni responsabilità in merito. Il Comune, invece, metterà a disposizione due unità abitative (monolocali e bilocali) da destinare a situazioni d’emergenza.

ÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡

�•‘……‘”•‘†‡ŽŽ‡ †‘��‡‹�†‹ˆˆ‹…‘Ž–�

ÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡‡Â?–”‘ƒ‹—–‘ƒŽŽƒ ˜‹–ƒÂ”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ–ƒ†ƒŽ •—‘’”‡•‹†‡Â?–‡ ƒ„”‹‡Ž‡ƒÂ?Â‘ÂŽÂƒÇĄ °—Â?ƒ”‡ƒŽ–Â?…‘Â?•‘Ž‹†ƒ–ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”nj Â?‘†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ…‹––Â?Ǥ‡ŽŽƒ“—‘–‹nj †‹ƒÂ?‹–Â?…‡”…ƒ†‹‘ˆˆ”‹”‡ƒŽŽ‡†‘Â?ÇŚ Â?‡—Â?ƒ‹—–‘‡—Â?ƒ•…‘Ž–‘ÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄ …‘Â?†‹˜‹†‡Â?†‘Ž‡Ž‘”‘’”‘„Ž‡Â?ÂƒÇŚ –‹…Š‡ǥ’”‘Â?—‘˜‡Â?†‘Žƒ‰”ƒ†—ƒŽ‡ ƒ—–‘Â?‘Â?‹ƒ†‡ŽŽƒ†‘Â?Â?ÂƒČ€ÂˆÂƒÂ?‹‰Ž‹ƒ ‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â—Â?œ‹‘Â?‡…‘Â?’‡–‡Â?–‡†‡Ž ”—‘Ž‘‰‡Â?‹–‘”‹ƒŽ‡‹Â?—Â?…‘Â?–‡•–‘ †‹Â?‹‰Ž‹‘”ƒ–ƒ•‡”‡Â?‹–Â?‡•–ƒ„‹Ž‹–Â?Ǥ ”‘Â?—‘˜‡ƒÂ?…Š‡ƒ––‹˜‹–Â?ƒÂˆÂƒÂ˜Â‘ÇŚ ”‡†‹†‘Â?Â?‡‹Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?‹Â?•–ƒ–‘ †‹‰”ƒ˜‹†ƒÂ?ÂœÂƒÇĄƒ••‹•–‡Â?†‘Ž‡…‘Â? ‹ŽŽ‘”‘„‹Â?„‘ƒÂ?…Š‡‘Ž–”‡‹ŽÂ’ÂƒÂ”ÇŚ –‘ˆ‹Â?‘ƒŽ’”‹Â?‘ƒÂ?Â?‘†‹‡–Â?†‡Ž Â?‹Â?‘”‡Ǥ‘•–‹‡Â?‡Â?ƒ†”‹‹Â?‰”ƒ˜‡ †‹•ƒ‰‹‘‡…‘Â?‘Â?Â‹Â…Â‘Č€Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡…‘Â?ÂˆÂ‹ÇŚ ‰Ž‹‘†‹‡–Â?‹Â?ˆ‡”‹‘”‡ƒŽ’”‹Â?‘ƒÂ?Â?‘ †‹˜‹–ƒǤ”‰ƒÂ?‹œœƒ”ƒ’’‘”–‹…‘Â?Ž‡

…ƒ•‡†‹ƒ……‘‰Ž‹‡Â?œƒ’‡””ƒ‰ƒœœ‡ Â?ƒ†”‹‡’‡”Â?‹Â?‘”‹ǥ’‡”ÂˆÂƒÂ˜Â‘Â”Â‹ÇŚ ”‡‹ŽŽ‘”‘”‡‹Â?•‡”‹Â?‡Â?–‘•‘…‹ƒŽ‡Ǥ ˆˆ”‡ƒ––‹˜‹–Â?†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ Â?ƒ–‡”Â?‹–Â?nj‰‡Â?‹–‘”‹ƒŽ‹–Â?Ǥ ‹‘……—’ƒ†‹‹Â?•‡”‹Â?‡Â?–‘•‘…‹ƒŽ‡ ‡ƒÂ?…Š‡ƒ„‹–ƒ–‹˜‘‹Â?Â…Â‘ÂŽÂŽÂƒÂ„Â‘Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡…‘Â?‹•‡”˜‹œ‹•‘…‹ƒŽ‹‡Ž‡…ƒ•‡†‹ ƒ……‘‰Ž‹‡Â?œƒ•—Ž–‡””‹–‘”‹‘ǢÂ‘Â”Â‰ÂƒÇŚ Â?‹œœƒÂ?‘Â?‡Â?–‹†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‡ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡’‡”‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹…Š‡ ‘’‡”ƒÂ?‘’”‡••‘‹ƒ˜Ǥ

Â?ˆ‹Â?‡’”‘•‡‰—‡Žǯ‹Â?–—‹œ‹‘Â?‡†‡Ž ”‘‰‡––‘ ‡Â?Â?ÂƒÇĄ…‹‘°ÂŽÇŻÂƒÂ†Â‘ÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡ƒ†‹•–ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ‹Â?…ƒ•‘†‹„‹•‘‰Â?‘ ‡…‘Â?‘Â?‹…‘ǥ†‹”ƒ‰ƒœœ‡Â?ƒ†”‹Â?‡Ž ’”‹Â?‘–”‹Â?‡•–”‡†‹‰”ƒ˜‹†ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ ’‡”’”‡˜‡Â?‹”‡ÂŽÇŻÂƒÂ„‘”–‘Ǥ ˜‘Ž‰‡ƒÂ?…Š‡—Â?ÇŻÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹Â–Â?†‹•—’nj ’‘”–‘’•‹…‘Ž‘‰‹…‘’‡”Ž‡†‘Â?Â?‡ …Š‡ ’”‡•‡Â?–ƒÂ?‘ —Â?ƒ •‹Â?†”‘Â?‡ Â’Â‘Â•Â–ÇŚÂƒÂ„Â‘Â”Â–Â‹Â˜ÂƒÇ¤


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

Í˜ÍĄ

‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡—”„ƒÂ?‹•–‹…ƒ ƒDzÂ?Â—Â‘Â˜ÂƒÇł‘Ž‹ƒÂ?„—ŽƒÂ?œƒ•‹’”‡•‡Â?–ƒƒŽŽƒ…‹––Â? L’audizione in Commissione urbanistica del direttore generale della Poliambulanza Enrico Zampedri (nella foto) è stata l’occasione per presentare il progetto di ampliamento della Fondazione Poliambulanza. Dal gennaio 2010 con l’acquisizione del Sant’Orsola, la Poliambulanza mira a fare di due realtĂ  attive nell’ambito della sanitĂ  cattolica una realtĂ  ancora piĂš grande. L’obiettivo è quello di raggiungere una migliore efďŹ cienza clinica,

operativa e gestionale per favorire lo sviluppo delle eccellenze. Per migliorare la qualità dei servizi si prevede un piano a lungo termine. Non si può non citare, poi, la garanzia dei livelli occupazionali per i circa 1800 dipendenti. Il progetto prevede la realizzazione di nuovi posti letto (oggi sono 400 in Sant’Orsola e 360 in Poliambulanza): a regime l’unione delle due strutture porterà a 650 posti letto con l’attenzione ai nuovi bisogni. Il tutto senza

perdere di vista una presenza storica (90mila persone ogni anno accedono ai servizi ambulatoriali dei Fatebenefratelli). Fino all’estate 2013 resteranno nell’attuale sede, poi sarĂ  scelta un’atra localizzazione. Il piano d’intervento architettonico (2010-2013) prevede: la realizzazione di un nuovo ediďŹ cio a torre di cinque piani destinato ad accogliere l’incremento dei posti letto; l’ampliamento del Pronto Soccorso con lo spostamento dell’ingresso e dell’elisuperďŹ cie; la

realizzazione del nuovo ingresso principale della struttura, di una nuova sala convegni e di una cappella; la realizzazione di una nuova piastra per il nuovo blocco operatorio, le terapie intensive e il blocco parto; un nuovo parcheggio multipiano destinato ai dipendenti; lo sviluppo di una struttura ambulatoriale in centro storico denominata Poliambulanza Centro. Sul sito www.radiovoce.it si può ascoltare l’intervista integrale al direttore generale Enrico Zampedri.

”‡•…‹ƒ‘„‹Ž‹–�‹Žƒ�…‹‘†‡ŽŽ‡ƒ––‹˜‹–�

)DUHVLVWHPD qQHFHVVDULR ‡…‘Â?†‘‹Ž’”‡•‹†‡Â?–‡†‡ŽŽƒ•‘…‹‡–Â?ÇĄƒŽ‡”‹‘”‹‰Â?ÂƒÂ…ÂŠÂ‹ÇĄ•‘Ž‘…‘•¿•‹’—ÖÂ?‹‰Ž‹‘”ƒ”‡ Žƒ…‘Â?’‡–‹–‹˜‹–Â?†‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–Â?„”‡•…‹ƒÂ?ƒ†‡‹–”ƒ•’‘”–‹‡‹•‡”˜‹œ‹ƒ‹…‹––ƒ†‹Â?‹   

/

La mobilitĂ  a Brescia tra progetti e analisi dei risultati. Ăˆ stato presentato il rapporto sulle attivitĂ  del gruppo nell’anno 2010. I presidenti delle quattro societĂ  del gruppo, Valerio Prignachi per Brescia MobilitĂ , Andrea Gervasi per Brescia Trasporti, Giovanna Prandini di Sintesi e Marco Medeghini di Omb, hanno esposto ciascuno i risultati ottenuti e i progetti avviati lo scorso anno con l’obiettivo dichiarato di trasparenza nei confronti del Comune, azionista principale del gruppo, e dei cittadini di Brescia. L’intervento iniziale di Prignachi ha posto l’accento sulla necessitĂ  di fare sistema per migliorare la competitivitĂ  della realtĂ  bresciana dei trasporti e i servizi ai cittadini: “Le partecipate del gruppo svolgono molteplici funzioni sempre piĂš integrate tra loro per cercare di far vivere meglio la cittĂ  nel connubio tra trasporto privato e pubblico, in un momento in cui il territorio è attraversato da

Â‡Â”Â˜ÂƒÂ•Â‹ÇŁDzˆ”‘Â?–‡†‹—Â?ƒ †‹Â?‹Â?—œ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ—•‘ †‡‹„‹‰Ž‹‡––‹•‹Â?‰‘Ž‹ǥ ƒ„„‹ƒÂ?‘ƒ˜—–‘ Â?ˆ‘”–‡‹Â?…”‡Â?‡Â?–‘ †‡‰Ž‹ƒ„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‹dz importanti rivoluzioni del sistema di viabilitĂ â€?. Successivamente la parola è passata a Gervasi che ha illustrato la situazione di Brescia Trasporti e le sue prospettive di espansione sulle tratte cittadine: “A fronte di una diminuzione dell’uso di biglietti singoli, abbiamo avuto lo scorso anno un forte incremento degli abbonamenti, segno che i bresciani stanno prendendo sempre piĂš consuetudine con il trasporto pubblico. Il costo dei biglietti è aumentato, ma in compenso sono state mantenute le esenzioni per le categorie che in precedenza ne usufruivano. Ora ci aspetta una

ristrutturazione generale delle linee, soprattutto a nord-ovest della cittĂ , dove siamo un po’ carenti. L’ultimo aspetto da sottolineare è l’attenzione all’ambiente: una quota sempre maggiore dei nostri automezzi, infatti, è alimentata a metanoâ€?. Per quanto riguarda Sintesi, cui spetta la gestione dei parcheggi in struttura, grande attenzione viene dedicata alla sicurezza e al mondo universitario. “Quest’anno abbiamo lanciato due progetti – racconta la presidentessa Prandini – uno legato alla sicurezza nei parcheggi e al potenziamento degli help point, mentre un altro si rivolge agli studenti universitari, in cittĂ  quasi 18mila, con app dedicate per android e i-phone oltre ad abbonamenti e riduzioni per i parcheggi nelle vicinanze delle facoltĂ , come Fossa Bagniâ€?. L’ultima relazione è toccata a Medeghini di Omb, la societĂ  che produce strumenti di raccolta rifuti, ultima acquisita da Brescia MobilitĂ : “Dopo che nel 2009 abbiamo attuato una strategia di rilan-

 



cio, lo scorso anno ci siamo consolidati soprattutto nei mercati mondiali dove prevale la meccanizzazione della raccolta di rifiutiâ€?. In chiusura un’ altra affermazione di Prignachi sottolinea quella che vuole essere una delle particolaritĂ  del gruppo nel rapporto con l’utenza: “A differenza delle aziende private – puntualizza – cerchiamo di conciliare una necessaria autonomia finanziaria, attenta alle logiche di mercato, con il rispetto e il servizio nei confronti dei cittadiniâ€?.

ƒŽ‡”‹‘”‹‰Â?ÂƒÂ…ÂŠÇŁ Dz†‹ˆˆ‡”‡Â?œƒ†‡ŽŽ‡ ƒœ‹‡Â?†‡Â’Â”Â‘Â˜ÂƒÂ–Â‡ÇĄ …‡”…Š‹ƒÂ?‘†‹…‘Â?…‹Ž‹ƒ”‡ —Â?ƒÂ?‡…‡••ƒ”‹ƒ ƒ—–‘Â?‘Â?‹ƒˆ‹Â?ƒÂ?ÂœÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇĄ ƒ––‡Â?–ƒƒŽŽ‡Ž‘‰‹…Š‡†‹ Â?Â‡Â”Â…ÂƒÂ–Â‘ÇĄ…‘Â?‹Ž”‹•’‡––‘ ‡‹Ž•‡”˜‹œ‹‘Â?‡‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‹ †‡‹…‹––ƒ†‹Â?‹dz

‡ƒ–‘ƒŽƒœœ‘Ž‘‘˜‹–� 

,O0HHWLQJGHOOLEUR XVDWRVEDUFDLQFLWWj

”‡•…‹ƒ Â”Â…ÂƒÇŁÂ?ƒ•…‡—Â?Â?—‘˜‘Â?‘˜‹Â?‡Â?–‘Ž‡‰ƒ–‘ ƒ‹˜ƒŽ‘”‹†‡ŽŽƒ…‹˜‹Ž–Â?”—”ƒŽ‡ ÂƒÂ–Â”Â‹ÂƒÇĄˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄÂŽÂƒÂ˜Â‘Â”Â‘ÇĄ•—••‹†‹ƒ”‹‡–Â?ÇĄ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹…”‹•–‹ƒÂ?‡Ǥ‘Â?‘ ‹˜ƒŽ‘”‹†‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘†‹‹˜‹Ž–Â?”—”ƒŽ‡…ƒ……‹ƒƒÂ?„‹‡Â?–‡Č‹Â”Â…ÂƒČŒÇĄ‹Ž Â?—‘˜‘Â?‘˜‹Â?‡Â?–‘’‘Ž‹–‹…‘Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ†‹…—‹ˆƒÂ?Â?‘’ƒ”–‡ÂƒÂ‰Â”‹…‘Ž–‘”‹ǥ ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â˜ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄÂ…ÂƒÂ…Â…Â‹ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄÂ’Â‡Â•Â…ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄƒÂ?ƒÂ?–‹†‡ŽŽ‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹‡†‹–—––‹ Ž‡‰ƒ–‹ƒ‹˜ƒŽ‘”‹–‹’‹…‹†‡ŽŽƒ…‹˜‹Ž–Â?”—”ƒŽ‡ǤDz ÂŽÂ?‘•–”‘Â?‘˜‹Â?‡Â?–‘ Č‚”ƒ……‘Â?–ƒ—‰‡Â?‹‘ÂƒÂ•Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄ–”ƒ‹ˆ‘Â?†ƒ–‘”‹†‹”…ƒČ‚Â?ƒ•…‡’‡” ƒ‰‰”‡‰ƒ”‡‹ŽÂ?‘Â?†‘”—”ƒŽ‡…Š‡°‘‰‰‹‹Â?†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?ƒ…ƒ—•ƒ†‡ŽŽƒ ˆ‘”–‡…”‹•‹†‹˜ƒŽ‘”‹Ǥ‘‹ƒ’’ƒ”–‡Â?‹ƒÂ?‘ƒ–—––‹‹…‡–‹Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ•‹ƒÂ?‘ ‹•’‹”ƒ–‹ƒŽ’‡Â?•‹‡”‘‡ƒŽŽƒ…—Ž–—”ƒÂ”Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‡”‹–‡Â?‹ƒÂ?‘…Š‡—Â? –ƒŽ‡…‘Â?’‘”–ƒÂ?‡Â?–‘’‘Ž‹–‹…‘˜‘‰Ž‹ƒˆƒ”’”‡˜ƒŽ‡”‡‹Ž’‡Â?•‹‡”‘ Â?‡–”‘’‘Ž‹–ƒÂ?‘˜‡–‡”‘ƒÂ?‹Â?ƒŽ‹•–ƒ”‹•’‡––‘ƒŽŽƒ…‹˜‹Ž–Â?”—”ƒŽ‡…Š‡ ƒÂ?Â?‘˜‡”ƒ–”ƒ‹•—‘‹ˆ”—‹–‘”‹‹…ƒ……‹ƒ–‘”‹‡‹Â’Â‡Â•Â…ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇłÇ¤‹Â?‡––‡”‡ Žǯ—‘Â?‘ƒŽ…‡Â?–”‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡‡†‡Ž’‡Â?•‹‡”‘Ǥ—‡•–‘•‹’”‡ˆ‹‰‰‡‹Ž Â?‘˜‹Â?‡Â?–‘ǥ…Š‡‹Â?’‘…Š‹Â?‡•‹ȋŽ‡‹•…”‹œ‹‘Â?‹•‘Â?‘•…ƒ––ƒ–‡‹Â?Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ČŒ Šƒ‰‹Â?•—’‡”ƒ–‘Ž‡Í Í?͘͘ƒ†‡•‹‘Â?‹‹Â?–—––ƒŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡•…‹ƒǤ Â?‡–Â?Ž—‰Ž‹‘ƒŽŽƒƒÂ?‡”ƒ†‹‘Â?Â?‡”…‹‘°ƒÂ?†ƒ–ƒ‹Â?•…‡Â?ƒŽƒ’”‹Â?ƒ ƒ••‡Â?„Ž‡ƒ†‹Â”Â…ÂƒÇĄ’”‡•‹‡†—–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‘…ƒ–‘Â?œ‘‘•‹‘ǥ•‘…‹‘ ˆ‘Â?†ƒ–‘”‡†‡ŽÂ?‘˜‹Â?‡Â?–‘ǤDz‡Â?‹ƒÂ?‘ƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ”‡Č‚ƒ‰‰‹—Â?‰‡ ƒ•‡ŽŽƒČ‚…Š‡ŽƒÂ?‘•–”ƒ„ƒ––ƒ‰Ž‹ƒÂ?‘Â?°Ž‡‰ƒ–ƒ‡•…Ž—•‹˜ƒÂ?‡Â?–‡ƒŽŽƒ Â…ÂƒÂ…Â…Â‹ÂƒÇĄÂ?ƒƒ–—––‹‰Ž‹ƒ•’‡––‹’‘Ž‹–‹…‹‡Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹ÇłÇ¤

ÇŻ 

ÂŽ–‡Â?ƒ°Dz”ƒ–‡‡Â?‡ ÂŽÇŻÂ‡Â•Â–Â”ÂƒÂ?‡‹–Â?°–‘Ž–ƒǤ‡ ‹‘°†‹˜‡Â?–ƒ–‘—‘Â?‘ ‡†°“—‹‡•‹…‘Â?—Â?‹…ƒ ƒÂ?‘‹ǥ–—‡‹‘•‹ƒÂ?‘—Â?ƒ …‘•ƒÂ•Â‘ÂŽÂƒÇł

Il Meeting del libro usato festeggia la sua nona edizione con una grossa novitĂ : tutte le iniziative del Meeting si spostano a Brescia. La compravendita di libri scolastici usati al 50%, si terrĂ  dal primo settembre presso i locali dell’oratorio “Beato Palazzoloâ€?, in via Claudio Botta 46, zona Palabrescia. Rivolto agli studenti delle Medie e delle Superiori, il Meeting svolge una funzione intermediaria tra chi vende i propri libri usati e chi li acquista. Al termine della manifestazione l’intero ricavato della vendita al 50% del prezzo di copertina viene restituito ai legittimi proprietari, insieme a eventuali libri rimasti invenduti. Di anno in anno il Meeting ha visto un aumento del numero delle persone interessate all’acquisto, alla vendita dei libri o ad entrambi i servizi:

nell’ultima edizione, in particolare, si è registrato l’afflusso massimo di 220 persone al giorno e sono state servite complessivamente piĂš di 1.000 famiglie, raggiungendo all’incirca la cifra di 12.000 libri immagazzinati nel corso del mese di settembre 2010. Accanto alla compravendita è andato sviluppandosi anche un vero e proprio evento culturale: come sempre vi saranno concerti, spettacoli teatrali e conferenze legati da un tema comune che viene espresso nel titolo. Quello dell’edizione 2011 sarĂ : â€œâ€Śtra te e me l’estraneitĂ  è tolta. Se Dio è diventato uomo ed è qui e si comunica a noi, tu e io siamo una cosa solaâ€?. Nei locali del teatro San Carlino, in Corso Giacomo Matteotti 6/A, si approfondirĂ  il tema della comunitĂ  umana della Chiesa.


͙͘

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

’”‘‰‡––‹†‡Ž‡Â?–”‘–—”‹•–‹…‘•–—†‡Â?–‡•…‘ ƒ‡”ƒÂ?Â†ÂƒÇĄ‹ŽÂ?‘Ž‡‰‰‹‘‡Ž‡‡•…—”•‹‘Â?‹‹Â?„‹…‹…Ž‡––ƒ Il Centro turistico studentesco di Brescia si arricchisce di nuovi spazi e nuovi progetti. Nella sede di via Niccolò Tommaseo 2/a è stata inaugurata “La Verandaâ€?, luogo all’interno del quale conuiranno diverse attivitĂ  di promozione e organizzazione di percorsi enogastronomici e turistici. “Questo spazio – spiega Luigi Bandera, presidente di Cts – è funzionale all’idea del viaggio inteso come un’esperienza che va accompagnata prima, durante e dopo la sua

realizzazioneâ€?. In questo luogo i giovani potranno ricevere una consulenza organizzativa da parte degli operatori Cts, ma anche creare occasioni di confronto. “Abbiamo deďŹ nito ‘La Veranda’ una â€˜ďŹ nestra sul mondo’, ma anche un ‘corridoio geoculturale’ all’interno del quale tutti i partner di Cts, del Forum del Turismo sociale, dell’Associazione Longobardia e di qualunque altra associazione di volontariato potranno presentare le loro attivitĂ â€?. Molto stretta sarĂ 

la collaborazione con la Strada del Vino “Colli dei Longobardiâ€?: la Veranda sarĂ  lo spazio privilegiato in cui ricevere informazioni e pianiďŹ care le attivitĂ  lungo questo percorso enogastronomico, che si snoda attraverso nove Comuni. A partire dal 1° luglio è stato attivato un servizio di noleggio di biciclette sia per l’utilizzo turistico in cittĂ  che per escursioni lungo la Strada del Vino o per percorsi lungo il lago di Garda (realizzati in collaborazione con il Cts di Desenzano). Altre

biciclette saranno dislocate nei vari Comuni della Strada del Vino; la previsione è di circa 160 mezzi messi a disposizione in diversi punti. “Brescia deve scommettere sul cicloturismo – afferma l’assessore Andrea Arcai – per valorizzare i propri territori, soprattutto dopo un riconoscimento come quello assegnato dall’Unescoâ€?. La Veranda è aperta: dal lunedĂŹ al venerdĂŹ dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19, il sabato dalle 9 alle 12; per informazioni 03041899, brescia@cts.it. (a.g.)

  ”‡•…‹ƒ‘•ƒ†‡ŽŽƒ’”‹�ƒ’‹‡–”ƒ

3ULPLSDVVL SHULO&ROOHJLR ÂŽ˜‹ƒ‹Žƒ˜‘”‹…Š‡ŠƒÂ?Â?‘…‘Â?‡”‡‰‹ƒÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‡‰Ž‹•–—†‹ǥŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡—……Š‹Â?‹ ‡Žƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡…‘ŽŽ‡‰‹‘—Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹‘…‘Â?‹Ž•‘•–‡‰Â?‘†‡ŽŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ƒ”‹’Ž‘

   

   

   

1

asce a Brescia il nuovo Collegio universitario, voluto da UniversitĂ  degli Studi, Fondazione Lucchini e Fondazione collegio universitario, con il sostegno di Fondazione Cariplo. “SarĂ  un collegio di merito – spiega il prof. Augusto Preti, presidente della Fondazione collegio universitario – ovvero ospiterĂ  giovani di elevate potenzialitĂ , con un curriculum di buon livello, con l’obiettivo di stimolare la crescita della persona nella sua integritĂ  attraverso lo scambio di conoscen-

‡…‘”‡ŽŽ‹ǣDzÂ?ÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ …Š‡Â?‡––‡‹Â?’”‹Â?‘ ’‹ƒÂ?‘Žǯ‹Â?–‡”‡••‡’‡”‹Ž …‹––ƒ†‹Â?‘‡’‡”Â?‡––‡ †‹‹Â?˜‡•–‹”‡Â?‡Žˆ—–—”‘ ’—Â?–ƒÂ?†‘•—‹‰‹‘˜ƒÂ?‹dz ze multidisciplinariâ€?. L’edificio, la cui prima pietra è stata posata venerdĂŹ scorso con la benedizione di mons. Gianfranco Mascher, sarĂ  eretto tra via Valotti e via Branze, nelle vicinanze della FacoltĂ  di In-

gegneria. Il terreno su cui sorgerĂ  il complesso, di proprietĂ  dell’UniversitĂ  degli Studi di Brescia, è stato concesso in diritto di superficie alla Fondazione Lucchini, che si occuperĂ  integralmente dei costi di realizzazione e gestione della struttura, anche grazie al contributo di 1 milione e 750mila euro concesso da Fondazione Cariplo. “Il sostegno delle due Fondazioni è stato fondamentale per dare vita ad un progetto che ha subito molte interruzioni – continua il prof. Preti – e in particolare la costituzione della Fondazione collegio universitario,

partecipata paritariamente da Lucchini e Università, ha permesso di precisarne gli obiettivi ed iniziare i lavori di costruzione�. Il Collegio disporrà di un’area di circa 3000 mq, distribuita su cinque piani e potrà ospitare fino a 60 studenti in camere doppie o singole. Gli studenti potranno usufruire di quattro aule studio, due sale audio-video, un auditorium, una sala comune di aggregazione e una biblioteca. All’esterno verranno inoltre ricavati 44 posti auto ed un’area verde. Il completamento dell’opera è previsto entro il luglio dell’anno

prossimo, in modo da poter ospitare gli studenti iscritti all’anno accademico 2012-2013. Concorde nel valutare l’importanza del progetto anche il prof. Sergio Pecorelli, rettore dell’UniversitĂ , “perchĂŠ si tratta di un’opera che mette in primo piano l’interesse per il cittadino e permette di investire nel futuro puntando sui giovani che costituiranno le nuove classi dirigentiâ€?. Entusiasmo è stato espresso anche dal rag. Sergio Bocchio in rappresentanza di Fondazione Lucchini, e del sen. Elio Fontana, commissario di Fondazione Cariplo.


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͙͙

Š‡†‹ ƒŽ–ƒÂ?‘Ž‡ˆ‡•–‡‡Ž‡•ƒ‰”‡Â?‡ŽŽ‘•–—’‘”‡†‡ŽŽƒ‰‡Â?–‡ Tempo di feste: musica con ballo liscio, spiedo, salamine, formaggio, patatine, casoncelli... A Ghedi erano tre le manifestazioni che tenevano banco nei due mesi estivi. C’era la festa del quartiere Cave e quella della Protezione civile. Ma quella storica era quella dell’Avis, conosciuta col nome di ferragosto avisino. Queste feste, almeno come eravamo abituati a conoscerle, non si faranno piĂš: la festa delle Cave e quella della Protezione civile sono saltate; quella dell’Avis

verrĂ  proposta in altra forma. “Ci hanno detto che non eravamo a posto – ha riferito Pierino Festa, del gruppo che organizzava la festa alla Cave –, e che dovevamo metterci a norma, altrimenti l’Asl ci avrebbe bacchettato. Pare non siano piĂš disposti a ‘sorvolare’ su alcune questioni su cui prima chiudevano un occhio. Ci è stato detto che l’impianto elettrico non è a norma, che la cucina non è a norma, che non possiamo piĂš mettere i tavoli sull’erba‌ CosĂŹ

abbiamo chiusoâ€?. La responsabilitĂ , continua Pierino Festa, “non è certo dell’Amministrazione comunale, che, anzi, si era impegnata a pagarci le spese purchĂŠ riproponessimo la festa. Pare che tutto sia nato da un reclamo della Confesercenti. Faranno le feste solo alcuni partiti, che possono contare su una struttura sovracomunale e, in parte, l’Avisâ€?. L’Avis propone qualcosa di alternativo. “Per cause organizzative – si legge in un comunicato –, sempre al Palazzetto dello Sport

apriamo le manifestazioni con danze con il dj, Ruota della fortuna e ristoro al ristorante pizzeria Gaydum, cosÏ da rispettare le normative igienico alimentari. Dal 15 luglio al 14 agosto, tutti i venerdÏ, sabato e domenica si potranno trascorrere le serate all’aperto con un po’ di divertimento e gustando del buon cibo. Dal 7 al 21 agosto, nell’Auditorium della Bcc Agrobresciano, è in programma una mostra d’arte contemporanea�. (mtm)

 Š‹ƒ”‹‡•–ƒ—”‘

6DQ5RFFRVYROWD SHUODFKLHVD

ÂŽ‰”—’’‘Dz Ž‹ƒÂ?‹…‹†‹ƒÂ?‘……‘dzǥƒ––‹˜‘†ƒŽ͙ͥͥ͛ǥŠƒƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–‘ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‹Â‘†‡‹Žƒ˜‘”‹ †‹”‡…—’‡”‘†‡ŽŽƒÂˆÂƒÂ…Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄÂ?ƒ‹Â?ˆ—–—”‘Â?‘Â?°‡•…Ž—•‘—Â?‹Â?–‡”˜‡Â?–‘’‹ÎƒÂ?’‹‘    

6

ta tornando la chiesa di S.Roccoâ€?. Ad annunciarlo volantini e manifesti sparsi per il centro storico clarense. Per la chiesetta dall’omonima via, lambita dalla vecchia roggia, è qualcosa di simile al ritorno in patria di un personaggio rimasto a lungo lontano dalla sua terra. Del suo “ritornoâ€? si sta occupando da anni il gruppo costituitosi ad hoc nel 1993, “Gli amici di San Roccoâ€?, persone che hanno a cuore il recupero dell’edificio, un po’ claudicante ma immutato nella sua originaria bellezza, accomunate dall’obiettivo di riportare la chiesa al suo antico splendore e piena funzionalitĂ . Notizie storiche in merito al monumento sono poche e al condizionale. Mancano fonti d’archivio. Ăˆ stato incaricato don Giuseppe Fusari di occuparsene. L’epoca presunta di costruzione risalirebbe alla fine del Quattrocento. Si sa che la pianta è veneziana, cosĂŹ come la facciata, ornata in alto da

ÇŻÂ‡Â’Â‘Â…Âƒ’”‡•—Â?–ƒ Č‹Â?ƒÂ?…ƒÂ?‘†‡ŽŽ‡ ”‹…‘•–”—œ‹‘Â?‹Â•Â–Â‘Â”Â‹Â…ÂŠÂ‡ČŒ †‘˜”‡„„‡”‹•ƒŽ‹”‡ƒŽŽƒ ˆ‹Â?‡†‡Ž—ƒ––”‘…‡Â?–‘ǣ Žƒ’‹ƒÂ?–ƒ°˜‡Â?‡œ‹ƒÂ?ƒ due statue lignee, anch’esse avvolte dal mistero per origine, committente, autore. Lo stesso alone di mistero d’altronde aleggia intorno alla figura di S. Rocco, pellegrino e taumaturgo, nato a Montpellier (Francia) presumibilmente tra il 1345 e il 1350, il cui culto, diffusosi soprattutto nell’Italia del Nord, è legato in particolar modo al ruolo di protettore contro la peste. GiĂ  nel 2002 uno studio di fattibilitĂ  per il restauro conservativo dell’immobile fu presentato dall’architetto clarense Laura Ercolini, lo stesso al quale oggi la parrocchia ha conferito il mandato per il progetto di restau-

ro. Co-progettista sarĂ  Franco Maffeis di Orzinuovi. Si comincerĂ  con la facciata, ma in futuro non è escluso un intervento di piĂš ampio respiro. Restaurare una chiesa della quale poco o nulla si sa, comporta notevoli rischi. “Ecco perchĂŠ – spiega l’architetto Ercolini – allo stato attuale sono in corso delle indagini diagnostiche preliminari necessarie alla conoscenza del monumento stesso che verranno presentate alla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province di Brescia, Cremona e Mantova, la quale dovrĂ  dare il benestare e, approvato il progetto, vigilerĂ  i lavori. Negli anni passati, grazie all’impegno degli Amici di San Rocco e al contributo di generosi privati, è stato possibile restaurare il tetto, il campanile, mettere a norma l’impianto elettrico e sistemare la casa della custode. Il 16 agosto si celebrerĂ  la ricorrenza del Santo, e anche quest’anno è stato messo a punto un programma

  

che dal 14 al 16 vedrà in campo una esposizione di opere d’arte, musica e una lotteria finalizzata alla raccolta di fondi per i lavori. Un’operazione trasparente al punto tale che sul volantino in circolazione, sono pubblicati i costi del restauro (400 euro al mq) e il numero di conto corrente per chi volesse contribuire: parrocchia SS. Faustino e Giovita c/o Ubi Banco di Brescia –A.G. Chiari-Piazza Zanardelli, 2 Iban 32°0350054340000000009217C/C.

ÇŻÂƒÂ”Â…ÂŠÂ‹Â–Â‡Â–Â–Â‘ƒ—”ƒ ”…‘Ž‹Â?‹ǣDzŽŽ‘•–ƒ–‘ ƒ––—ƒŽ‡•‘Â?‘‹Â? …‘”•‘†‡ŽŽ‡‹Â?†ƒ‰‹Â?‹ †‹ƒ‰Â?‘•–‹…Š‡ ’”‡Ž‹Â?‹Â?ƒ”‹Â?‡…‡••ƒ”‹‡ ƒŽŽƒ…‘Â?‘•…‡Â?œƒ†‡Ž Â?‘Â?—Â?‡Â?–‘•–‡••‘…Š‡ ˜‡””ƒÂ?Â?‘’”‡•‡Â?–ƒ–‡ ƒŽŽƒ‘’”‹Â?–‡Â?†‡Â?ÂœÂƒÇł

‘�–‹…Š‹ƒ”‹ƒ•…‘�’ƒ”•ƒ†‡ŽŽƒ‹…‡ŽŽ‹ 

/¡XOWLPRVDOXWRD(OYLUD FXVWRGHGHO7HDWUR

ƒ”„ƒ”‹‰ƒ ŽŽ‘•–ƒ†‹‘ƒ””‹˜ƒ’‡”Žƒ͚͔͘‡†‹œ‹‘Â?‡ ÂŽÇŻÂ‡Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡”‡‰‹‘Â?ƒŽ‡†‡‹…ƒÂ?‹ ƒ„ƒ–‘͚͛Ž—‰Ž‹‘Ž‘•–ƒ†‹‘…‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹ƒ”„ƒ”‹‰ƒ‘•’‹–ƒŽƒ͚͔͘‡†‹œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯ•’‘•‹œ‹‘Â?‡”‡‰‹‘Â?ƒŽ‡…ƒÂ?‹Â?ƒ‹Â?Â?‘––—”Â?ƒ’‡”–—––‡Ž‡”ƒœœ‡Ǥƒ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ǥ”‹…‘Â?‘•…‹—–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?…‹‡†ƒŽŽƒ ‹†…ǥƒ’”‡ƒŽ’—„„Ž‹…‘ †ƒŽŽ‡͙͞Ǥ͛͘ǤDz‘’‘‹ŽŽ—•‹Â?‰Š‹‡”‘•—……‡••‘†‡ŽŽ‡‡†‹œ‹‘Â?‹ÍšÍ˜Í˜ÍĄ‡͚͙͘͘Č‚Šƒ ”‹ˆ‡”‹–‘•‘††‹•ˆƒ––‘—‹‰‹ ÂƒÂ„Â‘ÂƒÂ”Â†Â‹ÇĄ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡ŽŽƒŽ‘…ƒŽ‡•‡œ‹‘Â?‡†‹ ‡†‡”…ƒ……‹ƒ–‘”‹Č‚“—‡•–ƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡”‹Â?Â?‘˜ƒÂŽÇŻÂƒÂ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘–”ƒ‰Ž‹ ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‹†‡Ž•‡––‘”‡…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ?„‹œ‹‘Â?‡†‹Â?‹‰Ž‹‘”ƒ”‡—Ž–‡”‹‘”Â?‡Â?–‡‡†‹ …‘‹Â?˜‘Ž‰‡”‡ƒÂ?…Š‡—Â?˜ƒ•–‘’—„„Ž‹…‘dzǤ—‡•–‘‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒǤŽŽ‡͙͞Ǥ͛͘ °’”‡˜‹•–‘Žǯ‹Â?‰”‡••‘†‡‰Ž‹‡•’‘•‹–‘”‹ǥƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘’”‡Â?†‡”ƒÂ?Â?‘ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‹Â‘‹ ‰‹—†‹œ‹‡ƒŽŽ‡͚͛°’”‡˜‹•–‘‹Ž‹Â?‰†ǯ‘Â?‘”‡Ǥ˜‡Â?‹ƒÂ?‘ƒ‹’”‡Â?‹ǤÂŽÂ?‹‰Ž‹‘” •‘‰‰‡––‘ƒ••‘Ž—–‘˜‡””Â?ƒ••‡‰Â?ƒ–‘‹Â?’”‡Â?‹‘—Â?˜‹ƒ‰‰‹‘ƒŽÂ?ƒ”‡’‡”—Â?ƒ ’‡”•‘Â?ƒ•—ŽŽƒ‹˜‹‡”ƒ”‘Â?ƒ‰Â?‘ŽƒǤŽŽƒÂ?‹‰Ž‹‘”…‘’’‹ƒ‡ƒŽÂ?‹‰Ž‹‘”‰”—’’‘ ˜‡””ƒÂ?Â?‘†‘Â?ƒ–‹—Â?•‡”˜‹œ‹‘†‹’‘•ƒ–‡†ƒÍ?͘’‡œœ‹ǤÂŽÂ?‹‰Ž‹‘”•‘‰‰‡––‘ ”ƒ‰‰”—’’ƒÂ?‡Â?–‘”ƒœœ‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡˜‡””Â?ƒ••‡‰Â?ƒ–‘‹Ž–‡”œ‘”‘ˆ‡‘ƒŽŽƒ Â?‡Â?‘”‹ƒ†‡ŽŽǯ‘Â?Ǥ ‹ƒ…‘Â?‘‘•‹Â?‹ǤƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡°‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–ƒ†ƒŽŽƒ •‡œ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡ ‡†‡”…ƒ……‹ƒ–‘”‹†‹ƒ”„ƒ”‹‰ƒ…‘Â?Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž ‰”—’’‘…‹Â?‘ˆ‹Ž‘„”‡•…‹ƒÂ?‘Dzƒ‡‘Â?‡••ƒ†‡Ž‡‰ƒœ‹‘Â?‡Â?…‹ǥ†ƒŽ‘Â?—Â?‡†‹ ƒ”„ƒ”‹‰ƒ‡†°’ƒ–”‘…‹Â?ƒ–ƒ†ƒŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡‡†ƒŽŽƒ’”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡•…‹ƒǤ‡” ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹•—‹•…”‹œ‹‘Â?‹‡”‡‰‘ŽƒÂ?‡Â?–‘•‹’‘••‘Â?‘…‘Â?–ƒ––ƒ”‡‹Â?—Â?‡”‹ Í˜Í›Í˜Č€ÍĄÍ&#x;͙͜͠͞Í?‘’’—”‡Í›ÍšÍ Č€Í ÍœÍšÍ?͚͙͚Č‚Í›ÍžÍ Č€Í›ÍœÍ ÍĄÍ›Í˜Í?ǤČ‹Â?–Â?ČŒ

  

Â?͘͜ƒÂ?Â?‹†‹•‡”˜‹œ‹‘ ƒŽ‘…‹ƒŽ‡ȋ‘‰‰‹‡ƒ–”‘ ‘Â?Â‘Â”Â‹Â•ČŒŽ˜‹”ƒ‹…‡ŽŽ‹ Šƒ˜‹•–‘’ƒ••ƒ”‡•—Ž ’ƒŽ…‘•…‡Â?‹…‘–ƒÂ?–‹ ’‡”•‘Â?ƒ‰‰‹ˆƒÂ?‘•‹

Se n’è andata in silenzio, discreta nella morte come lo era stata in vita. Elvira Bicelli, classe 1926, mantovana di nascita, ma monteclarense d’adozione, custode per quasi 40 anni del Teatro Sociale oggi ribattezzato Bonoris, è scomparsa sabato dopo alcuni giorni di coma seguito all’emorragia cerebrale che l’aveva colpita. Umile e modesta, Elvira ha rappresentato la vera anima della bomboniera monteclarense, fin dal lontano 1959 quando subentrò alla madre, “Annetta del teatroâ€?, nell’attivitĂ  di custode. E di personaggi famosi, Elvira, ne ha visti tanti passare e calcare il palcoscenico, con alcuni dei quali aveva anche intrattenuto piacevoli e divertenti dialoghi prima o dopo gli spettacoli. Il teatro divenne cosĂŹ la sua vita, al quale si dedicò in maniera sempre

delicata, con quel suo fare di persona d’altri tempi, gioviale e affabile con tutti. Anche durante la meritata pensione, giunta nel 1996, non si era persa d’animo ed aveva sempre garantito la sua disponibilità e presenza nelle tante iniziative culturali monte clarensi. Elvira, si teneva lontana dalle luci della ribalta, preferiva il dietro le quinte, proprio come quando, da custode, si occupava di tenere in ordine il teatro, curare un aspetto della scenografia, garantire che tutto fosse in ordine per l’opera che di lÏ a poco sarebbe andata in scena. Mancherà a tutta Montichiari la sua silenziosa, ma viva presenza e il Teatro Bonoris, ora, sarà un po’ piÚ povero: la sua anima non c’è piÚ, ma il nome di Elvira è già entrato di diritto nell’alveo dei monteclarensi piÚ illustri. (f.m.)


͙͚

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

—†”‹ƒÂ?‘ ‹…‘”†ƒÂ?†‘ ‹Žƒ•–”‹‘’‡”‡••‡”‡‰”ƒÂ?‘„—‘Â?‘ Ludriano è una delle parrocchie bresciane dedicate a San Filastrio, ottavo vescovo di Brescia e Padre della Chiesa vissuto nel IV secolo. Domenica la comunitĂ  ludrianese si è ritrovata per la festa del patrono. Il parroco don Giancarlo Zavaglio ha chiamato mons. Mario Delpini, vescovo ausiliare di Milano, a presiedere l’eucaristia serale seguita dalla processione. Una scelta, come ha spiegato lo stesso parroco, dovuto a un particolare legame spirituale fra Ludriano e la Chiesa

milanese: l’arcivescovo di Milano Giovanni Battista Montini non fu estraneo alla realizzazione della parrocchiale che ben conosceva e vi sostava volentieri in preghiera quando era in visita alla famiglia Folonari. Nell’omelia mons. Delpini, partendo dalla parabola del grano buono e della zizzania, ha voluto invitare a vedere l’azione positiva di Dio nella storia: il bene ďŹ orisce nonostante il male. E ha ricordato ai fedeli che la loro chiesa fu pensata proprio in un momento tragico e

drammatico della guerra, quando il conte Antonio Folonari fece voto di costruire il nuovo tempio a Ludriano se si fosse salvato. Ma poi l’ausiliare di Milano ha invitato a guardare al presente: i cristiani devono essere responsabili del mondo. Devono esser grano buono e lievito nella massa. Devono testimoniare al mondo che non è la violenza ma la vita retta e onesta che salva e fa vincere il male. Il suo è stato un invito attuale per questo mondo in rapido cambiamento che

tocca anche il “microcosmoâ€? di un paese quale Ludriano che, fra l’altro, in 10 anni è passato da 800 a 1.500 abitanti. E la statua di Filastrio, che è passata benedicente per le vie del paese, quasi accarezzando le vecchie abitazioni rurali e le villette dell’espansione urbanistica recente, le abitazioni private e gli ediďŹ ci pubblici, ha voluto essere il segno che il futuro sarĂ  bello e radioso solo se non si smarriscono le radici cristiane che permettono di essere grano buono. (Gabriele Filippini)

 ‘�–‹…Š‹ƒ”‹ Ž‹ƒ’’—�–ƒ�‡�–‹†‹Ž—‰Ž‹‘‡ƒ‰‘•–‘

6SHWWDFROLVHUDOL HVDJUHSRSRODUL

Â?“—‡•–‘ˆ‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ’”‘•‡‰—‡Žƒ”ƒ••‡‰Â?ƒ‡•–‹˜ƒ†‹•’‡––ƒ…‘Ž‹Dz‹˜‹‘Â?Â–Â‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇłÇ¤ ˆ‹Â?‡Ž—‰Ž‹‘•‹”‹–”‘˜ƒÂ?‘‹Â?ˆ‡•–ƒƒÂ?…Š‡Ž‡ˆ”ƒœ‹‘Â?‹Č‹ǤÂ?–‘Â?‹‘ǥ‘‡ƒÂ?–ƒ ‹—•–‹Â?ÂƒČŒ    

 

ÇŻ   

(

ntra nel vivo la rassegna estiva di spettacoli “Vivi Montichiariâ€? organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune in collaborazione con Montichiari Musei. Nel prossimo fine settimana sono previsti numerosi appuntamenti di vario genere: si parte venerdĂŹ 22 luglio alle 21.30 nella piazzetta exGaleter dove si esibirĂ  il quintetto Zizkov Rock Surf Noir che porterĂ  in scena i brani piĂš famosi del suo ricco repertorio. Sempre venerdĂŹ 22 e, ogni sera fino al 26 luglio, con inizio alle ore 21 nel cortile delle scuole primarie del capoluogo, saranno di scena i burattini di Onofrio, rassegna itinerante dal titolo “Come ci si divertiva un tempoâ€?. Giacomo Onofrio, erede di generazioni di burattinai, torna a Montichiari per offrire ai piĂš piccoli momenti di divertimento con le sue famose creazioni, capaci altresĂŹ di far riflettere su vizi, costumi e virtĂš del genere umano. La giornata di domenica 24 vedrĂ , invece, tre appuntamenti: dalle 10 alle 24, nell’Atelierfotogek avrĂ  luogo “Arteuforiaâ€?, sfilata di moda e fotocaccia al tesoro in collaborazione con il CafĂŠ di PiĂścc e Corazonado (in caso di pioggia l’appuntamento si terrĂ  domenica 31 luglio); alle 18 nella Pieve di San Pancrazio quinto ed ultimo concerto della Rassegna internazionale di canto corale CittĂ  di Montichiari con l’esibizione del coro americano Monterey Student Choir e del gruppo portoghese Orfeao de Portoalegre. A chiudere il ricco week-end di iniziative è il consueto mercatino mensile dell’antiquariato in programma in Piazza Santa Maria dalle 8 alle 20: i numerosi espositori metteranno in mostra, come sempre, interessanti

 

‘Â?Â?ƒÂ?…Š‡”ƒÂ?Â?‘Žƒ Â?—•‹…ƒ…‘Â?–—––‹‹•—‘‹ ‰‡Â?‡”‹Č‹Â†ÂƒÂŽÂŽÂƒ…‘”ƒŽ‡ ƒŽ”‘…Â?ČŒÇĄ‹„—”ƒ––‹Â?‹ǥ‹ Â?‡”…ƒ–‹Â?‹ǥ‹Ž’ƒŽ‹‘†‡‰Ž‹ ƒ•‹Â?‹‡Žƒ„—‘Â?ƒ…—…‹Â?ƒ chicche con la possibilitĂ , per i visitatori, di strappare qualche buon affare. E veniamo all’importante e seguita serie di sagre estive delle frazioni, momenti in grado di calamitare il pubblico delle grandi occasioni, alla ricerca di buona cucina e di chiacchiere in compagnia. A breve festeggeranno S. Antonio, Ro e Santa Giustina che il 29, 30 e 31 luglio daranno il meglio di sĂŠ con i tanti volontari impegnati a preparare di tutto punto un appuntamento come si deve. Assieme alle leccornie

prelibate che si potranno gustare non mancherĂ  la musica (il liscio su tutti) per attirare gli appassionati del settore e l’immancabile lotteria con ricchi premi: il ritrovo è al centro giovanile di Santa Giustina. SarĂ , poi, la volta di Novagli, la piĂš popolosa frazione monteclarense, a offrire spazio di festa per tutti: dal 5 al 10 agosto, infatti, torna una delle sagre piĂš amate che, tra i tanti eventi in programma, vedrĂ  il consueto e tradizionale palio degli asini fissato per la serata di domenica 7 agosto. La parrocchia e i tanti volontari della frazione sono giĂ  al lavoro per preparare la manifestazione. Il quartiere di Bredazzane, dal 13 al 16 agosto, vivrĂ  i suoi momenti di festa con la sagra di San Rocco e, sempre il 16 agosto, alle Quattro Vie, la comunitĂ  locale si ritroverĂ  per la consueta festa che vedrĂ  anche la partecipazione del CafĂŠ di PiĂścc. Durante la serata verrĂ  gratuitamente distribuito ai presenti l’opuscolo realizzato da Vigilio Belletti che contiene notizie culturali e storiche di particolare interesse. Dal 19 al 21 agosto toccherĂ , invece, agli Alpini monteclarensi darsi da fare nella loro festa del quartiere Allende. “Last, but not leastâ€?, per dirla come gli inglesi, la sagra dei Chiarini in programma dall’1 al 4 settembre, l’ultimo evento dell’anno che chiude il ciclo delle sagre cittadine. Attorno alla chiesa saranno allestiti numerosi stand gastronomici e la consueta pista di ballo per dar modo, nei quattro giorni di festa, di far divertire piĂš gente possibile. Per maggiori informazioni sulle attivitĂ  estive del Comune si può chiamare l’ufficio Cultura al numero 030/9656309 o visitare il sito internet comunale all’indirizzo www. montichiari.it.

YLHQQDHSUDJD GDODODJRVWR HXURDSHUVRQD

‘�–‹…Š‹ƒ”‹

�…‹––�ƒ””‹˜ƒ�‘ ‹˜‹‰‹Ž‹ƒ�„‹‡�–ƒŽ‹

‘’‘‹˜‹‰‹Ž‹•…‘Žƒ•–‹…‹‡‰Ž‹ƒ••‹•–‡Â?–‹ Â…Â‹Â˜Â‹Â…Â‹ÇĄ‹Â?•‡”˜‹œ‹‘‘”Â?ƒ‹†ƒ†‹˜‡”•‹ƒÂ?ÇŚ Â?‹ǥ‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹°’”‘Â?–ƒƒˆƒ”’ƒ”–‹”‡ ÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹Â–Â?†‡‹˜‹‰‹Ž‹ƒÂ?„‹‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ—Â?ǯ‹Â?ÇŚ –‡”‡••ƒÂ?–‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ…Š‡Â?‡‹‘Â?—nj Â?‹†‘˜‡°•–ƒ–ƒˆƒ––ƒÂ?ƒ•…‡”‡ŠƒÂ?‘nj •–”ƒ–‘”‹•—Ž–ƒ–‹’‹Î…Š‡‡……‡ŽŽ‡Â?–‹Ǥ DzÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡Č‚ÂƒÂˆÇŚ ˆ‡”Â?ƒÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?„‹‡Â?–‡ƒÂ?ÇŚ †”‘ƒÂ?’‡†”‹Č‚Šƒ†ƒ–‘‡†Â?‹Ž•—‘ …‘Â?–”‹„—–‘‡†°‹Â?’”‹Â?ƒŽ‹Â?‡ƒ†ƒ͙͚ ƒÂ?Â?‹ƒ“—‡•–ƒ’ƒ”–‡Â?‡ŽÂ?ƒÂ?–‡Â?‡”‡ ’—Ž‹–ƒ‡„‡ŽŽƒŽƒ…‹––Â?ÇĄÂ?ƒŽƒ…‘””‡–nj –ƒ…‹˜‹Ž–Â?ƒÂ?„‹‡Â?–ƒŽ‡†‡˜‡’ƒ”–‹”‡ †ƒ‘‰Â?‹…‹––ƒ†‹Â?‘‡†°’‡”“—‡•–‘ …Š‡•‹°’‡Â?•ƒ–‘Ġ—Â?‹–‡”’‡”…‘nj •–‹–—‹”‡—Â?‰”—’’‘†‹˜‹‰‹Ž‹ƒÂ?„‹‡Â?ÇŚ –ƒŽ‹…Š‡ǥ•—ŽŽƒ•…‘”–ƒ†‡Ž‰‹Â?‘––‹Â?‘ Žƒ˜‘”‘•˜‘Ž–‘†ƒ‹˜‹‰‹Ž‹•…‘Žƒ•–‹…‹…Š‡ ‰ƒ”ƒÂ?–‹•…‘Â?‘Žƒ•‹…—”‡œœƒ†‡‹„ƒÂ?ÇŚ „‹Â?‹‹Â?’”‘••‹Â?‹–Â?†‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡‡†‡nj ‰Ž‹ƒ••‹•–‡Â?–‹…‹˜‹…‹’‡”Žƒ“—‡•–‹‘Â?‡ †‡Ž…‘Â?–”‘ŽŽ‘†‡Ž–‡””‹–‘”‹‘ǥ’‡”Â?‡–nj –‡”ƒÂ?Â?‘†‹–—–‡Žƒ”‡Â?‡‰Ž‹‘’ƒ”…Š‹‡† ƒ”‡‡Â˜Â‡Â”†‹dzǤ‘Â?‡ˆƒ”‡’‡”ƒ†‡”‹”‡‘ ’”‡•‡Â?–ƒ”‡†‘Â?ƒÂ?Â†ÂƒÇŤ‡Â?’Ž‹…‹••‹nj Â?‘ǥ„ƒ•–‡”Â?…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ”‡Žƒ’”‘’”‹ƒ †‹•’‘Â?‹„‹Ž‹–Â?ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹Â‘…‘Ž‘‰‹ƒ†‡Ž ‘Â?—Â?‡Č‹Â–‡Ž‡ˆ‘Â?‘Í˜Í›Í˜Č€ÍĄÍžÍ?ÍžÍšÍ™Í ČŒÇ˘ —Â?ƒ˜‘Ž–ƒ”ƒ‰‰‹—Â?–‘—Â?Â?—Â?‡”‘ …‘Â?‰”—‘†‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‡†‘’‘—Â?ÇŻÂƒÂ’ÇŚ ’‘•‹–ƒ•‡Ž‡œ‹‘Â?‡‡ˆˆ‡––—ƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?ÇŚ Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ˜‡””Â?ÂƒÂ˜ÇŚ

&DVWHOOLGHOOD/RLUD H3DULJL VHWWHPEUH HXURDSHUVRQD

˜‹ƒ–‘—Â?„”‡˜‡…‘”•‘†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ …Š‡…‘Â?•‡Â?–‹”Â?ƒ‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹†‹ÂƒÂ’ÇŚ ’”‡Â?†‡”‡‹”—†‹Â?‡Â?–‹†‡ŽŽ‡Â?‘”Â?ÂƒÇŚ –‹˜‡‹Â?Â?ƒ–‡”‹ƒƒÂ?„‹‡Â?–ƒŽ‡’‡”’‘‹ ’ƒ”–‹”‡•—Ž…ƒÂ?’‘ƒ–—––‹‰Ž‹‡ˆˆ‡––‹Ǥ Dz‹ƒ„‡Â?…Š‹ƒ”‘Č‚…‹–‹‡Â?‡ƒ’”‡…‹nj •ƒ”‡ƒÂ?’‡†”‹Č‚‹˜‹‰‹Ž‹ƒÂ?„‹‡Â?–ƒŽ‹ Â?‘Â?•ƒ”ƒÂ?Â?‘‹Â?ƒŽ…—Â?…ƒ•‘†‘–ƒ–‹†‹ ƒ”Â?‹Â?Âą’‘–”ƒÂ?Â?‘‡Ž‡˜ƒ”‡…‘Â?Â–Â”ÂƒÂ˜ÇŚ ˜‡Â?œ‹‘Â?‹”‹Â?ƒÂ?‡Â?†‘–—––‘…‹Ö‹Â?Â…ÂƒÇŚ ’‘ƒ‹–—–‘”‹†‡ŽŽǯ‘”†‹Â?‡ǥÂ?ƒƒ˜”ƒÂ?Â?‘ Â?‘†‘†‹Â˜Â‹Â‰Â‹ÂŽÂƒÂ”‡ǥƒ’’—Â?–‘ǥ•—…ƒ––‹˜‹ …‘Â?’‘”–ƒÂ?‡Â?–‹†‹…‹––ƒ†‹Â?‹•‡‰Â?ÂƒÇŚ ŽƒÂ?†‘Ž‹ƒŽ‘Â?—Â?‡ǥ’‘••‹„‹ŽÂ?‡Â?–‡‹Â? …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡‡ƒ•–”‡––‘…‘Â?–ƒ––‘ …‘Â?‰Ž‹ƒ••‹•–‡Â?–‹…‹˜‹…‹Ǥ‘Â?‘…‡”–‘ Č‚…‘Â?…Ž—†‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?„‹‡Â?–‡ Č‚…Š‡‘Â?Â–Â‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇĄ…‘Â?“—‡•–ƒ‹Â?‹nj ÂœÂ‹ÂƒÂ–Â‹Â˜ÂƒÇĄ†‹˜‡Â?–‡”Â?ƒÂ?…‘”ƒ’‹ÎÂ˜Â‹Â˜Â‹Â„Â‹ÇŚ Ž‡‡„‡ŽŽƒ†‹Â?‘•–”ƒÂ?†‘ƒÂ?…‘”ƒ—Â?ƒ ˜‘Ž–ƒ…‘Â?‡‹Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘•‹ƒ—Â?ƒ ”‹•‘”•ƒ’”‡œ‹‘•ƒ‡†‹Â?•‘•–‹–—‹„‹Ž‡†‹ …—‹ƒÂ?†ƒ”‡ÂˆÂ‹Â‡Â”‹dzǤÂ?ǯ—Ž–‹Â?ƒƒÂ?Â?Â‘Â–ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡ǥ‰‹—•–‘’‡”Â?‘Â?Žƒ•…‹ƒ”‡ƒ†‹–‘ ƒ†—„„‹ǣ‹˜‹‰‹Ž‹ƒÂ?„‹‡Â?–ƒŽ‹Â?‘Â?”‹…‡nj ˜‡”ƒÂ?Â?‘ƒŽ…—Â?…‘Â?’‡Â?•‘ǥÂ?ƒ•‹•ƒ …Š‡ǥ•’‡••‘ǥŽ‡Â?‹‰Ž‹‘”‹ƒœ‹‘Â?‹’”‘nj ˜‡Â?‰‘Â?‘†ƒ’‡”•‘Â?‡…Š‡•˜‘Ž‰‘Â?‘ ƒ–‹–‘Ž‘’—”ƒÂ?‡Â?–‡‰”ƒ–—‹–‘‡’‡” ’ƒ••‹‘Â?‡‹Ž’”‘’”‹‘…‘Â?’‹–‘‡•‘––‘ “—‡•–‘ƒ•’‡––‘Žƒ…‹––Â?†‡‹•‡‹…‘ŽŽ‹ Â?‘Â?ŠƒÂ?—ŽŽƒ†ƒ‹Â?˜‹†‹ƒ”‡Â?‡Â?Â?‡Â?‘ ƒ…‹––Â?„‡Â?’‹Î‰”ƒÂ?†‹ǤČ‹ÂˆÇ¤Â?Ç¤ČŒ

$JRVWR 6ORYHQLH&URD]LD HXUR

5LFKLHGLVHQ]DLPSHJQRLSURJUDPPLGHWWDJOLDWLLQDJHQ]LD9286$//(=9LDJJLH$XWRQROHJJLR/26,2FKHGDVHPSUH VLGLVWLQJXRQRSHUFRUWHVLDHFRPSHWHQ]DVRQRXQVLFXURSXQWRGLULIHULPHQWRSHUJUXSSLSDUURFFKLHRUDWRULHFF


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

Š‡†‹

‹‘˜‡Â?–Î…ƒ”† Il Comune di Ghedi ha aderito all’iniziativa (promossa dalla Provincia) “GioventĂš Cardâ€?, una tessera gratuita, per giovani tra i 18 e i 35 anni, che consente di avere sconti e agevolazioni negli esercizi commerciali e in attivitĂ  economiche, nonchĂŠ l’erogazione di servizi in campo culturale, formativo, sportivo e ricreativo. La tessera, valida ďŹ no al 31 dicembre 2015, è fruibile ďŹ no al compimento del 36esimo anno di etĂ . L’assessore alle Politiche giovanili

Gianmario Messa sintetizza i motivi dell’iniziativa: “Riteniamo sia importante il progetto, perchĂŠ è una buona opportunitĂ  per i giovani. Non solo: GioventĂš Card è anche un’ottima occasione per le attivitĂ  commercialiâ€?. Per richiedere il documento è necessario collegarsi al sito www. gioventucard.it. Il rilascio avverrĂ  invece a cura dell’UfďŹ cio Politiche giovanili del Comune (piazza Roma 45). Informazione: 030-9058211, 030-9058259.

͙͛

ƒ†‡”Â?‡ŽŽ‘ ‡”Â?‹Â?ƒDz……‡Š‹•–”‹‘dz

‡”‘Žƒ˜‡……Š‹ƒ †‹••‡ƒ͚͙͙͘

Va in scena dal 21 al 23 luglio, presso il castello di Padernello, “Desertoâ€?, spettacolo teatrale di Gianluca Alberti, lavoro dal taglio beckettiano che affronta il tema della solitudine. Questo è l’ultimo degli appuntamenti della rassegna teatrale “Ecce histrioâ€?, svoltasi lungo tutto il mese di luglio sotto la direzione artistica di Paolo Peli. come di consueto, l’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 21, il biglietto d’ingresso costerĂ  10 euro.

L’undicesima edizione di “Odissea - Festival della Valle dell’Oglioâ€? organizzato dal Piccolo Parallelo, diretto da GianMarco Zappalaglio ed Enzo G. Cecchi, farĂ  tappa a Verolavecchia, sabato 23 luglio, alle 21.30, nell’anfiteatro presso la Torre civica (in caso di pioggia, nella palestra comunale); in scena “TaikoFlamenco Duelâ€?, performance con protagoniste Catia Castagna e Rita Superbi, ai tamburi giapponesi taiko e Giorgia Celli, danzatrice di flamenco. L’ingresso è gratuito.



…‹†‡œ‹‘Â?‡ƒÂ?‡”„‹‘njƒ••ƒ”‡•…‹ƒÂ?ƒ

/¡LPSUHQGLWRULD VXOFDPSR Â?…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜‹–Â?ÍšÍ˜Í™Í˜ÇŚÍšÍ˜Í™Í™†‡Ž‰”—’’‘’”‡•‹‡†—–‘†ƒŽ†‘––Ǥ ‹—•‡’’‡‘œœ‹°•–ƒ–ƒ ‹Â?–‡Â?Â•ÂƒÇŁ‹Â?’‡‰Â?‘Â…Â‹Â˜Â‹ÂŽÂ‡ÇĄƒ––‡Â?œ‹‘Â?‡ƒŽŽƒ•ƒŽ—–‡’—„„Ž‹…ƒ‡Žƒ˜‹•‹‘Â?‡†‹ƒŽ…—Â?‡”‡ƒŽ–Â?   

,  

mpegno, formazione in ambito economico-sociale, attenzione alla realtà civile ed alle sue problematiche. Questa è stata l’attività della sezione Ucid di Manerbio-Bassa Bresciana, presieduta dal dott. Giuseppe Pozzi, nell’anno 2010-2011. L’impegno civile si è mostrato sin dall’apertura, nel settembre 2010, con la visita a San Martino della Battaglia, teatro della battaglia che pose fine alla Seconda guerra di indipendenza italiana. Con questa iniziativa, il sodalizio ha precorso i tempi, dando il via alle celebrazioni per il 150° anniversario della riunificazione. In ottobre, il gruppo ha proposto un incontro dedicato al divertimento e ai suoi risvolti negativi, come la dipendenza dal gioco: il tema è drammaticamente attuale, perchÊ coinvolge i giovani e, spesso, anche gli adulti. Imprenditoria in prospettiva cristiana significa anche attenzione alla salute pubblica: cosÏ può essere letto l’incontro che l’Ucid ha tenuto in novembre con i dirigenti ospedalieri. La visita ai lavori in corso alla struttura manerbiese è stata accompagnata da un dibattito sul tema delle dipendenze, delle speranze e delle angosce che affliggono i piÚ giovani. In virtÚ della filosofia cristiana ed umana alla sua base, l’impegno

 



…‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡†‡Ž ’‡”…‘”•‘ǥ‰Ž‹‹•…”‹––‹ •‘Â?‘•–ƒ–‹ƒƒ”•ƒŽƒ’‡” ˜‹•‹–ƒ”‡‹Ž…‘Â?Â?—„‹‘ˆ”ƒ ‹Ž’ƒ••ƒ–‘ȋ‰Ž‹‡˜‡Â?–‹†‡Ž Í™Í ÍžÍ˜ČŒ‡‹Ž’”‡•‡Â?–‡ ucidino non può mancare anche in questi settori della vita pubblica. Le tematiche di natura economicoimprenditoriale hanno avuto il loro clou nell’incontro con Marco Vitale, economista d’impresa, bresciano di nascita, milanese di residenza, internazionale per cultura, attivi-

tà e per le sue pubblicazioni. Altro momento importante è stata la visita alla 83° Fiera agricola italiana (Eventi zootecnici internazionali) di Montichiari. Ci sono stati poi appuntamenti culturali, come la relazione tenuta dal giornalista Egidio Bonomi, sulla figura del Beàt CuradÏ e su quella romanzata di Gasparo, figure bresciane di grande popolarità. Altrettanto significativa è stata la visita storico-culturale alla restaurata Pieve di Corticelle. Altri momenti sono stati dedicati ancora all’Unità d’Italia: il 17 marzo, una delegazione è ritornata a Solferino per rivivere il passato e per un confronto sul costante e necessario dialogo fra Stato e Chiesa. A conclusione dell’anno di attività, il gruppo si è recato in Sicilia. A Marsala, i membri hanno vissuto il connubio fra il passato (testimoniato dagli eventi del 1860) e il presente. Il presente vive nell’attività imprenditoriale delle cantine Caruso-Minini (visitate dagli ucidini), esempio riuscito della collaborazione fra imprenditoria bresciana e siciliana. Nella dimensione economicoimprenditoriale, alla luce dell’insegnamento della Chiesa e del bene dell’uomo, con lo sguardo rivolto al passato, al presente ed al futuro, l’Ucid ha operato e intende continuare a farlo.

‘Â?’‹ƒÂ?‘ Ž’‹Â?‹‹Â?ˆ‡•–ƒ ‘Â?‹Â?…‡”ƒÂ?Â?‘˜‡Â?‡”†¿͚͚Ž—‰Ž‹‘‡ƒÂ?†”ƒÂ?Â?‘ƒ˜ƒÂ?–‹’‡”†—‡™‡‡Â?‡Â?††‹ÂˆÂ‹ÂŽÂƒÇĄ ˆ‹Â?‘ƒŽ’”‹Â?‘†‹ÂƒÂ‰Â‘•–‘ǣ‰Ž‹ƒŽ’‹Â?‹†‡Ž‰”—’’‘†‹‘Â?’‹ƒÂ?‘ǥ…‘Â?‡†ƒƒŽ…—Â?‹ ƒÂ?Â?‹ƒ“—‡•–ƒÂ’ÂƒÂ”Â–Â‡ÇĄ’”‘’‘””ƒÂ?Â?‘ƒ“—ƒÂ?–‹‹Â?–‡”˜‡””ƒÂ?Â?‘ƒ‹Ž‘”‘ÂˆÂ‡Â•Â–Â‡Â‰Â‰Â‹ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‹—Â?˜ƒ•–‘ƒ••‘”–‹Â?‡Â?–‘†‹†‡Ž‹œ‹‡ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ–”ƒŽ‡“—ƒŽ‹Žǯ‹Â?Â?ƒÂ?…ƒ„‹Ž‡•’‹‡nj †‘…Š‡’‘–”Â?ƒÂ?…Š‡‡••‡”‡’”‡Â?‘–ƒ–‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ•Â’Â‘Â”Â–Â‘Â?‡ŽŽ‡†‘Â?‡Â?‹…Š‡†‡ŽŽƒ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‡••—Â?ƒ’ƒ—”ƒ’‡”Žƒ’‹‘‰‰‹ƒ‘‹Ž–‡Â?’‘ÂƒÂ˜Â˜Â‡Â”Â•Â‘ÇŁŽƒˆ‡•–ƒ•‹ –‡””Â?Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡Âƒƒ†‹ƒ…‡Â?–‡ƒŽŽƒ•‡†‡…‘Â?“—ƒŽ•‹ƒ•‹…‘Â?†‹œ‹‘Â?‡Â?‡–‡‘”‘Ž‘‰‹…ƒǤ Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘‹Â?‘Ž–”‡ǥÂ?‡ŽŽ‘•–‡••‘Ž—‘‰‘•‹–‡””Â?Žƒ’”‹Â?ƒˆ‡•–ƒ†‡ŽŽƒŽ‘…ƒŽ‡ÂƒÂ•ÇŚ •‘…‹ƒœ‹‘Â?‡’‘Ž‹•’‘”–‹˜ƒǤ‰Â?‹•‡”ƒ–ƒ•ƒ”Â?ƒŽŽ‹‡–ƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡Â?—•‹…ƒŽ‡ ‘ˆˆ‡”–ƒ†ƒ˜ƒ”‹‰”—’’‹Ǥ…‡”–‘‰Ž‹Ž’‹Â?‹„ƒ••ƒ‹‘Ž‹ŠƒÂ?Â?‘–—––‹‹Â?‘–‹˜‹’‡”ÂˆÂ‡ÇŚ •–‡‰‰‹ƒ”‡—Â?ÇŻÂƒÂ?Â?ƒ–ƒ…Š‡Ž‹Šƒ˜‹•–‹’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‹Â?‘Ž–‡‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹‹Â?Â‹ÂœÂ‹ÂƒÂ–Â‹ÇŚ Â˜Â‡ÇŁ–”ƒ†‹‡••‡Â?‡”‹–ƒ†‹‡••‡”‡•‡‰Â?ƒŽƒ–ƒŽƒ”‹•–”—––—”ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ…ƒ’’‡ŽŽƒ †‡†‹…ƒ–ƒƒŽŽƒƒ†‘Â?Â?ƒ†‹ƒ”ƒ˜ƒ‰‰‹‘’”‡•‡Â?–‡•—Ž–‡””‹–‘”‹‘…‘Â?—Â?ƒŽ‡ǤÂ˜ÇŚ ˜ƒŽ‡Â?†‘•‹†‹Â?ƒ‡•–”ƒÂ?œ‡Ž‘…ƒŽ‹°•–ƒ–‘’‘••‹„‹Ž‡’‘”–ƒ”‡ƒ–‡”Â?‹Â?‡‹ŽÂ”Â‡Â•Â–ÂƒÂ—Â”Â‘ÇĄ …‘Â?‘––‹Â?‹Â”Â‹Â•Â—ÂŽÂ–ÂƒÂ–Â‹ÇĄ‡Â?–”‘Žƒˆ‹Â?‡†‹Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄÂ?‡•‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡†‡†‹…ƒ–‘ ƒƒ”‹ƒǤƒÂ…ÂƒÂ’Â’Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ°•–ƒ–ƒ‹Â?ƒ—‰—”ƒ–ƒ‹ŽÍšÍ&#x;ƒŽŽƒ’”‡•‡Â?œƒ†‹ÂƒÂ—–‘”‹nj –Â?…‹˜‹Ž‹‡”‡Ž‹‰‹‘•‡ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

—†‹ƒÂ?‘ ‹…‘”†ƒÂ?†‘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â–Â”Â‘Â?‘Â?‘ƒÂ?‡”‘Â?‹ —†‹ƒÂ?‘”‹–‘”Â?ƒƒ”‹…‘”†ƒ”‡—Â?•—‘ˆƒÂ?‘•‘“—ƒÂ?–‘†‹•…—••‘…‹––ƒ†‹Â?‘†‡Ž Â’ÂƒÂ•Â•ÂƒÂ–Â‘ÇĄ˜ƒŽ‡ƒ†‹”‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â–”‘Â?‘Â?‘ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒÂ?‡”‘Â?‹Ǥ‘’‘…Š‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘†‹ Â?ƒ‰‰‹‘‡”ƒƒÂ?†ƒ–ƒ‹Â?•…‡Â?ƒ—Â?ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡‹Â?†‹ƒŽ‡––‘•…”‹––ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ—ÇŚ –”‹…‡–‡ƒ–”ƒŽ‡ƒ”‹ƒ ‹Ž‹’’‹Â?‹ǥŽƒˆ‹‰—”ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â–”‘Â?‘Â?‘…Š‡‹Â?’‹‡Â?‘‘˜‡…‡Â?ÇŚ –‘–‘”Â?Ă–’”‘˜‘…ƒ–‘”‹ƒÂ?‡Â?–‡Ġƒˆˆ‡”Â?ƒ”‡Žƒ˜ƒŽ‹†‹–Â?†‡ŽŽƒ–‡‘”‹ƒ–‘Ž‡Â?ÂƒÂ‹Â…ÂƒÇĄ –‘”Â?ƒĠ‡••‡”‡•‘‰‰‡––‘–‡–”ƒŽ‡Ǥ‡”Žƒ”‡‰‹ƒ†‹Ž‡••ƒÂ?†”‘Â‡Â•Â•ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ ˜‡””Â?’”‘’‘•–‘ǥ‹Ž͚ͥŽ—‰Ž‹‘ƒŽŽ‡͚͙Ǥ͛͘’”‡••‘Žƒ’‹ƒœœ‡––ƒƒ†‹ƒ…‡Â?–‡ƒŽ˜‹…‘Ž‘ ‘••ƒ†‹—†‹ƒÂ?‘ǥDz—ƒÂ?†‘‹Ž˜‡Â?–‘°ˆ‡”Â?‘Â?‘Â?•‹Â?—‘˜‡ÂˆÂ‘Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇłÇŁ—Â?–‡•–‘ …Š‡ǥƒ’ƒ”–‹”‡†ƒ•…”‹––‹‡†‹•‡‰Â?‹‘”‹‰‹Â?ƒŽ‹†‹ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒÂ?‡”‘Â?‹ÇĄ’”‘˜ƒƒÂ†ÂƒÇŚ ”‡…‘Â?•‹•–‡Â?œƒ†”ƒÂ?Â?ƒ–‹…ƒƒŽ•—‘’‡Â?•‹‡”‘ǥÂ?‡––‡Â?†‘Â?‡‹Â?Ž—…‡‰Ž‹ƒ•’‡––‹ ’‘‡–‹…‹‡ˆ‹Ž‘•‘ˆ‹…‹Ǥ ÂŽÂ?‡……ƒÂ?‹•Â?‘–‡–”ƒŽ‡’”‘•‡‰—‹”Â?‹Â?“—‡•–ƒ†‹”‡œ‹‘Â?‡ˆ‹Â?‘ ƒ–‡Â?–ƒ”‡†‹”‡Â?†‡”‡’Žƒ—•‹„‹Ž‡ŽƒÂ?‡••ƒ‹Â?†‹•…—••‹‘Â?‡†‹—Â?…”‡†‘…‘Â?—Â?‡nj Â?‡Â?–‡ƒ……‡––ƒ–‘…‘Â?‡Žƒ–‡‘”‹ƒ‡Ž‹‘…‡Â?–”‹…ƒǤÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘°’ƒ–”‘…‹Â?ƒ–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?ÇŚ Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹—†‹ƒÂ?‘ǥÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘ƒŽ—”‹•Â?‘‡ƒ”…‘‰Ž‹‘ Â?‘”†ǥÂŽÇŻ‰‡Â?œ‹ƒ–‡””‹–‘”‹ƒŽ‡’‡”‹Ž–—”‹•Â?‘†‡ŽŽƒ’‹ƒÂ?—”ƒ„”‡•…‹ƒÂ?ÂƒÇĄ‹Žƒ”…‘ ‰Ž‹‘Â?‘”†‡Žƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‡˜‹Žƒ…“—ƒƒÂ?ƒ•ƒÇĄŽǯ‹Â?‰”‡••‘°‰”ƒ–—‹–‘ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

  

”‡Â?œƒÂ?‘ ‘Ž‘Â?–ƒ”‹•‘––‘Ž‡•–‡ŽŽ‡ ƒÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͚͙ƒ†‘Â?ƒÂ?‹…ƒ͚͜ÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡†‡‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„—nj ŽƒÂ?œƒ†‹”‡Â?œƒÂ?‘‘”‰ƒÂ?Â‹ÂœÂœÂƒÇĄ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ŽƒŽ‘…ƒŽ‡•‡œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽǯÂ˜Â‹Â•ÇĄ—Â?ƒˆ‡•–ƒƒ’‡”–ƒƒ–—––ƒŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘†‹ÂˆÂƒÂ”ÇŚ •‹…‘Â?‘•…‡”‡‡†‹ˆˆ‘Â?†‡”‡–”ƒŽ‡’‡”•‘Â?‡‹˜ƒŽ‘”‹†‡Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘Ǥ Â?ÇŚ ‰”‡†‹‡Â?–‹†‡ŽŽƒˆ‡•–ƒ‹Ž…Žƒ••‹…‘‹Â?–”ƒ––‡Â?‹Â?‡Â?–‘Â?—•‹…ƒŽ‡ȋ•—Ž’ƒŽ…‘Ž‡ ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹Â?—•‹…ƒŽ‹†‹ŽƒÂ?•‘Â?ÇĄ‡—•‡‡‹•‡Â‡Â„Â‡Â…Â…ÂƒČŒÂŽÇŻÂ‡Â•Â‹Â„Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‹ •…—‘Ž‡†‹„ƒŽŽ‘‡‰‹‘…Š‹’‡”‹’‹Î’‹……‘Ž‹ǥ†ƒŽŽƒ”—‘–ƒ†‡ŽŽƒˆ‘”–—Â?ƒƒ‹‰‘Â?ÇŚ ˆ‹ƒ„‹Ž‹Ǥ‡•‡”ƒ–‡•ƒ”ƒÂ?Â?‘Â…ÂƒÂ”ÂƒÂ–Â–Â‡Â”Â‹ÂœÂœÂƒÂ–Â‡ÇĄ‹Â?‘Ž–”‡ǥ†ƒŽŽƒ„—‘Â?ƒ…—…‹Â?ƒ‡ Â?‡”‹–ƒ—Â?ƒÂ?‡Â?œ‹‘Â?‡’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡Žƒ•‡”ƒ–ƒ†‹Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÇĄ“—ƒÂ?†‘†ƒ‹Â˜Â‘ÇŚ Ž‘Â?–ƒ”‹˜‡””Â?ƒŽŽ‡•–‹–ƒ—Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡Ç˛Â‰Â”‹‰Ž‹ƒ–ƒ•‘––‘Ž‡•–‡ŽŽ‡dzǤ Â?ˆ‹Â?‡—Â? …—”‹‘•‹–Â?ÇŁƒ…Š‹Ž‘Â˜Â‘ÂŽÂ‡Â•Â•Â‡ÇĄ˜‡””Â?†ƒ–ƒŽƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹’”‘˜ƒ”‡‹Ž„”‹˜‹†‘ †‡Ž’ƒ”ƒ…ƒ†—–‹•Â?‘ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ


͙͜

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‰‡Â?œ‹ƒ–‡””‹–‘”‹ƒŽ‡’‡”‹Ž–—”‹•Â?‘ Dz—”‹•Â?‘†‹–”ƒÂ?•‹–‘ǤǤǤ’‡”…‘”•‘Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÇŚÂ‰ÂƒÂ•Â–Â”Â‘Â?‘Â?‹…‘dz Tempo d’estate e di gite. In Valle Sabbia da tempo viene pubblicato l’opuscolo “Valle Sabbia, un viaggio nella storia, nei colori, nei saporiâ€?, un programma relativo alle manifestazioni estive in tutta la Valle che copre l’arco di sei mesi (giugnonovembre). Quest’anno, per dare un orientamento al turista che arriva in Valle Sabbia, l’Agenzia territoriale per il turismo Valle Sabbia e Lago d’Idro, fresca di trasloco da Nozza di Vestone alla nuova sede di Idro, ha recentemente pubblicato anche

l’opuscolo “Turismo di transito‌ percorso cultural-gastronomico della Valle Sabbiaâ€?. Questa pubblicazione permette al visitatore di farsi un’idea su alcune delle maggiori attrattive valsabbine e dei paesi che le propongono, nonchĂŠ delle manifestazioni a cadenza annuale che coinvolgono i paesi con date e dettagli sulle tradizioni. Come si può leggere nell’introduzione del presidente dell’Agenzia Gian Zeno Marca, l’intenzione della pubblicazione è “unire sotto un

unico calendario tutte le iniziative culturali-gastronomiche volte a far conoscere un territorio diverso dove la cultura e il piacere si legano strettamente alle bellezze naturali e ai prodotti di qualitĂ â€?. Ecco le manifestazioni segnalate: il carnevale e la manifestazione “La transumanza – riscoperta di un mondo perdutoâ€? a Bagolino, il palio delle contrade di Roè Volciano, la passeggiata in malga e la festa di Sant’Andrea a Pertica Alta, le manifestazioni “Sentieri da gustareâ€?

e “Percorsi di‌ vinoâ€? di Pertica Bassa, il “Ferragosto murenseâ€? a Mura, la sagra del pesce a Ponte Caffaro, la manifestazione “Sapori e melodie di un tempoâ€? a Preseglie, “BrĂśstoi e formaiâ€? a Serle, la sagra di San Gottardo a Barghe, i Cortili in festa di Idro, i mercatini natalizi e il For‌ maggio in musica su quattro ruote classiche a Vallio Terme e la festa parrocchiale dedicata alla visitazione di Santa Maria a Sant’Elisabetta di Vestone. Per info www.vallesabbia.info. (n.t.)

  ‡†‹œœ‘Ž‡’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹Â†ÇŻÂ‡Â•Â–ƒ–‡

7UDVSLULWXDOLWj HIHVWHJJLDPHQWL

Â?‡•‹†‹Ž—‰Ž‹‘‡†‹ƒ‰‘•–‘‘ˆˆ”‘Â?‘Â?‘Ž–‡‘’’‘”–—Â?‹–Â?†‹Â•Â˜ÂƒÂ‰Â‘ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡†‹ ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡Ǥƒ„ƒ–‘͚͛†‘’‘ŽƒƒÂ?–ƒ‡••ƒ†‡ŽŽ‡͙͠Ǥ͛͘…ǯ°Žƒ–‘Â?„‘Žƒ–ƒƒ‰”‹…‘Žƒ  

 

/

’estate bedizzolese è ricca di appuntamenti che conciliano fede e divertimento. La comunitĂ  si prepara a vivere giornate intense fatte di celebrazioni, devozioni, processioni e musica, ma anche di stand gastronomici e lotterie a scopo benefico. VenerdĂŹ 15 luglio, con la festa della Madonna del Lazzaretto di Masciaga, i bedizzolesi hanno festeggiato attorno al Santuario mariano che dal 1763 custodisce l’affresco cinquecentesco della Madonna, da oltre 200 anni punto di riferimento per l’intero paese. Sabato 16, è stata la volta della “sfida del pondòrâ€? con giochi gonfiabili per bambini; mentre domenica 17 grande affluenza per la grande asta delle torte. Molto ricca è anche la programmazione di questa settimana. Si comincia venerdĂŹ 22, alle ore 19: per i nostalgici si segnala il torneo di calciobalilla. Sabato 23, invece, dopo la Santa Messa delle ore 18.30 in onore a Santa Maria porta del cielo, la grande

ƒ‰‘†ǯ †”‘ ‘”Â?ƒ‹Ž„ƒ––‡ŽŽ‘ Fino al 15 settembre il battello “sciroccoâ€? torna a navigare le acque del lago d’Idro. La provincia di Brescia dopo due anni di sperimentazione ha ottenuto il via libera dal Pirellone per la linea estiva di navigazione del lago. La rotta garantirĂ  il servizio di trasporto pubblico locale integrato autobus e battello da Crone (Comune di Idro) a Ponte Caffaro con fermata ad Anfo, Vantone, Vesta con la nuova aggiunta di Bontone (Trento). La societĂ  Trasporti Brescia Nord e la consorziata Sia realizzano il servizio. Tre i Comuni bresciani (Idro, Bagolino e Anfo) interessati dal servizio sperimentale nel mese di agosto 2009 e nei mesi di luglio e agosto 2010 con un successo in termini di passeggeri: circa 3.600 nel 2009 e circa 7.400 nel 2010. â€œĂˆ un progetto in cui la Provincia di Brescia ha creduto moltoâ€? ha commentato Corrado Ghirardelli, assessore ai Trasporti della Provincia.

‘Â?Žƒƒ†‘Â?Â?ƒ †‡Žƒœœƒ”‡––‘ƒŽ •ƒÂ?–—ƒ”‹‘†‹ÂƒÂ•Â…Â‹ÂƒÂ‰ÂƒÇĄ ’—Â?–‘†‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘†ƒ ͚͘͘ƒÂ?Â?‹ǥ•‹•‘Â?‘ƒ’‡”–‡ Ž‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹‡•–‹˜‡ tombolata agricola, fissata per le ore 20. Domenica 24 luglio, alle ore 20.30, la chiusura della festa della Madonna del Lazzaretto con la partecipazione della Marching Band bedizzolese che accompagnerĂ  la comunitĂ  durate la processione mariana conclusiva. Il ricavato della festa sarĂ  destinato alla realizzazione di un nuovo impianto di riscaldamento per il Santuario. Il 28 luglio è la volta della storica Festa di San Giovanni Nepomuceno a Pontenove, che si protrarrĂ  fino al 31 luglio. Nella serata di apertura, si ripeterĂ  l’antico rito della posa della statua del Santo nelle acque del fiume

Chiese. Per l’occasione, la celebrazione religiosa delle ore 20.30 sarà presieduta da mons. Polvara, provicario generale. Durante le serate, saranno disponibili gratuitamente giochi gonfiabili per i bambini. Ultima, ma non per questo meno importante, la festa di San Rocco dal 12 al 16 di agosto, preceduta da martedÏ 9 dalla Messa mattutina in onore del Santi Fermo e Rustico con la benedizione del pane, del sale e di piccoli animali, per le ore 9. La mattina di venerdÏ 12, la Messa per anziani e pensionati alle 11; la sera, a partire dalle 19, l’apertura con la tombolata. LunedÏ 15, invece, la recita del Rosario alla Cappella dell’Assunta in San Rocco per le ore 20.30. MartedÏ 16 agosto, in onore del Santo, serata danzante con l’estrazione della lotteria, dopo le 23. Un’estate all’insegna del divertimento e della spensieratezza quella bedizzolese, dove tradizione estiva e fede si incontrano e si rinnovano ogni anno con il contributo di numerose persone.

    

ǯ—Ž–‹Â?ƒˆ‡•–ƒ‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ°“—‡ŽŽƒ†‹ƒÂ?‘……‘ ȋ͙͚nj͙͞ÂƒÂ‰Â‘Â•Â–Â‘ČŒÇĄ’”‡…‡†—–ƒÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†ÂżÍĄƒ‰‘•–‘†ƒŽŽƒ ‡••ƒÂ?ƒ––—–‹Â?ƒ‹Â?‘Â?‘”‡†‡‹ƒÂ?–‹ ‡”Â?‘‡—•–‹…‘ …‘Â?Žƒ„‡Â?‡†‹œ‹‘Â?‡†‡Ž’ƒÂ?‡ǥ†‡Ž•ƒŽ‡‡†‹’‹……‘Ž‹ ƒÂ?‹Â?ƒŽ‹Ǥ—Â?‡†¿Í™Í?ÇĄ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄŽƒ”‡…‹–ƒ†‡Ž‘•ƒ”‹‘ ƒŽŽƒƒ’’‡ŽŽƒ†‡ŽŽǯ••—Â?–ƒ‹Â?ƒÂ?‘……‘


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ƒ‘…‡†‡ŽŽƒƒŽ–”‘�’‹ƒ

�’”‹�‘’‹ƒ�‘Ž‡�—Ž–‡

‡œœƒœ‡ ƒ�‹�‹‡”ƒƒ”œ‘Ž‹”‹ƒ’”‡ƒŽ’—„„Ž‹…‘

Multe selvagge o autisti senza regole? Nel numero di luglio del mensile “La Voce della Valtrompiaâ€?, in distribuzione da domani, il primo piano analizza la situazione delle multe sul territorio. Nei cittadini cresce sempre di piĂš la consapevolezza che in questi ultimi anni di tagli dal governo centrale, i Comuni utilizzino lo strumento delle multe per fare cassa, magari a scapito del cittadino, con autovelox in strade ad alto scorrimento. Il mensile presenta

“Il 1° agosto la miniera Marzoli riapre al pubblicoâ€?: è il risultato annunciato dal sindaco di Pezzaze Sergio Richiedei dopo il certosino lavoro per comporre il difďŹ cile “puzzleâ€? dell’operazione, concluso in poco piĂš di un mese con ultimo unanime passaggio in Consiglio per il “subentro del Comune di Pezzaze nella gestione, fruizione e valorizzazione della miniera Marzoli inserita nel contesto del Museo del ferro e delle Miniereâ€?. La Marzoli (20mila visitatori nel

anche un’intervista all’argentino Catriel Soto, che in quel di Collio sta preparando per la mountain bike le Olimpiadi 2012 di Londra. Prosegue ďŹ no al 31 luglio anche, presso il forno fusorio di Tavernole, la mostra pittorica “Valtrompia: il mito della montagnaâ€?. L’esposizione, aperta raggruppa 43 dipinti che immortalano la Valle tra Ottocento e Novecento. La rassegna è aperta dal martedĂŹ al venerdĂŹ dalle 19 alle 21, il sabato e la domenica dalle 15 alle 20.

2006) è chiusa dallo scorso 27 maggio, quando i soci (ComunitĂ  montana e Comuni) hanno deciso la liquidazione dell’Agenzia Parco Minerario con incarico al presidente Mauro Tognoli e al professionista Ivano Porteri. “Bisognava riaprire subito – ha spiegato il Sindaco – per non vaniďŹ care il lavoro di 11 anni.â€? Il Comune, proprietario dell’attiguo immobile reception e museo del Ferro e delle miniere, veriďŹ cata in Regione la possibilitĂ  del subentro al Parco nel “permesso di ricerca“

Í™Í?

indispensabile per la gestione della miniera, coi liquidatori, ha fatto la relativa domanda. Poi, con questi e con l’accordo della ComunitĂ  montana ha ottenuto miniera e attrezzature in “comodato gratuitoâ€?. GestirĂ  la miniera la Cooperativa Ski-Mine di Schilpario, che opera da tempo (1997) ed ha giĂ  realizzato vari percorsi nelle miniere bergamasche (Parco Bonicelli). L’onere per il Comune è riferito alla tassa annuale della concessione: 957 euro. (e.b.)

  

‘†”‹Â?‘ Â?ƒˆ‡””ƒ–ƒ•—ŽŽƒ‘”Â?ƒƒ•’ƒ‹ Â?ƒÂ?—‘˜ƒ•—‰‰‡•–‹˜ƒˆ‡””ƒ–ƒ•—ŽŽƒ‘”Â?ƒƒ•’ƒ‹ƒ‘†”‹Â?‘ǣ˜‡””Â?‘Â?‘nj Ž‘‰ƒ–ƒ‡•ƒ”Â?ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡†‡‹–ƒÂ?–‹ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‹Ǥ‘”–‡”Â?‹Â?Â˜Â‡Â–Â–ÂƒÇĄƒ‹ ͙͙͛ͥÂ?‡–”‹†‡ŽÂ?ƒ‡•–‘•‘”‘……‹‘Â?‡†‘Ž‘Â?‹–‹…‘…Š‡•‡Â?„”ƒ‹Â?…‘Â?„‡”‡ …‘Â?‡—Â?…ƒ•–‡ŽŽ‘•—ŽÂ’ÂƒÂ‡Â•Â‡ÇĄ…‘Â?Žƒ‰”ƒÂ?†‡…”‘…‡‰‹ƒŽŽƒ‹Â?…‹Â?ƒǤÂ?ƒÂ?‡nj –ƒ‰‘†‹„‹Ž‹••‹Â?ƒ’‡”ˆƒ…‹Ž‹–Â?‡…‘Â?‘†‹–Â?ƒ––”ƒ˜‡”•‘…—‹†ƒŽŽƒ…‹––Â?‘†ƒŽŽƒ ƒŽ•ƒ„„‹ƒ•‹”ƒ‰‰‹—Â?‰‡‘†”‹Â?‘Ǥ‘‹ǥ•‡Â?’”‡…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â‘•‹•ƒŽ‡‹Â?Ž‘…ƒŽ‹–Â? ‹Â?‡–ƒƒŽ„ƒ”‘Â?‘Â?‹Â?‘ȋ͙͚ͥÂ?Â‡Â–Â”Â‹ČŒÇ¤ƒ“—‹ǥƒ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡•‹”ƒ‰‰‹—Â?‰‡ ƒ•’ƒ‹”‹•ƒŽ‡Â?†‘’‡”‹Ž–”ƒ……‹ƒ–‘„‡Â?•‡‰Â?ƒŽƒ–‘ȋ‹Â?†‹…ƒ–‘”‹„‹ƒÂ?Â…Â‘ÇŚÂ˜Â‡Â”Â†Â‹ČŒ ˜‡”•‘‹Ž’ƒ••‘ƒ˜ƒ†ƒȋ͙͙Í?Í Â?Â‡Â–Â”Â‹ČŒÇŁŽƒ•‹ƒ‰‰‹”ƒ’‹‡‰ƒÂ?†‘ƒ†‡•–”ƒ‡Â”ÂƒÂ‰ÇŚ ‰‹—Â?‰‡Â?†‘Žƒ…‹Â?ƒ•—•‡Â?–‹‡”‘’ƒÂ?‘”ƒÂ?‹…‘–”ƒ•…‘”…‹…Š‡”‡‰ƒŽƒÂ?‘ǥ‹Â? Â?‹Â?Â‹ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄŽ‡‡Â?‘œ‹‘Â?‹†‡ŽŽ‡ ”‹‰Â?‡Ž‡……Š‡•‹Ǥ—ŽŽƒÂˆÂ‡Â”Â”ÂƒÂ–ÂƒÇĄ…‘Â?ƒ––ƒ……‘ •‘’”ƒ‹Ž‰”ƒÂ?†‡˜ƒŽŽ‘’ƒ”ƒÂ?ƒ••‹ƒ–—–‡Žƒ†‹ˆ”ƒÂ?ƒÂ•Â‡Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ“—‡•–‡‡Â?‘nj œ‹‘Â?‹†‹˜‡Â?–‡”ƒÂ?Â?‘‰”ƒÂ?†‹ǣƒÂ?ˆ”ƒ––‹†‹”‘……‹ƒ†ƒ†‘˜‡–”ƒ•—†ƒÂ?‘ˆ‹‘”‹‡ Â˜Â‡Â”Â†Â‡ÇĄ†ƒÂ?†‘Žǯ‹Â?’”‡••‹‘Â?‡†‹‹•‘Žƒ”•‹†ƒŽÂ?‘Â?†‘’‡”•„—…ƒ”‡‹Â?˜‡––ƒ ‡‰‘†‡”‡Ž‘•’Ž‡Â?†‹†‘’ƒÂ?‘”ƒÂ?ƒ•—˜ƒŽŽ‹‡…ƒ–‡Â?‡ƒŽ’‹Â?‡Ž‘Â?–ƒÂ?‡Ǥ‹”…ƒ †—‡‘”‡‡Â?‡œœƒ’‡”Žǯ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‹˜‘†‹•Ž‹˜‡ŽŽ‘†‹͘͘͜Â?‡–”‹Ǥ

   

‘�–‡ —‰Ž‹‡Ž�‘ ‡•–ƒ†‡Ž‡†‡�–‘”‡

/DEHOOH]]DSRUWD YLFLQRD/XL

ÂŽ–‡Â?’‘‹Â?…‡”–‘‡Žƒ’‹‘‰‰‹ƒÂ?‘Â?ŠƒÂ?Â?‘ˆ”‡Â?ƒ–‘Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡†‡‹„”‡•…‹ƒÂ?‹ƒŽŽƒ ƒÂ?–ƒ‡••ƒ‘ˆˆ‹…‹ƒ–ƒ†ƒÂ?‘Â?•Ǥ”—Â?‘ ‘”‡•–‹ǥ…Š‡Šƒ„‡Â?‡†‡––‘‹ŽÂ?—‘˜‘Â?‘•ƒ‹…‘  

/

a Madonna dell’Accoglienza vi dice ‘Sono contenta che amiate la montagna luogo di meditazione’, invitandoci a guardare in alto dove c’è un’altra montagna...â€?. Queste parole dette da mons. Bruno Foresti, nel momento della benedizione, sono bella sintesi del significato e delle emozioni che suscita il nuovo mosaico collocato nella cappelletta del monumento al Redentore sulla vetta del GĂślem, pala per il piccolo altare, cuspide d’oro con la colomba al centro verso il cielo blu stellato che ne ricopre il soffitto. Dalla grande aureola circolare, dal manto disegnato da fasci di luce che lo avvolgono emergono il viso di fanciulla e le grandi mani delle braccia spalancate. Fasci di luce fatti cangianti dai riflessi delle 25mila piccole tessere di vetro di Murano, dove domina l’azzurro nelle diverse tonalitĂ , il colore delle Madonne di tutti i secoli a cominciare da quella del Beato Angelico nell’Annunciazione al Prado di Madrid (pure sormontata da soffitto azzurro stellato). Non manca, sulla cima della montagna di luce, la raffigurazione del monumento. Lo firma il bravo Marco Furri, artista bresciano affermato: è sua la XIV stazione (la discesa dello Spirito Santo) della Via Lucis a S. Eufemia, e lo sono anche gli arredi sulle navi di Costa Crocere. Mons. Bruno Foresti era sul GĂślem, domenica scorsa, terza di luglio, per la Messa solenne della

ÇŻ  

ÂŽÂ?—‘˜‘Â?‘•ƒ‹…‘ °ÂŽÇŻÂƒÂ––‘…‘Â?…Ž—•‹˜‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ …—Ž–—”ƒŽ‡‡†‡Â?–‘”‡ǥ ƒÂ?‹Â?ƒ†ƒÍ™Í?ƒÂ?Â?‹†‹ –—––‡Ž‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ Festa del Redentore, appuntamento da oltre un secolo per i bresciani: da quando il 24 agosto 1902 venne inaugurato il Monumento realizzato dal comitato presieduto da Giorgio Montini. Quel giorno lassĂš c’era anche il futuro Paolo VI, suo figlio Giovanni Battista (aveva cinque anni) portato in spalla a tratti da Giacinto Contrini.

La ricorrenza quest’anno era impreziosita da due circostanze: il nuovo mosaico nella chiesetta del monumento restaurato nel 1966 su spinta e iniziativa del Papa bresciano, ricordato lassĂš dalla bella statua in bronzo a lui dedicata collocata il 4 ottobre del 1998 (pure inaugurata dal vescovo Foresti), e dal 40° di Messa di don Lorenzo Pedersoli, parroco di Zone. Il tempo era incerto ma in tanti non hanno voluto mancare: durante la Messa concelebrata con don Lorenzo e don Eugenio Panelli (parroco di Inzino) condecorata dal Coro Inzino, si sono dovuti infilare giacche a vento e aprire ombrelli. Ma ci ha pensato il Vescovo emerito con le sue parole semplici e toccanti a riscaldare il cuore. Hanno portato i saluti delle autoritĂ  civili il sindaco di Zone, Marco Antonio Zatti, con l’assessore provinciale Aristide Peli. Il nuovo mosaico è l’atto conclusivo dell’impresa della Associazione culturale Redentore presieduta da Cesare Giovanelli, l’anima da 15 anni, dal 1997 centenario della nascita di Paolo VI, di tutte le iniziative che, dopo la realizzazione della statua bronzea di Paolo VI, hanno via via fatto diventare il monumento straordinario e unico coi magnifici grandi mosaici (45 mq) di autori diversi sulle pareti esterne e il portale bronzeo dedicato a papa Wojtyla. Ora il sogno di Giovanelli è che per l’anno prossimo, a 110 anni dall’inaugurazione, il luogo diventi un “santuario marianoâ€?.

‹ŽŽƒƒ”…‹Â?ƒ ƒÂ?‰‡Â?ƒ–‘‹Â?…‘Â?…‡”–‘ Dz—‹ƒÂ?ƒÂ?‡ǥŽ‡‹ƒÂ?ƒ–‡dzǤ1“—‡•–‘‹Ž–‹–‘Ž‘†‡Ž…‘Â?…‡”–‘†‹ ƒÂ?‰‡Â?ƒ–‘ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡Ž ‡•–‹˜ƒŽ†‡ŽŽ‡–‡””‡„”‡•…‹ƒÂ?‡‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒƒŽŽ‡‘”‡͚͚†‹ Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͚͙Ž—‰Ž‹‘ǥ’”‡••‘‹Žƒ”…‘†‹‹ŽŽƒ Ž‹•‡Â?–‹Ǥ ƒÂ?‰‡Â?ƒ–‘°‹Ž’”‘‰‡––‘Â?—•‹…ƒŽ‡†‹—Â?‰”—’’‘†‹…‹Â?“—‡…”‡ƒ–‹˜‹Â’Â—Â„Â„ÂŽÂ‹Â…Â‹Â–ÂƒÇŚ ”‹ǥ…Š‡†ƒŽŽ‘”‘‡•‘”†‹‘Â?‡Ž͚͘͘Í&#x;ÇĄ‹Â?’‘…Š‹Â?‡•‹ŠƒÂ?Â?‘…‘Â?“—‹•–ƒ–‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹ ”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‹Č‹Â˜Â‹Â?…‹–‘”‹†‡Ž”‡Â?‹‘‡Â?†”¹‡ǥ†‡Ž”‡Â?‹‘ÂƒÂ–Â–Â‹Â•Â–Â‹ÇĄ‘•’‹–‹ •—Ž’ƒŽ…‘†‡Ž͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘•‡‰—‡Â?–‡ǥ‡•‡Â?’”‡Â?‡Ž͚͘͘͠˜‹Â?…‹–‘”‹†‹‘…Â? ƒ”‰ƒ–‘ –ƒŽ‹ƒ‡†‡Ž”‡Â?‹‘‹ƒ‡ƒŽ—•‹…—Ž–—”ƒ†‹ƒÂ?Â–Â‘Â˜ÂƒÇĄƤÂ?‘Ġƒ””‹˜ƒ”‡ ƒŽ’”‡•–‹‰‹‘•‘’ƒŽ…‘†‡Ž”‡Â?‹‘‡Â?Â…Â‘ČŒÇ¤‰‰‹ǥ†‘’‘†—‡ƒÂ?Â?‹†‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‘ǥ‡•…‡ ‹Ž–ƒÂ?–‘ƒ––‡•‘†‹•…‘†ǯ‡•‘”†‹‘ǥ…Š‡…‘Â?ˆ‡”Â?ƒ“—ƒÂ?–‘†‹„—‘Â?‘•‹‡”ƒ‹Â?Â–Â”ÂƒÂ˜Â‹ÇŚ •–‘Â?‡ŽŽ‡Ž‘”‘ƒ’’ƒ”‹œ‹‘Â?‹Ž‹˜‡ǤÂ?†‹•…‘‹Ž…—‹’—Â?–‘†‹ˆ‘”œƒ•–ƒÂ?‡ŽŽƒ•‡Â?’Ž‹nj …‹–Â?†‡ŽŽ‡…ƒÂ?œ‘Â?‹ǥ•‡Â?’”‡Â?‘Ž–‘Â‘Â”Â‡Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‹ÇĄÂ?ƒÂ?‘Â?’‡”“—‡•–‘•…‘Â?–ƒ–‡ ‘„ƒÂ?ÂƒÂŽÂ‹ÇĄƒÂ?ÂœÂ‹ÇĄ…‘•–”—‹–‡…‘Â?‰—•–‘‡’‡”•‘Â?ƒŽ‹–Â?Ǥ ÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘°’”‘Â?‘••‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘ƒŽŽƒ—Ž–—”ƒ†‡Ž‘Â?—Â?‡ǥ…‘Â?‹ŽÂ’ÂƒÂ–Â”Â‘ÇŚ …‹Â?‹‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘ƒŽŽƒ—Ž–—”ƒ‡ƒŽ—”‹•Â?‘†‡ŽŽƒ”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡•…‹ƒ‡ †‡ŽŽ‡‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?‡„”‡•…‹ƒÂ?‡Ǥǯ‹Â?‰”‡••‘°Ž‹„‡”‘Ǥ

‹ŽŽƒƒ”…‹Â?ƒ Dz‡Ž–‹… ƒ”’Â‘Â”Â…ÂŠÂ‡Â•Â–Â”ÂƒÇł ÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘ƒŽŽƒ—Ž–—”ƒŠƒƒŽŽ‡•–‹–‘—Â?‹Â?‡†‹–‘…‘Â?…‡”–‘Â†ÇŻÂƒÂ”Â’Â‡…‘Â? ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‘”…Š‡•–”ƒŽ‡…‘Â?’‘•–ƒ’”‡˜ƒŽ‡Â?–‡Â?‡Â?–‡†ƒƒ”’‡‹”ŽƒÂ?†‡nj •‹ǥ„”‡–‘Â?‹‡’‘’‘Žƒ”‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡Ǥ‡Â?—•‹…Š‡•’ƒœ‹‡”ƒÂ?Â?‘†ƒ„”ƒÂ?‹†‡ŽŽƒ –”ƒ†‹œ‹‘Â?‡‹”ŽƒÂ?†‡•‡ǥ•…‘œœ‡•‡‡„”‡–‘Â?‡ƒÂ?—•‹…Š‡•ƒ…”‡†‡Ž‡†‹‘nj ‡˜‘‡—”‘’‡‘ǥ‹Â?…‡Â?–”ƒÂ?†‘•‹•—’‡œœ‹‘”‹‰‹Â?ƒŽ‹ƒ’’‘•‹–ƒÂ?‡Â?–‡…‘Â?ÇŚ ’‘•–‹’‡”ˆƒ””‹•ƒŽ–ƒ”‡Žǯ‹Â?’ƒ––‘•‘Â?‘”‘†‡ŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡ǤŽŽ‡ƒ”’‡ •‹ƒˆˆ‹ƒÂ?…ƒÂ?‘Žƒ˜‘…‡•‘’”ƒÂ?‘†‹‘Â?ƒ–‡ŽŽƒ‘”–‘Â?‡ǥÂ…ÂŠÂ‹Â–ÂƒÂ”Â”ÂƒÇĄÂ„ÂƒÂ•Â•Â‘ÇĄ ˜‹‘Ž‹Â?‹ǥ’‡”…—••‹‘Â?‹ǥ…‘”‘ǥÂˆÂŽÂƒÂ—Â–Â‘ÇĄ‹Ž–—––‘‰—‹†ƒ–‘†ƒ ƒ„‹—•‘Â?•–ƒ„Ž‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â’ÂƒÇĄ˜‹‘Ž‘Â?…‡ŽŽ‘‡ˆ‹•ƒ”Â?‘Â?‹…ƒǤÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘°’‡”•ƒ„ƒ–‘͚͛ Ž—‰Ž‹‘ǥƒŽŽ‡‘”‡͚͙ǥ’”‡••‘‹Žƒ”…‘†‹‹ŽŽƒ Ž‹•‡Â?–‹Ǥ Â?…ƒ•‘†‹’‹‘‰‰‹ƒ ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘•‹–‡””Â?’”‡••‘Žƒƒ””‘……Š‹ƒ†‹ƒ”…‹Â?ƒǤǯ‹Â?‰”‡••‘°Ž‹„‡”‘Ǥ


͙͞

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡ Çł —Â?‰Š‹‡”‹…‡––‡†‹ƒŽŽ‡…ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇł’‡”•ƒ’‡”Â?‡†‹’‹Î “Funghi e ricette di Vallecamonicaâ€? è senz’ombra di dubbio uno dei volumi piĂš “appetitosiâ€? editi sino ad oggi dalla ComunitĂ  montana. Dovuto alla penna (ed all’obiettivo fotograďŹ co) del micologo Carlo Piumetti (tra l’altro titolare anche dei centri di consulenza micologica di Edolo, Vezza d’Oglio e Ponte di Legno). Sfogliando le prime pagine ci vien subito ricordato che â€œâ€Śnessun fungo commestibile può essere considerato veramente sicuro in cucina, soprattutto

se consumato crudo, o in dosi eccessive�. Continuando scopriamo anche antiche ricette delle nonne che per secoli hanno portato sul piatto il profumo e il sapore della montagna. Il materiale non si limita a questo libro: ci sono due poster che riproducono le specie di boleti; due cd che trattano dello stesso argomento; un altro volume “Il regno dei funghi� di Alessandra Bordignon Favero e Santino Bonazzoli, con tavole a colori di Mariangela Tramontana,

una pubblicazione dal punto di vista didattico. Il raccoglitore camuno risulta abbastanza supponente e in piĂš insiste forse un po’ troppo nel raccogliere soltanto il porcino. Per invertire questa tendenza, da vari anni la ComunitĂ  montana è entrata nelle elementari, con specialisti che parlano agli alunni della natura, del rispetto per il prezioso habitat degli animali, dei ďŹ ori, delle piante e dei frutti. Una delle prime cose che il fanciullo apprende è che nel bosco, a raccogliere funghi, bisogna

andare con un cestino di vimini areato, perchĂŠ le spore possano disseminarsi lungo il cammino; guai ad usare una borsina di plastica: si può veriďŹ care una reazione che rende velenoso anche il fungo innocuo. Anche quest’anno vige il solito regolamento comprensoriale. Il limite giornaliero procapite è determinato in tre chilogrammi. Per i cittadini che abbiano la residenza in Valle Camonica la raccolta è gratuita. Per gli altri il permesso (per un giorno) costa 8 euro.

  

ƒ••‘ƒ‰‘•…—”‘ÍœÍ Îť‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘ƒŽ’‹Â?‘†ƒŽ͚͠ƒŽ͙͛Ž—‰Ž‹‘

,QFLPDSHULOULFRUGR   

/

e Sezioni Ana di Vallecamonica e di Trento organizzano il 48° Pellegrinaggio in Adamello dal 28 al 31 luglio. Molto attesa la meta della celebrazione di sabato 30 luglio che quest’anno sarĂ  il Passo Lagoscuro, dove sorgeva un villaggio alpino d’alta quota fin dal giugno 1915 quando il Comando militare italiano si rese conto dell’importanza fondamentale del Castellaccio per controllare la conca del Presena e la valle del Narcanello. Fu guerra ricca di imprese alpinistiche ardite e impegnative, come quelle che nella notte del 25 agosto videro alpini-alpinisti impegnati a salire tutte le creste piĂš impervie per prendere di sorpresa gli austriaci asseragliati nella conca del Presena. Ma da allora il Lagoscuro e il Castellaccio divennero posizioni dominanti strategiche per le Truppe alpine impegnate nel primo conflitto mondiale. Qui gli Alpini scavarono trincee, camminamenti, gallerie, ripari, costruirono fortificazioni e, appunto, un intero villaggio capace di ospitare fino a 1.000 combattenti. Fu, questo, un esempio di quella “guerra di minaâ€? che mise a dura prova tecniche e resistenze, mezzi e uomini, di una guerra combattuta tutta sulle cime piĂš alte delle Alpi italiane. Il 48° Pellegrinaggio avrĂ  il compito di ricordare tutto questo proprio nel

   

 ͚͙͘͘1

ƒ„ƒ–‘͛͘Ž—‰Ž‹‘Žƒ ƒ�–ƒ‡••ƒƒ•—ˆˆ”ƒ‰‹‘ †‹–—––‹‹ƒ†—–‹†‡ŽŽƒ ”‹�ƒ‰—‡””ƒ�‘�†‹ƒŽ‡ •ƒ”�’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒŽ…ƒ”†Ǥ

‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ––‹•–ƒ‡ 150° dell’UnitĂ  d’Italia, a sottolineare che la Prima guerra mondiale venne combattuta nelle condizioni umane piĂš difficili per le truppe e per gli Alpini. SarĂ  proprio la conca del Lagoscuro, con i resti di quel grande vil-

laggio, ad ospitare la celebrazione in quota, con le Delegazioni ufficiali, le colonne camune e trentine, gli alpini italiani e dall’estero, i soldati tedeschi dell’Alpen Korps e gli austriaci “Kaiserjägerâ€?. Tutti parteciperanno alla S. Messa in suffragio di tutti i Caduti, di ogni parte e su ogni fronte, ma particolarmente di quelli adamellini, nella mattinata di sabato 30 luglio. SarĂ  il cardinale Giovanni Battista Re a presiedere anche questa solenne celebrazione che si preannuncia tra le piĂš suggestive nella storia dei pellegrinaggi. Qui convergeranno le quattro colonne: quella piĂš lunga (la

numero 2), che da giovedĂŹ 28 raggiungerĂ  il Garibaldi, quindi venerdĂŹ 29 la Lobbia Alta, sabato 30 il Lagoscuro per rientrare al Tonale. La colonna numero 3 che venerdĂŹ 29 dal Presena raggiungerĂ  il Mandrone e sabato 30 il Lagoscuro; la numero 4 che dal “Cantiereâ€? salirĂ  a Capanna Presena e quindi, il 30, a Lagoscuro; infine la numero 1 che sabato 31 dal “sentiero dei fioriâ€? raggiungerĂ  Lagoscuro per congiungersi alle altre colonne. Dal versante trentino sono previste quattro colonne: la 1, la 3 e la 4 percorreranno lo stesso itinerario delle analoghe colonne camune, mentre la 2 arriverĂ  venerdĂŹ 29 al Rifugio Bedole in Val di Genova e raggiungerĂ  il Lagoscuro sabato 30. Terminata la cerimonia in alta quota, ci sarĂ  un ritorno al Passo del Tonale dove alle 16.30 verranno resi gli onori ai caduti del sacrario del Tonale. La sera a Ponte di Legno è stata programmata una grande festa alpina cui parteciperĂ  la Fanfara alpina taurinense, con un carosello ed un concerto. Domenica 31 cerimonia conclusiva a Ponte di Legno a partire dalle 9 con l’ammassamento, la sfilata per le vie del paese, l’arrivo nel grande spazio erboso della telecabina Ponte-Tonale, la cerimonia civile con i discorsi ufficiali e la S. Messa presieduta da mons. Angelo Bazzari, presidente della Fondazione Don Gnocchi.

ƒ‰‘•…—”‘ ǯ‹Â?’‡‰Â?‘ †‹ ƒ—•–‹Â?‡ŽŽ‹ ŽŽǯ‹Â?‹œ‹‘†‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ÇŽÍ?͘ Žƒ‰—‹†ƒƒŽ’‹Â?ƒ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ ƒ—•–‹Â?‡ŽŽ‹ǥ…Š‡•‹‡”ƒ•‡Â?’”‡ ‹Â?–‡”‡••ƒ–‘†‡ŽŽ‡˜‹…‡Â?†‡ „‡ŽŽ‹…Š‡‡…Š‡ƒ˜‡˜ƒÂ?‘Ž–‘ •’‡••‘ˆ”‡“—‡Â?–ƒ–‘Žƒ œ‘Â?ÂƒÇĄ‹Â?Â‹ÂœÂ‹Ă–ƒ’‡Â?•ƒ”‡ƒŽŽƒ •‹•–‡Â?ƒœ‹‘Â?‡†‹ƒŽ…—Â?‹†‡‹ Â?—Â?‡”‘•‹”‡’‡”–‹…Š‡‹Â? “—‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹‡”ƒÂ?‘ƒÂ?…‘”ƒ Â?—Â?‡”‘•‹Ǥ Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ ƒ—•–‹Â?‡ŽŽ‹‹Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â†Â—Ă–—Â?ƒ •‡”‹‡†‹Â?ƒÂ?—ˆƒ––‹’”‘’”‹‘ •‘––‘Žƒ‹Â?ƒƒ‰‘•…—”‘ ‡ǥ—–‹Ž‹œœƒÂ?†‘‹ŽŽ‡‰Â?ƒÂ?‡ †‡ŽŽ‡„ƒ”ƒ……Š‡˜‹…‹Â?‡ǥ…‘Â? ÂŽÇŻÂƒÂ‹Â—Â–Â‘†‹‹––‘”‹‘‡…ŽƒÂ?‹‡ ‹‡”ƒÂ?–‘Â?‹‘†‡ŽŽ‹ǥ‹Â?Â‹ÂœÂ‹Ă– Žƒ”‹…‘•–”—œ‹‘Â?‡†‹“—‡ŽŽƒ …Š‡‘‰‰‹°Žƒƒ’ƒÂ?Â?ƒ ƒ‰‘•…—”‘Ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ ƒ—•–‹Â?‡ŽŽ‹Â?‘Â?•‹Ž‹Â?‹–Öƒ ”‹•–”—––—”ƒ”‡Žƒ…ƒ’ƒÂ?Â?ÂƒÇĄ †‘˜‡–”ƒ•…‘”•‡Ž—Â?‰Š‹’‡”‹‘†‹ Â?‡‰Ž‹—Ž–‹Â?‹ƒÂ?Â?‹†‡ŽŽƒ•—ƒ Â˜Â‹Â–ÂƒÇĄÂ?ƒ”‡…—’‡”ÖÂ?‘Ž–‘ Â?ƒ–‡”‹ƒŽ‡„‡ŽŽ‹…‘‡Ž‹„‡”Ö ƒŽ…—Â?‡‰ƒŽŽ‡”‹‡…Š‡‡”ƒÂ?‘ •‡”˜‹–‡’‡”ƒ˜˜‹•–ƒÂ?‡Â?–‘ ‡’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â‰ÂŽÂ‹Â‡Â”Â‹ÂƒÇ¤—”ƒÂ?–‡ —Â?‘†‹“—‡•–‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ǥ —Â?‘”†‹‰Â?‘‹Â?‡•’Ž‘•‘‰Ž‹ †‹ŽƒÂ?‹Ö—Â?ƒ‰ƒÂ?„ƒ‡“—‡•–‘ ‹Â?…‹†‡Â?–‡…‘Â?–”‹„—¿ƒ‹Â?†—”‹”‡ ‹Ž‰‹Â?ˆ‘”–‡…ƒ”ƒ––‡”‡Ǥ ÂŽ •‡Â?–‹‡”‘°•–ƒ–‘”‹ƒ––”‡œœƒ–‘ …‘Â?•‹•–‡Â?‹†‹•‹…—”‡œœƒ†ƒ ˆ‡””ƒ–ƒÂ?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ÍšÍ˜Í˜ÍœÇŚÍšÍ˜Í˜Í? ‰”ƒœ‹‡ƒ—Â?…‘Â?–”‹„—–‘†‡Ž ƒ”…‘†‡ŽŽǯ†ƒÂ?‡ŽŽ‘‡ǥ†ƒ Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ǥ•‘Â?‘’‡”…‘””‹„‹Ž‹ Ž‡Â?—‘˜‡’ƒ••‡”‡ŽŽ‡ƒ––‘”Â?‘ ƒŽ ‡Â?†ƒ”Â?‡Ǥ


 ͚͙Ž—‰Ž‘͚͙͙͘

‡˜‘ �ƒ’‹ƒœœƒ’‡”‹Ž…‘�–ƒ†‹�‘ƒ––‹

‘ƒ”‹‘‡”�‡

Ž ”—’’‘”�‘�‹‡‹�…‘�…‡”–‘

Domenica 24 luglio alle ore 11.15 si svolgerĂ  la cerimonia di intitolazione della piazzetta del “CapalĂ â€? a Giacomo Matti detto “BarbĂšâ€? “Un contadino prestato alla culturaâ€?, nato a Cevo nel 1889, dal 1915 ďŹ no a pochi mesi prima della sua morte ha annotato in un diario divenuto poi un libro, fatti e riessioni di quanto accadeva intorno a lui. Ha parlato del mondo piccolo di Cevo, ma si è spinto anche oltre i conďŹ ni della sua esigua comunitĂ  per guardare ai grandi

GiovedĂŹ 28 luglio alle 21 alle Terme di Boario è in programma il concerto di beneďŹ cenza del “Gruppo Armonieâ€? di Bienno con il patrocinio dell’assessorato al turismo, commercio e sport. Dirige il maestro Torri, conduce Ambrogio Minini. L’ingresso è offerta libera perchè il ricavato va a favore del Comitato Maria Letizia Verga, che si impegna per i bambini colpiti da leucemia. Il Comitato Maria Letizia Verga per la cura e lo studio della leucemia del bambino, fondato nel

eventi di quel mezzo secolo di storia. ha incrociato quattro papi, due re e un dittatore. Nel secondo dopoguerra è stato ďŹ gura di spicco nell’opera di ricostruzione di Cevo dalle rovine del 3 luglio 1944. Del suo vecchio nucleo infatti, quasi interamente bruciato durante la Seconda guerra mondiale, restano solo pochi angoli caratteristici, che conferiscono al paese un aspetto accogliente. E nell’immediato dopoguerra ci fu una forte emigrazione.

Í™Í&#x;

1979, riunisce genitori, amici ed operatori sanitari con l’obiettivo di offrire ai bambini ammalati di leucemia in cura presso la clinica pediatrica dell’ UniversitĂ  Bicocca di Milano Ospedale S. Gerardo di Monza, l’assistenza medica e psico-sociale piĂš qualiďŹ cata al ďŹ ne di garantire le piĂš elevate possibilitĂ  di guarigione. L’indirizzo dell’Associazione è presso l’ospedale S. Gerardo di Monza (info@comitatomarialetiziaverga. org).



‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘ ‘Â?…‘”•‘†‹Â’Â‘Â‡Â•Â‹ÂƒÇŁ Žǯ‡Ž‡Â?…‘†‡‹ˆ‹Â?ƒŽ‹•–‹

”‡�‘ Ž–‹�‘Ž‘––‘ ‹�”‡•–ƒ—”‘ƒŽƒ•–‡ŽŽ‘

Â?‡†‡‘Â?‡ŽŽ‹ǥ‹Â?‘Â?‰‹—Ž‹ǥ ‘Â?‡Â?‹…‘ÂƒÂ”ÂƒÇĄ‹Ž‘‡Â?‰‡Ž‹•ǥ ƒ––‡‘—Â?ƒ”‡––‘‡Ž‡••ƒÂ?†”‘ ‹˜ƒŽ‹•‘Â?‘‹ˆ‹Â?ƒŽ‹•–‹†‡ŽŽƒ•‡…‘Â?†ƒ ‡†‹œ‹‘Â?‡†‹‘Â?–‡†‹Ž‡‰Â?‘Â‘Â‡Â•Â‹ÂƒÇĄ ’”‡Â?‹‘Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‹’‘‡•‹ƒ‡†‹–ƒ …Š‡˜‹˜”Â?Žƒ•—ƒˆƒ•‡…‘Â?…Ž—•‹˜ƒ †ƒŽ͚͞ƒŽ͚͠ƒ‰‘•–‘’”‘••‹Â?‹Ǥƒ Â‰Â‹Â—Â”Â‹ÂƒÇĄÂ“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒ

‹ƒÂ?…ƒ”Ž‘‘Â?–‹‰‰‹ƒ‡…‘Â?’‘•–ƒ †ƒƒ”‹ƒ—‹•ƒ”†‹œœ‘Â?‡ǥ ƒ”‹•ƒÂ”Â‡Â…Â…Â‹ÂƒÂ”Â‘ÂŽÂ‹ÇĄ ‹ƒÂ?ˆ”ƒÂ?…‘ ‡ƒŽ‘•‡—”œ‹ƒ Â‡Â”Â”ÂƒÂ”Â‹ÇĄÂ?‡ŽŽƒ ”‹—Â?‹‘Â?‡–‡Â?—–ƒƒ‹ŽƒÂ?‘ǥ‘Ž–”‡ƒ †‡•‹‰Â?ƒ”‡‹•‡‹ˆ‹Â?ÂƒÂŽÂ‹Â•Â–Â‹ÇĄŠƒ”‹–‡Â?—–‘ Â?‡”‹–‡˜‘Ž‹†‹•‡‰Â?ƒŽƒœ‹‘Â?‡ ƒÂ?…Š‡””‹‰‘‘Ž‘Â?„‘ǥƒ••‹Â?‘ …”‹‰Â?‘Ž‹‡ ƒ—•–ƒ“—ƒ–”‹–‹Ǥ ÂŽ ”‡‰‘ŽƒÂ?‡Â?–‘’”‡˜‡†‡…Š‡ǥ’‡” …‘Â?…‘””‡”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â‰Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ ’”‡Â?‹ȋ͙ǤÍ?͘͘‡—”‘ƒŽ˜‹Â?…‹–‘”‡ ‡ƒŽ–”‹†—‡’”‡Â?‹ƒ†‹•…”‡œ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ‰‹—”‹ƒ’‡”…‘Â?’Ž‡••‹˜‹ƒŽ–”‹ ͙ǤÍ?͘͘Â‡Â—Â”Â‘ČŒÇĄ‹’‘‡–‹’”‡•‡Â?–‹Â?‘ ’‡”•‘Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡ƒŽ’—„„Ž‹…‘•–”ƒŽ…‹ †‡ŽŽƒŽ‘”‘Â‘Â’Â‡Â”ÂƒÇĄ•—††‹˜‹•‹‹Â?†—‡ –‡”Â?‡‡…‹ƒ•…—Â?‘‹Â?–”‘†‘––‘†ƒ —Â?Â‰Â‹Â—Â”ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ?‡ŽŽ‡•‡”ƒ–‡†‡Ž͚͞ ‡ÍšÍ&#x;ÂƒÂ‰Â‘Â•Â–Â‘ÇĄÂ?‡ŽŽǯ—†‹–‘”‹—Â? …‘Â?—Â?ƒŽ‡†‹‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘Ǥƒ ’”‡Â?‹ƒœ‹‘Â?‡ƒ˜”Â?Ž—‘‰‘Â?‡ŽŽ‘ •–‡••‘—†‹–‘”‹—Â?…‘Â?—Â?ƒŽ‡ †‹‘Â?–‡†‹‡‰Â?‘Â?‡ŽŽƒ–ƒ”†ƒ Â?ƒ––‹Â?ƒ–ƒ†‹†‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͠ ƒ‰‘•–‘Ǥ‘•…‘”•‘ƒÂ?Â?‘Žƒ’”‹Â?ƒ ‡†‹œ‹‘Â?‡†‹‘Â?–‡†‹Ž‡‰Â?‘‘‡•‹ƒ ÇŚ’”‘Â?‘••‘†ƒ‹”‡ŽŽƒ—Ž–—”ƒ ‹Â?•‹‡Â?‡ƒŽ‘Â?—Â?‡†‹‘Â?–‡†‹ ‡‰Â?‘ǥƒŽŽƒ‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‡ƒŽ‹Â?ÇŚƒ…‹Â?‘

Â?„”‹ˆ‡”‘‘Â?–ƒÂ?‘ǥ…‘Â?‹Ž ’ƒ–”‘…‹Â?‹‘†‡Ž‘–ƒ”›Â‘Â˜Â‡Â”Â‡ÇŚ •‡‘nj ”‡Â?‘ÇŚˆ—˜‹Â?–ƒ†ƒ ”ƒÂ?…‘‘‹Ǥ

‘’‘ÂŽÇŻÂƒÂ„Â„ÂƒÂ?†‘Â?‘†ƒ’ƒ”–‡ †‡ŽŽƒ‡”‡Â?‹••‹Â?ƒ”‡’—„„Ž‹…ƒ†‹ ‡Â?‡œ‹ƒ‡Žƒ˜‡Â?†‹–ƒČ‹Í™Í?ÍĄÍ ČŒÇĄ‹Ž ƒ•–‡ŽŽ‘†‹”‡Â?‘ǥ—Â?‘†‡‹’‘…Š‹ Â?‘Â?†‹•–”—––‹‹Â?ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?‹…ƒ †ƒŽ†‘Â?‹Â?‹‘†‡ŽŽƒ…‹––Â?Žƒ‰—Â?ƒ”‡ Č‹Í™ÍœÍ?Í?ČŒÇĄ…‘Â?‘•…‡—Â?’‡”‹‘†‘ †‹‘„Ž‹‘ǥ‹Â?–‡””‘––‘•‘Ž–ƒÂ?–‘ †ƒŽ”‹…‘”†‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â’Â‡ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡Ž ˜‹•‹–ƒ–‘”‡ÂƒÂ’‘•–‘Ž‹…‘ǥ‹Ž…ƒ”†Ǥƒ”Ž‘ ‘””‘Â?‡‘Č‹Í™Í?Í Í˜ČŒÇ¤ Ž‹ƒ––‹†‡Ž …‘Â?˜‹•‹–ƒ–‘”‡‡”Â?ƒ”†‹Â?‘ƒ”—‰‹ ”‡‰‹•–”ƒÂ?‘…Š‡Žƒ…Š‹‡•‡––ƒ†‹•ƒÂ? ‹…Š‡Ž‡Dz‹Â?ÂƒÂ”Â…Â‡ÇłČ‹Â•Â—ÂŽÂŽÂƒÂ”Â‘Â…Â…ÂƒČŒ° ƒÂ?…‘”ƒ‹Â?–ƒ––ƒƒÂ?…Š‡•‡–‡Â?—–ƒ ƒ••ƒ‹Â?ƒŽ‡Ǥ‰‰‹’—”–”‘’’‘Â?‘Â? ˜‹•‘Â?‘…Š‡’‘…Š‹”‡•–‹Ǥ‹•‘‰Â?‡”Â? ƒ––‡Â?†‡”‡•‹Â?‘ƒŽÍ™ÍĄÍ™ÍœÇĄ“—ƒÂ?†‘ ‹Ž’‘†‡•–Â?nj‹Â?‰‡‰Â?‡”‡ ‘”–—Â?ƒ–‘ ƒÂ?‡˜ƒŽ‹ȋ͙͠Í?ÍžÇŚÍ™ÍĄÍ›Í˜ČŒ•–‡Â?†‡”Â?—Â? ’”‘‰‡––‘†‹”‡…—’‡”‘†‡ŽŽƒ–‘””‡ Â?ƒ‰‰‹‘”‡‡‘––‡””Â?’‡”Â?‡••‹‡ •—’’‘”–‘‡…‘Â?‘Â?‹…‘†ƒŽŽƒ”‡‰‹ƒ ‘’”‹Â?–‡Â?†‡Â?œƒƒ‹Â?‘Â?—Â?‡Â?–‹ †‡ŽŽƒ‘Â?„ƒ”†‹ƒ’‡”’‘”–ƒ”‡ƒ –‡”Â?‹Â?‡ÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒœ‹‘Â?‡Ǥ‹’—Ö†‹”‡ …Š‡ƒŽŽƒ˜‹‰‹Ž‹ƒ†‡ŽŽƒ”‹Â?ƒ‰—‡””ƒ Â?‘Â?†‹ƒŽ‡‹Â?…‘Â?‹Â?…‹Žƒ•–‘”‹ƒ †‡‹”‡•–ƒ—”‹ƒ‹”—†‡”‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–—”ƒǤ ‹ŠƒÂ?‘–‹œ‹ƒ†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹Â?‡Ž ͙ͥ͛Í?‡Â?‡Ž͙ͥÍ?͚ǤƒŽÍ™ÍĄÍ Í˜ƒŽ ͙ͥ͠Í?’‘‹Žƒ…ƒÂ?’ƒ‰Â?ƒ†‹•…ƒ˜‹ †‹ ”ƒÂ?…‡•…‘ ‡†‡Ž‡ǥ…‘Â?—Â?ƒ Â?‘–‡˜‘Ž‡Â?‘Ž‡†‹•…‘’‡”–‡‡†‹ ”‡’‡”–‹ǥ†‘…—Â?‡Â?–ƒ–ƒÂ?‡Ž˜‘Ž—Â?‡ Dzǯ—‘Â?‘ǥŽ‡Ž’‹ǥŽƒƒŽ…ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇŁ ͚͘Ǥ͘͘͘ƒÂ?Â?‹ƒŽƒ•–‡ŽŽ‘‹”‡Â?‘dzǤ

Â?“—‡•–‹—Ž–‹Â?‹‰‹‘”Â?‹‹Ž‘Â?—Â?‡ †‹”‡Â?‘Šƒ‹Â?ƒ—‰—”ƒ–‘Žǯ—Ž–‹Â?‘ Ž‘––‘†‡Ž”‡•–ƒ—”‘…Š‡˜‡†‡ –‘”Â?ƒ”‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…‘•’Ž‡Â?†‘”‡ ƒŽ–”‡–‘””‹‡Žƒ•–”ƒ†ƒÂ†ÇŻÂƒÂ……‡••‘ƒŽ Â?ƒÂ?‹‡”‘Ǥ

ƒŽ†‹…ƒŽ˜‡’’—�–ƒ�‡�–‘’‡”‹Ž͞ƒ‰‘•–‘

/DGLJDGHO*OHQR  



*

leno, per la Valcamonica e la Val di Scalve è triste ricordo che evoca un’immane tragedia, accaduta il primo di dicembre del 1923. Dal celebre studio di Giacomo Sebastiano Pedersoli “Il disastro del Glenoâ€? (ultima edizione “Toroselleâ€?, Pian Camuno, 1998) traiamo l’agghiacciante resoconto dei terribili momenti nei quali si materializzò il crollo: “Il primo di dicembre, alle 6.30, il guardiano della diga, dopo aver risposto ad una telefonata, nell’attraversare la passerella fronteggiante lo sbarramento, avverte un moto sussultorio violento. Alle 7.15 avviene il crollo del bacino. Le testimonianze escludono che vi siano stati movimenti sismici, atti violenti esterni, o attentati. Alle 7.30 l’ondata violentissima raggiunge e spazza via la borgata di Dezzoâ€?, poi non si placa sino a quando sfocia sul fondovalle a Corna di Darfo. I morti accertati furono oltre 500: molti i bambini. Facciamo un passo indietro. La ditta Galeazzo Viganò di Ponte Albiate in provincia di Milano aveva ottenuto la concessione e aveva iniziato i lavori. Nel luglio 1919 i primi scavi. Nell’invaso dovranno confluire le acque dei torrenti Povo, Nembo, Tusio e minori. Il 22 ottobre 1923 il bacino si riempie per la prima volta. Le perdite risultano essere molte, ma nessuno si



 

‘’‘Í Í ƒÂ?Â?‹Žƒ •…‹ƒ‰—”ƒ”‹˜‹˜‡ÂŽÂ?†‘˜‡ •‹…‘Â?•—Â?Ă–ÇŁ‹Â?•…‡Â?ƒ Â?ƒÂ?—‡Ž‡—”‡ŽŽ‹…‘Â?‹Ž Â?—•‹…‹•–ƒ‹œ‹ƒÂ?‘ Â?…ƒÂ?‹ ȋ‹Â?ƒ”–‡DzÂ‡Â’Â‹ÇłČŒ preoccupa piĂš di tanto. Il 30 marzo 1925 si apre il dibattimento contro Vigilio Viganò. Il 4 luglio 1927 termina il processo riconoscendo “negligenza ed imperizia nella costruzioneâ€?, ma comminando pene relativamente lievi. Dopo 88 anni la sciagura rivivrĂ , il 6 agosto 2011 alle ore 9.30,

proprio lĂ  dove si consumò. Il giornalista Emanuele Turelli, con ospite il musicista Tiziano Incani (in arte “Bepiâ€?), ai piedi dell’imponente manufatto sbrecciato darĂ  vita ad una speciale, suggestiva “performanceâ€?. Turelli racconterĂ  il suo monologo sulle vicende che portarono prima all’edificazione e poi al crollo dello sbarramento. SarĂ  accompagnato dalla “bandâ€? “The Prismasâ€? e dal cantautore Incani che eseguiranno le colonne sonore composte da Claudio Cominardi e lo struggente brano “Glenoâ€? che ha dato il titolo al penultimo e particolarmente fortunato cd di “Bepiâ€?. Si stima un’affluenza superiore alle 3000 persone.

ÇŻ  



0XVLFDHVSRUWQHOODQDWXUD Come in passato, anche per il 2011 il Parco dell’Adamello intende contribuire ad arricchire e valorizzare il tempo libero dei cittadini residenti e di quanti soggiornano in Valle Camonica per trascorrere le vacanze. Gli eventi, che proseguono sino al mese di ottobre, prevedono incontri di approfondimento sulle peculiaritĂ  naturalistiche, storiche e culturali del territorio, escursioni guidate in ambiente alla scoperta dei paesi, della ora, della fauna, dei prodotti tipici e delle opere realizzate dall’uomo nei secoli. Con tale spirito il Parco offre a bambini, ragazzi, adulti ed esperti escursionisti, attivitĂ  un po’ per tutti: per chi ama la vita attiva e per chi ama il “relaxâ€?; per chi ama la natura e la cultura; per chi ama la buona tavola; per chi ama ascoltare la musica immersi in paesaggi magici, ma anche per chi è solo curioso e vuole trascorrere il suo

tempo libero all’aria aperta. Ad ospitare gli avvenimenti sono: la casa del Parco a Vezza d’Oglio; il centro faunistico di Paspardo; la casa del Parco di Saviore dell’Adamello. Per quanto concerne l’elenco completo e dettagliato del programma di animazione estiva ovviamente rimandiamo al catalogo completo edito dalla ComunitĂ  montana. Qui di seguito ci limiteremo a segnalare qualche “perlaâ€? che ci sembra piĂš caratteristica ed interessante anche per la sua originalitĂ . GiovedĂŹ 21 luglio, Vezza d’Oglio, ore 9.3017, trekking someggiato nei boschi, in compagnia di docili asinelli (per bambini dai 6 agli 11 anni). GiovedĂŹ 21 luglio, Edolo, ore 17.30 rassegna “Afternoon’s Jazz Edoloâ€?. Sabato 23 luglio, Sonico: “GirovagArteâ€?, festival degli artisti di strada. Sabato 30 luglio, Saviore dell’Adamello, ore 8, casa del Parco: “Ricerchiamo e raccogliamo

i funghi in compagnia di un esperto micologoâ€?. Domenica 31 luglio, Berzo Demo, alpeggio “Malga Loaâ€? “Bagni di ďŹ enoâ€?. VenerdĂŹ 5 agosto, TemĂš, piazza Municipio, “Apprendisti archeologi in Val Canèâ€? (attivitĂ  per bambini dal 6 agli 11 anni). Sabato 6 agosto, Edolo, ore 17, Malga Stain “Ad un passo dal cielo osserviamo le stelleâ€?. Domenica 7 agosto, Paspardo, ore 14.30, con lo specialista Enzo Bona “Piante e ďŹ ori del parco dell’Adamelloâ€?. MartedĂŹ 10 agosto, Cimbergo, Malga Volano “Cenando sotto le stelle nella notte di san Lorenzoâ€?. Mercoledi 17 agosto, Cedegolo, ore 9 “Sugli alpeggi del ‘FatulÏ’, una merenda in malgaâ€?. Sabato 20, Sonico, ore 20.30, spettacolo teatrale “Streghe di Valcamonicaâ€?. GiovedĂŹ 25 agosto, Vezza d’Oglio, ore 21, casa del Parco dell’Adamello, serata con uscita notturna “Occhi gialli tra gli abeti: civette e guďŹ del Parcoâ€?.


͙͠

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ƒ•–‡‰Â?ƒ–‘ ‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?‡†‡…‘Ž‘‰‹ƒ Avis e Aido di Castegnato hanno lasciato un segno positivo con la Festa della SolidarietĂ  che si è conclusa la scorsa settimana con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. I quattro giorni di festa sono stati scanditi da due momenti che l’hanno qualiďŹ cata: l’apertura dedicata ai bambini e la scelta ecologica. Ai bambini che a settembre frequenteranno la prima classe della scuola Primaria Edmondo De Amicis, sono stati consegnati gli “â€?zainetti della

Ž—•ƒÂ?‡ ‹…‘Â?…Ž—†‡Žƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ†‡ŽŽƒ–‹Â?…ƒƒŽˆ‘”Â?‘ solidarietĂ â€? con i loghi dei donatori di sangue (una goccia) e di organi (il pellicano). Con i presidenti Avis e Aido, Nicoletta Tagliani e Pietro Bariselli,. alla cerimonia di consegna erano presenti il sindaco Giuseppe Orizio e l’assessore all’Istruzione Adriano Orizio. Particolarmente signiďŹ cativa è stata le scelta ecologica della festa che per prima e per ora unica, a Castegnato, ha utilizzato piatti e stoviglie fornite dalla locale ditta Leber, interamente riciclabili nell’umido domestico.

Ogni anno la terza settimana di luglio, Clusane con l’Otc (Operatori turistici Clusane) propone la tradizionale “Settimana della tinca al forno con polentaâ€?, dove tutti i ristoranti associati fanno degustare in un menu a prezzo ďŹ sso la propria ricetta della tinca al forno. La manifestazione, giunta alla 30ÂŞ edizione, prosegue ďŹ no al 24 luglio. GiovedĂŹ 21 luglio c’è una serata dedicata a Fred Buscaglione, venerdĂŹ 22 luglio,

invece, c’è il concerto della banda cittadina di Iseo; sabato 23 luglio “I maniacâ€? portano sul palco un revival degli anni Settanta, Ottanta e Novanta. Il gran ďŹ nale è, come consuetudine, riservato ai fuochi d’artiďŹ cio nella serata di domenica. Sempre il 24 luglio alle 17 il lungolago Capponi ospita il campionato dei Naecc “Remo del Sebinoâ€?. Per maggiori informazioni, telefonare al numero 0309829142 o consultare il sito www.clusane.com.

    

‘……ƒ‰Ž‹‘ƒ”…‹ƒ†‡ŽŽƒ‘Ž‹†ƒ”‹‡–�

/DGRQD]LRQH QRQKDFRQILQL ƒ•“—ƒ†”ƒ†‹–‡†‘ˆ‘”‹’ƒ”–‹”Â?†ƒ‘˜ƒ–‘ƒ––‘”Â?‘ƒŽŽ‡͚͘†‹•ƒ„ƒ–‘͛͘Ž—‰Ž‹‘’‡”’‘‹ǥ ’ƒ••ƒÂ?†‘†ƒƒ•–”‡œœƒ–‘‡ÂŠÂ‹ÂƒÂ”‹ǥ”ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡‘……ƒ‰Ž‹‘Ǥ‘‹•‹†‹”‹‰‡”Â?‹Â?—•–”ƒŽ‹ƒ   

6

i accenderĂ  sabato sera 30 luglio la fiaccola della 37ÂŞ “Marcia della SolidarietĂ â€? ideata dal Gruppo sportivo “Vita per la Vitaâ€? di Coccaglio e ormai pronta a salpare alla volta dell’Australia, sempre all’insegna dello slogan “Costruiamo la solidarietĂ  per abbattere il muro dell’indifferenza, la civiltĂ  dell’amore senza frontiereâ€?. “L’obiettivo – hanno sottolineato gli organizzatori guidati dal promotore e presidente dell’Aido provinciale Lino Lovo – è quello di raggiungere i continenti del mondo per incontrare le varie associazioni della donazione

Â‘Â˜Â‘ÇŁDzÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘° “—‡ŽŽ‘†‹”ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡ –—––‹‹…‘Â?–‹Â?‡Â?–‹†‡Ž Â?‘Â?†‘’‡”‹Â?…‘Â?–”ƒ”‡Ž‡ ˜ƒ”‹‡ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹†‡ŽŽƒ †‘Â?ƒœ‹‘Â?‡Â‰Â”ÂƒÂ–Â—Â‹Â–ÂƒÇł gratuita e anonima di sangue, organi, tessuti e cellule. Abbiamo deciso di dirigerci verso l’Austrialia, dove anni addietro si riversarono molti franciacortiniâ€?. La squadra di tedofori partirĂ  da Rovato attorno alle 20 di sabato

30 per poi, passando da Castrezzato e Chiari, raggiungere Coccaglio. Dal giorno seguente inizierĂ  poi la lunga corsa a tappe (471 chilometri da percorrere con una media oraria di 10 km) verso Brisbane che verrĂ  raggiunta venerdĂŹ 5 agosto. Oltre alla tradizionale marcia estiva, i volontari coccagliesi hanno in cantiere altri due appuntamenti: a ottobre verrĂ  organizzato un convegno internazionale incentrato sulla donazione di organi, tessuti e cellule e verrĂ  promossa la “Marcia delle capitali d’Italia: TorinoFirenze-Romaâ€?. Per informazioni, 335/5477413.

‘Ž‘‰Â?‡ Â‹Â‡Â”Â„ÂƒÂ—Â…ÂŠÇŁÂ?—•‹…ƒ †ƒÍ™Í?ƒÂ?Â?‹

‘”Â?ƒ–‘ ƒˆ‡•–ƒ†‡ŽDz”‹•–‘ †‡ŽŽƒ—Â?Â‡ÂŽÂ‰Â‹ÂƒÇł

‘”Â?ƒ†ƒÍ™Í?ƒÂ?Â?‹Žƒ ‡•–ƒ†‡Ž ‹‡”„ƒ—…Š‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†ƒŽ͚͘ƒŽ ͙͛Ž—‰Ž‹‘Â?‡ŽŽƒœ‘Â?ƒ‹Â?†—•–”‹ƒŽ‡Ǥƒ ”ƒ••‡‰Â?ƒÂ?—•‹…ƒŽ‡˜‡†”Â?‡•‹„‹”•‹ ‘‰Â?‹•‡”ƒ•—Ž’ƒŽ…‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â‘ ȋ‹Â?‹œ‹‘…‘Â?…‡”–‹ƒŽŽ‡͚͚ǥ‹Â?‰”‡••‘ ÂŽÂ‹Â„Â‡Â”Â‘ČŒ–ƒÂ?–‹ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–Â‹ÇŁÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͚͙‹Ž ”‘…Â?‡”†ƒÂ?‘Â?„ǥ˜‡Â?‡”†¿͚͚ ‹Ž—„‘‰‘ǥ•ƒ„ƒ–‘͚͛‹‘›•ǥ †‘Â?‡Â?‹…ƒ͚͜’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽÂ?—‘˜‘ƒŽ„—Â?†‡‹Šƒ”Ž‹‡ ĆŹ–Š‡ÂƒÂ–•ǥŽ—Â?‡†¿ÍšÍ?–”‹„—–‘ ƒ‹‰ƒ„—‡…‘Â?ÂƒÂ†Â‹Â‘ÂˆÂ”Â‡Â…Â…Â‹ÂƒÇĄ Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͚͞–”‹„—–‘ƒ‹‹•–‡Â?‘ˆƒ ‘™Â?ÇĄÂ?‡”…‘Ž‡†¿ÍšÍ&#x;–”‹„—–‘ƒ‰Ž‹ ‡”‘•Â?‹–ŠǥÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͚͠–”‹„—–‘ƒ‹

ƒ‘Ž–”‡͛͘ƒÂ?Â?‹—Â?‰”—’’‘†‹ ’‡”•‘Â?‡°Ž‡‰ƒ–‘ƒ—Â?ƒ’‹ƒÂ?–ƒ Â—ÂŽÂ–Â”ÂƒÇŚÂ•Â‡Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡…‘Â?‘•…‹—–ƒ…‘Â?‡ Dz”—Â?Â‡ÂŽÂ‰Â‹ÂƒÇłÇŁ”ƒ”‘‡•‡Â?’Žƒ”‡ …”‡•…‹—–‘Ž—Â?‰‘Žƒ•–”ƒ†ƒ…‘Â?•‘Žƒ”‡ …Š‡Ž‡‰ƒ”‡•…‹ƒƒ‡”‰ƒÂ?‘ǥ ’ƒ••ƒÂ?†‘’‡”‘”Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄ†‡Ž“—ƒŽ‡ °†‹˜‡Â?—–ƒ•‹Â?„‘Ž‘Ǥ ÂŽ‰”—’’‘ Dz ÂŽ”‹•–‘†‡ŽŽƒ—Â?Â‡ÂŽÂ‰Â‹ÂƒÇłÇĄ‹Â? …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Žƒ”‘‘…‘†‹ ƒœœƒ‰‘ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘ǥ’”‘Â?—‘˜‡ ‹Â?˜‹ƒƒÂ?ƒ”–‘Ž‘Â?‡‘ƒ‘”Â?ƒ–‘ Žǯ‘Â?‘Â?‹Â?ƒˆ‡•–ƒÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ‹Â? ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ•ƒ„ƒ–‘͛͘Ž—‰Ž‹‘Ǥƒ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ƒ’”‡…‘Â?ŽƒÂ?‡••ƒ †‡ŽŽ‡͚͘Ǥƒ•‡”ƒ–ƒ’”‘•‡‰—‡ …‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡Â?Â—Â•Â‹Â…ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ‹Â?…‘Â?’ƒ‰Â?‹ƒ†‡Ž…‘Â?’Ž‡••‘ Dz ”ƒÂ?…‘dzǥÂ?‡Â?–”‡•ƒ”Â?‹Â?ˆ—Â?œ‹‘Â?‡ ‹Ž•‡”˜‹œ‹‘‡Â?Â‘ÇŚÂ‰ÂƒÂ•Â–Â”Â‘Â?‘Â?‹…‘Ǥ ƒ”Â?’‘••‹„‹Ž‡ƒ…“—‹•–ƒ”‡‹ŽŽ‹„”‘Dz  –”‡Â?Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‹†‡ŽŽƒ ‡•–ƒǤ ÂŽ”‹•–‘†‡ŽŽƒ —Â?Â‡ÂŽÂ‰Â‹ÂƒÇłÇĄ†‡†‹…ƒ–‘ƒŽŽƒ•–‘”‹ƒ …Š‡Â’ÂƒÂ”Â–ÂżÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â”Â‹ÂŽÂ‡͙ͥÍ&#x;Í&#x;“—ƒÂ?†‘ ‹ˆ”‡“—‡Â?–ƒ–‘”‹†‡ŽŽƒ˜‡……Š‹ƒ –”ƒ––‘”‹ƒ ƒŽŽ‘†‡––ƒDz‹Â?‘–dzǥ •…‡Ž•‡”‘†‹ˆƒ”•…‘Ž’‹”‡†ƒŽŽ‘ •…—Ž–‘”‡ ”ƒÂ?…‡•…‘‘”ƒÂ?†‹‹Ž˜‘Ž–‘ †‹”‹•–‘Â?‡Ž–”‘Â?…‘†‡ŽŽƒ’‹ƒÂ?Â–ÂƒÇ˘ •…—Ž–—”ƒ…Š‡˜‡Â?Â?‡•‘•–‹–—‹–ƒ…‘Â? —Â?ƒŽ–”‘”‹•–‘Ž‹‰Â?‡‘•…‘Ž’‹–‘Â?‡Ž ͚͙͘͘†ƒ—‹‰‹‘”•‡––‹ǤČ‹ÂƒÇ¤Â•Ç¤ČŒ

‡†‡’’‡Ž‹Â?ÇĄ˜‡Â?‡”†¿͚ͥ•‡”ƒ–ƒ†‹ …‘˜‡”‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡ǥ•ƒ„ƒ–‘͛͘†‡†‹…ƒ–‘ ƒ‹ ƒ…Â?•‘Â?ƒÂ?‹ƒ‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͛ Dz Ž‹Â?‹…‹†ǯÂŽÂˆÂ”Â‡Â†Â‘Çł‹Â?–”‹„—–‘ƒ ƒ•…‘ǤÂ–Â–Â‹Â˜Â‘ÇĄ†ƒŽŽ‡͙ͥˆ‹Â?‘ƒŽŽ‡͛ǥ ‹Ž•‡”˜‹œ‹‘…—…‹Â?ƒǤČ‹ÂƒÇ¤Â•Ç¤ČŒ


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͙ͥ

Ž–‘‡„‹Â?‘ ÂƒÂŽÂ‘Â’Â‹Â…Â‘Â•ÇŁ“—ƒ––”‘‘Â?—Â?‹’‡”Ž‘•˜‹Ž—’’‘•‘•–‡Â?‹„‹Ž‡

ƒ•–‡‰�ƒ–‘ •–ƒ–‡‹�…ƒ•…‹�ƒ

“Calopicosâ€? è l’acrostico dei Comuni di Castro, Lovere, Pisogne e Costa Volpino, ovvero dei Comuni lacuali dell’Alto Sebino che si sono associati in “Agenda 21â€?, ovvero nel programma di azioni che le autoritĂ  locali concertano con i cittadini e gli altri portatori di interessi a livello locale per individuare piani di sviluppo durevoli, in linea con il documento di intenti del 1992 con cui le Nazioni Unite si sono impegnate alla promozione dello sviluppo sostenibile nel XXI

Per tornare indietro nel tempo e riassaporare il passato. Visite guidate con possibilità di assistere alla mungitura, il cibo nostrano prodotto in cascina, lo spiedo tradizionale. Sono queste alcune delle proposte originali in piena estate che, con la collaborazione del Comune di Castegnato con il suo patrocinio, l’Agriturismo Esposto di Castegnato organizza per tutti i fine settimana di agosto. Per tutte le informazioni, si può contattare il numero 0302722202.

secolo. Per sviluppo sostenibile si intende uno “sviluppo che risponde alle necessitĂ  del presente, senza compromettere la capacitĂ  delle generazioni future di soddisfare le proprie esigenzeâ€? (Bruntland, 1987). L’obiettivo è di integrare l’ambiente e lo sviluppo sostenibile nei programmi ambientali, sviluppando nuovi criteri per la regolamentazione territoriale, sfruttando strumenti economici, di mercato e incentivi. Lo sviluppo sostenibile richiede

la visione d’insieme delle componenti dell’ecosistema che deďŹ niscono valori e regole del territorio. “Calopicosâ€? ha sviluppato azioni tangibili di sviluppo e sensibilizzazione tra cui si ricordano la Fiera dell’Energia e la costituzione di Point 21, un ufďŹ cio dedicato alla raccolta di dati, ascolto e consultazione con la cittadinanza e gestione delle iniziative. L’attuale presidente è Elio Musati, assessore all’Ambiente del Comune di Pisogne.



‹•‘‰Â?‡ƒŽÍžƒŽÍ™Í?ƒ‰‘•–‘

‡�–”‘•–‘”‹…‘ ŽŽƒ”‹•…‘’‡”–ƒ

0RVWUDPHUFDWR FLWWjVXOO¡DFTXD

‡ƒÂ?–‹…Š‡’‘”–‡†‹ƒ……‡••‘ƒŽ „‘”‰‘•ƒ”ƒÂ?Â?‘”‡•‡˜‹•‹„‹Ž‹‡ ”ƒ’’”‡•‡Â?–‡”ƒÂ?Â?‘‹ŽŽ‹Â?‹–‡†ƒ •—’‡”ƒ”‡’‡”‹Â?–”ƒ’”‡Â?†‡”‡—Â? ˜‹ƒ‰‰‹‘†‹…‘Â?‘•…‡Â?œƒ†‡ŽÂ’ÂƒÇŚ –”‹Â?‘Â?‹‘Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂƒÂ”Â…ÂŠÂ‹Â–Â‡Â–Â–Â‘ÇŚ Â?‹…‘†‡ŽÂ?—…Ž‡‘•–‘”‹…‘†‹‹•‘nj ‰Â?‡…‘Â?Žƒ–‘””‡Â?‡†‹‡˜ƒŽ‡†‡Ž ‡•…‘˜‘…Š‡†‘Â?‹Â?ƒŽƒ’‹ƒœœƒ †‡ŽÂ‡Â”Â…ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‹Â’ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‹ÇĄ‹’‘”–‹nj …‹ǥ‹Ž”‘Â?ƒÂ?–‹…‘Ž—Â?‰‘Žƒ‰‘‡ Žƒ…Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒ†‡ŽŽƒ Â‡Â˜Â‡ÇĄ’‡”Žƒƒ”–‹•–‹…ƒ…‘Â?‹•—‘‹ …‹Â?“—‡…‡Â?–‡•…Š‹ƒˆˆ”‡•…Š‹†‡Ž ‘Â?ƒÂ?‹Â?‘Ǣ‹Â?˜‹ƒ‰‰‹‘ƒŽŽƒ•…‘nj ’‡”–ƒ†‹•ƒ’‘”‹‡’”‘ˆ—Â?‹†‡Žnj Ž‡–”ƒ†‹œ‹‘Â?‹‰ƒ•–”‘Â?‘Â?‹…Š‡Ǥ

ƒ͙͔͜‡†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ”ƒ••‡‰Â?ƒÂ?—‘˜‡‹ˆ‹Ž‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ†‹ –ƒŽ‘ƒŽ˜‹Â?‘Dz‡…‹––Â?‹Â?Â˜Â‹Â•Â‹Â„Â‹ÂŽÂ‹ÇłÇŁ —Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡˜ƒ”‹‡–Â?†‹Â•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ…Â‘ÂŽÂ‹ÇĄ‡•’‡”‹‡Â?œ‡Ž—†‹…Š‡‡…—Ž–—”ƒŽ‹’‡”ƒ†—Ž–‹‡„ƒÂ?„‹Â?‹    

6

ullo specchio del Sebino si riflette il fascino del borgo antico di Pisogne, pronto ad accogliere uno degli eventi piĂš importanti della stagione estiva. 10 giorni ricchi di teatro, musica, danza, giocoleria, iniziative, mostre, visite guidate e artigianato proveniente da tutta Italia e anche dall’estero. Una grande varietĂ  di spettacoli, un bagaglio di esperienze ludiche e culturali per adulti e bambini. Il tema scelto per ispirare la 14ÂŞ rassegna è l’opera “Le cittĂ  invisibiliâ€? di Italo Calvino, una narrazione imma-

 ÇŻ  ͚͙͘͘

ginaria del dialogo tra Marco Polo e Kublai Khan, in cui il veneziano descrive l’anima delle città incontrate. Un poema d’amore alle città, nel momento in cui diventa sempre piÚ difficile viverle come città. Vedere l’invisibile: ecco la sfida che si apre al pubblico in questa manifestazione che offre al visitatore gli spunti per ricreare la magia dei luoghi e degli angoli piÚ nascosti di Pisogne. Da riscoprire nei gesti, nelle tradizioni e nella creatività artistica che caratterizza da sempre la manifestazione. La Mostra mercato nell’edizione 2011 ospita un centi-

naio di artigiani espositori con dimostrazioni degli antichi mestieri, della Scuola di scultura del legno di Pisogne, della ceramica raku e della birra artigianale. L’Associazione internazionale slow food che proporrà crociere con cena a bordo del battello in collaborazione con i barcaioli di Montisola e il mercato contadino in cui le aziende agricole presenteranno le eccellenze a km zero. Oltre 70 spettacoli di strada che la sera animeranno gli angoli del paese, mentre mostre d’arte saranno accessibili tutti i giorni. Vicoli incantati, scorci di lago, percorsi

da sperimentare. L’Ufficio turistico, in collaborazione con la Pro Loco, organizza visite guidate alla chiesa del Romanino e alla Pieve di Santa Maria in Silvis, aperture notturne dei siti culturali e crociere alla scoperta degli scorci piĂš belli del Lago. I bambini diventeranno artisti nella settimana “Ri‌creativaâ€? con laboratori ludico-espressivi, artistico-creativi e naturalistico-culturali ed iniziative proposte dalla Biblioteca comunale. Nel fine settimana potranno improvvisarsi pirati all’arrembaggio sul Battello dei Pirati con musica e animazione.

͙͚ƒ‰‘•–‘ ‘––‡‹ƒÂ?…ƒ ”ƒ‹Ž͙͚‡‹Ž͙͛ƒ‰‘•–‘‹Ž…‡Â?–”‘ •–‘”‹…‘‡‹ŽŽ—Â?‰‘Žƒ‰‘˜‹˜‘Â?‘Žƒ ‘––‡‹ƒÂ?…ƒˆ‹Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ„Âƒ–”ƒ …‘Â?…‡”–‹‡’‡”ˆ‘”Â?ƒÂ?…‡Ǥ ÂŽ ‡”nj ”ƒ‰‘•–‘…Š‹—†‡ÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘…‘Â?‹Ž ’‹……‘Ž‘ ‡•–‹˜ƒŽ†‡ŽŽƒ†ƒÂ?œƒ …‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒǤ‡”‹Â?ÂˆÂ‘ÇŁÂˆÇŚ ˆ‹…‹‘–—”‹•–‹…‘†‹‹•‘‰Â?‡–‡ŽǤ ͛͘͘͜͞͠͠Í?Í™Í&#x;Ǣ™™™ǤÂ?Â‘Â•Â–Â”ÂƒÇŚ Â?‡”…ƒ–‘’‹•‘‰Â?‡Ǥ‹–Ǥ

Torneria Meccanica Serioli Battista

QUESTI UTENSILERIA vende all’ingrosso e dettaglio i seguenti articoli: cuscinetti - idropulitrici viteria - viteria inoz lame a nastro

/DYRUD]LRQHPHFFDQLFDSHVDQWH WRUQLWXUDIUHVDWXUD IRUDWXUD 9LD6*LURODPR7HOH)D[ 3LVRJQH %V RIÂżFLQDVHULROL#YLYLZHELW

D Q L J 6U O 3D

DXWRGHPROL]LRQL

ACQUISTIAMO AUTO USATE E SINISTRATE!

utensileria Beta elettroutensili cinghioli tasselli ingranaggi antinfortunistica attrezzature per oďŹƒcine scale

VASTO ASSORTIMENTO AUTORICAMBI NUOVI E USATI LQIR#SDJLQDEVLW7(/


  ‘Â?Â‰Â‡Â”ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

,/9$1*(/2 '(//$'20(1,&$

/$92&( '(/ 3232/2    Č‹ƒ‹Â?––‹‡Â?Â?‡Í™ÍĄÍ˜Í™ÇŚƒ”‹‰‹Í™ÍĄÍĄÍĄČŒ Ž–”‡…Š‡Ž‡––‡”ƒ–‘‡ˆ‹Ž‘•‘ˆ‘°•–ƒ–‘ƒÂ?…Š‡•‡Â?•‹„‹Ž‡ ƒ”–‹•–ƒ…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?‡‘…Š‡Šƒ–”ƒ†‘––‘ÂŽÇŻÂƒÂ?•‹ƒ†‹ ‹Â?…‘Â?–”‘‡•’”‡••ƒ†ƒƒ‘Ž‘ –”ƒŽƒŠ‹‡•ƒ‡‰Ž‹ƒ”–‹•–‹Ǥ

;9,,'20(1,&$'(/7(03225',1$5,2 '$/9$1*(/26(&21'20$77(2 

Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra. Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. CosĂŹ sarĂ  alla ďŹ ne del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarĂ  pianto e stridore di denti. Avete compreso tutte queste cose?â€?. Gli risposero: “SĂŹâ€?. Ed egli disse loro: “Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose anticheâ€?.

 Ǥ ǥ  Ǥ

&HUFDUHHWURYDUH  

 

7

rovare. Non si può capire completamente il senso della libertĂ  lasciata da Dio agli uomini senza comprendere in profonditĂ  cosa significhino i verbi cercare e trovare. Alla ricerca si mette un collezionista di perle e gli capita di trovare una perla di grande valore; alla ricerca del pesce si mette il pescatore gettando la rete nel mare e può trovare pesce buono e pesce cattivo. Può capitare anche di trovare senza cercare, come quell’uomo che trova il tesoro nel campo; ma anche lui qualcosa avrĂ  cercato. Si trova solo quello che si cerca. La nostra mente (e i nostri occhi) selezionano cosa cercare e cosa trovare a seconda del nostro interesse. Siamo ciechi davanti a quello che non ci interessa, davanti a quello che non cerchiamo. Per questo non tutti trovano il Regno: perchĂŠ non tutti lo cercano. Quindi non tutti lo possono vedere. E non ne possono capire il valore. PerchĂŠ non sappiamo cosa sia quel ‘tesoro’, e a un collezionista di diamanti può sfuggire il valore

    

 

,OJLRYDPHQWR “E rimetti a noi i nostri debiti: per la tua ineffabile misericordia, per la potenza della passione del tuo Figlio diletto e per i meriti e l’intercessione della beatissima Vergine e di tutti i tuoi eletti. Come noi li rimettiamo ai nostri debitori: e quello che noi non rimettiamo pienamente, tu, Signore, fa’ che pienamente perdoniamo, cosicchĂŠ, per amor tuo, amiamo sinceramente i nemici e devotamente intercediamo per loro presso di te, non rendendo a nessuno male per male e impegnandoci in te ad essere di giovamento in ogni cosaâ€?. C’è una parola che ritorna nell’ampliamento che Francesco fa sulle parole del Padre Nostro relative al perdono: intercedere. Sappiamo di essere quotidianamente dentro l’esperienza della

nostra fragilità, del nostro egoismo nei confronti di ciò che Dio ci propone per la nostra felicità. Questa mancanza sappiamo essere colmata dalla misericordia di Dio e dalla morte e risurrezione del suo Figlio. Facciamo, nella fede, l’esperienza di vivere all’interno di un perdono che ci avvolge e Maria, come Madre intercede per noi. Ma la vita ci fa sperimentare la fatica del perdonare. Chiediamo a Dio di dimenticare le nostre colpe, ma noi siamo abilissimi nel ricordare nei minimi particolari parole, gesti, persone che ci hanno ferito. Francesco conosce molto bene questa fatica dell’uomo e la trasforma in preghiera (quello che noi non rimettiamo fa che pienamente perdoniamo). Questa esperienza spirituale ci guarisce e chiediamo a Colui

che può tutto di giungere lĂ  dove non riusciamo. Ma poi, questo è il salto di qualitĂ  di chi vive il Vangelo, Francesco chiede di farci intercessori presso il Padre per i nostri nemici. Proprio come GesĂš sulla Croce, come GesĂš ci ha chiesto di fare (Mt 5,44: Amate i vostri nemici, pregate per i vostri persecutori). Ma tutto questo perchĂŠ e per chi? “Per amor tuoâ€?. Se imparassimo a fare le cose per amore potremmo osare molto di piĂš di quello riusciamo. Si tratta di compiere la salita dal livello emozionale (rabbia, rancore) a quello spirituale (per amore di GesĂš). L’amore rende audaci: per amore sopportiamo fatiche e sacrifici perchĂŠ l’amore reca in sĂŠ una promessa di felicitĂ . Come diceva S. Massimiliano Kolbe “Solo l’amore creaâ€?.

di una perla; come a un contadino il pesce pregiato. Chi cerca sa cosa cerca e ne capisce il valore. Chi non cerca non sa il valore che sta perdendo perchÊ semplicemente non conosce (o non vuol conoscere) quel valore. CosÏ è per ogni valore. E anche se riteniamo che ci siano valori assoluti, condivisi, indubitabili, troviamo che questi valori non lo sono stati nella storia o lo sono stati e non lo sono piÚ oggi, o, semplicemente, seppure valori sono prevaricati da chi mette il suo interesse al di sopra del valore. CosÏ tutto sarebbe relativo: al tempo, alla cultura, alla sensibilità. Forse. E per molti è cosÏ. Non inganniamoci: molti pensano che il valore sia relativo al tempo o alla situazione. PerchÊ non vedono come sia possibile che ci sia un valore che sta al di sopra della valutazione che possiamo dare noi uomini in un tempo e in uno spazio precisi. Per questo GesÚ usa l’immagine del cercare e del trovare: perchÊ in questo modo il valore non dipende da chi lo trova ma chi lo trova ha solo il compito di capire quel valore. Tro-

viamo solo quello che cerchiamo. E se cerchiamo un tesoro quello potremo trovare. E potremo vederne il valore solo se ci saremo abituati al valore di Dio. Altrimenti negozieremo anche i valori della fede sulla misura dei valori umani e riterremo importanti solo quei valori di fede che sono condivisi dagli uomini. Il nostro tesoro rischia di svuotarsi. PerchÊ ci sono valori che gli uomini da soli non riescono a trovare e che, nel percorso storico, sono diventati patrimonio dell’umanità solo su sollecitazione della fede e oggi sono valori condivisi. Altri sono ritenuti non necessari e altri in contrasto con i valori di oggi. Ma è il tesoro del vecchio e del nuovo che lo scriba diventato discepolo è capace di accumulare. Senza paura del nuovo, ma conscio di quello che c’è, del vecchio continua ad essere valore, anche se ha perso lo smalto della moda e segnala la difficoltà dell’essere praticato. Ma il valore di Dio si trova, non si attribuisce come con le nostre cose. E questa è la libertà davanti alla quale siamo messi: di cercare o di non cercare.


͚͚

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‹†•Â?‡ŽÂ?‘Â?†‘ Ž–”‡͙͚͘Â?‹Žƒ•–”—––—”‡•ƒÂ?‹–ƒ”‹‡†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ‹Â?’‡‰Â?ƒ–‡Â?‡ŽŽƒ…—”ƒ Nel mondo si stima che ad oggi siano oltre 34 milioni i malati di Aids, di cui 22 milioni nella sola Africa. Il dato è stato diffuso in occasione della sesta conferenza mondiale sull’Aids. La Chiesa è da oltre 20 anni impegnata nella lotta a questa pandemia. Una delle azioni piĂš importanti consiste nella promozione dell’accesso universale alle terapie antiretrovirali. Nessuno piĂš di mons. Jean-Marie Mupendawatu, segretario del PontiďŹ cio Consiglio

per gli operatori sanitari conosce l’impegno della Chiesa nel settore: “Oggi sono oltre 120mila le strutture sanitarie che fanno riferimento a questo PontiďŹ cio Consiglio – racconta – , dal piccolo dispensario nella giungla al grande policlinico metropolitano. Vi sono recenti segnali di una rinnovata volontĂ  di estendere le terapie antiretrovirali; speriamo che gli impegni formali trovino una rapida ed efďŹ cace attuazione.

Come piĂš volte sollecitato da questo Dicastero, alcune societĂ  di settore stanno cercando di trovare delle soluzioni per andare incontro ai bisogni delle popolazioni meno abbienti, Inoltre la Fondazione ‘Buon samaritano’, istituita da Giovanni Paolo II nel 2004, ha la ďŹ nalitĂ  di soccorrere gli affetti da malattie come l’Hiv-Aids che, proprio a causa della mancanza di accesso alle cure, continuano a mietere milioni di vittime ogni annoâ€?.

Per rispondere poi a coloro che dipingono la Chiesa come “retrogradaâ€? circa la morale sessuale e l’approccio alla prevenzione dell’Aids mons. Mupendawatu afferma: “Le piĂš recenti ricerche di settore sono tutt’altro che in contraddizione con il Magistero, se si considera che la riduzione del tasso d’infezione da Hiv è avvenuta nei Paesi che hanno attuato delle campagne basate sulla castitĂ  e la fedeltĂ  tra coniugiâ€?.

  —‘˜ƒ‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡‘Â?•Ǥ ‹•‹…Š‡ŽŽƒ’”‡•‡Â?–ƒŽƒDz‹••‹‘Â?‡Â?‡–”‘’‘Ž‹ǯǯ

5LSDUWLUHGDOOHFDWWHGUDOL ͙͚Â?‡–”‘’‘Ž‹‡—”‘’‡‡ǥ’ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‡Â?–‡•‡‰Â?ƒ–‡†ƒŽ•‡…‘Žƒ”‹•Â?‘ǥ…‘‹Â?˜‘Ž–‡‹Â?—Â?’”‘‰‡––‘†‹Â?—‘˜ƒ ‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹œœƒœ‹‘Â?‡Ǥ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡•‹…‘Â?…‡Â?–”‡”ƒÂ?Â?‘Â?‡ŽŽƒ—ƒ”‡•‹Â?ƒ†‡Ž͚͙͚͘     

 

6

i chiamerĂ  “Missione metropoliâ€? la nuova iniziativa pastorale per la nuova evangelizzazione che, nella Quaresima 2012, coinvolgerĂ  contemporaneamente alcune delle maggiori cittĂ  europee. A darne notizia è stato mons. Rino Fisichella, presidente del Pontifico consiglio per la

promozione della nuova evangelizzazione, all’indomani della riunione tenutasi nella sede del nuovo dicastero in Vaticano. NovitĂ  nella proposta e nelle modalitĂ  di attuazione. â€œĂˆ una delle iniziativeâ€? che il Pontificio consiglio “pone in essere nei prossimi mesiâ€?, spiega mons. Fisichella. “L’abbiamo chiamata ‘Missione metropo-

li’ perchĂŠ sono stati con noi diversi cardinali e vescovi di cittĂ  europee – per il momento solo grandi cittĂ  – per concordare insieme in che modo dare una risposta alla nuova evangelizzazione, nella situazione di crisi in cui si trova l’Europaâ€?. “Per evitare il rischio che la nuova evangelizzazione diventi solo una fortunata formula adatta a

pa, fa notare il Presule, â€œĂ¨ determinata dal fatto che ben due Sinodi hanno riflettuto sull’attuale situazione. Nel 1991 e nel 1999 i vescovi hanno analizzato non solo le condizioni sociali e culturali di questi Paesi, ma soprattutto in quale modo le Chiese avrebbero potuto dare una risposta adeguataâ€?. Con Ecclesia in Europa Giovanni

Dz‡†‹‘…‡•‹…ƒÂ?Â?‹Â?ƒÂ?‘‹Â?•‹‡Â?‡’‡”—Â?’”‘‰‡––‘ …‘Â?—Â?‡ǥˆ‘”–‹†‡ŽŽ‡‡•’‡”‹‡Â?œ‡’”‘’”‹‡‡Â’Â‡Â…Â—ÂŽÂ‹ÂƒÂ”Â‹Ç˘ •‹•‘•–‡Â?‰‘Â?‘ƒ˜‹…‡Â?†ƒ’‡”Ž‡…‘Â?—Â?‹†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?…Š‡ ‹Â?…‘Â?–”ƒÂ?‘‡‰—ƒ”†ƒÂ?‘ƒŽˆ—–—”‘…‘Â?Žƒ•’‡”ƒÂ?œƒ †‹—Â?‹–Â?†ǯ‹Â?–‡Â?–‹’‡”ˆƒ˜‘”‹”‡ÂŽÇŻÂƒÂ’’‘”–‘…”‡ƒ–‹˜‘‡ …”‡†‹„‹Ž‡†‡‹…”‹•–‹ƒÂ?‹dz

 

ogni stagione – aggiunge il Presidente del dicastero pontificio dalle colonne de ‘L’Osservatore Romano’ –, è importante che essa venga riempita di contenuti in grado di qualificare l’azione pastorale delle diverse comunitĂ  cristiane. “Benedetto XVI, parlando alla prima plenaria del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, ha detto quanto sia decisivo andare oltre la frammentarietĂ  e presentare segni concreti capaci di dare risposta alle grandi sfide presenti nella societĂ â€?, rammenta mons. Fisichella. Di qui l’idea di porre in atto una “missione metropoliâ€? per “dare un segno di unitĂ  tra diverse diocesi presenti in grandi cittĂ  europee segnate dal secolarismoâ€?. L’iniziativa è al momento “limitata ad alcune grandi diocesiâ€? per “verificarne piĂš concretamente l’efficaciaâ€?. La scelta dell’Euro-

Paolo II “indicava un percorso per recuperare un impegno unitario delle Chiese. In questo senso, la ‘Missione metropoli’ intende essere un primo passoâ€?. Il progetto “si qualifica per la realizzazione di iniziative comuni e contemporanee, che troveranno spazio nella Quaresima del 2012 con segni pubblici offerti alla cittĂ â€?. La cattedrale sarĂ  il luogo centrale per questi segni: “Anzitutto, lettura continuata dei Vangeli per porre al centro la Parola di Dio; poi tre catechesi del Vescovo dedicate ai giovani, alle famiglie e ai catecumeni; quindi, una celebrazione del sacramento della riconciliazione per attirare l’attenzione sulla confessione, anche per il suo valore antropologico. Un gesto di caritĂ  completerĂ  l’esperienza per evidenziare che la fede professata e pregata va anche testimoniata. Da ul-

Ǥ    ǥ    

      

timo, un segno di spiritualitĂ  con la lettura di testi significativi ad esempio di Sant’Agostinoâ€?. Queste iniziative, osserva il capo dicastero vaticano, “partiranno dalla cattedrale per il suo alto valore simbolico, ma con l’intento di estendersi alle parrocchie della diocesi per un’azione piĂš diretta nel territorio. Insomma, la ‘Missione metropoli’ desidera raggiungere quanti vivono la fede e quanti, pur lontani dalla fede, sono però attratti dalla persona di GesĂš Cristoâ€?. In tal modo “le diocesi camminano insieme per un progetto comune, forti delle esperienze proprie e peculiari; si sostengono a vicenda per le comuni difficoltĂ  che si incontrano, e – conclude mons. Fisichella – guardano al futuro con la speranza di unitĂ  di intenti per favorire l’apporto creativo e credibile dei cristianiâ€?.

     

Â?Dz‡…—Â?‡Â?‹•Â?‘†‡Ž…—‘”‡dzǣ…‘•¿‹Ž”‡Ž‹‰‹‘•‘‹Â?‘Â?‡‘‡ŽŠƒ†‡ˆ‹Â?‹–‘Žǯ‡•’‡nj ”‹‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?†‹Š‡˜‡–‘‰Â?‡ǥ‹Â?‡Ž‰‹‘ǥ’”‡•‡Â?–ƒ–ƒƒŽ͚͞Ν‘ŽŽ‘“—‹‘ ‡—”‘’‡‘†‡ŽŽ‡’ƒ””‘……Š‹‡ǤŠ‡˜‡–‘‰Â?‡…‹•‘Â?‘͚͞Â?‘Â?ƒ…‹†‹‘––‘Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÇŚ Ž‹–Â?†‹˜‡”•‡…Š‡˜‹˜‘Â?‘Žƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡Žƒ–‹Â?ƒ‡„‹œƒÂ?–‹Â?ƒDz’‡”…Š¹Č‚Šƒ•’‹‡‰ƒ–‘ ‹ŽÂ?‘Â?ƒ…‘Č‚Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â?•‹ƒ—Â?’‘Â?–‡†‹†‹ƒŽ‘‰‘–”ƒŽ‡†—‡Š‹‡•‡ǥ’‡”…Š¹‹Ž …—‘”‡†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ°ŽƒÂŽÂ‹Â–Â—Â”Â‰Â‹ÂƒÇĄ…Š‡°‹ŽÂ?‘†‘†‹ƒÂ?ƒ”‡‡…‡Ž‡„”ƒ”‡‹‘dzǤƒ …‘Â?—Â?‹–Â?Šƒ†—‡…Š‹‡•‡ǥ—Â?ƒ’‡”‹Â?‘Â?ƒ…‹†‹”‹–‘Žƒ–‹Â?‘‡—Â?ƒ’‡”“—‡ŽŽ‹†‹”‹nj –‘„‹œƒÂ?–‹Â?‘‡‹Â?ƒŽ…—Â?‡‘……ƒ•‹‘Â?‹•‹”‹–”‘˜ƒÂ?‘ƒ’”‡‰ƒ”‡–—––‹‹Â?•‹‡Â?‡Ǥ‘‡Ž Šƒ’‘‹•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘…Š‡Ç˛ÂŽÂƒ•‡Â?•‹„‹Ž‹–Â?ÂŽÂ‹Â–Â—Â”Â‰Â‹Â…ÂƒÇĄ–‹’‹…ƒ†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ‡•’‡”‹‡Â?ÇŚ ÂœÂƒÇĄŠƒ…”‡ƒ–‘…‘Â?‰Ž‹‘”–‘†‘••‹—Â?…Ž‹Â?ƒ†‹‰”ƒÂ?†‡…‘Â?ˆ‹†‡Â?œƒ‡ÂˆÂ‹Â†Â—Â…Â‹ÂƒÇłÇ¤ƒ …‘Â?—Â?‹–Â?°•–ƒ–ƒˆ‘Â?†ƒ–ƒÂ?‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹ÇŻÍšÍ˜†ƒŽ„‡Â?‡†‡––‹Â?‘’ƒ†”‡ƒÂ?„‡”–‡nj ƒ—†—‹Â?Ǥ’”‘’‘•‹–‘†‡ŽŽƒ•—ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?ÇĄ—Â?ƒŽ–”‘Â?‘Â?ÂƒÂ…Â‘ÇĄ’ƒ†”‡ ‡ƒÂ? ‡›nj •‡Â?•Šƒ”‹Ž‡˜ƒ–‘…Š‡‹Ž•—‘Dz•…‘’‘Â?‘Â?°‘’’‘””‡Žƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ……‹†‡Â?–‡ †‡ŽŽǯ”‹‡Â?–‡ǥÂ?ƒ†‹Â?‡––‡”•‹ƒ•…—‘ŽƒŽǯ—Â?ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–”ƒǤ‡ÂŽÇŻ……‹†‡Â?–‡Žƒ–‹Â?‘’—Ö ’‘””‡†‡ŽŽ‡†‘Â?ƒÂ?†‡ƒŽŽƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡„‹œƒÂ?–‹Â?ÂƒÇĄ“—‡•–ǯ—Ž–‹Â?ƒ…Š‹‡†‡…‘Â?‡ –”ƒ––‹ƒÂ?‘‹ŽÂ?‘•–”‘’ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘”‡Ž‹‰‹‘•‘†‹„‡ŽŽ‡œœƒ‡Ž‡‡•’”‡••‹‘Â?‹†‡ŽŽƒÂˆÂ‡Â†Â‡ÇłÇ¤

6HODYRFD]LRQHYLDJJLDVXOZHE E adesso c’è anche la “cyber suoraâ€?. Suor Elvira Maria de Witt – questo il nome della religiosa – secondo il “Corriereâ€? â€œďŹ no a qualche anno fa suonava Chopin e incantava le platee con i suoi gorgheggi, adesso recluta online nuove novizieâ€?. Nella laicissima Olanda, questa suora moderna, anzi modernissima – annota il sito del “Corriereâ€? – “riesce riesce ogni anno ad arruolare due novizieâ€?. E cosĂŹ è diventata un “fenomenoâ€?,

chiamata all’estero, un po’ ovunque per raccontare la sua esperienza. La notizia ci interessa per almeno due motivi. Il primo riguarda un certo atteggiamento che sembra di poter cogliere in chi racconta/osserva la storia di suor Elvira, quasi fosse un fenomeno da baraccone. C’è forse lo stupore che una religiosa (antiquata per forza?) possa sentirsi a suo agio e utilizzare la tecnologia (la modernità?). In realtà i cristiani stan-

no nell’agorĂ  contemporanea e non di rado sono ben capaci di animarlo e dargli senso. Il secondo motivo richiama l’impegno di sempre della Chiesa. Lo “stare nella contemporaneitĂ â€?, infatti, è un dovere rispetto al mandato dell’evangelizzazione. La storia di suor Elvira non è una raritĂ , piuttosto la conferma di un impegno che non viene meno e si manifesta in mille modi. Nel tempo e negli spazi degli uomini e delle donne di oggi.


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͚͛

‹•’‘Â?‹„‹Ž‡—Â?‘’—•…‘Ž‘’‡”Ž‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹ ‡––‡Â?„”‡ǣ—Â?Â?‡•‡’‡”Žƒ•ƒŽ˜ƒ‰—ƒ”†‹ƒ†‡Ž…”‡ƒ–‘ GiovedĂŹ primo settembre la Chiesa italiana celebra per la sesta volta la “Giornata per la salvaguardia del creatoâ€? che quest’anno avrĂ  come tema “In una terra ospitale educhiamo all’accoglienzaâ€?. Nel messaggio consegnato dalle commissioni episcopali competenti il giorno di Pentecoste, vengono evidenziati gli stretti legami che intercorrono tra la tematica del rispetto dell’ambiente e quella dell’accoglienza dei

migranti, entrambe obiettivo di una proposta educativa. Anche la nostra diocesi partecipa all’iniziativa producendo, a cura dell’ufďŹ cio di pastorale sociale, un supporto cartaceo che fornisce alcuni spunti interessanti: dopo che nelle prime pagine vengono riportati il Cantico delle creature di San Francesco e il messaggio dei Vescovi italiani, al lettore si propongono alcuni temi di approfondimento:

dall’accoglienza all’educazione a nuovi stili di vita, dalla Terra come sďŹ da per la famiglia umana ai migranti ambientali e la sostenibilitĂ  dello sviluppo. Il volumetto riporta anche alcune tracce utili per prolungare la riessione durante tutto il mese di settembre, sia per quanto riguarda l’approfondimento personale sia rispetto alle celebrazioni comunitarie e alle omelie delle Sante Messe domenicali. (f.u.)

  

 

‡””‡†‹ˆ‡†‡͚͙͙͘Š‹—•ƒŽƒ’”‹Â?ƒ–ƒ’’ƒ†‹Dz‰‘”Â?Çł

In dialogo con l’uomo e il suo tempo ƒŠ‹‡•ƒ†‡ŽŽǯ––‘…‡Â?–‘‡ƒÂ?…‘”’‹Î“—‡ŽŽƒ†‡Ž‘˜‡…‡Â?–‘•…‘’”‘Â?‘†‹†‘˜‡”‡Â?–”ƒ”‡‹Â?”‡Žƒœ‹‘Â?‡…‘Â?Žǯ—Â?ƒÂ?‹–Â?Ǣ ƒ‘Ž‘ Â?‡Ž‘˜‡…‡Â?–‘•‡‰Â?ƒŽƒ•–”ƒ†ƒ†ƒ’‡”…‘””‡”‡ǥƒÂ?…Š‡‹Â?”‡Žƒœ‹‘Â?‡ƒŽÂ?‘Â?†‘†‡‰Ž‹ƒ”–‹•–‹   

6

i è chiuso il percorso di “Terre di fedeâ€? con le ultime due tappe: “Brescia dell’Ottocentoâ€? e “Brescia del Novecentoâ€?. “Brescia dell’Ottocentoâ€? si è svolta nel cortile del Centro pastorale Paolo VI che fu, nel periodo storico in questione, il Seminario Sant’Angelo. “Un periodo in evoluzione, rispetto al precedente. Un periodo che riscopre nel dedicarsi agli altri, ai bambini e ai piĂš bisognosi − ha raccontato don Giuseppe Fusari, direttore del Museo diocesano − il senso dell’essere Chiesa. Anche l’architettura, come il cortile, rispecchia l’apertura. Grandi chiostri in palazzi che uniscono il desiderio delle zone di preghiera che ricordano il mondo monastico e allo stesso tempo aperto alle esigenze di un mondo in cambiamento. La musica, suonata dal complesso bandistico S. Cecilia di Nave diretta dal maestro Lelio Epis, ha reso tangibile l’atmosfera ottocentesca, caricata di significato dalle parole lette da Luciano Bertoli tratte dagli scritti del beato Giuseppe Tovini: “L’esser cattolico non mi ha mai impedito di essere italiano e di volere come tale la libertĂ , indipendenza, grandezza della Patriaâ€?. “Brescia del Novecentoâ€?, l’ultima tappa, si è svolta nella casa natale di Paolo VI, all’Istituto Paolo VI perchĂŠ il Novecento è stato incredibilmen-

ÇŻ   

ƒŽŽ‡”‹•’‘•–‡ƒŽŽ‡ Â?‡…‡••‹–Â?’‹Î—”‰‡Â?–‹ †‡ŽŽǯ––‘…‡Â?–‘ƒŽ †‡•‹†‡”‹‘†‹…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ”‡ ‹Â?•‹‡Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—‘Â?‘†‘’‘ ‹Ž‘Â?…‹Ž‹‘ƒ–‹…ƒÂ?‘

te segnato dal Pontefice bresciano. “Una nuova modalitĂ  di essere Chiesa è uscita dal Concilio Vaticano II − ha evidenziato don Giuseppe − una Chiesa in dialogo e non piĂš l’insegnante nei confronti dell’alunno.

Un modo dialogico che si esprime in maniera particolare nel rapporto che Paolo VI ha costruito con gli artisti. Non c’è piĂš opposizione alla modernitĂ , ma il desiderio di camminare insieme. La Chiesa non piĂš committente, ma in dialogo con gli artisti perchĂŠ si pongano domande sul sacroâ€?. La scansione della serata è stata ritmata dalla musica dell’ensemble Sifnos. Le parole di Paolo VI hanno segnato la serata tanto con l’enciclica Ecclesiam suam quanto con l’ultima preghiera fatta propria da ciascuno: “Signore, io credo: io voglio credere

in Teâ€?. Dopo l’elevazione spirituale è stato possibile visitare la collezione di arte contemporanea di Paolo VI, a conferma di quanto spiegato da don Giuseppe Fusari. “Terre di fedeâ€? si è proposto come un cammino storico, culturale e spirituale proposto alla scoperta del senso di essere Chiesa nella storia per guardare a come essere Chiesa nel futuro. Da ciascun periodo storico è stato possibile scoprire un modo diverso di porsi nei confronti dell’umanitĂ . La Chiesa non è fuori dal tempo, è nel tempo ed è in relazione con l’uomo, sempre.

Š‹‡•ƒÂ?‡ŽŽƒ…‹––Â? Â?ƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ †‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ ”‡Â?†‡”Â?‹Ž˜‹ƒŽ—Â?‡†¿͙͚ •‡––‡Â?„”‡‡•‹…‘Â?…Ž—†‡”Â? †‘Â?‡Â?‹…ƒ͙͠DzŠ‹‡•ƒÂ?‡ŽŽƒ …‹––Â?dzǥ…‹‘°Žƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ †ǯ‹Â?‹œ‹‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘Â’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ …Š‡•‡‰Â?‡”Â?ƒÂ?…Š‡ÂŽÇŻÂƒÂ’‡”–—”ƒ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘•‹Â?‘†ƒŽ‡Ǥ ˜ƒ”‹ƒ–‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ …ƒ”ƒ––‡”‹œœ‡”ƒÂ?Â?‘Žƒ •‡––‹Â?ƒÂ?ÂƒÇĄƒ’ƒ”–‹”‡†ƒDz—‹‰‹ǥ —Â?˜‡•…‘˜‘‡Žƒ•—ƒÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇłÇĄ •’‡––ƒ…‘Ž‘‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ Ž—Â?‡†¿͙͠ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘’”‡••‘ Žƒ…Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ? ‹—•‡’’‡ǥ †‡†‹…ƒ–‘ƒŽŽƒˆ‹‰—”ƒ†‡Ž ˜‡•…‘˜‘‘”•–ƒ„‹Ž‹Â?‹ǤÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż ͙͛ǥ‹Â?˜‡…‡–ƒŽÂ?•Š‘™•— ‡Ž‡–—––‘‹Â?–‹–‘Žƒ–‘DzƒÂ?‹ƒ Â?Â‡Â•Â•ÂƒÇĄ‹ŽÂ?‹‘’”‡–‡ǥ‹ŽÂ?‹‘ Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘ÇłÇĄ‘•’‹–‡‹Ž˜‡•…‘˜‘ —…‹ƒÂ?‘ǥ…Š‡Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÂ?ƒ––‹Â?ƒ ‹Â?…‘Â?–”‡”Â?‹’‡Â?†‘Žƒ”‹•—Ž –”‡Â?‘†‡ŽŽ‡Í&#x;Ǥ͚Í&#x;’‡”‹ŽƒÂ?‘Ǥ Â? Â•Â‡Â”ÂƒÂ–ÂƒÇĄƒŽŽ‡͙͠ǥ…‹Â?‡ˆ‘”—Â?ƒŽ …‹Â?‡Â?ƒ’”‡ƒŽ’‹Â?‘ǥ†‘˜‡†‘Â?

–ƒŽ‘„‡”–‹’”‡•‡Â?–‡”Â?Dz‘”’‘ …‡Ž‡•–‡dz†‹Ž‹…‡‘Š”™ƒ…Š‡”Ǥ ƒ”Â?’”‡…‡†—–‘Â?‡”…‘Ž‡†¿ †ƒŽŽƒ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‹ƒ—”‘ ‘Â?‹Â?‡ŽŽ‹ǥ’”‡••‘‹Ž…‹Â?‡Â?ƒ ‡”‡Â?‘ƒŽŽ‡ÍšÍ˜Ç¤Í›Í˜ÇĄ†‹Dz—––‹ ’‡”—Â?‘dz†‹‘Â?ƒ‹Â? ‘—’‹ŽǤ ‹‰”ƒÂ?†‡•’‡••‘”‡ǥ’‘‹ǥŽƒ •‡”ƒ–ƒ†‹˜‡Â?‡”†¿͙͞ǣ’”‡••‘ ‹Ž‡Â?–”‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡ƒ‘Ž‘  ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘°‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ DzƒÂ?…ƒ‹Ž”‡•’‹”‘ǣ—Â?’”‡–‡ ‡—Â?Žƒ‹…‘”‹ˆŽ‡––‘Â?‘•—ŽŽƒ Š‹‡•ƒ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ÂƒÇł—Â?†‹ƒŽ‘‰‘ –”ƒ‹Ž•ƒ…‡”†‘–‡‡†‘…‡Â?–‡ —Â?‹˜‡”•‹–ƒ”‹‘ƒ˜‡”‹‘‡”‡•‡ ‹ŽŽƒ‹…‘ ‹‘”‰‹‘ƒÂ?’ƒÂ?‹Â?‹Ǥ Ž‹ —Ž–‹Â?‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘ ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â?„Ž‡ƒ†‹‘…‡•ƒÂ?ƒ†‡‹ Â…ÂƒÂ–Â‡Â…ÂŠÂ‹Â•Â–Â‹ÇĄ’”‡˜‹•–ƒ’‡”•ƒ„ƒ–‘ Í™Í&#x;ƒŽŽ‡͙͜Ǥ͛͘‹Â?…ƒ––‡†”ƒŽ‡‡ǥ ƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽŽ‡͚͙ǥŽƒDz‘––‡ Ž—Â?‹Â?Â‘Â•ÂƒÇł‹Â?—‘Â?‘‡……Š‹‘Ǥ ‡”…‘Â?…Ž—†‡”‡†‘Â?‡Â?‹…ƒƒŽŽ‡ ͙͞Dz‹–‘Ž‹†‹–‡•–ƒǤ „ƒÂ?„‹Â?‹‡ ‹Ž‡•…‘˜‘‹Â?•‹‡Â?‡dzǥŽƒˆ‡•–ƒ †‹’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ •‹Â?‘†ƒŽ‡ƒ‹”ƒ‰ƒœœ‹†‡‰Ž‹ ‘”ƒ–‘”‹ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

ÇŻ      

,O&YVULFRUGD1RYDUHVHDDQQLGDOODPRUWH Ăˆ stata una bella giornata sotto tutti i punti di vista, quella di sabato scorso nella casa dei Silenziosi operai della croce a Montichiari: il sole che inondava di luce il grande parco posto sul colle che domina dall’alto la cittadina della Bassa era mitigato da un vento leggero che stormiva tra gli alberi, mentre sul palco, allestito per l’occasione molte storie vere, intense e profonde venivano raccontate, tracciando

in qualche modo la storia bresciana del Centro volontari della sofferenza, in prossimità dell’anniversario della morte del fondatore mons. Luigi Novarese. Una storia fatta di volti e persone, di legami di aiuto reciproco che attraversano gli anni, sempre tenendo presente l’intuizione del fondatore, cioè quella di cambiare la situazione dell’ammalato facendolo passare da oggetto di carità a soggetto di azione e

di aiuto per gli altri ammalati. Sul palco, accompagnati dal auto del maestro Giuseppe Spalenza e dal piano di Andrea Resconi, si sono alternate le voci di chi sta nel Cvs da una vita, come Luigina, e di chi, invece l’ha scoperto solo da pochi anni e per la prima volta ha dato la sua testimonianza, è il caso per esempio di Ivan. E poi ancora il referente bresciano per Aisla (Associazione italiana sclerosi latera-

le amiotroďŹ ca) Paolo Marchiori e molti altri. Voci che raccontano di dolore trasformato, anzi trasďŹ gurato. Dopo le testimonianze è stata celebrata la Santa Messa, presieduta dal cardinale di Palermo mons. Paolo Romeo e per ďŹ nire, a partire dalle 20, la serata si è conclusa con un momento di fraternitĂ  tra buffet e musica; sani e malati insieme, nel ricordo di chi ha dato origine a questa straordinaria esperienza.


͚͜

 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

‰‡�†ƒ†‡Ž‡•…‘˜‘

Domenica 24 luglio Ore 11.00 – Stadolina – Santa Messa per il 400° di dedicazione della chiesa parrocchiale LunedÏ 25 luglio Ore 10.30 – Gussago – Santa Messa con i Fidei donum in Germania presso il Santuario della Stella

”‡�‘‘�–‡…ƒ•–‡ŽŽ‘ ƒ•–‘”ƒŽ‡•‘…‹ƒŽ‡

‹‘˜ƒÂ?‹‡’‘Ž‹–‹…ƒ ‘•–”ƒ•—ŽŽǯ –ƒŽ‹ƒ Un weekend per i giovani, per una spiritualitĂ  della politica. Organizzato dall’ufďŹ cio per la Pastorale sociale per il 24 e il 25 settembre all’eremo di Montecastello, è intitolato “Costruirsi sulla rocciaâ€?. La proposta è rivolta ai giovani tra i 18 e i 35 anni, il costo è di 70 euro, comprensivi di tutte le spese. Il termine ultimo per iscriversi sarĂ  domenica 11 settembre, mandando un’email all’indirizzo donmariobenedini@alice.it.

Per le parrocchie, gli oratori le associazioni che lo desiderano, è disponibile una mostra fotograďŹ ca per l’anniversario dell’UnitĂ  d’Italia. La mostra tratta il ruolo dei cattolici italiani e anche bresciani. Ha curato l’opera il prof. Lucio Bregoli, in collaborazione con la Cisl. La mostra è disponibile presso la sede provinciale Acli, in via Corsica 165, chiedendo della segreteria. Ăˆ ancora disponibile la mostra su don Primo Mazzolari, presso l’UfďŹ cio diocesano di pastorale sociale.

   

‘�–‡…ƒ•–‡ŽŽ‘ ”‘‰”ƒ��ƒ†‡‰Ž‹ ‡•‡”…‹œ‹•’‹”‹–—ƒŽ‹

ƒÂ?‡Â?‘ƒŽ ‘”‘ ‡”ƒÂ?–ǯÂ?Â?ƒ —Â?–”‹†—‘‹Â?Žƒ–‹Â?‘

ÂŽ˜‹ƒ“—‡•–ƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ’”‡••‘ Žǯ‡”‡Â?‘†‹‘Â?Â–Â‡Â…ÂƒÂ•Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‘ÇĄ‹Ž …‡Â?–”‘†‹•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?†‡ŽŽƒ †‹‘…‡•‹ƒ‹‰Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‰Ž‹‡•‡”…‹œ‹ •’‹”‹–—ƒŽ‹…Š‡…‘Â?–‹Â?—‡”ƒÂ?Â?‘ ˆ‹Â?‘ƒ‹’”‹Â?‹†‹Â?‘˜‡Â?„”‡Ǥ‡” Ž‡”‡Ž‹‰‹‘•‡‡Ž‡…‘Â?•ƒ…”ƒ–‡° ’”‡˜‹•–ƒ—Â?ƒŽ‡…–‹‘†‹˜‹Â?ƒ–‡Â?—–ƒ †ƒ†‘Â?‹Â?‘ƒ’”ƒ‡Ž‡—‘”‡ ‘”‘–‡‡†‹‡Â?Â?‘†‡ŽŽǯ”‡Â?‘ •—‰Ž‹––‹†‡‰Ž‹ƒ’‘•–‘Ž‹†ƒŽ͚͙ ƒŽ͛͘Ž—‰Ž‹‘ǥ…Š‡”‹’”‡Â?†‡”Â?–”ƒ ÂŽÇŻÍ™‡‹Ž͙͘ƒ‰‘•–‘‡–”ƒ‹ŽÍ™Í?‡ ‹Ž͚͚‘––‘„”‡Ǥ‹Žƒ‹…‹‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ ‘Ž–”‡ƒ‰Ž‹‡•‡”…‹œ‹–”ƒ‹Ž͙͚‡‹Ž ͙ͥƒ‰‘•–‘‹Â?…‡Â?–”ƒ”‹ƒÂ?…Šǯ‡••‹ •—‰Ž‹––‹†‡‰Ž‹’‘•–‘Ž‹ǥ ˜‡Â?‰‘Â?‘’”‘’‘•–‡ƒÂ?…Š‡Dz†—‡ •‡––‹Â?ƒÂ?‡†‹•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?’‡” …Š‹Šƒ…‘Â?’‹—–‘…‹Â?“—ƒÂ?Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‹ ‡•‹ƒ’’”‡•–ƒƒ˜‹˜‡”‡Â?‡‰Ž‹‘ ‹’”‘••‹Â?‹dzǤ‡Â?‘Â?‹Â?ƒ–‡Dz‡Ž Â?‡œœ‘†‡Ž…ƒÂ?Â?‹Â?†‹Â?‘•–”ƒ Â˜Â‹Â–ÂƒÇłŽ‡†—‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡ǥ…—”ƒ–‡ ƒÂ?…Šǯ‡••‡†ƒ†‘Â?‹Â?‘ƒ’”ƒ‡ †ƒŽŽ‡•—‘”‡‘”‘–‡‡†‹‡Â?Â?‘ †‡ŽŽǯ”‡Â?‘•‹–‡””ƒÂ?Â?‘‹Â?†—‡ –—”Â?‹–”ƒ‹ŽÍ›‡‹Ž͙͠•‡––‡Â?„”‡ ‡•ƒ”ƒÂ?Â?‘‹Â?…‡Â?–”ƒ–‡•—ŽŽƒ ‡––‡”ƒƒ‰Ž‹ˆ‡•‹Â?‹Ǥ Â?ˆ‹Â?‡‹ ’”‡•„‹–‡”‹ǥ†‹ƒ…‘Â?‹‡”‡Ž‹‰‹‘•‹•‹ ”‹–”‘˜‡”ƒÂ?Â?‘•‹ƒÂ?‡ŽŽƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ –”ƒ‹Ž͚͙‡‹Ž͚͞ÂƒÂ‰Â‘Â•Â–Â‘ÇĄ“—ƒÂ?†‘ ƒÂ?‡†‹–ƒ”‡•—ƒ––‡‘Í ‡ÍĄ•ƒ”Â? †‘Â?‹‡”ƒÂ?–‘Â?‹‘”‡Â?Â‘ÂŽÂƒÂ†ÂƒÇĄ „‹„Ž‹•–ƒÂ?‹ŽƒÂ?‡•‡”‡•’‘Â?•„ƒ‹Ž‡ †‡ŽŽǯ •Â?‹ǥ•‹ƒ–”ƒ‹ŽÍž‡Žǯ͙͙ Â?‘˜‡Â?„”‡’‡”Ž‡”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‹ †‹Â?‘Â?•Ǥ—…‹ƒÂ?‘ƒ…‘Â?‹‘ǥ ˜‡•…‘˜‘†‹‘Â?Â†Â‘Â˜ÂżÇĄ…Š‡ ”‹‰—ƒ”†‡”ƒÂ?Â?‘‹Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘ •’‹”‹–—ƒŽ‡†‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Â?‡Ž ƒÂ?‰‡Ž‘†‹ƒ”…‘ǤČ‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͚͞Ž—‰Ž‹‘”‹…‘””‡Žƒ Â?‡Â?‘”‹ƒŽ‹–—”‰‹…ƒ†‡‹ƒÂ?–‹

‹‘ƒ……Š‹Â?‘‡Â?Â?ÂƒÇĄ‰‡Â?‹–‘”‹ †‡ŽŽƒ‡ƒ–ƒ‡”‰‹Â?‡ƒ”‹ƒ‡ ’”‘’”‹‘‹Â?‘Â?‘”‡†‹ƒÂ?–ǯÂ?Â?ƒ •‘Â?‘‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ÂƒÇĄ…‘Â?‡†ƒ –”ƒ†‹œ‹‘Â?‡‘”Â?ƒ‹…‘Â?•‘Ž‹†ƒ–ƒ †ƒÂ?‘Ž–‹ƒÂ?Â?‹ǥ—Â?ƒ•‡”‹‡†‹ …‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹Ž‹–—”‰‹…Š‡Â?‡ŽŽƒ …Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?‡Â?‘ƒŽÂˆÂ‘”‘ǥ •‹–—ƒ–ƒÂ?‡Ž–‡””‹–‘”‹‘†‡ŽŽƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‡ŽŽƒÂƒÂ–Â–Â‡Â†Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘–…‘Â?‡•—‰‰‡”‹•…‡ ‹ŽÂ?‘Â?‡–†‡Ž…‘Â?’Ž‡••‘ ƒ”…Š‡‘Ž‘‰‹…‘†‡Žˆ‘”‘”‘Â?ƒÂ?‘Ǥ ƒˆ‡•–‹˜‹–Â?˜‡”ƒ‡Â’Â”Â‘Â’Â”Â‹ÂƒÇĄ ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ•ƒ”Â?Â’Â”Â‡Â…Â‡Â†Â—Â–ÂƒÇĄ–”ƒ •ƒ„ƒ–‘͚͛‡Ž—Â?‡†¿ÍšÍ?ÇĄ†ƒ—Â? –”‹†—‘†‹’”‡’ƒ”ƒœ‹‘Â?‡…Š‡ ’”‡˜‡†‡‘‰Â?‹•‡”ƒƒŽŽ‡͙͠Žƒ …‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒƒÂ?–ƒ ‡••ƒ‹Â?Žƒ–‹Â?‘ǥÂ?‡ŽŽƒˆ‘”Â?ƒ •–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹ƒ†‡Ž‹–‘‘Â?ƒÂ?‘Ǥ

Â?“—‡•–ƒÂ…ÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ ˜‹‡Â?‡…‡Ž‡„”ƒ–‘…‘Â?—Â?ƒ…‡”–ƒ ”‡‰‘Žƒ”‹–Â?‹Ž”‹–‘•‡…‘Â?†‘Ž‡ ‹Â?†‹…ƒœ‹‘Â?‹ˆ‘”Â?‹–‡†ƒŽƒÂ?–‘ ƒ†”‡Â?‡ŽÂ?‘–—’”‘’”‹‘ —Â?Â?‘”—Â?‘Â?–‹ˆ‹…—Â?†‡Ž ͚͘͘͠ǤÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż͚͞ǥ‹Â?ˆ‹Â?‡ǥ‰‹‘”Â?‘ †‡ŽŽƒÂˆÂ‡Â•Â–ÂƒÇĄ‹Ž’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‡ŽŽ‡ …‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‹ƒ„„”ƒ……‡”Â?Žǯ‹Â?–‡”‘ ƒ”…‘†‡ŽŽƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ’”‡Â?†‡Â?†‘ ƒ˜˜‹‘ƒŽŽ‡ÍĄÇ¤Í›Í˜…‘Â?ŽƒƒÂ?–ƒ Â‡Â•Â•ÂƒÇĄÂ?‡Â?–”‡Â?‡Ž–ƒ”†‘ ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘ǥƒŽŽ‡Í™Í&#x;Ǥ͛͘˜‡””ƒÂ?Â?‘ ”‡…‹–ƒ–‹‡˜‡•’”‹‡‹Â?’ƒ”–‹–ƒŽƒ „‡Â?‡†‹œ‹‘Â?‡ǥƒ…—‹ˆƒ”Â?•‡‰—‹–‘ ƒŽŽ‡͙͠Žƒ•‘Ž‡Â?Â?‡…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ ‡—…ƒ”‹•–‹…ƒǤ†‘……—’ƒ”•‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡Â?—•‹…ƒŽ‡•ƒ”Â? ‹Ž…‘”‘†‡ŽŽ‡Â?ƒÂ?Â?‡†‡ŽŽƒ Â’ÂƒÂ”Â”Â‘Â…Â…ÂŠÂ‹ÂƒÇ¤Č‹ÂˆÇ¤Â—Ç¤ČŒ

‘Â?‡ Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘Â?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘

/DLFLGLULWRUQR GDOODPLVVLRQH    

6

ono tanti i bresciani, giovani e meno giovani, che ogni anno decidono di dedicare una parte delle loro vacanze a un’esperienza in terra di missione. Spesso, però, i racconti di questi viaggi restano limitati al gruppo o alla comunità di appartenenza. Da alcuni anni l’Ufficio missionario diocesano propone, per tutti quelli che hanno fatto questo tipo di esperienza, una due giorni di condivisione a Zone (il 10 e l’11 settembre). Il tentativo è quello di far sÏ che il viaggio non diventi un fatto relegato alla sola sfera dell’emotività, ma possa essere analizzato in tutti i suoi aspetti senza lezioni teoriche, ma partendo dalla concretezza che deriva da chi ha fatto iniziative analoghe. Durante l’anno, inoltre, c’è anche l’opportunità di seguire un corso di formazione per prepararsi al meglio alla missione. Il Centro missionario, nella sua veste formativa, e nello specifico la Commissione giovani e missione stanno cercando di recensire tutte le varie esperienze di gruppi, oratori e associazioni bresciane, anche per questo motivo è gradita la segnala-

   

zione. Solo dal confronto possono nascere idee nuove per crescere e per, l’anno successivo, predisporre un percorso ancora piÚ mirato. Il programma di Zone, presso la casa di don Tonino Zatti, ha inizio alle 15 di sabato, giornata che si conclude, dopo una cena condivisa, con una veglia sotto le stelle; la domenica è e dedicata alla rielaborazione dell’esperienza missionaria e alla Santa Messa, presieduta da don Carlo Tartari, nuovo vicedirettore

del Centro missionario diocesano. Le iscrizioni (il costo è di 15 euro per l’alloggio – bisogna portare le lenzuola e il sacco a pelo – e la colazione) per la due giorni si ricevono entro il 26 agosto presso il Centro missionario (telefono 0303754560 o via e-mail giovaniemissione@cmdbrescia.it). I partecipanti sono invitati a portare 15 foto che possono testimoniare in maniera piÚ immediata l’estate missionaria. Le immagini possono valere piÚ di mille parole.


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

ÍšÍ?

”‡•–

Â?—Â?ƒ––‹„ƒŽ‡Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻ––ƒ˜‘‰‹‘”Â?‘ Il “profumo di relazioniâ€?, respirato durante l’esperienza del convegno diocesano delle Caritas parrocchiali, non cessa di alimentare esperienze inedite. Il primo luglio un gruppo di 50 preadolescenti partecipanti al Grest di Nave, luogo nel quale si era tenuto il convegno, percorrendo in bicicletta la pista ciclabile che costeggia il ďŹ ume Mella, sono giunti al Magazzino Ottavo giorno – la piattaforma alimentare della Caritas diocesana, sita presso

l’Ortomercato – per incontrare i volontari e capire in che modo questo progetto sta supportando l’emergenza della povertĂ  nella diocesi. Ma che hanno in comune un austero capannone pieno di alimenti destinati ai poveri e il clima scanzonato e leggero del Grest? Il Grest di quest’anno, “Battibalenoâ€?, è incentrato sul tema del tempo. Attraverso la testimonianza dei volontari, una caccia al tesoro tra gli scaffali alla ricerca dei generi alimentari che

 

compongono i pacchi viveri, un laboratorio di decorazione delle borse che vengono consegnate alle famiglie indigenti, i ragazzi hanno avuto modo di riettere sul valore del tempo speso per gli altri e sulla possibilità che ciascuno ha di contribuire al benessere di tutti. Tra il vociare divertito e caotico dei ragazzi, e una fetta di anguria, l’Ottavo giorno si è riscoperto luogo di incontro e segno di carità anche per i piÚ giovani. Esperienza da ripetere!

    

‹‘Ə‘Â?ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‹…‘Â?—Â?‹–Â?‡•‡”˜‹œ‹‘”‹’”‡Â?†‡”Â?ƒ•‡––‡Â?„”‡

6HPLGLIXWXUR QHOWHPSRG¡HVWDWH    

$

fine luglio si concluderà il percorso del secondo gruppo di giovani che ha aderito al progetto Giovani & Comunità (Gio&Com) promosso dalla Caritas diocesana in collaborazione con gli uffici diocesani Vocazioni e tempi dello Spirito, Oratori e Pastorale giovanile. Gio&Com è una proposta per giovani, tra i 18 e i 30 anni, in cerca di valori e di relazioni significative. Il progetto infatti è nato per offrire un’opportunità di discernimento delle proprie scelte di vita attraverso l’esperienza di comunità e di servizio. Dopo la prima esperienza, che ha visto coinvolto un gruppo di ragazzi, conclusasi positivamente nel mese di febbraio, nel mese di marzo hanno iniziato cinque ragazze che hanno condiviso la loro quotidianità in un appartamento messo a disposizione dalla Fondazione Opera Caritas San Martino in centro storico. L’esperienza di comunità si è accompagnata alla partecipazione a momenti comuni di formazione, ad attività di testimonianza presso alcuni gruppi giovanili parrocchiali, alla collaborazione nel servizio educativo in una parrocchia della zona. Come per il primo gruppo a spingere le ragazze ad iniziare questa esperienza è stato il desiderio di sperimentare un periodo di autonomia da casa, scelta che è ricaduta in una fase particolare di transizione della loro vita. Il confronto con altre giovani che condividono la stessa dimensione di ricerca e con due figure di responsabili della comunità hanno rappresentato l’ingrediente fondamentale per approfon-

   

  

ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ†‘˜‡˜ƒ –‡”Â?‹Â?ƒ”‡ƒˆ‹Â?‡ ‰‹—‰Â?‘ǥÂ?ƒ°•–ƒ–ƒ ’”‘Ž—Â?‰ƒ–ƒ†‹—Â?Â?‡•‡ •—”‹…Š‹‡•–ƒ†‡ŽŽ‡ ’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ dire la conoscenza di sĂŠ e degli altri e per riflettere sulle scelte di vita che le attendono. L’esperienza, che doveva terminare inizialmente nel mese di giugno, è stata prolungata su richiesta delle partecipanti fino a fine luglio. La pausa estiva servirĂ  per verificare il progetto e impostare il prossimo turno previsto nel mese di settembre. Nel

‡”•‘Â?‡Ž‹„‡”‡ǥ …ƒ’ƒ…‹†‹ƒÂ?ƒ”‡ Dz Â?Â†Â‹ÂƒÂŽÂ‘Â‰Â‘ÇłÇĄ…‘•¿•‹°’‘•–‘‹Ž ˜‡•…‘˜‘—…‹ƒÂ?‘ǥ‹Â?–‡”˜‡Â?—–‘ ƒŽ…‘Â?˜‡‰Â?‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘†‡ŽŽƒ ƒ”‹–ƒ•†‡Ž͛͘ƒ’”‹Ž‡ƒÂƒÂ˜Â‡ÇĄ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â‰ÂŽÂ‹Â‡Â”Â‡Ž‡‹Â?…‡”–‡œœ‡†‹ —Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘†‹ˆ‡†‡Ç˛ÂƒÂ?‹•—”ƒ †‹‰‹‘˜ƒÂ?‡dzǥ—Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘ •’‡••‘Â?‹Â?ƒ–‘†ƒ‹Â’Â”Â‡ÇŚÂ‰Â‹Â—Â†Â‹ÂœÂ‹ †‡‹…‘‡–ƒÂ?‡‹ǥÂ?ƒƒÂ?…Š‡ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â‰Â‰Â‹ÂƒÂ?‡Â?–‘…”‹–‹…‘†‡‰Ž‹ ƒ†—Ž–‹˜‡”•‘—Â?ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ …‘•¿ÂˆÂ‘”–‡ǣDz‰Â?‹—‘Â?‘†‡˜‡ …‘Â?ˆ”‘Â?–ƒ”•‹…‘Â?‹Ž’”‘„Ž‡Â?ƒ†‡Ž †‹˜‡Â?–ƒ”‡—‘Â?‘ǥ†‹†‹˜‡Â?–ƒ”‡ —Â?ƒ’‡”•‘Â?ƒ…ƒ’ƒ…‡†‹‡Â?–”ƒ”‡‹Â? ”‡Žƒœ‹‘Â?‡…‘””‡––ƒ…‘Â?‹ŽÂ?‘Â?†‘ǥ …‘Â?‰Ž‹ƒŽ–”‹‡…‘Â?•‡•–‡••‘Ǥ —‡•–‘°—Â?…‘Â?’‹–‘†‹‘‰Â?‹ —‘Â?‘ǥ“—‹Â?†‹ƒÂ?…Š‡—Â?‰‹‘˜ƒÂ?‡ •‡Ž‘’‘”–ƒ†‡Â?–”‘…‘Â?‡‹Â?’‡‰Â?‘ †‹˜‹–ƒǤ Â?“—‡•–‘‹Â?’‡‰Â?‘ǥ ‹Â?‡˜‹–ƒ„‹ŽÂ?‡Â?–‡ǥ•‹ˆƒÂ?Â?‘†‡‰Ž‹ ‡””‘”‹Ǥƒ…‘•ƒ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ǥ’‡”Öǥ Â?‘Â?°–ƒÂ?–‘‹ŽÂ?‘Â?ÂˆÂƒÂ”ÂŽÂ‹ÇĄ“—ƒÂ?–‘‹Ž Â?‘Â?‰‹—•–‹ˆ‹…ƒ”Ž‹Â?ƒ‹Ǥ Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ•‡ ˆƒ……‹‘—Â?‡””‘”‡‡Â?‹”‡Â?†‘…‘Â?–‘ †‹ƒ˜‡”‡Â•Â„ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄŠ‘ÂŽÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡ ’‡”…‘Â?’‹‡”‡—Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘†‹ Â…Â”Â‡Â•Â…Â‹Â–ÂƒÇĄÂ†ÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â…Â…ÂŠÂ‹Â?‡Â?–‘ǤČ?ÇĽČ? ‡•‹ƒÂ?‘•‹Â?…‡”‹…‘Â?Â?‘‹•–‡••‹ ‡”‹…‘Â?‘•…‹ƒÂ?‘‹Â?‘•–”‹‡””‘”‹ǥ ‹‰‹—†‹œ‹†‡‰Ž‹ƒŽ–”‹…‹’‘••‘Â?‘ †ƒ”ÂˆÂƒÂ•Â–Â‹Â†Â‹Â‘ÇĄÂ?ƒ‹Ž‰‹—†‹œ‹‘˜‡”‘

°“—‡ŽŽ‘…Š‡Â?‘‹•–‡••‹†‹ƒÂ?‘ •—ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ˜‹–ƒǤ‡ƒ„„‹ƒÂ?‘ “—‡•–‘ƒ––‡‰‰‹ƒÂ?‡Â?–‘ǥ…ǯ°—Â?‘ •’ƒœ‹‘†‹Ž‹„‡”–Â?†‹ˆ”‘Â?–‡ƒ‰Ž‹ ÂƒÂŽÂ–Â”Â‹ÇŁ‰Ž‹ƒŽ–”‹…‹’‘••‘Â?‘ƒ‹—–ƒ”‡ ‘ǥƒŽ…‘Â?Â–Â”ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄ’‘••‘Â?‘”‡Â?†‡”…‹ ‹Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘’‹ÎÂ†Â‹ÂˆÂˆÂ‹Â…Â‹ÂŽÂ‡ÇĄÂ?ƒÂ?‘Â? ’”‡Â?†‘Â?‘‹Ž’‘•–‘†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ …‘•…‹‡Â?ÂœÂƒÇĄ†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒŽ‹„‡”–Â?Ǥ ‡“—‡•–‘†‡•‹†‡”‹‘…ǯ°ǥ…”‡†‘ …Š‡‹Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘†‡ŽŽƒ˜‹–ƒ•‹ƒ ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‡Â?–—”ƒ’‹Î„‡ŽŽƒ…Š‡•‹’‘••ƒ ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ƒ”‡Ǩ†—Â?‰‹‘˜ƒÂ?‡ǥ ÂƒÂŽÂŽÂ‘Â”ÂƒÇĄ†‹”‡‹ǣ’”‡Â?†‹Žƒ–—ƒ˜‹–ƒ …‘Â?‡“—ƒŽ…‘•ƒ†‹„‡ŽŽ‘ǥ…‡”…ƒ†‹ ˜‘Ž‡”Ž‡„‡Â?‡…‘•¿…‘Â?ǯ°Ǣ…Š‹‡†‹–‹ …Š‡…‘•ƒ˜—‘‹ˆƒ”‡†‡ŽŽƒ–—ƒ˜‹–ƒ‡ …Š‡…‘•ƒ’—‘‹ˆƒ”‡’‡”Žƒ˜‹–ƒ†‡‰Ž‹ ƒŽ–”‹Ǥ—ƒÂ?†‘Šƒ‹—Â?ƒ”‹•’‘•–ƒƒ “—‡•–ƒ†‘Â?ƒÂ?Â†ÂƒÇĄÂ?‡––‹…‹†‡Â?–”‘ –—––‘–‡•–‡••‘Ǥ‘Â?°‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡ ‡••‡”‡Â’Â‡Â”ÂˆÂ‡Â–Â–Â‹ÇĄÂ?ƒ‡••‡”‡•‹Â?…‡”‹ …‘Â?•‡•–‡••‹ǥ’‡”…Š¹•‘Ž‘“—‡•–‘ …‹’‡”Â?‡––‡†‹…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ”‡ǤČ?ÇĽČ? ƒ˜‹–ƒ°ˆƒ––ƒ’‡”…”‡•…‡”‡ǥ’‡” †‹˜‡Â?–ƒ”‡’‡”•‘Â?‡Ž‹„‡”‡‡…ƒ’ƒ…‹ †‹ƒÂ?ƒ”‡Ǩ1“—‡•–ƒŽƒÂ?‡–ƒ˜‡”•‘ …—‹…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ”‡ǤÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡°‹Ž ’—Â?–‘Â†ÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘†ǯ—Â?…ƒÂ?Â?‹Â?‘†‹ Â?ƒ–—”ƒœ‹‘Â?‡Ž‡Â?–‘‡ÂˆÂƒÂ–‹…‘•‘ǥ…Š‡ ”‹…Š‹‡†‡ƒÂ?Â?‹ǥ…‘””‡œ‹‘Â?‹†‹Â”Â‘Â–Â–ÂƒÇĄ ”‹‰‡Â?‡”ƒœ‹‘Â?‹ǥ’‡”†‘Â?‘Ǥƒ° Žǯ—Â?‹…‘˜‡”‘…ƒÂ?Â?‹Â?‘†ƒÂˆÂƒÂ”‡Ǩdz

frattempo un piccolo seme viene lanciato anche verso i giovani che parteciperanno alla Giornata mondiale della gioventĂš di Madrid: non mancherĂ  infatti nei loro zainetti un segnalibro del progetto Gio&Com. ChissĂ  che l’esperienza di incontro con i giovani di tutto il mondo, con il Papa, con “Dio Amoreâ€? faccia gemmare frutti nella direzione di una convivenza tra coetanei per sperimentarsi in un cammino umano e spirituale, personale e sociale. Per informazioni e colloqui sia con i giovani che con sacerdoti o animatori interessati, i referenti del progetto, Diego Mesa e suor Francesca Becattini, sono contattabili presso la Caritas diocesana allo 030.3757746 (www.brescia.caritas.it).

,67,78729(1',7(*,8',=,$5,('(/75,%81$/(',%5(6&,$ %UHVFLDÂą9LD'DOPD]LDÂą7HOÂą)D[6,72,17(51(7ZZZLYJEUHVFLDFRP

352*5$00$'(//(9(1',7(,16('('(/ 25((6(*8(17, /2772 %%(1(0272&,&/(77$%0:55&2/25(%,$1&27*'6$112&,/,1'5$7$ &&.:&21&+,$9(/,%5(772',&,5&2/$=,21((&(57,),&$72',35235,(7$Âś.0 35$7, &$0(17(1829$

'8( ',9$1,$ 75( ( '8( 3267, 672))$ 0$5521(  &$66$3$1&$ ,1 /(*12 79 &2/25 3/$60$ 125 '0(1'(´&217(/(&20$1'2%$6($67$(852(352*5(66,9(5,'8=,21,', /2772%%(1(02%,/(/,%5(5,$/(*120$5521(1(526&5,9$1,$&5,67$//2',9$12'8(3267, 7(66872 *,$//2 79 6$0681* 3257$7,/( /&' &21 7(/(&20$1'2 )$; &21 7(/()212 3+,/,36 3& 3257$7,/($&(5$635,7(3&3257$7,/(+3%$6($67$(852(352*5(66,9(5,'8=,21, ', /2772%%(1(1ƒ*,$&&+(,13(//('$8202%$6($67$(852(352*5(66,9(5,'8 =,21,', /2772%%(1(02%,/(62**,2512&20321,%,/($0852&2032672'$75($17(/(*12$17$ 9(752&$66(7727$92/2721'2/(*12$//81*$%,/(6(',(,1/(*12'8(',9$1,$75(('8(

3267,7$92/,12%$6625(77$1*2/$5(%$6($67$(852(352*5(66,9(5,'8=,21,', /2772 % %(1( 0272*8==,  && 7* %6$112  &,/,1'5$7$  && .:  &21 81$ &+,$9( 0$1&$17( ', /,%5(772 ', &,5&2/$=,21( ( &(57,),&$72 ', 35235,(7$Âś %$6( $67$ (852 (352*5(66,9(5,'8=,21,', /2772 &57 %(1( &$03(5 )25' 75$16,7 $//(67,0(172 5,9,(5$ 7* 5$/6 $112  .0 &,5&$&2181$&+,$9(/,%5(772',&,5&2/$=,21(%$6($67$0$**,252))(5(17(

352*5$00$'(//(9(1',7(,1/82*2'(/ 25((6(*8(17, /2772$//(25((6(*8(17,,10$1(5%$9$,9$//( %(1(,0%$5&$=,21(02&+,&5$))65/$112'(120,1$7$.<0$,,&21'8(02725,(1752%25 '2$*$62/,20$5&$),$7'20,1$725'$&9&$'$812/81*+(==$0(75,/$5*+(==$0( 75,$/7(==$',&26758=,21(0(75,&21)272&23,$/,&(1=$',$%,/,7$=,21($//$1$9,*$ =,21('(//(,0%$5&$=,21,'$',32572%$6($67$(852(352*5(66,9(5,'8=,21,', 


Í&#x161;Í&#x17E;

 Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;

Â?Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192; Â?Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192; Rimangono ancora una decina di giorni utili per presentare la propria tesi di laurea dedicata allo studio del volontariato. Nellâ&#x20AC;&#x2122;anno dedicato dallâ&#x20AC;&#x2122;Unione europea alle attivitĂ  di volontariato e della cittadinanza attiva, lâ&#x20AC;&#x2122;Associazione Anteas (acronimo che sta per Associazione nazionale terza etĂ  attiva per la solidarietĂ  di Brescia), il Csv e lâ&#x20AC;&#x2122;Osservatorio sul volontariato dellâ&#x20AC;&#x2122;UniversitĂ  cattolica del Sacro Cuore sede di Brescia, stanno infatti per chiudere

il bando denominato â&#x20AC;&#x153;Osservando il volontariato europeoâ&#x20AC;?, indetto per il conferimento di due premi di laurea dellâ&#x20AC;&#x2122;importo di 2000 euro cadauno, che sono stati destinati a laureandi di corsi di laurea specialistici e giovani dottorandi di ricerca (per un massimo di 35 anni dâ&#x20AC;&#x2122;etĂ ), provenienti da diversi ambiti disciplinari e geograďŹ ci, che abbiano elaborato una tesi sui temi del volontariato. Le tesi ammesse sono quelle discusse nellâ&#x20AC;&#x2122;arco di tempo che

comprende gli anni accademici 2008/09, 2009/10 e 2010/11. Saranno però escluse le tesi che abbiano giĂ  ricevuto riconoscimenti in termini di sussidi economici e/o di pubblicazione. Per coloro che fossero interessati, la domanda di ammissione al concorso va presentata entro le ore 17 del 1° agosto 2011 presso la direzione di sede dellâ&#x20AC;&#x2122;UniversitĂ  cattolica. La modulistica è scaricabile dal web allâ&#x20AC;&#x2122;indirizzo: http://centridiricerca. unicatt.it/osservo.

   

     

Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â?Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;

,OYRORQWDULDWR PHGLFLQDSHUODYLWD   

 

/

e associazioni, il volontariato, il â&#x20AC;&#x153;lavoroâ&#x20AC;? quotidiano a vantaggio del prossimo come palestra di vita per chi ha difficoltĂ  a camminare rettamente lungo un sentiero che si snoda fra i mille accadimenti dellâ&#x20AC;&#x2122;adolescenza. Da sempre il volontariato si china sul disagio per cercare quantomeno di arginarlo mentre da qualche tempo il Csv, in collaborazione con enti diversi, cerca attraverso il mezzo stesso del â&#x20AC;&#x153;fare del beneâ&#x20AC;? di portare dalla propria parte â&#x20AC;&#x201C; la parte che coincide con i valori della cittadinanza attiva e dellâ&#x20AC;&#x2122;aiuto gratuito â&#x20AC;&#x201C; persone che hanno commesso degli errori o che fanno fatica ad orientarsi. Lo scorso 14 luglio è stato presentato un accordo fra il Comune di Brescia e il Csv per lâ&#x20AC;&#x2122;impiego nelle associazioni di ragazzi in carico ai Servizi sociali. â&#x20AC;&#x153;Estate Beneâ&#x20AC;?, un progetto della Loggia che era stato pensato per avvicinare i giovani al mondo del volontariato, si è quindi sviluppato ed è diventato la base di una collaborazione che permetterĂ  a ragazzi dai 16 ai 21 anni, con problemi in casa o comunque relativi ad una crescita che presenta vuoti educativi, di mettersi al servizio del prossimo, di sentirsi utili e parte di un progetto che prevede anche il loro apporto e quindi la loro responsabilizzazione. Un accordo che va ad aggiungersi ad altri stipulati nei mesi scorsi con lo stesso comun denominatore di intendere il volontariato come medicina utilizzata per sanare alcuni intoppi capitati durante il percorso: â&#x20AC;&#x153;Ripuliamo le cattive stradeâ&#x20AC;? è un protocollo siglato con lâ&#x20AC;&#x2122;associazione Car-

  

 

Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039; cere e territorio e con il Garante dei detenuti per permettere esperienze formative prima della scarcerazione; con lâ&#x20AC;&#x2122;Associazione familiari vittime della strada è iniziata una collaborazione per commutare la sanzione economica inflitta a chi è colto alla guida in stato di ebbrezza in unâ&#x20AC;&#x2122;attivitĂ  di assistenza a portatori di disabilitĂ  cau-

sate da incidenti; altra intesa è stata siglata con lâ&#x20AC;&#x2122;Ufficio servizi sociali per i minorenni che hanno commesso un reato e che quindi sono a disposizione dellâ&#x20AC;&#x2122;AutoritĂ  giudiziaria minorile che può somministrare misure alternative alla detenzione. Tutte funzioni che non sarebbero strettamente demandate ai Centri di servizi per il volontariato, ma che vengono intraprese con entusiasmo e convinzione; quella convinzione che il volontariato possa e debba giocare una parte importante allâ&#x20AC;&#x2122;interno della cittĂ , insieme alle altre componenti che muovono, programmano e animano i diversi servizi e le molteplici attivitĂ  che rendono comunitĂ  lâ&#x20AC;&#x2122;insieme delle persone che condividono tempi e luoghi della vita.

Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;

Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;°Â&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192; Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇŁÂ&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â?ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?ÇĄ Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?ÇĄÂ&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â?ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;ÇĄ Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2021;ǢÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;° Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2021; Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039; Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Ǥ Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2014;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039; Â?Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Ǥ

Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2DC;Č&#x201A;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Č&#x201A;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2014;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â? Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;

Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2014;Ă&#x2013;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192; Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Č&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039; Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Č&#x152;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ǤÂ&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;°Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;ǤÂ&#x201D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Ǥ ÇŻÂ&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Ǥǯ°Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2018;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǣ Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â?Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;ÇŤ


 Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;

Í&#x161;Í&#x;

Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;

Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Si stanno preparando dal 4 novembre dello scorso anno quando, in occasione della memoria liturgica di San Carlo, a cui il loro centro giovanile è dedicato, hanno organizzato la festa dellâ&#x20AC;&#x2122;oratorio e messo da parte il ricavato in vista di questâ&#x20AC;&#x2122;appuntamento. Sono i ragazzi, 13 in tutto tra i 15 e i 23 anni, della parrocchia cittadina del Sacro Cuore, retta dai frati Cappuccini. Mettendosi in qualche modo sotto la protezione

del grande Santo milanese che si distinse proprio per lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione pastorale, hanno cominciato cosĂŹ un percorso che ha visto anche altri momenti importanti condivisi con la comunitĂ , per esempio durante la festa di carnevale o quella dello sportivo. E proprio sulla dimensione comunitaria pone lâ&#x20AC;&#x2122;accento fra Francesco Serra, responsabile del gruppo: â&#x20AC;&#x153;Allâ&#x20AC;&#x2122;interno delle associazioni e dei gruppi parrocchiali lâ&#x20AC;&#x2122;evento è stato sin

da subito molto sentito, tanto che spontaneamente ognuno di essi ha portato il suo contributo perchĂŠ i ragazzi potessero parteciparviâ&#x20AC;?. Il gruppo, quasi totalmente rinnovato rispetto a quello che partecipò alla Gmg di Colonia, viaggerĂ  insieme a Fiumicello appoggiandosi alla proposta delle parrocchie della zona XXVI: partiranno il 15 agosto sostando per un giorno a Barcellona, mentre il ritorno è previsto per il 22.





Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;

Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;

'DOFXRUHGHOODFLWWj Â&#x192; Â?Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í    

/

a bellezza di un appuntamento come quello della Gmg sta anche nel fatto che essa riesce a catalizzare e risvegliare energie che magari, nella quotidianitĂ  dellâ&#x20AC;&#x2122;azione pastorale, possono a volte apparire disperse o indebolite. CosĂŹ la preparazione diventa una sorta di volano che può prolungare il suo effetto benefico anche oltre la contingenza per cui si svolge. Ă&#x2C6; il caso per esempio delle nove parrocchie del centro storico che, costituite in unitĂ  pastorale a partire dal 2008 hanno avviato un percorso di pastorale giovanile integrata, affidata al vice parroco dei Santi Nazaro e Celso don Manuel Donzelli. Questâ&#x20AC;&#x2122;ultimo vede la Gmg come una tappa fondamentale nel percorso sinora portato avanti: â&#x20AC;&#x153;Dopo che è stata costituita lâ&#x20AC;&#x2122;unitĂ  pastorale non è stato facile far decollare la nuova realtĂ . Questa è una delle prime iniziative in cui vediamo i frutti di quanto fatto negli anni scorsiâ&#x20AC;?. I ragazzi iscritti sono infatti 25, prevalentemente tra i 20 e i 30 anni, che viaggeranno insieme al gruppo del villaggio Badia, che conta una ventina di iscritti. Dopo i tre incontri tenutisi tra febbraio e marzo per conoscer-



    

si meglio e presentare la Gmg insieme al tema di questa edizione, il gruppo si ritroverĂ  per i primi di agosto per ricevere il kit preparato dal Centro oratori e ricevere le ultime indicazioni di viaggio. Il morale è alto e, anche se magari concentrata su aspetti piĂš â&#x20AC;&#x153;mondaniâ&#x20AC;?, lâ&#x20AC;&#x2122;attesa è grande: â&#x20AC;&#x153;molti â&#x20AC;&#x201C; continua infatti don Manuel â&#x20AC;&#x201C; pensano piĂš al viaggio e alla visita della

cittĂ , ma questa è unâ&#x20AC;&#x2122;esperienza che sicuramente li potrĂ  colpire nel profondo, so per esperienza che riserva molte sorpreseâ&#x20AC;?. E la prima si è forse giĂ  verificata, vedendo i ragazzi di diverse parrocchie fare gruppo: â&#x20AC;&#x153;Spesso siamo noi adulti a vedere problemi dove non ci sono â&#x20AC;&#x201C; conclude don Manuel â&#x20AC;&#x201C; i ragazzi ci insegnano a superare gli steccati senza problemiâ&#x20AC;?.

Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018; Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;

Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x2030;ÇŁÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2014;Ă&#x2013;Ǥ Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018;° Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Ǥ

Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;ÇŻÂ&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;ÇĄÂ&#x2014;Â? Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Ǥ 1Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2018;ǤÂ&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x153;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â? Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192; Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Í&#x203A;Í?Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Í&#x2122;Í&#x17E;Â&#x2021;Â&#x2039;Í&#x161;Í&#x17E;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;ǤÂ&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039; Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x2030;ÇĄ Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; °Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Í&#x2122;Í Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;

 

Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;

Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;

Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â? Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;

 Í&#x2122;Í  ÇĄ

  Í&#x161;Í&#x153; ÇĄ    





Í&#x161;Í&#x161; ÇĄ  

 Â&#x2013;Â&#x2013; Â&#x2020; Â&#x2039; Â&#x2020; Â&#x17D;Â&#x17D; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192; Â&#x2039; Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x201E;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â? Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192; Â?Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;ǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2039; Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ

 Â&#x2020; Â&#x2039;Â&#x2020; Â&#x2039; Â&#x2013; Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x17D; Â&#x2020; Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Ǥ Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;ÎǤÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â? Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039; Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2026;ǯ°Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Âż Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Ǥ

Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x192;ǤÂ&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;°Â&#x2026;Â&#x2039;Ă&#x2013;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇŁDzÂ&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;dzǤÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Ǥ

 Â&#x160; Â&#x2039; Â&#x2039; Â&#x2018;Â?Â&#x160;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;

Â?Â&#x2030;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;ǤÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;ÂąÂ?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x192;DzÂ&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;dzǥÂ&#x192;DzÂ&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Çł Â&#x2021;Â&#x2022;ĂŽÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2014;Ă&#x2013;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2021;Â&#x2022;ĂŽ Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ


Í&#x161;Í 

 Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;

    Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;ĚťÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;ǤÂ&#x2039;Â&#x2013;

ÇŻÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;°Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;

Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;

%UHVFLDFLWWjG¡DUWH"

Â?Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ?Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;    

%

rescia è diventata veramente una cittĂ  dâ&#x20AC;&#x2122;arte? Allâ&#x20AC;&#x2122;interrogativo si prova a rispondere ormai da qualche anno, da quando la cittĂ  ha visto la nascita dellâ&#x20AC;&#x2122;era delle â&#x20AC;&#x153;grandi mostreâ&#x20AC;?. Dopo il tramonto dellâ&#x20AC;&#x2122;immagine industriale, la cittĂ  è alla ricerca di una nuova identitĂ  e, negli ultimi 10 anni, le amministrazioni locali hanno promosso una serie di eventi espositivi â&#x20AC;&#x153;a effettoâ&#x20AC;?, nella speranza di inaugurare un nuovo corso. Dopo un decennio di grandi mostre, occorre ora chiedersi se queste esposizioni abbiano cambiato il modo di fare cultura in cittĂ  e se, oltre allâ&#x20AC;&#x2122;aspetto turistico ed economico â&#x20AC;&#x201C; ovviamente non irrilevante â&#x20AC;&#x201C;, i bresciani abbiano maturato una maggiore sensibilitĂ  verso il patrimonio artistico di casa. Sebbene non manchino iniziative lodevoli, prima fra tutte il tanto atteso riallestimento della pinacoteca Tosio Martinengo, molti cittadini sembrano ignari delle bellezze di Brescia, e se ne accorgono, quasi stupiti, in rare occasioni aggregative. La nostra cittĂ , al contrario delle vicine Mantova e Verona, non è mai stata capi-

ÇŻ  Č?  ÇĄ  ÇŻ Č&#x17D;

Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2039; Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â?Â&#x2018;Â? Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; tale di uno Stato, ma può comunque vantare un patrimonio culturale di tutto rispetto tra chiese, monumenti, palazzi e gallerie che andrebbero adeguatamente valorizzati. Il fenomeno delle grandi mostre, approdato in Italia piuttosto tardi rispetto allâ&#x20AC;&#x2122;America, sembra mosso, a Brescia come in tante altre cittĂ , da logiche quasi mercantili che poco o nulla hanno a che fare con la cultura locale e con gli artisti che vi hanno operato. Secondo la museologia moderna, ogni nuova mostra dovrebbe essere il frutto di studi, scoperte e novitĂ , eppure una minima parte delle esposizioni mondiali soddisfa questo criterio: quante esposizioni sono state fatte senza che venisse detto niente di nuovo? Oggigiorno chi organizza mostre sembra piĂš

preoccupato a monitorare lâ&#x20AC;&#x2122;affluenza di visitatori anzichĂŠ a garantire la qualitĂ  del prodotto finale. In arte, come altri contesti culturali, i numeri da record non sempre sono indice del valore del prodotto che sempre piĂš risponde alla fruizione veloce e â&#x20AC;&#x153;sminuzzataâ&#x20AC;? della cultura di massa. Purtroppo i dati riferiti ai flussi turistici dellâ&#x20AC;&#x2122;anno 2010 a Brescia, segnano pesanti cali nelle presenze e negli arrivi in cittĂ  e bisognerebbe interrogarsi seriamente sulle motivazioni, che solo in parte possono essere attribuite alla crisi economica. A Brescia, le grandi esposizioni sono servite ad accrescere il numero di informazioni disponibili e la consapevolezza dei cittadini, ma allo stato il cammino appare ancora lungo. Bisognerebbe forse avere coraggio e puntare su progetti a lungo periodo, con sforzi decennali che valorizzino il patrimonio locale e che coinvolgano i centri di ricerca, lâ&#x20AC;&#x2122;universitĂ , le associazioni e le gallerie. Occorre fare tesoro delle specificitĂ  di un territorio vasto, che non si limita alla cittĂ , ma ad una provincia che per varietĂ  paesaggistica trova pochi confronti a livello nazionale.

    

Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;ÇŁÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Í&#x2122;Í?Â&#x2021;Â&#x2039;Í&#x161;ÍĄÂ&#x192;Â?Â?Â&#x2039;ÇĄÂ?Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2014;ÇŚ Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;ÇĄÂ&#x2018;Â&#x2DC;ÇŚ Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;DzÂ&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?ÇĄÂ&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x203A;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2030;dzǤÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;ÇĄ Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2DC;ÇĄÂ&#x160;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2039;Í&#x161;ÇĄÍ&#x2122;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2039;ÇĄÍ&#x2122;Í&#x203A;Í&#x153;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;ͥǤÂ&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x161;ÇĄÍ&#x2122;ÎŹÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â?ǤÇŻÂ&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;ÇŚÂ&#x2022;Â&#x2013;ÇĄÂ&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;ǤÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Í&#x17E;Í?ÇĄÍ?ÎŹÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;°Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â?Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2014;Â? Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?°Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;ÇĄÂ&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŻÍ Í&#x;ÇĄÍ?ÎŹÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Í?Í?ÇĄÍĄÎŹÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2C6;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻ Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;

Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2018;Â&#x201D;ÇŚ Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;ÇŚ Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;ÇŚ Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2014;Ă&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2021;ÇŚ Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;ÇŤ 1Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;°Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â? Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Ǥ Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x17D; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;°Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇŤ

Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?ÇŚ Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2020; Â&#x192;Â?Â?Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2C6;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2018; Â?Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â?ÇĄÂ&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇŚ Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;ÇĄ°Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;ÇŁÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x192;ÇŚ Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Ǥ Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2014;Ă&#x2013;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇŤ

1Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x192;ÇĄÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇŽÂ&#x2014;Â&#x2C6;ÇŚ Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ǯǤÂ?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;¹ǥÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018; Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D; Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;ǤÂ&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x17D;Â&#x192;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2018;°Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2C6;ÇŚ Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;ǤÂ&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇŚÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;ǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2018; Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;ǤÇŻÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ


 Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;

Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x2030;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;

Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2039;

La Giornata mondiale della gioventĂš è diventato un appuntamento di grande coinvolgimento; i giovani di tutto il mondo si incontrano, pregano, condividono riďŹ&#x201A;essioni, proposteâ&#x20AC;Ś Câ&#x20AC;&#x2122;è spazio per tutto, anche per il folklore, ma sicuramente le proposte che emergono in questi incontri sono oggetto di dibattito e di impegno che diventano piattaforma comune per il lavoro dei giovani nelle diocesi, perchĂŠ chi vi partecipa lo fa a nome di tutti, anche di quelli

Prosegue con grande successo il Festival del Vittoriale che propone per i prossimi giorni due attesissimi concerti di Lou Reed (venerdĂŹ 22) e Vinicio Capossela (martedĂŹ 26 luglio). Per entrambi gli eventi sono esauriti tutti i posti a sedere e anche gli ultimi posti in piedi. Il nuovo festival Vittoriale tener-a-mente registra cosĂŹ nuovi soldout. Lou Reed (nella foto), il controverso artista newyorkese, icona leggendaria del rock, ha appena compiuto 69 anni e torna in Italia

che non possono essere ďŹ sicamente presenti a Madrid. Il sito delle Paoline www.paoline.it propone una rubrica che accompagna in tappe successive lâ&#x20AC;&#x2122;immediata preparazione alla Gmg 2011 e offre ai giovani una occasione perâ&#x20AC;Ś esserci senza partire! E soprattutto per farsi coinvolgere nei temi trattati. La rubrica contiene interviste, provocazioni, oltre a tracce di riďŹ&#x201A;essione sul tema Gmg: â&#x20AC;&#x153;Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fedeâ&#x20AC;?.

Í&#x161;ÍĄ

dopo quattro anni con una line-up allargata comprensiva di ottoni, tastiere e pianoforte, con cui ripercorrerĂ  buona parte del suo repertorio della ďŹ ne degli anni Settanta. Vinicio Capossela svilupperĂ  i temi esistenziali della grande letteratura di mare, evocandoli con una complessa architettura musicale e con arrangiamenti che sono una vera e propria colonna sonora dellâ&#x20AC;&#x2122;immaginazione e dallâ&#x20AC;&#x2122;asciuttezza.





Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;

3DVVLQHOOD1HYH Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2021;Â?ĂŽÇĄÂ&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x203A;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;   

5

iprende sabato 23 luglio, alle pendici dellâ&#x20AC;&#x2122;Adamello, Passi nella Neve, la manifestazione, giunta alla sua sesta edizione, che vuole ricordare e commemorare le vicende della Prima guerra mondiale. Nata nel 2006, da unâ&#x20AC;&#x2122;idea di Carla Bino, Francesco Gheza e Giancarlo Maculotti, è stata fortemente voluta e riconfermata, dopo il successo degli anni passati, dal Comune di Ponte di Legno e da quello di TemĂš. Al via dunque la nuova edizione di Passi nella Neve. Negli anni passati Marco Paolini, Luigi Lo Cascio, Michele Placido, Maria Paiato, Antonella Ruggiero, Fabrizio Gifuni, Lella Costa, Sergio Rubini, Alessandro Baricco hanno affrontato la sfida di raccontare la guerra nei luoghi dovâ&#x20AC;&#x2122;è stata vissuta, combattuta e sofferta. Questâ&#x20AC;&#x2122;anno il testimone passa ad altri due grandi nomi del panorama artistico italiano: Erri De Luca e Alessio Boni. Il primo appuntamento, sabato 23 luglio alle ore 17 nel Prato della Chiesa di Santa Giulia a TemĂš, sarĂ  con Erri De Luca a confronto con Giancarlo Maculotti. Titolo dellâ&#x20AC;&#x2122;incontro â&#x20AC;&#x153;Mon-

 

Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2018;Â?Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;DzÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;ÇłÍ&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122; tagna: teatro di guerra, teatro di paceâ&#x20AC;?. Partendo dalle immagini fortemente suggestive e solenni dellâ&#x20AC;&#x2122;Adamello, e dal massacro di alpini avvenuto su questo fronte raccontati in â&#x20AC;&#x153;Primiziaâ&#x20AC;?,

il noto scrittore e alpinista racconterĂ  queste montagne, le nostre montagne, non soltanto con gli occhi dello storico che le vede come teatro di guerra, ma anche con gli occhi dellâ&#x20AC;&#x2122;appassionato che ne fa emergere la bellezza e la maestositĂ  in tempo di pace. Come ogni anno non mancherĂ  il tradizionale appuntamento al Rifugio Bozzi in LocalitĂ  Montozzo dove, domenica 7 agosto alle ore 8.30, i tanti appassionati di montagna e di teatro, potranno rivivere lâ&#x20AC;&#x2122;indimenticabile esperienza degli anni passati: il lungo cammino per raggiungere il luogo di spettacolo percorso fianco a fianco, lo sfondo delle trincee della Prima guerra mondiale e il silenzio quasi surreale della montagna nelle prime ore del mattino. Al centro di questo palcoscenico naturale Alessio Boni accompagnerĂ  il pubblico in un viaggio alla scoperta della vita di quei giovani, rubati alle loro case e alle loro vite e portati al fronte, racconterĂ  la storia di quegli alpini in â&#x20AC;&#x153;Montagne in guerraâ&#x20AC;? un testo che Carla Bino ha predisposto ispirandosi a â&#x20AC;&#x153;La guerra nelle montagneâ&#x20AC;? di Rudyard Kipling. Info fino al 5 agosto: 0303759792 (lun-ven: ore 11-13) - www.adamelloski.com

Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;° Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;

Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â?Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;

Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÍ&#x161;Í&#x2122;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;ÂżÍ&#x161;Í&#x161;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;°Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018;

Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;DzÂ&#x192;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;°dz Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Ǥ ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;°Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;ǤÂ&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x192;Í? Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2018;ǤÇŻÂ&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â? Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;ǤÂ&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;°ǥÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2C6;Â&#x2018;ǤÂżÂ&#x2014;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x201E;ÂżÂ&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Ǥ Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄ Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D; Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;°Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤǤǤÂ?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ?Â&#x2018;Â?Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â?Â&#x2018; DzÂ&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x192;dzǥÂ&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;ÂąÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;ÇĄ Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÇŻÂ&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2039; Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;ÇŁÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192;ǤÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;DzÂ&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x192;ÇłÂ&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Č&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021; Í&#x2122;ͥǤÍ&#x2122;Í?Č&#x152;Ǥ Â&#x17D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;DzÂ&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x192; Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;Çł°Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Č&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;͠ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;Č&#x152;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â? Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â? Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Dz Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2C6;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;ǤÂ&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2C6;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;ÇłÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D; Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021; Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;ǤÂ&#x192;Â&#x201D;Â? Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;DzÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;dzǥÂ&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2039;Â? Â&#x2021;Â&#x2013;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;ÇŁÍ&#x2DC;Í&#x203A;Í&#x2DC;Í ÍĄÍ&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;ÍĄÍ?Č&#x20AC; Í&#x203A;Í&#x203A;Í Í?ÍĄÍ&#x153;Í&#x17E;Í&#x2DC;ÍĄÍ&#x2DC;ÇŚÂ&#x2122;Â&#x2122;Â&#x2122;ǤÂ&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;ǤÂ&#x2039;Â&#x2013;

     

,O&DQWRGHOO¡$QJXDQD VenerdĂŹ 22 luglio, allâ&#x20AC;&#x2122;interno della rassegna â&#x20AC;&#x153;Luglio a San Giovanniâ&#x20AC;? organizzata da Centro culturale e cinecircolo â&#x20AC;&#x153;Il Chiostroâ&#x20AC;?, ritorna al chiostro di San Giovanni, a due anni di distanza, una grande interprete e autrice della canzone italiana: Patrizia Laquidara (nella foto) portando un progetto singolare e molto diverso dai precedenti, legato al quarto album pubblicato: Il Canto dellâ&#x20AC;&#x2122;Anguana (Slang Records, 2011). Questo progetto di poesia, musica e canto nasce dal desiderio di Patrizia Laquidara di cantare e dar voce a una ďŹ gura, quella dellâ&#x20AC;&#x2122;Anguana, misteriosa e quasi dimenticata creatura femminile della tradizione popolare veneta presente anche in altre tradizioni, sia nordiche che mediterranee, dalla Francia al Sud America. Nelle tracce delle leg-

gende che le riguardano, le anguane appaiono presso caverne, corsi dâ&#x20AC;&#x2122;acqua, pozzi e sorgenti (che grazie alla loro presenza acquistano poteri magici), nelle notti di luna piena mentre stendono il bucato, e attirano con la loro bellezza e il loro canto lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione di fortuiti viandanti destinati a innamorarsi di una di loro e a delirare. Tutte le liriche sono state scritte in dialetto alto-vicentino dal poeta e scrittore Enio Sartori, e le musiche da Patrizia Laquidara e Alfonso Santimone (uno dei protagonisti piĂš attivi della scena della musica improvvisata in Italia). Ă&#x2C6; un lavoro ricco in sonoritĂ , profonditĂ  dâ&#x20AC;&#x2122;intenti, ricerca e ricchezza letteraria dove lâ&#x20AC;&#x2122;impiego di strumenti tradizionali di molte culture (mandolino, ďŹ sarmonica, oboe, marranzano, tamorra, ďŹ&#x201A;auti, bombarde, ghiron-

de, chitarre, percussioni, tromboni, batterie) si mescola sapientemente con lâ&#x20AC;&#x2122;elettronica e si fonde con la splendida voce di Patrizia Laquidara che diventa, a seconda dei brani, dolce o autoritaria, preghiera e incanto, lamento e danza. Una cantante che è stata deďŹ nita come una delle migliori esponenti della musica popolare in Italia. Il disco alterna sonoritĂ  da tarante, fanfare balcaniche, canti di lavoro veneziani con il chiaro intento di mescolare culture popolari musicali diverse. Il concerto si terrĂ  allâ&#x20AC;&#x2122;aperto, presso il Chiostro di San Giovanni (Contrada San Giovanni 8) a Brescia, con inizio alle ore 21.30. In caso di maltempo il concerto si terrĂ  nel teatro del Chiostro. Info: 030289099 (dal lunedĂŹ al sabato dalle 15 alle 18).


Í&#x203A;Í&#x2DC;

 Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;

Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇŁÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x153;ÎťÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x203A;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2014;Â? â&#x20AC;&#x153;Da qualche anno â&#x20AC;&#x201C; ha spiegato Emmanuel Anati, direttore del Centro camuno studi preistorici â&#x20AC;&#x201C;, i â&#x20AC;&#x2DC;Symposiaâ&#x20AC;&#x2122; uniscono nel dialogo esperti di discipline diverse. Le ricerche permettono di fare passi verso la lettura dellâ&#x20AC;&#x2122;arte rupestre intesa come â&#x20AC;&#x2DC;scrittura prima della scritturaâ&#x20AC;&#x2122; e la sďŹ da, oggi, è riuscirciâ&#x20AC;?. Per ragioni di spazio, possiamo qui riferire solo di alcuni tra i numerosi contributi presentati nel corso delle giornate di lavori. Pier Luigi Bolmida e

Umberto Sansoni, a esempio, ipotizzando unâ&#x20AC;&#x2122;unica lingua delle origini, hanno sostenuto che â&#x20AC;&#x153;il linguaggio umano costituisce un meccanismo difensivo che, in un secondo momento, viene utilizzato per lâ&#x20AC;&#x2122;elaborazione di segni e simbologieâ&#x20AC;?. La danese Lisbeth Bredholt, trattando di comunicazione non verbale ha notato come danza, scultura, musica, non possono direttamente essere trascritte verbalmente, quindi esigono un diverso livello

di approccio. Per lâ&#x20AC;&#x2122;archeologa Gabriella Brusa Zappellini, ornarsi con un dente di lupo, o dipingere un lupo sulla roccia, equivale a una diversitĂ  di linguaggi simbolici e, a suo dire, lo studio approfondito delle logiche associative, sostenute dalle basi neuronali del cervello nellâ&#x20AC;&#x2122;uomo del Paleolitico, possono venirci in aiuto. Lâ&#x20AC;&#x2122;indiano Somnath Chakraverty è convinto che una comparazione tra le varie forme di arte delle societĂ  pre-letterate potrebbe essere uno strumento

utile per lâ&#x20AC;&#x2122;interpretazione dellâ&#x20AC;&#x2122;arte rupestre, sia nel signiďŹ cato sincronico che in quello diacronico. Il camuno Federico Troletti, inďŹ ne, ha offerto alcune riďŹ&#x201A;essioni sulle afďŹ nitĂ  di comunicazione tra arte preistorica e culto cristiano, mentre Matilde Vigneri, medico psichiatra dellâ&#x20AC;&#x2122;UniversitĂ  di Palermo, ha concluso sostenendo che lâ&#x20AC;&#x2122;arte rupestre evolve in parallelo alla sempre maggiore presa di coscienza che lâ&#x20AC;&#x2122;uomo fa di se stesso. (e.g.)





Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039; Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Í Í&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;

Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;°Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;ÇŁ Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;

&RQJOLRFFKL GHOO¡LQQDPRUDWR

mo artefice, creatore o altro, immediatamente trasferisci la questione dallâ&#x20AC;&#x2122;immanente al trascendente. Se câ&#x20AC;&#x2122;è una cosa che Dio ha fatto, penso anche con un certo sforzo, è trasformarsi nellâ&#x20AC;&#x2122;immanente. Allora perchĂŠ cercarlo oltre le nubi, quando è qui davanti a noi. Se invece di chiamarlo

Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;DzÇŻÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇłČ&#x2039;Í&#x2122;ÍĄÍ&#x;Í ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x2020;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Č&#x152;ÇĄ DzÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇłČ&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ Í Č&#x152;Â&#x2018;DzÂ&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;ÇłÂ?Â&#x2021;Â&#x17D; Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;ǤÂ&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;Â&#x2014;Â?Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Ǥ   

(

  Dz  dz

rmanno Olmi (Bergamo, 24 luglio 1931) regista, sceneggiatore, direttore della fotografia, montatore, produttore cinematografico e scenografo italiano, da tutti conosciuto come il maestro. Ha ricevuto al Vittoriale un premio che celebra la forza della bellezza e il genio dellâ&#x20AC;&#x2122;estetica e dellâ&#x20AC;&#x2122;arte. Ci si ritrova? Non è frivolezza o falsa umiltĂ , ma mi pare parlino di altri. Non si ha mai la consapevolezza di ciò che si fa. Cito Borges; quando parla della creativitĂ  dice: sempre il poeta non è mai consapevole di ciò che ha scritto; se fosse consapevole perderebbe quello stato di innocenza al punto da divenire uno sprovveduto. Come quando si è innamorati. Se non si perde la testa non si può sfiorare la poesia, altrimenti è razionalitĂ ; riguarda lâ&#x20AC;&#x2122;intelligenza e non lâ&#x20AC;&#x2122;intuizione di ciò che câ&#x20AC;&#x2122;è nel mistero che ci circonda. Prendiamo un albero:

lâ&#x20AC;&#x2122;uomo lo pota e gli dĂ  una forma, ma lâ&#x20AC;&#x2122;albero è un mistero straordinario, quel mistero che affascina e attrae, come gli occhi di una fanciulla quando ti accorgi che le pulsazioni cambiano ritmo. Non sai perchĂŠ, però è quel volto, è quello sguardo. Partendo da â&#x20AC;&#x153;Centochiodiâ&#x20AC;?: câ&#x20AC;&#x2122;è una sorta di condanna sullâ&#x20AC;&#x2122;essere sagomati sul costo delle cose e non sul valore. SĂŹ, ma attenzione. Ho avuto anche una polemica con Diliberto. Diceva che Olmi, come il nazismo, condanna i libri. Non ha capito niente. Nelle immagini ci sono dei chiodi conficcati nel libro aperto e non chiuso. Non voglio eliminare il libro e non farlo aprire, ma ho inchiodato le parole perchĂŠ noi leggiamo un libro, condividiamo il contenuto, ne prendiamo possesso e a volte li ripetiamo con le nostre parole. Il problema è che non mettiamo in pratica ciò che abbiamo letto. Ci accontentiamo di sapere, ma il sape-

re comporta il dovere di fare. Allora, parole, se non avete la forza di farmi agire, io vi inchiodo. Cito lâ&#x20AC;&#x2122;unica vera rivoluzione della storia dellâ&#x20AC;&#x2122;umanitĂ : la rivoluzione cristiana. Quando leggiamo alcuni passi del Vangelo, certo sono parole scritte, ma sono parole che ti scuotono e non ti danno pace. Bastano poche parole del discorso della montagna o di qualche parabola perchĂŠ risuonino continuamente dentro di noi, tanto che dobbiamo far fatica per farle tacere. Se il cristianesimo è durato 2000 anni è perchĂŠ queste parole a qualcuno hanno fatto lâ&#x20AC;&#x2122;effetto di agire. Ditemi quali altre rivoluzioni o oggetti ci mettono nella condizione di agire necessariamente. Tutto è amministrabile. Quando ti innamori no, diventi un bambino e nulla può supplire a quello sguardo. Ă&#x2C6; ancora possibile parlare di Dio agli uomini di oggi con il cinema? Basta cambiargli nome. Quando parli di Dio usando il termine Dio o il som-

 

ÇŻÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;

Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x192;Â?Ă&#x20AC;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2020;Ă&#x20AC;ǤǤǤ

Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x17D;Â&#x192;Â?

   Č? Č&#x17D;    ÇĄÍ&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;



  ÇĄÍ&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;ÇĄ Í&#x161;Í&#x161;ÇĄÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

 ÇĄÍ&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;ÇĄ Í&#x161;Í&#x2DC;ÇĄÍ&#x2DC;Í&#x2DC;

 Â&#x17D; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄ Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;

Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;ÇŚ Â&#x2020; Â&#x17D; Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039; Â&#x2013; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄ Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;ǤÂ&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;ÇŚ Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018; °Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;

Â&#x160;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Ǥ Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;ÇŚ Â?Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Ǥ

  Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x192;Â?Ă&#x20AC;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2020;Ă&#x20AC;°Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x2020; Ă&#x20AC;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2020;Ă&#x20AC; Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ǤÂ&#x2018;Â?°Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;ÇŚ Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â?Â&#x192;ǤÂ&#x2039;Ă&#x2013;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ÇĄ Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2020;Ă&#x20AC;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Ă&#x2013;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÇŻÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;DzÂ&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;ÇłÂ&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2026;¿ǤÂ&#x192; Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Ǥ ÇŻÂ&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x192;Â?Ă&#x20AC;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Ă&#x2013;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Í&#x2122;Í&#x161;Í?Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?ÇŚ Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x192;ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;DzÂ?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;dzǤÂ&#x192; Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x192;Â?Ă&#x20AC;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;ÇŁÂ&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;ÂąÂ&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2022;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Ǥ

 Â&#x2039; Â&#x2039; Â&#x2039; Â&#x17D; Â&#x2039; Â&#x2039; Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2013;Â&#x2013; Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2021;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Ǥ Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2039;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Ǥ Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2014;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;ÇŚ Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2018;ǤÂ? Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;°Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â?Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2022;Â?Â&#x2018;ǤÂ?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;°Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2022;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽ Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2018;Ǥ


 ͚͙Ž—‰Ž‹‘͚͙͙͘

͙͛

‘•–”‡ ƒ•–ƒ‰‹‘‡†‡ŽŽ‡‡•’‘•‹œ‹‘‹•‹…‘…Ž—†‡–”ƒDz±ŒƒǦ˜—dz‡…‘ŽŽ‡––‹˜‡ ‘’‘Ž‡‡•’‘•‹œ‹‘‹‹Žƒ‡•‹ ƒŽŽǯ—Ž–‹‘ƒŽ‘‡†‡Ž‘„‹Ž‡‡ƒŽŽ‘ •’ƒœ‹‘—„ƒŽ–‡”‘͙ǡ–‘‹‘‘•ǡ ‰‹‘˜ƒ‡†‡•‹‰‡”‘”‹‰‹ƒ”‹‘†‹ –”ƒ•„—”‰‘ǡƒ””‹˜ƒƒ”‡•…‹ƒ…‘‹ •—‘‹Dz±ŒƒǦ˜—dzǡ”ƒ……‘Ž–‹’”‡••‘Žƒ ‰ƒŽŽ‡”‹ƒ—ƒ‘ˆ‡––‘”ƒ͙͟ǡˆ‹‘ƒŽ ͛͘Ž—‰Ž‹‘ȋ‡ŽŽǯ‹ƒ‰‹‡—‘†‡‹ Žƒ˜‘”‹‡•’‘•–‹ȌǤ ”ƒœ‹‡ƒŽŽƒ–‡…‹…ƒ †‡ŽŽǯ‹…ƒŽ‘ȋ…Š‡’‡”‡––‡†‹ —‹”‡†—‡ˆ‘”‡‹˜‡–”‘’‡”ŽƒŽ‘”‘ …‹”…‘ˆ‡”‡œƒ–”ƒ‹–‡•‘ˆˆ‹ƒ–—”ƒȌ‘• …”‡ƒ†‡‰Ž‹‘‰‰‡––‹ǡ–”ƒ†‹œ‹‘ƒŽ‹‡Ž ƒ–‡”‹ƒŽ‡‡‡ŽŽǯ—•‘ǡƒ†ƒŽŽ‡ˆ‘”‡

Dio, lo chiami albero, Paola... non è questo Dio? Quando nei testi diciamo che Dio ci ha dato la vita è giusto ma Dio ha trasferito se stesso, in quanto è vita, in tutto ciò che è davanti al nostro sguardo. Allora, se parliamo delle cose in cui Dio si è manifestato, questo è parlare di Dio. Cristo ha capito questa cosa quando dice sono figlio del Padre; tutti siamo figli di questo Padre. Il suo insegnamento è chiaro. Se parli delle cose parli di Dio. Ne “Il mestiere delle armi” Giovanni non si preoccupa della sua fine trascendente, ma del ricordo molto immanente. Giovanni dice “Vogliatemi bene quando sarò morto”. Quando tu vuoi bene, a qualcuno che non c’è più, questo be-

ne rispetto a quando è vivo, cambia? Certo e ti suggerisce in termini quasi fisici l’idea della trascendenza: al di là della tua presenza, io ti amo. Aveva detto che non avrebbe più fatto film, invece ne farà un altro. Dissi che non avrei fatto più film di finzione ma documentari: la ragione per cui sono tornato al lungometraggio con il prossimo film è dovuto alla mia caduta. Dovevo stare fermo 70 giorni; sarei diventato pazzo; allora mi sono fatto dare il computer da mia moglie, l’ho messo sulla pancia e ho scritto una drammaturgia. È il documentario che avevo programmato di fare: un giro delle coste del Mediterraneo, dove prima della scoperta dell’America, tutte le culture si sono affacciate, combattute e amalgamate. Volevo andare incontro a frammenti di realtà sopravvissuti di quelle culture. Avevo dato un bel titolo: “Era qui un momento fa”. Si riportavano quelle culture facendo una sorta di composizione di una tale varietà di pensiero che sarebbe servito ad affrontare la globalizzazione, che invece tende a unificare le sfumature, creando comunque separazione. I ragazzi in Oriente, in Nord Africa e in altri Paesi sentono il bisogno di ribellarsi a politiche di programmazione di profitto economico. Quando invocano la libertà, invocano principalmente la libertà di pensare al futuro, quella libertà di dare alla loro vita un significato. Tutto è già accaduto e l’uomo l’ha spiegato con una sintesi incredibile, come i proverbi o gli ammonimenti della cultura. Si deve tornare ai principi fondamentali, dove tutti i popoli si riconoscono. Adesso si cerca di salvare un sistema economico morto: per salvare l’Italia abbiamo bisogno di 50 miliardi di euro; l’anno venturo avremo bisogno di 100 miliardi. Se non cambiamo la testa sarà dura. La civiltà contadina è l’unica compiuta.

‹‘˜ƒ–‹˜‡•—ŽŽƒŽ‹‡ƒ†‡ŽDz„‡Ž†‡•‹‰ ‹–ƒŽ‹ƒ‘dzǤ‘‡˜—‘Ž‡•—‰‰‡”‹”‡ ‹Ž–‹–‘Ž‘†‡ŽŽƒ‘•–”ƒǡ‹Ž˜‡–”‘†‹ ”‡…‹’‹‡–‹‡„‘––‹‰Ž‹‡˜‹˜‡“—‹—ƒ •‡…‘†ƒ˜‹–ƒ‡˜‹‡‡–”ƒ•ˆ‘”ƒ–‘ †ƒŽ†‡•‹‰‡”‹—ǯ‘’‡”ƒ’Žƒ•–‹…ƒǡ ˆ‘†‡†‘Žƒ–”ƒ†‹œ‹‘‡–‡…‹…ƒ†‹ —”ƒ‘ƒŽŽƒ…”‡ƒ–‹˜‹–„‹œœƒ””ƒ†‡ŽŽ‡ Ž‹‡‡…‘–‡’‘”ƒ‡‡Ǥƒ‘•–”ƒǡ …—”ƒ–ƒ†ƒ–‡ˆƒ‘ƒˆˆ‡‹ǡ°ƒ’‡”–ƒ †ƒŽƒ”–‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘…‘‘”ƒ”‹‘ …‘–‹—ƒ–‘‘”‡͙͘Ǧ͙͡Ǥ ‹–—––ǯƒŽ–”‘–‡‘”‡°Žƒ‘•–”ƒ Dz”‘‘•‡ˆƒ‹ŽŽ‡dzǡƒ’‡”–ƒ’”‡••‘

Žƒ‰ƒŽŽ‡”‹ƒ’ƒœ‹‘ƒ„ƒ‹’‹ƒœœƒ†‡Ž ‘”‘Ǥǯ‡•’‘•‹œ‹‘‡…‘ŽŽ‡––‹˜ƒǡ…—”ƒ–ƒ †ƒ ‡ƒǦ‹‡””‡‡‡ˆ˜‡ǡ”ƒ‰‰”—’’ƒ Ž‡‘’‡”‡†‹͙͙ƒ”–‹•–‹„‡Ž‰‹ȋƒ‹‡Ž —Žƒ‰‹‡”ǡŠ‹Ž‹’’‡ƒ”ƒǡŽƒ‹ ‘”ƒ‹ǡŽƒ‹”‡›‡”ǡ†”±Šƒ„‘–ǡ ƒŽ‹Š‘—”ƒ‡ǡ‹†‹‡”‘‡…ǡ †‘† ƒƒ”ǡ‹††‹‡”‘œœƒǡ ‡ƒǦ ”ƒ…‘‹•’”‹…‹‰‘ǡ‘ƒ‹ƒ ‹••‡Ȍ‹—ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘‡ǡ•’‡••‘ ƒƒ”ƒ‡†‹•ƒ”ƒ–‡ǡ•—Ž–‡’‘‡ •—ŽŽƒˆƒ‹‰Ž‹ƒǤ ‹‘ƒŽ͛͘Ž—‰Ž‹‘ǡ •—ƒ’’—–ƒ‡–‘‡•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡ ‘”‡͙͞ƒŽŽ‡͚͘Ǥȋ‡Ǥ„ǤȌ

Ž‰‹‘˜ƒ‡…ƒ–ƒ—–‘”‡„”‡•…‹ƒ‘°—•…‹–‘…‘ ‹Ž—‘˜‘•‹‰‘Ž‘ǡ‹˜‡†‹–ƒ•—Ž™‡„Ǥ “—‡•–‹ ‰‹‘”‹•–ƒƒ’”‡†‘Ž‡—‹…Š‡†ƒ–‡‹–ƒŽ‹ƒ‡†‡‹ ƒ‹”‘“—ƒ‹Ǥ‘’‘Žǯ‡•–ƒ–‡‹ƒ””‹˜‘ŽǯƒŽ„—

 

—”›•—ŽŽƒ•–”ƒ†ƒ …‘‡‰Ž‹Dz…”‘„ƒ–‹dz 1—•…‹–‘‹Ž–—‘—‘˜‘•‹‰‘Ž‘ǣ Dz…”‘„ƒ–‹dzǤ „„‹ƒ‘Žƒ˜‘”ƒ–‘‘Ž–‘’‡”‘”ƒ…‘ ‹Ž™‡„‡…‘Ž‡”ƒ†‹‘Ǥ‘‘—•…‹–‘ …‘Žƒ‹˜‡”•ƒŽǤ†ƒ’”‹Ž‡†‡ŽŽǯƒ‘ •…‘”•‘Š‘‹‹œ‹ƒ–‘ƒ”‡‰‹•–”ƒ”‡ƒ ‹‡ƒ’‘Ž‹•Ǥ‹•‹ƒ‘•–ƒ–‹’‹î†‹— ‡•‡‡“—‡•–‘•‹‰‘Ž‘ˆƒ’ƒ”–‡†‡Ž ‹‘—‘˜‘ƒŽ„—Ǥ ‘•ƒ•‹‰‹ˆ‹…ƒƒ˜‡”•—‘ƒ–‘…‘ —•‹…‹•–‹…Š‡Šƒ‘Žƒ˜‘”ƒ–‘…‘ ”‹…‡‡ƒŽ–”‹„‹‰†‡ŽŽƒ—•‹…ƒǫ ”‘’”‹‘’‡”…Š±‹‘•‘‘——•‹…‹•–ƒ •‡’”‡…‘Žƒ…Š‹–ƒ””ƒ‹ƒ‘ Š‘Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–†‹…‘ŽŽƒ„‘”ƒ”‡…‘ Ž‘”‘ǡ’‡”…Š±‹‘Š‘•—‘ƒ–‘…‘Ž‘”‘ ‡Ž‘”‘•‹•‘‘ƒ†ƒ––ƒ–‹ƒŽ‹‘‘†‘ †‹•—‘ƒ”‡Ǥ ‘‹‹œ‹ƒ–‘…‘Žƒ‹ƒ …Š‹–ƒ””ƒ‡Žƒ‹ƒ˜‘…‡ǢŽ‘”‘Šƒ‘ ƒ•…‘Ž–ƒ–‘‡‹•‹‡‡ƒ„„‹ƒ‘ˆƒ––‘ ‰Ž‹ƒ””ƒ‰‹ƒ‡–‹Ǥƒ‹ƒ…Š‹–ƒ””ƒ °…‘•–ƒ–‡ǡ‹“—‡•–ƒ…ƒœ‘‡‡ ‡ŽŽǯ‹–‡”‘†‹•…‘ǤDz…”‘„ƒ–‹dz‹‹œ‹ƒ …‘Žƒ‹ƒ…Š‹–ƒ””ƒ‡…‘—ƒ ’‡”…—••‹‘‡…Š‡Š‘•—‘ƒ–‘‹‘Ǥ—” ‡••‡†‘—•‹…‹•–‹†‹”‹…‡‡’—” ƒ˜‡†‘•—‘ƒ–‘…‘ƒŽ–”‹ǡŠƒ‘ †‡…‹•‘†‹ƒ–‡‡”‡Žƒ’‡”…—••‹‘‡ …Š‡Š‘•—‘ƒ–‘‡Ž’”‘˜‹‘Ǥ  —•‹…‹•–‹•–”ƒ‹‡”‹ƒ–‡‰‘‘

Žǯ‹†‡ƒ†‡ŽŽǯƒ”–‹•–ƒǡ•‡°„‡ŽŽƒǤ‘ …ǯ°‘–‹˜‘†‹”‹ˆƒ”ŽƒǤ Ž•‹‰‘Ž‘‹ ”‹•’‡……Š‹ƒ–ƒ–‹••‹‘ƒ…Š‡’‡” “—‡•–‘‘–‹˜‘Ǥ ‘ƒ–‡—–‘Ž‡ …‘•‡…Š‡‹’‹ƒ…‡˜ƒ‘†‹’‹îǣŽƒ …Š‹–ƒ””ƒƒ…—•–‹…ƒǡ…Š‡°‹Ž…‘”’‘†‡Ž –‡•–‘ǡŽǯŠ‘•—‘ƒ–ƒ‹‘Ǥ ‡”…Š±ƒ†ƒ”‡ƒŽŽǯ‡•–‡”‘ǫ

 –ƒŽ‹ƒ…‹•‘‘–”ƒ‹‹‰Ž‹‘”‹ —•‹…‹•–‹†‡Ž‘†‘Ǥij•–ƒ–ƒ —ǯ‘……ƒ•‹‘‡Ǥƒ‹ƒƒ‰‡œ‹ƒ†‹ „‘‘‹‰DzǯƒŽ‡••ƒ†”‘‡‰ƒŽŽ‹dz‡Žƒ ‹ƒ‡–‹…Š‡––ƒ†‹•…‘‰”ƒˆ‹…ƒ†‹•‡’”‡ ŽƒDz‹‘Žƒ’‘’dzŠƒ‘’‡•ƒ–‘†‹ ’”‘†—””‡‹•‹‡‡‹Ž†‹•…‘Ǥ†‹•…‘ …Š‡•ƒ”‡„„‡•–ƒ–‘‹–ƒŽ‹ƒ‘ǡƒ†ƒŽ ”‡•’‹”‘‹–‡”ƒœ‹‘ƒŽ‡Ǥ—ƒ•‹’‡” •…Š‡”œ‘Šƒ‘ƒ†ƒ–‘“—ƒŽ…‘•ƒ ƒ‘›ƒ”„ƒ”‡ŽŽƒǡ…Š‡ŠƒŽƒ˜‘”ƒ–‘ …‘ƒŽ–”‹‹–ƒŽ‹ƒ‹…‘‡ ‹‘”‰‹ƒǡ‡‰Ž‹ °’‹ƒ…‹—–‘‘Ž–‘Ǥ—‹ŽǯŠƒ’”‘†‘––‘Ǥ ǯ‹–‡”°•–ƒ–‘Ž—‰Š‹••‹‘ǡ†ƒƒ‰‘•–‘ ƒ†ƒ’”‹Ž‡Ǥ—‡•–‘‹Šƒ’‡”‡••‘†‹ •…”‹˜‡”‡…ƒœ‘‹Ǥ —ƒ†‘—•…‹”‹Ž†‹•…‘ǫ ’’‡ƒ†‘’‘Žǯ‡•–ƒ–‡Ǥ ‘‡–‹•‡–‹ǫ ‹•‡–‘…ƒ”‹…‘Ǥ’‡”ƒ˜‘†‹ —•…‹”‡‹‹˜‡”‘Ǥƒ…ƒœ‘‡° ‘Ž–‘ƒ’’”‡œœƒ–ƒǤ‘•‘…‘•ƒ

•—……‡†‡”ǡƒƒ†‡••‘•–‘ƒŽŽƒ ‰”ƒ†‡Ǥ ‘˜‘‰Ž‹ƒ†‹•—‘ƒ”‡†ƒŽ ˜‹˜‘Ǥ—‡•–ǯ‡•–ƒ–‡ƒ˜”‡‘—’‘ǯ†‹ ‘……ƒ•‹‘‹Ǥ Ž–‘—”‘’ƒ”–‡’‡”…Š± †‡˜‡—•…‹”‡‹Ž†‹•…‘Ǥ ‹‹•–‘ ’”‡’ƒ”ƒ†‘…‘Žƒ„ƒ†Ǥ ‘•ƒ…ǯ°†‹†‹˜‡”•‘†ƒ“—‡•–‘‡ “—‡ŽŽ‘—•…‹–‘†‘’‘Ǧˆƒ…–‘”ǫ …Š‡‹“—‡ŽŽ‘‹‘•—‘ƒ˜‘ Žǯƒ…—•–‹…ƒǡƒ‹“—‡•–‘…‹•‘‘ ‘Ž–‘†‹’‹îǤ ‘•…”‹˜‘ƒ…Š‡ …‘ƒŽ–”‹ǡƒ•…”‹˜‹ƒ‘ƒ•–”‡––‘ …‘–ƒ––‘ǡ‡ŽŽƒ•–‡••ƒ•–ƒœƒ ƒ––‘”‘ƒ‡…Š‡•—‘‘Žƒ…Š‹–ƒ””ƒ ‡•—„‹–‘˜‡†‹ƒ‘…‘•ƒ˜ƒ‡…‘•ƒ‘Ǥ ‘Žƒ˜‘”ƒ–‘–ƒ–‘Ǥ

Ž˜‹†‡‘°‰‹”ƒ–‘ƒ”‡•…‹ƒǫ ¿ǡƒŽŽ‡…ƒ•…ƒ–‡†‹ƒ˜‡‡ƒŽŽ‡ ‘”„‹‡”‡Ǥ‘‘‹’‘•–‹†‘˜‡ƒ†ƒ˜‘ †ƒ’‹……‘Ž‘Ǥ ‘•—‰‰‡”‹–‘ŽƒŽ‘…ƒ–‹‘ ’‡”…Š±…‹•‘‘…”‡•…‹—–‘‡‹ˆƒ…‡˜ƒ ’‹ƒ…‡”‡‘•–”ƒ”‡“—‡•–‹Ž—‘‰Š‹‡ ‹‹‡‹ƒ‹…‹’‡”Žƒ•–‘”‹ƒǤ’‡”ƒ˜‘ ’‹ƒ…‡••‡ƒŽ”‡‰‹•–ƒ‡…‘•¿°•–ƒ–‘Ǥƒ …ƒœ‘‡°‡•–‹˜ƒǡƒ‘˜‘Ž‡˜‘ —ƒ•’‹ƒ‰‰‹ƒ‘—Žƒ‰‘Ǥ‘•’‹”‹–‘ †‡Ž’‡œœ‘”ƒ……‘–ƒ†‹‰‡–‡‹‰‹”‘ǡ •—ŽŽƒ•–”ƒ†ƒǡ‡…‘†‹˜‹†‡ƒŽ–‹‡„ƒ••‹ ‡Žƒ˜‘‰Ž‹ƒ†‹†‹˜‡”–‹”•‹Ǣ‰‡–‡…Š‡ …‘†‹˜‹†‡‡‘œ‹‘‹ǤȋǤ–ǤȌǤ

ǯ‡”ƒ—ƒ˜‘Ž–ƒǥ ‹Ž‹•‘”‰‹‡–‘

—–‹ˆ‡”‹ •—ŽŽǯˆ”‹…ƒ

•–ƒ–‡‹‰Ž‡•‡Ǥ ƒ•–‘”‹ƒ‰‘–‹…ƒ

Ǥ    ǡ͚͙͙͘ǡ ͙͚ǡ͘͘

  ǧ  ǡ͚͙͙͘ǡ ͙͝ǡ͘͘

  ǡ͚͘͘͘ ͝ǡ͙͞

͜͝ˆ‹Žƒ•–”‘……Š‡‡–ƒ–‡’‹ŽŽ‘Ž‡†‹•–‘”‹ƒ’‡”…‘‘•…‡”‡˜‹…‡†‡ ˆ‹Ž – Š – – ‹ŽŽ Ž ‡’‡”•‘ƒ‰‰‹ȋ–”ƒ‹“—ƒŽ‹ƒ˜‘—”ǡǯœ‡‰Ž‹‘ǡ‡‹…‹•ǡ†‘‘Ǧ •…‘ǡƒœœ‹‹ǡ‡ŽŽ‹…‘ǡ‡”†‹ǡ‹––‘”‹‘ƒ—‡Ž‡

Ȍ†‹—‘‡–‘ ˆ‘†ƒ‡–ƒŽ‡’‡”Žǯ –ƒŽ‹ƒǤ‘†‘†‹˜‡”–‡–‡’‡”‹…—”‹‘•‹”‡‹ „ƒ„‹‹‡‹˜‹–ƒ”‡‰Ž‹ƒ†—Ž–‹Ȃ‰‡‹–‘”‹‡‹•‡‰ƒ–‹Ȃƒ”ƒ……‘–ƒǦ ”‡Žƒ•–‘”‹ƒǨ‰ƒ–ƒ‡‹–ƒ‘ƒ”„ƒ‰ƒŽŽ‘ǡ•’‘•ƒ–ƒ‡ƒƒ†‹ƒŽǦ ˜‘‡ƒ”‹ƒ‰‡Žƒǡ˜‹˜‡ƒ”‡…ƒ•–ƒ‰‹ȋ–Ȍǡ•—ŽŽ‡’‡†‹…‹†‡ŽŽǯ–ƒǤ ƒ—”‡ƒ–ƒ‹ ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒ‡†‘…‡–‡†‹ƒ–‡”‹‡Ž‡––‡”ƒ”‹‡ǡŠƒ•…”‹––‘ ƒŽ–”‹Ž‹„”‹‹†‹”‹œœƒ–‹ƒ‹’‹î’‹……‘Ž‹ǣDz1•‡’”‡ƒ–ƒŽ‡dzǡDz …‘Ž‘”‹ †‡ŽŽƒˆƒ˜‘ŽƒdzǡDz ‹Žƒ•–”‘……‘’‘Ž‹dzǤ‡”ˆˆƒ–†‹–”‹…‡Šƒ’—„„Ž‹…ƒǦ –‘Dz ‰”ƒ†‹†‡ŽŽǯ—ƒ‹–Ž‹…‘‘•…‹‰‹ǫdz‡Dz …‘’ƒ‰‹ƒ†‡‰Ž‹ ƒ‰‡Ž‹Ǥ ƒ……‹ƒ‘ƒ‹…‹œ‹ƒ…‘‹•ƒ–‹„ƒ„‹‹dzǤ

 – ‹ ‹– † ŽŽǯˆ ‹ Ž ƒ•–‘”‹…‹–†‡ŽŽǯˆ”‹…ƒǡŽƒ•—ƒ‹†‡–‹–ǡŽ‘•˜‹Ž—’’‘‡†‘‰‡‘ǡ Žǯ—‹–ƒˆ”‹…ƒƒǡ‹Ž…‘–‹‡–‡‡ŽŽƒ‘†‹ƒŽ‹œœƒœ‹‘‡ǣ•‘‘‹ –‡‹†‡‹…‹“—‡•ƒ‰‰‹†‡ŽŽ‘•–‘”‹…‘„—”‹ƒ„°”‹—‹–‹‹“—‡•–‘ ˜‘Ž—‡’‘•–—‘Ǥ —ǯ‘”ƒ†‹‰”ƒ†‹…ƒ„‹ƒ‡–‹’‡”‹Ž…‘Ǧ –‹‡–‡ǡƒŽŽ‡’”‡•‡…‘’”‘„Ž‡ƒ–‹…Š‡ǡ•’‡”ƒœ‡ǡ•ˆ‹†‡ƒ–‹…Š‡ ‡—‘˜‡Ǧ•‹’‡•‹ƒŽ”—‘Ž‘†‡ŽŽƒ‹ƒǡƒŽŽƒ…”‡•…‹–ƒƒ…”‘‡…‘‘Ǧ ‹…ƒ†‹ƒŽ…—‹ƒ‡•‹ƒˆ”‹…ƒ‹ǡƒŽŽƒ†‹ˆˆ—•‹‘‡†‡ŽŽ‡…‘Ž–—”‡†‡Ǧ •–‹ƒ–‡ƒ‹„‹‘…ƒ”„—”ƒ–‹ǡƒŽˆ‡‘‡‘†‡ŽŽƒ†‰”ƒ„„‹‰ǡƒŽŽ‡ ‡‹‰”ƒœ‹‘‹†‹ƒ••ƒǦǡ’‡”…‡”…ƒ”‡†‹…ƒ’‹”‡°’‹î—–‹Ž‡‹†‹˜‹Ǧ †—ƒ”‡†‡‹Dz’—–‹ˆ‡”‹dz…Š‡‹•‡‰—‹”‡Žƒ…”‘ƒ…ƒǤ—‡ŽŽ‹…Š‡…‹ ’”‘’‘‡Žǯƒ—–‘”‡†‹“—‡•–‘Ž‹„”‘ǡ—‘†‡‹‰”ƒ†‹•ƒ‰‰‹ƒˆ”‹…ƒ‹ …‘–‡’‘”ƒ‡‹ǡ’‘••‘‘‡••‡”‡’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡–‡‹ŽŽ—‹ƒ–‹Ǥ

Ž Dz dz † ŽŽǯ‹ –‹ – 

ŽDz’ƒ’dz†‡ŽŽǯ‹˜‡•–‹‰ƒ–‘”‡Š‹Ž‹’ƒ”Ž‘™‡…‘“—‡•–‘„”‡˜‡ ”ƒ……‘–‘ǡŽ‘–ƒ‘†ƒŽŽ‘•–‹Ž‡Šƒ”†Ǧ„‘‹Ž‡†…Š‡–ƒ–‘…ƒ”ƒ––‡”‹œœƒ Žƒ•—ƒƒ””ƒ–‹˜ƒǡ…‹’‘”–ƒ‹ ‰Š‹Ž–‡””ƒ‹’‹‡ƒ‡•–ƒ–‡Ǥ”‡‡••‡ ‹—•—ƒŽ‹“—‹†‹’‡”—ǯ‘’‡”ƒ†‹Šƒ†Ž‡”ǡ’‡”Ö•—„‹–‘”‹‡••‡ Dz‹…ƒ””‡‰‰‹ƒ–ƒdz†ƒ—ƒ–”ƒƒ‘Ž–‘ƒ˜˜‹…‡–‡Ǥ Žƒ””ƒ–‘”‡Ǧ ’”‘–ƒ‰‘‹•–ƒ•‹–”‘˜ƒ…‘‹˜‘Ž–‘•—‘ƒŽ‰”ƒ†‘‹—‘‹…‹†‹‘ǣ “—‡ŽŽ‘†‹†™ƒ”†”ƒ†ƒŽŽǡƒ”‹–‘†‡ŽŽƒ†‹ƒˆƒƒ‹ŽŽ‹…‡–‡’”‘Ǧ ’”‹‡–ƒ”‹‘†‡Ž…‘––ƒ‰‡’”‡••‘…—‹”‹•‹‡†‡ ‘Šȋ˜‘…‡ƒ””ƒ–‡ȌǤ

“—‡•–‘’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡±ƒ‰‡–”‘‹•‘ƒ…Š‡”ƒ‘…‘Ž’‹ †‹•…‡ƒ‡‹•–‡”‹ǡ…‘‡‹•–‡”‹‘•ƒ°Žǯƒ’’ƒ”‹œ‹‘‡‡‹Ž”—‘Ž‘ †‹ƒ†›ƒ‡Šƒǡˆ‹‘ƒŽŽƒ•‘Ž—œ‹‘‡†‡Ž’‹ƒ…‡˜‘Ž‡‰‹ƒŽŽ‘Ǥ ȋ”‡…‡•‹‘‡†‹—…ƒ‹ƒ…Š‡––‹’‡”…‘–‘†‡ŽŽƒ‹„”‡”‹ƒ ‡””ƒ–ƒȌǤ


ƒ†‹‘‘…‡ ‹…‹‹˜‹…‹‹

    

‹ƒ˜˜‹…‹ƒƒŽŽƒ’ƒ—•ƒ‡•–‹˜ƒȋ͚͡ Ž—‰Ž‹‘ȌŽƒ”—„”‹…ƒ†‹‹–”ƒ––‡‹‡–‘ Dz‹…‹‹˜‹…‹‹dz…Š‡†ƒŽ͙͛‰‹—‰‘ ƒŽŽ‹‡–ƒ‹Ž’‘‡”‹‰‰‹‘†‡‹ ”ƒ†‹‘ƒ•…‘Ž–ƒ–‘”‹Ǥƒ…‘†—––”‹…‡ —ƒƒ‘ŽŽ‡”‘–‘”‡”’—–—ƒŽ‡ †ƒ˜ƒ–‹‹‹…”‘ˆ‘‹†‹ƒ†‹‘‘…‡†ƒŽ ͚͡ƒ‰‘•–‘Ǥ…Š‡’‡”“—‡•–ǯ—Ž–‹ƒ •‡––‹ƒƒ†‹‡••ƒ‹‘†ƒ‹Ž ’”‘‰”ƒƒƒ–‹‡‡‹Ž•—‘ˆ‘”ƒ– ‡ǡ–”ƒ‰Ž‹‹…‘–”‹Ǧ‹–‡”˜‹•–‡…—”ƒ–‹ †ƒ—ƒƒǡ•‡‰ƒŽ‹ƒ‘‹Ž…ƒ–ƒ—–‘”‡ ‹‡”‰‹‘”‰‹‘‹‡ŽŽ‹ȋƒ”–‡†¿͚͞Ȍ‡‹Ž …ƒŽ…‹ƒ–‘”‡–‘‹‘ ‹Ž‹’’‹‹Ǥ

Ž‡‘„”—‘̻Žƒ˜‘…‡†‡Ž’‘’‘Ž‘Ǥ‹–

    ™™™Ǥ”ƒ†‹‘˜‘…‡Ǥ‹– ˆ͠͠Ǥ͛ ͠͠Ǥ͝

ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿

ƒœ‹‘ƒŽ‹†ƒŽŽ‡͟ƒŽŽ‡͙͠

ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ‘”‡͠‡‘”‡͙͡Ǥ͛͘

‘…ƒŽ‹͙͘Ǥ͙͙͛͘Ǥ͙͚͛͘Ǥ͙͛͛͘Ǥ͙͛͘͝Ǥ͛͘

@



 

͞Ǥ͘͘……Ž‡•‹ƒ ͟Ǥ͘͘ ” ͟Ǥ͘͝‰‹‰‹‘”‘…‘–‡†‹

‹ƒ…ƒ”Ž‘ƒ”‹ƒ”‡‰ƒ–‹‹…‘ †‘†”‹ƒ‘‹ƒ…Š‹ ͟Ǥ͙͝ Ž—‘˜‘—‡”‘ †‡Ž•‡––‹ƒƒŽ‡ ƒ‘…‡†‡Ž‘’‘Ž‘ ͟Ǥ͛͝ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ†ƒ‹Ž— ͠Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͡Ǥ͘͘ ” Ǧ‘…‡ƒ––‹ƒ…‘‘› ƒ”ƒ‘ȋ’”‹ƒ’ƒ”–‡Ȍ ͙͙Ǥ͘͘ ” Ǧ‘…‡ƒ––‹ƒȋ•‡…‘†ƒ’ƒ”–‡Ȍ ͙͚Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͙͛Ǥ͘͘ ” Ǧƒ†‹‘‘…‡ ”‡ƒ–‡•–Š‹–• ͙͠Ǥ͘͘ ” ͙͠Ǥ͝͝‘ƒ”‡Žƒš ͙͡Ǥ͛͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͚͙Ǥ͘͘‹•…‘–‘”›

͟Ǥ͘͘ƒ––‹ƒ‹–ƒŽ‹ƒƒ

Ž–—‘”‹•˜‡‰Ž‹‘†ƒ…ƒ–ƒ”‡ǤǤǤ ͙͘Ǥ͘͘Ǥ‡••ƒ†ƒŽŽƒƒ––‡†”ƒŽ‡ ͙͙Ǥ͘͘ƒ—‘ƒ‘˜‡ŽŽƒƒ…—”ƒ†‹ ‡––›ƒ––ƒ‡‘ Ǧ‘‡–‘ƒŽ˜ƒ‰‡Ž‘ †‹’ƒ†”‡ ‹‘”‰‹‘ ”‹‰‹‘‹ Ǧ‡––‡‰‹‘”‹‹†‹‘…‡•‹ Ǧ”‹‘‹ƒ‘ǣ‰‘”͚͙͙͘Ǧ͚͙͚͘ ‡””‡†‹ˆ‡†‡Ǥ”‡•…‹ƒ†‡‹‘ƒ…‹…‘ †‘ ‹—•‡’’‡ —•ƒ”‹ Ǧ‹–‡†‡‹•ƒ–‹‹„”‡˜‡ …‘’ƒ†”‡–‘‹‘‹…ƒ”‹ ͙͚Ǥ͘͘‡…‹–ƒ†‡ŽŽǯ‰‡Ž—• ͙͜Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ Ǧ ”ƒ†‹•—……‡••‹‘Ǧ•–‘’

ƒ†‹‘‘…‡ƒ—ƒ ‹ƒƒœœ‹‹ǡ͚͡Ǧ͚͛͘͜͝”‡‘ȋ•Ȍ

‘…‡‰‹‘”ƒŽ‡‘–‹œ‹ƒ”‹‘ ”ƒ†‹‘ˆ‘‹…‘’”‹…‹’ƒŽ‡ †ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͠Ǥ͛͘Ǧ ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǧ͚͚Ǥ͛͘Ǥ ‘…‡ Žƒ•Š‘–‹œ‹‡‹„”‡˜‡†ƒŽ Ž—‡†¿ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ ƒŽŽ‡͙͙Ǧ͙͜Ǧ͙͞Ǧ͚͘Ǧ͚͛Ǥ͜͝Ǥ ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒ“—‘–‹†‹ƒƒ ƒ’’—–ƒ‡–‘…‘Ž‡’”‹‡ ’ƒ‰‹‡†‡‹“—‘–‹†‹ƒ‹†ƒŽŽ—‡†¿ ƒŽ•ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͡Ǥ͛͘Ǥ

Žƒƒ……‘’”‡˜‹•‹‘‹†‡Ž–‡’‘Ǥ ‡•‹‡”‘”‡Ž‹‰‹‘•‘ǡ‡……Ǥ†ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ •ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͠Ǥ –”‡ƒ†°••–‘”‹ƒ‡˜ƒ”‹ƒ…—Ž–—”ƒ Ž‘…ƒŽ‡˜‡‡”†¿ƒŽŽ‡͙͟ ‡†‘‡‹…ƒƒŽŽ‡͙͙Ǥ ‡”œƒ’ƒ‰‹ƒƒ––—ƒŽ‹–…—Ž–—”ƒŽ‡ ‡”…‘Ž‡†¿ƒŽŽ‡͙͟Ǥ ƒ’”‘’‘•–ƒ—•‹…ƒŽ‡ƒŽ‰‹‘”‘ ’”‘‰”ƒƒ—•‹…ƒŽ‡†ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ •ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͙͛Ǥ

ƒ†‹‘ ‹ƒ‰‹—‰‘ǡ͜Ǧ͚͙͘͜͝ƒ•–‡‡†‘Ž‘ȋ•Ȍ

ǤƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿ ͡Ǥ͛͘Ǧ͙͡Ǥ͛͘Ǣ•ƒ„ƒ–‘͙͡Ǥ͘͘Ǣ †‘‡‹…ƒ͡Ǥ͘͘Ǧ͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͘͘ ‘’’—”‡ƒ•…‘Ž–ƒ“—‡ŽŽ‡‡••‡‹ ‘†ƒ†ƒŽŽƒ–—ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ•—ŽŽ‡ ‘•–”‡ˆ”‡“—‡œ‡Ǥ

   

ǣƒŽŽ—‡†¿ƒŽ ˜‡‡”†¿ǣ͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘Ǧ͙͡Ǥ͘͜Ǥ ǣƒŽŽ—‡†¿ƒŽ ˜‡‡”†¿ǣ

‡ŽǤ͚͙͛͛͘͘͟͜͜͜ ƒš͚͙͙͙͛͛͘͘͘͡ ™™™Ǥ”ƒ†‹‘‡…œǤ‹– ‹ˆ‘̻”ƒ†‹‘‡…œǤ‹–

ƒ––‹‘͙͘Ǥ͛͘Ǧ͙͙Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͛͘Ǥ ‘‡”‹‰‰‹‘ǣ͙͜Ǥ͛͘Ǧ͙͝Ǥ͛͘Ǧ͙͞Ǥ͛͘Ǧ ͙͟Ǥ͛͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǥ ƒ„ƒ–‘ƒŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘Ǧ͙͛Ǥ͛͘Ǧ͙͜Ǥ͛͘Ǧ ͙͝Ǥ͛͘Ǧ͙͞Ǥ͛͘Ǧ͙͟Ǥ͘͘Ǧ͙͠Ǥ͛͘Ǥ ǯ1ǣ ‡‹‹œ‹ƒ–‹˜‡–‡ƒ–”ƒŽ‹ǡ —•‹…ƒŽ‹‡…‹‡ƒ–‘‰”ƒˆ‹…Š‡ †‹…‹––‡’”‘˜‹…‹ƒǤ ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿ǣ͙͚Ǥ͛͟ ͙͛Ǥ͛͟Ǧ͙͡Ǥ͜͟

͞Ǥ͘͘……Ž‡•‹ƒ ͞Ǥ͛͘Ǥ‡••ƒ ͞Ǥ͝͝‰‹‰‹‘”‘…‘–‡†‹

‹ƒ…ƒ”Ž‘ƒ”‹ƒ”‡‰ƒ–‹‹…‘ †‘†”‹ƒ‘‹ƒ…Š‹ ͟Ǥ͙͝ǯƒ’‡”–—”ƒ…‘ƒ”‹‘‹……‹ ͟Ǥ͚͝ƒ••‡‰ƒ•–ƒ’ƒƒœ‹‘ƒŽ‡ ͟Ǥ͝͝‰‹‰‹‘”‘…‘–‡ȋ”ǤȌ ͠Ǥ͘͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ ͠Ǥ͙͝ǯƒ’‡”–—”ƒȋ͚͔’ƒ”–‡Ȍ ͡Ǥ͙͝”‡•…‹ƒ‹†‹”‡––ƒ ˆƒ––‹‡’‡”•‘ƒ‰‰‹‹’”‹‘’‹ƒ‘ ƒ…—”ƒ†‹ƒ”‹‘‡‘„”—‘ ͙͘Ǥ͙͘‘…‡ƒ––‹ƒ …‘ƒ”Ž‘ƒ‹„‘‹ ͙͘Ǥ͙͝ǯƒ‰‡†ƒ†‡Ž‰‹‘”‘ ͙͘Ǥ͘͝ Ž‡”…ƒ–‹‘ ͙͚Ǥ͙͝‹‡ƒ‘ƒ‘—” Ǧ‘…‡–”ƒ‹Ž‡” ͙͚Ǥ͘͝ǯ‹ˆ‘”ƒŽƒ˜‘”‘ ͙͝Ǥ͘͘‘‡”‹‰‰‹‘‹Ž— ͙͟Ǥ͙͘‹…‹‹˜‹…‹‹…‘—ƒƒ ‘ŽŽ‡”‘ ͙͠Ǥ͘͝‰‹‰‹‘”‘…‘–‡ȋ”ǤȌ ͙͠Ǥ͝͝‘ƒ”‡Žƒš ͙͡Ǥ͛͘ ”ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ Ǧ‘ƒ”‡Žƒš ͚͙Ǥ͘͘ƒ†‹‘‘…‡ ”‡ƒ–‡•–Š‹–•Ǩ

•—……‡••‹’‹îDz‰‡––‘ƒ–‹dz†‡ŽŽƒ ‘•–”ƒ’Žƒ›Ž‹•–







ƒ‹”‡ǡŠǤ͙͘Ǥ͜͝   

‹‘˜ƒ‹˜‡”•ƒ‡”‹ƒƒ ‹ƒ’‘Ž‹…‘†—…‘‘— ’‹ƒ…‡˜‘Ž‡–ƒŽǦ•Š‘™…Š‡•‹‘……—’ƒ †‡ŽŽǯƒ––—ƒŽ‹–‹–ƒŽ‹ƒƒǤ‰‰‹•‹ †‹•…—–‡•—ŽŽƒ”‡…‡–‡ƒ‘˜”ƒ ‡…‘‘‹…ƒ†‡Ž ‘˜‡”‘Ǥ

‡–‡͜ǡŠǤ͟Ǥ͘͝     …—Ž–†‡‹–‡Ž‡ˆ‹Žƒ‡”‹…ƒ‹ ƒ‹––ƒ–ƒǤƒ…‘’’‹ƒ †‹†‡–‡…–‹˜‡†‡ŽŽƒ’‘Ž‹œ‹ƒ†‹ ‹ƒ‹Žƒ˜‘”ƒ•‘––‘…‘’‡”–—”ƒ ’‡”•‰‘‹ƒ”‡’‡”‹…‘Ž‘•‡ ‘”‰ƒ‹œœƒœ‹‘‹†‹ƒ”…‘–”ƒˆˆ‹…‘Ǥ

ƒ–‹‘ƒŽ ‡‘‰”ƒ’Š‹…ǡŠǤ͙͙Ǥ͙͘       

ƒƒŽ‡›͛͘͜Ǥ‡”‹‡†‹ †‘…—‡–ƒ”‹…Š‡•’‹‡‰ƒ‘ …‘‡ƒ””ƒ‰‹ƒ”•‹‡ǡ…‘—’‘ǯ †‹‹˜‡–‹˜ƒǡ”‹’ƒ”ƒ”‡…‹Ö…Š‡’‡” ‘Ž–‹•ƒ”‡„„‡†ƒ„—––ƒ”‡Ǥ

ƒ‹—‡ǡŠǤ͙͛Ǥ͘͝  ͚ —„”‹…ƒ•‡––‹ƒƒŽ‡†‡†‹…ƒ–ƒ ƒ‹•ƒ’‘”‹†‡ŽŽƒ…—…‹ƒ‹–ƒŽ‹ƒƒ‡ ‹–‡”ƒœ‹‘ƒŽ‡Ǥ‹…‡––‡‡…‘•‹‰Ž‹ ’‡”—ƒ•ƒƒƒŽ‹‡–ƒœ‹‘‡Ǥ

ƒ‹‘ǡŠǤ͙͝Ǥ͘͘  1 ‘‡†‹ƒƒ‡”‹…ƒƒ…‘‘ ‡ŽŽ‡…Ǥ”‡–”‡–‡‹‹…ƒ””‹‡”ƒ •‹”‹–”‘˜ƒ‘ƒ†‘˜‡”ˆƒ”‡†ƒ„ƒŽ‹ƒ ƒ—ƒ„‹„ƒ†‹’‘…Š‹‡•‹Ǥƒ Ž‘”‘˜‹–ƒ…ƒ„‹‡”Ǥ

–ƒŽ‹ƒ͙ǡŠǤ͚͙Ǥ͙͘      ǣ   ‹Ž†ǯƒœ‹‘‡†‡Ž͚͘͘͞Ǥ ”ƒ‰ƒœœ‘ƒ‡”‹…ƒ‘˜‹˜‡…‘Ž’ƒ†”‡ ‹ ‹ƒ’’‘‡Ǥ1ƒ’’ƒ••‹‘ƒ–‘†‹ ƒ—–‘–”—……ƒ–‡‡’”‡•–‘ˆ‹‹•…‡‡Ž ‰‹”‘†‡ŽŽ‡‰ƒ”‡…Žƒ†‡•–‹‡Ǥ

‡–‡͜ǡŠǤ͚͘Ǥ͛͘   ‡Ž‡ˆ‹Ž†‡‰Ž‹ƒ‹‘˜ƒ–ƒ …Š‡”ƒ……‘–ƒŽ‡ƒ˜˜‡–—”‡†‹— ‘†‡”‘…ƒ……‹ƒ–‘”‡†‹–ƒ‰Ž‹‡ǡ‹ ˜‹ƒ‰‰‹‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘Žǯ‡”‹…ƒ•—ŽŽƒ •—ƒ ƒ”Ž‡›ƒ˜‹†•‘Ǥ

ƒ‹‘˜‹‡ǡŠǤ͚͙Ǥ͘͘ ͚ ‘Ž‹œ‹‡•…‘†ǯƒœ‹‘‡…‘”—…‡ ‹ŽŽ‹•Ǥ‡™‘”Ǥ†‡–‡…–‹˜‡†‹ ‡œœƒ‡–ǡ…‘’”‘„Ž‡‹†‹ƒŽ…‘Ž ‡ˆƒƒ†‹•ˆƒ–‹…ƒ–‘ǡ†‡˜‡•…‘”–ƒ”‡ —–‡•–‹‘‡‹–”‹„—ƒŽ‡ǤǤǤ

ƒ‹”‡ǡŠǤ͚͛Ǥ͜͝  ͙͘ƒ‹†ƒŽ ͠†‹ ‡‘˜ƒǡ ”‹…‘ Š‡œœ‹’”‡•‡–ƒ— †‘…—‡–ƒ”‹‘†ƒŽ–‹–‘Ž‘Dz͚͙Ž—‰Ž‹‘ ͚͙͘͘ǡŽǯ†‹ ͠dzǡ’‡””‹˜‹˜‡”‡—ƒ –”ƒ‰‡†‹ƒ‹–ƒŽ‹ƒƒǤ

ƒ‹”‡ǡŠǤ͚͛Ǥ͝͝ Ȃ    

‘…—‡–ƒ”‹ǤDzǯ‘„”ƒ‘•…—”ƒ †‡ŽŽƒ͚dzǣŽ‘•…”‹––‘”‡ƒ”Ž‘ —…ƒ”‡ŽŽ‹”‹…‘•–”—‹•…‡Žƒ•–‘”‹ƒ†‡ŽŽƒ ƒ••‘‡”‹ƒ‹ –ƒŽ‹ƒǡ‰Ž‹‹–”‹‰Š‹†‡Ž ’‘–‡”‡‡‹’‡”•‘ƒ‰‰‹ǤǤǤ

‡ŽǤ͛͘͜͞Ǥ͚͚͚͛͜ ˆƒš͚͛͛͘͘͘͜͞͡͞ ‡Ǧƒ‹Žǣ”ƒ†‹‘̻˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹– ”‡†ƒœ‹‘‡̻˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹– ™™™Ǥ˜‘…‡…ƒ—ƒǤ‹–

‹–‘Ž‹†‹…‘†ƒ•–”‹•…‹ƒ—•‹…ƒŽ‡ …‘˜‘…‹†‹ˆˆ‡”‡–‹‘‰‹˜‘Ž–ƒǤ —––‹‹‰‹‘”‹†ƒŽŽ‡͚͘ƒŽŽ‡͚͚Ǥ ’‘‹ƒ…‘”ƒ‡”…ƒ–‹‘ȋ͙͘Ǥ͚͘Ǧ ͙͚Ǥ͚͘Ǧ͙͠Ǥ͚͘ȌǢ‘”•‹Ƭ‘…‘”•‹ ȋ͟Ǥ͛͘Ǧ͙͚Ǥ͜͝Ǧ͙͠Ǥ͜͝ȌǢ‹˜‹Žƒ˜ƒŽŽ‡ ȋ͡Ǧ͙͚Ǧ͙͠ȌǤ

  ǡ    ͚

‹•‹–ƒ‹Ž‘•–”‘•‹–‘‘’’—”‡ –‡Ž‡ˆ‘ƒƒ‹‘•–”‹—‡”‹ ’‡”‹†‹˜‹†—ƒ”‡ǡ–”ƒŽ‡‘Ž–”‡͘͞ ˆ”‡“—‡œ‡†‹ǡ“—‡ŽŽƒ…Š‡ …‘””‹•’‘†‡ƒŽŽƒ–—ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ

   ‰‰‹’ƒ”Ž‹ƒ‘†‹ǥ—͙͙Ǥ͛͘

Ž‡‰Ž‹‘†‹ǤǤǤƒ”͙͙Ǥ͘͡

ˆ‘”ƒœǤŽ‹–—”‰ǤǦ’ƒ•–Ǥ‡”͙͘Ǥ͘͡

Ž‡‰Ž‹‘†‹ǤǤǤ‡”͙͙Ǥ͘͡

‹‘˜‡†¿‹•‹‡‡ ‹‘͙͘Ǥ͘͡

Ž‡‰Ž‹‘†‹ǤǤǤ ‹‘͙͙Ǥ͘͡

Ž‡‰Ž‹‘†‹ǤǤǤ‡͙͘Ǥ͘͡

Ž‡‰Ž‹‘†‹ǤǤǤ‡͙͙Ǥ͘͡ —…‹ƒ‡–”ƒ†‹œ‹‘‡‡͙͚Ǥ͙͝ ‹…‘Ž‹•…‹‘ƒ„͡Ǥ͛͘ ƒ„—‘ƒ‘˜‡ŽŽƒ‘͙͝Ǥ͘͘


 Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;

Í&#x203A;Í&#x203A;

Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2DC;

Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; DzÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;dzǤÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;

Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;

Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;

Â&#x192;Â&#x17D;Í&#x2122;Í Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2030;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Í&#x2122;͠ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;°Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192; ǤÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018;Ǥ Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Ǥ

Â?Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x2122;ǤÍ&#x161;Í?ÇĄÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2020;Â&#x2018;Â? Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021; Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2039;DzÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;ÇłÂ&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;ǤÂ&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; DzÂ&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2039;dzǥÂ&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2039;°Â&#x2022;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Í&#x;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x201E;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x153;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;ǤDzÂ&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;dzǥ°Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x201D;Â? Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;ÇŚÍ&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x161;ÇĄÂ&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2018;

DzÂ&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;ÇłÂ&#x160;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ÇŚÂ&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;ǤÂ&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;°Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Č&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2018;Č&#x152;ǤDzÂ&#x192;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x192;Çł Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;ÇŁÂ&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x203A;Â&#x2022;Â&#x2014; Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x161;Í&#x2DC;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2020;ǢÂ&#x2022;Â&#x2014; Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;ÂżÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Í&#x161;Í&#x2DC;ǢÂ&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;͠Ǣ Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;͠ǤÍ&#x2122;Í?Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2122;Â&#x2122;Â&#x2122;ǤÂ&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;ǤÂ&#x2013;Â&#x2DC;Ǥ

Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x201D;Â?Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2014;Â?Â?Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x161;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D; Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;DzÂ&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2018;dzǤ

Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x203A; Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;͠ǢÂ&#x2026;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í?Ǣ Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x17E;ǢÂ&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;Ǣ Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Í&#x2122;Í&#x161;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;ǢÂ&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x160;Â&#x192;´Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;ͥǤ











Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;Ǥ͠ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;  

Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;

Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄ Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;  Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2014;Â? Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;   Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018; Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x17E;ǤÍ&#x153;Í?  Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;ÇŚÂ&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x17E;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;

 1     Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2039;Ǥ

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x2122;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x2122;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;  Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2018; Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2022;Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x161;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;  Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x17D;ÇŻ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â? Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;ǤÂ&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039; Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x153;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ÇĄ Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;Ǥ͠ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;   

Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039; Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x161;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;  Č&#x201A;       Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039; Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;ǤÂ&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;ÇĄÂ&#x2014;Â?Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2014;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;ÇĄ Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2018;Ǥ

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x2122;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x161;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC; ÇŻ1  Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x203A;Í&#x153;Í&#x2DC;Í&#x2122;Ǥ Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x17D; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2026;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2021; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2122;Í&#x2DC;    Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍ Í&#x17E;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2020; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2122;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x153;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;ǤÂ?Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â&#x2022;Â&#x2030;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2022; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x192;Ǥ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x17E;ǤÍ?Í&#x2DC; ÇĄ Ǩ Â?Â&#x2026;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;ǤÂ&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D; Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2018; Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;ǤÂ&#x2018;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x201D;Â?Â&#x2014;Â? Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x203A;ǤÍ?Í&#x2DC;  Í&#x161;  Í&#x203A;Í&#x203A; Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x2018; Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ǤÂ&#x2021;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;    Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2039;Â?Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;ǤÂ&#x192; Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;°Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Ǥ

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x2122;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x153;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;    Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x192;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x17D;ǤÂ?ÇŻÂ&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x2039;Â? Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2013;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2018;Ǥ Â? Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;ǤǤǤ

Â&#x2DC;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x2DC;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x161;ǤÍ&#x2DC;Í?  Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x160;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2018; Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ǤǤǤ

Â?Â&#x203A;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192; Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x203A;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;       

Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x203A;Í&#x203A;Í&#x2DC;Í&#x17E;ǤÂ&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x17D;Â? Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍĄÍ&#x2122;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Ǥ Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x201E;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018; Â&#x2030;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2122;Â&#x2018;Â&#x2018;Â&#x2020;ǤǤǤ

Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2021;Í&#x153;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;    Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2014;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2122;Â&#x2021;ÇŁ Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2018;Â&#x160;Â?Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x160;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2039;Â&#x2018; Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;ǤÂ?Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021; Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;ÇĄÂ?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ǤǤǤ

Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í?    Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x160;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2020;Â?Â&#x192;Â?Ǥ

Â?Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x201D;Â&#x192;ÇĄÍ&#x2122;ÍĄÍ&#x153;Í?Ǥ Â?Â&#x2014;Â?ÇŻÂ&#x2039;Â?Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2022;Â&#x192; Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â?Â&#x192; Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;ǤǤǤ

Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x192;Â&#x17D; Â&#x2021;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x160;Â&#x2039;Â&#x2026;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2122;Í&#x2DC;   Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x203A;Í&#x153;Í&#x2DC;Í&#x203A;ǤÇŻÂ&#x2039;Â?Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2014;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Ǥ Â?Â&#x201C;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x2039;ĂŽÂ&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2039; Â&#x2039;Â?Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Ǥ

Â?Â&#x203A;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x192;Â&#x161;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2122;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC; Í&#x2122;Í?  Č&#x201A;     Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â?Â&#x203A;Í&#x203A;Í&#x2122;Í&#x161;ǤÂ&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x2122;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x201D;Â&#x2018;ǤÂ?Â&#x192; Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;°Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;ǤǤǤ

Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x153;ǤÍ&#x2DC;Í&#x2DC;   Â&#x2019;Â&#x2019;Â&#x2014;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2018;ǤÂ&#x2021;Â?Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;ÇŁÂ&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x2039; Â&#x2020;ÇŻ Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Ǥ Â&#x192;Í&#x;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;ǤÍ&#x203A;Í&#x2DC;



Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2030;Â?Â&#x192; Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2039;Â? Â?Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;ÇŻÂ&#x2018;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x192;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2C6;Â&#x201D;Â&#x192; Â&#x2019;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Ǥ

Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x161;Í&#x203A;ǤÍ&#x2122;Í?



    Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x2122;ÍĄÍĄÍ&#x203A;ÇĄÂ&#x2026;Â&#x2018;Â? Â&#x2014;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018; Â&#x2026;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;ǤÂ&#x192;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2039;Â?Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x2014;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D; Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2014;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;ÇĄÂ&#x2014;Â&#x2026;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x201E;Â&#x201D;Â&#x2021;Í&#x2122;ÍĄÍĄÍ&#x2DC;Ǥ

Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Í&#x2122;ÇĄÂ&#x160;ǤÍ&#x2122;Í&#x153;ǤÍ&#x161;Í&#x2DC;    

Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2DC;Í&#x2122;ǤÂ&#x192;Â?Â&#x2021; Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2018;Â?Â&#x2018; Â&#x2020;Â&#x2014;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â?Â&#x2021;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â&#x2018;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192; Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;ǤÂ&#x192; Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039; Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x192;ÇĽ

Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2014;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;

,WDOLDOD´WYJLRYDQHÂľqVHPSUHYHFFKLD Lo avevamo detto piĂš volte durante lo scorso autunno, quando il digitale terrestre stava lentamente diventando una realtĂ  per tutta lâ&#x20AC;&#x2122;Italia: il moltiplicarsi dei canali non avrebbe necessariamente portato a un moltiplicarsi di idee e nuovi programmi. Nessuno voleva portare sfortuna, era ovvio che sarebbe stato cosĂŹ: per ogni nuova trasmissione serve un investimento, alto o basso che sia, e se lâ&#x20AC;&#x2122;idea non funziona si perdono soldi. Certo, questo teorema va contro alle basi del cosiddetto spirito imprenditoriale, che dovrebbe saper rischiare il tutto per tutto pur di crescere economicamente e non solo, nel ca-

so della tv ci sono in gioco credibilitĂ , responsabilitĂ  civile e sociale, impegno culturale. Insomma, chi lavora nel mondo della televisione dovrebbe conďŹ dare nella sperimentazione, nella novitĂ , nel dinamismo. Se non per uno slancio ďŹ lantropico almeno per la crescita del fatturato: stiamo parlando di uno dei settori piĂš potenti al mondo. E, guarda caso, il problema sta proprio qui. La tv è il potere allo stato puro, chi la possiede ha in mano tutti gli altri. Il recente scandalo che sta coinvolgendo lâ&#x20AC;&#x2122;impero mediatico di Rupert Murdoch è lâ&#x20AC;&#x2122;esempio lampante della consuetudine secondo la quale la

televisione, e piĂš in generale i mezzi di comunicazione, godono di un legame indissolubile con il potere. Ă&#x2C6; nel loro dna essere posizionati fra la gente e i potenti. Cosa ci si dovrebbe quindi aspettare da chi fa tv in Italia? Esattamente la stessa cosa. E comunque non di certo una crociata che metta al primo posto il benessere mentale e spirituale dei propri â&#x20AC;&#x153;sudditiâ&#x20AC;?. Il problema dellâ&#x20AC;&#x2122;azienda-tv non è il proďŹ tto, ma il potere. Per esercitarlo bisogna fare delle scelte ben precise, e la prima di queste è proprio non fare scelte, continuare con lo stesso disco, lasciare che la goccia cinese

penetri a fondo nella piccola testa del grande pubblico. Ecco che la folla, dopo anni passati in silenzio davanti alla routine annuale dei palinsesti, si lascia plasmare a immagine e somiglianza della tv: monotona, ripetitiva, impostata. Un dolce annullamento, la sensazione di aver perso qualcosa ma di non ricordare piÚ a che servisse, un disincanto che in sostanza dà tranquillità e calma. Un esempio fra tanti: se già esiste il canale Italia1, perchÊ bisogna crearne un altro e chiamarlo Italia2? PerchÊ altrimenti la gente non lo accoglierebbe, non può abituarsi a un no-

 

me nuovo, è piĂš sicuro assecondare la sua â&#x20AC;&#x153;cautela intellettivaâ&#x20AC;?. E cosĂŹ è nato anche Mediaset Italia2, sul canale 35 del digitale terrestre, tutto dedicato ai giovani. Serie tv, cartoon giapponesi, Simpson & GrifďŹ n, ďŹ lm horror e dâ&#x20AC;&#x2122;azione, sport e qualche videoclip. La scelta è stata quella di mettere insieme tutto ciò che giĂ  piace al pubblico dei giovani. Che fatica: copiare qua e lĂ  fra ciò che è giĂ  in voga. Da 10 anni su internet si trovano gli stessi prodotti, gratis, senza pubblicitĂ  e a qualsiasi ora. Dove sono le novitĂ ? Dovâ&#x20AC;&#x2122;è il rischio imprenditoriale? Dovâ&#x20AC;&#x2122;è la crescita? Stiamo ancora aspettando.


Í&#x203A;Í&#x153;

 Í&#x161;Í&#x2122;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x2030;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2018;Í&#x161;Í&#x2DC;Í&#x2122;Í&#x2122;

Â&#x2014;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2020;Â&#x192; Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x192;Â?Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2018;Â?Â&#x2021; Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2026;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x2014;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Ǥ Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021; Â&#x192;Â?Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x201D;

Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2039;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;ǤǤǤ

Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x2018;

    

   

Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2014;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x17D;ÇŻÂ&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2026;Â&#x160;Âą Â&#x2C6;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â?Â&#x2018;Â?Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2018;Â?Â&#x2021;Â&#x2018;ÇĄÂ&#x2013;Â&#x2021;Â&#x2DC;Â&#x2021; Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2022;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2026;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2021;Â?Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2019;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2013;Â&#x2021; Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2014;Â?Â&#x2019;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2022;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2026;Â&#x160;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x2018; Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2C6;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â?Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2039;Â&#x2013;Â&#x192;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;ÇĄ Â&#x2014;Â?Â&#x2022;Â&#x2014;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2018;Â&#x2021;Â&#x2039;Â?Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x2030;Â?Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018; Â?Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2018;Â&#x2013;Â&#x2013;Â&#x192;Â&#x2019;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2C6;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x192; Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2013;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â&#x17D;Â&#x2039;Â&#x2013;Â?Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2018; Â&#x2039;Â&#x17D;Â?Â&#x192;Â&#x153;Â&#x2039;Â&#x2022;Â?Â&#x2018;ǤǤǤ

Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2026;Â&#x2021;ÇĄÂ&#x2021;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x2020;Â?Â?Â&#x192;ÇĄÂ&#x2013;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x192;Â?Â&#x2039; Â&#x192;Â?Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2026;Â&#x192;Â?Â&#x2021;ÇĄÂ&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2026;Â&#x2018;Â?Â&#x2018;Â&#x2C6;Â&#x2039;Â?Â&#x192;Â&#x17D;Â?Â&#x2021;Â?Â&#x2013;Â&#x2021;Â&#x192; Â&#x2018;Â&#x201D;Â&#x2030;Â&#x192;Â?Â&#x2039;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2022;Â&#x2039;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x201D;Â&#x192;Â&#x2013;Â&#x2018;Â&#x2DC;Â&#x2039;Â&#x192;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x192; Â&#x192;Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2030;Â&#x2039;ǤÂ&#x192;Â&#x2039;Â&#x17D;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â&#x2030;Â&#x2039;Â&#x2018;Â&#x201D;Â?Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2021;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2018;Â&#x2030;Â?Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x2039; Â&#x201D;Â&#x2039;Â&#x2DC;Â&#x2021;Â&#x17D;Â&#x192;Â&#x2014;Â?Â?Â&#x2021;Â&#x153;Â&#x153;Â&#x2018;Â&#x2020;Â&#x2039;Â&#x2022;Â&#x192;Â&#x2022;Â&#x2013;Â&#x201