Page 1

Ž–”‡Žƒ’‘”–ƒ    

/$92&(

Dove incomincia la vita? Dal primo battito o dall’ultimo? Credo dal primo. Ma l’itinerario è diverso: qui, da questa parte, siamo tesi da un filo, sentiamo la sete, la fame, soffriamo la nuditĂ  e le nostre braccia, per vivere, talora annaspano, graffiano, colpiscono anche a morte chi è vicino. Ăˆ una vita sudata, dove la felicitĂ  è intermittenza di luce. Tendiamo. Quella dall’altra parte, dopo l’ultimo battito, è la continuitĂ  della gioia: che nessuno ci toglierĂ  (Giovanni 16,22-23). Abbiamo il dono di sperare nella vita; chi sta peggio ha diritto di sperare in una vita migliore. Il motivo sta nella risurrezione: salto della mente verso l’impossibile per noi. “Cristo risuscitato dai morti non muore piĂš; la morte non ha piĂš potere su di luiâ€? (Romani 6,9). Enzo Bianchi sottolinea che il proprium del cristianesimo è questa “speranza della vita piĂš forte della morteâ€? (cfr. “Per un’etica condivisaâ€?); e tuttavia rimane un salto, “fedeâ€? appunto, frutto di un dono e al tempo stesso di una scelta libera.

'(/ 3232/2                   ͙ͥ͛͠

             

  Ǥ              Ǥ 

Í™Í&#x;

Ǥ”‡• Ǥ”‡•…‹ƒ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘ 

     

͚͘ Žˆƒ––‘

‘•–‡ –ƒŽ‹ƒÂ?‡•Ǥ’ǤƒǤÇŚ’‡†‹œ‹‘Â?‡‹Â?„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‘‘•–ƒŽ‡ÇŚǤǤÍ›Í?Í›Č€ÍšÍ˜Í˜Í›ȋ…‘Â?˜Ǥ‹Â?ǤÍšÍ&#x;Č€Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜ÍœÂ?ÎťÍœÍžČŒÂƒÂ”Â–Ç¤Í™ÇĄ‘Â?Â?ƒ͙ǥČ‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒČŒÇŚÍ‚Í™ÇĄÍ˜Í˜ÇŚ‘Â?–‹‡Â?‡ ǤǤ

La beatificazione di Karol Wojtyla: un Papa, un uomo

͘Í&#x;ƒ‡•‹‡’ƒ””‘……Š‹‡ Bedizzole. De Giorgi chiude il 250° della chiesa

͚͠……Ž‡•‹ƒ Beata Cocchetti. Il carisma che si rinnova nel tempo

͚͛—Ž–—”ƒ‡…‘�—�‹…ƒœ‹‘�‡ Ccdc Brescia. Carcere per rieducare

͘͜…‘Â?‘Â?‹ƒ‡Žƒ˜‘”‘ Primo maggio. Quando c’è il lavoro è tutto piĂš sicuro

‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

–”ƒ…‹‡Ž‘‡–‡””ƒ ‘Â?‡Â?‹…ƒ͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘‹Â?’‹ƒœœƒƒÂ?‹‡–”‘ǥ’ƒ’ƒ‡Â?‡†‡––‘ „‡ƒ–‹ˆ‹…Š‡”Â?ÇĄ ƒ•‘Ž‹•‡‹ƒÂ?Â?‹†ƒŽŽƒÂ?‘”–‡ǥƒ”‘Ž‘Œ–›ŽƒǤ‹‰Ž‹ƒ‹ƒŽ‡’‡”•‘Â?‡’”‡•‡Â?–‹ƒ‘Â?ƒǤ ”ƒ•Žƒ–‘‹Ž…‘”’‘†‡Ž‘Â?–‡ˆ‹…‡†ƒŽŽ‡ ”‘––‡ƒŽŽƒƒ•‹Ž‹…ƒǤ Dz‘…‡dz†‡†‹…ƒ—Â?Â?ƒ‰ƒœ‹Â?‡ƒŽƒ’ƒ…Š‡Â˜Â‹Â•Â‹Â–Ă–”‡•…‹ƒ’‡”•‡‹˜‘Ž–‡

ÇŻ     

ƒ”‘Ž‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻ –ƒŽ‹ƒ ͜͜’‘”– Profumo di Brescia nella boutique di serie A

Ăˆ anche una grande festa per l’Italia e gli italiani la beatificazione di Giovanni Paolo II. PerchĂŠ, primo Papa straniero dopo secoli, è stato anche un grande interprete di Roma e dell’Italia. Della cittĂ  di cui era diventato e si sentiva fortemente Vescovo aveva

pienamente raccolto il carattere insieme universale e familiare, quasi atemporale, per cui tutti si possono sentire a casa propria, in una terra nello stesso tempo molto marcata dai segni identitari, ma senza confini. All’Italia ha saputo parlare, senza retorica, ma con la credibilità del testimone, di patria. E ha instancabilmente collegato questo suo appello all’idea che l’Italia avesse qualcosa di molto importante da dire e da fare in una Europa che a sua volta, riunificandosi, doveva ritrovare un ruolo di civiltà, a partire

dall’ereditĂ  e dall’identitĂ  cristiana. Giovanni Paolo II insomma non era assolutamente convinto di un inevitabile destino di secolarizzazione, per l’Italia e per l’Europa. E lo dimostra con il coraggio delle opere, nella certezza della fede. Ăˆ questa naturale sintesi, che tutti coloro che gli sono passati anche solo per poco accanto, testimoniano essere fondata sulla realtĂ  misteriosa e trasparente della preghiera continua, il grande messaggio pubblico, politico e sociale, che Giovanni Paolo II ha

lanciato. Nell’Italia e nella stessa Chiesa italiana della fine degli anni Settanta, alle prese con una stagione di crisi e contemplazione della crisi, questo messaggio, cosĂŹ semplice e diretto, provoca effetti dirompenti e fragorosi, getta semi inediti, destinati a fruttificare nel corso del decennio successivo e molto oltre. Alla stagione della crisi, che tocca il suo apogeo proprio durante gli anni Settanta, succede cosĂŹ quella della “riconfigurazioneâ€? del mondo cattolico.  Ǥ͘͞


/$92&( ( '(/ 2 3232/2

ĒĆČĆÄ&#x;ÄŽÄ“ÄŠ ĆÄ&#x;ÄŽ ĒĆ Ä’ ĆČĆ ĆČĆ ČĆÄ&#x;ÄŽ Ć Ä&#x;ÄŽÄŽÄ“ÄŠ Ä&#x; Ä“ÄŠ

 

‹ƒ�ˆ”ƒ�…‘˜‹†‡”…‘•…Š‹

Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡†‹Dz‘…‡dz‡ƒ†‹‘‘…‡ Â?ƒ’ƒ–”ƒ…‹‡Ž‘‡–‡””ƒ

”ƒÂ?…‡•…‘‡•…Š‹ ƒ‘Ž‘Â—Â•Â–ÂƒĆĄÂƒ

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

‹ƒ…‘Â?‘ƒÂ?‘„„‹‘ Žƒ—†‹‘ƒ‰ƒÂ?‹Â?‹ Š‹ƒ”ƒ‡†”ƒ……‹Â?‹ —‘”Â?ƒÂ?—‡Žƒ‘„‡”–ƒ ƒ••‹Â?‘ ƒÂ?†‘ŽƤÂ?‹

ƒ„”‹‡Ž‡ ‹Ž‹’’‹�‹ ‹…Š‡Ž‡‡Ž‹

‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

ęėĆĈĎĊđĔĊęĊėėĆ

ƒÂ„Â‡ÂƒÂ–Â‹Ć¤Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡†‹ƒ”‘Ž‘Œ–›Žƒ‹Ž͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘͚͙͙͘…‘Â?•‡‰Â?ƒƒŽÂ?‘Â?†‘ ‡ƒŽŽƒŠ‹‡•ƒ—Â?ƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ…”‹•–‹ƒÂ?ƒ‡•‡Â?’Žƒ”‡ǤDz‘…‡dz†‡†‹…ƒ “—‡•–‡’ƒ‰‹Â?‡ƒŽ”‹…‘”†‘†‡Žƒ’ƒ…Š‡Â˜Â‹Â•Â‹Â–Ă–”‡•…‹ƒÂ?‡Ž͙͚ͥ͠‡Â?‡Ž͙ͥͥ͠

“Giovanni Paolo II. Tra cielo e terraâ€? è il titolo del magazine che “Voceâ€? ha realizzato per la beatificazione di Karol Wojtyla. Si tratta di 72 pagine in cui sono state raccolte testimonianze sul Papa beato. Ăˆ stato dato spazio al racconto di chi Giovanni Paolo II ha avuto modo di conoscerlo da vicino, come il vaticanista Gianfranco Svidercoschi a cui è stato chiesto un ritratto al di fuori degli schemi ormai conosciuti. Nel magazine ci sono anche i racconti di chi a Giovanni

Paolo II è stato legato per altri motivi. Mons. Francesco Beschi, oggi vescovo di Bergamo, racconta i suoi sentimenti e quelli della Chiesa bresciana, nei giorni del lutto e del dolore per la morte del Papa. Molte altre sono le voci sentite per comporre la pubblicazione. RadioVoce ha invece curato un cd in cui sono stati raccolti i discorsi pronunciati dal Papa a Brescia nel 1982 e nel 1998. Copie del magazine e del cd possono essere prenotate chiamando lo 030/44250.

Š‹‡•ƒ‘Â?‡Â?‹…ƒ͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘Žƒ„‡ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡†‹ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

.DURO:RMW\ODXQ3DSDXQXRPR   

4

uel “santo subitoâ€? che si levò da piazza San Pietro in occasione dei funerali di Giovanni Paolo II diventa domenica 1° maggio realtĂ . A poco piĂš di sei anni dalla morte Karol Wojtyla viene elevato agli onori degli altari. SarĂ  Benedetto XVI, suo stretto collaboratore prima e successore poi, a presiedere la beatificazione di Giovanni Paolo II. Negli ultimi 33 anni molto è stato scritto su Giovanni Paolo II. Dal giorno della sua morte, il 2 aprile 2006, tanto altro è stato raccontato sul Papa venuto dalla Polonia. Difficile, dunque, in occasione della beatificazione tracciarne un ritratto originale. Operazione praticamente impossibile senza ricorrere a chi Giovanni Paolo II ha avuto modo di conoscerlo anche al di fuori dell’ufficialitĂ  del suo ministero. Tra questi c’è anche il vaticanista Gianfranco Svidercoschi, dal 1983 al 1985 vicedirettore de “L’Osservatore Romanoâ€?, che con Karol Wojtyla ha avuto modo di intessere un intenso rapporto. Con Giovanni Paolo II ha anche collaborato al libro “Dono e misteroâ€? e lo ha seguito in tanti dei suoi viaggi in giro per il mondo. Dopo la morte di Giovanni Paolo II, proprio in virtĂš di queste frequentazioni, ha messo mano a “Storia di Karol Wojtylaâ€? che ha fatto da filo conduttore per le sceneggiature dei due film per la televisione “Un uomo diventato Papaâ€? e “Un Papa rimasto uomoâ€?. Svidercoschi ha dedicato gli ultimi anni della sua vita a raccontare, da diversi punti di vista e confrontandosi con altre figure che lo hanno conosciuto, il Papa giunto della Polonia. CosĂŹ se gli si chiede, come avvenuto per questa intervista, un ricordo di Karol Wojtyla il giornalista non ha dubbi. “Il ricordo di Giovanni Paolo II che mi porto nel cuore non è quello delle adunate oceaniche

ÇŻ   

 

di persone a ogni latitudine. Penso con nostalgia all’uomo della preghiera, all’uomo che mi ha insegnato cosa significasse vivere di Dioâ€?. Molte volte Svidercoschi ha avuto modo di pregare con Giovanni Paolo II, in circostanze gioiose e in altre drammatiche, come la sera in cui durante una cena con il direttore de “L’Osservatore Romanoâ€? Mario Agnes, venne comunicata al Papa la notizia del ritrovamento del cadavere di padre Popieluskzo. “Giovanni Paolo II – ricorda il giornalista – ci invitò a seguirlo nella sua cappella privata e a metterci in preghiera con lui. Vidi un uomo totalmente perso in questa dimensio-

‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

 °•–ƒ–‘’‡”…‡’‹–‘ …‘Â?‡‹Ž’ƒ’ƒ †‡ŽŽǯ‹Â?…ƒ”Â?ƒœ‹‘Â?‡ǥ …ƒ’ƒ…‡†‹Â?‘•–”ƒ”‡ ‹Ž˜‘Ž–‘—Â?ƒÂ?‘†‹‹‘

  

ne, capace di un intimo contatto con Dioâ€?. Fra i ricordi che si affastellano nel cuore di Gianfranco Svidercoschi c’è anche quello della grande umanitĂ  di Karol Wojtyla. “Ancora oggi – ricorda – provo una grande nostalgia per l’umorismo del Papa, per la sua capacitĂ  durante i viaggi o in qualche momento conviviale, di saper ridere, di essere sereno. Era un uomo rimasto semplice, capace di chiedere scusa anche all’ultimo dei suoi collaboratori se pensava di avere torto o di avere sbagliatoâ€?. Ma c’è anche un Giovanni Paolo II pubblico che Svidercoschi vuole ricordare, un Papa su cui apparentemente è stato detto giĂ  tutto. “Eppure – afferma – ogni volta che mi devo confrontare con la sua figura mi trovo a meravigliarmi del grande fascino che continua a esercitare, un fascino che paradossalmente è piĂš forte oggi del giorno della sua morteâ€?. Ăˆ una meraviglia, quella ricordata dal giornalista, che lo coglie ogni volta che osserva la gente in sosta davanti alla tomba di Giovanni Paolo II. “La loro – afferma – non è una semplice preghiera, è invece un dialogo con un Papa che sentono ancora vivo, perchĂŠ ha permesso loro di vivere un’esperienza generatrice di Dioâ€?. Tutti i papi hanno avuto questo “mandatoâ€?, ma ciò che per Svidercoschi rende unica e ancora straordinariamente viva l’esperienza di Giovanni Paolo II è l’essere stato realmente percepito come il Papa dell’incarnazione, capace di mostrare il volto umano di Dio. “Con la sua vita, con la sua sofferenza, con la sua passione, con il suo modo di vivere il rapporto con Dio – continua ancora Svidercoschi – Giovanni Paolo II ha colmato quello che nel Concilio Vaticano II era stato definito come lo scandalo della separazione tra fede e vitaâ€?.



     

4XHOODQRWWHLQWUHQRYHUVR5RPDLQSU Nelle ore che precedono la beatiďŹ cazione di Giovanni Paolo II c’è anche spazio per il ricordo del dolore e della commozione con cui il mondo intero seguĂŹ l’agonia del Papa e per come la gente, sponteamente o in forma organizzata si mosse per rendere l’ultimo omaggio al Papa. Moltissimi furono anche i bresciani che si mossero alla volta di Roma e tra questi mons. Francesco Beschi (nella foto), oggi vescovo di Bergamo. “Quando Giovanni Pa-

olo II è morto – ricorda mons. Beschi – ero in casa e, dopo essermi raccolto un momento in preghiera, ho seguito in televisione gli eventi. Sono stato colpito da un episodio in particolare. La tv locale, Teletutto, nel raccogliere le impressioni della gente ha intervistato una signora che dichiarava il suo disappunto per essersi recata in Duomo trovando la porta d’ingresso chiusa. Da questo e da altri fatti mi sono reso conto di quanto in quel

momento della storia, del mondo e della Chiesa, il Papa rappresentasse un punto di riferimento importante per tutti, anche per persone lontane dalla Chiesaâ€?. Il giorno successivo, in tutta fretta, insieme con altri e con il consenso del vescovo mons. Giulio Sanguineti, si decise di promuovere un pellegrinaggio a Roma per portare l’omaggio dei bresciani a Giovanni Paolo II. “Sapevano – ricorda ancora il Vescovo di Bergamo – che giĂ  si erano

messi in moto in tanti e ignoravamo invece che tipo di risposta avrebbe raccolto la nostra proposta. Il nostro non era il desiderio di esserci per esserci, ma piuttosto di cogliere il senso di quello che stava avvenendo intorno alla ďŹ gura del Papaâ€?. Il giorno dopo la sua morte Brescia si mosse con a capo proprio mons. Francesco Beschi. “Fui colpito – continua nel suo ricordo – dall’adesione di giovani e di anziani, di persone con motivazioni


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

͛͘

Ž”‹…‘”†‘„”‡•…‹ƒ‘ ”ƒ–‘”‹ǡ’‹ƒœœ‡‡…‡–”‹•’‘”–‹˜‹’‡”ˆƒ”‡‡‘”‹ƒ Un oratorio, una piazza e un centro sportivo. Sono questi i tre luoghi simbolo con cui le comunità bresciane hanno voluto ricordare e rinnovare la memoria di Giovanni Paolo II. Nave, Gavardo e Gargnano sono le realtà che hanno legato la memoria del Papa polacco ad alcune opere. A Gargnano il curato di allora, don Francesco Mattanza, si mise in ascolto delle richieste di giovani, che avevano fatto visita a Roma alla salma di Giovanni Paolo II perché l’oratorio

fosse dedicato al “loro papa”. Nei due anni intecorsi tra la morte di Giovanni Paolo II e l’intitolazione dell’oratorio (10 novembre 2007, nella foto) fu approfondita la figura di Wojtyla negli organi di comunione (consiglio pastorale e consiglio dell’oratorio) e in alcuni incontri appositi con i giornalisti Luigi Accattoli e Gianfranco Svidercoschi, con padre Antonio Sicari e con il filosofo Rocco Buttiglione sull’enciclica Veritatis splendor. Nave, invece, ha

scelto di ricordare Karol Wojtyla dedicandogli la piazza cittadina il 22 novembre 2009. Per la cerimonia è stato chiamato il card. Giovanni Battista Re che insieme a mons. Lorenzo Ceresoli ha benedetto la piazza e il monumento “Alla famiglia” dell’artista locale Luigi Bertoli. Gavardo, infine, ha pensato di dedicare al Papa, amante dello sport, il complesso sportivo costruito nei primi anni Ottanta. L’intitolazione a Karol Wojtyla risale al 3 settembre del 2006.

   ‡•–‹‘‹ƒœ‡‡”‹…‘”†‹†‹…Š‹Šƒƒ˜—–‘‘†‘†‹ …‘‘•…‡”‡†ƒ˜‹…‹‘‹Žƒ’ƒǤ “—‡•–‡’ƒ‰‹‡ˆ‹‰—”‡…Š‡ •‹•‘‘’”‡•–ƒ–‡ƒ…Š‡’‡”‹Žƒ‰ƒœ‹‡…‘…—‹Dzƒ‘…‡ †‡Ž‘’‘Ž‘dzŠƒ˜‘Ž—–‘…‡Ž‡„”ƒ”‡Žƒ„‡ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘‡Ǥ‡Ž ”ƒ……‘†‘†‹˜‹†‡”…‘•…Š‹ǡ†‹‘•Ǥ‡•…Š‹ǡ†‹‘•Ǥ ‹Ž‹’’‹‹ǡ†‹ƒ••‹‘ ƒ†‘Žˆ‹‹‡†‹ƒ‘Ž‘—•–ƒˆˆƒ— ”‹–”ƒ––‘‹‡†‹–‘†‡Žƒ’ƒDz•ƒ–‘•—„‹–‘dz

—•–ƒˆˆƒ —‡ŽŽ‘•…ƒ––‘

‡”Žƒ’”‹ƒ˜‘Ž–ƒ‡ŽŽƒ•–‘”‹ƒ ƒ…Š‡—‡˜‡–‘†”ƒƒ–‹…‘ …‘‡“—‡ŽŽ‘†‡ŽŽƒ‘”–‡†‡Ž ƒ’ƒŠƒƒ˜—–‘—ƒ…‘’‡”–—”ƒ ‡†‹ƒ–‹…ƒ‹‹–‡””‘–ƒǤ‡‘”‡ †‡ŽŽǯƒ‰‘‹ƒ†‹ ‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘

 †‹˜‡‡”‘—”ƒ……‘–‘‡†‹ƒ–‹…‘Ǥ ”‹…‘”†ƒ”Ž‘°ƒ‘Ž‘—•–ƒˆˆƒ ȋ‡ŽŽƒˆ‘–‘Ȍǡ†‹”‡––‘”‡†‡ŽŽǯƒ‰‡œ‹ƒ •–ƒ’ƒ‹”ǡ…Š‡ƒˆˆ‹†ƒ‹Ž•—‘ ”ƒ……‘–‘‘–ƒ–‘ƒŽŽ‡‹ƒ‰‹‹ –‡Ž‡˜‹•‹˜‡ƒƒ†ƒŽ…—‹•…ƒ––‹ ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…‹ǤDzǯ‹ƒ‰‹‡‡ —ƒˆ”ƒ•‡Ȃ”‹…‘”†ƒ—•–ƒˆˆƒȂ‹ ‰—‹†ƒ‘‹“—‡•–‘„”‡˜‡–”ƒ––‘ †‡ŽŽƒ‡‘”‹ƒdzǤ’‡”…‘”•‘ …Š‡ƒ—•–ƒˆˆƒ°•–ƒ–‘•—‰‰‡”‹–‘ ‡‹‰‹‘”‹•…‘”•‹†ƒ—ˆ‘–‘‰”ƒˆ‘ †‡ŽŽǯ•ƒ…Š‡‰Ž‹Šƒ‘•–”ƒ–‘ Žǯ—Ž–‹ƒˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒ†‹ ‹‘˜ƒ‹ ƒ‘Ž‘

Ǥ˜‘Ž–‘•‘ˆˆ‡”‡–‡‡ ‹’ƒ”–‡ƒ•…‘•–‘†ƒŽŽ‡–‡†‡ „‹ƒ…Š‡†‡ŽŽƒˆ‹‡•–”ƒƒŽŽƒ“—ƒŽ‡‡”ƒ ƒ’’ƒ”•‘’‡”‘Ž–”‡͚͞ƒ‹Ǥƒˆ‘–‘° †‹‹‡”ƒ‘Ž‘‹–‘—’”‘ˆ‡••‹‘‹•–ƒ •‡”‹‘ǡ…Š‡Šƒ•‡’”‡”‹•’‡––ƒ–‘‹ †‹”‹––‹‡Žƒ†‹‰‹–†‹’‡”•‘‡—……‹•‡ ‘‹•‹–—ƒœ‹‘‹†‹‡•–”‡‘’‡”‹…‘Ž‘Ǥ Dz‘‡‹Žˆ‘–‘”‡’‘”–‡”†‡ŽŽǯ•ƒ Ȃ”‹…‘”†ƒ—•–ƒˆˆƒȂ‘Ž–‹‡†‹ƒ ”‹—•…‹”‘‘‡ŽŽǯ‹’”‡•ƒǡ‰”ƒœ‹‡ƒ— ƒ’ƒ…Š‡ƒ˜‡˜ƒ•‡’”‡†ƒ–‘Ž‘”‘ ˆ‹†—…‹ƒǤ ‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘

ƒ˜‡˜ƒ ‹•‡‰ƒ–‘…Š‡‹‡†‹ƒ‘Šƒ‘ ‹Ž…‘’‹–‘‡Žƒ”‡•’‘•ƒ„‹Ž‹–†‹ ‡–”ƒ”‡‡Ž‹•–‡”‘ǣƒŽŽƒ•—ƒ•‘‰Ž‹ƒ •‹†‡˜‘‘ˆ‡”ƒ”‡‡‹“—‡•–ƒ •‘•–ƒˆƒ––ƒ†‹”‡•’‘•ƒ„‹Ž‹–‡ •‡•‹„‹Ž‹–‰”ƒ†‹ǡ’‘••‘‘ˆƒ” ƒ•…‡”‡†‘ƒ†‡‡•‘’”ƒ––—––‘ ‘ˆˆ”‹”‡‹‘–‹˜‹’‡”˜ƒ”…ƒ”ŽƒdzǤ

UHJKLHUDFRQLEUHVFLDQL profonde, soprattutto da parte dei giovani legati a Giovanni Paolo II da sentimenti di affetto e di riconoscenza. Viaggiammo in treno di notte dormendo poco perché eravamo coinvolti dai ricordi di un pontificato così lungo, quindi ricco di momenti significativi, comprese le sue indimenticabili visite a Brescia”. Molti, proprio a partire da mons. Beschi, durante quel viaggio (nella foto a destra) si interrogarono sulle ragioni di quel pellegri-

naggio. “Prevaleva – continua mons. Beschi – il tema della riconoscenza. Devo dire che se c’è un criterio al quale posso riferire quel viaggio, anche in termini personali, è stato proprio il senso della riconoscenza”. Un senso che nell’animo del Vescovo di Bergamo si alimenta anche del ricordo dell’incontro avuto con Giovanni Paolo II nel corso della visita bresciana del 1998 e delle parole che il Papa ebbe per il Centro pastorale Paolo VI.

ƒ†‘Žˆ‹‹

Ž†‘Ž‘”‡…Š‡•ƒŽ˜ƒ

‘•Ǥ ‹Ž‹’’‹‹

Žƒ’ƒ‡”‡•…‹ƒ

Dz‹’‘–”‡„„‡†‹”‡…Š‡ ‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘

Šƒ˜‹••—–‘•—ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ…ƒ”‡–—––‡Ž‡ ƒŽƒ––‹‡…Š‡’‘••‘‘…‘Ž’‹”‡——‘‘Ǥ ‹…‹ƒ•…—ƒ‘……ƒ•‹‘‡•‹°’”‡•‡–ƒ–‘ ƒ‹•—‘‹’‹î˜‹…‹‹‡ƒŽ‘†‘‹–‡”‘ …‘–—––ƒŽƒ•—ƒ•‡’Ž‹…‡—ƒ‹–Ǥ ƒ‹–ˆƒ––ƒ†‹ƒ•‹ƒǡ†‹–‹‘”‡ǡ†‹ †‘Ž‘”‡˜‹••—–‘‡…‘†‹˜‹•‘ǡ†‹†‡…‹•‹‘‹ …Ž‹‹…Š‡†ƒ’”‡†‡”‡ƒ•…‘Ž–ƒ†‘‹ ’ƒ”‡”‹†‡‹‡†‹…‹…Š‡Ž‘…—”ƒ˜ƒ‘ǡ‡ ’—”•‡’”‡ƒ••ƒ‹†‹ˆˆ‹…‹Ž‹†ƒ’”‡†‡”‡dzǤ ’ƒ”Žƒ”‡‹“—‡•–‘‘†‘°ƒ••‹‘

ƒ†‘Žˆ‹‹ȋ‡ŽŽƒˆ‘–‘Ȍǡ”‡•’‘•ƒ„‹Ž‡ †‡Ž†‹’ƒ”–‹‡–‘†‹‡—”‘•…‹‡œ‡†‡ŽŽƒ ˆ‘†ƒœ‹‘‡‘Ž‹ƒ„—ŽƒœƒǤ Ž‡†‹…‘ °•–ƒ–‘‡ŽŽ‘•–ƒˆˆ‹…ƒ”‹…ƒ–‘†‹•‡‰—‹”‡

‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘

†—”ƒ–‡Žƒ˜‹•‹–ƒƒ ”‡•…‹ƒ†‡Ž͙͡͡͠Ǥ ƒ–‘……ƒ–‘…‘ƒ‘ ‹Ž”ƒ’’‘”–‘…Š‡ƒ”‘Ž‘Œ–›Žƒƒ˜‡˜ƒ …‘Žƒ•‘ˆˆ‡”‡œƒǤDz ‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘ Ȃ…‘–‹—ƒȂ‘ƒ•…‘•‡ƒ‹Ž‡•—‡ •‘ˆˆ‡”‡œ‡ǡ‡ŽŽǯƒ••‘Ž—–ƒ…‡”–‡œœƒ…Š‡‹Ž †‘Ž‘”‡ǡ…‘•¿…‘‡Žǯƒ‘”‡ǡ•‡…‘†‹˜‹•‘ Dz˜ƒŽ‡†‹’‹îdzǤ…Š‡’‡”“—‡•–‘•—„¿ ƒ––ƒ……Š‹‡†‹ƒ–‹…‹ǤDz‹ˆ—”‘‘ƒ‡•–”‹ †‡Ž’‡•‹‡”‘Ȃ”‹…‘”†ƒƒ••‹‘

ƒ†‘Žˆ‹‹Ȃ…Š‡•‡–‡œ‹ƒ”‘‘…Š‡Žƒ •‘ˆˆ‡”‡œƒ”‹…Š‹‡†‡†‹‡••‡”‡ƒ•…‘•–ƒ ‡˜‹••—–ƒ‡Ž’”‹˜ƒ–‘ƒ••‘Ž—–‘Ǥ Žƒ’ƒǡ ‘•–”ƒ†‘•‹ƒŽ‘†‘‹–—––ƒŽƒ •—ƒˆ”ƒ‰‹Ž‹–ˆ‹•‹…ƒŠƒ–‡•–‹‘‹ƒ–‘‹Ž …‘–”ƒ”‹‘ǣ°Žǯ—‘‘…Š‡ǡ’”‹˜‘†‡ŽŽƒ •’‡”ƒœƒ…Š‡‰Ž‹˜‹‡‡†ƒŽŽƒˆ‡†‡ǡ –‘‰Ž‹‡†‹‰‹–ƒŽŽƒ•‘ˆˆ‡”‡œƒdzǤ‡…‘ ‹Ž•—‘ƒ‰‹•–‡”‘ ‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘

Šƒ †ƒ–‘–ƒ–‡”‹•’‘•–‡°…‘‹Ž•—‘…‘”’‘ …Š‡Dz…‹Šƒ†ƒ–‘—ƒ–‡•–‹‘‹ƒœƒȂ •‘‘ƒ…‘”ƒ…‘•‹†‡”ƒœ‹‘‹†‡Ž‡†‹…‘ Ȃǣ‹Ž”‹…‘”•‘ƒŽ‹‘…”‘…‡ˆ‹••‘ǡ’—Ö •ƒŽ˜ƒ”‡‹Ž†‘Ž‘”‡†ƒŽŽǯ‹•‹‰‹ˆ‹…ƒœƒ‡ †ƒŽ—ŽŽƒdzǤ

‡‹˜‘Ž–‡ ‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘

Šƒ ˜‹•‹–ƒ–‘Žƒ–‡””ƒ„”‡•…‹ƒƒǣ†ƒ ‰‹‘˜ƒ‡’”‡–‡ƒ‡‹‰ƒǡ†—‡˜‘Ž–‡ ‹†ƒ‡ŽŽ‘ǡ—ƒƒ‘”‘‡’‘‹ Ž‡†—‡˜‹•‹–‡—ˆˆ‹…‹ƒŽ‹ƒ‘…‡•‹‘ ‡”‡•…‹ƒǤ‡”…Š±“—‡•–‡˜‹•‹–‡ǫ ƒ”‹’‘•–ƒƒŽŽƒ†‘ƒ†ƒ˜‹‡‡ †ƒ‘•Ǥ ƒ„”‹‡Ž‡ ‹Ž‹’’‹‹ȋ‡ŽŽƒ ˆ‘–‘Ȍǡ‘‰‰‹’ƒ””‘…‘†‹ƒƒœƒ”‘ ‡‡Ž•‘‹…‹––ǡ…Š‡–—––‡“—‡•–‡ ˜‹•‹–‡ȋƒ†‡……‡œ‹‘‡†‹“—‡ŽŽƒ †‹‡‹‰ƒ‡†‹“—‡ŽŽƒ’”‹˜ƒ–ƒ‹ †ƒ‡ŽŽ‘ȌŽ‡Šƒ•‡‰—‹–‡…‘‡ ‰‹‘”ƒŽ‹•–ƒ‡†‹”‡––‘”‡†‹Dz‘…‡dzǤ Dz‘–”‡‘†‹”‡ǡ•‡’Ž‹…‡‡–‡ǡ ’‡”ƒ‹…‹œ‹ƒǤ Žƒ’ƒ˜‡—–‘ †ƒŽŽƒ‘Ž‘‹ƒȂƒˆˆ‡”ƒ‘•Ǥ ‹Ž‹’’‹‹Ȃƒ˜‡˜ƒ‹Ž†‘‘‡‹Ž…—Ž–‘ †‡ŽŽǯƒ‹…‹œ‹ƒǤƒƒ‹…‹œ‹ƒ…Š‡ ‘‡”ƒƒ‹†‹•‰‹—–ƒ†ƒŽŽƒ ‰”ƒ–‹–—†‹‡dzǤ—‡ŽŽƒ‰”ƒ–‹–—†‹‡ …Š‡‹†‹˜‡”•‡ˆƒ•‹†‡ŽŽƒ•—ƒ ˜‹–ƒŠƒ’‘”–ƒ–‘ƒ”‘Ž‘Œ–›Žƒƒ ”‡•…‹ƒǤ‡”“—‡ŽŽƒ—–”‹–ƒ‡‹ …‘ˆ”‘–‹†‡Ž…‘’ƒ‰‘†‹•–—†‹ †‘ ”ƒ…‡•…‘‡”‰‹‡ǡ’‘‹’‡” Žǯƒ‹…‘ƒ†”‘‡”–‹‹…‘…—‹ ˜‘ŽŽ‡…‘†‹˜‹†‡”‡—ƒ‰‹‘”ƒ–ƒ •—ŽŽ‡‡˜‹†‡ŽŽǯ†ƒ‡ŽŽ‘‡’‡”‰Ž‹ ƒŽ’‹‹…ƒ—‹…Š‡˜‘ŽŽ‡‰”ƒ–‹ˆ‹…ƒ”‡ ’”‡•‹‡†‡†‘‹Ž’‡ŽŽ‡‰”‹ƒ‰‰‹‘†‡Ž ͙͡͠͠Ǥǯ°’‘‹•–ƒ–ƒŽƒ‰”ƒ–‹–—†‹‡ ’‡”‹Ž’”‡…‡†‡••‘”‡ƒ‘Ž‘  …Š‡•’‹•‡ ‹‘˜ƒ‹ƒ‘Ž‘

ƒ ˜‹•‹–ƒ”‡”‡•…‹ƒ‡Ž͙͚͡͠‡‡Ž ͙͡͡͠ȋ‘……ƒ•‹‘‡‹…—‹„‡ƒ–‹ˆ‹…Ö

‹—•‡’’‡‘˜‹‹ȌǤDz‡”ƒ‹…‹œ‹ƒ ˜‡”•‘‹Ž•—‘…‘ŽŽƒ„‘”ƒ–‘”‡…ƒ”†Ǥ

‹‘˜ƒ‹ƒ––‹•–ƒ‡Ȃ…‘…Ž—†‡ ‘•Ǥ ‹Ž‹’’‹‹Ȃ‡ŽŽ—‰Ž‹‘†‡Ž͙͡͡͠ ƒ””‹˜Öƒ‘”‘’‡”Žǯ‰‡Ž—•dzǤ


͘͜

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‹”‹ƒ —�‡�–ƒ‹Ž�—�‡”‘†‡ŽŽ‡˜‹––‹�‡†‡ŽŽƒ”‡’”‡••‹‘�‡

   

“La brutale reazione del governo siriano alle manifestazioni popolari che chiedono un cambiamento ha raggiunto un nuovo vergognoso picco coi bombardamenti dell’esercito contro gli ediďŹ ci civili di Dera’a, nel sud della Siriaâ€?. Lo dichiara Amnesty international, che ha ricevuto i nomi di 23 persone uccise domenica 25 marzo, molte delle quali a causa dei bombardamenti, ma ritiene che il totale delle vittime sia molto piĂš alto. Dall’inizio delle

˜‡Â?Â–Â—Â”Â‡ÂŽÂŽÂ‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

proteste, cinque settimane fa, i manifestanti uccisi sono almeno 393. “Utilizzando l’artiglieria contro la sua gente, il governo di Damasco ha mostrato l’intenzione di stroncare le proteste praticamente a ogni costo, qualunque sia il prezzo in termini di vite umane – ha detto Malcolm Smart, direttore di Amnesty international per il Medio Oriente e l’Africa del Nord -. Il presidente Bashar al-Assad deve fermare tutto questo, ritirare il suo esercito da Dera’a, assicurare la

ripresa delle forniture di acqua ed elettricità e consentire l’arrivo dei soccorsi alle vittime di quest’ultimo, totalmente inaccettabile, massacro�. Secondo fonti dell’organizzazione, il governo siriano ha anche disposto l’impiego di cecchini che hanno sparato su coloro che cercavano di prestare soccorso ai feriti. Il governo avrebbe usato tattiche pesanti anche ad al-Muadamiya, nella periferia di Damasco e altri manifestanti sarebbero stati uccisi anche a Douma.



‹„‹ƒ�ƒ’”‡‘……—’ƒ�–‡‡˜‘Ž—œ‹‘�‡†‡Ž…‘�ˆŽ‹––‘‹�…‘”•‘

6HO¡D]LRQHXPDQLWDULD VLWUDVIRUPDLQJXHUUD Ž…—Â?‡†‡…‹•‹‘Â?‹ƒ••—Â?–‡†ƒŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡•‡Â?„”ƒÂ?‘‹Â?†‹…ƒ”‡—Â?…ƒÂ?„‹‘†‹’”‘•’‡––‹˜ƒ…ƒ”‹…‘ †‹‹Â?…‘‰Â?‹–‡Ǥƒ†—–‹Â?‡Ž˜—‘–‘‰Ž‹ƒ’’‡ŽŽ‹†‹‡Â?‡†‡––‘ …Š‡†‡ŽŽƒ•‹–—ƒœ‹‘Â?‡Šƒ’ƒ”Žƒ–‘ƒÂ?…Š‡ƒƒ•“—ƒ   

/

o spettro di un altro Vietnam si affaccia nel Mediterraneo. Ăˆ quanto affermato dall’agenzia online Asianews in un articolo a firma di Maurizio D’Orlando. Quello che fino a un mese fa veniva chiamato “intervento umanitarioâ€? per salvare i libici dalle violenze di Gheddafi è ormai divenuta una guerra. Nonostante gli appelli di Benedetto XVI (anche il giorno di Pasqua) a favorire la diplomazia sulle armi, l’Italia ha ormai deciso un’escalation, offrendosi di bombardare “obbiettivi in Libiaâ€?, rispondendo a una specifica richiesta avanzata al premier Berlusconi dal presidente Usa Barack Obama. Il punto di svolta, però, risale al 20 aprile scorso. In un incontro a Roma tra i ministri della Difesa di Gran Bretagna ed Italia, secondo la ricostruzione operata da Asianews.it, è stata ufficializzata la decisione di inviare in Libia, a sostegno dei ribelli, 10 istruttori militari da parte di ciascuno dei due Paesi. Questi istruttori militari si aggiungono a quelli francesi giĂ  presenti in maniera ufficiale, dopo che giĂ  agli inizi di marzo la Francia ha riconosciuto il Consiglio nazionale libico di Bengasi, il Comitato degli insorti, come unico organo di governo in rappresentanza della Libia. Gli istruttori italiani ed inglesi andranno cosĂŹ ad aggiungersi alle unitĂ  di truppe delle forze speciali inglesi e fran-

    ÇĄÇĄ  

ÂƒÂŽÂŽÇŻ –ƒŽ‹ƒŽƒ †‹•’‘Â?‹„‹Ž‹–Â?ƒ „‘Â?„ƒ”†ƒÂ?‡Â?–‹ ‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?˜‹‘†‹‹•–”—––‘”‹ Â?‹Ž‹–ƒ”‹Ǥ‹”‹•…Š‹ƒ—Â? Â?—‘˜‘‹‡–Â?ƒÂ?ÇŤ cesi giĂ  da mesi in territorio libico in maniera non ufficiale. La decisione, che ha scatenato la dura reazione libica che ha minacciato di scatenare l’inferno nei Paesi degli istruttori, è stata presa dopo che il giorno pre-

cedente, il 19 aprile, il ministro italiano della difesa, Ignazio La Russa, era stato convocato a Washington a colloquio con il ministro della Difesa americano Robert Gates. Con tale decisione la guerra in Libia è ad un punto di svolta, in preparazione dell’operazione Eufor Libya, spiegata ufficialmente dal ministro finlandese degli esteri Alexander Stubb. Si tratta dell’invio in Libia di forze militari terrestri, ufficialmente per formare un corridoio umanitario per l’evacuazione della popolazione civile di Misurata. Secondo Stubb la decisione europea dipende solo da una

richiesta dell’Onu o della Ocha, l’Ufficio delle Nazioni Unite di coordinamento degli affari umanitari. Qualora tale ipotesi si concretizzasse sarebbe estremamente difficile continuare a configurare l’azione internazionale come intervento umanitario. Si trattarebbe, invece, di una vera e propria guerra di tipo neo-coloniale. La Libia sembra perciò avviarsi a diventare un nuovo teatro di guerriglia come lo fu il Vietnam per gli americani. L’invio di istruttori fa perciò riaffiorare ricordi sinistri, sembra preannunciare un nuovo “Vietnamâ€?, questa volta europeo.

‘Â?•Ǥƒ”–‹Â?‡ŽŽ‹ ƒ”‹…‘Â?…‹Ž‹ƒœ‹‘Â?‡ ‘Ž–”‡Ž‡–‡Â?‡„”‡ Dz1—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹–‡Â?‡„”‡ǥ Â?ƒ†‘„„‹ƒÂ?‘…”‡†‡”‡Â?‡ŽŽƒ ”‹…‘Â?…‹Ž‹ƒœ‹‘Â?‡ǥ’‡”…‘””‡Â?†‘ Ž‡’‘••‹„‹Ž‹˜‹‡†‡Ž†‹ƒŽ‘‰‘‡ ƒˆˆ‹†ƒÂ?†‘…‹ƒŽŽƒˆ‘”œƒ†‡ŽŽƒ Â?‡†‹ƒœ‹‘Â?‡’‹—––‘•–‘…Š‡ƒ “—‡ŽŽƒ‹Â?—–‹Ž‡‡†ƒÂ?Â?‘•ƒ†‡ŽŽ‡ ƒ”Â?‹dzǣÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‰Â‡Â?œ‹ƒ•–ƒÂ?’ƒ ‹•Â?ƒ…Š‡Ž‘Šƒ”ƒ‰‰‹—Â?–‘ –‡Ž‡ˆ‘Â?‹…ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?Â‹Â„Â‹ÂƒÇĄ Â?‘Â?•Ǥ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ Â?Â?‘…‡Â?œ‘ ƒ”–‹Â?‡ŽŽ‹ǥŠƒŽƒÂ?…‹ƒ–‘“—‡•–‘ Â?‡••ƒ‰‰‹‘‹Â?˜‹–ƒÂ?†‘Ž‡’ƒ”–‹ ‹Â?…‘Â?ˆŽ‹––‘ƒŽ†‹ƒŽ‘‰‘‡Žƒ …‘Â?—Â?‹–Â?‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ ƒ’”‡ˆ‡”‹”‡Žƒ•–”ƒ†ƒ†‡ŽŽƒ ’‘Ž‹–‹…ƒƒ“—‡ŽŽƒ†‡ŽŽǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘ ƒ”Â?ƒ–‘ǤDz‡ƒ”Â?‹Â?‘Â?’‘”–ƒÂ?‘ ’ƒ…‡Č‚Šƒƒˆˆ‡”Â?ƒ–‘‹Ž˜‡•…‘˜‘ †‹”‹’‘Ž‹Č‚’‹Î’ƒ••ƒ‹Ž–‡Â?’‘ ’‹Î•‹…”‡‡”ƒÂ?Â?‘†‹˜‹•‹‘Â?‹dzǤ ŽŽƒŽ—…‡†‡ŽŽƒÂƒÂ•Â“Â—ÂƒÇĄŠƒ ’”‘•‡‰—‹–‘‹Ž‡•…‘˜‘…Š‡ °•–ƒ–ƒ—Â?ƒ†‡ŽŽ‡˜‘…‹’‹Î †‹ˆ”‡“—‡Â?–‡Ž‡˜ƒ–ƒ•‹’‡” •‘––‘Ž‹Â?‡ƒ”‡Ž‡…‘Â?•‡‰—‡Â?œ‡ †‡Ž…‘Â?ÂˆÂŽÂ‹Â–Â–Â‘ÇĄ‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡•—ŽŽƒ ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡Â…Â‹Â˜Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ‘……‘””‡ ˆƒ”•‹Dz‹Â?–‡”’”‡–‹‡Â?Â‡Â†Â‹ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Çł Ž—Â?‰‘Ç˛ÂŽÂƒ˜‹ƒ†‡ŽŽƒ’‘•‹–‹˜‹–Â? ‡†‡ŽŽƒÂ’ÂƒÂ…Â‡ÇłÇ¤Â?ǯ‡•‹‰‡Â?œƒ†‹ †‹ƒŽ‘‰‘…Š‡Â?‘Â?•Ǥƒ”–‹Â?‡ŽŽ‹ Šƒ˜‘Ž—–‘•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ”‡ ”‹…‘”†ƒÂ?†‘Žƒ•‘”–‡–‘……ƒ–ƒƒ —Â?‰”—’’‘†‹—Â?ƒ•‡––ƒÂ?–‹Â?ƒ †‹Â?‹‰”ƒÂ?–‹ƒˆ”‹…ƒÂ?‹…Š‡ƒ Â?ƒ”œ‘ƒ˜‡˜ƒ–‡Â?–ƒ–‘Žƒ –”ƒ˜‡”•ƒ–ƒ†‡Ž‡†‹–‡””ƒÂ?‡‘ ‹Â?†‹”‡œ‹‘Â?‡†‡ŽŽǯ—”‘’ƒǤÂ?ƒ •–‘”‹ƒ”ƒ……‘Â?–ƒ–ƒ†ƒŽŽƒ‹•Â?ƒ ‡–‡”Â?‹Â?ƒ–ƒ–”ƒ‰‹…ƒÂ?‡Â?–‡ …‘Â?ŽƒÂ?‘”–‡†‹“—ƒ•‹–—––‹‰Ž‹ ‘……—’ƒÂ?–‹†‡Ž„ƒ”…‘Â?‡ǤDz‘’‘ Í™Í?‰‹‘”Â?‹†‹Â?ƒ˜‹‰ƒœ‹‘Â?‡‹Â? „ƒŽ‹ƒ†‡ŽŽ‡‘Â?†‡Č‚Šƒ…‘Â?…Ž—•‘ ‹Ž‡•…‘˜‘Č‚•‹•‘Â?‘•ƒŽ˜ƒ–‹‹Â? •‡––‡…Š‡˜‹˜‘Â?‘‘”ƒ‘•’‹–‹†‹ —Â?Ž‘”‘ƒÂ?‹…‘‡–‹‘’‡ƒ”‹’‘Ž‹Ǥ Â?Â?—•—ŽÂ?ƒÂ?‘…Š‡‘•’‹–ƒ …”‹•–‹ƒÂ?‹ǥ—Â?ƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ†‹ †‹ƒŽ‘‰‘‡†‹•‘Ž‹†ƒ”‹‡–Â?ǤÂ?ƒ Ž—…‡†‹•’‡”ƒÂ?œƒ…Š‡‹Â?“—‡•–ƒ ƒ•“—ƒ…‹‹Â?˜‹–ƒƒ…”‡†‡”‡Â?‡ŽŽƒ ‡•—””‡œ‹‘Â?‡dzǤ

    

%HUOXVFRQL6DUNR]\YHUWLFHLQWHUORFXWRULR Doveva essere l’incontro del redde rationem sul tema della gestione dei ussi migratori dal Nord Africa all’Europa che tanta tensione aveva creato nelle scorse settimane tra Italia e Francia. In realtĂ  il vertice (nella foto) tra il premier Berlusconi e il presidente francesce Sarkozy è stato, per usare una sempliďŹ cazione tanto cara al mondo del giornalismo ma di fatto senza alcun preciso signiďŹ ato, “interlocutorioâ€?. Una sola parola per dire,

in sostanza, che l’atteso incontro (se ne parlava da settimane) non ha cavato un ragno dal buco. Si è glissato sul tema dei permessi di soggiorno temporanei concessi dall’Italia agli immigrato giunti a Lampedusa, si è glissato sul tema della gestione di probabili nuovi arrivi futuri, rimandando tutto alle sedi dell’Unione europea, altro luogo che in questo momento non brilla per capacità di sintesi. L’incontro si è concluso tra sorrisi e strette di

mano di rito. Unico punto di contatto tra Berlusconi e Sarkozy l’ammissione che il trattato di Schengen (quello che consente la libera circolazione nei conďŹ ni dell’Ue, ndr) non è un dogma e dunque, in determinate circostanze può essere anche disatteso. PiĂš interesse, stando allo spazio che le questioni hanno conquistato sui media, sembrano aver suscitato altri temi: il via libera francese per la candidatura di Mario Draghi alla presidenza

della Banca centrale europea, e il sostanziale nullaosta italiano alla scalata di Lactalis all’italiana Parmalat (in sostanziale contrasto con alcune scelte operate nelle scorse settimane dall’Esecutivo per impedire di fatto l’operazione e salvaguardare l’italianitĂ  dell’industria). Ciliegina sulla torta l’ammissione del Premier che sul nucleare il Governo ha inteso evitare un voto referendario “viziatoâ€? dall’onda emotiva di Fukushima.


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

͘Í?

—••‹ƒ ‡†˜‡†‡†…Š‹‡†‡Â?ƒ‰‰‹‘”‡•‹…—”‡œœƒ A margine delle celebrazioni indette per ricordare il 25° anniversario al reattore della centrale nucleare di Chernobyl, il presidente russo Dimitrij Medvedev (nella foto) ha affermato che intende porre all’attenzione del prossimo vertice del G8 una serie di proposte per migliorare la sicurezza degli impianti. â€œĂˆ necessario – ha affermato il Presidente russo – che le nuove strutture siano realizzate con le massime barriere di sicurezza, che i principi

dell’apertura informativa e della trasparenza diventino una norma per il funzionamento di tutte le centrali atomiche del mondo�. Medvedev ha anche ricordato che è stata avviata una raccolta di fondi per la costruzione di un nuovo sarcofago per il reattore esploso il 26 aprile del 1986. Quello costruito per contenere la fuoriuscita di materiale radioattivo mostrerebbe, a 25 anni di distanza, alcuni preoccupanti segnali di cedimento strutturale.



…”ƒ‹Â?ƒÍšÍ?ƒÂ?Â?‹†ƒŽ†‹•ƒ•–”‘Â?—…Ž‡ƒ”‡

&KHUQRE\OGUDPPD DQFRUDLQFRUVR —Â?“—ƒ”–‘†‹•‡…‘Ž‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â’ÂŽÂ‘Â•Â‹Â‘Â?‡Â?‡ŽŽƒ…‡Â?–”ƒŽ‡—…”ƒ‹Â?ƒ…‘Â?–‹Â?—ƒÂ?‘ƒˆƒ”•‹•‡Â?–‹”‡‰Ž‹ ‡ˆˆ‡––‹†‡ŽŽƒÂ…ÂƒÂ–ÂƒÂ•Â–Â”Â‘ÂˆÂ‡ÇĄÂ?‡Â?–”‡•‹’ƒ˜‡Â?–ƒÂ?‘‹†ƒÂ?Â?‹†‹ —Â?—•Š‹Â?ƒ    

6

ono passati esattamente 25 anni dalla tragedia di Chernobyl. Era la notte tra il 25 e il 26 aprile del 1986 quando il reattore numero 4 della centrale nucleare ucraina fu sventrato da un’esplosione. Le autoritĂ  russe mantennero il silenzio e cominciarono ad allontanare la popolazione dopo almeno 36 ore dall’incidente. La nube radioattiva si estese per centinaia di chilometri e si spostò verso l’Europa. Nel 25° anniversario del disastro nucleare il patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, ha presieduto un solenne atto commemorativo nella chiesa di San Michele Arcangelo – nella regione di Kiev dove è stato eretto un monumento in onore degli “eroi di Chernobylâ€? – in memoria delle vittime della centrale nucleare. Giunto in Ucraina per rendere omaggio alle vittime e ai sopravvissuti, il patriarca Kirill ha guidato un corteo funebre fino al memoriale dove sono state depositate ghirlande di fiori. “Sono passati 25 anni – ha ricordato rivolgendosi alle persone convenute per la commemorazione – da quel terribile momento, quando nel silenzio della notte ci fu un’esplosione che ha scoperto il nucleo mortale di un reattore nucleareâ€?. “Gli scienziati – ha proseguito – dicono che i danni provocati alle persone e all’ambiente sono pari a quello che avrebbero provocato 500 bombe come quella sganciata su   

   

‘Ž–‡Ž‡ƒ—–‘”‹–Â? ’‘Ž‹–‹…Š‡ǥ…‹˜‹Ž‹ ‡”‡Ž‹‰‹‘•‡…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ ˜‘Ž—–‘”‹…‘”†ƒ”‡ Žƒ–”ƒ‰‡†‹ƒÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?’‹ƒÂ?–‘ —…”ƒ‹Â?‘ Hiroshimaâ€?. Il Patriarca ha quindi ricordato l’eroismo di vigili del fuoco e tecnici, che cercarono in tutti i modi di limitare le conseguenze della catastrofe. â€œĂˆ difficile dire come sarebbe finita questa terribile catastrofe senza l’intervento di quelle persone, i cui nomi sono oggi ricordati in preghiera.

Non sono piĂš con noi. Sono nell’eternitĂ , dimorano presso Dioâ€?. Il Patriarca ha concluso il suo discorso con un appello a non dimenticare “in frettaâ€? quanto avvenuto 25 anni fa e di mantenere invece “viva la memoriaâ€?. Al termine della celebrazione, all’una, 23 minuti e 40 secondi (l’ora esatta dell’esplosione nello stabilimento), uno dei tecnici ha suonato 25 rintocchi di campana, il numero di anni che sono trascorsi dalla tragedia. Alla commemorazione hanno partecipato 700 persone tra cui numerosi tecnici, il premier ucraino Mykola Azarov e il metropolita di Kiev e di tutta l’Ucraina Vladimir. Molti hanno portato fiori e acceso candele. Alla fine dei rintocchi della campana il metropolita Vladimir ha detto: “Grazie, SantitĂ , per le vostre preghiere sante, in cui commemoriamo oggi gli eroi di Chernobylâ€?. L’anniversario della tragedia è stato ricordato pure dall’Unione europea. “Celebriamo il 25° anniversario del piĂš grave incidente nucleare della storia umana – ha affermato Jerzy Buzek, presidente dell’Europarlamento –. Chernobyl è stata una tragedia umana inimmaginabile, ma anche una lezione sull’importanza della prevenzione, della trasparenza e della vigilanza adeguataâ€?. Una lezione di grande attualitĂ  alla luce del dramma in corso alla centrale nucleare di Fukushima duramente colpita dal sisma che l’11 marzo scorso ha devastato il Giappone.

„„ƒÂ?†‘Â?‘•…‘Žƒ•–‹…‘ ‡ÂŽÂƒÂ—Â”Â‡ÂƒÂ–Â‹ÇŁ –ƒŽ‹ƒƒÂ?…‘”ƒ ‹Â?†‹‡–”‘Â?‡ŽŽǯ‡ ƒ”‡…‡Â?–‡’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?”ƒ’’‘”–‘†‡ŽŽƒ ‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡‡—”‘’‡ƒ‡˜‹†‡Â?œ‹ƒ‹”‹–ƒ”†‹‹–ƒŽ‹ƒÂ?‹ ”‹•’‡––‘ĠƒŽ–”‹ƒ‡•‹   

ÇŻ –ƒŽ‹ƒ°‹Â?†‹‡–”‘ǥ”‹•’‡––‘ƒ‰Ž‹ ƒŽ–”‹ƒ‡•‹‡ǥÂ•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ„Â„ÂƒÂ?†‘Â?‘ Â•Â…Â‘ÂŽÂƒÂ•Â–Â‹Â…Â‘ÇĄ•—ŽŽƒ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡†‹ Žƒ—”‡ƒ–‹‡Â•Â—ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â”Â‡Â?†‹Â?‡Â?–‘ ’‡”Â?ƒÂ?‡Â?–‡Ǥ ‘Â?‘“—‡•–‹ƒŽ…—Â?‹†‡‹’‹Î •‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‹†ƒ–‹‡Â?‡”•‹ †ƒŽÂ?—‘˜‘”ƒ’’‘”–‘…Š‡Žƒ ‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡‡—”‘’‡ƒŠƒ ’”‡†‹•’‘•–‘•—‹’”‘‰”‡••‹ …‘Â?’‹—–‹Â?‡ŽŽǯÂ?‹‘Â?‡‡—”‘’‡ƒ Â?‡Ž…ƒÂ?’‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡‡ †‡ŽŽƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡Ǥ †ƒ–‹•‘Â?‘ •–ƒ–‹‡Žƒ„‘”ƒ–‹•—ŽŽƒ„ƒ•‡ƒ‰Ž‹ ‘„‹‡––‹˜‹ˆ‹••ƒ–‹’‡”‹Ž͚͙͘͘Ǥƒ‹ †ƒ–‹’”‡•‡Â?–‹Â?‡Ž†‘…—Â?‡Â?–‘ ‡Â?‡”‰‡…Š‡‹•‹•–‡Â?‹‡†—…ƒ–‹˜‹ †‡‰Ž‹–ƒ–‹†‡ŽŽǯ‡ŠƒÂ?Â?‘ ”‡‰‹•–”ƒ–‘Â?‹‰Ž‹‘”ƒÂ?‡Â?–‹ǥÂ?ƒ ŠƒÂ?Â?‘”ƒ‰‰‹—Â?–‘•‘Ž–ƒÂ?–‘ —Â?‘†‡‹…‹Â?“—‡Â‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‹ÇĄ‘••‹ƒ ÂŽÇŻÂƒÂ—Â?‡Â?–‘†‡ŽÍ›Í&#x;ÎŹ”‹•’‡––‘ƒŽ ͚͘͘͘†‡ŽÂ?—Â?‡”‘†‹Žƒ—”‡ƒ–‹ ‹Â?Â?ƒ–‡Â?ÂƒÂ–Â‹Â…ÂƒÇĄ•…‹‡Â?œ‡‡ –‡…Â?‘Ž‘‰‹ƒǤ‡ŽÍšÍ˜Í˜ÍĄ‹‹Â?‹•–”‹ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡ŽŽǯ‡ƒ˜‡˜ƒÂ?‘ •–ƒ„‹Ž‹–‘…‹Â?“—‡’ƒ”ƒÂ?‡–”‹ ‡†—…ƒ–‹˜‹†‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘†ƒ ”ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡‡Â?–”‘‹Ž͚͚͘͘Ǥ

ÂŽ’”‹Â?‘”‹‰—ƒ”†ƒ˜ƒŽƒ ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â†Â—…ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽƒ’”‹Â?ƒ‹Â?ˆƒÂ?œ‹ƒ†‡‹„ƒÂ?„‹Â?‹ –”ƒ‹“—ƒ––”‘ƒÂ?Â?‹‡Žǯ‡–Â?†ǯ‹Â?‹œ‹‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡ŽŽǯ‘„„Ž‹‰‘Ǥ ƒ–‡Â?†‡Â?œƒ‡—”‘’‡ƒŠƒ ”‡‰‹•–”ƒ–‘—Â?ƒ—Â?‡Â?–‘†‡Ž͞Ώ Â?‡Ž’‡”‹‘†‘ÍšÍ˜Í˜Í˜ÇŚÍšÍ˜Í˜Í Ç˘ÂŽÇŻ –ƒŽ‹ƒ ˆ‹‰—”ƒ–”ƒ‹ƒ‡•‹…‘Â?‹–ƒ••‹’‹Î Â‡ÂŽÂ‡Â˜ÂƒÂ–Â‹ÇĄ’ƒ••ƒÂ?†‘†ƒŽÍ™Í˜Í˜ÎŹ †‡Ž͚͘͘͘ƒŽÍĄÍ ÇĄÍ ÎŹ†‡ŽÍšÍ˜Í˜Í ÇĄ …‘ŽŽ‘…ƒÂ?†‘•‹‰‹Â?ƒŽ†‹•‘’”ƒ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘‡—”‘’‡‘’‡”‹Ž ÍšÍ˜ÍšÍ˜ÇĄ…Š‡°†‹ˆƒ”’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ ƒŽÂ?‡Â?‘‹ŽÍĄÍ?ÎŹ †‡‹„ƒÂ?„‹Â?‹Ǥ

ÂŽ•‡…‘Â?†‘’ƒ”ƒÂ?‡–”‘ˆ‹••ƒ˜ƒ ƒŽ†‹•‘––‘†‡ŽÍ™Í?ÎŹŽƒ ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡†‹•–—†‡Â?–‹ “—‹Â?†‹…‡Â?Â?‹…‘Â?”‹•—Ž–ƒ–‹•…ƒ”•‹ Â?‡ŽŽƒ…ƒ’ƒ…‹–Â?†‹ÂŽÂ‡Â–Â–Â—Â”ÂƒÇĄ Â?ƒ–‡Â?ƒ–‹…ƒ‡•…‹‡Â?œ‡ǤƒÂ?‡†‹ƒ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒ°ƒ—Â?‡Â?–ƒ–ƒ†‹•‘Ž‘ †—‡’—Â?–‹’‡”…‡Â?–—ƒŽ‹†ƒŽ͚͘͘͘ ƒŽÍšÍ˜Í˜ÍĄÇĄ’ƒ••ƒÂ?†‘†ƒ…‹”…ƒ‹Ž ͙ͥΏƒŽ͚͙Ώǥ”‡•–ƒÂ?†‘…‘•¿‹Â? Ž‹Â?‡ƒ…‘Â?ŽƒÂ?‡†‹ƒ‡—”‘’‡ƒ†‡Ž ÍšÍ˜ÎŹÇ¤ ÂŽ–ƒ••‘†‹ƒ„„ƒÂ?†‘Â?‘ •…‘Žƒ•–‹…‘–”ƒ‹”ƒ‰ƒœœ‹Â?‡ŽŽƒ ˆƒ•…‹ƒ…‘Â?’”‡•ƒ–”ƒ‹͙͠‡‹͚͜ ƒÂ?Â?‹†‘˜”‡„„‡•…‡Â?†‡”‡•‘––‘ƒŽ Í™Í˜ÎŹ‡Â?–”‘‹Ž͚͚͘͘Ǥ ÇŻ –ƒŽ‹ƒŠƒ”‡‰‹•–”ƒ–‘—Â?Â…ÂƒÂŽÂ‘ÇĄ ’ƒ••ƒÂ?†‘†ƒŽÍšÍ?ǥ͙Ώ†‡Ž͚͘͘͘ ƒŽ͙ͥǥ͚Ώ†‡ŽÍšÍ˜Í˜ÍĄÇĄÂ?ƒ”‡•–ƒ …‘Â?—Â?“—‡ƒŽ†‹•‘’”ƒ†‡ŽŽƒ

Â?‡†‹ƒ‡—”‘’‡ƒČ‹Â”‹•’‡––‹˜ƒÂ?‡Â?–‡ Í™Í&#x;ǥ͞Ώ‡Í™ÍœÇĄÍœÎŹČŒÇ¤ ƒ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡†‹’‡”•‘Â?‡†‹ ‡–Â?…‘Â?’”‡•ƒ–”ƒ‹͛͘‡‹͛͜ƒÂ?Â?‹ …‘Â?†‹’Ž‘Â?ƒ†‹Žƒ—”‡ƒ†‘˜”‡„„‡ ‡••‡”‡ƒŽÂ?‡Â?‘†‡ŽÍœÍ˜ÎŹÇŁ“—‡•–‘ ‹Ž“—ƒ”–‘’ƒ”ƒÂ?‡–”‘ǥ…Š‡° ƒÂ?…Š‡ÂŽÇŻÂ‘„‹‡––‹˜‘’”‹Â?…‹’ƒŽ‡†‡ŽŽƒ •–”ƒ–‡‰‹ƒ†‡ŽŽǯ‡’‡”Žƒ…”‡•…‹–ƒ ‡…‘Â?‘Â?‹…ƒ‡ÂŽÇŻÂ‘……—’ƒœ‹‘Â?‡ —”‘’ƒ͚͚͘͘Ǥ Â? –ƒŽ‹ƒŽƒ ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡°’ƒ••ƒ–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ™Í™ÇĄÍžÎŹ ƒŽ͙ͥΏÂ?‡Ž’‡”‹‘†‘ÍšÍ˜Í˜Í˜ÇŚÍšÍ˜Í˜ÍĄÇĄ Â?‡†‹ƒ„‡Â?ƒŽ†‹•‘––‘†‹“—‡ŽŽƒ Â‡Â—Â”Â‘Â’Â‡ÂƒÇĄƒ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡‹Ž͚͛ǥ͛ΏǤ ǯ—Ž–‹Â?‘‘„‹‡––‹˜‘ ”‹‰—ƒ”†ƒŽƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â”Â‡Â?†‹Â?‡Â?–‘’‡”Â?ƒÂ?‡Â?–‡ †‡ŽŽƒˆƒ•…‹ƒ†‹’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?’”‡•ƒ–”ƒ‹ÍšÍ?‡‹͜͞ƒÂ?Â?‹ǣ ŽƒÂ?‡†‹ƒ‡—”‘’‡ƒ†‘˜”‡„„‡ ƒ””‹˜ƒ”‡ƒŽÂ?‡Â?‘ƒŽÍ™Í?ΏǤ ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡°†‡Žͥǥ͛Ώǥ ’‡”…‡Â?–—ƒŽ‡•—’‡”‹‘”‡ƒ “—‡ŽŽƒ‹–ƒŽ‹ƒÂ?ƒ…Š‡•‹ƒ––‡•–ƒ ‹Â?˜‡…‡ƒŽ͞Ώ ƒÂ?ƒ‰‰‹‘”’ƒ”–‡†‡‰Ž‹‘„‹‡––‹˜‹ ’‡”‹Ž͚͚͘͘•ƒ”‡„„‡”ƒ‰‰‹—Â?‰‹„‹Ž‡ •‡‰Ž‹–ƒ–‹‡…‘Â?–‹Â?—‡”ƒÂ?Â?‘ Ġƒ––”‹„—‹”‡Ž‘”‘—Â?ƒ’”‹‘”‹–Â? ‡Ž‡˜ƒ–ƒ‡ƒ‹Â?˜‡•–‹”‡‹Â?Â?‘†‘ ‡ˆˆ‹…‹‡Â?–‡Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡‡Â?‡ŽŽƒ ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡Ǥ Â?†”‘—ŽŽƒÂƒÂ•Â•Â‹ÂŽÂ‹Â‘—ǥ …‘Â?Â?‹••ƒ”‹‘”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡’‡” ÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡ǥŽƒÂ…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ ‹ŽÂ?—Ž–‹Ž‹Â?‰—‹•Â?‘‡Žƒ‰‹‘˜‡Â?–Îǥ Šƒƒˆˆ‡”Â?ÂƒÂ–Â‘ÇŁDzƒ„—‘Â?ƒÂ?‘–‹œ‹ƒ °…Š‡‹Ž‹˜‡ŽŽ‹‡†—…ƒ–‹˜‹‹Â?—”‘’ƒ •‹•‘Â?‘‹Â?Â?ƒŽœƒ–‹Â?‘–‡˜‘ŽÂ?‡Â?–‡dzǤ

Ž‹–ƒ–‹Â?‘Â?†‘˜”‡„„‡”‘ ƒ’’‘”–ƒ”‡–ƒ‰Ž‹ƒŽ„‹ŽƒÂ?…‹‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡’‡”…Š¹Ç˛ÂŽÂƒ•’‡•ƒ ’‡”ÂŽÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡°—Â?„—‘Â? ‹Â?˜‡•–‹Â?‡Â?–‘’‡”ÂŽÇŻÂ‘Â…Â…Â—Â’ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡‡ Žƒ…”‡•…‹–ƒ‡…‘Â?‘Â?‹…ƒ‡•‹”‹’ƒ‰ƒ Â?‡ŽŽ—Â?‰‘’‡”‹‘†‘dzŠƒƒ‰‰‹—Â?–‘ ‹Ž‘Â?Â?‹••ƒ”‹‘ǤÇŻÂ‹Â•Â–Â”Â—ÂœÂ‹Â‘Â?‡‡Žƒ ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡•‘Â?‘‹Â?ˆƒ––‹–”ƒ‰Ž‹ ‘„‹‡––‹˜‹…‡Â?–”ƒŽ‹†‡ŽŽƒ•–”ƒ–‡‰‹ƒ —”‘’ƒ͚͚͘͘Ǥ ‡ŽŽ‡’”‘••‹Â?‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡‰Ž‹ –ƒ–‹‡—”‘’‡‹’”‡•‡Â?–‡”ƒÂ?Â?‘ƒŽŽƒ ‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡‹Ž‘”‘’”‘‰”ƒÂ?Â?‹ Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹†‹”‹ˆ‘”Â?ƒ‹Â?…—‹ ˆ‹••‡”ƒÂ?Â?‘‰Ž‹‘„‹‡––‹˜‹Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹ ‹Â?–‡Â?ƒ†‹†‹•’‡”•‹‘Â?‡•…‘Žƒ•–‹…ƒ ‡†‹ÂŽÂƒÂ—Â”Â‡ÂƒÂ–Â‹ÇĄ‹Â?†‹…ƒÂ?†‘…‘Â?‡ ‹Â?–‡Â?†‘Â?‘”ƒ‰‰‹—Â?‰‡”‡–ƒŽ‹ ‘„‹‡––‹˜‹Ǥ ƒ‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡‡—”‘’‡ƒ ’”‡•‡Â?–‡”Â?ˆ”ƒ„”‡˜‡Â?—‘˜‹ ’ƒ”ƒÂ?‡–”‹†‹”‹ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘’‡” “—ƒÂ?–‘…‘Â?…‡”Â?‡ÂŽÇŻÂ‘……—’ƒ„‹Ž‹–Â?‡ ŽƒÂ?‘„‹Ž‹–Â?Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â”Â‡Â?†‹Â?‡Â?–‘Ǥ


͘͞

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

†‹–‘”‹ƒŽ‡ †ƒŽŽƒ’”‹�ƒ’ƒ‰‹�ƒ

  

Â†Â‹Â”Â‡Â–Â–Â‘Â”Â‡ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

Questo mondo, privo ormai di complessi in ordine ad una modernitĂ  di cui è pienamente partecipe, diviene il terreno di quella che il Papa definisce “nuova evangelizzazioneâ€?, sempre nel quadro di una realtĂ  di popolo. Una Chiesa di popolo in una vita di popolo, il popolo italiano, che Giovanni Paolo II accompagna in tanti frangenti, dalle pulsioni secessioniste dei primi anni Novanta al passaggio del Giubileo, alle scelte di politica internazionale,

di fronte alla pace ed alla guerra, nei Balcani e nel Medio Oriente. “Sono convinto che l’Italia come nazione ha moltissimo da offrire a tutta l’Europaâ€?. Lo ha scritto in una famosa lettera dell’Epifania 1994, al culmine della “crisi italianaâ€?. Può valere anche oggi come indicazione, per tutti. E nello stesso tempo può rappresentare anche il trait d’union con l’appello che Benedetto XVI ha fatto risuonare e il presidente della Cei cardinal

Bagnasco ha ripreso per una “nuova generazione di cattolici impegnati in politicaâ€?. Vino nuovo in otri nuovi, viene da dire, per il movimento dei cattolici in Italia, cosĂŹ da mettere a frutto quel patrimonio e quell’ereditĂ , che Giovanni Paolo II ha rinvigorito, in termini nuovi e persuasivi. A partire e sempre ritornando ad uno dei segreti di Karol Wojtyla, il coraggio delle opere sulla base della certezza della fede. (Francesco Bonini)

…—‘Žƒ

‘�—�‹…ƒœ‹‘�‹

ƒ”•‹—Â?ǯ‘’‹Â?‹‘Â?‡

Ž‘‰ƒ�‡ˆ”ƒ•‹ƒ‡ˆˆ‡––‘

—ƒŽ…Š‡‰‹‘”Â?‘ˆƒŠ‘‹Â?…‘Â?–”ƒ–‘—Â? …‘Â?’ƒ‡•ƒÂ?‘…Š‡Â?‹Šƒ…‘Â?ˆ‡••ƒ–‘†‹ Ž‡‰‰‡”‡”‡‰‘Žƒ”Â?‡Â?–‡Ž‡Â?‹‡‘’‹Â?‹‘Â?‹Ǥ ‘”’”‡•‘‡…‘Â?–‡Â?–‘†‡ŽŽƒ…‹”…‘•–ƒÂ?ÇŚ ÂœÂƒÇĄŽǯŠ‘”‹Â?‰”ƒœ‹ƒ–‘‡‰Ž‹Š‘•—‰‰‡”‹nj –‘†‹Â?‘Â?’”‡Â?†‡”Â?‹–”‘’’‘•—Ž•‡”‹‘Ǥ ƒ˜ƒÂ?–‹ƒ“—‡•–ƒÂ?‹ƒÂ”Â‹Â•Â’Â‘Â•Â–ÂƒÇĄÂ?‹Šƒ ˆƒ––‘—Â?ƒ’’—Â?–‘ǣDz—ƒÂ?†‘Â•Â…Â”Â‹Â˜Â‹ÇĄ…‹–‹ •’‡••‘‹’‡Â?•‹‡”‹†‹ÂƒÂŽÂ–”‹ǥÂ?ƒ°Â†Â‹ÂˆÂˆÂ‹Â…‹nj Ž‡…Š‡–—‡•’‘Â?‰ƒŽ‡–—‡…‘Â?˜‹Â?œ‹‘Â?‹Ǥ …”‹˜‹…Š‡…‘•ƒ’‡Â?•‹–—ǨdzǤ‘””‡‹†‡†‹nj …ƒ”‰Ž‹Žƒ’”‡•‡Â?–‡‘’‹Â?‹‘Â?‡Ǥ•’”‹Â?‡”‡ —Â?ǯ‘’‹Â?‹‘Â?‡‰‹‘”Â?ƒŽ‹•–‹…ƒÂ?‘Â?•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ •‘Ž‘‡•’‘””‡‹’”‘’”‹…‘Â?˜‹Â?…‹Â?‡Â?–‹•— —Â?ƒÂ?ƒ–‡”‹ƒ†‹†‹•…—••‹‘Â?‡Ǥ‹—––‘•–‘ ’—Ö‡••‡”‡—Â?•‡”˜‹œ‹‘ƒŽŽƒ…‘•…‹‡Â?ÇŚ œƒ…”‹–‹…ƒ†‹…Š‹Ž‡‰‰‡ǥ’‡”…Š¹•‹ƒ‡‰Ž‹ •–‡••‘ƒÇ˛ÂˆÂƒÂ”•‹—Â?ǯ‘’‹Â?‹‘Â?‡dzǤ‡”“—‡nj •–‘ǥ“—ƒÂ?†‘Â•Â…Â”Â‹Â˜Â‘ÇĄ…‹–‘‹Ž’‡Â?•‹‡”‘†‹ ƒŽ–”‡’‡”•‘Â?‡ǣ’‡”–‡Â?–ƒ”‡†‹ƒ––‹˜ƒ”‡ —Â?ƒÂ?‰‘Ž‘†‹”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡Â?‡ŽŽ‡Â?‡Â?–‹ †‹…Š‹Ž‡‰‰‡ǥ’‹—––‘•–‘…Š‡ƒ˜˜‹…‹Â?ƒ”Ž‡ ƒ…‹Ö…Š‡’‡Â?•‘‹‘Ǥ—––‘…‹ÖŽ‘…‘Â?ÇŚ ’‹‘‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡’”‘’”‹‘‹Â?Â˜Â‹Â”Â–ĂŽ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‰Â‘Â?‡Â?–‘‹Â?“—‡•–‹‘Â?‡Ǥ Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ †‹‘’‹Â?‹‘Â?‹•—ŽŽƒÂ•Â…Â—Â‘ÂŽÂƒÇĄ—–‹Ž‹’‡”Ž‘’‹Î ƒˆƒ”‡•…ƒŽ–”ƒ’‘Ž‡Â?‹…ƒ‘•–‡”‹Ž‡ÂƒÂ’‘Ž‘nj ‰‹ƒÂ?‡‹”‹‰—ƒ”†‹†‡ŽŽƒÇ˛Â”‹ˆ‘”Â?ÂƒÇł ‡ŽÂ?‹nj Â?‹ǥ…‡Â?‡•‘Â?‘‰‹Â?ƒ„„ƒ•–ƒÂ?œƒǤ‡”…‹Öǥ Â?‹’‹ƒ…‡‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ƒ”‡Žƒ•…—‘Žƒ…‘Â?‡ —Â?Ž—‘‰‘†‹…—‹Â?‘Ž–‹‰‹‘”Â?ƒŽ‹•‡Â?Â„Â”ÂƒÇŚ Â?‘‹‰Â?‘”ƒ”‡Žǯ‡•‹•–‡Â?œƒǤ—‘‰‘ˆƒ––‘ †‹ÂƒÂ—Ž‡ǥ†‹†‘…‡Â?–‹‡•–—†‡Â?–‹ǥ†‹ˆƒÂ?‹nj

‘Â?…‹•‘Â?‘’ƒ”‘Ž‡’‡”†‡ˆ‹Â?‹”‡Žƒ„‡nj …‡”ƒ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜ƒ†‡ŽŽƒ•‡†‹…‡Â?–‡••‘nj …‹ƒœ‹‘Â?‡†ƒŽŽƒ’ƒ”–‡†‡ŽŽƒ†‡Â?Â‘Â…Â”ÂƒÇŚ ÂœÂ‹ÂƒÇĄ…Š‡Šƒ–ƒ’’‡œœƒ–‘‹Â?—”‹†‹‹nj ŽƒÂ?‘…‘Â?Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–‹ÇŚƒ„—•‹˜‹ÇŚ”‡…ƒÂ?–‹ Žƒ•…”‹––ƒ„‹ƒÂ?…ƒ•—•ˆ‘Â?†‘”‘••‘Dz‹ƒ Ž‡”†ƒŽŽ‡’”‘…—”‡dzǤ ‘Ž‘”‘…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ƒ˜—–‘ÂŽÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ‡ ÂŽÇŻÂŠÂƒÂ?Â?‘Â?‡••ƒ‹Â?’”ƒ–‹…ƒ•‘Â?‘’‡”nj •‘Â?‡ƒ••‘Ž—–ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?…ƒ’ƒ…‹†‹†ƒ”‡ —Â?’‡•‘ƒŽŽ‡’ƒ”‘Ž‡‡ƒŽŽ‡ƒœ‹‘Â?‹…Š‡ ‡••‡’‘••‘Â?‘•—•…‹–ƒ”‡ǤÂ?‘Â?•‹’—Ö Â?‘Â?˜‡†‡”‡—Â?ƒ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‹–Â?‹Â?†‹nj ”‡––ƒ†‡Žˆƒ––‘ƒÂ?…Š‡‹Â?—Â?‘†‡‰Ž‹—Žnj –‹Â?‹ƒ––ƒ……Š‹†‡Ž’”‡Â?‹‡”‡”Ž—•…‘Â?‹ ƒŽŽƒÂ?ÂƒÂ‰Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ…Š‡Šƒ†ƒ–‘’‹Î†‹ —Â?’”‡–‡•–‘ƒ‰Ž‹ƒ—–‘”‹†‡‹Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–‹ ‹Â?“—‡•–‹‘Â?‡Ǥ ‡”…Š‹Â?‘Â?•‡Â?‡ˆ‘••‡ÂƒÂ……‘”–‘ǥ° †—Â?“—‡‹Â?‹œ‹ƒ–ƒŽƒ…ƒÂ?’ƒ‰Â?ƒ‡Ž‡–nj –‘”ƒŽ‡‹Â?˜‹•–ƒ†‡ŽŽ‡‡Ž‡œ‹‘Â?‹ƒÂ?Â?‹nj Â?‹•–”ƒ–‹˜‡†‡ŽÍ™Í?‡͙͞Â?ƒ‰‰‹‘…Š‡ ‹Â?–‡”‡••‡”ƒÂ?Â?‘‹ŽƒÂ?‘‡ƒŽ–”‹‰”ƒÂ?†‹ ‘Â?—Â?‹†ǯ –ƒŽ‹ƒǤ ÂŽ…ƒ’‘Ž—‘‰‘Ž‘Â?ÇŚ Â„ÂƒÂ”Â†Â‘ÇĄ…‘Â?‡Â?‘Ž–‡ƒŽ–”‡…‹––Â?ÇĄŠƒ …‘Â?‹Â?…‹ƒ–‘ƒ”‹‡Â?’‹”•‹†‹Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–‹‡ …‘•¿•ƒ”Â?ˆ‹Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”Âƒ†‡ŽŽ‡—”Â?‡Ǥ ǯ‹Â?’‡”ƒ–‹˜‘°…‘Ž’‹”‡‹Ž…‹––ƒ†‹Â?‘nj ‡Ž‡––‘”‡…‘Â?ˆ”ƒ•‹ƒÂ‡ÂˆÂˆÂ‡Â––‘ǥ•Ž‘‰ƒÂ? †‹ˆƒ…‹Ž‡Â?‡Â?‘”‹œœƒœ‹‘Â?‡ǥ’”‘Â?‡••‡ ƒ……ƒ––‹˜ƒÂ?–‹Ǥ‘…‘‹Â?’‘”–ƒ•‡†‹‡–”‘ Ž‡’ƒ”‘Ž‡•‹Â?ƒ•…‘Â?†ƒ‘Â?‡Â?‘—Â?ƒ ˜‡”‹–Â?ÇĄŽǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡°…‘Â?“—‹•–ƒ”‡‹Ž

‰Ž‹‡ǥ‹Â?…—‹‡•‹•–‡—Â?ƒ˜‹–ƒ†‹ƒ’’”‡Â?†‹nj Â?‡Â?–‘Â”Â‡ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ•‹Ž‡Â?œ‹‘•ƒ‡Â?‘Â?•‡Â?’”‡ …ƒ–ƒ•–”‘ˆ‹…ƒǤ‡”–—––‡“—‡•–‡Dz’‡”•‘nj Â?ÂƒÂŽÂ‹Çł”ƒ‰‹‘Â?‹ǥƒÂ?…Š‡•–ƒ˜‘Ž–ƒÂ?‘Â?Â?‹†‹nj •…‘•–‘†ƒ‹Â?‹‡‹‹Â?–‡Â?–‹‡˜‘””‡‹•—‰‰‡nj ”‹”‡ŽƒŽ‡––—”ƒ†‹—Â?Ž‹„”‘…Š‡”ƒ……‘Â?–ƒ —Â?’ƒ”–‡†‹•…—‘Žƒ†ƒÂ?‡…‘Â?•‹†‡”ƒ–ƒ ”‡ƒŽ‡‡†‹…—‹Â?‘Ž–‹–ƒ……‹‘Â?‘Ǥ1•…”‹––‘ †ƒ—ŽŽ‹‘‡ƒ—”‘Č‹Â?‹Â?‹•–”‘†‡ŽŽǯ •–”—nj œ‹‘Â?‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’”‹Ž‡͚͘͘͘ƒŽ‰‹—‰Â?‘ÍšÍ˜Í˜Í™ČŒ‡ ƒ”‹‘ ƒÂ?‡•†ƒŽ–‹–‘Ž‘Dz ‹‘”Â?‹†‹•…—‘ŽƒǤ ƒ‰‹Â?‡†‹†‹ƒ”‹‘†‹…Š‹…‹…”‡†‡ƒÂ?Â…Â‘Â”ÂƒÇłÇĄ ‡†‹–‘†ƒŽŽƒ”‹Â?•‘Â?ǤÂ?–‡•–‘‹Â?…—‹‰Ž‹ ƒ—–‘”‹ŠƒÂ?Â?‘†ƒ–‘˜‘…‡ƒŽŽ‡–‡•–‹Â?‘nj Â?‹ƒÂ?œ‡†‹˜‹–ƒ†‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹†‹‘‰Â?‹‘”nj †‹Â?‡‡‰”ƒ†‘Â•Â…Â‘ÂŽÂƒÂ•Â–Â‹Â…Â‘ÇĄÂ?‘Â?…Š¹†‹†—‡ †‹”‹‰‡Â?–‹•…‘Žƒ•–‹…‹ǤÂŽ•—‘‹Â?–‡”Â?‘Š‘ ƒ˜—–‘‹Ž’‹ƒ…‡”‡†‹Ž‡‰‰‡”‡“—‡•–‡Â’ÂƒÇŚ ”‘Ž‡†‹—Â?‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‡†‹•…—‘Žƒ’”‹Â?ÂƒÇŚ Â”Â‹ÂƒÇŁDz‹ƒÂ?‘ˆƒ––‹…‘•¿ǣ’‡”…‘Â?’”‡Â?†‡”‡ “—ƒŽ…‘•ƒ…‹˜—‘Ž‡—Â?Â?‘Â?‡Â?–‘†‹•‘nj •’‡Â?•‹‘Â?‡†‡Ž’‡Â?•‹‡”‘ǤŽŽ‘”ƒ•‹ƒ’”‡ Žƒ’‘”–ƒ†‡ŽŽƒ…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‡…‘Â?‡—Â?ƒ ’—’‹ŽŽƒ…Š‡•‹†‹Žƒ–ƒ‡…Š‡ˆƒ‡Â?–”ƒ”‡’‹Î Ž—…‡Â?‡ŽŽƒÂ?‡Â?–‡dzȋ’ǤÍœÍ™ČŒÇ¤ˆˆ‡”Â?ƒ”‡ …Š‡ƒ•…—‘Žƒ•‹…‘Â?‹Â?…‹ƒĠƒ’’”‡Â?ÇŚ †‡”‡…‘Â?‹Ž•‘•’‡Â?†‡”‡ÂŽÇŻÂƒÂ––‹˜‹–Â?†‡Ž ’‡Â?•‹‡”‘’‘–”‡„„‡•‡Â?„”ƒ”‡•…‹‘……‘ƒ …Š‹‘‰‰‹Šƒ…‡”–‡‘’‹Â?‹‘Â?‹•—ŽŽƒ•…—‘ŽƒǤ ÂƒÇĄ•‘Â?‘…‡”–‘ǥÂ?‘Â?ƒ’’ƒ”‹”‡„„‡–ƒŽ‡ƒ …Š‹ƒ˜‡••‡…‘Â?’”‡•‘‹Ž•‡Â?•‘†‹“—‡ŽŽƒ DzÂ?Â‡Â”ÂƒÂ˜Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇł†‹…—‹Â’ÂƒÂ”ÂŽĂ–‹Ž•ƒ‰‰‹‘Â?ÂƒÇŚ ‡•–”‘”‹•–‘–‡Ž‡Ǥ

  

  

…‘Â?•‡Â?•‘‡Ž‡––‘”ƒŽ‡Ǥ Ž‡ƒ†‡”’‘Ž‹–‹…‹ Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹Â?‘Â?•‹ˆƒÂ?Â?‘•ˆ—‰‰‹”‡Žǯ‘…nj …ƒ•‹‘Â?‡‡ǥƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽ…‹–ƒ–‘’”‡•‹nj †‡Â?–‡†‡Ž‘Â?•‹‰Ž‹‘…Š‡°•…‡•‘‹Â? …ƒÂ?’‘ƒ•‘•–‡‰Â?‘†‡‹…ƒÂ?†‹†ƒ–‹†‡Ž †Žǥ…‡”…ƒÂ?‘†‹…‘Â?“—‹•–ƒ”‡‹Žˆƒ˜‘”‡ †‡ŽŽ‡ˆ‘ŽŽ‡ƒÂ?…Š‡ƒ•—‘Â?†‹’”‘…ŽƒÂ?‹ ‹Â?…‡Â?†‹ƒ”‹‡†‹ƒÂ?Â?—Â?…‹…Š‡Â•Â–Â”ÂƒÂ˜Â‘ÂŽÇŚ ‰‘Â?‘‹Ž•‡Â?•‘†‡ŽŽƒ”‡ƒŽ–Â?Ǥǯ‹Â?’‘”nj –ƒÂ?–‡ǥƒÂ?…Š‡‹Â?“—‡•–‘Â…ÂƒÂ•Â‘ÇĄ°…‘Žnj ’‹”‡Žǯ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?ƒ”‹‘†‡ŽŽƒÂ?ƒ••ƒ‡†‡‹ •‹Â?‰‘Ž‹‹Â?Â?‘†‘…Š‡Ž‡—”Â?‡†‹ƒÂ?‘‹Ž ”‹•—Ž–ƒ–‘•’‡”ƒ–‘Ǥ ‡”‹…‹––ƒ†‹Â?‹ÂŽÇŻÂƒÂ’’”‘••‹Â?ƒ”•‹†‡ŽŽƒ •…ƒ†‡Â?œƒ‡Ž‡––‘”ƒŽ‡†‘˜”‡„„‡‡••‡”‡ ÂŽÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡’‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒ”•‹ÂƒÂ†Â‡Â‰Â—ÂƒÂ–ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‡•—…‹Ö…Š‡Č‹Â?‘Â?ČŒŠƒÂ?Â?‘ˆƒ––‘ ‰Ž‹ƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒ–‘”‹—•…‡Â?–‹ǥ•—‹’”‘nj ‰”ƒÂ?Â?‹†‡‹…ƒÂ?Â†Â‹Â†ÂƒÂ–Â‹ÇĄ•—ŽŽ‡”ƒ‰‹‘Â?‹ ’‡”…—‹˜ƒŽ‡Žƒ’‡Â?ƒ†ƒ”‡‹Ž’”‘’”‹‘ ˜‘–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—Â?‘‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–Â”Â‘Ç¤

Â?‡†‹ƒ†‘˜”‡„„‡”‘ƒ‰‡˜‘Žƒ”‡Ž‘ •…ƒÂ?„‹‘‡‹Ž…‘Â?ˆ”‘Â?–‘•—‹…‘Â?–‡Â?—nj –‹†‹’—„„Ž‹…‘‹Â?–‡”‡••‡’”‘†‘––‹†ƒŽ •‹•–‡Â?ƒ’‘Ž‹–‹…‘ǥ’‘Â?‡Â?†‘•‹…‘Â?‡ ˆ‘Â?–‹†‹…‘Â?‘•…‡Â?œƒ‡…Š‹ƒ˜‹†ǯ‹Â?–‡”nj ’”‡–ƒœ‹‘Â?‡†‹“—ƒÂ?–‘ƒ……ƒ†‡Ǥƒ …‘•¿Â?‘Â?°‡Žƒ†‡”‹˜ƒ˜‡”•‘Žƒ†‡‰‡nj Â?‡”ƒœ‹‘Â?‡†‹–‘Â?‹‡…‘Â?’‘”–ƒÂ?‡Â?–‹ °•‘––‘‰Ž‹‘……Š‹†‹–—––‹Ǥ‘Â?•‡Â?„”ƒ –”ƒÂ?‘Â?–ƒ–ƒÂŽÇŻÂ‹Â†Â‡Âƒ…Š‡‹Â?‘‰Â?‹…ƒ•‘ ˜‹Â?…‡…Š‹ƒŽœƒ†‹’‹ÎŽƒÂ˜Â‘…‡ǥ“—ƒŽ—Â?ÇŚ “—‡…‘•ƒ†‹…ƒǤ

     

/DSDXUDGHOSRSRORFKHSDUOD Ci sono dei fatti che a prima vista appaiono incoerenti, ma che in realtĂ  nascondono coerenze inconfessabili, o quasi. Nucleare. Era un ďŹ ore all’occhiello del governo. La tragedia giapponese ha provocato un rinvio. Incoerenza? Percezione del rischio sicurezza? No, paura del referendum. Lo avevano capito tutti, ma il signor B lo ha detto papale papale. Ăˆ stato un evento epocale perchĂŠ le volte in cui il signor B ha detto la veritĂ  si possono contare su un dito (una mano sarebbe troppo). Ma la vera paura del signor B e dei suoi compari di merende sono i referendum in generale. CosĂŹ, dopo aver buttato al vento denaro pubblico (300 milioni di euro) per evitare l’accorpamento con le elezioni amministrative, non sono tranquilli e ne inventano una al giorno per non correre rischi. Tutto questo da parte di gente che non perde occasione per dire che la Costituzione deve essere riformata perchĂŠ non rispetta l’unico vero potere, quello del popolo. GiĂ  detto, ma è bene ripeterlo: quelli che parlano ogni giorno in nome del popolo, possono farlo a patto che il popolo taccia.

Giustizia sequestrata. Mentre la grande riforma resta uno slogan, il Parlamento sta varando in fretta e furia provvedimenti isolati. Come quello sulla prescrizione breve che, secondo la versione ufďŹ ciale della maggioranza, dovrebbe portare al processo breve. Però al Senato si sta discutendo un altro provvedimento sul processo lungo. Infatti si vuole cambiare la regola vigente secondo la quale il Tribunale decide quali testimoni ammettere al processo e quali no. Secondo la nuova norma la

‡–”‡•‹Â?’ƒ–‹…Š‡ •…‹Â?Â?‹‡•‘Â?‘ †‹˜‡Â?–ƒ–‡‹Ž•‹Â?„‘Ž‘ †‹…Š‹Â?‘Â?Â˜Â‡Â†Â‡ÇĄÂ?‘Â? •‡Â?–‡ǥÂ?‘Â?’ƒ”Žƒ ’‡”Â?‘Â?’‡”†‡”‡‹Ž ˆƒ˜‘”‡†‡‹’‘–‡Â?–‹

difesa potrĂ  presentare tutti i testimoni che vuole. Il che può allungare i processi all’inďŹ nito. Allora, processo breve o processo lungo? La risposta è semplice: processo lungo con prescrizione breve signiďŹ ca cancellazione delle sentenze. Le subiranno solo quei disperati che non hanno rubato a sufďŹ cienza per pagarsi un avvocato di quelli giusti (meglio se parlamentare) per prolungare all’inďŹ nito la sďŹ lata dei testimoni. Intanto saranno puriďŹ cati molti peccatori. Chi sarĂ  il primo dei

miracolati? Niente premi a chi indovina. Troppo facile. Brigatisti. Roberto Lassini, candidato alle prossime elezioni comunali di Milano per il Popolo della libertĂ , ha afďŹ sso abusivamente dei manifesti rossi con la scritta a carattere cubitali: “Via le Br dalle Procureâ€?. Il presidente della Repubblica Napolitano li ha deďŹ niti una “ignobile provocazioneâ€?. La Moratti ha detto: via lui o via io. Lassini si è giustiďŹ cato dicendo che aveva messo sui

muri quello che il signor B ripete da tempo, ma ha anche scritto a Napolitano una lettera per scusarsi e per assicurare che nel caso venisse eletto (il suo nome non può essere cancellato dalle liste) si sarebbe dimesso. Proposito che non è durato 48 ore, perchĂŠ il signor B (condivide le provocazioni ignobili, anzi è socio di maggioranza) si è schierato dalla sua parte e adesso ci sono dei fan che stanno facendo propaganda elettorale per lui. ResterĂ  e la Moratti non se ne andrĂ . Scommettiamo? Anche qui senza premi. Cambiamento del primo articolo della Costituzione proposto da uno del Pdl. Il 10 ottobre 2008, concludevo un corsivo dedicato ad alcuni interventi del signor B sulla Costituzione con queste parole: â€œâ€Ś avrei una proposta da fare. Una riforma radicale della Costituzione, cosĂŹ risolviamo un sacco di problemi una volta per tutte. Suggerisco di varare una nuova Costituzione con un solo brevissimo articolo: ‘L’Italia è un Paese fondato su Silvio Berlusconi’...â€?. La realtĂ  supera spesso la fantasia: ci stiamo arrivando.


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

͘Í&#x;

�„‡†‹œœ‘Ž‡•‡•—‰Ž‹•…—†‹

‹—•‡’’‡ÂƒÂ’Â—ÂœÂœÂ‹ÇĄ—Â?‘†‡‹‹ŽŽ‡



 

Non solo monumenti per ricordare la sosta di Garibaldi a Bedizzole, ma c’è anche un bedizzolese – Giuseppe Capuzzi – tra i mille a ďŹ anco dell’eroe di Caprera. All’inizio del centro storico, per chi arriva da Brescia, c’è una via in localitĂ  Valpiana dedicata al garibaldino dei Mille Giuseppe Capuzzi. Capuzzi era nato a Bedizzole il 27 novembre del 1825; si formò negli studi del collegio di Desenzano per poi passare all’Ateneo di Padova. Si arruolò

œƒÂ?ƒ”†‹Â?Â‹ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

volontario alla prima campagna del Risorgimento, mentre nel decennio 1849-1859 pubblicò articoli sui giornali di Brescia e Milano. Partecipò alla battaglia di San Fermo e l’anno dopo, cioè nel 1860, si distinse subito a Quarto con i Mille nella campagna di Sicilia. Durante una sosta delle operazioni militari, a Palermo, scrisse note importanti che poi servirono a pubblicare il libro dal titolo “La spedizione di Garibaldi in Sicilia – memorie di un volontarioâ€?. Poi

nel 1866, giovane sposo, accorse con Garibaldi nel Trentino dove venne promosso capitano. Tornò poi in famiglia, riprendendo il suo posto di vicesegretario del Comune di Brescia, e di segretario amministrativo della Biblioteca Queriniana. Nel 1882 Capuzzi fondò e diresse il giornale democratico “L’Avampostoâ€?, mentre per parecchi anni lavorò come redattore del giornale â€?La Provincia di Bresciaâ€?. Si spense a Brescia il 28 giugno del 1891. (Carlo Bresciani)



‡†‹œœ‘Ž‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ™ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ Â?ƒ‰‰‹‘

,OGRQRGHLVDFUDPHQWL XQ¡HUHGLWjGDULODQFLDUH ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?˜‹˜‡—Â?ƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒ‹Â?–‡Â?•ƒ†‹•’‹”‹–—ƒŽ‹–Â?ƒ…‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘‰‹—„‹Žƒ”‡‹Â?†‡––‘’‡”‹ŽÍšÍ?Í˜Îť†‡ŽŽƒ …‘Â?•ƒ…”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡Ǥƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ…Ž‘—°†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ Â?ƒ‰‰‹‘…‘Â?‹Ž…ƒ”†ǤƒŽ˜ƒ–‘”‡‡ ‹‘”‰‹    

/

a parrocchia di Bedizzole, a conclusione dell’anno giubilare per fare memoria del 250° della Consacrazione del suo tempio eretto in onore di S. Stefano, vive dall’1 all’8 maggio alcuni momenti intensi di spiritualitĂ . Il tema è “Dio celebra oggi la salvezza con il dono dei sacramenti nella Chiesaâ€?. Per riscoprire qual è il compito principale dell’essere Chiesa, è fondamentale ricordare che attraverso i sacramenti la comunitĂ  celebra la salvezza: “Il battesimo – scrive su ‘Vita Nostra’ il parroco don Francesco Dagani – ci fa Chiesa, ci offre la vita di Dio, ci fa parte del popolo di Dio; la riconciliazione ci restituisce quella grazia che abbiamo rifiutato con il peccato; l’eucaristia e la confermazione, obiettivi dell’iniziazione cristiana, sono il pane di vita e la forza dello Spirito per vivere in pieno la nostra vocazione battesimale; il matrimonio consacra il nostro amore, l’Ordine conferisce ad alcuni fratelli scelti il servizio sacerdotale; l’unzione degli infermi è la medicina degli ammalatiâ€?. Ecco allora che è stata pensata una settimana liturgica per rivivere i sette sacramenti e rendere lode a Dio “presente nella nostra Chiesa localeâ€?. La settimana, che si apre l’1 maggio con la Messa presieduta nella parrocchiale alle 18.30 da mons. Olmi, si conclude l’8 maggio (festa dei compatroni Ermo-

    

ÂŽ’ƒ””‘…‘†‘Â? ”ƒÂ?…‡•…‘ ƒ‰ƒÂ?‹ǣDz––”ƒ˜‡”•‘‹ •ƒ…”ƒÂ?‡Â?–‹Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â? …”‹•–‹ƒÂ?ƒ…‘Â?–‹Â?—ƒƒ …‡Ž‡„”ƒ”‡ŽƒÂ•ÂƒÂŽÂ˜Â‡ÂœÂœÂƒÇł ’‡””‹•…‘’”‹”•‹Š‹‡•ƒ lao e Acacio) con la concelebrazione alle 17.30 del card. Salvatore De Giorgi con la benedizione papale e l’indulgenza concessa dalla Penitenzieria apostolica. Saranno presenti i sacerdoti nativi e quelli che hanno operato

a Bedizzole. De Giorgi, 80 anni, attualmente è membro della Congregazione per il clero, del Pontificio consiglio per i laici, del Pontificio consiglio per la famiglia e della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti. Dal dicembre 2006, per raggiunti limiti di età, è arcivescovo emerito di Palermo; nel 2007 è stato nominato dalla Cei presidente della Federazione italiana esercizi spirituali. L’anno giubilare si era aperto nell’aprile 2010 con mons. Monari. Tornando alla settimana, sono stati pensati alcuni appuntamenti con inizio alle 20.30 nella parrocchiale: lune-

dĂŹ 2 maggio il vicario generale, mons. Gianfranco Mascher, fa memoria del battesimo; il 3 mons. Carlo Bresciani presiede l’adorazione eucaristica sull’ordine sacro; il 4 don Angelo Treccani affronta il tema del matrimonio per una “famiglia frammento vivo della Chiesaâ€?; il 5 maggio la celebrazione e l’invocazione dello Spirito Santo è presieduta da don Adriano Bianchi; il 6 maggio alle 15 don Maurizio Funazzi incontra gli ammalati, mentre alle 20.30 mons. Franco Bertoni guida una celebrazione penitenziale; sabato 7 maggio, alle 15, don Diego Facchetti fa una celebrazione mariana.

      

,OƒGHOODIDQIDUDGHLEHUVDJOLHUL I bersaglieri di Bedizzole con il loro presidente Gianfranco Amicabile stanno allestendo un appuntamento importante per ricordare i 150 anni dell’UnitĂ  d’Italia e il 25° di fondazione della fanfara bersaglieri “A. Carettoâ€? di Bedizzole. Si inizia il 2 giugno alle 10 con l’apertura della mostra dedicata ai 150 anni dell’UnitĂ  d’Italia e alla storia dei bersaglieri con cartoline, fotograďŹ e, poesie e cimeli storici legati al mondo dei

bersaglieri. Sarà l’occasione per presentare anche il nuovo cd della Fanfara e il numero unico sulla storia del sodalizio che conterrà le immagini del gruppo e alcuni cenni storici. Se il 3 giugno sarà dedicato al torneo di calcio, il 4 giugno alle 18.30 c’è la Santa Messa nella chiesa parrocchiale per commemorare tutti i Caduti delle guerre; alle 21 in piazza Europa si esibisce in concerto la fanfara di Bedizzole. La

conclusione della manifestazione è afďŹ data, domenica 5 giugno alle 9, al raduno dei bersaglieri provinciali (nella foto la sezione di Desenzano) e saranno presenti anche bersaglieri provenienti da tutto il Nord Italia, in particolare sďŹ leranno al passo di corsa per le vie di Bedizzole quattro delle migliori fanfare. La giornata terminerĂ  con il pranzo presso il ristorante “Due Cigniâ€?. Bedizzole è pronta a esporre il tricolore.

ÂŽ͚ͥƒ’”‹Ž‡

ÂŽ†˜† •—ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡ ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ‡ ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡ ƒ…‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ ‰‹—„‹Žƒ”‡’‡”‹ŽÍšÍ?Í˜Îť†‡ŽŽƒ …‘Â?•ƒ…”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ ’”‘’‘Â?‰‘Â?‘ƒÂ?…Š‡†—‡ ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹…—Ž–—”ƒŽ‹Ǥ

‹—•–‘”‹…‘”†ƒ”‡…Š‡†—”ƒÂ?–‡ ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ǥ…‘”•‹†‹Â–Â‡Â‘ÂŽÂ‘Â‰Â‹ÂƒÇĄ ’—„„Ž‹…ƒœ‹‘Â?‹ǥÂ?‘•–”‡‡ …‘Â?…‡”–‹ƒ˜‡˜ƒÂ?‘Â?‡••‘‹Â? ”‹Ž‹‡˜‘‹Ž”—‘Ž‘†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ Â?‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?ÇŁDzǯ‹Â?’‡‰Â?‘ †‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒČ‚•’‹‡‰ƒ‹Ž ’ƒ””‘…‘†‘Â?ƒ‰ƒÂ?‹Č‹Â?‡ŽŽƒ ÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒČ‚°“—‡ŽŽ‘†‹†‹˜‡Â?–ƒ”‡ •‡Â?’”‡†‹’‹Î—Â?ƒŠ‹‡•ƒ ’”‘ˆ‡–‹…ƒ‡Â?‹••‹‘Â?ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇłÇ¤ ‡Â?‡”†¿͚ͥƒ’”‹Ž‡ƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘ ’”‡••‘‹Ž–‡ƒ–”‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹Â‘ ˜‹‡Â?‡’”‡•‡Â?–ƒ–‘‹Ž†˜† •—ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?–‘ –‡ˆƒÂ?‘”‡ƒŽ‹œœƒ–‘†ƒ‘…‡ ‡†‹ƒ…‘Â?‹Ž’ƒ–”‘…‹Â?‹‘ †‡ŽŽƒ•‘––‘…‘Â?Â?‹••‹‘Â?‡ ƒ–‡…Š‡•‹ƒ––”ƒ˜‡”•‘ ÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‡Ç¤1—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡’‡” …‘Â?‘•…‡”‡Žƒ•–‘”‹ƒ†‡Ž ’”‘’”‹‘–‡Â?’‹‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘‹ •—‘‹†‹’‹Â?–‹‡Žƒ•—ƒ•–”—––—”ƒ ƒ”…Š‹–‡––‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄŽƒ•–‘”‹ƒ †‹—Â?Ž—‘‰‘˜‹˜‘Â?‡Ž“—ƒŽ‡ Žƒ…‘Â?—Â?‹–Â?•‹”‹–”‘˜ƒ‹Â? ’”‡‰Š‹‡”ƒ†ƒÍšÍ?͘ƒÂ?Â?‹Ǥ‡” …Š‹’ƒ”–‡…‹’ƒ…‹•ƒ”Â?ƒÂ?…Š‡ Žǯ‘’’‘”–—Â?‹–Â?†‹ƒ…“—‹•–ƒ”‡ ‹Ž†˜†Ǥƒ„ƒ–‘Í&#x;Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄ ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ‹Â?…Š‹‡•ƒƒŽŽ‡͚͘Ǥ͜Í? ‹Ž…‘Â?•‡”˜ƒ–‘”‹‘†‹”‡•…‹ƒ •‹‡•‹„‹•…‡‹Â?—Â?…‘Â?…‡”–‘ †‹Â?—•‹…ƒ•ƒ…”ƒ†‹”‡––‘†ƒ ‹Ž˜‹‘ƒ”ƒ……‘Ǥ‡””ƒÂ?Â?‘ ‡•‡‰—‹–‹„”ƒÂ?‹†‹ƒ…ŠČ‹—‹ƒ ‡•’‡š‹–’‡”•‘’”ƒÂ?‘‡ ‘”‰ƒÂ?‘‡—•…‡’‹– •”ƒ‡Ž’‡” …‘”‘‡‘”‰ƒÂ?Â‘ČŒÇĄ ƒ‡Â?†‡Ž Č‹‘Â?…‡”–‘’‡”‘”‰ƒÂ?‘‡ƒ”…Š‹ ‡ƒŽ˜‡‡‰‹Â?ÂƒČŒ‡‘œƒ”– Č‹‡••ƒ‹Â?†‘Â?ƒ‰‰‹‘”‡ ͚͚͘’‡”•‘Ž‹ǥ…‘”‘‡’‹……‘Žƒ Â‘Â”Â…ÂŠÂ‡Â•Â–Â”ÂƒČŒÇ¤‹˜‹‘Ž‹Â?‹ƒ—”ƒ —•…‹–‘‡ƒ—”‘Â‘Â˜Â‡Â–Â–ÂƒÇĄ ƒŽŽƒ˜‹‘ŽƒÂ?ƒÂ?—‡Žƒ‘•…‘ǥ ƒŽ˜‹‘Ž‘Â?…‡ŽŽ‘ ƒ„”‹‡Ž‡ ‹‰Ž‹‘Ž‹‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‘”‰ƒÂ?‘‘„‡”–‘ ƒ…Ž‘†‹‘Ǥ


͘͠

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‘Â?—Â?‡ Çł ‡Â?‹–‘”‹‹Îdz’‡”Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‡…‘Â?‹„‹Â?„‹†ƒœ‡”͘ƒ–”‡ƒÂ?Â?‹ Chi ha ďŹ gli dagli zero ai tre anni sa che questa è un’etĂ  difďŹ cile da gestire e necessita di un confronto continuo con degli operatori qualiďŹ cati. Prosegue il ciclo di incontri e lo sportello di consulenza educativa a supporto del ruolo genitoriale e il benessere complessivo delle famiglie con bambini da zero a tre anni. “Genitori PiĂšâ€? è un’iniziativa del Comune di Brescia in collaborazione con l’Asl di Brescia e il Forum

delle Associazioni familiari. Si rivolge ai genitori dei bambini frequentanti i nidi d’infanzia della cittĂ  di Brescia e ha come obiettivo prioritario quello di supportare la famiglia nei compiti educativi e di crescita dei propri ďŹ gli attraverso occasioni di riessione, confronto, dialogo e arricchimento reciproco tra genitori, coadiuvati dall’interno di un esperto. Il 28 aprile, presso l’asilo nido Primavera di via Micheli 2 (tel. 0303533314) alle

20.30 viene affrontato il tema: “Le patologie pediatriche piĂš diffuse nei bambini da zero a tre anniâ€?. Conduce la dr.ssa Concetta Forino del Forum delle Associazioni familiari. Il 5 maggio alle 18, presso l’asilo nido “Cuccioloâ€? di via Raffaello 200 si parla di “La prevenzione degli incidenti domesticiâ€?; la relazione è tenuta da un operatore dell’Asl. Il 12 maggio, sempre alle 20.30, presso l’asilo nido “Mondo del coloreâ€? di via Panigada si discute

di “SarĂ  pronto per andare alla scuola dell’infanzia?â€?. I dubbi, le perplessitĂ  e le preoccupazioni dei genitori. Conduce la psicologa dr.ssa Anna Cossandi. Ăˆ attivo anche lo sportello di consulenza educativa completamente gratuito messo al servizio delle famiglie i cui bambini frequentano gli asili nido comunali. Si riceve previo appuntamento telefonico alla segreteria del servizio prima infanzia: telefono 030/2977850.

   ”‡•…‹ƒ‘Ž‹–‹…ƒ

&OLPDDYYHOHQDWR GDSDUROHXUODWH

ˆ‹•…Š‹†‹’‹ƒœœƒ‘‰‰‹ƒƒƒ”‘Ž‹‡ ‡Â?ƒ”‘Ž‹•‘Â?‘•‘Ž‘Žƒ’—Â?–ƒ†‡ŽŽǯ‹…‡„‡”‰Ǥƒ’‘Ž‹–‹…ƒ …‘Â?Ž‡•…Š‡”Â?ƒ‰Ž‹‡–”ƒÂ?ƒ‰‰‹‘”ƒÂ?œƒ‡‘’’‘•‹œ‹‘Â?‡Â?‘Â?ƒ‹—–ƒƒ”ƒ••‡”‡Â?ƒ”‡‰Ž‹ƒÂ?‹Â?‹    

,

fischi nel giorno della commemorazione del 25 aprile non sono certo una novità, ma sono quasi (purtroppo) una costante degli ultimi anni. Non solo in Italia, ma anche a Brescia: nella Leonessa il sindaco Paroli e il presidente dell’Anpi provinciale Fenaroli sono stati oggetto di urla e insulti. Non sono segnali positivi. Un sistema democratico deve avere gli anticorpi per far fronte alle manifestazioni legittime di dissenso, ma deve allo stesso tempo fare quadrato di fronte alla violenza fisica e verbale. Non si può continuare a minimizzare i fatti. PiÚ volte il presidente Napolitano ha ricordato alla classe politica l’importanza di una parola non urlata nei confronti dell’avversario di turno. Il messaggio di una maggiore sobrietà nei toni andrebbe rivolto anche alla politica di casa nostra dove le dichiarazioni giorno dopo giorno si sprecano in una rincorsa continua con accuse da una parte e dall’altra. Ma le parole hanno

‹”‡•’‹”ƒ‰‹Â?—Â?ÇŻÂƒÂ”Â‹Âƒ †‹Ž—Â?‰ƒ…ƒÂ?’ƒ‰Â?ƒ Â‡ÂŽÂ‡Â–Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇĄÂ?ƒ•—Ž–ƒ˜‘Ž‘ ”‡•–ƒÂ?‘ƒŽ…—Â?‹Â?‘†‹†ƒ •…‹‘‰Ž‹‡”‡’‡”‹Žˆ—–—”‘ †‡ŽŽƒ‡‘Â?‡••ƒ un peso. L’ultima vicenda cittadina fa riferimento alla questione delle carte di credito utilizzate dal sindaco e da alcuni assessori della Loggia: dopo l’indagine della magistratura il caso è stato chiuso, ma c’è chi come l’assessore Labolani minaccia di adire le vie legali. Proviamo a fare chiarezza. Il giudice delle indagini preliminari di Brescia ha accolto la richiesta d’archiviazione dell’inchiesta sull’uso illecito di carte di credito comunali da parte del sindaco Paroli e di nove assessori. Secondo quanto emerso, ammontavano a circa 43 mila euro le spese che non potevano considerarsi

di rappresentanza, compiute da nove assessori su dieci e dal sindaco. L’inchiesta si era chiusa con l’ipotesi di reato di peculato per tutti gli indagati. Nella maggior parte dei casi l’utilizzo contestato riguardava le cene. Per il giudice Bonamartini gli amministratori della cittĂ  – tranne l’assessore allo Sport Massimo Bianchini che non è mai stato indagato – hanno utilizzato gli strumenti di pagamento “in maniera difforme dalle previsioni del regolamento comunale, ma i pagamenti non possono considerarsi posti in essere per finalitĂ  strettamente personali’’. SarĂ  difficile, però, svelenire il clima creatosi fra maggioranza e opposizione. Paroli, che aveva rimborsato i 49mila euro spesi dalla giunta, ha parlato apertamente di una frattura nei rapporti. Dal punto di vista giudiziario la vicenda è chiusa, ma restano – senza cadere nella retorica – delle forti perplessitĂ  della gente della strada per delle spese di rappresentanza non sempre necessarie (ci sono anche

  ÍšÍ?   



i pranzi con i giornalisti) e che come ha ripetuto anche l’opposizione potevano essere utilizzate per fare altre scelte. La sensazione è che questa ennesima querelle non faccia altro che allontanare i cittadini dai loro rappresentanti. Sul tavolo restano alcuni problemi da risolvere, piÚ preferibilmente insieme. Il tema della viabilità, la territorialità di A2A, la riqualificazione della zona di San Polo, l’esodo delle coppie bresciane verso l’hinterland cittadino, il campus universitario

alla Randaccio (la caserma è passata dal Viminale alla Loggia), il prolungamento della metropolitana e la qualità dell’aria (i tumori, fonte Istat, sono la prima causa di decessi a Brescia), solo per fare alcuni esempi. C’è poi il grande capitolo del Piano di governo del territorio che interroga i politici di oggi, ma soprattutto avrà ricadute sulla città di domani. L’importante è che il tutto non rientri nell’agone elettorale con una campagna lunga due anni. Sarebbero troppi.

‘�—�‡‘˜‹–�

$RWWREUHLO&HQVLPHQWR GHOOHSHUVRQHHGHOOHFDVH

‡”Žƒ’”‹Â?ƒ˜‘Ž–ƒŽ‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡”‹…‡˜‡”ƒÂ?Â?‘‹Ž “—‡•–‹‘Â?ƒ”‹‘’‡”Â’Â‘Â•Â–ÂƒÇŁ ’‘–”ƒÂ?Â?‘‡••‡”‡‹Â?˜‹ƒ–‹ ˜‹ƒ™‡„‘”‹…‘Â?•‡‰Â?ƒ–‹ ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘…‘Â?—Â?ƒŽ‡

Quanti siamo? Quanto siamo aumentati o diminuiti? Quali le etnie prevalenti o le zone a piÚ alta densità abitativa? A ottobre 2011 prenderà il via il 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni: si tratta di un importante impegno che si realizza, con cadenza decennale, contemporaneamente su tutto il territorio nazionale. Il Censimento è l’occasione per fornire una fotografia dettagliata di tutti i Comuni italiani, per acquisire informazioni sul numero e le caratteristiche della popolazione, delle abitazioni e degli edifici. Novità del 15° Censimento generale, introdotte allo scopo di agevolare i cittadini: le famiglie riceveranno il questionario per posta; i que-

stionari potranno essere compilati ed inviati via web, oppure spediti per posta o riconsegnati all’Ufficio comunale di Censimento, o ai centri di raccolta autorizzati, o restituiti al rilevatore incaricato dal Comune. La data di riferimento del Censimento è fissata al 9 ottobre 2011: la popolazione residente e quella presente sono individuate con riferimento alla mezzanotte tra l’8 e il 9 ottobre 2011. Nel Comune di Brescia i cittadini potranno recarsi presso le sedi di numerose realtà associative del territorio, quali ad esempio i Caaf – il cui elenco verrà successivamente pubblicato - dove saranno aiutati nella compilazione e restituzione telematica dei questionari.



ƒŽƒœœ‘‘‰‰‹ƒ ƒ‡•‹•–‡�œƒ ”ƒ……‘�–ƒ–ƒ‹�†˜†

‹ŽŽƒ‰‰‹‘‹‘Ž‹�‘ ƒ’ƒ••‹‘�‡ ˜‹˜‡�–‡

”ƒƒŽ…—Â?‹ƒÂ?Â?‹Žƒ‡•‹•–‡Â?œƒ•ƒ”Â? Â?ƒ””ƒ–ƒ†ƒ‰Ž‹•–‘”‹…‹ǥÂ?‡Â?–”‡•‹ ’‡”†‡”Â?Žƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ†‹”‡––ƒ †‡‹’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‹“—‡‰Ž‹ƒÂ?Â?‹Ǥ ÇŻÂ?’‹ǥŽ‡ ‹ƒÂ?Â?‡‡”†‹ǥÂŽÇŻ”…Š‹˜‹‘ •–‘”‹…‘†‡ŽŽƒ‡•‹•–‡Â?œƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒ ‡†‡ŽŽǯ‡–Â?…‘Â?–‡Â?’‘”ƒÂ?Â‡ÂƒÇĄŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡—‹‰‹‹…Š‡Ž‡––‹‡”‡ˆ ’”‡•‡Â?–ƒÂ?‘ǥ˜‡Â?‡”†¿͚ͥƒ’”‹Ž‡ƒŽŽ‡ Í™Í&#x;Ǥ͛͘Â?‡Ž•ƒŽ‘Â?‡ƒÂ?˜‹–‡ŽŽ‹ƒÂ?‘ǥ‹Ž †‘…—Â?‡Â?–ƒ”‹‘DzƒŽ‹„‡”–Â?…‘•–ƒ …ƒ”ƒÂ?‘Ž–‘dzǣ˜‘Ž–‹‡˜‘…‹†‡ŽŽƒ ‡•‹•–‡Â?œƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒǤ—”ƒÂ?–‡ Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘‹Â?–‡”˜‹‡Â?‡‹Ž•‹Â?†ƒ…‘ †”‹ƒÂ?‘ÂƒÂ”Â‘ÂŽÂ‹Ç˘‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ ƒ˜”ƒÂ?Â?‘Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹’”‡Â?‘–ƒ”‡ —Â?ƒ…‘’‹ƒ†‡Ž†˜†Ǥǯ‹Â?˜‹–‘° ‡•–‡•‘ƒ–—––ƒŽƒ…‹––ƒ†‹Â?ƒÂ?ÂœÂƒÇĄ‹Â? ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡ƒ‰Ž‹‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹‡ƒ‹ •–—†‡Â?–‹Ǥ

‡Â?‡”†¿͚ͥƒ’”‹Ž‡ƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘ Â?‡‰Ž‹•’ƒœ‹ƒ†‹ƒ…‡Â?–‹Žƒ…Š‹‡•ƒ ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡†‡Ž‹ŽŽƒ‰‰‹‘ ‹‘Ž‹Â?‘Č‹Â˜Â‹Âƒ‹‘Ž‹Â?‘†‹Â•Â‘Â’Â”ÂƒČŒÇĄ•‹ ”‹Â?Â?‘˜ƒÂŽÇŻÂƒÂ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘…‘Â?Žƒ •ƒ…”ƒ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ’ƒ••‹‘Â?‡˜‹˜‡Â?–‡ǣ‹Â?•…‡Â?ƒ‹Ž •—‰‰‡•–‹˜‘‡…‘‹Â?˜‘Ž‰‡Â?–‡ ”ƒ……‘Â?–‘‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹…‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‰”‡••‘ †‹ ‡•Îƒ ‡”—•ƒŽ‡Â?Â?‡ǥ ˆ‹Â?‘ƒŽŽƒ•—ƒƒ‰‘Â?Â‹ÂƒÇĄÂ?‘”–‡‡ ”‹•—””‡œ‹‘Â?‡ǤÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‡Â•Â–Â‹Â?‡Â?–‘†‹ “—‡•–ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡…‘‹Â?˜‘Ž‰‡Í?͘ ’‡”•‘Â?ƒ‰‰‹‡Â?—Â?‡”‘•‹˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ †‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ…Š‡•‹•‘Â?‘Â?‡••‹ ‹Â?‰‹‘…‘Ǥƒ”‡‰‹ƒ°†‹Žƒ—†‹‘

—‰Ž‹‡Ž�‹�ƒǤƒ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‹–�° ”ƒ’’”‡•‡�–ƒ–ƒ†ƒŽˆƒ––‘…Š‡Žƒ ’ƒ••‹‘�‡˜‹˜‡�–‡–‡”�‹�ƒ…‘�Žƒ •…‡�ƒ†‡ŽŽƒ”‹•—””‡œ‹‘�‡Ǥ


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‹‘Ž‹�‘ ‘”•‹†‹ƒ—–‘†‹ˆ‡•ƒ’‡”Ž‡†‘��‡

ƒŽƒ”‡•…‹ƒ Â?Â?ƒšƒ’‡”ÂŽÇŻÂ?–

I corsi di autodifesa dedicati alle donne proliferano e, soprattutto, riscuotono ampi consensi in termini di pubblico. L’assessorato allo Sport e la Circoscrizione Ovest organizzano a cura della Windrei Academy un corso di autodifesa dedicato alle donne. Il programma affronta ogni aspetto della sicurezza. L’arma numero uno è la prevenzione. Vengono analizzate le situazioni di rischio, dati consigli su come comportarsi in auto, in treno, a piedi. L’iniziativa ha luogo

Il Comune di Brescia e Ant Brescia – Associazione nazionale tumori –, in collaborazione con Music Association festival di Ghedi e provincia di Brescia, presentano Art for ant 2011 “Donne in cANToâ€?, concerto ďŹ nalizzato alla raccolta fondi utili per esercitare e implementare l’assistenza domiciliare gratuita ai malati di tumore. Il concerto si terrĂ  venerdĂŹ 6 maggio al PalaBrescia. Ingresso 10 euro. Tra le cantanti si esibiranno anche Anna Oxa, Alexia,

presso la palestra comunale Violino in via della Trisia nelle domeniche dall’1 maggio al 12 giugno dalle 10 alle 11.30. Le iscrizioni sono aperte presso la Circoscrizione Ovest di via Farfengo, 69 tel. 030318007 dal lunedi al venerdi dalle 9.30 alle 12.15. Per la partecipazione al corso gratuito è richiesto un certiďŹ cato di buona salute e la sottoscrizione di un’assicurazione del costo di 12 euro da versare durante la prima lezione. Il numero massimo di iscrizioni è di 25 persone.

Í˜ÍĄ

Maya, L’Aura Abela, Loredana Errore (nella foto), Nathalie e tanti altri. Info su www.antbrescia. it. Prevendita biglietti www. greenticket.it. Per informazioni: 348-5130147 e-mail: andrea.longo@ antitalia.org. L’attività dell’Ant prosegue dopo la sede in viale Stazione con l’ambulatorio per la diagnosi preventiva di melanomi e tumore alla tiroide. I pazienti aumentano: 160 quelli seguiti dallo staff medico e oltre 1600 le famiglie assistite dal 2002 in 30 Comuni.



‹ŽŽƒ‰‰‹‘ƒ†‹ƒ �ƒ˜ƒ…ƒ�œƒ ƒŽ–‡”�ƒ–‹˜ƒ

ƒÂ?–ǯÂ?–‘Â?‹‘ Â?“—ƒ”–‹‡”‡ ’‡”’ƒ†”‡‡˜‹Žƒ…“—ƒ

Â?ƒÂ?‘†ƒŽ‹–Â?’‡”ˆƒ˜‘”‹”‡Žƒ ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡‡Žǯ‹Â?–‡‰”ƒœ‹‘Â?‡ †‡‹†‹•ƒ„‹Ž‹‡ƒŽ–‡Â?’‘•–‡••‹ ƒŽŽ‡‰‰‡”‹”‡†—”ƒÂ?–‡‹Ž’‡”‹‘†‘ ‡•–‹˜‘Ž‡Ž‘”‘ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…Š‡ †—”ƒÂ?–‡ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘•‹’”‘†‹‰ƒÂ?‘’‡” ƒ••‹•–‡”Ž‹Ǥ1“—‡•–‘Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡Dz”—Â?‘ ”—•…ƒČ‚ ”—’’‘’‡”Â•Â‡Â”Â˜Â‹Â”Â‡Çł …Š‡‘”‰ƒÂ?‹œœƒ•‘‰‰‹‘”Â?‹‡•–‹˜‹ Č‹Â†ÂƒÂŽÍ™Í?ƒŽ͛͘‰‹—‰Â?‘‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ™ƒŽ Í™Í?ÂƒÂ‰Â‘Â•Â–Â‘ČŒ’‡”’‡”•‘Â?‡†‹•ƒ„‹Ž‹ ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‡†ƒ’‡”•‘Â?‡…Š‡ ’‘••‘Â?‘‡••‡”‡Â†ÇŻÂƒÂ‹Â—–‘‡†‹ •‘•–‡‰Â?‘Ǥǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ•ƒ”‡„„‡ —–‹Ž‡ƒÂ?…Š‡’‡”‹‰‹‘˜ƒÂ?‹…Š‡ ’‘–”‡„„‡”‘•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ”‡Ž‡ Ž‘”‘“—ƒŽ‹–Â?ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡’‡”Ž‡ ‰‹‘˜ƒÂ?‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…Š‡’‘–”‡„„‡”‘ •…‘Â?‰‹—”ƒ”‡‹Ž”‹•…Š‹‘†‹…Š‹—†‡”•‹ †‡Â?–”‘Ž‡Â?—”ƒ†‘Â?‡•–‹…Š‡Ǥ ƒ†ƒ•¹…Š‡Žǯ‹Â?˜‹–‘°ƒ’‡”–‘ƒ –—––‹“—ƒÂ?–‹†‡•‹†‡”ƒÂ?‘Â?‡––‡”•‹ ‹Â?‰‹‘…‘ƒŽŽƒŽ—…‡†‡ŽŽƒˆ”ƒ•‡ ‡˜ƒÂ?‰‡Ž‹…ƒDz ”ƒ–—‹–ƒÂ?‡Â?–‡ ƒ˜‡–‡Â”Â‹Â…Â‡Â˜Â—Â–Â‘ÇĄ‰”ƒ–—‹–ƒÂ?‡Â?–‡ Â†ÂƒÂ–Â‡ÇłÇ¤ÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ˆƒ–‹…ƒ ƒ”‡ƒŽ‹œœƒ”‡‹Ž’”‘‰‡––‘’‡” Â?ƒÂ?…ƒÂ?œƒ†‹ˆ‘”œ‡‡†‹˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‹Ç˘ Â?‡‹•‘‰‰‹‘”Â?‹‡•–‹˜‹°’”‡•‡Â?–‡ ƒÂ?…Š‡—Â?†‹ƒ…‘Â?‘…‘Â?‡ ‰—‹†ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‡Â?‡‹Â?‘Â?‡Â?–‹ †‹’”‡‰Š‹‡”ƒǤÂŽÂ?ƒ––‹Â?‘•‹ ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒÂ?‘Ž‡‰‹–‡ǥÂ?‡Â?–”‡ Â?‡Ž’‘Â?‡”‹‰‰‹‘…‹•‘Â?‘Ž‡—•…‹–‡ ƒŽÂ?ƒ”‡Ǥ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǥ•‹’—Ö …‘Â?–ƒ––ƒ”‡‹Ž†‹ƒ…‘Â?‘ƒ”‹‘‘ŽŽ‹ Č‹Í›ÍœÍ&#x;Í™Í˜Í˜ÍšÍĄÍ›ÍšČŒÇ¤Â?…Š‡“—‡•–ƒ ’—Ö‡••‡”‡—Â?ǯ‘’’‘”–—Â?‹–Â?’‡” •‡Â?–‹”•‹’ƒ”–‡†‹—Â?ƒ…‘Â?—Â?‹–Â? ’‹Î‰”ƒÂ?†‡ǥ“—‡ŽŽƒ†‡‰Ž‹—‘Â?‹Â?‹ǥ ’‡”Â?‡––‡”•‹ƒŽ•‡”˜‹œ‹‘†‡ŽŽ‡ ’‡”•‘Â?‡Ǥ

‡‹’”‡••‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”‰‹Â?‡†‡Žˆ‹—Â?‡ Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄÂ?‡Ž“—ƒ”–‹‡”‡DzŠ‹—•—”‡dzǥ ‡•‹•–‡†ƒƒÂ?Â?‹—Â?ƒ‰‰Ž‘Â?‡”ƒ–‘ †‹…ƒ•‡†‡Â?‘Â?‹Â?ƒ–‘Dz‹ŽŽƒ‰‰‹‘ Â‡Â˜Â‹ÂŽÂƒÂ…Â“Â—ÂƒÇłÇĄ…Š‡†‡˜‡Žƒ•—ƒ ”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡ƒ’ƒ†”‡––‘”‹Â?‘ ƒ”…‘Ž‹Â?‹ǥƒŽŽ‘”ƒ’ƒ””‘…‘†‹ ǤÂ?–‘Â?‹‘Ǥƒ†”‡ƒ”…‘Ž‹Â?‹ †‡†‹…ÖŽƒ…‘•–”—œ‹‘Â?‡ƒŽ•—‘ ’”‡†‡…‡••‘”‡ǥ‹Ž…ƒ”†Ǥ ‹—Ž‹‘ ‡˜‹Žƒ…“—ƒǤƒ†”‡ƒ”…‘Ž‹Â?‹ †ƒŽ͙ͥ͞Í?ƒŽ͙ͥͥ͞ˆ—’ƒ””‘…‘ Â?‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?†‹ǤÂ?–‘Â?‹‘ †‹˜‹ƒŠ‹—•—”‡†‘˜‡…‘Â?’Ž‡–Ö Â?‘Ž–‡‘’‡”‡’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‹Ǥ† ‘‰‰‹Â?‘Â?Â…ÇŻÂ‡Â”ÂƒÇĄ’‡”Öǥ—Â?ƒŽƒ’‹†‡ ‘—Â?…ƒ”–‡ŽŽ‘…Š‡–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒ˜ƒ Žǯ‹Â?–‹–‘Žƒœ‹‘Â?‡†‡Ž“—ƒ”–‹‡”‡Ǥ ƒ„ƒ–‘Í&#x;Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄˆ‹Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡ǥ ƒŽŽ‡Í™Í&#x;’”‡••‘Žǯ‹Â?…”‘…‹‘†‹˜‹ƒ –ƒÂ?’ƒ–‘”‹…‘Â?˜‹ƒ”–‹‰‹ƒÂ?‹ •ƒ”Â?‹Â?ƒ—‰—”ƒ–‘—Â?…‹’’‘ǥˆƒ––‘ †‹Â?ƒ––‘Â?‹ǥ…‘Â?‡Ž‡…ƒ•‡†‡ŽŽƒ …‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒDzƒ ƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇł …Š‡Ž‘…‹”…‘Â?†ƒÂ?‘Ǥ‹•‹’‘–”Â? Ž‡‰‰‡”‡ǣDz‹ŽŽƒ‰‰‹‘…ƒ”†‹Â?ƒŽ‡ ’ƒ””‘…‘’ƒ†”‡ ‹—Ž‹‘‡˜‹Žƒ…“—ƒ ˜‘Ž—–‘†ƒ’ƒ†”‡––‘”‹Â?‘ ƒ”…‘Ž‹Â?‹dzǤƒ„—‘Â?ƒ˜‘Ž‘Â?–Â?ÇĄ Žƒ’”‘‰‡––ƒœ‹‘Â?‡‡‹Ž†‘Â?‘ •‘Â?‘†‹’ƒ†”‡‡˜‹Žƒ…“—ƒǤŽŽ‡ ͙͠Ǥ͛͘•ƒ”Â?…‡Ž‡„”ƒ–ƒŽƒƒÂ?–ƒ ‡••ƒƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–ƒÂ?‡Ž…ƒÂ?–‘ †ƒŽÇ˛Â˜Â‡Â……Š‹‘dz…‘”‘†‹’ƒ†”‡ ‡˜‹Žƒ…“—ƒǤƒ†”‡‡˜‹Žƒ…“—ƒ °Â?‘”–‘‹ŽÍžÂ?ƒ‰‰‹‘†‡Ž͙ͥ͞Í?ÇĄ ƒ••‹•–‹–‘†ƒŽ…‘Â?ˆ”ƒ–‡ŽŽ‘Â?‘Â?•Ǥ ƒ”Ž‘ƒÂ?œ‹ƒÂ?ÂƒÇĄ˜‡•…‘˜‘ †‹”‡Â?ÂƒÇ˘°•‡’‘Ž–‘Â?‡ŽŽƒ …”‹’–ƒ†‡ŽŽƒ•—ƒƒÂ?ƒ–ƒ…Š‹‡•ƒ †‡ŽŽƒÂƒÂ…‡ǥ†‘˜‡•’‹……ƒ‹Ž•—‘ •–‡Â?Â?ƒ…‘Â?‹ŽÂ?‘––‘ǣDz‹”–—•‹Â? ‹Â?ˆ‹”Â?Â‹Â–ÂƒÂ–Â‡ÇłÇ¤

ƒ� ‘––ƒ”†‘ƒŽ͜�ƒ‰‰‹‘

,QIHVWDVXLURQFKL    

/

a festa di S. Gottardo sui ronchi è una delle piÚ antiche: si celebra, infatti, ininterrottamente dal 1469, anno della costruzione del convento e della chiesa di S. Gottardo. Il santo vescovo tedesco già venerato e conosciuto in città per la presenza delle monache di S. Salvatore, tra cui molte principesse germaniche, la piÚ famosa tra tutte Ermengarda, figlia del re longobardo Desiderio, moglie ripudiata dell’imperatore Carlo Magno che si rifugiò a Brescia nel monastero retto dalla sorella badessa Anselperga. Da approfondite ricerche, sostenute dal prevosto don Arnaldo Morandi si è potuta ricostruire la storia della reliquia e reliquiario del dito di San Gottardo. La reliquia fu concessa alla parrocchia di San Gottardo con decreto. S. Gottardo si distingue per una devozione a Padre Pio di cui si può ammirare nel chiostro una scultura bronzea a grandezza naturale. Venerato il Beato Carlo d’Austria, ultimo imperatore asburgico. La parrocchia di S. Gottardo è sede regionale della Gebets-liga (lega del Beato Imperatore), associazione di devozione e solidarietà, che si rifà alla spiritualità laicale e famigliare di Carlo I. La parrocchia è sede della rappresentanza provinciale del Sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio. Ogni anno viene sottolineato

   ÇŻ

ƒˆ‡•–ƒ•‹…‡Ž‡„”ƒ†ƒŽ Í™ÍœÍžÍĄÇ¤ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ° ƒÂ?…Š‡•‡†‡”‡‰‹‘Â?ƒŽ‡ †‡ŽŽƒ Â‡Â„Â‡Â–Â•ÇŚÂŽÂ‹Â‰ÂƒÇĄŽ‡‰ƒ †‡Ž„‡ƒ–‘‹Â?’‡”ƒ–‘”‡ ƒ”Ž‘†ǯ—•–”‹ƒ un particolare intervento di restauro e miglioria del complesso monastico, quest’anno è stato restaurato il pavimento della chiesa riportando alla luce le tombe dei monaci. La festa inizia mercoledĂŹ 4 maggio, festa liturgica dei Santi Gottardo e Floriano; le Messe saranno celebrate alle

8, alle 11 e alle 17. Sabato 5 maggio la Messa si celebrerĂ  alle 17. Domenica 8 maggio le celebrazioni saranno alle 9, alle 11 la Messa presieduta dal cancelliere vescovile mons. Marco Alba e condecorata dalla corale S. Cecilia di Flero. Nel pomeriggio alle 17 la Messa solenne condecorata dalla corale S. Maria Assunta di Gussago cui segue la processione in chiostro e la benedizione con la reliquia del dito di San Gottardo. I visitatori saranno accolti con stand gastronomici. Nel chiostro si potrĂ  ammirare la mostra, patrocinata dall’Associazione artisti “Martino Dolciâ€?, di Fausto Redaelli, Loredana Mor, Gianluigi Magri, Angelo Gavezzoli, Giuliano Magri, Milly Turlini.

Í&#x;

  



7HPSRGL1RWWH%LDQFD Luci e musiche nelle piazze e nei musei della cittĂ  ďŹ no a notte fonda per prepararsi all’evento che ha portato la tradizione bresciana nel mondo: la Mille Miglia. Sabato 7 maggio arriva la Notte Bianca della Mille Miglia con ospite d’eccezione la cantante Anna Tatangelo. In piazza della Loggia alle 21.30 la fanfara dei bersaglieri apre la festa; alle 22.30 interviene Anna Tatangelo, alle 24 tocca a Micaela e all’una di notte a Davide Carone. In piazza Vittoria, invece, dalle 21 all’una vengono esposte le vetture d’epoca della Mille Miglia; in piazza Paolo VI dalle 22.30 la fanfara bersaglieri ariete di Circenico; alle 23 la musica latina riscalda l’atmosfera con “Luna de Tangoâ€?, una serata danzante con Marco Palladino e Virginia PandolďŹ ; a mezzanotte e mezza tocca a dj Musicallzador

“Andyâ€?. Piazza Tebaldo Brusato ospita dalle 22 l’esibizione Skaters - Writers all’opera dal vivo. In via Dieci Giornate, dalle 22.30 a mezzanotte, si rende omaggio ai 150 dell’UnitĂ  d’Italia con “Caleidoscopioâ€?, una performance artistica. Anche il Museo Mille Miglia apre le porte dalle 21 all’una; alle 21 viene aperto il Beatles Museum con la presentazione della leggendaria Aston Martin di Paul McCartney (a cura di Beatlesiani d’italia Associati e Aston Martin Italy); alle 21.30 il concerto BeatBox; alle 23 “Gli Italiani cantano i Beatlesâ€?, un karaoke con Rolando Giambelli. In piazza del Mercato risuonano le musiche di Charlie Rock (alle 22) e di dj Sir Heavy Soul (a mezzanotte). Si possono mirar le stelle in piazza del foro con la “Notte

Bianca con i telescopiâ€?: dalle 22 a mezzanotte e mezza l’osservazioni di corpi celesti a cura dell’Unione astroďŹ li bresciani. Gli artisti di strada conquistano, invece, la scena tra corso Zanardelli e via Dieci Giornate (di fronte al Grande) dalle 22 a mezzanotte. In parallelo sono state pensate anche delle iniziative museali. Si può entrare gratuitamente al Museo di Santa Giulia dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso alle ore 23); all’interno del Museo sono esposte le Mostre “Matisse. La seduzione di Michelangeloâ€? ed “Ercole. Il Fondatoreâ€?: il biglietto ridotto costa 6 euro dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso alle ore 23). Notte Bianca, quindi, che oltre alla musica offre anche la possibilitĂ  di vedere da vicino l’invidiabile patrimonio artistico della Leonessa d’Italia.


͙͘

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‡”‘ŽƒÂ?—‘˜ƒ ‹‰‹Ž‹†‡Žˆ—‘…‘‹Â?ˆ‡•–ƒ Vigili del fuoco per il territorio con il distaccamento dei volontari di Verolanuova ai quali è afďŹ data un’area della pianura bresciana con perimetro delimitato sul percorso: Verolavecchia, Ofaga, Leno, Isorella, Gambara, Pralboino, Seniga, Pontevico, Verolanuova. Responsabile del distaccamento è il vigile capo squadra Giuseppe Labinelli, in carica da un anno, succeduto a Imerio Pizzamiglio. Per il distaccamento, il 3

aprile 2004, si è costituita l’associazione “Amici dei Vigili del fuoco di Verolanuovaâ€?. “In sette anni – informa il presidente ing. Giambattista Zani – abbiamo raggiunto obiettivi signiďŹ cativi, compreso l’acquisto di un nuovo automezzo col contributo dell’Amministrazione comunale da sempre attenta verso le associazioni di volontariatoâ€?. Ogni anno a primavera è organizzata la Festa che sarĂ  di richiamo da

giovedĂŹ 28 aprile a domenica 1° maggio nell’area della sede, in via Lenzi. Durante la Festa un particolare ricordo sarĂ  per Michele Zanoli, vigile del fuoco volontario vittima a soli 21 anni di un incidente stradale. Il programma della festa apre alle 18.30 del giovedĂŹ con la Messa in basilica; a seguire cena e musica del festival Verola. Ogni mattina al suono della sirena il “buongiornoâ€?, mentre le serate saranno caratterizzate dalla cena

in compagnia e dalla musica per stare insieme. Domenica: ore 5 accensione degli spiedi; ore 9 ritrovo associazioni in piazza Libertà per la Messa delle 9,30; ore 10 corteo aperto dal corpo bandistico Stella Polare; ore 11 l’alzabandiera; ore 12 arrivo dei ferraristi per l’esposizione di auto d’epoca; 14.45 manifestazione in collaborazione con gli allievi di Riva del Garda; ore 20 cena, musica in attesa dello spettacolo pirotecnico.

 

—†‹ƒÂ?‘ ”–‹‡Â?‡•–‹‡”‹†‹—Â?ƒ˜‘Ž–ƒ —––‘’”‘Â?–‘ƒ—†‹ƒÂ?‘’‡”ŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡Dz”–‹‡Â?‡•–‹‡”‹†°ÇŽÂ?ƒ Â‘ÂŽÂ–ÂƒÇł…Š‡‰‹—Â?‰‡ƒŽŽƒ•—ƒ“—‹Â?–ƒ‡†‹œ‹‘Â?‡ǤƒŽŽ‡͙͘†‡ŽÂ?ƒ––‹Â?‘ˆ‹Â?‘ƒŽŽƒ –ƒ”†ƒ•‡”ƒ–ƒ†‹†‘Â?‡Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ–”ƒ‹Ž…‡Â?–”‘•–‘”‹…‘‡Žƒ’‹ƒœœƒ†‡ŽÂ’ÂƒÂ‡Â•Â‡ÇĄ–”ƒ‹ ’ƒŽƒœœ‹ ‡Â?ƒ”‘Ž‹‡‡‡˜ƒ‡ÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…‘Â?—Ž‹Â?‘ǥ•ƒ”ƒÂ?Â?‘’”‘’‘•–‡ƒ‹˜‹•‹–ƒ–‘”‹ †‹Â?‘•–”ƒœ‹‘Â?‹’”ƒ–‹…Š‡†‹ƒ––‹˜‹–Â?–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‹…‘Â?Žƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž ‰”—’’‘•…‡Â?‘‰”ƒˆ‹…‘†‹ƒŽ‡ƒ”ƒ•‹Â?‘ǤŽŽǯ‹Â?–‡”Â?‘†‹“—‡•–ƒ…‘”Â?‹…‡•‘Â?‘ ‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒƒŽ–”‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹’‡”Â”Â‹Â…Â‘Â”Â†ÂƒÂ”Â‡ÇĄĠ‡•‡Â?’‹‘ǥ‹Ž”—‘Ž‘ …Š‡ƒŽ…—Â?‡‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡„”‡•…‹ƒÂ?‡‡„„‡”‘Â?‡ŽŽƒ•–‘”‹ƒ†‹—†‹ƒÂ?‘ ˜‡””Â?Â?‡••‘‹Â?•…‡Â?ƒ’‡”Ž‡͙͙ÂŽÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘†‡ŽŽƒ…‘Â?–‡••ƒ—…”‡œ‹ƒ ƒ‰Ž‹ƒ ‡Â?ÂƒÂ”Â‘ÂŽÂ‹ÇĄ˜‹••—–ƒ–”ƒˆ‹Â?‡ǎ͘͘͠‡‹Â?‹œ‹‘ÇŽÍĄÍ˜Í˜‡ƒ’’ƒ”–‡Â?‡Â?–‡ƒŽŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒǤ ƒ”Â?”‹‡˜‘…ƒ–ƒÂŽÇŻÂƒÂ……‘‰Ž‹‡Â?œƒ…Š‡‹Ž„‘”‰‘Ž‡ƒ˜”‡„„‡’‘–—–‘Â–Â”Â‹Â„Â—Â–ÂƒÂ”Â‡ÇĄ…‘Â? —Â?„ƒÂ?…Š‡––‘‡†—Â?ÇŻÂ‡Â•Â‹Â„Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡…ƒÂ?‘”ƒ‡†ƒÂ?œƒÂ?–‡ǤŽŽ‡͙͜Ǥ͛͘•‹–‡””Â?Žƒ †‹Â?‘•–”ƒœ‹‘Â?‡’”ƒ–‹…ƒ†‡ŽŽƒ„ƒ––‹–—”ƒ†‡ŽÂ?ƒ‹•‡ƒŽŽ‡Í™Í?ÂŽÇŻÂ‡Â•Â‹Â„Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡‰Ž‹ ƒŽŽ‹‡˜‹†‡Ž…‡Â?–”‘‹’’‹…‘ƒÂ? ‹‘”‰‹‘Ǥ‡‰Â?‹†‹Â?‘–ƒ•‘Â?‘ƒÂ?…Š‡‹Ž…‘Â?…‘”•‘ ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘†ƒŽ ”—’’‘ ‘–‘‰”ƒˆ‹…‘—–‹Ž‹ƒÂ?‘‡Ž‘•’‡––ƒ…‘Ž‘ †‹„—”ƒ––‹Â?‹’”‡˜‹•–‘’‡”Ž‡Í™Í&#x;Ǥ—”ƒÂ?–‡Žƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ•ƒ”ƒÂ?Â?‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‡ ƒÂ?…Š‡˜‹•–‡‰—‹†ƒ–‡ƒ‹Ž—‘‰Š‹†‹‹Â?–‡”‡••‡ƒ”–‹•–‹…‘’‘•–‹•—Ž–‡””‹–‘”‹‘Ǥ



 ÇŻ    U

‘�–‹…Š‹ƒ”‹‡�–”‘ˆ‹‡”ƒ†‡Ž ƒ”†ƒ

,OVRUULVRGL6HULGz SHUWXWWLLEDPELQL    

/

’edizione 2011 di Seridò si svolgerĂ  dal 29 aprile all’8 maggio nei giorni 29, 30 aprile e 1, 6, 7 e 8 maggio. Seridò si svolge presso il Centro Fiera del Garda di Montichiari, ed è aperto dalle 9.30 alle 19 con orario continuato. A Seridò giochi con tutto e con tutti gratuitamente. Per chi ha meno di 12 anni, l’ingresso è gratuito. Gli adulti invece pagano 9 euro ma all’interno anche per loro spettacoli, attrazioni e burattini sono gratis. A Seridò i bambini non sono mai semplici spettatori, ma giocano liberamente negli oltre 100 spazi gioco: aree attrezzate dove divertirsi, costruire, disegnare, saltare, giocare‌ A Seridò si può anche assistere ad uno spettacolo teatrale, leggere un libro, saltare sui gonfiabili, salire sul treno di Seridò e tanto altro in oltre 35mila mq coperti. A Seridò tutto è a misura di bambino e all’interno si può giocare gratuitamente con tutto e con tutti aiutati da oltre 300 animatori. Vi si possono trovare i laboratori creativi: stencil, taglia e incolla, timbri, tempere e cavalletti, pongo, maschere, sale colorato, gessi lavagnette, tutti i colori, creta, pastelli a cera, acquerelli, mosaico. Ci sono anche i giochi all’esterno: i gonfiabili giganti, le barchette a pedali, l’area equitazione. Lo spazio libri con “Libera un libroâ€? e l’angolo lettura con i migliori libri per bambini. La struttura ospita tre teatri con 400 posti a sedere: per vedere in tutta

  ÇŻ  

ƒ„‘”ƒ–‘”‹Â…Â”Â‡ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‹ÇĄ ‰‘Â?ÂˆÂ‹ÂƒÂ„Â‹ÂŽÂ‹ÇĄŽƒ˜‘”‹ –‡ƒ–”ƒŽ‹‡ƒ”‡‡Â•Â’Â‘Â”Â–Â‹Â˜Â‡ÇŁ ŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡° ƒ’‡”–ƒ†ƒŽ͚ͥƒ’”‹Ž‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÍ Â?ƒ‰‰‹‘ comoditĂ  spettacoli teatrali, burattini, clown, animazioni. C’è anche la stazione con Nello il capostazione e due trenini sempre in giro per Seridò. I maxi gonfiabili: il pesce rosso, il galeone, la montagna d’aria, la foresta incantata, il percorso ostacoli e lo scivolone. E i mini gonfiabili per i piccoli: il dinosauro verde, il castello del re, il playsground, il serpentone e la casetta mille colori. Per gli appassionati di sport, ci sono

le aree sportive dove giocare a calcio e basket o provare per la prima volta il climbing, il nordic walking, l’atletica leggera, il golf, il tiro con l’arco. E ancora: monopattini, biciclette, automobiline, sabbionaia. A Seridò si può trovare anche tre aree pic-nic con 4.500 posti a sedere coperti, self service, bar, gelateria, zucchero filato, quattro nursery per le mamme ed i piĂš piccoli. Fra le novitĂ , nel teatro del padiglione 8, il 29-30 aprile e 1-6 maggio gli animatori de “La nuvola nel saccoâ€? presenteranno un inedito intervento di animazione teatrale dal titolo “Italiani SĂŹ Diventaâ€?, dedicato ai 150 anni dell’UnitĂ  d’Italia. Come sempre il pubblico sarĂ  invitato a partecipare con animazioni originali e divertenti. Sempre nel teatro del padiglione 8, il 7-8 maggio, direttamente da Rai Yoyo, lo spettacolo “Ma che bel castelloâ€? tratto dall’omonimo programma. Un castello con tracce di fantasia e colore. Il biglietto d’ingresso vale per l’intera giornata. Seridò si svolge presso il Centro fiera del garda di Montichiari, ed è aperto dalle 9.30 alle 19 con orario continuato. Le scuole dell’infanzia che desiderano organizzare una gita con i bambini e i genitori a Seridò possono prenotare i biglietti telefonando alla segreteria di Seridò (030.3751978 – rif. Denise). Per le scuole associate alla Fism è prevista una riduzione sul costo dei biglietti d’ingresso. Radio Voce anche quest’anno è la radio ufficiale dell’evento.

‹‰‘Ž‡ —……‡••‘’‡”Žƒ…‘”•ƒ†‹ƒ•“—‡––ƒ —––‘‡•ƒ—”‹–‘ƒ‹‰‘Ž‡’‡”ŽƒDz‡•ƒ‡†‡ÂŽÂ?†‡ŽÂ‡ÂŽÂƒÇłŽƒ…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ–ƒ†‹ ƒ•“—‡––ƒ…Š‡Šƒ”‹…Š‹ƒÂ?ƒ–‘—Â?‰”ƒÂ?Â?—Â?‡”‘†‹…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ–‘”‹ǤŽ–”‡͛͠‹ ‰”—’’‹Â…ÂŽÂƒÂ•Â•Â‹ÂˆÂ‹Â…ÂƒÂ–Â‹ÇĄ‹Ž’‹ÎÂ?—Â?‡”‘•‘†‡‹“—ƒŽ‹‡”ƒ‹Ž •Â˜Â‹Â•ÇŚ ˜‡…‘†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄ •‡‰—‹–‘Â?‡ŽŽƒ…Žƒ••‹ˆ‹…ƒ†ƒ—…‘•Ǥ—ˆ‡Â?Â‹ÂƒÇĄ ‡Ž–‡”’‘”–—‡‰Â?ÂƒÂ‰Â‘ÇĄ ‘Ž‹•’‘”–‹˜ƒƒ••ƒÂ?‘”‡•…‹ƒÂ?‘ǥ”ƒ–‘”‹‘ÂƒÂ•Â–Â‡ÂŽÂŽÂ‡Â–Â–Â‘ÇĄ–Ž‡–‹…ƒ‹‰Š‡Â?ÂœÂ‹ÇĄ

‹‘˜ƒÂ?‹Â”ÂƒÂ–Â‹ÇĄ–Ž‡–‹…ƒÂ‡Â†Â‹ÂœÂœÂ‘Ž‡ǥ˜‹• Â•Â‘Â”Â‡ÂŽÂŽÂƒÇĄ˜‡”‘Â?Â–Â‡Â˜Â‹Â…Â‘ÇĄ •‹…‡†‘Ǥ —‡ŽŽƒ†‹‹‰‘Ž‡°—Â?ƒ†‡ŽŽ‡’‹ÎŽ‘Â?‰‡˜‡–”ƒ“—‡ŽŽ‡‹Â?•‡”‹–‡Â?‡ŽƒŽ‡Â?†ƒ”‹‘ Š‹Â?–‡”ŽƒÂ?†‰ƒ”†‡•ƒÂ?‘ǥ‡”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒ—Â?‘†‡‹’‹Î…Žƒ••‹…‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹ ’‘†‹•–‹…‹‹Â?”‘˜‹Â?…‹ƒ†‹”‡•…‹ƒǤ––‹Â?‘ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’ÂƒÂ”ÂƒÂ–Â‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‹˜‘ …‘‘”†‹Â?ƒ–‘†ƒÂ?‡†‡‘‘Â?ƒœœƒ…‘Â?˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹‹Â?‘‰Â?‹•‡––‘”‡‡Žƒ …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‹ƒ••‘…‹ƒ–‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?Â…ÇĄŽƒ•‡œ‹‘Â?‡ÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡…ƒ”ƒ„‹Â?‹‡”‹†‹ ƒÂ?‡”„‹‘Ǥ‹––‘”‹‡’‡” ‰‘”‹œœ‹Č‹ ƒ˜‡”‰ƒÂ?Â‘ČŒ‡ƒ”„ƒ”ƒƒ•–‡ŽŽƒÂ?‡–ƒǤ

‡”‘Žƒ˜‡……Š‹ƒ ”‹„—–‘ƒƒ‰Ž‹‘Â?‹ ƒ„ƒ–‘͛͘ÂƒÂ’Â”Â‹ÂŽÂ‡ÇĄƒŽŽ‡‘”‡͚͙ǥ•’‡––ƒ…‘Ž‘…‘Â?ŽƒÂ?—•‹…ƒ†‹—Â?‰”ƒÂ?†‡ …ƒÂ?–ƒ—–‘”‡‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘Ǥ Â?•…‡Â?ƒŽƒ…‘˜‡”„ƒÂ?†’‡”—Â?–”‹„—–‘ƒŽƒ—†‹‘ ƒ‰Ž‹‘Â?‹…‘Â?–‡ˆƒÂ?‘Â?†”‡‘Ž‹Â˜Â‘Â…Â‡ÇĄÂ…ÂŠÂ‹Â–ÂƒÂ”Â”Â‡Ç˘Ž‡••ƒÂ?†”‘†ƒÂ?‹ÂƒÂ•Â–‹‡”‡ǥ ˆ‹•ƒ”Â?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ…‘”‹ǢŽ‡••ƒÂ?†”‘‘†‡•…Š‹Â?‹ǥÂ„ÂƒÂ–Â–Â‡Â”Â‹ÂƒÇ˘‡Â?ƒ–‘ ‹ƒ…‘’‹Â?‹ ÂƒÂ•Â–Â‹Â‡Â”Â‡ÇĄ’‹ƒÂ?Â‘ÂˆÂ‘Â”Â–Â‡ÇĄ…‘”‹Ǣƒ—”‘Â‘Â”Â“Â—ÂƒÂ–Â‹ÇĄÂ…ÂŠÂ‹Â–ÂƒÂ”Â”Â‡ÇŁ ‹—•‡’’‡ƒÂ?‹…‘Â?‡ǥ „ƒ••‘Ǥ Â?‰”‡••‘͙͘‡—”‘Ǥ ÂŽ˜‹ƒ‰‰‹‘’”‘’‘•–‘†ƒŽ‰”—’’‘Dz”‡•…‡Â?†‘ ‡‡”…ƒÂ?†‘dz”‹’”‡Â?†‡‹Ž”‡’‡”–‘”‹‘Â?—•‹…ƒŽ‡†‹Žƒ—†‹‘ƒ‰Ž‹‘Â?‹ ”‹’‡”…‘””‡Â?†‘Â?‡‹–‡Â?‹’‹Î‹Â?–‹Â?‹ǣŽƒ”‹…‡”…ƒ†‹Â?‘‹•–‡••‹ǥ†‡‰Ž‹ƒŽ–”‹‡†‡Ž Â?‘Â?†‘‹Â?–‡”‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘†‹…ƒÂ?œ‘Â?‹†‹Â?—•‹…ƒŽ‡‰‰‡”ƒǤƒŽ–‹–‘Ž‘†‹—Â? ƒŽ„—Â?‡†‹†—‡–‘—”†‡Ž…ƒÂ?–ƒ—–‘”‡”‘Â?ƒÂ?‘Dz”‡•…‡Â?†‘‡‡”…ƒÂ?†‘dz °•–ƒ–‘ƒ†‘––ƒ–‘’‡””‹…‘”†ƒ”‡…‘Â?‡Žƒ˜‹–ƒ†‡ŽŽǯ—‘Â?‘•‹ƒ—Â?…‘Â?–‹Â?—‘ ˜‹ƒ‰‰‹‘Ǥƒ•…ƒŽ‡––ƒ‹Â?…Ž—†‡‹•—……‡••‹’‹ÎƒÂ?ƒ–‹†ƒ—Â?’—„„Ž‹…‘†‹–—––‡Ž‡ ‡–Â?Ǥ Ž‹ƒ””ƒÂ?‰‹ƒÂ?‡Â?–‹‡•‡‰—‹–‹”‹’”‡Â?†‘Â?‘ˆ‡†‡ŽÂ?‡Â?–‡‹Ž‹˜‡’‹Î”‡…‡Â?–‹†‹ Žƒ—†‹‘ƒ‰Ž‹‘Â?‹ǥ†ƒŽ–‘—”Dz”‡•…‡Â?†‘dz†‡ŽÍšÍ˜Í˜ÍœÇĄˆ‹Â?‘ƒDz—––‹“—‹dz†‡Ž͚͘͘Í&#x;Ǥ Dz–”ƒ†ƒ ƒ…‡Â?†‘dzǥDzƒ‰Ž‹‹ŽÂ‹ÂƒÇłÇĄDz‘•–‡”dzǥDz‘‹‘dzǥDz ‘Â?‡Â?‡ƒÂ?†”‡‹dzǥ DzÂ˜Â”ÂƒÂ‹ÇłÇĄDz ‘•‘Â?‘“—‹dzǥDzƒ˜‹–ƒ°ÂƒÂ†Â‡Â•Â•Â‘dzǤǤǤ•‘Â?‘•‘Ž–ƒÂ?–‘ƒŽ…—Â?‹–”ƒ‹„”ƒÂ?‹ ’‹Î•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‹’”‘’‘•–‹ǤČ‹Â’Â‹Â‘ČŒ


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

”œ‹˜‡……Š‹ Dz”–‹•–‹‹Â?Â•Â–Â”ÂƒÂ†ÂƒÇł Il Comune della Bassa si prepara alla 12ÂŞ edizione di “Artisti in stradaâ€?, la manifestazione organizzata da Comune e Biblioteca che ogni anno, per due giorni, trasforma il volto del paese: la provinciale 235 viene chiusa al trafďŹ co prima e dopo il centro. Libero dalle auto, lo spazio ricavato ospita i laboratori di numerosi artisti, pittori e scultori, lavoratori del legno e decoratori di ceramica, che realizzeranno le proprie opere davanti agli

͙͙

‘Â?‡œœƒÂ?‘nj‹œœƒ‰‘ ‹Â?’‘•‹‘‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‹•…—Ž–—”ƒ occhi del pubblico. Quest’anno la manifestazione incomincia la sera di sabato 14 maggio con ristorazione, antipasto del piĂš ricco programma che durerĂ  tutta la giornata di domenica 15. Alle 10 dopo le formalitĂ  necessarie per l’iscrizione, partirĂ  la sďŹ lata di auto e moto d’epoca, giunta alla sua sesta edizione, che nel suo percorso toccherĂ  le province di Bergamo e Cremona. L’altro pezzo forte della giornata è l’apertura della chiesa della Disciplina.

La scultura per immortalare ricorrenze importanti, per ďŹ ssare nella pietra idee e ricordi. Questo l’intento del “Primo simposio internazionale di scultura su marmoâ€? organizzato dal comune di Comezzano-Cizzago. Dal 9 al 21 maggio ben sei artisti di caratura internazionale si ritroveranno nel Comune per realizzare altrettante sculture: si tratta di Ktham Abdul Hamid dalla Siria, dello spagnolo Miguel Isla, di Damjan Komel dalla Slovenia, del nostro connazionale

Francesco Panceri, di Hwang Seoung Woo dalla Corea del Sud e dell’albanese Genti Tavanxhiu. L’iniziativa verrà realizzata con il patrocinio di regione e provincia e grazie al contributo di molti sponsor. Tra di essi le cave Marangoni di Nuvolera che hanno offerto i blocchi di marmo. Si colloca nelle celebrazioni dell’Unità d’Italia, unità che verrà riproposta in chiave locale poichÊ il Comune è costituito di due comunità distinte, unite amministrativamente nel 1927.

Š‹ƒ”‹ �–‡”˜‹•–ƒƒ†‘�‘•…ƒ‰Ž‹ƒ

´1RQFDPELRLGHD VXO0RUFHOOLDQR¾   

/

a situazione del Morcelliano non è stata ancora assorbita nella città clarense. Molto si è discusso a Chiari, recentemente, della Fondazione istituto morcelliano e molto, probabilmente si discuterà. Soprattutto a seguito delle dimissioni del presidente don Alberto Boscaglia, dopo un parere dell’Asl che contestava la legittimità della sua carica, mancandogli il requisito della residenza a Chiari da 10 anni previsto dallo statuto. Molte sono state le polemiche che hanno seguito queste dimissioni, cosÏ come molte sono state le polemiche che negli ultimi anni hanno accompagnato la vita dell’istituto, che proprio sotto la presidenza di don Alberto aveva ritrovato una nuova vitalità, dopo che nel 2003 era stato approvato il nuovo statuto che innalzava a tre il numero dei curatori, uno nominato dal parroco, uno dal sindaco e il terzo nominato di comune accordo. Proprio la nomina congiunta portò l’istituto ad una fase di stallo, che si risolse nel 2007 con la nomina di don Boscaglia a presidente. Da

‘Â?Â‘Â•Â…ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÇŁ Dzƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?…Š‡ ’ƒ”–‡†‡ŽŽ‡”‡Â?†‹–‡ †‡ŽŽǯ •–‹–—–‘’‘••ƒ ‡••‡”‡†‡•–‹Â?ƒ–ƒƒÂ?…Š‡ ĠƒŽ–”‹’”‘‰‡––‹…”‡†‘ ’‘••ƒ‡••‡”‡•‘Ž‘ —Â?„‡Â?‡dz allora l’istituto è diventato un attore fondamentale nelle politiche giovanili del Comune, riunendo in sĂŠ i due Cag fino ad allora presenti, quello parrocchiale e quello comunale, in un nuovo progetto educativo che coinvolge ancora Comune e parrocchia, che offrono contributi e ambienti. L’attivitĂ  dell’istituto è sostenuta anche dalle rendite del suo patrimonio, prima quasi esclusivamente legata agli affitti di terreni agricoli, ora comprendente anche un campo fotovoltaico e presto un’ampia zona da affittare per uso residenziale con la possibile realizzazione di un campo da golf. “L’aver scelto di sperimentare an-

che altre forme di rendita, oltre a quella degli affitti agricoli – sottolinea don Alberto, non piĂš presidente, ma ancora legato all’attivitĂ  dell’istituto come direttore del Centro Giovanile 2000, dove opera il Cag – ha permesso di ottenere rendite piĂš alte, quella del fotovoltaico per esempio si attesta sui 300 mila euro annui, da utilizzare a favore dei ragazzi. Questo senza di fatto intaccare il patrimonio dell’istituto, ma anzi creando le condizioni per accrescerlo in futuroâ€?. Molto si è discusso anche della “donazione modaleâ€?, che l’attuale CdA, come il precedente, avrebbe intenzione di introdurre nello statuto. “Come sacerdote e direttore dell’oratorio, prosegue don Boscaglia – la possibilitĂ  che parte delle rendite dell’Istituto, e non del patrimonio come sostenuto da alcuni, possa essere destinata anche ad altri progetti parrocchiali o comunali coerenti con le finalitĂ  dell’Istituto, come la costruzione di scuole o il potenziamento delle attivitĂ  dell’oratorio, credo possa essere solo un bene per tutta la comunitĂ â€?.

‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹ ‹Â?‘Â?‡ƒˆˆ‹ƒ’”‡Â?‹ƒ–‘ƒ‘Â?ƒ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡Ž’”‘‰‡––‘DzƒÂ?’—•‡Â?–‹•dz

‘Â?–‹…Š‹ƒ”‹°…‹––Â?…Š‡‡……‡ŽŽ‡ƒÂ?…Š‡’‡”‹”‹•—Ž–ƒ–‹•…‘Žƒ•–‹…‹ †‹ƒŽ…—Â?‹•—‘‹ƒ„‹–ƒÂ?–‹ǥ…‘Â?‡°‹Ž…ƒ•‘†‡Ž‰‹‘˜ƒÂ?‡‹Â?‘Â?‡ ƒˆˆ‹ƒČ‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘–‘ǥ‹Ž’”‹Â?‘†ƒÂ†Â‡Â•Â–Â”ÂƒČŒ…Š‡ǥ—Â?‹…‘„”‡•…‹ƒÂ?‘ǥ °•–ƒ–‘’”‡Â?‹ƒ–‘†—”ƒÂ?–‡—Â?ƒ…‡”‹Â?‘Â?‹ƒƒƒŽƒœœ‘Š‹‰‹ǥ ƒ••‹‡Â?‡ĠƒŽ–”‹Í™Í&#x;•—‘‹…‘ŽŽ‡‰Š‹Â?‡‘Žƒ—”‡ƒ–‹†‹–—––ƒ –ƒŽ‹ƒ Â?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹–‘†‡Ž’”‘‰‡––‘DzƒÂ?’—•‡Â?–‹•dzǤ ÂŽ’”‡•–‹‰‹‘•‘ ”‹…‘Â?‘•…‹Â?‡Â?–‘‰Ž‹°•–ƒ–‘…‘Â?ˆ‡”‹–‘†ƒŽ’”‡•‹†‡Â?–‡†‡Ž‘Â?ÇŚ •‹‰Ž‹‘‹Ž˜‹‘‡”Ž—•…‘Â?‹‡†ƒŽÂ?‹Â?‹•–”‘†‡ŽŽƒ ‹‘˜‡Â?–Î ‹‘”nj ‰‹ƒ‡Ž‘Â?‹Ǥƒ”–‹–‹‹Â?…‹”…ƒ͚͘͘͘Â?‡‘Žƒ—”‡ƒ–‹’”‡•‡Ž‡œ‹‘Â?ÂƒÇŚ –‹‹Â?–—––ƒ Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇĄ‹͙͠”‹Â?ƒ•–‹ŠƒÂ?Â?‘ƒ˜—–‘”‡…‡Â?–‡Â?‡Â?–‡Žƒ ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹•‘‰‰‹‘”Â?ƒ”‡ƒŽ…—Â?‹‰‹‘”Â?‹ƒ”—š‡ŽŽ‡•‹Â?˜‹•‹–ƒ ƒŽŽƒ•‡†‡•‡…‘Â?†ƒ”‹ƒ†‡Žƒ”ŽƒÂ?‡Â?–‘—”‘’‡‘ǤDz ÂŽ’”‘‰‡––‘ ÇŽƒÂ?’—•‡Â?–‹•ǯČ‚Šƒ†‹…Š‹ƒ”ƒ–‘‹Â?•‡†‡†‹’”‡Â?‹ƒœ‹‘Â?‡‹Ž ‹Â?‹•–”‘‡Ž‘Â?‹Č‚Šƒ—Â?‘„‹‡––‹˜‘„‡Â?…Š‹ƒ”‘‡’”‡…‹•‘Ǣ•‹ Â–Â”ÂƒÂ–Â–ÂƒÇĄ‹Â?ÂˆÂƒÂ–Â–Â‹ÇĄ†‹—Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡Â?‘˜‹–Â?Â?‡Ž•‹•–‡Â?ƒ –ƒŽ‹ƒ…ƒ’ƒ…‡ †‹…‘ŽÂ?ƒ”‡—Â?ƒŽƒ…—Â?ÂƒÇĄ“—‡ŽŽƒ–”ƒ‹ŽÂ?‘Â?†‘•–—†‡Â?–‡•…‘‡

‹ŽÂ?‘Â?†‘†‡ŽŽƒ˜‘”‘‡†‘ˆˆ”‹”‡—Â?ÇŻÂƒÂŽÂ–Â‡Â”Â?ƒ–‹˜ƒƒ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹Â?‹nj ‰Ž‹‘”‹ǥ’”‘’”‹‘“—‡ŽŽ‹…Š‡ƒ„„‹ƒÂ?‘’”‡Â?‹ƒ–‘‡…Š‡Â•Â‹Â…Â—Â”ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‡•‹ˆƒ”ƒÂ?Â?‘Â•Â–Â”ÂƒÂ†ÂƒÇłÇ¤ƒŽ’ƒ„‹Ž‡°Žƒ•‘††‹•ˆƒœ‹‘Â?‡†‹ ƒˆˆ‹ƒ’‡”‹Ž–”ƒ‰—ƒ”†‘Dz…Š‡Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒČ‚•‹–”ƒ––ƒ•‘Ž‘†‹—Â? ’—Â?–‘†‹’ƒ”–‡Â?œƒ‡Â?‘Â?†‹ƒ””‹˜‘Ǥ‡”–‘°…Š‡•‹°–”ƒ––ƒ–‘ †‹—Â?„—‘Â?Â”Â‹Â•Â—ÂŽÂ–ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ?ƒ…‡”…Š‡”Ö†‹‹Â?’‡‰Â?ƒ”Â?‹ƒˆ‘Â?†‘ ’‡”ˆƒ”‡ƒÂ?…‘”ƒÂ?‡‰Ž‹‘Ǥ‘Â?ˆ‹†‘‹Â?—Â?ˆ—–—”‘”‹……‘†‹•ˆ‹†‡ …Š‡…‘Â?–‹Â?—‹Â?‘ĠƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‡‹Žˆ‘”–‡†‡•‹†‡”‹‘†‹…‘•–ƒÂ?–‡ Â?‹‰Ž‹‘”ƒÂ?‡Â?–‘ǥ‹Ž“—ƒŽ‡•‹Â?‘Ġ‘‰‰‹Â?‹Šƒ”‡‰ƒŽƒ–‘Â?‘Žnj –‡•‘††‹•ˆƒœ‹‘Â?‹dzǤƒ–‘Â?‡ŽÍ™ÍĄÍ ÍœÇĄƒˆˆ‹ƒŠƒ‰‹Â?ƒŽŽ‡•’ƒŽŽ‡ ”‹•—Ž–ƒ–‹Ž—•‹Â?‰Š‹‡”‹ǣ†‹’Ž‘Â?ƒ–‘‰‡‘Â?‡–”ƒÂƒÂŽÂŽÇŻ •–‹–—–‘‘Â?ÇŚ •‹‰Â?‘”‹†‹‡Â?‡†‡ŽŽ‘ǥ°•–ƒ–‘•—……‡••‹˜ƒÂ?‡Â?–‡’”‡Â?‹ƒ–‘ …‘Â?‡Â?‹‰Ž‹‘”†‹’Ž‘Â?ƒ–‘†‡ŽŽƒ•–‡••ƒ•…—‘Žƒ’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘•…‘nj Žƒ•–‹…‘ÍšÍ˜Í˜ÍšČ€ÍšÍ˜Í˜Í›Ç¤ ƒ…‘Â?•‡‰—‹–‘ŽƒŽƒ—”‡ƒ•’‡…‹ƒŽ‹•–‹…ƒ‹Â?

Â?‰‡‰Â?‡”‹ƒ†‹Ž‡ÇŚ”…Š‹–‡––—”ƒ…‘Â?˜‘–ƒœ‹‘Â?‡Í™Í™Í˜Č€Í™Í™Í˜‡ Ž‘†‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‡‰Ž‹–—†‹†‹”‡•…‹ƒǤČ‹ÂˆÇ¤Â?Ç¤ČŒ

  

ƒ••ƒ�‘”‡•…‹ƒ�‘‘�—�‡

8QDVWUDGDLQWLWRODWD DSDGUH/RUHQ]R6FDJOLD Voto unanime della giunta comunale di Bassano Bresciano per l’intitolazione di una nuova strada a padre Lorenzo Scaglia (nella foto), missionario saveriano d’origini bassanesi. La nuova denominazione è attribuita alla via all’ingresso sud del paese che collega via Mazzini a via Galanti, partendo dalla rotonda che verrĂ  realizzata su via Mazzini, passando vicino alla zona sud del centro sportivo e collegandosi all’altra rotonda di intersezione con via Galanti. “L’aver dedicato una via a padre Lorenzo Scaglia è l’espressione del senso di profonda gratitudine che la nostra comunitĂ  intende attribuire ad uno dei suoi figli piĂš illustri, mentre rappresenta l’esempio e la testimonianza di un servizio totale reso al prossimo fondato su nobili valori umani e cristiani che restano il riferimento per l’intero nostro territorioâ€? è il commento del sindaco Giovanni Paolo Seniga nell’aggiungere che padre Lorenzo Scaglia è stato allievo di mons. Giovanni Migliorati, comboniano vescovo di Hawassa in Etiopia, e fu amico di padre Savino Mombelli, missionario nelle favelas di Belem do ParĂ  in Amazzonia. Sono altri due bassanesi che nel mondo diffondono la parola del Vangelo. In gioventĂš padre Scaglia aveva frequentato la scuola elementare a Bassano Bresciano negli anni dal 1942 al 1947, nel periodo 1947-48 fu allievo dell’Isituto tecnico per l’avviamento al lavoro di Manerbio. Era nato a Bettegno di Pontevico il 6 maggio del 1936, fu ordinato sacerdote a Parma, il 15 ottobre 1961, in seguito fu destinato alla

missione in Indonesia, che raggiunse il 27 luglio del 1962 dov’è rimasto per l’intera sua vita, conclusa il 3 agosto 2004 a Padang, città dell’Indonesia, capoluogo della provincia di Sumatra Occidentale. In passato la città è stata colpita da un sisma, che ha distrutto diversi edifici e infrastrutture. In quel disastro padre Scaglia fu attivamente presente nei soccorsi alla popolazione cosÏ duramente colpita. (f.pio.)

ŽŽǯ—Â?ƒÂ?‹Â?‹–Â?° •–ƒ–ƒƒ’’”‘˜ƒ–ƒ Žǯ‹Â?–‹–‘Žƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?ƒ •–”ƒ†ƒƒŽÂ?‹••‹‘Â?ƒ”‹‘ †ǯ‘”‹‰‹Â?‹„ƒ••ƒÂ?‡•‹


͙͚

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

ƒ”ˆ‘‘ƒ”‹‘ Â?‹–‹†ƒ—Â?Â?—‘˜‘’‘Â?–‡ L’Oglio a Darfo Boario determina la suddivisione in due aree viabilisticamente collegate attraverso il ponte romanico di Montecchio, che risulta transitabile dai mezzi leggeri, a senso unico alternato e quello posto nel cuore del centro storico tra Darfo e Corna. L’ingresso del trafďŹ co verso l’abitato, o verso i poli turistico-commerciale, sportivo-ricreatico, archeologicoambientale, culturale e turisticotermale, si svolge attraverso due

sole uscite: una in corrispondenza della zona detta del Cappellino ed una in corrispondenza della frazione di Boario. La collocazione di queste uscite rende difďŹ coltoso e caotico il trafďŹ co nel centro, con conseguente aumento dell’inquinamento, della pericolositĂ  per i pedoni e delle difďŹ coltĂ  di transito dei veicoli. “Da qui – spiega il sindaco Francesco Abondio – la necessitĂ  del nuovo asse, progetto che prevede tra l’altro un ponte. I

lavori cominceranno quanto prima. Il manufatto fa parte del progetto dell’asse viario che, partendo da via Quarteroni, prevede la realizzazione del nuovo trattoâ€?. La via, larga 12 metri, transiterĂ  nei pressi del polo sportivo. La strada si collegherĂ  poi a Boario col ponte ed una successiva rotatoria consentirĂ  lo smistamento del trafďŹ co diretto al centro commerciale, al centro congressi ed alla stazione termale. Il viadotto, realizzato con una

struttura ad arco ribassato in acciaio, avrà un’unica campata di 66 metri di luce ed una larghezza pari a otto metri per la carreggiata stradale, ai cui lati è prevista una pista pedonale di due metri. Per la realizzazione del ponte il Comune prevede una spesa di euro 1 milione e 950mila euro; per la strada 400mila euro; per la rotonda 200mila; 50mila euro sono poi ipotizzati per l’attuazione dei piani di sicurezza. Il totale è di 2 milioni e 600mila euro.

  ‹‡��‘ �ƒ—‰—”ƒœ‹‘�‡

,O5RPDQLQRULYLYH QHOO¡$QQXQFLDWD ƒ„ƒ–‘͛͘ƒ’”‹Ž‡°‹Â?’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒŽǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž”‡•–ƒ—”‘…‘Â?•‡”˜ƒ–‹˜‘Â?‡ŽŽƒ …Š‹‡•ƒ†‹ƒÂ?–ƒƒ”‹ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ•—‹†‹’‹Â?–‹†‡ŽÂ?‘–‘’‹––‘”‡„”‡•…‹ƒÂ?‘  



  



6

abato 30 aprile 2011, alle 16, a Bienno, nella chiesa di Santa Maria Annunciata è prevista l’inaugurazione del restauro conservativo sui dipinti murali del pittore Girolamo Romanino (circa 1486/’87-circa 1566) Il ciclo degli affreschi di Bienno – com’è noto è stato datato intorno al 1541. “Con questa operazione – sottolinea il sindaco Germano Pini – si porta a compimento un provvedimento di notevole importanza per una valorizzazione del capolavoro non solo in ambito locale. Quello di Bienno è uno dei piĂš importanti cicli del pittore bresciano ancora integralmente conservato sulle pareti del presbiterioâ€?. “I lavori realizzati – spiega il vice-sindaco Clemente Morandini – possono essere definiti come completamento di un intervento di valorizzazione iniziato dal Comune piĂš di vent’anni fa grazie all’aiuto della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Brescia, Cremona e Mantova, che finanziò e diresse un provvedimento radicale sul sacro immobileâ€?. La direzione dei lavori è stata affidata alla biennese Lucia Morandini; la supervisione tecnico-scientifica a Vincenzo Gheroldi, docente all’UniversitĂ  di Bologna; la consulenza tecnico-scientifica a Sara Marazzani; le analisi chimicofisiche ad Antonietta Gallone, del dipartimento di Fisica del Politecnico

ÂŽ•‹Â?†ƒ…‘‹Â?‹ǣDz—‡ŽŽ‘ †‹‹‡Â?Â?‘°—Â?‘†‡‹ ’‹Î‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹…‹…Ž‹ †‡Ž’‹––‘”‡„”‡•…‹ƒÂ?‘ ƒÂ?…‘”ƒ…‘Â?•‡”˜ƒ–‘•—ŽŽ‡ ’ƒ”‡–‹†‡Ž’”‡•„‹–‡”‹‘dz di Milano. Bienno ha avuto, per questa iniziativa, il sostegno economico della Regione Lombardia (progetto Ecomusei), della fondazione “Cari-

ploâ€? (progetto “Borghi piĂš belli d’Italiaâ€?) e di alcune associazioni locali. Il restauro vero e proprio è stato eseguito dallo “Studio tecnico Renato Gianguainoâ€?, che ha garantito un intervento rispettoso ed estremamente conservativo, mantenendo appieno l’integritĂ  dell’opera. Un impianto di illuminazione della “Luminae studio di progettazione illuminotecnicaâ€? valorizzerĂ  gli straordinari dipinti murali sparsi su tutte le pareti della chiesa. Il ciclo romaniniano di Bienno – sostiene Francesco De Leonardis nel volume “La via del Romanino: dal Sebino alla Valcamonicaâ€? (Grafo, Brescia, 1996) – è ispirato ai Vangeli apocrifi. Nella parete di destra è raffigurato lo sposalizio della Vergine; sul fondo l’Annunciazione; nella parete sinistra è la presentazione di Maria al tempio. “Il tema dello sposalizio – sottolinea De Leonardis nel saggio giĂ  citato – è particolarmente caro al Romanino, che lo ha affrontato diverse volte sia nella fortunata tavola giovanile di San Giovanni di Brescia, che ebbe numerose repliche, sia nelle ante d’organo del Duomo Nuovo di Brescia, che con la tela dello stesso soggetto di Cremaâ€?. Quello di Bienno (dopo Pisogne e Breno) è un Romanino piĂš misurato, senza piĂš eccessi, controllato. Sempre il giĂ  citato Leonardis scrive: “A Bienno, il pittore chiude una stagione felicissima della sua arteâ€?.

A Spiazzi di Gromo, tra le Alpi Orobie, dell’alta Val Seriana, nella rigogliosa foresta di abeti bianchi e rossi, si snoda il “Parco sospeso nel boscoâ€?, il divertente ed istruttivo per corso che, attraverso le piattaforme abbraccianti i fusti degli alberi e i 123 diversi giochi aerei che le collegano, nei 9 percorsi, permette a chiunque si cimenti, di vivere una giornata a diretto con tatto con il bosco, tra le fronde degli alberi, utilizzando corde, ponti, liane, reti e sceglien do i percorsi in base alle proprie capacitĂ  ed esigenze. I percorsi sono differenziati per grado di difďŹ coltĂ  con colorazioni diverse, a partire dal “baby azzurroâ€? ampliato per i piccolissimi, il “gialloâ€? per bambini e ragazzi dotati di minime abilitĂ  e preparazione, il “giallo-verdeâ€?, per un discreto grado di abilitĂ , il “ giallo-rossoâ€?- “giallo bluâ€?, per un’abilitĂ  media. Con buone abilitĂ  e preparazione, si può affrontare il percorso “verdeâ€?; se l’abilitĂ  è piĂš che buona il “rossoâ€? è, per chi possiede preparazione atletica, il percorso “bluâ€?. Naturalmente al progredire delle difďŹ coltĂ  corrisponde l’elevamento in altezza, verso le www.scuolainmontagna.it

‡��‘ ƒˆ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒ †‡Ž‘˜‡…‡�–‘

ƒˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡Â?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ‘…nj …Š‡––‹†‡ŽŽ‡•—‘”‡‘”‘–‡‡†‹‡Â?ÇŚ Â?‘ǥÂ?‡Ž…‘Â?–‡•–‘†‡ŽŽ‡Â?‘Ž–‡‹Â?Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇŚ –‹˜‡Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ†ƒŽ—Â?‡†¿Íš Â?ƒ‰‰‹‘͚͙͙͘‹Ž…‘”•‘Dz ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒ†‡Ž ‘˜‡…‡Â?–‘dz…‘Â?‹Ž–‡Â?ƒDz ’”‘ˆ‡–‹ †‡Ž•‘•’‡––‘ǣ‹Ž’”‡•‹†‹‘†‹Â‹Â‡Â–ÂœÇŚ •…Š‡ǥƒ”š‡ ”‡—†Â?‡Ž•‡…‘Ž‘dzǤ

ÂŽ…‘”•‘†‹ˆ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒ°†‡†‹…ƒ–‘ƒ‹ ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‡Ž‘˜‡…‡Â?–‘‡’”‘nj •‡‰—‹”Â?•‡…‘Â?†‘‹Ž•‡‰—‡Â?–‡…ƒŽ‡Â?ÇŚ Â†ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇŁÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍ?Â?ƒ‰‰‹‘Dz ÂŽ’‡Â?•‹‡nj ”‘…ƒ––‘Ž‹…‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â?…‹…Ž‹…ƒ‡–‡”Â?‹ ƒ–”‹•ƒ‡Â?‡†‡––‘ Č‹ƒ”‹–ƒ‹Â?ÇĄ

‹Ž•‘Â?ÇĄ‘Â?–ƒ†‹Â?‹ǥÂƒÂŽÂ–ÂŠÂƒÂ•ÂƒÂ”ÇĄÂƒÂŠÇŚ Â?Â‡Â”ČŒÇ¤ÇŻ‡–‡”Â?‹ƒ–”‹•°Žƒ–‡”œƒŽ‡–nj –‡”ƒ‡Â?…‹…Ž‹…ƒ†‹’ƒ’ƒ‡‘Â?‡

ÇĄ ’”‘Â?—Ž‰ƒ–ƒ‹ŽÍœƒ‰‘•–‘͙͠Í&#x;ͥǤ ÂŽƒ’ƒ ‡•ƒŽ–ƒ‰Ž‹…‘Žƒ•–‹…‹‡‹ŽŽ‘”‘’”‹Â?…‹’‡ǥ ƒÂ?‘Â?Â?ƒ•‘†ǯ“—‹Â?‘Ǥ—Â?‡†¿ÍĄ Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇŁDzÇŻ•‹•–‡Â?œ‹ƒŽ‹•Â?‘ǥ‹Ž’‡Â?ÇŚ •‹‡”‘ˆ‡”‹–‘‹Â?–‘”Â?‘ƒŽŽ‡†—‡‰—‡””‡

cime degli alberi, lĂ  dove osano solo gli scoiattoli! Per affrontare questa indimenticabile esperienza si partirĂ  con un “Percorso provaâ€? durante il quale gli istruttori illustreranno l’utilizzo delle indicazioni cartellonistiche e dell’attrezzatura messa a disposizione per avviare il nostro “barone rampanteâ€? ai percorsi. Successivamente il personale specializzato seguirĂ  da terra, pronto ad intervenire per consigliare e controllare afďŹ nchĂŠ tutto si svolga nella massima sicurezza. É in allestimento il Percorso Nero, abilitĂ  e preparazione ad altissimo livello. Fruibili, all’interno del Parco Sospeso: il campo di tiro con l’arco, il persorso Parkour, la palestra di arrampicata sportivae il bikepark. Raggiungerci è facile: da Bergamo si prende per la Val Seriana, che percorsa nella sua lunghezza, ci porterĂ  ďŹ no allo storico borgo medioevale di Gromo. Ai piedi della rocca del castello, si svolta a destra per Spiazzi di Gromo ďŹ no a raggiungere il grande piazzale del parcheggio dell’Hotel Spiazzi. Qui lasciata l’automobile, si raggiunge il parco a piedi, a 20 metri di distanza.

Â?‘Â?†‹ƒŽ‹Č‹ÂƒÂ”–”‡ǥƒÂ?Â—Â•ČŒÇ¤ Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż ͙͚Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇŁDz•‡…‘Ž‘ǥ•‡…‘Ž‘†‡ŽŽƒ †‘Â?Â?ÂƒÇĄˆ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒƒŽˆ‡Â?Â?‹Â?‹Ž‡Č‹‡‹Žǥ ”‡Â?†–ǥ–‡‹Â?ÇĄƒÂ?Â?‹Â‘Â˜Â‹Â‰ÂŠÂ‹ČŒÇ¤—nj Â?‡†¿͙͞Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇŁDz”ƒ’‡Â?•‹‡”‘…”‹nj –‹…‘‡’‡Â?•‹‡”‘†‡„‘Ž‡dzČ‹…—‘Žƒ†‹ ”ƒÂ?Â…Â‘ÂˆÂ‘Â”Â–Â‡ÇĄ—–‘’‹‡†‡Ž‡••ƒÂ?–‘–nj –‘ǥƒ––‹Â?Â‘ČŒÇ¤ Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż͙ͥÂ?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇŁ Dzƒ•‹Â?–‡•‹‡”Â?‡Â?‡—–‹…ƒČ‹ ‡‹†‡‰nj ‰‡”ǥ ƒ†ƒÂ?Â‡Â”ČŒ‡Žƒˆ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜ÇŚ ˜‡Â?‹”‡Ǥ‡Žƒ–‘”‡†‡‰Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹†‘Â? ƒ”‹‘‡˜ƒČ‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄ…Š‡•ƒ”Â? ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‘†ƒŽŽ‡––‘”‡ —‹†‘ „‡”–‹Ǥ‘Â?ƒ”‹‘‡˜ƒ°Žƒ—”‡ƒ–‘ ‹Â? ‹Ž‘•‘ˆ‹ƒ‡†°•–ƒ–‘†‘…‡Â?–‡ƒŽ‹nj …‡‘”Â?ƒŽ†‘‘Ž–”‡…Š‡ƒ••‹•–‡Â?–‡‡…nj …Ž‡•‹ƒ•–‹…‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?…ƒ––‘Ž‹…ƒǤ

ÂŽ…‘”•‘•‹–‡””Â?†ƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘ƒŽŽ‡ ‘”‡͚͚Ǥ͛͘ƒ‡Â?Â?‘†‹ƒ’‘†‹‘Â?ÇŚ –‡ǥÂ?‡ŽŽƒ•‡†‡†‡ŽŽƒˆ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ǥ‹Â? ˜‹ƒÂ‘ÂŽÂ‡Â”ÂƒÇĄ͜Ǥƒ“—‘–ƒ†‹Â’ÂƒÂ”Â–Â‡Â…Â‹Â’ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‡°†‹Í?͘‡—”‘ƒ’‡”•‘Â?ƒǤ

0346-44648


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‹ƒ”†‘

Â?ˆ‡•–ƒ’‡”ƒÂ?–ǯ„‹œ‹‘ Il Gruppo Folk di Niardo organizza dal 29 aprile al 1° maggio la festa patronale di Sant’Obizio. VenerdĂŹ 29 aprile alle 17 l’inaugurazione dei pannelli fotovoltaici presso il piazzale delle scuole medie; sempre alle 17 l’apertura del percorso “Sapori nel Borgoâ€?; alle 17.30 la gara podistica “Du pass per digerĂŹâ€?; alla 21 la serata danzante, mentre alle 22 il concerto della rock band Frutto Acerbo. Sabato e domenica alle 10 l’apertura del percorso “Sapori nel Borgoâ€?; alle 10.30 la Santa Messa in

onore di San Costanzo e del Beato Innocenzo; alle 14 l’inaugurazione della Sede delle “Guardie D’Onore di Sant’Obizioâ€? presso la Casa del Beato Innocenzo; alle 15 la consegna del Premio di Sant’Obizio presso la Casa del Beato Innocenzo. Alle 19 la Santa Messa presso il Campo Sportivo del Crist. la serata è in muisca. La celebrazione solenne è alle 10.30 di domenica, mentre alle 15 c’è la processione. Sabato e domenica pomeriggio ci sono dei momenti di gioco per i piĂš piccoli.

͙͛

‘”�‘ …”‹––—”ƒ…”‡ƒ–‹˜ƒ

‘�–‡†‹‡‰�‘ ƒ•–ƒ–—ƒ†‡Žƒ’ƒ

Si tiene martedĂŹ 3 maggio alle 20.30 presso la Biblioteca civica di Borno, il primo appuntamento del “Corso di Scrittura Creativa in 4 serateâ€? organizzato dal Circolo culturale “La Gazzaâ€? e dalla Biblioteca. Un’occasione per imparare le regole fondamentali per sviluppare la creativitĂ  e raccontare una storia avvincente. Il corso sarĂ  tenuto da Annalisa Baisotti, master in scrittura e sceneggiatura per il cinema e la televisione. Per info, contattare Fabio Scalvini al 3395332517.

Dall’1 al 6 maggio la comunitĂ  di Ponte Di Legno è in festa per la beatiďŹ cazione di Giovanni Paolo II. Una delegazione parteciperĂ  alla cerimonia di beatiďŹ cazione. Il 6, in particolare, il vescovo Monari presiederĂ  una Santa Messa al termine della quale verrĂ  benedetta la statua di Giovanni Paolo II in legno policromo, opera dello scultore dalignese Antonio Sandrini. La statua verrĂ  posizionata all’interno dell’oratorio (nella foto) dedicato a Giovanni Paolo II.



‘ƒ”‹‘ƒŽ͚ͥƒ’”‹Ž‡ƒŽ͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘

,QFDPSRODVDOXWH SHUXQIRFXVDƒ ƒ‹”‡œ‹‘Â?‡•ƒÂ?‹–ƒ”‹ƒ’”‘’‘Â?‡—Â?Â?ƒ•–‡”†‹DzÂ?‡†‹…‹Â?ƒ–‡”Â?ÂƒÂŽÂ‡Çł…‘Â?Žƒ’ƒ”–‡…‹’ƒœ‹‘Â?‡ †‡ŽŽ‡’”‹Â?…‹’ƒŽ‹—Â?‹˜‡”•‹–Â?Ǥ‡ƒ…“—‡†‹‘ƒ”‹‘•‘Â?‘—–‹Ž‹œœƒ–‡Â?‡ŽŽ‡’”ƒ–‹…Š‡…—”ƒ–‹˜‡   

3

arte all’insegna della salute a tutto campo la nuova stagione delle Terme di Boario. Infatti la Direzione sanitaria ha organizzato una serie di appuntamenti, puntando al massimo al concetto di “medicina termaleâ€?, secondo i criteri della clinica termale italiana e della clinica in generale. L’attivitĂ  clinico-scientifica da quest’anno riprende i contatti con le UniversitĂ  di riferimento nel grande mondo dell’idrologia e idroclimatologia medica. Si inizia con l’UniversitĂ  di Pavia, in particolare con la cattedra di Farmacologia e Idrologia Medica, che ha organizzato a Boario Terme con un modulo master di Medicina termale, da venerdĂŹ 29 aprile a domenica 1° maggio. Si tratta di un nuovo percorso all’interno delle specializzazioni universitarie, tramite il quale i futuri “medici termaliâ€? vengono a conoscenza dei temi legati al termalismo italiano, alle prospettive cliniche e soprattutto alle metodiche specifiche utilizzate dai centri termali italiani. Boario si pone come uno dei riferimenti nazionali di maggior prestigio: infatti le quattro acque di Boario (Antica Fonte, Fausta, Igea e Boario) sono utilizzate nelle pratiche curative e riabilitative secondo i principi stabiliti dalla clinica medica, di cui la Medicina termale fa parte. Nel Master di II livello di questo fine settimana, cui partecipare anno alcuni

   

Â?’‡”…‘”•‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘ †‡ŽŽ‡•’‡…‹ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‹ —Â?Â‹Â˜Â‡Â”Â•Â‹Â–ÂƒÂ”Â‹Â‡ÇŁ‹ˆ—–—”‹ DzÂ?‡†‹…‹–‡”Â?ÂƒÂŽÂ‹Çł•‹ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒÂ?‘•—‹–‡Â?‹ Ž‡‰ƒ–‹ƒŽ–‡”Â?ƒŽ‹•Â?‘ specializzandi, in Idrologia medica e Medicina termale, si parlerĂ  soprattutto di “Fanghi e percorsi vascolariâ€?. Si tratta di un importante riconoscimento che l’UniversitĂ  di Pavia tributa a Boario e alla sua storia: le acque, infatti, nel tempo sono state utilizzate per bibita termale, per attivitĂ  inala-

torie e irrigatore, ma dagli anni Cinquanta sempre piĂš anche per attivitĂ  curative globali nel vasto settore dell’artrosi e nelle patologie venose. Si tratta di medicina dolce, naturale e molto efficace, per nulla invasiva e soprattutto con buon sollievo generale per le funzioni di alcuni organi e apparati. Se ne parlerĂ  dunque da parte di cattedratici universitari, quali il prof. Plinio Richelmi, farmacologo di Pavia; il prof. Marco Pedrinazzi, reumatologo; la prof.ssa Cesarina Gregotti, responsabile del Master; e da parte del dott. Sergio De Giacomi, direttore sanitario delle Terme, che è stato incaricato dell’attivitĂ  di docenza da parte dell’UniversitĂ  di Pavia. Due saranno i temi fondamentali del modulo: il trattamento delle patologie venose con acqua termale, sia con bagni che con piscina termale vascolare; e il grande capitolo della deambulazione dell’anziano, la cui prevenzione passa attraverso il sistema della “fango-balneoterapiaâ€? e della riabilitazione classica e moderna. Parteciperanno al Master i 15 medici, provenienti da tutta Italia, che hanno vinto la borsa di studio e quindi hanno diritto all’accesso alle lezioni ed alla successiva specializzazione. Le lezioni saranno in aula e al centro cure delle Terme per lo stage. Il Master rappresenta per Boario Terme il ritorno al mondo universitario di alto livello.

‡‰Â?ƒŽƒœ‹‘Â?‡ ––‡Â?œ‹‘Â?‡ƒŽŽƒÇ˛Â˜Â‡Â•Â’ƒ…‹Â?‡•‡dz ‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ”Â”Â‹Â˜Â‘†‡ŽŽƒ’”‹Â?ƒ˜‡”ƒ–‘”Â?ƒÂ?‘’—”–”‘’’‘ƒÂ?…Š‡ƒŽ…—Â?‹ƒÂ?Â?‘nj •‹’”‘„Ž‡Â?‹Ž‡‰ƒ–‹ƒŽ”‹•˜‡‰Ž‹‘†‹’ƒ”ƒ••‹–‹’‡”‹…‘Ž‘•‹…Š‡ƒ––ƒ……ƒÂ?‘Ž‡ •’‡…‹‡˜‡‰‡–ƒŽ‹Ǥ”ƒ‹…ƒ•‹’‹Î†‹ˆˆ—•‹…ǯ°Žƒ’”‡•‡Â?œƒ†‡Ž‹Â?‹’‹†‡†‡Ž …ƒ•–ƒ‰Â?‘ǥ‹Â?‡Â?‘––‡”‘‘”‹‰‹Â?ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ‹Â?ƒ‡’‹Î…‘Â?—Â?‡Â?‡Â?–‡…‘nj Â?‘•…‹—–‘…‘Â?‡Ç˛Â˜Â‡Â•Â’ƒ…‹Â?‡•‡dzǤ ÂŽ…‹Â?‹’‹†‡‰ƒŽŽ‹‰‡Â?‘†‡Ž…ƒ•–ƒ‰Â?‘°—Â? ’‹……‘Ž‘‹Â?•‡––‘’ƒ”–‹…‘Žƒ”Â?‡Â?–‡†ƒÂ?Â?‘•‘’‡”‹Ž…ƒ•–ƒ‰Â?‘Ǣ°‘”Â?ƒ‹ƒÂ?ÇŚ ’‹ƒÂ?‡Â?–‡†‹ˆˆ—•‘‹Â? ‹ƒ’’‘Â?‡ǥ‘”‡ƒ‡–ƒ–‹Â?‹–‹Ǥ ÂŽ’”‹Â?‘ÂƒÂ˜Â˜Â‹Â•Â–ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‘‹Â? –ƒŽ‹ƒ°†‡Ž͚͚͘͘Ǥƒ“—‡ŽŽƒ†ƒ–ƒ‹ŽDz”›‘…‘•Â?—•Â?‘”‹’Š‹ŽŽ—•dz •ǯ°†‹ˆˆ—•‘Â?‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ’‡Â?‹•‘ŽƒǤ Â?ƒŽŽ‡ƒÂ?‘Â?Â‹Â…ÂƒÇĄ‰”ƒœ‹‡ƒŽŽƒ”‡–‡†‹ …‘Â?–”‘ŽŽ‘‡†‹Â?–‡”…‡––ƒœ‹‘Â?‹†‡ŽŽǯÂ”Â•ÂƒÂˆÇĄŽƒÂ?ƒŽƒ––‹ƒ°•–ƒ–ƒ‹Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â†Â—ÂƒÇŚ –ƒĠ•‹Â?‡Â?‡ŽÍšÍ˜Í˜Í ÇĄ‘˜‡Žǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘†‹’‡”•‘Â?ƒŽ‡“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒ–‘°Â•Â–ÂƒÇŚ –‘–‡Â?’‡•–‹˜‘Ǥ‘Â?‘•–ƒÂ?–‡“—‡•–‘ǥĠ”–‘‰Â?‡˜‹‡Â?‡•‡‰Â?ƒŽƒ–ƒÂ?‡Ž ÍšÍ˜Í˜ÍĄÇ¤‡Ž͚͙͘͘Žǯ‹Â?ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡‡•’Ž‘†‡•ƒ–—”ƒÂ?†‘–—––ƒŽƒƒŽŽ‡ƒÂ?‘nj Â?‹…ƒǤ ÂŽ‹Â?‹’‹†‡ǥ˜‹•–ƒŽƒ•—ƒ’‡”‹…‘Ž‘•‹–Â?ÇĄ°…‘Â?•‹†‡”ƒ–‘‘”‰ƒÂ?‹•Â?‘†ƒ “—ƒ”ƒÂ?–‡Â?ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻ’’‘Č‹—”‘’‡ƒÂ?ƒÂ?†‡†‹–‡””ƒÂ?‡ƒÂ?ŽƒÂ?–”‘–‡…–‹‘Â? ”‰ƒÂ?‹œƒ–‹‘Â?ČŒ‡†°•‘‰‰‡––‘ƒŽ‘––ƒ‘„„Ž‹‰ƒ–‘”‹ƒǤ‹…‘Â?•‡‰—‡Â?œƒ‹ Â?—‘˜‹ˆ‘…‘Žƒ‹†‡„„‘Â?‘‡••‡”‡•‡‰Â?ƒŽƒ–‹Ǥ

”–‘‰�‡ �ƒ�‘•–”ƒ•— ‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

†”–‘‰Â?‡•ƒŽ‡ÂŽÇŻÂƒÂ––‡•ƒ’‡”Žǯ‹Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…ƒ…Š‡ ƒ”‹ƒƒœ‹Â?‹‡”ƒƒÂ?‹‡Â?‹‡…Â?ÂƒÇĄ’‘Žƒ……ƒ†‹‘”‹‰‹Â?‡Â?ƒ…ƒÂ?—Â?ƒ†‹ƒ†‘œ‹‘Â?‡ǥ ŠƒƒŽŽ‡•–‹”‡‹Â?‘……ƒ•‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ„‡ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡†‹’ƒ’ƒ‘Œ–›ŽƒǤ‡––‡‹Â?Â?ÂƒÇŚ ‰‹Â?‹•‹‰Â?‹ˆ‹…ƒ–‹˜‡†‡Ž’‘Â?–‹ˆ‹…ƒ–‘†‹ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

”‹’”‘†‘––‡•—Žƒ•–”‡†‹ ƒŽŽ—Â?‹Â?‹‘Ǣ–”‡‰”ƒÂ?†‹’ƒÂ?Â?‡ŽŽ‹ǥ‘’‡”ƒ†‡ŽŽ‡ƒ”–‹•–‡…ƒÂ?—Â?‡Â?‹–ƒƒ‰ƒÂ?‹‡‹nj †‹ƒ‡Â?•‹ǥ…Š‡‹Â?–‡”’”‡–ƒÂ?‘Žǯ‹Â?–‡”•‡…ƒ”•‹–”ƒ•–‘”‹ƒ‡˜‹–ƒ†‡Žƒ’ƒÂ’Â‘ÂŽÂƒÂ…Â…Â‘ÇĄ …‘Â?Žƒ…ƒ†—–ƒ†‡Ž—”‘†‹‡”Ž‹Â?‘ǥÂŽÇŻÂƒÂ–Â–Â‡Â?–ƒ–‘†‹Ž‹‰…ƒ‡‹Ž’‡”…‘”•‘ǥÂ?‘Â? ’”‹˜‘†‹•‘ˆˆ‡”‡Â?ÂœÂƒÇĄ†‹’ƒ’ƒ‘Œ–›ŽƒǤƒ”‹ƒŠƒˆƒ––‘ƒ””‹˜ƒ”‡†ƒŽƒ–‹…ƒÂ?‘ Í&#x;͘͘‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‡––‡†‹’ƒ’ƒ‘Œ–›Žƒ…Š‡†‘Â?‡”Â?ƒ‹’”‹Â?‹˜‹•‹–ƒ–‘”‹ǤƒÂ?‘•–”ƒ ˜‡””Â?‹Â?ƒ—‰—”ƒ–ƒ‹Ž͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ’Â‡Â”Â–Â—Â”Âƒ†‡Ž‰‹ƒ”†‹Â?‘†‹ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇĄ†‹ˆ”‘Â?–‡ ƒŽŽƒ…Š‹‡•‡––ƒ†‡ŽŽƒƒ†‘Â?Â?‹Â?ƒ†‹”–‘‰Â?‡ǤÇŻÂƒÂŽÂŽÂ‡Â•Â–Â‹Â?‡Â?–‘’‘–”Â?‡••‡”‡Â˜Â‹Â•Â‹ÇŚ –ƒ–‘†ƒŽŽ‡‘”‡ÍĄƒŽŽ‡‘”‡͚͙†—”ƒÂ?–‡–—––‘‹Ž’‡”‹‘†‘‡•–‹˜‘Ǥ ÂŽƒ’ƒ’‘Žƒ……‘ ŠƒŽƒ•…‹ƒ–‘—Â?•‡‰Â?‘‹Â?†‡Ž‡„‹Ž‡Â?‡ŽŽƒ…‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?†‹ƒŽ‡…Š‡ƒ‰”ƒÂ?Â˜Â‘Â…Â‡ÇĄ …‘Ž’‹–ƒ†ƒŽŽƒ•—ƒ—Â?ƒÂ?‹–Â?ÇĄŠƒ…Š‹‡•–‘…Š‡˜‡Â?‹••‡ƒ……‡Ž‡”ƒ–‘Žǯ‹–‡”’‡”Žƒ„‡nj ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡‹Â?ƒ––‡•ƒ†‡ŽŽƒ…ƒÂ?‘Â?‹œœƒœ‹‘Â?‡ǤÂ?…Š‡Â?‡Ž”‡•…‹ƒÂ?‘•‘Â?‘–ƒÂ?–‡ Ž‡–”ƒ……‡†‡ŽŽƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ†‡Ž‘Â?Â–Â‡ÂˆÂ‹Â…Â‡ÇĄ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒƒ……”‡•…‹—–‡†ƒŽŽ‡ ˜‹•‹–‡‡ˆˆ‡––—ƒ–‡†ƒ‘Œ–›ŽƒÂ?‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ–‡””ƒǤ

  

ƒ‹ƒŽ…ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‡„‹Â?‘ Â?ƒÂ?—‘˜ƒ˜‡•–‡’‡”DzÂ”ÂƒÂ…Â…Â‡Ç˛ ‡ŽŽ‘ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?—ƒ”‹‘DzÂ”ÂƒÂ…Â…Â‡ÇłÇĄ”‡†ƒ––‘ƒ…—”ƒ†‡ŽŽ‡•‡œ‹‘Â?‹†‡ŽŽ—„ƒŽ’‹Â?‘‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘ ƒŽ…ƒÂ?‘Â?‹…ƒ‡„‹Â?‘Ǥ ÂŽÂ?—Â?‡”‘•‹’”‡•‡Â?–ƒ…‘Â?Â?—‘˜‘ˆ‘”Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄÂ?—‘˜ƒÂ…ÂƒÂ”Â–ÂƒÇĄ Â?—‘˜ƒ‰”ƒˆ‹…ƒČ‚•’‹‡‰ƒ‹Ž„”‡Â?‡•‡ƒÂ?†”‘Â‡ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ’”‡•‹†‡Â?–‡—•…‡Â?–‡†‡ŽÂ•Â‘Â†ÂƒÇŚ Ž‹œ‹‘…Š‡”‡…‡Â?–‡Â?‡Â?–‡Šƒ’ƒ••ƒ–‘‹Ž–‡•–‹Â?‘Â?‡ƒ ”ƒÂ?…‘ƒ’‹–ƒÂ?‹‘ȂǤÂ?…Š‡ ’‡”“—‡•–ƒ–‘”Â?ƒ–ƒŽ‡…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‹†‹‡•’‡”–‹Â?ƒ–—”ƒŽ‹•–‹…‹…ƒÂ?—Â?‹…‘Â?‰Ž‹ ƒŽ—Â?Â?‹†‡ŽŽ‡‡Ž‡Â?‡Â?–ƒ”‹†‹‡†‡‰‘Ž‘ǥ‘”Â?‘ǥÂ‘Â˜Â‡Â”Â‡ÇĄ”„ƒÂ?Â?‘ǥÂƒÂ”ÂˆÂ‘ÇĄ•‹Â?‡Ǥ

ÂŽÂ?ƒ‰‰‹‘”•’ƒœ‹‘†‡ŽŽƒ”‹˜‹•–ƒ°”‹•‡”˜ƒ–‘ƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‹†‹Â˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÇĄ‡•…—”•‹‘Â?‹ǥ‰‹–‡ ‹Â?•‘Ž‹–ƒ”‹ƒ‘…‘Â?—Â?‹–ƒ”‹‡Ǥ‡ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹‡–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?‘Žƒ„‡ŽŽ‡œœƒ†‡ŽŽ‡Â?‘Â?ÇŚ –ƒ‰Â?‡†‡ŽŽƒƒŽŽ‡ǤÇŻÂƒÂ–Â–Â‹Â˜Â‹Â–Â?†‡ŽŽ‡•…—‘Ž‡†‹”‘……‹ƒ‡†‡ŽŽ‡’ƒŽ‡•–”‡†‡‹‰”—’’‹ ƒ––‡•–ƒ…‘Â?‡˜‹‡Â?‡–‡Â?—–ƒ˜‹˜ƒ‡–”ƒ•Â?‡••ƒƒ‹’‹Î‰‹‘˜ƒÂ?‹Žƒ’ƒ••‹‘Â?‡’‡”Ž‡ ˜‡––‡Ǥ‘Ž–‡…ƒÂ?Â?‹Â?ƒ–‡ŠƒÂ?Â?‘”‹•˜‘Ž–‹•–‘”‹…‹ǣ•‡”˜‘Â?‘’‡””‹…‘”†ƒ”‡’‡”•‘nj Â?ƒ‰‰‹‡Ž—‘‰Š‹†‡ŽŽƒDz —‡””ƒ„‹ƒÂ?Â…ÂƒÇłÇ¤


͙͜

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‘˜ƒ–‘ Â?ƒ‰‹‘”Â?ƒ–ƒ…‘Â?Dz‘Â„ÂƒÂ”ÂƒÂœÂœÂ‘Çł Decima edizione, domenica 1°maggio, per “Lo Sbarazzoâ€? di Rovato. Il mercato degli sconti e degli affari vedrĂ  in piazza Cavour, dalle 10 del mattino ďŹ no al tardo pomeriggio, poco meno di una cinquantina di commercianti rovatesi: dai gioielli ai libri, dall’abbigliamento ai vini della Franciacorta, ďŹ no ad arrivare alla biancheria, all’arredo, ai ďŹ ori e molto altro. A organizzare il tutto l’assessorato al Commercio del Comune di Rovato, guidato

dalla 25enne Diomira Ramera, e il sodalizio di esercenti “Centro Storicoâ€?, coordinato da Gianluigi Piva. In caso di pioggia la manifestazione si terrĂ  comunque: non piĂš ovviamente sull’acciottolato di piazza Cavour, ma all’interno dei negozi del centro, sotto i portici di dell’architetto Rodolfo Vantini e nella galleria di corso Bonomelli. Le previsioni, però, promettono bene, e quindi vale la pena prendere carta e penna per appuntarsi le iniziative collaterali: dai diversi appuntamenti

musicali della giornata, in giro per il centro, alla possibilitĂ  di assaggiare i prodotti tipici del territorio, ad esempio attraverso i “Menu dello Sbarazzoâ€?, iniziativa promossa dai ristoratori di Rovato in collaborazione col Comune per poter gustare menĂš a base del piatto tradizionale di Rovato, il manzo all’olio a prezzi vantaggiosi (info e prenotazioni: 030/7713251 o www. comunedirovato.it ). SarĂ  possibile visitare Rovato e i suoi monumenti grazie all’iniziativa ScopriRovato,

visita turistica guidata che alle ore 14.30 (con partenza dallo stand del Comune in piazza Cavour) andrĂ  alla scoperta dei monumenti e delle vestigia storiche di Rovato: le Mura venete, l’antico castello, il Palazzo municipale, la parrocchiale di Santa Maria Assunta con gli importanti dipinti di scuola lombarda e veneta, l’annessa Cappella del Sacro Cuore e l’oratorio della Disciplina. La partecipazione è gratuita, prenotazioni all’UfďŹ cio commercio (030 7713225). (i.z.)

    ‘Â?•‘”œ‹‘’‡”Žƒ–—–‡Žƒ—Â?‡†¿ÍšÂ?ƒ‰‰‹‘

´&XUWHIUDQFDÂľ WXWWRGDVFRSULUH ƒŽŽ‡Í™Í?ƒŽŽ‡͚͘‹Ž—•‡‘‹ŽŽ‡‹‰Ž‹ƒ†‹ƒÂ?–ǯ—ˆ‡Â?‹ƒ‘•’‹–ƒ‘Ž–”‡Í&#x;͘ˆ”ƒŽ‡Â?‹‰Ž‹‘”‹ ‡–‹…Š‡––‡†‹˜‹Â?‹„‹ƒÂ?…Š‹‡”‘••‹Ǥ‘‰Â?‹˜‹•‹–ƒ–‘”‡—Â?…ƒŽ‹…‡’‡”Žƒ†‡‰—•–ƒœ‹‘Â?‡     

ÇŻÍšÍ˜Í˜ÍĄ

8

n pomeriggio diverso, con la possibilitĂ  di degustare i vini fermi, bianchi e rossi, prodotti sulle colline della Franciacorta, terra universalmente conosciuta per la produzione vitivinicola di bollicine. I Curtefranca Doc e Sebino Igt prodotti da 23 aziende della Franciacorta saranno, il prossimo 2 maggio, lunedĂŹ, i protagonisti dell’evento “Curtefranca una Doc da scoprireâ€?, alla sua seconda edizione dopo il successo del 2009 al Convento dell’Annunciata di Rovato e per la prima volta a Brescia, nella splendida cornice del Museo Mille Miglia di Sant’Eufemia. Qui il Consorzio per la tutela del Franciacorta, organizzatore dell’evento, allestirĂ  i banchi d’assaggio dove i presenti potranno conoscere oltre 70 fra le migliori etichette di vini bianchi e rossi prodotti nel territorio. Il Curtefranca è una giovane denominazione appena nata, ma che si sta giĂ  facendo conoscere fra gli appassionati del settore: il compito, ora, è quello di allargare l’appetibilitĂ  della nuova doc, facendola conoscere e apprezzare anche dal grande pubblico. Che, comunque, ha giĂ  dimostrato di conoscere per bene il Curtefranca doc: erede della tradizione dei vini fermi prodotti in Franciacorta, la denominazione rappresenta

ƒÂ?Â‡ÂŽÂŽÂƒÇŁDz ˜‹Â?‹ˆ‡”Â?‹ †‡ŽÂ?‘•–”‘–‡””‹–‘”‹‘ …‘Â?–”ƒ††‹•–‹Â?–‹†ƒŽŽƒ ‘…—”–‡ˆ”ƒÂ?…ƒ ”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?‘—Â?ƒ •‘Ž‹†ƒ”‡ƒŽ–Â?Çł ancora oggi il 20% della produzione vinicola. Sono state 2milioni e 600mila le bottiglie di Curtefranca imbottigliate nel 2010, con una su-

perficie rivendicata complessiva di oltre 300 ettari. Il nome Curtefranca è nato con l’introduzione, nel 2008, del nuovo disciplinare di produzione che ne ha modificato la denominazione, sostituendola alla precedente Terre di Franciacorta. Il nuovo disciplinare è nato con l’intento di valorizzare il Carmenère, vitigno storicamente presente in Franciacorta, e ha introdotto una serie di nuovi regolamenti per favorire la crescita qualitativa. “Grazie alla continua crescita, il successo di critica e il continuo pubblico riscontrato in questi anni dal Franciacorta – spiega Maurizio Zanella (nella foto), presidente del Consorzio per la tutela del Franciacorta – i vini fermi del nostro territorio contraddistinti dalla Doc Curtefranca continuano a rappresentare una solida realtĂ  che riscuote il gradimento dei consumatori e offre vette qualitative d’eccellenzaâ€?. L’evento “Curtefranca una Doc da scoprireâ€? si svolgerĂ  dalle ore 15 alle 20 di lunedĂŹ 2 maggio Museo Mille Miglia di Sant’Eufemia. Il costo d’ingresso è di 5 euro. Ad ogni visitatore sarĂ  consegnato un calice per la degustazione, previo versamento di una cauzione, sempre di 5 euro. Ogni altra informazione è consultabile sul sito internet del Consorzio per la tutela del Franciacorta: www. franciacorta.net.

‘……ƒ‰Ž‹‘

Ž…ƒ�’‘•ƒ�–‘ ƒ�’Ž‹ƒ‰Ž‹•’ƒœ‹

ƒÂ?–‹‡”‹‹Â?˜‹•–ƒ’‡”‹Ž…ƒÂ?’‘•ƒÂ?–‘ …‘Â?—Â?ƒŽ‡Č‹Â?‡ŽŽƒˆ‘–‘Žǯ‹Â?Â‰Â”Â‡Â•Â•Â‘ČŒ†‹ Â‘Â…Â…ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹Â‘ÇĄ†‘’‘ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â”Â‘Â˜ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡†‡Ž ’”‘‰‡––‘Â†ÇŻÂƒÂ?’Ž‹ƒÂ?‡Â?–‘†ƒ͙͚͠Â?‹Žƒ ‡—”‘ǥ…—”ƒ–‘†ƒŽŽƒ‰‹‘˜ƒÂ?‡ƒ”…Š‹–‡––‘ ƒ—”ƒ‡”–—œœ‹‡‹Â?–‡”‡••ƒÂ?–‡Žǯ‹Â?–‡nj ”ƒƒ”‡ƒ˜‡”†‡…Š‡•‹•–‡Â?†‡ƒ•—†nj‡•– †‡Ž…‹Â?‹–‡”‘Ǥ—‹–”‘˜‡”ƒÂ?Â?‘•’ƒœ‹‘ ͚͜͞Ž‘…—Ž‹†‹–‹’‘Â?‹•–‘ǥ†‹…—‹•‘Ž‘͚͛ ”‹•‡”˜ƒ–‹ƒ–‘Â?Â„Â‡ÇŚÂˆÂƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ‘‰Â?—Â?ƒ …‘Â?’‘•–ƒ”‹•’‡––‹˜ƒÂ?‡Â?–‡†ƒ‘––‘ Ž‘…—Ž‹‡‘––‘Â‘Â•Â•ÂƒÂ”Â‹ÇĄÂ?ƒƒÂ?…Š‡Â“Â—ÂƒÂ–ÇŚ –”‘…ƒ’’‡ŽŽ‡’”‹˜ƒ–‡…Š‡•‘”‰‡”ƒÂ?Â?‘ ƒ‹“—ƒ––”‘ƒÂ?‰‘Ž‹‹Â?–‡”Â?‹†‡Ž„Ž‘……‘ ‡šÂ?Â‘Â˜Â‘ÇĄÂ?‡Â?–”‡ƒ‹“—ƒ––”‘•’‹‰‘Ž‹ ‡•–‡”Â?‹•ƒ”ƒÂ?Â?‘’‘•‹œ‹‘Â?ƒ–‡—Â?ǯ‘–nj –ƒÂ?–‹Â?ƒ†‹—”Â?‡…‹Â?‡”ƒ”‹‡Ǥ–ƒÂ?†‘ƒ “—ƒÂ?–‘”‹ˆ‡”‹–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡ ÂƒÂ„Â”Â‹ÇŚ œ‹‘‘……‘ǥŽǯ‹Â?Â?‹Â?‡Â?œƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘’‡”ƒ •…ƒ–—”‹•…‡†ƒŽ”‹•—Ž–ƒ–‘†‹—Â?Â‘Â…Â—ÂŽÂƒÇŚ –‘•–—†‹‘ǥ†ƒŽ“—ƒŽ‡°‡Â?‡”•‘…Š‡Žƒ ”‹…Š‹‡•–ƒÂ?‡†‹ƒ†‹Ž‘…—Ž‹‘•…‹ŽŽ‡”‡„nj

„‡‘‰Â?‹ƒÂ?Â?‘–”ƒŽ‡Í?͘‡Í&#x;͘†‘Â?ƒÂ?ÇŚ †‡ǥÂ?‡Â?–”‡ƒŽÂ?‘Â?‡Â?–‘Â?‡Ž…ƒÂ?’‘nj •ƒÂ?–‘•‹…‘Â?–ƒÂ?‘͙͘͜Ž‘…—Ž‹†‹•’‘Â?‹nj „‹Ž‹ǤDz‡Ž‰‹”‘†‹—Â?’ƒ‹‘Â†ÇŻÂƒÂ?Â?‹Č‚Šƒ ’—Â?–—ƒŽ‹œœƒ–‘‘……‘Č‚’‘–”‡Â?Â?‘ ‡•ƒ—”‹”‡‹Ž‘…—Ž‹Ž‹„‡”‹ǥÂ?‡Â?–”‡…‘•¿ ‹Â?–‡”˜‡Â?‡Â?†‘•‡Â?‡‰ƒ”ƒÂ?–‹”‡„„‡nj ”‘’‡”—Â?ƒ†‡…‹Â?ƒÂ†ÇŻÂƒÂ?Â?‹dzǤ Â?ƒ––‡•ƒ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜Â˜Â‹Â‘†‡‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‹ǥ’”‡˜‹•–‘’‡”‰‹—nj ‰Â?‘ǥ‹Ž…‹Â?‹–‡”‘…‘……ƒ‰Ž‹‡•‡°•–ƒ–‘ ‹Â?–‡”‡••ƒ–‘ƒÂ?…Š‡†ƒƒŽ–”‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‹ ”‹“—ƒŽ‹ˆ‹…ƒÂ?–‹Ǥ‡“—ƒ•‹†—‡Â?‹Žƒ–‘Â?ÇŚ „‡’”‡•‡Â?–‹•‘Â?‘•–ƒ–‡ˆ‘–‘‰”ƒˆƒ–‡‡ –”ƒ•ˆ‡”‹–‡•——Â?•—’’‘”–‘‹Â?ˆ‘”Â?ÂƒÂ–Â‹ÇŚ …‘ƒˆˆ‹†ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘”‹„—–‹ǥÂ?‡Â?–”‡ ‹Ž•‡”˜‹œ‹‘†ǯ‹ŽŽ—Â?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡–‘Â?„‡ǥ ’”‹Â?ƒƒˆˆ‹†ƒ–‘ƒ•‘…‹‡–Â?‡•–‡”Â?‡ǥÂ•ÂƒÇŚ ”Â?•‡‰—‹–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘–‡…Â?‹…‘…‘Â?—nj Â?ƒŽ‡Ǥƒ•‡‰Â?ƒŽƒ–ƒŽƒ•‘•–‹–—œ‹‘Â?‡†‹ –—––‡Ž‡˜‡……Š‹‡ŽƒÂ?’ƒ†‹Â?‡…‘Â?Ž—…‹ ƒŽ‡†ǥÂ?‡ŽŽƒŽ‘‰‹…ƒ†‹ˆƒ˜‘”‹”‡Žƒ”‹†—nj œ‹‘Â?‡†‡‹†‹•’‡Â?†‹‡Â?‡”‰‡–‹…‹ǤČ‹ÂƒÇ¤Â•Ç¤ČŒ


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

Í™Í?

‘Ž‘‰�‡

ÂŽ˜‡•…‘˜‘‘Â?ƒ”‹„‡Â?‡†‹…‡Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡”‡•–ƒ—”ƒ–ƒ I lunghi lavori sono deďŹ nitivamente terminati, le porte sono state con soddisfazione riaperte ai fedeli e, giusto in tempo per le solennitĂ  pasquali, ad ornare le ormai da tre anni derubate colonne interne è giunta anche la serie completa di preziose via crucis. A sancire però a tutti gli effetti la “rinascitaâ€? dell’antica Parrocchiale Santi Gervasio e Protasio di Cologne, completamente restaurata, arriverĂ  puntuale

domenica 1° maggio anche la solenne benedizione afďŹ data niente di meno che alle mani del Vescovo di Brescia, mons. Luciano Monari. In quella giornata, le celebrazioni liturgiche domenicali della mattina saranno infatti agglomerate nell’unica Santa Messa delle 10.30 presieduta proprio dal Vescovo che compirĂ  il rito di benedizione della chiesa. L’accoglienza da parte dell’intera comunitĂ , alla presenza delle

varie autorità, ma anche di tutte le associazioni con tanto di labari e simboli in vista e atleti delle varie società sportive in divisa, è prevista nella centrale piazza Garibaldi appena prima della messa. Per garantire la massima partecipazione scenderanno in campo anche i volontari della Protezione civile (impegnati in logistica, viabilità e sicurezza) e quelli del soccorso e dell’Associazione Anziani

che garantiranno il servizio trasporto per persone disagiate o in difďŹ coltĂ . Per maggiori informazioni è possibile telefonare ai numeri: 030/7050795 - 850. Un appuntamento signiďŹ cativo che ben s’inserisce nell’ambito dei festeggiamenti promossi nella comunitĂ  colognese in occasione della ricorrenza del centenario di presenza delle suore francescane in paese e che vedrĂ  il suo clou nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 maggio. (a.s.)



ÂŽÍ&#x;‡ÂŽÇŻÍ Â?ƒ‰‰‹‘ ‹–‘”Â?ƒDz ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒÂ?†‘dz Dz ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒÂ?†‘dz‹Â?˜‹–ƒ‰Ž‹‡Â?‘–—”‹•–‹Ġƒ„„ƒÂ?†‘Â?ƒ”‡‹ŽÍ&#x;‡ÂŽÇŻÍ Â?ƒ‰‰‹‘ Ž‡ƒ—–‘Â?‘„‹Ž‹‡ƒ‡•’Ž‘”ƒ”‡ƒ’‹‡†‹“—‡•–‘ƒÂ?‰‘Ž‘†‹‘Â?„ƒ”†‹ƒ˜‘…ƒ–‘ ’‡”–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡ƒŽŽƒÂ˜Â‹Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ…‘Â?…—‹•‹‹†‡Â?–‹ˆ‹…ƒ‹Ž•—‘’”‘†‘––‘’‹Î Â’Â”Â‡Â‰Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‹Ž ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒǤ‡‹‰Ž‹‹–‹Â?‡”ƒ”‹…Š‡•˜‡Ž‡”ƒÂ?Â?‘ƒ‹–—”‹•–‹ÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒ ’‹Î˜‡”ƒ‡•…‘Â?‘•…‹—–ƒ†‹“—‡•–ƒÂ–Â‡Â”Â”ÂƒÇŁÍ?ÇĄĠƒÂ?‡ŽŽ‘‡’‡”…‘””‹„‹Ž‹‹Â?Â?‡œœƒ ‰‹‘”Â?ÂƒÂ–ÂƒÇĄ•‘Â?‘–”ƒ……‹ƒ–‹‹Â?ƒŽ–”‡––ƒÂ?–‡†‹ˆˆ‡”‡Â?–‹œ‘Â?‡†‡ŽŽƒ ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒǤ

ÂŽ•‡•–‘ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ’‹ÎŽ—Â?‰‘‡’‡”…‘””‹„‹Ž‡‹Â?’‹Î‰‹‘”Â?‹ǥ’ƒ”–‡†ƒ”‡•…‹ƒ ‡†ƒ””‹˜ƒ•—ŽŽƒ‰‘†ǯ •‡‘ǣ”‹˜‘Ž–‘ƒ‰Ž‹ƒ’’ƒ••‹‘Â?ƒ–‹†‹–”‡Â?Â?‹Â?‰ǥ’”‡˜‡†‡ Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹†‘”Â?‹”‡‹Â?ƒ‰”‹–—”‹•Â?‘ǥÂƒÂŽÂ„Â‡Â”Â‰Â‘ÇĄ„‡†ĆŹ„”‡ƒÂ?ÂˆÂƒÂ•Â–ÇĄ˜‹ŽŽƒ ƒÂ?–‹…ƒ‘…ƒÂ?’‡‰‰‹‘Ǥ Ž‹‹–‹Â?‡”ƒ”‹–‘……ƒÂ?‘…ƒÂ?–‹Â?‡•’‡––ƒ…‘Žƒ”‹’‡”•–‘”‹ƒ ‡ƒ”…Š‹–‡––—”ƒČ‹Â†Â‘˜‡•ƒ”ƒÂ?Â?‘‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‡†‡‰—•–ƒœ‹‘Â?‹‡˜‹•‹–‡Â‰Â—Â‹Â†ÂƒÂ–Â‡ČŒÇĄ ƒ„„ƒœ‹‡Â?‹ŽŽ‡Â?ƒ”‹‡‡•ƒÂ?Â–Â—ÂƒÂ”Â‹ÇĄ†‹Â?‘”‡•–‘”‹…Š‡‡Â’ÂƒÂŽÂƒÂœÂœÂ‹ÇĄ˜‹‰Â?‡–‹ǥƒÂ?‰‘Ž‹†‹ Â?ƒ–—”ƒ‹Â?–ƒ––ƒ“—ƒŽ‹Ž‡‘”„‹‡”‡†‡Ž‡„‹Â?‘ǥ†‡Ž‹…ƒ–‘‡…‘•‹•–‡Â?ƒ†‹ƒ…“—‡ ‡˜‡‰‡–ƒœ‹‘Â?‡’ƒŽ—•–”‡—Â?‹…ƒ†‡Ž•—‘‰‡Â?‡”‡‹Â?—”‘’ƒǤ—Ž•‹–‘†‡ŽŽƒ –”ƒ†ƒ†‡Ž ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒČ‹Â™Â™Â™Ç¤Â•Â–”ƒ†ƒ†‡Žˆ”ƒÂ?Â…Â‹ÂƒÂ…Â‘Â”Â–ÂƒÇ¤Â‹Â–ČŒŽ‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ —–‹Ž‹Ǥ‡Â?’”‡†ƒŽ•‹–‘•‹’‘••‘Â?‘•…ƒ”‹…ƒ”‡‹–‹Â?‡”ƒ”‹‡‹Â?Â†Â‹Â”Â‹ÂœÂœÂ‹ÇĄ…Š‡•ƒ”ƒÂ?Â?‘ ’—„„Ž‹…ƒ–‹ƒÂ?…Š‡•——Â?ƒ‰‹Ž‡Â’Â‹Â‡Â‰ÂŠÂ‡Â˜Â‘ÂŽÂ‡ÇĄƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡†‡‹–—”‹•–‹Ǥ

 

 

ƒŽƒœœ‘Ž‘ �‹œ‹ƒ–‹˜‡…—Ž–—”ƒŽ‹

0DJJLRFXOWXUDOH LQULYDDOO¡2JOLR   

,

ntensi giorni di programmazione culturale quelli che si appresta a vivere Palazzolo. Numerose sono le proposte messe in calendario e fitti gli impegni di alcune fra le importanti associazioni culturali del territorio. Particolarmente denso è il calendario del coro polifonico “La Rocchettaâ€? che domenica 1° maggio alle ore 16.30 diretto dal maestro Renzo Pagani, sarĂ  impegnata in un concerto celebrativo dei 200 anni dalla fondazione dell’Istituzione Madonna del Boldesico di Grumello del Monte (Bg), costituito da una elevazione spirituale con brani scelti dal repertorio mariano (Bach, Mozart, Haydin, Palestrina, Frisina e altri). Il 1° maggio 1811 infatti veniva fondato, con atto di donazione del sacerdote locale don Luigi Belotti, l’Ospedale di S. Maria del Boldèsico, con lo scopo di “ricoverare e curare i poveri ammalati di ambo i sessi dei Comuni di Grumello del Monte e di Tagliuno (ora Castelli Calepio)â€?; dalla sua origine ad oggi l’Ente ha ininterrottamente operato nel campo dell’assistenza sociosanitaria che continua tuttora con particolare riferimento alla tutela degli anziani, dei disabili e dei minori, oltre a promuovere ed effettuare opera di formazione e ricerca scientifica, in questa zona situata sulla sponda destra dell’Oglio confinante con Palazzolo. L’occasione vuole anche solennizzare e unirsi alla gioia per la beati-

‡Â?•‘‹Ž…ƒŽ‡Â?†ƒ”‹‘†‡Ž …‘”‘DzƒÂ‘Â…Â…ÂŠÂ‡Â–Â–ÂƒÇł …Š‡‹Ž͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘˜ƒƒ

”—Â?‡ŽŽ‘†‡Ž‘Â?–‡ ’‡”‹͚͘͘ƒÂ?Â?‹†‡ŽŽƒ ƒ†‘Â?Â?ƒ†‡Ž‘Ž†‡•‹…‘ ficazione di Giovanni Paolo II, alla cui presenza il Coro della Rocchetta ha pure cantato nel 2003. Il programma dell’elevazione mariana verrĂ  replicato sabato 7 maggio nella Chiesa parrocchiale di S. Lorenzo a Palosco, domenica 15 maggio alle ore 15,45 presso il Santuario di Caravaggio, giovedĂŹ 26 maggio alle ore 21 presso la Basilica di Santa Maria delle Grazie in Brescia e domenica 5 giugno a Ve-

rona nella Basilica di S. Anastasia. Nell’ambito di un nutrito calendario di iniziative che fanno capo ai tre Centri gestiti dall’Associazione Pensionati di Palazzolo (Centro diurno “G. Orsattiâ€? di Via Zanardelli, Centro diurno di S. Pancrazio, e Circolo di Mura, il “Centro diurno G. Orsattiâ€?, in collaborazione con l’Associazione Culturale “Il Maestraleâ€?, organizza una Rassegna di pittura e scultura con il tema: “La mammaâ€? vista attraverso gli occhi dell’artista. Si tratta di una raccolta di opere realizzate dagli allievi dei corso d’arte di Cologne e di Palazzolo. L a r a s s e g n a s i t e r r Ă  i g i o rni 6-7-8-maggio presso la sede dell’Associazione Pensionati di Via Zanardelli, 35 al primo piano con il seguente programma: venerdĂŹ 6 maggio ore 14,30 - inaugurazione, segue visita fino alle ore 18, sabato 7 maggio - visite dalle ore 14.30 alle ore 18; domenica 8 maggio visite dalle ore 14.30 e alle 18 premiazione con rinfresco. Per finire il Circolo filatelico e numismatico di Palazzolo, in occasione del 150° anniversario dell’UnitĂ  d’Italia organizza presso il Salone Bordogna della Fondazione Cicogna Rampana in Via Garibaldi, 24 una mostra filatelico-numismatica che aprirĂ  i battenti alle 9.30 di domenica 8 maggio. Proseguono anche le visite ai monumenti cittadini, su tutti spiccano la Torre del Popolo (nella foto) e l’auditorium San Fedele.

ƒœœƒ‰‘ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘ Dz ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒ‹Â?ÂˆÂ‹Â‘Â”Â‡Çł ‡ŽÂ?‡•‡†‡ŽŽƒˆ‹‘”‹–—”ƒ†‡ŽŽ‡”‘•‡ǥ†ƒ͙͛ƒÂ?Â?‹…ǯ°—Â?ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘†ƒ •‡‰Â?ƒ”‡…‘Â?‹Ž…‹”…‘Ž‡––‘”‘••‘•—Ž…ƒŽ‡Â?Â†ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇŁ°Dz ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒ‹Â?ÂˆÂ‹Â‘Â”Â‡ÇłÇĄŽƒ ”ƒ••‡‰Â?ƒ„‘–ƒÂ?‹…ƒ’”‹Â?ƒ˜‡”‹Ž‡…Š‡•‹–‹‡Â?‡ƒƒœœƒ‰‘ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘‰”ƒœ‹‡ ƒŽŽƒ•‹Â?‡”‰‹ƒˆ”ƒÂŽÇŻÂ?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡‡Žƒ”‘‘…‘ǤÂ—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘ ÂŽÇŻÂƒÂ’Â’Â—Â?–ƒÂ?‡Â?–‘°ˆ‹••ƒ–‘–”ƒ˜‡Â?‡”†¿͙͛‡†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í?Â?ƒ‰‰‹‘Ǥ‘’‘Žƒ ƒ––‘”‹ƒ†‹‹ŽŽƒƒ‰‰‹‡ǥ’”‹Â?ƒƒÂ?Â…Â‘Â”ÂƒÇĄ‹ŽŽƒ‘Â?–‡Â‘Â•Â•ÂƒÇĄ…Š‡ŠƒÂ?Â?‘ˆƒ––‘ †ƒ…‘”Â?‹…‡’‡”†—‡‹Â?–‡”‹Ž—•–”‹ǥÂ“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘Žƒ͙͔͛‡†‹œ‹‘Â?‡’”‡Â?†‡”Â?†‹Â?‘”ƒƒ ƒŽƒœœ‘ —ƒ”Â?‡”‹‡ƒƒŽƒœœ‘‡––‘Â?‹njÂƒÂœÂœÂƒÂ‰Â‘ÇĄ†—‡‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹˜‹ŽŽ‡•–‘”‹…Š‡ †‡Ž–‡””‹–‘”‹‘ˆ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–‹Â?‘Ǥ—‡•–‹‰Ž‹‘”ƒ”‹Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â†Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ÍšÍ˜Í™Í™ÇŁ˜‡Â?‡”†¿͙͛ Â?ƒ‰‰‹‘†ƒŽŽ‡‘”‡Í™Í?ƒŽŽ‡͙ͥǥ•ƒ„ƒ–‘͙͜‡†‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í?Â?ƒ‰‰‹‘†ƒŽŽ‡ÍĄÇ¤Í›Í˜ƒŽŽ‡ ͙ͥǤ ÂŽ„‹‰Ž‹‡––‘…‘•–ƒÍ?‡—”‘Ǥ Â”ÂƒÂ–Â—Â‹Â–Â‘ÇĄ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ’‡”‹”‡•‹†‡Â?–‹Â?‡Ž…‘Â?—Â?‡†‹ ƒœœƒ‰‘ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘ǥ‹Â?‹Â?‘”‹†‹‘––‘ƒÂ?Â?‹ǥ‹†‹•ƒ„‹Ž‹‡‹Ž‘”‘ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ–‘”‹Ǥ

ƒ”ƒ–‹…‘ ƒÇ˛ÂŽÂƒÂ…–ƒ–‹‘‹”‰‹Â?‹•dz†‹ƒÂ?‡”Â?ƒ”†‘ ƒ„ƒ–‘͛͘ƒ’”‹Ž‡ƒŽŽ‡͙͞ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘†‡ŽŽƒ ”‹Â?ƒ˜‡”ƒ…—Ž–—”ƒŽ‡ †‡ŽŽƒ ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒ‡†‡Ž‡„‹Â?‘Žƒ•ƒŽƒ…‘Â?•‹Ž‹ƒ”‡†‡Ž‘Â?—Â?‡‘•’‹–ƒ ŽƒŽ‡œ‹‘Â?‡†‹ƒ‘ŽƒŽ„‡”–‹•—Dz ‡Â?‡•‹‡ˆ‘”–—Â?ƒ†‹—Â?ǯ‹…‘Â?‘‰”ƒˆ‹ƒ Â’ÂƒÂ”Â–Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇŁŽƒŽƒ…–ƒ–‹‘‹”‰‹Â?‹•†‹ƒÂ?‡”Â?ƒ”†‘†‹Š‹ƒ”ƒ˜ƒŽŽ‡Ǥ ǯ‹Â?‰”‡••‘°Ž‹„‡”‘ǤÂŽ–‡”Â?‹Â?‡†‡ŽŽƒÂ?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‡ǥ•‹’—Ö˜‹•‹–ƒ”‡ ‘””‡ƒÂ?–‹‡”‹‡ŽƒÂ?‘•–”ƒÂˆÂ‘Â–Â‘Â‰Â”ÂƒÂˆÂ‹Â…ÂƒÇĄ…Š‡‹ŽŽ—•–”ƒŽƒÂ•Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÇĄ†‡ŽŽ‡ …Š‹ƒ––‡…Š‡–”ƒ•’‘”–ƒ˜ƒÂ?‘‹˜ƒ‰‘Â?‹†‡‹–”‡Â?‹Â?‡”…‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‹œ‹‘ǎ͘͘͠ ˆ‹Â?‘ƒŽŽ‡Â?‡–Â?†‡ŽÇŽÍĄÍ˜Í˜ÇĄ•—ŽŽƒ‰‘†ǯ •‡‘ǥ†ƒ‘˜‡”‡ƒÂƒÂ”ÂƒÂ–Â‹Â…Â‘ÇĄ’‡” ’‘‹”‹’”‡Â?†‡”‡Žƒˆ‡””‘˜‹ƒ’‡”ƒŽƒœœ‘Ž‘‡‹ŽƒÂ?‘Ǥ Â?‘Ž–”‡•‹’‘–”Â? ˜‹•‹–ƒ”‡Žƒ‘””‡ƒÂ?–‹‡”‹†‹ƒ”ƒ–‹…‘†‡Ž •‡…‘Ž‘ǥ’‡”‰‘†‡”‡ Žƒ’ƒÂ?‘”ƒÂ?‹…ƒ†‡ŽŽƒ‰‘†ǯ •‡‘ˆ”ƒŽ‡†—‡•’‘Â?†‡„‡”‰ƒÂ?ƒ•…ƒ‡ „”‡•…‹ƒÂ?ÂƒÇĄ‡ƒÂ?Â?‹”ƒ”‡ƒÂ?…Š‡ƒŽ’‹ƒÂ?‘–‡””ƒŽƒÂ“Â—ÂƒÂ†Â”Â‹Â•ÂˆÂ‡Â”ÂƒÇ˘•‹–”ƒ––ƒ †‹—Â?ǯ‹Â?•–ƒŽŽƒœ‹‘Â?‡‹Â?Â?‘˜ƒ–‹˜ƒ†‹…—‹Â?‡‡•‹•–‘Â?‘•‘Ž‘–”‡‡•‡Â?’‹ ‹Â? Â–ÂƒÂŽÂ‹ÂƒÇŁ‹Â?—Â?ƒ’‹……‘Žƒ•–ƒÂ?œƒÂ‘Â•Â…Â—Â”ÂƒÇĄ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹Â?‘Ž–‹’Ž‹…ƒ–‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?ˆ‹Â?‹–‘ǥ‰”ƒœ‹‡Ġ—Â?•‹•–‡Â?ƒ†‹Ž—…‹‡•’‡……Š‹ǥƒ……‡Â?†‘Â?‘—Â? Â?—‘˜‘Â?‘Â?†‘Ǥƒ”‡‰‹ƒ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‹˜ƒ’‘”–ƒŽƒˆ‹”Â?ƒ†‡Ž‡Â?–”‘ …—Ž–—”ƒŽ‡ƒ”–‹•–‹…‘†‹ ”ƒÂ?…‹ƒ…‘”–ƒ‡‡„‹Â?‘Ǥ


͙͞

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‘Â?…‡•‹‘ Dz‹ƒ‰‰‹‡Â?Â‹Â”ÂƒÂ‰Â‰Â‹Çł‹Â?‹„Ž‹‘–‡…ƒ Continua anche quest’anno la rassegna “Viaggi e Miraggiâ€? che la Biblioteca comunale di Concesio ha proposto in questi ultimi anni. Cominciata lo scorso 5 aprile con uno spettacolo a cura di Flora Zanetti e proseguita con due appuntamenti di cineforum (“Mars: dove nascono i sogniâ€? e “Nostalghiaâ€?), l’edizione 2011 si appresta a entrare nel mese di maggio con altri tre eventi. “Anche quest’anno – dice Enrica Rizzini, assessore alla Cultura – la Commissione della biblioteca ha ritenuto opportuno e interessante continuare l’esperienza della rassegna che, lungo un percorso fatto di testimonianze, immagini, musica, cultura, cibo e cinema cerca

di riunire l’interesse delle persone verso aree geograďŹ che lontane, con l’auspicio di incontrare la curiositĂ  della gente e offrire il piacere di nuove scoperteâ€?. Una scelta che quest’anno è ricaduta sulla Russia, Paese di grandi cittĂ , grandi paesaggi e vasta arte culinaria. Proprio il cibo è al centro di “Cene russeâ€?, due pranzi nella casa Alberina di via Mattei (a ďŹ anco della biblioteca) con menu tipici della tradizione gastronomica russa: il primo martedĂŹ 3 maggio, il secondo martedĂŹ 10 maggio con un massimo di 54 posti disponibili per ogni pranzo (quota di partecipazione 8 euro, per iscrizioni telefonare allo 030.2184141

all’UfďŹ cio Cultura). GiovedĂŹ 5 maggio, invece, saranno gli spazi della biblioteca a ospitare alle 20.45 “Viaggio letterarioâ€?, un recital a cura di Beppe Valenti con musiche di Nicola Panteghini. InďŹ ne, chiusura della manifestazione venerdĂŹ 13 maggio sempre alle 20.45 presso la biblioteca comunale con un concerto di musica folklorica russa e dell’Europa orientale. “Una serie di iniziative – aggiunge Enrica Rizzini – che speriamo possano incuriosire, appassionare, suscitare desiderio di conoscenza e di viaggio nei partecipanti, confermando l’importante ruolo della biblioteca come centro attivo di vita culturale e di socialitĂ â€?. (a.a.)

  ‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ”‘‰‡––‘†‡ŽŽǯ…‘Â?—•‡‘

0DSSDWHPDWLFD SHULOWHUULWRULR ƒ’‹Î†‹—Â?ƒÂ?Â?‘•‹Žƒ˜‘”ƒƒDzƒ•–”ƒ†ƒÂ?‡Ž„‘•…‘dz‘˜˜‡”‘ƒŽŽ‘•˜‹Ž—’’‘†‹—Â?ƒ †‡––ƒ‰Ž‹ƒ–ƒÂ?ƒ’’ƒ†‹…‘Â?—Â?‹–Â?†‡ŽŽƒƒŽ–”‘Â?’‹ƒ•‹ƒ…ƒ”–ƒ…‡ƒ…Š‡Â?—Ž–‹Â?‡†‹ƒŽ‡  

6

pesso facciamo fatica a riconoscere l’esistenza di quel che non vediamo e cosĂŹ è per il lavoro dell’Ecomuseo di Valle Trompia, non un luogo preciso e identificabile ma diffuso sul territorio. Un ecomuseo che è la Valtrompia stessa, con i suoi monti, i suoi boschi, i suoi saperi, le sue memorie, la sua popolazione. “L’Ecomuseo di Valle Trompia ‘La montagna e l’industria’ – dice il coordinatore Ocildo Stival – è il piĂš esteso della Lombardia ed è stato riconosciuto dall’ente regionale nel 2009, sulla base della l.r. 12/2007. Non è un ente di per sĂŠ ma un progetto integrato, riferibile e coinvolgente la comunitĂ  locale, con capofila la ComunitĂ  montana e vari partner fra cui tredici Comuni (Irma, Marmentino, Pezzaze, Tavernole, Lodrino, Gardone Valtrompia, Sarezzo, Brione, Villa Carcina, Bovezzo, Nave, Caino) e 10 associazioni culturali (Consorzio Alta Val Trompia, Cooperativa Monte Muffetto, Cooperativa Arca, Treatro, Associazione Versanti, Associazione Atlantide, Museo etnografico di Lodrino, Associazione Amici della Mitria, Azienda agricola Catena Rossa, Progetto Atlantide)â€?. E proprio in questi mesi che ci separano dall’estate si sta finalizzando un progetto di grande portata, il cui primo passo va sotto il nome di “La strada nel boscoâ€?.

Â–Â‹Â˜ÂƒÂŽÇŁDzÇŻ…‘Â?—•‡‘ †‹ƒŽŽ‡”‘Â?’‹ƒ°‹Ž ’‹Î‡•–‡•‘†‡ŽŽƒ ‘Â?„ƒ”†‹ƒ‡†°•–ƒ–‘ ”‹…‘Â?‘•…‹—–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â?–‡ ”‡‰‹‘Â?ƒŽ‡Â?‡ŽÍšÍ˜Í˜ÍĄÇł “Da un anno a questa parte – spiega Ocildo Stival – stiamo lavorando allo sviluppo di una dettagliata mappa di comunitĂ  della Valtrompia. Si tratta di una mappa tematica elaborata sul modello delle Parish Maps inglesi, sia cartacea sia multimediale, che intende rappresentare in modo omogeneo e strutturato le zone boschive rilevanti, sovrapponendovi nel corso degli anni altre tematiche (foraggio e latte, industria e ferro, acqua, culto) e costituendo cosĂŹ uno strumento didattico globale della Valle denominato ‘Paesaggio racconta’â€?. Una mappa di comunitĂ  che nelle intenzioni deve realizzarsi con il contributo di alcuni esperti, ma soprattutto con la collaborazione della gente che abita i paesi e negli anni ha custodito saperi e storie legati a oggetti ed elementi naturali. “Il senso della mappa – spiega Ocildo Stival – sta proprio nella ricostruzione cartografica di elementi rilevanti del territorio che possono rivivere legandosi a doppio filo a una storia, una leggenda, una tradizione. Quest’anno

siamo partiti con ‘La strada del bosco’, cercando di sollecitare contributi riguardo un ambiente che ha scandito la vita quotidiana dei valligiani: in sostanza, vogliamo raccogliere il maggior numero possibile di contributi su piante, un fiumi, edifici, grotte o qualsiasi altro bene appartenente all’ambiente del bosco al quale sia associata una storia, che ha segnato nel tempo la mutua presenza della natura e degli uomini in un luogo preciso della Valtrompia. Per fare questo abbiamo svolto laboratori con i ragazzi delle scuole, abbiamo cercato la collaborazione delle biblioteche e sollecitiamo continuamente le singole persone a prendere contatti con l’Ecomuseo, perchĂŠ la mappa possa divenire un prezioso strumento in continua evoluzioneâ€?. GiĂ  affidata a un tecnico, la progettazione della mappa interattiva dovrebbe essere online entro l’estate, ospitata all’interno della sezione Ecomuseo sul portale del Sistema culturale (http://cultura.valletrompia.it), con lo scopo di divenire un punto di riferimento multimediale che possa tramandare saperi e pratiche di quelle attivitĂ  che in passato hanno scandito la vita di tutta la Valle. Per avere maggiori informazioni sul progetto o inviare eventuali contributi, rivolgersi alle biblioteche della Valtrompia, contattare l’area Cultura allo 030.8337490 oppure inviare un’e-mail a ecomuseo@cm.valletrompia.it.

Dz 

dzǯ ǥ 

‘�…‡•‹‘ ƒ‘„ƒ‰‹‹�‹„Ž‹‘–‡…ƒ

Â–Â‹Â˜ÂƒÂŽÇŁDz ÂŽ•‡Â?•‘†‡ŽŽƒ Â?ƒ’’ƒ°Žƒ”‹…‘•–”—œ‹‘Â?‡ …ƒ”–‘‰”ƒˆ‹…ƒ†‹‡Ž‡Â?‡Â?–‹ †‡Ž–‡””‹–‘”‹‘dz…Š‡ ”‹˜‹˜‘Â?‘Ž‡‰ƒÂ?†‘•‹ƒ—Â?ƒ •–‘”‹ƒ‡—Â?ƒ–”ƒ†‹œ‹‘Â?‡

“La Costituzione, storia di personeâ€? è il titolo della serata che va in scena venerdĂŹ 29 aprile presso la Biblioteca comunale di Concesio Intervengono la giornalista Benedetta Tobagi e Mario Gorlani, prof. di Diritto pubblico dell’UniversitĂ  degli Studi di Brescia. La Tobagi è la ďŹ glia minore del giornalista Walter Tobagi, assassinato dalla “Brigata XXVIII marzoâ€? il 28 maggio 1980. Il suo primo libro “Come mi batte forte il tuo cuoreâ€? (Einaudi 2009), dedicato alla memoria del padre, ha vinto numerosi premi. L’appuntamento è alle ore 20.45. Segue le attivitĂ  di associazioni e centri di documentazione dedicati ai terrorismi e alle maďŹ e (Rete degli archivi per non dimenticare). Per informazioni: Biblioteca comunale: tel. 0302751668.

/$92&( ( '(/ 3232/2 2

ĒĆČĆÄ&#x;ÄŽÄ“ÄŠ ĆÄ&#x;ÄŽ ĒĆ ĒĆČĆ ĆČĆÄ&#x; ČĆ Ć Ä&#x;ÄŽÄ“ Ä&#x;ÄŽ Ä“ÄŠ ÄŠ

‹ƒÂ?ˆ”ƒÂ?…‘˜‹†‡”…‘•…Š‹ ”ƒÂ?…‡•…‘‡•…Š‹ ƒ‘Ž‘Â—Â•Â–ÂƒĆĄÂƒ

‹ƒ…‘Â?‘ƒÂ?‘„„‹‘ Žƒ—†‹‘ƒ‰ƒÂ?‹Â?‹ Š‹ƒ”ƒ‡†”ƒ……‹Â?‹ —‘”Â?ƒÂ?—‡Žƒ‘„‡”–ƒ ƒ••‹Â?‘ ƒÂ?†‘ŽƤÂ?‹

ƒ„”‹‡Ž‡ ‹Ž‹’’‹�‹

In occasione della beatiďŹ cazione di Giovanni Paolo II la redazione de “La Voce del Popolo“ ha preparato un magazine dedicato alla ďŹ gura del Papa polacco. Viene distribuito gratuitamente alle parrocchie che ne fanno richiesta ďŹ no ad esaurimento copie: telefonare allo 030 44250

‹…Š‡Ž‡‡Ž‹

‹‘˜ƒ��‹ƒ‘Ž‘

ęėĆĈĎĊđĔĊęĊėėĆ

ƒÂ„Â‡ÂƒÂ–Â‹Ć¤Â…ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡†‹ƒ”‘Ž‘Œ–›Žƒ‹Ž͙ΝÂ?ƒ‰‰‹‘͚͙͙͘…‘Â?•‡‰Â?ƒƒŽÂ?‘Â?†‘ ‡ƒŽŽƒŠ‹‡•ƒ—Â?ƒ–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œƒ…”‹•–‹ƒÂ?ƒ‡•‡Â?’Žƒ”‡ǤDz‘…‡dz†‡†‹…ƒ “—‡•–‡’ƒ‰‹Â?‡ƒŽ”‹…‘”†‘†‡Žƒ’ƒ…Š‡Â˜Â‹Â•Â‹Â–Ă–”‡•…‹ƒÂ?‡Ž͙͚ͥ͠‡Â?‡Ž͙ͥͥ͠


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

ƒ”‡œœ‘

�–‡”�‡–°†ƒ˜˜‡”‘’‡”–—––‹

‘†”‹Â?‘ Dz ֋†‡Â…ĂšÂ?Â–ÂƒÂŽÂƒÇł

Nell’era di una societĂ  civile sempre piĂš proiettata nella produzione di servizi, l’iniziativa “Internet per tuttiâ€? promossa dal Comune di Sarezzo diventa un’occasione preziosa anche per chi non ha familiaritĂ  alcuna con le nuove tecnologie. “Internet per tuttiâ€? è strutturato in un corso con durata di 20 ore, organizzato in 10 incontri da due ore ciascuno e volto ad acquisire tutta una serie di competenze: sapersi relazionare a utenti piĂš esperti; comprendere e utilizzare le

“Gòi de cĂśntalaâ€? è la serata organizzata presso il cinema parrocchiale di Lodrino il 7 maggio alle ore 21 in occasione della decima edizione e pubblicazione della raccolta musicale in dialetto “Gòi de CĂśntalaâ€?. L’iniziativa è promossa dalla Commissione cultura in collaborazione con l’associazione Palco Giovani. “Gòi de cĂśntalaâ€? è un’iniziativa ormai collaudata, promossa dall’associazione PalcoGiovani di Brescia; si tratta

funzioni di base del pc; compiere le operazioni fondamentali per entrare in internet, ricercare informazioni in rete e saperle adattare alle esigenze; essere in grado di utilizzare in maniera sicura e protetta internet; saper navigare sul web e utilizzare i servizi disponibili online. Per informazioni e iscrizioni rivolgersi ai Servizi di comunicazione del Comune di Sarezzo (piazza Cesare Battisti, 2° piano – tel. 030.8936201, 030.8936217, 030.8936218).

Í™Í&#x;

di una raccolta di brani dialettali, composti da artisti bresciani. Ci sono i maestri, i “pezzi da novanta� del panorama provinciale e ci sono i nuovi, che si affacciano per dare il proprio contributo a un bel progetto che vuole conservare il prezioso patrimonio culturale della nostra terra e della nostra gente. Partecipano alla serata “I Luf� e “Bepi the Prismas�, protagonisti anche del cd musicale dedicato al dialetto. L’ingresso costa 5 euro, ridotto 4 euro.

‡•‘˜‘†‹ƒ”…Š‡�‘‡•–ƒ—”‘†‹Ǥ ‹ƒ…‘�‘

/DFKLHVDSURQWD DULIDUVLLOORRN  

$

Cesovo sono ripresi i restauri nella chiesa dedicata a S. Giacomo il Maggiore: la piccola parrocchia sta completando un intervento di fatto iniziato 20 anni fa. Hanno fama di gente sparagnina ma per la loro comunità sono sempre stati generosi, con l’orgoglio di secoli di storia: il borgo arroccato su un poggio che domina la Valle Trompia verso Lodrino e Marmentino era posizione strategica di controllo della zona. Comune fino al 1810, dal 1606 è parrocchia a sÊ retta ora da don Maurizio Rinaldi con quella dei SS. Pietro e Paolo di Marcheno. L’edificio sacro, è a una navata con sulla volta pregevoli stucchi e presbiterio con abside terminale, sormontato da una piccola cupola. Un cartiglio all’interno della chiesa sulla controfacciata, la dichiara conclusa nel 1776, ricostruzione di una antecedente la visita di S.Carlo Borromeo (1580). Ricorda anche un completamento del 1847 e un restauro del 1954, parroco (dal 1932 al 1964) l’indimenticato don Bernardo Butturini. Era il 1992 quando con don Luigi Bellini veniva sistemato il campanile e restaurata la notevole pala

ƒ’ƒ””‘……Š‹ƒ†‹͙͘͠ ƒ„‹–ƒÂ?–‹…‘Â?‰‡Â?‡”‘•‹–Â? •–ƒ…‘Â?’Ž‡–ƒÂ?†‘‹Ž ”‡•–ƒ—”‘†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ †‹Ǥ ‹ƒ…‘Â?‘ǥ—Â? ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘‹Â?‹œ‹ƒ–‘…‹”…ƒ ͚͘ƒÂ?Â?‹ˆƒǤ‹…‡”…ƒ‹Ž ”‡…—’‡”‘†‡ŽŽƒ•‘ƒ•ƒ †‡‹‹•–‡”‹‹Â?Ž‡‰Â?‘ ’‘Ž‹…”‘Â?‘‡†‘”ƒ–‘ sopra l’altare maggiore della Trasfigurazione firmata Grazio Cossali 1662. Nel 1997 arrivava don Roberto Zanini. Alcuni interventi urgenti (a sanare le infiltrazioni d’acqua, ecc.), il recupero di alcune tele, poi il progetto organico concordato con la Sovrintendenza vicino al traguardo. Prima della sua partenza per Brescia (ottobre 2008, prevosto alla Volta Bresciana), don Roberto inaugurò il primo blocco, presbiterio (bellissimi i medaglioni dei quattro Evangelisti) e organo datato 1791 che era stato letteralmente mangiato dai topi, smontato e recuperato a Ponteranica nella bottega di

Alessandro Piccinelli. In contemporanea c’era il rifacimento del sagrato esterno a cura dell’amministrazione. Don Maurizio a S. Giacomo nel 2009 benedisse il secondo blocco di lavori: il recupero della navata e della sua volta. La bottega Bonali e Fasser che aveva già lavorato nel presbiterio, era intervenuta su sfondati e stucchi, capitelli e cornicioni. Ora, sempre Bonali e Fasser stanno lavorando sui due altari della navata, entrambi dell’inizio dell’800: quello di sinistra rispetto al presbiterio dedicato alla Madonna del Rosario, quello a destra dedicato al Sacro Cuore. Polvere e nero fumo deturpavano la soasa dei Misteri in legno policromo e dorato. Interventi di restauro eseguiti in passato, ne avevano modificato la lettura: la delicata ripulitura della porporina usata, sta riportando alla luce una doratura in oro zecchino lucida e brillante in ottime condizioni. Lo stesso viene fatto sulla parte decorata a finto marmo che ha risentito dell’umidità. La soasa del Sacro Cuore, piÚ austera nelle forme, è realizzata in stucco dorato in oro zecchino e in marmorino tirato a lucido con tecnica raffinata da sembrare marmo vero.

ƒ”…Š‡Â?‘ —‘˜‹ƒŽŽ‘‰‰‹‡„‹„Ž‹‘–‡…ƒ ƒŽ˜‡……Š‹‘‡†‹ˆ‹…‹‘Dz‹–‘’‡”‹dz

ÂŽ˜‡……Š‹‘‡†‹ˆ‹…‹‘†‹˜‹ƒƒÂ?ÂƒÂ”Â†Â‡ÂŽÂŽÂ‹ÇĄ…Š‡—Â?–‡Â?’‘‘•’‹–ƒ˜ƒ Ž‡•…—‘Ž‡‡Ž‡Â?‡Â?–ƒ”‹‡ŽƒÂ„Â‹Â„ÂŽÂ‹Â‘Â–Â‡Â…ÂƒÇĄŠƒ˜‹•–‘…‘Â?‹Â?…‹ƒ”‡‹Â? “—‡•–‡•‡––‹Â?ƒÂ?‡—Â?‹Â?–‡”˜‡Â?–‘†‹”‹ˆƒ…‹Â?‡Â?–‘”ƒ†‹…ƒŽ‡ÂƒÂ–ÇŚ –‡•‘†ƒ–‡Â?’‘Ǥ—‡ŽŽ‘…Š‡ƒ‹Â?ƒ”…Š‡Â?‡•‹‡”ƒÂ?‘–‘…‘Â?‡ ‡†‹ˆ‹…‹‘Dz‹–‘’‡”‹dz˜‡””Â?•‘•–‹–—‹–‘‡Â?–”‘Žƒˆ‹Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?ÇŚ Â?‘’”‘••‹Â?‘†ƒ—Â?ƒ•‡”‹‡†‹ƒ’’ƒ”–ƒÂ?‡Â?–‹†‹‡†‹Ž‹œ‹ƒ‡…‘nj Â?‘Â?‹…‘’‘’‘Žƒ”‡‡†ƒƒŽ–”‹•’ƒœ‹ƒ†‡•–‹Â?ƒœ‹‘Â?‡’—„„Ž‹…ƒǤ DzÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ†‹•‹•–‡Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡Žˆƒ„„”‹…ƒ–‘Č‚•’‹‡‰ƒÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘”‡ ƒ‹ƒ˜‘”‹’—„„Ž‹…‹‹‡‰‘‡”–—••‹Č‚˜‹‡Â?‡’‘”–ƒ–ƒƒ˜ƒÂ?–‹‹Â? …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?ÂŽÇŻŽ‡””‡•…‹ƒ‡•‰”ƒ˜ƒÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‹Â?Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ Â?‡…‘Â?—Â?ƒŽ‡†ƒ‘Â?‡”‹‡……‡••‹˜‹‰”ƒœ‹‡ƒŽ…‘ˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒÂ?‡Â?–‘ †‡Ž’”‘‰‡––‘†ƒ’ƒ”–‡†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄÂ?Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?„‹nj –‘†‡Ž”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ”‡‰‹‘Â?ƒŽ‡’‡”ÂŽÇŻÂ‡Â†Â‹ÂŽÂ‹ÂœÂ‹Âƒ”‡•‹†‡Â?œ‹ƒŽ‡’—„nj „Ž‹…ƒǤ Â?‘Ž–”‡ǥ’”‘’”‹‘ÂŽÇŻŽ‡”•‹‘……—’ƒ†‡ŽŽƒˆƒ•‡†‹‰‡•–‹‘Â?‡ ‡”‡ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡‘’‡”‡ǥ…‘Â?–ƒÂ?†‘•——Â?†‹”‹––‘†‹•—nj ’‡”ˆ‹…‹‡†ƒˆƒ”˜ƒŽ‡”‡’‡”—Â?’‡”‹‘†‘†‹͘͞ƒÂ?Â?‹ǥƒŽ–‡”Â?‹Â?‡

†‡Ž“—ƒŽ‡‰Ž‹ƒŽŽ‘‰‰‹†‹˜‡Â?–‡”ƒÂ?Â?‘†‹’”‘’”‹‡–Â?…‘Â?—Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇ¤

ÂŽ…‘•–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‘Â’Â‡Â”Âƒ°†‹…‹”…ƒÍ™Â?‹Ž‹‘Â?‡‡Í?͘͘Â?‹Žƒ‡—”‘ǥ†‹…—‹ ͙͚Í&#x;Â?‹Žƒ‡—”‘ˆ‘”Â?‹–‹ƒÂ?…Š‡†ƒ‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?ƒǤÂŽ’”‹Â?‘ ‡•‡…‘Â?†‘’‹ƒÂ?‘•ƒ”ƒÂ?Â?‘”‹…ƒ˜ƒ–‹ƒ’’ƒ”–ƒÂ?‡Â?–‹†‹‡†‹Ž‹œ‹ƒ ‡…‘Â?‘Â?‹…‘’‘’‘Žƒ”‡…Š‡ǥ…‘Â?‡†‡––‘ǥƒÂ?†”ƒÂ?Â?‘‹Â?‰‡nj •–‹‘Â?‡ÂƒÂŽÂŽÇŻŽ‡”Ǣ’‹ƒÂ?–‡””‡Â?‘ǥ‹Â?Â˜Â‡Â…Â‡ÇĄ”‹Â?ƒ””Â?ƒ—•‘’—„„Ž‹…‘ …‘Â?—Â?ƒ•‡”‹‡†‹•–ƒÂ?œ‡”‹•‡”˜ƒ–‡ƒŽŽ‡ƒ––‹˜‹–Â?†‡ŽŽ‡ÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÇŚ œ‹‘Â?‹ÂŽÂ‘Â…ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ—Â?ƒ…—…‹Â?ÂƒÇĄ•‡”˜‹œ‹‡—Â?ƒ”‹Â?Â?‘˜ƒ–ƒ„‹„Ž‹‘–‡…ƒ …‘Â?—Â?ƒŽ‡…‘Â?•ƒŽƒ†‡‹…‘Â?’—–‡”‡•ƒŽƒ’‡”‹’‹Î‰‹‘˜ƒÂ?‹Ǥ Dz Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡Č‚…Š‹—†‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘”‡‡”–—••‹Č‚•‹ƒÂ?‘Â?‘Ž–‘ …‘Â?–‡Â?–‹†‹’‘–‡”ˆ‹Â?ƒŽÂ?‡Â?–‡†ƒ”‡—Â?ƒÂ?—‘˜ƒ…‘ŽŽ‘…ƒœ‹‘Â?‡ ƒŽŽƒÂ„Â‹Â„ÂŽÂ‹Â‘Â–Â‡Â…ÂƒÇĄ…Š‡Â?‡‰Ž‹—Ž–‹Â?‹ƒÂ?Â?‹•‹°–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒÂ?‡Â?–‡ •’‘•–ƒ–ƒ‹Â?—Â?Ž‘…ƒŽ‡•‘––‘•–ƒÂ?–‡‹ŽÂ?—Â?‹…‹’‹‘ǥ…‡”–ƒÂ?‡Â?–‡ Â?‘Â?ƒ†‡‰—ƒ–‘‹Â?–‡”Â?‹Â?‹†‹•’ƒœ‹‘’‡”Ž‡Â?‘Ž–‡’Ž‹…‹Â?‡…‡•nj •‹–Â?†‹—Â?…‡Â?–”‘Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇłÇ¤”ƒÂ?‘Â?”‡•–ƒ…Š‡ƒ––‡Â?†‡”‡‹Ž –‡”Â?‹Â?‡†‡‹ÂŽÂƒÂ˜Â‘”‹ǥˆ‹••ƒ–‘’‡”‹Ž†‹…‡Â?„”‡͚͙͚͘Ǥ

ǯ  Ǥ



ƒ˜‡”‹�‘�ƒ‰‰‹‘

/DIHVWDGHOODYRUR WUDPXVLFDHWHDWUR In occasione della festa del Primo Maggio sono tante le iniziative che in tutta la Valtrompia intendono ricordare l’impegno del movimento sindacale e i traguardi raggiunti in campo economico e sociale dai lavoratori. CosĂŹ anche a Nave va in scena la “Festa del lavoroâ€?, manifestazione musicale organizzata dalle sezioni navensi di Cgil, Cisl e Uil col patrocinio di ComunitĂ  montana e Comune di Nave. Un evento che comincerĂ  giovedĂŹ 28 aprile con lo spettacolo “Da le sĂŠs a le dò da le dò a le dĂŠs (un ensòme de NedĂ l en ferriera) realizzato su testi di Enrico Re e Silvio Gandellini dell’associazione culturale Movente per la rassegna “Natale nelle Pieviâ€? e pronto a riproporsi al pubblico giovedĂŹ alle ore 20.30 sul palco del teatro S. Costanzo (nella foto) di Nave. Domenica 1° maggio, invece, il programma in piazza Martiri della LibertĂ  comincerĂ  alle ore 15 all’insegna della musica rock e blues dei “Whiskyin’Bluâ€? con pezzi di Aerosmith, Police, Led Zeppelin, Eric Clapton, Steve Ray Vaughan; a seguire le cover rock italiane e straniere della giovanissima formazione bresciana dei “Dust’Soulâ€?, mentre alle 17 toccherĂ  ai “Coast to Coastâ€? intrattenere il pubblico con un tributo ai grandi della musica rock, blues, pop. Una lunga giornata di musica che vedrĂ  poi avvicendarsi la poliedrica band “The Runtzâ€? (www.runtz.it), con un repertorio che spazia da Gianni Morandi ai Beatles, Jannacci e i Doors, seguiti dal rock’n’ roll dell’emergente “Back to the Cavernâ€?. Dalla musica al teatro con lo spettacolo “Refrainâ€? program-

mato per le ore 20 a cura del “Teatro delle Misticanzeâ€? diretto da Beatrice Faedi e nato nel 2004 su iniziativa della cooperativa Futura per coinvolgere persone diversamente abili. Infine, a chiudere la serata ancora musica con le canzoni dei Nomadi interpretate dagli “Utopiaâ€? e le note tutte al femminile degli “Beibisrockâ€?. Il ricavato andrĂ  a sostegno di iniziative di solidarietĂ  sociale. Info a naviter@alice.it.

”‹Â?ƒ‡†‘’‘‹ …‘Â?…‡”–‹ǥƒŽŽ‡͚͘…ǯ°Ž‘ •’‡––ƒ…‘Ž‘Dz‡ˆ”ƒ‹Â?Çł …—”ƒ–‘†ƒŽDz‡ƒ–”‘†‡ŽŽ‡ ‹•–‹…ƒÂ?ÂœÂ‡Çł


8XMILLE ALLA CHIESA CATTOLICA

Anche quest’anno l’importante è firmare

Se non ci credi, chiedilo a loro

Ecco le 9 storie, rappresentative delle destinazioni 8xmille, che vedremo negli spot in onda in questi mesi.

Ormai da 20 anni, quando si parla di “sostegno economico alla Chiesa cattolica”, si evocano valori di grande importanza: comunione, trasparenza, libertà, partecipazione e corresponsabilità alla vita e missione della Chiesa in Italia e nel Terzo mondo. E anche l’8xmille ha contribuito a dare, fin dall’inizio, un’occasione preziosa per promuovere nei cattolici questi valori, proponendo la sfida per una nuova mentalità capace d’affrontare i problemi delle comunità ecclesiali con una partecipazione e corresponsabilità del tutto nuove. Infatti anche con una semplice firma, consapevole e motivata, ma soprattutto confermata ogni anno, molti cattolici si sono presi carico di tante difficili situazioni delle nostre comunità ecclesiali, difficoltà alle quali hanno contribuito a dare delle risposte concrete, tangibili, risolutive. “Se non ci credi, chiedilo a loro” sottolinea il messaggio di sensibilizzazione della campagna d’informazione 8xmille 2011, invitando a proseguire su internet l’approfondimento di temi e vicende visti in tv, per essere informati a 360 gradi su progetti locali, ma rappresentativi di una visione più vasta della missione della Chiesa oggi. “Dai rivoli di storie evidenziate negli spot tv si potrà risalire all’impegno concreto della Chiesa oggi in Italia, in prima fila con l’8xmille per far fronte alla crisi economica” spiega Matteo Calabresi, responsabile del Servizio promozione C.E.I. per il sostegno economico alla Chiesa. “Negli oratori delle periferie urbane a rischio, accanto agli anziani con iniziative pastorali, oltre che a favore delle famiglie, con microcredito e fondi anti-crisi diocesani -prosegue Calabresi- spesso è un aiuto che va oltre l’emergenza, e sostiene tanti nel riprendere in mano la propria vita”.

IN ITALIA A Bari, quartiere San Paolo, è nata la cooperativa Campo di Fragole per la formazione dei minori del quartiere. Riduzione dell’abbandono scolastico e attività ludiche rappresentano un’alternativa efficace a pomeriggi solo televisivi e al rischio devianza. A Pantelleria suor Patrizia, con l’aiuto di volontari locali e giovani in servizio civile, si occupa degli anziani che non hanno alcun aiuto familiare. Li visita casa per casa, consegna loro i pasti quotidiani, provvede alle pulizie dell’abitazione, dedica loro attenzione e ascolto. A Roma il progetto Borgo Amigò, realizzato da padre Gaetano Greco nella diocesi di Porto-Santa Rufina, si rivolge ai giovani che vengono ammessi a misure alternative alla detenzione. Qui la giornata è scandita dai compiti domestici, agricoli, di manutenzione, di studio o lavoro. A Forlì dal 1987 donne in difficoltà, molte in gravidanza o con bambini, hanno trovato alla Tenda un posto sicuro dove ricostruire la propria vita. Ad Andria don Geremia Acri, responsabile diocesano della Fondazione Migrantes, ha aperto un centro d’accoglienza multi-

MARIA GRAZIA BAMBINO

1| 2| 3| 4| 5|

funzionale. Una risposta alla nuova emergenza caritativa del capoluogo con mensa, docce, ambulatorio, distribuzione abiti. Il 50% degli utenti registrati è straniero, italiano l’altra metà. A Padova le Cucine popolari arrivano a servire 3 mila pasti. Oltre alla mensa funzionano, nella stessa struttura, anche un centro ascolto e di orientamento, docce, lavanderia, servizi di abiti usati. In ambulatorio 25 medici volontari. E ALL’ESTERO In India a Mumbai, l’Holy Spirit Hospital alla periferia della città mette a disposizione degli ultimi cure mediche d’eccellenza. E a Calcutta Suor Lizy Muthirakala e le sue consorelle della Provvidenza danno rifugio e formazione alle bambine di strada nella Casa d’accoglienza, salvandole da un destino di sfruttamento, accattonaggio e prostituzione infantile. In Uganda la scuola professionale Daniel Comboni, aperta poco fuori dalla città di Gulu, dona una seconda vita ai bambini-soldato, sottratti per anni ai loro villaggi e oggi tra aule di teoria e officine di falegnameria, meccanica ed edilizia. www.chiediloaloro.it

6| 7| 8| 9|

Anche quest’anno per destinare l’8xmille alla Chiesa cattolica si può usare: uil modello 730-1 allegato al modello 730 da presentare entro il 31 maggio 2011 per chi si rivolge ad un CAF o ad un professionista abilitato; uil modello Unico da consegnare entro il 30 settembre 2011 direttamente via internet oppure ad intermediario fiscale. Chi invece non è obbligato all’invio telematico può effettuare la consegna dal 2 maggio al 30 giugno presso qualsiasi ufficio postale; ula scheda allegata al modello CUD. Chi non è più obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi (pensionati e lavoratori dipendenti senza altri redditi né oneri deducibili), può comunque destinare l’8xmille alla Chiesa cattolica attraverso la scheda allegata al CUD. Questa può essere consegnata gratuitamente entro il 30 luglio 2011 in busta chiusa presso tutti gli uffici postali oppure ad un intermediario fiscale (CAF) che può chiedere un corrispettivo per il servizio. Per maggiori informazioni sulle modalità da seguire per partecipare alla scelta dell’8xmille con il proprio modello CUD si può telefonare al numero verde 800 348 348 (i giorni feriali dalle 9.00 alle 18.00). Il 5xmille si affianca anche quest’anno all’8xmille. Il contribuente può firmare per tutti e due perché l’uno non esclude l’altro, ed entrambi non costano nulla in più.


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

ƒ˜ƒ”†‘ ‡Â?–”‘•‡”˜‹œ‹’‡”Žǯ‹Â?’”‡•ƒ

ƒ˜ƒ”†‘ …ƒ––ƒŽƒ ‹‡”ƒ

GiovedÏ 28 aprile alle 15 si tiene a Gavardo il taglio del nastro del Centro servizi Apaie, presso il quale saranno inaugurati i primi sportelli in provincia di Brescia di FederTerziario, FondItalia (Fondo per la formazione Italia) e Cenai (Cassa edile nazionale artigianato e industria), oltre alla sede Ugl del territorio valsabbino. Un connubio tra parti datoriali e sindacali dove conuiranno le competenze dei professionisti del territorio uniti nell’ambizioso progetto di offrire

Sabato 30 aprile alle ore 10 presso la piazza Marconi inizia la cerimonia di inaugurazione della 55ÂŞ edizione della Fiera di Gavardo e Valle Sabbia. Dopo le spettacolo degli sbandieratori e il discorso delle autoritĂ  c’èla tradizionale sďŹ lata verso il Centro sportivo Giovanni Paolo II dove si svolge la cerimonia ufďŹ ciale e la benedizione. La ďŹ era rimarrĂ  aperta sabato 30 aprile e domenica 1° maggio dalle ore 9.30 alle ore 22. Durante

servizi di alta qualitĂ  alle piccole e medie aziende del territorio: consulenze in materia di lavoro, ďŹ nanza, formazione e ambiente, sicurezza a tariffe contenute. Giovanni Giannini, coordinatore regionale Federterziario e responsabile del nuovo sportello, è soddisfatto: “Si tratta di un progetto al quale abbiamo molto lavorato e di cui andiamo orgogliosi. Un modello che crediamo possa divenire un polo di riferimento per le aziende del territorio.

͙ͥ

lo svolgimento della Fiera si esibiscono in gruppi folkloristici delle Valli bresciane presentando territori affascinanti e ricchi di storia e di passione nei quali la tradizione si intreccia con la ruralità. All’interno della Fiera c’è un’ampia zona espositiva e commerciale con lo stand gastronomico gestito dagli Alpini; c’è anche il luna park con i percorsi sensoriali, la fattoria didattica e le esibizioni folkloristiche e tradizionali.

  

‡”–‹…ƒƒ••ƒ ‘”Â?‘†ǯÂ?‘

&LPHOLHGRFXPHQWL GHOOD5HVLVWHQ]D ‘Â?Ž‘•’‡––ƒ…‘Ž‘Dzǯ—Ž–‹Â?‘‹Â?˜‡”Â?‘dz°•–ƒ–‘‹Â?ƒ—‰—”ƒ–‘‹ŽÍšÍ?ƒ’”‹Ž‡‹Ž—•‡‘†‡ŽŽƒ ‡•‹•–‡Â?œƒ‡†‡Žˆ‘ŽÂ?Ž‘”‡˜ƒŽ•ƒ„„‹Â?‘ǣ‡Â?‡”‰‡—Â?ƒ’ƒÂ?‘”ƒÂ?‹…ƒ•—Ž’‡”‹‘†‘•–‘”‹…‘   

3

er non dimenticare. LunedĂŹ 25 aprile è stato inaugurato l’allestimento del Museo della Resistenza e del folklore valsabbino a Pertica Bassa, piĂš precisamente nella frazione di Forno d’Ono. Il museo, situato in via Roma 7 all’interno dell’edificio comunale, è stato presentato ai numerosi presenti dopo il saluto e i diversi discorsi tenuti dal sindaco del paese, Manuel Bacchetti, e, fra gli altri, dal presidente della ComunitĂ  montana di Valle Sabbia Ermano Pasini e dallo storico Alfredo Bonomi. Dopo il taglio del nastro di rito, è stata poi la volta dello spettacolo teatrale “L’ultimo invernoâ€? a cura del Teatro Poetico di Gavardo. Un museo dove la Resistenza e l’etnografia si uniscono dando una bella panoramica sul periodo storico sia dalla parte di chi combatteva, sia dalla parte di chi aiutava. Anche la storia stessa del museo in sĂŠ è interessante ed è legata alla figura poliedrica di Dimitrjie Paramendic, insegnante, pittore e scultore, rifugiatosi proprio nelle Pertiche durante la Resistenza. Dopo la fine della guerra l’artista ritorna in patria per poi ritornare negli anni Settanta nei luoghi dove era stato accolto e tenuto nascosto. Una volta arrivato, decide di donare all’Amministrazione Comunale dell’epoca diverse sue opere fra quadri, sculture e bozzetti e propone di realizzare un museo sul periodo. Come si può leg-

  

ÇŻÂ‡Â•Â’Â‘Â•Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡Â?‘•–”ƒ ˜‘Ž–‹‡”‡’‡”–‹ƒˆ‹ƒÂ?…‘ †‹‘‰‰‡––‹†‹˜‹–ƒ †‹Â?‘Â?–ƒ‰Â?ƒ‘”Â?ƒ‹ •…‘Â?’ƒ”•‹’‡” Â?‘Â?†‹Â?‡Â?–‹…ƒ”‡ gere all’entrata, l’esposizione dal 1974 mostra volti e reperti a fianco di oggetti di vita di montagna ormai scomparsa per non dimenticare, “per raccontare la vita dei partigiani e quella della popolazione che li ha accolti per

ritrovare lo spirito di condivisione, di mal sopportazione delle vessazioni, di solidarietĂ  sociale che da sempre ha caratterizzato la gente di montagnaâ€?. Durante la visita si possono ammirare reperti bellici e strumenti di lavoro utilizzati per i mestieri dell’epoca. Seguendo poi i pannelli esplicativi, si arriva, dopo un breve inquadramento storico sulla situazione dell’Italia dopo l’8 settembre 1943, alla storia valsabbina, con riferimenti alla storia della caserma Chiassi a Vestone (prima convento, poi caserma e oggi museo del lavoro), alla vita di partigiani come Giacomo Perlasca ed Emiliano Rinaldini, fino ai rastrellamenti di Mura (21 agosto 1944), della Corna Blacca (26 agosto 1944) e del Monte Visone (5-6 settembre 1944). Viene prestata un’attenzione alle coraggiose donne delle Pertiche che, mettendo a rischio la loro vita, hanno aiutato i partigiani, come si può capire dalla testimonianza di Maria Boschi: “Ricordo importante è il giuramento, un fatto di fedeltĂ : fedeltĂ  o morte, piuttosto che parlare essere uccisiâ€?. Il Museo è aperto ogni prima e terza domenica del mese, dalle 15 alle 18, con possibilitĂ  di visite guidate su prenotazione. Sono previste altre aperture all’interno del progetto “Luoghi di cultura, luoghi di incontroâ€?, fra queste, domenica 22 maggio, il concerto “Voci di montagna, di guerra e d’amoreâ€?.

‡”–‹…ƒƒ••ƒ Žˆ‹‡�‹Ž‡‘ˆ ’‡”‰”ƒ�†‹‡’‹……‘Ž‹

ƒ”‰Š‡ �ƒ‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒ •—Ž–‡””‹–‘”‹‘

ƒ‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒ•‘…‹ƒŽ‡”‡ƒ Â?Ž—•†‹ƒ”‰Š‡”‹’”‘’‘Â?‡ —Â?˜ƒ”‹‡‰ƒ–‘’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‹ ‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡’”‡••‘‹Žˆ‹‡Â?‹Ž‡‘ˆĠ ˜‡Â?‘Â?‡ǥ—Â?ƒ†‡ŽŽ‡ˆ”ƒœ‹‘Â?‹†‹ ‡”–‹…ƒƒ••ƒ…Š‡…‘‹Â?˜‘Ž‰‘Â?‘ ‰”ƒÂ?†‹‡’‹……‹Â?‹Ǥƒ„ƒ–‘͙͜‡ †‘Â?‡Â?‹…ƒÍ™Í?Â?ƒ‰‰‹‘…ǯ°—Â? •‹Â?’‘•‹‘†‹•…—Ž–—”ƒ•—Ž–‡Â?ƒ Dz…‘Ž’‹”‡‹Ž„‘•…‘dzǥ†‘˜‡‘‰Â?—Â?‘ •ƒ”Â?ƒ‹—–ƒ–‘ƒ”‡ƒŽ‹œœƒ”‡Žƒ ’”‘’”‹ƒ•…—Ž–—”ƒ•‡‰—‹–‘†ƒ Â?ƒÂ?‹‡•’‡”–‡ȋ•‹’—Ö…‘Â?–ƒ––ƒ”‡ Ž‘•…—Ž–‘”‡‹‡–”‘ƒ……‹‘Â?‹ Â’Â‹Â‡Â–Â”Â—Â•Â…Â—ĚťÂŽÂ‹Â„Â‡Â”Â‘Ç¤Â‹Â–ČŒÇ¤‘Â?‡Â?‹…ƒ ͚ͥÂ?ƒ‰‰‹‘•ƒ”Â?Žƒ˜‘Ž–ƒ†‡ŽŽƒ

ƒ“—ƒŽ…Š‡–‡Â?’‘ƒ˜‘Ž–‡ …ƒ’‹–ƒ†‹‹Â?…”‘…‹ƒ”‡ƒŽ…—Â?‹ ‡†—…ƒ–‘”‹‹Â?•‹‡Â?‡ƒ‹”ƒ‰ƒœœ‹ ‡ƒ‰Ž‹ƒ†‘Ž‡•…‡Â?–‹ǥ‹Â?•‡”‹–‹Â?‡‹ Ž‘”‘‰”—’’‹‹Â?“—ƒŽ…Š‡’ƒ‡•‡ †‡ŽŽƒƒŽŽ‡ƒ„„‹ƒǤ—‡•–‹ ”ƒ‰ƒœœ‹•‘Â?‘‘’‡”ƒ–‘”‹†‡ŽŽƒ ‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒ•‘…‹ƒŽ‡”‡ƒ Â?Ž—•ǥ…‘Â?•‡†‡ƒÂƒÂ”‰Š‡ǥ…Š‡ ‘’‡”ƒ•—Ž–‡””‹–‘”‹‘†‡ŽŽƒƒŽŽ‡ ÂƒÂ„Â„Â‹ÂƒÇĄƒ––”ƒ˜‡”•‘†‹˜‡”•‹•‡”˜‹œ‹ ‘ˆˆ‡”–‹ƒ‹Â?‹Â?‘”‹‡ƒŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡Ǥ ÇŻ†—…ƒ–‹˜ƒ†‹•–”ƒ†ƒ°—Â?‘ †‡‹Ž‘”‘Â•Â‡Â”Â˜Â‹ÂœÂ‹ÇĄˆ‹Â?ƒÂ?œ‹ƒ–‘†ƒ‹ ‘Â?—Â?‹‡†ƒ‘Â?—Â?‹–Â?Â?‘Â?–ƒÂ?ƒ †‹ƒŽŽ‡ÂƒÂ„Â„Â‹ÂƒÇĄ…Š‡•‹”‹˜‘Ž‰‡ •‘’”ƒ––—––‘ƒ‰Ž‹ƒ†‘Ž‡•…‡Â?–‹‡ ƒŽŽ‡…‘Â?—Â?‹–Â?ÇĄÂ?‡ŽŽ‘”‘”‹–”‘˜ƒ”•‹ ‹Â?‰”—’’‘ǥƒ……‘‰Ž‹‡Â?†‘‹Ž‘”‘ „‹•‘‰Â?‹‡Ž‡Ž‘”‘’‘–‡Â?œ‹ƒŽ‹–Â?‡ Ç˛Â…Â”Â‡ÂƒÂ?†‘‹Â?•‹‡Â?‡ƒ‹‰”—’’‹‡ ƒŽŽ‡Â?Â?‹Â?‹•–”ƒœ‹‘Â?‹…‘Â?—Â?ƒŽ‹ Â?Â‹Â…Â”Â‘ÇŚÂ’Â”Â‘Â‰Â‡Â–Â–Â—ÂƒÂŽÂ‹Â–Â?…‘Â?Â†Â‹Â˜Â‹Â•Â‡ÇĄ …‘Â?ÂŽÇŻÂ‘Â„Â‹Â‡Â–Â–Â‹Â˜Â‘†‹•–‹Â?‘Žƒ”‡‹Ž ’”‘–ƒ‰‘Â?‹•Â?‘‰‹‘˜ƒÂ?‹Ž‡‡Žƒ ’”‘‰‡––ƒœ‹‘Â?‡Â’ÂƒÂ”Â–Â‡Â…Â‹Â’ÂƒÂ–ÂƒÇłÇ¤ ƒ…Š‹°ÂŽÇŻÂ‡Â†Â—…ƒ–‘”‡†‹Â•Â–Â”ÂƒÂ†ÂƒÇŤ ……‘‹ŽŽ‘”‘Dz„‹‰Ž‹‡––‘†ƒÂ˜Â‹Â•Â‹Â–ÂƒÇłÇŁÇź ÂŽÇŻÂ‡Â†Â—Â…ÂƒÂ–Â‘Â”Â‡†‹•–”ƒ†ƒ°…‘Ž—‹…Š‡ Žƒ˜‘”ƒÂ?‡‰Ž‹•’ƒœ‹…Š‡‹”ƒ‰ƒœœ‹ ‡Ž‡”ƒ‰ƒœœ‡•…‡Ž‰‘Â?‘’‡” ‹Â?…‘Â?Â–Â”ÂƒÂ”Â•Â‹ÇŁŽ‡Â•Â–Â”ÂƒÂ†Â‡ÇĄŽ‡Â’Â‹ÂƒÂœÂœÂ‡ÇĄ ‰Ž‹Â‘Â”ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄ‹Â„ÂƒÂ”ÇĄ‹‰‹ƒ”†‹Â?‡––‹Ǽ ”‡†‡Â?‡ŽŽǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?œƒ†‡ŽŽƒ ”‡Žƒœ‹‘Â?‡‡Šƒˆ‹†—…‹ƒÂ?‡ŽŽƒ „‡ŽŽ‡œœƒ‡Â?‡ŽŽƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?†‹ ‡••‡”‡‰‹‘˜ƒÂ?‹Ǥ‘Â?•ƒ–—––‘ǥ Â?ƒ•‡˜‹•‡”˜‡—Â?…‘Â?•‹‰Ž‹‘‘ —Â?ǯ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡…‡”…Š‡”Â?†‹ –”‘˜ƒ”ŽƒǤ‡ƒ˜‡–‡˜‘‰Ž‹ƒ†‹ ’ƒ”Žƒ”‡Ž—‹…ǯ°ǥ•‡Â?‘Â?ƒ˜‡–‡˜‘‰Ž‹ƒ Â?‘Â?ˆƒÂ?‹‡Â?–‡dzǤ‘–‡–‡–”‘˜ƒ”Ž‹ ‹Â?“—‡•–‹Â‘Â”ÂƒÂ”Â‹ÇŁƒ‹ŽŽƒÂ?—‘˜ƒ•—Ž Ž‹•‹‹ŽŽ—Â?‡†¿’‘Â?‡”‹‰‰‹‘‡‹Ž Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÂ•Â‡Â”ÂƒÇ˘ƒ‡•–‘Â?‡Ž—Â?‡†¿ Â•Â‡Â”ÂƒÇĄÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż•‡”ƒ‡Â?‡”…‘Ž‡†¿ ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘Ǥ‘„ƒ”Â?‘Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż ‡Â‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż’‘Â?‡”‹‰‰‹‘ǤÂ‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â‡Âƒ †‡ŽŽƒ‘Â?…ƒ†ǯ”‘Â?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âż•‡”ƒ ‡Â?‡”…‘Ž‡†¿’‘Â?‡”‹‰‰‹‘‡ƒ ”‡˜ƒŽŽ‡‹ŽÂ?‡”…‘Ž‡†¿‡‹ŽÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż ’‘Â?‡”‹‰‰‹‘Ǥ ‡”…‘Â?–ƒ––‹‡‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹ǣ Â‡Â†Â•ĚťÂ…Â‘Â‘Â’ÂƒÂ”Â‡ÂƒÇ¤Â‘Â”Â‰Ç¤

‰‹‘”Â?ƒ–ƒDz …‘Ž‘”‹Â?ƒ•…‘Â?‘ †ƒŽŽƒÂ–Â‡Â”Â”ÂƒÇłÇĄ…‘Â?’ƒ”–‡Â?œƒ†ƒ ˜‡Â?‘Â?‡ƒŽŽ‡ÍĄÇ¤Í›Í˜‡’‡”…‘”•‘ †‡Ž•‡Â?–‹‡”‘†‡Ž„‘•…‘†‡ŽŽ‡ ”…Š‡ǥ’‡”‹Â?’ƒ”ƒ”‡ƒ…”‡ƒ”‡‹ …‘Ž‘”‹ƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‡–‡””‡…‘Ž‘”ƒ–‡ Â?ƒ–—”ƒŽ‹Ǥƒ„ƒ–‘͙͙‡†‘Â?‡Â?‹…ƒ ͙͚‰‹—‰Â?‘•‹’‘–”Â?’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡ ƒŽ…ƒÂ?’‡‰‰‹‘‹Â?Â?‘Â?–ƒ‰Â?ƒ…‘Â? …‡Â?ÂƒÇĄ‰‹‘…Š‹Â?‘––—”Â?‹‡Â?ƒ––—–‹Â?‹ ‡”ƒ……‘Â?–‹‹Â?–‘”Â?‘ƒŽˆ—‘…‘Ǥ ‘Â?‡Â?‹…ƒÍ›Ž—‰Ž‹‘‰‹‘”Â?ƒ–ƒ†‹ Žƒ„‘”ƒ–‘”‹•—ŽŽƒÂ…ÂƒÂ”Â–ÂƒÇŁ…‘Â?‡ ”‹…‹…Žƒ”Žƒ‡”‡ƒŽ‹œœƒ”‡‰‹‘…Š‹Ǥ‡” ‹Â?ˆ‘ȋ‰Ž‹ƒ’’—Â?–ƒÂ?‡Â?–‹–‡”Â?‹Â?ƒÂ?‘ ‹Ž͙͛ÂŽÂ—Â‰ÂŽÂ‹Â‘ČŒÇĄ™™™Ǥ…‘‘’ƒ”‡ƒǤ‘”‰Ǥ

2/5 giugno 2011

1/5 giugno 2011

2/5 giugno 2011

Isola del Giglio

Parigi

Parigi

â‚Ź 500,00 a persona

â‚Ź 585,00 a persona

â‚Ź 390,00 a persona

Richiedi senza impegno i programmi dettagliati in agenzia. VOUS ALLEZ Viaggi e Autonoleggio LOSIO, che da sempre si distinguomo per cortesia e competenza, sono un sicuro punto di riferimento per gruppi, parrocchie, oratori, ecc.




͚͘

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

ƒ‘…‡†‡Ž ƒ”†ƒ‡ƒŽ•ƒ„„‹ƒ ‹Â?“—‡‘Â?—Â?‹ƒŽ˜‘–‘ Ăˆ in distribuzione gratuita il nuovo numero de “La Voce del Garda e Valsabbiaâ€?. Il primo piano è dedicato alle elezioni amministrative del 15 e 16 maggio che interessano 29 Comuni bresciani. Di questi, tre sono sul Garda, Moniga, Polpenazze e Soiano e due in Valle Sabbia, Anfo e Barghe. Diversi i temi affrontati nelle pagine dedicate al Garda. A partire dallo speciale su Desenzano, la sua ‘capitale’, dove ha riaperto con un nuovo allestimento il museo

Rambotti che conserva l’aratro preistorico piÚ antico al mondo. Il Garda è osservato speciale della Confartigianato con un protocollo d’intesa siglato tra Brescia, Mantova, Verona e Trento, le quattro province che si affacciano al Benaco, per lo sviluppo della sua economia. In Valtenesi sono ai nastri di partenza due importanti kermesse dedicate al frutto di Bacco. Vengono presentate le anticipazioni della Fiera del vino doc di Polpenazze e di Italia in rosa

di Moniga che tra la ďŹ ne di maggio e l’inizio di giugno, richiameranno, sul basso lago, migliaia di appassionati enogastronauti. Anche la Valle Sabbia propone numerosi spunti. A partire dal convegno svoltosi a Barghe e dedicato al turismo “Vallesabbia gelosamente tua: storia, cultura, sport 365 giorni l’annoâ€? per cogliere le tante opportunitĂ  offerte dal territorio. A Gavardo è tempo di Fiera. La rassegna valsabbina, che quest’anno taglia il signiďŹ cativo

traguardo delle 55 edizioni, tenendo fede alla sua vocazione avrà una forte componente merceologica e commerciale, ma, nel segno del rinnovamento, promette due giorni fra tradizione, folklore genuino delle valli bresciane, artigianato e arte, storia e genuinità. Il free-press è ricco di altri spunti interessanti dedicati alla solidarietà, alla salute, alla cultura, allo sport e all’economia ed è distribuito in alcune edicole del territorio gardesano e valsabbino.

  ƒ‰‘†‹ ƒ”†ƒ ‹”Â?ƒ–‘—Â?’”‘–‘…‘ŽŽ‘†ǯ‹Â?–‡•ƒ

8Q¡XQLFDYRFH SHUPLODLPSUHVH ‡‘Â?ˆƒ”–‹‰‹ƒÂ?ƒ–‘†‡Ž ƒ”†ƒ…‘Â?‹”ƒ’’”‡•‡Â?–ƒÂ?–‹†‹Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇĄƒÂ?Â–Â‘Â˜ÂƒÇĄ‡”‘Â?ƒ‡ ”‡Â?–‘ŠƒÂ?Â?‘•‹‰Žƒ–‘—Â?ƒ……‘”†‘’‡”–—–‡Žƒ”‡Ž‡‹Â?’”‡•‡ƒ••‘…‹ƒ–‡•—Ž–‡””‹–‘”‹‘    

8

n appuntamento importante, una iniziativa unica. CosĂŹ è stato definito il “Protocollo d’intesa tra le Confartigianato del Gardaâ€? siglato dai rappresentanti di Brescia, Mantova, Verona e Trento. “Un accordo – ha spiegato Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato imprese unione di Brescia – sullo sviluppo dell’economia e delle infrastrutture della regione gardesana, affinchĂŠ le 40mila imprese associate, artigiane e piccole, delle quattro province che si affacciano al Benaco possano esporre con un’unica voce problematiche comuniâ€?. Si parla di fare rete, di mettere in comune informazioni. “Non si tratta di un discorso politico, si tratta invece di un modo concreto per affrontare i tanti problemi sul tappeto, per riprendersi il ruolo di rappresentare l’intero territorio e per richiedere legittimamente agli attori ed interlocutori politici un piĂš forte

—‰‡Â?‹‘ÂƒÂ•Â•Â‡Â–Â–Â‹ÇŁDzÂ? ƒ……‘”†‘•—ŽŽ‘•˜‹Ž—’’‘ †‡ŽŽǯ‡…‘Â?‘Â?‹ƒ‡ †‡ŽŽǯ‹Â?ˆ”ƒ•–”—––—”ƒ†‡ŽŽƒ ”‡‰‹‘Â?‡‰ƒ”†‡•ƒÂ?ÂƒÇł

impegno per lo sviluppo dell’areaâ€?. Carlo Piccinato, segretario generale dell’associazione bresciana, ha ipotizzato che anche grazie al protocollo d’intesa siglato tra le Confartigianato della regione gardesana le migliaia di piccole imprese che costituiscono da sempre l’ossatura del tessuto produttivo italiano potranno diventare il nuovo centro di sviluppo del nord Italia. “PerchĂŠ ciò possa diventare realtĂ  è però necessario che i grandi progetti infrastrutturali, come il sistema aeroportuale del Garda, la realizzazione del “corridoio 5â€? e delle strutture dell’alta velocitĂ  e capa-

citĂ  ferroviaria, non si incaglino nei meandri della politica, ma diventino occasioni storiche di rilancio e di sviluppo a sostegno della competitivitĂ  delle impreseâ€?. Sul sistema aeroportuale del Garda, comprendente gli scali di Villafranca e di Montichiari, le Confartigianato del Garda confermano che tale infrastruttura rappresenta un elemento di eccellenza indispensabile al sostegno della competitivitĂ  del sistema economico delle quattro ‘province gardesane’, sia sul versante del traffico passeggeri che su quello dei cargo. Il protocollo potrĂ  servire alle associazioni imprenditoriali per compartecipare alla stesura dei piani di sviluppo turistico della regione gardesana, ai primi posti in Europa per ricettivitĂ  e posti letto, favorendo una promozione turistica unitaria, sollecitando l’attuazione di politiche e la messa a disposizione di risorse che garantiscano la crescita delle attivitĂ  collegate. Sull’importanza e la necessitĂ 

  

della collaborazione tra le imprese si sono espressi all’unisono i presidenti delle altre tre province coinvolte, Roberto de Laurentis dell’associazione artigiani e piccole imprese di Trento, Lorenzo Capelli di Confartigianato imprese Mantova e Andrea Bissoli dell’Unione provinciale artigiani di Verona, convinti che l’aggregazione e la sinergia rappresentino l’arma vincente per affrontare in modo concreto le sfide di un mercato che non ha piÚ confini, nÊ linee di bordo.

E qualcosa di concreto “Creiamo gli imprenditori del Gardaâ€? giĂ  partirĂ  nei prossimi mesi. “Si tratta di un progetto pilota di formazione – ha spiegato Piccinato – rivolto a imprenditori, collaboratori e dipendenti, a supporto dello sviluppo locale della comunitĂ  interprovinciale del Garda. Un progetto volto ad aprire una fase di acquisizione delle competenze piĂš operative e tecnico-gestionali per creare una grande imprenditoria giovane e modernaâ€?.

‘Â?ƒ–‘‹…‡‘Dzƒ‘Žƒ†‹Â‘Â•ÂƒÇł

/DIRQGD]LRQH7HOHWKRQ UDFFRQWDWDDJOLVWXGHQWL

 

”ƒÂ?…‡•…ƒƒ•‹Â?‡ŽŽ‹ǥ †‹”‡––‘”‡‰‡Â?‡”ƒŽ‡†‹ ‡Ž‡–Š‘Â?ÇĄŠƒ†‡•…”‹––‘ Ž‡–‡Â?ƒ–‹…Š‡•…‹‡Â?–‹ˆ‹…Š‡ ‡Šƒ”ƒ……‘Â?–ƒ–‘ƒŽ…—Â?‡ •–‘”‹‡†‹˜‹–ƒ

Nella mattinata di martedĂŹ 19 aprile gli studenti del triennio del liceo “Paola di Rosaâ€? di Lonato del Garda hanno potuto assistere ad una conferenza di rilievo tenuta da una personalitĂ  di spicco nel panorama della ricerca scientifica italiana in ambito medico-biologico. Accogliendo l’invito della prof.ssa Stefania Pozzi è stata ospite gradita del Liceo Francesca Pasinelli, direttore generale della Fondazione Telethon dal settembre 2009 e giĂ  suo direttore scientifico dal 1997. Telethon, come noto, è una fondazione no-profit che si occupa di raccogliere fondi da destinare alla ricerca nel campo delle malattie genetiche rare. Perfettamente a suo agio anche con gli studenti, la dott. ssa Pasinelli, nota al grande pubblico per le sue frequenti apparizioni

televisive, ha catturato l’attenzione dell’uditorio tratteggiando in breve la storia della fondazione, gli scopi della stessa e gli straordinari traguardi raggiunti negli ultimi anni. Si è soffermata su alcuni casi specifici, intervallando sapientemente complesse tematiche scientifiche con storie di vita ad esse disperatamente collegate. Al termine della presentazione gli studenti, visibilmente sensibilizzati dalle toccanti tematiche affrontate, si sono cimentati in osservazioni e quesiti che, a detta della stessa relatrice, hanno consentito di rilevare una valida interiorizzazione da parte degli stessi del messaggio proposto. Un incontro qualificante per la scuola e arricchente per gli studenti, al quale si spera di dare un seguito in futuro.



‹––‘”‹ƒŽ‡

Â?ƒ––‡•ƒ†‹ƒ’‘••‡Žƒ‡Â”Â‡Â‰Â‘Â˜Â‹Â…ÇĄ ˆ‹”Â?ƒ–‘—Â?’”‘–‘…‘ŽŽ‘…‘Â?‹‹• ‡”Žƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž‹––‘”‹ƒŽ‡ †‡‰Ž‹ –ƒŽ‹ƒÂ?‹‰—‹†ƒ–ƒ†ƒ ‹‘”†ƒÂ?‘ ”—Â?‘ —‡””‹•‹ƒ˜˜‹…‹Â?ƒÂ?‘ †—‡†ƒ–‡‹Â?’‘”–ƒÂ?–‹ǥÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†Âż Í?‡˜‡Â?‡”†¿ÍžÂ?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄ…Š‡ ˜‡†”ƒÂ?Â?‘ƒŽ–‡”Â?ÂƒÂ”Â•Â‹ÇĄÂ?‡ŽŽǯ—Ž–‹Â?ƒ †‹Â?‘”ƒ†‹ ƒ„”‹‡Ž‡ÇŻÂ?Â?—Â?ÂœÂ‹Â‘ÇĄ ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‹ǥ…‘Â?˜‡‰Â?‹‡ˆ‹”Â?‡ †‹ƒ……‘”†‹Ǥǯ°‰‹Â?ˆ‡”Â?‡Â?–‘ ‹Â?–‘”Â?‘ƒŽŽƒÂ?—‘˜ƒ•–ƒ‰‹‘Â?‡ †‡Ž‹––‘”‹ƒŽ‡…Š‡’‘”–ƒ‹Ž–‹–‘Ž‘ •—‰‰‡•–‹˜‘†‹Dz‡Â?Â‡Â”ÇŚÂƒÇŚÂ?‡Â?–‡dzǤ ‡’”‡Â?‘–ƒœ‹‘Â?‹‡Ž‡˜‡Â?†‹–‡ †‹„‹‰Ž‹‡––‹‡ƒ„„‘Â?ƒÂ?‡Â?–‹ †‹Â?‘•–”ƒÂ?‘‹Â?–‡”‡••‡’‡”‹ŽÂ?—‘˜‘ ˆ‡•–‹˜ƒŽ…Š‡’”‘Â?‡––‡ÂŽÇŻÂ‡Â•Â‹Â„‹œ‹‘Â?‡ †‹ƒ”–‹•–‹†‹ˆƒÂ?ƒ‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇŁˆ”ƒ “—‡•–‹‹Â?‹…‹‘ÂƒÂ’Â‘Â•Â•Â‡ÂŽÂƒÇĄŽ‡‘Â?‘”ƒ „„ƒ‰Â?ÂƒÂ–Â‘ÇĄ‘—‡‡†ǥ ‘”ƒÂ? Â”Â‡Â‰Â‘Â˜Â‹Â…ÇĄŽ‡••ƒÂ?†”‘‡”‰‘Â?œ‘Â?‹

‡›Â?–‘Â?ƒ”•ƒŽ‹•ǤÂ‰Â‹Â‘Â˜Â‡Â†ÂżÍ? ƒŽŽ‡͙͙Ǥ͛͘Â?‡ŽŽǯ—†‹–‘”‹—Â?•ƒ”Â? –‘Ž–‘‹Ž˜‡Ž‘ƒŽ…ƒ”–‡ŽŽ‘Â?‡͚͙͙͘Ǥ ÂŽ ‰‹‘”Â?‘•‡‰—‡Â?–‡ǥƒ’ƒ”–‹”‡†ƒŽŽ‡ ÍĄÇ¤Í›Í˜ÇĄ‘•’‹–ƒ‹Ž…‘Â?˜‡‰Â?‘†‹•–—†‹Dz ÂŽ ‡†‹‘‡˜‘†‹ ƒ„”‹‡Ž‡ÇŻÂ?Â?—Â?ÂœÂ‹Â‘Çł …‘Â?†‘––‘†ƒ†‘…‡Â?–‹’”‘˜‡Â?‹‡Â?–‹ †ƒ—Â?‹˜‡”•‹–Â?‹–ƒŽ‹ƒÂ?‡‡•–”ƒÂ?‹‡”‡Ǥ ”ƒŽ‡†—‡•‡••‹‘Â?‹†‹Žƒ˜‘”‘° ’”‡˜‹•–ƒŽƒˆ‹”Â?ƒ†‹—Â?’”‘–‘…‘ŽŽ‘ †ǯ‹Â?–‡•ƒˆ”ƒ‹ŽÂ‹Â–Â–Â‘Â”Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹Ž‘Â?ƒÂ?†‘ ‰‡Â?‡”ƒŽ‡†‡ŽŽǯ”Â?ƒ†‡‹ƒ”ƒ„‹Â?‹‡”‹ǥ ‡’ƒ”–‘ Â?˜‡•–‹‰ƒœ‹‘Â?‹…‹‡Â?–‹ˆ‹…Š‡ †‹ƒ‰Ž‹ƒ”‹‡ÂŽÇŻÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‡‰Ž‹ –—†‹†‹ÂƒÂ‰ÂŽÂ‹ÂƒÂ”‹ǥ…Š‡’‡”Â?‡––‡”Â? †‹•’‡”‹Â?‡Â?–ƒ”‡—Â?ƒÂ?—‘˜ƒˆ‘”Â?ƒ †‹•–—†‹‘†‡ŽŽ‡…ƒ”–‡†ƒÂ?Â?—Â?œ‹ƒÂ?‡Ǥ ‡”‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‹™™™Ǥ ƒÂ?ˆ‹–‡ƒ–”‘†‡Ž˜‹––‘”‹ƒŽ‡Ǥ‹–‡™™™Ǥ ˜‹––‘”‹ƒŽ‡Ǥ‹–ǤČ‹Â˜Ç¤Â„Ç¤ČŒ


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

͚͙

‡‰‹‘Â?‡‘Â?„ƒ”†‹ƒ ͚ǥ͙Â?‹Ž‹‘Â?‹’‡”Žƒ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‰Â”‘ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‡ —’”‘’‘•–ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘”‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻ‰”‹…‘Ž–—”ƒ†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡ ‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄ ‹—Ž‹‘‡ƒ’‹–ƒÂ?‹ǥŽƒ

‹—Â?–ƒŠƒƒ’’”‘˜ƒ–‘‹Ž”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ †‡ŽŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡”‡‰‹‘Â?ƒŽ‹’‡” Žƒ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡†‡‹’”‘†‘––‹ ƒ‰”‘ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‹ǤDz ÂŽ”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‹ ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡†‡‹’”‘†‘––‹Ž‘Â?„ƒ”†‹–Šƒ •’‹‡‰ƒ–‘‡ƒ’‹–ƒÂ?‹–Šƒ—Â?˜ƒŽ‘”‡ …‘Â?’Ž‡••‹˜‘†‹͚ǥ͙Â?‹Ž‹‘Â?‹†‹‡—”‘ǥ†‹ …—‹ÍĄÍ˜Í˜Â?‹Žƒƒ…ƒ”‹…‘†‡ŽŽƒ‡‰‹‘Â?‡dzǤ ”‡‰Ž‹ƒ••‹†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‘Ǥ ÂŽ’”‹Â?‘ ”‹‰—ƒ”†ƒ‰Ž‹•–”—Â?‡Â?–‹‡‰Ž‹‡˜‡Â?–‹†‹ ‹Â?ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‡˜ƒŽ‘”‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡

  

–‹’‹…‹–Â?‡Â?‘‰ƒ•–”‘Â?‘Â?‹…Š‡ǥ†‡ŽŽƒ ˆ‹Ž‹‡”ƒ…‘”–ƒ‡†‡ŽŽƒ˜‡Â?†‹–ƒ†‹”‡––ƒǤ Â?•‡…‘Â?†‘ƒ••‡†‹‹Â?–‡”˜‡Â?–‘ ”‹‰—ƒ”†ƒŽƒ’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡•—ŽÂ?‡”…ƒ–‘ Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡‡†‡•–‡”‘‡…‘Â?’”‡Â?†‡ Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒœ‹‘Â?‹…‘Â?‡Žƒ‘•–”ƒ ‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡†‡Ž„‘˜‹Â?‘†ƒŽƒ––‡ †‹”‡Â?‘Â?ƒǤ ÂŽ–‡”œ‘ƒ••‡°”‡Žƒ–‹˜‘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ‰Â”Â‹Â…Â‘ÂŽÂ–Â—Â”Âƒ„‹‘Ž‘‰‹…ƒǤDz”‘Â?—‘˜‡”‡ Žǯ‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‡†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ‡‰‹‘Â?‡‡†‡‹ •—‘‹’”‘†‘––‹–”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‹‡†‹“—ƒŽ‹–Â? ’”‡••‘‹Ž…‘Â?•—Â?ƒ–‘”‡ˆ‹Â?ƒŽ‡‡‰Ž‹ ‘’‡”ƒ–‘”‹†‡ŽŽƒ†‹•–”‹„—œ‹‘Â?‡‡†‡ŽŽƒ ”‹•–‘”ƒœ‹‘Â?‡Ǣ•‘•–‡Â?‡”‡Ž‡ƒœ‹‡Â?†‡…Š‡

‘’‡”ƒÂ?‘Â?‡ŽŽ‡ˆ‹Ž‹‡”‡ƒ‰”‘ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‡ ‡˜‹–‹˜‹Â?Â‹Â…Â‘ÂŽÂƒÇĄƒˆˆ‹ƒÂ?…ƒÂ?†‘Ž‹Â?‡ŽŽ‡ ƒ––‹˜‹–Â?†‹‹Â?–‡”Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡‡ …‘Â?Â?‡”…‹ƒŽ‹œœƒœ‹‘Â?‡Â?‡‹Â?‡”…ƒ–‹ ‡Â?‡”‰‡Â?–‹ǣ“—‡•–‹‰Ž‹‘„‹‡––‹˜‹†‡Ž ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ†‹’”‘Â?‘œ‹‘Â?‡͚͙͙͘Ǥ Â?—Â? Â?‘Â?‡Â?–‘ƒÂ?…‘”ƒ…”‹–‹…‘’‡”Ž‡Â?‘•–”‡ ‹Â?’”‡•‡–Šƒ…‘Â?…Ž—•‘ÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‡Â•Â•Â‘Â”Â‡‡ ƒ’‹–ƒÂ?‹–ǥ‡’‡”†‹’‹Î…‘Â?”‹•‘”•‡ ”‹†‘––‡ƒ†‹•’‘•‹œ‹‘Â?‡ǥ°Â?‡…‡••ƒ”‹‘ ‹Â?˜‡•–‹”‡‹Â?ƒœ‹‘Â?‹…Š‡’‘••ƒÂ?‘ƒ˜‡”‡ —Â?”‹–‘”Â?‘†‹”‡––‘‡…Š‡ƒ„„‹ƒÂ?‘Žƒ …ƒ’ƒ…‹–Â?†‹ƒ––‹˜ƒ”‡Žƒ•‹Â?‡”‰‹ƒ…‘Â? ’ƒ”–Â?‡”’—„„Ž‹…‹‡Â’Â”Â‹Â˜ÂƒÂ–Â‹ÇłÇ¤

    

‡”…ƒ–‘…‘�–ƒ†‹�‘–‡””‡„”‡•…‹ƒ�‡ —•–‘

3URGRWWLIUHVFKL HGLVWDJLRQH Â?ƒ˜‘Ž–ƒƒŽŽƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒƒ‘Â?Â–Â‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ÇĄƒ•–‡ŽÂ‡ÂŽÂŽÂƒÇĄÂƒÂ”ÂƒÂ–Â‹Â…Â‘ÇĄ Š‡†‹‡ •‡‘Č‹Â?‡Â?Â•Â‹ÂŽÂ‡ČŒ  



/

a sua storia è abbastanza recente perchĂŠ ha inizio nel 2009 con il “Mercato contadino terre brescianeâ€? di Ghedi, ma è una storia improntata sulla qualitĂ  e sulla genuinitĂ  dei prodotti. Ad oggi, una volta alla settimana, il mercato contadino approda a Ghedi (in piazza Roma il sabato dalle 8 alle 12.30), a Montichiari (in piazza Santa Maria il martedĂŹ dalle 8 alle 12.30), a Iseo (la seconda domenica del mese dalle 9 alle 19 in viale Repubblica), a Castel Mella (in piazza Nuova il mercoledĂŹ dalle 8 alle 12.30) e a Paratico (da poco piĂš di due settimane il giovedĂŹ sul lungolago dalle 8 alle 12.30). Vi partecipano a rotazione circa 60 agricoltori della provincia di Brescia, anche se i Comuni di Montichiari, Iseo e Paratico hanno aperto anche a 5/6 agricoltori delle province limitrofe per aumentare l’offerta dei prodotti esposti. Il mercato contadino non si lega a nessuna sigla sindacale e ha il vantaggio della continuitĂ  sul territorio data dalla cadenza settimana-

ÂƒÂ˜ÂƒÂŽÂŽÂ‹ÇŁDz ÂŽÂ?‘•–”‘ Â?‡”…ƒ–‘°ˆ”‡“—‡Â?–ƒ–‘ Â?‘Â?•‘Ž‘†ƒŽŽ‡Â?ÂƒÂ•Â•ÂƒÂ‹Â‡ÇĄ Â?ƒ•‡Â?’”‡†‹’‹ÎƒÂ?…Š‡ †ƒ‹’”‘ˆ‡••‹‘Â?‹•–‹†‡ŽŽƒ ”‹•–‘”ƒœ‹‘Â?‡dz

le. Da una parte c’è il contadino che vuole farsi conoscere, dall’altra c’è il consumatore che ricerca prodotti genuini e di stagione. La regia è di “Bevilatteâ€?, azienda leader e apripista in provincia nella gestione dei distributori automatici di latte, che si incontra con il singolo Comune, allestisce fisicamente il mercato con i riconoscibili gazebo arancioni e controlla il rispetto delle norme igienico-sanitarie. Bevilatte, come si diceva in precedenza, è un’organizzazione partita con la vendita diretta dei distributori di latte crudo che offre anche consulenze aziendali e controlli di gestione per avere una

sistema di qualitĂ . All’interno vi lavorano tre persone, una di queste – l’agronomo Fausto Cavalli – spiega che l’intento è anche quello di “far diversificare le produzioni agricoleâ€?. Il principio della vendita del latte crudo (il piccolo coltivatore incassa un euro al litro rispetto ai 40 centesimi che prendeva dalla grande distribuzione, mentre il cliente spende un euro rispetto a 1,70 euro del supermercato) si ripete anche nella vendita diretta di frutta, verdura, salumi e formaggi. “Il nostro mercato – prosegue Cavalli – è frequentato non solo dalle massaie e da ogni categoria di consumatori, ma sempre piĂš anche dai professionisti della ristorazione e della pasticceria, alla ricerca di quei sapori e di quella freschezza, che ben difficilmente si trova presso un normale supermercatoâ€?. Di fatto “Bevilatteâ€? ha avuto l’intuizione di riproporre quanto avveniva 50/100 anni fa, quando praticamente tutto era mercato contadino. La regia organizzativa consiste anche nel dare un equilibrio al mercato, cercando

di proporre produzioni diversificate. Fra le particolarità, si segnalano la produzione del formaggio di pecora o del violino (prosciutto di pecora o di capra); ma perfino gli ortaggi tipici del continente indiano, come il karela, l’ocra e il coriandolo coltivati proprio a pochi passi da Ghedi. Viene fatta una statistica sulle presenze per capire come va il mercato e sui prezzi dei prodotti: in generale i prezzi del mercato contadino sono

inferiori del 40% rispetto al prezzo medio lombardo (raffronto eseguito con il supporto del servizio sms consumatori). “Quale proposito futuro – conclude Cavalli – diffonderemo sempre piĂš la conoscenza di questa realtĂ  presso i produttori agricoli, con l’intento di ampliare la gamma dei prodotti, in modo da interessare un numero sempre maggiore di consumatoriâ€?. Per info, www.terrebresciane.it.


͚͚

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ ‡”•‘—Â?ƒˆ‡†‡”ƒœ‹‘Â?‡Â?‘Â?†‹ƒŽ‡†‡Ž‰‡Žƒ–‘ƒ”–‹‰‹ƒÂ?ƒŽ‡ L’introduzione di un marchio di qualitĂ  che identiďŹ chi il gelato artigianale europeo e la proposta di una confederazione mondiale dei gelatieri artigiani. Lo chiede Artglace, la Confederazione delle associazioni dei gelatieri artigianali Ue in occasione della Fiera ‘Intergelat’ di Alicante. â€?Da tre anni chiediamo al Parlamento europeo un riconoscimento che aiuti a distinguere il gelato artigianale da quello industriale – spiega Ferdinando Buonocore,

presidente Artglace – per tutelare i consumatori e promuovere un prodotto genuino, senza limitare la creatività dei gelatieri. Stiamo cercando di sensibilizzare anche le autorita’ nazionali ad introdurre un codice di autoregolamentazione, di concerto con le associazioni dei consumatori, per garantire l’utilizzo di materie prime e prodotti semilavorati di qualità�. Per Artglace è giunto inoltre il momento di realizzare una confederazione a livello mondiale,

“anche per arrivare a maggiore trasparenza – osserva Buonocore – in un settore in cui si registra una totale mancanza di statistiche ufďŹ cialiâ€?. “In Europa non esiste un censimento ufďŹ ciale – afferma JosĂŠ Luis Gisbert Valls, presidente dell’associazione Anhcea – e non c’è la volontĂ  politica di rimediare. Fino a quando non sarĂ  introdotta una licenza esclusiva di gelateria, non riusciremo mai a sapere quante gelaterie artigianali ci sono nel mondoâ€?.

    ƒ†‡”�‡ŽŽ‘�‹�…‘�–”‘‰—•–‘•‘

*HODWLHULORPEDUGL DUDFFROWD

ÂŽÂ?‘Â?‡Â?–‘°•–ƒ–‘‘……ƒ•‹‘Â?‡’‡”Â’ÂƒÂ”ÂŽÂƒÂ”Â‡ÇĄ–”ƒÂŽÇŻÂƒÂŽÂ–”‘ǥ†‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‡…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡    

Ă‹

stato un raduno “gustosoâ€? quello dello scorso 4 aprile a Padernello, dove i gelatieri lombardi e gli operatori del settore si sono trovati per il consueto summit annuale dedicato alle esperienze, consigli, ricette, formazione e collaborazione tra artigiani. Il momento conviviale è stato anche occasione per presentare alcune iniziative alimentari e tecnologiche della categoria ad opera dell’Associazione gelatieri artigiani presieduta da Claudio Zani e della “Centrale del latte di Bresciaâ€? del direttore generale Andrea Bartolozzi. Tra gli invitati erano presenti lavoratori del prelibato cibo provenienti da Brescia, Bergamo e Lecco, oltre ad opinionisti del settore come Arnaldo Minetti, giornalista e presidente di Puntogel, la societĂ  che ha messo a disposizione i prodotti per la gustosa serata enogastronomica. Rispetto alle scorse edizioni, quando in

—‘˜‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡ ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ”‹’”‘Â?‘••‡ Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ǥ ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒŽƒ—†‹‘ ƒÂ?‹ǥ…Š‡”‹—Â?‹•…‡‰Ž‹ ‘’‡”ƒ–‘”‹†‡Ž•‡––‘”‡

tavola venivano proposti assaggi di gelato con cibi tipici della cucina locale, stavolta l’occhio è finito sulla tradizione, anche se la dolce sorpresa per il pubblico è stato soprattutto il gelato micronizzato che, grazie a questo trattamento, si mantiene piÚ cremoso. L’innovazione ha contagiato tutto il menÚ, non mancando accenni anche ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Tra un piatto e l’altro, poi, si è parlato del nuovo magazine online di portata regionale, ma che ambisce al resto d’Italia: si tratta di GelatieriArtigiani.com, in rete tra poche settimane, ideato e fortemente

voluto da Claudio Zani, con il progetto grafico e piattaforma web di Ivan Agliardi, come area di contatto tra gli operatori per eventi e rassegne sul mestiere, esperienze, opinioni, consigli e punti di vista, ma anche forum, newsletter e, in futuro, una webtv. Al tavolo il dg della Centrale del latte Bartolozzi ha riproposto l’iniziativa del “Circolo di qualitĂ â€?, un marchio visibile sulle vetrine di bar, gelaterie e pasticcerie che si riforniscono proprio dall’azienda di via Lamarmora. â€œĂˆ un patto che il commerciante stipula con i consumatori – ha spiegato – dicendo loro che i prodotti in vendita sono certificati dalla ricerca dell’eccellenzaâ€?. Il prossimo appuntamento di richiamo sarĂ  il convegno del 23 maggio alla Confartigianato di Brescia, dove saranno presenti i dirigenti delle regioni italiane e dell’istituto zooprofilattico per informare sulle ultime notizie sanitarie, come l’haccp, in materia di alimenti.

La nostra trentennale esperienza e l’utilizzo di frutta, uova biologiche, latte, panna, yougurt freschi e di alta qualitĂ  nocciole delle Langhe IGP, pistacchio di Bronte, Cru di pregiati cacao... fanno del nostro gelato un alimento genuino privo di grassi idrogenati coloranti, conservanti e glutine. E come disse O. WIlde: “Ho dei gusti semplicissimi, mi accontento sempre del meglioâ€? AL POLO - Brescia - Via Amendola 31( Traversa V.Duca degli Abruzzi ) - Tel 030 9900668

... AL POLO L’ALTRO - Mairano - P.zza I. Calini 30b Tel 030 975860


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

͚͛

‘–‹œ‹‡—–‹Ž‹ Â?ƒŽ‹Â?‡Â?–‘ˆ”‡•…‘ˆƒ…‹ŽÂ?‡Â?–‡†‹‰‡”‹„‹Ž‡ Il gelato è un alimento fresco che contiene alimenti facilmente deperibili come le uova e il latte. Tuttavia dal momento della produzione a quello della commercializzazione il prodotto viene sempre mantenuto a temperature molto basse, che bloccano la riproduzione degli agenti patogeni. Inoltre quasi tutte le gelaterie che non utilizzano preparati industriali pastorizzano la miscela prima di lavorarla nella gelatiera, il che aumenta

ulteriormente la sicurezza del gelato stesso. Nel caso dei prodotti industriali (le vaschette che si acquistano nel banco freezer dei supermercati), bisogna avere l’accortezza non far scongelare il gelato durante il tragitto ďŹ no al congelatore di casa, nĂŠ far scongelare il prodotto, consumarlo parzialmente e poi ricongelarlo. Parlando di gelato occorre fare una distinzione molto importante tra gelato artigianale e industriale. Tali differenze riguardano sia

i metodi di produzione che gli ingredienti utilizzati.Il gelato artigianale di qualità è composto da materie prime fresche, la fase di incorporatura dell’aria è lenta e raggiunge il 30-50% del volume del composto. Non è possibile produrre gelato di qualità senza utilizzare alcuni additivi (peraltro innocui), prima fra tutte la farina di semi di carrube come addensante. Il gelato industriale contiene latte in polvere, oli vegetali, e additivi come coloranti e altro ancora.     

ƒÂ?‹ ‘Â?—Â?‹…ƒ”‡ ‹Ž‰‡Žƒ–‘ —Ž‰‡Žƒ–‘ƒ”–‹‰‹ƒÂ?ƒŽ‡Žƒ …Š‹ƒ”‡œœƒÂ?‘Â?°Â?ƒ‹–”‘’’ƒ Č‚ƒˆˆ‡”Â?ƒŽƒ—†‹‘ƒÂ?‹ Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒÇĄ’”‡•‹†‡Â?–‡ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡‰‡Žƒ–‹‡”‹ ƒ”–‹‰‹ƒÂ?‹ȂǤ ’”‘†—––‘”‹†‹ ‰‡Žƒ–‘‹Â?Â†Â—Â•Â–Â”Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄŽǯ‹…‡ …”‡ƒÂ?’‡”‹Â?–‡Â?†‡”…‹ǥŠƒÂ?Â?‘ ”‹•‘”•‡‡…‘Â?‘Â?‹…Š‡‹Â?‰‡Â?–‹ ’‡”’”‘Â?—‘˜‡”‡‹Ž’”‘’”‹‘ ’”‘†‘––‘Ǥ‘‹ƒ”–‹‰‹ƒÂ?‹ ƒ„„‹ƒÂ?‘•‡Â?’”‡ˆƒ––‘ˆƒ–‹…ƒƒ …‘Â?’‡–‡”‡ǥƒ…ƒ—•ƒ†‹—Â?Ç˛Â‰ÂƒÂ’ Â…Â—ÂŽÂ–Â—Â”ÂƒÂŽÂ‡Çł…Š‡Â?‘Â?”‹—•…‹ƒÂ?‘ ƒ…‘ŽÂ?ÂƒÂ”Â‡ÇĄ•‡…‘Â?†‘…—‹…‘Â?–ƒ Â?‘Ž–‘Žƒ“—ƒŽ‹–Â?†‡Ž’”‘†‘––‘‡ Â?‘Ž–‘’‘…‘Žƒ…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ Â?ÂƒÇĄ‹Â?†‹•…—–‹„‹ŽÂ?‡Â?–‡ǥ ƒ„„‹ƒÂ?‘ˆƒ––‘ˆƒ–‹…ƒƒÂ?…Š‡ ’‡”…Š¹Â?‘Â?’‘••‡†‹ƒÂ?‘ Ž‡”‹•‘”•‡‡…‘Â?‘Â?‹…Š‡ †‡ŽŽǯ‹Â?Â†Â—Â•Â–Â”Â‹ÂƒÇłÇ¤ Â—Â–Â–ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÇĄ’‡”ƒÂ?‹ǥ‹Â?“—‡•–‹ —Ž–‹Â?‹ƒÂ?Â?‹ǥ“—ƒŽ…‘•ƒ° …ƒÂ?„‹ƒ–‘ǤDz ”ƒœ‹‡ƒŽŽƒ …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡†‹ƒŽ…—Â?‹ …‘ŽŽ‡‰Š‹Č‚’”‘•‡‰—‡‹Ž ’”‡•‹†‡Â?–‡Č‚ÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Šƒ ‹Â?‹œ‹ƒ–‘ƒˆƒ”‡…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?Žǯ‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‡†‹ ’”‘Â?—‘˜‡”‡Žƒ…—Ž–—”ƒ †‡Ž…‘Â?•—Â?‘†‡Ž‰‡Žƒ–‘ ƒ”–‹‰‹ƒÂ?ƒŽ‡‡Â?‘Â?‹Â?ƒ”…Š‹ †‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡•‹Â?‰‘Ž‡Â‰Â‡ÂŽÂƒÂ–‡”‹‡dzǤ ƒ…ƒÂ?’ƒ‰Â?ƒ†‹ …‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ƒ˜˜‹ƒ–ƒŠƒ ’—Â?–ƒ–‘ƒˆƒ”…‘Â?‘•…‡”‡…‘Â?‡ •‹’”‘†—…‡‹Ž‰‡Žƒ–‘ƒ”–‹‰‹ƒÂ?ÂƒÂŽÂ‡ÇŁ …‘Â?Â?ƒ……Š‹Â?ƒ”‹†‹”ƒˆˆ‹Â?ƒ–ƒ Â?ƒ…‘Â?•‘Ž‹†ƒ–ƒ–‡…Â?‘Ž‘‰‹ƒ‡ …‘Â?Â?ƒ–‡”‹‡’”‹Â?‡Ž‡‰ƒ–‡ƒŽ –‡””‹–‘”‹‘ǣÂŽÂƒÂ–Â–Â‡ÇĄ’ƒÂ?Â?ƒ‡—‘˜ƒ †‡‹…‘Â?–ƒ†‹Â?‹„”‡•…‹ƒÂ?‹‡ˆ”—––ƒ †‹•–ƒ‰‹‘Â?‡Ǥ

Ž…—�‹…‘�•‹‰Ž‹……Š‹‘ƒŽŽƒŽ‹�‡ƒ

$FFRUJLPHQWL SHUQRQHVDJHUDUH Il gelato è un alimento che può compromettere il bilancio delle calorie giornaliere. Per questo è necessario seguire alcuni consigli per gustare questa delizia senza dover litigare con la bilancia. Per quanto riguarda il gelato artigianale, è sempre meglio comprare una cestina piuttosto che un vassoio da 500 grammi da mangiare a casa, per evitare di eccedere con le calorie. Se il gelato è eccessivamente dolce o troppo “pesanteâ€? (vi sentite molto appesantiti dopo che lo avete mangiato), probabilmente la scarsa qualitĂ  è stata mascherata caricando con lo zucchero e i grassi e quindi con le calorie. Questo è un criterio di valutazione molto empirico che va preso con le molle, ma stando attenti e con un po’ di esperienza può essere utilizzato. Per riconoscere un gelato di qualitĂ , infatti, il migliore

metodo è affidarsi alla propria esperienza affinando sempre piÚ il gusto e quindi la capacità di riconoscere un buon gelato, sempre partendo dal fatto che non conviene mangiare un gelato senza aver prima letto gli ingredienti che per legge, ormai, ogni gelateria artigianale è obbligata a esporre. Ad oggi, invece, non è obbligatorio esporre le calorie e i valori nutrizionali del gelato in ogni suo gusto. Il gelato, infatti, è un alimento decisamente calorico, se si considera che una porzione media (una coppetta da 2-2,50 euro) è pari a circa due etti e contiene dalle 300 alle 500 calorie. Se si vuole gustare questa delizia senza avere sgradevoli conseguenze sottoforma di chili di troppo, è bene adottare alcuni accorgimenti che consentano di far quadrare il bilancio calorico giornaliero, senza fare la fame.

SEMIFREDDI E GELATO DI PRODUZIONE PROPRIA

3DVWHFFLHULD Via Mazzini, 17 - Brescia

GLYLQDPHQWH GLJLRUQDWD ,625(//$9LD=DQDERQL 7HO


  ‘Â?Â‰Â‡Â”ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

/$92&( '(/ 3232/2

 

Č‹‹••‘Â?‡Ȁ‹Í™ÍĄÍ›ÍĄČŒ ‡”–—––ƒŽƒ•—ƒ…ƒ””‹‡”ƒ•‹°…‘Â?ˆ”‘Â?–ƒ–‘ …‘Â?‹Ž–‡Â?ƒ•ƒ…”‘Ǥ ÂŽ•—‘Ž‹Â?Â‰Â—ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄŽ‡‰ƒ–‘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?ˆ‘”Â?ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹Â?–‡”’”‡–ƒ…‘Â?ˆ‘”œƒƒÂ?…Š‡‹–‡Â?‹ –”ƒ†‹œ‹‘Â?ƒŽ‹‡•’”‹Â?‡Â?†‘Ž‹‹Â?—Â?ƒ…Š‹ƒ˜‡•’‡••‘‹Â?‡†‹–ƒǤ   Ǥ ÇĄ  Ǥ

,/9$1*(/2 '(//$'20(1,&$ ,,'20(1,&$',3$648$ '$/9$1*(/26(&21'2*,29$11, 

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne GesĂš, stette in mezzo e disse loro: “Pace a voi!â€?. Detto questo, mostrò loro le mani e il ďŹ anco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. GesĂš disse loro di nuovo: “Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voiâ€?. Detto questo, sofďŹ Ă˛ e disse loro: “Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonatiâ€?. Tommaso, uno dei Dodici, chiamato DĂŹdimo, non era con loro quando venne GesĂš. Gli dicevano gli altri discepoli: “Abbiamo visto il Signore!â€?. Ma egli disse loro: “Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo ďŹ anco, io non credoâ€?. Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne GesĂš, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: “Pace a voi!â€?. Poi disse a Tommaso: “Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio ďŹ anco; e non essere incredulo, ma credente!â€?. Gli rispose Tommaso: “Mio Signore e mio Dio!â€?. GesĂš gli disse: “PerchĂŠ mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!â€?. GesĂš, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perchĂŠ crediate che GesĂš è il Cristo, il Figlio di Dio, e perchĂŠ, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

,OIUXWWRGHOODIHGH  

 

&

osa si riesce a comunicare di quello che non è comunicabile? Come costringere le parole a correre dietro all’esperienza di un momento che diventa certezza per mezzo di un incontro insieme assoluto e inspiegabile? A Tommaso non basta la parola degli altri: vuole anche lui vedere, anzi, vuole arrivare perfino a toccare. Incredulo perchĂŠ non può credere soltanto a quello che gli viene detto. Ăˆ lontano. Immagine di luogo per dire piĂš della lontananza fisica: Tommaso non sta con la comunitĂ , preferisce seguire le sue strade. CosĂŹ le parole convinte di quelli che sono rimasti discepoli non lo convincono. Ha bisogno di toccare. Atto estremo di sfida e, credo, sentimento ultimo della nostalgia per il corpo che non c’è piĂš. Non ha vissuto le corse della mattina presto e la giornata terribile con le notizie che si inseguivano. Non ha visto. Ma perchĂŠ lui non deve vedere e gli altri sĂŹ? Per-

chĂŠ lui solo dovrebbe fidarsi mentre gli altri hanno potuto vedere? PerchĂŠ le parole devono sostituire la concretezza di quello che non può piĂš esserci? Sono i primi passi di una comunitĂ  orfana di un corpo, che deve imparare a credere senza vedere. E Tommaso è il primo di quelli che devono soffrire questo passaggio. Non è pronto. Ha bisogno di vedere e di toccare. E di sentire – come quando GesĂš era in vita – il rimprovero per non essere stato capace di arrivare dove avrebbe dovuto, di andare per quella via che sa di dover seguire e che è stata smarrita cosĂŹ in fretta. Non gli bastano la pace e lo Spirito. Ha bisogno del corpo. Deve verificare che tutto sia vero. E la sua mente deve comporre, ordinare tutte le informazioni. Ha bisogno di prove davanti all’assenza e non gli bastano le parole di fede per credere. Ăˆ insieme testardo e impaurito, razionale e smarrito. Ma è il passaggio necessario di una comunitĂ 

quello che si compie in Tommaso: è il passaggio dal vedere al credere che si consuma nel ricevere lo Spirito. E la pace. Che dono strano questa pace del Risorto. Antidoto alla paura dei Giudei ma, soprattutto, antidoto alla paura di credere, cioè di fidarsi di quella storia che sta accadendo e che costringe a cambiare nonostante non ci siano altre prove che la gioia provata senza motivo. CosÏ è la pace del Risorto: una gioia senza motivo. Ma solo per chi vuole fermarsi alle prove e al vedere tutto chiaro, al misurare i destini e il tempo. Imparare a credere è esporsi al rischio di sentire una gioia che non ha motivo, un dono dello Spirito che costringe a diventare comunità cioè a cercare un percorso comune per imparare a credere, a capire, a tuffarsi in questo mistero. E sopportarne il rischio, lo scandalo e l’incertezza. PerchÊ quella felicità senza motivo sia la porta dalla quale passa l’unica possibile speranza per il futuro. Di Dio.

    

 

1HOORVSLULWRGHOODFDULWj “Quanto è assurda in generale l’idea che abbiamo della preghiera! Un trappista, un certosino si applicheranno anni e anni per diventare uomini di preghiera, ma il primo sconsiderato che si fa avanti pretenderĂ  giudicare lo sforzo di un’intera vita! Gli uomini di scienza parlano di suggestione. Deve essere perchĂŠ non hanno mai visto quei vecchi monaci, saggi e avveduti, splendenti di comprensione e compassione, di una cosĂŹ amorosa umanitĂ . Per quale miracolo questi semipazzi, sembrano addentrarsi ogni giorno di piĂš nella comprensione delle altrui miserie? Strano sogno davvero, oppio mai visto quello che invece di chiudere su se stesso l’individuo, lo rende solidale con tutti, nello spirito dell’universale caritĂ â€?. Mi è stato

chiesto di iniziare una rubrica sulla preghiera. Non sono nĂŠ un certosino nĂŠ un trappista; non sono giovane e nemmeno tanto anziano da poter parlare con saggezza della preghiera. Semmai sono lo sconsiderato che accetta il rischio cercando di fornire suggestioni agli altri e a se stesso per migliorare la propria vita spirituale. La citazione, presa dal “Diario di un curato di campagnaâ€? di Georges Bernanos, ci offre alcuni spunti interessanti. Primo tra tutti ci insegna che la preghiera è uno sforzo di un’intera vita, durato anni ed anni. La preghiera richiede costanza e fedeltĂ  e l’immagine dell’uomo di preghiera è simile a quella del contadino, il quale si affatica ogni giorno a coltivare la propria anima di terra, per renderla feconda

attraverso l’azione dello Spirito, perchĂŠ un giorno, questa terra possa produrre i frutti dell’amore. I l passo di Bernanos ci suggerisce uno degli effetti dai quali possiamo giudicare se la nostra è, o no, una buona preghiera: “...invece di chiudere su se stesso l’individuo, lo rende solidale con tutti, nello spirito dell’universale caritĂ â€?. Se la nostra vita di preghiera ci apre al mondo, ai suoi gemiti, alle sue angosce; se non ci richiude nello spiritualismo o nella semplice ricerca dell’armonia interiore, se ci permette di gettare uno sguardo amoroso sulle miserie altrui allora significa che stiamo pregando nel modo giusto. La preghiera insegna alla persona ad amare nello spirito dell’universale caritĂ .


͚͞

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

ƒ…‡”ƒ–ƒ†ƒŽ͙ͥƒŽ͚͙Â?ƒ‰‰‹‘ ‘Â?˜‡‰Â?‘Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡•—‰Ž‹Dz„‹–ƒÂ?–‹Â†Â‹Â‰Â‹Â–ÂƒÂŽÂ‹Çł Si svolgerĂ  dal 19 al 21 maggio, a Macerata, il convegno nazionale “Abitanti digitaliâ€? promosso dall’UfďŹ cio nazionale per le comunicazioni sociali (Unics) e dal Servizio informatico della Conferenza episcopale italiana (Sicei). Destinatari dell’iniziativa i direttori diocesani degli ufďŹ ci per le comunicazioni sociali, i responsabili informatici diocesani con gli staff dei web master, gli animatori e gli incaricati della cultura e della comunicazione di aggregazioni,

istituzioni e altre realtà ecclesiali. La prima giornata di lavori, aperti da mons. Claudio Giuliodori, vescovo di Macerata e presidente della Commissione episcopale per la cultura e la comunicazione, sarà dedicata all’approfondimento teorico con le relazioni di mons. Domenico Pompili, direttore dell’Unics, e di Ruggero Eugeni e Massimo Scaglioni dell’Università Cattolica di Milano. La seconda giornata sarà dedicata soprattutto all’approfondimento dei dati

esperienziali e alla loro condivisione, a cominciare dalla presentazione della ricerca quantitativa “IdentitĂ  digitali: la costruzione del sĂŠ e delle relazioni tra online e ofineâ€?, curata da Chiara Giaccardi, per poi passare alle novitĂ  che i nuovi media possono introdurre nella formazione (dall’e-learning ai social network), con il contributo di Pier Cesare Rivoltella. La giornata conclusiva approfondirĂ  le possibilitĂ  di una maggiore “convergenza digitaleâ€? per i media ecclesiali.

 



‡�‡†‡––‘ ”‘ˆ‡••‹‘�‡†‹ˆ‡†‡‡‹�’‡‰�‘†‹˜‹–ƒ

/DULVXUUH]LRQHGL*HV ULQQRYDODQRVWUDYLWD Â?‘†‡‹•‡‰Â?‹…ƒ”ƒ––‡”‹•–‹…‹†‡ŽŽƒˆ‡†‡Â?‡ŽŽƒ”‹•—””‡œ‹‘Â?‡ǥŠƒ‘••‡”˜ƒ–‘‹ŽÂƒÂ’ÂƒÇĄ°‹Ž•ƒŽ—–‘–”ƒ‹…”‹•–‹ƒÂ?‹Â?‡Ž–‡Â?’‘ Â’ÂƒÂ•Â“Â—ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ‹•’‹”ƒ–‘Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?–‹…‘‹Â?Â?‘Ž‹–—”‰‹…‘ǣDz”‹•–‘°”‹•‘”–‘Ǩ1˜‡”ƒÂ?‡Â?–‡”‹•‘”–‘Ǩdz  

ÇŻ 

6

urrexit Dominus vere! Alleluja!â€?. Con queste parole, il lunedĂŹ dell’Angelo, Benedetto XVI ha introdotto la preghiera mariana del Regina CĂŚli, che per tutto il tempo pasquale sostituisce l’Angelus, dal Cortile del Palazzo apostolico di Castel Gandolfo, dove si è recato per un breve periodo di riposo. “La risurrezione del Signore – ha detto Čƒ segna il rinnovamento della nostra condizione umana. Cristo ha sconfitto la morte, causata dal nostro peccato, e ci riporta alla vita immortale. Da tale evento promana l’intera vita della Chiesa e l’esistenza stessa dei cristianiâ€?. Lo leggiamo proprio il lunedĂŹ dell’Angelo, ha ricordato il Papa, nel primo discorso missionario della Chiesa nascente: “Questo GesĂš – proclama l’apostolo Pietro – Dio lo ha risuscitato e noi tutti ne siamo testimoni. Innalzato dunque alla destra di Dio e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo promesso, lo ha effuso, come voi stessi potete vedere e udireâ€?. Uno dei segni caratteristici della fede nella risurrezione, ha osservato, â€œĂ¨ il saluto tra i cristiani nel tempo pasquale, ispirato dall’antico inno liturgico: ‘Cristo è risorto! Ăˆ veramente risorto!’â€?. Ăˆ “una professione di fede e un impegno di vitaâ€?, proprio come è accaduto alle donne descritte nel Vangelo di San Matteo: “Ed ecco, GesĂš venne loro incontro e disse: ‘Sa-

  

     

@

Pontefice riprendendo le parole di Paolo VI, “riceve la missione di evangelizzare, e l’opera di ciascuno è importante per il tutto. Essa resta come un segno insieme opaco e luminoso di una nuova presenza di GesĂš, della sua dipartita e della sua permanenza. Essa la prolunga e lo continuaâ€?. “In che modo possiamo incontrare il Signore e diventare sempre piĂš suoi autentici testimoni?â€?, ha chiesto il Santo Padre. Riprendendo le parole di San Massimo di Torino, ha sostenuto: “Chiunque vuole raggiungere il Salvatore, per prima cosa lo deve porre con la propria fede alla destra della divinitĂ 

—––ƒŽƒÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄŠƒ ƒˆˆ‡”Â?ƒ–‘‹Ž‘Â?–‡ˆ‹…‡ ”‹’”‡Â?†‡Â?†‘ Ž‡’ƒ”‘Ž‡†‹ƒ‘Ž‘ ÇĄ Ç˛Â”Â‹Â…Â‡Â˜Â‡ŽƒÂ?‹••‹‘Â?‡†‹ ‡˜ƒÂ?Â‰Â‡ÂŽÂ‹ÂœÂœÂƒÂ”Â‡Çł lute a voi!’. Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora GesĂš disse loro: ‘Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: lĂ  mi vedranno’â€?. Tutta la Chiesa, ha affermato il

e collocarlo con la persuasione del cuore nei cieliâ€?. “Deve cioè imparare – ha chiarito Benedetto XVI Čƒ a rivolgere costantemente lo sguardo della mente e del cuore verso l’altezza di Dio, dove è il Cristo risorto. Nella preghiera, nell’adorazione, dunque, Dio incontra l’uomoâ€?. Il Papa ha ricordato anche il teologo Romano Guardini: “L’adorazione non è qualcosa di accessorio, secondario ‌ si tratta dell’interesse ultimo, del senso e dell’essere. Nell’adorazione l’uomo riconosce ciò che vale in senso puro e semplice e santoâ€?.

‘�ƒ†‹

ÂŽƒ’ƒ‡Žƒƒ”‹–ƒ• †ƒŽŽƒŽ‘”‘’ƒ”–‡ Â?‰”ƒÂ?†‡—‘˜‘†‹ÂƒÂ•Â“Â—ÂƒÇĄ †‘Â?ƒ–‘†ƒŽÂƒÂ’ÂƒÇĄ°•–ƒ–‘ ’‘”–ƒ–‘ƒŽ…‡Â?–‹Â?ƒ‹‘†‹”‘Â? •‰‘Â?„‡”ƒ–‹‹Ž͚͚ƒ’”‹Ž‡†ƒŽŽ‘”‘ …ƒÂ?’‘Â?‡Ž“—ƒ”–‹‡”‡”‘Â?ƒÂ?‘ †‹ƒ•ƒŽ”—…‹ƒ–‘Ǥ ÂŽ‰”—’’‘•‹ –”‘˜ƒÂ‘Â”ÂƒÇĄ‰”ƒœ‹‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘ †‡ŽŽƒƒ”‹–ƒ•†‹‘Â?ÂƒÇĄ Â?‡ŽŽƒ…ƒ•ƒ†‹ƒ……‘‰Ž‹‡Â?œƒ ‘Â?—•ǥ†‘’‘…Š‡Â?‡‹‰‹‘”Â?‹ ’”‡…‡†‡Â?–‹ƒ˜‡˜ƒ‘……—’ƒ–‘ ’ƒ…‹ˆ‹…ƒÂ?‡Â?–‡Žƒƒ•‹Ž‹…ƒ †‹ƒÂ?ƒ‘Ž‘ˆ—‘”‹Ž‡—”ƒǤ ƒ˜‹…‹Â?ƒÂ?œƒ†‡Žƒ’ƒƒŽŽ‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡”‘Â?°•–ƒ–ƒ‡•’”‡••ƒ †ƒŽŽƒ’”‡•‡Â?œƒÂ?‡ŽŽƒƒ•‹Ž‹…ƒ †‡Ž•‘•–‹–—–‘†‡ŽŽƒ‡‰”‡–‡”‹ƒ †‹–ƒ–‘Â?‘Â?•Ǥ ‡”Â?ƒÂ?†‘ ‹Ž‘Â?‹‡†ƒ—Â?ƒ†‹…Š‹ƒ”ƒœ‹‘Â?‡ †‹’ƒ†”‡ ‡†‡”‹…‘‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÇĄ ’‘”–ƒ˜‘…‡†‡ŽŽƒƒÂ?–ƒ‡†‡Ǥ —”ƒÂ?–‡–—––ƒŽƒ˜‹…‡Â?Â†ÂƒÇĄŠƒ ’”‡…‹•ƒ–‘’ƒ†”‡‘Â?Â„ÂƒÂ”Â†Â‹ÇĄ Dz‹Ž…‘Â?’‘”–ƒÂ?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ

‡Â?†ƒ”Â?‡”‹ƒ˜ƒ–‹…ƒÂ?ƒ°•–ƒ–‘ …ƒ”ƒ––‡”‹œœƒ–‘†ƒ…‘””‡––‡œœƒ ‡—Â?ƒÂ?‹–Â?ÇĄ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ …‘Â?Žƒƒ”‹–ƒ•‡Žƒ’—„„Ž‹…ƒ Â•Â‹Â…Â—Â”Â‡ÂœÂœÂƒÇĄ‹Â?Â?‘†‘†ƒˆƒ˜‘”‹”‡ ‹Ž†‹ƒŽ‘‰‘‡Žƒ•‡”‡Â?‹–Â?Â?‡ŽŽƒ ”‹…‡”…ƒ†‡ŽŽ‡•‘Ž—œ‹‘Â?‹’‹Î ‘’’‘”–—Â?‡Ǥ‹•‹ƒ—‰—”ƒ…Š‡Žƒ •‘Ž—œ‹‘Â?‡–‡Â?’‘”ƒÂ?‡ƒ–”‘˜ƒ–ƒ ’”‡Ž—†ƒƒ—Â?ƒ•‹•–‡Â?ƒœ‹‘Â?‡ •–ƒ„‹Ž‡ÂƒÂ†Â‡Â‰Â—ÂƒÂ–ÂƒÇłÇ¤‡‹‰‹‘”Â?‹ ’”‡…‡†‡Â?–‹Â…ÇŻÂ‡Â”ÂƒÂ?‘•–ƒ–‡ †‡ŽŽ‡ˆ‘”–‹’‘Ž‡Â?‹…Š‡•—‰Ž‹ •‰‘Â?„‡”‹–”ƒ‹Ž‘Â?—Â?‡†‹ ‘Â?ƒ‡Žƒ‘Â?—Â?‹–Â?†‹Ǥ ‰‹†‹‘ǥŽƒ“—ƒŽ‡Šƒ‹Â?˜‹–ƒ–‘Ġ Ç˛ÂƒÂ„Â„ÂƒÂ•Â•ÂƒÂ”Â‡‹–‘Â?‹ǥƒÂ?…Š‡Â?‡ŽŽ‡ ’ƒ”‘Ž‡‡Â?‡‹Â?‡••ƒ‰‰‹ŽƒÂ?…‹ƒ–‹ ƒŽŽƒ’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‡dzǤ‹‰—ƒ”†‘ ƒŽ‹ƒÂ?‘…ƒ’‹–‘Ž‹Â?‘Žƒƒ”‹–ƒ• †‹‘Â?ƒ’”‡…‹•ƒ…Š‡DzÂ?‘Â?° ‹Â?“—‡•–‹‘Â?‡‹Ž–”ƒ•ˆ‡”‹Â?‡Â?–‘ †‡‹”‘Â?ƒ‹…ƒÂ?’‹ƒ––”‡œœƒ–‹Ǥ

ÂŽ’”‘„Ž‡Â?ƒ°…ƒ’‹”‡…‘Â?‡ •‹ƒ””‹˜ƒƒ‹…ƒÂ?’‹ÂƒÂ–Â–Â”Â‡ÂœÂœÂƒÂ–Â‹ÇĄ ’”‡˜‹•–‹’‡”•‡––‡Â?„”‡ǣÂ?‘Â? •‹’—Öˆƒ”‡—Â?‘•‰‘Â?„‡”‘ ‡Â?ƒÂ?†ƒ”‡Žƒ‰‡Â?–‡’‡” •–”ƒ†ƒ’‡”–”‡Â?‡•‹•‡Â?ÂœÂƒÇĄÂ?‡Ž ˆ”ƒ––‡Â?’‘ǥ†ƒ”‡ƒŽ–‡”Â?ÂƒÂ–Â‹Â˜Â‡ÇłÇ¤



 ÇŻ   U

/DGLPHQVLRQHUHOLJLRVDGHOGLDORJR Quest’anno ricorre il 10° anniversario della Charta Oecumenica ďŹ rmata a Strasburgo il 22 aprile 2001 dai presidenti del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee) e della Conferenza delle Chiese europee (Kek) di allora, rispettivamente il card. Miloslav Vlk e il metropolita Geremia Caligiorgis, al termine di un incontro ecumenico europeo e di un lungo percorso di dialogo che ha coinvolto tutte le Chiese in Europa.

Il 12 aprile scorso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa ha approvato una raccomandazione su “La dimensione religiosa del dialogo interculturaleâ€?. Nel dibattito sono intervenuti cinque leader rappresentanti delle religioni, tra cui il presidente del PontiďŹ cio consiglio per il dialogo interreligioso, il cardinal Jean-Louis Tauran, e il patriarca della Chiesa ortodossa di Romania Daniel. Il tema è risultato di grande attualitĂ : piĂš di 50

parlamentari hanno chiesto in seguito la parola. Nel memorandum che spiega le motivazioni della raccomandazione viene ampiamente citata la Charta Oecumenica. La Charta è vista come un fatto esemplare per dire l’impegno comune dei cristiani del nostro continente nel salvare e promuovere i valori che sono alla base della costruzione europea e per dire la possibilità di collaborazione tra religioni e res publica per il bene comune.

Nella Charta è chiaro che il dialogo interreligioso e il dialogo tra le religioni e le altre convinzioni sono mezzi di riconciliazione e di promozione dei valori fondamentali. Nel prologo si dichiara: “Nel nostro continente europeo, dall’Atlantico agli Urali, da Capo Nord al Mediterraneo, oggi piĂš che mai caratterizzato da un pluralismo culturale, noi vogliamo (‌) contribuire insieme come Chiese alla riconciliazione dei popoli e delle cultureâ€?.


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

ÍšÍ&#x;

ƒ”‹–ƒ•

ÂŽ…‘Â?˜‡‰Â?‘†‡‹‰”—’’‹’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‹•—DzÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄ’”‘ˆ—Â?‘†‹”‡Žƒœ‹‘Â?‹dz Sabato 30 aprile è in programma il Convegno diocesano delle Caritas parrocchiali che ha come titolo “Chiesa, profumo di relazioniâ€?. Il convegno si svolgerĂ  presso i locali dell’oratorio San Filippo Neri di Nave (via Monteclana, 3). Questo il programma: ore 9 accoglienza, ore 9.30 preghiera dedicata all’icona della TrinitĂ  (immagini, musica, parole); ore 11 Sostare. Piccoli gruppi; 12.30 agape fraterna; ore 14 con il vescovo Luciano “Consegnati

alla parola. In dialogoâ€?; ore 16 Profumo di caritĂ ; ore 16.30 conclusione. Come ha scritto il diacono Giorgio: “Il 30 aprile ci reincontreremo e son certo che anche volti nuovi si affacceranno al nostro convegno annuale. In questi anni il ‘farci convegno’ ha permesso di intensiďŹ care i ďŹ li di una comunione viva, dispiegata nella ‘bacheca di ricordi, eventi e concrete attenzioni’ nei confronti dei fratelli piĂš fragili. Nel cammino intrapreso cresce in me e nei miei

collaboratori la consapevolezza che gli uomini e le donne che noi incontriamo profumano i nostri passi quotidiani. Il convegno esprime la gioia della fraterna amicizia ďŹ orita tra noi: è lo stupore di una fede che incontra la vita, è riconoscenza per ciò che fate, è intenso affetto che ci lega riconsegnandoci a Lui, Dio Amore. Ho avuto modo, anche quest’anno, di far visita a molti di voi provando in ogni incontro l’emozione, il calore e il profumo dei vostri

gesti di caritĂ . Chi sostiene il prossimo, costruisce un ponte e rinnova l’alleanza con il Cielo! Che bella testimonianza sapete dare al mondo, carissimi! Nelle vostre attivitĂ  ‘samaritane’ ricordatevi anche di noi, perchĂŠ a voi ci sentiamo consegnati. Ritornando al nostro appuntamento del 30 aprile, chiedo a GesĂš che sia un avvenimento, “una parolaâ€? che ci dice “Dio Amoreâ€?: ogni nostro lavoro, i minuti della nostra vita, sono per ‘dire’ che Dio è Amoreâ€?.

   ‡•…‘˜‘‡‘�‡Ž‹‡†‡ŽŽ‡‰‹‘”�ƒ–‡’ƒ•“—ƒŽ‹

'D'LRYLHQHODYLWD HDQFKHODVSHUDQ]D Dz‘‹ˆƒ……‹ƒÂ?‘Â?‡Â?‘”‹ƒ†‹ ‡•ÎÂ?‘Â?…‘Â?‡†‹—Â?—‘Â?‘†‡Ž’ƒ••ƒ–‘†ƒ…‘Â?‘•…‡”‡ǥ Â?ƒ…‘Â?‡†‹—Â?˜‹˜‡Â?–‡†ƒ‹Â?…‘Â?–”ƒ”‡Ǥ‘Â?’ƒ”Ž‹ƒÂ?‘•‘Ž‘†‹—‹ǥ’ƒ”Ž‹ƒÂ?‘ƒ—‹dz  

&

ogliamo dalle celebrazioni pasquali del Vescovo alcuni passaggi delle sue meditazioni sulla Parola. Nell’omelia della Messa crismale del GiovedĂŹ Santo, a partire dalle letture proposte ha osservato fra l’altro: “Dio è il difensore dell’umanitĂ  dell’uomo: la fonda con la tenerezza e la fedeltĂ  del suo amore; la ristabilisce con la forza sanante del suo perdono; la dilata con la grandezza della sua promessa. Noi, uomini poveri e deboli, afferrati però da Dio attraverso il fascino della parola e della vita di GesĂš, abbiamo la responsabilitĂ  di tenere viva, nel mondo, la presenza della sua parola, l’azione del suo Spirito, la speranza della sua risurrezione. Questo significa essere preti. Ma vale per noi quello che vale per tutti: dobbiamo diventare, con un impegno attento e perseverante, quello che siamo per dono immeritato. Preti lo siamo a motivo dell’ordinazione sacerdotale; ma sarebbe illusione stolta ritenere che

Dz‹•—•…‹–ƒÂ?†‘Žǯ—‘Â?‘

‡•Î†ƒ‹Â?‘”–‹ǥ‹‘Šƒ ƒ……‘Ž–‘†‡Â?–”‘†‹•¹ǥ †‡Â?–”‘‹ŽÂ?‹•–‡”‘†‡ŽŽƒ •—ƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇĄ—Â?ˆ”ƒÂ?Â?‡Â?–‘ †‡ŽÂ?‘•–”‘Â?‘Â?†‘dz l’ordinazione abbia giĂ  completato in noi ogni cosa. La veritĂ  del nostro ministero è legata all’esperienza personale di Dio, alla misura in cui l’amore e la misericordia di Dio prendono possesso della nostra anima, al posto che effettivamente diamo a Dio nella nostra vitaâ€?. Mons. Monari ha poi sottolineato che la “fede è sempre in pericolo, non fosse altro a motivo della nostra esistenza nel mondoâ€?. E ha posto l’accento sul pericolo dell’abitudine e e su quello della mentalitĂ  mondana; in positivo ha ricordato invece due atteggiamenti: un amore appassionato per l’uomo, per ogni

uomo, in particolare per l’uomo che soffre e la gioia. “Si può anche insegnare matematica con il muso lungo; ma certo non possiamo insegnare il Vangeloâ€?, ha detto il Vescovo. E ha cosĂŹ concluso: “L’importante è che ciascuno si prenda il tempo di riflettere sulla sua vita, sulle cose che fa, sul perchĂŠ le fa, sul come le fa. (...) Siamo noi a decidere della nostra vita; dare la colpa a qualcosa di esterno è solo un modo per giustificare noi stessi, per non assumerci la responsabilitĂ  di rettificare la nostra vitaâ€?. Nelle omelie della Veglia pasquale e del giorno di Pasqua, mons. Monari ha incentrato la sua attenzione sul tema della risurrezione. Ha ricordato che “la risurrezione di GesĂš manifesta l’azione di Dio in modo unico e definitivo. Risuscitando l’uomo GesĂš dai morti, Dio ha accolto dentro di sĂŠ, dentro il mistero della sua vita eterna e incorruttibile, un frammento del nostro mondo. C’è ora in Dio un frammento di mondo che non è piĂš

 

 

sottomesso alla disgregazione del tempo e alla morte; il tempo corrode tutte le cose, anche le piĂš tenaci, ma a questa azione è sottratta per sempre l’umanitĂ  di GesĂš. Questo significa l’annuncio pasquale. (‌) La risurrezione è l’azione con cui Dio presenta GesĂš al mondo unito intimamente a Lui, partecipe della sua vita; e, nello stesso tempo, lo propone come anticipo della sua promessa e quindi oggetto della speranza dell’uomoâ€?. “Noi facciamo

memoria di GesÚ – ha detto ancora il Vescovo – non come di un uomo del passato da conoscere, ma come di un vivente da incontrare. Non parliamo solo di Lui, parliamo a Lui: lo ascoltiamo con attenzione mentre ci rivolge alcune parole, gli parliamo con desiderio per dirgli la nostra fede e la nostra dedizione. Attraverso di Lui passa ormai il nostro rapporto con Dio, cioè con quel Creatore dal quale viene la nostra vita e al quale è diretta la nostra speranza�.

��‹�‹•–”ƒ–‹˜‹‘”•‘†‹ˆ‘”�ƒœ‹‘�‡

/DJHVWLRQHGHOOHDWWLYLWj GLSDUURFFKLHHGHQWL

  

Dz‹ƒÂ?‘Â?‘‹ƒ†‡…‹†‡”‡ †‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇ˘†ƒ”‡ Žƒ…‘Ž’ƒƒ“—ƒŽ…‘•ƒ†‹ ‡•–‡”Â?‘°•‘Ž‘—Â?Â?‘†‘ ’‡”‰‹—•–‹ˆ‹…ƒ”‡Â?‘‹ •–‡••‹dz

Ricordiamo ai sacerdoti e alla parrocchie che l’Ufficio amministrativo e quello degli oratori organizzano il 2° incontro nel programma di formazione e di aggiornamento pensato per gli amministratori delle parrocchie e degli enti ecclesiastici. Il tema “La gestione delle attivitĂ  della parrocchia e degli enti ecclesiasticiâ€?, circa le attivitĂ  istituzionali e quelle commerciali. Obiettivi dell’iniziativa sono: rendere coscienti del nesso esistente tra la legalitĂ  e la testimonianza cristiana; favorire la conoscenza delle modalitĂ  e procedure canoniche e civili per una amministrazione trasparente; aggiornare circa il progressivo cambiamento dei riferimenti legislativi in ordi-

ne alla gestione dei beni degli enti ecclesiastici. I destinatari della poposta sono: sacerdoti, membri dei Consigli di amministrazione degli enti ecclesiastici, membri dei Cpae, collaboratori amministrativi e commercialisti, responsabili dei bar e dei Consigli dell’oratorio. L’incontro si terrà a Brescia sabato 14 maggio dalle ore 9 alle 12.30 presso il Centro pastorale Paolo VI e sarà ripetuto a Bienno sabato 21 maggio, sempre dalle ore 9 alle 12.30 presso l’Eremo dei SS. Pietro e Paolo. Info: Ufficio amministrativo Tel. 030.3722.221 - Fax 030.3722.292 ufficio.amministrativo@diocesi.brescia.it Ufficio Oratori e Pastorale Giovanile Tel. 030.3722.244 - Fax 030.3722.250 oratori@diocesi.brescia.it



…ˆ” �‹�…‘�–”‘ …‘�‹Ž‡•…‘˜‘

ˆˆ‹…‹‘†‹‘…‡•ƒ�‘ ‡ŽŽ‡‰”‹�ƒ‰‰‹‘ ’‡”Žƒˆƒ�‹‰Ž‹ƒ

ƒ„ƒ–‘͚͙Â?ƒ‰‰‹‘‘”‡͙͞‹Â? ƒ––‡†”ƒŽ‡•‘Â?‘‹Â?˜‹–ƒ–‹ƒ—Â? ‹Â?…‘Â?–”‘‹”ƒ‰ƒœœ‹…Š‡…‘Â?…Ž—†‘Â?‘‹Ž …ƒÂ?Â?‹Â?‘†‡ŽŽǯ‹Â?‹œ‹ƒœ‹‘Â?‡…”‹•–‹ƒÂ?ƒ …‘Â?‹Ž–‡Â?’‘†‡ŽŽƒDzÂ?Â‹Â•Â–ÂƒÂ‰Â‘Â‰Â‹ÂƒÇłÇ¤ ‘Â?‘‹Â?–‡”‡••ƒ–‡Ž‡œ‘Â?‡Â’ÂƒÂ•Â–Â‘Â”ÂƒÂŽÂ‹ÇŁ 

Č‹Ž–‘ ÂƒÂ”Â†ÂƒČŒÇ˘

Č‹Ž–ƒ ƒŽŽ‡ÂƒÂ„Â„Â‹ÂƒČŒÇ˘ Č‹ ”ƒÂ?Â…Â‹ÂƒÂ…Â‘Â”Â–ÂƒČŒÇ˘ Č‹‡„‹Â?‘ǣ Â•Â‡Â‘ČŒÇ˘ Č‹ƒ••ƒ ”‹‡Â?–ƒŽ‡†‡ŽŠ‹‡•‡ǣ‘Â?Â–Â‹Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”Â‹ČŒÇ˘  Č‹ ÂƒÂ”Â†ÂƒČŒÇ˘ Č‹ƒ••ƒƒŽŽ‡ ÂƒÂ„Â„Â‹ÂƒČŒÇ˘

Č‹ÂƒÂŽÂ‰Â‘Â„Â„Â‹ÂƒČŒÇ˘  Č‹—„—”„ƒÂ?ƒ

ÇŚ Â—Â•Â•ÂƒÂ‰Â‘ČŒÇ¤ ÂŽ‡•…‘˜‘ †‡•‹†‡”ƒ‹Â?…‘Â?Â–Â”ÂƒÂ”ÂŽÂ‹ÇĄ‹Â?•‹‡Â?‡ƒ‹Ž‘”‘ Â•ÂƒÂ…Â‡Â”Â†Â‘Â–Â‹ÇĄ…ƒ–‡…Š‹•–‹‡‰‡Â?‹–‘”‹ǥ ’‡””ƒŽŽ‡‰”ƒ”•‹…‘Â?Ž‘”‘ǥ’‘‹…Š¹ •‘Â?‘•–ƒ–‹’‹‡Â?ƒÂ?‡Â?–‡‹Â?•‡”‹–‹Â?‡Ž Â?‹•–‡”‘†‹”‹•–‘‡†‡ŽŽƒÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄ‡ ‹Â?…‘”ƒ‰‰‹ƒ”Ž‹ƒ’”‘•‡‰—‹”‡ǥ…‘Â?‰‹‘‹ƒ ‡‹Â?’‡‰Â?‘Ǥ

‡”†‘Â?‡Â?‹…ƒ͙°Â?ƒ‰‰‹‘ÂŽÇŻˆˆ‹…‹‘ †‹‘…‡•ƒÂ?‘’‡”ŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‹Â?˜‹–ƒƒŽ ’‡ŽŽ‡‰”‹Â?ƒ‰‰‹‘†‹‘…‡•ƒÂ?‘’‡”Ž‡ ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡ǥƒ’‹‡†‹ǥ†ƒŽƒÂ?–—ƒ”‹‘†‹ ƒŽ˜‡”†‡†‹‡œœƒ–‘ƒŽƒÂ?–—ƒ”‹‘ †‡†‹…ƒ–‘ƒŽ…—Ž–‘†‹ƒÂ?–ǯ”…ƒÂ?‰‡Ž‘ ƒ†‹Â?‹ƒ‘––‹…‹Â?‘Ǥ ÂŽ’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ Â’Â”Â‡Â˜Â‡Â†Â‡ÇŁ‘”‡ÍĄ‹–”‘˜‘’”‡••‘‹Ž ƒÂ?–—ƒ”‹‘‡’”‡‰Š‹‡”ƒÂ?ƒ”‹ƒÂ?ƒ ’”‡••‘‹ŽŽ—‘‰‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ’Â’ÂƒÂ”Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡Ǣ ‘”‡ÍĄÇ¤Í›Í˜ Â?‹œ‹‘†‡Ž…ƒÂ?Â?‹Â?‘…‘Â? ’‡”…‘”•‘‹Â?–”‡Â–ÂƒÂ’Â’Â‡ÇĄ•‡‰—‡Â?†‘ Ž‡Ž‡––‡”‡’ƒ•–‘”ƒŽ‹†‡Ž˜‡•…‘˜‘ —…‹ƒÂ?‘Ǣ‘”‡͙͘ǤÍ?͘””‹˜‘ƒŽ ƒÂ?–—ƒ”‹‘†‹‘––‹…‹Â?‘‡”ƒ‡ ’”‡‰Š‹‡”ƒƒŽƒÂ?–‘Ǣ‘”‡͙͙Ǥ ‡••ƒ‹Â?…‘Â?—Â?‹‘Â?‡•’‹”‹–—ƒŽ‡ …‘Â?‘Â?ƒ†‘˜‡˜‡””Â?’”‘…ŽƒÂ?ƒ–‘ ‡ƒ–‘ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

Ǣ‘”‡͙͜Ǥ͛͘ ‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œ‡†‹…‘’’‹‡Ǥ


͚͠

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

‰‡�†ƒ†‡Ž‡•…‘˜‘

Sabato 30 aprile Ore 14 – Nave – Partecipa al convegno diocesano delle Caritas parrocchiali. Domenica 1° maggio Ore 10.30 – Cologne – S. Messa di inaugurazione per i restauri della chiesa parrocchiale. Ore 15.45 - Rovato - S. Messa

nella festa dei lavoratori presso la ditta Valdigrano. MartedÏ 3 maggio Ore 7 – Mompiano – S. Messa presso le suore del Buon Pastore. MercolesdÏ 4 e giovedÏ 5 maggio Visita ai scerdoti della zona XXX Brescia ovest.

   

‡Â?Â?‘ǥƒ’‘†‹’‘Â?–‡ǥ‡•…ƒ”œ‘

Ž•‡�•‘†‹—�ƒ��‹˜‡”•ƒ”‹‘

ÂŽ͚͙ƒ’”‹Ž‡͙͙ͥͥƒ’ƒ ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ƒ‘Ž‘

Šƒ”‹…‘Â?‘•…‹—–‘Žƒ•ƒÂ?–‹–Â?†‡ŽŽƒ‡nj ƒ–ƒÂ?Â?—Â?Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇĄ†‹…‡Â?†‘ƒ–—––ƒŽƒŠ‹‡•ƒ…Š‡˜‹˜‡Â?†‘…‘Â?‹•—‘‹…”‹–‡”‹•’‹nj ”‹–—ƒŽ‹…‹ƒ•…—Â?‘†‹Â?‘‹’—Ö‰‹—Â?‰‡”‡ƒŽŽƒ’‹‡Â?‡œœƒ†‡ŽŽƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇŁŽƒ•ƒÂ?–‹–Â?Ǥ‰‰‹ •‹ƒÂ?‘‰‹Â?ƒ˜‡Â?Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‹†ƒ“—‡•–‘‡˜‡Â?–‘‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡’‡”Žƒ˜‹–ƒ†‡ŽŽ‡—‘”‡ ‘”‘–‡‡†‹‡Â?Â?‘ǥ†‡ŽŽƒŠ‹‡•ƒ‡†‹“—‡ŽŽƒ„”‡•…‹ƒÂ?ƒ‹Â?’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡Ǥ–‹ƒÂ?‘ †‡†‹…ƒÂ?†‘—Â?ƒÂ?Â?‘ƒ“—‡•–ƒÂ?‡Â?‘”‹ƒ…Š‡…‹ƒ‹—–ƒƒ”‹’”‡Â?†‡”‡…‘Â?–ƒ––‘ …‘Â?‹ŽDz‡Â?–‘†‡ŽŽ‘’‹”‹–‘dz…Š‡Šƒ‹Â?‹œ‹ƒ–‘ŽƒÂ?‘•–”ƒ…‘Â?—Â?‹–Â?”‡Ž‹‰‹‘•ƒÂ?‡Ž Í™Í ÍœÍšÇŁ†‘˜‡…‹…‘Â?†—””Â?“—‡•–‘˜‡Â?–‘Ǎ–‘”‹…ƒÂ?‡Â?–‡Â?‘Â?°Â’Â”Â‡Â˜Â‡Â†Â‹Â„Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ•’‹nj ”‹–—ƒŽÂ?‡Â?–‡•ƒ’’‹ƒÂ?‘…Š‡…‹…‘Â?†—…‡ƒŽŽƒ•ƒÂ?–‹–Â?ÇĄÂ?‡ŽŽƒÂ?‹•—”ƒ‹Â?…—‹ÂŽÂƒÂ•Â…Â‹ÂƒÇŚ Â?‘˜‹˜‡”‡‹Â?Â?‘‹ŽǯDzÂ?‘”‡…Š‡’‡”’”‹Â?‹…‹ŠƒƒÂ?ÂƒÂ–Â‹ÇłÇ¤‡•‹†‡”‹ƒÂ?‘…Š‡…‡Ž‡nj „”ƒ”‡“—‡•–‘ƒÂ?Â?‹˜‡”•ƒ”‹‘•‹ƒ—Â?‹Â?˜‹–‘ƒŽŽƒ•ƒÂ?–‹–Â?ÇĄ’‘••‹„‹Ž‡’‡”–—––‹‘‰‰‹Ǥ ‘Â?“—‡•–‘‹Â?–‡Â?–‘ǥ‹Ž‰”—’’‘†‹ƒÂ?‹Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽ‡—‘”‡‘”‘–‡‡…‘Â?Žƒ‹…‹‡ —Â?…‘Â?‹–ƒ–‘ˆ‘”Â?ƒ–‘†ƒƒŽ…—Â?‹Â?‡Â?„”‹†‡‹‘Â?•‹‰Ž‹’ƒ•–‘”ƒŽ‹†‹ƒ’‘†‹’‘Â?ÇŚ –‡ǥ‡Â?Â?‘‡‡•…ƒ”œ‘ŠƒÂ?Â?‘’‡Â?•ƒ–‘†‹’”‘’‘””‡ƒŽ…—Â?‹ Â?‘Â?‡Â?–‹ …Š‡ ƒ‹—–ƒ••‡”‘ƒ…‘Â?‘•…‡”‡Žƒ˜‹–ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‡†‡ŽŽƒ‡ƒ–ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ’‡” ‡••‡”‡•‘•–‡Â?—–‹Â?‡Ž“—‘–‹†‹ƒÂ?‘…ƒÂ?Â?‹Â?‘˜‡”•‘Žƒ•ƒÂ?–‹–Â?Ǥ

��—�…‹ƒ–ƒ‘……Š‡––‹‡�–‡•‹�‘ƒ��‹˜‡”•ƒ”‹‘†‡ŽŽƒ„‡ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘�‡

,O FDULVPD FKH VL ULQQRYDQHOWHPSR ƒ”‹…‘””‡Â?œƒ†‡ŽŽƒ‡ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒƒ†”‡ˆ‘Â?†ƒ–”‹…‡…‹‹Â?˜‹–ƒĠƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹”‡ ƒÂ?œ‹–—––‘…Š‡°Â?‡…‡••ƒ”‹‘ÇŽÂ…Â‡Â”Â…ÂƒÂ”Â‡ÇŻ‡…Š‹‡†‡”•‹‹ǎ’‡”…Š¹ǯˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?Â–ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ’‡”…Š°Žƒ †‘Â?ƒÂ?†ƒ…‘”ƒ‰‰‹‘•ƒ”‡Â?†‡’‹Î•ƒŽ†ƒŽƒ”‹•’‘•–ƒ…Š‡‡Â?‡”‰‡†ƒŽ…‡”…ƒ”‡    

‘�Žƒ‡ƒ–ƒ��—�…‹ƒ–ƒ

Â?•‹‡Â?‡’‡”˜‹˜‡”‡‹Ž˜‡Â?–‘†‹•ƒÂ?–‹–Â? ‡‰Â?ƒŽ‹ƒÂ?‘ƒŽ…—Â?‡†‡ŽŽ‡‹Â?‹œ‹ƒ–‹˜‡’”‘‰”ƒÂ?Â?ƒ–‡†ƒŽŽƒ•—‘”‡‘”‘–‡‡†ƒ ‡Â?Â?‘’‡””‹…‘”†ƒ”‡‹˜‡Â?Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‹†‡ŽŽƒ„‡ƒ–‹ˆ‹…ƒœ‹‘Â?‡†‡ŽŽƒ ‘Â?Â†ÂƒÂ–Â”Â‹Â…Â‡ÇŁ ÍšÂ?ƒ‰‰‹‘DzÂ?Â?—Â?Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇŁ†—…ƒ–”‹…‡ƒŽŽƒ˜‹–ƒ„—‘Â?ƒ†‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘dzƒŽŽ‡͚͘Ǥ͛͘ ’”‡••‘ÂŽÇŻ—†‹–‘”‹—Â? •–‹–—–‘Ǥ‘”‘–‡ƒȋ•—‘”‘•ƒÂ‡Â–Â–ÂƒÇĄÂ†Â‘Â”Â‘Â–Â‡ÂƒČŒÇ¤”‘’‘nj •–ƒ’‡”‹…ƒ–‡…Š‹•–‹Ǥ ÍžÂ?ƒ‰‰‹‘Dzƒˆ‡Â?Â?‹Â?‹Ž‹–Â?ƒ•‡”˜‹œ‹‘†‡ŽŽƒÂ˜Â‹Â–ÂƒÇłÇĄƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘’”‡••‘‹ŽÂ‡ÂƒÇŚ –”‘’ƒ””‘……Š‹ƒŽ‡†‹‡Â?Â?‘Č‹ ˜ƒÂ?ƒ„‘Â?†‹‘ǥ…‘ŽŽƒ„‘”ƒ–”‹…‡†‡Ž‘Â?•—Ž–‘”‹‘

Ǥ‘˜‹Â?Â‹ČŒÇ¤ Â?†‹ƒŽ‘‰‘…‘Â?Ž‡†‘Â?Â?‡Ǥ Í&#x;Â?ƒ‰‰‹‘”Â?ƒ†‡ŽŽƒ‡ƒ–ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒÂ?‡ŽŽƒ’ƒ””‘……Š‹ƒǤ–‡ˆƒÂ?‘†‹‡Â?ÇŚ Â?‘Ǥ”‡͙͠‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒǤ Í Â?ƒ‰‰‹‘ˆ‡•–ƒDz‡Â?–‹†‹‹Â?ˆ‹Â?‹–‘dzǤ”‡͙͜Ǥ͛͘—†‹–‘”‹—Â?†‡ŽŽƒ…—‘ŽƒǤ‘nj ”‘–‡ƒǤ……Š‹‡Â?ƒÂ?‹†‹„‹Â?„‹”ƒ……‘Â?–ƒÂ?‘Â?Â?—Â?Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒÇŁ‘•–”ƒ†‹†‹•‡‰Â?‹Ǥ ”‡Í™Í? Â?–‡”˜‡Â?–‘†‹Â?ƒ†”‡—…‹ƒ‘”ƒ––‹Ǥ……Š‹‡Â?ƒÂ?‹†‹‰‹‘˜ƒÂ?‹”ƒ……‘Â?ÇŚ –ƒÂ?‘Â?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ‹Â?ˆ—Â?‡––‹ǤDzÂ†Â—Â…ÂƒÂ”Â‡ÇŁƒ”Â?‘Â?‹ƒ†‡Ž…—‘”‡dzǤ—•‹…ƒ‡Â’ÂƒÂ”Â‘ÇŚ ŽƒǤ”‡Í™Í&#x;Ǥ͛͘ƒ””‘……Š‹ƒ†‹‡Â?Â?‘…‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒ’”‡•‹‡†—–ƒ†ƒ Â?‘Â?•Ǥ—…‹ƒÂ?‘‘Â?ƒ”‹Ǥ‡‰—‹”Â?Â?‘Â?‡Â?–‘…‘Â?˜‹˜‹ƒŽ‡Ǥ ÍĄÂ?ƒ‰‰‹‘Â?’‘Â?‡”‹‰‰‹‘…‘Â?Â?Â?—Â?…‹ƒ–ƒ’‡”„ƒÂ?„‹Â?‡Ȁ‹†‡ŽŽƒ•…—‘Žƒ‡Ž‡nj

Â?‡Â?–ƒ”‡Ǥ”‡͙͜Ǥ͛͘”ƒ–‘”‹‘†‹ƒ’‘†‹’‘Â?–‡Ǥ ͙͙ Â?ƒ‰‰‹‘‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡ ‡—…ƒ”‹•–‹…ƒ ’‡” ÂŽÇŻ •–‹–—–‘…‘Žƒ•–‹…‘ DzǤ Â‘Â”Â‘Â–Â‡ÂƒÇł ƒŽŽ‡‘”‡͙͘’”‡••‘Žƒ’ƒ””‘……Š‹ƒǤ–‡ˆƒÂ?‘†‹‡Â?Â?‘Ǥ ͙͞Â?ƒ‰‰‹‘‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒƒŽŽ‡‘”‡Í™Í&#x;’”‡••‘Žƒƒ•ƒ†‹‹’‘•‘ Dz ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡ ”ƒ–‡ŽŽ‹‘Â?ÂƒÇł ͚͚Â?ƒ‰‰‹‘DzǤǤǤÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒÂ?‹…‹œ‹ƒÂ•Â•Â‹Â…Â—Â”ÂƒÂ–ÂƒÇłÇĄ†ƒŽŽ‡‘”‡͙͘ƒŽŽ‡‘”‡Í™Í&#x; ’”‡••‘Žƒƒ•ƒ‡ƒ–ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒǤ ‡•–‹Â?…‘Â?–”‘’‡”Â”ÂƒÂ‰ÂƒÂœÂœÂ‡Č€Â‹…Š‡ˆ”‡“—‡Â?ÇŚ –ƒÂ?‘Žƒ…—‘ŽƒÂ?‡†‹ƒǤ ͙͛Â?ƒ‰‰‹‘‡Ž‡„”ƒœ‹‘Â?‡‡—…ƒ”‹•–‹…ƒƒ…‘Â?…Ž—•‹‘Â?‡†‡ŽÂ?‡•‡Â?ƒ”‹ƒÂ?‘’‡” ƒ’‘†‹’‘Â?–‡ǥ‡Â?Â?‘‡Â‡Â•Â…ÂƒÂ”ÂœÂ‘ÇĄƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘’”‡••‘Žƒƒ•ƒ‡ƒ–ƒÂ?ÇŚ Â?—Â?…‹ƒ–ƒǤ ƒƒ•ƒ‡ƒ–ƒÂ?Â?—Â?…‹ƒ–ƒƒ……‘‰Ž‹‡–—––‹…‘Ž‘”‘…Š‡†‡•‹†‡”ƒÂ?‘–”ƒ•…‘””‡”‡ Â?‘Â?‡Â?–‹†‹’”‡‰Š‹‡”ƒ’”‡••‘Žǯ—”Â?ƒ†‡ŽŽƒ‡ƒ–ƒǤ ‰”—’’‹’‘••‘Â?‘…Š‹‡†‡”‡ ÂŽÇŻÂƒÂ…Â…Â‘Â?’ƒ‰Â?ƒÂ?‡Â?–‘†‹—Â?ƒ•—‘”ƒ’”‡˜‹‘ƒ……‘”†‘Ǥ

Â?ÂˆÂ‘ÇŁ‡ŽǤÍ˜Í›ÍžÍœÇŚÍœÍšÍ˜Í˜Í˜…ƒ•ƒ„‡ƒ–ƒƒÂ?Â?—Â?Â…Â‹ÂƒÂ–ÂƒĚťÂ†Â‘Â”Â‘Â–Â‡Â‡Â†Â‹Â…Â‡Â?Â?‘

,

l nostro Istituto religioso è uno dei molti nati nell’800, in terra bresciana, con un carisma educativo. Il tempo che attraversiamo, a distanza di quasi due secoli, ci interpella e chiede come possa sopravvivere una struttura caratterizzata dalla convivenza di donne che scelgono di non sposarsi, di non avere un ‘proprio’ personale, familiare, economico, professionale, per dedicarsi all’educazione dei piĂš piccoli, secondo il Vangelo di Cristo. Oggi la ricerca di chi come noi si trova insieme a guardare e a vivere in ‘questo’ mondo parte anzitutto dall’interno: non solo dall’interioritĂ  del nostro rapporto con Dio, che è e rimane perno attorno a cui ogni vocazione ruota e danza, ma anche dall’interioritĂ  delle nostre stesse attivitĂ  apostoliche. Immaginiamo per un attimo di non “avereâ€? le strutture scolastiche, le realtĂ  ricettive come i centri culturali e di spiritualitĂ , le comunitĂ  parrocchiali in cui siamo inserite‌ che cosa ci renderebbe ‘suore dorotee di Cemmo’? Immaginiamo ancora di non indossare neppure questo abito, conosciuto come nostro dalla gente che frequentiamo: che cosa rimarrebbe di caratterizzante? Il nocciolo del carisma (‘dono spirituale’ dato in origine all’anima stessa del fondatore, della fondatrice) sembra essere una sorta di tratto: è vero, ogni persona è diversa e presenta pregi e limiti propri, tuttavia la nostra ricerca del ‘proprium’ che ci connota ha condotto a rilevare una modalitĂ  piĂš che un’attivitĂ , la familiaritĂ  semplice che noi chiamiamo ‘amicizia evangelica’. Significa accostamento alle persone guardando il loro nucleo positivo incondizionatamente, senza cioè lasciarsi troppo scandalizzare dalla scorza un poco grezza, come un amico guarda l’amico, gratuitamente. Allora la ricetta facile, la veritĂ  in tasca, devono rimanere un po’ lĂŹ, fortunatamente inutili, poichè è piĂš urgente l’ascolto, la vicinanza, la comprensione, la presenza silenziosa, la parola autentica. Poi (solo poi) verranno le opere, i progetti, gli insegnamenti, i precetti, i gruppi, le appartenenze, i ruoli, i territori. Questa era la madre fondatrice, An-

nunciata Cocchetti, come emerge dalle testimonianze, scarse, che ci hanno formato: una donna, prima di tutto, con occhi profondi, capaci di vedere le persone. Intuire, credere, che nell’altro ci sia un quid di bontĂ  primordiale, assoluta, prima di ogni errore o scelta o lontananza. Ăˆ elemento educativo imprescindibile per l’arte maieutica che ogni madre spirituale deve esercitare. Se vedo il buono-bello, lo posso far venire alla luce. E come potremmo ‘guardare cosÏ’ se i nostri occhi non fossero ‘abitati’? Abitati precisamente da altri occhi, quelli di Chi per primo ci ha amato e guardato. Da questo sguardo primordiale, che la fede e la grazia ci hanno fatto incrociare, parte la nostra scelta. Se aggiungiamo a ciò il fatto che Istituto religioso è formula altisonante per

ƒ˜‡”‹–Â?‹Â?–ƒ•…ƒ†‡˜‡ ”‹Â?ƒÂ?‡”‡‹Â?—–‹Ž‡ǥ’‘‹…Š¹ °’‹Î—”‰‡Â?–‡ÂŽÇŻÂƒÂ•Â…‘Ž–‘ǥ Žƒ…‘Â?’”‡Â?•‹‘Â?‡ǥŽƒ ’”‡•‡Â?œƒ•‹Ž‡Â?ÂœÂ‹Â‘Â•ÂƒÇĄŽƒ ’ƒ”‘Žƒƒ—–‡Â?–‹…ƒ     

dire ‘vita insieme’, entriamo in un’altra dimensione specifica: la scelta-sfida di vivere il cristianesimo come comunitĂ , in gruppo, vivendo insieme e lavorando insieme. Ăˆ bello e avvincente, malgrado la difficoltĂ  oggettiva della convivenza, poichĂŠ ciascuna si arricchisce dell’altra: delle sue risorse e delle sue stesse debolezze, che sempre fanno crescere. Ăˆ dunque a seguito di una ‘radiografia interna’, operata a livello spirituale, comunitario e apostolico, che l’Istituto in quanto struttura può poi confrontarsi con la realtĂ  esterna in modo sereno, senza correre troppo il pericolo di scoraggiarsi. RealtĂ  esterna che sfida, che chiede ragioni, che ignora, che punta il dito su piaghe effettive, che non capisce piĂš il simbolo che indossiamo. Che non stima nemmeno necessaria l’esistenza di una struttura per poter vivere. La ricorrenza della Beatificazione della Madre fondatrice ci invita ad approfondire anzitutto che è necessario ‘cercare’ e chiedersi i ‘perchÊ’ fondamentali, senza il timore di far crollare i castelli del tempo: anzi, proprio la domanda coraggiosa rende piĂš salda la risposta che emerge dal cercare.


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

ƒ–‡”Š”‹•–‹ ƒ�–—ƒ”‹†‹ ”ƒ�…‹ƒ

”‡•‡�–ƒœ‹‘�‡ �Ž‹„”‘•—ŽŽƒ‡••ƒ

‡�–”‘ƒ–‡”‹˜‹�ƒ‡ ”ƒ–‹ƒ‡ ’’—�–ƒ�‡�–‹†‹�ƒ‰‰‹‘

Dal 3 al 9 maggio, il gruppo “Mater Christiâ€? San Padre Pio di Brescia propone un pellegrinaggio ai Santuari di Francia (Ars, Parigi, Lisieuxnella foto-, Alençon, Tours, Nevers, Paray-le-Monial, Annecy) di sette giorni e sei notti, in pullman. Partenza da Brescia martedĂŹ 3 maggio in via dei Mille e da Castenedolo. Info: Luciano 03027311010 (ora pasti), Carla 3484208785, Renata 030395060.20.15.

I coordinamenti dei “Summorum pontificumâ€? di Brescia e Piacenza invitano giovedĂŹ 5 maggio alle ore 20.30 presso il Convitto universitario delle Missionarie laiche (via delle Razziche, 4 a Brescia) alla presentazione del libro di don Nicola Bux “Come andare a Messa e non perdere la fedeâ€?. Introduce Vittorio Messori. Precede alle ore 20 la recita del Rosario nella cappella del Convitto.

Letture per lo spirito. Pagine scelte da testi di narrativa, poesia e saggistica diventano spunti per nutrire lo spirito, per riettere sulla vita e per gustare l’arte della parola. MercoledÏ 4, Alzaia di Erri De Luca. MercoledÏ 11, Del buon uso delle crisi di Cristiane Singer. MercoledÏ 18, La leggenda del santo bevitore di Joseph Roth. MercoledÏ 25, Per un’etica condivisa di Enzo Bianchi. Gli incontri si svolgono dalle ore 18 alle ore 19 presso la Biblioteca del Mater Divinae Gratiae. Coordinano:

͚ͥ

suor Francesca Bernacchia (dorotea) e Betty Cattaneo (RadioVoce Brescia). Esercizi spirituali per religiose/i, sacerdoti e laici. Dall’11 al 18, “Beati voi‌ perchĂŠ vostro è il Regnoâ€? con don G. Luigi Corti (diocesi di Pavia). Informazioni e/o iscrizioni: Centro Mater Divinae Gratiae, via S. Emiliano 30 - Brescia tel. 030.3847212-210 – info@ materdivinaegratiae.it – www. materdivinaegratiae.it



ƒ‰‰‹‘ƒ•–‘”‹ƒ†‹—�ƒ–”ƒ†‹œ‹‘�‡•‡…‘Žƒ”‡

,OPHVHGHGLFDWR DOOD5HJLQDGHOFLHOR   

4

uest’anno la celebrazione del mese mariano per eccellenza si apre con la beatificazione di Giovanni Paolo II che era un grande devoto della Madonna, tanto da porre nel suo stemma l’espressione rivolta a Maria “Totus tuusâ€?. Nelle nostre comunitĂ  è diffuso e si mantiene questa tradizione molto antica. La storia del mese mariano è tratteggiata molto bene dallo scrittore Alfredo Cattabiani nel suo interessantissimo lavoro “Il Calendarioâ€?. Incomincia nel medioevo con il tentativo di cristianizzare le feste pagane in onore della natura e della dea Maia che in onore della natura in fiore vi regnava nel rituale pagano. Evocando la Madonna, la creatura piĂš alta, si potevano unire insieme i temi della natura e della Santa Vergine. Fin dal secolo XII i filosofi di Chartres avevano rielaborato il concetto di natura incarnandolo in una allegoria che per molti aspetti, ricordava la Magna Mater. Il primo ad associare la Madonna al mese di maggio fu Alfonso X, detto il Saggio Re di Castiglia e Leon (secolo XIII), che la celebrava in Las Cantigas de Santa Maria: Rosa delle

rose, fiore dei fiori, donna fra le donne, unica signora, tu luce dei santi e dei cieli via. In una cantiga dedicata alle feste di maggio, vede nella devozione a Maria il modo per coronarlo e santificarle nella gioia. La pratica delle prime devozioni risale tuttavia al secolo XVI quando si cominciò a reagire allo spirito rinascimentale giudicato troppo paganeggiante: sicchÊ il mese di maggio assunse anche carattere riparatore. A Roma fu San Filippo Neri a delineare il futuro mese mariano insegnando ai giovani a ornare di fiori l’immagine della Vergine nel mese di maggio, a cantar lodi in suo onore e a compiere atti di virtÚ e mortificazione. Un secolo dopo, e precisamente nel 1677, il movimento di Fiesole, in una terra dove era vivissima la tradizione del Calendi-

‘�ƒˆ—ƒ� ‹Ž‹’’‘ ‡”‹ƒ†‡Ž‹�‡ƒ”‡‹Ž ˆ—–—”‘�‡•‡�ƒ”‹ƒ�‘ ‹�•‡‰�ƒ�†‘ƒ‹‰‹‘˜ƒ�‹ ƒ‘�‘”ƒ”‡Žƒ‡”‰‹�‡�‡Ž �‡•‡†‹�ƒ‰‰‹‘

maggio, fondò una specie di confraternita detta Comunella. “Essendo giunte le feste di maggioâ€?, riferisce la cronaca dell’archivio di San Domenico, e sentendo noi il giorno avanti molti secolari che incominciavano a cantar maggio e far festa alle creature da loro amate, stabilimmo di volerlo cantare anche noi alla santissima Vergine. Si incominciò con il Calendimaggio, poi si aggiunsero le domeniche e infine tutti i giorni del mese. Si cantavano le litanie lauretane, s’incoronava la statua della Vergine con rose e le si offriva, alla fine del mese, un cuore d’argento. SicchĂŠ alla “regina della Primaveraâ€? si contrappose la “Regina del cieloâ€?. Queste pratiche fiorirono in tutta la penisola e la devozione a Maria cresceva. La formalizzazione del mese di maggio è dovuta però al padre gesuita Dionisi con il suo mese di Maria, pubblicato nel 1725 a Verona, dove si suggerisce di compiere le pratiche devozionali in casa o in luogo di lavoro, davanti ad un altarino della Madonna, con preghiere, rosario e litanie e con l’offerta alla fine del mese, del proprio cuore alla Madre di Dio.

†’

�–‡�œ‹‘�‹ †‹�ƒ‰‰‹‘

—Â?‡†¿ÍĄÂ?ƒ‰‰‹‘

�˜‹–‘ƒ‹•ƒ…‡”†‘–‹ ‹�‡�‹�ƒ”‹‘

‡ŽÂ?‡•‡†‹Â?ƒ‰‰‹‘ …‘Â?–‡Â?’Ž‹ƒÂ?‘‹ŽÂ?‹•–‡”‘ ’ƒ•“—ƒŽ‡•‘•–‡Â?—–‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‡Â•Â‡Â?’‹‘ ‡Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”…‡••‹‘Â?‡†‹ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇĄ ƒ†”‡†‡Ž‹‰Â?‘”‡‡†‡ŽŽƒ Š‹‡•ƒǤÇŻ†’‹Â?˜‹–ƒƒ’”‡‰ƒ”‡ •‡…‘Â?†‘Ž‡•‡‰—‡Â?–‹‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‹ ȋ…Š‡–”ƒ•Â?‡––‹ƒÂ?‘‹Â?ˆ‘”Â?ƒ ÂƒÂ„Â„Â”Â‡Â˜Â‹ÂƒÂ–ÂƒČŒÇ¤ ‡Â?Â‡Â”ÂƒÂŽÂ‡ÇŁ‡”…Š¹ ‹Â?‡œœ‹†‹…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‡ ”‹•’‡––‹Â?‘Žƒ˜‡”‹–Â?‡Žƒ†‹‰Â?‹–Â? †‹‘‰Â?‹’‡”•‘Â?ƒǤ‹••‹‘Â?ÂƒÂ”Â‹ÂƒÇŁ ‡”…Š¹ŽƒŠ‹‡•ƒ‹Â?‹Â?ƒ ’‡”•‡˜‡”‹Â?‡ŽŽƒˆ‡†‡Ž–Â?ƒŽ ƒÂ?‰‡Ž‘‡…”‡•…ƒÂ?‡ŽŽǯ—Â?‹–Â?Ǥ ‡‹Â‡Â•Â…Â‘Â˜Â‹ÇŁ‡”…Š¹Ž‘’‹”‹–‘ ƒÂ?–‘•—•…‹–‹Â?‡ŽŽ‡Â?‘•–”‡

ÂŽ”‡––‘”‡†‡Ž‡Â?‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇĄÂ?‘Â?•Ǥ ƒ”Ž‘”‡•…‹ƒÂ?‹ǥŠƒ‹Â?˜‹ƒ–‘ƒ –—––‹‹•ƒ…‡”†‘–‹†‡ŽŽƒ†‹‘…‡•‹‹Ž •‡‰—‡Â?–‡Â?Â‡Â•Â•ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇŚÂ‹Â?Â˜Â‹Â–Â‘ÇŁ DzÂ?•‡Â?–‹–‘”‹Â?‰”ƒœ‹ƒÂ?‡Â?–‘ †ƒ’ƒ”–‡†‡Ž‡Â?‹Â?ƒ”‹‘’‡” Žƒ’”‡œ‹‘•ƒ…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡ …Š‡‹Â?˜ƒ”‹Â?‘†‹‘ˆˆ”‡’‡” Žƒˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡†‡‹ˆ—–—”‹ •ƒ…‡”†‘–‹†‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ†‹‘…‡•‹Ǥ ‹’‡”Â?‡––‘†‹”‹…‘”†ƒ”‡ Žǯ‹Â?’‘”–ƒÂ?–‡‹Â?…‘Â?–”‘ •ƒ…‡”†‘–ƒŽ‡’”‡˜‹•–‘’‡” ‹Ž’”‘••‹Â?‘ÍĄÂ?ƒ‰‰‹‘‹Â? ‡Â?‹Â?ƒ”‹‘Ǥƒ”Â?—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡ ’‡””‹ˆŽ‡––‡”‡‹Â?•‹‡Â?‡ǥ‰—‹†ƒ–‹ †ƒŽÂ?‘•–”‘˜‡•…‘˜‘—…‹ƒÂ?‘ǥ•—Ž …‘Â?‡–”ƒ†—””‡Â?‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒ˜‹–ƒ ’‡”•‘Â?ƒŽ‡‡‹Â?“—‡ŽŽƒ’ƒ•–‘”ƒŽ‡ ‹”‹•—Ž–ƒ–‹†‡Ž‹Â?‘†‘†‡‹‡•…‘˜‹ •—ŽŽƒƒ”‘Žƒ†‹‹‘Ǥ ǯ‹Â?…‘Â?–”‘ƒ˜”Â?‹Ž•‡‰—‡Â?–‡ ‘”†‹Â?‡†‡Ž‰‹‘”Â?‘ǣ‘”‡ÍĄÇ¤Í›Í˜ ‘”ƒÂ‡Â”ÂœÂƒÇ˘‹Â?–”‘†—œ‹‘Â?‡†‡Ž ‡––‘”‡Ǣ‘”‡Í™Í˜ÇŁDzÇŻÂ‡Â•Â‘Â”Â–ÂƒÂœÂ‹Â‘Â?‡ ƒ’‘•–‘Ž‹…ƒ‡”„—Â?‘Â?‹Â?‹†‹ ‡Â?‡†‡––‘ Â?‡ŽŽƒ˜‹–ƒ†‡Ž ’”‡–‡dzǥ”‡Žƒœ‹‘Â?‡†‹Â?‘Â?•Ǥ —…‹ƒÂ?‘‘Â?ƒ”‹Ǥ ‡‰—‡†‹„ƒ––‹–‘†‹ ƒ’’”‘ˆ‘Â?†‹Â?‡Â?–‘‹Â?ÂƒÂ—ÂŽÂƒÇ˘ ‘”‡͙͙Ǥ͛͘…‘Â?—Â?‹…ƒœ‹‘Â?‹ †‡Ž‡––‘”‡•—Ž‡Â?‹Â?ƒ”‹‘ †‹‘…‡•ƒÂ?‘Ǥǯ‹Â?…‘Â?–”‘ ˜—‘Ž‡‡••‡”‡—Â?ÇŻÂ‘Â…Â…ÂƒÂ•Â‹Â‘Â?‡ †‹ˆ‘”Â?ƒœ‹‘Â?‡‘Ž–”‡…Š‡†‹ ƒ•…‘Ž–‘†‡ŽÂ?‘•–”‘‡•…‘˜‘ ‡†‹‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?‹ŽÂ?‘•–”‘ ‡Â?‹Â?ÂƒÂ”Â‹Â‘ÇłÇ¤

•ƒ…‡”†‘–‹•‘Â?‘’”‡‰ƒ–‹†‹ •‡‰Â?ƒŽƒ”‡‹Â?’‘”–‹Â?‡”‹ƒȋ–‡ŽǤ ͛͘͘Ǥ͛Í&#x;Í™ÍšÍ™ČŒŽǯ‹Â?–‡Â?œ‹‘Â?‡†‹ ˆ‡”Â?ƒ”•‹ƒŽ„—ˆˆ‡–Ǥ

…‘Â?—Â?‹–Â?Â?—‘˜‡˜‘…ƒœ‹‘Â?‹ƒŽŽƒ ˜‹–ƒ•ƒ…‡”†‘–ƒŽ‡‡…‘Â?•ƒ…”ƒ–ƒǤ ‡Ž‡•…‘˜‘—…‹ƒÂ?‘’‡”ÂŽÇŻÂƒÂ?Â?‘ ÍšÍ˜Í™Í˜Č€Í™Í™ÇŁ‡”…Š¹Â•ÂƒÂ…‡”†‘–‹ǥ …‘Â?•ƒ…”ƒ–‹‡Žƒ‹…‹…”‡•…ƒÂ?‘Â?‡ŽŽƒ …‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡”‡…‹’”‘…ƒ’‡” †‹˜‡Â?‹”‡•‡Â?’”‡’‹ÎDz—Â?ƒ…‘•ƒ Â•Â‘ÂŽÂƒÇł‹Â?”‹•–‘Ǥ ÇŻ†’‹Â?˜‹–ƒ‹Â?‘Ž–”‡ƒ…‡Ž‡„”ƒ”‡ …‘Â?‹Â?’‡‰Â?‘Â?‡ŽŽ‡’”‘’”‹‡ ’ƒ””‘……Š‹‡Žƒˆ‡•–ƒ†‡ŽŽƒ ‹˜‹Â?ƒ‹•‡”‹…‘”†‹ƒŽƒ•‡…‘Â?†ƒ †‘Â?‡Â?‹…ƒ†‹ƒ•“—ƒǤ


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

͙͛

Â?ƒ’”‡‰Š‹‡”ƒ ‡”Žƒ…ƒÂ?‘Â?‹œœƒœ‹‘Â?‡†‡Ž‡ƒ–‘œƒÂ?ƒÂ? Di seguito si riporta la preghiera composta appositamente per la canonizzazione del Beato Federico Ozanam. “Dio fedele, noi ti ringraziamo per aver ispirato al Beato Federico Ozanam e ai suoi amici la fondazione della SocietĂ  di San Vincenzo De Paoli. Dio d’amore, noi ti imploriamo di aiutarci a custodire e tramandare, nella loro autenticitĂ  originale, lo spirito e l’idea del Beato

Federico, afďŹ nchĂŠ ci guidino nella continuazione del suo sogno di stringere tutto il mondo in un’unica rete di caritĂ . Dio della luce, rischiara il nostro cammino terrestre, e riempici di un senso profondo di gratitudine per tutte le grazie che abbiamo ricevuto a motivo della nostra appartenenza alla SocietĂ . Dio ricco di grazia, noi ti domandiamo di benedire

 

la causa di canonizzazione del Beato Federico, e preghiamo Federico d’intercedere presso di Te per la guarigione dei nostri fratelli sofferenti. Padre, Figlio e Spirito Santo, colmate i nostri cuori di speranza; e possa la grazia della vostra presenza renderci Vincenziani autentici in tutti i molteplici aspetti della nostra vita�.

  

‡’ƒ”‘Ž‡†‹ ‡†‡”‹…‘ ‹’”‡•‡Â?–ƒÂ?‘“—‹ƒŽ…—Â?‹’ƒ••‹†‹ Ž‡––‡”‡†‹ ‡†‡”‹…‘œƒÂ?ƒÂ?Ǥ ÇŻÂƒÂ?Â‹Â…Â‹ÂœÂ‹ÂƒÇŁÇ˛ ÂŽ’”‹Â?…‹’‹‘†‹—Â?ƒ˜‡”ƒ ƒÂ?‹…‹œ‹ƒ°Žƒ…ƒ”‹–Â?‡Žƒ…ƒ”‹–Â?Â?‘Â?’—Ö ‡•‹•–‡”‡Â?‡Ž…—‘”‡†‡ŽŽ‡’‡”•‘Â?‡•‡Â?œƒ ‡•’ƒÂ?†‡”•‹ƒŽ†‹ÂˆÂ—‘”‹Ǣ°—Â?ˆ—‘…‘ …Š‡•‹•’‡‰Â?‡•‡Â?‘Â?°ƒŽ‹Â?‡Â?–ƒ–‘‡ ÂŽÇŻÂƒÂŽÂ‹Â?‡Â?–‘†‡ŽŽƒ…ƒ”‹–Â?•‘Â?‘Ž‡‘’‡”‡ „—‘Â?‡dzǤ

ÂŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘‡ŽƒˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇŁÇ˛ Â?‹‡‹ ƒÂ?‹…‹Â“Â—Â‡Â•Â–ÇŻÂƒÂ?Â?‘†‡˜‘Â?‘Žƒ˜‘”ƒ”‡ Â?‘Ž–‘’‡”ƒ‹—–ƒ”Â?‹ƒ”‹Â?‰”ƒœ‹ƒ”‡‹‘Ǥ ‘’‘–ƒÂ?–‹ˆƒ˜‘”‹…Š‡ˆ‹••ƒ˜ƒÂ?‘Žƒ Â?‹ƒ˜‘…ƒœ‹‘Â?‡‹Â?“—‡•–‘Â?‘Â?†‘ǥ—Â? Â?—‘˜‘„‡Â?‡ˆ‹…‹‘°˜‡Â?—–‘ƒˆƒ”Â?‹

’”‘˜ƒ”‡Žƒ’‹Î‰”ƒÂ?†‡‰‹‘‹ƒ…Š‡ ’”‘„ƒ„‹ŽÂ?‡Â?–‡•‹’‘••ƒ’”‘˜ƒ”‡ Â“Â—ÂƒÂ‰Â‰Â‹ĂŽÇŁ‹‘•‘Â?‘’ƒ†”‡Ǩ‘–‡˜ƒ‹‘ •…‡‰Ž‹‡”‡—Â?Â?‡œœ‘’‹ÎƒÂ?ƒ„‹Ž‡’‡” ‹•–”—‹”Â?‹ǥ’‡”…‘””‡‰‰‡”Â?‹‡Â?‡––‡”Â?‹ •—ŽŽƒ˜‹ƒ†‡Ž…‹‡Ž‘Ǎdz

ÂŽ†‘…‡Â?–‡ǣDz‹‰Â?‘”‹ǥ•‹”‹Â?’”‘˜‡”ƒ ƒŽÂ?‘•–”‘•‡…‘Ž‘†‹‡••‡”‡—Â?•‡…‘Ž‘ †‹‡‰‘‹•Â?‘‡•‹˜ƒ†‹…‡Â?†‘…Š‡‹ ’”‘ˆ‡••‘”‹•‘Â?‘…‘Ž’‹–‹†ƒŽŽƒ‡’‹†‡Â?‹ƒ ‰‡Â?‡”ƒŽ‡Ǥ ‘Â?‘Â?Â?‹”ƒÂ?Â?ƒ”‹…‘†‹ –—––‘“—‡•–‘ǥ’‡”…Š¹ŽƒÂ?‘•–”ƒ˜‹–ƒ ƒ’’ƒ”–‹‡Â?‡ƒÂ˜Â‘‹ǥÂ?‘‹˜‡Â?‡•‹ƒÂ?‘ †‡„‹–‘”‹ˆ‹Â?‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ—ÂŽÂ–Â‹Â?‘”‡•’‹”‘‡˜‘‹ ÂŽÇŻÂƒÂ˜Â‡Â–Â‡”‹…‡˜—–ƒǤ—ƒÂ?–‘ƒÂ?‡ǥ•‡‹‘

Â?—‘‹‘ǥÂ?‘”‹”Öƒ˜‘•–”‘Â•Â‡Â”Â˜Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇłÇ¤ ƒÂ?ÂƒÂŽÂƒÂ–Â–Â‹ÂƒÇŁDz‘…Š‡‹ŽÂ?‹‘Â?ƒŽ‡ °Â‰Â”ÂƒÂ˜Â‡ÇĄÂ?ƒÂ?‘Â?Â†Â‹Â•Â’Â‡Â”ÂƒÂ–Â‘ÇĄ…Š‡…‹ ˜‘””Â?Â?‘Ž–‘–‡Â?’‘’‡”‰—ƒ”‹”‡‡ …Š‡’‘••‘ƒÂ?…Š‡Â?‘Â?Â‰Â—ÂƒÂ”Â‹Â”Â‡ÇĄÂ?ƒ Â?‹•ˆ‘”œ‘†‹ƒ„„ƒÂ?†‘Â?ƒ”Â?‹…‘Â? ƒÂ?‘”‡ƒŽŽƒ˜‘Ž‘Â?–Â?†‹‹‘‡†‹…‘ǥ •ˆ‘”–—Â?ƒ–ƒÂ?‡Â?–‡’‹Î…‘Â?Ž‡Žƒ„„”ƒ …Š‡…‘Ž…—‘”‡ǣ˜‘‰Ž‹‘“—‡ŽŽ‘…Š‡–— Â˜Â—Â‘Â‹ÇĄ˜‘‰Ž‹‘…‘Â?‡–—Â˜Â—Â‘Â‹ÇĄ˜‘‰Ž‹‘’‡” ‹Ž–‡Â?’‘…Š‡–—Â˜Â—Â‘Â‹ÇĄ˜‘‰Ž‹‘’‡”…Š¹–— Â˜Â—Â‘Â‹ÇłÇ¤ ƒŠ‹‡•ƒ‡‹Â…ÂƒÂ–Â–Â‘ÂŽÂ‹Â…Â‹ÇŁDz‘‹…ƒ––‘Ž‹…‹ •‹ƒÂ?‘’—Â?‹–‹’‡”ƒ˜‡””‹’‘•–‘Â?ƒ‰‰‹‘” ˆ‹†—…‹ƒÂ?‡Ž‰‡Â?‹‘†‡‹Â?‘•–”‹‰”ƒÂ?†‹

—‘Â?‹Â?‹…Š‡Â?‡ŽŽƒ’‘–‡Â?œƒ†‡ŽÂ?‘•–”‘ ‹‘Ǥ‘Â?°…‡”–‘—Â?ˆ”ƒ‰‹Ž‡„ƒ•–‘Â?‡ “—‡ŽŽ‘…Š‡…‹‘……‘””‡’‡”ƒ––”ƒ˜‡”•ƒ”‡ ŽƒÂ–Â‡Â”Â”ÂƒÇŁ•‘Â?‘Ž‡ÂƒÂŽÂ‹ÇĄ“—‡ŽŽ‡†—‡ƒŽ‹…Š‡ ’‘”–ƒÂ?‘‰Ž‹ƒÂ?‰‡Ž‹ǥŽƒˆ‡†‡‡Žƒ…ƒ”‹–Â?ǤdzǤ ƒ‘…‹‡–Â?ƒÂ?‹Â?…‡Â?œ‘†‡ǯÂƒÂ‘ÂŽÂ‹ÇŁ DzƒÂ?‹Â?…‡Â?œ‘†‡ǯƒ‘Ž‹°‹ŽÂ?‘•–”‘ ƒ–”‘Â?‘‡Â?‘•–”‘Â?‘†‡ŽŽ‘Ǥ1—Â? Â?‘†‡ŽŽ‘…Š‡„‹•‘‰Â?ƒ•ˆ‘”œƒ”…‹†‹ ”‡ƒŽ‹œœƒ”‡Ǥ1—Â?ƒ˜‹–ƒ…Š‡„‹•‘‰Â?ƒ …‘Â?–‹Â?Â—ÂƒÂ”Â‡ÇĄ—Â?…—‘”‡ƒŽ“—ƒŽ‡ „‹•‘‰Â?ƒ”‹•…ƒŽ†ƒ”‡‹ŽÂ?‘•–”‘…—‘”‡ǥ —Â?ǯ‹Â?–‡ŽŽ‹‰‡Â?œƒÂ?‡ŽŽƒ“—ƒŽ‡„‹•‘‰Â?ƒ …‡”…ƒ”‡†‡‹Ž—Â?‹ǣ°—Â?Â?‘†‡ŽŽ‘•—ŽŽƒ –‡””ƒ‡—Â?’”‘–‡––‘”‡Â?‡Ž…‹‡Ž‘dz

‡†‡”‹…‘œƒÂ?ƒÂ? ——Â?—‘Â?‘†‹‰”ƒÂ?†‡ˆ‡†‡…ƒ’ƒ…‡†‹˜‹˜‡”‡…‘Â?…‘‡”‡Â?œƒŽǯ‹Â?’‡‰Â?‘Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‡ÇĄ’‘Ž‹–‹…‘‡’”‘ˆ‡••‹‘Â?ƒŽ‡

8QODLFRWUDFDULWjHFXOWXUD   

1

on capita di rado sentire far riferimento, erroneamente, a San Vincenzo come al fondatore della Società di San Vincenzo de’ Paoli. L’equivoco nasce dalla scelta, consapevole e precisa, di averlo come patrono, ed anche questo è un indizio che aiuta a capire meglio il vero ideatore ed iniziatore della Società, il Beato Federico Ozanam. Cercare di capirlo, studiando in particolare i suoi innumerevoli scritti, non è esercizio fine a se stesso. Se si vuole capire veramente una religione, un movimento, un’iniziativa umana se ne devono indagare le origini. Come potremmo capire veramente il Cristianesimo senza tenere conto di GesÚ Cristo? Federico era un ragazzo pieno di ardore, di zelo per la Chiesa e per la Carità, ma anche un fine pensatore e divenne, crescendo, un

 

””‘Â?‡ƒÂ?‡Â?–‡•‹ …‘Â?•‹†‡”ƒƒÂ?‹Â?…‡Â?œ‘ …‘Â?‡‹Žˆ‘Â?†ƒ–‘”‡ †‡ŽŽƒ‘…‹‡–Â? †‹ƒÂ?‹Â?…‡Â?œ‘ †‡ǯƒ‘Ž‹ famoso e brillante professore di letteratura all’universitĂ  Sorbona di Parigi, un appassionato medievalista, autore di importanti opere scientifiche di storia delle letterature europee. Fede e cultura, un binomio da qualcuno spesso considerato un ossimoro, che in lui si incarnano, divenendo una il nutrimento dell’altra. Un uomo di grande fede che seppe vivere nel mondo da laico impegnato nel sociale e nella politica, professore innamorato del proprio lavoro e dei propri studenti, padre e marito attento

e tenerissimo. Ăˆ il 23 aprile 1833 (giorno del suo ventesimo compleanno) quando, con un piccolo gruppo di studenti della Sorbona, dĂ  inizio alla prima “Conferenza di caritĂ â€?. Lo scopo è di garantire la loro amicizia sotto il segno della fede e della caritĂ  e di testimoniare in modo personale ed autentico il loro cristianesimo attraverso la visita ai poveri a domicilio, contro coloro che affermavano che la Chiesa cattolica era ormai superata e non aveva piĂš nulla da dire agli uomini moderni. Nel 1840 ottiene la nomina alla Sorbona di Parigi di professore di Letterature straniere e l’anno successivo, superate le incertezze sulla sua scelta vocazionale, sposa Amelia, dalla quale nasce la figlia Maria. Considerava per i giovani come fondamentale preparazione alla loro vita sociale: “Avvicinarsi alla miseria, toccarla con le mani, discernerne le cause conoscendone gli effetti dal

vivo, in una familiarità affettuosa con quelli che ne sono oppressi�. Conobbe molto bene l’Italia, alla quale fu sempre molto affezionato e dove compÏ vari viaggi in periodi diversi, sia per motivi di studio, sia di carattere personale e religioso. Questa vita cosÏ fortemente e cristianamente impegnata, è accompagnata da una vita intima e familiare di grande sensibilità e delicatezza, come anche da sentimenti di amicizia con molte persone del suo ambiente e del suo lavoro, che furono vera condivisione di fede e di opere. La sua vita fu breve; morÏ a soli 40 anni, l’8 settembre 1853. L’accettazione della malattia sublimò quasi la sua vita, quale consapevole offerta a Dio della rinuncia a tutto quanto avrebbe ancora potuto fare ed accompagnò in una significativa sintesi il suo interessamento per la cultura, la società politica e per la Società San Vincenzo.


͚͛

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

    Ž‡‘Â?„”—Â?Â‘ĚťÂŽÂƒÂ˜Â‘Â…Â‡Â†Â‡ÂŽÂ’Â‘Â’Â‘ÂŽÂ‘Ç¤Â‹Â–

•‹•–‡—Â?ƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‡–”ƒ•‘˜”ƒˆˆ‘ŽŽƒÂ?‡Â?–‘ †‡ŽŽ‡…ƒ”…‡”‹Č‹Â?‡ŽŽƒˆ‘–‘ƒŽƒ–‘Žǯ‹Â?‰”‡••‘ƒ ƒÂ?–‘Â?‘Â?Â„Â‡ÂŽÂŽÂ‘ČŒ‡ˆ”‡“—‡Â?œƒ†‡‹•—‹…‹†‹

—Ž–—”ƒÂ?ƒ”‹ˆŽ‡••‹‘Â?‡ƒ’‹Î˜‘…‹•—Ž–‡Â?ƒ†‡ŽŽƒ”‡…Ž—•‹‘Â?‡‡†‡‰Ž‹‹•–‹–—–‹†‹’‡Â?ƒ

&DUFHUHSHUULHGXFDUH ƒ‘‘’‡”ƒ–‹˜ƒÂ…ÂƒÂ–Â–Â‘ÂŽÂ‹Â…Â‘ÇŚÂ†Â‡Â?‘…”ƒ–‹…ƒ†‹…—Ž–—”ƒŠƒ’”‘’‘•–‘—Â?‹Â?…‘Â?–”‘•—Ž–‡Â?ƒDzƒ”…‡”‡‡†‹”‹––‹—Â?ƒÂ?‹dzǢ Â?‡°‡Â?‡”•‘…Š‡ŽƒŽ‡‰‹•Žƒœ‹‘Â?‡°ƒ†‡‰—ƒ–ƒ‡ƒÂ?ÂœÂ‹ÇĄ•’‡••‘ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ˜ÂƒÂ?Â‰Â—ÂƒÂ”Â†Â‹ÂƒÇĄÂ?ƒÂŽÇŻÂƒÂ’’Ž‹…ƒœ‹‘Â?‡…‘””‡––ƒ°…ƒ”‡Â?–‡  

    

&

esare Beccaria, nel 1764, con il suo capolavoro “Dei delitti e delle peneâ€?, pone la questione della pena giusta, che sia corrispondente al reato ma che, nello stesso tempo, non mortifichi i diritti basilari dell’uomo. Oggi, possiamo affermare che i nostri codici e la nostra Costituzione sono tra i piĂš evoluti del mondo. Eppure, esistono ancora gravi problemi, legati alla detenzione e al rispetto dei detenuti, alle strutture e al sovraffollamento delle carceri. Ne hanno parlato Carlo Alberto Romano, docente di Criminologia presso l’UniversitĂ  di Brescia, che ha introdotto l’argomento, e Luigi Pagano, provveditore regionale per le carceri lombarde, nel corso dell’incontro organizzato dalla Cooperativa cattolico-democratica di cultura, dal titolo “Carcere e diritti umaniâ€?. Romano, usando le statistiche ufficiali del Ministero della giustizia, ha fatto emergere un quadro drammatico: le carceri lombarde potrebbero ospitare circa 5000 detenuti, ma attualmente ne ospitano piĂš di 9000; piĂš della metĂ  di questi, deve



 

‹Â?‡—Ž–‹Â?‘†‡ŽŽƒ’‡Â?ÂƒÇĄ ŽƒÂ?‘”–‡†‡ŽÇ˛Â˜Â‡Â……Š‹‘dz —‘Â?‘ˆ‡”‹–‘‡ŽƒÂ?ƒ•…‹–ƒ †‹—Â?—‘Â?‘DzÂ?Â—Â‘Â˜Â‘ÇłÇĄ •ƒÂ?ƒ–‘Â?‡ŽŽƒ…‘•…‹‡Â?œƒ ‡“—‹Â?†‹Ž‹„‡”‘ scontare una pena inferiore ai tre anni; il numero degli stranieri è elevato e molti di loro sono in attesa di giudizio. Secondo l’analisi di Pagano, in Italia sono state fatte ottime leggi: quella del 1975, con una riforma del sistema giudiziario, la legge Gozzini del 1986, la Simeoni-Saraceni del 1998, che prevede forme alternative al carcere, volte alla rieducazione dei detenuti. Purtroppo, non sempre si riesce a seguirne lo spirito e cosĂŹ tali leggi vengono applicate male o solo parzialmente. Secondo il Provveditore, gli stessi Padri costituenti, con l’articolo 27, hanno voluto indicare un percorso di inserimento delle persone condannate: la pena, in questo senso, non deve emarginare i detenuti dal contesto sociale, ma

dovrebbe favorire la loro “correzioneâ€?, la loro formazione morale, la loro rinascita umana. A tale proposito, è opportuno lavorare per rendere gli istituti penitenziari piĂš adatti al reinserimento dei detenuti, come è stato fatto a Bollate e a Padova, dove sono state create occasioni di lavoro, che permettono il passaggio dalla pena alla vita sociale. Pagano vorrebbe ridurre l’uso del carcere puro ai casi di criminalitĂ  piĂš gravi, estendendo le forme alternative di punizione, quali il lavoro e le attivitĂ  sociali. Secondo lui, non dobbiamo dimenticarci del fatto che molti detenuti, in particolare i tossicodipendenti, non hanno bisogno di strumenti punitivi, ma devono essere “guaritiâ€?, con cure adeguate. Allora dobbiamo riflettere su questi problemi, che riguardano la nostra civiltĂ . La pena deve, sĂŹ, corrispondere al reato, per un principio di giustizia, ma, nello stesso tempo, deve rispettare la persona, sia il suo corpo sia la sua anima, avendo come fine ultimo la morte del “vecchioâ€? uomo ferito e la nascita di un uomo “nuovoâ€?, sanato nella sua coscienza e quindi veramente libero.



   

ÂŽ”—‘Ž‘ˆ‘Â?†ƒÂ?‡Â?–ƒŽ‡†‡ŽŽƒ˜‹–ƒˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡ ‹•‘Â?‘†—‡Â?‘†‹’‡””‹•’‘Â?†‡”‡ÂƒÂŽÇŚ Žƒ…Š‹ƒÂ?ƒ–ƒĠƒÂ?ÂƒÂ”Â‡ÇĄ•‘•–‹‡Â?‡‹Ž•‡nj ‰”‡–ƒ”‹‘†‡Ž‘Â?–‹ˆ‹…‹‘…‘Â?•‹‰Ž‹‘’‡” ŽƒˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇĄ‹Ž˜‡•…‘˜‘ ‡ƒÂ?ÂƒÂˆÂˆÂ‹Â–Â–Â‡ÇŁ‹Ž Â?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘‡‹Ž…‡Ž‹„ƒ–‘…‘Â?•ƒ…”ƒ–‘Ǥ

ÂŽ”‡•—Ž‡Šƒ’”‘Â?—Â?…‹ƒ–‘Žǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘ ƒ…Š‹—•—”ƒ†‡Ž‡”œ‘”ƒ†—Â?‘Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡ †‡ŽŽ‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡…ƒ––‘Ž‹…Š‡ƒ‡Ž„‘—”Â?‡ Č‹Â?‡ŽŽƒÂˆÂ‘Â–Â‘ČŒ†‘’‘ƒ˜‡”‹Â?…‘Â?–”ƒ–‘—Â?ÂˆÂ‘ÂŽÇŚ –‘‰”—’’‘†‹‰‹‘˜ƒÂ?‹Ǥ‡Žˆ‹Â?‡•‡––‹Â?ÂƒÇŚ Â?ƒ†‡ŽÍ™Í?ÇŚÍ™Í&#x;ÂƒÂ’Â”Â‹ÂŽÂ‡ÇĄ’‹Î†‹͘͘͠’‡”•‘Â?‡ ŠƒÂ?Â?‘ƒ••‹•–‹–‘ƒ—Â?ƒ•‡”‹‡†‹…‘Â?ÂˆÂ‡ÇŚ ”‡Â?œ‡‡Žƒ„‘”ƒ–‘”‹•—‘Ž–”‡͘͜–‡Â?‹Ž‡nj ‰ƒ–‹ƒŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘‡ƒŽŽƒ˜‹–ƒˆƒÂ?‹Ž‹ƒ”‡Ǥ ‡Ž•—‘†‹•…‘”•‘ǥ‹Ž˜‡•…‘˜‘ƒˆˆ‹––‡Šƒ ‹Â?…‘”ƒ‰‰‹ƒ–‘‹’”‡•‡Â?–‹ƒ…‘Â?•‹†‡”ƒ”‡ ÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡†‹”‹•–‘‹Â?–—––‡Ž‡•—‡†‹Â?‡Â?ÇŚ •‹‘Â?‹…‘Â?‡Žǯ—Â?‹…ƒ„ƒ•‡‡•’‡”ƒÂ?œƒ•‹nj …—”ƒ’‡”ŽƒˆƒÂ?Â‹Â‰ÂŽÂ‹ÂƒÇŁDzÇŻÂƒÂ?‘”‡—Â?ƒÂ?‘ Â?‡ŽŽƒ•—ƒˆ‘”Â?ƒÂ?ÂƒÂ–Â—Â”ÂƒÇĄ‹ŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘ǥ °—Â?ƒ„—‘Â?ƒÂ?‘–‹œ‹ƒČ‚Šƒ†‹…Š‹ƒ”ƒ–‘ȂǢ …‘””‹•’‘Â?†‡ƒ—Â?ƒ’”‘ˆ‘Â?†ƒÂƒÂ•Â’Â‹Â”ÂƒÂœÂ‹Â‘ÇŚ

Â?‡Â?‡Ž…—‘”‡†‡ŽŽǯ—‘Â?‘‡†‡ŽŽƒ†‘Â?Â?ÂƒÇłÇ¤ Dz‘Â?‡†‘Â?‘‹””‡˜‘…ƒ„‹Ž‡…Š‡‰Ž‹•’‘•‹ •‹‘ˆˆ”‘Â?‘ƒ˜‹…‡Â?Â†ÂƒÇĄ‹ŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘•‹‰‹Žnj Žƒ—Â?’ƒ––‘…Š‡Â?‡ŽŽƒ•—ƒˆ‘”Â?ƒÂ…Â”Â‹Â•Â–Â‹ÂƒÇŚ Â?ƒ°ˆƒ––‘…‘Â?Ž‘”‘†ƒ”‹•–‘•–‡••‘dzǥŠƒ ‘••‡”˜ƒ–‘‹Ž”‡•—Ž‡Ǥ ‹‰‹‘˜ƒÂ?‹ǥ‹Ž‡•…‘˜‘Šƒ‹ŽŽ—•–”ƒ–‘‹†—‡ ’‘••‹„‹Ž‹Â?‘†‹’‡””‹•’‘Â?†‡”‡ƒŽŽƒÂ…ÂŠÂ‹ÂƒÇŚ Â?ƒ–ƒĠƒÂ?ÂƒÂ”Â‡ÇŁ‹ŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘‡‹Ž…‡Ž‹nj „ƒ–‘…‘Â?•ƒ…”ƒ–‘Ǥǯ‹Â?–‡”˜‡Â?–‘°•–ƒ–‘ •‡‰—‹–‘†ƒ—Â?ƒ•‡••‹‘Â?‡†‹†‘Â?ƒÂ?†‡ ‡”‹•’‘•–‡Ǥ‡Ž•—‘†‹•…‘”•‘‹ŽÂ‡Â‰Â”Â‡Â–ÂƒÇŚ ”‹‘†‡Ž‘Â?–‹ˆ‹…‹‘…‘Â?•‹‰Ž‹‘Šƒ‹Â?†‹…ƒ–‘ …Š‡ŽƒˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒ‘ˆˆ”‡—Â?…‘Â?–”‹„—–‘‡•nj •‡Â?œ‹ƒŽ‡ƒŽ„‡Â?‡…‘Â?—Â?‡†‡ŽŽƒ•‘…‹‡nj –Â?ÇĄ‡Šƒ•‘––‘Ž‹Â?‡ƒ–‘…Š‡‹Ž’‡”†‘Â?‘° —Â?ǯ‡•’”‡••‹‘Â?‡Â†ÇŻÂƒÂ?‘”‡ǤDz1•‘Ž‘“—ƒÂ?ÇŚ †‘Žƒ…‘’’‹ƒ†‹•’‘Â?‡‹Ž’”‘’”‹‘…—‘”‡ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡dzǥŠƒ†‡––‘ǥ…Š‡“—‡•–‘•–‡••‘ ƒÂ?‘”‡•‹ƒ’”‡ƒŽ’‡”†‘Â?‘ǤDz‡ŽŽƒ†‘Â?‡nj Â?‹…ƒ†‡ŽŽ‡ƒŽÂ?‡ǥ•‹’—Ö˜‡†‡”‡Â…ÂŠÂ‹ÂƒÂ”ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‡ÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡†‹‹‘…Š‡•‹Â?ƒÂ?‹ˆ‡•–ƒ

Â?‡ŽŽƒ‡”•‘Â?ƒ†‹”‹•–‘…Š‡•‹‘ˆˆ”‡’‡” †‘Â?ƒ”‡‹Ž’‡”†‘Â?‘†‹˜‹Â?‘dzǤ

ÂŽ”ƒ†—Â?‘Šƒƒ––‹”ƒ–‘…‡Â?–‹Â?ƒ‹ƒ†‹ˆƒÂ?‹nj ‰Ž‹‡…‘Â?„ƒÂ?„‹Â?‹ǥ’‡”•‘Â?‡•‹Â?‰Ž‡ǥ…‘’nj ’‹‡‹Â?’‡‰Â?ÂƒÂ–Â‡ÇĄÂ?‘Â?Â?‹ǤÇŻÂƒÂ–Â?‘•ˆ‡”ƒ†‹ ˆ‡•–ƒ†‡Ž™‡‡Â?‡Â?†°…—ŽÂ?‹Â?ƒ–ƒÂ?‡ŽŽƒ ‡••ƒ†‹Â…ÂŠÂ‹Â—Â•Â—Â”ÂƒÇĄ’”‡•‹‡†—–ƒÂ†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”ÇŚ …‹˜‡•…‘˜‘†‹‡Ž„‘—”Â?‡ǥ‡Â?‹• ÂƒÂ”Â–ÇĄ …Š‡Šƒ‘•’‹–ƒ–‘Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘…‘Â?‹Ž•‘•–‡nj ‰Â?‘†‡ŽŽƒ‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ†‡‹‡•…‘˜‹Â…ÂƒÂ–ÇŚ –‘Ž‹…‹†‡ŽŽǯ—•–”ƒŽ‹ƒǤÂŽ–‡”Â?‹Â?‡†‡ŽŽƒ Â‡Â•Â•ÂƒÇĄÂŽÇŻÂƒÂ”Â…Â‹Â˜Â‡Â•Â…Â‘Â˜Â‘ ƒ”–Šƒ‰—‹†ƒ–‘‹ †‡Ž‡‰ƒ–‹Â?‡ŽŽƒ”‡‰‹•–”ƒœ‹‘Â?‡†‹—Â?„”‡nj ˜‡Â?‡••ƒ‰‰‹‘˜‹†‡‘†‹”‹…‘Â?‘•…‡Â?œƒ†ƒ ‹Â?˜‹ƒ”‡ƒŽÂƒÂ’ÂƒÇĄ”‹Â?‰”ƒœ‹ƒÂ?†‘Ž‘’‡”Ž‡ •—‡’”‡‰Š‹‡”‡‡‹Ž•—‘‹Â?…‘”ƒ‰‰‹ƒÂ?‡Â?ÇŚ –‘Ǥ‡Â?‡†‡––‘ ƒ˜‡˜ƒ‹Â?˜‹ƒ–‘ƒ•—ƒ ˜‘Ž–ƒ—Â?˜‹†‡‘Â?‡••ƒ‰‰‹‘‘ˆˆ”‡Â?†‘Žƒ •—ƒ„‡Â?‡†‹œ‹‘Â?‡ƒ‹†‡Ž‡‰ƒ–‹‡ÂƒÂ•Â•Â‹Â…—nj ”ƒÂ?†‘Ž‘”‘Ž‡•—‡’”‡‰Š‹‡”‡Ǥ ƒ––Š‡™ƒ…‘Â?ÂƒÂŽÂ†ÇĄ†‡ŽŽǯˆˆ‹…‹‘Â˜Â‹Â–ÂƒÇĄ Â?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”…‹†‹‘…‡•‹

†‹‡Ž„‘—”Â?‡ǥ”‡•’‘Â?•ƒ„‹Ž‡†‡Ž…‘‘”†‹nj Â?ƒÂ?‡Â?–‘Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â˜Â‡Â?–‘ǥŠƒƒˆˆ‡”Â?ƒ–‘…Š‡ Žǯ‹Â?…‘Â?–”‘°•–ƒ–‘Dz—Â?‡Â?‘”Â?‡‹Â?Â…Â‘Â”ÂƒÂ‰ÇŚ ‰‹ƒÂ?‡Â?–‘’‡”–—––‹Â?‘‹Ǥ ÂŽÂ?‡••ƒ‰‰‹‘†‡Ž ƒÂ?–‘ƒ†”‡‡Žƒ’”‡•‡Â?œƒ†‹‘––‘‡nj •…‘˜‹…‘Â?Â?‘Ž–‹ƒŽ–”‹•ƒ…‡”†‘–‹‡”‡Ž‹‰‹‘•‹ ‡•’”‹Â?‘Â?‘‹Â?Â?‘†‘‡Ž‘“—‡Â?–‡Žƒ•‘Ž‹nj †ƒ”‹‡–Â?†‹–—––ƒŽƒŠ‹‡•ƒÂ?‡‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‹ †‡ŽŽƒÂ?‘•–”ƒÂ?‹••‹‘Â?‡†‹’”‘Â?—‘˜‡”‡ Žǯ‹Â?†‹•’‡Â?•ƒ„‹Ž‡‡‹Â?•‘•–‹–—‹„‹Ž‡”—‘Ž‘ †‡ŽÂ?ƒ–”‹Â?‘Â?‹‘‡†‡ŽŽƒ˜‹–ƒˆƒÂ?Â‹ÂŽÂ‹ÂƒÇŚ ”‡dzǤDz‘Â?‡…”‹•–‹ƒÂ?‹ǥƒ˜‘Ž–‡’‘••‹ƒÂ?‘ •‡Â?–‹”…‹‹•‘Žƒ–‹†ƒ—Â?ƒ…—Ž–—”ƒ…Š‡Â?‘Â? ˆ‘”Â?‹•…‡•‡Â?’”‡—Â?•—‘Ž‘ˆ‡”–‹Ž‡‹Â?…—‹ Ž‡ˆƒÂ?‹‰Ž‹‡’‘••ƒÂ?‘ÂˆÂ‹Â‘Â”Â‹Â”Â‡ÇłÇĄŠƒ”‹…‘Â?‘nj •…‹—–‘ǤDzƒ’‡”Â?‡––‡Â?†‘…‹†‹‡••‡”‡ Â?‘†‡ŽŽƒ–‹Â†ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ?‘”‡†‹”‹•–‘ǥ…‘Â?Žƒ ˆ‹†—…‹ƒÂ?‡ŽŽƒ•—ƒˆ‡†‡Ž–Â?‡Žǯ‹Â?Â…Â‘Â”ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÂƒÇŚ Â?‡Â?–‘†‹–ƒÂ?–‡•‘”‡ŽŽ‡‡†‹–ƒÂ?–‹ÂˆÂ”ÂƒÂ–Â‡ÂŽÇŚ Ž‹“—‹’”‡•‡Â?–‹ǥ…‘Â?‡’‘–”‡Â?Â?‘ƒ˜‡”‡ ƒŽ–”‘…Š‡Â?‘Â?•‹ƒ—Â?ƒ‰”ƒÂ?†‡•’‡”ƒÂ?œƒ ’‡”‹ŽÂˆÂ—–—”‘ǍdzǤ


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

͛͛

‡•‡�œƒ�‘

Ž‘†‘‡ƒ–”‘’”‘’‘�‡Žƒ†‹�‘

‘Â?…‹Â?‘ Â?Â?‡•‹Â?‘•—……‡••‘’‡”ÂŽÇŻÂ‡Â†Â‹ÂœÂ‹Â‘Â?‡ˆƒÂ?–ƒ•›͚͙͙͘

Aladino e il Genio, una coppia che ďŹ n dal Settecento, epoca della prima apparizione in Europa della traduzione de “Le mille e una notteâ€?, non ha mancato di esaltare l’immaginario legato all’avventura, diventando protagonisti di innumerevoli riduzioni e trasposizioni sia teatrali che cinematograďŹ che. Il gusto per l’esotico, il magico e i luoghi lontani in voga durante tutto l’Ottocento, hanno poi contribuito a tenere sempre viva la fama di Aladino e del

PiĂš di 10mila persone in poche ore lunedĂŹ 25 aprile hanno rivissuto le atmosfere e le sensazioni legate al mondo fantasy de “Il Signore degli anelliâ€? di J.R.R. Tolkien. La location è stato il castello di Soncino, come giĂ  negli anni scorsi. Una giornata all’insegna dell’animazione per i bambini e i ragazzi che si sono trovati a rivestire i panni di elďŹ , nani, hobbit e per gioco combattere contro orde di orchi e Uruk-hai con archi e spade o con Gandalf provare magie. Cantastorie e musici

Genio della lampada. Ma la favola di Aladino è anche una storia di iniziazione, in cui Aladino non solo scopre il mondo e le sue insidie ma viene portato anche a scoprire se stesso nel delicato passaggio dall’adolescenza alla maturità. Il genio funge in questo senso da nume tutelare accompagnando Aladino in tutto il percorso. Sabato 30 aprile, ore 21 al Teatro parrocchiale San Michele di Desenzano del Garda (Fraz. Rivoltella). Info: www.ilnodo.com

hanno animato l’intera giornata per gli adulti, e per ciascuno era vero il rischio di trovarsi invischiati nelle vicende raccontate da un rubicondo cantastorie o ammaliati dalle magie di un giovane mago o dalle sembianze elďŹ che o, peggio, trovarsi faccia a faccia con un Uruk. Attorno accampamenti, bancarelle e tende gastronomiche con cibi e bevande tipiche come l’idromele. Il denaro in uso era la moneta elďŹ ca; niente acquisti senza di essa, recarsi al banco del cambio. (m.t.)





ƒŽƒ”‡•…‹ƒ‡”…‘Ž‡†¿ÍœÂ?ƒ‰‰‹‘

&RQ.DWLDH9DOHULD

ÂŽ†—‘…‘Â?‹…‘†‹‡Ž‹‰ƒ””‹˜ƒƒ”‡•…‹ƒ…‘Â?Ž‘•’‡––ƒ…‘Ž‘Dzƒ•‡’‡”ƒŽ–‡œœƒ†‹˜‹•‘ †—‡dzǤ—Â?‰ƒ…ƒ””‹‡”ƒ’‡”Ž‡†—‡‰‹‘˜ƒÂ?‹ƒ––”‹…‹…Š‡•‹†‡ˆ‹Â?‹•…Â?‘†—‡Â?‡œœ‡†‘Â?Â?‡   

8

na era commessa e l’altra baby-sitter. Comincia cosĂŹ la storia di Katia Follesa e Valeria Graci, la storia reale di due donne o, come amano scherzare, due metĂ  di donne divenute attrici comiche. Ora sono volti famosi e di successo della televisione italiana e di “Zeligâ€?. Katia e Valeria si esibiranno mercoledĂŹ 4 maggio alle 21 al PalaBrescia con lo spetta colo “Base per altezza diviso dueâ€?. Nello spettacolo non mancheranno i personaggi e le gag comiche che le hanno rese famose. La campanella suona ed ecco le buffe scolarette che si divertono sui banchi di scuola giocando al gioco di nomi, cose e cittĂ . Accanto a queste compariranno le miss piĂš divertenti d’Italia, o le immancabili e famose protagoniste della trasmissione “Uomini e donneâ€? Katiana e Valeriana che cercano di conquistare il tronista di turno, a colpi di poca femminilitĂ  e riprendendosi a vicenda al motto “Brava, brava, bravaâ€?, diventato un tormentone di quelli che la gente dice in ogni occasione.

  

—Ž’ƒŽ…‘–ƒÂ?–‹ ’‡”•‘Â?ƒ‰‰‹‡‹Ž –‘”Â?‡Â?–‘Â?‡DzÂ”ÂƒÂ˜ÂƒÇĄ Â„Â”ÂƒÂ˜ÂƒÇĄÂ„Â”ÂƒÂ˜ÂƒÇł Simpatiche, esilaranti, reali, vere e brave con l’ironia di prendere spunto da quanto succede nella quotidianitĂ  della gente e mettendolo su un palcoscenico. Lo sketch delle zitel-

le parte da lĂŹ. Katia, fasciata in un abito fucsia adornato di tulle, con esuberante cappello rosa, e Valeria, intrappolata in un tubino arancio arricchito da una stola, tono su tono. Le due prenderanno posto nella Basilica addobbata a festa, come in ogni cerimonia che si rispetti, inizierĂ  il turbine di pettegolezzi e sul look e sugli invitati. Persino il sacerdote non sarĂ  risparmiato. Il duo comico nasce artisticamente nel 2001 e, dopo studi e laboratori teatrali, arriva la volta della televisione. Ăˆ il 2003 quando in “Bigodiniâ€? fanno la loro comparsa; nel 2004 “Colorado Cafèâ€?, “Sformatâ€? e “Comedy Labâ€?. Nel 2005 le scolarette arrivano a “Zelig Offâ€? e a “Zelig Circusâ€?. Da lĂŹ la carriera è in continua ascesa sia in coppia che da sole come la partecipazione di Valeria al telefilm “Don Luca c’èâ€? e Katia ha recitato in “Buona la primaâ€? con Ale e Franz o in conduzione di trasmissioni di altro genere. “Base per altezza diviso dueâ€? è l’esordio sul palcoscenico del PalaBrescia di Katia e Valeria. Prezzi dei biglietti da 10 a 29 euro (maggiorati di un euro la sera dello spettacolo). Info: www.palabrescia.it.

‡•–‹˜ƒŽ”—…‹ˆ‹š—• ‡”˜‡�‘ Ž‡—Ž–‹�‡”‡’Ž‹…Š‡

”‡•…‹ƒ ÂŽŠ‹‘•–”‘–‘”Â?ƒÂ?‘ ‹Dzƒ’‡”‹‹Â?“—‹‡–‹dz

‡Â?‡”†¿͚ͥƒ’”‹Ž‡ƒ‡”˜‡Â?‘ǥ Ž—Â?‰‘Žƒ•…ƒŽ‹Â?ƒ–ƒ†‡ŽŽƒ…Š‹‡•ƒ †‹ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘†‹‘—”•ǥ—Ž–‹Â?‡ –”‡”‡’Ž‹…Š‡Č‹ÍšÍ˜Ç¤ÍœÍ?ÇĄ͚͙Ǥ͛͘Ǥ͚͚Ǥ͙Í?ČŒ †‹’‹Â?‡ǥ•’‡––ƒ…‘Ž‘…”‡ƒ–‘ ƒ’’‘•‹–ƒÂ?‡Â?–‡’‡”‹Žˆ‡•–‹˜ƒŽ †ƒŽŽƒ‰‹‘˜ƒÂ?‡‡’”‘Â?‡––‡Â?–‡ ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡Ž‡ƒǤ —Â?‰‘Žƒ•…ƒŽ‹Â?ƒ–ƒ†‡ŽŽƒ‹ƒ”—…‹• †‹‡”˜‡Â?‘‹Ž’—„„Ž‹…‘˜‹˜”Â?Žƒ ƒ••‹‘Â?‡†‹”‹•–‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘Ž‘ •‰—ƒ”†‘•‡Â?’Ž‹…‡†‹ˆƒŽ‡‰Â?ƒÂ?‹ ‡ƒ”–‹‰‹ƒÂ?‹‡’‘–”Â?•…‘’”‹”‡ ‰”ƒœ‹‡ƒ“—‡•–ƒ’‡”ˆ‘”Â?ƒÂ?…‡Žƒ •–”ƒ‘”†‹Â?ƒ”‹ƒ‘’‡”ƒŽ‹‰Â?‡ƒ…”‡ƒ–ƒ †ƒ‡Â?‹ƒÂ?‹Â?‘‹Â?‘Â?‹‡’‡”…‘””‡”Â? ‹Â?•‹‡Â?‡ƒ‹’”‘–ƒ‰‘Â?‹•–‹†‡ŽŽƒ Â?ƒ””ƒœ‹‘Â?‡Ž‡͙͜•–ƒœ‹‘Â?‹†‡ŽŽƒ‹ƒ ”—…‹•Ǥ

Â?‰”‡••‘’”‡˜‹‘”‹–‹”‘…‘—’‘Â? ’”‡••‘‹Ž‘Â?—Â?‡†‹‡”˜‡Â?‘ȋ–‡ŽǤ Í˜Í›ÍžÍœÇ¤ÍœÍ›ÍœÍ˜Í™ÍšČŒ‹Â?‘”ƒ”‹Â†ÇŻÂ—ˆˆ‹…‹‘Ǥ ‘—’‘Â?‡•ƒ—”‹–‹•‘Ž‘’‡”Žƒ”‡’Ž‹…ƒ †‡ŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͜Í?Ǥ Â?…‘Â?…‘Â?‹–ƒÂ?œƒ …‘Â?Ž‘Â•Â’Â‡Â–Â–ÂƒÂ…Â‘ÂŽÂ‘ÇĄÂŽÇŻ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ ‡ƒ’°Ž‡Č‚Â?Ž—•‘”‰ƒÂ?‹œœƒ—Â?ƒ ˜‹•‹–ƒ‰—‹†ƒ–ƒ‰”ƒ–—‹–ƒƒŽŽƒ‹ƒ ”—…‹•…‘Â?’ƒ”–‡Â?œƒƒŽŽ‡‘”‡Í™Í&#x;Ǥ͛͘ ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?‰”‡••‘†‡ŽƒÂ?–—ƒ”‹‘ȋ’”‡••‘Žƒ Š‹‡•ƒƒ””‘……Š‹ƒŽ‡†‹ƒÂ?ƒ”–‹Â?‘ †‹‘—”•ƒ‡”˜‡Â?Â‘ČŒÇ¤

‡…‘Â?†ƒ…‘Â?ˆ‡”‡Â?œƒ†‡Ž…‹…Ž‘ Dzƒ’‡”‹‹Â?“—‹‡–‹ƒŽ–‡Â?’‘ †‹‘Â?ƒÂ?‹Â?‘dzǥ‘”‰ƒÂ?‹œœƒ–‘ †ƒŽŽƒ ‘Â?†ƒœ‹‘Â?‡‘……Š‡––‹ ‹Â?…‘ŽŽƒ„‘”ƒœ‹‘Â?‡…‘Â?‡Â?–”‘ …—Ž–—”ƒŽ‡‹ŽŠ‹‘•–”‘‡Žƒ•‡œ‹‘Â?‡ ’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡†‡ŽŽǯ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‡ Â?ƒœ‹‘Â?ƒŽ‡‹Â?•‡‰Â?ƒÂ?–‹†‹–‘”‹ƒ Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‡Č‹Â?Â‹Â•ÂƒČŒÇ¤ƒ”‡Žƒœ‹‘Â?‡ †‹ƒ”‹ƒƒ”ƒ…‹Â‡ÂŽÂƒÇĄ†‘…‡Â?–‡ Â?‡ŽŽǯÂ?‹˜‡”•‹–Â?†‡‰Ž‹•–—†‹ †‹ÂƒÂ˜Â‹ÂƒÇĄ•˜‹Ž—’’‡”Â?‹Ž–‡Â?ƒ Dz”ƒ”‡•…‹ƒ‡‡Â?‡œ‹ƒÂ?‡Ž ’”‹Â?‘‹Â?“—‡…‡Â?–‘ǣÂ?—•‹…ƒ‡ …‘Â?•—‡–—†‹Â?‹Â†ÇŻÂƒÂ•Â…‘Ž–‘ƒŽ–‡Â?’‘ †‹‘Â?ƒÂ?‹Â?‘dz…‘Â?–‹Â?—ƒÂ?†‘‹Â?–ƒŽ Â?‘†‘‹Ž’‡”…‘”•‘†‹ƒ’’”‘……‹‘ƒŽŽƒ …—Ž–—”ƒ†‡Ž’”‹Â?‘‹Â?“—‡…‡Â?–‘ǥ ƒ˜˜‹…‹Â?ƒÂ?†‘‹’ƒ”–‡…‹’ƒÂ?–‹ǥƒÂ?…Š‡ ‰”ƒœ‹‡ÂƒÂŽÂŽÇŻÂƒÂ•Â…‘Ž–‘†‹ƒŽ…—Â?‹„”ƒÂ?‹ǥ ƒŽŽ‡†‹˜‡”•‡‘……ƒ•‹‘Â?‹†‹ƒ•…‘Ž–‘ ‡†‹’”ƒ–‹…ƒ†‡ŽŽƒÂ?—•‹…ƒƒŽŽ‡ “—ƒŽ‹‘Â?ƒÂ?‹Â?‘ǥ•’‘•–ƒÂ?†‘•‹ –”ƒ•˜‡”•ƒŽÂ?‡Â?–‡‹Â?…‘Â?–‡•–‹ …—Ž–—”ƒŽ‹‡•‘…‹ƒŽ‹Â†Â‹Â˜Â‡Â”•‹ǥ‡„„‡ …‡”–ƒÂ?‡Â?–‡Žǯ‘’’‘”–—Â?‹–Â? †‹’ƒ”–‡…‹’ƒ”‡Ǥǯ‹Â?…‘Â?–”‘ǥ …‘‘”†‹Â?ƒ–‘†ƒƒ‘Žƒ‘Â?ˆƒ†‹Â?‹ Č‹Â”Â‡ÂˆÂ‡Â”Â‡Â?–‡’”‘˜‹Â?…‹ƒŽ‡Â?Â‹Â•ÂƒČŒÇĄ•‹ –‡””Â?˜‡Â?‡”†¿͚ͥƒ’”‹Ž‡ƒŽŽ‡‘”‡Í™Í&#x; ’”‡••‘ŽƒƒŽƒ‘””ƒÂ?‹†‡ŽŠ‹‘•–”‘ †‹ƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹˜ƒÂ?Â‰Â‡ÂŽÂ‹Â•Â–ÂƒÇĄ ‹Â?‘Â?–”ƒ†ƒƒÂ? ‹‘˜ƒÂ?Â?‹ǥÍ ƒ ”‡•…‹ƒǤ Â?‰”‡••‘Ž‹„‡”‘‡‰”ƒ–—‹–‘Ǥ

Ž‹‹Â?…‘Â?–”‹’”‘•‡‰—‹”ƒÂ?Â?‘ǥ˜‡Â?‡”†¿ ͙͛Â?ƒ‰‰‹‘…‘Â?Dz‡‘ˆ‹Ž‘ ‘Ž‡Â?‰‘‡ ‰Ž‹‘”‹‡Â?–ƒÂ?‡Â?–‹Â?‡ŽŽƒŽ‡––‡”ƒ–—”ƒ †‹’”‹Â?‘‹Â?“—‡…‡Â?–‘dzČ‹Â”Â‡ÂŽÂƒÂ–Â‘Â”Â‡ Â?†”‡ƒƒÂ?Â‘Â˜ÂƒÇĄÂ?‹˜‡”•‹–Â? …ƒ––‘Ž‹…ƒ†‡Žƒ…”‘Â—Â‘Â”Â‡ČŒ‡ ˜‡Â?‡”†¿ÍšÍ&#x;Â?ƒ‰‰‹‘•—Ž–‡Â?ƒ Dz ÂŽ…‘”’‘†‡Ž’‹––‘”‡Ǥ‡†‹…‹Â?ƒ —Â?‘”ƒŽ‡‡†‹ˆˆ‡”‡Â?œ‡†‹•–‹Ž‡dzǤ

     

3LDFHYROPHQWH7HUHVD Teresa Mannino, siciliana trapiantata a Milano, fa parte della squadra di Zelig, la vetrina delle comicitĂ  che va in tv ma nasce e vive in teatro. Una scuola che la Mannino considera determinante per la sua carriera: “Sono stata fortunata – dice – perchĂŠ Zelig è una parte singolare del mondo dello spettacolo. Non è come la tv classica che dĂ  molto peso all’estetica. A Zelig conta la capacitĂ . Il pubblico è lĂŹ e se non fai ridere non funziona. Inoltre a Zelig, come nel resto nell’ambiente dei comici, le donne sono poche, per cui vengono offerte molte chance per crescere a quelle che ci arrivano. Siamo addirittura coccolateâ€?. Teresa Mannino con il suo spettacolo “Terrybilmente divaganteâ€? ha chiuso la stagione teatrale all’Odeon di Lumezzane mercoledĂŹ 13 aprile. Per un’ora e quaranta minuti ha

tenuto la scena con piacevole leggerezza. Ad un certo punto ho controllato l’ora e mi sono stupito nel constatare che era passata un’ora dall’inizio perchĂŠ lo spettacolo era scivolato via con scioltezza. (Potrei fare un paio di nomi di maschi famosi che non reggono piĂš di una mezz’ora). La sensazione che offre la Mannino è quella di essere seduti con lei in un salotto ad ascoltare il racconto del vissuto quotidiano con ironia. Anche perchĂŠ interloquisce ripetutamente con il pubblico. Al termine le ho chiesto se si diverte nella vita come sul palcoscenico. “Di piĂš – mi ha risposto –. Mi diverto molto con le mie amiche, con i miei familiari, con le persone che incontro, a sottolineare il lato comico della vita. Anche perchĂŠ sul palcoscenico, come nella vita, cer-

co di essere vera, senza protesi nĂŠ fisiche nĂŠ mentaliâ€?. In effetti nel suo racconto hanno un peso determinante, insieme a lei, la ďŹ glia Giuditta che ha quasi due anni, la mamma, la parentela siciliana, il padre di sua ďŹ glia che lei chiama ďŹ danzato (alla Bignardi che le chiese, in un’intervista del marzo 2009 per “L’era glacialeâ€?, come mai lo deďŹ niva tale, rispose: “perchĂŠ non si allarghi troppoâ€?) e anche l’exmarito, sposato e seguito a Milano a 27 anni nel 1997, 10 giorni dopo essersi laureata in ďŹ losoďŹ a. E noi tutti facciamo corona, con i nostri tic, le nostre ansie al clan siculomilanese (i milanesi sono “una categoria dello spiritoâ€?, secondo lei) che Teresa Mannino descrive con la grande abilitĂ  di un’attrice che conserva in quello che recita il carattere della naturalezza.


͛͜

 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

Â?“—‡•–ƒ’ƒ‰‹Â?ƒ •‡‰Â?ƒŽ‹ƒÂ?‘–”ƒ Ž‡–ƒÂ?–‡ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â•Â–‹–‡ǥ ƒŽ…—Â?‡Â?‘•–”‡‹Â? …‘”•‘Â?‡ŽŽ‡ ƒŽŽ‡”‹‡ †‹…‹––Â?‡’”‘˜‹Â?…‹ƒ

ƒŽŽ‡”‹ƒƒ••‹�‘‹�‹�‹ �‹†‡�–‹ˆ‹‡†�‘†‡”�…‹–›Ǥ Ž‘„ƒŽ‹œ‡†”‡•…‹ƒ

ƒ˜‡’Š‘–‘‰ƒŽŽ‡”› ”‹–”‡ƒ͚͘͘Í&#x;ÇŚÍšÍ˜Í˜Í 

ƒ„”‹‡Ž‡ÂƒÂ•Â‹ÂŽÂ‹Â…‘ǥ‹Žˆ‘–‘‰”ƒˆ‘ ‹–ƒŽ‹ƒÂ?‘’‡”‡……‡ŽŽ‡Â?œƒ†‡ŽŽ‡ …‹––Â?‡†‡ŽŽ‡ÂƒÂ”…Š‹–‡––—”‡ǥ‡ƒÂ?

”ƒŠƒÂ?ÇĄƒ”–‹•–ƒ…‘Â?…‡––—ƒŽ‡…Š‡Šƒ ˆ‘–‘‰”ƒˆƒ–‘Ž‡’‡”‹ˆ‡”‹‡†‡‰Ž‹–ƒ–‹ Â?‹–‹ǥ•‹…‘Â?ˆ”‘Â?–ƒÂ?‘•—Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇŁ †—‡˜‹•‹‘Â?‹‘’’‘•–‡…Š‡–”‘˜ƒÂ?‘ —Â?ƒ”‹…‘Â?’‘•‹œ‹‘Â?‡Â?‘Â?Â?‡ŽŽƒ•–‘”‹ƒ †‡ŽŽƒ…‹––Â?ƒÂ?–‹…ƒ„‡Â?•¿Â?‡ŽŽ‡•—‡ ‡Â?‡”‰‡Â?œ‡’‹Î”‡…‡Â?–‹ǥ†‹‡†‹Ž‹œ‹ƒ Â’Â‡Â”Â‹ÂˆÂ‡Â”Â‹Â…ÂƒÇĄ†‹•‘„„‘”‰Š‹Â?‹††Ž‡Â…ÂŽÂƒÂ•Â•ÇĄ †‹Â?‘Â?njŽ—‘‰Š‹Ǥ……ƒÂ?–‘ƒ‡••‡—Â?ƒ ’‡”•‘Â?ƒŽ‡†‹‡–‹œ‹ƒÂƒÂ”‹‡ŽŽ‘ǥƒ„‹Ž‡Â?‡Ž …”‡ƒ”‡…—”‹‘•‹ƒ……‘•–ƒÂ?‡Â?–‹–”ƒ‘‰‰‡––‹

Â?Ç˛Â˜Â‹ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇłƒŽŽƒ•…‘’‡”–ƒ†‡ŽŽǯ”‹–”‡ƒ ”ƒ……‘Â?–ƒ–‘…‘Â?‘Ž–”‡Í?͘‹Â?Â?ƒ‰‹Â?‹Ǣ —Â?”‡’‘”–ƒ‰‡’‡”†‡•…”‹˜‡”‡ Â’ÂƒÂ‡Â•ÂƒÂ‰Â‰Â‹ÇĄ‡–Â?‹‡‡’‘’‘Žƒœ‹‘Â?‹†‹˜‡”•‡Ǥ ”‘–ƒ‰‘Â?‹•–ƒ°‹ŽÂ?ƒ‡•–”‘‡Â?ƒÂ?›ǥ ˆ‘–‘‰”ƒˆ‘‡‰”ƒˆ‹…‘•’‡…‹ƒŽ‹œœƒ–‘‹Â? ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒÂ†ÇŻÂƒÂ”–‡’‡”Â?‘Ž–‹ƒÂ?Â?‹ǥ…Š‡ ƒ––—ƒŽÂ?‡Â?–‡•‹†‡†‹…ƒƒŽŽƒˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒ †‹”‹…‡”…ƒǤDz”‹–”‡ƒ͚͘͘Í&#x;ÇŚÍšÍ˜Í˜Í “—ƒ•‹—Â? Â”Â‡Â’Â‘Â”Â–ÂƒÂ‰Â‡ÇłÇĄÂƒÂ˜Â‡Â’ÂŠÂ‘Â–Â‘Â‰ÂƒÂŽÂŽÂ‡Â”Â›ÇĄ ˜‹ƒ”‹‡•–‡ǥÍ›ÍšČ€ÂƒČ‚”‡•…‹ƒǤ

Â?ƒ—‰—”ƒœ‹‘Â?‡•ƒ„ƒ–‘Í›Â?ƒ‰‰‹‘‘”‡ ͙ͥǤ ‹Â?‘ƒŽ͙͛Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄ†ƒÂ?ÂƒÂ”Â–Â‡Â†Âżƒ •ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡͙͜ƒŽŽ‡͚͘Ǥ

Â†Â‹Â˜Â‡Â”Â•Â‹ÇĄÂ?‘Â?–ƒÂ?†‘Ž‹‡•Â?‘Â?–ƒÂ?†‘Ž‹ǥ –ƒ‰Ž‹ƒÂ?†‘Ž‹ǥ…—…‡Â?†‘Ž‹Ǣ—Â?ƒÂ?‘•–”ƒ •—††‹˜‹•ƒ‹Â?–”‡–ƒ’’‡…Š‡•‹ƒ’”‡…‘Â?‹Ž ”ƒ˜‡Ž–‹…Â?ÇĄ„ƒ•–‘Â?‡†ƒ˜‹ƒ‰‰‹‘…‘Â?‹Ž “—ƒŽ‡ÂŽÇŻÂƒÂ”–‹•–ƒ•‡Â?„”ƒ•‹Â?„‘Ž‹…ƒÂ?‡Â?–‡ ƒ……‘Â?’ƒ‰Â?ƒ”‡‹˜‹•‹–ƒ–‘”‹ÂƒÂŽÂŽÇŻÂ‹Â?–‡”Â?‘ †‡Ž•—‘Žƒ˜‘”‘ǤƒÂ? ”ƒŠƒÂ?ÇŚ ƒ„”‹‡Ž‡ ƒ•‹Ž‹…‘DzÂ?‹†‡Â?–‹ˆ‹‡†‘†‡”Â?‹–›Ǥ

Ž‘„ƒŽ‹œ‡†Â”Â‡Â•Â…Â‹ÂƒÇłÇĄ‡–‹œ‹ƒƒ”‹‡ŽŽ‘ Dz‘Â?‘Â?dzǤ

ƒŽŽ‡”‹ƒƒ••‹Â?‘‹Â?‹Â?‹ǥ˜‹ƒ’‘ŽŽ‘Â?‹‘ ÍžÍ Č€ÂƒČ‚”‡•…‹ƒǤ ‹Â?‘ƒŽ͚͙Â?ÂƒÂ‰Â‰Â‹Â‘ÇĄ†ƒ Ž—Â?‡†¿ƒ˜‡Â?‡”†¿†ƒŽŽ‡͙͘ƒŽŽ‡Í™ÍĄÇ¤Í›Í˜ÇĄ •ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡Í™Í?Ǥ͛͘ƒŽŽ‡Í™ÍĄÇ¤Í›Í˜Ç¤





‘•–”ƒ‹�“—‡‰ƒŽŽ‡”‹‡„”‡•…‹ƒ�‡ƒŽŽƒ‹Žƒ�‘‹�ƒ‰‡ƒ”–ˆƒ‹”

'DOODIRWRJUDILDDOODYLGHRDUWH ƒŽ͙͛ƒŽÍ™Í?Â?ƒ‰‰‹‘ƒŽŽƒˆ‹‡”ƒÂ†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂƒÂ”–‡†‹˜‹ƒ‘”–‘Â?ƒ–”ƒ™‘”Â?•Š‘’ǥŽ‡…–‹‘Â?ÂƒÂ‰Â‹Â•Â–Â”ÂƒÂŽÂ‹Â•ÇĄ–ƒ˜‘Ž‡”‘–‘Â?†‡ǥ ‹Â?…‘Â?–”‹…‘Â?ÂŽÇŻÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–ÂƒÇĄ˜‹•‹–‡Â‰Â—Â‹Â†ÂƒÂ–Â‡ÇĄŽƒ„‘”ƒ–‘”‹ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹…‹ƒÂ?…Š‡’‡”‹„ƒÂ?„‹Â?‹ǥ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‹‡†‹–‘”‹ƒŽ‹    

6

  

aranno piÚ di 200 tra gallerie, artisti, fotolaboratori, case editrici, fondazioni, archivi e istituti di formazione, gli operatori partecipanti alla prima edizione del MiaMilano image art fair, l’unica fiera in Italia dedicata alla fotografia e alla videoarte. Dal 13 al 15 maggio, lo spazio polifunzionale di Superstudio PiÚ in via Tortona ospiterà un evento espositivo di respiro internazionale, fortemente voluto dal suo ideatore Fabio Castelli, collezionista d’arte e fotografia, coadiuvato da un comitato scientifico composto da Gigliola Foschi, Elio Grazioli, Roberto Mutti, Enrica Viganò e lo studio 3/3. Ogni stand esporrà le opere di un solo artista, dando la possibilità al pubblico di vedere tante piccole mostre e di comprendere meglio il lavoro di ogni singola personalità. Sarà un’occasione importante sia per gli artisti, resi visibili in un contesto internazionale, sia per gli operatori del settore che potranno giudicare le novità e il valore delle opere. Mia si prospetta inoltre come un laboratorio creativo grazie ai nu-

‰Â?‹•–ƒÂ?†‡•’‘””Â? Ž‡‘’‡”‡†‹—Â?•‘Ž‘ ÂƒÂ”Â–Â‹Â•Â–ÂƒÇĄ†ƒÂ?†‘ Žƒ’‘••‹„‹Ž‹–Â?ƒŽ ’—„„Ž‹…‘†‹˜‡†‡”‡ –ƒÂ?–‡’‹……‘Ž‡Â?‘•–”‡ merosi incontri, workshop e presentazioni in programma. Tra gli espositori partecipanti, spiccano i nomi di cinque gallerie bresciane: Wave Photogallery, Maurer Zilioli, Massimo Minini, PaciArte e Allegrini arte contemporanea. Insieme alla fotografa-architetto bresciana Alessandra Dosselli, presso gli stand della Wave Photogallery esporrĂ  Yossi Loloi, dal 2006 impegnato nel suo “The Full Beauty Projectâ€?, nel quale immortala i corpi di donne over-size in aperta critica alla perfezione imposta dai mass media. Bruno Sorlini e Stefania Beretta saranno protagonisti degli spazi della Maurer Zilioli: il primo approda al mondo della videoarte scomponendo le immagini televisive in pixel vibranti, mentre la fotografa

svizzera è nota a Brescia per l’esposizione “In Memoriamâ€?, dedicata ai paesaggi devastati dagli incendi. La galleria Massimo Minini dedicherĂ  i suoi stand a George e Francesca Woodman: George, poliedrico artista, si è dedicato alla fotografia in bianco e nero e alla raccolta dei materiali della figlia Francesca, morta suicida, inquieta fotografa di corpi femminili surreali e disinibiti. Un ulteriore stand della Minini verrĂ  dedicato a Paul Thorel, artista che Brescia ha giĂ  avuto modo di apprezzare lo scorso autunno con i suoi “quasi-ritrattiâ€? ritmati da fasci di linee e ondulazioni. PaciArte lascerĂ  spazio all’ironia e alla satira spregiudicata di Leslie Krims che dagli anni Sessanta mette in ridicolo i miti e i riti della societĂ  americana. Presso lo stand della Allegrini arte contemporanea esporrĂ  Maurizio Galimberti, fotografo noto per i suoi scatti Polaroid scomposti in modo quasi futurista. Il ricco appuntamento milanese conferma dunque l’alta qualitĂ  delle proposte delle gallerie bresciane e il loro ruolo di primo piano nel panorama espositivo contemporaneo.

 

‡Ž�‘�‡†‡Ž‹‘ •…‘�‘•…‹—–‘

”‡‰ƒ”‡Í&#x;‰‹‘”Â?‹ …‘Â?Žƒ‹„„‹ƒǤǤǤ

ƒ•’‡”ƒ�œƒ �‘�ˆƒ”—�‘”‡

 

ÇĄÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ ÍĄÇĄÍ˜Í˜

   

ÇĄÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ Í™Í™ÇĄÍ˜Í˜

     ÇĄÍšÍ˜Í™Í™ÇĄ Í™Í›ÇĄÍ˜Í˜

1 1’‘••‹„‹Ž‡…Š‡‹Ž‹‘”ƒ……‘Â?–ƒ–‘ƒ‰Ž‹—‘Â?‹Â?‹†ƒ ‡•Î•‹ƒ†‹˜‡Â?ÇŚ ‹„‹Ž Š ‹Ž ‹ – –ƒ–‘‘‰‰‹Dz•…‘Â?‘•…‹—–‘dzƒ‰Ž‹•–‡••‹…”‡†‡Â?–‹ǥ‘Ž–”‡…Š‡ƒ“—‡ŽŽ‹ …Š‡•‹”‹–‡Â?‰‘Â?‘Â?‘Â?…”‡†‡Â?–‹Ǎ‘•ƒ•—……‡†‡•‡“—‡•–‘‹‘†‹nj ˜‹‡Â?‡ǥ’‡”–—––‹ǥ’‘…‘’‹Î…Š‡—Â?•‡Â?’Ž‹…‡ƒˆˆƒ”‡†‹ÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇŤ Žƒ•–‡••ƒÂŠÂ‹Â‡Â•ÂƒÇĄƒŽÂ?‹•–‡”‘†‹“—ƒŽ‡‹‘•‹’‘Â?‡ƒÂ•Â‡Â”Â˜Â‹ÂœÂ‹Â‘ÇŤ‡” ’ƒ”Žƒ”‡†‹ ‡•Îƒ…”‡†‡Â?–‹‡Â?‘Â?ÇĄÂŽÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡•…‡‰Ž‹‡—Â?Ž‡‹–Â?‘–‹˜ ‹Â?–”‹‰ƒÂ?–‡ǥ˜ƒŽ‡ƒ†‹”‡Žƒ’”‡•‡Â?–ƒœ‹‘Â?‡†‡Ž ‹‰Ž‹‘…‘Â?‡—‘Â?‘ Dz‹Â?ˆ‹Â?‹–ƒÂ?‡Â?–‡…‘Â?–‡Â?–‘†‹•–ƒ”‡ƒŽÂ?‘Â?†‘dzǤ ‡•Î”‹˜‡Žƒ—Â?‹‘ †‡•‹†‡”‘•‘†‹•‡”˜‹”‡Žǯ—Â?ƒÂ?‘‡—Â?—‘Â?‘„‹•‘‰Â?‘•‘†‡‰Ž‹‘……Š‹ †‹‹‘’‡”Â?‘Â?•Â?ƒ””‹”•‹Ǥƒ‰”ƒÂ?†‡•…‘’‡”–ƒ°…Š‡‹Ž…”‹•–‹ƒÂ?‡•‹nj Â?‘Â?‘Â?˜—‘Ž‡‹Â?„”‹‰Ž‹ƒ”‡‡Â?‘”–‹ˆ‹…ƒ”‡Žǯ‡Â?‡”‰‹ƒ˜‹–ƒŽ‡†‡ŽŽǯ—‘nj Â?‘ǥÂ?ƒŽ‘‹Â?˜‹–ƒƒ…‘Â?“—‹•–ƒ”‡‹ŽÂ?‘Â?†‘•‡Â?œƒ’‡”†‡”‡ÂŽÇŻÂƒÂ?‹Â?ƒǤ

 ‹ ‹– ÂŽÂŽ ÂŽ –– –‹ Â?‹Â?˜‹–‘ƒŽŽƒŽ‡––—”ƒ…‘Â?–‹Â?—ƒ†‡ŽƒÂ?‰‡Ž‘†‹ƒÂ?ÂƒÂ”Â…Â‘ÇĄÂ•Â‘ÂˆÇŚ ˆ‡”Â?ƒÂ?†‘•‹‹Â?Â?ƒÂ?‹‡”ƒ’ƒ”–‹…‘Žƒ”‡•—•‡––‡‰”ƒÂ?†‹‡’‹•‘†‹‡ Žƒ•…‹ƒÂ?†‘•‹Â‰Â—Â‹Â†ÂƒÂ”Â‡ÇĄ‰‹‘”Â?‘†‘’‘‰‹‘”Â?‘ǥ‹Â?—Â?ǯ‡•’‡”‹‡Â?œƒ•’‹nj ”‹–—ƒŽ‡†‡ŽŽƒ†—”ƒ–ƒ†‹—Â?ƒ•‡––‹Â?ƒÂ?ƒǤÇŻÂƒÂ—Â–Â‘Â”Â‡‹Â?–”‘†—…‡‹ŽŽ‡–nj –‘”‡ƒŽ’”‘‰‡––‘‰Ž‘„ƒŽ‡Â†Â‡ÂŽÂŽÇŻÂ‡Â˜ÂƒÂ?‰‡Ž‹•–ƒÂƒÂ”…‘ǥ‹Â?˜‹–ƒÂ?†‘Ž‘ƒŽ –‡Â?’‘•–‡••‘ƒ‰—•–ƒ”‡“—‡•–‘–‡•–‘…‘Â?‡—Â?ƒƒ”‘Žƒ˜‹˜ƒ…Š‡ Ž‘–‘……ƒ‡Ž‘”‹•˜‡‰Ž‹ƒǤ—‹•–—†‹‘‹Â?–‡”‹‘”‡‡”‹’‘•‘•ƒ„„ƒ–‹…‘ ˜ƒÂ?Â?‘†‹’ƒ”‹’ƒ••‘Ǥ ƒ…“—‡•Â‹Â‡Â—Â˜Â‹ÂƒÂ”Â–Â•ÇĄ”‡Ž‹‰‹‘•‘ƒ••—Â?œ‹‘Â?Â‹Â•Â–ÂƒÇĄ Â‡Â•Â‡Â‰Â‡Â–ÂƒÇĄŠƒ‹Â?•‡‰Â?ƒ–‘ÂƒÂŽÂŽÇŻ •–‹–—–‘…ƒ––‘Ž‹…‘†‹‘Ž‘•ƒǤ‘ƒ—–‘”‡ †‡ŽŽƒDz‘—˜‡ŽŽ‡”ƒ†—…–‹‘Â?†‡Žƒ‹„Ž‡dzǥŠƒ†‹”‡––‘…‘Â?‹‡””‡ ‡„‡”‰¹ŽƒDz —‹†ƒ†‹Ž‡––—”ƒ†‡Ž—‘˜‘‡•–ƒÂ?‡Â?–‘dzǥ‘Ž‘‰Â?ƒ ͚͘͘͞ǤÂ?‹Â?ÂƒÇĄ‹Â?‘Ž–”‡ǥ‹Â?…‘Â?–”‹„‹„Ž‹…‹‡”‹–‹”‹•’‹”‹–—ƒŽ‹Ǥ

– Ž‹„ ‹

Â?“—‡•–‘Ž‹„”‘˜‡Â?‰‘Â?‘”‹’‘”–ƒ–‡•–‘”‹‡˜‡”‡†‹’‡”•‘Â?‡…Š‡•‹ –”‘˜ƒÂ?‘‹Â?•‹–—ƒœ‹‘Â?‹†‹‘‰‰‡––‹˜ƒ†‹ˆˆ‹…‘Ž–Â?‡ÂˆÂƒÂ–Â‹Â…ÂƒÇĄ†‡–‡”Â?‹Â?ÂƒÇŚ –‡ƒ˜‘Ž–‡†ƒ—Â?ŠƒÂ?Â†Â‹Â…ÂƒÂ’ÇĄ‘†ƒ—Â?ƒÂ?ÂƒÂŽÂƒÂ–Â–Â‹ÂƒÇĄ†ƒŽ†‹•ƒ‰‹‘Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÇŚ Ž‡‘†ƒ•‘ˆˆ‡”‡Â?œ‡†‹ƒŽ–”‘‰‡Â?‡”‡Ǥ ÂŽˆ‹Ž‘”‘••‘…Š‡Ž‡ƒ––”ƒ˜‡”•ƒ °“—‡ŽŽ‘†‡ŽŽƒ•’‡”ƒÂ?œƒ‡‹ŽÂ?‡••ƒ‰‰‹‘°—Â?‹Â?˜‹–‘ƒÇ˛Â‰Â—ƒ”†ƒ”‡ ‘Ž–”‡dz’‡”•ƒ’‡”‡•…‘”‰‡”‡Ž‡’‹……‘Ž‡…‘•‡†‹…—‹Žƒ˜‹–ƒ°…‘•–‡Žnj Žƒ–ƒ‡†‡ŽŽ‡“—ƒŽ‹Â?‘Â?•‡Â?’”‡…‹”‡Â?†‹ƒÂ?‘…‘Â?–‘Ǥ Â?“—‡•–‡Â’ÂƒÇŚ ‰‹Â?‡•‘Â?‘”ƒ……‘Ž–‡ƒÂ?…Š‡Â?‘Ž–‡–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?œ‡†‹˜‘Ž‘Â?Â–ÂƒÂ”Â‹ÂƒÂ–Â‘ÇĄ †‹ƒ••‘…‹ƒœ‹‘Â?‹•Â?‘ǥ†‹Â?‘˜‹Â?‡Â?–‹…Š‡–‡•–‹Â?‘Â?‹ƒÂ?‘Žǯ‹Â?’‡‰Â?‘ Â?‡‹…‘Â?ˆ”‘Â?–‹†‹…Š‹˜‹˜‡•‹–—ƒœ‹‘Â?‹†‹ˆƒ–‹…ƒǤÂ?Ž‹„”‘—–‹Ž‡’‡” ƒÂ?‹Â?ÂƒÂ–Â‘Â”Â‹ÇĄ‡†—…ƒ–‘”‹‡‘’‡”ƒ–‘”‹Â•Â‘Â…Â‹ÂƒÂŽÂ‹Ç˘—Â?…‘Â?–”‹„—–‘•‹‰Â?Â‹ÂˆÂ‹ÇŚ …ƒ–‹˜‘Â?‡ŽŽǯÂ?Â?‘‡—”‘’‡‘†‡Ž˜‘Ž‘Â?–ƒ”‹ƒ–‘Č‹ÍšÍ˜Í™Í™ČŒÇ¤


 ͚͠ƒ’”‹Ž‡͚͙͙͘

„ƒ”–‡

ƒŽŽ‡”‹ƒŽǯ …‘–”‘ –‘’‹‡†‹Ž—…‡‡…‘Ž‘”‡ —†ǯ”–‡ ƒ‘•–”ƒ†‡†‹…ƒ–ƒƒ—‹‰‹‡”‘‡•‹ǡ ƒ‡•–”‘†‡ŽŽǯƒ•–”ƒ––‹•‘‹–ƒŽ‹ƒ‘Ǥ ‡‰‘‘‡•’‘•–‡—ƒ˜‡–‹ƒ†‹ ‘’‡”‡”‡ƒŽ‹œœƒ–‡–”ƒ‹Ž͙͟͡͝‡‹Ž͙͘͡͠Ǥ ‘’‘•‹œ‹‘‹ƒ‘Ž‹‘•—–‡Žƒ…Š‡•‹ –”ƒ†—…‘‘‹ˆ‘”‡ƒ•‹‡–”‹…Š‡ǡ•— †‹ƒ‰‘ƒŽ‹‡†‡ŽŽ‹••‹ǡ…‘•¿†ƒ”‡†‡”‡Ž‘ •’ƒœ‹‘†‹ƒ‹…‘‡ˆŽ—‡–‡ǤDz‡”‘‡•‹ǡ —–‘’‹‡†‹Ž—…‡‡…‘Ž‘”‡dzǡ ƒŽŽ‡”‹ƒ Žǯ …‘–”‘ǡ˜‹ƒ ƒ’”‹Ž‡ǡ͛͠ȂŠ‹ƒ”‹ ȋ•Ȍǡˆ‹‘ƒŽ͚ƒ‰‰‹‘ǡ†ƒƒ”–‡†¿ ‡˜‡‡”†¿ǡ†ƒŽŽ‡͙͞ƒŽŽ‡͙͡ǡ•ƒ„ƒ–‘‡ †‘‡‹…ƒ†ƒŽŽ‡͙͘ƒŽŽ‡͙͚‡†ƒŽŽ‡͙͝Ǥ͛͘ ƒŽŽ‡͙͡Ǥ͛͘Ǥ

ƒ‘•–”ƒ†‡†‹…ƒ–ƒƒŽ—†‘‡ŽŽǯƒ”–‡ …‘–‡’‘”ƒ‡ƒǡ…‘’”‘–ƒ‰‘‹•–‡ ‘’‡”‡†‡Žǯ͘͘͡‹–ƒŽ‹ƒ‘Ǥ–‡ƒ ‹…‘‘‰”ƒˆ‹…‘…Š‡ƒ––”ƒ˜‡”•ƒŽǯ‹–‡”ƒ •–‘”‹ƒ†‡ŽŽǯƒ”–‡‡…‘‹˜‘Ž‰‡‹— †‹„ƒ––‹–‘–”ƒ‡•–‡–‹…ƒ‡…—Ž–—”ƒǡ ‘˜˜‡”‘Žƒ—†‹–…‘‡‡•ƒŽ–ƒœ‹‘‡ †‡ŽŽǯƒ”‘‹ƒ†‡Ž…‘”’‘‘•‹„‘Ž‘†‡Ž ˜‘Ž‰ƒ”‡ǫDz—†ǯƒ”–‡dzǡ„ƒ”–‡ǡ˜‹…‘Ž‘ ƒ‹…‘Žƒǡ͞Ȃ”‡•…‹ƒǡ‹ƒ—‰—”ƒœ‹‘‡ •ƒ„ƒ–‘͛͘ƒ’”‹Ž‡ƒŽŽ‡‘”‡͙͠Ǥ ‹‘ƒŽ͚͠ ƒ‰‰‹‘ǡ‰‹‘˜‡†¿†ƒŽŽ‡͙͝Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͡Ǥ͛͘ǡ ˜‡‡”†¿‡•ƒ„ƒ–‘†ƒŽŽ‡͡Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘‡ †ƒŽŽ‡͙͝Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͡Ǥ͛͘Ǥ

͛͝

‘Ž‘••‹”–‡ ‘”‡•‡‡ ƒ…‘’‹‘

ƒŽŽ‡”‹ƒ†‡ŽŽǯ‘„”ƒ Ž‹•ƒˆ—•‘

‘•–”ƒŽƒ‹…”‘ƒ”–‡†‹œ‘ ‘”‡•‡ ‡‹‘ ƒ…‘’‹‘ǡ†—‡ƒ”–‹•–‹Ž‡ …—‹‘’‡”‡†‹’‹……‘Ž‡†‹‡•‹‘‹ ”‹…Š‹ƒƒ‘Ž—‘‰Š‹ˆƒ–ƒ•–‹…‹ǡ…‘‡ “—‡ŽŽ‹†‡Ž’ƒ‡•‡†‹‹ŽŽ‹’—–†‡‹ ‹ƒ‰‰‹†‹ —ŽŽ‹˜‡”Ǥ‘’‘•‹œ‹‘‹ ‰‡‘‡–”‹…Š‡‡ƒ•–”ƒ––‡†‹‰—•–‘ †ƒ†ƒǡ‹—‹–‡•‘‰‹‘…‘†‹”‹ƒ†‹ …”‘ƒ–‹…‹‡Ž‹‰—‹•–‹…‹ǤDzœ‘ ‘”‡•‡ ‡‹‘ ƒ…‘’‹‘dzǡ‘Ž‘••‹”–‡ ‘–‡’‘”ƒ‡ƒǡ‘”•‹ƒ†‡Ž ƒ„‡”‘ ͙͛Ȃ”‡•…‹ƒǡˆ‹‘ƒŽ͙͜ƒ‰‰‹‘ǡ†ƒ ƒ”–‡†¿ƒ•ƒ„ƒ–‘ŠǤ͙͘Ǧ͙͚‡͙͝Ǥ͛͘Ǧ͙͡ǡ †‘‡‹…ƒ†ƒŽŽ‡͙͝Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͠Ǥ͛͘Ǥ

ƒ’‡”•‘ƒŽ‡†‡ŽŽƒ‰‹‘˜ƒ‡ƒ”–‹•–ƒ …ƒ–ƒ‡•‡Ž‹•ƒˆ—•‘Ǥ‹’‹–‹ƒ‘Ž‹‘ ‡’ƒ•–‡ŽŽ‹•—–‡Žƒ…Š‡”ƒˆˆ‹‰—”ƒ‘ ’‡”•‘ƒ‰‰‹”‹–”ƒ––‹‹‡“—‹Ž‹„”‹‘ǡ ‹‘”–ƒŽƒ–‹…‘‡‹ˆ‘–‘‰”ƒˆ‹ƒ‹“—‡Ž ‘‡–‘†‡…‹•‹˜‘‹…—‹•‹‡––‡‹ ƒ––‘Žƒ•–”ƒ–‡‰‹ƒ’‡”ƒ˜ƒœƒ”‡‘ǡˆ‘”•‡ǡ ’‡”–‘”ƒ”‡‹†‹‡–”‘Ǥ ‹‰—”‡•‘•’‡•‡‹ —ƒ†‹‡•‹‘‡•‡œƒ–‡’‘ǡ‹„‹Ž‹…‘ –”ƒ”‡ƒŽ–‡‹ƒ‰‹ƒœ‹‘‡ǤDz‘ …ƒŽ’‡•–ƒ”‡ŽƒŽ‹‡ƒ”‘••ƒdzǡ ƒŽŽ‡”‹ƒ †‡ŽŽǯ‘„”ƒǡ˜‹ƒ‹š‹‘͙͜ȀƒȂ”‡•…‹ƒǡ ˆ‹‘ƒŽ͚͠ƒ‰‰‹‘ǡ†ƒŽ—‡†¿ƒ•ƒ„ƒ–‘ †ƒŽŽ‡͙͞ƒŽŽ‡͚͜Ǥ



”‡•…‹ƒŽŽƒ ƒŽŽ‡”‹ƒ‰‡ŽŽ‹‹ƒ”–‡‘†‡”ƒ

ŽŽǯ”‡ˆŽ‡‘”‹‰‹‹ †‡Ž…‘–‡’‘”ƒ‡‘ ǯ‹–‡•‹–‡Žƒˆ‘”œƒ‡•’”‡••‹˜ƒ †‡ŽŽƒ’‹––—”ƒ†‹ˆ‹‡––‘…‡–‘”‹˜‹Ǧ ˜‘‘‡ŽŽƒ‘•–”ƒDzƒ‰‡‡•‹†‡Ž …‘–‡’‘”ƒ‡‘Ǥ‰—ƒ”†‘•—ŽŽƒ’‹–Ǧ –—”ƒ‹–ƒŽ‹ƒƒ†‡ŽŽǯ––‘…‡–‘dzǡƒŽŽ‡Ǧ •–‹–ƒ‡‹Ž‘…ƒŽ‹†‡ŽŽƒ ƒŽŽ‡”‹ƒ‡†‡ŽŽ‘ ’ƒœ‹‘”‡ˆǤ ǯ‡•’‘•‹œ‹‘‡…‘’”‡†‡͜͝‘’‡”‡ †‹͛͘ƒ”–‹•–‹ƒ’’ƒ”–‡‡–‹ƒ†‹˜‡”Ǧ •‡•…—‘Ž‡”‡‰‹‘ƒŽ‹ǡƒ……‘—ƒ–‹†ƒ —Ž‹‰—ƒ‰‰‹‘‹‘˜ƒ–‹˜‘…Š‡’”‡Ǧ Ž—†‡ƒŽŽ‡”‹˜‘Ž—œ‹‘‹ƒ”–‹•–‹…Š‡†‡Ž •‡…‘Ž‘Ǥ

Ž’‡”…‘”•‘ǡ‘•‡’”‡Ž‹‡ƒ”‡ǡ° „‡•‹–‡–‹œœƒ–‘†ƒŽŽ‡‘’‡”‡‹‘Ǧ •–”ƒǡ…Š‡•‹ƒ’”‡…‘—’ƒ‡•ƒ‰‰‹‘†‹ ‰—•–‘’ƒ•–‘”ƒŽ‡ǡ“—ƒ•‹•‡––‡…‡–‡Ǧ •…‘ǡ†‹ ‹‘˜ƒ‹ƒ––‹•–ƒ‡ŽŽ‹Ǥ––”ƒǦ ˜‡”•‘ƒŽ‹…‘‹…Š‡˜‡†—–‡ƒ”‹‡‡ ‘–ƒ‡ǡ•‹‰‹—‰‡ƒ‹–‡•‹”‹–”ƒ––‹ ‹–”‘•’‡––‹˜‹ȋ†—‡ˆ”ƒ–—––‹Dz‘Ž–‘†‹ „‹„ƒdz†‹ ”ƒ…‡•…‘‹…Š‡––‹‡DzƒǦ ‰ƒœœƒ…‘Ž˜‡Ž‘dz†‹‡•ƒ”‡ƒŽŽ‘‡Ȍˆ‹Ǧ ‘ƒŽŽƒ˜‘”–‹…‘•ƒ’‹––—”ƒ†‹‘’‡‘

ƒ”‹ƒ‹ǡ…Š‡”‹–”ƒ‡Žƒˆ‘ŽŽƒ‡Ž…ƒ•‹Ǧ ÖǤ‡ŽŽ‡‘’‡”‡‡•’‘•–‡ȋ‡ŽŽƒˆ‘–‘ǡ —‹‰‹–‡ˆˆƒ‹ǡDz‹–‘”ƒ†‘†ƒŽŽƒ’‡Ǧ •…ƒdzȌǡ‹Žƒ–—”ƒŽ‹•‘˜ƒ†‹’ƒ”‹’ƒ••‘ …‘Žƒ•’‡”‹‡–ƒœ‹‘‡–‡…‹…ƒ…Š‡ …‘‰Ž‹‡ǡ‘•‘Ž‘Ž‡˜‹„”ƒœ‹‘‹Ž—‹‹Ǧ •–‹…Š‡ǡƒƒ…Š‡Žǯ‹–‡•‹–‡‘–‹˜ƒ †‡Ž•‘‰‰‡––‘˜‹•–‘ƒ––”ƒ˜‡”•‘‰Ž‹‘…Ǧ …Š‹‡Žƒ•‡•‹„‹Ž‹–†‡Ž’‹––‘”‡Ǥ ƒ‘•–”ƒǡƒ‹‰”‡••‘Ž‹„‡”‘ǡ•ƒ” ƒ’‡”–ƒˆ‹‘ƒŽ͙͡‰‹—‰‘ǡ†ƒŽ‰‹‘˜‡Ǧ †¿ƒŽŽƒ†‘‡‹…ƒ†ƒŽŽ‡͙͝ƒŽŽ‡͙͡Ǥ͛͘ǡ ƒ…Š‡Žƒ†‘‡‹…ƒƒ––‹ƒ†ƒŽŽ‡ ͡Ǥ͛͘ƒŽŽ‡͙͚Ǥ͛͘Ǥ ‡”ˆ‡•–‡‰‰‹ƒ”‡‹͙͘ƒ‹†‡ŽŽǯƒ••‘Ǧ …‹ƒœ‹‘‡”‡ˆǡ•‘‘‹‘Ž–”‡‹’”‘Ǧ ‰”ƒƒ†‹˜‡”•‹‡˜‡–‹…‘ŽŽƒ–‡”ƒŽ‹ǣ ‡”…‘Ž‡†¿͜ƒ‰‰‹‘ƒŽŽ‡‘”‡͚͘Ǥ͛͘•‹ –‡””‹Ž…‘…‡”–‘†‡Ž…Š‹–ƒ””‹•–ƒ ‹—Ž‹‘ ƒ’ƒŽ‹‹ǡ‡–”‡•ƒ„ƒ–‘͟ƒ‰‰‹‘ ƒŽŽ‡͙͠˜‡””’”‡•‡–ƒ–‘‹Ž˜‘Ž—‡ Dzƒ‰‡‘‰”ƒˆ‹ƒ†‡‹•‹•–‡‹†‡ŽŽǯƒ”–‡ ‡ŽŽƒ‘„ƒ”†‹ƒ‘––‘…‡–‡•…ƒdzƒ …—”ƒ†‹‘„‡”–‘ ‡””ƒ”‹Ǥ

/DSRHWLFDGL'LQH LQRSHUH    

*

randi cuori colorati, uccelli, vestaglie, burattini e veneri: sono questi gli elementi della poetica di Jim Dine, artista statunitense che ha goduto di un immediato successo sin dagli esordi negli anni Sessanta e che la Galleria Agnellini arte moderna ospiterà fino a settembre. L’importante mostra monografica, curata da Dominique Stella, ripercorre la carriera di Dine attraverso 25 opere rappresentative del suo percorso artistico nato negli anni della Pop Art. Dopo la laurea in Belle arti alla Ohio University nel 1957, Dine esplora il mondo della performance ed espone nelle principali gallerie newyorkesi (Ruben, Martha Jackson, Sidney Janis Gallery). Oltre a numerose mostre in giro per il mondo, l’artista realizza diversi allestimenti scenici, come quello per l’Actor’s Workshop di San Francisco (1965) e per il teatro Houston Grand Opera (1986). La mostra bresciana passa in rassegna i soggetti ricorrenti nella sua carriera: il burattino Pinocchio diventa scultura in “The Grey Short (Böras)” e da simbolo della cultura Pop si trasforma in elemento intimo e affetti-

 ǡDz dz

vo, come spiega lo stesso Dine: “Avevo sei anni e come la maggior parte dei bambini mi capitava naturalmente di mentire, per cui dal momento che anche Pinocchio mentiva, mi immedesimai in lui. Diversi anni dopo, nel 1964, a un mercatino delle pulci trovai un piccolo Pinocchio che risaliva all’epoca del film (…) se un soggetto simile era così impressionante sia per un bambino che per un adulto, si trattava di sicuro di un ottimo soggetto. Da quel momento non ho mai smesso

di esplorarlo, soprattutto in scultura”. I grandi cuori da gadget compaiono acquerellati in “Double Hearts” (1972) e ritornano poi in formato gigante in “Blue Sun” (2008), moltiplicati e punteggiati di colore o fanno da trespolo in “Colorful Parrot at Home”. L’esposizione è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano-inglese) con testi di Dominique Stella, Claude Lorent e Gérard-Georges Lemaire. Fino al 24 settembre, da martedì a sabato dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30.

––”ƒ––‹ †ƒŽŽǯƒ‘”‡

ƒŽ‘––ƒ ’‡”Žƒ˜‹–ƒ

Šƒ‰”‹ǦŽƒ

 

ǡ͚͙͙͘ǡ ͙͞ǡ͘͝

 

ǡ͚͙͙͘ǡ ͙͞ǡ͘͘

  ǡ͚͘͘͠ ͝ǡ͘͝

DzŠ ‹ ‹ˆ‹ †‹ Š Žǯ DzŠ‡•‹‰‹ˆ‹…ƒ†‹”‡…Š‡Žǯƒ‘”‡…‘‹—‰ƒŽ‡°•ƒ–‹ˆ‹…ƒ–‘†ƒŽŽƒ

”ƒǦ œ‹ƒ†‹‹‘ǫ …Š‡‘†‘‹Ž•ƒ…”ƒ‡–‘”‡†‡’‹î’”‘ˆ‘†‘‡’‹î ”ƒ†‹…ƒŽ‡…‹Ö…Š‡‹Žƒ–”‹‘‹‘°‰‹’‡”•—ƒ•–‡••ƒ‡••‡œƒǫdzǤ —‡•–‡†‘ƒ†‡’‘•–‡†ƒŽ‰”ƒ†‡–‡‘Ž‘‰‘–‡†‡•…‘ƒ”ŽƒŠ‡” ƒ–‡‰‘‘ƒ…‘”ƒ–—––ƒŽƒŽ‘”‘˜‹˜ƒ…‡ƒ––—ƒŽ‹–‡ŽŽǯ‘†‹‡”ƒ ”‹ˆŽ‡••‹‘‡•—Žƒ–”‹‘‹‘ǡ•‡‰ƒ–ƒ†ƒŽŽƒ‹•–ƒ„‹Ž‹–†‡‹Ž‡‰ƒ‹ ‡†ƒŽŽƒ‘Ž–‡’Ž‹…‹–†‹‘†‡ŽŽ‹†‡ŽŽƒ”‡Žƒœ‹‘‡ƒ‘”‘•ƒǤ—‡•–‘ ˜‘Ž—‡ǡ’—”‘ƒ˜‡†‘Žƒ’”‡–‡•ƒ†‹‘ˆˆ”‹”‡‹‡†‹ƒ–‡”‹…ƒ†—–‡ ’”ƒ–‹…Š‡ǡ’”‘’‘‡—…‘–”‹„—–‘’‡”‹’‘•–ƒ”‡…‘””‡––ƒ‡–‡‹Ž †‹•…‘”•‘–‡‘Ž‘‰‹…‘•—Žˆ‹†ƒœƒ‡–‘‡•—Žƒ–”‹‘‹‘‡’‡”ˆƒ” ƒ–—”ƒ”‡—ƒ’”ƒ••‹’ƒ•–‘”ƒŽ‡‹‰”ƒ†‘†‹”‹•’‘†‡”‡‡ŽŽƒƒǦ ‹‡”ƒ’‹î‡•ƒ—”‹‡–‡ƒŽŽ‡ƒ––‡•‡†‹…Š‹•‹ƒ……‘•–ƒƒŽ•ƒ…”ƒ‡–‘Ǥ

 ˆ † ŽŽ – ‹– ‡”ˆƒ”‡†‡ŽŽƒ‘•–”ƒ˜‹–ƒ—…ƒ’‘Žƒ˜‘”‘ǡ°‡…‡••ƒ”‹‘”‹•…‘’”‹”‡ Žǯƒ”–‡†‡ŽŽƒŽ‘––ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‡Ǥ‘‡—ˆ”ƒ–‡ŽŽ‘ƒœ‹ƒ‘ǡ…Š‡†‘’‘ ƒ˜‡”ƒŽ—‰‘…ƒ‹ƒ–‘‰—ƒ”†ƒ†‘ƒ‹ƒ‡•–”‹…Š‡Ž‘’”‡…‡Ǧ †‡˜ƒ‘ǡ•‹˜‘Ž‰‡ƒ“—ƒ–‹˜‡‰‘‘†‘’‘†‹Ž—‹’‡”‘ˆˆ”‹”‡Ž‘”‘ Žƒ•—ƒ‡•’‡”‹‡œƒǡ…‘•¿Ǥ‹ƒ…Š‹…‹‹•‡‰ƒŽǯƒ”–‡†‹‡–‹…ƒ–ƒ †‡ŽŽƒŽ‘––ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‡Ǥ Ž”‡Žƒ–‹˜‹•‘‡–‹…‘‡Žƒ…—Ž–—”ƒ‹’‡”ƒ–‡ ˆƒ‘•‘‰ƒ”‡—‘•–‹Ž‡†‹˜‹–ƒ‡•‡–‡†ƒŽ”‹•…Š‹‘‡†ƒŽŽƒˆƒ–‹…ƒ‡ •‡„”ƒ‘”‡†‡”‡ˆ—‘”‹Ž—‘‰‘‡ˆ—‘”‹–‡’‘Žƒ”‹ˆŽ‡••‹‘‡•—ŽǦ Žƒ‡…‡••‹–†‡ŽŽƒŽ‘––ƒ‹–‡”‹‘”‡Ǥ’’—”‡•‡œƒ†‹‡••ƒ‘° ’‘••‹„‹Ž‡‡†‹ˆ‹…ƒ”‡—ƒ’‡”•‘ƒŽ‹–”‘„—•–ƒǤ‡”‘‰‹…”‡†‡–‡ ŽƒŽ‘––ƒ•’‹”‹–—ƒŽ‡°‡••‡œ‹ƒŽ‡’‡”’‡”˜‡‹”‡ƒ—ƒ˜‹–ƒ’‹‡ƒ‡ …‘’‹—–ƒǡ’‡”ˆƒ”‡†‡ŽŽƒ’”‘’”‹ƒ˜‹–ƒ—…ƒ’‘Žƒ˜‘”‘Ǥ

Ž ‹ Ž‹ –  „

Ž‰‹‘”ƒŽ‹•–ƒƒ™”‡…‡•„‘”‡ǡ…‘ŽŽƒ„‘”ƒ–‘”‡’‡”˜ƒ”‹‡–‡•–ƒǦ –‡–”ƒ…—‹‹ŽDz‡™‘”‹‡•dzǡ‹…‘’ƒ‰‹ƒ†‹—–”‹‘ƒŽƒ••‘”Ǧ –‹–‘ˆ‘”ƒ–‘†ƒŽŽǯƒ—–‹•–ƒƒǡ‡†ƒŽŽ‡†—‡‰‹‘˜ƒ‹‹–‡”’”‡–‹Š‹› ‡ƒ”›ǡ’ƒ”–‡ƒŽŽƒ”‹…‡”…ƒ†‹Šƒ‰”‹ǦŽƒ‡†‡ŽŽƒ•‘•–ƒœƒ…Š‡…ǯ° •‘––‘–ƒŽ‡‹–‘Ǥ ‹†ƒŽŽƒ’”‹ƒ–ƒ’’ƒ†‡Ž’‡”…‘”•‘•„‘”‡ •…‘’”‡‹‡–‘†‹‰‘˜‡”ƒ–‹˜‹†‹•ˆ”—––ƒ‡–‘†‡ŽŽƒ’ƒ••‹‘‡ †‡‰Ž‹‘……‹†‡–ƒŽ‹’‡”—ˆ‘Ž…Ž‘”‡†‡Ž“—ƒŽ‡˜‡†‘‘‡”‹…‡˜‘‘ •‘Ž–ƒ–‘‰Ž‹ƒ•’‡––‹’‹î•—’‡”ˆ‹…‹ƒŽ‹ǣ”‡…—’‡”‘†‹•–”‡‰‘‹Ž‘…ƒŽ‹ ‘’•‡—†‘–ƒŽ‹…Š‡•‹Ž‹‹–ƒ‘ƒ…Š‹‡†‡”•‹‰ƒ”‡––‡‡•–‡”‡ǢŽǯ‹˜‹Ǧ –‘†‹ƒ‹ˆ‡•–‹ƒDz•‡‰—‹”‡‘…ˆ‹‘ƒŠƒ‰”‹ǦŽƒdzǤ’‘‹ˆ‹ƒŽǦ ‡–‡…ǯ°Šƒ‰”‹ǦŽƒ•–‡••ƒ‡Žƒ’”‘•’‡––‹˜ƒ°ƒ‰‰Š‹ƒ……‹ƒ–‡ǥ ȋ”‡…‡•‹‘‡†‹—…ƒ‹ƒ…Š‡––‹’‡”…‘–‘†‡ŽŽƒ‹„”‡”‹ƒ ‡””ƒ–ƒȌǤ


     Ž‡‘„”—‘̻Žƒ˜‘…‡†‡Ž’‘’‘Ž‘Ǥ‹–

    ™™™Ǥ”ƒ†‹‘˜‘…‡Ǥ‹– ˆ͠͠Ǥ͛ ͠͠Ǥ͝

ƒŽŽ—‡†¿ƒŽ˜‡‡”†¿

ƒœ‹‘ƒŽ‹†ƒŽŽ‡͟ƒŽŽ‡͙͠

ƒ†‹‘ƒ–‹…ƒƒ‘”‡͠‡‘”‡͙͡Ǥ͛͘

‘…ƒŽ‹͙͘Ǥ͙͙͛͘Ǥ͙͚͛͘Ǥ͙͛͛͘Ǥ͙͛͘͝Ǥ͛͘

@