Page 1

5

La Voce della Franciacorta n.

WWW.LAVOCEDELPOPOLO.IT

MENSILE D'INFORMAZIONE

ANNO II - Maggio 2010

Cazzago San Martino. Storia, fragranze e sapori per la dodicesima edizione

Franciacorta in fiore fra profumi e colori Dal 14 al 16 maggio ritorna la rassegna nazionale di rose ed erbacee Il servizio perenni. Palazzo Guarneri e Palazzo Bettoni-Cazzago, le due importanti a pag. 9 dimore storiche del territorio, aprono i loro cancelli ai visitatori L'inchiesta a partire dalla vicenda di Adro

Il pranzo è servito Come funziona il servizio della mensa scolastica a Gussago, Iseo, Palazzolo e Rovato? Abbiamo provato a vedere le iniziative fin qui sviluppate e le risposte ai possibili problemi che possono sorgere

Il servizio a pag. 2-3

Sebino

Economia

Sale Marasino: rivive l'antica Valeriana, una rievocazione storica

Intervista a Mario Metelli: Cits, azienda impegnata nella tutela ambientale

tt pag. 11

tt pag. 21

Editoriale

Riannodare i fili di Adriano Bianchi

Passata la tempesta mediatica sarà forse possibile anche ad Adro tornare con ragionevolezza a riannodare i fili della questione “mensa scolastica”. Non sarà facile perchè sono volate parole grosse e le dichiarazioni sui giornali o sulle tv nazionali peseranno lasciando inevitabili strascichi nel vissuto della comunità. La domanda semmai è: quale vantaggio è venuto per i bambini di Adro, anzitutto, per il contesto sociale e per le persone coinvolte dalla modalità con cui si è voluto affrontare l’insolvenza di alcune famiglie alla mensa? Forse nessuno. Qualcuno dirà: “Colpa dei giornalisti che hanno preso di mira il nostro paese”. Può darsi. La credibilità della stampa, soprattutto a livello nazionale, non è delle migliori. Certo è che per finire in prima serata ad “Annozero” un qualche consenso bisogna averlo dato. Il rischio: cadere nel tritacarne dei media, che è quello che è successo. A questo stile pare si attengano di recente anche certi giornali gratuiti e non che si distribuiscono a Chiari, Palazzolo, Rovato e Iseo. Una conquista culturale di spessore! Non è che, forse, prima di sputare veleno a destra e a manca spacciando per opinioni la più becera fiera dei luoghi comuni, (magari sulla Chiesa) non verificando i fatti o pensando che fare “audience” alla fine paghi in termini di consenso politico, economico o di altro interesse, bisognerebbe almeno pensare alle conseguenze? Resto del parere che il confronto sulle idee e il merito delle questioni resti più utile. E ciò vale per tutti, fosse anche per chi scrive l’ultimo bollettino parrocchiale o il più scarso giornaletto gratuito. Ad Adro la palla ora torna ai protagonisti. Che contributo alla loro riflessione? Forse un po’ di informazioni non guastano. In questo numero di Voce trovate l’inchiesta che abbiamo raccolto in alcuni paesi della Franciacorta dove le amministrazioni hanno affrontato lo stesso tema che ha infiammato la primavera adrense. Speriamo serva.


2

La Voce della Franciacorta maggio 2010

Sito: www.lavocedelpopolo.it

Primo piano

Le mense scolastiche in Franciacorta Partendo dai fatti di Adro, abbiamo realizzato un’inchiesta sulle mense scolastiche in Franciacorta, prendendo come punti di riferimento quattro Comuni: Gussago, Iseo, Palazzolo e Rovato. In particolare ci siamo soffermati su quei provvedimenti messi in campo per rendere il servizio efficiente e al tempo stesso meno oneroso dal punto di vista economico (interessante il caso di Palazzolo). In generale nelle situazioni di morosità entrano in campo i Servizi sociali. Fra le proposte interessanti, c’è chi (Gussago) ha modificato il ricalcolo della quota dovuta. Mentre a Iseo e a Rovato per andare incontro alle famiglie si accettano in pagamento anche i voucher che la Regione eroga sotto forma di “Dote scuola”.

Palazzolo. L'assessore alla Pubblica istruzione Gianni Stucchi spiega il sistema che distribuisce 1486 pasti

“Una sperimentazione positiva”: le famiglie pagano il servizio di Luciano Zanardini

Di fronte a numeri importanti, l’organizzazione deve prevedere le possibili anomalie. Con il sistema adottato lo scorso anno non ci sono particolari problemi di insoluto Dal 2009 la gestione della mensa scolastica è regolata direttamente dall’Ufficio della pubblica istruzione del Comune: anno per anno viene fatta una gara di appalto per la fornitura dei servizi mensa di tutti le scuole inferiori (per intendersi dall’asilo nido alle medie). Nell’anno scolastico 2009-2010 l’appalto è stato vinto dalla società Sercar (il costo mensa è di 3,77 euro per ogni pasto fornito). Un progetto articolato che non si può limitare alla sola erogazione del pasto, a questo si ag-

Sullo sfondo il Palazzo Comunale

giunge anche un discorso di educazione all’alimentazione e di controllo della qualità. “Il modello – sottolinea l’assessore alla Pubblica istruzione Gianni Stucchi – è stato mutuato da altre realtà ed è stato adattato alla situazione di Palazzolo, che rispetto ai Comuni limitrofi ha molti più utenti mensa e, quindi, molti più potenziali problemi. Le famiglie di volta in volta acquistano un blocco da 20 pasti. È stata una sperimentazione che ha

dato eccellenti risultati anche in termini di gradimento del servizio: i palazzolesi hanno capito le modalità del servizio”. Attualmente gli utenti mensa del Comune sono 1486 e l’importo complessivo dell’appalto è di 630mila euro. “Di fronte a numeri importanti, l’organizzazione del servizio – sottolinea l’assessore Gianni Stucchi – deve poter prevedere le possibili anomalie. Le situazioni particolari e delicate le abbiamo risolte senza mettere

in piazza nulla, ma parlando con le persone senza coinvolgere i bambini, che non possono essere strumentalizzati”. Attualmente c’è un insoluto di 20 euro, perché il sistema operativo da un anno si regge sull’acquisto di un buono dal valore di 4 euro, ma sono previste fasce diverse per le famiglie che hanno più difficoltà: il minimo è un euro per gli Isee inferiori ai 6000 euro), c’è una seconda fascia da 3,20 euro e una fascia normale da 4 euro; le famiglie che risiedono fuori dal Comune pagano 4,50 euro a pasto. Non esiste il fattore rischio? “È successo che nascessero delle difficoltà con alcune famiglie, ma i bambini hanno continuato a mangiare a scuola senza problemi. I genitori, invece, sono stati chiamati per capire quali fossero le esigenze. Ad oggi – conclude l’assessore Stucchi – non ci sono problemi eclatanti, anche per il lavoro che viene fatto dall’Assessorato e dagli operatori all’interno della scuola. Ho ereditato una situazione diversa, perchè negli anni passati il servizio era gestito da una società partecipata e con la fatturazione differita c’era una buona quota di insoluti (sono in corso delle procedure per la riscossione del dovuto)”.

Iseo. Il sindaco Riccardo Venchiarutti descrive la situazione del Comune che accetta i voucher della Regione

La refezione scolastica è anche gratuita: diciotto i casi A Iseo il servizio mensa scolastica, attivo da prima del 1980, è affidato dal Comune in appalto a una ditta esterna. Ne usufruiscono tutti i bambini delle scuole materne: 2 statali e 1 comunale, 2 scuole primarie di primo grado e la scuola secondaria di primo grado. Le famiglie che intendono usufruirne si iscrivono presso il Comune. Gli utenti medi giornalieri sono 540, ma le richieste sono in aumento tanto che per l’anno scolastico 2009/2010 presso la scuola primaria di Iseo si effettuano due turni il mercoledì e il venerdì. I costi a totale carico del Comune sono mediamente intorno a

i 60mila euro, di questi l’Amministrazione recupera il 78% del costo. Ogni famiglia in difficoltà a pagare la retta, applicata in base alle fasce Isee, viene segnalata all’Assistente sociale che provvede a fare una ulteriore indagine e se lo ritiene necessario nella relazione indica la gratuità (i casi ad Iseo di gratuità sono 18). La mensa è un servizio pubblico a domanda individuale e come tale deve essere pagato in base ad una fascia Isee. Ad Iseo è attivo su tutte le scuole dell’obbligo proprio per andare incontro alle necessità delle famiglie e delle donne che lavorano. Applicando un

Riccardo Venchiarutti

puntuale controllo non esistono casi evidenti di morosità. “Per andare incontro alle famiglie – spiega il sindaco Riccardo Venchiarutti – abbiamo sottoscritto la convenzione con Accor service e accettiamo in pagamento anche i voucher che la Regione eroga sotto forma di Dote scuola”. Con il Piano del Diritto allo studio per l’anno scolastico 2009/2010, le fasce Isee sono state determinate in modo da stabilire la contribuzione in modo percentuale anziché con fascia fissa: determinata la fascia la contribuzione è dell’ 1,4% e 1,9% del valore Isee.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

3

La vicenda di Adro non è e non sarà isolata Non pagate le rette? Venite a prendere i vostri figli a scuola durante la pausa pranzo, perchè per loro il servizio mensa è precluso. Si sente il peso della crisi economica, ma anche la scorrettezza di chi, magari senza particolari problemi, approfitta della situazione per non pagare. Ad Adro, dopo la decisione della Giunta di escludere dal servizio mensa le famiglie insolventi, un imprenditore locale (Silvano Lancini) ha sanato il deficit di 10mila euro e si è impegnato a garantire la copertura economica per tutto l’anno scolastico 2009-2010. La politica deve darsi strumenti più efficaci per evitare che si possano ripetere forme di evasione, senza dimenticare quanti effettivamente sono nelle condizioni di dover essere aiutati.

Gussago. Il Dirigente dell’area Servizi sociali Anna Maria Finazzi si sofferma sulle iniziative contro le morosità

Di fronte alla crisi si calcola il reddito realmente percepito forniscono, oltre al pasto, il servizio di scodellamento e di pulizia dei locali. Al momento gli incarichi sono affidati a Gemeaz Cusin per circa 80.000 pasti annui e alla Fondazione “Scuole dell’Infanzia Enti Morali di Gussago” per circa 8.500 pasti annui, per un solo plesso di scuola primaria. Il servizio costa alle casse del Comune circa 50.000 euro, mentre “il costo richiesto alla famiglia – spiega la dott.ssa Anna Maria Finazzi – per il pasto è commisurato alla capacità reddituale della stessa. In presenza di utenti morosi l’ufficio procede con i dovuti solleciti: di fronte a mancati pagamenti legati a situazioni disagiate viene attivata la collaborazione con il servizio sociale comunale che valuta, caso per caso, gli interventi”. Per alleggerire il costo per le famiglie “si è proceduto con il ricalcolo della quota dovuta sulla base di un indicatore, definito Idee (Indicatore di disagio economico equivalente), che anziché considerare il reddito riferito all’ultima dichiarazione (come avviene per l’Isee), considera il reddito effettivamente percepito. Sono state, inoltre, concesse rateizzazioni nei pagamenti e, attraverso il servizio sociale, sono stati erogati specifici contributi”.

di Luciano Febbrari

Per chi non riesce a pagare la retta, ricalcolata la quota dovuta. Il contributo degli assessori Francesco Pea (Politiche sociali) e Stefano Quarena (Pubblica istruzione) Il servizio mensa è garantito in tutti gli ordini di scuola. Nella scuola dell’infanzia esiste da sempre, in quanto l’iscrizione al servizio avviene contestualmente all’iscrizione a scuola. Nella scuola primaria la mensa è stata attivata per la prima volta alla scuola di Sale, nell’anno scolastico 1998/1999, con 51 iscritti. Nell’anno scolastico in corso gli alunni iscritti al servizio, in questo ordine di scuola, sono 551 mentre alla scuola secondaria di primo grado sono 9. Il servizio mensa viene appaltato a ditte e/o enti esterni che

Una panoramica di Gussago

Rovato. La crisi economica non dà tregua, ma il sindaco Andrea Cottinelli rilancia l’investimento per il futuro

Nella difficoltà il Comune scommette sempre sulla persona Come funziona il servizio della mensa scolastica presso il vostro Comune? A Rovato non c’è mensa per i ragazzi della scuola media perchè non ci sono rientri pomeridiani. Per la scuola elementare la mensa non è un servizio essenziale perchè la scuola si interrompe alle 12.30 per riprendere, in alcuni giorni, alle 14.30. In questo arco temporale le famiglie possono decidere se portare i figli a casa o lasciarli alla mensa pagando il servizio per intero. Ancore diversa è la situazione della scuola dell’infanzia statale: in questo caso la mensa è “tempo scuo-

la” in quanto l’orario scolastico inizia alle 9 e termina alle 17. La mensa non può essere sospesa per un iscritto alla scuola, perchè sarebbe come sospendere una lezione scolastica. Chi non riesce a pagare, come fa? Le morosità ammontano a circa 10mila euro all’anno e vengono poi recuperate con le diverse modalità. La retta all’inizio dell’anno è sempre proporzionata al reddito e alle proprietà della famiglia. Se la scuola è organizzata con un tempo pieno e la mensa è “tempo scuola” la mensa rientra nel servizio dell’istruzione. Se il Comune si trova di fronte a un cittadino che fa il furbo

Andrea Cottinelli

può aggredire i suoi beni, se si trova di fronte a un cittadino in difficoltà vera ha i mezzi per verificare ed eventualmente aiutarlo. In effetti per queste persone il nostro sistema non riesce a prevedere azioni di recupero efficaci. A Rovato preferiamo investire sulla persona convinti che il costo che la comunità sostiene oggi per l’istruzione sia nulla rispetto al costo che dovrà sostenere domani per gestire l’ignoranza della persona. Le situazioni di criticità stanno aumentando. Per questo il Comune deve attivare tutte le risorse, tra cui quelle della Regione Lombardia: dote scuola per gli studenti.


Al Centro Commerciale EUROPA

ORARIO CONTINUATO dalle 8.30 alle 21.00

La convenienza non ha Confini! Viale Europa,6 - PALAZZOLO SULL’OGLIO (BS) - Tel. 030/7402282


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

5

Passirano: "Il libro parlante"

La parola ai lettori

“Il libro parlante – il magico mondo del circo”. Sabato 29 maggio è in programma un’iniziativa di lettura animata dedicata ai bambini dai 3 ai 9 anni. Dove? Presso la sala civica. L’appuntamento è alle 15.30, l’ingresso è libero. Per informazioni, Comune ufficio cultura – 030 6850557 o www.comune.passirano.bs.it. Leggere che passione verrebbe da dire. Aiutare i più piccoli a maturare un interesse per la lettura è uno dei compiti principali della comunità adulta. Nella lettura si possono apprendere, anche attraverso il gioco, i diversi valori che contribuiscono a creare una società senza barriere e senza steccati. Nella lettura e nella capacità di riflessione, essenziale per chi si mette davanti a un testo, si nascondono le ricchezze della società futura.

L

IL MEGLIO DELLA FRANCIACORTA

Il Monte Orfano a piedi Un sentiero di 14 chilometri immerso nella natura. Il Monte Orfano è una delle immagini simbolo, da cartolina, di Rovato. Considerato uno dei più antichi affioramenti della Pianura padana, il monte è il polmone verde di Rovato, di Erbusco, Coccaglio e Cologne. La positiva sinergia tra le amministrazioni dei quattro Comuni e alcune associazioni del territorio ha consentito nel 2009 il completamento e l'apertura del percorso pedemontano, offrendo quindi la possibilità di girare attorno al Monte Orfano grazie ad un sentiero ciclopedonale.

LETTERE

Disabili dimenticati Quando si parla di disabilità è necessario che vengano prese in considerazione e risolte contemporaneamente diverse problematiche. In primo luogo devono essere messi a disposizione mezzi adeguati che non solo rispondono alle norme internazionali ma che permettano diversi tipi di sistemi di ancoraggio per le diverse tipologie di carrozzine. Visto che ciò è obiettivamente molto difficile, data la natura estremamente personalizzata delle carrozzine in funzione delle problematiche della disabilità della persona, è necessario avere, oltre all'autista, personale in grado di assistere il disabile durante l'ancoraggio della carrozzina e durante il tragitto. Infine sono necessarie pensiline adeguate per il carico/scarico delle carrozzine ma qui, al di là dei problemi riguardanti l'orografia del terreno, ci si scontra con la vera nota dolente: non esistono percorsi urbani adeguati per la circolazione delle carrozzine. Sarebbe inutile infatti creare spazi adeguati per usufruire di un trasporto pubblico se poi è impossibile circolare normalmente nel tessuto urbano. La constatazione è amara: è inutile pensare di fornire un servizio di tale importanza se poi è impossibile accedervi fisicamente. È un po' come voler costruire una casa partendo dal tetto e non dalle fondamenta. Lettera firmata

zione e la sicurezza non sono un costo aggiuntivo per l’azienda, ma un’opportunità per mettersi in regola e garantire la sicurezza e la dignità del lavoratore. Dall’altra parte il lavoratore deve applicare le norme che ci sono, ecco perché andiamo nel mondo della scuola: per cercare di innalzare questa cultura. Lettera firmata

Il lavoro come luogo di morte

La scuola che non riesce a educare

Ogni giorno mediamente quattro lavoratori muoiono sul posto di lavoro, più di un milione di infortuni all’anno e 30mila di questi che subiscono invalidità permanenti. Bisogna parlarne non solo quando capitano le grandi tragedie, perché spesso passata l’oda emotiva tutto rimane come prima. Il problema va affrontato tutti i giorni, cominciando a dire al datore di lavoro di applicare le leggi. Una delle cause, quindi, è il non rispetto delle leggi. Bisogna aumentare l’azione di contrasto. I controlli sono sporadici vista la carenza di personale delle Asl. I datori di lavoro devono capire che la preven-

Sono una mamma di un bambino di quinta elementare e sono arrabbiata con gli insegnanti di mio figlio. Perché? Hanno già detto che al termine della scuola non assegneranno compiti a casa. La motivazione? I docenti delle medie non li controllano. Secondo me l’estate può essere un ottimo momento per colmare, facendo esercizio, le lacune accumulate durante l’anno o per imparare cose nuove. Così dovrò fare ancora una volta la mamma “cattiva” che assegna i compiti da fare. Per fortuna la scuola dovrebbe collaborare con le famiglie nell’azione educativa. Grazia Zenti

IL PEGGIO DELLA FRANCIACORTA

Cattive abitudini In seguito alla piena di mercoledì 5 maggio del fiume Oglio si è inabissato il Bar Controcorrente, fiore all’occhiello del parco fluviale di Palazzolo sull’Oglio. Il disastro economico era sotto gli occhi di tutti i cittadini che stupefatti osservavano il bar sprofondare nel fiume. Resta da verificare perchè in tutta la Provincia i livelli dei fiumi si sono alzati notevolmente, forse questo denota una scarsa cura e pulizia degli argini e dei letti dei fiumi. Bisogna anche, altresì, prendere le distanze da quanti, di fronte a qualsiasi tipo di evento calamitoso, sembrano quasi gioire per le disgrazie altrui.

La forza della natura Le polveri di un vulcano bloccano il traffico aereo di mezzo mondo. Vogliamo renderci conto che, nonostante tutte le scoperte, siamo infinitamente piccoli di fronte alla forza della natura? Vogliamo incominciare a difendere la natura fin dalle piccole cose? Mario Denti

Adro: giusto far rispettare le leggi In merito alle polemiche sulla mensa scolastica di Adro, mi piace sottolineare l’ipocrisia tutta italiana. Ci lamentiamo spesso che molte persone non rispettano le regole e poi quando l’autorità competente prova a far rispettare le regole, ci stracciamo le vesti e gridiamo allo scandalo. Il Comune ha fatto semplicemente il suo dovere, ha cercato di far rispettare il principio di legalità e, soprattutto, di non creare differenze con chi aveva già pagato il servizio. Non possia-

mo continuare a penalizzare solo chi si comporta bene. Sono stufa di questa situazione. Su questa vicenda sono state pronunciate troppe parole inutili, senza dimenticare che qualcuno come al solito ha cercato di strumentalizzare politicamente l’episodio. Paolo Pasini

Adro: il buon senso prima delle leggi Non riesco a capire come si possa accettare la decisione del Comune di Adro di non garantire il servizio della mensa scolastica. Sì, è vero che alcune famiglie si sono comportate in maniera furba, ma è allo stesso tempo vero che ci sono alcune famiglie che faticano ad arrivare a fine mese. Mi preoccupa il fatto che la comunità di Adro, invece, di stringersi attorno alle persone deboli, ha preferito alzare la voce e puntare il dito contro il benefattore. Dove andremo a finire? Sono deluso. Abbiamo smarrito lo spirito di solidarietà. Luigi Manzini

Quanto viene pubblicato in queste pagine è da attribuirsi unicamente alla responsabilità dei firmatari delle lettere. Nelle lettere è necessario indicare in modo leggibile nome, cognome, indirizzo e numero di telefono di chi scrive per renderne possibile l’identificazione. La redazione si riserva il diritto di sintetizzare, senza alterarne il senso, i contributi ritenuti troppo lunghi (massimo 1500 battute). La pubblicazione di una lettera non implica la condivisione del suo contenuto da parte della direzione del giornale. Non saranno pubblicate lettere già apparse su altri organi di stampa. Scrivete a “La Voce della Franciacorta”, via Callegari, 6 - 25121 Brescia o via mail a franciacorta@vocemedia.it.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

Un bando pubblico per il chiostro di via Parini

Rovato

Aperto un bando a Rovato per l’assegnazione della gestione del parco pubblico di via Parini comprendente la realizzazione e la gestione di un chiosco di ristoro. Il contratto che verrà stipulato tra il vincitore del bando e il Comune avrà una durata di 15 anni. Il concessionario dovrà installare una struttura, anche prefabbricata, che funga da chiosco e preveda la presenza di servizi igienici e dovrà gestire l’apertura e la chiusura del parco, con orari concordati con il Comune, oltre alla custodia e alla pulizia. Il termine per la presentazione delle domande è il 20 maggio 2010. Le domande dovranno pervenire entro le ore 12 all’ufficio Protocollo del Comune. L’apertura delle buste e l’aggiudicazione avverrà il giorno successivo. Il testo del bando è sul sito www.comunedirovato.it. Per informazioni, Ufficio ecologia 0307713263.

Castello Quistini. Sabato 22 maggio l’edizione di Franciacorta Foto Workshop

Emozioni negli scatti di Daniele Piacentini

“Ogni emozione merita uno scatto”. È questo lo slogan dell’edizione 2010 di Franciacorta Foto Workshop, il seminario di fotografia ad altissimo livello che si terrà sabato 22 maggio a Castello Quistini di Rovato. Nato nel 2007 come Rosae Photo Day, da quest’anno l’iniziativa cambia nome e si allarga ad abbracciare non più solo l’arte dell’immagine macronaturalistica ma anche altri tre generi di scatti: lo “Still Life”, il “Franciacorta Fashion” e lo “Shibari”. I workshopo fotografici, suddivisi nelle quattro tematiche, saranno guidati da fotografi italiani di riconosciuta levatura in campo internazionale. A guidare gli appassionati di macronatura sarà, ancora una volta, Manuel Presti, fotografo romano eletto nel 2005 miglior fotografo di natura del mondo dalla Bbc e autore di scatti per il National Geographic. A curare il workshop “Still-Life” sarà invece Stefano Uvetta, firma prestigiosa di testate italiane come Vogue, GQ, Max, ElleDecor e docente di fotografia all’Istituto Europeo di Design di Milano. Con lui si affronterà un piccolo viaggio intorno agli

7

Castello Quistini

oggetti, dove emozionalità e ricerca degli stati d'animo prevalgano su qualsiasi altro aspetto. “Franciacorta Fashion” vedrà al lavoro Roberto Covi, già fotografo Armani e Sony, che accompagnerà i partecipanti nella realizzazione di una storia da raccontare illustrando come si scelgono location, modelle, trucco e capelli, la scelta degli abiti, le luci, gli scatti, la postproduzione. Infine la proposta più originale, lo “Shibari”, termine giapponese che indica l’atto di lega-

re qualcuno. La giornata di Castel Quistini a Rovato sarà un’occasione unica per conoscere quest’arte fotografica attraverso l’esperienza di Alberto Lisi, in arte Hikari Kesho, che dopo un’introduzione all’arte della legatura giapponese illustrerà le difficoltà e le tipologia delle tecniche di ripresa in un set di Shibari. Per iscriversi ai seminari fotografici di Castel Quistini, aperti a tutti, si può consultare il sito web www.franciacortafotoworkshop.it.

Investimenti nel verde pubblico Il Comune di Rovato investe nella manutenzione e al miglioramento del verde pubblico. L’ultimo bilancio ha destinato a tale proposito circa 120mila euro. Nei prossimi mesi sono quindi previsti nuovi interventi su tutto il territorio comunale: la piantumazione e realizzazione di manto erboso con relativi impianti di irrigazione a gocciolamento all’interno di diverse rotatorie (Girandola, Cityper, via Pasubio, via XXV Aprile, via Milano di Lodetto e a Sant’Andrea dalla tangenziale), aiuole (complesso Sette Torri a Lodetto) e giardini pubblici (via Toscana e via Montenero). L’intervento più rilevante riguarderà comunque la messa a dimora di circa quaranta nuovi cipressi che orneranno i lati di via Rimembranze, il viale che conduce al cimitero di Rovato centro. Cipressi saranno piantati anche all’esterno del cimitero di Duomo e all’interno del nuovo “Giardino della meditazione” del cimitero di Lodetto. L’attenzione verso il verde pubblico ha anche dei risvolti sociali. La scorsa estate l’Amministrazione comunale aveva invitato i rovatesi a partecipare al progetto “Adotta un albero”. Con l’arrivo della primavera grazie all’impegno volontario di una decina di rovatesi verranno piantati i primi alberi adottati: un tiglio, una quercia e sei aceri che andranno ad infoltire ed abbellire il verde pubblico del paese. A Duomo all’ingresso del paese da via Campanella, in piazza Vittoria a Lodetto e in via Battisti e via Sebino a Rovato i volontari avranno il compito di assistere e curare per i primi due anni dalla piantumazione le nuove piante. L’Amministrazione comunale di Rovato, vista l’esperienza positiva del primo anno di progetto, ha deciso di fare il bis riproponendo anche per il 2010 l’iniziativa. Gli interessati possono contattare l’Ufficio ecologia del Comune al numero 030/7713263.

Comune. Via libera anche alla variazione di bilancio e al regolamento per la gestione del macello comunale

Una via per il cavaliere Luigi Angelo “Gino” Streparava” Importante Consiglio comunale quello dello scorso mese di aprile a Rovato. L’assemblea degli eletti ha dato innanzitutto via libera alla variazione di bilancio 2010 e al regolamento per la gestione del macello comunale di via Spalenza, da alcuni anni ristrutturato con un investimento di diverse centinaia di migliaia di euro. Il consiglio ha poi approvato anche tre mozioni presentate nelle settimane precedenti. Luce verde bipartisan alla proposta di Giacomo Fogliata (Pdl) di dedicare una via al cavaliere Luigi Angelo “Gi-

no” Streparava, storico imprenditore rovatese deceduto nel dicembre scorso. Fogliata ha accettato il senso della proposta arrivata dalla maggioranza di Rovato Civica che, per bocca di Luciana Buffoli, ha consigliato di collocare la nuova via in un’area industriale e non, come inizialmente richiesto da Fogliata stesso, all’attuale via Roma. Intesa di massima anche sulla corsia preferenziale, nell’intitolazione delle prossime strade, per le personalità locali. I consiglieri di Rovato Civica hanno inoltre dato il proprio assenso

Il Municipio

alla mozione del consigliere Angelo Bergomi (Pd) contro la privatizzazione dell’acqua. Astenuti gli esponenti del centrodestra. Infine, il commiato del segretario generale: il dottor Maurizio Ricci ha annunciato di aver maturato i requisiti necessari alla pensione. Nato a Perugia 63 anni fa, Ricci era arrivato a Rovato nel settembre 2002, dopo una breve supplenza nel 1987. Tutti i consiglieri presenti gli hanno espresso gratitudine per il lavoro svolto in questi anni, chiudendo il consiglio comunale con un brindisi.


8

La Voce della Franciacorta maggio 2010

Sito: www.lavocedelpopolo.it

Franciacorta

Adro: la "Festa della solidarietà" Lunedì 7 giugno alle 19.30 presso l’azienda Contadi Castaldi di via Colzano 32 ad Adro è in programma la “Festa della solidarietà” a sostegno di Terra Madre. Una grande festa del sapore per diffondere la conoscenza del cibo e del vino, per tendere la mano alle donne Imraguen della Mauritania, custodi di un antico sapore legato alla pesca. Per rendere inseparabili piacere e responsabilità, restituendo alle generazioni future un pianeta pulito e ricco di biodiversità. Interviene Carlo Petrini, presidente internazionale di Slow Food, che parlerà del suo ultimo libro “Terra Madre – Come non farsi mangiare dal cibo”. L’ingresso costa 35 euro. Previsto uno spazio giochi per i bambini. Per informazioni, 3381849515.

Rodengo Saiano. Il sindaco Giuseppe Andreoli illustra gli interventi comunali sulle energie alternative

L’investimento nel fotovoltaico Già destinato un contributo comunale a tutti i privati che intendono installare un impianto, adesso nasce il servizio gratuito “ecosportello” di Francesco Gavazzi

Uno sguardo al futuro per presentare un progetto concreto. Sboccia così, da un “semplice” sguardo, un ampio piano di proposte che rimarcano l’attenzione con cui il Comune franciacortino ha scelto di puntare sulle energie rinnovabili. Il desiderio di sostenere un bisogno sociale e promuovere una sensibilità verso l’ambiente sono obbiettivi in cui il sindaco Giuseppe Andreoli e l’Amministrazione Comunale hanno deciso di impegnarsi, investen-

Il sindaco Giuseppe Andreoli

do nell’energia solare. È perciò stato destinato, per tutti i privati che intendano installare un impianto fotovoltaico, un contributo comunale pari a 200 euro per kWp allacciato (per un complesso massimo da 6 kWp). L’eco di riscontro dei cittadini è stata fin da subito ottimale, al punto che il budget

iniziale approvato, pari a 20.000 euro, si sta velocemente esaurendo; è pertanto già in fase di elaborazione una variazione di bilancio per aumentare lo stanziamento. Come tuttavia orientarsi verso l’orizzonte delle energie alternative? A risposta di questo interrogativo nasce l’“ecosportello”, un

servizio gratuito gestito da una cooperativa specializzata, a cui i cittadini possono rivolgersi il primo e il terzo sabato di ogni mese. Sotto la consulenza di esperti del settore, potranno così avere informazioni per tutto ciò riguardi la legislazione, le tecnologie, i calcoli di convenienza, il dimensionamento degli impianti, la qualità dei materiali e i finanziamenti. L’iniziativa comunale si è indirizzata anche verso gli enti morali, per i quali è stato deliberato lo stesso contributo e, recentemente, è stato incaricato l’allacciamento di un impianto fotovoltaico da 50 kWp per la “Scuola dell’infanzia Anna e Maria Fenaroli” che, già dalla prossima estate, produrrà energia sufficiente a coprire l’intero fabbisogno dell’edificio: un investimento atto a ridurre i costi delle future rette scolastiche. Per gli edifici pubblici è invece stato indetto un bando per l’installazione di impianti solare termico e fotovoltaico. “Un nuovo impulso rispetto al passato”, ha sottolineato il Sindaco, “un modo per trasmettere una mia personale sensibilità”.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

9

Cazzago San Martino. Presso palazzo Bettoni-Cazzago e presso palazzo Guarneri dal 14 al16 maggio

Franciacorta in fiore: la mostra mercato di rose, fiori e piante Storia, sapori e fragranze della Franciacorta. Il Comune e la Pro loco organizzano la manifestazione giunta alla dodicesima edizione. Partecipa anche il Fai di Luigi Zameli

Dal 14 al 16 maggio Palazzo Guarneri e Palazzo Bettoni-Cazzago, due importanti dimore storiche del territorio comunale di Cazzago San Martino, aprono i loro cancelli alla dodicesima edizione di Franciacorta in fiore, la rassegna e mostra mercato nazionale di rose e piante rare e classiche. La manifestazione è organizzata dal Comune e dalla Pro loco e gode del patrocino di numerosi enti pubblici, fra i quali il Ministero per i Beni e Attività Culturali, la Regione Lombardia, l’ente regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste (Ersaf), la Provincia, la Camera di Commercio e l’Unpli (Unione nazionale Pro loco d’Italia). Anche quest’anno compare nell’organizzazione il Fai. Dopo la Fattoria di Villa Maggi e, prima ancora, Villa Monte Rossa,

Un'immagine della passata edizione

La storia della manifestazione Franciacorta in fiore nasce nell’ormai lontano 1998, da un impegnativo progetto avviato dal Consiglio direttivo dell’Associazione Pro loco di Cazzago San Martino, presieduto da Varinia Andreoli, dietro suggerimento di Paola Rovetta Rabotti, titolare dell’Azienda Agricola Monte Rossa. Idea principe del progetto è quella di promuovere e tutelare il paesaggio della Franciacorta, coniugando in modo armonioso queste due aspirazioni con lo sviluppo economico del territorio, attraverso buone pratiche di gestione del territorio. Una com-

ponente del successo di Franciacorta in fiore è costituita dalla folta presenza dei volontari di Pro loco e di molte altre associazioni del terzo settore, dagli sponsor e da tutti quanti rendono possibile il ripetersi ogni anno di questo evento. È d’obbligo ricordare i Consigli di frazione, che hanno saputo costruire il “Palio della Rosa di Franciacorta”, non soltanto come evento competitivo, ma soprattutto come partecipazione corale, quella sì, volta a rappresentare con i costumi della storia medioevale, i colori della propria frazione.

che hanno fatto da cornice prestigiosa per due interi lustri, la rassegna sta vivendo un quinquennio presso altre due ville franciacortine: Palazzo Guarneri e Palazzo Bettoni-Cazzago, che si adornano per l’occasione di rose antiche e moderne, di piante rare e classiche. Già nel 2009 Franciacorta in fiore era approdata presso i cortili di Villa Bettoni-Cazzago e presso il parco di Villa Guarneri. Fra gli appuntamenti, si segnala il concorso dedicato ai progettisti del verde che ha come tema “Nuovi giardini per la città” e si avvale di due partner: il Vivaio Valfredda di Cazzago San Martino e l’Azienda Agricola Barni di Firenze, che metteranno a disposizione le loro collezioni 2009/2010 rispettivamente di erbacee perenni e di rose. Ai primi tre giardini classificati verranno assegnati viaggi premio, ma soprattutto la conservazione delle loro realizzazioni. Gli allestimenti dei progettisti, fino alla scorsa edizione realizzati all’interno dello spazio espositivo dedicato alla mostra mercato, escono dal recinto fieristico per trovare collocazione nelle aiuole, negli spartitraffico e nei parchi pubblici della cittadina. L’organizzazione ha previsto di conservare le realizzazioni e di averne cura, almeno fino alla successiva edizione di Franciacorta in fiore. Per conoscere il calendario degli appuntamenti, si può consultare il sito www.franciacortainfiore.it.

FLOWERS SPRING SUMMER 2010 ISEO - Via Campo, 36 - 0309822055 Aperto la Domenica


BI.AUTO s.r.l.

Vendita automobili nuove e usate di tutte le marche e modello. Finanziamenti personalizzati. SS11 / Via Milano, 62 / Gussago Zona Mandolossa(BS) Tel. 030 322021 - Cell. 333 6915818 www.biautobs.com

FIAT GRANDEPUNTO 1.2 VARI ANNI E MODELLI DA EURO 6900

RENAULT NUOVA CLIO 1.5 DCI 5 PORTE ANNO 2/2008 KM 27000 EURO 10000

BMW X3 2.0 D ANNO 4/2007 KM70000 EURO 23900

PORSCHE 997 CARRERA ANNO 7/2004 KM 48000 EURO 42800

SMART VARI ANNI E MODELLI DA EURO 5900

PORSCHE 997 911 CARRERA 2S CABRIOLET ANNO 6/2007 KM 18000 EURO 66900

BMW 320D ATTIVA FAP ANNO 4/2007 KM 114000 EURO 17500

ALFA ROMEO 159 SPORTWAGON JTD PROGRESSION ANNO 6/2006 KM 77000 EURO 12400

BMW 650i CABRIO ANNO 8/2007 KM 30000 PELLE NAVI EURO 47900

AUDI A3 2.0TDI DPF S/LINE PORTPAKET ANNO 6/2007 KM 77000 CAMBIO DSG EURO 18400

VW TOUAREG 3.0 V6 TDI ANNO 2005 101000 KM EURO 24800

BMW 320D CAT TOURING ATTIVA ANNO 4/2006 KM 83000 EURO 15000

BMW 335i COUPE ANNO 9/2006 KM 100000 CAMBIO AUT.INT.PELLE EURO 28000

VW POLO VARI ANNI E MODELLI DA EURO 5900

LANCIA YPSILON 1.3 MJT ANNO 3/2007 KM 53000 EURO 9200

IVECO DAILY 35 6 POSTI ANNO 4/2006 KM 122000 EURO 15000

AUDI A6 3.0TDI AVANT ANNO 7/2006 KM 110000 EURO 22900

AUDI S6 4.2 AVANT ANNO 9/2006 KM 67000 FULL EURO 42700

FIAT FIORINO MTJ AUTOCARRO 4 POSTI KM ANNO 2008 45000 EURO 11900

BMW 120 D ANNO 2004 CLIMA KM 120000 EURO 11200

FIAT DUCATO KOMBI 9 POSTI ANNO 4/2005 KM 100000 EURO 11500


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

Festival dei laghi italiani

Sebino

Dal 24 maggio al 2 giugno i laghi italiani si riuniscono a Iseo in un festival che valorizza le peculiarità dal punto di vista geografico, ambientale, culturale; mostre, concerti, cena di gala, convegni, prodotti tipici, spettacoli. Per informazioni, www.festivaldeilaghi.it. Domenica 23 maggio a Iseo alle 20.45 il sagrato della Pieve di S. Andrea ospita la Rapsodia in Blu di George Gershwin, con Massimiliano Motterle al piano e la Banda Cittadina di Iseo. Mercoledi 26 alle 20.45, presso il Castello Oldofredi, appuntamento con il convegno "Il lago di Leonardo" sul tema “Messer Da Vinci sul Sebino tra ipotesi e realtà”; segue “Il quadriportico di piazza Garibaldi: una degustazione vini Franciacorta e prodotti tipici dei laghi.

Sale Marasino. Organizzata dal 21 al 23 maggio una rievocazione di tipo storico

Rivive l’antica Valeriana di Alba Vezzoli

Il nome dell’antichissima strada che percorre le pendici della sponda orientale del lago d’Iseo, via Valeriana, viene fatto risalire al console romano Publio Valerio (anche se, per amor di cronaca, qualcuno ritiene che Valeriana dall’aggettivo “vallesiana”, cioè valligiana). La via Valeriana ha rappresentato per secoli l’unica strada di collegamento tra la Valle Camonica e Brescia ed è rimasta attiva via commerciale e di comunicazione sino a metà dell’Ottocento. Grazie a un progetto della Comunità montana del Sebino Bresciano è da anni in atto il recupero della via Valeriana: il progetto porterà il camminamento a essere ripercorribile, a piedi. I visitatori potranno così riscoprire non solo l’antica Valeriana, ma anche tutto l’entroterra Sebino orientale, poco conosciuto, ma importante dal punto di vista naturalistico, ambientale e culturale. Al fine di dare maggiore spessore alla valorizzazione della zona fioriscono tante iniziative, tra cui quella del Comune di Sale Marasino che ha deciso di organizzare, dal 21 al 23 maggio, una rievocazione storica medievale dal titolo “Rivive

11

Abiti e costumi per la rievocazione medioevale

l’Antica Valeriana”. Il programma è veramente interessante: si parte venerdì 21 maggio, nell’ex chiesa dei Disciplini con la “Cena con delitto alla corte medievale”, per rivivere le suggestioni di un vero giallo gotico. Sabato 22 maggio, alle ore 19.30 al Santuario di Gandizzano verrà celebrata la Santa Messa in lingua latina, seguita da cena medievale con figuranti in costume e spettacoli pirotecnici. Il clou del programma è previsto per domenica: per l’intera

giornata tutto il percorso dell’Antica Valeriana sarà infatti animato da cavalieri, musici, sbandieratori, frati, armigeri, artigiani, contadini e molto altro ancora. Un vero e proprio tuffo nel passato accompagnato dalle particolarità e stravaganze del Mercato Storico e dalla possibilità di pranzare nelle osterie della zona con le gustose pietanze della tradizione medievale. Per informazioni e prenotazioni: telefono 329.4313501, 338.3293378.

Paratico: domenica “alternativa” Tra le tante proposte per trascorrere una domenica “alternativa” e a costo zero vogliamo segnalare quella del Comune di Paratico. Infatti, per tutte le domeniche del 2010, sarà possibile visitare gratuitamente la torre medievale dei Lantieri di Paratico risalente XIV Sec. e riportata agli antichi splendori dopo un accurato lavoro di restauro conclusosi alla fine del 2009 (orari 10-12 e 1518). Visitare la Torre Lantieri non è però una pura esperienza “accademica”, ma è piuttosto un’esperienza a 360 gradi. Tutto questo grazie alla Quadrisfera, un’installazione innovativa (di cui ne esiste solo un altro esempio in Italia, presso il Cnr) collocata al piano terra della torre e pensata espressamente per coinvolgere il visitatore in un’esperienza totalizzante di immagini, suoni ed emozioni. una strabiliante commistione di tecnologia e arte. Tutto è immagine, emozione, colore e musica e l`avventore: il visitatore può rileggere il passato del comune Sebino attraverso una tecnologia che lo “bombarda” letteralmente da ogni lato. Si tratta di uno di quei piccoli tesori che molto spesso vengono ignorati dagli stessi bresciani: e, anche se questa volta non parliamo di un reperto storico e di un gioiello d’arte antica, ma di un frutto recente dell’intelligenza umana e della scienza, vale veramente la pena trascorrere un paio d’ore nella Torre. E se la Quadrisfera vi farà innamorare di questo scorcio di Sebino, non vi resta che una visita a Castello Lantieri. Si narra che nelle sue stanze avesse soggiornato il grande Dante Alighieri, come risulta dalla “Cronaca della Famiglia Lantieri de Paratico” scritta nel 1600: qui il poeta avrebbe tratto ispirazione per concepire la struttura del Purgatorio e per comporne alcuni canti.

Marone. Dal 28 al 30 maggio ritorna l’11ª edizione della rassegna promossa dal Comune e da Sebino Servizi

Tre giorni sotto i riflettori con “Dall’olivo all’olio” Ritorna a Marone, dopo il successo delle scorse edizioni, “Dall’olivo… all’olio”. Dal 28 al 30 maggio il piccolo comune Sebino diventerà la capitale dell’Olio Dop e delle migliori eccellenze gastronomiche italiane. La rassegna, promossa dal Comune di Marone e da Sebino Servizi, giunge ormai alla sua undicesima edizione, e propone una tre giorni ricca di serate a tema, laboratori e conferenze. La provincia di Brescia può vantarsi

di possedere due realtà riconosciute dall’Associazione nazionale Città dell’Olio, il Comune di Marone, appunto, e quello di San Felice del Benaco. Il programma di “Dall’olivo… all’olio”, ancora in fase di costruzione, ma già anticipato durante la scorsa edizione del Vinitaly, prevede appuntamenti di sicuro interesse dedicati sia agli appassionati del settore sia ai buongustai. Da segnalare la partecipazione di otto regioni italia-

Marone

ne che si presenteranno attraverso le loro eccellenze gastronomiche legate all’olio. Oltre a esponenti Lombardi saranno presenti sul territorio sebino, nei giorni della manifestazione, realtà provenienti dalle Marche, dalla Sardegna, dalla Toscana, dal Veneto, dall’Emilia Romagna, dalla Puglia e dalla Liguria. Fra le novità dell’undicesima edizione va segnalata inoltre l’istituzione del concorso “Olioimpresa” che prevede la collaborazione delle Comunità montane e delle province della Lombardia e che premierà le migliori idee in campo imprenditoriale.Per info: www.comune. marone.bs.it.


H@M><OJ@PMJK@J ?@G>JHH@M>DJ<H=PG<IO@

KMJ?JOODODKD>D?<GG@PMJK<

O<IODQJGODK@MPIPID>JH@M><OJ

Sabato

15 maggio

Domenica

16 - Lunedì 17- Martedì18 dalle 09.00 alle 23.00

3817267$03$5,&&$5',2U]LQXRYL %6

dalle 19.00 alle 23.00


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

13

Appuntamenti a Pisogne All'interno del programma "Percorsi culturali", la biblioteca comunale ha allestito una serie di appuntamenti. Prosegue fino al 23 maggio, presso la Torre Civica e lo spazio espositivo del lungolago, la mostra fotografica "I lake Pisogne" di Sergio Coronini. Sabato 29 maggio va in scena la "Festa dei Diritti" a cura dell'Anfass di Valle Camonica e con la presenza dell'associazione Cinefotoclub di Pisogne . In particolare saranno esposte le opere dei soci con un tema di riferimento: "Il mondo in piazza". Ogni mercoledì dal 26 maggio fino al 29 settembre, invece, l'associazione anziani "don Camillo Zintilini" organizza presso la tensostruttura del parco comunale il ballo liscio.

Sale Marasino. Presso la ex chiesa dei Disciplini è aperto fino all'11 giugno lo sportello psicologico e di ascolto

Prosegue lo sportello di ascolto per i genitori e gli adolescenti to possa essere accolta senza pregiudizi. A marzo la Comunità montana del Sebino bresciano ha promosso, in collaborazione con le cooperative Tornasole e Agoghè, uno sportello di psicologia e pedagogia. I destinatari sono la comunità adulta e gli adolescenti e giovani del territorio della Comunità montana del Sebino (per i minori di anni 16 serve l’autorizzazione dei genitori). È aperto dalle ore 12 alle ore 14 presso la ex Chiesa dei Disciplini a Sale Marasino in Via Roma n. 43 (accanto alla Comunità montana del Sebino bresciano). Sono stati pensati 12 incontri: gli ultimi sono in programma lunedì 24 maggio, lunedì 31 maggio, lunedì 7 giugno e venerdì 11 giugno. Lo sportello è ad accesso gratuito, necessaria la prenotazione telefonica dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19 (se l’operatore non risponde, si può lasciare un messaggio nella segreteria telefonica con il numero di telefono e il nominativo per essere richiamati) al seguente recapito telefonico 3479342912. È garantita la massima tutela e privacy della persona. Lo sportello sarà gestito da una psicologa esperta nel counseling e nella relazione di aiuto della cooperativa Agoghè dott.ssa Carla Archetti.

di Luciano Febbrari

La Comunità montana del Sebino ha promosso, in collaborazione con le cooperative Tornasole e Agoghè, uno spazio di ascolto per la comunità adulta, gli adolescenti e i giovani Uno sportello psicologico e pedagogico rivolto a persone che necessitano di un supporto temporaneo o un breve percorso di chiarificazione sulle tematiche inerenti l’educazione dei figli o il disagio psicologico in genere. Lo sportello intende offrire un luogo di accoglienza, uno spazio protetto all’interno del quale raccontarsi e dar voce al proprio disagio. Un luogo che sia facilmente accessibile in cui trovare personale qualificato e in rete con i servizi del territorio in cui la persona in cerca di un sostegno e suppor-

Navigazione Lago d’Iseo. Tutti i giorni si può navigare con la possibilità di scegliere un ampio pacchetto

Quattordici navi per solcare d’estate il lago in crociera Navigazione Lago d’Iseo è una società che dal 2003 il Servizio di Navigazione Pubblica di Linea sul lago d’Iseo. Dispone di una flotta composta da 14 navi di varie dimensioni aventi una portata passeggeri variabile da un minimo di 50 fino ad un massimo di 400 persone. La Navigazione Lago d’Iseo s.r.l. assicura e sviluppa tutti i Collegamenti previsti con le varie località durante l’intero arco dell’anno, rispondendo con puntualità alle molteplici esigenze di mobilità del territorio del Sebino. Offre, inoltre crociere e servizi di tipo turistico anche per promuovere e

valorizzare le tipicità paesaggistiche, naturalistiche ed enogastronomiche del lago d’Iseo. Fra le crociere e i servizi turistici. si ricordano il tour delle tre isole, la crociera sul Sebino, la crociera notturna e la crociera a tema. Monte Isola, Isola di Loreto, Isola di San Paolo sono le tre perle del Lago d’Iseo: un unico, indimenticabile itinerario esclusivo. Quando? Dal 13 giugno al 5 settembre: domenica e festivi; dal 8 al 22 agosto: tutti i giorni. Da Iseo la partenza è fissata alle 10.40, alle 15.15 e alle 16.45 e il percorso dura un’ora e trenta minuti. Da Sulza-

Isola di Loreto

no (durata un’ora) si può partire alle 11, alle 15.35 e alle 17.05. Chi parte da Monte Isola (Peschiera Maraglio) in un’ora si compie il tour: il via alle 11.05, alle 15.40 e alle 17.10. Da Sale Marasino in un’ora e trenta minuti la partenza è fissata alle 15.50. Il biglietto intero costa 6 euro, il ridotto (comitive e convenzioni speciali) a 5 euro. Promozioni speciali per le famiglie: il biglietto è omaggio per i bambini dai 0 ai 5 anni, mentre dai 6 agli 11 anni (ogni bambino pagante, uno è gratuito) costa 4,50 euro. Per informazioni, www.navigazionelagoiseo.it.


PORSCHE Carrera GT 5.7 V10 UNICO PROPRIETARIO FULL OPTIONAL KM8.000! Anno 10/2007 , Cabrio, 8000 km, 450 kW/612CV, Benzina, cambio Manuale, EuroE4 € 310.000,-

LAMBORGHINI Gallardo SPYDER 520 E-GEAR CARBO NAVI 19’SOSP. FULLKM19.000 Anno 02/2007 , Cabrio, 19000 km, 382 kW/520CV, Benzina, cambio Sequenziale, EuroE4, Iva esposta € 135.000,-

PORSCHE 997 TURBO COUPE’TIP. NAVI PASM CHRONO 19’FULLKM49.000 Anno 09/2006 , Coupè, 49000 km, 353 kW/480CV, Benzina, cambio Automatico, EuroE4, Iva esposta € 72.900,-

FERRARI 360 MODENA SPIDER F1 SCARICHI GRIGLIA MOTORE NUOVO FUL Anno 03/2003 , Cabrio, 57000 km, 294 kW/400CV, Benzina, cambio Sequenziale € 72.900,-

PORSCHE 997 CARRERA 4S CABRIO NAVI PASM PDC CHRONOFULLKM29.000 Anno 10/2006 , Cabrio, 29000 km, 261 kW/355CV, Benzina, cambio Manuale, EuroE4 € 68.900,-

BMW M3 BERLINA DKG F1NAVI PDC 20’XENOCD FULLNUOVA AFFARE Anno 02/2010 , 4/5-Porte, 8000 km, 309 kW/420CV, Benzina, cambio Sequenziale, EuroE4, Iva esposta € 68.900,-

PORSCHE Cayenne 3.0 DIESEL TIP.NAVI XENO PDC CERCHI 19’FULLAFFARE Anno 03/2009 , Fuoristrada, 79000 km, 176 kW/239CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4 € 52.900,-

PORSCHE Cayenne TURBO TIP.540CVNAVI TETTO CAM 21’BOSE SOS.ATT.FUL Anno 03/2008 , Fuoristrada, 135000 km, 397 kW/540CV, Benzina, cambio Automatico, EuroE4, Iva esposta € 51.900,-

AUDI Q5 3.0 TDI QUATTRO S-TRON.S-LINE NAVI 20’XENOPDCFULL Anno 03/2009 , Fuoristrada, 58000 km, 176 kW/239CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE5, Iva esposta € 48.900,-

AUDI Q5 2.0 TDI QUATTRO 6M NAVI XENO TEL PELLE FULLKM9.500 Anno 04/2009 , Fuoristrada, 9500 km, 125 kW/170CV, Diesel, cambio Manuale, EuroE5, Iva esposta € 45.900,-

BMW X5 4.8 i XDRIVE AUT.NAVI TETTOPED.PDC20’FULLKM73.000 Anno 05/2007 , Fuoristrada, 73000 km, 261 kW/355CV, Benzina, cambio Automatico, EuroE4, Iva esposta € 38.900,-

BMW X5 3.0 D FUTURA AUT.NAVI PEDANE XENO19’TELUFF.UNIPR! Anno 05/2007 , Fuoristrada, 85000 km, 173 kW/235CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4 € 38.900,-

BMW 335 i COUPE’ M SPORT AUT. F1 NAVI TETTO PDC 19’FULL!! € Anno 06/2007 , Coupè, 56000 km, 225 kW/306CV, Benzina, cambio Automatico, EuroE4 32.900,-

MERCEDES-BENZ ML 320 CDI SPORT AUT.NAVI XENO CERCHI 19’SOSP.ATT FULL!! Anno 05/2006 , Fuoristrada, 79000 km, 165 kW/224CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4, Iva esposta € 31.900,-

AUDI TT 2.0 TFSI ROADSTER S-LINE S-TRONIC AUT. FULLKM19.000 Anno 05/2008 , Cabrio, 19000 km, 147 kW/200CV, Benzina, cambio Automatico, EuroE4 € 29.900,-

BMW 535 D TOURING FUTURA AUT. NAVI XENO 18’PDCFULLKM68.000 Anno 05/2007 , Station Wagon, 68000 km, 210 kW/286CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4 € 29.900,-

VOLVO XC 90 2.4 D5 185CV AUT.SPORT NEW MOD.NAVI FULLKM57.000!! Anno 04/2007 , Fuoristrada, 57000 km, 136 kW/185CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4, Iva esposta € 27.900,-

BMW M3 3.2 COUPE’SMG F1 AUT. PELLE XENO18’CDFULLKM65.000 Anno 01/2006 , Coupè, 65000 km, 252 kW/343CV, Benzina, cambio Sequenziale, EuroE4, Iva esposta € 27.500,-

BMW 320 D COUPE’177CV M SPORT 6M XENO CERCHI FULLKM65.000 Anno 04/2007 , Coupè, 65000 km, 130 kW/177CV, Diesel, cambio Manuale, EuroE4 € 25.900,-

DODGE Nitro 2.8 L4 16V CRD R/T 4WD AUT.NAVI TETTO 20’PED.FULL Anno 03/2008 , Fuoristrada, 45000 km, 130 kW/177CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4, Iva esposta € 24.900,-

PORSCHE 996 CARRERA 4 COUPE’6M TETTO NAVI TEL XENO 18’CDFULL Anno 09/1999 , Coupè, 102000 km, 221 kW/301CV, Benzina, cambio Manuale, EuroE3 € 23.900,-

BMW 116 D ELETTA DPF NUOVA CERCHI INTERNI EXCLUSIVE FULL!! Anno 02/2010 , 4/5-Porte, 0 km, 85 kW/116CV, Diesel, cambio Manuale, EuroE4, Iva esposta € 23.900,-

BMW 320 D TOURING ELETTA 177CV AZIENDALE NUOVA KM13.000!!! Anno 02/2008 , Station Wagon, 13000 km, 130 kW/177CV, Diesel, cambio Manuale, EuroE4, Iva esposta € 21.900,-

CHEVROLET Captiva LTX 2.0 VCDi 16V 7PT.FAP AUT.NAVI PDC 18’CAM FULL Anno 10/2007 , Fuoristrada, 75000 km, 110 kW/150CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4, Iva esposta € 21.900,-

AUDI A3 1.9 AMBITION FAP NEW MOD.105CV FULL NUOVA KM3.500! Anno 02/2009 , 2/3-Porte, 3500 km, 77 kW/105CV, Diesel, cambio Manuale, EuroE4, Iva esposta € 21.900,-

VOLKSWAGEN Touareg 2.5 TDI R5 TIP.NAVI PDC 18’XENO TEL CD PELLE FULL Anno 05/2005 , Fuoristrada, 95000 km, 128 kW/174CV, Diesel, cambio Automatico, Iva esposta € 18.900,-

CHEVROLET Captiva LTX 2.0 VCDi 16V AUT.7POSTI FAP18’PELLEFULLAFFARE Anno 01/2007 , Fuoristrada, 110 kW/150CV, Diesel, cambio Automatico, EuroE4 € 18.900,-

MINI Cooper Clubman COOPER D 110CV NEW.MOD.UFF. COME NUOVA KM25.000!!! Anno 04/2009 , 4/5-Porte, 25000 km, 81 kW/110CV, Diesel, cambio Manuale, EuroE4, Iva esposta € 18.900,-

BMW 320 D TOURING ELETTA 6M PELLE ALLUMINIO FULLKM70.000!! Anno 01/2007 , Station Wagon, 70000 km, 120 kW/163CV, Diesel, cambio Manuale, EuroE4, Iva esposta € 16.900,-

CHINA AUTOMOBILE CEO 2.4 BENZINA/GPL NAVI TV TETTO PDC XENOFULLKM27.000 Anno 01/2009 , Fuoristrada, 27000 km, 92 kW/125CV, Benzina/GPL, cambio Manuale, EuroE4, Iva esposta € 16.900,-


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

15

Ovest bresciano Palazzolo sull'Oglio. Una città alla riscoperta della vocazione turistica

Non solo monumenti... di Massimo Venturelli

L’attrazione esercitata dalla Torre del Popolo, dal Castello e dal Torrione di Mura è più forte della piena dell'Oglio e dei danni che la stessa ha causato con l'affondamento della struttura galleggiante che ospitata il bar del parco fluviale realizzato in pieno centro cittadino. Incuranti delle polemiche che puntualmente hanno fatto seguito alla colata a picco del manufatto e attratti dalla possibilità di salire sino ai piedi della statua di San Fedele che, dalla cime della Torre del Popolo, vigila sulla comunità palazzolesi, dall’emozione di esplorare i meandri del Castello o di goderer dello splendido panorama che si gode dal Torrione che si erge nella parte alta dello storico quartiere di Mura, tantissime persone continuano a scegliere Palazzolo quale meta di una gita fuoriporta. E tra le quasi cinquemila persone che nelle aperture domenicali dei

Una panoramica di Palazzolo sull'Oglio

citati monumenti si sono date appuntamento a Palazzolo non mancano i visitatori stranieri e quelli in arrivo da altre provincie e da altre regioni. Un dato questo che consola il sindaco Alessandro Sala e che, in parte, mitiga l'amarezza per la disavventura del

parco fluviale. Molte sono le iniziative che Palazzolo ha messo in programma: appuntamenti musicali, teatrali (tra i tanti si segnala il 1° festival del teatro dialettale bresciano in programma dall'11 al 13 giugno) per dare una dimensione turistica alla città.

Alcune iniziative con Nomadelfia La Fondazione Galignani di Palazzolo promuove fino al 23 maggio alcune giornate di riflessione sul tema “Il bambino, la comunità educante e l’affido”. Alla realizzazione dell’iniziativa hanno collaborato realtà che sul territorio si occupano del tema scelto. Accanto a queste la Fondazione Galignani ha invitato a Palazzolo la Comunità di Nomadelfia, la realtà che vanta una lunga esperienza nel campo dell’affido. Molte le iniziative messe in programma, tra queste, nella serata del 19 maggio, la tavola rotonda “Un posto nel cuore”. Tutte le iniziative si tengono all’auditorium S. Fedele. Nomadelfia nasce negli anni trenta per volontà di don Zeno Saltini (1900-1981), figlio di agricoltori benestanti di Carpi che vive l'infanzia e la giovinezza tra fermenti cattolici e socialisti, in cui convivono realtà e utopia. Ordinato sacerdote nel 1931, raccoglie i primi bambini senza famiglia o abbandonati a San Giacomo Roncole: nasce l'Opera Piccoli Apostoli. Adulti fungono da genitori non soltanto dei propri ma anche dei figli altrui. Nascono le cosiddette "mamme di vocazione", mamme in famiglie che hanno così numerosi figli. Nel 1947 don Zeno occupa con loro l'ex campo di concentramento di Fossoli, frazione di Carpi, per costruire la nuova città. La comunità il 14 febbraio 1948 l'Opera Piccoli Apostoli prende il nome di Nomadelfia.

CITTÀ di PALAZZOLO SULL’OGLIO Assessorato Cultura e Turismo

propone

Apertura al pubblico MAGGIO GIUGNO SETTEMBRE Torre del popolo Castello Torrione di Mura Tutte le domeniche dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

sabato 15 maggio

Concerto tributo a Fabrizio De Andrè domenica 16 maggio

Il canto risveglia il parco… (Manifestazione canora degli uccelli) Dalle 6.00 alle 12.00 nel Parco fluviale G. Metelli Campionato Lombardo primaverile 1° Trofeo Città di Palazzolo s/O

domenica 30 maggio

Concerto di primavera Con la partecipazione dell’attore Luciano Bertoli - Cortile Palazzo Comunale

domenica 30 maggio

Cartaviva - Spettacolo “Fiabe” Giornata dedicata alle famiglie nel parco. Pic nic.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

Giovanni Repossi espone a Villa Mazzotti

Chiari

Giovanni Repossi, per anni direttore dell'Accademia di Brera, è uno degli artisti più importanti di Chiari e del parco artistico nazionale. Il 15 maggio alle 17.30 in Villa Mazzotti, a Chiari, viene inaugurata la sua personale “Chiaro di luna. Opere degli anni Settanta”. La rassegna è organizzata in collaborazione con la Galleria d’Arte moderna e contemporanea “L’Incontro” dove, dal 25 maggio, continuerà l'esposizione della personale. In esposizione in Villa una ventina di opere della serie “Paesaggi Combusti”: singolari vedute dall’alto di città come Ferrara, del delta del Po, delle Valli di Comacchio, delle spiagge o delle rovine archeologiche del porto etrusco di Spina.

Incontro con le scuole. L’autore presenta “Chi ha paura muore ogni giorno”

Il giudice Ayala ricorda di Claudia Morandini

L’appuntamento è di quelli da non perdere. L’ospite è d’eccezione. A Chiari il 29 maggio alle ore 10.30 in piazza Zanardelli il giudice Giuseppe Ayala presenta il suo libro-biografia “Chi ha paura muore ogni giorno”(edizioni Mondadori), testimonianza degli anni trascorsi nel pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. L’incontro, che vedrà coinvolte le scuole clarensi Itcg Einaudi, il Cfp G. Zanardelli e l’Istituto salesiano San Bernardino, è la tappa finale di un progetto educativo promosso dall’assessorato alla Politiche Giovanili del Comune di Chiari in collaborazione con Edicolè. Obiettivi di fondo del percorso formativo che prevedeva la lettura del libro del giudice Ayala − ne sono state distribuite 600 copie agli istituti interessati − integrata da supporti audio-visivi utili a contestualizzare il fenomeno mafia, era far capire che la lotta a questa piaga incancrenitasi nel tessuto sociale italiano, non spetta solo allo Stato e alle sue Istituzioni, ma deve coinvolgere tutti i cittadini. Fondamentale, quindi, educare al concetto di legalità, sviluppando una coscienza critica partendo pro-

17

Il giudice Giuseppe Ayala

prio da chi, di formazione si occupa: “È compito della scuola formare ciò che è la cultura dello Stato e delle Istituzioni, contro quel processo perverso che fa della mafia un’istituzione anti-Stato che attira consensi”. Queste sono parole, non a caso, del giudice Borsellino. Comprendere le origini della mentalità mafiosa, il suo modo subdolo di impregnarsi nel tessuto sociale, economico e politico, le sue conseguenze e implicazioni, erano solo alcuni dei temi che gli studenti

hanno approfondito. L’evento, patrocinato dal Senato della Repubblica , Regione Lombardia e Provincia di Brescia, sarà introdotto dall’Assessore alle Politiche giovanili Annamaria Boifava. Interverrà il sindaco senatore Sandro Mazzatorta. Coordina Claudio Baroni, vicedirettore del Giornale di Brescia. Confermata la presenza del Senatore Gianpaolo Vallardi, componente della Commissione Antimafia.

Scuola dell’infanzia Pedersoli La scuola dell'infanzia Pedersoli è, tra quelle presenti a Chiari, la più vicina al centro storico. Bastano pochi minuti a piedi per consentire ai bambini di raggiungere la biblioteca o la pinacoteca, per visite o laboratori didattici. E basta solo attraversare una piccola piazza per arrivare alla scuola primaria in occasione di feste o giornate a tema. Si tratta di una scuola che raccoglie i piccoli che abitano in centro, ma anche che vengono dai quartieri di costruzione più recente, nella zona est della cittadina bresciana. Sono 212 in tutto i bambini che la frequentano, divisi in 8 sezioni. Le insegnanti curano molto l'aspetto della relazione con i genitori, andando oltre il semplice scambio di informazioni. Basti pensare che lo scorso 31 marzo i genitori sono stati invitati a venire a scuola e a vivere gli spazi che abitualmente sono dei loro figli, dalla cucina all'angolo giochi, dall'angolo della lettura agli spazi più morbidi. Altissima la partecipazione. Un aspetto che ha colpito gli adulti è l'alto grado di autonomia che i loro figli dimostrano all'interno dell'ambiente scolastico; autonomia che forse non sempre i genitori consentono ai figli di esprimere a casa. Tra i temi affrontati con i bambini durante quest’anno vanno ricordato quello della pace, richiamata da colorati planisferi appesi sulle pareti, e quello, legato ad un percorso d'istituto sul tema delle scienze, della terra, intesa non come pianeta, ma proprio come materia, terriccio. I piccoli si sono trasformati così in piccoli scienziati, andando a setacciare la terra per scoprire gli elementi che la compongono e gli animali che la abitano. Con la terra hanno giocato, hanno fatto piccoli esperimenti, mescolandola con acqua per ottenere fango, e hanno anche provato a dipingere. Sulla terra hanno inventato storie e filastrocche. Portando a risultati, in molti casi, davvero sorprendenti. (p.f.)

Cfp Zanardelli. Il direttore Alessandro Lupatini spiega l'offerta formativa. Per il prossimo anno 550 alunni

La formazione professionale presenta un valore aggiunto Quella di Chiari resta una delle sedi più attive e dinamiche del Cfp Zanardelli, con sede a Brescia. “Sono 550 gli alunni previsti per il prossimo anno scolastico – spiega il direttore Alessandro Lupatini – divisi in 25 classi”. Tre gli indirizzi offerto: quello meccanico, quello elettronico-elettrico e quello per operatori di amministrazione segretariale. “Permettiamo ai ragazzi di adempiere agli obblighi scolastici – continua Lupatini – dan-

do loro la migliore preparazione possibile. Basti pensare che, seppure in tempo di crisi, la totalità di coloro che hanno seguito l'indirizzo meccanico trova lavoro”. Per ora sono attivi i primi quattro anni, al termine dei quali viene rilasciato un diploma professionale. Il sogno è quello di arrivare ad attivare anche il quinto anno, con tanto di esame di stato. Molto alta è la presenza di studenti extracomunitari; una percentuale

Alessandro Lupatini

che nelle prime supera il 50%. Lavorare e studiare fianco a fianco aiuta i ragazzi a vivere una vera integrazione. Accanto ai corsi tradizionali, c'è poi la sezione disabili, quella che il direttore definisce “il nostro orgoglio”. C'è poi tutto il mondo legato ai corsi pomeridiani e serali che il CFP offre, da quelli per adempiere agli obblighi di legge, come quelli per il primo e secondo soccorso o quelli per il rilascio del libretto sanitario, ad altri corsi più legati al tempo di crisi: “sono oltre 1100 – ricorda sempre Lupatini – le persone che hanno iniziato uno dei corsi per poter accedere agli ammortizzatori sociali”. (p.f.)


La Voce della Franciacor Franciacorta 2010 maggio 20

E-mail: franciacortavocemedia.it

19

Sedici postazioni per il tour enogastronomico Sedici le postazioni per questa edizione 2010 del tour eno-gastronomico con prima tappa nell’area antistante il Municipio in piazza Martiri della Libertà, a partire dalle ore 19, e termine percorso entro le 24. Il carnet degustazione, non nominale e utilizzabile da più persone, si potrà acquistare a partire dal 20 maggio ,al costo di 30 euro, sul sito www.gustiamocichiari.it oppure presso l’enoteca Vino e dintorni o ancora, all’ufficio commercio del Comune di Chiari. Ne verranno messi a disposizione 700 e solo in prevendita. Oltre al concerto a fine serata in piazza Zanardelli, sono previste altre manifestazioni collaterali, anche mostre di quadri che contribuiranno ad arricchire la kermesse.

GustiamoCI Chiari. Sabato 29 maggio un banchetto itinerante dove verrà distribuito il kit del degustatore

Un tour enogastronomico nelle vie e nelle piazze clarensi alla prima postazione antistante il municipio, mappa e carnet alla mano, ci si incammina verso le tappe successive. Il banchetto itinerante si apre con l’aperitivo per passare poi agli antipasti, ne sono previsti 2, 3 primi, 3 secondi, formaggio, frutta, gelato, dessert e, per concludere, un buon caffè. Percorso luculliano, verrebbe da dire. Ogni pietanza è sapientemente accompagnata da vini accuratamente selezionati. Niente cucina molecolare o destrutturata, di gran moda di questi tempi, ma consistenza e sapori decisi sotto il palato, caratteristiche tipiche della tradizione bresciana. Lungo il percorso saranno allestite confortevoli zone relax, mentre in piazza Zanardelli, tappa finale, un concerto accoglierà tutti i finalisti del tour. Il percorso avrà inizio a partire dalle ore 19 (con inizio entro le 21) e terminerà entro le ore 24. Orario prolungato per questa edizione. Tra una chiacchierata e una cantata e due giri di morra, si sforava ben oltre il quarto d’ora accademico normalmente tollerato.Niente di grave, se in nome di bacco e della buona compagnia.

di Claudia Morandini

L’iniziativa è promossa dallala Società consortile per la promozione del centro storico in collaborazione con Le Botteghe di Chiari. Prolungato l’orario: dalle 19 alle 24 spazio ai sapori Ottimo vino, cucina locale caratterizzata da freschezza e semplicità, saranno gli ingredienti base del rinnovato appuntamento con il tour eno-gastromomico “GustiamoCI Chiari”, in calendario sabato 29 maggio. Teatro dell’evento, promosso dalla Società consortile per la promozione del centro storico in collaborazione con Le Botteghe di Chiari, le vie e le piazze clarensi. Ritirato il kit del degustatore (piatto, bicchiere, forchetta, grembiule e l’indispensabile porta bicchiere)

Tra le donazioni, i defibrillatori

Interviste. L'assessore alle attività produttive Bruno Zerbini e Piero Massetti si soffermano sulla kermesse

Una manifestazione che convince e riscuote molto successo Assessore Zerbini, GustiamoCi Chiari è una manifestazione che ha sempre riscosso molto successo sin dalla nascita Sabato 29 maggio riproporremo questa manifestazione che è diventata per la cittadinanza e la Provincia di Brescia, uno degli appuntamenti più attesi di inizio estate. In questo evento i partecipanti assommano il piacere della degustazione in luoghi suggestivi a quello della buona compagnia molto in questo evento e le mie aspettative non sono andate deluse. Il successo è aumentato di anno in anno. Ci sono novità rispetto alle pre-

cendenti edizioni o il format vincente non si cambia? Ogni anno introduciamo piccole novità e anche quest’anno non deluderemo i partecipanti;non ne posso ancora parlare... sarà come sempre una gradita sorpresa! Massetti, la Società consortile per la promozione del centro storico si sta facendo promotrice di manifestazioni di grande richiamo. È la direzione giusta? È sicuramente la strada da percorrere per rivitalizzare e ridare la giusta importanza al centro storico. È nostra intenzione riuscire a realizzare degli

Piero Massetti, Le Botteghe di Chiari

eventi con cadenza mensile che possano diventare appuntamenti fissi . Organizzare una kermesse come questa richiede collaborazione e sinergie congiunte per la riuscita finale L’organizzazione di questo evento ha ormai raggiunto degli automatismi che ci facilitano il compito. Inoltre, grazie alla collaborazione di tutti gli operatori, ma soprattutto dei partecipanti che diventano parte attiva, il risultato finale ci ricompensa delle fatiche. Il progetto è sicuramente migliorabile con la collaborazione della cittadinanza.


FINO A

NEW

STEED GPL

DA

12.100 €*

DA

12.950 €**

Steed GPL, il Pick-Up più venduto in Italia,*** tuo a condizioni eccezionali grazie agli Ecoincentivi Great Wall alla rottamazione per il tuo usato che vale zero. Steed con impianto GPL già montato dalla casa e con tutti gli accessori che immagini, inclusi nel prezzo: ABS+EBD, Airbag lato passeggero + lato guida, alzacristalli elettrici, antifurto immobilizer, chiusura centralizzata con comando a distanza, climatizzatore manuale/automatico a protezione ambientale, correttore assetto fari elettrico, fari fendinebbia, radio e lettore CD, servosterzo, specchi esterni elettrici, volante e cambio in pelle, cerchi in lega (solo per Steed 5 posti). Consumi ciclo combinato (l-m3/100 Km): bz 10,7; GPL 14,6; met 12,8 Emissioni CO2 (g/Km): bz 251; GPL 236; met 218. www.greatwall.it 7DD?:?

=7H7DP?7 E'&&C?B7AC

ISOCAR BRESCIA ISOCAR LONATO ISOCAR SAN ZENO

via Valcamonica, 14 A Telefono: 030 314526 A Fax: 030 314564 via Folzone, 1 - Tel: 030 9919035 A Fax: 030 9919042 via Armando Diaz, 4 - Tel: 030 2106908 A Fax: 030 2106908

*Prezzo con rottamazione per versione Steed Luxury SC 4x2 2.4 c.c. con GPL già montato dalla casa, più iva, messa su strada e ipt. **Prezzo con rottamazione per versione Steed 5 posti, Luxury 4x2 2.4 c.c. con impianto GPL già montato dalla casa, più iva, messa su strada e ipt. La rottamazione Great Wall è valida ritirando qualsiasi auto o veicolo commerciale immatricolato fino al 31/12/2000. Valida sui mezzi presenti in rete e immatricolati entro il 30/07/2010. Offerta valida nelle concessionarie che aderiscono all’iniziativa, scade il 30/06/2010 o fino ad esaurimento scorte. ***Fonte dati UNRAE, periodi 2009/2010.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

21

Economia L'incontro

Mario Metelli Insieme ai fratelli Giovanni e Silvano guida il gruppo Cits

Un’azienda impegnata nella tutela ambientale Centro impianti termo sanitari dal 1974 ha sede a Chiari Mario Metelli

di Claudia Morandini

In casa Metelli la salute del nostro pianeta è tenuta in grande considerazione. Cits (Centro impianti termo sanitari) con sede a Chiari in via Cologne 1/a, è una ditta saldamente ancorata al tessuto commerciale e produttivo bresciano. L’anno di nascita risale al 1974 e la mission è realizzare nuovi impianti ecologici tecnologicamente all’avanguardia, a costi contenuti, con economizzazione di consumi nel tempo. In sostanza ridurre le tanto dannose emissioni di anidride carbonica. Protocollo di Kyoto, quindi, preso alla lettera dai fratelli Mario, Giovanni e Silvano. Tutto ebbe inizio in uno scantinato di Coccaglio nel lontano 1974. Mario, ci racconta come è andata? Era un piccolo scantinato che io e mio fratello utilizzavamo come laboratorio per la riparazione dei bruciatori. Decidemmo di proseguire perchè il lavoro ci appassionava molto ed è così che è nata la Cits. Nel 1982 si unisce all’impresa anche il terzo fratello e l’attività dell’azienda si trasferisce a Chiari in via dei Lattonieri nel nuovo insediamento produttivo artigianale clarense. In quel momento ci sembrava di aver raggiunto la nostra meta: avevamo quadruplicato gli spazi, avevamo attrezzato l’officina e gli uffici, ci sembrava di “essere arrivati”. L’attenzione alle nuove tecnologie ci spinge ad andare avanti, comprendiamo che per il cliente è fondamentale vedere e toccare con mano quello che possiamo offrire. Nasce allora l’esi-

genza di esporre i nostri impianti per mostrare come installiamo caldaie, pannelli solari e quali sono le nostre proposte per l’arredo del bagno. Così che nel 1996 viene inaugurata la nuova sede di via Cologne.

L’impiantistica è il core business della vostra attività: impianti ecologici, costi contenuti, economizzazione dei consumi. Una mission che ha portato la Cits a partecipare, dal 2007, al proget-

Novità nel ramo commerciale Tra Chiari e Cologne, sulla strada che collega i due centri urbani, non può certo passare inosservato il Cits center. Non solo per l’enorme insegna che campeggia sopra l’ingresso, ma anche per la mole mastodontica dell’edificio stesso. Parliamo di una superficie di 7000 metri quadrati – compresi gli spazi amministrativi – destinata al pubblico. Un megastore potremmo definirlo, suddiviso tra piano terra, primo e secondo piano, più uno spazio espositivo esterno dedicato all’arredo per il giardino, quando la stagione lo permette. Proprio questo segmento del ramo commerciale di Cits, già variegato, si è recentemente arricchito di un marchio di grande prestigio: il nuovo “flag store shop in shop “di prodotti Emu ai quali è stata dedicata una superficie espositiva

di 600 mq ubicata al primo piano la più grande in Lombardia di mobili sobri ma eleganti, adatti si ad abbellire esterni e terrazze, ma che sempre piu’ spesso è facile trovare anche all’interno di locali alla moda e abitazioni. Al piano terra dello store si trova tutto quanto può servire al fai da te: dall’infortunistica, al bricolage, agli articoli per la casa con area dedicata al ferrolegno. Oltre 40.000 gli articoli pronta consegna. Dato questo, che basta a dare la misura della varietà e quantità di quanto è presente sugli scaffali. Il secondo piano, raggiungibile anche con ascensore, è invece dedicato all’arredo bagno con prodotti di gamma medio alta. Trovare tutte le novità che un mercato sempre in evoluzione propone, in via Cologne 1/a, è considerato “servizio al cliente”.

to TEE (Titoli di Efficienza Energetica) dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas del risparmio di tonnellate equivalenti di petrolio, con risultati eccellenti. Una marcia in più rispetto ai vostri competitors? Sicuramente. È la prova tangibile che i sistemi da noi installati hanno caratteristiche tali da permettere effettivamente di inquinare meno e rendere di più. Abbiamo sempre cercato di essere un’azienda all’avanguardia, basti pensare che già dal 1980 realizziamo impianti a pavimento radiante, che dal 2002 abbiamo realizzato impianti a pannelli radianti a soffitto e/o a parete e che dal 2004 realizziamo impianti in geotermia. Questa è per noi la vera sfida per il rispetto dell’ambiente e un alto livello di comfort per il cliente: le pompe di calore permettono di sfruttare l’energia del sole che, scaldando l’acqua, l’aria e il terreno viene trasferita agli edifici. La tecnologia ci permette, da un anno a questa parte, di realizzare impianti in geotermia aria acqua senza perforare il terreno e senza dover necessariamente prelevare l’acqua da un pozzo, ma semplicemente utilizzando l’aria. Pannelli solari termici e fotovoltaici, fonti di energia alternativa. Come vengono recepiti dai vostri clienti? C’è stata una crescita significativa in questo settore? C’è stata una crescita sia nella domanda di installazione di questi sistemi sia nell’evoluzione nella costruzione dei medesimi. Sono visti dai clienti come fonte di risparmio, ma anche come mezzi per la conservazione dell’ambiente e sistemi che garantiscono maggior comfort e benessere.


22

La Voce della Franciacorta maggio 2010

Sito: www.lavocedelpopolo.it

Doppio appuntamento a Erbusco

Cultura

Sabato 22 maggio alle ore 20.30 è in programma “Genitori e figli nella letteratura”. Alessandro Quasimodo rilegge e interpreta i testi di Rina Gambini ("La crisi del rapporto tra padri e figli") e di Sara Cordone ("Mater dulcissima..."). Dove? Presso il teatro comunale di via Verdi, 55. Sempre a Erbusco, domenica 30 maggio, va in scena “Il risorto”, un’opera rock a cura del Coro dell’Amicizia della Parrocchia di Santa Maria Assunta, presso il Teatro comunale alle 20.30. L’ingresso è libero. Per informazioni, contattare l’Ufficio cultura (0307767315) o consultare il sito www.comune.erbusco.bs.it.

Bornato. La Fondazione antica pieve di San Bartolomeo ha nominato un Comitato scientifico con tre membri

Nella storia di una comunità La Fondazione si impegna per un sito museale che racconta stratificazioni archeologiche, evoluzioni architettoniche e le vicende storico-religiose lunghe 2000 anni di Carlo Taglietti

Fin dal lontano 1989 l’Amministrazione comunale del tempo iniziò ad interrogarsi sull’individuazione dei mezzi utili e necessari, per poter restituire restaurata alla comunità l’antica pieve di San Bartolomeo di Bornato, che versava in condizioni di abbandono e di degrado. In seguito a lunghi e faticosi percorsi, condotti con tutti gli interlocutori interessati a questo importante recupero (la Parrocchia di Bornato, proprietaria

I membri del comitato scientifico

della Pieve, ma anche l’Istituto diocesano per il Sostentamento del Clero, titolare della proprietà del terreno, la Soprintendenza ai Beni archeologici, architettonici e paesaggistici, responsabili degli interventi di ricerca e restauro), il Comune ha finanziato due successive campagne di scavo ar-

cheologico, a seguito delle quali sono stati messi in luce importanti reperti. Allo scopo di non compromettere i resti materiali rinvenuti è risultato improrogabile procedere con sollecitudine al consolidamento, al restauro delle pieve e alla realizzazione di una terza campagna di scavo. Il Comune

LA NOSTRA STORIA La Map Cucine, da sempre legata alla famiglia Pluda, è ormai una realtà “storica” a Brescia. Abbiamo iniziato a costruire cucine nel 1960, nel nostro laboratorio artigianale a Borgosatollo (BS). Da allora siamo cresciuti: abbiamo arredato le case di più di 25.000 famiglie. Siamo conosciuti per la qualità delle nostre cucine e per la serietà del servizio che offriamo. Oggi nel nostro show-room è possibile vedere, oltre a tre piani di cucine, anche ambienti open-space con soggiorni, salotti, camere e bagni.

MAP CUCINE - ARREDI COMPLETI BORGOSATOLLO (Brescia) via Bellini, 30 tel. 030 2702403 (r.a.) fax 030 2702031 www.mapcucine.it - info@mapcucine.it APERTO DOMENICA POMERIGGIO

IL ”SU MISURA” COME FILOSOFIA Il “su misura” non è solo uno slogan per la Map, ma una vera e propria filosofia aziendale. Possiamo realizzare, grazie al nostro laboratorio di falegnameria, soluzioni estremamente personalizzate ed esclusive.

di Cazzago San Martino e la Parrocchia di Bornato hanno creato una Fondazione di partecipazione, che ha assunto il nome di “Fondazione Antica Pieve di San Bartolomeo-Bornato”. Il 28 novembre 2009 ha avuto luogo l’insediamento della Fondazione presso il palazzo comunale di Cazzago S. Martino. Sono stati eletti all’unanimità: presidente della Fondazione Giuseppe Foresti, segretario generale della Fondazione Luigino Manessi; consiglieri: don Andrea Ferrari, Barbara Sechi, Giambattista Rolfi, Alberto Lancini, Simone Dalola, Paola Crescenti, Daniele Vezzoli; revisori dei conti: Guglielmo Quarantini. Ultimo organo istituzionale attivato nella fondazione il Comitato Scientifico: Caterina Bon Valsassina, direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Lombardia, prof. Gabriele Archetti, docente di Storia Medioevale all’Università Cattolica di Brescia; prof. Ernesto Tino Bino, docente di Organizzazione delle imprese di cultura all’Università cattolica di Brescia.

Partendo dall’assistenza in cantiere fino alla posa in opera finale, ogni cliente viene seguito con cura ed attenzione, per soddisfare anche le richieste più complesse. SERVIZIO E PROFESSIONALITÀ La Map, sin dal 1960, offre ai propri clienti chiarezza su prodotti, servizi e prezzi. Per questo segue da sempre una politica aziendale orientata a serietà e trasparenza. Perseguiamo questo obiettivo realizzando preventivi chiari, con contratti dettagliati e “senza sorprese”, con un servizio di rilievo misure ed installazione effettuato da personale altamente specializzato, ed infine con un’assistenza post-vendita sempre al servizio del cliente. Fidatevi della Map, migliaia di famiglie possono garantire sulla qualità del nostro lavoro.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

Cinema. Il film di Ridley Scott, che ha aperto Cannes, è nelle sale dal 14 maggio

L’ex gladiatore ora si chiama “Robin Hood” Per la quinta volta si realizza il connubio tra il regista inglese e Russell Crowe (46 anni), per bissare il successo della storia di Maximo. Nel cast anche Cate Blanchett di Mauro Toninelli

Il 14 maggio è il giorno, in Italia, di Robin Hood; il giorno del nuovo Robin Hood. A dirla tutta la vera giornata della storia dell’eroe di Sherwood è stata il 12 maggio, quando il festival di Cannes ha aperto i battenti proprio con la pellicola targata Ridley Scott con Russell Crowe e Cate Blanchett nei panni di Lady Mariam. “Robin Hood” è la continuazione di un sodalizio tra il regista e l’attore che è iniziato dieci anni fa proprio con “Il Gladiatore” e che si è replicato, con questo, per 5 volte. Quando vediamo per la prima volta il nostro eroe, si chiama Robin Longstride, è un arciere di Riccardo Cuor di Leone e sta tornando dalla terza crociata. Le vicende si svolgono attorno al 1200. L’inghilterra, non è quela che aveva lasciato: è in ginocchio. Prima di

Russell Crowe in una scena del film

essere Robin Hood finge di essere Robert Loxley, marito di Lady Mariam. È l’unico modo per difenderla e evitare che le confischino la proprietà. Arriverà poi ad essere il personaggio mitico che tutti conoscono. Una versione che arriva 20 anni dopo le ultime prove cinematografiche sull’eroe inglese e che racconta molto di quello che c’è prima. Sul fatto che si dica già che la pellicola sia “Il gladiatore di Sherwood” Scott

23

Rovato: digitale l’Archivio storico Più di 38mila file per altrettanti documenti compresi tra il 1309 ed il 1797. Più del 70% dell’Archivio Storico digitalizzato. Più di 2mila regesti effettuati. Una serie di studi riversate nel nuovo portale web, tra cui i 5 dvd relativi agli Statuta Rovadi (1428-1641), alle Pergamene del Fondo Bedizzole (1394-1550) alle Carte Catastali del Fondo Peroni (1716-1780) e a 4 dei 51 registri che compongono la serie delle Provvisioni (1480-1578) oltre al primo numero della serie “Communitas Rovati. Fonti Studi Interpretazioni”. È questo, in estrema sintesi, il contenuto del nuovo portale web dell’Archivio Storico Città di Rovato, presentato in un’affollata serata di metà aprile al Foro Boario. “Il via libera al portale – ha detto Ivano Bianchini, bibliotecario franciacortino e anima del progetto – è l’atto finale di un percorso costato 2 anni di lavoro e che ha visto coinvolte più di 10 persone specializzate in altrettanti saperi. Dagli archivisti ai ricercatori, passando agli informatici e digitalizzatori fino agli esperti del diritto amministrativo. Un costo complessivo di poco inferiore ai 30mila euro, 5mila dei quali ottenuti dalla Regione Lombardia”. Ciccando sul sito www. archiviostoricorovato.it si potrà quindi incontrare “il massimo del passato – dice ancora Bianchini – con quanto di meglio pare offrire il futuro, dentro un presente che sente fortemente il bisogno di conservare memoria ed identità in un prospettiva non chiusa in se stessa, ma interconnessa e aperta al mondo intero”. (d.p.)

risponde: “Non mi dispiace affatto. La struttura è la stessa, con una piccola differenza. Maximus era un personaggio di finzione, ma il reso era assolutament storico. Robin Hood non si sa con certezza se sia mai esistito, anche se io propendo per il sì”. “Il gladiatore” fu un successo economico, dell’Accademy (6 oscar e 12 nomination) e un tassello importante nella storia del cinema: un buon augurio.

TM

Cosa ti manca per sentirti al sicuro?

SISTEMI ANTIFURTO TELECAMERE A CIRCUITO CHIUSO AMPLIFICATORI GSM IMPIANTI RILEVAZIONE FUMI E GAS CONTROLLO ACCESSI WIRELESS SISTEMI DI TUTELA INTEGRATI E COMPLESSI

ASSISTENZA 24 ORE SU 24 7 GIORNI SU 7

Preventivo gratuito chiamando: 030/2774981 - info@allarmihoro.com www.allarmihoro.com

La nostra esperienza nelle tue mani


24

La Voce della Franciacorta maggio 2010

Sito: www.lavocedelpopolo.it

Strada del Franciacorta. L’itinerario giallo, denominato Franciacorta Satèn e adatto a tutti, parte e arriva a Iseo

Fra vigne, campi e borghi storici: ecco Pedalando in Franciacorta tuario Madonna della Neve. Giunti alla sommità di una dolce collina, all’incrocio giriamo a sinistra e, mantenendo la destra in discesa, imbocchiamo diritti la stretta via Lovera. Proseguiamo e allo stop ci immettiamo a destra sulla strada provinciale (200 metri). Dopo aver superato alcune attività commerciali sulla sinistra, imbocchiamo la strada per Calino. Proseguendo sempre diritti arriviamo al Monumento dei Caduti e poi giriamo a sinistra seguendo il cartello stradale che indica “Valli” e via Torre. Dopo una breve salita si raggiunge Bettolino di Monterotondo e, allo stop, si gira a sinistra seguendo le indicazioni per Provaglio d’Iseo e la strada provinciale 49. In fondo alla discesa, dopo il passaggio a livello, si raggiunge Borgonato. Si prosegue verso Nigoline. Seguiamo le indicazioni per Timoline-Centro Sportivo. Raggiunta una rotonda, si vede la Parrocchiale e si imbocca la strada per Provaglio d’Iseo. Prima del passaggio a livello, si gira a sinistra, per immetterci nel percorso ciclabile Brescia-Paratico, che costeggia la Riserva Naturale delle Torbiere. Seguiamo la strada tenendo alla nostra sinistra il Centro commerciale; arrivati allo stop della provinciale 11, la attraversiamo e dopo una leggera salita raggiungiamo Cremignane. Ripercorriamo per pochi chilometri via Colombera per ritornare al punto di partenza.

Il percorso, consigliato tutto l’anno, si svolge su strade asfaltate e ha una lunghezza di 30 km. Si copre, senza particolari difficoltà, in circa 2 ore e 30 minuti di Luciano Febbrari

All’uscita della sede di Iseo Bike si prende a destra per la ciclabile fino a raggiungere via Colombera. In fondo alla strada si svolta a destra, per girare poi subito a sinistra per Cremignane; alla fine della leggera salita si svolta subito a destra e si raggiunge, sulla strada ciclabile Brescia-Paratico, Clusane d’Iseo. Ci si immette sulla provinciale per Sarnico e, dopo il semaforo pedonale, si devia a sinistra: la strada porta a Colombaro. Quando la strada si biforca, si prende a destra via Manzoni e si prosegue diritti per il centro del paese. Si continua su questa strada, fino ad arrivare a Nigoline e, allo stop, si svolta a destra per Adro. Se si prosegue lungo il percorso, imbocchiamo una strada in mezzo ai vigneti: dopo poche pedalate si trova una discesa che porta al piazzale del San-

L’itinerario giallo parte da Iseo

Strada del Franciacorta. Il presidente Gianluigi Vimercati descrive la proposta per gli amanti delle due ruote

Cinque itinerari per scoprire le tante risorse del territorio Scoprire la Franciacorta lentamente, in sella alla bicicletta, assaporandone le atmosfere, gustandone i paesaggi, concedendosi il tempo di fermarsi a visitare un’abbazia o un castello, una cantina o un produttore di olio, formaggi o salumi, facendo una sosta in una trattoria per assaggiare i piatti tipici della cucina bresciana: è questa la proposta della Strada del Franciacorta, che ha messo a punto 5 itinerari per gli appassionati delle due ruote. Realizzati in collaborazione con Iseo Bike, fra le new entry della Strada, gli itinerari si snodano ad anello in tutta la Franciacorta, dal lago d’Iseo a Brescia. Itinerari agro-ciclo-turistici si potrebbe dire con un neologismo, alla portata di tutti, sono un suggerimento per gli escursionisti che vogliono fare in tutta tranquillità una passeggiata sulle due ruote, per le famiglie con bambini,

per gli enoturisti desiderosi di conoscere da vicino la Franciacorta. Il loro tracciato tocca vigne e campi, piccoli borghi e ambiti di particolare interesse naturalistico (come le Torbiere del Sebino), punti panoramici e luoghi d’interesse storico-artistico. A contrassegnarli sulle mappe, colori diversi: l’Itinerario giallo ha come start Iseo, quello blu l’Abbazia di Rodengo Saiano, quello verde parte da Clusane, quello rosso da Erbusco, quello nero, infine, parte da piazza della Loggia ed evidenzia lo stretto legame fra Brescia (il cui Comune è socio della Strada) e la Franciacorta. Per conoscerli nei dettagli, consultare il sito www.stradadelfranciacorta.it, da cui si possono scaricare mappe e descrizione. Saranno prossimamente pubblicati, in 3 lingue, sulla nuova brochure della Strada. Ad affiancare gli itinerari, una serie di strutture fra agriturismo, al-

Gianluigi Vimercati Castellini

berghi, punti di ristoro, associati alla Strada e attrezzati in modo particolare per ricevere i cicloturisti e dare loro l’adeguata assistenza. “Crediamo nell’importanza, in un territorio come il nostro, dei ciclo-viaggiatori, la cui presenza è in costante aumento – commenta il presidente della Strada del Franciacorta Gianluigi Vimercati Castellini – perciò abbiamo tracciato questi itinerari e stiamo lavorando per presentare in maniera più organica la nostra proposta ricettiva verso un segmento di turisti che riteniamo di grande interesse per uno sviluppo ecosostenibile della Franciacorta e per il sostegno della microeconomia locale. Già diverse strutture associate alla Strada sono attrezzate per ricevere al meglio i ciclisti”. Informazioni: Associazione Strada del Franciacorta, tel. 0307760870,www. stradadelfranciacorta.it.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

25

Viaggi. Alcune proposte per una vacanza da vivere al mare. Sono diverse le opportunità di divertimento

Formentera, Ibiza e Cipro Nord: là dove il mare è sempre più blu Tre mete per gli amanti del sole e del mare. Formentera e Ibiza sono due isole delle Baleari e sono note ai più giovani, anche Cipro Nord vuole farsi conoscere di Carlo Taglietti

Formentera è un'isola piccola e tranquilla. Meta ideale per chi ricerca relax e per tutti coloro che prediligono una vacanza all'insegna della natura e del mare. È una delle quattro isole principali componenti l’arcipelago delle Baleari in Spagna; assieme alla vicina Ibiza forma a sua volta una delle Isole Pitiuse. Caratterizzata da vegetazione tipicamente mediterranea, fu sfruttata dai Romani quale deposito di frumento, da cui deriva il nome di Formentera. La popolazione residente è di appena 5.553 abitanti. Formentera vanta infatti spiagge chilometriche, mare caraibico e pianure dal colore giallo dei campi di cereali. Si raggiunge dalla vicina Ibiza in 30 minuti con un comodo trasferimento in traghetto. Mondana e modaiola è considerata la meta preferita dal jet

La spiaggia di Formentera

set internazionale. Eivissa è il suo nome in catalano ed è quello che utilizzano i suoi abitanti mentre per gli spagnoli ed il resto del mondo essa è meglio conosciuta come Ibiza. In italiano era conosciuta anche come Eviza e, almeno fino alla metà del XX secolo, come Iviza, nome con cui è conosciuta anche in inglese. Ibiza viene scelta dai turisti per la particolare vita notturna che può offrire, in cui esclusivi party estivi e discoteche tra le più glamour del mondo allungano il divertimento fino all’alba di ogni nuovo giorno. Cercate locali come lo Space, il Pacha, il Privi-

Formentera Formentera è una destinazione turistica molto popolare: grazie alla bellezza delle spiagge e alla sua vicinanza con Ibiza con cui è collegata da frequenti traghetti, offre una vita e un turismo meno formale e meno legato al variopinto mondo delle discoteche. Negli ultimi anni è diventata meta di moltissimi turisti italiani che hanno instaurato la moda dell’aperitivo in riva al mare accompagnato da musica fino a tarda ora.

lege, l’amnesia molto famoso per gli schiuma party, l’Eden e il Es Paradis; potreste avere la fortuna di assistere al lancio di nuove tendenze musicali e modaiole. A Ibiza si vive di notte e si dorme di giorno. Cipro nord la perla sconosciuta del Mediterraneo. Una delle destinazioni più ambite di tutta l’Europa dove ancora oggi si trovano boschi impenetrabili, insenature nascoste, grotte misteriose, spiagge bianchissime e coste immerse in un mare miracoloso, non ancora sfruttate dal turismo. Cipro nord possiede un fascino misterioso ancora avvolto dalle leggende di Afrodite, la Dea dell’amore… Cipro Nord è una destinazione per quelle persone che cercano una “vera” vacanza di mare: gli amici pescatori, gli amanti della natura, dell’arte e della storia, di cui l’isola, al pari della Cipro Sud, è fortemente depositaria. Spiagge bellissime e isolate, castelli fantastici, ottimo cibo con ottimi prezzi: questo è il motivo per cui andare a Cipro Nord. Già da qualche anno a questa parte, man mano che i turisti in cerca di nuove e valide alternative alle solite destinazioni hanno scoperto questa parte dell’isola, Cipro Nord sta cercando di mettersi al passo per soddisfare il crescente interesse per le sue bellezze naturali, il suo clima, la sua tranquillità.

Rovato - Corso Bonomelli 1 tel 030 7702663

Liberi di viaggiare

info@lifeviaggi.it

IBIZA Per il volo inaugurale da Malpensa il giorno 6 giugno Life Viaggi propone i seguenti pacchetti viaggio:

€ 399. Ibiza Cala Longa speciale famiglie con formula tutto incluso quote da € 399. FORMENTERA Formentera formula appartamento + scooter quote da € 650 CIPRO Ibiza hotel Puchet di Sant Antonio in mezza pensione quote da

In concomitanza del volo inaugurale per Cipro Nord da Bergamo il giorno 16 giugno:

hotel Long Beach 4* in mezza pensione quote da

€ 499 altre offerte su:

www.lifeviaggi.it


26

La Voce della Franciacorta maggio 2010

Sito: www.lavocedelpopolo.it

Speciale Confartigianato Brescia. Organizzata una due giorni sul fotovoltaico con il Comune di Gussago

Il fotovoltaico? Un investimento per avere risparmio energetico Ospitati alcuni incontri. Fra gli altri, sono intervenuti Giovanni Zaina di Confartigianato e Antonio Rampulla, funzionario della Provincia di Brescia di Luigi Zameli

Fotovoltaico, una strada alternativa per risparmiare e guadagnare. Questa l’idea che ha portato la Confartigianato di Brescia, in collaborazione con il Comune di Gussago ad organizzare una due giorni sull’argomento. Ed ecco che il Paese franciacortino si è trasformato nella “capitale del fotovoltaico”. Venerdì 16 aprile e domenica 18 aprile, i tecnici del settore, le aziende installatrici, tutti coloro che, a titolo diverso, hanno interesse per la cosa si sono incontrati a Gussago. “L’energia è alla base del nostro sviluppo, ma deve essere fruibile ad un costo accettabile”, spiega Eugenio Massetti, presidente della Confartigianato bresciana e del Cenpi, il consorzio interregionale che si occupa dell’intermediazione e della fornitura di energia alle imprese a prezzi più vantaggiosi. Una due gior-

Un’immagine del convegno e, a destra, il presidente Eugenio Massetti

ni tenutasi in diverse località del paese, dove si sono susseguiti una serie di convegni, “Investire risparmiando: dal fotovoltaico al risparmio energetico. Soluzioni per un investimento vincente”. Ne hanno parlato, fra gli altri, due tecnici: Giovanni Zaina (funzionario della Confartigianato ed esperto in materia) e Antonio Rampulla (funzionario della Provincia di Brescia). Domenica si è tenuto un workshop, ovvero una sorta di mostra ristretta dove una quindicina di imprese del settore (prevalentemente gussaghesi) si sono messe a disposizione dei visitatori. Le domande e le curiosità non sono man-

cate. Quanto costa un impianto, qual’è il meccanismo del rimborso del Gse, quanti anni servono per ammortizzare l’impianto stesso e via andare. Una avvertenza preliminare. Se c’è qualcuno interessato ad installare un impianto fotovoltaico questo è il momento magico, è stato spiegato nell’incontro. Nel senso che oggi i pannelli solari hanno raggiunto il costo più basso mai registrato (diciamo che rispetto a due anni fa siamo quasi al -50%; un impianto da 3 kw per una famiglia media arriva anche a 11-12mila euro, più Iva), mentre per contro gli incentivi sono ai massimi. Unica, reale incertezza, i tempi:

fra qualche mese le tariffe incentivanti cambieranno (abbassandosi) e quindi vale anche per il fotovoltaico: se non ora quando? La due giorni gussaghese si affianca ad una attenzione al settore che il Comune in prima persona in questi anni ha alimentato: 4 scuole del paese, ad esempio, hanno un impianto energetico di questo tipo. Così come al tema risparmio-energia, Massetti ha ricordato l’impegno dell’Organizzazione nel Cenpi-Consorzio Energia Piccole Imprese che consente risparmi dell’8-10% sulla bolletta elettrica e del 5-6% sul gas. Ma qui stiamo parlando di fonti energetiche tradizionali.


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

27

Salute. Possono essere percepiti come suoni che vanno dallo scampanellio, allo strofinio o al rumore bianco

Gli acufeni: strani ronzii e fischi che si avvertono nell’orecchio Con il termine acufeni si indica la sensazione di sentire suoni che invece agli altri sono inudibili. Si tratta di un’esperienza soggettiva, spesso molto fastidiosa di Carlo Taglietti

Con il termine acufeni si indica la sensazione di sentire suoni che invece agli altri sono inudibili. Si tratta di un’esperienza soggettiva, spesso molto fastidiosa. Gli acufeni sono spesso associati all’ipoacusia (sordità). Gli acufeni possono essere percepiti come suoni molto diversi che vanno dallo scampanellio, allo strofinio o al rumore bianco. Gli acufeni hanno intensità variabili, possono essere costanti o periodici e in genere sono più comuni nelle persone oltre i 40 anni. Gli acufeni possono essere molto fastidiosi e portare disturbi della concentrazione e del sonno. Fra le cause tipiche degli acufeni: ipoacusia, malattie dell’orecchio, accumulo di cerume, corpi estranei nel condotto uditivo, stress, fatica, pressione arteriosa alta, uso eccessivo di medi-

L'esterno della sede

cinali come ad esempio antinevralgici contenenti acido acetilsalicilico. È stata fatta molta ricerca nel campo degli acufeni, ma le cause precise e le cure non sono ancora state trovate. Molti fattori che causano l’ipoacusia, come il rumore, possono essere all’origine anche degli acufeni. Se l’origine degli acufeni è causata dal cerume, dallo stress o dalla pressione sanguigna, il problema è curabile, mentre purtroppo non esistono ancora cure se non viene individuata una causa esterna. Esistono tuttavia le seguenti possibilità di trattamento: gli apparecchi acustici, perfettamente

La mission A chi non è mai capitato di avvertire un fischio o un ronzio passeggero nell’orecchio? Se quel fischio o ronzio perdura può diventare assai fastidioso al punto di pregiudicare la qualità di vita della persona. In questo caso si parla di acufeni. Un altro disturbo spesso associato all’acufene, ma anche presente singolarmente, è l’aumentata sensibilità a rumori e suoni anche di debole intensità. Si tratta di iperacusia o fonofobia.

adattati, spesso riducono gli acufeni nelle persone ipoacusiche; il mascheratore degli acufeni è un piccolo strumento elettronico. Viene alloggiato nell’orecchio, dove emette un suono che maschera totalmente o parzialmente gli acufeni. Il supporto di specialisti e psicologi può essere valido per aiutare le persone con acufeni cronici a convivere con il suono e, con il tempo, ad apprendere come ignorarlo. Per acufene si intende quel disturbo costituito da rumori che, sotto diversa forma (fischi, ronzii, fruscii, crepitii, soffi, pulsazioni ecc.) vengono percepiti in un orecchio, in entrambi o, in generale, nella testa, e che possono risultare fastidiosi a tal punto da influire sulla qualità della vita di chi ne soffre. Si originano all’interno dell’apparato uditivo ma, alla loro prima comparsa vengono illusoriamente percepiti come suoni provenienti dall’ambiente esterno. È stato calcolato che nella popolazione priva di difetti uditivi un soggetto su dieci soffre o ha sofferto di acufeni, mentre nella popolazione con ipoacusia, cioè con riduzione uditiva, la percentuale sale a circa il 50%. Inoltre, più del 20% degli abitanti ha avuto esperienze non traumatiche di acufeni che, per il 7% hanno richiesto lassistenza del medico otorinolaringoiatra, per il 5% hanno provocato disabilità e per il 2% un grave handicap.

Sentire bene dà gioia alla vita. Nel nostro Centro troverete la massima disponibilità con personale specializzato e qualificato.

soluzioni per l’udito da MAGGIO si riceve anche a Chiari

INFO: 393 9028208 Centro convenzionato ASL

Assistenza domiciliare

Controllo dell’udito gratuito

Riparazione e permuta protesi acustiche

Apparecchio acustico in prova

Otoprotettori per acqua e rumori

Apparecchio sostitutivo

AMPIO PARCHEGGIO

Orari: Dal Lunedi al Venerdì 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 Sabato mattino si riceve su appuntamento

Si riceve anche a Palazzolo s/o per info Tel. 030 7241615

CENTRO ACUSTICO FRANCIACORTA di Marco Bernacchi - audioprotesista Via Franciacorta 22 Rovato (Bs) Tel.030 7241615 Cell, 393 9028208 acusticafranciacorta@libero.it


TI ASPETTIAMO IN CONCESSIONARIA

GOZZINI S.R.L.: ROVATO: Via XXV Aprile - Tel. 030.7241531 CHIARI: Via Muradello, 3 - Tel. 030.711032 - PARATICO: Viale Madruzza, 23 - Tel. 035.910203


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortaď&#x2DC;łvocemedia.it

29

Di corsa sul Guglielmo

Sport

La Proai GĂślem va in scena domenica 13 giugno sulle tracce del sentiero numero 290 del Cai con partenza da Provaglio dâ&#x20AC;&#x2122;Iseo e arrivo in quota sul Guglielmo al rifugio Almici. Le iscrizioni (per informazioni, telefonare al Cai di Provaglio d'Iseo, 030983816) si chiudono lâ&#x20AC;&#x2122;1 giugno o al raggiungimento di 350 iscritti. Con i proventi delle passate edizioni è stata ďŹ nanziata la costruzione di un pozzo per lâ&#x20AC;&#x2122;acqua nel villaggio di Meguet in Burkina Faso (servirĂ al bisogno idrico di altri 16 villaggi) e sono state acquistate macchine da cucire per il Liceo Kutomisa, gestito in Congo dalla ComunitĂ  cattolica delle Suore Poverelle. Continua il progetto delle adozioni a distanza con gli 11 bambini adottati in Costa dâ&#x20AC;&#x2122;Avorio (AdiakĂŠ).

Calcio, Lega Pro. Nel girone A della Seconda divisione gli uomini hanno concluso lâ&#x20AC;&#x2122;annata con un pesante ko

Rodengo: la crisi è irriversibile Il bilancio di ďŹ ne stagione non è certo roseo: i franciacortini sono fuori dai play off e lottano con il tempo per evitare di scomparire: contattati alcuni imprenditori di Mario Ricci

Conclusa la stagione regolare con un pesante 5-1 casalingo ad opera del Legnano, il Rodengo Saiano raccoglie i pezzi di una stagione a due facce. Bella e promettente per tutto il girone dâ&#x20AC;&#x2122;andata, in declino nella seconda parte. Un crollo verticale in concomitanza con lâ&#x20AC;&#x2122;esonero di Braghin. Panchina afďŹ data al duo Trainini-Bertoni e franciacortini che perdono anche lâ&#x20AC;&#x2122;opportunitĂ di disputare i play off promozione per cercare di salvare unâ&#x20AC;&#x2122;annata carat-

Un'immagine di gioco

terizzata dalla forte crisi economica. In poche settimane si è passati dalle primissime posizioni ad un settimo posto. Dopo quattro anni nei professionisti, dunque, questo sarĂ il primo senza spareggi promozione. E, allâ&#x20AC;&#x2122;orizzonte, il futuro del

club presieduto da Alessandro Ferrari rischia di seriamente di scomparire. Senza sponsor e affogato dai debiti, il Rodengo Saiano non riesce a trovare un acquirente in grado di salvare il salvabile. Lo staff giallonero ci ha provato in tutti i modi: a

piĂš riprese si è parlato di fusione imminente ma di certo non câ&#x20AC;&#x2122;è ancora nulla. Il tempo stringe, entro la ďŹ ne del mese bisognerĂ trovare a tutti i costi una soluzione. â&#x20AC;&#x153;Abbiamo allacciato dei contatti con alcuni imprenditori â&#x20AC;&#x201C; spiega il numero uno Ferrari â&#x20AC;&#x201C; ma nulla di concreto. Rischiamo di chiudere bottega. Ă&#x2C6; vero, stiamo valutando eventuali fusioni con altre societĂ . Solo cosĂŹ potremmo garantire un futuro che, al momento, non esisteâ&#x20AC;?. PiĂš ottimista, fra i dirigenti, Fernando Frassine. â&#x20AC;&#x153;Il Rodengo ci sarĂ  anche lâ&#x20AC;&#x2122;anno prossimo â&#x20AC;&#x201C; rivela â&#x20AC;&#x201C; e allestirĂ  una squadra comunque competitiva. Sono sicuro che sponsor e imprenditori che hanno voglia di entrare ci saranno perchĂŠ vogliamo mantenere questa categoriaâ&#x20AC;?. Rodengo che chiude la stagione al settimo posto con 49 punti, frutto di 12 vittorie, 14 pareggi e solamente 8 sconďŹ tte. Lâ&#x20AC;&#x2122;ultima è quella che fa piĂš male. Una pesante cinquina interna che sa di preludio ad una estate incandescente in tutti i sensi.

            


30

La Voce della Franciacorta maggio 2010

Sito: www.lavocedelpopolo.it

RITIRA QUI LA TUA COPIA GRATUITA EDICOLE ADRO Edicola Punto e Virgola Via Provinciale Zini Laura Via Roma 13 BORNATO Edicola Belleri Via San Bartolomeo 3 CAPRIOLO L’Edicola Viale IV Novembre CAZZAGO SAN MARTINO Bar La Bertola Via Padana Superiore 12 CELLATICA Edicola Torchio Giampaolo Via Caporalino CHIARI Legrenzi Alessandro P.zza Martiri della Libertà 15 San Faustino Via Villatico 8 Vanfiori Michele Via Mazzini 6 COCCAGLIO Il negozio dietro l’angolo Via Martiri della Libertà 9 COLOGNE Non Solo Giornali Via Brescia

L'edicola a Iseo in via C. Bonari

CORTEFRANCA Cappelletti Davide Via Provinciale 6 ERBUSCO L’Edicola Via Rovato GUSSAGO Gatta Giovanni Via Dante Alighieri 5/A ISEO Edicola 71 Via C. Bonari Volonghi Ettore Viale Repubblica 6 MONTICELLI Cartoleria ABC Via Caduti 42/C PADERNO Minelli Loretta P.zza Libertà 27

Concessionaria: BSI BUNCHER VIKING STHIL GOLDONI

CARTER

IMPORTATORE PER L’ITALIA SCAVATORI CARTER DA 18Q.LI a 85Q.LI

Sede: ISEO Via Bonomelli, 1 - Tel. 030.980236 Filiale: Gavardo Via Conter - Tel. 0365.371628

PALAZZOLO S/ OGLIO Pasquali Alessandro Viale Italia 1 Bertocchi Giuseppe Piazzale Giovanni XXIII PASSIRANO Berardelli Livio Via XXV aprile 3 RODENGO SAIANO Edicola Rodengo Saiano Via Brescia ROVATO Edicola Cavour P.zza Cavour 17 Edicola Bianchi Giancarlo Via Franciacorta Edicola Ghafar Mohamed Via C. Battisti 101


La Voce della Franciacorta maggio 2010

E-mail: franciacortavocemedia.it

31

ORARI delle SANTE MESSE (Prefestive e Festive) ADRO Santuario Madonna della Neve - Prefestivo: 17.00 - Festivo: 6.30 - 8.00 - 9.00 - 10.00 - 11.00 S. Giovanni Battista - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 7.00 - 9.00 - 10.30 - 18.00 Torbiato - SS. Faustino e Giovita: Prefestivo: 18.00 - Festivo: 10.00 BRIONE S. Zenone - Prefestivo: 17.00 - Festivo 10.30 17.00 CAPRIOLO S. Giorgio - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 7.00 8.30 - 10.00 - 11.15 - 15.30 - 18.30 CASTEGNATO S. Giovanni Battista - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 9.30 - 11.00 - 18.00 CAZZAGO SAN MARTINO Natività di Maria Vergine - Prefestivo: 18.00 Festivo: 8.00 - 9.30 - 11.00 - 18.00 Bornato - S. Bartolomeo - Prefestivo: 18.00 Festivo: 7.00 - 8.00 - 9.30 - 11.00 - 18.00 Calino - S. Michele - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 7.30 - 10.30 - 18.30 Pedrocca - S. Francesco d’Assisi - Prefestivo: 18.00 - Festivo 8.00- 10.00 CELLATICA S. Giorgio - Prefestivo: 17.00 - 18.00 - Festivo 8.30 - 9.30 - 10.30 - 18.00 CHIARI Duomo SS. Faustino e Giovita - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 6.00 - 7.00 - 8.00 - 9.00 - 10.00 11.00 - 12.00 - 18.00 S. Bernardino - Prefestivo: 17.30 - Festivo: 7.30 - 9.30 - 11.00 - 17.30 COCCAGLIO S. Maria Nascente - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 7.00 - 9.00 - 10.00 - 11.00 - 18.00 COLOGNE SS. Gervasio e Protasio - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 7.00 - 8.30 - 9.45 - 11.00 - 18.00 CORTEFRANCA Borgonato - S. Vitale - Festivo: 7.30 - 10.30 17.30 Colombaro - S. Maria Assunta - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.30 - 18.00 Nigoline - SS. Martino ed Eufemia - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.30 Timoline - SS. Cosma e Damiano - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.30 ERBUSCO S. Maria Assunta - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 8.30 - 10.30 - 18.30 Villa di Erbusco - S. Giorgio - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 8.30 - 10.30 - 18.30 Zocco di Erbusco - S. Lorenzo - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 11.00 - 18.00 ISEO S. Andrea - Prefestivo: 17.00 - Festivo: 8.00 9.30 - 11.00 - 18.00 Clusane - Cristo Re - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.30 - 18.00

Pilzone - Madonna Assunta - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.30 - 18.00 GUSSAGO S. Maria Assunta - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 7.00 - 8.30 - 10.00 - 11.15 - 16.30 - 18.30 Civine - S. Girolamo - Prefestivo: 20.00 - Festivo: 9.00 Ronco di Gussago - S. Zenone - Prefestivo: 20.00 - Festivo: 8.30 - 10.00 Sale di Gussago - S. Stefano - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 7.30 - 9.45 - 11.00 - 18.00 LOVERE S. Giorgio Martire - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.30 - 10.00 - 17.00 - 18.30 Convento dei Cappuccini - Festivo: 7.00 - 9.00 - 11.30 MARONE S. Martino - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 8.00 9.15 - 10.30 - 18.30 Vello - S. Eufemia - Festivo: 9.15 MONTE ISOLA Carzano - S. Giovanni Battista - Prefestivo: 16.50 - Festivo: 8.45 Peschiera Maraglio - S. Michele Arcangelo Prefestivo: 18 - Festivo: 11.15 Siviano - SS. Faustino e Giovita - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 7.30 - 10.00 MONTICELLI BRUSATI SS. Tirso ed Emiliano - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 7.00 - 9.30 - 10.00 - 18.00 OME Ritrovamento di S. Stefano - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.30 - 18.00 OSPITALETTO S. Giacomo - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 7.30 9.00 - 10.00 - 11.00 - 16.30 - 18.30 PADERNO FRANCIACORTA S. Pancrazio - Prefestivo: 19.00 - Festivo: 7.30 9.30 - 11.00 - 18.00 PALAZZOLO SULL’OGLIO Sacro Cuore - Prefestivo: 18.30 Festivo: 8.00 9.30 - 11.00 - 18.30 S. Giuseppe - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 8.30 10.30 - 18.00 S. Maria Assunta - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 9.30 - 11.00 - 18.00 S. Paolo in S. Rocco - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 9.30 - 11.00 - 18.00 San Pancrazio - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 8.00 - 9.30 - 11.00 PALOSCO S. Lorenzo - Prefestivo: 20.00 - Festivo: 7.30 9.30 - 10.45 - 18.00 PASSIRANO S. Zenone Prefestivo: 19.00 Festivo: 7.30 - 9.30 - 11.00 - 18.00 CAMIGNONE S. Lorenzo - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 11.00 - 18.00 MONTEROTONDO S. Vigilio - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 8.00 - 10.30

DISTRETTI SANITARI ANNO II NUMERO 05 - MAGGIO 2010 Edizioni Opera Diocesana San Francesco di Sales Registrazione del Tribunale n. 48/2009 del 10-11-2009 Direttore responsabile: Adriano Bianchi Sede e redazione: Via Callegari, 6 Brescia tel.: 03044250 - fax: 0303757897 e-mail: franciacortavocemedia.it Pubblicità: Voce Media Pubblicità - Via Callegari, 6 Brescia Tel.: 0302808966 - fax: 0302809371 - e-mail: marketingvocemedia.it Stampa: CENTRO STAMPA QUOTIDIANI Spa - Via dell'Industria, 52 25030 Erbusco (Bs) - Tel. 0307725511 - Fax 0307725566 Progetto grafico e impaginazione: Ernesto Olivetti

CHIARI Piazza Martiri della Libertà, 25 - Telefono: 030/7007011 distretto.chiari@aslbrescia.it

GUSSAGO Via Richiedei, 10 - Telefono: 030/2499911 distretto.gussago@aslbrescia.it

ISEO Via Giardini Garibaldi, 2 - Telefono: 030/9887456 distretto.iseo@aslbrescia.it

PALAZZOLO SULL’OGLIO Via Lungo Oglio Battisti, 39 - Telefono: 030/7007645 distretto.palazzolo@aslbrescia.it

PISOGNE S. Maria Assunta - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 7.30 - 9.30 - 11.00 - 18.30 Fraine - S. Lorenzo - Prefestivo: 17.00 - Festivo: 11.00 - 18.30 Gratacasolo - S. Zenone - Prefestivo: 18.00 Festivo: 8.30 - 11.00 - 18.00 Grignaghe - S. Michele Arcangelo - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 11.00 Pontasio - S. Vittore - Prefestivo: 16.00 - Festivo: 9.30 Sonvico - S. Martino - Prefestivo: 16.00 - Festivo: 10.00 Toline - S. Gregorio Magno - Prefestivo: 17.00 - Festivo: 10.00 PONTOGLIO S. Maria Assunta - Prefestivo: 19.00 - Festivo: 7.00 - 8.30 - 11.00 - 18.30 PROVAGLIO D’ISEO SS. Pietro e Paolo - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 7.30 - 10.00 - 18.00 Fantecolo - S. Apollonio - Prefestivo: 18.00 Festivo: 10.30 Provezze - S. Filastrio - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.30 RODENGO SAIANO Rodengo - Abbazia Olivetana S. Nicola Prefestivo: 19.30 Festivo: 6.30 - 8.00 - 9.30 - 10.30 18.00 Padergnone - S. Rocco - Prefestivo: 18.30 - Festivo: 8.00 - 10.30 - 18.00 Saiano - Cristo Re - Prefestivo: 19.30 - Festivo: 7.30 - 9.00 - 10.30 - 16.00 ROVATO S. Maria Assunta - Prefestivo: 19.00 - Festivo: 7.00 - 8.15 - 9.30 - 11.00 - 18.30 Convento SS. Annunciata Monte Orfano Prefestivo: 18.45 - Festivo: 9.00 - 11.00 - 17.00 S. Giovanni Bosco - Prefestivo: 17.00 - Festivo: 9.00 - 11.00 - 17.00 Duomo di Rovato - Sacro Cuore di Gesù Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.00 - 18.00 Lodetto - S. Giovanni Battista - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 8.00 - 10.00 - 18.00 S. Andrea di Rovato - S. Andrea Apostolo Festivo: 7.30 - 10.30 S. Anna di Rovato - S. Anna - Prefestivo: 17.00 - Festivo: 8.30 - 11.00 S. Giuseppe di Rovato - S. Giuseppe - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 9.00 SALE MARASINO S. Maria Assunta e S. Zenone - Festivo: 7.00 9.00 - 11.00 - 19.00 SULZANO S. Giorgio - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 10.30 - 18.00 URAGO D’OGLIO S. Lorenzo - Prefestivo: 18.00 Festivo: 7.30 - 9.30 - 11.00 - 18.00 ZONE S. Giovanni Battista - Prefestivo: 18.00 - Festivo: 08.00 - 10.30 - 18.00

EMERGENZA

118 112 113 115 117 1515

(Emergenza sanitaria) (Carabinieri) (Polizia) (Vigili del Fuoco) (Guardia di Finanza) (Corpo Forestale)


A8>L8I %@K

ßE8KFLEELFMF JK@C<%@E>C<J<%

:fejldfZ`ZcfZfdY`eXkf[X()#,X-#/c&(''bd%<d`jj`fe`:F)[X)0)X(.0^&bd%

CLJJF8IK@>@8E8C< <c\^Xek`cXmfiXq`fe`Xik`^`XeXc``ej\i`k\`elefjk`c\Zfek\dgfiXe\f\iX]]`eXkf @ej\ik`[`c\^e`gi\^`Xk`#Xccld`e`f\g\cc\\jk\jX[\ccXd`^c`fi\hlXc`k~ <hl`gX^^`Xd\ek`[`cljjfjlggfikXk`[Xk\Zefcf^`\[`lck`dX^\e\iXq`fe\

[XE+0%.''

GifmXcXe\cefjkifj_fniffd Tua per un giorno presso

CONCESSIONARIA JAGUAR BRESCIA s.r.l. :FE:<JJ@FE8I@8A8>L8I S.S. Padana Superiore, 34 - Castegnato (BS) - Tel. 030.3229881 www.jaguarbrescia.it E-mail: jaguarbrescia@jaguarbrescia.it M`Xooooooooo#K\c%ooooooooo#=Xoooooooooo

La Voce della Franciacorta 2010 05  

Cazzago San Martino. Storia, fragranze e sapori per la dodicesima edizione. Franciacorta in fiore. Sale Marasino:rivive l'antica Valeriana