Page 1

/$92&( '(/ 3232/2

     WWW.LAVOCEDELPOPOLO.IT  SPECIALE MILLE MIGLIA

  Ǥ          2011   Ǥ  BRESCIA 7 MAGGIO

Supplemento al n. 18/2011 de LA VOCE DEL POPOLO - A cura di VOCEMEDIA pubblicitĂ

gio

La corsa piĂš bella del mondo Da giovedĂŹ 12 a domenica 15 maggio, 375 equipaggi in gara sullo storico tracciato Brescia-Roma-Brescia


Editoriale di Mario Leombruno

Pronti al via Brescia si prepara ad accogliere gli equipaggi partecipanti all’edizione 2011 della Mille Miglia. La manifestazione occuperà tra arrivi, prove tecniche, punzonatura, gara e premiazioni, le giornate dall’11 al 15 maggio. La Leonessa, oltre ad accogliere gli equipaggi, avrà il piacere di ospitare tutti coloro che sono coinvolti nella manifestazione del “museo su quattro ruote” per i più diversi motivi: organizzativi, logistici, tecnici, promozionali, e accoglierà, altresì, tutti gli accompagnatori ufficiali, parenti e amici dei piloti e dei navigatori. Come d’abitudine, a introdurre allo spirito della “corsa più bella del mondo”, come ebbe modo di definirla Enzo Ferrari, l’Amministrazione comunale ha optato per quell’insieme di eventi nell’evento che è la Notte Bianca. Per la notte di sabato 7 maggio sono dunque previste diverse forme di intrattenimento che spaziano dalla musica allo spettacolo in movimento alle visite ai musei, per allietare la serata a tutti coloro che decideranno di trascorrere qualche ora in centro storico. E noi abbiamo pensato di proporre anche quest’anno, ai partecipanti alla serata, questo nostro prodotto editoriale che, senza tante pretese, si propone di offrire qualche stimolo di riflessione a chi avrà la pazienza di leggerlo. Uno dei dubbi che accompagnano da sempre la Mille Miglia, è se la si debba considerare uno spettacolo o una manifestazione sportiva e così abbiamo pensato di presentarvi le tesi che sostengono queste due diverse, ma non necessariamente opposte, “letture” della Freccia Rossa. E il percorso? Il tracciato è in linea di principio lo stesso di sempre. Ci siamo chiesti, e proponiamo alla vostra riflessione: considerato che siamo nel centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, non si potevano ipotizzare alcune modifiche al tragitto? Spazio poi all’“amarcord” sul percorso e sulla gara, e ad altre riflessioni sulla casa ufficiale: il Museo della Mille Miglia. Ci siamo proposti uno strumento di reflessione che però fosse anche di servizio. Non poteva mancare l’elenco degli equipaggi partecipanti, ordinato secondo il numero di vettura, così da permetterci di scoprire, senza perdite di tempo, chi guida il capolavoro che ci sta passando davanti.

Sommario La gara più bella

4-5

La notte bianca

7

Divi o sportivi?

8-9

Il percorso

11-12-13

Direttore responsabile: Adriano Bianchi Direzione - Redazione - Amministrazione e Abbonamenti: Via Callegari, 6 - 25121 - Brescia - Tel. 030 44250 - Fax 030 3757897 - E-mail: redazione@ lavocedelpopolo.it - amministrazione@lavocedelpopolo.it Impaginazione e grafica: Ernesto Olivetti Agenzia fotografica: Foto Eden Stampa: CENTRO STAMPA QUOTIDIANI Spa - Via dell’Industria, 52 - 25030 Erbusco (BS) - Tel. 030.7725511 - Fax. 030.7725566 Autorizzazione del Tribunale di Brescia n. 184 - 1/12/1961 Associato

Non solo motori

15-16-17-18-19

UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA Associato

Auto & equipaggi

da pag 21 a pag 31

FEDERAZIONE ITALIANA SETTIMANALI CATTOLICI

VOCEtMEDIA


04

La gara più bella

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

La gara “Amarcord” un’epoca

La Freccia a cavallo dei 150 anni dell’Unità Dalla prospettiva irreale di una mappa appare un tracciato a forma di “otto”, da seguire per ripercorrere in tre giorni intensi, 30 anni di storia italiana

R

Renzo Castagneto, Aymo Maggi, Giovanni Canestrini, Franco Mazzotti, il sindaco Bruno Boni... questi vecchi piloti e “mossieri” indimenticati per alcuni, indimenticabili per la storia dell’auto, guardano e ammiccano dal loro palco in prima fila, tra le nubi. Sotto, la gente non bada molto a quegli aliti di vento che scuotono le fronde degli ippocastani. Ci sono gli idoli di oggi, da vedere e toccare. E poi, il rombo degli scarichi aperti copre tutto. I più vecchi, quelli che magari nei Cinquanta avevano 10, 20 anni, quelli sì, ricordano con chiarezza vivida. Che al passaggio di un traguardo d’età le suggestioni di gioventù riaffiorano forti. Non li trovi all’ombra della pe-

Partenza, gara e arrivo come apparivano ai protagonisti della fase storica delle Mille Miglia

di Roberto Barucco

dana, questi testimoni del passato. Sono ai margini del percorso, un po’ in ombra, lontani dal clamore e dal marketing territoriale. Inconfondibili, nel portamento e in abiti d’antica dignità, raccontano a chi vuole ascoltare una storia così vera da sembrare una favola. Una favola bella. “Giannino Marzotto vinceva, e sotto la tuta aveva lo smoking”. “Macché smoking, era un abito classico, un doppiopetto marrone, anzi, color vinaccia. E non l’aveva sotto la tuta”, può andare avanti per ore, per una vita intera, fino almeno alla versione ufficiale del pilota vittorioso, la vecchia contesa. Lui, consegnato alla storia dalla sua stessa classe, sorride. È la punta

dell’iceberg d’un mondo affascinante. Le corse d’auto, che strappano gli italiani all’appagamento pacioso delle abitudini, trasformano la città, ripopolano le carrarecce di campagna. Sogni e leggende cromate, a sei cilindri. Nuvolari poteva mancare? Di lui si è scritto tutto lo scrivibile, ma vive nell’immaginifico. Debutta alla Mille Miglia nel 1927, alla prima edizione, al volante di una “Bianchi” e arriva 10°. Delle tante gare che ha vissuto e combattuto, il suo nome resterà per sempre legato alla Freccia Rossa. È lui l’eroe che arriva con la Ferrari distrutta, con l’acqua che lo travolge, lo sferza. Ha 40 chili d’ossa, dice Dalla, e un fisico eccezionale. Vuole vincere e stravincere. Non cede nemmeno alla sorte, diventa leggenda. Nel 1948, e allora il percorso comprendeva anche Torino e Asti, il “mantovano volante” è stanco, provato. È in convalescenza in un convento sul lago di Garda. Problemi ai polmoni, sì, ma anche bisogno di

isolarsi, superare lo choc per la morte dei suoi due figli. È lo stesso Enzo Ferrari a reclutarlo, convincerlo, per evitare, forse, che sia l’Alfa Romeo ad affidargli una berlinetta sperimentale. A Tazio invece tocca una Ferrari scoperta, utilizzata come quarta vettura dalla scuderia, una sorta di “muletto”, diremmo oggi, con parafanghi da motocicletta. E già verso Roma, comunque, è in testa. Perde il parafango, ha il cofano malridotto. A Livorno se ne va la balestra posteriore sinistra, perde pure il seggiolino del secondo pilota. Sul rottame dell’auto arriva a Bologna ed è ancora in vantaggio di 29 minuti su Biondetti. A Reggio perde anche la sospensione. Finora ha guidato come un forsennato. Forse, chissà, cercava una soluzione epica al dolore che lo straziava. Persino Enzo Ferrari lo supplica di fermarsi, l’auto è troppo pericolosa. Anche un prete, dicono, tenta l’impossibile, si piazza con tutti i paramenti indosso in mezzo alla strada per


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Andrea Arcai Assessore comunale al Turismo

È il rinnovarsi di una tradizione che ogni anno riserva sempre nuove sorprese e che porta il marchio del made in Italy e di Brescia in tutto il mondo. Eventi come la Notte Bianca portano un arricchimento alla manifestazione che non è solo un evento sportivo, ma anche culturale e turistico in una delle più belle città d’Italia.

Alessandro Casali Presidente del Comitato organizzatore

fermare la corsa indiavolata di Tazio. Che alla fine cede. Ferma quanto resta della sua Ferrari e si ritira. Castellotti, Ascari, Bracco, Villoresi, Pintacuda, Varzi, Borzacchini, Caracciola, Minoia, Campari, Taruffi, Fangio, Gendebien, Stirling Moss, Biondetti, andiamo avanti con l’epicità dei nomi e delle tracce che lasciano nella storia. Popolari, allora, come rockstar di oggi. Una loro frase diventa mito, tormentone. Le sfide sono da ripercorrere come gli sfottò serali al bar. Scendono più giù, dove i meccanici preparano le auto meno blasonate. Le categorie popolari democratizzano l’elitarietà. Chiunque fosse in possesso di una vettura e di una licenza internazionale di corridore poteva iscriversi. 15mila lire di tassa, comprensiva di copertura organizzativa: nel 1950 tutto questo si tradusse in 204 vetture al "via" su 375 strettamente di serie. La gara è più accessibile, si apre alle persone che ora, dopo l’era dei mi-

ti, possono identificarsi nell’amico dell’amico. Stringere mani, battere pacche affettuose sulla schiena. Luci accese nei garage, per mesi, a preparare l’auto, anche di notte. Luci accese a giorno in viale Venezia, ad accogliere chi arriva. Dall’alto, i primi sistemi rudimentali di comunicazione mediatica, aeroplanini da ricognizione che divengono testimoni dell’epoca e delle sue tragedie. Toccherà a loro raccontare di De Portago, toccherà ai collegamenti telefonici dire dei primi incidenti tragici o annunciare chi è in testa, chi arriva, chi abbandona. L’Italia si racconta anche così. Con testimoni a volte improvvisati. Sognare a lungo non fa male. Il risveglio brusco invece è affidato allo scoppio improvviso del pneumatico di Alfonso de Portago, a Guidizzolo. Con lui, e con il suo copilota, Edmund Gurner Nelson, assieme a 10 sventurati spettatori, muore anche l’aura romantica di un'epoca. E l’Italia si ritrova più povera.

Negli ultimi anni la Mille Miglia si è trasformata da una manifestazione di quattro giorni in evento che dura tutto l’anno. Come ha detto il presidente Napolitano, la Mille Miglia è un insieme di creatività e immagine del nostro Paese, una bandiera di Brescia nel mondo, un volano economico e di promozione per la nostra città.

Silvia Razzi Assessore provinciale al Turismo

Vetrina mondiale per le eccellenze del nostro territorio, evento culturale e di spettacolo unico: la Mille Miglia è indissolubilmente legata alla nostra provincia, che le ha dato i natali e ha saputo crescerla fino a farla diventare la grande manifestazione dal rilievo internazionale che è ora.

Aldo Bonomi Presidente Aci Brescia

Tra i vanti che l’Italia può mostrare al mondo in occasione dei suoi 150 anni, la Mille Miglia evoca fascino, ingegno e ardimento. Fra i più valorosi contributi all’unità del nostro Paese ci furono le “10 giornate di Brescia”, che le valsero l’appellativo di “Leonessa d’Italia”. Una città dallo spirito indomito, dove è nata la “corsa più bella del mondo”.

05


06

La gara più bella

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Ferrari Tribute Intervista al pilota bresciano

Dal Ben, passione per i motori 130 Ferrari, costruite dal 1958 ai giorni nostri, apriranno la gara delle vetture storiche che partecipano alla Mille Miglia

D

di Luciano Zanardini

Luciano Dal Ben

Da bambino non andava a scuola per assaporare da vicino lo spettacolo della Mille Miglia con il desiderio di poterla vivere, un giorno, da protagonista. Non avrebbe potuto essere altrimenti, visto che abitava in piazza del Mercato e il rombo assordante dei motori contagiava un’intera città. Lui è Luciano Dal Ben, bresciano classe 1942 che, oltre alla passione per la Mille Miglia, ha avuto la fortuna e la capacità di fare il pilota, ha avuto il merito di aver riempito la casella privata dei sogni. A sette anni attraversava i portici e si dirigeva con il padre in viale Rebuffone, là dove “il profumo dell’olio di ricino e le luci

nella notte delle automobili pronte era inconfondibile”. A distanza di anni, Dal Ben ripercorre quelle sensazioni che definisce “uniche” e che riprova ogni volta davanti alle vetture della Mille Miglia storica sempre più internazionale. Da 55 anni va veloce, in Italia e nel mondo. Ha messo a segno più di 320 gare con il kart vincendo quattro campionati italiani; proprio nel 2011 ricorre il 40° anniversario del suo primo rally di Montecarlo. Oggi si diverte correndo le prove di velocità con la Ferrari 430. Dal Ben è presidente del Ferrari club Brescia, una realtà nata nel 1993 che riunisce 60 soci (con e

senza la Rossa del Cavallino) uniti da un sentimento di amicizia. Il 12 maggio Luciano aprirà, all’interno della seconda edizione del Ferrari Tribute, la Mille Miglia storica con la Ferrari 458 Italia (nel 2010 aveva partecipato sempre con Giacomo Mingotti con la Ferrari 430). Il Ferrari Tribute è una gara che precede di qualche minuto la rievocazione storica della famosa corsa su strada, accoglierà 130 Ferrari costruite dal 1958 ai giorni nostri. Quelle costruite prima hanno il diritto di iscriversi alla rievocazione che accoglie solo modelli che abbiano partecipato alla gara che finì con l’edizione

1957. “Gli organizzatori − spiega Dal Ben − hanno fatto una grande cosa. In tutta Italia sfileranno 130 macchine (è prevista, prima della passerella finale a Brescia, una prova speciale alla pista di Fiorano dopo aver attraversato gli stabilimenti della Ferrari, ndr) che rappresentano l’eccellenza del made in Italy. Un particolare riconoscimento va alle capacità organizzative di Alessandro Casali e dei fratelli Binelli, che si adoperano per promuovere e portare l’immagine della Mille Miglia, di Brescia e dell’Automobil club di Brescia ai vertici del consenso, successo e partecipazione nel mondo”.

ELETTRAUTO - GOMMISTA IMPIANTI GAS - GANCI TRAINO SERVIZIO SOCCORSO STRADALE

7 MAGGIO

della

Notte bianca Mille Miglia

Mostra aperta fino alle ore 24.00 Dalle ore 20 ingresso a 6  Ultimo accesso alle ore 23.00. Promozione non cumulabile con altre offerte o riduzioni.

Brescia, Museo di Santa Giulia - fino al 12 giugno info e prenotazioni: 800775083 - www.matissebrescia.it

Audioguida per bambini e adulti gratuita!

SI E’ TRASFERITA IN VIA MONTE PASUBIO 102 A CASTENEDOLO

STRADA BORGOSATOLLO CAPODIMONTE

TEL. 030.2701174


La notte bianca

Brevi

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

07

Fm 88.3-88.5 e radiovoce.it

Notte Bianca e Mille Miglia Per il terzo anno consecutivo, Radio Voce è la radio ufficiale della Notte Bianca in programma sabato 7 a partire dalle ore 22. Riguardo, invece, la corsa della Mille Miglia, sono previsti collegamenti in diretta per seguire passo passo “la corsa più bella del mondo”. Questi gli appuntamenti: giovedì 12 e venerdì 13 nel corso della programmazione mattutina (dalle 10 alle 13 all'interno del contenitore "Voce mattina") e pomeridiana (17-19 in "Belli dentro"). Queste le frequenze in città e provincia: Fm 88.3-88.5. Ma Radio Voce si può ascoltare ovunque grazie il servizio streaming sul portale www.radiovoce.it.

Non solo musica

Artisti in piazza e musei aperti Anche quest'anno un variopinto corteo di artisti di strada rallegrerà la notte magica di Brescia. Un gruppo itinerante di giocolieri, trampolieri, ballerini e musicisti allieterà il centro città partendo da corso Zanardelli e proseguendo per via Dieci Giornate. La parata inizierà alle 22 e proseguirà fino a mezzanotte, oltre 30 gli artisti presenti. Oltre all'animazione creata dai concerti musicali e dai tanti artisti "itineranti" che troveranno sempre il modo di strappare un sorriso ai partecipanti alla Notte Bianca, torna un'opportunità di grande fascino e che anche nelle edizioni passate non ha mancato di riscuote l'apprezzamento dei tanti che hanno aderito: il Museo di Santa Giulia sarà visitabile gratuitamente dalle ore 20.

Anna Tatangelo

Uno spazio espositivo

La festa In attesa della gara

Musica, danza e animazione

A

Anche quest’anno la Mille Miglia sarà anticipata dalla Notte Bianca: le principali piazze cittadine verranno animate da concerti ed esibizioni dal vivo. In piazza Loggia la serata si aprirà alle 21.30 con la sfilata della fanfara dei bersaglieri, seguirà il concerto di Anna Tatangelo, guest star di quest’edizione. La Notte Bianca in piazza Loggia continuerà con le esibizioni di Micaela e Davide Carone. In via X giornate, dalle 22.30 a mezzanotte, gli spettatori potranno assistere alla performance “Caleidoscopio” in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, mentre trampolieri, equilibristi, clown e giocolieri intratterranno il pubblico verso corso Zanardelli. Dalle 21 all’1, in piazza Vittoria verranno esposte vetture d’epoca mentre nella vicina piazza Mercato, Charlie Cinelli si esibirà nella formazione “Charlie & the Cats”, seguiti da dj sir Heavy Soul. Piazza Paolo VI, dopo la fanfara dei bersaglieri Ariete di Orcenico, verrà animata dallo

di Elisa Bassini

spettacolo danzante “Luna de Tango”, di Marco Palladino e Virginia Pandolfi, accompagnati dall’orchestra Minimal Flores Del Alma con i ballerini della compagnia M.P. Tango. Alle 00.30 il tango lascerà spazio al sound di dj Musicalizador Andy. Dalle 22 alle 00.30 in piazza del Foro si potranno scoprire e riconoscere le stelle grazie all’Unione astrofili bresciani. Spazio ai più giovani verrà riservato in piazza Tebaldo Brusato, con le acrobazie degli skaters e i murales multicolori eseguiti dal vivo dai writer. Al Museo della Mille Miglia, l’intera serata verrà dedicata ai Beatles, con l’apertura straordinaria del museo, il concerto del gruppo BeaTbox e l’animazione karaoke di Rolando Giambelli. Durante l’intera serata sarà possibile entrare gratuitamente nel Museo di Santa Giulia, mentre è previsto l’ingresso ridotto a 6 euro per “Matisse. La seduzione di Michelangelo” ed “Ercole il fondatore”, con ultimo ingresso alle 23.

Appuntamento in corso Zanardelli per gli appassionati della Jaguar La Mille Miglia, oggi, si presenta con un doppio abito: la tuta sportiva, per rievocare una gara che ha fatto la storia dell’automobilismo; e l’abito luccicante delle occasioni di festa, perché promuove la Leonessa nel mondo. Un doppio abito, dicevamo, ma è indubbio che il senso più profondo della Freccia Rossa sia quello di costituire un ponte ideale tra il passato e il presente delle case automobilistiche e, dunque, tra le vetture che partecipano alla manifestazione perché in produzione durante gli anni della gara storica, e le vetture della stessa griffe ma che rappresentano il presente. Su questo ponte ideale, tra gli altri marchi c’è quello del giaguaro. La Jaguar, infatti, partecipa alla gara con diversi modelli di vetture del passato, ma la casa ha perseguito negli anni una continua evoluzione tecnologica ed estetica che l’ha costantemente mantenuta ai vertici del gradimento da parte degli affezionati. Il ponte ideale si concretizzerà con il lounge allestito in corso Zanardelli nei giorni della Freccia Rossa. Da giovedì a domenica, dunque, nel temporaneo spazio espositivo realizzato nel salotto bresciano dalla casa automobilistica britannica, saranno in esposizione i modelli XJ e XF. L’ammiraglia della Jaguar, l’XJ, ripropone gli stilemi attualizzati; la XF è invece la berlina sportiva per eccellenza. Da oltre 15 anni la concessionaria Jaguar per Brescia e provincia è Jaguar Brescia. Nel 2008 la concessionaria è stata rilevata da alcuni imprenditori entusiasti del marchio con l’obiettivo di farne il centro di riferimento del Nord Italia sia per la vendita che per l’assistenza. Jaguar Brescia, inoltre, dal gennaio 2010 è officina autorizzata Land Rover per la provincia di Brescia e concessionaria Jaguar anche per la provincia di Cremona.

Jaguar XF


08

Divi o sportivi?

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Rievocazione Show di motori in movimento

Una freccia che indica un altro mondo Come la settimana della moda, una passerella su cui le auto sono modelli di abiti e i piloti modelle che sfilano. Madrina la modella Madalina Ghenea

L

di Mauro Toninelli

Le radici sono lontane nel tempo. La storia racconta di quanto la Mille Miglia fosse una gara vera e propria, dal 1927 al 1957 (con alcune sospensioni dovute alla guerra e ad altri motivi). Nel 1957 il Parlamento italiano dichiarò conclusa la gara a causa di un grave incidente che aveva causato la morte di Alfonso de Portago, pilota della vettura che uscì di strada a causa dello scoppio di un pneumatico, e di 10 spettatori. Nel 1977 prese il via una manifestazione che ha portato via via alla conformazione odierna: una corsa “per chi può” (economicamente), quasi una passerella. La corsa dell’auto come la Settimana della moda: auto come modelli di abiti, alcuni sfarzosi, altri rigorosi e succinti; alcuni sensuali e altri castigati; alcuni affascinanti e altri che sembrano aver dimenticato la bellezza estetica in favore di comodità o sicurezza. Auto come modelli di abiti e piloti come modelle che sfilano. Una passerella. Una vetrina, che si prolunga sulle strade italiane, da Brescia fino a Roma e da Roma a Brescia.

Madalina Ghenea

Una sfilata che chiama a raccolta, lungo tutto il percorso, molti appassionati affascinati, come dar loro torto, dall'incanto dei bolidi, dell’odore dell’olio, dal rombo del motore e, allo stesso tempo, dal fascino di volti noti e di un mondo a cui i comuni mortali non possono accedere facilmente. In ogni edizione è caccia alla madrina: dopo Maria Grazia Cucinotta nel 2008, Manuela Arcuri nel 2009, Anna Falchi nel 2010 (solo per citare gli ultimi anni) quest’anno sarà la volta della modella romena Madalina Ghenea, nota ai più per la sua partecipazione allo spot di una compagnia di telefonia mobile in compagnia di Teresa Mannino e Raoul Bova. Accanto alla madrina, è di richiamo anche la presenza di molti vip che catalizzano l’attenzione mediatica prima, durante e dopo la corsa. Quest’anno sono già stati annunciati l’attore Rowan Atkinson, (noto come Mr.Bean), l’ex calciatore dell’Inter e della nazionale tedesca Lothar Matthaus, il pluricampione del mondo di motociclismo Giacomo Agostini e il pilota finlandese

Abeni Renzo Gioielleria - Oreficeria Piazza V. Veneto, 21 - Tel. 030 2770305 - Gussago (BS)

Mika Hakkinen. Accanto a costoro, ci sono partecipanti alla Freccia Rossa che pur non essendo volti noti alle masse possono permettersi questi gioielli su quattro ruote simbolo ormai, come dicono e sussurrano molti, di un altro mondo. Uno show dei motori in movimento che dona ancora gloria a vetture che hanno fatto la storia dell’automobilismo; e, per tornare all’immagine della passerella, dona gloria a chi sfila per il piacere di schiacciare quel pedale, guidare quel volante e vincere quella competizione. Le automobili hanno segnato la storia e, a loro modo, raccontano la storia, quella che ha consacrato epiche vicende. La freccia rossa, oggi marchio e logo della Mille Miglia, simbolo nel mondo di una realtà, nasce quasi per caso, dalla freccia che venne utilizzata come indicazione dell’itinerario. Oggi non serve più a indicare il percorso della gara ma diviene segnaletica verso un mondo che sembra vivere a lato, al di fuori o sopra quello dei comuni mortali che, come durante la corsa, possono solo osservare a bocca aperta dai lati della strada.


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

09

Rievocazione Tre giorni di sfide

375 in gara tra prove speciali e test Il necessario rispetto dei tempi fissati e di particolari velocità di crociera rende il risultato incerto fino all’ultimo

L

di Alberto Banzola

La corsa più bella del mondo: dal 1927 Brescia è una delle capitali mondiali dell’automobilismo. Una tradizione forte, fortissima, rispolverata da fine anni Settanta da alcuni amatori tenaci che hanno riportato alla luce la leggendaria Freccia Rossa, mai dimenticata. Avvenimento, che catalizza da 29 anni la curiosità di tanti, la Mille Miglia è una vera e propria corsa. Ma non di velocità come tutti potrebbero pensare, bensì di “regolarità”. La Brescia-Roma-Brescia ha al suo interno diversi test e prove speciali che si basano su peculiarità quali il rispetto di determinati tempi e velocità di crociera, assegnando punti in base alle penalità registrate su ogni singola prova. In base a questi criteri, sia chi corre sia chi segue la carovana delle vetture storiche come spettatore è costretto, giocoforza, a restare con “il fiato sospeso” fino all’ultima tappa. 375 equipaggi iscritti e pronti a darsi battaglia per le italiche strade e tutti i continenti rappresentati con equipaggi provenienti dal Giappone, dall’Australia e dal Sud Africa. Per l’edizione 2011 le prove speciali saranno 54 (erano 42 nell’edizione 2010) e saranno così ripartite: 11 il

primo giorno, 23 il secondo, 20 il terzo e ultimo, quello del rientro verso il Cidneo. Chiaro l’obiettivo dell’organizzazione, ossia fare ancora più selezione: la Mille Miglia, oltre a essere un appuntamento “glamour”, un vero e proprio happening, è e rimane gara vera, e non solo per vocazione. Particolarmente interessanti saranno le prove speciali in Toscana (molto rivalutata nelle ultime edizioni) e in particolare in Valdorcia dove saranno disputate su terreno sterrato. Non aver a che fare con l’asfalto renderà duro il lavoro dei regolaristi, sempre attenti nel cercare la prestazione pulita. Il fascino della gara storica non ha lasciato indifferenti neppure le case automobilistiche: Mercedes-Benz, Audi, Bmw, Porsche, Saab, Bugatti e Volkswagen hanno vetture ufficiali iscritte alla Freccia Rossa soprattutto per questioni di blasone e importanza nell’esserci, rispetto a logiche di puro marketing legato al proprio brand. La Mille Miglia resta comunque una sinfonia unica di motori che affascina e che, come al solito, vedrà ai bordi delle strade migliaia e migliaia di persone pronte a emozionarsi al passaggio della “carovana”. Nonni e nipoti, pa-

dri e madri che di notte così come di giorno daranno le loro grida in favore dei passanti. Volti noti che vogliono provare l’ebbrezza di questa gara dal sapore unico: l’ex campione del mondo di Formula 1 Mika Hakkinen in coppia col nipote dell’immenso Juan Manuel Fangio, al volante della vettura con cui il nonno arrivò sesto nel 1955 (una Mercedes 300 Slr). Tra gli iscritti anche il popolare “Mr. Bean”, al secolo l’attore inglese Rowan Atkinson. Al via, anche quest’anno, l’equipaggio formato da Giuliano Canè e Lucia Galliani (equipaggio n° 86) alla ricerca della loro 11ª affermazione e vincitori anche dell’ultima edizione: la loro Bmw 328 Millemiglia sembra essere decisamente ben tarata per la gara, ma attenzione all’argentino Claudio Scalise (n° 56, Alfa Romeo 6C 1500 Gs), ai bresciani Fabio Salvinelli (n° 18, Alfa Romeo 6C 1750) e Bruno Ferrari (n° 20 Bugatti type 37) oltre al siciliano Giovanni Moceri (n°16, Alfa Romeo 6C 1500). Tutti comunque da regolamento al volante di vetture costruite tra il 1927 e il 1957, nel ricordo delle vetture che correvano la prima Mille Miglia, quella che ha creato la sua mitica leggenda.

Ristorante Pizzeria

/$&8&&$ Specialità Pesce Brescia - Via Cucca, 74 - Tel. 030 320484 (zona Centro Sportivo San Filippo) o) parcheggio interno

Chiuso il Martedì


Consumi ciclo combinato: ( l / 100 km) bz 10.3; Gpl 13.8 – Emissioni CO 2 (g/ km): bz 242; Gpl 222

Great Wall Hover 5. Benvenuti a bordo.

2 WuDr y Lux

a€

17.990*

Con 28 optional Vantaggio cliente € 3.425 e con soli € 990 impianto GPL BRC

4 WxDu r y S. L u

a€

www.greatwall.it

20.990*

Con 33 optional Vantaggio cliente € 4.100 e con soli € 990 impianto GPL BRC

Acquistabili con Anticipo Zero e Tasso Agevolato del 3,79%. Con polizza incendio/furto e collisione inseribile nel piano finanziario. *Prezzo

più IPT con campagna rottamazione, € 4.100 per la versione Hover 5 4WD S.Luxury e €3.425 per il 2WD Luxury. Ulteriore risparmio sull’Impianto GPL BRC di € 910 cumulato con la rottamazione. Spese finanziarie €300 salvo approvazione della finanziaria. Scade il 30\06\2011 in tutte le concessionarie che aderiscono alla promozione.

Un’auto che vale.


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Il percorso

11

Brescia-Roma-Brescia Tradizione rispettata

Mille Miglia: tutto come da copione Nell’anno dei 150 anni dell’Unità d’Italia il percorso poteva forse rendere omaggio ad alcune città simbolo del Paese

R A ben guardare, forse per questo 2011, centocinquantenario dell’Unità d’Italia, gli organizzatori della Mille Miglia potevano anche concedere qualche strappo alla ferrea regola legata al percorso. Non possiamo infatti dimenticare che sul versante strettamente sportivo la manifestazione ha rappresentato a pieno titolo, e fin dal suo avvio, il Belpaese. Sarebbe stato inaccettabile ipotizzare un percorso che, alla luce di questi “di più”, avesse toccato le città che hanno fatto la storia della nazione?

Rieccola, puntuale. Per un altro anno ancora la Mille Miglia si mette in moto sulla rotta Brescia-Roma-Brescia. L’organizzazione ha sostanzialmente confermato il percorso della scorsa edizione, quell’“otto” ideale che si incrocia a Bologna, che tanto entusiasmo e qualche polemica (su tutte quella di Ferrara per l’esclusione dalla Freccia Rossa) aveva suscitato nel 2010. Torna, dunque, l’appuntamento con alcuni luoghi che, al pari delle vetture partecipanti e dei piloti, hanno fatto la storia della gara che vide la luce nell’ormai lontano 1927. Non potrebbe esserci Mille Miglia, anche in versione rievocativa, senza il transito dai passi della Futa e della Raticosa, sui cui tornanti sono state scritte pagine e pagine della storia dell’automobilismo sportivo internazionale. Luoghi ormai entrati nella storia, senza i quali la manifestazione sarebbe monca, come una torta di compleanno senza candeline. D’altra parta c’è anche da dire che la Mille Miglia è una sorta di grande liturgia laica, che perpetua di anno in anno, una “recita” con protagonisti e “scenografie” collaudate. La Freccia Rossa è diventata ormai, sempre per continuare nel paragone teatrale, una messa in scena di successo ripresa di anno in anno senza apportarvi troppe modifiche per non scontentare e disorientare il pubblico. Non è questa una critica, tutt’altro. Ma basta dare anche una veloce lettura all’elenco dei partecipanti per trovare una conferma. Al di là dei nomi di richiamo, la cui ricerca impegna e non poco l’organizzazione (nomi e volti celebri che, la tradizione insegna, si fanno vedere in piazza Vittoria per la punzonatura e magari in

di Massimo Venturelli

vettura in viale Venezia e poi lasciano ad altri le fatiche della cavalcata), il resto dei partecipanti è ormai diventato una sorta di gruppo di famiglia che si ritrova a Brescia nel mese di maggio. Niente di male, perchè sono questi comprimari (seppure di lusso) che danno spessore alla Freccia Rossa. A pensarci è proprio come la rappresentazione di un’opera lirica. I teatri che possono permetterselo (e in tempi di ristrettezze come quelli attuali non sono tanti) cercano il “nome” che copra il ruolo da protagonista nella recita inaugurale, ma si affidano poi a comprimari di fiducia per il successo dello spettacolo. E allora viva i comprimari, anche sconosciuti al grande pubblico, ma che con la loro presenza confermata di anno in anno (e la consistente quota di partecipazione) garantiscono la manifestazione. Certo, in questo 2011, qualche strappo alla regola per quel che concerne il percorso gli organizzatori potevano anche farla. Non bisogna dimenticare che la Mille Miglia, sul versante sportivo, ha rappresentato una pagina non di secondo piano della storia del Paese che quest’anno celebra i 150 anni della sua unità. Era dunque un’eresia pensare a un percorso che, eccezionalmente, per l'anno in corso “tradisse” qualche luogo di tradizione per toccare città che hanno fatto la storia dell’Unità? Certo, la carovana passa da due delle tre capitali (Firenze e Roma) italiane, tocca anche Reggio Emilia, città che ha visto nascere il tricolore. Qualche concessione alla storia unitaria poteva anche starci. Pazienza. È anche vero, però, che tanti fra i partecipanti sono stranieri e, forse, poco interessati alla storia del Bel Paese.


12

Il percorso

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Desenzano e Sirmione, tappe di riscaldamento, primo abbraccio di pubblico sulla via della gloria e occasione di tarare cronometri, satellitari, gps e altre diavolerie che manco si sognavano, nei ruggenti Quaranta

Ecco quindi la pianura, qualche balza di collina morenica, le Basse, e giù, secondo tappe forzate a cavalcioni del ricordo, verso Bologna, dove la notte diviene accogliente e calda, come il mese di maggio e il sorriso di una bella emiliana

Il percorso Il fascino di paesaggi e storia

Mille Miglia di palcoscenico Alla fine, chi vince davvero?

U

Un museo viaggiante lungo chilometri, questo è vero. Lo abbiamo scritto tante volte, anno dopo anno, da quando è ritornata, rinascendo come la fenice dalle ceneri, la rievocazione della Freccia Rossa. Centinaia di auto in fila attraverso l’Italia, a rappresentare una bella fetta della storia motoristica mondiale e del sogno collettivo del Belpaese, dagli albori del Novecento al piano Marshall. Eppure, oggi che la Mille Miglia ritorna sia pur orfana della storica

di Roberto Barucco

bombetta di Castagneto, e il museo si ripropone, esiste anche un ulteriore aspetto da non dimenticare, da non trascurare. Il percorso e la peculiarità, unica e viva solo in questa gara d’epoca, che fa vivere a ogni concorrente, a ogni pilota, il sogno o l’illusione, se preferite, di essere non solo protagonista, che di cose effimere ne vediamo tante, ma reale parte della storia. Ecco che, allora, il percorso nel quale ognuno recita una parte, a cavallo dell’Italia, prende vita, di-

viene palcoscenico e i fari che sciabolano ancora una volta le ombre della notte e le carrarecce, ritornano quelli di allora, come se nessuno se ne fosse mai andato da quel tratto di strada italiana, come se si tornasse su un Titanic che non affonda mai. Allora, siamo pronti a tornare a bordo della Mille Miglia? Ecco Desenzano e Sirmione, tappe di riscaldamento, primo abbraccio di pubblico sulla via della gloria e occasione di tarare cronometri, satellitari, gps e altre diavolerie che manco si sognavano, nei ruggenti Quaranta. Ecco snodarsi la pianura, qualche balza di collina morenica, la Bassa, anzi le Basse, come non ci stanchiamo mai di dire, le tappe forzate e volute nella storia

d’allora, mentre il fantasma di Nivola guarda e sorride. Giù, a cavalcioni del ricordo verso Bologna, dove la notte diviene accogliente e calda, come il mese di maggio e il sorriso di una bella emiliana. La mattina sorprende i piloti di oggi mentre guardano a Roma, al traguardo più bello. In mezzo ancora colline e paesaggi, le svolte del Terminillo, la salita arrancante su quel monte che è testimonianza e grido del passato, Rieti è lì sotto, con quella piazza che è l'ombelico esatto d’Italia, il suo perfetto centro geografico, i suoi slarghi medievali, l’acciottolato pronto a raccogliere il rimbombo delle gomme. Rieti, dal castello trasformato in caserma, dalle mura antiche, tappa di riflessione prima della capitale.


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

13

La mattina sorprende i piloti di oggi mentre guardano a Roma, al traguardo più bello. In mezzo ancora colline e paesaggi, le svolte del Terminillo, la salita arrancante su quel monte che è testimonianza e grido del passato

Tornati nella Leonessa, sulla pedana c'è spazio per il rito dello spumante, spruzzi sul metallo tirato a lucido, sui vetri dei fari. Un lavacro che esorcizza le paure, di non arrivare, di sbagliare, di non figurare bene e l'allegria, gli allori, gli applausi

Ancora una notte, di revisione, sistemazione meccanica, bauli aperti e richiusi. Una notte lunghissima, prima di avventurarsi verso la Toscana, verso l’ansiosa erta di Radicofani, dove la piazza è festa di gente e prosciutto crudo tagliato in punta di coltello e offerto a chi guida. Da lì alle ondulazioni del centro Italia, alla Futa, alla Raticosa (pensate quanta storia in quei nomi, così evocativi da non meritare altro commento), alle sfide di decenni, alle coppe strappate sul filo di una curva. Passaggi veloci, che nell’abitacolo stretto, scomodo, metallico, ognuno vive a modo suo, sogna e fotografa nella propria mente. Futa, Raticosa, ancora l’incrocio magico di nomi, come Firenze, panorami immortali e ancora la pianura, quando la sofferenza di una montagna, l’ultima curva, sono finite, alle spalle. Ecco la corsa verso il Nord, l’omaggio dovuto, riverente a Maranello, alla Ferrari, con gli apripista del Cavallino che fanno ala con il motore imballato, gli scarichi aperti. Ancora gente, a ricordare che questa gara, questo momento di magia, fu soprattutto momento di popolo, poi su. Si sale, accompagnati dallo sguardo attento del Drake.

Ecco l'ultimo tratto, verso il tramonto che si prepara ad accogliere in viale Venezia, anzi, viale della Mille Miglia, gli eroi veri di una notte lunga tre giorni, che sembra non finire mai, dal sole alle stelle della Leonessa, mentre rimbombano gli altoparlanti, la pedana si anima, la luce dei riflettori acceca come il sole di quell’Italia rivissuta. C’è spazio per il rito dello spumante, spruzzi sul metallo tirato a lucido, sui vetri dei fari. Un lavacro collettivo che esorcizza le paure, di non arrivare, di sbagliare, di non figurare bene e l’allegria, gli allori, gli applausi. Ancora una passerella, di velluto rosso e legno antico accoglie chi vince, consola chi è secondo, rassicura chi si classifica. La gente di Brescia sorride, generosa. Importa davvero, dopo questo percorso, dopo queste emozioni, chi ha vinto? Importa davvero l’efficacia di un gps o la precisione di un cronometro? Resta da domandarsi chi ha davvero vinto anche questa volta. La gente e l’Italia, almeno quella che era. E chi ha colto davvero il senso di questa rievocazione, oggi. E forse è tutto qui. Il nostro Titanic di metallo e motori rientra, si va all’ormeggio.

“La Montina” premium sponsor delle Mille Miglia

Si brinda con le bollicine La corsa bresciana, dell’eccellenza italiana, andrà a bollicine targate La Montina. Tenute La Montina sarà protagonista con il suo Franciacorta come premium sponsor della Mille Miglia 2011. Nei due villaggi ufficiali, quello in piazza Loggia a Brescia e a Castel Sant’Angelo a Roma, e nelle due cene di gala, sempre nelle due città, si brinderà con il vino dell’azienda di Monticelli Brusati della famiglia Bozza. Un’eccellenza bresciana, a ricordare lo stile delle cantine della Franciacorta di cui ha contribuito a farne la storia, che spicca nella corsa dell’eccellenza italiana. Saranno degustati nel particolare il Franciacorta Brut, Extra Brut, Rosè demisec oltre al Curtefranca Rosso Dossi. Ma le bollicine non finiscono qui. A ciascuno dei 378 equipaggi in gara sarà consegnata una speciale confezione personalizzata legata all’evento du Rosé Demisec. Anche i vincitori si riempiranno di bollicine: sul palco lo scoppio del tappo, sempre beneaugurante, arriverà dalle Jeroboam (bottiglia di vetro contenente 3 litri) di Franciacorta Brut. Come ricorda più volte Michele Bozza, direttore commerciale dell’azienda: “Il vino deve essere bevuto e la forza del nostro prodotto è l’ottimo rapporto qualità prezzo”. Questo è un ennesimo successo per “La Montina” che lo scorso anno ha cambiato il design delle bottiglie e delle etichette per i 20 anni di vita. (m.t.)

FACCHETTI GROUP PFACCHETTI GROUP

FACCHETTI GROUP F

...i dettagli fanno la differenza REZZATO S.S. Via Mazzini, 49 Tel. 030.2593643 www.facchetti.it

AMPIA ESPOSIZIONE Pagamenti finanziabili e tasso 0 senza anticipo REZZATO - Via Giovanni XXIII, 35 Tel. 030.5245749 - www.facchetti.it

KC


pedro garcía

TAGLIATORE

ROBERTO DEL CARLO


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Non solo motori

15

Presentazioni San Marino e Roma

Lista Unesco: una boutade o un obiettivo realistico? “Voglio proporre al sindaco di Roma Gianni Alemanno e al sindaco di Brescia Adriano Paroli la candidatura della Mille Miglia nella lista Unesco dei Beni del patrimonio immateriale, secondo quanto prevede la convenzione del 2003”. Lo ha affermato in Campidoglio il sottosegretario ai Beni e alle attività culturali Francesco Giro

A

di Bruno Leoni

A pochi giorni di distanza dal più spettacolare appuntamento mondiale dell’automobilismo d’epoca, l’edizione 2011 della “corsa più bella del mondo”, come la chiamava Enzo Ferrari, è stata presentata ufficialmente in Campidoglio. A fare gli onori di casa il vicesindaco di Roma, Mauro Cutrufo; il sindaco di Brescia Adriano Paroli; Alessandro Casali e Sandro Binelli, rispettivamente presidente e segretario generale del Comitato organizzatore della Mille Miglia. Madrina della nuova edizione è Madalina Ghenea, reduce dal successo di “Ballando con le stelle”, che raccoglie lo scettro di Anna Falchi. Il Vicesindaco di Roma ha voluto sottolineare la vicinanza delle istituzioni locali a questa manifestazione che, ovviamente dopo Brescia, trova ogni anno nella Capitale la cornice ideale del suo fascino e della sua storia. Dal 12 al 14 maggio, dunque, si terrà la Mille Miglia 2011. Centinaia di auto d’epoca si sfideranno sull’itinerario Brescia-Roma, e ritorno, attraverseranno girando in senso orario le strade classiche della Mille Miglia e toccheranno sette regioni: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Umbria e Lazio, all’andata, a cui si aggiunge la Toscana al ritorno. Il percorso 2011 propone il suggestivo

attraversamento di alcune tra le più belle città d’Italia. Oltre a Brescia e Roma, assisteranno infatti al passaggio della Mille Miglia anche Desenzano del Garda, Verona, Cento, Gambettola, Sansepolcro, Spoleto, Rieti – all’andata – e Viterbo, Siena, Firenze, Bologna, Reggio Emilia, Parma e Cremona al ritorno. Si ripete, inoltre, il passaggio internazionale della Mille Miglia che toccherà la Repubblica di San Marino. In occasione della presentazione ufficiale, Fabio Berardi, segretario di Stato per il turismo e lo sport della Repubblica di San Marino, ha riconosciuto che “Mille Miglia e San Marino sono due realtà che si somigliano per la loro capacità di coniugare tradizione e futuro, unicità di storia e successo nel rendersi e mantenersi sempre attuali e nel riuscire a coniugare perfettamente realtà e leggenda”. Sono previste, infine, nuove prove cronometrate in Umbria, all’andata, e in programma anche nuove prove speciali in Toscana al ritorno. Come detto, la manifestazione è stata presentata nei giorni scorsi, e come da tradizione, a Roma, dal vicesindaco Mauro Cutrufo. “La Mille Miglia – ha affermato Cutrufo – è una corsa storica, che per prima ha mostrato la capacità e l’eccellenza del ‘made in Italy’. Questo evento di grande tradizione troverà nella Capitale una corni-

ce eccezionale, seguita calorosamente da romani e turisti. Solo nella nostra città ci saranno, come ogni anno, decine di migliaia di persone ad attenderne il suo passaggio, e molte di più nell’intero percorso. Anche questo contribuirà a far parlare di Roma nel mondo attraverso un marchio, Mille Miglia, tutto italiano”. “Voglio proporre al sindaco di Roma Gianni Alemanno e al sindaco di Brescia Adriano Paroli la candidatura della Mille Miglia nella lista Unesco dei Beni del patrimonio immateriale, secondo quanto prevede la convenzione del 2003”. Lo ha affermato in Campidoglio il sottosegretario ai Beni e alle attività culturali Francesco Giro, a margine della conferenza di presentazione alla stampa della corsa. “Le Mille Miglia appartengono a pieno titolo al nostro patrimonio culturale e per questo il loro inserimento fra i beni Unesco è opportuno – ha proseguito Giro –. Il tracciato costituisce un vero e proprio itinerario culturale che attraversa i centri storici di importanti città come Modena, Bologna, Spoleto, Siena, Firenze e che trova in Roma e Brescia i suoi due punti fermi. È una manifestazione che si è sempre avvalsa di una forte coesione con il territorio, consentendo di promuovere e di valorizzare il nostro immenso patrimonio nel mondo”.


I nostri servizi: meccanica - elettrauto revisioni - tagliandi restauro auto storiche consegna e ritiro a domicilio Via Foro Boario, 13/A - Brescia Tel. e Fax 030 2302374 - autoripcolpani@teletu.it

-OFFICINA DI RETTIFICA MOTORI -PUNTO RICAMBI MOTORI PORSCHE -EQUILIBRATURA BIELLE E ALBERI MOTORE

REVISIONE MOTORI E CAMBI PORSCHE 356/911

RADAR di Ercoli Aldo & C. s.n.c. Via Basiletti, 19 - BRESCIA -Tel. e Fax 030 3751321 radarbrescia@yahoo.it

di Tira Stefano & C. S.n.c. Officina Autorizzata IVECO Via Orzinuovi, 127/a - 25125 (BS) Tel. 030 3540200-514 Fax 030 3550803 e.mail: info@tirapietro.it http://www.tirapietro.it SOCCORSO STRADALE AUTOMEZZI PESANTI NOLEGGIO AUTOGRÙ PER SOLLEVAMENTI RIPARAZIONE VEICOLI INDUSTRIALI REVISIONE AUTOCARRI CON BANCO PROVA CENTRO REVISIONE IDROGUIDE E SERVOSTERZI

Il mondo del trasporto

11-15 Maggio 2011

Un Borgo, una Cascina, un moderno Agriturimo che mette a disposizione della Clientela: - Camere contraddistinte da intriganti suggestioni cromatiche in sintesi ideale fra antico e moderno - Sale Ristorante e per Eventi o Cerimonie - Sale Conferenze tecnologicamente attrezzate in grado di ospitare fino a 90 partecipanti. - Locali Wellness, centro benessere, bagno turco e massaggi per riappropriarsi della propria armonia.

Agriturismo MACESINA - Via Borgh tel (+39) 030 6871737 - fax (+39) 030 6874661 - ww


info@pagina.bs.it

25040 GIANICO (Bs) - via delle Bosche, 1 Ufficio 0364.533500 - Fax 0364.527791 Magazzino 340.8514871

• COMPRAVENDITA AUTO USATE E FUORISTRADA • SVOLGIMENTO PRATICHE DI RADIAZIONE • VENDITA RICAMBI NUOVI E USATI

ESPERTI NEL ROTTAMARE LA TUA AUTO

ISTO ACQU RATE SINIST AUTO

Un piccolo santuario del relax, del benessere e del buon vivere, dove la tradizione, la cultura e la storia di un territorio sanno convivere con le moderne esigenze del comfort.

etto, 22 - 25081 Bedizzole (Bs) ww.macesina.it - e.mail: info@macesina.it

UFFICIALMENTE CONVENZIONATA CON LE MIGLIORI COMPAGNIE DI ASSICURAZIONI Auto sostitutiva

BRESCIA - Via Fura, 39 (ang. Via Rovigo) - Tel. 030 3542636


18

Non solo motori

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Il Museo La casa della Mille Miglia

Nove sezioni tra auto, testi e immagini Inaugurato nel 2004, oggi il Museo punta a realizzare sinergie con i principali musei automobilistici nazionali e internazionali

L

di Vittorio Bertoni

L’iniziativa di dar vita a un museo dedicato alla Freccia Rossa si è concretizzata sul finire degli anni Novanta con la costituzione, da parte di alcuni amici e dell’Automobil club di Brescia, dell’associazione Museo della Mille Miglia Città di Brescia. Il Museo è stato inaugurato il 10 novembre del 2004 ed è situato all’interno del monastero di Sant’Eufemia (ne riferiamo a lato); l’esposizione è stata pensata per realizzare un ambizioso progetto culturale e didattico: aiutare i visitatori a conoscere meglio uno straordinario evento spor-

tivo e mostrare nel contempo uno spaccato della storia, della cultura e del costume italiano negli anni dal 1927 al 1957, con richiami e presentazioni di monumenti, luoghi e riferimenti relativi a città, province e regioni attraversate dalla gara nelle varie edizioni. Il percorso, indicato dall’inizio alla fine da una strada rossa decorata sulla pavimentazione, si snoda sinuosamente in nove sezioni temporali: sette dedicate alla Mille Miglia “storica” iniziata nel 1927 e terminata nel 1957, anno del terribile incidente di Guidiz-

NEL PARCO DELLE COLLINE, A DUE PASSI DALLA CITTÀ

AGRITURISMO LOCANDA DEL PESCO Collebeato [BS] 33 Via Trento T +39 03 02 51 17 63 M +39 33 11 54 38 42 www.locandadelpesco.it info@locandadelpesco.it

DA GIOVEDÌ A DOMENICA

zolo costato la vita a una decina di persone; una alla Mille Miglia “alternativa” corsa nel 1958, nel ’59 e nel ’61; e una alla Mille Miglia contemporanea, quella “rievocativa”. Nel percorso museale sono esposte un centinaio di macchine d’epoca e per ciascuna sezione sono disponibili pannelli descrittivi riguardanti la storia, il costume, lo stato politico e sociale del tempo. Il tutto è arricchito con impianti audiovisivi, immagini, nonché una serie di schermi che proiettano filmati d’epoca della gara e dei suoi protagonisti. E un vero e proprio “museo nel museo” attende i visitatori: alternati a vetture e cimeli, sono esposti ordinatamente in bacheche centinaia di documenti. Si tratta dell’archivio storico della corsa, che custodisce circa 130mila documenti originali che Ren-

zo Castagneto e il suo staff conservarono nella sede dell’Automobile club di Brescia. Ottimo per la ricerca e lo studio nell’ambito delle corse d’auto d’epoca, l’archivio contiene tutto il materiale di competenza dell’organizzazione, tra il quale si trovano le schede di iscrizione dei concorrenti, la corrispondenza con le scuderie e le Case automobilistiche, classifiche, ordini di partenza, tabelle, rassegne stampa con articoli, giornali, riviste dell’epoca e i famosi “Numeri Unici”. Tutti i documenti sono stati scansionati e informatizzati e sono ora fruibili come archivio digitale attraverso un motore di ricerca. La consultazione dell’archivio è disponibile a ricercatori e professionisti, agli appassionati e ai proprietari di vetture d’epoca, agli studenti che vogliano documentarsi per elaborati e tesi.

AUT OR IPAR AZIONI

Riparazione vetture multimarca Riparazione e acquisto auto sinistrate Servizio lavaggio cambi automatici Elettrauto Servizio carrozzerie affiliate

Via G. Di Vittorio, 37 - RONCADELLE (BS) Tel. e Fax 030 2586474 - Cell. 346 0957548 E-mail: autoriparazionimarelli@gmail.com


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

19

La storia

Da complesso monastico a museo

Oltre allo spazio espositivo il Museo offre la possibilità di acquistare, in un apposito negozio posto all’ingresso, gadget, oggetti e articoli d’abbigliamento griffati con il logo ufficiale e mette a disposizione, nel suggestivo ambiente del monastero, diverse sale e spazi esterni per l’organizzazione di congressi, riunioni, mostre ed eventi. Nel cortile interno del monastero è aperta la Taverna Mille Miglia per coffee break, aperitivi, pranzi e cene. Anche la Taverna è un pezzo di storia della corsa. L’antica Taverna Mille Miglia, fu aperta in Corso Cavour, in pieno centro cittadino, nel 1934, per offrire ristoro ai campioni di ritorno dalle imprese su strada, ma era anche luogo di ritrovo dei turisti e degli appassionati del mondo delle corse d’auto. La Ta-

verna è stata quindi spettatore privilegiato della vita delle leggende della Mille Miglia, leggende che tornavano a essere uomini alla taverna, con le proprie gioie e le proprie delusioni. Un museo dedicato alle corse automobilistiche non è sicuramente un’opera statica e i dinamici soci dell’Associazione lavorano per dare sempre maggiore vigore alla loro creatura. Dal punto di vista architettonico c’è la volontà di proseguire nei lavori di ristrutturazione del complesso monastico, intervenendo sulla casa dell’Abate, mentre sotto il profilo della comunicazione si stanno rafforzando collegamenti e sinergie con i più importanti musei automobilistici nazionali e internazionali per creare un “circuito virtuoso” in grado di attrarre sempre più visitatori.

La costruzione del complesso monastico prende avvio nel 1008, a opera del vescovo di Brescia Landolfo che lo affida ai monaci benedettini. La storia racconta che i benedettini si instaurarono in questa zona per realizzare importanti azioni di controllo e canalizzazione delle acque. Quanto la zona fosse un'importante asse di comunicazione lo dimostra anche la vicinanza del Naviglio che, diramandosi dal fiume Chiese fino a Gavardo, lambisce Sant'Eufemia per addentrarsi nella bassa orientale. I benedettini approfittarono di queste acque sia per costruire lavatoi e mulini che per l'utilizzo in agricoltura. Il Monastero è inizialmente dedicato a San Paterio, 23° vescovo di Brescia, agli inizi del VII secolo; successivamente, viene però introdotta la dedizione a Sant'Eufemia, una fanciulla cristiana di Calcedonia, morta martire a soli 15 anni, durante la persecuzione diocleziana. Nei primi tre secoli di vita la presenza di Sant'Eufemia nella realtà bresciana è rilevante, anche se la posizione del complesso monastico lo espone continuamente agli attacchi degli eserciti che vogliono conquistare Brescia. A partire dal XIV secolo inizia il periodo del declino: nel 1438, quando Brescia è ormai sotto il dominio della Serenissima, il convento si vedrà infliggere il colpo di grazia. I monaci decidono di abbandonare il monastero, le cui sorti sono ormai segnate: nel 1478 il vecchio convento viene chiuso definitivamente. La presenza di corpi di fabbrica, posteriori al 1478 e anteriori al 1797, fa ritenere che la conversione in cascina sia stata operata proprio dagli stessi monaci. Pur rimanendo di proprietà della Curia vescovile, gli edifici abbandonati dai monaci saranno utilizzati come magazzini fino al 1797, quando Napoleone li assegnerà all'Ospedale maggiore nazionale di Brescia che li trasformerà in insediamento rurale. Dall'Ospedale maggiore, quello che rimane dell'importante convento passa nel 1979 al Comune di Brescia che, nel 1997, lo concede in uso all'associazione Museo della Mille Miglia. (v.b.)

WWW.MILLENNIUMSPORTFITNESS.COM - INFO: 030 3540613 - Entra a Millennium, esci che stai meglio.


una straordinaria esperienza al tuo servizio per ogni riparazione

Brolli Auto s.n.c. Via Trento, 140/B / Capriano del Colle (BS) Tel. 030 9971521 Fax 030 9971621 service@brolliauto.it / www.brolliauto.it


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

21

Auto & Equipaggi

I concorrenti Gli equipaggi in gara Ordinato in base al numero Mille Miglia (ben visibile sulle vetture), nelle pagine che seguono trovate l'elenco completo dei partecipanti. Letto il numero, un rapido sguardo all'elenco permetterà di conoscere immediatamente i principali dati relativi alla vettura che sta passando e alla coppia che la guida (nome del pilota e del navigatore, e loro nazionalità). Se un elenco di questo tipo, negli anni della competizione, avrebbe presentato i più noti piloti, oggi ad attirare l'attenzione sono soprattutto i “personaggi”, uomini e donne che desiderano provare l'emozione di una gara di regolarità

Così al via 1 Stefan Judisch (D) - Karl Heinz Kuck (D)

15 M. Amenduni Gresele (I) - Fabrizio Vicari (I)

OM 665 SS 1930

ALFA ROMEO 6C 1500MMS 1928

2 Richard Lisman (USA) - Clive Doyle (USA)

16 Giovanni Moceri (I) - Rossella Labate (I)

OM 665 SSMM 1929

ALFA ROMEO 6C 1500 Super Sport 1928

3 Johann Georg Fendt (D) - Corinna Fendt (D)

17 Geronimo La Russa (I) - Emanuel Piona (I)

OM 665 Superba 1927

FIAT Siata 508 1933

4 Albert Wetz (L) - Leonardo Sordi (I)

18 Fabio Salvinelli (I) - Maurizio De Marco (I)

OM 665 Superba 1927

ALFA ROMEO 6C 1750 Gran Sport 1930

5 Boris Bazhenin (RUS) - Nadia Bazhenina (RUS)

19 Mauro Ferrari (I) - Dario Ferrari (I)

OM 665 Superba 1928

BUGATTI Type 37 1926

6 Sandro Brozzetti (I) - Filiberto Brozzetti (I)

20 Bruno Ferrari (I) - Carlo Ferrari (I)

OM 665 SSMM compressore 1930

BUGATTI Type 37 1927

7 Jurgen Maes (B) - Philippe Van Schoubroeck (B)

21 Guido Foresti (I) - Pietro Foresti (I)

FIAT 509 Sport Monza 1926

BUGATTI Type 37 A 1927

9 Paolo Luciano Venturelli (I) - Andrea Venturelli (I) 22 Frederica Kirkpatrick (GBG) - Simon Kirkpatrick BNC 527 Monza 1927

10 Philippe Jolly (CH) - Andre Germann (CH) AMILCAR CGSS 1927

11 Giuseppe Fiorentini (I) - Umberto Fiorentini (I) RALLY ABC Gran Sport 1929

12 Juergen Grossmann (D) - Peter Loescher (D) BENTLEY Speed Six 1927

14 Duncan Sutherland (GB) - Richard Andrew Swallow (D) LANCIA Lambda Casaro Spider 1928

(GBG) BUGATTI Type 37 A 1928

23 Giacomo Foglia (CH) - Paola Boselli (CH) BUGATTI Type 35 1925

24 Giuseppe Brevini (I) - Giorgio Bonezzi (I) BUGATTI Type 35 A 1925

25 Francesco Guasti (I) - Alessandro Guasti (I) BUGATTI Type 35 1926

26 Kyoto Takemoto (J) - Junko Takemoto (J) BUGATTI Type 35 A 1926


22

Auto & Equipaggi

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

27 Emmanuel Jacqmard (B) - Vincent Jacqmard (B)

41 Claudio Gnutti (I) - Corrado Zobbio (I)

BUGATTI Type 43 1928

FIAT Balilla 508 S (motore 108 CS) 1934

28 Julius Kruta (D) - Bernd Wieland (D)

42 Ezio Perletti (I) - Ivan Bresciani (I)

BUGATTI Type 35T 1926

FIAT Balilla 508 Coppa d’oro Sport Siata 1933

29 Corrado Lopresto (I) - Dora Lopresto (I)

43 Gian Paolo Cavagna (I) - Angelo Seneci (I)

DIATTO Diatto 20 s 1925

FIAT 514 Mille Miglia 1931

30 Helmut Haas (A) - Franz Schiep (A)

44

LANCIA Lambda Series VII 1927

31 Wolfgang Erber (A) - Heinz Haselwander (A) LANCIA Lambda Series VII 1927

Evert Louwman (NL) - Josine Maria van Dorthtot Medler (NL) MERCEDES-BENZ 710 SSK 1929

45 Giacomo Agostini (I) - Jochen Maas (D) MERCEDES-BENZ 710 SS 1930

32 Luciano Lui (I) - Giancarlo Grossi (I)

46 David Staretz (D) - Thomas Weber (D)

FIAT 520 Torpedo 1928

33 Andrey Pankovskiy (RUS) - Tatiana Pankovskaya (RUS) ALFA ROMEO RL SUPER SPORT 1925

34 David Madeira (USA) - Nicola Bulgari (I) LA SALLE 303 1927

35 Jan Van Gemert (NL) - Stijn Van Gemert (NL) BUICK roadster 1929

MERCEDES-BENZ 710 SS 1930

47 Helmut Rothenberger (D) Silvia Rothenberger (D) MERCEDES-BENZ SSK 1929

48 Alan Beardshaw (GB) - Margaret Beardshaw (GB) MG K3 1934

Alberto e Giacomo Donghi con una Peugeot 203a del 1954

55 Peter Seeholzer (CH) - Michael Seeholzer (CH) ASTON MARTIN Le Mans 1933

49 Giordano Mozzi (I) - Stefania Biacca (I) ASTON MARTIN Le Mans 1933

56 Manuel Eliçabe (RA) - Mark Gessler (USA)

Wolfgang Durheimer (D) BENTLEY 4 1/2 Litre Supercharged 1929

50 Sergio Sisti (I) - Dario Bernini (I)

57 Claudio Scalise (RA) - Daniel Claramunt (RA)

37 Andrew Day (GB) - Bentley 1 Day (GB)

51 Giuseppe Ambrosi (I) - Carlo di Borbone (F)

36 Franz-Josef Paefgen (GB)

ASTON MARTIN Le Mans 1933

BENTLEY Speed Six 1930

ASTON MARTIN Le Mans 1933

38 Geoffrey Ford (GB) - Richard Ford (GB) BENTLEY 4½ Litre Supercharged 1930

52 Vittorio Berzero (I) - Umberto Berzero (I) ASTON MARTIN Le Mans Special 1933

39 Graham Watts (GB) - Patrick Watts (GB)

ASTON MARTIN Le Mans 1933

ALFA ROMEO 6C 1500 GS 1933

58 Ivanno Frascari (I) - Luciano Teneggi (I) BUGATTI Type 40 A 1930

59 Alessandro Podini (I) - Stefano Tomasi (I) ALFA ROMEO 6C 1750 GS 1930

53 Flaminio Valseriati (I) - Paolo Sabbadini (I)

60 Jaime Pueche (E) - Jesús Hernando (E)

ASTON MARTIN Le Mans 1933

ALFA ROMEO 6C 1750 Gran Sport 1931

40 Osvaldo Peli (I) - Susanna Mola (I)

54 Tiberio Cavalleri (I) - Cristina Meini ()

61 Enrico Scio (I) - Fabio Scio (I)

FIAT 508/s coppa oro 1934

ASTON MARTIN Le Mans 1933

ALFA ROMEO 6C 1750 Gran Sport 1931

MG C-Type Midget 1932

PORTE E SERRAMENTI DI QUALITA’

scale ti fi a z n Assiste ntivi previs ince per gli

REALIZZAZIONI IN LEGNO PVC, ALLUMINIO Via Adua, 58 - 25034 ORZINUOVI (BS) Tel. 030.943920 Fax 030.941397 www.artlegno.it


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Alexander Van Voorst Vader (NL) LAGONDA M 4.5 RAPIDE 1934

69 Adalberto Beribè (I) - Sandro Baldarelli (I) FIAT 508 CS 1936

70 Andrea Martini Antonini (I) - Edoardo Tenconi (I) SIATA 1100 coupè 1940

71 Marco Gatta (I) - Luca Mario Gatta (I) MG PB 1935

72 Alberto Riboldi (I) - Riccardo Riboldi (I) MORETTINI Fiat 508 S 1936

73

Giuseppe Boscarino (I) Maria Lucrezia Boscarino (I) FIAT 508 CS MM 1938

74 Wim Deijs (NL) - Geert Jan Peters (NL) ALFA ROMEO 6C 2500 SS cabriolet Touring 1940

75 Luca Patron (I) - Francesco Balbo (I) ALFA ROMEO 6C 2300B Gran Turismo 1937

62 Axel Marx (CH) - Matteo Denti ()

76 Jacob Iliohan (USA) - Tonis Kasemets (USA)

23

83 Ulrich Knieps (D) - Hans Hamer (D) BMW 328 1937

84 Ludwig Willisch (D) - Knut Ogreid (N) BMW 328 Frazer Nash 1938

85 Klaus G. Riedel (D) - Heiner Riedel (D) BMW 328 1939

86 Giuliano Cane (D) - Lucia Galliani (D) BMW 328 Mille Miglia Coupé 1939

87 Ian Robertson (GB) - Rowan Atkinson (GB) BMW 328 Mille Miglia Roadster 1939

88 Adrian van Hooydonk (NL) - Alfredo Haeberli (RA) BMW 328 1939

89 Christoph Langen (D) - Matthias Malmedie (D) BMW 328 Kamm Coupé Replica 1939

90 Herbert Diess (D) - Wolf Henning Scheider (D) BMW 328 1939

91 Aldo Bonomi (I) - Tarcisio Bonomi (I)

ALFA ROMEO 6C 2300 Mille Miglia 1938

BMW 328 1938

63 Martin Halusa (GB) - Niklas Halusa (GB)

77 Mark Midgley (GB) - Andy Bell (GB)

92 Mitchell Gross (USA) - John Tober (USA)

ALFA ROMEO 8C 2300 MM 1932

ASTON MARTIN Ulster 1935

BMW 328 1938

64

78 Pavel Pankovskiy (RUS) - Olga Pankovskaya (RUS)

93 Massimo Ermini (I) - Lapo Ermini (I)

RILEY Sprite 1936

BMW 328 Coupé 1937

79 Klaus Draeger (D) - Bernd Ostmann (D)

94 TBA TBA (D) - TBA TBA (D)

BMW 328 1937

BMW 328 1937

80 Torsten Mueller-Oetvoes (D) - Michael Fux (C)

95 Corrado Minussi (I) - Giuseppe Rizzo (I)

BMW 328 1937

FIAT Zanussi Fontebasso Sport MM 1948

81 Maximilian Schoeberl (D) - Peter Esser (D)

96 Rolf Dombrowsky (D) - Sascha Dombrowsky (D)

BMW 328 1937

FIAT Motor RG 1 1948

82 Heike Schneeweis (D) - Hildegard Wortmann (D)

97 Joost Bert (B) - Pierre Adyns (B)

BMW 328 1938

HWM Alta 1949

ALFA ROMEO 6C 1750 Gran Sport 1932

Jack Braam Ruben (NL) - Alexander Braam Ruben (NL) ALFA ROMEO 8C 2300 Corto Corsa Spider 1932

65 Frans van Haren (NL) - Roos Van Os (NL) ALFA ROMEO 8C 2300 Le Mans 1931

66 Adrian van der Kroft (B) - Joanna van der Kroft (B) TALBOT AV 105 1931

67 Christopher Lunn (GB) - Nicola Lunn (GB) TALBOT AV 105 team car 1931

68 Macko Laqueur (B)

di Crescini Gianpaolo

AUTORIPARAZIONI ELETTRAUTO GOMMISTA Via Trento, 54 - loc.Fenili Belasi - Capriano d./Colle - Brescia - Tel. e Fax 030.9748812


Auto & Equipaggi

109 Franca Boni (I) - Monica Barziza (I)

126 Fulvio Martini (I) - Laura Marzari (I)

LANCIA Aprilia 1949

CISITALIA 202B 1950

110 Adolphus Leonardus Jans (NL)

127 Maurizio Leonesio (I) - Alessio Nossa (I)

Rob Huis in ‘t Veld (NL) VERITAS RS 1949

111 Harry Kuipers (NL) - Andries Jozef Jans (NL) BRISTOL 400 1948

112 Adrian Berry (GB) - Hannah Goodman (GB)

98 Alberto Bordogna (I) - Riccardo Bordogna (I) CISITALIA 202 Coupé Gran Sport 1947

99 Georg Geyer (A) - Franz Steinbacher (A)

131 Vincenzo Bricchetti (I) - Guido Arcangeli (I)

114 Christian Dumolin (B) - Philippe Woitrin (B)

FIAT 1100 barchetta Colli 1951

MASERATI A6 GCS Monofaro 1947

132 Remo Squarcia (I) - Lorenzo Squarcia (I)

115 Giorgio Schon (I) - Edoardo Schon (I)

ERMINI Sport siluro 1951

116 Clive Bate (GB) - Daniel Bilski (AUS) FERRARI 166 Inter Touring Coupe 1949

FIAT 1100 S 1947

118 Eckhard Luengen (D) - Wolfram Lohre (D)

101 Sergio Borla (I) - Edoardo Borla (I)

HEALEY Elliott Coupé 1948

FIAT 1100 S 1947

119 Christian Roncolato (I) - Sabine Rinnerberger (I)

102 Pierpaolo Moreschi (I) - Enrico Malavasi (I)

HEALEY Silverstone D27 1949

FIAT 1100 S 1948

120 Oriol Vilanova (E) - Shawn Till (USA)

105 Alberto Castelli (I) - Armando Vincoli (I) CISITALIA 202 SMM 1947

106 Michele Cibaldi (I) - Andrea Costa (I) GILCO Mariani FIAT 1100 1948

107 Alessandro Donati (I) - Leonardo Roman (I) LANCIA Aprilia 1500 1949

108 Brian Long (I) - Rob Braig (I) LANCIA Aprilia 1500 1949

ABARTH 204 A Berlinetta 1950

MASERATI A6 GCS 1948

HEALEY Westland 1947

FIAT 1100 S 1948

129 McKeel Hagerty (USA) - Angus Forsyth (GB) ERMINI Sport 1100 1952

100 Alberto Palazzani (I) - Alberto Franchini (I)

104 Roberto Rollino (I) - Angelo Rollino (I)

ABARTH 205 1950

113 Masaaki Kurihara (J) - Atsuko Iwato (J)

117 Harm Altena (NL) - Els de Bruin (NL)

FIAT 1100 S MM 1948

128 Elad Shraga (IL) - Ronit Schwartz Shraga (IL)

130 Gianpietro Falduto (I) - Maurizio Ceretti (I)

FERRARI 166 1949

ALFA ROMEO 6C 2500 SS 1948

121 TBA TBA (I) - TBA TBA (I)

25

CISITALIA 202 SC CABRIO 1951

BRISTOL 400 Farina cabriolet 1949

CISITALIA 202 SC 1948

103 Andrea Bona (I) - Marina Fiorentini (I)

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

133 Federico Marchesi (I) - Marco Marchesi (I) OSCA MT4 1951

134 Luigi Carlini (CH) - Gianluca Ambrosetti (CH) SIATA 300BC 1952

135 Simon Hope (GB) - George Beale (GB) ALLARD J2 1950

136 Alessandro Gamberini (I) - Pier Luigi Nobili (I) HEALEY Nash mod. S1 Roadster 1951

137 Amedeo Sperotto (I) - Giovanni Sperotto (I) FIAT AR 51 Campagnola 1951

138

Stanford Horn (USA) David Alexander Arnold (CH) ALFA ROMEO 1900 1952

ALFA ROMEO 6C 2500 Sport 1947

139 Onno ten Brinke (NL) - Harald ten Brinke (NL)

122 Joel Berg (S) - Kajsa Berg (S)

SIATA Daina Sport Coupé’ 1951

JAGUAR XK 120 Alu 1949

140 Ennio Tosi (I) - Luigino Ghidini (I)

123 Domenico Abbenante (I) - Maurizio Lodovisi (I)

SIATA Daina 1400 GS 1952

FIAT 500 C 1951

124 Joannes Collette (NL) - Henry Wissing (NL) VERITAS Dyna 1951

125

Sylvia Maria Antonietta Oberti (USA) - Susan Carol Royce (USA) SIATA 750 Spider 300BC 1951

141 Biagio Capolupo (I) - Beatrice Saottini (I) PORSCHE 356 Pre-A coupé 1500S 1952

142 Fabio Castelli (I) - Gianantonio Valli (I) PORSCHE 356 Pre-A coupé 1500 1952

143 Avon Mozer (NL) - S von Mozer (NL) ALFA ROMEO 1900 C Sprint Touring 1951


26

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

144 Alberto Aliverti (I) - Alberto Maffi (I) LANCIA Aurelia B 20 1952

145 Raffaele Terlizzi (I) - Terlizzi1 Terlizzi2 (I) LANCIA Aurelia B 20 I serie 1951

146 Michael Stollfuß (D) - Christian Stollfuß (D) FERRARI 212 Inter Coupe 1952

147 Albert Streminski (D) - Jürgen Georg Hüniken (D) FERRARI 212/225 Export 1952

148 Axel Urban (D) - Corneluis Tamboer (USA) FERRARI 225 Inter 1952

149 Francesco Masetti Zannini (I) - Luigi Cherubini (I)

Auto & Equipaggi

157 Claudia Tagliaferri (I) - Elisa Panzeri (I) JAGUAR XK 140 OTS 1955

158 Giancarlo Giacomello (I) - Alessandro Spada (I) JAGUAR XK 120 OTS 1950

159 Corrado Corneliani (I) - Erminio Araldi (I) JAGUAR XK 120 OTS 1950

160

Giovanni Luca Murru (I) Massimo Destro Castaniti (I) JAGUAR XK 120 OTS 1950

161 Paola Biondetti (I) - Stefano Varia (I) JAGUAR XK 120 OTS 1951

162 Roberta Mottadelli (I) - Kerry Sheppard (CDN) JAGUAR XK 120 roadster 1952

ASTON MARTIN DB2 1951

163 Josef Panis (A) - Nicole Panis-Markom (A)

150 Geert van de Velde (NL)

164 Yasuhiko Yamashita (J) - Tatsushi Maruyama (J)

Roelof van de Velde (NL) ASTON MARTIN DB2 Vantage 1952

FERRARI 340 America 1951

MASERATI A6 1500 Pininfarina 1950

165 Hans-Martin Schneeberger (CH

151 Justin Kennedy (HK) - David Long (GB)

Shirin Schneeberger (CH) JAGUAR XK 120 OTS Alloybody 1950

ASTON MARTIN DB2 Team Car 1950

166 Marco Becchetti (I) - Elisa Becchetti (I)

152 Gilberto Focardi (I) - Andrea Focardi (I) ERMINI 1100 Sport 1950

153 Massimo Massai (I) - Lisa Ragionieri (I) CISITALIA 202 Coupé 1947

HEALEY Silverstone 1950

167 Wilfried Bechtolsheimer (CH)

Till Bechtolsheimer (CH) HEALEY Silverstone 1950

168 Giuliano Gnutti (I) - Alberto Gnutti (I)

172 Andreas van Zyl (ZA) - Robert van Zyl (ZA) FERRARI 166MM 1950

173 Marcello Fratini (I) - Alessandro Bruni (I) FERRARI 225 S Export Berlinetta 1951

174 Marc Newson (GB) - TBA TBA (GB) FERRARI 225 Export Tuboscocca Spyder 1952

175 Quirina Valentina Louwman (NL)

HEALEY Silverstone 1950

Valentina Louwman (NL) ASTON MARTIN DB3 1952

169 Tadakazu Kojima (J) - Hideki Tanaka (D)

176 Martin Melling (GB) - Tim Moore (GB)

FERRARI 166MM/195S 1950

ASTON MARTIN DB3 Team Car 1952

170 Peter M Carlino (USA) - John M. Jacquemin (F)

177 Horst Keil (D) - Gino Perbellini (I)

FERRARI 212 Export Barchetta 1951

JAGUAR-BIONDETTI Special 1950

156 Giuliano Panzeri (I) - Davide Livio (I)

171 Bernhard Sieber (D) - Martin Gaensler (D)

178 Florian Seidl (D) - Theodor Seidl (GB)

JAGUAR XK 140 OTS 1954

FERRARI 212 Export 1951

JAGUAR XK 120 1950

154 Niccolò Ricci (I) - Filippo Ricci (I) JAGUAR XK 120 OTS 1952

155 Stefano Ricci (I) - Burton Tansky (USA) LANCIA Aurelia B 20 1953

VERNICIATURA A FORNO - BANCO DI SQUADRATURA CONCORDATARIA CON TUTTE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE

Via Conicchio, 49 - BRESCIA - Tel. e Fax 030 2003138


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

27

186 Polo Cartabbia (I) - Salvatore D Orto (I)

201 Walter Perotto (I) - Mauro Ellena (I)

FIAT 1100 TV GT 1955

MERCEDES-BENZ 180 1955

187 Marco Rollinger (L) - Dany Rollinger (L)

202 Renato Personeni (I) - Sergio Sala (I)

OSCA MT4-2AD 1955

ALFA ROMEO 1900 TI 1953

188 John Burton (GB) - Peter Burton (GB)

203 Mauro Galavotti (I) - Stefano Vezzelli (I)

JAGUAR Mark VII 1951

ALFA ROMEO 1900 TI 1954

189 Terry O Reilly (GB) - Patrick McDowell (USA)

204 Tony Ring (S) - Olof Larsson (S)

JAGUAR Mark VII 1956

ALFA ROMEO 1900 TI SUPER 1954

190 Bernard Kuhnt (GB) - TBA TBA (GB)

205 Marzio Villa (E) - Maria Cristina Abello (E)

JAGUAR XK 120 Alu 1950

AC Ace Barchetta 1955

191 Tony O’Keeffe (GB) - TBA TBA (GB)

206 Francesco Martella (I) - Gabriele Savarese (I)

JAGUAR XK 120 SE 1952

MERCEDES-BENZ 220 A 1954

192 Richard Frankel (GB) - TBA TBA (GB)

207 Daniele Cerrato (I) - Massimo Fossati (I)

JAGUAR C-type 1952

ROVER 75 P4 1955

193 Frank Klaas (D) - Jaguar 24 Jaguar 35 ()

208 Franz Wittner (A) - Thomas Koblmüller (A)

JAGUAR C-type 1953

PORSCHE 356 1500 1954

194 Nigel Webb (GB) - TBA TBA (GB)

209 Massimo Bettinsoli (I) - Emanuele Peli (I)

JAGUAR C-Type 1952

PORSCHE 356 1500 Speedster 1954

195 Carl-Peter Forster (GB) - TBA TBA (GB)

210 Daniele Belluto (I) - Luigi Facta (I)

JAGUAR D-Type 1956

PORSCHE 356 1500 Speedster 1954

FIAT 1100 TV 1954

196 Maurizio Dragone (I) - Tiziano Rossi (I)

211 Marco Merati Foscarini (I) - Massimo Mosterts (I)

FIAT Ottovu (8V) 1952

PORSCHE 356 Pre-A coupé 1500 1954

182 Robert Berle (I) - Tom Mockridge (I)

197 Ezio Rossi (FL) - Stefano Bonello (I)

212 Armando Donati (I)

PORSCHE 356 1500 Speedster 1954

PORSCHE 356 1500 Speedster 1955

198 Marco Gandino (I) - Maurizio Gandino (I)

213 Giorgio Patelli (I) - Ermanno Giuseppe Molinari (I)

SIMCA ARONDE 1954

PORSCHE 356 Speedster 1500 cc 1955

184 Thomas Smith (USA) - Donald Polak (USA)

199 Alberto Donghi (I) - Giacomo Donghi (I)

214 Enzo Cibaldi (I) - Elena Cibaldi (I)

SIATA 1100 TV VIGNALE 1954

PEUGEOT 203 1954

PORSCHE 356 1500 SPEEDSTER 1955

185Ezio Ronzoni (I) - Gian Franco Pastore (I)

200 Virginia Bettoja (I) - Stefano Rumboldt (I)

215 Mario Stuppelli (I) - Alberto Scorsetti (I)

FIAT 1100 TV GT 1954

MERCEDES-BENZ 180 D 1955

PORSCHE 356 1500 Speedster 1955

179 Robert Francis (CDN) - Pamela Francis (CDN) ALLARD J2 1951

180 Christian Baier (A) - Margot Baier (A) CITROEN 2 CV AZ 1954

181 Pierfrancesco Frere’ (I) - Enzo Castellaneta (I) FIAT 1100 coupè Zagato 1954

183 Wim De Reu (B) - Marie-Josee Balliu (B) FIAT 1100 103TV 1955

www.MobiliBottanelli.com

BERKEL & JUKEBOX via Nazionale n°36 Capo di Ponte (BS) Tel. 0364/42133 - cell. 347/9097115 www.mobilibottanelli.com - e-mail: mobilibottanelli@libero.it


28

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

Auto & Equipaggi

216 Paolo Streparava (I) - Marco Streparava (I)

234 Stefano Marinelli (I) - Carlo Bonometti (I)

PORSCHE 356 A - 1600S 1955

LANCIA Aurelia B 24 S 1955

217 TBA TBA (I) - TBA TBA ()

235 Fabrizio Rossi (I) - Fabio Teti (I)

ALFA ROMEO 1900 C Super Sprint (II serie) 1955

LANCIA Aurelia B 24 Spider 1955

218 Alessandro Cittadini (I) - Alessia Maglia (I)

236 Andrea Bruschetta (I) - Antonella Rebuffoni (I)

AC Ace-Bristol 1955

219 Mario Boglioli (I) - Enrica Pezzia (I) MASERATI A6 GCS Series 2 1954

220 Arnaldo Graglia (I) - Enrico Allara (I) TRIUMPH TR2 Sport 1954

221 Eugenio Piccinelli (I) - Ottorino Pellini (I) TRIUMPH TR2 SPORT 1954

222 Peter Cox (I) - Colin Hill (GBM)

LANCIA Aurelia B20 IV serie 1955

237 Rob VanderLeeuw (NL) - Ronald Kraal (NL) ASTON MARTIN DB2 Vantage 1953

238 Heinz Dieter Lankes (D) - TBA TBA (D) AUSTIN HEALEY 100/4 (BN1) le Mans specification 1954

239

Dagmar Sikorski-Grossmann (D) Daniela Esswein-Hardieck (D) LANCIA Aurelia B 24 S Spider 1955

TRIUMPH TR2 1955

240 Peter Van Huellen (D) - Juergen Flimm (D)

223 Marcello Klupfel (I) - Gunther Klupfel (I)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

TRIUMPH TR2 1955

241 Joachim Secker (D) - Alexander Hardieck (D)

224 Alessandro Franzi (I) - Federica Etter (I)

ALFA ROMEO 1900 C Super Sprint (II serie) 1957

AC ace 1955

242 Engelbertus Kersten (NL) - Thecla Bodewes (NL)

225 Martin Gruss (USA) - David Sydorick (USA) FIAT Ottovu (8V) 1953

226 Ruggero Magnoni (I) - Giuliano Magnoni (I) FIAT Ottovu (8V) Zagato 1953

277 David Reidie (AUS) - Leigh Colbert (AUS) FIAT Ottovu (8V) Zagato 1954

228 Jurriaan Schouwenburg (NL) - Tony Paalman (NL) FIAT Ottovu 106 Sport V8 1954

229 Matteo Del Fante (I) - Guido Maria Nola (GB) FIAT Ottovu (8V) 1955

230 Michiel Bakker (NL) - Milou Mulder (NL) LANCIA Aurelia B 20 III serie 1953

231 Laurent Levaux (B) - Virginie Saillez (B) LANCIA Aurelia B 24 S Spider america 1955

TALBOT LAGO T26 Grand Sport 1950

243 Carl Philip Bernadotte (S) - Jan Nilsson (S) PORSCHE 550-1500 RS 1955

244 M.H.B. Wegh (NL) - C. Wegh (NL) PORSCHE 356 Pre-A coupé 1500 1953

245 Gert Verhulst (B) - Peter Goossens (B)

251

Martin J. Hoermann (D) Thomas J. Hoermann (D) ASTON MARTIN DB2/4 1954

252 Oliver Mayer (D) - Martina Kleinbauer (D) ASTON MARTIN DB2/4 1955

253 Eric Shen (USA) - Marc Hruschka (USA) MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

254 Albert Carreras (CH) - Jordi Pascual (D) MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

255

PORSCHE 356 Pre-A coupé 1500S 1953

Karl-Friedrich Scheufele (CH) - FERRARI 750 Monza 1955

246 Pascal Pauwels (B) - Guy Verhofstadt (B)

256 Michael Stehle (D) - Lothar Matthaeus (D)

PORSCHE 356 1500 Speedster 1954

247 Ronald Cryns (B) - Philippe Quatennens (B) PORSCHE 356 Pre-A coupé 1500 1955

248 Jan Peter Balkenende (NL) - Gijs van Lennep (NL) PORSCHE 550-1500 RS 1955

249

ASTON MARTIN DB2 1951

257 Egon Tauscher (D) - Stefan Rybczynski (D) ASTON MARTIN DB2/4 1954

258 Burckhardt Nachtigall (CH) Juergen Prochnov (D) PORSCHE 356 1500 Speedster 1955

259 John Houtkamp (NL) - Rutger Houtkamp (NL)

LANCIA Aurelia B 24 S 1955

Bernhard van Oranje-Nassau (NL) Maurits van Oranje-Nassau (NL) PORSCHE 550-1500 RS 1955

233 Giacomo Parodi (I) - Matteo Parodi (I)

250 Johannes M.C. Brouwers (NL) - Frank Sorée (NL)

260 David Leclercq (D) - Geoffroy Libert (D)

LANCIA Aurelia B 24 S Spider 1955

TALBOT LAGO T26 Grand Sport 1949

MERCEDES-BENZ 180D 1954

232 Silvano Gerani (I) - Paolo Gerani (I)

JAGUAR XK 140 OTS WORKS 1955


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

271 Hans Joerg Goetzl (D) - Josef Geidobler (D)

289 M Macht (D) - Birgit Priemer (D)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

VOLKSWAGEN Kafer 1952

272 Simon De Burton (D) - Julian Pigg (GB)

290 A Antlitz (D) - Guido Reinking (D)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

VOLKSWAGEN Kafer 1956

273 Karlheinz Koegel (D) - Joerg Howe (D)

291 Michael Renz (D) - Christian Schowalter (D)

MERCEDES-BENZ 300 SL 1955

DKW F91 3=6 (black colour) 1954

274 Juan Manuel Fangio (BRA) - Mika Haekkinen (D)

292 Simo Stefani (D) - Christoph Bauer (D)

MERCEDES-BENZ 300 SLR 1955

DKW F91 3=6 Sonderklasse (metalblue) 1954

275 Klaus Ludwig (D) - Wilfried Porth (D)

293 Harald Demuth (D) - Thorsten Elbrigmann (D)

MERCEDES-BENZ 300SL 1956

DKW F91 Limousine Spezial 1955

276 Keith Crain (D) - Ernst Lieb (D)

294 Dindo Capello (D) - Gigi Pirolo (D)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

DKW 3=6 Monza (red) 1957

277 Loris Beghetto (I) - Francesco Beghetto (I)

295 Thomas Frank (D) - Wolfgang Egger (D)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

DKW 3=6 Monza (blue) 1957

278 Paolo Di Benedetto (I) - PierGiuseppe Biandrino (I) 296 Hans-Joachim Stuck (D) - TBA TBA (D)

261 Bert Lanaerts (D) - Lis De Mol (D) MERCEDES-BENZ 220 A 1955

262 Uli Bethscheider-Kieser (D) Joachim Schmidt (D) MERCEDES-BENZ 300 SL W194 1952

263 Kevin Walter Binder (D) - TBA TBA (I)

MERCEDES-BENZ 300 SL 1955

PORSCHE 356 1500 Coupé 1954

279 Alberto Cefis (I) - Andrea Cefis (I)

297 Wolfgang Hatz (D) - TBA TBA (D)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I alu 1955

PORSCHE 356 1500 Speedster 1955

280 Reginald Fuchs (D) - Phillip Dolamore (NZ)

298 Stephan Gruehsem (D) - Thomas Heinze (D)

ASTON MARTIN DB2/4 1955

PORSCHE 550 1500 RS Spyder 1954

281 Jost Wennemar Dislich (D) - Christina Springer (D) 299 Matthias Mueller (D) - TBA TBA (D)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1954

264 Christian Kramer (D) - Jonathan Weisheit (USA) MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

265 Pierre G. Mirabaud (CH) - Hansueli Brand (CH) MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

266 Khaled Juffali (SA) Khalil Michel Almiouni (RL) MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

VOLKSWAGEN 1/11 1953

PORSCHE 550 RS 1955

282 Andreas Wiele (D) - Christian Staby (D)

300 Thomas Edig (D) - TBA TBA (D)

JAGUAR XK 120 OTS SE 1953

PORSCHE 356 A 1600 Super 1956

283 Konstantin Sixt (D) - Marcus Englert (D)

301 Renato Reggiani (I) - Lidia Manenti (I)

PORSCHE 356 1500 Speedster 1954

JAGUAR XK 120 SE OTS 1954

284 Erich Sixt (D) - Alexander Sixt (D)

302 Ivan Rosen (IL) - Zwi Bar-Gil (IL)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1956

JAGUAR XK 120 SE OTS 1954

285 TBA TBA (D) - TBA TBA (D)

303 Maurizio Panseri (I) - Luca Panseri (I)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1956

JAGUAR XK 120 OTS 1954

268 Bernd Schneider (D) - Jensen Anders-Sundt (D)

267 Wolfgang Bork (D) - Thomas Witzel (D)

286 Kenneth Roath (USA) - William Story (USA)

304 Franco Polotti (I) - Maurizio Baiguera (I)

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

FERRARI 250 Europa GT 1955

JAGUAR XK 120 SE 1954

269 Frank Templin (D) - Michael Bock (D)

287 Jutta Roschmann (D) - Barbara Hummel (D)

305

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1955

FERRARI 250 GT 1955

Angelo Facchinetti (I) JAGUAR XK 140 OTS SE 1954

270 Noel Essers (D) - Hubertus Troska (D)

288 Pier Giorgio Mastroeni (I) - Maddalena Boletti (I)

306 Adolfo Pantano (I) - Mario Rossi (I)

FERRARI 250 Europa GT 1955

JAGUAR XK 140 FHC LHD 1955

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1957

29

CASA DEL FRENO AD ARIA di FACCHI BATTISTA Piombatura Tachigrafi - Specializzato per tutti i tipi di impianti frenanti Wabco - Knorr - Bremse - Bosch - Paul Dahl - Sapi - Bendix Servizio ECAS - ABS - EBS Siamo autorizzati all’attivazione dei Tachigrafi digitali e alla revisione annuale

Via E. Roselli, 28 - Zona Industriale EIB - 25125 Brescia - Tel. 030 3581535 - Fax 030 2682448 - casair@libero.it


30

LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

307 Jacopo Fratini (I) - Bonaccorso Manetti (I) JAGUAR XK 140 OTS MC 1955

308 Armando Pasotti (I)) - Aldo Pasotti (I) JAGUAR XK 120 OTS SE 1953

309 Alessandro Meneghini (I)) - Marino Gobbi (I) ERMINI 357 SPORT 1955

310 PierLuigi Boglioli (I) ) - Daniela Caraffini (I) OSCA MT4-2AD 1953

311 Ananda Covindassamy (USA) Guy Pasquini (F) OSCA MT4-2AD 1953

312 Kurt Engelhorn (GB)) - Wil Arif (GB) PORSCHE 550/1500RS 1954

313 Wim Van Gierdegom (B)) - Tom Degres (B) PORSCHE 550 Spyder 1955

314 Roberto Gorni (I) ) - Gabriella Scarpa (I) MASERATI 150 S 1955

315 Paolo Berton (I)) - Lara Sonda (I) MASERATI 150S 1955

316 Martin Sucari (RA)) - Bruno Ricci (RA) MASERATI A6 GCS 1954

317 Eric Brumenil (B)) - Robert Eyben (B) ARNOLT BRISTOL Bolide 1954

318 Andreas Astaller (D)) - Daniela Gaillinger (D) ARNOLT BRISTOL cabrio 1954

319 Jan De Reu (B)) - Sabine Goethals (B) FIAT Ottovu (8V) Zagato 1953

320 Pierre Mellinger (PL) ) - ) - Tommaso Gelmini (I) FERRARI 500 Mondial 1955

321 Robert Davis (USA)

Auto & Equipaggi

W. Joseph Duckworth (USA) SIATA 208s 1953

322

Michael Darcey (GB) AUSTIN HEALEY 100S 1954

323 Vic Jacob (CH)) - Nadja Jacob (CH) AUSTIN HEALEY 100S 1955

324 David Large (GB)) - Matthew Collings (GB) AUSTIN HEALEY 100S 1955

325

Dieter Roschmann (D) Carolin Roschmann (D) FERRARI 500 Mondial 1955

326 Katsuhiko Ochiai (J) ) - Tadayoshi Kurokawa (J) FERRARI 750 MONZA 1955

327 Virginie Lienhardt (CH) ) Christian Lienhardt (CH) FERRARI 250 MM Berlinetta 1953

328

Paul Emile Bessade Obadia (F) Michel Magnin (F) GORDINI 24 S 1953

329 Derek Hood (GB)) - Steven Riedling (GB)

335 Ger Bas (B)) - Lorenzo Bas (NL) ABARTH 750 Zagato coupe 1957

336 Alice Fenotti Masetti Zannini (I)) - Stefania

COOPER T33 1954

Lorandi (I) FIAT 1100/103 TV 1956

330 Christian Knobloch (A)) - Michael Gross (A)

337 Luigi Raffaele D Agostino (I)) - Ornella Stabile (I)

FERRARI 121 LM 1955

331 Mats Fägerhag (S)) - Peter Bäckström (S) SAAB 93 1956

332 Victor Muller (E) ) - TBA TBA (NL) SAAB 93 1957

333 Jacques Beherman (B)) - Umberto Stefani (B) SAAB 93 1957

FIAT 1100/103 E TV 1957

338 Guy Gervais (CDN)) - Louis Grenier (CDN) CITROEN DS19 1957

339 Bruce Chapman (GB)) - Sue Chapman (AND) MG A 1955

340 Stephen Dixon (GBM) ) - Gordon Palmer (GB) MG A 1956

334 Michael Kalow (D)) - Claude Ilic (F)

341 Paolo Ricagno (I)) - Stefano Ricagno (I)

FERRARI 250 GT Boano 1957

FIAT 1100 1957

I Poliambulatori W.&B. (Wellness and Body) sono una struttura ambulatoriale privata autorizzata. Nella nostra struttura le diverse èquipe sanitarie specialistiche si integrano per rispondere ad una esigenza di “salute e benessere” della persona


LA VOCE DEL POPOLO 7 MAGGIO 2011

349 Alberto Benetti (I)) - Roberto Bertaccini (I)

365 Giovanni Pizzoccaro (I)

PORSCHE 356 A Carrera 1500 GS 1957

Silvana Sofia Pizzoccaro (I) LANCIA Aurelia B 20 S VI serie 1957

350 Ralf Bender (D)) - Gabriele Paukens (D) PORSCHE 356 Carrera 1500 GS GT 1957

351 Renato Gnutti (I)) - Riccardo Cristina (I) PORSCHE 356 A-1500 GS 1956

352 Giampaolo Stoppini (I) ) - Davide Stoppini (I) PORSCHE 356 A 1600 1956

353 Giancarlo Perini (I)) - Alfredo Stola (I) PORSCHE 356 A 1600S 1956

354 Francesca Grimaldi (I)) - Laura Confalonieri (I) PORSCHE 356 A Speedster 1600 1956

355 Roberto Brovazzo (I)) - Ettore Zambonini (I) PORSCHE Speedster 1956

356 Dirk Hindrichs (D)) - Stefan Hindrichs (D) 342 John Clarke (GB)) - Leigh Sebba (GB) SUNBEAM Rapier 1956

343 Maurizio Pradella (I)) - Antonio Belotti (I) ALFA ROMEO Giulietta Berlina 1956

344 Maddalena Damini (I)) - Michela Mosconi (I) ALFA ROMEO Giulietta Berlina 1958

345 Giorgio Barvas (I)) - Nicoletta Grossi (I) ALFA ROMEO Giulietta Sprint veloce 1957

346 Giorgio Magnoni (I) ) - Roberto Magnoni (I) ALFA ROMEO Giulietta Sprint veloce 1957

347 R. Daniele Spataro (I) Giacomo Bongiorno (I) MG A 1957

348 Giambattista Rocco (I)) - Giorgio Prandelli (I) MG A 1957

MERCEDES-BENZ 300 SL W198-I 1956

357 Carsten Heuer (D)) - TBA TBA () PORSCHE 356 1500S 1956

31

366 Silvan Ulrich (CH) ) - Marc Uhr (CH) LANCIA Aurelia B 20 VI serie 1957

367 Guido Lamperti (I) ) - Mario Rigotti (I) LANCIA Aurelia B 20 VI serie 1957 368 Alberto Romano (I) ) - Maurizio Leo (I) AUSTIN HEALEY 100/6 BN 4 1957

369 Mario Camozzi (I) - Claudia Camozzi (I) AUSTIN HEALEY 100/4 BN2 1956

370

Luis Lopez van Dam (E) - Paloma Romero Garrido (E) AUSTIN HEALEY 100/4 BN2 1956

371 Christian Gabka (D) ) - Hans Zeilhofer (D) FERRARI 250 GT Boano 1956

372 Marc Litzler (F)) - Catherine Bonnet Litzler (F) FERRARI 250 GT Boano 1956

373

BMW 507 1957

Diether Klingelnberg (CH) ) - Jan Klingelnberg (CH) BMW 507 1957

359 José Albuquerque (P)) - Maria Bustorff (P)

374 Luca Parenti (I) ) - Valentina Sicca (I)

MASERATI A6G/2000 Competition Coupe Zagato 1956

JAGUAR XK 140 Fixed Head Coupe’ 1956

361 Bruno Marini (I)) - Gianfranco Fratus (I)

375 Gerard Hassler (CH)) - Oliver Stegmann (CH)

AC Ace 1956

FORD Thunderbird 1956

362 Renato Boni (I)) - Alberto Ferdenzi (I)

376 Paolo Zanardi (I)) - Ottavio Gioglio (I)

MASERATI 150S 1955

ALFA ROMEO Giulietta Spider tipo 750 G 1956

363 Claudio Caggiati (I) ) - Emilio Sassi (I)

377 Bruno Ferracin (I)) - Filippo Ferracin (I)

FERRARI 500 TRC 1957

PORSCHE 550 A-1500 RS 1957

358 Manfred Feldhaus (D)) - Wolfgang Schneider (I)

364 Giustino de Sanctis (CH) ) - Innocenzo de Sanctis (I) 378 Wim Gottgens (NL)) - Joost Gottgens (NL) LANCIA Aurelia B 20 S 1956

TRIUMPH TR3 1956

CONCESIO (Bs) v. Europa, 37 (Statale BS - Valtrompia) - Tel e Fax 030 2004646 - www.dallavaparquet.it - E-mail: info@dallavaparquet.it


Speciale Mille Miglia  

Da giovedì 12 a domenica 15 maggio, 375 equipaggi in gara sullo storico tracciato Brescia-Roma-Brescia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you