Page 1

Il

Tiraccio

VoceGiovani ai

Anno 42 - Venerdì 27 Luglio 2018 - Numero 30

Settimanale indipendente di informazione

Euro 0,50

La lunga notte della Luna, Festival Calabrese dell’Astronomia a Reggio

Al via il concorso che racconti Altomonte grazie al Festival Euromediterraneo

TORNA EMIGRATION SONG: AL VIA LA 21^ EDIZIONE


Il

Tiraccio

2

VoceGiovani ai

Venerdì 27 Luglio 2018

A San Costantino Calabro la XXIV edizione della Sagra della ‘’PITTA CHINA’’

A

ncora una volta il conto alla rovescia è iniziato, la sagra più attesa e cliccata dell’estate Vibonese sta per arrivare. La macchina organizzativa della Pro Loco di San Costantino Calabro è in moto ormai da mesi e tutto ferve in vista dell’evento. Sabato 4 agosto 2018, alle ore 21.00, si darà inizio alla XXIV edizione della Sagra da “Pitta China”. La cosiddetta “pitta china“, specialità gastronomica sancostantinese, servendosi di

semplici ingredienti quali il lievito, la farina, l’acqua e i pomodori, il tonno, le olive, i peperoni e le acciughe, riesce a mettere in risalto gli antichi e forti sapori della nostra Calabria. L’impasto, preparato da mani esperte, dopo una lunga lievitazione viene cotto nel forno a legna, che ne esalta maggiormente il sapore, rievocando ai più adulti e facendo conoscere ai più giovani un tipico prodotto della tradizione contadina. La manifestazione, con il tempo, è divenuto un

punto di richiamo per molte persone provenienti da tutta la Calabria e per numerosi turisti, dando così una maggiore visibilità al comune e alla provincia. Una serata all’insegna del divertimento e del buon gusto . Durante la serata potrete degustare il meglio dell’enogastronomia calabrese, accompagnati dalla musica dei “Toni Alti” e dai “Moruga” che saranno punto di riferimento per un’eccezionale serata all’insegna del divertimento.

Al via il concorso che racconti Altomonte grazie al Festival Euromediterraneo

U

n corto che racconti Altomonte e i giorni del Festival Euromediterraneo. È questo il concorso lanciato per l’edizione 2018 (che verrà presentata in conferenza stampa oggi 27 luglio alle 12 nella Sala degli Stemmi del Palazzo della Provincia in piazza XV Marzo a Cosenza), del Festival Euromediterraneo di Altomonte da Officine delle Idee e la redazione del portale dedicato al viaggio e alla scrittura www.leggoscrivo.com, con il patrocinio del Comune di Altomonte. Al video vincitore andrà un premio in denaro di 400 euro. Ma il Festival Euromediterraneo vuole premiare tutti coloro che parteciperanno con un ingresso

gratuito a tutti gli eventi che si terranno a partire dal 12 agosto. “Ciak week end – Paesaggi culturali: docufestival e storytelling – Festival Euromediterraneo di Altomonte 2018” nasce con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale materiale e immateriale: il paesaggio, luoghi, i personaggi, le storie, gli eventi, le narrazioni potranno partendo dal territorio e dalle peculiarità di Altomonte promuovere il patrimonio culturale materiale e immateriale anche dei territori limitrofi e di tutta la calabria attraverso un racconto filmico, di genere libero (cortometraggio, video art, documentario, breve spot). I soggetti che intendono partecipare dovranno realizzare il proprio

Il

Tiraccio Editore

GESC Società cooperativa - Catanzaro Direttore responsabile

Claudia de Fazio

elaborato, della durata massima di 3 minuti, fra giorno 1 agosto e 5 agosto ad Altomonte. Il tema dei lavori dovrà riguardare la narrazione i paesaggi culturali calabresi, del territorio del comune Altomonte, dei territori limitrofi e del festival. È richiesta la compilazione e l’invio della domanda di iscrizione al concorso Paesaggi culturali scaricabile dal sito www.leggoscrivo. com, all’indirizzo e-mail: info@leggoscrivo.com. L’oggetto della mail dovrà

essere “Iscrizione concorso video Altomonte Divino Jazz estate”. La scadenza per l’invio del materiale video è fissata per giorno 9 agosto 2018 entro le 23.59. Al primo classificato verrà assegnato un premio in denaro pari a 400 euro e l’accesso libero a tutti gli eventi del Festival Euromediterraneo di Altomonte. A tutti i partecipanti è assegnato un ingresso gratuito a tutti gli eventi del Festival Euromediterraneo di Altomonte a partire dal 12 agosto 2018.

Registrazione tribunale Castrovillari n° 44 del 30-11-1977

Stampa: Grafica LUCIA Catanzaro

Amministrazione: Traversa Milano 5 Catanzaro

Diffusione e pubblicità:

Redazione: Via Gioacchino da Fiore Montepaone

Tec srl

La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990 n.250


Il

Tiraccio

Venerdì 27 Luglio 2018

L

VoceGiovani ai

Raphael Gualazzi e Marianne Mirage presenti al Magna Grecia Film Festival a Catanzaro

a grande musica sbarca al Magna Graecia Film Festival con i cantanti Raphael Gualazzi e Marianne Mirage, che saranno ospiti della kermesse cinematografica ideata e diretta da Gianvito Casadonte, con Silvia Bizio presidente del Comitato artistico e dedicata alle opere prime e seconde, che si tiene nell porto di Catanzaro, da domani 28 luglio al 5 agosto 2018. Raphael Gualazzi, uno degli artisti più talentuosi del panorama musicale italiano, autore di successi che hanno accompagnato il pubblico gli ultimi tredici anni, dagli esordi con il primo disco nel 2005 fino allo scorso anno, con l’album di successo “Love Life Peace”. La sua musica miscela sapientemente generi che spaziano dal jazz al blues, passando per la musica classica e la fusion per arrivare a sorprendenti risultati pop. Lo dimostrano i recenti successi come “L’estate di John

T

3

Wayne”, ma anche “Liberi o no”, “Sai (ci basta un sogno)”, “Follia d’amore” (con cui ha vinto Sanremo Giovani nel 2011) e tante altre hit. Il Magna Graecia Film Festival accoglie Gualazzi con il premio “Colonna d’Oro per la Musica”, assegnata negli anni scorsi a cantautori importanti come Negramaro, Cristiano De Andrè, Mannarino e Brunori Sas. Un riconoscimento per un talento che perfettamente si sposa con l’atmosfera magica del festival, che unisce il calore del mediterraneo e il sogno del cinema. La cantante Marianne Mirage, già diplomata nel corso di recitazione del Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano, nel 2014 pubblica il suo primo singolo, “Come quando fuori piove” con Sugar, l’etichetta discografica di Caterina Caselli. Successivamente si esibisce in occasione di aperture di artisti nazionali e internazionali tra cui Patti Smith, Kiesza, Baustelle, Patty Pravo, Nic-

colò Fabi, Brunori Sas, Tiromancino e lo stesso Raphael Gualazzi. Nel 2016 esce “Quelli come me”, il disco di debutto e nel 2017 partecipa al Festival di Sanremo con il brano “Le canzoni fanno male”, scritto da Kaballà e Francesco Bianconi dei Baustelle. Il suo legame con il cinema non si esaurisce con il diploma: nel 2017 pubblica il brano “The Place”, tema per il film omonimo diretto da Paolo Genovese. Già annunciate le numerose presenze di ospiti, dal regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e attore statunitense Oliver Stone, all’attrice Anna Ferzetti, madrina di questa edizione, dalla presentatrice e attrice Carolina Di Domenico, conduttrice delle serate del festival, ai prestigiosi nomi della giuria, presieduta da Paolo Genovese e che sarà composta da Pierfrancesco Favino, Anna Foglietta, Vittoria Puccini, Francesco Montanari ed Edoardo Leo.

Torna Emigration Song: al via la 21^ edizione

orna Emigration Song, uno dei festival più longevi della Calabria che taglia quest’anno il traguardo della 21° edizione nel bellissimo paese arbëreshë di Santa Sofia d’Epiro. Appuntamento imperdibile dell’estate calabrese, la kermesse è promossa dall’Associazione culturale “Radio Epiro”, storica realtà culturale che dai primi anni ‘90, ha notevolmente contribuito con la sua costante attività sul territorio a tutelare e valorizzare l’incontro tra culture diverse, partendo dall’ esperienza integrativa dei paesi italo-albanesi e contribuendo con ciò alla cura ed alla tutela della cultura, delle tradizioni e della lingua arbëreshë di cui Santa Sofia d’Epiro fa parte. Come ogni anno la mission

del festival è la contaminazione: fra la cultura nativa arbëreshë del piccolo centro che ospita da oltre un ventennio l’appuntamento e le diverse culture del mondo, attraverso tutte le forme di arte: musica, teatro, fumetto, la cui qualità culturale e sociale sia fortemente riconosciuta e riconoscibile. Annunciati i nomi musicali che il prossimo 12-13 agosto vivificheranno la line-up del festival. La prima giornata a scaldare il palco sarà Eman. Cantautore di origini calabresi , la sua scrittura dà vita ad un universo musicale eclettico e inedito. Un cantautorato che omaggia il passato e dialoga con il presente in modo credibile e ricco di personalità. Dopo “Amen” disco dalla forte denuncia sociale, è di prossima uscita un concept po-

tente, istintivo e profondo, che evoca immagini vivide che arrivano all’ascoltatore dritte come un pugno nello stomaco. Come un moderno Icaro che ritrova la sua forza nella caduta. In apertura il live di Picciotto rapper siciliano, classe ‘82. Collabora con Dj Jad, co-fondatore insieme a J-Ax del gruppo hip hop per eccellenza, gli ARTICOLO 31, ESA degli OTR e altri nomi tutelari della scena. Una scrittura importante, che colpisce nel segno per profondità e contenuti sociali. Nelle sue parole il riscatto di chi sta ai margini.

Il 13 agosto toccherà invece al tropicalismo degli Hit Kunle, band padovana capace di miscelare sapientemente i suoni dell’Africa alle ritmiche latin pop. Il risultato è un mix che abbraccia i tropicalismi e l’afrobeat, dove i colori si ascoltano anche se non si vedono. Dove le vibrazioni superano ogni barriera fisica. A condividere con loro il palco saranno gli Original Sicilian Style, progetto musicale vivacissimo che fonde reggae e i colori della Sicilia in una scrittura carica di amore, di rabbia e di speranza.


Il

Tiraccio

4

VoceGiovani ai

Venerdì 27 Luglio 2018

Cabaret al Castello Aragonese, grande chiusura con Mariuccia Cannata

S

arà Mariuccia Cannata protagonista della trasmissione “Insieme” e vincitrice del Festival “Facce da Bronzi” winter a chiudere la straordinaria kermesse “Cabaret al Castello”, oggi 27 luglio. Nell’incantevole terrazza del maniero reggino, l’associazione culturale “Calabria dietro le quinte”, ideatrice del festival nazionale del cabaret “Facce da Bronzi” inserito nell’Estate Reggina, ha realizzato spettacoli, mostre, reading, seminari e laboratori valorizzando uno dei patrimoni storici della città. E proprio all’interno del Castello è possibile ancora vedere sino al 29 Luglio la mostra di marionette, marottes e ombre del teatro di figura “Le Rane”. La kermesse, rientra negli eventi dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 promosso dalla

commissione Europea e dal Mibact” e ha il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, della Città Metropolitana di Reggio Calabria e cofinanziato dalla Regione Calabria – “intervento per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria”. Annualità 2018 – Azione 1 – Tip. B – PAC 2014 -2020. Tanti gli applausi e le risate per lo spettacolo “Cabareggio Summer” che ha visto venerdì scorso, protagonisti i comici Santo Palumbo, I non ti regoli, Aldo al Quadrato, Ilenia Borgia, Giorgio Casella e gli attori de “Il Grifo”. “Lo spettacolo di Cabaret è ì una delle formule più versatili di intrattenimento comico grazie alla sua natura divertente e al suo contatto

immediato e diretto con il pubblico – afferma il direttore organizzativo Giuseppe Mazzacuva - Per queste sue caratteristiche, l'organizzazione della nostra rassegna può essere inserita in qualsiasi evento abbia la necessità di proporre al pubblico l'organizzazione di un momento di puro divertimento e comicità, pur trattando temi di attualità e satira politica. E poi, obiettivo della kermesse è valorizzare il patrimonio storico della città creando una rete che possa potenziare e sviluppare il flusso turistico in Calabria”. Per il finale inoltre, per valorizzare i prodotti identitari del territorio, dopo lo spettacolo di Mariuccia Cannata, sempre al Castello Aragonese, ci sarà una degustazione al bergamotto offerta da Essenze Bova 1997.

La lunga notte della Luna, Festival Calabrese dell’Astronomia a Reggio

Di cotesti effetti veramente io non so altro se non che di tanto in tanto io levo a te la luce del Sole, e a me la tua.” Così Leopardi descrive, nelle Operette Morali, nell’originale dialogo tra la Terra e la Luna quello che si verificherà il giorno 27 prossimo venturo. Il nostro pianeta giocando a rimpiattino con il Sole tira questo brutto tiro alla Luna. In verità durante le eclissi totali il nostro satellite riceve la luce del Sole ma è quella che attraversa l’atmosfera terrestre e viene, principalmente, deviata per rifrazione e raggiunge la Luna che assume una colorazione che può andare dal rosso cupo fino al rosso arancio, passando per altre tonalità fra le quali il bruno e l’azzurro - verde scuro. Questa eclisse sarà contraddistinta dal colore rosso. La durata delle eclissi totali di Luna in media raggiungono i cento minuti,

questa è tre minuti più lunga perché la Luna il giorno 27 si troverà, in prossimità dell’apogeo, nel suo punto più lontano dalla Terra, ed in base alla seconda legge di Keplero si muoverà più lentamente di quanto farebbe se fosse più vicina alla Terra. Un tempo lunghissimo: secondo la Nasa, solo 4 minuti in meno rispetto all’eclissi lunare più lunga mai verificatasi sulla Terra. Ma non sarà solo l’eclisse a rendere magica la notte del 27 luglio, sarà anche la presenza nel cielo di ben quattro dei cinque pianeti osservabili ad occhio nudo: Venere, Giove, Saturno, Marte. Quest’ultimo sarà alla minima distanza del Sole, una condizione ideale di visibilità, la migliore dopo quella storica dell’agosto 2003 si tratta infatti di una “grande opposizione”. Sia Marte che la Luna saranno nella stessa regione di cielo, opposta al Sole,

a soli sei gradi di distanza: una splendida coppia in rosso che non capita spesso di ammirare. In Italia l’evento sarà visibile, condizioni meteo permettendo, quasi nella sua interezza. La Luna infatti sorgerà pochi minuti prima delle 21.00 già in fase di attraversamento del cono di ombra, la fase di totalità si verificherà tra le 21.30 e le 23.13, mentre il massimo dell’eclissi, ovvero il maggiore oscuramento della Luna, è previsto alle 22.22. La Luna, dopo l’uscita dalla totalità, attraverserà il cono di penombra per emergerne definitivamente e segnare così la fine dell’eclissi all’1 e 30 della mattina del 28 luglio. Un evento suggestivo, facile da osservare anche ad

occhio nudo dal balcone di casa. Per consentire, però, la miglior visione di questo fenomeno naturale tanto atteso da appassionati di astronomia e curiosi del cielo, la Sezione Calabria della Società Astronomica Italiana – Planetarium Pythagoras Città Metropolitana di Reggio Calabria ha previsto tre postazioni dislocate sul territorio l’appuntamento è dalle 20.00 sul Lungomare Falcomatà - Zona Tempietto; sul Lungomare di Bovalino; nella Piazzetta del Duomo a Stilo. Una serata di osservazione del cielo e dell’evento astronomico sia a occhio nudo che con l’ausilio di telescopi a cura degli esperti Planetario.


Il

Tiraccio

Venerdì 27 Luglio 2018

G

VoceGiovani ai

5

Castrovillari: guida ai sapori e ai piaceri della Calabria 2019

iuseppe Cerasa, direttore della collana “Le guide” di Repubblica ha presentato il 23 luglio , presso un noto ristorante di Castrovillari, la seconda edizione della guida ai sapori e ai piaceri della Calabria 2019. L’incontro, a cui sono intervenuti il presidente della Regione Mario Oliverio, il presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci, il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Mimmo Pappaterra e il sindaco di Castrovillari Mimmo Lo Polito, si è avvalso anche dei contributi e delle testimonianze preziose dell’imprenditrice Pina Amarelli e della scienziata Sandra Savaglio, che hanno evidenziato i motivi per cui hanno scelto di vivere o di ritornare in Calabria. La nuova edizione della Guida, già in vendita in tutte le edicole e librerie del nostro Paese, racconta le eccellenze, i piaceri e i sapori della nostra terra e quest’anno è stata ulteriormente arricchita di una nuova sezione intitolata “regione da non perdere”, che accende i riflettori sugli scavi archeologici e i borghi dell’Alto Jonio, sulle bellezze del Tirreno, sulla costa degli Dei tra Pizzo e Nicotera, sulla riviera dei Cedri, su Sila, Pollino e Aspromonte. “Siamo andati a scovare -ha detto Cerasa- una serie di piccoli borghi sicuri di trovare elementi infrangibili di un passato che resiste, nonostante tutto. Un passato che si incrocia con il presente anche nel racconto della fitta rete di piste ciclabili, un modo nuovo di fare vacanza, un modo autentico di vedere e scoprire territori e genti che mantengono fer-

ma l’identità di questa regione guardando al domani con gli occhi della speranza e della scommessa che sarà inevitabilmente vincente”. Ha concluso i lavori il presidente della Regione Mario Oliverio che, nel corso del suo intervento, ha illustrato la “visione strategica” che ha spinto il governo regionale ad investire in questi anni risorse importanti per rendere la Calabria sempre più attrattiva ed accessibile. “Ai grandi manifesti da affiggere negli aeroporti che avevano, peraltro, costi milionari -ha detto Oliverioabbiamo preferito investire sull’accessibilità e i risultati ci hanno dato ragione. L’anno scorso abbiamo registrato il record delle presenze turistiche nella nostra regione. Una presenza, e questa è la grande novità, che non si concentra più solo nei mesi di luglio e agosto, ma comincia a spalmarsi nel corso dell’intero arco dell’anno. E ciò avviene non solo nelle nostre più note località di mare o di montagna, ma guarda anche alle aree interne, ai piccoli borghi che sono un patrimonio di inestimabile valore. Ciò è stato possibile perché, per la prima volta, la Calabria risulta collegata con quasi tutte

le capitali europee e con le città più importanti del nostro Paese. Basta andare su internet per verificare quanto affermo. Noi abbiamo investito e stiamo investendo molto per allargare i collegamenti e per creare convenienza alle compagnie aeree a venire in Calabria. Stiamo spingendo, non senza difficoltà, per fare in modo che sull’autostrada si rimuovano definitivamente tutti i cantieri; dopo dieci anni abbiamo sbloccato finalmente il Megalotto che collega Sibari con il Corridoio Adriatico; abbiamo investito risorse consistenti sui collegamenti ferroviari, realizzeremo la più grande ciclovia del Mediterraneo oltre alla ciclovia dei Parchi che collegherà la dorsale interna, ecc.. Il secondo elemento su cui stiamo lavorando è la qualificazione dell’offerta ricettiva; abbiamo previsto un investimento di 235 milioni di euro per la riqualificazione della grande ricettività attraverso i Contratti di Sviluppo e investimenti consistenti, con risorse regionali, per riqualificare le strutture ricettive esistenti. Abbiamo investito 100 milioni di euro per la valorizzazione dei nostri borghi, che sono dei piccoli

gioielli. Il terzo elemento su cui puntiamo è la formazione. La Guida della Calabria, che tra le Guide di Repubblica è la più venduta, è certamente uno degli elementi importanti degli investimenti compiuti per quanto riguarda la formazione. Tutto ciò ha prodotto una chiara, tangibile inversione di tendenza. Nei primi tre mesi di quest’anno abbiamo avuto un incremento degli arrivi internazionali del 49%. Nella internazionalizzazione dei nostri prodotti, soprattutto per quanto riguarda l’agroalimentare, registriamo una crescita del 34%. Stiamo investendo nella ricerca e nella innovazione. Abbiamo spostato risorse importanti per consentire ai nostri giovani di studiare nelle nostre università e abbiamo garantito al 100% dei richiedenti (prima erano il 34%) una borsa di studio”. “C’è ancora -ha concluso Oliverio- tanto cammino da fare, ma questi dati ci dicono che la strada imboccata è quella giusta. Strumenti come la Guida di Repubblica sono una vetrina indispensabile per promuovere la nostra terra e per avere ricadute economiche importanti sul nostro territorio”.


Il

Tiraccio

6

V

VoceGiovani ai

Venerdì 27 Luglio 2018

Renato Caruso il 3 agosto in concerto a Crotone

enerdì 3 agosto, alle ore 21.30, il chitarrista e compositore calabrese RENATO CARUSO tornerà ad esibirsi a Crotone in occasione della serata “Tra Pitagora e Pino Daniele... tutta n’ata storia”, organizzata dallo Sporting Club G. Manzulli nella suggestiva location di Do’mmilio, la terrazza sul mare a ridosso dei resti del tempio di Hera Lacinia (Viale Magna Grecia, 3). L’artista presenterà per la prima volta nella sua città natale i brani estratti dal suo nuovo album solo guitar “PITAGORA PENSACI TU” ed eseguirà anche alcune delle più belle cover di Pino Daniele, accompagnato dalla voce del cantautore salernitano Adolfo Durante. L’incontro con l’artista, nato da un’idea di Paola Bellomo, sarà moderato da Antonio Anastasi, giornalista del Quotidiano del Sud.“PITAGORA PENSACI TU” (pubblicato da iCompany e distribuito da Self) racchiude 11 composizioni inedite e 2 cover (“Quando” di Pino Daniele e “Tears in heaven” di Eric Clapton) in cui, attraverso la sua chitarra, Renato Caruso esprime la sua personalità e il suo universo musicale a 360 gradi, sperimentando con versatilità ed ecletticità nuovi orizzonti artistici.Questa la tracklist dell’album (prodotto da Simone Coen): “Aladin Samba”, “Flatlandia”, “Pittrice del sottosuolo”, “Antonio’s choro”, “Napoli caput mundi”, “Quando”, “Bossa de Sheila”, “Passeggiando per New York”, “Pitagora pensaci tu”, “Caro mio Jobim”, “Reggae lake”, “Tears in heaven” e “Ciao Roland”. Il disco è stato accompagnato anche dalla pubblicazione di un videoclip della title track disponibile al seguente link: https://youtu.be/7RoMxBrJC_k , ideato e girato da Francesco Leitner Portolesi allo Spirit de Milan. La splendida cornice del locale con sede alle Cristallerie Fratelli Livellara fa da sfondo a questo piccolo film, in cui le immagini di Renato che imbraccia la sua chitarra e compone il brano, si alternano a quelle di un passionale tango reinterpretato in chiave originale e personale dalla ballerina Filomena Lupo.«In PITAGORA PENSACI TU sono presenti composizioni che chiamo piccole

colonne sonore perché mi portano alla mente, quasi come in un film, ricordi, sensazioni, persone e luoghi – racconta Renato Caruso – Infatti, con ognuno di questi brani ho voluto attraversare, come in lungo viaggio immaginario nella musica, luoghi diversi che vanno da Parigi al Brasile, da Napoli a Milano. Così la bossa nova si mescola alle ballate classiche, la chitarra al pianoforte, le percussioni a una celesta. Nella valigia di questo lungo viaggio ho cercato di mettere tutto ciò che sono, ma se qualcosa ho dimenticato…Pitagora, pensaci tu».Renato Caruso è un chitarrista e compositore. Suona dall’età̀ di 6 anni, pianoforte e chitarra sono i suoi primi strumenti. Ha lavorato cinque anni presso l’accademia musicale di Ron, “Una Città Per Cantare”, come docente di chitarra classica, acustica ed elettrica, teoria e solfeggio, informatica musicale e responsabile web; per tre anni come responsabile didattica per l’Associazione Arteviva di Cornaredo; come web designer di interfacce per cartoline digitali per Prosincro (Mario Venuti, Mannarino, Virginio e altri). Renato Caruso si è esibito con Ron, i Dik Dik, Red Ronnie, Fabio Concato; ha organizzato stage per Biagio Antonacci e Ornella Vanoni; è stato consulente musicale Mediaset per la trasmissione “Caduta Libera” di Gerry Scotti su Canale 5. Nel 2015 ha pubblicato il suo primo libro “LA MI RE MI”, edito da Europa Edizioni, dedicato a Pino Daniele, un breve saggio-

discorso sulla musica in cui l’autore esplora alcune questioni fondamentali: dal mezzo fisico di propagazione del suono alla qualità materiale degli strumenti, dalla diversità̀ delle culture musicali all’intreccio innovativo con le tecnologie informatiche. Nell’estate 2017 ha aperto la tappa calabrese del tour di Alex Britti. Attualmente Renato Caruso lavora presso diverse accademie come docente di chitarra classica, acustica, T&S, informatica musicale e sta lavorando alla pubblicazione di un nuovo libro. Il chitarrista crotonese è inoltre l’inventore di un nuovo genere musicale, “Fujabocla”, che mescola vari stili musicali tra cui il funk, il jazz, la bossa nova e la classica. Renato Caruso è anche compositore e chitarrista per diversi artisti come Ylenia Lucisano, Pietro Baffa e Mara Bosisio. Artista particolare dal timbro vocale unico e inconfondibile, il cantautore salernitano Adolfo Durante, dopo le prime collaborazioni con giovani autori e compositori negli anni 90, esordisce sul mercato discografico con l’EP “Pensando a lei” prodotto da Tonino Valletta per la TVA Record. Nel 2006 realizza gli spettacoli “Mimì in…jazz”, in omaggio a Mia Martini, avvalendosi della collaborazione dal pianista e compositore Stefano Calzolari. Le sue ultime pubblicazioni includono gli album “Stanza 219 e altre storie” (2012) e “Libertà” (2015) e l’EP “Resilience” (2017).


Il

Tiraccio

Venerdì 27 Luglio 2018

N

VoceGiovani ai

7

Miss Italia in Calabria: lunedì 30 luglio tappa a Cosenza

uova tappa per la carovana di Miss Italia in Calabria che, anche per questa edizione 2018 dopo i successi delle precedenti, è curata dall’agenzia Carlifashionagency, diretta da Linda Suriano agente regionale del concorso Miss Italia diretto della patron Patrizia Mirigliani. E ritorna con l’ottava data della stagione, prima Finale regionale: lunedì 30 luglio a Cosenza. La selezione si terrà a Cosenza, in piazza XV Marzo nel cuore del centro storico con lo splendido Teatro Rendano sullo sfondo, dove, lunedì 30 luglio dalle ore 21,30 verrà assegnata la fascia regionale di Miss Equilibra Calabria.La manifestazione vede il sostegno dell’amministrazione comunale, assessorato Cultura e spettacoli,che per il terzo anno consecutivo ha voluto a Cosenza il concorso di Miss Italia in Calabria e in particolare, diversamente dal passato, ha desiderato che l’edizione 2018 dell’evento abbia luo-

go nel centro storico della città.Una serata d’eccezione dunque che, condotta dalla giornalista Raffaella Salamina, vedrà come madrina Miss Italia in carica Alice Rachele Arlanch e presidente di giuria Cataldo Calabretta avvocato, opinionista e conduttore. Sul palco di piazza XV Marzo, inoltre, verrà presentata una pillola della nuova collezione autunno/inverno 2018/2019 dello stilista Claudio Greco e sfileranno le collezioni dell’Accademia New style guidata da Franca Trozzo.Miss Italia in Calabria, organizzata per il quarto anno consecutivo dalla Carlifashionagency che vede in Linda Suriano l’agente regionale del concorso, sta ottenendo risultanti crescenti negli anni e che si concretizzano nella serata finale di Miss Italia a Jesolo. Se nel 2016, infatti, tre bellezze calabresi si sono classificate fra le prime 10, nel 2017 Miss Calabria Maria Francesca Guido ha vinto la fascia nazionale di Miss Simpatia Interflora 2017 che le

ha permesso, fra le molte proposte ricevute dopo il prestigiosissimo piazzamento, di far parte del corpo di ballo della popolare trasmissione tv “Domenica In”.E Maria Francesca Guido farà parte del corpo di ballo di Miss Italia in Calabria, guidato dalla coreofrafa Lia Molinari, che è una delle novità dello show 2018.Confermato il sodalizio artistico con i Pagliassi e Serena Bucca cui toccherà aprire le selezioni con un omaggio dedicato alla bellezza interiore ed esteriore delle donne recitando testi a loro dedicate. Ospite musicale della serata il cantante Raffaele Renda, secondo classificato nell’ultima edizione di Sanremo Young.Miss Italia in Calabria prende il via con un palco e una scenografia rinnovata, guardando al sociale come ha sempre fatto da quando è curata dalla Carlifashionagency e nel solco delle indicazioni di Patrizia Mirigliani. «Noi portiamo avanti il concetto che le ragazze di Miss Italia in Calabria – dice Lin-

da Suriano – non debbano essere solo belle ma dimostrare di essere dotate di una bella testa. Patrizia Mirigliani ci dice che “Miss Italia fa la differenza” e noi portiamo avanti questo messaggio in ognuna delle nostre selezioni. Sono molto emozionata e non vedo l’ora di iniziare in questa nuova avventura».Anche per l’edizione 2018 sarà Ten – Teleuropa network, canale 10 del digitale terrestre, la televisione ufficiale del concorso.«Cerchiamo ragazze che non siano semplicemente belle – continua l’agente regionale del concorso Linda Suriano – giovani donne piene di personalità, che abbiano voglia di esprimersi. E che soprattutto, sappiano rappresentare la bellezza genuina della Calabria».Alle ragazze il compito di esprimersi ed esibirsi dimostrando il loro talento: nella danza, il canto o la recitazione. Saranno affrontati temi di attualità perché Miss Italia non dimentica il sociale e la cultura, temi molto cari alla patron Patrizia Mirigliani.


30 27 Luglio 2018  
30 27 Luglio 2018  
Advertisement