Issuu on Google+

LIGNANO, LA CITTÀ IMMAGINABILE Famiglia e servizi, turismo e qualità, ambiente e sport: il futuro è insieme I - GLI OBIETTIVI Il riconoscimento delle ricchezze di Lignano costituisce elemento fondante del programma, che è improntato alla loro valorizzazione ed al loro sviluppo in un’ottica internazionale noi ci crediamo e lavoriamo per questo! COSA È E COSA VUOLE ESSERE LIGNANO PRIMA DI TUTTO È LA CITTÀ DEL MARE E DELL’ORIZZONTE APERTO … poi anche … CITTÀ DELL’AMBIENTE E DEL TURISMO SOSTENIBILE •

Il mare, la laguna, la litoranea ed il Tagliamento, quale waterfront continuo e variegato

I boschi, i parchi e le pinete

L’arenile

Le aiuole, i fiori, una città per la famiglia, pur nelle sue componenti diversificate (le storiche Sabbiadoro, Pineta e Riviera, ma ora anche i più recenti insediamenti nella zona di Via Casa Bianca, che vanno connotando una quarta Lignano, quella degli ampi spazi verdi, per la quale dovremo trovare insieme una nuova denominazione che la contraddistingua)

CITTÀ DELLA VACANZA SPORTIVA E DEL WELLNESS •

Il polisportivo e le altre attrezzature comunali con i relativi eventi di rilievo nazionale ed internazionale e la partecipazione di atleti di fama mondiale


Il villaggio olimpico della Ge.Tur. come struttura sportiva complementare anche per l’attività fuori stagione

Le altre proposte sportive (tennis, golf, equitazione, ecc.) e quelle per il fitness ed il wellness

Il sistema dei percorsi ciclopedonali e sportivi in genere immersi nell’ambiente

CITTÀ DEL LOISIR, DEI CONGRESSI E DELLA CULTURA •

I parchi tematici

Le marine

Le dotazioni congressuali

L’offerta alberghiera

Le manifestazioni ed i fermenti culturali locali

I collegamenti e le sinergie con il territorio (Marano e Grado, l’entroterra, le città d’arte)

CITTÀ DELLO SHOPPING E DELL’ENOGASTRONOMIA •

L’asse commerciale di Sabbiadoro e quello di Pineta

La ricchezza dell’offerta in termini di pubblici esercizi

CITTÀ DEI SUOI CITTADINI •

Prima di tutto conti in ordine

Qualità della vita, sicurezza

Servizi completi e all’avanguardia per la persona

Un ricco substrato associativo, sia sul versante socio-culturale sia su quello ludico-sportivo

II - LE STRATEGIE Molti commentatori sostengono che dalla crisi economica non usciremo come prima e che la stessa indurrà profonde trasformazioni con rilevanti riflessi sociali che imporranno anche modifiche nell’architettura istituzionale, ed allora:  Dobbiamo essere attenti e pronti a cogliere le trasformazioni, sia in senso generale, sia nel settore turistico in particolare;  Dobbiamo essere in grado di preparare le condizioni per nuovi ponderati investimenti, nell’ottica del rilancio della nostra offerta turistica.

2


COME DIFENDERE E SVILUPPARE L’ECCELLENZA DI LIGNANO E COSA INTENDIAMO FARE LE STRATEGIE GENERALI La coalizione di centro-destra si propone di dare continuità alle linee politicoprogrammatiche attuate dall’amministrazione uscente, rinnovandole e adattandole ai nuovi scenari econonomico-finanziari internazionali e nazionali ed ai nuovi provvedimenti legislativi che stanno profondamente modificando gli assetti istituzionali degli Enti Locali ed i rapporti tra gli Enti stessi, l’Amministrazione Regionale e dello Stato. L’Amministrazione comunale s’impegna a svolgere un ruolo trainante, caratterizzato dalla volontà di promuovere e sostenere tutte le componenti attivamente impegnate nel settore dell’economia e del sociale e le tante risorse umane presenti a Lignano, valorizzandole, attraverso un’ampia azione partecipativa rivolta a tutti gli stake holders. Lignano dovrà progredire a misura d’uomo, e lo sviluppo dovrà essere compatibile con le esigenze della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, continuando a porre la massima attenzione alle necessità di tutti i cittadini residenti, con particolare attenzione ai più bisognosi, alle nuove richieste in tema di qualità da parte del turista, trovando soluzioni percorribili e concrete. Al Comune spetta il compito di creare le condizioni per una piena partecipazione alla vita della città attraverso lo sviluppo di politiche di informazione e di promozione dei diritti dei cittadini singoli e associati mediante l’utilizzo di periodici, stampe e rete Internet. E’ indispensabile continuare a favorire la formazione della comunità civica lignanese con la collaborazione di tutte le forme associative e di volontariato presenti nel territorio, sviluppando ulteriormente il senso di appartenenza alla località ed incentivando la crescita e l’aggregazione degli operatori economici di Lignano. L’Amministrazione Comunale dovrà dialogare con i Comuni limitrofi, con la Provincia, la Regione, lo Stato e l’Unione Europea per coinvolgerli nella realizzazione di infrastrutture e di servizi indispensabili per posizionare l’offerta turistica complessiva a livelli di eccellenza internazionale. L’azione di governo dovrà essere diretta a mettere in rapporto i differenti progetti, le azioni e le iniziative che possono contribuire alla crescita economica ed allo sviluppo sostenibile del territorio lignanese. Fondamentale sarà la presentazione alla Regione di un progetto organico di sviluppo condiviso per il futuro della località, da coordinare con gli altri comuni (Latisana e Marano Lagunare in primo luogo), al fine non solo dell’ottenimento degli opportuni finanziamenti, ma anche e preliminarmente ai fini della programmazione e pianificazione di area vasta, di primaria competenza regionale (nuovo Piano Territoriale Regionale).

3


LE STRATEGIE DI SETTORE E LE AZIONI SPECIFICHE 1. ORGANIZZAZIONE E PARTECIPAZIONE AMMINISTRATIVA COMUNICAZIONE – CENTRO ELABORAZIONE DATI La coalizione di centro destra ha tra i suoi obiettivi quello di adattare l’attuale assetto organizzativo alle recenti modifiche regionali per le Autonomie Locali. L’obbligo all’esternalizzazione dei servizi comporterà un ulteriore adeguamento dei compiti istituzionali indirizzandoli sempre di più all’alta programmazione ed al controllo. Si dovrà promuovere anche all’interno dell’Amministratore Comunale lo sviluppo di una cultura manageriale focalizzata al miglioramento continuo dei risultati e alla puntuale verifica della validità economica e sociale degli stessi, dando attuazione all’istituzione di macro aree organizzative i cui vertici costituiranno la direzione operativa del Comune secondo un assetto razionale ed efficiente, promuovendo altresì una politica di aggiornamento e formazione del personale. Dovrà essere anche attivato un servizio di controllo interno di gestione ed un servizio strategico di supporto agli organi dell’amministrazione, al fine della formazione di scelte politiche avanzate e sostenibili. In particolare, si adotteranno le necessarie modifiche a statuto e regolamenti per consentire la razionalizzazione e la semplificazione delle procedure amministrative (in linea con le recenti liberalizzazioni), forme di comunicazione più dirette tra comune e cittadini, promuovendo lo sviluppo di una rete civica, in modo che i cittadini possano ottenere on-line le informazioni nonché i documenti amministrativi ed i certificati anagrafici. 1.1. Istituire lo Sportello Unico per le attività produttive; 1.2. Applicare il processo Agenda 21 Locale nella formazione delle linee strategiche per l’adozione dei programmi, dei piani e dei regolamenti di interesse comunale e di area vasta per la formulazione delle linee guida politico-programmatiche e per la redazione condivisa di un piano di sviluppo territoriale della località (urbanistico, economico, turistico, ambientale, sociale e di marketing territoriale). Partecipare, inoltre, al gruppo di lavoro permanente dei Comuni turistici dell’Alto Adriatico per le problematiche collegate all’ambiente marino e dei bacini idrografici afferenti; 1.3. Curare la comunicazione ambientale, dato che l’ambiente è un tema fortemente trasversale, che interessa tutti i settori della vita quotidiana. Massima attenzione sarà riservata alla comunicazione ai cittadini al fine di ottenere comportamenti virtuosi volti alla tutela dell’ambiente ed alla qualità della vita, 1.4. Continuare il coordinamento e la gestione delle informazioni per l’innovazione e la modernizzazione dei servizi pubblici locali (firma digitale, gestione delle pratiche on-line, PRGC on-line) e per migliorare l’azione amministrativa al servizio delle attività produttive; 1.5. Sviluppare il Centro Servizi Informativi per valorizzare il turismo, diventando il punto di raccolta e riferimento per le informazioni relative alle attività turistiche;

4


1.6. Gestire la reputazione on line (forum twitter e facebook) per informare, ascoltare le critiche o rilevare le disfunzioni, utilizzando il web per una comunicazione ed un dialogo costante con gli stake holders, con gli ospiti ed anche con i proprietari delle seconde case. 2. TURISMO, SPORT E ATTIVITÀ PRODUTTIVE TURISMO Il turismo - unica e principale risorsa economica di Lignano - rappresenta l’attività produttiva “per eccellenza” e “di eccellenza” alla quale l’Amministrazione comunale di centro-destra ha costantemente rivolto una particolare e specifica attenzione. Infatti, gli sforzi della pubblica amministrazione finalizzati al miglioramento della qualità dell’offerta in termini di strutture e servizi unitamente alla capacità dimostrata dagli operatori volta, altresì, al mantenimento di un corretto rapporto qualità/prezzo hanno consentito di limitare l’incidenza negativa - anche nel comparto turistico dell’attuale sfavorevole congiuntura economica nazionale ed internazionale, conseguendo il più che apprezzabile e significativo risultato di consolidare l’incremento degli arrivi e delle presenze nella nostra località. Ciò si è rivelato sicuramente in controtendenza rispetto all’andamento fatto registrare dalle realtà turistiche balneari concorrenti anche se, in tale contesto, va comunque evidenziato il perdurante stato di difficoltà incontrato dallo specifico settore del commercio. Di fronte a questo scenario ed alla pressante esigenza di consolidare e di sviluppare la qualità dell’offerta turistica nella sua diversificata articolazione, ferma è la volontà della nuova amministrazione comunale di centro-destra di mantenere e, nei limiti del possibile, di potenziare le azioni già intraprese, tenuto conto della stretta interdipendenza dell’offerta turistica stessa con altri settori e servizi. Pertanto, nell’immediato, l’Amministrazione dovrà assicurare il proprio sostegno alle diverse tipologie turistiche caratterizzanti l’offerta complessiva della località con le seguenti mirate azioni e, segnatamente: 2.1. AMBIENTE E FAMIGLIA: •

mantenere alto il controllo e la sicurezza sul territorio;

garantire lo standard elevato dei servizi sanitari;

garantire la qualità dei servizi di igiene urbana;

garantire un’alta qualità del verde cittadino (fruizione dei boschi, parchi, aiuole, percorsi verdi e ciclabili);

concorrere alla maggiore qualificazione dei servizi spiaggia;

mantenere la qualità delle acque di balneazione;

2.2. VACANZA SPORTIVA •

incrementare le strutture sportive pubbliche ed incentivare lo sviluppo ed il potenziamento di quelle private;

5


incentivare la realizzazione di strutture sportive coperte per le attività fuori stagione;

potenziare i servizi per gli sport del mare anche fuori stagione;

sostenere i grandi eventi sportivi anche multidisciplinari ed amatoriali nazionali ed internazionali;

2.3. MANIFESTAZIONI ed EVENTI •

mantenere alta la qualità delle manifestazioni sportive, culturali, e musicali;

proporre un organismo operativo esterno all’apparato comunale per la gestione degli eventi e delle manifestazioni turistiche, ricreative, sportive nonché degli impianti destinati ad accogliere le stesse;

favorire le attività e gli eventi diurni e notturni per i giovani frequentatori della nostra località;

sensibilizzare la Regione per la realizzazione in loco di alcuni grandi eventi;

supportare gli eventi organizzati dagli operatori privati e dalle associazioni;

favorire gli eventi fuori stagione anche con la presenza di artisti locali;

2.4. NAUTICA •

garantire la navigabilità delle vie d’acqua con interventi di dragaggio, sensibilizzando le autorità competenti;

adottare un piano di settore per la nautica da diporto;

sviluppare le zone D2-H2 per realizzare i servizi alla nautica e dry marina;

sviluppare i collegamenti via mare;

valorizzare la zona di ripopolamento ittico della “trezza”;

favorire la pesca sportiva in laguna ed in mare aperto;

2.5. SHOPPING •

favorire l’insediamento di nuove attività commerciali alla luce delle nuove e mutate esigenze del turista;

incentivare la riqualificazione e l’incremento di qualità dell’offerta commerciale;

attivare una programmazione concordata con le categorie del commercio e dei pubblici esercizi atta a garantire una presenza adeguata nel periodo furori stagione;

6


sviluppare attività per rivitalizzare il centro di Lignano con mercatini a tema, negozi e pubblici esercizi aperti.

Oltre a tali importanti e qualificanti azioni, il necessario sostegno al turismo locale dovrà riguardare anche interventi sotto il profilo urbanistico-edilizio. Al riguardo, è intendimento dell’Amministrazione favorire ulteriormente il miglioramento dell’offerta ricettiva alberghiera ed extra-alberghiera di Sabbiadoro e Pineta nonché prevedere la possibilità di nuovi insediamenti di villaggi turistici e di strutture alberghiere con notevole capacità ricettiva e dotati di servizi wellness, centri congressi, attività sportive e ricreative di alta qualità. Contestualmente, l’Amministrazione dovrà sviluppare in sinergia ed in coordinamento con gli operatori turistici altre incisive azioni in modo che quella è stata definita l’ “attività di eccellenza” della nostra località sia pronta ad “aggredire” adeguatamente il mercato turistico all’atto dell’auspicata ripresa economica la quale vedrà sicuramente l’emergere di nuovi bacini turistici (con maggiore capacità di spesa) e la ripresa dei flussi turistici da quelli tradizionali. Per il raggiungimento di tale obiettivo, l’Amministrazione ha in programma di rivisitare e di rilanciare - mediante il metodo “Agenda 21L” - il piano intersettoriale di azione per affrontare efficacemente le future sfide del turismo attraverso un costante e sistematico confronto con gli stake holders, gli operatori turistici e le associazioni di categoria locali, avvalendosi anche della collaborazione dell’osservatorio del turismo in fase di istituzione da parte dell’Agenzia regionale Turismo FVG. In buona sostanza, con le individuate linee programmatiche di politica turistica l’Amministrazione opererà nel precipuo scopo di mettere a disposizione dei soggetti pubblici e privati operanti nel turismo - quali componenti di un unico sistema che non attribuisce ad alcuno il ruolo di protagonista ma si fonda sull’interazione delle forze che lo compongono – utili ed idonei elementi di supporto alle attività di promocommercializzazione del prodotto turistico locale da attuare per meglio corrispondere alle dinamiche di un settore in continua evoluzione. SPORT Lignano, dopo aver ospitato in quest’ultimo decennio grandi eventi sportivi anche multidisciplinari nazionali ed internazionali, è diventata anche la “Città della vacanza sportiva”, registrando l’interesse delle Federazioni delle varie discipline sportive che, utilizzando gli impianti, hanno evidenziando la necessità di un ampliamento delle strutture (campi da calcio, calcetto, tennis, pallavolo, poligono di tiro) ed anche di un maggior collegamento e coinvolgimento degli impianti presenti nei paesi contermini. La politica nel settore sportivo che l’Amministrazione Comunale intende continuare a perseguire si baserà sui seguenti punti: 2.6. Realizzare l’ampliamento del complesso polisportivo “Teghil” con nuovi impianti di calcio e favorire gli interventi da parte di enti e di privati nel settore della attrezzature sportive e della ricettività connessa; 2.7. Continuare il sostegno finanziario e logistico per ospitare i grandi eventi legati al mondo dello sport nazionale ed internazionale che possono avere un grande ritorno d’immagine per la nostra città;

7


2.8. Incentivare le pratiche sportive di mare (anche fuori stagione, polo nautico, palazzo del mare) con particolare attenzione anche alle attività sportive sulla laguna e sul Fiume Tagliamento in collaborazione con le associazioni legate a queste attività. Rilancio della pesca sportiva in mare e in acque interne. Favorire l’utilizzo della spiaggia d’inverno quale contenitore di eventi e pratiche sportive; 2.9. Garantire la stabilità dei contributi per tutte le associazioni sportive che coinvolgono in particolar modo i giovani. Facilitare anche la pratica sportiva per le associazioni a carattere amatoriale. ATTIVITA’ PRODUTTIVE L’Amministrazione Comunale si impegnerà a sostenere le imprese e lo sviluppo dei settori, del commercio, dei pubblici esercizi e dell’artigianato. Saranno intensificati i rapporti tra Comune e le Associazioni di categoria al fine di collaborare per la risoluzione delle problematiche del settore. L’Amministrazione si impegnerà, inoltre, a: 2.10. Favorire l’insediamento delle nuove attività turistiche e sociali derivanti dalle mutate esigenze e aspettative del turista nonché dalle mutate condizioni sociali della comunità; 2.11. Migliorare l’accessibilità dell’utenza agli uffici e continuare nella ricerca dello snellimento degli iter burocratici inerenti alle pratiche commerciali attraverso lo sportello unico delle attività produttive; 2.12. Programmare l’attività della classificazione degli appartamenti e case per vacanze con il metodo a campione; 2.13. Incentivare la riqualificazione e l’incremento di qualità dell’offerta commerciale e ricettiva attraverso il continuo miglioramento dell’immagine, e dei servizi, della località; 2.14. Attivare una programmazione concordata con le categorie del commercio e dei pubblici esercizi, atta a garantire la presenza adeguata di tali servizi anche nel periodo fuori stagione; 2.15. Contrastare l’abusivismo commerciale sia sull’arenile che sul centro cittadino in collaborazione con le altre forze dell’ordine presenti sul territorio e le associazioni di categoria; 2.16. Verificare la fattibilità del distretto turistico, in collaborazione con gli altri enti e operatori del settore; 2.17. Prestare una attenzione particolare per il comparto produttivo a servizio della nautica; 2.18. Sviluppare le attività per la rivitalizzazione del centro di Lignano fuori stagione con mercatini a tema per i week end e natalizi, negozi e pubblici esercizi aperti, presepe pasquale; 2.19. Promuovere azioni per diffondere la cultura dell’agricoltura a chilometri zero e la cultura dell’enogastronomia sostenibile (slow food).

8


3. AMBIENTE, URBANISTICA E TERRITORIO - GESTIONE PATRIMONIO E DEMANIO La politica dello sviluppo sostenibile è un tema prioritario. La coalizione di centro destra si propone di continuare la gestione del territorio della città mantenendo il necessario equilibrio tra uno sviluppo in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri. L’utilizzo delle risorse offerte dal nostro territorio, la direzione degli investimenti e l’orientamento dello sviluppo turistico della nostra località devono, in maniera armoniosa, soddisfare le aspirazioni dei cittadini e le esigenze dello sviluppo della nostra località in maniera “sostenibile”. La tutela del mare come anche la valorizzazione della laguna, della litoranea veneta e del Tagliamento, quali componenti di un waterfront integrato, unitamente alla riqualificazione dell’arenile ed alla salvaguardia dei boschi, dei i parchi e delle pinete, costituiscono elementi prioritari delle strategie d’intervento. Dopo una prima azione di “ritaratura” dei contenuti della variante n 37 al PRG, già attuata con la variante n. 40, si darà corso alla definizione delle direttive per una nuova variante generale che tenga conto delle proposte presentate dagli operatori a seguito dell’avviso pubblico a suo tempo diramato e del parco progetti approvato dall’Amministrazione alla fine del processo di Agenda 21. Direttrici principali di azione saranno la riqualificazione del tessuto urbano esistente, nelle sue tre componenti storiche di Sabbiadoro, Pineta e Riviera e la definizione di ruoli coerenti e coordinati per le aree libere, puntando alle attrezzature ed ai servizi ma anche alle nuove forme di ricettività, accompagnate dal contestuale incremento della qualità ambientale. Massima attenzione sarà rivolta alle politiche di sviluppo del settore ricettivoalberghiero e dei villaggi turistici, alla riqualificazione del tessuto edilizio urbano obsoleto ed all’incentivazione per la realizzazione di impianti ad energia rinnovabile (in particolare l’acqua calda del sottosuolo, impiegabile anche per scopi ludici e del wellness) ed all’utilizzo della bioedilizia. Riguardo alle seconde case, si ritiene che la dotazione esistente abbia raggiunto il punto di saturazione ma che le medesime siano da considerare un patrimonio verso il quale mantenere e sviluppare una politica di riqualificazione, incentivando in tutti i modi possibili la sua riconversione verso forme di utilizzo collegate al turismo (case ed appartamenti per vacanza) piuttosto che finalizzate al puro e semplice investimento immobiliare. Un discorso a parte va fatto per i residenti, individuando forme idonee sia per la realizzazione o l’acquisto della prima casa sia ai fini della disponibilità di abitazioni in affitto, secondo il concetto dell’housing sociale. Con l’applicazione della L.R. 05/07 sull’urbanistica si aprono nuovi scenari, sia per gli scopi sopraddetti, sia ai fini del coinvolgimento dei comuni limitrofi nella programmazione di area vasta, attraverso i Piani di Struttura Comunali, dell’intero comprensorio turistico.

9


L’applicazione sistematica degli istituti della perequazione urbanistica e della compensazione urbanistica consentirà di equilibrare l’uso del territorio, di trovare le risorse e di creare le condizioni per un coinvolgimento dell’imprenditoria collaborativa e lungimirante nel processo della trasformazione. Il patrimonio del Comune di Lignano Sabbiadoro rappresenta una cospicua ricchezza data la consistenza degli immobili, delle strutture che lo compongono ed è fondamentale per gestione delle attività e dei servizi destinati alla comunità ed agli ospiti della città. Per esso sarà proseguita una sistematica azione di manutenzione e rinnovamento, procedendo anche alla dismissione degli immobili non strategici per le finalità dell’Ente. Con la L.R. 22/06 sono stati affidati all’Amministrazione Comunale i compiti relativi alla gestione del demanio marittimo. Preciso compito dell’Amministrazione sarà quello di rielaborare il Piano dell’arenile, coordinandolo con il nuovo progetto di riqualificazione del lungomare ed aprendo il confronto con le forze economiche e sociali del territorio, secondo la metodologia AG21L già ricordata. La politica nel settore dell’ambiente e del territorio che l’Amministrazione Comunale intende continuare a perseguire si baserà sui punti che seguono. 3.1. Continuare la politica di manutenzione e di dragaggio per la navigabilità della foce del Tagliamento e del canale d’ingresso di Porto Lignano con riutilizzo contestuale delle sabbie per il ripascimento dei tratti di arenile erosi. Sostenere il dragaggio dei canali interni della Laguna di Marano ed il ripristino della navigabilità sulla Litoranea Veneta utilizzando la cassa di colmata in via di realizzazione in zona Pantanel; 3.2. Sviluppare i collegamenti via mare, via fluviale e lagunare per diversificare la possibilità di collegamento con le altre località riducendo significativamente i flussi stradali, realizzando idonei punti di approdo; 3.3. Valorizzare la gestione sostenibile dell’area di ripopolamento ittico nella zona conosciuta come “Trezza” partecipando al progetto di cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013; 3.4. Proseguire la manutenzione degli argini perilagunari e fluviali e delle relative quote di sicurezza nonché verificare e promuovere l’adeguamento degli impianti di sollevamento e delle idrovore dislocate sul territorio della città; 3.5. Realizzare in accordo con il CAFC la casa dell’acqua per la distribuzione gratuita o a costi contenuti di acqua naturale e frizzante, per valorizzare questa importante risorsa pubblica; 3.6. Prevedere, nell’ambito del già citato Piano dell’arenile, adeguati servizi per il windsurf e per gli altri sport acquatici in mare; 3.7. Valorizzare l’intero waterfront mediante il potenziamento e la messa in rete dei punti di osservazione, quali il faro e l’area demaniale di Via Carso (ove poter ricostituire l’ambiente tipico del “borgo dei pescatori”), i punti terminali verso laguna della darsena vecchia, il recupero dell’area del Pantanel in funzione della formazione di un punto belvedere e per il bird watching (a partire dallo studio effettuato negli anni 80 da esponenti

10


dell’Università di Trieste), la sistemazione di parte dell’area golenale del Tagliamento, il tutto da inserire nel circuito ciclabile cittadino; 3.8. Promuovere, in accordo con l’Ente proprietario, la certificazione ecologica del bosco a nord di Via Centrale ai fini della sua apertura alla cittadinanza ed al pubblico per visite guidate, la salvaguardia della duna costiera ed il suo inserimento nel circuito delle visite, la realizzazione del collegamento ciclopedonale fra lungomare Sabbiadoro e Pineta mediante pannelli mobili in legno posti base della duna sulla spiaggia; 3.9. Sostenere la salvaguardia del Sito di importanza comunitaria (SIC) denominato “Pineta di Lignano”, individuando azioni compensative per la sua messa a disposizione del pubblico, nel rispetto dei valori naturalistici, promuovendo costituzione di un parco naturale dell’asta del Tagliamento che lo comprenda e valorizzi anche l’isola Pingherli; 3.10. Costituire il sistema del Parco Urbano di Lignano Sabbiadoro, costituito dai boschi, dai parchi, dalle aree di verde attrezzato e dai punti di osservazione, il tutto integrato mediante gli spazi ed i percorsi di connettivo (pedonali, ciclabili, ippici, e per mezzi elettrici leggeri), completando e riqualificando i percorsi naturalistico-ambientali esistenti, promuovendo la pratica del nordic walking ed istituendo un servizio di bike sharing; 3.11. Aggiornare il quadro pianificatorio strutturale e operativo, ai fini della riqualificazione e allo scopo di definire le funzioni specifiche del territorio libero in maniera coerente con gli obiettivi generali e le strategie specifiche enunciate, ed in particolare: 3.11.1. Definire e graduare gli incentivi per il recupero del patrimonio edilizio esistente, privilegiando il potenziamento ed il rinnovo del patrimonio alberghiero, anche nelle sue forme più evolute e aggiornate (aumento delle dimensioni delle camere, introduzione di suites e unità abitative alberghiere, dotazione di spazi per il benessere); 3.11.2. Definire lo sviluppo a Nord, nell’ottica di una Lignano città dei Resort immersi nel verde, delle attrezzature sportive e di quelle ludiche, termali e turistiche in genere; 3.11.3. Riqualificare l’ingresso Lignano, sia mediante interventi sull’asse stradale esistente, sia mediante il coinvolgimento degli operatori privati nell’attuazione del collegamento viabilistico est-ovest e nella realizzazione di adeguati servizi ed attrezzature per l’accoglienza, anche di tipo convegnistico e promozionale (informazioni turistiche, prodotti del territorio); 3.11.4. Sviluppare una politica per l’housing sociale, a partire dall’attuazione di una zona residenziale riservata all’edilizia convenzionata ed agevolata per i residenti (previsti e da attuare, di concerto con le cooperative edilizie locali, n. 96 alloggi in Via Casa Bianca);

11


3.11.5. Adottare un piano di settore per i porti, per una corretta valutazione dello sviluppo del territorio in un settore strategico quale la nautica e per avviare l’ampliamento di Porto “Casoni”, lo sviluppo delle zone D2-H2 di vocazione nautica e lo sviluppo eventuale di pontili atti a garantire i collegamenti via mare ed i relativi servizi;. mediante tale strumento sarà individuata un’area a servizio dell’attività di canottaggio e sarà valutata la possibilità di realizzare porti in secca, dry marina e marina resort, secondo i dettami della legge regionale sul turismo; 3.11.6. Utilizzare lo strumento degli accordi di programma tra la Regione FVG, il Comune di Lignano Sabbiadoro ed i privati per la realizzazione di interventi strategici ed il reperimento di disponibilità finanziarie per l’Ente; 3.12. Adottare il Piano energetico comunale finalizzato alla incentivazione delle fonti rinnovabili ed al risparmio energetico sia per le strutture pubbliche che quelle private, favorendo l’impiego di mezzi a propulsione elettrica o ibridi; 3.13. Approvare il regolamento per la gestione del verde pubblico e privato al fine di riqualificare l’impianto arboreo cittadino pubblico e tutelare l’esistente; 3.14. Attivare la Convenzione con l’ARPA per l’attuazione del Piano per la tutela dell’inquinamento atmosferico ed acustico; 3.15. Adottare il Piano dell’ornato e dei materiali per zone differenziate, al fine di armonizzare materiali e colori nel contesto ambientale e urbano unificando i materiali utilizzati nelle realizzazioni e manutenzioni stradali; 3.16. Valutare l’opportunità di reintrodurre una Commissione edilizia, agile e semplificata, che unifichi le funzioni della Commissione Ambiente e quelle della componente tecnica della Commissione Urbanistica, assicurando agli uffici un adeguato supporto consultivo per le principali pratiche di settore; 3.17. Adottare il Piano del traffico per il miglioramento della circolazione veicolare, la diminuzione del traffico interno, il potenziamento e l’utilizzo di mezzi ecologici, la risoluzione del nodo del terminal e del deposito delle autocorriere, con particolare attenzione anche alla risoluzione della viabilità di accesso alla città con connessi parcheggi di interscambio, mantenendo l’esclusione di impianti semaforici; 3.18. Continuare nella razionalizzazione del servizio della raccolta dei rifiuti specializzando ulteriormente la raccolta differenziata per conseguire l’obiettivo previsto dalla normativa ambientale; 3.19. Riutilizzare La piazzola ecologica del Pantanel per una gestione più razionale del comparto dei rifiuti; 3.20. Continuare il potenziamento della campagna antilarvale ed abbattente per la lotta alle zanzare e sensibilizzare i privati all’utilizzo di sostanze

12


utili a combattere la proliferazione delle zanzare all’interno delle loro proprietà; 3.21. Mantenere e potenziare il servizio di giardinaggio comunale elevando la qualità del servizio stesso in linea con la tradizione di eccellenza che da sempre è patrimonio dei giardinieri comunali; 3.22. Attivare un nuovo programma informatico per una più precisa e corretta gestione dei dati necessari alla conduzione del patrimonio immobiliare comunale ed alla razionalizzazione degli investimenti di mantenimento ed incrementare il predetto patrimonio attraverso la realizzazione di accordi di programma e mediante l’applicazione della contrattazione urbanistica; 3.23. Completare il censimento con mappatura delle proprietà comunali e prendere in carico le situazioni non attualmente definite (viabilità comunale, definizione delle convenzioni urbanistiche, demanio comunale, demanio statale); 3.24. Razionalizzare la gestione dei beni disponibili ed addivenire alla dismissione ed alla cessione delle strutture comunali non coerenti con le finalità del Comune; 3.25. Utilizzare le risorse energetiche alternative e rinnovabili per le strutture appartenenti al patrimonio comunale; 3.26. Verificare le partecipazioni societarie e mantenere un costante monitoraggio delle partecipazioni stesse, anche al fine di eventuali dismissioni di quelle non strategiche. 4. LAVORI PUBBLICI E INFRASTRUTTURE La Coalizione di centro destra intende portare a termine i progetti già avviati e finanziati dall’Amministrazione Comunale uscente quali: 4.1. Riqualificazione e realizzazione delle opere di arredo urbano del Lungomare Trieste nel tratto compreso tra Viale Gorizia e Via Sabbiadoro; 4.2. Avviare i lavori per la realizzazione del Punto di Primo Soccorso; 4.3. Ampliamento dell’impianto polisportivo “Teghil”; 4.4. Monitoraggio dell’intervento per l’ampliamento dell’impianto di depurazione comunale;

e

l’adeguamento

4.5. Potenziamento della rete fognaria comunale; 4.6. Potenziamento dell’idrovora di “Punta Tagliamento” e messa in sicurezza da esondazione la rete fognaria di Lignano Pineta e Lignano Riviera; 4.7. Dragaggio e messa in sicurezza di “Porto Casoni”; 4.8. Completamento e messa in sicurezza degli argini perilagunari nel tratto compreso da Via dello Stadio e la Darsena di Sabbiadoro;

13


4.9. Realizzazione dell’Autostazione/Terminal del trasporto urbano ed extraurbano; 4.10. Riqualificazione e realizzazione delle opere di arredo urbano di Piazza Ursella “ex-City”; 4.11. Concludere i lavori di ristrutturazione e manutenzione straordinaria del CineCity; 4.12. Messa in sicurezza con impianto antincendio delle aree boscate di Pineta e Riviera, e acquisto di mezzi polivalenti; 4.13. Ultimare i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza del magazzino comunale; 4.14. Ultimare la manutenzione straordinaria e messa in sicurezza dell’Arena “Alpe Adria” e annesso parco urbano; 4.15. Ultimare la manutenzione straordinaria e la messa in sicurezza dell’impianto base di Viale Europa con ripristino dei campi da tennis realizzazione di un impianto di skate-board; 4.16. Manutenzione straordinaria del “Faro Rosso”; 4.17. Messa in sicurezza e manutenzione straordinaria del parapetto della pista ciclabile lungolaguna; 4.18. Completamento della ristrutturazione degli impianti di illuminazione pubblica; La Coalizione di centro destra intende inoltre realizzare i seguenti nuovi progetti: 4.19. Viabilità d’ingresso a Lignano. Tale progettazione e realizzazione dovrà essere eseguita in collaborazione con le iniziative derivanti dagli accordi di programma con i privati e coordinarsi con una riorganizzazione della viabilità d’accesso e dei servizi al turista (parcheggi di interscambio, infopoint, bus navetta); 4.20. Intervento di riqualificazione attraverso l’attivazione del progetto di finanza di Piazza San Giovanni Bosco; 4.21. Rifacimento di Via Latisana; 4.22. Realizzazione di un ampliamento della Comunità di alloggio per anziani autosufficienti; 4.23. Completamento dell’anello della viabilità ciclabile comunale in collegamento con le altre piste ciclabili già previste con l’accordo quadro approvato dalla conferenza dei Sindaci dell’ASTER della “Riviera Turistica Friulana”; 4.24. Completamento dei collegamenti ciclabili della penisola compresa la trasformazione di Via Alzaia in pista ciclabile contestualmente alla realizzazione, a carico dei contigui interventi privati, del collegamento stradale Est-Ovest previsto a monte del Canale Lovato;

14


Inoltre, la Coalizione di centro destra in funzione delle risorse disponibili intende realizzare le seguenti opere: 4.25. Rifacimento e realizzazione delle opere di arredo urbano di Piazza Abbazia, Via Miramare e Via Centrale fino al Ponte di Piazza City e alla Piazza Ursella, al fine di prolungare l’asse commerciale pedonale e ciclabile fino a collegare, attraverso la valorizzazione dell’area verde fra via Arcobaleno e Via Latisana e la ristrutturazione di Via Porpetto, l’Arena Alpe Adria; 4.26. Ristrutturazione e valorizzazione del fabbricato ex Pescheria comunale; 4.27. Realizzazione delle rotonde all’incrocio tra Via delle Arti e Corso dei Continenti, tra Via Mezzasacca e Viale Europa e tra Viale Delle Terme e Corso dei Continenti; 4.28. Valorizzare i parchi pubblici, le fasce verdi e le aiuole con l’impianto di essenze che permettano risparmi alla manutenzione ed inoltre implementando l’impianto di essenze floreali nella tradizione del giardinaggio lignanese; 4.29. Riqualificazione dell’Aula del Consiglio con finalità multimediale. 5. CULTURA, WELFARE, POLITICHE GIOVANILI E ISTRUZIONE CULTURA L’azione culturale dell’Amministrazione Comunale deve rivolgersi ai cittadini e agli altri molteplici soggetti presenti sullo scenario socio-culturale cittadino quali l’Informagiovani ed il Punto Giò, le Associazioni di volontariato, le Scuole, la Parrocchia, le Associazioni di categoria e la Società d’Area. Inoltre, l’azione culturale deve orientarsi e collegarsi, in linea con i recenti sviluppi socio-politici comprensoriali, ai comuni limitrofi coinvolgendoli concretamente nelle attività culturali di spessore locale ed internazionale. I processi di formazione e di trasformazione della comunità lignanese sono fortemente collegati alla cultura dell’ospitalità e all’evoluzione del turismo in tutti i suoi aspetti. Le azioni e gli eventi culturali potranno trovare spazi nelle diverse strutture che l’amministrazione comunale ed anche altri enti o privati mettono a disposizione sul territorio facilitando così la socializzazione, l’incontro e la conoscenza fra i cittadini: •

Il Centro civico e la biblioteca, la Parrocchia ed il Parco San Giovanni Bosco. Il Centro Civico in particolare dovrà diventare sempre di più uno spazio di aggregazione e condivisione, in cui le realtà associative possano avere un ruolo nell’azione d’insieme, diventando un laboratorio di servizi integrati durante l’arco dell’intero anno e verranno intensificate le attività già iniziate per la promozione della lettura e della cultura in generale;

La Terrazza a mare, per la quale si propone una radicale trasformazione onde ottenere un luogo di incontro ed un vitale punto di affaccio sul mare durante tutte le stagioni, che supporti e valorizzi la risorsa “arenile d’inverno”, collegata agli spazi di Via Gorizia e Piazza Fontana;

15


Il CineCity e Piazza Ursella (ex City). Il Cinema City in particolare dovrà concentrare le attività teatrali, del comune, delle scuole e le diverse rappresentazioni, anche fuori stagione;

La Piazza Marcello D’Olivo, la Piazza del Sole e la zona del Kursaal quali spazi di eventi e relazioni a Lignano Pineta;

Inoltre la Coazione di Centro destra intende potenziare le attività culturali: •

Sostenere la valorizzazione della “Colonia Elioterapica”, progettata dall’architetto Pietro Zanini, per realizzare una Biblioteca Tematica con Sala Espositiva dedicata alla storia di Lignano e della bassa friulana e con l’attivazione di una “Specula” per l’osservazione del mare e del cielo;

Potenziare le attività culturali per la rivitalizzazione del centro di Lignano fuori stagione (es. Presepe Pasquale, mercatini a tema e natalizi);

Valorizzare i siti archeologici come la “Casa Romana” in zona Pantanel e l’archeologia subacquea.

I grandi eventi culturali fino ad oggi gestiti dall’amministrazione comunale dovrebbero passare nel programma di attività della struttura esterna prevista all’interno del settore turismo. WELFARE, POLITICHE GIOVANILI E ISTRUZIONE La coalizione di centrodestra continuerà a dedicare grande attenzione alle politiche a favore del welfare al fine di dare risposte concrete ai sempre maggiori bisogni determinati anche dalle ulteriori difficoltà economiche oltre che della prima infanzia, dei minori disadattati, delle famiglie, degli anziani e dei diversamente abili, migliorando la qualità dei Servizi. Le politiche giovanili continueranno, in collaborazione con le scuole, a garantire i servizi di assistenza scolastica, il controllo della qualità delle mense, il trasporto scolastico a condizioni accessibili a tutti. Verrà implementata anche la politica tendente alla crescita di una coscienza protesa allo sviluppo sostenibile. Si darà seguito alla prosecuzione dei corsi per seguire i ragazzi, con il contributo della Consulta dei genitori, dalla nascita all’inserimento nella vita sociale, al mondo del lavoro attraverso la continuazione delle iniziative collegate al punto informagiovani, all’asilo nido, all’infermiere di comunità e alla parrocchia. La Coalizione di centro destra intende inoltre: 5.1. Sviluppare in collaborazione con la gestione della scuola materna “Andretta” le strutture e le attività per i giovani; 5.2. Sviluppare una politica per l’housing sociale, come detto nel capitolo relativo al territorio; 5.3. Mantenere e potenziare il progetto scuola integrata “Modello Lignano”; 5.4. Valorizzare la professionalità e le capacità dei giovani lignanesi; 5.5. Promuovere eventi culturali anche con il contributo dei giovani lignanesi che si sono distinti nelle diverse discipline artistiche;

16


5.6. Promuovere la cultura della responsabilità sociale e della partecipazione alla vita politica lignanese in collaborazione con le diverse realtà associative presenti sul territorio; 5.7. Promuovere la “Lignano d’Inverno” attraverso iniziative culturali; 5.8. Dare risposta per le sedi amministrative e gli spazi per la logistica alle associazioni senza fini di lucro lignanesi; 5.9. Gestire le attività ed i servizi connessi alla sfera del sociale nell’ambito socio-assistenziale come previsto dalla nuova legge regionale del settore, attraverso la partecipazione alla Conferenza dei Sindaci dell’Ambito; 5.10. Consolidare e migliorare l’attuale servizio di consulenza familiare; 5.11. Incentivare e sostenere enti ed associazioni di volontariato operanti sul territorio comunale nel settore del sociale, stimolandone anche la formazione e la crescita; 5.12. Promuovere l’informazione, la comunicazione e la consulenza alle persone ed alle famiglie, per favorire la funzione dei servizi sociali e lo sviluppo di iniziative di auto-aiuto; 5.13. Valorizzare il ruolo della famiglia con l’adozione di misure di sostegno al nucleo familiare, ai minori in situazioni di disagio, alle donne in difficoltà. 6. SICUREZZA E CONTROLLO DEL TERRITORIO La sicurezza rappresenta sempre di più un valore aggiunto per i residenti e per il turista che frequenta la nostra località e indubbiamente incide nella scelta dei luoghi dove trascorrere le proprie vacanze. La Coalizione di Centro destra intende affrontare le complesse problematiche che attengono alla sicurezza ed alla qualità della vita e del soggiorno turistico continuando nel capillare controllo del territorio durante tutto l’anno, in maniera coordinata con le altre Forze dell’Ordine, nonché perseguire la lotta all’inquinamento acustico ed ambientale, all’ abusivismo commerciale. Particolare attenzione sarà dedicata al dialogo diretto con le categorie e con gli operatori al fine di rilevare le esigenze in tema di sicurezza ed impostare idonee azioni, in primo luogo sul versante della prevenzione. La Coalizione di centro destra intende inoltre: 6.1. Richiedere alle forze dell’ordine un consistente rafforzamento dell’organico locale per assicurare la necessaria vigilanza sul territorio con particolare riferimento all’arenile e al mare; 6.2. Potenziare il sistema di videosorveglianza dei punti critici e più sensibili della città a tutela del patrimonio pubblico e privato e per la lotta contro la criminalità; 6.3. Contrastare l’abusivismo commerciale sia sull’arenile che sul centro cittadino in collaborazione con le altre forze dell’ordine presenti sul territorio e le associazioni di categoria;

17


6.4. Sensibilizzare gli operatori del settore del divertimento notturno per la sicurezza dei giovani avventori e Vigilare sulle zone interessate da attività notturne. 7. POLITICHE FISCALI E TARIFFARIE Com’è noto la recessione economica in atto e la correlata necessità da parte dello Stato di ridurre il debito pubblico, ha costretto il Governo all’adozione di misure spesso contrastanti tra loro - finalizzate al reperimento di risorse finanziarie con il conseguente inasprimento dell’imposizione fiscale e tariffaria sia a livello nazionale che locale, provvedimenti questi che hanno determinato una preoccupante situazione di incertezza per le inevitabili ripercussioni sulla finanza locale e sulla realtà produttiva. Ne deriva che il quadro finanziario futuro prevederà minori trasferimenti nei riguardi degli enti locali per compensare i quali l’Amministrazione dovrà verosimilmente attivarsi con l’alienazione dei beni e delle partecipazioni societarie non strettamente connessi agli scopi istituzionali e con l’attuazione di specifici accordi di programma nonché, contestualmente, procedere ad un maggior controllo, riqualificazione e riduzione della spesa corrente. Ciò potrà consentire di mantenere una adeguata capacità d’investimento e di avere la possibilità di incidere meno pesantemente in sede di applicazione delle aliquote relative alle nuove imposte introdotte ed alle tasse ed imposte locali, sempre e comunque nel rispetto del cogente “patto di stabilità”. In continuità con l’azione già adottata in materia, la nuova Amministrazione di centro-destra dovrà porre in essere una condotta molto attenta per graduare, nei limiti concessi, le nuove imposte locali, assicurando il mantenimento dell’attuale livello qualitativo dei servizi ai turisti e, soprattutto, ai cittadini della comunità lignanese ed anche favorendo il trasferimento delle sedi di imprese operanti in loco. In particolare, è intendimento: 7.1. imporre al minimo l’aliquota I.M.U. sia per la prima casa sia per le altre strutture e mantenere le detrazioni I.M.U. consentite dalla normativa; 7.2. continuare a non applicare l’addizionale IRPEF e contenere gli eventuali adeguamenti delle altre imposte e tasse comunali (TOSAP, TARSU etc.); 7.3. contenere gli adeguamenti delle tariffe dei servizi comunali. 7.4. Inoltre, l’impegno della nuova Amministrazione sarà rivolto anche al reperimento di finanziamenti comunitari. 8. PROTEZIONE CIVILE La Protezione Civile di Lignano Sabbiadoro è sempre stata al servizio della città garantendo una costante e puntuale prevenzione ed una efficace risposta nei casi di intervento di emergenza sia in ambito locale che regionale e nazionale. L’Amministrazione di centro destra si impegnerà a: 8.1. Tenere aggiornato il Piano Comunale di emergenza di protezione civile in considerazione dei fattori di rischio collegati ai fattori climatici e allo scenario internazionale;

18


8.2. Continuare il progetto intrapreso con le scuole del territorio per l’attività di informazione dei ragazzi per la sensibilizzazione e partecipazione alle attività di Protezione Civile; 8.3. Mantenere il monitoraggio ambientale del territorio integrato con il sistema regionale di protezione civile (boe meteomarine, radon, stazione meteorologica sita in sede); 8.4. Implementare le attività di coordinamento con le Istituzione deputate alla salvaguardia del territorio (Forze dell’ordine, Polizia locale, Capitaneria di Porto, VV.F., ARPA e Parrocchia); 8.5. Sensibilizzare e coinvolgere i giovani residenti nella città alle attività di protezione civile utilizzando materiale informativo (Punto Giò, ITT “Savorgnan”). Il territorio lignanese è anche presidiato dal Corpo dei Vigili del Fuoco volontari che garantiscono con la loro presenza sicurezza e serenità alla comunità lignanese. Nei loro confronti l’Amministrazione si impegna: 8.6. A mantenere efficiente la sede del Corpo; 8.7. Ad attivare un protocollo d’intesa affinché sia garantita una costante e continua presenza sul territorio della città. Lignano Sabbiadoro, 2 aprile 2012 Il Candidato Sindaco Vittorino Petiziol

19


Programma elettorale - Vittorino Petiziol Candidato Sindaco