Issuu on Google+

lio numero

51 frammenti per Lorenzo Calogero

02

Gennaio 2010


19 Marzo 1936 (…) La migliore cosa proprio per giudicare essenzialità di una certa poesia, delle sue immagini, è di studiarla nelle righe della sua continuità di pensiero. Ciò che non concorre a rendere più chiaro l’unico pensiero del cui suono deve vibrare il suono e la metrica della poesia, deve essere giudicato inessenziale. Così ci sembra che la maggior parte della poesia pura, in cui alcuna continuità non è visibile essendo per lo più una serie ingiustificata di interrompimenti senza una linea ed una direttiva che possa essere giustificata ed appoggiata dalla logica, deve essere giudicata inessenziale e perciò stesso arbitraria e quindi non poesia. Tutto al più per essa si potrebbe dire, che solo le immagini distaccate, di cui si compone ogni singola poesia, prese singolarmente sono poetiche, rappresentanti di uno stato poetico molto indeterminato persino nella coscienza del poeta, il quale non avendo visto bene nella sua stessa coscienza le ha abbandonate così, rappresentanti esclusive di un mondo frammentario. Lorenzo Calogero, dai quaderni del 1936 - inedito -


igl 2010 2011

100 anni dalla nascita

50 anni dalla morte

Lorenzo Calogero

Celebrazioni dell’anno Calogeriano

19 Marzo 1936 Rivista On Line

“Quaderni di Villanuccia”

Un progetto a cura di Nino Cannatà Trascrizione del testo dai manoscritti inediti del 1936: Arianna Lamanna Immagine foto-pittorica: Nino Cannatà Musica: Girolamo Deraco Supervisione multimedia: Simone Carrai Sviluppo grafico ed editing: Vitoria Muzi  In redazione: Andrea Civinini, Valentina Dugo, Joana Amill Produzione: Villanuccia e Progetti Digitali _2010


"Quaderni di Villanuccia" .02