Issuu on Google+


PROPONENTE Comitato

DATI DEL PROPONENTE E REFERENTE OPERATIVO DEL PROGETTO Denominazione dell'organizzazione: Eutopia Codice Fiscale: 0000091154350358 Partita IVA: Via e n° civico: Via Candelù, 3 CAP: 42124 Comune: Reggio Emilia Provincia: RE Tel: 3393399916 Fax: Email: antonio.solaris@libero.it Indirizzo articolazione territoriale: Rappresentante legale dell'organizzazione: Sandra Palmieri Principali attività: Promozione socio-culturale e rigenerazione territoriale Iscritta al Registro: Agenzia delle Entrate Con atto n°: 13117 del: 20/12/2010 Nome: Daniele Cognome: Castagnetti Via e n° civico: Via Fermi, 3 CAP: 42043 Comune: Gattatico Provincia: RE Tel: 0522678112 Cell: Fax: Email: danielecastagnetti@teletu.it Specificare il ruolo rivestito: consigliere

TITOLO DEL PROGETTO Titolo: Atelier in Parkour - Mediazione comunitaria e rigenerazione metropolitana

OBIETTIVI E FINALITÀ CHE SI PROPONE DI PERSEGUIRE Ambito 6: aggregazione e animazione nelle ville e nei quartieri

DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO Il progetto si propone di leggere e interpretare in uno spazio-tempo dato i bisogni di una città cangiante, aggregando tramite pratiche partecipative cittadini, attori sociali ed istituzionali per


rispondere coralmente alle esigenze e sollecitazioni rilevate. Le attività proposte intercettano i diversi saperi e profili dei soggetti coinvolti, concretizzandosi in eventi di formazione e autoapprendimento, aggregazione e animazione sociale, sostegno all'espressività e al protagonismo delle persone. Tra i risultati attesi individuiamo la tessitura di nuovi legami sociali, comunitari, familiari e interpersonali finalizzati alla costruzione di contesti relazionali e di azione comune.

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO Il progetto si colloca nel quartiere popolare policentrico di Santa Croce, originato dalla nascita e dallo sviluppo delle Officine "Reggiane". Il progetto si articola reticolarmente con interconnessioni tra cinque luoghi/nodi di rete, in una visione integrale e a largo spettro di un quartiere in continua trasformazione: - Atelier Bligny, lungo l'asse tra la stazione, piazzale Europa, il Centro "Malaguzzi", l'ex Circolo Arci "Pistelli" (ora sede Spi-Cgil e dei servizi ad esso correlati), l'insediamento di via Adua; - Centro sociale "Tricolore": situato in via Agosti, là dove si trovava il Dopolavoro "Reggiane", per ubicazione e frequentazione rappresenta il principale "portale" di accesso alla memoria dell'Officina; - Centro sociale "Orti Montenero": è posto sull’asse viario storico di Santa Croce (via Veneri, dove sorgono le “case dei ferrovieri”), oggi sempre più polarizzato tra la residenza nativa e "tradizionale" delle vecchie casette unifamiliari e la nuova popolazione inserita nelle residenze condominiali; - Saletta Civica cooperativa: si tratta di un luogo dell’abitare popolare rigenerato tra il 2009 e il 2011, che trova sede nel cuore dell’isolato costituito dalle Case operaie indivise, a ridosso della ex "Nave", caratterizzato oggi come il principale laboratorio di arte “muralista” della città; - Parco del Sapèll-Circolo Arci "PiGal": una delle più recenti aree verdi (caratterizzata da querce secolari e esemplari di roverelle) "riconquistate" all'uso dei cittadini, grazie al sistema di autogestione-manutenzione condotto dai volontari dell'Arci "PiGal". Ci troviamo al limite fisico della “frontiera nord” di Santa Croce, un ampio spazio di servizi sportivi, commerciali, ricreativi con un amplissimo bacino d’utenza nell’intera provincia, fortemente attrattivo per le nuove generazioni e le famiglie, il quale si va oggi caratterizzando come vero e proprio agorà metropolitano. Il progetto si propone di favorire il riconoscimento della cittadinanza che risiede, usa, attraversa questi luoghi; promuove lo scambio interculturale e intergenerazionale attraverso interventi di natura sociale e a carattere strutturale, che si propongono di valorizzare la coesione sociale della comunità locale; interagisce con diverse agenzie culturali, sportive, ricreative, educative presenti


e operanti nell'area nord della città, al fine di promuovere la costruzione di codici linguistici nuovi per risignificare i luoghi di memoria dell'abitare popolare e di nuova identità urbana; intende favorire la promozione di un clima di benessere relazionale e di buon vicinato, rivolgendo particolare attenzione al rapporto tra giovani e adulti, tra individui e famiglie, tra reggiani di antica e nuova adozione e tra le diverse sensibilità di genere. Nei risultati attesi sottolineiamo l'importanza di rigenerare i luoghi e le loro funzioni, le connessioni tra le persone e i saperi, il riconoscimento delle identità comunitarie a sostegno di un nuovo patto di cittadinanza.

ATTIVITÀ PREVISTE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Le attività proposte si caratterizzano per la loro valenza in ambito di animazione sociale, interculturale, intergenerazionale, aggregativa ed autoformativa, in una dimensione di relazione col territorio. - Atelier Bligny: si propone un progetto di scambio (trasversale per genere, età, identità culturale) con la cittadinanza che insiste sul quartiere Santa Croce-Reggiane, a realizzazione di una mappa virtuale di comunità. La strutturazione di un laboratorio di documentazione multimediale ("Documentaristi, per esempio") è finalizzata a narrare le culture urbane, rappresentandone i punti di interesse socialmente e storicamente significativi e gli ambienti soggettivi, tramite: disponibilità di strumenti e competenze informatiche; formazione peer-to-peer di collaboratori volontari su tematiche, coordinate metodologiche e tecniche operative; estensione della buona prassi cooperativa a centri sociali e agenzie educative territoriali, per favorire le dinamiche intergenerazionali e la creazione di una consapevolezza dei mutamenti del territorio e della vocazione dei luoghi. L'usabilità dei temi e dei contenuti coprodotti è assicurata dalla loro organizzazione e condivisione tramite il Web, nonchè dal loro stesso "rispecchiamento" nei luoghi, in una fruizione resa possibile dalla tecnologia dei Quick Response codes; - Centro Sociale "Tricolore": in quanto sito memoriale del lavoro industriale a Reggio Emilia, è pensato in stretta sinergia con l'attività laboratoriale di via Bligny. Qui verranno realizzate videoproduzioni dedicate alla memoria dell'Officina e delle famiglie operaie residenti nelle Case operaie note come "Cairo". L'operatività dei volontari e disponibilità logistica lo rendono straordinaria location per eventi improntati alla tecnica dello storytelling; - Centro Sociale "Orti Montenero": serate conviviali, incontri intergenerazionali, teatralizzazioni, letture, legati alla storia del quartiere, delle culture operaie e delle lotte democratiche per l'emancipazione delle donne; - Saletta Civica cooperativa: rassegna cinematografica (sui temi: culture, cittadinanza, tolleranza,


legalità, ...) accompagnata da momenti di socialità e confronto, mostre collegate alla produzione di arti visive; - Parco del Sapèll-Circolo Arci "PiGal" (Parkour): curata dagli operatori della Ass. Papa Giovanni XXIII (in convenzione con Officina Educativa), una prima fase conoscitiva censirà le realtà limitrofe che praticano il parkour, allo scopo di aggregare l'utenza, orientarne i bisogni, costruire un percorso condiviso. Seguono co-progettazione e realizzazione (di parte) delle strutture necessarie, autogestita dai ragazzi proponenti e dai volontari del centro sociale, coordinati da tecnici responsabili. Si prevede un corso per l'apprendimento della disciplina a cura di professionisti selezionati dall'Uisp (da tenersi presso una palestra della Circoscrizione Nordest), nonchè un evento finale estivo aperto al pubblico (con animazione, mercatino cambio-scambio, ecc.)

PERIODO E LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Inizio: 01/02/2012 Fine: 31/12/2012 Ambito territoriale: Santa Croce-Reggiane Luogo: Atelier Bligny (via Bligny), Centro Sociale "Orti Montenero”, Saletta Civica cooperativa (via Selo), Parco del Sapèll-Circolo Arci "PiGal"

DESTINATARI Le azioni si rivolgono a tutta la popolazione del quartiere, un bacino di utenza pari a circa 7mila abitanti. A questi si sommano i frequentatori dei luoghi di aggregazione in progetto: Centro sociale "Tricolore" (1500 soci), Centro sociale "Orti Montenero" (300 soci), Cooperativa Case Popolari di Mancasale e Coviolo (500 soci), Circolo Arci "PiGal" (3000 soci), Uisp - Reggio Emilia (9000 soci). I singoli interventi mirano pertanto a coinvolgere direttamente soggetti residenti e non, famiglie, pensionati, studenti, lavoratori stranieri, membri e volontari in forza alle associazioni, alle cooperative e ai circoli sociali.

ALTRI SOGGETTI PARTNER Associazione Papa Giovanni XXIII Centro sociale "Orti Montenero” Centro sociale "Tricolore" Circolo Arci "PiGal" Circoscrizione Nordest Cooperativa Case Popolari di Mancasale e Coviolo


Laboratorio di architettura "Oltreluogo" Uisp - Reggio Emilia

RISORSE UMANE E STRUMENTALI IMPIEGATE Risorse umane: Architetto progettista Coordinatore percorso di ricerca geostorico Guida turistica e geostorica Istruttori sportivi parkour Mediatore culturale di quartiere Operatore informatico Operatori sociali, educatori di strada Operatore video per riprese ed editing Personale recitante Sociologo del territorio Tecnici operai Risorse strumentali: Architettura d'interni Attrezzatura informatica (hardware) Cancelleria e cartoleria Materiali di consumo (vernici e attrezzatura) Materiali e attrezzature per catering Materiali edili (impalcature tubolari, barriere new jersey) Videocamera

ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO PREVISTE Le azioni di volontariato previste fanno aggio innanzitutto sui luoghi/nodi di rete coinvolti nel progetto, nell'ottica di una rigenerazione delle prestazioni volontarie sin qui effettuate, finalizzandole al rafforzamento della trasmissione intergenerazionale. Si prevedono quindi le seguenti azioni: prestito di manodopera per approntamento delle sedi idonee allo svolgimento delle attività; lavori di custodia e pulizia delle medesime; attività di ristorazione e cucina; animazione dei percorsi progettuali, prevedendo specifiche azioni di educazione-formazione in chiave intergenerazionale. Cura particolare, attraverso l'autocostruzione di parte delle strutture, sarà posta alla realizzazione del parco tematico per il parkour. Il volontariato giovanile sarà rafforzato


dall'inserimento di questa specifica attività nei progetti di volontariato di Leva Giovani dell'Ufficio Giovani del Comune di Reggio Emilia.

VALUTAZIONE Il progetto verrà valutato attraverso il monitoraggio delle fasi di lavoro, il rilievo della partecipazione alle attività effettuate e la somministrazione di questionari/interviste ai soggetti coinvolti, avendo come griglia di riferimento quella proposta dalla Amministarzione comunale

PIANO FINANZIARIO COMPLESSIVO DEL PROGETTO Costo complessivo del progetto: 30.000 €

Costi del progetto suddivisi per fonti di finanziamento Contributo richiesto al Comune di Reggio Emilia: pari al 60% del valore complessivo del progetto Importo in euro contributo richiesto al Comune di Reggio Emilia: 18.000 €

Altri Finanziamenti - Autofinanziamento - Finanziamenti sia da parte di altri Enti Pubblici che da parte di soggetti privati Importo in euro autofinanziamenti: 1.000 € Importo in euro altri finanziamenti: 11.000 € 1) Altri finanziamenti: Uisp (€ 2.700, derivanti da fondi propri e da finanziamento regionale) 2) Altri finanziamenti: Cooperativa Case Popolari di Mancasale e Coviolo (€ 7.300) 3) Altri finanziamenti: Circolo Arci "PiGal" (€ 1.000) 4) Altri finanziamenti: 5) Altri finanziamenti: 6) Altri finanziamenti: 7) Altri finanziamenti: 8) Altri finanziamenti:

Il presentatore del progetto dichiara che lo stesso non è e non sarà oggetto di finanziamento da parte dell'Amministrazione comunale di Reggio Emilia con la sola eccezione delle Circoscrizioni. Il presentatore del progetto autorizza il Comune di Reggio Emilia alla pubblicazione dello stesso sui siti internet dell'Amministrazine comunale ed in eventuali pubblicazione cartacee. Luogo e Data: Firma legale rappresentante:


Reggiani per Esempio 2012 - Atelier Bligny + Parkour