Page 1

ELISABETTA DI SOPRA

Artist Portfolio


ELISABETTA DI SOPRA 8/11/69 Pordenone. Vive e lavora a Venezia. La sua ricerca artistica si esprime in particolar modo attraverso l’uso del linguaggio video per indagare sulle dinamiche più sensibili della dimensione quotidiana e delle sue microstorie inespresse, dove il corpo femminile assume un ruolo centrale. Curatrice del concorso di videoarte Maurizio Cosua, all’interno del festival Francesco Pasinetti collabora con l’università Ca’ Foscari per lo Short Film Festival nella promozione della videoarte italiana e con l’associazione culturale Archivio Carlo Montanaro presso la Fabbrica del Vedere, Venezia.

Prossimi eventi

- Artisti in dialogo. Galleria Parco, Pordenone - Body art italiana negli anni 70 fino ai nostri giorni. GNAM. a cura di Giulia Casalini

Principali eventi, collettive, personali

2017

- ARTE È GIÀ FEMMINILE! a cura di Simona Caramia e Maria Saveria Ruga. Accademia di Belle Arti di Catanzaro - pop heart bus, Verona - BAFF Film Festival. A cura di di Piero Deggiovanni - E ORA, DOVE ANDIAMO? T Fondaco dei Tedeschi (Padiglione Eventi) Ve - ITALIAN WAVE. MOMENTUM EXPERIMENTAL ART FESTIVAL Range Art Gallery / Kolkata India. curated by Francesca Fini - “Il tempo nell’immagine”. Conferenza sul rapporto tra videoarte e fotografia. Circolo fotografico La Gondola,VE

2016

Contact: Elisabetta Di Sopra Santa Croce 312/a Venezia, ITALY 3395603993 lisaeffe@alice.it lisadisopra@gmail.com www.elisabettadisopra.com

- Impermanenze. Pab (punto arte benandante), Portogruaro (VE), a cura di Laura Bortolusso - IBRIDA Festival delle arti intermediali. a cura di Vertov project. Forlì - Le stanze dei frammenti. Museo MACRA,(CT) a cura di Simona Caramia - Ri-CreaAzione. Piattaforma in progress sulla pratica del pensiero creativo. Wunderbar a GRANPALAZZO Roma - Artist-run Gallery (Galaway, Irlanda) Festival delle Arti Internazionale, a cura di AmistadeLab - IL PLAGIO DELL’OPERA D’ARTE nell’epoca della sua digitalizzazione, conferenza - Accademia di Belle Arti Bologna - Donna Uguale e diversa. Festarte, ON ART, Roma

2015 - AUTORITRATTI 11 December 2015 @ The Showroom London. Curated by Giulia Casalini and Laura Leuzzi - CON_TATTO a META CINEMA, Bologna, a cura di Piero Deggiovanni - Paratissima 11, sezione video, curata da Francesca Canfora e Cristina Marinelli ,Torino - Assoz. Prof. Dr. Angela Fabris, Romanistische Literatur- und Kulturwissenschaft Institut für Romanistik, Alpen-Adria-Universität Klagenfurt -Mnemonic City: Lisbon c/o Praça do Intendente, Lisbona - Künstlerhaus - body interference Jermolaewa, Elisabetta Di Sopra,Weibel, Hofstetter Doser. curated by Laura Carlotta Gottlob Vienna - rassegna di videoarte Yearbook CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI - PRATO - exsposition Sakshi Gallery, Mumbai. curator Kanchi Mehta - MOTHER, collettiva. galleria Muratcentoventidue, Bari


2014 -SAUDADE, personale alla galleria Muratcentoventidue arte

contemporanea, Bari - FLASHFORWARD 7, [.BOX] Videoart project Space,Visualcontainer - PAV - Progetto Arti Visive, Berchidda, Centro Laber. Stazione eretta. video d’artista a cura di Mario Gorni in collaborazione con Careof - personale TRANSIENT BODIES, a cura di Giada Pellicari, CaosArtGallery, Venezia - Visioni OFF - Video Arte Italia, XI ed. FMK, Pordenone - After Velvet... Ultime tendenze della videoarte numerica italiana, a cura dI Veronica D’Auria, Lino Strangis, Francesca Valdinoci, Nite Art Festival – Melbourne - Recto|Verso - CasermArcheologica Sansepolcro (Ar) a cura di Ilaria Marghutti - Videoart Yearbook ed. 2014, Dipartimento Arti Visive, Università di Bologna a cura di Renato Barilli. - curatrice del Premio Cosua 2014, concorso internazionale di videoarte. - WHITE CANVAS,Oradea Romania a cura di Visualcontainer - curatrice di Lo sguardo sospeso, rassegna di videoarte per lo SHORT FILM FESTIVAL di Ca’ Foscari, Venezia - INTERFERENZE collettiva a cura di Ivan D’Alberto e Visualcontainer, Inangolo, Penne (Pe) - LATO C, Festival dell’erotismo, a cura di BLARE OUT - RE - AZIONE collettiva di video e performances,a cura di Francesca Leoni e davide Mastranfelo alla Fabbrica Delle Candele, Forlì. - INCROCI, PArCO2 a cura di Francesca Agostinelli,Pordenone - STILL FRAME || Videoarte dall’Archivio Giovani Artisti BLM a cura del collettivo CAKE AWAY - L’ORA BLU, Format video sulle culture contemporanne. 13 febbraio aula magna_Accademia di Belle Arti di Bologna - Collective Shades Visualcontainer@Now&After Festival,International Videoart festival, Moscow - Russia - Donna|immagine|musica Fondazione Ugo e Olga Levi. Presentazioni|proiezioni|interviste Elisabetta Di Sopra, Maria Teresa Sartori, Debora Vrizzi, a cura di Angela Mengoni (Università Iuav di Venezia) e Stefano Jacoviello (Università di Siena). in collaborazione con Ikono tv - MOTIVI DI FAMIGLIA allo SPAC, Spazio Pubblico Arte Contemporanea. Buttrio, Udine a cura di Paolo Toffolutti

2013 -Finalista al Premio Terna 05, a cura di Cristiana Collu e Gianluca Marziani, Roma - Videonotte. Maratona notturna di videoarte. Casa dell’Arte, Trieste - Andata e Ritorno - Festival di poesia orale e musica digitale al Centro espositivo sloveno A+A Venezia a cura di BLARE OUT - WHO CONTROLS THE CONTROLLERS (?) Galleria Clou, Ragusa; a cura di Francesco Lucifera - VIDEOheART, expo Videoarte, Candiani Mestre; a cura di Daniele

Sartori, Marco Duse, Crisitna Morello. -19/10 lezione al Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee, A plus A, Centro Espositivo Sloveno, Venezia - Partecipazione al progetto “100*100=900” Tour di Videoarte, a cura di: SHADI AFSHAR, TXEMA AGIRIANO, FERESHTEH ALAMSHAH, CAMILLA BOEMIO, MARIA ANGELA BRION, ANDREW BUTKEVICIUS, RUSSEL J CHARTIER, COLETTE COPELAND, VERONICA D’AURIA, SILVIO JAVIER DE GRACIA, MARINA FOMENKO, CECILIA FRESCHINI, SZOLGA HAJNAL, ELOD IZSáK, KRISTIN JUAREZ, DORKA KAPOSI, VALENTINAKOCA, DONATELLA MEROPIALI, JASMINE MOORHEAD, ADRIENNE OUTLAW, FERNANDA PEQUENO, NADIA PERROTTA, ARCHANA PRASAD, MAX PRESNEILL, AMIR RAD, CLARO RAMIREZ, MIGUEL ANGEL SANCHEZ ROMERO, VITALIANO TETI, ENRICO TOMASELLI, JILL TREADWELL, VERA TYULENEVA, KATERYNA VASHTALOVA, JOSé VIEIRA, YAROSLAV YANOVSKY, VENTSISLAV ZANKOV, ZLATKO ĆOSIĆ, nelle seguenti tappe: - QORIKANCHA MUSEUM, Plazoleta de Santo Domingo s/n, Cusco (Peru) - ZETA GALLERY & ART CENTER, Rr.Abdyl Frasheri, Hekla Center, P.31, A/4, Tirane (Albania) - 5th BASE GALLERY, 5th Base Gallery, 23 Heneage Street (off Brick Lane), London E1 5LJ, (UK) - 500x GALLERY, 500 Exposition Ave, Dallas, Texas (USA) - WEBSTER UNIVERSITY FILM SERIES, Winifred Moore Auditorium (470 E. Lockwood, Webster Groves, MO 63119), St. Louis, Missouri (USA) - MURATCENTOVENTIDUE ARTECONTEMPORANEA, via G. Murat 122/b 70123 Bari (Italy) - PORTA DEGLI ANGELI (THE SCIENTIST), Ferrara (Italy) - XX.9.12 FABRIKArte, Villa Farsetti – Santa Maria di Sala, Venice (Italy) - MAGMA, str. Tigaretei u. nr. 53. Sfântu Gheorghe, 520033 (Romania) - THE HUB, Newham NDP, Newham, London (UK) - THE RED HOUSE, 15, Ljuben Karavelov St., Sofia 1142 (Bulgaria) - PERAS DE OLMO - ARS CONTINUA (VIDEOPLAY), Niceto Vega 4678, Palermo C.A.B.A. (Argentina) - TOLDI ART CINEMA (CROSSTALK VIDEO ART FESTIVAL), (exheadquarter of Balázs Béla Film Studio) Bajcsy-Zsilinszky út 36–38, Budapest (Hungary) - RAF GALLERY (VIDEOARTIST IRAN), 229 Fatemi St., Tehran (Iran) - REGIONAL MUSEUM OF HISTORY OF COLIMA, Portal Morelos 1, Centro, CP 28000 Colima, Colima, Colima (Mexico) - DIGITAL ARTS ENTERTAINMENT LABORATORY, One Park Place South, Atlanta (USA) - SEEDSPACE, 427 Chestnut St, Nashville, TN 37203 (USA) - CENTRE3 FOR PRINT AND MEDIA ARTS, Hamilton, Ontario(Canada) - TORRANCE ART MUSEUM, 3320 Civic Center, Torrance, Los Angeles, California (USA) - HOLDUDVAR GALLERY, Margaret Island, Budapest (Hungary) - GALLERIA FUORIZONA ARTE CONTEMPORANEA, P. Matteo Ricci 74/76, Macerata (Italy) - PLATEFORME, 73 rue des Haies, 75020 Paris (France) - INSTITUT FÜR ALLES MÖGLICHE, Ackerstr. 18 - Berlin mitte (Germany) - TAKESH GALLERY (VIDEOARTIST IRAN), 43, Kakh Sa’adat-Abaad St., Noth Chahar-Bagh St., Isfahan (Iran) - NEW BULGARIAN UNIVERSITY, New Bulgarian University, Sofia, (Bulgaria) -NATIONAL HISTORICAL and ARCHITECTURAL MUSEUM ‘KIEV FORTRESS’, Kiev (Ukraine)

- BOOZE COOPERATIVA, 57 Athens 105 60 (Greece) -MOSZKVA CAFÉ, Industry Hall, Sonnenfeld Palace, Oradea (Romania) - PALLADIUM, Piazza Bartolomeo Romano 8, Garbatella, Rome (Italy), ( “Roma Tre Film Festival 2013”) - One Minute One Shot festival, Yerevan (Armenia) - ESPAÇO ARTES, MULTIMÉDIA E PERFORMANCE, Alliance Française de Coimbra, Rua Pinheiro Chagas, nº60 Coimbra (Portugal) - BS1 / BACK TO SQUARE JUAN - PWU, PWU AVR, 2nd Floor (Philippine Women’s University) (Philippines) - RICHLAND COLLEGE - Richland College, Multimedia Department, Dallas, Texas (USA) - NUOVO CINEMA AQUILA [Official presentation of Project] - Roma (Italia) - Museum of Modern Art, Petrovka st. 25 Moscow (Russia) - EAST ART GALLERY No 40, Khodami St, Vanak Sq, Tehran (Iran) - MEM 19 h. Dohain Gratis. Pulimentos del Norte. Cortes 29-31. 6ºE. Bilbao (Spain) - JAAGA, Jaaga, No 68, KH Double Road, Opp. Corporation Bank, Bangalore (India) - Espacio AVAart, Calle San Bernardo 73. Gijón (Spain) - instabile.13 rassegna di arti performative per Artika eventi (TV), a cura di Daniel Buso - SCREENING, indietro tutta verso il futuro, per FLUSSI MediaArts, a cura di Antonello Matarazzo, Cascina del principe, Avellino - Art Festival Bagni di Lucca, Ponte a Serraglio. Ass. Il Ponte in Arte - Videoart Yearbook VIII ed. 2013, Dipartimento Arti Visive, Università di Bologna a cura di Renato Barilli, Guido Bartorelli, Alessandra Borgogelli, Paolo Granata, Silvia Grandi, Fabiola Naldi. - MAC di Lissone, selezione di video dall’ARCHIVIO ART HUB di UnDo. Net, a cura di CECILIA GUIDA - (ac) Cenni di (con) TempORAneo, Festival di Cultura Contemporanea a cura dell’associazione culturale Fata Morgana, scuderie di Castel Di Piero, San Michele in Teverina (VT) - Psichic TV a cura di Decifra e AltoLab, Rassegna di videoarte, installazione - REMIX - ART CANDIANI, direttore artisitco Daniele Sartori & Crisitna Morello, a cura di Adolfina De Stefani, Mestre (VE) - “Roma 3 Film Festival” presso il Teatro Palladium. selezione a cura di Veronica D’Auria e Lino strangis - IKONO TV, festival on air, artista e curatrice per la selezione di videoarte italiana. - “Audiovisioni digitali / Scicli #1” Mostra internazionale di ricerche audiovisive, a cura dei C.A.R.M.A Centro d’Arti e Ricerche Multimediali Applicate - VISIONI D’ARTE, Dal cinema sperimentale alla videoarte oggi. Evento promosso da Ca Foscari Cinema a cura di Elisabetta Di Sopra (Ve) - INCONTRI AL MUSEO. Dialoghi al presente con l’arte a cura di Ilaria Margutti e Stefano Buti. Museo Civico di Sansepolcro (Ar) - REACTION POP UP, video-mostra personale, a cura di RIZOO Group, Fossalta di Portogruaro, (Ve) - VIDEOSPRITZ elisabetta di sopra / igor imhoff, curatori Paola Bristot e Daniele Capra, Studio Tommaseo, Trieste - 100x100= 900 Project, a cura di Enrico Tomaselli, Art Director Magmart festival - BODIES OF SILENCE #3 WHEN WORDS ARE MADE FLESH, THURSDAY


14 FEB 2013. Organised by CUNTemporary, Curator: Giulia Casalini, London - body in abstraction, Jermolaewa; Di Sopra; Weibel; Hofstetter; Doser. Curator: Laura Carlotta Gottlob. Art History Advisor: Reidar Due. St John’s College, Oxford - HETERO Q.B., dal 9/4 al 30/6 2013, Museo Nazionale Arte Contemporanea Do Chiado, Lisbona a cura di Emilia Tavares e Paula Roush - La Videoperformance, Art Web Gallery dal 3/5 al 22/8 2013 a cura di Paola Zucchello -“Friulian Reels Collective”, Hong Kong, a cura dell’associazione ETRARTE - PHYSIS CONTEMPORANEA, a cura di Vito Campanelli, Mestre (Ve) - Curatrice della 4° ed. del concorso di videoarte Maurizio Cosua,

Cecilia Freschini - Collettiva WELCOME, a cura di Cantiere Corpo/Luogo, Forte Marghera (Ve) - Triennale di Milano, Festarte videoart festival, “Violenza invisibile”

Venezia - OUTART! 2° ed. rassegna di videoarte, installazione e performance in esterno dal 29/6 al 14/7, a cura di Chiara Tavella e Renzo CevroVukovic, Cordenons (Pn)

- Collettiva AQUAMATER, a cura di Gloria Bortolussi, ALVISOPOLI, Fossalta di Portogruaro (Ve) - THE SCIENTIST festival internazionale di videoarte, 5 ed. a cura di Vitalino Teti e Filippo Landini, Ferrara - Collettiva 6x5, Galleria Comunale D’arte Contemporanea Ai Molini, a cura di Chiara Tavella Portogruaro (PN) - Giornata del Contemporaneo, White art Gallery “La realtà dell’apparenza”, (Bl) - finalista alla 19° ed. del festival internazionale Videominuto, Centro per l’arte contemporanea LUIGI PECCI, Prato - Personale 2tto,Galleria Comunale Ai Molini,a cura di Chiara Tavella, Portogruaro (Ve) - Curatrice della 2° ed. del concorso di videoarte Maurizio Cosua, Venezia

2012

2010

- Videoart Yearbook VII ed. 2012, Dipartimento Arti Visive, Università di Bologna a cura di Renato Barilli, Guido Bartorelli, Alessandra Borgogelli, Paolo Granata, Silvia Grandi, Fabiola Naldi. - Personale premio Shingle22J Biennale Arte Contemporanea, Nettuno, Roma - Rassegna di videoarte, Norme per la rivoluzione, “Volksbühne”. Berlin a cura di Bruno Di Marino - PLAY WITH FOOD 3 - La scena del cibo, festival di arte visiva e performativa, Qubì, a cura di Chiara Cardea e Davide Della Costa Barbato, Torino - Rassegna di videoarte Arsprima, Nur Gallery, a cura di Alessandro Trabucco, Milano - OUTART! rassegna di videoarte, a cura di Chiara Tavella, Cordenons (Pn) - DE RERUM NATURA, a cura di Daniele Capra, galleria De Faveri, Sovramonte, (Bl) - MATERNA_MENTE, a cura di Chiara Tavella, Caos Art Gallery, (Ve) - Anymation, I ed. Festival di animazione di Ca’ Foscari Cinema (Ve) - 12.13 Mondo Nuovo, Rassegna di arte contemporanea, a cura di Chiara Tavella e Orietta Masin, Cervignano del Friuli (Ud) - Idrografie,collettiva a cura di Chiara Tavella, ex convento di S. Francesco, Pordenone

- Collettiva“FareCorpi”, l’insegnamento dell’Anatomia

- Curatrice della 3° ed. del concorso di videoarte M. Cosua, Venezia

2011 - Collettiva WELCOME a cura dell’Associazione Cantiere Corpo/ Luogo, Art Hotel Europa, Brno - PLAYING WITH BORDERS, short video art show Kathmandu, a cura di

all’Accademia di Belle Arti di Venezia, Magazzini del sale, Venezia - “Un anno d’arte”, collettiva a Wroclaw, Polonia a cura del centro culturale Aldo Moro, Pordenone - Finalista al concorso Festarte videoart festival “violenza invisibile” con il video Untitled, al MACRO (La Pelanda), Roma - Archiviarti - la mostra, Fabbrica Borroni, a cura di Fiordalice Sette, Bollate (MI) - Collettiva Human Nature, WhiteArtGallery, Merano (BZ) - Curatrice della 1° ed. del concorso di videoarte Maurizio Cosua, Venezia

2009

- London Art Fair di Londra, galleria 3D, Mestre, (Ve) - SENTIRE DONNA, Fabbrica del vapore, Milano - premio Videoconcorso Francesco Pasinetti, Venezia - Nuove figure 3, Accademia di belle arti di Venezia - Finalista al festival internazionale di videoarte Magmart, CAM Casoria, (Na) - Finalista alla collettiva PremioArteLaguna 2009, Tese di San Cristoforo, Venezia - Collettiva presso l’Istituto Italiano di Cultura di Vienna e di Praga

2008

- BANDO ALLE CIANCE/ NO MORE CHATTING, galleria A+A ,Venezia - premio Videoconcorso Francesco Pasinetti, Venezia - premio concorso internazionale di scultura ‘Edgardo Mannucci’, Arcevia, (An) - Collettiva ANTEPRIMA FVG, a cura di Chiara Tavella, Buttrio, (Ud)

2007

- LET THE BODY PLAY , galleria Jarach, a cura di Daniela Santellani, Katia Baraldi, Venezia - Personale MEMORIE PRESENTI, galleria 3D, a cura di Daniela Santellani, Mestre, (Ve) - PER-LUMINA a cura di Luigi Viola, Palazzo dei Battuti, San.Vito al Tagliamento, (Pn)

2006

- Mestre Film Festival, Centro culturale Candiani, Mestre, VE


1 QUANDO CI SARÀ QUALCUNO 2 TEMPO DI LETTURA 1938 - 2015 3 IN GRADO DI SORREGGERMI.

“Tutte le sere, prima di addormentarsi, la Francesca si sdraia vicino a me e mi fa una serie sempre uguale di domande; mi chiede se domani andrà a scuola, se Chicco è a nanna, dov’è Giai, cos’è questo o quel rumore,...ma questa sera mi ha messo la sua manina sulla fronte e mi ha chiesto se ho male. Me l’ha ripetuto più volte ed io ho sempre risposto di no. Così pensavo, chissà, a neanche tre anni, cosa ne sa lei del male, cosa intende per male (avrà voluto chiedermi se ho la febbre). Non sa che, come tutte le persone, mi porto dentro piccoli e grandi dispiaceri, delusioni, tristezze,.... Crollerò un giorno, sicuramente, quando ci sarà qualcuno in grado di sorreggermi”.

mio padre.

DIPENDENZE SENSIBILI ( alle condizioni iniziali)

“Dipendenza sensibile alle condizioni iniziali” è la teoria del caos. Ogni configurazione di un sistema caotico è arbitrariamente vicina ad un’altra con una traiettoria futura completamente diversa. Ognuno di noi vorrebbe lasciare un segno in questa terra. Pochi ci riescono veramente. Gli altri sono comunque condannati a lottare e a combattere incessantemente per i loro valori in cui credono producendo una quantità di energia che non si disperde ma che è in grado “ solo” di muovere una foglia, far scendere una goccia, sgretolare una parete rocciosa...

4 CHALLENGE Vuole essere una metafora sul conflitto generazionale. Una linea bianca demarca il territorio. Due uomini si sfidano. L’unica soluzione per invadere lo spazio è conquistarlo tentando di scalzare il vecchio per il nuovo. Ma è un conflito senza soluzione.


5 ATTO PRIMO L’origine del bacio è forse un gesto primordiale atto a nutrire la prole facendo passare da bocca a bocca il cibo premasticato.

6 DUST GRAINS I ricordi lontani, quelli dell’infanzia sono come granelli di polvere negli occhi...

7 L.O.V.E. Lettura tattile. La prima conoscenza del mondo avviene attraverso la bocca.

8 TEMPORARY una casa dove spariscono uno dopo l’altro i mobili, che si svuota di tutto, compresa della padrona di casa. Casa e figura umana restano entrambe nude, perdendo ogni traccia della memoria di sé e della propria identità


9 IMPERMANENZE Il corpo come mimesis dello spazio. E se le posture sono precise ed eleganti, il luogo è senza tempo.

10 REACTION Nasce da una riflessione sulla nostra condizione umana: la costante ricerca dell’equilibrio. A noi non resta che escogitare continuamente nuove strategie di sopravvivenza per non “cadere” .

11 SOMNIUM COLEOPTERAE E’ un gioco dove si sintetizzano immagini e fantasie caleidoscopiche assieme a danzanti metamorfosi kafkiane.

12 FAMILY All’interno delle dinamiche familiari uno diventa l’ostaggio dell’altro. Una contesa reciproca, dove la famiglia che dovrebbe essere un nido rassicurante diventa una gabbia che imprigiona.


13 CON_TATTO Quando l’affetto è complicità, la partecipazione è totale.

14 L’ORIGINE DU MONDE 2011 15 IN_VISIBILI siamo luce nella carne...

Ciò che è essenziale spesso è invisibile. E’ una riflessione sulla presenza/assenza della donna nella storia dell’Ottocento in Italia.

16 SKIPPING Il salto alla corda. Un gioco infantile che il corpo pare aver dimenticato... In un anziano, il suo corpo non è più veicolo per essere al mondo, ma ostacolo da superare per continuare a essere al mondo.


17 LIGHT WATER Una bambina si diverte nella vasca da bagno a seguire il contorno del suo corpo illuminandolo con una sorgente di luce. Nel gioco pare intravedere una seppur acerba, consapevolezza di sé e della sua femminilità.

18 FUNNY SHOW I bambini ci guardano e...ridono.

19 APPARENZE Il corpo femminile, protagonista evanescente ed effimero. La sua forza e la sua fragilità, richiama l’inesorabile illusione dell’ambizione umana: la durata.

20 VARIAZIONI MINIME il tempo si fa immagine, si fa suono.


21 CROSSING Una nave da crociera, figure che si stagliano dallo sfondo e che appaiono inanimate. poi un flash...

22 SUGAR DEAD In sé il corpo nutre. Nutre offrendo la prima colazione del mondo al nuovo nato, all’amato donan- dosi, alla madre terra ritornando. Sugar dead è un’opera che nasce da una riflessione sulla morte, sul significato del dono e dell’offerta. E’ una scultura effimera realizzata interamente in zucchero, pensata per essere consumata dalla e nella natura. Un corpo che ha finito di desiderare e di esse- re desiderato e che ora viene contemplato nella sua offerta ultima. Non c’è dramma, ma dolcezza in questo gesto: il candore dello zucchero con i suoi cristalli edulcora l’idea del disfacimento facen- do ripartire il concetto stesso di una natura che morendo,crea le premesse di una rinascita.

23 AQUAMATER una madre e una figlia, un gesto semplicissimo, quello della figlia che, lasciando cadere dell’acqua dalla sua bocca a quella della madre, le restituisce simbolicamente la vita che ha ricevuto.

24 UNTITLED Il seno della madre non smette di gocciolare al richiamo di suo figlio. Questa situazione di privazione non ha soluzione: il bambino continua a piangere, il seno a lasciare che vada sciupato il suo prezioso contenuto. Vuole essere una riflessione sulla retorica dei buoni sentimenti che custo- disce e difende l’amore materno come la forma più sacra e indubitabile delle relazioni.


25 MAMMA la tua leggerezza...

26 MEMORIE PRESENTI Il momento perfetto della comunione fra donne avviene attraverso un gesto, l’intreccio, che rimanda a tradizioni antiche e legami ancestrali. Le mani diventano così sineddoche e mezzo di amplificazione del messaggio. Il filo, l’intreccio, raccontato come simbolo della vita, Passato e Presente, nostalgia e speranza si incontrano.

27 ARIA Un lenzuolo steso all’aria che si gonfia di un rumore assordante, assordante come la sua leggerezza.

28 LEGAMI Un cuore diventa luogo simbolico delle emozioni. Trapassato da un filo rosso rappre- senta tutti i legàmi che imbastiamo con le persone che amiamo.Ogni volta è un atten- tato al cuore; l’amore è inscindibile dalla sofferenza e, la condizione umana di essere vulnerabili,ci impedisce di separarli.


29 PERDERE LA TESTA Per sfuggire dai ritmi sincopati dei nostri tempi moderni… una soluzione estrema.

30 STILL Still è una pausa, uno stato di sospensione che può durare un’eternità. Come le onde del mare, il tempo futuro e quello passato si rincorrono, si riavvolgono, si ripetono all’infinito.

31 QUOTIDIANITA’ Il canto è un dono, un’intima concessione di sé che permette di liberarci dalla realtà contingente. Quotidianità propone la percezione di un’arte racchiusa all’interno di un corpo che si fa strumento e custode dell’opera. Nella quotidianità del luogo domestico ci si scopre coinvolti emotivamente ed inclusi nell’opera stessa.

32 WARNING! Warning! nasce da un file corrotto, da un’immagine in movimento incom- prensibile ridotta a una miscellanea di pixel che vibrano. E’ una riflessione sulla sovraesposizione d’immagine che ci porta paradossalmente ad un accecamento della visione e ad un’anestesia percettiva. E’ un viaggio su inter- net e sulla sua oscenità accessibile a tutti, come un virus che contagia con la sua morbosità appagante in nostro aspetto voyeristico.


1

QUANDO CI SARÀ QUALCUNO IN GRADO DI SORREGGERMI

2016/ video 16:9/ durata 4’07’’ performers Susanna Corberi, Pietro, Enrico, Raffaella e Francesca Benini


2

TEMPO DI LETTURA 1938 - 2015 2016/ video dv pal/ durata 48’’ mio padre


3

DIPENDENZE SENSIBILI (alle condizioni iniziali) 2016/ video 16:9/ durata 3’04’’ Toni Beretta


4

CHALLENGE

2015/ video 16:9/ durata 2’54’’ Massimo Bertoli, Dany


5

ATTO PRIMO

2014/ video 16:9/ durata 4’28’’ performers Francesca Pangalli e Francesco Bianchi


6

DUST GRAINS

2014/ video 16:9/ durata 3’32’’


7

L.O.V.E.

2014/ 16:9/ durata 1’41’’ performer Enrica Acerboni


8

TEMPORARY

2013/ video 16:9/ durata 5’00’’


9

IMPERMANENZE

2013/ video 16:9/ durata 6’05’’ performer Arianna Alessandri, musica di Elisabetta Gomirato


10

REACTION

2013/ video 16:9/ durata 3’10’’ riprese e montaggio Flare VIDEO performers: Laura Vio, Stefano Rota


11

SOMNIUM COLEOPTERAE 2012/ durata 2’33’’ Di Sopra/Imhoff


12

FAMILY

2012/ video 16:9/ durata 4’38’’ in collaborazione con il collettivo Jennifer rosa


13

CON_TATTO

2011/ video 16:9/ durata 1’30’’


14

L’ORIGINE DU MONDE 2011 2011/ video 16:9/ durata 1’20’’ post produzione Andreea Werner


15

IN_VISIBILI

2011/ video 4:3/ durata 3’15’’ foto d’epoca con intervento digitale, misure variabili


16

SKIPPING

2009/ video 4:3/ durata 59’’


17

LIGHT WATER

2009/ video 4:3/ durata 2’15’’


18

FUNNY SHOW

2009/ video 4:3/ durata 54’’


19

APPARENZE

2008/ video 4:3/ durata 1’40’’ performer Chiara Zucchetti


20

VARIAZIONI MINIME 2009/ video 4:3/ durata 2’00’’


21

THE CROSSING

2008/ video 4:3/ durata 2’36’’


22

SUGAR DEAD

2009/ videoinstallazione 16:9/ durata 2’40’’


23

AQUAMATER

2012/ video 16:9/ durata 1’30’’ con Enrica Acerboni e Fosca Gasparini


24

UNTITLED

2007/ video 4:3/ durata 1’18’’


25

MAMMA

2008/ Super8 riversato in dvd /durata 33’’


26

MEMORIE PRESENTI

2007/ video 4:3/ durata 1’42’’ poesia Mara Donat, voce narrante Vania Crozzoli


27

ARIA

2008/ video 4:3/ durata 39’’


28

LEGAMI

2010/ video4:3/ durata 1’30’’


29

PERDERE LA TESTA 2007/ video 4:3/ durata 3’28’’


30

STILL

2008/ video 4:3/ durata 1’03’’


31

QUOTIDIANITA’

2006/ video 4:3/ durata 4’15’’ soprano Angela Boerio


32

WARNING!

2008/ video 4:3/ durata 2’06’’


Contributi critici C’è l’intuizione e c’è la consapevolezza. E sono le due molle che gestiscono nel profondo, la creatività. L’intuizione spesso folgora e conquista. Anche se poi, se non subentra la consapevolezza, può rappresentare qualcosa di unico ed irripetibile. Mentre la consapevolezza alla fine oltre ad unificare le fonti di ispirazione, diventa stile. Elisabetta Di Sopra riesce a imporre consapevolezza all’intuizione. Identificando le sue visioni nella banalità della quotidianità, apparentemente senza una coerenza intrinseca; delimitando, incorniciando invece, attimi di folgorante significato. Carlo Montanaro già docente all’Accademia di Belle Arti e all’università di Ca’ Foscari di Venezia I lavori video di Elisabetta Di Sopra sono piuttosto diversi l’uno dall’altro e in questa versatilità di stile e di impostazione che contraddistingue l’estetica dell’artista c’è anche la sua forza, coniugata a una pulizia visuale e ad un’essenzialità della messa in scena che, in alcuni casi, appare minimalista, pur nascondendo una densità di pensiero e un’originalità di ricerca. Pensiamo alla bellezza classica di Sugar Dead, che è insieme scultura e video, laddove la scultura è pensata per essere filmata e il video non è, tuttavia, semplice documentazione di un’installazione artistica. Il corpo di zucchero che si decompone sotto lo sguardo della videocamera e che “ritorna” letteralmente alla natura, alla terra, ci ricorda il valore effimero dell’arte: labile è la materia scultorea che si dissolve, così come fragile è lo stesso medium video, ancor più – ontologicamente – nella fase post-elettronica e digitale che stiamo vivendo, all’insegna dell’immaterialità. Sugar dead, nella sua raffinatissima composizione (l’inquadratura dall’alto, il passaggio del tempo e il mutare della luce, il suono naturale), assume così, al di là del suo valore poetico, anche un valore di riflessione sul linguaggio e sui linguaggi della creazione.


Ancora più forte perché Di Sopra parte iconograficamente da un modello statuario classico per costruire un discorso che, inevitabilmente, allude all’effimero post-moderno. Poetica effimera del video, che registra eventi fugaci dissovendoli nella luce e nell’oscurità. Altrettanto riusciti sono The Crossing e Light Water: ovvero il passaggio al ralenti di una nave da crociera nel primo video, un corpo immerso nell’acqua che gioca con una luce: entrambi i lavori sono “chiaroscurali” e sono incentrati su un attraversamento luminoso dell’oggetto, piccolo o grande che esso sia, sulla creazione di una scia che diventa pittura elettronica astratta. Ma al centro del lavoro di Di Sopra c’è quasi sempre il corpo. Corpo di zucchero come in Sugar Dead, oppure corpo reale, ma egualmente dissolto nel bianco di un sudario: è il caso di Apparenze; corpo che preme contro il tessuto schermo, disegnando una coreografia lenta sulla musica zen e, infine, materializzandosi in quanto corpo nudo in un bianco e nero a sua volta dissolto sul bianco. Apparenza, immaterialità corporea, anche in questo caso, ad uso e consumo della videocamera. Sulla stessa linea è Variazioni minime: su fondo nero sette corpi di donna (sempre la stessa, sdoppiata), si muovono lentamente, cambiano postura in modo quasi impercettibile, ancora una volta per mezzo di dissolvenze. Ad interessare Di Sopra è proprio lo scarto labile tra immobilità e movimento che, in questo caso, allude forse ad una crescita e ad un’evoluzione. I rintocchi di campana scandiscono ad inter valli regolari questo trascorrere del tempo, come tante fasi che si susseguono senza che nulla sia davvero avvenuto nulla, definendo proprio questa maturazione dei corpi. Si comprende allora che la loro trasformazione è tutta interiore. E’ questo uno dei video più intensi e nitidi dal punto di vista della dimensione spaziotemporale. Se fin qui abbiamo passato in rassegna corpi che vivono nel labile interstizio tra consistenza e leggerezza – tanto per parafrasare gli argomenti di due lezioni americane di Italo Calvino – viceversa con Skipping e Untitled, il corpo si presenta in tutta la sua evidenza.


Corpo maschile e probabilmente segnato dal tempo in Skipping, di cui scorgiamo solo i piedi che saltano una corda: come il riverbero di un gioco d’infanzia che diventa dolore, sforzo fisico. Corpo materno in Untitled, che gronda latte dai capezzoli mentre sentiamo il pianto di un neonato in sottofondo. In entrambi i casi si avverte una sensazione di sgradevolezza: goffo il primo, ridondante il secondo. Percepiamo il peso del corpo, il portato di un’esperienza fisica totale. Soprattutto in Untitled, laddove cioè la maternità può essere fatica e strazio, e non solo gioia, una pesantezza che l’artista visualizza con il colare idealmente all’infinito del liquido bianco, il latte che in questo caso non nutre, ma viene disperso. Non c’è dissolvenza, ma una presenza che riempie il tempo e lo spazio. Del resto il “tempo è presenza”, un tempo che si coagula nelle forme corporee, recita una voice over in un altro lavoro di Elisabetta Di Sopra, Memorie presenti, in cui i lunghi capelli di tre ragazze finiscono con l’intrecciarsi; allusione all’intreccio, alla trama, al legame ancestrale. Intreccio e trama sono naturalmente pensati anche in senso figurato, come racconto, storia da tramandare: in questo senso Memorie presenti – breve, essenziale, definito, come altri video della Di Sopra – rimanda a una narrazione volutamente accennata e non conclusa: quale potrebbe essere il legame tra queste tre ragazze? Il passato mitico si presentifica, ma non rivela il suo senso, il suo significato; l’immagine dell’intreccio resta misteriosamente allusiva. Così come il breve frammento di found footage super8 che ritrae la madre dell’artista sulle note di Satie, è una volatile tranche de vie alla quale non sappiamo dare nessuna collocazione e che comprendiamo come “familiare” solo per via dell’inequivocabile titolo: Mamma. Un altro intreccio, in senso lato e in senso concreto, è quello di Legàmi, in cui vediamo il busto di una donna nuda che cuce con un filo rosso delle interiora. Alla fine l’intreccio diventa groviglio e il video sfuma nel rosso del sangue. E’ questa un’altra immagine molto fisica che rimanda a molteplici significati e ad ulteriori legami ancestrali (tra uomo e donna, tra madre e figlia).


Siamo partiti da una scultura che si dissolve e chiudiamo questo excursus sull’opera video dell’artista veneziana con un’altra immagine in movimento, con un altro pianosequenza (è questa in fondo la forma sulla quale lavora maggiormente Di Sopra) dove ritroviamo un’altra scultura, un busto e una testa maschile di spalle, immersa nella sabbia di fronte al mare, affiancata a un busto e a una testa femminile, sempre di spalle. Un corpo “vivente” da un lato, il suo doppio, il suo simulacro dall’altro. Entrambi immobili, tanto il corpo quanto la scultura, colti – come suggerisce il titolo – in un’immagine di sospensione: still vuol dire sia fotogramma che pausa. Ed è in questa fissità metafisica, nella ripresa del corpo e del suo doppio di fronte alle onde di un mare che scorre all’infinito, che la Di Sopra racchiude la poetica, la sua idea dell’arte come registrazione di eventi in bilico tra il passato e il presente, il mitico e l’interiore, l’immateriale e il fisico, la performance e l’oggetto. Bruno Di Marino, storico e critico cinematografico La ricerca di Elisabetta Di Sopra indaga il mondo femminile nei suoi meandri più profondi, partendo, ovviamente dalla sua esperienza personale. In tutto questo non è nulla di intimista o sdolcinato, anzi: i suoi video, le sue fotografie sono spesso drammatici, forti. Come in Legàmi in cui l’artista trafigge e cuce con un filo rosso, posto in mezzo alle sue gambe, il cuore di un animale. È un lavoro sulle emozioni, sui sentimenti: amore e coercizione tra loro indissolubili. Tra i suoi lavori più riusciti Sugar Dead, in cui sono varie componenti, la scultura, la performance, il video. Attraverso un calco dell’artista stessa, viene creata una statua di zucchero. La statua di zucchero, alimento del mondo, viene trasportata in vari luoghi, all’interno e all’esterno, sulle rive di Venezia, per poi decomporsi nella terra. Una riflessione toccante sulla vita, sulla precarietà e sulla transitorietà della stessa. Lo zucchero è un alimento primigenio, che dà, appunto, la vita. Di Sopra analizza grandi temi con forza e semplicità, giungendo all’essenza dei fenomeni, nel senso filosofico del termine.


La sua ricerca, priva di trovate fini a se stesse e di inutili sensazionalismi, è uno sguardo stimolante e partecipe su quanto ci è dato vivere in tutta la sua semplice complessità. L’artista, infatti, partendo dalla propria esperienza personale, di donna, arriva ad analizzare con un certo garbo di matrice poetica, meccanismi universali legati non solo alla sfera del sentimento, ma anche al concetto stesso di esistenza, superando così qualsiasi differenza di natura sessuale per giungere, appunto, all’essenza delle cose. Angela Madesani, storica e critica d’arte Reazioni a distanza Considerazioni su Elisabetta Di Sopra Daniele Capra, curatore e critico d’arte Untitled Un seno di donna in primo piano, con inquadratura ferma e del latte che esce dai capezzoli. Urli che provengono dalle spalle: è il richiamo di un neonato. Il suo pianto ansioso e a dirotto che arriva diretto alle orecchie della madre con un messaggio univoco: fame. Basta questo ad ingenerare nella madre il gocciolio di latte dai capezzoli. La natura è così abile da causare reazioni a distanza, al di là di quello che potremmo normalmente aspettare. È lirico ed angosciante allo stesso tempo Untitled di Elisabetta Di Sopra, video che racconta con un punto di vista distaccato una cosa che forse sanno solo le donne che sono diventate madri e hanno allattato. La presenza del figlio genera dei cambiamenti sul corpo, sulla mente, sui rapporti di coppia e tutto quello che potremmo immaginare, eppure c’è ancora qualcosa che è possibile mostrare: è in questo che la Di Sopra ci invita ad andare, senza il rischio di essere invadenti o di metterci in imbarazzo. L’opera ricostruisce e mette in mostra, nella sua semplice essenzialità, il tipo di rapporti che intercorrono naturalmente tra madre e figlio. È in qualche modo un lavoro che induce lo spettatore negli interstizi inesplorati dell’essere donna, ma nello stesso momento conduce altrove,


verso l’ambiguità antropologica della donna, che la natura sembra schiavizzare a tal punto da non essere in grado più regolare il flusso dei propri liquidi. C’è la poesia della persona, ma anche la costrizione del ruolo assegnato cui non è possibile ribellarsi. Il video ingenera così una domanda: ma che cos’è la donna oggi? Ogni risposta non ambigua è da rifiutare. In Still Elisabetta Di Sopra mette in scena un finto dialogo tra se stessa ed un manichino, con una inquadratura fissa. Sono sulla battigia, inquadrati di spalle, mentre guardano le onde che giocano ad andare e tornare. Sono sepolti, vincolati a non muoversi a non avere destino, ad aspettare qualcosa o qualcuno. Semplicemente stanno attendendo Godot, come Estragon e Vladimir che assurdamente non sanno dare un senso alla propria attesa. Il tempo però li imprigiona e li tiene fissi. Se nel dramma di Beckett il tempo è ancora lineare, anche solo la mancanza di azione non conduce in nessuna parte, in Still il tempo è circolare, come testimonia il movimento delle onde in loop. È una prigionia, una forma assurda di vita, in cui il manichino di cera disumanizza la presenza della donna e ugualmente la donna non pare essere in grado di umanizzare la silenziosa ed immobile controparte. L’unico, forse, che può sentirsi estraneo a questa condizione è lo spettatore, al quale però non rimane che vedere che le cose accadono davanti, o al massimo può mettere la testa sotto la sabbia. Skipping Dei piedi di vecchio o di vecchia. Gli alluci sono valghi e le dita sono deformate dal peso degli anni. Eppure si muovono per saltare la corda, cercando di mostrare una vitalità che può essere solo limitata e quindi non vera fino in fondo. Anzi, i suoi balzi difficili e fuori tempo ne dichiarano la condizione di decadenza ormai irreversibile, ed i suoi gesti sono solo tentativi di dimostrare qualcosa come può fare solo una scimmia ammaestrata al circo, che non sa di essere ridicola nei suoi tentativi patetici di mostrare la propria abilità. Skipping di Elisabetta Di Sopra è un’amara riflessione sul tempo che passa.


È un memento mori ad inquadratura fissa (frequente nelle sue opere), una tagliente e dolorosa messa in mostra di ciò che ci aspetta, indistintamente: non c’è modo di opporsi, si può solo accettare ed evitare di sforzarsi, evitare di resistere. Ogni opposizione ci rende solo più stoltamente degli automi che lottano contro qualcosa più grande di noi. L’opera è così anche un monito a tutto ciò che viene comunemente detto sulle piacevolezze della terza età, in nome delle stupide bugie del politically correct e della pubblicità commerciale. Memorie presenti Tre ragazze sono pettinate da tre signore anziane, in un rito ancestrale che ricorda le feste popolari o la celebrazione di un matrimonio. I lunghi e bei capelli vengono intrecciati dalle mani delle vecchie donne che agiscono con mano sicura, come se avessero ripetuto questo gesto centinaia di volte. Sono loro che garantiscono la trasmissione della memoria, lo snodo del cambiamento, mentre alle ragazze sarà affidata la custodia da quell’istante al passato. Ma le chiome delle giovani vengono intrecciati tra di loro, smarrendo la propria identità, la propria natura, e in definitiva la funzione assegnata. Il video, eccetto una breve sequenza, è realizzato giustapponendo dei fotogrammi, quasi fossero le immagini di un reportage fotografico o di un documentario. In questo modo Elisabetta Di Sopra sembra estraniarsi dalla situazione rendendo più oggettivo il proprio punto di vista, ma nel contempo denunciando l’impossibilità moderna della trasmissione della memoria.


Il lavoro di Elisabetta Di Sopra mi sembra davvero interessante. L’uso del linguaggio video in una modalità originale diventa metodo analitico e sguardo ironico. Elisabetta Di Sopra restituisce uno sguardo tragico nella sorpresa. L’atteso si manifesta in un “montaggio delle attrazioni” concettuale. Dario Evola, Titolare della Cattedra di Estetica presso L`Accademia di Belle Arti di Roma, insegna Storia dell`Arte Contemporanea presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione della Università “La Sapienza” di Roma ... un corpo femminile che prende forma come emergendo da una nebbia indistinta. Si muove, danza con movimenti ondeggianti come fosse un bruco nel bozzolo; finché il velo che ottunde l’immagine si sfalda e il corpo emerge, in tutta la sua bellezza di giovane donna. Ma è solo un attimo. Poi, con gli stessi movimenti di larva, la figura svanisce nel nulla da cui era comparsa. L’inconsistenza del corpo “l’inesorabile illusione dell’ambizione umana: la durata” scrive Elisabetta Di Sopra nella didascalia all’opera è sottolineata dalle scelte formali e in particolare cromatiche: il video, breve e quasi astratto, è in bianco e nero, anzi bianco grigio, un grigio perlaceo che ricorda i riflessi del marmo polito e le morbidezze dei corpi del Canova. Che sono però anche emblemi di una perfezione inumana, edulcorata e astratta, distanti dal reale come divinità epicuree, per essere solo archetipi di bellezza. C’è qualcosa anche di questo nel lavoro di Elisabetta Di Sopra: il corpo ripreso nel video non ha niente di pieno, di carnale, di sensuale o materno; è quello magro, androgino e perfetto di una modella. Perfetto il corpo, perfetta la confezione formale dell’opera: l’artista, che prende le mosse dall’esperienza di un lutto personale, sembra voler allontanare da sé e circoscrivere in un prezioso alveo la drammatica esperienza vissuta che è ancora un passaggio di testimone da una generazione all’altra e consegnare a “memoria imperitura” almeno l’immagine di questo continuo divenire dal/nel nulla che è la vita. Chiara Tavella, curatrice e critica d’arte


Elisabetta Di Sopra, con le sue foto, racconta il rapporto tra Giovinezza ed Esperienza personificate da tre giovani ragazze e due donne più anziane, dell’unione tra passato e presente, nostalgia e speranza. Il momento perfetto della comunione tra donne avviene attraverso un gesto che rimanda a tradizioni antiche e legami ancestrali: le più anziane iniziano ad intrecciare insieme i lunghi capelli delle giovani come a tessere un unico grande arazzo, custode della vita e di una femminilità consapevole del forte significato contenuto nelle proprie mani. Le mani diventano così sineddoche e mezzo di amplificazione del messaggio. Il filo, l’intreccio, raccontato come simbolo della vita domestica e dell’esistenza quotidiana della donna al telaio, indica nella mitologia classica la salvezza, il centro, il punto di riferimento al quale guardare. Nello stato di sospensione tra bellezza e morte emerge una sorta di “mappa”, di guida: il racconto diventa il filo conduttore dell’esistenza. Daniela Santellani, curatrice


Pubblicazioni Catalogo Mestre Film Festval 2006 (Ve) Catalogo ACCADE 2007,10 mostre gruppi curatoriali, 31 artisti, Venezia Catalogo Premio internazionale di scultura Edgardo Mannucci XV ed. 2008 Arcevia Catalogo ACCADE 2008, mutazione contemporanea, studio LT2, Venezia Catalogo ANTEPRIMA FVG, SPAC, a cura di Paolo Toffolutti, Buttrio (Ud) Catalogo PremioArteLaguna, Venezia 2009 Catalogo Nuove Figure 3, Accademia di Belle Arti di Venezia, 2009 I giovani raccontano gli anziani. Rita Cavigioli ed. Cafoscarina 2010 Intervista all’autrice del video Elisabetta Di Sopra e analisi dell’opera Memorie Presenti Catalogo Art Hotel Europa, Cristina Fiore + Andrea Penzo, ed. con-fine, 2011 Catalogo ShingLe 22j 3’ ed. Biennale di Anzio e Nettuno 2011, Catalogo DE RERUM NATURA, Lab 610 XL, vanillaedizioni 2012 Catalogo Idrografie 2012, a cura di Chiara Tavella, Pordenone Catalogo OUTART! 2012, a cura di Chiara Tavella, Cordenons (Pn) Catalogo 12.13, rassegna di arte contemporanea 9’ ed. Cervignano del Friuli (Ud) Catalogo TERRAMATER Villa Mocenigo Alvisopoli di Fossalta di Portogruaro (Ve) a cura di Rizoo Group Catalogo Premio Terna 05 Essere o non Essere. Con gli Altri. La Rete Sociale a regola d’Arte. A cura di Cristiana Collu e Gianluca Marziani. Catalogo Geography Alice! Progetto di Adolfina De Stefani a cura di Sara Sist


Portfolio2017  

8/11/69 Pordenone. She lives and works in Venice. Her artistic research is particularly expressed through the use of video language to inves...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you