Page 1

Numero 3 • 10 ottobre 2009

Servizi sociali, cresce la domanda diminuiscono le risorse

Il ministro Brambilla

Il ‘Manifesto per un turismo accessibile’

L’indagine condotta da Ifel e Cittalia (Centro Studi Anci) evidenzia come la crisi economica pesi sulle ‘spalle’ dei comuni che hanno sempre più difficoltà a garantire i servizi essenziali Dieci punti per garantire a tutti l’accesso all’esperienza turistica

A

causa della crisi il 65 per cento dei comuni ha ridotto le rette e le tariffe dei servizi per le famiglie colpite da problemi occupazionali, nel contempo le spese sociali aumenteranno dell’8 per cento rispetto al 2008. Ma ciò non basta, la domanda di servizi sociali crescerà quest’anno del 20 per cento che richiederebbe un impegno ulteriore di 1,6 miliardi a fronte di una contrazione dei bilanci comunali di 3 miliardi nei prossimi tre anni a causa del blocco delle entrate, della riduzione dei trasferimenti e del rinnovo del contratto del pubblico impiego. Una situazione di difficile sostenibilità per gli enti territoriali italiani. Nonostante questo, però, l’impegno dei comuni per alleviare gli

effetti della crisi sui propri cittadini è notevole. Oltre alla riduzione di rette e tariffe per i soggetti maggiormente esposti, c’è una sostanziale tenuta delle spese sociali: mediamente nel 2009 sono cresciute del 13 per cento rispetto al 2007

e rappresentano ancora il 18,8 per cento del totale della spesa corrente (nel 2007 era il 19,4 per cento) a conferma di una volontà dei comuni di farsi carico delle situazioni di disagio, anche a costo di ridurre gli impegni su altri fronti. ■

Matteo Renzi

“Serve un piano per la semplificazione burocratica”

Il sindaco di Firenze sposa la linea di Chiamparino “Allegherò la sua relazione al bilancio di mandato del Comune” Matteo Renzi, giovane sindaco di Firenze, sposa in pieno la relazione del presidente dell’Anci Sergio Chiamparino. “Stiamo predisponendo il bilancio di mandato del Comune e vi allegherò il documento, perché Sergio ha saputo trat-

tare con nettezza e lucidità tutti i temi e le sfide che abbiamo davanti”. Per Renzi “serve un processo di semplificazione burocratica per dare efficienza all’amministrazione locale, un grande piano che oggi manca. Il fede-

ralismo non è l’unica sfida che ci attende, ma adesso il Governo ha un’agenda dettagliata di priorità su cui lavorare per toglierci dalla situazione di stallo in cui siamo. Da parte nostra ci sarà sempre piena collaborazione istituzionale”. ■

www.anci.it

A margine della XXVI assemblea nazionale dell’Anci, il ministro del Turismo Vittoria Brambilla ha presentato il Manifesto per la Promozione di un Turismo accessibile. L’intervento della responsabile del nuovo dicastero è stato introdotto da Osvaldo Napoli: “Questo progetto innovativo servirà a sviluppare ulteriormente un settore che è già un grande volano economico”. “Un paese davvero civile non può non garantire la piena accessibilità a tutti i servizi, in modo particolare a chi ha bisogni speciali come gli anziani, i disabili, le donne incinte”, ha dichiarato Vittoria Brambilla. “Noi • Segue a pag. 4


Cota: Il federalismo è la spinta fondamentale per rilanciare i territori Il capogruppo della Lega Nord: “Crediamo nel ruolo decisivo dei sindaci”

I

l capogruppo della Lega Nord alla Camera, Roberto Cota, incontra

i giornalisti appena arrivato nella sala plenaria. Parla anche da candidato

governatore in pectore del Piemonte. “Bisogna attuare il federalismo, che è la

spinta fondamentale per rilanciare i territori. Ma è necessario che si parli la

I comuni

Una buona politica per il buon governo dei Comuni Dibattito tra i primi cittadini sul ruolo degli enti Vincenzi (Genova): Mettere al centro i problemi strategici del Paese Di cosa hanno bisogno i sindaci per poter governare bene? Nell’interrogativo del giornalista Stefano Marroni c’è il leit motiv della tavola rotonda che ha visto confrontarsi istituzioni e politica. Marta Vincenzi, sindaco di Genova, non ha dubbi: “Occorre che il Paese creda nella possibilità di ripresa a partire dalle comunità locali. I Comuni devono rientrare nei discorsi della politica alta, quella che mette al centro i problemi strategici del Paese e che può dare una capacità di risposta immediata alle grandi questioni che ci attanagliano, come ad esempio le politiche energetiche o l’Ici. Il vero tema da non rinviare più riguarda la lotta alla povertà che sta dilagando nelle nostre città. Solo la buona politica può consentire di governare bene”. Il pericolo di seguire l’esempio del Gattopardo è stato lanciato dal sindaco di Novara, Massimo Giordano: “Il rischio, cioè, che prevalga la burocrazia. Questo crea ancora più

distanza con i cittadini, mentre l’occasione del federalismo può avvicinare la gente alle istituzioni”. “Una sintesi virtuosa tra autonomia e unità”, è quanto auspicato dal primo cittadino di Perugia, Wladimiro Boccali, mentre Piercarlo Fabbio, sindaco di Alessandria, ha sottolineato i ritardi della produzione legislativa del Parlamento, con l’ulteriore rischio di non dare giusta attenzione al dibattito sui problemi delle comunità locali. Daniela Polenghi dei Comunisti Italiani ha invece posto l’accento sui diritti, “parola che non è risuonata molto stamattina, ma che i comuni sono chiamati a garantire”. Fabio Refrigeri, sindaco di Poggio Mireto, e Manfredi Palmeri, presidente del Consiglio comunale di Milano, hanno infine rimarcato il ruolo nuovo che gli enti locali possono giocare anche di fronte alla crisi economica. Per Milano, in particolare, la sfida è quella della città metropolitana. ■

stessa lingua sul federalismo, da Roma a Torino e tutti ci concentriamo su come rafforzare la rappresentanza dei territori”. Di fronte alle richieste dell’Anci sulle modifiche al Patto di stabilità e al rimborso dell’Ici, Cota rilancia il dialogo, “anzi – dice – più che di dialogo parlerei di alleanza. Crediamo nel ruolo decisivo dei nostri amministratori locali e in una sinergia vincente con loro”. ■

Fiat Professional presenta

FIORINO A 3.990 EURO.

IL NUOVO MIRACOLO ECONOMICO VIAGGIA A METANO.

FIORINO A METANO: RISPARMI QUANDO LO ACQUISTI, RISPARMI QUANDO LO USI. 11 euro per un pieno di metano, quasi 1000 km di autonomia complessiva grazie alla doppia alimentazione benzina/metano. Ecco il nuovo miracolo economico. Solo 119 grammi per chilometro di CO2 per circolare sempre. Ecco il nuovo miracolo ecologico. Fiorino, Doblò Cargo e Ducato: la più ampia gamma di veicoli a metano. Ecco il nuovo miracolo tecnologico. Iniziativa straordinaria di Fiat Professional, insieme alla sua rete di vendita e ai contributi statali. Ecco un miracoloso segnale di ripresa. Offerta valida fino al 31 ottobre: perché anche i miracoli hanno una scadenza. Offerta promozionale riferita a Fiorino Furgone 1.4 Natural Power: € 3.990 (IVA € 2.098, calcolata sul listino detax scontato, e MIS/IPT escluse), al netto degli incentivi Statali metano e rottamazione di € 6.500 (Legge n. 33/2009). Offerta valida fino al 31 ottobre presso le concessionarie Fiat Professional aderenti all’iniziativa e rivolta a soggetti che esercitano attività imprenditoriale e professionale.

2


Il confronto sul federalismo

Delbono: “Basta contrapposizioni tra Comuni e Regioni” Il professor Pizzetti chiede una sinergia tra gli enti locali per sviluppare un federalismo autentico

I

l sindaco di Cagliari Emilio Floris ha introdotto il dibattito su Federalismo e i “nuovi comuni”, mettendo il tema della sussidiarietà al centro della questione. Sussidiarietà che deve legarsi a solidarietà, per essere vicini ai cittadini soprattutto in questa fase di crisi economica: “Ormai spettano ai comuni tutti i compiti non assegnati al governo centrale, visto che rappresentano l’ultimo baluardo per la tutela

dei diritti dei cittadini”. Il sindaco di Cagliari, dopo aver ricordato la figura di Don Luigi Sturzo, che già 90 anni fa aveva compreso l’importanza dei comuni e delle autonomie locali, ha spiegato come la semplificazione degli enti intermedi assegni compiti aggiuntivi ai comuni, ma per “adottare un federalismo vero occorre garantire anche la semplificazione istituzionale e quella amministrativo-burocratica”. Il sindaco di Bologna (e presidente dell’Anci dell’Emilia Romagna) Flavio Delbono nel suo intervento è

S

partito dalla questione del “federalismo fiscale che si intreccia con quello del

federalismo istituzionale”, auspicando che in questa fase di transizione non succeda più con nessun tributo quanto è successo con la soppressione immediata dell’Ici sulla prima casa. “Per il futuro bisogna prevedere una sorta di Unione dei Comuni per la gestione di alcune risorse e la ripartizione di compiti e responsabilità”, ha aggiunto Delbono. “Non tutte le realtà sono uguali, per questo c’è bisogno di integrare l’elenco delle funzioni dei comuni prevedendo anche un sub elenco di funzioni per quelli che superano una certa soglia demografica”. Auspicando un ruolo ancora più efficace dell’Anci, il primo cittadino di Bologna ha parlato della necessità di accordarsi con le Regioni per quanto riguarda le competenze e le funzioni fondamentali, “compresa la gestione di alcuni tributi”, evitando diffidenze e contrapposizioni. Il professor Franco Pizzet-

ti, presidente del comitato di indirizzo scientifico dell’Anci, ricordando l’esperienza rinascimentale dei comuni e il fatto che già l’articolo 5 della Costituzione sancisca le autonomie, ha parlato di federalismo istituzionale da legare

al federalismo fiscale, “per dare modo ai comuni di avere gli strumenti per fare appieno il loro dovere”. Per questo ha spiegato che serve un associazionismo intelligente, “che non elimini gli enti intermedi ma sappia guidare lo sviluppo dei territori con un’autentica sinergia tra le varie componenti”. Tutto questo accompagnato però da tre direttrici per sviluppare ancora meglio il concetto di federalismo: “Una governance moderna, un ruolo ancora più

centrale dell’Anci e una autentica riforma costituzionale”. Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli ha parlato

di federalismo fiscale come “alba di una nuova era” per porre fine allo statalismo e all’assistenzialismo. ■

Il presidente dell’Upi

Melilli: “Un nuovo assetto istituzionale per affrontare le sfide globali”

F

abio Melilli, presidente dell’Unione delle Province d’Italia, è serafico: “A me non dispiace immaginare una Provincia dove l’elettorato passivo è composto da sindaci e consiglieri comunali”, dice ricalcando la “suggestione” lanciata dal presidente dell’Anci, Sergio Chiamparino. Melilli ricorda appena che “il Codice delle autonomie continua a prevedere le Province”. E poi sottolinea: “All’Anci spetta un compito difficile, quello di difendere le ragioni dei

livelli di governo che rappresenta in un quadro di autonomie locali in cui è stato distrutto il reticolo di democrazia dei Comuni sotto i cinquemila abitan-

IGLATO IL PROTOCOLLO D’INTESA TRA ANCI MOLISE ED AEC MASTER BROKER Lo scorso 9 settembre ANCI Molise, in rappresentanza dei 126 Comuni Molisani ai quali fornisce servizi ed assistenza, dopo una approfondita ricerca di mercato tra le maggiori compagnie italiane ed internazionali hanno concluso un protocollo d’intesa che permette alle Amministrazioni dei Comuni aderenti di avvalersi della fornitura agevolata di prodotti e servizi assicurativi adatti alle proprie esigenze assicurative e di accedere al Programma Assicurativo dei Piccoli Comuni, studiato da AEC Master Broker in collaborazione con ARISCOM Assicurazioni, Dexia DS Services, Ace Europe, alcuni Sottoscrittori dei Lloyd’s, UCA Assicurazione e Mondial Assistance. Tale progetto nasce allo scopo di dare possibilità all’Ente Locale di acquistare garanzie assicurative molto estese di cui necessita che spesso il mercato offre esclusivamente alle amministrazioni comunali più grandi. Sul sito www.aecpiccolicomuni.it è disponibile la documentazione di carattere legislativo, normativo, procedurale, metodologico ed applicativo nonché un’area relativa alla normativa relativa al Dlgs 163/06 Codice dei contratti pubblici relativi a Lavori, Servizi e Forniture.

3

ti”. Il presidente dell’Upi non risparmia critiche: “Il sistema istituzionale italiano non regge più alla competitività e ai tempi delle imprese, solo per fare un esempio. Occorre più coraggio perché il nuovo impianto di riforme faccia giustizia delle cose incomprensibili per i cittadini. Per questo – conclude – auguro buon lavoro all’Anci, anche in un tempo difficile come questo. Un tempo che tuttavia può essere foriero di novità per il futuro del Paese”. ■


Graziano Delrio: “Politiche di governance condivise”

N

ell’ambito del dibattito “semplificazione, qualità dei servizi ed efficienza nella pubblica amministrazione. Si può?”, il vicepresidente vicario dell’Anci Osvaldo Napoli ha introdotto i lavori parlando dell’importanza e del ruolo dei piccoli comuni, auspicando una dif-

ferenziazione normativa per la tutela delle loro specificità. Poi la parola è passata al sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, che ha denunciato il pesante taglio ai trasferimenti, la riduzione del fondo per la spesa sociale, l’abbattimento dell’Ici. “Ma nonostante questo si è risposto da parte dei comu-

ni con uno sforzo di efficienza supplementare, in moltissimi casi senza sforare i parametri”. Ed allora ecco che il primo cittadino di Reggio Emilia ha parlato della necessità di un

Il sindaco di Livorno

Anci regionali, Cosimi presidente

I

l sindaco di Livorno Alessandro Cosimi è stato eletto presidente del coordinamento delle Anci regionali durante la seconda giornata di lavori al Lingotto. Parteciperà di diritto all’Ufficio di Presidenza dell’Anci. “Ci vuole l’impegno di tutti per essere all’altezza di questa novità dello Statuto” ha commentato. ■

• Segue da pag. 3

Il ministro Brambilla vogliamo mettere al centro la persona e i suoi bisogni, per questo ho istituito presso il ministero una commissione di esperti e professionisti del settore, con i quali è stato stilato un Manifesto in dieci punti. Il turismo - ha aggiunto il ministro – è diventato un bisogno sociale primario, oltre gli aspetti economici, rappresenta uno strumento di conoscenza ed emancipazione. Ecco perché occorre garantire a tutti l’accesso all’esperienza turistica, indipen-

“percorso di trasparenza e di spirito di sacrificio” per la creazione di politiche di governo “che siano condivise davvero a tutti i livelli, trovando soluzioni e nuovi modi ”. ■

L’anniversario Anci Giovane e Comitato Italia 150° insieme per i festeggiamenti dell’Unità

dentemente dalle condizioni personali, sociali, economiche”. L’accessibilità viene definita come l’assenza di barriere architettoniche, culturali e sensoriali per consentire la fruizione del patrimonio turistico. La commissione per la promozione del turismo accessibile ha il compito di mettere in campo azioni finalizzate a raggiungere quest’obiettivo, a cominciare dal coinvolgimento dei responsabili delle autonomie locali. ■

Un programma di lavoro in comune, ma soprattutto un interesse comune: coinvolgere i giovani nei grandi festeggiamenti per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Il Comitato Italia 150° e Anci Giovane si sono incontrate a margine della XXVI Assemblea Nazionale Anci per sancire la partnership per la realizzazione di un evento di grande importanza per la storia, la cultura e l’identità del Paese. L’iniziativa è stata presentata dal ministro delle Politiche Giovanili Giorgia Meloni, dal Presidente Nazionale Anci Sergio Chiamparino, da Giacomo D’Arrigo coordinatore nazionale Anci Giovane. ■

GUIDA NORMATIVA per l’amministrazione locale 2010

Fondata e diretta da Fiorenzo Narducci - Condirettore Riccardo Narducci

Ordina GUIDA NORMATIVA 2010 entro il 31 Ottobre e avrai il volume di aggiornamento 2009 in OMAGGIO

Novità

oppure uno SCONTO del 10%

Firmato il Protocollo di Intesa per il Sipem

F

irmato un importante protocollo di intesa tra l’Anci, il Consiglio Nazionale e la Cassa Previdenziale dei Geometri per lo sviluppo del servizio telematico relativo all’acquisizione, la gestione e il monitoraggio a livello mu-

nicipale delle pratiche relative al Piano Casa varato

dal governo. Alla presenza di Angelo Rughetti e Osvaldo Napoli, rispettivamente segretario generale e vice presidente vicario dell’Anci, è stato presentato il servizio che verrà erogato da Ancitel a partire dal mese di gennaio.

L’obiettivo è quello di avviare un processo di dematerializzazione e gestione informatizzata delle richieste edilizie previste dal Piano Casa, creando un rapporto diretto tra il comune e i progettisti edili, ad iniziare dai geometri. ■

Numero 3 - 10 ottobre 2009 Lingotto - Torino Questo giornale è realizzato da 081 8728358 - 328 1287020 info@micromediacomunicazione.com in redazione: Massimo Tito (responsabile) Massimo De Marzi Lorenzo Iuliano grafica: Carmine Mascolo stampa: AGB srl - Pianezza (To)

UNISALUTE

Polizza di assistenza per un sostegno al sindaco per la tranquillità del cittadino.

UNISALUTE Per contattarci: tel.065432040

4

test  

testsgass agsdgsfgs

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you