Issuu on Google+

Blog: Notizie dal VULTURE - il cuore della Basilicata

Sommario 26 Marzo2012 Via Anzio SiderurgikaTv Guida TV Campionato Di Calcio Lucano Continua la protesta dei cittadini di rione S. Francesco, contrada Frascolla. Melfi. 160°Anniversario Di Fondazione Del Gia’ “Regio Istituto Di Agrimensura” Insulti al Pubblico di Peter Handke “Il Comune di Montemilone nell’albo dei Comuni Ricicloni Comunicato Federconsumatori Venosa. Il Nuovo Piano Scolastico Comunicato Confsal Atella. Chiusura Dei Concerti Della Domenica Calcio A 5 Serie C 2

VULTURE MAGAZINE

1


EVENTI VULTURE E BASILICATA

Carlo Levi: Miele di Lucania http://www.siderurgikatv.com/search/label/Documenti%20Basilicata

Calcio Lucano: Lavello - Vultur (2003) http://www.siderurgikatv.com/search/label/Sport

Gli Aironi - Live a Rionero http://www.siderurgikatv.com/search/label/Rionero%20Eventi%202011

Barile - "Breve Profilo Storico di Nicola de Rosa" http://www.siderurgikatv.com/search/label/Barile%20Eventi%202011

Ginestra: Kastriota Skanderbeg Faro per L'Umanita http://www.siderurgikatv.com/search/label/Ginestra%20Eventi%202012

Museo La Tavern R Crocc http://www.siderurgikatv.com/search/label/Rionero%20Eventi%202011

VULTURE MAGAZINE

2


VULTURE MAGAZINE

3


CAMPIONATO DI CALCIO LUCANO

Eccellenza 10a Giornata Atella M. Vulture

Viggiano

4

-

0

Avigliano Calcio Pz

Real Metapontino

0

-

5

Az Picerno

Vultur

5

-

0

Moliterno

Comprens. Sport Pisticci

1

-

0

Murese 2000 Aurora

Atletico Potenza

0

-

4

Policoro Heraclea

Pietragalla

1

-

0

Gr Valdiano

Comprensorio Tanagro

3

-

0

Riposano

Real Tolve

giorno

ore

giorno

ore

giorno

ore

Promozione 10a Giornata Aurora Marconia

Miglionico Calcio

0

-

0

Aurora N. Russo Tursi

Soccer Lagonegro 04

0

-

0

Controsenso Potenza

Bernalda

1

-

0

Grottole

Rotondella

3

-

2

Latronico Terme

Real Irsina

0

-

0

Pescopagano 1926

Santarcangiolese

0

-

2

Sporting Pignola

Ferrandina Calcio

1

-

0

Riposa

Balvano

Prima A 7a Giornata Abriola Calcio Club

Castelgrande

3

-

1

sab

15.00

Castelpantano

Barrata

0

-

1

sab

15.00

Fst Rionero

Bella Calcio

2

-

2

Foggiano Melfi

Albatros

2

-

1

Possidente

Ruvo

3

-

0

San Nicola

Lagopesole

1

-

0

Vietri Di Potenza

Ruoti

0

-

0

Vitalba

S. Angelo

0

-

0

VULTURE MAGAZINE

11.00

4


Prima B 7a Giornata

giorno

Accettura G. Colucci

Real Grumento

3

-

2

Chiaromonte 1984

Satriano

2

-

0

Real Ferrandina

Invicta Burgentia

0

-

3

Rotonda Calcio

Pomarico

0

-

0

Sant'angelo 2007

Grassano

3

-

1

Sporting Lauria

Salandra

1

-

1

Tricarico

Libertas Montescaglioso

0

-

1

Villa D'agri Calcio

Roccanova

1

-

0

ore

Seconda A 7a Giornata Atletico Genzano

Sport Melfi 1983

1

-

Barile

Ginestra Candida **

Garnet Red Bella

Fides Scalera

3

-

1

Lavello

Rapolla

1

-

0

Real Atella

Real Murese Pg

3

-

1

Real Montemilone

Calcio Rapone

3

-

2

Sporting Palazzo

Verderuolo Asso Potenza

2

-

2

giorno

ore

sosp.

** inf. nr

sab

15.30

3

-

Seconda B 7a Giornata Acerenza

Savoia

10

-

0

Anzi

Sporting Vaglio

3

-

1

Golden Boys Matera

Avis Burgentia

4

-

5

Paternicum

Metanauto Lucana

1

-

0

Real San Chirico Nuovo

Atletico Albano

3

-

1

Sporting Calvello

Atletico Marsico

9

-

0

Tolve

Laurenzana Calcio

1

-

0

giorno

ore

sab

16.00

giorno

ore

Seconda C 7a Giornata Castelluccio

V.R. Episcopia Calcio

0

-

0

Castronuovo

I. Fagnano Valsinni

1

-

0

Dinamo Viggiano

Corleto

1

-

1

F.Lli Cafaro

Viggianello

3

-

0

Proloco Spinoso

Nemus

3

-

0

San Martino D'agri

Val Sarmento

2

-

2

Scanzano

Real Senise

1

-

1

VULTURE MAGAZINE

15.00 sab

5


Squadra

Punti Gioc. Casa

Fuori

Totale

Casa

Fuori

Totale M.I.

F

F

V N P V N P

V

N

P

F

S

S

S

Atletico Potenza

51

23

9 3 0 6 3 2

15 6

2

30 14 24 13 54 27 1

Viggiano

50

23

7 4 0 8 1 3

15 5

3

17 7

Gr Valdiano

49

24

9 2 1 5 5 2

14 7

3

25 10 15 6

40 16 -2

Real Metapontino

47

23

9 1 1 4 7 1

13 8

2

25 3

15 8

40 11 0

Policoro Heraclea

41

24

7 4 1 4 4 4

11 8

5

21 4

19 15 40 19 -6

Atella M. Vulture

37

24

7 1 4 4 3 5

11 4

9

22 10 15 15 37 25 -12

Murese 2000 Aurora

34

23

6 4 2 3 3 5

9

7

7

17 11 18 20 35 31 -11

C. S. Pisticci

27

23

4 4 3 2 5 5

6

9

8

21 15 8

10 29 25 -15

Vultur

25

23

5 2 5 2 2 7

7

4

12 11 16 9

24 20 40 -20

Pietragalla

24

23

3 5 3 2 4 6

5

9

9

Az Picerno

24

24

4 3 6 1 6 4

5

9

10 18 15 8

Moliterno

23

23

3 6 3 1 5 5

4

11 8

Real Tolve

19

23

0 6 5 3 4 5

3

10 10 8

19 12 15 20 34 -20

Comprensorio Tanagro

17

23

1 4 6 3 1 8

4

5

14 8

16 8

21 16 37 -24

Avigliano

4

24

0 4 8 0 0 12 0

4

20 8

32 0

49 8

Squadra

Punti Gioc. Casa V

Fuori

Totale

N P V N P V

10 9

20 12 37 19 1

12 18 22 27 -17

13 10 8

12 26 27 -19 16 21 26 -17

81 -37

Casa

Fuori

Totale

F

F

N

P

F

S

S

S

Aurora Marconia

52

23

10 2 0 5 5 1 15 7

1

24 7

Sporting Pignola

45

23

8

2 1 5 4 3 13 6

4

26 10 14 7

Aurora N. R. Tursi

43

24

8

5 0 3 5 3 11 10 3

22 6

10 13 32 19 -5

Soccer Lagonegro

33

24

8

3 1 1 3 8 9

6

18 6

7

Miglionico

31

23

5

3 3 2 7 3 7

10 6

17 15 14 15 31 30 -10

Controsenso Pz

30

23

4

4 3 4 2 6 8

6

20 11 21 21 41 32 -13

Real Irsina

30

24

5

6 0 1 6 6 6

12 6

Ferrandina

29

23

3

4 4 5 1 6 8

5

Santarcangiolese

29

24

4

4 4 2 7 3 6

11 7

12 12 9

Balvano

28

23

4

3 5 3 4 4 7

7

9

10 12 13 16 23 28 -15

Bernalda

27

23

4

4 3 3 2 7 7

6

10 12 12 11 20 23 32 -15

Grottole

27

23

4

4 4 3 2 6 7

6

10 13 19 11 20 24 39 -16

Pescopagano 1926

26

23

7

1 4 1 1 9 8

2

13 18 11 9

Rotondella

24

24

5

4 3 1 2 9 6

6

12 14 12 10 24 24 36 -20

Latronico Terme

19

23

4

3 5 1 1 9 5

4

14 13 17 6

15 19 32 -22

Real Potenza

0

0

0

0 0 0 0 0 0

0

0

0

VULTURE MAGAZINE

9 9

16 7

M.I.

24 13 8

10 7

0

40 14 2 40 17 -2

20 25 26 -13

26 32 39 -11

10 14 14 21 24 -15

0

0

8

21 20 -16

24 27 35 -20

0

0

0

6


GIRONE A Squadra

Punti Gioc.

Casa

Fuori

Totale

Casa

Fuori

Totale

V N P V N P

V

F

F

F

N P

S

S

M.I.

S

Fst Rionero

47

21

9 2 0 5 3 2

14 5 2

28 4

17 9

45 13 1

Vitalba

46

21

5 4 1 8 3 0

13 7 1

21 12 19 4

40 16 2

Vietri Di Potenza

44

21

6 4 0 7 1 3

13 5 3

15 6

23 15 38 21 0

Bella Calcio

40

21

6 3 2 5 4 1

11 7 3

19 9

23 15 42 24 -3

Foggiano Melfi

37

21

6 2 3 5 2 3

11 4 6

19 12 17 10 36 22 -6

Ruoti

34

21

7 3 1 2 4 4

9

7 5

25 8

Barrata

31

21

6 1 3 3 3 5

9

4 8

19 10 10 13 29 23 -9

Castelpantano

31

21

5 1 5 4 3 3

9

4 8

17 15 25 27 42 42 -10

Abriola Calcio Club

28

21

6 1 3 3 0 8

9

1 11 18 16 8

San Nicola

27

21

5 0 6 4 0 6

9

0 12 16 23 15 18 31 41 -14

Possidente

26

21

3 2 6 5 0 5

8

2 11 17 22 16 17 33 39 -14

Ruvo

25

21

6 1 3 1 3 7

7

4 10 14 9

Albatros

19

21

5 2 4 0 2 8

5

4 12 19 18 7

Castelgrande

16

21

3 0 7 2 1 8

5

1 15 11 23 11 28 22 51 -20

S. Angelo

14

21

1 3 6 2 2 7

3

5 13 10 21 10 21 20 42 -20

Lagopesole

7

21

1 3 6 0 1 10 1

4 16 9

12 16 37 24 -7

18 26 34 -12

11 22 25 31 -13 22 26 40 -18

22 6

22 15 44 -25

GIRONE B Squadra

Punti Gioc. Casa

Fuori

Totale

Casa

Fuori

Totale M.I.

V N P V N P

V

F

F

F

N P

S

S

S

Pomarico

44

21

9 2 0 4 3 3

13 5 3

37 5

18 9

Libertas Montescaglioso

42

21

8 2 0 5 1 5

13 3 5

18 5

20 20 38 25 -2

Villa d Agri

40

21

9 2 0 3 2 5

12 4 5

21 3

12 15 33 18 -4

Chiaromonte 1984

39

21

8 3 0 3 3 4

11 6 4

21 9

16 15 37 24 -4

Rotonda

36

21

8 2 0 2 4 5

10 6 5

26 6

14 19 40 25 -5

Tricarico

35

21

8 1 2 3 1 6

11 2 8

16 9

13 18 29 27 -8

S. Angelo 2007

33

21

5 4 2 4 2 4

9

6 6

20 15 11 13 31 28 -8

Sporting Lauria

30

21

7 2 1 2 1 8

9

3 9

25 11 13 22 38 33 -10

Satriano

28

21

5 3 2 3 1 7

8

4 9

18 11 11 24 29 35 -11

Salandra

28

21

5 2 3 3 2 6

8

4 9

15 14 12 19 27 33 -11

Grassano

25

21

6 1 3 1 3 7

7

4 10 17 4

13 23 30 27 -13

Roccanova

25

21

6 4 1 0 3 7

6

7 8

18 8

6

Invicta Burgentia

24

21

5 2 3 1 4 6

6

6 9

22 16 12 32 34 48 -13

Real Ferrandina

17

21

4 0 6 1 2 8

5

2 14 11 25 7

18 18 43 -19

Real Grumento

13

21

4 1 6 0 0 10 4

1 16 22 30 8

37 30 67 -23

Accettura G. C.

12

21

2 2 7 1 1 8

3 15 14 25 10 22 24 47 -23

VULTURE MAGAZINE

3

55 14 -1

15 24 23 -13

7


SECONDA CATEGORIA – GIRONE A Squadra

Punti

Gioc.

Casa

Fuori

Totale

V N P V N P V

N P

Casa

Fuori

Totale

F

F

F

S

S

M.I.

S

Sport Melfi 1983

47

19

7 2 1 8 0 1 15 2 2

40 7

22 10 62 17 3

Lavello

46

19

9 1 1 5 3 0 14 4 1

40 8

16 8

Barile

46

19

9 1 0 5 3 1 14 4 1

23 5

18 15 41 20 3

Sporting Palazzo

32

19

7 1 1 2 4 4 9

5 5

30 9

15 20 45 29 -5

Garnet Red Bella

30

19

7 1 2 2 2 5 9

3 7

33 12 15 23 48 35 -8

Real Murese Pg

28

19

5 1 2 3 3 5 8

4 7

12 7

Calcio Rapone

27

19

7 0 2 2 0 8 9

0 10 28 14 14 44 42 58 -10

Fides Scalera

23

19

6 1 3 1 1 7 7

2 10 20 13 8

27 28 40 -13

Real Atella

21

19

5 2 2 1 1 8 6

3 10 21 12 7

23 28 35 -13

Rapolla

18

19

3 5 2 1 1 7 4

6 9

14 13 6

20 20 33 -15

Atletico Genzano

17

19

3 4 4 1 1 6 4

5 10 21 19 9

23 30 42 -17

Ginestra Candida

15

19

3 2 3 1 1 9 4

3 12 16 21 9

37 25 58 -16

Verderuolo Asso Pz

13

19

3 1 5 0 3 7 3

4 12 16 17 9

31 25 48 -18

Real Montemilone

12

19

3 2 4 0 1 9 3

3 13 17 19 10 32 27 51 -19

56 16 2

18 18 30 25 -7

SECONDA CATEGORIA – GIRONE B Squadra

Punti Gioc. Casa

Fuori

Totale

Casa

Fuori

Totale M.I.

V N P V N P

V

F

F

F

N P

S

S

S

Acerenza

53

19

9 0 0 8 2 0

17 2 0

47 3

27 3

Paternicum

42

19

8 1 0 5 2 3

13 3 3

20 5

18 12 38 17 1

Anzi

40

19

8 2 1 4 2 2

12 4 3

26 10 10 9

Sporting Calvello

32

19

8 1 1 1 4 4

9

5 5

43 10 19 22 62 32 -6

Avis Burgentia

30

19

5 3 2 4 0 5

9

3 7

25 23 17 23 42 46 -8

Metanauto Lucana

29

19

5 1 3 3 4 3

8

5 6

18 10 17 18 35 28 -7

Laurenzana Calcio

28

19

5 4 0 2 3 5

7

7 5

23 14 15 24 38 38 -7

Real S. Chirico N. * (-1)

22

19

6 1 3 1 1 7

7

2 10 31 21 8

Atletico Albano

20

19

5 1 2 1 1 9

6

2 11 24 16 10 27 34 43 -13

Golden Boys Mt

19

19

3 3 5 2 1 5

5

4 10 25 24 22 26 47 50 -16

Sporting Vaglio

18

19

4 4 2 0 2 7

4

6 9

Atletico Marsico

15

19

2 3 5 1 3 5

3

6 10 12 17 13 30 25 47 -17

Tolve

13

19

4 1 4 0 0 10 4

1 14 9

11 6

36 15 47 -19

Savoia

11

19

3 1 4 0 1 10 3

2 14 11 21 7

53 18 74 -19

24 10 6

74 6

8

36 19 -2

34 39 55 -13

21 30 31 -15

Risultati e Classifiche: www.acrocalcio.it

VULTURE MAGAZINE

8


SECONDA CATEGORIA – GIRONE C Squadra

Punti

Gioc.

Casa

Fuori

Totale

Casa

Fuori

Totale

V N P V N P

V

F

F

F

N P

S

S

M.I.

S

F.lli Cafaro

44

19

8 1 0 6 1 3

14 2 3

22 3

15 11 37 14 2

Real Senise

42

19

9 1 0 3 5 1

12 6 1

29 7

13 9

Val Sarmento

38

19

6 2 2 5 3 1

11 5 3

25 9

20 12 45 21 -2

Corleto

31

19

5 3 2 4 1 4

9

4 6

18 14 13 12 31 26 -7

Scanzano

30

19

6 4 0 2 2 5

8

6 5

25 7

Proloco Spinoso

27

19

6 3 0 1 3 6

7

6 6

25 12 12 19 37 31 -8

Castronuovo

24

19

6 1 2 0 5 5

6

6 7

19 8

5

15 24 23 -10

Dinamo Viggiano

24

19

4 6 1 1 3 4

5

9 5

10 6

6

10 16 16 -11

Viggianello

23

19

5 1 3 1 4 5

6

5 8

13 13 6

17 19 30 -11

Nemus

20

19

3 4 2 2 1 7

5

5 9

11 10 10 25 21 35 -13

I. F. Valsinni

17

19

3 2 3 1 3 7

4

5 10 10 6

10 22 20 28 -14

V.R. Episcopia

17

19

5 1 2 0 1 10 5

2 12 8

7

30 15 37 -15

San Martino DA

15

19

4 2 5 0 1 7

4

3 12 17 20 6

25 23 45 -19

Castelluccio

13

19

3 3 4 0 1 8

3

4 12 10 15 5

24 15 39 -19

VULTURE MAGAZINE

7

9

42 16 1

11 34 18 -7

9


Forse non tutti sanno che…

Continua la protesta dei cittadini di rione S. Francesco, contrada Frascolla. Infatti, a partire dalla fine di aprile verrà concluso il processo di iscrizione automatica nell’anagrafe di Ripacandida. Il Comitato cittadino intende informare l’opinione pubblica riguardo alle origini e alle varie tappe della vicenda per evitare che si diffonda l’errata ed infondata idea che si tratti di una questione di campanile. Gli attuali confini del Comune di Rionero in Vulture sono ancora quelli definiti all’indomani dell’acquisita autonomia della città agli inizi dell’Ottocento. Secondo tali confini l’agro comunale di Ripacandida lambisce l’abitato di Rionero. La distanza tra i due centri urbani è di circa 10Km, così, paradossalmente la piazza principale di Rionero dista pochi metri dal confine comunale con Ripacandida. Considerando l’intervenuta crescita demografica e lo sviluppo urbano determinatosi nel tempo, oggi i confini ottocenteschi non rispondono più ad una logica razionale. Le valutazioni di allora, infatti, producono problemi al territorio e ai cittadini, oltre a generare situazioni di disagio. Inoltre, è necessario ricordare che il territorio in questione un tempo era di proprietà della famiglia Fortunato e che poi, è stato ceduto al Comune di Rionero. È venuta, quindi, a crearsi la situazione VULTURE MAGAZINE

anomala per cui il Comune di Rionero ne risulta proprietario, pur ricadendo in territorio di Ripacandida. Tutto questo avrebbe dovuto trovare una risoluzione da moltissimi anni, ma, nonostante le numerose sollecitazioni la questione si è protratta fino ad oggi. All’inizio degli anni Sessanta la faccenda si complicò ulteriormente, quando lo IACP di Potenza predispose un progetto per la realizzazione delle abitazioni Abilag per i lavoratori agricoli dipendenti. Vennero costruiti cinque fabbricati per i quali si allestì un bando esclusivamente per i residenti di Rionero. Perseverando nell’errore, sia nelle comunicazioni ai cittadini assegnatari, sia nei verbali di consegna, venne riportato che i fabbricati erano stati costruiti nel Comune di Rionero. Una semplice svista? È quello che i cittadini si chiedono da tempo. Perché, però, la questione esplode soltanto oggi? Nel 2005 il prefetto Maioli, in qualità di Commissario Prefettizio del Comune di Rionero, a seguito di una frana avvenuta a contrada Frascolla, rendendosi conto dell’anomalia, stabilì che da quel momento in poi chiunque avesse voluto abitare in quella fascia di terra sarebbe divenuto a tutti gli effetti cittadino di Ripacandida. Ne conseguì che nella stessa abitazione i componenti del medesimo nucleo familiare risultassero residenti in due comuni diversi. Contemporaneamente, la Regione Basilicata, per far fronte all’emergenza della frana, erogò a favore del Comune di Ripacandida dei fondi, ma ancora oggi i cittadini vivono in una condizione precaria e di pericolo. L’ira dei cittadini è esplosa definitivamente nel dicembre del 2011, quando, dopo aver effettuato regolarmente il Censimento ISTAT, il Comune di Ripacandida ha richiesto loro di effettuare nuovamente il censimento, pena una mora dai 700 ai 2000 euro. In seguito ci sono state diverse sollecitazioni ad iscriversi volontariamente nelle liste anagrafiche del Comune di Ripacandida, cosa che ha creato fervente agitazione 10


tra i cittadini, che si sono rivolti alle istituzioni chiedendo una logica ridefinizione dei confini comunali. Il comitato ribadisce che non si tratta soltanto di considerare una diversità di radici, di tradizioni e di identità storica che evidenzia in maniera marcata il senso di appartenenza dei cittadini “contesi” al Comune di Rionero. Le considerazioni sono di natura pratica, che rimandano a questioni di carattere amministrativo. Da circa cinquant’anni, infatti, il Comune di Rionero fornisce tutti i servizi necessari ai cittadini delle zone oggetto del contendere: raccolta rifiuti, pubblica illuminazione, scuolabus, ecc… È il Comune di Rionero che ha asfaltato le strade, che ha portato le condutture dell’acqua e del metano, che si occupa delle manutenzioni. I cittadini del territorio interessato frequentano gli asili e le scuole di Rionero, si recano a piedi presso gli uffici comunali di Rionero per il disbrigo di pratiche, sono registrati nell’anagrafe comunale di Rionero, votano a Rionero, partecipano alla vita sociale e politica di Rionero. Non riusciamo ad immaginare il portalettere di Ripacandida che ogni giorno si reca a Rionero, né i bambini di Rionero che ogni giorno, una volta iscritti nell’anagrafe di Ripacandida, debbano frequentare asili e scuole dell’obbligo a Ripacandida, trasformati in tanti piccoli pendolari. Laddove i confini comunali dovrebbero essere adattati alla natura del territorio, alla realtà sociale e di vita dei cittadini, con una conseguente definizione amministrativa, avviene il contrario: una pretesa immutabilità dei vetusti confini comunali, residuo di epoche lontane, annetterebbe senza appello i cittadini al Comune di Ripacandida, con una transumanza al di fuori di ogni logica. Resterebbe poi da affrontare, dal punto di vista amministrativo, una serie di questioni connesse: il Comune di Ripacandida dovrebbe assicurare pienamente i vari servizi essenziali, a partire dalla nettezza urbana, illuminazione, trasporto con scuolabus, VULTURE MAGAZINE

manutenzioni varie, e ciò non senza rilevanti aggravi di costo e possibili disfunzioni, vista la distanza dal centro abitato di Ripacandida. Né, a riguardo, si potrebbe invocare alcuna forma di convenzione tra i due comuni: a tal punto se convenzione consensuale può esserci, questa può riguardare unicamente la naturale e logica riforma dei confini. Rionero, lì 23 marzo 2012 IL COMITATO DEI CITTADINI DI RIONE S. FRANCESCO, CONTRADA FRASCOLLA E CAPPA BIANCA

::::::::::::::::::::::::::::::::: VERSO IL 160°ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL GIA’ “REGIO ISTITUTO DI AGRIMENSURA” IN MELFI

MELFI - Nel maggio del 1853, con regio decreto, si avviavano ufficialmente le attività dell’Istituto di Agrimensura, già Scuola dei “Contadinelli” poi intitolato al celebre botanico Guglielmo Gasparrini, originario di Castelgrande (Pz), a cui l’Università di Pavia e l’Accademia delle Scienze di Berlino (Germania) dedicarono un busto bronzeo per i suoi eccelsi studi naturalistici che gli valsero la denominazione di “secondo Humboldt”. 11


Saranno proprio i sindaci di Castelgrande, Domenico Alberto MURO, e di Melfi, Livio VALVANO, il Dirigente Scolastico Donato SANTOMAURO, Valentina LAMORTE Presidente Consiglio d’Istituto, in sintonia con l’Associazione culturale “Pro Gasparrini”, a dare il benvenuto in occasione dell’originale kermesse “Ritorno al Gasparrini 2012” . La manifestazione, all’insegna del più cordiale “Amarcord” da parte di varie generazioni di dirigenti scolastici, docenti, allievi-e del prestigioso istituto, ha già raccolto sul web (promotrice la rag. Luisa Crecca di Atella) numerosissime adesioni: Mentre andiamo in stampa, siamo sul filo delle trecento partecipazioni, da varie parti d’Italia ed una prenotazione dalla lontana Ungheria (Budapest). L’appuntamento in programma per sabato 31 marzo, ore 10:30 nel piazzale antistante la torre dell’orologio dell’antico monastero .

::::::::::::::::::::::::::::::::: Insulti al Pubblico di Peter Handke

Insulti al pubblico prima che uno spettacolo è un manifesto: indica contenuti e modi del Teatro oggi, su come e cosa si può o si deve

VULTURE MAGAZINE

comunicare, e sulla condizione attuale del pubblico (borghese). Naturalmente la forza e l’efficacia del testo risentono degli anni trascorsi, ma c’è una vena ironico-polemica che attraversa il testo, e che ha ancora un potere di attrazione molto forte e una possibilità di parlarci in modo vivo e concreto. Gli attori, come da indicazione dell’autore, si contendono il testo e un megafono e il pubblico. Ma sono alleati e si capisce, e si subisce questa alleanza come una minaccia. Prima che uno spettacolo è uno studio, una riflessione esposta e in progress, che in qualche modo interpreta un naturale rifiuto nei confronti del simbolo e della metafora, nei confronti dell’espediente e della verosimiglianza, nei confronti della possibilità stessa di rappresentare. Nessuna pretesa, non succede nulla e questo nulla non rappresenta nient’altro se non la tortura della parola, di chi la dice e di chi l’ascolta. « Quando il bambino era bambino, era l'epoca di queste domande. Perché io sono io, e perché non sei tu? Perché sono qui, e perché non sono lì? Quando comincia il tempo, e dove finisce lo spazio? La vita sotto il sole è forse solo un sogno? Non è solo l’apparenza di un mondo davanti al mondo quello che vedo, sento e odoro? C'è veramente il male e gente veramente cattiva? » (P. Handke, da Lied vom Kindsein, in Il cielo sopra Berlino) Peter Handke Peter Handke (Griffen, 6 dicembre 1942) è un romanziere e drammaturgo austriaco. Nato da madre slovena e padre sconosciuto, Handke ha studiato giurisprudenza all'Università di Graz, ma senza laurearsi, perché si è dedicato presto alla letteratura in modo esclusivo e molto assorbente, prima attraverso dei pezzi teatrali, poi con racconti, romanzi, 12


saggi, poesie e diari, ai quali si può aggiungere anche qualche esperienza di sceneggiatore per il cinema. Si è fatto notare per lo spirito polemico nei confronti della generazione di scrittori che includeva Alfred Andersch, Heinrich Böll, Ilse Aichinger e Ingeborg Bachmann, dalla quale fu invitato nel 1966 a recarsi a Princeton, negli Stati Uniti, da dove tornò in Europa per dedicarsi alla letteratura d'avanguardia. Particolare eco ebbe il suo Insulti al pubblico che lo metteva in posizione di sperimentatore e «outsider», presto si dedicò però all'introspezione con una scrittura densa e minimale, altamente descrittiva e ricca di visioni quasi cinematografiche che lo hanno fatto paragonare a Alain Robbe-Grillet e altri francesi della «école du regard». Dal suo romanzo L'angoscia del portiere prima del calcio di rigore (Die Angst des Tormanns beim Elfmeter, 1970) il regista Wim Wenders, con il quale aveva avuto altre collaborazioni, trae il film omonimo. I due sono tornati a collaborare per il film Il cielo sopra Berlino. Con La donna mancina (Die linkshändige Frau, 1976) anche Handke ha tratto un film (1978) da un proprio libro. Alla situazione dell'ex-Jugoslavia ha dedicato tre lunghi reportage, e per polemica contro i bombardamenti sui civili in Serbia ha rifiutato il premio Büchner. Si sentiva legato a quel tormentato territorio, anche per via della madre (a seguito del suicidio della quale, avvenuto nel 1971, aveva scritto Infelicità senza desideri). Nel 2009 è stato insignito del Premio Franz Kafka

:::::::::::::::::::::::::::::::::

VULTURE MAGAZINE

MONTEMILONE 25 MARZO 2012. “Il Comune di Montemilone nell’albo dei Comuni Ricicloni, ossia tra quei Comuni italiani che sono stati capaci di raggiungere in poco tempo oltre il 60% di raccolta differenziata “. Così si legge in una nota, resa pubblica, del Sindaco Mennuti nel Comune di Montemilone. Intanto, giace una discarica a cielo aperto con lo smaltimento di sedie del Comune!

Montemilone. La notizia che il Comune di Montemilone in poco più di 6 mesi ha raggiunto il 60% di raccolta differenziata ha creato qualche nota di critica tra i cittadini. Tra questi Antonio Ferrente, da sempre attento osservatore e controllore del paese e promotore di un comitato cittadino, che su questa vicenda riferisce. “La notizia mi ha riempito di piacere anche perché a detta del primo cittadino è stata proprio Legambiente Basilicata ad annunciarlo. E pensare che le percentuali della stessa associazione per la Basilicata non toccano il 15%. Certo di aver cominciato la raccolta porta a porta ad ottobre 2011, credo sia prematuro, visto che siamo a inizio marzo 2012 (dopo circa sei mesi), dire che siamo al 60% di raccolta differenziata ma ancor più prematuro puntare il dito contro chi, per ragioni già affrontate, non riesce tutt’ora bene a capire come farla. È doveroso far notare ai lettori che il nostro comune è costituito da persone anziane, tantissimi casi di analfabetismo e circa 500 persone che hanno firmato un 13


documento che supplicava modifiche a tale servizio. Io personalmente credo che Legambiente darà una sua positiva affermazione non prima di gennaio 2013 poiché ad oggi non si legge sul sito di Legambiente il nome del nostro comune. Voglio ribadire il mio positivo pensiero su questo tipo di raccolta apportando sicuramente le succitate modifiche proprio per quelle persone che ad oggi trovano difficoltà. Mai è stata fatto alcun tipo di formazione ai cittadini di Montemilone né tanto meno nelle scuole dove magari “giocando si impara a differenziare”. Questo potrebbe essere un’ottima iniziativa da proporre al dirigente scolastico e ai docenti delle scuole locali. Torniamo all’amministrazione comunale che in tutta fretta ha voluto questo servizio senza preoccuparsi di possibili future conseguenze, tra l’altro fatto notare da più persone in vari incontri. Da non sottovalutare la questione randagismo nel nostro comune che complica ancor più questo tipo di raccolta. Se è vero che siamo stati bravi a far alzare le succitate percentuali, è altrettanto vero che Sindaco ed amministrazione sono meno attenti a tutta la sporcizia venutasi a creare in questo periodo nel paese per la mancanza di netturbini. Non sono i cittadini a non aver rispetto per l’ambiente se innanzitutto è il primo cittadino a non accorgersi che viviamo in un paese senza regole. Quanto materiale pubblicitario di aziende paesane e tantissimo di paesi limitrofi viene selvaggiamente lasciato per le strade senza alcun controllo? Non è da meno il comportamento dei venditori ambulanti che appena fuori dal paese, tutti i giorni, ci regalano scarti di pesce, cassette di legno e plastica, frutta marcia e quant’altro. Non bisogna puntare il dito e poi non ricordare di aver messo un container a inizio variante, uno degli ingressi di Montemilone, dove , in maniera molto pericolosa, la gente poteva buttare materiali inerti e dopo averli rimossi nessuno si preoccupa, ad oggi, di chi ancora continua a buttare materiali su VULTURE MAGAZINE

quell’area; proprio come nella zona industriale, dove tuttora si vede una massa indescrivibile d’immondizia e dove anche gli operai della forestale sono andati a depositare mobili vecchi e sterpaglie per poi dargli fuoco. Anche qui nessuno ha visto nulla, eccezion fatta per il sottoscritto e la sua reflex. Un’altro incendio in una discarica, sempre situata nella zona industriale, risale a una domenica di quest’estate, dove dopo aver chiamato i carabinieri della locale stazione e aver dapprima, insieme al sottoscritto, calmato le fiamme, è stato necessario l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco a seguito dello scoppio di una bomboletta spray. Intanto una nuvola nera copriva il paese. Di questi episodi e delle tante discariche potrei continuarne a parlare per ore; mentre vorrei concludere con un episodio di particolare rilievo che risale ad una ventina di giorni fa quando mi sono trovato di fronte ad un’ ennesima discarica: tutta comunale poiché protagoniste della vicenda sono sedie cadute in disuso proprio a causa del Comune di Montemilone. Sicuramente non è stato il sindaco l’autore del gesto anche se, nonostante ciò, dovrà fornire delle spiegazioni circa le pulizie della vecchia biblioteca, visto che vi giacciono anche vecchi computer e altro. Tuttavia sono state buttate solo le sedute in plastica delle sedie, mentre il telaio, in ferro, forse è stato già riciclato. Probabilmente si sorvolerà sull’accaduto, come già fatto per contrada “medicanna” dove oggi è maggiormente accentuato il problema riguardante un canale di acque di scolo che attraversa un terreno colmo di batterie, amianto, pneumatici, ecc. per poi finire in un torrente. Si aspettano risposte in merito dai tempi del programma radiofonico “Il Sindaco risponde” in cui Angela chiedeva riposte circa l’argomento al Sindaco. Anche in questi casi si dirà di voler aprire un’ulteriore polemica ma se si parla di AMBIENTE tutto questo non può essere esclusivamente frutto di una semplice contestazione”. Lorenzo Zolfo 14


Federazione Provinciale – Via del Gallitello, 163 – 85100 Potenza Tel.0971/301410 – 320 9391813 e-mail

federcons.potenza@alice.it

info@federconsumatoripotenza.it

COMUNICATO STAMPA La legge n.3/2012 sul sovraindebitamento e le nuove modalità di tutela del consumatore, la mediazione civile, commerciale e tributaria, saranno oggetto di discussione all’assemblea generale degli associati della Federconsumatori della provincia di Potenza che si terrà Lunedì 26 marzo 2012 alle ore 17.30 a Potenza nel salone della CGIL in Via del Gallitello n.163. Nella stessa iniziativa sarà illustrato il bilancio sociale 2011. Con l’occasione si comunica la variazione dell’apertura dello sportello della Federconsumatori Potenza che dal mese di aprile resterà aperto ogni lunedì pomeriggio dalle 16.00 alle 18.00. Il Presidente Rocco Ligrani

:::::::::::::::::::::::::::::::::

VULTURE MAGAZINE

VENOSA. MARZO 2012. IL NUOVO PIANO SCOLASTICO PREVEDE UN UNICO ISTITUTO COMPRENSIVO CON OLTRE 1300 ALUNNI. IL PIU’ GRANDE DELLA BASILICATA. IL CONSIGLIERE REGIONALE FRANCESCO MOLLICA SI E’ ASTENUTO. ECCO LA SUA OPINIONE IN MERITO

Venosa. Il nuovo piano di dimensionamento scolastico redatto dal consiglio regionale dello scorso 5 marzo fa ancora discutere. A Venosa per il prossimo anno scolastico è costituito, con la soppressione di un circolo didattico, precisamente il 2°, un unico Istituto Comprensivo, nonostante si parli ,prima di oltre 1450 alunni adesso di circa 1350 alunni, comunque ben al di sopra del limite consentito dalla norma. Probabilmente l’Istituto Comprensivo con un numero di alunni più elevato della Basilicata. Ecco l’opinione del consigliere regionale, Franco Mollica originario di Venosa, che si è astenuto nel momento di decisione sull’unico istituto comprensivo a Venosa: “Non esiste motivazione alcuna che possa giustificare tale decisione anche in considerazione del fatto che Venosa rientra nella tipologia dei Comuni parzialmente montani e, che doveva essere trattata alla stessa stregua di altre situazioni che hanno mantenuto lo “ status quo”. L’emendamento presentato aveva proprio la finalità di dar voce alla comunità venosina non ascoltata 15


dall’amministrazione comunale e di evidenziare questa incongruenza e disparità di trattamento. Eppure, le linee guida per il dimensionamento delle Istituzioni Scolastiche della Regione basilicata A.S. 2012/2015 sono chiare : le “scuole per acquisire autonomia devono essere costituite, al massimo, da una popolazione di 1000 alunni, ridotte a 500 per le istituzioni site nei comuni montani e/o parzialmente montani” e che “all’indice di riferimento (1000 alunni o 500 alunni), può essere consentito un ulteriore margine di scostamento del 20% in aumento (rispettivamente 1200 o 600 alunni) o in riduzione (rispettivamente 800 o 400 alunni) che devono rientrare nei parametri fissati nell’arco dei tre anni. Il 1° Circolo Didattico di Venosa registra 650 alunni e l’accorpamento della Scuola Media, già di per sé strutturata su due plessi comporterà la creazione di un istituto comprensivo enorme rispetto a tutti gli altri esistenti nel resto della Provincia. Un parco bambini di oltre 1350 alunni , con fasce di età molto variegata dai tre ai quattordici anni, difficilmente gestibile da parte di una unica dirigenza che, pur competente e di esperienza non riuscirà a soddisfare la necessità di risposte immediate delle singole realtà. Senza pensare, poi, all’ulteriore disagio causato da un collegio docenti alquanto numeroso (160) che pur creerà qualche problema quando si riuniranno. Per non parlare della inevitabile riduzione di organico creando nuovo precariato smentendo, nei fatti ,chi a Venosa tranquillizzava su un ipotesi del genere. Non trascuriamo , poi, – continua Mollica- l’apprensione generata dalla sistemazione in un unico edificio dei bambini di due Direzioni didattiche, per il reale pericolo di negare la giusta offerta formativa, per la perdita di spazi per le attività sociali dei bambini e degli spazi a sostegno dell’attività didattica quali, biblioteca, laboratori, mensa scolastica, etc. E, per l’aspetto della sicurezza, nel malaugurato caso in cui si debba procedere ad una evacuazione forzata e VULTURE MAGAZINE

veloce per un evento sismico o in caso di incendio. L’astensione al voto- conclude Mollica- vuol essere un segnale di fiducia verso l’Assessore Viti che chiedendo la trasformazione dell’emendamento proposto in un ordine del giorno, ha preso ufficialmente l’impegno a valutare la questione in modo puntuale , dichiarando di adoperarsi fin da subito affinché le defezioni e le illegittimità presenti nel piano, almeno per Venosa, possano rientrare già dal prossimo anno, così da garantire quel grande passo di qualità, interrotto al momento, che permettano di dare rilevanza alle istituzioni scolastiche per il grande ruolo svolto nelle nostre comunità.” Lorenzo Zolfo La foto ritrae il consigliere regionale Franco Mollica

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Art. 18 : Chi ha detto che licenziando si riduce la disoccupazione e si rilancia l’economia? Le prime pagine di tutti i quotidiani di oggi sono invase da dichiarazioni e commenti sull’ipotesi di modifica dell’art. 18 della legge 300/1970 meglio conosciuta come Statuto dei Lavoratori. Troppi ne parlano a sproposito e come succede spesso c’e’ la gara a commentare quello che non si conosce bene. Chi come noi fa sindacato sa che si ragiona sui testi: verba volant, scipta manent ! Da questa breve premessa, si capisce quanto sia vero che si sta usando l’art. 18 per buttarla in “caciara”, per alzare le cortine fumogene che ci fanno perdere di vista il lato buono della trattativa, la vera 16


essenza della discussione, ossia la riforma del mercato del lavoro e lo stato sociale del nostro paese industrializzato. Tutto questo, polemiche comprese, rientrerebbero nell’ordine delle normali dinamiche di trattativa, e non ci sarebbe nulla da eccepire, se non si desse poi veramente seguito allo stravolgimento del principio giuridico su cui si basa l’art. 18 ovvero la Reintegrazione nel posto di lavoro. Si, è proprio questo il “Diritto” che non può e non deve cadere! Questo principio, questo presidio di Democrazia e di tutela per la parte più debole in un rapporto di lavoro, ossia il lavoratore, ha fatto sì che l’Italia divenisse la quinta potenza industriale e che i dipendenti potessero contribuire alla ricchezza del paese. Siamo convinti che il nostro sistema economico sia basato proprio sulla certezza, sulla stabilità e non su un pericoloso, quanto inaccettabile, concetto di “più posti di lavoro grazie alla flessibilità”, qualcosa che tradotto in italiano corrente, significa in realtà “licenziamenti facili”. Non possiamo certo immaginare che il nostro Parlamento, eletto dal popolo, possa abdicare a favore di un Governo Tecnico, il quale magari porrà il voto di fiducia su un decreto legge, su un tema di questa portata sociale. Il lavoro ed il lavoratore sono l’elemento cardine della nostra Legge Primaria, è sul lavoro infatti, che si fonda la nostra Repubblica, un fondamento che deve dare il senso della sicurezza e della operosa serenità. Per queste ragioni il LIBERSIND CONF.SAL, consapevole della sua autonomia e libertà di pensiero, nella costante azione svolta a tutela degli interessi dei lavoratori, si dichiara totalmente contrario ad ogni forma di modifica dell’art. 18 dello statuto dei lavoratori. LIBERSIND CONFSAL

VULTURE MAGAZINE

ATELLA. 25 MARZO 2012. CHIUSURA DEI CONCERTI DELLA DOMENICA CON L’ESIBIZIONE DEL GRUPPO DIXIFRIXI. UN GRUPPO PUGLIESE CON UN ITINERARIO MUSICALE TRASVERSALE

Atella-Termina il 25 marzo 2012, con l’esibizione del gruppo DixiFrixi – Nonsolodixieland la terza edizione de “I Concerti della Domenica”, manifestazione voluta dall’Amministrazione Comunale di Atella in collaborazione con il complesso musicale di Atella, diretta dal M° Pasquale Di Muro. “Il gruppo DixiFrixi-riferisce Pasquale Di Muro, direttore del complesso musicale di Atella- è di San Severo nasce agl’inizi degli anni Novanta quando un gruppo di giovani strumentisti accomunati dalla passione per la banda da vita ad un’associazione musicale per coltivare (e se possibile svecchiare) quella secolare tradizione particolarmente sentita in terra di Puglia. I giovani musicisti vivono nel tempo esperienze particolarmente interessanti (dalla fondazione di un’orchestra alla ideazione e realizzazione di un concorso musicale), fino ad approdare a sperimentazioni nell’ambito della “street music” e della “global art” e a dare vita ad una street band. Al termine di questo percorso nasce, la street band “DixiFrixi – Nonsolodixieland”. Formata da soli strumenti a fiato e percussioni la band 17


propone – in parata o in postazione - un itinerario musicale trasversale, fatto di un repertorio che varia dalle sinfonie al jazz, dalle opere classiche alle musiche dei matrimoni.. Il sound della band è brioso e le sue performances sono accattivanti, allegre, tutte da ascoltare, da vedere e da ballare. Tra musicisti e pubblico nasce un contatto diretto, spontaneo, ricco di emozione, calore umano, reciproco coinvolgimento, tanto che alla fine (specie nelle parate) pubblico e musicisti sono insieme protagonisti e spettatori dello show. La notevole capacità di coinvolgimento, la vena umoristica e la spettacolarità delle performance ha consentito al gruppo di inserirsi da protagonista nel panorama della “street music” e della “global art”, nazionale e internazionale. Il gruppo è composto da Francesco Buono (sax tenore), Antonio Sciscioli (clarinetto e sax alto), Vito Princigalli (tromba), Roberto Solimando (trombone), Roberto Pischetola (tuba), Cosimo Buono (percussioni) Lorenzo Zolfo La foto ritrae il gruppo DixiFrixi di San Severo (Fg).

:::::::::::::::::::::::::::::::::

VULTURE MAGAZINE

CALCIO A 5 SERIE C 2. LA CAPOLISTA SPORTING PALAZZO VINCE NEI DIECI MINUTI FINALI CONTRO UNA ESSEDISPORT VENOSA DOVE EMERGE DEL COGLIANO, AUTORE DI 3 GOL

ESSEDISPORT VENOSA SPORTING PALAZZO 5

3

ESSEDISPORT VENOSA: Nardulli, Paulangelo, Checa, Santoliquido, Crudele, Del cogliano, Dichirico, De musso. A disp: Di Palma,Bochicchio. All: Dichirico. SPORTING PALAZZO: Micello, Cristiano,Cripezzi, Minervino, Mameo, Conca, Scoca, Scilimato. A disp: Zotta. All: Cautela. Arbitro: traficante di Rionero in Vulture. Marcatori: al 25’,46’ e 49’ Del Cogliano; al 33’ Cripezzi; al 37’ e 53’ Scilimato; al 41’ e 56’ Conca.

18


Venosa. Al Palaessedisport di contrada Vignali l'Essedisport Venosa ,privo del direttore sportivo e tutto fare della squadra, Carmine Di Napoli, impegnato in un noto supermercato cittadino, dove lavora, a far quadrare i conti, riesce per buona parte della partita a rispondere alla capolista Palazzo fino al punto di pareggiare con una tripletta del fantasista Del Cogliano. Ma a dieci minuti dalla fine, le solite disattenzioni difensive, tipiche di questa squadra (mister Dichirico servono richiami forti!) Scilimato (autore di una doppietta, prestato dal calcio a 11) e Conca (2 gol) regalano al Palazzo una vittoria che la consente a tre giornate dalla fine di...sognare la promozione in C 1. In gol per il Palazzo anche Cripezzi (dotato di grande fair-play e correttezza). E’ stato osservato 1’ di raccoglimento per la morte di un dirigente dello Sporting Palazzo. Partenza favorevole ai padroni di casa, al 1’ Checa e Del Cogliano (convocato nella rappresentativa regionale di calcio a 5 per il torneo delle Regioni) al tiro, Micello respinge. Risponde il Palazzo con Minervino, conclusione deviata in angolo da Crudele. Al 5’ Del Cogliano per Checa, che davanti la porta spreca. Al 7’ Crudele serve Del Cogliano ad una conlcusione che si stampa sul palo alla sinistra del portiere, rimasto immobile.

Al 10’ è Paulangelo, servito dal solito Del Cogliano, a non agganciare da pochi passi dalla porta. Al 15’ Cripezzi, davanti la porta avversaria, spreca. Al 17’ Scoca, servito da Cristallo, manca il tap-in davanti Nardulli. Al 20’ palo colpito da Cristallo, su assist di Minervino. Al 22’ Cristallo davanti nardulli cincischia e..spreca. Bravo Nardulli a deviare un tiro-bomba di Minervino. Al 25’ in gol l’Essedisport , Paulangelo serve Del Cogliano ad una conlcusione finita nel sette alla destra del portiere. Al 27’ è mister Dichirico a sprecare davanti il portiere. Al 29’ Scilimato per Scoca che non aggancia davanti la porta avversaria. Al 31’ bella azione di Scilimato, palla di poco a lato. Al 33’ Cripezzi, su lancio lungo di Conca, da pochi passi, pareggia. Dopo il pareggio, l’Essedisport sembra aver perso la bussola, ed al 37’ va in vantaggio il Palazzo con un bel tiro di Scilimato, servito da Cristallo (oggi non ha segnato, ha fatto da rifinitore). Al 38’ Cripezzi si smarca bene, ma la conlcusione è da dimenticare. Al 40’ paulangelo salva sulla linea un tiro di Cripezzi. Cristallo davanti la porta manca il tap-in. Al 41’ Conca ruba palla a Del Cogliano ( l’unico errore) ed insacca. Al 42’ Minervino liberato da Conca, da pochi passi mette fuori. Al 46’ Del Cogliano, servito da Paulangelo, segna. Si riaprono i giochi, ed al 49’ è sempre Del Cogliano che centra il sette alla sinistra di Micello. Risultato in parità 3-3. Al 50’ palo colpito da Scilimato a portiere battuto. Al 52’ di pugno nardulli si oppone ad una bomba di Conca. Ma al 53’ Scilimato servito da Conca ( è uno schema collaudato nel Palazzo) al tiro, palla dentro la porta. Al 56’ Cristallo per Conca che realizza. Vittoria sofferta e meritata per il palazzo, l’essedisport è uscita a testa alta da questo incontro. Lorenzo Zolfo

VULTURE MAGAZINE

19


WWW.SIDERURGIKATV.COM Web-Tv di Video, Filmati, Eventi, Informazioni, Notizie dall’Italia e dal Vulture… con quattro redazioni da tutta Italia (600.000 contatti)

Le foto riprendono momenti della partita e le due squadre.

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Contatti ed Informazioni: e-mail: evasion.giornale@libero.it – Tel. 349.6711604

È una produzione editoriale dell’Associazione Vibrazioni Lucane

PRODUZIONI VIDEO, COMUNICAZIONE, EVENTI… ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

VULTURE MAGAZINE

20


Vulture Magazine, 26 marzo 2012