Page 1

Blog: Notizie dal VULTURE - il cuore della Basilicata

Sommario 12 Ottobre 2012 SiderurgikaTv Guida TV Rionero. Festa della Castagna Venosa. Libri nel Borgo Antico Il peso del cielo Pro Loco Lagopesole Punto Solidarietà AISM Rionero. Quarta Edizione “Lu Muzz’c ‘R Lu Br’ghand” “Le terre del Sacramento”, i contadini di Francesco Jovine Venosa. “Un goal ad occhi chiusi”. Potenza. “I percorsi diagnostici……” Regione Basilicata chiesti rimborsi anche per i manifesti funebri Associazione Culturale onlus “PRO GASPARRINI” Legge di stabilità... Sportello Federconsumatori Acerenza Il Caso Ferreria Nord Potenza VULTURE MAGAZINE

1


EVENTI VULTURE E BASILICATA

Filiano - Giornata Regionale delle Pro-Loco http://www.siderurgikatv.com/search/label/Filiano%20Eventi%202012

Venosa: Estate 2012 - Katia Ricciarelli e la Big Band http://www.siderurgikatv.com/search/label/Venosa%20Eventi%202012

Filiano - Premio UNPLI Basilicata http://www.siderurgikatv.com/search/label/Filiano%20Eventi%202012

Vaglio Basilicata - I Templari e il loro Tempo, La Mostra http://www.siderurgikatv.com/search/label/Vaglio%20Eventi%202012

Vaglio Basilicata - I Templari e il loro Tempo, Convegno e Inaugurazione http://www.siderurgikatv.com/search/label/Vaglio%20Eventi%202012

VULTURE MAGAZINE

Venosa: Estate 2012 – Una Rotonda sul Mare http://www.siderurgikatv.com/search/label/Venosa%20Eventi%202012

Lavello - Raduno di auto d'epoca http://www.siderurgikatv.com/search/label/Lavello%20Eventi%202012

Lavello - Basilicata's Got Talent http://www.siderurgikatv.com/search/label/Lavello%20Eventi%202012

2


40^ Anniversario del Pecorino di Filiano DOP Spettacolo Art Academy

Estate ruvese - Istamanera gruppo folk http://www.siderurgikatv.com/search/label/Ruvo%20del%20Monte%20Eventi%202012

http://www.siderurgikatv.com/search/label/Filiano%20Eventi%202012

40^ Anniversario del Pecorino di Filiano DOP Spettacolo Comico Donato Imbrenda

Filiano - Lu Muzz'c, giornata tipica del mietitore

http://www.siderurgikatv.com/search/label/Filiano%20Eventi%202012

http://www.siderurgikatv.com/search/label/Filiano%20Eventi%202012

San Fele d'Oro 2012 (Sgarbi, Papaleo, Fortis) http://www.siderurgikatv.com/search/label/San%20Fele%20Eventi%202012

Estate ruvese - Parata dei Briganti http://www.siderurgikatv.com/search/label/Ruvo%20del%20Monte%20Eventi%202012

40^ Anniversario del Pecorino di Filiano DOP http://www.siderurgikatv.com/search/label/Filiano%20Eventi%202012

Filiano Music Live http://www.siderurgikatv.com/2012/08/eventi-2012-filiano-music-live.html

VULTURE MAGAZINE

3


Terra Nostra gruppo folk “live a Rionero”

Ginevra de Marco “Live a Barile”

http://www.siderurgikatv.com/2012/08/eventi-2012-rionero-terra-nostra-gruppo.html

http://www.siderurgikatv.com/2012/08/ginevra-de-marco-live-barile-2012.html

Assalti Frontali - Live a Barile

http://www.siderurgikatv.com/search/label/Rapone%20Eventi%202012

Una Fiaba per Rapone

http://www.siderurgikatv.com/2012/08/ssalti-frontali-live-barile-2012.html

Estate rionerese: Noemi live

Raiz e Radicanto “live a Rapone” http://www.siderurgikatv.com/2012/08/raiz-radicanto-live-rapone-2012.html

http://www.siderurgikatv.com/2012/08/estate-rionerese-noemi-live.html

San Fele: Spiritualia - Gli Eventi dell’Anima http://www.siderurgikatv.com/search/label/San%20Fele%20Eventi%202012

San Fele: Spiritualia Denny Mèndez e Isabella Romano http://www.siderurgikatv.com/search/label/San%20Fele%20Eventi%202012

VULTURE MAGAZINE

4


VULTURE MAGAZINE

5


VULTURE MAGAZINE

6


VULTURE MAGAZINE

7


VULTURE MAGAZINE

8


Il peso del cielo (Giulio Stolfi)

I miei passi soltanto sono vivi nel silenzio inquietante della notte aperta di colpo in arene di biacca. Vecchio vicolo amico dalle macerie degli anni per incanto riappari ma i tetti sopportano a stento il peso del cielo; c'è un'altra crepa in quell'arco così gracile, nudo. Non vedo i gerani le viole la menta alle finestre: qualcuno ha sepolto lo scialle celeste della biondina occhineri; una vampata ha infuriato sugli altarini di carta velina ha falciato i lampioncini della festa. Mi veglia un angelo affranto ora che è liscia, affilata la guancia della luna. VULTURE MAGAZINE

PRO LOCO LAGOPESOLE Punto Solidarietà AISM 13-14 Ottobre 2012

dalle 09.30 alle 13.00 dalle 15.00 alle 17.00

Sabato 13 e Domenica 14 Ottobre 2011 la Pro Loco, presso la propria sede, ha inteso istituire il Punto Solidarietà dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla). In Piazza Federico II sarà infatti possibile acquistare le mele della campagna “Una Mela per la Vita” che l’AISM organizza per sostenere la ricerca scientifica sulla sclerosi multipla e i servizi dedicati ai giovani, i più colpiti da questa malattia. Nei due giorni, dalle 09.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00, ci si potrà recare presso la Pro Loco per rispondere all’appello: fai andare la ricerca, ferma la sclerosi multipla. Il Presidente Carlo Lucia

:::::::::::::::::::::::::::::::: 9


RIONERO IN VULTURE. 30 SETTEMBRE 2012. UN SUCCESSO LA QUARTA EDIZIONE “LU MUZZ’C ‘R LU BR’GHAND”. RIEVOCAZIONE STORICA SUL BRIGANTAGGIO

Rionero in Vulture. Lo scorso 30 settembre l’associazione culturale Solaris, La Taverna ‘R Crocc, presiedute dal giornalista Franco Loriso in collaborazione con l'associazione Mediterranea 2000 di Melfi, presieduta dal prof. Luigi Branchini, per il 4° anno consecutivo, ha promosso la IV edizione “LU MUZZ'C ‘R LU BR'GHAND”, corteo storico sul brigantaggio, svolto per le strade principali della cittadina. Il corteo storico è partito dalla sede del museo “La Taverna ‘R Crocc” dedicato a Carmine Crocco. Tanta gente ha visto sfilare personaggi tipici sul brigantaggio.

VULTURE MAGAZINE

Il gruppo folkloristico "Burgentia" ha animato la sfilata con canti e balli riferiti al periodo storico. Avvicinato il giornalista, Franco Loriso,ideatore di questo evento, inserito nel programma Piot Area Nord della Basilicata e che ha avuto anche il patrocinio del Comune di Rionero, ha riferito: "inizialmente siamo partiti con il museo dedicato a Crocco. Invito a proposito a visitare il sito, ha più di 70 mila visitatori. Volevo allargare gli orizzonti ed abbiamo pensato ad un corteo storico che è un modo per portare le radici della nostra storia nei vicoli e nelle strade dove è nato e vissuto Carmine Crocco.

10


Abbiamo proposto all’amministrazione comunale di riportare a Rionero le ceneri di Carmine Crocco”. Il presidente dell’associazione Mediterranea 2000 di Melfi, prof. Luigi Branchini ha aggiunto: “l’intento di questo evento è quello di riappropriarci della nostra identità. I cortei storici di Rionero e di Melfi non sono manifestazioni folkloristici, ma appuntamenti culturali. L’obiettivo è quello di rivendicare una certa autonomia politica,sociale ed economica che da 150 anni, purtroppo, ci è stata negata. Eravamo un grande popolo, ora siamo un serbatoio di braccia e menti che servono allo sviluppo di altre realtà che non sono le nostre”. Lorenzo Zolfo

Le foto riprendono momenti siginificativi del corteo storico sul brigantaggio.

::::::::::::::::::::::::::::::::

VULTURE MAGAZINE

“Le terre del Sacramento”, i contadini di Francesco Jovine

Rappresenta da sempre un affresco contro l’ingiustizia il mondo contadino illustrato da Francesco Jovine. Il suo romanzo “Le terre del Sacramento”, pubblicato postumo nel 1950, anno della sua scomparsa, e rieditato di recente da Donzelli, rimarrà un emblema di volontà di riscatto, malgrado quei contadini, dirà il suo protagonista Luca Marano, “si lasciavano intossicare l’anima senza speranza”. E rimarca un sottofondo di pessimismo, specie quando sottolinea che “domani avrebbero vissuto sfruttando, derubando subdolamente i contadini dei loro villaggi che erano legati alla loro stessa sorte dalla stessa ingiustizia”. Jovine (nato vicino a Campobasso nel 1902) affonda la sua critica nelle promesse non mantenute, in una perpetuata sconfitta di classe, di ultimi relegati ad un ruolo comunque subalterno. C’è verismo di fondo nelle pagine di Jovine, seguendo una tradizione che parte dalla metà dell’800. Una letteratura sul Mezzogiorno che 11


arriva alla metà del secolo scorso che conduce a nomi elevati: da Giovanni Verga al lucano Rocco Scotellaro fino a Carlo Bernari, al marsicano Ignazio Silone e Federico De Roberto. Con “Le terre del Sacramento”, vincitore del Premio Viareggio, si entra nelle vicende del primo dopoguerra, in un antico feudo ecclesiastico che va in rovina a causa dell'incapacità e degli sperperi del proprietario (si chiama Enrico Cannavale). La moglie Laura prende in mano l'amministrazione e si giova dello studente socialista Luca Marano per convincere i contadini che, lavorando le sue terre, potranno goderne un giorno. Luca è descritto come ventenne aitante e “di fresco incarnato”. Le promesse vengono disilluse e la rivolta dei contadini, alla testa dei quali è Luca, viene soffocata nel sangue da carabinieri e camicie nere. Un romanzo che è una sceneggiatura, una rilettura in chiave realista che contribuì a consacrare Jovine nella critica non solo di sguardo meridionalista. Una valutazione che riconosce qualità altre rispetto alle mode letterarie. Jovine nel suo percorso culturale e letterario, sviluppa con una certa gradualità una coerente presa di coscienza sia etica che politica (fu iscritto al PCI), fondamento essenziale nella vocazione e nella cultura del Sud, che scruta sociologicamente nei possibili cambiamenti. Attese, del resto, che rimarranno molto spesso inevase. Armando Lostaglio

VULTURE MAGAZINE

Venosa 13 ottobre 2012. Istituto Battaglini. L’Avis e l’ASD Sporting Avis di calcio a 5 organizzano “Un goal ad occhi chiusi”. Primo evento in Basilicata di calcio a 5 tra non vedenti

Venosa. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) (2007) sulla Terra vivono 314 milioni di persone con handicap visivo grave (45 milioni di ciechi, 269 di ipovedenti). La prima causa è la cataratta (39,1%), seguita dai vizi refrattivi non corretti. In Italia l'Istat stima che ci siano 362.000 ciechi.Nell’ambito del programma di manifestazioni per la celebrazione della Giornata mondiale della vista, l’Assessorato allo Sport della Provincia di Potenza, l’A.s.d. Sporting Avis Venosa e l’ Avis Venosa, con la collaborazione dell’A.s.d. Uic Bari e di enti locali, hanno organizzato, per sabato il 13 ottobre, il primo evento di calcio a 5 tra non vedenti in Basilicata volto a sensibilizzare al problema le associazione sportive, i ragazzi delle scuole dell’infanzia, delle superiori di primo grado e delle superiori di secondo 12


grado, nonché tutti coloro che vorranno partecipare. L’ evento si aprirà alle ore 8:30 con l’accoglienza presso l’Istituto “E. Battaglini” in via Accademia dei Rinascenti nella città di Venosa (Pz). Successivamente avrà luogo il convegno “Il calcio a 5 per non vedenti: solo punti di vista” durante il quale interverranno il presidente della Provincia di Potenza Piero Lacorazza, il presidente della Regione Basilicata Vito De Filippo, il presidente del C.i.p. Basilicata Dr.Rosanna Fabbrizio, il presidente dell’ A.s.d. Uic Bari Vito Mancini e il direttore dell’ U.o. – Asp Venosa Domenico Lacerenza. Seguirà la manifestazione sportiva “Un goal ad occhi chiusi” che vedrà confrontarsi i ragazzi dell’A.s.d. Uic di Bari militanti nel campionato italiano di calcio a 5 non vedenti F.i.s.p.i.c. A concludere l’evento ci sarà un “Pranzo al buio” presso l'hotel Venusia, durante il quale personale non vedente accompagnerà i partecipanti in una sala completamente al buio mettendoli a proprio agio. Si tratta di un evento nato con il fine di sensibilizzare tutti e, in particolare, il mondo dello sport recentemente reduce dai successi nelle paraolimpiadi di Londra 2012 con la campionessa non vedente Cecilia Camellini. Quest’ultima ha dichiarato: “ sono nata cieca. A volte sono triste, ma poi penso ai ragazzi meno fortunati di me, quelli che mi prendono in giro. Loro sono nati senza cuore”. “Nella cecità-riferisce Massimo Curatella, uno degli organizzato dell’evento- la luce non c'è, ma c'è passione, coraggio, forza, quella forza che forse manca a chi viene abbagliato perennemente dalla luce del sole. Capire, Conoscere, Provare: sono le tre parole chiave di questo evento. Chi non capisce a volte non sa, non è informato sull’argomento e su molti suoi aspetti. Bisogna provare a non vedere per guardare e comprendere davvero il senso della vita vista con gli occhi della mente e del cuore. Lorenzo Zolfo

VULTURE MAGAZINE

ALAD/FAND

– Associazione Lucana Assistenza Diabetici (ONLUS) Ente Morale D.M. 20 settembre 1993 – Membro I.D.F. International Diabetes Federation C/o Centro Diabetologico A.O. San Carlo – Potenza- Padiglione E Piano 0 – tel-fax 0971 613123

e.mail alad@ospedalesancarlo.it

“I percorsi diagnostici……” “I percorsi diagnostici – terapeutici ed assistenziali (PATA) del diabete mellito tra Ospedale e Territorio” il tema del convegno svoltosi a Matera, presso l’Auditorium G. Moscati, dell’Ospedale Madonna delle Grazie, nei giorni 5 e 6 ottobre u.s.. Una due giorni che ha visto la partecipazione di medici ed infermieri dell’A.S.M., articolata in diverse sessioni, magistralmente coordinate rispettivamente dal:  Dottor Angelo Venezia su: “Approccio integrato al diabetico geriatrico dall’ospedale al territorio”.  Dottor Gennaro Greco su: “Diabete e territorio”.  Dottor Andrea Sacco su: “Qualità, sicurezza e organizzazione”. La conclusione dei lavori è stata svolta con una Tavola Rotonda su: “Qualità e organizzazione dell’assistenza diabetologica in Basilicata” a cui hanno preso parte, tra gli altri, l’Assessore alla Sicurezza e Solidarietà Sociale Attilio Martorano ed il Presidente della Associazione Lucana Diabetici Antonio Papaleo, coordinata dal dottor Pasquale Bellitti. Il Presidente della ALAD-FAND Antonio Papaleo ha richiamato l’impegno verso questa patologia che per la Basilicata rappresenta un vero problema stante l’elevata percentuale di diabetici, la più alta fra le regioni italiane.

13


Anche per questa ragione il grande sforzo dell’Associazione nel rendere consapevoli i cittadini, affinché sappiano prevenire la malattia e, qualora insorga, sappiano adeguatamente governarla. ALAD-FAND Basilicata Il Presidente (dr. Antonio Papaleo)

:::::::::::::::::::::::::::::::: Regione Basilicata chiesti rimborsi anche per i manifesti funebri

POTENZA - C’è chi ha chiesto rimborsi per i manifesti funebri e chi in un solo giorno per la cancelleria ha speso oltre duemila euro, chi ha rendicontato la polizza assicurativa e chi ha chiesto i rimborsi per il pagamento del registro degli infortuni dell’Azienda sanitaria numero 2. Dopo i viaggi, dopo i ristoranti, dopo i telefoni i bilanci dei gruppi consiliari regionali continuano a riservare sorprese. Se nel 2010, infatti, nelle delibere di approvazione dei rimborsi le singole voci non venivano pubblicate, oggi, la situazione è completamente diversa e i bilanci pubblici di dieci gruppi consiliari sui dodici presenti in consiglio vengono rendicontati voce per voce. E proprio spulciando tra quelle voci si può notare che c’è anche chi ha chiesto i rimborsi per i manifesti funebri fatti in VULTURE MAGAZINE

occasione della morte del padre del presidente De Filippo. È il gruppo dell’Api, il cui capogruppo Alessandro Singetta, ha rendicontato 250 euro per i manifesti di condoglianze al governatore. Sempre l’Api, poi, risulta uno dei gruppi più prolifici nell’organizzazione di convegni con spese che variano, per questa voce, da un minimo di 7 euro e 60 ad un massimo di mille e 292 euro (ed un totale nell’anno di oltre 3mila euro). E se l’Api ha speso molto in convegni c’è anche chi ha speso oltre 2mila euro in un giorno per la cancelleria. Come nel caso del gruppo «Per la Basilicata», il cui capogruppo Roberto Falotico ha rendicontato, in un solo giorno (il 20 luglio ed il 19 dicembre) una spesa di 2mila 112 euro e di 2mila 175 euro per la cancelleria (nell’anno per questa voce il gruppo ha spese oltre 4mila 781 euro). Sempre il gruppo «Per la Basilicata», poi, ha chiesto un rimborso di 2mila 420 euro per informazioni sull’attività del gruppo e un rimborso di circa 22 euro per la vidimazione del registro degli infortuni dell’Asl numero due. A rendicontare spese per locazione e manutenzione delle apparecchiature è, invece, il gruppo dell’Italia dei Valori, il cui capogruppo dell’epoca, Nicola Benedetto, ha speso 240 euro. A chiedere il rimborso di 20 euro della polizza assicurativa sugli infortuni è il gruppo del Partito socialista, il cui capogruppo Rocco Vita ha rendicontato anche un sito internet per 756 euro. E sempre i soldi per un sito internet sono stati rendicontati dal gruppo di Sinistra, Ecologia e Libertà, il cui capogruppo Giannino Romaniello, ha chiesto un rimborso di mille e 200 euro, In totale, poi, è stato il gruppo «Sinistra, ecologia e libertà» a rendicontare oltre 12mila euro di spese organizzative e non il gruppo «Io amo la Lucania» come erroneamente riportato ieri. Per la precisione «Ial» non ha chiesto alcuni rimborso per spese organizzative. (La Gazzetta del Mezzogiorno) 14


Associazione Culturale onlus “PRO GASPARRINI” c/o I.I.S. “GASPARRINI “ –MELFI Web-site : www.gasparrinimelfi.it E-mail : briandemon@tiscali.it

Nell’ aula di Vice-Presidenza, messa a disposizione dell’Associazione dal nuovo Dirigente Scolastico, Prof. Michele Masciale , si è riunito in data 11 Ottobre 2012 ( dalle ore 11 alle 12:30) il Direttivo ; presenti il Presidente Gianni Della Rossa, il Segretario Donato M. Mazzeo, i Proff. Palma Fulgido , Renato Catalani . Fra i punti all’o.d.g. : a) Aggiornamento Registro SociSocie (l’iscrizione al sodalizio di volontariato è APERTA a quanti lo desiderano, previo versamento di una quota-quietanziata , una tantum, alla Tesoriera Prof. ssa P. Fulgido) ; b) Compilazione Modello ISTAT , censimento Servizi 2011 ; c) Definizione dei destinatari delle Borse di Studio “P.P.TEDESCO” e dell’Associazione “Pro Gasparrini” (con fondi propri) . La cerimonia è prevista presumibilmente per giovedì 20 Dicembre , come concordato con il D.S. ; d) Agli Atti il verbale protocollato della Commissione Deliberante prot. 21012 n. 0022519; e) Su proposta dell’ Associazione “INTERCULTURA” Vulture-Alto Bradano , presieduta da Maria Capobianco Nardozza , in riferimento agli scambi culturali internazionali (GASPARRINI-Melfi e omologa Scuola Superiore della Danimarca, 1° step : 21-28 Ottobre 2012) il Direttivo dell’Associazione ringrazia dell’Invito ricevuto e si dichiara disponibile ad una minima Collaborazione e presenza , nell’accoglienza agli OSPITI Danesi . Anche dandone notizia con reportage fotografico sulla VULTURE MAGAZINE

Rivista (nn.1 e 2) dell’Associazione (già on – line sul sito della Scuola ospitante “www.gasparrinimelfi.it” ). f) Varie ed eventuali, già dibattute, alla prossima Riunione di Direttivo convocata dal Presidente Della Rossa per ven. 19 Ottobre p.v. s.o. Geom. Giovanni Della Rossa Il Segretario verbalizzante Prof. Donato Michele Mazzeo

:::::::::::::::::::::::::::::::: Legge di stabilità...

Legge di stabilità, i due provvedimenti strutturali importanti che dimostrano la strada che monti vuole imboccare sono: 1--- controllo preventivo delle spese di ministeri, regioni, province, comuni, da parte della corte dei conti quindi prima che scappino i buoi e non dopo che sono scappati. E’ un duro colpo ai parassiti impudenti del “intanto li spendo e poi vediamo”. 2--- L’Obbligo di dimettersi dalle cariche occupate nelle regioni province comuni, da parte dei soggetti che si vorrebbero candidare al parlamento o al senato, obbligo che scatta non dopo l’elezione eventuale ma all’atto della presentazione della candidatura. Questi due provvedimenti colpiscono duramente i parassiti. Monti ha iniziato 15


lo smantellamento della classe parassita ed è un ulteriore vincolo e stimolo affinchè faccia una propria lista per le elezioni del 2013 per poter continuare a governare altrimenti i partiti dei parassiti ci metteranno meno di un lampo nel 2013 a modificare queste due leggi ed altre per riconquistare i privilegi perduti. Lo dobbiamo spingere a presentare la propria lista è l’unica possibilità che abbiamo per abbattere una classe parassita che succhia al Paese 100 miliardi di euro all’anno.

chiede agli uffici di annullare i procedimenti avviati o da avviarsi e nello specifico ritiene che le assegnazioni di cui alla delibera n.182 del 12.11.1986 sono da ritenersi di durata novantanovennale.

Francesco Degni

Ancora una volta riteniamo ed auspichiamo che la materia cimiteriale, indubbiamente complessa e delicata da trattare, veda coinvolte nella discussione tutto il Consiglio Comunale e perché no anche le forze politiche e sociali attive sul nostro territorio.

:::::::::::::::::::::::::::::::: FEDERAZIONE PROVINCIALE Via del Gallitello 163 85100 Potenza – SPORTELLO DI ACERENZA Via Vittorio Emanuele III 171 85011 Acerenza (PZ) tel. 0971.741698 – fax: 0971.741698 - e-mail: federcons.acerenza@alice .it

Cosi come da noi piu’ volte sollecitato ed argomentato giuridicamente, si procederà alla stipula dei relativi atti di concessione senza gli ipotizzati oneri di rinnovazione non potendosi ritenere scadute per il decorso dei supposti 25 anni.

::::::::::::::::::::::::::::::::

È una produzione editoriale dell’Associazione Vibrazioni Lucane

SPORTELLO FEDERCONSUMATORI ACERENZA La Federconsumatori di Acerenza si ritiene pienamente soddisfatta da quanto comunicato dal Sindaco di Acerenza, la Dott.ssa Rossella Quinto, con nota del 08.Ottobre.2012 in tema di “concessioni cimiteriali”. Difatti il Sindaco raccoglie il nostro invito alla ragionevolezza e pur ribadendo la necessità di adottare in tempi brevi, una disciplina organica della materia cimiteriale, con un atto di autotutela VULTURE MAGAZINE

PRODUZIONI VIDEO, COMUNICAZIONE, EVENTI…

::::::::::::::::::::::::::::::::

16


Impaginazione e grafica Isabella Soldo

PAGINA AUTOGESTITA E DENUCLEARIZZATA www.costituentecologista.it – www.politicheverdi.it maniverdi@gmail.com Anno 2012 - n. 10

FOCUS

Il “caso” Ferriera Nord Potenza? Dopo l’esperienza dell’Ilva di Taranto non è più rinviabile il caso Ferriera Nord di Potenza. Più trasparenza per i cittadini. Alla luce degli accadimenti attuali e dopo il caso ILVA, la nostra speranza è che diventi attuale e non rinviabile il caso “FERRIERA NORD SPA” – stabilimento Siderpotenza e che non si faccia, ancora una volta, finta di niente. L’ILVA, non avendo provveduto in tempo, dovrà adottare misure imponenti per evitare la reiterazione dei reati alla base dell’inchiesta della Procura della Repubblica e che, secondo le perizie dei tecnici, hanno provocato morti e malattie. Noi Ecologisti e Reti Civiche – Verdi europei della Basilicata lo facciamo partendo da un punto: nell’’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata con deliberazione della Giunta Regionale n. 176 del 22 febbraio 2012, all’All. 1, che è parte integrante e sostanziale di detta deliberazione, sono riportate le prescrizioni da imporre con il provvedimento autorizzativo e che, a nostro parere, è da integrare ed è mancante di una chiara presa di posizione del Sindaco di Potenza a cui la legge da tutti gli strumenti per poter dire con forza la sua. Il D. Lgs 152/2006 – art. 29quater, comma 5 ha acquisito le precedenti prescrizioni di cui agli artt. 216 e 217 del Regio Decreto 27 luglio 1934, n. 1265 ed il parere dell’ARPAB per quanto riguarda il monitoraggio ed il controllo degli impianti e delle emissioni nell’ambiente. Ne saremmo grati se ci pervenisse qualche indicazione sul reperimento dei suddetti dati (al solo fine di renderli pubblici), agli Uffici competenti gli esiti dei controlli e delle ispezioni effettuate. Fuori da tecnicismi la cosa positiva è che oggi le prescrizioni ci sono. La cosa seria è che si eseguano con scrupolo, serietà e soprattutto con trasparenza.

La gente di Potenza vuole sapere.

La gente ha tutto il diritto di essere informata. Per questa ragione è urgente che gli Enti interessati (Regione Basilicata, Provincia di Potenza, ASP e Comune di Potenza), coinvolgendo le associazioni e i cittadini, si incontrino e mettano su un “Tavolo della trasparenza sulla Siderpotenza”. Il rischio reale che intravediamo è il seguente: Tanti Enti = Tanta Confusione o peggio che tutti facciano a scaricabarile. Per evitare una tale eventualità, bisogna che uno solo dei suddetti Enti prenda la responsabilità del coordinamento. Partendo dal punto: “In che rapporto stanno le competenze tra AIA e Sindaco”? Secondo noi, l’ “ente” naturalmente preposto è il pri-

AIA FERRIERA NORD: Quali sono state le prescrizioni del Sindaco di Potenza, Vito Santarsiero?

mo cittadino della città sul cui territorio è ospitato l’impianto. D’altronde l’AIA è un istituto introdotto dal D. Lgs n. 59 del 18 febbraio 2005 ed essa si proponeva di risolvere con un’unica autorizzazione le tante che erano necessarie per far funzionare un impianto industriale inquinante. Il D. Lgs. 59 del 2005, al comma 11 dell’art. 5, modificato dall’art. 36 del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, ha previsto un COORDINAMENTO fra le due discipline, “IMPONENDO” all’autorità che rilascia l’AIA (ovvero la Regione Basilicata), di ACQUISIRE, in sede istruttoria, le prescrizioni del Sindaco di cui agli artt. 216 e 217 del Regio Decreto 27 luglio 1934, n. 1265, di tenerne conto nel rilascio dell’autorizzazione. Per noi sarebbe estremamente interessante sapere quali sono state le prescrizioni del Sindaco, Vito Santarsiero. A nostro parere il Sindaco, pur riconoscendo che il giudizio di compatibilità può essere emesso anche in assenza dei predetti pareri, doveva, per i poteri del Sindaco dati dal TULS 1265/1934, dopo aver acquisito il parere del responsabile di Igiene e medicina di comunità e il direttore del distretto ASL di Potenza, classificare la Ferriera Nord Potenza come industria insalubre e consigliare l’allontanamento dal centro abitato. Comunque non è mai troppo tardi. Al Sindaco è conferito il potere di intervento anche a POSTERIORI, consentendogli “in presenza di circostanze intervenute successivamente al rilascio dell’AIA” e qualora “lo ritenga necessario nell’interesse della salute pubblica” di chiedere alla Regione Basilicata il riesame, in vista ovviamente di una revoca o modifica, dell’autorizzazione stessa. In sintesi, il potere di far allontanare una qualsiasi industria in quanto insalubre, da parte del Sindaco, è degradato a potere di intervento e di promozione

procedimentale nei riguardi della Regione, che accentra tutte le competenze in materia. Per noi Ecologisti e reti civiche – Verdi europei è superfluo considerare la Ferriera Nord Potenza, un’Industria “altamente inquinante”, dalle tante problematiche e anomalie ambientali, che si trova nel centro di un’area urbanizzata che, ne prendiamo amaramente atto, nulla è stato fatto, nulla è cambiato, anzi la cui situazione ambientale generale è peggiorata negli ultimi anni. Pensiamo alla situazione ambientale delle zone limitrofe all’industria siderurgica. In particolare alla situazione ambientale di Bucaletto. Qui non è certo migliorata l’emissione dei fumi da parte della Ferriera. Gli abitanti di Bucaletto denunziano sempre più spesso fastidi alle vie respiratorie ed anche alla persistenza di rumori e tremolii molesti. Va sottolineato che già qualche anno fa la magistratura chiese il fermo degli impianti poiché sia i fumi che i rumori erano da monitorare e che stranamente vengono emessi soprattutto di notte. La gente ha diritto ad un monitoraggio di aria, acqua e suolo in modo continuo e trasparente. Tutti i cittadini sanno che le industrie insalubri di 1° classe come la Ferriera Nord Potenza disperdono in atmosfera gas e polveri sottili (PM10 ma anche PM2,5 – queste ultime non indicate per il controllo nell’AIA rilasciata dalla Regione Basilicata alla Ferriera Nord quando, invece, vanno richieste). Dalla sua nascita la Siderurgica di Potenza non ha mai diffuso pubblicamente i risultati di analisi effettuate nei pressi dello stabilimento, ci si è sempre limitati a semplici “tutto a posto” e rassicurazioni di facciata. Il caso ILVA deve far riflettere, quando è in gioco la salute dei cittadini si deve operare con determinazione e trasparenza. Solo cosi si salvaguardano salute e posti di lavoro. In conclusione aderiamo all’appello, fatto dai tanti ecologisti della nostra Regione, che si sono interessati dello Stabilimento Pittini, all’ARPAB, al Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata e al Sindaco di Potenza affinché vengano resi noti i dati dei monitoraggi effettuati nei pressi della Ferriera Nord Potenza. In caso contrario speriamo che la Magistratura, come è successo a Taranto per l’ILVA, faccia il proprio dovere. Mario Nicola Di Dio Giovanni Mussuto

Vulture Magazine, 12 ottobre 2012  

notizie dal cuore della Basilicata

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you