Page 1

Giugno 2012 - informazione sugli eventi culturali e sociali della nostra città

LAVORI PIAZZA FORTUNATO

La nostra piazza, d’estate

30 Maggio 2012

6 Giugno 2012

12 Giugno 2012

Fa un bell’effetto questa piazza, la nostra, quella dell’infanzia, quella dei “peripatetici” come l’avrebbero definita ad Atene qualche millennio fa. E invece è la nostra piazza, quella che fa da occhiello e da biglietto da visita. E ora è sconvolta per i lavori di ammoderna mento: si rinnova, si cambia, si guarda al futuro, “lotti” e soldi permettendo. Siamo fiduciosi che ci sarà un volto nuovo. Una simbiosi fra l’antico e il moderno. Anzi, il postmoderno: gli architetti sanno guardare

sempre oltre il contingente, lo status e la stasi urbanistica. E noi la ricorderemo com’era, quel quadrato circondato dal traffico, il punto di incontro secolare di affari e di negazione dell’ozio (il

negozio appunto). E il cinema dei Combattenti, che per prima di ogni altra sala in Basilicata (era il 1972, un secolo fa) proiettò Il Padrino di Coppola: code lunghissime per

quell’evento che cambiò la storia del cinema e anche da noi, prima che declinasse, proprio quella storica sala, in cinema hard anni Ottanta. Quella piazza oggi che è un Ground Zero, in attesa che rinasca più florida di prima, più fluente e fluttuante, più armonica (si spera) con il tessuto urbano e sociale. Vedrete, sarà un simbolo di avvenire da far invidia a tutte le altre cittadine e non solo nella nostra regione. Vedrete. Vedremo… Siamo certi che sarà il futuro a portata di mano. Oggi è purtroppo un campo di macerie, un


cantiere che è meglio evitare anche con lo sguardo del buontempone che ca a guardare gli operai che lavorano. E che lavorino in fretta gli operai, c’è un’ansia di futuro che non avete idea… Stiamo ad aspettare, mentre le cartoline in bianco e nero raccontano di quella Piazza, la Giustino Fortunato e XX Settembre che si coloravano di vestiti della festa e di processioni: Corpus Domini e Madonna del Carmelo, prima che spuntasse il palazzo a cinque piani, anche quello messaggero di futuro da elevare sopra l’antico lavatoio, retaggio quello sì di sacrifici e di miserie. La piazza aspetta il suo divenire, la storia si fa anche con i sacrifici, gli stessi che affrontano i cittadini e i negozi del centro, in attesa dell’anno che verrà. Armando Lostaglio (la foto della copertina è di Giovanni Marino)

INDUSTRIA GRAFICA FOTOGRAFICA Rionero in Vulture, C.da Scavone Zona PIP, Tel. 0972.723507 www.digitalpoint1.it

Premio Regionale di Poesia “I dialetti lucani”

Rionero - Azalee in Piazza Raccolti 6.600 Euro L'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, ente privato senza fini di lucro, è stata fondata nel 1965 grazie all'iniziativa di alcuni ricercatori dell'Istituto dei Tumori di Milano, fra cui il Professor Umberto Veronesi e il Professor Giuseppe della Porta, avvalendosi del prezioso sostegno di noti imprenditori milanesi. Dall'anno della sua fondazione AIRC si è sempre impegnata a promuovere la ricerca oncologica nel nostro Paese e si è progressivamente ampliata, fino a contare oggi 17 Comitati Regionali e quasi 1.800.000 Soci, tante persone che con la loro generosità sostengono l'Associazione, consentendole di esistere e di andare avanti. L'attività di AIRC consiste nel raccogliere ed erogare fondi a favore del progresso della ricerca oncologica e nel diffondere al pubblico una corretta informazione in materia. La raccolta di fondi avviene in vari modi: per il 50% attraverso iniziative nazionali e locali rivolte

al grande pubblico e tramite progetti che coinvolgono il mondo del lavoro, per il restante 50% con la sottoscrizione in risposta alle lettere ed ai messaggi inviati per corrispondenza. I fondi vengono destinati alla ricerca sul cancro attraverso un processo di selezione e supervisione rigoroso, meritocratico e trasparente. La severità e professionalità delle valutazioni dei progetti di ricerca e delle borse di studio sono assicurate dalla Direzione scientifica il cui staff è costituito da persone di rilevante expertise tecnico scientifica. Questo organo coordina il processo di valutazione e il supporto ai lavori del Comitato tecnico scientifico, composto da 24 ricercatori, uomini e donne, che coprono ruoli di primo piano nell’oncologia italiana. A fianco del Comitato tecnico scientifico lavora un gruppo di oltre 400 ricercatori stranieri, scelti fra gli scienziati al top della ricerca sul cancro. Il loro compito è individuare i progetti migliori attraverso un processo che dura circa nove mesi.

Anche quest'anno l'associazione Rivonigro ha rinnovato l'appuntamento con il concorso "iI Dialetti Lucani" memorial Carmine Cassese, l'evento ha avuto luogo presso il centro Sociale "P. Sacco" di Rionero. L'associazione nasce dall'unione di pochi amici,che oggi conta quasi una trentina di soci, e si prefigge in primis di conservare il dialetto rionerese e la sua divulgazione attraverso testi teatrali e libri che il presidente, autore e registra Gerardo Nardozza scrive e dona all'associazione. Per questo è nata l'idea del concorso di poesie in vernacolo, concorso che viene pubblicizzato nelle scuole e in tutta la regione proprio per far intendere a tutti l'importanza della propria identità attraverso il linguaggio primitivo di ogni comunità. Le poesie sono giunte da tanti paesi della Lucania e da Lucani

residenti a Torino e Roma. Anche quest'anno la partecipazione è stata numerosa, patrocinata dal comune di Rionero e dall'Assessorato alla Cultura e dalla provincia di Potenza, la commissione è stata composta dalla Dott.ssa Maria Antonietta Chieppa, Ins. Donato Di Lucchio, Prof. Donato Martiello,e dal Prof. Leo Vitale hanno premiato per la sezione A dei ragazzi : 1° Classificato Paolo Amoroso-Melfi con la poesia MAL TIMP' 2° ex aequo Classificato Francesca GiordanoLavello con la poesia I FESTEN D' LAVIDD 2° ex aequo Classificato Margherita Martino-Lavello con la pesia R' CAMPAGN' D' LAVIDD 3° Classificato Melania Castucci-Lavello con la poesia U CARN'VAL Per la sez. B adulti: 1° Classificato Angelo Catalano-Potenza con la poesia QUAND LU VEND SCISCIAV 2° Classificato Margherita Mattia-Vaglio Basilicata con la poesia E MO' CA SO PUUE'T' 3° Angela Rosa NigroRionero con la poesia PE' MANGHE RE' SCURDA'

Il memorial Carmine Cassese è andato al poeta Giuseppe De MatteoRoccanova con la poesia STORII DI PAIS. Prima dell'inizio della cerimonia della premiazione sia il presidente Nardozza che il vice Sindaco D'Angelo hanno commentato il triste evento che la mattina del 19 maggio ha colpito la città di Brindisi con l'attentato folle alla scuola "Morvillo-Falcone" dove ha perso la vita una giovane ragazza. L'associazione Rivonigro dà appuntamento per la 5° edizione del concorso di poesie "I dialetti lucani" all'anno prossimo e per tante altre iniziative ad un futuro prossimo. Mariella Imbriano youtube.com/rioneroinvulturetv www.siderurgikatv.com


Incontro con l'Autore "Le Logiche di Frank"

Si è tenuta presso la "Piccola" l'incontro con l'autore, al centro di questo evento l'autore Francesco Grieco che ha presentato il suo piccolo capolavoro "Le logiche di Frank", libro che ha riscosso molto successo tra i giovani lettori e ha scaturito molte riflessioni tra i lettori di più grande età. La presentazione è stata alquanto bizzarra e originale visto la location e il modo studiato da parte dell'autore di relazionarsi, infatti la spiegazione della sua opera è stata effettuata attraverso le metodologie telematiche e multimediali oggi da tutti utilizzate,lo stesso fatto di non aver utilizzato alcun tavolo ma un semicerchio tra i relatori come a stare nel salotto di casa Grieco ha dato più contatto con il pubblico. Altra scelta

audace dell'autore è stata scegliere i relatori tra i suoi amici e tra gente che effettivamente hanno letto e stimato il lavoro di Francesco, le autorità erano altresì presenti, ma tra il pubblico l'unica istituzione a relazionarsi è stata quella del sindaco di Rionero Antonio Placido che ha dato comunque un gradito contributo. Tra i relatori i soci dell'associazione Vulcanica, della appena nata associazione Le Monadi ed un rappresentante dell'Azione Cattolica Italiana.

generazione che sembra essere incapace di risolvere i problemi del giorno d'oggi ma che in questa situazione ha dimostrato invece di essere consapevole di quello che gli sta accadendo intorno e lo hanno dimostrato anche i giovani relatori nelle loro parole. Quindi perchè non mettere in discussione i concetti e logiche di Frank? Vibrazioni Lucane fa i migliori auguri a Francesco neo-autore di questa cittadina, che ormai come tante altre sembra esser caduta in un abisso, affinchè attraverso il suo pensiero sia di contributo ad un cambiamento positivo. Mariella Imbriano

Il libro di Francesco sicuramente risulta essere attualissimo visto l'argomento trattato e cioè la precarietà che ormai sovrasta le nostre vite, e la spiegazione attraverso i concetti di Frank sul come anche questa precarietà potrebbe essere, secondo l'autore , più sopportabile e perchè no risolvibile. Una dimostrazione plausibile al giorno d'oggi sul come anche i giovani cercano soluzioni, una

youtube.com/rioneroinvulturetv www.siderurgikatv.com

"La Famiglia Amendola: Una Scelta di Vita per l'Italia"

la storia di una famiglia e di un paese La Fondazione Giustino Fortunato e la Fondazione Giogo Amendola hanno presentato a Rionero, il 9 Febbraio 2012, presso la Biblioteca Giustino Fortunato il volume “La famiglia Amendola una scelta di vita per l’Italia” a cura di Giovanni Cerchia. Alla presentazione hanno partecipato Antonio Placido, Sindaco di Rionero; Francesco Barbagalli, Presidente Fondazione Giustino Fortunato; Prospero Cerabona, presidente Fondazione Giogo Amendola. La serata letteraria è stata arricchita dalle relazioni di Marco Paolino, Vice Presidente Fondazione Fortunato; Giovanni Cerchia e Giovanni Caserta, Comitato Scientifico Fondazione Amendola; Giuseppe Cacciatore,

Docente Università Federico II di Napoli. «Mio bisnonno mazziniano, mio nonno garibaldino, mio padre antifascista, io comunista». Così Giorgio Amendola descriveva le sue radici e al tempo stesso la profonda continuità del suo impegno di uomo pubblico con quei movimenti di pensiero e di azione politica ai quali si deve il tribolato raggiungimento di un’identità della nazione italiana. A 150 anni dall’Unità del Paese un libro a più voci, che riunisce i contributi della più avanzata storiografia, traccia finalmente un quadro d’insieme della famiglia Amendola e dei suoi componenti nelle varie generazioni. Ne viene fuori un mosaico che pare la fotografia in controluce dei passaggi più critici della recente storia italiana. Dalla difesa della legalità e della democrazia del padre Giovanni, alla lotta per la promozione e l’allargamento dei diritti delle fasce popolari dei suoi figli Giorgio, Antonio e Pietro, la storia degli Amendola è scritta anche col sacrificio personale, tessuta di decisioni difficili,

spesso controcorrente rispetto alla situazione del Paese, sempre nel segno di una coerenza e di un impegno morale e civile rari. Riflettere sulle vicende umane e politiche di questa famiglia ci sembra utile per capire meglio la storia del nostro Paese e comprendere le risorse che spesso ne costituiscono l’aspetto migliore. Giovanni Amendola, uomo politico liberaldemocratico e studioso di problemi etico-filosofici e politici, fu senz’altro uno dei principali e più forti oppositori di Mussolini e della sua marcia verso il potere e pagò con la vita il suo strenuo impegno (morì nel 1926 in seguito alle bastonature fasciste). youtube.com/rioneroinvulturetv www.siderurgikatv.com


PRIMA EDIZIONE DEL CONCORSO “ MICHELE PREZIUSO” Rionero, premiati gli alunni partecipanti delle varie scuole del Vulture.

Nel quadro delle iniziative volte alla realizzazione del progetto. ”Conoscenza e memoria di Michele Preziuso”, per l’anno scolastico 2011-2012, la scuola Primaria Statale di Rionero, a lui intitolata tre anni fa, ha promosso e realizzato un Concorso finalizzato all’assegnazione di borse di studio e di Menzioni Speciali con donazione libraria agli alunni più meritevoli delle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Potenza. La manifestazione conclusiva di assegnazione dei riconoscimenti previsti si è svolta venerdì 1 giugno 2012 presso il Centro Sociale”Pasquale Sacco” di Rionero, in un affollato Auditorium composto da docenti, dirigenti scolastici, alunni delle scuole della provincia partecipanti e non al concorso, genitori, associazioni culturali varie e cittadini. Hanno partecipato al Concorso le scuole di ogni

ordine e grado dei comuni di Melfi, Rionero, Lavello,Venosa, Barile, Rapolla, Filiano. La partecipazione si è articolata attraverso un lavoro didattico serio ed impegnativo, che ha visto protagonisti gli alunni e i docenti di sette scuole primarie, quattro scuole Medie e cinque Istituti Superiori. Quarantatre, invece, il numero delle classi che hanno partecipato alle attività didattiche di conoscenza e approfondimento della figura di Michele Preziuso (1888 1921). Ottocentoquarantacinque sono gli alunni che hanno partecipato alle attività, trentasei i docenti che hanno diretto con passione e competenza i lavori, centoventicinque gli elaborati inviati alla Commissione concorsuale. La Commissione concorsuale è stata rappresentata, in qualità di membri interni, dalle insegnanti Angela Brienza, Carmela Dereviziis, Eugenia Di Gennaro, Emilia Nittolo, Ileana Paolino, Rossella Ricci, Maria Rosiello; come membri esterni gli insegnanti Giuseppe Chieppa ( in qualità di coordinatore operativo), Letizia Calice, Anna Napolitano, Anna Rosa e la dirigente scolastica Maria Luigia Bozza. Presidente della Commissione è stato il dott. Gerardo Antonio Pinto, dirigente della scuola

Primaria ”Michele Preziuso” di Rionero. Le borse di studio attribuite agli alunni della Scuola Primaria sono state di Euro 150 per ogni sezione, quelle attribuite agli alunni della Scuola Secondaria di I grado di Euro 200 per ogni sezione, quelle attribuite agli alunni della Scuola Secondaria di II grado di Euro 300 per ogni sezione. Il tema del concorso: “Michele Preziuso, l’uomo, il politico, l’educatore”, è un tributo all’illustre uomo di scuola. Tutti i lavori inerenti al personaggio hanno sottolineato, con linguaggi e contenuti diversi, i molteplici aspetti della sua vita, che è stata attraversata dalla persecuzione sistematica della dittatura fascista e dalle sofferenze che ha procurato a lui e alla sua famiglia, dal suo notevole spessore di educatore (vincitore di un concorso nazionale per dirigenti scolastici in cui si classifica terzo su 300 concorrenti, diritto che gli fu negato dal Fascismo in quanto intransigente antifascista), E’ stato insegnante innovativo e moderno, autore dell’opera “I grandi precursori della scuola” e di altri due libri sul pensiero filosofico attraverso i secoli e sulla storia della Basilicata. E’ stato direttore della Scuola di Avviamento Professionale, Sindaco di Rionero e Consigliere Provinciale dalle spiccate capacità politiche ed amministrative che lo hanno

reso popolare ed amato da un vasto elettorato del Vulture Melfese. La molteplice personalità di Michele Preziuso è inoltre attestata anche dall’impegno sindacale, che lo ha visto Segretario Provinciale della Confederazione Generale del Lavoro (settore Scuola). Hanno premiato gli alunni meritevoli l’ins.Vittoria Cicchitto Bellavia, nipote di Michele Preziuso, il sindaco di Rionero Antonio Placido, l’assessore all’Istruzione prof.ssa Paola D’Antonio, il presidente dell’impresa edile “Prisma - Sirio Habitat” Donato Scavone, il dirigente scolastico in pensione dott. Alfredo Bocchetti, Aldo Laspagnoletta, in rappresentanza dell’Associazione Partigiani d’Italia sez. di Melfi, il prof. Armando Urbino, Presidente della sezione ANPI di Rionero, il dirigente della scuola primaria “Michele Preziuso” dott. Antonio Gerardo Pinto e l’’assessore del comune di Barile Leonardo Croce. Per la Scuola Primaria, nella sezione Letteraria, il 1° premio è andata alla classe V B T.M. del primo circolo didattico di Melfi “F.S.Nitti”. Ex - aequo 1° premio alla classe V C T.M. del secondo circolo didattico di Lavello plesso “ Madonnina”. Sempre per la Scuola Primaria, nella Sezione Artistica, il 1° premio è stata assegnato alla classe V E a T.P. della scuola primaria “Michele Preziuso” di Rionero.

Passiamo ora ai premiati della Scuola Secondaria di primo grado. Nella Sezione Letteraria il 1° premio è stato vinto dalle classi V A – B della scuola Media di Filiano. Anche qui un ex-aequo conferito ad un gruppo di alunni della classe II D della scuola media “Michele Granata” di Rionero e ad un gruppo di alunni della classe III A della scuola media “Giovanni XXIII” di Barile. Bravi i cinque alunni della classe III A della scuola “Berardi” di Melfi che hanno vinto il 1° premio della Sezione Multimediale. Ultimo per ordine di grado, i premi conferiti alle Scuole Secondarie di Secondo Grado. Nella Sezione Letteraria il 1° premio è andato all’alunno Biagio Guarnaccio della classe V A del Liceo Scientifico ” Federico II” di Melfi. Invece nella Sezione Multimediale abbiamo un 1° premio exaequo; all’alunno Enrica Marchitiello della classe V C del Liceo Scientifico “Federico II” di Melfi e agli alunni Giuseppe Zaccardi e Antonio Schirò della classe III E del Liceo Scientifico di Rionero Per concludere la Sezione Artistica. 1° Premio agli alunni Valerio Callimo e Giuseppe Vucci del Liceo Artistico “Carlo Levi” di Rionero. Menzioni Speciali di merito sono stati conferiti, con donazione libraria, agli alunni della Scuola Primaria V A T.M. del Primo Circolo didattico di Lavello e all’alunno Francesco Pierro

della classe V A della Scuola Primaria “Michele Preziuso” di Rionero, alla classe V C T.M. della Scuola “F.S.Nitti” di Melfi, ad un gruppo di alunni della classe V A della Scuola Primaria “Giovanni XXIII” di Barile. Presente in platea quattro ex alunni del maestro Michele Preziuso ed il vecchio militante socialista e suo fedele seguace, Vito Viglioglia. I lavori premiati e oggetto delle Menzioni Speciali saranno pubblicati in un libro su Michele Preziuso che la Scuola Primaria di Rionero produrrà. La premiazione è stata diretta dall’ins.Giuseppe Chieppa, in qualità di Direttore della Rivista “Valori”, che ha introdotto e coordinato i lavori della manifestazione. youtube.com/rioneroinvulturetv www.siderurgikatv.com

Stampato in Proprio Supplemento a Piccola Città, Autorizzazione Tribunale di Melfi n.2/91, Direttore Responsabile Armando Lostaglio www.comunedirioneroinvulture.pz.it Numero Verde 800-604444 www.youtube.com/rioneroinvulturetv

www.siderurgikatv.com Associazione Vibrazioni Lucane Via Ortilizi, Rionero (Pz) evasion.giornale@libero.it

Info Rionero, giugno 2012  

informazione sugli eventi culturali e sociali della città