Issuu on Google+

Foglio di informazione gratuito della comunità cunardese

LUGLIO

Comune di Cunardo Proloco di Cunardo

CUNARDO INFORMA – Numero 05 – luglio 2012

Dipendenza da gioco: un aiuto concreto

EDITORIALE

Grazie mille… anzi… 5 per mille… Grazie ai cunardesi che hanno firmato la propria dichiarazione dei redditi per destinare una parte dell’IRPEF a sostegno delle attività sociali svolte dal Comune. Una firma che non costa niente ma conta tantissimo perché contribuisce a ridurre le situazioni di disagio che non mancano nel nostro paese e che sono in continuo aumento; sempre più famiglie si rivolgono ai servizi sociali, persone che non avrebbero mai pensato di dover ricorrere all’assistenza pubblica. Per molti non è facile chiedere aiuto mentre alcuni lo fanno troppo facilmente. Le difficoltà portate all’attenzione dell’Assistente Sociale non sono solo di tipo economico, ci sono i problemi di salute, i conflitti familiari, le solitudini, le dipendenze. L’impegno principale dell’Amministrazione Comunale è quello di garantire a tutti i cittadini residenti gli stessi diritti con un’attenzione particolare per i più deboli e per i minori. Fondamentali i progetti sulla prevenzione per evitare interventi ben più costosi quali i ricoveri in comunità sia per minori che per anziani. Una “storia” che circola va decisamente smentita: non esistono contributi “a pioggia”, non ci

sono categorie di persone che ricevono benefici in denaro dal Comune. L’ufficio dell’Assistente Sociale non è uno sportello bancomat. I soldi destinati agli interventi sociali non vengono spesi con leggerezza, ogni intervento è progettato attentamente, i fondi appartengono alla comunità ed alla comunità ritornano sotto forma di servizi per una migliore convivenza. Ogni cittadino, ognuno di noi, contribuisce a costruire il paese in cui vive. Cunardo è e sarà quella che noi vogliamo: sporca o pulita, viva o morta, accogliente o chiusa in se stessa, egoista o solidale. Scegliamo noi quale volto vogliamo dare al nostro paese. Da parte sua questa Amministrazione Comunale è fortemente impegnata per far crescere un paese dove ognuno possa trovare risposta alle proprie esigenze e stare bene insieme a tutti gli altri… anche se a volte la risposta può essere un no!

Pinuccia Mandelli Assessore Servizi alla Persona

È riconosciuto come patologia a partire dagli anni ’80 dalla comunità scientifica mondiale, ma ancora oggi la percezione comune non è quella di una malattia. Stiamo parlando del gioco d’azzardo che il celebre Manuale statistico diagnostico dei disturbi mentali classifica come patologia da più di 30 anni. Un problema vecchio quindi ma che negli ultimi anni ha registrato un boom. A livello mondiale ma anche locale; da qui l’istituzione di sportelli di aiuto, un servizio realizzato nell’ambito del progetto “Stressati dal gioco d’azzardo”, finanziato dalla Regione Lombardia e diretto dall’associazione “And “(acronimo di azzardo e nuove dipendenze). Anche Cunardo, come avevamo accennato nel numero di marzo, sarà sede di uno di questi sportelli presso il centro d’Ascolto Caritas, curato direttamente dalla psicoterapeuta e psicologa Roberta Smaniotto: «Il servizio nasce da un forte esigenza del territorio commenta la psicologa –. La situazione in provincia di Varese è drammatica: sono sempre di più le persone che perdono il controllo sul gioco d’azzardo. Non solo quello tradizionale al casinò ma anche l’utilizzo di Gratta e Vinci, scommesse, partite al Bingo che sono le forme più subdole perché si pensa non possano creare

dipendenze. Con lo sportello, attivo su appuntamento presso il Centro d’ascolto Caritas, vogliamo fornire uno spazio di ascolto e di cura per uscire dall’isolamento e dalla vergogna. Il servizio infatti è gratuito e la privacy è garantita». Lo sportello è quindi il primo passo per risolvere un problema complesso dalle mille sfaccettature: «Il gioco d’azzardo - commenta Smaniotto - non coinvolge solo il giocatore ma tutta la sua famiglia, la sfera economica, lavorativa e relazionale». Se negli anni passati le occasioni di gioco erano limitate ai casinò ad oggi si sono moltiplicate. Con il web si polverizzano anche i tempi di attesa: se con la tombola old style si doveva attendere la fine della partita, ora basta un click per vincere ma soprattutto perdere. Difficile anche individuare i sintomi: «Non è facile riconoscere la patologia - afferma la psicologa -. I sintomi più evidenti possono essere “buchi” inspiegabili nel bilancio familiare, mancanza di affidabilità, irritabilità esagerata ed eccesiva riservatezza. Quando ho cominciato ad occuparmi di gioco d’azzardo - racconta Smaniotto - ho incontrato molte donne che venivano da me pensando di vivere una crisi di coppia. Mariti assenti e sempre meno affidabili (Continua a pag. 2)


2 CUNARDO INFORMA – Numero 05 – luglio 2012

PRIMO PIANO

Premio Cunardo

Riprendendo l’antica tradizione del “Premio Cunardo”, l’Amministrazione Comunale ha ufficialmente istituito le benemerenze civiche tramite un nuovo regolamento. Saranno così annualmente premiate le attività di tutti coloro che con opere concrete nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, del lavoro, della scuola, dello sport, con iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico, con particolare collaborazione alle

attività della pubblica amministrazione, con atti di coraggio e di abnegazione civica, abbiano giovato a Cunardo, sia servendone con disinteressata dedizione i suoi cittadini, le sue istituzioni, gli enti, i gruppi e le associazioni, sia rendendone più alto il prestigio attraverso la loro personale virtù. Tre le tipologie di riconoscimento: cittadinanza onoraria, medaglia d’oro civica e Premio Cunardo. Le candidature, che potranno essere presentate dai Consiglieri comunali e dalle associazioni cunardesi, saranno selezionate da una apposita commissione ed assegnate ufficialmente con delibera di Giunta nel mese di novembre. A dicembre invece è prevista la loro consegna ufficiale nel corso di una cerimonia pubblica.

Un aiuto concreto

(...) erano in realtà vittime del gioco d’azzardo». A essere colpite tante fasce diverse della popolazione: «Il pensionamento è un momento critico - sostiene la dottoressa -. Spesso i neo pensionati si sentono soli e riempiono il vuoto lasciato dal lavoro con le slot machine. Per i giovani il rischio maggiore è il poker online: è sempre più alto il numero di ragazzi che abbandonano gli studi convinti di diventare campioni di texan holdem poker». Ma le vincite facili del tavolo verde sono illusorie e abbandonare il vizio è un percorso in salita: «Per prevenire la patologia organizziamo incontri di

sensibilizzazione nelle scuole, mentre per chi è già vittima del gioco d’azzardo è prevista una terapia di almeno due anni anche per arginare le ricadute con il fondamentale sostegno delle famiglie». Per prendere contatto direttamente con la dottoressa Smaniotto, nel pieno rispetto della privacy, si può chiamare il 339 3674668 oppure il 3341186103. Erica Besoli

CONTATTI DOT.SSA SMANIOTTO Tel. 339 3674668 oppure Tel. 334 1186103

meno burocrazia grazie a internet

Tagliare i costi e semplificare la burocrazia sono tra le priorità delle Amministrazioni comunali e Cunardo non fa di certo eccezione. Nel corso del Consiglio Comunale di maggio è stato infatti votato il nuovo regolamento per la notifica delle comunicazioni riguardanti Giunta e Consiglio. A partite dal mese di giugno gli amministratori comunali potranno ricevere tutte le comunicazioni, le convocazioni e le delibere via e-mail. «Utilizzando internet otteniamo immediatamente due benefici – afferma

l’Assessore all’istruzione Paolo Bertocchi -. Si risparmia tempo e si evita di sprecare montagne di carta. Inoltre fino ad oggi toccava ai vigili fare da “postini” per notificare tutti gli avvisi, compito questo che sottraeva tempo al loro orario di servizio sulle strade. Sollevandoli da questo incarico – conclude Bertocchi – potranno essere ancora più presenti sul territorio comunale». Un’ulteriore dimostrazione che utilizzando al meglio le nuove tecnologie si possono trarre concreti benefici per tutta la comunità.

Spazio Blu e Porto: due azioni per le famiglie Si è conclusa la scorso mese di giugno la XIII edizione di “Spazio Blu”, l’azione di sostegno scolastico e sociale dedicato agli studenti delle scuole elementari e sviluppata nell’ambito del progetto “Abitare la Valganna e la Valmarchirolo”. Insieme alle altre azioni “Challenges”, “Nessuno nasce imparato” e “Scuola verde” è stato finanziato grazie ai fondi della ex legge 285/97, al contributo della Comunità montana del Piambello, dell’amministrazione comunale cunardese e degli altri Comuni aderenti. « Siamo partiti nel 1999 – racconta Pinuccia Mandelli, assessore e coordinatrice del progetto – e il nostro obiettivo è da sempre quello di fornire un aiuto ai genitori, specie quelli che lavorano - nel difficile compito della gestione dei figli». Da ottobre a maggio gli operatori, selezionati tramite la parrocchia e l’oratorio,

seguono gli studenti con un sostegno personalizzato nella didattica, strizzando l’occhio alla socializzazione e allo spirito di gruppo. «In qualità di animatrice – racconta la Mandelli - ho incontrato tante situazione di disagio ma siamo comunque riusciti a regalare ai più piccoli tanti spicchi di serenità». Quest’’anno hanno partecipato circa 26 bambini che tra tabelline, letture e studio sono riusciti a migliorare il rendimento scolastico: «Agiamo in stretta collaborazione con le insegnanti – afferma Mandelli – per personalizzare il sostegno agli alunni e cercare di riempire le lacune. I risultati sono spesso positivi e i ragazzi acquisiscono maggiori competenze». Se con l’azione “Spazio Blu”, l’Amministrazione comunale ha pensato a un sostegno scolastico per i bambini che frequentano le scuole (continua a pag. 3)


3 CUNARDO INFORMA – Numero 05 – luglio 2012

palio 201 2

Il Borgo si aggiudica il Palio dei Rioni 2012 Alla fine anche quest’anno a salire sul gradino più alto del podio è stato il rione Burg che si è aggiudico l’ambito Palio dei Rioni 2012. Una vittoria pronosticata ma sudata più del previsto.  Fino al penultimo giorno infatti in testa alla classifica si trovava il rione Filanda che sognava la medaglia d’oro davanti a Pozzo Castelvecchio, Sass Murun, Raglio e, solo al quinto posto, il Borgo. Decisive sono state quindi le gare di domenica che hanno visto i campioni uscenti recuperare punti e posizioni grazie al tiro alla fune e alla cronoscalata. I vincitori hanno commentato così la vittoria sulle pagine del loro blog: «Alla fine la classifica (...) elementari, ha un occhio di riguardo anche per gli studenti delle scuole medie: il “Porto” (è questo il nome dedicato al servizio per le scuole di secondo grado) ha la stessa filosofia dello “Spazio Blu”: «Il nostro percorso prevede di affiancarci agli alunni durante lo svolgimento dei compiti - spiega Davide Di Giuseppe, insegnate di lettere e coordinatore del progetto. Al “Porto” svolgiamo anche corsi di teatro, judo e pallavolo». Durante la scuola il progetto è molto frequentato, mentre la maggior parte degli abbandoni si verifica negli ultimi mesi dell’anno scolastico: «Le giornate si allungano e complice la minore mole di compiti, la frequenza diminuisce afferma Di Giuseppe -. É comprensibile anche se è importante frequentare fino all’ultimo per mantenere i risultati acquisiti».

da  Mirko,  Marco  e Sergioconclude Bertocchi - che con un po’ di follia e tanta pazienza hanno rimesso in piedi questa manifestazione e hanno restituito il Palio ai cunardesi».

Classifica 2012 ha premiato di nuovo il Burg, ma, considerando che fino a dieci minuti prima delle ultime gare ben tre Rioni competevano ancora per il primo posto, possiamo dire che questo è stato il Palio più affascinante di tutti.   La vittoria è una cosa in più, che fa ovviamente piacere, ma che non cancella le emozioni più belle, ovvero quelle derivanti dallo stare insieme. Questo è Palio, questo è divertirsi, questo è “essere una comunità”, questo è essere Cunardesi, questo è essere Italiani». Proprio la voglia di stare insieme è stata la cifra della premiazione

finale, avvenuta domenica 24 giugno in piazza IV novembre: sul palco strette di mano e sorrisi tra i Capirione mentre i membri del Punt Niv hanno salutato ironicamente il loro ultimo posto a bordo di un Ape car. «Complimenti al Rione  Burg  che ha meritatamente vinto il  Palio dei Rioni 2012 – commenta a nome del Comune l’assessore Paolo Bertocchi -. Si sono dimostrati ancora una volta i più forti nel corso delle 17 discipline». Non sono poi mancati i ringraziamenti agli organizzatori della manifestazione: «Un grazie al Comitato Palio formato

1° Burg 138 2° Filanda 134 3° Sass Murun 132 4° Pozz- Castel 130 5° Rai 130 6° Punt Niv 110 festa della patata La Festa della Patata 2012, organizzata dalla Scuola materna di Cunardo, si svolgerà presso la Baita del Fondista venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 agosto.

Assegnate le borse di studio 2012 Alla fine è andata alla classe quarta delle scuola elementare Vaccarossi la borsa di studio istituita dal gruppo “Amici di Claudia” per premiare l’impegno sociale sui banchi di scuola. Il progetto che ha fatto aggiudicare il premio agli allievi è dedicato alla Lis, acronimo che indica la lingua dei segni: « L’idea è partita perché in classe è presente uno studente sordo – racconta la vicepreside dell’istituto Rosaria Soldati -. Abbiamo cercato di favorire la sua integrazione con il gruppo

imparando la lingua dei segni». Tre insegnanti della classe hanno frequentato un corso ad hoc per apprendere la Lis e hanno poi trasmesso lo speciale alfabeto dei segni ai loro allievi: « I ragazzi erano entusiasti – racconta orgogliosa Soldati-. Con il nuovo linguaggio hanno cominciato a integrarsi perfettamente con il loro compagno speciale. Quando giocano con lui o semplicemente per parlare abbattono ogni barriera proprio attraverso la lingua dei segni. Anche lo studente

sordo ha imparato con noi per la prima volta questo linguaggio che ormai è diventato il suo ponte comunicativo verso il mondo». Premi anche per due studenti delle scuole medie: Eleonora Boerci e Giulia Bonora sono le due allieve premiate. Medie scolastiche di alto livello e tanto impegno nei confronti dei propri compagni sono le motivazioni che hanno portato all’assegnazione delle borse di studio.


4 CUNARDO INFORMA – Numero 05 – luglio 2012

news & eventi

Un corso d’italiano per integrarsi Una vita normale. 1800 chilometri per raggiungerla e un corso di italiano per realizzare tanti sogni. Mihai e Elena Oboroceanu sono marito e moglie, hanno trascorso l’infanzia in Romania e da sei mesi sono arrivati a Cunardo. Lui occhi azzurri vivaci, lei sguardo timido e una laurea in legge hanno scelto il nostro paese per costruirsi un futuro: «Siamo arrivati in questa zona per raggiungere i genitori di Elena che abitavano qui già un po’- spiega Mihai - Da subito siamo stati ben accolti dalla comunità cunardese e il primo passo che abbiamo fatto per integrarci è stato il corso di italiano». Il centro d’ascolto infatti offre un percorso ad hoc per gli stranieri che vogliono imparare la nostra lingua e

alla fine permette di accedere all’esame per ottenere una certificazione riconosciuta a livello internazionale. Elena e Mihai con l’italiano un po’ ci sanno già fare: «Il 40% delle parole del rumeno sono simili alla vostra lingua- mi fa notare Mihai- Il corso di italiano è una bella opportunità: è interamente gratuito e ci permette di migliorare le nostre conoscenze». La voglia di fare gliela leggi negli occhi a questi due giovani di una terra lontana: «Ho una laurea in legge- mi racconta Elena orgogliosa - e adesso vorrei specializzarmi da voi con un master. Ma prima devo migliorare con la lingua italiana. Mio marito per ora è disoccupato ma con le mani in mano di certo non ci sta e si è iscritto al corso per volontari offerto da SOS

Cunardo». Integrarsi? «Per ora non è stato difficile. Ammetto che rispetto ai rumeni - spiega Mihai - voi italiani avete una mentalità più aperta». Mihai e Elena alla fine dell’intervista si lasciano andare ai ricordi: «L’infanzia nel nostro paese ce l’hanno rubata: durante il regime comunista si pativa la fame. La ricchezza era nelle mani di pochissime persone». Ora la situazione politica rumena sta migliorando a piccoli passi: «La corruzione è ancora dilagante - ci dice Mihai - ma qualche miglioramento c’è stato: poco tempo fa il Parlamento ha approvato una legge per frenare la violenza domestica sule donne». Il rispetto per le donne, motori della vita, sarà una dei passi (che richiederanno anni) verso un futuro migliore.

27° Festival

del folklore

Il 27° Festival del Folklore si svolgerà, presso la Baita del Fondista, dal 13 al 22 luglio. Saranno presenti i gruppi di Francia, Perù, Moldavia e Repubblica Ceca. InfoCunardo dedicherà un numero speciale di “CunardoInforma“ alla manifestazione. Per tutte le informazioni visita il sito

www.tencittcunardo.com

CSI Memorial “Lauria”: Bollettini Postali: una partita per ricordare un risparmio per gli anziani

Se siete appassionati di calcio, segnate in agenda le giornate del 7 e dell’8 luglio. Due giorni interamente dedicate al “Memorial Salvatore Lauria”, il torneo di calcio a sette che si svolgerà al campo di via San Francesco a Cunardo. « Siamo giunti alla quarta edizione – spiega Vincenzo Niesi del CSI Cuanrdo- e anche quest’anno giocheremo in memoria di Salvatore, giovane cunardese morto una decina di anni fa in un terribile incidente stradale». In campo 16 squadre che giocheranno in un torneo ad eliminazione: «Sabato si giocherà dalle 11.30 fino alla una e mezza di notte –afferma Niesi – mentre la domenica fino alle 21.30». Nella due giorni non solo calcio: spazio agli stand

gastronomici e alla cucina open air con la possibilità di pranzo e cena direttamente sul posto accompagnati da un band che suonerà musica live. Se a luglio le partite che vedono coinvolto il CSI cunardese saranno già terminate, la squadra pensa alle competizioni del prossimo anno: «Stiamo lavorando per ampliare la squadra – ci dice Niesi – e per favorire il ricambio generazionale. Di sicuro non sarà semplice vincere al primo tentativo: «Quando si cambiano molti elementi non è mai facile vincere subito ma noi puntiamo tutto sull’impegno e il gioco di squadra». Obiettivo per i prossimi due anni? Passare alla categoria “Eccellenza”.

Costo del bollettino postale ridotto per gli anziani. Dal 2008 il prezzo pieno per un bollettino postale è fissato a 1,10 € mentre per gli over 70 è prevista per legge

una riduzione a 0,77 €. L’iniziativa lodevole però non è spesso supportata da una buona comunicazione: i forum di utenti e consumatori lamentano spesso l’assenza di cartelli all’interno degli uffici che indicano la riduzione dedicata agli anziani. Il bollettino è uno degli strumenti più utilizzati dalla fascia di popolazione over 70 che permette il pagamento di beni e servizi in modo facile, veloce e abbastanza intuitivo.

eventi pubblici - LUGLIO 7-8 luglio - Memorial “Lauria” (Campo Sportivo) 13 luglio - Chiusura GREST - Spettacolo Finale - ore 20.30 (Teatro Parrocchiale) 13-22 luglio - 27° Festival del Folklore (Baita del Fondista) 24 luglio - Opera lirica “Il Trovatore” - ore 21 (Anfiteatro Parco IV Novembre)


CunardoInforma Giugno