Issuu on Google+

Lunaria via Buonarroti, 39 00185 Roma tel. 06.8841880 fax 06.8841859 lunaria@lunaria.org www.lunaria.org

Le attività di Lunaria Lunaria è un’associazione indipendente e senza fini di lucro nata nel 1992. Promuove iniziative di volontariato internazionale ed è attiva nell’ambito delle politiche giovanili. Svolge attività di ricerca, formazione e comunicazione su altreconomia e terzo settore, migrazioni e movimenti globali. Dal 1999 promuove, in collaborazione con 46 organizzazioni della società civile, la campagna Sbilanciamoci! Con le sue attività Lunaria intende sperimentare nuove forme di partecipazione e trasformazione sociale ispirate ai principi di giustizia, solidarietà e democrazia per la garanzia dei diritti civili, sociali e umani in ambito nazionale e internazionale.


Indice Introduzione 1. Volontariato internazionale ed educazione informale 1.1 Campi di lavoro 1.2 Animazione giovanile 1.3 Servizio Volontario Europeo (SVE) e volontariato di medio e lungo termine (M-LTV) 1.4 Volontariato senior 2. Il Centro Informagiovani di Venezia-Mestre 3. Migrazioni e antirazzismo 3.1 Ricerche migranti 4. Democrazia e movimenti 5. La campagna Sbilanciamoci! 5.1 Rapporti di ricerca di Sbilanciamoci! 6. Sbilanciamoci.info 7. Reti mediterranee 8. L’altraeconomia 9. Edizioni dell’Asino Eventi 2008/2009 Pubblicazioni 2008/2009 Principali committenti Il bilancio di Lunaria, anni 2007/2008 Sostieni Lunaria Le persone Contatti

2 3 4 5 7 8 10 11 12 14 15 17 19 20 21 22 23 28 30 31 32 33 35


Introduzione Il rapporto sulle attività svolte da Lunaria nel 2009 offre una sintetica panoramica del lavoro dell’associazione su molti temi che ne fanno una struttura poliedrica e costantemente aperta alle novità e agli stimoli sociali e culturali. Negli ultimi anni l’associazione ha avuto una significativa crescita per numero di progetti e ampiezza delle attività, diffusione di pubblicazioni, rapporti con le pubbliche amministrazioni e iniziative politiche. Una crescita quantitativa, ma anche qualitativa che ha avuto una ricaduta sullo spessore culturale, sociale ed organizzativo di tutte le attività. L’associazione è riuscita anche a far convivere armoniosamente la dimensione educativa e culturale delle attività con quella politica e di sensibilizzazione, la dimensione formativa con quella

2

della comunicazione e dell’informazione, quella istituzionale con quella di movimento, quella italiana con quella europea e internazionale. Mettendo sempre al centro i valori fondamentali del nostro impegno che sono alla base del nostro Statuto: la pace e i diritti umani, la solidarietà e la convivenza, la democrazia e la giustizia sociale. Lunaria, con la presentazione di questo rapporto dimostra una volontà di sperimentazione e di innovazione che si confronta con la dimensione concreta di un lavoro quotidiano che si proietta nel tempo. Dai campi di lavoro alle campagne come Sbilanciamoci!, dall’altraeconomia all’antirazzismo e all’immigrazione, dalle attività con i volontari senior agli scambi giovanili e a tante altre iniziative.

I numeri che troverete nel rapporto ne danno una tangibile dimostrazione: nel 2009 abbiamo organizzato 32 campi di lavoro, inviato 372 giovani nei campi di lavoro all’estero (e ospitato 298 volontari stranieri in Italia), 117 giovani sono stati coinvolti in scambi giovanili, attività di animazione e di formazione; 23 ragazzi hanno partecipato ai progetti di Ser vizio Volontario Europeo. Abbiamo promosso 30 iniziative pubbliche (seminari, incontri, ecc.), stampato e diffuso oltre 10.000 copie di pubblicazioni di vario tipo con oltre 100 uscite sulla stampa (quotidiani, radio, tv), collaborato con oltre 35 amministrazioni pubbliche locali, nazionali ed europee. Più di 20 persone hanno composto lo staff dell’associazione e sono quasi 50 i volontari che ci hanno aiutato a portare avanti le nostre attività. Buona lettura!


1. Volontariato internazionale ed educazione informale Scambi, campi di lavoro, attività con giovani e senior

Conoscere il mondo è per chiunque una delle aspirazioni più suggestive. Conoscerlo attraverso attività di solidarietà e di scambio culturale diventa un’esperienza indimenticabile. Per questo Lunaria, ispirandosi ai principi della pace e della cooperazione tra i popoli, promuove da più di 15 anni diverse attività che hanno al centro l’intercultura e il dialogo, la concretezza del fare e la speranza di un mondo diverso, più giusto e senza guerre. In questi 17 anni abbiamo organizzato più di 580 campi di lavoro in Italia e permesso a oltre 15.000 giovani e meno giovani italiani di fare un’esperienza di volontariato in Italia e nel mondo.

gnate nella promozione della pace e dei diritti umani, di uno sviluppo locale partecipato, di una dimensione di solidarietà concreta, di azioni in difesa dell’ambiente e del patrimonio culturale e di innovazione sociale e artistica. Grazie a questa fitta rete di cooperazione, l’associazione è in grado di offrire diverse opportunità: dai campi di lavoro per giovani, adulti e senior al Servizio Volontario Europeo in tutto il mondo, dagli scambi giovanili interculturali a periodi di volontariato all’estero di medio e lungo termine. Le attività di mobilità internazionale diverse dai campi di volontariato sono finanziate principalmente dalla Direzione Generale Educazione e Cultura della Commissione Europea e dalle Agenzie Nazionali Italiane – Programma Gioventù ed Educazione permanente.

Il volontariato internazionale coinvolge ogni anno migliaia di persone, che, preparati i bagagli, partono per una vacanza diversa, alla scoperta di culture lontane e vicine, prestando il proprio lavoro volontario e il proprio tempo a beneficio di progetti promossi direttamente dalle comunità locali. In queste attività Lunaria promuove il coinvolgimento di giovani con difficoltà fisiche e socioeconomiche, al fine di rendere accessibile questa esperienza a tutti.

Le principali azioni di politica giovanile europea organizzate da Lunaria sono gli scambi giovanili internazionali ed il Servizio Volontario Europeo; mentre le attività di dialogo intergenerazionale e di mobilità per volontari senior sono organizzate nell’ambito del programma Lifelong Learning (LLP), azione Grundtvig.

Lunaria fa parte di diversi network internazionali che riuniscono organizzazioni non-profit impe-

Inoltre dal 2005, Lunaria, in partenariato con l’Assessorato Cultura, Sport e Progetto giovani

della Regione Emilia Romagna, fornisce consulenza e sostegno sulle politiche giovanili UE. In questo modo Lunaria intende sostenere una maggiore partecipazione della regione nei programmi giovanili dell’Unione Europea, attraverso l’assistenza tecnica per lo sviluppo della dimensione europea delle politiche giovanili regionali, l’informazione, la formazione, l’organizzazione di seminari, e la collaborazione con le Autorità nazionali, con le regioni gemellate, con la UE e con le reti Informagiovani ed Eurodesk.

3


1.1 Campi di lavoro La solidarietà per un mondo diverso

Spirito di iniziativa, voglia di sperimentarsi nelle relazioni interculturali, capacità di adattamento a condizioni di vita sobrie ed essenziali; queste sono alcune delle caratteristiche che Lunaria richiede a chi voglia cimentarsi in questa av ventura. Ogni anno circa 400 giovani, e non solo, hanno la possibilità di scegliere tra più di 1500 progetti di breve termine, della durata di 2-3 settimane, in quasi 50 paesi di tutto il mondo. Alcuni campi sono pensati e organizzati per i minorenni e sono una vera e propria scuola di vita. Lunaria organizza i campi internazionali anche in Italia, in collaborazione con gruppi e associazioni e spesso con il sostegno degli enti locali interessati ad animare le comunità con la presenza dei volontari internazionali. Più di 300 volontari ogni anno sono ospitati e coinvolti in progetti di diverso tipo: ambientali, sociali, culturali e di conoscenza. Alla base dei campi c’è l’idea della solidarietà internazionale e una forte proposta educativa di cittadinanza attiva. Partecipare ai campi significa conoscere, in un contesto “meticcio”, esperienze e stili di vita differenti. Scuole e università riconoscono il valore formativo dei campi di lavoro, riconoscendoli come attività extra-curricolari dei corsi di studio. Essere cittadini del mondo grazie ai campi di volontariato è una sfida alla portata di tutti.

4

Impatto dei campi di lavoro in Italia e all’estero Campi all’estero Sesso N° Progetti N° volontari inviati M F 2009 2097 372 51% 49% 2008 1678 305 55% 45%

Under 18 20% 12%

Situazione lavorativa Studenti 76% 66%

Disoccupati 4% 2%

Occupati o altro 20% 32%

Campi in Italia N° Progetti N° volontari accolti 2009 2008

32 28

298 245

Sesso

Settori di intervento

M

F

Ambiente

43% 39%

57% 61%

32% 39%

Share and Fly: giovani del mondo in Laguna Nel luglio del 2009 quindici giovani – italiani, internazionali e migranti – hanno trascorso assieme due settimane su un’isola della laguna veneziana. Alle attività di protezione ambientale dell’area della riser va di Cà Roman, al lavoro di ripristino dei sentieri e alla preparazione di pannelli informativi per sensibilizzare i turisti e i locali al rispetto di un habitat così delicato hanno unito la voglia di divertirsi e il desiderio di superare pregiudizi e costruire amicizie interculturali.

Ricostruzione e restauro 17% 42%

Arte e Cultura

Altro

46% 11%

5% 8%


1.2 Animazione giovanile L’intercultura in azione

Se è vero che le attività di volontariato internazionale presuppongono uno scambio, non necessariamente la mobilità internazionale, giovanile e non, è legata al lavoro volontario in senso stretto. I percorsi di apprendimento non formale qui si ampliano per comprendere una serie di iniziative a carattere ludico, seminariale e di formazione fondate sull’incontro e sul dialogo tra persone di culture, convinzioni e stili di vita diversi. Scambi, iniziative giovanili e training sono le diverse modalità con le quali Lunaria ha promosso attività di animazione rivolte ai giovani. Gli scambi giovanili, della durata di poche settimane, coinvolgono gruppi di giovani di diversa nazionalità. Il lavoro di mutua-conoscenza dello scambio è concentrato all’interno del gruppo stesso ed è stimolato da diverse attività. L’obbiettivo di uno scambio è diretto alla formazione ed educazione dei partecipanti. Ma che cosa s’insegna esattamente? Anzitutto viene sollecitato l’apprendimento interculturale: l’approfondimento della conoscenza di altre culture e delle strategie per imparare a riconoscere e gestire pregiudizi e stereotipi. Vengono inoltre sviluppate le cosiddette “competenze trasversali”, quali ad esempio la capacità di lavorare e sapersi rapportare in un gruppo, quelle di ascoltare gli altri o di saper gestire in

Impatto degli scambi giovanili Numero di Luogo attività Tematica partecipanti

Anno

Titolo progetto

2009

Streets in Action – 30 Young Creativity From European Urban Spaces

Roma

Inclusione sociale e street art

Italia, Spagna, Polonia, Lituania, Francia

The Spyglass – Suburbian Magnif ying Lens

30

Roma

Inclusione sociale e sviluppo urbano

Italia, Germania, Francia, Inghilterra, Grecia

Comics from the Suburbs

25

Roma

Inclusione sociale

Serbia, Bosnia, Francia, Italia

Backpacking European Cultures

30

Roma

Inclusione sociale e sviluppo urbano

Italia, Grecia, Romania, Rep. Ceca, Ungheria, Slovenia

2008

maniera costruttiva i conflitti. Tutte cose che scuola e università insegnano solo incidentalmente, proprie dell’educazione non formale che sono spendibili sia in un futuro contesto lavorativo, sia nella gestione dei rapporti interpersonali. Le iniziative giovani sono progetti ideati, messi a punto e realizzati dai giovani che consentono di sperimentare nuove idee e di partecipare direttamente e attivamente alla realizzazione delle attività. Si tratta di importanti esperienze di apprendimento non formale e permet-

Paesi coinvolti

tono la creazione di percorsi condivisi di cittadinanza attiva. I training sono progetti di formazione che promuovono lo scambio di esperienze, l’acquisizione di nuove capacità e competenze operative tra coloro che lavorano nel settore delle politiche giovanili. “Streets in Action” – Young Creativity From European Urban Spaces A luglio 2009 “Streets in Action” – Young Creativity From European Urban Spaces ha

5


Impatto delle iniziative giovanili Numero di Luogo attività Tematica partecipanti

Anno

Titolo progetto

2009

Streets in Action – Young Creativity From 20 European Urban Spaces

Dialogo interculturale

Roma

Paesi coinvolti Italia: giovani di Ottavia, Finocchio e Tor Sapienza

Impatto dei training Anno

Titolo progetto Never Ending Stories

coinvolto giovani italiani, spagnoli, polacchi, lituani e francesi, in uno scambio giovanile dedicato alla street art. Le attività di breakdance e writing sono state utilizzate per analizzare il rapporto tra i giovani e lo spazio urbano, la loro percezione della legalità e dell’illegalità. La partecipazione a laboratori di breakdance e di writing ha offerto nuove possibilità di espressione mentre alcune visite guidate a centri sociali ed associazioni giovanili hanno consentito loro di conoscere le attività realizzate dai giovani a Roma e dintorni. L’esperienza si è conclusa con uno spettacolo collettivo di street art che ha permesso ai giovani di mettere a frutto le competenze acquisite.

6

2009

Numero di Luogo attività Tematica partecipanti 21

BIT Generation – Building International Teams 16 through creativit y and technology

Paesi coinvolti

Orvieto

Gestione non violenta del conflitto

Italia, Estonia, Romania, Turchia, Bulgaria, Spagna e Irlanda

Mompeo (RI)

Educazione non formale, nuove tecnologie e web 2.0

Italia, Turchia, Portogallo, Polonia, Grecia, Germania e Francia

“Action” nelle periferie romane Il progetto, della durata di 10 mesi, da Febbraio a Novembre 2009, ha coinvolto giovani delle periferie di Finocchio, Ottavia e Tor Sapienza in laboratori di writing e di breakdance. Le arti di strada e la cultura hip hop sono state utilizzate come strumento artistico e formativo per affrontare temi quali la legalità e l’illegalità, l’utilizzo ragionato degli spazi e la ricerca di nuove forme espressive.

“BIT” Generation – Building International Teams through creativity and technology Educazione non formale, web 2.0 e nuove tecnologie, sono stati utilizzati come strumenti per incentivare la partecipazione giovanile a esperienze di volontariato internazionale e di mobilità giovanile e come mezzi per creare una piattaforma di lavoro con cui condividere le competenze individuali e realizzare poi progetti creativi e innovativi.


1.3 Servizio Volontario Europeo (SVE) e volontariato di medio e lungo termine (M-LTV) Un impegno permanente in tutto il pianeta

Lunaria promuove per i giovani tra i 18 e i 29 anni il programma del Servizio Volontario Europeo. Per periodi di 6-12 mesi i volontari si impegnano in attività di assistenza sociale, animazione culturale e protezione ambientale presso associazioni e servizi pubblici di tutti i paesi europei e non solo (America Latina ed Europea Sud Orientale). I progetti accreditati in Europa sono centinaia e la rete di cooperazione dell’associazione garantisce a chi si candida un’esperienza unica e irripetibile: trascorrere in un altro paese un lungo periodo, entrando a diretto contatto con la vita e le contraddizioni delle città e delle aree rurali. Infatti i volontari europei lavorano a stretto contatto con quelli locali. Lunaria ospita ogni anno in Italia, presso associazioni e cooperative partner, circa 15 giovani stranieri, e concretizza il progetto SVE all’estero con più di 20 giovani italiani inviati. Esistono poi anche progetti autofinanziati, che non coprono però le spese di viaggio: si tratta del volontariato a medio e lungo termine, rivolto a volontari di tutte le età. Due Volontari SVE in Nicaragua Da gennaio a ottobre 2009 Anna e Francesco hanno par tecipato a un progetto SVE in Nicaragua. Il progetto promosso da Lunaria in collaborazione con l’Ong Terranuova, ha coin-

volto i volontari nella realizzazione di una campagna informativa di lotta e prevenzione all’AIDS rivolta ad adolescenti e giovani di Managua. In Nicaragua la diffusione dell’Aids è infatti in pericoloso aumento e Terranuova sta svolgendo attività di empowerment delle organizzazioni della società civile locali che lavorano in attività di prevenzione e di cura della malattia.

Impatto dei progetti SVE Anno

2009

Numero di volontari

Tipologia progetto

Durata

Invio in Paesi UE

6 - 12 mesi 15

Francia, Germania, Grecia, Repubblica Ceca, Spagna, Ungheria, Olanda, Irlanda, Polonia, Portogallo, Turchia

Accoglienza in Italia

6 - 9 mesi

6

Armenia, Belgio, Grecia, Lituania, Polonia, Spegna

Invio e Accoglienza in Paesi non UE

9 mesi

2

Nicaragua

Invio in Paesi UE

2 - 12 mesi 15

Germania, Grecia, Islanda, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Turchia

Accoglienza in Italia

6 - 9 mesi

Francia, Spagna, Belgio, Grecia, Germania, Polonia, Ungheria

Invio e Accoglienza in Paesi non UE

6 - 12 mesi 7

2008 10

Paesi coinvolti

Colombia, Argentina, Israele, Territori Palestinesi Occupati

7


1.4 Volontariato senior Una risorsa per tutti

Dal 2002 Lunaria sta lavorando all’idea di promuovere il volontariato internazionale presso i cittadini con più di 50 anni, coinvolgendo finora circa 300 cittadini senior in diversi Paesi europei. Se la partecipazione a un servizio di volontariato all’estero costituisce una completa esperienza educativa non-formale, orientata alla capacità di costruire nuove relazioni sociali, questa riguarda tutte le generazioni e non solo i giovani.

8

Nonostante tradizionalmente l’esperienza del volontariato internazionale venga associata ai giovani, sempre di più questa attività coinvolge adulti e senior in un processo continuo di costruzione dell’interculturalità e della cittadinanza europea. Pensare al volontariato all’estero come a un’esperienza adatta per i senior vuol dire abbracciare il principio secondo il quale la formazione di un individuo non è limitata alla sola adolescenza e gioventù ma è distribuita lungo il corso di tutta la sua vita. L’educazione informale e non formale svolgono un ruolo impor tante nella gestione della propria individualità, della vita relazionale e del mondo del lavoro. I cittadini senior sono dei veri e propri educatori ogni volta che interagiscono con nipoti, figli e giovani in generale. E come tutti gli educatori hanno bisogno di strumenti formativi che, almeno per quello che riguarda la preparazione interculturale, un’esperienza di volontariato internazionale riteniamo possa fornire. Dall’ottobre 2007 Lunaria coordina un network europeo finalizzato alla messa in rete e alla promozione delle esperienze di scambio di volontariato senior. Il net work è finanziato dal programma Grundt vig della Commissione

Europea che raccoglie 29 organizzazioni europee della società civile di 12 paesi denominato SEVEN – Senior European Volunteers Exchange Net work. w w w.seven-net work.eu Il supporto della rete SEVEN al programma di scambi di volontari senior lanciato dalla Commissione Europea Dal 2008, la DG Educazione e Cultura della Commissione Europea, sullo stimolo degli scambi organizzati negli anni passati dalle organizzazioni della rete SEVEN, ha lanciato un programma pilota che finanzia la realizzazione di scambi di volontari senior. Il programma, che è una delle nuove azioni di Grundtvigeducazione per gli adulti (SVP – Senior Volunteer Programme), ha già riscosso un certo successo e vedrà probabilmente un ulteriore sviluppo nei prossimi anni. Il net work SEVEN ha deciso di dare il suo contributo, ospitando un ser vizio di “ricerca partner” al quale si può partecipare sia attivamente, proponendo un proprio progetto attraverso una scheda apposita, sia passivamente consultando le schede già presenti sul sito w w w.sevennetwork.eu/site/?q=it/node/240 Per richiedere la scheda da compilare info@seven-network.eu


Impatto del volontariato senior Ente Titolo del progetto Finanziatore

Anno

Durata

2009

Gennaio Dicembre 2009

Active Citizenship

Twin and Go!

Ottobre 2007 Settembre 2010

DG EAC – LLP Grundtvig Network

SEVEN – Senior European Volunteers Exchange Network

Grundtvig – Learning Partnership

VOLUNTLEARNING

Italia, Estonia, Germania

Scambi di volontari senior in Germania, Estonia e Italia

Grundtvig

SENEMPOWER – Empowering Seniors to take part in community life

Germania, Italia, Inghilterra, Lituania, Austria

Formazione di volontari senior che raggiungono fasce svantaggiate della popolazione anziana

Grundtvig

SLIC –Sustainable Learning in the Community

Austria, Italia, Ungheria, Norvegia, Inghilterra

Linee guida per la costruzione di un portfolio di competenze per cittadini senior in area non formale

Grundtvig In-service Training

ACTIVE – Active Citizenship Training Initiative for Volunteers in Europe

Italia, Belgio, Germania, Spagna, Estonia, Lituania, Regno Unito, Finlandia, Austria

Corso di formazione di 30 ore per operatori e organizzatori di scambi di volontari senior

2007-2009 Ottobre 2007 Settembre 2009 Ottobre 2007 Settembre 2009 Ottobre 2007 Settembre 2009 2008

Dicembre 2008

Paesi coinvolti

Prodotti

Scambi di volontari senior Italia e Germania tra città gemellate dell’Assia e dell’Emilia Romagna 1.Piattaforma di discussione per organizzare progetti di scambio 2. Sito web Italia, Germania, Spagna, 3. Supporto per volontari e Austria, Belgio, organizzazioni: supporto linguistico, Inghilterra, Bulgaria, formazione pre-partenza per volontari e Francia, Estonia, organizzazioni di accoglienza Lituania, Turchia, Islanda, 4. Ricerca sull’impatto di queste Olanda, Grecia attività sui volontari e le organizzazioni di accoglienza 5.Incontri internazionali nell’arco dei tre anni del progetto

9


2. Il Centro Informagiovani di Venezia-Mestre Nel corso degli ultimi anni Lunaria ha consolidato la propria esperienza e il proprio impegno nell’ambito della promozione dell’informazione attiva, della partecipazione e dell’educazione interculturale rivolte ai giovani cittadini, italiani e migranti. Il ser vizio Informagiovani di Mestre per il Comune di Venezia, che Lunaria gestisce dal 2004, è diventato uno spazio pubblico di libero accesso per i giovani, un ambiente vivace e informale dove trovare stimoli, orientamento e supporto. Il progetto, che Lunaria condivide con il Servizio Partecipazione Giovanile e Culture di Pace, ha inteso l’informazione e la consulenza come strumenti necessari alla definizione di percorsi di autonomia dei giovani, nei diversi ambiti della vita. Oltre alle prime informazioni “generaliste” su lavoro, formazione scolastica, professionale e universitaria, servizi in città, volontariato, vacanze e tempo libero, l’Informagiovani è stato motore e luogo per moltissime attività, dai laboratori interculturali ai progetti di cooperazione internazionale, dagli sportelli di consulenza sull’associazionismo a ricerche sul mondo dei giovani, dai seminari sui percorsi formativi ai workshop di progettazione partecipata. Tutte le iniziative sono costruite grazie

10

Impatto Informagiovani. Attività di comunicazione e informazione Anno

Partecipanti ai seminari di formazione

Partecipanti agli incontri rivolti ai giovani

Contatti web

Seminari informativi

2009

253

1142

24.000

14

2008

166

770

30.000

16

a una fitta rete di collaborazioni che, da relazioni più informali, arriva fino alla Commissione Europea, passando per gli uffici del Comune, le scuole, le università e il variegato mondo del protagonismo giovanile. Il servizio si caratterizza per essere pluralista e interculturale: uno spazio per tutte le differenze che abitano la città. Nel 2009 si sono rivolti all’Informagiovani complessivamente 3307 utenti. Grande attenzione è stata prestata alla comunicazione grazie alla creazione del nuovo sito w w w.veneziagiovane.info, portale dell’Informagiovani di Mestre e della Rete Informagiovani della Provincia di Venezia.

AssociAttivi “Come costituisco un’associazione? Dove possiamo trovare i finanziamenti per realizzare i nostri progetti? A chi chiedere gli spazi per realizzare un evento culturale?” Si rivolgono allo sportello AssociAttivi i giovani e i gruppi che vogliono realizzare un’attività non-profit per sentirsi cittadini attivi del loro territorio. Il servizio fornisce consulenze sul “fare associazione”, sulla creazione di iniziative culturali, sull’organizzazione di laboratori formativi e facilita la messa in rete delle iniziative giovanili. AssociAttivi è un utile servizio anche per chi vuole capirne di più rispetto al variegato mondo del Terzo Settore.


3. Migrazioni e antirazzismo Cittadinanza, solidarietà, diritti

Gli oltre 3,5 milioni di cittadini di origine straniera presenti stabilmente nel nostro paese raccontano quanto l’Italia sia cambiata negli ultimi 10 anni. L’immigrazione, emergente e poco incisiva sino agli inizi degli anni ’80, è divenuta uno dei fenomeni sociali più significativi degli ultimi anni: il mercato del lavoro, il sistema scolastico, i quartieri delle nostre città sono stati profondamente trasformati dalle donne e dagli uomini venuti da altrove. La politica fatica a confrontarsi con la loro presenza, stenta a riconoscere questi uomini e queste donne come propri cittadini, tenta di fermare con leggi (inevitabilmente) inefficaci gli arrivi tornando a riproporre stereotipi e pregiudizi antichi. I prov vedimenti adottati in materia di immigrazione e di sicurezza nel biennio 2008-2009 hanno reso più difficile la vita degli immigrati e favorito la diffusione della xenofobia e del razzismo. Proprio alla denuncia del processo di legittimazione politica, culturale e sociale del razzismo Lunaria ha dedicato un lavoro di approfondimento specifico realizzando il primo Libro bianco sul razzismo in Italia. La presenza di migliaia di giovani di cittadinanza non italiana nelle scuole ci ha indotti ad approfondire la conoscenza della realtà delle cosiddette “seconde generazioni”. In collaborazione

con l’Università di Genova e altri istituti di ricerca di 8 città europee, Lunaria ha partecipato a TRESEGY, un progetto di ricerca triennale che ha avuto l’obiettivo di esplorare le modalità e le principali caratteristiche dei processi di inserimento sociale e culturale dei giovani di origine straniera. La complessità delle relazioni che i figli dell’immigrazione tessono con la società italiana da un lato e con il paese di origine dall’altro, ha suggerito di affrontare il tema del rapporto tra migrazioni e sviluppo, tra il paese di origine e il paese di accoglienza, tra i giovani migranti e i loro coetanei che vivono nel paese di origine. È nato così il progetto Multimedia Center di Capo Verde. YouMap Le nuove tecnologie e le esperienze di cartografia partecipata possono offrire ai giovani nuove opportunità di interazione interculturale e di partecipazione alla produzione di informazione? È possibile immaginare uno spazio comune on line che favorisca un uso partecipato e collettivo delle nuove tecnologie e un nuovo modo di “abitare” il proprio territorio? Lunaria ha esplorato questa possibilità con il progetto YouMap grazie al quale i giovani di 8

città europee hanno sperimentato percorsi di cartografia partecipata restituendoli sulla piattaforma w w w.youmap.eu. YouMap vuole mettere in comunicazione e favorire l’interazione tra giovani autoctoni e migranti, che vivono nelle periferie delle città europee e non solo. Per informazioni: info@youmap.eu Multimedia Center di Capo Verde Lunaria, Binario Etico e l’Associazione Donne Capoverdiane in Italia sono impegnate dal settembre 2009 in un progetto finanziato dal programma delle Nazioni Unite e della Commissione Europea “Migration 4 Development”. Scopo del progetto a Capo Verde è quello di favorire l’accesso dei giovani capoverdiani al web e alle tecnologie informatiche per creare nuove opportunità di imprenditorialità giovanile e di sviluppo locale. Un centro multimediale giovanile, un internet point gratuito, un sito web e una radio streaming saranno creati e gestiti da un gruppo di giovani locali con il supporto dei promotori del progetto e di un gruppo di giovani capoverdiani residenti a Roma. Due scambi culturali e due corsi di formazione consentiranno uno scambio di esperienze tra la società civile italiana e quella capoverdiana.

11


3.1 Ricerche migranti

In between Genova, Berlino/Kreuzberg, Barcellona, Madrid, Lisbona, Metz/Borny, Porto, Utrecht, Roma. Nove sguardi sulla vita, i progetti e le scelte dei figli dell'immigrazione in Europa. I ragazzi in giro per i loro quartieri, raccontano come attraversare nuove e vecchie frontiere. Il video presenta i principali risultati della ricerca svolta nell'ambito del progetto Tresegy.

12

Tresegy: Transnational Research on Second Generation Youth Il progetto, coordinato dall’Università di Genova, ha esplorato le esperienze di vita dei giovani migranti di seconda generazione in 9 differenti aree urbane di sei paesi europei. L’aumento della presenza di giovani di origine straniera nati e/o cresciuti in Europa pone in discussione il modello di cittadinanza ereditato dalla rivoluzione francese e fondato sul diritto di sangue. Proprio a partire da questa prospettiva con Tresegy sono stati studiati e analizzati i molteplici fattori strutturali, culturali, economici e socio-politici che orientano i fenomeni di inclusione/esclusione sociale dei giovani figli dell’immigrazione nella sfera pubblica e le loro relazioni di appartenenza alla società d’accoglienza. Lunaria ha svolto l’indagine sul campo analizzando le dinamiche di inclusione o esclusione sociale e culturale dei giovani migranti di seconda generazione a Roma, nel I e VI Municipio prestando una par ticolare attenzione alle modalità con le quali si strutturano le loro reti di socialità e le loro relazioni con i coetanei di diversa origine. I rapporti di ricerca sono disponibili sul sito: w w w.tresegy.eu; quelli relativi al contesto romano sono disponibili anche sul sito w w w.lunaria.org

Rapporto sul razzismo in Italia Il razzismo in Italia non è ormai più un’ “emergenza”, nel senso che è quotidiano e dif fuso da tempo in tutte le aree del paese. È quanto denuncia il Rappor to sul razzismo in Italia (manifestolibri, 2009), edizione aggiornata del Libro bianco sul razzismo in Italia “Cronache di ordinario razzismo” realizzato da Lunaria nel 2009. L’analisi delle nuove norme adottate in materia di immigrazione e la ricostruzione della rappresentazione che i media hanno proposto di alcuni fatti di cronaca che hanno coinvolto cittadini di origine straniera, evidenziano come il mondo della politica, i media e il “diritto speciale” riser vato ai migranti tendano a produrre un’immagine prevalentemente negativa dei cittadini di origine straniera e dei rom. Conclude il rappor to un inventario dell’intolleranza che documenta 398 episodi di razzismo av venuti tra il gennaio 2007 e il luglio 2009. Si tratta di un lavoro collettivo realizzato da: Paola Andrisani, Sergio Bontempelli, Alber to Burgio, Angelo Caputo, Giulia Cor tellesi, Giuseppe Faso, Marcello Maneri, Grazia Naletto, Annamaria Rivera, Maurizia Russo Spena, Luciano Scagliotti. Info: antirazzismo@lunaria.org


Impatto migrazioni e antirazzismo Anno 2009-2011

Titolo Multimedia in Capo Verde

2008-2010

YouMap

2009

Libro bianco sul razzismo in Italia

2006-2009

Tresegy

Durata

Ente finanziatore

Risultati

18 mesi

Campagna di raccolta PC UNDP-Commissione Europea – per il multimedia center Migration Devolpment Programme di Capoverde

18 mesi

Commissione Europea Gioventù in Azione

2 scambi giovanili internazionali; 64 workshop di cartografia partecipata in 8 città europee; piattaforma web di cartografia partecipata www.youmap.eu

12 mesi

Gruppo dei Verdi al Parlamento Europeo

Rapporto sul razzismo in Italia; 700 copie del libro bianco diffuse on line; campagna media; 10 incontri pubblici

3 anni

Commissione Europea - FP6

Report di ricerca ogni 6 mesi Video: In between

Partner Associazione Donne Capoverdiane in Italia, Binario etico, Associacao Solidarios Jovens (Capoverde) Gsm (Tr), Solidarités jeunèsse (F), Andaira (S), Grup igia (S), Dock Europe (De)

Università di Genova – DiSa (I), Colectivo Ioe (S), Universitat de Lleida (S), Centro de Investigação e Estudos de Sociologia (P), Centre for advanced Studies in Anthropology (P), Università di Utrecht (Nl), Forschungs- u. Dokumentationszentrum ChileLateinamerika (De), Association de recherche observation formation et Enseignement (F)

13


4. Democrazia e movimenti Democrazia è partecipazione

La democrazia, le forme e le pratiche della politica, gli spazi di partecipazione e deliberazione sono al centro di un impegno di Lunaria che ha portato a pubblicare libri, organizzare eventi, promuovere iniziative. Tra i volumi pubblicati ci sono Come fare politica senza entrare in un partito, di Giulio Marcon (Feltrinelli, 2006), Dopo la politica. Democrazia, società civile, crisi dei partiti a cura di Duccio Zola (Edizioni dell’Asino, 2009), Zygmunt Bauman, modernità e globalizzazione, intervista di Giuliano Battiston (Edizioni dell’Asino, 2009). Tra le iniziative alle quali abbiamo partecipato ci sono l’appello per una lista unica della sinistra alle elezioni europee del 2009, in cui si chiedeva un passo indietro ai vertici dei partiti, e le due assemblee nazionali a Firenze e Bologna che ne sono scaturite. Tra le attività di ricerca su democrazia e partecipazione c’è lo studio, promosso dal Ministero della Solidarietà Sociale nel 2007 e realizzato da Lunaria in collaborazione con il CRISS, sulle politiche sociali partecipative. Una sintesi dei risultati è stata pubblicata in Giulio Marcon, Duccio Zola, “Le politiche sociali partecipative in Italia. Quattro casi e un decalogo di buone pratiche”, Autonomie locali e ser vizi sociali, n.3, 2008.

14

Un altro mondo è possibile: i movimenti sociali Ricerca, documentazione e promozione di iniziative caratterizzano anche il lavoro di Lunaria su globalizzazione e movimenti sociali. Lunaria aggiorna un database sulle iniziative globali della società civile e contribuisce alla cronologia dell’annuario Global Civil Societ y pubblicato dalla London School of Economics. Mario Pianta e Duccio Zola, attaverso l’Università di Urbino, hanno partecipato al progetto di ricerca Demos Democracy in Europe and the Mobilization of Society, finanziato dalla Commissione Europea, analizzando natura, caratteristiche ed effetti delle mobilitazioni globali. I risultati sono stati pubblicati nel volume Democracy in social movements, a cura di Donatella della Porta (Palgrave, 2009). Altre analisi sono apparse nel volume I movimenti sociali e le mobilitazioni globali a cura di Nicola Montagna (Angeli, 2007). Nell’ambito del progetto europeo INEQ sulle disuguaglianze, coordinato dall’Università di Roma La Sapienza, Lunaria ha collaborato con l’UNRISD (United Nations Research Institute for Social Development) in una ricerca di Mario Pianta e Paolo Gerbaudo sui movimenti italiani sui temi del debito e del commercio e sui loro effetti sulle politiche nazionali; i risultati sono in pubblicazione nel volume Global Justice Activism and Policy Reform in

Europe, a cura di D. Barrier, M. Pianta e P. Utting (Routledge, 2010). Il lavoro di Lunaria sui movimenti per la pace ha portato a due contributi, di Giulio Marcon e Mario Pianta, al volume di Parolechiave dedicato a “Nonviolenza” (n.40, 2008). Sul ruolo della società civile nel promuovere la pace il rispetto dei diritti umani, Lunaria dal 2006 al 2009 è stata partner del progetto “SHUR – Human rights in conflicts: the role of civil society”. Shur. Human rights in conflicts: the role of civil society Lunaria è stata partner del progetto di ricerca SHUR, co-finanziato dal 6° Programma Quadro della Commissione Europea e coordinato dall’Università Luiss. Attraverso l’analisi dei legami tra diritti umani e conflitti e del ruolo della società civile nella loro prevenzione o generazione, SHUR ha individuato le pratiche che possono rendere più efficaci le azioni di difesa dei diritti umani e le strategie di intervento delle istituzioni europee. Dei quattro casi esaminati – il conflitto israelo-palestinese, il conflitto turco-curdo, quello fra le due comunità a Cipro e quello bosniaco – Lunaria ha diretto il caso di studio sulla Bosnia Erzegovina. Il rapporto di ricerca è disponibile sul sito del progetto w w w.luiss.it/shur.


5. La campagna Sbilanciamoci! Per un’Italia capace di futuro

Dal 1999, 46 organizzazioni della società civile si sono unite – su proposta di Lunaria – nella campagna Sbilanciamoci! per impegnarsi a favore di un’economia di giustizia e di un nuovo modello di sviluppo fondato sui diritti, l’ambiente e la pace. La campagna Sbilanciamoci! propone e organizza ogni anno attività di denuncia, sensibilizzazione, pressione e animazione sociale affinché la politica, l’economia e la società si indirizzino verso la realizzazione di principi etici. La campagna Sbilanciamoci! parte dal presupposto che è necessario cambiare radicalmente la prospettiva delle politiche pubbliche, rovesciando le priorità economiche e sociali per rimettere al centro i diritti delle persone, la costruzione di un mondo più solidale e la salvaguardia dell’ambiente anziché le esigenze dell’economia di mercato fondata su privilegi, sprechi e disuguaglianze. Nei suoi otto anni di attività, la campagna – coordinata dallo staff di Lunaria – ha elaborato strumenti di ricerca, analisi critica e proposte che sono parte essenziale della sua attività di informazione, pressione politica e mobilitazione.

La Controfinanziaria Come ogni anno, nel 2009 Sbilanciamoci! ha pubblicato il rapporto Cambiamo finanziaria. Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace e l’ambiente. La “Controfinanziaria” è un’analisi delle misure previste dal Governo dal punto di vista della società civile italiana. In essa Sbilanciamoci! raccoglie e presenta in maniera organica oltre cento proposte, tutte sostenibili economicamente, per una diversa politica economica. Durante la discussione alle Camere della Legge Finanziaria, Sbilanciamoci! introduce la “Controfinanziaria”, sollecita i parlamentari a presentare emendamenti, invita a firmare una petizione per chiedere al Parlamento di reindirizzare la Finanziaria. Il rappor to di Sbilanciamoci! ha permesso a molti parlamentari di presentare emendamenti (di cui alcuni sono stati accolti), mozioni, risoluzioni e ordini del giorno, favorendo – anche da un punto di vista culturale – la diffusione dei contenuti che sono alla base della campagna: la necessità di un diverso modello di sviluppo, di nuovi indicatori economici, di un diverso orientamento delle politiche sociali, economiche e finanziarie.

La ControCernobbio È uno dei momenti chiave della campagna: uno spazio di discussione e confronto che si svolge ogni anno la prima settimana di settembre, in concomitanza e simbolica opposizione al workshop degli industriali di Cernobbio. Il forum annuale di Sbilanciamoci!, L’impresa di un’economia diversa, rappresenta ormai un appuntamento in cui economisti, sociologi, sindacalisti ed esponenti della società civile e dei movimenti si confrontano per analizzare i processi di globalizzazione, della crisi del sistema economico italiano e proporre possibili alternative. Fino a oggi si sono svolte sette edizioni: nel 2009 il Forum si è svolto a Cernobbio in contemporanea con il workshop organizzato dallo studio Ambrosetti. Hanno partecipato al Forum 150 rappresentanti della società civile.

15


Impatto della campagna Sbilanciamoci! Anno

2009

Titolo

Durata

Controcernobbio 1 anno Cernobbio

Ente finanziatore Risultati

Partner

Lunaria Partecipanti

Forum nazionale

Aderenti Sbilanciamoci! e 20 organizzazioni della societĂ  civile locale

Rapporto e conferenza stampa

Aderenti Sbilanciamoci!

Controfinanziaria 6 mesi

Controcernobbio 1 anno Torino 2008 Controfinanziaria 6 mesi

16

Comune di Torino Circoscrizioni II e IX

Aderenti Forum Sbilanciamoci! e 20 internazionale organizzazioni della societĂ  civile locale Rapporto Aderenti e conferenza Sbilanciamoci! stampa


5.1 Rapporti di ricerca di Sbilanciamoci!

Il Quars Per il settimo anno consecutivo la campagna Sbilanciamoci! ha presentato il rapporto Come si vive in Italia? sulla base dell’elaborazione del Quars, l’indice costruito dalla campagna per misurare la qualità dello sviluppo delle regioni italiane. Il Quars è la rappresentazione – anche parziale – di un modello di sviluppo di qualità, che si basa sulla sostenibilità, l’equità, la solidarietà e la pace. Allo stesso tempo, esso è uno strumento che Sbilanciamoci! propone ai policy maker per meglio indirizzare le politiche pubbliche. Diverse esperienze istituzionali si sono confrontate – anche operativamente – con le indicazioni e le proposte contenute nel Quars: dalla Regione Lazio alla Regione Toscana (che lo utilizzano per l’elaborazione del DPEFR), alla Provincia di Ascoli Piceno, dalla Regione Piemonte alla Provincia e al Comune di Roma. Cooperazione allo sviluppo e solidarietà internazionale Altro tema caro alla campagna è l’analisi delle carenze e delle promesse non mantenute che hanno caratterizzato l’azione dello Stato italiano e del Ministero degli Affari Esteri nel campo dell’Aiuto Pubblico allo Sviluppo. Nel dicembre

2004, in occasione del Forum alternativo della campagna alle “Giornate della Cooperazione” del Ministero per gli Affari Esteri è stato presentato il primo Libro Bianco sulla Cooperazione allo Sviluppo in Italia. Debitamente aggiornato, è stato pubblicato e distribuito anche negli anni successivi. L’ultima edizione disponibile è quella del 2008. Rapporto Social Watch Il rapporto annuale Social Watch – giunto alla sua decima edizione – attua un monitoraggio sugli impegni assunti a livello internazionale per lo sviluppo sociale e l’equità di genere. Esso rappresenta una delle analisi sullo sviluppo sociale più riconosciute al mondo ed è spesso considerato il “rapporto ombra” della società civile rispetto a quello dell’UNDP (il Programma per lo Sviluppo delle Nazioni Unite). Il rapporto 2009, intitolato Migranti in Europa, attori dello sviluppo è centrato sulla necessità di rivedere le politiche migratorie alla luce della garanzia dei diritti umani. Social Watch è una rete di oltre 400 organizzazioni non governative attive in oltre 80 Paesi. Lunaria è membro della coalizione italiana e da diversi anni cura la sezione del rapporto dedicata all’Italia.

17


Impatto della ricerca di Sbilanciamoci! Anno

Titolo

Durata

Ente finanziatore

Risultati

Partner Social Watch International, European networks. In Italia: Fondazione culturale Responsabilità Etica, ACLI, ARCI, CRBM, ManiTese, Movimondo, Sdebitarsi, Ucodep, WWF

Social Watch

2 mesi

Commissione europea

Capitolo nel rapporto Internazionale Pubblicazione del rapporto nazionale e sintetico

Umanamente

12 mesi

Commissione europea

1- Kit formativi per Ucodep, Università di Firenze, Università amministratori locali di Pavia, Comune di Arezzo, Provincia 2- Seminari di formazione di Arezzo, Regione Toscana 3- Scuola residenziale

Quars

6 mesi

Lunaria

Rapporto e presentazione Aderenti Sbilanciamoci!

Commissione europea

Capitolo nel rapporto Internazionale Pubblicazione del rapporto nazionale e sintetico

Social Watch International, European networks. In Italia: Fondazione culturale Responsabilità Etica, ACLI, ARCI, CRBM, ManiTese, Movimondo, Sdebitarsi, Ucodep, WWF

Rapporto e convegno

Aderenti Sbilanciamoci!

Rapporto

Mani Tese

Rapporto e convegno

Aderenti Sbilanciamoci! Provincia autonoma di Trento

2009

Social Watch

2008

Libro Bianco sulla Cooperazione Progetto ITALIA AID 8717 Quars

18

2 mesi

6 mesi 6 mesi 6 mesi

Regione Puglia, Provincia di Venezia Ministero Affari Esteri Provincia di Roma


6. Sbilanciamoci.info L’economia com’è e come può essere

Dall’attività della campagna Sbilanciamoci! è nato, nel 2008, il sito Sbilanciamoci.info, uno strumento di comunicazione web sulle alternative economiche, promosso da un gruppo di economisti, ricercatori, giornalisti, studenti, operatori sociali, sindacalisti e legato a una rete di associazioni, organizzazioni, movimenti, che in gran par te fa capo alla campagna Sbilanciamoci! Il sito – coordinato da Roberta Carlini, con una redazione animata da Guglielmo Ragozzino – nel primo anno di attività ha pubblicato 300 articoli di 90 autori, e segnalato 200 contributi da altri siti italiani e internazionali. La newsletter è aggiornata settimanalmente e conta 6.000 iscritti. Il sito ha 700 visitatori diversi al giorno, intorno ai 12.000 al mese. Sbilanciamoci.info si è occupato della crisi economica e finanziaria, ha analizzato il nesso tra disuguaglianze e crisi debitoria, i problemi della struttura produttiva italiana, le difficoltà della scuola, della ricerca e dell’innovazione. Ha affrontato le sfide dello sviluppo sostenibile, i problemi del lavoro e della precarietà, il fenomeno dell’immigrazione, il tema dei diritti sociali. Ha analizzato le politiche economiche del Governo e le alternative possibili, le esperienze di altraeconomia e di buone pratiche sociali. Particolare attenzione ha suscitato il

dibattito sulla responsabilità degli economisti mainstream nelle scelte politiche che hanno condotto alla crisi. Sbilanciamoci.info ha uno spazio ogni domenica su “il manifesto”, un accordo di reciproco scambio con rassegna.it (rivista on line legata alla Cgil), un programma periodico su Radio Popolare Roma e alcune radio (Popolare Network, Radio Città Futura a Roma) ospitano con regolarità gli autori; la redazione e i collaboratori del sito hanno partecipato a numerosi dibattiti e convegni. Sostieni sbilanciamoci.info Sbilanciamoci.info non ha scopo di lucro e per coprire le spese di funzionamento si finanzia con contributi di promotori e lettori. Per sostenere il sito si può effettuare un bonifico sul conto corrente bancario intestato a: Lunaria, IBAN IT45L0501803200000000001738, Banca Popolare Etica, Via Parigi 17, Roma o un versamento sul conto corrente postale intestato a Lunaria IT59S0760103200000033066002 specificando la causale “contributo per sbilanciamoci.info” e indicando il proprio nome e cognome. Oppure è possibile pagare con carta di credito direttamente dal sito http://www.sbilanciamoci.info/Finanziamoci Info: redazione@sbilanciamoci.info

19


7. Reti Mediterranee Un mare di incontri e cooperazione

20

Lunaria, fondata nel 1992 per promuovere attività di solidarietà internazionale, è sempre stata impegnata, nel proprio lavoro, nella dimensione mediterranea. Lunaria fa parte, fin dalla sua creazione, della rete italiana della Fondazione A nna Lindh per il Dialogo fra le Culture Euromediterranee e, negli ultimi due anni, oltre ai campi e agli scambi internazionali con partner della riva sud del Mediterraneo, ha partecipato a molteplici iniziative.

Impatto Reti Mediterranee

Get Information Go in Action to Europe Il progetto si è svolto nel 2007 e nel 2008 con capofila l’organizzazione turca GSM-Youth Services Centre – w w w.gsm-youth.org – ed in collaborazione con Eurodesk-Italia e AB HaberTurkey. Sono state presentate le politiche ed i programmi della UE e si sono approfondite le relazioni fra la Turchia e la UE. È stata aumentata la consapevolezza dei partecipanti sulla pre-adesione della Turchia alla UE e il rafforzamento del dialogo fra organizzazioni giovanili. 100 studenti di dieci diverse università turche hanno partecipato a un corso di formazione sulle politiche giovanili europee, la cittadinanza attiva e il ruolo della società civile nelle scelte di interesse pubblico. Gli studenti hanno poi lavorato a un sondaggio che ha coinvolto comples-

sivamente più di 1000 giovani sulla percezione e le aspettative dei giovani turchi verso la UE. I risultati della ricerca, la prima del genere in Turchia, sono stati pubblicati e sono consultabili sul sito w w w.gencavrupa.org. Una visita di studio alle istituzioni europee a Bruxelles è stata organizzata all’interno del progetto, che si è concluso con una conferenza nazionale di due giorni ad Ankara.

Anni 2009

Titolo

Durata

Enti co-finanziatori

Risultati

Partner

Civil Active Dialogue

Ottobre 2008 Dicembre 2009

Central Finance and Contracts Unit Turchia Regione Emilia-Romagna

1. due corsi di formazione; 2. visita di studio in Italia; 3. sostegno alla creazione di informagiovani in Turchia

GSM – Youth Services Centre / Eurodesk Italia

1. corso di formazione; 2. sito web; 3. ricerca sulle attitudini e le aspettative dei giovani turchi verso la UE; 4. conferenza finale; 5.visita di studio a Bruxelles

GSM – Youth Services Centre / AB Haber Turchia / Eurodesk Italia

Get information 2008 Go in Action to Europe

Rappresentanza UE Settembre in Turchia Gruppo 2007 dei Verdi/ALE al Dicembre Parlamento 2008 europeo

Civil Active Dialogue Civil Active Dialogue si è svolto nella seconda parte del 2008 e per tutto il 2009, con GSM-Youth Services Centre – w w w.gsm-youth.org – come capofila e la collaborazione di Eurodesk-Italia. Il progetto ha avuto come scopo, da un lato, la formazione delle Ong turche partecipanti alla

messa in rete nel sistema informativo dell’Unione europea e, dall’altro, la creazione di flussi informativi costanti fra istituzioni e mondo associativo per facilitare il protagonismo pubblico della società civile turca nelle città coinvolte. Le attività hanno avuto come temi il ruolo dell’informazione nello sviluppo di forme di cittadinanza attiva, le politiche UE dell’informazione giovanile, le buone pratiche di dialogo fra istituzioni e società civile organizzata. Hanno partecipato 60 rappresentanti di Ong non-profit, giovanili e non, di Ankara, Eskisehir, Denizli e Adana. Due corsi di formazione di quattro giorni ciascuno sono stati organizzati in Turchia e, nell’ottobre 2009, una visita di studio ha avuto luogo a Napoli, Bologna, Modena e Venezia per contatti diretti con esperienze italiane.


8. L’altraeconomia Terzo settore, servizi sociali e occupazione

processi di precarizzazione del lavoro, la mancanza di una definizione omogenea dei profili professionali che operano nei servizi sociali pubblici o privati, tendono a favorire la progressiva proliferazione e frammentazione degli operatori sociali e a ostacolare un riordino del loro trattamento contrattuale. L’analisi dei dati statistici ufficiali e lo svolgimento di un’indagine sul campo hanno consentito di illustrare in dettaglio la situazione attuale e di individuare le principali criticità che dovrebbero ispirare l’intervento delle istituzioni. I risultati dello studio sono stati raccolti nel rapporto Il lavoro nel settore dei ser vizi sociali e le professioni sociali scaricabile dal sito w w w.solidarietasociale.gov.it/SolidarietaSociale /tematiche/FondoNazionale/Documenti/.

Lunaria prosegue il suo impegno nella promozione di un’economia di giustizia e di un terzo settore autonomo e innovativo. A partire dal 2008 un percorso di ricerca è stato av viato grazie alla collaborazione con il CNR-IRPSS nella realizzazione di uno studio sulle professioni sociali commissionato dal Ministero per la Solidarietà Sociale. La progressiva erosione delle risorse destinate alle politiche sociali, i

Tutti i numeri dell’equo Lunaria ha continuato a seguire con attenzione quella particolare forma di altraeconomia rappresentata dal commercio equo e solidale. Realizzato grazie alla collaborazione tra l’Università di Urbino, il master “Lavorare nel non profit”, Lunaria e l’Agices, Tut ti i numeri dell’equo (Edizioni dell’Asino, 2008) offre un organico quadro analitico e descrittivo del commercio equo e solidale in Italia: botteghe, occupati, volontari, dimensione economica, impatto

sociale di un’attività in rapida espansione in Italia e nel mondo. Il volontariato utile Riprendendo lo storico lavoro di osservazione dedicato al mondo del volontariato, dalla collaborazione tra Lunaria e le Edizioni dell’Asino è nato Il volontariato utile. Tendenze e buone pratiche. Cento schede da consultare, Edizioni dell’Asino, 2009 a cura di A. Bertinelli e G. Cortellesi. Come è cambiato il volontariato negli ultimi trent’anni? A chi deve rivolgersi un ragazzo che voglia fare una utile esperienza di solidarietà e di intervento sociale? Quali sono le luci e le ombre di un fenomeno che coinvolge milioni di persone? Attraverso l’analisi di una realtà sociale ancora in espansione, il volume intende dare a chi si av vicina al volontariato alcuni strumenti di interpretazione culturale e teorica e un’agile guida con cento schede di organizzazioni che vale la pena di frequentare. Con un saggio introduttivo di Giulio Marcon. Lunaria ha partecipato inoltre al seminario sull’altraeconomia organizzato all’Università di Verona nel 2008, i cui materiali sono stati pubblicati da “Sociologia del lavoro” (n.113, 2009) Quale economia per quale società.

21


9. Edizioni dell’Asino Lunaria collabora con la rivista “Lo straniero”

Non una nuova casa editrice ma un onesto e utile strumento di ricerca e approfondimento per le minoranze attive e positive, in un’epoca di corruzione e di sbandamento del nostro paese, nata dalla collaborazione tra la rivista “Lo straniero” e l’associazione Lunaria. Il pensiero critico e radicale, le analisi, le inchieste, i documenti e le esperienze delle buone pratiche, le proposte necessarie che vengono dalle minoranze sociali e culturali più responsabili, dai gruppi impegnati nel cambiamento. Coordinata da Goffredo Fofi e Giulio Marcon, la nuova iniziativa editoriale dà voce a temi, analisi, interventi e saggi che discutono le trasformazioni della società italiana nel quadro del mondo attuale e della sua crisi, forse irreversibile. L’economia, la politica, la cultura, l’educazione, gli antichi e nuovi fondamenti etici, il rifiuto delle basi distruttive e opportunistiche del potere e dei suoi complici, l’apertura alle esigenze di giustizia, al rispetto per la natura e per il futuro. Di fronte ai profondi cambiamenti politici, sociali e culturali dell’Italia e del mondo, questa nuova iniziativa editoriale intende aprire uno spazio – anticonformista e radicalmente controcorrente – di approfondimento e di dibattito, dando voce ad autori vecchi e nuovi che sanno essere coscienza critica della società e della cultura. Tra le pubblicazioni realizzate in collaborazione tra Lunaria e le Edizioni

22

dell’Asino, oltre a quelle già citate nelle altre sezioni del rapporto, ricordiamo: Le armi come impresa. Il business militare e il caso Finmeccanica di Vincenzo Comito L’industria delle armi è in Italia (e nel mondo) un business che – a differenza di altri settori produttivi – non conosce crisi. Aumentano le spese militari e il commercio delle armi dappertutto e in ogni comparto. Nel volume Vincenzo Comito analizza le tendenze dell’industria militare italiana e in particolare il caso della Finmeccanica, la principale impresa italiana a partecipazione pubblica che sul business delle armi ha costruito la sua fortuna. Sicurezza di chi? Come combattere il razzismo a cura di Grazia Naletto È un fatto: il razzismo in Italia è legittimo. O almeno così sembra. Il libro analizza come le politiche della paura hanno favorito la diffusione del razzismo nella società mutando i comportamenti quotidiani e alimentando l’ostilità nei confronti dei cittadini di origine straniera. Sono presenti contributi di: Giulia Cortellesi, Giuseppe Faso, Alessandro Leogrande, Filippo Miraglia, Grazia Naletto, Enrico Pugliese, Annamaria Rivera, Luca Santini, Gianfranco Schiavone, Virginia Valente, Fulvio Vassallo Paleologo.

Dopo la politica. Democrazia, società civile e crisi dei partiti a cura di Duccio Zola Crisi della politica e futuro della democrazia come partecipazione. Il libro contiene numerosi interventi tra cui quello del filosofo tedesco Jürgen Habermas sulla crisi dello stato sociale, di Luigi Bobbio sulle virtù del sorteggio, di Carlo Donolo sulle aspettative deluse della democrazia rappresentativa, del politologo tedesco Ekkherart Krippendorff su come far politica “senza essere governati”, di Giuseppe Cotturri sul rapporto tra politica e sussidiarietà, di Duccio Zola sulle prospettive della democrazia deliberativa, di Giulio Marcon sul rapporto tra democrazia diretta e democrazia rappresentativa, di Pino Ferraris sul rapporto tra politica, società e forme storiche dell’agire e infine un contributo di Donatella Della Porta sul ruolo dei movimenti sociali nella costruzione di una nuova politica dal basso.

w w w.asinoedizioni.it


Eventi 2008 / 2009 2009 9-1 12 Dicembre 2009 Scuola residenziale per gli enti locali. Migrazioni, sviluppo umano e enti locali: vincoli e opportunità. La scuola è una delle attività svolte nell’ambito del progetto Umanamente coordinato da Ucodep di cui Lunaria è partner. 8 Dicembre 2009 Presentazione del Rapporto Europeo Social Watch. Il rapporto, realizzato dalla coalizione Europea di Social Watch, è stato presentato a Bruxelles alla presenza della stampa e di alcuni rappresentanti del Parlamento Europeo. 1 dicembre 2009 Presentazione del rapporto Cambiamo finanziaria. Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace, l’ambiente a Roma presso la Sala della Pace della Provincia. Nel corso dell’incontro sono state presentate le proposte di Sbilanciamoci! per la finanziaria 2010. 30 Novembre 2009 Terzo incontro internazionale a Vienna di SEVEN, network europeo per la promozione degli scambi internazionali per volontari senior di cui Lunaria è promotrice e capofila.

26 Novembre 2009 Seminario di formazione rivolto agli amministratori locali sul tema dello sviluppo umano. Si è svolto a Massa Carrara nell’ambito del progetto Umanamente. 10 Novembre 2009 Seminario di formazione rivolto agli amministratori locali sul tema dello sviluppo umano. Si è svolto a Firenze nell’ambito del progetto Umanamente. 11 novembre 2009 Presentazione del Libro bianco sul razzismo in Italia a Pavia, presso il Master “Immigrazione, Genere, Modelli familiari e strategie di integrazione”, promosso dalla Facoltà di Scienze Politiche. 29 Ottobre 2009 Presentazione del progetto Umanamente a Firenze nell’ambito del Forum della P. A. “Dire e Fare” organizzato dalla Regione Toscana. 2-4 4 ottobre 2009 Salone dell’Editoria Sociale. Promossa dalla Comunità di Capodarco, Lunaria, le Edizioni dell’Asino, l’associazione Gli asini, il mensile “Lo straniero” e l’agenzia Redattore sociale, la manifestazione ha proposto conferenze, presentazioni di libri e dibattiti che hanno coinvolto giovani, operatori sociali, scrittori, studiosi e giornalisti.

23


3 ottobre 2009 Presentazione a Roma del sesto Rapporto Quars sul benessere in Italia realizzato dalla campagna Sbilanciamoci! presso il Salone dell’Editoria Sociale. 2 ottobre 2009 Presentazione a Roma del libro Rapporto sul razzismo in Italia (manifestolibri 2009) presso il Salone dell’Editoria Sociale. 21 Settembre 2009 I programmi europei di formazione, mobilità e solidarietà per i cittadini senior: un esempio e tante possibilità. Seminario realizzato a Roma nell’ambito del progetto SenEmpower. 5 Settembre 2009 L’Impresa di un’economia diversa (VII edizione): il forum annuale della campagna Sbilanciamoci! si è svolto a Cernobbio (Co). Il forum ha visto la partecipazione di 150 esponenti della società civile. 14 Luglio 2009 Presentazione del Libro bianco sul Razzismo in Italia al meeting Internazionale antirazzista di Cecina organizzato dall’Arci.

22-2 23 maggio 2009 Conferenza finale internazionale del progetto di ricerca TRESEGY presso l’Università di Lleida (E). 26 Giugno 2009 Partecipazione al convegno La crisi dell’economia e della democrazia. Voci della sinistra. 26 giugno 2009 Spettacolo di breakdance conclusivo del primo ciclo di laboratori organizzati nell’ambito del progetto “Street in Action”. Si è svolto a Ottavia (Rm) in collaborazione con i Cag e i giovani di tre quartieri delle periferie romane. 12 Giugno 2009 Presentazione del Libro bianco sul Razzismo in Italia, presso la Sala della Pace della Provincia di Roma. 4-6 6 Giugno 2009 Shur: Human Rights in Conflict. The Role of Civil Society. Conferenza internazionale di presentazione dei risultati del progetto di ricerca triennale SHUR, coordinato dall’Università LUISS. 30 maggio 2009 Crisi globale. Ripartire dai diritti. Seminario organizzato a Firenze dalla coalizione italiana Social Watch nell’ambito della manifestazione Terra Futura.

24


15 maggio 2009 F35 promossa da Sbilanciamoci! in Presentazione della campagna Stop-F collaborazione con la Rete Italiana per il Disarmo.

della Banca Mondiale (CRBM) in occasione della riunione dei Ministri delle Finanze del G7 a Roma.

5 Giugno 2009 Presentazione del programma di volontariato internazionale 2009 di Lunaria, organizzato a Roma presso la sede del Cesv.

7 febbraio 2009 Laboratorio di Youmap al Pigneto (Rm) nell’ambito della giornata “Aperto per prova” organizzata dal Comitato di quartiere e dalle associazioni territoriali.

3 - 8 Marzo 2009 International Technical Meeting di Alliance. Lunaria ha organizzato quest’anno a Venezia il meeting annuale del network che riunisce oltre 150 organizzazioni di 60 paesi attive nel volontariato internazionale.

27 gennaio 2009 Presentazione di Sicurezza di chi? Come combattere il razzismo (Edizioni dell’Asino 2008) a Napoli. L’incontro è stato realizzato in collaborazione con la provincia di Napoli.

19 Febbraio 2009 Presentazione del Rapporto Social Watch 2008 a Roma.

23 gennaio 2009 Presentazione del libro Dopo la politica. Democrazia, società civile e crisi dei partiti (Edizioni dell’Asino 2008) a Roma, a Palzzo Valentini.

12 -1 15 febbraio 2009 Secondo incontro internazionale a Leida di SEVEN, network europeo per la promozione degli scambi internazionali per volontari senior di cui Lunaria è promotrice e capofila.

15 Gennaio 2009 Presentazione del libro Sicurezza di chi? Come combattere il razzismo (Edizioni dell’Asino 2008) a Milano presso la Fondazione Feltrinelli.

12 febbraio 2009 Chi paga la crisi? Le alternative della società civile. Incontro promosso da Sbilanciamoci! in collaborazione con la Campagna per la Riforma

25


2008 16 Dicembre 2008 Presentazione del Libro Bianco 2008 sulle politiche pubbliche di cooperazione allo sviluppo in Italia realizzato da Sbilanciamoci! alla presenza di rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri e delle Commissioni Affari Esteri della Camera e del Senato. 12-1 14 Dicembre 2008 Presenza con uno stand di Lunaria e Sbilanciamoci! alla Festa dell’Atraeconomia svoltasi a Roma presso la Città dell’altra economia. 9 -1 13 Dicembre 2008 Corso di formazione ACTIVE rivolto a operatori di associazioni ed enti locali sulla creazione e gestione di scambi di volontari senior. 29 Novembre 2008 Partecipazione al Convegno Immigrazione: tra pacchetto sicurezza e diritti di cittadinanza, organizzato dal Comune di Nonantola nell’ambito della quinta edizione del Festival Africa. 29 Novembre 2008 Incontro con gli studenti in movimento presso la facoltà di Architettura dell’Università Roma Tre. Tema: i processi di inclusione/esclusione dei giovani figli dell’immigrazione.

26

7 Novembre 2008 Finanza e potere. Cosa cambia negli Stati Uniti e in Europa. Il seminario svolto a Roma presso la Fondazione Internazionale Lelio Basso, ha coinvolto esperti internazionali in una riflessione sulla crisi economica globale. 14 ottobre 2008 Presentazione del rapporto La Finanziaria per noi. È stato presentato a Roma il rapporto che contiene le critiche e le proposte della campagna Sbilanciamoci! per la finanziaria del 2009. L’incontro ha visto la partecipazione di numerosi esponenti del mondo della politica, della stampa, della società civile. 25 -2 26 Settembre 2008 Seminario di formazione sull’Impresa Sociale e la Responsabilità sociale d’impresa a Roma, in collaborazione con Banca Popolare Etica e Respet. 4 - 6 settembre 2008 L’Impresa di un’economia diversa. Un bel lavoro (VI edizione): Forum annuale della campagna Sbilanciamoci! Ciclo di seminari tenutosi a Torino sui temi dell’economia sostenibile, della partecipazione, della cittadinanza. 24 giugno 2008 Presentazione del VI Rapporto Quars. Come si vive in Italia ? realizzato da Sbilanciamoci! a Trento nell’ambito di un convegno organizzato in collaborazione con la Provincia.


17 Aprile 2008 Presentazione dei risultati dell’indagine svolta da Lunaria sui processi di inclusione sociale dei giovani figli dell’immigrazione nell’ambito del progetto TRESEGY. L’incontro con i docenti delle scuole medie superiori si è svolto a Roma nel quartiere Esquilino. 11 Aprile 2008 Backpacking European Cultures. Si è chiuso a Roma al Forte Prenestino con uno spettacolo finale lo scambio giovanile che ha coinvolto giovani europei in laboratori di danza e di teatro. 10 Aprile 2008 Presentazione dei risultati della ricerca TRESEGY a un gruppo di studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma. 17-2 20 gennaio 2008 Primo incontro internazionale a Ferrara di SEVEN, network europeo per la promozione degli scambi internazionali per volontari senior di cui Lunaria è promotrice e capofila.

27


Pubblicazioni 2008 / 2009 2009 Andreis S., Marcon G., Human Rights, Civil Societ y and Conflict in Bosnia and Herzegovina, in Marchetti R. e Tocci N. (a cura di), Human Rights in Conflicts: The Role of Civil Societ y, United Nations University Press, Tokyo 2010. Pianta M., Barrier D., Utting P. (a cura di), Global Justice Activism and Policy Reform in Europe. Understanding how change happens. Routledge, London 2010. Bertinelli A., Cortellesi G. (a cura di), Il volontariato utile. Tendenze e buone pratiche. Cento schede da consultare, Edizioni dell’Asino 2009. Comito V., Le armi come impresa. Il business militare e il caso Finmeccanica, Edizioni dell’Asino 2009. Naletto G. (a cura di), Rapporto sul razzismo in Italia, con contributi di: Paola Andrisani, Sergio Bontempelli, Alberto Burgio, Angelo Caputo, Giulia Cortellesi, Giuseppe Faso, Marcello Maneri, Grazia Naletto, Annamaria Rivera, Maurizia Russo Spena, Luciano Scagliotti, manifestolibri 2009. Pianta M., Franzini M., (a cura di), Special issue on Inequality: mechanisms and effects, “International Review of Applied Economics” 2009, 3.

28

Sbilanciamoci! (a cura di), Cambiamo finanziaria. Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace, l’ambiente, Lunaria 2009. Sbilanciamoci! (a cura di), Quars 2009. Come si vive in Italia ?, Lunaria 2009. Social Watch, Rappor to 2009, People first, Acli, Arci, Ucodep, Fondazione Culturale responsabilità etica, Lunaria, Manitese, Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, W WF, 2009. Social Watch, European Social Watch Repor t 2009, Migrants in Europe as development Actors. Bet ween hope and vulnerabilit y, Eurostep, Bruxelles 2009.


2008 Andreis S., Die Segel auf “Sozialoelogolischen Umbau” setzen, forder t Kreativitaet, Courgae, Lernfaehigkeit un Attraktivitaet fuer Buendnisse (Creatività, coraggio, capacità di apprendimento e attrazione per alleanze verso la trasformazione socio-ecologica) in Delheim J, Krause G., (a cura di), Fuer eine nueu Alternative (Per una nuova alternativa) Rosa Luxemburg Stiftung (Fondazione Rosa Luxemburg), Berlino 2008. Di Pietro D., Still active! Manuale per le organizzazioni della società civile interessate a ospitare volontari senior; seconda edizione, Lunaria 2008. Di Pietro D., Still active! Proposte di volontariato internazionale per cittadini senior, Manuale per i volontari; seconda edizione, Lunaria 2008. Marcon G. (a cura di.), Come siamo cambiati. Incontro con Giuseppe De Rita, Edizioni dell’Asino 2008.

Sbilanciamoci! (a cura di), La finanziaria per noi. Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace, l’ambiente, Lunaria 2008. Sbilanciamoci! (a cura di), Libro bianco 2008, sulle politiche pubbliche di cooperzione allo sviluppo in Italia, Lunaria 2008. Sbilanciamoci! (a cura di), Il Quars, un indicatore di benessere sostenibile, Lunaria 2008. Sbilanciamoci! (a cura di), Come si vive in Trentino? Il Quars, la qualità sociale e ambientale dello sviluppo nella Provincia di Trento, Lunaria 2008. Social Watch, Rappor to 2008, Crisi globale. La risposta: ripar tire dai diritti, Acli, Arci, Ucodep, Fondazione Culturale responsabilità etica, Lunaria, Manitese, Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, W WF, 2008.

Marcon G., D. Zola, Le politiche sociali par tecipative in Italia. Quattro casi e un decalogo di buone pratiche, in “Autonomie locali e servizi sociali”, Il Mulino, n° 3 dicembre 2008.

Viganò E., Glorio M., Villa A., Tutti i numeri dell’equo. Il commercio equo e solidale in Italia, Edizioni dell’Asino 2008.

Naletto G., (a cura di), Sicurezza di chi? Come combattere il razzismo, Edizioni dell’Asino 2008.

Zola D. (a cura di), Dopo la politica. Democrazia, società civile e crisi dei par titi, Edizioni dell’Asino 2008.

Sbilanciamoci! (a cura di), Budgeting for the Future, Building another Europe, Lunaria 2008.

29


Principali committenti Lunaria nel corso degli anni ha cercato di differenziare il più possibile le proprie fonti di finanziamento, secondo un’ottica di diversificazione delle risorse e di mantenimento dell’autonomia. Tra queste, segnaliamo: Commissione Europea, Direzione Generale Ricerca e Sviluppo Commissione Europea, Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali Commissione Europea, Direzione Generale Istruzione e Cultura Consiglio d’Europa Parlamento Europeo Fondazione Anna Lindh UNDP Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Dipartimento Affari Sociali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Regione Campania, Assessorato ai Servizi Sociali Regione Emilia-Romagna, Assessorato Cultura, Sport, Progetto Giovani Regione Lazio, Assessorato al Bilancio Regione Puglia, Assessorati vari Regione Friuli Venezia Giulia, Assessorato all’Istruzione, Cultura, Sport e Pace Provincia di Ascoli Piceno, Assessorato alle Attività Produttive Provincia di Roma, Assessorato alle Politiche Giovanili e della Formazione Professionale

30

Provincia di Roma, Presidenza Provincia di Parma, Presidenza Provincia di Lucca, Scuola della Pace Provincia di Trento Provincia di Bari Provincia di Mantova Provincia di Venezia Comune di Roma, Dipartimento Affari Sociali Comune di Roma, Assessorato al Lavoro e allo Sviluppo Locale Comune di Roma, U.O. Autopromozione Sociale Comune di Roma, Assessorato alle Politiche per le Periferie, lo Sviluppo Locale, il Lavoro Comune di Venezia, Assessorato alle Politiche Giovanili e alla Pace Comune di Mantova OPER - Osservatorio Permanente sull’Economia Romana Fondazione Charles Magne Fondazione Venezia Cassa Depositi e Prestiti Francese Banca Popolare Etica Emergency Mani Tese Medici Senza Frontiere Lush


Il bilancio di Lunaria Anni 2007 / 2008 C) Oneri C1 - Personale C2 - Costi di ufficio C3 - Spese per viaggi e missioni C4 - Spese per attivitĂ  di comunicazione C5 - Spese per quote partner progetti C6 - Contributi iniziative e campagne C7 - Perdite su crediti C8 - Altri oneri straordinari C9 - Oneri finanziari C10 - Quote amm.to immobilizzazioni C11 - Imposte dell'esercizio e sanzioni Totale oneri Avanzo dell'esercizio D) Proventi D1 - Contributi Europei D2 - Contributi enti pubblici italiani D3 - Donazioni e liberalitĂ  D4 - Quote associative D5 - Quote partecipazione campi D6 - Altri contributi da enti privati D7 - Contributi per pubblicazioni D8 - Ricavi straordinari D9 - Ricavi finanziari D10 - Contributi per campagne Totale proventi

31.12.2008 629.488 72.088 270.567 54.479 65.612 2.460 3.524 16.310 10.685 3.172 20.721 1.149.106 3 31.12.2008 457.517 491.230 1.511 10.350 30.905 130.789 10.209 2.347 168 14.083 1.149.109

31.12.2007 507.803 57.911 205.422 41.714 12.800 476 131 7.858 12.693 2.950 22.409 872.166 31.961

Costi

Personale Costi di ufficio Spese per viaggi e missioni Spese per attivitĂ  di comunicazione Spese per quote partner progetti

5%

6%

5%

24%

54% 6%

Ricavi

Contributi Europei Contributi enti pubblici italiani

31.12.2007 391.126 430.327 1.000 9.090 34.700 16.691 4.122 3.415 52 13.606 904.127

Altri costi

Quote partecipazione campi Altri contributi da enti privati

11% 3%

3%

Altri proventi

40%

43%

31


Sostieni Lunaria Democrazia, partecipazione attiva, impegno sociale e di solidarietà, valorizzazione dell’impegno volontario e delle differenze, garanzia dei diritti delle persone che lavorano nell’associazione, trasparenza nelle relazioni con i soggetti esterni: questi sono i principi che regolano la vita di Lunaria. Per costruire un mondo più giusto in cui: - i diritti dell’uomo abbiano la priorità sugli interessi dei grandi poteri economici; - beni, diritti e servizi fondamentali siano garantiti a tutti; - l’impegno sociale e la solidarietà non si trasformino in business; - l’informazione sia libera e indipendente; - i diritti di cittadinanza siano svincolati dalla nazionalità. ASSOCIATI! Lunaria è un’associazione laica, senza scopo di lucro, indipendente e autonoma dai partiti. Finanzia le proprie attività con i contributi degli

32

associati, delle istituzioni europee e degli enti locali. Per aderire è sufficiente inviare un contributo di almeno 30 euro. La tessera associativa ha validità annuale e scade ogni 31 dicembre. La quota di adesione può essere versata in diversi modi: - Versamento sul c/c postale intestato a Lunaria IBAN IT59S0760103200000033066002 con la causale “tessera associativa” e l’indicazione del vostro cognome; - Bonifico Bancario sul c/c intestato a Lunaria IBAN IT45L0501803200000000001738, Banca Popolare Etica, Via Parigi 17, 00185, Roma. - Versamento in contanti presso la nostra sede in via Buonarroti 39, Roma. Manda via fa x (06.8841859) o per posta (via Buonarroti 39, 00185 Roma) la ricevuta del versamento e i tuoi dati completi: nome, cognome, indirizzo, cap, città, provincia, telefono, cellulare, e-mail.


Le persone Roma Grazia Naletto Presidente. Studia da tempo gli aspetti sociali, culturali e politici connessi all’immigrazione che ha trattato in varie pubblicazioni e sono al centro della sua attività sociale e politica. Mario Pianta Vice-Presidente. Esperto di globalizzazione e movimenti sociali. Insegna Politica economica all’Università di Urbino, dove ha anche diretto il Master “Lavorare nel non profit”. Marcello Mariuzzo Comitato di Presidenza. Si occupa dei campi internazionali di volontariato e dei progetti di animazione giovanile, supporta il coordinamento dell’Informagiovani di Venezia-Mestre.

Sergio Andreis Esperto di politiche giovanili e di programmi di cooperazione internazionale, in particolare per i paesi del Mediterraneo. Federica Alberino Collabora con l’amministrazione occupandosi della contabilità ordinaria dell’associazione; cura l’organizzazione delle iniziative e le relazioni con le associazioni aderenti della campagna Sbilanciamoci! Roberta Carlini Giornalista, coordina la redazione del sito sbilanciamoci.info

Cristiana Colaiori Diret trice amministrativa. Esperta di progettazione e di controllo di gestione.

Davide Di Pietro Responsabile di vari progetti di volontariato internazionale, con particolare riferimento alle attività di promozione e networking rivolte ai cittadini senior.

Roana Harito Responsabile dell’amministrazione. Laureata in Economia, Master in International Business Administration.

Sara Mandozzi Cura le attività di animazione giovanile, progetta e gestisce gli scambi giovanili e i training internazionali.

Giulio Marcon Portavoce della campagna Sbilanciamoci! e Presidente di Lunaria fino al 2009. Esperto di politiche per la pace e risoluzione dei conflitti internazionali, tema che ha trattato in numerosi saggi e volumi, e di politica e sociologia del terzo settore, che insegna in diverse università. Matteo Micalella Responsabile tecnico per il progetto Multimedia Center a Capo Verde, promuove la diffusione della tecnologia open source - web 2.0. Marco Ridoni Responsabile dei sistemi ICT dell’associazione. Gestisce i siti web lunaria.org e sbilanciamoci.org Tommaso Rondinella Collabora alle attività di ricerca della campagna Sbilanciamoci! Autore di varie pubblicazioni in materia di indicatori di sviluppo alternativi al Pil (come il Quars).

33


Elisabetta Segre Collabora alle attività di ricerca della campagna Sbilanciamoci! e al progetto di ricerca “Analisi della struttura e dell’occupazione del settore dei servizi sociali nella Regione Marche”. Anna Villa Collabora alle attività di ricerca della campagna Sbilanciamoci! e al progetto di ricerca “Analisi della struttura e dell’occupazione del settore dei servizi sociali nella Regione Marche”.

Venezia

34

Maurizio Busacca Coordina il Centro Informagiovani di VeneziaMestre.

Francesca Magarotto Referente per lo sportello “Scuola” del Centro Informagiovani di Venezia-Mestre.

Elena Carli Referente per la formazione e il lavoro all’estero per il Centro Informagiovani di Venezia-Mestre.

Alessandra Rosa Collabora allo sportello “Lavoro” per il Centro Informagiovani di Venezia-Mestre.

Sara Tognon Referente per lo sportello “Europa/Mondo” e le attività di mobilità giovanile del Centro Informagiovani di Venezia-Mestre. Laura Zanna Referente per lo sportello “Lavoro” del Centro Informagiovani di Venezia-Mestre.


Contatti E-m mail generale: lunaria@lunaria.org

Informagiovani Venezia-M Mestre: venezia@lunaria.org

Campi di lavoro: workcamps@lunaria.org

Amministrazione: amministrazione@lunaria.org

Scambi e volontariato a medio e lungo termine: volo@lunaria.org Antirazzismo e migrazioni: antirazzismo@lunaria.org Sbilanciamoci!: info@sbilanciamoci.org

Visita il sito di Lunaria!

SocietĂ  civili globali: globi@lunaria.org

www.lunaria.org

Rete seven sugli scambi senior: info@seven-network.eu

Tel. 06.8841880 Fax: 06.8841859

35


Lunaria via Buonarroti, 39 00185 Roma tel. 06.8841880 fax 06.8841859 lunaria@lunaria.org www.lunaria.org

Le attività di Lunaria Lunaria è un’associazione indipendente e senza fini di lucro nata nel 1992. Promuove iniziative di volontariato internazionale ed è attiva nell’ambito delle politiche giovanili. Svolge attività di ricerca, formazione e comunicazione su altreconomia e terzo settore, migrazioni e movimenti globali. Dal 1999 promuove, in collaborazione con 46 organizzazioni della società civile, la campagna Sbilanciamoci! Con le sue attività Lunaria intende sperimentare nuove forme di partecipazione e trasformazione sociale ispirate ai principi di giustizia, solidarietà e democrazia per la garanzia dei diritti civili, sociali e umani in ambito nazionale e internazionale.


Report 2009 - Lunaria