Page 1

LORENZO VECCHIOTTI

L’Omosessualità nella Nuova Era 


LORENZO VECCHIOTTI

L’Omosessualità Sacra Sciogliere i condizionamenti e vivere l’Amore

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 1


Indice

Sinossi

8

Le giuste distanze

8

Riconoscere ed amare la diversità

10

Verità incontestabili che non posso ignorare .........................................................................11 Sul GENDER

13

Virilità naturale e culturale.................................................................................................... 13 Equivoci dell’educazione .......................................................................................................15 Natura del fraintendimento................................................................................................... 17 Guarire la disforia di genere ..................................................................................................18 Omosessualità animica ed omosessualità psicologica

19

L’assenza del padre ................................................................................................................20 La madre oppressiva.............................................................................................................. 20 I ruoli interpretati dai genitori .............................................................................................. 21 Freud, nel saggio Le aberrazioni sessuali del libro La vita sessuale .......................................22 Ada Cortese, psicoterapeuta fondatrice dell’Associazione G.E.A............................................ 22 Roberto Maggi, psichiatra clinico .......................................................................................... 23 Maria Luisa Faldini, Docente di Etnologia .............................................................................23 Cristina Allegretti, filosofo contemporaneo ...........................................................................24 Energia Maschile ed Energia Femminile

25

Grado di virilità .....................................................................................................................25 La polarità ............................................................................................................................. 26 Dinamiche relazionali dovute al grado di virilità ...................................................................27 Inclinazione interiore naturale .............................................................................................. 27 Riconoscere l’inclinazione interiore naturale .........................................................................28 L’importanza del riconoscimento dei diversi gradi di virilità ..................................................28 Dinamiche relazionali dovute all’inclinazione interiore .........................................................29 Inclinazione interiore compromessa ......................................................................................30 Deviazione nell’identità femminile ........................................................................................31 Deviazione nell’identità da predatore alpha .......................................................................... 32

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 2


Dinamiche relazionali dovute alle deviazioni nelle identità psicologiche eterosessuali .........32 Conseguenze esteriori dell’esistenza dell’identità femminile ................................................. 33 Conseguenze esteriori dell’esistenza dell’identità da predatore alpha ...................................33 Effeminatezza e sovravirilizzazione sono anche degli eterosessuali ...................................... 34 Comportamenti da figura genitoriale .................................................................................... 34 Comportamenti da figura filiale ............................................................................................34 Caratteristiche dell’energia della personalità .........................................................................35 Precisazioni sulla configurazione energetica della coppia ..................................................... 36 Il grande fraintendimento

37

Dinamiche relazionali ............................................................................................................38 Perché si fa drag ....................................................................................................................39 Perché evitare gli epiteti ........................................................................................................40 A cosa può essere utile assecondare la necessità fittizia di assumere le identità etero ..........40 Ritornare all’Essenza

41

La cultura della penetrazione ................................................................................................41 Frottage .................................................................................................................................44 Perché l’ano non è fisiologicamente predisposto a ricevere ...................................................45 Approfondimenti su AIDS e sesso anale ................................................................................ 46 La presunta omofobia delle correnti frottariane ....................................................................46 Cos’è l’omofobia ....................................................................................................................47 Perché questi movimenti sono considerati omofobi ...............................................................48 Chi è davvero omofobo ......................................................................................................... 49 Pecche dei movimenti anti-LGBT ...........................................................................................51 L’azione della propaganda per incitare alla pratica anale ...................................................... 52 Perché sarebbe così importante emulare il rapporto eterosessuale ........................................52 Come gli omosessuali vengono portati a preferire il sesso anale ........................................... 54 Fasi di Sviluppo dell’Omosessualità #1 Prequel

57

Premessa – I messaggi subliminali......................................................................................... 57 La condizione iniziale ............................................................................................................57 I segnali .................................................................................................................................58 Possibile fraintendimento dei segnali .................................................................................... 59 Conseguenze inconsapevoli dei segnali .................................................................................62

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 3


L’inutilità dei segnali .............................................................................................................. 62 Inutilità dei segnali #2: la programmazione mentale............................................................63 La necessità del ragazzo ........................................................................................................63 FSO#2 Fascinazione e primo innamoramento

65

Le combinazioni ....................................................................................................................65 Le deviazioni ........................................................................................................................ 67 Figura genitoriale ..................................................................................................................67 Figura filiale ..........................................................................................................................68 Sottomissione ........................................................................................................................ 68 Effetti collaterali nei confronti delle donne ...........................................................................69 Guarire gli effetti collaterali ..................................................................................................70 Considerazioni ulteriori ......................................................................................................... 70 FSO#3 Reazioni alla scoperta della propria omosessualità

71

Premessa – Riappiccicare i pezzi della propria identità .........................................................71 La scoperta ed il rifiuto ......................................................................................................... 71 L’insistenza sull’eterosessualità .............................................................................................. 72 La comprensione mentale......................................................................................................72 La richiesta di supporto ......................................................................................................... 72 La presunta natura malvagia .................................................................................................73 FSO#4 Pillola rossa: scelgo da subito di rimanere come sono

74

La complicità colpevole ......................................................................................................... 74 L’auto-sabotaggio ................................................................................................................... 75 L’ostracismo ...........................................................................................................................75 La realizzazione.....................................................................................................................75 Possibili gravi danni collaterali .............................................................................................. 76 Omofobia .............................................................................................................................. 77 Esperire una volta per tutte la reale accettazione ..................................................................77 La vuota accettazione degli altri ............................................................................................78 Rischi della mancata accettazione ......................................................................................... 79 L’omofobia interiorizzata… .................................................................................................... 79 …è un programma mentale................................................................................................... 80 Il tradimento ......................................................................................................................... 81

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 4


Tipologie di relazioni con gli altri omosessuali ......................................................................82 Difficoltà relazionali con gli altri omosessuali .......................................................................83 FSO#5 Pillola azzurra: tento prima l’eterosessualità

84

La vita fittizia ........................................................................................................................ 84 La terapia riparativa .............................................................................................................. 85 La terapia riparativa per chi ha subìto la terapia riparativa ...................................................86 Il mito dell’omosessuale che ti converte ................................................................................86 Cos’è che fa sì che a volte non sia solo un mito ..................................................................... 87 Smettere di alimentare il mito............................................................................................... 89 Come tornare eterosessuali dopo essere stati convertiti ........................................................89 FSO#6 Rapporto col Sacro

90

Ateismo .................................................................................................................................90 Conversione...........................................................................................................................91 Matrimonio ...........................................................................................................................91 Spiritualità ed esoterismo ......................................................................................................91 FSO#7 Perché non è vero che non serve fare Coming Out

92

Condizione di un omosessuale non dichiarato ......................................................................92 Fare Coming Out ................................................................................................................... 93 FSO#8 Rapporto con la società

95

Senso di colpa verso i genitori ............................................................................................... 95 Senso di colpa verso le donne ............................................................................................... 96 Senso di colpa verso gli omosessuali con un’inclinazione interiore maschile.........................97 Senso di colpa verso gli omosessuali con un’inclinazione interiore femminile ...................... 98 Precauzioni che prendo con gli eterosessuali.........................................................................99 FSO#9 Mutamenti alla personalità

99

Mutamenti dovuti alla scoperta dell’inclinazione interiore maschile o femminile ................. 99 Mutamenti dovuti all’identità femminile o da predatore alpha e come abbandonarli .........100 Ciò che accade internamente...............................................................................................101 Ciò che accade esternamente ..............................................................................................104 Smettere di assumere l’identità femminile o da predatore alpha......................................... 105 L’effetto che fanno i discorsi sulle terapie riparative ............................................................106 L’effetto che fanno alcuni tentativi di approccio non desiderati ...........................................107

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 5


FSO#10 Ruolo dei rapporti genitoriali nello sviluppo di tendenze comportamentali 108 Da dove potrei aver acquisito l’effeminatezza .....................................................................108 Da dove potrei aver acquisito il ruolo materno....................................................................108 Da dove potrei aver acquisito l’identità femminile .............................................................. 108 Da dove potrei aver acquisito la sovravirilizzazione ............................................................108 Da dove potrei aver acquisito il ruolo paterno.....................................................................109 FSO#11 Degenerazioni pericolose e come uscirne

109

Scambio di ruoli .................................................................................................................. 109 Quando l’inclinazione interiore dei due è la stessa .............................................................. 109 Quando le inclinazioni interiori dei due sono diverse ......................................................... 111 Uscire dall’abitudine dello scambio di ruoli .........................................................................112 Il rapporto maschio dominante e sottomesso ......................................................................113 Uscire da un rapporto maschio dominante e sottomesso .....................................................114 FSO#12 Il grave fraintendimento

116

Fattore #1 – Sottomissione ................................................................................................. 116 Fattore #2 – Effeminatezza o sovravirilizzazione ................................................................118 Fattore #3 – Scambiare la necessità di alcune qualità per la necessità dell’essenza ............119 Fattore #4 – Traumi legati alle figure genitoriali .................................................................120 Fattore #5 – Essere troppo o troppo poco uomini ...............................................................121 L’energia sessuale

124

Il sesso per il sesso ..............................................................................................................124 Perché gli omosessuali sono più esposti al rischio di una dipendenza sessuale ...................124 Giudizio sessuale ................................................................................................................. 125 Uscire dalla dipendenza sessuale

127

Il lato più luminoso dell’Amore

130

Focalizzarsi sull’Amore ........................................................................................................130 Chi è l’amante a livello elevato............................................................................................ 132 Matrimonio e diritti

133

Bambini

137

L’altro lato dell’arcobaleno – la storia di Millie Fontana .......................................................139 Epilogo

143

Bibliografia

143

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 6


Filmografia

144

Sitografia

144

Note sull’Autore

145

Descrizione del libro per la condivisione

146

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 7


Sinossi

L’Omosessualità Sacra intende redimere l’omosessuale dal senso di giudizio ed emarginazione che lo caratterizzano facendogli ripercorrere le fasi di sviluppo della propria omosessualità in modo da sviscerare le cariche emotive represse che si sono accumulate, ed integrando utili conoscenze di natura sottile che permettano di comprendere questioni ancora rimaste irrisolte. La possibilità di sciogliere una tendenza indotta quanto la vera accettazione della propria natura animica, ad esempio. È declinato al maschile, ma le donne potranno facilmente fare un parallelo delle tematiche trattate con la rispettiva controparte femminile. Inoltre, tutti gli eterosessuali avranno l’occasione di comprendere fino in fondo cosa deve affrontare normalmente un omosessuale, potendo così formulare un’opinione più strutturata sull’argomento e trovando utili approfondimenti su alcune tematiche di comune interesse.

Le giuste distanze

Il movimento LGBT avrebbe dovuto impegnarsi a tutelare gli omosessuali dalle ingiustizie sociali che subiscono giornalmente a causa dell’ignoranza e dell’omofobia, ma negli anni ha strumentalizzato il favore che riscontrava dai suoi sostenitori per snaturare quello che era semplicemente un altro modo di manifestare l’Amore sulla Terra: nel frattempo si è prodigato per diffondere fenomeni che con il semplice amore omosessuale non c’entrano niente. Pansessualismo, ideologia gender, drag queen, cross dressing, girling, solo per citarne alcuni, hanno inasprito il giudizio della società anziché mitigarlo, e chi ha dovuto pagare sono stati coloro che avrebbero invece dovuto essere aiutati ad essere compresi. Gli omosessuali non volevano imparare come truccarsi meglio, volevano che la gente la smettesse di ucciderli e di picchiarli. In questo il movimento LGBT ha fallito in pieno il suo compito. Perché se adesso ci sono meno morti e pestaggi non è per una maggiore

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 8


comprensione della società verso gli omosessuali, ma perché si è imposto di punire con la diffamazione chi si azzardasse a continuare a manifestare la sua ignoranza anziché istruirlo. Insegnare a comprendere la verità si è trasformato in imporre dogmaticamente l’accettazione. Anziché lavorare per la rappacificazione fra omosessuali e società il movimento LGBT ha preferito dichiararle guerra ed ha potuto farlo perché al suo interno ha lavorato per guadagnarsi l’amore degli omosessuali che afferma di tutelare attraverso il grido alla ribellione del make-up: nulla è stato fatto per supportare un sofisticato processo di vera autoaccettazione della propria omosessualità, si è piuttosto preferito eliminare la questione alla radice affermandone la legittimità a priori. Negli anni abbiamo assistito ad un aumento progressivo della censura del pregiudizio anziché al suo sradicamento. Si direbbe che è stato vomitato anziché digerito, destrutturato e smaltito. E come qualsiasi cosa che venga censurata, essa prolifera e si moltiplica nel sottobosco, divenendo più consistente e incancrenita di prima, seppur magari più invisibile, anziché sciogliersi e dissolversi. Ne risulta che chi nutre avversione per gli omosessuali continua a farlo ma perde la capacità di articolarne il perché, di modo che tale avversione continui a diffondersi adesso direttamente dal piano inconscio. Demolendo così le speranze che il pregiudizio, una volta esternato, venga dissestato e smantellato. In questa situazione, le persone (omosessuali compresi) hanno bisogno prima di ricordarsi perché odiano gli omosessuali, e poi imparare che si sbagliavano, così che possano smettere di farlo. In realtà, la legittimazione e la comprensione dell’omosessualità da parte di omosessuali ed eterosessuali hanno compiuto progressi quasi trascurabili nonostante si possa essere riusciti ad ottenere alcuni risultati in ambito medico e politico attraverso un atteggiamento oppressivo. Il movimento LGBT ha preferito focalizzarsi sul compiere gli interessi delle lobby che lo hanno generato anziché dei suoi protetti, facendo dell’attivismo politico la scusa con cui ha acquisito il potere di diffondere determinate abitudini comportamentali, pratiche sessuali, malattie e fenomeni sociali disfunzionali o dannosi. Alla possibilità di una relazione proficua e pacifica – caratterizzata da reciproco riconoscimento e rispetto – con il resto della società, anche gli omosessuali hanno preferito

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 9


l’esclusiva focalizzazione sul miglioramento delle condizioni delle loro vite private. Così sono diventati chi non erano: due ragazzi innamorati hanno imparato da chi avrebbe dovuto proteggerli che fosse meglio odiare coloro che non li capiscono e cercare di modificare con l’insistenza la loro opinione anziché smettere di odiare se stessi e curare l’ignoranza con l’insegnamento della Verità. Quello del movimento LGBT poteva davvero essere un pretesto per diffondere la comprensione del diverso. Ma mi auguro che qualcun altro prosegua quel compito, con il movimento g0y che già per molti rappresenta un faro di luce nell’oscurità, perché se una comprensione del diverso deve avvenire, potrà succedere in mille altri modi.

Riconoscere ed amare la diversità

Un lavoratore su di sé osserva tutto, cioè ogni aspetto delle persone che gli sono intorno, dell’ambiente e di se stesso (tutte facce dell’Uno) sono miniere di informazioni che gli permettono di intuire il punto di vista migliore da cui guardare per ottenere la comprensione delle circostanze che gli si presentano. Un omosessuale ha quindi il dovere di studiare la sua sessualità più approfonditamente di un eterosessuale qualsiasi, ed in parte è la vita stessa che già lo porta a farlo, perché è una caratteristica non-comune, non-scontata e non-standard della sua personalità che lo differenzia radicalmente dalle masse. Riguarda aspetti fondanti dell’espressione di un essere umano nella materia come l’intimità, il piacere, l’amore, l’ego, tutti declinati in modo diverso da un omosessuale. È una verità intrinseca, molto profonda del suo essere e non può minimizzarla. È necessario che trovi il coraggio di abbracciare la diversità che lo contraddistingue. In realtà non sarebbe neanche del tutto colpa sua se la minimizza. È che quando inizialmente sperimentava la possibilità di aprirsi alla società mostrandola liberamente, riceveva odio o

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 10


morte come risposta, per cui il rifiuto ed il dolore causati lo hanno costretto ad accettare che la sua diversità verrà comunque considerata un abominio da nascondere, ed oltre a ciò, che lui stesso deve in fondo pensarla così se vuole vivere in questa società. Quando l’omosessuale stesso vorrebbe farsi rispettare perché uguale agli altri, allora la società ha vinto. L’omosessuale ha imparato che non può essere amato per ciò che è e che in definitiva non potrà comunque essere amato in nessun altro caso; solo la facciata che deciderà di costruirsi per assomigliare di più a chi lo odia verrà amata. Non solo la società, ma anche l’omosessuale ha imparato a negare se stesso dimenticando chi è. Verità incontestabili che non posso ignorare Il genere fisiologico è l’aspetto che maggiormente definisce la mia identità psicofisica, e l’orientamento sessuale viene immediatamente dopo. È uno di quei saperi più basilari con cui mi identifico non appena arrivo in incarnazione. Le fondamenta della mia personalità. “Sono un uomo, non sono una donna.” oppure “Sono una donna, non sono un uomo.” è la prima cosa che mi caratterizza dopo l’affermare “Io esisto.” ed “Io mi trovo in un corpo umano e posso muovermi ed utilizzare i cinque sensi e la mente”. Per un eterosessuale a questo segue “Desidero un individuo del sesso che io non rappresento.” ed appare essere una naturale conseguenza per raggiungere il fine di sentirsi completato. Quando il mio orientamento sessuale e sentimentale è omosessuale, invece, per raggiungere quello stesso fine desidero un secondo individuo del mio stesso sesso e non c’è modo che sia diversamente, perciò la necessità dell’esistenza dell’altro sesso, per me, viene meno. Non è proprio qualcosa su cui scherzare considerando che esso rappresenta comunque l’altro 50% circa della popolazione mondiale. Sono un uomo ma mi innamoro di altri uomini perché rappresentano il mio aspetto meno virile. Sono un uomo ma mi innamoro di altri uomini perché rappresentano il mio aspetto più virile. Sono un uomo ed ho delle qualità molto maschili che desidero rivolgere ad un altro uomo. Sono un uomo ma ho delle qualità molto femminili che desidero rivolgere ad un altro uomo.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 11


Sono tutte constatazioni fondamentali che discriminano la mia diversità rispetto alla condizione comune. E dovrebbero essere la base su cui è costruita la mia intera personalità. La fonte primaria della mia autostima. È dal non rendermi sufficientemente conto di questo che nasce l’autoinganno e la pretesa di poter essere considerato uguale a tutti gli altri e non voler quindi concepire l’idea di dover lavorare su di me per quanto riguarda la questione dell’orientamento sessuale – che in realtà significherebbe semplicemente constatare in modo neutro l’esistenza di una disuguaglianza e la sua eguale condizione di legittimità. Non sono come tutti gli altri: dovrei riuscire a vedere che se sono dotato di un pene, ma ricerco l’interazione con un altro pene anziché con una vagina, o con un organo non fisiologicamente atto alla percezione del piacere come l’ano – perché c’è assoluto bisogno di non poter essere fraintesi – esiste effettivamente un grado di diversità molto profondo che mi distingue dalla maggioranza delle persone. Non posso mettere la testa sotto la sabbia ogni volta che anche solo lo intravedo. Ovviamente, è una diversità che dovrebbe essere constatata senza giudizio: nessuna discriminazione dovrebbe seguire al riconoscimento ed all’accettazione di essa. Ma questa va riconosciuta ed accettata, anche dagli omosessuali stessi. Dovrei amare il fatto che sono effettivamente diverso, stupirmene ed indagare quali scopi una caratteristica come questa può avere ai fini di un lavoro evolutivo e spirituale perché niente accade a caso. Di solito, invece, la nego o la nascondo, pur di sembrare come tutti gli altri, pur di non doverci avere a che fare, dietro la parvenza di risolvere così anche il problema delle discriminazioni che potrebbe causare. Non la voglio guardare invece di lavorare per diventar capace di portarla in giro ed esporla con la stessa naturalezza con cui mostro il colore dei miei occhi.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 12


Sul GENDER

Secondo l’ideologia GENDER un bambino dovrebbe poter scegliere se da grande sarà un uomo o una donna. Equivarrebbe ad affermare che nessuna causa animica è coinvolta nella determinazione del genere alla nascita e che questo sia solo un mero prodotto del caso e di madre natura. Secondo l’esoterismo essere uomo o donna è qualcosa che ho già deciso, prima di incarnarmi sul pianeta, per poter meglio sciogliere il karma e sviluppare o migliorare delle qualità e dei talenti che mi servono per la mia evoluzione spirituale. Ripeto: io l’ho scelto!, l’ho già scelto!, prima di venire in incarnazione, così come ho scelto la coppia di genitori che era più adatta a conferirmi il patrimonio genetico che mi sarebbe servito in questa vita, sempre per poter meglio sciogliere il karma e poter adempiere al meglio la mia missione. Aderire a questo precetto dell’ideologia GENDER è quindi una violenza spudorata nei confronti del riconoscimento della volontà della mia anima. Per decidere se debba considerare plausibile identificarmi nel genere diverso dal mio viene utilizzato un metro di misurazione della mia virilità. Se il mio grado di virilità è inferiore ad un certo livello, allora dovrei dedurre che il mio genere biologico non corrisponde a quello reale. Il problema è che si fa riferimento ad un concetto di virilità definito non da una serie di caratteristiche autentiche e naturali, ma che gli si attribuiscono culturalmente: artificialmente. Traduco di seguito una porzione dell’articolo Natural Masculinity Vs. Cultural Masculinity [https://tinyurl.com/natural-cultural-masculinity] del blog The Scriptures Don’t Condemn Homosexuality: Virilità naturale e culturale (…) in una discussione sull’intimità fra persone dello stesso sesso, il fondatore della Man2Man Alliance (…) ha introdotto il concetto di virilità naturale e culturale. Spiegando con le sue parole, la virilità naturale “scorre spontaneamente dal senso di un uomo di percepirsi Maschio”. Dice anche che componenti fondamentali della virilità naturale sono “attrazione e affetto per individui dello stesso sesso” insieme ad “aggressività”. Perciò, “in uno stato naturale, i maschi nei confronti di altri maschi ricercano l’aggressione – la lotta e il combattimento… ma nutrono anche affetto e attrazione: ricercano il contatto fisico attraverso

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 13


la lotta e l’azzuffamento, gli abbracci” (…) Questo tipo di virilità (…) riconosce che gli uomini non devono necessariamente essere completamente machi, né devono considerare minacce per la loro virilità fenomeni culturali neutri come il canto, la danza o i musical. Riconosce che esistono molti modi di essere virili e sono tutti perfettamente validi senza bisogno di parodiare la femminilità. Invece la virilità culturale “è un insieme di comportamenti che sono dettati dalla cultura”. La sua definizione dipende dai movimenti e dai capricci della società che sono transitori. È inevitabilmente soggetta a cambiamento. (…) Le sue convenzioni ed idee possono essere ridefinite in ogni momento e sono largamente modellate dalle condizioni politiche, economiche e sociali di quella società. In altre parole, la virilità naturale non è soggetta a cambiamento. È una forma di virilità che è intrinseca dell’uomo, sempre presente anche quando soppressa, e perdurerà sempre in un modo o nell’altro. Mentre, la virilità culturale è sempre soggetta a cambiamento perché è generata culturalmente, e ogni sua versione viene facilmente considerata “usa e getta”. Argomentazioni simili possono essere fatte per femminilità naturale e culturale. Nel trasformare la filosofia sessuale moderna [https://tinyurl.com/philosophy-of-sex, nda], il neoliberismo ed il militarismo si sono ripercossi sulla nostra comprensione culturale della virilità. Ciò che concepiamo “normale” segna anche il contorno di ciò che è accettabilmente virile. Man mano che la trasformazione è avanzata, la nostra virilità culturale si è allontanata molto dalla nostra virilità naturale ed ha presupposto sempre di più che vivessimo secondo la prima e disprezzassimo la seconda. Durante questa trasformazione, la quantità di cose considerate “normali” si è ristretta sempre di più, mentre cresceva di conseguenza la quantità di cose considerate “anormali” (o gay). Perciò, qualcosa di accettabile per gli etero in un determinato anno diventava inaccettabile qualche tempo più tardi. (…) “L’aspetto che più fa colpo della mascolinità culturale è l’enorme sforzo impiegato nel sopprimere l’affetto fra persone dello stesso sesso. (…) L’introduzione di linguaggio che identifica presupposti strani fenomeni come bromance, metrosexual, spornosexual, man date, bro hug, mancrush, ecc. mostra una slegatura crescente del concetto di intimità fra persone dello stesso sesso dal concetto di virilità “normale”. È interessante notare come tutti questi termini siano diventati popolari ben dopo il 2001. Non è tutto. La tipologia e la quantità dei

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 14


fenomeni culturali permessi nella vita “normale”, pure si è ristretta. A causa di questo, sempre più interessi culturali sono stati interpretati come segni di “anormalità” (o omosessualità). Cose che prima erano slegate dalla dicotomia: musical, teatro, danza, musica pop, abiti viola o rosa, leggeri contatti fisici, sono stati acquisiti nello spettro dell’“anormalità”. Si sarebbe diffuso anche fra gli sport, in quanto sport individuali come il nuoto, il pattinaggio artistico, la ginnastica ed altri hanno progressivamente assunto una connotazione gay. (…) Rispetto a questo, la leadership LGBT e i media non aiutano minimamente a combattere questa trasformazione avanzante. Infatti, usano questi stessi standard per decidere chi è potenzialmente gay, o chi non è legittimamente maschio o femmina. Proprio con ciò, quando si discute dei transgender, questi stessi standard culturali sono usati per determinare chi è “nel corpo sbagliato”, e dovrebbe considerare l’identificarsi nell’altro genere, o anche la chirurgia di riassegnazione di genere. Aiutano a propagare la menzogna che vere virilità e femminilità sono naturalmente monolitiche, e chiunque non fa la spaventosa netta distinzione è falso, o nel migliore dei casi si dovrebbe sospettare che lo sia. [Fine estratto] Equivoci dell’educazione Perciò vengo educato a considerare la predisposizione alla sensibilità come femminile, anziché considerarla solamente umana. Quando inoltre capita che i miei gusti riguardano alcuni ambiti culturalmente considerati altrettanto solo femminili ecco che l’identificazione della mia energia maschile comunque innegabilmente esistente solo perché fisiologicamente maschio viene ulteriormente complicata. Soprattuto nel caso in cui persino tali gusti siano stati in realtà inconsciamente acquisiti dall’educazione che ho ricevuto dai miei genitori e non siano stati invece spontaneamente sviluppati da me. Allora mi ritroverei ad avere a che fare con tutta una serie di aspetti della mia personalità con cui ormai magari sono identificato che però non rispecchiano realmente chi sono e la mia vera energia. Si pensi ad alcune drag queen che se si accorgessero davvero di qual è la loro energia forse deciderebbero addirittura di arruolarsi… In altre parole, se nasco maschio ma i miei genitori volevano una femmina, io sono un maschio, ho naturalmente l’energia maschile, eppure durante la mia educazione i miei

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 15


genitori possono essere più o meno consapevolmente portati ad educarmi non mettendo mai l’accento sul fatto che sono un maschio, ad esempio regalandomi dei giochi che non fanno distinzione di genere, vestendomi con colori neutri senza mai preferire esplicitamente il blu o l’azzurro, spingendomi verso la tecnologia, l’arte, la cultura – che non hanno genere –, e verso professioni che possono svolgere sia uomini che donne, ed eventualmente incoraggiandomi ad interessarmi ad acquisire ed apprezzare quanto di maschile c’è all’interno del mondo femminile, come l’eventualità in cui possa diventare un cuoco, un ballerino, uno stilista… Senza mai parlarmi invece dell’eventualità in cui possa diventare un meccanico, un lottatore o un imprenditore: senza formarmi secondo quei valori e principi dell’energia maschile che non vengono mai menzionati se non per condannarne l’ottava bassa. Perciò non ho mai la possibilità di far crescere dentro di me la consapevolezza esplicita di essere maschio, vengo privato della possibilità di far diventare questo fatto una parte prioritaria della mia identità personale. La mia energia maschile non viene considerata, non viene istruita, non viene fatta maturare. Il fatto che esista è evidente, anche magari per via di comportamenti decisi e toni risoluti che occasionalmente attuo e che un qualsiasi altro occhio considererebbe a ragione virili, ma che dai miei genitori non vengono visti perché troppo presi a proiettare su di me l’idea che loro si sono fatti su chi dovrei essere, e che dunque neanche io imparo mai a riconoscere come virili. Nonostante la mia energia maschile esista, non mi viene mai insegnato a percepire la sua esistenza, né ciò che con essa può essere fatto di produttivo. Per questo rimango erroneamente aperto nel tempo alla possibilità di considerarmi donna. Tutto ciò non significa che in funzione del riconoscimento della mia energia maschile io debba rifiutare quelle qualità considerate più femminili che possono comunque spontaneamente caratterizzarmi, né che dovrei essere obbligatoriamente attratto dalle donne: esistono diversi modi di declinare ed esprimere l’energia maschile. Al contrario, riconoscere entrambe queste verità è utile semmai a non costringermi necessariamente a considerarmi assimilabile ad una donna, mantenendo il rispetto per la mia autentica configurazione energetica.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 16


Natura del fraintendimento L’identificazione con l’altro genere sarebbe, quindi, una deduzione mentale che ad un certo punto raggiungo attraverso un’insistenza nel voler considerare scollegati i miei comportamenti e gusti dal concetto di virilità che vige culturalmente in un dato momento, non essendo stato formato alla percezione della mia energia maschile. Se poi a questo aggiungo un’ammirazione per le qualità più positive fra quelle tradizionalmente considerate esclusivamente femminili, ecco che il passaggio consistente nel ritenerle mie ed identificative di me diventa istantaneo, e con esso il rifiuto di quelle maschili altrettanto esistenti ma non più riconosciute. Da questo produco la conclusione che allora l’intera mia identità di genere sia in realtà femminile. Cioè, anziché considerare quelle femminili delle qualità che possono essere sviluppate a prescindere, e che debbano solo affiancarsi a quelle maschili per equilibrare maschile e femminile al mio interno; le sfrutto per modificare la percezione che ho di me stesso. Ciò che viene spacciato per “libertà di scelta” sarebbe quindi tutt’altro: un insieme consequenziale di ragionamenti e conclusioni a cui un individuo viene forzato quando non rispecchia i valori considerati convenzionalmente virili durante il periodo storico della sua crescita. Desidererei permettere alla mente di modificare una decisione che è già stata presa dall’anima prima della gravidanza. A partire da questa conclusione mentale farei partire dei processi di mutamento fisiologico molto profondi e delicati che in alcuni casi sono irreversibili. Per via di questa stessa identificazione prodotta, ergo non innata, dunque, mi ritrovo a complicare l’espressione dell’energia maschile che il corpo e l’anima erano già predisposti naturalmente ad incarnare, perché se decido di diventare donna, di tutti gli aspetti dell’energia maschile non me ne faccio più niente e comincio ad emulare quelli dell’energia femminile negando la mia natura originaria fondamentale profonda. Anziché intavolare una discussione sul perché la mia anima abbia deciso di incarnarsi in un genere anziché nell’altro, per poter meglio comprendere gli scopi divini che si era prefissata nei piani sottili e dunque intuire perché il genere che già rappresento è più adatto dell’altro per l’attuazione della mia missione – anche qualora debba provvedere da me ad educarmi sui valori e sui principi di cui la sua energia è portatrice – vorrei negare in una volta sola tutta una serie di strumenti di base che mi sono necessari per vivere secondo il piano divino.¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 17


Non si dovrebbero incoraggiare i giovanissimi a decidere se essere maschi o femmine, lo sono già in maniera naturale (è sconvolgente che questo debba essere detto!, sto in realtà affermando un’ovvietà!), e nemmeno incoraggiarli a decidere se essere omosessuali o meno in quanto non è qualcosa che si può scegliere. Gli stessi omosessuali confermeranno.
 Si dovrebbe insegnare il rispetto verso il genere che già si possiede e supportare chi non si sente a proprio agio con esso spiegando che, come già detto, è stato l’individuo stesso a deciderlo prima della nascita. Guarire la disforia di genere Per sciogliere eventuali problemi dovuti alla disforia di genere devo andare a guardare le dinamiche con cui funzionano i rapporti con i miei genitori, ed eventuali traumi subiti sin da quando è cominciata la gravidanza. Spesso, i problemi riguardano l’aderenza al concetto di virilità momentaneamente in vigore culturalmente. O può trattarsi del tentativo di guadagnarmi l’attenzione di uno dei due genitori attraverso l’imitazione dell’altro. O al contrario, potrei voler essere donna per fare un dispetto a mio padre: se mio padre è un modello del tutto negativo o quasi, potrei sviluppare il desiderio di rifiutare talmente completamente tutto ciò che rappresenta da non voler condividere con lui neanche il genere che posseggo. Oppure, ancora, potrei desiderarlo perché ho imparato che essere uomini è in qualche modo una cosa brutta, sbagliata. Se mia madre quando ero piccolo non ha fatto che mettere in cattiva luce gli uomini, prodigandosi per informarmi accuratamente di quanto siano tutti egoisti, insensibili, superficiali o maligni, potrei sviluppare il desiderio di considerarmi donna solo perché vorrei essere una persona migliore e non condividere con gli altri uomini neanche il mio genere: il peso delle condanne che, a volte gratuitamente, ci si attribuiscono. Questo non significa che non possano essere presenti delle predisposizioni a sviluppare qualità tipicamente ritenute appartenenti al genere femminile, ma da questo non si dovrebbe dedurre che allora si debba ripensare integralmente la definizione di quello che si ritiene di possedere, né che si possano attuare cambiamenti così drastici su quanto di più sacro si possa usare come veicolo del divino nella materia: il proprio corpo. Numerosi studi affermano che per molti fra coloro che soffrono di disforia sarebbe sufficiente ricevere un supporto medico/psicologico che permetta loro di comprenderne le cause e poter

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 18


cominciare ad essere finalmente a proprio agio con il proprio genere fisiologico. Proprio non si capisce perché, invece, la possibilità che si offre loro sia quella di sottoporsi direttamente a trattamenti ormonali e chirurgici, a meno che non si voglia riconoscere che c’è uno specifico piano in atto che vorrebbe danneggiare il modo in cui l’energia maschile e femminile si esprimono naturalmente. Per approfondire consiglio la lettura di Unisex Arianna Ed. di Erica Perucchietti e Gianluca Marletta e la visione del video “GENDER: tutta la verità”. [https://youtu.be/Fu-K4sj1cho] Due brevi commenti sul secondo: tralasciando il fatto che la Dr.ssa Elisabetta Frezza si professi cattolica (se questo genera pregiudizi su quanto viene affermato, oltre che su chi l’afferma), questa conferenza elargisce una nutrita serie di informazioni su alcune verità che andrebbero a modificare il modo in cui i bambini vengono educati sin dalla tenera età. Purtroppo, dalle domande finali si evince che, pur di combattere attestate realtà negative, non si spezza una lancia in favore delle persone oggettivamente vittime di omofobia e questo, ovviamente, non è affatto costruttivo rispetto a ciò che si vuole invece, con tanta pazienza, cercare di mostrare attraverso le numerose evidenze sulla natura pericolosa dell’ideologia GENDER. Consiglio di sorvolare in favore di quanto di prezioso viene in ogni caso spiegato. Ciò che davvero percepisce chi è affascinato dalla possibilità di trasformare il proprio corpo può essere il richiamo per quella saggezza alchemica per cui la materia può essere governata.

Omosessualità animica ed omosessualità psicologica

In esoterismo vengono distinte due tipologie di omosessualità: l’omosessualità animica e l’omosessualità psicologica. L’omosessualità animica si manifesta già nell’infanzia, intorno ai sei o sette anni. Si tratta di anime che sono venute a sperimentare questo aspetto dell’amore e nulla poteva impedirlo. L’omosessualità psicologica non si manifesta subito e può rimanere in forma latente anche a lungo. Si adottano dei comportamenti omosessuali in età adulta, per via di traumi che

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 19


possono essere stati subiti durante la gravidanza della mamma, o durante l’infanzia, e che possono avere a che fare con le modalità con cui i genitori donavano amore al loro bambino, e dai ruoli che assumevano in casa. In questo caso può essere utile considerare: L’assenza del padre Ci sono milioni di ragioni per cui un figlio possa sentire una carenza d’amore paterno, un rapporto di esagerata conflittualità o una prolungata assenza sono solo degli esempi. In tali circostanze, anche se il padre c’è, il padre reale di cui il figlio avrebbe bisogno interiormente per crescere in modo sano come individuo, comunque non c’è. Questo può causare la ricerca di una figura paterna diversa e integrativa. In alcuni determina solo un certo tipo di disposizione nei confronti del capo a lavoro oppure una certa vena paterna nei confronti degli altri, a volte può determinare un’omosessualità dovuta alla ricerca di un rapporto intimo con un altro uomo. In certi casi ci si può accorgere che per realizzare questo sogno serve solo un’amicizia sincera. Se ciò che serve integrare è una figura che ci guidi, sono moltissimi quelli che dedicano la loro carriera a sostenere gli altri durante i momenti difficili: imprenditori di successo, esperti di spiritualità, atleti sportivi, psicoterapeuti, motivatori, sono tutti online a dire ogni giorno che si può sempre migliorare, consigliano soluzioni, strategie da mettere in pratica, condividono le loro esperienze. Se invece si tratta di essere riconosciuti e considerati, online ed offline potrete usare le vostre conoscenze e le vostre idee per trovare una miriade di persone che hanno bisogno di ciò che sapete offrire. La madre oppressiva Ci sono milioni di ragioni per cui un figlio possa sentirsi oppresso dalla madre, delle regole troppo stringenti o l’insistenza priva di argomentazioni e perpetrata fino a perdere il valore di metodo educativo ed assumere quello di violenza psicologica sono solo degli esempi. In tali circostanze, anche se la madre non picchia il figlio, questo potrebbe sentirsi sottomesso e continuamente esposto in ogni caso. Allora si potrebbe imparare che le donne non sono persone che si possono considerare desiderabili. Ciò può portare a determinare un’omosessualità dovuta al rifiuto ed ad una paura non ancora riconosciuta di ciò che le donne rappresentano. In certi casi ci si può accorgere che per modificare la credenza che si è acquisita serve solo avere il coraggio di dirsi che le donne non possono essere davvero solo così. Che è possibile imparare la lezione che si mostra attraverso tale situazione per superarla

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 20


e smettere di vedersela ripresentare, così da ritornare a desiderare con gioia le donne per cui già si proverebbe una reale attrazione. Ci si deve riappropriare della capacità di immaginare, saper rispondere alla domanda: “Quale può essere la forma più elevata che l’energia della donna può assumere?” Se ciò che serve imparare è che le donne sanno essere anche figure di supporto e conforto purtroppo i media non sono d’aiuto, ma anche prima che la moda della maschilizzazione femminista finisca, si potranno trovare delle vere donne negli ambienti in cui si promulgano i principi del Potere Femminile della Dea. Se invece si tratta di essere perdonati e amati potete farvi un bagno di belle influencer sui social in attesa di incontrare colei che saprà trasformarvi. I ruoli interpretati dai genitori Se i genitori per qualsiasi ragione si scambiavano i ruoli, facendo sì che il padre assumesse un ruolo di supporto emotivo e la madre quello di modello per la vita, si potrebbe aver imparato che è agli uomini che si deve guardare quando si ha bisogno di quell’aspetto tipicamente femminile, e che le donne rappresentino invece l’altro maschile. In un uomo giustamente caratterizzato a prescindere dall’energia maschile solo in quanto uomo, questo può causare il bisogno che sia un altro uomo a procurare quel senso di conforto che ricerca. E che le donne comincino a venire considerate come simili a lui anziché complementari. Se lei lavora e lui è a casa, se si scambiano le mansioni domestiche, può essere fraintesa l’energia maschile e femminile invertendole nell’attribuirle loro. Se si ha il solo scopo di approfondire la conoscenza di sé, per amore della coscienza e dei sempre positivi effetti apportati da un suo accrescimento, si può azzardare la lettura di questi estratti, recuperati da uno studio pubblicato sul sito geagea.com ed al momento non più reperibile. Ma qualora la vostra omosessualità abbia cominciato a farsi sentire sin da quando eravate bambini fate attenzione a non cominciare a tormentarvi inutilmente chiedendovi “E se non fosse successo questo o quest’altro? Adesso sarei diverso?” o domande simili. Ricordate che seppure doveste riscontrare che possono avere senso, al massimo saranno in grado di spiegare esclusivamente il modo in cui la vostra anima ha dato forma alla sua volontà nella materia, il come, mai il perché. Sono informazioni importanti che possono far scattare qualcosa all’interno e rendere immediatamente più facilmente attuabile la comprensione e l’accettazione della propria natura. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 21


Freud, nel saggio Le aberrazioni sessuali del libro La vita sessuale “Finora la psicoanalisi non ha potuto chiarire completamente l’origine dell’inversione (omosessualità, nda), ma ha scoperto il meccanismo psichico della sua genesi e arricchito essenzialmente la problematica relativa. In tutti i casi studiati, abbiamo constatato che le persone in seguito invertite attraversano negli anni dell’infanzia vera e propria una fase di fissazione intensa ma breve sulla donna (per lo più la madre); dopo averla superata si identificano con la donna e assumono se stessi come oggetto sessuale, vale a dire, partendo dal narcisismo, cercano uomini giovani e simili alla loro persona che li vogliano amare come li ha amati la loro madre.” Inoltre Freud crede che l’omosessualità maschile derivi non da un’avversione per le donne, ma dal tentativo di evitare la vagina della donna, che evoca fantasie castranti riconducibili alla relazione con la madre, per cui il rapporto con un altro uomo è vissuto come rassicurante e tranquillizzante per la presenza del pene nella zona genitale. L’omosessualità femminile viene spiegata come un tentativo di evitare per sempre il dolore nato da una delusione d’amore con il padre. Ada Cortese, psicoterapeuta fondatrice dell’Associazione G.E.A L’omosessualità nella storia della psicoanalisi è stata interpretata come fissazione ad una fase pulsionale. Freud ipotizza la relazione tra omosessualità e fissazione alla fase edipica come conseguente concretistico innamoramento della figlia per il padre e del figlio per la madre. Questa fissazione impedirebbe il completamento e l’attraversamento della sequenza omosessuale a livello simbolico: impossibilità di incontrarsi a livello simbolico col genitore dello stesso sesso e così ricercarlo nelle facce dei futuri partners, per garantire l’altro genitore, quello con cui la figlia/figlio è affettivamente “invischiato”, che non lo si abbandonerà mai. Come se interiormente e inconsciamente questi figli dicessero “Cara mamma non ti lascerò mai, quindi non ti tradirò mai con nessun altra donna, perciò potrò andare solo con quelli del mio stesso sesso, che il tuo amore invischiante mi impedì di conoscere nella persona di mio padre, l’uomo che mi è stato sottratto”. “Cara madre (a volte “padre”) non ti lascerò mai né mai ti tradirò con un altro uomo, perciò posso andare solo con quelle del mio stesso sesso come fedeltà a te e come segno indelebile di quel mancato incontro con me stessa che il tuo amore invischiante mi tolse”.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 22


Roberto Maggi, psichiatra clinico Dopo la prima guerra mondiale, con la presa del potere da parte del fascismo, per due lunghi decenni il Paese piomba in un autoritarismo oscurantista. L’omosessualità collideva in maniera clamorosa con i miti fascisti della virilità e della forza, e questo spiega come mai, nel Ventennio, gli omosessuali siano stati apertamente perseguitati così come gli oppositori politici e puniti col carcere e col confino. Dopo la Resistenza e la liberazione, col ritorno della democrazia in Italia (ma, contemporaneamente, si afferma anche la cultura democristiana) si creano di nuovo gli spazi per un pensiero più aperto. Per molti anni la psichiatria è stata la disciplina medica che si è da un lato posta come compito la gestione dei diversi e della diversità e dall’altro, in maniera speculare, ha assunto la tutela della norma e della normalità, a livello individuale e soprattutto sociale. Se diverso, quindi, è tutto ciò che esce da un concetto di normalità come stabilito dalla società borghese e che da questa stessa società viene vissuto come socialmente pericoloso (da cui il passaggio da diverso a deviante, termine maggiormente connotato in senso eversivo) l’omosessualità, maschile e femminile, non può che essere collocata nel contesto della diversità e della devianza, insieme alla follia. Nei secoli precedenti i diversi (omosessuali e folli, ma anche le streghe e gli eretici) venivano semplicemente puniti per la loro diversità (col carcere o col rogo, ad esempio). Nell’Ottocento la Psichiatria inizia a porsi come scienza medica al pari delle altre specialità e cerca di affrontare il problema della devianza in termini medici, quindi di malattia, cercandone le cause a livello anatomico e fisiologico ed organizzandone la cura all’interno degli spazi manicomiali. In questo contesto, quindi, si capisce come l’omosessuale sia passato dal ruolo di anormale da eliminare a quello di malato da curare. Maria Luisa Faldini, Docente di Etnologia Solo a partire dalla fine dell’Ottocento, in etnologia ha iniziato ad essere preso in considerazione il tema dell’omosessualità, specie per quanto riguarda alcune figure di operatori che fanno da tramite fra il mondo soprannaturale e quello degli uomini. Mi riferisco a quell’operatore che viene impropriamente definito in termini generici “sciamano” e che, spesso, per quanto riguarda il genere, è un omosessuale. Si è infatti riscontrato, sia per questo che per altri ruoli connessi col soprannaturale, che l’omosessualità, intesa come diversità, come situazione fuori dalla norma, sia una costante di alcuni operatori del soprannaturale, almeno in certe aree del globo, e cioè le regioni siberiane ed artiche, nonché

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 23


gran parte delle aree culturali indigene dell’America. 
 Si tratta quindi dello studio della caratterizzazione del genere nelle diverse popolazioni, le quali prevedono un ruolo per tutte le loro componenti, etero– e omosessuali.
 Il principio di base è che, in ogni società, nessuno deve essere escluso, per cui è evidente che per ogni categoria di genere (etero od omosessuale) vengano ritagliati ruoli che consentono ad ogni individuo di poter partecipare agli avvenimenti sociali senza temere discriminazioni di sorta. Questa è una grande lezione che ci viene dalle culture cosiddette “altre”. Cristina Allegretti, filosofo contemporaneo L’omosessualità secondo l’interpretazione biologica è sempre stata vista “perdente” rispetto alla vita; l’omofobia a mio avviso, nasce come conseguenza di un irrigidimento e chiusura della visione biologica della vita, visione che non può che vedere “nemica della vita” una natura diversa che non ha in sé la possibilità di proseguire la specie. L’omosessualità è stata osservata in 1500 specie diverse documentate dettagliatamente per 500 specie ed esistono rapporti tra animali dello stesso sesso che durano anche tutta una vita.
 L’uomo nel rapporto con il concetto di omosessualità si è posto sempre in un atteggiamento ego-riferito, mai l’omosessualità è stata vista come un fatto naturale. L’omosessualità si inserisce nell’evoluzione spirituale della vita in quanto esprime l’estremo anelito e slancio d’amore, della relazione che non vuole altro fine se non l’amore stesso. [Fine estratto] L’omosessualità è nata in epoca Lemure. Le Anime che si individualizzarono e incarnarono in quel grande periodo storico sono quelle di coloro che oggi continuano ad essere omosessuali. La civiltà Lemure è esistita prima ancora di Atlantide, in un epoca pre-storica, cioè prima della storia che si insegna nelle scuole. Allora lo scopo dell’Anima era quello di discendere verso la materia per incarnarsi completamente. La forza dell’Anima, affluendo attraverso il processo di individualizzazione, stimolava i centri inferiori. Lo sviluppo del corpo emotivo prevedeva la scoperta di rabbia, gelosia, e passioni di vario genere che erano evolutive perché consentivano questo. L’appetito sessuale divenne impellente al punto che i tradizionali rapporti sessuali non erano più sufficienti a soddisfare il desiderio dell’uomo più evoluto di quel periodo. Quindi si ricorreva a pratiche come il sesso anale ed altre, che venivano considerate proibite. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 24


Coloro che le praticarono sono tornati per trasmutare all’ottava alta quelle esperienze passate. Ciò che prima avevano scoperto attraverso l’esaltazione dell’appetito sessuale: l’eventualità in cui siano due uomini o due donne a fare sesso, diventa oggi la scoperta dell’eventualità in cui siano due uomini o due donne ad amarsi incondizionatamente. Lo scopo di queste Anime, oggi, è fare esperienza dell’Amore che è possibile provare in una relazione omosessuale, esaltarne l’aspetto più elevato e Sacro. Perciò se la mia è omosessualità animica, ciò può indicare un’Individualizzazione compiuta su questo pianeta (chi si Individualizzò sulla catena lunare non farà esperienza dell’omosessualità); uno stadio evolutivo relativamente progredito conseguito durante l’epoca Lemure ed un conseguente interesse per la magia sessuale, più un grande impulso fisico e sessuale. Fra gli scopi di questa incarnazione, allora, c’è anche quello di imparare a gestirlo.

Energia Maschile ed Energia Femminile

Le energie maschile e femminile sono una manifestazione fisica di principi primari e complementari dell’Uno. Sono canale dell’una e dell’altra in misure diverse ma una è quella che mi identifica, che sono predisposto ad incarnare a seconda di qual è il mio corpo (la metà nera o bianca dello Yin e Yang), mentre l’altra quella che imparo ad integrare (il punto bianco o nero all’interno della metà dello Yin e Yang). Gli uomini incarnano l’energia maschile, le donne l’energia femminile. Nell’omosessualità, tuttavia, la stessa energia assume differenti modalità di declinazione, per far sì che – anche in assenza dell’altra energia – possano sussistere differenziazione, polarità ed opposti all’interno di uno stesso genere e, grazie ad essi, possa prodursi attrazione fisica ed Amore reciproci. Grado di virilità Gli uomini non sono tutti virili allo stesso modo, l’uomo virile per eccellenza potremmo definirlo alpha: sicuro e deciso. L’uomo per niente virile potremmo definirlo beta: mite e conciliante. Seppure esistono infiniti gradi e combinazioni fra questi due estremi. A causa della polarità, percepire la maggiore o minore virilità dell’altro è ciò che in un omosessuale

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 25


provoca l’attrazione fisica e, di conseguenza, ciò che consente di contemplare la possibilità di uno scambio più profondo – sessuale e sentimentale – con un altro uomo. Si è più virili rispetto ad alcuni e meno virili rispetto ad altri, ed avere un’inclinazione interiore maschile o femminile (più avanti nel punto #2) è ciò che determina se guarderemo agli uni o agli altri. La polarità L’attrazione è una questione di polarità, anche quella fisica. Nell’omosessualità, il maggiore grado di virilità di un uomo ed il minore di un altro assumono l’uno rispetto all’altro il valore di poli opposti; la possibilità che i due possano percepire fra di loro attrazione reciproca si deve a questo. 
 La polarità che è possibile percepire all’interno di uno stesso genere in modo naturale è dunque già sufficiente di per sé a motivare, giustificare e legittimare l’esistenza della possibilità di relazioni fra individui dello stesso genere. Ed il tipo di relazione che nasce a partire dalla semplice constatazione di tale polarità è molto pura, innocente, priva di forzature o di interpretazioni di ruoli artificiosi costruiti, in quanto entrambi i partner possono continuare ad esprimersi in modo spontaneo, cioè comportandosi entrambi da maschi, seppure secondo il loro naturale diverso grado di virilità. In questa prospettiva, il tipo di rapporto a cui naturalmente si anela non è penetrativo, perché l’altro viene desiderato in funzione della sua analoga natura di uomo, cioè del suo essere a sua volta maschio: della sua virilità, minore o maggiore che sia. In altre parole, la sua natura maschile viene rispettata ed esaltata, e per questa ragione non si desidera violarla attraverso una penetrazione. Si riconosce che in quanto maschi, la propria natura non contempla il desiderio di ricevere fisicamente l’altro dentro di sé, ma che si desidera darsi all’altro e ricevere l’altro in modo non intrusivo, perciò viene preferito ricercare il maggiore contatto fisico possibile che si può avere con l’altro in modo frontale, attraverso la disposizione dei corpi l’uno sull’altro. Solo quando si giudica sbagliato tale tipo di relazione si può essere irretiti dalla finta necessità di dover emulare una relazione eterosessuale. Dunque, tale desiderio non è mai naturale, ma dovuto all’incapacità di sostenere la diversità con cui un’autentica relazione omosessuale si esprimerebbe spontaneamente nella materia, rispetto a quella eterosessuale. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 26


Allora, la naturale polarità che si percepisce fra omosessuali verrà considerata un pretesto per far sì che colui che ha il grado di virilità minore fra i due si convinca di dover acquisire un’identità psicologica femminile, mentre colui che ha quello maggiore di dover desiderare l’altro in funzione di questa. Qualcosa che è totalmente contro natura rispetto all’autentico modo di essere di entrambi – maschile – e che causa invece come conseguenza la contemplazione del rapporto anale, a completare fin dove oltre non è più possibile l’emulazione del rapporto eterosessuale. Dinamiche relazionali dovute al grado di virilità Se desidero un uomo che sia molto più virile di me, non disprezzerò essere trattato con lo stesso riguardo che si usa nei confronti di una donna. Scopro anche che ha una maggiore capacità di proteggere, che per lui non è un peso sostenere responsabilità anche grandi, e che può occuparsi di questioni importanti al posto mio. Dunque riterrò opportuno affidarmi a lui. Se desidero un uomo che sia molto meno virile di me, non disprezzerò ricevere lo stesso rispetto che una donna rivolge ad un uomo. Inoltre scopro che sa fornirmi strumenti (idee, programmi, soluzioni) che mi evitano di incappare in problemi e che può sbrigare molte questioni quotidiane al posto mio. Dunque potrò cominciare a riporre la mia fiducia in lui. Inclinazione interiore naturale • A prescindere dal mio grado di virilità, se ho un’inclinazione interiore maschile sono spontaneamente portato a ricercare un uomo meno virile di me. Scopro il desiderio di contenere un altro uomo all’interno della mia aura, che difendo e proteggo e su cui posso riporre la mia fiducia. La sua minore virilità sarà per me desiderabile quanto lo è la femminilità per un eterosessuale. Nell’ambito del sesso anale assumo il ruolo attivo. • A prescindere dal mio grado di virilità, se ho un’inclinazione interiore femminile sono spontaneamente portato a ricercare un uomo più virile di me. Scopro il desiderio di essere contenuto all’interno dell’aura di un altro uomo, che sostengo e supporto ed a cui posso affidarmi. La sua maggiore virilità sarà per me desiderabile quanto lo è la virilità per una donna. Nell’ambito del sesso anale assumo il ruolo passivo. L’inclinazione interiore è fondamentale perché consente di far passare l’Amore che si prova per il partner attraverso i comportamenti che la descrivono. Così come percepire i tratti più

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 27


maschili o femminili del corpo dell’altro è la causa dell’attrazione, percepire in qualcuno l’inclinazione interiore complementare è la causa dell’innamoramento. Riconoscere l’inclinazione interiore naturale Per facilitare il riconoscimento in una delle due inclinazioni interiori devo contattare il Cuore. Se fatico ad identificarla perché nel frattempo ho creduto di potermi considerare versatile, devo calarmi all’interno e chiedermi se il mio Amore è fatto per essere rivolto ad un uomo che può essere aperto o tutto d’un pezzo ma che a prescindere da ciò è capace di dare: con un’inclinazione interiore maschile, o ad un uomo chiuso o pieno di entusiasmo ma che a prescindere da ciò è capace di ricevere: con un’inclinazione interiore femminile. Devo coinvolgere il Cuore per non lasciarmi muovere esclusivamente dall’attrazione fisica. Potrei infatti fare anche una distinzione netta fra un uomo che desidero baciare o da cui desidererei essere baciato ed uno con cui vorrei solo avere un rapporto sessuale: tanti uomini possono attrarmi sessualmente ma pochi richiamano in me anche il moto del bacio… È l’Amore l’unità di misura che mi serve per riconoscere se a livello energetico agisco in maniera corretta quando ricerco un uomo più, o meno virile di me. Quando succede, i rapporti sessuali con lui potranno acquisire un valore Sacro: saranno atti d’Amore in quanto mezzi di trasmissione dell’Amore fra me e lui. Inoltre, se rifiuto una maggiore virilità rozza non è detto che abbia un’inclinazione interiore maschile: potrebbe essere che la maggiore virilità che ricerco debba avere una qualità più elevata e sottile. Per lo stesso motivo se rifiuto una minore virilità scialba non è detto che abbia un’inclinazione interiore femminile. L’importanza del riconoscimento dei diversi gradi di virilità Laddove gli eterosessuali non necessitano di distinguere un diverso grado di virilità fra di loro: non è rilevante al fine di considerarsi lo stesso egualmente maschi, perché si è accomunati comunque dal fatto che si desiderano le donne; se come omosessuale non realizzo pienamente che non è vero che solo perché sono maschio sono virile come tutti gli altri, potrei non riuscire a vivere relazioni davvero soddisfacenti. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 28


• Se ho un’inclinazione interiore femminile, faccio fatica ad immaginare di potermi concedere di stare con un uomo molto più virile di me, perché questo mi porterebbe ad accorgermi di quanto realmente sia basso il mio grado di virilità nonostante sia maschio, e di quanto invece un uomo come quello che in realtà desidererei sia in grado di contenerne. Perciò alla fine sto con uomini non tanto più virili di me, non perché li preferisca ma perché non mi costringono ad un confronto troppo scottante, così posso continuare a credere che il mio grado di virilità non sia poi così diverso da quello degli altri uomini, e questo mi permette di stare più a posto con me stesso. • Se ho un’inclinazione interiore maschile, faccio fatica ad immaginare di potermi concedere di stare con un uomo molto meno virile di me, perché data la mia inclinazione interiore, ricercare un uomo come quello che in realtà desidererei mi metterebbe nelle condizioni di chiedermi perché preferisco gli uomini invece di stare “direttamente” con una donna. Perciò alla fine sto con uomini non tanto meno virili di me, che un po’ mi faccio piacere per forza, solo perché giustificano meglio il mio essere omosessuale. Dinamiche relazionali dovute all’inclinazione interiore • Se ho un’inclinazione interiore maschile provo imbarazzo quando vorrei provarci con un uomo, perché mi sento in colpa di dovergli come richiedere di rifiutare la sua percezione di essere virile per lasciarsi amare da me e lasciare che sia per lui quello più virile fra i due. • Se ho un’inclinazione interiore femminile provo imbarazzo quando vorrei provarci con un uomo, perché mi sento in colpa di dovergli come richiedere di accrescere la sua percezione di essere virile per amare me e lasciare che sia per lui quello meno virile fra i due. Ma in entrambi i casi lo faccio solo perché vedo già che in lui sarebbe naturale questa possibilità, perché altrimenti non mi attrarrebbe. Perciò è solo una richiesta formale che faccio più o meno consapevolmente, perché socialmente sappiamo che siamo tenuti a considerarci tutti egualmente virili solo in quanto uomini. All’ottava bassa diventa necessità che l’altro si effemini, per consentire a me di percepirmi come l’unico uomo fra i due, oppure che l’altro si sovravirilizzi, per consentire a me di non percepirmi più come virile. In questo caso la cosa diventa dannosa. Altrimenti, si tratta solo di riconoscere reciprocamente le proprie inclinazioni interiori. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 29


Inclinazione interiore compromessa • Se ho un’inclinazione interiore maschile, potrebbe capitare che un uomo più virile di me ed a sua volta con un’inclinazione interiore maschile, seppure con alcune qualità femminili, ci provi con me, ed in più non mi richieda di attuare con lui i comportamenti tipici di chi ha un’inclinazione interiore femminile, inizialmente. Oppure, che sia un uomo meno virile di me ma comunque con un’inclinazione interiore maschile ed alcune qualità femminili a provarci con me. • Se ho un’inclinazione interiore femminile, potrebbe capitare che un uomo meno virile di me ed a sua volta con un’inclinazione interiore femminile, seppure con alcune qualità maschili, ci provi con me, ed in più non mi richieda di attuare con lui i comportamenti tipici di chi ha un’inclinazione interiore maschile, inizialmente. Oppure, che sia un uomo più virile di me ma comunque con un’inclinazione interiore femminile ed alcune qualità maschili a provarci con me. Qualcuno che dunque vorrebbe farmi acquisire un’inclinazione interiore che non è la mia. In tutti i casi potrei anche considerare di avere una relazione con lui se dell’attrazione sessuale la giustifica, ma, alla lunga, mi accorgerò di andare contro ciò che sono e che mi è stato tolto il mezzo attraverso cui far passare l’Amore, perché nei suoi confronti verrebbero resi inutili e non più necessari anche i comportamenti tipici della mia reale inclinazione interiore. In effetti, proprio l’Amore, quello Vero – nascente dal reciproco desiderio provato per l’altro in quanto manifestazione dell’aspetto opposto e complementare di me – non sarebbe più sentito, perché l’altro non è caratterizzato dall’inclinazione interiore che me lo ispira. Ciò che rimarrebbe potrebbe essere solo un appagamento psicologico malsano che sarebbe l’idea di venire sottomesso o di sottomettere l’altro a generare. Oppure, nel migliore dei casi, una forma d’amore più superficiale, privata del richiamo animico: che non coinvolge un reale desiderio per l’essenza dell’altro, ma che esiste comunque sotto forma di solidarietà e fraternità, e che in una coppia può sembrare sufficiente solo perché lo si abbina alla capacità che l’altro mi offre di provare piacere nel corpo fisico. Seppure il reale Amore di coppia è dovuto alla desiderabilità della diversità e complementarità dell’altro, di cui non mi sazio mai: alla polarità. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 30


Questa compromissione è alla base del fenomeno per cui nell’ambito del sesso anale si assume il ruolo attivo anziché passivo o passivo anziché attivo cominciando a considerarsi versatili o fraintendendo completamente sin dall’inizio la propria autentica inclinazione interiore. In realtà, il piano oscuro in atto vorrebbe proprio che non solo l’Amore, ma anche l’attrazione sessuale stessa smettesse di esistere, così come il riconoscimento del valore che ha la bellezza; di modo che l’altro venga considerato desiderabile solo in funzione del piacere che so di poter provare attraverso di lui (e non, eventualmente, con lui) e soprattutto, non più perché è anche esteticamente bello. Film che trattano il tema in modo esplicito sono 1984 (1984); The Giver - Il mondo di Jonas (2014); Equals (2016); ma in modo subliminale lo si ritrova anche nella serie di film degli Hunger Games (2012 – 2015). Per questo è ancora più prioritario e niente affatto scontato focalizzarsi, invece, sul ricercare sempre la Vera Bellezza ed il Vero Amore, avendo il piacere come ultima delle priorità, visto che è un effetto collaterale di qualsiasi rapporto che comunque avviene. Ognuno per come è fatto ricerca dei canoni di bellezza diversi da quelli di un altro, perciò se ognuno prendesse in considerazione i propri e ricercasse il partner in base a quelli, tutti garantiremmo a noi stessi la possibilità di vivere una relazione con una persona che riteniamo come minimo bella, se non davvero bellissima. Perché della bellezza è facile innamorarsi. Deviazione nell’identità femminile Poiché ho un’inclinazione interiore femminile, e poiché culturalmente sono portato a credere che un qualsiasi maschio in quanto maschio dovrebbe sempre averla maschile, allora nascondo il senso di colpa che provo per non adempiere al ruolo a cui ogni maschio è chiamato nella società, compiendo uno spostamento del genere che attribuisco alla mia identità psicologica, da maschile a femminile. Cioè, deduco erroneamente di essere come una donna, perché non so spiegarmi in altro modo come io possa essere capace di desiderare a mia volta dei maschi che siano più virili di me. Non so che un uomo, quando omosessuale, può più semplicemente avere un’inclinazione interiore femminile, e tuttavia, però, continuare a definirsi in modo naturale maschio ed a comportarsi da maschio, perciò credere di essere come una donna è l’unica motivazione che può giustificarmi ad essere come sono e che posso

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 31


usare in mia difesa quando qualcuno mi giudica e mi accusa di non andare bene. Di conseguenza rifiuto tutto ciò che poteva definirmi maschio e farmi rientrare nei canoni di comportamento maschile ed anche esternamente, nella coppia, adotto tutti quei comportamenti e quelle abitudini che reputo tipicamente connotanti l’identità femminile. Se sto a contatto con uomini molto più virili di me e mi attraggono potrei essere indotto a deviare nell’identità femminile. Se con uomini che hanno già deviato nell’identità femminile molto più di me e che non mi attraggono affatto, potrei essere indotto a non riconoscermi più in essa. Deviazione nell’identità da predatore alpha Poiché ho un’inclinazione interiore maschile e poiché scopro l’interesse per la possibilità che altri maschi ne abbiano una femminile anziché per le donne, allora nascondo il senso di colpa che provo per non adempiere al ruolo a cui come maschio sarei chiamato dalla società, modificando la considerazione che ho di me stesso in “più maschio degli eterosessuali”. Cioè, deduco erroneamente che sono talmente maschio che le donne non mi bastano ed ho bisogno che sia un altro maschio a fare la loro parte con me, perché non so spiegarmi in altro modo come possa essere capace di desiderare dei maschi che siano meno virili di me. Non so che un uomo, quando omosessuale, può più semplicemente avere un’inclinazione interiore maschile, e tuttavia, però, continuare a definirsi maschio tanto quanto gli eterosessuali, perciò credere di essere più maschio di loro è l’unica motivazione che può giustificarmi ad essere come sono e che posso usare in mia difesa quando qualcuno mi giudica e mi accusa di non andare bene. In più, poiché non riesco ad accettare che l’altro mi attragga in quanto maschio, perché significherebbe che io stesso non sono un vero uomo, mi concedo di desiderarlo solo quando comincia ad effeminarsi ed a comportarsi come una donna, così posso fingere con me stesso che non sono poi così diverso dagli eterosessuali. Se sto a contatto con uomini molto meno virili di me e mi attraggono potrei essere indotto a deviare nell’identità da predatore alpha. Se con uomini che hanno già deviato nell’identità da predatore alpha molto più di me e che non mi attraggono affatto, potrei essere indotto a non riconoscermi più in essa. Dinamiche relazionali dovute alle deviazioni nelle identità psicologiche eterosessuali Se imito i comportamenti che un uomo ha con una donna, allora comincerò a sentire il bisogno di comprare fiori, fare regali, organizzare serate fuori non perché posso desiderarlo

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 32


spontaneamente ma perché dovrei farlo. Se imito i comportamenti che una donna ha con un uomo, allora comincerò a sentire il bisogno di vestirmi in modo sensuale, essere sempre in ordine, sorridere spesso non perché posso desiderarlo spontaneamente ma perché dovrei farlo. Così come tanti altri piccoli ragionamenti e comportamenti mutuati da questo modo di pensare. Questo fa sì che l’amore si debba esprimere attraverso un filtro; compromette la naturalezza e la spontaneità con cui mi approccio al partner; soprattutto, mi fa comportare in un modo che va contro la realtà dei fatti effettiva: siamo entrambi maschi. Conseguenze esteriori dell’esistenza dell’identità femminile La possibilità della deviazione totale o parziale nell’identità femminile fa sì che si possa sviluppare effeminatezza – legata al concetto di femminilità culturale e non naturale. • Se ho un’inclinazione interiore femminile ed ho acquisito un’identità femminile, arriverò a trasformare anche esternamente il portamento, il modo di parlare, fino ad apportare trucco e annessi nei casi più spinti. “Se solo per le donne è naturale avere un’inclinazione interiore femminile, allora io sono donna! Così non potete più dirmi niente!” • Se ho un’inclinazione interiore maschile ed ho acquisito un’identità da predatore alpha, posso comunque cominciare ad assumere modi, sembianze ed abbigliamento più femminili, seppure senza credermi una donna. In questo caso possono essere contemporaneamente presenti alcuni accenni di sovravirilizzazione. Conseguenze esteriori dell’esistenza dell’identità da predatore alpha La possibilità della deviazione totale o parziale nell’identità da predatore alpha fa sì che si possa sviluppare sovravirilizzazione – legata al concetto di virilità culturale e non naturale. • Se ho un’inclinazione interiore maschile ed ho acquisito un’identità da predatore alpha, arriverò a trasformare anche esternamente il portamento, il temperamento, fino ad apportare camouflage e annessi nei casi più spinti. “Se anche gli uomini possono assumere un’identità femminile, solo io che non lo faccio sono davvero virile, ergo sono superiore a loro!” • Se ho un’inclinazione interiore femminile ed ho acquisito un’identità femminile, posso comunque cominciare ad assumere modi, sembianze ed abbigliamento più maschili,

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 33


seppure senza credermi un predatore alpha. In questo caso possono essere contemporaneamente presenti alcuni accenni di effeminatezza. Effeminatezza e sovravirilizzazione sono anche degli eterosessuali Anche gli eterosessuali sono vittime di queste stesse due deformazioni. Si tratta perciò dei casi in cui dalla propria inclinazione interiore vengono fatti derivare quegli stessi stereotipi di genere che descrivono la differenza fra virilità e femminilità naturali e culturali, che non permettono di esprimere la propria energia in maniera pura, e che sono causati da traumi personali o da condizionamenti sociali. Riconoscerle è forse più facile in uomini effeminati e donne maschilizzate ma, allo stato naturale, neanche una donna è effeminata in quanto detentrice di energia femminile, né un uomo sovravirilizzato in quanto detentore di energia maschile. Sono sempre esiti risultanti da quegli stessi condizionamenti che impongono anche agli omosessuali quelle identità etero che inizialmente li portano a credersi addirittura tali. Comportamenti da figura genitoriale • Un uomo potrebbe essere spontaneamente predisposto a dare consigli paterni, ispirare, oppure aver sviluppato questa tendenza a causa di una carenza di queste stesse forme d’amore da lui non sufficientemente ricevute. • Un uomo potrebbe essere spontaneamente predisposto a dare conforto materno, assecondare, oppure aver sviluppato questa tendenza a causa di una carenza di queste stesse forme d’amore da lui non sufficientemente ricevute. Comportamenti da figura filiale • Un uomo potrebbe essere spontaneamente predisposto a mostrare il suo lato di bambino delicato e innocente, oppure aver sviluppato questa tendenza a causa di insufficienti riconoscimento ed espressione di quelle sue qualità. • Un uomo potrebbe essere spontaneamente predisposto a mostrare il suo lato di bambino propositivo ed energico, oppure aver sviluppato questa tendenza a causa di insufficienti riconoscimento ed espressione di quelle sue qualità. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 34


Caratteristiche dell’energia della personalità Si può avere una personalità con una prevalenza di caratteristiche maschili o femminili a prescindere dai punti precedenti. Eccone un elenco:

Maschili

Femminili

|

Maschili

Femminili

Quintessenza

|

Durezza

Morbidezza

Ricettiva passiva

|

Protezione

Nutrimento

Espansiva

Contrattile

|

Visibile

Invisibile

Penetrante

Accogliente

|

Correttiva

Paziente

Apertura

|

Assertiva

Permissiva

Introversa

|

Propositiva

Sfuggente

Disponibilità

|

Mentale

Emotiva

Visione d’insieme

|

Rispettabile

Amabile

Esempio

|

Complicante

Facilitante

Intuito

|

Competitiva

Collaborativa

Sensazione

|

Affronta il problema

Astratta

|

Controbatte

Domanda

Azione fisica

Comunicazione

|

Istiga l’altro

Persuade l’altro

Spostamento

Stasi

|

Insistente

Arrendevole

Giustificazione

|

Aggressiva

Manipolativa

Gentilezza

|

Carnefice

Consistenza

Raffinatezza

|

Abuso di potere

Risolutezza

Vanità

|

Fatture e malefici

Vampirismo energetico

Arte e creatività

|

Proiettili e missili

Bombe e armi chimiche

Minimal

|

Dittatura

Forza Donatrice attiva

Chiusura Estroversa Fiducia Focalizzazione Spiegazione Ragionamento Deduzione Concreta

Dimostrazione Fermezza

Scienza e logica Superaccessoriata

Aggira il problema

Vittimismo Delusione/insoddisfazione

Democrazia apparente

Chi ha una prevalenza di qualità femminili, in un rapporto è più aperto a stimolare sessualmente l’altro; chi una prevalenza di qualità maschili è più aperto a lasciarsi stimolare. Il fatto che si possa riscontrare attrazione per tipologie anche molto diverse di uomini è dovuto tendenzialmente alle diverse configurazioni possibili di questo parametro. Tuttavia

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 35


saranno accomunate da un minore o maggiore grado di virilità a seconda di qual’è la mia inclinazione interiore. • Se ho un’inclinazione interiore maschile, un uomo può anche avere molte più qualità maschili di me, ma può attrarmi solo se ne scorgo profondamente la minore virilità. • Se ho un’inclinazione interiore femminile, un uomo può anche avere molte più qualità femminili di me, ma può attrarmi solo se ne scorgo profondamente la maggiore virilità. Precisazioni sulla configurazione energetica della coppia Nell’era dell’Acquario, in un rapporto eterosessuale, la donna: • si caratterizza anche per essere quella che prioritariamente canalizza lo Spirito Santo. Nell’era dei Pesci era invece l’uomo ad assolvere questa mansione. Con ciò si spiega perché è stato possibile che si verificassero abusi di potere sulle donne all’ottava bassa. 
 In un rapporto omosessuale, viene maggiormente investito di questa capacità il partner che ha un’inclinazione interiore femminile. Ad esempio, sarà più aperto a ricevere intuizioni che riguardano i principi dell’energia femminile di cui sarà ambasciatore. • si prende carico delle responsabilità della coppia in misura quasi identica all’uomo, creando un rapporto quanto più paritario. Nell’era dei Pesci lui se ne prendeva maggiormente carico. Un uomo, anche se omosessuale, non può incarnare l’energia femminile, che rimane prerogativa delle donne; anche l’inclinazione interiore femminile non influisce sul fatto che un uomo incarni comunque l’energia maschile. L’energia maschile o femminile che è propria di un individuo è intrinseca nella fisiologia fisica e non può essere scelta o modificata. Anche un transessuale che assumesse ormoni artificialmente, rimarrebbe energicamente fedele all’energia maschile di cui il suo corpo originariamente era – e rimane – portatore. Scegliere di rinnegare la propria energia per agire volontariamente ed esclusivamente l’altra è uno dei modi che i maghi neri usano per canalizzare la disarmonia e ciò che essa può generare. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 36


Il grande fraintendimento

L’omosessualità innata è sempre una scoperta perché inizialmente tutti ci consideriamo etero. Questo perché la società non contempla l’omosessualità nelle prospettive di vita che ci propone durante la nostra fase di crescita, perciò ci insegna che una coppia deve necessariamente essere formata da un maschio ed una femmina per potersi dire tale. Siamo sempre noi che dobbiamo dire alla società che contempliamo anche l’eventualità di una coppia formata da due maschi. Solo che nessuno ci insegna che tale eventualità comporta anche che il tipo di rapporto che si instaurerà dovrebbe tenere conto del fatto che si è entrambi maschi: strutturarsi avendo questo come premessa. Il modo in cui siamo educati fa sì che formuliamo quindi un paradigma di definizione della coppia omosessuale basato su una traslazione da quello eterosessuale. Presupponiamo, cioè, che uno dei due debba necessariamente adempiere al ruolo del genere rimasto vacante, quello femminile, e che sia onere del partner con il grado di virilità minore fra i due doverlo fare. Quando con il termine omosessualità si vuole indicare neutralmente l’omoerotismo e l’innamoramento per persone dello stesso sesso, dunque, per via di tale fraintendimento, esso, nella maggior parte dei casi, si carica impropriamente del significato di tendenza di alcuni individui a deviare nell’identità femminile. E questo provoca nella controparte eterosessuale l’attribuzione di tutte quelle condanne e discriminazioni che poi causano l’autoghettizzazione. Questo motiva anche il fatto che pure la visione dell’amore che spero di vivere nella mai vita è mutuata da una traslazione dell’amore eterosessuale ed – di nuovo – ignora il fatto che, invece, in quanto omosessuale, avrà una forma diversa, perché si strutturerà fra due partner che tengono entrambi conto del fatto che l’altro sia maschio (o dovrebbero), seppure possano avere un dislivello di virilità anche molto ampio. Se ho un’inclinazione interiore femminile, riuscirò ad immaginare di essere amato solo in funzione della capacità di essere come una donna, e crederò di dover amare il mio partner come lo amerebbe una donna; se ho un’inclinazione interiore maschile, riuscirò ad

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 37


immaginare di essere amato solo in funzione della mia maggiore virilità, e crederò di dover amare il mio partner come amerei una donna; in entrambi i casi faccio fatica a concepire di poter essere amato per ciò che sono realmente, ed a riconoscere che dovrei amare senza filtri, nel modo che mi viene naturale per come sono. E questo è in parte dovuto al fatto che ci manca un immaginario che sia nostro, di relazioni omosessuali sane da prendere a esempio. Invece siamo indifferentemente influenzati da favole e fiabe eterosessuali o dai comportamenti deviati che solo recentemente cominciano a comparire anche in film e serie TV omosessuali. Dinamiche relazionali In questa situazione, la relazione diventa una reciproca performance. Uno si impegna a recitare al maglio la parte dell’uomo, l’altro si impegna a recitare al meglio la parte della donna, nell’intento di emulare in tutto e per tutto il rapporto eterosessuale. Che è anche il motivo per cui molti “pretendono” di potersi unire in matrimonio… A letto non è diverso. Il partner che ha acquisito l’identità femminile si trova nella scomoda posizione di dover imitare al meglio le reazioni che avrebbe una donna durante un rapporto. Anche se quelle modalità di espressione non gli appartengono. Lo stesso il partner più virile, che si ritrova a fare il macho. La passionalità non viene espressa in modo naturale ma attraverso questi sottoprodotti. Con questo si spiega perché gli omosessuali facciano molto sesso e si impegnino stabilmente meno frequentemente. Intraprendere la decisione di rimanere insieme significherebbe continuare ininterrottamente ad interpretare dei ruoli artificiosi. Invece, con una serie di incontri di durata sostenibile, si può sempre ritornare a casa ed essere nuovamente se stessi. Perciò, l’acquisizione dell’identità femminile negli omosessuali è in tutto e per tutto una disfunzione del rapporto romantico fra individui dello stesso sesso. Un delirio mentale in cui entrano entrambi in diverso modo, che tenta di simulare un rapporto eterosessuale laddove è impossibile replicarlo. Non è né necessaria, né vantaggiosa, né salutare al fine di considerare legittima una relazione omosessuale. Aver scoperto l’esistenza di diversi gradi di virilità e dell’inclinazione interiore femminile non equivale a dover simulare la distinzione uomo-

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 38


donna nel modo in cui i due partner vicendevolmente si considerano. Replicare forzatamente la modalità di interazione dei partner di un rapporto eterosessuale è un artificio che ha solo lati negativi. L’amore espresso attraverso il rispetto della reciproca virilità, seppure di diversi gradi, è molto più puro, molto più naturale, molto più incontaminato e molto meno rischioso di quello che passa attraverso il filtro dell’interpretazione dei ruoli eterosessuali. Si può constatare la presenza di un’inclinazione interiore femminile senza che questo debba significare modificare in automatico la percezione che si ha di se stessi, la quale, se non lo si sceglie, rimane in ogni caso naturalmente maschile. Solo un uomo che sente la propria virilità compromessa da colui di cui si è innamorato pretenderebbe che debba assumere un’identità femminile. Solo un uomo che percepisce la propria virilità come un ostacolo all’amore che prova per un altro uomo la negherebbe assumendo un’identità femminile. Perché si fa drag Gli omosessuali che hanno acquisito l’identità femminile possono arrivare al punto di non comprendere perché non potrebbero anche apparire donne, visto che già si ritengono interiormente assimilabili a loro e ne imitano abitudini e modi di fare all’esterno. Di solito, in loro si concentra molta più rabbia per il fatto di non credersi desiderabili quanto le donne agli occhi degli altri uomini rispetto ad un omosessuale comune (seppure anche questi si debba confrontare con tale paura). Infatti l’energia che emanano e che li accomuna è spesso una ben riconoscibile sfumatura di aggressività cristallizzata. Il fatto è che, nonostante possano fingere di essere donne con tanto impegno da ingannare persino la percezione che hanno di loro stessi; in quanto uomini, in modo naturale, continuano ad incarnare un principio maschile che non possono scegliere di mutare, neanche volendolo, in quanto è ciò che definirà intrinsecamente la loro essenza durante tutta l’incarnazione. Infatti ne risulta che chi fa drag mostra spesso una forte identificazione maschile nonostante l’apparenza estetica ed i modi da donna. Anche il vestiario ed i modi stessi non emulano mai credibilmente le vere donne ma hanno sempre bisogno di essere tali per cui si possa riconoscere l’uomo che sta dietro a ciò che vogliono emulare. Ed, in realtà, accade quasi sempre lo stesso anche in chi si effemina solamente o nei transgender. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 39


Questo perché inconsciamente si riconosce che l’unico modo in cui si può giocare a sentirsi donne senza causare danni seri alla propria identità personale profonda – che rimane maschile (anche dopo un intervento) – è proprio attraverso la preservazione della manifestazione del proprio principio maschile sottostante e della recitazione di un’identità femminile, più in là della quale non si può andare. Un film per comprendere la sottile differenza fra l’effeminatezza degli omosessuali e la vera disposizione femminile è Non sono un uomo facile (2018), seppure sia stato concepito per esaltare l’ideologia femminista. Una serie TV che potrebbe essere utile guardare, invece, con lo stesso scopo, è L’alienista (2018). Perché evitare gli epiteti Frocio, finocchio, checca, regina, sono tutti epiteti che vorrebbero ferire la dignità di maschio. Anche quando vengono utilizzati “scherzosamente” fra gli omosessuali stessi, quindi, non fanno che fortificare dei modi di pensare che non aiutano minimamente a sradicare alcun tipo di pregiudizio, al contrario. Per questo ci si dovrebbe impegnare per farli lentamente scomparire dall’uso comune rimuovendoli intanto almeno dal proprio, di vocabolario. A cosa può essere utile assecondare la necessità fittizia di assumere le identità etero Nella misura in cui ritengo l’amore fra due uomini impossibile o inaccettabile, immaginare di imitare con uno di loro una relazione eterosessuale mi è utile solo a scoprire ed accettare che due uomini possono amarsi tanto profondamente quanto una coppia eterosessuale. Immagino che il mio partner sia come una donna solo per rendermi conto di quanto sono capace di amarlo, oppure immagino di essere come una donna solo per rendermi conto di quanto sono capace di amare il mio partner. Una volta che lo avrò imparato sarò in grado di immaginare tale sentimento anche in una circostanza in cui entrambi continuiamo a percepirci vicendevolmente maschi, seppure possiamo riconoscere un dislivello di virilità fra di noi.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 40


Ritornare all’Essenza

La cultura della penetrazione La penetrazione viene considerata il culmine dell’espressione del sesso omosessuale. Un rapporto che non la preveda viene considerato incompleto. Avevo nove anni e cercavo su internet queries come “maschio e maschio”, “ragazzi carini” e simili, e fra gli altri trovai un sito che spiegava cos’era l’omosessualità. Ricordo ancora il contenuto di quella descrizione, in pratica si diceva che “si tratta di un orientamento sessuale che contraddistingue gli individui che provano sentimenti romantici per altri del loro stesso sesso…” e fin qui andava tutto bene: ero felice che qualcun altro ne parlasse, finalmente riuscivo a dare un nome a quell’attenzione particolare che a volte mi faceva fissare lo sguardo su qualche ragazzo senza che neanche me ne rendessi conto. Ma poi continuava con “…e nella sua declinazione maschile prevede che in una coppia, uno continui a fare l’uomo, mentre l’altro impari a fare la donna, accettando la penetrazione anale”. (Non so che sito fosse quello in cui mi sono imbattuto, ma ho motivo di credere che tutt’ora quando si vuole ridurre ai minimi termini la definizione di omosessualità, si finisce per pensare ad una cosa del genere). Accettando che funzionasse in questo modo, la prima cosa che comunque pensai fu che se uno dei due avrebbe dovuto assumere il ruolo della donna, quello non sarei stato io, perché riconoscevo di desiderare l’altro frontalmente. A nove anni non sapevo che esistessero diversi gradi di virilità e la possibilità di avere un’inclinazione interiore maschile o femminile, perciò il fatto che i ragazzi che mi attraevano erano etero e dunque avessero, come è naturale, un’inclinazione interiore maschile, mi fece credere che fossi io ad avere, allora, un’inclinazione interiore femminile, e che avrei potuto nutrire inconsciamente un desiderio di venire penetrato che non riuscivo a riconoscere ma che, una volta sperimentato, avrei accertato. D’altronde chiunque altro parlava solo di questo: qualsiasi altra fonte che mi sarebbe piaciuto sfruttare per dubitare di questa modalità di interazione la riproponeva allo stesso modo. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 41


Eppure, istintivamente sentivo che c’era qualcosa che non andava nel coinvolgere il sedere. Era troppo strano e non c’entrava niente con gli organi riproduttivi. Poi lessi che la penetrazione anale provocava piacere anche in chi veniva penetrato; allora pensai di nuovo che se avessi provato avrei convenuto che questa era la pratica da preferire. Credevo che fossi io che ancora non potevo sapere. L’istinto di interazione che percepivo nei confronti di un altro maschio, però, era di tipo frontale, non sentivo mai la spinta ad andargli incontro all’indietro come un gamberetto per offrirgli il mio sedere. Proprio non sentivo desideri sessuali che riguardassero il sedere. Quello lo lasciavo dov’era, serviva ad altro. Perciò è accaduto che ho imparato che l’amore omosessuale si esprimesse tramite la penetrazione anale. Sono stato talmente nutrito dalla propaganda sempre con la stessa solfa che alla fine mi sono auto-incasellato nello schema che mi veniva presentato. Mi sono cioè, dunque, considerato passivo nonostante la mia istintiva repulsione iniziale all’assumere il ruolo femminile, dovuta ad un altrettanto istintivo rispetto per la mia natura maschile. Ma l’ho fatto comunque, perché era il ruolo che credevo più appropriato per me in base alle caratteristiche del mio carattere: non ero violento con gli altri, non ammiravo le armi o i motori, perciò secondo i canoni della virilità culturale non avrei potuto ritenermi attivo. Anche se continuavo a sentire che non corrispondeva ad un desiderio interiore autentico: lasciarmi penetrare era qualcosa che semmai avrei dovuto accettare (leggi “sopportare”) in quanto, constatando l’inclinazione interiore maschile dei ragazzi che mi attraevano, dovuta alla loro eterosessualità, non riuscivo ad identificarmi anch’io nella categoria di maschio virile. Il fatto che la penetrazione anale potesse dare piacere nonostante non contemplasse il coinvolgimento attivo anche del mio pene nel rapporto, era una sorta di consolazione con cui dovevo accontentarmi, perché nessuno contemplava, invece, un rapporto in cui nessuno dei due doveva costringersi nel ruolo femminile. L’abitudine ad accettare l’idea di venire penetrato derivò più dall’appagamento psicologico che generava l’idea di venire sottomesso, che non dal condividere la considerazione di tale pratica come mezzo di espressione di sentimenti d’amore. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 42


Finché un giorno non scopro l’esistenza del frottage (abbr. frot, da non confondere con la tecnica di disegno o col frotteurismo) e di realtà online che lo erigono a stile di vita riparando finalmente le falle che la propaganda LGBT aveva da sempre lasciato dentro di me. Esistono dunque altri modi di ricevere il mio uomo addosso, che garantendo un contatto frontale sono in realtà molto più adatti a consentire anche un coinvolgimento sentimentale di maggiore spessore. —— Nel caso in cui fossi attivo, si tratta di riconoscere che la mia inclinazione interiore maschile mi porta ad essere attratto da ragazzi meno virili di me, magari un po’ più piccoli, che posso acciuffare e abbracciare ma che in verità ho bisogno di avere di fronte: profondamente inspirano anche in me un contatto frontale, in cui, ad esempio, posso stare sopra di loro e far aderire il mio intero busto al loro. L’idea di penetrarli non mi toccherebbe minimamente, se non perché anche io ho imparato che la penetrazione è lo standard, ma è qualcosa di diverso da ciò a cui naturalmente anelerei, non si può dire che io sia predisposto ad essa in quanto come esseri umani nessuno è fisiologicamente predisposto a desiderare una parte del corpo con cui si espellono gli scarti. Non sono come gli eterosessuali, la mia virilità la esprimo in un altro modo. Non presuppone che sia necessaria una penetrazione. Non mi interessa ferire o violare la virilità dell’altro, non ne ho bisogno. Il fatto che l’altro è meno virile di me è qualcosa che esalto nella sua purezza e preziosità in quanto è ciò che accende in me il desiderio. È follia renderlo motivo di scherno e sottomissione. Potrei farlo solo se desidero punirlo per il fatto che mi piace, perché io stesso non sopporto che mi piace. Io stesso non sopporto il fatto di avere un’inclinazione interiore maschile e nonostante questo desiderare gli altri uomini anziché le donne. Allora ricerco la penetrazione anale perché mi consente di considerarmi più simile ad un eterosessuale, così non devo affrontare fino in fondo il fastidio derivante dalla constatazione della diversità definita dal mio orientamento sessuale. Oppure perché anche per me ormai è diventata solo un’abitudine; perché trovo che sottomettere l’altro generi un appagamento psicologico o perché mi consente di sentirmi ancora più virile – per cui c’è un complesso di inferiorità. O ancora, ed è la cosa più triste,

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 43


potrei essere portato ad attuarla perché credo erroneamente che l’altro la desideri, anche se io già mi rendo conto che spontaneamente non la desidererei. Per abbandonarla ho bisogno di accorgermi che in ogni caso non è mai il fatto che il partner si lascia sottomettere a generare l’attrazione fisica, ma la percezione del suo differente grado di virilità e la possibilità di esprimere un sottostante sentimento d’Amore che per minimo possa essere è sempre presente, o non desidererei affatto l’altro. La penetrazione anale può essere desiderata solo in funzione dell’appagamento psicologico che si correla all’idea di dominazione/sottomissione. Seppure tale desiderio è costruito artificialmente mentre tale appagamento non è sano. La popolarità della penetrazione anale è un evento culturale a cui si è stati spinti in massa da una forte azione propagandistica ma che in definitiva non ha nulla a che vedere con il naturale omoerotismo. È l’intento al contatto non penetrativo ad essere proprio dello spirito dell’omosessualità, insito nella sua definizione. Frottage Il frottage consiste nello sfregamento degli organi genitali fra di loro o su altre zone erogene. Per quanto apparentemente potrebbe sembrare non sapersi vendere molto bene rispetto alla più consolidata abitudine della penetrazione anale, in realtà presenta vantaggi su più fronti: • non comporta l’acquisizione di un’identità femminile, perciò libera dal bisogno di assumere anche esteriormente modi e comportamenti effeminati; • non comporta l’acquisizione di un’identità da predatore alpha, perciò libera dal bisogno di assumere anche esteriormente modi e comportamenti sovravirilizzati; • garantisce il riconoscimento ed il rispetto del diverso grado di virilità di entrambi; • consente l’espressione di un amore autentico e senza filtri comportamentali; • aumenta le probabilità di riuscire a gestire una relazione stabile; • consente un rapporto frontale completo; • diminuisce drasticamente il rischio di contrarre l’HIV; • libera dal senso di colpa legato all’uso dell’ano, provocato dalla percezione di essere in controtendenza con la naturale predisposizione che si ha – in quanto maschi – di usare il pene per raggiungere l’orgasmo. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 44


Il desiderio di avere un rapporto frontale potrebbe originare da un istinto leggermente differente da quello di limitarsi a sfregare reciprocamente i propri organi genitali fra di loro. Potrebbe originare dal desiderio profondo di penetrare o lasciarsi penetrare frontalmente. Ma questo solo perché declinerebbe meglio anche sul piano fisico quella compenetrazione animica che avviene sugli altri piani. Rappresenterebbe esteriormente in modo più appropriato due anime che si amano e decidono di diventare una cosa sola. Comunque, anche se si possa percepire questo desiderio, non sarebbe un motivo che spingerebbe i due a ricorrere al rapporto anale: per quello è necessaria una forte propaganda. Essendo il rapporto anale talmente diverso da tale intento, lo sfregamento verrebbe comunque considerato preferibile e, semplicemente, gli si attribuirebbe romanticamente il valore di una penetrazione. Esiste, in ogni caso, anche il sesso intercrurale. Dal punto di vista magico-sessuale sarebbe consigliabile concludere l’atto del frottage con un rapporto orale (fellatio o 69 che sia), in modo da limitare le possibilità che il seme venga disperso, visto che esercitarne la ritenzione presenta sempre dei rischi. Perché l’ano non è fisiologicamente predisposto a ricevere L’ano è stretto, poco igienico, e non si lubrifica autonomamente – ad indicare che la funzione a cui si vorrebbe predisporre non è naturale. Riporto di seguito una porzione dell’articolo “The health risks of gay sex” del dr. John R. Diggs [https://tinyurl.com/risks-of-gay-sex]: (…) l’ano è un delicato meccanismo di piccoli muscoli che costituisce un passaggio di “sola uscita”. (…) Il potenziale di danno [durante la penetrazione anale, nda] è esasperato dal fatto che l’intestino ha solo un singolo strato di cellule a separarlo dal tessuto altamente vascolare che ha intorno, cioè dal sangue. Perciò, qualsiasi organismo che viene introdotto nel retto può costituire un pretesto al verificarsi di un’infezione molto più verosimilmente di quanto farebbe in una vagina. Il tessuto a strato singolo non è predisposto a sopportare l’attrito associato alla penetrazione del pene, facilita perciò il verificarsi di lesioni che espongono entrambi i soggetti a sangue, organismi nelle feci e una miscela di fluidi corporei. [Fine estratto]

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 45


Approfondimenti su AIDS e sesso anale Per quanto riguarda la questione AIDS, il tema è stato approfonditamente trattato dal validissimo Charles-Rafaël Payeur nel capitolo – l’ultimo – “Vincere l’AIDS per mezzo dell’Amore” del libro Il Potere dell’Amore Ed. L’Età dell’Acquario che insieme a La Sacra Sessualità Antipodi Edizioni di Salvatore Brizzi, considero letture imprescindibili per completare l’approfondimento sulle tematiche presentate in questo libro. La presunta omofobia delle correnti frottariane Per chi obietta che negare il legame fra omosessualità e sesso anale sia una constatazione omofoba citerò una porzione dell’articolo Are the g0ys and Man2Man Alliance Really Homophobic? [https://tinyurl.com/are-g0ys-man2man-homophobic] dal blog The Scriptures Don’t Condemn Homosexuality in cui si esamina la possibilità che queste due correnti che promuovono il frottage da ogni punto di vista siano omofobe. N.B. Il blog in questione afferma che: • avere rapporti omosessuali non dovrebbe necessariamente significare avere una relazione intima con l’altro. Dovremmo poterlo fare con la stessa semplicità con cui due amici si offrono un caffè; • presupporre che in conseguenza ad essi si dovrebbe mutare la considerazione del proprio orientamento sessuale ritenendosi omosessuali è sbagliato. Non ce ne sarebbe bisogno se non si desidera anche una relazione sentimentale omosessuale stabile. • concepire l’esistenza dell’inclinazione interiore femminile è sbagliato. In quanto uomini dovremmo tutti avere un’inclinazione interiore maschile e nonostante questo dovremmo poter attrarci per via di un omoerotismo dovuto alla percezione di una forma di virilità non meglio distinguibile anziché per via della percezione del dislivello di virilità che due uomini sono in grado di riconoscere fra di loro, come è effettivamente la realtà dei fatti. • concepire l’esistenza di diversi gradi di virilità e la legittimità di ognuno di essi è sbagliato. Si dovrebbe necessariamente fare tutti riferimento ai valori di virilità e mascolinità secondo i quali dovremmo essere tutti egualmente maschi ed i quali dovrebbero venire ricercati ed esaltati da tutti i maschi solo perché maschi. Altrimenti, si dovrebbe considerare la propria dignità di uomini compromessa. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 46


Tutto ciò è assolutamente nocivo, disorientante in quanto: • impedisce un reale completo rapporto d’Amore fra i due, che conduca ad una relazione, limita la possibilità di interazione ad un più superficiale e incompleto scambio sessuale; • impedisce di riconoscere il proprio differente orientamento sessuale, sia anche bisessualità; • impedisce di comprendere come alla base dell’esistenza di una sana relazione omosessuale ci sia la polarità, l’esistenza dell’inclinazione interiore maschile e femminile, ed, innegabilmente, diversi gradi di virilità. Nonostante ciò, offre alcune valide risorse utili a far luce su molte questioni correlate. Con il termine gay si intenderanno nell’articolo tutti coloro che si rispecchiano con ciò che identifica la cultura gay: in primis sesso anale, emulazione di comportamenti femminili, drag e famiglie arcobaleno. Diversa è la definizione di omosessuale, che indicherà semplicemente tutti coloro che nutrono sentimenti romantici ed attrazione per individui dello stesso sesso. Cos’è l’omofobia (…) Il termine “omofobia” assume due incongruenti significati nella comunità gay. Uno è la convenzionale definizione anche usata nel mondo etero: avversione o pregiudizio nei confronti dei rapporti o dell’attrazione fra esponenti dello stesso sesso, e delle persone che vi prendono parte. Secondo questa definizione, criticare il frottage e la masturbazione reciproca conta come omofobia. Fare commenti offensivi riguardo l’attrazione per individui del proprio stesso sesso conta come omofobia, insieme all’emarginare o ridicolizzare qualcuno che la prova. Questa è la definizione che conosce la maggior parte delle persone. C’è, però, una più specifica definizione all’interno della comunità gay: critica od opposizione verso uno qualsiasi degli aspetti fondanti della cultura gay. Intesa in questo senso, non importa se ti opponi a tutte le attività fra individui dello stesso sesso o no. Questa definizione considera tutta la cultura gay come sacrosanta e al di sopra di qualsiasi critica. Quindi se ti interpelli riguardo la sensatezza della correlazione fra drag ed omoerotismo, secondo questa definizione sei omofobo. Se ti vuoi comportare in modo maschile nonostante il dichiararti apertamente interessato agli uomini (considerato come “fingersi etero”), sei omofobo. Se non vuoi assumere il ruolo passivo durante il sesso anale, sei omofobo. Se non vuoi avere niente a che fare con il sesso anale, sei una delle persone più omofobe sulla Terra. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 47


Curiosamente, il secondo significato non viene mai spiegato apertamente, ma viene usato esattamente quanto il primo. Di conseguenza, la parola è usata come un’arma per zittire qualsiasi valida critica alla cultura gay, che provenga indistintamente da persone gay o etero. Devi tenere a mente queste definizioni ogni qual volta senti la leadership LGBT etichettare una qualsiasi cosa come omofoba. Le usano entrambe liberamente, senza mai ammettere che usano più di una definizione. Poiché la maggior parte degli etero (ed anche alcuni gay) non lo sanno, potrebbero essere confusi riguardo cosa il movimento LGBT ritiene omofobo. (…) Perché questi movimenti sono considerati omofobi È molto interessante che il movimento gay etichetti apertamente questi gruppi come omofobi. Secondo la definizione convenzionale, non c’è modo che possano essere considerati tali. (…) Entrambi apertamente, ripetutamente ed insistentemente sostengono una sana e responsabile pratica di rapporti fra individui dello stesso sesso. (…) Non condannano nessun tipo di frottage o reciproca masturbazione. Non si oppongono nemmeno al sesso orale, anche se forniscono dei consigli a riguardo. L’unica pratica che condannano fermamente è quella anale, per via dei suoi pericoli fisici e psicologici. Inoltre, entrambi affermano in maniera forte che mascolinità e rapporti fra individui dello stesso sesso non sono opposti l’uno all’altro. Proclamano che la cultura gay non dovrebbe essere intrinsecamente collegata al sesso anale, ed effettivamente la criticano ampiamente. Questo dovrebbe farti intuire perché vengono etichettati come omofobi. L’establishment gay sta usando la sua più specifica definizione [di omofobia, nda] per attaccarli. Tuttavia, non ci sono argomentazioni valide che giustifichino tale attacco. Viene solo fatto per spingere le persone ad andare contro questi movimenti, e per tenerle lontane dallo scavare più a fondo e scoprire in cosa realmente consistano. Per chiarire meglio si consideri anche questo: i media gay dicono che questi movimenti sono costituiti da ragazzi nella fase di negazione. Dicono che non vogliono accettare fino in fondo che a loro piacciano gli uomini. Quando invece il loro manifesto attesta tutt’altro: appoggiano apertamente ed esplicitamente l’amore fra individui dello stesso sesso. (…) Come menzionato precedentemente, questi movimenti dicono anche che attività fra individui dello stesso sesso non dovrebbero essere necessariamente etichettate come gay. Nel dire

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 48


questo, non tentano di intendere che tali attività non abbiano un valore sessuale o che siano comportamenti etero. Stanno negando che si riferiscano necessariamente ad un gruppo i cui interessi non rappresentano i loro. (…) Più che altro, stanno negando la sovranità della leadership LGBT (e della sua cultura). (…) Nella dicotomia etero-gay, i gay hanno l’autorità esclusiva sulla definizione di ciò che significa avere rapporti fra individui dello stesso sesso. Questo dà loro molto potere, perché secondo quest’idea, qualsiasi cosa dicono riguardo i rapporti fra individui dello stesso sesso è legge. Affermando che le attività fra individui dello stesso sesso non siano necessariamente gay, stanno affermando per estensione che i gay non hanno il monopolio sulle attività fra individui dello stesso sesso. Ne risulta che chiamano in causa quel potere, e che stiano dicendo che altre opinioni sono egualmente valide. La leadership LGBT non apprezza l’idea che non possa avere l’ultima parola sull’omoerotismo. Inoltre, stanno negando il precetto della filosofia sessuale moderna, e cioè che l’omoerotismo sia intrinsecamente anormale. Chi è davvero omofobo Come appena dimostrato, la Man2Man Alliance ed il movimento g0y non sono omofobi (…). Invece, se qualcuno è omofobo, è lo stesso movimento gay, e per diverse ragioni. Prima di tutto, credono davvero che l’omoerotismo sia intrinsecamente anormale (…). Supportano la filosofia sessuale moderna con tutti i suoi regolamenti che sopprimono e distorcono le espressioni di omoerotismo. E la supporterebbero solo se la ritenessero esatta. Ma non si limitano a ritenerla esatta. Usano il suo pensiero fondante – che l’omoerotismo è anormale – per manovrare il modo in cui vengono concepiti i rapporti fra individui dello stesso sesso. Che è parzialmente il perché supportano la pratica del sesso anale: perché imita vanitosamente il “normale” rapporto eterosessuale. Che è anche il motivo per cui supportano il drag ed una pletora di pericolose pratiche anali. Siccome queste attività sono considerate anormali dalla maggior parte delle persone, sembrano accostarglisi perfettamente. Per chiarire meglio, vediamo l’omofobia in azione, mostrata in questi due esempi. Il primo è un articolo scritto dall’opinionista Ryan O’Connel “Cosa si prova ad essere fo****i nel sedere”. (…) “[Il sesso anale, nda] dà letteralmente una sensazione innaturale semplicemente perché stai usando un’uscita come un’entrata. Ironicamente però, è il perché ci ricavi un sacco di divertimento. La sensazione innaturale accresce il piacere.” In altre

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 49


parole, anche lui ammette che il sesso anale dà una sensazione innaturale e anormale. Nonostante ciò, invece di repellerlo, afferma di ottenere piacere in quanto è innaturale. (…) Come potrebbe dire questo se non odiasse interiormente la sua attrazione per gli uomini? L’altro riguarda una reazione allo show “Bromans”, andato in onda nel Regno Unito nel 2017. È un reality che catapulta uomini inglesi contemporanei in una replica dell’antica Roma, ed esplora come se la cavano in quella società. Per attenersi agli standard greco-romani, gli uomini sono nudi o seminudi per la maggior parte del tempo. (…) L’articolo in questione si esprime riguardo un episodio in cui due contestanti stanno parlando mentre mangiano. (…) Discutono delle dimensioni dei loro peni, e cominciano a nutrirsi a vicenda mentre ripresi. Lo scrittore lo descrive in questo modo: “Questo show diventa ogni settimana più ridicolo” e ancora “Diciamo semplicemente che ci serve una doccia fredda dopo aver visto questa scena”. Non rammento di aver mai letto una cosa simile nei siti della Man2Man Alliance o di g0ys. Eppure questo scrittore si sente in dovere di descrivere questi eventi in modo molto negativo. (…) Questo pensiero rinforza la supposta anormalità di questo comportamento. Secondo questo modo di pensare, nessun uomo “normale” dovrebbe esprimere affetto per un altro uomo. Come può questo scrittore sentirsi a suo agio nel dire una cosa simile se non perché, a qualche livello, crede che non dovrebbe sentirsi coinvolto in modo profondo da quel contenuto? Per quale altro motivo direbbe di aver bisogno di una doccia fredda? (…) Quindi, non solo il movimento gay è ostile, è anche ipocrita. Esprimono con molta frequenza pensieri omofobi riguardo le loro stesse attrazioni, eppure questo non viene considerato omofobo. Quando la Man2Man Alliance e i g0y dichiarano di praticare liberamente e apertamente rapporti fra individui dello stesso sesso, sono considerati omofobi perché si oppongono al modo in cui lo fanno i gay. E più pazzesco di tutto, questo ha un senso nella logica malata della moderna filosofia sessuale. [Fine estratto] Da un punto di vista esistenziale, il sesso anale si verifica più frequentemente, solo perché scoprire che nutrire attrazione verso individui dello stesso sesso possa avere la sua massima espressione nel frottage è a livello razionale leggermente più distante dal concepire l’imitazione del rapporto eterosessuale attraverso la penetrazione anale. È un po’ più differente, richiede perciò un piccolo sforzo in più per venire contemplato rispetto a ciò che

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 50


già si conosce. Ma nonostante questo, l’istinto profondo di ogni omosessuale è in realtà di avere un rapporto frontale proprio come in un rapporto eterosessuale, anche se questo significa avere un rapporto non penetrativo. I desideri di un omosessuale sono rappresentati in modo molto più sano, veritiero e pertinente dal frottage. L’intento penetrativo si impara ad acquisirlo solo a causa di una forte azione propagandistica che censura le alternative o che le presenta applicandovi il filtro giudicante dello stravagante, del ripugnante, e di una presunta –

falsa – impossibilità di completa soddisfazione a caratterizzarle.

Pecche dei movimenti anti-LGBT Il motivo per cui la Man2Man Alliance, il movimento g0y ed il blog The Scriptures Don’t Condemn Homosexuality non riescono a contrapporsi efficacemente al movimento LGBT è che vorrebbero contrastare le deviazioni della nostra epoca riportando in auge, chi più esplicitamente, chi meno, l’amore greco. Una forma di amore, cioè, in cui l’omoerotismo sia più importante dei sentimenti: che metta al primo posto la libertà sessuale. L’amore greco non era influenzato dalla pericolosa pratica anale – che deturpava la dignità maschile – o dalla deviazione nell’identità psicologica femminile – che al massimo poteva riscontrarsi solo con la prostituzione maschile nei templi –; si esplicava invece attraverso la masturbazione reciproca, ed altre attività sessuali alternative. Questo dimostra che rapporti non penetrativi siano sempre esistiti sin dall’antichità e che già acquisivano il ruolo di massima espressione dell’omoerotismo esistente; mentre affetto e complicità fra individui dello stesso sesso hanno anch’essi da sempre naturalmente definito normali rapporti di semplice amicizia. Tuttavia questo tipo di amore non impediva agli uomini di prendere moglie o di essere considerati tutti egualmente virili: la pederastia rimaneva una fase transitoria e la nudità che si poteva osservare nel ginnasio, riservato ai soli uomini, non comprometteva il costume secondo cui l’età adulta si sarebbe passata al fianco di una donna. Intendere la percezione di omoerotismo come motivo di riconoscimento di un differente e permanente orientamento sessuale non veniva proprio contemplato, all’epoca. Perciò il motivo per cui le tre realtà citate all’inizio non riescono ad avere un grande seguito è che si sono dimenticate l’estrema importanza che ha per gli omosessuali la possibilità di instaurare una relazione stabile e di lunga durata, che oggi viene ampiamente riconosciuta e

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 51


fortemente sentita. Una relazione che possa coronare l’Amore che due uomini sono egualmente capaci di provare l’uno per l’altro. Vivere una condizione in cui attività sessuali fra individui dello stesso sesso siano liberamente praticate senza che presuppongano la presenza di un sostanziale differente orientamento sessuale, sia pure la bisessualità – condizioni costanti ben precise che implicano apertura ad eventuali rapporti romantici solidi –, oggi non è più possibile. L’azione della propaganda per incitare alla pratica anale Perché sarebbe così importante emulare il rapporto eterosessuale Secondo la cultura dominante, solo un individuo maschio, virile ed eterosessuale dovrebbe sentirsi degno di vivere. Se non sono così dovrei sentirmi in colpa, perché non essere così costituisce una mia colpa; di cui non potrò liberarmi mai per tutta la vita. Ed anche se questo non cambierà mai – perché la mia natura rimarrà comunque quella per sempre, tentare inutilmente di essere diverso da quello che sono fino ad auto-danneggiarmi, nel tentativo di assomigliare un po’ di più ad un individuo maschio, virile ed eterosessuale, consentirà che mi venga riconosciuto un filo di dignità, perché significa che ho almeno acquisito il punto di vista giusto da cui guardarmi: anch’io ho convenuto che fosse il caso di ripudiarmi per la mia natura ed ho provato a cambiarmi in meglio senza osare negare questa visione consolidata. Le donne sono macchiate dal senso di colpa perché non sono uomini. E poiché già l’essere donna costituisce, dunque, una colpa, dovrebbero sentirsi ulteriormente in colpa quando non fanno la volontà degli uomini che sarebbero più degni di loro di vivere. Perciò le donne usano il fatto che gli uomini le desiderino, per vendicarsi di loro, oppure tentano di maschilizzarsi per guadagnarsi la dignità di esistere. Cioè “Merito rispetto perché sono diventata come te, non perché la mia diversità lo meritasse già a prescindere”. Invece, il lavoro consisterebbe proprio nello slegare la percezione della propria diversità dalla percezione del senso di colpa che si vorrebbe far credere venga da essa generato. Ripeto: la percezione della propria diversità è attualmente legata alla percezione di un senso di colpa che viene considerato dovuto a tale diversità stessa, perciò è necessario redimere la propria diversità, disconoscendola dal poter causare qualsiasi sentimento negativo come la colpa, altrimenti, pur di non sentire quest’ultima, si cercherà di mascherare, nascondere o reprimere anche la prima. Bisogna

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 52


comprendere che tale diversità esiste, che è legittima, che è ricchezza ed un patrimonio per la comunità, e che dunque va accettata ed esaltata per via della sua esistenza, non renderla motivo di sofferenza. Va esplorata, conosciuta, approfondita, non repressa, ignorata e banalizzata. Dire “le donne non sono come gli uomini”, oltre che essere percepito come ovvio, dovrebbe anche essere percepito come sintomo di rispetto. Gli omosessuali che hanno un’inclinazione interiore femminile condividono con le donne la colpa di non essere veri uomini in quanto hanno rifiutato il dovere sociale che si lega al loro essere uomini, di rivolgersi alle donne, inoltre non li si considera sufficientemente forti e virili; perciò cercano di giustificarsene fingendosi effettivamente donne. Gli omosessuali con un’inclinazione interiore maschile solo il fatto che non desiderano le donne, perciò cercano di giustificarsene assumendo che gli uomini di cui si innamorano siano da considerarsi come tali. Entrambi, in più, non procreeranno. Dunque imitano i ruoli degli eterosessuali per nascondere il loro essere essenzialmente diversi nel modo che hanno di desiderare un partner, nel partner che desiderano, e nel loro stesso modo di essere, cioè per nascondere le peculiarità che li caratterizzano e li rendono unici anziché riconoscerle ed apprezzarle; e lo fanno al punto da scimmiottare una relazione eterosessuale persino a letto, attraverso il rapporto anale, nonostante non possano negare che soprattutto all’inizio questo generi come un retrogusto sgradevole. Questa è vera omofobia. Inoltre, potrebbero volersi vendicare della colpa che viene fatta sentir loro, tentando di far “cadere” altri eterosessuali nella loro stessa condizione. Beh… c’è un fatto di cui bisogna rendersi conto a monte: se davvero fosse giusto solo essere individui maschi, virili ed eterosessuali e lo fossimo tutti, la specie ora si sarebbe già estinta. Ciò significa che se esistono anche le donne e gli omosessuali c’è una ragione, e cioè che se non fosse giusto o previsto che possano esistere, non esisterebbero, e dunque che la loro esistenza è legittima, e con essa la diversità stessa che li definisce senza la quale non sarebbero distinguibili dagli altri.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 53


Come gli omosessuali vengono portati a preferire il sesso anale Due omosessuali si attraggono a causa della loro polarità: uno ha un’inclinazione interiore maschile, l’altro femminile. Nonostante ciò, continuano a considerarsi entrambi maschi, seppure riconoscono il loro dislivello di virilità. La loro modalità naturale di scambiarsi Amore ed affetto sarebbe spontaneamente un’interazione frontale e non penetrativa. Tuttavia, come si è potuto apprendere nel punto #2, i movimenti LGBT considerano essi stessi l’omosessualità una condizione anormale e l’unico modo che conoscono di renderla più familiare e comprensibile è quello di farle emulare il rapporto eterosessuale. Incitano tale comportamento sfruttando la naturale polarità delle coppie omosessuali, per cui chi ha un’inclinazione interiore femminile viene incoraggiato a farla sfociare nell’identità psicologica femminile, mentre chi ha un’inclinazione interiore maschile viene incoraggiato a farla sfociare nell’identità psicologica maschile eterosessuale – per la quale il partner è da considerarsi come una donna e lui è l’unico fra i due a potersi appropriatamente dire uomo. Ne risulta che il naturale modo di interagire dei due omosessuali viene mutato facendo acquisire abitudini e comportamenti relazionali tipici del rapporto eterosessuale: per uno l’emulazione di atteggiamenti tipicamente rivolti alle donne; per l’altro l’emulazione di atteggiamenti tipicamente rivolti agli uomini dalle donne. Con questi vengono in generale promossi anche fenomeni quali effeminatezza, crossdressing e drag queen. Anche a letto si dovrebbe preferire la più rassicurante pratica anale, perché imita meglio il naturale rapporto convenzionale eterosessuale. Attraverso tale pratica, però, nessuno dice che il rapporto subisce una modifica sostanziale: da reciproco paritario innocente scambio d’Amore acquisisce la distinzione dominante/sottomesso, anche a livello sottile, e si genera un piacere mentale del tutto malsano. Tale mutamento tuttavia è ritenuto produttivo perché sarebbe utile a mantenere nel tempo anche la distinzione fra le identità psicologiche eterosessuali. Come ciliegina sulla torta, instillare l’idea che due omosessuali possano proficuamente imitare un rapporto eterosessuale genera la concezione di essere atti a potersi unire in matrimonio ed adottare dei bambini. Quindi l’omosessualità viene considerata legittima solo fintanto che imita l’eterosessualità. In questa prospettiva, qualsiasi atto sessuale che non sia penetrativo viene ritenuto aberrante,

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 54


perché renderebbe più riconoscibile l’anormalità che caratterizzerebbe l’omosessualità. Perciò per gli omosessuali la possibilità di vivere serenamente una relazione secondo le proprie propensioni spontanee e naturali è stroncata sul nascere da quegli stessi individui che si erigono a difensori dei loro diritti. Per cui tantissimi omosessuali imparano direttamente che l’omosessualità consiste nell’imitazione dell’eterosessualità senza mai consapevolizzare i propri autentici desideri fisici. Ma non finisce qui: nel momento in cui due omosessuali riconoscono nonostante tutto le identità psicologiche eterosessuali limitate ed innaturali, e cominciano a ricercare la possibilità di liberarsi da esse, viene invece aperta loro la porta della versatilità. Si potrebbe sfruttare l’occasione per prendere più semplicemente atto dell’esistenza di diversi gradi di virilità e delle inclinazioni interiori maschili e femminili, ricominciando a dirsi comunque entrambi maschi; e per scoprire il frottage, risolvendo così la velata seppure sempre presente sensazione di dubbio, perplessità e preoccupazione sulla pratica anale, che più profondamente può far sì che si nutrano dei sensi di colpa e delle paure riguardo le conseguenze spirituali provocate dalla propria omosessualità… Invece, pur di continuare a far rimanere i due all’interno del contesto della pratica anale, il modo che viene loro concesso dalla propaganda per liberarsi delle identità psicologiche con cui sono identificati in quel momento è semplicemente renderle più fluide cominciando a scambiarle: attuando cioè uno scambio di ruoli anche durante l’atto sessuale che così rimane un atto penetrativo. ¶ In altre parole, ai due viene proposto di andare contro la loro naturale inclinazione interiore, che è qualcosa di molto profondo e delicato su cui in realtà non dovrebbe proprio essere concepibile l’idea di fare modifiche di alcun genere, e che invece in questo modo viene confusa e danneggiata, così come l’autentica percezione di se stessi. Tutto ciò viene incoraggiato facendolo percepire come acquisizione di maggiore libertà sessuale. L’inclinazione interiore autentica è il mezzo che uso per trasmettere Amore al partner. Se ne vengo privato confondendola durante lo scambio di ruoli non sento più le emozioni come prima e ciò che mi resta possibile provare durante un rapporto è solo il piacere fisico. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 55


Rendere in questo modo la pratica anale irrinunciabile fa sì che sia molto più difficile concepire di poterne non avere più bisogno, un giorno. Viene fatto perché la pratica anale danneggia nel ricevente la retta manifestazione dell’energia maschile, genera una relazione del tipo dominante/sottomesso e stimola una triade di centri energetici nella zona del primo chakra che vengono comunemente utilizzati in magia nera. Per questo motivo ci si scontra con gravi accuse di omofobia quando si attesta che un rapporto non penetrativo possa essere soddisfacente quanto uno penetrativo o anche di più, ed in generale, quando si contesta l’associazione fra omosessualità e sesso anale. Questo anche solo a causa dei grandi introiti generati dai trattamenti per le malattie veneree che vengono contratte attraverso di esso. Perciò se sono omosessuale e mi impongo di non uscire allo scoperto sforzandomi di condurre una vita eterosessuale e convincendomi di rimanere in questa situazione solo perché non concepisco la pratica anale e non voglio essere coinvolto in stereotipi degradanti, credendo che il sesso omosessuale e l’omosessualità siano solo quello, adesso so che non è così. Tale pratica non è affatto l’unica modalità di espressione dell’amore fra due uomini e, comunque, nemmeno la più raccomandabile… E non è scritto da nessuna parte che debba necessariamente essere soggetto a deviazioni psicologiche della mia identità maschile. Ovviamente, se la pratica anale fa già parte della mia routine quotidiana, o se includere comportamenti tipicamente femminili è da tempo diventato un elemento distintivo della mia personalità, è bene comunque conoscere le cause che li hanno originati: il modo in cui si è stati fagocitati da una cultura con alla base determinati fini, ed una volta compreso questo, vedere se ritenere opportuno modificare i miei comportamenti abituali.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 56


Fasi di Sviluppo dell’Omosessualità #1 Prequel

Premessa – I messaggi subliminali Messaggi subliminali vengono intenzionalmente utilizzati dai media con l’intento di incrementare la percentuale di omosessualità nel mondo. Fra le altre ragioni, anche perché viene ritenuto utile a contenere il problema della sovrappopolazione mondiale. Un film, una serie TV, un servizio fotografico, un videoclip musicale, sono tutti strumenti che vengono usati per incitare all’omosessualità, sia attraverso leggeri riferimenti espliciti, sia in maniera totalmente nascosta. Ad esempio accostare un uomo con qualità molto femminili ad una donna determinata e maschilizzata può spingere a credere di poter essere meglio accolti da un lui, o inserire direttamente frequenze audio che alterino la percezione della tua virilità può portarti a modificare l’espressione che riuscirai a farne. Un eterosessuale che ne fosse spettatore, alla lunga, potrebbe subire l’effetto di considerare la possibilità di adottare comportamenti omosessuali come forma di abitudine fino, per gradi, ad autoingannarsi di esserlo effettivamente. Diversamente, chi presenta un’omosessualità latente, subisce l’effetto di divenirne attraverso di essi più velocemente consapevole. Il problema è che anche in quel caso, i messaggi subliminali vengono spesso associati a concetti quali violazione, conversione e satanismo, perciò anche chi fosse omosessuale e ne divenisse consapevole attraverso di essi, non sarebbe in grado di riconoscere la sua condizione come preesistente, e l’identità etero che assumeva come maschera sociale. Crederebbe invece che qualcuno lo ha fatto diventare qualcosa che prima non era e che questo cambiamento è male. In entrambi i casi, quindi, sono molto pericolosi. È bene perciò stare in guardia, perché tali tipi di messaggi subliminali vengono integrati nei media sempre più di frequente ed in maniera sempre meno riconoscibile. Il piano di disgregazione sociale, fra gli altri punti, ha quello di complicare la retta manifestazione dell’energia maschile e femminile e di far credere di avere dentro di sé qualcosa di affiliato al male, di modo da incitare follia e compulsioni… La condizione iniziale Nessuno nasce con la consapevolezza innata di essere omosessuale. C’è sempre un momento della mia vita in cui devo scoprirlo. Parto in ogni caso da una condizione iniziale in cui mi

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 57


considero etero. Questo perché durante il mio percorso di sviluppo infantile sono spontaneamente portato ad utilizzare come metodo di apprendimento l’imitazione degli altri. Perciò, se gli altri sono etero, io do per scontato di essere etero come loro, acquisendone tutte le convinzioni ed i comportamenti annessi. Anche quando da subito percepisco attrazione per individui del mio stesso sesso, questo lo considero un aspetto del mio essere etero. Ciò succede perché i miei genitori mi dicono che sono etero, la società mi forma indifferentemente come etero, perciò proprio non ho modo di non presumere di esserlo effettivamente. Sarò sempre io a doverli smentire una volta che mi accorgerò che l’attrazione che percepisco fa sì che anche l’amore lo immagini in modo differente. I segnali Succede che, ad esempio, da ragazzo io possa mettere spontaneamente in atto comportamenti più femminili prima ancora di rendermi conto di essere omosessuale. Questo in realtà non accade perché è presente una predisposizione ad assumere l’identità femminile nella coppia, ma semplicemente perché inconsciamente ho bisogno di segnalare che l’identità da eterosessuale – che in qualche modo percepisco di aver acquisito solo per imitazione – è fittizia. Adesso che a livello inconscio ho capito che è legata al fatto che ci si aspetta da me che mi fidanzi prima o poi con una ragazza, sto inconsapevolmente cercando di comunicare che non ho intenzione di farlo. Poiché ho interiorizzato l’errato legame fra l’essere virili e l’essere eterosessuali, il modo che ho di farlo è – ogni tanto – attuare qualche atteggiamento femminile. Anche se ancora non ho neanche concepito qual è l’alternativa: l’esistenza dell’omosessualità; anche se trovo divertente giocare a fare il macho e credere che avrò tante ragazze. Nell’eventualità che invece già percepisca dell’attrazione per gli altri maschi, potrei attuare alcuni atteggiamenti femminili – di nuovo – non perché trovi che acquisire un’identità femminile mi definisca in modo più opportuno, ma perché ho interiorizzato un altro errato concetto per cui solo le donne possono desiderare i maschi, perciò li uso per convincermi e scoprire che anch’io posso stare con un maschio. Allo stesso tempo, comunico indirettamente all’esterno ed apprendo io stesso che le mie fantasie romantiche sono diverse da quelle degli eterosessuali. Entrambe queste verità sono quantomai verificate ed evidenti ancor di più quando, seppure manifestai tali atteggiamenti, ho nonostante quelli un’inclinazione interiore maschile. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 58


Dunque è una recita non del tutto consapevole sia l’eterosessualità fittizia sia gli atteggiamenti femminili, attuati esclusivamente in quanto funzionali a comunicare l’inconsistenza di tale eterosessualità. In verità mi identifico come maschio (a prescindere dalla mia inclinazione interiore), ma ho intenzione di relazionarmi con un altro maschio. Oppure potrebbe succedere che da ragazzo metta spontaneamente in atto dei comportamenti di prevaricazione verso altri maschi e venga considerato aggressivo. Può trattarsi, in realtà, dei primi tentativi di contatto fra maschi attuati inconsciamente a causa di un’attrazione non riconosciuta. Non hanno a che fare con la predisposizione ad assumere un’identità da predatore alpha. Semplicemente, uso la violenza come pretesto per toccare qualcuno che non riterrei giusto o non troverei altro motivo di toccare (e ciò è quantomai evidente quando nonostante quei tentativi ho in verità un’inclinazione interiore femminile). Il mio desiderio si esprime in questo modo perché sono arrabbiato con me stesso e con l’altro per il fatto che non sia una donna. Nonostante ciò, però, l’attrazione è naturalmente rivolta ad un maschio che si comporta da maschio e che non è effeminato, perché è questo che la genera. Altro segnale potrebbe essere che ad esempio preferisca lo sport alle ragazze. In tutti i casi, spesso dall’esterno i segnali citati si notano, per questo a volte si può venire considerati omosessuali prima ancora di accorgersene. Possibile fraintendimento dei segnali Se fantastico sulla possibilità di considerarmi una principessa non lo faccio perché esiste in me il desiderio di essere una donna, è solo che mi serve perché da piccolo è l’unica modalità che ho di concepire possibile per me relazionarmi con un altro maschio. Se ho un’inclinazione interiore femminile potrei farlo anche perché ho bisogno di consapevolizzare la mia stessa inclinazione interiore e per riconoscere che nonostante sia maschio posso essere quello che in una coppia omosessuale è il meno virile. E perché è il mio rudimentale modo di scoprire che potrei avere delle qualità di accoglienza e apertura verso un altro uomo che sono più femminili, seppure debba imparare che posso scoprirlo anche senza deviare nell’identità femminile. Ma potrei fare quella stessa fantasia anche qualora la mia inclinazione interiore fosse maschile, e allora sarebbe solo per il primo motivo. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 59


E con ciò intendo che potrei credere di avere un’inclinazione interiore femminile quando in realtà è maschile. Ciò significa che potrei credere che l’altro è più virile di me quando in realtà è meno virile di me, cioè che potrei sviluppare una difficoltà nel riconoscere i reali gradi di virilità. In altre parole, credendo erroneamente che desiderare un uomo è una cosa che fanno solo le donne, ed essendo le donne meno virili dei maschi, se l’altro è maschio, quando lo desidero credo automaticamente di poterlo fare solo in quanto in qualche modo sono simile ad una donna, e dunque necessariamente meno virile di lui. Di conseguenza l’unica inclinazione interiore che potrei attribuirmi sarebbe femminile. Quando magari è tutto l’opposto e sono io ad avere un’inclinazione interiore maschile mentre sono i maschi che desidero ad essere meno virili di me, nonostante siano anch’essi maschi. Infatti, si dice che coloro che hanno un’inclinazione interiore maschile (in gergo definiti attivi) siano una merce rara proprio perché in verità molti altri che avrebbero un’inclinazione interiore maschile l’hanno fraintesa credendo di averla femminile. Allora ricercano a loro volta uomini con inclinazione interiore maschile che siano molto meno virili di loro, ma con alcune qualità maschili, o molto poco più virili di loro ma con molte qualità femminili, rimanendo ignari del grave fraintendimento che vivono quotidianamente e che può riuscire a condizionare l’intera loro vita. E tutto questo solo per via di un singolo concetto – totalmente slegato dalla realtà – per cui solo le donne possono desiderare gli uomini e viceversa. Allora, anche se in realtà tutti quegli atteggiamenti femminili sono in qualsiasi caso non affatto indicativi di una predisposizione ad assumere l’identità femminile, quando, attraverso la propaganda, mi viene presentato un out-out per cui, per potermi identificare come omosessuale vengo forzato ad assumere o un’identità da predatore alpha o una femminile, sceglierò la seconda. Esattamente come è costretto a fare chi realmente ha un’inclinazione interiore femminile. —— Se invece fantastico sulla possibilità di ferire altri uomini non è perché davvero voglia nuocere a qualcuno, è solo che non ho nessun altro modo di concepire possibile avere un approccio fisico con loro. Se ho un’inclinazione interiore maschile potrei farlo anche perché

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 60


mi consente di consapevolizzarla e di riconoscere che nonostante sia maschio posso ricercare un altro maschio meno virile di me. E perché è il mio rudimentale modo di scoprire che l’altro non può e non vuole resistermi, che è più sofisticato e pacifico nella sua natura, e che questo genera in me desiderio, seppure debba divenire in grado di apprezzarlo senza violenza ed imparare che posso scoprirlo anche senza deviare nell’identità da predatore alpha. Ma potrei fare quella stessa fantasia anche qualora la mia inclinazione interiore fosse femminile, e allora sarebbe solo per il primo motivo. Potrei quindi anche in questo caso sviluppare una difficoltà nel distinguere i reali gradi di virilità degli altri maschi: potrei credere che poiché sono maschio, nonostante anche l’altro possa essere maschio, dovrei essere io a considerarmi più virile di lui. Questo perché credo erroneamente che gli uomini possono desiderare solo le donne, e che siccome gli uomini sono più virili delle donne, se io sono un uomo, l’altro posso desiderarlo solo in quanto in qualche modo è simile ad una donna. Dunque in automatico è necessariamente meno virile di me. Di conseguenza l’unica inclinazione interiore che posso attribuirmi è quella maschile. Ed – anche questa volta – potrebbe invece essere tutto l’opposto: potrei essere io quello meno virile e non essere in grado di ammettere la mia vera inclinazione interiore femminile, mentre i maschi che desidero sono in realtà più virili di me. Ricercherò dunque uomini con inclinazione interiore femminile che siano molto più virili di me, ma con alcune qualità femminili, o molto poco meno virili di me ma con molte qualità maschili, rimanendo anche stavolta ignaro del grave fraintendimento che ho fatto. Allora, anche se in realtà tutti quegli atteggiamenti sovravirilizzati sono in qualsiasi caso non affatto indicativi di una predisposizione ad assumere l’identità da predatore alpha, quando, attraverso la propaganda, mi viene presentato un out-out per cui, per potermi identificare come omosessuale, vengo forzato ad assumere o un’identità da predatore alpha o una femminile, sceglierò la prima. Esattamente come è costretto a fare chi realmente ha un’inclinazione interiore maschile. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 61


Conseguenze inconsapevoli dei segnali Se davvero ho un’inclinazione interiore femminile, riconoscendo che la virilità di colui che desidero è maggiore, accade il “grande fraintendimento” per cui accetterò di dover credere che il mio minore grado di virilità stia in realtà ad indicare l’esistenza di una predisposizione ad assumere un’identità femminile. Da cui quindi comincerò a far derivare tutti gli effetti collaterali che l’acquisizione di essa comporta in un uomo, fra cui l’effeminatezza – da quel momento in poi ritenuta realmente una mia caratteristica – ed il consenso ad essere penetrato. Seppure il mio reale desiderio, profondamente, continui ad essere poter esprimere liberamente la mia autentica identità maschile – nonostante sia caratterizzata dal desiderio di un uomo più virile di me e da eventuali qualità femminili –, e che il mio partner mi ami per ciò che sono, così da non dover essere costretto ad emulare ed imitare chi non sono. Se davvero ho un’inclinazione interiore maschile, riconoscendo che la virilità di colui che desidero è minore, accetterò di dover stare con un uomo che abbia assunto un’identità femminile e crederò che il mio maggior grado di virilità stia in realtà ad indicare l’esistenza di una predisposizione ad assumere un’identità da predatore alpha. Da cui quindi comincerò a far derivare tutti gli effetti collaterali che l’acquisizione di essa comporta, fra cui la sovravirilizzazoine – da quel momento in poi ritenuta realmente una mia caratteristica – ed il consenso a penetrare il partner. Seppure il mio reale desiderio, profondamente, continui ad essere un partner che come me rimanga fedele alla sua identità maschile, anche se meno virile di me, così da poterlo amare senza necessità di sovravirilizzarmi. L’inutilità dei segnali Come omosessuale, tuttavia, non riesco a riconoscere i segnali mentre li attuo, e dunque ad usarli per rendermi conto della mia omosessualità in modo autonomo. Questo perché sono immerso nell’identità eterosessuale che sto inconsapevolmente interpretando. Pur attestandoli, non riesco a dare loro il giusto peso in quanto non mi immagino che possano significare una cosa dalle conseguenze tanto serie. Sono ancora immerso nella sensazione rassicurante che mi procura la certezza di credermi eterosessuale. Credo che in essa sia inclusa anche la possibilità di provare qualcosa di speciale per un altro maschio, ogni tanto. Specialmente in tenera età. Se sono più grande, invece, per spiegarmelo mi appellerò al

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 62


concetto di bromance, di cui sicuramente sarò grande promulgatore. Questo perché altrimenti dovrei ribaltare completamente l’idea che ho di me stesso e non sarebbe cosa da poco. Inutilità dei segnali #2: la programmazione mentale Se l’educazione che ho ricevuto ha impresso dentro di me l’errata concezione per cui essere eterosessuali ed essere virili dovrebbero significare quasi la stessa cosa, se accettassi di riconoscere che potrei non essere eterosessuale, significherebbe in automatico che non potrei neanche considerarmi virile e magari non è vero. Perciò per mantenere veritiero il fatto che sono virile mi sento anche obbligato a ritenermi eterosessuale. In altre parole, adesso sono anche programmato per rinnegare inconsapevolmente quello che sono in grado di sentire per un altro uomo. Perciò, anche se venissi esplicitamente sedotto da un ragazzo, sono talmente dentro la programmazione della mia indiscutibile eterosessualità che, in modo automatico, la mia mente razionale mi porterebbe ad allontanarlo immediatamente (perché questa mi impedisce di riconoscere l’attrazione che potrei percepire, o di contemplare anche solo la possibilità dell’esistenza di un qualsiasi tipo di emozione romantica per lui) bypassando così la mia coscienza; seppure a livello profondo riuscirei comunque a sentire di provare un qualcosa. Che magari non so definire o che vorrei negare ma che è innegabile che esista. La necessità del ragazzo Per questa ragione è necessario che avvenga che, apparentemente sorprendentemente, un primo ragazzo mi attragga in modo inequivocabile: affinché mi conduca alla scoperta di chi sono davvero; nonostante, inizialmente, preferirò incriminarlo di avermi “convertito”. Soprattutto nel caso in cui lui sia già omosessuale. Questo perché credo possa trattarsi di un caso isolato, perciò gli attribuisco l’intenzione di volermi rendere diverso. Credo che un ragazzo possa provocare l’omosessualità anziché esclusivamente causarne il riconoscimento. Allora la colloco in una scala temporale come condizione che succede la mia eterosessualità, invece che come condizione resa consapevole adesso ma da sempre sottostante all’eterosessualità fittizia che solo ora constato inconsistente. Salvo, poi, dovermi ricredere quando in seguito sento di nuovo le stesse cose anche per altri ragazzi. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 63


Questo è vero in particolar modo quando l’attrazione che sento nei confronti delle donne ha a che fare solo con la possibilità di produrre fantasie mentali in cui soddisfo gli standard sociali attraverso un amore romantico, e non con un’attrazione più fisica che, invece, riesco a percepire solo in presenza di un altro uomo, nonostante l’iniziale assenza di fantasie mentali romantiche nei suoi confronti, che nessuno mi ha mai insegnato a considerare ma che, data la circostanza, è molto facile poi cominciare a concepire autonomamente. Il fatto è che, nonostante sia divenuto evidente che non sono eterosessuale – per via dell’identità eterosessuale fittizia con cui originariamente ero identificato, e per via del fatto che so quale giudizio ha il mondo sull’omosessualità in generale – all’inizio ancora credo che quello che provo sia una sorta di aggiunta alla mia condizione di eterosessuale: come se fosse una qualità in più che fa declinare la mia eterosessualità in un modo un po’ diverso. Non mi accorgo che invece vuol dire che allora la mia presunta eterosessualità potrebbe non essere eterosessualità, e che potrei invece essere stato da sempre omosessuale. Non riesco a vedere che quell’eterosessualità che credevo mi rappresentasse era tenuta in piedi solo dal fatto che non avevo ancora mai dovuto scontrarmi con l’attrazione sessuale, e che solo per questo poteva continuare ad aleggiare indisturbata nella mia mente come una favola che raccontasse chi sarei potuto essere in un mondo di fantasia in cui l’energia sessuale non fosse l’energia più potente esistente sul pianeta in grado di muovermi dall’interno. Non mi rendo conto che quella che considero una qualità aggiunta è, invece, una condizione a sé che mi fa appartenere ad una categoria di persone completamente diverse rispetto agli eterosessuali: non è che sono un eterosessuale diventato omosessuale; è che sono omosessuale e non sono mai stato eterosessuale. Ho creduto di esserlo e l’ho fatto durante la mia infanzia. È per questo che quella convinzione sembrava davvero vera ed è per questo che a volte mi inganno che potrebbe ritornare ad essere vera anche se vera, in realtà, non è mai stata. Non posso accorgermi che l’identità eterosessuale che interpreto è davvero fittizia finché la reale attrazione sessuale non viene a smontarla ed a sconvolgermi. Solo quando viene buttata

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 64


giù da un dirupo l’aquila scopre di non essere un pollo. Il ragazzo che per la prima volta mi attrae, è quello che mi spinge giù.

FSO#2 Fascinazione e primo innamoramento

Le combinazioni In questa fase mi scopro portato a notare la bellezza estetica degli uomini e comincio a farlo sempre più di frequente. Mi accorgo che l’attenzione che do loro non si limita ad esprimere un semplice apprezzamento, c’è qualcosa di più. Comincio a notare inoltre interessanti alcuni modi di fare, alcuni atteggiamenti, ed all’inizio potrei forse credere che sia perché li voglia imitare. Solo poi mi rendo conto che in realtà si tratta di attrazione. Allora considero per la prima volta plausibile la possibilità di entrare in relazione con un ragazzo, e scopro che degli uomini è possibile innamorarsi. Poiché l’attrazione fra uomini si sviluppa in funzione della percezione del grado di virilità dell’altro, la consapevolizzazione di tale fenomeno potrebbe essere facilitata dall’attenzione che rivolgo agli uomini un po’ più grandi o un po’ più piccoli di me. Perciò esistono diverse modalità in cui può declinarsi: Se ho un’inclinazione interiore femminile e qualità più femminili può attrarmi di più: • un uomo molto o poco più virile di me, con qualità più maschili. In questo caso dovrebbe essere lui ad approcciarsi: Constato di essere stato scelto. Tu vuoi avvicinarti. Come risposta ti accolgo. Io rimango fermo. Tu vieni a fare una proposta. Infine accetto. • un uomo molto o poco più virile di me, con qualità più femminili. In questo caso nessuno dei due sceglie l’altro: Ci si richiama e attrae reciprocamente. Veniamo reciprocamente avvicinati dall’altro. Non vengono fatte delle proposte esplicite, ci si ritrova a stare insieme. Se ho un’inclinazione interiore femminile e qualità più maschili può attrarmi di più: • un uomo molto o poco più virile di me, con qualità più femminili. In questo caso dovrebbe essere lui ad approcciarsi: Constato di essere stato scelto. Tu mi richiami e mi attrai. Come risposta mi avvicino. Tu rimani fermo. Io vengo a fare una proposta. Infine mi accetti.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 65


• un uomo molto o poco più virile di me, con qualità più maschili. In questo caso entrambi constatiamo di esserci scelti: Entrambi vorremmo avvicinarci. Entrambi ci avviciniamo. Alla proposta di uno segue la controproposta dell’altro, stabiliamo di stare insieme. In questi primi due casi, poiché la cultura gay mi impone di assumere un’identità femminile per potermici relazionare, il desiderio di avere un rapporto sessuale con lui viene declinato nell’intento di essere penetrato anziché di accoglierlo frontalmente sopra di me. Se ho un’inclinazione interiore maschile e qualità più maschili può attrarmi di più: • un uomo molto o poco meno virile di me, con qualità più femminili. In questo caso dovrei essere io ad approcciarmi: Constato di averti scelto. Mi avvicino. Come risposta mi accogli. Tu rimani fermo. Io vengo a fare una proposta. Infine accetti. • un uomo molto o poco meno virile di me, con qualità più maschili. In questo caso entrambi constatiamo di esserci scelti: Entrambi vorremmo avvicinarci. Entrambi ci avviciniamo. Alla proposta di uno segue la controproposta dell’altro, stabiliamo di stare insieme. Se ho un’inclinazione interiore maschile e qualità più femminili può attrarmi di più: • un uomo molto o poco meno virile di me, con qualità più maschili. In questo caso dovrei essere io ad approcciarmi: Constato di averti scelto. Ti richiamo e ti attraggo. Come risposta ti avvicini. Io rimango fermo. Tu vieni a fare una proposta. Infine accetto. • un uomo molto o poco meno virile di me, con qualità più femminili. In questo caso nessuno dei due sceglie l’altro: Ci si richiama e attrae reciprocamente. Veniamo reciprocamente avvicinati dall’altro. Non vengono fatte delle proposte esplicite, ci si ritrova a stare insieme. In questi ultimi casi, poiché la cultura gay mi impone di accettare che assuma un’identità femminile per potermici relazionare, il desiderio di avere un rapporto sessuale con lui viene declinato nell’intento di penetrarlo anziché di sovrastarlo frontalmente sotto di me. Le seconde possibilità si considerano in quanto l’inclinazione interiore è prioritaria rispetto alle qualità della personalità; generano, però, minore magnetismo. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 66


Le deviazioni Una deviazione permette di sperimentare inconsapevolmente una caratteristica che secondo me dovrebbe possedere il mio partner ideale. Perciò ha potere su di me finché non riconosco tale caratteristica o non la voglio accettare come legittimo bisogno. Quando la riconosco e/o accetto, non avrò più bisogno della deviazione per desiderarla, perché avrò imparato che posso farlo consapevolmente. Se la caratteristica in questione è il fatto stesso che l’altro partner sia un uomo, potrei essere soggetto ad una deviazione solo perché è utile a scoprire la mia omosessualità. In questo caso potrei successivamente continuare inconsciamente a lasciarmi soggiogare da essa nella misura in cui sono ancora convinto che dovrei essere eterosessuale: perché è utile ad infrangere un divieto che la mia mente omofoba vorrebbe impormi. Se accetto di essere omosessuale non ha più potere. A volte può essere sporcata dal retrogusto malsano che deriva dall’assumere l’identità femminile o dal vedere il partner che la assume. Figura genitoriale • Se mi attrae chi ha qualità più maschili, potrei considerare l’altro come una sorta di padre dai modi fermi e decisi. Una figura capace di ispirarmi, insegnarmi una via, formarmi. In confronto a lui potrei percepirmi come un bambino istradato dal papà. • Se mi attrae chi ha qualità più femminili, potrei considerare l’altro come una sorta di madre dai modi permissivi e accomodanti. Una figura capace di accettarmi, accogliermi, confortarmi. In confronto a lui potrei percepirmi come un bambino nutrito dalla mamma. L’intensità della sensazione provocata da queste immagini è proporzionale a quanto paterno o materno desidero che sia l’uomo di cui ho bisogno per sentirmi sereno in una coppia. Per lasciarle andare, dovrei imparare che il bisogno che il partner possa agire alcuni comportamenti tipici di una figura genitoriale è legittimo. Se accetto di imparare che evidentemente avrò vissuto situazioni che sono alla base di questa necessità, come la mancanza di un certo tipo di affetto e supporto, e lo accetto, non sarà più necessario ricorrere a questa fantasia per rendermene conto, e a poco a poco riuscirò ad immaginare una relazione sana e romantica in cui un uomo con quelle caratteristiche mi ami senza appesantire il significato che do a quell’amore con l’immagine di una figura genitoriale. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 67


Figura filiale • Se mi attrae chi ha qualità più maschili, potrei considerare l’altro come una sorta di figlio dai modi incerti e timorosi. Una figura capace di apprezzare le mie attenzioni ed i miei consigli e di non lasciarmi mai. In confronto a lui potrei percepirmi un po’ come una madre. • Se mi attrae chi ha qualità più femminili, potrei considerare l’altro come una sorta di figlio dai modi delicati ed indifesi. Una figura capace di dare valore alle mie parole, di fidarsi e stimarmi. In confronto a lui potrei percepirmi un po’ come un padre. L’intensità della sensazione data da queste immagini è proporzionale a quanto innocente e spontaneo desidero che sia l’uomo di cui ho bisogno per sentirmi sereno in una coppia. Per lasciarle andare, dovrei imparare che il bisogno che il partner possa agire alcuni comportamenti tipici di una figura giovanile è legittimo. Se accetto di imparare che evidentemente avrò vissuto situazioni che sono alla base di questa necessità, come un insegnamento scorretto su come dover stare alle regole, e lo accetto, non sarà più necessario ricorrere a questa fantasia per rendermene conto, e a poco a poco riuscirò ad immaginare una relazione sana e romantica in cui un uomo con quelle caratteristiche mi ami senza appesantire il significato che do a quell’amore con l’immagine di una figura filiale. Sottomissione • Se ho un’inclinazione interiore femminile, un uomo più virile lo vedo talmente virile da considerare possibile l’eventualità di esserne soggiogato e venire sottomesso. Lui decide, lui comanda, lui ha il potere. Io mi nutro dell’ammirazione per quel potere maggiorato che deriva solo dall’aggiunta del mio, a cui ho abdicato. • Se ho un’inclinazione interiore maschile, un uomo meno virile lo vedo talmente poco virile da considerare possibile l’eventualità di soggiogarlo e sottometterlo. Lui non può decidere, non può comandare, non ha il potere. Io mi nutro della sensazione di microonnipotenza per un potere maggiorato che deriva solo dall’aggiunta del suo, a cui ha abdicato. L’intensità della sensazione data da queste immagini ha in realtà a che fare con quanto molto più virile di me o molto meno virile di me desidero che sia l’uomo di cui ho bisogno per sentirmi sereno in una coppia. Per lasciarla andare, dovrei imparare che a me è consentito

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 68


stare con un uomo con quel grado di virilità. Che quel grado di virilità mi è lecito desiderarlo. Se accetto di imparare che evidentemente un dislivello molto forte è giusto per via di come sono fatto, non sarà più necessario ricorrere a questa fantasia per rendermene conto, e a poco a poco riuscirò ad immaginare una relazione sana e romantica in cui un uomo molto più o molto meno virile di me mi ami senza che ci sia bisogno che mi sottometta o che lo sottometta. In questo caso può essere anche utile analizzare il proprio rapporto con l’autorità e con il padre e rivedere L’importanza del riconoscimento dei diversi gradi di virilità (ivi p.24). Effetti collaterali nei confronti delle donne Inoltre, sento per la prima volta che allora le donne possono essere lasciate andare, che non ho più bisogno di loro, che posso modificare la platea verso cui mi rivolgo quando cerco una relazione di coppia. Mi sento colpevole di essere capace di considerare questa possibilità, traditore dell’altro genere, mi sembra di stare rinunciando ad un futuro roseo e conforme in favore di uno incerto e sofferto. Provo angoscia perché percepisco di essermi come votato al lato oscuro della forza, quando in realtà sto solo riconoscendo una condizione preesistente di cui fino a quel momento non ero consapevole e che non ha niente a che fare col male. Sto abbandonando tutto il comparto di idee e proiezioni sulla mia vita ed il mio futuro che già avevo immaginato mentre ero immerso nell’identità etero iniziale e lego tutto ciò alla conclusione che allora devo davvero considerarmi diverso, che non sono più come gli altri; come se prima non fossi già stato come solo adesso mi sono accorto di essere. Ho qualcosa che non va, e quest’idea la detesto. Ho bisogno di tempo per abituarmi a non essere più quello di prima, anche se sono ancora quello di prima, solo che l’idea che ho di me si sta radicalmente modificando. La mia identità personale è stata stravolta. Più avanti potrei cominciare a disprezzare le donne, perché attraverso questo atteggiamento cerco un modo esterno (sbagliato) di affermare a me stesso la legittimità della mia omosessualità, il che significa che ancora la sto giudicando. Nella misura in cui ho bisogno di legittimarla significa che non la considero legittima. Allora, anziché cercare di legittimare qualcosa che non ritengo legittima, dovrei smettere di ritenerla non legittima. Nella misura in cui per me è legittima, non ho più bisogno che gli altri me lo confermino ed in quel momento davvero divento capace di dire all’esterno che è legittima e far sì che le persone lo capiscano.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 69


Non sto più obbligando qualcuno all’esterno ad accettarmi per forza, sto emanando io una verità che ho realizzato, e che in quanto tale rendo assimilabile anche agli altri. Inoltre, la mancanza di rispetto per le donne potrebbe avere a che fare in verità con situazioni in cui ho subito violenze fisiche o psicologiche da parte loro. Mia madre potrebbe essere stata oppressiva, vendicativa o insofferente… Consiglio il video From Women To Men [https://youtu.be/ibnVRAMlXno] di Authentic-love Berlin. Guarire gli effetti collaterali • Devo riconoscere che la mia omosessualità è sempre esistita. • Devo riconoscere che l’identità eterosessuale che stavo interpretando era fittizia. • Che la capacità che avevo di contemplare una relazione con le donne derivava da condizionamenti sociali che non prevedono che un individuo possa essere con eguali probabilità omosessuale, ma lo formano indifferentemente come eterosessuale. • Che se continuassi o cominciassi ad avere rapporti con le donne una volta che mi sono scoperto omosessuale (non, quindi, bisessuale), questo sarebbe irrispettoso nei loro confronti: non sarei mai in grado di dare loro lo stesso amore che può un eterosessuale, mancherebbe quel grado di desiderio profondo che non è imitabile con l’intenzione, perciò non le sto affatto tradendo, le sto rispettando. • Il grado di virilità che mi caratterizza non deve avere a che fare con l’assumere un’identità – quella femminile o da predatore alpha – che non mi rappresenta. • L’attrazione che percepisco è un fatto naturale su cui non ho controllo e come tale non dovrebbe generare alcun senso di colpa, non è un atto volontario. • L’amore che sono in grado di provare per un altro uomo è reale e dignitoso (ed aggiungerei prezioso) quanto quello che un eterosessuale prova per una donna. Considerazioni ulteriori Potrei aver scoperto la mia omosessualità attraverso un’iniziale fase di erotismo provato verso me stesso. Questo motiva il fatto che per un lungo periodo della mia vita potrei ricercare uomini simili a me: che siano per così dire una versione più grande o più piccola di me a seconda che la mia inclinazione interiore sia femminile o maschile. Spesso però, colui che davvero non lascerò più rispecchia l’aspetto opposto di me, enfatizzando al massimo la

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 70


polarità. Qualcosa che diventa più comprensibile se si fa riferimento al concetto di affinità elettiva o di anima gemella…

FSO#3 Reazioni alla scoperta della propria omosessualità

Premessa – Riappiccicare i pezzi della propria identità Come omosessuale mi sento sbagliato per via del mio orientamento sessuale, cioè una singola mia caratteristica fa sì che mi consideri sbagliato interamente come persona, perché mi porta ad vivere esperienze che definiscono di fatto l’intera mia vita. Eppure io non sono solo quello, la mia identità non è il mio orientamento sessuale (non sono la stessa cosa e questo dovrebbero capirlo soprattutto coloro che invece hanno fatto della loro omosessualità il loro intero ego). La mia identità è un insieme di caratteristiche che rendono chi sono unico rispetto agli altri. Questo rimane vero anche nel periodo in cui non riuscirò a pensare ad altro che alla mia omosessualità solo perché è una cosa nuova per me. È naturale all’inizio. Ma anche se lo avessi appena scoperto potrei comunque da subito essere consapevole che già un attimo fa avevo degli interessi, delle abitudini, ecc., e dunque che questa nuova informazione va a modificare esclusivamente il singolo parametro dell’orientamento sessuale. Significa che devo acquisire come dato di fatto di essere stato omosessuale anche prima di scoprirlo e questo può richiedere un po’ di tempo, ma per il resto la mia identità rimane la stessa di prima. Perciò – a prescindere – non dovrei giudicare l’intero me solo per un singolo mio tratto. Se prima scrivevo bellissime poesie questo non perde valore perché sono omosessuale. La scoperta ed il rifiuto Quando per la prima volta sento attrazione per un ragazzo la prima cosa che provo è il giudizio. C’è qualcosa che non va, non è così che dovrebbe essere, non dovrebbe accadere, in quanto uomo dovrei essere predisposto a sentire attrazione per le ragazze. Se mi accorgo che per le ragazze non riesco a sentire quella stessa quantità di attrazione il giudizio aumenta

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 71


ulteriormente. Non va bene, non è normale. Una situazione del genere mi destabilizza, non era così che mi era stato insegnato, conoscevo tutt’altra storia su come dovevano andare le cose. Prima mi consideravo normale come tutti gli altri ed era qualcosa che non ero in grado di apprezzare, perché la davo per scontata. Adesso invece mi rendo conto della tranquillità che garantiva quella condizione, perciò la prima cosa che desidero è continuare a goderne come prima, e la prima cosa da fare per tentare di riuscirci è evitare di avere a che fare con questa cosa che ho scoperto, quindi la nego e la rifiuto. L’insistenza sull’eterosessualità Quando mi accorgo che non può essere messa da parte, perché continua a ripresentarsi quando incontro altri ragazzi, c’è un periodo in cui comunque continuo a considerarmi etero anche se evidentemente con qualcosa che non va. Sono etero perché voglio essere etero, perché fino a poco tempo fa ero davvero etero, e perché non posso non esserlo, perciò anche se continuo a guardare i ragazzi, quello rimarrà solo un aspetto di me, che semplicemente ignorerò. Riesco ancora ad immaginare di innamorarmi di una ragazza, perciò credo di poter usare l’intenzione per materializzare questa prospettiva. La comprensione mentale Se con le ragazze non funziona, se nel frattempo vado in fissa con un ragazzo in particolare, sono costretto a cominciare a mettere in dubbio la mia eterosessualità ed a considerare che possa effettivamente avere un orientamento sessuale diverso. Imparo che il mio orientamento sessuale è omosessuale come deduzione dalla realtà dei fatti, e da ciò ulteriormente deduco che allora io, come individuo, sono omosessuale, anche se è ancora solo qualcosa che so su di me, non sento di esserlo, perché sono ancora troppo abituato a ritenermi eterosessuale. Nonostante ciò, la nuova consapevolezza mentale mi porta a dover ripensare diversi aspetti tutti molto profondi di me: l’intimità, la personalità, le relazioni con donne e uomini. La richiesta di supporto Tutto ciò è molto destabilizzante all’inizio, allora comincio a fare domande, tento di reagire all’incapacità di gestione dell’attrazione sessuale cercando delle spiegazioni. Preti, psicologi, internet… ma invece di trovare una realtà che mi insegni ad accettare la scoperta che ho fatto su me stesso, arrivo inevitabilmente ad imbattermi in due realtà che aggravano ulteriormente

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 72


la mia situazione: qualcuno che mi parla delle terapie riparative, e qualcuno che mi insegna la malvagità insita nell’attrazione sessuale che provo: o sono malato, o sono influenzato da un demone. Desiderare di approfondire la questione viene automaticamente interpretato come un cercare supporto per diventare etero oppure come un cercare supporto per rifiutare con successo la mia sessualità quando, in realtà, si trattava di un cercare supporto per intraprendere un percorso di comprensione ed accettazione. Se parlo dell’amore che sono in grado di provare per un uomo bestemmio, non deve esistere: il tutto deve semplicisticamente essere ricondotto ad un difetto della mia attrazione sessuale. Quando invece è proprio il fatto che l’omosessualità non mi impedisce di vivere una relazione d’Amore a legittimarne l’esistenza ed a far sì che non rappresenti alcun tipo di vero problema. Costringere questo presunto 10% della popolazione mondiale a vivere l’esperienza dell’amore impossibile è una violenza psicologica profonda che ha provocato nel tempo l’ingiusta morte di milioni di persone. Tutto ciò è atroce ed orribile. Dobbiamo riscattare il dolore che hanno vissuto altri come noi concedendo almeno a noi stessi il diritto di vivere felicemente con la nostra dolce metà maschile e dopo di ciò, insegnando anche agli altri l’Amore che sentiamo. Nonostante coloro attraverso i quali abbiamo imparato ad odiarci possano non rendersi conto del grado di dolore che hanno inflitto, sappiate che quella stessa intensità di dolore diventerà presto solo un canale attraverso cui far passare una gioia o un amore di eguale intensità. La presunta natura malvagia Dunque, mi viene insegnato che ciò che provo è sbagliato, ma che volendo posso imparare a non provarlo. Allora la questione diventa che, poiché l’attrazione sessuale non è qualcosa che si sceglie consciamente, se io ne provo una sbagliata significa che sono soggetto ad una qualche forma di natura malvagia o malata insita in me ad un livello molto profondo che nemmeno io sono in grado di riconoscere, e che perciò ho bisogno di essere salvato da qualcuno che riesce a vedere il male in azione in un mio semplicemente diverso e naturale modo di essere e devo essere grato che per fortuna questi se ne accorga. Quando in realtà è questo qualcuno (il sistema medico e religioso) che per il semplice fatto che l’attrazione che provo non è quella provata dalla maggioranza, acquisisce dal nulla il dato di fatto che allora debba considerarla da condannare. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 73


Perciò che lo voglia o meno questa concezione viene introdotta nel mio modo di pensare ed ora posso scegliere fra decidere di rimanere come sono nonostante questa, o intraprendere un percorso di cambiamento. Pochi sono quelli che sin da subito, invece, si tirano fuori dalla questione ritirando la fiducia che riponevano nel sistema religioso e medico, anche se più in là si sarà comunque portati a farlo. O evito da principio di considerare l’omosessualità nel modo da loro proposto, o sarò condannato a passere un periodo di tempo che potrebbe durare anche il resto della mia vita, a ribellarmi contro l’autorità che attribuisco al sistema medico e religioso, invece di smettere di attribuirgli quell’autorità, e perciò continuando a non avere alcuna speranza di vincerlo. In altre parole sto dicendo che, se davvero siete omosessuali, non è scritto da nessuna parte che l’omosessualità sia sbagliata; ciò di cui si è scritto riguarda esclusivamente la pratica anale (che anche in questa sede viene apertamente sconsigliata). Se scegliete di crederci lo stesso è una scelta che avrà delle conseguenze: la sofferenza che proverete finché non vi rassegnerete al fatto che siete sempre andati bene così come siete.

FSO#4 Pillola rossa: scelgo da subito di rimanere come sono

La complicità colpevole Se adesso che mi è stato spiegato che l’omosessualità è sbagliata, non desidero modificare ciò che sento – perché in fondo non percepisco alcunché di realmente malvagio o malato nel provare ciò che provo – significa che io stesso desidero rimanere nella mia condizione, e dunque ne divento consapevolmente complice. Se rifiuto l’aiuto che mi si propone, allora potrei cominciare a credere che io stesso sono insitamente malvagio o malato e che, di conseguenza, in entrambi i casi, dovrei vergognarmi e punirmi per il mio essere come sono. La capacità di innamorarmi di un altro uomo viene vista come sviluppata per errore, tuttavia rimovibile ad un mio comando, in quanto decidere di non amare vorrebbe essere considerato

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 74


semplice ed immediato. Quindi potrei ritornare etero quando voglio, solo che, poiché sarei intrappolato dall’attrazione sessuale, sono io che non voglio liberarmi dal mio male e dunque dovrei sentirmi profondamente colpevole. L’auto-sabotaggio Siccome questo punto di vista ha secoli di storia che erroneamente lo appoggiano, probabilmente finirò per crederci davvero, e allora mi renderò arduo se non impossibile il raggiungimento del Vero Amore, perché vengo derubato della capacità di credere di meritarlo, e potrei perfino limitare le possibilità di avere anche solo rapporti sessuali con altri uomini, isolandomi o drogandomi di lavoro. In altre parole, comincerà lo sviluppo di un autosabotaggio per cui più desidererei avere una relazione più farò qualcosa che mi impedirà di riuscirci, anche senza volerlo coscientemente. L’ostracismo In più, sarò costretto a staccarmi dai pareri del sistema medico e religioso dominanti, cominciando a dubitarne ed infrangendo quella serie di importanti e profondi schemi di credenze che rappresentavano dentro di me. Percepirò solo gli altri omosessuali dalla mia parte. Sono stato ostracizzato. Una volta compreso che non c’è modo che la società mi supporti, dovrò forzatamente cominciare a nascondermi ed a costruire una facciata da eterosessuale che mi consenta di continuare a mantenere rapporti con l’esterno evitando per quanto possibile il rischio di discriminazione. L’opinione ufficiale mi ha privato della possibilità di esprimere pienamente me stesso. E tutto ciò di solito avviene durante la delicata fase della crescita in cui a malapena mi rendo conto dei comportamenti che metto in atto. La realizzazione Questo genera rabbia nei confronti di chi nella società anziché aiutarmi a comprendere una realtà inaspettata che devo cominciare a gestire ed interiorizzare mi vorrebbe diverso, ed è il motivo per cui alla fine trovo conforto nei movimenti LGBT: loro sembrano accogliermi, ed attraverso di essi imparo che sono omosessuale, urlandolo all’esterno cerco di rendermene conto io stesso, interpretando stereotipi imparo lentamente a riconoscermi diverso. Potrei vivere questa fase molto a lungo, senza ancora aver fatto esperienza di una reale realizzazione ma cominciando intanto, comunque, ad avere relazioni ed a costruirmi una

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 75


nuova vita. Finché, la sofferenza causata dallo scontro con la società mi fa arrivare al punto in cui l’ultima persona a cui possa ancora dire di essere omosessuale… sono io. Allora avviene la prima realizzazione. In quel momento me ne rendo conto e passo dal considerarmi un eterosessuale che si definisce omosessuale perché ha un “problema” di attrazione sessuale al considerarmi un omosessuale sano che “funziona” come dovrebbe. Mi accorgo che sono diverso. Possibili gravi danni collaterali L’effetto collaterale dannoso di cui non mi accorgo è che anziché continuare a sperare nell’Amore, potrei nel frattempo aver purtroppo imparato, anche dagli stessi movimenti LGBT, che non posso aspirare a niente di più del rapporto sessuale, e dunque l’elevatezza dei miei desideri subisce un declassamento molto triste da constatare. In una situazione in cui non ho possibilità di esprimere la sofferenza che è stata generata, perché imparo che non ha modo di essere ascoltata, sono costretto a reprimerla senza neanche rendermene conto. Non immagino neanche di recuperare un giorno l’idea di vivere una relazione d’Amore e di poterla considerare legittimata. La carica emotiva che mi porto dentro fa sì che possa poi decidere più o meno consapevolmente di buttarmi (leggi: “cestinarmi”) nelle fauci di un mero piacere fisico provocando che la profezia sulla mia presunta natura malvagia o malata si auto-avveri – continuando ad alimentare tale formapensiero e danneggiandomi profondamente. “L’amore tra uomini è una bestemmia? Il sesso opera del demonio o un atteggiamento malato? Benissimo, allora, se non posso vivere l’amore, se tutto ciò che può esistere per me è solo sesso, ed, inoltre, solo a patto di considerarmi demoniaco o malato, visto che non ho prospettive di eliminare l’attrazione che sento, reciterò la parte del demone e la reciterò anche bene, al punto da rischiare davvero di rendere la mia attrazione sessuale totalmente ingestibile e vendicandomi cercando di far cadere anche voi nella condizione in cui mi trovo. Oppure diventerò un malato di sesso, al punto da ammalarmi davvero a causa sua e morirne. Ma almeno avrò goduto.” Eppure, tale situazione non riesce mai realmente a compensare quell’Amore che come chiunque altro anch’io avrei desiderato, perciò rimango in realtà comunque sempre insoddisfatto a livello profondo, anche se uso il piacere per anestetizzarmi al punto da non

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 76


sentire più niente, più nessuna emozione. In più, perdo in questo modo qualsiasi legame che avrei potuto avere col Sacro, perché una scelta del genere rinnega anche la maggior parte dei sentieri spirituali comuni. Credenze simili, quindi, si riscontrano se ho introiettato il giudizio del pensiero medico/religioso e adesso lo rinnego all’esterno anziché liberarmene io stesso. E con quel giudizio, però, poi, danneggio realmente molto gravemente la mia vita. Questa, è la ragione alla base di tutte le degenerazioni che avvengono, poi, nell’ambito sessuale: se continui ad attaccare per migliaia di anni una persona accusandola che non dovrebbe esistere, questa prima o poi cercherà di ribellarsi in qualche modo. Omofobia Anche se mi consento di vivere una forma distorta del mio vero modo di essere, anche dopo che ho realizzato di essere gay, potrei comunque sperimentare all’esterno dell’omofobia. A volte mettendomi addirittura nelle condizioni di non capire perché succeda, visto che apparentemente io con me stesso sono a posto. Eppure, nella misura in cui ho ancora dentro del giudizio, posso ancora vivere episodi addirittura violenti o tragici. Questo perché è avvenuta la comprensione, è avvenuta la realizzazione che ne consegue, ma non è ancora avvenuta l’accettazione. Profondamente agisce ancora il giudizio che sentivo dall’inizio, perché ho ancora bisogno che la possibilità che io sia omosessuale sia legittimata da qualcuno all’esterno, per poter controbilanciare ciò che mi si è voluto far credere all’inizio. Ho bisogno che qualcuno mi dica che essere omosessuali è lecito, possibile, privo di controindicazioni o di condanne. Ho bisogno di vivere nella serenità la mia condizione naturale. Esperire una volta per tutte la reale accettazione Potrebbe capitare, però – come accade a molti – che, se non ho la fortuna di incontrare qualcuno che me lo dica – come è probabile –, non riuscirò mai realmente a rendermene conto. Se ritengo importante mantenere il legame col Sacro e non ho mai avuto la possibilità di conoscerne nessuna altra forma oltre quella con cui originariamente mi sono confrontato – cioè una delle religioni con cui posso essere cresciuto –; pur di non spezzare quello, rimango anche perennemente ed inconsciamente legato all’opinione ufficiale del sistema religioso sull’omosessualità. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 77


Perciò, in realtà, per quanto possa considerarmi un omosessuale sereno, ho bisogno di provare a rinnegare la mia omosessualità, ho bisogno di combatterla per dimostrare a me stesso che posso vincerla così da verificare se effettivamente può essere fatto, o non mi toglierò mai il dubbio. Rimarrò sempre con l’idea che forse sono davvero stato io a non volermi liberare, e dunque che ciò che mi era stato detto potrebbe essere stato vero. Se non mi decido a tentare potrei non sentirmi mai realmente libero da questo flagello. Ho bisogno di sperimentare quella condizione in cui è chi ha portato a termine una terapia riparativa; e cioè, quella triste incapacità di dare un vero senso alla vita. Una condizione in cui non sono più in contatto con un reale Vero Amore: amo una donna solo perché ho imparato che così deve essere fatto, consolandomi con l’appagamento psicologico che mi dà l’idea di fare la cosa giusta, e non perché realmente aneli a quello profondamente – anche se posso aver imparato a non sentire più attrazione per gli altri uomini come prima. Solo quando, anche in quella situazione dove tutto dovrebbe essere esatto, non mi capacito di riuscire ancora a sentire che c’è qualcosa che manca, che nonostante tutto c’è qualcosa che non torna, riconoscerò sacrosanto rispettare invece il mio reale volere interiore e deciderò di stare con un uomo. Avrò finalmente imparato che non c’è sollievo nell’essere diventato come tutti mi dicono che dovrei essere: diverso da chi sono davvero; ma solo un ulteriore allontanamento dalla serenità di accettarmi per come sono. Avrò imparato a sentire che stare con un uomo è la cosa giusta da fare, e non crederò più a nessuno che voglia ancora permettersi di venirmi a dire che sto facendo qualcosa di sbagliato. La vuota accettazione degli altri Perciò l’accettazione superficiale e fumosa che tutti, oggi, sono pronti a dare, solo – in realtà – perché temono di essere definiti omofobi, è quantomai deleteria, perché non risponde alle reali cariche emotive che gravano sull’omosessuale che decide di aprirsi con qualcuno sul suo orientamento sessuale, e su colui che sta acquisendo la notizia. Tali cariche, profondamente, non vengono sciolte con l’accettazione dogmatica. Infatti quando si tocca l’argomento omosessualità, l’atmosfera che si respira è ancora troppo spesso intrisa di ignoranza, paure e giudizi. Seppure apparentemente esternamente la conversazione verta su comprensione e

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 78


approvazione. Sono ancora pochi coloro che realmente hanno operato un processo strutturato di modifica dell’opinione sull’argomento. Un omosessuale ha bisogno di confrontarsi col pregiudizio e col rifiuto che chi è intorno a lui può restituirgli, perché gli serve per elaborare quegli stessi sentimenti che lui stesso ha ancora interiormente. Ovviamente non sto dicendo che vi dovreste sfogare intenzionalmente con un disprezzo più grande di quanto non sia il vostro effettivo grado di difficoltà nel comprendere e nell’accettare la cosa. Solo, non siate falsi. La sincerità sarà apprezzata e potrebbe essere preferito un amico o un familiare che si dice contrario ma disposto a venire coinvolto nella questione per imparare a cambiare la sua opinione, quando opportunamente informato, che uno che dà la sua approvazione in modo sconsiderato e che però rimane interiormente omofobo. Accettare di imparare a comprendere è sicuramente un atteggiamento meritevole di rispetto nonostante non sia accettazione. Rischi della mancata accettazione Ma se rimango intrappolato nella necessità di punire l’omofobia all’esterno – rischio reale visto l’indottrinamento dei movimenti LGBT – anziché riconoscerla all’interno di me, potrei non essere in grado di sostenere neanche una persona che seppure non arrivi da me senza alcun pregiudizio, è pero disposta ad ascoltarmi: potrei fare dell’omosessualità una questione di ego e cominciare a partecipare più o meno aggressivamente a manifestazioni e proteste; potrei sfociare in esagerazioni in cui faccio di tutto per essere subito riconosciuto come omosessuale: mi vesto in un certo modo, parlo in un certo modo e ostento la mia omosessualità in maniera provocatoria, per costringere gli altri ad accettarmi per forza, ad accettare per forza che “Io esisto e sono diverso!”. Anche, a volte, in maniera più velata, più sottile, seppure inconfondibile. Voglio che l’altro sappia esattamente con chi sta parlando – e questo in realtà spiega perché è indispensabile fare Coming Out, ma non giustifica la perpetuazione di questa modalità di comunicazione indiretta che, invece, non è mai funzionale ad ottenere quella reale accoglienza desiderata. L’omofobia interiorizzata… È molto facile constatare in che misura io stesso sono omofobo. Basta guardare quanto mi sentirei migliore rispetto ad ora se qualcuno eliminasse per me l’attrazione che provo per gli

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 79


altri uomini: se mi si garantisse che non la proverei più, come per magia, e se in tale circostanza mi sentissi più sereno e finalmente a posto con me stesso… allora sono omofobo. Il modo in cui si muove la mia energia sessuale è qualcosa che mi è dato, non ho il diritto di cambiarlo, e se si rivolge verso altri uomini vuol dire che c’è una ragione. Sono io che devo farmene una ragione. Non è soggetto ad essere giusto o sbagliato: semplicemente è. Non è possibile asserire che essendo vero questo per l’omosessualità, lo possa essere anche per la pedofilia, perché due omosessuali stanno insieme in quanto riconoscono un simile livello di coscienza fra di loro, e se la pratica anale viene evitata, il rischio di danneggiarsi è praticamente nullo; mentre nella pedofilia la disparità di maturità fra le due coscienze fa sì che si tratti sempre di abuso psicologico e fisico da parte dell’adulto. Anche qualora il bambino desse uno sconsiderato consenso non avrebbe alcun significato: non ha la capacità di ricambiare con emozioni della stessa tipologia quelle provate dall’adulto. La società ha bisogno di fare un cambiamento epocale per imparare ad accettare l’omosessualità, ma che non ci si azzardi a sfruttarlo per rendere legittime quelle che sono reali aberrazioni. …è un programma mentale Serve che sia disposto a riconoscere interiormente il profondo giudizio che nutro su me stesso –

che a volte porta finanche ai casi di suicidio – e guardarlo come un programma mentale che

è stato inserito dalla società – di cui fa parte l’ambiente religioso – a cui in origine io non aderivo. Da piccolo, semplicemente ero come ero, in maniera spontanea, e nessun senso di sbagliato potevo sentire nel voler interagire più o meno sessualmente o romanticamente con altri compagni di classe di sesso maschile magari all’asilo o alle elementari. È il senso di sbagliato che ho introiettato dagli sguardi non compiacenti di chi magari era presente durante gli episodi in cui spontaneamente agivo alcuni tentativi di approccio, che mi ha fatto cominciare a pensare che non andassi bene. A ciò si aggiunga l’aspettativa che subivo di “dover avere una fidanzatina” che – da un’altra parte – mi tirava verso la direzione opposta alla mia e che cominciava a farmi fare confusione dentro di me facendomi scindere ciò che era normale secondo gli altri e ciò che naturalmente avrei fatto io se qualunque condizionamento comportamentale fosse stato assente.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 80


Tant’è che, nella maggior parte dei casi, sarà accaduto che se nutrivo dell’amore per una fidanzatina – che era comunque possibile che trovassi, alla fine – lo facevo in maniera del tutto disinteressata dal punto di vista sessuale, e – semplicemente – provavo affetto, amore e simpatia per una stretta amica che chiamavo fidanzata, e con cui comunque avevo un rapporto speciale; ma con cui in ogni caso non avrei fatto nulla. Salvo, successivamente, in adolescenza magari, introiettare talmente tanto il dovere di essere etero da voler provare a convincermi di esserlo al punto da conseguentemente convincermi di desiderare di voler provare con una ragazza. Seppure è fondamentale riconoscere che questo ha la sua origine in una forte volontà della mente di un individuo condizionato a credere di dover essere diverso e che, pur di riuscirci, accetta di voler tentare qualcosa che in realtà non avrebbe fatto se fosse stato libero da schemi. Due ottimi film che mostrano questa momentanea condizione sono Alex Strangelove (2018). Una volta chiarita questa situazione, sarebbe possibile cominciare a immaginare per gli omosessuali una vita (di coppia e non) più pacata, serena, non molto diversa da quella che solitamente vivono gli eterosessuali. Dunque senza dover essere “anticonformisti per forza”… E con questo non dico di dover modificare quei caratteri di autenticità che rendono gli individui unici. Ma c’è un distinguo da fare fra l’autenticità delle persone e gli atteggiamenti ed i meccanismi di ribellione più o meno consci che vengono fatti scaturire dal proprio orientamento sessuale e che vanno a modificare totalmente la propria personalità rispetto a come sarebbe stata spontaneamente. Il tradimento Perché quando poi scopro che il movimento LGBT è disposto a tutelarmi solo a patto che cominci a promulgare la pratica del sesso anale – per alimentare la macchina che produce nuovi malati –; a mettere in discussione anche la mia identità di genere – per alimentare il disordine fra energia maschile e femminile –; o almeno ad attestare il valore artistico di chi decide di vestirsi da donna per fare performance – per impossibilitarmi a nutrire qualsiasi forma di riserva sulla questa necessità di natura dubbia –; allora non posso più rivolgermi neanche a loro e vengo ostracizzato dagli ostracizzati dietro una qualche finta accusa di omofobia. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 81


Tipologie di relazioni con gli altri omosessuali Per la Legge di Risonanza, nella misura in cui ho affrontato un percorso di accettazione della mia omosessualità, incontrerò all’esterno altri omosessuali che rispecchiano il mio stesso livello di approfondimento della questione. (Qualsiasi sia il mio livello, però, se desidero punirmi per ciò che sono, potrei semplicemente impedirmi consciamente o inconsciamente di incontrare altri come me, mettermi in quarantena fino a quando non finisca questa situazione, come se fosse un’influenza. Solo che non è un’influenza e non finirà. Fino a quando vorrò continuare ad auto-castigarmi?) Quando ho solo capito di essere omosessuale, incontrerò persone che come me credono comunque che essere omosessuali è sbagliato, che come me non si concedono il permesso di concepire un amore puro fra due uomini, che come me profondamente non concepiscono la possibilità che due uomini stiano insieme, e che come me possono solo avere coscienza della loro diversa attrazione sessuale. Per questa ragione, seppure ho intuito come sia possibile anche per un altro uomo essere vittima dell’attrazione fisica per altri uomini – perché fa parte della mia esperienza – ancora non riesco ad intuire che un uomo possa riconoscere che l’attrazione sessuale che sente rispecchia ciò che lui stesso desidera e che, anche a livello emotivo, stare con un altro uomo è ciò che il suo Cuore desidera, perciò considero l’interesse che degli uomini possono avere nei miei confronti solo in funzione dell’attrazione sessuale che potrei essere in grado di provocare loro, anche qualora provassero in realtà anche amore. Quando ho capito ed ho realizzato di essere omosessuale, incontrerò persone che come me credono comunque che essere omosessuali è sbagliato, che non si concedono il permesso di concepire un amore puro fra due uomini, ma che concepiscono la possibilità che due uomini stiano insieme, a patto che si tirino fuori dai contesti sociali in cui si fa notare loro il giudizio che ancora hanno sull’omosessualità. Per questa ragione, seppure ho intuito come sia possibile anche per un altro uomo desiderare di stare in coppia in modo duraturo – perché fa parte della mia esperienza – ancora non riesco ad intuire che il mio orientamento sessuale non è qualcosa che scelgo ed in quanto tale non ha senso nutrire un giudizio su di esso. Non riesco ancora ad intuire che è follia dividere l’Amore in categorie e considerarne legittima solo una: sarebbe come classificare le mele a seconda dei colori e considerare giusto mangiare solo quelle verdi, lasciando marcire quelle gialle o rosse. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 82


Quando ho capito, realizzato ed accettato di essere omosessuale, incontrerò persone che come me non nutrono giudizi sulla loro omosessualità, e sanno di meritare una pura relazione d’Amore come chiunque altro. A questo punto, anche avere a che fare con quegli stessi contesti sociali che prima li facevano star male non ha più effetti su di loro, perché hanno scaricato la materia emotiva interna che poteva risuonare con essi e che avevano interiorizzato. Per questa ragione diverrò capace di considerare l’interesse che degli uomini possono avere nei miei confronti in funzione dell’Amore che sono in grado di sentire per me. Difficoltà relazionali con gli altri omosessuali Tuttavia, potrei nel frattempo essere diventato incapace di fidarmi dell’altro, incapace di credere che possa esistere davvero anche un’altra persona che la pensa come me. Perciò anche se desidero davvero ed immagino una relazione felice, anche qualora vedessi i miei sogni realizzati, risponderei ferendo l’altro ogni volta che riesce a farmi felice (e ferendo però in questo modo anche me stesso, perché blocco l’emozione positiva che avrei potuto invece provare), o facendo inconsapevolmente delle scelte che provocano – di nuovo – il mio autosabotaggio: scordo di proposito di fare la lavatrice e finisco per vestirmi male, scordo di proposito l’orario dell’appuntamento ed arrivo in ritardo, o mi convinco di proposito che ormai sia talmente tardi che posso anche del tutto dare buca senza pensare di proposito alle conseguenze e pentendomi solo il giorno dopo della scelta che ho fatto. Mi viene improvvisamente voglia di frequentare l’ex che mi ha maltrattato di più perché in fondo mi amava e non ho davvero bisogno di conoscere qualcun altro, oppure comincio improvvisamente ad apprezzare gli infiniti vantaggi dell’essere single. O ancora, mi concedo improvvisamente tutto ciò che da tempo non sopportavo di non riuscire ad avere: comincio ad amarmi asserendo che in funzione dell’amore che divento improvvisamente capace e che mi viene improvvisamente voglia di dare a me stesso non ho bisogno di quello dell’altro e posso anche farne a meno. Per poi, però, ricominciare a maltrattarmi non appena le speranze di vivere quella relazione si sono dissolte del tutto, ovviamente a partire dal senso di colpa per aver sprecato un’occasione. Ho bisogno di imparare ad amare me stesso così che quando potrò stare con qualcuno potrò essere felice per me ed, in funzione di quella felicità, evitare di complicarmi troppo le cose intenzionalmente. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 83


Questo perché non riesco più ad aprirmi, le delusioni d’amore che ho vissuto sono talmente tante che prima di permettere a chi volesse realmente avvicinarsi a me di farlo davvero inizierei più o meno consciamente a metterlo alla prova, col rischio di rovinare tutto, per verificare l’autenticità del suo amore e col tempo imparare a ricominciare ad aprire anche il mio cuore. Ma se davvero l’altro tiene a me, potrebbe cominciare ad accorgersi di questi miei comportamenti e farmeli notare senza andarsene. Perché potrebbero essere diventati compulsivi ed automatici al punto che non mi accorgo mai che l’amore dell’altro è reale. D’altronde, se l’altro mi ama, lo fa perché ama sia la mia Anima che la mia personalità, e dunque alche la mia storia, che ha reso la seconda ciò che è oggi. Ama me perché ho un livello di coscienza simile al suo, e dunque anch’io sarò pronto ad amarlo, rimanendo nonostante anche i suoi vissuti personali. Cominceremo a guarirci reciprocamente. O imparerò ad accettare che nonostante possa non averne passate tante quanto me riesce comunque a comprendere la profondità della sofferenza che posso aver vissuto, seppure debba ammettere che nutrirò questo bisogno nella misura in cui io stesso devo ancora comprenderla fino in fondo, e che se lo facessi non avrei così bisogno che lo faccia lui: proietto su di lui una necessità che ho io. Ma ora non posso cominciare ad incolparmi anche di questo, è sufficiente saperlo. O ancora, mi lascerà stare al secondo appuntamento mancato.

FSO#5 Pillola azzurra: tento prima l’eterosessualità

La vita fittizia Se invece quando vengo messo davanti al fatto che l’omosessualità sia insitamente sbagliata sono stato traumatizzato abbastanza, potrei anche decidere di tentare la vita fittizia in cui mi fingo eterosessuale, cerco moglie e costruisco una famiglia su una menzogna, col rischio di avere occasionalmente relazioni “clandestine” che cerco di fare in modo non intacchino irreparabilmente la facciata che comunque costruisco con cura maniacale.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 84


La terapia riparativa Oppure, se credo davvero che dovrei essere diverso, potrei accettare di tentare la strada della terapia ripartiva. Soprattutto nel caso in cui abbia deviato nell’identità femminile, la terapia ripartiva è in grado di rimettermi in contatto con il principio di virilità che potevo percepire mentre impersonavo l’identità eterosessuale fittizia, e che legavo all’inclinazione interiore maschile rivolta alle donne che credevo erroneamente di avere; e lo sfrutta per insegnarmi che in virtù di esso dovrei ritenermi in grado di sostenere un rapporto con una donna: riacquisire la propensione verso le donne dell’inclinazione interiore maschile dell’identità eterosessuale fittizia perduta. In virtù di tale principio, mi viene insegnato che posso decidere di modificare l’attrazione sessuale che spontaneamente provo e posso farlo con l’uso della volontà. Per riuscirci mi viene insegnato che devo focalizzare l’attenzione sulla femminilità e sinuosità delle donne, cercando di considerarla attraente per via del fatto che di riflesso consente di percepirmi più virile e dunque capace di avere un’inclinazione interiore maschile con loro. Non importa se per fare tale esperienza all’inizio mi serva utilizzare il viagra. Oppure, utilizza l’istigazione al disgusto per l’omosessualità attraverso l’ingestione di sostanze che provochino il vomito in presenza dei momenti di eccitazione sessuale per gli uomini. C’è stato anche il periodo dell’elettroshock… In altre parole, più che diventare etero, sono sottoposto ad un lavaggio del cervello: viene alimentata la megalomania provocata dalla percezione della mia virilità, oppure si violenta l’apparato psicofisico sottoponendolo a forme non dissimili da leggere forme di tortura. Tutte queste fantasie vengono associate alla meta finale di poter finalmente avere una vita convenzionale che mi permetterà di liberarmi di tutte le difficoltà che la realtà omosessuale mi costringe ad affrontare quando mi scontro con la società. Perciò, seppure la mia reale attrazione sessuale naturale rimanga per altri uomini, ormai mi sono auto-suggestionato al punto da riuscire a reprimerla e sostituirla con l’appagamento psicologico che può fornire tale follia, tanto da dirmi un uomo nuovo. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 85


La terapia riparativa per chi ha subìto la terapia riparativa Per quanto tali pratiche possano avere successo, tuttavia, si tratta di un successo apparente. Sì, come ex-omosessuale posso dire di aver imparato ad amare una donna, in quanto per amare romanticamente non serve l’attrazione fisica (gli omosessuali che da piccoli avevano una fidanzata confermeranno). Di aver imparato ad entrare nel delirio mentale della percezione della mia virilità a confronto con la femminilità di una donna quando serve provocare l’eccitazione sessuale. Sono (apparentemente) spiritualmente a posto con me stesso. Però alla fine c’è qualcosa che comunque non va nella mia vita, non riesco più a darle vero significato, manca qualcosa – che non so più definire ma che è presente nella sua assenza. Magari la donna che amo mi ama davvero, ma sono stato tirato fuori dalla mia verità e tutto ciò con cui l’ho scambiata, per quanto possa fornirmi un grande appagamento psicologico, è comunque fasullo; quando mi dico felice lo faccio semplicemente perché continuo a riuscire ad alimentarmi di quell’appagamento psicologico fasullo. Non diversamente da alcune esperienze estatiche che a volte si vivono in ambito spirituale e che si scambiano per esperienze di Risveglio. In questa situazione, concedermi di nuovo di stare con un altro uomo, anche solo immaginare di poterlo fare, è quanto mai curativo, liberatorio, fonte di rinfrancamento e conforto. A dispetto di tutto ciò che ho provato faticosamente a credere, finalmente sento che farei solo ciò che suggerisce il Cuore e questo è infinitamente rassicurante. Non c’è condanna che tenga: il mio è un Amore tanto legittimo quanto quello eterosessuale. Questo è vero nel caso dell’omosessualità animica. Nel caso dell’omosessualità psicologica, invece, non si può dire che ci sia una reale attrazione sessuale per altri uomini, ma semplicemente la ricerca di un rapporto emotivo profondo il quale conduce poi alla contemplazione del rapporto sessuale, perciò, come già accennato in un capitolo iniziale, intraprendere un percorso di Lavoro su di Sé può aiutare a sciogliere tali cariche emotive. Il mito dell’omosessuale che ti converte L’esistenza della terapia riparativa va a controbilanciare un fenomeno che ricorre nella fantasia di molti omosessuali: la conversione di un uomo etero. Così come chi vorrebbe curare un omosessuale non ha cattive intenzioni, seppure fa qualcosa che con chi è davvero

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 86


omosessuale non dovrebbe, un omosessuale che vorrebbe convertire un etero non lo fa con intenti malevoli, seppure fa qualcosa che con chi non è davvero un omosessuale che ha interiorizzato omofobia, non dovrebbe. Già, perché anche questa possibilità va tenuta in considerazione. A volte un omosessuale che vorrebbe convertirmi, per la Legge dello Specchio, non fa che cercare di mostrarmi una parte di me che forse esiste davvero: mi sta aiutando a comprendere che quando cerca di conquistarmi c’è qualcosa che risuona. Non lo fa per il gusto di vedere la mia dignità di uomo violata. Il più delle volte… è semplicemente innamorato. Cos’è che fa sì che a volte non sia solo un mito Se scopro di essere omosessuale, in quel momento scopro anche che la maggior parte delle persone di cui potrei innamorarmi non potranno innamorarsi di me. È un tipo di impossibilità diversa da quella che può esistere per gli uomini quando si innamorano di donne con cui non possono avere una relazione perché ad esempio sono sposati. Loro possono comunque provare dei sentimenti romantici e del desiderio verso di loro. Invece, verso un altro uomo, oltre a non immaginarsi nemmeno la possibilità di una relazione, o anche solo di un singolo rapporto o uno sguardo romantico, proprio non riescono a sentire desiderio e amore. Questo, seppure sia ovvio e naturale, se sono un omosessuale circondato da pochi altri come me, causa grande sofferenza, soprattutto all’inizio. Quando in giro noto qualche ragazzo, so già che molto probabilmente non esiste speranza di poter sognare anche solo un bacio sulla guancia. Non appena mi accorgo di essere omosessuale la percentuale di persone che potrebbero innamorarsi di me è già improvvisamente scesa ad una cifra molto bassa. Ecco perché potrei facilmente sentirmi solo anche quando in compagnia… Poiché la mente ragiona in termini di quantità di probabilità di sopravvivenza, ed il Cuore in termini di quante persone possono ricevere l’Amore che ho da dare, seppure, nei fatti, “uno” è il numero di persone di cui ho bisogno per vivere una relazione, il fatto che quell’“uno” si trovi fra diecimila anziché un milione provoca uno shock. Perciò, come omosessuale sono arrabbiato con gli eterosessuali perché finisce che mi innamoro di loro e loro invece amano le donne anziché ricambiarmi. Mentre dalle donne mi

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 87


sento giudicato perché dovrei amare loro, e invece amo gli uomini. Desidererei rendere capace ogni uomo di cui mi innamoro di provare a sua volta amore per gli uomini, così potrebbe provarlo anche per me. Anche se questo andasse contro la loro naturale e lecita eterosessualità. Per questo potrei desiderare di provare a convertirli. Per farlo, solitamente, tendo ad utilizzare la seduzione, quasi mai penso di provare a creare in loro un innamoramento di Cuore… seppure anche in questo caso, se sono naturalmente eterosessuali, non sarei corretto. Non ho né il diritto né il potere di modificare l’orientamento sessuale di qualcuno. Come già spiegato, è una caratteristica immutabile che ci è data, non si può scegliere, e questo vale per me quanto per loro. Seppure, persino nel caso in cui riuscissi a far diventare omosessuale il ragazzo di cui mi sono innamorato ed alla fine questi scegliesse un altro ragazzo anziché me, mi riterrei comunque in qualche modo più felice, perché almeno adesso potrebbe sentire qualcosa nei miei confronti, capirebbe che cosa significa provare Amore per altri uomini e dunque capirebbe me. Vedere l’uomo di cui mi sono innamorato che si fidanza con una donna mi spezza il cuore, anche se lui mi considerava solo un amico e non avrebbe potuto fare altrimenti. Il fatto che ora si sia fidanzato certifica che non avrei davvero potuto fare nulla per far sì che mi amasse. O meglio, non riesco mai del tutto a togliermi dalla testa la possibilità di farlo innamorare di me finché non succede questo, anche se avrei potuto imparare a lasciarlo andare da subito. Seppure non sia facile andare a dire ad un individuo omosessuale di lasciar andare l’unica fantasia sull’amore di cui è in grado di nutrirsi mentre viene discriminato da tutti e gli si vorrebbe insegnare a pensare solo al sesso. Ma deve accorgersi che una fantasia, come tale, non è reale, e questo ha un suo aspetto positivo, perché lo potrebbe portare a ricercare invece qualcuno che sia omosessuale come lui. In quella situazione, però, non riesco a rendermene conto, perciò oltre a stare male, comincio anche a provare invidia per le donne, perché loro possono avere un uomo molto più facilmente di me e ciò, ovviamente, non costituisce uno scandalo per nessuno. Non mi capacito di trovarmi nella condizione in cui tutto l’amore che sono in grado di provare è del tutto indifferente agli occhi di chi amo e che provarne di più non servirebbe comunque a cambiare le cose. Come omosessuale vorrei essere desiderato quanto un eterosessuale

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 88


desidera una ragazza, o quanto una ragazza desidera un uomo, seppure senza essere costretto a recitare la parte di qualcun altro: una donna, per riuscirci. Smettere di alimentare il mito Nonostante ciò potrei riconoscere che, anche se il più delle volte non succede – per via dei danni provocati dalla virilità culturale – in realtà un eterosessuale è in grado di amarmi, anche se non mi desidera e non starà con me. Se è un amico e mi conosce bene è capace di amarmi dal Centro Cardiaco, seppure in un modo del tutto disinteressato a livello sessuale. Potrei comunque instaurare un rapporto intimo con lui, ed il fatto che non condividiamo lo stesso orientamento sessuale non lo danneggerebbe. Ci potremmo voler bene molto profondamente e se nonostante ciò scegliessi di lamentarmi asserendo che non mi basta, allora dovrei lavorare sull’attaccamento: non posso costringerlo ad essere ciò che non è. Quando scopro l’enormità di persone che già naturalmente sono omosessuali come me, questa mancanza di rispetto nei confronti di ciò che naturalmente prova un eterosessuale si acquieta e a poco a poco viene lasciata andare; accetto che è stata la vita ad avermi voluto insegnare che dovrei fare coppia solo con uomini che davvero desiderino conoscermi profondamente, e che mi scelgano per chi sono, e non solo perché sono in grado di innamorarsi di me o desiderarmi. Sentire che anche l’altro mi vuole e mi ama spontaneamente, e che non devo fare nulla perché accada, ma semplicemente esistere, mi renderà appagato, gioioso ed innamorato più di qualsiasi altro surrogato che potrei riuscire momentaneamente ad ottenere barando. Come tornare eterosessuali dopo essere stati convertiti Un omosessuale può anche riuscire a convertirti facendoti provare attrazione sessuale per lui e facendoti immaginare di potertene innamorare; se non sei omosessuale, però, sarai in grado di percepire lo stesso che in fondo c’è qualcosa che comunque non torna, esattamente come nel caso degli omosessuali che si credono etero grazie ad una terapia riparativa. Un eterosessuale che si crede omosessuale, se crede di avere un’inclinazione interiore femminile, crede di provare attrazione per uomini più virili di lui quando in realtà dovrebbe ricordarsi quanto lui stesso sia realmente virile e quanto possa scaldargli il Cuore l’Amore di

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 89


una donna; se crede di avere un’inclinazione interiore maschile, dovrebbe ricordarsi dei seni, dei fianchi, dei capelli, di lasciare che con lui siano le donne a svolgere il ruolo che è loro proprio e che invece crede vorrebbe avessero con lui altri maschi. In entrambi i casi, se si rende conto che questi esempi risvegliano una sensazione rassicurante, veritiera, amorevole… dovrebbe considerare di cominciare un percorso di riavvicinamento alla sua autentica natura. Gli servirebbe potersi prendere un periodo in cui non può avere a che fare con altri maschi, in cui stacca col falso per lasciare che cresca il vero. Alla fine, riuscirebbe sicuramente a portarlo a termine con successo, perché anche lui riconoscerebbe il valore intrinseco dell’autenticità, dell’essere fedeli al volere della propria Anima.

FSO#6 Rapporto col Sacro

Arrivati a questo punto il rapporto col Sacro è stato seriamente messo a rischio. Potrei non essere più in grado di credere di essere voluto da Dio e sentirmi costretto a staccarmi da una fede nutrita in modo dogmatico e chiedermi consapevolmente come riorientarmi nel mondo della spiritualità. Ateismo Se decido di diventare ateo, rifiutando tutto ciò che di sacro esiste nella vita, riuscirò di nuovo a darmi il permesso di desiderare una relazione stabile, perché sono uscito dallo schema secondo cui è oltraggioso anche solo sperarla o immaginarla, ma ne sono uscito prima di aver sciolto interiormente la problematica sulla liceità di ciò che provo, che mi si era presentata; perciò non sarò un ateo tranquillo: sentirò comunque che il sacro mi da fastidio e che devo continuare a rimanerne lontano perché non appena lo intravedo e lo riprendo in considerazione ritornano anche tutti i problemi lasciati in sospeso, compresa la questione di ciò che potrà succedere dopo la morte.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 90


Conversione Se decido di convertirmi, ricercando un culto che non condanni il mio orientamento sessuale, non ho comunque risolto il problema con la mia religione originaria (con la quale magari sono cresciuto), che rimane latente, e vi aggiungo invece il tradimento della mia fede. Non ha senso scegliere di convertirmi perché sono omosessuale. Matrimonio Per quanto riguarda la necessità del matrimonio, questa potrebbe essere comunque sentita, perché non sentendomi amato da Dio vorrei ribellarmi e sposarmi come tutti gli altri, per affermare in maniera forte all’esterno che voglio auto-legittimarmi. Credo che in questo modo il profondo senso di giudizio che sento guarirà. Voglio affermare “Io Dio l’ho voluto e se lui non mi vuole è colpa sua”. In realtà, il lavoro che va fatto è smontare la convinzione che sia Dio a non volermi. Perciò non è in funzione di questo che si dovrebbe desiderare unirsi con un altro uomo, o quell’unione sarà macchiata dall’energia dell’affronto e non sarà pura. (Del matrimonio si parlerà più approfonditamente nel capitolo dedicato.) Spiritualità ed esoterismo Oppure, una volta staccatomi dalla religiosità tradizionale, sono in grado di aprirmi ad una realtà diversa più spirituale, new age o esoterica, o di considerare l’aspetto esoterico della mia religione originale, attraverso cui comincio a rimettere insieme i pezzi per cercare di capire davvero che cos’è la spiritualità e come integrare ciò che so e ciò che sono. Ma a parte l’ultimo, quelli precedenti sono tutti modi con cui evito di indagare seriamente se l’omosessualità è lecita agli occhi di Dio, perché credo ancora che in definitiva non lo sia. Anche se vado a studiare la pederastia, l’isola di Saffo e realtà simili per cui l’omosessualità non era affatto un’aberrazione, l’effetto sortito è solo palliativo, perché non mi riterrò effettivamente legittimato ad essere come sono finché non sarà il Dio che ho conosciuto durante la mia infanzia, qui in occidente, a legittimarmi. Ho bisogno che sia Lui ad amarmi, poiché ricorrere a società che non mi appartengono per aiutarmi a convincermi che vado bene non risolve la questione in sospeso con l’immagine di Dio che ho già interiorizzato, da cui percepisco la disapprovazione per come sono e per quello che faccio a livello inconscio, ed a cui attribuisco il pregiudizio della chiesa. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 91


Il problema è risolto molto più semplicemente quando smetto di considerare Dio come un qualcuno al di fuori da me che vive per giudicarmi, e comincio a riconoscere il suo volere nella vita stessa che ha fatto sì che oggi mi ritrovassi incarnato sulla Terra e omosessuale. Non è possibile che ci sia qualcosa che lui non voglia in quanto l’esistenza stessa così com’è, è in definitiva il suo volere, ogni momento, ora. Agli occhi di chi può vederlo, l’omosessualità è una caratteristica riconoscibile persino dalla configurazione dei miei corpi sottili. Ha dunque una natura fisica ed energetica che va al di là di quanto la mia mente può ritenerla indotta o contro natura. È l’Anima che sceglie l’omosessualità, perché sceglie di vivere l’eventualità in cui le è data la possibilità di massimizzare l’esperienza dell’Amore di coppia, sperimentandone tutte le sfaccettature possibili più approfonditamente di una coppia eterosessuale qualsiasi, che vede in se stessa anche la capacità di assistere delle altre Anime venute ad incarnarsi. L’omosessualità è il mezzo attraverso cui un’Anima può massimizzare, inoltre, durante le incarnazioni, l’esperienza che è possibile fare nel contesto della sola virilità. Differenziarne i gradi, scoprirne le differenti conseguenze, apprezzare quello degli altri, ma soprattutto acquisire coscienza del proprio.

FSO#7 Perché non è vero che non serve fare Coming Out

Condizione di un omosessuale non dichiarato Quando esco, normalmente, che sono omosessuale è qualcosa che so, non qualcosa che provo, cioè, all’esterno non lo comunico a livello vibratorio: non lascio che la mia essenza sia, perché questo presupporrebbe la possibilità di essere fiutato, cioè di essere istintivamente percepito dagli altri per come sono, e questo ho imparato nel tempo che equivale ad essere preso di mira. Ciò è dovuto al fatto che il mio intero essere profondamente tenderebbe naturalmente ad essere rivolto verso altri ragazzi ed ad ignorare le ragazze, ed anche se più in superficie lo nascondo, i miei corpi sottili non lo fanno. (Questo è anche il motivo per cui succede che soprattutto quando sono in coppia posso ricevere insulti dai passanti: nel momento in cui mi

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 92


concedo momentaneamente di esprimere realmente la mia essenza, ecco che subito l’odio di chi la respinge mi ricorda che ancora in troppi non concepiscono il mio spontaneo modo di essere.) Perciò, il fatto di essere omosessuale si deve necessariamente ridurre da “realtà del mio essere” a “conoscenza della mia mente”, in modo da avere più probabilità di essere lasciato in pace. Quello che mostro all’esterno, quindi, è un “io” eterosessuale che possa interagire con gli altri mentre la mia omosessualità è diventata un fatto che solo occasionalmente permetto venga dedotto, modulando a seconda delle circostanze la facilità con cui tale deduzione è possibile. Se lo faccio perché pretendo di essere accettato si declinerà probabilmente in ostentazione attraverso atteggiamenti effeminati. Se perché voglio approcciare qualcuno è più probabile che userò riferimenti più o meno espliciti nascosti nella conversazione. Ma comunque, anche in questi casi, continuo ad inibire l’espressione della mia reale vibrazione in favore dell’acquisizione di un’identità eterosessuale fittizia, perché ho imparato che permettermi la spontaneità provoca ferite e perché comunque avere questa copertura non mi fa sentire la diversità che mi differenzia dagli altri. Il fatto è che ciò che traspare dall’identità eterosessuale è circa il 20% del me reale, il restante 80% rimane chiuso a chiave in cantina senza mai venir fuori, e questo alimenta una scissione nella mia personalità. In questa situazione, dire di essere gay è diventata una necessità che non posso rifuggire perché mi serve a rompere una modalità difensiva che si è automatizzata e con cui potrei con tutta probabilità aver cominciato ad identificarmi. Potrei cioè credere davvero che chi sono è l’io castrato che mostro agli altri anziché quello reale. Vivere anche solo un’esperienza in cui dopo averlo detto ricevo accettazione e accoglienza autentiche mi permette di tranquillizzarmi e di imparare a concedermi il permesso di esprimere realmente me stesso. Atteggiarmi all’esterno per far capire subito che sono gay, invece, sarebbe sempre un modo di lasciarlo dedurre, solo costante ed estremizzato, che non è comunque come dirlo apertamente. Fare Coming Out Il Coming Out è indispensabile per qualsiasi omosessuale, prima o poi. Me compreso. Ad oggi non vivo ancora in una società dove si presuppone che una persona possa essere con eguale

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 93


probabilità etero, gay o bisex, ma, per il momento, se non dico niente viene dato per scontato che io sia etero, perché questo è ancora ritenuto la norma a livello sociale e – anche se già tutti i pregiudizi fossero spariti – verrebbe comunque dato per scontato che io sia etero semplicemente perché gli omosessuali sono una percentuale minore rispetto agli eterosessuali. Perciò, è necessario che io faccia Coming Out. Non posso pensare di vivere una vita al 20%. Già, perché, come appena detto, succede questo se acconsento a lasciare che gli altri pensino che io sia etero o peggio io stesso mento. Con tutti gli omosessuali dichiarati che ci sono in giro, sicuramente non accetterò di vivere tutta la mia vita nell’ombra. È solo una questione di tempo. Temporeggio perché temo di rimetterci in valore personale (quando in realtà avrei bisogno di realizzare che il mio valore personale non può dipendere dal mio orientamento sessuale e dall’identità eterosessuale che fingo con gli altri). Oppure ho paura per via di quante persone potrei perdere se sapessero la verità, e invece di affrontare questa paura mi auto-inganno che le motivazioni che mi fanno tenere per me la questione abbiano a che fare con la necessità di preservare la riservatezza, così da elevarla a valore ed accusare chi è dichiarato di essere un po’ un esibizionista che va ad urlare persino ai passanti di essere gay scrivendoselo in fronte. Eppure, chi è dichiarato non fa questo: semplicemente quando qualcuno glielo chiede non mente, se un altro ragazzo fa un determinato commento su una ragazza lo specifica, lo condivide con le persone vicine della sua vita: la famiglia, gli amici…, non è che lo urli a caso. Se delle persone non accettassero la cosa, prenderò atto che smetteranno di far parte della mia vita ed imparerò a farmene una ragione. Spesso ciò che giudicano sbagliato è solo la pratica anale o la deviazione nell’identità femminile; oppure non comprendono il modo in cui si esprime l’Amore in me. Ovviamente, se rivelarlo mette in pericolo la mia vita, sarà necessario prendere le dovute precauzioni. Se riconosco l’ottusità dei miei genitori, se vivo in un quartiere retrogrado… dovrò tenerne conto. Ma per la mia salute psicologica è molto meglio essere accettato da pochi che mi amano piuttosto che intrattenere rapporti fittizi per ottenere la falsa approvazione di molti. Fare Coming Out è il primo passo per esprimere me stesso in modo autentico e completo e vivere serenamente la mia sessualità; in modo da poter fugare qualsiasi possibilità di sentirmi

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 94


represso o nascosto o con qualcosa di così determinante tenuto all’oscuro degli altri. Mi scrollerei di dosso un grande peso, anche se all’esterno non sono il tipo che salta in braccio al proprio ragazzo quando lo vede o si presenta all’improvviso sotto casa per chiedergli di uscire. Inoltre, è necessario chiarire che non c’entra niente con l’entrare a far parte della comunità LGBT. Non dovrei sentirmi costretto ad omologarmi allo stereotipo gay del Pride ripensando di punto in bianco la mia intera personalità, non significa questo fare Coming Out. Si tratta semplicemente di riuscire ad essere più onesto e aperto, di stare più apposto con me stesso e più tranquillo con gli altri, di essere più vero rimanendo chi sono adesso e come sono adesso. Le interazioni o l’inserimento nella comunità LGBT sono un’altra cosa e non sono passaggi obbligati – né vengono in questa sede suggeriti…

FSO#8 Rapporto con la società

Senso di colpa verso i genitori “Sei un maschio quindi dovresti comportarti da maschio. Questo significa avere una relazione con una femmina. Con te qualcosa è andato storto. Non ti sposerai. Non potrai darmi dei nipotini tuoi. Non sarai accettato dalla società.” Che davvero gliel’abbia sentito dire o che solo percepisco possano pensarlo è lo stesso. I miei genitori sono i primi verso cui mi sento in colpa per non essere un vero uomo. Potrei sentire che non mi accolgono più come prima… a volte non sono interessati a capire… tutto ciò che posso fare è lasciarli andare (più o meno virtualmente o concretamente), ringraziandoli per l’amore di cui sono stati capaci prima che sapessero. Allora potrei cercare di compensare una forma d’amore che non ricevo più allo stesso modo da loro per colpa di chi mi piace. • Perciò sviluppo in me ciò che loro rappresentavano per me. Se accuso di più il rifiuto di mia madre, sarà la passione per la casa, per la cucina… Comincerò a prendermi cura in modo maniacale della mia salute e del mio corpo in quanto avrò bisogno di preservare me stesso come lei avrebbe fatto con me. Devo stare bene. In quanto maschio, questo si declina, oltre che in diete, nell’ossessione per l’attività fisica. Se accuso di più il rifiuto di mio padre, mi

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 95


specializzerò in tutto ciò che più da maschi è definibile: la meccanica, le auto… si può sfociare anche qui in un’ossessione per l’attività fisica, stavolta però come mezzo di sfogo della rabbia. • Oppure cerco di diventare totalmente indipendente da ciò che rappresentavano, non voglio più avere niente a che fare con loro. “Non mi hanno accettato!”, per cui imparerò a non dover avere più bisogno di loro, a fare da solo, sfruttando e sviluppando le mie qualità ed i miei talenti personali che magari sono diversi dai loro, anche se continuo a portarmi dentro una grande carenza d’amore più paterno o materno a seconda di chi sento che mi ha rifiutato di più. Qualcosa su cui dovrò lavorare. È bene che sappia comunque che è possibile guarire qualsiasi ferita se lo desidero. Anche qualora non sia chi l’ha inflitta a medicarla. Senso di colpa verso le donne “Le ho tradite, adesso non le guardo più con l’interesse che è negli occhi di un eterosessuale, non posso donare loro più nulla, proprio smetto di essere interiormente rivolto verso di loro, perciò non merito più il loro amore, non potrò più avere uno scambio autentico con loro.” Se ho un’inclinazione interiore femminile deviare nell’identità femminile mi permette di compensare quanto adesso non posso più ricevere da loro sviluppandolo al mio interno, così potrò conoscerlo e farne esperienza lo stesso. Se ho un’inclinazione interiore maschile potrei sviluppare il bisogno di continuare a concedere loro un’attenzione esagerata per emulare l’intensità di quella che avrei dato loro se fossi stato eterosessuale. ¶ “Sto diminuendo le loro possibilità di scelta.” Per evitare che mi odino anche per questo – visto che “già lo fanno perché non le amo” –, se ho un’inclinazione interiore femminile, vorrei che mi considerassero come una di loro, ed è per questo che instauro strette amicizie e cerco di diventare il più possibile come loro. Vorrei mi trattassero come loro pari per evitare che si possa percepire una competizione fra noi. Anche se questo può voler dire raggiungere quel grado di evidente inverosimiglianza osservabile ad esempio durante tutte quelle conversazioni che finiscono pre vertere su tematiche esclusivamente femminili e che nonostante ciò vengono trattate come se davvero riguardassero entrambi. Quando in realtà, se non mi sentissi costretto da questi atteggiamenti inconsci, per me esisterebbe un doppio grado di distanza da loro, perché se un qualsiasi eterosessuale sarà

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 96


forzatamente portato ad avere un confronto intimo con il loro modo di essere, per via di più che probabili relazioni, io, volendo, potrei farne a meno per tutta la vita. Tuttavia questo non impedisce che possa esserci lo stesso un sano rapporto d’amore anche intimo e profondo, seppure fraterno. Anzi, si dovrebbe aspirare ad una rappacificazione collettiva: ho bisogno che delle donne coraggiose mi approvino e mi incoraggino a stare con il mio lui così da rilassarmi e sciogliere una volta per tutte quel senso di colpa che sento verso di loro; ho bisogno di scoprire che mi amano anche se non sento attrazione per loro, così anch’io potrò ricominciare ad amarle, perché il mio volerle imitare non è amarle ma, in definitiva, solo una recita dettata dalla paura del loro giudizio. Senso di colpa verso gli omosessuali con un’inclinazione interiore maschile “Non potrò mai dargli ciò che davvero vuole!” è una delle fisime più frequenti all’inizio. Temo che potrebbe lasciarmi per una donna, allora sento di dovermi occupare di tutto ciò di cui si occupano per fargli sentire in maniera meno bruciante la differenza con ciò a cui credo stia rinunciando. Non riesco ad intuire come un uomo possa innamorarsi di un altro uomo meno virile di lui anziché di una donna, non vedo cosa vede in me, mi sorprendo che possa desiderarmi, se pratica sesso anale credo che abbia a che fare solo con ciò che posso concedere a livello fisico. Non riesco a discriminare i naturali suoi moti interiori che lo spingono ad Amarmi davvero. Non vedo che non rinuncia proprio a nulla e che anche lui ha scoperto di innamorarsi esclusivamente di altri maschi proprio come me. Devo scoprire che a lui piace che io sia meno virile di lui, ad esempio perché gli consente di prendere maggiore coscienza del suo grado di virilità; lui ricerca questo, è ciò che fa di lui un omosessuale così come è vero anche per me. Inoltre, apprezza il modo in cui nonostante sia maschio, sia invece in grado di essere caratterizzato da tutta una serie di qualità femminili, pur non essendo una donna. Gli piace il fatto che questo rimanga vero anche quando non le imito, perché quelle qualità fanno semplicemente parte del mio modo di essere, ed è così anche se preservo la mia identità maschile. Nel suo intimo desidera che sia un uomo con un’inclinazione interiore femminile ad accoglierlo perché ha bisogno di qualcuno che sia più simile a lui di una donna, di un altro maschio. Mi ama quanto io amo lui.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 97


Senso di colpa verso gli omosessuali con un’inclinazione interiore femminile “Devo costringerlo a fare la donna per farmi contento!” Quando divento abbastanza maturo da riuscire a dirmelo riesco anche a riconoscere che se l’altro si atteggia in modo effeminato è soprattutto colpa mia, perché non mi rendo conto di non accettare, profondamente, che sia un maschio come me. Siccome non voglio guardare il mio più sottile ma altrettanto enorme grado di diversità comportato dalla mia declinazione dell’omosessualità, pretendo di poter fingere che non esista, e l’unico modo per riuscirci è costringere l’altro a diventare davvero la mia donna, così potrò ritenermi finalmente identico ad un eterosessuale. “Se io sono un uomo ed ho un’inclinazione interiore maschile, perché non sto con una donna? Perché ho bisogno che sia un uomo meno virile di me a starmi accanto, perché desidero anch’io un’energia maschile che però sia meno intensa della mia?” Una volta compreso questo potrei cominciare ad incolparmi supponendo di poter impedire all’altro di esprimere il suo autentico grado di virilità. Non mi rendo conto che quella è una verità immutabile della sua essenza, a prescindere da come si comporta. Per questo non ha senso che si comporti come una donna. Se riesco a riconoscere che le sue qualità più femminili suscitano in me ammirazione, ma che oltre ad apprezzare quelle ho anche bisogno che sia un maschio, e riconosco questo come la più profonda causa scatenante del mio desiderio per lui, lo aiuterò piuttosto a preservare la sua identità maschile, senza che si possa preoccupare di mettere in pericolo il mio amore per lui, in quanto è l’unica eventualità che gli consentirebbe di recuperare l’autenticità perduta. Se realmente lo amo, quando vedo che nonostante anche lui sia maschio desidera a sua volta un altro uomo più virile di lui, desidera me, allora non ho più bisogno di altro. Inoltre, ho bisogno di riconoscere che anch’io ho una parte di me che preferisce un uomo – seppure con un’inclinazione interiore femminile – invece di una donna, perché anch’io riconosco in me degli aspetti femminili che fanno sì che sia spontaneamente rivolto a ricercare una certa quantità di virilità. Anch’io ho in me una parte che è più femminile e che fa sì che a livello fisico desideri anch’io il corpo maschile, seppure questo non influisca su un’inclinazione interiore che in me rimane maschile. Un bell’esempio di questa verità è dato dal modo in cui sono stati curati i personaggi di Alec e Magnus nella serie TV Shadowhunters: The Mortal Instruments (2016, –) che inoltre finalmente fornisce un modello di omosessuale

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 98


con inclinazione interiore femminile che ha emancipato il suo modo di atteggiarsi senza che sia più possibile associarlo a quel manierismo tipico solo del genere femminile. Per quanto sia ulteriormente preferibile emancipare sé stessi tanto da non aver più bisogno di comunicare la propria inclinazione interiore femminile attraverso alcun tipo di atteggiamento. Precauzioni che prendo con gli eterosessuali Mi sento costretto a limitare il grado di intimità che potrei raggiungere. Sento che a volte un rapporto con un altro maschio potrebbe assumere una connotazione più profonda, lo considererei vicino quanto un fratello e a volte anche qualcosa di più – non diversamente da come accade quando interagiscono un ragazzo e una ragazza eterosessuali – ma considerando che nella maggior parte dei casi non è omosessuale come me, mi sento in dovere di non dargli la sensazione che ci stia provando con lui o potrebbe smettere di rivolgermi la parola o aggiungere alle conversazioni quella nota di freddezza che gli serve per tenersi virtualmente a distanza da me. Allora lo tratto in maniera un po’ più fredda rispetto ai miei standard, o sento il bisogno di scherzare, per comunicare che sono in grado di intrattenere un vero rapporto da uomo a uomo, anche se a volte potrei essere effettivamente innamorato di lui.

FSO#9 Mutamenti alla personalità

Mutamenti dovuti alla scoperta dell’inclinazione interiore maschile o femminile La percezione della polarità possibile all’interno dello stesso genere attraverso diversi gradi di virilità fa sì che l’idea di porre sotto la mia ala un’eventuale donna con cui avrei potuto avere una relazione – che concepivo mentre ero immerso nell’identità etero fittizia – adesso diventi: • in caso di scoperta di un’inclinazione interiore femminile, capacità di concepire l’idea che un uomo possa a sua volta porre me sotto la sua ala. Anche se questo non ha nulla a che vedere con la deviazione nell’identità femminile perché non mi impedisce di continuare comunque a considerarmi e comportarmi da maschio, può generare molta sofferenza in

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 99


quanto non solo non desidero esercitare quel ruolo che qualunque altro uomo esercita nella coppia, ma mi accorgo anche di desiderare che un altro uomo lo eserciti su di me. Non sono fatto per adempiere ad un compito socialmente ritenuto dovere di ogni uomo. • in caso di scoperta di un’inclinazione interiore maschile, capacità di concepire l’idea di poter, invece, porre sotto la mia ala un altro uomo. Anche se questo non muta la mia capacità di esercitare il ruolo sociale di uomo, può generare sofferenza in quanto muta il soggetto a cui esso è rivolto. Non sono fatto per adempierlo con una donna. Queste verità all’inizio sono scioccanti; la deviazione nell’identità femminile o in quella da predatore alpha, l’effeminatezza e la sovravirilizzazione originano dall’incapacità di gestirle, e l’intensità del loro sviluppo è specchio del grado di sofferenza che provo quando mi confronto con esse. In entrambi i casi, per sciogliere la sofferenza devo riconoscere che si tratta del mio naturale e spontaneo modo di relazionarmi con colui che realmente desidero: era l’idea che potessi sostenere una relazione con una donna ad essere inverosimile, concepita solo a causa di condizionamenti sociali. L’identità eterosessuale fittizia che impersonavo inconsapevolmente complica il riconoscimento della preesistenza delle verità solo ora scoperte. Quindi, ciò che avrei dovuto vivermi come individuazione di caratteristiche che rispecchiano la mia autentica interiorità, potrei percepirlo invece come introduzione di nuove caratteristiche. Cioè credo di essere stato cambiato anziché di essermi trovato. Ciò che potrei comprendere ed ammettere in un atto istantaneo devo quindi diluirlo in un processo per assimilarlo ed accettarlo per gradi. Ma tale mutamento della personalità è solo una naturale conseguenza della constatazione dell’inconsistenza dell’identità eterosessuale fittizia. Mutamenti dovuti all’identità femminile o da predatore alpha e come abbandonarli Se credo che avere un’inclinazione interiore femminile o maschile debba legarsi al deviare nell’identità femminile o da predatore alpha, questo appesantirà ulteriormente i mutamenti già avvenuti nella fase precedente.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 100


Ciò che accade internamente Se ho un’inclinazione interiore femminile subisco una devirilizzazione: se scambio la mia minore virilità per mancanza di virilità quando mi confronto con chi ne ha più di me, allora potrei erroneamente credere di star incarnando da sempre un’identità femminile senza essermene mai reso conto. Dunque credo che abbandonare l’identità eterosessuale fittizia nel mio caso equivalga ad abbandonare anche la mia autentica identità maschile e questo anche perché la considero erroneamente legata necessariamente alla capacità di porre sotto la mia ala una partner. Invece, in verità la mia identità rimane maschile a prescindere da questo e dal mio orientamento sessuale, ed è esclusivamente giustificata e legittimata dal fatto che sono fisiologicamente maschio. Abbandonare la mia identità maschile originale consiste in una modifica dell’intero mio profilo psicologico. Perdo tutto ciò che di me consideravo maschile: qualità, capacità, doti che mi ricordano gli uomini adesso le ammiro negli altri anziché riconoscerle anche in me. All’inizio sento che continuano ad esistere ma che non posso più concedermi il permesso di utilizzarle attivamente, in quanto non si confanno all’identità che adesso impersono. Più avanti comincio a pensare che non le avevo mai avute davvero concretamente neanche prima. Siccome adesso cerco qualcun altro che ne disponga, credo di non averne in ogni caso bisogno. Allo stesso tempo tenterò di sviluppare abitudini come ascoltare, sostenere, confortare, assistere emotivamente, che riuscirò solo maldestramente ad imitare dalla controparte femminile. In questo contesto, secondo la mia percezione questo processo è l’unica situazione in cui devo imparare che l’identità che finora credevo mia era in realtà fittizia, ed è l’unica situazione in cui riconoscere la mia identità effettiva è un evento che avviene durante la mia vita: gli eterosessuali sono consapevoli da quando sono nati dell’identità maschile o femminile che li caratterizza e non dovranno mai mutarla nel corso del tempo, invece in questo caso io sono chiamato a farlo e ritengo questo un’attestazione di maturità. Invece di accorgermi che ho cominciato a considerarmi assimilabile ad una donna solo quando ho constatato la mia minore virilità rispetto ad altri, o la mia inclinazione interiore femminile autentica; credo che fino a quel momento stessi assumendo un’identità, quella

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 101


maschile, fittizia, solo perché socialmente presupposta; e che abbia represso la percezione della mia autentica identità femminile. Questo sta ancora una volta ad indicare quanto l’identità maschile venga fatta equivalere all’orientamento sessuale eterosessuale ed a pretenziose aspettative sul grado di virilità che dovrebbe caratterizzarla, per cui se non è ad un certo livello allora non dovrei ritenermi completamente legittimato a mantenerla. Perdere l’identità maschile può generare molta sofferenza perché devo improvvisamente cercare di lasciare andare un pezzo fondamentale di chi sono. Ed è ulteriormente degradante perché significa che d’ora in avanti non rappresenterò più in nessuna misura tutti quei valori socialmente riconosciuti come virili, e sia gli uomini che le donne eterosessuali sono molto attaccati al rispetto di tali valori. Sarà quindi molto facile venire discriminato da ambo le parti. Ancor di più, perché sarà dato automaticamente per scontato che adesso acconsentirò anche a farmi penetrare. Il termine gay ha insito nel suo significato questo specifico mutamento d’identità, e ciò sta alla base dell’uso dispregiativo che se ne può fare, così come per altri epiteti offensivi ad esso correlati. • Se ho qualità più femminili: le considero come conferma della validità del mutamento attuato. Se agivo spontaneamente dei comportamenti femminili solo per smontare inconsciamente la mia eterosessualità fittizia, adesso credo invece di averli agiti in quanto già sentivo di essere realmente come una donna e dunque verranno enfatizzati volontariamente. Interrompo qualsiasi mio atteggiamento più virile, che non riconosco più mio, a meno che non sia utile a nascondere la mia omosessualità in casi di necessità. • Se ho qualità più maschili: le slego dalla necessità di assumere un’identità, quella maschile, che per via del fatto che considero erroneamente legata alla capacità di porre sotto la mia ala il partner, non mi considero in grado di sostenere. Credo che le qualità maschili che possiedo si limitino a rappresentare solo come un modo di essere seppure fossi già predisposto a riconoscere il fatto di essere insitamente come una donna. —— Se ho un’inclinazione interiore maschile attuo una riqualificazione della mia virilità: se scambio la mia maggiore virilità per una mancanza di virilità nell’altro quando mi confronto

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 102


con chi ne ha meno di me, allora potrei erroneamente credere di essere stato da sempre predisposto ad incarnare un’identità da predatore alpha senza essermene mai reso conto. Dunque credo che abbandonare l’identità eterosessuale fittizia nel mio caso equivalga ad ingigantire anche la mia normale identità maschile, perché se rimanesse com’è la considererei erroneamente necessariamente legata alla capacita di stare con una donna. Invece, in verità la mia identità rimane maschile esattamente quanto prima a prescindere da questo e dal mio orientamento sessuale, e non si gonfia arbitrariamente perché ho scoperto di desiderare maschi meno virili di me. Modificare in questo modo la mia identità maschile originale fa sì che incrementi in me tutto ciò che considero maschile: qualità, capacità, comportamenti che più facilmente sono riconoscibili come virili; e che cominci a pensare che gli altri uomini siano fatti per incarnare un’identità femminile. Allora la mia virilità assume maggiore valore, perché non do più per scontato che sia prerogativa di tutti i maschi. Considererò, inoltre, opportuno comportarmi con loro molto più similmente a come mi comporto con le donne, perché non riesco ad accettare che nonostante siano meno virili di me li desidero in quanto maschi come me. • Se ho qualità più maschili: le considero come conferma della validità del mutamento attuato. Se agivo spontaneamente dei comportamenti violenti verso altri maschi solo per avere l’occasione di un contatto fisico, adesso credo invece di averli agiti in quanto già sentivo di essere più virile dei normali uomini e dunque potrei enfatizzarli volontariamente. • Se ho qualità più femminili: le slego dalla necessità di considerarle identificative di una parte di me comunque esistente. Comincio a credere che si limitino invece a rappresentare solo come un mio modo di essere seppure fossi già predisposto a riconoscere il fatto di essere molto più maschio degli altri uomini. In entrambi i casi si tratta perciò di fare di chi mi attrae un mezzo per attribuirmi un ego. In altre parole trovo un modo di definire me stesso in funzione di chi mi piace per aumentare la mia sensazione di essere qualcuno. Quando scopro di essere un’Anima, cioè una scintilla di coscienza, tutto ciò perde importanza e continuo a desiderare chi voglio senza per questo credere di essere il mio desiderio o colui che desidera. Io non sono il desidero che percepisco. Anche se può essere una sorpresa scoprirlo e scoprire quale esso sia.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 103


Ciò che accade esternamente Assumere interiormente un’identità femminile o da predatore alpha porta a deformare anche esternamente i propri comportamenti tramite effeminatezza e sovravirilizzazione. • Trovo divertente l’effeminatezza, che fa sì che mi riempia di cose da donna, nella misura in cui devo imparare che esistono diversi gradi di virilità e che io ne ho uno minore rispetto a quello che altri sono in grado di avere, i quali magari sentono come propri dei valori di virilità e forza molto più di me. Valori che quindi forse io non riconosco molto come miei, e che perciò non dovrei forzarmi ad incarnare più di quanto spontaneamente non riesca. Non per questo, però, dovrei presupporre di non essere degno di essere chiamato uomo e di riconoscermi come maschio. Se comprendo questo non ho più ragione di continuare ad agire in modo effeminato. Potrebbe rendermi acido, e mette un filtro alla mia spontaneità. • Trovo divertente la sovravirilizzazione, che fa sì che mi riempia di status symbol maschili, nella misura in cui devo imparare che esistono diversi gradi di virilità, che io ne ho uno maggiore rispetto a quello che altri sono in grado di avere, i quali magari sentono come propri dei valori di virilità e forza molto meno di me. Valori che quindi forse io ritengo molto importanti; e che per questo non dovrei preoccuparmi di poter non incarnare abbastanza. Non per questo, però, dovrei presupporre di essere più degno di altri di essere chiamato uomo e di riconoscermi come maschio. Se comprendo questo non ho più ragione di continuare ad agire in modo sovravirilizzato. Potrebbe rendermi freddo. Oppure potrei trovare che entrambe siano utili in quanto adempiono al bisogno di essere riconosciuto come omosessuale: nell’incapacità di trovare un modo sano di distinguermi, imito quelli dell’altro genere o cerco di risultare più maschio dei comuni maschi – volendo intendere che questi sono per me come prede –, anche quando non sono veramente pertinenti al mio autentico modo di essere. Attraverso si esse sto dicendo “Riconoscimi! Accettami! Che altro modo ho di distinguermi per mostrare la mia diversità?” O ancora, potrebbero rappresentare un grido di dolore inconsapevole che origina dalla difficoltà ad accettare la mia diversità “Sono diverso! Non so chi sono!” Perciò anche se voglio essere considerato uguale a tutti gli altri eterosessuali nonostante adotti comportamenti sessuali molto diversi – perché non voglio guardare il giudizio negativo che nutro su di essi –

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 104


allo stesso tempo, voglio che la mia diversità venga comunque riconosciuta, perché vorrei viverla senza legarla al relativo giudizio negativo. Smettere di assumere l’identità femminile o da predatore alpha La sofferenza che provo quando prendo coscienza della mia omosessualità è in realtà dovuta in massima parte al fatto che presumo che di conseguenza dovrò assumere una delle due identità e che l’altra sarà assunta dagli uomini che desidero: • Se assumo l’identità femminile non potrò continuare a dirmi del tutto maschio perché mi sentirò costretto a diminuire la mia percezione di essere virile per compensare il fatto che anche l’altro è maschio. Inoltre gli uomini di cui potrò innamorarmi tenderanno ad assumere un’identità da predatore alpha, dovrò quindi passare sopra al fatto che potrebbero comportarsi un po’ diversamente da come realmente mi piacerebbe: potrebbero sminuirmi o maltrattarmi per sentirsi in diritto di considerare loro stessi l’unico vero uomo fra i due. • Se assumo l’identità da predatore alpha non potrò continuare a considerarmi maschio solamente quanto prima perché mi sentirò costretto ad accrescere la mia percezione di essere virile per compensare il fatto che anche l’altro è maschio. Inoltre gli uomini di cui potrò innamorarmi tenderanno ad assumere un’identità femminile, dovrò quindi passare sopra al fatto che potrebbero comportarsi un po’ diversamente da come realmente mi piacerebbe: potrebbero atteggiarsi molto e pretendere di essere trattati come donne. Tutte queste possibilità creano sofferenza perché mi rendo conto che per un uomo assumere l’identità femminile o da predatore alpha non è né naturale né opportuno. Quando concepisco che potrei farlo, perciò, provo disagio perché percepisco che in questo caso, a differenza dell’attrazione per altri uomini, è un tratto che sono io a scegliere e che potrei non scegliere. La propaganda può promuoverlo energicamente come “conseguenza logica e inevitabile” ma, in definitiva, sono io che accetto di farlo conseguire al riconoscimento di una semplice inclinazione interiore femminile o maschile. Questo motiva anche il timore di fare Coming Out: profondamente sento che se ne renderanno conto anche gli altri. Tuttavia, la sofferenza causata dall’assumere un’identità non mia guarisce quando riconosco che posso smettere di assumere quell’identità. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 105


Il fatto che in quanto omosessuale non mi sento più in dovere di interpretare la parte dell’eterosessuale non significa che debba sostituirla con l’effeminatezza se ho scoperto di essere attratto da uomini più virili di me, o con la sovravirilizzazione se ho scoperto di esserlo da uomini meno virili di me. Potrei lasciare andare entrambi questi comportamenti costruiti e rimanere me nella mia pura e autentica forma. L’effetto che fanno i discorsi sulle terapie riparative Se ho acquisito un’identità femminile, quando sento parlare di terapie riparative potrei irrigidirmi immediatamente e rendermi prontamente aperto allo scontro frontale, sostenendo quanto l’orientamento sessuale di una persona non sia una scelta, quanto sia naturale per me provare attrazione sessuale per gli uomini e quanto nulla di tutto ciò potrà mai cambiare nella mia vita. Che è giusto. Tuttavia devo ammettere che quasi sempre reagisco a questi discorsi fin troppo animatamente. Come se mi avessero toccato una ferita aperta che non dovevano toccare… Questo perché sentire della possibilità di ritornare eterosessuale – cioè, in realtà, re-identificarmi con l’identità etero fittizia che ho abbandonato da tempo – mi tocca effettivamente nel vivo su un aspetto della mia natura profonda. Attraverso la concezione di tale eventualità, ciò che succede è che rientro istantaneamente in contatto con il mio reale grado di virilità che, per quanto scarso possa essere, mi identifica come maschio, e con la mia identità maschile originale. Qualcosa a cui ho dovuto rinunciare quando, per assecondare la propaganda, mi sono fatto il lavaggio del cervello da solo attraversando il processo di devirilizzazione per acquisire l’identità femminile. In altre parole, mentre ero identificato con l’identità eterosessuale fittizia ero in grado di percepirmi virile, maschio, e, per quanto piccolo, era un aspetto di me che era reale. Immaginare di subire una terapia ripartiva così da sentirlo improvvisamente di nuovo, però, mi spaventa, perché ho imparato che percepirsi virili si deve legare ad un’inclinazione interiore maschile ed all’eterosessualità. Cioè, sono convinto che sulla base del mio principio di virilità comunque reale, dovrei allora incominciare a sforzarmi di diventare qualcosa che non sono, modificando – senza vere speranze di successo – le altre mie altrettanto reali caratteristiche, quali l’orientamento sessuale e la probabile scarsa adesione al concetto di virilità culturale. Perciò, pur di mantenere le ultime, riterrei preferibile rinunciare al primo. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 106


Ma il fatto è che questa necessità non sussiste: posso continuare a percepire il mio vero grado di virilità e considerarmi maschio, e essere attratto da altri uomini, desiderando pure che mi pongano sotto la loro ala se fosse il mio caso. Riscoprire il mio principio di virilità, quindi, metterebbe in crisi solo l’identità femminile che ho acquisito e che, in effetti, è un profilo psicologico che mi sono dovuto costruire solo per giustificare a me stesso l’esistenza della mia inclinazione interiore femminile. Devo imparare a comprendere che lasciarla andare non ha altre conseguenze. Perciò, se non mi è ancora mai capitato, immaginare di subire una terapia riparativa può sortire un effetto risvegliante se lo faccio solo per comprendere la verità sulla mia virilità. A differenza di una terapia riparativa effettiva, posso concluderla semplicemente con questa scoperta: la mia vera attrazione per altri uomini continua ad essere legittima e naturale. L’effetto che fanno alcuni tentativi di approccio non desiderati Se ho acquisito un’identità da predatore alpha dovrebbe capitarmi una situazione in cui un omosessuale più virile di me e con un’inclinazione interiore maschile ci provi con me. Lo respingerei subito, perché non mi innamorerei mai davvero di lui avendo già io un’inclinazione interiore maschile e ricercando in modo naturale uomini meno virili di me, però mi farebbe saltare in un attimo tutto l’eventuale delirio mentale sul considerarmi un predatore alpha. Se per lui sono io l’uomo meno virile da porre sotto la sua aura, vedere quest’intenzione nei suoi occhi mi metterebbe istantaneamente in contatto con il mio autentico grado di virilità, per cui non riterrei più di potermi credere l’unico uomo davvero tale sul pianeta. Lo stesso può in realtà valere anche se ho acquisito l’identità femminile ed un ragazzo meno virile di me e con un’inclinazione interiore femminile che ci provi con me. Vedere che per lui sono io l’uomo più virile e che vorrebbe lo ponessi sotto la mia ala, mi farebbe prendere coscienza del mio reale grado di virilità, per cui non potrei continuare a ritenermi davvero come una donna, nonostante manterrò la mia autentica inclinazione interiore femminile continuando a desiderare uomini più virili di me esattamente quanto prima.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 107


FSO#10 Ruolo dei rapporti genitoriali nello sviluppo di tendenze comportamentali

Quelle di seguito sono spiegazioni che descrivono il modo in cui potrebbe star funzionando la mia personalità, non hanno a che fare con le emozioni superiori che un’anima di cui mi innamoro è in grado di suscitare in me: non pretendono spiegare come funziona il mio Cuore. Da dove potrei aver acquisito l’effeminatezza L’effeminatezza potrebbe nascere da una situazione di gelosia e competizione con mia madre per avere l’attenzione di mio padre: imparo a sviluppare atteggiamenti effeminati per comunicare il messaggio che dovrebbe desiderare di stare anche un po’ con me oltre che con lei. Ne risulta che oggi, tendo spontaneamente a mostrarmi effemminato perché ho imparato che è necessario per guadagnarmi l’attenzione di un uomo che amo. Da dove potrei aver acquisito il ruolo materno Dalla mancanza di amore materno, per cui, non avendolo potuto ricevere a sufficienza, mi sento in dovere di non commettere lo stesso errore di mia madre e dunque ora do io al mio partner l’accettazione, la rassicurazione e la remissività di cui avrei avuto bisogno. Questo fa sì che sia attratto da un partner su cui tale proiezione si può attuare più facilmente, ad esempio uno che effettivamente ha una carenza di cure materne. Da dove potrei aver acquisito l’identità femminile Potrebbe essere capitato che durante la crescita mi si richiedesse di sostituire mia madre per quanto riguarda mansioni che ho imparato fossero tipicamente femminili come la cucina, la pulizia… Per cui adesso tendo ad assumere l’identità femminile e mi sento di continuare ad occuparmi di queste mansioni anche col mio partner. Da dove potrei aver acquisito la sovravirilizzazione La sovravirilizzazione potrebbe nascere da una situazione di gelosia e competizione con mio padre per avere l’attenzione di mia madre: imparo a sviluppare atteggiamenti sovravirilizzati

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 108


per comunicare il messaggio che dovrebbe desiderare di stare anche un po’ con me oltre che con lui. Ne risulta che oggi, tendo spontaneamente a mostrarmi sovravirilizzato perché ho imparato che è necessario per guadagnarmi l’attenzione di un uomo che amo. Da dove potrei aver acquisito il ruolo paterno Dalla mancanza di amore paterno, per cui, non avendolo potuto ricevere a sufficienza, mi sento in dovere di non commettere lo stesso errore di mio padre e dunque ora do io al mio partner il riconoscimento, l’approvazione e l’ispirazione di cui avrei avuto bisogno. Questo fa sì che sia attratto da un partner su cui tale proiezione si può attuare più facilmente, ad esempio, uno che effettivamente ha una carenza di cure paterne.

FSO#11 Degenerazioni pericolose e come uscirne

Scambio di ruoli Lo scambio di ruoli si intende in circostanze in cui la coppia ha già deviato nelle identità femminile e da maschio alpha ed ha dunque già introdotto la pratica anale. All’inizio, un partner sarà sempre quello che accoglie, l’altro sempre quello che penetra. A seguito di azioni propagandistiche e della ristrettezza imposta dall’identificazione nelle identità eterosessuali, tuttavia, si può arrivare a contemplare plausibile invertire tale situazione. Quando l’inclinazione interiore dei due è la stessa Se ho un’inclinazione interiore femminile, per quanto possa ritenere esteticamente bello un altro che pure ha la stessa, è poco probabile che abbia un rapporto con lui in quanto troverei spontaneamente innaturale doverlo penetrare. Soprattutto perché desidererei invece relazionarmi con un uomo con un’inclinazione interiore maschile. Questo perché il bisogno fisico è sempre strettamente legato anche ad un relativo bisogno emotivo e mentale. Cioè, se a livello fisico (al momento) desidero essere penetrato – perché ho erroneamente imparato che il rapporto sessuale fra due maschi può essere solo quello –,

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 109


tale desiderio è anche legato al fatto che a livello emotivo desidero essere protetto; a livello mentale che possa venire sopraffatto da una Forza più grande che possa meritare devozione. Questi aspetti mi appagano quanto l’evento fisico in sé e spesso anche di più. Se ho un’inclinazione interiore femminile, penetrare un uomo non può offrirmi questo. Perciò, ritengo giustamente che non vale la pena farlo comunque solo perché può essere bello esteticamente. Due sono le ragioni che la propaganda promuove per spingermi a farmi rinnegare questa naturale realtà dei fatti: o l’altro è talmente stupendo al punto da far sembrare sopportabile doverlo penetrare, pur di poter interagire con quella bellezza; o l’altro dispone di un grado di virilità ancora più scarso del mio, per cui mi inganno di poter assumere artificialmente momentaneamente l’inclinazione interiore maschile nei suoi confronti. Se rimane un evento isolato la mia psicologia è in grado di smaltirlo abbastanza facilmente; perché comunque la mia reale inclinazione interiore è collegata con i miei bisogni emotivi e mentali e se decido di rispettare quelli non sarò portato a rischiare di danneggiarla di nuovo. Ma se comincio a farla diventare un’abitudine potrei confondere la mia reale inclinazione interiore con quella che agisco artificialmente, considerarle intercambiabili o, nella confusione totale, non saper più distinguerle, come succede a tanti che si reputano versatili. In tal caso, riesce a perdurare solo la considerazione dell’attrazione fisica e comincio ad andare in controtendenza rispetto ai miei bisogni emotivi e mentali profondi, che mi farebbero ricercare l’interazione con un uomo che, invece, mi possa porre sotto la sua ala; e che sono in verità prioritari per poter considerare un rapporto complessivamente ricreativo. In assenza di essi, tutto ciò su cui riuscirò a porre l’attenzione sarà il piacere fisico sporcato dal retrogusto di star compiendo un’azione per me innaturale. Questo potrebbe degradare il rapporto al punto da ridurlo ad una condizione animalesca. Non nel senso di selvaggia quanto di percezione ed ascolto dei soli istinti fisici. Se nutrirò dell’amore per il partner, lo scollegherò dal fatto che per me dovrebbe rappresentare la componente più virile della coppia e, persa tale informazione: danneggiata la naturale polarità; anche l’amore che sarò in grado di nutrire per lui sarà più superficiale e privato di un Significato importante, quella distinzione che costituisce le fondamenta su cui si costruisce

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 110


il concetto stesso di coppia. Non facendo a livello fisico quello di cui ho bisogno per coinvolgere anche l’emotivo, non potrò nemmeno più dotare il rapporto del valore di mezzo di trasmissione d’Amore fra me e lui. In definitiva, il fatto che l’atto sessuale non mi consente più di esprimere la mia inclinazione interiore autentica rompe qualcosa in me. Nel caso in cui fossero due uomini entrambi molto virili ed entrambi con un’inclinazione interiore maschile ad avere un rapporto; sarebbe sempre per via di un possibile lieve dislivello di virilità fra di loro, oppure del fatto che l’altro sia esteticamente molto bello, che chi fra i due possiede quello minore consideri la possibilità di venire penetrato. Seppure subirebbe gli stessi danni dell’esempio precedente, perché andando contro la sua inclinazione interiore autentica, non può accompagnare l’atto all’appagamento emotivo e mentale che prova quando un uomo meno virile di lui si lascia avvolgere e amare da lui e tutto ciò che gli rimane è, di nuovo, esclusivamente il piacere fisico. Quando le inclinazioni interiori dei due sono diverse Se il mio partner ha l’inclinazione interiore complementare alla mia, la propaganda può far nascere della curiosità rispetto a pratiche che fino a quel momento non ritenevo di mio interesse, perciò potrei considerare comunque l’eventualità di scambiare i ruoli. Se ci amiamo ed abbiamo ben chiara la natura del nostro rapporto, basata sul riconoscimento di un dislivello di virilità e delle inclinazioni interiori autentiche, tale eventualità presenta un primo rischio: lo scambio potrebbe diventare un’abitudine in quanto il fatto di aver invertito i ruoli a letto viene psicologicamente appianato dalla tipologia di relazione che quotidianamente continuiamo a mantenere. Se invece cominciamo a scambiare i ruoli anche nelle dinamiche di interazione più generali, il rischio è che possiamo perdere la nostra inclinazione interiore autentica, cominciando ad identificarci alternativamente con entrambe –

non molto diversamente da come accade in un disturbo di personalità multipla – o

smarrendo completamente la comprensione di ciò che significano.
 In entrambi i casi il danno è evidente, perché è comunque successo che a letto ho fatto qualcosa che è contro la mia natura. In tali occasioni il rapporto non ha consentito anche l’appagamento emotivo e mentale, non ho rispettato i miei autentici bisogni e sono riuscito a

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 111


dare attenzione esclusivamente al piacere fisico. Inoltre, potrebbe essersi generato, a sostituire l’Amore non più sentito, un appagamento mentale malsano consistente nel vedere la propria inclinazione interiore rovinata dall’assumere artificialmente quella opposta. Se danneggio la mia inclinazione interiore al punto da perderla perdo la capacità di sfruttarla per trasmettere anche quell’Amore più profondo che mi consentiva di provare. Questo fa sì che non ricerchi più solo un uomo con quella complementare alla mia, di cui ho bisogno per potermi anche innamorare; ma comincerò a considerare tutti gli uomini allo stesso modo, perché avrà valore solo l’attrazione fisica ed il piacere che potrò provare con loro. Non riuscirò più a provocare aspirazioni d’Amore. Dunque, lo scambio di ruoli è sempre assolutamente deleterio. Uscire dall’abitudine dello scambio di ruoli Ricerco uomini con l’inclinazione interiore complementare alla mia, perché il mio Cuore sa di averne bisogno per potersi innamorare, essere certo di star facendo la cosa giusta, e aprirsi fiduciosamente. Quando trovo esteticamente bello un uomo con un’inclinazione interiore come la mia: diversa da quella che rappresenta la mia garanzia di felicità, per quanto attraente possa essere, dovrei riconoscere che non potrà comunque farmi provare ciò a cui profondamente anelo. La propaganda promuove l’alternanza di ruoli perché energeticamente genera disordine, compromette il passaggio del Vril, e danneggia anche la capacità di provare un Amore più intenso. Perciò se mi considerassi versatile, dovrei cercare di riconoscere la differenza fra l’inclinazione interiore autentica che descrive delle mie caratteristiche interiori profonde, e quella che invece assumo solo “per divertimento”. Sono sempre conscio del fatto che farlo è un po’ un artificio; lo percepisco sempre, interiormente, soprattutto all’inizio. Se mi chiedo qual’è realmente la volontà della mia Anima, e quando davvero sento di star Amando, riuscirò a riconoscere l’inclinazione interiore che naturalmente è fatta per consentirmi di trasmettere il mio Amore al partner; che riesce a coinvolgere qualcosa di più intimo, emotivo, animico. Se sto con un partner con cui posso onorarla, e ne sono innamorato davvero; se sento interiormente che quell’aspetto di me è espressione determinante di chi sono io, non sentirò più necessario fare qualcosa di diverso con lui. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 112


Per uscire dalla versatilità potrebbe essere utile rivivere un’esperienza di innamoramento come quella con cui ho scoperto la mia omosessualità, in modo che possa ritornare a desiderare esclusivamente la tipologia di uomo con l’inclinazione interiore che mi ha fatto innamorare la prima volta: la complementare alla mia, ed attraverso uno di loro, rinsavire. Recuperare cioè a mia volta la mia autentica in modo stabile e definitivo. È esclusivamente in quest’eventualità che la mia essenza riesce ad esprimersi in maniera retta, sana e naturale. Se stessi già con quella tipologia di uomo e avessi cominciato a scambiare i ruoli con lui, devo impormi come priorità lo scambio di Amore durante il rapporto, a scapito del piacere, in quanto il primo può avvenire solo quando rispetto la mia vera inclinazione interiore. In più, rimane il fatto che la pratica anale è comunque pericolosa e sconsigliabile. Perciò, una volta che eventualmente l’avrò usata per riappropriarmi dell’autentica inclinazione interiore e per comprendere che in un partner cerco la complementare, potrò accantonarla per considerare la possibilità di un rapporto non penetrativo, pur mantenendo gli effetti sortiti dalla guarigione. È la percezione della polarità che ci differenzia, che motiva l’esistenza della coppia, è cruciale preservarla; ed il frottage consente questo, ed allo stesso tempo anche di rispettare la significativa percezione che entrambi abbiamo di essere maschi. Il rapporto maschio dominante e sottomesso Il fenomeno della distinzione di ruoli fra dominante e sottomesso nella coppia porta ad un rapporto del tutto malsano. In questo tipo di degenerazione c’è un’esaltazione dell’ego di entrambi che mina la possibilità di una relazione “da Anima ad Anima”: se sono il dominante ho un piccolo delirio di onnipotenza, se sono il sottomesso ricerco un continuo riconoscimento egoico da parte del dominante. Scambio per amore la gratificazione egoica ed a causa di essa comincio a perdere la facoltà di provare vere emozioni. Comincio a far derivare il mio valore, la mia autostima, dall’aver fatto o fatto bene le cose che sono state comandate dal dominante, se sono il sottomesso, o dal fatto che il sottomesso abbia eseguito ciò che ho comandato, se sono il dominante; anziché dalle qualità che mi definiscono, dal mio modo di essere, dai miei valori, dai miei ideali e dai miei talenti che perdono progressivamente importanza ai fini della relazione. La dinamica del comando soppianta tutto il resto divenendo progressivamente l’unica cosa davvero importante,

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 113


impoverendo il rapporto. Nel momento in cui si stabilisce la sottomissione dell’uno all’altro, il consolidamento della differenza gerarchica mi renderà capace di percepire una forma di piacere psicologico da essa derivante, totalmente nocivo. Segnali che possono farmi comprendere di trovarmi in un rapporto di questo tipo – visto che a volte ci si finisce gradualmente senza rendersene conto – possono essere parlare all’altro di ciò che ho intenzione di fare, non per condividere in maniera neutra un’informazione, sapendo che l’intenzione rimarrà a prescindere e il partner eventualmente mi darà un parere che mi permetterà di indirizzare meglio la mia volontà; ma per chiedere in maniera implicita il permesso e l’approvazione. Dovrei cercare di accorgermi se quando parlo sto in realtà sottintendendo pensieri come “Giusto?”, “È corretto?”, “Così faccio bene?”, “Ho ragione?”, ecc. O se quando poi devo decidere qualcosa, non la metto più sotto analisi autonomamente per verificare che sia effettivamente giusta ma la prendo automaticamente per giusta perché è stato lui a dirlo. O ancora, se ho sviluppato una forma di dipendenza consistente nell’aver bisogno di chiedere sempre prima un parere al partner quando devo fare qualcosa. Nell’altro caso, alcuni segnali possono essere aver sviluppato l’abitudine a dare piccoli frequenti comandi: “Spostati”, “Fai così”, “Datti una mossa”, “Dai”, che cominciano a diventare parte del rapporto e che sfociano in veri e propri tentativi di imposizione della mia volontà sull’altro anche in situazioni di maggiore rilevanza. Dovrei cercare di accorgermi se nel tempo ho costruito la convinzione che il mio parere è in ogni caso più obiettivo di quello del partner. Uscire da un rapporto maschio dominante e sottomesso Se dell’amore sottostà a questo meccanismo, ci si può prendere un momento di riflessione comune in cui si decide di uscirne. • Se assumevo il ruolo dominante dovrei guardare al rapporto con mia madre, con le donne o con gli uomini che rappresentano un ruolo femminile, che sono state figure di rilievo durante la fase della mia crescita. Chi dovrei punire per come sono stato trattato, perché? Se finisco per creare situazioni che apparentemente giustificano il mio partner a sentirsi colpevole, quale reale guadagno ottengo dalla proiezione di tale vendetta su di lui, se non un’invisibile sofferenza mascherata da obbedienza? È davvero facendolo star male che

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 114


susciterò nell’altro l’Amore ed il rispetto che non ho ricevuto? Secondo chi è giusto che mi eriga a castigatore? • Se assumevo il ruolo sottomesso dovrei guardare al rapporto con mio padre, con gli uomini o con le donne che rappresentano un ruolo maschile, che sono state figure di rilievo durante la fase della mia crescita. Da chi dovrei farmi punire per come mi sono comportato, perché? Se finisco per creare situazioni che apparentemente giustificano il mio partner a punirmi, quale reale guadagno ottengo dalla proiezione di tale ricerca di redenzione su di lui, se non un’invisibile megalomania mascherata da presa di responsabilità e moralità? È davvero lasciandomi maltrattare che susciterò nell’altro l’Amore ed il rispetto che non ho ricevuto? Secondo chi è giusto che mi riduca a schiavo? Quanto reale bisogno di Amore devo avere, per essere addirittura riuscito a dimenticarlo attraverso il piacere e queste artificiosità? In un rapporto sacro esiste la devozione che è reciproca e mette entrambi i partner allo stesso livello senza creare gerarchie. • Se assumevo il ruolo dominante potrei comprendere che l’altro è libero e sono io che gli apparterrò per sempre, l’altro mi ama perché desidero renderlo più autonomo ed autosufficiente, lo ispiro a migliorare se stesso e le sue capacità anziché prendermi le sue responsabilità come se fosse un bambino o metterlo nelle condizioni di aver bisogno di me. • Se assumevo il ruolo sottomesso potrei comprendere che l’altro sta già con me e sono io che devo riconoscerne la preziosità, l’altro mi ama perché lo amo in modo esclusivo, senza riserve e limiti, lo metto nelle condizioni di poter nutrire una totale fiducia in me e nel mio amore anziché mettergli dei limiti per il gusto di farlo o sminuire l’Amore che nutre dandolo per scontato. Con l’accoglienza derivante da un’osservazione non giudicante protratta nel tempo, atta prima di tutto a perdonare ed amare se stessi per gli errori in cui si è incappati, si può riuscire a non essere più dipendenti da questo meccanismo psicologico e cominciare a costruire una vita di coppia realmente amorevole.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 115


FSO#12 Il grave fraintendimento

Esiste la possibilità di aver frainteso finanche la propria inclinazione interiore, seppure si tratti di materia molto profonda e delicata che difficilmente si dovrebbe considerare opportuno andare a modificare. Tuttavia, se si tratta di riconoscere quella autentica, il fatto di aver imparato a considerarsi come non si è, è irrilevante al fine di far prevalere la Verità. Fattore #1 – Sottomissione La sottomissione, oltre a provocare un rapporto malato ed ad essere una deviazione attraverso cui è possibile scoprire la propria omosessualità, può provocare anche un ulteriore fraintendimento. • Se in realtà ho un’inclinazione interiore maschile ma ancora non so di essere omosessuale, quando comincio a provare attrazione per altri uomini potrei non accorgermi della mia reale inclinazione interiore. Poiché sono uomini e poiché nella maggior parte dei casi sono anche eterosessuali, do per scontato che se mi attraggono significa che sono io quello che dovrebbe assumere un’inclinazione interiore femminile. Anche se mi attraesse l’uomo più aperto e disponibile dell’intero universo, siccome è un uomo, crederei che dovrebbe mantenere lui l’inclinazione interiore maschile nel rapporto. Quando invece se riuscissi a riconoscere di avere io un’inclinazione interiore maschile, così che lui possa mantenere la sua autentica femminile, scoprirei di potermi sentire finalmente realmente appagato. 
 È che non riesco ad accorgermene perché per me vorrebbe dire mettere in discussione la mia omosessualità. Credo che poter mantenere l’inclinazione interiore maschile significherebbe necessariamente che potrei anche stare con una donna, quando non è così: essere omosessuali con un’inclinazione interiore maschile ed essere eterosessuali sono due cose molto, molto diverse dal punto di vista energetico.
 Nonostante ciò, visto che per me sarebbe innaturale assumere l’inclinazione interiore femminile spontaneamente, ciò che fa sì che la assuma comunque è il fatto che possa venire sottomesso. Perciò, nel momento in cui un uomo con un’inclinazione interiore maschile riuscisse a conquistarmi e fosse in grado di sottomettermi, allora subirei anch’io il processo

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 116


di devirilizzazione e comincerei a credere che la mia inclinazione interiore è femminile. 
 Ma devo riconoscere che se in realtà ho io un’inclinazione interiore maschile, anche in questo caso quell’uomo può riuscire a conquistarmi solo perché ne riconosco la minore virilità, di lui mi attraggono le sue qualità di apertura e accoglienza, o la sua sofisticatezza; il fatto che mi domini genera solo un appagamento psicologico malsano che mi impedisce di esprimere i miei veri istinti, uomini bruti o sovravirilizzati già mi accorgo che non mi interessano. 
 • Se in realtà ho un’inclinazione interiore femminile ma ancora non so di essere omosessuale, quando comincio a provare attrazione per altri uomini potrei non accorgermi della mia reale inclinazione interiore. Poiché sono un uomo e poiché secondo la società dovrei essere anche eterosessuale, do per scontato che se mi attraggono significa che sono loro quelli che dovrebbero riconoscere di avere un’inclinazione interiore femminile. Anche se mi attraesse l’uomo più chiuso e assertivo dell’intero universo, siccome sono un uomo, crederei che dovrei io mantenere l’inclinazione interiore maschile nel rapporto. Quando invece se riuscissi a riconoscere di avere io un’inclinazione interiore femminile, così che lui possa mantenere la sua autentica maschile, scoprirei di potermi sentire finalmente realmente appagato. 
 È che non riesco ad accorgermene perché per me significherebbe davvero perdere la mia dignità. Credo che se riconoscessi di avere un’inclinazione interiore femminile vorrebbe dire che non valgo niente come uomo, quando non è così: la mia dignità di uomo non si misura in base a chi realmente mi piace, affatto. 
 Nonostante ciò, visto che per me sarebbe innaturale assumere l’inclinazione interiore maschile spontaneamente, ciò che fa sì che la assuma comunque è il fatto che possa sottomettere l’altro. Perciò, nel momento in cui riuscissi a conquistare un uomo con un’inclinazione interiore femminile e questi si lasciasse sottomettere, allora subirei anch’io il processo di sovravirilizzazione e comincerei a credere che la mia inclinazione interiore è maschile. 
 Ma devo riconoscere che se in realtà ho io un’inclinazione interiore femminile, anche in questo caso posso desiderare di conquistare quell’uomo solo perché ne riconosco la maggiore virilità, di lui mi attraggono le sue qualità di centratura e fermezza, o la sua forza; il fatto che lo domini genera solo un appagamento psicologico malsano che mi

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 117


impedisce di esprimere i miei veri istinti, uomini esili od effeminati già mi accorgo che non mi interessano. Fattore #2 – Effeminatezza o sovravirilizzazione Se mi rendo conto inconsciamente che effeminatezza e sovravirilizzazione sono solo deformazioni comportamentali dovute a stereotipi di genere, potrei sviluppare un rifiuto categorico dall’interno per coloro che ne sono affetti, ed in ragione di ciò, però, fraintendere l’inclinazione interiore che realmente desidero possieda l’altro. • Se in realtà ho un’inclinazione interiore maschile e sono attratto da uomini che non sono effeminati e che non hanno deviato nell’identità femminile, seppure abbiano molte qualità femminili – cosa che potrei far fatica a notare –, do per scontato che la mia inclinazione interiore sia invece femminile e comincio a credere che dovrei effeminarmi io solo perché chi mi piace non lo fa. Invece magari coloro che mi piacciono riescono ad inspirare in me Amore e desiderio grazie a quanto di femminile riesco a vedere in loro senza che sia capace di riconoscerlo. 
 Non so che c’è un distinguo da fare fra uomini non effeminati più virili di me e con un’inclinazione interiore maschile o femminile (che già sono in grado di riconoscere che non mi interessano), uomini non effeminati meno virili di me con un’inclinazione interiore maschile e uomini meno virili di me con un’inclinazione interiore femminile che però, spontaneamente non risuonano con l’effeminatezza. 
 Desidero questi ultimi perché mi attrae la possibilità che un’inclinazione interiore femminile si manifesti nella sua naturalezza senza la necessità di contaminarsi con atteggiamenti effeminati, propri di un genere per cui non sento attrazione. Mi piacciono le qualità femminili che sanno esprimere e che allo stesso tempo siano capaci di preservare la loro identità maschile senza metterla in dubbio. 
 A volte potrebbero addirittura essere sovravirilizzati, il che mi rende più difficile riconoscere che mi attraggono per il loro in verità minore grado di virilità.
 • Se in realtà ho un’inclinazione interiore femminile e sono attratto da uomini che non sono sovravirilizzati e che non hanno deviato nell’identità da predatore alpha, seppure abbiano molte qualità maschili – cosa che potrei far fatica a notare –, do per scontato che la

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 118


mia inclinazione interiore sia invece maschile e comincio a credere che dovrei sovravirilizzarmi io solo perché chi mi piace non lo fa. Invece magari coloro che mi piacciono riescono ad inspirare in me Amore e desiderio grazie a quanto di maschile riesco a vedere in loro senza che sia capace di riconoscerlo. 
 Non so che c’è un distinguo da fare fra uomini sovravirilizzati meno virili di me e con un’inclinazione interiore femminile o maschile (che già sono in grado di riconoscere che non mi interessano), uomini sovravirilizzati più virili di me con un’inclinazione interiore femminile e uomini più virili di me con un’inclinazione interiore maschile che però, spontaneamente non risuonano con la sovravirilizzazione. 
 Desidero questi ultimi perché mi attrae la possibilità che un’inclinazione interiore maschile si manifesti nella sua naturalezza senza la necessità di contaminarsi con atteggiamenti sovravirilizzati. Mi piacciono le qualità maschili che sanno esprimere e la loro capacità di preservare l’identità maschile senza abusarne. 
 A volte potrebbero addirittura essere effeminati, il che mi rende più difficile riconoscere che mi attraggono per il loro in verità maggiore grado di virilità. Fattore #3 – Scambiare la necessità di alcune qualità per la necessità dell’essenza Quando prendo in esame che l’altro è un uomo come me, il fatto che sia virile potrebbe assumere il sapore di qualcosa che dovrei sopportare perché apprezzo che sia però caratterizzato da diverse qualità femminili. Oppure è il fatto che sia troppo poco virile ad assumere quello stesso sapore, sopportato solo perché apprezzo le sue diverse qualità maschili. In entrambi i casi c’è qualcosa che non va. • Se in realtà ho un’inclinazione interiore maschile potrei riconoscere che anziché accontentarmi delle qualità femminili che può avere un uomo con un’inclinazione interiore maschile mi riterrei molto più appagato se scegliessi di stare direttamente con un uomo con un’inclinazione interiore femminile che sia meno virile di me. Ciò mi consentirebbe di desiderare l’essenza stessa di quella persona anziché desiderarla solo in funzione delle sue qualità più esterne. Allora potrebbe anche avere alcune qualità maschili ma potrei essere libero di sfogare la mia maggiore virilità. Sarebbe sufficiente che trovassi qualcuno che non tende ad effeminarsi per scoprire quanto davvero potrei preferire quest’eventualità.


L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 119


• Se in realtà ho un’inclinazione interiore femminile potrei riconoscere che anziché accontentarmi delle qualità maschili che può avere un uomo con un’inclinazione interiore femminile mi riterrei molto più appagato se scegliessi di stare direttamente con un uomo con un’inclinazione interiore maschile che sia più virile di me. Ciò mi consentirebbe di desiderare l’essenza stessa di quella persona anziché desiderarla solo in funzione delle sue qualità più esterne. Allora potrebbe anche avere alcune qualità femminili ma potrei concedermi di esprimere in modo sereno la mia minore virilità. Sarebbe sufficiente che trovassi qualcuno che non tende a sovravirilizzarsi per scoprire quanto davvero potrei preferire quest’eventualità. Fattore #4 – Traumi legati alle figure genitoriali A volte si fraintende la propria inclinazione interiore a causa della ricerca di quelle declinazioni che hanno l’amore paterno e materno, che non si sono sufficientemente ricevute. • Se in realtà ho un’inclinazione interiore maschile il motivo per cui credo di desiderare uomini con a loro volta un’inclinazione interiore maschile può essere il bisogno di qualcuno che abbia tanta Forza. Perciò ricerco uomini più virili di me o provo attrazione per un certo tipo di fisicità muscolosa non perché energeticamente rispecchi la controparte che mi completa, ma solo perché mi serve che l’altro disponga di più Forza così da potermi proteggere. Infatti uomini che siano più femminili nell’essenza ma che dispongono di un fisico a prova di proiettile sono i miei preferiti. 
 In verità ho un’inclinazione interiore maschile ma può essere che abbia subìto dei traumi in cui è successo che non venissi sufficientemente o per niente difeso quando ne avrei avuto il diritto, magari da piccolo, quando chiunque necessità di essere difeso. Infatti potrei notare che anch’io sono in realtà già caratterizzato da una certa Forza, ma poiché nella mia esperienza posso aver imparato che non era mai abbastanza, adesso desidero comunque di essere protetto da un altro. 
 Ho bisogno di imparare l’antica arte dell’auto-difesa e di elaborare lentamente questa ferita. Se cominciassi a fare esperienza di episodi in cui constato di essere in grado di difendermi con successo, la fiducia in me stesso aumenterebbe ed imparerei che non ho bisogno che sia l’altro a difendermi. Soprattutto se in realtà ciò che anelo è quella Quintessenza capace di esistere solo negli occhi di chi ha un’inclinazione interiore femminile. Inoltre, dovrei

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 120


rendermi conto che anche chi ha un’inclinazione interiore femminile può esser capace di difendermi, perciò proprio non avrei ragione di stare con qualcuno che non fa per me.
 • Se in realtà ho un’inclinazione interiore femminile il motivo per cui credo di desiderare uomini con a loro volta un’inclinazione interiore femminile può essere il bisogno di qualcuno che abbia molta Quintessenza. Perciò ricerco uomini meno virili di me o provo attrazione per un certo tipo di fisicità sinuosa non perché energeticamente rispecchi la controparte che mi completa, ma solo perché mi serve che l’altro disponga di più Quintessenza così da potermi ricreare. Infatti uomini che siano più maschili nell’essenza ma che dispongono del fisico di una dea sono i miei preferiti. 
 In verità ho un’inclinazione interiore femminile ma può essere che abbia subìto dei traumi in cui è successo che non venissi sufficientemente o per niente confortato e amato quando ne avrei avuto il diritto, magari da piccolo, quando chiunque necessità di essere confortato e amato. Infatti potrei notare che anch’io sono in realtà già caratterizzato da una certa Quintessenza, ma poiché nella mia esperienza posso aver imparato che non dovevo amare me stesso, adesso desidero comunque di essere confortato da un altro. 
 Ho bisogno di sviluppare la capacità di auto-guarirmi e di elaborare lentamente questa ferita. Se cominciassi a fare esperienza di episodi in cui constato di essere in grado di elaborare il dolore con successo, la mia serenità interiore aumenterebbe ed imparerei che non ho bisogno che sia l’altro a guarirmi. Soprattutto se in realtà ciò che anelo è quella Forza capace di esprimersi solo negli occhi di chi ha un’inclinazione interiore maschile. Inoltre, dovrei rendermi conto che anche chi ha un’inclinazione interiore maschile può esser capace di confortare e amare perciò proprio non avrei ragione di stare con qualcuno che non fa per me. Fattore #5 – Essere troppo o troppo poco uomini In realtà non avrei nessun problema ad ammettere la mia autentica inclinazione interiore, è solo che potrei non ritenermi abbastanza uomo o ritenermi troppo uomo per avere quella che ho, quando se la mia inclinazione interiore autentica è quella che è, allora questo non può essere vero. Nonostante ciò, quando non me ne accorgo preferisco credere di avere l’altra.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 121


• Se in realtà ho un’inclinazione interiore maschile, potrei credere di non essere abbastanza uomo per il mio lui. Allora preferisco credere di averla femminile perché mi tranquillizza di più rispetto alla questione del farmi carico del rapporto: non mi sento in grado o all’altezza di porre sotto la mia ala neanche un altro uomo, e dunque preferisco che accada il contrario. Poiché non rispecchio i canoni della virilità culturale potrei credere di non essere affatto o sufficientemente virile, quando invece potrei essere molto virile e non accorgermene semplicemente perché esprimo spontaneamente quella virilità ad un’ottava più alta. Anziché essere violento e aggressivo la mia virilità è comunque molta ma di una qualità più sottile per cui si esternerebbe ad esempio molto meglio attraverso i principi del Monaco Guerriero. Se scoprissi questo, allora scoprirei anche come invece sono perfettamente in grado di porre sotto la mia ala l’altro seppure anche in questo caso ad un’ottava superiore: anziché attraverso la sottomissione, attraverso l’Amore. • Se in realtà ho un’inclinazione interiore femminile, potrei credere di essere troppo uomo per il mio lui. Allora preferisco credere di averla maschile perché mi tranquillizza di più rispetto alla questione del farmi carico del rapporto: non mi sento in grado o all’altezza di lasciarmi porre sotto l’ala dell’altro anche se l’altro è palesemente più virile di me, e dunque preferisco che accada il contrario. Poiché non rispecchio i canoni della femminilità culturale – come è ovvio – potrei credere di non essere affatto o sufficientemente femminile, quando invece devo imparare che non è la femminilità ad essere importante ma il mio grado di virilità che non essendo elevato è già perfetto per far sì che un uomo più virile di me sappia amarmi. Nonostante desidero accogliere l’altro, lo faccio attraverso la mia energia maschile ed è questo che fa sì che attiri dei ragazzi omosessuali anziché eterosessuali. È ciò che loro desiderano. Se scoprissi questo, allora scoprirei anche come invece sono perfettamente in grado di lasciarmi porre sotto l’ala dell’altro seppure in un modo diverso: non perché ho un’energia femminile ma perché ho un grado di virilità è minore. • Se la mia vera inclinazione interiore è maschile, l’uomo che desidero, se ormai ho frainteso, può essere anche più virile di me dietro alle qualità femminili che possiede, ma il mio istinto profondo è propositivo: lo butterei su un letto per muovermi sopra di lui.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 122


• Se la mia vera inclinazione interiore è femminile, l’uomo che desidero, se ormai ho frainteso, può essere anche meno virile di me dietro alle qualità maschili che possiede, ma il mio istinto profondo è ricettivo: mi lascerei buttare su un letto per stare sotto di lui. Ulteriore segno che questa situazione di fraintendimento potrebbe riguardarmi potrebbe essere il crearsi di situazioni in cui con criteri che si basano solo sulla mia sopravvivenza scelgo un partner fisso con l’inclinazione interiore errata e poi finisco per tradirlo con chi ha l’altra senza capirne mai pienamente il motivo. Se mi sono accorto che questo capitolo ha parlato a me personalmente, sarebbe il caso che una volta che mi sarò stabilizzato sulla mia reale inclinazione interiore, rilegga il libro d’accapo, in modo da vedere stavolta dal giusto punto di vista me stesso, durante la lettura. Per stabilizzarmi sulla mia reale inclinazione interiore devo andare a guarire quelle ferite che mi fanno ancora ricercare l’amore paterno (qualora essa sia in realtà maschile) o materno (qualora essa sia in realtà femminile). Bisogna sforzarsi di rimanere saldi nella propria reale inclinazione interiore finché non sarà più possibile ricadere in quella errata; bisognerebbe anzi esaltarla intenzionalmente. Ne va la corretta espressione del proprio essere autentico, l’armonioso equilibrio fra maschile e femminile all’interno di me, la salute psicologica. La propaganda vorrebbe che inclinazione interiore maschile e femminile scomparissero, che gli omosessuali si considerassero più semplicemente tutti uguali ed intercambiabili, tutti versatili, perdendo quindi quanto è necessario per provocare un Amore profondo: la polarità, le differenze, ed il desiderio che spontaneamente può originare solo da esse. Se non ci sono più differenze nei profili psicologici delle persone, l’amore diventa un amore quasi fraterno, anziché di coppia, diventa più superficiale in un certo senso; il piacere si stacca dalla componente mentale con cui si riconosce di rappresentare la parte meno virile o più virile della coppia; è come se perdessimo un pezzetto di noi stessi, di chi siamo. Invece io vi sto informando dell’importanza del comprendere la propria autentica inclinazione interiore, addirittura parlandovi dell’eventualità di poterla aver fraintesa e fornendovi un binario attraverso cui farvi passare per portarvi ad accorgervene qualora fosse questo il vostro caso. L’inclinazione interiore è ciò che determina la mia configurazione energetica sul piano sessuale ed egoico, due punti cruciali della mia identità. Se credo di averne una quando in realtà è un’altra porterò in giro un disequilibrio che influenzerà tutti gli ambiti della mia vita.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 123


L’energia sessuale

Il sesso per il sesso Arrivati a questo punto si potrebbe pensare che si possa fare sesso solo in presenza di Amore e che il sesso per il sesso sia in ogni caso da evitare. Questo non è vero: in assenza di Amore è comunque lecito fare sesso in quanto, fino ad un certo livello, non si può impedire al secondo chakra di vibrare, e perché, comunque, il sesso consente di scaricare eccessi di energia. Solo che alcuni proprio non riescono a trovarsi in tali circostanze, perché è la loro Anima a spingerli ad imparare a farne esperienza solo come strumento di trasmissione di Amore. Scambiarsi Amore durante il rapporto equivale a dotarlo di un valore Sacro. Inoltre, spostarsi nel piano dell’Amore è di prioritaria importanza soprattutto per gli omosessuali, perché fanno già un uso smodatamente esagerato di un sesso completamente desensibilizzato e solo l’Amore può ridimensionare questa tendenza. Perché gli omosessuali sono più esposti al rischio di una dipendenza sessuale Nel momento in cui la società – di cui fa parte l’ambiente religioso – impone forzatamente l’idea che sentire qualcosa di romantico per un altro uomo sia sbagliato, un omosessuale che aderisca a tale idea con l’innocente intenzione di voler fare la cosa giusta, o che ne venga inconsciamente condizionato, fa sì che l’Amore che in realtà proverebbe per un uomo si debba necessariamente abbassare di ottava. Poiché non può contemplarlo così com’è nello spettro delle possibilità sperimentabili a lui consentite: gli è stata negata l’innocua e spontanea eventualità di esprimerlo in una forma pura; allora è costretto a convogliarlo, senza che se ne renda conto, in un’eccessiva percezione di attrazione sessuale, che così non può più controllare coscientemente, in modo da non poter più continuare ad auto-censurarlo. Comincia a notarla nei confronti di chiunque sia anche solo appena sufficientemente carino, al punto da non poter più riuscire a reprimerla. Per questo si genera la triste tendenza a buttarsi (leggi “cestinarsi”) nelle fauci del piacere come “consolazione” per una spinta ad Amare che è stata negata. Perciò chi è più affetto da dipendenza sessuale è anche chi si giudica di più a causa del suo orientamento sessuale. Ed il tutto accade su un piano quasi totalmente inconscio. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 124


Ti amerei ma non posso, allora accetto di subire attrazione sessuale e decido di cedere senza opporre resistenza, così riesco a sfruttarla per infrangere il divieto. Questo motiva anche il fatto che come omosessuale abbia spesso una configurazione energetica calibrata sul centro sessuale e che mi ritenga legittimato a farne una qualità che caratterizzi la mia intera personalità. Cosa che notoriamente viene riconosciuta anche dall’esterno. La sessualizzazione di corpo, vestiario e conversazioni possono diventare gli aspetti più bassi di questa verità. Ma non bisogna dimenticare che il centro sessuale ed il centro della gola sono collegati, perciò laddove c’è energia sessuale in grandi quantità c’è anche un grande potenziale artistico. Solitamente, anche questo è socialmente riconosciuto. L’attrazione sessuale può mantenere una valenza compulsiva per molto tempo, anche dopo che si è cominciato comunque ad avere rapporti, perché non si modifica mai a monte quel giudizio secondo cui non si dovrebbe provare. È fondamentale che invece si accetti che è possibile provare attrazione per altri uomini, in modo che si ritorni interiormente a sentire anche quell’impulso positivo, l’Amore, che ci consenta di riappropriarci di una modalità sana di relazionarci con loro; e che si impari che scegliere di assecondare consapevolmente il vortice dell’attrazione, come unica modalità che consenta di vivere, nonostante tutto, un’unione con un altro uomo, è invece la modalità di relazionarci con lui più misera che possiamo intrattenere. Per approfondire la natura divina dell’attrazione sessuale consiglio ancora una volta la lettura di “La Sacra Sessualità” di Salvatore Brizzi e di “Il Potere dell’Amore” di Charles-Rafaël Payeur. Giudizio sessuale Ho del giudizio sessuale nella misura in cui mi sentirei più sereno e felice se, come per magia, non provassi più attrazione sessuale. Il desiderio di dovermene o volermene liberare origina da tale giudizio sessuale. Finché lo alimento, l’attrazione sessuale continuerà a soggiogarmi o comunque continuerà ad esistere la possibilità che lo faccia. Sono condannato a subirla finché non imparo ad accettare la sua esistenza ed a comprendere che non c’è nulla di male in essa. Allora non scomparirà comunque, ma quando avrò smesso di desiderare che non esista potrò viverla consapevolmente cominciando a gestirla. Sono le idee che ho nella testa a dover ¶ essere modificate, non il modo in cui funziona un corpo progettato da un’Intelligenza Divina.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 125


In ogni caso, per eliminare qualsiasi effetto collaterale negativo proveniente dal secondo chakra, posso scegliere una via breve, la più facile e davvero trasmutativa, che insegna a trasformare qualsiasi impulso sessuale in impulso amorevole. Cioè, devo imparare a stupirmi per la bellezza di un essere spirituale, un’Anima, di cui sento di potermi innamorare, anziché farlo rimanere nella condizione di ente calamitante. Devo riconoscere che ciò che sento per lui è solo una forma d’Amore ad un’ottava diversa. Anziché utilizzare il corpo dell’altro per risuonare con esso nel secondo chakra, posso usare l’attenzione che gli rivolgo per guardarlo dal chakra del Cuore, posso provare meraviglia, dedurne un modo di essere, trasformare in Amore ciò che mi suscita. Infatti ciò che socialmente viene attuato è dividere i sentimenti dal sesso in modo che il secondo debba vivere scollegato dai primi, i quali così non possono mai trovare un modo costruttivo di esprimersi nella materia: si è cominciato a ritenere dannoso anziché neutralmente non sacro l’utilizzo che si può fare del sesso quando privato dell’Amore e – proibendolo per questa ragione – si è dimenticato quasi del tutto che il motivo della sua esistenza è offrire un canale fisico attraverso cui poter incarnare e materializzare – nel senso etimologico dei termini – l’Amore che si sente nei piani emotivi e mentali più sottili. Cercare il contatto, l’intimità, il bacio, sono atti emotivi. Porre il proprio corpo su quello dell’altro ha un valore emotivo. Porre il proprio pene su quello dell’altro, la propria vagina su quella dell’altra è un fatto emotivo. Penetrare una donna è un dono emotivo. Accogliere un uomo è un abbraccio emotivo vaginale. Il sesso è un atto emotivo. Nel momento in cui decido di fare sesso lo faccio come espressione culmine dell’emotività che il partner mi fa sentire nel Cuore. È un dire “Sono qui, ti amo, voglio entrare in relazione profonda, sentire che siamo due e che vogliamo sentirci vicini al punto che siamo Uno perché ti sento talmente tanto da sentire che io sono in parte te, e solo quando succede percepisco totalmente che sono io”.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 126


Uscire dalla dipendenza sessuale

L’erotismo e il piacere sono bisogni della mente. In realtà, il centro sessuale è nella mente. È a partire dal pensiero che l’energia discende nel centro sessuale e lo attiva. Il pensiero erotico è come una porta che permette alla mia energia di uscire e disperdersi. L’arte erotica ha come scopo quello di accendere questo centro nella mente affinché l’energia scenda e venga dispersa. Affinché questo avvenga è però necessario che io dia a ciò che sto guardando o ascoltando il mio consenso interiore (sia inconsapevole, quando mi imbatto in qualcosa che si presenta in maniera inaspettata – come un pop-up – sia intenzionale quando io stesso ricerco…) di agire su di me, sulla mia mente, accettando che soddisfi i miei bisogni, siano essi estetici o psicologici (da cui le varie declinazioni che quest’arte assume per sopperire ai bisogni delle menti di tutti). In altre parole, do il mio consenso affinché un determinato tipo di bellezza fisica, di rumore, o di tipologia di avvenimento: un crescendo, una prevaricazione, dei movimenti sinuosi, ecc. vadano a soddisfarmi a livello mentale. A gratificare le necessità della mia mente di quel particolare tipo di bellezza o di quel particolare tipo di concetto psicologico nascosto dietro la sequenza di azioni. Questo porta ad una reazione nel corpo, cioè ad un eccitazione seguita dalla necessità più fisica di masturbarmi. Anche se cerco qualcosa di affettuoso o di romantico sto semplicemente permettendo che la mia mente venga soddisfatta da ciò che ho cercato. In questo caso, è una necessità più emotiva, forse derivante da una mancanza d’affetto. Ma ciò che è accaduto è che ho reso mentale qualcosa di emotivo ed è sempre a livello mentale, concettuale, che quella necessità adesso viene soddisfatta. Che poi si possa generare una reazione nell’emotivo, seppure vero, è di secondaria importanza, perché anche in questo caso sono partito dalla mente. Tant’è che l’Amore di coppia (che non ha a che fare con altre forme di amore o con l’ammirazione) non può che essere provato per una persona che ho incontrato concretamente nella vita (anche se un’unica volta), perché due coscienze si sono trovate e dell’amore di Cuore è stato sentito. Tutto ciò che istintivamente ricerco può essere analizzato per facilitare il riconoscimento di traumi infantili, comprendere i meccanismi di funzionamento del rapporto con i singoli

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 127


genitori, ecc. ma per staccarsi del tutto dalla dipendenza, è necessario smettere di offrire il consenso mentale a ciò che sto guardando di soddisfare la mia mente. Quando mi sorprendo in un pensiero erotico, devo osservarlo senza dargli permessi, guardarlo consumarsi in se stesso senza assecondarlo, e alla fine si sarà estinto nello stesso tentativo di far sprecare a me l’energia. Devo diventare scaltro abbastanza da riuscire ad essere cosciente un attimo prima che il pensiero erotico prenda potere su di me, in modo tale da poterlo osservare coscientemente ed evitare che mi faccia compiere azioni. In questo modo, con la perseveranza e senza giudicare me stesso quando per quella volta o per quell’altra ancora non ce l’avrò fatta, svilupperò a poco a poco la capacità di evitare che l’energia venga tirata fuori da me e comincerò ad essere in grado di decidere quando usarla, con la mia volontà, e per me avrà un effetto totalmente diverso usarla volontariamente rispetto a quando mi veniva rubata facendomi cadere nell’inganno che “non potevo resistere” o che “per quella volta potevo anche cedere”. Perché allora “non posso mai resistere” ed “è sempre anche questa volta che posso cedere”. Sono sempre questi i due grandi inganni… Invece, con un uso assiduo della mia volontà, semplicemente non asservendomi a tali falsità e smettendo di darmi permessi che a posteriori riconosco che non mi sono utili, riuscirò a diventare padrone anche di questo aspetto della mia vita: “Re o Regina del mio Regno” anche qui. In realtà l’arte ha lo scopo di elevare le coscienze. L’arte erotica non è arte, è una porta che mi pone davanti ad un buco nero che tira fuori da me l’energia e dal punto di vista karmico genera situazioni di insoddisfazione e sofferenza in altri aspetti della mia vita in modo da riequilibrare ciò che percepisco come un eccesso di piacere rispetto al livello che riesco a reggere, e da creare però – di contro – ulteriore bisogno di ricorrere alla dose. Un circolo vizioso. È bene riconoscere, inoltre, che quando faccio uso di arte erotica ricercando qualcosa che soddisfi i miei gusti, sto, nella maggior parte dei casi, profondamente, andando alla ricerca di quell’amore o di quelle qualità paterne o materne che più mi sono mancate e che tento di compensare con la visione di qualcuno o qualcosa – un atto – che le rappresenti. Diverso è quando mi attardo esclusivamente per il fascino dell’eccesso o del non ordinario, seppure possano venir fatti ragionamenti di questo genere anche per tali casi. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 128


Quando mi eccito sessualmente dovrei prendermi un attimo per osservare cosa accade dentro di me anziché farmi subito soggiogare passivamente. Ad esempio, potrei cominciare con il limitarmi a ricercare delle foto di modelli – che possano spostare la questione sull’elemento “bellezza” – decidendo nel frattempo di non fare nulla col mio corpo, così che possa attivamente osservare e studiare ciò che accade al mio interno. Quando vedo qualcuno di una bellezza tale che è troppa da concepire per i miei canoni, questa subito diventa impulso a sperimentare piacere fisico, perché non sono capace di contenere consapevolmente il grado di gioia che in realtà mi fa provare l’aver appreso della sua esistenza. E questo perché non so darmi il permesso di gioire così tanto. Anziché sforzarmi di cavalcare la percezione di un’emozione così intensa, finisco per subirla, come qualsiasi altra emozione troppo intensa in cui posso imbattermi; ed in questo modo la faccio slittare nella sua ottava più bassa: credo che un tale individuo dovrei piuttosto definirlo sexy, anziché bello al punto da ricrearmi interiormente, e comincio ad appesantire ulteriormente l’emozione che mi genera col desiderio di possesso. Invece, dovrei riconoscere che anche solo sapere che esiste genera in me un’elevatissima quantità di gioia: perché mi è stato concesso di essere partecipe dell’esistenza di quella particolare declinazione di bellezza di elevato grado. Quanta gioia sei capace di contenere dentro di te? Quanta, senza poi credere di dovertene sentire colpevole? Quel tipo di gioia è come un nucleo di energia rovente pressurizzata e concentrata nel petto. Liberati dall’automatismo che ti porta a respingere una quantità di gioia più grande di quella che credi di meritare: che fa sì che tu ti senta in colpa dopo averla provata, proprio perché l’hai provata. Una persona che decide di disperdere il suo tempo e la sua energia per ricercare la gioia attraverso il piacere: la sua declinazione fisica, dovrebbe poi arrivare ad essere più felice, innamorata della vita, aperta con gli altri, entusiasta, invece si sente in colpa, si condanna per aver ricercato una felicità facile anziché costruirne una solida e duratura – reale – all’interno della sua vita: macchia quella gioia che ricercava con la negazione della stessa una volta ottenuta. Non riesce a contenerla dopo averla cercata ma questo semplicemente perché nel farlo ha perso gran parte della sua energia, cioè riconosce che lo stato in cui si trova nella fase posteriore è meno vitale del precedente e non gli consente più di risuonare con quel

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 129


grado di gioia che avrebbe potuto provare al posto del piacere. Per questo è importante imparare a ricercare la gioia in modi che non danneggino la propria vitalità. Se sei capace di gioire in modo spropositato hai anche il diritto di costruirti una realtà che te lo permetta in modo stabile; mettiti nelle condizioni di non avere più bisogno di ricorrere ad una fiammata saltuaria, in questo modo smetterai anche di danneggiarti. Risorse ulteriori per approfondire l’argomento sono: Porno-dipendenza, [http://www.salvatorebrizzi.com/2018/11/porno-dipendenza.html] Idiocracy, film (2006) Sex Education, serie TV (2019 –) La Porta del Mago di Salvatore Brizzi (Anima Ed.) La Via della Ricchezza di Salvatore Brizzi (Anima Ed.) La forza sessuale o il drago alato di Omraam Mikhaël Aïvanhov (Ed. Prosveta) Se imparassi a trasmutare il piacere fisico e l’attrazione fisica in gioia, esprimendo totalmente l’ultima anziché i primi ogni volta che è necessario, l’eccitamento non accadrebbe più senza che sia io a volerlo, l’energia ricevuta dall’esterno si consumerebbe direttamente nel corpo emotivo: ad un’ottava più elevata. Dopodiché, allora, diverrei capace di scegliere quando eccitarmi e quando no. Aggiungendo poi lentamente alla gioia, che senza che io faccia niente già mi ritrovo a provare, anche l’amore: la percezione di potermi innamorare di colui che me l’ha suscitata, la meraviglia e l’ammirazione, ecco che avrei tutti gli ingredienti per poter affermare di aver toccato per un istante il Regno dei Cieli: gioia + amore = beatitudine.

Il lato più luminoso dell’Amore

Focalizzarsi sull’Amore • Essere omosessuali non dovrebbe compromettere la possibilità di vivere una relazione di coppia convenzionale con un altro uomo.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 130


• L’amore dovrebbe essere aspirazione di un omosessuale tanto quanto può negli eterosessuali. • Un omosessuale dovrebbe esercitare il proprio diritto/dovere di ricercare il Vero Amore quanto un eterosessuale. • La capacità di percepire amore degli omosessuali dovrebbe essere riconosciuta sia dagli omosessuali, sia dagli eterosessuali ed essere intesa come reale causa dell’attrazione fisica. • In quanto espressione del divino, l’Amore non è concesso esclusivamente agli eterosessuali. • L’omosessualità può produrre tanto Amore quanto può produrne l’eterosessualità. • Quando si è attratti da una persona del sesso opposto non si crede che con questa si potrà vivere solo appagamento sessuale ma è abitudine riconoscere l’eventualità di una relazione a tutti gli effetti. Tale abitudine dovrebbe essere concepita anche dagli omosessuali. • La comunità gay (movimento LGBT) vede le relazioni come necessarie al conseguimento di migliori rapporti sessuali. Una concezione sana vede i rapporti sessuali come necessari al conseguimento di migliori relazioni. (cit. The Scriptures Don’t Condemn Homosexuality) • Limitarsi alla ricerca del piacere è accontentarsi, ricercare l’Amore è volere di più. • Ho bisogno di provare piacere fintanto che sono privato della possibilità di provare Amore. • Puntare all’Amore mi consente di vivere il percorso che mi condurrà ad esso. • L’Amore offre piacere fisico come effetto collaterale, il piacere fisico si estingue in se stesso. • Amate i difetti che vi definiscono ma siate pronti a lasciarli andare qualora si presentasse l’occasione. Esistono già le altre metà perfette che si incastrano perfettamente con me, serve solo avere l’intenzione di entrare in relazione con una di loro. In questo modo, anziché incontrarci per principi di attrazione più bassi come l’attrazione fisica, potremo incontrarci per il più alto principio di volerci innamorare. Se anziché focalizzarmi sul Vero Amore continuo a focalizzarmi sull’incontrare solo qualcuno che mi ecciti sessualmente, inizierò ad attrarre le persone secondo questo principio e non riuscirò a mettere in atto la serie di eventi che devo vivere preventivamente per permettere ad altri, compatibili a livello di Anima, di incontrarmi. Ma se iniziassi a focalizzarmi sull’Amore, per la legge di Risonanza non posso che entrare in relazione, prima o poi, con qualcuno focalizzato sull’Amore, e ciò mi renderebbe realmente felice. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 131


È bene sapere che rituali neri a volte attuati addirittura in pubblico: sotto le mentite spoglie di spettacoli teatrali di nicchia dai temi controversi, vengono compiuti per impedire, maledire, distruggere e disperdere il Vero Amore (oltre che per altri disgustosi scopi). È quantomai doveroso lottare per realizzare la Sua manifestazione sulla Terra. Si comincia non perdendo mai la speranza, non modificando mai quest’obiettivo, creando esteriormente ed interiormente le condizioni per cui possa concretizzarsi nella vita di ognuno di noi. Chi è l’amante a livello elevato Uno rappresenta le qualità carenti nell’altro, nell’intento di perfezionarsi a vicenda. L’amante vero desidera che l’altro abbia successo, lo rispetta, lo lascia libero, lo sostiene, gli offre comprensione, ascolto, connessione, ammira le sue qualità, i suoi talenti… Ama l’altro per la particolare tipologia di luce che emana da lui, per lo stupore che si genera dal vedere il modo che quell’anima ha di manifestare se stessa nel mondo, di incarnare il principio ideale che rappresenta, e per la gioia che deriva dal poter essere partecipi di questo, per la quale ringrazia ogni giorno. Ama l’altro per ciò che è, e la bellezza del suo essere provoca in lui l’emergere dell’Amore, istituendo un circolo virtuoso. Insieme decidono di perseguire un obiettivo comune che li fortifica entrambi e permette loro di fondersi in un unico essere. La loro relazione può essere caratterizzata da amore, passione, affetto, devozione, gioco, complicità, senso di reciproca appartenenza… Cito alcune parole di Omraam Mikhaël Aïvanhov valide anche per gli omosessuali: [https://tinyurl.com/essenza-solare-energiasessuale] Che cosa cerca un uomo in una donna? Certo, quando lo si osserva agire, sembra non cercare altro che forme molto materiali, “ben in carne”, come si suol dire. Ma perché non è mai veramente soddisfatto? Perché ignora che ciò che sta cercando, in realtà non è quel tipo di materia, ma un’altra, fine e sottile, che la donna è l’unica a possedere, e di cui egli ha bisogno. Purtroppo il poveretto non riesce a trovarne molta, in quanto egli stesso non sa bene cosa stia cercando nella donna, e dato che la donna non ha la consapevolezza di possedere quella quintessenza così preziosa, non fa nulla per elaborarla e offrirla a lui. Quanto alla donna, ciò che ella cerca nell’uomo è la forza, la forza di uno spirito superiore. Ma ciò che più

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 132


sovente trova è la forza bruta, la violenza, oppure la debolezza. Nessuno dei due è in grado di fornire all’altro ciò di cui ha bisogno, ed è per questo motivo che rimangono insoddisfatti. Sì, attraverso i loro abbracci e i loro amplessi, uomini e donne non cercano che una cosa: la quintessenza più pura della Madre Divina e la forza più pura del Padre Celeste. (…) Molte donne preferirebbero essere stimolate e ispirate da una forza di natura più spirituale che fisica, ma poiché pochissimi uomini sulla terra sono abbastanza coscienti, illuminati e padroni di sé per ispirarle nei piani superiori, esse sono obbligate ad accontentarsi di ciò che viene loro offerto. L’uomo feconda la donna esattamente come il sole fertilizza la terra, ma ora è venuto il momento che egli impari a dare dei semi nel piano spirituale, affinché la donna possa mettere al mondo dei figli divini nella sua anima e nel suo cuore. È giunto il momento di cominciare a comprendere l’amore nel suo stato di purezza ideale. [Fine estratto] Citando “Il Potere dell’Amore” di Charles-Rafaël Payeur, i due fidanzati costituiscono la prima cellula d’Amore che serve per inglobare all’interno di tale stato di coscienza anche il resto della realtà.

Matrimonio e diritti

Il matrimonio ha da sempre costituito l’unione di un uomo e di una donna. Del principio sacro maschile e del principio sacro femminile, manifestati nella materia attraverso i due innamorati. Questo è anche il significato attribuito al termine stesso che, per giunta, etimologicamente vorrebbe dire “dovere di madre”: matris+munus. Celebrare un matrimonio omosessuale, dunque, non è tecnicamente possibile perché gli uomini, in quanto tali, incarnano tutti l’Energia Maschile, al di là delle qualità femminili che possono caratterizzarne la personalità. Includere le unioni omosessuali all’interno del significato del termine matrimonio, quindi, è uno snaturamento linguistico. Si vorrebbe chiamare “torta di mele”

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 133


anche una torta alla carota solo perché “tanto è sempre una torta e non bisogna discriminare le carote che pure vogliono finire nelle torte!” Invece, andrebbe creata una cerimonia ad hoc per gli omosessuali: unire due uomini vuol dire attestare un legame indissolubile fra due energie maschili; unire due donne un legame indissolubile fra due energie femminili; dunque è evidentemente diverso dall’unione di un uomo ed una donna. La qualità stessa di tale unione è diversa, così la sfumatura d’Amore emanata dalla coppia che la sancisce. Affermando questo si sta semplicemente riconoscendo e rispettando l’esistenza di una diversità. Chiamare matrimonio l’unione omosessuale non è rispettoso di questa diversità. Gli omosessuali meritano una cerimonia di unione che sia diversa e che si chiami in maniera diversa da quella degli eterosessuali: che sia capace di Significare l’unione nell’Amore permanente in questa vita, e non solo, di due uomini o due donne, la quale sarà rispettata e riconosciuta tanto quanto quella degli eterosessuali. Gli omosessuali stessi dovrebbero desiderare il riconoscimento della loro diversità. Per quanto riguarda le richieste da rivolgere al governo, qualsiasi atteggiamento di affronto che abbia l’intento di punire all’esterno per i diritti “che per tutto questo tempo ancora non ci sono stati riconosciuti!” è totalmente improduttivo nei confronti di ciò che invece pacificamente, seppur in maniera perseverante, può essere fatto per ottenere un trattamento pari a quello delle coppie eterosessuali laddove ancora non è presente. In ogni caso, però, lo Stato non dovrebbe singolarmente sopperire ad una necessità che riguarda il piano spirituale ed animico. Serve che un Atto Magico come il matrimonio venga istituito anche per gli omosessuali. Lo Stato resterebbe solo in dovere di occuparsi delle conseguenze che gli succederebbero sul piano fisico, non diversamente da quanto già fa nel caso degli eterosessuali che decidono di unirsi in matrimonio con una cerimonia sacra. Propongo un’estratto dell’articolo “Sull’omosessualità” di Salvatore Brizzi: [www.salvatorebrizzi.com/2016/01/sullomosessualita.html] (…) La diversità va ammessa e accettata, non estinta lottando – all’esterno di sé – per conquistare gli stessi diritti degli altri. Volersi sposare e voler allevare dei figli rientrano nell’ambito delle reazioni messe in atto per non sentire in maniera troppo bruciante la

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 134


propria diversità. Non sto dicendo che un omosessuale non deve lottare per i propri diritti, ma solo che deve prendere atto del fatto che gli ostacoli che trova quando si muove in questa direzione, sono prima di tutto ostacoli interiori, non esteriori. Il primo omofobo è l’omosessuale stesso, che non riesce a sostenere il peso della sua diversità e proietta sugli altri la sua stessa omofobia. E il mondo gli risponde di conseguenza con l’omofobia. Nel maggio 2015 l’Irlanda ha introdotto il matrimonio fra persone dello stesso sesso nella Costituzione. Questo risultato è stato salutato come una conquista di libertà individuale. Anche in Italia ci sono state manifestazioni di euforia diffusa, come a indicare che noi siamo culturalmente più arretrati di loro e che anche il nostro popolo non vede l’ora di fare altrettanto. In quei giorni chi non era d’accordo, chi percepiva questa cosa come una forzatura, anziché un passo avanti, è dovuto rimanere in silenzio per non rischiare il linciaggio! In realtà pretendere di chiamare “matrimonio” l’unione fra due uomini o due donne è una violenza bella e buona fatta alla società intera. Il matrimonio ha una sua definizione e una sua ragion d’essere, per cui se vogliamo ufficializzare l’unione fra gay, io sono d’accordo, ma dobbiamo trovare un altro nome per questo atto e NON ANDARE A MODIFICARE IL SIGNIFICATO DEL TERMINE GIÀ ESISTENTE. Questa è una differenza importate di cui nessuno si è accorto. Non stiamo trovando un termine nuovo per definire due uomini o due donne che decidono di andare a vivere insieme e vogliono accedere agli stessi diritti delle altre coppie, ma stiamo modificando la definizione stessa del termine matrimonio. Questa è una deviazione pericolosa. I miei figli cresceranno con l’idea – sbagliata – che matrimonio significhi “due persone di qualunque sesso che decidono di vivere insieme”. Ma il matrimonio non è questo, è l’unione di un uomo (energia maschile… bacchetta…) e una donna (energia femminile… coppa…) allo scopo di procreare. Non solo il matrimonio fra gay, ma lo stesso matrimonio civile è già una deviazione rispetto all’autentico matrimonio, non solo religioso (di qualunque religione) ma di ogni genere di matrimonio sciamanico o tribale che sia, tutti rituali che non prevedono l’unione di due uomini o due donne. Ma d’altronde quelle erano società di guerrieri… Non mi sto in alcun senso schierando contro l’omosessualità in sé, faccio solo notare che stanno avvenendo cambiamenti collettivi nell’idea di famiglia e nei comportamenti sessuali,

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 135


che modificano il dna culturale dei popoli nella maggior parte delle nazioni occidentali. In realtà una minoranza influente e ricca che controlla gli organismi internazionali, ed è in grado di dettare le agende sociali e culturali, starebbe in maniera premeditata mettendo in crisi la famiglia eterosessuale, fondata sul matrimonio e operante in maniera ben precisa sul piano energetico. Ufficializzare sia le convivenze eterosessuali che le unioni gay sono azioni che fanno parte di questo piano di disgregazione energetica e quindi sociale. La coppia sacralizzata nel matrimonio costituisce il NUCLEO ENERGETICO FONDAMENTALE DELL’INTERO IMPIANTO SOCIALE in quanto è nell’ambito di questa unione che avviene un’unione magica che rende più forte l’intera struttura. Il matrimonio dall’epoca tribale a oggi, in ogni cultura, senza eccezione, ha sempre costituito un atto magico, sacro e ritenuto indispensabile alla sopravvivenza della comunità. Quello della procreazione è solo uno degli aspetti da considerare, forse addirittura meno importante rispetto alla fusione magica fra maschile e femminile, la quale tiene in piedi l’intero corpo sociale. I miei figli penseranno di poter scegliere se limitarsi a convivere o sposarsi (tanto i diritti sono gli stessi), se sposarsi in chiesa con un atto magico oppure farlo in Comune, in modo da poter divorziare senza problemi (tanto i diritti sono gli stessi) e, soprattutto, potranno scegliere se unirsi a qualcuno di sesso diverso oppure del loro stesso sesso (tanto i diritti sono gli stessi). Questa si chiama disgregazione sociale, un fenomeno pianificato dall’alto affinché l’uomo medio-cre lo scambi per “maggiore libertà”. E l’uomo medio-cre reagisce con euforia ogni volta che si scende di un gradino verso la decomposizione della struttura sociale. Questo fenomeno sta avendo e avrà sempre di più conseguenze pericolose sul piano energetico e porterà a disastri sul piano sociale. Un esempio viene riportato in un altro mio post (Sull’immigrazione), dove cito un articolo di Maurizio Blondet sugli eventi della notte di capodanno a Colonia. Per finire, un’esortazione agli omosessuali: siate dignitosi, sempre. Siate fieri della vostra diversità e non tentate di mascherarla [Fine estratto]

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 136


Bambini

In una coppia convenzionale c’è sempre un partner che incarna l’energia maschile ed uno la femminile. Questo garantisce una completezza e compattezza energetica che la coppia omosessuale non può offrire, perché entrambi incarnano l’energia maschile, seppure con gradi di virilità che in quanto differenti permettono la creazione di polarità fra i due. Questo non mina la possibilità di svolgere un’Operazione Alchemica a Due Vasi, eppure la configurazione della coppia manca completamente dell’aspetto energetico femminile. È in questo senso che la si considera non adatta all’allevamento di bambini. I bambini hanno il diritto ed il bisogno di conoscere entrambe le energie, perché la loro compresenza è di fondamentale importanza per il loro sano sviluppo energetico. La maggiore presenza di qualità femminili in uno dei due partner non può compensare questa realtà di natura sottile. Affidare un bambino ad una coppia omosessuale vuol dire che non avrà la possibilità di interagire abbastanza a lungo con l’energia femminile durante la delicata fase della crescita. Si ha il doppio degli stimoli necessari da una parte, ed una totale mancanza di stimoli dall’altra. Non è difficile comprendere come questo non sia uno scenario equilibrato. Le differenze fra energia maschile e femminile in un uomo ed in una donna non rimangono dei concetti astratti ma hanno a che fare anche, fra le altre cose, con la conformazione fisiologica. Il corpo di una donna non è come quello di un uomo. Già solo questo dovrebbe essere sufficiente a chiarire perché una qualsiasi anima che si incarna in un corpo umano ha bisogno di essere in stretta relazione con entrambe le tipologie di umani per avere una formazione completa – anche solo a livello inconscio – di come l’essere umano può essere. Dal solo stare a contatto con un corpo più sinuoso, tondeggiante, morbido, con meno peli… e contemporaneamente con uno più duro, lineare, asciutto, peloso… il bambino comprende due modi di essere che per analogia inconsapevolmente vengono riflessi automaticamente anche sul piano emotivo e mentale. Dal solo stare a contatto! Se si aggiungono due modi fisiologicamente differenti di gestire le emozioni, i pensieri, od anche solo il modo di formularli e i modi di fare, diventa chiaro come essere in contemporanea e prolungata interazione con entrambi sia indispensabile per garantire uno sviluppo sano al bambino. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 137


Nel genitore che dovrebbe fare la veci dell’altro genere (assumendo che tale distinzione venga mantenuta) manca comunque tutta una serie di possibilità dell’essere che proprio a livello fisiologico non ha e non potrà mai avere. Oltre all’assenza di un completamente diverso principio energetico, quello femminile, che motiva differenze enormi in valori e priorità rispetto a quello maschile. Nel caso in cui la coppia non sia attenta a trasmettere tale distinzione, invece, si rischia di emanare le errate e pericolose idee che i genitori siano semplicemente come una coppia di amici ed intercambiabili fra di loro – del tutto inesatte dal punto di vista energetico – mentre è fondamentale lasciar intuire alla mente del bambino che padre e madre sono diversi e complementari e svolgono ruoli diversi e complementari, e sta in questo la loro necessità. Ciò che sanno fare una madre o un padre, ha a che vedere con l’uso genitoriale dell’energia femminile o maschile che posseggono e non può essere fatto in altro modo. Promuovere l’inutilità della famiglia eterogenea potrebbe portare nei casi peggiori a perdere del tutto la capacità di distinguere fra energia maschile e femminile… o fra i concetti di padre e di madre che si vorrebbe far diventare indifferenziati ed equivalenti al concetto neutro di genitore causando il fraintendimento di significati fondamentali e millenari alla base dell’idea di famiglia. Nonostante un bambino possa percepire una differenza fra i due papà e comprendere come alcuni comportamenti facciano parte dell’aspetto femminile ed altri del maschile, qualora siano agiti; a lungo andare, nella sua vita, il modo di rapportarsi con l’altro sesso sarà comunque condizionato dal non aver ricevuto un autentico amore materno dalla sua vera madre. Altre donne che possono essere comunque state molto vicine alla famiglia non cambieranno questo fatto, a livello profondo verranno comunque percepite come esterne. La madre rimarrà una figura mancante. Come possiamo prevedere cosa questo potrà provocare nel bambino una volta adulto, quando dovrà confrontarsi per conto suo con l’altro sesso? Stiamo intenzionalmente creando problemi di abbandono. Per tale intenzionalità questa situazione non è paragonabile ai casi in cui si viene abbandonati in altro modo. Davvero vogliamo farci carico di questa responsabilità solo per avere un bambino nostro a tutti i costi? ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 138


Si potrebbe obiettare che figli di padri e madri rimasti vedovi dovrebbero avere tutti dei problemi enormi, eppure non è così. In situazioni simili, però, è la vita ad agire, i genitori non hanno lo stesso grado di responsabilità: non lo hanno scelto consapevolmente. La vita, quindi, si riequilibra di conseguenza. Ma quando è una coppia omosessuale a scegliere di voler adottare un bambino, lì quel grado di responsabilità c’è, ed una volta che si considera ciò che implicano le differenze fisiologiche fra uomo e donna – comprese le declinazioni nell’emotivo e nel mentale – e quelle energetico-spirituali, è necessario riconoscere che una scelta del genere va in realtà contro gli interessi del bambino e servirebbe allora indagare qual è il motivo psicologico che porta una coppia omosessuale ad avere questo genere di esigenza. Se non c’è desiderio di “usare” i figli per nascondere meglio a se stessi ed alla società la propria diversità, in quanto interiormente ancora non riconosciuta ed accettata; se c’è una semplice predisposizione ad amare i bambini e volerli aiutare nel loro sviluppo, allora si può comunque insegnare, lavorare nell’ambiente dell’animazione, fare babysitting… In questo modo, quando davvero si nutre uno spontaneo puro amore verso di loro e non c’è invece una componente di necessità personale altra da questo, è comunque possibile stare a contatto con i bambini e si potrà essere davvero utili, senza intaccare l’interazione con entrambi i generi che solo la coppia tradizionale può garantire. Ritengo importante conoscere la testimonianza di Millie Fontana, una ragazza eterosessuale cresciuta da una coppia lesbica che ha tenuto un discorso al Convegno “The cost of equality” nell’agosto 2015. [https://youtu.be/tgE3juldK-4] L’altro lato dell’arcobaleno – la storia di Millie Fontana Mi chiamo Millie Fontana, ho 23 anni e sono figlia di due lesbiche, concepita tramite un donatore. Sono qui con il supporto di tutti e tre i miei genitori. Questa è una testimonianza che, di sicuro, è inaudita perché nessuno vuole sentir parlare dell’altro lato dell’arcobaleno, il lato non adatto per crescere dei bambini felici, perché crescono con l’idea sbagliata di come una struttura familiare dovrebbe essere. Crescendo, volevo un padre… Sentivo dentro di me che mi mancava un padre prima ancora che potessi concepire quello che significava un padre. Sapevo che amavo entrambe le mie mamme, ma non riuscivo a capire quello che mancava dentro di me. Quando ho affrontato la

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 139


scuola ho iniziato a realizzare, attraverso l’osservazione di altri bambini e dei loro legami d’amore con i loro padri, che mi stavo perdendo qualcosa di speciale. Mi è stato mentito durante tutta la scuola; mi è stato detto che non avevo un padre… è stato molto difficile per me affermare un’identità stabile per questo. E la mia stabilità comportamentale ed emotiva ha sofferto molto a causa di questo. Sono cresciuta atea e senza alcuna affiliazione religiosa… ma supporto i cristiani perché finora, in questo dibattito, i cristiani sono gli unici che si pongono la questione e seguono i loro figli. I cristiani sono gli unici che cercano di accendere i riflettori sulle storie come la mia. Nessuno nella lobby LGBT vuole ascoltare qualcuno come me perché “Love is love” giusto? Noi non esistiamo per loro. Crescendo mi guardavo allo specchio e pensavo: “Da dove ho preso questi occhi verdi? Da dove ho preso un certo aspetto della mia personalità o certi talenti che nessuno nella mia famiglia ha?” La risposta è semplicemente “Mio padre!” Ma in realtà non è soltanto il padre o il donatore (come a loro piace chiamarlo), ma: “ho una zia, uno zio, una nonna e tanti cugini!”. Sono tutte cose che fanno parte di me. Chi erano i miei genitori per decidere quali parti di me è accettabile che conosca e quali no? Ho conosciuto mio padre quando avevo 11 anni ed è stata probabilmente la prima volta nella mia vita in cui mi sono sentita una bambina stabile. L’ho guardato negli occhi e ho pensato: “questa è la mia parte mancante”, non perché avessi fantasticato sull’avere un padre, ma perché ho potuto dare un volto a chi ero io, potuto guardare chi è egualmente responsabile della mia esistenza, ho potuto affermare la mia identità basata su questo uomo. Voglio parlare di reale “uguaglianza”. Sento parlare di “uguaglianza” dalla lobby LGBT ma mi chiedo quale sia la loro definizione di uguaglianza perché, per me, uguaglianza significa dire la verità, significa essere rispettati per quello che si è per intero e non solo secondo ciò che i genitori decidono che tu debba sapere. Uguaglianza è guardare entrambi i lati della mia famiglia genetica e capire chi sono veramente. Uguaglianza non vuol dire che, siccome alcuni studi su famiglie gay e sui loro figli dimostrerebbero un esito positivo, questo debba valere per tutti, è del tutto irrealistico. ¶

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 140


Ho sentito questa menzogna nella lobby LGBT: ai bambini non importa chi è la loro famiglia, uomini e donne sono intercambiabili. Considero questo di per sé una forma di discriminazione di genere. Uomini e donne offrono ruoli complementari nell’allevare il bambino e dovrebbero essere rispettati con “uguaglianza”. È buffo il modo in cui la lobby gay parla di omofobia. Ho racconti di amici gay che mi spiegano che altri gay li chiamano omofobi perché preferiscono che i bambini crescano con un padre e una madre: è totalmente ridicolo! Ero omofoba quando mi guardavo allo specchio e mi chiedevo dove fosse mio padre? Quando supplicavo i miei genitori di dirmi chi fossi? Assolutamente no! Io amo i miei tre genitori con “uguaglianza”. L’omofobia, in realtà, è semplicemente un’avversione per un certo comportamento. Sono profondamente in disaccordo nell’equiparare omofobia e razzismo. Mi sento offesa dall’idea che io sia considerata razzista per aver parlato di queste cose. Perché il governo sta cercando di spingere un’agenda che non è basata sull’onestà? Perché in realtà in ogni relazione tra persone dello stesso sesso ci vuole una terza persona per “produrre” un bambino. Perché come società dovremmo ignorare questa verità? Io non sono qui grazie a due donne, ma tre persone hanno fatto la scelta di farmi venire al mondo. La scienza viene sostituita dai desideri di alcuni adulti. In Canada sul certificato di nascita c’è scritto “genitori legali” non più genitori biologici. Il certificato di nascita sta cambiando da documento della storia del bambino a documento di intenti degli adulti. Sono gli adulti che decidono: io mi prendo cura di questo bambino. Ma quali informazioni questo documento fornisce al bambino? Non è realistico. Nessuno fa un certificato sulle intenzioni. Mia madre mi ha fatto una domanda: cosa sarebbe successo se io e la mia partner potevamo sposarci? Se avessimo potuto avere quell’ambiente familiare stabile come tutti gli altri? Ho risposto con un’altra domanda: che tipo di terapia mi avrebbero somministrato gli psicologi per i miei comportamenti dovuti alla mancanza di un padre se l’assenza del padre fosse stata considerata una forma di discriminazione? Nessuna risposta. La cosa divertente è che Obama ha detto che adesso tutti gli altri paesi si dovranno evolvere, ma da quello che ricordo, l’evoluzione è durata un po’ più di un decennio ed anche che ha coinvolto tutti. L’evoluzione non è stata fatta con un’agenda politica che sta silenziando anche una parte della comunità LGBT. Sono una piccola minoranza estremista che sta spingendo, da quello che mi sembra,

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 141


all’estinzione del genere in se stesso. Io non vedo “gender equality” io vedo l’intenzione di sbarazzarsi del genere umano per intero. Finché noi come società non intavoliamo una discussione che includa i bambini come me per i quali non va bene che i genitori decidano quali sono le parti (di vita) che sono accettabili da rivelare al bambino, finché questa discussione esclude tutti quelli che sono stati allevati senza padre o senza madre, finché questa discussione zittisce svergognandoli i bambini che sono sulle mie posizioni, non dovremmo spingere il matrimonio a questa evoluzione perché l’evoluzione va per gradi e non ho intenzione di venire zittita da persone che devono dire a me come è accettabile che io mi senta, che sono una brutta persona perché volevo un padre, che forse non amavo abbastanza le mie madri se volevo un padre. Grazie per il sostegno a questa causa, perché tutti meritano avere voce e non lascerò che si incuta vergogna ai cristiani o a qualunque persona di fede solo perché si mobilita per i bambini... è ridicolo! [Traduzione di Paolo Ultimo] Gli omosessuali non hanno i bambini nella loro Missione di vita perché hanno altri figli che sono chiamati a far incarnare sulla Terra, figli di cui gli altri non possono occuparsi con la stessa esclusività e che però qualcuno ha comunque il dovere di aiutare a far manifestare: primo fra tutti il Perfezionamento dell’Amore di Coppia, e poi la creazione di forme-pensiero, di entità astrali, di opere d’arte, il perseguimento di un percorso magico-alchemico e spirituale… La loro creatività esiste ma la natura li ha già predisposti per indirizzarla verso il compimento di altre Opere. La loro capacità di formare famiglie si esplica nella creazione di famiglie con un numero di componenti che la famiglia tradizionale non può raggiungere: hanno la possibilità di fondare e gestire gruppi e comunità. Sono liberi da alcune responsabilità sul piano privato perché abbiano la possibilità di farsi carico di altre che spesso riguardano il bene della collettività tutta. Un omosessuale che si rispetti non dovrebbe rifiutare la particolare declinazione di grazia di cui la sua diversità lo investe nel tentativo di accaparrarsi la già ampiamente distribuita declinazione di grazia donata agli eterosessuali. Nella misura in cui gli eterosessuali possono alcune cose che gli omosessuali non possono, anche gli omosessuali possono alcune cose che gli eterosessuali non possono. Questo un omosessuale deve sempre ricordarlo, così da potersi impegnare nello scoprire di cosa si tratta.

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 142


Epilogo

Siete da sempre creativi, solari, intelligenti, empatici, romantici, ricercatori di bellezza… Non lasciatevi rendere ottusi dalle difficoltà di chi fa fatica ad intuire il profondo amore che anche voi provate e che vi scuote nell’intimo. In quanto promulgatori della legittimità dell’Amore – occupazione di cui è doveroso essere sempre fieri – siate voi stessi persone amorevoli. Con gli altri e con voi stessi. Abbiate come valori la dignità ed il coraggio, e come propulsione interiore l’essere sempre migliori affinché possiate diventare sempre più efficienti e capaci nel rendere anche quelli intorno a voi persone migliori e che vi rispettano. Ai movimenti LGBT: avete per decenni strumentalizzato un pregiudizio secolare per indirizzare gli omosessuali verso i vostri fini, rendendoli schiavi di pratiche sessuali dannose, lasciando che si ammalassero sotto i vostri occhi ed incitandoli nonostante questo a continuare con tali pratiche. Dovevate essere quelli che li avrebbero redenti, e invece siete stati quelli che hanno creduto di poter fare un bell’affare con gli emarginati dalla società. Oltre a ciò, il pensiero secondo cui un maschio possa credersi assimilabile ad una donna nonostante sia maschio sta conducendo molti ad una confusione su saperi profondi su cui prima era impensabile dubitare, creando danni alla psiche nei suoi schemi più basilari. Ma il corpo non mente, e per quanto si possa ripetere che la neve è grigio scuro, ci sarà sempre qualcuno che continuerà a rendersi conto delle palesi falsità.

Bibliografia

• Unisex di Erica Perucchietti e Gianluca Marletta, Arianna Editrice, 2015 • La Sacra Sessualità di Salvatore Brizzi, Antipodi Edizioni, 2017 • Il Potere dell’Amore di Charles-Rafaël Payeur, Edizioni L’Età dell’Acquario, 2002 • La Porta del Mago di Salvatore Brizzi, Anima Edizioni, 2007

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 143


• La Via della Ricchezza di Salvatore Brizzi, Anima Edizioni, 2017 • La forza sessuale o il drago alato di Omraam Mikhaël Aïvanhov, Edizioni Prosveta, 2002

Filmografia

• 1984, 1984 • The Giver - Il mondo di Jonas, 2014 • Equals, 2016 • Hunger Games, 2012-2015 • Non sono un uomo facile, 2018 • L’alienista, 2018, serie TV • Alex Strangelove, 2018 • Shadowhunters: The Mortal Instruments, 2016 –, serie TV • Idiocracy, 2006 • Sex Education, 2019 –, serie TV

Sitografia

• Natural Masculinity Vs. Cultural Masculinity 
 http://scripturehomosexuality.tumblr.com/post/170308026425/natural-masculinity-vscultural-masculinity • Philosophy of sex
 https://en.wikipedia.org/wiki/Philosophy_of_sex • GENDER: TUTTA LA VERITÀ – La Dr.ssa Elisabetta Frezza svela i retroscena (video)
 https://youtu.be/Fu-K4sj1cho

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 144


• The Health Risks of Gay Sex
 https://www.catholiceducation.org/en/marriage-and-family/sexuality/the-health-risks-ofgay-sex.html • Are the g0ys and Man2Man Alliance Really Homophobic? 
 http://scripturehomosexuality.tumblr.com/post/174605583840/are-the-g0ys-andman2man-alliance-really • From Women To Men (video)
 https://youtu.be/ibnVRAMlXno • Porno-dipendenza
 http://www.salvatorebrizzi.com/2018/11/porno-dipendenza.html • Omraam Mikhael Aivanhov: SULL’ESSENZA SOLARE DELL’ENERGIA SESSUALE
 http://camminanelsole.com/omraam-mikhael-aivanhov-sullessenza-solare-dellenergiasessuale-da-leggere-e-riflettere/ • Sull’omosessualità
 www.salvatorebrizzi.com/2016/01/sullomosessualita.html • The other side of the rainbow - Millie Fontanas story (video)
 https://youtu.be/tgE3juldK-4

Note sull’Autore

Lorenzo Vecchiotti nasce a Roma nel 1996. Frequenta il liceo scientifico e successivamente comincia alcuni studi di grafica digitale che abbandonerà presto. È omosessuale. Vive esperienze forti durante l’adolescenza che lo costringono ad un conflitto interiore tra fede e rispetto di sé. Per uscirne comincia ad interessarsi di spiritualità cercando e trovando un modo per poter far coesistere entrambi gli aspetti fra i quali si rifiuta di scegliere. Nel 2018 non accetta più che nessuno dica della legittimità dell’omosessualità argomentandola in maniera davvero credibile, così decide di scriverne un libro e metterlo a disposizione di tutti, omosessuali e non, per sciogliere i pregiudizi che ancora affliggono la questione. Nota alcune dinamiche comuni fra gli omosessuali e le espone rifacendosi ad alcuni principi del Lavoro su

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 145


di Sé – di cui è appassionato – in particolare all’introspezione psicologica che ne è alla base, per prospettare una modalità nuova e più sana di vivere l’amore omosessuale.

Descrizione del libro per la condivisione

L’omosessuale comune ha un problema con la sua diversità, soprattutto quando crede di non averlo. La nega, la ostenta, la nasconde, la odia… Il rapporto che ha con essa non è mai sano e questo porta ad un lungo elenco di comportamenti disfunzionali. Crede che la sua diversità sia sbagliata e vorrebbe farla rispettare nonostante questo. Ed è inevitabile che allora, dall’esterno, gli si continui a dire che è sbagliata e che per questo non può essere rispettata. L’omosessuale del futuro sa di essere diverso, e per lui questo non genera alcun tipo di fastidio. Non è soggetto a deviazioni psicologiche dannose. È consapevole di chi è, si sente libero di Amare e si prodiga ad aggiornare pacificamente le menti di quelli rimasti indietro per far sì che la sua verità venga presto compresa da tutti.

Immagine in copertina: Julie Dillon

© 2019

L’Omosessualità Sacra Lorenzo Vecchiotti 146

Profile for Lorenzo Vecchiotti

L'Omosessualità Sacra  

L’Omosessualità Sacra intende redimere l’omosessuale dal senso di giudizio ed emarginazione che lo caratterizzano facendogli ripercorrere le...

L'Omosessualità Sacra  

L’Omosessualità Sacra intende redimere l’omosessuale dal senso di giudizio ed emarginazione che lo caratterizzano facendogli ripercorrere le...

Advertisement