Page 76

della Sala Operativa della Questura... Il ragazzo così, conversando con un suo amico, spiegava chiaramente i suoi intenti, ovvero nascondere nel suo garage le tre ruote, poi aspettare la polizia per denunciare il furto, con lo scopo di ottenere il risarcimento dall’assicurazione. All’arrivo degli agenti del Commissariato Prenestino, diretto da Fabrizio Calzoni, il giovane seguendo il suo piano ha recitato alla perfezione la commedia, raccontando di aver sentito l’allarme, e una volta sceso in strada di aver trovato la macchina priva di tre ruote. Non sapeva però che i poliziotti intervenuti erano a conoscenza del suo disegno criminoso. Invitato infatti in Commissariato per formalizzare la denuncia, l’uomo è stato così formalmente incriminato. Una volta scoperto, ha confessato agli agenti il suo vero intento. All’interno del suo garage sono state trovate le tre ruote mancanti. Per lui è scattata la denuncia in stato di libertà.

Il calendario non si tocca... È uno dei classici delle truffe ai danni delle assicurazioni: spostare la data del furto. Un espediente però pericoloso e goffo che viene quasi sempre scoperto. Il caso di un automobilista bolognese è emblematico: per intascare un risarcimento aveva spostato in avanti di oltre un mese la data del furto dei pneumatici della sua macchina, tentando così di truffare la propria assicurazione. L’espediente però è stato scoperto e ha fatto finire nei guai un quarantottenne di Ozzano Emilia, nel bolognese, denunciato dai carabinieri per truffa e simulazione di reato. Con lui è stato denunciato anche un rivenditore di gomme, un bolognese di 39 anni, per favoreggiamento. La vicenda smascherata dai militari risale al 30 aprile 2011 scorso, quando l’automobilista aveva denunciato ai carabinieri il furto, avvenuto a suo dire nella notte, di pneumatici e cerchi dalla 73

Il libro nero della Rc Auto  

di Vincenzo Borogomeo

Il libro nero della Rc Auto  

di Vincenzo Borogomeo

Advertisement