Page 145

ogni caso prima della trascrizione al PRA dell’atto di vendita di un’auto usata e costituisca una condizione essenziale per il passaggio di proprietà o per l’immatricolazione di un’auto nuova. In questo modo si limiterebbe il rischio di veder circolare vetture sprovviste di copertura assicurativa come accade oggi; • Eliminare la norma del decreto Bersani secondo la quale il nuovo assicurato ha diritto alla migliore classe di merito esistente nella sua famiglia; • Emanare una tabella unica a livello nazionale per il risarcimento dei danni alla persona e dei “danni morte” portandola a livello dei maggiori paesi europei.

Un aiuto da chi ripara le strade Nella lotta alle truffe una mano, anzi una grande mano, potrebbe arrivare proprio dalle società che ripristinano le strade dopo gli incidenti stradali. Sembra una cosa da poco ma queste aziende fanno un lavoro enorme; basti pensare che ogni anno in Italia per i sinistri finiscono sull’asfalto oltre 8 milioni di litri di liquidi inquinanti, oli motore, carburanti, e 200 tonnellate di residui solidi, vetro e plastica. Ecco, da tutto questo lavoro potrebbe arrivare una inaspettata possibilità di fare prevenzione perché le macchine di queste società, arrivando immediatamente (anche con moto super attrezzate) sul luogo dell’incidente potrebbero diventare presto un elemento importantissimo per il contrasto alle frodi alle assicurazioni con gli incidenti truffa. Quello che si sta progettando, infatti, parte dal tentativo di obbligare gli assicurati a chiamare la loro compagnia per segnalare all’istante l’incidente e in 15 minuti potrebbero essere sul posto le ditte di ripristino stradale, che con sistemi pressoché istantanei di rilevamento della zona, dei danni ai veicoli e alla strada renderebbero di fatto impossibili le truffe. 142

Il libro nero della Rc Auto  

di Vincenzo Borogomeo

Il libro nero della Rc Auto  

di Vincenzo Borogomeo

Advertisement