Nido Orso Biondo - Mi guardo intorno e scopro

Page 1

Nido d’Infanzia Orso Biondo Sezione Medi A.S. 2018/2019

MI GUARDO INTORNO E SCOPRO

quotidianità al nido tra il dentro e il fuori


E C

Premessa

Le Foglie

La Terra

Tracce Naturali

Semina

La Pioggia

I Sassi

I

N

D

I


“Vogliamo avere anche un’attenzione particolare all’educazione “naturale”, a proporre cioè alle bambine e ai bambini l’esperienza dei ritmi e dell’imprevedibilità di una natura in cui la terra, le stagioni, le condizioni atmosferiche offrono opportunità di gioco e scoperta sempre nuove e inattese”. Tratto dal Progetto Pedagogico Unione delle Terre d’Argine

Offrire ai bambini la possibilità di utilizzare i materiali naturali stimola l’apprendimento, la creatività, le relazioni e le emozioni. Sono i materiali destrutturati, che non hanno una funzione definita, ma hanno quella che il bambino gli attribuisce, in relazione alla sua esperienza e al suo sentire. Questi materiali si possono trovare in giardino, ogni giorno in posti diversi; li portano dentro come tesori preziosi, trovando nuovi utilizzi e condividendoli nella quotidianità.


E I L G O F E L

Fin da subito i bambini, attenti osservatori, sono stati attratti dalle foglie in giardino . L’esplorazioni hanno scaturito l’avvio di un percorso basato sulle scoperte, come luoghi privilegiati di apprendimenti.


Conosco il mondo non solo con le mani ma con tutto il corpo …


R

“… La passione nasce dalla terra stessa tra le mani infangate dei più piccoli, viaggia lungo maniche sporche di erba e arriva diritta al cuore” .

A R

Il bambino scopre l’importanza di manipolare questo elemento e grazie alle infinite possibilità che offre, si lascia trasportare dalle emozioni e disegnando senza colori, lascia tracce dei propri movimenti..

L

A

T

E

Tratto da “L’ultimo bambino nei boschi” di Richard Louv


Quante volte il bambino si sarà sentito dire:“Non stare seduto per terra!.. È sporco..la terra è sporca, non si tocca!”: il bambino deve invece avere l’opportunità di esprimersi, anche sporcandosi.


L A P I O G G I A

Non esiste buono o cattivo tempo … la pioggia è un opportunità e la pozzanghera un mondo da esplorare: un giorno c’è, il giorno dopo la troviamo rimpicciolita e poi scompare... Non c’è più la paura di bagnarsi, al contrario c’è la gioia di vivere quest’esperienza.