Issuu on Google+

 

#duemilapassi | Foggia | Palazzo di Città | giovedì 9 gennaio 2014 | PRIMO INCONTRO   Resoconto  del  primo  tavolo  di  lavoro    

Giovedì 9 gennaio 2014, presso la sala consiliare del Comune di Foggia, si è tenuto il primo tavolo di dialogo strutturato per una valutazione partecipata di differenti alternative di intervento per la moderazione del traffico nel Centro storico. L’incontro, svoltosi nell’arco della mattinata (10,30 - 13,15), ha registrato circa 25 partecipanti in rappresentanza di 16 principali attori e portatori di interesse dell’area foggiana e del Centro storico in particolare (vedi elenco allegato). Il tavolo di incontro è stato moderato da Carlo Carminucci di Isfort, coordinatore del Progetto MUSA. Per l’Amministrazione comunale, oltre al Dirigente dei Servizi Urbanistica, Ambiente e Pianificazione-Governance, Paolo Affatato, e allo staff tecnico, erano presenti gli Assessori Alfredo Ferrandino (Mobilità e Protezione civile), Augusto Marasco (Qualità e Assetto del Territorio), Giusy Albano (Sviluppo e Politiche giovanili) e Franco Arcuri (Polizia municipale e Sicurezza). Dopo le relazioni introduttive degli Assessori Ferrandino e Marasco sui percorsi di pianificazione e rigenerazione urbana promossi dall’Amministrazione, all’interno dei quali si incardina la partecipazione di Foggia al Progetto MUSA, Carlo Carminucci ha illustrato le finalità generali del Progetto MUSA e quindi gli scenari di intervento messi a punto dal Gruppo di lavoro IsfortAmministrazione comunale, descritti nel Documento preparatorio già inviato ai soggetti convocati. I partecipanti si sono quindi confrontati sullo schema di valutazione, sia gli obiettivi che le ipotesi di intervento, da sottoporre, ad indagine demoscopica e al secondo tavolo di lavoro - previsto per fine febbraio/inizio marzo -, al fine di costruire per entrambi (obiettivi e interventi) le graduatorie di preferenza. Rispetto agli obiettivi proposti, i partecipanti hanno concordato che le quattro dimensioni proposte (vivibilità, accessibilità, protezione e valorizzazione beni culturali, sviluppo attività commerciali e turistiche) rispecchiano le principali dimensioni da tenere in considerazione. I rappresentanti del commercio hanno sottolineato che lo sviluppo delle attività commerciali e turistiche è una conseguenza del raggiungimento degli obiettivi precedenti (accessibilità, vivibilità, valorizzazione dei beni culturali). Molti interventi hanno poi evidenziato la criticità rappresentata dalla diffusa microcriminalità nel Centro storico con gravi problemi per la sicurezza dei cittadini e per gli esercizi commerciali (molti sono stati costretti a chiudere anche per questa ragione). La rilevanza del tema, come “conditio sine qua non” per ogni intervento di miglioramento della vivibilità nel Centro storico, è stata condivisa da tutti i partecipanti e si è deciso pertanto di aggiungere allo schema iniziale un quinto obiettivo legato alla sicurezza urbana (vedi Tavola 1). Un’ulteriore importante e condivisa sottolineatura riguarda l’importanza di intervenire sul traffico nel Centro storico per proteggere il patrimonio artistico e architettonico che presenta seri problemi di staticità (vedi la chiusura della Chiesa di San Tommaso) ed è quindi estremamente vulnerabile a fronte delle sollecitazioni e delle vibrazioni del carico di flussi veicolari. Relativamente alle differenti ipotesi di intervento, i partecipanti hanno condiviso lo schema proposto, focalizzando le riflessioni soprattutto sulla necessità di arrivare a misure di forte moderazione del traffico o anche di pedonalizzazione integrale. Questo approccio è stato condiviso anche dai rappresentanti del commercio, i quali hanno tuttavia sottolineato con forza la necessità di predisporre le necessarie misure di accompagnamento già indicate nel documento, quali il potenziamento dei servizi di mobilità alternativa, revisione della sosta, sviluppo di iniziative culturali e sociali per rivitalizzare i quartieri e le vie del Centro ecc,. a cui si devono aggiungere le  

1  


#duemilapassi | Foggia | Palazzo di Città | giovedì 9 gennaio 2014 | PRIMO INCONTRO   Resoconto  del  primo  tavolo  di  lavoro    

priorità assolute rappresentate dalla sicurezza e dalla cura dell’arredo urbano. In sostanza, la chiusura del Centro storico al traffico, su cui i commercianti fondamentalmente concordano, deve essere il passo conclusivo di un progetto di riorganizzazione e rivitalizzazione dell’area e non un’azione a sé stante. Questa impostazione è stata sostanzialmente condivisa da tutti i partecipanti. È stato anche sottolineato che è necessario indicare tempi, risorse e responsabilità certi per la realizzazione del Progetto, poiché troppe esperienze del passato si sono fermate alla redazione (e magari condivisione partecipata) di un Progetto senza che poi fosse portato avanti. Alcuni partecipanti hanno poi chiesto di poter essere consultati e partecipare anche alla fase di progettazione esecutiva dell’ipotesi di intervento che alla fine della procedura sarà scelta. Alla luce di questa ricca discussione, si è deciso di semplificare lo schema delle ipotesi di intervento, eliminando l’ultima alternativa, ovvero quella più blanda di interventi minimali di moderazione del traffico (vedi Tabella 2). Allo stesso tempo si è deciso di impegnare l’Amministrazione ad accompagnare la realizzazione dell’intervento con una tempistica precisa sulla contestuale realizzazione delle imprescindibili misure di accompagnamento. Le indicazioni contenute nel Documento preliminare, a seguito della riunione del primo tavolo degli stakeholder, vengono quindi revisionate come segue. In allegato il Documento per la discussione aggiornato. Tav. 1 Gli obiettivi dell’intervento condivisi dal Primo tavolo degli stakeholder

 

Obiettivo

Descrizione

Miglioramento della vivibilità

L’intervento dovrebbe ridurre l’inquinamento atmosferico, acustico e gli incidenti, in particolare all’interno del Centro storico, dove dovrebbero anche aumentare gli spazi a disposizione per la socializzazione.

Miglioramento dell’accessibilità

L’intervento dovrebbe ridurre la congestione del traffico stradale e facilitare gli spostamenti col trasporto pubblico, in bicicletta e a piedi, in particolare gli spostamenti verso le aree centrali della città e all’interno di esse.

Protezione e valorizzazione dei beni culturali

L’intervento dovrebbe ridurre l’impatto negativo del traffico stradale sulla conservazione dei beni culturali, riducendo i rischi di staticità di un patrimonio molto vulnerabile (vedi chiusura della Chiesa di San Tommaso) e dovrebbe così favorire la loro fruizione.

Sviluppo delle attività commerciali e turistiche

L’intervento dovrebbe aumentare le opportunità di sviluppo per le attività commerciali e turistiche.

Incremento della sicurezza urbana

L’intervento dovrebbe stimolare una maggiore e più continua presenza delle forze dell’ordine nel Centro storico, in modo da incrementare la sicurezza reale e percepita dei cittadini e dei visitatori.

2  


#duemilapassi | Foggia | Palazzo di Città | giovedì 9 gennaio 2014 | PRIMO INCONTRO   Resoconto  del  primo  tavolo  di  lavoro    

Tav.  2  Le  ipotesi  di  intervento  per  la  moderazione  del  traffico  nel  Centro  storico  di  Foggia,   a  partire  da  Via  Arpi  e  Corso  Vittorio  Emanuele,  condivise  dal  Primo  tavolo  degli   stakeholder   ALTERNATIVE DI

DESCRIZIONE

INTERVENTO

SINTETICA

IPOTESI 1 “MAI CON L’AUTO”

IPOTESI 2 “AUTO SOLO PER I RESIDENTI”

IPOTESI 3 “MENO AUTO, MAI NEL WEEKEND”

IPOTESI 4 “MENO AUTO, ANCHE NEL WEEKEND

REGOLE PER I MEZZI PRIVATI DEI RESIDENTI

REGOLE PER I

REGOLE PER LE

NON RESIDENTI

MERCI

Possono circolare in finestre orarie molto strette (es: 1h al mattino presto e 1h la sera) solo con veicoli poco inquinanti (es: almeno euro 3) Possono circolare in finestre orarie molto strette (es: 1h al mattino presto e 1h la sera) solo con veicoli poco inquinanti (es: almeno euro 3)

Ciclopedonalizzazione h 24 per 7 giorni alla settimana. Transitano Non possono solo bus, taxi, mezzi circolare di polizia e di soccorso.

Non possono circolare

Ciclopedonalizzazione h 24 per 7 giorni alla settimana. Transitano solo bus, taxi, mezzi di polizia e di soccorso.

Possono circolare liberamente ma la precedenza è per pedoni e biciclette

Non possono circolare

Giorni feriali: ZTL nelle ore di punta (es: 7-10 e 17-20) Weekend e festivi: ciclopedonalizzazione h 24

Giorni feriali: circolazione libera Weekend e festivi: circolazione libera con precedenza pedonale

Giorni feriali: regole della ZTL Weekend e festivi: non possono circolare

Possono circolare in finestre orarie molto strette (es: 1h al mattino presto e 1h la sera)

Giorni feriali: ZTL nelle ore di punta (es: 7-10 e 17-20) Weekend e festivi: ZTL pomeridiana e serale (es: 17-2 di mattina) venerdì, sabato e domenica

Giorni feriali: circolazione libera Weekend e festivi: circolazione libera

Giorni feriali: regole della ZTL di giorno Weekend e festivi: regole della ZTL pomeridiana e serale

Possono circolare in finestre orarie molto strette (es: 1h al mattino presto e 1h la sera)

Il secondo tavolo di incontro, da programmare tra inizio febbraio e inizio marzo, avrà l’obiettivo di produrre una graduatoria di preferenza tra gli scenari concordati (risultato del lavoro del primo  

3  


#duemilapassi | Foggia | Palazzo di Città | giovedì 9 gennaio 2014 | PRIMO INCONTRO   Resoconto  del  primo  tavolo  di  lavoro    

incontro), attraverso una valutazione di impatto di ognuno di essi su ciascuno degli obiettivi individuati (criteri di valutazione). Si tratta quindi di applicare una procedura di valutazione multicriteria. Ad integrazione del lavoro e delle valutazioni da raccogliere verrà effettuata un’indagine on-line presso i cittadini, attraverso il portale del Comune (con adeguata pubblicizzazione) e con una distribuzione diretta dei questionari con il supporto delle Associazione del Centro storico disponibili. Tutti gli scenari prevedono inoltre un accompagnamento dell’intervento con misure di rafforzamento e sostegno, da graduare nell’intensità a seconda dell’impatto degli interventi (misure più forti quanto più lo scenario si muove verso la ciclopedonalizzazione integrale) del tipo seguente: -­‐

moderazione della velocità (30kmh) in un perimetro più ampio delle due vie da pedonalizzare (da definire);

-­‐

revisione della sosta lungo i due assi;

-­‐

riorganizzazione (possibilmente con incremento dei posti/stalli nelle aree limitrofe) del sistema di parcheggi e delle tariffe incentivando chi usa il mezzo pubblico per arrivare al centro (interscambio);

-­‐

potenziamento delle linee di Tpl possibilmente a basso impatto, assicurando frequenze adeguare lungo i due assi e nel collegamento con i parcheggi di interscambio;

-­‐

potenziamento e riorganizzazione del sistema di bike-sharing;

-­‐

installazione di adeguati sistemi di controllo (varchi elettronici);

-­‐

riassetto della viabilità nelle aree limitrofe dove si devia il traffico di attraversamento, per ridurre i potenziali effetti di congestionamento.

Prioritarie sono poi le misure di potenziamento del presidio della polizia municipale nel Centro storico (allungamento orari di presenza ecc.) per assicurare livelli più adeguati di sicurezza urbana. Ulteriori misure ritenute necessarie, derivanti da un’azione integrata con altri settori, riguardano: •

• •

la rivitalizzazione delle aree sottoposte a moderazione del traffico, valorizzando i contenitori culturali e sociali presenti, promuovendo il commercio e le attività di servizio in generale, incrementando l’attrattività della zona che rischia, specie in una prima fase, di rimanere fuori dai circuiti economici e di consumo della città; il miglioramento e la cura degli arredi urbani; la costruzione di una identità forte del Centro storico di Foggia, da realizzare con iniziative culturali e una comunicazione istituzionale di livello adeguato.

Infine, l’Amministrazione si impegna a definire tempi e risorse (da reperire) per realizzare le diverse misure di accompagnamento, da definire in modo puntuale.

 

4  


#duemilapassi | Foggia | Palazzo di Città | giovedì 9 gennaio 2014 | PRIMO INCONTRO   PRESENZE     Leonardo  CIUFFREDA  

ATAF  SpA  

Responsable  Unità  Tecnica  Complessa  

Antonio  TANNOIA  

1  Circoscrizione  Nord  (Arpi-­‐Croci)  

Presidente  

Raffaele  DI  BENEDETTO  

1  Circoscrizione  Nord  (Arpi-­‐Croci)  

Segretario  

Antonio  GUERRIERI  

Comitato  civico  Piazza  Mercato  

Presidente  

Marialuisa  D’IPPOLITO  

FAI  –  Delegazione  di  Foggia  

Capo  Delegazione  

Silia  DE  LILLO  

Comitato  di  Via  Arpi  

Vicepresidente  

Dipartimento  Studi  Umanistici  Università  Foggia  

Direttore  

Fondazione  Banca  del  Monte  

Presidente  

Paola  CORTESI  

Cicloamici  Foggia  

Consigliere  

Salvatore  SELICATO  

CNA  Foggia  

Rappresentante  Centro  storico  

Gianluigi  CUTILLO  

Forum  dei  Giovani  del  Comune  di  Foggia  

Segretario  

Cornelia  ROSIELLO  

Circolo  “La  Merlettaia”  

 

Antonietta  PIPOLI  

Cenacolo  culturale  “Contardo  Ferrini”  

Segretaria  

Ilenia  CURCETTI  

Cenacolo  culturale  “Contardo  Ferrini”  

Vicepresidente  

Enrico  SALVATORI  

Confcommercio  

Responsabile  Organizzativo  sindacale  

Pietro  DI  TERLIZZI  

Accademia  delle  Belle  Arti  

Direttore  

Arcangelo  RENZULLI  

Confesercenti  

Funzionario  

Franco  GRANATA  

Confesercenti  

Direttore  

Marianna  LAMBRESA  

Camera  di  Commercio  

Tecnico    

Silvana  COGNETTI  

CGIL  –  FILT  

Segretario  provinciale  

Luigia  POMPA  ROTUNDO  

FAI  Delegazione  di  Foggia  

Delegata  

Augusto  MARASCO  

Comune  di  Foggia  

Assessore  Qualità  e  Assetto  Territorio  

Alfredo  FERRANDINO  

Comune  di  Foggia  

Assessore  Mobilità  e  Protezione  civile  

Giusy  ALBANO  

Comune  di  Foggia  

Assessore  Sviluppo  e  Politiche  giovanili  

Franco  ARCURI  

Comune  di  Foggia  

F.sco  Paolo  AFFATATO  

Comune  di  Foggia  

Paola  RUSSO  

Comune  di  Foggia  

Giovanni  DELLO  IACOVO  

Comune  di  Foggia  

Carlo  CARMINUCCI  

ISFORT  

Assessore  Polizia  municipale  e  Sicurezza   Dirigente  Servizi  Urbanistica,  Ambiente     e  Pianificazione-­‐Governance   Resp.  Servizio  Pianificazione-­‐Governance   Resp.  relazioni  esterne  e  istituzionali   pianificazione  strategica  e  territoriale   Direttore  (moderatore)  

Saverio  RUSSO  

 

 


#duemilapassi | Resoconto primo tavolo lavoro