Issuu on Google+

Anno 11 - n. 3 Anno 11 -2014 n. 3 28 marzo 28 marzo 2014 POSTE ITALIANE SPEDIZIONE IN A.P. – ITALIANE D.L- 353/03SPEDIZIONE POSTE (conv. in L 27/02/04 n 46) Art I, comma I, IN A.P. – D.L353/03 CNS PD (conv. in L 27/02/04 n 46) Art I, comma I, CNS PD

14 14

Il responsabile tecnico Il responsabile tecnico ora è obbligatorio ora è obbligatorio

PERIODICO DI INFORMAZIONE DEGLI IMPRENDITORI ARTIGIANI E DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PERIODICO DI INFORMAZIONE DEGLI IMPRENDITORI ARTIGIANI E DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

■ Con il Marchio, il Sistema Casa guarda al futuro ■ Con il Marchio, il Sistema Casa guarda al futuro

CITTADELLA CITTADELLA NUOVA SEDE

NUOVA SEDE CONTRO CONTRO LA CRISI LA E’ stataCRISI domenica Nuovi einaugurata più adeguati spazi

16 marzo laformativo nuova sedeprodel Nuovi e più adeguati spazi per l’ente Mandamento di Cittadella per l’ente formativo promosso dall’Unione Provindell’Unione Provinciale mosso dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova. IlArti26 giani. Gli uffici di trovano ciale Artigiani Padova. Ilora 26 marzo scorso èsi stata inaunella via marzomoderna scorso èsede stata inaugurata ufficialmente ladinuoBorgo 19; Formazione, il personale gurata ufficialmente la nuova sedeSole di Upa dell’Upa garantirà nei nuovi va sede di Upa Formazione, che si è trasferita dalla sto-e accoglienti locali tanti servizi che si è trasferita dalla storica sede di Piazza De Gaagli dalocali quelliDe ricaassociati: sede di Piazza Gasperi ai nuovi ditradivia zionali ai più innovativi. speri178 ai nuovi locali di via Cave a Padova. “Vorrei cheasede, la nuova sede Cave alla 178 Padova. Oltre cambierà della nostra associazione Oltre alla sede, cambierà l’approccio alla gestione fosse la casa alla degli artigiani, l’approccio gestione dei processi formativi: la cioè il luogo dove i colleghi dei processi formativi: la lunga esperienza dell’ente possano confrontarsi eddiavelunga esperienza dell’ente sarà messa al servizio un re risposte alle esigenze sarà messa al loro servizio di un proposta duale, che con–proposta ha spiegato il Presidente duale, che consenta di coniugare teoria e mandamentale Raffaele Zor-e senta di coniugare teoria pratica. danazzo”. pratica.

21 21

Un tornio storico Un tornio storico ricorda Conselve ricorda Conselve

32 32

a pagina 19 a pagina 19

Da Veneto Sviluppo DaFondo VenetodiSviluppo un rotazione un Fondo di rotazione

UPAFORMAZIONE UPAFORMAZIONE PIÙ SPAZIO

PIÙ CRESCERE SPAZIO PER PER CRESCERE Nuovi e più adeguati spazi

Salvezza qualità www.upa.padova.it www.upa.padova.it

Costruire puntando alla qualità. È questo ormai l’imperativo per chi opera nel comparto casa. Di questo si è discusso il 4 Costruire puntando qualità. Èorganizzato questo ormai l’imperativo per chi opera nel di comparto Di questo associazione si è discusso ildi4 aprile scorso durantealla il convegno dall’Unione Provinciale Artigiani Padova ecasa. dall’omonima aprile scorso durante il convegno Artigiani di Padova e dall’omonima associazione di Venezia, che hanno voluto offrire loorganizzato spunto perdall’Unione discutere delProvinciale piano casa. che l’occasione hanno voluto lo del spunto permarchio discutere piano casa. che in queste settimane sta entrando nel vivo. ÈVenezia, stata anche peroffrire parlare nuovo CQ,del casa di qualità, È stata ancheail’occasione perlaparlare deldi nuovo marchio CQ, casa di qualità, che in queste settimane sta entrando nel vivo. CQ garantirà consumatori certezza affidarsi ad aziende d’eccellenza, attente all’eco-sostenibilità e ai sistemi coCQ garantirà ai consumatori la certezza di affidarsi ad aziende d’eccellenza, attente all’eco-sostenibilità e ai sistemi costruttivi più innovativi. struttivi più innovativi.

Unione Unione Provinciale Provinciale Artigiani Artigiani 049 8206311 049 8206311

a pagina 16 e 17 a pagina 16 e 17

TUTTI INSIEME PERTUTTI SAN INSIEME GIUSEPPE PER SAN GIUSEPPE

Oltre trecento associati hanno Oltreparte trecento hanno preso il 23associati marzo scorso preso parte il 23 festa marzodiscorso alla tradizionale San alla tradizionale festa didalSan Giuseppe organizzata Giuseppe organizzata l’Unione Provinciale Artigianidaldi l’Unione Hanno Provinciale Artigianiildi Padova. ricordato Padova. Hanno Santo Patrono con ricordato una Messail Santo con una Messa che si èPatrono tenuta dell’Opera delsi è tenuta dell’Opera dellache Divina Provvidenza a Rubala Divina Provvidenza a Rubano. I partecipanti sono poi parno.inI partecipanti poi partiti pullman persono raggiungein pullmanScapin per raggiungeretitiil ristorante di Santa re il ristorante Santa Maria di Zevio aScapin Veronadi per il Maria sociale. di Zevio a Verona per il pranzo pranzo sociale.

a pagina 23 a pagina 23

Nuovi e piùformativo adeguati spazi per l’ente proper l’ente formativo promosso dall’Unione Provinmosso dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova. Il ciale Artigiani di Padova. 26 marzo scorso è stataIl 26 marzo ufficialmente scorso è stata inaugurata la inaugurata ufficialmente nuova sede di Upa Forma-la nuova che sedesidièUpa Formazione, trasferita zione, che sede si è di trasferita dalla storica Piazza dalla storica sede di Piazza De Gasperi ai nuovi locali di De Gasperi ai nuovi locali via Cave 178 a Padova. di via Cave a Padova. Oltre alla178 sede, cambierà Oltre alla sede, cambierà l’approccio alla gestione l’approccio gestione dei processi alla formativi: la dei processi formativi: lunga esperienza dell’entela lunga esperienza dell’ente sarà messa al servizio di un sarà messa al servizio di un proposta duale, che conproposta duale, che consenta di coniugare teoria e senta di coniugare teoria e pratica. pratica.

alle pagine 26 alle pagine 26


p02-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:05

Pagina 2


p03-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:54

Pagina 3

BACHECA Obiettivo risparmio bollette

La Festa nazionale Anap

Continuano gli appuntamenti per imparare a contenere i costi energetici

A settembre nel Golfo di Orosei l’incontro e un soggiorno marino

Continuano gli appuntamenti promossi dall’Unione Artigiani nel territorio per tutti gli imprenditori che vogliono concretamente abbattere i costi di energia, gas e telefonia. Ciò è possibile grazie a due servizi gratuiti dell’Associazione che verranno presentati in modo dettagliato durante le serate in programma fino ad aprile. Grazie ad un accordo siglato con AIM ENERGY, azienda che fornisce elettricità e gas nel libero mercato, è possibile ottenere forniture di energia elettrica e gas, per le proprie abitazioni, a tariffe agevolate con sconti rispettivamente del 15% e del 10% . Il tutto senza interruzione di servizio e senza nessuna sostituzione di contatori.

trovare la miglior tariffa per fisso, mobile e internet presente nel mercato, personalizzata in base alle proprie esigenze telefoniche. Agli appuntamenti saranno presenti i presidenti mandamentali, Giuliano Berto, presidente della funzione aziendale formazione e componente del CDA del Caem, Simone Baruffa e Giacomo Albertin, rispettivamente referenti Upa della convenzione con AIM ENERGY e del servizio SOS Telefonia. Per maggiori informazioni: Unione Artigiani, Segreteria Commerciale, tel 049 8206150 – 049 8206154 (Il calendario è pubblicato a pagina 2)

Inoltre, durante la serata, verrà illustrato il servizio Upa “SOS risparmio telefonia” che, grazie alla consulenza di un esperto, aiuta gli imprenditori a

Prorogata al 16 maggio l’autoliquidazione Inail Al fine di consentire alle imprese che effettuano il pagamento di premi e contributi in un’unica soluzione alla prima scadenza annuale (16 febbraio 2014) di beneficiare immediatamente del bonus previsto dalla legge di stabilità, il Ministro dell’Economia e delle Finanze e il Mi-

Prevenzione Spisal Per tutte le Aziende del comparto autoriparazione, associate all’Unione Provinciale Artigiani, lo Spisal di Padova ha avviato una campagna di prevenzione che partirà il prossimo giugno. Per saperne di più in merito a questa iniziativa, le imprese interessate sono invitate a partecipare all’incontro informativo che si terrà il 7 maggio, alle ore 18.00 nella sala Polivalente di via Diego Valeri n° 17 a Padova. La partecipazione è gratuita, è gradita la conferma tramite mail da inviare all’indirizzo: coordinamento.aspp@sanita.padova.it. Per informazioni o chiarimenti Ufficio Ambiente 049 629323 – Diego Boscolo 049 790830 – diego.boscolo@upa.padova.it.

nistro del Lavoro e delle Politiche sociali hanno concordato di prorogare al 16 maggio la scadenza per il pagamento dell’assicurazione sugli infortuni. L’Inail sta provvedendo non solo alle elaborazioni statistiche sugli andamenti infortunistici e sui premi/contributi accertati

per determinare le percentuali di riduzione che si applicheranno alle singole imprese, ma anche all'aggiornamento dei software gestionali. Per informazioni rivolgersi alle sedi dell’Unione Provinciale Artigiani.

Intraprendere Anno XI N. 3 - 28 MARZO 2014 Periodico di informazione degli imprenditori artigiani e delle piccole medie imprese

Si terrà dall’11 al 21 settembre al Club Hotel Marina Beach, nel Golfo di Orosei (Nu), la festa del socio 2014. La festa è un’occasione di incontro tra i soci ma anche di capacità organizzativa del sistema Anap. La manifestazione oltre al soggiorno marino, offrirà tantissimi momenti di svago e di confronto. La quota di adesione prevista per ciascun socio partecipante è di 900,00 euro a persona in camera doppia e comprende: • il viaggio di a/r per l’aereoporto di Verona con bus riservato • volo di a/r con la compagnia aerea Meridiana: partenza da Verona alle ore 18.00 e arrivo ad Olbia alle ore 19.10 del giorno 11, ritorno il giorno 21 con partenza da Olbia alle ore 19,55 e arrivo a Verona alle ore 21.00 • trasferimento dall’ aereoporto al villaggio e viceversa

Autorizzazione del Trib. di Padova del 18/05/04 n. 1891 Direttore Responsabile: Toni Grossi Redazione a cura dell’Ufficio Stampa dell’Upa: Silvia Bedulli. Ha collaborato Stefania Frigo. Foto: archivio Upa Concessionaria per la pubblicità Nord Est Pubblicità Euganea Editoriale Comunicazioni S.r.l. Via Cernaia, 84 - 35142 Padova - Tel. 049 8752765 Tipografia Centro Servizi Editoriali Srl Gratuito agli associati dell’Upa POSTE ITALIANE SPEDIZIONE IN A.P. - D.L- 353/03 (conv. in L 27/02/04 n 46) Art I, comma I, CNS PD Filiale di Padova - Tiratura: 16.000 copie

con un ombrellone e due sdraio, uso diurno delle attrezzature sportive, partecipazione ai tornei sportivi e lezioni previste dal programma di animazione • Polizza assicurativa per rimborso prenotazione e annullamento volo. La quota non comprende il supplemento per la stanza singola di 450,00 euro, la tassa di soggiorno da pagare in loco all’arrivo, le mance e extra di carattere personale e quanto non elencato alla voce “la quota comprende”. Per la prenotazione, rivolgersi presso le sedi UPA entro il 24 APRILE versando a titolo di caparra la somma di 250,00 euro a persona. • Soggiorno in pensione completa con prima colazione, pranzo e cena a buffet comprese le bevande • Tessera club che comprende il posto in spiaggia assegnato

Per informazioni e comunicazioni potete contattare l’ufficio provinciale Anap, Simone Pegge tel. 049 8206387 – 346 5005187.

AFFITTASI - VENDESI CAPANNONI da 400 - 1000 mq

in zona industriale e artigianale

Proprietario ed Editore: UPA Servizi Spa Presidente: Nicoletta Bellon Sede legale: Piazza De Gasperi, 22 - 35131 Padova Direzione, redazione e amministrazione: Via Masini, 6 - 35131 Padova Tel. 049 8206131 - Fax 049 8206161

3

28 MARZO 2014

di

CITTADELLA

.

Di nuova costruzione, altezza 7 m, ampio parcheggio e zona di manovra. Prezzo interessante. Per informazioni 338.4497120


p04-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:06

Pagina 4

RINNOVO CARICHE SOCIALI

PRODUTTORI ALIMENTARI AL VOTO Il Sistema di Categoria dei Produttori Alimentari rinnova la propria rappresentanza all’interno degli organi dell’Associazione. Per questo l’Unione Artigiani raccoglie le candidature di tutti gli artigiani del Sistema di Categoria dei Produttori Alimentari interessati a diventare Presidente e far parte della terna dirigenziale che rappresenterà il sistema di categoria in tutte le attività sindacali e promozionali. ELEZIONI Una volta individuata la terna, i Produttori Alimentari saranno chiamati ad esprimere le loro preferenze durante un’assemblea che si terrà lunedì 26 maggio, alle ore 20.30 presso la sede Upa di Padova in Piazza de Gasperi 22. CHI PUÒ CANDIDARSI Come previsto da regolamento elettorale, hanno diritto a candidarsi tutti gli associati in regola con le quote associative, soci da almeno 24 mesi, in possesso dell’Attestato di iscrizione e partecipazione alla Scuola di Formazione dei Dirigenti. E’ sufficiente l’iscrizione alla Scuola con l’impegno di frequentare i corsi di formazione in base a quanto delibererà il Consiglio Generale

PER LA TUA CANDIDATURA COMPILA QUESTA SCHEDA Una volta compilata la scheda, va spedita tramite fax allo 049 8206161 entro e non oltre mercoledì 30 aprile 2014 Il sottoscritto titolare dell’impresa

legale rappresentante dell’impresa

con la sede dell’impresa a

socio partecipante dell’impresa via

tel.

fax

cell.

codice fiscale

email partita IVA

Presenta la proposta di candidatura a Presidente di Sistema di Categoria Produttori Alimentari Dichiara di essere socio dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova e di essere in regola con il pagamento delle quote associative nelle diverse forme previste e con gli altri obblighi derivanti dallo Statuto. di aver frequentato la Scuola di Formazione Dirigenti. di essere iscritto alla Scuola di Formazione Dirigenti con l’impegno di frequentare i corsi di formazione in base a quanto delibererà il Consiglio Generale. Si impegna A svolgere il ruolo previsto dallo Statuto per la candidatura scelta Informativa e consenso ai sensi del DLGS 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento.

Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati. In fede Data

firma

Per maggiori informazioni: Unione Provinciale Artigiani Padova - Andrea Signori tel. 346 0859513 fax 049 8206161 - andrea.signori@upa.padova.it


p05-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:07

Pagina 5

CATEGORIE ■ Il laboratorio orafo Elegance di Abano

■ Origin, passion and beliefs

Formazione sul campo

Nove aziende dell’Upa incontrano il design alla Fiera di Vicenza nche nove aziende associate all’Unione Provinciale Artigiani parteciperanno a Origin, passion and beliefs, che si terrà dall’8 al 11 maggio prossimi alla Fiera di Vicenza. Si tratta di Maglieria Marchioro di Maserà, Piera Gabrielli di Correzzola, Confezioni ALICE di Este, Confezioni Essemaglia di Casale di Scodosia, Simonetta Moretto di Padova, Bovo Argenti di Vigonza, Tessitura Bressan di Piombino Dese, Stemar di Grantorto e Domus Pellicceria di Cervarese Santa Croce. La fiera, che riunirà per la prima volta nel Veneto i talenti più audaci del mondo del design di accessori provenienti da vari settori con i produttori ed i fornitori più prestigiosi, sarà aperta dalle 9.30 alle 18,30. L’innovazione è parte integrante del Made in Italy. Il fashion system, italiano e veneto in particolare, si basa su un tessuto imprenditoriale e produttivo con forte capacità propositiva e di rigenerazione del saper fare. Un “grande laboratorio” a disposizione dei più importanti brand del lusso, i cui punti di forza sono rappresentati dalla capacità costante di in-

A

ino al 23 maggio prossimo il laboratorio orafo Elegance di Abano Terme, del nostro associato Michele Zorzi, ospiterà una stagista proveniente dall’Istituto tecnico superiore per la produzione/riproduzione di artefatti artistici. Si tratta del percorso formativo realizzato a Vicenza, anche grazie all’impegno dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova. Non è la prima volta che il laboratorio Elegance ospita giovani in formazione: “In genere ogni anno apriamo le porte del nostro laboratorio a un giovane desideroso di apprendere la tecnica artigiana – spiega Zorzi – da noi sono stati ragazzi provenienti dal Selvatico, dalla Scuola d’Arte e Mestieri di Vicenza, ma sono arrivati anche ragazzi dalla

F

5

28 MARZO 2014

Germania. Da sempre sostengo che sia utile e doveroso da parte degli artigiani formare i giovani perché il nostro saper fare non sia disperso. Io ho iniziato la mia formazione all’Istituto Selvatico e ho aperto il mio laboratorio nell’86, ma erano tempi diversi, si poteva andare nel laboratorio di amici per imparare il mestiere, poi si sperimentava a casa. Ora invece bisogna salvaguardare attraverso la formazione la nostra tecnica”. Una tecnica soprattutto manuale, se si pensa che ben il 90% del prodotto è fatto a mano: “Per questo – continua Zorzi – ho voluto iniziare il percorso di stage con Argyro Xenaki, la ragazza di origine greca che sto ospitando, dall’uso degli utensili del laboratorio, solo

dopo lei ha iniziato a sperimentare realizzando un suo braccialetto”. Elegance è stato il primo laboratorio a offrire un’opportunità di stage ad uno studente dell’Istituto tecnico per la produzione/riproduzione di artefatti artistici: “Vorrei ringraziare Michele Zorzi e la sua socia Sonia per la loro disponibilità – spiega la Presidente del Sistema di categoria Orafi e Argentieri dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova Guglielmina Peretto. Credo si tratti di un’importante occasione per un duplice motivo: accogliendo un giovane in stage abbiamo l’opportunità di trasferire competenze ma possiamo anche collaborare con nuove risorse che possono rivelarsi interessanti”.

Giovanni Bettio Presidente Sistema di categoria TAC

novare, in termine di stile, design e creatività, con un'attenzione alla qualità dei materiali e dei processi, e una propensione alla specializzazione. Origin nasce come una “piattaforma di interconnessione” di competenze dell’accessorio moda, uno spazio dove si congiungeranno in forma sinergica tutte le competenze del mondo del fashion e dell’accessorio, la creatività, la produzione tecnica, i materiali. Per la prima edizione di ORIGIN ci saranno 100 dei talenti più innovativi di NJAL, le aziende produttrici tradizionali del mondo dell’accessorio, i buyer internazionali provenienti dai più

importanti concept store, i product manager di aziende e gli opinion leaders. Un Salone B2B, dove sono invitati a partecipare anche organizzazioni operanti nel comparto del design, piattaforme internazionali di supporto, scuole e incubatori della moda; in previsione anche una giornata di apertura al pubblico. Il format prevede la suddivisione in quattro segmenti principali: Leather, Stone, Textile, Technology. Fiera di Vicenza conferma la propria vocazione di promotore del sistema produttivo dell’accessorio alto di gamma italiano che si pone in prima istanza l’esigenza di valorizzare la risorsa dei giovani talenti, patrimonio fondamentale delle dinamiche evolutive delle filiere Made in Italy, ma soprattutto sceglie un’ulteriore modalità per creare una cross fertilization tra i designer indipendenti, le aziende, gli artigiani più apprezzati del settore e i buyer internazionali. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani – Filippo Marchioro, tel. 049 8206132 – filippo.marchioro@upa.padova.it.


p06-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:08

Pagina 6


p07-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:10

Pagina 7

CATEGORIE ■ Formazione odontotecnici

La precisione nell’impianto protesico

28 MARZO 2014

7

■ Le aziende meccaniche al Mecspe di Parma Stefano Zanetti, Presidente del Sistema di Categoria Officine Meccaniche

nche tredici aziende dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova stanno partecipando a MECSPE, la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione che si tiene a Parma dal 27 al 29 marzo. Si tratta di: Cometec Srl, Eredi Rosa Ivo, Europe Steel Press, Galvanotecnica Snc, Gamba Stampi, G.V.M. Srl, Mec – Staff srl, Micromax Snc, Mollificio Rizzato Srl, Officina meccanica 2C, O.M.D., Rem Electra Snc, Trevisanello Snc. «Questa positiva esperienza testimonia l’impegno della nostra associazione nei confronti delle imprese artigiane in un momento di difficoltà – spiega il Presidente del Sistema di categoria Officine meccaniche dell’Upa, Stefano Zanetti –. Grazie alla partecipazione collettiva alle fiere di settore sotto la guida del-

Le tecnologie per l’innovazione

A

i è parlato di protocolli semplificati e riproducibili per massimizzare la precisione implanto protesica in casi complessi durante la serata di approfondimento dedicata agli odontotecnici, che si è tenuta il 25 marzo scorso, all’hotel Crowne Plaza di Padova. Dell’argomento ha parlato il Dottor Vanni Nappari, odon-

S

toiatra padovano, specializzato principalmente in paradontologia, implanto – protesi, chirurgia avanzata rigenerativa e ricostruttiva. L’iniziativa è stata realizzata nell’ambito di Artigianalmente dall’Unione Provinciale Artigiani, in collaborazione con l’Associazione nazionale dentisti italiani, Nobel Biocare e Komet.

Gli studenti del Ruzza e il Progetto Stage

i è tenuta il 28 febbraio scorso la consegna degli attestati di partecipazione agli undici studenti dell’Istituto Ruzza, sezione

S

Pendola, che hanno preso parte al Progetto stage promosso dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova, in collaborazione con l’istituto e

la Dental Manufacturing S.p.A. Una borsa di studio è stata assegnata ai tre studenti più meritevoli.

l’Unione Artigiani, anche aziende che normalmente non possono partecipare a questi importanti momenti di promozione, riescono ad usufruire di questo tipo di opportunità. Per affrontare la crisi bisogna fare squadra: ciò permette di abbattere i costi tenendo alta la qualità dell’offerta. Noi stiamo andando in questa direzione e le nostre im-

prese dimostrano di apprezzare la strategia. La partecipazione a Mecspe avviene dopo un’altra esperienza fieristica rilevante: la presenza della nostra categoria al Subtech di Pordenone lo scorso gennaio. Insieme le aziende dell’Unione Provinciale Artigiani riescono ad essere nelle vetrine più importanti del settore».

MECSPE è la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione, un’iniziativa il cui successo è testimoniato dai numeri: 28.307 visitatori, 1.023 espositori, 5 Unità Dimostrative, 26 isole di lavorazione, 11 quartieri tematici, 10 piazze d’eccellenza, 15 convegni e 90 momenti di miniconferenze organizzati da aziende, università e istituti di ricerca.


p08-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

8

11:55

Pagina 8

28 MARZO 2014

CATEGORIE

â–  In collaborazione con il parco Fenice

â–  Detrazioni per il risparmio energetico

Ora “il futuro è di casaâ€? ma bisogna essere tecnologicamente adeguati

Riconoscimento alle schermature

l comparto casa ha davanti un futuro sempre piĂš tecnologico. Per questo l’Unione Provinciale Artigiani, in collaborazione con Upa Formazione, Parco Fenice e ABB, azienda del settore, sta mettendo a punto un progetto di aggiornamento degli associati che operano nel comparto. Si tratta di “Il futuro è di casaâ€?, un’iniziativa pensata per edili, pittori e decoratori, marmisti e posatori, installatori d’impianti, officine meccaniche, legno e arredamento. Tutti gli operatori del mercato iscritti alla Camera di commercio, ai sensi del DM n.37/08, sono di fronte ad un cambiamento epocale delle tecnologie che giunge a valle di un lungo periodo di standardizzazione dei servizi e dei prodotti derivato nel campo elettrico dalla bolla speculativa del fotovoltaico e nel settore termotecnico dalla semplice installazione delle caldaie tradizionali.

I

Oggi, l’ingresso di prodotti quali, solare termico, pompe di calore, geotermia, efficienza dell’involucro degli edifici ha scardinato le competenze degli operatori che devono in breve tempo convertire le loro conoscenze verso un sistema di installazioni piÚ complesse e a cavallo fra il comparto elettrico e termotecnico. Gli operatori coinvolti sono: gli operatori dei sistemi attivi e di controllo che si occupano, in base al DM 37/08 Art. 1., di impianti di produzione, tra-

sformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonchÊ gli impianti per l'automazione di porte, cancelli e barriere; impianti radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere; impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie. Per quanto riguarda i sistemi passivi, sono compresi tutti gli operatori del settore dell’edilizia e dell’artigianato che realizzano: infissi, cappotti, intonaci, pitture, solai, tetti, tagli termici ecc. Ulteriori dettagli dei percorsi formativi saranno disponibili nelle prossime settimane. Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Andrea Signori – Tel. 346 0859513, andrea.signori@upa.padova.it.

Arearti SISTEMA PULITO

n seguito alla conversione in Legge del Decreto n. 145/2013 che introduce, tra le pieghe normative anche il riconoscimento delle schermature solari come contributo al risparmio energetico degli edifici e ai fini del rilascio della prestazione energetica da parte di un certificatore, purchĂŠ rientri in una classe minima di schermatura, Confartigianato ha chiesto ulteriori delucidazioni in merito all’Agenzia delle entrate. Pubblichiamo di seguito i passaggi piĂš rilevanti della risposta ricevuta. Il testo integrale è disponibile invece sul sito dell’Unione Provinciale Artigiani, all’indirizzo www.upa.padova.it, nella pagina dedicata all’arredamento. “La detrazione per il risparmio energetico è riconosciuta, tra l’altro, per i lavori che permettono il raggiungimento di un indice di prestazione ener-

I

Alessandro Testolin Presidente del Sistema di categoria Arredamento

getica per la climatizzazione invernale non superiore ai valori definiti dal decreto del Ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008 Allegato A (art. 1, c. 344, L. 296/2006). Come evidenziato nella Guida dell’Agenzia delle entrate relativa a tale agevolazione, non è stato stabilito quali opere o impianti occorre realizzare per raggiungere le prestazioni energetiche richieste. L’intervento, infatti, è definito in funzione del risultato che lo stesso deve conseguire in termini di riduzione del fabbisogno annuo di energia primaria per la climatizzazione invernale dell’intero fabbricato. Pertanto, la categoria degli "interventi di riqualifi-

cazione energetica� ammessi al beneficio fiscale di cui all’art. 1, c. 344, L. 296/2006, include qualsiasi intervento, o insieme sistematico di interventi, che incida sulla prestazione energetica dell’edificio, realizzando la maggior efficienza energetica richiesta dalla norma (‌). L’installazione di schermature solari, al contrario, ha la finalità di realizzare un risparmio per la climatizzazione estiva, con la conseguenza che non possono rientrare nell’agevolazione citata di cui al comma 344. L’intervento non può neppure rientrare nelle altre fattispecie previste dai successivi commi 345, 346 e 347, della citata norma, aventi ad oggetto interventi di natura diversa (‌). Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Enrico Viti, tel. 049 8206417 – enrico.viti@ upa.padova.it.

La nuova societĂ  consortile promossa dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova AREARTI SocietĂ  Consortile a.r.l. Viale dell’Industria 2/a 35026 Conselve (PD) 7HO‡LQIR#DUHDUWLLW


p09-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

15:02

Pagina 9

CATEGORIE

9

28 MARZO 2014

■ Alla Fiera di Pordenone

■ La rassegna Xylepo a Milano

100% Contract Made in Italy

Lavorazione del legno

00% Contract, 100% Made in Italy” è questo lo slogan della Fiera Happy Business to You di Pordenone, la prima esposizione italiana dedicata interamente al Contract Made in Italy, che si terrà dal 16 al 19 settembre 2014 a Pordenone Fiere. Questa vetrina è dedicata alla aziende artigianali e industriali italiane che eccellono nella produzione di qualità, nella professionalità e nella capacità di gestione di grandi progetti “chiavi in mano”, dall’idea al prodotto finale. I principali committenti dei visitatori e degli espositori che saranno presenti

“1

sono complessi residenziali, hotel, musei, uffici, navi, impianti sportivi, e tutti coloro che operano nell’arredamento di spazi pubblici. La fiera seleziona i migliori marchi del settore e buyers internazionali agevolando per gli espositori l’incontro tra domanda ed offerta di forniture contract, in modalità business to business ed incontri one-toone. Qualora ci fossero aziende del settore e specializzate in contract, che vogliano approfondire tutti i dettagli relativi alla manifestazione possono collegarsi al sito http://www.happybusinesstoyou.it e visualizzare i con-

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Daniele Scalco Tel. 345 4482492.

i terrà a Milano dal 13 al 17 maggio la 24a edizione di Xylepo, la biennale internazionale dedicata alle macchine per la lavorazione del legno e alle forniture per l’industria del mobile. L’importante manifestazione che risale al 1986, è da sempre un punto di riferimento per gli addetti del settore, oltre che essere la più grande esposizione al mondo, con ben quattro padiglioni ed un totale di 40.000 metri quadrati netti ospitati presso l’avveniristico centro espositivo di Fiera Milano. Xylexpo ha ampie sezioni de-

S

dicate anche alle tecnologie forestali, ai semilavorati, ai componenti e alle forniture per il comparto del mobile con oltre 500 aziende espositrici. Il sistema di categoria del Legno arredo partecipa alla manifestazione organizzando una delegazione di artigiani del settore. È possibile aderire all’iniziativa compilando il modulo di adesione.

Donato Pedron Presidente del Sistema di categoria del legno

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Daniele Scalco, Tel. 345 4482492, daniele.scalco@upa.padova.it

HAPPY BUSINESS TO YOU 2014

XYLEXPO MILANO

FIERA DI PORDENONE 16-19 SETTEMBRE

13-17 MAGGIO 2014

SCHEDA DI INTERESSE Da inviare al fax 049 8206161 o alla email daniele.scalco@upa.padova.it

SCHEDA DI INTERESSE Da inviare al fax 049 8206161 o alla email daniele.scalco@upa.padova.it

Azienda Via

tenuti nell’area “visitatori” e “espositori”. L’Unione Artigiani lancia la proposta di organizzare per gli interessati del settore una esposizione collettiva alla manifestazione 2014. Per ulteriori informazioni sulla partecipazione come espositori da parte di UPA Padova è possibile contattare il referente di categoria Daniele Scalco (email: daniele.scalco@upa.padova.it) compilando la scheda di manifestazione pubblicata in questa pagina.

Nome e cognome n

Cap

Prov

numero partecipanti

Azienda

Nome e cognome

Via

n

Tel

fax

Tel

fax

Cell

E-mail

Cell

E-mail

Cap

Prov

Verrà organizzata un’esposizione all’evento solo al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti. Termini e condizioni verranno comunicati dall'apposito Ufficio preposto in risposta alla Presente manifestazione di interesse con un apposito contratto di partecipazione.

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Data

Data

Firma

Firma


p10-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

10

11:17

Pagina 10

28 MARZO 2014

CATEGORIE

â–  Per acconciatori ed estetiste

PiÚ vantaggi negli acquisti ono undici le aziende fornitrici di Insieme conviene, il nuovo gruppo d’acquisto degli acconciatori ed estetisti dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova. In questi giorni stanno presentando ufficialmente i loro prodotti ai componenti del gruppo che, come prevedono gli accordi commerciali entrati in vigore il 1° gennaio scorso, saranno acquistati a prezzi convenienti. Per quanto riguarda l’estetica, le aziende fornitrici sono: New Life (marchi Claride Fitocosmesi e Armonia Italia), Revivre Italia, Primia Cosmetici, Iso Italia Group, Puntoestetica, Golmar e Covi Biomedical Tecnology. Per l’acconciatura, le aziende sono: Beauty & Business Alfaparf Milano, Framesi, Hair Point di Fardella (Nashi Argan, Landoll, Emmediciotto) e Golmar. Il Gruppo Acquisto Acconciatori ed Estetisti Padovani consentirà a ogni impresa

SCHEDA DI ADESIONE

Insieme conviene

Gruppo d’acquisto acconciatori ed estetiste dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova Da inviare al n. di fax 049 8206161 o con e-mail all’indirizzo valentina.giglio@upa.padova.it

Progetto graďŹ co e illustrazione di Ferdi Arzenton e UfďŹ cio Comunicazione dell’Upa

S

La ditta

con sede nel comune via

Prov.

esercente l’attività artigiana di costituita da n.

titolari /soci e da n.

lavoratori dipendenti

persona di riferimento

aderente di beneficiare di scontistiche e convenzioni pattuite con le aziende fornitrici di prodotti di bellezza. L’adesione al gruppo d’acquisto, riservata ai soci appartenenti alle categorie degli Acconciatori ed Estetiste dell’Unione Provinciale Artigiani, è gratuita. Per aderire è necessario

compilare la scheda d’interesse qui pubblicata e inoltrarla via fax al numero 049 8206161. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Valentina Giglio – Tel. 049 8206411 – email: valentina.giglio@upa.padova.it

tel

fax

cell.

e-mail

Dichiara il proprio interesse a voler aderire al GRUPPO D’AQUISTO DEGLI ACCONCIATORI ED ESTETISTE DELL’UNIONE PROVINCIALE ARTIGIANI dichiaro inoltre di esprimere il consenso, ai sensi del decreto legislativo 196 /2003 al trattamento dei miei dati per le ďŹ nalitĂ  relative alla suddetta iniziativa.

data

ďŹ rma

Insieme conviene

Nasce il Gruppo d’acquisto acconciatori ed estetisti padovani

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani Padova 6ALENTINA'IGLIOsTELsVALENTINAGIGLIO UPAPADOVAIT


p11-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:21

Pagina 11

CATEGORIE

28 MARZO 2014

11

tendo a rischio la salute della clientela”. Il workshop di Sebastiano Zanolli è stato organizzato

dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova grazie al contributo di Ebav, l’ente bilaterale artigianato veneto.

■ Acconciatori ed estetisti a confronto con Sebastiano Zanolli

Solo la professionalità può battere l’abusivismo ombattere l’abusivismo con la professionalità. È questa la filosofia degli acconciatori e degli estetisti dell’Unione Provinciale Artigiani che vogliono rispondere a chi esercita senza alcun rispetto delle regole, aumentando le competenze. “Noi vogliamo essere all’altezza delle giuste pretese dei consumatori – spiega Lino Fabbian, Presidente del Sistema di Categoria Acconciatura ed Estetica dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova –. Per questo continuiamo ad aggiornarci. Ne è un esempio l’incontro di ieri con Sebastiano Zanolli, manager del Gruppo Diesel”. Zanolli ha spiegato a una platea di cinquanta impren-

C

Lino Fabbian Presidente del Sistema di categoria Acconciatori

ditori, riuniti al Crowne Plaza, l’importanza dell’etica della responsabilità e il valore aggiunto del gioco di squadra. Il workshop dal titolo Doti per affrontare una società liquida e ottenere risultati solidi ha permesso una riflessione sull’importanza degli obiettivi, della flessibilità e della capacità di gestire il cambiamento, sulla responsabilità come via per la soddisfazione e sulle reti di relazione come soluzione

■ Aggiornamento per autoriparatori

Le auto sostitutive

stato organizzato dal Sistema di categoria Autoriparatori dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova in collaborazione con RapidRent la serata informativa dedicata alle regole per la corretta gestione delle auto sostitutive. L’appuntamento si terrà giovedì 6 maggio nella sede dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova, in Piazza De Gasperi 22. A partire dalle 21.00 interverranno Franco Silvestrin, Presidente del Sistema di categoria Autoriparatori dell’Unione Provinciale Artigiani, Alessandro D’Amico, Amministratore di RapidRent e Andrea Masci, Responsabile sviluppo iniziativa RapidRent. Parteciperà all’incontro anche uno dei legali che cura la gestione del recupero

È

Franco Silvestrin Presidente degli Autoriparatori

del credito sul fermo tecnico e della documentazione per le Compagnie assicurative. Si parlerà dello scenario attuale del mercato dell’automotive, della criticità e delle prospettive del mercato, dell’auto sostitutiva, del danno materiale, del fermo tecnico e dei servizi relativi alla gestione del parco auto. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Diego Boscolo – tel. 049 790830 – diego.boscolo@upa.padova.it.

intelligente alle difficoltà quotidiane. “Davanti alla necessità di fare rete, noi abbiamo risposto dando vita al gruppo d’acquisto Insieme conviene che ha organizzato questa iniziativa. Grazie al gruppo, vogliamo proporre ai consu-

matori in tempo di crisi prodotti di alta qualità a prezzi contenuti. Questa idea si aggiunge agli elevati standard di qualità che applichiamo nei nostri saloni e al continuo aggiornamento. Nulla a che vedere con chi lavora senza alcun permesso, met-


p12-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12

15:02

Pagina 12

28 MARZO 2014

CATEGORIE

■ Un incontro nell’Alta padovana

SCHEDA DI INTERESSE

Insieme conviene per risparmiare arà aperta agli operatori dell’acconciatura e dell’estetica che hanno la loro attività nei mandamenti di Cittadella, Piazzola e Camposampiero l’assemblea organizzata dall’Unione Artigiani che si terrà a Cittadella il 9 giugno prossimo. All’ordine del giorno ci saranno diversi argomenti di interesse per il comparto, a partire dal gruppo d’acquisto “Insieme conviene”, che da diversi mesi è operativo grazie al coordinamento dell’Unione Provinciale Artigiani, che ha voluto offrire a chi opera nell’acconciatura e nell’estetica uno strumento di sicuro risparmio in tempi di difficoltà. Oltre a questo, sarà presentata la nuova normativa che riguarda l’affitto della poltrona e della cabina, un risultato atteso da tempo e raggiunto grazie all’intervento decisivo dell’Associazione. Sarà poi illustrata Certa!, il nuovo servizio di sanità integrativa promosso con l’Unione Provinciale Artigiani, in collaborazione con la mutua Artieri di Trento, che consente agli associati di ottenere rimborsi sanitari. L’incontro si aprirà in modo particolare: gli associati presenteranno trucco e accon-

UNITI ALLA MODA, UNITI SI VINCE Dimostrazione di acconciatura ed estetica

S

Da inviare entro il 30 aprile al fax 049 8206161 o alla e-mail valentina.giglio@upa.padova.it.

ciature legate alle tendenze moda del momento. Con lo slogan “Uniti alla moda, uniti si vince”, dimostreranno che grazie a progetti comuni è possibile crescere professionalmente, rimanere al passo con le innovazioni del comparto e promuovere efficacemente il proprio lavoro. Naturalmente alla dimostrazione potranno partecipare

tutte le aziende associate. Se interessate, dovranno compilare la scheda di adesione da inviare entro il 30 aprile al numero di fax 049 8206161. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, tel. 049 8206411 – valentina.giglio@upa.padova.it.

Azienda

Nome e cognome

Via

n

Tel

fax

Cell

E-mail

Cap

Prov

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Data

Firma


p13-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:23

Pagina 13


p14-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

14

11:23

Pagina 14

28 MARZO 2014

CATEGORIE â–  Entro il 28 luglio la documentazione in Regione

Responsabile tecnico indicazione obbligatoria ntro il 28 luglio 2014, in regione Veneto, tutte le imprese che operano in settori rientranti nella legge nazionale n°84 del 2006, devono completare la loro documentazione designando un responsabile tecnico. Pena il rischio di chiusura dell’attività, in caso di controllo da parte delle autorità competenti. In particolare, le imprese che già esercitavano attività di tintolavanderia al 28 luglio 2012 data di entrata in vigore della legge regionale, se non lo hanno ancora fatto, dovranno designare un responsabile tecnico, in possesso di almeno uno dei requisiti di idoneità professionale di cui all’articolo 2, comma 2, della legge n. 84/2006 e successive modificazioni, comunicandolo allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) territorialmente competente. Nel

E

caso in cui l’integrazione sia destinata a un Comune che si avvale del servizio SUAP delle Camere di Commercio, la segnalazione va compilata in via esclusiva attraverso gli strumenti di front-office del portale impresainungiorno.gov.it anche per il tramite degli uffici territoriali della Confartigianato. Tutte le imprese che hanno invece iniziato l’attività dopo il 28 luglio 2012 in uno dei 581 Comuni del Veneto, hanno già designato il responsabile tecnico altrimenti non avrebbero ottenuto l’autorizzazione ad aprire. Per completezza di informazione, si ricorda che, per acquisire l’idoneità professionale di responsabile tecnico, la legge prevede diverse modalità: Con un periodo di inserimento presso imprese del settore non inferiore a:

1) un anno, se preceduto dallo svolgimento di un rapporto di apprendistato della durata prevista dalla contrattazione collettiva; 2) due anni in qualitĂ  di titolare, di socio partecipante al lavoro o di collaboratore familiare degli stessi;

3) tre anni, anche non consecutivi ma comunque nell'arco di cinque anni, nei casi di attivitĂ  lavorativa subordinata. Oppure con lo svolgimento di corsi di qualificazione tecnicoprofessionale della durata di almeno 450 ore complessive or-

ganizzabili a richiesta in base alla delibera della Giunta Regionale del Veneto del 18 ottobre 2012, relativa alla “Approvazione della Direttiva per la presentazione di progetti formativi per Responsabile tecnico di tintolavanderia. Triennio

Pulitintolavanderie e Imprese di Pulizie “La nuova frontiera della saniďŹ cazioneâ€? -ARTEDIMAGGIOsORE Sede: Unione Provinciale Artigiani Padova, Piazza De Gasperi 22 Ăˆ promosso dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova un incontro informativo in collaborazione con la ditta HC Project/EVG per illustrare una nuova tecnologia per saniďŹ care in modo efďŹ cace e sicuro capi di abbigliamento, cuscini, scarpe, ma anche mobili ed ambienti senza l’utilizzo di sostanze chimiche. PROGRAMMA Ore 20.30 aggiornamento su argomenti di interesse a cura di Lucia Rambaldi Delegata della categoria Pulitintolavanderie Ore 21.00 presentazione del sistema Ozone Active e Mr. Clean a cura della ditta HC Project/EVG Dimostrazione pratica della saniďŹ cazione di alcuni capi ed oggetti. Dibattito Ore 22.30 conclusioni

 



  

       

    

Per informazioni: Manuela Barzan, tel. 049 5384164 - manuela.barzan@upa.padova.it

2013/2015. Art. 2, comma 2, lett. a) L. 84/2006â€? Oppure grazie ad un attestato di qualifica in materia attinente l'attivitĂ  conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, integrato da un periodo di inserimento della durata di almeno un anno presso imprese del settore, da effettuare nell'arco di tre anni dal conseguimento dell'attestato; Oppure con un diploma di maturitĂ  tecnica o professionale o di livello post-secondario superiore o universitario, in materie inerenti l'attivitĂ  il cui elenco è anch’esso previsto nella delibera relativa alla “Approvazione della Direttiva per la presentazione di progetti formativi per Responsabile tecnico di tintolavanderia. Triennio 2013/2015. Art. 2, comma 2, lett. a) L. 84/2006â€?.


p15-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:26

Pagina 15

CATEGORIE ■ La dichiarazione entro il 31 maggio

Stefano Rampazzo Presidente dei Chimici

Gas fluorurati a effetto serra

l prossimo 31 maggio scadrà, come ogni anno, il termine per inviare al Ministero dell’Ambiente, per il tramite dell’Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale (ISPRA) la dichiarazione sui gas fluorurati ad effetto serra di cui all’articolo 16, comma 1, del DPR n. 43/2012. Sono soggetti all’obbligo di dichiarazione anche i possessori di impianti di refrigerazione (banchi frigo, celle frigorifere e simili), di condizionamento d’aria, di pompe di calore nonché di sistemi fissi di protezione antincendio installati in edifici pubblici e privati che abbiano almeno 3kg di gas fluorurati (f-gas). Tra essi sono ricompresi anche quelli connessi a molti impianti per pulitintolavanderia. L’invio della dichiarazione può avvenire unicamente tramite il collegamento al seguente sito web: http://www.sinanet.isprambiente.it. Diversamente dallo scorso anno, in cui era sufficiente inviare i dati anagrafici dell’operatore (impresa, ente o cittadino proprietario) e quelli relativi all’impianto ed alla sua ubicazione, la dichiarazione di quest’anno prevede l’invio aggiuntivo di una serie di dati tecnici relativi ai quantitativi di f-gas

I

immessi in atmosfera nel corso del 2013, sulla base del registro d’impianto, sempre a cura dell’operatore e fatte salve deleghe formali di quest’ultimo al manutentore (in questo caso tale obbligo incomberà su tale ultima figura). Si ricorda che per i soggetti inadempimenti le sanzioni di omesso invio (benché solo amministrative) sono cospicue: vanno, infatti, da 1.000 a 10.000 Euro. La suddetta dichiarazione di immissione di gas in atmosfera, va necessariamente fatta anche nel caso di “emissioni zero”, cioè quando l’impianto non abbia subito alcun rabbocco di gas nel corso del 2013 e quindi non via sia stata alcuna emissione in atmosfera di f-gas. Si tratta di una situazione paradossale che Confartigianato avversa fortemente, sostanziando un classico esempio di “mostruosità burocratica” gravante sulle imprese. Confartigianato ha richiesto alla competente Direzione del Ministero dell’Ambiente lo stralcio dell’obbligo di invio della succitata “dichiarazione di emissioni zero”, rappresentando anche l’esigenza di alzare la soglia dimensionale degli impianti soggetti a

dichiarazione, analogamente ad alcuni paesi dell’UE, al fine di ridurre la platea degli obbligati, migliorare la significatività dei dati trasmessi e diminuire il carico burocratico. A seguito di un recente incontro coi funzionari ISPRA incaricati di gestire la piattaforma internet per l’invio delle dichiarazioni di cui all’articolo 16 del DPR n.43/2012, è emersa la possibilità di attivare un sistema di invio massivo delle dichiarazioni, tramite le Associazioni territoriali e le relative società di servizio. Tale modalità, ancorché ancora in fase di implementazione, faciliterà il rispetto degli obblighi normativi in capo, in particolare, alle micro imprese ed ai lavoratori autonomi associati. ISPRA ha infine anticipato il termine per invio delle dichiarazioni (attualmente l’applicativo web è già operativo), allo scopo di scongiurare picchi in prossimità della scadenza del 31 maggio e quindi rischi di blocchi, come lo scorso anno. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Manuela Barzan, tel. 049 5384164 – manuela.barzan@upa.padova.it.

■ Il servizio SOS Energia dell’Upa

Tra bollette e tariffe n pochi mesi più di 400 famiglie hanno mandato le proprie bollette per un confronto tariffario al servizio SOS Energia dell’Unione Provinciale Artigiani: le sorprese non sono mancate. Se i termini dell’accordo tra Upa e Aim Energy (-15% tariffe elettriche Tutela, -10% tariffe gas Tutela, 5 Euro Bonus Autolettura Gas, max 30 Euro l’anno) garantiscono risparmi relativamente piccoli (dai 100 ai 200 Euro l’anno) alle famiglie più energivore che sono riforniti in Tutela (Enel Servizio Elettrico o Distributore Territoriale Gas), per le famiglie che hanno aderito a proposte del Mercato Libero i risparmi salgono a 300 400 Euro l’anno, con riduzioni delle tariffe dal 20 al 30%. Per valutare il possibile risparmio è necessario inviare la bolletta elettrica e del gas a SOS Energia, un servizio sviluppato grazie alla collaborazione attiva con il Consorzio CAEM che

I

consente risparmi energetici alle aziende, oggi capitalizzato a favore delle famiglie. L’accordo con Aim Energy, attivo in molte zone d’Italia, grazie al lavoro di quaranta Associazioni aderenti a Confartigianato, ha già coinvolto più di 4000 famiglie, ed ha le potenzialità del più grande gruppo di acquisto nazionale con il vantaggio che le Associa-

zioni che vi partecipano, per il tramite dei loro tecnici, sono in prima fila per l’attività di mediazione verso il Mercato Energetico nella prospettiva di avere continuità di vantaggio nelle forniture. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Tel. 049 629323 – Fax 049 8936721 – energia@upa.padova.it.

28 MARZO 2014

15

■ La direttiva dell’Unione europea

Le norme da non tradire per lo smaltimento di tutti gli imballaggi opo la pubblicazione della direttiva 2013/2/UE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio, il Conai ha provveduto a fornire con apposita circolare, alcune delucidazioni e istruzioni operative con effetto dal 1 gennaio 2014: • le grucce per indumenti (vendute con un indumento) sono imballaggi e rientrano nella sfera di applicazione del Contributo ambientale Conai; • sono escluse dalla categoria degli imballaggi le grucce per indumenti vendute separatamente (dagli indumenti). Si conferma che gli “appendini in filo di ferro” generalmente usati dalle lavanderie e stirerie, sono considerati imballaggio. La normativa riguardante gli imballaggi è stata pubblicata sullo scorso numero di Intraprendere ed è visibile nel sito dell’Unione Provinciale Arti-

D

giani all’indirizzo www.upa.padova.it. Per informazioni: Unione Provinciale Arti-

giani, Manuela Barzan, tel. 049 5384164 – manuela.barzan@upa.padova.it.


p16-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:29

Pagina 16


p17-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:37

Pagina 17

CATEGORIE

28 MARZO 2014

17

■ Confronto su Piano casa, le difficoltà del momento e il Marchio

Il futuro delle costruzioni? Una questione di qualità

Giovanni Varotto Presidente dei Pittori e Decoratori

a situazione del settore edile, la crisi delle costruzioni, il nuovo Piano casa, il Marchio di qualità per l’edilizia, sono stati al centro di un importante incontro pubblico, promosso ed organizzato dalle Confartigianato di Padova e Venezia, che si è svolto lo scorso 4 aprile prossimo, all’Holiday Inn di Marghera. All’appuntamento è intervenuto anche il Vice Presidente della Regione e promotore della legge regionale n.32 del 29/11/2013, Marino Zorzato, mentre la relazione tecnica è stato proposta da Federico Della Puppa, ricercatore Cresme. Dopo i saluti di Lorenzo Cavinato, membro di giunta dell’Unione, e di Marco Semenzato, Presidente dell’Upa di Venezia, è toccato proprio a Federico Della Puppa, tracciare il quadro della situazione attuale del settore delle costruzioni. «E’ innegabile – ha detto il ricercatore – che l’edilizia è stato uno degli ambiti che hanno maggiormente sofferto della crisi di questi anni. I numeri sono impietosi e testimoniano una difficoltà che non si può certo ritenere transitoria o legata solo a un momento particolarmente negativo». Che cosa significa tutto ciò? «Molto semplicemente che il modo di “fare case” nel futuro (immediato o meno a seconda degli andamenti

L

congiunturali) non sarà più lo stesso. Le attuali tendenze, anche le scelte legislative, ma soprattutto la condizione del nostro territorio, stanno spingendo opzioni ed atteggiamenti verso un’edilizia in cui il consumo di suolo sarà pressoché azzerato». «Non è vero – ha detto Della Puppa – che in futuro i veneti non avranno più bisogno di abitazioni, ma di certo richiederanno case diverse. La struttura demografica

della popolazione sta cambiando ed è indispensabile che chi propone dimore si adegui alle esigenze del mercato. Non sempre i costruttori sono stati attenti a questi aspetti». «Il Piano casa – ha aggiunto lo studioso – è una testimonianza proprio di tale atteggiamento deficitario da parte degli imprenditori: i primi, se non proprio ad essere diffidenti, ma a fare poco per la sua applicazione, sono stati

proprio loro. Eppure è uno strumento che va nella giusta direzione: zero consumo di suolo e miglioramento dell’esistente». Nelle polemiche sorte dopo il varo del terzo Piano casa i sindaci hanno avuto un ruolo da protagonisti, in particolare accusando il progetto regionale di togliere ai primi cittadini e alle amministrazioni locali ogni possibilità di controllo. Su questo si è aperto un tavolo di confronto

e alla fine tra Regione e a Anci è stato trovato un punto di incontro. «Da parte nostra – ha spiegato Giancarlo Piva, sindaco di Este – era molto importante che si accettasse l’idea che il Piano casa non potesse essere uno strumento di edificazione senza controllo: su questo punto ci siamo confrontati con la Regione e devo dire che il punto di incontro al quale siamo giunti ci pare molto soddisfacente».

Critico alle resistenze al Piano, Paolo Bassani, presidente della Federazione edili di Confartigianato del Veneto; mentre Mario Dalla Tor, vice presidente della Provincia di Venezia, ha tracciato il quadro della situazione delle abitazioni nel suo territorio, sottolineando l’esigenza di provvedimenti che incentivino il recupero e la riqualificazione. In fine l’assesore regionale, Marino Zorzato, che, non senza qualche polemica, ha sottolineato il fatto che «molti hanno criticato il Piano casa, senza averlo letto». L’assessore ha difeso la bontà del provvedimento, che ha dato fiato ad un settore gravemente in difficoltà, che ha consentito a molti cittadini di attuare interventi utili: tutto questo senza consumo di territorio a stravolgimenti dell’esistente. Zorzato ha detto che a breve saranno rese note le modifiche del Piano casa, giunte dopo il confronto con i Sindaci, un provvedimento che tuttavia mantiene intatte le caratteristiche iniziali. Nell’ambito del convegno di Marghera, Giovanni Varotto, presidente del sistema di categoria dei pittori e decoratori dell’Upa, ha presentato il Marchio di qualità della casa, che sta prendendo avvio a Padova: un nuovo modo di intendere il costruire, un’esperienza in linea con le attese del futuro.

■ Oltre centocinquanta aziende hanno partecipato agli otto incontri di aggiornamento

A proposito della responsabilità del committente i è concluso lo scorso 18 marzo il ciclo di otto incontri dedicati alle responsabilità del committente e all’idoneità tecnico professionale. Grande l’interesse registrato da parte delle molte aziende partecipanti, oltre centocinquanta, che hanno vivacizzato con le loro numerose domande gli incontri tenuti dall’Ispettor Nerio Bovo della Direzione Territoriale del Lavoro di Padova. Gli incontri, iniziati lo scorso novembre e svoltisi a Limena, Selvazzano, Montagnana,

S

Albignasego, Piazzola, Abano, Este, Conselve, hanno così permesso ai partecipanti di approfondire le proprie conoscenze su varie tematiche di grande interesse per lo svolgimento della propria attività. In particolare, l’attenzione dei si è soffermata su tre argomenti: la collaborazione tra e con lavoratori autonomi, la responsabilità solidale negli appalti e le responsabilità del committente. Il fatto di affrontare una tematica così ampia come quella oggetto degli incontri, in-

Giovanni Miazzo Presidente del Sistema di categoria Edilizia

fatti, ha permesso ai partecipanti di discutere di molte delle problematiche che si trovano ad affrontare quotidianamente nella loro attività di cantiere. Il bilancio dell’iniziativa, resa possibile grazie al contributo di CEAV (ora Edilcassa Veneto), appare quindi positivo, sia per la

Catia Sadocco Presidente dei Marmisti e Posatori

partecipazione che per la qualità degli interventi. In tal senso, i Presidenti delle categorie maggiormente coinvolte, Giovanni Miazzo degli Edili, Giovanni Varotto dei Pittori Decoratori e Catia Sadocco dei Marmisti Posatori, manifestando la loro soddisfazione per l’interesse

riscontrato e, considerando la complessità delle normative alla base dei temi trattati (quali il dlgs. 81/08, meglio conosciuto come testo unico sulla sicurezza, o il dlgs. 276/2003 e successivi sulla responsabilità solidale del committente), puntano ad individuare insieme ai propri consigli di categoria altri argomenti sui quali fare chiarezza. “In Veneto siamo stati apripista riguardo alla divulgazione della tematica riguardante la responsabilità del committente – spiega Giovanni Varotto,

Presidente del Sistema di categoria Pittori e decoratori dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova –. Ci siamo resi conto in questi mesi di quanto interesse ci sia sull’argomento. Lo testimoniano i dati sull’affluenza di pubblico a questi incontri. E anche le Amministrazioni comunali, che non sono state coinvolte in questo ultimo ciclo di appuntamenti, hanno manifestato l’interesse a proporre alla cittadinanza l’argomento, segno che abbiamo offerto un servizio significativo”.


p18-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:55

Pagina 18


p19-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:52

Pagina 19

TERRITORIO

28 MARZO 2014

19

■ Inaugurata la nuova sede del Mandamento di Cittadella

Prova di coraggio in tempo di crisi stata inaugurata domenica 16 marzo la nuova sede del Mandamento di Cittadella dell’Unione Provinciale Artigiani. Gli uffici si trovano ora nella moderna sede di via Borgo Sole 19; il personale dell’Upa garantirà nei nuovi e accoglienti locali tanti servizi agli associati: da quelli tradizionali ai più innovativi. «Il Consiglio mandamentale di Cittadella è orgoglioso di offrire agli associati una sede all’insegna della modernità e dell’efficienza; – spiega il Presidente mandamentale, Raffaele Zordanazzo – vorrei che questo cambiamento fosse accolto come un segnale positivo che vogliamo dare nel nostro territorio. Vorrei inoltre che

È

la sede della nostra associazione fosse la casa degli artigiani, cioè il luogo dove i colleghi possano confrontarsi ed avere risposte alle loro esigenze». Certamente, aprire una sede, allargare le opportunità e i servizi, ma anche le spese, non è un gesto facile in un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo. «Credo che il valore significativo che dobbiamo dare a questa iniziativa, – aggiunge il Presidente – sia proprio quello in ordine alla fiducia. L’Unione Artigiani crede molto in questo territorio; l’Associazione è convinta che, nonostante la crisi, qui ci siano tutte le premesse perché l’economia possa ri-

partire. Vi è anche la convinzione che in questo auspicabile processo di rilancio siano proprio i piccoli imprenditori a giocare un ruolo decisivo.

Come si sa, infatti, l’Alta Padovana è una terra che dal punto di vista economico e produttivo è caratterizzata proprio dalla presenza di un

capillare tessuto di aziende artigiane: è da queste che potrà veramente partire il recupero di quella situazione di leader nell’economia

quanto meno regionale che sempre ha caratterizzato questo territorio». «L’Upa ha voluto investire nel mondo della piccola impresa; – aggiunge Zordanazzo – molto perché tale scelta fa parte della sua missione specifica, originaria; ma anche per una scelta precisa e contingente, tutta all’insegna della fiducia. A tutto questo, bisogna aggiungere il fatto che la nuova sede di Cittadella vuole essere un punto di riferimento per tutto il territorio dell’Alta: non è una scelta da poco; siamo infatti convinti che occorra sempre di più fare sistema e muoversi con prospettive e progetti (oltre che servizi) che vadano oltre i ristetti ambi dei “campanili”».

■ San Pietro in Gu

■ I Mandamenti della Bassa

■ Incontro a Vigodarzere

Una messa in ricordo di Manuel Nalon

La primavera degli artigiani

Con gli incentivi “Ora si può”

i è tenuta il 6 aprile scorso la Messa in ricordo di Manuel Nalon, il giovane Delegato di San Pietro in Gu dell’Unione Artigiani, mancato il 30 aprile dell’anno scorso. Dopo la celebrazione, durante il pranzo, sono stati raccolti i fondi per un’ambulanza destinata a SOS Alta Padovana Onlus, l’associazione presso la quale Manuel prestava il suo servizio di volontariato. “Abbiamo voluto onorarne la memoria mettendo a disposizione dell’associazione di volontariato alla quale teneva molto un nuovo mezzo – spiega la madre Silvana Bonazza”. Nalon apparteneva ad una conosciutissima famiglia di fotografi, attivi nell’Alta Padovana da generazioni. Era un ragazzo pieno di interessi: oltre al volontariato coltivava la passione per il teatro ed era molto impegnato nell’Associazione, aveva infatti frequentato la Scuola di formazione per dirigenti. “Manuel era un vero pro-

erano circa ottanta persone all’incontro “Ora si può”, che si è tenuto a Vigodarzere il 27 marzo scorso nell’ambito di Artigianalmente. Durante l’incontro, organizzato dall’Unione Artigiani, grazie al patrocinio del Comune di Vigodarzere, si è parlato degli incentivi fiscali del 50 e 65% sulle ristrutturazioni, gli impianti, gli infissi e i mobili. La serata è stata aperta dal saluto di Francesco Vezzaro, Sindaco di Vigodarzere e da Moreno Favaron, Presidente del

C’

S

motore di idee – ricorda il Presidente del Mandamento di Cittadella Raffaele Zordanazzo – seguiva con attenzione l’attività associativa perché credeva nell’importanza dell’aggregazione tra imprenditori. Era un professionista competente, del resto proveniva da una famiglia che ha sempre rappresentato la storia della fotografia”. E la sua passione per la fotografia è riassunta in una frase da lui pubblicata sul sito di Foto Splendida, la sua impresa: “L’arte fotografica non si esaurisce nel singolo click, ma è un guizzo creativo di estroso talento che cattura un sentimento”.

mandamento Upa di Vigonza. Hanno spiegato la materia i tecnici Andrea Martini e Enrico Viti.

Eccellenze a Union day i è tenuta sabato 29 marzo la Festa di Primavera, organizzata dall’Unione Artigiani, nell’ambito di Artigianalmente, per i soci dei mandamenti di Este, Monselice Montagnana. È stata la Trattoria “Al Laghetto” di Boccon di Vo’ ad ospitare le cento persone intervenute all’iniziativa, un’occasione di incontro e riflessione tra gli imprenditori artigiani e le loro famiglie. Durante la festa dodici associati hanno ricevuto il premio di fedeltà associativa. Si tratta di Roberto Cardin, An-

S

tonio e Lorenzo Molon, Cesare Cardin e Giovanni Sanguin, per il Mandamento di Monselice, Arsenio Facciolo, Rino Polato, Renato Gottardo e Gianluigi Tecchio per il Mandamento di Este, Giovanni Filippi, Franco Vicentini, Alberto Bordon e Alvise Gabaldo per il Mandamento di Montagnana. All’iniziativa erano presenti Carlo Dall’Aglio e Laura Dalla Montà, componenti della Giunta dell’Unione Artigiani e i presidenti mandamentali Silvano Viel (Monselice) e Lidovino Corradin (Montagnana).

asce dal desiderio del Coordinamento delle attività economiche del Camposampierese di rappresentare la vetrina delle eccellenze locali l’Union Day, iniziativa itinerante che coinvolge associazioni e Amministrazioni del territorio. La manifestazione si terrà il 10 maggio prossimo nella Sala consiliare di Campodarsego, a partire dalle ore 9.00. Durante l’appuntamento sarà consegnato il prestigioso premio “Impresa e territorio”,

N

Galdino De Marchi Presidente del Mandamento di Camposampiero

assegnato ad un’azienda che si è particolarmente distinta nel suo settore raggiungendo livelli d’eccellenza, ad un soggetto pubblico che ha permesso lo sviluppo del territorio e ad un’associazione che si adopera per migliorare la qualità della vita delle persone.


p20-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:57

Pagina 20

RC auto

35%

Risparmia oltre il sulla tua polizza Chiedi una consulenza gratuita!

L’ offerta è riservata agli associati dell’Unione Provinciale Artigiani Grazie alla convenzione tra l’Unione Provinciale Artigiani di Padova e Unipol Sai Assicurazioni – Divisione La Fondiaria di Piazza Insurrezione 10/B a Padova, gli associati potranno assicurare auto e veicoli commerciali a un costo vantaggioso, risparmiando oltre il 35% rispetto ai prezzi di listino.Inoltre Unipol Sai Assicurazioni – Divisione La Fondiaria è a disposizione per offrire assistenza in convenzione agli associati. Grazie alla sua rete di periti e ai suoi collaboratori presenti in tutto il territorio, sarà possibile avere consulenze assicurative gratuite. È prevista la possibilità di pagamenti rateali.

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Ufficio commerciale, tel. 049 8206150 – stefania.frigo@upa.padova.it.


p21-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

11:57

Pagina 21

TERRITORIO

28 MARZO 2014

21

■ Così Conselve custodisce la propria memoria

■ Informagiovani Albignasego

Un tornio che racconta un pezzo di storia

La domanda e l’offerta di lavoro

n pezzo di storia dell’artigianato locale nella sede Upa di Conselve. È stato consegnato ufficialmente il 19 marzo un tornio risalente alla metà dell’Ottocento, donato all’Unione Provinciale Artigiani da Mariano Cantarello, nipote del “carradore” Antonio Cantarello, restaurato da Danillo Mazzucco, grazie al contributo della Banca di Credito Cooperativo di Cartura. Alla cerimonia erano presenti il presidente dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova Roberto Boschetto, il presidente mandamentale Renato Luise, il sindaco di Conselve Antonio Ruzzon e il sindaco di Bagnoli Mario Rasi. Dietro a questo gesto c’è il racconto di una famiglia di artigiani, intenzionata a non disperdere la propria storia, ma anzi a condividerla con i conselvani.

U

La storia dei Cantarello raccontata da Danillo Mazzucco, ex artigiano edile Antonio Cantarello, professione carradore, dopo la fine della Grande Guerra, si sposò con Rosina Quirino, una bella ragazza veneziana e mise su famiglia. In quel tempo acquistò a Venezia un tornio di legno che usava per fare i mozzi delle ruote dei carri e dei carretti e altri piccoli lavori. Per circa trent’anni fece questo lavoro, mantenendo la famiglia e i suoi figli. Ma poco dopo la seconda guerra mondiale i carri e i carretti lasciarono il posto a camion e rimorchi con le ruote di gomma. Il lavoro cominciò a scarseggiare, vista la situazione, Antonio disse al figlio Carlo Felice di intraprendere un nuovo lavoro: il gommista. Carlo così fece e mise su famiglia, ma il padre Antonio non mollò la sua passione per il tornio e iniziò un nuovo lavoro: il moscolaio. Faceva per noi ragazzi di quel tempo le trottole (i moscoli), che facevamo girare con la frusta (scuria) per strada o nei cortili, facendo gare di bravura tra noi. In quel modo il buon Antonio si procurava la legna per l’inverno, perché per avere

gevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro: è questo l’obiettivo della collaborazione tra l’Unione Provinciale Artigiani e l’Informagiovani del Comune di Albignasego. Le aziende artigiane in cerca di personale potranno attingere a un database di circa quattrocento curricula. Il servizio Informagiovani di Albignasego è nato per orientare i giovani a partire dalla scelta formativa dopo la scuola media, fino all'inserimento nel mondo del lavoro e fornisce informazioni anche su attività da svolgersi nel tempo libero quali sport, musica, teatro sul territorio di Albignasego e dintorni. Allo sportello è inoltre possibile venire in contatto con proposte relative a occasioni di studio, lavoro o volontariato in paesi esteri: grazie ad una rete di contatti il servizio è in grado di offrire ai giovani un ventaglio di offerte informative in merito a Servizio Volontariato Europeo (EVS), campi di lavoro, soggiorni studio e percorsi per l'inserimento lavorativo in altri paesi. Occasionalmente il servizio offre anche conversazioni in lingua con ragazzi stranieri, secondo il metodo del Tandem linguistico. Presso lo sportello è attivo, senza appuntamento, un servizio di consulenza per la stesura del curriculum vitae e un servizio di orientamento alla ricerca di un impiego.

A

la trottola dovevamo portare un bel pezzo di legno duro: acero, melo o pero. Col passare del tempo il figlio Carlo arrivò alla pensione e passò, come si dice, il testimone al figlio Mariano che tuttora fa il gommista come il padre. È stato lui ad avere l’idea di donare all’associazione Artigiani di Conselve il tornio del nonno, perché non vada perduto il ricordo dei vecchi mestieri artigianali. È vero: la vita xè na roda che gira! E la ruota che gira dà la vita! Ho avuto l’onore di restaurare il tornio. Man mano che

smontavo i vari componenti, ho visto e capito che l’artigiano di un tempo aveva il senso del risparmio. Non essendo un mobile, hanno usato legno di seconda scelta o di recupero, di essenze diverse per i diversi componenti (rovere, olmo) e per la pedaliera addirittura un pezzo di barca, il Madiere dove venivano poste le coste o ordinate per chiodare il fasciame della barca! I cuscinetti a sfera sono della prima generazione (1860). Le parti in ferro (tiranti, bulloni e dadi quadri) sono filettati col passo inglese. Gli spessori e dimensioni del le-

gno ricordano il pollice di Venezia e il braccio Veneto. Il volano è composto da coperte in radica di noce per il fatto che la venatura storta e contrapposta del legno evita le storture della ruota, la quale è attaccata alla biella della pedaliera e bilanciata in modo che si fermi al punto di partenza. Questo appuntamento è stato realizzato nell’ambito di Artigianalmente, il contenitore di eventi con il quale l’Unione Provinciale Artigiani di Padova festeggia il Santo patrono degli artigiani: San Giuseppe.

Andrea Turetta Presidente del Mandamento di Albignasego

Nella sede dell'Informagiovani è possibile accedere gratuitamente ad internet grazie a due postazioni con pc dedicati agli utenti, e ogni anno vengono realizzati percorsi mirati alla ricerca di un impiego che si sviluppano in due modalità: incontri settimanali di gruppo finalizzati alla valutazione delle competenze necessarie all'impiego desiderato (Job Club); cicli di incontri con esperti del mondo del lavoro, per acquisire strumenti e esperienze utili a orientarsi nella ricerca. L'angolo culturale dell'Informagiovani prevede una selezione del punto Book Crossing nel quale prendere gratuitamente un libro oppure lasciarne uno allo sportello. Lo sportello Informagiovani si trova dietro Villa Obizzi, sotto la sede degli Alpini, ed è aperto ogni mercoledì e venerdì dalle 15.30 alle 18.30 e su appuntamento il mercoledì dalle 12.00 alle 13.00. Si possono consultare le offerte dell'Informagiovani anche su internet al sito www.informagiovani.obizzi.it. Per ulteriori informazioni: tel. 049 8627770.


p22-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

14:47

Pagina 22

SOS energia PUNTIAMO A FAR RISPARMIARE LA TUA AZIENDA

INVIA LA TUA BOLLETTA, COMPRENSIVA DI DETTAGLIO, AL FAX 049 8936721 O VIA E-MAIL A: energia@ upa.padova.it RICEVERAI L’ANALISI COMPARATIVA DEI RISPARMI POSSIBILI, GRAZIE ALLE CONDIZIONI

Vuoi migliorare la gestione dei consumi energetici? Affidati a SOS Energia, il servizio dell’Unione Artigiani che ti aiuta ad avere le migliori condizioni dai fornitori del mercato libero. Grazie al Caem, il consorzio artigiano energia e multiutility promosso dalle associazioni di Confartigianato del Triveneto, sono state sviluppate mediazioni utili a ridurre del 17% il costo dell’energia, nonostante l’aumento delle tariffe. Con il Caem infatti si è voluto creare un unico organismo in grado di rappresentare gli interessi delle imprese socie, garantendo un maggior potere contrattuale nelle trattative con i fornitori del mercato libero.

Consorzio Artigiano Energia & Multiutility

Upa Servizi Spa – Servizi Innovativi, via A. Volta 34 Abano Terme (Pd), tel. 049 629323 fax 049 8936721 e-mail: energia@upa.padova.it - www.upa.padova.it


p23-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:02

Pagina 23

28 MARZO 2014

23

■ La tradizionale festa dell’Anap di San Giuseppe

■ Formazione

■ Governo

Tra i tanti ricordi anche quello di Severino

I giovani tra credito start up e qualità

Pensionati ancora una volta ignorati

GRUPPI SOCIALI

on poteva mancare anche per il 2014 la tradizionale festa di San Giuseppe. Come tutti gli anni, oltre 330 associati anziani, insieme alle loro famiglie, hanno avuto la possibilità di partecipare ad una giornata di festa promossa dall’Upa in onore del Santo patrono degli artigiani. L’appuntamento è stato per domenica 23 marzo: dopo la Santa Messa nella chiesa dell’Opera della Divina Provvidenza a Rubano, i partecipanti sono partiti in pullman per raggiungere il ristorante Scapin di Santa Maria di Zevio a Verona per il pranzo sociale. «Ai colleghi artigiani e gentili ospiti, – ha detto la presidente dell’Anap, Anna Panozzo – giunga il mio più cordiale ed affettuoso saluto e grazie per la presenza a questa giornata che ci trova riuniti per festeggiare e ricordare il nostro Santo patrono San Giuseppe, primo maestro artigiano. Tantissimi auguri a quanti portano come nome Giuseppe e Giuseppina, a tutti i papà e nonni. Vi porto anche un saluto da parte dell’Onorevole Antonio De Poli che per impegni istituzionali non ha potuto essere presente».

N

«Al tavolo di presidenza – ha aggiunto Anna Panozzo – oggi avete notato l’assenza di una persona che era orgogliosa di essere artigiano oltre ad essere stimato e conosciuto da tutti. Non mancava mai ai nostri appuntamenti. Non posso non rivolgere il mio pensiero al collega Severino Beo, mancato il 17 febbraio dopo una breve malattia. Vi invito quindi ad alzarvi ed osservare un minuto di silenzio in sua memoria». «In molti vi sarete chiesti – ha detto ancora la Presidente - perché quest’anno abbiamo spostato la festa nella giornata di domenica. Con il consiglio dell’Anap abbiamo pensato di accettare la proposta e la richiesta di alcuni colleghi che lamentavano il fatto che incontrandoci sempre di sabato non potevano parteciparvi. Mi sarei aspettata molta più partecipazione e vi assicuro che ritorneremo alla giornata di sabato. Vi anticipo già che la festa dello scambio degli auguri di Natale è programmata per sabato 14 dicembre. Mi sono sempre astenuta in queste occasioni nell’esprimere pensieri e giudizi sul momento politico, sindacale ed economico del nostro paese che oramai da

in

Cristiano Longhin Presidente del Gruppo giovani di Padova

C

molto tempo sta attraversando una crisi senza precedenti. Ancora una volta, anche questo nuovo governo, a margine delle misure annunciate dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha dimenticato i pensionati nonostante in una interventista apparsa sui giornali di ieri abbia affermato che anche per questa categoria ci saranno delle novità». «Sono favorevole alle detrazioni fiscali per i lavoratori dipendenti che percepiscono fino a 1.500 euro al mese, – ha commentato Anna Panozzo – ma ritengo sia do-

VIAGGIO con L’UNIONE

2014

ontinua il ciclo di incontri programmato dal Gruppo Giovani dell’Unione Provinciale Artigiani, un’iniziativa che proseguirà per tutto il 2014. Ogni incontro sarà dedicato a un argomento di approfondimento: l’8 maggio si affronterà il tema della formazione, il 5 giugno si parlerà di start up aziendale, il 10 luglio di credito, il 4 settembre di Sos Telefonia e il 2 ottobre di certificazione e qualità, del servizio strategy e di convenzioni assicurative. Gli incontri si terranno nella sede di Upa Formazione, in via Cave 178/3, a partire dalle ore 20.30. Il programma degli appuntamenti, proposto dal nuovo Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Cristiano Longhin, è aperto a tutti i giovani imprenditori artigiani.

veroso pensare anche a quei pensionati che sono la stragrande maggioranza e che percepiscono meno di 1.000 euro di reddito mensile: non è pensabile che i consumi ripartano se si esclude dai benefici fiscali una parte così consistente della popolazione. Concludendo, come associazione di categoria a tutela dei pensionati artigiani, inviteremo il Governo a riconsiderare la necessità di includere anche i pensionati a basso reddito tra i beneficiari di sgravi fiscali in modo da accrescere la loro capacità di spesa con ritorni sicuri dal lato dei consumi».

Dal 16 al 18 maggio Zagabria, Laghi di Plitvice e Lubiana

Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Rossella Piovan, tel. 049 8206222 – rossella.piovan@upa.padova.it.

ncora una volta i pensionati sono stati ignorati”. È quanto afferma la Presidente dell’Anap-Confartigianato si Padova, Anna Panozzo, a margine delle misure annunciate dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, per la svolta buona. “Siamo favorevoli alle detrazioni fiscali per i lavoratori dipendenti che percepiscono fino a 1.500 euro al mese – spiega Panozzo – ma riteniamo doveroso pensare anche a quei pensionati che sono la stragrande maggioranza e che percepiscono meno di 1.000 euro di reddito mensile: non è possibile pensare che i consumi ripartano se si esclude dai benefici una parte così consistente della popolazione. È indubbio che questo provvedimento allargherà, tra l’altro, la forbice che già esiste tra lavoratori e pensionati sulla quota di reddito esentata da tassazione (no tax area) e – continua la presidente Anap – riteniamo il Governo non abbia tenuto in alcun conto i moniti che ci vengono dall’Europa circa l’inadeguatezza dei livelli minimo di pensione in Italia, che si situano al di sotto del 40% del reddito medio nazionale”.

“A

Domenica 5 ottobre TA A DA I Borghi antichi: NUOV Bobbio e Grazzano Visconti

Dal 28 giugno al 5 luglio Dal 18 al 19 ottobre TA Dal 13 luglio al 20 luglio Week-end del gusto: NUOVA DA Dal 30 agosto al 6 settembre Norcia, Cascia, Ascoli Piceno Soggiorno in montagna a Lavarone

Dall’ 11 al 21 settembre Festa Nazionale del Socio ANAP Sardegna

Dal 17 al 21 settembre Andalusia

A A DAT NUOV

Sabato 13 dicembre Festa di Natale ANAP

Dal 30 dicembre 2014 al 2 gennaio 2015 A DATA Capodanno a Praga

NUOV

Nei prossimi numeri di Intraprendere troverete i programmi dettagliati e le quote di partecipazione Organizzazione tecnica: Agenzia Viaggi Broccadello Piove di Sacco - Pd

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova - Simone Pegge tel. 049 8206387 cell.346 5005187 - simone.pegge@upa.padova.it


p24-25-intrapr-n03-2014:Layout 1

11-04-2014

10:13

Pagina 24

NOTIZIE TECNICHE, NORMATIVA, SCADENZE, INFORMAZIONI PER LA PICCOLA IMPRESA 28 MARZO 2014 - N. 3

INFORMA

IRAP – OPZIONE 2014 - 2016

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Contributo una tantum per assunzioni di nuovo personale dal 1 gennaio al 31 maggio 2014: a. Uomo con meno di 35 anni b. Donna con meno di 55 anni c. Con più di 55 anni

SCADENZARIO APRILE 2014 GIOVEDÌ 10 APRILE 2014

INPS – PERSONALE DOMESTICO Versamento contributi previdenziali per il personale domestico (trimestre precedente)

A/63 – INCENTIVI ALL’OCCUPAZIONE ANNO 2014

ELENCHI CLIENTI E FORNITORI invio telematico delle operazioni effettuate nel 2013 da parte dei soggetti mensili

CONTRIBUTO • € 2.000 per assunzione, per i punti (a) e (b) • € 3.000 per assunzione, per il punto (c)

PRESENTAZIONE ENTRO IL 30 GIUGNO 2014

MERCOLEDÌ 16 APRILE 2014

RITENUTE Versamento ritenute su redditi da lavoro dipendente e assimilati, lavoro autonomo, provvigioni nonché su corrispettivi per contratti d’appalto nei confronti dei condomini (mese precedente) ADDIZIONALI Versamento addizionali regionali/comunali su redditi da lavoro dipendente del mese precedente IVA liquidazione e versamento (mese precedente) IMPOSTA SUGLI INTRATTENIMENTI Termine per il versamento dell’imposta sugli intrattenimenti del mese precedente CONTRIBUTI INPS MENSILI Versamento all’INPS da parte dei datori di lavoro dei contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel mese precedente GESTIONE SEPARATA INPS COLLABORATORI Versamento dei contributi previdenziali per i collaboratori a progetto, occasionali e associati in partecipazione corrisposti nel mese precedente IVA DICHIARAZIONE D’INTENTO (mensile) Invio delle comunicazioni d’intento in relazione alle quali sono state emesse fatture senza applicazione dell’IVA registrate per il mese precedente ■

MARTEDÌ 22 APRILE 2014

ELENCHI CLIENTI E FORNITORI (sogg. trimestrali) invio telematico delle operazioni effettuate nel 2013 da parte dei soggetti trimestrali ■

LUNEDÌ 28 APRILE 2014

REQUISITI DEL SERVIZIO Sono ammesse tutte le forme di assunzione che determinano trattenute di quote Ebav in busta paga ad esclusione di: – contratti di apprendistato. – dipendenti assunti in blocco in caso di acquisizione attività artigiana. Gli interventi non sono cumulabili per singolo lavoratore: il contributo riferito al singolo lavoratore potrà essere erogato una tantum per azienda (comprendendo anche servizio A/64 e A/65). L’azienda non deve avere ricevuto o presentato richiesta per altre agevolazioni contributive erogate da altri enti/istituti (autodichiarazione nel modello). In caso di lavoratore part-time, contributo proporzionato alle ore lavorate (ovvero alla percentuale part time all’assunzione). L’indicazione del tipo di forma rapporto/contratto nella domanda è obbligatorio. Il lavoratore assunto dovrà: • alla presentazione della domanda, avere superato il periodo di prova • alla presentazione della domanda, non essere stato in precedenza alle dipendenze dell’azienda da almeno 12 mesi in alcuna forma • al pagamento del contributo, avere trattenute Ebav: – almeno tre mesi continuativi (salvo situazioni di Cassa integrazione o Sospensione) – almeno sei mesi per lavoratore con contratto a chiamata ■

A/64 – CONSOLIDAMENTO RAPPORTO DI LAVORO ANNO 2014

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Contributo una tantum per trasformazioni dal 1 gennaio al 31 maggio 2014: a. Da tirocini a rapporti di lavoro b. Da rapporti autonomi o para subordinati a rapporti subordinati c. Da rapporti a termine di minimo 12 mesi a tempo indeterminato.

ELENCHI INTRASTAT (contr. mensili e trimestrali) presentazione contribuenti mensili e trimestrali

CONTRIBUTO € 1.000 per trasformazione

PRESENTAZIONE ENTRO IL 30 GIUGNO 2014

MERCOLEDÌ 30 APRILE 2014

FINANZIAMENTI CONCESSI DA SOCI/FAMILIARI comunicazione all’Anagrafe tributaria dei dati relativi ai soci o familiari che hanno concesso all’impresa finanziamenti per un importo complessivo pari o superiore ad euro 3.600 nell’anno 2013

REQUISITI DEL SERVIZIO Sono ammesse tutte le forme di assunzione/trasformazione che determinano trattenute di quote Ebav in busta paga a esclusione dei contratti di apprendistato. Gli interventi non sono cumulabili per singolo lavoratore. Il contributo riferito al singolo lavoratore potrà essere erogato una tantum per azienda (comprendendo anche servizio A/63 e A/65) L’azienda non deve avere ricevuto o presentato richiesta per altre agevolazioni contributive erogate da altri enti/istituti (autodichiarazione nel modello). In caso di lavoratore part-time, contributo proporzionato alle ore lavorate (ovvero alla percentuale part time all’assunzione). L’indicazione del tipo di forma rapporto/contratto nella domanda è obbligatorio (per i punti a. e b.). Le trasformazioni di dipendente con trattenute Ebav devono essere contigue al periodo di tirocinio / rapporto autonomo (per i punti a. e b.). Il lavoratore assunto dovrà: • alla presentazione della domanda, avere superato il periodo di prova • al pagamento del contributo, avere trattenute Ebav: – almeno tre mesi continuativi (salvo situazioni di Cassa integrazione o Sospensione) – almeno sei mesi per lavoratore con contratto a chiamata Nota del 27/06/2013: nel caso (c), il lavoratore con contratto a termine dovrà avere già trattenute Ebav nei 6 mesi precedenti la trasformazione a tempo indeterminato.

ACQUISTI DA SAN MARINO invio telematico della comunicazione degli acquisti presso operatori di San Marino, annotati nel mese precedente

DENUNCIA UNIEMENS Denuncia telematica delle retribuzione e dei contributi (INPS - INPDAP - Ex ENPALS) del mese precedente MODELLO 730-ASSISTENZA FISCALE PRESTATA DAL SOSTITUTO Lavoratori/pensionati consegnano al datore di lavoro/ente pensionistico i Modd. 730 e 730-1 IVA – RIMBORSO/COMPENSAZIONE TRIMESTRALE Termine per la richiesta di rimborso/compensazione dell’IVA a credito del trimestre precedente OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST Invio della comunicazione relativa alle operazioni effettuate con paesi Black List nel mese precedente(soggetti mensili) e nel trimestre precedente (soggetti trimestrali) LIBRO UNICO scadenza delle registrazioni relative al mese precedente BENI D’IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI/FAMILIARI Comunicazione all’Anagrafe tributaria dei dati relativi ai beni concessi in godimento a soci o familiari nell’anno 2013

EBAV Sono stati rinnovati con alcune modifiche i contributi Ebav destinati agli incentivi all’occupazione e per i consolidamenti dei rapporti di lavoro, che erano scaduti lo scorso 31 Gennaio 2014 per gli eventi relativi all’anno 2013. Il periodo interessato per la presentazione delle nuove domande (assunzione/trasformazione) riguarda gli eventi ricompresi dal 1 Gennaio 2014 al 31 Maggio 2014 e la scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 30 Giugno 2014. Di seguito riportiamo la specifica delle caratteristiche dei relativi servizi.

SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI ANNO 2014 – MODELLO A/51

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Contributo alle aziende artigiane, su finanziamenti ricevuti nel 2014 (fa fede la data della stipula o fattura in caso autofinanziamento). Gli investimenti di innovazione tecnologica, di processo o di prodotto, devono riguardare: attrezzature, macchinari , impianti di produzione, impianti di energie rinnovabili, acquisizione di brevetti, licenze d’uso e operazioni di messa a norma dei macchinari. CONTRIBUTO • Finanziamenti garantiti da Consorzi fidi dell’artigianato: il contributo sul finanziamento ricevuto è pari al 7%, fino a un massimo erogabile di € 3.000, per finanziamenti non inferiori a €10.000 (IVA esclusa) • Altri finanziamenti: il contributo sul finanziamento ricevuto o sull’importo della fattura quietanzato (in caso di autofinanziamento) è pari al 5%, fino a un massimo erogabile di € 2.500, per finanziamenti non inferiori a €20.000 (IVA esclusa)


p24-25-intrapr-n03-2014:Layout 1

11-04-2014

10:13

Pagina 25

GRUPPI SOCIALI ■

25

28 MARZO 2014

Quattordici anni fa il Premio Fumagalli a Luciana Alpi

Ricordando il coraggio di Ilaria nel ventennale della sua scomparsa nche l’Unione Provinciale Artigiani di Padova vuole ricordare il coraggio della giornalista Ilaria Alpi, nel ventennale della sua scomparsa. L’Associazione ha sempre seguito con attenzione la vicenda della cronista uccisa a Mogadiscio con l’operatore Miran Hrovatin, mentre seguiva per il tg3 la

A

guerra civile somala. Nel 2000 Confartigianato Donne Impresa di Padova assegnò a Luciana Alpi, madre di Ilaria, il premio “Graziella Fumagalli”, dedicato a donne che hanno il coraggio di combattere battaglie impossibili. “Siamo stati molto colpiti da questa giornalista che ha avuto il coraggio di cercare la verità e indagare sul de-

REQUISITI DEL SERVIZIO Gli investimenti devono essere effettuati con: – Autofinanziamento, – mutui chirografari – Artigiancassa – Mediocredito – Sabatini/Tremonti – Leasing – Mutui fondiari o ipotecari Nelle copie di contratti e/o finanziamenti si deve evincere: • il tipo di bene acquistato • se si tratta di attrezzatura, macchinari o impianti di produzione nuovi e inerenti l’attività aziendale • la data di stipula del contratto È escluso il contributo per l’acquisto di: • beni usati, • beni immobili (compresa la loro manutenzione o restauro); • beni mobili registrati (motoveicoli, autoveicoli, camion, imbarcazioni, ecc.) • beni per cui si è già presentata domanda A/60 “Adeguamento per la sicurezza in azienda” o A/62 “Nuova Imprenditoria Giovanile”. • beni diversi tra loro acquistati in tempi diversi tra loro (“spese non cumulabili”). Le spese sostenute e rendicontate devono essere uguali o superiori al contributo erogabile. Solo per la categoria Acconciatura-Estetica sono considerate attrezzatura alcune specifiche parti dell’arredamento del negozio strettamente inerenti l’attività svolta. Solo per Autotrasporto persone è considerata attrezzatura l’acquisto di beni mobili registrati quali autoveicoli e autobus. L’Hardware (computer) può essere considerato Attrezzatura, qualora il suo utilizzo faccia parte di un unico progetto di innovazione collegato alla produzione oppure alla informatizzazione dell’azienda e non strumento da utilizzare per la mera attività di ufficio. Le aziende non possono richiedere per gli investimenti dello stesso anno il contributo A/52 "Sostegno al consolidamento degli impianti debitori". Le aziende ammesse al contributo possono presentare nuova domanda A/51 solo dopo un anno dal ricevimento del contributo medesimo (fa fede la data di accreditamento del contributo EBAV). DOCUMENTI DA ALLEGARE Copia del finanziamento e/o contratto con evidenziata la data di stipula e fattura quietanzata; in caso di autofinanziamento nella fattura devono essere specificate le modalità di pagamento – In caso di Leasing va allegato anche il Documento di Trasporto – In caso di Mutuo Bancario va allegato anche il Piano di Ammortamento – in caso di autofinanziamento allegare autocertificazione di autofinanziamento Copie delle fatture di spesa relative all’investimento effettuato. In caso di finanziamenti garantiti da Consorzi fidi dell’artigianato: Relazione del Confidi Artigiano. Scadenza presentazione domanda: 31 GENNAIO 2015. ■

SOSTEGNO AL CONSOLIDAMENTO DEGLI IMPIANTI DEBITORI ANNO 2014 – MODELLO A/52

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Contributo alle aziende artigiane per consolidamento degli impianti debitori e/o operazioni a medio/lungo termine per esigenze di liquidità, realizzati nel 2014 con la garanzia dei Confidi Artigiani, (vedi elenco in allegato) che devono essere destinati a: – consolidamento delle passività a breve termine – ristrutturazione della garanzia debitoria – riequilibrio finanziario – mutui chirografari CONTRIBUTO Il contributo sul finanziamento ricevuto è pari al 2%, fino a un massimo erogabile di € 1.300. REQUISITI DEL SERVIZIO Gli importi finanziabili debbono riguardare almeno un minimo di € 30.000 per singola operazione. Le aziende che saranno ammesse al contributo secondo le presenti disposizioni, potranno presentare ulte-

licato tema del traffico di armi e dei rifiuti tossici – spiega Anna Panozzo, past president di Confartigianato Donne Impresa. E siamo stati altrettanto colpiti dalla forza e dalla tenacia di sua madre Luciana che non ha mai smesso di lottare perché venga fatta luce sulla tragica uccisione della figlia. Per questo la nostra associazione ha voluto premiare

nel 2000, mentre ero presidente, la perseveranza di questa donna, alla quale continuiamo ad essere vicini, soprattutto in occasione del ventennale della scomparsa della figlia. A lei auguriamo che la desecretazione dei documenti annunciata nei giorni scorsi possa condurla a scoprire la verità su quanto accaduto nel 1994 in Somalia”.

riori domande solo dopo 1 anno dal ricevimento del contributo medesimo (fa fede la data di accreditamento del contributo EBAV). Le aziende in una stessa annualità non possono richiedere il contributo se hanno già in essere una domanda per Sostegno agli investimenti La liquidazione avverrà dopo il termine ultimo di presentazione delle domande. DOCUMENTI DA ALLEGARE Relazione del Confidi Artigiano illustrativa delle caratteristiche dell’avvenuto consolidamento debitorio con specificato l’entità dell’importo consolidato. Scadenza presentazione domanda: 31 GENNAIO 2015. UFFICIO PROVINCIALE EBAV Via Bracciano 34, 35030 – SELVAZZANO DENTRO (Pd), 049 8056905

VARIE ■

IL REDDITOMETRO SI “ADEGUA” ALLA PRIVACY

Come noto, a fine 2013, il Garante della Privacy ha formulato uno specifico parere relativamente al procedimento di accertamento tramite il redditometro che si è tradotto, di fatto, nel blocco dell’avvio dell’attività di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate. Recentemente l’Agenzia ha fornito le attese risposte alle osservazioni del Garante contenute nel citato parere, evidenziando in particolare quanto segue: • le spese medie ISTAT non saranno prese in considerazione non solo nella fase di selezione ma anche nel contradditorio con il contribuente; • l’Ufficio dovrà effettuare una preventiva verifica dell’effettiva composizione del nucleo familiare del contribuente al fine di poter disporre della “famiglia anagrafica”, individuata partendo dalla “famiglia fiscale” e aggiungendo i figli maggiorenni e gli altri familiari conviventi non a carico nonché il convivente. ■

SAN MARINO NON È PIÙ “BLACK LIST” (DAL 24.2.2014)

Recentemente è stato pubblicato sulla G.U. l’annunciato Decreto che dispone l’eliminazione di San Marino dalla lista dei Paesi black list. Per effetto di ciò, relativamente alle operazioni poste in essere con soggetti aventi sede, residenza o domicilio in tale Stato, non sarà più necessario presentare la comunicazione delle operazioni black list. L’esclusione ha effetto dalle operazioni effettuate a decorrere dal 24.2.2014. L’APPROVAZIONE DEL BILANCIO 2013 Entro il 30.4.2014, ossia 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio al 31.12.2013, gli amministratori delle società di capitali devono presentare ai soci il “progetto” di bilancio ai fini della relativa approvazione. Quest’ultimo, dopo essere stato trasmesso all’organo di controllo (se esistente), va depositato presso la sede sociale, per consentire ai soci di prenderne visione, nei 15 giorni precedenti a quello fissato per l’approvazione. In presenza di specifiche esigenze connesse con la struttura e l’oggetto della società, se previsto dallo statuto, è comunque possibile usufruire del maggior termine di 180 giorni (29.6.2014). ■

LE PRINCIPALI NOVITÀ DEL MOD. 730/2014

Sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate è disponibile il mod. 730/2014 relativo al 2013 e le correlate istruzioni. In particolare si segnalano le seguenti novità: – l’aumento delle detrazioni relative ai figli fiscalmente a carico; – l’aumento della detrazione IRPEF prevista per i lavori di recupero del patrimonio edilizio dal 36% al 50% e al 65% in talune fattispecie particolari; – la detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici; – l’aumento della detrazione IRPEF prevista per gli interventi di riqualificazione energetica dal 55% al 65%; – la riduzione a € 630 del limite massimo detraibile delle spese dei premi di assicurazione aventi ad oggetto il rischio di morte o l’invalidità permanente. Il modello e le relative istruzioni sono state recentemente oggetto di un intervento di “aggiornamento” da parte dell’Agenzia; tra le novità si segnala l’istituzione nel Frontespizio di 2 apposite caselle riservate ai soggetti privi del sostituto d’imposta.


p26-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

26

15:09

Pagina 26

28 MARZO 2014

ATTUALITÀ

■ Inaugurata ufficialmente la nuova sede di Upa Formazione in via Cave a Padova

Tanti spazi e progetti per crescere in “sapere” uovi e più adeguati spazi per l’ente formativo promosso dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova. Il 26 marzo scorso è stata inugurata ufficialmente la nuova sede di Upa Formazione, che si è trasferita dalla storica sede di Piazza De Gasperi ai nuovi locali di via Cave 178 a Padova. Tutta l’attività formativa – quindicimila ore annue – si terrà in un luogo facilmente raggiungibile e in un contesto più consono alle esigenze delle imprese artigiane. Oltre alla sede, cambierà l’approccio alla gestione dei processi formativi: la lunga esperienza dell’ente sarà messa al servizio di un proposta duale, che consenta di coniugare teoria e pratica, secondo un modello tedesco che l’Unione Provinciale Artigiani sta sperimentando da diversi mesi, grazie al progetto “The job of my life”, promosso in collaborazione con la Camera dell’Artigianato di Friburgo. Nuovi spazi dunque per fare formazione alle aziende, agli artigiani, ai giovani in cerca di lavoro, ai lavoratori cassa integrati e ai dirigenti: un obiettivo raggiunto grazie alla collaborazione della Provincia di Padova, che ha concesso di utilizzare i locali dell’immobile di via Cave. “Il primo passo per essere competitivi è considerare la formazione come un investimento i cui frutti sa-

N

Le opportunità su misura Con UPA Formazione è possibile scegliere tra tante proposte formative e diverse soluzioni su misura delle diverse esigenze: • Formazione individuale Percorsi formativi che migliorano la gestione e la cultura d’impresa, favoriscono la crescita professionale e personale dell’imprenditore artigiano, promuovono l’aggiornamento e l’adegua-mento tecnico e normativo e diffondono la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro. • Formazione per le categorie Realizzata in coordinamento con l’Unione Provinciale Artigiani, per rispondere alle esigenze di aggiornamento e crescita delle diverse categorie artigiane. • Formazione obbligatoria Rivolta ai dipendenti assunti dalle imprese artigiane con contratti di apprendistato nella provincia di Padova.

• Formazione aziendale È destinata ai lavoratori ed ha l’obiettivo di aggiornare le conoscenze, l’innovazione e l’evoluzione dei sistemi produttivi all’interno di singole aziende. I corsi sono realizzati attraverso una progettazione su misura, in base alle esigenze delle imprese. • Formazione per disoccupati È indirizzata ai giovani disoccupati. Favorisce il loro inserimento nel mondo del lavoro e si avvale del finanziamento del Fondo Sociale Europeo (F.S.E.) • Corsi a qualifica e di specializzazione a riconoscimento regionale per l’accesso alla professione Si tratta di attività formativa mirata al raggiungimento di una qualifica necessaria per avviare una professione (autotrasporto, estetica, acconciatura somministrazione alimenti). Abbiamo diviso le attività in sette aree: scopri il colore dell’area che ti interessa, sarà più facile consultare il nostro materiale informativo.

ranno garantiti nel tempo – ha spiegato Lino Fabbian, Presidente di Upa Formazione –. La formazione dunque ha un ruolo determinante per la ripresa economica e l’inaugurazione della nuova sede del nostro ente testimonia la volontà degli artigiani padovani di guardare con fiducia al futuro”. L’inaugurazione della nuova sede di Upa Formazione non ha rappresentato un semplice momento rituale: “Vogliamo un cambio di rotta verso prassi che sappiano rispondere con maggiore efficacia alle richieste delle nostre aziende e del mercato – ha precisato il Presidente dell’Unione Artigiani Roberto Boschetto”. Le imprese artigiane sono soggetti con un elevato patrimonio in termini di risorse umane: “Una ricchezza che va potenziata, perché è anche dal saper fare degli addetti che dipende la buona riuscita dell’impresa – ha detto il Presidente della Funzione aziendale Formazione Giuliano Berto”. All’inaugurazione erano presenti anche il vice presidente della Provincia di Padova Mirko Patron, “La formazione è una condizione che permette di migliorare le competenze, di aggiornarsi e innovarsi secondo le esigenze di un mondo che cambia – ha detto Patron –. Sono convinto che questi nuovi spazi siano una risposta efficace alle esigenze formative”.

■ Iniziativa della Provincia di Padova per i ragazzi tra i 16 e i 18 anni

Anche le aziende artigiane aperte agli stage ell’ambito del Servizio Orientamento scolastico e Obbligo formativo, la Provincia di Padova promuove, tra le varie iniziative, l’attivazione di stage presso aziende, in particolare artigiane, per ragazzi di età compresa tra i 16 e 18 anni non ancora compiuti, che abbiano per qualche motivo interrotto il percorso scolastico.

N

Lo stage consentirà ai giovani di approfondire la propria conoscenza dell’ambito lavorativo, in funzione di un ritorno a scuola oppure di un eventuale inizio di un percorso di apprendistato. Lo stage potrà durare da due a sei mesi. Aderire ad uno stage non è una scelta vincolante per l’azienda ospitante: l’azienda infatti può interromperlo in qual-

siasi momento qualora riscontri inadempienze da parte dello stagista. La Provincia potrà rimborsare eventuali spese sostenute per l’apertura della copertura assicurativa (INAIL, RC) fino ad un massimo di € 100,00 e in alcuni casi, l’erogazione al tirocinante di una borsa lavoro di € 2/ora per i primi due mesi di tirocinio.

Le aziende interessate ad ospitare uno o più ragazzi per il periodo di tirocinio, possono segnalare la disponibilità all’Unione Provinciale Artigiani – ufficio Progettazione di Sistema. Alessandro Nespoli tel. 049 8220870 – Catia Salvan tel. 049 8220865.


p27-29-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:50

Pagina 27

INSTALLATORI D’IMPIANTI

ADEMPIMENTI

GAS

FLUORURATI

FGAS: OBBLIGO DI CERTIFICAZIONE PER LE AZIENDE Grazie a Upa Formazione, è più semplice far fronte all’obbligo di certificazione aziendale prevista per le imprese, anche individuali, che si occupano di gas fluorurati, così come determinato dal DPR n. 43 del 27 gennaio 2012. Le aziende che effettuano attività di installazione, manutenzione, riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti taluni gas fluorurati ad effetto serra dovranno avere un sistema di gestione della qualità conforme ai requisiti previsti dalla normativa, altrimenti potranno incorrere in sanzioni penali e amministrative. Le sanzioni penali si riferiscono al commercio di apparecchiature e prodotti contenenti i gas serra; le sanzioni amministrative invece sono riferite a condotte contrarie agli obblighi previsti in merito alla formazione del personale che tratta gli apparecchi con gas refrigeranti e in merito alle attività di contenimento delle perdite e recupero dei gas serra dagli apparecchi di refrigerazione, condizionamento d’aria, sistemi antincendio e pompe di calore. È importante sapere che la certificazione è diversa dal patentino frigoristi, che riguarda la formazione del personale, ma è per le aziende comunque obbligatoria. In questa pagina pubblichiamo una sintesi delle sanzioni nelle quali possono incorrere gli imprenditori che non rispettano la normativa (le sanzioni sono stabilite dal D.Lgs. 5 marzo 2013, n. 26 “Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento CE n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra”).

VIOLAZIONI DEGLI OBBLIGHI DERIVANTI DALL’ARTICOLO 3 DEL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTENIMENTO DELLE PERDITE DI GAS FLUORURATI Oggetto del controllo per i possessori degli impianti eventuale sanzione Annuale applicazioni con 3 kg. o più di gas Semestrale per applicazioni contenenti 30 o più kg. di gas da € 7.000 Trimestrale per applicazioni con 300 o più kg. di gas a € 100.000 Annuale per sistemi rilevamento perdite su impianti contenenti 300 kg Utilizzo di persone non certificate per controllo perdite di impianti di cui ai punti 1, 2, 3 Mancata tenuta del registro dell’apparecchiatura o del sistema

da € 7.000 a € 100.000 da € 7.000 a € 100.000

VIOLAZIONI DEGLI OBBLIGHI DERIVANTI DALL’ARTICOLO 4 DEL REGOLAMENTO IN MATERIA DI RECUPERO DI GAS FLUORURATI Oggetto del controllo per i possessori degli impianti eventuale sanzione Utilizzo di personale non certificato nel recupero di gas da apparecchiature da € 10.000 di refrigerazione, condizionamento, pompe di calore in fase di manutenzione a € 100.000 e riparazione Mancato recupero del gas assicurandone contestualmente il corretto smaltimento o il riciclaggio

da € 10.000 a € 100.000

VIOLAZIONE DEGLI OBBLIGHI DERIVANTI DALL’ARTICOLO 5 DEL REGOLAMENTO A CARICO DELLE IMPRESE Oggetto del controllo per i tecnici del freddo eventuale sanzione Utilizzo di personale non certificato per attività di recupero da € 10.000 e contenimento perdite a € 100.000 Utilizzo di personale non certificato per attività di installazione, manutenzione e riparazione di impianti di condizionamento, refrigerazione, pompe di calore ed antincendio contenenti gas fluorurati Mancata iscrizione al Registro Telematico istituito presso le Camere di Commercio

Per venire incontro alle aziende artigiane, UPA formazione, in collaborazione con l’Unione Provinciale Artigiani, ha messo a punto un percorso formativo di 32 ore che prevede: la progettazione, la realizzazione e l’implementazione di un sistema di gestione per la qualità, la formazione del personale, l’affiancamento nelle verifiche ispettive dell’Ente, la redazione di un piano di qualità in conformità UNI ISO 10005:2007 e la fornitura del software RESOLVO, per amministrare a livello informatico tutti gli adempimenti del sistema qualità. I corsi sono strutturati in 4 giornate da 8 ore con orario: 9.00 - 13.00 e 14.00 - 18.00. Il prezzo per gli associati all’Unione Provinciale Artigiani è di € 400 + IVA, a cui si vanno ad aggiungere € 350 + IVA per l’esame di certificazione e l’assistenza per il primo anno. Per i successivi quattro anni ci sarà un costo di € 100 + IVA l’anno, necessario alle verifiche dell’ente di certificazione. QUESTI I CALENDARI DEI PROSSIMI CORSI IN PARTENZA 1ª LEZIONE 2ª LEZIONE 3ª LEZIONE 4ª LEZIONE

CORSO 1 Martedì 13-05-14 Mercoledì 21-05-14 Mercoledì 11-06-14 Mercoledì 18-06-14

CORSO 2 Giovedì 05-06-14 Mercoledì 25-06-14 Martedì 08-07-14 Martedì 15-07-14

CORSO 3 Giovedì 26-06-14 Giovedì 10-07-14 Mercoledì 16-07-14 Martedì 22-07-14

IMPORTANTE: Per iscriversi è necessario compilare la scheda di adesione sotto indicata in tutti i suoi campi entro lunedì 28/04/14. Verrete poi contattati dal centro di formazione per i dettagli del corso.

da € 10.000 a € 100.000 da € 10.000 a € 100.000

CORSO CERTIFICAZIONE AZIENDA FGAS - SCHEDA DI ADESIONE

Da inoltrare entro Lunedì 28/04/14 via e mail a francesca.melen@upa.padova.it oppure via fax al numero 049 658255 PARTECIPANTE Nome e Cognome residente a cod.fisc. titolo di studio inquadramento contrattuale

nato a via

RAGIONE SOCIALE DELL’AZIENDA Ditta P.IVA tel. fax settore attività n.dipendenti LEGALE RAPPRESENTANTE Nome e Cognome C.F. legale rappresentante

il n.

cap. ha frequentato altri corsi FSE SI NO da quanti anni lavora presso l’azienda?

via cod.fisc. ditta cellulare n. soci

n.

prov.

cap. Codice Ateco 2007

prov.

e-mail anno apertura azienda

nato a residente a

il

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue:1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA formazione s.r.l. delle finalità attinenti l’attività di formazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA formazione s.r.l. a considerare la Sua iscrizione. 4) I suoi dati potranno essere comunicati, per le medesime finalità di cui al punto 1, all’Ente Bilaterale Artigianato Veneto (EBAV) e all’Istituto Veneto per il Lavoro (IVL), alla Cassa Edile Artigiana Veneta (CEAV), alla CCIAA di Padova, alla Regione Veneto, a O.T.C., a Dipartimento Trasporti Terrestri di Padova (D.D.T.), a Arpav, alla Federazione Regionale dell’Artigianato Veneto (FRAV), alla Provincia di Padova, al C.R.A.C.A. al Fondoartigianato (FART). 5) Titolare del trattamento dei Suoi dati è la scrivente UPA formazione s.r.l., nella persona del Presidente Lino Fabbian con sede in Padova Piazza De Gasperi, 22. Responsabile del trattamento è Upa Servizi Spa con sede in Padova Piazza De Gasperi 22. 6) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso: Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Data

Firma


p27-29-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:50

Pagina 28

FORMAZIONE PER GLI ARTIGIANI VENETO FORMAZIONE CONTINUA

Progetti finalizzati all’innovazione e allo sviluppo dell’impresa veneta Dgr 361/2014

FORMAZIONE AZIENDALE FONDARTIGIANATO (FART)

Si aprono nuove possibilità alle aziende che vogliano investire nel proprio futuro, innovandosi e accrescendo le competenze del personale interno per rafforzare la propria presenza sul mercato. Torna a disposizione delle aziende che vogliano innovarsi e riprendere a competere sul mercato la grande opportunità offerta dal fondo paritetico interprofessionale Fondartigianato (FART). Per tutte le aziende che aderiscano già al fondo, o per quelle che intendano farlo, si offre la possibilità di costruire progetti di formazione aziendale per dipendenti, pensati su misura nella forma e nei contenuti, per i quali è possibile richiedere il contributo del Fondartigianato, arrivando addirittura a raggiungere la condizione di gratuità del costo dell’intervento. Come ormai le aziende sanno, l’adesione al fondo non comporta alcun costo aggiuntivo per l’azienda, poiché si tratta semplicemente di destinare al FART i contributi per la formazione continua dei dipendenti (già dovuti per legge). UPA Formazione offre la consulenza necessaria per presentare il progetto formativo più adatto alle Vostre esigenze e Vi assiste, ad approvazione avvenuta del progetto, nella fase di realizzazione dell’attività. Le prossime scadenze disponibili per la presentazione di progetti sono: MAGGIOsLUGLIOsOTTOBREsDICEMBRE FEBBRAIOsMAGGIO Per avere ulteriori informazioni e per segnalare il proprio interesse è possibile contattare: Favarin Federica al n. 049 8688617 e-mail federica.favarin@upa.padova.it Enrica Saccarola al n. 049 8688621 e-mail enrica.saccarola@upa.padova.it

La Regione Veneto, grazie ai contribuiti del FONDO SOCIALE EUROPEO, mette a disposizione della delle piccole e medie imprese dei contributi per la formazione continua. La formazione rivolta alle imprese, imprenditori e loro collaboratori, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, lavoratori in cassa integrazione, lavoratori con contratti di lavoro atipici ed ha come obiettivo la promozione e l’ampliamento delle opportunità formative di priorità per le piccole e medie imprese, secondo le seguenti aree prioritarie, di seguito indicate: 1. Impresa innovativa: innovazione di prodotti/servizi/processi produttivi e valorizzazione delle capacità di innovazione attraverso soluzioni tecnologiche ad alta conoscenza, adozione di marchi e certificazioni volontarie 2. Impresa lean: riqualificazione e adattamento delle competenze ai cambiamenti organizzativi con adozione di processi aziendali di lean production e lean organisation 3. Impresa sostenibile: razionalizzazione e gestione sostenibile delle risorse naturali e riduzione dell’impatto ambientale 4. Impresa efficiente: Ottimizzazione delle performance economiche e finanziarie, accesso al credito 5. Impresa commerciale: sviluppo e creazione di strumenti innovativi di marketing e di comunicazione 6. Impresa internazionale: Potenziamento delle capacità commerciali e di internazionalizzazione 7. Impresa che si muove: Miglioramento e ottimizzazione dei trasporti e della logistica 8.Impresa condivisa: Nuove modalità di accesso al capitale sociale e partecipazione alla gestione di impresa 9. Impresa intergenerazionale: Strategie per la continuità d’impresa e la gestione del passaggio intergenerazionale 10. Impresa responsabile: sperimentazione di nuovi modelli di gestione del personale di diversity management e welfare aziendale, adottando i principi della Responsabilità Sociale di Impresa 0OSSONOESSEREPRESENTATIPROGETTIDITIPO s MONOAZIENDALI: relativi al fabbisogno di una sola impresa con un minimo di ore di formazione s PLURIAZIENDALI: relativi al fabbisogno di più imprese appartenenti alla medesima filiera e/o comparto. A CHI SONO RIVOLTI? Possono partecipare alle attività: lavoratori occupati presso imprese private operanti in unità localizzate sul territorio regionale. TIPOLOGIE PROGETTUALI Le proposte progettuali possono prevedere attività formative in azienda e fuori azienda, rivolte ai lavoratori e ai titolari socie e collaboratori delle imprese coinvolte. Saranno considerati premianti gli interventi formativi che prevedono: s lo svolgimento dell’attività formativa al di fuori del contesto aziendale s il coinvolgimento di imprese che non hanno già fatto domanda di finanziamento Precedentemente s imprese che hanno assunto nel 2013 nuovo personale e imprese che assumono nel 2014 nuovo personale (possibilità di TIROCINIO all’interno dei progetti con sottoscrizione di un Patto di Occupazione) s Imprese socialmente responsabili, in base ai requisiti definiti a livello nazionale TEMPI DI PRESENTAZIONE E AVVIO CORSI I progetti possono essere presentati da fine aprile 2014, ogni 15 giorni, fino al 30 giugno 2014 e salvo approvazione devono essere avviati entro il mese successivo. Per avere ulteriori informazioni e per segnalare il proprio interesse è possibile contattare: Favarin Federica al n. 049 8688617 e-mail federica.favarin@upa.padova.it Enrica Saccarola al n. 049 8688621 e-mail enrica.saccarola@upa.padova.it


p27-29-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:50

Pagina 29

Corsi di formazione GRATUITI per installatori di impianti IL SOLARE TERMICO

IL SISTEMA FOTOVOLTAICO

Data di Inizio : martedì 20/05/14 MODALITA’ DI ADESIONE Per aderire ai corsi e' necessario inviare via fax la scheda di adesione allegata entro giovedi’ 24 aprile 2014 compilata in ogni sua parte al numero tel. 049 658255. Verrete poi contattati per la compilazione della modulistica necessaria per avviare il corso finanziato dal fondo sociale europeo.

Obiettivo: Il corso si propone di fornire le conoscenze fondamentali e le competenze tecnico impiantistiche relative alla tecnologia fotovoltaica applicata agli edifici; il corso prevede lo studio dei principali sistemi fotovoltaici, della normativa vigente con particolare riferimento al finanziamento in conto energia, degli elementi di installazione e manutenzione degli impianti. Programma: Le applicazioni del fotovoltaico, installazione e manutenzione degli impianti Dimensionamento di un impianto, ombreggiamento, analisi del sito e dei carichi elettrici Quadro normativo attuale di riferimento Sistema attuale di incentivazione degli impianti fotovoltaici in conto energia Calcolo economico e finanziario Tecniche di marketing: come proporre un impianto fotovoltaico ad un cliente Materiali reperibili in commercio, confronto di prodotti sul mercato Durata e orario: 32 ore totali, Il corso verrà svolto dalle 17.00 alle 21.00

INSTALLATORI DI IMPIANTI

INSTALLATORI DI IMPIANTI

Obiettivo: il corso si propone di fornire le conoscenze fondamentali e le competenze tecnico impiantistiche relative alla tecnologia del solare termico applicata agli edifici; il corso prevede lo studio dei principali sistemi solari, della normativa vigente con particolare riferimento alle detrazioni previste e degli elementi di installazione e manutenzione degli impianti. Programma: Introduzione alle energie rinnovabili; determinazioni delle prestazioni energetiche degli edifici secondo UNI 11.300/TS/11.300: Fabbisogno invernale - estivo - acqua calda sanitaria - risparmio energetico utilizzando energie rinnovabili Introduzione e presentazione del solare termico: il sole e l’energia. Componenti di un impianto solare termico Le applicazioni del solare termico, installazione e manutenzione degli impianti. Come dimensionare correttamente un impianto Normativa e agevolazioni fiscali Dati e costi di impianti realizzati. Risparmi effettuati Tecniche di marketing: come vendere un impianto solare termico Utilizzo della domotica negli impianti a solare termico Materiali reperibili in commercio Durata e orario: 32 ore totali, il corso verrà svolto i martedì dalle 17.00 alle 21.00

Data di Inizio : mercoledì 14/05/14 MODALITA’ DI ADESIONE Per aderire ai corsi e' necessario inviare via fax la scheda di adesione allegata entro giovedi’ 24 aprile 2014 compilata in ogni sua parte al numero tel. 049 658255. Verrete poi contattati per la compilazione della modulistica necessaria per avviare il corso finanziato dal fondo sociale europeo.

Per informazioni dei corsi e i dettagli sui programmi: Upa Formazione Francesca Melen Tel. 049 8688618 - e-mail: francesca.melen@upa.padova.it

SCHEDA DI ADESIONE

Da inoltrare entro Giovedì 24 aprile 2014 via e mail a francesca.melen@upa.padova.it oppure via fax al numero 049 658255

IL SISTEMA FOTOVOLTAICO

IL SOLARE TERMICO PARTECIPANTE Nome e Cognome residente a cod.fisc. titolo di studio inquadramento contrattuale

nato a via

RAGIONE SOCIALE DELL’AZIENDA Ditta P.IVA tel. fax settore attività n.dipendenti LEGALE RAPPRESENTANTE Nome e Cognome C.F. legale rappresentante

il n.

cap. ha frequentato altri corsi FSE SI NO da quanti anni lavora presso l’azienda?

via cod.fisc. ditta cellulare n. soci

n.

prov.

cap. Codice Ateco 2007

prov.

e-mail anno apertura azienda

nato a residente a

il

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue:1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA formazione s.r.l. delle finalità attinenti l’attività di formazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA formazione s.r.l. a considerare la Sua iscrizione. 4) I suoi dati potranno essere comunicati, per le medesime finalità di cui al punto 1, all’Ente Bilaterale Artigianato Veneto (EBAV) e all’Istituto Veneto per il Lavoro (IVL), alla Cassa Edile Artigiana Veneta (CEAV), alla CCIAA di Padova, alla Regione Veneto, a O.T.C., a Dipartimento Trasporti Terrestri di Padova (D.D.T.), a Arpav, alla Federazione Regionale dell’Artigianato Veneto (FRAV), alla Provincia di Padova, al C.R.A.C.A. al Fondoartigianato (FART). 5) Titolare del trattamento dei Suoi dati è la scrivente UPA formazione s.r.l., nella persona del Presidente Lino Fabbian con sede in Padova Piazza De Gasperi, 22. Responsabile del trattamento è Upa Servizi Spa con sede in Padova Piazza De Gasperi 22. 6) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso: Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Data

Firma


p30-31-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:50

Pagina 30

SICUREZZA

I corsi di Upa formazione CORSO RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) Il livello di rischio viene determinato dal codice ATECO 2007 di iscrizione alla Camera di Commercio RISCHIO BASSO 16 ORE Calendario: 4 serate dalle 18.00 - 21.00 -1 pomeriggio dalle 14.00 alle 18.00 Quota di partecipazione: associati UPA ₏ 215,00 + IVA; non associati UPA ₏ 260,00 + IVA Sede dei corsi:50!%STEs50!&ORMAZIONE0ADOVA 6IA#AVEs&ONTANIVA RISCHIO MEDIO 32 ORE Calendario: 1 pomeriggio dalle 14.00 alle 16.00 Quota di partecipazione: associati UPA ₏  )6!NONASSOCIATI50!₏  )6! Sede dei corsi tecnici:50!%STEs50!&ORMAZIONE 0ADOVA 6IA#AVEs&ONTANIVA Quattro serate dalle 18,00 alle 21,00 - tre pomeriggi dalle 14,00 alle 20,00 RISCHIO ALTO 48 ORE Calendario: 4 serate dalle 18.00 - 21.00 - 6 pomeriggi dalle 14.00 alle 20.00 Quota di partecipazione: associati UPA ₏ 420,00 + IVA ; non associati UPA ₏ 510,00 + IVA Sede dei corsi:50!%STEs50!&ORMAZIONE 0ADOVA 6IA#AVEs&ONTANIVA CORSO AGGIORNAMENTO RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) Il corso è rivolto ai datori di lavoro che ricoprono l’incarico di RSPP all’interno della propria azienda. L’AGGIORNAMENTO è OBBLIGATORIO ENTRO GENNAIO 2014 per tutti i TITOLARI che in data 31/12/1996 avevano inviato agli ORGANI di CONTROLLO raccomandata di Svolgimento dell’assunzione dell’incarico di RSPP in esenzione del corso ENTRO GENNAIO 2017 per TUTTI i TITOLARI che da Gennaio 1997 in poi sono in possesso di un’ attestato di frequenza al corso Responsabile di Prevenzione e Protezione.

I percorsi sono suddivisi in: RISCHIO BASSO 6 ORE Quota di partecipazione: associati UPA ₏ 125,00 + IVA; non associati UPA ₏ 150,00 + IVA MEDIO RISCHIO 10 ORE Quota di partecipazione: associati UPA ₏ 154,00 + IVA; non associati UPA ₏ 184,80 + IVA. ALTO RISCHIO 14 ORE Quota di partecipazione: associati UPA ₏ 182,26 + IVA; non associati UPA ₏  )6! Sede dei corsi:50!%STEs50!&ORMAZIONE 0ADOVA 6IA#AVEs&ONTANIVA )CALENDARIVERRANNOREDATTISULLABASEDELLEADESIONI CORSO PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA DI 12 ORE PER LE AZIENDE APPARTENENTI AL GRUPPO B E C - 12 ORE Calendario:SERATEDALLEn SERATEDALLEALLE Sede dei corsi:50!%STEs50!&ORMAZIONE 0ADOVA 6IA#AVEs50!#ONSELVEs50!0IAZZOLA Quota di partecipazione: associati UPA ₏  )6!NONASSOCIATI50!₏  )6! Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario. CORSO PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA DI 16 ORE PER LE AZIENDE APPARTENENTI AL GRUPPO A Calendario:SERATEDALLE  SERATEDALLEALLE Sede dei corsi: 50!%STEs50!&ORMAZIONE 0ADOVA 6IA#AVE s50!0IAZZOLAs50!#ONSELVE Quota di partecipazione: associati UPA ₏ 210,00 + IVA; non associati UPA ₏  )6! Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario. RINNOVO ATTESTATO ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA 6 ORE Attenzione per il 2014 sono da rinnovare gli attestati conseguiti nel 2011 Calendario: 2 serate dalle 20.00 - 23.00 Solo per la sede di PADOVA verranno fatte due edizioni DIURNE una a Marzo una Ottobre giorno lunedÏ dalle 14.00 alle 20.00 Quota di partecipazione: associati UPA ₏ )6!NONASSOCIATI50!₏ 110.00 + IVA. Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario. Sede dei corsi: 50!&ORMAZIONE0ADOVA 6IA#AVE 5PA#ONSELVEs5PA0IOVEs-ONTEORTORNEs5PA#ONSELVE 5PA#ITTADELLAs5PA#AMPOSAMPIEROs5PA%STE


p30-31-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:50

Pagina 31

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO

)LRISCHIODELLADITTAÒSTABILITOINSEGUITOALLAREDAZIONE DEL$OCUMENTO6ALUTAZIONEDEI2ISCHI BASSO RISCHIO 4 ORE Calendario: SERATEDALLEn Quota di partecipazione: associati UPA ₏ )6! non associati ₏ 105.00 + IVA Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario. Sede dei corsi: 50!&ORMAZIONE0ADOVA 6IA#AVEs50!%STE Solo per la sede di PADOVA verrà proposta un’ edizione DIURNA ad Aprile giorno LunedÏ dalle 14.00 alle 18.00 MEDIO RISCHIO 8 ORE + prova pratica Calendario:SERATEDALLEn SABATOMATTINADALLEn Quota di partecipazione: associati UPA ₏ 140.00 + IVA; non associati ₏ 200.00 + IVA. Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario. Sede dei corsi: 5PA%STEs5PA&ORMAZIONE0ADOVA 6IA#AVE s50!&ONTANIVA

CORSO DI RINNOVO ATTESTATO PER ADDETTI ANTINCENDIO BASSO RISCHIO 2 ORE Calendario:SERATADALLE n  Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź  )6! non associati UPA â‚Ź  )6! Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario. Sede dei corsi: %STEO0ADOVA MEDIO RISCHIO 5 ORE + prova pratica Sede dei corsi: ESTE o PADOVA Calendario: 1 serata dalle 20.00 - 22.00 3ABATODALLE  Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 85,00 + IVA; non associati UPA â‚Ź 100,00 + IVA Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario. CORSO TEORICO-PRATICO PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI AL MONTAGGIO E SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI - 30 ore Calendario:GIORNATEDALLE ALLE  Sede dei corsi:5PA&ORMAZIONE0ARTE4EORICA #AMIN0ARTE 0RATICA &ONTANIVA#/%DIL2ODIGHIERO Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 420,00 + IVA; non associati UPA â‚Ź  )6! Rimborsi previsti:0ERLEAZIENDEADERENTIALLACEAV#ASSA %DILE!RTIGIANA6ENETA INREGOLACONIVERSAMENTIĂ’POSSIBILE USUFRUIREDELCONTRIBUTOPERLAPARTECIPAZIONEALCORSOPARI a â‚Ź 250,00 a lavoratore formato. CORSO AGGIORNAMENTO TEORICO-PRATICO PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI AL MONTAGGIO E SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI - 4 ORE ,AGGIORNAMENTODEVEESSEREPREVISTOOGNIANNIDALLADATADI ďŹ ne corso Calendario:GIORNATADALLE ALLE n n  Sede dei corsi:0!$/6!CO#0)0%#AMINs50!&ONTANIVA CO%DIL2ODIGHIERO Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź  )6! non associati UPA â‚Ź  )6! Rimborsi previsti:0ERLEAZIENDEADERENTIALLACEAV #ASSA%DILE!RTIGIANA6ENETA INREGOLACONIVERSAMENTIĂ’ POSSIBILEUSUFRUIREDELCONTRIBUTOPERLAPARTECIPAZIONEALCORSO pari a â‚Ź IVAINCLUSA CORSO ADDETTI AL MONTAGGIO/ SMONTAGGIO ED USO DI TRABATTELLI - 8 ORE Calendario:GIORNATEDALLE ALLE  Sede dei corsi:0!$/6!CO#0)0%#AMIN s&ONTANIVACO%DIL2ODIGHIERO Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 165,00 + IVA; non associati UPA â‚Ź  )6! CORSO RLS No Ditte Edili - 32 0RE Sede del corso: UPA PADOVA Calendario:LEZIONIUNAVOLTAALLASETTIMANA DALLE ALLE  Il corso sarĂ  programmato a raggiungimento di un minimo di 10 adesioni Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź  )6! non associati UPA â‚Ź  )6!

CORSO RLS Ditte Edili - 32 ORE Sede del corso: UPA PADOVA Calendario:LEZIONIUNAVOLTAALLASETTIMANADALLE DALLE  Il corso sarà programmato a raggiungimento di un minimo di 10 adesioni Quota di partecipazione:PERLEAZIENDECHEVERSANO#%!6 ILCORSOÒ'2!45)4/ PERLEALTREAZIENDEEDILINON#%!6₏ 140,00+IVA. AGGIORNAMENTO RLS No Ditte Edili - 4 ORE Calendario:GIORNATADALLE  Sedi dei corso:5PA&ORMAZIONE0ADOVA 6IA#AVE s5PA#AMPOSAMPIEROs5PA%STE Quota di partecipazione: associati UPA ₏  )6! non associati UPA ₏ 114,00 + IVA AGGIORNAMENTO RLS Ditte Edili 4 ORE Calendario:GIORNATADALLE  Sede del corso: 5PA&ORMAZIONE0ADOVA 6IA#AVE Quota di partecipazione:PERLEAZIENDEINREGOLACONI VERSAMENTICEAV il corso è GRATUITO PERLEALTREAZIENDEEDILI non CEAV ₏  )6!NONASSOCIATI50!₏ 114,00 + IVA

PREPOSTI FORMAZIONE PER PREPOSTI IN MATERIA DI SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO - 8 ORE $,GSART Calendario:GIORNATADALLE   Sede del corso: 50!&/2-!:)/.%0!$/6! 6IA#AVE Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 120,00 + IVA; non associati UPA â‚Ź 140,00+ IVA . PERLEAZIENDEINREGOLACONIVERSAMENTICEAV il corso è GRATUITO FORMAZIONE LAVORATORI ACCORDO STATO REGIONI 21/12/2011 ORGANIZZAZIONE CORSI: Lezioni: le lezioni saranno programmate in giornate da 8 ore Orario:LORARIOSARĂŒDALLE ALLE EDALLE  alle 18,00 Sede dei corsi:0ADOVAs#AMPOSAMPIEROs0IOVEDI3ACCO s%STEs-ONTAGNANAINCASODIRICHIESTEVERRANNOVALUTATEANCHE LESEDIDI#ONSELVEE0IAZZOLA ModalitĂ  di adesione:Ă’NECESSARIOINVIARELASCHEDADI ADESIONECOMPILATAINTUTELESUEPARTI!RICEVIMENTO50! FORMAZIONEFORMALIZZERĂŒCONVOCAZIONECONNOMINATIVIALLIEVI COINVOLTI0ERRICHIEDERESCHEDAADETTAGLIORGANIZZATIVIINVIAREUNA MAILAWANDAROSSI UPAPADOVAIT

FORMAZIONE ATTREZZATURE LAVORI IN QUOTA e DPI III categoria - 8 ORE Calendario:GIORNATADALLEnn Sede del corso teoria:0ADOVAVIA#AVEINT Pratica:#ENTRO%DILE#AMIN Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź  )6! non associati UPA â‚Ź 141,00 + IVA CARRELLO ELEVATORE 12 ORE + veriďŹ ca ďŹ nale Carrello Industriale semovente con conducente nuovo programma accordo stato regioni) Calendario:GIORNATADALLEnn GIORNATADALLEn Sede del corso:!LBIGNASEGOCO!DRIATICA2ENTAL Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 210,00 + IVA ; non associati UPA â‚Ź 250,00 + IVA per le ditte EDILI che pagano CEAV il corso è GRATUITO

CARROPONTE 8 ORE + veriďŹ ca ďŹ nale Calendario: 2 giornate dalle 14.00 - 18.00 Sede del corso:-ESTRINO#/5P3RL 6IA-ARCO0OLO  Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 112,00 + IVA ; non associati UPA â‚Ź  )6! GRU A TORRE A ROTAZIONE IN BASSO 12 ORE + veriďŹ ca ďŹ nale (nuovo programma accordo stato regioni) Calendario:GIORNATEDALLE  Sede del corso teoria: 0ADOVA5PA&ORMAZIONE 6IA#AVE )NT Pratica #ENTROEDILE .CE !LBIGNASEGO 6IA-ARCO0OLO Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 185,00 + IVA ; non associati UPA â‚Ź 220,00 + IVA. PERLEAZIENDEINREGOLACONIVERSAMENTICEAV il corso è GRATUITO FORMAZIONE OPERATORI CAMION CON GRU 12 ORE + veriďŹ ca ďŹ nale (nuovo programma accordo stato regioni) Calendario:GIORNATEDALLE  Sede del corso :-ESTRINO#/5P3RLn6IA-ARCO0OLO  Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź  )6! non associati UPA â‚Ź  )6! per le ditte EDILI che pagano CEAV il corso è GRATUITO Si ricorda che per chi avesse frequentato un corso attrezzature presso upa formazione precedentemente all’uscita del nuovo accorso stato regioni 12/03/2013 la formazione e’ valida dovra’ essere solo aggiornata con un modulo di 4 ore entro marzo 2015. Upa Formazione provvedera’ ad inviare pro-memoria a tempo debito.

NOTE ORGANIZZATIVE

,EQUOTEDEICORSIPOTRANNOSUBIREVARIAZIONIINCASODIDIVERSO CONTRIBUTODAPARTEDEGLI%NTIlNANZIATORI 0ERADERIREAICORSIĂ’NECESSARIOINVIARELASCHEDADIADESIONE COMPILATAINTUTTELESUEPARTIA50!&ORM!ZIONE3RL VIAFAX ALLOOVIAMAILAUPAFORMAZIONE UPAPADOVAIT

LA SEGRETERIA ORGANIZZATIVA PROVVEDERA’ A GESTIRE LE RICHIESTE A PROGRAMMAZIONE CALENDARIO SARA’ INVIATA CIRCA 20 GIORNI LAVORATI PRIVA UNA CONVOCAZIONE NOMINALE CON RICHIESTA DI CONFERMA O DISDETTA. IMPORTANTE:0ERICORSIDOVEĂ’PREVISTOLOSCONTODEL 15% dal 2° partecipante in poi si intende per partecipanti APPARTENENTIALLASTESSA!ZIENDAECHEFREQUENTINOLOSTESSO calendario. Modalita’ di Pagamento ,AQUOTADIPARTECIPAZIONEDOVRĂŒESSEREVERSATAALLACONFERMA DELLAVVIODELCORSO )LPAGAMENTODOVRARIPORTARE 4ITOLOCORSO $ATAINIZIOCORSO #OPIADELPAGAMENTODOVRĂŒESSEREPOIINVIATOTRAMITE FAX A50!FORM!ZIONEOCONSEGNATOILPRIMO GIORNODINIZIOCORSO 3EGUIRĂŒREGOLAREFATTURASECONDOLEINDICAZIONIFORNITEDAI partecipanti. Il pagamento può essere effettuato a mezzo: "ONIlCOBANCARIOPRESSOLA#ASSADI2ISPARMIO DEL6ENETO !GENZIA )"!.)4) 0 4RAMITE##POSTALE.RINTESTATOA50!FORM!ZIONE 3RL 0IAZZA$E'ASPERI 0ADOVA

PIATTAFORMA AEREA - 10 ORE + veriďŹ ca ďŹ nale #ONESENZASTABILIZZATORINUOVOPROGRAMMAACCORDO stato regioni)

PER RICHIEDERE I CALENDARI O EVENTUALI ED ULTERIORI CHIARIMENTI CONTATTARE

Calendario: 1 giornata dalle 14.00 - 18.00 GIORNATADALLE n Sede del corso:!LBIGNASEGOCO!DRIATICA2ENTAL Quota di partecipazione: associati UPA â‚Ź 185,00 + IVA; non associati UPA â‚Ź 220,00 + IVA. per le ditte EDILI che pagano CEAV il corso è GRATUITO

Rossi Wanda tel. 049 8206523 wanda.rossi@upa.padova.it Marilisa Boscolo tel. 049 8206521 marilisa.boscolo@upa.padova.it


p32-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

32

12:16

Pagina 32

28 MARZO 2014

ATTUALITÀ ■ Da febbraio, un’iniziativa gestita da Veneto Sviluppo

Fondo Unico di Rotazione per le piccole imprese al mese di febbraio 2014 è entrato in vigore con DGR 2216/13 il Fondo Unico di Rotazione (unico regolamento, unico modulo elettronico) per le piccole e medie imprese dei settori industria, artigianato, servizi e commercio, aventi sede operativa sul territorio della Regione Veneto per il sostegno degli investimenti e per interventi di supporto finanziario, gestito da Veneto Sviluppo. Il nuovo Fondo sostituisce: – Il fondo di rotazione per le PMI industriali e di servizi (LR 5/2001); – Il fondo di rotazione per l’artigianato (LR 2/2002); – Il fondo di rotazione per il commercio (LR 1/1999).

D

Nel nuovo Fondo confluiscono anche: – I finanziamenti “anticrisi” (DGR n.676 e 1280/12); – Il fondo di rotazione per l’imprenditoria giovanile (LR 57/1999); – Il fondo di rotazione per l’imprenditoria femminile (LR 1/2000). Che, da temporanee, diventano misure permanenti. Le principali innovazioni del Fondo Unico consistono: – nell’agevolazione più elevata: sostanzialmente per tutte le imprese di tutti i settori l’abbattimento del tasso d’interesse sale al 50% del tasso banca tranne che per gli investimenti immobiliari pari al 40% quota fondo e 60% quota banca; – più liquidità: l’importo massimo dei finanziamenti per magazzino sale dal 20% al 35% del magazzino medio del triennio; – allungamento della durata massima dell’operazione agevolata per gli investimenti immobiliari, da 7 a 10 anni; – le domande vanno presentate a Veneto Sviluppo utilizzando la nuova procedura di domanda elettronica che al momento è solo parzialmente visibile nel sito; – la crescita dimensionale non è più causa di revoca dell’agevolazione.

Altra importante novità è l’introduzione dei Finanziamenti Agevolati di Importo Limitato Le nuove disposizioni operative uniche disciplinano a carattere straordinario e sperimentale i Finanziamenti Agevolati di importo limitato tra 10 e 50 mila Euro a fronte dei pagamenti effettuati nei 24 mesi antecedenti la data della domanda di agevolazione per utenze, canoni di locazione, rate di mutuo e/o canoni leasing. La durata è compresa fra 36 e 60 mesi, il tasso agevolato è pari al 50% del “Tasso banca” e potranno beneficiare le PMI che non abbiano bilanci consecutivamente in perdita negli ultimi tre esercizi. Gli interventi si concretizzano in operazioni di supporto alla liquidità aziendale e rimarranno in vigore fino al 30 giugno 2014, salvo eventuali proroghe. IN SINTESI LE INIZIATIVE FINALIZZATE ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INVESTIMENTI: Le iniziative ammissibili gli investimenti aziendali sia da avviare in data successiva alla presentazione della domanda, sia effettuati (in tutto o in parte) nei sei mesi precedenti la medesima data sono: 1. INVESTIMENTI IMMOBILIARI (finanziabili al 100% sull’investimento totale ammissibile) Acquisto, ristrutturazione, rinnovo trasformazione, ampliamento ed adeguamento dei locali adibiti o da adibire all’esercizio dell’attività; Acquisto di terreni edificabili funzionali alla realizzazione di interventi di ampliamento degli immobili in cui è esercitata l’attività. 2. INVESTIMENTI MOBILIARI (finanziabili al 100% sull’investimento totale ammissibile) Acquisto di impianti produttivi, macchinari, attrezzature e hardware; Acquisto di arredi ammessi solo per le PMI che svolgono l’attività del commercio o dei servizi;

cassa, riferiti agli ultimi due trimestri solari precedenti la data della domanda di agevolazione; 4. ALTRE INIZIATIVE DI SUPPORTO FINANZIARIO Crediti insoluti, Crediti maturati e scaduti verso le Pubbliche Amministrazioni; Rimborsi di finanziamenti a medio-lungo termine a fronte di investimenti aziendali; Anticipazioni a fronte di uno o più ordini accettati e/o contratti di fornitura di beni e/o servizi.

Realizzazione/adeguamento di impianti tecnologici; Acquisto di automezzi targati ad esclusivo uso aziendale. 3. IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI (finanziabili al 100% sull’investimento totale ammissibile) Spese connesse a registrazione e acquisto di diritti di brevetto, sviluppo e acquisto di licenze software, riconoscimento di marchi di prodotto, acquisizione di know-how e conoscenze tecniche non brevettate. 4. SPESE TECNICHE nel limite del 10% dell’investimento totale ammissibile Spese di direzione lavori, studi, progettazioni, consulenze esterne connesse con il programma di investimenti, finalizzate anche ad iniziative commerciali, di promozione e per l’ottenimento di certificazioni di qualità. L’agevolazione consiste in un Finanziamento Agevolato con un minimo di 20.000,00 euro ed un massimo di 1.500.000,00 euro.

La durata del finanziamento agevolato varia a seconda dell’investimento: – Operazioni immobiliari: min 36 mesi – max 120 mesi; – Operazioni miste: min 36 mesi – max 84 mesi; – Operazioni dotazionali per investimenti mobiliari, immobilizzazioni immateriali e spese tecniche: min 36 mesi – max 60 mesi. Il meccanismo dell’agevolazione, per le operazioni miste e per le operazioni dotazionali, è basato su una doppia provvista: – Una quota di provvista pubblica a tasso zero per un importo pari al 50% dell’operazione agevolata; – Una quota di provvista privata messa a disposizione dalla banca ad un tasso non superiore al tasso convenzionato (Euribor 3/6 mesi m.m.p. + 5 p.ti) per il rimanente importo (pari al 50%). Per le operazioni immobiliari il tasso agevolato dell’operazione è pari al 60% del tasso banca. Le modalità di presentazione delle domande a Veneto Sviluppo è a sportello, l’istruttoria avverrà pertanto secondo l’ordine cronologico di ricezione della domanda. L’erogazione del finanzia-

mento sarà effettuata a consuntivo, a fronte della presentazione della documentazione comprovante la realizzazione degli investimenti, gli stessi investimenti dovranno essere realizzati entro 12 mesi dalla data di ammissione all’agevolazione, in caso di operazioni immobiliari entro 18 mesi. IN SINTESI GLI INTERVENTI AMMISSIBILI AL SUPPORTO FINANZIARIO: 1. RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Per un importo massimo non superiore a quello delle sottostanti operazioni di aumento di Capitale Sociale già deliberate e sottoscritte nei dodici mesi antecedenti la presentazione della domanda di agevolazione. 2. RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AZIENDALE Per un importo massimo non superiore al 35% del magazzino medio rilevato dai bilanci degli ultimi tre esercizi. 3. CONSOLIDAMENTO PASSIVITÀ BANCARIE A BREVE TERMINE Per un importo massimo non superiore al minore dei saldi di tutti i conti correnti per elasticità di

L’agevolazione consiste in un Finanziamento Agevolato con un minimo di 20.000,00 euro ed un massimo di 350.000,00 euro. La durata del finanziamento agevolato varia da 36 a 60 mesi, compreso un periodo massimo di 12 mesi di preammortamento. Il meccanismo dell’agevolazione è basato su una doppia provvista: – Una quota di provvista pubblica a tasso zero per un importo pari al 50% dell’operazione agevolata; – Una quota di provvista privata messa a disposizione dalla banca ad un tasso non superiore al tasso convenzionato (Euribor 3/6 mesi m.m.p. + 5 p.ti) per il rimanente importo (pari al 50%). La modalità di presentazione della domanda a Veneto Sviluppo è a sportello, l’istruttoria avverrà pertanto secondo l’ordine cronologico di ricezione della domanda. L’erogazione avverrà, in base alla nuova normativa, entro il termine massimo di sei mesi dalla data di ammissione ai benefici del fondo. Per quanto riguarda i requisiti di accesso per l’Imprenditoria Femminile e l’Imprenditoria Giovanile si fa riferimento specifico agli allegati di cui alla Dgr n. 2216/2013. Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio Credito per l’Artigiano allo 049 8206143 – 134 (referente Sig.ra Daniela Seren).


p33-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:16

Pagina 33


p34-39-intrapr-n03-2014:Layout 1

34

11-04-2014

12:10

Pagina 34

28 MARZO 2014

LOGISTICA

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Produttori impegnati su ogni fronte, ma al primo posto c’è la sicurezza, in tutte le sue accezioni

dii FRASSON FR RASSON Raimondo R aimondo

LOREGGIA (PD) LOREGGIA TEL. 049 9355625 335 6056445

s 4!',)/#%-%.4/!2-!4/3%.:!,)-)4) s 4!',)/#%-%.4 4/ / !2-! !4/3%.:!,)-)4) / $)30%33/2%%).#,). !:)/.% $)30%33/2%%).#,).!:)/.% ss 4!',)/$)0!6)-%.4) 4!',)/ $) 0!6)-%.4) 6 ss #!2/4!'')$)6!2)/30%33/2%%$)!-%42/ #!2/4!'') $) 6! !2)/ 3 30%33/2% % $)!-%42/

%SECUZIONECAR OTAGGIE ETAGLIO %SECUZIONECAROTAGGIETAGLIO SUCEMENTOARMATO CALCESTRUZZO ROCCIA

SUCEMENTOARMATO CA ALCESTRRU UZZO ROCCIA

MAR MO O GRANITO MOOGR MARMOOGRANITO 2EALIZZAZIONEDI 2EALIZZAZIONEDI APERTUREPER APER RTUREPER PORTE FINESTRE

POR RTE

FINESTRE

TTUBAZIONISU UBAZIONISU QUALSIASI QUALSIASI MATERIALECON MAT ERRIALECON QUALSIASIFORMA QUALSIASIF ORMA EDIQUALSIASI EDIQUALSIASI DIMENSIONE

Nessuna Nessuna esistenza rresistenza di R OCCIA ROCCIA CEMENTO o CEMENT O www.tagliomuri.it www .tagliomuri.it

Carotaggio con trivella

La sicurezza delle scaffalature L

Taglio con disco diamante

Taglio con filo diamante

e scaffalature industriali sono costruzioni metalliche molto particolari, realizzate con profili sottili formati a freddo e perforati in continuo, collegati con sistemi a gancio diversi da produttore a produttore. Pertanto è assolutamente necessario che le aziende produttrici forniscano indicazioni specifiche per tener conto dei fenomeni di instabilità di questi particolari profili e per determinare in modo appropriato i parametri di progetto attraverso prove sperimentali. Un passo avanti consiste nell’approfondimento della tematica della progettazione antisismica, che richiede l’applicazione di regole specifiche. Infatti, dall’entrata in vigore del Decreto 14 gennaio 2008, tutte le strutture realizzate sul territorio nazionale devono garantire una adeguata resistenza sotto gli effetti di un eventuale terremoto. Il settore delle scaffalature metalliche ha accolto la domanda di sicurezza che il mercato ha implicitamente introdotto, e che le normative europee hanno invece richiesto espressamente. Le aziende hanno quindi promosso e intrapreso diverse attività di ricerca e di sperimentazione, sui componenti, sui collegamenti, su sottostrutture. E’ invece toccato alle associazioni e agli enti che riuniscono le imprese effettuare verifiche e controlli su campioni di scaffalature a dimensione reale (prove full-scale) per la validazione delle regole di progettazione antisismica, o sulla resistenza degli elementi strutturali delle scaffalature porta pallet.

Dopo l’entrata in vigore delle recenti norme per le scaffalature a livello europeo, è stato anche istituito un nuovo marchio indipendente con il quale viene certificata la progettazione delle scaffalature porta pallet ai sensi della relativa norma. In questo modo l’apertura al mercato è totale: le regole tecniche sono diventate pubbliche e condivise a livello europeo e l’attività di verifica e certificazione viene svolta in modo indipendente da un ente di parte terza.

CAM IMPIANTI Impianti di aspirazione, depurazione aria per tornerie automatiche, centri di saldatura, pressofusione polimeri e leghe, falegnamerie, calzaturifici, trasporti pneumatici.

CAM IMPIANTI | V. MANIN 46/B - VIGODARZERE (PD) Tel. 049 751678 - Cel. 348 4469320 Fax. 049 751678 | camimpiantipadova@gmail.com www.camimpianti.biz


p34-39-intrapr-n03-2014:Layout 1

11-04-2014

12:10

Pagina 35

LOGISTICA

28 MARZO 2014

35

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Un settore che ha saputo rispondere con tecnologia e innovazione alle difficoltĂ  congiunturali

Carrelli: la carica dei 25mila P

er il settore delle vernici è fondamentale la ripartenza dell’edilizia. Ed è quindi necessario che anche la politica faccia la sua parte, adottando misure che aiutino i cantieri a ripartire. Vernici, ma anche inchiostri, sigillanti e adesivi. Quattro prodotti, e quattro sono anche le principali specializzazioni: le vernici per il legno; quelle per la nautica, quelle per l’edilizia e quelle per la protezione industriale. Per le prime tre anche il 2013 è stato un anno difficile. Solo per l’applicazione ai manufatti industriali c’è stato qualche miglioramento nei risultati di vendita, vista la maggiore propensione all’export. Pitture e vernici per le attrezzature meccaniche però non hanno potuto invertire il dato generale del settore che vale 3,7 miliardi di euro, per il 40 per cento derivanti dai prodotti per l’edilizia. Si parla di 600 imprese. Il mercato ha perso nell’ultimo anno il 20 per cento. Le riduzioni sono evidenti, ma gli imprenditori non vedono solo ombre. C’è un’altra considerazione da fare. Le nostre produzioni sono tenute sotto controllo dall’Unione Europea, che pone dei limiti assai stringenti sul fronte salute e sicurezza.

In questo quadro abbiamo notato che il recepimento di certe norme in Italia avviene in modo piÚ severo che altrove. E questo conferisce ai nostri prodotti un valore aggiunto molto apprezzato. Si torna cosÏ al punto di partenza: la necessità di puntare oltreconfine. Che non per tutti, però, può essere valida tout court: il settore pitture e vernici per l’edilizia è particolarmente rivolto al mercato domestico: unico spazio per export è nel decorativo, è un’eccellenza del made in Italy ancora non sviluppata ma sulla quale deve investire.

OLEODINAMICA

PER AUTOM AUTOMAZIONE MAZIONE INDUSTRIALE INDU USTRIALE ina di produzione Attrezzata A ttrezzata offic officina IMPIANTI OLEODINAMICI OLEODINAMICI O speciďŹ che del cliente su speciďŹ che ica gratuita Consulenza C onsulenza tecn tecnica gratuita Assistenz a post vendita Assistenza Magazzino articoli articoli o in pronta consegna consegna

diemme@diemmecomp.itŢXXXEJFNNFDPNQJU diemme@diemm mecomp.it ŢXXXEJFNNFDPNQJU

elding è una nuova realtà nel mo lio dei metalli. Nord Est W Welding mondo ondo della saldatura e tag taglio Unica nel suo gen nere, NEW coniuga tecnologia tecnologia ed innovazione della a multinazionale Air genere, Liquide con flessi bilità e dinamicità, richieste richieste oggi dal cliente. flessibilità 25 anni di collabo orazione dei soci prima con co on ETC e poi con Air Liquide Liquiide Welding, Welding, hanno collaborazione portato alla nasc ita di NEW quale agenzia a con deposito per il Triveneto Trive eneto dei prodotti a nascita marchio Oerlikon Oerlikon.. NEW è anche par rtner Air Liquide nella vendita vend dita di gas tecnici ed alimentari alime entari proponendosi partner a sia alla grande industria che al privato. sul mercato con u un’offerta completa, rivolta

PRODOTTI - elettrodi - fili pieni MIG e MAG MAG - fili animati - barrette TIG - fili e flussi per arco arc co sommerso - supporti ceramicii - saldatrici - taglio plasma - attrezzature automatiche automatiche - abrasivi b i i - accessori - antinfortunistica

SEDI:

- aspirazione aspirazio one fumi - gas industriali industriali compressi - gas tecnici nici liquidi tecn - gas alimentari alimentari - Co2 per gasatori dell’acqua - ghiaccio o secco - GPL - gas refrigeranti refrigeranti - materiali materiali fiamma - saldobrasatura saldobra ld b asatura t - prodotti per termoidraulica

MARG GHERA (VE) - V ia Glori ia, 2 - 30 175 - T e el 041/9 20143 - F ax 041/93709 4 - e-mail info@norde stwelding.com MARGHERA Via Gloria, 30175 Tel 041/920143 Fax 041/937094 info@nordestwelding.com ia Nona Strada, 1 ax 041/937094 P A ADO OVA - V 0 - 30 129 - T e el 049/77 72013 - F 4 - e-mail newpd@nord destwelding.com PADOVA Via 10 30129 Tel 049/772013 Fax newpd@nordestwelding.com


p34-39-intrapr-n03-2014:Layout 1

11-04-2014

12:10

Pagina 36

CITTADELLA CIT TA ADELLA (PD) via Luparense, 13

NUOVA NUOV A SEDE

CentroColoreEste Cen ntroColooreEstee

di Rossato G. &V iale L. s.n.c. Viale

Centrro di assist Centro C assistenza tenza p pr professionale rofession o nale autorizzata e di rivendita au utorizzata tinteggiature, vernici c colori, tinteggia turre e, ver rn nici V ia Leonardo Via Leona ardo da Vinci V inci 6/i - 35042 E Este - T Tel. e el. 0429 56666 - iinfo@centrocolore.it nfo@centrocolore.it Orario: Lun Lu un - V en: 8.30 - 12.15 / 1 15.00 - 19.00 - Sab: 8.30 - 12.15 Ven:


p34-39-intrapr-n03-2014:Layout 1

11-04-2014

12:10

Pagina 37

28 MARZO 2014

LOGISTICA

37

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Massima attenzione alla carenza di liquidità e all’esigenza di disporre di macchine versatili

Adattarsi a un mercato prudente S

Preziosi come sono, gli spazi di magazzino impongono la necessità di disporre le merci nel miglior modo possibile, alimentando la diffusione del carrello elevatore un po’ in tutti i segmenti produttivi e dei servizi. Infatti, dalla moderna distribuzione all’impresa artigiana evoluta, dall’industria metalmeccanica alla logistica conto terzi, la domanda di carrelli è cresciuta fino a diventare un settore-chiave nel sistema industriale e artigianale. In tempi di crisi, come quello attuale, bisogna sapersi convertire, valorizzando l’esistente e mettendosi in gioco. Anche il noleggio ha preso piede, per motivi evidenti. Le aziende non hanno liquidità, le banche faticano a concedere crediti e quindi questa formula rimane l’unica adottabile per non bloccare la produzione. Fino a qualche anno fa prevaleva la mentalità del possesso, ora venuta meno. Sempre più lontani i tempi in cui le aziende acquistavano intere flotte di carrelli dotandosi di un proprio reparto manutenzione e pezzi di ricambio a magazzino, flessibilità ed estrema attenzione ai costi in attività no-core spingono il noleggio, che oggi vale circa il 50 per cento del mercato in Italia, a livelli impensabili anche solo dieci anni fa. La crescita della logistica in outsourcing, con contratti che spesso non superano i tre anni, stimolano molte imprese a preferire la formula del noleggio spesso per periodi molto limitati, magari solo di alcuni giorni, in occasione di picchi di lavoro o per impieghi spot. Come l’organizzazione di un evento, la partecipazione a una fiera e via di seguito. Intanto la produzione non sta a guardare, e im-

mette nel mercato carrelli e macchine di sicuro interesse. Come un recente commissionatore per bassi livelli di prelievo: capace di combinare comfort e controllo di precisione, tra le sue dotazioni spiccano il comodo e sensibile volante, l’ampio e spazioso comparto operatore attraversabile, senza ingombri, con un’ampia pedana. O i retrattili di nuova generazione, che permettono una movimentazione ancora più produttiva delle merci all’interno dei magazzini, mentre le nuove soluzioni tecniche rendono il veicolo più confortevole, potente, sicuro e di semplice manutenzione. L’ampia scelta di montanti, batterie, telai ed equipaggiamenti speciali permette, inoltre, di offrire al cliente soluzioni su misura derivate direttamente dalla produzione di serie. Utilizzabili sia per il trasporto delle merci sia per lo stoccaggio in altezza, raggiungono un sollevamento elevato così da poter utilizzare ulteriori posti-pallet. E ancora, per gli ormai sempre più piccoli magazzini dei punti vendita della grande distribuzione, dove si svolgono attività di carico e scarico quotidiane pur non intensive, nei quali è il fattore spazio è fondamentale, un doppio stoccatore uomo a terra, agile e compatto. O un commissionatore verticale dai notevoli standard in termini di prestazioni, altezza di lavoro, capacità di carico residua, funzionalità ed ergonomia. Un prodotto che può essere totalmente personalizzato: dalle classi di potenza per i motori di sollevamento alla potenza della batteria, dalla larghezza del telaio all’altezza del tettuccio conducente, fino alle colonne di sollevamento e alle componenti della cabina del conducente.

La ditt dittaa V Vaudit audit a di Padova Padova si occupa occupa della saldatura ssaldatura di metalli. Tratta barretta, T ratta leghe per saldobrasatura saldobrassatura in bar retta, filo, filo, polvere polvere e pasta, disossidanti disossidanti per brasatura polvere accessori br asatura liquidi, in polv e e e pasta, cannelli per saldatura er saldatur t a e taglio e ac cessori polveri metallizzazione,, e leghe di stagno. per saldobrasatura, saldobrasatura, polv e i e cannelli metallizzazione er stagno. Vaudit è impegnata impegnata anch he nella vvendita endita e nell'assist enzza di salda trici a filo Vaudit anche nell'assistenza saldatrici filo,, tig tig,, elettr plasma. Inoltre, Inoltre, vende vende e ripara ripara torce torce per saldatura, saldatura, taglio odo e taglio plasma. elettrodo icambi. plasma e rricambi.

VAUDIT V A UDIT sr srll - V Via ia DINI 12 - P PADOVA AD DO VA (PD) - TTel. el . 049 8716218 - 336 809744 - FFax ax 049 8735952

www.vaudit.eu w w w.vaudit.eu - liviotiso@vir liviotiso@virgilio.it g ilio o .it

PETRIS SISTEMI S.n.c. di Ing. Petris Gianluca & C. Sede legale e amministrativa: Via Ivrea, 1/1 - 35142 PADOVA Tel.: +39 049 8752748 Fax: +39 049 8779934 Altra sede: CASTELGOMBERTO ( VI) - Tel.: 0445 957764 info@petris-sistemi.it w w w.petris-sistemi.it

SOLUZIONI S OLUZIO ONI P PER ER GESTI GESTIRE IRE TEMPO E L LAVORO AVO ORO La L a Petris Petris Sistemi Sistemi vi può offire: o offire: prodotti prodotti con con il miglior rapporto rapporto qual qualità/prezzo lità/prezzo BTTJTUFO[BUFDOJDBBJQSF[[JQJáCBTTJtTPQSBMMVPHIJFQSFWFOUJWJHSBUVJUJ BTTJTU FO[BUFDOJDBBJQ QSF[[JQJáCBTTJtTPQSBMMVPHI IJFQSFWFOUJWJHSBUVJUJ SISTEMA RILEVAZIONE PRESENZE t .JOPSJDPTUJEJHFTUJPOF OJFOUFQJáDBSUFMMJOJFOBTUSJEBTPTUJUVJSF  periodicamente, maggiore affidabilità, ecc.) A PA t .JOPSUFNQPQFSMBHFTUJPOFEFMMFQSFTFO[F R t *OGPSNB[JPOJDPNQMFUF FTBUUFFBHHJPSOBUF € 49 TIRE DA 0,00 SOLI t 4UBNQBFMFUUSPOJDBEFMMJCSPQSFTFO[F +iva ! t &YQPSUBVUPNBUJDPEFJEBUJQFSMFQBHIF !! SISTEMA COMPLETO (SOFTWARE + TERMINALE + 20 BADGE)

ECO-SA-FP EC O-SSA-FP

UT2000

TERMIN TERMINALE NALE BIOMETRIC BIOMETRICOO LET TORRE IMPRONTE LETTORE DIGIT TAL ALI DIGITALI PER IL CCONTROLLO ONTROLLO ACCESSI ACCESSI LETTORE ((ANCHE ANCHEE LET TORE DI BADGE) STANDALONE ST TAND A AL ALOONE IN MET METALLO TALL A O

OROLOGIO OROL OGIO TIMBRA CARTELLINI TIMBRACARTELLINI AAUTOMATICO UTOMAATIC T O CCON ON INCL USE INCLUSE 100 SCHEDE E CASELLARIO CASELLARIO

OROLOGIO DIGITALE A LED DDAA INTERNI - LED RROSSI 4 CCARATTERI ARAATTERI AL LT. 5,7 5 cm ALT. MISURE 29,5x10x x4 cm 29,5x10x4 INCL USO RADIOC COOM MANDO INCLUSO RADIOCOMANDO

KIT MINIPOINT MINIPOIN CON - DISPL AY 2 CIFRE CI DISPLAY - RADIOC OMANDOO RADIOCOMANDO - DISPENSER - TICKETS TICCKETS

€ 16 1600,00 +iv +iva va !!!

€ 175,00 +iv +iva va !!!

€ 133,00 +iv +iva va !!!

€ 175,00 +iv +iva + va !!!

Per info chiamaci subito! Tel. 049-8752748


p34-39-intrapr-n03-2014:Layout 1

38

11-04-2014

12:10

Pagina 38

28 MARZO 2014

LOGISTICA

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Di scaffalatura non ce n’è una sola: una veloce panoramica sulle tante proposte del settore

Drive-in, cantilever, soppalchi e dinamici Società Accumulatori Ruote Carrelli Elevatori

RUOTE PER CARRELLI ELEVATORI ACCUMULATORI INDUSTRIALI Servizio a domicilio, riparazione, installazione e sostituzione di ruote e batterie trazione per carrelli elevatori

Sede Legale: via Dei Fanti, 14 - 35014 Fontaniva (PD) - Italy Sede Operativa: via Campolongo, 81 - 35010 Onara di Tombolo (PD) - Italy Tel. +39 049 948 5226 / 599 3552 - Fax +39 049 599 3563 e-mail: sarce@sarcesnc.it - www.sarcesnc.it

È

La classica scaffalatura a ripiani è la struttura per lo stivaggio di merce sfusa o in cartoni costituita da fiancate verticali e ripiani con superficie chiusa per l’appoggio dei prodotti. La scaffalatura portapallets tradizionale è costituita da spalle e longherine (travi): il pallet viene appoggiato su due longherine parallele tra loro e agganciate alle spalle. Con questo sistema si sfrutta al massimo l’altezza disponibile, con estrema flessibilità in quanto ciascun posto pallet può essere gestito singolarmente. Anche in questo caso è possibile scegliere spalle e longherine in funzione dei carichi da stivare. Ma l’universo delle scaffalatura è molto ampio e diversificato e numerose sono le proposte per ottimizzare il proprio magazzino. La scaffalatura drive-in consente lo stivaggio intensivo di grandi quantità di merci omogenee a movimentazione ciclica. Il vantaggio evidente di queste strutture consiste nell’eliminazione di buo-

na parte dei corridoi di manovra ottenendo il massimo sfruttamento del volume utile di magazzino. I drive-in sono costituiti da strutture portanti verticali abbinate a sistemi di appoggio e guida dei pallet orizzontali, si tratta in pratica di una serie di corsie o tunnel di carico con binari di appoggio per pallet posizionati alle diverse altezze. I carrelli elevatori penetrano nelle corsie posizionando in modo sistematico e uniforme tra i diversi livelli, le unità di carico. La scaffalatura cantilever è un sistema modulare autoportante utilizzato generalmente per lo stivaggio di barre, profilati, lamiere, pannelli e profili in legno e altri materiali in cui una dimensione risulta di gran lunga maggiore rispetto alle altre. La struttura è costituita da colonne verticali (monofronti o bifronti) collegate tra loro per mezzo di crociere, su cui si incastrano le mensole a sbalzo che ricevono il carico. E veniamo ai soppalchi, i “rad-

doppiatrori” di spazio. Si tratta di strutture sopraelevate rispetto al piano del pavimento adibite allo stoccaggio di merci o al transito e stazionamento di persone. La struttura portante può essere indipendente ossia realizzata con colonne e travi autoportanti oppure integrata con scaffalature porta-pallets o a ripiani che in tal caso costituiscono parte della stessa struttura portante. La struttura viene dimensionata in base alla portata richiesta per metro quadro ed al tipo di movimentazioni che deve consentire. I magazzini dinamici per scatole vengono utilizzati per lo stoccaggio di unità di carico di dimensioni e peso ridotti quali cartoni, contenitori, cassette. Lo scorrimento delle merci si ottiene grazie a delle speciali corsie con rullini in plastica disposti a passo ravvicinato, il numero delle corsie e la distanza tra esse viene determinato in funzione del prodotto da stivare e delle sue caratteristiche dimensionali. Si ottengono in tal modo


p34-39-intrapr-n03-2014:Layout 1

11-04-2014

12:10

Pagina 39

LOGISTICA

28 MARZO 2014

39

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Ci sono anche i magazzini autoportanti, per grandi dimensioni e altezze dei piani a rulli montati in leggera pendenza in modo da presentare sempre le unità di carico in posizione di prelievo. I campi di applicazione di questi sistemi sono molteplici e riguardano diversi settori: farmaceutico, alimentare, editoriale, meccanico e distribuzione in genere. I magazzini dinamici per pallet sono un sistema per lo stoccaggio intensivo di pallet o altre unità di carico particolarmente pesanti. Consente la realizzazione di piani di carico di lunghezza variabile costituiti da rulli in acciaio con appositi dispositivi di frenatura che garantiscono lo scorrimento a velocità controllata delle unità di carico. In uscita viene montato uno speciale dispositivo separatore di tipo meccanico o pneumatico che consente il prelievo della prima unità di carico senza alcuna interferenza da parte delle successive. Le scaffalature compattabili a ripiani o porta-pallet vengono montate su speciali basi mobili a traslazione manuale o motorizzata: in tal modo si riesce a com-

pattare lo spazio destinato ai corridoi ottenendo un notevole aumento di capienza. Infine, I magazzini rotanti o a piani mobili: strutture compatte a estensione verticale destinate alo stoccaggio di parti di piccole dimensioni, o parti speciali. Essi consentono la gestione dei materiali introdotti grazie a un software di gestione attraverso il quale è possibile richiamare l’articolo voluto per poter effettuare comodamente il prelievo o l’immagazzinamento. E ci sono anche i magazzini autoportanti: in questo caso la scaffalatura costituisce la struttura portante dell’immobile, ossia l’area destinata al magazzino viene ottenuta applicando apposite pareti in pannelli coibentati alla scaffalatura e realizzando allo stesso modo la copertura superiore. Questa soluzione viene adottata per magazzini di grandi dimensioni e notevole altezza in cui quasi sempre si utilizzano sistemi di movimentazione automatica quali traslo elevatori e carrelli laterali.

SOLUZIONI IDEALI PER L’OTTIMIZZAZIONE DELLA LOGISTICA. - Vendita e noleggio carrelli elevatori frontali e da magazzino e attrezzature - Vendita e noleggio scaffalature compreso montaggio - Vendita e noleggio piattaforme elevatrici - Vendita chiusure rapide industriali, coperture modulari in PVC, magazzini verticali - Assistenza carrelli elevatori con contratti di manutenzione - Assistenza su scaffalature con contratti di manutenzione - Corso formazione carrellisti

Il mercato immobiliare della logistica Il mercato immobiliare della logistica nel corso del 2013 è stato ancora piuttosto debole nel nostro Paese. Nonostante il comparto dei servizi di outsourcing abbia proseguito su un trend positivo e la domanda di spazi idonei alla funzione sia rimasta nel complesso vivace, le transazioni sono apparse estremamente contenute. Il mercato è stato movimentato quasi esclusivamente dai contratti di locazione. Eppure, l’intera filiera dei servizi logistici ha continuato ad aumentare il proprio fatturato, benché le criticità economiche e produttive si siano dimostrate ancora ben presenti. Attualmente il comparto è sollecitato soprattutto dalla forte crescita dell’e-commerce e dalla multicanalità del commercio in generale. Ed è innegabile che gran parte dell’efficienza delle vendite on line è affidata alla logistica: che deve infatti fronteggiare problemi che riguardano non solo la velocità di consegna dei prodotti, ma anche i format innovativi, la movimentazione di piccoli lotti destinati direttamente al consumatore finale, la restituzioni dei resi e la diffusione di tecnologie sempre più avanzate. I principali operatori devono competere mediante l’ottimizzazione della rete, attraverso la creazione di economie di scala e con la gestione delle informazioni. La domanda, quindi, cerca quasi esclusivamente spazi di qualità elevata, collocati nelle posizioni strategiche, vicine ai principali mercati di riferimento, preferibilmente in spazi di dimensioni medio-grandi. L’offerta corrispondete a queste caratteristiche si è però via via esaurita e le difficoltà di accesso al credito hanno frenato i nuovi sviluppi, ampliando quindi la forbice esistente tra domanda e offerta.

uni.ka srl

CREA LA SOLUZIONE

UNI.KA opera prevalentemente nel settore dei sistemi di stoccaggio. L'attività consiste nella progettazione e realizzazione di scaffalature ed arredamenti industriali. Nella nostra organizzazione, sono classificati come servizi custom gli studi ed il project management di magazzini che presuppongono un'analisi dei requisiti e/o l'integrazione eventuale di sistemi di logistica complessi. Il servizio standard invece, disegna, offre e realizza scaffalature su precise specifiche della Clientela. Siamo in grado di realizzare ed installare una serie di strutture, quali: - scaffalature portapallet - scaffalature portaripiani - strutture autoportanti e soppalchi - scaffalature a mensola cantilever - scaffalature a gravità - scaffalature compattabili a basi mobili - sistemi e sottosistemi di automazione - banchi di lavoro e di vendita - scaffalature e casse per negozi e g.d.o

uni.ka srl - Via Pierobon 42 - Limena (Padova) - Tel. 049-2610486 - Tel. 339-1700687 Fax 049-2610488 - info@unikasoluzione.it


p40-intrapr-n03-2014:Layout 1

10-04-2014

12:17

Pagina 40

NON HA TERMINI DI PARAGONE. Chi ce l’ha lo sa.


Intraprendere marzo 14