Page 1

p01-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:04

Pagina 1

Anno 10 - n. 7 26 luglio 2013

Contiene IP

POSTE ITALIANE SPEDIZIONE IN A.P. – D.L- 353/03 (conv. in L 27/02/04 n 46) Art I, comma I, CNS PD

PERIODICO DI INFORMAZIONE DEGLI IMPRENDITORI ARTIGIANI E DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

11 e 13

Notte rosa ad Abano Festa a Conselve

A settembre il trasferimento nella nuova sede

17

In Fiera ad ottobre Casa su Misura

25

La questione dei Compro Oro

www.upa.padova.it

Upa Formazione cambia e cresce

Unione Provinciale Artigiani 049 8206311

Da settembre Upa Formazione cambia sede: lascia i locali di Piazza De Gasperi per occupare la spaziosa sede di via Cave 178, in zona Brusegana a Padova. Il trasferimento conferma la scelta dell’Unione Provinciale Artigiani di considerare la formazione come un elemento strategico, irrinunciabile e decisivo, per sostenere e far crescere i piccoli imprenditori. Un’esigenza resa sempre più indispensabile dalle sfide che il mercato impone; dal bisogno di un adeguamento continuo e indispensabile al crescente peso di regole e normative.

alle pagine 19, 20, 21 e 22

LE SEDI UPA IN FERIE Dal 16 al 23 agosto le sedi territoriali dell’Unione artigiani saranno chiuse per ferie. In tale periodo, in caso di urgenze o necessità, è possibile comunque contattare, dalle 8.30 alle ore 13.00, il personale della sede di Padova ai numeri 049 8206341 e 049 8206374. Gli uffici riapriranno al pubblico regolarmente a partire da lunedì 26 agosto con il consueto orario: 8.30 – 13.00, 14.30 – 18.00.

SANI.IN.VENETO

PER LA SALUTE DEGLI ARTIGIANI Dall’esperienza venticinquennale di EBAV (l’Ente Bilaterale dell’Artigianato Veneto) e dalla comune opportunità di sviluppare welfare integrativo vicino al mondo delle imprese artigiane venete e dei loro dipendenti, nasce SANI.IN.VENETO (Sanità Integrativa Veneto), il fondo di assistenza sanitaria integrativa regionale per i lavoratori dell'artigianato. L’iniziativa, frutto di un protocollo di intesa sottoscritto il 5 luglio scorso, è delle Parti Sociali che rappresentano il mondo del lavoro artigiano della nostra regione: Confartigianato Imprese Veneto e Cna Veneto per le imprese, Cgil, Cisl e Uil per i lavoratori dipendenti. “Per noi l’esperienza collaborativa tra datori di lavoro e dipendenti è un grande valore al quale non possiamo di certo rinunciare – spiega il Presidente dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova Roberto Boschetto. La storia e il vissuto di Ebav rappresentano un modello al quale fare riferimento. È chiaro che questa modalità non poteva non essere applicata in un settore decisivo per il welfare come quello della sanità”.

a pagina 7

DONNE

IMPRESE AL FEMMINILE a pagina 5


M

O

S

T

R

A

p02-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

16:14

Pagina 2

VENETKENS VIAGGIO NELLA TERRA DEI VENETI ANTICHI

3DOD]]RGHOOD5DJLRQH‡ÀQRDOQRYHPEUH GDPDUWHGuDGRPHQLFDGDOOHRUHDOOH un viaggio nel tempo e nello spazio per presentare la vita quotidiana, il territorio, le attività commerciali, i cerimoniali funebri e le espressioni artistiche del popolo che abitò l’area del Nord-est italiano nel corso del I millennio a.C.

,QFROODERUD]LRQHFRQO·$VVHVVRUDWR DOOD&XOWXUDGHO&RPXQHGL3DGRYD

INGRESSO GRATUITO

VALIDO PER UNA PERSONA 3HULVRFL8SDGL3DGRYD FKHSUHVHQWHUDQQRLOFRXSRQ RPDJJLRLQELJOLHWWHULD

6 aprile / 17 novembre 2013

VIAGGIO NELLA TERRA DEI VENETI ANTICHI Padova / Palazzo della Ragione

Mostra promossa da:

Per prenotazioni:

049 2010010 Organizzata da:

venetiantichi.it Seguici su:

>

www.fb.com/PADOVART

@padovart

BIGLIETTO OMAGGIO

ZZZYHQHWLDQWLFKLLW Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Barbara Mizzon, 049 8206555 - barbara.mizzon@upa.padova.it. www.upa.padova.it


p03-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:08

Pagina 3

BACHECA Cittadella

Raffaele Zordanazzo Presidente del Mandamento di Cittadella

Anche le aziende associate all’Unione Provinciale Artigiani di Padova potranno esporre i propri prodotti, nell’ambito dell’evento, organizzato dalla Pro Cittadella, che darà spazio a diverse attrattive. La fiera, che ha la durata di tre giorni, vede ogni anno migliaia di visitatori provenienti da tutta la provincia. Gli artigiani interessati a spazi espositivi possono contattare il referente mandamentale Andrea Fabris, tel. 348 4543643 – andrea.fabris@upa.padova.it.

Energia

La Camera di commercio ha promosso un bando che prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto a favore delle imprese padovane pari al 50% delle spese sostenute fino ad un massimo di € 2.000 per impresa. Sono considerate ammissibili le spese sostenute dal 10 giugno al 31 dicembre 2013 per interventi finalizzati al miglioramento dell’efficienza energetica di strutture o impianti o alla realizzazione di impianti a fonti rinnovabili. Fondi a disposizione: stanziamento totale di € 50.000. Sul sito www.upa.padova.it sono disponibili dei brevi estratti dei bandi. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Alessandro Nespoli – Tel. 049 8220870 – email: alessandro.nespoli@upa.padova.it

26 LUGLIO 2013

3

In platea al Teatro Verdi

Tappezzieri in Piazza

Tutto pronto per la ripresa a novembre della stagione teatrale

Domenica 15 settembre la quattordicesima edizione della manifestazione

Con il mese di novembre 2013 riprende la Stagione di Prosa del Teatro Stabile del Veneto presso il Teatro Verdi di Padova; nell’ambito della programmazione 2013/2014 la proposta dello Stabile prosegue nell’intento già manifestato negli anni passati di mettere insieme grandi classici con rappresentazioni di carattere più sperimentale ed attuale. Sono quindi riproposti alcuni “mostri sacri” del passato, come Goldoni, Ibsen, Gogol, dei quali sono proposte alcune opere molto note ed altre meno conosciute: di Goldoni vengono proposte “La locandiera”, interpretata da Nancy Brilli ed “Il servitore di due padroni” nell’adattamento curato da Ken Ponzio; di Ibsen “I pilastri della società”, diretto e interpretato da Gabriele Lavia, mentre, tra le opere di Gogol è in programma “L’ispettore generale”; tra le altre cose, va sottolineato che tre di queste quattro opere sono allestite dallo stesso Teatro Stabile del Veneto. Numerose le proposte provenienti dal teatro del XX° secolo, quali “Il teatrante” di Thomas Berhnard, che Franco Branciaroli dirige ed interpreta, “Prima del silenzio”

di Giuseppe Patroni Griffi, interpretato da Leo Gullotta, “Le voci di dentro” di Eduardo De Filippo, di cui Toni Servillo è regista ed interprete e ”Sior Tita paron” di Gino Rocca. Il cartellone 2013-2014 prosegue un’attenzione iniziata lo scorso anno per una delle grandi figure della letteratura italiana, Giacomo Leopardi, con l’adattamento teatrale delle “Operette morali” curato da Mario Martone e si completa con alcune proposte di taglio più contemporaneo, tra le quali vi segnaliamo l’ultima proposta di Marco Paolini “Ballata di uomini e cani”, ispirato alla vita ed alle opere di Jack London, “Frost/Nixon” diretto e interpretato da Elio De Capitani e “Pantani”, curato e diretto da Marco Martinelli. Chi fosse interessato ad abbonarsi o a rinnovare l’abbonamento precedente può contattare entro e non oltre il 13 settembre 2013 il referente Upa dell'iniziativa: Graziella Scarparo, tel. 049 8206154, e-mail:graziella.scarparo@upa.padova.it.

Torna domenica 15 settembre “Tappezzieri in Piazza”, la manifestazione, giunta alla sua quattordicesima edizione, nata con lo scopo di promuovere le aziende del settore e diffondere la conoscenza della qualità dei prodotti artigianali. Anche l’edizione 2013 sarà ospitata nella storica Piazza della Frutta di Padova e si terrà dalle ore 10.00 alle 19.00. L’iniziativa è organizzata dall’Unione Provinciale Artigiani, grazie al contributo della Camera di Commercio di Padova. Per tutta la giornata, in Piazza della Frutta, i visitatori potranno misurare la qualità di poltrone, sedie e tendaggi realizzati a regola d’arte, secondo la mi-

Alessandro Testolin Presidente del Sistema di categoria Arredamento

gliore tradizione artigiana. “Da sempre il nostro impegno è proporre soluzioni di qualità – spiega Alessandro Testolin, Presidente del Sistema di categoria Arredamento dell’Upa. Il nostro obiettivo è invece quello di proporre arredi che rendano unici gli ambienti. Per questo il 15 settembre prossimo saremo nuovamente in piazza a dare al pubblico utili consigli per migliorare la casa”. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova – Daniele Scalco – tel. 345 4482492 – daniele.scalco@upa. padova.it.


p04-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

16:21

Pagina 4

TAPPEZZIERI IN PIAZZA Domenica 15 settembre 2013

Con il contributo

per il progetto “Valorizzazione delle eccellenze e della creatività dell’artigianato”

Per informazioni: Daniele Scalco - tel. 345-4482492 e-mail: daniele.scalco@upa.padova.it

Progetto grafico di Ferdi Arzenton e Ufficio Comunicazione dell’Upa

dalle ore 9.00 alle ore 19.00 Piazza della Frutta Padova


p05-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:10

Pagina 5

BACHECA

26 LUGLIO 2013

5

Due nuovi bandi del Comitato per l’imprenditoria femminile Sono due i nuovi bandi proposti dal Comitato per l’imprenditoria femminile di Padova. Si tratta del Premio per l’innovazione e qualità delle imprese femminili e del bando destinato alla creazione di una filiera destinata all’organizzazione dei matrimoni. “La Camera sta proponendo delle buone opportunità per le imprese – spiega Anna Parpagiolla, Presidente del Gruppo Confartigianato Donne Impresa di Padova.

In un momento di grande difficoltà, c’è la necessità di fare rete. Questo è emerso anche dagli incontri sull’accesso al credito che abbiamo proposto nei mesi scorsi. Invito poi i titolari d’impresa a leggere attentamente tutti i bandi, perché a volte anche le aziende che pensano di non poter accedere hanno delle possibilità di usufruire dei contributi”. Il bando per la creazione di una filiera per l’organizza-

zione dei matrimoni non riguarda solo le imprese femminili ma è aperto a tutte le aziende: “Credo si tratti della proposta più interessante per il mondo dell’artigianato – precisa Guglielmina Peretto, componente del Comitato per lo sviluppo dell’imprenditoria femminile e dirigente dell’Unione Provinciale Artigiani. Ci sono molte imprese artigiane che si occupano di matrimonio: sarti, acconciatori, orafi, alimentaristi per fare solo al-

Anna Parpagiolla Presidente del Gruppo Confartigianato Donne Impresa

cuni esempi. Sarebbe davvero un progetto importante poter costituire una rete che valorizzi il sistema produttivo locale e dia spazio al tempo stesso ad un’iniziativa di marketing territoriale”.

Innovazione nelle tecnologie, creatività e originalità La Camera di Commercio mette a disposizione 4mila euro per cinque imprese femminili Il Comitato Imprenditoria Femminile e la Camera di Commercio di Padova, nell’ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, intendono premiare 5 imprese femminili padovane che si siano distinte nell’innovazione e creatività. Oggetto del bando Il bando, dotato di un fondo di € 20.000, prevede l’assegnazione di un premio in denaro di 4.000 euro a favore di cinque imprese femminili padovane che si siano distinte ognuna nei seguenti ambiti: 1. Innovazione nelle nuove tecnologie (innovazione di prodotto, servizio, processo, (compreso ICT);

2. Innovazione nelle modalità di commercializzazione e distribuzione di prodotti 3. Creatività nel design di prodotti; 4. Creatività e originalità nel servizio al cliente; 5. Creatività e innovazione delle imprese culturali. Le innovazioni dovranno essere state introdotte successivamente al 1° gennaio 2012. Periodo apertura del bando Le domande di partecipazione dovranno essere presentate, a pena di inammissibilità, a partire dal 15 giugno 2013 fino al 31 ottobre 2013. Chi può partecipare al bando Possono partecipare al bando le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

• •

• • • essere regolarmente iscritte, alla data di presentazione della domanda, al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Padova; • avere sede legale e/o sede

operativa in provincia di Padova; se imprese individuali il titolare deve essere donna se società devono coesistere le seguenti caratteristiche: – i 2/3 dei soci devono essere donne – i 2/3 degli organi amministrativi devono essere composti da donne almeno il 51% del capitale sociale deve essere posseduto da soci donne essere in regola con i pagamenti del diritto annuale; non avere esposizioni debitorie in sospeso a qualunque titolo con la Camera di Commercio di Padova; non essere in stato di fallimento, concordato preventivo, amministrazione

straordinaria, liquidazione coatta amministrativa o volontaria; l’azienda e i suoi soci/amministratori non dovranno inoltre essere presenti nell’archivio dei protesti; • i soci e gli amministratori non dovranno aver riportato condanne penali per reati di tipo economico • l’impresa dovrà essere in regola con i versamenti dei contributi INPS e Inail. Inoltre, per il solo ambito 5) di cui all’art. 1 “Creatività e innovazione delle imprese culturali”, oltre ai requisiti di cui sopra, le imprese richiedenti dovranno risultare svolgere una delle seguenti attività: codici Ateco 90.01.01, 90.01.09, 90.02.02, 90.02.09, 90.03.02, 90.03.09, 90.04, 91.01, 91.02, 91.03, 91.04, 58, 71, 72, 62, 63.12.

Come presentare domanda Le domande potranno essere portate a mano all’ufficio protocollo della Camera di Commercio, sede di piazza Insurrezione 1/a – Padova oppure inviate via posta all’indirizzo di Piazza dell’Insurrezione 1/a- 35137 PADOVA, via fax al numero 049 8208330 o via posta elettronica certificata (PEC) in formato pdf/A firmato digitalmente all'indirizzo di PEC cciaa(at)pd.legalmail.camcom.it o via e-mail normale a ifpadova(at)pd.camcom.it Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Alessandro Nespoli, tel. 049 8220870 – alessandro.nespoli@upa.padova.it.

Rete-wedding, donne al servizio del mercato dei “fiori d’arancio” Il Comitato Imprenditoria Femminile e la Camera di Commercio di Padova, nell’ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, intende incentivare il marketing territoriale in generale e favorire le reti/filiere d’impresa. In particolare ritiene che la filiera dei matrimoni possa generare un indotto molto importante per lo sviluppo economico del territorio. Obiettivo è la creazione di una filiera e conseguentemente di una rete d’imprese che collaborino in modo da portare sul mercato un’offerta coordinata di servizi incentrati sul matrimonio, offerta diretta anche ai mercati esteri. Oggetto del bando Oggetto del presente bando è la presentazione, da parte di wedding planner o altri operatori o di esperti di portali web, di progetti di tipologie di matrimoni che siano particolarmente collegate al territorio e lo valorizzino e che – basandosi su idee innovative e originali – possano es-

sere di forte richiamo per il potenziale mercato, anche estero. I presentatori dei migliori progetti valutati da un’apposita commissione potranno partecipare alla costruzione della filiera sostenuta dalla Camera di Commercio. Inoltre i presentatori dei progetti premiati potranno usufruire di: • formazione specifica (30 ore) relativa al settore e al progetto ed in particolare di un percorso formativo interattivo gratuito finalizzato al miglioramento qualitativo della propria offerta commerciale quale filiera e come singolo; • usufruire del coordinamento di un tecnico esperto, animatore dell’intero progetto di filiera per la formulazione di pacchetti/proposte di matrimonio; • uno spazio web che promuoverà i progetti ed i gruppi di imprenditori che si formeranno, gestito inizialmente dalla Camera e successivamente affidato all’eventuale rete d’im-

prese che verrebbe costituita; • di azioni promozionali gratuite e di trovare nuovi contatti commerciali anche partecipando ad una fiera del settore che verrà individuata dal gruppo di lavoro. Inoltre, al primo gruppo in ordine di tempo – aggregatosi attorno ad uno dei progetti individuati dalla commissione esaminatrice prevista da questo bando – che concluderà un contratto di rete, verrà riconosciuto un premio pari

a massimo 2.000 € per le spese notarili, di registro e similari. Tale spesa dovrà essere documentata da fattura/e e pagamento della stessa o tramite bonifico bancario ovvero tramite strumenti di pagamento elettronico (bancomat o carta di credito) da cui sia direttamente riscontrabile la quietanza, pena l’esclusione dell’importo dall’agevolazione. Periodo apertura del bando Le domande potranno essere pre-

sentate dal 15 giugno fino al 31 agosto 2013. Chi può partecipare al bando Le domande potranno essere presentate da imprese già costituite, da imprenditori in fase di avviamento che dovranno avviare l’attività entro due mesi dalla data di scadenza del bando dall’assegnazione del riconoscimento da parte della Camera e da liberi professionisti con partita IVA: • che abbiamo le sede legale e/o operativa o la sede dell’attività o almeno unità locale in provincia di Padova; • che siano regolarmente iscritte, alla data di presentazione della domanda, al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Padova, se imprese; • che siano in regola con i pagamenti del diritto annuale camerale, se dovuti; • che siano in ogni caso in regola con il versamento dei contributi INPS e INAIL se imprese o liberi professionisti;

• che non siano in stato di fallimento, concordato preventivo, amministrazione straordinaria, liquidazione coatta amministrativa o volontaria; • che non presentino posizioni debitorie in sospeso a qualunque titolo con la Camera di Commercio di Padova. Come presentare domanda Le domande potranno essere portate a mano all’ufficio protocollo della Camera di Commercio, sede di piazza Insurrezione 1/a – Padova oppure inviate via posta all’indirizzo di Piazza dell’Insurrezione 1/a – 35137 PADOVA, via fax al numero 049 8208330 o via posta elettronica certificata (PEC) in formato pdf/A firmato digitalmente all'indirizzo di PEC cciaa(at)pd.legalmail.camcom.it o via e-mail normale a ifpadova@pd.camcom.it Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Alessandro Nespoli, tel. 049 8220870 – alessandro.nespoli@upa.padova.it.


p06-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

6

12:11

Pagina 6

26 LUGLIO 2013

BACHECA

Il fascino delle ville del Palladio

Capodanno a Vienna

Un viaggio tra storia e arte alla scoperta delle suggestioni del Vicentino

San Silvestro in una delle capitali più gloriose dell’Europa d’altri tempi

VICENZA e le Ville del PALLADIO – domenica 29 settembre 2013 Saranno Vicenza e le ville del Palladio le mete del viaggio che l’Unione Provinciale Artigiani di Padova propone ai suoi associati. Di seguito riportiamo il programma della giornata. Ritrovo dei partecipanti e partenza da: MONSELICE Piazzale dietro la Chiesa del Redentore (vicino Casello autostrada) alle ore 8.00 PADOVA da parcheggio in Corso Stati Uniti – Zona Camin – vicino ingresso autostrada di Padova Zona Industriale alle ore 8.30 Viaggio con autopullman G.T. riservato per Vicenza. All’arrivo, incontro con la guida e visita dei palazzi pubblici e privati progettati dal Palladio in centro storico: Teatro Olimpico, Palazzo Barbaran Da Porto, Palazzo Chiericati, inoltre Basilica Palladiana (esterna), Piazza dei Signori, Corso Palladio, Chiesa Santa Corona ecc. Pranzo in un ristorante nella zona. Nel pomeriggio completamento delle visite con guida delle seguenti ville: Valmarana “Ai Nani” che conserva splendidi affreschi di G. B. Tiepolo, proseguimento a piedi fino alla Villa Capra Valmarana detta “La Rotonda”, la più famosa creazione del Palladio caratterizzata da quattro facciate identiche e da quattro pronai. Visita esterna con possibilità di accedere al giardino della Villa. Al termine delle visite partenza per il viaggio di ritorno ai rispettivi luoghi di provenienza. Quota a persona: euro 60,00 per i soci UPA e ANAP, euro 65,00 non soci e famigliari. Comprende: il viaggio in autopullman G.T., l’ingresso al Teatro Olimpico con la Museum card, la visita guidata di Vicenza per l’intera giornata, il pranzo in Ristorante con bevande incluse, l’uti-

Capodanno 2014 a: VIENNA dal 29 dicembre 2013 al 01 gennaio 2014 Anche quest’anno l’Unione Provinciale Artigiani propone un viaggio per festeggiare insieme il capodanno. La meta sarà Vienna, la capitale austriaca dal glorioso passato imperiale. Di seguito pubblichiamo il programma del viaggio. 1° giorno: PADOVA / VIENNA Ritrovo dei Signori Partecipanti e partenza dai luoghi di convocazione con autopullman G.T. riservato, per l’Austria. Pranzo in ristorante lungo il percorso autostradale. Arrivo nel pomeriggio a Vienna, incontro con la guida e giro panoramico della Capitale austriaca: il Ring dove sono affacciati tutti i più importanti monumenti della città: Opera, Municipio, Parlamento, Hofburg, il Quartiere dei Musei, la Karntnerstrasse ecc. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento. 2° giorno: VIENNA Trattamento di pensione completa. Mattinata dedicata all’escursione al Castello di Schonbrunn, possibilità di visitare gli appartamenti reali ed il grandioso Parco, con guida. Pomeriggio continuazione delle visite: la Casa Hundertwasser, il Prater, il Belvedere e passeggiata attraverso gli angoli più suggestivi della città. In serata trasferimento sulle colline viennesi per la cena in una “heurigen” tipica osteria viennese e rientro in Hotel per il pernottamento. 3° giorno: VIENNA Capodanno Trattamento di pensione completa. Intera giornata dedicata al completamento della visita guidata della Capitale austriaca e dei dintorni. In particolare si potrà ammirare il centro storico: Duomo di Santo Stefano, Karntnerstrasse, Graben, e passeggiata attraverso gli angoli più suggestivi ed insoliti della città vecchia. Possibilità di visitare uno dei numerosi Musei, oppure la Galleria Austriaca al Belvedere dove si trova la più grande collezione di opere di Gustav Klimt, o la sale dell’Hofburg o assistere ad un’esibizione alla Scuola di Equitazione Spagnola dei famosi cavalli Lipizzani. Cena di Capodanno e rientro in hotel per il pernottamento.

lizzo delle radio riceventi, IVA tasse e percentuali di servizio. Non comprende: l’ingresso a Villa Valmarana di euro 6,00 a persona, l’ingresso ai giardini di Villa Capra di euro 5,00 a persona e tutto quanto non menzionato sotto la voce “comprende”. ADESIONI: presso qualsiasi sede dell'Unione Artigiani entro il 13 settembre con il versamento della quota di partecipazione. Per informazioni: Simone Pegge Tel. 049 8206387 – 346 5005187. Le condizioni generali di partecipazione ed il regolamento sono consultabili sul sito www.brocadelloviaggi.com Organizzazione Tecnica “Brocadello viaggi” – Piazza Vittorio Emanuele II, 12 – 35028 Piove di Sacco (PD) – Tel.: 049 9701067 – Fax: 049 9701362 Autorizzazione n. 2079 del 25/11/83 e Prot. n. 51615 del 04/06/93 della Provincia di Padova.

in

VIAGGIO con L’UNIONE

2013

Domenica 29 settembre Vicenza, alla scoperta del Palladio

Dal 12 al 19 ottobre

4° giorno: VIENNA / GRAZ / PADOVA Prima colazione in Hotel. Verso le ore 10.00 partenza per Graz: capoluogo della Stiria detta “la città verde” per le ricchezze di giardini e di viali alberati. Dominata dalla collina dello Schlossberg da dove si gode un bel panorama su tutta la città. Giro panoramico del centro storico e pranzo in ristorante. Al termine partenza per il viaggio di ritorno, con varie soste lungo il percorso autostradale, l’arrivo ai luoghi di provenienza è previsto nella serata. QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 650,00 per soci UPA e ANAP, euro 675,00 per i non soci e famigliari. LA QUOTA COMPRENDE: Il viaggio in autopullman G.T. * I pedaggi autostradali, i permessi di circolazione ed i parcheggi * La sistemazione in Hotel 3 stelle sup., in stanze a due letti tutte con servizi privati * Il trattamento di pensione completa, dal pranzo del 1° giorno al pranzo dell’ultimo giorno * Il Cenone * Le visite e le escursioni, come da programma * Il servizio di guida locale, parlante italiano, per le visite come da programma * IVA, tasse e percentuali di servizio * L’assicurazione sanitaria e bagaglio. NON COMPRENDE: le bevande, gli ingressi e tutto quanto non menzionato sotto la voce “comprende”. ADESIONI: presso qualsiasi sede dell'Unione Artigiani entro il 31 ottobre versando l’importo di 250,00 euro a persona quale acconto della quota di partecipazione. Per informazioni: Simone Pegge Tel. 049 8206387 – 346 5005187 Le condizioni generali di partecipazione ed il regolamento sono consultabili sul sito www.brocadelloviaggi.com Organizzazione Tecnica “Brocadello viaggi” – Piazza Vittorio Emanuele II, 12 – 35028 Piove di Sacco (PD) – Tel.: 049 9701067 – Fax: 049 9701362 – Autorizzazione n. 2079 del 25/11/83 e Prot. n. 51615 del 04/06/93 della Provincia di Padova.

Dal 29 dicembre 2013 al 1 gennaio 2014 Capodanno a Vienna

Crociera del quarantennale dell’Associazione Anap con la Costa Classica: Trieste, Dubrovnik con escursione a Medjugorje, Corfù, Cefalonia, Kotor, Spalato, Trieste

Organizzazione tecnica: Agenzia Viaggi Broccadello Piove di Sacco - Pd

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova - Simone Pegge tel. 049 8206387 cell.346 5005187 - simone.pegge@upa.padova.it


p07new-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

10:44

Pagina 7

BACHECA

7

26 LUGLIO 2013

■ Bollettini di pagamento

■ Giornata di studio per odontotecnici

Attenzione alle truffe

Nuove strategie e comunicazione l laboratorio moderno, metodi e tecniche di management e comunicazione per lo sviluppo delle performance: è questo il titolo della giornata di studio dedicata agli odontotecnici. L’iniziativa, organizzata dall’Unione Provinciale Artigiani di Padova, in collaborazione con Confartigianato del Veneto, grazie al contributo di Ebav e Nobel Biocare, si terrà il 28 settembre prossimo, a partire dalle ore 9.00, a Villa Italia, in via Fraccalanza 3 a Padova. Obiettivo dell’incontro è l’approccio al settore odontotecnico attraverso l’analisi delle aree operanti nel dentale (studi, laboratori, aziende) rispetto alle nuove strategie di gestione, marketing e comunicazione (il marketing relazionale, il marketing degli eventi, cooperation marketing, il marketing non convenzionale…) e i vecchi e nuovi atteggiamenti della collettività ai quali si tenta di dare risposte sempre più innovative e coinvolgenti. Le nuove strategie di comunicazione sono sempre più interattive. Esse collegano laboratori, professionisti, istituzioni e pazienti. L’integrazione delle nuove tecnolo-

I

lcune imprese hanno ricevuto per posta in questi giorni un bollettino prestampato con una richiesta di pagamento che sembra arrivare dalla Camera di commercio. Si tratta di pubblicità ingannevole, in quanto la società che invia il bollettino non è in alcun modo collegata alle Camere di Commercio e svolge attività di gestione di un

A

sito internet di servizi. L’Unione Provinciale Artigiani di Padova invita gli associati a fare attenzione a questo tipo di comunicazioni. Per eventuali dubbi riguardanti i pagamenti dei diritti camerali, è a disposizione l’ufficio start up d’impresa al numero 049 8206355. RIVESTIMENTI

• • • • • • •

LORIS

ISOLANTI TERMICI ED ACUSTICI PARATI SPECIALI TESSUTI MURALI SUGHERI DA PARETE E PAVIMENTO PERLINATI IN LEGNO PAVIMENTI PVC GOMMA E LINOLEUM MOQUETTES SINTETICHE E IN LANA

• VERNICI - SMALTI DI TUTTI I COLORI • PLASTICI MURALI E MINERALI NATURALI • PITTURE PER L’EDILIZIA INTERNO ESTERNO • IMPERMEABILIZZANTI PEDONALI • SEGNALETICA STRADALE • GRASSELLO DI CALCE MARMORINO • SPATOLATO VENEZIANO

RUBANO (PADOVA) Via A. Rossi 67 Tel. 049.631419-631322 - Telefax 049.631650 RIVESTIMENTI

LORIS

Andrea Meneghini Presidente degli Odontotecnici

gie e le ultime sistematiche dei processi di produzione dei dispositivi introdotte nel laboratorio insieme alla nuova cultura aziendale che vede le imprese produttrici

sempre più vicine alla realtà degli operatori, diventano strumenti di fidelizzazione, informazione e sviluppo del laboratorio odontotecnico. Oggi come non mai tale attività sta attraversando un periodo di grande rivoluzione e sono molte le opportunità offerte. Le tecnologie e i nuovi approcci delle aziende più vicine alle problematiche attuali derivanti dall’aumento della concorrenza, il calo dei prezzi contrapposto alla crescita dei costi di gestione, la fidelizzazione degli studi, l’eccessiva pressione fiscale etc, impongono però una visione più orientata verso nuovi metodi di sviluppo e crescita. I rapporti con lo stu-

dio devono essere affrontati con strategie e progetti efficaci. Il corso offre un metodo chiaro e positivo che stimoli forza, passione, energia e progettualità. L’analisi dei costi e la pianificazione. Il potenziamento dell’individuo e del team permetteranno di affrontare le nuove sinergie tra i diversi campi di azione di questa professione in pieno sviluppo. Relatore dell’iniziativa sarà Paolo Barelli, analista, tributarista, fondatore di Sb-Studio Barelli management, leader nel management, marketing & comunicazione strategica nel settore dentale e sanitario. La quota di partecipazione al corso è di € 25,00 + iva. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova – Valentina Giglio, Tel. 049 8206411 – 049 8206161 – valentina.giglio@upa. padova.it.


p08-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

16:50

Pagina 8

SOS energia PUNTIAMO A FAR RISPARMIARE LA TUA AZIENDA

INVIA LA TUA BOLLETTA, COMPRENSIVA DI DETTAGLIO, AL FAX 049 8936721 O VIA E-MAIL A: energia@ upa.padova.it RICEVERAI L’ANALISI COMPARATIVA DEI RISPARMI POSSIBILI, GRAZIE ALLE CONDIZIONI

Vuoi migliorare la gestione dei consumi energetici? Affidati a SOS Energia, il servizio dell’Unione Artigiani che ti aiuta ad avere le migliori condizioni dai fornitori del mercato libero. Grazie al Caem, il consorzio artigiano energia e multiutility promosso dalle associazioni di Confartigianato del Triveneto, sono state sviluppate mediazioni utili a ridurre del 17% il costo dell’energia, nonostante l’aumento delle tariffe. Con il Caem infatti si è voluto creare un unico organismo in grado di rappresentare gli interessi delle imprese socie, garantendo un maggior potere contrattuale nelle trattative con i fornitori del mercato libero.

Consorzio Artigiano Energia & Multiutility

Upa Servizi Spa – Servizi Innovativi, via A. Volta 34 Abano Terme (Pd), tel. 049 629323 fax 049 8936721 e-mail: energia@upa.padova.it - www.upa.padova.it


p09new-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:18

Pagina 9

ATTUALITÀ ■

9

26 LUGLIO 2013

Sani.In.Veneto, ancora un successo per la bilateralità di casa nostra

La salute degli artigiani guarda già al futuro all’esperienza venticinquennale di EBAV (l’Ente Bilaterale dell’Artigianato Veneto) e dalla comune opportunità di sviluppare welfare integrativo vicino al mondo delle imprese artigiane venete e dei loro dipendenti, nasce SANI.IN.VENETO (Sanità Integrativa Veneto), il fondo di assistenza sanitaria integrativa regionale per i lavoratori dell'artigianato. L’iniziativa, scaturita da un protocollo di intesa sottoscritto il 5 luglio scorso, è delle Parti Sociali che rappresentano il mondo del lavoro artigiano della nostra regione: Confartigianato Imprese Veneto e Cna Veneto per le imprese, Cgil, Cisl e Uil per i lavoratori dipendenti. I loro rispettivi presidenti e segretari generali, costituendo formalmente il Fondo, hanno portato a termine un intenso percorso di confronto e discussione, avviato dopo l’accordo interconfederale del 21 settembre 2010 e i successivi rinnovi dei Contratti nazionali dell’arti-

D

gianato, che avevano previsto la costituzione di un Fondo nazionale. SANI.IN.VENETO, grazie alla raccolta delle quote contributive versate dalle imprese per ogni dipendente, provvederà ad erogare prestazioni di assistenza sanitaria già dal 1 agosto. La platea dei lavoratori interessati è vastissima. Nell’immediato i potenziali beneficiari sono gli oltre 135.000 dipendenti delle aziende artigiane di tutti i settori produttivi (escluso l’edilizia) e dei servizi. Successivamente l’intesa sottoscritta tra le parti a giugno prevede la possibilità di allargare l’assistenza sanitaria ai familiari dei dipendenti e anche agli stessi imprenditori (titolari, soci e collaboratori) e ai loro familiari: un milione di persone, un cittadino veneto su 5. La nascita del Fondo regionale è legata alla scelta delle Parti Sociali venete di sviluppare, sulla base della bilateralità regionale caratterizzata da una grande

efficienza e partecipazione, la gestione diretta, a livello locale, delle quote contributive e di mantenere una stretta corrispondenza con il Servizio Sanitario e Sociale del Veneto. L’accesso alle prestazioni sarà supportato da un sistema di assistenza alla compilazione delle domande dei lavoratori interessati, distribuito in modo capillare nel territorio; anche per le imprese è prevista una semplificazione degli impegni burocratici a loro carico. I vertici di Confartigianato, Cna, Cgil, Cisl e Uil del Veneto hanno espresso grande soddisfazione. La costituzione di un fondo “prossimo”, cioè vicino alla realtà quotidiana della comunità veneta, non potrà che offrire un significativo sostegno economico a fronte delle spese sostenute per la salute. Nessun costo aggiuntivo rispetto a quanto già previsto dalla contrattazione nazionale ma la garanzia, di una gestione effettuata in loco.

■ I motivi di una scelta condivisa

Per un sano “federalismo” a perché è nato il fondo Veneto? La nascita del Fondo regionale è legata ad una forte critica che tutte le Parti Sociali venete hanno da subito fatto all’impianto del fondo nazionale. La struttura non prevedeva alcuna compenetrazione con la bilateralità e non vi era alcuna possibilità di gestire parte della quota di versamento direttamente a livello regionale. Su questo ultimo punto in particolare, le Parti si sono soffermate in quanto la sanità è materia di competenza delle Regioni e quindi veniva evidenziato come qualsiasi fondo sanitario non potesse che avere una importante collocazione su tale base. Dopo circa un anno di confronto serrato con le rispettive Associazioni nazionali che non si sono mai

M

rese disponibili ad accogliere le istanze venete, le stesse Parti costituenti di EBAV hanno sciolto gli indugi ed hanno costituito SANI.IN.VENETO, il fondo di assistenza sanitaria integrativa destinata tra l’altro ai lavoratori dell’artigianato veneto. Successivamente l’assistenza sanitaria sarà allargata ai familiari dei dipendenti, agli imprenditori artigiani, ai loro soci e collaboratori e anche ai loro familiari. Una platea potenziale di circa un milione di persone (1 veneto su 5 interessato) che permetterà di raccogliere, a regime, circa 15 milioni di euro all’anno. SANI.IN.VENETO raccoglierà le quote versate dalle imprese e provvederà, in sostituzione di Sanarti, ad erogare prestazioni equivalenti e o migliorative. Le

erogazioni partiranno il 1 agosto di quest’anno in concomitanza con il fondo nazionale che però, ha iniziato la raccolta delle contribuzioni a febbraio 2013. Nel fondo è stato trasposto il modello veneto vale a dire che i lavoratori saranno supportati nella compilazione delle pratiche cercando di raggiungere, capillarmente sul territorio, la grande maggioranza di loro. EBAV invece, supporterà le imprese per quanto riguarda la gestione dei dati in maniera di rendere minimo l’impegno burocratico. La cosa più importante rimane il fatto che saranno le Parti Sociali venete a determinare il livello di prestazioni da raggiungere che sarà strettamente collegato al sistema della sanità regionale.

“All’insegna della continuità” a bilateralità, cioè la collaborazione operativa tra mondo dell’impresa e lavoratori, nella nostra regione, nel Veneto, ha una lunga e consolidata tradizione». Roberto Boschetto, presidente dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova, non ha dubbi sulla nascita del nuovo fondo per la sanità integrativa e inserisce il varo di SANI.IN.VENETO nel contesto e nella continuità di una vicenda che da sempre ha caratterizzato la storia dell’artigianato veneto. «Non vi è dubbio – spiega il Presidente – che per noi l’esperienza collaborativa tra datori di lavoro e dipendenti delle aziende è un grande valore al quale non possiamo di certo rinunciare. La storia e il vissuto di Ebav in questi anni sono stati molto positivi e rappresentano un modello al quale continuare a fare riferimento. È chiaro che questa modalità non po-

«L

Roberto Boschetto

teva non essere applicata in un settore decisivo per il welfare come quello della sanità». «Per noi – continua Boschetto – vi sono due aspetti

decisivi in questa vicenda. Prima di tutto il fatto che, come già osservato, lavoratori e imprenditori continuino a collaborare; in secondo luogo il perseguimento di una “via veneta” che rappresenta un segnale concreto di quel federalismo che da sempre auspichiamo. Tutto questo ora diventa, anche in ambito sociale e sanitario, un’ulteriore prova di quella concretezza che da sempre caratterizza il nostro operare». «Inoltre – conclude il Presidente – siamo certi che la stagione di SANI.IN.VENETO potrà essere importante e significativa anche sul versante delle spese, del contenimento dei costi; ma soprattutto rappresenterà per i lavoratori e per gli artigiani uno strumento decisivo per una qualità della vita migliore: in fondo questo è l’obiettivo che da sempre ci sta maggiormente a cuore».


p10-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

16:57

Pagina 10


p11-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

15:22

Pagina 11

TERRITORIO

11

26 LUGLIO 2013

■ L’evento a settembre ad Abano Terme

■ Dal 19 al 27 ottobre a Piove di Sacco

In esposizione i prodotti locali

La Saccisica in mostra

i terrà a settembre la mostra dell’artigianato che il Mandamento di Abano Terme dell’Unione Provinciale Artigiani organizza grazie al contributo della Camera di Commercio di Padova. L’iniziativa, che ha l’obiettivo di valorizzare le migliori produzioni dell’artigianato locale, si terrà nell’ambito della seconda edizione di “Notte rosa”, la manifestazione voluta dall’Amministrazione comunale destinata ad animare la città aponense. Le aziende artigiane interessate ad esporre durante l’evento

S

possono compilare e inviare la scheda di preadesione pubblicata in questa pagina. Durante la manifestazione, venerdì 13 settembre, si terrà un evento organizzato dagli Acconciatori di Abano Terme dell’Unione Provinciale Artigiani che proporranno al pubblico acconciature particolari, dando spazio alla loro creatività.

Raffaele Bordin Presidente del Mandamento di Abano Terme

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Filippo Marchioro – tel. 049 8220811 – email: filippo.marchioro@upa.padova.it

i terrà dal 19 al 27 ottobre “Saccisica in mostra”, la manifestazione realizzata dal Comune di Piove di Sacco in collaborazione con le associazioni di categoria e la Camera di Commercio di Padova. Obiettivo della mostra sarà riscoprire il legame con il territorio della Saccisica, per riproporre la storia e la tradizione di Piove di Sacco e dei comuni che compongono il mandamento. “Saccisica in mostra” sarà quindi l’occa-

S

sione per conoscere le attività produttive del Piovese, e per sperimentare percorsi d’arte, storia, cultura, enogastronomia e turismo. Chi fosse interessato a partecipare come espositore è invitato a compilare la scheda di pre – adesione che trova pubblicata in questa pagina.

Vincenzo Nizzardo Presidente del Mandamento di Piove di Sacco

Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Diego Boscolo – Tel. 345 4416784

SCHEDA DI PRE-ADESIONE

SCHEDA DI PRE-ADESIONE

MOSTRA DELL’ARTIGIANATO DI ABANO TERME

SACCISICA IN MOSTRA 2013 50° ANNIVERSARIO

da inviare via fax al numero 049 8206161 o via mail a filippo.marchioro@upa.padova.it

da inviare via fax al numero 049 9701186 Il sottoscritto

Il sottoscritto

titolare/legale rappresentante

Residente a

della ditta

Via

n.

CAP

Prov

Tel

P.IVA

attività

con sede in

Fax

(

Via

cell

n.

Tel

E-mail

)

Fax

con la presente manifesta il proprio interesse a partecipare alla manifestazione SACCISICA IN MOSTRA 2013 che si svolgerà dal 19 al 27 ottobre 2013 a Piove di Sacco con i seguenti prodotti: _______________________________________________________________________________________________________ _______________________________________________________________________

Nome ditta Settore attività ditta

L’evento verrà organizzato al raggiungimento del numero minimo di 25 partecipanti • Necessita di N.________ stand da mt. 3 x 3 mt o stand _____________ 3 mt x 4 mt .

Indirizzo ditta

La quota comprende: Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

• la fornitura dello stand preallestito con pareti, impianto luce, prese di corrente • servizio di vigilanza notturno

ATTENZIONE: LA PRIORITÀ NELLE ISCRIZIONI VERRÀ DATA ALLE AZIENDE CHE HANNO SEDE IN UNO DEI COMUNI DEL TERRITORIO DEL PIOVESE

Si esprime consenso, al trattamento dei dati necessari, come previsto dagli art. 11 e 20 della legge n. 675/1996 – privacy – per le finalità relative alla suddetta iniziativa.

Data________________________ Data________________________

Gazzo, Web business per le aziende che guardano al futuro

Si parlerà di web business per la piccola impresa giovedì 17 ottobre nella sala Consiliare del Comune di Gazzo Padovano. Si tratterà di una serata formativa dedicata al mondo della rete e al web marketing. Interverrà Graziano Chiaro, or-

TIMBRO E FIRMA ______________________

dinario di marketing strategico IUSVE, Università Pontificia, Invited lector di Stanford University, business designer e web scrittore. L’appuntamento è organizzato dal Mandamento di Cittadella e dal Sistema di categoria Grafici dell’Unione Provinciale Ar-

tigiani di Padova, in collaborazione con il Comune di Gazzo, grazie al contributo della Camera di Commercio di Padova. Saranno presenti Raffaele Zordanazzo, Presidente del Mandamento di Cittadella, Carlo Donà, Delegato comunale di Gazzo e Carlo Dal-

TIMBRO E FIRMA ______________________

l’Aglio, Presidente del Sistema di Categoria Grafici. Per informazioni e adesioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, via Masini 6 – Andrea Fabris, tel. 348 4543643 – andrea.fabris@upa.padova.it.


p12-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

17:16

Pagina 12


p13-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

15:26

Pagina 13

TERRITORIO ■ La tradizionale Fiera di Sant’Agostino a Conselve

26 LUGLIO 2013

13

■ Trebbiatura ad Albignasego

Vetrina importante Un tuffo per tutto il territorio nel passato orna Conselve in mostra nell’ambito dell’antica fiera di Sant’Agostino. Dal 23 agosto al 1° settembre si terrà la tradizionale manifestazione, che ogni anno registra una significativa affluenza di visitatori, attratti dalle molte iniziative collaterali e dalla tradizione storica di questa festa. “La primissima edizione della mostra campionaria dell’artigianato risale agli anni Cinquanta – spiega Renato Luise, Presidente del Mandamento di Conselve dell’Unione Provinciale Artigiani. L’iniziativa è stata poi ripresa negli anni Ottanta ed è arrivata ora alla 33° edizione. In questo periodo di difficoltà, la mostra continua a offrire alle aziende del territorio l’opportunità di sfrut-

T

Renato Luise Presidente del Mandamento di Conselve

tare una vetrina importante. La crisi, lo sappiamo, è pesante. Le difficoltà che sta vivendo il comparto dell’edilizia determinano ripercussioni anche su altri set-

tori collegati. A questo si aggiungono le difficoltà dei Comuni che hanno sempre meno risorse e si trovano costretti a tagliare molti servizi e ad aumentare Irpef, Imu e Tarsu. Credo che in questo contesto sia importante proporre occasioni di promozione come Conselve in mostra”. Anche per questa edizione l’Unione Provinciale Artigiani avrà uno spazio espositivo in esclusiva nel quale mettere in luce le produzioni artigiani locali. L’iniziativa è realizzata grazie al contributo della Camera di Commercio di Padova. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Manuela Barzan, tel. 049 5384164 cell. 338 5761347.

■ San Giorgio in Bosco

■ Successo a Maserà

Villa Bembo ritrovata Botteghe in Piazza

l Governatore del Veneto Luca Zaia ha inaugurato il 2 luglio scorso Villa Bembo, a San Giorgio in Bosco, dopo i lavori di restauro. La villa, che ospita alcuni uffici comunali, oltre l’ufficio del Segretario e del Sindaco, è stata così restituita alla città. Un passo importante per tutta la comunità locale che può ora contare nel pieno recupero e nella messa disposizione di un edificio che è da sempre un vanto per San

I

Giorgio in Bosco. Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti molte autorità: il Sindaco Bobo Miatello, il Vice Presidente della Provincia di Padova Roberto Marcato e il Presidente del Mandamento di Cittadella Raffaele Zordanazzo. Villa Bembo, dimora nobiliare veneziana del 1700, è stata acquistata dal Comune di San Giorgio in Bosco nel 1982.

Il gusto del Cittadellese Torna l’appuntamento con Il gusto del Cittadellese, l’iniziativa enogastronomica organizzata dall'Ufficio Turistico IAT di Cittadella, in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

La manifestazione, che si terrà sabato 14 e domenica 15 settembre in piazza Pierobon, vedrà quest’anno la partecipazione delle associazioni di categoria tra cui l’Unione Provinciale Arti-

Intrattenimento, lo shopping e l’immancabile maxi anguriata gratuita sono da anni gli ingredienti del successo di Botteghe in piazza, la manifestazione voluta dall’Associazione commercianti e artigiani di Maserà, insieme all’Amministrazione comunale, che si è tenuta sabato 13 luglio. Obiettivo dell’iniziativa è quello di dare vita al cuore del paese e sostenere le attività commerciali.

L’

Come ogni anno anche il Mandamento di Albignasego dell’Unione Provinciale Artigiani ha partecipato grazie al contributo della Camera di commercio di Padova. “Quest’anno abbiamo proposto i laboratori di gelateria con il delegato Filippo Bano e il gelatiere Oscar Gatto – spiega il Presidente mandamentale Andrea Turetta. L’iniziativa è stata molto apprezzata, soprattutto dal Sindaco Nicola De Paoli”.

giani di Padova. Il loro compito sarà quello di contribuire alla riuscita dell’evento, mettendo in contatto i produttori e i ristoratori, che trasformeranno prodotti locali in deliziosi piatti. Le pietanze saranno servite

dalle 11.00 alle 15.00 e dalle 18.00 alle 23.00. Per informazioni e adesioni: Unione Provinciale Artigiani, Andrea Fabris – tel. 049 5953033 – cell. 348 4543643 – andrea.fabris@upa.padova.it.

ncora una volta si è rivelata un piacevole tuffo nel passato la tradizionale festa della trebbiatura e degli antichi mestieri di Albignasego. Sabato 29 e domenica 30 giugno, in piazza del Donatore e a Villa Obizzi, è tornata la manifestazione promossa dal Comune di Albignasego, in collaborazione con l’Unione Provinciale Artigiani, grazie al contributo della Camera di Commercio di Padova. “Questa festa rivela ogni anno la voglia del pubblico di mantenere vive le nostre tradizioni – spiega

A

Andrea Turetta, Presidente del Mandamento di Albignasego dell’Unione Provinciale Artigiani. I visitatori guardano con molto interesse le lavorazioni artigianali e i più piccoli possono dare pieno sfogo alla loro creatività nelle nostre isole, realizzate appositamente per loro”. Tra le tante attività che sono state proposte durante la manifestazione, il tiro con l’arco, la commedia di burattini, l’esposizione di riproduzioni di fattorie e casoni antichi e naturalmente, la trebbiatura in piazza.


p14new-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

10:46

Pagina 9

AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI E RISPARMIO ENERGETICO

50% 65% per le ristrutturazioni edilizie prorogata al 31 dicembre 2013 bonus esteso anche ai mobili

smanutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni di edifici residenziali sinterventi di cablatura degli immobili, opere

finalizzate al risparmio energetico, alla sicurezza contro le intrusioni, al contenimento dell’inquinamento acustico, all’adozione di misure antisismiche, ad evitare gli infortuni domestici srealizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali anche a proprietà comune; srimozione di barriere architettoniche, installazione di ascensori e strumenti idonei a favorire la mobilità interna di disabili sricostruzione o ripristino di un immobile, anche non residenziale, danneggiato a seguito di ‘eventi calamitosi’, se è stato dichiarato lo stato di emergenza

UPAservizi Logistici ed Immobiliari s.r.l.

risparmio energetico prorogata al 31 dicembre 2013 per i privati i condomini avranno tempo fino al 30 giugno 2014

sinterventi di riqualificazione globale su edifici esistenti sinterventi sugli involucri degli edifici (strutture opache

e infissi) sinstallazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda ssostituzione di impianti di climatizzazione invernale, con impianti dotati di caldaie a condensazione

Iniziativa della Camera di Commercio di Padova realizzata in collaborazione con l’Unione Provinciale Artigiani di Padova e Upa Servizi Logistici ed Immobiliari Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova - upa.padova@upa.padova.it - www.upa.padova.it


p15-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:40

Pagina 15

CATEGORIE

15

■ A proposito della professione di autotrasportatore

■ Servizio gratuito

Rilascio idoneità capacità finanziaria

Lavorare meglio

on riferimento al Regolamento (CE) n. 1071/2009 che norma l’accesso alla professione degli autotrasportatori e il mantenimento dei requisiti per la professione stessa, l’Associazione informa che le attestazioni comprovanti la sussistenza del requisito di idoneità finanziaria presentate ed accettate dopo la data del 4.12.2011 sono considerate valide per la durata di un anno. La dimostrazione dell’idoneità finanziaria deve quindi avvenire ogni anno, per cui l’impresa deve esibire agli organi competenti per la verifica: • attestazione rilasciata da un revisore contabile nella quale certifichi che, sulla base di quanto risulta dall’analisi dei conti annuali, l’impresa di trasporto su strada dispone di un capitale e di riserve non inferiori all’importo previsto; oppure • una o più attestazioni bancarie o assicurative. A tale proposito, oltre a segnalare la convenzione già in essere con Fondiaria Sai agenzia di Padova Centro per il rilascio dell’attestazione dell’idoneità finanziaria tramite polizza assicurativa, l’Associazione informa

C

di aver concordato con lo Studio Scarso (via Moro,21 di Ponte San Nicolò) un servizio di assistenza rivolto agli associati del settore, ovviamente in regola con il tesseramento, per la dimostrazione dell’idoneità finanziaria attraverso attestazione rilasciata da un revisore dei conti. Le aziende di autotrasporto interessate al servizio (previa verifica della regolarità del tesseramento da parte della sede territoriale) dovranno quantificare il numero di autoveicoli per i quali si chiede l’attestazione della capacità finanziaria e far avere alla sede Upa di riferimento la seguente documentazione: I. Per le società di capitali: • copia ultimo bilancio presentato in camera di commercio; • copia modello UNICO relativo all’ultimo bilancio presentato; • copia bilancio al 31/12; • visura camerale non più vecchia di 6 mesi. II. Per le società di persone e ditte individuali in contabilità ordinaria: • copia ultimo bilancio; • copia modello UNICO relativo all’ultimo bilancio; • copia bilancio al 31/12; • visura camerale non più vecchia di 6 mesi. III. Per le società di persone

Michele Varotto, Presidente del Sistema di Categoria Autotrasportatori

e ditte individuali in contabilità semplificata: • copia ultimo conto economico; • copia modello UNICO relativo all’ultimo conto economico; • copia conto economico al 31/12; • copia registro cespiti e copia contratti leasing; • copia e/c bancario al 31/12;

• visura camerale non più vecchia di 6 mesi. La documentazione sarà inviata al consulente sopraindicato per l’esame e l’elaborazione della pratica. Una volta espletata la stessa sarà inviata alla sede territoriale che ne ha fatto richiesta per la riconsegna all’associato della dichiarazione di idoneità finanziaria. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova – Vincenzo Pugliese, Tel. 049 8206513, Email: vincenzo.pugliese@upa.padova.it

Le CQC trasporto solo persone e persone + merci rilasciate per documentazione scadono il 9 settembre 2013. La CQC trasporto solo merci rilasciata per documentazione scade il 9 settembre 2014. Anche se si frequenta il corso di rinnovo della CQC in anticipo rispetto alla scadenza, il rinnovo di 5 anni verrà comunque conteggiato a partire dalla scadenza effettiva della CQC; e precisamente: – le CQC PERSONE e PERSONE + MERCI verranno rinnovate fino al 9 settembre 2018;

G

– la CQC MERCI verrà rinnovata fino al 9 settembre 2019; Le CQC non rilasciate per documentazione ma conseguite con esame scadono dopo 5 anni dal giorno del rilascio dell'attestato di partecipazione al corso. Anche UPA Formazione, grazie alla convenzione stipulata con il Consorzio Autoscuole Padovane, Centro d’istruzione con il quale ormai da anni vengono effettuati i corsi per recupero punti, organizza i corsi di rinnovo CQC. I corsi verranno effettuati sia

presso la sede di Padova, sia presso alcune sedi territoriali con la possibilità di scegliere l’orario serale o diurno a seconda delle proprie esigenze. Si ricorda che solo frequentando i corsi organizzati da UPA Formazione i corsisti soggetti ad EBAV otterranno il rimborso totale del costo sostenuto (ad eccezione dell'IVA e fino ad esaurimento risorse). Per informazioni ed iscrizioni: Vincenzo Pugliese – 049 8206513, Email: upa.formazione@ upa.padova.it

tratto di trasporto, analisi dischi e stampe tachigrafiche, applicazione costi minimi, trasporti internazionali, licenze conto proprio, ecc. Il servizio viene erogato previa richiesta di appuntamento. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Vincenzo Pugliese – tel. 049 8206513 – email: vincenzo.pugliese@upa.padova.it

Incentivi ministeriali

D

Per il rinnovo della CQC indispensabile la formazione

ome ogni Conducente saprà, la normativa sul rinnovo della CQC prevede la frequenza di un corso di formazione obbligatorio. La formazione è solo teorica ed ha una durata di 35 ore (non c’è esame finale). Il corso di formazione si dovrà tenere dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 22.00 per minimo 2 e massimo 6 ore al giorno ed al sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00. Vanno rinnovate tutte le CQC: quelle per trasporto merci, per trasporto persone, e merci + persone.

ià dal 2008, grazie anche alla collaborazione con alcuni professionisti esterni, l’Unione Provinciale Artigiani di Padova grazie al contributo della Camera di Commercio offre un servizio di consulenza gratuita a tutti i soggetti: persone fisiche, imprese non esercenti attività di trasporto ed imprese già esercenti attività di trasporto in materia di formazione, accesso al mercato, accesso alla professione, con-

allo scorso 10 giugno è possibile, per le aziende di autotrasporto merci conto terzi, fare domanda di richiesta incentivi al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per gli investimenti, che verranno effettuati entro il 31/12/2013 tra i contributi previsti sono da segnalare quelli: – per l’acquisto di veicoli Euro VI nuovi di fabbrica di massa complessiva pari o superiori a 11,5 ton; – di rimorchi e semirimorchi attrezzati per trasporto

Corso obbligatorio C

26 LUGLIO 2013

container e casse mobili con contestuale radiazione di un qualsivoglia rimorchio o semirimorchio che abbia più di 10 anni di età. Per conoscere la tipologia e l’entità dei contributi, i costi ammissibili e relative modalità di richiesta: Unione Provinciale Artigiani di Padova – Vincenzo Pugliese, Tel. 049 8206513, Email: vincenzo.pugliese@upa.padova.it

Assistenza legale all’autotrasporto Unione Provinciale Artigiani di Padova ha messo a punto il nuovo servizio gratuito di consulenza legale per il settore autotrasporto grazie al contributo della Camera di Commercio. Si tratta di un servizio innovativo, nato dalla convenzione tra l’UPA e lo Studio Legale Zunarelli di Verona, tra i più rinomati in Italia nel settore trasporto, con il quale l’Associazione intende dare un supporto di tutela legale agli autotrasportatori di merci e persone. I consulenti del rinomato Studio saranno presenti presso la sede UPA di Padova ogni 15 giorni e riceveranno gli Associati previo appuntamento

L’

per dare delle risposte alle problematiche inerenti al Settore (costi minimi, contratti, ritardati pagamenti, sanzioni per infrazioni al CdS, ecc.). Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova – Vincenzo Pugliese, Tel. 049 8206513 – Cell. 340 3474689, email: vincenzo.pugliese@upa.padova.it


p16-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

17:25

Pagina 16


p17-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

17:23

Pagina 17

CATEGORIE

■ La manifestazione ospitata in Fiera di Padova dal 5 al 13 ottobre

La Casa su misura si allarga al giardino al 5 al 13 ottobre prossimi l’Unione Provinciale Artigiani tornerà a Casa su misura. Gli ingredienti che hanno determinato il successo delle scorse edizioni rimangono invariati, con una novità: Giardino su misura, che quest’anno proporrà la sua seconda edizione, lascerà spazio ai più piccoli con un’area dedicata al gioco. Il padiglione 5 di PadovaFiere presenterà il meglio della produzione artigianale pensata per la casa e ospiterà, come nella scorsa edizione, la diretta quotidiana di Radio Padova. Per gli artigiani espositori, inoltre, la radio ha previsto uno sconto speciale del 35% per pianificare campagne pubblicitarie dei propri prodotti sulle emittenti del gruppo. Sconto del 25% invece per tutti gli altri associati interessati. Giardino su Misura tornerà a fare da collegamento tra il padiglione 8 e il padiglione 5, con i suoi 500 metri qua-

D

Maurizio Mazzari Presidente della Funzione aziendale Promozione ed Export

drati interamente dedicati agli spazi esterni. Agli espositori l’Unione Provinciale Artigiani offrirà spazi a prezzi vantaggiosi. Gli imprenditori interessati possono compilare e inviare al più presto la scheda pubblicata in questa pagina, specificando l’area espositiva di interesse (interna o esterna). Saranno così contattati dalla segreteria organizzativa. La partecipazione dell’Unione Provinciale Artigiani a “Casa su Misura” sarà realizzata grazie al contributo della Camera di Commercio di Padova e dell’Ebav. Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Valentina Giglio, tel. 049 8206411 – valentina.giglio@upa.padova.it.

CASA SU MISURA 2013 Segnalazione d’interesse Da compilare e spedire via fax al numero 049 8206161

Titolare/legale rappresentante della ditta Con sede in

Prov

Via

n.

Telefono

fax

Cod.fisc/p.Iva Settore di attività ■ No

CHIEDE di partecipare a “Casa su misura”, in particolare per: • Area espositiva interna • Area espositiva esterna (Giardino su Misura) Dichiaro inoltre di esprimere con la firma della presente domanda di partecipazione, il consenso, ai sensi del decreto legislativo 196 /2003, al trattamento dei miei dati per le finalità relative alla suddetta iniziativa.

Data________________________

TIMBRO E FIRMA ______________________

■ Ricordo di Fernando Canton

■ Neris Beniamina Zecchin e Silvano Stevanella

La correttezza di un installatore

Anche due sarti padovani hanno sfilato in Campidoglio l 7 luglio scorso hanno sfilato sulla passerella di piazza del Campidoglio anche i capi di due Maestri padovani dell’Accademia dei Sartori. Si tratta di Neris Beniamina Zecchin e Silvano Stevanella, sarti dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova. L’occasione è stata la presentazione delle nuove collezioni Autunno/Inverno e Primavera/Estate delle creazioni dei sarti dell’Accademia Nazionale dei Sartori, nell’ambito della prestigiosa Altaroma, la fashion week romana. Per l’occorrenza i sarti provenienti da tutta Italia, circa settanta, hanno utilizzato 1200 metri di tessuto, 600 chilometri di fili (la distanza tra Roma e Milano, per intenderci), 1.200 bottoni e ben 3.600.000 punti eseguiti. La prossima tappa di presentazione delle collezioni

I

Il 19 giugno scorso è mancato dopo una lunga malattia Fernando Canton, affermato artigiano nel settore dell’installazione d’impianti. Canton ha operato come frigorista a Curtarolo, prima come titolare dell’impresa

di famiglia, poi come socio insieme ai figli nello stesso settore di attività. Associato e amministrato della sede di Piazzola sul Brenta dell’Unione Provinciale Artigiani, si è sempre distinto per la sua correttezza nei rapporti.

■ Meccanica

Subtech e Mecspe per poter crescere Stefano Zanetti, Presidente del Sistema di Categoria Officine Meccaniche

ue appuntamenti dedicati alla promozione del comparto: è questa la proposta che il Sistema di categoria Officine meccaniche dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova fa agli associati. Si tratta di iniziative dedicate alla presentazione di due importanti appuntamenti: Subtech, il salone biennale della subfornitura metalmeccanica che si terrà a gennaio a Pordenone e Mecspe, la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione che si terrà a marzo alla Fiera di Parma. Si partirà il 16 settembre dalla presentazione di Subtech, la manifestazione che si inserisce in un contesto tradizionalmente legato alla componentistica e meccanica e che consente incontri mirati con buyer e operatori provenienti dall’Europa e dai principali Paesi emergenti. Il 1° ottobre sarà presentato invece Mecspe, la manifestazione che ha messo al centro della propria offerta espositiva il concetto di “fabbrica del futuro”, ovvero di un’impresa intelligente, automatizzata, informatizzata ed altamente funzionale. Mecspe lo scorso anno ha visto l’affluenza di 28.307 visitatori, segnando così un +3% rispetto all’edizione 2012. Le due iniziative si terranno nella sede dell’Unione Provinciale Artigiani di Piazza De Gasperi 22 a Padova, a partire dalle 20.30. Saranno presenti il Presidente del Sistema di categoria Officine meccaniche dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova e i rappresentanti degli enti organizzatori.

D

Il sottoscritto

Azienda contribuente Ebav: ■ Sì

17

26 LUGLIO 2013

sarà Seul, in Corea, dove anche Zecchin e Stevanella parteciperanno al convegno mondiale dell’Accademia nazionale dei sartori. Per la categoria dei sarti artigiani padovani si tratta indubbiamente di un ri-

sultato di grande valore che testimonia la bontà di una “scuola” che nonstante le difficoltà del momento continua a mantenere una validità, nel tempo, frutto delle tradizione e dell’impegno di molti.

Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Mario Xausa tel. 340 2556349 – mario.xausa@upa.padova.it.


p18-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

17:39

Pagina 18

CORSO GRATUITO PER DISOCCUPATI E INOCCUPATI

IMPARARE L’ARTE DEL RESTAURO OBIETTIVO DEL CORSO Formare figure professionali in grado di occuparsi del processo di restauro e di coordinarne le diverse fasi operative. Per svolgere tale ruolo il tecnico del restauro di beni culturali deve conoscere a fondo non solo i contenuti progettuali, tecnici, tecnologici, gestionali e legislativi degli interventi ma anche le problematiche connesse con le tecniche esecutive e i materiali impiegati. Tale conoscenze verranno acquisite dagli allievi grazie alla guida di docenti altamente qualificati. Al fine di implementare le conoscenze e le abilità apprese durante le attività in aula, i partecipanti verranno inseriti in stage presso aziende del settore, affiancati da figure di riferimento esperte.

PROGRAMMA DIDATTICO: s Il restauro delle opere d’arte s Sicurezza sui luoghi di lavoro s Informatica: il rilievo architettonico s Tecnologie costruttive dell’edilizia monumentale s Storia dell’arte e del restauro s Aspetti teorici del restauro e delle opere d’arte s Il disegno pittorico s La chimica del restauro s4ECNICHEDIAGNOSTICHEs)NSERIMENTOINAZIENDAs Lingua straniera applicata s Laboratorio applicato di restauro di dipinti murali e materiali lapidei

DURATA

Primo anno: 900 ore (60% di attività pratica) Upa Formazione è l’ente di formazione dell’Unione Provinciale Artigiani – Confartigianato di Padova. Dal 2007 propone il corso di restauro, che realizza in parternariato con il Comune di Padova. Grazie a questa collaborazione, i partecipanti del corso ogni anno possono operare su siti e monumenti di sicuro interesse e pregio storico. Alcuni esempi? La statua di Mazzini situata nell’omonima piazza, la sala rinascimentale del Caffè Pedrocchi e la sala dei Nodari di Palazzo Moroni. I partner del progetto metteranno inoltre a disposizione un laboratorio dotato di strumentazione scientifica per le analisi chimiche e la rilevazione del degrado. Il corpo docente del corso è costituito da figure di riconosciuta esperienza e competenza: docenti universitari, funzionari del Ministero dei Beni Culturali (Soprintendenze), restauratori e professionisti che operano nell’ambito della conservazione e del restauro, in possesso dei requisiti per l’insegnamento. Frequentando il corso di Upa Formazione, è possibile far riconoscere crediti da parte delle Università (da valutare sulla base della presentazione del piano di studi).

Per informazioni: Upa Formazione, Cristina Blandini - tel. 049 8759777 – cristina.blandini@upa.padova.it - www.upa.padova.it

Progetto graficio di Ferdi Arzenton e Ufficio Comunicazione dell’Upa

PERCHÉ SCEGLIERE UPA FORMAZIONE


p19-22-intrapr-n07-2013:Layout 1

2-08-2013

10:34

Pagina 19

Una nuova sede per Upa Formazione I corsi, da settembre a novembre 2013 Upa Formazione offre agli imprenditori e ai loro collaboratori un’interessante gamma di opportunità, utili per quanti vogliono migliorare il proprio profilo professionale o desiderano aggiornare l’attività della propria azienda.


p19-22-intrapr-n07-2013:Layout 1

2-08-2013

10:34

Pagina 20

Q

Roberto Boschetto Presidente dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova

Lino Fabbian Presidente di Upa Formazione

Giuliano Berto Presidente della Funzione aziendale Formazione dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova

Tante proposte formative in partenza CORSO RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

AREA SICUREZZA

uando si cambia casa o sede di attività, i motivi generalmente sono due. O la voglia di novità, di spazi più adeguati alle proprie esigenze, di crescita e ampliamento; oppure il desiderio di ridimensionare, magari con l’obiettivo di contenere costi e spese. Nel caso del trasferimento di Upa Formazione nei nuovi locali di via Cave, non vi sono dubbi: la scelta è indubbiamente quella di riaffermare la convinzione che l’aggiornamento e la formazione sono elementi portanti del nostro impegno associativo nei confronti del mondo artigiano; quindi la ricerca del modo migliore per svolgere questo compito. Non si tratta di un ridimensionamento, ma di un rilancio. In Upa vi è la limpida certezza che la formazione sia un elemento strategico, irrinunciabile e decisivo, per sostenere e far crescere i piccoli imprenditori. Un’esigenza resa sempre più indispensabile dalle sfide, talora crude e spietate, che il mercato impone; dal bisogno di un adeguamento continuo e indispensabile al crescente peso di regole e normative. Per questo abbiamo deciso di dotare Upa Formazione di uno strumento indispensabile per perseguire nelle condizioni più favorevoli la propria mission. E ci fa piacere aver verificato ancora una volta che questa non è soltanto una convinzione della nostra Associazione, ma che è uno sforzo condiviso anche da altri soggetti operanti nel territorio. Per questo siamo grati alla disponibilità data dalla Provincia di Padova per rendere possibile l’operazione trasferimento della nostra attività formativa in una sede più idonea. Si apre quindi un nuovo capitolo nella storia di Upa Formazione, nel solco di una vicenda che l’ha vista protagonista della crescita e dello sviluppo di tante piccole imprese artigiane. Un impegno che siamo più che mai decisi a continuare nel migliore dei modi.

RISCHIO BASSO SEDE UPA DI ESTE 09/09/2013 18.00 – 21.00 11/09/2013 18.00 – 21.00 16/09/2013 18.00 – 21.00 18/09/2013 18.00 – 21.00 24/09/2013 14.00 – 18.00

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 23/09/2013 18.00 – 21.00 25/09/2013 18.00 – 21.00 30/09/2013 18.00 – 21.00 02/10/2013 18.00 – 21.00 07/10/2013 14.00 – 18.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 215,00 + IVA (€ 260,15) non associati UPA € 260,00 + IVA (€ 314,60). RISCHIO MEDIO NUOVA SEDE DI PADOVA SEDE UPA DI ESTE 09/09/2013 18.00 – 21.00 23/09/2013 18.00 – 21.00 11/09/2013 18.00 – 21.00 25/09/2013 18.00 – 21.00 16/09/2013 18.00 – 21.00 30/09/2013 18.00 – 21.00 18/09/2013 18.00 – 21.00 02/10/2013 18.00 – 21.00 27/09/2013 14.00 – 20.00 11/10/2013 14.00 – 18.00 04/10/2013 14.00 – 20.00 18/10/2013 14.00 – 20.00 11/10/2013 14.00 – 20.00 25/10/2013 14.00 – 20.00 18/10/2013 14.00 – 20.00 31/10/2013 14.00 – 20.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 310,00 + IVA (€ 375,10) non associati UPA € 361,00 + IVA (€ 436,81).

*

ALTO RISCHIO SEDE UPA DI ESTE 09/09/2013 18.00 – 21.00 11/09/2013 18.00 – 21.00 16/09/2013 18.00 – 21.00 18/09/2013 18.00 – 21.00 27/09/2013 14.00 – 20.00 04/10/2013 14.00 – 20.00 11/10/2013 14.00 – 20.00 18/10/2013 14.00 – 20.00 25/10/2013 14.00 – 20.00 31/10/2013 14.00 – 20.00

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 23/09/2013 18.00 – 21.00 25/09/2013 18.00 – 21.00 30/09/2013 18.00 – 21.00 02/10/2013 18.00 – 21.00 11/10/2013 14.00 – 18.00 18/10/2013 14.00 – 20.00 25/10/2013 14.00 – 20.00 31/10/2013 14.00 – 20.00 08/11/2013 14.00 – 20.00 15/11/2013 14.00 – 20.00

Quota di partecipazione: associati UPA € 420,00 + IVA (€ 508,20) non associati UPA € 510,00 + IVA (€ 617,10).

CORSO AGGIORNAMENTO PER RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) Il corso è rivolto ai datori di lavoro che ricoprono l’incarico di RSPP all’interno della propria azienda. L’AGGIORNAMENTO è OBBLIGATORIO ENTRO GENNAIO 2014 per tutti i TITOLARI che in data 31/12/1996 avevano inviato agli ORGANI di CONTROLLO raccomandata di Svolgimento dell’assunzione dell’incarico di RSPP in esenzione del corso. ENTRO GENNAIO 2017 per TUTTI i TITOLARI che da Gennaio 1997 in poi sono in possesso di un’ attestato di frequenza al corso Responsabile di Prevenzione e Protezione. I percorsi sono suddivisi in: BASSO RISCHIO 6 ORE NUOVA SEDE DI PADOVA 14/10/2013 18.00 – 20.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 125,00 + IVA (€ 151,25) ; non associati UPA € 150,00 + IVA (€ 181,50).

*

MEDIO RISCHIO 10 ORE NUOVA SEDE DI PADOVA 14/10/2013 14.00 – 20.00 21/10/2013 14.00 – 18.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 154,00 + IVA (€ 186,34) ; non associati UPA € 184,80 + IVA (€ 223,61).

*

ALTO RISCHIO 14 ORE NUOVA SEDE DI PADOVA 14/10/2013 14.00 – 20.00 21/10/2013 14.00 – 18.00 28/10/2013 14.00 – 18.00

*

Quota di partecipazione: associati UPA € 182,26 + IVA (€ 220,54); non associati UPA € 218,71+ IVA (€ 264,64). IL CORSO POTRA’ ESSERE ATTIVATO ANCHE NELLE SEDI DI CAMPOSAMPIERO ed ESTE nel mese di Novembre in caso si ricevano un minimo di 10 adesioni (scheda con segnato TITOLO e SEDE) per singola sede.


p19-22-intrapr-n07-2013:Layout 1

2-08-2013

10:34

Pagina 21

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO BASSO RISCHIO NUOVA SEDE DI PADOVA 24/09/2013 20.00 – 22.00 26/09/2013 20.00 – 22.00

*

*

SEDE UPA DI ESTE 14/10/2013 20.00 – 22.00 16/10/2013 20.00 – 22.00

NUOVA SEDE DI PADOVA Upa Formazione - via Cave 178 int 3

Quota di partecipazione: associati UPA € 89,00 + IVA (€ 107,69); non associati UPA € 105,00 + IVA (€ 127,05).

www.upa.padova.it

MEDIO RISCHIO NUOVA SEDE DI PADOVA 17/09/2013 20.00 – 23.00 19/09/2013 20.00 – 23.00 21/09/2013 09.00 – 11.00

*

SEDE UPA DI ESTE 21/10/2013 20.00 – 23.00 23/10/2013 20.00 – 23.00 26/10/2013 9.00 – 11.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 140,00 + IVA (€ 169,40); non associati UPA € 200,00+ IVA (€ 242,00).

CORSO DI RINNOVO ATTESTATO PER ADDETTI ANTINCENDIO BASSO RISCHIO SEDE UPA DI ESTE 17/09/2013 20.00 – 22.00 19/09/2013 20.00 – 22.00

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 19/10/2013 08.30 –10.30 Quota di partecipazione: associati UPA € 69,00 + IVA (€ 83,49); non associati UPA € 83,00 + IVA (€ 100,43).

MEDIO RISCHIO SEDE UPA DI ESTE 24/10/2013 20.00 – 22.00 26/10/2013 09.00 – 12.00

*

NUOVA SEDE DI PADOVA PROVA PRATICA LIMENA 19/10/2013 08.30 –10.30

Quota di partecipazione: associati UPA € 85,00 + IVA (€ 102,85); non associati UPA € 100,00+ IVA (€ 121,00). Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario.

FORMAZIONE PER PREPOSTI IN MATERIA DI SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs 81/08 art. 37)

AREA SICUREZZA

*

CORSO PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA DI 12 ORE PER LE AZIENDE APPARTENENTI AL GRUPPO B e C

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 10/09/2013 20.00 – 23.00 12/09/2013 20.00 – 23.00 17/09/2013 20.00 – 23.00 24/09/2013 19.00 – 23.00

SEDE UPA DI ESTE 08/10/2013 20.00 – 23.00 10/10/2013 20.00 – 23.00 15/10/2013 20.00 – 23.00 22/10/2013 19.00 – 23.00

NUOVA SEDE DI PADOVA 28/10/2013 20.00 – 23.00 30/10/2013 20.00 – 23.00 04/11/2013 20.00 – 23.00 11/11/2013 19.00 – 23.00

SEDE UPA DI CITTADELLA 14/10/2013 20.00 – 23.00 16/10/2013 20.00 – 23.00 21/10/2013 20.00 – 23.00 28/10/2013 19.00 – 23.00

*

Quota di partecipazione: associati UPA € 179,00 + IVA (€ 216,59) ; non associati UPA € 230,00 + IVA (€ 278,30). Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario.

CORSO PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA DI 16 ORE PER LE AZIENDE APPARTENENTI AL GRUPPO

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 10/09/2013 20.00 – 23.00 12/09/2013 20.00 – 23.00 17/09/2013 20.00 – 23.00 19/09/2013 20.00 – 23.00 24/09/2013 19.00 – 23.00

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 28/10/2013 20.00 – 23.00 30/10/2013 20.00 – 23.00 04/11/2013 20.00 – 23.00 06/11/2013 20.00 – 23.00 11/11/2013 19.00 – 23.00

SEDE UPA DI ESTE 08/10/2013 20.00 – 23.00 10/10/2013 20.00 – 23.00 15/10/2013 20.00 – 23.00 17/10/2013 20.00 – 23.00 22/10/2013 19.00 – 23.00 SEDE UPA DI CITTADELLA 14/10/2013 20.00 – 23.00 16/10/2013 20.00 – 23.00 21/10/2013 20.00 – 23.00 23/10/2013 20.00 – 23.00 28/10/2013 19.00 – 23.00

Quota di partecipazione: associati UPA € 210,00 + IVA (€ 254,10) ; non associati UPA € 275,00 + IVA (€ 332,75). Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario.

*

NUOVA SEDE DI PADOVA NUOVA SEDE DI PADOVA PER DITTE EDILI PER DITTE NO EDILI 28/10/2013 09.00 – 13.00 27/09/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00 14.00 – 18.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 120,00 + IVA (€ 145,20); non associati UPA € 140,00 + IVA (€ 169,40), per le aziende Edili in regola con i versamenti CEAV il corso è GRATUITO.

Adesioni e informazioni:

Wanda Rossi tel. 049 8206523 - fax 049 658255 wanda.rossi@upa.padova.it

FORMAZIONE LAVORATORI ACCORDO STATO REGIONI 21-12-2011

Marilisa Boscolo tel. 049 8206521 - fax 049 658255 marilisa.boscolo@upa.padova.it Michela Michelotto tel. 049 8206522 - fax 049 658255 michela.michelotto@upa.padova.it

ORGANIZZAZIONE CORSI Lezioni: le lezioni saranno programmate in giornate da 8 ore Orario: l’orario sarà dalle ore 9.00 alle 13.00 e dall ore 14.00 alle 18.00 Sedi Upa in cui si organizzano i corsi: Padova - Camposampiero - Piove di Sacco - Este - Montagnana Modalità di adesione: è necessario inviare la scheda di adesione compilata in tutte le sue parti. A ricevimento Upa formazione formaliz-zerà convocazione con nominativi allievi coinvolti. Per richiedere scheda e dettagli organizzativi inviare una mail a wanda.rossi@upa.padova.it

RINNOVO ATTESTATO ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA Attenzione per il 2013 sono da rinnovare gli attestati conseguiti nel 2010

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 17/09/2013 20.00 – 23.00 19/09/2013 20.00 – 23.00

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 14/10/2013 14.00 – 20.00 Corso diurno

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 04/11/2013 20.00 – 23.00 06/11/2013 20.00 – 23.00

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 10/12/2013 20.00 – 23.00 12/12/2013 20.00 – 23.00

SEDE UPA CAMPOSAMPIERO 15/10/2013 20.00 – 23.00 17/10/2013 20.00 – 23.00

SEDE UPA PIOVE DI SACCO 08/10/2013 20.00 – 23.00 10/10/2013 20.00 – 23.00

SEDE CUPA CITTADELLA 18/11/2013 20.00 – 23.00 20/11/2013 20.00 – 23.00

SEDE UPA PIOVE DI SACCO 26/11/2013 20.00 – 23.00 28/11/2013 20.00 – 23.00

SEDE UPA ESTE 05/11/2013 20.00 – 23.00 07/11/2013 20.00 – 23.00 MONTEORTONE 19/11/2013 20.00 – 23.00 21/11/2013 20.00 – 23.00

Quota di partecipazione: associati UPA € 90,00 + IVA (€ 108,90) ; non associati UPA € 110,00 + IVA (€ 133,10). Sconto del 15% dal 2° partecipante in poi appartenente alla stessa Azienda e che frequenti lo stesso calendario.


2-08-2013

10:34

Pagina 22

CORSO RLS NO DITTE EDILI

CORSO RLS DITTE EDILI

AREA SICUREZZA

*

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 25/09/2013 09.00 – 13.00 02/10/2013 09.00 – 13.00 09/10/2013 09.00 – 13.00 16/10/2013 09.00 – 13.00 23/10/2013 09.00 – 13.00 30/10/2013 09.00 – 13.00 06/11/2013 09.00 – 13.00 13/11/2013 09.00 – 13.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 270,00 + IVA (€ 326,70); non associati UPA € 336,00 + IVA (€ 406,56).

NUOVA SEDE DI PADOVA 21/10/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00 28/10/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00 04/11/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00 11/11/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00 Quota di partecipazione: per le aziende che versano CEAV il corso è GRATUITO, per le aziende edili non CEAV € 140,00 + IVA (€ 169,40).

AGGIORNAMENTO RLS NO DITTE EDILI

AREA ATREZZATURE

p19-22-intrapr-n07-2013:Layout 1

AGGIORNAMENTO RLS DITTE EDILI

*

*

NUOVA SEDE DI PADOVA 9/10/2013 09.00 – 13.00 SEDE UPA CAMPOSAMPIERO 13/11/2013 09.00 – 13.00 SEDE CORSO ESTE 30/10/2013 09.00 – 13.00 Quota di partecipazione: associati UPA € 90,00 + IVA (€ 108,90); non associati UPA € 114,00 + IVA (€ 137,94).

NUOVA SEDE DI PADOVA 18/10/2013 09.00 – 13.00 Quota di partecipazione: per le aziende che versano CEAV il corso è GRATUITO, per le aziende edili non CEAV € 90,00 + IVA (€ 108,90).

LAVORI IN QUOTA

PIATTAFORMA AEREA

SEDE CORSO Teoria: Padova,via Cave 178 int.3 Pratica: Centro Edile Camin 30/09/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00

Con e senza stabilizzatori, nuovo programma accordo stato regioni SEDE CORSO ALBIGNASEGO: c/o Adriatica Rental 20/09/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00 27/09/2013 14.00 – 19.00

Quota di partecipazione: associati UPA € 135,00 + IVA (€ 163,35); non associati UPA € 141,00 + IVA (€ 193,60)

Quota di partecipazione: associati UPA € 210,00 + IVA (€ 254,10); non associati UPA € 250,00 + IVA (€ 302,50) per le aziende Edili in regola con i versamenti CEAV il corso è GRATUITO.

CARRELLO ELEVATORE Carrello Industriale semovente con conducente. Nuovo programma accordo stato regioni SEDE CORSO ALBIGNASEGO: c/o Adriatica Rental 20/09/2013 09.00 – 13.00 14.00 – 18.00 27/09/2013 14.00 – 19.00

CARROPONTE SEDE CORSO MESTRINO: c/o UP SRL via Marco Polo,2 20/09/2013 14.00 – 18.00 27/09/2013 14.00 – 18.00

Quota di partecipazione: associati UPA € 210,00 + IVA (€ 254,10); non associati UPA € 250,00 + IVA (€ 302,50) per le aziende Edili in regola con i versamenti CEAV il corso è GRATUITO.

Quota di partecipazione: associati UPA € 112,00 + IVA (€ 135,52); non associati UPA € 135,00 + IVA (€ 163,35)

GRU A TORRE A ROTAZIONE IN BASSO

Nuovo programma accordo stato regioni SEDE CORSO TEORIA: PADOVA via Cave, 178 int.3 PRATICA: ALBIGNASEGO c/o Centro edile NCE 25/10/2013 14.00 – 18.00 08/11/2013 14.00 – 19.00 15/11/2013 14.00 – 19.00

NOTE ORGANIZZATIVE PER ADERIRE AI CORSI E’ NECESSARIO INVIARE LA SCHEDA DI ADESIONE compilata in tutte le sue parti al seguente indirizzo UPA FormAzione Srl, via fax 049 658255 o via mail a upa.formazone@upa.padova.it. LA SEGRETERIA ORGANIZZATIVA PROVVEDERA’ A INVIARE IL CALENDARIO E CHIEDERE CONFERMA DI PARTECIPAZIONE AL CORSO PRESCELTO.

Quota di partecipazione: associati UPA € 185,00 + IVA (€ 223,85); non associati UPA € 220,00 + IVA (€ 266,20) per le aziende Edili in regola con i versamenti CEAV il corso è GRATUITO.

FORMAZIONE OPERATORI CAMION CON GRU

Nuovo programma accordo stato regioni SEDE CORSO MESTRINO: c/o UP SRL via Marco Polo,2 04/10/2013 14.00 – 18.00 11/11/2013 14.00 – 18.00 18/11/2013 14.00 – 19.00

IL PAGAMENTO DOVRA’ RIPORTARE – TITOLO CORSO - DATA INIZIO CORSO Copia del pagamento dovrà essere poi inviato tramite fax 049 658255 a UPA formAzione o consegnato il primo giorno d’inizio corso. Seguirà regolare fattura secondo le indicazioni fornite dai partecipanti. Il pagamento può essere effettuato a mezzo: Bonifico bancario presso la Cassa di Risparmio del Veneto– Agenzia 18 IBAN IT 25 I 06225 12117 07400238392P Tramite C/C Postale Nr. 25604315 intestato a UPA Formazione Srl, Piazza De Gasperi 22, 35131 Padova.

Quota di partecipazione: associati UPA € 227,00 + IVA (€ 274,67); non associati UPA € 272,00 + IVA (€ 329,12) per le aziende Edili in regola con i versamenti CEAV il corso è GRATUITO.

SI RICORDA CHE PER CHI AVESSE FREQUENTATO UN CORSO ATTREZZATURE PRESSO UPA FORMAZIONE PRECEDENTEMENTE ALL’USCITA DEL NUOVO ACCORSO STATO REGIONI 12/03/2013 LA FORMAZIONE E’ VALIDA DOVRA’ ESSERE SOLO AGGIORNATA CON UN MODULO DI 4 ORE ENTRO MARZO 2015. UPA FORMAZIONE PROVVEDERA’ AD INVIARE PRO-MEMORIA A TEMPO DEBITO.

Sede operativa: Via Cave, 178 int.3 Padova Sede legale: Piazza De Gasperi, 22 Padova tel. 0498959777 - fax 049 658255 www.upa.padova.it

SCHEDA DI ADESIONE Titolo del Corso: (specificare titolo - edizione) Cognome e Nome: Nato a: il Via: Titolo di studio: Ruolo: Titolare

Sede: cod.fisc. residente a: n.

cap Settore attività ditta: Collaboratore

Socio

prov.

tel. Dipendente

CONDIZIONI GENERALI DI ADESIONE: per aderire ai corsi è necessario consegnare personalmente presso UPA formAzione s.r.l. la scheda di adesione compilata in tutte le sue parti o inviarla al seguente indirizzo: UPA Formazione s.r.l. Piazza De Gasperi, 22 35131 - Padova oppure via fax al numero 049 658255. La segreteria organizzativa provvederà a confermare la partenza del corso circa tre giorni prima della data prevista. L’iscrizione è vincolante se non disdetta almeno sette giorni prima dell’inizio del corso. UPA Formazione si riserva la facoltà di annullare o di modificare il programma dandone comunicazione agli iscritti. MODALITA’ DI PAGAMENTO: la quota di partecipazione deve essere versata alla conferma dell’avvio del corso. Il pagamento può essere effettuato a mezzo: Bonifico bancario presso CASSA DI RISPARMIO DEL VENETO - Ag. 18 Iban IT25 I 0622512117 07400238392P - P.iva 03391310285 Tramite C/C postale Nr. 25604315 intestato a UPA Formazione s.r.l. Piazza De Gasperi, 22 - 35131 - Pd Copia del pagamento dovrà essere poi inviato tramite fax a UPA Formazione. Seguirà regolare fattura secondo le indicazioni fornite dai partecipanti.

Data DATI AZIENDA Ditta Via P.IVA Tel. L’azienda versa:

Firma Associato UPA Comune

n. cod.fisc. EBAV

fax SI

Data

NO

cellulare CEAV

SI

NO

SI

NO cap

prov.

Codice Ateco 2007 e-mail: FART SI NO

Firma

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue:1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA formazione s.r.l. delle finalità attinenti l’attività di formazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA formazione s.r.l. a considerare la Sua iscrizione. 4) I suoi dati potranno essere comunicati, per le medesime finalità di cui al punto 1, all’Ente Bilaterale Artigianato Veneto (EBAV) e all’Istituto Veneto per il Lavoro (IVL), alla Cassa Edile Artigiana Veneta (CEAV), alla CCIAA di Padova, alla Regione Veneto, a O.T.C., a Dipartimento Trasporti Terrestri di Padova (D.D.T.), a Arpav, alla Federazione Regionale dell’Artigianato Veneto (FRAV), alla Provincia di Padova, al C.R.A.C.A. al Fondoartigianato (FART). 5) Titolare del trattamento dei Suoi dati è la scrivente UPA formazione s.r.l., nella persona dell’Amministratore Unico Lino Fabbian con sede in Padova Piazza De Gasperi, 22. Responsabile del trattamento è Upa Servizi Spa con sede in Padova Piazza De Gasperi 22. 6) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso: Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Data

Firma


p23-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:46

Pagina 23

CATEGORIE

23

26 LUGLIO 2013

■ Sistema del Legno-Arredo e comunicazione

■ L’impegno del consiglio del Legno

La newsletter? Indispensabile

Una fatica internazionale

opo il successo dell’edizione 2012, viene confermata anche per il biennio 2013-14 la newsletter dedicata ai Sistemi del Legno-Arredo, che quest’anno partirà a novembre e si concluderà nel 2014. Questo successo è dovuto all’impegno dei consigli riuniti dei falegnami e degli arredatori dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova di dotare i propri associati (in regola con la quota associativa) di uno strumento informativo rapido, efficiente ed al passo coi tempi. «Questo strumento – commenta il presidente dei Tappezzieri Arredatori, Alessandro Testolin – si è rivelato molto utile e un valido aiuto per le aziende che in questo modo riescono ad avere comodamente sulla propria posta elettronica tutte le informazioni legate al settore, novità e innovazioni». «Avere un canale di informa-

D

zione completamente dedicato al settore Legno-Arredo rappresenta un passo avanti non solo per ciò che riguarda l’aggiornamento tecnico e sindacale, spiega Donato Pedron, presidente del Sistema di categoria Legno. Questa newsletter aiuta soprattutto a diffondere una cultura imprenditoriale che si apre a nuovi mezzi e a nuove strade per rimanere sul mercato e condividere idee, la vera fonte dell’innovazione. Per questo auspico l’arrivo di nuove idee da parte degli artigiani, sui nuovi temi o argomenti che potremmo approfondire». La newsletter ha avuto un grande contributo dalla collaborazione di aziende del ramo del commercio, che normalmente si interfacciano con il mondo artigiano: questo canale di comunicazione rappresenta però una opportunità in più, una nuova modalità per entrare in contatto tra aziende e creare

una promozione integrata ed un circuito virtuoso tra i nostri associati e fornitori di servizi e prodotti. Grazie anche al contributo della Camera di Commercio di Padova, la newsletter è proseguita con sei invii bimestrali in cui si è aggiornato l’imprenditore artigiano sulle scadenze normative, sulle direttive europee e le leggi nazionali in vigore, sugli incontri di approfondimento del Sistema Confartigianato e i vari studi, sulle novità in campo tecnico e sulle attività di marketing e promozione d’impresa. In pagina è stata pubblicata la scheda di adesione per essere inseriti all’interno dell’elenco dei destinatari della newsletter. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Daniele Scalco – Cell. 345 4482492 – email: daniele.scalco@upa.padova.it

n questi mesi il consiglio di categoria del Legno si è interrogato sulla fattibilità di ampliare la propria attività promozionale guardando oltre il territorio e verso i mercati internazionali. Il “come” fare questo passaggio all’internazionalizzazione che è soprattutto di tipo culturale, è stato oggetto di discussione tra i falegnami dirigenti dell’UPA. Da aprile a luglio, sono state valutate varie proposte da parte di enti pubblici e privati che hanno messo sul tavolo idee innovative per il rilancio aziendale, dalle certificazioni ambientali alle fiere di settore, che in tempi di crisi straordinaria come questa possono aprire opportunità concrete per le aziende che lavorano su misura, soprattutto nel settore del contract e del retail. “Non è certo una strada facile

I

Donato Pedron Presidente del Sistema di categoria del legno

quella che andremo a proporre alle aziende artigiane che lavorano il legno – ci dice il presidente Donato Pedron – soprattutto perché mercati diversi da quello italiano si basano su una propria competitività che sempre di più deve essere giocata con questi elementi essenziali: una buona visibilità dell’azienda, e quindi un’ottima comunicazione, un posizionamento all’interno del web e una spiccata flessibilità che vada sempre più incontro alla soddisfazione del cliente finale o al committente”. Il committente, in questo particolare caso, è un mediatore: il più delle volte

uno studio di architettura che veicola e integra le professionalità per dare al cliente finale un “pacchetto chiavi in mano” con una soluzione di arredamento su misura, che è il lavoro delle aziende italiane. Da questo proposito nasce l’idea di proporre a tutti gli artigiani del settore la partecipazione ad una collettiva, che verrà promossa dall’Unione nell’ambito di un evento nel settore del contract che nei prossimi mesi verrà definito nel dettaglio. A chi fosse interessato a questa attività, preghiamo di compilare la scheda di interesse che trovate in questa pagina da inviare a fax o email riportate sul modello. Per maggiori informazioni: Daniele Scalco, tel. 345 4482492 – email. daniele.scalco@upa.padova.it

Scheda di interesse

Scheda di interesse

NEWSLETTER LEGNO - ARREDO 2013-2014

Aggregazione Eventi Contract e Retail 2014

Da inviare al numero fax 049.8206161 o via mail a daniele.scalco@upa.padova.it

Da inviare al numero fax: 049 8206161 o all’email: daniele.scalco@upa.padova.it

Il sottoscritto

Categoria Legno

Il sottoscritto

Titolare/legale rappresentante della ditta

Titolare/legale rappresentante della ditta

Con sede in

Prov

Via

n.

Telefono

fax

Cell

Con sede in

Prov

Via

n.

Telefono

fax

cap.

Cell

Cod.fisc/p.Iva

Cod.fisc/p.Iva

Segnala il proprio interesse a ricevere la newsletter del legno – arredo al seguente indirizzo di posta elettronica:

Segnala il proprio interesse a partecipare ad una Aggregazione per eventi nel settore Contract-Retail per l’anno 2014.

Note: Questo servizio gratuito è riservato ai soli associati dell’Unione Provinciale Artigiani. Prima dell’invio del suddetto modulo, invitiamo la S.V. a verificare la regolarità della quota associativa UPA per l’anno in corso. Qualora ci risultasse la non pertinenza associativa la newsletter non verrà inviata in automatico all’indirizzo da Voi indicato.

Note: Questo servizio di accompagnamento è riservato ai soli associati dell’Unione Provinciale Artigiani. Prima dell’invio del suddetto modulo, invitiamo la S.V. a verificare la regolarità della quota associativa UPA per l’anno in corso. Qualora ci risultasse la non pertinenza associativa la Vostra richiesta non verrà tenuta in considerazione.

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento – da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonché l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento – da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonché l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Data________________________

Data________________________

TIMBRO E FIRMA ______________________

TIMBRO E FIRMA ______________________


p24-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

17:42

Pagina 24

GIORNATA DI STUDIO

IL LABORATORIO MODERNO

Metodi e tecniche di management e comunicazione per lo sviluppo delle performance

SETTEMBREsORE Villa Italia, via Fraccalanza 3 - Padova

Progetto grafico Ferdi Arzenton e Ufficio Grafica e comunicazione dell’Upa

PROGRAMMA 9.00

Registrazione dei partecipanti

9.15

Introduzione alla giornata la crisi come opportunità di crescita e sviluppo il laboratorio odontotecnico e i nuovi ruoli nel panorama dentale i nuovi approcci al mercato

11.15

Coffee break

11.30

La gestione del laboratorio Il valore del dispositivo e il rilevamento del prezzo la pianificazione e il controllo quando il prezzo coincide con il valore esempi e esercitazioni

13.00

Pranzo

14.00

Il marketing del laboratorio la comunicazione strategica e tecniche di rapport promuovere il laboratorio attraverso i nuovi strumenti (Web Marketing, Events Marketing, Permission Marketing)

16.15

Domande e conclusioni

UPAservizi Logistici ed Immobiliari s.r.l.

Segreteria organizzativa: Unione Provinciale Artigiani di Padova Valentina Giglio Tel. 049 8206411 - 049 8206161 valentina.giglio@upa.padova.it


p25-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:52

Pagina 25

CATEGORIE

26 LUGLIO 2013

25

■ Il problema della diffusione dei Compro Oro

■ Acconciatori

■ Ulss 15 Alta Padovana

“La cautela dei professionisti”

Attenti alle etichette dei prodotti

Autofficine e controlli sulla sicurezza

uando si vendono gli ori di famiglia è indispensabile la cautela. È meglio rivolgersi ai professionisti del settore”. Così Guglielmina Peretto, Presidente del Sistema di categoria Orafi e Argentieri dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova, avverte i consumatori che sempre più numerosi, nell’ultimo periodo si rivolgono ai “Compro Oro”. Il numero di questi centri è cresciuto in modo esponenziale. Nell’ultimo anno nella nostra regione siamo passati da circa 800 negozi ai 2900 attuali: un incremento del 262%. “A queste cifre, per completare il quadro, bisogna aggiungere la mancanza di paletti normativi – continua Peretto. E gli effetti di questa lacuna sono sempre più evidenti leggendo le pagine di cronaca dei giornali che ci raccontano di infiltrazioni della criminalità organizzata in queste attività. Nulla togliendo ai seri professionisti che operano nel rispetto dei consumatori, credo sia necessario fare chiarezza”. È attualmente allo studio di Montecitorio una proposta di legge firmata da Donella Mattesini che ha lo scopo di coprire questo vuoto normativo. In attesa di una svolta nella gestione di questi negozi, gli orafi dell’Upa nei giorni scorsi hanno voluto confrontarsi con i funzionari della Questura di Padova, per comprendere meglio le procedure che consentono di aprire o aggiungere all’attività esistente quella di compro oro. All’appuntamento era presente anche il Presidente nazionale e regionale degli orafi di Confartigianato Franco Pozzebon che ha richiamato

“Q

Guglielmina Peretto Presidente degli Orafi

l’attenzione sull’aumento della vendita dell’oro, incoraggiata dalla crisi e dalla variazione del prezzo del metallo prezioso che sta avendo un andamento molto altalenante con un aumento del 50% in un solo anno nel 2011, per poi ridiscendere da gennaio ad ora di altrettanto. Un dato che continua a subire variazioni delle quali i consumatori devono tenere conto. “La nostra intenzione non è certo quella di speculare sui problemi di chi, trovandosi in una situazione di difficoltà economica, si trova costretto a vendere l’oro che ha in casa. Noi non siamo monti di pietà – puntualizza Peretto – il nostro lavoro è prima di tutto realizzare gioielli. Possiamo sì acquistare oro, ma

si tratta di un’attività collaterale. Per questo rivolgersi a noi significa trovare un professionista competente che può consigliare sul da farsi. In alcuni casi disfarsi del gio-

iello è un peccato, se questo risulta essere un oggetto di pregio che non va svenduto. In altri casi invece possiamo decidere insieme al cliente di modificarlo e riportarlo a nuova vita. Si possono insomma fare tante scelte con l’oro di famiglia, l’importante è operare una decisione che non sia dettata solo dall’urgenza di svendere ma piuttosto dalla volontà di dare, insieme a un professionista competente, il giusto valore ai nostri beni”. Ed è proprio a questo scopo che il Sistema di categoria Orafi e Argentieri dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova ha allo studio un vademecum che aiuterà i consumatori a tutelarsi nell’atto di vendita dei propri beni preziosi.

Corso sul recupero dei gas fluorurati pa Formazione sta programmando nuovi corsi per gli Autoriparatori che devono mettersi in regola con il D.P.R. 43/2012, riguardante il recupero di gas fluorurati ad effetto serra. La normativa prevede infatti la frequenza di un corso di formazione dedicato al recupero dei gas fluorurati da-

U

gli impianti di condizionamento d’aria dei veicoli a motore. I corsi, appositamente organizzato a prezzi convenzionati, si terranno a Padova e a Monselice e partiranno al raggiungimento di quindici partecipanti. Per comunicare la propria adesione, è necessario compilare la scheda pubblicata

nel sito dell’Unione Provinciale Artigiani, all’indirizzo www.upa.padova.it, nella sezione dedicata agli Autoriparatori. Per informazioni: Upa Formazione – Serenella Peretto – Tel. 049 8759777 – serenella.peretto@upa.padova.it

cconciatori ed estetiste devono porre attenzione all'etichetta dei prodotti da loro utilizzati e, in caso di vendita ai clienti, devono verificare che il prodotto sia sicuro. L’obbligo deriva dall’introduzione del nuovo regolamento dell’Unione Europea sui cosmetici (n. 1223/2009) che, a partire dall’11 luglio, ha sostituito la direttiva «cosmetici», che consentiva fino ad oggi la libera circolazione dei prodotti, garantendo al contempo un elevato livello di tutela dei consumatori. Le disposizioni del regolamento sono volte a garantire la tutela della salute e l'informazione dei consumatori, vigilando sulla composizione e l'etichettatura dei prodotti. Il regolamento prevede inoltre la valutazione della sicurezza dei prodotti e il divieto degli esperimenti sugli animali. Il provvedimento riguarda soprattutto i produttori, ma chi utilizza e rivende i prodotti cosmetici deve porre attenzione all’etichetta. Riportiamo in sintesi le parti più rilevanti del regolamento. L’etichettatura dei prodotti contribuisce alla tutela dei consumatori. I recipienti o l'imballaggio devono infatti riportare indicazioni, in caratteri indelebili, facilmente leggibili e visibili. Tali informazioni riguardano: • il nome o la ragione sociale e l'indirizzo della persona responsabile del prodotto; • il paese di origine dei prodotti importati; • il contenuto nominale al momento del confezionamento, espresso in peso o in volume; • la data limite di utilizzo del prodotto cosmetico, stoccato in condizioni adeguate; • le precauzioni per l'impiego, anche per i cosmetici di uso professionale; • il numero del lotto di fabbricazione o il riferimento che permetta di identificare il prodotto; • l'elenco degli ingredienti, ovvero qualsiasi sostanza o miscela usata intenzionalmente nel prodotto durante il processo di fabbricazione. La lingua nella quale vanno indicate le informazioni è determinata dallo Stato membro in cui il prodotto viene messo a disposizione dell'utilizzatore finale.

A

Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Valentina Giglio – tel. 049 8206411 – valentina.giglio@upa.padova.it.

U.L.S.S. 15 dell’Alta Padovana svolgerà, a partire dal mese di settembre, degli interventi di vigilanza per la verifica delle condizioni di igiene e sicurezza nelle aziende del comparto autofficine del territorio. Le attuali norme poste a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori (D. Lgs. 81/08) chiedono ai datori di lavoro di gestire il sistema di prevenzione aziendale valutando tutti i rischi presenti e attuando le misure di prevenzione e protezione per evitare o ridurre tali rischi, la cui efficacia deve essere mantenuta nel tempo. L’intervento di vigilanza sarà finalizzato a verificare che le autofficine rispettino le norme in vigore in

L’

Franco Silvestrin Presidente degli Autoriparatori

materia di igiene e sicurezza. L’Unione Provinciale Artigiani è a disposizione per offrire agli imprenditori del settore l’assistenza necessaria. Per maggiori informazioni: Upa Servizi Spa – Servizi innovativi – Via A. Volta, 34 – Abano Terme – Tel. 049 629323 – Fax 049 8936721 – ambiente.sicurezza@upa.padova.it.

C’è una rete per il lavoro a Cooperativa Il Sestante in collaborazione con l’Azienda Ulss n.15 e l’Associazione Maranathà, grazie al finanziamento dalla Regione del Veneto e con il contributo del Fondo Straordinario di Solidarietà e di ETRA s.p.a., propone alle imprese il progetto “Rete per il lavoro”. L’iniziativa prevede un percorso formativo e di orientamento rivolto a giovani tra i 18 e 27 anni e la successiva attivazione di un tirocinio formativo in un’impresa del territorio. Obiettivo del tirocinio è l’acquisizione di competenze sul campo, funzionali ad un futuro inserimento lavorativo del giovane. Il tirocinio avrà una durata di quattro mesi e verrà definito uno specifico progetto formativo per il ragazzo in accordo con il datore di lavoro ospitante. È prevista per il tirocinante una borsa lavoro complessiva di € 1.600 (€ 400 mensili) che sarà erogata dall’Azienda Ulss 15 per le prime tre mensilità mentre la quarta sarà a carico dell’azienda. In nessun caso il tirocinio è vincolante per l’azienda, che può interromperlo in qualsiasi momento nel caso riscontri inadempienze da parte del ragazzo.

L

Qualora, nel corso del tirocinio o al suo termine, l’azienda decida di assumere il giovane con un contratto a tempo determinato full time della durata di almeno 3 mesi, riceverà un contributo di € 1000. Il contributo sarà proporzionalmente ridotto per assunzioni con orario a tempo parziale. Al datore di lavoro spetta la copertura assicurativa (INAILRC), per la quale però può chiedere rimborso al Fondo, e il pagamento al giovane della borsa lavoro di 400 € nella quarta mensilità. Il tirocinio deve essere attivato entro dicembre 2013. Gli operatori del progetto si occupano, in connessione con il Centro per l’Impiego competente, della stesura degli atti necessari per l’attivazione del tirocinio; monitorano periodicamente l’andamento del tirocinio con i soggetti coinvolti. Le aziende interessate al progetto possono contattare gli operatori ai seguenti numeri di telefono: Massimo Gelain, Associazione Maranathà, 348-9963171, progetti@retemaranatha.it – Alessia Vivolo, Associazione Maranathà, 348 2957536, alessia.vivolo@gmail.com.


p26-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

26

12:53

Pagina 26

CATEGORIE

26 LUGLIO 2013

â– Eletto il Consiglio direttivo

SCHEDA DI INTERESSE

Insieme conviene

Gruppo di acquisto a pieno regime ono stati eletti dai consigli provinciali di categoria dell’Acconciatura e dell’Estetica i membri del Consiglio direttivo del Gruppo d’acquisto Insieme conviene. Si tratta di Miriana Folcato (acconciatura), Renza Bolzon (acconciatura), Mirko Destro (acconciatura), Samuela Vettorello (acconciatura), Ennio Mazzon (acconciatura), Grazia Grandi (estetica), Antonio Consoli (estetica). Il Presidente sarà Ennio Mazzon. Insieme conviene è il gruppo di acquisto degli acconciatori ed estetisti dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova, che assicura vantaggi economici sull’acquisto di prodotti di bellezza professionali. L’iniziativa consente a ogni impresa aderente di beneficiare di scontistiche e convenzioni pattuite con le aziende fornitrici di prodotti di bellezza. L’adesione, riservata ai soci

Progetto graďŹ co e illustrazione di Ferdi Arzenton e UfďŹ cio Comunicazione dell’Upa

S

Lino Fabbian Presidente del Sistema di categoria Acconciatori

dell’Unione Provinciale Artigiani, è gratuita. Per aderire è necessario com-

pilare la scheda d’interesse qui pubblicata e inoltrarla alla segreteria di categoria al numero 049 8206161. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Valentina Giglio – Tel. 049 8206411 – email: valentina.giglio@upa.padova.it

GRUPPO D’AQUISTO ACCONCIATORI ED ESTETISTI Da inviare al n. di fax 049 8206161 o con e-mail all’indirizzo valentina.giglio@upa.padova.it

La ditta con sede nel comune via

Prov.

esercente l’attività artigiana di

costituita da n. titolari /soci e da n. lavoratori dipendenti persona di riferimento tel

fax

cell.

e-mail

Dichiara il proprio interesse a voler aderire al GRUPPO D’AQUISTO DEGLI ACCONCIATORI ED ESTETISTE DELL’UNIONE PROVINCIALE ARTIGIANI dichiaro inoltre di esprimere il consenso, ai sensi del decreto legislativo 196 /2003 al trattamento dei miei dati per le finalità relative alla suddetta iniziativa.

DATA

FIRMA

Insieme conviene

Nasce il Gruppo d’acquisto acconciatori ed estetisti padovani

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani Padova 6ALENTINA'IGLIOsTELsVALENTINAGIGLIO UPAPADOVAIT


p27-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

12:58

Pagina 27

ANAP

26 LUGLIO 2013

27

■ Una pratica importante

■ Le prevenzione delle patologie da elevate temperature

Recuperare gli anni del militare

Attenzione regionale al tema del “caldo” nna Panozzo, Presidente del Gruppo ANAP di Padova, ricorda che, il 25 giugno scorso è stata pubblicata sul Bur n. 53 la delibera di giunta regionale n. 835 che detta norme per la prevenzione delle patologie da elevate temperature climatiche nella popolazione della nostra regione, in particolare per quella anziana, ma interessati sono anche i bambini al di sotto dei 4 anni e chi soffre di patologie croniche invalidanti. Il protocollo operativo contempla il coinvolgimento di diversi Enti e strutture, quali i Distretti, i Medici di medicina generale, i servizi sociali, i servizi ospedalieri, le amministrazioni comunali ai quali la popolazione potrà rivolgersi. E l'ARPAV, con il compito di emettere e divulgare un

A utti i pensionati che hanno fatto il servizio militare, sono invitati a valutare la possibilità di presentare una domanda di ricostituzione volta ad aumentare l’importo della pensione. Non avendo la certezza che l’INPS abbia collocato il periodo di servizio militare più favorevole per il calcolo della pen-

T

sione, si invitano gli interessati a passare presso gli uffici INAPA, previo appuntamento, per le necessarie verifiche e eventualmente presentare la domanda di adeguamento con conseguenti consistenti arretrati. Per informazioni: Patronato Inapa, tel. 049 8206382

bollettino previsionale entro le ore 15,00 di ogni giorno fino al 15 settembre '13 con particolare riferimento alla qualità ell'aria ed ai livelli di ozono. Obiettivo principale del Protocollo regionale è prevenire lo stato clinico di malattia da eccessive temperature. L'integrazione tra il sistema di emergenza ed i distretti socio sanitari operanti nel territorio con le loro articolazioni, consentirà di ricorrere al numero 118 solo nei casi realmente urgenti. Gli interventi che Aziende sanitarie e amministrazioni comunali dovranno assicurare durante la fase di emergenza sono: interventi di assistenza domiciliare, frequenza ai Centri Diurni, accoglienza nei servizi residenziali. Per facilitare l'accesso alle informazioni sulle risorse e sulle

opportunità del territorio è attivato il numero verde 800462340. Per la persona anziana, inoltre, si raccomanda di rendere disponibile, in maniera omogenea sul territorio regionale, un'attesa al Pronto Soccorso in ambienti climatizzati e assistiti (utilizzando anche personale volontario) e, in base all'allarme climatico, si dovranno mettere in atto criteri di particolare attenzione nel Triage che considerino l'anziano a rischio prioritario. Ecco i consigli pratici: bere molti liquidi (2 litri di acqua al giorno),stare in casa nelle ore calde (12-17), ventilare gli ambienti, indossare abiti leggeri, di colore chiaro, non sintetici, seguire una dieta bilanciata con

molta frutta e verdura, usare cappelli e occhiali, non fare attività fisica nelle ore calde, non bere alcool e limitare i caffè, non sostare al sole, non modificare le cure che si stanno seguendo, bagnarsi spesso. In caso di colpo di calore: tenere la persona in un luogo fresco, ombroso e possibilmente ventilato, usare un ventilatore per favorire l’evaporazione della pelle bagnata, eseguire, per ridurre gradualmente la temperatura, spugnature con acqua fresca sui polsi, fronte, collo inguine, porre una borsa di ghiaccio sul capo, integrare i liquidi persi dando da bere acqua e sali minerali, raffreddare la cute con dell’acqua o avvolgendo la persona colpita con un panno fresco e bagnato.

■ La scomparsa di Munaro

■ I lavori dell’assemblea organizzativa di San Vincenzo

Addio ad Antonio

Sta nascendo l’Anap del futuro

i è spento il 21 luglio Antonio Munaro, 89 anni, per molto tempo dirigente dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova. Antonio Munaro, è stato rappresentante dell’Associazione a vari livelli: per molti anni, fino al ’96, Presidente del Mandamento di Piove di Sacco e, negli anni Novanta, Presidente provinciale del Gruppo Anap. Ha sempre saputo interpretare i valori dell’artigianato, rappresentando con responsabilità e capacità gli associati della zona. Imprenditore nel campo dell’installazione d’impianti e Cavaliere della Repubblica, ha avviato con impegno un’impresa guidata oggi dai suoi figli. Lascia la moglie Elsa e i figli Roberto, Giampietro e Maurizio. La sua scomparsa rappresenta una perdita per l’intera imprenditoria locale. “Ci sono uomini e imprenditori – commenta Vincenzo Nizzardo, presidente del mandamento di Piove dell’Upa – che riescono a segnare in maniera profonda la loro realtà territoriale. Antonio Munaro è stato certamente uno di questi, in particolare nella

S

cco l’ANAP del futuro. Crescere in una logica di Sistema è stato il tema dominante dei lavori dell’Assemblea organizzativa Anap/Confartigianato che si è svolta a San Vincenzo 17-18 giugno 2013 (Livorno) a cui ha partecipato una nutrita delegazione veneta guidata dal Presidente regionale Valerio De Pellegrin. Crescere verso l’esterno perché Anap ritiene che la contrattazione sociale territoriale sarà in futuro il banco di prova della capacità di rappresentanza e di tutela della categoria, ma anche verso l’interno. L’associazione chiede a Confartigianato il riconoscimento del “valore associativo” degli iscritti all’Anap, perché ne aumenta la rappresentatività, consente all’Organizzazione di rafforzare la propria presenza nella società civile, può favorire lo sviluppo associativo, organizzativo e dei servizi dell’Organizzazione. La filosofia di intervento di ANAP si basa su tre punti fondamentali: convinzione, concretezza, capacità. Convinzione: significa che tutte le parti del Sistema, “coinvolte” nella crescita dell’Anap, siano davvero convinte di questa opportunità o esigenza . Convinzione occorre anche e soprattutto da parte di tutte le componenti Confartigianato affinchè condividano le iniziative che sono alla base della crescita (formazione, marketing, sensibilizzazione delle Associazioni e “stimolo” nei confronti degli operatori dell’Inapa e del Caaf). Concretezza: significa che alle parole, e cioè ai programmi che di anno in anno vengono approvati dagli Organi dell’Anap, seguano i fatti. Se non si portano avanti

E

Saccisica. Per molti di noi, anche quando ci avvicinavamo alla professione e all’impegno in associazione, è stato un punto di riferimento in merito a due valore decisivi: il senso della comunità e la gratuità nel servizio». “Il percorso associativo di Antonio Munaro – aggiunge Anna Panozzo, attuale presidente del Gruppo anziani dell’Unione – è stato rigoroso ed esemplare. Prima come associato, poi come responsabile di zona e in fine a capo dell’Anap, il gruppo che raccoglie gli artigiani in pensione. Questa continuità nel servizio è la prova di un’attenzione agli altri, ai colleghi, alla comunità, che non è mai venuta meno e che ci ha arricchito per decenni”.

e realizzano le iniziative progettate è impensabile poter avere un riscontro associativo adeguato. Occorre che i gruppi territoriali Anap sottopongano all’Associazione di riferimento e concordino con essa, in attuazione di quanto previsto dallo Statuto, i programmi delle attività da svolgere a difesa e tutela della categoria rappresentata. Se così fosse, l’Anap si assumerebbe la piena responsabilità delle proprie azioni e dei risultati. Capacità : significa che Dirigenti e Coordinatori devono essere idonei a ricoprire i rispettivi ruoli. Il discorso è quello della scelta delle persone, della loro formazione, del loro aggiornamento, della verifica dell’impegno. Su piano organizzativo ecco le direttrici di marcia: una struttura più capillare, orientata al territorio. Ad oggi sono pochi i Gruppi Provinciali che si articolano nel territorio di competenza; azioni di marketing associativo anche direttamente dal centro; anagrafica unica di Confartigianato persone; una struttura più coesa e che si dia dei modelli organizzativi adeguati. Tra le cause della disomogeneità territoriale tre sono quelle che sono state evidenziate: la scarsa “esperienza” di alcuni Presidenti territoriali per quanto attiene al ruolo che sono chiamati a svolgere. La gestione di un Gruppo Territoriale Anap non è semplice. Anche chi ha alle spalle un’attività pluriennale di Dirigente sindacale nel campo degli “attivi” trova difficoltà ad entrare in un mondo, così variegato e complesso, come quello degli anziani. Il senso di “lontananza” tra chi opera nel territorio e chi è al centro. I presi-

denti ed i coordinatori devono partecipare alle occasioni di incontro che non sono poche (Assemblee, Conferenze programmatiche, Festival della Persona, Festa del Socio, ecc.) Inoltre l’incontro diretto l’utilizzo delle circolari, della rivista, e degli altri mezzi di comunicazione dovranno servire a colmare questa sensazione di lontananza. L’insufficiente “circolarità” delle esperienze e delle iniziative territoriali (assenza di condivisione delle “buone pratiche”). In tema di previdenza. L’invecchiamento della popolazione, un fenomeno positivo, è però un fatto determinante sia sulla spesa previdenziale che sanitaria. Diventa quindi urgente occuparsi seriamente della spesa previdenziale e della sua tenuta. Se vogliamo evitare la pericolosa spirale di aumento contributivo per afar fronte al pagamento delle pensioni occorre principalmente applicare integralmente l’oramai famoso art. 37 sulla separazione della spesa previdenziale da quella assistenziale. Dal momento che la Previdenza deve essere rivolta alle persone e non alle “categorie”, l’unica deroga all’età pensionabile deve essere quella motivata dai cosi detti “lavori usuranti”. Anche in questo caso i benefici devono essere uguali per tutti (lavoratori autonomi, dipendenti, uomini e donne). Per i lavoratori che andranno in pensione con il calcolo contributivo della pensione al fine di non creare una futura classe di “pensionati al trattamento minimo”, per l’esiguità delle prestazioni a cui avranno diritto dobbiamo fare

in modo che decolli, anche obbligatoriamente, la previdenza integrativa (rendendola inoltre appetibile con facilitazioni fiscali ed oggettive). Stesso discorso deve valere per la previdenza complementare. La salvaguardia del potere di acquisto delle pensioni, che hanno subito una rilevante perdita negli ultimi venti anni, resta una delle nostre principali rivendicazioni, tanto più che adesso l’inflazione è superiore al 3% (addirittura superiore al 4% per i beni di più largo consumo). Le proposte: la revisione del paniere ISTAT per la rivalutazione dei trattamenti, adattandolo alla peculiarità del pensionato-consumatore; la neutralizzazione del drenaggio fiscale, è necessario eliminare tutte le discriminazioni tra lavoro dipendente e lavoro autonomo: assegni familiari, accesso al pensionamento, etc., anche perché con il calcolo contributivo per tutti e con l’aumento delle aliquote contributive per i lavoratori autonomi, non sono più giustificabili trattamenti differenziati. In tema di Sanità ed assistenza. È necessario interrompere la spirale che c’è stata in quest’ultimo decennio, che ha visto man mano sottrarre pezzi di Welfare pubblico ai cittadini e un notevole ridimensionamento dello Stato sociale. Occorrono scelte lungimiranti, che facciano tesoro della preziosa conquista dell’allungamento della vita media e che tengano conto delle modifiche radicali avvenute negli ultimi 50-60 anni nel modello familiare. L’Anap ritiene inoltre, ampiamente insufficiente il rifinanziamento dei fondi sociali e della non autosufficienza.


p28-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

28

12:59

Pagina 28

26 LUGLIO 2013

AMBIENTE E SICUREZZA ■ A partire dal primo giugno di quest’anno

Valutazione dei rischi documento obbligatorio al 1 Giugno 2013 tutte le aziende, indipendentemente dal numero di lavoratori occupati (dunque anche sotto le 10 unità), dovranno essere in possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) a dimostrazione dell’avvenuta valutazione di tutti i rischi presenti nei luoghi di lavoro. Da questa data l’autocertificazione non è più valida e, pertanto, il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) deve essere predisposto. Per quanto riguarda il regime sanzionatorio, l’art. 55 del D.Lgs. 81/08, modificato dal

D

D.Lgs. 106/09, prevede le seguenti sanzioni per il datore di lavoro in caso di violazioni inerenti la stesura del DVR: • Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 €: Omessa redazione del documento di valutazione dei rischi (Violazione dell’art. 29, comma 1); • Ammenda da 2.000 a 4.000 €: Incompleta redazione del DVR: omessa indicazione di quanto previsto dall’Art. 28 lettere: b) misure di prevenzione e protezione e DPI c) programma delle misure ritenute opportune per ga-

rantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza d) procedure sulle misure da adottare e distribuzione dei compiti e delle responsabilità • Ammenda da 1.000 a 2.000 €: Incompleta redazione del DVR: omessa indicazione di quanto previsto dall’Art. 28 lettere: a) relazione sulla valutazione di tutti i rischi, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa f) individuazione delle mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici o ri-

chiedono riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento Tutte le aziende che hanno ricorso all'autocertificazione, devono provvedere ad effettuare la Valutazione dei Rischi, secondo le modalità standardizzate ovvero dotarsi di un DVR (Documento di Valutazione dei Rischi). Invitiamo pertanto a chiedere l’assistenza per la stesura del DVR, via mail a ambiente.sicurezza@upa.padova.it o via fax a 049 8936721. La stesura del DVR prevede una visita di natura tecnica in azienda,

per raccogliere dati e informazioni utili alla stesura del documento; in quel frangente il tecnico valuterà con il Titolare (Datore di Lavoro) la congruità dell'azienda ai requisiti di legge e segnalerà eventuali criticità non coperte dal DVR; in ogni caso il Titolare può sempre chiedere in via preliminare un “Sopralluogo Tecnico”, se ritiene che la sua azienda abbia caratteristiche non standardizzabili (Rischio Chimico, Vibrazioni, Rumore, Scia ex CPI, ecc.) o se vuole essere seguito in assistenza continuativa (SICURNET). Tutti coloro che hanno dato

mandato al COBIS per la rappresentanza territoriale dei lavoratori per la sicurezza (RLST) che l'EBAV, nella prestazione A59 misura A3, prevede un ristorno di 300 Euro per le aziende per la stesura dei documenti di Valutazione di Rischio, quali Stress lavoro correlato, Valutazione rischio rumore a corredo e completamento del DVR. Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani – Servizi Innovativi, Tel: 049 629323 Fax: 049 8936721 email: ambiente.sicurezza@upa.padova.it.

■ La necessità di stabilire un rapporto corretto tra i rifiuti delle imprese e il servizio pubblico tabilire un rapporto equo e ragionevole tra quantità di rifiuti conferiti dalle aziende al servizio pubblico e costi loro addebitati, per evitare che la Tares, nuova imposta sullo smaltimento rifiuti, provochi un’ulteriore perdita di competitività di imprese e territori. È quanto chiedono i presidenti delle associazioni di categoria padovane Ascom, Cna, Coldiretti, Confindustria, Upa – Fernando Zilio, Guerrino Gastaldi, Federico Miotto, Massimo Pavin, Roberto Boschetto – in una lettera congiunta indirizzata ai 104 sindaci della provincia di Padova, alla presidente della Provincia Barbara Degani, ai presidenti degli Enti Gestori (AcegasAps, Etra, Autorità di Bacino 3 e 4), al presidente dell’Anci Veneto Giorgio Dal Negro. Proprio in queste settimane, infatti, le amministrazioni comunali stanno discutendo i regolamenti applicativi della Tares, Tributo Comunale sui Rifiuti e Servizi introdotto dal Decreto Legge “Salva Italia” a partire dal 1. gennaio 2013. La nuova imposta, che sostituisce Tia e Tarsu, si applica sulla base della superficie calpestabile degli immobili e, rispetto alle precedenti, prevede una maggiorazione di 0,30 centesimi per ogni metro quadrato, quota che sarà incassata direttamente dallo Stato e non dagli Enti locali. Questi ultimi dal 2014 potranno incrementarla fino a 0,40 centesimi, a copertura

S

Una Tares equa ”Pagare a rate”

dei costi relativi ai servizi indivisibili quali illuminazione pubblica, manutenzione strade e aree verdi. Un aggravio di costi che amplifica le criticità già esistenti per Tia e Tarsu, con pesanti effetti sulle imprese. Il parametro principale per il calcolo dell’imposta resta la superficie degli immobili, senza distinzione tra aree produttive, uffici, magazzini, e non la reale quantità di rifiuti urbani conferita al servizio pubblico. Il risultato è che le aziende pagano per

un servizio di cui non usufruiscono, e nello stesso tempo sono costrette a pagare in proprio lo smaltimento di rifiuti speciali. Di seguito pubblichiamo una sintesi della lettera. «L’introduzione e la conseguente applicazione di nuovi tributi locali, in primis Imu e Tares – scrivono le categorie economiche padovane – sta influenzando in modo negativo la capacità del nostro territorio di mantenere la presenza di attività economiche e di attrarne di nuove

Pubblichiamo una lettera di Claudio Baggio, Assessore all’Ambiente del Comune di Tombolo, inviata ai responsabili di Etra, l’azienda che gestisce il servizio rifiuti, con la richiesta di una rateazione della Tares. Egregi Signori, sono a richiedervi di voler considerare la ripartizione in almeno quattro rate della tariffa dovuta per l’anno 2013 per la tassa rifiuti, da ripartire nel periodo intercorrente tra luglio e novembre 2013, con conguaglio per il corrispettivo Tares in coincidenza dell’emissione dell’acconto Tares 2014. La grave crisi finanziaria che attanaglia famiglie e imprese tombolane, già duramente colpite dall’IMU e dalle altre imposte da conguagliare in sede di dichiarazione dei redditi, non consente infatti a sempre più cittadini di far fronte al pagamento della e questo a vantaggio della promozione di aree collocate appena oltre i confini del nostro Paese». Entrando nel merito delle cri-

Tares in due sole rate, come testimoniano le numerose lamentele che mi sono pervenute negli ultimi giorni relativamente al sistema di fatturazione della tariffa rifiuti. I miei concittadini, ormai duramente provati dalla crisi, lamentano in particolare le scadenze troppo ravvicinate e stabilite in sole due rate previste per luglio e agosto 2013, con previsione di conguaglio successivo in base a quanto dovuto a titolo di Tares 2013. Pur essendo cosciente delle problematiche legate alla gestione di Etra Spa e della necessità di far quadrare il bilancio della società, come amministratore non posso rimanere sordo ai problemi e alle lamentele dei miei concittadini. Confidando nella vostra sensibilità ed in un vostro tempestivo intervento, porgo i miei più cordiali saluti.

ticità della Tares, la prima cosa da sottolineare è che «deve esistere una stretta correlazione fra il servizio erogato e il relativo costo.

C’è consapevolezza del fatto che si debbano coprire anche costi generali e comuni, ma comunque deve esistere un rapporto ragionevole fra i rifiuti conferiti dalle aziende al servizio pubblico ed i costi loro addebitati». Due le soluzioni individuate e suggerite ai Comuni. «Non far rientrare nella superficie soggetta alla Tares i locali delle aziende che producono i cosiddetti rifiuti speciali, per i quali le aziende già sostengono in proprio le spese di smaltimento e individuare una modalità di applicazione della tariffa e dei coefficienti che riduca il costo del servizio per le attività economiche per le quali è più oneroso». La riduzione delle entrate, secondo i presidenti delle Associazioni padovane, «potrebbe essere compensata da un lato con una maggiore attenzione ai costi del servizio e dall’altro da una maggiore capacità di offerta da parte dei soggetti competenti di servizi a mercato per l’asporto dei rifiuti prodotti dalle imprese». Altro aspetto su cui intervenire sono le «modalità di comunicazione alle imprese, la trasparenza e fruibilità delle informazioni necessarie per l’applicazione del nuovo tributo». Questo perché, «nonostante gli strumenti informatici siano a disposizione ormai di tutti, la ricerca dei documenti relativi a questi temi sia una sorta di caccia al tesoro spesso infruttuosa».


p29-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

13:06

Pagina 29

ATTUALITÀ ■ Un’iniziativa “pilota” dell’Unione

29

26 LUGLIO 2013

■ Un accordo tra associazioni e Abi

Credito al consumo Finanziamenti tanti vantaggi “sospesi” endere di più, meglio e più velocemente: sono questi i vantaggi garantiti dal credito al consumo. Il finanziamento rappresenta un’arma di vendita strategica: assicura al venditore il pagamento, accelera la decisione di acquisto, consente di fare vendite aggiuntive, aumenta l’importo d’acquisto, i margini, il bacino dei clienti e consente di proporre un servizio completo. Per questo l’Unione Provinciale Artigiani ha studiato un progetto pilota con un primario istituto di credito al consumo. In base al progetto verranno garantiti finanzia-

V

Giuliano Galiazzo Presidente della Funzione aziendale credito

menti ai clienti delle aziende associate che operano nei comparti dell’arredamento, dei serramenti e dell’impiantistica. “Si tratta di una leva per poter vendere di più – spiega Giuliano Galiazzo, Presidente della Funzione aziendale Credito dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova. Un cliente potrà così usufruire sia delle agevolazioni fiscali

del 50 e 65%, sia di rate personalizzate ad un tasso assolutamente interessante, in questo modo può anche affrontare un lavoro impegnativo. L’artigiano invece ha uno strumento di vendita ulteriore. Deve in sostanza istruire la pratica che sarà poi deliberata dall’istituto di credito. Il pagamento avviene alla consegna del bene ed è quindi immediato.” Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Credito per l’Artigiano, Tel. 049 8206124 – credito@upa. padova.it.

Scheda di interesse

CREDITO AL CONSUMO da inviare via fax al numero 049.8206161 o via mail a credito@upa.padova.it

Il sottoscritto Residente a Via

n

Cap

Prov

Tel fax Cell E-mail Nome ditta Settore attività ditta Indirizzo ditta

Informativa e consenso ai sensi della Dlgs 196/2003 Ai sensi dell’art. 13 del Dlgs 196/2003 e in relazione ai dati personali che si intende trattare, la informiamo di quanto segue: 1) Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali richiesti o acquisiti è diretto esclusivamente all’espletamento - da parte di UPA delle finalità attinenti l’attività di informazione professionale e di quella ad essa connesse, necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge. 2) Il trattamento può essere effettuato con mezzi automatizzati e non. 3) Il conferimento dei dati è facoltativo; tuttavia, l’eventuale rifiuto a fornirli può comportare l’impossibilità, da parte di UPA a considerare la Sua iscrizione. 5) L’art. 7 del Dlgs conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quelli di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile; di avere conoscenza dell’origine dei dati, nonchè della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della Legge, nonchè l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento. Attestazione di consenso Dichiaro di aver ricevuto l’informativa ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per i fini dichiarati.

Data________________________

TIMBRO E FIRMA _____________________

n nuovo accordo in favore delle Pmi italiane è stato firmato il primo luglio scorso a Roma dall’Abi e dalle principali associazioni di categoria italiane, tra le quali Confartigianato. Considerata l’attuale congiuntura economica, all’interno della quale non si attenuano le tensioni finanziare delle imprese, l’Abi e le Associazioni delle imprese, hanno aggiornato le misure di sospensione e allungamento dei finanziamenti previste dai precedenti accordi, focalizzando maggiormente il bacino dei potenziali utilizzatori su quelle Pmi che, per quanto economicamente sane, manifestano un’eccessiva incidenza degli oneri finanziari sul fatturato in conseguenza della diminuzione di quest’ultimo per effetto della crisi economica. Gli interventi finanziari previsti per le imprese sono di tre tipi. Operazioni di sospensione dei finanziamenti In questo campo rientrano la sospensione per 12 mesi della quota capitale delle rate di mutuo, e quella per 12 o 6 mesi della quota capitale prevista nei canoni di leasing “immobiliare” e “mobiliare”. Possono essere ammesse alla sospensione le rate dei mutui e delle operazioni di leasing finanziario delle imprese che non abbiano già usufruito di analogo beneficio concesso ai sensi delle “Nuove misure per il credito alle Pmi” del 28 febbraio 2012. È dunque possibile sospendere nuovamente finanziamenti già sospesi con l’Avviso Comune del 3 agosto 2009. Operazioni di allungamento dei finanziamenti È prevista la possibilità: a) di allungare la durata dei mutui, in misura maggiore rispetto al precedente accordo; b) di spostare in avanti fino a 270 giorni le scadenze del credito a breve termine per esigenze di cassa con riferimento all’anticipazione di crediti certi ed esigibili; c) di allungare per un massimo di 120 giorni le scadenze del credito agrario di conduzione. Possono essere ammessi alla richiesta di allungamento i mutui che non abbiano beneficiato di analoga facilitazione ai sensi dell’Accordo per il credito alle Pmi del 16 febbraio 2011 e dell’accordo “Nuove misure per il credito alle Pmi” del 28 febbraio 2012, mentre possono essere ammessi all’allungamento anche i mutui sospesi al termine del periodo di sospensione. Le operazioni di allungamento dei mutui se accompagnate da un rafforzamento patrimoniale o da processi aggregativi sono effettuate a

U

condizioni contrattuali invariate, negli altri casi comunque l’eventuale variazione del tasso d’interesse originario non potrà essere superiore all’incremento del costo di raccolta della banca rispetto al momento dell’erogazione originaria del finanziamento e si terrà conto della presenza di eventuali garanzie aggiuntive. Operazioni per promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività Anche alla luce delle agevolazioni fiscali previste dal decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, per le imprese che avviano processi di rafforzamento patrimoniale le banche si impegnano a valutare la concessione di un finanziamento proporzionale all'aumento dei mezzi propri realizzati dall’impresa. All’interno del nuovo Accordo è, inoltre, individuata una serie di temi strategici di interesse comune per favorire lo sviluppo delle relazioni banca-impresa, in relazione ai quali le Parti firmatarie concordano sull’opportunità di definire nei prossimi mesi nuove e specifiche intese e di avanzare al Governo e alle altre Istituzioni compe-

tenti proposte condivise. Da ultimo, per consentire alle banche e agli intermediari finanziari aderenti di adeguare le proprie procedure in relazione alle operazioni previste dal nuovo accordo, il periodo di validità dell’accordo del febbraio 2012, “Nuove Misure per il Credito alle Pmi”, è stato prorogato al 30 settembre 2013. Validità dell’accordo Le richieste per l’attivazione degli strumenti descritti nel presente accordo dovranno essere presentate dalle imprese entro il 30 giugno 2014, utilizzando il modulo predisposto dalle singole banche sulla base del modello che sarà elaborato dall’ABI. Le domande di allungamento dei mutui che, a tale data, dovessero trovarsi ancora in fase di sospensione, potranno essere presentate entro il 31 dicembre 2014. Ad oggi, con l’iniziativa in corso riguardante le “Nuove misure per il credito alle Pmi”, secondo i dati più aggiornati a maggio 2013, le banche hanno sospeso 95.435 finanziamenti a livello nazionale (che si aggiungono ai 260.000 dell’Avviso comune scaduto il 31 luglio 2011), pari a 29,5 miliardi di debito residuo (in aggiunta ai 70 miliardi dell’Avviso comune) con una liquidità liberata di 4,1 miliardi (oltre ai 15 miliardi di euro con l’Avviso comune). Per ulteriori informazioni: Unione Provinciale Artigiani, Credito per l’Artigiano, Tel. 049 8206124.

Intraprendere Anno X N. 7 - 26 LUGLIO 2013 Periodico di informazione degli imprenditori artigiani e delle piccole medie imprese Proprietario ed Editore: UPA Servizi Spa Presidente: Nicoletta Bellon Sede legale: Piazza De Gasperi, 22 - 35131 Padova Direzione, redazione e amministrazione: Via Masini, 6 - 35131 Padova Tel. 049 8206131 - Fax 049 8206161 Autorizzazione del Trib. di Padova del 18/05/04 n. 1891 Direttore Responsabile: Toni Grossi Redazione a cura dell’Ufficio Stampa dell’Upa: Silvia Bedulli. Ha collaborato Stefania Frigo. Foto: archivio Upa Concessionaria per la pubblicità Nord Est Pubblicità Euganea Editoriale Comunicazioni S.r.l. Via Cernaia, 84 - 35142 Padova - Tel. 049 8752765 Tipografia Centro Servizi Editoriali Srl Gratuito agli associati dell’Upa POSTE ITALIANE SPEDIZIONE IN A.P. - D.L- 353/03 (conv. in L 27/02/04 n 46) Art I, comma I, CNS PD Filiale di Padova - Tiratura: 16.000 copie


p30-31-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

16:13

Pagina 30

NOTIZIE TECNICHE, NORMATIVA, SCADENZE, INFORMAZIONI PER LA PICCOLA IMPRESA 26 LUGLIO 2013 - N. 7

SCADENZARIO AGOSTO – SETTEMBRE 2013 ■

MARTEDÌ 20 AGOSTO

MOD. UNICO 2013 PERSONE FISICHE SOGGETTI CHE BENEFICIANO DELLA PROROGA Termine entro il quale effettuare i versamenti, con la maggiorazione dello 0,40%, relativi a: • IRPEF (saldo 2012 e primo acconto 2013); • addizionale regionale IRPEF (saldo 2012); • addizionale comunale IRPEF (saldo 2012 e acconto 2013); • imposta sostitutiva regime nuove iniziative (10%) e contribuenti nuovi minimi (5%, saldo 2012 e primo acconto 2013); • saldo IVA 2012 con maggiorazione dell’1,2% (0,4% per mese o frazione di mese dal 19.3); • acconto 20% dell’imposta dovuta per i redditi a tassazione separata; • imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni esistenti al 31.12.2012 da quadro EC; • contributi IVS (saldo 2012 e primo acconto 2013); • contributi Gestione separata INPS (saldo 2012 e primo acconto 2013); • contributi previdenziali geometri (saldo 2012); • cedolare secca (saldo 2012 e primo acconto 2013); • contributo di solidarietà (3%) dovuto dai titolari di un reddito complessivo superiore a € 300.000; • imposta (0,76%) sul valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati da soggetti residenti (saldo 2012 e primo acconto 2013); • imposta (1‰) sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero da soggetti residenti (saldo 2012 e primo acconto 2013). MOD. UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE SOGGETTI CHE BENEFICIANO DELLA PROROGA Termine entro il quale effettuare i versamenti, con la maggiorazione dello 0,40%, relativi a: • saldo IVA 2012 con maggiorazione dell’1,2% (0,4% per mese o frazione di mese dal 19.3); • imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale a seguito di operazioni straordinarie effettuate nel 2011 e 2012; • imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni esistenti al 31.12.2012 da quadro EC; • imposta sostitutiva 16% (unica soluzione) dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni immateriali a seguito di operazioni straordinarie ex art. 15, DL n. 185/2008. MOD. UNICO 2013 SOCIETÀ DI CAPITALI ED ENTI NON COMMERCIALI SOGGETTI CHE BENEFICIANO DELLA PROROGA Termine entro il quale effettuare, con la maggiorazione dello 0,40%, da parte dei soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare (approvazione del bilancio nei termini ordinari), i versamenti relativi a: • saldo IVA 2012 con maggiorazione dell’1,2% (0,4% per mese o frazione di mese dal 19.3); • IRES (saldo 2012 e primo acconto 2013); • maggiorazione IRES (10,50%) società di comodo (saldo 2012 e primo acconto 2013); • imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale a seguito di operazioni straordinarie effettuate nel 2011 e 2012; • imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni esistenti al 31.12.2012 da quadro EC; • imposta sostitutiva 16% (unica soluzione) dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni immateriali a seguito di operazioni straordinarie ex art. 15, DL n. 185/2008. MOD. IRAP 2013 SOGGETTI CHE BENEFICIANO DELLA PROROGA • Versamento, con la maggiorazione dello 0,40%, dell’IRAP (saldo 2012 e primo acconto 2013) da parte di persone fisiche, società di persone e soggetti assimilati, società di capitali ed enti non commerciali con esercizio coincidente con l’anno solare. MOD. UNICO 2013 MOD. IRAP 2013 SOCIETÀ DI CAPITALI ED ENTI NON COMMERCIALI BILANCIO DIFFERITO A 180 GIORNI Termine entro il quale effettuare, con la maggiorazione dello 0,40%, da parte dei soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare e che hanno differito l’approvazione del bilancio entro 180 giorni per particolari esigenze ex art. 2364 (approvazione effettiva nel mese di giugno o successivi), i versamenti relativi a: • saldo IVA 2012 con maggiorazione dell’1,6% (0,4% per mese o frazione di mese dal 19.3); • IRES / IRAP (saldo 2012 e primo acconto 2013); • imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale a seguito di operazioni straordinarie effettuate nel 2011 e 2012; • imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni esistenti al 31.12.2012 da quadro EC; • imposta sostitutiva 16% (unica soluzione) dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni immateriali a seguito di operazioni straordinarie ex art. 15, DL n. 185/2008. DIRITTO ANNUALE CCIAA SOGGETTI CHE BENEFICIANO DELLA PROROGA Versamento, con la maggiorazione dello 0,40%, del diritto CCIAA 2013 (codice tributo 3850).

INFORMA STUDI DI SETTORE ADEGUAMENTO SOGGETTI CHE BENEFICIANO DELLA PROROGA Versamento, con la maggiorazione dello 0,40%, dell’IVA dovuta sui maggiori ricavi/compensi da parte dei soggetti che si adeguano agli studi di settore per il 2012 (codice tributo 6494) e dell’eventuale maggiorazione del 3% (codice tributo 4726 per le persone fisiche e 2118 per i soggetti diversi dalle persone fisiche). IVA LIQUIDAZIONE MENSILE E TRIMESTRALE • Liquidazione IVA riferita al mese di luglio e versamento dell’imposta dovuta; • Liquidazione IVA riferita al secondo trimestre e versamento dell’imposta dovuta maggiorata degli interessi dell’1% (da non applicare ai soggetti trimestrali speciali). IVA DICHIARAZIONI D’INTENTO Invio telematico della comunicazione dei dati relativi alle dichiarazioni d’intento ricevute: • per le quali sono state emesse “per la prima volta” fatture senza IVA registrate per il secondo trimestre (soggetti trimestrali); • per le quali sono state emesse “per la prima volta” fatture senza IVA registrate per il mese di luglio (soggetti mensili). Tale termine va inteso quale “termine ultimo” e pertanto la comunicazione può essere inviata anche in un momento antecedente ancorché nel mese / trimestre non sia stata emessa alcuna fattura connessa con le dichiarazioni d’intento ricevute. IRPEF RITENUTE ALLA FONTE SU REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Versamento delle ritenute operate a luglio relative a redditi di lavoro dipendente e assimilati (collaboratori coordinati e continuativi e lavoratori a progetto – codice tributo 1004). IRPEF RITENUTE ALLA FONTE SU REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Versamento delle ritenute operate a luglio per redditi di lavoro autonomo (codice tributo 1040). RITENUTE ALLA FONTE OPERATE DA CONDOMINI Versamento delle ritenute (4%) operate a luglio da parte dei condomini per le prestazioni derivanti da contratti d’appalto/d’opera effettuate nell’esercizio di impresa o attività commerciali non abituali (codice tributo 1019 a titolo di IRPEF, 1020 a titolo di IRES).

IRPEF ALTRE RITENUTE ALLA FONTE Versamento delle ritenute operate a luglio relative a: • rapporti di commissione, agenzia, mediazione e rappresentanza di commercio (codice tributo 1038); • utilizzazioni di marchi e opere dell’ingegno (codice tributo 1040); • contratti di associazione in partecipazione con apporto di lavoro (codice tributo 1040) e con apporto di capitale o misto (codice tributo 1030) se l’ammontare dell’apporto è non superiore al 25% del patrimonio netto dell’associante risultante dall’ultimo bilancio approvato prima della data di stipula del contratto. ENASARCO VERSAMENTO CONTRIBUTI Versamento da parte della casa mandante dei contributi relativi al secondo trimestre. INPS DIPENDENTI Versamento dei contributi previdenziali relativi al personale dipendente, per le retribuzioni maturate nel periodo di paga di luglio. INPS CONTRIBUTI IVS Versamento della seconda rata fissa per il 2013 dei contributi previdenziali sul reddito minimale da parte dei soggetti iscritti alla gestione INPS commercianti – artigiani. INPS GESTIONE SEPARATA Versamento del contributo del 20% o 27,72% da parte dei committenti, sui compensi corrisposti a luglio a collaboratori coordinati e continuativi, lavoratori a progetto, collaboratori occasionali, nonché incaricati alla vendita a domicilio e lavoratori autonomi occasionali (compenso superiore a € 5.000). Versamento da parte dell’associante del contributo dovuto sui compensi corrisposti a luglio agli associati in partecipazione con apporto esclusivo di lavoro, nella misura del 20% ovvero 27,72% (soggetti non pensionati e non iscritti ad altra forma di previdenza). ■

LUNEDÌ 26 AGOSTO

IVA COMUNITARIA ELENCHI INTRASTAT MENSILI Presentazione in via telematica degli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni / servizi resi e degli acquisti di beni / servizi ricevuti, registrati o soggetti a registrazione, relativi a luglio (soggetti mensili). ■

LUNEDÌ 2 SETTEMBRE

INPS DIPENDENTI Invio telematico del mod. UNI-EMENS contenente sia i dati contributivi che quelli retributivi relativi al mese di luglio. L’adempimento interessa anche i compensi corrisposti a collaboratori co-


p30-31-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

16:13

Pagina 31

INFORMA

26 LUGLIO 2013

31

ordinati e continuativi/lavoratori a progetto, incaricati alla vendita a domicilio, lavoratori autonomi occasionali, nonché associati in partecipazione con apporto esclusivo di lavoro.

lativo al 2012, di persone fisiche, società di persone e soggetti IRES con esercizio coincidente con l’anno solare.

IVA ELENCHI “BLACK LIST” MENSILI Invio telematico del modello di comunicazione delle operazioni con soggetti aventi sede, residenza o domicilio in Paesi a fiscalità privilegiata per le operazioni, registrate o soggette a registrazione, di importo superiore a € 500, relative a luglio (soggetti mensili).

MOD. IVA 2013 Termine per l’invio telematico, diretto o tramite intermediari abilitati, della dichiarazione IVA relativa al 2012 in forma autonoma, ossia per i soggetti che non presentano la dichiarazione unificata.

LUNEDÌ 16 SETTEMBRE

IVA LIQUIDAZIONE MENSILE Liquidazione IVA riferita al mese di agosto e versamento dell’imposta dovuta. IVA DICHIARAZIONI D’INTENTO Invio telematico della comunicazione dei dati relativi alle dichiarazioni d’intento ricevute, per le quali sono state emesse “per la prima volta” fatture senza IVA registrate per il mese di agosto (soggetti mensili). Tale termine va inteso quale “termine ultimo” e pertanto la comunicazione può essere inviata anche in un momento antecedente ancorché nel mese non sia stata emessa alcuna fattura connessa con le dichiarazioni d’intento ricevute. IRPEF RITENUTE ALLA FONTE SU REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Versamento delle ritenute operate ad agosto relative a redditi di lavoro dipendente e assimilati (collaboratori coordinati e continuativi e lavoratori a progetto – codice tributo 1004). IRPEF RITENUTE ALLA FONTE SU REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Versamento delle ritenute operate ad agosto per redditi di lavoro autonomo (codice tributo 1040).

MOD. IRAP 2013 Termine per l’invio telematico, diretto o tramite intermediari abilitati, del mod. IRAP 2013, relativo al 2012, di persone fisiche, società di persone e soggetti IRES con esercizio coincidente con l’anno solare. MOD. 730/2013 COMUNICAZIONE MINOR ACCONTO Richiesta al sostituto d’imposta di non effettuare o di calcolare in misura inferiore a quanto desumibile dal mod. 730-3/2013 la seconda o unica rata dell’acconto 2013. PARAMETRI ADEGUAMENTO Versamento dell’IVA sui maggiori ricavi/compensi da parte dei soggetti che si adeguano ai parametri per il 2012 (codice tributo 6493).

IVA ELENCHI “BLACK LIST” MENSILI Invio telematico del modello di comunicazione delle operazioni con soggetti aventi sede, residenza o domicilio in Paesi a fiscalità privilegiata per le operazioni, registrate o soggette a registrazione, di importo superiore a € 500, relative ad agosto (soggetti mensili). IVA RIMBORSO IMPOSTA ASSOLTA NELL’UE Presentazione all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, dell’istanza di rimborso dell’IVA assolta in un altro Stato UE relativa al 2012 da parte degli operatori residenti.

RITENUTE ALLA FONTE OPERATE DA CONDOMINI Versamento delle ritenute (4%) operate ad agosto da parte dei condomini per le prestazioni derivanti da contratti d’appalto/d’opera effettuate nell’esercizio di impresa o attività commerciali non abituali (codice tributo 1019 a titolo di IRPEF, 1020 a titolo di IRES).

AGENTI / MEDIATORI COMUNICAZIONE CCIAA Presentazione alla CCIAA della comunicazione per l’aggiornamento della posizione nel Registro delle Imprese / REA da parte di agenti /rappresentanti di commercio e mediatori.

IRPEF ALTRE RITENUTE ALLA FONTE Versamento delle ritenute operate ad agosto relative a: • rapporti di commissione, agenzia, mediazione e rappresentanza di commercio (codice tributo 1038); • utilizzazioni di marchi e opere dell’ingegno (codice tributo 1040); • contratti di associazione in partecipazione con apporto di lavoro (codice tributo 1040) e con apporto di capitale o misto (codice tributo 1030) se l’ammontare dell’apporto è non superiore al 25% del patrimonio netto dell’associante risultante dall’ultimo bilancio approvato prima della data di stipula del contratto.

INPS DIPENDENTI Versamento dei contributi previdenziali relativi al personale dipendente, per le retribuzioni maturate nel periodo di paga di agosto. INPS GESTIONE SEPARATA Versamento del contributo del 20% o 27,72% da parte dei committenti, sui compensi corrisposti ad agosto a collaboratori coordinati e continuativi, lavoratori a progetto, collaboratori occasionali, nonché incaricati alla vendita a domicilio e lavoratori autonomi occasionali (compenso superiore a € 5.000). Versamento da parte dell’associante del contributo dovuto sui compensi corrisposti ad agosto agli associati in partecipazione con apporto esclusivo di lavoro, nella misura del 20% ovvero 27,72% (soggetti non pensionati e non iscritti ad altra forma di previdenza). IMU L’art. 1, comma 1, DL n. 54/2013 ha disposto la sospensione dell’acconto IMU 2013 (in scadenza il 17.6.2013) con riferimento a specifiche categorie di immobili (abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, terreni agricoli e fabbricati rurali Se la Riforma della tassazione fiscale sul patrimonio immobiliare non è adottata entro il 31.8.2013, troverà applicazione la disciplina vigente ed il pagamento dell’acconto (sospeso) dovrà essere effettuato entro il 16.9.2013. ■

MERCOLEDÌ 25 SETTEMBRE

IVA COMUNITARIA ELENCHI INTRASTAT MENSILI Presentazione in via telematica degli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni / servizi resi e degli acquisti di beni / servizi ricevuti, registrati o soggetti a registrazione, relativi ad agosto (soggetti mensili). ■

ESTESA AGLI ELETTRODOMESTICI LA DETRAZIONE DEL 50% RELATIVA ALL’ACQUISTO DI MOBILI

In attesa della conversione in legge del c.d. “Decreto Energia”, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcune prime indicazioni relativamente alla detrazione del 50% riconosciuta per l’acquisto di mobili finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. In sede di conversione in legge, l’art. 16, comma 2, DL n. 63/2013 è stato modificato dal Senato prevedendo che le spese agevolabili sono individuate in quelle sostenute dal 6.6.2013 (data di entrata del Decreto in esame) e che l’agevolazione spetta, oltre che per l’acquisto di mobili, anche per l’acquisto di: • grandi elettrodomestici, purché rientranti nella categoria A+ o A per i forni; • apparecchiature per le quali è prevista l’etichetta energetica (ossia apparecchi a basso consumo); a condizione che gli stessi siano finalizzati all’arredo di un immobile oggetto di un intervento di recupero edilizio, per il quale il soggetto interessato usufruisce già della detrazione del 50%; Va evidenziato che l’importo massimo della spesa agevolata (€ 10.000), si aggiunge alla soglia massima di € 96.000 prevista per gli interventi di recupero edilizio. In particolare, l’Agenzia ha precisato che al fine di usufruire della detrazione del 50% per le spese relative agli arredi (ed elettrodomestici) i pagamenti devono essere effettuati con le stesse modalità previste per gli interventi di recupero fiscalmente agevolati, ossia esclusivamente mediante bonifico bancario ovvero postale dal quale risulti: • la causale del versamento attualmente utilizzata dalle banche / Poste per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione agevolati; • il codice fiscale del beneficiario della detrazione; • il numero di partita IVA / codice fiscale del soggetto beneficiario del bonifico.

IL “RECUPERO” DELLE RITENUTE SUBITE NEL 2012 DAI NUOVI MINIMI

I contribuenti che nel 2012 hanno aderito al “nuovo” regime dei minimi e che hanno subito (da parte di una banca) la ritenuta d’acconto del 4%, possono recuperare la stessa direttamente nel mod. UNICO 2013 PF. Infatti, l’Agenzia delle Entrate consente, “eccezionalmente”, di indicare la ritenuta subita nel campo del quadro RS destinato alle ritenute dei consorzi e di scomputarla nel quadro LM ovvero RN. Tale modalità consente di evitare di dover presentare l’istanza di rimborso, recuperando quindi più velocemente quanto trattenuto.

LUNEDÌ 30 SETTEMBRE

INPS DIPENDENTI Invio telematico del mod. UNI-EMENS contenente sia i dati contributivi che quelli retributivi relativi al mese di agosto. L’adempimento interessa anche i compensi corrisposti a collaboratori coordinati e continuativi/lavoratori a progetto, incaricati alla vendita a domicilio, lavoratori autonomi occasionali, nonché associati in partecipazione con apporto esclusivo di lavoro. MOD. UNICO 2013 Termine per l’invio telematico, diretto o tramite intermediari abilitati, del mod. UNICO 2013, re-

È AUMENTATA L’IMPOSTA DI BOLLO DOVUTA IN MISURA FISSA

Nell’ambito di un Decreto contenente, tra l’altro, disposizioni per il contrasto delle emergenze ambientali nonché per il sostegno delle aree colpite dal sisma di maggio 2012 e per la ricostruzione in Abruzzo, recentemente convertito in Legge, è disposto l’aumento dell’imposta di bollo dovuta in misura fissa. In particolare, a decorrere dal 26.6.2013, passa da € 1,81 a € 2 l’imposta di bollo dovuta sulle fatture relative ad operazioni non soggette ad IVA di importo superiore a € 77,47; l’imposta di bollo stabilita nella misura di € 14,62 aumenta a € 16.


p32-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

9:56

Pagina 32

Trasporto merci e autonoleggio

Quattro servizi in un unico pacchetto Un kit di assistenza su misura per gli Autotrasportatori dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova

Assistenza legale Rilascio dell’attestazione di capacità finanziaria Assistenza per l’accesso al mercato e alla professione Corsi di formazione per il rinnovo della Carta di Qualificazione del Conducente - CQC

Con il contributo della

Iniziativa realizzata nell’ambito del progetto Officina Artigiana 2013

Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani di Padova, Vincenzo Pugliese tel. 049 8206513 email: vincenzo.pugliese@upa.padova.it


p33-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

9:57

Pagina 33

Rinnovo CQC In partenza i corsi di Upa Formazione

Upa Formazione, grazie alla convenzione stipulata con il Consorzio Autoscuole Padovane, Centro d’istruzione con il quale ormai da anni vengono effettuati i corsi per recupero punti, organizza i corsi di rinnovo CQC (Carta di Qualificazione del Conducente). Cosa prevede la normativa

Come ogni Conducente saprà, la normativa sul rinnovo della CQC prevede la frequenza di un corso di formazione obbligatorio. La formazione è solo teorica ed ha una durata di 35 ore (non c’è esame finale).

Quando vanno rinnovate le CQC

Vanno rinnovate tutte le CQC: quelle per trasporto merci, per trasporto persone, e merci + persone. Le CQC trasporto solo persone e persone + merci rilasciate per documentazione scadono il 9 settembre 2013. La CQC trasporto solo merci rilasciata per documentazione scade il 9 settembre 2014. Anche se si frequenta il corso di rinnovo della CQC in anticipo rispetto alla scadenza, il rinnovo di 5 anni verrà comunque conteggiato a partire dalla scadenza effettiva della CQC; e precisamente: - le CQC PERSONE e PERSONE+MERCI verranno rinnovate fino al 9 settembre 2018. - la CQC MERCI verrà rinnovata fino al 9 settembre 2019. Le CQC non rilasciate per documentazione ma conseguite con esame scadono dopo 5 anni dal giorno del rilascio dell’attestato di partecipazione al corso.

Orari e sedi dei corsi

Il corso di formazione si dovrà tenere dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 22.00 per minimo 2 e massimo 6 ore al giorno ed al sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00. I corsi verranno effettuati sia presso la sede di Padova, sia presso alcune sedi territoriali con la possibilità di scegliere l’orario serale o diurno a seconda delle proprie esigenze.

Rimborsi Ebav

Si ricorda che solo frequentando i corsi organizzati da UPA Formazione i corsisti soggetti ad EBAV otterranno il rimborso totale del costo sostenuto (ad eccezione dell’IVA e fino ad esaurimento risorse).

Per informazioni e adesioni Unione Provinciale Artigiani di Padova, Vincenzo Pugliese tel. 049 8206513 e-mail vincenzo.pugliese@upa.padova.it

CONSORZIO AUTOSCUOLE PADOVANE


p34new-intrapr-n07-2013:Layout 1

1-08-2013

34

13:07

Pagina 34

26 LUGLIO 2013

FORMAZIONE

■ Le decorazioni “ritrovate” anche con l’intervento degli allievi di un corso di Upa Formazione

La Stefanini di Voltabarozzo verso il pieno “recupero” ono in fase di ultimazione i lavori di restauro della scuola Stefanini di Voltabarozzo. Gli allievi del corso di Upa Formazione “Tecnico Restauratore dei Beni Culturali” potranno così aggiungere un nuovo risultato a quelli già conseguiti negli anni scorsi. A dar merito al loro lavoro l’11 maggio scorso c’erano l’Assessore all’Edilizia Scolastica Claudio Piron e il Presidente della Funzione aziendale Formazione dell’Upa Giuliano Berto, che hanno presentato ai giornalisti le decorazioni tornate all’antico splendore. I dipinti esistenti sul vano scala e lungo il corridoio del primo piano risalgono alla metà del 1800 e sono ritenute di grande interesse artistico, culturale e storico. Indiscussi protagonisti della giornata sono stati i giovani restauratori che hanno partecipato, in qualità di stagisti, al “Laboratorio di Restauro”, iniziativa formativoprofessionale promossa dall’Amministrazione Comunale

S

e da UPA Formazione s.r.l., che rientra in un più ampio progetto finanziato dal Fondo Sociale Europeo. “Un’opportunità unica per i ragazzi – ha sottolineato Piron – che hanno potuto esprimere sul campo la loro creatività artistico-professionale, recuperando il soffitto dell’aula C della Villa utilizzando manufatti ed attrezzature a loro disposizione, previsti per poter svolgere l’attività didattica di “Laboratorio di Restauro”. Sarebbe molto importante sviluppare ancora di più queste collaborazioni, preziose per la crescita dei nostri giovani”. I lavori, per un importo previsto di cinquecentomila Euro, renderanno agibili anche i locali del primo piano. “Questo progetto è stata l’occasione per operare in sinergia con alcune amministrazioni padovane. Con il Comune di Padova collaboriamo dal 2007 – ha spiegato Berto – abbiamo restaurato la statua del

Giuliano Berto Presidente della Funzione Aziendale Formazione

Mazzini, la sala rinascimentale del Caffè Pedrocchi e la sala dei Nodari di Palazzo Moroni. Questo corso rappresenta certamente un caso emblematico di un modo di fare formazione che appartiene a pieno titolo al mondo artigiano. Anzi, direi che soltanto questa è la vera formazione artigiana: quella che mette insieme le conoscenze con le abilità. Un tempo, i futuri artigiani, si affidavano ai maestri e alle loro botteghe. Oggi la ricerca di competenze deve essere necessariamente più ampia: guardare alle sedi accademiche, alle scienze diffuse, alle aziende, ai centri di ricerca. E poi sperimentare. Il frutto di tutto questo cammino è visibile nei lavori della scuola Stefanini”.

Il corso prevede un percorso triennale che si conclude con un esame regionale e la qualifica professionale. Ogni

anno gli allievi svolgono 900 ore: 480 in aula (di cui 150 ore in cantiere didattico) e 420 di stage.

Attualmente Upa Formazione sta già programmando il nuovo corso in partenza nei prossimi mesi.

■ Dal 2007 il lavoro sui beni artistici è una della attenzioni più significative ormare figure professionali in grado di occuparsi del processo di restauro e di coordinarne le diverse fasi operative. È questo l’obiettivo del corso che Upa Formazione dedica all’arte del restauro. Per svolgere tale ruolo di collaboratore restauratore dei beni culturali bisogna conoscere a fondo non solo i contenuti progettuali, tecnici, tecnologici, gestionali e legislativi degli interventi ma anche le problematiche connesse con le tecniche esecutive e i materiali impiegati. Tale conoscenze verranno acquisite dagli allievi grazie alla guida di docenti altamente qualificati. Al fine di implementare le conoscenze e le abilità apprese durante le attività in aula, i partecipanti verranno inseriti in stage presso aziende del settore, affiancati da figure di riferimento esperte. Il programma didattico prevede : il restauro delle opere d’arte, sicurezza sui luoghi di lavoro, informatica: il ri-

F

Tutti i segreti di salvaguardia e restauro lievo architettonico, tecnologie costruttive dell’edilizia monumentale, storia dell’arte e del restauro, aspetti teorici del restauro e delle opere d’arte, il disegno pittorico, la chimica del restauro, tecniche diagnostiche, inserimento in azienda, lingua straniera applicata, laboratorio applicato di restauro di dipinti murali e materiali lapidei, stage aziendale. La durata del corso è di 900 ore. Per il 60% si tratta di attività pratica. Upa Formazione propone dal 2007 il corso di restauro, che realizza in parternariato con il Comune di Padova. Grazie a questa collaborazione, i partecipanti del corso ogni anno possono operare su siti e monumenti di sicuro interesse e pregio storico. Alcuni esempi? La statua di Mazzini situata nell’omonima piazza, la sala rinascimentale del Caffè Pedrocchi e la

sala dei Nodari di Palazzo Moroni. I partner del progetto metteranno inoltre a disposizione un laboratorio dotato di strumentazione scientifica per le analisi chimiche e la rilevazione del degrado. Il corpo docente del corso è costituito da figure di riconosciuta esperienza e competenza: docenti universitari, funzionari del Ministero dei Beni Culturali (Soprintendenze), restauratori e professionisti che operano nell’ambito della conservazione e del restauro, in possesso dei requisiti per l’insegnamento. Frequentando il corso di Upa Formazione, è possibile far riconoscere crediti da parte delle Università (da valutare sulla base della presentazione del piano di studi). Per informazioni: Upa Formazione, Cristina Blandini – tel. 049 8759777 – cristina.blandini@upa.padova.it – www.upa.padova.it


p35-39-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

18:19

Pagina 35

FLORMAT

26 LUGLIO 2013

35

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Importanti attenzioni degli operatori internazinali verso la 63a edizione del Flormat

Il rilancio del florovivaismo in Fiera a Padova lormart 2013, Salone internazionale del florovivaismo e del giardinaggio in Fiera a Padova, dall’11 al 13 settembre, si presenta per la 64esima edizione con importanti novità a sostegno delle aziende del comparto. E’ un Flormart sempre più internazinale grazie alla numerosa presenza di buyers stranieri provenienti da Russia, Polonia, Emirati Arabi, Svizzera, Turchia, Spagna e Brasile. Inoltre, PadovaFiere, ha ideato una particolare offerta per tutte quelle aziende che partecipano a Flormart 2013 e in collaborazione con Intesa San Paolo, ha deciso di offrire il pagamento dilazionato dello stand , fino a 12 comode rata a zero interesse. Novità di Flormart 2013 sarà Flormart Maver, che si pone nel panorama cone un vero e proprio salone nel salone dedicato alle macchine e attrezzature per la manutenzione del verde e il giardinaggio e per l’occasione sarà allestita un’area dedicata alle prove dinamiche su un percorso appositamente realizzato. Ma Flormart è anche momento per l’approfondimento delle tematiche di maggior attualità ed è per questo che la tre giorni padovana prevede un nutrito programma convegnistico e formativo. E’ il caso di T-Verde, il Salone del Verde Tecnologico nell’ambito del quale, sulla scia del successo riscosso nella precedenti edizioni, si terrà l’appuntamento che tradizionalmente Anche per questa edizione infatti “ ECOtechGREEN” si presenterà come importante forum internazionale per sintetizzare, in una giornata densa di contributi, le importanti anteprime che l’evento porterà in rassegna presentando in Italia, per la prima volta, progetti internazionali e nazionali appena realizzati o in fase di progetto. Per la prima volta poi, a Flormart, Federfiori partner storico del Salone, organizza una competizione di altissimo livello con i professionisti floreali più preparati d’Italia. Alla Kermesse, ha già confermato la sua presenza una selezione di regioni italiane tramite i suoi fioristi che daranno vita ad opere di

F

grande valore tecnico e artistico, nonché per bellezza e grandiosità. Ed è sempre in nome del Flormart 2013 che nasce il CESFI – Centro Servizi Florovivaismo italiano - e da dove parte il Tavolo programmatico di lavoro e concertazione che vuole promuovere un’attività organica di servizi d’informazione economica, visibilità e promozione per le aziende del comparto. Creando così un sistema di monitoraggio a disposizione delle azien-

de del florovivaismo e giardinaggio per supportarle durante questo momento di congiuntura economica instabile. Grazie ad una più fitta campagna promozionale non solo italiana ma anche estera, Flormart 2013 sta registrando importanti manifestazioni d’interesse di paesi non solo europei come Francia, Danimarca, Olanda e Germania, ma anche paesi dell’Est Europa come Polonia, Ucrania, Russia ed

emergenti come la Turchia. Paesi sempre più attenti al nostro made in Italy e al prezioso contributo delle nostre aziende impegnate nelle variegate tematiche legateal florovivaismo. Così come dimostrato al Flormart che ha saputo diventare anche momento per l’approfondimento delle tematiche di maggior attualità grazie al nutrito programma convegnistico e formativo. E’ il caso della gestione del verde urbano che vedrà l’espansione di quella che è l’evoluzione di T-Verde, il Salone del Verde Tecnologico che permette di far conoscere tutte le fasi di produzione dei sistemi proposti in esposizione, dalla progettazione all’implementazione del progetto, dall’integrazione delle componenti tecnologiche e florovivaistiche, alla rappresentazione esecutiva. Per questo, al Flormart, in un nuovo spazio, si terrà la cerimonia di consegna del Premio “La Città per il Verde”, iniziativa della casa editrice Il Verde Editoriale di Milano giunta alla 14a edizione. Il riconoscimento nazionale assegnato alle amministrazioni comunali e provinciali che si sono distinte per l’incremento e la gestione del patrimonio verde pubblico che si arricchisce, quest’anno, del premio speciale “Il Comune più ORGANICO”, dedicato agli enti che hanno attuato sul proprio territorio politiche informative e operative rivolte alla filiera riduzione-recupero-riciclo dei rifiuti biodegradabili e compostabili, patrocinato da Assobioplastiche, Cic – Consorzio italiano compostatori e Conai – Consorzio per il Recupero degli imballaggi. Da sempre però il punto di forza di Flormart è quello di essere il principale punto di incontro e di riferimento per il settore italiano del florovivaismo: in nessun’altra occasione è possibile da un lato ritrovare tutti i protagonisti della floricoltura e del vivaismo nazionale e internazionale, dall’altro valutare dal vivo la situazione del settore, con le migliori potenzialità per instaurare nuove relazioni commerciali, per rinsaldare quelle esistenti e per porre le migliori basi per il rilancio di tutto il settore


p35-39-intrapr-n07-2013:Layout 1

36

31-07-2013

18:19

Pagina 36

26 LUGLIO 2013

IMBALLAGGI

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Borse per la spesa prima e sacchi per l’umido poi, sono il principale segmento di destinazione

Il mercato delle bioplastiche rimane in crescita n crescita il mercato italiano delle bioplastiche compostabili. Il giro d'affari viene stimato in 370 milioni di euro per un volume di polimeri trasformati di poco inferiore alle 40mila tonnellate annue. A cosa servono le bioplastiche? Vengono utilizzate essenzialmente negli shopper (68%) che insieme ai sacchi per l'umido (16,8%) rappresentano il vero mercato per questa famiglia di polimeri. A seguire altri film (5,4%), articoli monouso (4%) e articoli stampati a iniezione (4,7%). Rispetto al 2011, si evidenzia una forte crescita del monouso (+55% anno su anno), anche grazie al traino delle Olimpiadi di Londra, e un incremento della raccolta dell'umido (+10%) grazie alla diffusione della differenziata. Pur restando il primo mercato di destinazione, gli shopper biodegradabili hanno un po’ rallentato il passo. E il futuro delle plastiche biodegradabili sembra strettamente legato alla piena entrata in vigore, con relative sanzioni, del divieto alla vendita dei sacchetti non biodegradabili e compostabili: per questo ulteriore passo si attende il via libera

I

dalla Commissione Europea, che sta valutando il provvedimento italiano alla luce della Direttiva imballaggi (il pronunciamento di Bruxelles, salvo sorprese, è atteso a settembre). Prendendo in considerazione il mercato interno dello shopper monouso, comprendente anche gli scambi commerciali, nel 2012 sono state consumate 126mila tonnellate di sacchetti, contro le 142mila tonnellate del 2011 e le 179mila del 2010. Un trend particolarmente interessante: tra le aziende italiane che producevano l'anno scorso sacchetti usa e getta in plastica, la metà è passata in tutto o in parte a prodotti compostabili, nonostante il mercato sia ancora dominato dal polietilene, sia additivato per essere biodegradabile, ma non compostabile (39mila tonnellate nel 2012), sia tal quale (31mila tonnellate), a fronte delle circa 27mila tonnellate di sacchetti in plastica compostabile. Il totale, pari a 97mila tonnellate, è ben al di sotto delle 145mila del 2010, segno che la messa al bando sta progressivamente erodendo la produzione nazionale.

Il mercato dell’Eps Dopo aver oscillato, dal 2009 al 2011, tra le 140mila e le 143mila tonnellate, per scendere a 141mila tonnellate nel 2011, i consumi di polistirene espanso sinterizzato (EPS) in Italia hanno segnato l'anno scorso una consistente flessione, toccando quota 125mila tonnellate. Tre le principali tecnologie produttive: blocco, preformati e perle sfuse. Due i principali settori applicativi: edilizia e im-

ballaggio. La flessione produttiva dell’11% circa è in linea con il difficile momento economico che sta interessando il nostro paese e che si riverbera anche sul settore delle materie plastiche. Il calo dei volumi trasformati interessa soprattutto l'edilizia, che passa da 90mila a 72mila tonnellate, a fronte di una sostanziale tenuta dell'imballaggio, fermo a 49mila tonnellate.

www.fabrisbox.com

costruzione imballaggi industriali in legno, pallet, commercio legname e legna da ardere Via Mestrino, 62 - Frazione Ronchi - 35010 Villafranca Padovana (PD) Tel. 049 9070343 &AXs% MAILINFO BIMBALLAGGIIT

abrisBox opera da 355 anni nel settore della log La FFabrisBox logistica isticaa con un vasto assorti assorti-mento di bancali in plastica, plastica, contenitori componibili inn plastica, cassettiere, azioni. pallets, paviment pavimentazioni. I nostri bancali di plastica sono prodotti che si rivolgono prevalentemente all'in all'in-dustria ed in particolare: ss BANCALIINPLASTICAPERILSETTOREALIMENTARE BANCALIINPLASTICAPERILSETTOREALIMENTARE e alla ll farmaceutica, f ti gra azie i alle ll versioni i i atossiche. t i h grazie ss BANCALIPLASTICARIVOLTIALLgECOLOGIA PERLARESISTENZA BANCALIPLASTICARIVOLTIALLgECOLOGIA PERLARESISTENZA ad acidi, grassi e solve enti. solventi. ss BANCALIINPLASTICAPERILTESSILEPERLOSTOCCAGGIO BANCALIINPLASTICAPERILTESSILEPERLOSTOCCAGGIO e la moviment azione ddi semilavorati e prodotti finiti movimentazione Ovunque esista esista una necessitĂ neceessitĂ  di stoccare, moviment aree e trasport are dei ma movimentare trasportare ma-teriali, sia liquidi che solid di. solidi. RRealizziamo ealizziamo delle soluzione soluzionne su misura di contenitori e bancali banncali plastica ove possi possi-bile, e personalizziamo il m materiale mediante serigrafia.

Via V ia Bolzani 104/a - 35020 MaserĂ M (P (Pd) d) - TTel. el. e 04 0499 71 711955 1955 o 862 8625541 25541 - FFax ax 04 0499 862528 86252877


p35-39-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

18:19

Pagina 37

IMBALLAGGI

26 LUGLIO 2013

37

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Nel 2012 il recupero di acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro è ulteriormente aumentato

C’è crisi, ma non per il riciclo L

a crisi si è fatta sentire nel settore degli imballaggi: nel corso del 2012 il calo dei consumi c’è stato. Eppure, il riciclo degli imballaggi non ha accusato il colpo, anzi. Lo scorso anno, il riciclo da raccolta differenziata urbana ha raggiunto in Italia i 3,5 milioni di tonnellate, pari a un punto percentuale in piĂš sull'anno precedente. Il dato è contenuto nel “Programma generale di prevenzione e di gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi Conai 2013â€?. Nel 2012, il recupero complessivo di imballaggi di acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro si è attestato al 75,3% dei quantitativi immessi al consumo (l’incremento percentuali rispetto all’anno precedente, per l’esattezza, si attesta all’1,2 per cento). Il riciclo complessivo, per circa la metĂ assicurato dal sistema Conai-Consorzi e per la restante parte da operatori indipendenti, è risultato pari al 65,6% dell'immesso al consumo. In oltre quindici anni di attivitĂ , sottolinea Conai, il riciclo dei rifiuti di imballaggio è cresciuto del 120 per cento.

Le previsioni per il 2013 sono in linea con i dati consuntivi del 2012: ulteriore calo dell'immesso al consumo e incremento della raccolta differenziata urbana e quindi dei conferimenti al sistema consortile, nonostante un ulteriore calo dei rifiuti urbani. Secondo uno studio di Althesys, nel 2012 sono stati pari a 1,6 miliardi di euro i benefici economici netti per l’economia nazionale derivanti dal riciclo gestito dal sistema Conai-Consorzi. Sempre l'anno scorso, i ricavi da contributo ambientale del sistema si sono attestati a 365 milioni di euro e i corrispettivi erogati ai Comuni per il ritiro degli imballaggi conferiti al servizio pubblico sono stati pari a 312 milioni di euro. Sono 180 milioni i ricavi per la valorizzazione dei materiali, mentre i costi per l'avvio a riciclo e recupero hanno toccato i 157 milioni di euro. Oltre l'87% delle risorse sono state quindi versate ai Comuni per i “maggiori oneri� della raccolta differenziata degli imballaggi e per le successive operazioni di avvio a riciclo-recupero.

fustelliďŹ cio srl Dal 1979 produzione di fustelle piane di tipo americano sia in legno che in plexiglas.

La nostra produzione non si limita alla costruzione della fustella ma anche allo studio e alla realizzazione di prototipi dando cosĂŹ un valido aiuto alla nostra clientela. Grazie all'uso della programmazione computerizzata ed alle successive fasi di lavorazione automatizzate possiamo garantire alta precisione e velocitĂ di esecuzione, il nostro ufďŹ cio tecnico è sempre a disposizione del cliente per ogni esigenza. 9LDGHOOD5HSXEEOLFDä/LPHQD3DGRYD 7HO)D[ LQIR#IXVWHOOLĆFLROHRULQLWDPPLQLVWUD]LRQH#IXVWHOOLĆFLROHRULQLW www.fustelliďŹ cioleorin.it


p35-39-intrapr-n07-2013:Layout 1

38

31-07-2013

18:19

Pagina 38

26 LUGLIO 2013

SERRAMENTI

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Il nostro mercato copre il 10% di quello europeo. Previsto a breve un aumento della produzione

Affacciati ad oltre 7 milioni di finestre inestre in legno, in Pvc, in metallo, legno/alluminio (con supporto in legno e rivestimento in alluminio), alluminio/legno (supporto in alluminio e rivestimento in legno), finestre per mansarde. E ancora, profili in legno, alluminio o Pvc, utilizzate in genere dalle unità produttive di minori dimensioni per la produzione della finestra completa. Un mosaico articolato e ricco di sfaccettature, quello del settore delle finestre e delle superfici vetrate. Un recente Rapporto realizzato dal Centro Studi Industria Leggera di Milano tratta della produzione e del consumo di finestre, porte-finestre e superfici vetrate nel mercato italiano. Il mercato italiano delle finestre viene stimato da Csil pari a circa 7,2 milioni di unità. Si tratta di poco meno del 10 per cento del consumo annuo di finestre in Europa (si parla di Unione Europea a 27 Stati), stimato in 75 milioni di unità. Il mercato della finestra in Italia ha perso circa il 30 per cento dei propri volumi di vendita nell’arco di circa cinque anni, ma l’analisi dello stock abitativo esistente, la demografia e le esigenze di risparmio energetico lasciano presagire un rapido ritorno a volumi di consumi nell’ordine di 10 milioni di unità annue. La domanda di finestre viene segmentata nel

F

rapporto per diversi parametri, fra i quali il grado di isolamento termico, la fono-assorbenza, i dispositivi antieffrazione, la ventilazione, la struttura distributiva, i meccanismi di apertura, l’area geografica. Viene identificata una stima di consumo di vetro nell’ambito del settore. Una diversa organizzazione della catena produttiva e distributiva unita a una significativa innovazione nella disponibilità di materiali e tecnologie innovative por-

teranno nei prossimi anni ad un rapido rimescolamento delle quote di mercato aziendali. Il commercio internazionale copre attualmente una quota minima sia di produzione che di consumo, ma significative sono sia le opportunità all’estero (ad esempio in Russia) che la possibilità di una maggiore presenza in Italia di aziende estere (Polonia, Romania, Germania).

Verniciatura LLegno Verniciatura egno Palazzin Palazzin nasce nel gennaio gennaio 1999 nella provincia Padova, grazie pr ovincia di P adovaa, g razie all'iniziativa di tre tre giovani giovani soci con ll’ambizione ’ambizione di affermarsi aff affeermarsi nel campo dellaa verniciatura verniciatura mobili e di migliorare di infissi, porte, porte, serramenti, serramenti, r miglio orare l'offerta l'off ffeerta prodotti soddisfare sempre cliente. con nuovi nuovi pr odotti per p soddisfar e sempr e il cl iente. V erniciamo e lacchia amo il legno legno anche con effetti effeetti par ticoVerniciamo lacchiamo particolar tinte al camp ione sia lucido che opaco; opaco o; utilizziamo larii e tinte campione inoltr tecnica de lla vverniciatura erniciatura all ’acqua si esterno inoltree la tecnica della all’acqua siaa per esterno che per interno interno e vernici ver e nici speciali. Ci dedichiamo infine infin ne alla verniciatura verniciatura del vetro: vetro: anche in questo settore quest o sett ore possiamo possiamo offrire offrire effetti eff ffeetti particolari particolari per soddisoddisfaree il gusto sfar gusto di ogni ogni nostro nostro cliente. cliente.

Ve r n i c i at u ra Le g n o Pa l a z z i n V i a l e S p a g n a , 1 3 Z o n a A r t . R o n c a i e t t e 3 5 0 2 0 Po n t e S . N i c o l ò ( P D ) - Te l . 0 4 9 7 1 8 1 7 4 - Fa x 0 4 9 8 9 6 7 6 6 1 - i n f o @ v e r n i c i a t u r a p a l a z z i n . i t


p35-39-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

18:19

Pagina 39

SERRAMENTI

26 LUGLIO 2013

39

PAGINA PUBBLIREDAZIONALE

Valore importante per il mercato nazionale, eppure qualche anno fa si raggiungevano livalli assai piĂš alti

Serramenti metallici a quota 1500 milioni I

l mercato dei serramenti metallici vale in Italia piÚ di 1.500 milioni di euro. Cifra ragguardevole, che segnala una realtà produttiva di prim’ordine e di grande successo. Eppure se oggi questa è la dimensione del settore, nel recente passato i numeri erano anche piÚ importanti. L’ufficio studi economici di Uncsaal, associazione di settore, ha rilasciato il rapporto sul mercato italiano

si è aggiunta, dal 2012, la forte crisi del mercato delle ristrutturazioni. Il rapporto sottolinea come, dal 2007, gli incentivi fiscali del 55% abbiano generato un fatturato aggregato di circa 20 miliardi di euro, di cui circa 8 miliardi per il settore dei serramenti nel suo complesso. L’impatto sul settore dei serramenti metallici è cre-

da dovuta alla riduzione del numero di operatori nel mercato. Si tratterebbe comunque di una ripresa disomogenea, potrebbero infatti persistere delle significative differenze tra grandi aziende e piccoli costruttori di serramenti e tra le diverse aree geografiche del paese. La conferma della misura del 55%, lo sblocco dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione e

l’allentamento del patto di stabilità degli enti locali indirizzerebbero la ripresa verso un tessuto virtuoso di imprese italiane che da anni hanno investito in qualità e in innovazione, altrimenti assisteremo, da un lato a pesanti ripercussioni industriali e sociali e dall’altro all’affermazione sul mercato di serramenti low-cost e di bassa qualità provenienti da mercati esteri. 3,$==2/$68/%5(17$ 3'

9LD0DHVWULGHO/DYRUR 7HO  )D[ (PDLOLQIR#VHUUDPHQWLU YVFRP VLWR ZZZVHUUDPHQWLUYVFRP

$]LHQGDVSHFLDOL]]DWDQHOUHVWDXURGLVHUUDPHQWL LQ OHJQR DWWLYLWj VYROWD GD ROWUH  DQQL FRQ SDUWLFRODUHFXUDHSURIHVVLRQDOLWjGDSHUVRQDOH HVSHUWR H PRWLYDWR596 IRUQLVFH XWLOL FRQVLJOL HVXJJHULPHQWLSHUFKpLOFOLHQWHSRVVDVRGGLVIDUH DOPHJOLROHVXHHVLJHQ]HFRQULJXDUGRDQFKH DOFRQWHQLPHQWRGHLFRVWL $WDOHVFRSRHIIHWWXDVRSUDOOXRJKL HSUHYHQWLYL JUDWXLWL  /HODYRUD]LRQLYHQJRQRHVHJXLWHWHPSHVWLYDPHQWH HLQPRGRGDULGXUUHDOPLQLPRRJQLHYHQWXDOH 5HVWDXUR([&RQYHQWR GLVDJLRSHULOFOLHQWH GL*DUJQDQRGHO*DUGD

dell’involucro edilizio: si evidenzia nel 2012 una contrazione del mercato dei serramenti metallici del 14% circa, la maggior contrazione osservata nell’ultimo decennio, che riporta il comparto alle cifre riscontrate nel 2002. II rapporto evidenzia come i serramenti metallici si stiuanoa avvicinando al punto piÚ basso della crisi: questo processo di avvicinamento durerà per tutto il primo semestre del 2013, nel quale si registreranno contrazioni dei ricavi nell’ordine del 5 per cento circa. Un dato è però assai significativo: dal 2008 ad oggi (quindi nell’ultimo quinquennio) il mercato dei serramenti metallici ha perso il 40 per cento del proprio valore, con una particolare accelerazione del decremento negli ultimi due anni a causa della contrazione della domanda nelle nuove costruzioni a cui

sciuto in modo rilevante nel corso degli anni e oggi le misure dell’agevolazione fiscale del 55% generano una domanda di serramenti metallici di circa 570 milioni di euro, che corrisponde al 37% del giro d’affari di questo settore. Riguardo al mercato delle facciate continue in Italia, il rapporto registra per lo scorso anno una flessione dell’8% rispetto al 2011 e colloca il valore a 494 milioni di euro. La crisi del settore delle costruzioni non residenziali, legata alla recessione che caratterizza il terziario avanzato e il commercio, ha portato al progressivo ridimensionamento di questo mercato che, nel biennio 2006-2008, era stato interessato da tassi di crescita estremamente positivi. In estrema sintesi, gli scenari per il secondo semestre 2013, potrebbero essere caratterizzati entrambi da una leggera ripresa dei ricavi medi per azien-

$YHUHGHLVHUUDPHQWL³VDQL´HULJHQHUDWLVLJQL¿FD YDORUL]]DUH LVHUUDPHQWLLTXDOLDFTXLVLVFRQR XQDQXRYDVLJQL¿FDWLYD SURVSHWWLYDGLGXUDWD HEHOOH]]D  PLJOLRUDUHODFOLPDWL]]D]LRQH HVWLYDHLQYHUQDOH GHJOLDPELHQWL PLJOLRUDUHOœLVRODPHQWRDFXVWLFR  PLJOLRUDUHVRVWDQ]LDOPHQWHODTXDOLWjGHOOœDELWDUH DFFHGHUHDOOHYLJHQWLDJHYROD]LRQL¿VFDOLSHU LOULVSDUPLRHQHUJHWLFR


p40-intrapr-n07-2013:Layout 1

31-07-2013

18:20

Pagina 40

CHIUSO DALL’11 AL 25 AGOSTO

Intraprendere Luglio 2013  

Mensile di informazione dell’ Unione Provinciale Artigiani Padova di luglio 2013

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you