Issuu on Google+

nidi e mangiatoie

N.04.03 2007-06

NIDI E RIPARI PER MAMMIFERI IL GHIRO

I ricci sono animali selvatici protetti. Sono animaletti lunghi 20-30 cm; come le istrici e gli ursoni, sono coperti di aculei, peli rigidi di color fulvo giallastro con bande scure all’estremità. Hanno abitudini notturne e abitano le campagne, i boschi, le zone cespugliose, le legnaie, gli anfratti naturali, costruendosi nidi di erbe o foglie secche, dove trascorrono l’inverno in letargo. Si tratta di animali sedentari, che si spostano per un raggio di poche centinaia di metri dalla loro tana. Sono utili nell’orto di casa in quanto si nutrono di lumache, piccoli roditori e di insetti in genere, inoltre vermi, rane, ghiande, bacche, lucertole; sono nemici delle vipere, che uccidono con grande abilità; il riccio non è immune al loro veleno, ma il suo manto lo protegge egregiamente dai morsi. La femmina, due volte l’anno, fra aprile ed agosto, dà alla luce dai 3 ai 7 piccoli. La loro vita dura circa 6 anni; 10, se tenuti in cattività. Si possono naturalizzare vicino alla propria abitazione, fornendo loro cibo e una casa-nido; se avete un posto sufficientemente isolato, basta che vi poniate uno dei nostri nidi, fatto di legno non trattato (i ricci hanno un olfatto molto sensibile). Accanto al ricovero vanno poste delle ciotole contenenti acqua e cibo. Una volta che le tana è stata preparata, se ci sono ricci nelle vicinanze, uno di loro riuscirà a scovarla e ne prenderà possesso; è sconsigliabile catturare ricci adulti, potrebbero essere femmine che hanno i piccoli in un’altra tana. Se però si trova un piccolo riccio delle dimensioni di un’arancia presso una strada, allora è possibile catturarlo e convincerlo ad insediarsi nella nuova casa. HEDGEHOG HOUSE

Nido - Riparo

I ricci spesso vanno a finire per ricci “Hedgehog in zona pericolosa come House” dentro ai garages o sotto cataste di legna. Questa casetta speciale fornisce un habitat sicuro per il letargo, per la riproduzione e protezione dai predatori, tutto l’anno. Costruito in legno di quercia e di larice, è un prodotto che dura nel tempo. La casetta ha un doppio tetto liscio per garantire un buon isolamento e protezione dalle intemperie, un pavimento rialzato per lasciare l’umidità all’esterno. Costruzione solida, per resistere a schiacciamenti o eventuali contatti con tosaerba di ogni genere. Inserire fogli di carta asciutti per ottimizzare le condizioni interne. Dimensioni alloggiamento principale (LxPxH): 43x38,5x19,5 cm. Peso 5,5 kg.

E’ un animale notturno. Costruisce il proprio nido sferico utilizzando muschio, foglie secche e frammenti di corteccia; generalmente utilizza dei grandi alberi per posizionare il nido, altre volte approfitta delle cassette nido per uccelli o altre cavità. E’ molto attivo, di solito su alberi ed arbusti posti ad una certa altezza (in Italia è diffuso in tutto il territorio, comprese le isole: nei boschi di collina e di montagna, più raro in pianura). Protezione esistente Specie tutelata dalla L. 11/02/1992, n. 157 in quanto considerata non cacciabile. E’ inoltre specie protetta dalla Convenzione di Berna (L. 5/8/1981, n. 503, in vigore per l’Italia dall’1/6/1982). STANDARD DORMOUSE BOX Un solido contenitore costruito in legno tenero Queste casette artificiali per ghiri sono il mezzo ideale per monitorare la riproduzione della specie. Questi box risultano perfetti allo scopo, in quanto ricreano gli habitat a disposizione di questi simpatici animaletti, favorendo la loro reintroduzione. Tuttavia, queste casette dovrebbero essere utilizzate soltanto se risulta che ci sono ghiri nella zona. Posizionate bene le casette, lontano da zone pubbliche, nei pressi di un Nido - Riparo per ghiri caprifoglio o di rami pendenti. “Standard Dormouse Box” Disponetele a circa 2,5 m da terra, su alberi o altri supporti adatti, con il foro d’ingresso rivolto verso il tronco o il supporto in genere, le due traversine, poste sulla facciata d’ingresso, servono a distanziare la casetta dal sostegno. Il ghiro sale sul tronco e sfrutta questo pertugio per entrare. Per appendere i box usate delle cordicelle, piuttosto che i chiodi, in modo da poterli rimuovere facilmente. HEAVY DUTY DORMOUSE BOX Costruito in legno multistrato molto robusto, spesso 2 cm Presenta un design diverso ma tutte le caratteristiche del modello Standard sopra descritto. Nido - Riparo per ghiri “Heavy Duty Dormouse Box”

CUPOLA PER RICCI Con pavimento isolante Questa casetta può essere molto utile a questo simpatico animaletto. E’ realizzata in segaturaargilla-cemento, materiale relativamente leggero e ottimo isolante, per una Cupola per ricci buona traspirazione e termicità, tanto che il riccio può occuparla tutto l’anno, anche durante l’inverno per il letargo. Dev’essere protetta dalle correnti d’aria, dall’insolazione diretta e dall’umidità, evitando che l’ingresso sia collegato direttamente a superfici erbose che di notte si inumidiscono. Dimensioni (cm): diam. interno 44, altezza 28, ingresso 10x10. Peso 16,7 kg.

Riccio

CODICE

Ghiro

DESCRIZIONE

N.24.300 Nido - Riparo per ghiri “Standard Dormouse Box” N.24.301 Nido - Riparo per ghiri “Heavy Duty Dormouse Box” N.24.302 Nido - Riparo per ricci “Hedgehog House” N.24.303 Cupola per ricci

s c u b l a a q u a c u l t u r e ˜ p r o d o t t i p e r u n a a c q u a c o l t u r a d i s u c c e ss o S t r a d a O s e l i n , 1 0 8 - 3 3 0 4 7 R e m a n z a c c o ( UD ) - Te l . 0 4 3 2 . 6 4 9 2 7 7 - F a x 0 4 3 2 . 6 4 9 2 7 9 - w w w. s c u b l a . i t - i n f o @ s c u b l a . i t

CAMPIONAMENTO ambientale AMBIENTALE campionamento

IL RICCIO O PORCOSPINO

n


nidi e mangiatoie

N.04.03 2009-10

NIDI E RIPARI PER MAMMIFERI NIDO PER SCOIATTOLI Lo scoiattolo comune (Sciurus vulgaris, Linnaeus 1758) appartiene alla famiglia degli Sciuridae, dell'ordine dei Roditori, della classe dei Mammiferi. Il peso va da 250 a 340 gr. Non c'è dimorfismo sessuale tra maschio e femmina, che presentano le stesse dimensioni. Si pensa che una coda così lunga sia utile allo scoiattolo nel balzare da un albero all'altro e nel correre lungo i rami, assicurandone l'equilibrio. Potrebbe inoltre avere una funzione termica, contribuendo a mantenere il calore del corpo durante il sonno. Durante le fasi di corteggiamento la coda serve come segnale ottico e viene sollevata e agitata in modo del tutto particolare. La colorazione del mantello è molto variabile e va dal marrone rossiccio al marrone scuro; queste diverse tonalità sembrano essere determinate da vari fattori legati al clima, alla copertura vegetale, all'alimentazione oltre che da fattori di tipo genetico. La parte inferiore del corpo è sempre bianca. DISTRIBUZIONE Lo scoiattolo vive in tutta l'Europa, predilige ambienti di collina e montagna fino ad un'altitudine di 2000 m s.l.m. Come agile arrampicatore, preferisce le foreste di conifere dove trova i suoi cibi preferiti da sgranocchiare come le pigne, ma non disdegna anche i boschi di latifoglie. Lo sciurus vulgaris è un animale agilissimo, arboricolo scende dagli alberi solo per cercare cibo o per spostarsi in un'altra zona dove corre velocissimo e con grande agilità. E' un animale diurno e apprezza molto i nidi artificiali non trovando cavità naturali. CONSERVAZIONE Quanto alla conservazione la specie soffre l’alterazione dell’habitat, cioè la deforestazione, gli incendi, ecc., ma un grosso pericolo incombente è rappresentato dalla competizione con altre specie simili introdotte, che risultano spesso più adattabili e aggressive. In Italia abbiamo lo scoiattolo grigio (Sciurus carolinensis), originario del nord America, che attualmente è presente in alcune aree del Piemonte e della Liguria, ma che si sta diffondendo e lo scoiattolo siamese (Callosciurus finlaysonii) per ora circoscritto solo in una piccola zona piemontese. Le popolazioni di queste specie alloctone andrebbero controllate, perché possono, in particolare la prima, provocare la rarefazione e anche la scomparsa dello scoiattolo comune, come è successo in gran parte della Gran Bretagna e dell’Irlanda, a seguito dell’espansione dello scoiattolo grigio.

Confortevole nido in legno massello di abete sp 20 mm. Ipregnato esternamente con sostanze naturali. Dotato di apertura laterale che ne permette una facile ispezione e la pulizia. Il nido è dotato di un'ampia camera interna dove gli scoiattoli portanno riprodursi e passare l'inverno. Dimensioni (cm): altezza 65, lunghezza 30, profondità 25, diam. foro d'ingresso 8 cm CODICE

Nido - riparo per scoiattoli

DESCRIZIONE

N.24.304 Nido - riparo per scoiattoli

MANGIATOIA PER SCOIATTOLI Graziosa mangiatoia in legno realizzata esclusivamente per scoiattoli. Infatti solamente loro potranno accedere al cibo sollevando il coperchio. In questo modo riuscirete a tenerli lontani dalle mangiatoie per uccelli, posizionatele quindi all'interno del giardino, ad una adeguata distanza da queste ultime. Riempitelo con noci, arachidi, pinoli, mais ecc..

Mangiatoia per scoiattoli

Dimensioni (cm): altezza 26.5, lunghezza 10, profondità 17.5 CODICE

DESCRIZIONE

N.41.107

Mangiatoia per scoiattoli

ALIMENTAZIONE DEGLI SCOIATTOLI Lo scoiattolo va ghiotto di nocciole, ghiande, noci, cortecce, gemme, pinoli, germogli e gemme e quando capita anche uova di uccelli, mentre mangia si aiuta con le zampette anteriori che trattengono il cibo. CURIOSITA' Lo scoiattolo non va in letargo durante l'inverno ma si limita ad alternare periodi di sonno prolungato con periodi di modesta attività per la ricerca del cibo. Immagazzina le eccedenze un po’ a caso in diversi depositi e durante l'inverno esce quasi ogni giorno dal nido per andare a prelevare un po’ del cibo che aveva accumulato, servendosi dell’odorato per ritrovare i suoi magazzini.

L’azienda si riserva il diritto di apportare eventuali modifiche senza obbligo di preavviso. Le foto ed eventuali disegni hanno valore puramente indicativo. scubla aquaculture distribuisce i propri prodotti in tutto il mondo e non si assume alcuna responsabilità, esplicita o implicita, per l’uso dei prodotti commercializzati. Si raccomanda al Cliente di consultare Leggi e regolamenti del proprio Paese, per verificare che sia permesso l’impiego dei prodotti che si intende acquistare, e tutte le eventuali limitazioni.

Scoiattolo Rosso

Scoiattolo fotografato con Scout Guard

Scoiattolo in alimentazione

Scoiattolo ripreso con fototrappola

s c u b l a a q u a c u l t u r e ˜ p r o d o t t i p e r u n a a c q u a c o l t u r a d i s u c c e ss o S t r a d a O s e l i n , 1 0 8 - 3 3 0 4 7 R e m a n z a c c o ( UD ) - Te l . 0 4 3 2 . 6 4 9 2 7 7 - F a x 0 4 3 2 . 6 4 9 2 7 9 - w w w. s c u b l a . i t - i n f o @ s c u b l a . i t

CAMPIONAMENTO ambientale AMBIENTALE campionamento

LO SCOIATTOLO

n


nidi per mammiferi