Page 1


RMET

STORIES

LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

2


RMET

STORIES

LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

3


RMET

STORIES

LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

4


RMET

STORIES

LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

5


6


7


“Sono nato due volte. La prima il 18 giugno 1969, in Albania. La seconda il 30 aprile 1997, dopo un incidente sul lavoro che mi ha causato una lesione midollare D6-D7. La seconda vita da paraplegico mi ha cambiato la prospettiva da cui ora guardo la realtà.”

Haki Achille Doku

Sono sposato con Enora, ho due figli – Mario,

ero un tipo piuttosto sedentario. Nel 2000 iniziai

5 anni, e Alissa, 2 – e una grande passione per le

con l’atletica leggera, poi provai l’hockey su ghiaccio,

sfide. Che sono un pazzo scatenato non aspetto

successivamente lo sci di fondo e infine ho scoperto

che me lo dicano gli altri: è vero, io devo sempre

l’handbike, un amore senza fine.

trovare una barriera da superare, che sia fisica o che

In mezzo a tante soddisfazioni, c’è stata la Para-

sia mentale. Do il meglio di me nelle difficoltà e mi

limpiade di Londra 2012. Sono arrivato penultimo

annoio presto quando tutto risulta facile.

nella mia gara. “Ma l’importante è partecipare!”,

Tanto per farvi un esempio: durante il mio ricove-

direte voi. “Partecipare un corno!”, dico io. Io mi ero

ro all’ospedale, subito dopo l’incidente, non potendo

preparato per cercare di fare un buon risultato.

alzarmi dal letto, chiesi agli infermieri il permesso

Nell’anno olimpico ero risultato tra i venti migliori

di... muovermi con il letto (quelli d’ospedale hanno

atleti mondiali. Poi un ricovero abbastanza grave a

RMET STORIES • LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

le rotelle) avanti e indietro per i corridori del mio re-

un mese dai Giochi compromise tutta la mia prepa-

parto. E non appena mi fu data la carrozzina, comin-

razione. Pazienza. Ora guardo avanti e penso a Rio

ciai a scervellarmi per inventare una tecnica con cui

2016, un altro sogno che sto preparando con grandi

scendere le scale su di essa. Ho scoperto lo sport

energia e grande fiducia in me stesso e da parte dei

solo dopo il mio incidente. Prima, a parte il lavoro,

miei sostenitori. 8


RMET

STORIES

LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

9


In realtà non mi reputo uno sportivo di alto

Muscles Endurance Training).

livello. Io faccio movimento per divertirmi, per

Io accettai di buon grado, perché apprezzo quan-

stare in forma, nei momenti di tempo libero

do si aiuta la ricerca e si promuove l’innovazione

che mi rimangono dopo il lavoro e la famiglia.

e poi perché sapevo che sentirmi parte di questo

E siccome devo essere bravo a sfruttare il poco

progetto e percepire sul mio corpo i cambiamenti mi

tempo che ho a disposizione, con SpiroTiger ho

avrebbe riempito di entusiasmo.

trovato un ottimo “compagno” d’allenamento.

Tuttavia, il primo impatto con SpiroTiger fu

RMET STORIES • LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

piuttosto ostico. Devo ammettere che usare lo

Tutto è iniziato da un contatto con il professore Luca Ardigò, della Facoltà di Scienze Motorie dell’U-

strumento seduti sulla carrozzina è particolarmente

niversità di Verona. Mi chiamò e mi propose di par-

impegnativo e faticoso, a causa della posizione che

tecipare a una ricerca scientifica sull’allenamento di

tende a mantenere il diaframma piuttosto chiuso e

resistenza dei muscoli respiratori (RMET: Respiratory

con limitata possibilità di movimento. 10


“Questo mezzo deve essere molto intelligen-

Imparai a usarlo con facilità e con una piacevolezza

te, perché agisce sul respiro. Oggi alleniamo

straordinaria. Da allora ho avuto benefici incredibili

tutti i tipi di muscoli, ma ci siamo dimenticati

e... non l’ho più mollato.

di allenare l’atto che dà origine alla nostra

Qual è il suo segreto?

vita”, pensavo dentro di me. E allo stesso tem-

SpiroTiger ha cambiato la mia qualità di

po mi scoraggiavo, perché io non riuscivo ad

vita da paraplegico, dandomi benefici mai

usarlo.

immaginati prima.

RMET STORIES • LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

Chi vive la mia stessa situazione sa che noi siamo

Desideroso di capirci qualcosa, mi misi a cercare informazioni su internet e non trovai nulla riguardo a

soggetti ad avere i piedi sempre gonfi, a causa della

casi di persone in carrozzina. Così pensai di scen-

ridotta circolazione. Molti miei amici paraplegici

dere dalla carrozzina e cominciare a usare lo Spiro

usano delle calze elastiche per evitare l’inconvenien-

sul divano di casa. Da quel momento cambiò tutto.

te. Da quando iniziai a usare SpiroTiger, scoprii che i 11


miei piedi non si gonfiavano più. Fui così tanto stupito che volli fare la prova del nove: per tre settimane smisi di allenarmi con lo Spiro. E alla fine i miei piedi tornarono a gonfiarsi. Ripresi lo Spiro, e il gonfiore sparì nuovamente. “Ma la ricerca la sto facendo per me o per gli altri?”, cominciai a domandarmi a quel punto. Poi capii che l’importante era sperimentare, provare. Anche se lo facevo solo per me, chiunque avrebbe potuto venirne a conoscenza e trarne gli stessi benefici. “Ma poi, mi crederanno davvero?”, pensavo dentro di me. Perché questi risultati erano davvero... incredibili! Un altro grande vantaggio dello Spiro per i paraplegici riguarda gli episodi di contrazione muscolare suscitati dalla lesione midollare. Notai subito che più usavo lo Spiro e più questi episodi si facevano rari, fino a sparire. Anche in questo caso, per essere certo che i bene-

scritto per ovviare ai problemi intestinali e di vescica

fici derivassero dallo strumento, ne sospesi l’uso per

tipici di un soggetto in carrozzina. Non dovrei dirlo

RMET STORIES • LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

un certo periodo e notai che le contrazioni tornarono

alle case farmaceutiche, altrimenti scoppierebbe un

come prima, nonostante l’uso di specifici medicinali.

caso politico, ma... perché riempirsi di sostanze che,

A proposito di medicinali: grazie allo Spiro, ho

negli anni, possono dare gravi effetti negativi al no-

smesso di ingollare ogni giorno la mia pastiglia quo-

stro corpo, quando potremmo evitare tutto questo

tidiana di ossibutinina che i medici mi avevano pre-

attraverso una sana ginnastica respiratoria? 12


Ovunque vada, ora porto lo Spiro sempre con me. Io, lo Spiro e la mia carrozzina. Ringrazio tutto lo staff di MVM Italia per avermi seguito in questo percorso e per avermi dato la possibilità di partecipare ai corsi di aggiornamento dedicati agli esperti. Ringrazio anche il dottor Ugo Monsellato, specialista in Medicina dello Sport, per il suo consulto in vista della 12 ore non-stop. Ringrazio il dottor Franco Molteni, il Dottor Maurizio Cazzaniga e tutto lo Staff del centro riabilitativo di Villa Beretta. Ringrazio il mio “maestro” Mario Severgnini che mi ha supportato nei primi passi con l’handbike: lui ci ha lasciato nel 2007 per un problema al cuore, ma ancora oggi ricordo con affetto i suoi preziosissimi consigli. Infine ringrazio la mitica Delia, che ogni volta mi rimettere in sesto con i suoi massaggi. La ricerca non si ferma e spero che chiunque E ancora: tutti sanno che la paraplegia comporta

legga questa intervista possa trarne giovamento a

una seria barriera a livello sessuale nella vita di cop-

sua volta.

RMET STORIES • LA GINNASTICA DEL RESPIRO RACCONTATA DA SPIROTIGER.IT

pia. Ebbene, lo Spiro mi ha donato notevoli benefici.

Per concludere, vorrei citare un proverbio:

Non voglio gridare al miracolo, ma la mia esperienza

una mela al giorno toglie il medico di torno.

con SpiroTiger è stata quella di una persona che ha

Che nel mio caso riadatto così: un respiro in

potuto migliorare in modo sensibile la qualità della

più al giorno toglie una medicina di torno.

propria vita.

Haki 13


14


15


RMET STORIES-Haki Doku  

RMET STORIES La ginnastica del respiro raccontata da spirotiger.it. Haki Doku, campione paralimpico di HandBike

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you