Issuu on Google+

PIANO

DI SVILUPPO

LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO

2009-2013 APPROVATO NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DELL’UNIVERSITÀ DEL

12/02/2010

1


PIANO

2

DI SVILUPPO

2009-2013

1

INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 8

1.1

Premessa del Presidente del Consiglio dell’Università . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 8

1.2

Strategia pluriennale nella didattica e nella ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 9

2

INDIRIZZO E LINEE GENERALI DI SVILUPPO DELL’UNIVERSITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 12

2.1

Profilo della Libera Università di Bolzano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 12

2.2 2.2.1 2.2.2 2.2.3 2.2.4 2.2.5 2.2.6 2.2.7 2.2.8 2.2.9 2.2.10 2.2.11 2.2.12

Linee generali di sviluppo della LUB per il quinquennio 2009-2013 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........13 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .........13 Didattica e ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 14 Plurilinguismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 15 Il posizionamento della Libera Università di Bolzano nel panorama locale e internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 15 Politiche per le risorse umane nella didattica e nella ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .........17 Studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........17 Comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 18 La Libera Università di Bolzano come datore di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 18 Organigramma e processi organizzativi interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 18 La personalità giuridica della Libera Università di Bolzano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 19 Ruolo dell’Università nel panorama dell’alta formazione in Alto Adige . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 19 La Fondazione Libera Università di Bolzano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 20

3

ITER, STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE E SITUAZIONE ATTUALE DELL’ATENEO.......... 21

3.1

Procedura seguita nell’elaborazione del Piano di sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 21

3.2

Convenzione finanziario-programmatica con la Provincia Autonoma di Bolzano . . . . . . . ........ 21

3.3

La Programmazione triennale 2007-2009 del MIUR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 22

3.4

Raggiungimento degli obiettivi del Piano quinquennale 2004-2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 22

3.5 3.5.1 3.5.2 3.5.3 3.5.4 3.5.5

Sviluppo accademico conseguito al 2008/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 24 Internazionalizzazione – situazione attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 26 Tirocini in Italia e all’estero – situazione attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 28 Laureati – situazione attuale . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 29 La Libera Università di Bolzano nei ranking nazionali e internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 30 L’attività di ricerca alla Libera Università di Bolzano – situazione attuale . . . . . . . . . . . . ........ 31


4

SVILUPPO DELLA DIDATTICA E DELLA RICERCA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... 33

4.1 4.1.1 4.1.1.1 4.1.1.2 4.1.1.3 4.1.2 4.1.3 4.1.4 4.1.5 4.1.6 4.1.7 4.1.8

Sviluppo generale della Libera Università di Bolzano entro l’anno 2013 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 33 Offerta formativa e crescita della popolazione studentesca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 33 Sviluppo dell’offerta formativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 33 Sviluppi previsti nella crescita dei posti di studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 35 Sviluppi previsti nelle iscrizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 35 Internazionalizzazione – sviluppi previsti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 37 Ricerca – sviluppi previsti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 38 Progetti interfacoltà . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 40 Lifelong learning . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 40 Sviluppo del plurilinguismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 41 Cooperazione e partenariato . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 42 Sviluppo della cultura della comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 43

4.2

Sviluppo delle facoltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 44

4.2.1 4.2.1.1 4.2.1.2 4.2.1.3 4.2.1.3.1 4.2.1.3.2 4.2.1.3.3 4.2.1.3.4 4.2.1.3.5 4.2.1.4 4.2.1.5 4.2.1.6 4.2.1.6.1 4.2.1.6.2 4.2.1.6.3

Facoltà di Scienze della Formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 45 Situazione della Facoltà al 01/01/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 45 Piano strategico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 45 Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 46 Sviluppo dell’offerta formativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 46 Evoluzione del numero degli studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 49 Sviluppo della formazione continua (LLL) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... 51 Evoluzione del numero di personale accademico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 52 Pianificazione degli spazi . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 52 Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 52 Centri di competenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 53 Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . .... 53 Collaborazioni locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 53 Collaborazioni nazionali . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 54 Collaborazioni internazionali . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 54

4.2.2 Facoltà di Economia....................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 55 4.2.2.1 Situazione della Facoltà al 01/01/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 55 4.2.2.2 Piano strategico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 55 4.2.2.3 Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 55 4.2.2.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 56 4.2.2.3.2 Evoluzione del numero degli studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 58 4.2.2.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 59 4.2.2.3.4 Evoluzione del numero di personale accademico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 60 4.2.2.3.5 Pianificazione degli spazi . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 60 4.2.2.3.6 Strategie per il “plurilinguismo” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 60 4.2.2.4 Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 60 3


4.2.2.5 Centri di competenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 4.2.2.6 Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale . . . . . . . . . . . . . ....... 4.2.2.6.1 Collaborazioni locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 4.2.2.6.2 Collaborazioni nazionali . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 4.2.2.6.3 Collaborazioni internazionali . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 4.2.3 4.2.3.1 4.2.3.2 4.2.3.3 4.2.3.3.1 4.2.3.3.2 4.2.3.3.3 4.2.3.3.4 4.2.3.3.5 4.2.3.4 4.2.3.5 4.2.3.6 4.2.3.6.1 4.2.3.6.2 4.2.3.6.3

61 61 61 62 62

Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 64 Situazione della Facoltà al 01/01/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 64 Piano strategico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 65 Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 66 Sviluppo dell’offerta formativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 67 Evoluzione del numero degli studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 69 Sviluppo della formazione continua (LLL) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 70 Evoluzione del numero di personale accademico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 70 Pianificazione degli spazi . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 71 Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ......... 71 Centri di competenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 71 Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale . . . . . . . . . . . . ........ 72 Collaborazioni locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 72 Collaborazioni nazionali . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 72 Collaborazioni internazionali . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 72

Facoltà di Design e Arti............ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 73 4.2.4 4.2.4.1 Situazione della Facoltà al 01/01/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 73 4.2.4.2 Piano strategico . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 73 4.2.4.3 Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 73 4.2.4.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 74 4.2.4.3.2 Evoluzione del numero degli studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 74 4.2.4.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 75 4.2.4.3.4 Evoluzione del personale accademico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 75 4.2.4.3.5 Pianificazione degli spazi . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 76 4.2.4.4 Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 76 4.2.4.4.1 Cosa intendiamo per ricerca (contesto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 76 4.2.4.4.2 Ambiti d’attività e metodologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 77 4.2.4.4.3 Orientamento locale, nazionale ed internazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 78 4.2.4.5 Centri di competenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 78 4.2.4.6 Plurilinguismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 78 4.2.4.7 Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale . . . . . . . . . . . . . ....... 79 4.2.4.7.1 Collaborazioni locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 79 4.2.4.7.2 Collaborazioni nazionali . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 79 4.2.4.7.3 Collaborazioni internazionali . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 79

4

4.2.5 4.2.5.1 4.2.5.2

Facoltà di Scienze e Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 81 Situazione della Facoltà al 01/01/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 81 Piano strategico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 81


4.2.5.3 Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 83 4.2.5.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 84 4.2.5.3.2 Evoluzione del numero degli studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 85 4.2.5.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 86 4.2.5.3.4 Evoluzione del numero di personale accademico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 88 4.2.5.3.5 Pianificazione degli spazi . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 88 4.2.5.4 Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 88 4.2.5.5 Centri di competenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 89 4.2.5.6 Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . .... 89 4.2.5.6.1 Collaborazioni locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 89 4.2.5.6.2 Collaborazioni nazionali . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 90 4.2.5.6.3 Collaborazioni internazionali ........ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 90

5

DIRITTO ALLO STUDIO, RAPPRESENTANZA E ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE . . . . . . . . . . ..... 91

5.1

Rappresentanza studentesca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 91

5.2

Le associazioni studentesche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 91

5.3 5.3.1 5.3.2

Orientamento e consulenza . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 92 Orientamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 92 Consulenza psicologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 93

5.4 5.4.1 5.4.2 5.4.3 5.4.4 5.4.5

Diritto allo studio . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 93 Borse di studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 93 Riconoscimento dei titoli di studio conseguiti presso atenei esteri - Sviluppi . . . . . . . . . . . . . ... 94 Alloggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 95 Mense . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 96 Studenti diversamente abili . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 97

6

RISORSE UMANE E STRUTTURE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... 98

6.1 6.1.1 6.1.2 6.1.3 6.1.4

Organizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 98 Organigramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 98 Processi organizzativi interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 98 Sviluppo della struttura amministrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 99 Sviluppo del Centro linguistico, del Centro di Competenza lingue, della Biblioteca e dell’I&CT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 99 Sviluppo del Centro linguistico . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 99 Sviluppo del Centro di Competenza lingue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 100 Sviluppo della Biblioteca . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. 101 Sviluppo dell’I&CT . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. 102

6.1.4.1 6.1.4.2 6.1.4.3 6.1.4.4

6.2 6.2.1 6.2.2

Risorse umane............................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 103 Personale accademico ............................................................................................................ 103 Personale tecnico-amministrativo .......................................................................................... 104

6.3

Sviluppo dell’edilizia universitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 105 5


Allegati Allegato 1 Proposta del Senato accademico sul profilo linguistico dell’Ateneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 108 Allegato 2 Proposta dei rappresentanti degli studenti in carica, su aspettative e prospettive degli studenti della Libera Università di Bolzano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 111

Indice tabelle e grafici

6

Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella Tabella

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51

corsi di studio e posti programmati nell’anno accademico 2009/2010 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 25 tirocini svolti nell’anno 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 29 lista dei Centri di competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 31 fondi esterni ed interni per progetti di ricerca – quinquennio 1993-2003 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 32 fondi esterni ed interni per progetti di ricerca – quinquennio 2004-2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 32 corsi riformati ai sensi del DM 270/2004 ..... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 33 evoluzione prevista nell’offerta formativa 2009-2013 secondo quanto proposto dalle facoltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 34 sviluppo previsto nei posti di studio nel periodo 2009-2013 secondo quanto proposto dalle facoltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 35 sviluppo previsto nel numero totale di iscritti secondo quanto proposto dalle facoltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 36 master e corsi di formazione e aggiornamento previsti per il periodo 2009-2013 secondo quanto proposto dalle facoltà ........... 41 sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze della Formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 46 sviluppo del numero dei posti di studio della Facoltà di Scienze della Formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 47 evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Scienze della Formazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 49 stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Scienze della Formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 50 evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Scienze della Formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 50 evoluzione personale accademico della Facoltà di Scienze della Formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 52 sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 56 sviluppo del numero dei posti di studio della Facoltà di Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 57 evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 58 stato attuale delle immatricolazioni ........... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 59 evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 60 evoluzione del personale accademico della Facoltà di Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 60 sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 68 sviluppo del numero di posti di studio della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 69 evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 69 stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 69 evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 70 evoluzione del personale accademico della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 70 sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Design e Arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 74 sviluppo nel numero di posti di studio della Facoltà di Design e Arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 74 evoluzione delle preiscrizione della Facoltà di Design e Arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 74 stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Design e Arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 75 evoluzione del numero complessivo degli studenti della Facoltà di Design e Arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 75 evoluzione del personale accademico della Facoltà di Design e Arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 75 sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze e Tecnologie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 84 sviluppo nel numero di posti di studio della Facoltà di Scienze e Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 84 evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 85 stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 85 evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Scienze e Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 86 evoluzione del personale accademico della Facoltà di Scienze e Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 88 studenti LUB con una borsa di studio ordinaria della Provincia Autonoma di Bolzano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 94 massimali borse di studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 94 borse di studio al merito per sede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 94 posti alloggio per sede e per anno accademico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 95 posti alloggio in relazione agli iscritti ......... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 96 pianta organica al 31/12/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...........103 numero di docenti di ruolo necessari secondo l’offerta formativa pianificata dalle facoltà fino al 2013 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..........103 personale tecnico-amministrativo in pianta organica al 31/12/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..........104 livello d’inquadramento del personale amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...........105 superficie disponibile per sede universitaria al 31/12/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..........105 incremento dello spazio nel quinquennio 2009-2013 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...........107

Grafico Grafico Grafico Grafico

1 2 3 4

iscritti per facoltà nell’anno accademico 2008/2009. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 24 sviluppo degli iscritti dall’anno accademico 2004/2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 24 immatricolati nell’anno accademico 2008/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 25 provenienza degli studenti 2008/2009 ........ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ 27


Grafico Grafico Grafico Grafico Grafico Grafico Grafico

5 6 7 8 9 10 11

immatricolati provenienti dall’estero 2008/2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 27 studenti in entrata e in uscita 2008/2009 ......... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 28 sviluppo previsto nel numero degli iscritti secondo quanto proposto dalle facoltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 36 sviluppo previsto degli iscritti nelle diverse sedi secondo quanto proposto dalle facoltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... 36 profilo scientifico della Facoltà di Scienze e Tecnologia nei 5 macrosettori.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 82 pasti erogati per sede universitaria ................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... 97 sviluppo delle collezioni, dell’utilizzo e dello staff . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... 101

7


PIANO

DI SVILUPPO

1

INTRODUZIONE

1.1

Premessa del Presidente del Consiglio dell’Università

Negli anni successivi alla fondazione, presso la Libera Università di Bolzano si è svolto un enorme ed ammirevole lavoro di costruzione. Già il Piano quinquennale 2004-2008, i cui punti sostanziali sono stati realizzati, costituiva una gigantesca sfida che l’intera comunità universitaria ha affrontato con grande impegno e tenacia. Il prossimo Piano quinquennale pone la comunità universitaria davanti alla sfida del tutto nuova di passare ad una fase di consolidamento, assicurazione di qualità e rafforzamento della ricerca. Il Consiglio dell’Università, nella convinzione che l’Ateneo debba assumere e rendere visibile la propria responsabilità nei confronti della società a livello sia locale che globale, si è confrontato intensamente con questo passaggio al prossimo quinquennio ed ha steso un documento programmatico che dimostra che, dopo una rapida fase di costruzione, l’impegno e l’entusiasmo non diminuiscono ma si concentrano fortemente sull’individuazione di obiettivi e linee guida che contraddistinguono positivamente questa ancor giovane Università. Per questo non può mancare, nel presente Piano di sviluppo, l’indicazione che tuttora non tutto ciò che viene dato oggi per scontato possiede una base giuridica e che, a causa del continuo e rapido cambiamento delle disposizioni di legge, nascono nuovi obblighi per i quali i regolamenti vigenti sono inadeguati e gli spazi di libertà dell’Università, nonostante l’ancoraggio alla Costituzione italiana ed allo stesso Statuto dell’Università, sono insufficienti. E’ un dato di fatto che in questa Università trilingue “tedesco” e “ladino”, come materie, sono considerate lingue straniere. Il fatto che la Facoltà di Scienze della Formazione, in questo contesto normativo, debba garantire la formazione degli insegnanti per tre differenti sistemi scolastici è un percorso da funambuli, anche considerando che le tre intendenze scolastiche, pur collaborando fruttuosamente, hanno esigenze molto diverse. Resta da sperare che in questo periodo di sviluppo si riescano a fissare i presupposti per ottenere e garantire uno spazio di creatività e manovra tale 8

2009-2013

per cui la formazione degli insegnanti possa avvenire in un quadro generale che corrisponda interamente ed effettivamente ai criteri di una formazione universitaria. Ciò è quanto richiede l’Università per potersi muovere come istituzione accademica, e quanto richiede anche la scuola, alla quale si affidano i giovani per 13 anni di formazione. Si tratta di rivolgere la dovuta attenzione all’interfaccia tra scuola e università. Al momento, molte domande riguardo alla formazione degli insegnanti rimangono aperte. L’approvazione di una disposizione speciale è sicuramente importante, ma non è possibile che si debba ottenere, per l’indispensabile necessario, la concessione di clausole speciali: si tratta piuttosto di avere la possibilità di garantire un’alta qualità dello studio a livello accademico, tenendo conto delle necessità della scuola. Nel corso degli ultimi anni la Facoltà di Scienze della Formazione si è guadagnata molti meriti attraverso la Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento secondario (SSIS). Non si trattava certo di un modello ideale e l’insegnamento della didattica generale sarà riproposto per il sesto anno consecutivo. Tuttavia a quanto pare non si attribuisce alcun valore scientifico alla didattica specialistica. Recentemente è stato pubblicato uno studio secondo il quale il livello di coloro che hanno conseguito il diploma di maturità è spesso definito carente. Un ulteriore studio denuncia la scarsa acquisizione della seconda lingua da parte degli studenti della scuola media inferiore e superiore. Sono dati da maneggiare con cautela, poiché costituiscono una media statistica. Certo è che l’Università non può essere investita del compito di colmare queste lacune. L’Università ha tuttavia il compito sociale di fornire formazione di alto livello e per questo impiega mezzi e metodi affinché agli studenti venga data la possibilità di procurarsi, nel corso degli studi, i requisiti per una formazione universitaria di alta qualità. Nel far questo punta su modelli e misure sviluppate grazie alle proprie competenze o su modelli scientificamente provati di altre università o istituzioni formative. L’Università cerca in vario modo di portare a compimento il proprio compito. I primi obiettivi sono quelli che il Rettore ha esposto nella sua introduzione alla pianifica-


zione strategica pluriennale della didattica e della ricerca; con la medesima chiarezza il Consiglio dell’Università ha indicato obiettivi concreti nella definizione delle linee guida. Il ruolo che la Libera Università di Bolzano si assume nella società attraverso lo sviluppo previsto per i prossimi anni vuole essere anche un segnale per il mondo politico. Ne fanno parte il passaggio da un rapporto di reciproca accettazione ad un partenariato con le università di Trento e Innsbruck, ne fa parte lo sviluppo di un programma universitario condiviso nell’Euregio, ne fa parte la nuova e straordinaria collaborazione con il Fraunhofer Institut finalizzata a rafforzare la ricerca applicata a beneficio dello sviluppo economico di questa terra, nonché la dimostrazione della competitività nel quadro del piano provinciale per la ricerca e l’innovazione. Da questo punto di vista, gli sforzi delle facoltà per offrire dottorati di ricerca costituiscono importanti investimenti, nonché la base per la formazione di giovani ricercatori che rappresenta, non solo presso questa Università ma anche in collegamento con il loro ateneo, la più importante risorsa per il futuro Importante premessa per il Piano di sviluppo dei prossimi anni mi sembra essere l’accorata affermazione del Rettore, secondo cui gli obiettivi di fondo vengono considerati come un processo di apprendimento comune all’intera comunità universitaria, che per questo è costantemente impegnata nel reciproco scambio e nel confronto. Per far questo, l’Università nel suo insieme, per realizzare il proprio sviluppo, necessita di opportunità e di spazi di libertà, rispetto ai quali si assume la piena responsabilità. Il processo di apprendimento condiviso, sviluppatosi positivamente nel corso degli ultimi anni nell’ambito dell’elaborazione del Piano di sviluppo, caratterizza il rapporto di collaborazione tra amministrazione ed accademia, tipico della particolare forma di governance di questa Università, e va continuamente perseguito e rinnovato. Avv. Hanns Egger Presidente

1.2

Strategia pluriennale nella didattica e nella ricerca

La Libera Università di Bolzano si trova in una regione europea culturalmente ricca, socialmente ed economicamente stabile e di grande richiamo per la bellezza del paesaggio. È un ateneo plurilingue ad orientamento internazionale, che rilascia titoli di studio universitari riconosciuti a livello nazionale ed internazionale nel rispetto dei relativi criteri di qualità. L’Ateneo svolge un particolare ruolo sociale, quello di elaborare “in prospettiva” temi scientifici nelle varie discipline presenti, prendendo in considerazione i diversi presupposti epistemologici, culturali, linguistici e giuridici. Per questa ragione l’Ateneo richiede al proprio corpo docente un impegno specifico a livello scientifico, didattico e sociale, trasmettendo agli studenti un “plusvalore” in termini di competenze linguistiche e interculturali, oltre alle conoscenze scientifiche. In questo modo si afferma il particolare profilo dell’Università, che realizza così quel principio istitutivo di universitas per un contesto plurilingue. Il numero equilibrato di studenti crea un clima di scambio personale e costante tra docenti e discenti, facilitando l’acquisizione di tali competenze e valori, complessi e ad alto valore didattico. La Libera Università di Bolzano si riconosce nel principio di libertà di scienza e insegnamento. Secondo questo principio, l’attività accademica ha l’obiettivo di fornire risposte a problemi locali secondo una prospettiva internazionale, trasmettendo conoscenze scientifiche in maniera didatticamente efficace e accessibile al territorio. Il lavoro fin qui svolto dalle cinque facoltà si riferisce complementariamente all’economia, alle scienze naturali e tecnologiche, all’informatica e alle principali questioni estetiche e socio-pedagogiche della collettività. I corsi di studio e i progetti di ricerca si ispirano a criteri di qualità internazionali e sono fortemente ancorati alla rete scientifica globale. I requisiti per lo svolgimento di queste prestazioni sono stati fissati nella fase costitutiva dell’Ateneo: l’Università dispone di tecnologie e di infrastrutture eccellenti, il finanziamento è stato fino ad oggi consistente e pianificato a lungo termine; il personale amministrativo, prevalentemente giovane, si dedica con interesse e competenza ai propri incarichi. Il collegio di professori 9


e professoresse delle più diverse nazionalità risulta essere un corpo accademico integrato, con corsi di studio puntualmente disegnati ed attuati anche grazie al ricorso a docenti a contratto selezionati con accuratezza e provenienti praticamente da tutte le parti d’Europa. Il presente Piano di sviluppo segna il passaggio dalla fase costitutiva ad una fase di consolidamento dell’Università. Da ciò deriva, che gli obiettivi di seguito indicati sono frutto diretto di una valutazione delle esperienze compiute, sia da parte delle facoltà, sia da parte del Consiglio dell’Università. Tale Piano comprende non soltanto una puntualizzazione dei principi generali formulati dal Consiglio dell’Università, concordati in base alle competenze accademiche presenti nelle facoltà, ma anche gli obiettivi di sviluppo che le singole facoltà si sono date nel quadro dei principi generali esistenti. In base ad un attento processo di consultazione è stato possibile, sia concepire tali indicazioni di sviluppo in un’ottica di fattibilità, sia identificare quegli aspetti strutturali ed organizzativi necessari alla loro realizzazione. Dal comune impegno per il raggiungimento degli obiettivi scaturisce un condiviso orientamento alla qualità, che permette di misurare lo sviluppo pianificato secondo criteri vincolanti, traendo dal processo di valutazione le necessarie conseguenze. Il risultato è una serie di temi centrali, trasversali a tutta l’istituzione, in grado di definire il profilo della Libera Università di Bolzano nel suo insieme. Tali temi vanno a costituire di fatto gli obiettivi centrali, alla realizzazione dei quali devono contribuire allo stesso modo tutte le parti in causa. Le singole iniziative, inserite nel presente Piano di sviluppo, riflettono di volta in volta i seguenti temi comuni: • un plurilinguismo applicato, la cui realizzazione rappresenta una sfida molto impegnativa per tutta la comunità universitaria, che richiede ancora nel dettaglio ulteriori sviluppi. Sono previsti miglioramenti nella preparazione propedeutica degli studenti, un più stretto riferimento dell’offerta didattica in ambito linguistico alle esigenze terminologiche specifiche delle facoltà, e un sostegno finalizzato al plurilinguismo dei docenti; • una crescita equilibrata del personale accademico a tempo pieno attraverso concorsi nazionali e “chiamate” internazionali. La Libera Università di Bolzano intende godere a pieno della propria autonomia 10

sia nell’ambito della riforma universitaria nazionale, sia in riferimento alle chiamate dall’estero, anche se in primo luogo si dovranno superare gli ostacoli concreti che il trasferimento in loco comporta; sviluppo dell’offerta didattica a tutti livelli. Nell’ottica della riforma di Bologna, tutte le facoltà dovranno offrire ogni livello formativo fino ai corsi di dottorato, così da permettere anche a potenziali interessati, che hanno conseguito una laurea triennale in altre università, di proseguire gli studi in Alto Adige; accento sui processi d’apprendimento orientati alle esigenze degli studenti e offerta formativa aperta ai cittadini nel senso del lifelong learning. L’Università intende sviluppare il progetto di una “università per ragazzi”, di una università accessibile ai diversamente abili e proposte formative per tutte le fasce età. Saranno realizzate forme più efficienti di partecipazione studentesca ai processi decisionali e saranno definiti più chiaramente diritti e doveri degli studenti; maggiore definizione degli ambiti prioritari di ricerca e sviluppo della infrastruttura a sostegno dell’attività di ricerca. All’Università sarà potenziato il Servizio centrale per la Ricerca e l’Innovazione, il quale avrà il compito di incrementare la percentuale di successo nell’acquisizione di fondi esterni per la ricerca e di gestire i progetti in maniera più efficiente, anche attraverso l’osservanza di criteri di qualità riconosciuti a livello internazionale; risposte più immediate alle esigenze della didattica e della ricerca nell’offerta di servizi e prestazioni da parte degli uffici preposti. I Servizi per la Didattica e la Ricerca dovranno potenziare i servizi secondo le esigenze delle facoltà; maggiore definizione del ruolo e degli obiettivi dell’Università nell’opinione pubblica, attraverso attività di pubbliche relazioni e attraverso una sua maggiore presenza nei mass media legata alla sua attività istituzionale; politiche per la qualità coordinate in tutti gli ambiti accademici. Saranno ampliate le competenze del Nucleo di Valutazione in collaborazione con gli uffici di riferimento, per fornire alla comunità accademica dati attendibili per il raggiungimento degli obiettivi fissati;


•

ulteriore sviluppo della cooperazione con gli atenei circostanti e con le istituzioni dedite a formazione e ricerca per l’elaborazione di una strategia territoriale sinergica in materia di formazione e ricerca.

Con queste indicazioni di sviluppo, la Libera UniversitĂ  di Bolzano si presenta come una istituzione formativa di riferimento a livello locale e internazionale, in grado di contribuire in maniera determinante ad uno sviluppo economico, tecnologico, sociale e culturale del territorio, che sia sostenibile. Prof. Walter A. Lorenz Rettore

11


2 2.1

INDIRIZZO E LINEE GENERALI DI SVILUPPO DELL’UNIVERSITÀ Profilo della Libera Università di Bolzano

Istituzione e missione La Libera Università di Bolzano è stata istituita il 31 ottobre 1997 quale ateneo plurilingue a vocazione internazionale. È un’istituzione non statale autorizzata a rilasciare titoli di studio universitari ai sensi della legge del 7 agosto 1990, n. 245, articolo 6, comma 1. La Libera Università di Bolzano promuove il libero scambio di idee e la conoscenza scientifica, collocandosi nella tradizione umanistica europea e ponendo a fondamento della convivenza il rispetto dei principi democratici. La vocazione internazionale si manifesta anche nel plurilinguismo e nella composizione internazionale del corpo accademico e della popolazione studentesca. La fiducia e il rispetto reciproci sono i valori che la Libera Università di Bolzano pone alla base del rapporto tra studenti e professori. Plurilinguismo Considerato il contesto storico regionale, la Libera Università di Bolzano si pone come fine l’orientamento plurilingue e internazionale della formazione. L’Università favorisce l’incontro tra le culture e le lingue del territorio, l’italiano, il tedesco e il ladino, incoraggiando, inoltre, a tutti i livelli, il dialogo interculturale. Una cura particolare è riservata alle lingue della regione, senza tuttavia trascurare la promozione dell’inglese, lingua veicolare della comunicazione scientifica internazionale. Didattica La Libera Università di Bolzano si profila quale centro di formazione personale continua e quale luogo d’incontro culturale, sociale e civile. Il progetto formativo prevede l’acquisizione di capacità analitiche oggettive e di facoltà interdisciplinari, nonché il trasferimento di competenze sociali e la maturazione di senso civico. L’insegnamento è caratterizzato da attività di tutorato a sostegno degli studenti. Le attività didattiche sono organizzate in piccoli gruppi, al fine di creare condizioni di studio ottimali e di consentire agli studenti di partecipare alle attività di ricerca. 12

La Libera Università di Bolzano considera importante l’acquisizione di competenze professionali e orienta in tal senso i piani di studio. Ricerca scientifica La Libera Università di Bolzano promuove la ricerca ai massimi livelli e si riconosce nel principio della libertà della ricerca scientifica e nell’unitarietà di ricerca e insegnamento. La comunità universitaria definisce le priorità rispetto alle quali intende raggiungere traguardi di eccellenza. I progetti interdisciplinari, internazionali e a rilevanza regionale godono di particolare sostegno. A tale riguardo, la Libera Università di Bolzano promuove la ricerca impegnandosi a sostenere in particolar modo i giovani ricercatori. Teoria e pratica Consapevole della propria responsabilità nei confronti della collettività, la Libera Università di Bolzano si riconosce in un ruolo di raccordo tra le teorie scientifiche e la loro applicazione, richiamandosi ai principi di uno sviluppo ecologicamente, socialmente ed economicamente sostenibile. In virtù delle continue innovazioni in tutti i settori scientifici, l’Università considera la formazione permanente un impegno vincolante. Principi etici della comunità universitaria La Libera Università di Bolzano è finanziata prevalentemente da risorse pubbliche. È dotata di autonomia amministrativa ed è soggetta al vincolo dell’autocontrollo. Nei rapporti interni, la comunità universitaria si attiene ai principi di lealtà, di fiducia, di tolleranza e di cooperazione. Le decisioni all’interno dell’organizzazione vengono assunte secondo il principio di sussidiarietà. La comunità universitaria considera importante le pari opportunità tra uomo e donna, nell’insegnamento, nella ricerca scientifica e nell’amministrazione. Considera, inoltre, la libertà accademica un impegno verso la collettività e verso se stessa. Si riconosce, infine, nel principio del plurilinguismo attivo nella ricerca, nella didattica e nell’amministrazione. L’Università è consapevole dell’importanza di una valutazione continua della propria attività scientifica, didat-


tica e amministrativa. Persegue questo fine servendosi di strumenti interni ed esterni.

2.2

Linee generali di sviluppo della LUB per il quinquennio 2009-2013

2.2.1

Premessa

Considerato il contesto storico, la Libera Università di Bolzano si pone come fine l’orientamento plurilingue ed internazionale della formazione. L’Università favorisce l’incontro tra le lingue e le culture del territorio, il tedesco, l’italiano ed il ladino, favorendo il dialogo interculturale. La Libera Università di Bolzano in quanto universitas percepisce se stessa non solo come centro formativo nel quale viene semplicemente trasmesso il sapere, ma anche come polo scientifico nel quale vengono creati saperi nuovi. Perciò didattica e ricerca non sono separabili. Negli ultimi decenni abbiamo assistito in Europa ad un progressivo ridimensionamento dell’impegno culturale delle università, dovuto ad una mercificazione della formazione universitaria e ad una crescente professionalizzazione dell’istruzione (in Germania e in Austria attraverso le cosiddette Fachhochschulen, istituti di formazione superiore post diploma caratterizzati da un forte orientamento all’avviamento professionale). In una istruzione di tipo professionale si tratta di saper fare, mentre una formazione di tipo culturale fa parte dell’essere. La cultura è di per sé un valore e non si esaurisce nell’accumulo dei saperi. La cultura, tuttavia, non necessariamente ha a che fare con l’istruzione. Proprio il “processo di Bologna” – con la sua standardizzazione dell’istruzione universitaria europea – ha condotto ad una maggiore burocratizzazione e scolarizzazione del sistema formativo della universitas. È questo anche uno dei motivi del disagio diffuso a livello europeo tra docenti e discenti; anche i disordini studenteschi che hanno caratterizzato il 2009 sono stati accompagnati sempre più di frequente dalla richiesta di ‘cultura’. Imparare a memoria contenuti e spuntare esami per raggiungere una qualifica professionale non basta a colmare il bisogno personale e sociale di cultura e formazione. Gli atenei – e tra loro la Libera Università di Bolzano – devono riuscire a realizzare le condi-

zioni quadro, e la sfida consiste proprio nel collegare il bisogno di cultura con una solida formazione. La Libera Università di Bolzano intende quindi differenziarsi da un approccio finalizzato alla mera istruzione, approccio che caratterizza le Fachhochschulen. L’interesse pubblico verso il sapere cresce costantemente. Si oscilla da una fobia per la scienza e per la tecnica ad una fiducia irrazionale nella scienza e nella tecnica. La strada da percorrere può essere solo quella di ampliare e di analizzare continuamente il nostro sapere attraverso l’attività di ricerca, mettendolo poi a disposizione degli studenti e della società attraverso l’insegnamento e altre iniziative idonee, nel percorso comune verso la conoscenza. La sfida, nel secondo decennio della Libera Università di Bolzano, sarà perciò quella di integrare tra loro l’istruzione, la formazione permanente, la cultura e la ricerca. La Libera Università di Bolzano adempie alla funzione sociale di sviluppare, in quegli ambiti formativi determinanti per la realtà locale, corsi di studio e progetti di ricerca al livello qualitativo più alto, dando così impulso e direzione alla crescita scientifica, culturale, economica e sociale della collettività. Adempie al proprio ruolo affrontando le esigenze locali, che sono il risultato della particolare costellazione di fattori culturali, geografici e politici, rispondendo a tali esigenze secondo criteri di qualità riconosciuti a livello internazionale e offrendo così agli studenti e al territorio le competenze per un superamento lungimirante e sostenibile delle sfide alle porte. Poiché non preesisteva in provincia alcuna istituzione universitaria e poiché i vicini atenei si sono sviluppati nei rispettivi territori di riferimento con modalità differenti, la Libera Università di Bolzano si trova a dover svolgere un compito pionieristico. Ciò significa che: • deve tuttora conquistare un ampio riconoscimento del proprio ruolo nel contesto sociale nel quale è inserita; • deve sviluppare un proprio profilo che si ricolleghi all’idea base di università, reinterpretandola però alla luce della propria particolare situazione; • deve vincolare a questa funzione particolare un collegio accademico in linea di massima eterogeneo, 13


incentivando l’impegno per la sua realizzazione; deve sviluppare infrastrutture e forme di governance che siano funzionali a questo compito complesso, permettendo uno sviluppo mirato, dinamico e sostenibile. Da queste considerazioni ne consegue per la Libera Università di Bolzano che deve sì rifarsi a modelli consolidati, ma in via di principio devono essere percorse nuove vie che assicurino un processo di sviluppo sostenibile. Ciò richiede soprattutto: • la possibilità che lo sviluppo venga concepito come un processo d’apprendimento; • il pieno utilizzo delle potenzialità comunicative date ad una istituzione relativamente piccola, giovane e multiculturale; • una definizione chiara ed affidabile delle condizioni quadro nelle quali tale sviluppo può realizzarsi (risorse, situazione giuridica, attribuzione delle competenze). •

2.2.2

Didattica e ricerca

Per la definizione del proprio profilo e per il raggiungimento degli obiettivi strategici, anche in relazione ai particolari bisogni espressi dal territorio, la Libera Università di Bolzano necessita di un adeguato margine di manovra nella formulazione della propria offerta didattica. L’Ateneo si concepisce quale luogo di formazione personale continua e quale luogo di incontro culturale, sociale e civile. Nel corso del primo decennio di vita della Libera Università di Bolzano, lo sviluppo e l’ampliamento dell’offerta didattica hanno costituito la massima priorità. Nel corso dei prossimi cinque anni, l’offerta didattica esistente presso la Libera Università di Bolzano dovrà perciò essere continuamente sottoposta a verifiche sulla qualità, dovrà essere valutata la sua rilevanza per il territorio ed i corsi proposti dovranno essere adeguati ai requisiti normativi e ai fabbisogni formativi della società. Si constata e si osserva positivamente, che il decreto ministeriale 270/2004 offre maggiori possibilità rispetto al passato di autonomia progettuale dell’offerta didattica. Sussiste, inoltre, la possibilità di adeguare, nel tempo e in considerazione dei contatti con il mondo del lavoro, i corsi di studio e i relativi contenuti, anche se tali aggiustamenti possono essere intrapresi o attraverso una riformulazione corrispondente dell’ordi14

namento didattico oppure attraverso un adeguamento del corso di studi, qualora questo sia comunque conforme al profilo generale dell’ordinamento didattico. Alla luce dell’applicazione delle norme del decreto 270/2004, saranno presi in considerazione i seguenti obiettivi: • progettazione di corsi di studio in base a rilevazioni fondate dei fabbisogni formativi in collaborazione con i rappresentanti degli ordini e delle categorie professionali, pieno utilizzo delle opportunità date dalla legge nell’attivazione dell’ordinamento didattico e dei regolamenti dei corsi di studio; • nell’attivazione di corsi di studio: interazione con le scuole superiori (firma di particolari convenzioni per l’orientamento dei potenziali candidati, anche attraverso una valutazione delle conoscenze linguistiche d’ingresso nel passaggio scuola/università); • prima dell’immatricolazione degli studenti: organizzazione di corsi propedeutici agli esami di ammissione, pubblicazione delle modalità e delle conoscenze richieste per i test d’ammissione; • dopo l’immatricolazione degli studenti: organizzazione di lezioni per il recupero dei debiti formativi; • durante lo studio: gestione efficiente della carriere universitaria ed interazione con il mondo del lavoro; • a studi terminati: orientamento dei laureati, AlmaLaurea e interazione con gli uffici competenti per il mercato del lavoro; • analisi dell’offerta formativa attraverso valutatori esterni esperti di qualità. Nuovi eventuali corsi di studio saranno approvati – nei limiti della disponibilità economica – solo se corrisponderanno ai fabbisogni formativi del territorio e costituiranno quindi un valore aggiunto per l’Alto Adige. I corsi di studio, che per diversi anni non dovessero raggiungere gli obiettivi e i numeri attesi in termini di iscritti, saranno soppressi dal Consiglio dell’Università. Nell’attivazione di nuovi corsi di laurea sarà necessario avvalersi maggiormente dello strumento del double, multiple o joint degree. Da una parte al fine di offrire nuovi corsi ottimizzando le risorse (docenti, infrastrutture, etc.) e sostenendo l’internazionalizzazione della didattica (per esempio con scambi di docenti e studenti), e dall’altra per ampliare il riconoscimento internazionale dei titoli di studio rilasciati.


Nel periodo al quale si riferisce il presente Piano di sviluppo saranno attivati presso tutte le facoltà esistenti corsi relativi ai tre livelli di istruzione universitaria (laurea, laurea magistrale, dottorato di ricerca), anche nel quadro della cooperazione internazionale. L’offerta didattica della Libera Università di Bolzano deve essere fondamentalmente trilingue. La Libera Università di Bolzano promuove la ricerca ai massimi livelli e si riconosce nel principio della libertà della ricerca scientifica e nell’unitarietà di ricerca e insegnamento. Sul fronte della ricerca la Libera Università di Bolzano ha necessità di recuperare terreno; per questo motivo tale Piano dà particolare risalto a questo ambito. Entro un anno dall’approvazione del presente Piano, le facoltà dovranno definire i punti chiave della propria attività di ricerca e fissare le priorità. Le facoltà dovranno raggiungere livelli di eccellenza in questo campo. A sostegno di queste misure dovrà essere sviluppato un sistema efficiente di management della ricerca all’interno dell’Università, che tra l’altro sostenga l’acquisizione di incarichi, segua l’iter amministrativo dei singoli progetti e accompagni la loro valutazione interna. I progetti finanziati del tutto o in parte con fondi interni devono essere valutati ex ante, in itinere ed ex post. L’immagine della Libera Università di Bolzano dipende anche dai contenuti, dalla qualità e dai risultati dell’attività di ricerca praticata. È pertanto da promuovere un’adeguata visibilità di tali risultati a livello locale, nazionale ed internazionale. Le attività di ricerca dei singoli professori/ricercatori e delle singole facoltà devono essere adeguatamente inquadrate e soppesate. I criteri da rispettare saranno fissati dal Senato accademico ed approvati dal Consiglio dell’Università entro un anno dall’approvazione di questo Piano di sviluppo. I singoli professori e ricercatori sono tenuti a procurare, per la propria attività di ricerca, finanziamenti esterni a livello locale, nazionale ed internazionale. E’ necessario introdurre incentivi in questo senso. La Libera Università di Bolzano sostiene e incoraggia in particolar modo le nuove leve della scienza.

2.2.3

Plurilinguismo

La tutela delle lingue territoriali (italiano, tedesco e ladino) è un fondamentale impegno della Libera Università di Bolzano, tanto quanto la promozione della lingua

inglese quale lingua franca del mondo scientifico internazionale. Il modello del trilinguismo (italiano, tedesco e inglese) costituisce una caratteristica unica che rende particolare il profilo della Libera Università di Bolzano. Il principio del trilinguismo si riferisce all’intera comunità universitaria, dalla quale ci si aspetta che conosca tutte e tre le lingue almeno passivamente. L’offerta formativa relativa ai corsi di laurea deve tenere conto in maniera equilibrata di tutte tre le lingue. Anche nei corsi di laurea monolingui per la formazione degli insegnanti, accanto alla formazione nella madrelingua, si dovrà puntare con maggior forza al plurilinguismo (seconda lingua e lingua inglese). Il principio del modello trilingue vale anche per i corsi di laurea magistrale; sarà possibile distanziarsene solo in caso di double, multiple o joint degree, quando la collaborazione con altre università renda ciò necessario. I master annuali di primo e secondo livello potranno tenersi anche in una sola lingua; in ogni caso l’offerta complessiva di master presso la Libera Università di Bolzano dovrà rispecchiare il modello trilingue. I dottorati di ricerca non devono rispettare alcun regolamento per quanto riguarda la lingua. Tuttavia va perseguito l’obiettivo di raggiungere in tutte e tre le lingue (italiano, tedesco e inglese) un livello di competenza linguistica comparabile al livello B1. L’ampliamento del trilinguismo e la promozione del plurilinguismo vengono supportati dal Centro linguistico e dal Centro di Competenza lingue.

2.2.4

Il posizionamento della Libera Università di Bolzano nel panorama locale e internazionale

La Libera Università di Bolzano è – come già sostenuto nel paragrafo precedente – un ateneo plurilingue ad orientamento internazionale, nel quale le lingue tedesca e italiana rappresentano un requisito fondamentale per il contatto con il territorio, mentre l’inglese risponde all’esigenza di collegamento internazionale. La lingua ladina è da considerare prioritaria in tutti gli ambiti tematici dell’area culturale di riferimento e rappresenta, con la sezione ladina, una caratteristica unica della nostra università. È necessario perseguire un rapporto paritetico tra le tre lingue (tedesco, italiano e inglese) nella didattica e nella ricerca, così come una conoscen15


za almeno passiva di tutte e tre le lingue tra coloro che appartengono alla comunità universitaria (studenti, docenti, amministrativi). Bisogna introdurre, inoltre, iniziative di supporto o incentivi al plurilinguismo, così come nelle chiamate vanno presi in considerazione elementi che favoriscano un inserimento del corpo accademico nel tessuto sociale locale. Didattica. A partire dalle dichiarazioni contenute nel profilo della Libera Università di Bolzano, l’Ateneo si percepisce quale luogo di formazione universitaria, personale e continua. L’offerta didattica deve essere concordata e deve corrispondere alle esigenze ed ai fabbisogni del territorio; al tempo stesso non deve trascurare la competitività dei laureati. Lo strumento del double, multiple e joint degree (laurea doppia e congiunta) con università estere deve essere maggiormente impiegato nell’offerta didattica sia per ragioni legate al riconoscimento internazionale del titolo, sia per una condivisione dei costi. Inoltre è da rafforzare la mobilità internazionale, per far convergere in loco nuovi saperi in circolazione a livello internazionale. In linea di principio bisogna favorire una maggiore apertura dell’Università e della didattica attraverso corsi di aggiornamento/specializzazione mirati a diversi gruppi professionali (ad esempio insegnanti, farmacisti, veterinari, etc.) e d’età (ad esempio ragazzini, seniores). Questa apertura si concretizza in un accesso facilitato (sia in termini di tempo, sia finanziari) e non burocratico alle singole lezioni, o a iniziative particolari, adeguatamente pubblicizzate. E’ necessario sostenere, in accordo con gli insegnanti delle scuole superiori, un avvicinamento degli scolari all’offerta formativa dell’Università sin dall’età di 16 anni. La Libera Università di Bolzano, nello specifico ogni facoltà, organizzerà inoltre ogni anno alcune lezioni aperte al pubblico (public lecture), in modo che i cittadini interessati vi possano partecipare gratuitamente e senza iscriversi. Nell’ottica di un apprendimento permanente di livello universitario, va attribuita assoluta priorità a corsi che si concludono con il rilascio di un titolo di studio universitario riconosciuto. Le esperienze durante gli studi ed i reali sbocchi professionali dei laureati vanno sistematicamente rilevati e presi in considerazione, insieme alla risposta che viene dal territorio, nel pianificare e nel migliorare l’offerta didattica. 16

Ricerca. Fermi restando i principi fondamentali del profilo della Libera Università di Bolzano riguardo a ricerca scientifica, teoria e pratica, va rafforzata, oltre alla necessaria ricerca di base e all’interesse per la ricerca curiosity-driven, la ricerca orientata al fabbisogno locale. A tale proposito è necessario stabilire delle priorità e un accordo/intesa sugli obiettivi con gli enti dediti alla ricerca presenti a livello locale, per evitare ridondanze e per concordare sinergie. Il “fabbisogno” di ricerca deve essere rilevato e tematizzato nell’ambito di una piattaforma congiunta tra tutte le istituzioni di ricerca. Una buona ricerca regionale orientata ai fabbisogni territoriali non esclude riconoscimenti a livello internazionale. Collaborazioni. Sia per la didattica e la formazione permanente, sia per la ricerca è necessaria una maggiore collaborazione della Libera Università di Bolzano con istituzioni e agenzie formative e scientifiche dell’Alto Adige – quanto meno per la rilevazione dei fabbisogni e per l’ottimizzazione dell’offerta. Questa collaborazione può realizzarsi a diversi livelli: a) facendo affidamento all’organo statutario della Consulta Universitaria per l’indirizzo strategico della collaborazione, la rilevazione dei fabbisogni e l’individuazione dei principali obiettivi. I principali stakeholder del territorio sono, infatti, in essa rappresentati, per cui è possibile attingere al loro expertise e raccordarvisi; b) stabilendo una collaborazione duratura e pianificata, attraverso la ratifica di convenzioni, generali o limitate ad ambiti stabiliti, con istituzioni e agenzie formative e scientifiche dell’Alto Adige; c) grazie a collaborazioni a progetto specifiche tra personale di ruolo della Libera Università di Bolzano e collaboratori di istituzioni ed enti formativi e scientifici dell’Alto Adige, all’insegna di una partnership paritetica. Presupposto fondamentale per la collaborazione è il riconoscimento reciproco ed il rispetto dell’autonomia istituzionale, dell’indipendenza e degli obiettivi istituzionali dei vari enti e agenzie formative e scientifiche dell’Alto Adige, inclusa la Libera Università di Bolzano. Un particolare riguardo merita la collaborazione con le vicine università di Trento e di Innsbruck, al fine di realizzare uno spazio comune della didattica e della ricerca nell’ambito dell’Euregio.


2.2.5

Politiche per le risorse umane nella didattica e nella ricerca

Per dare concretezza alle linee guida strategiche e per realizzare gli obiettivi, l’Università deve reclutare ricercatori e professori. La Libera Università di Bolzano ha la possibilità, giuridicamente fondata, di chiamare dall’estero fino al 70 per cento del proprio personale docente. In futuro questa possibilità di effettuare chiamate dirette (tramite “Expression of Interest”) dovrà essere utilizzata almeno per il 50 per cento del personale di ruolo (professori e ricercatori). Il tutto nell’ottica di assicurare l’internazionalità e il plurilinguismo dei professori della Libera Università di Bolzano. Il Consiglio dell’Università regola le modalità dei procedimenti di assunzione nell’ambito della pianificazione annuale delle risorse. Oltre ai procedimenti di assunzione attualmente in uso, si dovrebbero utilizzare quelle possibilità di reclutamento che prevedano la creazione di cattedre a tempo determinato su base pluriennale, garantendo così una continuità nella didattica e nella ricerca pur contando su personale a tempo determinato. È nell’interesse della Libera Università di Bolzano assumere ricercatori e professori di ruolo qualificati, motivati e con una buona reputazione internazionale. Questo interesse si concretizza nella cosiddetta “indennità LUB” che viene concessa a ricercatori e professori a prescindere dalla procedura di assunzione. La Libera Università di Bolzano si aspetta tuttavia un impegno correlato e nel trattamento economico introdurrà sempre più criteri orientati ai risultati. In futuro l’indennità non sarà più legata solamente alle competenze linguistiche di professori e ricercatori, ma anche alla quantità e qualità della loro didattica, alla qualità della ricerca, all’entità ed al numero dei progetti di ricerca, all’entità dei finanziamenti esterni acquisiti, ai risultati ed ai prodotti della ricerca ed alla loro rilevanza internazionale, alla visibilità della ricerca sul territorio ed a livello nazionale ed internazionale. La definizione del compenso in base ai risultati è un metodo utilizzato in molti Stati europei. Il Senato accademico ed il Consiglio dell’Università elaboreranno, entro un anno, un sistema di valutazione e di graduatoria da applicare successivamente. Dopo una fase iniziale della durata di tre anni (a partire dall’assunzione come professore o ricercatore presso la Libera Università di

Bolzano), l’indennità potrà essere aumentata o diminuita tenendo conto dei suddetti criteri. Ulteriori correttivi dell’indennità avverranno periodicamente, mentre la valutazione e la graduatoria delle prestazioni saranno aggiornate annualmente. La Libera Università di Bolzano, in quanto ateneo relativamente giovane, è consapevole di non poter esaudire in molti settori disciplinari le aspettative dei candidati in termini di infrastrutture e di personale. È altresì chiaro che il futuro della ricerca in molti ambiti disciplinari consiste proprio nella formazione di un team efficiente. Ma proprio per agevolare l’arrivo alla Libera Università di Bolzano e per stimolare e rendere possibile l’attività di ricerca sin dal primo momento, la Libera Università di Bolzano assicura, per un periodo iniziale, ad ogni professore ordinario e associato neoassunto, il finanziamento di un ricercatore a tempo determinato – preferibilmente in un settore scientifico disciplinare affine – e di un finanziamento “start up” concordato di volta in volta. La Libera Università di Bolzano si aspetta che dopo due anni il professore (associato/ordinario) sia in grado di finanziare il proprio gruppo di ricerca tramite l’acquisizione di finanziamenti esterni.

2.2.6

Studenti

Come si evince dal Profilo della Libera Università di Bolzano, gli studenti sono i principali stakeholder dell’Università. In qualità di membri della comunità universitaria, professori e personale amministrativo devono assicurare che non rimanga nulla di intentato per migliorare continuamente le loro condizioni di studio. Per questo gli attuali metodi di valutazione delle prestazioni dei professori e della qualità dei servizi devono essere ulteriormente migliorati. È necessario, al tempo stesso, fare in modo che gli studenti non si sentano “clienti” dell’università, ma membri attivi ed impegnati della comunità universitaria. In questo senso i rappresentanti degli studenti sono chiamati a rendere più effettiva la loro carica istituzionale attraverso un continuo scambio con la comunità studentesca. Nel corso dei prossimi cinque anni gli studenti dovranno essere continuamente esortati a partecipare attivamente ai processi decisionali dell’Università. In relazione al profilo plurilingue, devono essere valutate le condizioni di ammissione ai vari corsi di laurea. Si tratta di assicurare che gli studenti, al momento del17


la laurea, abbiano raggiunto un livello linguistico appropriato al corso di laurea, nelle varie lingue di insegnamento. In riferimento al numero di studenti, la Libera Università di Bolzano ha intenzione di raggiungere nei prossimi anni un tetto massimo di 5000 iscritti. Nel corso dei prossimi cinque anni le tasse universitarie non dovranno subire aumenti sostanziali. Si prenderà comunque in considerazione l’idea di adattare le tasse al principio dei costi originati, introducendo quindi nelle facoltà tasse diversificate. I master di primo e secondo livello devono autofinanziarsi almeno per i costi diretti, coprendo, con le tasse di iscrizione pagate dagli studenti, i costi di docenza e il materiale didattico.

2.2.7

Comunicazione

La Libera Università di Bolzano persegue anche l’obiettivo di mettere a disposizione dell’opinione pubblica il proprio sapere. Si tratta non solo di un compito, ma anche di un dovere istituzionale per un ateneo ancora giovane. L’orientamento strategico della comunicazione universitaria è fissato dal Consiglio dell’Università, sentito il corpo accademico. La comunicazione verso l’esterno avviene nell’interesse collettivo e deve essere attiva, aperta e puntuale; l’informazione deve essere conforme alla verità, oggettiva, chiara, formulata secondo le esigenze del ricevente, nonché coerente e credibile. Così come per la comunicazione esterna, anche nella comunicazione interna la Libera Università di Bolzano si impegna ad attenersi agli standard qualitativi più elevati. La comunicazione verso l’esterno spetta al presidente e al rettore. Per la componente amministrativa, la comunicazione spetta in linea di principio, e in via sussidiaria al presidente, al direttore generale. Al fine di presentarsi all’esterno con un’immagine unitaria, la Libera Università di Bolzano fa riferimento ad un corporate design strutturato.

2.2.8

La Libera Università di Bolzano come datore di lavoro

La Libera Università di Bolzano si pone l’obiettivo di diventare sempre più un datore di lavoro interessante per collaboratrici e collaboratori giovani, qualificati e moti18

vati. Questo implica che vengano prese misure ad hoc per lo sviluppo del personale, che da una parte contengano misure efficienti per la formazione continua e dall’altra incoraggino la promozione delle carriere interne. Nell’ottica di una gestione moderna delle risorse umane sarà incoraggiata la capacità di lavorare in gruppo e per obiettivi, in modo tale che anche in futuro sarà intensificato il ricorso ad un sistema stipendiale basato sul rendimento. Misure atte a rafforzare il senso di appartenenza dovranno facilitare la creazione di un ponte tra la componente amministrativa e la componente accademica; tali misure dovranno, inoltre, sostenere l’integrazione con il territorio e, nel contempo, dovranno rappresentare i presupposti per uno sviluppo condiviso del personale, nell’ottica di organizzazione in apprendimento continuo. Un contributo importante sarà costituito da una migliore cultura della comunicazione interna ed esterna. Per i professori neoassunti provenienti dall’estero, dovranno essere messi a disposizione sevizi e informazioni, in modo che sia facilitata la loro integrazione e la loro capacità di comprensione della legge e del sistema sociale italiano, potendo così costruire un miglior rapporto con il territorio.

2.2.9

Organigramma e processi organizzativi interni

L’organigramma della Libera Università di Bolzano ha in via di principio l’obiettivo di consentire una distribuzione sussidiaria delle competenze decisionali, decentrando quindi la responsabilità. Ciò significa una struttura amministrativa raggruppata in settori omogenei, guidati da un responsabile di area il quale dipende direttamente dal direttore generale; ove necessario, inoltre, vengono istituiti uffici di staff che forniscono servizi importanti per l’intera comunità universitaria. L’organigramma deve tenere conto delle linee guida strategiche e in caso di necessità va adeguato ad esse. In particolare è necessario chiarire eventuali incertezze riguardo alla definizione delle competenze nelle facoltà, in modo che una loro moderna gestione fornisca alla didattica ed alla ricerca un supporto efficiente che ottimizzi le risorse. In questo senso, tenendo conto delle dimensioni della Libera Università di Bolzano, si parte in linea di principio dal presupposto di seguire processi


amministrativi uniformi, lasciando la possibilità di adattarli alle particolari esigenze delle facoltà. A livello di processi organizzativi interni è necessario compiere dei passi per l’introduzione di un sistema per l’accertamento della qualità, che sarà migliorato in itinere e adattato alle esigenze. Quale comunità in apprendimento continuo e nell’ottica di un’efficiente pianificazione delle risorse, bisogna individuare i punti di forza e di debolezza dei vari processi, procedendo ad una loro ottimizzazione.

2.2.10

La personalità giuridica della Libera Università di Bolzano

La questione del posizionamento giuridico di questo Ateneo e del suo inquadramento ricorrente (appartenenza alle amministrazioni pubbliche ai sensi del Dlgs 165/01, art. 1, comma 2, e inserimento nell’elenco ISTAT) è stata risolta solo approssimativamente e non con l’auspicabile certezza del diritto. Si tratta ora di perseguire, in accordo con la Provincia, una migliore copertura legale e una definizione chiara della natura giuridica dell’Università. È inoltre necessario prendere in considerazione una possibile trasformazione dell’Ateneo in una fondazione di diritto privato ai sensi del decreto legge 112 del 25 giugno 2008. Indipendentemente da questa possibilità, la Libera Università di Bolzano persegue in ogni caso l’obiettivo, in prima linea con il ministero competente (MIUR) ma anche in accordo con altre università non statali, di differenziarsi dalle università statali, definendo per sé maggiori spazi di autonomia. Questo dovrebbe essere possibile facendo riferimento alla legge 243 del 29 luglio 1991, la quale, rimandando all’articolo 33 della Costituzione, prevede che le università non statali abbiano il diritto di darsi un proprio ordinamento nei limiti previsti dalla legislazione vigente.

2.2.11

Ruolo dell’Università nel panorama dell’alta formazione in Alto Adige

Riguardo alla distribuzione territoriale della Libera Università di Bolzano, è bene ricordare che al momento essa comprende tre sedi, ovvero Bolzano, Bressanone e Brunico. In linea di principio non sono previste nuove sedi che ospitino ulteriori possibili corsi di laurea o facoltà, tanto più che le tre sedi attuali sono facilmente raggiungibili e che un’ulteriore sede, per motivi econo-

mici e logistici, al momento non sarebbe auspicabile. Un ulteriore elemento dello sviluppo universitario è costituito dall’istituzione di nuove facoltà. L’attuale fabbisogno di offerta formativa è coperto da cinque facoltà. Per questo motivo l’eventuale attivazione di una nuova facoltà deve essere oggetto di una prima riflessione. Come nel piano quinquennale 2004-2008 è stata programmata ed istituita la Facoltà di Scienze e Tecnologie, che oggi porta avanti con successo le proprie attività, anche nel periodo in considerazione deve essere valutata e portata avanti la possibilità di attivare nuove facoltà. In sostanza le possibilità sono due: a) una Facoltà di giurisprudenza e/o b) una Facoltà di medicina. Una decisione in merito deve essere preceduta da uno studio di fattibilità con relativo rilevamento dei fabbisogni formativi. Contemporaneamente, a causa dell’imminente riforma del sistema formativo degli insegnanti della scuola secondaria, è necessario orientarsi ad una più stretta collaborazione con l’Università di Innsbruck per la formazione degli insegnanti di lingua tedesca. Anche in futuro si dovranno proporre corsi la formazione degli insegnanti della scuola primaria presso la Facoltà di Scienze della Formazione nelle sezioni italiana, tedesca e ladina. In ogni caso le sezioni dovranno collaborare più strettamente e dare concretezza, come le altre facoltà, al modello trilingue. Comprensibilmente quegli insegnamenti legati in modo specifico ad una cultura devono essere offerti nella lingua in cui lo studente a sua volta insegnerà, ma altre materie possono essere insegnate nell’una o nell’altra lingua, o anche in inglese. La sezione italiana è di richiamo per diversi studenti proprio in virtù della possibilità di conseguire un’abilitazione all’insegnamento della seconda lingua. Questo riguarda in particolare gli studenti provenienti dalla vicina provincia di Trento. Contemporaneamente le/gli insegnanti “in erba” della sezione ladina possono accedere, accanto alle lezioni in ladino, a quelle delle sezioni italiana o tedesca. Anche il rapporto della Libera Università di Bolzano con il Conservatorio “Claudio Monteverdi”, con la Scuola Superiore di Sanità “Claudiana” e con lo Studio Teologico Accademico Bressanone va discusso ed analizzato. È necessario avviare uno studio di fattibilità per miglio19


rare la collaborazione, sfruttare le sinergie e collegare meglio le strutture.

2.2.12

La Fondazione Libera Università di Bolzano

La Fondazione Libera Università di Bolzano, istituita il 24 novembre 2006 dal Consiglio dell’Università, in qualità di ente di sostegno, si è occupata innanzitutto di problemi statutari e organizzativi, non sviluppando perciò alcuna attività operativa negli anni 2007 e 2008. Nel 2009 la Fondazione si è data un programma di attività limitato, discusso con il comitato scientifico, e si è occupata in modo intensivo, nel corso di diverse riunioni, di portare avanti la riflessione sul proprio ruolo strategico per il futuro. In questo contesto, sono emersi diversi compiti per la Fondazione: • sostegno flessibile a particolari iniziative dell’Università; • funzione di raccordo con gli imprenditori locali, avvicinamento al mondo economico, per esempio attraverso l’organizzazione di tavole rotonde; • avvio nel lungo periodo dell’attività di fund raising; • distribuzione e coordinamento dei finanziamenti che la Provincia mette a disposizione per ricerca e innovazione; • coordinamento delle idee dei vari enti dediti alla ricerca che, per quanto possibile, potrebbero confluire in un unico grande progetto. Il risultato della riflessione strategica si può così riassumere: ferma restando la decisione riguardo alla necessità di avere una struttura propria, la Fondazione può e deve occuparsi fondamentalmente di tre settori quali • innovazione, • sostegno all’Università, • coordinamento della ricerca in Alto Adige. Da diversi colloqui è emerso che il sistema innovazione dell’Alto Adige presenta ancora molte lacune, che i settori di attività possono costituire occasioni di marketing per l’Università e che un ruolo di coordinamento della ricerca può rappresentare una base per future iniziative di fund raising. La Fondazione ha intenzione nel 2010 di portare avanti in primo luogo la funzione di sostegno all’Università, già avviata nell’anno 2009 con l’acquisto di uno spettrometro di massa per isotopi stabili, e di inserire nel 20

proprio programma di attività progetti definiti. Dal nuovo Consiglio direttivo della Fondazione ci si aspetta che, rispettando gli orientamenti strategici e i tre settori individuati sulla base del presente Piano di sviluppo, metta a disposizione della Libera Università di Bolzano mezzi adeguati e che si impegni per il raggiungimento degli obiettivi della Fondazione.


3

3.1

ITER, STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE E SITUAZIONE ATTUALE DELL’ATENEO

Procedura seguita nell’elaborazione del Piano di sviluppo

Il presente Piano di sviluppo è stato redatto seguendo un iter bottom up. La sua elaborazione è stata accompagnata da un gruppo di lavoro diretto dal rettore per quanto riguarda i piani di sviluppo delle facoltà; diretto dal presidente per quanto riguarda le indicazioni generali del Consiglio universitario. Gli obiettivi di sviluppo delle singole facoltà sono stati discussi ed approvati nei rispettivi Consigli. Contemporaneamente dei sottogruppi di lavoro del Consiglio dell’Università hanno elaborato le linee generali di sviluppo. I documenti conclusivi sono stati poi discussi in clausura, in una seduta del Consiglio universitario allargata ai prorettori, al vicedirettore generale, al responsabile dei servizi per la Didattica e la Ricerca, e ai presidi. Le facoltà sono state invitate dal Consiglio universitario a stabilire delle priorità rispetto ai corsi di studio pianificati per il periodo in esame, dato che lo sviluppo della Libera Università di Bolzano deve avvenire per gradi, anche tenendo presente il numero di studenti e le risorse finanziarie. Le facoltà – nei loro piani di sviluppo – sono state invitate, inoltre, a presentare in maniera chiara e trasparente le aree prioritarie di ricerca. Secondo l’articolo 7 dello Statuto della Libera Università di Bolzano, il Consiglio determina l’indirizzo generale di sviluppo dell’Università e le relative direttive. La comunità universitaria è, dunque, tenuta a muoversi nel quadro delle linee generali esposte nel secondo capitolo e a raggiungere gli obiettivi in esso prestabiliti. I piani di sviluppo delle facoltà, inseriti nel quarto capitolo, anche laddove non corrispondano alle linee generali, dovranno tuttavia tenere conto di esse nella realizzazione delle attività pianificate.

3.2

Convenzione programmatico-finanziaria con la Provincia Autonoma di Bolzano

La Libera Università di Bolzano ha di recente sottoscritto con la Provincia Autonoma di Bolzano una Convenzione programmatico-finanziaria per il periodo 20082010. A differenza del presente Piano di sviluppo, che rappre-

senta uno strumento di pianificazione elaborato internamente, la Convenzione in questione serve in prima linea a garantire una maggiore sicurezza economica nella pianificazione delle attività dell’Ateneo, concordando i macro-obiettivi con il maggior finanziatore dell’ Università, appunto la Provincia Autonoma di Bolzano. La Convenzione programmatico-finanziaria si basa, nella definizione delle proprie finalità, in gran parte su quelle contenute nel ‘Piano quinquennale 2004-2008’, esaminate in dettaglio nel paragrafo 3.4. Tuttavia sono state inserite nuove priorità, tra le quali: • una maggiore attenzione al trasferimento dei saperi; • la realizzazione di una comunità scientifica, focalizzando maggiormente il concetto di “università basata sulla ricerca” (research based university); • un accesso facilitato alla formazione universitaria per gruppi svantaggiati e priorità al tema del lifelong learning; • la messa a fuoco di una politica della qualità coerente, attraverso l’osservanza di requisiti minimi di qualità e quantità, nonché lo sviluppo di un management della qualità; • una politica mirata di sviluppo delle risorse umane dell’area amministrativa senza aumenti sostanziali del personale, • una regolare verifica della sostenibilità dell’offerta formativa. Con la Convenzione programmatico-finanziaria l’Università si impegna a misurare il raggiungimento degli obiettivi fissati in base a degli indicatori. Tra questi rientrano indicatori di carattere quantitativo e qualitativo che attengono alla ricerca, alla didattica, al lifelong learning, ai servizi e alle prestazioni, alla conduzione, all’amministrazione e alla gestione delle risorse umane. Il presente Piano di sviluppo ha in gran parte ripreso ed inserito nelle linee generali le priorità fissate nella Convenzione finanziario-programmatica sopra riportate. Nel quadro della rielaborazione della nuova Convenzione con la Provincia Autonoma di Bolzano – presumibilmente per il periodo 2011/2013 – il presente Piano di sviluppo rappresenterà a sua volta la base per la definizione degli obiettivi della Libera Università di Bolzano e per la definizione delle risorse necessarie per il raggiungimento degli stessi. 21


3.3

La Programmazione triennale 2007-2009 del MIUR

La banca dati Pro3, elaborata per la programmazione triennale dal Ministero dell’Università (MIUR) ai sensi dei decreti 362/2007 e 506/2007, presenta le 5 macroaree didattica, ricerca, studenti, internazionalizzazione e personale, a loro volta suddivise in 21 indicatori. La Libera Università di Bolzano si è posta l’obiettivo, per il periodo 2009-2013, di attenersi alle linee generali di indirizzo fissate in quella sede e di darsi, in ragione del particolare orientamento internazionale e plurilingue, alcune priorità specifiche per l’Università, dando precedenza agli indicatori corrispondenti. Per la didattica, la Libera Università di Bolzano intende rafforzare il già avviato processo di sviluppo della qualità, per raggiungere gli standard qualitativi indicati dal Ministero. A questo riguardo i corsi di laurea magistrale dovranno attirare un maggior numero di studenti che hanno conseguito una laurea triennale in un’altra università italiana o estera. Per la ricerca, l’Università intende accrescere, in virtù delle indicazione ministeriali, il numero di borse di studio finanziate esternamente per dottorandi di ricerca. Si tratta perciò di realizzare quei requisiti strutturali che rendano possibile un aumento dei finanziamenti terzi acquisiti e delle spese sostenute nel settore della ricerca. Riguardo alle iniziative a favore degli studenti, l’Università intende perseguire l’obiettivo di aumentare la percentuale di studenti che concludono gli studi in corso e sono occupati ad un anno dalla laurea. Un ruolo centrale spetta inoltre all’attivazione di master. Per rafforzare l’internazionalizzazione, la Libera Università di Bolzano intende motivare gli studenti, attraverso incentivi mirati, a partecipare a programmi di mobilità internazionale. Inoltre intende, sempre tramite iniziative ad hoc, rendere i programmi dei master e i dottorati di ricerca più appetibili per gli studenti stranieri. In accordo con le linee generali di indirizzo fissate dal Ministero rispetto alle risorse umane, la Libera Università di Bolzano intende dare priorità all’assunzione di ricercatori. La politica di reclutamento darà la precedenza alla chiamate dall’estero. 22

3.4

Raggiungimento degli obiettivi del Piano quinquennale 2004-2008

Il Piano quinquennale 2004-2008 aveva stabilito una serie di indicazioni di sviluppo, in gran parte realizzate. Tali indicazioni erano articolate in aree tematiche: qualità, didattica, ricerca scientifica, struttura organizzativa, personale docente, personale tecnico-amministrativo, infrastrutture e finanziamenti. Di seguito, alcune considerazioni rispetto al loro raggiungimento. Qualità. Con i suoi 3274 studenti (anno accademico 2008/2009), la Libera Università di Bolzano ha raggiunto e superato la cifra programmata di 3000 posti di studio. L’accesso è regolato da una selezione. Nel piano si fa riferimento ad una politica di sostegno degli studenti meritevoli: in questo senso, la Provincia Autonoma ha istituito, nell’anno accademico 2006/2007, borse di studio al merito svincolate dal reddito. Il numero di accordi didattici e scientifici con università partner è notevolmente cresciuto nel periodo in esame (da 31 nel 2004/2005 a 90 nel 2008/2009). Didattica. Per quanto riguarda i corsi di studio, si ipotizzava un loro sviluppo verticale (dalla laurea al dottorato), l’attivazione di master professionalizzanti, oltre ad un sistema strutturato di rilevazione del fabbisogno, della domanda e della spendibilità dei titoli prima della realizzazione di nuovi percorsi formativi. Alla Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche sono stati attivati tutti e tre i livelli della formazione universitaria; alla Facoltà di Economia è stato attivato un master di secondo livello di grande successo (master poi transitato nella Facoltà di Scienze e Tecnologie). Per quanto riguarda i “requisiti minimi” di docenza, nell’anno 2009/2010 risultavano raggiunti in 3 facoltà, mentre 2 facoltà (Scienze e Tecnologie e Scienze della Formazione) hanno potuto attivare i corsi di studio grazie al conteggio delle procedure di valutazione comparativa. Il plurilinguismo resta la principale peculiarità dell’Ateneo ed il grado di realizzazione varia secondo le facoltà. La crescita delle attività studentesche (e delle associazioni) può essere considerata un indice positivo rispetto “all’obiettivo primario (dell’) educazione integrale


della persona”: non solo trasferimento di conoscenze tecniche, ma anche competenze sociali ed interessi culturali. La mobilità studentesca si è sviluppata, passando da 117 persone (in uscita e in entrata) nel 2004/2005 a 204 nel 2008/2009: in proporzione al numero di iscritti, si è passati dal 5,3 al 6,2 per cento del totale. Il numero di studenti dall’estero è cresciuto dal 9,86 cento nel 2004/2005, al 12,09 per cento nel 2008/2009. Il numero di stage e tirocini nel 2008 (anno solare) ammontava a 1472, interessando oltre il 43 per cento degli studenti iscritti. Gli studenti che si laureano in corso (primo livello) sono il 73,5 per cento del totale, un valore di gran lunga superiore al dato medio nazionale (39,4 per cento). L’offerta per studenti in attività riguarda per il momento alcuni corsi in particolare, così come la formazione continua universitaria – a parte alcune iniziative ad hoc – resta un capitolo da sviluppare. Ricerca scientifica. Nel periodo in esame è cresciuto notevolmente il personale docente e ricercatore di ruolo (da 24 a 71), dando un forte impulso all’attività scientifica grazie anche all’impegno dei ricercatori a tempo determinato (RTD), degli “assegnisti di ricerca”, dei dottorandi e dei collaboratori a contratto. Nel quinquennio si sono costituiti due centri di competenza alla Facoltà di Economia (CRELE e TOMTE) ed uno alla Facoltà di Scienze della Formazione (Innovazione sociale e promozione della qualità nelle professioni sociali). Il nuovo Statuto della Libera Università di Bolzano, entrato in vigore nel febbraio 2006, ha previsto l’istituzione della ‘Commissione di Ricerca d’Ateneo’ quale organo di valutazione e di indirizzo strategico per la ricerca, che si è formalmente costituita nel 2007. Nel 2004/2005 sono stati istituiti due dottorati di ricerca. Per quanto riguarda l’acquisizione di finanziamenti esterni per la ricerca, si è passati da 1,3 milioni di euro nel quinquennio 1999-2003 ai 6,7 milioni di euro del quinquennio 2004-2008. Struttura organizzativa. Con il varo del nuovo Statuto, sono state introdotte alcune novità nel governo d’Ateneo: la creazione della figura del direttore generale e la successiva rielaborazione dell’organigramma del personale amministrativo con la creazione di aree di compe-

tenza che raggruppano centri di servizio omogenei; l’introduzione di alcuni nuovi organi e centri (la Consulta, il Comitato per le Pari Opportunità, la Commissione di Ricerca, il Centro di Competenza lingue). La nomina di prorettori e delegati rettorali ha certamente contribuito ad innescare un maggiore coinvolgimento della componente accademica nel governo d’Ateneo. Nel quinquennio scorso, in coerenza con quanto previsto dal Piano, alcuni uffici centrali hanno attivato i loro servizi anche nelle sedi periferiche di Bressanone e Brunico. Personale docente. Nel periodo compreso tra settembre 2004 e settembre 2008, il personale docente e ricercatore di ruolo è triplicato (da 24 a 71). In media il 75% degli insegnamenti sono coperti con docenze a contratto. Anche l’internazionalità del personale docente e ricercatore di ruolo si è mantenuta su livelli elevati, con un 45% proveniente da università estere (settembre 2008). Personale tecnico-amministrativo. Nel periodo considerato, il personale tecnico amministrativo è passato da 166 (30.09.2004) a 219 unità (30.09.2008). Considerando l’aumento degli iscritti, da 2211 a 3274, si è passati da 1 dipendente ogni 13,3 studenti a 1 dipendente ogni 14,9 studenti. L’indicazione di un contenimento nella crescita del personale può dirsi dunque rispettata. Infrastrutture. Come da programma, l’attività amministrativa è stata trasferita negli edifici dell’area ‘ex-ospedale’ e sono state completate le infrastrutture nelle sedi di Bressanone e di Brunico, con lo spostamento nel centro cittadino. Sono stati inoltre realizzati gli studentati previsti a Bolzano e Bressanone. Finanziamento. Nel quinquennio 2004-2008 la percentuale di finanziamento provinciale è passata dall’86,6% (dato riferito al Bilancio di chiusura) nel 2004 all’80,06% nel 2008. Come da indicazione di sviluppo, il grado di dipendenza dal finanziamento provinciale si è, dunque, leggermente ridotto e, proprio a fine quinquennio, è stata siglata con la Provincia Autonoma una “Convenzione programmatico-finanziaria” per assicurare entrate su base triennale.

23


3.5

Sviluppo accademico conseguito al 2008/2009

La Libera Università di Bolzano ha compiuto nel 2007 il suo decimo anno di vita. Alle due facoltà originarie (Scienze della Formazione ed Economia) si sono aggiunte tre nuove facoltà: Scienze e Tecnologie informatiche nel 2000, Design e Arti nel 2001 e Scienze e Tecnologie nel 2007. L’Università è collocata in tre diverse città della provincia, con la sede principale a Bolzano, la Facoltà di Scienze della Formazione a Bressanone e due corsi di studio della Facoltà di Economia a Brunico.

proposti regolarmente, oltre ad un corso di dottorato in collaborazione con l’Università di Pavia, master e percorsi formativi universitari. Tutti i corsi di studio sono a numero programmato. La facoltà piÚ consistente è Scienze della Formazione, che ha sede a Bressanone, con 1804 iscritti, seguita da Economia, con sede a Bolzano e Brunico, con 777 studenti; da Scienze e Tecnologie informatiche con 305 iscritti, da Design e Arti, con 211 studenti, e da Scienze e Tecnologie con 177 iscritti, tutte e tre con sede di Bolzano.

Iscritti per facoltà nell’anno accademico 2008/2009

 

 

*EGSPXkHM7GMIR^IHIPPE*SVQE^MSRIMWGVMXXM

 

*EGSPXkHM)GSRSQMEMWGVMXXM *EGSPXkHM7GMIR^II8IGRSPSKMIMRJSVQEXMGLIMWGVMXXM  

 

*EGSPXkHM(IWMKRI%VXMMWGVMXXM

Grafico 1: iscritti per facoltà nell’anno accademico 2008/2009

*EGSPXkHM7GMIR^II8IGRSPSKMIMWGVMXXM

L’Università dispone attualmente (anno accademico 2008/2009) di 14 corsi di studio: 10 corsi di laurea, 2 lauree magistrali e 2 corsi di dottorato. Inoltre vengono Sviluppo degli iscritti dall’anno accademico 2004/2005  



 











 

 









 







 MWGVMXXM       Grafico 2: sviluppo degli iscritEE      

ti dall’anno accademico 2004/2005

&SP^ERS

24

&VIWWERSRI

&VYRMGS


Il numero di immatricolati alle diverse facoltà dipende sia dalla quantità di corsi di studio offerti, sia dai posti di studio disponibili.

giungono corsi di laurea nell’ambito delle scienze della comunicazione e delle scienze socio-pedagogiche. La Facoltà di Economia offre prin-

Immatricolazioni - 2008/2009 *EGSPXkHM7GMIR^IHIPPE*SVQE^MSRI



*EGSPXkHM)GSRSQME



*EGSPXkHM7GMIR^II8IGRSPSKMIMRJSVQEXMGLI *EGSPXkHM(IWMKRI%VXM *EGSPXkHM7GMIR^II8IGRSPSKMI

 

Grafico 3: Immatricolati nell’anno accademico 2008/2009



Negli ultimi anni la Libera Università di Bolzano si è concentrata soprattutto nello sviluppo dei corsi di laurea triennali (primo livello). Tuttavia non si è perso di vista l’obiettivo di completare l’offerta dei corsi di laurea esistenti con corsi di laurea magistrale (3+2). Tale obiettivo risulta attualmente raggiunto in due facoltà: Economia e Scienze e Tecnologie informatiche. Le Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche e di Scienze della Formazione hanno inoltre attivato anche corsi di dottorato. La Facoltà di Scienze della Formazione, con sede a Bressanone, offre principalmente corsi di studio per la preparazione di insegnanti di scuola per l’infanzia, di scuola primaria e di scuola secondaria. A questi si ag-

cipalmente corsi nell’ambito delle scienze economiche e aziendali. A questi si aggiunge un corso di laurea in scienze economiche e sociali. Nella sede di Brunico i corsi vertono soprattutto nel settore turistico. La Facoltà di Design e Arti propone un corso di laurea nell’ambito del design, mentre l’offerta della Facoltà di Scienze e Tecnologie è articolata in due settori, scienze agrarie da un lato e ingegneria logistica e della produzione dall’altro. La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche è l’unica a presentare, in fase attuale, uno sviluppo verticale completo dell’offerta formativa, dalla laurea alla laurea magistrale fino al corso di dottorato (3+2+3).

Corsi di studio e posti programmati - anno accademico 2009/2010 Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria - corso a tempo pieno - sezione tedesca - sezione italiana - sezione ladina Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria - in service - sezione tedesca - sezione italiana - sezione ladina Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria - altro indirizzo - sezione tedesca - sezione italiana - sezione ladina Corso di laurea in Servizio Sociale Corso di laure per Educatore sociale Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue - curriculum Educazione permanente e gestione delle risorse umane - curriculum Management non-profit e culturale - curriculum Management delle informazioni in ambito bibliotecario

posti di studio

120 120 20 60 60 6 20 15 5 38 38 70

25


Corso di dottorato di ricerca in Pedagogia generale, Pedagogia Sociale e Didattica generale Corso di dottorato di ricerca in Linguistica (Consorzio con l’Università di Pavia) Corso di formazione professionale per l'insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria Aggiornamento professionale per la formazione musicale per insegnanti di scuola dell'infanzia, collaboratrici/collaboratori pedagogiche/pedagogici Qualifica aggiuntiva per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell'infanzia e primaria - sezione tedesca (400 ore) - sezione italiana (400 ore) Corso di specializzazione per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola secondaria - in lingua tedesca (400 ore) - in lingua italiana (400 ore)

8 2 80 30

20 15 50 50

Facoltà di Economia Corso di laurea in Scienze dell'Economia e della Gestione aziendale - curriculum Economia e Management - curriculum Economia aziendale per la libera professione - curriculum Management del turismo - curriculum Management dello sport e degli eventi Corso di laurea in Economia, politica e filosofia (PPE) Corso di laurea specialistica in Management e mercati internazionali - indirizzo Imprenditorialità

104 32 57 37 100 30

Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche Corso di laurea in Informatica applicata - programma per studenti a tempo pieno - programma quadriennale in alternanza studio - lavoro (per studenti in attività) Corso di laurea magistrale in Informatica - curriculum “General Computer Science” - curriculum “Information and Data Technologies for Web Systems” - curriculum “Semantic Web” - curriculum “Management and Technologies of Information Systems”

105

80

- curriculum “Software Engineering” Corso di laura magistrale in Informatica - European Masters Programmes - curriculum “Computational Logic” - curriculum “Language and Communication Technologies” - curriculum “Software Engineering” Corso di dottorato di ricerca in Informatica

18

Facoltà di Design e Arti 60

Corso di laurea in Design - curriculum Design

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di laurea in Ingegneria logistica e della produzione - piano degli studi per studenti a tempo pieno - percorso propedeutico - piano degli studi per studenti a tempo pieno - percorso professionalizzante - piano degli studi per studenti “in attività” - percorso professionalizzante (4 anni) Master universitario di II livello “CasaClima” Landscape Ecology and Nature Conservation - Summerschool

Totale posti programmati 2009/2010

3.5.1

Internazionalizzazione – situazione attuale

La vocazione internazionale della Libera Università di Bolzano si riflette nella composizione del corpo docente e ricercatore e della popolazione studentesca. Tale vocazione le deriva in parte dalla posizione geografi26

44 44

25 20 1583

Tabella 1: corsi di studio e posti programmati nell’anno accademico 2009/2010

ca, cioè dall’essere collocata in una zona di cerniera tra l’area culturale tedesca e quella italiana. Nel 2008 la percentuale di professori e ricercatori di ruolo provenienti da università estere era del 45 per cento: una percentuale rilevante, che conferma e testimonia, oltre ad una spiccata internazionalità, anche la


presenza di culture accademiche diverse e di competenze interculturali del corpo accademico. Nell’anno accademico 2008/2009 gli iscritti erano complessivamente 3.274. Di questi, il 12 per cento era di provenienza estera (cfr. anche il Grafico 4). Tale percentuale supera di gran lunga la media delle università statali: 2,6 per cento secondo il Nono Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario del CNVSU (Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario) del dicembre 2008. Si tratta tuttavia di un valore medio di Ateneo, che include marcate differenze tra le facoltà. La più internazionalizzata in termini percentuali – sempre in riferimento ai dati dell’anno accademico 2008/2009 - è la Facoltà di Scienze e tecnologie informatiche, che vanta anche un’ampia gamma nella provenienza degli studenti: un

Economia: 22,6 per cento, con un 3 per cento proveniente da paesi diversi da Germania e Austria. La Facoltà di Scienze e Tecnologie, istituita solo nel 2007, mostra comunque un trend in aumento degli studenti stranieri. Nell’anno accademico 2008/2009 il numero percentuale di studenti stranieri immatricolati (ovvero gli iscritti al primo anno) è superiore al numero percentuale di iscritti complessivi: rispettivamente il 4,84 per cento e il 3,5 per cento. Infine, la Facoltà di Scienze della formazione, pur esprimendo un valore di internazionalizzazione non rilevante rispetto agli studenti (un 1,1 per cento proviene dall’estero nell’anno accademico 2008/2009), scientificamente è sede importante di confronto e scambio tra modelli pedagogici che afferiscono a tre aree culturali: quella tedesca, quella italiana e quella ladina.

Provenienza degli studenti - 2008/2009  

 

%PXS%HMKI  7‚HXMVSP 

 

8VIRXMRS 

 

EPXVITVSZMRGIMXEPMERI  ERHIVIMXEP4VSZMR^IR 

 

%YWXVME+IVQERME  hWXIVVIMGL(IYXWGLPERH 

 

EPXVMTEIWM9)  ERHIVI)97XEEXIR  TEIWMRSR9)  RMGLX)97XEEXIR 

39,1 per cento di studenti stranieri, di cui il 2 per cento dalla Germania, il 14,8 per cento da altri paesi UE ed il 22,3 per cento da paesi non UE. Segue la Facoltà di Design e Arti, con un 36,9 per cento di studenti di provenienza estera, quasi solo da Germania e Austria. Importante la quota di studenti stranieri anche alla Facoltà di

Grafico 4: provenienza degli studenti 2008/2009

Il Grafico 5 mostra la percentuale di immatricolati (ovvero di iscritti al primo anno) nell’anno accademico 2008/2009: il valore medio d’ateneo è del 13,11 per cento, mentre sugli iscritti complessivi nello stesso anno la percentuale di studenti stranieri è del 12 per cento, come si evince dal Grafico 4.

Immatricolati provenienti dall’estero - 2008/2009 

*EGSPXkHM7GMIR^IHIPPE*SVQE^MSRI

 

*EGSPXkHM)GSRSQME

 

*EGSPXkHM7GMIR^II8IGRSPSKMIMRJSVQEXMGLI

 

*EGSPXkHM(IWMKRI%VXM

 

*EGSPXkHM7GMIR^II8IGRSPSKMI

 

Grafico 5: immatricolati provenienti dall’estero 2008/2009

27


Per quanto riguarda la mobilitĂ  internazionale, a giugno 2009 la Libera UniversitĂ  di Bolzano offriva ai propri studenti e docenti i seguenti programmi di cooperazione e scambio internazionale: • Programma Lifelong Learning Programme – Erasmus, con 83 universitĂ  europee; • 3 progetti Erasmus Mundus con doppie lauree magistrali con 12 universitĂ  europee; • Programma Lifelong Learning Programme – Leonardo da Vinci in un consorzio con altre 3 universitĂ  italiane; • Accordi bilaterali con 20 universitĂ  in varie parti del mondo: 4 negli USA, 1 a Taiwan, 2 in Australia, 1 in Argentina, 2 in Canada, 4 in Italia, 1 in Ecuador, 2 in Brasile, 1 in Israele, 1 in Sud Africa, 1 in Vietnam); • Accordo BIT con le universitĂ  di Innsbruck e Trento; • MobilitĂ  “free moverâ€?. Nell’anno accademico 2008/09 il numero totale degli studenti cosiddetti in uscita era 117, mentre quelli in entrata erano 90. In termini percentuali, si tratta del

presso altre università erano oltre 300 per gli studenti in uscita e oltre 300 per gli studenti in entrata. Per quanto riguarda l’internazionalizzazione dei programmi, si tenga presente che una impostazione internazionale caratterizza la maggior parte dei corsi di studio offerti, soprattutto laddove gli insegnamenti si svolgono in tre lingue (italiano, tedesco ed inglese), come ad esempio alla Facoltà di Economia; oppure in lingua inglese, come alla Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche. Ciò è anche frutto delle diverse culture accademiche che convivono nelle facoltà. Inoltre, come ormai avviene in molti atenei, l’attività scientifica si svolge prevalentemente in lingua inglese. Nel 2008/2009 erano tre i programmi internazionali offerti, con rilascio di doppio titolo, tutti selezionati nell’ambito del programma Erasmus Mundus: • European Master Programme in Computational Logic, • European Master Programme in Language and Communication Technology, • European Master Programme in Software Engineering.

Studenti in entrata e in uscita - 2008/2009 



MRYWGMXE MRIRXVEXE



3,6 per cento di studenti in uscita sugli iscritti complessivi, un dato ben piĂš alto del valore medio nazionale (1,34 per cento nel 2007/2008 secondo il ‘Decimo rapporto sullo Stato del sistema Universitario’ del dicembre 2009). La percentuale di studenti in entrata sugli iscritti complessivi è del 2,8 per cento, ma sale al 17,5 per cento alla FacoltĂ  di Scienze e Tecnologie informatiche. Gli studenti piĂš propensi a frequentare per almeno un semestre un’altra universitĂ  sono quelli della FacoltĂ  di Economia: la metĂ  degli studenti in uscita della LUB appartiene a questa FacoltĂ . La FacoltĂ  che attira il maggior numero di studenti in entrata è quella di Scienze e Tecnologie informatiche: oltre la metĂ  appartengono ad essa. In base agli accordi siglati per l’anno accademico 2009/2010 i posti disponibili per un periodo di scambio 28

3.5.2

Grafico 6: studenti in entrata e in uscita 2008/2009

Tirocini in Italia e all’estero – situazione attuale

La Libera Università di Bolzano assegna una grande importanza ad una didattica orientata anche all’acquisizione di competenze professionali. L’offerta formativa prevede, infatti, oltre agli insegnamenti teorici, anche un primo approccio al mondo del lavoro. Grande importanza hanno dunque le esperienze che gli studenti conseguono grazie a stage obbligatori e facoltativi previsti nei vari piani di studio. A parte qualche rara eccezione, tutti i corsi di studio prevedono tirocini obbligatori collegati all’acquisizione di crediti formativi. A tal scopo, la Libera Università di Bolzano stringe accordi con imprese e istituzioni (ad esempio le scuole) locali, nazionali ed estere. Negli ultimi anni si è registrato in merito un interesse crescente


per i tirocini all’estero, in particolare al di fuori dei confini dell’Unione europea. Nel 2008 complessivamente 1472 studenti hanno effettuato uno stage. Nella maggior parte dei casi si tratta di tirocini nelle scuole di ogni ordine e grado della provincia, poiché i corsi di studio ad essi correlati, a differenza degli altri, prevedono un tirocinio annuale che va ad incidere con maggiore frequenza nel conteggio complessivo. Alcuni tirocini, comunque, sono degni di nota. Tra questi, quelli svolti dagli studenti del corso di economia agraria all’Università di Barcellona, quelli dei futuri informatici al Franklin and Marshall College (USA) e alla Salewa France, dagli studenti della Facoltà di Economia all’ambasciata della Repubblica del Benin a Berlino, presso la Elyor Rock Foundation in Camerun, presso la Cencosud Enterprise Shanghai Office e presso la

come ad esempio alla BMW in Cina, agli hotel Hilton in Australia o in California e anche presso diverse agenzie per l’organizzazione di eventi e la gestione di progetti negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Per gli anni a venire la Libera Università di Bolzano si prefigge una ulteriore internazionalizzazione dei tirocini, anche grazie al ricorso al programma dell’Unione europea Erasmus Placement, attraverso il quale ottenere anche un sostegno finanziario per gli studenti tirocinanti. Anche la partecipazione al progetto tirocini della Crui, la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, dovrà portare l’Università più vicina all’obiettivo. Si tratta di un progetto finalizzato all’assolvimento di tirocini presso istituzioni italiane ad orientamento internazionale, come ad esempio il Ministero degli Affari Esteri, consolati ed ambasciate all’estero.

Tirocini svolti nel 2008 Corsi di studio CL in Scienze dell’Economia e della Gestione aziendale CL in Scienze economiche e sociali CLS Management e Mercati internazionali CL in Scienze della Comunicazione plurilingue CL in Informatica applicata CLM in Informatica CL in Design CL in Tecnica ed Economia agraria Master CasaClima CL Scienze della Formazione primaria Qualifica aggiuntiva per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria (400 ore) CL Servizio Sociale CL Educatore Sociale

Totale

numero totale

Tirocini all’estero

di cui in paesi UE

di cui non-UE

110 20 7 22 34 5 12 11 23 896

37 6 0 3 4 0 2 2 1 18

19 6 0 3 1 0 2 2 1 5

18 0 0 0 3 0 0 0 0 13

223

0

0

0

47 62 1472

5 7 85

1 6 46

4 1 39

Assembly of European Regions. Un ruolo di rilievo nel percorso formativo viene ricoperto dagli stage dei curricoli di studio in Management del Turismo e in Management degli Eventi e dello Sport, con sede a Brunico. L’obiettivo principale del tirocinio obbligatorio consiste nel permettere agli studenti di prendere confidenza con ambienti di lavoro internazionali, dando loro la possibilità, attraverso queste esperienze dirette, di toccare con mano l’attività professionale futura. Interessanti le esperienze conseguite dagli studenti tra l’altro presso la Deutsche Skiverband, presso il tour operator Thomas Cook o presso la Austrian Airlines. Diversi studenti si sono anche spinti lontano,

3.5.3

Tabella 2: tirocini svolti nell’anno 2008

Laureati – situazione attuale

I laureati della Libera Università di Bolzano sono molto richiesti dal mercato del lavoro: l’81,5 per cento è occupato ad un anno dalla laurea, rispetto ad un valore medio nazionale del 51,3 per cento. Diretta conseguenza di ciò, è che solo il 10,3 per cento dei laureati decide di proseguire gli studi o di svolgere un tirocinio postlaurea. Da evidenziare, inoltre, che alla Libera Università di Bolzano la durata media degli studi nei corsi di laurea triennali è di 3,7 anni a fronte di un valore nazionale medio di 4,4 anni. Il 71 per cento dei laureati è di sesso femminile, aspetto riconducibile al fatto che l’offerta didattica della Facoltà di Scienze della For29


mazione con sede a Bressanone attrae prevalentemente studentesse. Il reddito medio lordo mensile per i laureati di sesso maschile è di 1.480 € e per quelli di sesso femminile è di 1.350 €, a conferma della tendenza nazionale ed internazionale secondo la quale le donne guadagnano in media meno degli uomini che ricoprono la stessa posizione. Tuttavia il reddito in provincia di Bolzano è sensibilmente più elevato che a livello nazionale (1.190 € uomini, 955 € donne), aspetto riconducibile ad un insieme di fattori locali. (Dati AlmaLaurea, Consorzio Interuniversitario, Indagine dei laureati 2008)

3.5.4

La Libera Università di Bolzano nei ranking nazionali e internazionali

Negli ultimi anni la Libera Università di Bolzano è stata presa in considerazione nelle classifiche che seguono, ognuna delle quali caratterizzata da criteri e metodologie diverse, con risultati spesso discordanti. Campus. Secondo la “Guida all’Università” redatta dal mensile Campus, la Libera Università di Bolzano è prima nella “classifica finale” tra le università con meno di 10 mila studenti sia nell’edizione 2009, sia nell’edizione 2010. In verità, il punteggio finale risulta il più alto in assoluto indipendentemente dalla grandezza dell’ateneo: la Libera Università di Bolzano ha totalizzato 95,56 punti su 100 nel 2009 e 98,18 punti su 100 nel 2010. La classifica viene elaborata sulla base di 9 parametri, ciascuno dei quali articolato in più indicatori (25 in tutto). Italia Oggi. Il quotidiano finanziario ha ripreso la classifica redatta da Campus, evidenziando la posizione di primo piano di Bolzano tra gli atenei con meno di 10 mila studenti. Il Sole 24 ore. La graduatoria viene stilata in base a 10 indicatori (nel 2009) e distingue le università in due gruppi (statali e non statali). L’elaborazione viene effettuata su dati CNVSU (Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario) e Istat. Il punteggio massimo ottenibile è 900, ma il punteggio massimo assegnato di solito non supera gli 800 punti. Nel 2009 il punteggio assegnato alla LUB è di 523 punti. In graduatoria occupa il settimo posto su quattordici atenei non statali. La Repubblica. La classifica redatta dal quotidiano romano in collaborazione con il Censis pubblicata da Somedia con il titolo “La Repubblica – Grandi Guide – Uni30

versità” distingue tra università statali e università non statali e, all’interno dei due gruppi, valuta gli atenei per facoltà. Solo per gli atenei statali viene compilata una classifica generale per ateneo. Nella classifica di Repubblica le facoltà di Design e Arti, di Scienze e Tecnologie informatiche e di Scienze e Tecnologie, sia nel 2008/2009, sia nel 2009/2010, risultano come N2, ossia non valutate in quanto appartenenti ad un raggruppamento con meno di 5 facoltà (tra le università non statali). Nel 2009 la Facoltà di Economia risulta quarta classificata (su 8 Facoltà di economia presso università non statali) con un punteggio di 95.8/110; la Facoltà di Scienze della formazione risulta al secondo posto (su 5 Facoltà di scienze della formazione presso università non statali), con un punteggio finale di 99/110. Civr. Il Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca ha pubblicato nel 2006 i risultati del primo esercizio triennale di valutazione della ricerca (2001-2003). Le università sono state suddivise in tre gruppi: megastrutture, medie e piccole. La Libera Università di Bolzano rientra in quest’ultima categoria. La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche si è posizionata al primo posto ex aequo all’interno del panel d’area “Scienze e tecnologie per una società dell’informazione e della comunicazione” (rating pari a 1). La Facoltà di Economia si è posizionata al secondo posto ex aequo (rating 0,80) nel panel d’area “Scienze economiche e statistiche”. Die Zeit. Il settimanale tedesco pubblica dal 2005 in forma “compatta”, cioè ridotta, una classifica elaborata dal CHE (Centrum für Hochschulentwicklung). La valutazione non riguarda gli atenei nel loro insieme, ma le singole facoltà, che vengono valutate in base ad un insieme di indicatori (fino a 34 secondo la facoltà). Non tutte le facoltà vengono valutate ogni anno. I risultati della classifica rimandano a tre gruppi nei quali rientrano le facoltà valutate: eccellente, medio, mediocre (Spitzen-, Mittel- e Schlussgruppe). La forma “compatta” destinata alla pubblicazione rimanda a 4-6 indicatori prescelti in quanto particolarmente significativi per una determinata facoltà. Nel caso dell’Università di Bolzano sono state finora valutate la Facoltà di Economia nel 2008 e la Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche nel 2009. La Facoltà di Economia è risultata nel gruppo eccellente per tre indicatori su cinque (gli altri due risultano non valutati). La Facol-


tà di Scienze e tecnologie informatiche è risultata nel gruppo eccellente nel caso di un solo indicatore (assistenza agli studi). BIX (Bibliotheksindex). Nel 2008 e nel 2009 la Biblioteca universitaria di Bolzano ha partecipato al BIX-Bibliotheksindex, una comparazione delle prestazioni delle biblioteche scientifiche dell’area tedesca. Una dettagliata analisi e valutazione dei dati relativi ai servizi articolata in quattro settori (offerta e attrezzature, orientamento agli utenti, impiego ottimale delle risorse umane e delle dotazioni, sviluppo e innovazione) entrambi gli anni ha portato la Biblioteca universitaria di Bolzano al secondo posto della classifica generale nella categoria “biblioteche scientifiche, sistemi bibliotecari d’Ateneo”.

3.5.5

L’attività di ricerca alla Libera Università di Bolzano - situazione attuale

L’attività scientifica alla Libera Università di Bolzano è legata alle facoltà e ai rispettivi centri di competenza, mentre non vi sono i cosiddetti dipartimenti preposti solitamente all’attività di ricerca. I centri di competenza, previsti all’interno delle facoltà dall’articolo 19 dello Statuto, sono attualmente 7 (cfr. Tabella 3).

di Scienze della Formazione. I tre centri della Facoltà di Scienze e tecnologie informatiche preesistevano operativamente, anche se nel quinquennio la loro posizione è stata ufficializzata. Corsi di dottorato sono attivi, al momento, in due facoltà: Scienze della Formazione e Scienze e Tecnologie informatiche. Dal 2004 è attivo un corso di dottorato in Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale presso la Facoltà di Scienze della Formazione. Dallo stesso anno la Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche ha attivato un corso di dottorato in Informatica (in lingua inglese), che è di richiamo ogni anno per molti studenti internazionali. Inoltre, la Facoltà di Scienze della Formazione, attraverso il Centro di competenza lingue, partecipa da 3 anni ad un corso di dottorato in linguistica dell’Università di Pavia. Anche come conseguenza della crescita del personale docente e ricercatore, nel quinquennio 2004-2008 l’attività di ricerca si è notevolmente sviluppata rispetto al quinquennio precedente (1999-2003): i finanziamenti esterni acquisiti sono passati da 1,3 milioni a oltre 6 milioni di euro. In particolare, le Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche e di Scienze della Formazione si

Centro di competenza

Facoltà

Centro di Competenza lingue

Scienze della Formazione (con funzione interfacoltà)

Centro di competenza Innovazione sociale e promozione della qualità nelle professioni sociali

Scienze della Formazione

TOMTE, Centre of Competence in Tourismus Management and Tourismus Economics

Economia

CRELE, Centre of Research in Law and Economics

Economia

DIS, Center for Database and Information Systems

Scienze e Tecnologie informatiche

KRDB, Research Centre for Knowledge and Data

Scienze e Tecnologie informatiche

CASE, Centre for Applied Software Engineering

Scienze e Tecnologie informatiche

Il Centro di Competenza lingue, previsto dall’art. 38 dello Statuto come centro interfacoltà, è già operante dal 2004 come Centro di ricerca lingue afferente alla Facoltà di Scienze della Formazione. Nel quinquennio 2004-2008 si sono costituiti i due centri di competenza della Facoltà di Economia (CRELE e TOMTE) ed il Centro Innovazione sociale e Promozione della Qualità nelle Professioni sociali della Facoltà

Tabella 3: lista dei Centri di competenza

sono distinte nella capacità di acquisizione di fondi europei (cfr. Tabella 5). Il numero totale di progetti nel quinquennio ammonta a 235 per un valore complessivo – compresi i fondi destinati internamente – di oltre 10 milioni di euro, come si evince dalla Tabella 5. In seguito a modifica dello Statuto, nel 2007 è stato attivato un nuovo organo, la Commissione Ricerca d’Ate31


neo (art.11), preposto all’assegnazione delle risorse finanziarie per l’attività scientifica e alla loro valutazione. In questi primi due anni, la Commissione si è riunita sei

volte, soprattutto per valutare ex ante progetti di ricerca cui assegnare fondi interni.

Fondi esterni ed interni per progetti di ricerca - 1999-2003* Progetti per tipologia di finanziamento in Euro

Facoltà

totale

Fondi Privati ed Enti Pubblici diversi dalla Provincia

6

Fondi Europei

256.623,13

4

Fondi Provincia Autonoma di Bolzano

Fondi Nazionali

587.283,85

5

455.534,00

2

Totale Fondi Esterni (A)

53.038,00 17

1.352.478,98

Totale Fondi Interni (B)

21

valore numero complessivo complessifinanziamenti vo progetti (al netto di N. totale eventuale progetti IVA)

1.123.403,28

38

2.475.882,26

Tabella 4: fondi esterni ed interni per progetti di ricerca – quinquennio 1993-2003

Fondi esterni ed interni per progetti di ricerca - 2004-2008* Progetti per tipologia di finanziamento in Euro

Facoltà

Informatica

Fondi Privati ed Enti Pubblici diversi dalla Provincia

Fondi Europei

Fondi Nazionali

Fondi Provincia Autonoma di Bolzano

Totale Fondi Esterni (A)

Totale Fondi Interni (B)

valore complessinumero vo finanziacomplesmenti sivo pro(al netto getti per di Facoltà eventuale Totale IVA) cofinanziamento** (Fondi interni) 44 3.776.431,80

10

723.916,00

5

1.362.876,00

2

494.940,00

4

469.190,10 21

3.050.922,10

23

725.509,70

Design e Arti

8

89.780,00

0

0,00

1

16.000,00

1

210.000,00 10

315.780,00

19

272.442,67

29

588.222,67

Economia Scienze della Formazione Scienze e Tecnologie

3

58.728,33

3

76.000,00

2

22.728,00

4

554.730,00 12

712.186,33

78

922.509,98

90

1.634.696,31

1

41.177,50

3

1.138.884,00

3

55.200,00 10

1.234.667,00 17

2.469.928,50

48

1.611.249,41

65

4.081.177,91

2

75.000,00

0

0,00

0

3

195.000,00

4

94.900,00

7

289.900,00

24

988.601,83

11 2.577.760,00

8

2.588.587,10 63

6.743.816,93

172

3.626.611,76

totale

0,00

1

588.868,00 20

120.000,00

1.735.898,13

235

12.106.326,82

Tabella 5: fondi esterni ed interni per progetti di ricerca – quinquennio 2004-2008

LEGENDA: Fondi Privati ed Enti Pubblici diversi dalla Provincia: società private, Fondazioni, Enti Pubblici quali Comune, Regione, Azienda Sanitaria Locale, etc. Fondi Europei: Programmi Quadro, Programmi CIP, programmi Interreg, etc. Fondi Nazionali: fondi FIRB, PRIN, Programma Vigoni, Programma Azioni Integrate Italia-Spagna, etc. Fondi Provincia Autonoma di Bolzano: contratti stipulati nell’ambito di contratti di finanziamento alla ricerca e contratti stipulati singolarmente con le facoltà. Fondi interni: fondi LUB stanziati direttamente dalle facoltà o dalla Commissione Centrale di Ricerca. NOTE: * È stata utilizzata come riferimento la data della firma del contratto. ** Totale cofinanziamento fondi interni che hanno cofinanziato progetti finanziati da terzi. Si tratta di fondi non compresi nella colonna (B).

32


4

SVILUPPO DELLA DIDATTICA E DELLA RICERCA

4.1

Sviluppo generale della Libera Università di Bolzano entro l’anno 2013

4.1.1

Offerta formativa e crescita della popolazione studentesca

4.1.1.1 Sviluppo dell’offerta formativa La riforma dei corsi di studio ai sensi del decreto ministeriale 270/2004 Negli ultimi anni la riforma dei corsi di studio in base al decreto ministeriale 270 è stata al centro dell’attenzione di tutte le facoltà della Libera Università di Bolzano. La revisione e la riorganizzazione dei singoli corsi di studi deve concludersi obbligatoriamente per legge entro l’anno accademico 2010/2011. Facoltà di Scienze della Formazione

la facoltà rimane in attesa di una riforma di legge. Presso la Facoltà di Economia la riforma sarà applicata a partire dall’anno accademico 2010/2011 con la contemporanea suddivisione del corso di laurea della classe L-18 in due corsi di studio distinti ovvero nel corso in Scienze dell’Economia e della Gestione aziendale e nel corso in Management del Turismo, dello Sport e degli Eventi. Sempre dal 2010/2011 il corso di laurea in Economia, Politica e Filosofia sarà aggiornato in base alla nuova riforma, così come la laurea magistrale in Imprenditorialità ed Innovazione. La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche ha riformato la laurea magistrale in Informatica a partire dall’anno accademico 2009/2010. Sempre sulla scia della riforma, il corso di laurea attualmente esistente in Indall’a.a.

Corso di laurea in Servizio Sociale

2009/2010

Corso di laurea per Educatore sociale

2009/2010

Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue

2009/2010

Facoltà di Economia

dall’a.a.

Corso di laurea in Scienze dell’Economia e della Gestione aziendale

2010/2011

Corso di laurea in Management del Turismo, dello Sport e degli eventi

2010/2011

Corso di laurea in Economia, politica e filosofia

2010/2011

Corso di laurea magistrale in Imprenditorialità e innovazione

2010/2011

Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

dall’a.a.

Corso di laurea in Scienze e Ingegneria dell’Informazione

2010/2011

Corso di laurea magistrale in Informatica

2009/2010

Facoltà di Design e Arti Corso di laurea in Design e Arti

Facoltà di Scienze e Tecnologie

dall’a.a. 2009/2010 dall’a.a.

Corso di laurea in Scienze e Tecnologie agrarie

2009/2010

Corso di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione

2009/2010

Presso la Facoltà di Scienze della Formazione sono stati già avviati nel 2009/2010 tre corsi di laurea riformati (Servizio sociale, Educatore sociale e Scienze della Comunicazione plurilingue). La riforma della legge sulla formazione degli insegnanti (scuola dell’infanzia e scuola primaria) non è stata ancora approvata e pertanto non è ancora possibile intervenire. Analoga è la situazione per quanto riguarda la formazione degli insegnanti della scuola secondaria, le attività di insegnamento presso la SSIS (Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario) sono pertanto cessate e

Tabella 6: corsi riformati ai sensi del DM 270/2004

formatica applicata sarà trasformato nel corso di laurea interclasse in Scienze e Ingegneria dell’Informazione e attivato a partire dall’anno accademico 2010/2011. Sviluppi previsti nell’offerta formativa Lo sviluppo dell’offerta formativa è innanzitutto funzionale allo sforzo di ristrutturare i corsi di studio (vedasi ad esempio la Facoltà di Economia) ai sensi del decreto 270/2004. Quando il processo si sarà concluso, si tratterà in prima linea di ampliare l’offerta esistente in direzione verticale ovvero di offrire per i corsi di laurea esistenti le lauree ma33


gistrali correlate e in seguito i relativi dottorati di ricerca. Alla Facoltà di Scienze della Formazione verranno dunque attivate le lauree magistrali in Servizio sociale e in Scienze della Comunicazione. Anche per quanto riguarda i dottorati di ricerca vi saranno delle novità: sarà infatti istituito un dottorato in Servizio sociale ed uno in Pedagogia dell’età evolutiva. La Facoltà di Economia ha in progetto sostanziali novità. Oltre alle già citate modifiche nel settore delle lauree triennali (vedasi paragrafo precedente) dovrebbero aggiungersi, infatti, due nuove lauree magistrali: una in Economia e Management del Settore pubblico ed una in Management del Turismo. Di nuova istituzione è anche il corso di laurea a ciclo unico (quinquennale) in Business lawyer che dovrebbe essere attivato a partire dall’anno accademico 2012/2013. Con l’introduzione del dottorato di ricerca in Economics and Management a partire dall’anno accademico 2010/11, la Facoltà sarà pertanto in grado di ricoprire tutti e tre i gradi dell’istruzione universitaria. La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche deside-

ra rielaborare completamente il settore dei corsi di laurea. L’attuale corso di laurea in Informatica applicata non sarà più offerto in questa forma ma sarà trasformato nel corso di laurea (interclasse) in Scienze e Ingegneria dell’Informazione. La Facoltà di Design e Arti ha in progetto per l’anno accademico 2012/2013 il curriculum “Arte” ma sarà prima istituito, a partire dall’anno accademico 2010/2011, il corso di laurea magistrale in Design. Uno dei più ambiziosi programmi per i prossimi anni è comprensibilmente quello della facoltà più giovane, ovvero la Facoltà di Scienze e Tecnologie. Ai due corsi di laurea esistenti in Scienze e Tecnologie agrarie e in Ingegneria logistica e della Produzione, dovrebbero aggiungersi tre corsi di laurea magistrale, di cui due internazionali (International Master in Fruit Science, laurea magistrale in Ingegneria Gestionale ed Ambientale ed un International Master in Landscape Ecology). Sono inoltre in programmazione due dottorati di ricerca: uno in Management of Mountain Environment ed uno in Product and Process Innovation.

Offerta formativa

classe

stato attuale

sviluppo previsto

08/09 09/10 10/11 11/12 12/13 13/14

Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea quadriennale in Scienze della formazione primaria – sezione tedesca, italiana e ladina

85 bis

Corso di laurea quadriennale in Scienze della formazione primaria (in service) – sezione 85 bis tedesca, italiana e ladina

  

  

  

  

  

  

 

   

   

   

Corso di laurea in Servizio Sociale Corso di laurea per Educatore Sociale Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue Corso di laura magistrale in Innovazione e ricerca negli interventi socio-assistenzialieducativi

L-39 L-19 L-20 LM-50 LM-87

Corso di laurea magistrale in Media, comunicazione e sfera pubblica europea

LM-90

Corso di dottorato di ricerca in Pedagogia generale, Pedagogia Sociale e Didattica generale

 

Corso di dottorato di ricera in Linguistica (Consorzio con l’Università di Pavia) Corso di dottorato di ricerca in Servizio Sociale Corso di dottorato di ricerca in Pedagogia dell’età evolutiva

 

Facoltà di Economia

34

Corso di laurea in Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 509/1999)

17

-

-

-

-

Corso di laurea in Scienze economiche e sociali

28

Corso di laurea in Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 270/2004) Corso di laurea in Management del Turismo, dello Sport e degli Eventi Corso di laurea in Economia, politica e filosofia Corso di laurea a ciclo unico (quinquiennale) in “Business Lawyer” Corso di laurea specialistica in Management e mercati internazionali

L-18 L-18 L-33 LMG-01 84/S

  

  

   

   

Corso di laurea magistrale in Imprenditorialità ed Innovazione Corso di laurea magistrale in Economia e management del settore pubblico Corso di laurea magistrale in Management del Turismo Corso di dottorato di ricerca in “Economics and Management”

LM-77 LM-63 LM-77

 

 

   

   


Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche Corso di laurea in Informatica applicata (DM 509/1999)

26

L-8 L-31

Corso di laurea in Scienze e Ingegneria dell’Informazione Corso di laurea magistrale in Informatica Corso di dottorato di ricerca in Informatica

-

-

-

-

LM-18

 

 

 

 

 

 

L-4 L-4 LM-12

  

  

L-25 L-9 LM-69 LM-31 LM-73

 

  

      

      

      

Facoltà di Design e Arti Corso di laurea in Design e Arti - curriculum Design Corso di laurea in Design e Arti - curriculum Arte Corso di laurea magistrale in Design

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione Corso di laurea magistrale in “Fruit Science” (international Master) Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale ed Ambientale Corso di laurea magistrale in “Landscape ecology” (international Master) Corso di dottorato di ricerca in “Management of mountain environment” Corso di dottorato di ricerca in “Product and process innovation”

 

Tabella 7: evoluzione prevista nell’offerta formativa nel quinquennio 2009-2013 secondo quanto proposto dalle facoltà

4.1.1.2

Sviluppi previsti nella crescita dei posti di studio Tutti i corsi di studio della Libera Università di Bolzano prevedono un accesso a numero programmato. I posti di studio programmati si suddividono in posti di studio per cittadini UE e posti per cittadini non UE. I numeri programmati previsti riflettono lo sviluppo dell’offerta formativa sopra indicata. Presso tutte le facoltà, ad esclusione di quella di Scienze e Tecnologie informatiche, si prevede un aumento dei posti di studio. La Facoltà di Economia è quella che ritiene di crescere maggiormente rispetto alle altre, con uno sviluppo dagli attuali 360 posti di studio ai 578 nell’anno accademico 2013/2014.

Facoltà

stato attuale 2008/2009 UE

Scienze della Formazione Economia Scienze e Tecnologie informatiche Design e Arti Scienze e Tecnologie Totale LUB

Non-UE

sviluppo previsto 2009/2010 UE

796 765

800

360 290

70

340

70

55

8 1568 1369 199

133

70 80

5

70

133 125

32 203

60 5

32 372

70

133

108 100

751

203 85

Non-UE

783 27

290

60 55

UE

360

244 159

Non-UE

2010/2011

827 31

4.1.1.3 Sviluppi previsti nelle iscrizioni La Libera Università di Bolzano, istituita nel 1997, si trova ancora in una fase di sviluppo e questo lo si riscontra anche nelle previsioni di sviluppo nel numero di studenti. I 3.274 iscritti complessivi di oggi dovrebbero arrivare nel 2013/2014 ad un totale di circa 4.800. La crescita maggiore è prevista presso la Facoltà di Economia dove, secondo la programmazione della Facoltà, gli studenti raddoppieranno. La Facoltà col maggior numero di studenti rimarrà ancora, secondo quanto pianificato, la Facoltà di Scienze della Formazione di Bressanone. Ad una simile crescita aspira anche la Facoltà di Scienze e Tecnologie, che prevede di triplicare i propri iscritti: dagli attuali 117 a 391 studenti.

8 1583 1403 180

10 159

147

12 1597 1441 156

2011/2012 UE

Non-UE

1073 1033 40 412 380 32 203 133 70 80 70 10 211 192 19 1979 1808 171

2012/2013 UE

2013/2014

Non-UE

1074 1034 40 573 505 68 203 133 70 110 95 15 191 172 19 2151 1939 212

UE

Non-UE

1076 1035 41 578 505 73 206 136 70 110 95 15 191 172 19 2161 1943 218

Tabella 8: sviluppo previsto nei posti di studio nel periodo 2009-2013 secondo quanto proposto dalle facoltà

35


In sostanza, la Libera Università di Bolzano aspira per il 2013/2014 ad un aumento del numero totale dei propri iscritti. In base alla programmazione delle facoltà dovrebbe raggiungere il numero di 4.834 iscritti. Nel dettaglio, la situazione sarà probabilmente la seguente: alle tre facoltà piÚ piccole – ciascuna con 300/400 studenti (Scienze e Tecnologie informatiche, Design e Arti, Scienze e Tecnologie) – si affiancheranno le due facoltà piÚ grandi con circa 1650 (Economia) e 2.145 (Scienze della Formazione) iscritti.

Per quanto riguarda lo sviluppo generale delle singole sedi, in base a quanto pianificato dalle facoltĂ , la sede di Bressanone sarĂ  superata dalla sede di Bolzano e non solo per numero di facoltĂ  e corsi di studio offerti, ma anche per quanto riguarda il numero di iscritti. Tuttavia la riforma della formazione degli insegnanti della scuola secondaria potrebbe riservare alcune sorprese.

Sviluppo previsto nel numero degli iscritti Scienze della Formazione



Economia



Scienze e Tecnologie informatiche



Design e Arti



Scienze e Tecnologie



Ingegneria logistica e della Produzione in collaborazione con il Politecnico di Torino















sviluppo previsto

stato attuale

FacoltĂ 

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Scienze della Formazione

1805

1961

2042

2220

2212

2145

Economia

776

978

1084

1235

1517

1659

Scienze e Tecnologie informatiche

305

312

316

316

318

320

Design e Arti

211

210

230

254

284

319

Scienze e Tecnologie

117

180

232

329

371

391

Ingegneria logistica e della Produzione in collaborazione con il Politecnico di Torino

60

38

3274

3679

3904

4354

4702

4834

Totale LUB

Grafico 7: sviluppo previsto nel numero degli iscritti secondo quanto proposto dalle facoltĂ 

Tabella 9: sviluppo previsto nel numero totale di iscritti secondo quanto proposto dalle facoltĂ 

Sviluppo previsto degli iscritti nelle diverse sedi

  

 &SP^ERS   &VIWWERSRI  

&SP^ERS



&VIWWERSRI

 

 

     

36

&VYRMGS

Grafico 8: sviluppo previsto degli iscritti nelle diverse sedi secondo quanto proposto dalle facoltĂ 


4.1.2

Internazionalizzazione – sviluppi previsti

Per i prossimi 5 anni si prevede un incremento dell’internazionalizzazione nei suoi vari aspetti: nella composizione sempre più internazionale della popolazione studentesca e del corpo docente e ricercatore, nell’incremento della mobilità internazionale di studenti, docenti e personale non docente ed infine nell’aumento dei programmi di studio internazionali. Tutte le cinque facoltà intendono infatti proseguire nel percorso di internazionalizzazione intrapreso nel quinquennio precedente con ottimi risultati. In particolare, l’attività di ricerca sarà sviluppata in rete con partner da tutto il mondo, così da raccordare l’università alla comunità scientifica internazionale. Per quanto riguarda i corsi di studio, nel prossimo quinquennio sarà ulteriormente ampliata la gamma di programmi internazionali offerti in quattro facoltà. In particolare, la Facoltà di Scienze e Tecnologie intende attivare cinque programmi internazionali, tra cui 2 lauree magistrali, 2 dottorati ed un corso di formazione. Si tratta di: • International Master in Fruit Science (laurea magistrale), programma congiunto finalizzato al rilascio di un titolo di studio valido in più Paesi europei; • International Master in Landscape ecology (laurea magistrale); • Management of mountain environment (corso di dottorato); • Product and process innovation (corso di dottorato); • Landscape Ecology and Nature conservation (corso universitario di formazione). La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche intende trasformare in programmi finalizzati al rilascio di un titolo congiunto, valido in più Paesi europei, i programmi cosiddetti di “doppia laurea” già esistenti. Si tratta dei “Master” europei (ovvero lauree magistrali) in: • Computational logic, • Language and communication technology, • Software engineering. Inoltre, dal 2009 questa Facoltà intende attivare ed utilizzare lo strumento degli “European doctorate” previsti nell’ambito di Erasmus Mundus, istituendo “European PhD Program” in: • Computational logic, • Software engineering.

La Facoltà di Economia intende attivare due master universitari di 1° e 2° livello in: • Executive Master in Business Administration, • Executive Master in Tourism Business Administration. La Facoltà di Scienze della Formazione intende attivare una laurea magistrale in Media, comunicazione e sfera pubblica europea (in collaborazione con l’Università di Innsbruck). Nella strategia di internazionalizzazione di Ateneo vi sono due temi particolarmente importanti da tenere in considerazione: • il primo riguarda i titoli di studio congiunti, ovvero quei titoli rilasciati da più università europee e dunque validi in più Paesi; • il secondo la qualità, intesa come verifica degli obiettivi raggiunti attraverso i programmi di finanziamento dell’Unione europea. In linea con la politica di forte promozione ed incentivazione dei titoli di studio congiunti perseguita dall’Unione europea, in particolare attraverso il programma Erasmus Mundus, la Libera Università di Bolzano intende ulteriormente sviluppare questo ambito nell’arco del prossimo quinquennio. Questa è l’indicazione, infatti, che viene in generale dalle facoltà e riguarda l’attivazione di alcuni nuovi corsi di laurea magistrale con un connotato di internazionalità espresso dal rilascio di un titolo di studi valido in più Paesi europei. Per favorire tale processo di sviluppo, l’Università intende, anche grazie al sostegno amministrativo dell’Ufficio Relazioni internazionali: • dotarsi di “linee guida” per l’attivazione di corsi di studio che portino al rilascio di titoli congiunti ad uso delle facoltà; • dare priorità alla standardizzazione delle procedure necessarie per il rilascio di tali titoli; • intensificare la collaborazione tra la componente accademica e quella amministrativa fin dalla fase progettuale. Per quanto riguarda la qualità, l’Unione Europea ha adottato una politica di verifica dell’efficacia e dell’efficienza dei programmi finanziati, che sarà maggiormente intensificata nei prossimi anni. La “qualità” riguarda 37


in maniera trasversale vari settori, non solo i programmi di internazionalizzazione. Anche nell’ambito del programma LLP Erasmus sono previsti dei controlli sistematici (cosiddetto System audit) della mobilità a tutti i livelli: studenti, docenti, personale non docente. Si prevede che la Libera Università di Bolzano sarà oggetto di un tale controllo durante l’anno solare 2010.

attività scientifiche. L’organico dell’ufficio richiederà perciò un potenziamento in termini di personale, in modo da poter sostenere maggiormente ricercatori e professori nella capacità di acquisizione di fondi esterni: conoscenza dettagliata delle procedure per la redazione dei progetti, acquisizione di informazione strategiche, individuazione di potenziali finanziatori e di nuovi strumenti di finanziamento.

4.1.3

Facoltà di Economia. La Facoltà intende rafforzare il proprio profilo scientifico con l’obiettivo di potenziare il collegamento alla comunità internazionale, migliorando così ulteriormente la propria reputazione. Per dare maggiore visibilità alle attività scientifiche, intende organizzare annualmente un research day. Intende poi attivare un corso di dottorato in Economics and Management (dall’a.a. 2010/2011). Anche l’organizzazione di convegni, conferenze e seminari rientra tra le attività volte a sviluppare il profilo scientifico. Oltre ad attività di ricerca di base nelle varie discipline afferenti l’economia, la Facoltà intende contribuire all’analisi e alla soluzione di problemi e temi territoriali, in particolare nei due settori economici prominenti: industria turistica alpina e gestione delle imprese vitivinicole e frutticole. I due centri di competenza (CRELE e TOMTE) proseguiranno la loro attività scientifica nei rispettivi ambiti. È possibile che dal 2011, con l’accrescimento della comunità accademica e dei settori disciplinari, saranno istituiti nuovi centri di competenza attualmente non pianificati. Si prevede una crescita del personale nell’arco del quinquennio, da 6 a 25 ricercatori di ruolo e da 5 a 25 ricercatori a tempo determinato (RTD).

Ricerca – sviluppi previsti

Nel periodo in esame, l’Università intende potenziare la ricerca, per sostanziare il principio – affermato anche nella Convenzione programmatico-finanziaria 2008-2011 – di ateneo la cui didattica trae fondamento dalla ricerca. In particolare, intende: • delineare un profilo scientifico d’Ateneo articolato per aree tematiche di ricerca, • potenziare le infrastrutture interne di supporto all’attività di ricerca, • migliorare la capacità di acquisizione di fondi esterni. Quanto al primo punto, sarà dato particolare rilievo alle potenzialità interdisciplinari percorribili grazie alla collaborazione tra le varie facoltà e/o centri di competenza. Un ruolo importante in tal senso sarà svolto dalla Commissione di Ricerca d’Ateneo, la quale dovrà, in linea con le indicazioni ministeriali e gli standard riconosciuti a livello internazionale, individuare ed attivare anche un sistema di valutazione ex post, al momento assente, sui risultati raggiunti dai progetti di ricerca. Dottorati di ricerca saranno attivati anche presso le Facoltà di Economia e di Scienze e Tecnologie. Per supportare meglio le attività di ricerca, sarà necessario – secondo punto – acquisire o realizzare una banca dati affidabile per attività e progetti di ricerca, che supporti i ricercatori nella gestione in itinere del progetto e che permetta un coordinamento dei dati relativi alle attività di ricerca con la contabilità e con il controlling. Attualmente, l’assenza di tale banca rende molto macchinosa la fruibilità dei dati. Il Servizio Centrale per la ricerca e l’innovazione – terzo punto – dovrà sostenere l’Università nello sforzo di acquisizione di ulteriori fondi esterni, nel miglioramento delle procedure a supporto della ricerca, gettando anche le basi per un supporto nell’innovazione e nel trasferimento tecnologico, intese come capacità di collegamento con imprese e potenziali enti finanziatori delle 38

Facoltà di Scienze della Formazione. Il piano strategico pone l’accento sull’esigenza di una didattica aggiornata e basata sulla ricerca. D’altro canto la didattica in sé, la sua efficienza ed efficacia, la sua qualità rappresentano, in effetti, un ambito di ricerca primario per la Facoltà. Ricerca di base nelle varie aree tematiche e ricerca applicata alle scienze della formazione caratterizzeranno una attività scientifica informata di concetti chiave quale l’interdisciplinarietà e la cooperazione interna ed esterna. Un “gruppo ricerca” appositamente istituito dal


Consiglio di facoltà funge da piattaforma per lo sviluppo dell’attività scientifica della Facoltà. Il Centro di ricerca e documentazione sulla storia della scuola altoatesina e il Centro di scrittura continueranno ad operare nell’ambito della ricerca applicata, offrendo laboratori metodologici e di confronto. Dal 2011 si intende, inoltre, ampliare l’offerta dottorale, con l’attivazione di un corso di dottorato in Sevizio sociale e di un corso di dottorato in Pedagogia dell’età evolutiva. Tali corsi si aggiungono a quello già esistente attualmente in Pedagogia generale, sociale e Didattica generale. Il ruolo dei centri di competenza esistenti sarà rafforzato, potenziando non solo la loro capacità di pubblicazioni scientifiche, ma anche la possibilità che essi forniscano servizi (formazione e distance consulting). Oltre al Centro di competenza Innovazione sociale e Promozione della Qualità nelle Professioni sociali – istituito nel 2008 e operativo a breve – la Facoltà costituirà nel quinquennio un Centro di competenza per il lifelong learning. È previsto un aumento di personale ricercatore nell’arco del quinquennio: da 14 dovrebbe aumentare a 25 il numero di ricercatori di ruolo; i ricercatori a tempo determinato (RTD) da 2 a 32. Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche. L’attività di ricerca nella Facoltà è incardinata nei tre centri di competenze esistenti: CASE (Centre for Applied Software Engineering), DIS (Center for Database and Information Systems) e KRDB (Research Centre for Knowledge and Data). Gli ambiti disciplinari afferiscono ai settori scientifici delle Scienze matematiche e informatiche (INF/01) e dei sistemi di elaborazione delle informazioni (ING-INF/05). Nel prossimo quinquennio, l’attività scientifica della Facoltà proseguirà nel solco già tracciato: capacità di attrarre consistenti finanziamenti europei, internazionalità, cooperazione con partner di alto profilo, numero elevato di pubblicazioni scientifiche. Il corso di dottorato continuerà ad essere riproposto, data la proficua collaborazione tra dottorandi e centri di competenza. Inoltre, sarà utilizzato lo strumento dello European Doctorate con l’attivazione di due nuovi programmi (European PhD Programme) in Computational Logic e in Software Engineering (EDSE). Il numero di ricercatori di ruolo dovrebbe raddoppiare nel quinquen-

nio (da 4 a 9), così come i ricercatori a tempo determinato (da 19 a 32 RTD). Facoltà di Design e Arti. La ricerca nel Design viene praticata come parte integrante della didattica, tramite il lavoro con gli studenti nell’ambito dello studio a progetti. In questo ambito, la Facoltà intende: garantire il carattere sempre attuale, innovativo e lungimirante della didattica; il rafforzamento di una rete internazionale di collaborazione scientifica; la ricerca e lo studio di soluzioni innovative alle questioni aperte. L’attività scientifica della Facoltà è articolata in due ambiti principali: la ricerca attraverso il design e la ricerca sul design. Nella prima, che richiede un comportamento attivo di ricerca, l’esito è rappresentato da innovazioni di prodotto nei vari settori. Nella seconda si realizza invece l’attività di riflessione scientifico-metodologica sulla disciplina del design in rapporto alla società ed ai suoi aspetti economici e culturali. Nel quinquennio in esame, la Facoltà intende rafforzare l’interdipendenza tra le due tipologie di ricerca (attraverso il e sul design). È prevista l’istituzione del Centro di Competenza “Teorie del Design”, che comprenderà le discipline teoriche afferenti al design. Per quanto riguarda i dottorati di ricerca, nel quinquennio sarà presa in esame la possibilità di attivarne uno in scienze del design. Il numero di ricercatori a tempo determinato (RTD) sarà ampliato in maniera consistente alla fine del periodo considerato (dagli attuali 5 a 16). Facoltà di Scienze e Tecnologie. La Facoltà ha sviluppato un piano strategico di crescita scientifica articolato in cinque macroaree interdipendenti: energie rinnovabili, innovazione di prodotto, climate change ed efficienza energetica, gestione delle risorse biotiche e abiotiche, qualità della vita. Caratteristiche qualificanti dell’attività di ricerca continueranno ad essere l’interdisciplinarietà, la cooperazione internazionale, nazionale e locale, la pubblicazione su riviste scientifiche ed il trasferimento tecnologico inteso come trasmissione dei nuovi saperi, per contribuire allo sviluppo del territorio. Attività scientifica e didattica informeranno reciprocamente l’un l’altra. L’acquisizione di finanziamenti esterni e la partecipazione a network scientifici continuerà ad essere una priorità. 39


Oltre a voler quasi triplicare il numero del personale ricercatore nell’arco del quinquennio, la Facoltà intende istituire una scuola dottorale che preveda due corsi: management of mountain environment (nel 2010) e Product and process innovation (2011). La costituzione di eventuali centri di competenza è un argomento che sarà dibattuto in Facoltà prossimamente. Non si esclude che nell’arco del quinquennio si coagulino le competenze in particolari ambiti che diano luogo a uno o più centri.

4.1.4

Progetti interfacoltà

In vista dell’imminente riforma nella formazione degli insegnanti secondari, nell’arco del quinquennio 2009-2013 si giungerà ad una cooperazione interfacoltà. Secondo quanto prevede la proposta del gruppo di lavoro ministeriale “Israel”, le singole facoltà saranno tenute in futuro ad offrire nei loro settori scientifico-disciplinari dei corsi di formazione idonei alla preparazione degli insegnanti di scuola superiore. Dal momento che questa funzione è stata svolta fino ad oggi dalla Facoltà di Scienze della Formazione attraverso la SSIS (Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario), è previsto in futuro un accordo interfacoltà.

4.1.5

Lifelong learning

L’Università esiste per gli studenti ed è ai loro bisogni che si rivolge la sua offerta didattica. Vari fattori, demografici, sociali e politici, producono di continuo nuove sfide per le università, alle quali va trovata una risposta. Una di queste è rappresentata dal lifelong learning. Le università riconoscono e assumono la formazione continua universitaria e l’apertura delle università agli studenti di tutte le fasce d’età. Solo così possono tener conto di fenomeni quali: l’invecchiamento della società e di conseguenza dei lavoratori, la cui formazione deve essere continuamente rinnovata ed aggiornata; un progresso scientifico-tecnologico sempre più rapido; e, infine, gli obiettivi della Agenda di Lisbona. La Libera Università di Bolzano si è sforzata dal nascere di prevedere percorsi per la formazione continua. Fin dall’avvio della propria attività, alla Facoltà di Scienze della Formazione sono stati offerti corsi di 40

studio per la formazione universitaria di insegnanti già in servizio. Inoltre fin dal principio sono stati offerti corsi di studio universitari per studenti lavoratori. Una ulteriore iniziativa di successo è rappresentata dai corsi in alternanza studio/lavoro proposti dalle Facoltà di Scienze e Tecnologie e di Scienze e Tecnologie informatiche. La Facoltà di Economia è stata invece la prima a misurarsi, con gran successo, con l’ambito dei master. Nel 2006 ha infatti avviato il primo master di secondo livello in CasaClima. Da allora è stato riproposto ogni anno, passando nel 2007 alla neoistituita Facoltà di Scienze e Tecnologie. Dal 2006 la Libera Università di Bolzano fa parte della rete europea EUCEN (European Univerisities Continuing Education Network). Nei prossimi anni la Libera Università di Bolzano si muoverà con maggiore impegno in questa direzione. L’idea di una didattica a misura di studente e l’apertura dell’offerta formativa a tutte le fasce d’età e in tutte le fasi della vita dovrà estendersi a macchia d’olio. Progetti come l’università per ragazzi e un ateneo che offra pari opportunità agli studenti diversamente abili dovranno essere realizzati quanto prima. La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche continuerà a riproporre il riuscito corso di laurea in alternanza studio/lavoro. Anche la Facoltà di Scienze e Tecnologie intende riproporre corsi per studenti lavoratori, tuttavia desidera ampliare l’offerta anche al livello superiore (laurea magistrale). Sarà potenziata, inoltre, l’offerta di master di I e II livello (cfr. la tabella 10). La Facoltà di Scienze della Formazione continuerà ad offrire corsi di studio universitari, tra i quali master, in particolare per la formazione di personale insegnante, come ad esempio nell’inglese, nell’educazione musicale e nel sostegno. Si aggiungeranno i master in educazione musicale dell’infanzia e in consulenza psicologica. La Facoltà di Economia offrirà due executive master in business administration e in business administration del settore turistico, e ulteriori corsi di studio universitari. La Facoltà di Design e Arti proseguirà la propria attività organizzando numerose manifestazioni e mostre che coinvolgeranno un pubblico ampio ed esterno all’Ateneo.


stato attuale

Offerta formativa

sviluppo previsto

2008/2009 09/10 10/11 11/12 12/13 13/14

Facoltà di Scienze della Formazione Qualifica aggiuntiva per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria (400 ore - sezione tedesca e italiana)

Corso di aggiornamento per gli insegnanti per l’educazione musicale delle Scuole medie e superiori

-

-

-

-

Corso di formazione professionale per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria

Aggiornamento professionale per la formazione musicale per insegnanti di scuola dell’infanzia, collaboratrici/collaboratori pedagiche/pedagogici

-

-

-

-

      

      

      

   

   

Corso di specializzazione per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola secondaria (400 ore - sezione tedesca e italiana)

Formazione di insegnanti di scuola secondaria alla facoltà o in collaborazione con altre facoltà Corso universitario in Ladinistica

Tirocinio Formativo Attivo (6° anno SSIS) Master di I livello - Tedesco L2 Master di I livello - Italiano L2 Master di I livello - Inglese Master di I livello - Educazione musicale dell’infanzia Master di II livello - Consulenza psicologica

Facoltà di Economia Executive Master in Business Administration (EMBA) Executive Master in Business Administration (EMBA - Turismo)

Corso universitario Sviluppo del territorio e management (Turismo) Corso universitario Strategie di marketing e management

Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche nessuna attività formativa prevista

Facoltà di Design e Arti nessuna attività formativa prevista

Facoltà di Scienze e Tecnologie Master di I livello - Innovation Egnineering

Master di II livello - CasaClima Summerschool - “Landscape and Nature Conservation”

4.1.6

Sviluppo del plurilinguismo

La caratteristica unica del plurilinguismo, nell’arco del piano quinquennale 2004-2008, è stata praticata in modo coerente da tutte le facoltà. È da sottolineare però che l’applicazione del modello didattico plurilingue è stato adattato ai vari corsi di studio in base alle esigenze degli specifici ambiti scientifici. Nell’anno 2008/2009 i corsi di studio trilingui offerti erano: • laurea in Economia e Gestione aziendale,

• • • • • • •

 

  

 

 

 

-

-

-

Tabella 10: master e corsi di formazione e aggiornamento previsti per il periodo 2009-2013 secondo quanto proposto dalle facoltà

laurea in Scienze economiche e sociali (PPE), laurea specialistica in Management e Mercati internazionali, laurea in Design, laurea in Tecnica ed Economia agraria, laurea in Ingegneria logistica e della Produzione, laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue, laurea quadriennale in Scienze della Formazione primaria (sezione ladina). 41


Inoltre vi sono stati una serie di corsi di studio le cui lezioni, a causa della propria importanza a livello territoriale, sono state impartite in due lingue: • laurea in Servizio sociale (tedesco, italiano), • laurea per Educatore sociale (tedesco, italiano), • Master di II livello CasaClima (italiano, inglese). Sulla scorta del sistema scolastico altoatesino, alcuni corsi di studio sono stati invece offerti in maniera distinta per la lingua italiana e per la lingua tedesca: • laurea quadriennale in Scienze della Formazione primaria (sezione tedesca), • laurea quadriennale in Scienze della Formazione primaria (sezione italiana), • Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario (SSIS), nonché i corsi per la formazione degli insegnanti di sostegno. Inoltre vi sono alcuni corsi di studio che, per via del proprio orientamento scientifico-didattico, sono stati tenuti prevalentemente in lingua inglese. Si tratta della: • laurea in Informatica applicata, • laurea specialistica in Informatica. Ad eccezione dei corsi di studio monolingui (corso di laurea in Informatica applicata e corso di laurea specialistica in Informatica), tutti gli altri corsi di studio prevedono un test d’ammissione linguistico che costituisce parte integrante del procedimento d’ammissione. Gli studenti che vengono ammessi con riserva devono frequentare, durante il primo anno, presso il Centro linguistico d’Ateneo, dei corsi di lingua propedeutici al proseguimento degli studi. L’esperienza mostra che il segmento di studenti dotati di conoscenze linguistiche tedesche, italiane ed inglesi, al di fuori del territorio locale e dei Paesi esteri tedescofoni, è veramente esiguo. Ne consegue che non in tutte le facoltà i posti di studio a disposizione vengono occupati. Soprattutto i corsi di studio legati alle scienze naturali e tecniche hanno incontrato difficoltà a raggiungere gli obiettivi che erano stati definiti nel piano quinquennale scorso. Il profilo plurilingue, infatti, non risulta di richiamo in maniera uguale per tutti i potenziali studenti. Nel periodo in esame (2009-2013), la Libera Università di Bolzano si atterrà all’orientamento plurilingue ed anzi intende migliorarlo. La particolare connotazione del plurilinguismo e del trilinguismo corrispon42

de ai principi che l’Unione europea pone alla base di una società plurilingue. La Libera Università di Bolzano si distingue in questo da molti altri atenei i quali, in virtù dell’internazionalizzazione, hanno proposto programmi prevalentemente in lingua inglese. Allo stesso tempo il modello didattico del plurilinguismo e del trilinguismo nelle diverse facoltà dovrà essere consolidato ed adattato alle esigenze scientifico-didattiche. L’obiettivo è quello di migliorare l’apprendimento linguistico da parte degli studenti grazie al supporto del Centro linguistico e tramite uno sviluppo mirato dell’insegnamento curricolare delle lingue, nonché quello di raggiungere elevati standard qualitativi. In allegato si riporta la proposta del Senato accademico in merito al profilo linguistico, dal titolo “La Libera Università di Bolzano e le sfide del plurilinguismo: riflessioni sulle linee guida” (allegato 1).

4.1.7

Cooperazione e partenariato

La cooperazione ed il partenariato permettono all’Ateneo di realizzare la cosiddetta “terza missione”, dopo quelle della ricerca e della didattica: il trasferimento dei saperi e delle innovazioni a sostegno dello sviluppo culturale, sociale ed economico. Data la particolare posizione geografica, crocevia tra l’area culturale tedesca e quella italiana, tale cooperazione non può che assumere una forte connotazione internazionale e transfrontaliera. A livello locale il partenariato e la cooperazione della LUB si richiamerà soprattutto ai bisogni di uno sviluppo equilibrato dell’euro-regione nella quale l’Università si trova inserita, che si ispiri a principi di coesione sociale e di sostenibilità, permettendo di superare barriere ed esclusioni tipiche di questa epoca. Un esempio in tal senso è rappresentato dall’accordo di cooperazione BIT, tra le università di Bolzano, Innsbruck e Trento, per ora in ambito informatico, che sarà ulteriormente sviluppato. In dettaglio, per quanto riguarda le collaborazioni a livello locale si rimanda al paragrafo 2.2.4. A livello nazionale, la cooperazione dovrà caratterizzarsi soprattutto nel senso di valorizzare il ruolo di tramite tra aree culturali diverse che la Libera Università di Bolzano è in grado di svolgere, contribuen-


do alla circolazione delle idee, dei saperi e delle innovazioni tra Nord e Sud dell’Europa. In particolare, l’Ateneo aspira ad una maggiore visibilità nel panorama nazionale per poter contribuire al dibattito sugli sviluppi del sistema universitario, anche sulla base di un’esperienza diversa da quella tipicamente nazionale. A livello internazionale, la cooperazione fungerà da volano dei risultati scientifici raggiunti e come modalità per essere in rete con le massime istanze scientifiche e culturali. Una vocazione all’eccellenza sarà il principale criterio ispiratore delle scelte di partenariato internazionale. Un esempio in tal senso è rappresentato dalla recente costituzione di un centro Fraunhofer in provincia di Bolzano, proprio grazie alle sollecitazioni ed al ruolo di raccordo svolto dall’Università. La Fraunhofer-Gesellschaft è tra le organizzazioni leader in Europa per la ricerca applicata. Nonostante la Libera Università di Bolzano sia un ateneo relativamente giovane, tutte le facoltà possono far riferimento ad un consistente numero di progetti di cooperazione, in particolare a livello locale, ma anche – e questo certamente grazie ad un corpo docente e ad un orientamento internazionali – a livello europeo e mondiale. Le forme di cooperazione si differenziano molto secondo le facoltà e dipendono fortemente di volta in volta dall’indirizzo. Le facoltà hanno intenzione di curare, potenziare e sviluppare convenzioni e contatti esistenti. Scienze della Formazione. La Facoltà proseguirà, a livello locale, la cooperazione con i principali interlocutori territoriali: intendenze scolastiche, servizi sociali, organizzazioni non profit. A livello nazionale ed internazionale sarà data priorità a partenariati accademici di alto profilo scientifico. Economia. La presenza della Facoltà sul territorio sarà sempre più caratterizzata dal ruolo di trasmissione di expertise a vantaggio dell’imprenditoria locale, che prenderà forma anche attraverso studi di settore applicati alla realtà locale. Connotata in maniera fortemente globale, con accordi con università in ogni parte del mondo, la Facoltà proseguirà nella scia intrapresa a livello internazionale. Scienze e Tecnologie informatiche. Attraverso gli accordi di cooperazione già in atto o in via di sviluppo,

la Facoltà svolgerà un ruolo importante a livello locale nella promozione e applicazione di sistemi informativi che vanno in direzione della qualità e dell’accesso ai dati. A livello internazionale, la Facoltà si è distinta tra quelle pioniere nell’ambito dei cosiddetti European Master e European Doctorate. Nei prossimi anni svolgerà un ruolo leader anche negli accordi di cooperazione per il rilascio di titoli congiunti europei. Facoltà di Design e Arti. A livello locale sarà data priorità alle collaborazioni che rappresentino una crescita anche per la Facoltà dal punto di vista scientifico e didattico, mentre a livello internazionale saranno perseguite sinergie anche con paesi emergenti (India, Cina, Corea). Scienze e Tecnologie. Nata proprio a seguito di specifiche esigenze locali dopo una cooperazione pluriennale con il prestigioso Politecnico di Torino, la Facoltà vanta una certa tradizione nell’ambito del partenariato con soggetti eccellenti. Il chiaro profilo scientifico che la caratterizza, la vedrà protagonista a livello locale di uno sviluppo volto a implementare i processi di qualità: le imprese saranno i principali interlocutori locali, mentre a livello scientifico internazionale cercherà soprattutto partner interessati a migliorare i processi produttivi e ad ampliare le opportunità anche nei paesi in via di sviluppo.

4.1.8

Sviluppo della cultura della comunicazione

Alla Libera Università di Bolzano si dovrà adottare e promuovere una cultura di comunicazione aperta alla comunità universitaria. Uno scambio di informazioni tra il corpo accademico, l’amministrazione e i rappresentanti degli studenti dovrebbe servire a sviluppare, tramite regolari incontri, una miglior comprensione reciproca. Le attività di pubbliche relazioni della Libera Università di Bolzano hanno un orientamento internazionale, ma sono allo stesso tempo fortemente ancorate al territorio. L’interesse dell’ateneo è sempre comunque in primo piano. All’interno dell’Università, l’Area Stampa, Comunicazione e Marketing si occupa di coordinare ed organizzare le attività di comunicazione/informazione dell’opinione pubblica e di individuare gli strumenti adeguati per raggiungere gli obiettivi prefissati. Per le attività di marketing e comunicazione verso gli studenti, ovvero 43


per tutte le consulenze ad aspiranti studenti, studenti e laureati è competente invece il Servizio orientamento. In linea di massima la comunicazione della Libera Università di Bolzano nei prossimi anni verrà rafforzata in direzione di un potenziamento della comunicazione scientifica e di contenuto e in direzione di una sistematizzazione dei saperi. Per poter raggiungere questi obiettivi sarà necessario un forte coinvolgimento della componente accademica. Il sapere dovrà, tra l’altro, essere reso accessibile tramite una banca dati in internet che dovrà fornire informazioni su quelli che sono gli ambiti scientifici di cui si occupa l’Ateneo. Sarà inoltre intensificata l’attività di relazione con la stampa legata ai contenuti. Per quanto riguarda il trasferimento di saperi, si intende fondare una rivista d’ateneo con la quale saranno diffusi all’esterno contenuti, riflessioni e temi dell’università. Questo giornale fungerà anche da piattaforma per uno scambio a livello intellettuale. Le attività di ricerca dovranno essere maggiormente comunicate attraverso strumenti idonei. In generale si dovrebbe sviluppare un piano di comunicazione moderno, orientato ai gruppi di destinatari, in particolare rispetto ai gruppi di studenti. La Libera Università di Bolzano riconosce internet e lo sviluppo di questo strumento di comunicazione ed informazione quale elemento centrale della comunicazione.

4.2

Sviluppo delle facoltà

Come già illustrato nel paragrafo 3.1, i piani di sviluppo singole delle facoltà sono stati elaborati dalle facoltà stesse. Successivamente, i contenuti dei piani sono stati discussi ed analizzati dai membri del Consiglio dell’Università, dal rettorato e dai presidi nel corso di un incontro (clausura) tenutosi il 15 ottobre 2009. Al termine della clausura i presidi sono stati invitati a rielaborare i piani alla luce di due criteri: da una parte dovevano essere stabilite delle priorità nell’attivazione dei nuovi corsi di studio pianificati, dall’altra dovevano essere indicati con maggior chiarezza le aree prioritarie di ricerca delle singole facoltà. I piani di sviluppo delle facoltà sono stati approvati dai rispettivi consigli nelle seguenti delibere: 44

alla Facoltà di Economia nella seduta del 26 novembre 2009; • alla Facoltà di Scienze della Formazione nella seduta del 2 ottobre 2009; • alla Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche con la delibera 255 del 17 settembre 2009; • alla Facoltà di Design e Arti nelle sedute del 24 settembre e del 27 ottobre 2009 (integrazione); • alla Facoltà di Scienze e Tecnologie: delibera 140 del 24 settembre 2009. Qualora i piani di sviluppo delle facoltà non rispecchiassero quanto espresso nelle le linee generali del Consiglio dell’Università, le facoltà sono tenute comunque a rispettarle in fase di attuazione dei piani.


4.2.1

Facoltà di Scienze della Formazione

4.2.1.1 Situazione della Facoltà al 01/01/2009 La Facoltà di Scienze della Formazione si è costituita con il chiaro intento di soddisfare in maniera adeguata e al più alto livello i fabbisogni formativi degli insegnanti locali e dei professionisti del sociale. Con l’introduzione di un corso di studio in “Scienze della comunicazione plurilingue”, che punta a valorizzare il plurilinguismo presente a livello territoriale, la facoltà ha sviluppato un ulteriore ambito disciplinare. Caratteristica distintiva della facoltà è proprio un’ampia offerta di diverse discipline. Questa “diversità” va legata e sviluppata ulteriormente. Un’ulteriore caratteristica dell’offerta didattica è il nesso esistente tra teoria e pratica; in particolare viene posta molta attenzione alla qualità dei tirocini. Negli ultimi anni è stato rafforzato l’indirizzo internazionale anche grazie alle chiamate di docenti dall’estero, come del resto è cresciuto d’importanza il plurilinguismo sia nei corsi di studio, sia nell’attività di ricerca. La facoltà offre corsi di studio mono, bi e trilingui. Sono monolingui le sezioni italiana e tedesca del corso di laurea in Scienze della formazione primaria. La sezione ladina è trilingue, con una quota del 20 per cento di insegnamenti in ladino. I corsi di laurea in Servizio sociale e per Educatore sociale sono bilingui (all’incirca 50 per cento italiano e 50 per cento tedesco). Il corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue è trilingue (40 per cento italiano, 40 per cento tedesco e 20 per cento inglese). Le lingue di insegnamento nel corso di dottorato di ricerca in Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale sono italiano e tedesco. La formazione degli insegnanti della scuola per l’infanzia e della scuola primaria ha ancora una durata quadriennale, ma con la riforma sarà probabilmente trasformato in un corso di laurea quinquennale a ciclo unico. La Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario (SSIS) è stata sospesa in attesa di una riforma della scuola superiore. 4.2.1.2 Piano strategico L’offerta formativa della Facoltà sarà sviluppata in maniera tale da prevedere, per ogni corso di laurea esistente, una laurea magistrale e un corso di dottorato. La didattica della Facoltà sarà continuamente aggiornata e basata sulla ricerca. Due gruppi di lavoro collaborano per promuovere la ricerca e la didattica su aree

tematiche chiave. Il Centro di ricerca e documentazione sulla storia della scuola altoatesina (Forschungsund Dokumentationszentrum zur Südtiroler Schulgeschichte) e i laboratori saranno maggiormente mirati e più chiaramente formulati come parte integrante di una formazione orientata alla pratica. Il Centro di scrittura punterà a migliorare sistematicamente le competenze linguistiche scritte e orali. Saranno intraprese collaborazioni internazionali; sarà inoltre assicurata la presenza in pubblicazioni scientifiche internazionali di rango. In questo senso si intende rafforzare il ruolo dei centri di competenza esistenti quali centri di ricerca, ma anche attivarne di nuovi. L’indirizzo trilingue e internazionale della Libera Università di Bolzano sarà declinato anche a livello di tutta la Facoltà di Scienze della Formazione, dunque anche a livello di formazione degli insegnanti. Si tratta qui di individuare una via sostenibile e condivisa che abbia alle spalle una cultura scientifica. Le peculiarità della Facoltà, come l’offerta trilingue e un corpo docente internazionale, devono essere tenute in conto. Il plurilinguismo vissuto e la filosofia educativa portano con sé, che sia gli studenti della Facoltà sia gli scolari dell’Alto Adige, conformemente al modello linguistico europeo, vengano formati nella propria madrelingua e in due ulteriori lingue straniere, giungendo a padroneggiare tre lingue. In questo ambito la Facoltà di Scienze della Formazione funge da esempio per altre università. La diversità linguistica e culturale deve essere percepita – ancor più di quanto lo sia finora – come elemento di ricchezza e di forza e vissuta nel senso di una comune filosofia educativa. Lo sviluppo e l’implementazione della qualità nella formazione è al passo degli sviluppi internazionali e si impernia su un modello di competenze definito, il quale, oltre al rafforzamento dello sviluppo individuale degli studenti, presenta un “modello dimensionale” di competenze specifiche, del quale tengono conto tutti coloro che collaborano alla formazione. L’implementazione di un simile modello di competenze sia a livello di corso di laurea, sia a livello di laurea magistrale dovrebbe stimolare lo sviluppo di piani formativi nella Libera Università di Bolzano, nella provincia e oltre. La sezione ladina rappresenta una caratteristica unica della Libera Università di Bolzano. La sua particolare importanza le deriva da un lato dall’essere unica sede nella quale vengono formati insegnanti secondo il modello 45


della scuola paritetica ladina; dall’altro da aree di ricerca quali la filologia ladina e la didattica plurilingue, le quali in questa combinazione sono appunto uniche e rispondenti ai fabbisogni della scuola e della società ladine. Quanto ad un centro di ricerca sui ladini di livello

accademico, la sezione ladina svolge per lo più un ruolo importante per la documentazione, la descrizione e la crescita culturale dei ladini. Dato il ruolo, in futuro tale sezione dovrebbe essere rafforzata e sviluppata.

4.2.1.3 Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale 4.2.1.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa Offerta didattica

Classe preriforma

Classe postriforma

Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

Corsi di laurea quadriennale Scienze della Formazione primaria (a tempo pieno) -

Sezione in lingua tedesca

-

Sezione in lingua italiana

-

Sezione in lingua ladina

85 bis

Scienze della Formazione primaria (altro indirizzo) -

Sezione in lingua tedesca

-

Sezione in lingua italiana

-

Sezione in lingua ladina

85 bis

Scienze della Formazione primaria (per insegnanti in servizio) -

Sezione in lingua tedesca

-

Sezione in lingua italiana

-

Sezione in lingua ladina

85 bis

Corsi di laurea Servizio sociale (DM 509/1999)

6

x

-

-

-

-

-

Educatore sociale (DM 509/1999)

18

x

-

-

-

-

-

14

x

-

-

-

-

-

Scienze della Comunicazione plurilingue (DM 509/1999) -

Curriculum Comunicatore in istituzioni e aziende in contesto plurilingue Curriculum Esperto di educazione permanente e di mediazione comunicativa Curriculum Manager e organizzatore di eventi culturali e non profit Curriculum Addetto all’informazione digitale

Servizio sociale (DM 270/2004)

L-39

-

x

x

x

x

x

Educatore sociale (DM 270/2004)

L-19

-

x

x

x

x

x

L-20

-

x

x

x

x

x

Laurea magistrale Innovazione e ricerca negli interventi socio-assistenziali educativi

LM-50 LM-87

-

-

x

x

x

x

Laurea magistrale in Media, comunicazione e sfera pubblica europea (studi europei con Innsbruck)

LM-90

-

-

-

x

x

x

-

-

x

x

x

x

Scienze della Comunicazione plurilingue (DM 270/2004) -

Curriculum Educazione permanente e gestione delle risorse umane Curriculum Management non-profit e culturale Curriculum Management delle informazioni in ambito bibliotecario

Corsi di laurea magistrale

Corsi interfacoltà Formazione di insegnanti per la scuola secondaria in collaborazione con le Facoltà disponibili

46


Corsi di dottorato Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale

x

x

x

x

x

x

Servizio sociale

-

-

-

x

x

x

x

x

x

x

x

x

-

-

-

x

x

x

Tedesco L2 (primo livello)

-

-

-

x

x

x

Italiano L2 (primo livello)

-

-

-

x

x

x

Inglese (primo livello)

-

-

-

x

x

x

Educazione musicale per la prima infanzia (primo livello)

-

-

-

x

x

x

Consulenza psicologica (secondo livello)

-

-

-

x

x

x

Linguistica (Consorzio con l’Università di Pavia)

L-LIN/01

Pedagogia dell’età evolutiva Master universitari (di 1° e 2° livello)

Corsi universitari – di formazione Qualifica aggiuntiva per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria (400 ore) -

Sezione linguistica tedesca

x

x

x

x

x

x

-

Sezione linguistica italiana

x

x

x

x

x

x

Corso di formazione professionale per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria

-

x

x

x

x

x

Corso di aggiornamento per gli insegnanti per l’educazione musicale delle Scuole medie e superiori

x

-

x

-

-

-

Aggiornamento professionale per la Formazione musicale per insegnanti di scuola dell’infanzia, collaboratori/collaboratrici pedagogici/pedagogiche

-

x

x

x

x

x

Corso di ladinistica

-

-

-

x

x

x

Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario (SSIS) Corso di specializzazione per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola secondaria (400 ore) -

Sezione linguistica tedesca

x

x

-

-

-

-

-

Sezione linguistica italiana

x

x

-

-

-

-

Formazione di insegnanti di scuola secondaria

-

-

x

x

x

x

Tirocinio Formativo Attivo (sesto anno)

-

-

x

x

x

x

Tabella 11: sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze della Formazione

4.2.1.3.1.1 Sviluppo del numero di posti di studio

Posti di studio per corso

Situazione a.a. 2008/2009* EU

Non UE

Evoluzione prevista* 2009/2010 EU

Non UE

2010/2011 EU

Non UE

2011/2012 EU

Non UE

2012/2013 EU

Non UE

2013/2014 EU

Non UE

Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (a tempo pieno) - Sezione linguistica tedesca

120

-

120

-

120

-

100

-

80

-

80

-

- Sezione linguistica italiana

120

-

120

-

120

-

100

-

80

-

80

-

- Sezione linguistica ladina

20

-

20

-

20

-

20

-

20

-

20

-

Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (altro indirizzo) - Sezione linguistica tedesca

20

-

20

-

20

-

20

-

20

-

20

-

- Sezione linguistica italiana

15

-

15

-

15

-

20

-

20

-

20

-

- Sezione linguistica ladina

5

-

5

-

5

-

20

-

20

-

20

-

Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (per insegnanti in servizio) - Sezione linguistica tedesca

100

-

60

-

60

-

30

-

50

-

50

-

- Sezione linguistica italiana

60

-

60

-

60

-

30

-

50

-

50

-

- Sezione linguistica ladina

6

-

6

-

6

-

6

-

6

-

6

-

47


Posti di studio per corso

Situazione a.a. 2008/2009* EU

Non UE

Evoluzione prevista* 2009/2010 EU

Non UE

2010/2011 EU

Non UE

2011/2012 EU

Non UE

2012/2013 EU

Non UE

30 8 Corso di laurea in Servizio sociale** 30 8 Corso di laurea per Educatore sociale** Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue** - Curriculum Comunicatore in istituzioni e aziende Disattivati (ex DM 509) in contesto plurilingue 100 15 - Curriculum Esperto di educazione permanente e di mediazione comunicativa - Curriculum Manager e organizzatore di eventi culturali e non profit - Curriculum Addetto all’informazione digitale 30 8 30 8 30 8 30 8 Corso di laurea in Servizio sociale*** Corso di laurea per Educatore sociale*** 30 8 30 8 30 8 30 8 Corso di laurea in Scienze della Comunicazione In attesa di plurilingue*** attivazione - Curriculum Educazione permanente e gestione (attivati dal 2009/2010) delle risorse umane 60 10 60 10 60 10 60 10 - Curriculum Management non-profit e culturale - Curriculum Management delle informazioni in ambito bibliotecario Laurea magistrale Innovazione e ricerca negli inter20 5 20 5 20 5 venti socio-assistenziali educativi Laurea magistrale in Media, comunicazione e sfera 20 5 20 5 pubblica europea (con Innsbruck) Corso di dottorato in Pedagogia generale, Pedago8 8 8 8 8 gia sociale e Didattica generale Corso di dottorato in Servizio sociale 6 2 6 2 Corso di dottorato in Linguistica - Consorzio con 1 1 1 2 1 3 2 4 2 l’Università di Pavia (da Bolzano) Qualifica aggiuntiva per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria (400 ore) 20 - Sezione linguistica tedesca 20 20 20 20 15 - Sezione linguistica italiana 15 15 15 15 Corso di formazione professionale per ’insegna80 60 60 60 mento della lingua inglese nella scuola primaria Corso di aggiornamento per gli insegnanti per 30 30 l’educazione musicale delle Scuole medie e superiori Aggiornamento professionale per la Formazione musicale per insegnanti di scuola dell’infanzia, collabo30 30 30 30 ratori/ collaboratrici pedagogici/ pedagogiche Corso di specializzazione per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola secondaria (400 ore) 15 - Sezione linguistica tedesca 50 50 50 50 50 - Sezione linguistica italiana 50 50 50 50 Tedesco L2 (Master primo livello) 30 30 Italiano L2 (Master primo livello) 30 30 Inglese (Master primo livello) 30 30 Educazione musicale per la prima infanzia 30 30 (master primo livello) Consulenza psicologica (Master secondo livello) 30 30 Formazione di insegnanti di scuola secondaria 40 40 Tirocinio Formativo Attivo (sesto anno) 80 80 Corso di ladinistica 15 15 Totale posti di studio 796 827 863 1073 1074 * Per ogni corso viene assegnato un certo numero di posti di studio per cittadini UE e per cittadini NON UE ** DM 509/1999 *** DM 270/2004

Tabella 12: sviluppo del numero dei posti di studio della Facoltà di Scienze della Formazione

48

2013/2014 EU

Non UE

30 30

8 8

60

10

20

5

20

5

8

-

6

2

5

3

20 15

-

60

-

-

-

30

-

50 50 30 30 30

-

30

-

30 40 80 15 1076


4.2.1.3.2 Evoluzione del numero degli studenti 4.2.1.3.2.1 Preiscrizioni Preiscrizioni per corso di studio

Situazione a.a. 2008/2009

Evoluzione prevista 2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (a tempo pieno + altro indirizzo) 195 231 200 200 200 - Sezione linguistica tedesca 285 - Sezione linguistica italiana 253 250 250 250 - Sezione linguistica ladina 11 24 20 20 20 Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (per insegnanti in servizio) 53 70 50 50 60 - Sezione linguistica tedesca 38 - Sezione linguistica italiana 52 50 50 60 - Sezione linguistica ladina 4 6 10 10 10 76 Corso di laurea in Servizio sociale* 121 Corso di laurea per Educatore sociale* Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue* Disattivati (ex DM 509) - Curriculum Comunicatore in istituzioni e aziende in contesto plurilingue 52 - Curriculum Esperto di educazione permanente e di mediazione comunicativa - Curriculum Manager e organizzatore eventi culturali e non-profit - Curriculum Addetto all’informazione digitale Corso di laurea in Servizio sociale** 66 100 100 100 Corso di laurea per Educatore sociale** 96 140 140 140 In attesa di Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue** attivazione (attivati - Curriculum Educazione permanente e gestione delle risorse umane 2009/2010) 95 100 100 100 - Curriculum Management non-profit e culturale - Curriculum Management delle informazioni in ambito bibliotecario Laurea magistrale in Innovazione e ricerca negli interventi socio-assisten50 50 50 ziali educativi Laurea magistrale in Media, comunicazione e sfera pubblica europea (con 50 50 Innsbruck) 10 Corso di dottorato Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale 12 12 12 12 Corso di dottorato Servizio sociale 10 10 Corso di dottorato in Linguistica - Consorzio con l’ Università di Pavia (da 1 2 2 6 6 Bolzano) Qualifica aggiuntiva per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria (400 ore) 9 2 15 15 15 - Sezione linguistica tedesca - Sezione linguistica italiana 13 16 15 15 15 Corso di formazione professionale per l’insegnamento della 82 60 60 60 lingua inglese nella scuola primaria Corso di aggiornamento per gli insegnanti per l’educazione 17 musicale delle Scuole medie e superiori Aggiornamento professionale per la Formazione musicale per insegnanti di 29 34 40 40 40 scuola dell’infanzia, collaboratori/collaboratrici pedagogici/pedagogiche Corso di specializzazione per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola secondaria (400 ore) 0 - Sezione linguistica tedesca 12 50 50 50 37 - Sezione linguistica italiana 90 50 50 50 Tedesco L2 (master primo livello) 30 30 Italiano L2 (master primo livello) 30 30 Inglese (master primo livello) 30 30 Educazione musicale per la prima infanzia (master primo livello) 30 30 Consulenza psicologica (master secondo livello) 30 30 Formazione di insegnanti di scuola secondaria 40 40 Tirocinio Formativo Attivo (sesto anno) 80 80 Corso di ladinistica 15 15 951 1143 1214 1563 1583 Totale preiscritti

2013/2014

200 250 20 60 60 10

100 140 100

50 50 12 10 6 15 15 60 40 50 50 30 30 30 30 30 40 80 15 1583

* DM 509/1999 ** DM 270/2004

Tabella 13: evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Scienze della Formazione

49


4.2.1.3.2.2 Stato attuale delle immatricolazioni Immatricolazioni per corso di studio

Numeri massimi e minimi di immatricolati previsti dalla legge

(confrontati con i numeri massimi e minimi previsti dalla legge)

Immatricolati 2008/2009*

Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (a tempo pieno) - Sezione linguistica tedesca

120

- Sezione linguistica italiana

120

- Sezione linguistica ladina

9

Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (per insegnanti in servizio) - Sezione linguistica tedesca

48

- Sezione linguistica italiana

34

- Sezione linguistica ladina

3

Corso di laurea in Servizio sociale**

150

20

Corso di laurea per Educatore sociale**

230

36

30

Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue**

300

50

29

30

Corso di dottorato in Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale

8

Qualifica aggiuntivo per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria (400 ore) - Sezione linguistica tedesca

8

- Sezione linguistica italiana

12

Corso di formazione professionale per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria

-

Corso di aggiornamento per gli insegnanti per l’educazione musicale delle Scuole medie e superiori

13

Aggiornamento prof. per la Formazione musicale per insegnanti di scuola dell’infanzia, collaboratori/collaboratrici pedagogici/pedagogiche

-

Corso di specializzazione per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola secondaria (400 ore) - Sezione linguistica tedesca

3

- Sezione linguistica italiana

13

Totale immatricolati

480

* Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 30 novembre 2008 ** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 14: stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Scienze della Formazione

4.2.1.3.2.3 Iscritti ed evoluzione prevista Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

- Sezione linguistica tedesca

350

350

375

375

340

305

- Sezione linguistica italiana

332

350

390

375

340

305

- Sezione linguistica ladina

33

65

65

65

65

65

Iscritti nell’a.a. 2008/2009* Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (a tempo pieno)

Corso di laurea in Scienze della Formazione primaria (per insegnanti in servizio) - Sezione linguistica tedesca

208

255

230

190

160

155

- Sezione linguistica italiana

145

190

180

150

160

155

8

20

20

20

20

20

109

95

95

95

95

95

- Sezione linguistica ladina Corso di laurea in Servizio sociale***

50

Corso di laurea per Educatore sociale***

110

95

95

95

95

95

Corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue***

105

255

215

180

180

180


Laurea magistrale Innovazione e ricerca negli interventi socio-assistenzialieducativi

-

-

22

42

42

42

Laurea magistrale in Media, comunicazione e sfera pubblica europea

-

-

-

22

42

42

23

24

24

24

24

24

Corso di dottorato in Servizio sociale

-

-

-

8

16

24

Corso di dottorato in Linguistica - Consorzio con l’Università di Pavia (da Bolzano)

1

4

6

10

14

19

Corso di dottorato in Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale**

Qualifica aggiuntiva per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria (400 ore) - Sezione linguistica tedesca

10

30

30

30

30

30

- Sezione linguistica italiana

21

25

25

25

25

25

Corso di formazione professionale per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria

67

65

120

100

100

100

Corso di aggiornamento per gli insegnanti per l’educazione musicale delle Scuole medie e superiori

13

13

-

-

-

-

Aggiornamento professionale per la Formazione musicale per insegnanti di scuola dell’infanzia, collaboratori/collaboratrici pedagogici/ pedagogiche

-

25

50

50

50

50

Corso speciale ai sensi della Legge n. 143/2004 per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento nelle Scuole dell’infanzia ossia Scuole primarie

4

-

-

-

-

-

- Sezione linguistica tedesca

65

-

-

-

-

-

- Sezione linguistica italiana

184

-

-

-

-

-

- Sezione linguistica ladina

-

-

-

-

-

-

Scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario

Corso di specializzazione per la formazione di insegnanti di sostegno nella scuola secondaria (400 ore) - Sezione linguistica tedesca

4

50

50

50

50

50

- Sezione linguistica italiana

13

50

50

50

50

50

Tedesco L2 (master primo livello)

-

-

-

27

27

27

Italiano L2 (master primo livello)

-

-

-

27

27

27

Inglese (master primo livello)

-

-

-

27

27

27

Educazione musicale per la prima infanzia (master primo livello)

-

-

-

27

27

27

Consulenza psicologica (master secondo livello)

-

-

-

27

27

27

Formazione di insegnanti di scuola secondaria

-

-

-

36

72

72

Tirocinio Formativo Attivo (sesto anno)

-

-

-

80

80

80

Corso di ladinistica

-

-

-

13

27

27

1805

1961

2042

2220

2212

2145

Totale studenti * Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 15 dicembre 2008 ** Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 23 marzo 2009 *** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 15: evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Scienze della Formazione

4.2.1.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) In ambito di apprendimento permanente, la Facoltà di Scienze della Formazione ha svolto alla Libera Università di Bolzano una funzione pioneristica sia per quanto concerne i corsi in service (per studenti in attività) sia per quanto concerne corsi di formazione, aggiornamento e riqualificazione professionale. Nei prossimi

anni la facoltà intende adoprarsi per sviluppare l’ambito dell’educazione permanente a tutti i livelli (corsi di laurea e di laurea magistrale) e l’ambito degli Advanced Studies. Le lingue, le discipline artistico-musicali e le didattiche specialistiche rappresenteranno una delle principali aree d’interesse. Per le professioni sociali, lo sviluppo di sussidi didattici su supporto elettronico in 51


poiché a quella data scadrà il contratto d’affitto con il Centro Missionario ed i locali attuali torneranno ad essere a disposizione dei proprietari (si veda in proposito il paragrafo 6.3).

collaborazione con esperti internazionali nell’approccio in blended learning rappresenta una priorità. In concreto sono previsti due master di primo livello, ossia “italiano seconda lingua” e “tedesco seconda lingua”, e un master di secondo livello in “consulenza psicologica” (si veda tabella 11). Si intende anche attivare un master in “pedagogia dell’età evolutiva”, poiché in ambito tedescofono esiste una necessità acuta in questo settore. Attraverso questo corso di studi, la facoltà potrebbe non solo soddisfare un fabbisogno urgente, ma anche arrivare ad incidere sugli ulteriori sviluppi a livello universitario della pedagogia dell’età evolutiva in Germania e Austria. Si propone per lo stesso motivo un master in educazione musicale per la prima infanzia, poiché in questo settore sussiste un grande vuoto da recuperare. Il Centro di scrittura, istituito nel 2007, ha il compito di promuovere il trasferimento di saperi e l’esposizione scritta come parte integrante dell’attività accademica. In stretta collaborazione con esperti per la ricerca di dati (Biblioteca universitaria) è stato sviluppato un progetto che tiene conto delle esigenze degli studenti di una università plurilingue, collegando lo sviluppo delle competenze di scrittura ad una strategia di apprendimento permanente.

4.2.1.4 Ricerca La ricerca si fonda sui principi di libertà della ricerca e di una elevata qualità, contempla la diversità di metodi e si concentra sia sulla ricerca di base sia sulla ricerca applicata nell’ambito delle scienze della formazione. Essa spazia in tutte le aree tematiche della facoltà e spinge alla cooperazione interdisciplinare e ad una cooperazione rafforzata tra i corsi di studio all’interno della facoltà e con le altre facoltà dell’Ateneo. Questa strategia comprende il rafforzamento della cooperazione con altri enti di ricerca universitari e non, in Italia e all’estero. L’obiettivo è realizzare il passaggio dal singolo progetto alla ricerca per aree d’interesse definite, e beneficiare, sviluppandole, delle esperienze nell’acquisizione di finanziamenti per la ricerca. Per mettere a fuoco questa strategia, per accompagnare la sua implementazione e per coordinare la collaborazione con la Commissione di Ricerca d’Ateneo della Libera Università di Bolzano, il Consiglio di facoltà ha istituito un ‘gruppo ricerca’. Questo gruppo di lavoro funge

4.2.1.3.4 Evoluzione del numero di personale accademico (tenendo conto delle disposizioni ministeriali relative ai requisiti minimi e necessari) Inquadramento

Situazione al 1° gennaio 2009

Professori ordinari

9

Assunzioni annuali previste 2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

5

1

2

-

-

Personale accademico alla fine dell’a.a. 2013/2014

17

Professori associati

8

7

2

2

3

-

22

Ricercatori

14

11

-

-

-

-

25

RTD

2

6

9

7

11

10

32

Totale

33

29

12

11

14

10

96

Tabella 16: evoluzione personale accademico della Facoltà di Scienze della Formazione

4.2.1.3.5 Pianificazione degli spazi L’adeguamento delle aule ai requisiti richiesti dall’ambito disciplinare è una priorità, soprattutto per la progettazione artistica, per gli spazi per esecuzioni teatrali e musicali, per i laboratori, e per le forme d’apprendimento integrate, così come gli adeguamenti previsti dalle norme per i diritti dei disabili. Per i laboratori didattici è necessario individuare, a partire dal 2011, nuovi locali, 52

al tempo stesso da piattaforma per la presentazione e la discussione delle proposte di ricerca, da sottoporre a delibera del Consiglio di facoltà, indipendentemente dal fatto che si tratti di progetti finanziati dalla facoltà o di progetti da sottoporre alla Commissione di Ricerca d’Ateneo o di progetti il cui finanziamento è assicurato attraverso fondi esterni. In questo modo la facoltà crea trasparenza sui progetti in corso e sulle attività di


ricerca. Le sedute del ‘gruppo ricerca’ sono pubbliche e i membri della facoltà, i ricercatori, i rappresentanti degli studenti e gli studenti possono prendervi parte. L’orientamento tematico della ricerca non viene volutamente fissato, ma rimesso ai proponenti. Ciononostante, compito del ‘gruppo ricerca’ sarà quello di indicare determinati temi particolarmente attuali, di intensificare il dialogo interno alla facoltà rispetto all’individuazione di temi di ricerca interessanti, di promuovere gli scambi con altri enti di ricerca e di invitare ricercatori esteri a presentare la loro attività di ricerca. In generale si dovrebbe rafforzare nella facoltà lo spirito di ricerca e una cultura della ricerca. La qualità nella formazione in facoltà e l’efficienza della didattica rappresenteranno argomento di ricerca, in modo tale da contribuire alla crescita della qualità nella formazione. La formazione stessa, intesa come argomento di ricerca, sarà di per sé una delle attività di ricerca nella Facoltà di Scienze della formazione. Nel contesto dell’introduzione di corsi di laurea e di laurea magistrale, i discorsi teorici sulla determinazione della qualità nella formazione, sull’organizzazione dei corsi di studio, del loro accompagnamento e valutazione saranno ulteriori aree di interesse prioritarie per le attività del ‘gruppo ricerca’ e dei membri della facoltà. Volendo affrontare la trasformazione di corsi dalle posizioni costruttiviste classiche in quelle del costruttivismo sociale, questo è il momento più idoneo pensabile per riflettere sulla fondatezza teorica della qualità nella formazione, sull’organizzazione dei corsi di studio e sulla base didattico-pedagogica. Mentre negli ultimi dieci anni si è compiuto a livello internazionale un tale processo di trasformazione, il quale in vari Paesi (USA, Australia, Nuova Zelanda, Svezia, etc.) ha portato ad una riforma profonda della formazione, rappresenta una ulteriore sfida il raccordarsi ad esso e trarne le conseguenze per lo sviluppo della facoltà. L’importanza del Centro di ricerca e documentazione sulla storia della scuola altoatesina (Forschungs- und Dokumentationszentrum zur Südtiroler Schulgeschichte), istituito presso la facoltà, risiede nella documentazione storica e sistematica, nello studio delle storie della formazione, nel loro posizionamento nei quesiti di ricerca interregionale e internazionale. Il raccordo alla facoltà, in particolare al laboratorio didattico, risulta perciò sulla base di aree d’interesse tematiche e metodologi-

che comuni. 4.2.1.5 Centri di competenza I centri di competenza sono votati principalmente alla ricerca e dovrebbero offrire anche servizi (per esempio corsi professionalizzanti per personale specialistico locale, distance consulting, comunità per lo scambio di informazioni online) e diventare un punto di riferimento per la regione. Oltre al Centro di competenza Innovazione sociale e Promozione della Qualità nelle Professioni sociali, la facoltà ha deciso in un processo di discussione interna, la fondazione di un ulteriore Centro di competenza per l’apprendimento permanente. Il Centro di competenza Innovazione sociale e promozione della qualità nelle professioni sociali avvierà l’attività di ricerca e formazione permanente non appena sarà consolidato il numero di personale docente di ruolo nel settore scientifico disciplinare delle scienze sociali. Il suo compito principale sarà quello di individuare criteri di qualità sostenibili per i servizi sociali e analizzare la loro applicazione a livello locale, e in base a questo formare il personale fornendo le competenze necessarie. 4.2.1.6

Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale Le esperienze fin qui acquisite nei tirocini presso le varie istituzioni e nei corsi di studio dovrebbero favorire un rafforzamento della collaborazione e un miglioramento della qualità dei tirocini. Si sta collaborando alla realizzazione di un accordo quadro con l’Università di Innsbruck e alla realizzazione di una rete con le Facoltà di Scienze della Formazione degli atenei del Nordest: Venezia, Padova, Verona, Trento e Bolzano. 4.2.1.6.1 Collaborazioni locali La collaborazione con i tre istituti pedagogici e le tre intendenze scolastiche sarà intensificata. Proseguiranno le collaborazioni con la ripartizione Servizi sociali e con la ripartizione Cultura e Scuola della Provincia. Si rafforzerà, inoltre, la collaborazione con il comune di Bressanone. Saranno curati servizi di consulenza e analisi in collaborazione con i servizi sociali non pubblici, con i comuni e con le comunità comprensoriali. È prevista una stretta collaborazione con l’Albo per le 53


professioni sociali della regione, soprattutto nella programmazione e nello svolgimento dell’esame di Stato, ma anche nell’ambito dei progetti di ricerca.

• 4.2.1.6.2 Collaborazioni nazionali Nella lista che segue, le principali collaborazioni nazionali in corso o in via di sviluppo: • Università di Trento, collaborazione per l’attivazione di un dottorato di ricerca in servizio sociale; • Università Milano Bicocca, collaborazioni nell’ambito di progetti di ricerca nazionale (Prin/Cofin) e per il dottorato di ricerca in servizio sociale, con l’intenzione di costituire un consorzio interregionale (Milano Bicocca / Trento / Verona / Bolzano); • Università di Bologna, in programma una conduzione congiunta del master per Operatori di Pace; • Università Roma Tre, Scuola di dottorato internazionale; • Consorzio per un dottorato in linguistica con l’Università di Pavia (Convenzione Libera Università di Bolzano – Università di Pavia), la partecipazione a questo corso di dottorato ad indirizzo internazionale, svolto da 15 anni da un consorzio di dieci università, sarà potenziata costantemente. I dottorandi sono in tutto 25, il personale docente consta di 35 professori. Al momento la Libera Università di Bolzano partecipa con un dottorando; • Università di Modena e Reggio Emilia, collaborazione nell’ambito del dottorato e del corso di laurea in Scienze della Comunicazione plurilingue. 4.2.1.6.3 Collaborazioni internazionali La priorità sarà data allo sviluppo di contatti interregionali transnazionali nell’area dell’Alpe Adria, a temi di rilevanza interculturale, a ulteriori iniziative internazionali che siano capaci di mettere in rete con altre realtà le particolarità delle principali aree di ricerca e di didattica della facoltà. • Universität Innsbruck; • Universität Bremen; • Universität Augsburg; • University of Crete (nell’ambito della pedagogia dell’età evolutiva); • Universität Freiburg im Breisgau (ricerca in linguistica); • Institut für Deutsche Sprache Mannheim (ricerca); 54

Technische Universität Dresden: sviluppo delle aree di ricerca sulla politica sociale europea e sugli studi sul genere maschile; Technische Universität Dresden: collaborazione all’attivazione di corsi di dottorato in servizio sociale/pedagogia sociale; Universität Bielefeld/University of Copenhagen/Universität Gdansk: collaborazione nell’ambito del progetto “PhD-ACT” finanziato dall’UE per lo sviluppo di un corso di dottorato in servizio sociale di portata europea; University of Helsinki: elaborazione di sussidi didattici comuni per competenze interculturali in Servizio sociale; scambio di esperienze nella didattica bilingue negli atenei; Iscrizione e partecipazione alla European Association of Schools of Social Work.


4.2.2 Facoltà di Economia

4.2.2.1 Situazione della Facoltà al 01/01/2009 La Facoltà di Economia ha avviato le attività didattiche nell’anno accademico 1998-1999. Nel corso degli ultimi dieci anni ha raggiunto una posizione di prestigio tra le Facoltà di economia italiane, come pure tra le Facoltà di economia dell’area tedesca. La Facoltà di Economia della Libera Università di Bolzano è oggi di grande richiamo sia per gli studenti del territorio circostante sia per gli studenti provenienti da Paesi esteri. Anche il corpo docente della Facoltà proviene in buona parte dall’estero e vanta una vasta esperienza di docenza e ricerca internazionale. Attualmente nei due campus di Bolzano e Brunico vengono offerte due lauree di primo livello ed una laurea specialistica. Sono iscritti alla Facoltà complessivamente 740 studenti. Questo numero testimonia una crescita del 15 per cento delle iscrizioni rispetto all’anno precedente, escludendo il corso di laurea in Tecnica ed Economia agraria, che viene ora offerto da un’altra facoltà dell’Ateneo. I docenti di ruolo ricomprendono 6 ordinari, 8 associati, 6 ricercatori. Inoltre sono presenti 6 ricercatori a tempo determinato attivi nei progetti di ricerca. Sia l’attività di ricerca sia l’offerta didattica proposte dalla facoltà sono orientate ad alti standard internazionali. Questo è documentato dai risultati conseguiti dalla facoltà in graduatorie a livello nazionale ed internazionale, così come dai risultati competitivi conseguiti dai progetti di ricerca nazionali e internazionali. 4.2.2.2 Piano strategico La strategia della Facoltà di Economia per i prossimi anni è chiara e semplice. Primo: consolidare e affinare ulteriormente i già lusinghieri risultati conseguiti nell’ambito della didattica multilingue e della ricerca scientifica. Secondo: avviare nuove iniziative nel campo della didattica multilingue curriculare delle lauree e lauree magistrali, della didattica e della formazione multilingue “post-esperienza” che siano coerenti con le competenze e risorse umane e finanziarie disponibili o acquisibili realisticamente nel prossimo futuro. Terzo: elevare ulteriormente il profilo accademico e scientifico internazionale della facoltà con nuove iniziative specifiche nel campo della ricerca. Quarto: incrementare i collegamenti con il territorio circostante sia con iniziative soft (conferenze aperte, forum, work-

shop, ecc.) sia con iniziative più impegnative quali programmi di aggiornamento o “post-esperienza” concordati tra l’Ateneo e le parti sociali. 4.2.2.3

Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale Nei prossimi cinque anni, la facoltà ha l’obiettivo di perseguire gli obiettivi di seguito elencati. Per ciascuno vengono indicate sinteticamente le principali attività che dovrebbero sostenere e permettere il raggiungimento di tale obiettivo. 1. Rafforzamento del profilo scientifico e dell’attività di ricerca della Facoltà a) Reclutamento nel mercato internazionale del lavoro delle figure di “assistant professor”. b) Lancio del corso di dottorato (Ph.D) in Economics and Management nel 2010-2011. c) Mantenimento di contatti estesi e profondi con la comunità internazionale attraverso conferenze, workshop, seminari. d) Research Day annuale. e) Ristrutturazione del calendario didattico per permettere al personale accademico di avere un periodo di tempo effettivo per lo svolgimento delle attività di ricerca. 2. Avvio nel 2010/2011 dei nuovi corsi di laurea e laurea magistrale ai sensi del decreto 270/2004 a) Ristrutturazione dei corsi di laurea e laurea Specialistica attualmente presenti. b) Avvio del nuovo corso di laurea magistrale in Economia e Management delle Pubbliche Amministrazioni. 3. Rafforzamento dei collegamenti con il territorio (es. FORUM Risparmio/Investimenti, Conferenze aperte su problemi del territorio, ecc.) 4. Sviluppo di corsi di laurea e “post-esperienza” nuovi e innovativi in accordo con le parti sociali competenti. a) Corso di laurea magistrale in Business Lawyer (LUB, Trento, Innsbruck). b) EMBA con Assoimprenditori. c) EMBA con Associazione operatori del turismo. d) Iniziative di aggiornamento professionale “post-esperienza” a cura dei centri di competenza CRELE/TOMTE. 55


4.2.2.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa Offerta didattica

Classe preriforma

Classe postriforma

Situazione a.a. 2008/2009

Evoluzione prevista

sede

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

x

x

-

-

-

-

BZ

x

x

-

-

-

-

BZ

- Curriculum Management del turismo

x

x

-

-

-

-

BK

- Curriculum Management dello sport e degli eventi

x

x

-

-

-

-

BK

x

x

-

-

-

-

BZ

Corsi di laurea Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 509/1999) - Curriculum Economia e management - Curriculum Economia aziendale per la libera professione

Scienze economiche e sociali (DM 509/1999)

17

28

Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 270/2004)

L-18

-

-

x

x

x

x

BZ

Management del Turismo, dello Sport e degli eventi (DM 270/2004)

L-18

-

-

x

x

x

x

BK

Economia, politica e filosofia (DM 270/2004)

L-33

-

-

x

x

x

x

BZ

Corsi di laurea specialistica / magistrale Corso di laurea specialistica in Management e Mercati internazionali (DM 509/1999) - Curriculum Imprenditorialità

84/S

x

x

-

-

-

-

BZ

Corso di laurea magistrale in Imprenditorialità ed innovazione (DM 270/2004)

LM-77

-

-

x

x

x

x

BZ

Corso di laurea magistrale in Economia e management del settore pubblico (DM 270/2004)

LM-63

-

-

x

x

x

x

BZ

Corso di laurea magistrale in Management del turismo

LM-77

-

-

-

-

x

x

BK

Corso di laurea magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Business Lawyer

LMG/01

-

-

-

-

x

x

BZ

-

-

x

x

x

x

BZ

Executive Master in Business Administration (EMBA)

-

-

-

x

x

x

BZ

Executive Master in Tourism Business Administration (EMBA- Tourism)

-

-

-

-

x

x

BK

Sviluppo del territorio e management (Turismo)

-

-

-

x

x

x

BK

Strategie di marketing e management

-

-

-

-

x

x

BK

Corsi di dottorato PhD in Economics and management Master universitari (di 1° e 2° livello)

Corsi universitari - di formazione

Tabella 17: sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Economia

56


4.2.2.3.1.1 Sviluppo del numero di posti di studio

Posti di studio per corso

Evoluzione prevista*

Situazione a.a. 2008/2009*

2009/2010

2010/2011 Non UE

2011/2012

sede

Non UE

UE

Non UE

Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 509/1999)

220

10

220

10

- Curriculum Economia e management

100

4

100

4

BZ

- Curriculum Economia aziendale per la libera professione

30

2

30

2

BZ

- Curriculum Management del turismo

55

2

55

2

BK

- Curriculum Management dello sport e degli eventi

35

2

35

2

Scienze economiche e sociali (DM 509/1999)

50

50

50

50

BZ

Corso di laurea specialistica in Management e mercati internazionali (DM 509/1999)

20

10

20

10

BZ

- Curriculum Imprenditorialità

20

10

20

10

BZ

UE

Non UE

2013/2014

UE

UE

Non UE

2012/2013 UE

Non UE

UE

Disattivati

BK

Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 270/2004)

130

10

130

10

130

10

130

10

BZ

Management del Turismo, dello Sport e degli eventi (DM 270/2004)

100

2

100

2

115

5

115

10

BK

50

10

50

10

50

30

50

30

BZ

25

5

25

5

25

5

25

5

BZ

25

5

25

5

25

5

25

5

BZ

Economia, politica e filosofia (DM 270/2004) Corso di laurea magistrale in Imprenditorialità ed Innovazione (DM 270/2004)

In attesa di attivazione

Corso di laurea magistrale in Economia e management del settore pubblico (DM 270/2004) PhD in Economics and management

10

10

10

10

BZ

Corsi di studio in fase di sviluppo Corso di laurea magistrale in Management del turismo

in fase di sviluppo

20

3

20

3

BK

Corso di laurea magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Business Lawyer

in fase di sviluppo

50

10

50

10

BZ

20

0

20

0

BZ

20

0

20

0

BK

20

0

20

0

BK

20

0

20

0

BK

Executive Master in Business Administration (EMBA)

in fase di sviluppo

Executive Master in Tourism Business (EMBA – Tourism)

0

in fase di sviluppo

Corso universitario Sviluppo del territorio e management

in fase di sviluppo

Corso universitario Strategie di marketing e management Totale posti di studio

20

20

0

in fase di sviluppo 360

360

372

412

573

578

* Per ogni corso viene assegnato un certo numero di posti di studio per cittadini UE e per cittadini NON UE

Tabella 18: sviluppo del numero dei posti di studio della Facoltà di Economia

57


4.2.2.3.2 Evoluzione del numero degli studenti 4.2.2.3.2.1 Preiscrizioni Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 509/1999)

455

449

- Curriculum Economia e management

198

182

- Curriculum Economia aziendale per la libera professione

79

70

BZ

- Curriculum Management del Turismo

112

122

BK

- Curriculum Management dello sport e degli eventi

66

75

Corso di laurea in Scienze economiche e sociali (DM 509/1999)

50

62

Corso di laurea specialistica in Management e mercati internazionali (DM 509/1999)

26

44

- Curriculum Imprenditorialità

26

44

Preiscrizioni per corso di studio

Scienze dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 270/2004) Management del Turismo, dello Sport e degli eventi (DM 270/2004) Economia, politica e filosofia (DM 270/2004)

In attesa di attivazione

2010/2011

2011/2012

2012/2013 2013/2014

sede

BZ

Disattivati

BK BZ BZ BZ

277

294

323

355

BZ

195

214

235

258

BK

68

74

81

89

BZ

Corso di laurea magistrale in Imprenditorialità ed innovazione (DM 270/2004)

48

52

57

62

BZ

Corso di laurea magistrale in Economia e management del settore pubblico

50

55

60

66

BZ

PhD in Economics and management

15

15

20

20

BZ

Corsi di studio in fase di sviluppo Corso di laurea magistrale in Management del turismo

in fase di sviluppo

30

35

BK

Corso di laurea magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Business Lawyer

in fase di sviluppo

60

70

BZ

40

40

BZ

50

60

BK

30

30

30

BK

30

30

BK

774

1016

1115

Executive Master in Business Administration (EMBA)

in fase di sviluppo

Executive Master in Tourism Business (EMBA – Tourism) Corso universitario Sviluppo del territorio e management

in fase di sviluppo

Corso universitario Strategie di marketing e management Totale preiscritti

40

in fase di sviluppo in fase di sviluppo 531

555

653

Tabella 19: evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Economia

4.2.2.3.2.2 Stato attuale delle immatricolazioni Immatricolazioni per corso di studio*

(confrontati con i numeri massimi e minimi previsti dalla legge)

Scienze dell’Economia e della Gestione aziendale

230

36

Immatricolati 2008/2009

sede

215

- Curriculum Economia e Management

90

- Curriculum Economia aziendale per la libera Professione

30

BZ

- Curriculum Management del Turismo

52

BZ

- Curriculum Management dello sport e degli eventi

34

BZ

Corso di laurea in Scienze economiche e sociali (PPE)

230

36

27

BZ

Corso di laurea specialistica in Management e Mercati internazionali

100

10

12

BZ

- Curriculum Imprenditorialità Totale immatricolati

100 560

10 82

12 254

BZ

* Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 30 novembre 2008

Tabella 20: stato attuale delle immatricolazioni

58

Numeri massimi e minimi di immatricolati previsti dalla legge


4.2.2.3.2.3 Iscritti ed evoluzione prevista Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Scienza dell’Economia e della Gestione aziendale (DM509/1999)

613

779

560

350

160

40

- Curriculum Economia e Management

319

393

300

210

120

30

BZ

- Curriculum Economia aziendale per la libera Professione

82

107

70

40

30

10

BZ

- Curriculum Management del Turismo

156

188

130

70

10

0

BK

- Curriculum Management dello sport e degli eventi

56

91

60

30

0

0

BK

Corso di laurea in Scienze economiche e sociali (DM 509/1999)

96

123

100

70

40

10

BZ

Corso di laurea specialistica/magistrale in Management e Mercati internazionali (DM 509/1999)

31

57

40

25

10

0

BZ

- Curriculum Marketing internazionale

1

0

0

0

0

0

BZ

- Curriculum Imprenditorialità

30

57

40

25

10

0

BZ

Corso di laurea in Tecnica ed economia agragria** (DM 509/1999)

36

19

12

6

0

0

BZ

Scienze dell’Economia e della Gestione aziendale (DM 270/2004)

140

280

420

490

BZ

Management del Turismo, dello Sport e degli eventi (DM 270/2004)

102

204

324

398

BK

Economia, politica e filosofia (DM 270/2004)

60

120

200

250

BZ

30

60

75

75

BZ

Corso di laurea magistrale in Economia e management del settore pubblico (DM 270/2004)

30

60

75

75

BZ

PhD in Economics and management

10

20

30

35

BZ

Iscritti nell’a.a. 2008/2009*

Corso di laurea magistrale in Imprenditorialità ed innovazione (DM 270/2004)

In attesa di attivazione

sede

Corsi di studio in fase di sviluppo Corso di laurea magistrale in Management del turismo

in fase di sviluppo

23

46

BK

Corso di laurea magistrale a ciclo unico (quinquennale) Business Lawyer (LUB, Trento, Innsbruck)

in fase di sviluppo

60

120

BZ

40

40

BZ

20

40

BK

20

20

20

BK

20

20

BK

1235

1517

1659

Executive Master in Business Administration (EMBA)

in fase di sviluppo

Executive Master in Tourism Business (EMBA – Tourism) Corso universitario Sviluppo del territorio e management

in fase di sviluppo in fase di sviluppo

Corso universitario Strategie di marketing e management Totale studenti

20

in fase di sviluppo 776

978

1084

* Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 15 dicembre 2008 ** Prima dell’istituzione della Facoltà di Scienze e Tecnologie questo corso afferiva alla Facoltà d Economia. I 36 studenti sopra elencati hanno iniziato lo studio prima del 2007/2008

Tabella 21: evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Economia

4.2.2.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) Offerte di programmi di studio paralleli alla professione includeranno, a partire dal 2011/2012, i cosiddetti Executive Master of Business Administration Programme presso le due sedi (Bolzano, Brunico). Questi programmi rispecchiano riconosciuti standard formativi internazionali soprattutto per coloro che hanno una esperienza professionale pluriennale e vogliono/devono acquisire competenze manageriali aggiuntive. A differenza di altre

offerte, quelle della Facoltà rientrano tra i corsi universitari EMBA’s con conseguente riconoscimento del titolo a livello internazionale. Inoltre, a partire dall’anno accademico 2011/2012, verranno offerti indirizzi universitari in ambito: Management del Turismo, Marketing strategico e Management e Business internazionale. La Facoltà ha già maturato esperienza rispetto a questo modello con i “mini master” (Executive Program) organizzati per la Cassa di Risparmio di Bolzano. 59


4.2.2.3.4 Evoluzione del numero di personale accademico (tenendo conto delle disposizioni ministeriali relative ai requisiti minimi e necessari) Inquadramento

Situazione al 01/01/2009

Assunzioni annuali previste 2009

2010

2011

2012

2013

Personale accademico alla fine dell’anno contabile 2013

Professori ordinari (BZ)

7

1

2

2

1

1

14

Professori ordinari (BK)

0

0

0

1

0

0

1

Professori associati (BZ)

9

1

2

2

2

1

17

Professori associati (BK)

0

1

5

2

1

1

10

Ricercatori (BZ)

5

2

6

1

1

1

16

Ricercatori (BK)

1

1

4

1

1

1

9

Totale

22

6

19

9

6

5

67

RTD (BZ)

5

7

0

0

0

0

12

RTD (BK)

0

1

0

4

3

5

13*

Assistant Professors (BZ)

0

0

2

3

3

4

12**

* Somma difficilmente prevedibile, poiché i contratti hanno durata triennale (più altri tre anni di rinnovo). ** Somma difficilmente prevedibile, poiché i contratti hanno durata triennale (più altri tre anni di rinnovo). 1 Si ricorda che sono in atto 8 concorsi nazionali che dovrebbero terminare entro l’anno contabile 2010.

Tabella 22: evoluzione del personale accademico della Facoltà di Economia

4.2.2.3.5 Pianificazione degli spazi Si rimanda al capitolo 6, paragrafo 3. 4.2.2.3.6 Strategie per il “plurilinguismo” La Facoltà prevede di attuare delle nuove soluzioni per migliorare ulteriormente l’apprendimento delle tre lingue curriculari. Per gli studenti del primo anno potranno essere disegnati specifici programmi di studio che accrescano il peso dei corsi di lingua e spostino più avanti nel tempo la frequenza di corsi impartiti nelle lingue non conosciute al momento della immatricolazione. Questo disegno richiede però tre importanti decisioni: 1) la modifica del calendario delle attività didattiche dagli attuali 2 semestri a 4/5 periodi (term); 2) la possibilità di offrire due volte (in diversi periodi o term) un corso del primo anno in una data lingua; 3) la copertura finanziaria dei maggiori oneri che questa soluzione comporta. È utile poi precisare che la decisione di ripetere due volte alcuni corsi del primo anno si rende necessaria per garantire le propedeuticità del programma degli studi. Per incentivare gli studenti ad una continua progressione nell’apprendimento delle tre lingue curriculari potrebbe essere instituito un esame opzionale finale da sostenere prima della conclusione degli studi nelle lingue non 60

conosciute/certificate all’atto dell’immatricolazione. La struttura di questo esame finale dovrebbe essere concordata tra la Facoltà e il Centro linguistico. Per gli studenti che superino l’esame di lingua finale almeno con una votazione minima (sebbene dovrebbe essere tendenzialmente elevata) potrebbe essere prevista la concessione di ulteriori punti nel voto finale di laurea e l’eventuale certificazione da parte del Centro linguistico. 4.2.2.4 Ricerca L’attività di ricerca della Facoltà di Economia spazia in due ambiti principali: • Ricerca ad orientamento internazionale, • Ricerca orientata sui temi e problemi del territorio circostante. Ricerca orientata a temi di carattere internazionale In quest’ambito la Facoltà si contraddistingue per l’alto profilo scientifico raggiunto dal suo corpo accademico, di cui abbiamo già sottolineato le caratteristiche. I temi di ricerca principali affrontati in questo ambito spaziano in molte aree scientifiche dell’economia, del management, della finanza, dell’amministrazione e del controllo di gestione, del diritto commerciale e dei mercati finanziari, del diritto pubblico, comunitario e internazionale, delle scienze politiche e della filosofia applica-


ta. Le strategie di sviluppo future della Facoltà accentueranno e sosterranno ancora di più sia il profilo sia le attività di ricerca scientifica, dato che si ritiene che solo un profilo scientifico rafforzato possa contribuire al miglioramento dell’immagine e del posizionamento della Facoltà, a richiamare un numero maggiore di studenti, professori e ricercatori di elevato livello, a catturare finanziamenti e “sponsorship” sia per la ricerca scientifica che per le altre attività didattiche e sociali della Facoltà. In questa direzione vanno le iniziative qui proposte per lo sviluppo del programma di dottorato in Economics and Management, l’avvio del reclutamento degli “assistant professor” nel mercato internazionale del lavoro, la realizzazione di un Research Day (giornata della ricerca), e tutte le altre iniziative accademiche, amministrative ed organizzative che contribuiranno all’effettivo raggiungimento dei sopra citati obiettivi.

li ed obiettivi di sviluppo regionale” e ha promosso l’organizzazione del convegno in materia di diritto della concorrenza che si è tenuto a Bolzano nei giorni 2 e 3 ottobre 2009 e di un convegno internazionale che si è tenuto il 27 e 28 novembre 2009, sempre a Bolzano presso la Facoltà di economia, in materia di contenzioso nel settore finanziario. Nel contempo si stanno valutando progetti di collaborazione per avviare anche attività rivolte al mercato dei cosiddetti “post experience programme” (PEP), rispetto ai quali il CRELE potrebbero assumere il ruolo di responsabile scientifico. Nei prossimi anni il CRELE proseguirà sia l’attività di ricerca su temi sia di carattere internazionale sia di carattere locale, insieme all’attività di promozione di eventi scientifici. Inoltre, si cercherà di fare del centro un interlocutore istituzionale nei procedimenti di consultazione nelle materie della regolazione economica sia a livello europeo sia nazionale e provinciale.

Ricerca orientata ai temi e problemi del territorio circostante Una Facoltà di Economia fortemente internazionale come quella oggi esistente alla Libera Università di Bolzano, non può sottrarsi dal fornire il proprio contributo per l’analisi e soluzione di problemi più vicini alle esigenze del territorio. In questo senso si segnalano i progetti di ricerca legati soprattutto ai temi dell’industria turistica alpina e dell’economia e management delle imprese dei settori agricolo e vinicolo. La Facoltà ha realizzato e tutt’ora intrattiene numerosi contatti con imprese e associazioni locali. La Facoltà produrrà ogni anno – al termine della conclusione dei lavori del Research Day (nel 2010 è previsto per il 24 marzo) una sintesi delle proprie attività di ricerca passate e di quelle in previsione.

TOMTE (Competence Centre in Tourism Management and Tourism Economics): Il Centro inizializza, organizza, promuove e coordina attività di ricerca, offerte di formazione, manifestazioni e consulenze all’interno dei settori specifici Management del Turismo, Marketing del Turismo, Economia del Turismo e settori affini. Obiettivo del centro di competenza TOMTE è soprattutto la ricerca scientifica nei settori del management, marketing, ed economia del turismo, in considerazione delle esigenze e degli standard locali, nazionali e internazionali.

4.2.2.5 Centri di competenza I centri di competenza attualmente esistenti sono il Centre of Research in Law and Economics (CRELE) ed il Competence Centre in Tourism Management and Tourism Economics (TOMTE). CRELE (Centre of Research in Law and Economics): Nel 2009 il CRELE ha avviato la ricerca finanziata dalla Provincia intitolata “Il finanziamento delle piccole e medie imprese: mercato dei capitali, banche regiona-

Per il 2009/2010 non sono pianificati nuovi centri di competenza, soprattutto per rafforzare i centri di competenza esistenti e concentrare le risorse umane e finanziarie disponibili. Nuovi centri di competenza potrebbero essere proposti a partire dal 2011 quando sarà ulteriormente accresciuto il profilo accademico e scientifico della Facoltà. 4.2.2.6

Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale 4.2.2.6.1 Collaborazioni locali Attualmente la Facoltà ha in corso di discussione collaborazioni con Assoimprenditori e con l’Ordine degli Avvocati. Negli ultimi cinque anni sono stati realizzati oltre 120 studi per imprese e istituzioni pubbliche locali. 61


• • • • • • •

Nel 2008 gli studenti della facoltà hanno potuto svolgere un tirocinio in 126 aziende ed istituzioni locali. Varie presentazioni di aziende, partecipazioni a tavole rotonde, contributi a discussioni del mondo industriale, contributi alla redazione di norme, regolamenti, etc. Esponenti della facoltà hanno fatto parte di comitati di organizzazioni ed iniziative locali (ASM, BIC). Mini master Cassa di Risparmio. Industry talks (Brunico, tavola rotonda con esperti internazionali). Tourism Management Club (TMC) Event Management Club EUROBS (Innsbruck, Trento, Facoltà di Economia, finanziato dalla Banca di Trento e Bolzano). Camera di commercio: borse di studio per laureati, in collaborazione con aziende altoatesine.

In programmazione • Eurobs, che prevede un finanziamento di 1 milione di Euro da parte della BTB (Banca di Trento e Bolzano), partecipazione della Facoltà di Economia: 330.000 Euro. 4.2.2.6.2 Collaborazioni nazionali Fino al 2009 • Accordo per la mobilità di studenti con le università di Firenze e di Cagliari. • Accordo con l’Università di Firenze e Bologna nell’ambito del programma Jean Monnet. • Master di primo livello in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari (Master of Finance). In programmazione • Ampliamento della collaborazione con università italiane per quanto riguarda la ricerca, la didattica e la mobilità studentesca. 4.2.2.6.3 Collaborazioni internazionali Attualmente Sono 100 le aziende e istituzioni partner per i tirocini svolti nel 2008 (Hong kong, Buenos Aires, Sydney, San Francisco, Tokyo, etc.). Nel corso dell’anno accademico 2008/2009 gli accordi internazionali nell’ambito del programma Erasmus com62

prendevano 21 università: • Universität Bremen (Germania); • Katholische Universität Eichstätt-Ingolstadt (Germania); • Universität Hamburg (Germania), • Université de Lausanne (Svizzera); • Universität Mannheim (Germania); • Facultés Universitaires Notre Dame de la Paix Namur (Belgio); • Università della Svizzera Italiana (Svizzera); • University of Vaasa (Finlandia); • Private Universität Witten-Herdecke (Germania); • Universität Lüneburg (Germania); • Escola Universitaria del Maresme (Spagna); • Instituto Politecnico de Leiria (Portogallo); • Universität Bonn (Germania); • Universität für Bodenkultur Wien (Austria); • Universität Augsburg (Germania); • Bilkent University (Turchia); • Universidad del Pais Vasco, Bilbao (Spagna); • Université Paul Cezanne Aix - Marseille III (Francia); • University of Worcester (Regno Unito); • Koc University, Istanbul (Turchia); • Marmara University, Istanbul (Turchia). Nel corso dell’anno accademico 2008/2009 erano 10 gli accordi bilaterali esistenti: • California State Polytechnic University (Pomona, USA); • College of Charleston (South Carolina, USA); • National Sun Yat-sen University (Kaohsiung, Taiwan); • University of Tasmania (Australia); • University of Ottawa (Canada); • Università di Firenze (Italia); • Università di Cagliari (Italia); • University of Oregon (USA); • Washington State University (USA); • University of Lethbridge (Canada). In programmazione In futuro, il numero delle collaborazioni sarà ulteriormente ampliato. Numerose collaborazioni di ricerca internazionali con partner dalla Germania, Svizzera, Austria, USA, Australia, Uruguay, Argentina, Canada. Inoltre, sono in via di negoziazione i seguenti accordi di collaborazione:


• • • •

HKST – Hong Kong Science and Technology University; CUHK – City University Hong Kong; Tsinghua University Beijing; Southern Cross University Australia.

Sono in programma annualmente 3 o 4 accordi bilaterali internazionali e 3 o 4 accordi nell’ambito del programma Erasmus. Ogni anno tutti gli accordi di collaborazione dovranno essere sottoposti a verifica e quelli con un utilizzo inferiore al 10 per cento non dovranno più essere rinnovati. Nell’ambito della ricerca, si prevedono inoltre: • un importante progetto di ricerca a livello di Unione Europea in merito alla tematica dei cambiamenti demografici, con partner dalla Svizzera, dalla Francia, dalla Slovenia, dall’Austria, dal Liechtenstein e dall’Italia (valore complessivo 2,819 milioni di €, partecipazione della Facoltà di Economia: 433 mila €); • un ampliamento delle domande all’interno di unioni di agenzie di finanziamento internazionali e di fondazioni per programmi di ricerca dell’Unione Europea.

63


4.2.3

Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

4.2.3.1 Situazione della facoltà al 01/01/2009 Dopo l’avvio del corso di laurea in Informatica applicata nel 2001, la Facoltà ha iniziato formalmente la sua attività nel 2003. Al primo gennaio 2009 ne fanno parte 4 professori di I fascia, 5 professori di II fascia, 3 ricercatori (a tempo indeterminato) e 9 ricercatori con contratto a tempo determinato (RTD). Attualmente la Facoltà si caratterizza entro la Libera Università di Bolzano nell’offerta di tutti e tre i livelli di istruzione universitaria collegati all’informatica, e cioè una laurea in Informatica applicata, una laurea specialistica in Informatica (dal primo ottobre 2009 trasformata in laurea magistrale ai sensi del decreto ministeriale 270/2004) ed un dottorato di ricerca in Informatica attivo dal XX ciclo. Dal punto di vista del personale, la Facoltà ha sostanzialmente raggiunto gli obiettivi di crescita posti nel Piano quinquennale 2004-2008, considerando i concorsi ancora in fase di svolgimento, e contando gli RTD oltre a quelli assunti a tempo indeterminato. La Facoltà soddisfa dal 2006 i cosiddetti “requisiti minimi” secondo il decreto ministeriale 509/2000, e sarà in grado di soddisfare i “requisiti necessari” secondo il decreto ministeriale 270/2004 senza necessità di ulteriori assunzioni di professori di ruolo, ma facendo ricorso a contratti di insegnamento attribuiti a docenti universitari (per materie non informatiche). Il secondo punto caratterizzante la Facoltà all’interno della LUB è sicuramente l’enfasi che è stata posta fino dalla sua attivazione per l’attività di ricerca (nei settori scientifico-disciplinari INF 01 e ING-INF 05 cui afferiscono i docenti, peraltro con forte connotazione interdisciplinare tra i due settori). La Facoltà è stata riconosciuta (CIVR 2006) come la migliore in Italia per prodotti della ricerca, ed ha attratto dalla sua fondazione finanziamenti di ricerca per oltre 4 milioni di Euro, non provenienti dalla Provincia (UE, MUR, Fondo Sociale Europeo, finanziamenti da terzi, etc.), senza per altro trascurare i collegamenti con le realtà locali (sono state attivate convenzioni di varia natura con Comune di Bolzano, EURAC, TIS, Azienda Sanitaria, AE-EW ed altre). I docenti sono tutti attivi a livello internazionale e ben noti nelle rispettive comunità scientifiche. La costituzione di tre Centri di competenza (CASE, DIS, KRDB) si è dimostrata estremamente proficua per una efficace gestione delle attività di ricerca, di base ed applicata. 64

Un terzo punto caratterizzante la Facoltà sta nel profilo altamente internazionale della popolazione studentesca. Numerosi, e in proporzione crescente con l’aumentare degli anni di studio, sono gli studenti non provenienti dalla Provincia Autonoma, in prevalenza tra essi sono i non italiani (provenienti da Paesi UE ed in particolare dai Paesi dell’Est Europa e baltici). Sono numerosi anche i cittadini di Paesi non UE. A questo proposito vanno citati i tre programmi “European Master” (obiettivo 2004-2008, attualmente raggiunto) che sono stati riconosciuti dall’UE e finanziati anche attraverso i fondi Erasmus Mundus. Attraverso questi programmi arrivano studenti altamente capaci e motivati, che rendono più elevato il livello dello studio, e rendono l’ambiente più stimolante per tutti gli altri studenti. Il multilinguismo è stato applicato alle esigenze della comunicazione tecnico-scientifica proprie del mondo dell’informatica, e vede una prevalenza dell’inglese come lingua veicolare, cui si aggiungono l’insegnamento delle lingue italiano e tedesco ed esami (non a contenuto informatico) in italiano oppure in tedesco. A livello di laurea magistrale e di dottorato, l’inglese rappresenta la sola lingua veicolare degli insegnamenti. L’ipotesi formulata inizialmente, e cioè che questa scelta avrebbe agevolato l’ingresso degli studenti nel mondo del lavoro, si è confermata assolutamente valida sia per la laurea di primo livello, sia per la laurea di secondo livello, e a maggior ragione per il dottorato di ricerca. Non vi sono requisiti linguistici che ostacolino l’immatricolazione degli studenti, infatti l’acquisizione delle tre lingue della Libera Università di Bolzano rappresenta un obiettivo da raggiungersi all’uscita della laurea di primo livello. Tale acquisizione viene realizzata gradualmente, con un primo anno in cui le esercitazioni sono offerte in tutte e tre le lingue, mentre lo studente frequenta corsi di lingua e sostiene i relativi esami. Negli anni successivi lo studente affronta anche esami a contenuto non informatico in italiano o tedesco, ed approfondisce la conoscenza pratica di queste lingue attraverso il tirocinio e la prova finale. Sul piano della metodologia didattica, la Facoltà si caratterizza per la forte presenza di piccoli gruppi di lavoro, in cui gli studenti possono “imparare facendo”, insieme con i docenti e con altri studenti, alternando attività di progetto e di studio, per arrivare a tirocini e tesi in cui viene richiesto uno sviluppo progettuale au-


tonomo. Anche questa scelta ha dimostrato una influenza positiva sul successo nel mondo del lavoro riportato dai laureati della Facoltà, ed è uno dei fattori chiave, insieme con l’impegno costante dei docenti di ruolo ed a contratto, che ha portato a livelli di soddisfazione degli studenti, rilevati dai questionari, costantemente superiori al 90 per cento. La Facoltà offre parallelamente alla laurea di I livello un programma denominato “Studenti in attività” che consente ai neo diplomati di iscriversi all’Università e frequentare a tempo parziale, alternando semestri di studio e di lavoro in azienda, con l’assistenza di tutor, completando la laurea in quattro anni invece che tre, ed essendo già dipendenti di una impresa. Nel 2007 il progetto ha ricevuto il premio della Fondazione Mai (Fondazione nazionale Assoindustria) per la collaborazione “pubblico – privato”. La Facoltà ha avuto nell’anno accademico 2007/2008 due borse di studio assegnate dalla Banca Unicredit a studenti particolarmente meritevoli provenienti dalla Russia. La Facoltà ritiene che questa esperienza, purtroppo non più ripetuta per i problemi legati alla crisi finanziaria, sia un esempio da perseguire a tutti i livelli, utilizzando quando possibile finanziamenti privati a complemento di quelli pubblici, a vantaggio del merito accademico, e sempre con chiari criteri di trasparenza nella selezione e gestione. La trasformazione della laurea specialistica in Informatica (dm 509) in laurea magistrale (dm 270), che partirà con l’anno accademico 2009/2010, permetterà di offrire agli studenti cinque diversi piani di studio, conformi alle richieste provenienti dal mondo del lavoro, nati da un confronto a livello nazionale ed europeo: profili professionali di impiego nell’Informatica, come descritti dal profilo EUCIP del CEPIS (Council of European Professional Informatic Societies) ed internazionale-nordamericano (curricula proposti da ACM), sulla base delle competenze già presenti nella Facoltà e già sperimentate con successo. A seguito del mutato quadro legislativo, l’offerta di un nuovo “curriculum” alla laurea di II livello, secondo quanto previsto nell’accordo programmatico con la Provincia, è stata realizzata attraverso i piani di studio professionalizzanti, passati dai precedenti quattro (basi di dati, ingegneria del software, tecnologie web, information and knowledge) a cinque, con l’aggiunta del profilo di “information technology”.

4.2.3.2 Piano strategico Da tutti i punti di vista, come sopra esposto, la Facoltà ha raggiunto gli obiettivi di crescita previsti nel Piano quinquennale 2004-2008. La Facoltà presenta di seguito i propri obiettivi per il Piano 2009-2013, ma esprime nello stesso tempo una profonda e crescente preoccupazione che fattori esterni ad essa possano minarne le potenzialità, impedendo di fatto la realizzazione di quanto si dettaglierà nel seguito. Alla Facoltà sembra evidente che il lavoro svolto dalla sua costituzione sia stato assolutamente fruttuoso e di alto livello qualitativo, sul piano della didattica e della ricerca. La Facoltà intende quindi proseguire secondo quanto impostato in questi anni, migliorando ed attualizzando alle dinamiche della veloce evoluzione tecnologica quanto fino ad ora conseguito, senza abbandonare i modelli di sviluppo che hanno dato prova di successo. Di fronte ad una situazione mondiale che vede in grave diminuzione l’attrazione esercitata dalle lauree scientifico-tecnologiche sui giovani (cali vistosi si registrano da anni in Nord America e nell’UE, in Italia si sono riscontrate diminuzioni delle immatricolazioni del 40/50 per cento in quasi tutti gli Atenei, e stanno iniziando a calare anche le iscrizioni in Cina ed India), la Facoltà deve continuamente aggiornare la propria strategia di promozione delle immatricolazioni, sia localmente, sia sul piano internazionale, per non vanificare quanto finora realizzato. In altri termini, senza un rafforzamento e consolidamento dell’esistente, si rischia di cadere velocemente in posizioni di retroguardia. Si prevede quindi di continuare a rinforzare il profilo internazionale della Facoltà seguendo attentamente le nuove prospettive consentite dalla collaborazione con università dell’Unione Europea (Erasmus Mundus, European master, European Doctorate) e dai programmi specifici di scambio con università non UE. In particolare lo strumento dello European Doctorate appare corrispondere pienamente allo sviluppo del profilo di ricerca della facoltà: due programmi di European Doctorate saranno promossi nel periodo 2009-2013. La Facoltà ritiene anche che si debba migliorare il rapporto tra “giovani e scienza” onde attrarre alle facoltà tecnico-scientifiche un maggior numero di potenziali interessati, in particolare dai licei della provincia, e ritiene interessante, in prospettiva più ampia, uno sforzo quale quello dell’Università per ragazzi, che sia specificamen65


te orientato alla matematica ed alle materie scientifiche in generale. Collaborazioni con diverse scuole superiori sono in atto da diversi anni, sia nell’ambito di programmi IFTS-HTB, sia con iniziative specifiche concordate con le singole scuole. Si rendono comunque indispensabili, per il raggiungimento degli obiettivi presentati nel Piano, forme di supporto alle iniziative della Facoltà, che in passato non sempre hanno trovato adeguate risposte. Gli esempi di seguito esposti esemplificano alcune delle criticità recentemente emerse, e vogliono stimolare una riflessione costruttiva, in parte già avviata, sulle sinergie da attuarsi tra la Facoltà e gli altri attori dello sviluppo della Libera Università di Bolzano. Sul piano delle immatricolazioni, e delle attività promozionali rivolte al loro incremento, si è dovuto interrompere nel triennio 2007-2009 l’invio di studenti stranieri nei paesi di origine, quali “ambasciatori” della Facoltà verso i giovani, che aveva riscosso grande successo in precedenza. Risulta evidente l’impatto negativo dell’assenza di tali promozioni sulle immatricolazioni di cittadini non UE presso la Facoltà, calate bruscamente dal 2008 dopo il picco riscontrato nel 2007/2008. Nel frattempo si è definita sul piano amministrativo una diversa procedura, che forse consentirà di riprendere nel 2009/2010 questa iniziativa. Più recentemente, grazie a uno sforzo organizzativo estenuante ma coronato da successo, si è ospitato un tirocinante indiano, che ha svolto la prova conclusiva del proprio “Bachelor” presso la Facoltà. Iniziative di questo genere, che sono “istituzionali” e coerenti con gli obiettivi della Facoltà e della Libera Università di Bolzano, richiedono tuttora un enorme sforzo organizzativo (a docenti, personale amministrativo della Facoltà e personale dell’amministrazione centrale) e non sono ancora state acquisite nella prassi abituale come invece si dovrebbe. Sul piano delle attività di ricerca, è opinione della Facoltà che lo sforzo richiesto da nuove e complesse procedure amministrative, e le regolamentazioni sempre più restrittive sull’impiego dei fondi, rischiano di rendere sempre meno efficaci le attività di ricerca, senza per altro aumentare in modo corrispondente la produttività delle stesse o la trasparenza nella loro gestione. Particolarmente critiche sono le attività finanziate dalla UE o da progetti FIRB, che rischiano la paralisi (anche dei contratti in essere) se verranno attuate alcune 66

recenti proposte, paradossalmente intese ad incentivare la ricerca. Sul piano delle competenze linguistiche, la Facoltà necessita urgentemente di un migliore coordinamento con le iniziative del Centro linguistico, per agevolare gli studenti nel raggiungimento degli obiettivi di apprendimento, in particolare relativamente a livello della lingua inglese. 4.2.3.3

Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale Dal punto di vista degli indicatori – così come proposti dal Ministero competente nell’ambito della programmazione triennale – e degli obiettivi, la facoltà ritiene di essere già ora a buon punto per quanto riguarda: • gli obiettivi della didattica relativamente alla proporzione di corsi di laurea e di laurea magistrale in regola con i requisiti qualificanti (a1), alla proporzione di studenti immatricolati ai corsi di laurea che hanno conseguito la laurea in un’altra università (a2), osservando peraltro l’assenza di dati precisi in merito; e al numero medio di docenti di ruolo che appartengono a settori scientifico-disciplinari di base e caratterizzanti per corso di laurea e di laurea magistrale attivato (a3); • gli obiettivi di ricerca relativamente alla proporzione di personale (b1) attivamente impegnato nella ricerca (osservando che si è verificato un maggiore successo di progetti nei Programmi Quadro dell’UE piuttosto che nei progetti PRIN, dato che però non viene valutato dal Ministero); al numero medio di borse per corso di dottorato di ricerca (b2) e alla proporzione (b3) di borse di studio di dottorato di ricerca finanziate dall’esterno, nei tre cicli di dottorato del triennio di riferimento (si richiede l’aumento dei posti di dottorato di ricerca, con borse e senza, e si intende finanziare borse con fondi esterni); infine, si ritiene di essere a buon punto proseguendo con le tendenze attuali relativamente alla disponibilità economica media per la ricerca scientifica per professore di ruolo e ricercatore (b4) e alla proporzione di entrate per la ricerca scientifica provenienti da enti esterni (b5); • gli obiettivi relativi ai servizi, rispetto agli studenti che si iscrivono al secondo anno di un corso di studi avendo acquisito almeno 50 crediti (c1), pur


richiedendosi una maggiore collaborazione con il Centro linguistico per quanto attiene alla preparazione linguistica degli studenti in ingresso; rispetto alla proporzione di iscritti che hanno svolto stage formativi esterni all’Università durante il corso di studi (c2), rispetto alla proporzione di laureati che hanno svolto uno stage post laurea (c3), e rispetto alla proporzione di laureati occupati ad un anno dalla laurea (c4) – dai dati provenienti da AlmaLaurea sembra che la situazione occupazionale sia soddisfacente e che il modello attuale sia da riproporsi per il prossimo futuro, per cui diventa necessario aumentare la quantità e qualità di dati raccolti attraverso AlmaLaurea stessa; e rispetto alla proporzione di crediti formativi acquisiti in apprendimento permanente (c5), intendendo in questo punto principalmente il collegamento con il mondo della scuola secondaria e la formazione degli insegnanti; gli obiettivi relativi all’internazionalizzazione, rispetto alla proporzione di iscritti che hanno partecipato a programmi di mobilità internazionale (d1), alla proporzione di studenti stranieri iscritti alla laurea magistrale (d2), alla proporzione di studenti stranieri iscritti ai corsi di dottorato (d3), e all’entità dei contratti/convenzioni acquisiti da agenzie ed enti esteri e internazionali (d4); si ritiene di dover perseguire la strategia attuata con successo in passato e di essere comunque già in posizione di assoluta eccellenza a livello nazionale in questi obiettivi; gli obiettivi relativi al fabbisogno di personale, in particolare la proporzione dei costi del personale rispetto alle entrate di bilancio (e1); la proporzione dei punti d’organico utilizzati per assunzioni

di professori ordinari e associati precedentemente non appartenenti all’Ateneo (e2); la proporzione di punti d’organico destinati a facoltà con un rapporto studenti/docenti di ruolo superiore rispetto alla mediana nazionale (e3); la proporzione dei punti d’organico utilizzati per l’assunzione di nuovi ricercatori (e4); si rileva, comunque, la scarsa appetibilità dello strumento della chiamata diretta a livello di ricercatore universitario per il settore informatico fatta salva l’esigenza di garantire forme di progressione di carriera al personale docente più giovane e meritevole. 4.2.3.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa Nota: nelle tabelle che seguono, relativamente al dottorato di ricerca, non si fa riferimento agli anni accademici ma piuttosto ai cicli. Sono quindi stati riportati, per comodità, nella colonna “2009/2010” i dati di riferimento del XXV ciclo, e a seguire nelle colonne successive per i cicli successivi.

Dal punto di vista della popolazione studentesca, e coerentemente con l’obiettivo di internazionalizzazione, la Facoltà ritiene indispensabile poter contare su un congruo numero di alloggi e strutture per la popolazione non locale, comprendendo tra questi anche alloggi e servizi per studenti e studentesse con famiglia (situazione relativamente frequente a livello di dottorato di ricerca). La Facoltà si caratterizza anche per la costante attenzione all’evoluzione, sia del mercato del lavoro sia della tecnologia. Da questa duplice attenzione nasce un dibattito continuo su quali nuovi corsi di studio attivare, alla ricerca delle soluzioni migliori possibili.

67


Offerta didattica

Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

x

x

-

-

-

-

L-8; L-31

-

-

x

x

x

x

Classe pre- Classe postriforma riforma

Corsi di laurea Informatica applicata

26

Scienze e Ingegneria dell’Informazione Corsi di laurea specialistica / magistrale Curriculum “Informatica Generale”

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

Curriculum “Tecnologie dell’ Informazione e dei Dati per Sistemi Web”

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

Curriculum “Web Semantico”

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

Curriculum “Ingegneria del Software”

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

Curriculum “Gestione e Tecnologie dei Sistemi Informativi”

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

Laurea magistrale Europea in Logica Computazionale (European Master in Computational Logic) – Titolo doppio / congiunto

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

Laurea magistrale Europea in Tecnologie del Linguaggio e della Comunicazione (European Master in Language and Communication Technologies) – Titolo doppio/congiunto

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

Laurea magistrale Europea in Ingegneria del Software (European Master in Software Engineering) – Titolo doppio / congiunto

23/S

LM-18

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

European PhD Program in Computational Logic

x

x

x

x

European Doctorate in Software Engineering (EDSE)

x

x

x

x

x

x

x

x

Informatica*

Laurea magistrale Europea in Open Source Software and Systems (EMOSSS) Laurea magistrale Europea “European Academy for Semantic-Web Education” (EASE) Corsi interfacoltà Corsi di dottorato Informatica

x

x

Master universitari (di 1° e 2° livello) Corsi universitari - formazione Insegnanti di materie informatiche nella Scuola Secondaria

x

* Corso di laurea specialistica fino all’a.a. 2008/2009

Tabella 23: sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

4.2.3.3.1.1 Sviluppo del numero di posti di studio Sulla base delle considerazioni sopra esposte si prevede un consolidamento attorno ai posti studio del 2008/2009, e cioè 70 +35 alla laurea di I livello, 45+35 68

alla laurea di secondo livello, e di aumentare invece i posti studio per il dottorato di ricerca a 18, di cui 9 con borsa di studio a carico dell’Ateneo, salendo a 21 a partire dal 2013.


Posti di studio per corso

Situazione a.a 2008/2009*

Evoluzione prevista 2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

EU

Non-UE

EU

Non-UE

EU

Non-UE

EU

Non-UE

EU

Non-UE

EU

Non-UE

Corso di laurea in Informatica applicata

100

50

70

35

-

-

-

-

-

-

-

-

Corso di laurea in Scienze e Ingegneria dell’Informazione

-

-

-

-

70

35

70

35

70

35

70

35

35

45

35

45

35

45

35

45

35

45

Corso di laurea specialistica/magistrale in Informatica**

45

Corso di dottorato in Informatica Totale posti di studio

35

14

18

18

18

18

21

244

203

203

203

203

206

* Per ogni corso viene assegnato un certo numero di posti di studio per cittadini UE e per cittadini NON UE ** Corso di laurea magistrale dall’a.a. 2009/2010

Tabella 24: sviluppo del numero di posti della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

4.2.3.3.2 Evoluzione del numero degli studenti 4.2.3.3.2.1 Preiscrizioni Sono già state sviluppate in precedenza considerazioni sulla strategia ed il supporto indispensabile al raggiungimento degli obiettivi di immatricolazione. Qui si vuole sottolineare come il meccanismo delle due sessioni di preiscrizioni sia indispensabile al fine di attirare studenti da Paesi non UE, che solo se preiscritti potranno

completare le pratiche per l’ottenimento del visto presso le Ambasciate, in tempo per l’inizio dell’anno accademico. La Facoltà ritiene quindi indispensabile mantenere l’organizzazione attuale, consapevole che essa impone una più complessa gestione amministrativa, rispetto alla sessione unica di preiscrizione. Evoluzione prevista

Preiscrizioni per corso di studio

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Corso di laurea in Informatica applicata

82

72

-

-

-

-

Corso di laurea in Scienze e Ingegneria dell’Informazione

-

-

85

85

85

85

Corso di laurea specialistica/magistrale in Informatica*

61

55

65

65

65

65

Corso di dottorato in Informatica

32

38

40

42

44

46

Totale preiscritti

175

165

190

192

194

196

* Corso di laurea magistrale dall’a.a. 2009/2010

Tabella 25: evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

4.2.3.3.2.2 Stato attuale delle immatricolazioni Non si rileva criticità nei numeri di immatricolati ai corsi di laurea, decisamente al di sopra del minimo, ed altrettanto distanti dal tetto di legge. La soddisfazione espressa da parte degli studenti in questi anni, e la buona spendibilità dei titoli di studio sul mercato del lavoro, sono alla base di questo risultato attuale. Già ora alla laurea specialistica-magistrale il numero di stuImmatricolazioni per corso di studio* (confrontati con i numeri minimi e massimi previsti dalla legge)

denti immatricolati ed il numero di laureati sono assolutamente in linea con quelli di università italiane di dimensioni maggiori e tradizioni consolidate. Tuttavia, si è già osservato sopra che la tendenza globale al calo delle immatricolazioni nelle lauree scientifiche richiederà per il futuro sempre maggiore attenzione.

Numeri massimi e minimi di immatricolati previsti dalla legge

Immatricolati 2008/2009

Corso di laurea in Informatica applicata

150

20

56

Corso di laurea specialistica/magistrale in Informatica**

80

8

46

Corso di dottorato in Informatica Totale immatricolati

8 110

* Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 30 novembre 2008 ** Corso di laurea specialistica fino all’a.a. 2008/2009

Tabella 26: stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

69


4.2.3.3.2.3 Iscritti ed evoluzione prevista Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Corso di laurea in Informatica applicata/ Corso di laurea in Scienze e Ingegneria dell’informazione

158

160

160

160

160

160

Corso di laurea specialistica/magistrale in Informatica***

117

120

120

120

120

120

Corso di dottorato in Informatica**

30

32

36

36

38

40

Totale studenti

305

312

316

316

318

320

Iscritti nell’a.a. 2008/2009*

* Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 15 dicembre 2008 ** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010 *** Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 23 marzo 2009

Tabella 27: evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

giovane e capace delle prospettive di carriera interna alla Libera Università di Bolzano (queste ultime da attuarsi necessariamente tramite concorsi). Il vincolo (di legge) di affidare agli RTD attività didattiche solamente di natura “sussidiaria ed integrativa” rende impossibile, con l’attuale personale di ruolo, la copertura del 50 per cento degli insegnamenti, pur potendo soddisfare con gli RTD i vincoli numerici del personale, dal punto di vista dei requisiti necessari. Il sistema di reclutamento tramite chiamata diretta ha reso possibile l’avvio della Facoltà ed il suo sviluppo iniziale, mentre non sembra essere adatto al reclutamento di ricercatori universitari. È quindi intenzione della Facoltà di accrescere il proprio potenziale di ricerca, anche attraverso le chiamate dirette di professori dal profilo scientifico rilevante. Le chiamate dirette sono state pubblicizzate sui canali di divulgazione scientifica più diffusi a livello internazionale, e la selezione è avvenuta secondo canoni qualitativi internazionali. Tuttavia nel settore informatico, le condizioni attuali offerte dalla Libera Università di Bolzano rischiano di non essere particolarmente competitive in campo internazionale, come dimostrato dalle recenti esperien-

4.2.3.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) La Facoltà è pronta ad assumersi la responsabilità, secondo quanto richiesto dalle norme vigenti e future, ed in stretta collaborazione con le altre facoltà, di attivare i nuovi percorsi formativi per insegnanti della scuola secondaria. I tempi, le modalità previste ed i numeri di studenti sono tuttora incerti per l’assenza di normative precise che facciano riferimento alla particolare situazione della Provincia Autonoma. Tutti i docenti della Facoltà sono in grado di insegnare materie informatiche, oltre che in inglese come fanno attualmente, in italiano, in tedesco, ed alcuni in entrambe le lingue. 4.2.3.3.4 Evoluzione del numero di personale accademico (tenendo conto delle disposizioni ministeriali relative ai requisiti minimi e necessari) Dal punto di vista dell’organico, entro il 2013 la Facoltà intende arrivare a coprire i 20 posti previsti nella “pianta organica” al fine di rinforzare la qualità dell’offerta didattica e le attività di ricerca esistenti, agevolare a rotazione la fruizione di “anni sabbatici” per dedicarsi alla ricerca, anche a costo zero, e garantire al personale più

Assunzioni annuali previste

Inquadramento

Situazione al 1° gennaio 2009

Professori ordinari

4

1*

1

Professori associati

5

1*

1*

1

2

1

Ricercatori

2009/2010

4

RTD**

max. 19

Totale

32

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

7

1 1 1

1

max. 4 max.4 max. 1 max. 3 max. 1 6

8

3

5

Personale accademico alla fine dell’a.a. 2013/2014

3

9 9 32 57

(*) Personale correntemente in pianta organica e con assunzione non ancora completata (concorso o chiamata diretta in espletamento oppure bando ancora da aprire). La posizione segnata come professore ordinario per il 2009/2010 può essere anche usata per assumere un professore associato. (**) Le posizioni di RTD non vengono gestite direttamente dalla Facoltà, in quanto sono associate ai contratti integrativi dei docenti; esse sono effettivamente coperte anche in base alle decisioni del titolare del contratto; il numero massimo è comunque proporzionale al numero di professori di ruolo.

Tabella 28: evoluzione del personale accademico della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche

70


ze che hanno portato a tre dimissioni tra il personale docente, nel biennio 2008/2009. Le preoccupazioni già espresse in merito alla gestione della ricerca si riflettono quindi anche sulla possibilità di reclutamento di docenti tramite chiamata diretta. 4.2.3.3.5 Pianificazione degli spazi La Facoltà intende rientrare nel ristrutturato edificio di piazza Domenicani ad inizio 2010. L’edificio dovrebbe soddisfare le attuali esigenze della facoltà, che dal luglio 2008 è suddivisa tra gli edifici universitari A e C dell’Università e Palazzo Trapp, e sta vivendo una situazione logistica decisamente sacrificata. La prevista espansione di docenti, RTD e dottorandi, pur contenuta, potrebbe però portare verso il termine del periodo 2009-2013 all’esaurimento di tali spazi (si rimanda in proposito anche al paragrafo 6.3).

4.2.3.4 Ricerca La strategia esposta nella parte introduttiva, e le criticità elencate, hanno già parzialmente elaborato il tema della strategia della ricerca della Facoltà. Di seguito alcuni approfondimenti su punti specifici finora non comparsi. La Facoltà riconosce il contributo in fase di avvio ricevuto dalla Libera Università di Bolzano, che le ha consentito fin dalla sua istituzione di essere in grado di attrarre finanziamenti di ricerca esterni, e supporta la Commissione di Ricerca d’Ateneo nella definizione di strategie rivolte a mettere tutte le facoltà in grado di realizzare i propri obiettivi scientifici. La Facoltà ha avuto approvata, in passato e anche recentemente, ed ha in corso, la sottomissione di numerosi progetti finanziati dall’UE. Si tratta di attività di ricerca complesse, coordinate a livello internazionale con università, centri di ricerca pubblici e privati, aziende, enti pubblici, tutti partner di assoluto prestigio. Tutti questi progetti sono stati e sono rigorosamente valutati ex ante, in itinere, ed ex post, sia sul piano scientifico sia sul piano amministrativo, con procedure di auditing. Pertanto la Facoltà è totalmente a favore di rigorosi meccanismi di valutazione, da applicarsi anche alla ricerca finanziata dalla Libera Università di Bolzano, ed alla scomparsa di “finanziamenti a pioggia” non basati sul merito. La Facoltà è inoltre fortemen-

te contraria alla concessione di finanziamenti interni per la ricerca attraverso procedure non chiaramente definite, basate su informazioni non ancora disponibili ai potenziali proponenti, nel momento in cui i bandi si chiudono. Tutto questo premesso, la Facoltà sottolinea ancora una volta come le collaborazioni con università e aziende italiane e straniere, soprattutto nei Paesi dell’UE, siano frequenti e fruttuose, anche dal punto di vista delle visite di studio e seminari, dei finanziamenti di ricerca per attività congiunte, e dei risultati di tali ricerche (in particolare in termini di pubblicazioni scientifiche, di cui sovente sono autori o coautori i dottorandi stessi). I docenti collaborano a comitati di redazione di riviste scientifiche ed all’organizzazione di convegni internazionali con peer-review, principalmente svoltisi fuori dalla provincia, ma talvolta ospitati ed organizzati dalla Facoltà stessa. Queste attività di networking sono funzionali alla creazione di competenze e partenariati per i progetti di respiro internazionale, e si intende proseguirle nel futuro. Operativamente, si individuano nei tre centri di ricerca CASE, DIS e KRDB i luoghi deputati allo svolgimento della ricerca, in cui si svolgono sia ricerche di base, sia ricerche finalizzate allo sviluppo industriale, sia attività di ricerca conto terzi. L’accordo BIT fra le tre università di Bolzano, Innsbruck e Trento, recentemente rinnovato per altri tre anni dopo la conclusione del triennio di avvio, si sta gradualmente spostando da una collaborazione prevalentemente didattica, a livello di lauree di primo e secondo livello, verso una collaborazione anche e soprattutto scientifica, in termini di dottorato di ricerca e post doc. 4.2.3.5 Centri di competenza Le scelte compiute in fase di reclutamento nel passato hanno contribuito a formare i tre centri di competenze CASE, DIS e KRDB, che attualmente esibiscono un alto profilo scientifico e riscuotono prestigio internazionale. Si veda in proposito quanto scritto sopra. Non esistono attività di ricerca al di fuori dei tre centri, il cui successo fa ritenere di poter agevolmente proseguire nel futuro prossimo con l’attuale modello di ricerca. Non sono neppure previste esigenze di attivazione di nuovi centri o linee di ricerca, essendo i docenti impegnati a orientare verso gli sviluppi più avanzati le proprie consolida71


te competenze all’interno dei centri stessi. L’apporto dei tre centri nella formazione dei dottorandi, e viceversa il contributo che i dottorandi danno alle ricerche dei centri e della Facoltà, è – come già sottolineato – un elemento chiave della ricerca. 4.2.3.6

Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale 4.2.3.6.1 Collaborazioni locali La Facoltà ha in corso diverse convenzioni ed accordi quadro con realtà locali quali l’Azienda Sanitaria-Ospedale di Merano, l’EURAC, il TIS, e sta concludendo l’accordo con il Comune di Bolzano. Le tematiche di ricerca sono quelle che fanno capo ai tre centri di competenze. Le aziende e gli enti locali (Assoimprenditori, Provincia, Consorzio dei Comuni ed altri) conoscono ed apprezzano le tematiche sviluppate dalla Facoltà, e di volta in volta attivano i contatti esistenti per iniziative congiunte. Enti ed aziende contribuiscono anche alla formazione sotto forma di tirocini, ed assumendo come apprendisti gli “studenti in attività”. Alcuni dipendenti di aziende ed enti sono stati docenti a contratto di materie collegate alla rispettiva professionalità, oppure hanno svolto seminari all’interno di corsi. 4.2.3.6.2 Collaborazioni nazionali La Facoltà ha naturali collegamenti con la realtà accademica italiana, rappresentata dai docenti assunti tramite concorso. Va sottolineato che comunque anche i docenti assunti con chiamata diretta sono ottimamente inseriti nella realtà accademica italiana, come testimoniano le domande di progetti PRIN sottomesse annualmente. Questi collegamenti rendono quindi possibile un proficuo interscambio culturale, in cui la Libera Università di Bolzano può giocare un positivo ruolo di internazionalizzazione nei confronti di settori accademici nazionali. Sul piano organizzativo, la Facoltà ha recentemente promosso l’adesione della Libera Università di Bolzano al CINI, il Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica, e la stipula di un accordo quadro tra la Libera Università di Bolzano ed il CNR, il Consiglio Nazionale delle Ricerche. Lo sviluppo di sinergie con questi organismi sarà sicuramente perseguito nel 2009-2013. 4.2.3.6.3 Collaborazioni internazionali La Facoltà collabora a livello Erasmus con numerose altre Università partner, in particolare a livello della laurea 72

magistrale con la realizzazione di “double degree” attivate attraverso i programmi European Master. Al di fuori degli accordi Erasmus si realizzano ulteriori scambi studenteschi tramite accordi bilaterali con altre università, italiane oppure non UE, oltre al già citato accordo BIT. A livello di ricerca la Facoltà fa parte di consorzi di ricerca per la gestione di programmi europei del VI e VII Programma Quadro, i quali prevedono anche partner non UE, con funzioni di osservatori. Convenzioni con Università non UE per la ricerca congiunta, di base ed applicata, sono previste per il futuro. Queste collaborazioni sono sempre stimolate e realizzate attraverso le attività di ricerca dei tre centri di competenza.


4.2.4 Facoltà di Design e Arti

4.2.4.1 Situazione della facoltà al 01/01/2009 Il corso di laurea in Design esiste dal 2002. La filosofia della facoltà nel campo della formazione si basa sui principi dell’interdisciplinarità; gli studenti ricevono una formazione sia nell’ambito bidimensionale che in quello tridimensionale: quindi sia in comunicazione che in prodotto. Lo studio per progetti che caratterizza la facoltà include una notevole parte di teoria, come richiesto da una formazione scientifica orientata alla pratica. Questa multidimensionalità richiede un notevole impegno da parte degli studenti ma alla fine è proprio questo che dà loro un valore aggiunto: essi sono generalisti del design. Questa particolare qualità si acquisisce solo in poche università europee di design nonostante essa apra un gran numero di prospettive e nonostante sia da ritenere assolutamente necessaria in vista delle principali sfide future del design. La spinta alla specializzazione che sta giungendo da certe zone del mondo professionale porta sì all’inserimento professionale, ma solo a breve termine; più duratura è invece l’universalità nell’ideare e la capacità di risolvere in maniera efficiente e rapida i problemi e le sfide sociali grazie ad un modo di pensare trasversale e creativo. Ogni anno vengono ammessi al massimo 60 studenti. Il numero totale di iscritti alla facoltà è di circa 200 studenti. Gli studenti ottengono molti successi grazie ai loro progetti, prendendo costantemente parte, e con risultati eccellenti, a concorsi di design, a mostre internazionali e allo sviluppo di prodotti all’interno di aziende. Subito dopo la laurea gran parte degli studenti trova lavoro in studi o aziende, oppure sono loro stessi a fondare uno studio di design. 4.2.4.2 Piano strategico Lo studio del design a Bolzano è orientato alla realtà e quindi al mercato. Chi si laurea presso questa facoltà ha una buona visione di come funzionano i mercati e di come ci si debba muovere al loro interno in qualità di libero professionista. Si punta a formare pensatori trasversali che sappiano lavorare concettualmente e che abbiano anche la capacità di realizzare materialmente i propri progetti. L’obiettivo è quello di creare pensatori che siano anche realizzatori e che abbiano il contatto con la realtà: visionari ma con una buona dose di idealismo. Solo a queste condizioni è pos-

sibile, e pensabile, che i designer siano coinvolti fin dall’inizio anche nei processi decisionali più importanti (a livello comunale, regionale, nazionale ed internazionale). 4.2.4.3

Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale Attualmente viene offerto presso la Facoltà di Design e Arti un corso di laurea in Design. Per il 2010 è prevista l’istituzione di una laurea magistrale in Design. Inoltre, per il 2012 o 2013 è pianificato il curriculum Arte (all’interno del BA in Design) ed infine una laurea magistrale in Arte. L’avvio dei nuovi corsi di studio dipende tuttavia da una parte, per quanto attiene alla laurea magistrale in Design, dal completamento, dalla consegna e dalla dotazione delle nuove officine e dall’adattamento degli spazi dell’edificio C; dall’altra, per quanto riguarda il curriculum Arte e la laurea magistrale in Arte, bisogna ancora verificare in che modo debbano essere formalmente applicate le recenti disposizioni del Ministero dell’Università (settembre 2009) nel caso di istituzione di nuovi curricoli da parte di una facoltà ancora relativamente piccola. Sulla possibile istituzione di un dottorato di ricerca al momento non è ancora stata presa alcuna decisione, ma c’è l’intenzione di istituirne uno (nell’ambito delle scienze del design). È tuttavia ancora da analizzare quanto previsto dai “settori disciplinari” e quali possibilità vi siano rispetto alla norma vigente in Italia. Si sta pensando tra l’altro di realizzare il dottorato di ricerca in collaborazione con altre università estere. Per quanto riguarda la rilevazione del fabbisogno, si può dire che già adesso vi è un grande interesse nei confronti della laurea magistrale in Design (sottoforma di domande provenienti sia dall’Italia che dall’estero). Esperti del settore prevedono inoltre un elevato interesse nei confronti del curriculum in Arte, così come lo si vuole istituire a Bolzano. Il contatto con gli enti locali (Assoimprenditori, Museion, Provincia, etc.) ha dato buoni risultati. Anche da parte delle associazioni locali l’istituzione di un curriculum in Arte è stata valutata positivamente.

73


4.2.4.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa Classe preriforma

Offerta didattica

Classe postriforma

Situazione a.a. 2008/2009

L-4

x

Evoluzione prevista 2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

x

x

x

x

x

x

x

x

x

Corsi di laurea Design* - Curriculum Design - Curriculum Arte

42

L-4

Corsi di laurea magistrale Design

x

LM-12

x

Arte (dal 2015/2016) Corsi interfacoltà Attualmente nessuno in pianificazione Corsi di dottorato Attualmente nessuno in pianificazione Master universitari (di 1° e 2° livello) Attualmente nessuno in pianificazione Corsi universitari - Formazione (vedi punto 3.3) Attualmente nessuno in pianificazione * Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 29: sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Design e Arti

4.2.4.3.1.1 Sviluppo nel numero di posti di studio Posti di studio per corso

Situazione a.a. 2008/2009*

Evoluzione prevista 2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

UE

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

55

5

55

5

55

5

55

5

55

5

55

5

- Curriculum Arte

-

-

-

-

-

-

25

5

25

5

Laurea magistrale in Design

-

-

18

2

18

2

18

2

18

2

55

5

73

7

73

7

98

12

98

12

Corso di laurea in Design** - Curriculum Design

Totale posti di studio

55

5

* Sono riservati un certo numero di posti di studio per studenti UE e per studenti non UE. ** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 30: sviluppo nel numero di posti di studio della Facoltà di Design e Arti

4.2.4.3.2 Evoluzione del numero degli studenti 4.2.4.3.2.1 Preiscrizioni Preiscrizioni per corso di studio

Situazione a.a.

Evoluzione prevista 2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Corso di laurea in Design* - Curriculum Design

131

168

180

180

180

180

- Curriculum Arte

-

-

-

50

50

Laurea magistrale in Design

-

20

40

40

40

168

200

220

270

270

Totale preiscritti

131

* Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 31: evoluzione delle preiscrizione della Facoltà di Design e Arti

74


4.2.4.3.2.2 Stato attuale delle immatricolazioni Numeri massimi e minimi di immatricolati previsti dalla legge

Immatricolazioni per corso* (numerosità massima e minima)

Corso di laurea in Design**

150

Immatricolati 2008/2009

20

55

Totale immatricolati

55

* Data di riferimento per la rilevazione: 30.11.2008 ** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 32: stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Design e Arti

4.2.4.3.2.3 Iscritti ed evoluzione prevista Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

Iscritti nell’a.a. 2008/2009*

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

210

210

210

210

210

-

-

-

30

65

Corso di laurea in Design** - Curriculum Design

211

- Curriculum Arte Laurea magistrale in Design Totale studenti

211

-

20

44

44

44

210

230

254

284

319

* Data di riferimento per la rilevazione: 15.12.2008* ** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 33: evoluzione del numero complessivo degli studenti della Facoltà di Design e Arti

4.2.4.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) La Facoltà di Design e Arti organizza ogni anno numerose conferenze aperte al pubblico, pubblicizzate sia tramite stampa sia attraverso internet. Tutti i laureati del corso di laurea in Design sono inclusi nell’indirizzario della facoltà e vengono informati in modo diretto su tutte le iniziative. Inoltre, ad intervalli regolari, vengono organizzati convegni internazionali che vertono su temi d’attualità legati alla cultura di progetto all’interno del contesto sociale ed economico. Da giugno 2007 inoltre, la facoltà realizza la pubblicazione “zona”, allegata alla rivista internazionale “Abitare” e distribuita in Italia e all’estero in circa 62.000 copie. “zona” rientra nell’intensa attività di pubblicazione del-

la Facoltà, la cui diffusione è garantita dalla collaborazione con case editrici di spicco. In questo settore si pensa di intensificare la collaborazione con l’editrice d’ateneo. L’offerta formativa di questo tipo (relazioni, convegni e pubblicazioni) sarà integrata da contenuti da scaricare in internet (vedasi ad esempio la documentazione realizzata di recente “Design Kämp”: http://www.freeunibz.net/ blog/wp-xontent/uploads/2009/07/doku_dknew_web_ small.pdf ) e da numerose presentazioni della facoltà in Italia e all’estero legate tematicamente tra loro. Attualmente è inoltre pianificata una serie di scritti sull’“Entwurfskultur” (cultura di progetto) e la pubblicazione di edizioni critiche di importanti testi di teorici e pratici riconosciuti a livello internazionale.

4.2.4.3.4 Evoluzione del personale accademico (tenuto conto dei requisiti minimi e necessari) Inquadramento

Situazione al 1° gennaio 2009

Professori ordinari

Assunzioni annuali previste

Personale accademico alla fine del 2013/2014

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2

-

3

-

1

-

6

Professori associati

5

-

5

1

-

1

12

RTD’s

5

2

3

2

4

-

16

Totale

12

2

11

3

5

1

34

Il numero totale di docenti di ruolo più gli RTD pianificato per il 2013/2014 corrisponde ai requisiti minimi per tutti i corsi di studio pianificati, inclusa la laurea magistrale in Arte.

Tabella 34: evoluzione del personale accademico della Facoltà di Design e Arti

75


4.2.4.3.5 Pianificazione degli spazi Nel piano di utilizzo degli spazi approvato dal direttivo universitario e dalla Giunta provinciale vengono assegnati alla facoltà gli edifici C ed F nonché (dal semestre invernale 2010/2011) le officine interrate, attualmente in fase di realizzazione. La pianificazione della facoltà – che si basa su questa decisione – tiene conto del futuro ampliamento dell’offerta didattica e della conseguente evoluzione nel numero degli studenti. Questo piano purtroppo però è già stato ridotto da una decisione dell’assessorato competente: due degli atelier pensati per la didattica a progetto sono stati assegnati alle associazioni studentesche. Anche altri 4 degli atelier pianificati per la didattica a progetto non saranno realizzati poiché, per motivi economici, non è possibile intervenire sui soffitti del 4° piano per unirli con gli spazi del 5° piano. In vista dell’imminente utilizzo degli spazi previsti, sarebbe importante – come già in uso presso altre Facoltà di design – concedere l’accesso agli studenti 24 ore su 24. Attualmente i lavori di adattamento del tratto C sono in fase di pianificazione e si concluderanno nell’estate 2010. Nella bozza del piano di utilizzo degli spazi sono previste le seguenti tipologie di spazi: • atelier per la didattica a progetto con annessi uffici riservati ai docenti; • atelier per i laureandi (senza uffici); • atelier per progetti speciali (workshop, preparazione di mostre cc.); • aule lezione e aule seminario; • officine; • uffici per i docenti e l’amministrazione. Naturalmente, le aule lezione e seminario potranno essere utilizzate anche da altre facoltà. Al contrario, gli atelier saranno utilizzati in modo esclusivo dalla facoltà poiché qui saranno costantemente in corso processi di lavoro creativo. Il dinamismo di questi processi lavorativi è dato sia dal fatto che gli studenti devono concepire e realizzare insieme al docente i contenuti dei vari progetti, sia dal fatto che essi devono lavorare all’interno dell’atelier in modo indipendente imparando a gestire il proprio tempo, cosa che saranno chiamati a fare anche una volta entrati nel mondo del lavoro. Questa situazione lavorativa, molto simile a quella reale, edu76

ca infatti gli studenti a pianificare meglio e a responsabilizzarsi maggiormente nei confronti del proprio lavoro, abituandoli a saper decidere e a saper agire nelle diverse fasi di elaborazione di un progetto (cfr. anche capitolo 6.3).

4.2.4.4 Ricerca 4.2.4.4.1 Cosa intendiamo per ricerca (contesto) La Facoltà di Design e Arti ha un approccio umanistico al design e alla ricerca. La Facoltà infatti, sia nel campo della didattica sia in quello della ricerca, non è orientata né esclusivamente alla tecnologia né all’industria e nemmeno solo al mercato, ma concepisce la propria attività in prima linea quale contributo ad una “progettazione” efficace del quotidiano dell’individuo, della società e dell’ambiente. La ricerca nel design viene praticata come parte integrante della didattica ovvero tramite il lavoro con gli studenti nell’ambito dello studio per progetti. Ci si concentra inoltre sul ruolo internazionalmente riconosciuto che il design gioca nel favorire uno sviluppo degli attuali sistemi di convivenza sociale che sia economicamente affermabile, significativo nei contenuti ed eticamente sostenibile (vedasi tra l’altro John Thackara, In the Bubble. Designing in a complex World – MIT Press, London/Cambridge MA 2005). Il design e la ricerca nel campo del design fanno parte di quegli assets di natura concettuale che vengono ad esempio citati da Alan Greenspan all’interno dell’articolo “A market for ideas” (The Economist, 20.10.2005). Le attività basate sull’innovazione e sul sapere, si cita nell’articolo, “have become the most important resource, replacing land, energy and raw materials. As much as three-quarters of the value of publicly traded companies in America comes from intangible assets, up from around 40% in the early 1980s. The economic product of the United States has become predominantly conceptual.” Questa valutazione trova conferma a livello europeo negli obiettivi che furono formulati già a marzo 2000 in occasione del Consiglio Europeo straordinario di Lisbona. In quell’occasione l’Europa fu definita, sia dal punto di vista economico che culturale, quale spazio economico la cui dinamicità e capacità di competizione si basava in modo determinante su prestazioni innovative e basate sul sapere. Tenendo conto di questo scenario, gli obiettivi della ricerca nel campo del design presso la Facoltà di Design e Arti di Bolzano


sono: garantire il carattere sempre attuale, innovativo e orientato al futuro della didattica; la creazione e il mantenimento di una rete internazionale per lo scambio e la collaborazione per quanto riguarda le attività di ricerca sui temi generali o temi particolari definiti in sintonia tra le parti; l’indagine sulle problematiche essenziali della materia design nonché l’elaborazione di proposte e procedure per il futuro. 4.2.4.4.2 Ambiti d’attività e metodologia 4.2.4.4.2.1 Ricerca attraverso il design Presso la Facoltà di Design e Arti vengono applicate in egual misura sia forme di ricerca basate sul progetto che sulla teoria. Si suddividono, a seconda del metodo di lavoro, in: ricerca attraverso il design e ricerca sul design. La ricerca attraverso il design deve tenere conto del fatto che il lavoro creativo è orientato al raggiungimento di risultati innovativi e che quindi prevede sempre un comportamento attivo di ricerca (vedasi Christopher Frayling, Research in Art and Design, in Research Papers Royal College of Art, Vol. 1, Number 1, London 1993/94, pag 5). La ricerca attraverso il design è concepita come una disciplina progettuale e di sviluppo e viene anche definita, basandosi sui principi del lavoro creativo attivo, anche come ricerca d’azione (action research). A Bolzano riguarda l’elaborazione di innovazioni concrete di prodotto nei settori design di prodotto, comunicazione visiva, Service design nonché Interior & Exhibit Design. Ciò si verifica, da una parte, direttamente all’interno dello studio per progetti (cfr. i risultati dei progetti di design del prodotto e comunicazione visuale raccolti sotto il titolo Lightworks – UniPress Bolzano, 2006); dall’altra bisogna contare anche i progetti condotti dai docenti e dai collaboratori scientifici. 4.2.4.4.2.2 Ricerca sul design La ricerca sul design riguarda invece l’analisi scientifica della disciplina design nei fondamenti del suo sviluppo disciplinare e di rapporti di scambio reciproci con la realtà economica, sociale e culturale. Si tratta in particolare di riflessione, analisi e prospettive sullo status quo della prassi, della metodica e degli obiettivi del lavoro creativo, sul contesto economico, sociale, culturale e tecnologico nel quale esso è coinvolto a seconda del luogo e della definizione della propria posizione, sui presupposti e i percorsi degli effetti dell’azione creati-

va nonché sugli approcci intellettuali e di lavoro in vista delle sfide del futuro. A seconda del tema e dell’approccio di lavoro, la ricerca attraverso il design si serve del supporto di dati e fatti rilevati empiricamente, garantiti statisticamente nonché indagati ed interpretati dal punto di vista storico. 4.2.4.4.2.3 Ricerca dialettico-argomentativa Si articola all’occorrenza anche in approcci di lavoro speculativi che si basano sulla ricerca, sull’analisi, sull’interpretazione ed argomentazione scientifica della materia (si veda, tra l’altro, Lisa Crocott, Speculation, Serendipity and Studio Anybody, in Laurel Brenda, Design Research: Methods and Perspectives , MIT Press, Cambridge/MA 2003, pagg. 83-93). 4.2.4.4.2.4 Finalità e ambiti prioritari Un obiettivo della ricerca nel campo del design a Bolzano è quello di fare entrare in osmosi e reciproco arricchimento lavori e temi esplorati rispettivamente attraverso il e sul design. Si punta quindi ad una riflessione, analisi e prospettiva scientificamente fondate su: • lo status quo della prassi, metodologia e finalità del lavoro creativo; • le condizioni economiche, sociali, culturali e tecnologiche nel quale il lavoro creativo si sviluppa a seconda della collocazione geopolitica e del posizionamento intellettuale; • i requisiti e sullo sviluppo degli effetti del lavoro creativo attraverso una prospettiva individuale ed una collettiva (a breve, medio e lungo termine); • l’indagine di quelli che sono i principali approcci di pensiero e di lavoro del design in vista delle sfide del futuro; • la realizzazione di collaborazioni interdisciplinari (ad esempio con colleghi del settore della musica, arte, filosofia, letteratura, architettura, ingegneria, scienze e tecnologie) all’interno di un ampliamento, ritenuto necessario, degli orizzonti della cultura di progetto di fronte alla complessità e alla trasversalità di un gran numero di significativi ambiti di lavoro presenti e futuri. Parte integrante dei nostri progetti di ricerca è la loro presentazione e comunicazione – sottoforma di conferenze, pubblicazioni e mezzi di comunicazione basati 77


sul web – agli esperti (“scientific community” di ciascuna facoltà) affinché i risultati della nostra attività possano andare a confluire nei flussi di pensiero e di discussione internazionali. A seconda della natura di ciascun progetto, questo lavoro di comunicazione si rivolge anche ad un pubblico più ampio. Questo “pubblico più ampio” prevede quale target personalità con potere decisionale appartenenti ai settori dell’economia, della società e della cultura. Il design è un settore di lavoro pubblico, che porta a delle conseguenze a livello sociale, economico e culturale. Nel caso dei nostri progetti di ricerca non basta quindi che queste siano comunicate nell’ambito di congressi specialistici e pubblicazioni del settore. Oltre a questo, abbiamo bisogno di mezzi di comunicazione che garantiscano la divulgazione già citata ed un forte impatto sul tessuto decisionale della società, dell’economia e della cultura del nostro tempo. Se così non fosse, andrebbe a mancare un elemento essenziale per la comprensione del design quale disciplina relazionale. Particolare attenzione dedichiamo a tal proposito alla pubblicazione di edizioni critiche di opere teoriche di autori che hanno assunto importanza nel contesto internazionale per lo sviluppo di posizioni e di modus operandi della cultura di progetto. Rientrano qui anche le traduzioni delle opere citate, in particolare quando, così facendo, si mette a disposizione del pubblico per la prima volta l’edizione critica di un particolare scritto in lingua italiana o tedesca. Il ciclo di pubblicazioni “Entwurfskultur” (cultura di progetto), attualmente in fase di pianificazione, conterrà tra l’altro i risultati dell’esplorazione e della rielaborazione di queste essenziali domande. 4.2.4.4.3 Orientamento locale, nazionale ed internazionale I punti focali della nostra attività di ricerca ora citati sono orientati in egual misura ai contesti di lavoro locali, nazionali ed internazionali. A livello di riflessione critica e di creazione di rapporti operativi concreti tra questi contesti, essa supporta il territorio anche a riconoscersi in una dimensione globale di domande e tematiche legate al futuro ancora da chiarire. L’ambiente internazionale invece, tenendo conto delle circostanze e dei fatti locali, è portato a contatto con tutta una serie di preziose tradizioni e risorse che delineano il ge78

nius loci di un particolare luogo dal punto di vista storico, culturale ed economico. Le cooperazioni a livello nazionale sono un importante anello di congiunzione tra l’orientamento locale ed internazionale: esse garantiscono costanti forme di aggiornamento e di scambio di informazioni riguardo ai contenuti, alle finalità e alle strategie delle reti che in Italia costituiscono il terreno della ricerca nel campo del design. A livello locale esistono tra l’altro cooperazioni con l’EURAC (Bolzano) e con il master CasaClima (Libera Università di Bolzano). Questo lavoro è realizzato, a livello internazionale, in collaborazione con la Germania (Deutsche Guggenheim Berlin, International Project Platform Offenbach) e la Svizzera (Swiss Design Network). A livello nazionale stiamo lavorando con la rete di ricerca sul design “Sistema Design Italia” (coordinato dal Politecnico di Milano). È previsto l’ampliamento di questa collaborazione tra l’altro in direzione degli Stati Uniti, della Turchia, dell’India, della Cina , della Corea e del Giappone. 4.2.4.5 Centri di competenza Per il 2010 è prevista l’istituzione del centro di competenza sul tema delle “Teorie del design”. Tutti i settori scientifico disciplinari dei docenti delle materie teoriche presso la nostra facoltà saranno rappresentati all’intero di questo centro di competenza e garantiranno un ampio spettro di contenuti. 4.2.4.6 Plurilinguismo La Facoltà di Design e Arti ha applicato completamente il principio del plurilinguismo (tedesco, inglese, italiano) all’interno dei suoi organi ed in gran parte nei settori della didattica e della ricerca. La didattica all’interno del lavoro legato ai progetti di design (colonna portante dello studio per progetto) si svolge nella maggior parte dei casi in tedesco, inglese ed italiano. Tutto ciò è garantito dalla composizione di ciascun team di docenti, composto normalmente da tre persone per progetto in modo da rispondere così non solo alle varie esigenze professionali del lavoro creativo ma garantendo anche che l’insegnamento si svolga in tutte e tre le lingue. Le materie che vengono insegnate al di fuori del lavoro a progetto mostrano invece, al momento, una scarsa applicazione dell’inglese quale lingua di insegnamento e d’esame. Ciò vale però solo


per il bachelor. All’interno della laurea magistrale in Design, la cui attivazione è prevista per il 2010, l’inglese coprirà un ruolo centrale soprattutto all’interno delle materie teoriche. In tal modo sarà garantito, nell’offerta formativa della facoltà, un certo equilibrio tra le tre lingue. La facoltà si sta inoltre occupando di sviluppare un modello per l’insegnamento delle lingue che lo rivaluti e che lo metta sullo stesso piano dell’insegnamento delle altre materie. Vista la particolare importanza del plurilinguismo bisognerà lavorare per cercare delle soluzioni per creare un “apprendimento permanente delle lingue” sia dei docenti che degli studenti. La determinazione di conoscenze minime, che al momento costituiscono delle barriere (livelli A1, A2, B1, B2 e il Language Assessment Test) all’interno della carriera degli studi, non è ritenuta così adatta. Si verificherà se l’obbligo ad uno studio continuo con piani di studio e obiettivi individuali aprirà la possibilità ad un’eliminazione dei così temuti esami di lingua. Quale importante parte della realizzazione del plurilinguismo, la facoltà aspira a mettere i docenti nella condizione, sulla base del modello “apprendimento permanente delle lingue”, di poter far sostenere agli studenti gli esami scritti ed orali nella propria madre lingua. Questo è importante per ottenere elevati standard di rendimento e del loro controllo da parte dei docenti. Aumenterebbe inoltre la comparabilità delle prestazioni e con ciò le pari opportunità dei diversi gruppi linguistici. 4.2.4.7

Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale La Facoltà di Design e Arti considera quale punto centrale della propria attività la collaborazione con istituzioni ed aziende a livello locale, nazionale ed internazionale. Sin dall’inizio la facoltà ha puntato fortemente e con successo a queste forme di collaborazione con partner esterni. 4.2.4.7.2 Collaborazioni locali Da parte di istituzioni e aziende locali giungono con una certa frequenza alla facoltà domande di collaborazione con la speranza, grazie all’impiego di studenti, di risparmiare quei costi che normalmente un incarico di design nel libero mercato comporta. Il nostro dovere è tuttavia (sia nei confronti degli studenti e sia anche tenendo conto del libero gioco di scambi tra doman-

da e offerta del mercato) quello di accettare solo collaborazioni che necessitino o esigano ricerca (in senso accademico) e dove è possibile un’integrazione didattica sensata (in senso formativo). La facoltà, nei confronti dei propri partner esterni con cui collabora non è l’unica a svolger il ruolo di prestatore d’opera, ma bisogna soprattutto fare attenzione che dalla collaborazione con istituzioni ed aziende nascano sinergie concrete per l’adempimento al proprio compito formativo e di ricerca. Sinergie di questo tipo sono state realizzate su più fronti in passato, tra l’altro sottoforma di collaborazioni in progetti col Museion, con la SIAG (Südtiroler Informatik AG), con il Messner Mountain Museum e con il Grand Hotel di Dobbiaco i cui fregi luminosi nella sala Gustav Mahler sono stati progettati e realizzati dalla facoltà (in collaborazione con la ripartizione Edilizia e Servizio tecnico della Provincia Autonoma di Bolzano) Questo tipo di collaborazione è molto importante per la facoltà e deve essere mantenuta e intensificata anche per il futuro. 4.2.4.7.3 Collaborazioni nazionali A livello nazionale lavoriamo a stretto contatto con la rete “Sistema Design Italia” (coordinata dal Politecnico di Milano). Il focus è puntato sul settore della ricerca nel campo del design. È inoltre in atto una stretta collaborazione a livello di contenuti con la rivista internazionale “Abitare”. Si dovrà continuare le collaborazioni nell’ambito della piattaforma internazionale del design “Salone del Mobile di Milano” (finora la collaborazione era con COSMIT – Comitato Organizzatore del Salone del Mobile Italiano, Spazio Rossana Orlandi, spaziocorsocomo 9, Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, Triennale di Milano) che risultano fondamentali per il posizionamento della facoltà sulla scena del design per poter attrarre candidati e partner di progetto anche in futuro. Quale effetto sinergico, questo tipo di collaborazione comporta anche un’apertura al mercato per i laureati della facoltà. 4.2.4.7.3 Collaborazioni internazionali A livello internazionale il nostro lavoro nel settore della ricerca nel campo del design si lega alle collaborazioni con la Germania (International Project Platform Offenbach) e la Svizzera (Swiss Design Network). 79


Si pensa inoltre di intensificare queste collaborazioni in direzione, tra l’altro, di: Stati Uniti, Turchia, India, Cina, Corea e Giappone. Per quanto riguarda la collaborazione a livello di progetti, nell’estate del 2009 vi è stata una collaborazione con il Deutsche Guggenheim Berlin e con la Deutsche Bank. Workshop e altre iniziative legate al design sono state in passato realizzate, tra l’altro, in collaborazione con RADO Svizzera, con la Volvo e con Illycaffè. La facoltà ha collaborato inoltre nel settore fieristico tra gli altri con ICFF (International Contemporary Furniture Fair) di New York e nel settore musei con il MUDAM in Lussemburgo. La facoltà intensificherà per il futuro questo tipo di collaborazioni.

80


4.2.5 Facoltà di Scienze e Tecnologie

4.2.5.1 Situazione della facoltà al 01/01/2009 La Facoltà al primo gennaio 2009 annoverava solo tre professori. Al momento attuale la Facoltà dispone di 11 membri accademici, di cui 4 professori di prima fascia, uno di seconda fascia e 6 ricercatori (un settimo ricercatore ha preso servizio ad ottobre 2009). Da novembre 2009 ha preso servizio un RTD, vincitore di concorso. Un altro concorso RTD è in corso, mentre si rimane in attesa dello svolgimento delle procedure di valutazione comparativa. La Facoltà ha aperto 5 “espressioni di interesse” per reclutare dall’estero (una già completata ed una seconda in corso di completamento). I settori scientifico-disciplinari (SSD) attualmente coperti sono numerosi (AGR3, AGR8, AGR11, AGR13, AGR16, BIO03; CHIM96, MAT07, MAT05, ING-IND 11, ING-IND16, ICAR12). La struttura amministrativa della Facoltà prevede oltre al responsabile, la presenza di sei unità addette alla segreteria e di un tecnico laureato di laboratorio. I corsi della Facoltà attivati alla data in oggetto includono il primo e secondo anno dei corsi di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione e di Tecnica ed Economia agraria, mentre il terzo anno dei suddetti corsi è ancora offerto rispettivamente dal Politecnico di Torino e dalla Facoltà di Economia della LUB. Nell’ambito del corso di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione in collaborazione con il Politecnico di Torino, Assoimprenditori Alto Adige e Provincia Autonoma di Bolzano, è attivo il progetto “Studenti in attività”, indicato come best practice nazionale della formazione universitaria in collegamento alle imprese. La Facoltà, inoltre, offre, sempre alla data in oggetto, un master di secondo livello CasaClima. 4.2.5.2 Piano strategico La Facoltà intende caratterizzarsi con un profilo di tipo internazionale di elevato livello scientifico e intende collaborare e competere con istituzioni europee ed extra-europee nel settore della didattica e della ricerca. Al tempo stesso, la Facoltà vuole essere profondamente radicata nel territorio e contribuire al suo progresso mediante la creazione di nuove conoscenze scientificotecnologiche ed il loro trasferimento. Le peculiarità della Facoltà si declinano in un approccio interdisciplinare in cui, in modo flessibile, il personale accademico, con competenze trasversali, si applica alla

realizzazione di progetti didattici e di ricerca. La didattica è legata ai settori agrario, ambientale, ingegneristico gestionale, di progettazione edilizia a basso consumo energetico. Ulteriori parole chiave per i progetti didattici sono: sostenibilità ambientale, energia, cambiamento climatico, mobilità e trasporti, materiali per la bioedilizia, qualità delle produzioni. Per quanto riguarda la ricerca, il profilo che la Facoltà si è dato, frutto di una collegialità progettuale, si riassume in 5 macroaree di ricerca tra di loro collegate e riunite da un filo conduttore che riguarda l’ambiente alpino (vedasi grafico 9). La Facoltà, nell’adempiere ai propri compiti, desidera valorizzare le collaborazioni a differenti livelli, desidera mantenere alti standard scientifici privilegiando la pubblicazione dei risultati della ricerca su Journal internazionali con impact factor, o capitoli di libri scientifici di case editrici internazionali. La risoluzione di problemi che nascono da istanze del territorio non viene vista come un ostacolo alla necessità di rapportarsi con la comunità scientifica nazionale ed internazionale. Il trasferimento tecnologico avverrà tramite incontri a vari livelli e pubblicazioni di tipo divulgativo. La Facoltà si riconosce nel profilo della Libera Università di Bolzano come università plurilingue, e desidera declinare tale profilo a livello della didattica e a livello del personale accademico (mediante reclutamento di personale accademico di diversa madrelingua e mediante l’apprendimento successivo della/e lingua/e mancante). Essa ritiene tuttavia che per le lauree di tipo magistrale, il trilinguismo possa seriamente limitare il “bacino” di potenziali studenti in grado di iscriversi, ai soli studenti altoatesini, mentre i programmi accademici sono pensati per essere di ampio respiro ed in grado di attirare studenti da fuori provincia ed anche dall’estero. Se lo studente non conosce in partenza una delle tre lingue, infatti, difficilmente riuscirà in poco tempo a recuperarla, specie se la laurea magistrale è di tipo internazionale e prevede nella sede di Bolzano un solo semestre di didattica. La Facoltà desidera pertanto che il plurilinguismo diventi un’opportunità nell’attirare studenti e non un suo ostacolo. In altre parole, dovrebbe affermarsi un concetto per cui la Libera Università di Bolzano e la Facoltà di Scienze e Tecnologie in particolare, siano riconosciute a livello nazionale ed internazionale come istituzioni che non solo preparano in modo eccellente gli 81


offerte prevalentemente in lingua inglese: questa strategia raggiunge anche l’obiettivo di evitare che gli studenti preferiscano iscriversi nelle altre sedi consorziate, piuttosto che alla Libera Università di Bolzano. Agli studenti magistrali devono essere offerti corsi di lingua obbligatori che consentano loro di raggiungere una conoscenza adeguata anche di tipo tecnico della lingua di cui essi sono inizialmente in debito. Per i corsi di dottorato, che si intendono sviluppare, la lingua ufficiale sarà l’inglese, ma il concetto del plurilinguismo verrà interpretato attraverso un elevato livello di internazionalizzazione. Il personale docente, anche utilizzando il Centro linguistico, è già interamente attivo nel miglioramento della conoscenze linguistiche dell’italiano e del tedesco. Si intende mantenere tale impegno anche nello sviluppo futuro.

studenti dal punto di vista tecnico-scientifico, ma dove essi riescono, al termine del percorso, ad aver acquisito conoscenze linguistiche di elevato livello, avendo vissuto in un’università plurilingue. In tal senso, ogni sforzo dovrebbe essere fatto per offrire corsi intensivi a studenti che dimostrano di essere molto promettenti non per le conoscenze linguistiche ma per il loro curriculum di studi pregressi, per le loro motivazioni, per le loro abilità e talenti. Non si desidera ammettere studenti mediocri solo perché conoscono bene le lingue, bensì si auspica che la Libera Università di Bolzano offra la possibilità a studenti che desiderino iscriversi alle lauree magistrali la possibilità di imparare la lingua “mancante” durante il percorso formativo. Mentre per le lauree di primo livello si intende rispettare un tipo di trilinguismo in cui le tre lingue sono bilanciate, per le lauree magistrali, specialmente quando attivate all’interno di un consorzio internazionale, si ritiene debbano essere

-RRSZE^MSRIHMTVSHSXXSIHMTVSGIWWS

)RIVKMIVMRRSZEFMPM v v v 

v v v v v v

&MSQEWWI -HVSIPIXXVMGS :EPSVM^^E^MSRIWGEVXMYVFERMIH EKVSMRHYWXVMEPM

-RHYWXVME 0SKMWXMGE 7IVZM^M )HMPM^ME %KVMGSPXYVE %QFMIRXI

5YEPMXkHIPPEZMXE v  v v v v

+IWXMSRMVMWSVWIFMSXMGLIIH %FMSXMGLI v v v v v v

82

¹)GSW]WXIQWIVZMGIW¨ %GUYE %VME 7YSPS &MSHMZIVWMXk +IWXMSRIHIPPIMRXIVE^MSRM

4MERMJMGE^MSRIXIVVMXSVMEPIMREVIIVYVEPM IHYVFERI 1SFMPMXkIXIGRSPSKMIWSWXIRMFMPM 1EXIVMEPM 5YEPMXkHIKPMEQFMIRXM %VMEIHEGUYE 

'PMQEXIGLERKIIH)JJMGIR^E IRIVKIXMGE v v v v

)HMPM^ME %KVMGSPXYVE -RHYWXVME 8VEWTSVXM

Grafico 9: profilo scientifico della Facoltà nei 5 macrosettori.


4.2.5.3 Sviluppo previsto nei prossimi 5 anni e situazione finale Per quanto riguarda la didattica, si prevede di attivare gradualmente tutti e tre gli anni di corso delle lauree riformate secondo il decreto ministeriale 270/2004, e le due lauree magistrali già approvate dal ministero nelle classi LM69 (nel 2010/2011) e LM31 (nel 2011/2012). Dopo aver effettuato un sondaggio tra gli studenti di due diversi anni, considerando il profilo della Facoltà, si ritiene importante esplorare la possibilità di realizzare in collaborazione con le Università di Trento e di Innsbruck (con cui esistono già contatti in proposito) una laurea magistrale di tipo interuniversitario per il rilascio di un titolo in Ecologia del territorio montano (Landscape Ecology). A livello di master, si intende proporre ulteriori edizioni del Master CasaClima e, dopo aver effettuato una analisi di mercato (si veda il paragrafo 4.2.5.3.3), si desidera attivare un programma di lifelong learning in Innovation Engineering (master di primo livello). La Facoltà valuterà la possibilità di attivare ulteriori master in settori di sua competenza (ad esempio l’energia) in risposta a specifiche richieste del territorio anche in collaborazione con altre istituzioni. Se dovesse essere approvato un decreto che impone un incremento dei requisiti necessari per i corsi che prevedono curricula differenziati, la Facoltà ripenserà l’offerta formativa in base alle risorse disponibili. Per il successo delle attività di ricerca, si considera necessario avviare al più presto due corsi di dottorato di ricerca (vedi sotto), che prevedano ampie forme di internazionalizzazione tramite l’istituto della co-tutela tra università. Immatricolazioni – Lo sviluppo di nuovi programmi didattici ed il consolidamento degli esistenti porterà ad un aumento del numero di studenti (si veda tabella 39); si desidera tuttavia sottolineare che gli argomenti dei corsi della Facoltà, il trilinguismo e la tipologia della didattica non consente il raggiungimento di un numero elevato di studenti, comparabili con quelli di atenei statali medio-grandi. La Facoltà, attraverso la presidenza

ed i corsi di studio, desidera mettere in atto in collaborazione con l’amministrazione centrale, misure incisive di promozione dell’offerta didattica con iniziative dirette che coinvolgano i professori delle scuole superiori ed il loro corpo studentesco. Personale – Il reclutamento di ricercatori, professori di seconda e di prima fascia con il nuovo budget a disposizione (vedasi tabella 40) per il 2010, così come per il 2009, proseguirà prevalentemente attraverso chiamata diretta dall’estero (chiaramente ci si aspetta anche che le procedure di valutazione comparativa aperte nel 2008 si concludano con l’assunzione del personale all’inizio dell’anno accademico 2010/2011); si ritiene che in tal modo la Facoltà possa dotarsi di un corpo accademico internazionale, per far fronte nel migliore dei modi ai propri compiti, nel rispetto della politica del multilinguismo dell’Ateneo. Nei settori disciplinari e nei ruoli in cui si dovrà constatare che non è possibile reclutare dall’estero tramite chiamata diretta, la Facoltà desidera poter utilizzare altre forme di reclutamento. Analogamente, nel 2011/12 e 2012/13, si intende procedere utilizzando con grande flessibilità tutte le forme di reclutamento per poter trarre vantaggio dalle opportunità in termini di personale di elevata qualificazione scientifica nei settori strategici per la Facoltà. Concorsi nazionali dovranno anche servire a garantire possibilità di carriera in futuro al personale assunto sui ruoli di ricercatore e di seconda fascia. Lo sviluppo dell’attività di ricerca e la realizzazione di attività didattica in pieno rispetto della normativa sulla sicurezza renderà necessario la presenza di tecnici di laboratorio sia per gli attuali laboratori di “agraria” sia per quelli futuri maggiormente legati all’ingegneria e all’edilizia CasaClima. Per il 2010 la Facoltà intende aprire procedure di reclutamento su una della tre fasce nei seguenti settori: AGR/19, BIO/11, SECS-S02, ING-ING/22, ING-IND/14, ING-IND/33, ING-IND/35. Per poter adempiere ai propri compiti, si ritiene indispensabile puntare sulla qualità scientifica e sul profilo internazionale del personale da reclutare.

83


4.2.5.3.1 Sviluppo dell’offerta formativa Evoluzione prevista

Classe preriforma

Classe postriforma

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Scienze e tecnologie agrarie*

20

L-25

x

x

x

x

x

x

Ingegneria logistica e della Produzione* (diviso per studenti a tempo pieno e progetto studenti in attività)

10

L-9

x

x

x

x

x

x

Ingegneria Gestionale ed Ambientale

LM-31

-

-

-

x

x

x

International Master in Fruit Science

LM-69

-

-

x

x

x

x

International Master in Landscape ecology (for the mountain regions) nuovo progetto

LM-73

-

-

-

x

x

x

Management of mountain environment (nuova proposta)

-

-

x

x

x

x

Product and process innovation (nuova proposta)

-

-

-

x

x

x

Master di secondo livello CasaClima

x

x

x

x

x

x

Master di primo livello in Innovation Engineering (nuova proposta, lifelong learning)

-

-

x

x

x

x

x

x

x

-

-

-

Offerta didattica Corsi di laurea

Corsi di laurea magistrale

Corsi interfacoltà nessun corso previsto Corsi di dottorato

Master universitari (di 1° e 2° livello)

Corsi universitari - formazione Landscape Ecology and Nature Conservation (LENC) with the University of Greifswald (Germany) - Summerschool Formazione degli insegnanti per la scuola secondaria * Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 35: sviluppo dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze e Tecnologie

4.2.5.3.1.1 Sviluppo nel numero di posti di studio Per i corsi di laurea, la Facoltà desidera, specialmente nei primi anni, avere la possibilità di sperimentare Posti di studio per corso

Situazione a.a. 2008/2009*

forme di promozione dei corsi, anche temporanee, che prevedano l’abolizione del numero chiuso. Evoluzione prevista*

2009/2010

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

UE

Non UE

Corso di laurea in Scienze e tecnologie agrarie***

40

4

40

4

30

4

30

4

30

4

30

4

Corso di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione***

40

4

40

4

30

4

30

4

30

4

30

4

20

4

20

4

20

4

20

4

tra cui: posti per studenti a tempo pieno posti per studenti in attività

10

20

20

20

Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale ed Ambientale

-

-

-

-

-

-

20

5

20

5

20

5

(LM) International Master in “Fruit Science”**

-

-

-

-

10

2

10

2

10

2

10

2

(LM) International Master in Landscape ecology (for the mountain regions) **

-

-

-

-

15

2

15

2

15

2

Management of mountain environment (doctoral programme, nuova proposta)

-

-

12

12

12

12

Product and process innovation (doctoral programme, nuova proposta)

-

-

-

10

10

10

25

-

Master di secondo livello CasaClima

84

2010/2011

UE

25

-

25

2

25

2

25

2

25

2


Master in Innovation Engineering (nuova proposta, master annuale di primo livello, lifelong learning)

-

Landscape Ecology and Nature Conservation (LENC) with the University of Greifswald (Germany) - Summerschool

-

20

20

20

20

20

20

20

-

-

133

159

211

191

191

eventualmente Formazione degli insegnanti per la scuola secondaria (dati non possono essere forniti in assenza di indicazioni legislative sulle modalità di sviluppo della potenziale offerta) Totale posti di studio

113

* Per ogni corso viene assegnato un certo numero di posti di studio per cittadini UE e per cittadini NON UE ** Il numero di studenti si riferisce ai soli studenti di Bolzano, a cui devono aggiungersi gli studenti delle altre sedi partner. *** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 36: sviluppo nel numero di posti di studio della Facoltà di Scienze e Tecnologie

4.2.5.3.2 Evoluzione del numero degli studenti 4.2.5.3.2.1 Preiscrizioni Evoluzione prevista

Situazione a.a. 2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Corso di laurea in Scienze e tecnologie agrarie*

22

36

40

40

45

45

Corso di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione*

38

32

40

40

45

45

Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale ed Ambientale

-

-

-

20

20

20

(LM) International Master in Fruit Science

-

-

10

12

14

16

(LM) International Master in Landscape ecology (for the mountain regions) – nuovo progetto

-

-

-

10

12

14

Management of mountain environment (doctoral programme, nuova proposta)

-

-

12

12

12

12

Product and process innovation (doctoral programme, nuova proposta)

-

-

-

10

10

10

62

57

50

50

50

50

-

-

25

30

30

30

20

20

20

-

-

145

197

244

238

242

Preiscrizioni per corso di studio

Master di secondo livello CasaClima Master in Innovation Engineering (nuova proposta, master di primo livello, lifelong learning) Landscape Ecology and Nature Conservation (LENC) with the University of Greifswald (Germany) - Summerschool eventualmente Formazione degli insegnanti per la scuola secondaria (dati non possono essere forniti in assenza di indicazioni legislative sulle modalità di sviluppo della potenziale offerta) Totale preiscritti

122

* Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 37: evoluzione delle preiscrizioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie

4.2.5.3.2.2 Stato attuale delle immatricolazioni Immatricolazioni per corso di studio*

(confrontati con i numeri massimi e minimi previsti dalla legge)

Numeri massimi e minimi di immatricolati previsti dalla legge

Immatricolati 2008/2009

Corso di laurea in Scienze e tecnologie agrarie**

75

10

16

Corso di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione**

150

20

26

Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale ed Ambientale

80

8

-

Corso di laurea magistrale in “Fruit Science” (International Master)

60

6

-

Master CasaClima

20

Totale immatricolati

62

* Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 30 novembre 2008 ** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 38: stato attuale delle immatricolazioni della Facoltà di Scienze e Tecnologie

85


4.2.5.3.2.3 Iscritti ed evoluzione prevista Situazione a.a. 2008/2009

Iscritti nell’a.a. 2008/2009*

Evoluzione prevista 2011/2012

2012/2013

Corso di laurea in Scienze e tecnologie agrarie**

36

56

60

70

75

75

Corso di laurea in Ingegneria logistica e della Produzione**

41

56

60

70

75

75

Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale ed Ambientale

-

-

-

15

30

35

(LM) International Master in Fruit Science

-

-

10

20

25

25

(LM) International Master in Landscape ecology (for the mountain regions) – nuovo progetto

-

-

-

10

20

25

Management of mountain environment (doctoral programme, nuovo progetto)

-

-

12

24

36

36

Product and process innovation (doctoral programme, nuova proposta)

-

-

-

10

20

30

40

48

50

50

50

50

-

-

20

40

40

40

20

20

20

-

-

180

232

329

371

391

Master di secondo livello CasaClima Master in Innovation Engineering (nuova proposta, master di primo livello, lifelong learning) Landscape Ecology and Nature Conservation (LENC) with the University of Greifswald (Germany) - Summerschool

2009/2010

2010/2011

2013/2014

eventualmente Formazione degli insegnanti per la scuola secondaria (dati non possono essere forniti in assenza di indicazioni legislative sulle modalità di sviluppo della potenziale offerta) Totale studenti

117

* Data di riferimento per la rilevazione dei dati: 15 dicembre 2008 ** Corso riformato ai sensi del DM 270/2004 dall’a.a. 2009/2010

Tabella 39: evoluzione del numero complessivo di studenti della Facoltà di Scienze e Tecnologie

4.2.5.3.3 Sviluppo della formazione continua (LLL) 4.2.5.3.3.1 Il progetto Studenti in attività Si intende rinnovare l’offerta “Studenti in attività” così come descritta nello specifico protocollo di intesa del 29 maggio 2007 tra Libera Università di Bolzano, Assoimprenditori Alto Adige e parti sindacali. Nato inizialmente come laboratorio per l’alto apprendistato, “Studenti in attività” ha saputo crescere e svilupparsi nei numeri e nei contenuti, abbracciando dal 2005 anche il corso di laurea di Informatica applicata. Nel periodo 2003-2009 il progetto ha coinvolto complessivamente: • oltre 70 studenti; • 60 imprese locali tra le più conosciute dei diversi settori (dall’automotive al commerciale, dal chimico all’alimentare, trasporti, logistica, etc.) Tra le caratteristiche funzionali del progetto si ricorda: 1. piano degli studi esteso a 4 anni; 2. primo anno full-time indifferenziato per studenti in attività e studenti full time; 3. selezioni aziendali e sottoscrizione di specifico contratto di apprendistato della durata di 3 anni con decorrenza al termine del primo anno di corso 86

(retribuzione standard lorda mensile 600 € il primo anno a salire linearmente fino ad 800 € il terzo ed ultimo anno di contratto); 4. alternanza tra periodi aziendali ed universitari scandita dal piano degli studi (sui 4 anni 50 per cento in azienda e 50 per cento in università); 5. supporto specifico per gli studenti in attività in periodo di presenza aziendale attraverso tutor accademici nominati dal docente. 4.2.5.3.3.2 Master CasaClima Il progetto Casaclima è da intendersi come progetto lifelong learning in quanto frequentato prevalentemente da architetti ed ingegneri professionisti che desiderano aggiornare le proprie conoscenze e la loro professionalità nel settore dell’edilizia ecosostenibile. 4.2.5.3.3.3 Master in Innovation Engineering (nuova proposta, master di primo livello, lifelong learning) I segnali provenienti dall’industria e dall’imprenditoria locali indicano come crescente la necessità di risposte specifiche ed orientate da parte di soggetti preposti


alla formazione continua. Nei primi mesi del 2009, attraverso la collaudata collaborazione tra la Facoltà di Scienze e Tecnologie, il Politecnico di Torino, l’Assoimprenditori Alto Adige è stato definito ed avviato uno specifico progetto di indagine sul territorio denominato “Lifelong Learning”. Finalità centrali del progetto sono quelle di sviluppare ed offrire un nuovo “fertilizzante per l’innovazione nelle imprese” destinato a quadri e dirigenti aziendali. L’indagine (oltre 100 ore di interviste frontali in 35 tra le più importanti imprese locali per un campione di oltre 50 tra collaboratori e responsabili aziendali) ha permesso di individuare: • lo “status quo”: caratteristiche generali della “situazione formativa” aziendale; • i fabbisogni formativi aziendali ed individuali; • la configurazione ideale dell’offerta mancante (wish list). Dall’analisi dei risultati è stato possibile tracciare le caratteristiche fondamentali di una nuova offerta formativa ad elevato potenziale e dalle caratteristiche distintive. Il master in “Innovation Engineering” presenta le caratteristiche che seguono (specifiche di massima – in corso di sviluppo). • Forma: Master universitario di I livello (60 CFU), per professionisti in possesso di laurea di primo livello; aperto come uditori a professionisti in possesso del solo diploma di scuola superiore; durata: 2 anni. • Struttura: 10 moduli (esami), 5 CFU per modulo più 10 CFU per la tesi finale; circa 500 ore di attività didattica. • Insegnamenti: innovazione di prodotto e processo (in collaborazione con MIT Boston USA), gestione delle tecnologie e dell’innovazione (in collaborazione con Fraunhofer IAO), sistemi di produzione, gestione di progetti, gestione personale ed organizzazione (HR development), strategy and business planning, diritto d’impresa (opzionale), vendite e customer relationship management (opzionale), logistica interna ed esterna (opzionale), acquisti (opzionale), management e controlling (opzionale), marketing (opzionale), qualità, sicurezza ed ambiente (opzionale). • Target: partecipanti rappresentati da professionisti

o collaboratori aziendali (quadri / dirigenti), liberi professionisti, con esperienza professionale già acquisita (minimo 5 anni). • Lingua: trilingue (italiano e tedesco; inglese solo per referenti internazionali) • Piano: Programma formativo “modulare” / personalizzabile (primo anno standard, secondo anno personalizzabile). • Erogazione: approccio misto con lezioni nei weekend (ven+sab.mattina: 2 volte al mese), blocchi settimanali (2 al semestre: mersab) e a distanza (flessibile on demand). • Didattica: adattativa (grazie ad una nuova funzione di “supertutor” che valuti il background aziendale del partecipante ed elabori spunti e case study da discutere e sviluppare in aula in collaborazione ai singoli docenti). • Finanziamento: quote di iscrizione individuali più Start-Up Project FSE. La facoltà partecipa ad un progetto didattico finanziato dal “International Teaching Cooperation Fund”, dalla “Stifterverband für die Deutsche Wissenschaft” (con un contributo di 75 mila Euro per il triennio 20092012) che consente agli studenti della Libera Università di Bolzano di partecipare al Master study program in Landscape Ecology and Nature Conservation (LENC) della “University of Greifswald” (Germania). Il corso prevede summer school internazionali, escursioni e l’integrazione degli studenti in progetti di ricerca sul tema del Master. Il corso verrà attivato come progetto lifelong learning ad esterni già inseriti nel mondo del lavoro. 4.2.5.3.3.4 Formazione degli insegnanti In funzione degli sviluppi legislativi futuri in materia e della politica della Libera Università di Bolzano, eventualmente anche in collaborazione con altre facoltà (ad esempio Scienze della Formazione), la Facoltà di Scienze e Tecnologie è disponibile ad intraprendere programmi di formazione degli insegnanti negli specifici settori di competenza. 4.2.5.3.3.5 Università per ragazzi Nell’arco del periodo relativo al piano di sviluppo, si intende inoltre sviluppare il progetto pilota “Università per ragazzi”. 87


4.2.5.3.4 Evoluzione del numero di personale accademico (tenendo conto delle disposizioni ministeriali relative ai requisiti minimi e necessari) Il reclutamento fino al 2010/11 consentirà (in presenza della possibilità di utilizzare contratti triennali e biennali di docenza dall’estero) di soddisfare i requisiti necessari per le lauree triennali e le magistrali nelle classi LM69 e LM 31. Il reclutamento successivo consentirà di poter attivare la laurea magistrale sull’ambiente montano (LM73) e i rimanenti corsi anche quando non sarà più possibile utilizzare contratti triennali e biennali di docenza dall’estero. I settori in cui si intende chiamare professori e ricercatori sono quelli in cui si riconosce il profilo scientifico della Facoltà e contemporaneamente quelli presenti nei regolamenti didattici dei corsi di laurea e laurea magistrale. Inquadramento

Situazione al 1° gennaio 2009

Professori ordinari Professori associati

Ricercatori

• •

• • Si

serre (ipotesi di progetto di realizzazione sul tetto a Bolzano presso l’edificio principale); camere di crescita; campo sperimentale in pianura ed in montagna (quest’ultimo in un piccolo bacino idrografico) dove concentrare attività di ricerca trasversale; aule PC e aule didattiche aggiuntive; spazi per uffici. rimanda anche al paragrafo 6.3

4.2.5.4 Ricerca La ricerca scientifica vuole essere un punto di forza della Facoltà, strettamente collegato con la didattica ed il trasferimento tecnologico delle nuove conoscenze. Le aree di sviluppo della ricerca, con particolare riferimento all’ambiente montano, sono indicate nel grafico 9. A tal fine la Facoltà è impegnata su diversi fronti: Assunzioni annuali previste 2010/2011

2011/2012

2 (+2 nel corso del 2009)

1

4 pvc in atto

1

1

3

2 (+4 pvc in atto)

2

2

14

0 (+6 nel corso del 2009)

2

2 (+1 pvc in atto)

2

3

16

2

2

2

2

2

6

8

15

7

7

2

46

3 (+8)

2012/2013

2013/2014

Personale accademico alla fine dell’a.a. 2013/2014

2009/2010

RTD Totale

10

Pvc=procedura valutazione comparativa . Per il personale a tempo indeterminato, il budget che il Consiglio ha messo in totale a disposizione era di 40 unità a cui si va ad aggiungere il budget del Prof. Tagliavini, chiamato inizialmente sul budget di Economia.

Tabella 40: evoluzione del personale accademico della Facoltà di Scienze e Tecnologie

• 4.2.5.3.5 Pianificazione degli spazi Per realizzare ciò che è stato pianificato nella didattica e nella ricerca sono necessarie risorse di spazio aggiuntive. Si elencano di seguito gli interventi a riguardo che si desidera poter sviluppare: • laboratori aggiuntivi nel settore agrario-ambientale; • laboratorio Master CasaClima; • laboratori ingegneria ambientale e industriale; • razionalizzazione degli spazi dei laboratori (es. collegamento dei diversi corpi) e loro messa a norma di sicurezza; • attività di sviluppo dei laboratori presso il centro Laimburg; 88

• •

reclutamento di personale per la ricerca (da quello di ruolo a tempo indeterminato, a RTD e assegnisti) e creazione di una Scuola di formazione di giovani ricercatori anche attraverso l’attivazione di dottorati di ricerca; sinergie e cooperazione con istituzioni locali, nazionali ed internazionali (si veda lista); sinergie interne per valorizzare le ampie competenze tecnico-scientifiche che spaziano dalle materie di base a quelle applicative (già 12 SSD presenti, presto più di 20); infrastrutture e laboratori (e tecnici specializzati di laboratorio). Questo è sicuramente un problema specifico della facoltà e deve essere risolto con so-


lerzia e scrupolo, vista la legislazione sulla sicurezza nei laboratori; • acquisizione di strumentazione di laboratorio per permettere un rapido sviluppo delle attività di ricerca nell’ambito dei settori sopra menzionati e per attrarre ricercatori e collaborazioni; • intensa attività progettuale (ad esempio progetti cofin e FIRB proposti, 8 progetti proposti per il bando della Provincia di Bolzano legge 14 con scadenza il 30 settembre 2009, progetti sottoposti alla Stifterverband für die Deutsche Wissenschaft). L’attività di ricerca è attualmente già realizzata attraverso numerosi progetti finanziati internamente o da enti esterni in cui a vario titolo il personale della Facoltà partecipa (http://www.unibz.it/en/sciencetechnology/research/default.html). La Facoltà intende continuare a reperire esternamente (UE, MIUR, MIPAF, Fondazioni, Privati, etc.) una parte importante dei propri fondi di ricerca, da affiancare ai fondi interni della Libera Università di Bolzano. A questo proposito si segnala che ciò sta già avvenendo e diversi professori e ricercatori, pur da pochi mesi presso la Facoltà, hanno portato alla Libera Università di Bolzano significativi finanziamenti esterni, anche da fondazioni di ricerca estere. Si desidera che venga resa semplice e non macchinosa l’entrata di fondi esterni. Si ritiene inoltre che tale processo debba essere considerato meritorio e virtuoso a livello di Ateneo per le facoltà e per i singoli docenti coinvolti nel reperimento di fondi esterni. Le misure adottate a livello di Libera Università di Bolzano per la ricerca finora non sono ritenute sufficienti e andrebbero potenziate, così come dovrebbe venir potenziato l’ufficio ricerca. Si ritiene che la Commissione Ricerca di Ateneo dovrebbe creare le basi per una valutazione dell’attività scientifica del personale accademico interno (pubblicazioni brevetti), usando modelli già collaudati in atenei italiani e stranieri. La Facoltà comunque ritiene che non si dovrebbe mai giungere ad una situazione in cui l’assegnazione dell’intera quota dei fondi della Libera Università di Bolzano sia interamente gestita dalla Commissione Centrale di Ricerca, ma le facoltà dovrebbero sempre poter gestire direttamente una quota di fondi per lo sviluppo armonico delle attività del proprio piano strategico. Una volta a regime, la Facoltà non escluderebbe che il modo di

valutare l’efficacia delle proprie attività di ricerca sia attraverso processo di peer review da parte di un comitato di valutatori (professori) esterni. Si ritiene che ai prodotti della ricerca dovrebbe essere fornito maggiore spazio e visibilità a livello di Libera Università di Bolzano. La Facoltà lo sta facendo sul proprio sito. 4.2.5.5 Centri di competenza Non vi è al momento nessun centro di competenza. La discussione sui centri di competenza deve ancora partire in Facoltà non essendo una priorità in questa fase di crescita iniziale. Non si esclude che nell’arco temporale del presente piano di sviluppo, si coagulino le competenze in particolari ambiti per dare luogo ad uno o più centro di competenza. 4.2.5.6

Collaborazioni e cooperazioni a livello locale, nazionale e internazionale 4.2.5.6.1 Collaborazioni locali Le collaborazioni locali riguardano didattica, ricerca e trasferimento tecnologico. Esse si realizzano nei diversi settori di interesse della Facoltà. Di seguito le collaborazioni avviate, che si intende consolidare: • Landesberufsschule Bozen (didattica-laboratori); • Gewerbeoberschule MaxValier Bozen (didattica-laboratori); • Centro Sperimentale Laimburg (didattica-laboratori e ricerca); • Fiera/Messe Bolzano (Comitati scientifici di specifici eventi); • EURAC (convenzione stipulata); • Cooperative agricole di secondo livello VIP-MEG (coinvolgimento progetti); • AG-WE, agenzia settore energetico (coinvolgimento in progetti); • Bauernbund (convenzione stipulata per collaborazioni didattiche e progetti); • TIS (convenzione stipulata); • Dipartimento all’Urbanistica, Ambiente ed Energia della Provincia Autonoma di Bolzano (coinvolgimento in progetti); • Ripartizione opere idrauliche della Provincia Autonoma di Bolzano (coinvolgimento in progetti); • Ripartizione Foreste della Provincia Autonoma di Bolzano (coinvolgimento in progetti); • Agenzia CasaClima; 89


Ripartizione Agricoltura della Provincia Autonoma di Bolzano (coinvolgimento in progetti); • Associazione imprenditori Alto Adige; • Eco-research laboratorio (coinvolgimento in progetti); • Museo di scienze naturali (varie iniziative); • Istituto Tecnico Agrario di Ora. Si intendono, inoltre, sviluppare collaborazioni con altri enti tra cui il KAB, il Konsortium Alpines Bauen, la cooperativa agricola di secondo livello VOG e l’Ufficio Parchi naturali provinciali. 4.2.5.6.2 Collaborazioni nazionali Le Collaborazioni nazionali riguardano didattica e ricerca. Le tematiche sono quelle che caratterizzano il profilo della Facoltà. Per la Ricerca, alcuni membri della Facoltà hanno partecipato nel 2008 e 2009 insieme ad altre Università italiane a progetti PRIN e FIRB. Si prevede di proseguire ad intensificare le collaborazioni anche per accedere a finanziamenti ministeriali. Per specifiche problematiche (ad esempio la pandemia causata da un insetto nel castagno) si prevede che alcuni membri della Facoltà possano afferire a specifici gruppi di lavoro a livello nazionale. Esistono progetti didattici interateneo a vari livelli (laurea magistrale e di dottorato, terminati o appena avviati) che coinvolgono altri atenei italiani (es. Bologna, Trento, Politecnico di Torino, Sapienza di Roma). Una convenzione per l’utilizzo congiunto di strumentazione di ricerca e scambio di ricercatori tra la Facoltà e la Facoltà di Agraria di Milano è in corso di finalizzazione. La Facoltà intrattiene rapporti regolari con la Conferenza dei Presidi di Agraria e con il CUN, e desidera mantenere aperta la possibilità di far valutare le chiamate dall’estero dal CUN. 4.2.5.6.2 Collaborazioni internazionali Le Collaborazioni internazionali riguardano didattica e ricerca e cooperazione allo sviluppo in Paesi in via di sviluppo. Le tematiche sono quelle che caratterizzano il profilo della Facoltà. Per la cooperazione internazionale, particolarmente importanti saranno anche i progetti finalizzati all’istruzione di personale dei Paesi in via di sviluppo, capace di operare per un miglioramento del90

le condizioni di alimentazione (suolo, agricoltura) e di vita (es. acqua); e i progetti volti alla salvaguardia delle risorse biotiche ed abiotiche ed allo sviluppo di agricoltura sostenibile. Le collaborazioni in atto che si desidera potenziare riguardano: • Fraunhofer – progetto di sviluppo a livello locale e collaborazioni internazionali con IAO di Stoccarda; • HAB – Hochschularbeitsgruppe Betriebsorganisation, Germania, collaborazione nel settore ingegneristico pubblicati nella collana Schriftenreihe HAB; • M.I.T. – Park Center for Complex Systems (didattica e ricerca); • Università di Greifswald, Germania, (didattica internazionale) • Universität Innsbruck, Austria, ricerca e sviluppo progetti didattici a livello di master e dottorato ); • Universität der Bundeswehr München, Germania (ricerca); • Università Santa Maria e Santa Caterina, Brasile (accordi bilaterali per la didattica e la mobilità dei ricercatori); • Università dell’Algarve, Boku, e Università di Bonn e Karlsruhe (progetti Erasmus in corso) • cooperazioni internazionali in Cina, Burkina Faso e Turkmenistan. Si desidera sviluppare le seguenti collaborazioni: • programmi Erasmus con Università di Helsinki, TUMMuenchen, e Goettingen; • programmi bilaterali per scambi studenti e docenti con l’Università Chiang Mai, Tailandia, e la University of New Hampshire (USA); • ETH, Zurigo (collaborazioni nell’ambito del dottorato).


5 5.1

DIRITTO ALLO STUDIO, RAPPRESENTANZA E ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE Rappresentanza studentesca

In base allo Statuto, gli studenti sono rappresentati all’interno dei vari organi accademici e del Consiglio dell’Università, nella seguente misura: • Consiglio dell’Università (1 studente); • Senato accademico (2); • Comitato Pari Opportunità (2); • in ciascun Consiglio di facoltà (2); • in ciascun Consiglio di corso (1 oppure 2 studenti, a seconda della facoltà). Secondo l’attuale regolamento delle elezioni, i rappresentanti degli studenti rimangono in carica due anni. È da sottolineare però che spesso non tutti coloro che sono eletti possono poi effettivamente svolgere la propria funzione; accade infatti o che concludano i propri studi prima della decorrenza del proprio mandato oppure che non si trovino nel luogo in cui studiano perché magari partecipano ad un programma di scambio. Un efficace ed efficiente esercizio del proprio incarico è difficile da realizzare anche perché esso richiederebbe una profonda conoscenza dei processi complessi e delle competenze esistenti all’interno dell’ateneo e richiederebbe quindi grandi capacità da parte rappresentanti. Il loro compito è aggravato inoltre dalla contraddizione che vede da un lato la mancanza di un chiaro incarico statutario che definisca la collaborazione dei rappresentanti all’interno degli organi dell’università; dall’altra un gran numero di aspettative che sono invece riposte nei rappresentanti degli studenti. Ci si riferisce in particolare al rapporto dei singoli rappresentanti al loro interno ma anche nei confronti dei vari centri di servizio dell’amministrazione universitaria. Le forme di collaborazione esterne agli organi già avviate in passato tra rappresentanza studentesca e i vari settori dell’amministrazione universitaria hanno mostrato i primi risultati positivi. Queste possibilità dovranno pertanto essere sfruttate ancora meglio in futuro, laddove possa ancora essere garantita la validità delle convenzioni allora stipulate. Nei prossimi 5 anni si cercherà quindi un modo per rivalutare il ruolo dei rappresentanti degli studenti all’interno degli organi dell’università ai sensi delle disposizioni di legge e statutarie. È inoltre necessaria da un punto di vista formale la modifica del regolamento delle elezioni; ma è necessaria anche una maggiore flessibilità

per quanto riguarda gli scorrimenti all’interno delle graduatorie ed in particolare la sostituzione dei rappresentanti che decidono di abbandonare la carica, per poter così garantire una continuità ed uno standard di qualità nella rappresentanza studentesca. C’è da aspettarsi che sulla base del crescente numero di studenti e di un conseguente aumento del numero di rappresentanti degli studenti, crescano anche le esigenze e le richieste ai singoli rappresentanti. In una situazione ideale potrebbero esserci nel 2014 quasi 50 rappresentanti degli studenti eletti che necessitano ovviamente di uno spazio di lavoro e di contatto o di un infopoint adeguato. Poiché gli studenti sempre più frequentemente sono coinvolti in questioni delicate o conflitti oggettivi tra studenti, amministrazione e corpo accademico, è necessario pensare concretamente all’istituzione di un servizio di conciliazione neutrale e/o ad una sorta di “difensore civico”. Due i motivi per i quali nei processi decisionali si vorrebbe coinvolgere gli studenti fin dall’inizio: da una parte si potrebbe venir meglio incontro alle esigenze e alle richieste degli studenti, dall’altra gli studenti sarebbero meglio informati sulla complessità e sulle dinamiche che determinate decisioni comportano.

5.2

Le associazioni studentesche

La realtà associativa studentesca della Libera Università di Bolzano è molto cresciuta negli ultimi anni, al punto da richiedere la stesura di linee guida per rendere chiare procedure, competenze e ruoli soprattutto nel rapporto con l’amministrazione universitaria, e per stabilire i “requisiti” d’accesso ai finanziamenti per tali associazioni. In futuro, le associazioni dovranno garantire una “massa critica” tale da rappresentare una parte vitale del corpo studentesco e non gruppi ristretti. Sarà importante garantire che i criteri di finanziamento delle associazioni salvaguardino una certa differenziazione delle attività proposte. Attualmente le attività studentesche vengono co-finanziate dall’Ateneo per circa 60 mila euro l’anno (suddivisi tra le varie associazioni), che vengono rendicontati con la supervisione di una task force costituita dal Servizio orientamento e dall’Ufficio Contabilità. Inoltre, le associazioni studentesche hanno a disposizione a Bolzano e 91


Bressanone uffici dotati di computer e telefono, a Bolzano una sede per le attività sociali (Social club), mentre a Brunico spazi simili vanno ancora individuati. Nel quinquennio in esame, l’Università intende proseguire nel profondere sostegno alle associazioni studentesche, in quanto occasione formativa per gli studenti. In particolare, l’Università intende favorire lo sviluppo delle attività studentesche anche nelle sedi di Bressanone e Brunico, poiché al momento sembrano concentrarsi solo nella sede di Bolzano. L’obiettivo – indicato dal rettore – è quello di valorizzare la partecipazione degli studenti alle attività di queste associazioni, ad esempio attraverso un riconoscimento in forma di attestato complementare, così da incentivare un numero più ampio possibile di iscritti. Attualmente le associazioni operanti sono le seguenti: Kikero, SCUB, Alumni Club e AIESEC. Kikero, costituitasi nel 2000, organizza soprattutto eventi ed iniziative culturali. Tra i progetti: i “Rookie Days”, giornate rivolte all’accoglienza delle matricole; l’annuario degli studenti (“Yearbook”), che dal 2009 sarà trasformato in “Dott.”, periodico per i laureati; Debattierclub, un torneo di retorica; il Grand Prix della Borsa, gara virtuale tra aspiranti operatori di borsa; varie iniziative di tipo sociale, dal ballo universitario (fino al 2007) alle slittate al chiaro di luna; vari seminari e iniziative culturali a tutto campo (cinema, musica, etc.). SCUB è l’acronimo di Sports Club University Bolzano, associazione costituitasi all’inizio del 2001 con l’intento di promuovere attività sportive di vario tipo, con particolare attenzione agli sport alpini. L’iniziativa principale è rappresentata dagli Snow days, giornate dedicate agli sport sulla neve, che richiamano centinaia di studenti da varie università. Uniparty. Si tratta di una associazione recente, operante come sottogruppo dello SCUB. Uniparty organizza feste universitarie, anche in collaborazione con altre realtà associative ed in supporto alle altre organizzazioni studentesche, in occasione delle loro attività. Alumni Club è l’associazione laureati della Libera Università di Bolzano, costituitasi nel 2002 con l’intento 92

di tenere in rete tra loro gli ex studenti e di mantenere un loro collegamento con l’Ateneo. Il loro principale progetto consiste nella realizzazione di un portale e nelle attività di promozione dell’associazione presso i laureati Libera Università di Bolzano. Inoltre, organizza anche incontri con esponenti di aziende per sostenere l’ingresso dei laureati nel mondo del lavoro. AIESEC – acronimo originariamente derivato da Association Internationale des Étudiants en Sciences Économiques et Commerciales – si è costituita nel gennaio 2009 come comitato locale dell’associazione madre, la quale si definisce come una “piattaforma internazionale che permette ai giovani di esplorare e di sviluppare il proprio potenziale di leadership, affinché essi svolgano un ruolo positivo nella società”. AIESEC è presente in 1700 università di 107 Paesi. Il Comitato sostiene gli studenti soprattutto nella ricerca di tirocini all’estero e di attività e programmi di scambio, favorisce l’arrivo di tirocinanti dall’estero, organizza incontri con aziende (in collaborazione con l’Ufficio tirocini e placement).

5.3

Orientamento e consulenza

5.3.1

Orientamento

Le attività di orientamento in entrata del Servizio Orientamento si svilupperanno secondo due linee distinte. A livello locale, le iniziative saranno sempre più focalizzate sui contenuti dei corsi di studio, in linea con gli input che vengono dalle facoltà. Si registra, infatti, una crescente difficoltà ad entrare nei vari istituti scolastici per presentazioni generiche di tutta l’offerta didattica. Un buon riscontro hanno avuto negli ultimi anni le iniziative che hanno permesso agli alunni delle superiori di frequentare alcune lezioni introduttive insieme agli studenti universitari. Le varie iniziative saranno in futuro monitorate in modo da consentire una analisi degli sviluppi e l’adozione di buone pratiche. Si cercherà, inoltre, di rafforzare il dialogo tra i professori della Libera Università di Bolzano ed i docenti di scuole superiori soprattutto delle province di Bolzano e Trento, attraverso iniziative mirate che coinvolgano anche le facoltà. Si tratta di un ambito che sarà collegabile a quello del lifelong learning universitario, proponendo iniziative di aggiornamento sia sugli sviluppi


scientifici di determinate discipline, sia sulle metodologie e sugli strumenti della didattica in relazione agli insegnamenti. A livello nazionale ed internazionale saranno realizzate iniziative che abbiano l’obiettivo di rendere maggiormente visibile e riconoscibile l’Ateneo, cercando soprattutto di valorizzare gli aspetti di esclusività: trilinguismo, internazionalità, multiculturalità, servizi per gli studenti, etc. L’orientamento in itinere riguarda soprattutto attività di consulenza sul proseguimento degli studi e su tirocini e opportunità di lavoro in Italia e all’estero. Nel quinquennio in esame tali attività continueranno ad essere proposte in forma di seminari o consulenze personalizzate. Saranno offerti servizi di coaching (ad esempio come migliorare le tecniche di studio, come affrontare il passaggio dall’università al mondo del lavoro), nonché seminari rivolti a studenti, laureandi e laureati su tecniche di ricerca attiva del lavoro. Per quanto riguarda l’orientamento in uscita, gli obiettivi per il prossimo quinquennio prevedono una internazionalizzazione dei tirocini con attivazione di programmi nazionali ed internazionali (CRUI ed Erasmus Placement) che permettano a studenti, laureandi e laureati lo svolgimento di tirocini all’estero o in prestigiose aziende o istituzioni nazionali.

5.3.2

Consulenza psicologica

L’esperienza degli ultimi anni ha evidenziato una crescente esigenza di dotare l’Università di un servizio di consulenza psicologica. Il Servizio orientamento si è perciò appoggiato al servizio offerto dalla Südtiroler Hochschülerschaft (SH) aperto a tutti gli studenti universitari. Le motivazioni delle richieste riguardano lo stress da studio, ansie (in particolare da prestazione), ma anche problematiche personali. Dato il successo dell’iniziativa, si ritiene utile proseguire nella scelta di avvalersi di un ente esterno per tale servizio, che viene visto anche come neutrale rispetto all’istituzione. Il servizio è stato utilizzato soprattutto da studenti di madrelingua tedesca. Nel quinquennio in esame, il Servizio orientamento intende sostenere l’iniziativa della SH, proponendo che venga ampliata all’italiano ed all’inglese. Al contempo, intende svolgere attività di sensibilizzazione all’interno dell’Ateneo, affinché gli utenti riescano a riconoscere eventuali disagi, rivolgendosi poi al servizio.

5.4

Diritto allo studio

L’ambito del diritto allo studio rientra tra le competenze della Provincia Autonoma di Bolzano, in particolare della ripartizione “Diritto allo studio, università e ricerca scientifica”, ed è regolato dalla legge provinciale 9 del 30 novembre 2004, che istituisce anche una “Consulta” apposita con funzione consultiva rispetto all’amministrazione provinciale. Della Consulta fanno parte anche due rappresentanti della Libera Università di Bolzano. La legge definisce gli aventi diritto agli interventi, nonché modalità e criteri d’assegnazione. La Giunta provinciale stabilisce annualmente in sede di bilancio le risorse finanziarie da destinare agli interventi per il diritto allo studio. Il Servizio orientamento della Libera Università di Bolzano svolge una funzione di collegamento tra i servizi per il diritto allo studio dispensati dall’amministrazione provinciale e gli studenti iscritti, fornendo informazioni e supporto. Negli ultimi anni accademici si è registrato un costante aumento delle risorse destinate agli interventi per il diritto allo studio, anche in virtù degli ingenti investimenti per la realizzazione di studentati. In futuro tali risorse saranno assegnate in relazione alle priorità che la politica intenderà assegnare in sede di bilancio annuale. Nel 2009 le spese della ripartizione per il Diritto allo studio, università e ricerca scientifica, nel settore del diritto allo studio, ammontano ad oltre 23 milioni di euro esclusi gli investimenti per la costruzione degli studentati.

5.4.1

Borse di studio

Nell’ultimo triennio, il numero di studenti assegnatari di una borsa di studio ordinaria della Provincia Autonoma di Bolzano si è mantenuto pressoché costante, registrando una lieve crescita (cfr. Tabella 41). La quota percentuale di studenti iscritti alla LUB con borsa di studio provinciale si attesta intorno al 35 per cento degli iscritti. Rispetto al precedente piano di sviluppo quinquennale, che riportava il numero di borse di studio assegnate a studenti della Libera Università di Bolzano nell’anno accademico 2002/2003 (487 su 1755 studenti), tale percentuale era del 27 per cento. In valori assoluti, il numero di borse di studio è più che raddoppiato. Nell’anno accademico 2008/2009 i destinatari di borse di studio sono 1.157, pari al 35,34 per cento degli iscritti complessivi. 93


Studenti LUB con una borsa di studio ordinaria della Provincia Autonoma di Bolzano Sede

Iscritti

a.a. 2006/07

%

Iscritti

a.a. 2007/08

%

Iscritti

a.a. 2008/09

%

Bolzano

1153

404

35,04%

1225

431

35,18%

1258

396

31,48%

Bressanone

1697

579

34,12%

1960

620

31,63%

1804

687

38,08%

101

28

27,72%

173

49

28,32%

212

74

34,91%

2951

1011

34,26%

3358

1100

32,76%

3274

1157

35,34%

Brunico Totale iscritti

Tabella 41: studenti LUB con una borsa di studio ordinaria della Provincia Autonoma di Bolzano

La borsa di studio viene assegnata in base al reddito e a criteri di merito. Nel corso degli anni, i massimali previsti per le borse di studio sono aumentati costantemente (cfr. Tabella 42). Attualmente il massimale è di 5.700 euro, ma aumenta fino a 6800 euro in caso di studenti con prole. Massimali borse di studio 2006/07

5.400,00 €

2007/08

5.500,00 €

2008/09

5.500,00 €

2009/10

5.700,00 €

Tabella 42: massimali borse di studio

Agli assegnatari delle borse di studio vengono rimborsati sia i contributi universitari che la tassa provinciale per il diritto allo studio universitario. La legge provinciale 9/2004 ha introdotto due nuovi interventi nell’ambito della promozione del diritto allo studio universitario, ovvero: le borse di studio per meriti particolari (art. 6, comma 4), attivate poi a partire dall’anno accademico 2006/2007; e i prestiti (art. 14), che tuttavia non hanno ancora trovato attuazione. La assegnazione delle borse di studio ex art. 6 comma 4 avviene unicamente in base al merito, a prescindere dalle condizioni economiche. Il valore ammonta a 1000 euro ciascuna. A partire dal 2008/2009, le borse di stu-

dio al merito sono state suddivise in contingenti in proporzione al numero di studenti appartenenti a ciascun contingente: studenti in provincia di Bolzano, studenti in altre province italiane, studenti all’estero. Nel 2009/2010 sono previste ulteriori novità, con una ulteriore suddivisione delle borse al merito anche in base all’ambito scientifico disciplinare. Oltre alle borse di studio provinciali, nel quinquennio in esame sarà presa in considerazione la possibilità di percorrere altre forme di finanziamento degli studi, attraverso accordi con istituti di credito ed, eventualmente, con la Fondazione Libera Università di Bolzano. A parte le borse di studio legate a particolari performance, studi e tesi di laurea, l’intento è in particolare quello di sostenere gli studenti non UE nel primo anno di studio: spesso studenti eccellenti provenienti da Paesi svantaggiati che non possiedono tuttavia al primo anno il requisito della residenza, necessario per poter accedere alle borse di studio provinciali.

5.4.2

Riconoscimento dei titoli di studio conseguiti presso atenei esteri – Sviluppi

Sin dal 1999, la Libera Università di Bolzano riconosce, su incarico dalla Giunta Provinciale di Bolzano, i titoli di studio austriaci in base allo “Scambio di Note”, un accordo apposito italo-austriaco, che disciplina il riconoscimento reciproco dei titoli e gradi accademici contenuti in allegato a tali Note. Nei primi dieci anni la Libera Univer-

Borse di studio al merito per sede a.a.

94

Bolzano

Bressanone

Brunico

Totale

2006/07

37

37

0

74

2007/08

24

84

1

109

2008/09

14

58

2

74

Tabella 43: borse di studio al merito per sede


sità di Bolzano ha potuto riconoscere quasi tutti i cosiddetti Diplomstudien, ossia i titoli accademici austriaci del vecchio ordinamento e di durata almeno quadriennale. Con l’entrata in vigore della prima tabella di corrispondenza per i cosiddetti Bakkalaureatsstudien (corrispondenti alle lauree di primo livello) nel gennaio 2009, il riconoscimento è stato esteso ai corsi di studio riformati. Nei prossimi anni è prevista l’entrata in vigore, dopo la ratifica dei parlamenti dei due Stati contraenti, di altre tabelle di corrispondenza, che consentiranno il riconoscimento di ulteriori titoli di studio austriaci (Bachelor e Master, ossia lauree e lauree magistrali). Presso la Libera Università di Bolzano, l’ufficio preposto al riconoscimento dei titoli austriaci in base allo “Scambio di Note” è la Segreteria studenti. Nel periodo 19992009 la Segreteria studenti ha rilasciato complessivamente 5140 decreti di riconoscimento. Nel quinquennio in esame (2009-2013) il settore del riconoscimento dei titoli conseguiti all’estero verrà ulteriormente sviluppato con l’introduzione delle dichiarazioni di equipollenza. In questo modo anche le persone che hanno studiato in altri Paesi stranieri potranno far riconoscere, da una facoltà della Libera Università di Bolzano, il titolo conseguito. Il Consiglio di facoltà competente avrà la possibilità di riconoscere il titolo in toto

oppure solo parzialmente (nel senso di un’abbreviazione di carriera) e richiedere il recupero degli esami mancanti presso la Libera Università di Bolzano.

5.4.3

Alloggi

L’impegno della Provincia per l’edilizia universitaria, in particolare relativamente agli studentati, è stato consistente ed è prevista una ulteriore crescita dei posti alloggio a disposizione nel periodo in esame (2009-2013). La tabella 44 riporta in dettaglio il numero di posti disponibili per anno e per sede universitaria, mentre la tabella 45 riporta il numero di posti disponibili in relazione alla popolazione studentesca (in valori percentuali). Attualmente, il costo di un posto alloggio per gli studenti in sistemazione singola è di 260 € al mese, 200 € in camera doppia. Il costo in valore assoluto è superiore, ma la differenza viene finanziata dalla Provincia: una politica, questa, che proseguirà anche nel periodo in esame. Nel prossimo quinquennio, la Ripartizione “Diritto alla studio, università e ricerca scientifica” della Provincia autonoma di Bolzano intende commissionare una rilevazione del fabbisogno dei posti alloggio per sede universitaria in relazione agli sviluppi possibili, che tenga conto dei vari fattori in gioco.

Posti alloggio per sede e per anno accademico 2004/05 2005/06 2006/07 2007/08 2008/09 2009/10 2010/11 2011/12 2012/13 Bolzano Marianum

9

25

28

25

29

29

29

29

Dante

0

0

0

24

24

24

12

12

29 0

Capitol

0

0

0

20

18

18

0

0

0

Becattini

13

13

13

13

13

13

13

0

0

Kolping

12

20

20

20

20

32

32

32

32

Marienheim

10

11

10

10

10

10

10

10

10

Rainerum

70

69

83

87

87

117

117

117

117

St. Benedikt

56

68

68

68

69

Univercity

71

71

71

71

148

148

148

148

Peter Rigler Haus totale Bolzano Bressanone

170

206

222

267

270

462

91 523

91 510

91 498

Casa Gioventù

40

40

40

40

40

40

40

40

40

Ex Sonne

26

26

0

0

0

0

0

0

0

Kolping

0

0

50

50

50

50

50

50

50

St. Michael totale Bressanone Brunico

25 91

31 97

25 115

32 122

24 114

24 114

24 114

24 114

24 114

261

303

337

389

384

576

637

624

25 637

totale Brunico Totale

Tabella 44: posti alloggio per sede e per anno accademico

95


Posti alloggio in relazione agli iscritti a.a. 2008/2009 Sede

Iscritti

Bolzano Bressanone Brunico Complessivi

1281 1805 212 3274

a.a. 2013/2014 (previsione)

% posti disponibiPosti alloggio li in rapporto a disponibili gli iscritti

270 114 0 384

21%* 6,30% 0% 11,70%

In particolare, a Bolzano, l’ultimazione e la consegna dello studentato “Univercity” nel 2009 ha permesso di coprire totalmente il fabbisogno (che in termini percentuali rappresenta oltre il 20 per cento degli iscritti), aumentando di oltre un terzo i posti disponibili. Nel 2010 la consegna di uno studentato dell’Ordine Teutonico (“Peter Riegler”) con 91 ulteriori posti, porterà a partire dal 2012 al numero definitivo di 498 posti alloggio disponibili. Anche se il numero degli studenti a Bolzano dovesse – come da previsione – quasi raddoppiare al termine del quinquennio i posti dovrebbero essere sufficienti a coprire richieste per una percentuale superiore al 20 per cento degli iscritti. Per quanto riguarda Brunico, fino ad oggi gli studenti sono ricorsi al mercato immobiliare privato, che va però lentamente saturandosi con i circa 250 studenti. Dato l’ulteriore aumento previsto con l’attivazione di una laurea magistrale e di alcuni master e corsi di formazione, la Provincia ha stabilito la realizzazione di uno studentato (destinato anche a scolari) con 25 posti riservati a studenti universitari, disponibile dal 2012. La rilevazione del fabbisogno consentirà di valutare quali saranno gli sviluppi e se tale intervento possa considerarsi sufficiente a coprire le richieste. A Bressanone, la tipologia dei corsi di studio offerti è destinata a modificarsi notevolmente con la chiusura della SSIS e la trasformazione del corso di laurea quadriennale. Complessivamente si dovrebbe registrare un leggero aumento degli studenti a fine quinquennio. Attualmente il numero di posti alloggio disponibili (114) è – secondo stime approssimative dell’Ateneo – leggermente al di sotto del fabbisogno. Tuttavia, i fattori in gioco sono complessi e richiedono una analisi di vari aspetti, compresi quelli relativi agli sviluppi della Facoltà in relazione alla nuova normativa sulla formazione degli insegnanti. L’analisi del fabbisogno servirà proprio a valutare tali aspetti prima di programmare interventi e prevedere ulteriori investimenti. Per quanto riguarda il mercato privato degli alloggi, il Ser96

Iscritti

Posti alloggio disponibili

% posti disponibili in rapporto agli iscritti

2165 2145 524 4834

498 114 25 637

23,00% 5,31% 4,77% 13,18%

Tabella 45: posti alloggio in relazione agli iscritti

vizio orientamento ha svolto una funzione di facilitatore creando una bacheca virtuale nella quale i proprietari possono inserire offerte. Nel corso del 2008 vi sono stati anche una serie di contatti con la Ripartizione per l’edilizia agevolata della Provincia e con l’Istituto per l’Edilizia Sociale (IPES), con l’intento di studiare una forma di subaffitto anziani/studenti, che avesse anche finalità sociali. L’idea era quella di offrire agli studenti un alloggio ad un prezzo ragionevole e di mettere in condizione gli anziani di integrare pensioni spesso insufficienti con il subaffitto di una stanza (oltre agli effetti positivi della compagnia). Al momento non vi sono elementi per capire se l’iniziativa sarà ripresa e sviluppata nel quinquennio in esame.

5.4.4

Mense

Le sedi di Bolzano e di Bressanone sono dotate di mensa universitaria, mentre a Brunico gli studenti utilizzano – alle stesse condizioni delle altre sedi – la mensa del KVW (Katholischer Verband der Werktätigen – ACLI). In futuro, con la realizzazione dello studentato (2012), sarà prevista anche una mensa da 90 posti che organizzerà il servizio pranzo in due turni (per scolari e per studenti). La cena probabilmente – almeno in base alle decisioni attuali – sarà servita solo agli interni. Il costo di un menu varia da 2,07 € a 3,10 € (menu ridotto, intermedio, completo) e la differenza in termini di valore assoluto viene finanziata dalla Provincia. Nel 2008 sono stati erogati ca. 133.300 pasti per un costo di circa 372 mila euro. Dal grafico 10, che indica il numero di pasti erogati per sede universitaria, è evidente la crescita consistente nel servizio erogato. Le mense delle sedi di Bolzano e Bressanone vengono utilizzate, oltre che dalla comunità universitaria (studenti, professori, collaboratori), da studenti della Claudiana (Scuola Provinciale Superiore di Sanità), da studenti e insegnanti del Conservatorio Monteverdi e da alcuni inse-


Pasti erogati per sede universitaria    &SP^ERS



&VIWWERSRI



&VYRMGS



XSXEPI

  





gnanti di scuole limitrofe. L’appalto per la gestione delle mense è in scadenza in ottobre 2010. In base alla articolo 40 comma 6 del Contratto Collettivo, è prevista una Commissione Mensa che vigila sulla qualitĂ  e l’igiene del servizio. La Commissione – composta da personale amministrativo e dai rappresentanti degli studenti – è operativa dall’autunno del 2006 e molte delle indicazioni sono state prese in considerazione, contribuendo cosĂŹ ad un miglioramento del servizio. Al momento, a Bolzano, si studia la possibilitĂ  di trasformare la cosiddetta sala rossa all’interno della mensa in un ristorante Ă  la carte, con la possibilitĂ  di riservare il posto, di ordinare in base ad un menu e di usufruire del servizio al tavolo. La Ripartizione per il Diritto allo Studio e la Libera UniversitĂ  di Bolzano hanno concordato che la prossima gara d’appalto per la gestione delle mense sarĂ  formulata e pubblicata direttamente dall’Ateneo: l’intento è quello di riuscire a cogliere al meglio le esigenze e le aspettative degli utenti. La Libera UniversitĂ  di Bolzano intende caratterizzare maggiormente il servizio mensa in senso ecologico in occasione della prossima gara, proponendo l’utilizzo di bicchieri in vetro e, in genere, di stoviglie lavabili e riutilizzabili, l’acquisto di prodotti biologici e, dove possibile, di prodotti locali (cosiddetti “a chilometro zeroâ€?), menu adatti a varie esigenze (ad esempio vegetariani, bambini, diabetici e celiaci).

5.4.5

Fonte: Ripartizione “Diritto alla studio, universitĂ  e ricerca scientificaâ€? Provincia Autonoma di Bolzano



Grafico 10: pasti erogati per sede universitaria

didattica, in linea con quanto emerge dalle nuove tendenze che pongono al centro dei processi d’apprendimento il discente. Ogni anno sarà predisposto dal Servizio orientamento un budget ad hoc, utilizzabile di volta in volta secondo le richieste, che andrà ad integrare le forme di sostegno previste dalla legge provinciale per il diritto allo studio. Finora sono sei gli studenti con disabilità che si sono avvalsi del supporto offerto dal Servizio orientamento (consulenza individuale, funzione di tramite con le facoltà, predisposizione di servizio coordinato di accompagnamento ad opera di studenti 150 ore). Nel prossimo quinquennio si prevede un aumento di questa utenza in uscita dalle scuole superiori, anche se l’accesso resta comunque circoscritto a studenti che abbiano conseguito una maturità valida a tutti gli effetti. Negli altri casi è tutt’al piÚ ipotizzabile una ammissione come uditori. La legge provinciale per il diritto allo studio prevede forme di sostegno per studenti disabili il cui reddito familiare non superi certi tetti. Le forme di sostegno variano secondo il tipo di disabilità e riguardano, comunque, servizi e ausili al di fuori dell’Ateneo. Negli ultimi anni, dato l’aumento di richieste, si è resa necessaria una maggiore collaborazione con i Servizi per l’integrazione per valutare le priorità d’intervento. La legge provinciale per il diritto allo studio non riguarda candidati disabili senza requisiti d’accesso all’Università, che rientrerebbero semmai nella competenza dei servizi sociali.

Studenti diversamente abili

L’integrazione di studenti diversamente abili all’interno dell’Ateneo rappresenta un tema al quale si intende dare priorità nel prossimo quinquennio, sia attraverso interventi modulati sulle singole esigenze, sia rafforzando l’attenzione verso nuovi strumenti e nuove tecnologie per la

****** In allegato si riporta la proposta dei rappresentanti degli studenti in carica su aspettative e prospettive degli studenti (allegato 2). 97


6

RISORSE UMANE E STRUTTURE

6.1

Organizzazione

6.1.1

Organigramma

L’organigramma descrive come è organizzata la struttura amministrativa della Libera Università di Bolzano. La struttura amministrativa dell’Ateneo si suddivide in uffici e servizi. Secondo l’articolo 40 dello Statuto, il direttore generale è responsabile amministrativo degli uffici e dei servizi di Ateneo. L’organigramma della Libera Università di Bolzano è stato rielaborato nel 2007, ridistribuendo in aree i due ambiti allora esistenti dei servizi amministrativi e dei servizi accademici. I vari centri di servizio sono stati raggruppati per aree omogenee, prevedendo la figura del responsabile d’area direttamente subordinato al direttore generale. Parimenti sono stati direttamente assegnati alla direzione generale i responsabili delle segreterie di facoltà. Un collegamento funzionale diretto è stato previsto tra i presidi e i responsabili delle segreterie di facoltà, così come tra il rettore e l’area dei Servizi per la didattica e la ricerca, per garantire che vi sia nell’organigramma un riferimento diretto agli uffici e ai servizi che hanno a che fare con didattica e ricerca. La nuova definizione dell’organigramma dovrebbe consentire una distribuzione sussidiaria delle competenze decisionali, decentrando quindi la responsabilità, e – grazie all’introduzione della figura dei responsabili d’area – permettendo alla direzione generale di occuparsi delle decisioni strategiche. I problemi di raccordo tra gli uffici, emersi all’interno di un’area, saranno risolti dal relativo responsabile. I problemi di raccordo tra le aree saranno risolti nell’ambito delle regolari sedute dei responsabili d’area e dei responsabili delle segreterie di facoltà. A partire dalla definizione delle competenze del direttore generale, seguirà un chiarimento delle competenze e delle responsabilità ai diversi livelli di management, con la realizzazione di un modello di gestione basato sulla sussidiarietà, assicurando al tempo stesso quel necessario carattere vincolante dei processi decisionali e della loro attuazione. In particolare è necessario chiarire eventuali incertezze riguardo alla definizione delle competenze nelle facoltà, in modo che una loro moderna gestione fornisca alla didattica ed alla ricerca un supporto efficiente che ottimizzi le risorse. In questo senso, tenendo conto del98

le dimensioni della Libera Università di Bolzano, in linea di principio si parte dal presupposto di un modello di amministrazione centralizzata, in modo che i processi vengano diretti centralmente e realizzati in maniera unitaria, lasciando al contempo la possibilità di adattarli alle particolari esigenze delle facoltà. I servizi e gli uffici centrali dovranno assumere una crescente funzione di consulenza e di supporto alle segreteria di facoltà. Al tempo stesso si deve assicurare ai responsabili delle segreterie di facoltà una maggiore responsabilità nei processi interni alle facoltà, riconoscendo loro una funzione consultiva e a garanzia di processi decisionali legittimi e conformi alle regole negli organi di facoltà. In linea di massima vige il principio secondo il quale ogni responsabile di un centro di costo è responsabile del budget che gli è stato assegnato sulla base del bilancio preventivo annuale approvato dal Consiglio dell’Università. Le responsabilità e le competenze dei quadri sono contenute nelle relative descrizioni delle funzioni e saranno adeguate all’occorrenza. Tale processo sarà esteso passo dopo passo a tutti i collaboratori della Libera Università di Bolzano e fa parte del piano dello sviluppo del personale, che sarà introdotto per gradi nei prossimi anni. I macro-processi trasversali, che attraversano invece l’intera organizzazione, sono compresi in un diagramma delle funzioni e dovranno dare una visione d’insieme sulle funzioni e sulle rispettive competenze decisionali, consultive e di azione dei singoli organi. Importante che in caso di incertezza sulle competenze siano adeguati i rispettivi strumenti (descrizioni e diagramma delle funzioni), in maniera tale che questi ultimi siano utilizzabili efficacemente. Un ritmo regolare delle sedute e una gestione sistematica assicureranno decisioni rapide nell’interesse della Libera Università di Bolzano e soprattutto uno scambio efficiente delle informazioni. L’organigramma sarà adeguato come necessario alle linee guida del Consiglio dell’Università e finalizzato al loro raggiungimento.

6.1.2

Processi organizzativi interni

A livello di processi organizzativi interni, vale a dire procedure e flussi di lavoro vari, saranno intrapresi i passi necessari all’introduzione di un sistema di assicura-


zione della qualità che sarà continuamente migliorato e adeguato ai bisogni. Grande importanza sarà attribuita al supporto tecnico-informatico, che sarà ulteriormente sviluppato, conducendo tramite modalità di lavoro efficienti e grazie ad automatismi, ad una semplificazione. Al tempo stesso si procederà ad una valutazione della efficacia e della necessità dei servizi offerti. Tramite questionari mirati ai relativi stakeholder si stabilirà se sussiste il fabbisogno di nuovi servizi, o se servizi già esistenti corrispondano ancora alle esigenze o possano essere ottimizzati. Il fondamento di ciò si trova nelle linee guida fissate dal Consiglio dell’Università, le quali fanno riferimento ad uno sviluppo della qualità a livello di tutto l’Ateneo. Per il raggiungimento di questi obiettivi, le funzioni dei servizi saranno sistematicamente valutate sotto il profilo dell’efficacia e dell’efficienza, attraverso strumenti come sondaggi, rilevazione di dati, etc. Esistono già molti workflow compilati per i principali procedimenti interni. In quanto organizzazione orientata al sapere e all’apprendere e nell’ottica di una pianificazione efficiente delle risorse, le procedure correnti saranno valutate in base ai loro punti di forza e di debolezza e – qualora necessario – ottimizzate. La Libera Università di Bolzano, infatti, è cresciuta molto rapidamente e determinati processi andranno necessariamente adeguati alle nuove circostanze. Processi organizzativi interni richiedono regole chiare in base alle quali funzionare. Perciò saranno perseguite semplificazioni a livello di regole, che al tempo stesso assicurino un corretto impiego delle risorse. Le buone pratiche adottate da altre università fungeranno da fondamento per l’introduzione di standard qualitativi uniformi, per tenere conto del contesto internazionale e per rimanere competitivi. Perciò è importante che venga istituito un ufficio per l’assicurazione della qualità, che si faccia carico di informare sugli standard qualitativi internazionali, nazionali ed europei in materia di politica universitaria e all’occorrenza di applicarli.

6.1.3

Sviluppo della struttura amministrativa

In sostanza lo sviluppo della struttura amministrativa è diretta conseguenze delle linee guida fissate nel presente Piano di sviluppo. Ciò significa – da un lato – una verifica dei servizi offerti sul piano dei processi organizzativi interni, miglioramento della qualità, ottimizza-

zione dei flussi di lavoro, ma anche modalità di lavoro efficienti e che ottimizzino le risorse. Dall’altro, i vari uffici e servizi adatteranno costantemente alle esigenze la propria offerta e – all’occorrenza – sarà rivista la loro struttura. Particolare attenzione viene data al Centro linguistico, al Centro di Competenza lingue, alla Biblioteca ed al settore Information & Communication Technology, particolarmente importanti per lo sviluppo del profilo plurilingue, per il sostegno tecnico-informatico e per la sicurezza dei dati, ma anche per l’intera comunità universitaria, dal momento che sono al servizio di gruppi numerosi di utenti, come ad esempio nel caso della Biblioteca.

6.1.4

Sviluppo del Centro linguistico, del Centro di Competenza lingue, della Biblioteca e dell’I&CT

6.1.4.1 Sviluppo del Centro linguistico Il Centro linguistico, che svolge ogni anno all’incirca 1100 esami di ammissione, 120 corsi di lingua con 1100 partecipanti per un totale di 6000 ore di lezioni effettuate da 40 docenti a contratto, è stato istituito per offrire i suoi servizi in modo trasversale a tutte le facoltà. Il suo compito principale – in concordanza con il regolamento recentemente deliberato dal Consiglio dell’Università (delibera 361, seduta del 13 novembre 2009) – “è volto all’insegnamento delle lingue e, su incarico delle facoltà, allo svolgimento degli esami d’ammissione di lingua”. In questo senso il Centro linguistico assume un ruolo chiave per quanto riguarda dare un forte impulso e un incentivo a raggiungere un livello alto di competenza linguistica da parte degli studenti, nonché da parte dei collaboratori scientifici ed amministrativi della Libera Università di Bolzano. Questa funzione è da sviluppare in analogia con la strategia dell’intero Ateneo. In quest’ottica è necessario far convergere gli obiettivi scientifici e didattici con il contributo di un comitato scientifico, come previsto dal nuovo regolamento. L’obiettivo del Centro linguistico si individua nel fornire servizi volti all’apprendimento delle lingue d’insegnamento della Libera Università di Bolzano – inclusa la lingua ladina – nonché all’apprendimento di altre lingue quali il francese, lo spagnolo, il russo, l’arabo e il cinese. In base alle rispettive risorse umane e finanziarie si 99


mira ad un’offerta che tiene conto delle esigenze e degli obiettivi di apprendimento. Agli studenti dovrebbero essere aperti percorsi diversificati e allo stesso tempo loro dovrebbero assumersi una maggiore responsabilità e consapevolezza rispetto al raggiungimento dei loro obiettivi. In questo contesto il Centro linguistico dovrà attivarsi in tre ambiti didattici per garantire uno sviluppo continuo del Centro. Da un lato bisogna rafforzare la digitalizzazione di alcuni processi importanti. Questa esigenza riguarda le procedure amministrative, nonché lo svolgimento delle prove linguistiche nell’ambito dell’ammissione di nuovi studenti. Tuttora questi esami richiedono risorse notevoli. Grazie ad una procedura più snella ed efficace il Centro linguistico potrà reagire in tempo a numeri di utenti in crescita e ad una diversificazione dei modelli linguistici da parte delle facoltà. Il secondo ambito di azione si riferisce alla certificazione internazionale delle competenze linguistiche. Il Centro linguistico attualmente è sede d’esame di certificazioni importanti quali il TestDaF per il tedesco, CELI per l’italiano e Cambridge ESOL per l’inglese. In questa maniera gli studenti possono far testare e certificare le proprie competenze linguistiche da un ente indipendente. L’obiettivo in questo ambito è un rilevante aumento dei candidati. Il terzo ambito è l’apprendimento autonomo e lo sviluppo di modelli didattici che si adeguino maggiormente alle esigenze di chi apprende. Un ruolo centrale al riguardo lo assume il concetto di consulenza linguistica, nel quale lo studente riceve un feedback individuale sul suo processo di apprendimento nonché consigli per superare eventuali ostacoli a tale processo. In parallelo l’offerta dei materiali online per il lavoro autonomo è da incrementare notevolmente. Tutta l’offerta virtuale, infine, dovrà essere integrata in una piattaforma. Pertanto l’infrastruttura attuale dovrà adeguarsi in termini di hardware e software. In sintesi, il Centro linguistico mira – nei prossimi cinque anni – ad una diversificazione della sua offerta didattica e ad un adeguamento alle esigenze dei discenti per quanto riguarda i metodi e i percorsi. In questa direzione va l’incremento delle risorse per l’apprendimento autonomo e l’implementazione di un modello di consulenza linguistica. In parallelo verrà promossa la digitalizzazione di alcuni procedimenti amministrati100

vi nonché lo sviluppo di una piattaforma che si adegui in maniera ottimale ai processi di apprendimento linguistico. Il terzo obiettivo consiste nell’incentivazione della certificazione linguistica per favorire l’acquisizione di certificati rilasciati da enti internazionali e rinomati a livello mondiale e di conseguenza di un attestato delle proprie competenze, valido e riconosciuto ovunque. 6.1.4.2 Sviluppo del Centro di Competenza lingue Dare un incentivo forte al multilinguismo in ogni ambito della Libera Università di Bolzano ma specialmente nell’ambito della didattica e della ricerca è uno dei compiti principali di questo ateneo. Quattro anni fa è stato fondato il Centro di Competenza lingue per dare un supporto scientifico in questo senso. Grazie all’interesse intorno alla realizzazione del modello linguistico della Libera Università di Bolzano la ricerca deve essere incentrata su tedesco, italiano, ladino e inglese. È da considerare il fatto che la lingua ladina in questo Ateneo e rispetto ad altre università ha acquisito una particolare importanza e quindi è necessario dare il giusto peso alla ricerca in quest’ambito. Il Consiglio dell’Università si aspetta da parte del Centro di Competenza lingue e da tutti i docenti con competenza nell’area della linguistica: a) di avanzare proposte – scientificamente fondate – che riguardano il miglioramento, l’ottimizzazione e l’incentivazione del multilinguismo in Ateneo; b) ricerca che mira a migliorare l’acquisizione linguistica in ambito pre-scolastico, scolastico e universitario, da parte di bambini e adolescenti (scuole e università) e adulti (insegnanti e discenti); c) ricerca sulla comunicazione in contesti multilingui, sul contatto tra lingue e sull’interazione tra vari ambienti linguistici; d) sviluppo di concetti didattici che riguardano l’insegnamento multilingue in corsi di laurea multilingui; e) diffusione di questi modelli nei confronti dei docenti della Libera Università di Bolzano nonché la loro formazione in questo senso; f ) ricerca sull’inserimento delle lingue specialistiche nei rispettivi ambiti sociologici e linguistici; g) accompagnamento scientifico e sviluppo di modelli plurilingui nelle istituzioni locali; creazione di una piattaforma per incentivare il radica-


mento della ricerca linguistica a livello locale ad inclusione di tutte le istituzioni del settore. L’attivitĂ  del Centro di Competenza lingue deve basarsi sulla realtĂ  altoatesina. Pertanto è necessario una sua collaborazione con le istituzioni attive nell’ambito della ricerca linguistica e dell’insegnamento delle lingue. Nel rispetto dei compiti speciďŹ ci del Centro di Competenza lingue per quanto riguarda la realizzazione del modello trilingue presso la Libera UniversitĂ  di Bolzano e per dare uno stimolo allo sviluppo di un vero multilinguismo da parte di tutti gli abitanti della Provincia Autonoma di Bolzano, saranno ďŹ ssati gli obiettivi in un apposito documento da stipulare tra il Centro di Competenza e il Consiglio dell’UniversitĂ . 6.1.4.3 Sviluppo della Biblioteca La Biblioteca della Libera UniversitĂ  di Bolzano con le sue sedi di Bolzano, Bressanone e Brunico è concepita come un centro informazioni multilingue al servizio dell’UniversitĂ  e del territorio. Da sempre il suo compito peculiare è quello di fornire l’informazione richiesta alla didattica, alla ricerca e alla formazione continua, orientandosi alle esigenze attuali e future dei suoi utenti.

afďŹ ni a quelli della biblioteca universitaria e aumentare la cooperazione con le biblioteche provinciali. Ăˆ inoltre necessario rafforzare la collaborazione sull’asse nord-sud con le biblioteche universitarie di Innsbruck e Trento. Ulteriore macro-obiettivo è rafforzare la collaborazione e lo scambio con i partner nazionali e internazionali. Bisogna mantenere da un lato nell’ambito delle biblioteche universitarie italiane, lo status di modello di best practice e dall’altro essere presenti nell’area tedesca con un’eccellente offerta come biblioteca giovane e innovativa. Questo obiettivo può essere centrato grazie ad un’intensa cooperazione e all’attiva partecipazione a sistemi e progetti di ricerca nazionali e internazionali. Un’alta qualitĂ  del servizio, lo sviluppo di soluzioni innovative, un costante controllo della qualitĂ  e la valutazione sono presupposto di tutto questo, cosĂŹ come naturalmente un utilizzo efďŹ cace ed efďŹ ciente delle risorse. Costituisce la mission della Biblioteca il massimo supporto a studenti e ricercatori per consentire loro uno studio moderno ed efďŹ ciente e una ricerca innovativa e sostenibile, con un incremento del rendimento scientiďŹ co dell’UniversitĂ . La Biblioteca intende supportare al meglio anche, chi in zona ma non solo, è interessa-

Sviluppo delle collezioni, dell’utilizzo e dello staff





 4VIWXMXM



 1SRSKVEJMI



 9XIRXMEXXMZM

Come biblioteca pubblica di studio e ricerca, la Biblioteca universitaria deve posizionarsi al vertice del panorama bibliotecario locale. Suo compito, nell’interesse dell’utente, è quello di favorire la collaborazione tra le biblioteche scientiďŹ che altoatesine che offrono servizi



 7XEJJ



Grafico 11: sviluppo delle collezioni, dell’utilizzo e dello staff

to all’aggiornamento e alla formazione continua, adempiendo cosÏ al ruolo di tramite tra la Libera Università di Bolzano e il territorio. La Biblioteca della Libera Università di Bolzano è distribuita su tre sedi, anche se Bolzano riveste il ruolo di bi101


blioteca centrale. Ogni servizio della Biblioteca è centralizzato e gestito da responsabili di settore. Tutte queste componenti del sistema bibliotecario formano un’unità organizzativa gestita centralmente. Ogni processo è il prodotto di un team di collaboratori della Biblioteca universitaria, di personale di enti esterni e di studenti. Anche in futuro le attività di routine dovranno essere il più possibile esternalizzate al fine di permettere all’Università un vantaggio economico e sgravare i bibliotecari, consentendo loro di dedicarsi ai loro compiti peculiari. Diverse biblioteche altoatesine sono attualmente collegate alla Biblioteca universitaria che è partner attivo nel panorama bibliotecario universitario italiano e dell’area tedesca. Per poter realizzare i citati obiettivi, è indispensabile che venga garantito un adeguato aumento nell’ambito della programmazione economica e delle risorse (aumento del budget, ampliamento della pianta organica soprattutto nel settore delle tecnologie informatiche) e della progettazione degli spazi (ampliamento delle sale di lettura a Bolzano e Bressanone, deposito esterno).

6.1.4.4 Sviluppo dell’I&CT Il servizio di ICT, Information & Communication Technology, ha come priorità la sicurezza delle informazioni, la qualità del servizio agli utenti e il management della qualità. Su iniziativa dell’ICT, nel 2008 è stato promosso il conseguimento della certificazione ISO27001 per l’intera Università e della ISO9000 per il servizio ICT in particolare. Lo sviluppo della struttura organizzativa, specialmente nei processi organizzativi interni, è sempre più intensamente supportata dalle infrastrutture tecnologiche della comunicazione e dell’informazione. Numerosi sviluppi nel settore informatico procedono di pari passo con i processi organizzativi interni. Questi due ambiti sono strettamente interdipendenti. Per tenere conto di questo aspetto ai tre ambiti di competenza dell’ICT dovrà essere aggiunto un ulteriore, ossia quello dello sviluppeo dell’organizzazione. L’organizzazione ha il compito di registrare, ottimizzare e documentare i processi interni all’Università. Procedimenti e regolamenti devono confluire in un sistema di management del sapere, che funga da supporto e orientamento dei collaboratori. Il punto saliente è il ricorso al costruttivismo nella realizzazione del sistema 102

management. Il sapere contenuto nel sistema deve svilupparsi con il contributo intellettuale di tutti i collaboratori, rappresentando così il fondamento di una organizzazione ad apprendimento continuo. Il sistema di “eUniversity” permette già da tempo la registrazione, l’ottimizzazione, la documentazione e l’automazione digitale dei principali procedimenti interni. Questa strada deve essere percorsa con sempre maggiore intensità e con particolare attenzione allo sviluppo delle possibili integrazioni. La realizzazione dell’intera infrastruttura di Information Technology (IT), così come la certificazione della sicurezza delle informazioni, sono sempre state pensate tenendo presente la scalabilità dei sistemi. In questo modo è oggi possibile, con un dispendio mimino, realizzare ogni espansione futura del centro di calcolo universitario, sia che si tratti di nuove facoltà o corsi di studio, di nuove sedi o di nuovi collaboratori. Anche il costante nuovo bisogno di servizi o risorse IT come ad esempio la capacità di spazio per il salvataggio dei dati, la disponibilità di capacità di calcolo e soprattutto di sicurezza, sono facilmente scalabili verso l’alto grazie al sistema attuale. A partire dalla consapevolezza della forte dipendenza dell’Università dalla quantità, qualità e disponibilità delle informazioni offerte e supportate dall’infrastruttura e dai servizi IT, deve essere affrontato come nodo cruciale l’ampliamento del service management secondo i criteri “ITIL”. Gli obiettivi principali del service management sono: • allineare i servizi IT alle richieste attuali e future dell’Università e dei suoi utenti; • migliorare la qualità dei servizi IT forniti; • diminuire i costi a lungo termine dei servizi. Un altro nodo cruciale per il miglioramento dell’office automation è la diffusione di competenze nell’uso del personal computer e dei relativi programmi. Allo scopo saranno intraprese misure di formazione mirate. Attraverso una cooperazione tra la Libera Università di Bolzano e l’Accademia Europea di Bolzano è stata fondata la “Rete scientifica dell’Alto Adige”. Tale Rete è costituita dai due centri di calcolo di Università e Accademia, che grazie alla strettissima collaborazione operano verso l’esterno come un unico centro. Della Rete fanno parte attualmente il Museion, il Museo di Scienze Naturali e l’Istituto pedagogico in lingua tedesca. La Rete negli ultimi anni ha rappresentato una sorta di “valo-


re aggiunto” per i partner. I risultati raggiunti inducono a perseguire ed ampliare questa cooperazione. Nei prossimi anni, inoltre, la Rete sarà ampliata ad ulteriori partner dal settore scientifico; in questo modo anche enti formativi e scientifici minori potranno usufruire delle infrastrutture e dei servizi IT della Rete scientifica per svolgere la loro attività.

6.2

Risorse umane

6.2.1

Personale accademico

corsi di laurea approvati. Da una parte la Libera Università di Bolzano deve tenere conto dei requisiti necessari stabiliti dal decreto 270/2004, d’altra parte bisogna garantire che un certo numero di professori di ruolo assicurino continuità alla didattica e alla ricerca e una soddisfacente disponibilità nei confronti degli studenti. Dalla tabella 47 si deduce che secondo le disposizioni ministeriali dovrebbero essere assunti molti docenti, affinché l’offerta formativa pianificata nel corrispondente periodo possa essere attivata. Anche le università non statali sono infatti obbligate ad attenersi alle suddette disposizioni relativamente all’assunzione di personale docente di ruolo. Tuttavia ai fini dei requisiti necessari possono essere calcolati anche gli incarichi di docenza triennali conferiti a professori di altre università e i ricercatori a tempo determinato (RTD), tipologie che non risultano nella tabella 46. Le disposizioni ministeriali, al fine di ottimizzare le risorse, permettono alle università di approntare un piano per il raggiungimento dei requisiti necessari attraverso l’assunzione graduale di docenti di ruolo (il cosiddetto “piano di raggiungimento”). La Libera Università di Bolzano assumerà, pertanto, gradualmente il personale docente di ruolo.

Nel Piano quinquennale 2004-2008 era stato definito un organico per il personale docente, che nel corso degli anni è stato riadattato alle esigenze delle facoltà. Come si evince dalla tabella 46, al 31 dicembre 2009 i posti previsti non erano ancora completamente occupati. Tuttavia, alla stessa data, risultavano banditi una serie di concorsi e di chiamate, per cui la cifra di 87 è destinata ad aumentare nel corso dei prossimi mesi. Ai professori e ricercatori di ruolo – sempre al 31 dicembre 2009 – vanno aggiunti ulteriori 26 ricercatori a tempo determinato. Il fabbisogno di ulteriori posti dipende dall’istituzione e dall’attivazione di ulteriori corsi e sarà quindi adattato annualmente alle esigenze dei nuovi

Confronto tra pianta organica e stato effettivo al 31/12/2009 professori ordinari

professori associati

ricercatori

TOTALE

stato al 31/12/2009

Facoltà di Scienze della Formazione

21

12

24

57

36

Facoltà di Economia

11

12

25

48

20

Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche

6

7

32

45

12

Facoltà di Design e Arti

6

10

25

41

7

Facoltà di Scienze e Tecnologie

10

14

16

40

12

Totale personale accademico LUB

54

55

122

231

87

Facoltà

Tabella 46: pianta organica al 31/12/2009

Numero di docenti di ruolo necessari secondo l’offerta formativa pianificata dalle facoltà fino al 2013 Facoltà

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

Scienze della Formazione

30

41

64

64

64

Economia

24

44

52

60

60

Scienze e Tecnologie informatiche

16

18

36

36

36

Design e Arti

10

19

20

26

26

Scienze e Tecnologie

20

30

48

48

48

Totale LUB

100

152

220

234

234

Tabella 47: numero di docenti di ruolo necessari secondo l’offerta formativa pianificata dalle facoltà fino al 2013

103


6.2.2

Personale tecnico-amministrativo

Lo sviluppo dell’organizzazione rappresenta un ulteriore aspetto dello sviluppo del personale e deve puntare soprattutto sul team building. Attraverso la creazione di gruppi di lavoro ed il coinvolgimento di singoli collaboratori in progetti interni, sarà rafforzata la fiducia e la corporate identity. Il piano di sviluppo del personale insiste particolarmente sulla crescita di quadri efficienti. È necessario anche testare forme di lavoro alternative, come per esempio il telelavoro, e devono essere introdotte misure che favoriscano la conciliazione di lavoro e famiglia. Nel 2010 scade il contratto collettivo di lavoro del personale tecnico-amministrativo. Anche in questo caso si cercherà di tenere conto degli obiettivi sopra esposti e di portare in trattativa possibili proposte in questo senso. L’orientamento di fondo secondo cui l’amministrazione deve rimanere snella ha delle ricadute sulla pianta organica del personale tecnico-amministrativo. Si calcola che nei prossimi anni, in seguito all’ampliamento dell’offerta formativa, aumenti anche il bisogno di sostegno tecnico-amministrativo. Di conseguenza sarà necessaria una verifica dei servizi offerti, perché la pianta organica non può aumentare continuamente. Al 31 dicembre 2009 la pianta organica approvata prevede 242 posti per il personale tecnico-amministrativo, dei quali 217,40 risultano già occupati. Bisogna prevedere che ogni anno il fabbisogno di personale tecnico-amministrativo cresca dell’1 o 2 per cento, il che sarebbe anche possibile, con un’accurata pianificazione finanziaria. In ogni caso il numero dei posti di lavoro da occupare sarà stabilito annualmente dal Consiglio dell’Università. In linea di principio bisognerà verificare anche la pianta organica, ovvero in che misura i profili professionali dei collaboratori corrispondano effettivamente ai compiti svolti.

Per quanto concerne il personale tecnico-amministrativo, si attribuisce grande importanza alla formazione e all’aggiornamento. Tramite l’aggiornamento e la formazione del personale, che aggiorna continuamente metodi di lavoro e competenze specifiche e che fa proprie le buone pratiche di altre università del panorama nazionale ed internazionale, si intende garantire un sostegno professionale alla didattica ed alla ricerca. Nel contempo un’organizzazione orientata al sapere deve contribuire ad elevare la motivazione dei collaboratori in modo che essi si impegnino costantemente a migliorarsi e aspirino ad ottimizzare le proprie prestazioni lavorative. Il piano di sviluppo del personale tecnico-amministrativo della Libera Università di Bolzano deve innanzitutto adattare le competenze dei collaboratori alle attuali e future esigenze dell’organizzazione, portando ad un miglioramento della qualità del lavoro amministrativo e dei servizi offerti. Gli obiettivi sono sia un’ottimizzazione, a medio e lungo termine, dei costi del personale tecnico-amministrativo, sia la disponibilità interna di professionalità di alto profilo che possano essere rilevanti a livello internazionale. Accanto ad un programma mirato di aggiornamento, che preveda la formazione dei collaboratori non solo nel campo professionale di riferimento ma anche a livello sociale e comunicativo in base ad un’analisi del fabbisogno, giocano un ruolo di primo piano anche le misure legate ad un sostegno del personale che miri alla tutela delle pari opportunità di genere. In questo senso va curato e rafforzato un rapporto diretto con i collaboratori, mentre vanno introdotti provvedimenti strutturati che comprendano l’intera vita professionale del collaboratore: dalla selezione all’introduzione al posto di lavoro, dalla motivazione al superamento dei conflitti, dalla pianificazione della carriera fino alla risoluzione del rapporto di lavoro.

Personale tecnico-amministrativo in pianta organica al 31/12/2009 Situazione al 31.12.2004 31.12.2005 31.12.2006 31.12.2007 31.12.2008 31.12.2009

104

Bolzano

136 146 165 171 172 169

Bressanone

31 36 37 39 43 50

Brunico

TOTALE

di cui donne

4 4 4 6 7 7

171 186 206 216 222 226

102 112 125 131 139 147

Tabella 48: personale tecnico-amministrativo in pianta organica al 31/12/2009


La Tabella 48 mostra lo sviluppo della pianta organica dal 31 dicembre 2004 al 31 dicembre 2009, suddiviso a seconda delle sedi universitarie. La Tabella 49 mostra invece lo stato della pianta organica al 31 dicembre 2009 a seconda dei livelli. Stato al 31.12.2009

Livello d’inquadramento

Posti liberi in pianta organica

0

0

14,6

2,4

11

2

89,9

5,8

35,5

3,4

62,6

10,9

2

0

Dirigenti

1

1

216,6

25,5

Totale

Tabella 49: livello d’inquadramento del personale amministrativo

6.3

Sviluppo dell’edilizia universitaria

La Libera Università di Bolzano comprende tre sedi, una a Bolzano, una a Bressanone e una a Brunico. La sede principale si trova nel capoluogo, in piazza Università, ed ospita le Facoltà di Economia, di Design e Arti e di Scienze e Tecnologie. Quest’ultima, in segui-

to all’acquisizione dell’ex-Ufficio del lavoro nel 2008, è stata trasferita. La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche ha sede in piazza Domenicani, presso il vecchio palazzo delle Poste che è stato ristrutturato nel 2009. Presso la sede del rettorato e della presidenza, in via Ospedale, trova infine posto gran parte degli uffici amministrativi centrali. In via Dante si trovano il Centro linguistico ed il Centro di Competenza lingue, mentre l’Ufficio per il personale docente si trova in Galleria Europa. La Facoltà di Scienze della Formazione ha sede a Bressanone, mentre a Brunico ha sede il corso di laurea in Management del Turismo, dello Sport e degli Eventi della Facoltà di Economia. Diversamente da quanto avviene in altre università italiane, in Alto Adige è la Provincia Autonoma di Bolzano ad essere competente per l’edilizia universitaria. Sinora la Libera Università di Bolzano ha ricevuto dalla Provincia Autonoma di Bolzano risorse sufficienti ed adeguate. Il piano stabilito in accordo con la Provincia Autonoma di Bolzano per la sede universitaria principale di Bolzano si concluderà nell’agosto 2010 con la fine dei lavori per la costruzione delle officine sotterranee della Facoltà di Design e Arti. In seguito alla consegna dei nuovi atelier e delle officine, la Libera Università di Bolzano rescinderà il contratto di affitto

Superficie disponibile per sede universitaria al 31/12/2009 Bolzano

sito

Facoltà di Economia, Facoltà di Design e Arti, Biblioteca

Piazza Università 1

Amministrazione, presidenza e rettorato

Via Ospedale 8

Centro linguistico, Centro Competenza lingue

Via Dante 9

Informatica

Superficie utile

Superficie netta

22.002 m2

42.729 m2

1.135 m2

2.470 m2

508 m2

925 m2

Piazza Domenicani 3

1.453 m2

2.276 m2

Laboratori Design e Arti

Via Castel Weinegg 2

1.587 m2

2.039 m2

Facoltà di Scienze e Tecnologie

Piazza Università 5

1.156 m2

2.410 m2

Facoltà di Scienze della Formazione, Biblioteca

Viale Ratisbona 16

10.414 m2

18.250 m2

Facoltà di Scienze della Formazione

presso Casa Missionaria, viale Stazione 24

845 m2

1.529 m2

Piazzetta dell’Università 1

993 m2

1.800 m2

40.093 m2

73.503 m2

Bressanone

Brunico Facoltà di Economia

Totale Tabella 50: superficie disponibile per sede universitaria al 31/12/2009

105


dei locali di via Castel Weinegg, dove sinora hanno trovato posto le officine. Sono già in corso trattative che porteranno alla definizione di un nuovo piano affinché si possa disporre, entro il 2013, di ulteriori spazi. L’obiettivo è, alla scadenza dei contratti di locazione, portare negli spazi che la Provincia Autonoma di Bolzano mette a disposizione della Libera Università di Bolzano tutti i servizi che attualmente si trovano in ambienti in locazione. In questo senso, e considerando la vicinanza all’edificio della sede universitaria principale, sarebbero ideali l’edificio della scuola Aufschnaiter e quello ad esso confinante, nel quale hanno avuto sede i servizi sanitari comunali; tali spazi permetterebbero alla Libera Università di Bolzano di offrire agli studenti un campus universitario facilmente raggiungibile ed in pieno centro. Contemporaneamente, in vista dello sviluppo dell’Università in seguito all’ampliamento dell’offerta formativa e della crescita della popolazione studentesca fino a circa 5 mila iscritti, ci sarà necessità di procurare ulteriori aule e uffici per i professori. La Facoltà di Scienze e Tecnologie avrà bisogno nei prossimi anni di laboratori di ricerca, sia per il settore agrario sia per il settore dell’ingegneria logistica e della produzione, di serre e di campi sperimentali. Si prenderà in considerazione anche una possibile sistemazione per il centro di ricerca Fraunhofer, che nel 2010 comincerà una collaborazione con la Libera Università di Bolzano. In futuro la Biblioteca sarà ulteriormente ampliata, al fine di renderla accessibile ad un numero sempre più grande di utenti. A partire dal 2010 anche il patrimonio bibliografico del Museion troverà posto nei locali della Biblioteca universitaria; questo permetterà maggiori sinergie non solo nell’utilizzo dei media a disposizione ma anche per poter offrire un servizio più efficiente, ottimizzando i costi. La Facoltà di Scienze della Formazione, situata a Bressanone in viale Ratisbona, era stata inizialmente pensata per ospitare circa 1500 studenti. È chiaro che – nella misura in cui la Libera Università di Bolzano rimarrà competente della formazione degli insegnanti della scuola primaria in lingua italiana – bisognerà disporre di ulteriori spazi sia per la sistemazione dei professori sia per le attività didattiche, ovvero aule, laboratori e quant’altro. Nella cosiddetta Missionshaus 106

(Casa Missionaria) si trovano il Centro di ricerca e documentazione sulla storia della scuola altoatesina e l’officina didattica. Se i contratti di locazione, che scadranno nel 2011, non saranno rinnovati, bisognerà assolutamente trovare per tempo altri spazi. Proprio in riferimento all’officina didattica è importantissimo garantire anche in futuro il mantenimento dello stretto collegamento, nella didattica, tra teoria e pratica, attraverso la collaborazione con il mondo della scuola e l’elaborazione di materiale didattico. Nel corso del 2010 verrà consegnato alla Libera Università di Bolzano l’edificio della Raiffeisen, che si trova nelle immediate vicinanze della sede di Bressanone. Servirà in particolare alla sistemazione di personale tecnico-amministrativo e della presidenza di facoltà; offrirà, inoltre, la possibilità di utilizzare gli spazi che rimarranno liberi nella sede principale per accogliere i docenti di ruolo che saranno assunti nei prossimi anni. La sede distaccata di Brunico otterrà nei prossimi anni ulteriori spazi in seguito al trasferimento della vicina biblioteca civica; i nuovi spazi potranno essere ristrutturati ed adattati alle esigenze dell’Università. Ci sarà così maggiore spazio per la sistemazione dei docenti di ruolo che saranno assunti con l’attivazione, a Brunico, di un secondo corso di laurea, ma anche per ulteriori aule. Anche la Biblioteca universitaria avrà a Brunico una propria sede, poiché avrà a disposizione due piani nell’edificio che sarà costruito per la biblioteca civica. In questo modo anche la sede distaccata di Brunico potrà contare su una biblioteca adeguata alle proprie esigenze, forte delle sinergie con la biblioteca civica.


Incremento dello spazio nel quinquennio 2009-2013 Bolzano

sito

Officine della Facoltà di Design e Arti (ultimazione nel 2010)

Piazza Università 1

Facoltà di Scienze e Tecnologie

Superficie utile

Superficie netta

1.370 m2

1.666 m2

Edificio della scuola Aufschnaiter

501 m2

676 m2

Facoltà di Scienze e Tecnologie

Sede esterna Laimburg

230 m

2

311 m2

Facoltà di Economia

Edificio della scuola Aufschnaiter (nuove aule)

420 m2

630 m2

Facoltà di Scienze della Formazione (uffici amministrativi), Biblioteca, etc.

Edificio Raiffeisen

828 m2

1.201 m2

Ulteriore sede

da individuare

2.428 m2

4.200 m2

217 m2

390 m2

5.994 m2

9.074 m2

Bressanone

Brunico Facoltà di Economia

Utilizzo pianterreno e 1° interrato attuale sede

totale Tabella 51: incremento dello spazio nel quinquennio 2009-2013

107


ALLEGATI •

Allegato 1 – Proposta del Senato accademico sul profilo linguistico dell’Ateneo

La LUB e le sfide del plurilinguismo: riflessioni sulle linee guida Di norma le linee guida (Leitbild) intese come fondamento per la definizione, l’attuazione e la valutazione di progetti mirati e di strategie attuative, non vengono elaborate all’inizio di un’iniziativa ma emergono, per così dire, dalle esperienze dei primi anni, esperienze che fanno nascere al contempo l’esigenza di definire, appunto, le linee guida. Gli obiettivi delle linee guida sono sostanzialmente due: servire da riferimento nello sviluppo futuro dell’istituzione, gestito con responsabilità condivisa, ma anche da punto di raccolta della memoria storica di quanto è stato raggiunto. La prospettiva storica permette di tarare con finezza gli obiettivi sullo sfondo di quanto effettivamente raggiungibile e preserva dal rischio di richieste massimaliste, non realistiche se viste in relazione all’ambiente di lavoro. Vogliamo ricordare i pensieri espressi in occasione della costituzione della LUB: era forte presso i fondatori della nostra università la convinzione che la fondazione dell’università arrivasse “in ritardo”. Si era già delineato in pieno lo sviluppo del mondo attuale verso una società globalizzata, fondata sempre più sulla conoscenza e sulle competenze specialistiche. Un esempio a noi vicino (Trento) di sviluppo di un ateneo, dimostra chiaramente che dall’istituzione di una nuova università fino al suo pieno sviluppo, è necessario prevedere dei decenni e non solo alcuni anni. Le condizioni generali del nostro tempo, lo sviluppo dei nuovi media e la loro influenza massiccia sul comportamento sia in sede di lavoro sia di apprendimento, stanno causando una notevole accelerazione di tutti i processi di innovazione. Lo sviluppo futuro della LUB sarà certamente impregnato anche da questi fattori. Il fondamento cardine sul quale la LUB basa la sua attività e che nel contempo costituisce il suo posizionamento caratterizzante nel panorama universitario è il plurilinguismo. L’aver messo l’accento su tale principio è molto più di una semplice risposta contingente alle esigenze locali delle tre lingue ufficiali della Provincia 108

Autonoma di Bolzano e dell’inglese come lingua franca della comunicazione scientifica. Agli osservatori attenti non era infatti sfuggito che il valore del plurilinguismo non consiste solo nell’esercizio di più lingue, bensì nell’aggiunta di una nuova dimensione del sapere, atto a compensare ampiamente, nel tempo, le fatiche connesse al plurilinguismo. Vivere, lavorare e studiare con più lingue dispiega un orizzonte conoscitivo che favorisce senz’altro i giovani educati e formati in questo modo, offrendo loro un sicuro vantaggio nell’ambito delle nuove professioni. I nuovi profili professionali che a ritmo serrato sostituiscono le vecchie tipologie di lavoro con i loro profili di competenze, richiedono persone flessibili dalle molteplici capacità cognitive, caratteristiche che si rafforzano attraverso un plurilinguismo effettivamente vissuto. Un luogo della ricerca e della formazione innovativo, incentrato sulla gestione di complessi quadri di conoscenza, può conferire impulsi importanti a chi, nella Provincia Autonoma di Bolzano, occupa posti di responsabilità e che trova nella LUB un partner adatto per progetti comuni di lavoro e di lifelong learning. Il sistematico orientamento plurilingue rappresenta una specificità irrinunciabile della LUB. Riprendendo la visione storica bisogna ricordare i tre punti salienti che hanno accompagnato la scelta del plurilinguismo presso la LUB, scelta conforme al compito formativo della nostra Università. 1. Parallelamente alla tendenza crescente di internazionalizzazione delle Università europee la LUB ha il compito specifico di fungere da luogo di azione di una comunità accademica che agisce, apprende e comunica nelle lingue della Provincia Autonoma di Bolzano. Su questa base si aggiunge come ulteriore lingua l’inglese in una prospettiva ideale dove tutti i membri di questa comunità mirino a raggiungere e rafforzare le competenze passive nelle due lingue straniere e una competenza in continua crescita della propria prima lingua. La LUB è il più grande luogo di formazione per persone di madrelingua ladina. L’Università ha, pertanto, il compito importante di coltivare la lingua ladina, di consolidarla e di rafforzarla come lingua della comunicazione e della cultura. 2. Contrariamente alle aspettative, nell’ambito del trilinguismo “tedesco – italiano – inglese” bisogna


dedicare particolare enfasi alle prime lingue, tedesco e italiano. La cura e lo sviluppo di queste lingue è un tratto esplicito e un compito irrinunciabile della LUB. Soprattutto in un epoca di crescente predominio della lingua inglese nell’ambito delle scienze. È necessario aver cura che le nuove conoscenze vengano elaborate concettualmente e linguisticamente anche nelle lingue della provincia, italiano e tedesco. 3. Il plurilinguismo adoperato nell’ambito della ricerca di base e ricerca applicata nonché nell’insegnamento è altresì il presupposto per un interazione continuativa con la popolazione. La trasmissione del sapere, infatti, è parte fondamentale dei compiti dell’Università. Questo non porta soltanto ad un arricchimento degli utenti di simili processi di mediazione ma contestualmente anche ad un crescente consenso nei confronti dell’istituzione universitaria da parte della comunità locale. Bisogna tuttavia mettere in risalto alcuni ostacoli che si contrappongono al raggiungimento di questi fini e che meritano particolare attenzione. 1. La LUB si trova dinnanzi ad una importante tappa del proprio sviluppo. La fase di avvio era caratterizzata da una certa prammatica nella scelta delle Facoltà, le quali per il proprio consolidamento e per lo sviluppo delle rispettive peculiarità disciplinari hanno bisogno di ampi spazi. Nella successiva fase del consolidamento diventa urgente dare avvio ad uno sviluppo che realizzi il concetto di “Universitas” nel senso di un ateneo che sia più della somma delle sue Facoltà. In tale prospettiva bisogna integrare ai fini di un fruttuoso sviluppo complessivo, diverse, anzi spesso divergenti, tradizioni scientifiche. 2. Lo sviluppo delle lingue contemporanee è determinato in misura crescente da forze globali di trasmissione e controllo della conoscenza. Queste forze esercitano un’influenza crescente sugli usi linguistici e sull’apprendimento dei giovani. Il punto cardine non è tanto la nuova cultura della scrittura tramite sms, bensì il fenomeno più ampio che riguarda l’attenzione e la disponibilità all’apprendimento. La visione genuinamente europea che attribuisce alla responsabilità dell’uomo un peso determinante viene sostituita in misura crescente con l’attenzione

etero diretta da automatismi. Concetti nuovi quali il “profilo dell’attenzione” caratterizzano la ricerca in internet e, quale somma di atti comunicativi guidati, anche la stessa personalità della persona che esegue la ricerca. I singoli momenti della trasmissione del sapere, secondo questo nuovo paradigma, prendono avvio obbligatoriamente dalla superficie (ad es. la singola ricerca google) e richiedono uno sforzo aggiuntivo per staccarsi dalla superficie con le sue gratificazioni per intraprendere la via che porta all’approfondimento dei risultati. La via tradizionale che mira in linea di massima ad una comprensione approfondita, diventa di fatto una via ad ostacoli disseminata di offerte di grande attrattiva che rendono sempre meno accessibili le vie che conducono all’approfondimento. Questa generale inversione negli obiettivi dell’apprendimento e la marcata fissazione sui fenomeni di superficie può arrivare al punto che l’attenzione del soggetto – e critici attenti (Stiegler 2008) hanno già riconosciuto il pericolo – venga sostituita tout court dagli algoritmi della “Attention Profiling Markup Language”. Partendo da tali premesse il Senato sottolinea le seguenti strategie di massima. 1. Una stabile politica del plurilinguismo risulta irrinunciabile in vista della creazione del sapere in un mondo globalizzato nel quale nelle posizioni di responsabilità non si trovano affatto persone “globalizzate”, ovvero formate ed educate in modo unitario. Non si tratta solo del fatto che i docenti debbano essere plurilingui ma in prima istanza si tratta dell’orientamento scientifico dei contenuti da insegnare. L’insegnamento plurilingue trasmette il senso profondo del plurilinguismo, ovvero, l’abilità di partecipare ad una pluralità di mondi discorsivi. Bisogna elaborare e rafforzare il valore della “prospettiva multipla” della competenza scientifica assieme alla capacità di elaborare identità disciplinari professionali e scientifiche in un modo non esclusivo e non discriminatorio. 2. Gli studenti della LUB partecipano a questi obiettivi impegnandosi a utilizzare come fondamento per la loro formazione la cornice epistemologica del plurilinguismo. L’obiettivo di 109


corrispondere, al termine degli studi, a questi principi, può essere raggiunto solo mediante un percorso graduale e continuativo durante l’intero arco degli studi. Il plurilinguismo funzionale, nel senso di un educazione ancorata a più culture, richiede tempo e misure specifiche, al fine di promuovere in modo mirato un simile progetto. Nelle procedure di ammissione le facoltà seguono modelli formativi, come ad esempio nelle Facoltà di Scienze e tecnologie informatiche ed Economia, che risalgono alla fase costitutiva della LUB. Si mira ad un raggiungimento progressivo della competenza nelle tre lingue e ad un graduale approfondimento della complessità della materia di studio contraddistinto anche dalla questione linguistica. Il collaudato modello con il perno al secondo anno lascia un alta percentuale di flessibilità nella fase introduttiva, utilizzata per dare peso all’eccellenza accademica, quale qualificazione di ingresso. Si ricorda a tal proposito, che alcuni indirizzi di studio possono essere ragionevolmente intrapresi solo con ottime conoscenze di matematica. Questo modello della verifica differenziata delle competenze linguistiche si è dimostrato essere un eccellente filtro, grazie al quale non si escludono studenti altamente motivati, che sono in grado di colmare eventuali lacune linguistiche anche in itinere. Questa strada viene intrapresa anche da studenti altamente qualificati provenienti dall’estero, in particolar modo dai nuovi paesi aderenti all’Unione Europea, che vedono nella LUB la grande possibilità di una educazione accademica di respiro internazionale e la cui presenza alla nostra Università rappresenta un visibile e fruttuoso arricchimento della vita di ateneo. Attuazione: - Al momento dell’immatricolazione: test d’ingresso nelle tre lingue per tutti gli studenti della LUB. - Stipula di un patto formativo individuale con indicazione degli obiettivi da raggiungere gradualmente. - Inserimento nel patto formativo di tutte le ore di insegnamento linguistico, con particolare riferimento ai linguaggi scientifici comuni e alle lingue speciali, nonché di eventuali esercitazioni di lingua. 110

- Misure atte a favorire l’apprendimento linguistico in settori differenziati attraverso corsi offerti dal centro linguistico, dal centro di scrittura nonché misure di sostegno allo studio delle lingue attraverso piattaforme e-learning. - Prima di iscriversi agli esami – nella misura indicata dall’ordinamento degli studi – deve essere certificata una adeguata competenza nelle rispettive lingue. - Si raccomanda – alla fine del percorso degli studi – la verifica delle competenze linguistiche in uscita attraverso certificazioni internazionali. Le competenze linguistiche acquisite verranno inserite dettagliatamente nel diploma supplement. 3. Un elemento determinante nella messa in pratica del principio di cultura plurilingue è la formazione degli insegnanti, che rappresenta il fulcro nella mediazione tra le differenti identità nelle diverse fasce d’età. La formazione degli insegnanti presso la LUB offre l’opportunità di dimostrare a vasti strati della popolazione il valore che la conoscenza scientifica ha per la costituzione delle identità personali; per questo motivo è essenziale far partecipare la Scuola a questo progetto e di portare gli scolari a partecipare con entusiasmo a questo progetto in tutti gli ambiti della loro vita. I quesiti tecnici in merito alla formazione dei docenti possono servire a sviluppare, vivere nella prassi quotidiana e diffondere il concetto globale per l’ateneo. A questo livello si intende intensificare la collaborazione con le nostre università vicine, le quali possono partecipare a loro modo al nostro modello e al cui lavoro possiamo contribuire con le relative competenze di mediazione nei diversi ambiti scientifici.


Allegato 2 – Proposta dei rappresentanti degli studenti in carica, su aspettative e prospettive degli studenti della Libera Università di Bolzano. Secondo i principi contenuti nel profilo dell’università, i suoi principali stakeholder sono gli studenti. In base alle linee generali di sviluppo “professori e personale amministrativo devono assicurare che non rimanga nulla di intentato per migliorare continuamente le loro condizioni di studio”. È necessario, al tempo stesso, fare in modo che gli studenti non si sentano “clienti” dell’università, ma membri attivi ed impegnati della comunità universitaria. Quali membri attivi ed impegnati della comunità universitaria, gli studenti rappresentano una fonte essenziale di innovazione e sviluppo all’interno dell’ateneo, fornendo così un prezioso contributo per una assicurazione della qualità nella didattica e nell’amministrazione. Ciò avviene non solo grazie alla rappresentanza studentesca istituzionale garantita dallo Statuto ma anche attraverso l’impegno degli studenti all’interno delle associazioni e delle organizzazioni studentesche dell’università e nel territorio. Gli studenti contaminano, infatti, in modo attivo un gran numero di settori collegati in modo diretto o indiretto con i propri studi. Attraverso queste attività, permeano sia l’università sia il contesto locale in un modo molto particolare, contribuendo così anche ad un ulteriore collegamento dell’istituzione con il territorio. Queste forme di partecipazione costituiscono, inoltre, per ciascun studente un’occasione per accrescere le proprie competenze sociali nel senso di una ‘formazione’ a tutto tondo. Per configurarsi nel lungo periodo quale università sempre più di richiamo nei confronti delle future generazioni di studenti, è necessario valutare e migliorare sia gli attuali servizi offerti dall’università e dalla Provincia Autonoma di Bolzano, sia le possibilità di partecipazione studentesca già presenti (creandone possibilmente delle nuove). Proprio in questo processo di verifica il corpo studentesco sarà naturalmente chiamato a svolgere un ruolo attivo; i rappresentanti eletti ufficialmente e anche – dove sembrerà appropriato – tutti gli studenti che si mostrassero interessati ad una collaborazione, potranno prendere parte al processo alla pari. La Libera Università di Bolzano riconosce l’importanza dell’ateneo in quanto spazio vitale e di lavoro degli studenti e favorisce pertanto la crescita di varie attività

studentesche presso tutte e tre le sedi. Queste attività dei rappresentanti degli studenti e delle organizzazioni vanno quindi promosse maggiormente e supportate in modo sempre più attivo da parte dell’Università. Le indicazioni amministrative conseguenti dovranno andare nella direzione di una semplificazione e standardizzazione delle crescenti richieste legate allo studio. Il presupposto alla base di una vita studentesca efficace e autogestita è rappresentato dalla disponibilità di spazi piacevoli e facilmente accessibili, incluse le necessarie infrastrutture per uffici. Proprio per la sede di Brunico si dovrà sviluppare un piano per garantire fin da subito una buona base di partenza alle nuove iniziative. Il Servizio orientamento, inoltre, offre agli studenti un supporto attivo in entrata, in itinere e in uscita, tramite la messa a disposizione di informazioni, consulenze e supporto amministrativo nella ricerca di tirocini o di posti di lavoro. Attualmente le richieste dei nostri studenti nei confronti della Provincia Autonoma sono portate avanti dai due rappresentanti dell’Università all’interno della Consulta per il diritto allo studio. Anche in questo caso sono da sondare le possibilità di assegnare un ruolo più attivo ai rappresentanti degli studenti. La collaborazione già esistente con l’ASUS/SH (Associazione studenti/ esse universitari sudtirolesi – Südtiroler HochschülerInnenschaft), la quale possiede una pluriennale esperienza nelle questioni di politica universitaria, potrà essere perseguita ed anzi intensificata per quanto attiene alle richieste studentesche. Si potrebbero sfruttare così gli effetti sinergici nel rapporto con la Provincia in materia di borse di studio, di posti alloggio e di mense.

111


Libera Università di Bolzano - Piano di sviluppo