Issuu on Google+

pag 12 - Nuovo Chienti e Potenza

25 gennaio 2012

Università di Camerino

UNICAM: una Università sempre aperta al Mondo Tanti progetti per il 2012 L’Università di Camerino conferma ancora la sua forte caratterizzazione internazionale. Sono i numeri a parlare di ‘eccellenza’ per l’Ateneo: sono, infatti, il 6,4% del totale gli studenti stranieri iscritti ai numerosi corsi di laurea attivati da UNICAM, che si dimostrano attrattivi dunque anche fuori dai confini nazionali. Vincente, quindi, la strategia di attivare corsi di laurea e corsi di laurea magistrale in lingua inglese, e di condurre tutti i corsi di laurea magistrale, di area scientifica, in consorzio con altre prestigiose università europee, in modo tale da poter rilasciare l’ormai fondamentale ‘Double degree’, cioè il doppio titolo di studi. Numerose sono poi le iniziative intraprese dall’Ateneo volte a proseguire sulla strada della cooperazione internazionale, sia con l’est europeo - in questi giorni il Rettore UNICAM si è recato in Romania e a breve una delegazione UNICAM si recherà a Mosca - per concretizzare possibili collaborazioni, sia con i paesi dell’America Latina: i successi che il CUIA, il Consorzio Interuniversitario Italiano per l’Argentina di cui UNICAM è presidente nonché Ateneo capofila, sta ottenendo grazie all’enorme interesse per i bandi e le borse di studio messe a disposizione per progetti scientifici internazionali, su tematiche di stringente attualità quali ad esempio la geotermia, ne sono una concreta testimonianza.

‘UNICAM ritiene l’internazionalizzazione elemento fondamentale di crescita e sviluppo dell’Ateneo - dichiara il Rettore Corradini - ed a testimonianza di ciò, ha affidato questa fondamentale delega al Prorettore Pettinari, già da tempo impegnato con risultati straordinari nell’internazionalizzazione della didattica. Nell’ambito della cooperazione interuniversitaria internazionale, UNICAM ha recentemente ottenuto un finanziamento per ben due progetti sui trentuno progetti finanziati tra gli oltre novecento presentati. È stato poi lanciato uno spin off in Africa, in collaborazione con una università e aziende locali: si tratta di un’importante attività di vera cooperazione internazionale.’ Due quindi le strade seguite da UNICAM, da un lato ampliare la propria rete di contatti e collaborazioni internazionali, dall’altro, malgrado i fondi messi a disposizione delle Università italiane dal Ministero siano sempre più esigui, con notevoli sforzi aumentare le risorse destinate agli studenti per far sì che a tutti sia garantita l’opportunità di poter effettuare un periodo di studio all’estero, anche attraverso il progetto europeo LLP/Erasmus, il più conosciuto tra i progetti di mobilità internazionale per gli studenti universitari. La mobilità Erasmus ha riscontrato infatti un forte aumento. Il numero degli studenti UNICAM che svolgeranno un periodo di studio Erasmus all’estero in questo anno accademi-

co supererà le cento unità, in aumento del 10% rispetto allo scorso anno, mentre il numero complessivo di studenti Erasmus stranieri arrivati in città solo per il primo semestre è pari a 55 con una crescita percentuale rispetto allo scorso anno del 20%. Le attività sia di didattica che di ricerca, poi, non si fermano neanche per il periodo estivo: per il 2012 saranno intensificate le summer schools, con la prima edizione di EUCHEME (programma Intensivo di chimica organometallica e dei materiali) che vedrà la partecipazione a Camerino di un centinaio tra docenti, dottorandi e studenti da tutta Europa, mentre nell’ambito delle iniziative in collaborazione con l’Università di Macerata sarà realizzata una summer school su Ambiente e turismo. Soddisfatto il Pro Rettore Claudio Pettinari: ‘L’Università di Camerino ha scelto da tempo di aprirsi al mondo e di caratterizzarsi per un respiro internazionale, ma noi vogliamo intensificare quest’apertura con una serie di iniziative concrete, che stanno ottenendo i risultati sperati, facendo conoscere sempre di più le eccellenze di UNICAM e dando sempre maggiori opportunità di mobilità e di sviluppo di competenze sia agli studenti che ai ricercatori dell’Ateneo’.

www.unicam.it

Il CENTRO CAMBRIDGE UNICAM ricorda a tutti gli interessati che a breve scadranno le iscrizioni agli esami: FCE (First Certificate in English - B2) sessione del 10 marzo 2012 scadenza 30 gennaio CAE (Certificate in Advanced English - C1) sessione del 17 marzo 2012 scadenza 30 gennaio PET (Preliminary English Test - B1) sessione del 17 marzo 2012 scadenza 13 febbraio

www.unicam.it/centrocambridge


Nuovo Chienti e Potenza - pag 13

25 gennaio 2012

Università di Camerino

UNICAM e Musicultura ancora insieme

prossimamente

UNICAM www.unicam.it - sezione eventi 26 - 27 gennaio Porte Aperte in UNICAM web.unicam.it/porteaperte2012 31 gennaio L’equità nel diritto civile

Prosegue anche quest’anno con rinnovato entusiasmo il connubio tra l’Università di Camerino e Musicultura. Si è iniziato lo scorso 17 gennaio con la presentazione di Sciuscià Album 2011, che raccoglie le interviste agli ospiti e le cronache della XXII edizione del Festival a cura della redazione Sciuscià, composta dagli studenti degli atenei di Camerino e di Macerata. Nel corso dell’incontro, al quale ha partecipato anche il Rettore UNICAM Flavio Corradini, sono stati illustrati i nuovi orizzonti della collaborazione tra Musicultura e i due Atenei e presentate inedite clip video, raccolte nel corso degli anni, con protagonisti proprio gli studenti universitari. ‘Ho seguito Musicultura anche nelle edizioni precedenti - ha dichiarato il Rettore UNICAM prof. Flavio Corradini - ma questa per me è la prima nella veste di Rettore, quindi sono ancora più emozionato ed al tempo stesso soddisfatto. La musica rappresenta da sempre un momento di confronto, di aggregazione e di incontro tra culture, incontro che arricchisce ed unisce ed è giusto che gli studenti, il nostro futuro, siano presenti. Diventa quindi anche un elemento di internazionalizzazione, perché è anche grazie alla musica che la nostra cultura viene portata oltre confine. Le università poi di fatto sono anch’esse elementi di aggregazione culturale: UNICAM ad esempio ha più del 12% di studenti stranieri provenienti da tantissimi paesi del mondo, con un continuo scambio culturale. Ancora una volta i nostri studenti - ha proseguito il Rettore Corradini - hanno aderito numerosi ed entusiasti. Pur avendo una formazione prevalentemente scientifica, sono certo che come per le precedenti edizioni parteciperanno attivamente, si mostreranno attenti e curiosi, concentrandosi su testi, melodie ed interpretazioni. L’Università di Camerino - ha concluso il Rettore - è orgogliosa dunque di proseguire nel legare la propria immagine e nel sostenere, insieme all’Università di Macerata, il Musicultura Festival, manifestazione che attraverso il prestigio che riscuote non solo a livello nazionale, tiene alto il nome del nostro territorio e coniuga il binomio giovani e musica d’autore in maniera magistrale’. ‘Credo che le nostre due università facciano molto bene a sostenere Musicultura - ha dichiarato il Rettore Unimc prof. Luigi Lacchè

- perché è una manifestazione di straordinario interesse. I due Atenei credo debbano essere al fianco di quelle iniziative che partono dal nostro territorio, e che grazie al loro valore e qualità, riescono ad imporsi a livello nazionale, come ha fatto e sta facendo Musicultura. Musicultura consegna dunque all’Università di Camerino e all’Università di Macerata un impegno che poi non è altro che l’impegno che noi ci assumiamo nei confronti dei nostri studenti, che partecipano con grande entusiasmo e con grande efficacia. Sono sicuro che anche questo anno sarà pieno di soddisfazioni’. Per l’occasione a presenziare la conferenza anche una gradita ospite: Teresa De Sio, a testimoniare ancora con più forza quanto è stata vantaggiosa per entrambi l’interazione tra gli studenti dell’Università e il Festival. Alla De Sio i due Rettori hanno consegnato una targa per i suoi meriti artistici. A fine incontro la De Sio ha regalato anche una breve ed intensa performance live voce e chitarra ai presenti. ‘Chi va all’Università - ha dichiarato Teresa De Sio - è anche in quel momento della vita giusto per poter incominciare a scegliere in tutti i campi, anche in quello della musica e della cultura, essere consapevoli di quali sono le proprie passioni vere. La collaborazione tra Musicultura e le università è dunque importante, mi piace, mi interessa. Ritengo che sia encomiabile il lavoro che Musicultura ha fatto e farà con i giovani, nel far loro conoscere la musica ‘vera’, una musica che abbia dei contenuti, delle storie da raccontare, che abbia voglia di sperimentare, che sia legata alla modernità vera’. La musica dunque è emozione e anche i giovani sono ancora in grado di emozionarsi? ‘Spero davvero che gli ultimi venti anni - ha concluso la De Sio - non abbiano bruciato totalmente le connessioni con l’emotività, le connessioni con i desideri primari, e non con quelli imposti, falsi e che non si riesce a seguire. Dobbiamo essere umani, dobbiamo essere empatici, dobbiamo essere consapevoli, dobbiamo tenere sempre insieme amore e conoscenza: l’amore senza la conoscenza è un sentimento cieco, e la conoscenza senza l’amore è soltanto scienza, fredda’. Subito impegnati dunque anche gli studenti dei due atenei, che hanno iniziato il loro compito di giurati lo scorso 20 gennaio con le audizioni live al Teatro della Filarmonica di Macerata, che proseguiranno fino al 5 febbraio.

3 febbraio La viabilità marchigiana tra sviluppo e trasformazioni: l’antico tracciato della via romano-lauretana 5 febbraio Lady OM MMX2 - Una grande battaglia, 12 guerriere, una sola vincitrice ... La lotta al tumore al seno

Ufficio Stampa, Comunicazione, Attività ricreative e culturali UNICAM tel. 0737 402767- 402762 - fax 0737 402100 comunicazione.relazioniesterne@unicam.it www.unicam.info Unicam Ufficio Stampa twitter.com/UnicamUffStampa youtube.com/videounicam radio.unicam.it inserto a cura di UNICAM Ufficio Comunicazione Nucleo ideazione e realizzazione grafica


25 gennaio 2012 Chienti e Potenza