__MAIN_TEXT__

Page 8

DI RICCARDO CORRADINI

UADG - ULTIMI ABITANTI DI GIOVE CON “LARIS” IL COLLETTIVO SONORO INDAGA IL MONDO DELLA COMPOSIZIONE, EFFETTUANDO ESPERIMENTI DALL’ACUSTICO ALL’ELETTRONICO

Che a rendere l'Umbria una regione viva ed interessante, almeno dal punto di vista musicale, non siano solo i generi che vanno per la maggiore (rock, indie) è un dato di fatto. Ma trovare musicisti cosi preparati, con composizioni cosi curate, dà sempre una certa soddisfazione. UADG (Ultimi Abitanti di Giove) nascono nel 2010 e come si definiscono loro non sono un semplice gruppo, ma un laboratorio musicale di ricerca, sperimentazione e improvvisazione. L'attuale formazione è composta da Luca Burocchi (chitarra), Giorgio Panico (basso) e Claudio Trinoli (batteria). Hanno già pubblicato due album e oggi ci presentano “Laris”, ultimo lavoro, in cui hanno collaborato anche Cesare Vincenti (tromba), Umberto Ugoberti (tromba), Lorenzo Bisogno (sax tenore), Alberto Mommi (sax soprano) e Alessandro Schillaci (contrabbasso). La maturità raggiunta dalla formazione si percepisce chiara da come alternano le strutture articolate della composizione, i ritmi stortissimi degli arrangiamenti, a parti completamente improvvisate dalle atmosfere surreali, aperte e quasi eteree. PARLATECI DEL NUOVO ALBUM…

#8

“Il progetto Laris - dice Giorgio - racchiude tutto lo spirito artigiano e sperimentatore dei membri di UADG. Componenti e collaboratori si sono riuniti nello studio di registrazione Pitch Audio Research di Perugia per incidere i suoni catturati e plasmati nell’ultimo anno di ricerca. Ognuno dei musicisti si è prestato al servizio degli altri rimanendo al tempo stesso libero di esprimersi. Laris compie un’indagine nel mondo della composizione, effettuando esperimenti sonori che spaziano dall’acustico all’elettronico, passando dall’arrangiamento minuzioso fino ad arrivare alla libera interpretazione. I brani sono caratterizzati da una miscela di generi, che creano ritmi ricercati, timbri densi, e propongono delle combinazioni di elementi appartenenti alla musica popolare, al jazz, all’elettronica”. PERCHE AVETE SCELTO IL NOME “LARIS”?

“Il riferimento è alla tomba etrusca scoperta poco tempo fa nei pressi di Città della Pieve. All'interno dello scavo sono state trovate alcune tombe, tra le quali una intitolata per l'appunto a Laris. Abbiamo pensato che questo riferimento etrusco potesse caratterizzarci in maniera particolare viste le nostre origini umbre”.

Profile for Umbria Noise

UMBRIA NOISE N.43 (aprile 2016)  

musica / gruppi / concerti / pagine letterarie e molto altro della regione Umbria

UMBRIA NOISE N.43 (aprile 2016)  

musica / gruppi / concerti / pagine letterarie e molto altro della regione Umbria

Advertisement