Issuu on Google+

L Lee R Ro occcch hee A Allb bo orrn no ozziiaan nee ee llo oS Sttaatto oP Po on nttiiffiicciio o U Unn ppeerrccoorrssoo aattttrraavveerrssoo ll''iinncciissiioonnee ddeellll''880000 Gli scopi Il Progetto “Le Rocche Albornoziane e lo Stato Pontificio” ha l’ambizione di allargare ad una platea mondiale un patrimonio che seppur importante costituisce, nel contesto artistico culturale Italiano, una nicchia “lontana e inesplorata”. Lontana, per la collocazione temporale che riporta a metà del XIV° secolo, inesplorata perché nel panorama dei territori interessati tali opere hanno oggi un ruolo marginale, non esistendo un circuito che le colleghi tra di loro. Nelle città sede del progetto, una mostra itinerante di macchine per incisione e stampe dei secoli XVIII° e XIX° provenienti dall’Istituto Nazionale della Grafica di Roma fa da contraltare ad installazioni multimediali. Visite virtuali proiettano il visitatore nei luoghi e nelle atmosfere del 1300. Tra Cuenca, Avignone, Riga, Varsavia (luoghi che videro la presenza del Cardinale Albornoz o sorgere fortificazioni gemelle) e Bologna, Forlì, Cesena, Perugia, Roma ed i centri minori dalle Rocche Albornoziane si crea, così, un contatto atto ad accrescere la curiosità e l’interesse del fruitore. Pannelli touch-screen che in tempo reale permettono di prenotare viaggio, visita ed hotel. Speciali pacchetti per incentivare i tour, anche in bassa stagione, esaltando manifestazioni e folclore, così da incrementare presenze. Il Progetto intende coinvolgere amministrazioni, operatori turistici e commerciali, artigianato, enti ed associazioni, con un incremento sostanziale di turismo anche in borghi e località periferiche.

Attività formative e informative a. interventi informativi e pubblicitari Installazione di totem e materiale informativo multilingua, con la stampa di “card dedicata”, per offrire in qualsiasi momento un supporto sia nella visita, nella mostra della propria città, che attraverso il collegamento con i centri interessati; b. attività convegnistiche, seminariali ed espositive LLee R Roocccchhee A Allbboorrnnoozziiaannee ee lloo SSttaattoo PPoonnttiiffiicciioo U Unn ppeerrccoorrssoo aattttrraavveerrssoo ll''iinncciissiioonnee ddeellll''880000 sarà il filo conduttore del Progetto, alla mostra (l’incisione e l’applicazione multimediale) seguiranno convegni e seminari, attraverso le città di Cuenca, Avignone, Varsavia, Riga, Parigi e Roma;


c. apposite pubblicazioni è prevista la stampa del libro che porterà il nome del Progetto, con le ricerche storiche, artistiche, culturali che ne sono state il tema portante; d. materiale ad elevata quantità distributiva materiale da scaricare attraverso l’apposita card, mappe con percorsi e locations, depliants suddivisi per argomenti, tali da tenere sempre unito l’interesse per l’intero territorio; e. materiale di apprendimento ad alto contenuto di specificazione ed apprendimento il Progetto diviso in 20 tappe, tante quante le rocche, vede la pubblicazione di appositi volumetti che ne accompagnano ognuna, con informazioni di carattere storico, artistico, culturale, folcloristico ed informativo; f. pubblicazioni informative multicanale sito web e creazione di filmati “dedicati”(la rocca, i dintorni, il folclore); g. mailing e newslettering la rete di associazioni coinvolta costituisce comunicazione nei rispettivi Paesi interessati;

l’ossatura responsabile della

h.i.j.k.l. agenzie di stampa un ufficio stampa centrale che coordina articoli, interviste e conferenze stampa attraverso un calendario che seppur interessando le località per l’intero periodo coordina spostamenti, mostre ed eventi, attraverso il coinvolgimento di ambasciate, amministrazioni locali, imprese locali, operatori turistici.

Obiettivi Nel Progetto “Le Rocche Albornoziane e lo Stato Pontificio”, risulta centrale e inscindibile il ruolo dell’Unione Europea, con interessati Italia e Francia, Paesi fondatori da una parte e Spagna, Polonia, Lettonia, dall’altra, un simbolico passaggio del testimone dal “vecchio” al nuovo, unendo l’uno all’altro, nella storia che accomuna tutti e che dopo settecento anni ne vede la riunione dei popoli sotto un’unica bandiera. Le eredità culturali, religiose ed umanistiche, oltreché, elemento fondante della Costituzione Europea sono gli elementi ispiratori dell’iniziativa, per promuovere lo scambio e portare lavoro in Regioni e Paesi che nonostante la forte vocazione turistica sono stati lasciati fuori dai circuiti tradizionali.


L Lee R Ro occcch hee A Allb bo orrn no ozziiaan nee ee llo oS Sttaatto oP Po on nttiiffiicciio o U Unn ppeerrccoorrssoo aattttrraavveerrssoo ll''iinncciissiioonnee ddeellll''880000

PPaaeessii iinntteerreessssaattii aall PPrrooggeettttoo:: ------

IITTAALLIIAA FFRRAAN NCCIIAA SSPPAAG GN NAA PPO OLLO ON NIIAA LLEETTTTO ON NIIAA


Le Rocche Albornoziane 2