Page 1

N° 10 del 30/07/2013

Basilicata Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Effepielle - pag. 1


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

IL LAVORO CHE MANCA Il lavoro è vita. La vita a volte è anch’essa quasi

sempre un lavoro. Nel lavoro si identificano i valori più autentici dell’uomo. L’ aspetto più doloroso della crisi economica, è la mancanza di lavoro, che riguarda tutte le generazioni: dai giovani fino ad arrivare a quelli vicini alla pensione o che si trovano in casa integrazione o che hanno perso completamente il lavoro per i quali è precluso perfino l’ approdo alla pensione, viste le attuali rigide norme. Parlare di “lavoro” è oltremodo difficile e il rischio che si corre è quello di apparire demagogici o di scadere nei luoghi comuni, tuttavia, da sindacalista, che in qualche modo segue e si interessa dei problemi del mondo del lavoro, sento il dovere di fare una riflessione sul tema, pur non essendo, un economista o un tecniSegretario Organizzativo UIL FPL Giuseppe Cardone co della materia. Prescindendo da tutte le possibili valutazioni, da tutte le cause, da tutte le responsabilità che pure esistono e ci hanno condotto a questa situazione, non bisogna esimersi dall’ esprimere un proprio pensiero in merito. Credo che occorra partire da un punto fermo su cui tutti convengono e cioè che il lavoro non può essere inventato, non può scaturire da una formula, dalla buona volontà di qualche imprenditore o da finanziamenti dello stato, ma scaturisce dal mercato, dall’ incontro tra domanda ed offerta. Il lavoro e l’occupazione stabile, si instaurano mediante una equazione semplice dall’ incontro tra domanda ed offerta Tutti dicono che necessita il lavoro, che occorre dare risposte, che il governo deve fare in fretta a trovare soluzioni. E’ sbagliato far passare l’idea che il lavoro e quindi l’occupazione può essere creato per decreto o per legge. L’equazione semplice a cui facevo riferimento si esplicita come segue: il lavoro aumenta se viene incrementata la produzione, quest’ultima a sua volta aumenta solo attraverso una diffusa e generalizzata domanda dei beni e servizi. Tale processo è innescato solo dai cittadini che abbiano una disponibilità finanziaria e qualche sicurezza per il futuro, questo meccanismo virtuoso sarebbe necessario, indispensabile per uscire da una situazione di stagnazione o meglio di recessione. In Italia, la crisi si è manifestata in modo così drammatico perché sulla maggior parte dei cittadini

Effepielle - pag. 2


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

grava un peso fiscale elevato che tutti conosciamo, che colpisce soprattutto lavoratori dipendenti e pensionati, che pagano puntualmente ciò che devono. Urge, pertanto, avviare una nuova fase per poter uscire dallo stallo della recessione, incrementare il potere di acquisto, rinnovare i contratti di lavoro bloccati da anni, detassare il salario accessorio ed oneri relativi alla produzione ed al lavoro, indicizzare le pensioni che non aumentano di un centesimo, bloccate come sono da tempo. Sinceramente, non penso che elargire contributi una tantum alle imprese per incentivare economicamente l’occupazione possa essere utile, non si costruisce lavoro stabile ed occupazione con aiuti occasionali, che spesso non sono immediatamente disponibili ed usufruibili. In passato la Confindustria, il mondo imprenditoriale, quando bussava a soldi chiedendo contributi o sgravi fiscali al Governo, sistematicamente attaccava la Pubblica Amministrazione, per giustificare i loro eventuali proventi, indicando che gli sprechi erano da addebitare alla Pubblica Amministrazione, ma in questo difficile periodo tale prassi appare insensata, viste le grosse difficoltà che anche la Pubblica Amministrazione subisce al pari di tutti da diversi anni (vedi la Sanità, Vigili del Fuoco, Tribunali, Polizia, Esercito, Scuola, ecc.), pertanto, oggi qualcuno dovrebbe pur avere il coraggio di dire alle imprese che se continuassero a produrre in presenza di incentivi, acquistando materie prime, con i magazzini strapieni, senza aver venduto nulla o quasi dei beni prodotti, per la carenza di domanda, il risultato sarebbe un aggravamento dei problemi in modo ancora più serio compromettendo maggiormente una eventuale ripresa che allo stato attuale appare difficile, con il risultato che per l’impresa non ci sarebbero ricadute utili, ma avrebbe sostenuto ulteriori spese per acquisti di materie prime e spese per il personale senza alcun introito finanziario. Con tutte le buone intenzioni e le possibili iniezioni di fiducia, senza una auspicabile capacità di spesa dei cittadini italiani, credo che sarà difficile, in tempi brevi, un cambiamento, una inversione di tendenza dell’economia ed, in particolare, dell’aumento della produzione che potrà avvenire solo se la gente avrà più disponibilità a spendere, consumando i beni prodotti e svuotando i magazzini dalle giacenze. In questo contesto possono reggere solo le imprese che hanno un mercato estero, ma anche fuori dal nostro paese non mancano le difficoltà perché la congiuntura negativa coinvolge l’euro zona in particolare, ma anche tante altre nazioni nel mondo. Per i motivi descritti e per le misure, a mio avviso insufficienti, intraprese dal Governo Letta, mi rendono scettico, anche perché ritengo che gli annunci del governo non daranno gli esiti sperati. Mi auguro di sbagliare! La persone non spendono, non vanno in vacanza, non acquistano più case (spesso le rivendono perché gravate da mutui non sopportabili), non spendono soldi per cure sanitarie, ritirano i figli dalle università, vanno a fare la spesa nei discount, non acquistano più automobili, si tolgono la vita perché non riescono a far fronte agli impegni economici assunti, non comprano, o limitatamente, carne e pesce, si è tornati a fare il pane in casa, comprando solo la farina, ci si limita nel consumare energia per il riscaldamento, si usa l’auto solo in caso di necessità, moltissimi si rivolgono a centri di assistenza per ricevere aiuti alimentari o per avere un pasto giornaliero, si fittano

Effepielle - pag. 3


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

camere dell’appartamento in cui si vive ecc. ecc., tutto per tentare di sbarcare il lunario. Poi, qualcuno dovrebbe rispondere ai proclami esternati della Fornero, quando sosteneva che i suoi pensieri, le sue preoccupazioni erano per i giovani e per il loro futuro. Qual è stato il risultato? Quando, con l’aumento dell’età pensionabile si preclude al turn over del lavoro, facendo lavorare gente invecchiata e forse incapace per l’ età avanzata, che gli stessi datori di lavoro farebbero volentieri a meno, quali aspettative si possono avere? Perché, in presenza di difficoltà, non si parla di contratti di solidarietà, perché non si discute di una vecchia proposta di alcuni anni or sono, cioè della riduzione dell’orario di lavoro, per allargare la platea degli occupati anche con una riduzione salariale, perché non si pensa ad un eventuale tutoraggio con riduzione di salario di coloro i quali sono prossimi al pensionamento, permettendo l’ ingresso al lavoro di giovani mediante il cosiddetto “reddito di cittadinanza o assegno sociale o anche salario di ingresso”, che consentirebbe di acquisire la necessaria esperienza lavorativa prima e successivamente rimanere stabilmente al lavoro. Non si capisce, viste le condizioni, perché non si allenta le rigidità previste dal patto di stabilità degli enti pubblici, non si capisce perché anziché sperperare denaro non si incentivano le imprese che investono in innovazione e ricerca, non si capisce perché non viene considerato “il merito”, anche se tutti ne parlano, ma di cui nessuno tiene conto. Sono queste le preoccupazioni, questo è il quadro, questi sono i dubbi e le perplessità, ecco perché ritengo che le difficoltà perdureranno, anche perché, nonostante il gran parlare non si vedono drastici provvedimenti per la riduzione dei costi della politica, per la riduzione e lotta alla cattiva ed improduttiva spesa pubblica, una lotta seria all’evasione fiscale che dovrebbe prevedere una importante sanzione penale per trasgressori. E’ urgente intraprendere in modo serio, con meno chiacchiere e più fatti, la strada del rilancio del sistema economico con riforme strutturali. E’ urgente incominciare a considerare seriamente il lavoro precario, il lavoro nero, il lavoro mal pagato, senza diritti e senza tutele, il lavoro che non c’è , o che giovani e donne hanno addirittura smesso anche di cercare. Per chiudere, dopo quanto esposto forse si dovrebbe e bisognerebbe essere ottimisti, comunque ed a prescindere, ma allo stato è veramente difficile vedere, la luce in fondo al tunnel.

Il Segretario Regionale Organizzativo UIL – FPL di Basilicata Giuseppe Cardone

Effepielle - pag. 4


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Sanità.CGIL-CISL e UIL hanno incontrato il Ministro Lorenzin “Un segnale forte e tangibile sulla valorizzazione delle professioni sanitarie. E garanzie sul fronte della tenuta dei livelli essenziali di assistenza in tutto il Paese, per tutti i cittadini”. Queste le richiesta formulate da Rossana Dettori, Giovanni Faverin e Giovanni Torluccio – segretari generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl – all'incontro tenuto stamane con la Ministra della Salute Beatrice Lorenzin, che ha dato la propria disponibilità a proseguire il confronto su queste direttrici. All’incontro i sindacati hanno presentato l’agenda delle cosa da fare: “A partire dai contratti di lavoro, ma anche dalle Segretario Generale UIL FPL grandi incompiute: competenze, profili professionali, formaGiovanni Torluccio zione, precarietà. Temi che vanno affrontati in una prospettiva di riorganizzazione del sistema” hanno sottolineano i tre segretari, “in cui le professioni sanitarie siano il motore dell’innovazione dei servizi alla salute”. Sul tavolo le federazioni del pubblico impiego di Cgil Cisl e Uil hanno messo in primo luogo la necessità di rinnovare i contratti fermi al 2009, così come quella di portare a termine il percorso per l’implementazione delle competenze già concordato con il Ministero. Altro punto, il cantiere della medicina di territorio: “occorre ribaltare l’attuale paradigma assistenziale e porre al centro del sistema il cittadino, privilegiando la medicina d’iniziativa, la presa in carico delle persone e la continuità assistenziale. Per questo è indispensabile rafforzare i profili professionali di infermieri e operatori socio-sanitari” hanno rimarcato Fp-Cgil Cisl-Fp e Uil-Fpl. E poi c’è il problema dei carichi di lavoro e dei danni causati dal blocco del turn-over. Oltre allo sblocco delle assunzioni, i sindacati hanno chiesto “il superamento della precarietà nel lavoro sanitario, l'adeguamento della formazione universitaria, in cui c’è un cronico deficit di posti per nuovi studenti, il riconoscimento della norma sui lavori usuranti per alcuni ambiti professionali,un maggiore investimento nella formazione continua del personale in servizio”. Ma anche un intervento sugli sviluppi di carriera per i professionisti non medici “oggi mortificati e sbilanciati sul fronte gestionale”. Punti sui quali è necessario che il Ministero della salute giochi un ruolo attivo di indirizzo rispetto alle Regioni: “E’ necessario intervenire sulla riorganizzazione e sull’organizzazione del lavoro, uscendo dalla fase dei tagli lineari. Condivisione degli obiettivi, integrazione delle competenze, team multi-professionali. Solo così si possono migliorare i percorsi di cura e assistenza, rendendoli meno costosi, e valorizzare il grande patrimonio di professionalità al servizio del cittadino”.

Effepielle - pag. 5


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Con la demagogia e le fughe in avanti non si risolve la vertenza Don Uva La UILFPL segue con crescente preoccupazione lo stallo della vertenza Don UVA e ritiene assolutamente insoddisfacente l’andamento dell’incontro dell’ 11 luglio scorso presso il Dipartimento Regionale Sanità, ma le recenti, discutibili e antiunitarie prese di posizione rischiano di diventare parte e non la soluzione del problema (le divisioni sindacali, come è noto, indeboliscono i lavoratori e rafforzano l’azienda). Si può mettere in discussione unilateralmente, senza avere una strada alternativa, un accordo unitario sottoscritto pochi mesi fa al Ministero del Lavoro? Si può chiedere per il Don Uva la pubblicizzazione sapendo che il Consiglio Regionale è dimissionario e che una legge simile farebbe la fine del pagamento diretto delle Segretario Regionale UIL FPL Antonio Guglielmi mensilità ai lavoratori? Si può chiedere all’ASP di internalizzare il servizio senza mettere in conto un drammatico spacchettamento della struttura Don UVA con una conseguente ” deportazione” di pazienti e lavoratori anche a 100/150 km di distanza? Basta con la demagogia e con le prese in giro! La UIL FPL, invece, ritiene che la Regione Basilicata debba uscire dalla genericità del cosiddetto “fitto di ramo d’azienda” ed articolare una proposta credibile e giuridicamente sostenibile partendo da un confronto immediato ed urgente con il Giudice Pappalardo del Tribunale di Trani che, più dell’azienda Casa Divina Provvidenza, è in grado di aiutare a sbrogliare la matassa. Per la UILFPL, comunque, è fondamentale che la Regione nel sistema sanitario regionale ha garantito le risorse necessarie a copertura di tutti i servizi attestati alla CDP nel momento in cui ha espresso la chiara volontà di gestire autonomamente in Basilicata i servizi del Don UVA ed inserendo nel Concordato preventivo il “fitto di ramo d’azienda”. Si tratta adesso di ripiegarsi sulla formula migliore di gestione, sostenibile sul piano giuridico ( una Fondazione, una Società pubblico privato, un Consorzio ecc.), capace di assicurare l’unità e la continuità dei servizi e il mantenimento dei livelli occupazionali.

Effepielle - pag. 6


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Perciò smettiamola di ” tergiversare” o di giocare a chi ” la spara più grossa” e concentriamoci tutti su una proposta che abbia i piedi ben piantati per terra : solo cosὶ si può riempire di contenuti e dare prospettive certe alla costruzione del “fitto di ramo d’azienda” . Una volta raggiunto questo obiettivo l’impegno prioritario del sindacato deve essere quello di risolvere le tante criticità che i lavoratori vivono quotidianamente a causa di una precaria organizzazione dei turni di lavoro. Quanto alla mobilitazione, non ci risulta che questa sia mai stata revocata, né siamo contrari ad inasprirla. Basta però intendersi che l’unità sindacale anche con gli amici aderenti alle sigle autonome, è stato un valore importante e decisivo e che la protesta venga supportata dalla concretezza della proposta. Infine, la UIL FPL, a supporto delle proposte da presentare alle controparti, convocherà al più presto un’assemblea con tutti i lavoratori

Segretario Regionale UIL FPL Antonio Guglielmi

Effepielle - pag. 7


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

SITO INTERNET Cari amici, Dal 25 gennaio

è

in

rete

il

nostro

sito

www.uilfplbasilicata.it. Questa iniziativa è il frutto di un lungo lavoro del gruppo dirigente della nostra categoria che ha voluto offrire in particolare agli iscritti, ai simpatizzanti e ai lavoratori del P.I. uno strumento utile di informazione e di partecipazione. Sul sito, infatti, troverete tutte le iniziative, le novità normative e contrattuali, i commenti, ecc.., che riguardano la Sanità Pubblica e Privata, gli Enti Locali e il Terzo Settore. Inoltre, ci saranno sezioni tematiche riguardanti i servizi e i concorsi, la partenza del Fondo Perseo, l’Assicurazione Professionale gratuita per i nostri iscritti, Percorsi Formativi, Master Universitari la UIL Card e tanto altro. Anche attraverso il collegamento con i più importanti social network, sarà possibile partecipare direttamente alla vita dell’organizzazione e contribuire a migliorare la qualità delle nostre proposte politico – sindacali. Lieti di avervi sul nostro sito, che unitamente al giornalino pubblicato mensilmente, pensiamo aver creato strumenti utili e necessari per la comunicazione verso tutti i lavoratori della P.A. ed in paricolare per i nostri iscritti. Infine, pensiamo che l'impegno profuso renda orgogliosa questa categoria sindacale, unica, al momento a livello Regionale ad aver istituito un simile strumento di informazione. Cogliamo l’occasione per salutarvi ed augurarvi una buona visione. Il Responsabile Gerardo Sarli

Effepielle - pag. 8


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

DICHIARAZIONE DI ANTONIO GUGLIELMI SEGRETARIO REGIONALE UIL FPL BASILICATA Il disegno di legge Costituzionale che prevede l’abolizione delle Province, presentato dal Governo, presenta ancora tanta contraddizioni. La UIL FPL non intende sottrarsi ad un confronto di merito rispetto al riordino dei nostri assetti Istituzionali, ma ciò va inquadrato nella logica di garantire i servizi ai cittadini( e le Province ne garantiscono molti) e di salvaguardare tutti i livelli occupazionali. Perciò qualunque intervento sulle Province “Non dovrà restare, un mero ed isolato vagito ma deve configurarsi come un primo decisivo passo verso un vigoroso cammino di riforma che preveda anche il propositivo coinvolgimento delle parti sociali. Una battaglia, questa, leitmotiv del nostro Sindacato da tempo immemore, quando ancora eravamo una voce fuori dal coro e scritta in calce in molteplici documenti assembleari e congressuali. Per la UIL il riordino delle Istituzioni e dei Servizi all’insegna della sburocratizzazione, dell’efficienza, dell’efficacia e della modernizzazione, rappresenta un passaggio-chiave per lo sviluppo del nostro Paese. Da parte nostra, dunque il più determinato sostegno ed incoraggiamento a perseguire con celerità un’azione riformista di ampio respiro che contempli la rimozione di incrostazioni parassitarie ed onerose e l’aggressione agli innumerevoli costi inutili della politica.”

Effepielle - pag. 9


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Proroga dei contratti dei precari della Pa fino al 31.12.2013 Un piccolo primo passo è stato fatto con la riconversione del decreto che prevede la proroga dei contratti dei precari a tempo determinato fino al 31.12.2013. Ma non basta! Il Ministro si era impegnato a varare un testo di legge per avviare il processo di stabilizzazione, noi avevamo dato la nostra disponibilità a discuterne, ma a tutt’oggi non siamo stati convocati. Chiediamo di fare questo incontro al più presto. Altro tema da affrontare è quello dei contratti pubblici: bisogna ripristinare e riqualificare immediatamente la dinamica contrattuale pubblica, bloccata dal 2009. Con il blocco dei contratti i lavoratori pubblici hanno già contribuito a una riduzione molto forte della spesa pubblica: nel 2011 la spesa complessiva sostenuta dalla pubblica amministrazione per erogare le retribuzioni è diminuita di circa 17 miliardi, circa il 10% della spesa complessiva del monte salari. Il blocco di tutti i contratti, che raggiunge ormai i 4 anni, finora ha portato ad una perdita dell’8% del potere d’acquisto per i lavoratori, perché le retribuzioni non hanno recuperato né l’8,1% di aumento dei prezzi che si è registrato tra il 2010 e il 2012, né lo scarto tra l’inflazione programmata e quella reale che c’è stato nel biennio precedente. Non è più procrastinabile un confronto immediato con le organizzazioni sindacali perché solo attraverso la trattativa è possibile trovare soluzioni evitando di nascondersi dietro la mancanza di risorse: stiamo elaborando un dettagliato quadro degli sprechi eliminando i quali potranno essere individuate le risorse per finanziare il miglioramento dell’efficienza della pubblica amministrazione valorizzandone contemporaneamente i lavoratori.

Effepielle - pag. 10


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

DIRES 118: FP CGIL, FP CISL e UILFPL soddisfazione per accordo. Vertenza chiusa. Siamo soddisfatti per la chiusura dell’accordo sulla vicenda che riguardava il Riconoscimento economico e giuridico della qualifica di Operatore Tecnico Specializzato Cat. Bs, degli autisti del 118 dell’ASP, che furono assunti a tempo indeterminato con la qualifica di Operatore Tecnico Autista Categoria B, pur avendo sempre svolto le funzioni di autista riconducibili al profilo economico Bs. Grazie alla lunga trattativa avuta inizio diversi anni fa con i Vertici Aziendali dell’ASP che ha trovato la conclusione solo oggi, attraverso il confronto con la Direzione Territoriale del Lavoro, abbiamo siglato un accordo che ci permette di restituire fiducia ai lavoratori che dal lontano 2004 hanno sofferto un “demansionamento”.

Segretario Regionale Aggiunto Uil Fpl Raffaele Pisani

Siamo riusciti a tener fede agli impegni presi su questa complicata vicenda. La vertenza si e’ dunque chiusa in modo proficuo e l’ Azienda Sanitaria Locale ASP si e’ impegnata a riconoscere ai 58 Autisti, che rischiavano di essere collocati in esubero, il passaggio ad un livello economico superiore riconoscendo loro: 1.inquadramento nella categoria Bs dalla maturazione dei 5 anni di anzianità; 2.riconoscimento economico di due anni di anzianità dal mese in cui sono state prodotte le istanze, più ulteriori sei mesi di adeguamento per l’anno 2013, quindi per un totale di trenta mesi. Siamo perciò soddisfatti di aver contribuito all’esito positivo della vertenza che è stata apprezzata dai lavoratori.

Segretario Regionale Aggiunto Uil Fpl Raffaele Pisani

Effepielle - pag. 11


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Effepielle - pag. 12


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Regione: Delegazione trattante del 29/07/2013 Aria di smobilitazione, non solo per l’imminenza delle ferie estive, è quella che si è respirata ieri alla seduta della delegazione trattante della Regione Basilicata. La parte pubblica ha portato al tavolo scarne argomentazioni giustificate dalle inaspettate dimissioni del Presidente e dalla conseguente crisi politico-istituzionale che culminerà con le elezioni fissate per il prossimo mese di Novembre. Ci si aspettava che quantomeno sull’art. 16 fosse stata fatta una ricognizione dei capitoli di spesa indicati dalle OO.SS. ed avviato un piano di razionalizzazione che ipotizzasse quei sospirati risparmi da destinare al rimpinguamento del fondo. Invece abbiamo dovuto, ancora una volta, constatare che Segretario Aziendale Regione Basilicata l’Amministrazione non ha un progetto chiaro di razionaMario Lorenzino lizzazione della spesa, e ne tantomeno della riorganizzazione e razionalizzazione degli uffici che doveva essere quantomeno in avanzata fase di definizione anche, soprattutto, in funzione della programmata riduzione del numero degli assessorati. L’idea di una nave che naviga a vista abbandonata a se stessa e affidata, per non finire alla deriva, alla responsabilità e alla professionalità di quel personale tante volte criticato e bistrattato: questa è l’immagine che è emersa chiara ai partecipanti alla delegazione. Inoltre, il dirigente dell’Ufficio avv. Del Corso, nel suo intervento ha rimarcato come l’ancora elevato numero delle POC e i pensionamenti hanno anche quest’anno portato ad un’ulteriore riduzione del fondo (circa 300.000 euro). Da parte nostra possiamo aggiungere che se non dovessero intervenire economie per colmare il gap, ancora una volta, bisognerebbe spalmare sul personale l’ulteriore riduzione del salario accessorio. Di fronte a questo scenario desolante per far fronte, anche se parzialmente e nell’immediato, alla nuova situazione di riduzione del fondo è emersa una proposta di congelamento di parte della quota destinata allo straordinario (400.000 euro) proposta avversata in particolare dalla RSU del C.S.A. che ha lamentato la parzialità del taglio che invece, a parer suo, deve avvenire in proporzione su tutte le voci del fono e non solo su una. Sul terzo punto all’ o. d. g. , art 24 CCD 2012, piani triennali di razionalizzazione e riqualificazione della spesa, la parte pubblica pur riconoscendo il ritardo nell’attuazione degli impegni presi in sede di approvazione del contratto decentrato e cioè che entro il 31 dicembre 2012, l’Amministrazione doveva formulare gli indirizzi di competenza relativi alla redazione del Piano triennale di razionalizzazione e riqualificazione della spesa all’interno dei Dipartimenti della Regione Basili-

Effepielle - pag. 13


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

spesa mediante il per controllo e la razionalizzazione delle voci individuate in sede di contratto decentrato. Le comunicazioni del dirigente avv. Del Corso in merito alle P.O., non hanno fatto altro che avvalorare quanto da tempo andiamo sostenendo sulla necessità della riorganizzazione degli Uffici, la garanzia del sostegno economico per il solo anno in corso delle 220 POC e delle 17 PAP era nell’aria, ma il congelamento dell’assegnazione di POC vacanti e di quelle che si renderebbero libere nel corso dell’anno, rappresenta per il personale, che legittimamente aspira a raggiungere un obiettivo di carriera, un’ulteriore tegola ed una mortificazione che va ad aggiungersi alle molte già citate e che rende indispensabile un pressing asfissiante sulla guida politica di questa Regione che non può continuare a nascondersi e deve affrontare al più presto il problema riorganizzazione. In merito alla nota indirizzata al Dirigente Generale della Giunta Regionale dr. Nardozza e al Dirigente dell’Ufficio avv. Del Corso inoltrata dalla UIL in data 9/01/2013 per portare sul tavolo della “Delegazione Trattante” i problemi sollevati da più dipendenti e relativi alle progressioni orizzontali e verticali si è arrivati alle seguenti conclusioni. Per le progressioni orizzontali è possibile operare una selezione giuridica che presuppone, però, l’accantonamento dal Fondo 2013 delle relative somme per coprire il successivo scorrimento economico, quindi è necessario, anche in questo caso, capire l’entità economica dell’operazione. Più complessa si presenta lo scorrimento della graduatoria degli idonei all’ultimo concorso interno per la progressione verticale da C a D, poiché a parere della parte pubblica, la quota del 50% riservata agli interni a fronte dei concorsi esterni banditi ed in corso di espletamento è stata già assorbita. In quanto alla sentenza del Consiglio di Stato allegata a supporto della richiesta di scorrimento inoltrata dagli interessati, sempre a parere della parte pubblica, non è pertinente al caso poiché riferita ad un concorso per esterni all’Ente (ASP) mentre nel caso la selezione è prettamente interna. La UIL FPL invece ha sostenuto che la sentenza, per analogia, potesse essere applicata anche dalla Regione Basilicata anche per evitare disparità di trattamento rispetto alle precedenti selezioni. Per la parte pubblica invece, fermo restante, la possibilità di prorogare la graduatoria di che trattasi, la soluzione va trovata sulla base della futura riorganizzazione. Il Segretario Aziendale Regione Basilicata Mario Lorenzino

Effepielle - pag. 14


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

POLIZZA INTEGRATIVA COMPARTO AA.LL.

E PRO-

FESSIONI AMMINISTRATIVE DEL COMPARTO CONVENZIONE RESPONSABILITA’ CIVILE PATRIMONIALE “COLPA GRAVE” PERI I DIPENDENTI PUBBLICI ISCRITTI AL SINDACATO UIL FEDERAZIONE POTERI LOCALI. Cari amici e compagni, come stabilito nell’ultima riunione di Direzione Nazionale dell’ 11 luglio u.s. vi comunichiamo che abbiamo sottoscritto la convezione assicurativa integrativa riferita al comparto AA.LL. e alle professioni amministrative del comparto Sanità con la compagnia Innovazione Insurance Brokers. Come preannunciato la polizza ha un costo differente a seconda delle varie posizioni lavorative e della scelta del massimale tra € 1.000.000,00 o € 2.500.00,00, come da tabella allegata ed è valida per un anno intero. Per ulteriori informazioni rivolgersi al numero 0971/650496 Fraterni saluti.

Il Segretario Generale Regionale UIL FPL Antonio Guglielmi

Effepielle - pag. 15


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Effepielle - pag. 16


H

Dirigenti tecnici / Dirigenti Legali iscritti all'Albo Speciale / Alte professionalità

Quadro generale:

Consiglieri

Comuni:

Consiglieri

Province:

Consiglieri

Regioni:

Dirigenti Sanitari Medici e non Medici/ Personale Sanitario del Comparto

Ospedali:

Consorzio e Aziende Pubbliche

Dirigenti Sanitari Medici e non Medici/ Personale Sanitario Consiglieri del Comparto

ASL:

CATEGORIE ASSICURATE E COSTI

E 122,85

Costi di adesione massimale Euro 1.000.000

E 166,92

Costi di adesione massimale Euro 2.500.000

N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Effepielle - pag. 17


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Master Universitario di 2° livello in Direzione delle Aziende Sanitarie organizzato in convezione con la Facoltà di Giurisprudenza della Università di Siena, il Master si propone di formare manager in grado di orientare ed innovare la gestione delle aziende sanitarie e delle strutture socio-sanitarie, fornendo le competenze riferite alle logiche, alle metodologie e agli strumenti di direzione e governo aziendale. L'ammissione al Master Universitario di secondo livello è riservata ai soggetti in possesso di Diplomi di Laurea Specialistica, Magistrale o del vecchio ordinamento, affini al percorso formativo (Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economia, Medicina, ecc.).

Master e Corso Universitario per la Polizia Locale (IV edizione) organizzato in convezione con la Facoltà di Giurisprudenza della Università di Siena. II percorso formativo è congiunto ma l'ammissione al Master Universitario di primo livello è riservata ai soggetti in possesso del Diploma di Laurea.

Master Universitario per il Coordinamento delle Professioni Sanitarie (VII edizione) svolto in modalità telematica in convenzione con l'Università delle Scienze Umane "Niccolo Cusano" di Roma. Abilita alle funzioni di Coordinamento previste dall'art. 6 della Legge n.43 del 2006.

Master Universitario in Infermieristica Legale e Forense svolto in modalità telematica in convenzione con l'Università delle Scienze Umane "Niccolo Cusano" di Roma. Il master ha lo scopo di formare esperti in “Infermieristica forense”, fornendo competenze nei campi della medicina legale, della criminologia, della tutela e sicurezza dei dati sanitari, della responsabilità professionale e delle problematiche assicurative connesse, del risk management.

Master Universitario in Infermieristica Territoriale svolto in modalità telematica in convenzione con l'Università delle Scienze Umane "Niccolo Cusano" di Roma. Il Master ha lo scopo di formare un infermiere professionista in possesso delle competenze per gestire la continuità assistenziale tra le strutture ospedaliere e quelle territoriali, garantendo un’alta qualità nell’assistenza domiciliare o residenziale e una specifica attenzione ai bisogni della persona. Il Master è rivolto ai laureati in infermieristica ed ostetricia che vogliano specializzarsi per operare nell’ambito dei servizi sanitari territoriali.

ulteriori informazioni su www.opesformazione.it Effepielle - pag. 18


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

Elenco dei corsi prorogati al 31 dicembre 2013 Per Tutte le Professioni del Comparto: Valutazione del rischio stress lavoro-correlato, criteri e metodologie Accreditato con n. 267/27231 Crediti 4 Gruppo di lavoro, lavoro di gruppo: la gestione efficace del team sanitario Accreditato con n. 267/34377 Crediti 8 Empowerment, motivazione, coaching, analisi di clima. Parole che assumono significato e importanza in un équipe di lavoro Accreditato con n. 267/43565 Crediti 4 Valutazione dei rischi, in ottica di genere, in ambito sanitario Accreditato con n. 267/53299 Crediti 4 Corso inglese scientifico per le professioni saniterie Accreditato con n. 267/26409 Crediti 5 Professioni : Infermiere L'assistenza al paziente cardiopatico Accreditato con n. 267/26409 Crediti 5 Il case management infermieristico nella disabilità degli adulti Accreditato con n. 267/51805 Crediti 3 Un modello di case management per la gestione dello scompenso cardiaco in ambulatorio infermieristico territoriale Accreditato con n. 267/52947 Crediti 4 Manipolazione dei chemioterapici antiblastici Accreditato con n. 267/52975 Crediti 4 Professioni: Infermiere – Infermiere pediatrico – Ostetrica/o – Educatore professionale L’operatore socio-sanitario: profilo, responsabilità, ruolo all’interno dell’équipe assistenziale Accreditato con n. 267/37264 Crediti 6

Da lunedì 15 luglio sarà fruibile il corso Professione: Infermiere Ruolo e profilo funzionale del case management infermieristico

Effepielle - pag. 19


N° 10 del 30/07/2013

Basilicata

Anno Iº n. 1/2012 - INFORMARE FPL– mensile di informazione politico-sindacale

Redazione e Direzione: Piazza Gorizia, 1- Potenza - 85100 - Tel. 0971/650496- Fax 0971/51098- uilfplpotenza@email.it AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI ROMA-N.420/87 (GIA’ PROPOSTA FLASH) - Direttore Responsabile Sarli Gerardo

UIL CARD, LA CARTA CHE UNISCE SOLO RISPARMI E VANTAGGI ! I costi per la tenuta dei conti correnti,già da alcuni anni, sono diventati esosi, rappresentano quasi un lusso. Con l’ultima manovra, però, le norme antievasione per la tracciabilità dei pagamenti obbligano, di fatto, i cittadini all’apertura dei conti correnti. La UIL-FPL, con l’obiettivo di continuare ad offrire servizi ai propri iscritti, per dare risposta alle nuove esigenze agevolando il più possibile la loro vita, propone la possibilità di usufruire di una carta di credito ricaricabile, la UIL FPL Card, che senza costi e senza canone, funzione anche come conto corrente per importi fino a 10.000 euro. La UIL-FPL card, che fa parte del circuito MasterCard, oltre a consentire tutte le transazioni monetarie anche all’estero e on-line, permette di effettuare acquisti in più di 21.000 esercizi commerciali convenzionati presso i quali si può usufruire di sconti che vanno dal 5% al 25%. La quota di sconto viene direttamente ricaricata sulla carta e quindi “monetizzata”. Tra gli altri vantaggi della UIL-FPL Card, che è dotata di codice IBAN ed è regolata dalla normativa della Banca d’Italia, ricordiamo il servizio di SMS Alert (invio di sms per avvertire dell’utilizzo della carta in funzione anti-frode) e l’estratto conto su internet. Da gennaio 2012 l’iscritto UILFPL interessato a richiedere la Card deve sottoscrivere il contratto di adesione disponibile su sito internet www.uilfpl.net ed inviarlo a: UIL-FPL, Via di Tor Fiorenza, 3500199 Roma.

Effepielle - pag. 20

CHIERICHIEDILA SUBITOFRRRRRRDILA SUBITO

RICHIEDILA SUBITO sul sito www.uilfpl.net 1 COMPILA in tutte le sue parti il modulo richiesta carta 2 FIRMA il modulo di richiesta e il contratto di adesione 3 ALLEGA la fotocopia di un documento di riconoscimento (per i minorenni documento identità genitore o tutore legale) 4- SPEDISCI/CONSEGNA a UIL FEDERAZIONE POTERI LOCALI VIA DI TOR FIORENZA, 35 - 00199 ROMA 5- RICEVI la carta con le indicazioni per attivarla

+SICUREZZA - Ideale per acquisti on line - Servizio di SMS Alert e Contact Center dedicato - Dotata di Codice IBAN personale slegato da conto corrente - Saldo ed estratto conto su http://uilfplcard.qnfs.it

+LIBERTÀ - Utilizzabile in tutto il mondo perché è MasterCard - Senza conto corrente, senza spese di attivazione, senza canone - Prelievi di contante presso ogni sportello automatico - Saldo e trasferimenti fondi via SMS - Pedaggio dei percorsi autostradali

+ PRIVILEGI - Circuito TornaQUI! Sconti - Ricarica del cellulare - Pagamento delle Utenze

Effepielle 10  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you