Issuu on Google+

via Trento Trieste 149, Arezzo tel. 0575 26332 seguici su

in copertina

Stella Azzurra

L

e Giovanissime della Stella Azzurra si confermano senza alcun rivale. Dopo il titolo regionale conquistato la scorsa stagione, la società aretina di calcio femminile è riuscita nell’impresa di ripetersi ottenendo uno storico bis che la mantiene meritatamente sul tetto della Toscana. Le ragazze della Stella Azzurra hanno vinto il titolo domenica 16 febbraio con ben due giornate di anticipo, festeggiando dopo la vittoria nello scontro diretto in casa della seconda in classifica, il Lucca, con un 2-1 che ha permesso loro di ottenere un incolmabile distacco di 10 punti. Questo netto divario ha dimostrato la clamorosa superiorità tecnica e tattica delle calciatrici allenate da Paolo Acquisti che, chiamate a dar seguito al successo del 2013, sono state protagoniste di un campionato impeccabile in cui hanno vinto 14 continua a pag. 14

allarmi filo

via Umbro Casentinese 82, 52043 Castiglion Fiorentino tel. e fax 0575 658852 cell. 335 5218935 – 335 5218920 info@siaallarmi.it – www.siaallarmi.it

la tecnologia al tuo servizio

allarmi radio

antincendio

automazioni

videocitofono

videoregistrazione

citofono

telecamere

casseforti 7 marzo 2014

13


Le Giovanissime si laureano campionesse regionali per il secondo anno consecutivo

La Stella Azzurra sul tetto della Toscana [segue da pag. 13]

delle 16 partite giocate. A decidere la gara con il Lucca sono state le reti di Francesca Mazzini e di Francesca Carleschi, ma l’intera squadra ha dimostrato il proprio valore respingendo i disperati attacchi delle avversarie e blindando la vittoria. «Abbiamo il miglior vivaio femminile dell’intera regione – afferma il direttore sportivo Omar Neri. – Confermare il titolo dello scorso anno non era certamente facile, ma le nostre ragazze si sono superate e hanno ottenuto un risultato eccezionale dimostrandosi le più forti e meritandi Marco do questa splendida doppietta. Cavini Mi complimento con tutte le giocatrici, i tecnici, i dirigenti, i genitori e tutti coloro che hanno portato il loro contributo in questa splendida caROSA GIOVANISSIME valcata che ha issato la Stella Azzurra al vertice della Toscana». Bagnoli Dana Il successo è stato festeggiato Bardelli Agnese domenica 2 marzo in occasione Bertolino Nila dell’ultimo turno di campionato con Bigazzi Margherita la Virtus Juventus, la partita che ha Bracciali Lucia lanciato le ragazze della Stella AzBrogi Caterina zurra verso due nuove sfide. Nelle Carleschi Francesca prossime settimane scatterà infatti la Ciampelli Asia Coppa Toscana, trofeo che la socieDumbrava Giuliana tà aretina non ha mai vinto a livelFaffini Erica lo giovanile, poi sarà la volta della Falcone Elena fase nazionale che vedrà le ragazFalsini Nicla ze di Acquisti opposte alle vincitrici Lappoli Siria delle altre regioni. Nel 2013 la Stella Mazzini Francesca Azzurra conobbe l’onore di giocare Nappini Rachele (e pareggiare) con Inter e Bologna: Narducci Irene con la prova di forza dimostrata in Pesci Camilla campionato, le aretine potrebbero Prosperi Aurora ora sognare di vincere anche contro Rossi Giulia Nila Bertolino con Paolo Acquisti le migliori di tutta Italia. Russo Maria Osanna Santini Martina Secci Nina Serluca Ilenia Veraldi Margherita Visi Chiara

14

7 marzo 2014


D

i successo in successo, la Scuola Basket Arezzo si gode i grandi risultati di una squadra da promozione. Questa è l’Amen Collection Sba, la seconda formazione seniores della società aretina allestita all’inizio di questa stagione per partecipare al campionato regionale Promozione. Allenata da coach Luigi Beoni, l’Amen Sba finora è stata protagonista di un percorso esaltante in cui ha vinto 14 delle 15 gare disputate, assestandosi saldamente al primo posto della classifica e potendo così sognare una promozione diretta in D. Il segreto di questo positivo avvio di campionato è racchiuso in un roster di primissimo livello, composto da tanti giocatori con esperienze in categorie superiori e, soprattutto, da un bel mix tra esperienza e freschezza assicurato dalla presenza di atleti di tutte le età (le date di nascita oscillano tra il 1970 e il 1993). I ceScuola Basket Arezzo, la Promozione Amen 2013-2014 stisti dell’Amen Sba giocano insieme ormai da tempo perché negli ultimi anni avevano militato nel campionato di Promozione indossando i colori del Free Basket Arezzo. La scorsa stagione per loro fu un successo, con il terzo posto in campionato e il raggiungimento dei play-off in seguito a ben 18 vittorie consecutive, ma a settembre tutti questi giocatori sono rimasti senza squadra a causa della chiusura del Free Basket. La soluzione è dunque arrivata dalla Sba, società che non ha avuto remore ad accoglierli e a garantire loro l’opportunità di continuare a giocare e vincere. «Non siamo sorpresi di questo bell’avvio di campionaRoster Amen to – afferma il tecnico Beoni. – Il valore della squadra e Collection le sue potenzialità erano emerse già dalla scorsa stagioMichele Bonanni ne, dunque ora stiamo dando seguito a un percorso di Leonardo Castellucci crescita che potrebbe concludersi con la promozione Jacopo Fruganti in D. In questo senso è doveroso un ringraziamento alla Saverio Landi Sba e al presidente Mauro Castelli che ci hanno accolGiovanni Licastro to a braccia aperte e che ci hanno messo nelle migliori Lorenzo Martini condizioni per continuare a far bene». Luca Mattioli Il principale avversario nella lotta alla vittoria del Carlo Meniconi campionato è il Club Biancoverde Firenze, la squadra Nicola Nencioli al secondo posto in classifica che è già stata battuta Massimo Pasquini nel girone d’andata. Tenendo a debita distanza questo Alessio Polverini avversario, la Sba a fine anno potrebbe Gian Luca Primitivi festeggiare una nuova promozione e, Filippo Provenzal soprattutto, potrebbe ritrovarsi nell’inediJacopo Romi ta situazione di aver ben due squadre in Andrea Vannocchi Serie D.

L’Amen Collection Sba procede spedita verso la promozione La nuova squadra della Sba sta dominando il campionato di Promozione e punta alla Serie D

7 marzo 2014

15


Lions Hockey Arezzo: Giovanili dal sicuro avvenire Tra molte luci e qualche ombra, Paola Salvi ci racconta l’anno sportivo

S

iamo a metà del girone di ritorno e per le squadre giovanili del Lions Hockey Arezzo non è certo tempo di tirare il fiato, anzi, è il momento di raschiare il fondo del barile e mettere in campo e in allenamento le ultime energie rimaste per concludere al meglio la stagione e, perché no?, provare a giocarsi l’accesso alle finali nazionali. Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare, insomma. Ecco che, quindi, le squadre del settore giovanile tentano di mettere sul campo tutta la voglia e la determinazione che hanno per raggiungere risultati importanti: a parlarci del loro anno sportivo e di quello che potrebbe avvenire è Paola Salvi, presidente della società aretina. «Tutti i nostri ragazzi stanno mettendo il massimo dell’impegno per cogliere buoni risultati e per ben figurare in ambito regionale. Partendo dai più piccoli, gli Under 12, siamo molto soddisfatti del loro rendimento, poiché hanno mostrato notevoli miglioramenti e sono una vera squadra. Nonostante siano ancora piccoli giocano tutti insieme, senza egoismi, e sono ben amalgamati, con tre ragazzini che fanno la differenza, trascinano il gruppo e sono ben visti anche all’esterno della società. Loro sono il nostro futuro e il fiore all’occhiello del nostro vivaio».

16

7 marzo 2014

Sempre andando in ordine di età, Salvi poi parla degli Under 14: «Sono una squadra che negli scorsi anni ci ha regalato grosse soddisfazioni, quest’anno non è partita nella giusta maniera, a volte non giocando al proprio livello al quale ci aveva abituato. Adesso, dopo questo inizio stentato, si comincia a intravedere uno spiraglio di luce. In ogni caso, l’Under 14 è seconda in campionato e deve ancora giocare due partite con la prima della classe, quindi ha tutte le carte in regola per ambire al primo posto del girone e andare alle finali nazionali». Infine, la presidente dei Lions racconta la stagione degli Under 16, che si sta rivelando brillante e notevole: «Siamo molto contenti dei ragazzi che militano in questa categoria. Di giorno in giorno si notano continui progressi e miglioramenti, merito del duro lavoro che svolgono e della coesione del gruppo. Nel campionato regionale sono al secondo posto e si possono ancora giocare il primato, che all’inizio dell’attività sportiva di quest’anno sembrava un miraggio: sarebbe un giusto riconoscimento al loro sacrificio e alla loro dedizione, così come sarebbe un grande risultato per la società, che punta fortemente sulla valorizzazione dei giovani e sulle crescita delle loro qualità». Alessio Segantini


Una vita dedicata allo sport Aldo Bartalucci ci racconta in breve la sua vita: un viaggio sportivo fatto di passione e voglia di conoscersi

T

alvolta la passione per lo sport può durare una vita intera, muovendo l’uomo alla ricerca di nuove esperienze sempre con grande genuinità e voglia di conoscere se stessi. È il caso del panathleta Aldo Bartalucci, ex schermidore, hockeista (con esordio nei Lions Arezzo avvenuto nel 2000 all’età di sessantacinque anni) e sopratdi Omero Ortaggi tutto pattinatore. Il suo è stato un autentico viaggio nel mondo dello sport iniziato sin da ragazzo, in un’Arezzo che faticosamente stava rinascendo dalle macerie del dopoguerra e che ogni domenica si ritrovava all’Eden per vedere le esibizioni di pattinaggio. Esibizioni alle quali partecipava lo stesso Bartalucci, al tempo pattinatore dell’Accademia Eden Pattinaggio, con la quale ha vinto, all’età di sedici anni, il campionato toscano di pattinaggio artistico di coppia del 1951. «È tuttora emozionante il ricordo di quella competizione, che si tenne all’interno dello storico Assi Giglio Rosso di Firenze. Fu una vittoria ottenuta, insieme a Lina Giabbani, esclusivamente grazie alla voglia di emergere che ci ha aiutato nelle acrobazie di coppia». Poi, soli tre anni dopo, per Aldo Bartalucci arrivò il terzo posto nei Campionati italiani di Pattinaggio a Rotelle su Strada, svoltisi all’interno del leggendario Autodromo di Imola. La sua è stata una vita dedicata allo sport, una vita in eterno movimento che lo ha portato a legarsi al Panathlon di Arezzo guidato da Piero Ferruzzi: «Per me lo sport significa prima di tutto divertimento e benessere, ai quali può aggiungersi, in base alle capacità, l’agonismo nel quale è fondamentale ottenere risultati rimanendo lontano da qualsiasi tipo di “aiuto”. Proprio per questo, personalmente provo grande soddisfazione nel far parte di questa grande famiglia sportiva unita da grandi principi come la lealtà e il rispetto delle regole». La sua passione per lo sport lo ha portato a conoscere nuove discipline, muovendosi all’interno di esse sempre con grande passione e voglia di conoscere. Una passione e una curiosità che lo muovono tuttora all’età di settantanove anni: «Nel corso del tempo sono riuscito a trovare sempre il lato positivo nello sport, anche grazie a un fisico intatto tenuto in piedi da un’alimentazione sana. Tutta questa passione mi ha fatto viaggiare molto, fino a portarmi a fare il subacqueo, regalandomi un’esperienza, all’età di sessant’anni, a cinquanta metri di profondità». Perché praticare sport equivale a viaggiare. Viaggiare attraverso esperienze, ideali e valori da vivere e condividere con qualcuno, all’interno di un sentiero che talvolta può essere lungo una vita, come nel caso di Aldo Bartalucci.

7 marzo 2014

17


L’

Arci Pesca Fisa di Arezzo rinnova il proprio rapporto con i pesca-sportivi di tutta la provincia. L’associazione ha ufficialmente aperto il tesseramento per l’anno 2014 con la promessa di proporre ai suoi iscritti una vasta gamma di gare e di altre attività. Tra gli obiettivi primari dell’Arci Pesca Fisa c’è infatti la promozione sportiva, dunque è già stato strutturato un ricco calendario di iniziative che coinvolgeranno i pescasportivi a livello provinciale, regionale e nazionale. Tra gli appuntamenti più sentiti c’è

L’Arci Pesca Fisa apre il tesseramento 2014 L’associazione aretina proporrà ai propri associati un calendario ricco di appuntamenti

il campionato interprovinciale Arezzo-Siena che si svilupperà in una doppia gara di pesca in programma sull’Arno di Laterina e sull’Arbia, con una finale tra i migliori pescatori delle due province. La novità della stagione è la prima edizione del campionato provinciale di pesca con il feeder, cioè con l’utilizzo di pasturatori a fondo: questa specialità è sempre più diffusa tra gli appassionati di tutta Italia e dunque l’Arci Pesca Fisa ha intenzione di proporla anche ad Arezzo. Infine, per la prima volta in assoluto, una società della provincia parteciperà al campionato italiano di pesca a box: dopo aver vinto il titolo toscano, la Nuova Sps Terranuovese Colmic godrà della grande occasione di mettersi alla prova in una manifestazione nazionale. Oltre alle gare ufficiali, non mancheranno nemmeno tante iniziative rivolte a bambini e ragazzi per farli appassionare alla pesca e per permettere loro di conoscere l’ambiente ittico. Nel prossimo biennio, infine, l’Arci Pesca Fisa godrà dell’onore e dell’onere di gestire il campo di gara di Laterina, un impianto che l’associazione vuole valorizzare e mantenere vitale sfruttando l’impegno di tanti volontari per i servizi di manutenzione e di vigilanza. «Si profila un 2014 ricco di appuntamenti – spiega il presidente Alfredo Rondoni. – Il tesseramento rappresenta un importante momento per diventare più forti e per aggregare sempre più pescatori a cui rivolgere le nostre iniziative. Consapevoli delle difficoltà economiche vissute

18

7 marzo 2014

da molte famiglie, abbiamo deciso di ridurre al minimo la quota per il tesseramento per permettere a tutti i pesca-sportivi di continuare a mantenere viva la loro passione per questo sport». Per tesserarsi con l’Arci Pesca Fisa è possibile rivolgersi alla sede aretina in via Garibaldi 135, scrivere a arcipescafisaarezzo@gmail.com o chiamare il 335/63.63.847.


Il podio di febbraio

Un podio tutto al femminile capeggiato da Camilla Rossi

posto: Camilla Rossi Con il Circolo Schermistico Aretino o con la Nazionale italiana, per Camilla Rossi non ci sono differenze: il successo non manca mai. L’ultima medaglia della giovane promessa è arrivata a inizio febbraio dai Giochi del Mediterraneo di Chiavari, una manifestazione in cui Camilla ha vestito la maglia azzurra incrociando nella spada avversarie da tutta Europa. Dopo aver dominato ogni incontro del girone all’italiana, l’atleta aretina ha superato nei quarti di finale la monegasca Francesca Leuzzi e in semifinale la greca Theodora Molyvidou, arrendendosi solo in finale contro la francese Aliya Bayram e accontentandosi così di una comunque prestigiosa medaglia d’argento. posto: Letizia Marzenta e Anna Visibelli Il 2014 dell’atletica aretina inizia con il sorriso. Tra le protagoniste dei Campionati Italiani Promesse Indoor, in programma l’8 e il 9 febbraio ad Ancona, ci sono infatti anche Letizia Marzenta e Anna Visibelli, saltatrici aretine in forza all’Atletica Firenze Marathon che sono riuscite a conquistare due splendidi argenti. Marzenta nel salto con l’asta è infatti volata fino a 3,85 metri piazzandosi seconda alle spalle di Sonia Malavisi, mentre Visibelli nel salto in lungo è arrivata a 6,19 venendo preceduta solo dalla fuoriclasse dell’Aeronautica Militare Dariya Derkach. posto: Stella Azzurra Le Giovanissime della Stella Azzurra festeggiano il secondo titolo regionale consecutivo. La vittoria per 2-1 sul Lucca, ottenuta lo scorso 16 febbraio, ha infatti assicurato alle ragazze di mister Paolo Acquisti la matematica vittoria del campionato toscano di calcio femminile con ben due giornate d’anticipo. Marco Cavini

Letizia Marzenta

Anna Visibelli (prima a dx)

7 marzo 2014

19


Nove titoli regionali per i Master della Chimera Nuoto

I

Master della Chimera Nuoto fanno festa ai Campionati Regionali Toscani di Colle Val d’Elsa. La manifestazione era riservata agli agonisti con più di 25 anni d’età e ha visto gareggiare 805 nuotatori in rappresentanza di 51 società di tutta la regione, con i 17 atleti aretini che si sono dimostrati eccezionalmente competitivi centrando numerose medaglie e registrando uno storico record per la Chimera Nuoto. I 9 titoli toscani, uniti ai 4 argenti e ai 3 bronzi, rappresentano infatti il miglior risultato mai ottenuto a un campionato regionale dai Master della società aretina. «Siamo stati protagonisti di una prestazione esaltante – affermano i tecnici Marco Licastro e Marco Magara. – Nel 2013 abbiamo partecipato a questa manifestazione con 7 atleti e abbiamo centrato 2 ori, dunque in un solo anno di lavoro e allenamenti siamo riusciti a ottenere una straordinaria crescita, arrivando a gareggiare con ben 17 nuotatori e a conquistare 9 titoli regionali». Tra gli atleti in gara hanno spiccato le prestazioni di quattro nuotatori che, nelle varie categorie, hanno conquistato un doppio oro a testa: Carlo D’Ippolito si è imposto nei 400 e nei 1500 Stile Libero Master 65, Giulia Fucini nei 50 e nei 100 Stile Libero Master 25, Stefania Roncolini nei 50 e nei 100 Dorso Master 25, e Riccardo Rossi nei 200 e nei 1500 Stile Libero Master 25. L’ultimo titolo regionale porta la firma di Idalgo Baldi che è arrivato primo nei 100 Rana Master 25, arricchendo poi il proprio palmarés personale con un secondo posto nei 50 Rana. Gli altri argenti sono arrivati con Alessandra Bosi nei 100 Rana Master 25 e con Giovanni Romanini nei 200 Rana Master 45, mentre Enrico Polendoni ha messo a segno una bella doppietta salendo sul secondo gradino del podio negli 800 Stile Libero e nei 400 Misti Master 25. A chiudere la carrellata di medaglie sono i bronzi di Giorgio Croce nei 1500 Stile Libero Master 25, di Chiara Fucini nei 100 Stile Libero Under 25 e di Mirko Micheli nei 100 Rana Master 35, mentre a completare la squadra della Chimera Nuoto presente alla gara c’erano anche Benedetta Caneschi, Ruggero Carboni, Francesco Cortonesi, Riccardo Pela e Nicola Stanganini. «Il prossimo obiettivo sono i Campionati Italiani – aggiungono Licastro e Magara. – Dopo questa bella affermazione in Toscana, continueremo a lavorare con impegno e costanza per conquistare qualche nuova medaglia anche a livello nazionale e, soprattutto, per aumentare sempre di più il numero dei nostri Master».

Carlo D’Ippolito e Riccardo Rossi

20

7 marzo 2014

Chimera Nuoto, il Gruppo dei Master


Arezzo Sport 183