Page 1

Petrarca Pallamano

in copertina

S

e il futuro di una società risiede nel suo bacino delle giovanili, la Petrarca Pallamano può guardare con serenità all’orizzonte. La vita brulica nel fitto sottobosco di sport che cresce silenzioso ma inesorabile nel tessuto cittadino aretino. La pallamano ne è una rigogliosa primizia, non solo a livello quantitativo (un trend positivo di iscrizioni costante) ma anche sotto il lato qualitativo. I risultati, infatti, parlano chiaro: Under 14 femminile (per la terza volta consecutiva) e Under 12 maschile, campioni di Toscana. È Ruben Romualdi, indefesso e appassionato allenatore dell’Under 14 femminile, a raccontarci questa incredibile stagione: «Io curo il gruppo da quattro anni, quando queste ragazzine facevano la quarta elementare. Ho iniziato con loro un esperimento su un gruppo al fine di renderlo unito e stabile nel tempo». Da continua a pag. 14

CAMPO D’ARTE

a

Spazio Seme

per bambini dai 5 ai 12 anni

disegno creativo, teatro, voce e canto, movimento, gioco, danza e improvvisazione, letture animate, capoeira 1° turno: DAL 10 AL 14 GIUGNO www.spazioseme.com 2° turno: DAL 17 AL 21 GIUGNO info@spazioseme.com 3° turno: DAL 24 AL 28 GIUGNO 320 0340334 (Francesca) 7 giugno 2012

13


I piccoli-grandi atleti della Petrarca Pallamano di Giacomo conquistano la Toscana

Belli

In giovanili veritas

[segue da pag. 13]

piccole atlete “grezze”, il lavoro di Ruben, puntando sul divertimento e su allenamenti gradualmente più intensi, ha portato subito grandi risultati in casa Petrarca tanto da subire una sola sconfitta in tre anni: «Una volta creato il gruppo Under 12, due anni fa, abbiamo subito vinto il campionato regionale accedendo alle finali nazionali a Nizza». Una piccola società con poche risorse, con un settore giovanile comunque limitato rispetto ad altri movimenti sportivi italiani, figurava al vertice di tale disciplina. «Quest’anno abbiamo vinto nuovamente il campionato toscano – prosegue Ruben – e dal 7 al 12 luglio avremo accesso alle fasi nazionali che si disputeranno a Misano. Sarà bello provarci ancora e rendere nuovamente Arezzo grande». La strapotenza della pallamano femminile a livello regionale è stata ribadita nuovamente nel torneo svoltosi a Prato pochi giorni fa, dove le nostre ragazze non hanno trovato ostacoli. «Quello che le rende competitive è l’aver capito l’importanza di perseguire e raggiungere alcuni obiettivi: l’intensità negli allenamenti, l’agonismo sportivo, il divertimento in un ambiente dinamico e leale». A questo punto, lo scopo per Ruben e la sua micidiale truppa è giocarsela ai campionati italiani e riappropriarsi del titolo regionale con l’Under 16 la prossima stagione. Merita un elogio anche l’Under 12 maschile, guidato dall’esperto Saadi Abderrahaman, che ha sbaragliato la concorrenza con una supremazia totale, testimoniata dai fregi di miglior difesa del campionato e di attacco più prolifico. Un gruppo che promette già grandi cose anche in futuro. A causa delle limitate risorse e della componente di perdita di atleti (legata a retaggi culturali difficilmente incrinabili) che va a ingrossare le fila di calciatori o pallavoliste, i progetti rimangono purtroppo limitati: «Mi piacerebbe che nel femminile la squadra rimanesse compatta, per ambire magari alla Serie A». Ma di pallamano non si mangia e sotto chiari di luna come questi, la vittoria di un campionato toscano rappresenta più di un atto titanico. La pallamano rimane, almeno per adesso, un orgoglio aretino sepolto sotto un mare d’indifferenza. Ma la perseveranza e la passione dimostrate dall’intero ambiente, mantengono in vita un sogno che avrebbe le potenzialità di diventare ancor più grande. Un’occasione di arricchimento per Arezzo, per noi tutti. Basterebbe poco.

Spedizioni in tutto il mondo!

via Guadagnoli 37 0575/302676 14

7 giugno 2013


Atletica Sestini una fucina di giovani speranze di Alessio Segantini

S

e “il buon giorno si vede dal mattino”, come dice il vecchio detto popolare, questa può essere un’ottima annata dal punto di vista agonistico per l’Atletica Sestini. Nella prima parte di stagione, infatti, molti giovani atleti hanno ottenuto buoni risultati e soprattutto si sono migliorati nei loro record personali, e hanno così dimostrato di essere cresciuti tecnicamente e che il lavoro, alla fine, paga sempre. Abbiamo parlato di questi atleti in ascesa con Stefano Del Mastro, il presidente dell’Asd Atletica Sestini. «La stagione sportiva sta procedendo molto bene – spiega Del Mastro. – Abbiamo ottenuto dei buoni risultati con vari atleti del settore giovanile, ma mi preme dire che tanti giovani stanno migliorando di gran lunga i loro record personali e questo ci fa ben sperare in vista del futuro, sia quello più imminente sia nel lungo periodo». Inizia così Del Mastro, parlando di quello che è l’aspetto più importante a livello societario: la crescita qualitativa del settore giovanile che, ovviamente, si riscontra nelle prestazioni nelle varie gare. «Ad esempio – continua, – Niccolò Ghinassi si è confermato su buoni livelli, vincendo i campionati studenteschi regionali di mezzofondo e realizzando un ottimo tempo a livello nazionale nella sua categoria, migliorando tutti i suoi precedenti tempi. Su di lui, adesso, ci sono diverse aspettative per quello che riuscirà a fare nei prossimi campionati provinciali. Nella categoria Ragazze, invece, Alessia Marzielli è riuscita a ottenere due ottimi quinti posti a livello regionale, sia indoor sia campestre, e ha fatto segnare il nuovo record della società. Altro giovane che potrà far parlare di sé è Gabriele Storri, che in una corsa di marcia a Firenze a livello Ragazzi, è arrivato sesto stabilendo il suo record personale e che continua, giorno dopo giorno, a migliorare». Oltre a questi giovani atleti ce ne sono altri che hanno iniziato da poco e hanno già fatto intravedere qualcosa di positivo. In più, tra gli adulti, c’è da segnalare il risultato di Roberta Lachi, vincitrice della gara del Boscatello, e quello di Emanuela Martinelli, quarta alla Scalata al Castello. Tutti risultati che generano ottimismo e danno ancor più carica e motivazione agli atleti per migliorarsi e ottenere buoni risultati. Già a partire dalla seconda parte della stagione.

7 giugno 2012

15


T

re atleti dell’Arezzo Karate vanno alla ricerca di gloria in Montenegro. Ilaria Badalotti, Marco Mencattini e Filippo Oretti sono stati convocati per difendere i colori della Toscana al Campionato Europeo per Regioni, un’importante manifestazione dedicata alle rappresentative regionali di tutto il continente. L’appuntamento è per sabato 8 e domenica 9 giugno nella città montenegrina di Herceg Novi, con la Toscana che, guidata dal maestro dell’Arezzo Karate Enrico Pelo, si incontrerà sul tatami con la crema del ka-

L’Arezzo Karate in partenza per gli Europei in Montenegro Badalotti, Mencattini e Oretti sono stati convocati dalla Toscana per i Campionati Europei per Regioni rate europeo. I toscani hanno guadagnato l’accesso agli Europei dopo i bei risultati ottenuti ai Campionati Italiani per Regioni, tra cui ci sono anche l’oro vinto nei 59 kg Cadetti da Badalotti e il bronzo nei 83 kg Senior di Oretti, due atleti che, nelle stesse categorie, proveranno a ripetersi anche in Montenegro. L’ultimo portabandiera dell’Arezzo Karate sarà Mencattini, convocato per combattere nei 90 kg del Kumite Senior, ma nella delegazione regionale saranno presenti anche Enzo Bertocci, aretino presidente del Comitato toscano di karate, e il maestro Loriano Martini, tecnico di Kata. «Per la Toscana si tratta di un appuntamento storico – spiega Alessandro Balestrini, direttore tecnico dell’Arezzo Karate. – La nostra regione è mossa da grande ottimismo perché il maestro Pelo ha svolto un ottimo lavoro ed è riuscito ad allestire squadre molto forti le quali, soprattutto a livello giovanile, hanno le carte in regola per ambire a qualche medaglia. Come Arezzo Karate siamo orgogliosi di contribuire alla spedizione toscana con tanti tecnici e con tre dei nostri migliori atleti, ennesima dimostrazione del valore e del prestigio riconosciuto alla nostra società». La partecipazione agli Europei rappresenta per la Toscana un motivo di vanto e testimonia la crescita sportiva di una regione che, rinvigorita dalle cure del maestro Pelo, si è portata ai vertici del karate italiano. Negli ultimi mesi la rappresentativa toscana, reduce da un bel bronzo conquistato lo scorso anno in Russia dalla squadra maschile giovanile di Kumite, si è allenata intensamente con l’obiettivo di far festa anche in Montenegro, al cospetto di tutte le regioni d’Europa.

Presentaci questo coupon, avrai il 10% di sconto sulla toelettatura

Fiorentina 20/22, accanto Hotel Minerva info@happydogarezzo.com - 388 9569160

via

16

7 giugno 2013


Il podio di maggio

Michela Pezzetti, dall’Arezzo Karate al titolo europeo

posto: Michela Pezzetti – Arezzo Karate Michela Pezzetti è campionessa d’Europa. L’atleta, tesserata per l’Arezzo Karate, ha conquistato il prestigioso titolo ai Campionati Europei di karate, in programma dal 9 al 12 maggio a Budapest (Ungheria), riuscendo a centrare uno storico oro con la nazionale italiana di Kata (Forma). La Pezzetti, in squadra con Sara Battaglia e Viviana Bottaro, ha vinto la finalissima contro la Germania con un 5-0 che ha permesso all’Italia di tornare sul tetto d’Europa dopo un’assenza di 16 anni. posto: Camilla Rossi – Circolo Schermistico Aretino Camilla Rossi vince il titolo italiano di Fioretto nella categoria Ragazze. L’atleta del Circolo Schermistico Aretino ha gareggiato a Riccione dal 1° al 7 maggio ed è stata protagonista di un torneo perfetto, concluso con la vittoria per 12-6 contro la torinese Lara Bertola. A suggellare il gran momento del circolo di piazza San Giusto è arrivato il 26 maggio il bronzo alla Coppa delle Regioni di Navacchio (PI), una manifestazione in cui la Toscana, guidata dall’aretino Alessandro Nespoli, ha conquistato il terzo posto assoluto anche grazie alle belle prove di Camilla Rossi e Gaia Pieri nel Fioretto e di Leonardo Cavini nella Spada. posto: Judo Ok Arezzo Maggio è stato un mese particolarmente positivo per gli atleti del Judo Ok Arezzo. Le prime gioie della società aretina arrivano con Francesco Marignani, vincitore di un bell’argento ai Campionati Italiani Universitari di Cassino (FR); l’atleta, classe 1991, è stato protagonista di un cavalcata impeccabile in cui si è arreso solo in finale contro Fabio Miranda, judoka della Nazionale italiana. Un’altra medaglia arriva con Silvia Cacchiani e Laura Pecorai le quali, difendendo i colori della rappresentativa toscana, hanno conquistato il bronzo al Torneo delle Regioni di Kata (Forma), mentre ad arricchire la festa dell’Ok Arezzo ha contribuito anche la cintura nera assegnata a Irene Dell’Uomo. Marco Cavini

Michela Pezzetti (prima a dx)

7 giugno 2012

17


L’articolo è stato scritto prima che Mezzanotti venisse ufficializzato: riportiamo a pie’ di pagina anche il comunicato dell’Arezzo Calcio

Arezzo, il nuovo allenatore è Mezzanotti

I

n questa pazza primavera, più simile all’autunno, di margherite ne sono fiorite poche. Dev’essere per questo che, non potendo sfogliarne i petali per decidere il prossimo allenatore, la dirigenza amaranto ci lascia ancora con il fiato sospeso, avvolgendo di mistero l’identità del successore di Federico Nofri. Di nomi ne circolano molti, forse troppi, e chissà se sono buttati là per confondere le idee, oppure davvero il nuovo trainer sarà uno di quelli compresi nel listone che circola e che comprende i vari Battistini, Beoni, Mezzanotti, Mariani e via continuando. Paragonato a essi, il tecnico uscente non ha sicuramente credenziali peggiori e, per questo, rimane sempre più misteriosa, per non dire incomprensibile, la scelta di non volerlo riconfermare alla guida dell’Arezzo. Questione di mercato? Nofri avrebbe infatti espresso la volontà di seguire in prima persona la formazione della rosa e non è detto che la cosa abbia convinto la dirigenza, nonostante le dichiarazioni di facciata. «Il mercato lo farà Nofri», insomma, ma probabilmente altrove, di sicuro non ad Arezzo. Tra i nomi dell’ultim’ora, è spuntato anche quello del reatino Gabriele Baldassarri, ex collaboratore di Cavasin e Brini, con brevi esperienze come team principal alla Ternana e Fano, conclusasi quest’ultimo, con l’esonero a favore di Zeman, non il padre, però, bensì il figlio Karel. Insomma, in questi giorni è tutto un susseguirsi di dichiarazioni e smentite, che vanno dal “l’allenatore è stato scelto” al “deciderà il Presidente con calma”. Credendo alla bonafede di chi le fa, rimane il dubbio che le idee siano poche e quantomeno Mezzanotti nuovo allenatore amaranto [05/06/2013] La società U.S. Arezzo è lieta di poter ufficializzare l’allenatore che guiderà la squadra amaranto nella stagione 2013/14. La Dirigenza, nella giornata odierna, ha trovato l’intesa con Davide Mezzanotti. Il neo-mister amaranto, nato il 28 febbraio 1971 a Sansepolcro, ha vestito da giocatore la maglia dell’Arezzo nella stagione 2007-08, totalizzando 19 presenze e mettendo a segno una rete contro la Sangiovannese. Mezzanotti ha intrapreso la sua carriera da al-

18

7 giugno 2013

poco chiare. Oppure ci sbagliamo ed è tutta pre-tattica. A questo punto, pur comprendendo che possano esserci dei momenti di riflessioni, l’appello che ci sentiamo di rivolgere alla società e di Luca al presidente Ferretti in primis, è quello di uscire allo scoperto e dire, con chiarez- Stanganini za, cosa si vuole e non si vuole fare, e soprattutto con chi. Noi aretini siamo gente che con il calcio negli ultimi anni ne abbiamo viste di tutte, passando dalle sfide-salvezza con la Juventus a quelle contro la Pontevecchio, attraverso un viavai di presidenti, allenatori, direttori sportivi e calciatori che ci ha reso abbastanza scettici, per non dire peggio. Per cui, sapere di andare in ritiro a Norcia senza conoscere chi salirà sul pullman non è il massimo per chi un po’ di entusiasmo se lo deve far venire. Siamo pur sempre in quarta serie e, fatto salvo lo zoccolo duro di tifosi che seguirebbe l’Arezzo anche a Capo Nord, il resto della città va riavvicinato. Ma succede ad Arezzo come ovunque, solo che qua da noi la gente è scettica di natura, e concreta, per cui tutto ciò che fa fumo non fa un buon arrosto. Ci aspettiamo perciò che il presidente Ferretti scelga bene il proprio master chef, per poi affidargli le pietanze giuste da cucinare e servire a una piazza affamata di entusiasmo, da sfamare con il sapore genuino della vittoria. Dopo anni a mangiare nel piatto dei Dilettanti, francamente ci siamo stufati. Attendiamo quindi fiduciosi, sperando che nel frattempo la primavera si faccia finalmente vedere. Mal che vada, nasceranno le margherite da sfogliare. lenatore poco dopo aver appeso le scarpette al chiodo, proprio con il Sansepolcro nel 2010-11 (3° classificato), per poi passare nella stagione successiva al Castel Rigone (4° posizione). Nell’annata calcistica appena terminata ha guidato nuovamente il Sansepolcro, raggiungendo la quarta posizione. A Davide va l’in bocca al lupo più sincero per l’inizio di questa nuova ed esaltante avventura in amaranto. La conferenza stampa di presentazione dell’allenatore verrà ufficializzata nei prossimi giorni. [dal sito www.arezzocalcio.com]


N

Coppa e campionato: la Stella Azzurra vive un anno esagerato

el calcio femminile toscano c’è solo la Stella Azzurra. La società aretina ha realizzato un’impresa senza precedenti e, dopo le vittorie nel campionato di Serie C e nel campionato regionale Giovanissimi, ha centrato una storica tripletta mettendo nella propria bacheca anche la Coppa Toscana 2013. Il trionfo in coppa, il secondo consecutivo dopo quello del 2012, è stato più faticoso del previsto perché è arrivato solo ai rigori dopo una strenua battaglia contro il Ponte a Greve. Sul campo pisano di Castelfranco di Sotto, la Stella Azzurra si è presentata alla finalissima, con una formazione ridimensionata a causa di squalifiche e infortuni ma, nonostante questo, fin dai primi minuti di gioco ha iniziato a pressare le fiorentine, creando numerose azioni da goal e mostrando una notevole supremazia tecnica e tattica. Nel secondo tempo è entrata in campo un po’ di stanchezza, la gara è diventata più fisica e le azioni si sono rarefatte, con il gioco che si è sviluppato soprattutto per vie centrali e il punteggio che è rimasto inchiodato sullo 0-0, un copione che si è ripetuto anche nei successivi tempi supplementari. Per decidere la vincitrice della Coppa Toscana sono stati così necessari i rigori, una fase in cui è diventata assoluta protagonista Serena Chellini, il secondo portiere della Stella Azzurra. Il primo capolavoro della giocatrice aretina è arrivato sul quinto rigore del Ponte a Greve, un tiro respinto che, con due errori a testa, ha lasciato il risultato sul 3-3 e ha protratto ulteriormente la partita. Nel sesto rigore delle fiorentine, Chellini è stata decisiva con una parata che ha meravigliato tutti, e che ha messo la capitano Clara Meattini in condizione di segnare la rete che ha assegnato la coppa alla Stella Azzurra. «Abbiamo vissuto una stagione eccezionale – afferma il direttore generale Claudio Chiarini. – In appena dodici mesi siamo stati capaci di vincere due edizioni della Coppa Toscana e due campionati regionali, con le nostre squadre che hanno primeggiato in tutte le manifestazioni a cui hanno partecipato. Abbiamo colto quattro trionfi che, legati alla promozione in Serie A2, rendono gloria e onore alla Stella Azzurra e all’intera città di Arezzo, premiando gli LARGO sforzi delle nostre giocatrici e dell’intera XVI LUGLIO 61/63 dirigenza, che ha lavorato duramente per costruire una squadra capace di ZONA BELVEDERE Serena Chellini, il portiere pararigori vincere tutto».

– – + =

IMBALLAGGI PLASTICA RISPARMIO D.SERVICE!

7 giugno 2012

19


Il Centro Sport Chimera assegna i titoli italiani di fitness in acqua

S

i assegnano ad Arezzo i titoli italiani di fitness in acqua. L’appuntamento è per sabato 8 e domenica 9 giugno quando, all’interno delle piscine del Centro Sport Chimera, andrà in scena il Criterium Estivo, L’8 e il 9 giugno il Centro il campionato italiano di ginnastica in acqua agonistica. Sport Chimera ospiterà il All’evento sono attese circa 40 squadre da tutta Italia, per un campionato italiano estivo numero record di atleti che si sfideranno nelle piscine aretine a suon di ginnastica in acqua di spettacoli, di musiche e di coreografie: il sabato sera sono in programma le gare in acqua alta, mentre la domenica mattina quelle in acqua bassa. Ogni formazione in gara, composta da un minimo di 6 a un massimo di 8 componenti, eseguirà figure ed esercizi caratteristici della ginnastica in acqua, e un proprio saggio di cui verranno premiate la coreografia e la creatività. Arezzo sarà presente al Criterium con le squadre della Sport3, le padrone di casa che, guidate dall’istruttrice Alessandra Joseph, si impegneranno per confermare i miglioramenti degli ultimi anni e per riuscire a conquistare un posto sul podio. Le maggiori ambizioni ricadono sulla competizione in acqua alta, una gara in cui la squadra aretina è reduce dall’ottimo terzo posto ottenuto ai campionati italiani invernali: Laura Barbini, Federica Bartolozzi, Elena Berneschi, Sofia Bonini, Elena Giorgeschi, Martina Meacci, Elisa Polverini e Chiara Zucchi proveranno a ripetersi con una coreografia basata sulla canzone Mon Chéri. La stessa squadra sarà impegnata anche nell’acqua bassa dove, sulle note di Hang Over, cercherà di riscattare l’11° posto ottenuto ai campionati invernali e portarsi tra le migliori formazioni italiane. Nella stessa gara scenderà in vasca anche una seconda squadra della Sport3 formata da Maria Pia Berti, Stefania Buoncompagni, Loretta Gianni, Guia Latil, Laura Mancioppi, Maria Rosaria Matteini, Luana Mordenti, Anna Pecchi ed Elena Serboli. «Siamo orgogliosi di ospitare un evento tanto importante – spiega Carla Mazzoli, responsabile della Sport3. – L’ingresso al Criterium sarà gratuito, dunque invitiamo l’intera cittadinanza a venire al Palazzetto del Nuoto aretino per conoscere il fitness in acqua, per sostenere le nostre ragazze e assistere a un evento altamente spettacolare e coreografico».

20

7 giugno 2013

Arezzo Sport 150  

L'inserto sportivo de "Il Settimanale di Arezzo" n. 150, in edicola gratuitamente da venerdì 7 giugno 2013. Corri a prendere la tua copia.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you