Page 1

in copertina

Volley 88

T

ra le grandi novità dell’estate pallavolistica aretina spicca l’apertura del settore giovanile maschile della Volley 88 Chimera. La società, che vanta centinaia di bambine e di ragazze dalla Serie D al minivolley e che negli ultimi anni ha fatto incetta di titoli e di vittorie, ha deciso di ampliare la propria attività inaugurando i corsi di pallavolo e di avviamento allo sport rivolti ai bambini da 6 a 14 anni, con l’obiettivo di integrare l’attività femminile e di costituire anche un forte vivaio maschile. Di tutto questo parla Massimo Gialli, presidente della Volley 88. Quali sono i motivi che vi hanno spinto a inaugurare il settore giovanile maschile? «Con le femmine abbiamo vinto tutto quello che c’era da vincere, dunque la nostra società aveva bicontinua a pag. 18

MARIO IL TUTTOFARE

Astucci - Rotoli per oreficeria Stand per Fiere e Mostre Via Calamandrei, 253/A27 Tel. e fax 0575 356420 www.astuccitoscana.com dp@ntc.it

imbiancatura, piccoli interventi elettrici, idraulici, muratura, piastrelle e rivestimenti, servizio apertura porta, sostituzione serrature, pulizia camini

PREVENTIVI GRATUITI cerca TUTTOFARE su

WWW.MARIOILTUTTOFARE.IT

329.8072190 – 339.6776887

31 AGOSTO 2012

17


Maschi e femmine: la Volley 88 arricchisce la pallavolo aretina Tra le novità dell’estate pallavolistica c’è l’apertura del settore giovanile maschile da parte della società aretina

di Marco Cavini

[segue da pag. 17]

sogno di nuove ambizioni e nuovi stimoli. Ampliare l’attività e creare una scuola di pallavolo maschile ci è sembrata la soluzione naturale, anche perché da anni tante famiglie e la stessa Federazione ci stavano chiedendo di allargare la nostra proposta anche a bambini e a ragazzi». Che obiettivi vi ponete? LA NOVITÀ 2012-13: «Vogliamo creare LA SCUOLA DI PALLAVOLO APRE un settore giovaniLE PORTE ANCHE AI BAMBINI le completo che dal La Volley 88 Chimera è ormai da anni minivolley arrivi, un un punto di riferimento della pallavolo giorno, fino alla prigiovanile aretina e, anche per la stagione ma squadra, offrendo 2012-2013, organizza corsi di avviamento un’opportunità in più a tutti coloro che ad Arezzo vogliono allo sport per bambini e bambine dai 6 ai giocare e divertirsi con la pallavolo. Per riuscirvi faremo af14 anni. Tutti i corsi, di cui sono già aperte fidamento su tecnici e istruttori competenti e qualificati, in le iscrizioni, si tengono presso le palestre grado di insegnare a giocare, di far crescere sportivamente dell’Itis o della Scuola media “Cesalpino”: i nostri atleti e promuovere i valori dello sport». coloro che effettueranno la prima iscrizioCosa rappresenta il settore giovanile per la vostra sone riceveranno in regalo due magliette cietà? della società e lo speciale zaino “Volley «La cura del vivaio è sempre stata una delle priorità del la88 Chimera”. voro della Volley 88 e uno dei segreti alla base dei nostri sucPer ottenere ulteriori informazioni è poscessi. Siamo consapevoli che i buoni risultati e il futuro della sibile chiamare i numeri 347/30.57.243 o società dipendano dal vivaio, dunque investiamo sul settore 333/43.23.206 o inviare una mail all’indigiovanile gran parte dei nostri sforzi e delle nostre professiorizzo saragialli@virgilio.it, mentre per conalità. Di anno in anno ripartiamo con entusiasmo dalle basi, noscere ulteriormente la Volley 88 è attivo dai coril sito www.volley88.com, una pagina si di che contiene tutte le indicazioni, le notizie avviae le foto della società aretina. mento a l l a pallavolo e dal minivolley, ed è proprio grazie a questa politica che siamo diventati uno dei punti di riferimento della pallavolo giovanile cittadina e siamo riconosciuti anche a livello nazionale».

18

31 AGOSTO 2012


I

di Omero Ortaggi

Arezzo ritorna capitale dell’equitazione

Occhi puntati sull’Equestrian Centre che dal 31 agosto al 16 settembre ospiterà i fuoriclasse dell’equitazione internazionale

n questi ultimi giorni d’estate, l’Arezzo Equestrian Centre torna a essere il centro del mondo ippico. Considerata una delle strutture agonistiche più all’avanguardia a livello europeo, il prestigioso centro equestre sarà luogo di una delle più importanti competizioni presenti nel panorama continentale: l’Equestrian Style 2012. Un evento sportivo di grande rilevanza internazionale, che dal 31 agosto al 16 settembre porterà a San Zeno il top dell’equitazione, con i più grandi campioni che si misureranno all’interno di tre grandi appuntamenti, a cui saranno unite altre competizioni riguardanti le categorie Young Horses, Children, Juniores e Young Riders. La manifestazione si concluderà con la Ladies Cup, gara riservata alle amazzoni, e il Gran Premio Fei (Fédération Equestre Internationale) che domenica 16 settembre sarà, come di consueto, l’evento di chiusura della kermesse. Le gare si svolgeranno nella maggior parte dei casi all’interno del Campo “Boccaccio”, un’arena di erba (di oltre un ettaro) considerata una delle migliori d’Europa e tenuta in condizioni impeccabili, nonostante la grave siccità, attraverso l’ottimo lavoro dei vivaisti. Campo “Boccaccio” che, con i suoi fossi, banchine e laghetti, sarà anche teatro del Derby d’Italia. Ma l’equitazione va oltre i confini dello sport, mischiandosi con la moda e dando così vita a una disciplina unica. Per celebrare l’equitazione in tutta la sua eleganza e stravaganza, non poteva mancare (in concomitanza con la Ladies Cup) il Ladies Day, un pomeriggio nel quale le signore gareggeranno sugli spalti mettendo in mostra i loro particolari cappelli. Campioni, giovani promesse e circa 2000 cavalli (attorno ai quali gravitano 7000 persone mediamente) animeranno l’affascinante location dell’Equestrian Centre aretino, facendo conoscere ulteriormente al mondo il nome della nostra città, ormai punto di riferimento internazionale per quanto riguarda l’ambiente dell’equitazione. Una struttura, quella gestita dalla Holmo srl di Riccardo Boricchi e Carlo Bernardini, che ha come obiettivo quello di stabilire un rapporto sempre più diretto con la nostra città, visto il crescente impatto positivo che ha in materia di turismo, diventando così un’occasione per Arezzo e un’occasione per conoscere Arezzo.

31 AGOSTO 2012

19


Freemove, un modo innov

Sbarca ad Arezzo grazie a Simone Maggini una nu e basato sullo “Small Group Personal Trainer”

S

barca ad Arezzo Freemove, un modo nuovo per intendere e praticare la ginnastica. Nata da un’idea di Simone Maggini, preparatore aretino specializzato in fitness funzionale, Freemove propone una ginnastica per tutti improntata sul concetto dello Small Group Personal Trainer, cioè sul gruppo ristretto di persone seguite individualmente attraverso un’attività personalizzata e diversificata a seconda delle necessità di ciascun allievo. In questa intervista, lo stesso Maggini ci illustra nei dettagli in cosa consiste questa innovativa attività. Maggini, cosa è Freemove? «È un approccio diverso per il benessere psicofisico della persona: è un corso di ginnastica che considera ogni allievo in maniera approfondita e specifica, proponendogli esercizi calibrati e mirati alle sue esigenze e ai suoi bisogni. Il lavoro avviene con gruppi ristretti, con lezioni a numero chiuso che garantiranno la figura del personal trainer e permetteranno un’attività di qualità». Quali sono gli elementi di novità di questa attività? «Innanzitutto si tratta di un tipo di ginnastica che lavora su tutto il corpo, coinvolgendo sia le capacità condizionali (forza, resistenza e velocità) sia quelle coordinative (la correttezza dei movimenti). Freemove non si concentra sul singolo muscolo, ma sull’intero movimento e quindi sul gesto nella sua interezza: vengono enfatizzate le movenze che ognuno compie nella propria vita quotidiana, rendendo il lavoro molto specifico e variegato. Oltre all’attività di fitness forniremo consigli nutrizionali e sullo stile di vita da seguire, con un lavoro a 360 gradi che va oltre la palestra e si trasferisce nella quotidianità di ogni allievo». A chi è rivolta la ginnastica di Freemove? «Dal momento che il lavoro è personalizzato e mira a obiettivi diversificati, la proposta si adatta a persone di tutte le età: può servire per integrare la preparazione sportiva, per rimanere in forma, per effettuare la riabilitazione dopo un infortunio, per dimagrire, aumentare la massa muscolare, ristabilire la postura del corpo… Il lavoro principale riguarda il rafforzamento dei muscoli del core, i muscoli profondi presenti nella zona centrale del corpo e da cui partono tutti i movimenti: la ginnastica conduce verso un maggior controllo delle proprie azioni e una maggior percezione del proprio sé, due caratteristiche che permettono un aumento del benessere e della possibilità di prevenire infortuni, sia sportivi che quotidiani (mal di schiena, dolori alle gambe…)». Quali sono gli attrezzi utilizzati? «Principalmente Freemove fa leva sul peso corporeo, utilizzato

20

31 AGOSTO 2012


vativo per fare ginnastica

uova attività di fitness personalizzato

di Marco Cavini

per sollevarsi e per spostarsi, integrandolo con attrezzi dove il controllo è dato dalla stessa persona: dai classici bilancieri e manubri fino ad arrivare ad attrezzi più specifici come le superfici instabili (semilune, cuscinetti, fitball…)». Per concludere conosciamo il personal trainer: chi è Simone Maggini? «Sono laureato in Scienze e Tecniche dello Sport, preparatore a Coverciano e specializzato in Fitness funzionale. Professionalmente nasco come istruttore di coordinazione, psicomotricità e divertimento con i bambini; in seguito sono passato a lavori di sala peso, da personal trainer e alla preparazione atletica di varie società di pallacanestro e calcio, un ruolo che tuttora ricopro attività di FREEMOVE prenderà il via negli Juniores nazionali da martedì 18 settembre con lezioni dell’Arezzo. gratuite di prova presso la palestra della In Freemove non ho Flashdance di Manola Feira (ad Arezzo, fatto altro che riunire la in via Ristoro 170): per ulteriori informamia esperienza e i miei zioni e per iscrizioni contattate Maggini al ultimi studi in un’unica 328/28.97.952 o scrivete una mail a simogrande attività, per ne.maggini@gmail.com. metterla al servizio di tutta la città di Arezzo».

L’

DAL MARTEDÌ AL SABATO pesce fresco al banco e su ordinazione friggitoria da asporto gastronomia pronta di carne, pesce e verdure

LA DOMENICA MATTINA rosticceria e gastronomia

1° Maggio 5 – 0575.370042 –

largo tel.

pescheriacarla@gmail.com cell.

366.3921911

31 AGOSTO 2012

21


Buon campionato, US Arezzo!

S

i riparte. La lunga estate calda sta lasciando il posto al ritorno del calcio giocato, dopo settimane di chiacchiere, polemiche, scandali e lunghi strascichi che hanno accompagnato i tifosi di tutto il Belpaese. Mentre dalle vicine Siena e Grosseto sono tornati a galla vecchi ricordi legati a “tiri Mancini” subiti dall’Arezzo, allora allenato da quell’Antonio Conte adesso sulla bocca di tutti – e che hanno di Luca fatto riemergere pure la rabbia per la Stanganini disparità di trattamento subita dai colori amaranto – qua, all’ombra di San Cornelio abbiamo dovuto “accontentarci” di argomenti dei quali si è occupata solo la stampa locale, non per questo meno fastidiosi per chi ha a cuore le sorti dei ragazzi di Abel Balbo. C’è crisi, lo abbiamo detto e lo sappiamo bene, e il calcio non fa alcuna eccezione. Per cui, il disimpegno dei soci romani Felletti e Anzalone hanno messo – non poco – in difficoltà il sempre più solo presidente Severini, il quale, va detto, si è accollato da solo la gestione finanziaria di un campionato oneroso, sebbene si parli di categorie dilettantistiche. A queste condizioni, venendo al punto, viene da chiedersi con quali ambizioni l’Arezzo si appresta, nel weekend a venire, ad affrontare il blasonato Pierantonio, squadra alla quale pare manchi un cognome, ma che già lo scorso anno ha saputo dare un cocente dispiacere agli uomini di Bacis. Senza possedere la sfera di cristallo, ma limitandoci a dati oggettivi ed evitando di drammatizzare oltre il dovuto alcuni risultati del precampionato – vedi la sconfitta contro il Fondi oppure lo storico pareggio contro il Capolona, – si può essere moderatamente ottimisti. Walter Martucci ha acappato i migliori fichi del bigoncio, confermando dapprima Martinez e Mencarelli, a seguire Pecorari e Bucchi, infine Mario Raso, sì, proprio l’esule bomber di Fondi. Alle conferme sono seguiti alcuni innesti di valore – Bagnato – e interessanti scommesse quali Testa, erede designato di Speranza in mezzo al campo, e il colored Dieme, chiamato a ripetere le gesta del rimpianto Cissè, emigrato nel lontano Portogallo in cerca di fortuna. Alla fine l’ossatura è rimasta, non si vedono all’orizzonte avversari del calibro del Pontedera, per cui l’unica Speranza persa si chiama Daniele. Son cambiati i tempi, il grande calcio è lontano, e lungo il cammino per riapprodarci. C’era Croce, adesso Testa. Questione di moneta e monetine. Ma non disperiamo che prima o poi qualcuno arriverà, a dare una mano al povero Severini. Magari un Locatelli che, se diamo retta alla pubblicità di un tempo, fa le cose per bene. Buon campionato e bentornato, vecchio Us Arezzo, cavallino rampante. Per noi, la più forte sei tu.

22

31 AGOSTO 2012


Rafting Vigili del Fuoco, sull’onda dell’entusiasmo

C

di Giacomo Belli

i sono mestieri non adatti ai deboli di cuore; mestieri nel cui dna scorre un alto tasso d’adrenalina legato al pericolo del proprio scopo, che è quello di salvaguardare la nostra incolumità. Lo sport, alle volte, si mescola all’operato di queste persone per dar loro man forte in occasioni davvero estreme. Lottare tra rapide scoscese e turbolente, mulinelli, cascate e rocce sporgenti non è affare da poco. Situazioni in cui la furia dell’acqua esalta le capacità fisiche, atletiche e di coordinazione di un gruppo che sfida se stesso e la natura fluida, impetuosa, su un semplice gommone: è questo il legame tra i Vigili del Fuoco di Arezzo e il rafting. Strano connubio, a prima vista, dato che nella nostra provincia non sono molti i fiumi adatti a tale disciplina. Ma la squadra di rafting dei Vigili del Fuoco di Arezzo è a oggi la sede della Rappresentativa Nazionale VV.F. Un fregio che portiamo dal 2007. «Questo sport è strettamente legato al soccorso fluviale. Tutti i ragazzi che compongono il nostro equipaggio sono specializzati in questo tipo d’attività». Marco Covani ne è il capitano ed è lui a parlarci del rafting nel nostro territorio: «Siamo dieci persone a praticare tale disciplina ad Arezzo. Col nostro gruppo partecipiamo al Campionato Assoluto italiano (iscritti quindi alla Firaft), che è costituito da circa sette gare dislocate nell’intera penisola. L’addestramento tecnico – iniziale – della Nazionale italiana a Vipiteno, invece, avviene su laghi, per coordinare i movimenti prima di affrontare le rapide dei fiumi. Gli allenamenti più vicini possono svolgersi in alcuni tratti dell’Arno. Molto belli i percorsi sulla Dora Baltea in Valle d’Aosta, sull’Adda, ma andiamo anche nel Salernitano. Intanto ci prepariamo alla prossima gara sul Tevere». Il rafting è composto da un estuario di discipline al suo interno vario ed emozionante: «Equipaggi R4 o R6, composti cioè da quattro o sei atleti, si sfidano nella “discesa” che si snoda per un tratto di circa sette chilometri. Lo “sprint” è una gara di velocità su una distanza inferiore a un chilometro. Lo “slalom” invece ha porte [come i circuiti di canoa visti nella recente Olimpiade, nda] e tratti controcorrente. Infine c’è il “testa a testa”, che è la più emozionante e intensa, con gare a eliminazione diretta». Dall’impegno e dalla determinazione di questi ragazzi sono scaturiti notevoli risultati di cui il più recente e prestigioso è stato conquistato a metà giugno in Lapponia, a Rovaniemi, in occasione della Coppa Europea: «Con la squadra di rafting dei Vigili del Fuoco di Arezzo siamo riusciti a conquistare il terzo posto, sfidando fiumi dalla portata d’acqua notevole. Tanto che, all’inizio, mi ero spaventato. Poi siamo stati bravi, e con un pizzico di fortuna abbiamo conquistato il bronzo, su via del otto equipaggi in lizza». Sembolino 96 Sull’onda dell’entusiasmo, Badia al Pino è proprio il caso di dirlo, 0575/410431 chissà questi eroi, a suon di www.masianosas.com remate, dove potranno ancora arrivare.

cucine di qualità dal 1968

31 AGOSTO 2012

23


IL CENTRO SPORT CHIMERA RIPARTE CON UN “ASSAGGIO DEI CORSI”

Le pagelle di fine anno Il 6 e 7 settembre due giornate promozionali gratuite per provare i corsi di nuoto, salvamento e fitness

I

l Centro Sport Chimera è già proiettato verso il futuro: i primi appuntamenti della nuova stagione saranno giovedì 6 settembre e venerdì 7 settembre, quando è in programma l’“Assaggio dei Corsi”, un’iniziativa promozionale dedicata alla scuola nuoto per adulti, alla sicurezza in acqua e al fitness in acqua.

Completamente gratuito, il doppio evento permetterà agli aretini di provare alcune delle attività presenti all’interno del Centro Sport Chimera, dando loro l’opportunità di godere di un “assaggio” di varie proposte per scegliere quelle che meglio si adattano alle loro necessità. «È la prima volta che organizziamo giornate del genere – spiega

24

31 AGOSTO 2012

nuoto, attività acquatiche e molto altro!

Marco Magara, direttore tecnico del Centro Sport Chimera. – Siamo convinti che il miglior modo per far conoscere e apprezzare le nostre attività sia proprio quello di farle provare: questi assaggi offriranno la splendida occasione di scoprire il Centro Sport Chimera, testare le numerose discipline proposte e mettersi alla prova. Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare perché l’evento è completamente gratuito e può essere il giusto stimolo per iniziare a praticare una nuova disciplina che, in un ambiente chiuso e protetto da qualsiasi condizione meteorologica, potrebbe configurarsi come l’attività ideale in vista della stagione invernale». Giovedì 6 settembre, ore 19, Nuoto e Salvamento – La Chimera Nuoto e la Società Nazionale di Salvamento proporranno assaggi dei corsi di nuoto e del corso professionale di bagnino di salvataggio, testando le capacità natatorie di tutti i partecipanti in vista di una possibile futura iscrizione. Al termine della giornata scenderanno in vasca i bagnini formati negli anni passati che simuleranno alcune situazioni di soccorso, dando modo ai presenti di conoscere i contenuti e le proposte di questa attività. Venerdì 7 settembre, ore 18.30, Fitness in Acqua – Organizzata dalla Sport3, la seconda giornata permetterà ai partecipanti di provare le varie discipline della ginnastica in piscina, facendo esercizi con numerosi attrezzi quali il treadmill (trampolino), i manubri, le tavolette e i galleggianti. A conclusione dell’evento sarà possibile assistere all’esibizione della squadra agonistica di fitness sportivo, reduce da uno splendido quarto posto ai recenti Campionati italiani di Specialità.

Arezzo Sport 113  

L'inserto sportivo de "Il Settimanale di Arezzo" n. 113, in edicola gratuitamente da Venerdì 31 Agosto 2012! Corri a prendere la tua copia!!...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you