a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

SPECIALE

NUMERO 27

supplemento al n. x dell'8 FEBBRAIO 2020 a cura della redazione de la Voce dei Berici

Tornare per un'altra strada L o slogan che anima il 25°esimo dell’Ufficio Pellegrinaggi, ora Fondazione Homo Viator - San Teobaldo, è “In cammino con la stella” e si ispira ai Magi che partono da lontano in cerca della presenza di Dio nel mondo. Seguono una stella luminosa che accompagna e orienta i loro passi affinché, dopo un lungo peregrinare, possano giungere alla presenza di Dio. Ad un certo punto vengono avvisati in sogno di non tornare da Erode, il quale aveva cattive intenzioni, e così fanno ritorno per un’altra strada. Questo fatto evangelico potrebbe essere una parafrasi dell’esperienza concreta di pellegrinaggio: dopo aver percorso un itinerario ed essere stati guidati a scoprire la peculiarità di una realtà, accogliamo una presenza che ci spinge a ritornare per un altro percorso. Certi incontri, determinati luoghi, alcune

parole possono aiutarci a cambiare via quando torniamo alla nostra quotidianità. Per questo motivo il pellegrinaggio ci spinge a trasformare il nostro approccio alla realtà e addirittura ci sprona ad avere un nuovo e più profondo sguardo su noi stessi, a tal punto che tutto ci sembra diverso. Il pellegrinaggio imprime un forte desiderio di rinnovare il modo di essere e di pensare, di relazionarsi, di compiere scelte e di interpretare la vita stessa. Recentemente un noto cantautore italiano ha pubblicato una canzone dal titolo: “Spirito nel buio”. Il testo è molto evocativo, in quanto invita a brillare nell’oscurità. Anche questo è un ottimo elemento simbolico che aiuta a comprendere come in certe situazioni negative, è importante accendere una luce che illumina il buio. L’esperienza di pellegrinaggio offre gli strumenti che possono far

scoccare la scintilla che infiamma questa luce. Uno sfolgorio che non solo illumina i nostri passi, ma che riscalda i nostri cuori e le nostre menti. Un bagliore che può diventare un punto di orientamento per il nostro cammino come i fari delle navi in transito nel mare. Vi auguriamo in questo inizio d’anno 2020 di vivere un pellegrinaggio che trasformi dal profondo la vostra vita, affinché possiate gustarla con grande intensità ed amarla fino alle radici. Il valore aggiunto è la condivisione del cammino insieme con gli altri. Un gesto, un commento, una parola, uno sguardo accompagnano l’esperienza personale e conferiscono un senso meraviglioso di comunità fraterna. Come diceva un altro noto cantautore italiano “è essenziale vivere una celeste compagnia!”. don Raimondo Sinibaldi

Appuntamenti al femminile con Presenza Donna

Pellegrinaggi 2020 La Via di Dio: Terre Bibliche Terra del Santo (8 gg) Giordania (8 gg) Giordania (8 gg) Terra del Santo (8 gg) Libano (8 gg)* Libano (8 gg)* Terra del Santo (8 gg) Terra del Santo (8 gg) Gerusalemme (8 gg) Terra del Santo (8 gg) Giordania (8 gg) Terra del Santo (8 gg) Terra del Santo a piedi (8 gg)* Terra del Santo (8 gg)

10 – 18 Mar 27 Mar – 3 Apr 24 Apr - 1 Mag 25 Apr– 2 Mag 11 - 18 Mag 18 - 25 Mag 3 – 12 Lug 25 Lug– 1 Ago Agosto 29 Ago – 5 Set 11 – 18 Set 16 – 24 Ott 24 – 31 Ott 26 Dic – 2 Gen

Le Vie d’Oltremare: Terre nuove Oman (8 gg)* Dubai. Expo (6 gg)* Dubai. Expo (6 gg)*

14 – 21 Nov 3 – 8 Dic 28 Dic– 2 Gen 2021

Le Vie della Seta: Terre di confronto Uzbekistan (8 gg)

2 - 9 Ott

La Via della Chiesa Primitiva: Terre di Apostoli e Discepoli Turchia (8 gg) 6 - 13 Giu Armenia (9 gg) 26 Giu – 4 Lug Georgia (9gg)* 6 - 14 Ago

Il 7 e l'8 marzo a Vicenza

La Via delle spezie: Terre di Dialogo Marocco (8 gg) Etiopia cristiana (11gg)

28 Mar - 4 Apr 22 Giu – 2 Lug

Le Vie di pellegrinaggio: Terre di ricerca Roma (4 gg) Sicilia (8 gg) Puglia (8 gg)* San Giovanni Rotondo (3 gg) Islanda (9 gg) Francia (4 gg)* S. Giovanni Rotondo (3 gg) Galles (8 gg)* Fatima e Santiago (8 gg) Lourdes (4 gg) Andalusia (8 gg) Santiago in pullman (8 gg)*

22 – 25 Mar 24 Apr – 1 Mag 27 Apr – 4 Mag 21 – 23 Mag 25 Mag - 2 Giu 18 – 21 Giu 22 -24 Giu 11 – 18 Lug 20-27 Ago 18 – 21 Set 12 – 19 Set 10 – 17 Ott

La Via dell’Ambra: Terre di mezzo Capitali Baltiche (8 gg)*

4 - 11 Lug

ANTICIPAZIONI PELLEGRINAGGI 2021 Arabia Saudita (10 gg)* Kenya (9 gg)* Terra del Santo in bicicletta*

14 – 23 Gen 2021 13 – 21 Feb 2021 primavera 2021

Mini Pellegrinaggi 2020 21 aprile - Possagno e Bassano del Grappa Sulle orme dell'artista Canova e il Monastero di Campus Sion (Campese)

25-26 aprile - Parma (sulla via Emilia) Memorie cristiane ed ebraiche

14 maggio - Trieste *pellegrinaggi novità

Fondazione "Homo Viator - San Teobaldo". Aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 Sede legale: Piazza Duomo, 10 - 36100 VICENZA - Sede operativa: Contrà Vescovado, 3 - 36100 VICENZA Tel. 0444.327146 - Fax 0444.230896 - e-mail: pellegrinaggi@diocesi.vicenza.it C.F./P.IVA 04096280245 - R.E.A. da definire

Anche quest’anno si rinnovano gli appuntamenti per la Giornata Internazionale della Donna proposti dal Centro Documentazione e Studi Presenza Donna delle suore Orsoline, in collaborazione con l’Ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza, ora Fondazione Homo Viator - San Teobaldo. Alla luce del recente Sinodo dei Vescovi si vuole mettere al centro della riflessione la realtà Panamazzonica guidati e accompagnati da Maria Soave Buscemi, da 20 anni missionaria laica fidei donum in Brasile dove opera come educatrice e coordina la dimensione di studi di genere e di ermeneutiche femministe del Centro studi biblici (Cebi). Il primo incontro è sabato 7 marzo 2020 al CDS Presenza Donna (contrà S. Francesco Vecchio, 20) dalle ore 17. Rifletteremo insieme a partire dai Racconti dal Sinodo Panamazzonico a cui Maria Soave Buscemi ha partecipato. Maria Soave ci farà gustare anche la bellezza dell’unicità del popolo che abita quelle terre grazie alla sua lunga esperienza di vita in Brasile e ci trasmetterà la sua passione per la Sacra Scrittura attraverso la lettura popolare della Bibbia coltivata lungo gli anni. Il secondo appuntamento è per domenica 8 marzo 2020 alle ore 20.30 nella Chiesa di San Carlo al Villaggio del Sole dove viene proposta la tradizionale Preghiera al femminile, animata da Presenza Donna. Maria Soave Buscemi guiderà la lettura biblica del testo del vangelo di Giovanni conosciuto come quello dell’ “adultera”, in cui ci aiuterà a far emergere nuove chiavi di lettura per vivere sempre più uno stile evangelico oltre i pregiudizi e le discriminazioni. Elisa Panato

Città della Mitteleuropa nella diversità culturale


2

3

Il tema e le date degli incontri in programma per approfondire e conoscere le Terre Bibliche, in collaborazione con CDS Presenza Donna

Un ventaglio di opportunità pensato per tutti i tipi di pellegrini, tra strade da esplorare a piedi o percorsi di studio

Linfa dell'Ulivo 2020: dal 22 al 24 maggio

Tante proposte per conoscere la Terra Santa

R

itorna anche quest’anno la Linfa dell’Ulivo, con lo scopo di approfondire e conoscere meglio le Terre Bibliche. Un’occasione importante in cui proponiamo incontri con grandi esperti, affinché le persone possano analizzare ulteriormente il senso e il significato della Parola di Dio. L’edizione 2020 di Linfa dell’Ulivo è realizzata in stretta collaborazione con il Centro Documentazione e Studi Presenza Donna e con le Suore Orsoline di Breganze. Il tema sarà incentrato sulla Parola di Dio, che si rende presente nella storia attraverso diverse situazioni e avvenimenti che il popolo di Dio vive nella quo-

tidianità. Nel riquadro sottostante è indicato il programma, che declina il tema attraverso alcuni filoni biblici riguardanti sia l’Antico che il Nuovo Testamento. Il filo conduttore di base resta il forte dinamismo storico della Parola che verrà trattata in azione durante l’Esodo dall’Egitto alla terra Promessa, ma anche durante l’esilio in Babilonia. Un ulteriore taglio significativo: l’attualizzazione del testo biblico nella storia contemporanea, attraverso esperienze e testimonianze di uomini e di donne che si sono messi al servizio del Signore. In questo modo la Parola di Dio si fa compagna di strada dell’umanità e diventa un’opera

tangibile, non solo un'ispirazione della mente e del cuore. Infine, in questa edizione vi sarà un’attenzione particolare all’espressione musicale sonora e canora, affinché come diceva la teologia medievale “tutti e cinque i sensi siano messi in movimento per recepire, accogliere e ruminare la Parola di Dio”. Non mancheranno le novità che vi sveleremo nel corso degli appuntamenti! L’edizione di Linfa dell’Ulivo 2020 si terrà una settimana prima del Festival Biblico, dal 22 al 24 maggio 2020, riprendendo così una modalità che già abbiamo realizzato in passato. Vi aspettiamo, non mancate! Staff Ufficio Pellegrinaggi

Ad aprile a Gerusalemme

Sapienza umana e divina

L

o Studium Biblicum Franciscanum di Gersalemme, una delle più importanti Università al mondo nel campo biblico, organizza da diversi anni un corso di aggiornamento ed approfondimento biblico-teologico che si tiene solitamente nella settimana dopo la Pasqua. L’ U f f i c i o P e l l e g r i n a g g i della Diocesi di Vicenza, con Linfa dell’Ulivo, aderisce anche quest’anno all’iniziativa ed invita i pellegrini che seguono le nostre proposte a partecipare in prima persona. Si tratta di un progetto veramente qualificante e significativo, che offre l'opportunità di proseguire un percorso personale già avviato in pellegrinaggio o in altre esperienze. Il tema di quest'anno verterà sulla Sapienza, che nella Bibbia ha un ruolo molto importante. La pratica sapienziale, infatti, è una realtà molto antica in Medio Oriente e successivamente ha avuto anche una sua collocazione nell’esperienza scritta della rivelazione di Dio. Durante le mattinate il corso proposto dallo Studium Biblicum Franciscanum approfondirà diversi aspetti inerenti il tema principale. Nei pomeriggi, i n o l t r e, s o n o p r e v i s t e delle interessanti visite ed escursioni guidate. Questa iniziativa si svolgerà precisamente dal 14 al 17 aprile 2020 a Gerusalemme. Per ulteriori informazioni riguardo al programma e le iscrizioni, vi invitiamo a consultare il nostro sito internet o a contattarci direttamente. don Raimondo Sinibaldi

U

n’esperienza di pellegrinaggio in Terra Santa può essere vissuta in vari modi, grazie ad una molteplicità di proposte. Si possono ripercorrere i passi degli antichi pellegrini attraverso strade da esplorare a piedi, op-

Lago di Genesaret, ph: Renato Dalla Vecchia ©

Linfa dell'Ulivo. Il Programma

LA PAROLA IN CAMMINO... VENERDì 22 MAGGIO 2020

SABATO 23 MAGGIO 2020

DOMENICA 24 MAGGIO 2020

Mini corso sul libro del Deuteronomio - ore 11.00 • NON DI SOLO PANE VIVE L'UOMO MA DI OGNI PAROLA Prospettiva evangelica relatore: don Raimondo Sinibaldi (direttore Ufficio Pellegrinaggi)

Mini corso sul libro del Deuteronomio - ore 9.15 • PROMESSE, STELLE E PROFUMI LUNGO IL CAMMINO DELL'ESODO Prospettiva biblica relatrice: dott.ssa Antonella Anghinoni

Mini corso sul libro del Deuteronomio - ore 9.15 • L'ESODO DELLA PAROLA, DALL'EGITTO AL MONTE NEBO Prospettiva storico - archeologica relatore: don Gianantonio Urbani

• LA TERRA E LA PAROLA* ore 18.00 1 - II simboli biblici della terra. relatore: p. Frédéric Manns Ofm (Decano emerito dello SBF di Gerusalemme) 2 - DiVino ascolto. Storie bibliche sul vino. relatrice: dott.ssa Antonella Anghinoni (biblista) 3 - Una famiglia che ama la terra e il vino. relatrice: Nadia Zenato (produttrice di vini della Valpolicella e Lugana)

• MARIA DI MAGDALA, PRIMA TESTIMONE DEL RISORTO - ore 11.00 1 - Gli ultimi scavi archeologici a Magdala relatore: don Gianantonio Urbani (biblista e archeologo) 2- Donna, prima testimone del Risorto: Maria di Magdala relatrice: Cristina Simonelli (presidente Coordinamento delle Teologhe italiane)

• LA PAROLA CHE RISCATTA E SALVA - ore 11.00 1 - Il libro di Rut la Moabita relatore: p. Massimo Pazzini Ofm (vice Decano dello SBF di Gerusalemme) 2- Accogliere le donne per liberarle, l’esperienza della comunità Rut di Caserta relatrici: le Suore Orsoline

• L'ESILIO DELLA PAROLA - ore 15.30 1 - Sui fiumi di Babilonia sedevamo piangendo aspetto storico-geografico relatore: don Raimondo Sinibaldi 2 - L'esilio, fine di un mondo nella tradizione giudaica relatore: p. Frédéric Manns Ofm 3 - Ai salici di quella terra appendemmo le nostre cetre (intervento musicale)

• PAROLA LUCE SUL CAMMINO - ore 15.30 1 - Il Vangelo dei piedi. Beato l’uomo che ha sentieri nel cuore relatore: don Antonio Mazzi 2 - Taccuino luminoso del pellegrino (Romea Strata). Passi evangelici per il cammino. relatori: don Raimondo Sinibaldi, dott.ssa Antonella Anghinoni, sr Naike Monique Borgo

DOVE: Tutti gli incontri si terranno al PALAZZO DELLE OPERE SOCIALI di VICENZA (Piazza Duomo,2) *a eccezione dell'incontro "LA TERRA E LA PAROLA" che si terrà a COLOGNA VENETA (Teatro Ferrini) MAGGIORI INFO: 0444 327146 o www.pellegrininellaterradelsanto.it

(vicedirettrice del'Ufficio Comunicazioni Sociali)

• LA PAROLA IN CAMMINO - ore 21.00 concerto del coro femminile Cantamarilli, dirige Nicoletta Tretto A seguire un momento conviviale per festeggiare il 25° dell'Ufficio Pellegrinaggi

Modera: dott. Giuseppe Caffulli (direttore Edizioni Terra Santa)

pure proiettarsi in nuove avventure grazie a percorsi studiati appositamente per le biciclette. Questa terra può essere vissuta e gustata in maniera meditativa, con un’attenzione particolare alla dimensione spirituale e contemplativa; op-

pure può essere approfondita attraverso la frequentazione di corsi di studio e ricerca. In ogni caso non ci si stanca mai di stare in questo Luogo Santo, perché qui possiamo trovare le nostre radici e le sorgenti della nostra fede.

Per questo motivo l’Ufficio Pellegrinaggi, ora Fondazione Homo Viator - San Teobaldo, ha deciso di mettere a disposizione una diversità di proposte per vivere in prima persona un pellegrinaggio in Terra Santa capace di rispondere alle esi-

genze e ai gusti di chiunque. Ecco, di seguito, le varie opportunità che abbiamo pensato di offrirvi per raggiungere i vostri diversi interessi e darvi la possibilità di vivere un pellegrinaggio davvero "su misura".

IN CAMMINO A PIEDI Sulle orme degli antichi pellegrini

PROPOSTE PER I GIOVANI Programmi che incontrano il loro interesse

PELLEGRINAGGIO CLASSICO Dai luoghi di Abramo alla vita di Gesù

PELLEGRINAGGIO NEI DESERTI La Creazione di Dio, il Cammino dell'Esodo e il volto di Gesù

IDEE PER FAMIGLIE Iniziative pensate per anniversari e occasioni significative

CON IL RITMO DELLA BICICLETTA In memoria di Gino Bartali, “Giusto tra le Nazioni”

PELLEGRINAGGIO A GERUSALEMME Alla scoperta della ricchezza della Città del Santo

ESPERIENZE DI SPIRITUALITA' Momenti di riflessione, di silenzio, e di preghiera in luoghi delle memorie bibliche

IL GUSTO DELLA RICERCA Corsi di approfondimento sulle Terre Bibliche

Uno strumento completamente riorganizzato e rinnovato per essere più efficienti e professionali con i nostri cari pellegrini

È ufficialmente on line il nostro sito web con un nuovo look tutto da scoprire

I

n occasione del 25° dell’Ufficio Pellegrinaggi, tra le iniziative che abbiamo messo in campo, ce n’è una particolarmente importante. Il sito pellegrininellaterradelsanto.it si rinnova! A suo tempo il nome era stato scelto perché la meta preponderante dei nostri pellegrinaggi era la Terra del Santo (che non è Padova, come alcuni pensano, ma la più comunemente detta Terra Santa), fiore all’occhiello dell’Ufficio per il suo essere cuore e sorgente della nostra fede. Il nome del sito non cambia, per non creare confusione ai tanti naviganti, mentre si rinnova l’aspetto grafico. L’attuale sito internet necessita infatti di maggiore semplicità nella consultazione, maggiore efficacia e chiarezza. Nel riprenderlo in mano ci siamo resi conto di quanto lavoro sia stato fatto quando lo abbiamo creato la prima volta e quante informazioni utili siano lì contenute. Tutto questo materiale

ora è stato rivisto e aggiornato. Rimangono le informazioni generali legate all’identità dell’Ufficio e alle figure che ne hanno ispirato lo stile ma la struttura di base richiama le 5 aree d’interesse dell’Ufficio: Pellegrinaggi, Romea Strata, Approfondimenti, Linfa dell’Ulivo, Itinerari Ebraici. L’area dedicata ai pellegrinaggi è stata resa più efficace ed efficiente e consultandola si potranno rin-

tracciare tutte le informazioni utili relative ad ogni singola meta con la possibilità di inviare una richiesta di informazioni direttamente in Ufficio. Sarà agevolato anche chi non ha le idee chiare o cerca una meta particolare grazie alla nuova possibilità di ricerca interna a questa sezione. L’area dedicata alla Romea Strata rimanderà al sito specifico romeastrata.it, anch’esso in rifacimento per un

netto miglioramento della consultazione, in particolare per i pellegrini che vorranno percorrere le sue vie. Presto dunque vi daremo notizie più precise anche su questo ulteriore e grande passo in avanti che abbiamo intrapreso. L’area dedicata agli Approfondimenti raccoglierà le informazioni relative alle attività culturali della Fondazione ed in particolare quanto riguarda l’evento di presentazione delle iniziative annuali “Pellegrinando per Via”, gli Speciali che creiamo in collaborazione con “La Voce dei Berici”, le iniziative legate alla valorizzazione del sito archeologico di Magdala, gli incontri formativi annuali “LuMe” ed ancora tutto quanto viene proposto per valorizzare la “Radice Santa” nel nostro territorio ed infine il rimando all’enorme e preziosa biblioteca “Biblio Sefer” che raccoglie le migliaia di titoli posseduti da don Raimondo Sinibaldi e messi a disposizione per la consultazione. Nella sezione

dedicata a Linfa dell’Ulivo inseriremo le notizie legate agli eventi culturali ed in particolare il focus sulle terre bibliche che si colloca ogni anno nella seconda metà di maggio. Così facendo, il sito linfadellulivo.it verrà chiuso, semplificando la consultazione e coordinando le notizie all’interno dello stesso contenitore. Infine, l’ultima sezione è dedicata agli Itinerari ebraici. Anche in questo caso, il sito specifico viene chiuso, e tutte le informazioni legate ai percorsi ebraici in Italia verranno raccolte e divulgate in questo spazio. Il sito sarà consultabile anche su smartphone rimandando ai principali social. Speriamo possiate apprezzare il grande rinnovamento di cui ci dotiamo per essere sempre più efficienti e professionali con i nostri cari pellegrini. Aspettiamo i vostri commenti! Silvia Cavinato

ll significato simbolico del novo logo della Fondazione Homo Viator San Teobaldo

Un modo per rimanere sempre aggiornati

Una persona con i piedi a terra diretta verso il cielo

Seguiteci su Facebook

Quest’anno l’Ufficio Pellegrinaggi della nostra Diocesi compie 25 anni, costellati di attività a servizio dei pellegrini. Si auspica che tramite l’esperienza “dell’andare” si possano riscoprire le sorgenti della fede, le radici del nostro essere uomini e donne alla ricerca di un incontro pieno di Dio nel mondo. Da qualche mese l’Ufficio Pellegrinaggi è stato assorbito dalla Fondazione Homo Viator San Teobaldo. Pertanto si è reso necessario riformulare il logo che sintetizza e identifica la nostra nuova realtà odierna. Abbiamo individuato un’immagine evocativa, che potesse rappresentare le nostre proposte e allo stesso tempo indicare il nostro senso e scopo. La scelta è

ricaduta su una persona che cammina lungo una strada ad indicare come il pellegrinaggio sia un transito, che ci permette di andare oltre, di ricercare il volto di Dio e di tendere ad una meta ben precisa. Il pellegrinaggio non sottintende un libero girovagare, uno spostamento senza direzione, ma bensì una tensione verso un obiettivo ben preciso che è l’incontro con il Signore. I colori non sono stati scelti casualmente: la strada è beige come le

terre bibliche e la persona è blu per indicare che ognuno di noi è un “essere deiforme” alla riscoperta delle orme di Dio. Questo cammino aiuta l’uomo a ritrovare sé stesso e il senso del proprio percorso che dà forma alla vita quotidiana. I colori del nuovo logo riprendono concretamente l’idea simbolica di terra e cielo. Il significato di quest'immagine è il cammino che l’uomo intraprende per tendere verso il cielo. d. Raimondo Sinibaldi

Nel suo 25° anniversario l’Ufficio Pellegrinaggi, ora Fondazione Homo Viator San Teobaldo, sceglie di puntare ancora di più sui social media. Crediamo che questi mezzi di comunicazione possano creare un filo diretto con i nostri amici e pellegrini, affinché rimangano sempre aggiornati su tutte le nostre novità. Ad oggi è attiva una pagina Facebook denominata “Ufficio Pellegrinaggi Diocesi di Vicenza”. Cercatela nella barra con la lente di ingrandimento e cliccate sul tasto “mi piace” per essere sempre aggiornati sulle nostre attività e proposte. Perché dovreste mettere un like alla nostra pagina? Perché è uno spazio che parla

dei pellegrinaggi che si stanno svolgendo in quel momento, attraverso racconti e foto capaci di portarvi lontano e per farvi rivivere i luoghi visitati nel passato. Approfondisce le proposte in essere o le novità in arrivo, per aiutarvi a non perdere nemmeno un’opportunità. Divulga notizie e curiosità su tematiche legate alle terre che visitiamo. Non mancano consigli di lettura, video e contributi in preparazione all’esperienza del pellegrinaggio o indirizzati a chi ama viaggiare. Ci divertiamo anche a pubblicare momenti e volti di vita quotidiana dell’ufficio. Cosa aspettate? Mettete “mi piace” e camminate insieme a noi! E.B.


PELLEGRINAGGI

PELLEGRINAGGI

4

5

PELLEGRINAGGI SULLE VIE DEL MONDO PARMA

DAL 25 AL 26 APRILE 2020

ALLE SORGENTI DELLA FEDE ANDALUSIA

DAL 12 AL 19 SETTEMBRE 2O20

Memorie cristiane ed ebraiche sulla Via Emilia

Luogo di confronto tra Cristianesimo, Ebraismo e Islam

Parma, quest’anno Capitale Italiana della Cultura, è una delle più belle e significative città della penisola. È famosa al mondo per i suoi più illustri figli: artisti come Benedetto Antelami e Salimbene, Correggio e Parmigianino, Bodoni, Verdi e Toscanini, Stendhal e Proust. La sua storia ci parla di illustri signorie (dai Visconti, agli Este, agli Sforza, ai Farnese, ai Borboni) i cui fasti ancora oggi risplendono nei tantissimi capolavori artistici che costellano la città e i suoi dintorni. Parma può essere considerata una vera capitale europea dove cultura, eleganza e raffinatezza risplendono, insieme alla rinomata qualità enogastronomica. Il pellegrinaggio è arricchito da ulteriori visite come Bozzolo per approfondire la figura di don Primo Mazzolari e il campo di concentramento di Fossoli, luogo di smistamento dei prigionieri ebrei e politici durante la seconda guerra mondiale.

Il pellegrinaggio in Andalusia racchiude la bellezza dell’intreccio tra le radici della fede cristiana e la cultura araba, che si dispiega nei molti luoghi artistici ed architettonici. In questa terra, infatti, si sono incontrate e susseguite lungo la storia le tre religioni monoteiste: Ebraismo, Cristianesimo, Islam. La penisola iberica è stata da subito meta di evangelizzazione degli Apostoli, in particolare con l’azione missionaria di San Giacomo e poi anche di San Paolo con la fedele seguace Tecla. Il Cristianesimo si innestò grazie ad una significativa e rilevante presenza giudaico-ebraica, già esistente nel territorio. La religione musulmana arrivò dopo diversi secoli e durò fino alla Reconquista spagnola, sostenuta anche dai crociati Cavalieri di Cristo animati dal famoso motto: "Santiago mata moros"! A questo pellegrinaggio fa da sfondo una cultura e una popolazione vivace e coinvolgente.

FRANCIA

DAL 18 AL 21 GIUGNO 2020 Sulle orme di Santi e Monaci

Questo pellegrinaggio verte sulla figura di Santa Maria Margherita Alacoque, la quale ebbe un dialogo costante con Gesù che le apparve nel Monastero della Visitazione di Paray-le-Monial, nel cuore della Borgogna romanica. A lei, che si era consacrata fin dall’età di cinque anni, Gesù decise di mostrare il suo Sacro Cuore su di un trono di fiamme, raggiante come il sole, circondato di spine e sormontato da una croce. Nei giorni previsti dal pellegrinaggio si commemora in particolare la data dell’entrata della Santa nel Monastero a 24 anni e la prima festa del Sacro Cuore. Essendo una proposta in pullman si ha la possibilità di approfondire altre tematiche e di visitare diverse città come Cluny con i monaci cluniacensi, Taizé con la memoria di Roger Schutz, Ars con il suo Curato e Lione con la figura di Sant’Irineo.

ETIOPIA CRISTIANA

DAL 22 GIUGNO AL 2 LUGLIO 2020 Alla scoperta di un’antica Chiesa dalla forte influenza ebraica

ARMENIA

DAL 26 GIUGNO AL 4 LUGLIO 2020

Testimonianze dalla Genesi alla salvezza di Gesù Si andrà alla riscoperta delle origini della fede cristiana, di un popolo nel cuore dell'Asia che accolse gli insegnamenti di Gesù, fin dalla predicazione degli apostoli Giuda Taddeo e Bartolomeo, come narra la tradizione. L’Armenia fu poi la prima nazione ad accettare il Cristianesimo come religione ufficiale di stato, circa 33 anni prima dell’Editto di Milano dell’Imperatore Costantino (313 A.D). Lo splendore di questa fede si rivela nei grandi monasteri che hanno fondato la spiritualità monastica mondiale, nelle prime comunità con gli antichi luoghi di culto, nelle chiese rupestri e nelle grandi basiliche della Chiesa Armena. Si scorgerà un’antica e gloriosa civiltà, segnata poi dalla sofferenza della storia con la memoria dei genocidi dovuti ad un conflittuale rapporto col mondo sovietico. Questo pellegrinaggio è arricchito dai contributi e commenti della biblista Antonella Anghinoni.

Organizzazione tecnica:

Un pellegrinaggio negli stupendi paesaggi dell’altipiano abissino per conoscere l’originale cultura etiope, segnata della profonda ed antica cristianità del suo popolo, già presente a partire dalla prima metà del secolo IV. Villaggi sperduti ed incontaminati abitati da popolazioni arcaiche, ancora legate ad antiche tradizioni che profumano d’intensa religiosità e… lo spettacolare cielo dell’Africa più autentica! In Etiopia gli autoctoni avevano abbracciato l’ebraismo grazie alla mitica regina di Saba, legata a Re Salomone, da cui ebbe Menelik I, il primo imperatore ebreo di Etiopia. Proprio Salomone donò alla sua sposa l’Arca dell’Alleanza che ora è custodita nella Chiesa di Nostra Signora di Sion di Axum. Si visiteranno anche le chiese del Tigray, le isole e i monasteri del lago Tana; Lalibela, la Gerusalemme d’Africa, con le sue undici meravigliose chiese monolitiche scavate nella roccia.

GEORGIA

DAL 6 AL 14 AGOSTO 2020 Perla del Caucaso cristiano

Una leggenda racconta che quando Dio distribuì i suoi beni sulla Terra, giunto in Georgia, fu trattenuto dai suoi abitanti. Lo fecero sedere a tavola e gli offrirono cibo e buon vino, così Dio posò la sua gerla piena di doni e se ne dimenticò. Venne sera e si ricordò il motivo che lo aveva spinto fin lì. Prese la gerla al volo che si ribaltò spargendo ogni “ben di Dio” al suolo. La Georgia è infatti considerata il “giardino della Russia”, per la sua natura rigogliosa, la calda accoglienza degli abitanti e l’abbondante cucina locale. Questo pellegrinaggio ripercorre la lunga storia di questo paese, crocevia euroasiatico, di antica tradizione cristiana. Qui sono nate, fin dall’inizio del quarto secolo, diverse vivaci comunità cristiane passate lungo i secoli attraverso persecuzioni e prove di ogni genere. Con lo sfondo del Caucaso si attraverseranno i luoghi dei martiri, i monasteri, le numerose testimonianze artistiche ed architettoniche.

SANTIAGO

DAL 10 AL 17 OTTOBRE 2O20

Con San Giacomo fino agli estremi confini della terra Nel 2021 ricorre l’Anno Santo Compostelano o Anno Giacobeo, perché il 25 luglio prossimo cadrà di domenica. Si inaugurerà con l'apertura della Porta Santa la sera del 31 dicembre di quest’anno. Come un simbolo della durezza del Cammino, l'arcivescovo di Santiago colpirà con un martello d'argento tre volte, dall'esterno, il muro che chiude l’accesso alla Cattedrale. La porta rimarrà aperta per dodici mesi e i pellegrini, varcando questa soglia, possono ricevere l’indulgenza plenaria. Si propone un pellegrinaggio a Santiago in preparazione a questa ricorrenza, per accogliere come San Giacomo il mandato di Cristo "Mi sarete testimoni… fino agli estremi confini della terra" (At 1,8). È una proposta alla portata di tutti, in quanto si percorreranno in pullman le tappe più significative da un punto di vista storico-religioso del cammino francese.

DUBAI

DAL 3 ALL'8 DICEMBRE 2020 e DAL 28 DICEMBRE 2020 AL 2 GENNAIO 2021

UZBEKISTAN

DAL 2 AL 9 OTTOBRE 2020

Tra storia e fede lungo la Via della Seta Fin dall’antichità l’Uzbekistan è sempre stata una terra di transito, in particolar modo solcata dalla leggendaria Via della seta. 8000 chilometri, tanta è la lunghezza di questa arteria lungo la quale si muovevano i commercianti con le loro carovane dal preziosissimo contenuto. Partivano dalla Cina, dall’attuale Xi’an, e percorrevano il Medio Oriente fino al Mediterraneo. Su questa strada non transitavano solo merci, ma anche informazioni, idee, filosofie e religioni. Samarcanda e Bukhara, le città più famose, conservano testimonianze di convivenza e tolleranza religiosa, tra cui la presenza cristiana che arrivò molto prima di quella musulmana. Un proverbio dice: “Se Samarcanda è la bellezza della terra, Bukhara è la bellezza dello spirito”. Infine si ripercorreranno le tracce di veri e propri miti come Alessandro Magno, Genghis Khan, Tamerlano il Grande e Marco Polo.

TERRA DEL SANTO

DAL 24 AL 31 OTTOBRE 2020

Tutti là siamo nati e lì sono le nostre sorgenti I pellegrinaggi nella Terra del Santo sono senza dubbio il fiore all’occhiello dell’attività pluriennale dell’Ufficio Pellegrinaggio, Fondazione Homo Viator-San Teobaldo. Durante tutto l’anno ci sono varie proposte con alcune diversificazioni a seconda del focus che si vuole offrire ai pellegrini desiderosi di visitare la Terra nella quale il Santo di Dio si è rivelato. Le nostre guide esperte conducono i pellegrini alla scoperta dei luoghi dal punto di vista storico, geografico, archeologico, topografico innestando i passi biblici presentando la Storia della Salvezza come una realtà fatta di luoghi, persone ed eventi. Il taglio non è dottrinale ed ognuno può sentirsi accolto in libertà avendo l’occasione di approfondire varie tematiche di fede a partire anche dal proprio vissuto.

Expo: connessione delle menti per creare il futuro

7

Nel 2020 sarà Dubai a raccogliere il testimone dell’Esposizione universale di Milano, continuando il filo conduttore della sostenibilità con il tema "Connecting minds, creating the future». Tra le risorse del pianeta si vuole dar risalto all’intelligenza umana, nell’accezione della collaborazione tra diverse culture, la cooperazione tra Nazioni per conquistare traguardi sempre più importanti e con una maggiore consapevolezza. Queste tematiche si intersecano profondamente con una visione cristiana su come vivere il rapporto con l’ambiente che ci circonda e le altre persone. In primo luogo si riconosce il Creato come un dono di Dio, da custodire e rispettare essendo lo specchio dell’amore creatore, dal quale proveniamo e verso il quale siamo in cammino. In secondo si conferisce importanza al valore della tolleranza e accoglienza della diversità, vissuta come una fonte di arricchimento. Non mancheranno anche l’estrema modernità delle città di Dubai e Abu Dhabi con visite spettacolari ed uniche.


MAGDALA OPEN

ROMEA STRATA

6

7

Dal 1° febbraio 2020 pellegrini e turisti possono fare visita alla città in cui è vissuta Maria Maddalena, oggi di pertinenza della Custodia di Terra Santa

Un'edizione ampliata del volume dedicato all'intero percorso della Romea Strata

Apre il Luogo Santo di Magdala, sul lago di Galilea

Una rinnovata guida a piedi

«

La Magdala del Vangelo, la patria di Maria, è scomparsa come tante altre località del Lago; la terra che l’ha ricoperta ne aveva cancellato quasi il ricordo. Prima dei nostri scavi, per i lavori pubblici inerenti la strada asfaltata e l’apertura di un canale per la conduttura delle acque di Tabgha al sud del lago era stato trovato un muro ed alcune tombe, ma gli edifici della città restavano sotto terra». È p. Virgilio Corbo che scrive nella pubblicazione Liber Annuus dello Studium Biblicum Franciscanun nell’edizione del 1974. Le sue parole sono importanti perché oggi possiamo dire che da quegli anni sono stati fatti molti progressi ed oggi Magdala, sulle rive del lago di Galilea, si mostra ai nostri occhi nel suo splendore! Lo scorso mese di novem -

Vista generale del sito di Magdala della Custodia di Terra Santa bre è stato un periodo di lavori di pulizia e sistemazione molto fruttuoso grazie alla tenacia e perseveranza di otto volontari provenienti dalla nostra Diocesi di Vicenza.

Venne subito messa a disposizione la casetta presente sul sito affinché i volontari, pernottando in loco, prendessero familiarità con l’area. Alla pulizia dall’enorme quantità di rovi, si

è proceduto con la potatura delle grandi piante per poi passare alla verifica della stabilità di alcune struttura murarie a bordo sito e così riempire una enorme quantità di sacchi di terra per bloccare gli eventuali crolli di materiali e strutture. Magdala, l’area francescana descritta in antichità dai pellegrini, è oggi visibile e visitabile dal primo febbraio. La dimensione ambientale del sito di pertinenza della Custodia di Terra Santa è assai interessante perché vi è la possibilità di visitare tratti di strada romana (una porzione del circuito cittadino della probabile antica Via Maris), sostare innanzi agli ormeggi delle imbarcazioni dell’antico porto di Magdala-Tarichea dove lo storico G. Flavio nel secondo libro (635) della Guerra Giudaica racconta che

nel lago si trovavano 230 barche nel contesto della ribellione del popolo giudaico contro la presenza romana. Uno sguardo su Magdala permette anche di vedere un complesso termale e la pregevole copia di un mosaico antico offerto per l’occasione da un gruppo di parrocchie della Diocesi. Sono solo alcuni degli spunti topografici che possono offrire al pellegrino e al visitatore un’ opportunità unica di venire a contatto con l’ambiente del Nuovo Testamento e con le strade percorse dal Messia Gesù di Nazareth. Grazie quindi alla generosità, alla competenza e preparazione di tanti nostri bravi volontari e volontarie possiamo accostarci al Luogo Santo di Magdala e contemplare il Verbo fatto carne. Don Gianatonio Urbani

Diego Meneguzzi, 68 anni di Arzignano, ci racconta come ha vissuto i giorni di servizio a Magdala insieme agli altri "colleghi" della Diocesi

«Un'esperienza unica e significativa, utile anche per ritrovare un po' se stessi»

D

iego Meneguzzi è uno dei volontari che lo scorso novembre ha prestato servizio a Madgala. Di Arizignano, 68 anni, energia da vendere, racconta: «È stata un'esperienza unica e particolarmente significativa sotto diversi punti di vista. Spiegare cosa si prova a prestare servizio in un luogo così sacro e importante per la nostra storia e tradizione, in cui è stato anche Gesù Cristo, non è semplice». Diego, durante i giorni di volontariato a Magdala, si è occupato della manutenzione e sistemazione del Luogo. «Ho lavorato in team con altri volontari e anche questo aspetto dell'esprienza ha avuto una particolare rilevanza. Unire gli

Diego Meneguzzi (l'ultimo a dx) con gli altri volontari a Magdala

Il 21 settembre hanno ricevuto il mandato dal Vescovo per il servizio in Terra Santa

I volontari inviati a nome della Chiesa Vicentina Nel pomeriggio di sabato 21 settembre, in Cattedrale, il Vescovo Beniamino Pizziol, durante una semplice, ma emozionante celebrazione, ha consegnato ad una ottantina di volontari, formati dall’Ufficio Pellegrinaggi, il mandato per il servizio di accoglienza al sito archeologico di Magdala, in Terra Santa, che aprirà i battenti, ufficialmente, ai primi pellegrini, il 1^ di febbraio. Il mandato è stato dato in nome di tutta la Diocesi di Vicenza, chiesa locale, prima in Italia ad assumere questo compito di rapporto molto stretto con la Custodia di Terra Santa e con la Chiesa sorella di Gerusalemme. Nell’anno in cui, con la lettera pastorale “Battezzati e inviati per la vita del mondo”, il Vescovo Beniamino invita ogni comunità cristiana e ogni singola persona a veicolare, verso una prospettiva missionaria, le scelte operate negli anni, diventa un segno di testimonianza attiva questo mandato che concretizza l’invio missionario e la

I volontari in Cattedrale con il Vescovo Pizziol e don Raimondo disponibilità al servizio. Incontro, relazione e condivisione saranno elementi che accompagneranno i volontari che si apprestano a partire “a quattro a quattro” per questa nuova esperienza che già, al sol pensiero, è entusiasmante ed arricchente. In molti erano presenti alla celebrazione, affiancati da familiari orgogliosi della disponibilità offerta dai loro parenti, comunque consapevoli che le singole risposte sono sempre guidate dallo Spirito che ci illumina nelle

scelte, ci guida nella concretezza di tutti i giorni, ci orienta quando siamo turbati o incerti. Tutti noi volontari, emozionati e commossi, ci sentiamo investiti dall’onore e dall’onere di testimoniare il nostro essere discepoli di Cristo e daremo attenzione al nostro essere missionari e missionarie in un luogo tanto caro alla cristianità, per una testimonianza di fraternità e di condivisione di fede. Isabella Marchetto

sforzi per raggiugere un obiettivo condiviso ha fatto sì che si creasse forte collaborazione e aiuto reciproco tra tutto il gruppetto». Insieme a Diego, nello stesso periodo, sono partiti da Vicenza altri 3 volontari che si sono impegnati nella pulizia del sito, nella sua messa in sicurezza e nella manutenzione del verde. «Abbiamo raccolto 559 sacchi di terra» dice con una certa soddisfazione. Durante l'esperienza i volontari hanno alloggiato in un casa, nei pressi del Luogo Sacro, messa a disposizione appositamente per loro. «Non era la mia prima volta in Terra Santa, ma vi ero stato con motivazioni e scopi diversi in passato - prosegue -. Quando

ho saputo di questa opportunità offerta dalla Diocesi ho deciso subito di mettermi a servizio e anche in gioco. Gli incontri di formazione sugli aspetti storico-archeologici organizzati dall'Ufficio Pellegrinaggi sono stati fondamentali per poter vivere a pieno l'esperienza a Magdala». Un'esperienza che per Diego è stata anche spirituale: «Ho avuto modo di riflettere molto, di ritrovare anche un po' me stesso lontano dalla frenesia della quotidianità. Ricordo con piacere la giornata che abbiamo trascorso a Gerusalemme le Sante Messe a cui ho partecipato ogni giorno. È stata un'occasione anche per dedicarsi alla mia dimensione religiosa».

Diventa volontario anche tu!

e fruizione dei Luoghi Santi; la possibilità di permanenza a Magdala per almeno un mese, lo spirito di adattamento nella vita quotidiana condivisa con gli altri volontari, una base linguistica minima di inglese. L’Ufficio Pellegrinaggi, ora Fondazione Homo Viator-San Teobaldo, prevede per i volontari dei corsi di formazione ed aggiornamento, che riguardano l’aspetto archeologico, geografico, storico e biblico del progetto. Assiste ed accompagna da un punto di vista tecnico chi è in partenza e si rende disponibile come riferimento durante tutto il servizio in loco. Per chi fosse interessato, o semplicemente incuriosito, e desidera esplorare questa possibilità, vi invitiamo a contattare l’ufficio. Ci sono ancora disponibilità per quest’anno e ampi spazi per gli anni a venire. E’ sicuramente un’ottima occasione per farsi coinvolgere in un’iniziativa unica ed importante, di grande solidarietà e sostegno alla Terra Santa. Un’azione di aiuto che potrebbe prima di tutto arricchire sé stessi. Elena Bolis

Il buon corso e longevità del progetto Magdala Open sono strettamente dipendenti dalla disponibilità dei volontari, che offrono il loro tempo e competenze per mantenere aperto il sito archeologico. C’è e ci sarà sempre la necessità di trovare persone che decidono di sostenere in prima persona l’iniziativa. Le mansioni principali dei volontari non riguardano né la partecipazione ad uno scavo archeologico, né la figura di guida o accompagnatore, ma bensì sono primariamente l’accoglienza dei pellegrini, l’adempimento delle diverse esigenze dei gruppi visitatori, il mantenimento del decoro del sito e la cura della vita comune. Le caratteristiche, invece, che denotano un volontario sono: la buona volontà; la condivisione degli ideali francescani e il desiderio di sostenere la missione di custodia, promozione

É

stata stampata la nuova edizione della guida a piedi della Romea Strata: “La Romea Strata. Vie di pellegrinaggio dal Nord-est Italia verso Roma.” La Romea Strata era una rotta importante, percorsa dai pellegrini che partivano dall’Europa centro Orientale: dalle attuali Polonia, Repubblica Ceca e Austria attraverso il Tarvisio; dai Balcani attraverso Ungheria e Slovenia via Gorizia, e dalla Croazia via Trieste. I pellegrini proseguivano il cammino sull’antica Via Annia e, valicando gli Appennini, raggiungevano la Francigena. Da qui si spingevano fino a Roma e verso Gerusalemme, oppure puntavano a nord-ovest verso Santiago de Compostela. La guida realizzata dal Touring Club Italiano, in collaborazione con l’Ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza, propone itinerari a piedi descritti nel dettaglio, completi di tutte le indispensabili informazioni pratiche, e soprattutto corredate da dettagliati profili altimetrici tappa per tappa e accompagnati da una scheda tecnica che riassume tutte le caratteristiche del tracciato.

La prima edizione della guida è stata stampata nel 2017 in 10.000 copie, tutte esaurite. La nuova edizione presenta due nuovi itinerari rispetto alla precedente: La Iulia Augusta e la Claudia Augusta. La via Romea Iulia Augusta inizia al passo di Monte Croce Carnico che separa l’Italia dall’Austria, in particolare dalla provincia dell’Osttirol e si sviluppa lungo 61 km. Si oltrepassa il valico montano attraversando la Carnia, dove si può ammirare l’importante centro archeologico romano di Zuglio. La via si congiunge con la via Romea Allemagna a Venzone e tocca molte pievi antiche. La via Romea Claudia Augusta si estende per 205 km a partire dal passo Resia, in Trentino Alto Adige, e raggiunge la località di Borgo Sacco, a sud di Trento. La prima parte del tragitto segue la val Venosta e attraversa, tra le altre, le località di Burgusio, Glorenza, Prato allo Stelvio, Merano e raggiunge Bolzano. Qui si innesta la variante proveniente dal Brennero, che segue la valle Isarco e tocca i centri di Vipiteno e Bressanone. Da Bolzano continua verso Trento e quindi raggiunge

Rovereto. Con queste due integrazioni la Romea Strata si arricchisce di 266 km e di ben 12 punti di interesse, tra i quali, oltre alle varie pievi, ricordiamo l’Ossario col museo della Grande Guerra a Timau, la bibbia a Cielo Aperto a Cercivento, il Campanile di Curon Venosta, il Duomo di Merano e il Castello di Salorno. Tutti i contenuti della guida sono anche online su romeastrata.it. Aleksandra Grbic

Taccuino luminoso del pellegrino

S

turali e relazionali che la vita offre al pellegrino e, perché no, anche un tempo di sintesi e verifica di quanto vissuto nei giorni precedenti. Suggerisce chiaramente sant’Ignazio di Loyola negli Esercizi Spirituali che “non l'abbondanza del sapere sazia e soddisfa l'anima, ma il sentire e il gustare le cose interiormente”. Camminare e gustare, sia con il corpo che con l’anima, diventano modi nuovi per guardare alla vita, all’oggi, ma anche alle relazioni quotidiane, non solo allo straordinario. Per questo motivo, ogni proposta offre lo spunto evangelico, una breve riflessione e una suggestione da portare in cuore passo dopo passo, come faceva il famoso pellegrino russo, maestro nella preghiera del cuore. Le particolarità del taccuino sono il formato, più simile ad un diario, e lo spazio previsto per le note personali: il desiderio degli au-

o scorso 18 settembre si è riunito per la prima volta il Comitato Scientifico dell’Associazione Europea Romea Strata (AERS), sotto la guida della Prof.ssa Fiorella Dallari dell’Università di Bologna, già presidente del Comitato Scientifico della Via Francigena. Costituito nel giugno 2019 durante la prima assemblea generale dell’AERS, il Comitato Scientifico ha una valenza internazionale e multidisciplinare ed è composto da una decina di ricercatori e professori universitari provenienti da università e istituti di ricerca lungo l’itinerario della Romea Strata. Il Comitato è coadiuvato da un gruppo di esperti, che daranno un contributo rilevante alla ricerca grazie alla loro competenza. L’obiettivo di questo Comitato Scientifico è promuovere la conoscenza delle antiche vie di pellegrinaggio che dal Mar Baltico portavano a Roma, attraverso studi e ricerche di carattere interdisciplinare volti a riscoprire il patrimonio culturale, storico, artistico, letterario e religioso legato a

queste antiche vie nella prospettiva di uno sviluppo turistico del territorio. Durante il primo incontro del Comitato Scientifico sono stati identificati i principali filoni di ricerca che i membri e gli esperti approfondiranno in stretta cooperazione gli uni con gli altri. Alcuni dei temi che verranno approfonditi saranno la via dell’ambra, le vie Romane, gli antichi ospitali, i monasteri e santuari situati lungo la via, l’interconnessione e lo scambio di conoscenze scientifiche lungo l’itinerario e le tradizioni gastronomiche dei vari territori coinvolti. Questi filoni di ricerca rappresentano delle linee guida per il Comitato Scientifico e al tempo stesso possono essere visti come diverse chiavi di lettura dell’itinerario stesso. Il Comitato Scientifico si riunirà nuovamente il 26 e 27 febbraio 2020 a Bologna per coordinare le propria attività e per organizzare il proprio lavoro, che sarà essenziale per il futuro sviluppo di AERS e per la valorizzazione di tutto il percorso della Romea Strata dal Mar Baltico a Roma. Claudia De Zen

A piedi dalla Repubblica Ceca ad Aquileia in primavera

Promotion Pilgrimage Tour 2020

tori è infatti che ogni pellegrino possa personalizzare il più possibile il proprio taccuino e che la loro proposta si ponga a fianco di ogni passo, in modo discreto, aiutando a leggere la vita e la realtà, ma con grande delicatezza. Naike Monique Borgo

È uscito il 3° e ultimo volume della guida La Via Romea Strata in bicicletta (edicicloeditore)

Il primo incontro del Comitato Scientifico per la ricerca

L

Riflessioni per animare la strada incontro a Dio, da marzo il testo uscirà in libreria arà disponibile nelle librerie entro la prima settimana di marzo 2020 il “Taccuino luminoso del pellegrino”, una sorta di guida biblica pensata per accompagnare i passi di quanti vogliono affrontare un cammino a piedi. Il progetto, pubblicato da Ediciclo Editore, è nato da un’intuizione di don Raimondo Sinibaldi, presidente della Fondazione Homo Viator - San Teobaldo, ma ha coinvolto quasi subito anche la biblista Antonella Anghinoni e sr Naike Monique Borgo, comunicatrice. La scelta è stata dettata dal desiderio di offrire ai pellegrini un sussidio agile e dal linguaggio semplice, ma spiritualmente stimolante e utilizzabile su ogni cammino a piedi, così da raggiungere un pubblico più vasto ed eterogeneo. La scansione del libro è data da trentasei miliari, come i cippi che segnano i punti di svolta nelle strade, ed è per divisibile facilmente in settimane, il tempo medio che una persona può dedicare al cammino. L’idea che accompagna questa scelta è legata alla narrazione della creazione del capitolo 2 di Genesi, nel quale si dice che “Dio, nel settimo giorno, portò a compimento il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro che aveva fatto. Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli aveva fatto creando.” (Gen 2, 2-3). Dopo sei giorni di cammino a piedi si è immaginato dunque un giorno di riposo per gustare in modo particolare le meraviglie na-

Si indaga la molteplice valenza storica della Romea Strata

L

'associazione Europea Romea Strata sta organizzando per la primavera 2020 l’evento “European Romea Strata Promotion Pilgrimage Tour”, un pellegrinaggio che partirà da Velehrad per raggiungere Aquileia attraversando tre diversi stati: Repubblica Ceca, Austria e Italia lungo il tratto centrale della Romea Strata. Il prossimo anno il Promotion Pilgrimage Tour coinvolgerà invece il tratto più a sud dell’itinerario, da Aquileia a Roma, mentre nel 2022 l’evento si concentrerà sulla riscoperta del tratto più settentrionale del percorso, dal Mar Baltico a Velehrad. L’obiettivo dell’evento è quello di far conoscere questa antica via, ripercorrendo 1000 km ricchi di storia e caratterizzati da una straordinaria bellezza naturalistica e paesaggistica. Questa via attraversa inoltre luoghi particolarmente significativi dal punto di vista spirituale, come il santuario di Velehrad, cuore spirituale della Repubblica Ceca, il santuario di Mariazell, tra i più importanti luoghi di culto in Austria, e la Basilica di Aquileia, centro propulsore della cristianità in Europa

Centrale. Il Promotion Pilgrimage Tour è un pellegrinaggio a staffetta. I soci dell’Associazione Europea Romea Strata hanno organizzato il pellegrinaggio nel proprio stato, suddividendo il percorso in tappe, individuando luoghi di accoglienza, organizzando visite, attività collaterali e serate dedicate all’evento. Le delegazioni dei tre diversi stati coinvolti si passeranno poi il simbolo della Romea Strata come testimone ai confini dei vari paesi. Le persone interessate a partecipare all’evento possono decidere a quale tappa unirsi e fin dove arrivare. Per ulteriori informazioni rivolgersi all’Ufficio Pellegrinaggi. C. D. Z

Milano, 9 maggio 2020 LA VIA ROMEA STRATA E LA RISCOPERTA DEI CAMMINI in collaborazione con Edizioni Terra Santa


AGENDA APPUNTAMENTI 8

Dom 1 marzo 2020, ore 20.30 PONTI NON MURI. GIORNATA DELLA MEMORIA DEL MURO DI SEPARAZIONE TRA ISRAELE E PALESTINA Luogo: Tavernelle di Sovizzo, chiesa parrocchiale Merc 26 - Gio 27 febbraio 2020 COMITATO SCIENTIFICO AERS Luogo: Bologna Sab 7 marzo 2020 PRESENTAZIONE NUOVA GUIDA IN BICICLETTA Luogo: Vicenza, Libreria San Paolo Sab 7 marzo 2019, ore 17.00 RACCONTI DAL SINODO PANAMAZZONICO Luogo: Vicenza, Centro Presenza Donna Dom 8 marzo 2019, ore 20.30 PREGHIERA AL FEMMINILE con PRESENZA DONNA Luogo: Vicenza, chiesa di San Carlo

Lun 23 -Mar 24 marzo 2020 ASSEMBLEA AERS Luogo: Aquileia Mar 14 - Ven 17 aprile 2020 45° CORSO DI AGGIORNAMENTO BIBLICO-TEOLOGICO DELLO STUDIO BIBLICUM FRANCESCANUM Luogo: Gerusalemme Sab 9 maggio 2020 LA VIA ROMEA STRATA E LA RISCOPERTA DEI CAMMINI Luogo: Milano 16-17 maggio / 28-29 giugno 2020 PROMOTION PILGRIMAGE TOUR Luogo: dalla Repubblica Ceca ad Aquileia

Sab 23 maggio 2020, ore 9.15 PROMESSE, STELLE E PROFUMI LUNGO IL CAMMINO DELL'ESODO Luogo: Vicenza, Palazzo delle Opere Sociali

Dom 24 maggio 2020, ore 9.15 L'ESODO DELLA PAROLA. DALL'EGITTO AL MONTE NEBO Luogo: Vicenza, Palazzo delle Opere Sociali

Sab 23 maggio 2020, ore 11.00 MARIA DI MAGDALA, PRIMA TESTIMONE DEL RISORTO Luogo: Vicenza, Palazzo delle Opere Sociali

Dom 24 maggio 2020, ore 11.00 LA PAROLA CHE RISCATTA E SALVA Luogo: Vicenza, Palazzo delle Opere Sociali

Sab 23 maggio 2020, ore 15.30 L'ESILIO DELLA PAROLA Luogo: Vicenza, Palazzo delle Opere Sociali

Dom 24 maggio 2020, ore 15.30 PAROLA LUCE SUL CAMMINO Luogo: Vicenza, Palazzo delle Opere Sociali

Sab 23 maggio 2020, ore 21.00 CONCERTO DEL CORO FEMMINILE "CANTAMARILLI" Luogo: Vicenza, Palazzo delle Opere Sociali

Merc 1 luglio 2020 RICORRENZA SAN TEOBALDO Luogo: Sossano

Ven 22 maggio 2020, ore 11.00 NON DI SOLO PANE VIVE L'UOMO MA DI OGNI PAROLA.. Luogo: Vicenza, Pallazzo delle Opere Sociali Geografia della Salvezza

Ven 22 maggio 2020, ore 18.00 LA TERRA E LA PAROLA Luogo: Cologna Veneta, Teatro Ferrini

Interpretazione

Ricerca

Archeologia

Cammino Meta Ospitalità

Interiorità

Fede

Natura

Terre Bibliche

Tradizioni

Storia

Radici

Fratelli Maggiori Sorgenti

Memoria

Storia

Cultura

Scoperta

Pellegrinaggio Spiritualità

Formazione

Bibbia

Documentazione

Civiltà

Conoscenza

Biblioteca

Esperienza

Incontro

Sulla Via della bellezza che sostiene la fede

Dal 3 al 10 luglio 2020, con Non Dalla Guerra PELLEGRINAGGI

LINFA DELL’ULIVO

ROMEA STRATA

LUOGHI EBRAICI

Pasqua in Arte: un racconto Un campo di volontariato attraverso le immagini per adulti in Giordania

L

a Pasqua contiene in sé tutto il mistero della fede cristiana. Ecco perché gli artisti di ogni tempo hanno cercato di rappresentare questa solenne festività attraverso percorsi iconografici, accompagnando i fedeli nel mistero della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo. “Pasqua in Arte”, in fondo, è un racconto per immagini del Vangelo all’interno delle chiese della Diocesi. Un modo per avvicinarsi a tale mistero con la consapevolezza, nel cuore e negli occhi, della gioia che ci investe nello scoprire la tomba vuota, nel saperLo risorto, intriso della luce del Padre. E’ la comunità che si raccoglie attorno ad un’opera, con il linguaggio che solo l’arte sa mediare, efficace quasi più della parola, come già sottolineava san Gregorio Magno, perché

“in essa leggono anche coloro che non sanno leggere”. Museo Diocesano “Pietro G. Nonis”, Ufficio Pellegrinaggi, Ufficio per l’Evangelizzazione e la Catechesi e Istituto Diocesano di Musica Sacra e Liturgia “E. Dalla Libera” accolgono la vocazione di queste immagini e invitano i fedeli ad avvicinarsi alla Pasqua attraverso musica, parola e arte in due serate a Arzignano e Breganze. Venerdì 13 marzo, nel Duomo di Ognissanti ad Arzignano, e venerdì 27marzo, nel Duomo di Breganze, cercheremo di raccontare la Pasqua attraverso i dipinti e gli affreschi presenti in queste due chiese diocesane. È un modo - anche questo - di rendere viva la nostra Ecclesia godendo, insieme, della bellezza della Resurrezione di Cristo Manuela Mantiero

D

opo l'esperienza dello scorso anno, anche per il 2020 l'associazione Non Dalla Guerra* propone un campo di volontariato dedicato agli adulti over 35 in Giordania. Un'esperienza per entrare in contatto con la realtà dei profughi siriani e iracheni e con la comunità giordana, per creare momenti di formazione sui temi dell'accoglienza e dell'educazione alla pace e per progettare un programma di iniziative di restituzione nel nostro territorio. Il campo di volontariato, quindi, è rivolto a quanti vogliono iniziare un percorso di impegno concreto nei confronti di quelle persone che provengono da terre afflitte dalla

guerra e dai conflitti. Si tratta di un'esperienza volta a costruire un ponte di dialogo da una parte all'altra del Mediterraneo attraverso l'incontro e la condivisione donando il proprio tempo, prendendosi cura delle storie ascoltate e, una volta tornati in Italia, attraverso la mobilitazione per avviare processi generativi di sostegno concreto alle realtà conosciute in Giordania. Il campo di volontariato è organizzato con la stretta collaborazione di Caritas Jordan e si terrà dal 3 luglio al 10 luglio 2020. Tutti i dettagli del viaggio verranno presentati il 12 febbario alle 20.30 nella sede di Non Dalla Guerra (viale G. Carducci, 13 - Vicenza).

info@nondallaguerra.it Non Dalla Guerra è un 'associazione giovanile e indipendente. Organizza campi di volontariato in Medio Oriente, promuove percorsi di sensibilizzazione ai temi delle guerre e delle migrazioni. Sostiene l'istruzione di giovani rifugiati in Giordania. Crede nell'educazione alla pace.

Direttore responsabile: Lauro Paoletto Contributi a cura di: Ufficio Pellegrinaggi Diocesi di Vicenza Impaginazione a cura di: La Voce dei Berici

Un Ponte per Betlemme

APPROFONDIMENTI

1° marzo 2020, ore 20.30 Tavernelle di Sovizzo Un “Ponte per Betlemme” è il nome della giornata internazionale che si celebra ogni 1 marzo, per iniziativa di “Pax Christi”, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e pregare affinché venga abbattuto il muro che divide Israele e Palestina. Ormai da diverso tempo anche l’Ufficio Pellegrinaggi organizza la preghiera che quest’anno sarà domenica 1 marzo nella chiesa parrocchiale di Tavernelle alle 20.30.

Profile for ufficio pellegrinaggi

Speciale Voce dei Berici - febbraio 2020  

Inserto dell'Ufficio Pellegrinaggi in collaborazione con la Voce dei Berici

Speciale Voce dei Berici - febbraio 2020  

Inserto dell'Ufficio Pellegrinaggi in collaborazione con la Voce dei Berici

Advertisement