Issuu on Google+

famiglia nostra w educare

anno 92 - n. 5 - maggio 2011

rivista mensile anno 2010 poste italiane s.p.a. spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n 46) art.1, comma 2, DCB (filiale di bergamo)

r i v i s ta d e l l a g e n t e , d e i r e l i g i o s i , d e l l e r e l i g i o s e s a c r a fa m i g l i a

Papa Wojtyla

Beato


EditorialE

«Auguri! Siate

Karol wojtyla é stato bEatificato

E

ra il 14 gennaio quando Papa Benedetto XVI promulgava il Decreto inerente il miracolo attribuito all’intercessione del Venerabile Servo di Dio Giovanni Paolo II. Con quest’ultimo gesto istituzionale iniziò il conto alla rovescia che ha portato alla solenne e commovente Celebrazione di beatificazione a cui tutti abbiamo assistito all’inizio del mese. Giovanni Paolo II é salito sugli altari a tempo da record, anche se la cosa non sorprende nessuno; anzi, da tempo la gente - i giovani in particolare - lo considerava «santo» nel suo cuore e si rivolgeva a lui per chiedere soccorso e lumi, incoraggiamento e favori. In questi stessi giorni tante parole sono state spese su di lui sui rotocalchi, soprattutto cattolici, e molte immagini hanno fatto il giro del web, riportandoci alla memoria scene di un lungo e commovente pontificato. Ma che ereditá ci ha lasciato questo testimone specialissimo del cristianesimo? La stessa provocazione che Giovanni Paolo II aveva enunciato nella sua prima Messa in Piazza San Pietro in quel lontano 1978, con le memorabili parole: «Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!». Quello che il neo-eletto Papa chiedeva a tutti, egli stesso lo ha fatto per primo nei lunghi anni di pontificato: ha aperto a Cristo la società, la cultura, i sistemi politici ed economici. Egli era convinto che non bisognava aver paura di dirsi cristiani, di appartenere alla Chiesa, di parlare del Vangelo. La sua festa liturgica, fissata pertanto per il 22 ottobre, giorno iniziale del pontificato, sará per noi richiamo perenne a considerarci sempre daccapo come «pellegrini dello spirito»; lo stesso Beato scriveva parlando di sé: «Sono un viandante sullo stretto marciapiede della terra, e non distolgo il pensiero dal Tuo volto che il mondo non mi svela».

2

p. Michelangelo Moioli, Superiore generale

famiglianostra

S

e avessi la scelta tra il più potente e irruente dei profeti e il più misero dei preti – mi rivolgerei al prete e gli chiederei la sua benedizione”. Faccio mie le parole della scrittrice Marie Noel per esprimere un augurio ai voi cari p. Luca e p. Sergio, da poco ordinati presbiteri per la Congregazione a servizio della Chiesa. Non siete più giovanissimi: la vostra scelta ricorda a noi tutti che vale la pena di vivere l’azzardo che consegna lealmente e lietamente tutta la vita perché solo Gesù «ha parole di vita eterna» (Gv 6,67), affinché Egli se ne serva, e di curare una fede che esalta l’umanità, che lotta contro tutto ciò che è inautentico, per mostrare il volto vero dell’uomo nel volto del Figlio, la cui vita da uomo parla della grandezza dell’umanità di tutti. Il sacerdote non è successore di Gesù Cristo, come se fosse al posto di uno che non c’è più. Non c’è un vuoto di presenza che deve riempire: al contrario, c’è una pienezza di azione del Signore che deve scrupolosamente servire, c’è il servizio alla Verità di una promessa che è destinata per ogni creatura. «Viviamo in una grande confusione circa le scelte fondamentali della nostra vita e gli interrogativi su che cosa sia il mondo», dice il Papa. Una sfida forte, non una questione di aggiustamenti. Il sacerdote sa che deve esporsi con fermezza e per primo, a favore di quelli che gli sono affidati e di tutti quelli che cercano affidamento, al crogiuolo di questo effetto di smarrimento, riconvertendosi fermamente, lui stesso, alla giustizia dell’essenziale. In un mondo che affoga nel narcisismo, solo in virtù di uomini che non cercano la propria vita, molti potranno di nuovo sperare di ritrovarla. E cos’altro potremmo implorare da Dio e aspettarci come conforto nelle vicissitudini della nostra piccola esistenza? La benedizione mi pare la linfa vitale, il gesto primordiale dei sacramenti, della gestualità sacerdotale; in essa si incontrano la presenza divina e la condizione umana, rivelano l’amabilità e la vivibilità della vita. Infatti, l’essere


ate voce e presenza dello stile di Gesú» voci che vengono da lontano. Descrivere la complessità del vissuto, dar voce ai cambiamenti dello stile di vivere, della società, per rischiarare, spiegare, confortare e aprire spiragli nuovi per una maggiore vivibilità. Ogni mestiere archetipale – i genitori, il medico, l’insegnante, il giudice, - rappresenta non soltanto la propria professionalità, ma anche l’aura di una lunga storia di affidamento, di premessa e promessa della vita buona, di salute, libertà giustizia, cultura. Il prete è il traduttore tra il mondo della Bibbia, la tradizione dei Santi e della Chiesa e i diversi modi di vivere della società attuale. E per voi, cari p. Luca e p. Sergio, questa passione e competenza è mediata dal carisma profetico di santa Paola Elisabetta Cerioli, che si visibilizza nell’impegno ad evangelizzare attraverso l’educazione dei minori e a tenere viva la questione educativa che la separazione tra la vita e la fede sembra invece inesorabilmente indebolire. L’esperienza credente e santa della Fondatrice ci attesta la figura di una donna che si è salvata, salvando gli altri, scoprendo il senso di una maternità più ampia, universale, che la portava a sperare che per ogni figlio,

anche se orfano di padre e di madre, anche se ferito nella propria carne dall’oscuramento della promessa della vita, c’è un padre e una madre, una famiglia che dischiude all’incanto dell’amore dentro a tutte le violenze e alla meraviglia di sapersi amati ed accolti da Dio. E in questo il prete sarà consapevole della propria debolezza, insignificanza, remotezza, inettitudine. Già Paolo si sentiva incapace, debole, segnato, per poter rappresentare la forza della grazia, di Dio e per rafforzare il carisma della comunità. In tutto ciò la vita e la predicazione di un sacerdote benedicente rifletterà la ricchezza della tradizione, la vastezza degli stili di essere cristiani nel mondo globale, le voci della comunità religiosa, si farà avvocato degli assenti, dei poveri, degli esclusi – e un povero rappresentante e avvocato della voce e della presenza dello stile di Gesù, del suo darsi, dirsi e mostrarsi tra di noi e al cospetto del Padre. Se da tutto ciò nascesse una scioltezza, un’eleganza nel modo di essere preti-religiosi oggi… la vostra, cari Luca e Sergio, sarebbe certamente una presenza benedetta e benedicente. Auguri!

famiglia di santa Paola Elisabetta XX Capitolo generale delle Suore della «SaCra Famiglia» di Comonte

«Uno spirito nUovo per Una missione nUova» Questo il titolo dell’importante Assemblea che le Suore della «Sacra Famiglia» di Comonte vivranno a Santa Brigida (Bg) dal 2 al 16 luglio p.v. Il Capitolo generale sarà per le nostre Consorelle un evento di famiglia e un tempo di grazia, un’occasione per rinsaldare la comunione e dare nuovo slancio alla vita. Auguri!

maggio

3

congregazione

prete è una confessione, un mistero e diventa man mano una vocazione nella quale vi sentirete invocati, provocati, evocati per dare voce alla profondità e altezza della nostra esistenza terrestre. E ci vorranno passione e competenza, grazie e fatica per corrispondervi per l’intera parabola della vita – che appunto per la via della benedizione si trasforma in parabola, in una similitudine della grazia del Cristo. Saper «benedire», parlare bene e in modo fecondo, incoraggiante, rincuorante di se stessi, dell’altro, del mondo e di Dio: saper accogliersi benedetti con il gesto e con la parola, rappresentare i sacramenti come presenza benefica e confortante. Sapere dare forma alla vita nel gesto della preghiera, l’invocazione creaturale, respirare nello spirito dell’omaggio, del magnificare; saper dare voce alla sofferenza, al fatto che la vita ci sta troppo stretta e allo stesso momento vi affondiamo, non ne veniamo a capo. E infine la domanda che la nostra vita non vada a pezzi, non si rompa, ma si compia. Tra resa e resistenza illuminante, urge anche saper interpretare i segni dei tempi alla luce del Vangelo, delle


diario dalle scuole

«Il sogno di Costanza» spettacolo teatrale per ricordare e valorizzare a cura della Scuola secondaria del Centro educativo scolastico di Martinengo

A

vventura emozionante quella da poco conclusa per le classi seconde della scuola secondaria di primo grado, attive e frizzanti protagoniste della rappresentazione teatrale: «Il sogno di Costanza. Una vita dedicata agli altri». I ragazzi hanno presentato il risultato del lungo lavoro del progetto di teatro, ai compagni di prime e terze ed alle famiglie. Un’emozione nata proprio dalla responsabilità di mettere in scena la vita della Fondatrice della scuola, santa Paola Elisabetta Cerioli. Dalle strane parole del figlio Carlo e da quel momento di profonda disperazione che ha visto Costanza desiderosa di chiudersi in se stessa e abbandonare il mondo e gli altri, la rappresentazione ha preso vita, presentando una giovane donna senza più speranze e sogni. Eppure la forza della fede e il desiderio di essere madre ha portato Costanza a spalancare nuovamente le braccia alla vita e iniziare un cammino che oggi continua nelle sue opere principali: scuole e missioni. Con un pizzico di fantasia, lo spettacolo ha narrato l’intervento di un bizzarro e vivace angelo mandato

in questo mese ricorre l’anniversario di canonizzazione della Fondatrice (16 maggio 2004). Cuore di madre, fede viva e passione educativa: ecco la triade per continuare a ricordarla

4

famiglianostra


i da Dio per far vivere a Costanza e al pubblico un viaggio fra tempi e spazi, giungendo in Brasile, in Mozambico e infine Martinengo. Obiettivo di questo viaggio nel futuro è stato mostrare alla giovane cosa le sue azioni avrebbero potuto realizzare. Il progetto di teatro, iniziato a gennaio sotto la direzione delle docenti Federica Moscheni, Chiara Manenti, Gloria Ferrari per la recitazione e le coreografie, della professoressa Maria Dolores Ranghetti per le scenografie e dei professori Devis Dori e Paolo Premoli per musiche e canzoni, ha sin da subito coinvolto positivamente i ragazzi che sono divenuti i veri protagonisti dell’esperienza, anche dietro le quinte. Infatti gli insegnanti hanno spinto gli alunni a condividere le loro idee, a proporre come realizzare e migliorare il lavoro di tutti, a sostenere i compagni, cercando di cancellare differenze e pregiudizi e favorendo la collaborazione e il lavoro di squadra.

Una nuova statua per Santa Paola Elisabetta

nusuale, lontana dall’iconografia classica, la nuova statuetta della Fondatrice prodotta dalla Casa di formazione di Curitiba in Brasile. Vuole offrire uno spunto di riflessione a tutti coloro che si riconoscono nel carisma di questa donna. prendendo spunto dalle celebrazioni per i sessant’anni di presenza in Brasile della nostra Congregazione, il rettore del seminario, padre adriano, e i seminaristi, hanno voluto offrire un’interessante interpretazione della Fondatrice. il momento che viene ritratto è, a prima vista, una scena domestica in cui l’ancora contessa Costanza aiuta il figlio Carlo nella lettura di un libro. la giovane età della donna, i vestiti signorili e l’acconciatura curata della sua epoca signorile, la cura materna per il figlio, sembrano riproporre il grande amore che questa donna aveva per il suo figlio Carlo. alcuni particolari però sembrano eternizzare questo momento da renderlo paradigmatico dell’esperienza spirituale e apostolica di paola elisabetta. lo scrigno vuoto ai piedi della sedia, la corona del rosario appesa, il vestito semplice del bambino sembrano suggerire che non si tratti esclusivamente della sua premura per il figlio Carlo ma dell’amore e della premura che ella avrà per tutti i bambini e le bambine bisognosi che il Signore le affiderà negli anni successivi. È il ritratto, allora, della madre, dell’educatrice, di colei che con tenerezza e passione conduce i figli e le figlie di San giuseppe a scoprire dio che è padre e madre di ciascuno.

maggio

5


diario di congregazione

A timidi passi...

a cura di p. Adailton e suor Lica, formatori della Casa di formazione mista

Grande allegria presso la Comunità di Maxixe per i 6 ragazzi e le 7 ragazze che sono entrati in aspirantato e postulantato, prime tappe della «vita religiosa sacra famiglia»

T

utti gli esseri umani desiderano incontare un senso per la loro vita e così essere felici. Coloro che sentono nel cuore la chiamata di Dio incontrano questo senso e la felicità nella sequela di Gesù, che invita: «Vieni e seguimi» (Lc 18,22). In questo modo per le persone chiamate si apre il compito di porre il proprio cuore in Dio, come affermava la nostra fondatrice, santa Paola Elisabetta: «...Abbiate il cuore sempre in Dio». Di fatto il cuore é la sede di tutti i sentimenti, delle emozioni e degli affetti, per questo, per consegnare la vita alla chiamata divina é necesario intraprendere un lungo e impegnativo cammino di intimità, conoscenza e innamoramento del Maestro che chiama; é necessario intraprendere un cammino di uniformizzazione dei propri sentimenti ai Suoi: é pertanto fondamentale vivere bene le tappe iniziali della vita religiosa. Il 30 marzo u.s., approffittando della presenza paterna e materna dei Superiori generali, p. Michelangelo Moioli e suor Marina Francisco Gardim, abbiamo iniziato - come Casa di formazione mista «Sacra Famiglia» di Maxixe - il cammino delle messe «carismatizzanti» del mercoledí con una intenzione speciale: introdurre ufficialmente nella formazione iniziale alcuni giovani con le tappe dell’aspirantato e postulatato di alcuni suoi giovani. Sei ragazzi si sono introdotti a questo tempo formativo iniziale ricevendo dal Superiore generale la croce che ritrae accanto a Gesú, la Vergine Ma-

ria Addolorata, ricordancoci cosí che il cammino per seguire Gesù deve essere intrapreso prendendo la propria croce ogni giorno e, come Maria e santa Paola Elisabetta, ricevere dal proprio Cristo la missione di essere padri e madri spirituali per tutti coloro che non hanno futuro. Alle cin-

6

famiglianostra

que ragazze che sono entrate in aspirantato, con le altre due che hanno fatto il passaggio al postulantato, é stata data uma medaglietta con l’effige della Madonna per ricordare che la nostra risposta alla vocazione deve essere data sull’esempio di Maria: un SI pronto e fermo per ricevere


Dio e la sua grazia (la vocazione come dono) e il suo progetto affinché si manifesti in noi non come noi vorremmo che fosse, ma come Egli desidera che la nostra vita sia spesa, ossia data per amore. A questi giovani che iniziano una lunga camminata di discernimento e approfondimento vocazionale, desideriamo ogni bene e preghiamo perché possano lasciarsi condurre da Dio e dal suo Spirito, facendo esperienza profonda di un incontro con Lui nella preghiera, favorendo in ciascuno il contatto con la sua umanitá nella crescita affettiva ed intellettuale, e dare una risposta ferma e piena alla chiamata del Signore: «Vieni e seguimi!» (Lc 18,22). Al di lá di chiedere aiuto a Dio per la vocazione di questi giovani, vogliamo altresì ringraziarLo per la generosità con cui ci benedice attraverso l’invio di vocazioni qui in Africa (Mozambico), in Italia e in Brasile, con le parole della lingua materna che qui si usano: KHANIMAMBO HOSI (Grazie, o Signore).

dottorato di padre ezio sentite felicitazioni!

V

enerdì 4 marzo u.s. un altro significativo traguardo è stato raggiunto dalla nostra Famiglia religiosa: p. ezio l. Bono ha conseguito il dottorato di ricerca (phd) in Scienze Pedagogiche presso l’università degli Studi di Bergamo. mentre esprimiamo vivissime felicitazioni a padre ezio per la sua generosa dedizione sentiamo che, oltre alla gratificazione personale, il suo sforzo arricchisce l’impegno testimoniale ed educativo della nostra Famiglia religiosa. il dottorato di ricerca é stato conseguito attraverso una tesi intitolata: «L’idea di persona nella filosofia africana contemporanea» con la quale il candidato, attraverso l’analisi del pensiero dei filosofi africani maggiormente significativi e il dialogo (palabre) con numerosi saggi locali, é giunto all’identificazione di un modello teorico che ha denominato con un neologismo «muntuismo», ossia «personalismo africano». ringraziamo il Signore per questo traguardo: p. ezio è il primo religioso della nostra Congregazione ad ottenere il grado accademico del dottorato di ricerca (phd), e auguriamogli di porsi con entusiasmo crescente a disposizione del popolo africano a cui la Congregazione – porzione di Chiesa – lo ha inviato a partire dal 1998. il suo ufficio di rettore dell’Universidade Pedagógica Sagrada Família – UNISAF in mozambico, svolto insieme ai Confratelli ed alle Consorelle della Comunità mista di maxixe, sia esempio di passione e dedizione. (il testo integrale della tesi si può trovare in formato pDF sul sito della Universitá di Bergamo: www.unibg.it)

maggio

7


Il tuo 5x1000 la prematura scomparsa di daniel

«D

aniel proteggici dal cielo». Con queste parole l’ 8 marzo u.s. david, fratello minore di daniel, chiudeva il discorso di commiato al termine della messa esequiale. Ci ha molto toccato questo saluto perché, nella tragicità dell’evento, esprimeva una postura ferma, dignitosa e ricca di speranza. david ringraziava, diceva il calore di papá e mamma, invocava perdono e protezione. a quel commiato tanto coraggioso – in continuità ai moltissimi gesti solidali che cercavano di lenire la densa coltre di dolore di papà pasquale, mamma elena e familiari - in quei giorni si univa anche il nostro cordoglio e la nostra preghiera. a daniel, apprezzato come alunno del nostro Centro educativo negli anni 1994 -2002, va la nostra riconoscenza e, nella fede in gesù che sa abbracciare anche la notte oscura della morte, va il nostro ricordo. alla famiglia di daniel e ai parenti più prossimi, che vivono la prova dolorosa del lutto offriamo la nostra vicinanza e stima. A cura della Redazione.

ci aiuta ad essere famiglia per chi non ce l’ha! Sacra Famiglia Solidale - onluS

Brasile: Assai, Jandira, Itapevi, Vitapolis, Montes Claros, Peabiru

Mozambico: Marracuene, Môngue e Maxixe

Ecco le missioni che aspettano il tuo aiuto!

aderisci anche tu! www.ufficiomissionario.it

ISCRIzIONI AL SUFFRAGIO PERPETUO - 2010 Longhi Teresa (Seriate) Remoti Antonio e Giupponi Maria (Urgnano) ISCRIzIONI AL SUFFRAGIO PERPETUO - 2011 Salvi Maria e Clotilde (Carobbio degli Angeli) Paris Carolina Deleidi Franco, moglie Angela, figlio Pierluigi Pignedoli Dino e Olmi Ioride Fratus Enrica e Merisio Mario (Martinengo) Algeri Angelo (Scanzorosciate)

famiglia nostra proprietà

Congregazione Sacra Famiglia via dell’Incoronata, 1 - 24057 Martinengo-Bg famiglia-nostra@libero.it

uno di maggio

festa di San Giuseppe

festa dei lavoratori festa dei papà

8

famiglianostra

Istituto delle Suore Sacra Famiglia via L. Corti, 6 - 24068 Comonte di Seriate-Bg redazione

Antonio Consonni (direttore), GianMarco Paris, Giuseppe Vitari, Giovanni Costioli, Mauro Ambrosini & Eloriana Monticelli autorizzazione del tribunale di bergamo n° 104 del 18 giugno 1948 abbonamenti progetto grafico

2011: ordinario E 27 |amico E 35

| Grafiche La Passa

stampa

| Il Creativo

associato all’unione stampa periodica italiana

Per contattare la Redazione scrivi a: famiglianostra@sacra-famiglia.it


Famiglia nostra