Issuu on Google+

Keep them farTM & B3STYL3TM PRESENT:

0

Guida by B3STYL3速 di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me at b3styl3@gmail.com for third party publishing.


1. Jailbreak con Blackra1n 2. Il cuore del Jailbreak: Cydia 3. Le applicazioni da installare 4. Installare temi 5. Installare manualmente pacchetti DEB 6. Installare IPA bypassando iTunes 7. Cambiare la scritta “Sblocca” nella Lockscreen 8. Cambiare la scritta “Spegni” 9. Download e link utili 10. iOS 4

1

2 3 5 10 11 13 14 15 16 17

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Il Jailbreak, la procedura di sblocco di iPod touch e iPhone, col tempo è stata semplificata da programmi, da eseguire su PC o Mac, che rendono le azioni dell’utente sempre più ridotte. L’applicazione migliore per eseguire lo sblocco è Blackra1n, scaricabile dall’omonimo sito ufficiale dell’app, http://blackra1n.com, e sviluppata da Geohot. Dal sito ufficiale è possibile scaricarla, e nella sua semplicità grafica non lascia altra scelta se non Make it rain che darà il via alla procedura di sblocco, grazie alla quale installerà nel terminale Blackra1n.app, dalla quale installeremo Cydia.

Bene! Dopo la procedura automatica, avviamo Blackra1n.app, selezioniamo Cydia e partiamo con l’installazione di quest’ultima; volendo possiamo anche installare RockYouriPhone, ovvero Rock, simile a Cydia, ma gestita diversamente.

2

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Installata Cydia, ci si apre un nuovo mondo! Al primo avvio, dovrà riorganizzare tutti i dati, e si chiuderà al termine. La cosa brutta di Cydia è che è sviluppata interamente in inglese, ma cercando è possibile trovare un package che la traduce in italiano. Al secondo avvio l’applicazione vi chiederà: «Chi sei?» e voi dovrete rispondere, con sincerità, se siete «User, Hacker, o Developer». Vi consiglio di non barare perché l’ultima opzione, anche se io ho selezionato proprio questa, può essere molto rischiosa per utenti alle prime armi, ai quali consiglio di selezionare User. Ho parlato dei Package. Ma cosa sono? Cydia, al contrario dell’App Store, è basata su pacchetti di file .DEB, praticamente gli .exe di Windows, che vengono scompattati e installati da Cydia oppure dal MobileTerminal. La prima cosa è quindi procurarsi i package in rete, che sono hostati su alcuni server, per il 90% americani, che danno un indirizzo, chiamato Source, dalla quale dipende una Repositories. Per aggiungere queste, esiste un modo abbastanza automatico. Vediamo come: Apriamo Cydia e muoviamoci nel tab Categories e poi in Repositories; da qua dovremo installare la Repo di PWNCenter, cliccandoci sopra e poi su Install » Confirm. Fatto questo, sempre nella stessa sezione, installiamo con lo stesso procedimento All Source, che aggiunge automaticamente tutte le Repo, anche se alcune nella categoria non verranno incluse; si potrà fare in seguito, manualmente.

Installate le Sources, tre delle più importanti vanno aggiunte manualmente, quindi andiamo in Manage » Sources e clicchiamo Edit, Add e digitamo:

http://cydia.xsellize.com e poi Add Source per quella di xSellize.com

3

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


http://cydia.hackulo.us e Add Source per quella di Appulo.us che hosta Installous, la seconda app più importante. http://repo.beyouriphone.com per quella di BeyouriPhone.com

Grazie a queste avremo dell’applicazione install0us.

ad

un’applicazione

molto

importante,

si

tratta

Quest’ultima permette di scaricare ed installare applicazioni IPA craccate, e quindi i giochi e le applicazioni che troviamo in App Store, senza pagare un solo centesimo; personalmente penso di aver dato ad Apple abbastanza soldi per l’iPod, se voglio farci qualcosa perché devo pagare ancora ? Installous, è intuibile dal nome, è un’installer di applicazioni IPA, per evitare l’installazione manuale, comunque non impossibile in caso di necessità. ( Guida presente nel capitolo Corso Avanzato ). Nell’applicazione è anche presente un browser che visualizza la pagina dalla quale prendiamo le applicazioni, apptrackr.org, sito al quale devo centinaia di euro risparmiati nell’App Store. Anche se quello che segue è solo un consiglio, esistono una miriade di applicazioni utilissime, sia da Cydia che dall’App Store, craccate o meno, che implementano un sacco di funzioni al nostro iPod touch o iPhone. Vediamo le più importanti di Cydia.

4

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


AppSync for OS x.xx. Questa è un’applicazione molto importante che permette di sincronizzare le applicazioni craccate per mezzo di iTunes con il nostro dispositivo; infatti il software non installa quelle craccate poichè non dispongono del file iTunesMetaData.plist. Installare le IPA sarà possibile anche dal PC, scaricandole da Apptrack.org e, una volta finito il download aprendole cliccando due volte oppure importarle da iTunes. Nota bene: è possibile che l’applicazione sia rinominata MiaApp.ipa.zip e quindi che il formato sia .zip e non .ipa, e quindi sarà un archivio di WinZip; non buttatela! Basterà cambiare l'estensione da MiaApp.ipa.zip a MiaApp.ipa. AptBackup. Grazie a questo software sarà possibile fare un Backup delle proprie applicazioni; infatti, mentre per i dati di iTunes (e anche le IPA scaricate) vengono salvati nel computer proprio da quest’ultimo, attraverso i backup, in caso di Ripristino o Aggiornamento Firmware, le applicazioni installate da Cydia non vengono salvate sul dispositivo, e per evitare di perderle AptBackup crea una lista, che viene salvata in una directory inclusa nel backup di iTunes, cosìcche con il nuovo firmware basti installare le Source e AptBackup e premere su Restore, dopo aver sincronizzato, per ritrovare tutte le nostre applicazioni DEB. (Vedi anche PKGBackup) Attachment Saver. Questa è la prima applicazione che vediamo presente nel Cydia Store, una sezione dell’applicazione di Saurik che include solo pacchetti a pagamento, e Attachment Saver è uno di questi proprio per la sua grande utilità. Esso permette di salvare un file allegato ad una mail che riceviamo, cosa non inclusa da Apple, la quale permette soltanto di visualizzarlo, se compatibile con iPod o iPhone. È ovvio che un file .exe non sarà mai compatibile, nemmeno con questo tool. Essendo a pagamento, è disponibile la versione 1.1.0 craccata qui. Per installare un file.DEB vedi la guida nell’omonimo capitolo; oppure è installabile dalla repo di Be Your iPhone. Autolock SBSetting. Questo toggle per SBSetting permette di attivare o disattivare il blocco automatico del dispositivo direttamente dall’omonima applicazioni. Per info su SBSetting scorri l’elenco per leggere la voce. Backgrounder. Non c’è descrizione, se non fantastica! Questa è stata la prima applicazione a portare il Multitasking nell’iPhone OS ed è ancora la migliore! È disponibile gratuimente e permettere di tenere aperte più applicazioni, ad esempio Safari e la calcolatrice, piuttosto che un gioco e Safari, grazie alla pressione prolungata del tasto Home (quello tondo) fino a visualizzare Background Enabled.

5

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Per disattivarlo, riapre l’applicazione e ripete analogamente il procedimento. (Vedi voce: iOS 4) Categories. Un altra ottima applicazione è proprio questa, che permette di organizzare la SpringBoard, ovvero la schermata Home dell’iPod o iPhone, in cartelle dove riunire le applicazioni, per avere un look semplice e ordinato, oppure per limitare il numero di pagine. Con questa applicazione bisogna fare molta attenzione, perché può essere molto pericolosa. Ecco alcuni avvertimenti: non inserite mai Categories all’interno di una cartella; prima di disinstallare un’applicazioni di Cydia toglietela dalla cartella e soprattutto quando togliete il Jailbreak per aggiornamento/ripristino svuotate ed eliminate le cartelle ! Infatti al Jailbreak successivo alcune applicazioni incluse in cartelle e non ripristinate potrebbe risultare installate, ma l’icona non sarà accessibile da nessuna parte. (Vedi voce: iOS 4) CyDelete. Come penso che avrete notato, le applicazioni dell’App Store sono rimovibile grazie ad una X presente in alto a destra dell’icona, quando vogliamo editare la SpringBoard. Grazie a questa applicazione è possibile fare lo stesso con le applicazioni di Cydia, in modo semplice e veloce, senza dover aprire l’applicazione. Docs. Grazie a Docs l’iPhone o iPod touch può diventare un lettore di documenti, come ad esempio file .doc o .docx di Word, PDF, file di Excel eccetera. I file potranno essere messi via SSH oppure salvati dagli allegati delle mail e dall’applicazione è possibile cercare nelle directory tutti i documenti. Vi consiglio di creare nella home directory di Docs la cartella Documenti, così da non dover sempre cercare i vostri file. dTunes. Su Cydia sono disponibili software di ogni genere, e dTunes permette di scaricare musica video, anche in file torrent, da scaricare sul nostro dispositivo per poi essere riprodotti. Essa include Mobile Terminal, atta al download dei file torrent, ma utile anche per altre cose, essendo una specie di DOS della Microsoft, o meglio ancora la Shell di Linux. File2Mail. Questa applicazioni è simile a Docs, ovvero permette di cercare i file nelle directory del nostro dispositivo, ma a differenza dell’altra, permette di inviarli via mail, configurando un server di posta in uscita (SMTP), e può essere molto utile per mandare mail con allegati. Five Icon Dock, Five Column SpringBoard (FCSB) e FiveIRows. Queste tre applicazioni permettono di aumentare il numero di icone da quattro a cinque, rispettivamente del Dock, delle colonne e delle righe. Per un risultato ottimale dal punto di vista grafico vi consiglio le prime due. FCSB può essere anche disattivato dalle Impostazioni originali. iBlueNova 2.0. Ecco l’applicazione che sblocca il Bluetooth ! L’applicazione, disponibile su Cydia Store, è l’unica che ha sbloccato il Bluetooth, permettendo l’invio e la ricezione di file; l’applicazione è scaricabile craccata dalla repo

6

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


di Be Your iPhone, oppure è possibile modificare quella originale; per maggiori info visita iBlueNova.tk iFile. Questa applicazione, disponibile nel Cydia Store, permette di cercare fra tutte le cartelle del nostro dispositivo, aprire o editare file anche non supportati dal dispositivo, come per esempio file di preferenze in formato .plist, cosa normalmente fattibile soltanto dal PC o dal Mac. È possibile scaricarla da Cydia senza pagarla, dalle repo di xSellize o Be Your iPhone. Insomnia. Insomnia permette di tenere attiva la connessione WiFi anche a dispositivo in Stand-By, utile ad esempio se stiamo scaricando un file e non vogliamo consumare tutta la batteria, oppure per lunghe sessioni in SSH. Insomnia Toggle. Non è altro che il toggle per attivare o disattivare Insomnia da SBSetting; anch’esso è disponibile gratuitamente, come il 90% delle Applicazioni, da Cydia. LiveClock: LiveClock è una utility in grado di far muovere le lancette dell’icona dell’orologia sulla SpringBoard! A mio avviso, oltre che bella graficamente, è anche utile e permette di tenere d’occhio anche i secondi. NoCyfresh 1.0.3. Questo è l’ennesimo toggle di SBSettings, che può essere molto utile quando dobbiamo installare un package da Cydia e siamo di fretta; Cydia infatti è molto lenta nel fare il refresh, ovvero scaricare i package; tramite questo comodo toggle, disponibile su Cydia Store oppure crackato nella repo di Be Your iPhone, potremo disattivare il refresh e l’applicazione sarà subito pronta all’uso. OpenSSH. Questa applicazione, scaricabile da Cydia, permette di visualizzare il contenuto del nostro dispositivo con una connessione SFTP, facendoci inserire o prelevare dei file da tutte le cartelle, e quindi non solo musica, video e immagini, ma anche applicazioni, inserire temi e tutti i file presenti dal nostro computer, su quale andrà installato WinSCP, oppure FileZilla. ProSwitcher. Questa applicazione di Cydia aggiunge l’interfaccia grafica al MultiTasking, integrandosi con Backgrounder, citato prima; l’interfaccia davvero bella è attivabile con un metodo personalizzato dalle Impostazioni dell’iPhone OS, dal menu Activator. Rename II. Rename permette appunto di rinominare i nomi delle applicazioni visualizzate nella SpringBoard o nelle cartelle del nostro dispositivo. Safari Download Manager. Questa applicazione del Cydia Store è un add-on per Safari che permette al browser di scaricare qualsiasi file, per essere poi inviato ad iFile per visualizzarlo, oppure può essere spedito con File2Mail. Da questo link è possibile scaricare il DEB. SBSetting. Dopo averne citato alcuni toggle, ecco l’applicazione: SBSetting. A mio avviso è molto utile, infatti aggiunge le impostazioni alla Status Bar, la barra in

7

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


alto con l’orario, il WiFi la batteria eccetera. Essa permette, fra le tante cose, di visualizzare accanto all’ora la RAM libera in Megabyte, e la batteria in percentuale, così come il WiFi. Passando il dito, da sinistra a destra, sulla Status Bar accederemo ad SBSetting per modificare le impostazioni, come ad esempio Bluetooth, WiFi, SSH, connessione EDGE o 3G, oppure visualizzare i processi e/o liberare un po’ di RAM. Winterboard. L’applicazione Winterboard permette di attivare o disattivare temi scaricabili da Cydia, oppure dal computer ed installati in SSH. Questi possono rivoluzionare interamente il nostro dispositivo, dalle icone per la SpringBoard alle tastiere, purtroppo non compatibile con questi ultimi. firmware, a nostro dispiacere. Un buon sito per i temi è iPhone Themes. Per installare i temi vedi l’omonimo capitolo

8

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


sono di meno numericamente, ma pur sempre fondamentali.

Mail Notifier. Offre la possibilità di aver la Push Mail minuto per minuto senza un ulteriore dispendio di memoria RAM come avviene utilizzando l’applicazione Mail nativa sempre aperta in background. L’applicazione è a pagamento, ma può essere scaricata da qua e installata, seguendo la guida qui sotto. Awesome Note. Awesome Note (aNote) unisce note e to do list. È a mio avviso la miglior applicazione presente nell’App Store per queste due funzioni; le note possono essere organizzate in categorie, così come le liste per le cose da fare. Trovate l’applicazione gratuitamente su apptrackr.org WiFiFoFum. Questa applicazione cerca tutti i network WiFi presenti nella zona, e ha una portata maggiore rispetto alle impostazioni del nostro dispositivo. È possibile collegarci alle rete, vedere se sono protette o meno, e grazie allo scanner, approssimativo, ma meglio che niente, conoscerne la posizione. Anche questa è facilmente reperibile su apptrackr.org

9

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Per scaricare un tema è possibile ricercarlo su Cydia, e una volta trovato e installato, aprire WinterBoard e selezionarlo. Alla chiusura verrà effettuato un Respring, ovvero un reload della SpringBoard per attivare il tema. Per l’installazione manuale, una volta scaricato un tema dal computer quasi sicuramente saremo di fronte ad un file zippato o in formato rar. Esaminiamo l’archivio; se esso contiene cartelle come Icons e file chiamati Wallpaper.png, dobbiamo estrarre tutto il contenuto sul Desktop, o in un altra cartella, e inserirlo così com’è in una nuova cartella del nome MioTema.theme. Bisognerà applicare un’enstensione alla cartella, ancora visualizzabile da Windows; nel caso in cui nel file compresso sia già presente la cartella con estensione .theme estraiamo questa e procediamo con la fase successiva. Ottenuto il tema nel giusto formato, apriamo una sessione SSH, con WinSCP, e rechiamoci alla cartella: /private/var/stash/Themes.XXxXXX dove le X sono caratteri casuali. Giunti in questa directory, copiamo il file con estenione .theme e incolliamo nell’iPod/iPhone; fatto questo, apriamo Winterboard e settiamo il tema. Al riavvio della SpringBoard ecco il nostro tema! Semplice, facile e veloce. È anche possibile modificare i temi, ad esempio rinominando alcune icone adibite ad applicazioni che non abbiamo installato; ad esempio se l’icona di iBluetooth vi piace, ma non avete il programma installato potete usarla per Bluchat ad esempio, rinominadola Bluchat.png nel tema.

Nota Bene: Tutto questo è possibile solo su iPhone OS 3.x. Con iOS 4 non è ancora compatibile al 100%.

10

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Eccovi due metodi per installare DEB Package manualmente nel vostro dispositivo. La prima cosa è ovviamente procurarsi un Deb; consiglio il sito xSellize.com, del quale abbiamo aggiunto la Source, che offe molte applicazioni crackate agli utenti registrati; non ve ne pentirete, se non fosse perché è in americano, sarebbe la mia Home Page (lo era). Scaricato il Deb, inseriamolo in SSH nella directory /var/mobile via SSH; è anche possibile scaricarla dall’iPod o iPhone, e posizionarla nella suddetta cartella con un taglia/incolla di iFile. Fatto questo apriamo il MobileTerminal e digitiamo i seguenti comandi: (nota, quando vado a capo sottointendo l’invio)

su root

[invio]

alpine

[invio]

dpkg –i nomepacchetto.deb

[invio]

Verranno visualizzate delle scritte, corrispondenti all’installazione del pacchetto, che per comodità è possibile rinominare con un nome semplice. Alla fine dell’installazione possiamo chiudere l’applicazione ed eseguire un Respring per aggiungere l’icona alla SpringBoard. Bene, questo è il primo metodo, anche se il più difficile è quello che preferisco; in alternativa per i possessori di iFile è possibile grazie all’applicazione stessa installare i Deb; per una maggior comodità vi consiglio di scaricarli dall’iPod o iPhone e al completamento cliccare su Open with iFile per l’installazione automatica. In alternativa, è possibile installarle da Cydia, vediamo come.

11

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Cydia infatti ha la funzione Autoinstall che installa automaticamente uno o più pacchetti .deb presenti in una determinata directory, ovvero /var/root/Media/Cydia/AutoInstall/ e posizioniamo qui i nostri deb files. È quindi necessario fare un doppio reboot del dispositivo, andando nella sezione Power di SBSettings e cliccando su Reboot. È anche possibile spegnerlo e riaccenderlo. Alla nuova accensione i pacchetti saranno stati installati correttamente; in caso contrario, basta aprire Cydia e andare nel tab Manage ove dovrebbe comparire la voce Install in alto a destra; basterà cliccarla e confermare per avviare l’installazione. Personalmente, trovando più comodi e intuitivi i primi metodi, non l’ho testata, e la cito soltanto come possibile opzione, valida ad esempio se non si ha nè iFile nè MobileTerminal.

12

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Se non abbiamo installato l’utilissima AppSync for OS 4.1 possiamo comunque installare un’applicazione IPA. Se avete installato Installous basterà copiare l’applicazione.ipa nella cartella Download, nella seguente directory: /var/mobile/Library/Downloads. Fatto questo, basterà aprire Installous, anche senza connessione WiFi e andare nel tab Download, e selezionare l’ipa da installare, come una normale installazione.

Purtroppo, nel caso in cui non sia installato Installous non conosco alcun metodo per installare delle IPA craccate, anche perché non esiste. É infatti impossibile installarle sia da Cydia sia da MobileTerminal, poiché non compatibile, a nostro rammarico.

13

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Una delle caratteristiche interessanti e innovative del Jailbreak è la personalizzazione. Vediamo come modificare la scritta che viene visualizzata nella Lockscreen ovvero la schermata che visualizziamo per uscire dalla Stand By. Sono possibili due metodi, il primo è più semplice ma richiede iFile; nel libro trovate sia il link di download che le istruzioni per l’installazione. Vediamo come procedere.

Dopo aver avviato iFile entriamo nella directory:/System/Library/CoreServic es/SpringBoard.app/Italian.lproj/ e ora apriamo il file SpringBoard.strings; fatto questo scorriamo fino alla voce “AWAY_LOCK_LABEL” = “sblocca” e inseriamo al posto di sblocca la/le parola/e che vogliamo visualizzare, ad esempio, per visualizzare The Cond0r inseriamo “AWAY_LOCK_LABEL” = “The Cond0r”, cliccando su Modifica, e poi su Salva e su Fine. Se non si possiede iFile, è possibile farlo tramite SSH, come già visto.

14

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Così come la scritta Sblocca della Lockscreen è personalizzabile anche la scritta Spegni (=”Power Off”), che compare con la pressione prolungata del tasto Power, posizionato per iPhone in alto a sinistra, mentre per iPod touch in alto a destra. Il procedimento è analogo; per comodità, aprendo iFile, navighiamo fino alla directory /System/Library/CoreServices/SpringBoard.app/Italian.lproj e apriamo il file SpringBoard.string. La stringa da modificare è “POWER_DOWN_LOCK_LABEL” = “Hacking Continu3s”; Questa stringa ovviamente, Hacking Continu3s, può essere rimpiazzata con una a vostro piacimento; dato che potrebbe risultare difficile trovare la stringa giusta, iFile ha l’opzione per ricercare parole o pezzi di testo all’interno di un file lungo, come questo; basterà cliccare sulla lente di ingrandimento e poi inserire la stringa, o anche solo le POWER_DOWN e troverà la voce nel testo, che noi andremo a modificare. Al solito, alla fine clicchiamo su Salva e su Fine.

Nota: non ho inserito uno screenshot perché non è possibile effettuarne mentre è “in scena” quella schermata.

15

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


iPhone Tunnel Suite 3.0. Questo programma per Windows permette di utilizzare una connessione SSH senza WiFi, e anche di comandare l’iDevice con il terminale direttamente dal computer, per una digitazione più semplice. È possibile scaricarlo cliccando su questo Link oppure la potete acquistare sull’omonimo sito web. Funziona anche su iOS 4. WinSCP. Il client è stato menzionato prima e consente di effettuare connessioni SSH fra il nostro computer Windows e l’iDevice. Nell’applicazione vanno inseriti l’IP del Device (visibile nelle impostazioni di rete oppure da SBSettings), sotto nome utente scrivere root e password alpine. Ecco il download. iPhone Theme Simulator. Questo programmino permette di testare un tema per il nostro dispositivo senza doverlo provare direttamente su questo. Potete scaricarlo da qui. Cyder 2. Cyder è un programma molto utile e potente. Permette di utilizzare Cydia sul nostro computer, aggiungendo Sources e installandole nel nostro dispositivo, una volta scaricate dal nostro computer. Ecco il download diretto. Il mio sito. Cliccando qui potrete accedere al mio sito.

16

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Monumentale. Così come il titolo. Bhe, se lo merita di certo! Rilasciato con la release 4.0 il 21 Giugno 2010, ha segnato la storia dei dispositivi mobili, anche grazie al connubio con l’iPhone 4. Con questo OS, Apple ha introdotto un sacco di funzionalità, ad esempio il backgrounding, le cartelle sulla SpringBoard, con un limite di 12 app cadauna però. Vediamo come sbloccare la versione più recente al momento in cui scrivo, la 4.1 8B117, prima su nuovi iBoot (testata su iPod touch 3G) e su dispositivi MB (iPhone 3G).

17

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Geohot è tornato di scena, bhe c’era da aspettarselo; il numero 1 non poteva andarsene così. E così il signor Hotz ha rilasciato Limera1n, così come alcune previsioni aveva azzeccato, che è scaricabile qui. Il software è ancora una volta semplice e intuitivo. Utilizza l’exploit SHAtter; rispetto a Blackra1n, prevede che l’user dopo aver cliccato su Make it ra1n debba inserire la DFU Mode. Basta accendere il dispositivo, collegarlo, cliccare make it ra1n e seguire la procedura, ovvero tenere premuti Home + Power, e poi rilasciare il tasto Power, tenendo il tasto Home premuto. Il jailbreak è di tipo untethered, ovvero definitivo.

18

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Greenpois0n utilizza lo stesso exploit di Limera1n, ma a sua differenza è compatibile con Linux e con iPod touch 2G (MC). Per il resto, è identico! L’unica cosa che varia, ovviamente, è l’autore, e la grafica ovviamente. È scaricabile dal sito ufficiale, per Windows, Mac e Linux.

Compatibilità: iPhone 4, iPhone 3Gs, iPod touch 4G/3G con firmware 4.1 iPad con firmware 3.2.2.

19

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Questa procedura permette di sbloccare dispositivi con vecchio iBoot (non MC). È stata testata su Windows, ma fattibile anche su Mac. La guida è testata su iPhone 3G, ma in linea teorica dovrebbe funzionare anche su iPod touch 2G MB e iPhone 3Gs MB. Requisiti: iPhone 3G con firmware 4.1 già installato; iPhone1,2_4.1_8B117_Restore.ipsw (Firmware 4.1); redsn0w 0.9.6b1.exe; Tunes 10.0.1 o successivo installato. Ora che abbiamo tutti i requisiti possiamo cominciare avviando iTunes e installando il firmware 4.1, meglio utilizzando la funzione SHIFT + RIPRISTINA. È bene quindi effettuare un backup (sincronizzando) per non perdere i dati più recenti. Una volte che il nostro iPhone 3G ha il firmware 4.1, apriamo redsn0w in modalità amministratore, con l’iPhone collegato ovviamente, e seguiamo la procedura che in inglese ci guiderà al Jailbreak; l’unica cosa da notare è che dopo l’avviso che ci invita a non proseguire se l’iPhone non è spento e collegato, parte la procedura guidata di DFU (Device Firmware Upgrade), quindi vi consiglio di tenere l’iPhone in mano in quel momento per essere subito pronti. Possiamo abilitare i Custom Boot Logos e i Custom Recovery Mode Logos, oppure la verbose mode: al boot verrà mostrato per qualche secondo il logo Apple/custom boot logo, e poi sullo schermo verrà visualizzato il processo di boot, come accade per Debian ad esempio. Questo perché, come su Mac OSX, è basato su FreeBSD. Possiamo anche abilitare il multitasking, la percentuale batteria e abilitare l’home wallpaper. Ovviamente tutte cosa attivabili/disattivabile modificando un semplice file plist, senza dover rifare tutto!

20

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Al termine, la procedura continuerà sull’iPhone, e al nuovo boot sarà presente Cydia. Dopo una sincronizzazione con iTunes, il telefono sarà pronto!

21

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Questa applicazione permette di aver un sistema molto simile a Linux sul proprio iPhone, iPod touch o iPad, installando qualche semplice pacchetto da Cydia.

Pacchetti necessari: (in ordine alfabetico) -

-

APT 0.6 Transitional: questa applicazione permette di aver l’ambito APT nel proprio terminale, per installare programmi come da Shell Linux! Descrizione originale: any advanced packaging tool from Debian. APT 0.7 (apt-key): permette di gestire le repository all’interno dell’APT. APT 0.7 HTTPS Method: utilizza l’SSL per scaricare pacchetti Debian. APT 0.7 Strict: «advanced packaging tool from Debian» Aptitude: integra l’APT e tutti i pacchetti elencati qui sopra. Erica Utilities: è una collezione di utility da riga di comando, utilissime nella nostra shell. Grep: come quello presente su Linux, permette di cercare files con una “regular expression”. Inetutils: FTP, inetd, ping, rlogin, telnet e tftp sul nostro iDevice. MobileTerminal 364.3-12: Il terminale. L’applicazione di base. Non c’è altra spiegazione. OpenSSH: fa sempre comodo per installare i pacchetti sopra riportati, se si hanno nel proprio PC.

È possibile che non abbia citato alcuni pacchetti, poiché sono dipendenze e vengono installati. Ora il nostro terminale è pronto! Buon Hacking ;)

22

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Installato l’APT, alcune source di cui avremo bisogno non saranno presenti nella lista. Vediamo come aggiungerle. Dobbiamo avere iFile installato. Rechiamoci in /etc/apt/sources.list.d/ e apriamo il file cydia.list, e aggiungiamo le source precedute dalla dicitura “deb”, esempio per la source http://xxx.net/repo digitare deb http://xxx.net/repo. A questo punto salviamo e usciamo, e possiamo quindi installare package con l’apt-get. Installiamo ad esempio nmap, software che permette la scansione di un indirizzo IP di una macchina, individuando le porte aperte. Da MobileTerminal digitiamo:

iTouch: /var/mobile root# su root [invio] iTouch: /var/mobile root# password [invio] iTouch: /var/mobile root# apt-get install nmap

Ora verranno mostrate le scritte relative all’installazione; è possibile che ci venga chiesto di proseguire o meno; per andare avanti premere semplicemente “y” e poi invio. A questo punto, per eseguire nmap diamo il comando “nmap”. Tuttavia per eseguire una scansione dobbiamo dare:

iTouch: /var/mobile root# nmap -T4 -A -v -PE -PS22,25,80 PA21,23,80,3389 xxx.xxx.xxx.xxx

Dove le X ovviamente vanno a formare l’indirizzo IP della macchina da scansionare. Possiamo ad esempio eseguire il ping di un sito web, e poi analizzare quello.

23

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


iTouch: /var/mobile root# ping facebook.com PING facebook.com (69.63.181.12): 56 data byte […]

Il resto non ci interessa, basta l’IP. Ora diamo il comando di nmap. Per comodità ho utilizzato Putty, per poter poi riportare il risultato della scansione senza copiare a mano. Consiglio però di fare le prove direttamente sul Device. Inoltre, consiglio di mettere il dispositivo sotto carica per avere il processore che spinge al suo massimo.

iTouch: /var/mobile root# nmap -T4 -A -v -PE -PS22,25,80 PA21,23,80,3389 69.63.181.12 Starting Nmap 5.00 ( http://nmap.org ) at 2010-11-08 22:05 CET Initiating Ping Scan at 22:05 Scanning 69.63.181.12 [8 ports] Completed Ping Scan at 22:05, 0.23s elapsed (1 total hosts) mass_dns: warning: Unable to open /etc/resolv.conf. Try using -system-dns or specify valid servers with --dns-servers mass_dns: warning: Unable to determine any DNS servers. Reverse DNS is disabled. Try using --system-dns or specify valid servers with --dns-servers Initiating SYN Stealth Scan at 22:05 Scanning 69.63.181.12 [1000 ports] Discovered open port 80/tcp on 69.63.181.12 Discovered open port 443/tcp on 69.63.181.12 Discovered open port 5190/tcp on 69.63.181.12 Discovered open port 1863/tcp on 69.63.181.12 Completed SYN Stealth Scan at 22:05, 18.08s elapsed (1000 total ports) Initiating Service scan at 22:05 Scanning 4 services on 69.63.181.12

Trattandosi di un sito WEB, avremmo potuto utilizzare la sintassi –v –A di nmap. Ulterioriori info si hanno digitando solo nmap nel terminale. Ovviamente oltre ad nmap abbiamo a disposizione qualsiasi altro programma runnabile da Shell su Linux, come Python e Perl, due grandissime risorse. Con

24

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


programmi giĂ  visti, possiamo scaricare script nei due linguaggi e runnarli da terminale sul nostro iPhone, iPod touch o iPad.

25

Guida by B3STYL3ÂŽ di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Queste applicazioni sono esclusivamente per iOS 4 e vanno ad aggiungersi alle applicazioni già viste in precedenza. Non sono molti, in quanto la maggior parte è compatibile con iOS 4, e le novità non sono granché!

FolderCloser. Questo piccolo tweak di Cydia chiude automaticamente una cartella, dopo che abbiamo avviato un’applicazione al suo interno. Frash. Finalmente il flash su iPhone è qui! Questa applicazione permette di visualizzare contenuti web flash direttamente da Safari! Non funziona su: iPhone EDGE, iPhone 3G, iPod touch 1G e iPod touch 2G. Infinifolders. L’applicazione è stata sviluppata da chpwn, noto per tutte le app con il prefisso infini-, permette di eliminare il limite di 12 applicazioni per cartella! È possibile attivare lo scrolling per pagina oppure “libero”.

26

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Alcune Note

Questo documento non è atto a promuovere procedure illegali e con la presente l’autore non si assume alcuna responsabilità civile e/o penale. Tendo a precisare che non mi assumo la responsabilità di eventuali danni fisici arrecati ai vostri dispositivi dopo aver messo in pratica i contenuti sopra citati. Utilizza questa guida solo colui che sa ciò che stai facendo; è richiesta una minima esperienza in campo informatico. Leggere attentamente il capitolo prima di sperimentare sull’iDevice.

Ogni qualsivoglia tentativo di riproduzione illecita sarà perseguita a norma di legge.

Maggiori info sono reperibile ai siti http://keepemfar.wordpress.com e http://b3styl3.altervista.org.

27

Guida by B3STYL3® di http://keepemfar.wordpress.com. All rights reserved. Contact me to third party publishing. My website: http://b3styl3.altervista.org


Guida al Jailbreak, ©