Issuu on Google+

con il Patrocinio di

Provincia di Mantova

Comune di Quistello

movenze.

merita la fiducia dei Servizi Segreti e riceve istruzioni da

Non è importante se sono

Miss Moneypenny, in un mondo al femminile dove non

abbracciati su un dirupo,

esiste confine tra ciò che sembri e ciò che sei, dove puoi

appesi ad una fune, chiusi

scegliere, riesci a non soccombere e non ti senti debole,

sotto terra, in fuga o in una

mai. Dove insomma non è strano osservare un’eroina con i

ci piace farvi riflettere, andare oltre le cose, esplorare i

le donne in bikini quando

pensieri con creatività. A quanto pare ci riesce bene... allora

il figlio meglio riuscito di

immaginatelo questo film al contrario, e otterrete anche

Ian Fleming le avvolge con

un pò di realtà possibile. Una sceneggiatura dove lei può

occhio languido, colletto

essere bella e anche saggia, dove sa maneggiare armi tanto

inamidato

quanto le parole, risolve enigmi e utilizza sottili strategie, seducenti e

DIRE

Agitato, non mescolato.

RO ZE

S

07

con

il Pa

tro

lo stel Qui

o di

e di

cini

mun Co

ssio pa per

ne

me

lat sco

o.

sono innamorata del mio vicino di casa giardiniere”, e la

capacità di sopravvivenza, saremo una specie da tutelare

risposta è no. James Bond è nato immortale, seduttore,

come fa il Wwf con i panda, verremo nutrite a bambù in

vincitore, glaciale come piace a noi. Non sto qui a discutere

gabbie d’oro, dove troveremo tutto ciò di cui abbiamo

sul personaggio letterario e men che meno su quello che ci

bisogno senza sentire la necessità di andare oltre, in luoghi

incolla al grande schermo.

inesplorati dove stanno uomini con il potere genetico del

Ma, se d’immaginazione si tratta, vorrei per un attimo invertire

controllo. Gustatevelo allora questo 007. Ma leggete fra le

i ruoli. Le Bond Girl sono già nell’appellativo l’oggetto di

righe anche la ribellione della rossa chioma di Merida nel

un’azione, un mezzo, uno strumento, a volta complici a volte

Brave di Disney-Pixar o il coraggio della Ragazza di Fuoco

nemiche, ma sempre e comunque utili al fine ultimo, in alcuni

nel più adolescenziale e idolatrato Hunger Games: entrambe

casi addirittura inutili, nella storia. E nella vita? Lo so, direte

armate di arco e frecce, veloci e sicure di sè, capaci di lottare

voi che nella vita reale non esistono proiettili da schivare e

e dire anche “no, grazie”. Poi c’è la Regina Elisabetta, che è

uomini indistruttibili. Ma donne usate, si. Strumentali, su cui

stata premiata dal cinema britannico come “la Bond Girl più

puntare obiettivi, coscienti della loro bellezza, e di quanto un

memorabile” per aver partecipato alla cerimonia di apertura

paio di culotte aderenti sia meglio di molte parole. Non voglio

delle Olimpiadi di Londra in una falsa scena stile James Bond

rischiare di cadere in moralismi, e nemmeno svilire in poche

al fianco di Daniel Craig. Ma ce la vedete nei panni di Pussy

righe spunti di riflessione che meriterebbero pagine e pagine

Galore? E allora dai, la nostra autostima fa un balzo che

di approfondimento, ma da quando è nato questo magazine

neanche 007.

nten

tova Man

tu . w ni as PE ept i di Be nc tir 382 dintor ne@

o di cini

a di inci

tro

co Mar io 618 i& EES viatel. 0376uti: Tutto|Qu redaz

FR

4 201 rzo LE CA c ma E LO co sn | 20 MINAZStIOudNio Gr(MafiN) co.it bre TA Print istello grafintariato io ON I C zione: 026 Qu tstud di volo info em O D gina . 46 rin ne ui. dic DIC pa e, 19 ww.p sociazio ttoq RIO & im lfior

il Pa

donne, che abbiamo già dimostrato ampiamente la nostra

21

con

non

quotidianità di madri, mogli e lavoratrici. Perchè finchè noi

“no grazie non so chi sei io in realtà dovevo ammazzarti e

E co PR ERO qui.info Z o € utt w.t ww

Prov

to, ita

I

M

dallo schermo. Ti chiedi se sarebbe possibile resistergli, dirgli

info 0376 229 694

www.bersy.com • e-mail: bersy@bersy.it

E MA DIRA I di districarsi tra intrighi internazionali, complicati quanto la

piazza Sordello, 43 • MANTOVA

via A. Pitentino, 24 • 46010 Curtatone (MN) Italy tel. +39 0376 290 122 • fax +39 0376 478 778

Ag

rso i a ve gn retti st a, mpa Ileni la acco tiene e co za à i lcez a, ch ano aprir e do Ileni la m ando entarm il a re rm rirà vigo che ap o e qu do diceva e or r ad : lo con gn a an ando lle to ne ma, ni, m e qu un pu sto pe tino” bi am are amen a o o i in nd mat sogn e m bam gn mbi ica, m a pu sogn . “Qua to al a di ntar ovi l ca at re dive ta nu i in un i suoi ondo terrot rtun a de ta pr inua che fo vi ur vi tti a il m pa la o in a la to lla cont sogn stre i un erà sogn avev dalla a de è di l’effet retti te suoi tiene uist l zz e st à iere en nq o de ti, ch volta ncrete i tant perchè tiene uister l che o co scriv ntem o di il fil uzza alche e, re co ra r che conq filo de B man ndo pe appa sper ttura lla o -t ersion nia, o di il da ino , qu re le ma ne rip de D ezza esso sogn imm a Ile man ndo Sto za, la ica stra azio vori re an oc id sp Il mio ne di ov gran tim rirà cosa icem la vo sost gni, i rip sens pola e, ap gl e pr rm lla i che In ta azio ca sfid pre. i so da iper itarm o. lle Sem sens so ch ando enta ques do in piate ella esto nd ta da ta e de no. mer in fo onda Per qu ere stes o e qu dorm ovare rman . Sap , qu I to . so e ques è lo a. o pr asfo sé r ad gn scriv te en ci fin vo circ ersa di pu o pe : lo a ar lle im parenz za, en tr ile m ov fa ata ez prov lla pe in un o st tino” io vi vo im diffic ntem gno i che e priv ta o m dell'ap timid ie nd su at so ta esso ffic fa da ci vi sogn . “Qua al m ffetto osta un scel bbia dalla e, sp mio risul o su do rrotto hè l’e nasc sa suoi lti su finito te. mi zz sto, sfid e. Il ne on vo pe ge rc lla to de ordina a da so av e delle empr azio e il m o inte e, pe nscia, ogni un lizza a , co ge ns .S to ch mio e fatic ne sogn ersion ù inco te, in emer spes en sono ta se foca esso ra am o m e pi mai tirar il e fa voi sono mbi ma ci e ques lo st za, cu e im tutt orni rt o or irati, Ma di è ca ò ch da pa l . or a, ar altr lle ff ic la de o ci osta cont fann na st dora e ho ov rcon pe , ra tante E VI ti tutt sc mi ci paura ta prat a pr pe Pan in na sulla leviga io a re o ch rete sset i ap i vi AR teli e lla ch rt az GN i ca pann so di pezz ringe re da della ntinua che fa sce, te pa i di o, va to lta di a di re sp I SO i met e st ampa i, e il ques mul mpi di co ffetto orbi sogn e vo tezz scia DO D agar ch ci è er gn m l'e ore r la alch ncre ntiaccu li rie plod lla, m O e di di in iei so dia qu di alc co do r es i ta perchè ale: amrmo pe O M LO. E m otor sì be ede vi ni lla aD ra an e quan re fa da il m a co i succ sono un'in che o -t one, term mi fe OSTR I FAR leri in di si n N Va ua ID ceso pert o 30 com be re sogn mer em IL no sso tere vece MA l'acq i. Ade CHE Dop dersi, rreb ha ac a co i, è ch uelli l'ono , met o in RE di im oca vo Q e un am sent esso a loro or TE ai. ini: chiu i uno ro, ch n vo altri. e e fu mag MET nc m prov e su co i hè .A bb i. È S rc le sa im fuor ivo ve firmar erete i degl sare ntro è co ativ ria ON ta de le e , pe mi n si rt nt ito mot re di e po i sogn nità ro A A N , no tura ie se o i te to ed ornalis o i pa co na er te es ING bian di l'ono man che ne mat spec men e gi Mat a SP ta, perlo co qu ntar le a ne su ia, te, di ro fra so an e la ve rtie ia vi o no di ne rn appa la m one, e de o di di le gius s'an ie spes dica i a zi ro i, ch gn stor a e che gn en n m an alizza ti altr o so le pa n so pone usic a riv no no re mol do m il su m no infil che chisco ne la a e tato usan e se ilia co lge di che te ar xe arric serv amen raccon guersi mai a Sic avvo bo ad erta ob lla lic i ha distin anca lla su e si di os de aR cora a st ch mbo e m lo à, oc de an tt el e si e, ch già di n si le rico, a la ci g, qu ìa. E e gi e ol no il so de do tt a ch ndon rin Nic Fe ciar an are tu e do io tr en A e ve gn a di an to. vortic su du e la C a Ser muo mos di so ly en i, l i, sogn e sogn Ita che , che vertim e ne ncer tova segn ngha tre N) 8 an (M ar vi di Sha men 8 77 Igor nte di r entr a di tra M gi e 47 tone di che sy.it gn fa te ag ni sa urta 0376 lla ci vi po ber a di 0C e so , divi ca 01 x +39 sy@ ston Marce 46 sogn toni vita i dedi o ba fa • ber an lla mia er • 24 ail: i gu lo de 2 sogn foss , alla o, el e-m 0 12 e ai me ntin 10 qu • Pite 76 29 i co altri a ch m A. lia Elis i sogn via +39 03 sy.co eg con ne sv tel. w.ber o un ww

Valeria Dalcore

o

rafic

diog

tstu

prin

vier

a Si

Elis

e di

zion

tra

boccoli e non ci si fa molte domande sulle sue reali capacità

illis

i

torn

in &d stanza d’hotel: anche tu, a

guardarle, ti lasci un pò andare alla seduzione che trasuda

MAI

“Oh, Bond”, sussurrano

MAI

tuttoquiedintorni @TuttoQuie20 www.facebook.com/TuttoQuiedintorni

per passione con il Patrocinio di

illustrazione di Elisa Sivieri © printstudiografico

concept & impaginazione: Print Studio Grafico snc via Martiri di Belfiore, 19 . 46026 Quistello (MN)

0376 618 382 . www.printstudiografico.it € ZERO tel. contenuti: TuttoQui&dintorni associazione di volontariato

PRESS

PERIODICO DI CONTAMINAZIONE LOCALE

FREE

& dintorni ZERO

07 21 dicembre | 20 marzo 2014

www.tuttoqui.info | redazione@tuttoqui.info

Virgom Store


ZONA PERICOLO

di Francesco Dugoni

Prendete la bolletta della luce e tra i meandri dei numeri, prima o poi, dovreste trovarne uno che indica quanti kWh consumate in un anno. Fatto? Fatto. Bene, ora munitevi di calcolatrice, prendete quel dato di consumo annuo e dividitelo per il numero dei componenti del vostro nucleo familiare. Fatto? Fatto. Bene che numero avete ottenuto? È attorno a 1000 kWh/anno?

Se la risposta è positiva: bene siete nella media dei consumi pro capite.

• State al disotto di 1.000 kWh/anno, benissimo: siete dei virtuosi, continuate così!

• State significativamente al di sopra di 1.000 kWh/anno?! Ahi ahi ahi: siete in ZONA PERICOLO!!! State consumando troppo! Correre ai ripari è urgentissimo: dovete ridurre i consumi!

Per chi ancora non ricade nella ZONA PERICOLO o ne vuole uscire segua alcuni indispensabili suggerimenti:

trattenute sulla paghetta. Così si abitua fin da subito a pagare multe, tasse, ecc…

UNO. Se la moglie si lamenta perché con lavastoviglie,

QUATTRO.

lavatrice, televisore e forno accesi simultaneamente “salta la luce” e vi chiede (chiede ovviamente è un eufemismo) di aumentare la potenza della vostra fornitura (es. passaggio da 3 kW a 4,5 kW) resistete! Spenderete molto di più. Cercate piuttosto di convincerla a programmare l’uso dei vari elettrodomestici durante le ore del giorno così da non interferire. Magari, se siete bravi, la convincerete che il costo evitato per disporre di una maggior potenza varrà una magnifica crociera…

DUE.

Se avete televisore, decoder, mangianastri, mangiadischi, lettore cd, lettore dvd, impianto stereo ed altra diavoleria mediatica più o meno posizionati sullo stesso mobile collegate tutte le loro prese ad una ciabatta (no, non quella di vostra moglie!) munita di interruttore cosicché, quando non utilizzate nessuno di questi elettrodomestici, una semplice pigiatura del testo “on-off” vi farà risparmiare inutili costi di mantenimento in stand by.. Sempre a proposito di stand by,, rammento che secondo stime UE queste simpatiche lucine causano uno spreco di energia pari a 7 miliardi di euro all’anno, equivalenti a 20 miliardi di tonnellate di CO2 immesse in atmosfera.

Avete un boiler elettrico? Ahi ahi ahi. Sostituitelo. Oggi esistono efficientissimi scaldacqua a pompa di calore che beneficiano altresì di ecobonus.

CINQUE. Non avete un impianto fotovoltaico? Avete perso il treno degli incentivi e la moglie gentilmente vi ricorda che: “Ecco, te l’avevo detto!”? Non disperate, non tutto è perduto. Grazie alla detrazione fiscale del 50% potete recuperare il costo della metà del vostro investimento detraendo dalle tasse il 50% del costo in 10 rate annuali. A questo, se aggiungete il risparmio per gli autoconsumi e il ricavo per aver dispacciato in rete quota parte di energia elettrica non consumata, in 6/7 anni recupererete anche l’altra metà del costo dell’impianto.

SEI.

Scegliete con cura i nuovi elettrodomestici guardando con attenzione alle indicazioni riportate sull’etichetta energetica… Sì lo so, le mogli sono già bravissime in questo.

TRE. Il bambinello dopo aver giocato con la Playstation cosa deve fare? Ve lo dico io: fategli staccare la spina. Consuma una voragine. Se non lo fa, procedete con pesanti

Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per

i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare.

Albert Einstein

LICENZA DI UCCIDERE

Tutto il mio disprezzo per chi ancora oggi è favorevole alla vivisezione e a tutti gli esperimenti sugli animali. La vivisezione non è solo eticamente mostruosa, fondata sull’idea che l’uomo abbia il diritto di sfruttare a suo vantaggio indiscriminatamente tutte le altre forme di vita, ma è anche, ormai, scientificamente obsoleta. La vivisezione, come ogni forma di sperimentazione sugli animali, è eticamente inaccettabile, perché non solo ogni animale, ma ogni essere vivente ha lo stesso diritto alla vita di un essere umano. Gli animali invece, durante la sperimentazione, non solo vengono uccisi crudelmente, ma si ricorre spesso a dolorose procedure senza anestesia come trapianti, ulcere, lesioni cerebrali e stimolazioni profonde con elettrodi, spesso, oltretutto, in condizioni igieniche inadeguate. È proprio questa viscida forma di antropocentrismo che ha contribuito a portare la nostra società alla rovina e al degrado, anche morale.

La vivisezione è scientificamente obsoleta, perché i test sugli animali sono antiscientifici e fuorvianti: nessuna specie vivente può essere modello sperimentale per altre specie a causa delle infinite e concatenate differenze genetiche, anatomiche, contraddistinguono: biologiche, metaboliche, etologiche che le contraddistinguono ciò che risulta innocuo negli animali può essere tossico per l’uomo, risultato che oltretutto sarà noto solo a posteriori. La vivisezione comporta infatti innumerevoli errori e ritardi nella scienza; ne sono una testimonianza le 225.000 morti all’anno negli USA per cause avverse ai farmaci, o l’allarmante 90% dei farmaci che non supera le prove cliniche, con enorme spreco di tempo, denaro e menti che lavorano per produrre dati inutilizzabili. Se tale sperimentazione fosse sfruttata solo per sviluppare farmaci, pur essendo comunque a mio parere immorale, sarebbe forse accettabile, e almeno servirebbe a salvare delle vite, invece i campi di applicazione degli animali non riguardano solo i test farmacologici che ne ricoprono meno del 50%, ma specialmente sviluppo di apparecchiature, ricerca di base, studi di tossicità, didattica, esperimenti bellici e cosmetici. Perché ancora oggi é sfruttata la sperimentazione sugli animali? Perché la lobby vivisettoria ha volutamente confuso i concetti di salute e malattia, con campagne pubblicitarie focalizzate sui medicinali, a scapito di campagne volte al fine di prevenire le malattie, promuovendo ad esempio una corretta alimentazione e uno stile di vita sano, l’attività fisica, ecc. “È vero che prevenire è meglio che curare, ma con la prevenzione non ci guadagniamo nulla!” Avran pensato i pesci grossi di lobby e multinazionali. Questo processo ha

fatto passivamente accettare la vivisezione come un male necessario, ma essa ha sempre due conseguenze tragiche prima sull’animale e poi sull’uomo. È, infatti, in aumento lo spostamento dei test clinici in Paesi economicamente depressi, dove i controlli sono minori o inesistenti. Le Istituzioni nazionali ed europee, invece di impegnarsi per concretizzare l’implementazione dei metodi alternativi, come voluto dalla legge, e non solo dagli animalisti, ogni anno approvano mozioni e direttive che di fatto offrono alla lobby vivisettoria maggiori libertà e minori restrizioni circa l’utilizzo degli animali come cavie. Mi chiedo quante “donazioni anonime” abbiano ricevuto sottobanco politici, partiti e governi per continuare a favorire la vivisezione, dimenticando, o meglio, ignorando molti altri metodi validi, come le colture di cellule e di tessuti umani, modelli matematici computerizzati, tecniche non-invasive per immagini e altri sistemi artificiali molto validi, il cui sviluppo avrebbe solo bisogno di essere sostenuto e finanziato. Quindi: la vivisezione è superata, immorale, pericolosa, fonte di illegalità, ed estremamente costosa, pertanto va proibita e non usata come LICENZA DI UCCIDERE.

Filippo Gavioli

E tu che ne pensi? Esponici la tua opinione su questo tema!

vieni a trovarci on-line su www.tuttoqui.info


Sean Connery

James Bond dal 1962 al 1967 e poi di nuovo nel 1971 si dimostrò perfetto per il ruolo, ma curiosamente al concorso indetto per scegliere il Bond cinematografico si classificò 3°.

POETA IN ERBA

BOND TIMELINE

BOND TIMELINE

L’ANGOLO DI GUIDO

07

ZERO

Al servizio segreto di Sua Maestà

di Guido Peroncini

Dall’ Inghilterra alla Francia,

Auto scintillanti e velocissime,

Gorge Lazeby

dalla Svizzera al Portogallo.

donne spie bellissime,

James Bond solo nel 1969 in “Al servizio segreto di Sua Maestà” a seguito di problemi avuti durante la lavorazione e con il regista rifiutò il contratto per i successivi 7 film della serie.

È tutto un inseguire

è un vero turbine di adrenalina

chi del crimine è maresciallo

per la salvezza della Regina.

Roger Moore

James Bond dal 1973 al 1985 fino ad oggi, Moore è l’interprete che, nella serie ufficiale, ha interpretato più volte il ruolo di 007.

Timothy Dalton

James Bond dal 1987 al 1989 ruolo che portò alla notorietà Dalton, ma dopo alcuni disaccordi con la EON, rinuncia a vestire i panni del più famoso agente segreto al servizio di Sua Maestà.

Pierce Brosnam James Bond dal 1995 al 2002; pare ci fosse una voce secondo cui il contratto gli avrebbe proibito di indossare uno smoking in qualsiasi film che non riguardasse 007; voce dimostratasi poi infondata.

Daniel Craig

James Bond dal 2006 al 2012 è il sesto attore ad avere l’onore di interpretare l’agente 007 ed il secondo insieme a Roger Moore ad avere i capelli biondi.

TUTTOQUi&dintorni associazione di volontariato è stata partner di Solidariamente, associazione di volontariato di San Giacomo delle Segnate, nel progetto NET JET, la rete che decolla, reso possibile grazie ai contributi concessi dal Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il volontariato in Lombardia. Da aprile ad ottobre 2013 il progetto ha coinvolto ragazzi dai 10 ai 13 anni e le loro famiglie di San Giacomo delle Segnate e di Quistello, in incontri dedicati all’adolescenza e in attività laboratoriali durante il periodo estivo. Street Art, Street Dance, Street Drums e Cuochi senza Fuochi, minicorso di cucina senza l’uso dei fornelli, hanno coinvolto in modo creativo e dinamico una ventina di ragazzi. Giovani anche i professionisti che hanno curato le attività: Riccardo Reggiani, 21 anni, writer, ha raccontato il mondo del writing e ha seguito i ragazzi nella realizzazione dei pannelli grafici bombolettati a fine corso. Con il nostro Federico Aprile, classe 1989, i giovani artisti hanno sperimentato varie tecniche pittoriche utilizzando matite e pastelli colorati, biro, acquerelli, colori ad olio... scoprendone segreti e curiosità e hanno potuto cimentarsi nella realizzazione della loro personale opera in una bella giornata di sole, all’aperto, lasciandosi ispirare dalla natura. Mattia Droghetti, 25 anni, ha mostrato ai ragazzi l’essenza del breaking o b-boying, toccando un po’ tutti gli aspetti della disciplina a partire dalla tecnica ai metodi di allenamento, ma soprattutto ha voluto mostrare loro la parte più bella del breaking ovvero la condivisione e il vivere insieme ciò che si ama fare: i ragazzi infatti hanno lavorato come un team dandosi aiuto l’un altro quando necessario, mettendosi in gioco, mostrando voglia di fare, spirito di gruppo e di iniziativa. Francesco Borghi, giovane insegnante di percussioni, ha coinvolto brillantemente con la sua carica e la sua energia tutti i ragazzi insegnando loro a suonare oggetti di recupero, trasformati creativamente per il laboratorio in perfetti strumenti a percussione per fare musica insieme, giocando e divertendosi, senza perdere di vista l’impegno e l’attenzione alla buona riuscita dei ritmi imparati. Oltre a queste attività di strada, sempre per coinvolgere i ragazzi in attività di gruppo coerenti con l’obiettivo di NET JET, cioè far vedere ai ragazzi com’è bello stare bene insieme, collaborando alla riuscita di un progetto comune, in un’ottica di sana aggregazione, Clara Zani, la nostra Pavona sul Sofà, ha organizzato un breve corso di cucina, insegnando ai giovani cuochi semplici e deliziose ricette da preparare a freddo, senza l’uso dei fornelli. I giovani chef hanno dato prova di grande abilità organizzando due piccoli buffet, in cui hanno ricevuto il plauso degli adulti che si sono leccati i baffi e hanno apprezzato professionalità e impegno dimostrati. Grandi emozioni vissute, sia dai ragazzi sia dagli adulti coinvolti in questo bel progetto, dove entusiasmo e passione hanno lasciato, al solito, il segno!

03

Serena Lucia Gallini

Qual è il tuo interprete preferito? vieni a votarlo sulla nostra pagina facebook

rassegna teatrale Tutto Qui e dintorni

oo7:

La morte può attendere

È tempo di burattini

organizzata dal Centro Teatrale Corniani e guidata dal direttore artistico Maurizio Corniani

Giulia Casoni . TAVOLESTRETTE

presenta la compagnia Teatro Tages di Cagliari in

IL FIL’ARMONICO uno spettacolo dove le marionette riescono a comunicare emozioni e passioni, sorprendere il pubblico con personaggi che vedono oltre la quotidianità.

info:

www.cornianiteatro.it

Sabato 11.01.2014 ore 17.00 Teatro Lux _ Quistello

INGRESSO GRATUITO


This is the end Hold your breath and count to ten Feel the earth move and then Hear my heart burst again For this is the end I’ve drowned and dreamed this moment So overdue, I owe them Swept away, I’m stolen Let the sky fall, when it crumbles We will stand tall Or face it all together

Ascolta questa canzone di Adele. Immagina di poter attraversare il cielo volando. Senza aerei o deltaplani o paracadute. Come fanno certi pazzi che si lasciano cadere dal cielo; con tute alari si illudono di vincere la forza di gravità e per qualche secondo si sentono eroi dell’aria, sospesi tra l’estremo coraggio e la follia. Trattieni il respiro e immagina. Dev’essere una bella scarica di adrenalina... Ma c’è un modo più facile per restare sospesi tra aria e suolo: entrare in acqua e... nuotare. Senza fretta, come faccio io ogni volta che posso. Ecco allora che vivo l’acqua con tutti i sensi e mi pervade la magica sensualità del contatto con la pelle, mi lascio avvolgere dai colori che la luce scolpisce in giochi sempre diversi, ammalianti. Non importa se sono in mare, sulla barriera corallina, o in una piscina. Certe volte basta un ricordo per scatenare la

Il videogame Quantum of Solace è ispirato ai due titoli cinematografici interpretati da Daniel Craig ed è stato lanciato dalla Activision il 31 ottobre 2008, lo stesso anno dell’uscita del film nelle sale. La Activision è di certo più famosa per titoli come Call of Duty di cui il gioco usa lo stesso motore grafico. Il gioco si inserisce nella corposa saga di videogiochi ispirati alla celebre spia britannica e, come ogni film o libro della saga, è un’avventura a sé stante, ma in qualche modo collegata alle altre. Quantum of Solace è stato pubblicato per PlayStation 3, PlayStation 2, Xbox 360, Nintendo Wii, Nintendo DS e Microsoft Windows. La storia ricalca le vicende cinematografiche dei due film. Si inizia con gli eventi di Quantum of Solace per poi proiettarci in un lungo flashback in cui ripercorriamo gli eventi di Casinò Royale per poi tornare di nuovo al primo. Il protagonista assoluto e indiscusso è James Bond nelle fattezze di Daniel Craig, ma troviamo anche gli altri personaggi secondari dei film come l’immancabile capo dell’MI6, “M”, Mister White e ovviamente le Bond Girls: Vesper Lynd e Camille. Se non si conosce la trama dei film, è difficile seguire la storia e capire bene come procedere. La grafica è molto buona sopratutto nelle realizzazione dei personaggi e degli ambienti, molto verosimili. Rispetto al personaggio principale, gli altri personaggi sono più approssimativi; i veicoli a volte risultano piatti sebbene ben modellati, così come le armi nella visuale in prima persona. In alcuni punti si alternano texture e poligoni ben realizzati con altri decisamente scarsi. Gli scenari sono molti e riprendono le ambientazioni dei film; ci troveremo quindi in location come Siena o in Africa. Il sonoro è molto buono, soprattutto gli effetti delle armi e delle auto. I dialoghi sono simili a quelli dei film perché si sono usate le stesse cinematografiche anche nelle versioni tradotte. La colonna sonora è perfetta, identica a quella dei film tanto che sembra davvero di essere in un film di James Bond. Il gameplay è un ibrido tra lo stealth e il classico sparatutto, ci sono entrambe le opzioni: si passa dalla visuale in prima persona tipica degli sparatutto, a quella in terza persona in un mix molto buono. I comandi sono molto semplici e intuitivi. Come ogni buon sparatutto a disposizione dell’agente segreto c’è un fornito arsenale di armi dalla classica pistola con silenziatore, al fucile di precisione, al lanciagranate; per la parte stealth c’è la possibilità di prendere gli avversari alle spalle e neutralizzarli con poche e letali mosse, rese molto belle e fluide. Il livello non è particolarmente difficile, sebbene la IA dei nemici sia buona; la salute si ripristina molto velocemente e gli scenari offrono un’ampia gamma di possibilità dove nascondersi. Il gioco è discretamente rapido e veloce, in qualche ora si finisce. La modalità multiplayer non offre tante ore di gioco in più, il che non lo rende molto longevo; la mancanza di bonus o altro non porta a rigiocarci una volta finito. Come in tutti i giochi di ultima generazione è presente anche una modalità multilayer con 12 mappe e 7 modalità di gioco. Giudizio: è un buon gioco, non eccelso, ma niente male.

the game doctor

Inga,l’assistente di

Let the sky fall, when it crumbles We will stand tall Or face it all together At skyfall ...

SKYFALL

Di sicuro un titolo apprezzato dagli amanti della serie di 007 e del genere action. Tutto sommato mi è piaciuto, anche se me lo aspettavo diverso, probabilmente perché sono una amante di James Bond e il mio interprete preferito è Sean Connery! Appena mi sarà possibile giocherò a... Dalla Russia con amore.

Linda Dal Pan

Let the sky fall, when it crumbles We will stand tall Or face it all together At skyfall di Elisa Sivieri ... fantasia: foto scattate nel tempo, che riemergono nella mente svuotata. Allora immagino e parto con un ritmo dettato dal respiro. L’aria è preziosa ed imparo a dosarla; la sento entrare in ogni mia cellula. Curo il movimento, mi allungo, ascolto il suono cadenzato delle bracciate, il battito delle gambe che diventano leggere, la circolazione che si riattiva, e sento tutto il corpo che si risveglia dal grigio torpore. É musica nella mia mente. Sento il piacere di ogni singlo respiro. Cado dal cielo e mi sento avvolta da amorevoli braccia. Chi è che mi sostiene in questo dolce abbandono? Chi mi segue in questo viaggio? Lascia anche tu che il cielo si sbricioli. Metti la tua mano nella mia. Lo affronteremo insieme. ...

http://www.youtube.com/watch?v=7HKoqNJtMTQ

liBERO

Let the sky fall, when it crumbles We will stand tall Or face it all together

ADELE - Skyfall Written by ADELE and Paul Epworth. Skyfall is the official theme song to the James Bond film of the same name.

tempo

di Anna Giraldo https://www.facebook.com/pages/436-di-Anna-Giraldo/161960437174096

OPERAZIONE TUONO Considerazioni pseudo-letterarie di una lettrice ovvero sconsigli per gli acquisti natalizi. Che tuoni e fulmini calino implacabili! Sulla brutta letteratura importata solo perché ha fatto botteghino negli Usa. Sulle copertine specchietto per le allodole. Sulle top ten in libreria. Sui personaggi retrogradi che si compiacciono della propria involuzione mentale. Sugli intrecci approssimativi, ripetitivi, già visti. Sulle negligenze degli editori in fatto di correzione di bozze. Sui lieto fine imbarazzanti. Soprattutto su di me, che ancora una volta ci sono cascata e ho comprato un best seller.

media partner

SPORT

... Where you go I go What you see I see I know i’ll never be without the security Are your loving arms Keeping me from harm Put your hand in my hand And we’ll stand


PH Pietro Buzzi PH Pietro Buzzi

PH Pietro Buzzi

Dopo un’estate all’insegna del rock, il progetto ACCORDIAMOCI si trasforma in Accordiamoci in Jazz & Co. che proporrà, in quattro fantastiche location del nostro territorio e con il patrocinio di quattro Comuni: 21 concerti nei locali, 4 concerti in teatro, 40 muPH Pietro Buzzi

sicisti coinvolti e 6 mesi di incredibile musica sino ad aprile '14. Per sottolineare l’impegno nei confronti di tutte le arti correlate alla musica, ogni concerto verrà aperto con una poesia ed il testo della stessa, oltre ai brani eseguiti nella serata, saranno a disposizione del pubblico intervenuto quasi a voler tracciare un unico filo conduttore tra la poesia della musica e la musica della poesia. Vi ricordate cosa avete fat-

Insomma, la famiglia di TUTTOQUi&dintorni, insieme alla famiglia

to il 24 Novembre? Noi di

di Ekidna, che ringraziamo per aver messo a disposizione la loro

TUTTOQUi ricordiamo mol-

sede credendo nel nostro evento, sono riuscite a dare vita ad un

to bene quella domenica:

evento capace di rappresentare al meglio quello che è il fil rouge

gran parte dei nostri asso-

del nostro magazine: la PASSIONE.

ciati, insieme ai volontari

Un grazie specialissimo alle band protagoniste della giornata!

dell’Associazione Ekidna,

DIRTY-SANCHEZ BAND: nascono nei comuni di terre d’acque in

@ CALIFORNIA . via Viazzuolo 20 . Ostiglia

erano

nella

provincia di Bologna. I pionieri del progetto sono Fabio, Luca e Da-

realizzazione del nostro

vide, in seguito completerà l’attuale formazione Nicolas. La band

primo festival musicale:

inizia a farsi conoscere con le proprie canzoni durante i concerti

25 gennaio ‘14 01 febbraio ‘14 07 marzo ‘14

”TUTTOQUI LIVE MUSIC

estivi tra feste di paese, festival rock e fiere. Lo stile è principal-

@ PUNTO035 . Via Argine Po . Ostiglia

@EKIDNA”.

mente pop-punk-rock riprodotto attraverso pezzi originali o cover

LA MUSICA È STATA LA

riarrangiate. Attualmente hanno un album-demo di otto tracce

GRANDE PROTAGONI-

che prende il nome dalla band.

17 gennaio ‘14 07 febbraio ‘14 21 marzo ‘14

STA DELLA GIORNATA:

FUMAPADANA: nascono un paio di anni fa, sono quattro musici musici-

@ NEW LIFE . via Fiorini 1 . Melara

cinque

insieme

sti, due provenienti dalle campagne di Rovereto s/Secchia e due

alla selezione musicale del nostro Berg Art, hanno scandito,

da Carpi. Il loro genere è il folk-rock italiano, volendosi esprimere

11 gennaio ‘14 08 febbraio ‘14 15 marzo ‘14

impegnati

band,

nelle loro canzoni in lingua madre.

inizio concerti h. 21.30

Associazione Ekidna

Dirty Sanchez - Band

con inediti e pezzi riarrangiati, una giornata dedicata alla promo-

programma concerti

Fumapadana

LARA LUPPI & CESARE VINCENTI ITALIAN STREET QUINTET MARINA SANTELLI DUO MARINA SANTELLI DUO THE OTHERS MORIS FEZ FEZ TRIO MORIS DESAFINANDO

zione e al sostegno di TUTTOQUi&dintorni il nostro progetto pie-

OVER: band alternative melodic punk-rock con voce femminile

@ RED HOUSE . via XX Settembre 44 . Sustinente

no di passione.

di Modena. Dopo diversi cambiamenti dei membri, il gruppo ha

Oltre alla musica, ”TUTTOQUI LIVE MUSIC @EKIDNA” ha ospi-

trovato il lineup definitivo con Linda, Nicola, Oscar, Matteo e Fe-

tato un mercatino handmade, protagoniste le autoproduzioni del

derico.

circuito di Riqù l’arte sul filo.

SEMIALMA: gruppo della bassa modenese, si forma tra Finale

21 dicembre ‘13 28 dicembre ‘13 04 gennaio ‘14 18 gennaio ‘14 15 febbraio ‘14 01 marzo ‘14

LUCA DONINI DUO RICKY PORTERA E MORIS MO’BETTER BLUES MAX COTTAFAVI E MORIS MARINA SANTELLI DUO CAVALLI E BENASSI

22 marzo ‘14

CENA IN JAZZ h. 20.00 TIMEOUT

Riqù L’Arte Sul Filo

OVER

Vogliamo qui ringraziare i nostri fantastici collaboratori che si

Emilia e Massa Finalese. Nasce dalla passione per la musica di

sono improvvisati piadinari, addetti al vin brulè, venditori di bi-

Sebastiano, Alberto, Michele e Matteo che iniziano ad incontrarsi

glietti della lotteria, organizzatori di festival musicali... senza avere

per riuscire ad unire le loro idee musicali. Il genere della band è un

alcuna esperienza.

rock italiano alternativo, con influenza rock, pop e funk. L’unione di questi cinque elementi ha dato vita al loro primo album “Caos mentale” uscito nel Marzo 2013.

serata di Gala con cena e concerto @ PIEVE DI CORIANO

Semialma

SUMMER OF HOAXES: nascono grazie alla passione per la musi musica che lega i quattro musicisti. I brani proposti sono interamente scritti dai ragazzi in stile pop-punk, cultura che scelgono di seguire e continuare a diffondere.

Summer Of Hoaxes

Peccato per chi non c’era! ;) Scarica gratuitamente da iTunes l’App per iPhone Tutto Qui e dintorni powered by Personal System

data da definire QUINTORIGO h. 21.00 @ NUOVO TEATRO MONICELLI . via Ghinosi, 18 . Ostiglia

Cinzia Buzzi TUTTOQUi&dintorni e Associazione Ekidna vi aspettano la prossima estate per un evento musicale ancora più fiko! Stay tuned! ;)

contatti: www.accordiamoci.info accordiamoci@scuolamusicaoltrepo.it | t. 331 110 061 3 accordiamoci fondazione scuola di musica oltrepò mantovano


Srimalie Bassani – BIO

Mente

Nata nel 1986, frequenta il Liceo d’Arte di Mantova dove, nel 2005 consegue la maturità in Arti a Comunicazione Visiva. Nel 2009, a pieni voti, si laurea in Decorazione Pittorica all’Accademia di Belle Arti “G.B. Cignaroli” di Verona. Inizia un nuovo corso formativo iscrivendosi ai corsi avanzati di illustrazione presso la scuola internazionale di Sàrmede (TV). Nel 2010 viene selezionata al Master in Illustrazione per L’Editoria - ARS IN FABULA di Macerata. dove lavora ad un progetto libro assegnatole dalla casa editrice ZOOlibri. La rivista ILLUSTRATI ha pubblicato due suoi lavori nei numeri di dicembre 2011 e marzo 2012. Una sua illustrazione, viene inserita, nel progetto collettivo “ABC dell’arte contemporanea”, di Città invisibili. A dicembre 2012 pubblica con la casa Editrice Bacchilega, l’albo illustrato “La storia più bella”. Per la casa Editrice portoghese Lisbon Labs, ha Pubblicato diversi progetti illustrati. Due progetti libro da lei scritti e illustrati, sono di prossima pubblicazione per la casa Editrice Lantana. 2014.

letteraL

illustrazione di Srimalie Bassani

Si vive solo due volte. Mescolato, Forse qualcuna in più...

Primo pomeriggio, di un giorno qualsiasi, di un novembre con troppo sole. Dall’altra parte del telefono la risposta suona strana, dal gusto insolito e a tratti incomprensibile: “Va bene così, nella prossima vita saprai cosa fare”. Sabato mattina, di un aprile che profuma ormai di Pasqua. Sul sedile posteriore dell’automobile in corsa, un cane grosso e rosso siede pieno di paura guardando con occhi sbarrati visi nuovi. Ora di pranzo, di una calda giornata estiva. Chiuso in una gabbia inadatta a lui, un gatto piccolo e brutto impara lentamente ad assomigliare quanto più possibile ad un animale domestico. Un gatto, un cane e una ragazza. Tre vite. Tante vite. Si pensa che i gatti abbiano sette vite. Questo è piuttosto difficile da dimostrare, tuttavia si potrebbe affermare come sia possibile, e quanto sia facile farlo, dare loro una seconda possibilità. Una seconda nuova vita. E ugualmente facile è poter mettere mano al destino di un cane. E al proprio? Un gatto randagio intrappolato nel radiatore di una macchina si può acchiappare, cercare di tranquillizzare e con estrema lentezza insegnargli che può fidarsi dell’uomo. Di un uomo che sarà in grado di regalargli il suo tempo, il suo sguardo amorevole, il suono della sua voce e una nuova tana: la propria casa. Un cane chiuso in una fredda e alienante gabbia di un canile non ha bisogno di imparare cosa significhi e come ci si possa fidare dell’uomo: per lui è istintivo abbandonarsi, lasciarsi vincere e seguire fedele il passo di quell’uomo che l’ha saputo vedere tra tanti cani ugualmente tristi, tra tutte quelle gabbie infinitamente uguali. Cane e gatto possono ripartire, dimenticare, per quanto sia possibile, la propria storia passata, e vivere un nuovo secondo presente. All’uomo ripartire sembra non essere concesso. O forse sì? Dopo un errore? Una colpa? Un progetto rivelatosi fallimentare? Una relazione catastrofica? Un grave incidente? L’abbandono dei cari? Pensare alla propria Storia personale - con la S maiuscola perché ciascuno di noi ha nome e cognome personali permette di comprendere quanto sia complicato rialzarsi, ripartire, voltare l’angolo e scegliere di percorre una strada diversa, poco nota o addirittura sconosciuta. Il cambiamento netto, radicale e definitivo forse non esiste: non è possibile cancellare con un colpo di spugna quanto è accaduto, e nemmeno applicare processi di rimozione forzata per dimenticare e partire da zero. Qualcosa rimane, una traccia impercettibile si scolpisce in quegli angoli più nascosti e sconosciuti della propria persona, briciole impalpabili si insinuano rimanendo in sorda latenza.

06

E così un’ombra giace, e silenziosamente assume la forma che più le si addice: una movenza inconsueta, un tono di voce non noto, un gusto sconosciuto simil umami*, un’antipatia senza logiche basi, una passione che scoppia improvvisa e piena di energia. Cambiare ogni giorno non è possibile, eppure lievemente qualcosa muta ad ogni istante. Un gatto sceglie il suo padrone facendo affidamento unicamente al suo misterioso istinto, e già sa quale potrà essere il futuro che l’attende. Un cane si fa scegliere abbandonandosi (forse) senza tante domande ma credendo solamente in quello strano sentimento chiamato bontà, e anche lui inconsciamente sente che qualcosa di nuovo sta per accadergli. Ma anche l’uomo, con la sua persona, il suo pensiero e le sue azioni è in grado di rinnovarsi e trasformarsi ogni giorno. Eppure, e proprio qui risiede la tragicità della condizione umana, egli molto spesso non è in grado di cogliere la sua forza, la sua virtù. Quella virtù in grado di far sbocciare da terreni aridi e spenti fiori vigorosi e piante dai frutti dorati. LA PROPRIA VITA PUÒ MUTARE DA TERRA GELIDA A FERTILE VALLE. Ogni scelta fa nascere un filo di quell’erba verde. Fili corti, un po’ più deboli vengono originati da decisioni più istintive e inconsce - bevo un caffè zuccherato o amaro? Entrando in questo ufficio saluterò o mi converrà tenere lo sguardo a terra? - Steli lunghi e orgogliosamente dritti sono invece generati da quelle scelte che necessitano di tempo, riflessione, cura e attenzione - accetto questo importante incarico di lavoro nonostante sia così lontano dalle mie attitudini? Questa cura è un accanimento contro la propria persona o non porterà benefici? Ed è proprio all’incrocio di questi bivi, di queste strade più o meno tortuose, che parte e prende forma quella nuova vita che riempie, da senso e profondità alla propria esistenza, che mette la firma su quello splendido romanzo sperimentale che è la propria Storia personale. NON SI VIVE UNA SOLA VOLTA, NE’ DUE (MAGARI PER I PIÙ OTTIMISTI!), MA OGNI GIORNO: AD OGNI SCELTA SI MUTA, CI SI TRASFORMA, SI DIVENTA IMPERCETTIBILMENTE ALTRO DA CIÒ CHE SI ERA PRIMA. Essere in grado di fare della propria Storia personale un capolavoro, diviene quindi una delle maggiori speranze in questo perpetuo, silenzioso e misterioso mutare. ... *L’umami è il quinto gusto, sconosciuto al mondo occidentale, ma da sempre conosciuto in quello orientale. Al pari dei ben noti quattro gusti “dolce”, “amaro”, “salato” e “aspro” l’umami è percepito anch’esso dai recettori presenti all’interno della cavità orale. Questo gusto e’ particolarmente ricollegabile a determinati alimenti quali carni e formaggi.

Margherita Faroni

non agitato.

Agito le dita sul volante, certamente più vispe del semaforo, addormentato sul rosso: di là dal finestrino, è una danza tribale di rami scuri, nel cielo macchiato freddo. Le mie scarpe chiedono di barattare per un giorno il solido pavimento dell’ufficio per quel sentiero esondante di foglie agitate e ribelli, come il mazzo di carte che, molti anni prima, le mani ancora piccole non riuscivano ad arginare. E allora ci pensava il nonno a mescolarle, con un’abilità da prestigiatore. Nella luce artificiale e soporifera di un pomeriggio invernale, la cucina profumava di amaretto, mostarda e zucca cotta al forno. Il Natale era vicino, un poco più di oggi e la nebbia, a modo suo, mescolava anche lei le cose del mondo. Da piccoli ci si gustava la normalità senza aspettarsi niente di più, senza nemmeno le pretese della gente, a cui bastava che te ne stessi tranquillo a giocare, senza schiamazzi… forse i bambini fanno rumore solo per non sentire quello irrequieto dei grandi. Il tempo ribolliva senza fretta, odoroso di promesse. Un clacson si mescola agitato nei miei pensieri e mi trovo a ringraziare il semaforo, una forzata tregua del tempo che ti lascia accorgere dei suoi profumi e delle sue parole. Di poche cose riusciamo ad accorgerci durante il giorno, fermarci è diventato quasi innaturale. Sarà colpa del regista? Ciak, oggi si gira: “Agitato, non mescolato”! E te la prendi col gatto che la fa proprio mentre ti metti il cappotto per uscire, coi ciclisti che tagliano la strada, col semaforo rosso, coi clienti che si dilungano al telefono, col panino gommoso del bar che ti sei fatto cuocere di fretta al microonde, con la gente che la spesa poteva farsela domani, per chiudere in bellezza imprecando per cena, con le verdure che si sono bruciate perché ti sei dimenticata di mescolarle facendo altre tre cose contemporaneamente… Eccoci, solo allora riconosci che bisognerebbe cucinarle con più cura e attenzione, non solo le verdure, ma le nostre intere giornate. Mescolare è un movimento che richiede tempo. Un movimento lento. Ma chi ha deciso poi cosa è lento e cosa veloce? Sono termini artificiosi e inconsistenti perché esiste solo un tipo di movimento: quello naturale, necessario per ogni cosa. Non siamo fatti di bit immateriali ma di cellule, affamate anche di bellezza. Coglierla non richiede fatica, solo tempo, ce ne rendiamo conto ogni volta che passeggiamo e scorriamo il mondo passo per passo, come le parole di un libro. Quando ridiamo in compagnia e non siamo mai stanchi, quando un animale ci guarda negli occhi e lo scopriamo così simile a noi. Non possiamo rinchiudere gli ingredienti in uno shaker e poi lamentarci che non li vediamo, non li sentiamo. La vita ogni tanto bisogna impastarla con cura, pesando attentamente gli ingredienti e mescolandoli bene in modo che ognuno si possa amalgamare pacificamente con gli altri. Con la fretta, si formano solo grumi e chi agita tutto senza guardare, è perché non vuole vedere che la ricetta che sta seguendo non è quella della bellezza. Gustiamocelo bene stasera il calore di casa, una sana lettura, un buon film di 007. E prendiamoci il gusto di contraddire il grande James Bond, progettando un domani mescolato, non agitato.

Francesca Battisti


Quello che non c’è

di Davide Longfils

3 parti di Gin, 1 parte di Vodka, 1/2 parte di Lillet Blanc e scorza di limone (oggi dobbiamo specificare “non trattata”) ...ecco la ricetta del famosissimo VESPER MARTINI, “agitato e non mescolato” di James Bond. Inventato a Londra dal barman italiano Gilberto Preti per Ian Fleming che lo inserirà nel suo romanzo Casinò Royale… ma questa è una storia che più o meno tutti conosciamo. Quello che ci interessa di questa ricetta è invece la sua genialità, la sua essenza, la sua poesia che come sempre arriva per sottrazione. L’agente segreto beve il cocktail, che chiamerà Vesper, nome di donna che celebra una passione amorosa, a cui poi aggiunge Martini… Ed è qui il genio, la sfumatura, il procedere per levare e così ciò che caratterizza il cocktail viene in realtà buttato e ne rimane solo l’essenza.

È da questa intuizione che dobbiamo imparare, in un’epoca che ci vuole riempire di cose che non servono e che non vogliamo, che ci impone bisogni a noi estranei, non dobbiamo fare altro che concentrarci e assaporare l’essenza di quello che non c’è per capire che cosa davvero cerchiamo.

Vendetta privata (o nuova alleanza)?

RIFLESSIONI SUL CONFLITTO TRA PADRI E FIGLI VERSO LA PROSPETTIVA DI UNA NUOVA INTESA TRA GENERAZIONI, PER LA RICERCA COMUNE DI UNA VITA PIÙ AUTENTICA.

I libri e le idee

di Patrizio Guandalini

Questa proposta di lettura vuol essere un elogio dell’autenticità dell’esperienza vissuta e della capacità di darle un valore sovra individuale mediante la pratica della scrittura creativa. C’è un sapere dell’anima e della vita, raggiungibile per via narrativa o autobiografica, che talora può avvicinarsi alle più avanzate acquisizioni della ricerca nel campo delle scienze umane e sociali. Michele Serra, per esempio, nel suo ultimo libro “Gli sdraiati”, descrive con sarcasmo l’indolenza e l’indifferenza con cui la generazione degli attuali ventenni sta consumando i propri anni e omettendo i propri doveri morali e civili. Il testo è quasi interamente coniugato alla seconda persona singolare: un padre deluso e sdegnato si rivolge al figlio, denunciando punto per punto gli aspetti più irritanti delle sue abitudini e dei suoi comportamenti. L’elenco dei capi d’accusa trova momenti di sintesi perfetta in sentenze precise e inesorabili, come quella pronunciata da un anziano amico del padre, che con amarezza e rassegnazione commenta l’impertinente defezione dei ragazzi dalla liturgia della vendemmia del nebbiolo: “Certo che un mondo dove i vecchi lavorano e i giovani dormono non si era mai visto”. E non si era mai vista nemmeno una così perfetta adesione e una così tempestiva risposta agli stimoli del mercato: “Tu sei il consumista perfetto - dichiara il padre -. Tu sei il sogno di ogni funzionario della presente dittatura, che per tenere in piedi le sue strutture aberranti ha bisogno che ognuno bruci più di quanto lo scalda, mangi più di quanto lo nutre, illumini più di quanto può vedere, fumi più di quanto può fumare, compri più di quanto lo soddisfa”. Nel mondo autoreferenziale dei post adolescenti, il multitasking iperbolico e il delirio narcisistico culminano in una sorta di blindatura autistica, che trova espressione nella cura idolatrica della propria immagine e nella totale noncuranza del mondo circostante, in particolare nella colpevole insensibilità a ciò che resta della natura e delle sue toccanti epifanie. Il padre offre un’ipotesi di giustificazione o spiegazione: “Dopotutto siete arrivati in un mondo che sembra aver esaurito ogni esperienza, digerito ogni cibo, cantato ogni canzone, letto e scritto ogni libro, combattuta ogni guerra, inventato e poi smontato ogni idea […] strade già consumate da milioni di passi […] un mondo già tutto saccheggiato. Quel poco che riuscite a trovare o inventare, ve lo tenete stretto. Non ce lo dite che vi piace, per paura che sia già piaciuto anche a noi. E che vi venga rubato anche quello”. Quindi, dando prova di esemplare onestà intellettuale, l’io narrante rivolge le armi della critica contro se stesso, confessando di appartenere alla generazione dei padri assenti o evanescenti, responsabili di non saper esercitare la loro funzione. La debolezza dei “dopopadri” dipende principalmente dal loro scetticismo, ossia dall’incapacità di condividere un codice di valori e di norme così forte e stabile da giustificare l’imposizione di prescrizioni, divieti e sanzioni.

In termini tecnici, essi si riconoscono tipici esponenti del relativismo etico contemporaneo: dubbiosi, perplessi, balbettanti, strutturalmente incapaci di pronunciare i tanto rimpianti “no” che aiutano crescere. Padri cresciuti sulle rovine dell’Assoluto e sulle macerie del senso, genitori nutriti di una sana cultura progressista, che ha predicato il disprezzo dell’ordine, dell’autorità e del potere, oggi capiscono di aver abdicato al loro ruolo, lasciando un’eredità fatta soltanto di sentenze cancellate e decaloghi spezzati. Alla festosa distruzione delle tavole della Legge è seguito un profondo senso di vuoto e spaesamento, in un ambiente umano dominato dalla morte della morale pubblica e privata. Qui la scrittura di Serra entra in risonanza con la riflessione acuta e illuminante di Massimo Recalcati, una delle voci più autorevoli della scena psicoanalitica contemporanea, il quale, non a caso, ha giudicato “imperdibile” il libro di Serra. Allievo di Lacan, Recalcati ha pubblicato recentemente alcuni saggi, tra i quali ricordiamo “Cosa resta del padre?”, “Ritratti del desiderio” e “Il complesso di Telemaco”, nei quali lo studioso mette perfettamente a fuoco la questione del rapporto padre – figlio nel nostro tempo e nella nostra società. Non potendo più disporre di un sistema incondizionato di valori da trasmettere e di norme da imporre, il padre si espone nella perfetta singolarità della sua persona e nella piena contingenza del suo agire. Deposti i grandi ideali, egli lascia dietro di sé un piccolo patrimonio personale di azioni e conseguenze, parole e comportamenti, che possono assumere il valore di una testimonianza, facendo cenno a un possibile orientamento della vita, una via, un cammino, una traduzione del desiderio in vocazione, che il figlio sarà libero di perseguire o eludere. D’altra parte, l’atteggiamento prevalente tra i nostri figli si pone esattamente agli antipodi rispetto al destino di violenta trasgressione di Edipo o alla tragica egolatria di Narciso; oggi la condizione del figlio si avvicina piuttosto a quella di Telemaco, che scruta l’orizzonte e piange l’assenza del padre, vivendo l’esperienza del dolore e dell’attesa. La partenza di Telemaco alla ricerca del padre perduto non è dissimile dal gesto inaspettato che il figlio decide di compiere nelle ultime pagine del libro di Serra, un gesto che qui non vogliamo anticipare, ma che rappresenta una delle ragioni forti per le quali vale la pena di leggere e discutere questo libro.

Il mondo non basta Io sono ISON *

Tre milioni di anni fa. Ero acqua, polvere e speranza a quell’epoca. Vi ho intravisti, vi ho scorti nel vostro caldo ellisse solare. “O nuovo mondo mirabile, che contieni simili genti!” Piccoli uomini infanti, sono corsa in vostro aiuto. Eravate nient’altro che istinto tanto tempo fa, poco più che animali. Il mio viaggio è cominciato prima ancora dell’origine del pensiero. Arriverò accanto a voi, vi guiderò; farò ciò che le comete da sempre fanno con i popoli dell’universo. Casa, o dolce e fredda Oort, distante ormai milioni di anni. Sono uscita dal tuo abbraccio, fa che arrivi a destinazione. Ho visto Kuiper piena di sorelle minori, abbiamo incrociato le nostre orbite. Devo accelerare la mia corsa; piccole genti, sarete impaurite dall’abisso nero che vi sovrasta. Arriverò per portare la luce, assieme conosceremo il cosmo intero. Ho accarezzato i vostri pianeti, O nuovo mondo mirabile speranza dell’Universo. Vi ho visti finalmente, liberi dalle nubi cosmiche, dai gas interstellari, dal fuoco che brucia nel profondo freddo siderale. Ma Perché? Perché non riesco a distinguervi chiaramente? La corazza esterna cede e la mia fine è ormai vicina. Una coda lunga milioni di chilometri m’accompagna. Perché non riesco a distinguervi? Cos’è accaduto al nascente mondo stupendo che scorsi un tempo ormai lontano? Il Sole mi attira, curverò nella mia parabola senza ritorno appena sfiorandolo, stringerò i denti per non essere distrutta. Vi regalerò uno spettacolo che nessun altro vedrà, sarò la luce del millennio. Abbiate speranza miei piccoli uomini impauriti. Oggi. Ho visto distintamente la Terra, vi ho potuto osservare. Quanto è profonda la vostra tristezza? In quale abisso siete caduti? Era proprio per questo che non potevo vederti chiaramente; o mio magnifico e piccolo mondo, la tristezza che ti riempie ha annebbiato tutto. Deve essere successo qualcosa durante il tragitto, deve essermi sfuggito. Siete caduti in un baratro che vi ha inghiottiti ed ora barcollate smarriti senza sapere come salvarvi. Il mio nucleo si scioglie ed ho perso la speranza, nessun aiuto, nessuna luce potrebbe sanarvi. Non riuscirò a resistere, la mia tristezza è troppo grande. Ho intravisto un mondo magnifico milioni di anni fa, l’ho perso, non sono arrivata in tempo. Lascerò che il sole mi disperda. Io sono ISON e provengo da un luogo e da un tempo ormai freddi e infiniti; anche se sto per morire non perdete la speranza, non abbiate paura miei piccoli uomini. Dovrete cavarvela da soli, ma potete ancora aggiustare tutto il male che avete commesso, ho intravisto tante epoche fa la forza che c’è in voi. Una cometa perduta, ISON.

Andrea Mambrini Libri a confronto: Michele Serra, “Gli sdraiati” (Feltrinelli) Massimo Recalcati “Cosa resta del padre?” (Cortina), “Ritratti del desiderio” (Cortina) e “Il complesso di Telemaco” (Feltrinelli)

* ISON era una cometa nata durante la formazione del sistema solare, 4.6 miliardi di anni fa. Proveniente dalla fredda nube di Oort, all’esterno della fascia di Kuiper, ha intrapreso un viaggio durato 3 milioni di anni per arrivare sino in prossimità del Sole. A quell’epoca gli studiosi ancora non datano l’origine del pensiero e del primo uomo. Avrebbe dovuto risplendere nei nostri cieli durante Natale più luminosa della Luna, purtroppo si è distrutta orbitando attorno al Sole. ISON ha impiegato 3 milioni di anni per giungere a noi, avrebbe brillato nei nostri cieli una volta soltanto e sarebbe ripartita in un’orbita senza ritorno verso spazi infiniti.


gassata per renderlo ciccione e rubicondo. Lo presentarono

Ti è piaciuta la serie delle mie Stagioni? Le Quattro Stagioni di

con pubblicità planetarie e il caratteristico abito che riprendeva

Berg.ART?

appositamente i colori aziendali della Coca-Cola: il bianco e

Bene: ora corri ad ascoltare le Quattro Stagioni di Vivaldi in

il rosso. Da quel giorno Babbo Natale divenne il personaggio

compact disc! O meglio: recupera TuttoQui&Dintorni numero 04 e

d’eccellenza che conosciamo oggi e finì nella categoria dei simboli

prepara il mio primo scritto dedicato alla Primavera per il prossimo

consumistici più utilizzati nel mondo. Per fortuna si salvarono

21 Marzo. Vedrai: sarà una piacevole sorpresa riscoprire la lettura

Santa Lucia, molto più gentile e misteriosa. E si salvò anche Gesù

ciclica delle mie “profezie di stagione” e potrai ripassare tutti gli

Bambino, che a differenza di Babbo Natale, non ebbe problemi

articoli degli altri amici dell’Associazione TuttoQui&DIntorni!

di scadenza arrivati ad una certa età e risultò molto più utile nel tempo grazie ai suoi insegnamenti, piuttosto che per i regali.

Sì, insomma: una bella idea, vero? O sei contro alla ruota centrifuga del Karma che gira?

“Gli Imbacuccati Pensieri del Merlo Bianco” Il gelo che cristallizza. Che conserva. Che brilla. La trasparenza

Brani Consigliati:

del ghiaccio: la purezza dell’Anima. L’innocente arrivo della neve

John Lennon - Happy Xmas (War Is Over) (1972)

che tutti dicono di odiare, ma che in realtà amano dentro. Perché

Bjork - Frosti (2001)

non sanno cosa dire. Non sanno come convertire la loro gioia da

SubsOnicA - La Glaciazione (2007)

Oh My Lord, che confusione! In

bambino se non con la solita lamentela da “soggetto adulto che

quei giorni, occorreva davvero

va sempre di fretta”.

fare ordine dentro e fuori casa!

Pinguini randagi, che si aggirano per la pianura

E nel mio piccolo, ordinando la

e per le strade. Che vengono investiti.

mia libreria, trovai un libro che

Lussuosi camini accesi come nei cataloghi da

non conoscevo. La stanza, ancora

interni che hai sempre visto. E sognato.

in disordine, non disse nulla e in

Letargo domestico. Il divano e la trapunta. La

mezzo a tutto quel caos, cominciai

cicala e la formica.

a leggere il libro. Era una raccolta

Film per capire il Mondo. Film per passare il

di storie stranissime...

tempo. Tempo. Intrattenimento. Capire che è arrivato il sole, anche se alla fine… il

“Il Babbo Natale gonfio di Coca-Cola”

sole c’è sempre stato.

Agli inizi del 1900, c’era San Nicola, Santa Klaus (con le sue renne volanti made in Lapponia) e addirittura un Babbo Natale

Perplesso per le cose che avevo appena letto,

magro, dall’abito verde simile ad un elfo. Negli anni ‘30, La Coca-

chiusi il libro e lo buttai nel cestino della carta,

Cola Company, si accorse di dover allargare la vendita della sua

incurante delle altre storie che custodiva.

famosa bibita, anche alla fascia d’età dei più piccoli e attuò una

Ripresi con i lavori in camera mia, mettendo

delle strategie di marketing più riuscite della storia.

in ordine di uscita i dvd di James Bond nella

Decise di utilizzare il personaggio di Babbo Natale tanto amato

mensola dedicata alla mia collezione di films.

dai bambini, per avvicinarli come consumatori. Presero una delle

Ritornai quindi, alla realtà.

Berg.ART©2013

varie versioni di Babbo Natale e lo gonfiarono di Coca-Cola ben

dalla russia con amore

Quattro chiacchiere con Marco Ruberti in trasferta in Russia per affari a cura di Serena Lucia Gallini nome: Marco

di infedeltà e bugie! Il mercato russo è molto grande e appetibile

nome in codice: Magic

per chiunque, le premesse per un amore fruttifero ci sarebbero,

età: 37

ma bisogna stare molto accorti, è tutto molto complesso. In

professione: direttore commerciale alla Ruberti spa - Quistello

Russia ti fanno firmare un sacco di contratti che non sempre poi

passione per: nuoto e sci, musica intesa come “proprio tutto quello che suona!”

rispettano; è un mercato in cui andare con i piedi di piombo e le

licenza di: non dover mollare mai. In questo periodo le difficoltà sono tante, tanti sono gli sforzi che

mutande di latta! Noi siamo partiti con un buon contatto, ci siamo

siamo chiamati a fare senza avere un ritorno immediato.

fidati, ma siamo rimasti scottati, per fortuna non ustionati, quindi

Sono tanti i gap da colmare: non siamo competitivi con i paesi tecnologicamente avanzati (ad

continuiamo a coltivare l’amore, ma con le dovute precauzioni.

esempio la Germania) né siamo concorrenziali dal punto di vista economico (vedi la Turchia)… La

alla fine… il bene vince? No, in questo momento stanno vincendo

nostra è una continua rincorsa per cercare di raggiungere e superare chi ci porta via ciò che a fatica

i più furbi e i più scaltri, anche se, per fortuna, tanti si stanno

riusciamo a raggiungere!

ricredendo. Chi avanza con prezzi bassi e con mance, sembra stia

Licenza di non dover mollare mai nemmeno con la mia famiglia. Per lavoro sono spesso fuori, ma

vincendo, ma i clienti stanno tornando, poiché il prezzo più basso

cerco di avere sempre un contatto con la mia famiglia, con mia figlia piccola… meno male che c’è

non giustifica il mal servizio. Chi manterrà la propria integrità,

skype!

riuscendo ad essere coerente con le aspettative dei clienti che

qual è la tua arma segreta per affrontare le difficoltà?: in ufficio, essere molto professionale e ironico.

pretendono merce che non si rompe e servizi che funzionano, al

Per fortuna riesco a trovare le battute giuste per allentare le tensioni che questo momento porta, in

giusto prezzo, se sopravviverà…

questo modo si riesce a lavorare meglio. In privato, mi ritaglio lo spazio per sfogarmi attraverso il

sì, forse un giorno tornerà a vincere il bene!!!

nuoto. Anche il tempo trascorso in macchina per gli spostamenti è un’ottima arma che mi è utile per

Io tendo a vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto, così quando lo

staccare la spina e passare dalla modalità ufficio alla modalità privata e viceversa.

vedo pieno sono contento!

lavori con tuo padre: scontro o intesa generazionale? 90% scontro, 10% intesa. Lo scontro è dovuto alle nostre modalità diverse di affrontare un mercato che è drasticamente cambiato in questi ultimi

Grazie Marco per la piacevole intervista, rigorosamente via skype!

15 anni. Non è possibile relazionarsi e gestire i clienti oggi allo stesso modo con cui interagiva mio padre con la clientela anche solo di un decennio fa. Lo scontro generazionale si fa sentire, le

Credo che la forza e la grinta che ho sentito dalle tue parole,

dinamiche sono più complesse e i clienti sempre più difficili da gestire. L’intesa invece riguarda la

indispensabili per andare avanti e per affrontare il mercato e il

filosofia di base che abbiamo, che ho imparato da lui e che condivido: mantenere con i collaboratori, i

difficile momento che stiamo vivendo tutti, siano anche frutto

clienti e i fornitori un rapporto aperto, sincero e trasparente. Per il resto è scontro aperto!

dell’amore e della passione per quello che fai! Benvenuto QUi!

se ti dico dalla Russia con amore… tu cosa rispondi? Ti dico che è un amore molto complicato, fatto

TAVOLESTRETTE

UN POOL DI SCIENZIATI È AL LAVORO

ED ECCOLO... QUI!

(INVENTANO NUOVI GADGET PER IL PROSSIMO 007)

ZERO

07

zo 2014

e | 20 mar

21 dicembr

€ ZERO | ui.info www.tuttoq

o di

o di

con il Patrocini

con il Patrocini

e

per passion

Provincia

di Mantova

Comune

di Quistello

.

escolato

, non m

Agitato

CLAP

agna verso i a accomp stretti e dolcezz che tiene , con vigore a Ilenia, co Ilenia, re mamma i, ma anche aprirà la mano aprirà la diventa una nuovi bambin e quando e quando scrivere la vita in un pugno in un pugno per addormentarmi Sto per temente il suoi sogni suoi sogni apparen o sto di stretti i ”: lo diceva “Quand cosa spero mattino che tiene mica ma nelle ore terà il mondo.interrotto al lettura iperglice di sognare mano conquis del sogno ento i la vostra a, la fortuna cambiam il filo meritarm In sostanz che aveva ma riprendo paura del fondo. pratica, Dino Buzzati, fino in volta dalla ta dai sogni, della vita grande are a a, qualche concretezza circonda io vivo è di continu che a. Per questo dalla timidezz spesso dalla immers -tra i tantil’effetto sfide, scrivere ci vivo sogno i e delle ione, perchè difficile . Il mio tiene stretti immers Sempre di mi risulta temente che one terà ci sono. Ilenia, sufficien sensazi questa un pezzo che provoca mano conquis del un sogno provare lo stesso aprirà la il filo ato su da pelle è focalizz riprendo e quando definito fa sulla one di mio, ate. in un pugno per addormentarmi sensazi tutto sogni coordin questa ori suoi e o sto i capolav “Quand ”: lo a provare fatica a contorn ando in ormai il mondo. e che o al mattino che fa trasform fanno tirarne di sé. Sappiatquella l’effetto sogno interrott lo, i cassetti appena stirati, privata nto, accumu . Ma il ione, perchè ia, nascosta e movime di panni I anni di immers di Pandora scelta o li riempi arenza. ho Dopo 30 più inconsc quando re il vaso dell'app ogni gesto, a, pezzo che i, come la parte esplode fate, in dalla sabbia dalla timidezz ete chiuders di questo e dire far ciò che emerge vorrebb il motore avvolti in tutto che stringer a di voi spesso fuori uno sfide, spesso ha acceso a così bella, di inciampare nascost sono delle che e parte vero, ento copertin . Il mio circonda succede motivo su una Sempre cambiam chi mi miei sogni, è che mi one sogni di paura del di firmare ma ci sono. non sono ia e con voi, sensazi l'onore volta dalla questa vita pratica, e porteret altri. Quelli che ere un'invid qualche zza della ammett che fra le mani are a provare sogni degli è lo stesso dalla concrete anche nei , cura è di continu che fa sulla pelle tà sarebbe sento invece spesso rafforza materni perchè -tra i tantio l'onore l'effetto leviga, sogno altre arne la concess ne di natura, rivendic se mi è ione, perchè : ammorbidisce, spazio a tante i. È a loro, VI mi appartie mia vita, specie di immers termale no i tentativ per lasciare DI SOGNARE la che non le. A l'acqua li mi fermo editoria o perlome provoca cono anche MODO zione, mettete questo Adesso sta arricchis e fuori. IL NOSTRO E magari re giornali rne la realizza altri, che dedico dentro ni: CHE diventa DI FARLO. di osserva a molti e immagi a Matteo RE MAI sogno di amente parole giuste, Dalcore to il suo SMETTE ,a e simbolic le parole A NON Valeria racconta mai. SPINGA che mi ha ersi usando non sogna s'annoia di non si sa Nicole, distingu bianco, e storie mai e se nero su do già di stanca mostran Sicilia compondi musica e non si della sua sognare avvolge che di do il sole che infila , che si sognan Roberta Federico e Igor, che città, a ento. A tutta la della boxe divertim nel vortice potente ring, quello E ancora ad su due . far entrare di vincere sogna di a e la Ciociarìa che gioca i e sogna tra Mantov a Serena i guanton done divisa disegni, ai, muoven della vita, viaggi e di quello dedica ini di Shangh mentre sogna ai sogni bastonc che Elisa che Marcella come fossero alla mia con i sogni altri 10, sveglia uno ne

MAI DIRE MAI

& dintorni

& o.it 19 . 46026 concept iografic di Belfiore, rintstud di volontariato via Martiri . www.p one 618 382 tel. 0376i: TuttoQui&dintorni associazituttoqui.info contenut redazione@

CLAP iografico printstud

PRES

IONE LOCALE snc MINAZ CONTA Print Studio Grafico ICO DI (MN) PERIOD impaginazione: Quistello

Sivieri ©

FREES

di Elisa e di ne listrazion ilillistrazio

CLAP

A , 43 • MANTOV piazza Sordello 0376 229 694 info Italy e (MN) Curtaton 778 46010 0376 478 , 24 • fax +39 bersy.it via A. Pitentino290 122 • bersy@ 0376 • e-mail: tel. +39

rsy.com

www.be

CLAP


Victor Hugo

La spia va a caccia per conto d’altri, come il cane; l’invidioso va a caccia per conto proprio, come il gatto.

Andiamo a caccia per conto d’altri o per invidia? Vogliamo infiltrarci tra queste due grandi verità, facendo le spie per noi stessi senza nessun tipo d’invidia. Vogliamo raccogliere più informazioni possibili, vogliamo guardare la gente chiusa nelle case il sabato mattina per capire, almeno per un istante, cosa faccia la gente. Vogliamo girare per le strade di mattina presto, quando la brina è ancora stesa sui prati a prendere il sole e guardare attentamente nei fossi per scovare qualche tana di animali sconosciuti. Vogliamo entrare in qualche bosco dietro casa per accorgerci di qualche albero sconosciuto, per cercare qualche impronta di stivale che ci possa indicare la via di un mistero inesistente. Vogliamo uscire per passeggiare e ascoltare di sfuggita le parole volanti delle persone, quanti visi strani, quell’anziana, che brutto quel signore... ci allontaniamo dai volti per girare l’angolo e trovare una cartaccia per terra, coglierla, e scoprire degli appunti segnati a biro blu: Probabilmente è la lista della spesa, ma di chi? Vogliamo trovare nei nostri paesi quel piccolo luogo che non abbiamo mai guardato, per capire se un giorno i nostri nonni o i nostri genitori fossero mai passati con i loro piedi in quel posto, un pò come il brivido che scatena la cappella Sistina nel momento in cui si pensa al pennello di Michelangelo posato su quelle mura. Vogliamo andare in piazza per il lato della strada che abbiamo sempre trascurato, per capire cosa si prova a vedere il mondo sul marciapiede opposto, scoprendo un buco nel quale inciampare: Questo buco non l’avevo mai visto. Vogliamo andare nel bar che tutti ci sconsigliano, per vedere perché ce lo sconsigliano e magari per trovarci un bagno molto grazioso nel quale sedersi e scoprire della mattonelle molto vecchie: Ricordo che mio nonno mi diceva di aver fatto anche il muratore... secondo me queste mattonelle potrebbe averle sistemate lui, chissà se si appoggiò su questo muro...

Voyeurismo in tempo reale. Molto social, spesso senza contenuti. Sono poche le immagini che ci comunicano qualcosa, che ci restano dentro. Spesso non sono istantanee caricate sulle piattaforme per essere guardate, ma fotografie di professionisti con uno spessore creativo o documentaristico, con la volontà di comunicare. Numerevoli ora i diari reportage della vita di tutti i giorni. Gente che diresti alzarsi la mattina, andare al bagno, farsi un caffè e... Click. Poi Click all’amica che prova i vestiti. Click i calzini nuovi. Click la pizza. Click la discoteca. Click come ci stiamo divertendo. Click il locale cool e anche Click a noi vestiti tutti cool. Click. Addirittura Click mentre faccio Yoga. Non tutti sanno fare bene questo Click eppure si ostinano a condividere tutto. E io, che ne faccio molti, inizio ad immaginare tutte queste persone interrompere le loro attività, conversazioni e Dio sa quant’altro per un Click. Pure brutto. Ma il mio problema maggiore non è con chi si fa queste valanghe di foto ricordo in preda ad un egocentrismo adolescenziale, NO. Sono quelle personcine che contruiscono tutto e per poi far passare queste foto come attimi di vita vissuta. Nella mia testa ho scritto un libro. In realtà molti, ma questo lo chiamerò: “Delle conseguenze del Voyeurismo ai tempi dei SocialNetworks” 1) Io vi giuro che quella che si fa gli autoscatti mentre fa yoga esiste. Come faccia a trovare la pace interiore e la posa complicata mentre posiziona lo smartphone e poi corre per prepararsi all’autoscatto, non mi è ancora molto chiaro. Dove finisca il senso di fare yoga sparadosi quotidianamente le pose mi sfugge. 2) Le frotte di foodstylist, di home styling e così via, donne che NON amano cucinare o ARREDARE la casa. Impossibile. Vado con un esempio per chiarire: il budino “spatasciato” sul tagliere con di fianco i fiori colti dal tuo balcone (magari Milano Centro) è molto bellino, ora però mi spieghi chi è il povero santo che se lo mangia dopo che lo hai ritirato su alla bene meglio dal suddetto tagliere. E soprattutto perché mi proponi la morte del budino sul tagliere come CUCINA DI TUTTI I GIORNI? Tutti i giorni cucini cose che poi butti? Cucini per fotografare? Qualcosa non torna.

In questa categoria anche le splendide: quelle con la casa in cui le coperte non sono mai spiegazzate, ma volutamente arruffate, ci sono trilioni di vasi e i piatti ed i bicchieri non stanno dentro ai mobili, ma tutti bellamente appoggiati sulle mensole e via dicendo. Una sola parola, anzi due: POLVERE e ACARI. O hai una poverina che te li spolvera tutto il giorno o io a casa tua non ci mangio. Le case NON sono negozi d’arredamento, riviste o EDIFICI AUTOPULENTI! Non usate queste pseudo cuoche e padrone di casa come metro di paragone. Non sono reali. 3) Quelle dei propri figli in ogni dove. Anche no. Non aggiungo altro perché mi fa molto Piccola Miss America. Foodporn, Windowshopping. Insomma un mondo che va guardato e non può essere vissuto se no “mi si scompiglia la foto”. E penso. Io amo cucinare, ricevere ospiti, farli sentire “a casa”... ma quando mi diverto davvero, quando son presa dal ridere, bere, chiacchierare, sparecchiare, dalla vita, io le foto me le dimentico. Quando vedo un tramonto che si scioglie nell’acqua, l’ombra di un bosco, la neve sileziosa. Quando guardo un bimbo negli occhi, quando il mio Lui mi abbraccia forte. Quando mia mamma sorride. Quando sgobbo per risistemare la casa. Mi dimentico di fare Click. Vivo avidamente il momento. E mi accorgo, nelle sere nostalgiche, quando io e Lui ricordiamo i nostri viaggi, i posti speciali, gli istanti preziosi che non c’è stato nessun Click. Che quello che ci circondava ci ha conquistato e nella sua, piccola o immensa, bellezza si è appoggiato in fondo al nostro cuore. I suoi sorrisi la mattina, i miei nipoti appena nati, i gatti che sbadigliano ai piedi del letto. Momenti di vita intatti. Il mio “farmi carina per lui”, la cena preparata con amore, la mia mano tesa che lo cerca nel buio. La mia felicità scritta sul volto. No Click. Sono felicità private. Teniamocele strette. FOR YOUR EYES ONLY.

09

Sara Oui Darling Studio www.oui-darling.com

Vogliamo spiare ogni piccolo e insignificante luogo di questo mondo, per trovare il tempo passato, per sognare il futuro e costruire il nostro presente. “Voglio ritrovare mio padre guardando una sedia di un bar dimenticato, vorrei trovare mio nonno in un vigneto incolto, vorrei trovare mia madre a due anni sulla panchina dietro il fornaio e mia nonna guardando il muretto di una casa vecchia nella via più piccola del paese”. Vogliamo spiare le persone per cercare di amarle. Dobbiamo, siamo uomini. Dio non esiste. Il mio sentire è il mutare delle case, cambia lo sguardo dei campi in aprile e l’orgoglio nelle loro luci. Il cielo è una grande foresta cresciuta su un tetto, e sotto i nostri occhi ascoltano.

Federico Aprile

SPIEGO

CON UNA SEMPLICE MANIPOLAZIONE ECCO OTTENERE...

APERTO E MESSO DAVANTI ALLA FACCIA...

ED INFINE POTETE ANCHE USARLA...

A COSA PUÒ SERVIRE QUESTA SPETTACOLARE INVENZIONE ...

... UN PARACADUTE PER FUGHE AEREE...

...DIVENTA MASCHERA A RAGGI X

COME FILTRO PER SIGARETTA... :D

TAVOLESTRETTE

ORA VI


Quando l’oro entra in cucina

di Clara Zani www.lapavona.blogspot.it Ci sono alcuni componenti culinari, nelle ricette gastronomiche più o meno sofisticate, che vengono intesi come “ingredienti fregatura”. Sono materie prime di base che si aggiungono non tanto per ciò che rappresentano dal punto di vista gustativo, ma per il fatto che senza la loro presenza il piatto non raggiungerebbe lo stesso risultato. Il sale per le torte lievitate con frutta fresca, per esempio, o un goccetto di grappa bianca quando nel dessert ci sono noci, nocciole o mandorle; una presa di cacao amaro nei confezionamenti a base di casta-

Dici oro e subito pensi a lusso e ricchezza, ma anche a purezza, nobiltà d’animo, sogni e traguardi. D’oro possono essere medaglie, persone e cuori. Allora perché non cibi? Certo, di questi tempi pensare di mettere l’oro in un piatto, piuttosto che al sicuro, può sembrare eccessivo, ma di certo il nostro caro 007 non si è mai fatto mancare il lusso, nelle sue avventure. Lecito chiedersi però se fa bene mangiare del metallo. Chimicamente l’oro è quasi indistruttibile, non si ossida e può essere attaccato solo da poche sostanze che di certo non ci sogneremo mai di ingerire. Questa sua stabilità fa sì che non interagisca con il nostro corpo, tanto che viene abitualmente usato in odontoiatria e gioielleria. Ingerire oro quindi non fa male, specie se in minime quantità, perché il nostro corpo non lo assorbe. È stato riscontrato però che l’uso farmaceutico di alcuni sali d’oro usati per curare l’artrite, a lungo andare, può causare problemi a fegato e reni. Sul mercato l’oro commestibile è disponibile in diverse forme: in polvere, briciole, fiocchi e foglie. Si usa sui dolci, nei primi o per arricchire, è proprio il caso di dirlo, un flute di bollicine. L’oro è insapore, non altera i cibi e, nelle forme in cui è commercializzato, la sua presenza nel piatto è impercettibile, tranne ovviamente a livello estetico. Più sensibile è il costo (125 mg costano circa 30 euro) quindi usatelo solo per occasioni davvero speciali!

Per allacciarci al tema di questo “TuttoQui”, vi proponiamo dei “cuori d’oro”, come i lingotti nel mirino di Auric Goldfinger, uno dei nemici di Bond. Per restare con i piedi per terra, abbiamo optato per un più accessibile colorante “oro” da spennellare su deliziosi cioccolatini fondenti al peperoncino, perché nelle storie di 007 il piccante non manca mai! “It’s the kiss of death From Mister Goldfinger Pretty girl, beware of his heart of gold This heart is cold” From: Shirley Bassey – Goldfinger

www.acquaementa.com

gne o qualche scaglia di cioccolato fondente nei grandi brasati della tradizione; una grattugiata di noce moscata mentre si montano le uova per una frittata, o qualche goccia di limone nelle salse di

10

verdura che devono mantenere ben in vista la loro colorazione originale. Come disse qualcuno “ci si accorge di più se ci sono o se manco?” Spalmando poi lo stesso teorema su uno dei film di 007 più intriganti e se-

ducenti come “Casinò Royale”, Royale” chiediamoci: quanto ci sono mancati l’ironia dell’agente “Q” e le sperimentazioni dei suoi micro archibugi genialmente devastanti? E il sorriso gattone di una Moneypenny adorante il suo eroe al ufficio? Due assenze d’eccezione che si sono fatte sicuramente sentire. Lasciatevelo dire: nella maggior parte delle occasioni ciò che ci viene proposto con pomposità flamboyante nasconde la presenza di modeste silenziose componenti senza le quali le aromaticità ed il risultato finale non sarebbero gli stessi. Meditiamoci...

Casinò Royale

Vodka Martini Ingredienti Martini (Vermouth Dry) 1/2 OZ Vodka 2 OZ

PHOTO AND STYLE VIRGOM STORE

momento del lancio del cappello sull’attaccapanni del suo

Decorazione un’oliva verde infilzata in uno stecchino Tecnica Stir & Strain

Raffreddare bene la coppa Martini versandoci ghiaccio pilet e scolatela quando ben fredda. Raffreddate il mixing glass con ghiaccio (scolare l’acqua in eccesso, mantenendo il ghiaccio residuo nel bicchiere) e versate nel mixing glass prima il Vermouth poi la Vodka. Agitate e non mescolate bene il tutto per alcuni secondi e filtrate con lo strainer nel bicchiere di servizio. Decorate con scorza di limone in superficie oppure con un’oliva verde infilzata in uno stecchino.

Bond girl: Laurence Doligè e Mercantia James: Off 36

MAURIZIA LAURATI Global Family Banker™

Confetture

Frutta Sciroppata

Praline

Nocciolatini

PRUGNE . AMARENE . MIRTILLI

MIRTILLI . MARASCHE

NOCCIOLE CARAMELLATE . NOCCIOLE AL MIELE NOCI AL MIELE

CIOCCOLATINI CON CREMA DI NOCCIOLE

GRUPPO BANCARIO MEDIOLANUM UFFICIO DEI PROMOTORI FINANZIARI DI CARPI Via Vasco De Gama, 4 - 41012 CARPI (MO) Tel. 059.641164 - Fax 059.642273 - Cell. 347.2274436 Iscr. Albo PF n. 13336 - maurizia.laurati@bancamediolanum.it

SQUISITI MIRTILLI, MARASCHE, PRUGNE E NOCCIOLE SONO SOLO ALCUNE DELLE PRELIBATEZZE CHE ADELE CONSERVA CON METODI ARTIGIANALI, PER PRESERVARE TUTTA LA NATURALEZZA DEL FRUTTO DI STAGIONE

Società Agricola Corte Furia . Agriturismo via S. Pellegrinetto, 456 . Serramazzoni (MO)

info Adele 335 7524560 . marchetti.adele11@gmail.com

Franco 335 476324 . Reception +39 0536 954949

azienda agricola

Corte FURIA Cor UR A AGRITURISMO


Si

viaggiare Una cascata di diamanti

Sì! Decisamente questa è aria di... INVERNO, perciò, e questa volta siamo giustificati, non facciamoci mancare un piacere delizioso….

Cioccolata in tazza 500 gr latte, 40 gr cioccolato al 65%, 50 gr zucchero, 40 gr cacao, 15 gr fecola, mezza bacca di vaniglia, un pizzico di sale In una ciotola mescolate insieme lo zucchero, il cacao, la fecola

Jaipur è la capitale del Rajastan, uno dei 28 stati federati in cui è divisa la Repubblica dell’India. Ma più di tutti Jaipur è la capitale delle pietre preziose. Rubini, Smeraldi, Zaffiri e Diamanti vengono venduti e commercializzati con la stessa naturalezza di spezie, frutta e verdura.

e un pizzico di sale. Fate bollire il latte con la bacca di vaniglia. Versate piano il latte nella miscela preparata. Mescolare bene per sciogliere. Ritornate sul fuoco per addensare, più lasciate sobbollire più la vostra cioccolata risulterà densa.

Di seguito tanti corsi, da regalarsi o da regalare ai nostri amici... Giovedì 9 Gennaio . La Pentola a pressione Dall’antipasto al dolce un intero Menù in tempi velocissimi con l’aiuto di un prezioso alleato in cucina. In collaborazione con Lagostina.

PH Marco Brioni

Alla fine unire il cioccolato tritato a fuoco spento.

Il mercato delle pietre preziose si tiene tutte le mattine, col favore delle tenebre, prima del sorgere del sole, in una delle vie del bazar di Jaipur. L’atmosfera è ovattata, nessuno parla: il tutto avviene tramite gesti. Il silenzio di queste contrattazioni, che avvengono in orari in cui il traffico finalmente risparmia per una volta le nostre orecchie, rende il tutto parte di un rito ancestrale che sembra ripetersi da secoli, da quando la città giaceva sulla importante via della seta indiana, e veniva invasa, allora come oggi, dai commercianti di ogni parte del mondo.

11

Giovedì 16 Gennaio . Pasticceria Le torte dimenticate, il piacere e il profumo dei ricordi. La torta di mele | Il budino bianco e nero | Angel cake | La torta paradiso Torta Greca | Crostata ai pinoli e crema

Sorge il sole: è il momento di andare a vedere come, i frutti di queste contrattazioni, vengono utilizzati. Chiunque abbia viaggiato sa che un bazar è prima di tutto un labirinto. La possibilità di perdersi è altissima e solo grazie alla guida arriviamo al laboratorio dove dalle sei di mattina manodopera specializzata lavora le pietre grezze. Mani ruvide e callose compiono gesti aggraziati per conferire alla nuda pietra una forma adeguata: carrè, cabochon, nulla è impossibile a queste mani esperte, nemmeno il famigerato taglio Amsterdam 56 facce.

da Mercoledì 22 Gennaio . Corso avanzato di cucina Italiana in 3 lezioni Lunedì 27 Gennaio . Un assaggio di cucina ebraica Durante la lezione Laura Torelli ci accompagnerà con una selezione di letture per una giornata della memoria…inusuale. Pillole di quotidianità per approcciare una grande cultura.

Martedì 4 e 11 Febbraio . La cucina del benessere. Inverno Proseguono le serate dedicate ad una cucina nuova, più attenta, più verde. Con la collaborazione della dietista Carla Masi 1) Calde, caldissime…zuppe, minestre e vellutate 2) Le verdure inverali protagoniste nel piatto

Mercoledì 12 Febbraio . Cucinatollerante: la cucina senza glutine

Su una piccola fresa rotante, per sette euro al giorno, questa manodopera altamente specializzata crea sogni per i ricchi clienti della gioielleria.

Un Menù gluten-free per soddisfare i gourmet… intolleranti al glutine. A quattro-mani, con Daniela “Pensacuoca”, blogger di Cucinatollerante.

Dal 18 Febbraio per 7 Martedì . Corso di cucina italiana in 7 lezioni Un corso per apprendere tecniche, basi, strumenti della cucina italiana

Mercoledì 19 Febbraio . Cucinatollerante: la cucina senza i latticini

Vorremmo parlare un po’ con il proprietario ma il momento non è dei migliori: “Devono sbirgarsi - ci dice - domani parto per Vicenza e gli italiani sono clienti esigenti”.

Per gli intolleranti al lattosio. Sostituiamo gli ingredienti a base di latte, con soddisfazione e con gusto. A quattro-mani, con Daniela “Pensacuoca”, blogger di Cucinatollerante.

Lunedì 24 Febbraio . I dolci di Carnevale

Lo lasciamo al suo lavoro consapevoli di essere inconsciamente parte di un processo di sfruttamento che avviene a seimila chilometri da noi.

Vi ricordiamo che la scuola è anche catering, organizzazione di feste, eventi, cucina a domicilio …e altro ancora!

Marco Brioni Elisabetta Arcari Consulente di cucina e Personal Chef cell. 349 3961558 elisabetta.arcari@peccatidigola.info

Cookedesign

PH Marco Brioni

www.peccatidigola.info

AGENZIA VIAGGI TOUR OPERATOR Non Il Solito Viaggio

46026 Quistello (MN) Via Cesare Battisti, 19

tel 0376 618675


VITE DA VESPA. di Grego Ricorso

PER ORGANIZZARE EVENTI IN COLLABORAZIONE

redazione@tuttoqui.info

21 dicembre h. 17e30 presentazione

07

ZERO

@ centro casalinghi Dal Toscano lo staff appassionato

Strada Romana, 48 . Cerese di Virgilio (MN)

zero8 arrivederci

al 21 marzo 2014

............

..............

TUTTOQUI&dintorni associazione di volontariato onlus ringrazia tutti i sostenitori che vogliono credere nella creatività e nell’impegno giovanile che con coraggio, libertà e immaginazione utilizzano anche questo stumento di divulgazione per esprime le loro passioni.

Grego Ricorso In particolare grazie a: DELTANOVE Mirandola (MO), Galleria del Popolo 1 Carpi (MO), via San Bernardino da Siena, 8 Le 4 Stagioni di Zecchini Sara Piadena (CR), via Cavallotti, 7

www.printstudiografico.it

• logo e corporate identity • depliant, brochure aziendali e di prodotto • elaborazioni grafiche per eventi, flyer, locandine • progettazione e allestimento di stand fieristici • elaborazioni fotografiche e foto ritocco • packaging, web design

VIA MARTIRI DI BELFIORE, 19 | QUISTELLO (MN) TEL 0376 618382

Printstudiografico

impaginazione: print studio grafico. quistello mn | stampa: mediaprint. san giovanni lupatoto vr

noi ci speriamo!!!

Se a stringere la mano poi non è l’ultimo arrivato ma il signor sprizzocharmedaognisingoloporo Sean Connery... beh, oggettivamente, non è che mi sarei aspettato che l’alternativa fosse “il mio nome è Strazzacapa. Luigi Strazzacapa”. Eppure quelli veri, quelli che conosciamo perchè frutto del lavoro sporco, tutto italiano, quelli davvero ambigui e temibili, avevano ed hanno nomi assolutamente insipidi ed ordinari, nomi che s’intrufolano tra le righe delle pagine gialle e sbiadiscono nel loro colore paglierino. Giacomo Carboni, Eugenio De Rossi, Emilio Faldella, Fulvio Martini, Emanuele Piazza, Amleto Vespa. Amleto Vespa. Si racconta come questo piccolo e tarchiato uomo del sud, nato alla fine dell’ottocento, dagli ampi padiglioni auricolari e dallo sguardo vagamente dannunziano, a un certo punto della sua avventurosa vita, si facesse chiamare “comandante Feng” così da potersi perlomeno presentare con le dovute credenziali. Di come, all’età di 22 anni, dopo aver rifilato qualche uppercut ben assestato ad una guardia forestale per conto di suo fratello, fosse stato costretto a rifugiarsi in Messico dove si trovò a misurarsi come rivoluzionario al fianco addirittura di Pancho Villa ed Emiliano Zapata. Si racconta di come, sopita l’indole sediziosa e presa sottobraccio la fidata macchina da scrivere, si fosse scaraventato come giornalista in giro per il mondo, rimbalzando dagli Stati Uniti all’Australia, passando dall’Indocina per finire in Manciuria dove, dietro la maschera di pacato gestore di cinematografo, fosse diventato uno degli agenti segreti più spietati ed accreditati. Come facesse un italiano dalla dubbia istruzione, a cavallo degli anni trenta, ad essere una delle spie cinesi più importanti e pericolose è una circostanza che nemmeno Harrison Ford, tra le sabbie del deserto e le nevi andine, credo, avrebbe potuto mettere in conto. Ma, tant’è, così è andata. E si racconta di come il comandante Feng, al servizio del Servizio Segreto americano durante la seconda guerra mondiale, abbia visto la fine della sua perigliosa esistenza davanti ad un plotone d’esecuzione giapponese (secondo me i giapponesi, se un italiano per conto dei cinesi rompe i coglioni quando e dove non dovrebbe, un po’ s’incazzano) Si racconta...! Il suo nome era Amleto, Amleto Vespa. Quasi tutto il resto, è, come da copione, un segreto.

PH Pietro Buzzi http://www.flickr.com/photos/buzzipietro/10248043444/in/photostream/

In qualche modo eravamo predestinati. Saremmo dovuti diventare, per forza o per inerzia, agenti segreti. Noi della mia, nostra generazione, intendo. Noi che siamo cresciuti a Canzonissima, merende perfidamente chimiche che ti tentavano tre volte tanto, cosce smisurate delle Kessler, lotte di classe, pruriginosi Postal Market e avventurose copertine dell’Intrepido. L’Intrepido, un titolo, un programma. Solitamente, dopo averti sconvolto l’ormone della crescita per una sessantina di pagine, l’intraprendente testata chiudeva con una subdola retrocopertina, degna di storie assolutamente al di là di ogni nostra più audace immaginazione. Allettanti inserzioni con imperdibili, ma soprattutto incredibili, opportunità: occhiali ai raggi ics per vedere oltre i vestiti - e non si è mai capito come potessero limitarsi a rilevare le mutande delle malcapitate e non addirittura lo scheletro, vanificando così l’effetto tanto desiderato -, la crema per far crescere i peli sul petto (e forse anche da qualche altra parte), micromacchine fotografiche che stavano nascoste in palmo di mano, penne di zerozerosette e le rinomate scimmie di mare, miti e ridanciani animaletti da acquario, da allevare facilmente per “lasciare stupefatti i nostri conoscenti”. Come si poteva non cedere alla tentazione di sentirsi un provetto agente segreto! Che poi, agente segreto, l’Agente segreto con la a maiuscola: zerozerosette! Una cosa che mi sono sempre chiesto è se il successo con le donne sarebbe stato il medesimo se si fosse chiamato agente zerozeroundici o duecentoventiquattro e, a seguire, come poteva essere che lui spifferasse a tutti e ad ogni piè sospinto il proprio nome e numero di matricola, diventando così l’agente segreto meno segreto del mondo. Ma credo che la spiegazione stia nel suono rotondo e ricco del nome stesso: Bond. Impossibile non dichiararsi con un nome così: piacere, il mio nome è Bond, Geimsbond! E come cazzo si fa a non pronunciarlo! Irrinunciabile. Un po’ come “l’ammazza la vecchia” per Roger Rabbit. Al momento della stretta di mano sono convinto che ogni più fioca esitazione gli passasse per l’anticamera cerebrale, fosse spazzata via dal piacere irreferenabile di sentir risuonare sotto il palato, dentro le orecchie, quel suono pieno ed armonioso scandito da quelle quattro insostituibili lettere.


TUTTOQUi&dintorni ZERO 07 - Agitato, non mescolato.