Issuu on Google+

IL ROSSOAZZURRO DELLA SETTIMANA: Sergio Almiron Notizie di rilievo: Qui Torre del Grifo: ancora out Sciacca, Bellusci e Augustyn Mercato: Catania, continua il pressing per il talentuoso Chiricò Mercato: Catania, Kelic sempre nel mirino ma lo Slovan non ha fretta Mercato: Catania, torna di moda Caraglio dopo il grave infortunio Mercato: Marchese, tre squadre alla finestra. 1 febbraio da evitare

Altre notizie Bergessio capocannoniere: più probabile di Robinho, Pato, Pandev e altri bomber Meteo: domenica prevista pioggia su Catania Curiosità: tiro imparabile per Buffon in Champions, ma quel gol di Lodi... Castagner: “Il mio pronostico su Catania -Juventus” Ex rossoazzurri: Caserta, penalty da brivido! Ne sbaglia due, poi sorride Verona, sindaco: “Cori contro meridionali diversi da Morosini. Chiudere curva? A Catania…” E ALTRO ANCORA…

Niente da fare, Sergio Almiron manca nuovamente all‟appuntamento con il gol. Da qualche settimana lo cerca con sempre maggiore insistenza. Contro il Parma un super Mirante ha evitato una rete capolavoro dell‟argentino da centrocampo; a Milano, purtroppo per il Catania, spesso ha creato problemi all‟Inter con i suoi inserimenti ma l‟errore in avvio di gara, a tu per tu con Handanovic, calciando sopra la traversa pesa molto. Probabilmente se avesse segnato in quella circostanza avremmo commentato un esito della partita diverso. Ma inutile ripensarci, ormai fa parte del passato, bisogna accettare il verdetto del campo e proiettarsi sulla prossima sfida che, guarda caso, mette in calendario la Juventus, ex squadra di Almiron, il quale non avrà certamente un felice ricordo dell‟esperienza torinese. Per il centrocampista argentino di Santa Fe si presenta l‟opportunità di riscattare l‟errore del Meazza, contribuendo a risollevare immediatamente il Catania dopo il ko maturato con l‟Inter.

IL “ROMPISCATOLE” DELLA SETTIMANA: Esteban Cambiasso Ancora lui, Esteban Cambiasso, castiga il Catania. Alla vigilia del match disputato domenica scorsa al Meazza, il centrocampista sottolineò il fatto di essere un‟autentica bestia nera per i rossoazzurri, avendo segnato al Catania quattro volte e tre ad Andujar. Stavolta il gol di Cambiasso non è arrivato ma, tra i numerosi argentini in campo, proprio lui ha contribuito in primis a fare la differenza. La rete che ha sbloccato il match è scaturita da un‟ingenuità della difesa etnea ed il pregevole lancio che ha messo in tilt nello specifico Alvarez porta proprio la firma di Cambiasso. Assist determinante perché fino a quel momento il Catania aveva il pallino del gioco, sfiorando in un paio di circostanze un vantaggio che avrebbe meritato. Dopo l‟1-0 di Cassano, l‟Inter ha chiuso i varchi rendendo la vita difficile a Gomez e compagni che, comunque, a sprazzi hanno continuato a pungere la retroguardia nerazzurra, seppur con scarsa convinzione e poca lucidità.


TuttoCalcioCatania Pagina 2

QUI TORRE DEL GRIFO: ancora out Sciacca, Bellusci e Augustyn Doppia seduta di lavoro a Torre del Grifo. In mattinata, Catania agli ordini del preparatore atletico; nel pomeriggio, seduta incentrata prevalentemente sulla didattica in fase difensiva e le relative applicazioni, passando poi ad esercitazioni tattiche specifiche. Infine, partitella da area ad area. Programma differenziato per Bellusci, percorso di recupero per Augustyn. Sciacca è rientrato in sede, giovedì alle 12 Spolli in sala stampa.

Equilibrio in trasferta: Catania, c’è da lavorare ancora molto Osservatori del Catania continuano a monitorarlo con grande attenzione ma nessuna offerta è stata ancora inviata allo Slovan Liberec per Renato Kelic, roccioso difensore classe 1991 di Vinkovci che milita nell‟Under 21 croata. Tra le italiane interessate al promettente ragazzo spicca in particolare il Genoa, che vorrebbe portare a termine l‟operazione nel più breve tempo possibile. Lo Slovan però sembra non avere fretta, auspicando che si scateni un‟asta per il giocatore.

MERCATO: Catania, continua il pressing per il talentuoso Chiricò Obiettivo del Catania nella sessione estiva del calciomercato, Cosimo Chiricò non ha lasciato Lecce per precisa intenzione della società salentina. Il club rossoazzurro effettuò un sondaggio per il promettente esterno offensivo destro classe 1991, mantenendo vivi i contatti con il Lecce, in attesa dell‟apertura invernale del mercato. In questa occasione è molto probabile che il Catania presenterà un‟offerta ai giallorossi, visto che gli etnei continuano a seguire il ragazzo con spiccato interesse.

MERCATO: Catania, torna di moda Caraglio dopo il grave infortunio che bloccò il trasferimento Ritorno di fiamma rossoazzurro per Milton Joel Caraglio, centravanti argentino classe 1988. Nell‟estate del 2010 il giocatore è stato ad un passo dal trasferimento a Catania. Sembrava tutto fatto, con lo stesso Caraglio che ci tenne a ringraziare l‟allora a.d. etneo Lo Monaco per la fiducia, motivato a segnare tante reti in una squadra piena di argentini che conosceva molto bene. L‟esito delle visite mediche però evidenziò problemi seri ai legamenti del ginocchio sinistro, conseguentemente Caraglio dovette lasciare la Sicilia per curarsi. Ora milita nel Rangers Talca dopo sette mesi d‟inattività e l‟esperienza maturata al New England Revolution. In Cile ha ripreso ad andare a segno con regolarità, proprio per questo il Catania e altri club di Serie A sono tornati sulle sue tracce.


TuttoCalcioCatania Pagina 3

MERCATO: Marchese, tre squadre alla finestra. 1 febbario da evitare Giovanni Marchese ha più volte assicurato che il rinnovo contrattuale con il Catania si concretizzerà presto, ma ancora si muove poco o nulla su questo fronte. Per raggiungere l‟intesa c‟è ancora tempo, ma tre società rimangono alla finestra. Si tratta del Torino (sarebbe un ritorno per il terzino di Delia), del Genoa e della Fiorentina di Montella, tecnico che stima particolarmente Marchese. L‟intento del Catania è di perfezionare il rinnovo prima che arrivi l‟1 febbraio, data in cui il giocatore potrà firmare un precontratto con un altro club.

BERGESSIO CAPOCANNONIERE: più probabile di Robinho, Pato, Pandev e altri bomber Comandano la classifica dei bomber, in Serie A, Edinson Cavani e Miroslav Klose con 6 gol messi a segno. Il primo è favorito per la vittoria finale, secondo le quote dell‟agenzia di scommesse sportive Bwin (2.65 Cavani, 5.50 Klose). L‟attaccante del Catania Gonzalo Bergessio ha realizzato finora 3 reti e chi volesse puntare su di lui per il titolo di capocannoniere sappia che l‟argentino è bancato 65.00. Alle sue spalle gente che risponde al nome di Pato, Pinilla, Denis, Calaiò, Matri, Insigne, Zarate, Pellissier, Pandev e Robinho.

METEO: domenica prevista pioggia su Catania In programma domenica, alle 12.30, la sfida Catania-Juventus allo stadio Angelo Massimino. Secondo le ultime indiscrezioni meteorologiche esiste la possibilità concreta che, come nella passata stagione, piova. In mattinata previste piogge alternate a schiarite con una temperatura di 21 gradi e un tasso di umidità del 79%. Con il passare delle ore ci sarà un progressivo peggioramento delle condizioni climatiche.

CURIOSITA’: Tiro Beckmann imparabile per Buffon, ma quel gol di Lodi... Davvero pregevole il gesto tecnico del calciatore del Nordjaelland Mikkel Beckmann, che martedì sera ha trafitto Buffon su punizione con una traiettoria perfetta. Il portiere della Juventus ha solo sfiorato il pallone che si è andato ad insaccare. A proposito di gol subiti da Buffon non possiamo non paragonare la realizzazione di Beckmann a quella di Francesco Lodi. Il centrocampista rossoazzurro siglò, nel 2010, il gol dell‟insperato pareggio in pieno recupero contro la Juventus a Torino: in quel caso Buffon non ha nemmeno visto partire la splendida conclusione del „cecchino‟ rossoazzurro. Proprio Lodi potrebbe essere un‟arma fondamentale da sfruttare domenica per il Catania al Massimino.


TuttoCalcioCatania Pagina 4

CASTAGNER: “Il mio pronostico su CataniaJuventus” Ex allenatore e attuale opinionista televisivo, Ilario Castagner fa il pronostico sulla partita valida per il prossimo turno di campionato ed in programma allo stadio Angelo Massimino, Catania-Juventus. “Sarà complicata per i bianconeri - dice a pianetazzurro.it - e credo che verrà fuori una 'x'”. Per Castagner, quindi, si ripeterebbe l‟esito della scorsa stagione.

EX ROSSOAZZURRI: Caserta, penalty da brivido! Ne sbaglia due, poi sorride In estate sul punto di lasciare la Juve Stabia “rischiando” di ripartire dalla Serie D (piaceva molto all‟Acr Messina), l‟ex centrocampista del Catania Fabio Caserta alla fine non si è mosso dalla squadra campana e, dopo essere stato messo fuori rosa, adesso sta contribuendo a fare le fortune delle Vespe. Nel recente turno di campionato è anche arrivato il primo gol stagionale di Caserta, contro l‟Ascoli, da brividi. Il giocatore calabrese, infatti, ha fallito un calcio di rigore ma, per sua fortuna, l‟arbitro ha deciso di farlo ripetere tra le vibranti proteste marchigiane. Nuova rincorsa e penalty ancora respinto dal portiere, la palla però rimane in area e Caserta riesce in qualche modo ad insaccare.

VERONA, sindaco: “Cori contro meridionali diversi da Morosini. Chiudere curva? A Catania…” Flavio Tosi, sindaco di Verona, parla dei vergognosi cori all‟indirizzo di Morosini da parte di “tifosi” del Verona a Livorno ritenendosi contrario alla chiusura della curva gialloblu. “Perché chiudere la curva? Quando ci furono i fatti di Catania si decise di chiuderla? Non si colpiscono 5.000 ragazzi per venti deficienti. Le persone vanno colpite singolarmente. Una cosa sono le offese a un ragazzo che non c‟è più, altro i cori contro i meridionali - spiega a TuttoSport - I cori beceri ci sono in ogni stadio italiano. Ricordo che una parte della tifoseria del Napoli devastò una stazione ma questo non viene mai citato. I tifosi del Verona sono come gli altri, non peggio”. Intanto il Giudice sportivo ha deciso d‟infliggere alla società veronese 50.000 euro di multa e la diffida del campo.


TuttoCalcioCatania Pagina 5

JUVENTUS, Quagliarella: “Qui mi trovo magnificamente bene, inizio a concentrarmi sul Catania” L‟attaccante della Juventus Fabio Quagliarella chiarisce su Facebook il senso delle sue parole pro-Zeman al settimanale Chi ("lo stimo, un giorno vorrei averlo come allenatore: i tifosi bianconeri sono liberi di esprimere le loro preferenze, ma io ho le mie"), felice d‟indossare la maglia bianconera e pronto a concentrarsi sul Catania. "Alla domanda su Zeman ho risposto come credo avrebbe fatto qualsiasi altro giocatore, e cioè dicendo che è un allenatore che pratica un gioco molto offensivo che permette a tutti gli attaccanti di mettersi in ottima luce - dice - Non sono intenzionato a lasciare Torino, città magnifica in cui mi trovo molto bene, e la Juventus con cui ho vinto due trofei importantissimi come lo scudetto e la Supercoppa. Ora vi saluto, sicuro che abbiate capito ciò che intendevo dire, e inizio a concentrarmi sulla gara di domenica contro il Catania".

MAZZOLA: “Inter, brava a mantenere l’equilibrio in campo col Catania” Ex attaccante dell‟Inter ora commentatore tecnico per Rai Sport, Sandro Mazzola elogia la squadra nerazzurra per aver battuto il Catania: “Lo ha fatto con compattezza, Stramaccioni è riuscito a mantenere l‟equilibrio tattico nonostante giocasse con tre punte contro il Catania, non era facile. Se questa tendenza sarà confermata nelle prossime due-tre gare, anche l‟Inter potrà dire la sua in chiave scudetto”, le parole di Mazzola a TuttoSport.

SIENA, V. Mezzaroma: “Zamparini mangiaallenatori? Noi non abbiamo certi vizi” Valentina Mezzaroma, vicepresidente del Siena, in vista del match casalingo col Palermo commenta la fama di mangia-allenatori di Zamparini. Queste le sue parole a calciomercato.it: "Non voglio muovere alcun tipo di critica nei confronti dei miei colleghi, ma nella nostra famiglia non siamo soliti avere certi ´vizi´. Prima di sollevare un tecnico dal proprio incarico bisogna portare avanti un certo tipo di riflessioni".


MERCOLEDI’ ROSSOAZZURRO: notiziario Calcio Catania 24 ottobre (giornalino)