Page 3

Franco Docchio

EDITORIALE

Coraggio!

Cheer up! Cari lettori! Eccoci al numero uno del terzo anno di vita della Rivista sotto la mia direzione. Com’ero emozionato due anni fa, quando mi accingevo a scrivere l’editoriale! La continuità con la quale li leggete e li commentate mi ha piacevolmente sorpreso. Continuate così! Questo è il numero della rivista che verrà distribuito, oltre alla normale tiratura, a oltre 6.000 partecipanti di Affidabilità & Tecnologie 2012. Dunque è doveroso un caloroso benvenuto a tutti coloro che hanno trovato nell’evento, che ha nella Rivista un suo portavoce e partner, un luogo per incontrarsi e discutere i temi dell’innovazione in comparti che anno dopo anno si arricchiscono. L’evento si svolge ancora una volta nel contesto di un anno difficile per l’Economia mondiale e domestica, con le imprese che fronteggeranno un probabile decremento del PIL, nonostante gli sforzi che il Governo attuale fa per rilanciare lo sviluppo e i consumi (Decreti Liberalizzazioni e Semplificazioni). L’augurio ai miei lettori industriali è, ancora una volta, che presto ci possano essere le condizioni per una ripresa stabile e duratura. Le Università si trovano, in questi mesi, occupate nel riordino strutturale derivante dalla necessità di adeguarsi ai requisiti della Riforma Gelmini (che peraltro sta subendo parziali correzioni proprio con il Decreto Semplificazioni). Questa, in aggiunta alle nuove procedure per la valutazione dei docenti e ricercatori Universitari, è una buona occasione per il corpo docente di trascendere l’autoreferenzialità che ha spesso caratterizzato il funzionamento delle strutture Dipartimentali e di Facoltà. Ne saremo capaci? A giudicare dalle prese di posizione di alcuni dei componenti della mia Facoltà, ho il dubbio che l’impresa sia ancora epica, ma sono fondamentalmente ottimista che la nuova governance porterà a un livello di responsabilizzazione adeguato. Nei colloqui coi colleghi europei, qui in Portogallo, trovo che essi sono fortemente impegnati in una sana competizione tra le sedi Universitarie nazionali per l’eccellenza, sulla base del fatto che i migliori avranno più finanziamenti dallo Stato (e potranno accedere con più facilità a Progetti internazionali). Qui si sta lentamente procedendo in questa direzione, anche se il cambiamento è spesso percepito con una punta di fastidio e come un’imposizione.

Anche la capacità di produrre imprenditoria giovanile (start-up) è considerata un “must” all’estero, che viene ricompensato adeguatamente. Da questo punto di vista non mi sono certo sentito in soggezione: anzi, l’opera svolta dal nostro Laboratorio, che ha portato alla formazione di una decina di start-up nel campo dell’ottica e delle misure ottiche (uno degli articoli di questo numero è di una di queste), è stata particolarmente apprezzata e messa in evidenza anche con un pizzico d’invidia. L’invito ai docenti e ai loro ricercatori/dottorandi dunque è di perseguire su questa strada. L’invito alle imprese è quello di aver fiducia negli start-up universitari come “anello di congiunzione” tra il mondo dell’Università e il bisogno d’innovazione delle imprese. Questa edizione dell’evento contiene un tema in più: la Fotonica. Si consolida un secondo obiettivo dell’editore A&T: ospitare nuovi comparti tecnologici di punta all’interno della manifestazione “Affidabilità & Tecnologie” (come l’ormai avviato comparto della Visione Industriale). Il nostro Paese vanta un’intensa attività di ricerca di eccellenza nella Fotonica (lo dimostrano i più di ottanta centri di ricerca pubblici o privati che vi operano), ma è carente nel numero d’imprese attive nel settore. È il momento di fare emergere il settore anche in ambito industriale e l’opera del CSI di A&T verrà destinata in parte anche a ciò, con iniziative in questo e nei prossimi eventi. In questo numero, come negli altri tre numeri del 2012, il tema consiste in una Tavola Rotonda “virtuale” fra esperti di misure, appartenenti sia al mondo della Ricerca sia a quello dell’offerta di strumenti e servizi in questo specifico ambito. L’obiettivo è quello di delineare lo stato dell’arte, le possibili evoluzioni e i reali vantaggi per le imprese che affrontano le misure non come semplice “obbligo” ma come opportunità, operando scelte ragionate e consapevoli finalizzate al miglioramento competitivo. La prima Tavola Rotonda è dedicata alle misure dimensionali. Seguono contributi sul tema “Misure Elettriche ed Elettroniche”, nonché articoli e stimoli su altri temi, ivi inclusi quello dell’amico Mario Savino sul tema delle politiche energetiche e quello del fondatore della Rivista Sergio Sartori che “dice la sua” riguardo alla rivoluzione nel Sistema Internazionale di unità. A tutti auguro una buona lettura di questo numero, buon evento e buon lavoro. E, soprattutto, coraggio! Franco Docchio

T_M

N.

1/12 ƒ 5

Tutto_Misure 01/2012  

L'unica Rivista Italiana interamente dedicata alle misure e al controllo qualità - Direttore Franco Docchio

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you